IperSoap Magazine Novembre 2019

ipersoap

SIMONE

BIANCHI

i grandi Supereroi Americani

prendono vita dalle sue illustrazioni

LARISSA

IAPICHINO

a soli 17 anni è la vincitrice del titolo

europeo under 20 nel salto in lungo

LEONARDO

DA VINCI

a 500 anni dalla sua morte

il suo genio continua a stupire

LE RICETTE DI IPERSOAP

Tante gustose idee da cucinare!

ACCADDE DOMANI

Gli appuntamenti imperdibili

del mese di Novembre.

STEFANO

ACCORSI

...è arrivata la nuova stagione

ANNO V - NUMERO XI

NOVEMBRE 2019

Copia omaggio


2hbbGiF

SCOPRI ALL’INTERNO TANTI

BUONI SCONTO

PER LA TUA SPESA!


*Test di autovalutazione dopo singola applicazione. Test strumentale dopo 28 giorni. 20 soggetti, utilizzo combinato fondotinta e correttore della linea Instant Lift.


LINEA

INSTANT

LIFT

RISVEGLIA

LA TUA GIOVINEZZA

IN UN ISTANTE

CON I NUOVI

FONDOTINTA E CORRETTORE

EFFETTO LIFTING

TESTATO *

DEBORAHMILANO.COM


Ti aspettiamo negli oltre 250 punti vendita

PRENDITI CURA

DEL TUO CORPO

Prova a vincere una

GETFIT CYCLETTE

RIDE F192

E partecipa all’ESTRAZIONE FINALE di un

WEEKEND A BUDAPEST CON ACCESSO

ALLE TERME GELLERT VALIDO PER 2 PERSONE

ACQUISTA

DUE PRODOTTI ACE *

E PARTECIPA ALL’ESTRAZIONE

DASH

DETERSIVO

LAVATRICE

LIQUIDO

18+2MISURINI

€ 4,49



ACE

CANDEGGINA

CLASSICA

3L

€ 1,98

DASH

3IN1 PODS

€ 1,38

DETERSIVO LAVATRICE

30PZ

ACE

CANDEGGINA

PROFUMATA

MULTIPULITO

1L

-33% € 2,99 € 8,97 -38% 5,49

€ 1,69 € 0,99

Seguici su: www.ipersoap.com

e sui canali social:

Per garantire a tutti i nostri clienti



ACE


GENTILE+

SGRASSATORE

600ML

€ 2,28

€ 1,69

*Partecipare è semplice: #1) Acquista in un unico scontrino almeno 2 prodotti ACE a scelta di cui 1 della gamma Ace Spray Mousse o Ace Wc Gel o Ace Denso Più o Ace Detersivo #2)

collegati al sito www.ace.it, registrati (o fai l’accesso se sei già registrato) e vai alla sezione del sito dedicata al concorso #3) scegli il premio per cui vuoi partecipare e inserisci i dati

dello scontrino #4) scopri subito se hai vinto uno dei fantastici premi messi in palio (tra cui N. 30 GET FIT - CYCLETTE RIDE F192). Conserva lo scontrino in originale per convalidare

l’eventuale vincita; ciascun partecipante potrà effettuare max 20 giocate dallo stesso account. Ogni scontrino dà diritto ad una sola partecipazione Concorso valido dal 05/09/2019 al




Cerca...ne troverai

uno vicino a casa tua!

TOSCANA

Aulla Aulla (MS) (MS) Via Via della della Resistenza, 28 28

Avenza (MS) (MS) V.le V.le XX XX Settembre, 264 264

Calenzano (FI) (FI) Via Via Cherzani (Parco Commerciale Carrefour)

Campi Bisenzio (FI) (FI) Via Via Barberinese (vicino lidl) lidl)

Carrara (MS) (MS) Via Via Mazzini, 15 15

Cascina (Pi) (Pi) Via Via Tosco Romagnola, 178 178

Castelfranco di di Sotto (PI) (PI) Via Via Francesca Sud, 12 12


Castelnuovo

Garfagnana (LU) Via Farini, 5/A

Cecina

(LI) Via Turati 2/B

Certaldo (FI) (FI) Via Via XX XX Settembre ang. Via Via Mazzini

Certaldo (FI) (FI) Via Via Togliatti 11

Collesalvetti (LI) (LI) Via Via del del Commercio 6, 6,

Centro Commerciale SUMA

Empoli (FI) (FI) Piazza Guido Guerra, 55 55

Firenze Via Via Allori 48-52

Follonica (GR) Via Via Santini, 77

Follonica (GR) - MAXI - STORE - Strada - Provinciale Aurelia Vecchia

Fornacette

(PI) Via della Botte, 13/A

Fornaci di di Barga (LU) Via Via della Repubblica, 116-118

Forte

dei Marmi (LU) Via Piave, 21/A

Fucecchio (FI) (FI) Via Via Cesare Battisti, 5-7 5-7

Lido di di Camaiore (LU) Via Via Del Del Fortino, 44 44

Lido di di Camaiore (LU) Via Via Italica, 86 86

Livorno Corso Amedeo, 55-63

Livorno Via Via Buontalenti, 40 40

Livorno Via Via Pisana, 106 106

Lucca Via Via Borgo Giannotti, 241 241

Lucca P.zza dei dei Cocomeri 6-7 6-7

Lucca Via Via Fillungo, 190 190

Lucca Viale San San Concordio, 324 324

Marina di di Massa (MS) (MS) Via Via Cristoforo Colombo 22

Marina di di Carrara (MS) (MS) Via Via Garibaldi 75 75

Massa Via Via Cairoli, 42 42

Massa Via Via Democrazia, 33

Massarosa (LU) (LU) Via Via Roma, 248 248

Monsummano Terme (PT) (PT) Via Via Matteotti, 67-71

Montaione (FI) (FI) Via Via Aldo Aldo Moro 22

Montecatini Terme (PT) (PT) Via Via Mazzini, 44 44

Montespertoli

(FI) Viale Risorgimento 105/107

Montignoso (MS) (MS) P.zza P.zza Bertagnini, 55

Navacchio (PI) (PI) Via Via Tosco Tosco Romagnola 2247 2247

Pescia Pescia (PT) (PT) Via Via Buonvicini 11

Pescia Pescia (PT) (PT) Via Via Provinciale Lucchese, 188 188 Loc. Loc. Ponte all’Abate

Pietrasanta (LU) (LU) Via Via Oberdan, 52 52

Pisa Pisa Via Via L. L. Bianchi, 88-92 88-92

Pistoia Pistoia Via Via E.Fermi E.Fermi 78, 78, Loc. Loc. S. S. Agostino

Pontremoli (MS) (MS) Via Via G. G. Sismondo Vescovo, 35-37 35-37

Prato Prato Via Via Ferrara Ferrara ang. ang. Via Via Torino, Torino, 30 30

Querceta Querceta (LU) (LU) P.zza P.zza Matteotti, 82 82

San San Vincenzo Vincenzo (LI) (LI) P.zza P.zza Roma Roma 15-17 15-17

Siena Siena Strada Strada Sant’Eugenia, 31 31

Sovigliana Sovigliana Vinci Vinci (FI) (FI) Via Via Pietramarina, 11

Torre Torre del del Lago Lago (LU) (LU) Viale Viale Marconi, Marconi, 63 63

Venturina Venturina (LI) (LI) Via Via Indipendenza

Indipendenza

IN: TOSCANA - LIGURIA - EMILIA - PIEMONTE - LOMBARDIA - VENETO - FRIULI VENEZIA GIULIA - TRENTINO ALTO ADIGE

Viareggio Viareggio (LU) (LU) Parco Parco Commerciale Burlamacca Via Via Pisanica

Sanremo

(IM) Via Roma, 159

Viareggio Viareggio (LU) (LU) Via Via C. C. Battisti, Battisti, 213 213


Santa Margherita Ligure (GE) C.so Matteotti, 87/89

Viareggio Viareggio (LU) (LU) Via Via Marco Marco Polo, Polo, 68 68

Sarzana Sarzana (SP) (SP) Via Brigate - MAXI STORE Muccini, Via 7/AVariante Aurelia, 38

Viareggio (LU) (LU) Via Via Mazzini ang. ang. Via Via Sant’Andrea

(di fronte Sarzana GRANCASA (SP) - MAXI GRANBRICO)

STORE - Via Variante Aurelia, 38

LIGURIA

(di Savona fronte C.so GRANCASA Tardy Benech, e GRANBRICO) 101-103R

Alassio (SV) (SV) Via Via Leonardo Da Da Vinci, 104-11O

Savona C.so Tardy Vittorio e Benech, Veneto,124 101-103R

Albenga (SV) (SV) Via Via Patrioti, 95-97

Savona C.so P.zza Vittorio Diaz, 68-70-72R Veneto,124 R

Albenga (SV) (SV) loc. loc. Vadino, Via Via Piave 68 68

Savona

P.zza Diaz, 68-70-72R

Albissola Marina (SV) (SV) Via Via dell’Oratorio, 38 38 ang. Via Via dei dei

Savona Via Guidobono, Mistrangelo, 76-78/R 63

Ceramisti

Savona

Via Mistrangelo, 63

Albisola Superiore (SV) (SV) Via Via Mazzini, 112

Savona

Via Torino 57-59-61/R

Andora

(SV) Via Clavesana 75/77 Ang. Via Vespucci

Sestri

Levante (GE) Via Fascie, 51/53

Arenzano (GE) (GE) C.so Matteotti, 42-44

Spotorno Vado Ligure (SV), (SV) Via via Lungomare Gramsci, 38-40 Gugliemo Marconi, 89/91

Arma di di Taggia (IM) Via Via Stazione, 211 (Palazzo Quadrivio)

Vado Vallecrosia Ligure (IM) (SV) Via via Colonnello Gramsci, 38-40 Aprosio, 256 ang. Via Cristoforo Colombo

Bordighera Bordighera (IM) (IM) Via Via Vittorio Vittorio Emanuele, Emanuele, 263 263

Vallecrosia

(IM) Via Colonnello Aprosio, 256 ang. Via Cristoforo Colombo

Borghetto S.Spirito (SV) Corso IV IV Novembre 33R

Varazze Ventimiglia (SV)(IM) Via Campana, Via Martiri 12/14 della Libertà, 20

Busalla (GE) Via Via Vittorio Veneto, 85 85

Ventimiglia (IM) Via Martiri Mazzini, della 9 Libertà, 20

Cairo Montenotte (SV) Piazzo XX XX Settembre, 1

Ventimiglia EMILIA ROMAGNA (IM) Via Mazzini, 9

Campomorone (GE) Via A. A. De Gasperi 276R

EMILIA Borgotaro ROMAGNA (PR) Via Cesare Battisti, 84

Carcare (SV) Via Via Giuseppe Garibaldi, 115

Borgotaro Comacchio (PR) Lido Via degli Cesare Estensi Battisti, (FE) 84

Ceparana (SP) Via Romana, 103-105

Comacchio Via Carducci, Lido 31 degli Estensi (FE)

Ceriale (SV) Via Aurelia, 70 70

Via Fidenza Carducci, (PR) Via 31 Berenini, 102

Chiavari (GE) C.so Dante, 87 87

Fidenza Fiorenzuola (PR) d’Arda Via Berenini, (PC) V.le 102 XX Settembre, 19

Chiavari (GE) Via Vinelli, 36

Fiorenzuola Langhirano (PR) d’Arda P.zza (PC) Ferrari, V.le XX 11 Settembre, 19

Cogoleto (GE) Piazza Martiri delle libertà angolo via Mazzini

Langhirano

(PR) P.zza Ferrari, 11

Diano Marina (IM) C.so Roma ang. Via Colombo

Parma Salsomaggiore Via XXII Luglio, Terme 25/A (PR) Viale Matteotti, 12

Diano Marina (IM) Corso Roma, 196 cond. Le Magnolie

Salsomaggiore

Terme (PR) Viale Matteotti, 12

Finale

Ligure (SV) Via Dante, 2-4-6-8/R

Salsomaggiore San Polo d‘Enza Terme (RE) Galleria (PR) Via Carlo Pascoli, Levi, 1/3 1

Genova C.so Europa, 430-442 (zona incrocio con via Isonzo)

San

Polo d‘Enza (RE) Galleria Carlo Levi, 1

Genova C.so de Stefanis, 1 (entrata carrabile Corso Sardegna)

Sorbolo PIEMONTE (PR) Via Martiri della Libertà 41/43

Genova

(Loc. San Martino) Via Annibale Passaggi. 2/ A-2/B Rossi PIEMONTE Acqui Terme (Al) C.so Bagni, 116

Genova Via Bettini 3,5,7 R

Acqui Alba (CN) Terme C.so (Al) Piave, C.so 54 Bagni, 116

Genova

Via Brigata Salerno, 4/R ang. Via dei Mille (zona Sturla)

Alba Alessandria (CN) C.so Via Piave, Caniggia, 54 7

Genova

Via Bolzaneto, 20/R

Alessandria Arona (NO) Via Matteotti, Caniggia, 713

Genova

Via Buranello, 36-38/R

Arona Chieri (NO) (TO) Strada Via Matteotti, Roaschia, 132

Genova

Via Canevari, 258-260/1

Chieri Chivasso (TO) (TO) Strada Viale Roaschia, Giacomo 2Matteotti, 2 A, B,C

Genova

Via Carlo Rota, 12-28/R

Chivasso Ciriè (TO) (TO) Via Lanzo, Viale Giacomo 45-47 Matteotti, 2 A, B,C

Genova

Via Cornigliano, 167/R

Ciriè

(TO) Via Lanzo, 45-47

Genova Via di di Brera, 20r

Collegno Cuorgné (TO) Corso Via Torino, Francia 13 147/A

Genova

(Loc. Lagaccio) Via Lagaccio, 114/R

Cuorgné Fossano (CN) (TO) Via Piazza Torino, Vittorio 13 Veneto, 2

Genova

Via Molassana, 53-55/R (Loc. Molassana)

Fossano Moncalieri (CN) (TO) Piazza Via Carlo Vittorio Tenivelli, Veneto, 292

Genova

Via Napoli, 139 A/B/C

Moncalieri Mondovì (CN) (TO) P.zza Via Carlo Ellero, Tenivelli, 66 29

Genova Certosa Via Canepari 110-112

Mondovì Nichelino (CN) (TO) P.zza Via Torino Ellero, 166 angolo Via Moncenisio

Genova Nervi Certosa Via G. Via Oberdan, Canepari 106 14,16

Nichelino Nizza Monferrato (TO) Via (AT) Torino Via 166 Carlo angolo Alberto, Via 21-23 Moncenisio

Genova

Nervi Via G. Oberdan, 106

Nizza

Monferrato (AT) Via Carlo Alberto, 21-23


Genova Pegli Via Martiri della Libertà, 36/38

Novara Novi Ligure Corso (AL) Torino, Via Girardengo, 33/A 74

Genova

Pontedecimo P.za Pontedecimo 22/R

Novi Ovada Ligure (Al) Via (AL) Torino, Via Girardengo, 83-85 74

Genova

Via Molteni 48r/52r

Ovada Poirino (Al) (TO) Via Via Torino, Cavour, 83-85 3

Genova

San Gottardo (Loc. Molassana) Via Piacenza, 219/R

Poirino Racconigi (TO) Via (CN) Cavour, - MAXISTORE 3 - Bacci - Corso Principi di Piemonte, 22

Genova

Sestri Ponente Via Merano, 17/R

Rivoli Racconigi (TO) Corso (CN) Francia, - MAXISTORE 4 - Bacci - Corso Principi di Piemonte, 22

Genova Imperia Voltri Via Don Via Abbo, Ventimiglia 35 123/125 RR

Rivoli

(TO) Corso Francia, 4

Imperia La Spezia Via C.so Don Cavour, Abbo, 35 134

Santena Saluzzo (TO) (CN) Piazza P.zza Martiri Garibaldi della 27/A Libertà, ang. 10 Via Marucchi

La La Spezia C.so Cavour, 134 431

Santena Savigliano (TO) (CN) Piazza Via Muratori, Martiri della 28 Libertà, 10

La La Spezia C.so Via di Cavour, Monale 431 84-86-88

Savigliano Settimo Torinese (CN) Via (TO) Muratori, Via Italia, 28 80

La La Spezia Via Via di Giulio Monale della 84-86-88 Torre, 79

Settimo Torino Torinese - MAXISTORE (TO) Via - Bacci- Italia, 80 Via Nizza, 210

La La Spezia Via Viale Giulio Italia, della 575 Torre, 79

Torino Torino C.so - MAXISTORE Agnelli, 98-100 - Bacci- Via Nizza, 210

La La Spezia Viale Lunigiana, Italia, 575 46

Torino C.so Agnelli, Giulio Cesare, 98-10044

La La Spezia Via Via Lunigiana, Manzoni, 62 46(ang. Via del Torretto)

Torino C.so Giulio Racconigi Cesare, 39 angolo 44 via Frejus

La

Spezia Via Manzoni, 62 (ang. Via del Torretto)

Torino

C.so Racconigi 39 angolo via Frejus

Lavagna Spezia (GE) Via Fiume, Cesare 265/275 Battisti, 14


Torino C.so San Maurizio, 61

Lavagna Levanto (GE) (SP) Via C.so Cesare Roma, Battisti, 75 14

Torino C.so San Vercelli, Maurizio, 97 61

Levanto

(SP) C.so Roma, 75

Torino C.so Piazza Vercelli, Villari 97

Loano Pietra (SV) Ligure Via (SV) Aurelia Via Rossello, 340/342 13-15 ex Via XXV Aprile

Torino Torino Piazza Via Villari Barletta, 85

Pietra Ligure (SV) (SV) Via Via Rossello, Ghirardi, 13-15 6 ex Via XXV Aprile

Torino Torino Via Via di Nanni Barletta, 10585

ang. Via Volvera

Pietra Porto Ligure Maurizio (SV) (IM) Via Via Ghirardi, XX Settembre, 6 59-61

Torino Torino Via Via Galliari, Cibrario 17 47, angolo Via Collegno

Porto Rapallo Maurizio (GE) Via (IM) S. Filippo Via XX Settembre, Neri, 18 59-61

Torino Via di Monginevro, Nanni 105 ang. 19 Via Volvera

Rapallo (GE) (GE) Via C.so S. Mameli Filippo Neri, 200-202 18

Torino

Via Galliari, 17

Rapallo (GE) (GE) C.so Via Assereto, Mameli 200-202 45-47

Torino Via Monginevro, Nizza, 358 19

Rapallo Recco (GE) (GE) Via Via Milito Assereto, Ignoto, 45-47 3

Torino Via Nicola Onorato Fabrizi, Vigliani, 117/D 113

Recco Recco (GE) (GE) Via Via Milito V. Veneto, Ignoto, 1-3-5 3

Torino Via Nizza, Principi 358 D’Acaia 37

Recco Sanremo (GE)(IM) Via V. Via Veneto, Pietro Agosti, 1-3-5 187

Torino Via Onorato Porpora, Vigliani, 9 113

Sanremo Sanremo (IM) (IM) Via Via Pietro Roma, Agosti, 159 187

Torino

Via Principi D’Acaia 37

Torino Torino Via S. Via Tommaso, Porpora, 18 9 (ang. Via Bertola)

Torino Via Via Tripoli San Secondo, 34 56

Torino Via Via Vibò, S. Tommaso, 59 18 (ang. Via Bertola)

Trofarello Torino Via (TO) Tripoli Piazza 34 1 Maggio, 4 (Piazza del mercato)

Venaria Torino Via Reale Vibò, (TO) 59Corso Garibaldi, 34

LOMBARDIA

Trofarello (TO) Piazza 1 Maggio, 4 (Piazza del mercato)

Bellano Venaria (LC) Reale Via (TO) Carlo Corso Porta, Garibaldi, 3 34

Bergamo LOMBARDIA Via A.Locatelli, 14

Bergamo Bellano (LC) Via Via Borgo Carlo S.Caterina Porta, 3 67

Brembate Bergamo Via di Sopra A.Locatelli, (BG) Via 14XXV Aprile, 14

Brescia Bergamo Via Via Martiri Borgo della S.Caterina libertà, 67 12

Brembate Broni (PV) di Sopra P.zza Vittorio (BG) Via Veneto, XXV Aprile, 11 14


Brescia Via Martiri della libertà, 12

Cremona Broni C.so (PV) P.zza Garibaldi, Vittorio 164Veneto, 11

Desenzano Codogno (LO) del Via Garda Roma (BS) 15/17 Via Nazzario Sauro, 21

Lodi Cremona Viale Dalmazia, C.so Garibaldi, 1 164


Desenzano del Garda (BS) Via Nazzario Sauro, 21

Milano Lodi Viale Corso Dalmazia, Lodi 761

Melegnano Milano Via (MI) Carlo Piazza lmbonati, Matteotti, 24 Maciachini 20/21

Business Milano Corso Park Lodi (neipressi 76 della palestra Virgin Active)

Milano Milano Via Casarsa, Via Carlo 16 lmbonati, 24 Maciachini

Milano Business Viale Park Certosa, (neipressi 46 della palestra Virgin Active)

Milano Via F. Casarsa, Lippi, 1916

Milano Viale Giuseppe Certosa, Meda, 46 16

Milano Via Giuseppe F. Lippi, 19Meda, 36

Milano Via Montecatini, Giuseppe Meda, 15 Ang. 16 Via Solari

Milano Via Monza, Giuseppe 59 Meda, 36

Milano Via Ripamonti, Montecatini, 109 15 Ang. Via Solari

Milano Via Sabotino, Monza, 5938

Sant’Angelo Milano Via Ripamonti, Lodigiano (LO) 109 Via Cesare Battisti, 28

Saronno Milano Via (VA) Sabotino, Via Marconi, 38 25

Sirmione Sant’Angelo (BS) Lodigiano Via Colombare, (LO) Via 51Cesare Battisti, 28

Voghera Saronno (PV) (VA) Via Emilia, Marconi, 72 ang. 25 Via De Pretis

VENETO Sirmione (BS) Via Colombare, 51

Anguillara Voghera (PV) Veneta Via Emilia, (PD) Via 72 Lungo ang. Via Adige, De Pretis 25

Arzignano VENETO (VI) P.zza Campo Marzio, 8

Castelcucco Anguillara Veneta (TV) Piazzetta (PD) Via Elio Lungo Boito, Adige, 15 25

Castelmassa Arzignano (VI) (RO) P.zza P.zza Campo Libertà, Marzio, 37 8

Fiesso Castelcucco Umbertiano (TV) Piazzetta (RO) Via Elio Giuseppe Boito, 15 Verdi, 432

Monselice Castelmassa (PD) (RO) Via P.zza Carrubbio, Libertà, 1037

Porto Fiesso Viro Umbertiano (RO) Corso (RO) Risorgimento, Via Giuseppe 72Verdi, 432

Rovigo Porto Viro Corso (RO) del Corso Popolo, Risorgimento, 84 72

Schio Rovigo Corso P.zza dello Popolo, Statuto, 84 5

Solesino Schio (VI)(PD) P.zza Via dello Papa Statuto, Giovanni 5 XXIII, 201


Solesino (PD) Via Papa Giovanni XXIII, 201


Verona P.zza Madonna Campagna, 17/b

Verona Via - B.go XX Settembre, Venezia Via 98-100 G. Fracastoro6/8

Vicenza Verona Via G. XX Durando, Settembre, 4598-100


Vicenza Via G. Durando, 45

FRIULI Vicenza VENEZIA Via Ragazzi del 99, 15/17

Maniago FRIULI VENEZIA (PN) Via Roma, GIULIA4

Pordenone Maniago (PN) Via Via Borgo Roma, San 4Antonio 2

Pordenone - Via Rorai Borgo Grande San Antonio Piazzale San 2 Lorenzo, 17

Sacile Pordenone (PN) Via - Rorai Giuseppe Grande Garibaldi, Piazzale 24San Lorenzo, 17

San Sacile Martino (PN) Via al Giuseppe Tagliamento Garibaldi, (PN) 24

P.zza San Martino Umberto al I, Tagliamento 10 (PN)

TRENTINO P.zza Umberto ALTO I, 10 ADIGE

Bolzano TRENTINO Via Sassari, ALTO ADIGE 75


Bolzano Via Sassari, 75

Cles Bressanone (TN) Piazza (Milland)(BZ) De Bertolini, Via 8Plose 24/a

Imer Cles (TN) Piazza Via Nazionale, De Bertolini, 2 8


Imer (TN) Via Nazionale, 2

Naturno Mezzocorona (BZ) Via (TN) Principale, P.zza San 31Gottardo, 21/22/23

Postal Naturno (BZ) (BZ) Via Via Roma, Principale, 83c 31

Predazzo (TN) Via Alcide de de Gasperi, 6

Salorno (BZ) Via Asilo, 3

Silandro (BZ) Via Via Principale, 64 64

PROSSIME APERTURE: Carignano Torino Via (CN) San Piazza Secondo Carlo Alberto 56 15 - Chiavari (GE) Corso Dante 65 - Torino Via Rieti 30

LEGENDA:

NUOVE APERTURE

SERVIZIO STAMPA IMMEDIATA FOTO

IperSoap è una catena con più più di di 250 250 punti vendita.

Sei proprietario di di un un locale di di almeno in in una una buona

posizione commerciale?


La delicatezza

in un abbraccio

3


4


LA VIGNETTA

di DANILO MARAMOTTI

5


NUOVI PROGRAMMI COSMETICI PER OGNI ESIGENZA DI BELLEZZA

Prova le nuove formule CERA DI CUPRA e scopri la tua nuova beauty routine!

Formulazioni innovative e mirate, con risposte specifiche alle esigenze di ogni età:

la linea RICETTA DI BELLEZZA, trattamento nutriente e protettivo a base di Cera Vergine d’Api ed Estratto di Miele,

e la linea ANTI-AGE, il nuovo trattamento antirughe per una bellezza senza tempo.

CREMA ROSA E BIANCA Ricetta Originale:

nella versione Rosa per pelli secche e Bianca

per pelli normali, dona nutrimento e protezione

dagli agenti esterni.

CREMA ROSA E BIANCA PLUS: due nuove

formule arricchite con Acido Ialuronico ed

Estratto di Miele. Rosa Plus adatta alle pelli più

secche e Bianca Plus ad azione nutriente con

una texture leggera per pelli normali.

LATTE DETERGENTE E TONICO:

con Estratto di Miele e Vitamine per soddisfare le

esigenze quotidiane di pulizia della pelle.

CREMA MANI: formula nutriente e protettiva a rapido

assorbimento con Cera Vergine d’Api e Glicerina.

CREMA ANTIRUGHE Multiazione: trattamento

Anti-age Multifunzione ad azione idratante tonificante.


FUORI LUOGO

di MARIO TOZZI

Clima difficile da percepire.

Agire domani contro il cambiamento climatico non è come farlo oggi,

perché i gas serra permangono a lungo nell’atmosfera, e dunque

dissipano i loro effetti malevoli (surriscaldamento di aria e acque)

per secoli. Inoltre l’atmosfera terrestre è talmente tanto inerte che, per

riportare a quantità pre-industriali (350 ppm) il CO2 ci vorrebbero

45 anni, ma a patto di azzerare tutte le emissioni

clima alteranti oggi stesso. Invece i sapiens

continuano a perdere tempo, come se non

percepissero la gravità della situazione.

Come mai?

I motivi di questa colossale rimozione collettiva

sono diversi, a partire dalla confusione che viene

costantemente creata dai mezzi di comunicazione

di massa, come se ci fossero posizioni diverse fra

gli scienziati.

E, se gli scienziati sono divisi, perché disperarsi

per fare qualcosa che magari potrebbe modificare

le nostre straordinarie posizioni di rendita? In realtà non è così, e solo

lo 0,4% di scienziati assolve le attività degli uomini dall’aggravamento

climatico, una percentuale che non verrebbe presa in considerazione in

nessun altro campo del sapere. Legato a questo c’è lo sforzo massiccio

messo in campo dai petrocarbonieri per pagare controinformazione

che instilli dubbi che non hanno ragione di essere, se non quella dei

profitti ingenti che rischierebbero di perdere se si passasse a una

società no-gas.

D’altro canto il clima non uccide direttamente ed è difficile mettere

in relazione le vittime e i danni delle perturbazioni meteorologiche

violente con il clima che cambia. Subiamo il cambiamento come un

prelievo costante, ma minimo, dal conto in banca, di cui ci si accorge

solo troppo tardi. Non va poi trascurata la naturale attitudine dei

sapiens a segare il ramo su cui siedono a cavalcioni, come ci racconta

chiaramente la storia degli uomini: intere società tradizionali perdute

per non aver saputo prevedere gli effetti dei loro stessi comportamenti.

In Game of Thrones si può notare che l’uomo teme piuttosto il freddo

che non il caldo. L’inverno epocale preoccupa

e stimola la reazione, il gran caldo no, anzi,

viene quasi auspicato: vuoi vedere che faremo

il bagno in Svezia e coltiveremo il Dolcetto a

Travemunde? Infine, mica accadrà domani, no?

E che deve toccare proprio a noi? Purtroppo,

invece, è già domani e il punto di non ritorno,

oltre il quale il sistema di surriscaldamento

climatico si autoalimenterà, rischiamo di

vederlo negli specchietti retrovisori.

E qui torniamo alla questione iniziale: agire

oggi è molto meglio di farlo domani.

Ma nessun accordo volontario potrà sostituirsi a un obbligo fra le

nazioni: un patto d’onore per dare un futuro ai nostri figli.

INTATTA TOUR

In questi mesi, tra giugno e agosto, andiamo in tour

con Mario Tozzi in un viaggio alla scoperta del paese

e dei suoi luoghi integri e inalterati.

Un percorso straordinario che si snoda per sentieri

incontaminati e posti in cui le opere degli antichi

abitanti hanno mantenuto lo stupefacente splendore

originario. Le prossime tappe da non perdere?

Il 15 giugno L’Aquila; il 16 giugno Ancona;

il 22 giugno Padova; il 7 luglio Sestri Levante;

il 14 luglio Rovereto; il 3 agosto Sarre (AO).

7


8


LA MONETA

INVISIBILE

di CARLO ROMANO

Allarme ambiente, mangiamo e

respiriamo microplastiche ovunque.

Che cosa unisce la neve che cade sulle montagne all’aria che respiriamo tutti

i giorni chiusi fra le mura di casa nostra?

Per quanto assurda possa sembrare la domanda, in realtà una risposta esiste

ed è: le microplastiche.

Si tratta di particelle piccolissime di plastica, principalmente polipropilene e

polietilene teraftalato, che vanno dalla dimensione di un millimetro a quella

di un milionesimo di millimetro. Particelle che la scienza è ormai in grado

di individuare, contare, misurare. Ed è proprio quello

che hanno fatto di recente due studi, uno della rivista

Nature e uno di un’Università canadese. Il primo studio

è andato a cercare le microplastiche nel posto più

lontano dai centri abitati della Francia, sulle cime dei

Pirenei. I dati che ne sono usciti sono oggettivamente

impressionanti: su ogni metro quadrato di montagna si

posano ogni giorno 365 particelle di microplastiche.

Piccolissime, invisibili, ma proprio per questo in

grado di viaggiare trasportate dal vento per centinaia

di chilometri e arrivare davvero dappertutto, anche in

cima ai monti appunto.

Difficile dire esattamente da dove arrivino. L’ipotesi più

probabile fatta dai ricercatori è che il grosso di queste

particelle si muova dalle grandi città e nel caso dei

Pirenei la più grande città meno distante è Barcellona, comunque lontana di

ben 160 chilometri dalle cime dei monti che separano la Spagna dalla Francia.

La scoperta nella scoperta è che una parte consistente di queste microplastiche

viaggia all’interno di ogni singolo fiocco di neve. In pratica questi micro

residui si staccano dalla plastica che ogni giorno ci circonda e arrivano fino

in atmosfera, dove poi i fenomeni meteorologici sono in grado di condensarli

e restituirceli sotto forma di pioggia o neve. Difficile che lo studio effettuato

sui Pirenei valga solo per i Pirenei. La distanza dalle nostre grandi città dalle

Alpi, ad esempio, suggerisce di pensare che quanto vale per Spagna e Francia

valga anche per l’Italia e tutto il resto del mondo.

D’altro canto un’altra ricerca effettuata da un’università australiana, ha calcolato

che ogni abitante della terra assorbe una media di 5 grammi di microplastiche

a settimana. In pratica è come se ci mangiassimo ogni 7 giorni un pezzo di

plastica delle dimensioni e del peso di una carta di credito.

E qui viene in ballo il secondo studio di cui si diceva in apertura, quello

realizzato dai ricercatori dell’Università di Victoria in Canada.

Che a differenza dei ricercatori europei che le microplastiche sono andate

a cercarle nel posto più lontano, questa volta le hanno cercate nel posto

più vicino: ovvero tra le mura domestiche. E i numeri sono ancora più

impressionanti.

La ricerca ha quantificato le microplastiche che ingeriamo in una quantità

compresa tra le 39 mila e le 52 mila particelle all’anno. Numeri davvero

impressionanti.

Tra gli alimenti più ricchi di microplastiche un posto da primato lo occupa

senz’altro il pesce.

Ma non è finita: oltre a quelle che ingeriamo ci sono poi quelle che inaliamo,

denominate nanoplastiche perché sono ancora più piccole. Perché appunto

le dimensioni infinitesimali di questi residui della plastica volano nell’aria

che respiriamo e finiscono inevitabilmente nel nostro corpo, facendo salire il

conto finale a circa 74 mila particelle ingerite e respirate in un anno a persona.

Questi frammenti che si staccano dai pezzi di plastica più grandi sono dunque

davvero dappertutto, li mangiamo noi, li mangiano gli animali da allevamento

che poi finiscono sulle nostre tavole, li raccolgono le coltivazioni.

Così si spiega un altro dato impressionante.

Per quanta attenzione ci mettiamo ormai le microplastiche sono talmente

diffuse che ad ogni pasto, ad esempio, sarebbero almeno un centinaio quelle

che ingeriamo. A cui occorre aggiungere quelle che respiriamo perché volano

nell’aria di casa nostra. E lo stesso si ripete ogni volta che usciamo. E dentro

gli uffici, negli esercizi pubblici, ovunque.

È come se il mondo ormai fosse avvolto da una rete,

invisibile ma a maglie strettissime, formata da pezzetti

di plastica altrettanto invisibili ma assolutamente

reali.

A questo punto è lecito chiedersi.

Ma quali sono gli effetti sull’uomo?

Le ricerche svolte finora confermano che le

microplastiche che mangiamo e respiriamo entrano

in contatto con i nostri organi interni, possono entrare

nel flusso sanguigno, nel sistema linfatico, possono

raggiungere perfino il fegato.

Quello che ancora non è chiaro è se facciano male

alla nostra salute. Per dare una risposta alla più

importante delle domande servono altri studi e altre

sperimentazioni su un numero piuttosto ampio di

persone e per un periodo di tempo sufficientemente lungo per poter essere

sicuri degli effetti di questi frammenti sul corpo umano.

Per ora gli studi più avanzati sono stati effettuati su piccoli crostacei d’acqua

dolce, le dafnie, spesso utilizzati nelle ricerche proprio per testare se siano

tossiche o meno sostanze chimiche presenti nell’acqua.

Il risultato è che le dafnie esposte alle microplastiche hanno evidenziate

anomalie anatomiche e mobilità ridotta.

Troppo poco per tirare conclusioni sugli effetti sull’uomo.

Abbastanza per continuare le ricerche e non smettere di essere preoccupati.

9


EDITORIALE

di MAURIZIO BONUGLI

A me mi piace vivere alla grande.

Nel 1979 quando il cantautore ligure Franco Fanigliulo (poi

scomparso dieci anni dopo) presentò la sua “A me mi piace

vivere alla grande” al Festival di Sanremo io avevo dodici

anni ma il ritornello e la musica di quella “strana” canzone

sarcastica e provocatoria ma, al tempo stesso, melodica e

sognatrice …una sorta di inno alla vita da vivere intensamente,

mi è sempre rimasto nella mente e quando qualche settimana

fa l’ho riascoltata casualmente alla radio mentre ero in auto

-sempre il caso, l’aveva fatta precedere dalla notizia sulla

sentenza della Corte costituzionale sul caso di Marco Cappato,

che nel febbraio 2017 accompagnò Fabiano Antonioni, in arte

Dj Fabo, in una clinica svizzera per farla finita con la terribile

sofferenza che lo affliggeva da anni.

Un tema quello del “fine vita”, della “dolce morte” o del “suicidio assistito”

che, al di là dei punti di vista, delle valutazioni etiche, delle opinioni

politiche, dei risvolti morali e delle implicazioni giuridiche, è un argomento

assolutamente sensibile da affrontare al di fuori di inutili contrapposizioni

ideologiche ma sforzandoci di mettere al centro, sempre e comunque, le

persone e il valore e il senso della vita che a loro

appartiene. Eh già perché la Cassazione (nel settembre

scorso) nel caso specifico di Dj Fabo, è stata chiara

e chiarificatrice ritenendo: “non punibile ai sensi

dell’articolo 580 del codice penale, a determinate

condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di

suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di

un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno

vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte

di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa

intollerabili ma pienamente capace di prendere

decisioni libere e consapevoli”. Tradotto, “aiutare”

una persona a morire, se esistono condizioni

specifiche (così come indicato nella sentenza), non

è reato.

Ma non tutti la pensano così. Ad esempio, questo è il commento sulla

sentenza dell’alta Corte del professor Adriano Pessina ordinario di Filosofia

Morale del’Università Cattolica del Sacro Cuore e docente di Bioetica:

“soltanto una battaglia ideologica può celebrare il suicidio assistito come

una conquista e non come una sconfitta, della medicina, della solidarietà

e, a mio avviso, dello stato di diritto che non può anteporre una decisione

individuale a un dovere collettivo che vieta qualsiasi cooperazione alla

morte altrui” (intervista di Lorenzo Maria Alvaro su vita.it del 30 settembre

2019). Dall’altra parte però

il diritto di autodeterminazione è un diritto fondamentale della persona,

da cui anche il rifiuto di un malato irreversibile, sofferente, informato e

consapevole di prolungare le cure mediche lasciando che la malattia

prosegua nel suo decorso inesorabile ancorchè naturale. E questa

interpretazione è rafforzata da quanto sancito dall’articolo 32 della

Costituzione che tutela la salute come: “diritto fondamentale dell’individuo

e interesse della collettività” affinchè non si violino, mai, i limiti imposti

dal rispetto della persona umana, della sua libertà e

della sua dignità. Ma è anche importante ribadire,

come scritto nell’articolo pubblicato sul quotidiano

il manifesto (il 27 settembre 2019) dall’avvocato

Francesco Di Paola del collegio difensivo di

Marco Cappato che: “con una siffatta decisione,

la Corte non ha in alcun modo evidenziato nel

nostro ordinamento un “diritto alla morte”, ma si

è occupata, dal punto di vista penalistico, di chi

aiuta altre persone – nelle indicate e circoscritte

condizioni – che decidono di porre fine alla

propria vita, nel rispetto del proprio concetto di

dignità”. Ed ancora: “il divieto di istigazione al

suicidio e di assistenza al suicidio al di fuori delle

condizioni prefissate, rimangono dunque un reato

per salvaguardare “persone malate, depresse, psicologicamente fragili,

ovvero anziane e in solitudine, che potrebbero essere facilmente indotte a

congedarsi prematuramente dalla vita”.

Un tema davvero delicatissimo da affrontarsi col cuore e col cervello non

certo con la pancia.

Che però non ammette semplificazioni, banalizzazioni né scorciatoie

o strumentalizzazioni di parte. Né accanimenti ideologici piuttosto che

terapeutici. Semmai l’obbligo da parte del legislatore di legiferare. Magari

nel solco del laicissimo principio della libertà di scelta individuale affinchè

non si imponga a quella altrui ma affinchè non accada nemmeno il

contrario. Prerogativa questa di un moderno stato di diritto.

La semplicità che è difficile a farsi?

Vedremo…

11


12


32

LEONARDO

DA VINCI

84

SIMONE

BIANCHI

28

ANTICHI

MESTIERI

72

LARISSA

IAPICHINO

RUBRICHE

14 Benessere & Bellezza

16 Mondo Donna

18 Accadde domani

20 News Italia

22 News Mondo

24 Salute & Benessere

27 Correva l’anno

REPORTAGE

28 ANTICHI MESTIERI

32 LEONARDO DA VINCI

STORIA DI COPERTINA

38 STEFANO ACCORSI

RUBRICHE

44 Tutto intorno all’arte

49 TANTI BUONI SCONTO PER TE

51 Zona Beauty

52 Speciale Moda

55 Zona Fitness

56 Red carpet

58 Consigli per la casa

60 Io viaggio da sola

62 Le ricette di IperSoap

66 Eco Good

68 Garden Place

70 Matrix

72 The Winner - LARISSA IAPICHINO

76 Sulla strada

78 La 25°ora

80 My book

82 Teatro & Musica

84 On stage - SIMONE BIANCHI

88 Home sweet home

90 I giochi di IperSoap Magazine

92 I Care

94 Qua la zampa!

96 L’Oroscopo naturale

38

STEFANO

ACCORSI

1994...è arrivata

la nuova stagione

ANNO V - NUMERO XI NOVEMBRE 2019

IPERSOAP MAGAZINE

è una rivista di GENERAL PROVIDER Srl registrata presso il Tribunale Ordinario di

Lucca. Num. R.G.1009/2015

Numero Reg. Stampa: 9in data 01/09/2015

EDITORE

Pietro Paolo Tognetti

DIRETTORE RESPONSABILE

Luigi Grasso

DIRETTORE EDITORIALE

Maurizio Bonugli

ART DIRECTOR

Luca Baldi

HANNO COLLABORATO:

Danilo Maramotti - Mario Tozzi - Alice Lancetti - Antonio Provenzano - Irene Castelli

Giulia Landini - GIovanni Lorenzini - Igor Faiella - Greta Rossi - Santo Pirrotta

Alta scuola di cucina di Roma - Michela Chimenti - Matteo Montanaro - Valentina

Vida - Daniele Masseglia - Carlo Romano - Tiziano Baldi Galleni - Marta Grassi

- Luca Alberti - Lara Venè - Chiara Zaccarelli - Virginia Torriani - Marta Zannoner

Direzione, redazione e amministrazione:

Via delle Ciocche, 1157/A

55047 Querceta - Seravezza (LU)

Tel. 0584/752891 - 0584/752892

Fax 0584/752893

www.ipersoap.com

redazione@ipersoap.com

Fotolito e stampa:

Rotolito S.p.A. Via Sondrio 3

(angolo Via Achille Grandi)

20096 Seggiano di Pioltello (MI) Italy

n° ROC 25471

Copyright 2015 GENERAL PROVIDER Srl

Tutti i dirittti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti inquesto numero non

possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l’Autorizzazione dell’Editore.

Pubblicazione mensile in attesa di registrazione presso il tribunale di Lucca.

Le immagini utilizzate, dove non diversamente indicato, sono di proprietà

dell’archivio fotografico SHUTTERSTOCK.

Per la pubblicità su questo magazine scrivere a:

pubblicita@ipersoap.com

13


BENESSERE &

BELLEZZA

di DR. MARIO PUCCI

Gli aghi che curano:

parliamo di agopuntura.

La diffusione della medicina cinese, con un particolare interesse per l’agopuntura,

si sta sempre più ampliando. L’agopuntura era considerata fino a qualche anno fa come un

palliativo, ma ad oggi gli viene riconosciuta una vera e propria funzione terapeutica e

curativa. Si tratta di un valido trattamento per le patologie dolorose.

Nell’ultimo periodo viene sempre più utilizzata sia nelle cliniche

private sia nelle strutture pubbliche: un antidolorifico naturale

senza componenti chimiche e che veniva utilizzata in Cina fin

dall’antichità per trattare ogni sorta di malattia.

In Occidente viene usata principalmente per patologie osteoarticolari

e in tutte le patologie in cui l’attivazione neuroendocrina

è decisiva, come nell’infertilità (sine causa), campo in cui si sono

ottenuti risultati strabilianti.

L’agopuntura, sebbene sia una tecnica antichissima, è riconosciuta

dall’organizzazione Mondiale della Sanità. Si dimostra efficace nel

trattare: lombalgie ,cefalee, emicrania, dolore articolare, nausea e

vomito, disturbi del sonno, depressione.

Ma come funziona l’agopuntura?

Nella medicina tradizionale cinese si parla di energia: prendiamo

ad esempio una giornata particolarmente stancante, verso sera

proveremo diversi malesseri fisici che coinvolgono varie parti del

nostro corpo. I cinesi chiamano questa energia QI e può avere

caratteristiche Yin o Yang. Il buon scorrere dell’energia nelle sue

forme di Yin e Yang genera il benessere, in alternativa compaiano

disequilibri che sfociano in malattia.

Riassumendo secondo la medicina cinese le alterazioni

energetiche provocano le malattie, secondo le teorie cinesi il

QI scorre nel corpo in particolari canali, detti meridiani, la cui

regolazione esterna avviene attraverso dei punti, questi punti

sono quelli dell’agopuntura. Attraverso la pratica dell’’agopuntura

si attivano quindi risposte neuroendocrine e locali che aiutano a

ripristinare il benessere.

La scienza medica occidentale però non si accontenta della

spiegazione data della medicina cinese. Cerca quindi spiegazioni

nell’ambito delle sue conoscenze: le più accreditate teorie sui

meccanismi di azione dell’agopuntura ipotizzano che l’inserimento

degli aghi favorisca la liberazione di endorfine. Le endorfine sono

sostanze chimiche naturali prodotte dal cervello che agiscono

come tranquillanti e antidolorifici naturali. Questo porta quindi il

paziente a riacquistare uno stato di benessere. In Italia l’agopuntura

può essere praticata solo dai laureati in medicina o in veterinaria,

per la legge italiana, chiunque pratichi l’agopuntura senza essere

idoneo alla pratica commette un atto punibile penalmente.

Generalmente un ciclo di agopuntura prevede 10 sedute , la

prima è diversa dalle altre perché prevede una fase preliminare

in cui il medico indaga lo stato di salute del paziente ed esegue

una anamnesi medica per stabilire i punti di agopuntura su cui

agire attraverso gli aghi. Una seduta dura in media 20 -40 minuti

tuttavia è bene precisare che la durata, il numero degli aghi da

inserire dipende dall’entità e dal numero di problematiche riferite

dal paziente.

Contrariamente a quanto molti temono gli aghi non fanno male e

non possono essere in alcun modo veicolo di malattie infettive,

infatti i medici agopuntori utilizzano aghi sterili e monouso, che

devono essere aperti in presenza del paziente . L’effetto terapeutico

non è immediato: mediamente i risultati si vedono dopo le prime

5/6 sedute, cioè il tempo necessario per riequilibrare l’energia.

L’agopuntura non ha controindicazioni e può essere praticata su

pazienti di qualsiasi età.

INFO&CONTATTI

Via Ascoli 42 - 54100 Marina di Massa (MS)

telefono: 388 3099780

studiomedicodrpucci@gmail.com

www.medicinaesteticapucci.it

14


CIPRIA

powderEXPERIENCE

CIPRIA COMPATTA

DAL FINISH ESTREMAMENTE

SETOSO E NATURALE.

15


MONDO

DONNA

di LARA VENÈ

I board in rosa fanno il

successo delle imprese.

Ormai nel linguaggio comune vengono definite quote rosa. Ma è un modo discriminatorio

perchè sembra si tratti di un meccanismo per assegnare una quota di posti alle donne

(il genere “rosa”) a prescindere dal merito, dalle competenze e dalle capacità.

Invece le quote rosa hanno lo scopo di garantire la partecipazione equa

di entrambi i generi. Per questo si stabilisce che una percentuale di posti

sia destinata al genere sottorappresentato, che storicamente, è quello

delle donne. Nella loro formulazione, queste norme non contengono

il riferimento alle donne ma sono gender neutral, garantendo quindi in

modo paritario i due generi. In politica, le quote sono definite attraverso

regole legislative o costituzionali e norme stabilite all’interno degli statuti

dei partiti, che fissano una percentuale minima per ogni genere nella

composizione delle liste elettorali, con lo scopo di riequilibrare la presenza

dei due generi nelle assemblee rappresentative, storicamente, a sfavore

delle donne. Sono numerosi i paesi in Europa e nel mondo che hanno

introdotto simili misure correttive per il riequilibrio della rappresentanza.

La Svezia, che oggi vanta una rappresentatività di donne in Parlamento di

poco inferiore al 50%, l’ha fatto attraverso gli statuti dei partiti. Altri paesi,

come la Francia e la Spagna, hanno operato sui sistemi elettorali.

In Italia, la Corte costituzionale, con la sentenza n. 49/2003, ha riconosciuto

che “la finalità di conseguire una ‘parità effettiva’ fra uomini e donne anche

nell’accesso alla rappresentanza elettiva è positivamente apprezzabile dal

punto di vista costituzionale”.

Ma nel 2006 la legge sulle “quote rosa” fallisce. E dopo sei anni, nel 2012,

il Parlamento riesce ad approvare nuove norme che obbligano gli statuti

degli enti locali a promuovere la parità nelle giunte e negli enti, aziende e

istituzioni a garantire che ciascuno dei due generi sia rappresentato per

almeno un terzo nelle liste elettorali e a introdurre la doppia preferenza di

genere per i candidati al Consiglio comunale: l’elettore può esprimere due

preferenze, purché siano di genere diverso.

Per quanto riguarda il mondo dell’impresa, nel 2011 l’Italia ha

introdotto misure di garanzia per la partecipazione femminile ai consigli

di amministrazione delle aziende quotate in Borsa e delle società a

partecipazione pubblica (cosiddette “quote rosa nei Cda”), anticipando la

normativa europea che ha introdotto una legge simile un anno dopo, a

novembre del 2012.

E studi dimostrano che i cda con maggior presenza di donne facciano il

successo delle imprese: uno studio Consob sulle quotate rivela che con

il 17%-20% di presenza femminile nei board le performance della società

migliorano. Un’altra ricerca Ue mostra come le aziende con parità di genere

nei board abbiano profitti superiori del 56%.

16


ORECCHIE

OCCHI

17


ACCADDE

DOMANI

di ANTONIO PROVENZANO

Gli appuntamenti

imperdibili di NOVEMBRE

ZOGO DE L’OCA, Mirano (VE)

9/10

NOVEMBRE

Il Zogo de l’Oca e la Fiera de l’Oca nascono da una vecchia tradizione miranese che

voleva si festeggiasse, mangiando l’oca, la chiusura dell’anno agrario, l’11 novembre,

e per rinforzare questa tradizione c’era anche un detto: CHI NO MAGNA OCA A

SAN MARTIN NON FA EL BECO DE UN QUATRIN!

Alla fine degli anni settanta, questa tradizione è stata ripresa dal COMITATO de L’O-

CA che l’ha fatta diventare un appuntamento annuale per tutto il paese. Da allora

ogni anno, il secondo fine settimana di novembre, nell’atmosfera gioiosa della festa

e con l’ottima cucina della tradizione si svolge la “FIERA DE L’OCA” che culmina alle

ore 15 della domenica quando, in un tripudio di colori e allegria, di saltimbanchi e

giocolieri, sotto lo sguardo di migliaia di persone, si dà vita al ZOGO DE L’OCA in

PIAZZA.

50° Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco

| San Miniato

La festa dedicata al tartufo bianco delle colline samminiatesi apre i battenti il 9

novembre e termina il 24 novembre.

È l’anno delle nozze d’oro, per cui San Miniato fa per l’occasione riscoprire un

percorso fatto di persone, momenti che hanno fatto la storia della manifestazione

a partire dalla prima edizione del 1969. Per celebrare una data così importante la

Mostra Mercato Nazionale aprirà venerdì 8 novembre con una serata amarcord dove

saranno celebrate le nozze d’oro del tartufo con San Miniato.

9/24

NOVEMBRE

Fiera Nazionale del Panettone

e del Pandoro 2019 - Milano e Roma

16/17

NOVEMBRE

a MILANO

23/24

NOVEMBRE

a ROMA

La Fiera Nazionale del Panettone e del Pandoro vi aspetta anche quest’anno a Roma e

Milano per farvi degustare i migliori Panettoni e Pandori artigianali d’Italia.

La Location che farà da cornice all’evento più atteso dell’anno è lo splendido Hotel

Sheraton & Conference Center in zona Eur, in Viale del Pattinaggio 10.

Come da tradizione, l’Ingresso è gratuito, potrai degustare ed acquistare, se vorrai,

Panettoni e Pandori. Dopo l’indiscusso successo delle precedenti edizioni, quest’anno

per la sua XI edizione l’evento dei lievitati artigianali più dolce d’Italia arriva anche

Milano. La Location che farà da cornice è lo storico Museo dei Navigli nella centralissima

Brera, in via San Marco 40.artigianali provenienti da tutta Italia.

18


19


NEWS

ITALIA

di ANTONIO PROVENZANO

PILLOLE

L’orsetto smarrito ritrova la mamma:

il primo caso documentato in Italia

Arriva dal Parco nazionale d’Abruzzo una bellissima storia a lieto fine, un caso mai documentato

in Italia prima d’ora. Per la prima volta un cucciolo di orso marsicano, trovato da solo lo scorso

15 agosto lungo una strada, è riuscito a ricongiungersi con la madre grazie all’aiuto dei Tecnici

del Servizio Scientifico e di Sorveglianza del Parco. Catturato meccanicamente, senza anestesia,

e rilasciato in quota, in un’area in cui sono presenti le femmine si è allontanato immediatamente

dagli operatori. Dopo due giorni il personale del Parco ha avuta la certezza che si era ricongiunto

alla madre, che ha altri due cuccioli. Il lieto fine è stato ripreso con una telecamera, con il

video dell’incontro tra l’orsetto e la sua mamma che è stato postato sulla pagina Facebook del

Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise: il filmato ha accumulato sui social migliaia tra

condivisioni, commenti e like.

Palermo, la foto è virale: che ci

fa uno scooter sull’autobus?

Carica lo scooter sull’autobus e poi via, verso la rimessa.

Succede a Palermo dove, a fine turno, un’autista

dell’Amat ha pensato bene di far salire il mezzo all’interno

della navetta “fuori servizio”. L’immagine, postata da

MobilitaPalermo, è diventata virale e ha fatto arrabbiare

anche la società che gestisce il trasporto pubblico.

Che ora vuole vederci chiaro. L’azienda gradirebbe che

l’autista a questo punto si consegnasse spontaneamente

per spiegare le ragioni del suo comportamento, altrimenti

saremo costretti a usare il pugno duro”, si legge in una

nota Amat - Fare uso e consumo proprio dei mezzi

aziendali non è certamente una bella immagine. E dispiace

verso quei lavoratori che giornalmente conducono le

proprie mansioni egregiamente. I cittadini grazie ai Social

media si rendono partecipi perché pretendono servizi più

funzionali e decorosi.

20

Sente dei rumori ed esce con la pistola,

ma erano pompieri: denunciato

Un uomo di 57 anni è stato denunciato per aver puntato una pistola - che si è poi rivelata una

scacciacani - contro alcuni vigili del fuoco che si trovavano sul tetto di un condominio di via

Cosenza, a Milano. I caschi rossi erano arrivati lì per una richiesta di intervento per “soccorso

persona” e per entrare a casa dell’uomo che aveva bisogno di aiuto e avevano deciso di passare

dal tetto. Improvvisamente, però, da uno dei balconi della scala A si è affacciato il 57enne che,

pensando di essere di fronte a dei ladri, ha mostrato l’arma ai pompieri. Gli stessi vigili del fuoco

hanno subito allertato i poliziotti, che in pochi minuti sono riusciti a rintracciare e identificare

l’uomo, che era ancora nel suo appartamento. Gli agenti hanno verificato che la pistola era una

scacciacani e hanno poi denunciato il 57enne per minacce aggravate.

Un paese invaso dalla schiuma:

bolle giganti tra le auto e le case

Schiuma appoggiata ai muri delle case e alle auto,

schiuma in mezzo alla strada, schiuma vicino ai tombini.

Bolle giganti, alte anche più di un metro, che soffiate dal

vento si sono riversate in centro, a Porzano di Leno in

provincia di Brescia. La schiuma è arrivata dalla roggia

Cucca - un canale artificiale - a quanto pare per uno

sversamento illecito, probabilmente di natura industriale.

Sul caso ora stanno indagando i Carabinieri e la Polizia

Locale, intervenuti martedì mattina insieme ad Arpa e ai

tecnici comunali, a seguito delle numerose segnalazioni

dei cittadini. A decine anche le fotografie su Facebook che

ritraggono il curioso e insolito fenomeno. Lo sversamento

“originale” si sarebbe verificato a Bagnolo Mella, e poi

trascinato fino a Porzano di Leno lungo la roggia Cucca.

Una schiuma densa e bianchissima, a quanto pare inodore:

dai primi accertamenti non dovrebbero esserci pericolose

ripercussioni sulla salute dei cittadini. E non è la prima

volta che succede, anche se mai era stata così eclatante:

anche una decina di giorni fa la schiuma era stata avvistata

in paese. Ora è tornata, ancora più grande.


21


NEWS

MONDO

di ANTONIO PROVENZANO

PILLOLE

Costruisce una pista di atterraggio per UFO:

“Me lo hanno chiesto gli Alieni”

Lo svizzero Werner Jaisli, per diversi anni è stato impegnato in un progetto a dir poco

insolito: ha costruito un gigantesco “spazioporto” in Argentina. Il motivo? A quanto dice,

gli alieni gli hanno ordinato telepaticamente di farlo. Werner Jaisli è arrivato a Cachi, città

nella provincia argentina di Salta, una zona famosa tra gli appassionati di UFO in tutto il

mondo. La notte del 24 novembre 2008, Jaisli dice di essere stato contattato da alieni che

gli avrebbero dato istruzioni dettagliate su come costruire un porto di atterraggio per gli

UFO. Poco dopo l’uomo ha iniziato a realizzare il progetto a Forte Alto, a circa 4 chilometri

dalla città di Cachi. Lo “spazioporto” consiste in un grande motivo a stella, con 36 punte

e un diametro di 48 metri, con una stella più piccola al centro. È fatto di pietre bianche

che Jaisli e il suo assistente, Luis hanno preso dalle montagne vicine. La stella principale

è affiancata da stelle più piccoli fatti di rocce più scure. Il tutto è ben visibile da quote

molto elevate. Nel corso degli anni, Werner Jaisli e il suo unico spazioporto sono diventati

famosi in tutto il mondo, e gli appassionati di UFO e i curiosi visitano regolarmente la

zona, che è diventata una vera e propria attrazione turistica, nonostante l’area sia nota per

essere piena di serpenti velenosi.

Provano la presa di Dirty Dancing

al matrimonio: finisce molto male

Il balletto di Dirty Dancing tra Patrick Swayze e Jennifer Gray

è senza dubbio una delle scene più celebri della storia del

cinema, ma la “presa volante” non è certo una mossa che

tutti possono realizzare senza rischiare di rompersi l’osso del

collo. Una lezione che Morgan Murray e suo marito hanno

potuto imparare sulla loro pelle durante il matrimonio del

fratello della donna, quando la coppia del Tennessee, negli

Stati Uniti, ha tentato di mostrare a tutti gli invitati le proprie

abilità nella danza. Morgan guarda il marito e si prepara a

realizzare la mossa acrobatica di Dirty Dancing. Peccato però

che le cose non siano andate proprio per il verso giusto: il

marito di Morgan infatti non riesce a sollevare abbastanza

la moglie, con i due che finiscono prima per sbattere tra di

loro, per poi cadere rovinosamente sul tavolo del buffet. I

due sono finiti così in ospedale, con l’uomo che ha avuto la

peggio, rimediando una commozione cerebrale.

22

Cade, sbatte la testa e sviene:

lo smartwatch gli salva la vita

Vivo grazie al suo smartwatch. Non si tratta di una trovata pubblicitaria, ma della storia di Bob

Burdett, un cittadino statunitense rimasto la cui vita è stata salvata proprio dal suo apparecchio

da polso. L’uomo si trovava nel Riverside State Park di Spokane, nello Stato di Washington,

per una gita in bicicletta, quando è accidentalmente caduto, battendo la testa e perdendo i

sensi. Dopo l’incidente è stato proprio lo smartwatch ad avvertire i suoi familiari ed i soccorsi,

indicando sulla mappa il luogo in cui si trovava, permettendo così agli operatori di rintracciarlo

prima che fosse troppo tardi. La vicenda è stata raccontata su Facebook da Gabe Burdett, il figlio

di Bob, con il post che è diventato virale sul social network. L’orologio aveva chiamato il 911’.

Nel giro di mezz’ora i soccorsi sono arrivati nel posto in cui si trovava Bob e lo hanno portato

subito in ospedale: l’uomo aveva riportato un trauma cranico.

Chiede soldi per una birra in diretta

tv e raccoglie un milione di dollari

da dare in beneficenza

Per scherzo, aveva chiesto in diretta tv che qualcuno gli

desse i soldi per una birra. È stato preso in parola e dal

web ha ottenuto più di un milione di euro. È la storia di

Carson King, uno studente universitario dell’Iowa che si era

presentato a una partita di football esponendo un cartello

nel quale chiedeva aiuto per fare rifornimento di Busch

Light, una birra locale, indicando il suo account su Venmo,

un’app per inviare e ricevere denaro online. Il cartello era

stato ripreso dalle telecamere e a quel punto sono iniziate

ad arrivare donazioni su donazioni, superando qualsiasi

aspettativa. Non immaginavo di ottenere niente, è iniziato

tutto come uno scherzo”, ha raccontato King alla Cnn.

Quando ha visto arrivare i soldi sul proprio conto (a mezz’ora

dalla comparsa in tv del suo cartello aveva già raccolto 400

dollari), il ragazzo si è consultato con la famiglia e insieme

hanno deciso di dare il denaro in beneficenza raggiunto

fino a quel momento (20mila dollari) all’University of Iowa

Stead Family Chidren’s Hospital. Ma le donazioni sono

continuate, fino a superare il milione di dollari, anche grazie

alla “sponsorizzazione” degli stessi Busch Beer e Venmo. Il

ricavato andrà sempre all’University of Iowa’s Stead Family

Children’s Hospital.


C’È UN MODO

PIÙ PRATICO

E DELICATO

PER CAMBIARE

IL TUO BAMBINO

Le salviettine Fresh & Clean Baby Comfort sono pure come l’acqua. Grazie alla

formula con il 98% di acqua purissima e al soffice tessuto maxi spessore, offrono

la massima delicatezza alla pelle di neonati e bambini. In più, la comoda chiusura

salva freschezza garantisce praticità d’uso e conservazione ottimale.

Testate sotto il controllo del Dipartimento di Medicina interna e terapia medica dell’Università degli Studi di Pavia.

23


SALUTE &

BENESSERE

di VIRGINIA RICCI

Stati d’animo negativi e raffreddore

Studi condotti su più di 300 volontari sani hanno confermato che essere poco apprensivi e

prendere la vita serenamente privilegiando le emozioni positive, rende meno vulnerabili alle

affezioni più comuni quali il raffreddore. Un controllo ottenuto spruzzando il rhinovirus,

responsabile dell’odioso raffreddore comune, nel naso dei partecipanti all’esperimento, ha

permesso di constatare che chi tendeva a pensieri negativi aveva un rischio di ben tre volte

superiore di ammalarsi.

La “meditazione camminata“

Il grande monaco zen vietnamita Thich Nhat Hanh, il

“monaco illuminato” ha insegnato che non occorre

necessariamente stare immobili per meditare, ma lo si

può fare, con grandi risultati, anche mentre si cammina.

È molto semplice: la concentrazione si focalizza proprio

sull’atto del camminare, diventando consapevoli di

ogni passo, di come il piede appoggia sul terreno, dello

spostamento del peso ad ogni movimento, del nostro

corpo nello spazio. Lentamente, passo dopo passo.

È il momento dello zenzero

Con l’arrivo del freddo è importante fortificare l’organismo. Il primo passo è scegliere alimenti

che ci aiutino a contrastare le malattie da raffreddamento. Uno di questi è la radice di zenzero,

non a caso ingrediente principe della medicina cinese: i suoi principi attivi hanno capacità

febbrifughe, antinfiammatorie, stimolanti. Usiamolo fresco, tagliato a fettine o spremuto per

estrarne il succo, ma anche in polvere, in tisane disinfettanti delle vie respiratorie, per facilitare

l’espulsione delle tossine e tonificare l’organismo.

Magico antico aglio

Grazie ai suoi olii essenziali l’aglio agisce sull’apparato

respiratorio con un’azione espettorante, antisettica

e balsamica. La medicina popolare ne ha sempre

riconosciute le grandi proprietà che oggi la naturopatia

definisce simil antibiotiche. La dose ideale? Un bulbo

d’aglio crudo al giorno, non affettato ma schiacciato con

l’apposito attrezzo schiaccia-aglio e distribuito su insalate

o verdure o sulla classica bruschetta. L’alitosi si combatte

masticando qualche seme di profumato cardamomo o

finocchio…. O scegliendolo anche in pastiglie.

La pera sui capelli!

Le pere sono molto ricche di acido malico, sostanza che serve a riequilibrare la cute

grassa. E come tutti gli acidi della frutta, rende più vivi e lucenti i capelli. Perciò

un impacco con la polpa schiacciata di pera elimina il problema dei capelli troppo

untuosi, oltre a nutrirli in modo naturale. Si frulla una pera con tutta la buccia, si

aggiungono due cucchiai di argilla bianca, si stende questo composto sui capelli

asciutti e si lascia in posa per 30 minuti. Quindi si risciacqua per bene e si esegue

il solito shampoo.

24


Prova tutta

la freschezza della nuova

Linea Aloe

Oral Care Equilibra ®

Aloe colluttorio

TRIPLA AZIONE

500ml

Carbo Gel

Dentifricio Carbone

PURIFICANTE

75ml

Aloe dentifricio

SBIANCANTE

75ml

Aloe dentifricio

TRIPLA AZIONE

75ml

SENZA

SACCARINA • FLUORO • SLS

ALLERGENI • PARABENI

25


26


CORREVA

L’ANNO

di MARTA ZANNONER

Il 9 novembre del 1989, 30 anni fa,

cadeva il muro di Berlino.

Questa eredità post-bellica e simbolo della Guerra Fredda tra USA e URSS, finalmente crolla al grido «Libertà, libertà!» di decine di migliaia di

tedeschi dell’Est, accolti in un grande abbraccio dai fratelli dell’Ovest.

L’episodio del 9 novembre, in realtà, nasce per caso. Incalzato dalle domande del giornalista dell’ANSA da Berlino Est, Riccardo Ehrman, il

ministro della Propaganda della DDR, Günter Schabowski, ammette di aver ricevuto l’ordine di lasciar attraversare il confine ai cittadini dell’Est,

previo regolare permesso, ma ignora la data esatta dell’esecutività dell’ordine.

27


REPORTAGE

ANTICHI

MESTIERI

Già nella preistoria l’uomo aveva capito che avvicinando il fango

alla fiamma si otteneva un prodotto resistente ed impermeabile e

l’ingegno lo portò a modellare ciotole ed altri oggetti che servivano

nel quotidiano. La ceramica, inventata in Oriente, in Giappone e tra le

popolazioni del Sahara si è diffusa presto in tutto il mondo.

Alla scoperta di Artsolara la bottega di ceramica artistica di

Claudio Bonugli a Massa Carrara.

xxxxxxx

di ANNA GRECO

28

Foto:

©Shutterstock

©Maurizio Papucci


Claudio Bonugli nella bottega Artsolara

Con il tempo ha conosciuto tecniche di lavorazioni diverse e nuovi

strumenti di lavorazione. Ha un uso versatile, dall’industria edilizia

a quella meccanica, ma il suo splendore è massimo negli oggetti

da decoro, piastrelle o mattonelle, vasi. È in queste lavorazioni che

il sapere artigiano fa la differenza.Dal secolo scorso, infatti, l’arte

della ceramica si è conquistata un posto paritario ad altre forme

di espressione artistica. A questo salto hanno concorso ceramisti,

architetti e artisti soprattutto italiani.

Del resto, molti pezzi in ceramica sono delle vere e proprie opere

d’arte. E basta visitare alcuni laboratori per rendersene conto. In via

Staffetti nel centro storico di Massa, ai piedi del castello Malaspina,

a pochi passi dalla città, ma in un silenzio che quasi ferma il tempo,

il maestro Claudio Bonugli, lavora nella sua bottega artigiana, curvo

sul suo tavolo da lavoro, tra opere che stanno prendendo forma e una

gamma infinita di colori. Il suo è un laboratorio antico, aperto 22 anni

fa per una “folgorazione” che Claudio ha avuto a seguito di un corso di

ceramica. È cominciato un cammino fatto di studio e perfezionamento

che lo ha portato a frequentare antichi laboratori toscani, soprattutto a

Montelupo, dove la tradizione della lavorazione della ceramica è antica

e sofisticata.

In fondo, fin dal Rinascimento, quando l’arte della ceramica diventa

protagonista in Europa, la Toscana è tra le regioni italiane che offre un

contributo significativo.

29


REPORTAGE

ANTICHI MESTIERI

Nella bottega di Claudio si producono “mezzemaioliche” derivate da

un’antica tecnica realizzata con basi di engobbi colorati.

Qua si possono ammirare tutte le fasi della lavorazione che richiede più

passaggi. “Tutto parte dalla creta – racconta – si modella un oggetto, si

ingobbia e lo si cuoce una prima volta a 980 gradi ottenendo il biscotto

che poi viene decorato ed invetriato e cotto nuovamente a 960 gradi.

È cosi che avviene la magia, all’apertura del forno appariranno

bellissime e coloratissime ceramiche pronte ad allietare l’anima di chi

le osserva.”

Una lavorazione lunga, dunque, più o meno uguale in tutto il mondo,

ma a fare la differenza sono la fantasia dei disegni, la forma, la perizia

nel costruire gli oggetti, il gusto e la raffinatezza del sapere artigiano.

È questa la vera merce rara in un mondo di oggetti omologati e fatti in

serie. Le ceramiche artistiche sono diverse: si va dai piccoli oggetti,

a piccoli e grandi vasi. Piatti, piastrelle per mosaici, pannelli con

maioliche colorate, lampade e scaccia guai.

Oggetti resistenti ed eterni apprezzati in tutto il mondo. Talvolta

l’artigiano lavora su commissione, altre è anche un inventore di oggetti

che hanno sempre il pregio di essere unici e quasi irripetibili.

Fu l’introduzione del tornio a permettere di ottenere facilmente

manufatti che fossero belli e di perfetta simmetria. Poi l’introduzione

della verniciatura vetrosa, in uso a partire dal II millennio a.C. in

Mesopotamia, non solo migliorò ulteriormente la resistenza all’usura,

ma anche le caratteristiche estetiche.

30


31


Il presepe in lavorazione

REPORTAGE

ANTICHI MESTIERI

Ci sono lavorazioni e materiali che sono

diventati un cult. Come le porcellane di

Capodimonte, o le coloratissime maioliche di

Caltagirone.Poi ci sono gli oggetti: il vaso e il

piatto sono forse quelli più diffusi. Ma anche

le maschere, gli animali o gli angioletti. Nella

bottega del maestro Claudio invece in questo

periodo si stanno realizzando presepi, veri

oggetti da collezione unici, ognuno diverso

dall’altro. Il primo esemplare risale a circa

vent’anni fa. Poi, anno dopo anno, un

cambiamento, l’aggiunta di un personaggio,

una miglioria. Dimentichiamoci il presepe

tradizionale, questi hanno una forma

particolarissima e unica.

Su una base di ceramica fatta al

tornio il maestro con mani leggere

e sapienti costruisce un piccolo mondo

fatto di personaggi, animali, piante. Una rappresentazione

della Natività singolare. È una sorta di teatrino a cui la

lavorazione esperta ha conferito profondità e dove ogni

cosa occupa il suo posto.

I presepi hanno diverse misure, ce ne sono di piccolissimi,

fino a pezzi importanti per grandezza e colori. Alcuni si

illuminano pure e la magia diventa ancora più grande.

(info su www.artsolara.com)

32

Presepi in esposizione


33


REPORTAGE

LEONARDO

DA VINCI

500 Anni di mito & leggenda

Sta per terminare l’anno di Leonardo Da Vinci, ma sono ancora tanti tra

l’italia e la Francia gli appuntamenti per festeggiare il 500° anniversario

della sua morte. Tra curiosità sulla vita personale e artistica, notizie inedite

e grandi riscoperte, il 2019 ci ha fatto ritrovare un mito mai dimenticato.

DI LARA VENÈ

Foto ©Shutterstock

34


Chi era Leonardo? Intanto era un genio, universalmente riconosciuto,

uno dei più grandi di tutti i tempi. Nato ad Anchiano, una piccola

frazione di Vinci, comune alla periferia di Firenze, Leonardo fu tante

cose: scrittore, architetto, scultore, progettista, scienziato, addirittura

botanico.

Le invenzioni.

Le sue invenzioni sono state tantissime, da quelle della manifattura

tessile agli strumenti di misurazione del tempo, dalle macchine da

guerra a quelle sul volo. Molte delle sue idee sono state reinventate

dopo secoli e dimostrano la genialità del suo inventore. Leonardo

dedicò molti studi alla meccanica e agli elementi che formano le

macchine, analizzandone i criteri di funzionamento. Sono i suoi

disegni a dimostrare come funzionano gli elementi che danno vita

alle macchine: la ruota dentata o a pioli, la puleggia, il rocchetto, le

molle. Lo studio del movimento lo porta a studiare sistemi di pulegge

per sollevare grossi carichi.

Poi c’è la passione per le invenzioni di strumenti bellici: è attorno al

1482 quando si trova a Milano invitato da Ludovico Sforza.

Un genio eclettico, Leonardo, che da una parte suona divinamente la

sua lira d’argento e dall’altra è concentrato sulla ricerca di soluzioni

per migliorare le tecniche e gli strumenti di guerra. È a questo periodo

che risale una delle sue invenzioni più famose: l’elicottero. Leonardo

inizia a progettare macchine volanti ad ala battente, capaci di imitare

la struttura e il movimento propulsivo delle ali di un volatile. Per

questo si dedica a lungo ad osservare gli uccelli, per studiarne le

tecniche di volo e poterle così riprodurre. Da questi ed altri studi

complementari nascerà il primo elicottero a propulsione umana.

35


REPORTAGE

LEONARDO DA VINCI

C

Il Cenacolo, la Vergine delle Rocce, la Gioconda,

l’Uomo Vitruviano....che artista!

Mentre progetta macchine da guerra, studia il volo degli uccelli e

suona sapientemente la lira a corte di Ludovico il Moro, il genio da

Vinci riesce a consegnare all’umanità quel dipinto che è il Cenacolo.

È Ludovico Sforza a commissionargli l’opera destinata ad abbellire il

refettorio del convento domenicano di Santa Maria delle Grazie. Un

dipinto che rappresenta il celebre episodio del Vangelo, il momento

in cui Cristo celebra con i suoi discepoli la Pasqua ebraica.

Diciamoci la verità, per la maggior parte di noi Leonardo è l’artista

italiano che ci riempie di orgoglio in fila al Louvre a Parigi ad

ammirare la Gioconda con quel suo sorriso enigmatico che ci segue

con gli occhi in qualsiasi angolazione la si guardi.

Nell’anno delle celebrazioni, poi, sono emerse nuove curiosità su

questa figura così poliedrica e in un certo senso misteriosa, che a

distanza di cinque secoli non smette di stupire. Come quella che ha

dato origine al romanzo storico di Simona Bertocchi “I pasticci di

Leonardo”, che ci racconta un aspetto davvero inedito sul rapporto

che Leonardo Da Vinci ha avuto con la pasticceria.

Tutto nasce da poche parole scritte in un documento, una sorta

di curriculum che Da Vinci indirizzò a Ludovico Sforza: “E faccio

torte che non hanno eguali”, sembra che abbia scritto Da Vinci

nelle conclusioni. Una frase che l’autrice ha deciso di approfondire

e raccontare in un libro, grazie anche al prezioso ritrovamento ad

opera di Ascanio Righi,pasticcere a Vinci, di un taccuino nei locali

in cui secondo la leggenda sarebbe stato ubicato il forno e il mulino

di Leonardo.

M

Da un altro appunto, questa volta di corredo a un disegno del genio

Y

di Vinci, è nato in questi mesi un percorso storico naturalistico da

CM

Anchiano a Montevettolini.

Promosso da Fondazione Leonardo 500 e dalla famiglia Borghese, MY

proprietaria della Villa Medicea di Montevettolini, come omaggio al

CY

territorio durante l’anno dedicato ai 500 anni dalla morte del Genio.

CMY

Prendendo ispirazione da una frase annotata da Leonardo : “ Di

K

Santa Maria della Neve, addi, 5 d’agosto 1473”. Era una festività

che veniva celebrata in questi luoghi, ancora oggi ricchi di ulivi e

vigneti, immersi nel verde, in cui il genio ha trascorso parte della

sua vita. Ne sono nati due percorsi. Sono da fare a piedi sulle orme

di Leonardo: uno di 17 e uno di 19 chilometri. Il primo, storico e

culturale, si dipana sul crinale alto del Montalbano con vista sulle

cupole di Firenze e Pistoia. L’altro è basso, più naturalistico lungo la

valle e il Padulo di Fucecchio.

Sulla vita e le opere del Genio del Rinascimento italiano si sono

tenute manifestazioni e iniziative culturali in gran parte del mondo. In

particolare in Francia, nelle località dove ha svolto la sua opera e in

particolare ad Ambroise, nella Loira, dove Leonardo muore nel 1519.

Qui, nel castello di Clos Lucè, il genio italiano vive i suoi ultimi tre anni

alla corte di Re Francesco I. Poco distante, nel castello di Chambord,

il più vasto dei castelli della Loira, fino alla fine dell’anno è allestita la

mostra “La mort de Léonard de Vinci: la construction d’un

mythe”. Attraverso dipinti e incisioni viene illustrato il forte legame

di amicizia che legò Leonardo e re Francesco I. La riqualificazione e

il resaturo degli interni hanno ricreato l’atmosfera che caratterizzava

gli interni del castello al tempo di Francesco.

36


LA MIA MODA?

L’ULTIMA COLLEZIONE

DI MASCHERE E CREME

Oro, Diamanti, Carbone

& Veleno di Vipera.

Queste e molte altre

Novità ti aspettano

in esclusiva nei nostri store:

ipersoap-online.com

IN ESCLUSIVA. Solo nei punti vendita IPERSOAP e sul sito ipersoap-online.com

37


Dal 2003 al 2013 è stato legato

all’ex-modella e attrice francese

Laetitia Casta, dalla quale il

21 settembre 2006 ha avuto il

primogenito, Orlando, e il 29

agosto 2009 la secondogenita,

alla quale è stato dato il nome di

Athena.

Dal 2013 ha una relazione con

Bianca Vitali, figlia del giornalista

toscano Aldo Vitali, con la quale si

è sposato il 24 novembre 2015 a

Borgonovo Val Tidone. La coppia

ha un figlio, Lorenzo, nato il 21

aprile 2017.

38


COPERTINA

STEFANO

ACCORSI

A Leonardo Notte ha dedicato quasi dieci anni di vita.

E grazie a Leonardo Notte ha conosciuto sua moglie Bianca.

Non un ruolo qualsiasi. Ma il ruolo...

Se mai dovesse

tornare a vestire

i panni di un

politico, Accorsi non

ha dubbi:

«Mi lascerei crescere

la barba e

dovrei prendere

qualche chilo.

Credo si capisca

di quale politico

parliamo»

di CLOE D. BETTI

...Quello che ti cambia la vita, quello che

per un attore non è semplice mestiere,

uno dei tanti ciak e via, ma un cammino

di vita. A cui però, a un certo punto, si

deve dire per forza addio. E non è stato

facile per Stefano Accorsi salutare il

suo Leonardo Notte, protagonista della

trilogia di Sky, cominciata con 1992 e

arrivata fino all’ultimo capitolo, 1994,

che chiude il cerchio di quegli anni

fondamentali della nostra storia politica.

Anni di cambiamento, di passaggio

della prima alla seconda Repubblica,

dell’ingresso in politica di Silvio

Berlusconi, del successo della Lega

Nord di Umberto Bossi, della guerra tra il

Pool di magistrati di Mani Pulite, guidato

da Antonio Di Pietro, e il cavaliere. Anni

39


COPERTINA

STEFANO ACCORSI

che sono tornati protagonisti nelle otto puntate di 1994, le

serie di Sky Atlantic in cui Accorsi è ancora Leonardo Notte,

l’uomo-ombra di Silvio Berlusconi, scaltro e senza scrupoli.

Un personaggio cui ha prestato anima e volto, che lui stesso ha

ideato più di dieci anni fa, perché stupito del fatto che nessuno

avesse trattato la materia incandescente di Tangentopoli in una

serie televisiva. «Volevo raccontare gli uomini che avevo fatto

il Paese dove ormai vivo da 20 anni». Ed è interpretando Leo

che Stefano ha conosciuto la moglie Bianca, che nella prima

stagione, 1992, aveva il ruolo di una giovane pronta a sedurlo.

E ora che i due sono marito e moglie e hanno un figlio, anche

la parabola di Leonardo può dirsi compiuta. «Mi dispiace

moltissimo lasciare andare Leonardo Notte - ha confessato

Accorsi - È un personaggio liberatorio da fare, un uomo che

per ottenere quello che vuole fa quello che ritiene necessario,

senza scrupoli né freni morali. In certe occasioni dice quello

che pensa in modo brutale e questo è molto liberatorio per un

attore. Mi è piaciuta molto la sua dimensione segreta in 1992,

come il fatto che in 1994, esca dall’ombra e cominci finalmente

a vivere alla luce del sole». Lasciato nel lontano passato il

giovane protagonista che in uno spot di un gelato avvisava

che “du gust is megl che uan”, frase entrata negli annali del

cinema, Stefano Accorsi ha attraversato piccolo e grande

schermo, senza mai rinunciare al teatro. Il personaggio che

al cinema l’ha più coinvolto è stato Loris, il pilota di “Veloce

come il vento”. «ll film era ispirato a una storia vera di un

pilota geniale che non è riuscito a liberarsi dalla dipendenza

della droga - ha ricordato - In tutti noi c’è un lato oscuro. La

disponibilità emotiva richiesta era alta». Ma raccontare un

pezzo di storia politica del nostro paese con la trilogia di Sky

è stato qualcosa di più importante. «Non abbiamo raccontato

Una scena dalla serie TV “1994”

40


41


“Mi dispiace

moltissimo

lasciare andare

Leonardo Notte.

È un personaggio

liberatorio da fare”

42


COPERTINA

STEFANO ACCORSI

solo la politica, ma anche come in quegli anni i media siano

entrati in modo così prepotente in politica - ha ricordato l’attore

- Ne è stato fatto un uso spregiudicato e provocatorio da parte

della politica, fin dalla campagna elettorale, completamente

diverso rispetto al presente in cui i social hanno dimostrato

che non c’è più alcun filtro comunicativo tra la politica e il

popolo. Ci sono molti elementi in comune tra la politica di

quegli anni e oggi. La gente continua a scrivere che tutto è

rimasto uguale e dopo gli ultimi fatti politici i commenti sono

sempre gli stessi». Affascinato più da ruoli perdenti, che

vincenti, Accorsi ha confessato di aver amato molto il film

“Reds”, con Jack Nicholson e Warren Beatty. «C’è una scena

di quel film in cui il leader, Beatty, dimostra di rimanere tale

nonostante la sua donna lo abbia tradito con l’altro, interpretato

da Nicholson. E proprio quando arriva la scena definitiva,

quella in cui i due parlano e Nicholson dovrebbe rivelargli la

verità, lui non ci riesce per rispetto - ha spiegato l’attore - Quel

film racconta bene le fragilità maschili e allo stesso tempo mi

ha fatto rivedere il concetto di vincente». Quanto al futuro, se

mai dovesse tornare a vestire i panni di un politico, Accorsi

non ha dubbi: «Mi lascerei crescere la barba e dovrei prendere

qualche chilo. Credo si capisca di quale politico parliamo».

Un giovane accorsi dal film

“L’ultimo bacio” di Gabriele Muccino

A lato, una scena dal film

“Veloce come il vento”

di Matteo Rovere

43


TUTTO INTORNO

ALL’ARTE

di IRENE CASTELLI

Una Wunderkammer a

Milano.

Il regista Wes Anderson porta in Italia il suo progetto espositivo.

Noto per i suoi film insoliti (ricordate I Tenenbaum o Grand Budapest

Hotel?) Wes Anderson ha guadagnato lo status di culto per coltivare

un’estetica stilizzata; difficile non riconoscere una sua opera a una prima

occhiata. C’è infatti un fil rouge che lega i film di Anderson: il look. Quella

stessa estetica - con uno sguardo all’innocenza dell’infanzia, ma anche

all’attivismo politico e sociale dell’età adulta – si incarna oggi nella

cura portata nella mostra Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori,

inaugurata lo scorso anno a Vienna e a Milano alla Fondazione Prada fino

al 13 gennaio 2020. Con una certa nostalgia, si guarda a dinastie di epoche

passate: organizzata in collaborazione con il Kunsthistorisches Museum

di Vienna, la mostra riunisce 538 opere d’arte e oggetti selezionati da

Anderson (1969) e dalla sua compagna, l’illustratrice, designer e scrittrice

Juman Malouf (1975), provenienti da 12 collezioni del Kunsthistorisches

Museum e da 11 dipartimenti del Naturhistorisches Museum di Vienna. Il

titolo della mostra rende omaggio a una delle opere esposte, il sarcofago di

Spitzmaus, una scatola di legno egiziana del IV secolo a.C. che conteneva

la mummia di… un toporagno.

Da antichi vasi cinesi a una tromba appartenente al guardaroba di corte

austriaco, fino alla maschera di un attore indonesiano, la selezione di

oggetti attraversa secoli, media e generi; un compendio di artefatti legati

insieme in un modo che solo Anderson e Malouf potrebbero creare. La

scelta delle opere, effettuata seguendo un approccio non accademico ma

interdisciplinare, riflette sulle motivazioni che guidano l’atto di collezionare

e sulle modalità con le quali una raccolta è custodita, presentata e vissuta.

Oggetti di colore verde si alternano a ritratti di bambini, le miniature

accompagnano strumenti di misurazione del tempo: e poi scatole di

oggetti in legno, ritratti di nobili e gente comune, o soggetti naturali

quali il giardino, meteoriti e animali presentati come reperti scientifici o

rappresentazioni artistiche. Guardando al passato e ispirandosi al modello

della Wunderkammer, “Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” sfida i

canoni tradizionali che definiscono le istituzioni museali.

Tutte le foto sono di Andrea Rossetti

Courtesy Fondazione Prada

44


La marca

al miglior prezzo.

SPECIAL

Guanto riusabile in lattice

di gomma naturale, satinato.

Con TULIP la qualità che vale

al prezzo che cerchi.

WWW.ICOGUANTI.IT - INFO@ICOGUANTI.IT45


46


47


48


E3,00

3E

E3,00

30% € 4,49 -40% € 1,49 -30% € 1,79

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UNO SPAZZOLINO COLGATE PRO CLINICAL VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN ARTICOLO A SCELTA TRA:

TE

FELCE AZZURRA

PERLE

PROFUMA

BUCATO

250G

€ 6,48

IPERSOAP

VEGETALE

SAPONE

• BUCATO

• SGRASSATORE

850ML

€ 2,28

€ 1,69

FELCE AZZURRA

AMMORBIDENTE

CONCENTRATO

GOCCE

ASSORTITO

750ML

BUONO SCONTO

BUONO SCONTO DI

€ 2,49

Rimuove più placca dal bordo gengivale rispetto a uno spazzolino manuale

con setole flat-trim per una bocca sana. Impugnatura sottile e leggera per un

facile controllo come uno spazzolino manuale e pulizia multidirezionale.

Le vibrazioni e i micromovimenti creano un flusso idrodinamico e permettono

di raggiungere meglio gli spazi interdentali rimuovendo batteri e macchie sui

denti più efficacemente.

2 BATTERIE AAA INCLUSE

gli articoli della linea Vegetale sono a base di estratti

di radici di ginepro da coltivazioni naturali italiane.

Questa linea è stata studiata per garantire

un basso impatto ambientale

IPERSOAP

VEGETALE

DETERGENTE

PAVIMENTI

850ML

€ 1,99

€ 1,49

I NOSTRI

SCONTI

PER te!

FELCE AZZURRA

AMMORBIDENTE

PROFUMANTE

VALIDI FINO AL 30 NOVEMBRE 2019

2L

€ 2,59

BUONO SCONTO DI

ALOE DERMO-GEL

MULTIATTIVO

IPERSOAP

VEGETALE

DETERGENTE

PIATTI

DISPENSER

1L

€ 2,19

€ 1,59

DERMO-OIL

MULTIATTIVO

VALIDO PER L’ACQUISTO DI:

AVVERTENZE PER IL CONSUMATORE

Il presente tagliando è valido esclusivamente nei negozi IPERSOAP fino al 31.12.2019

AMUCHINA

ADDITIVO

BUCATO

LIQUIDO

1L

€ 3,30

BUONO VALIDO FINO AL 31/12/2019

BUONO SCONTO DI

PRO CLINICAL 150

BUONO SCONTO VALIDO

AMUCHINAFINO AL 31/12/2019 AMUCHINA

PAVIMENTI

ADDITIVO BUCATO

1000+500ML

POLVERE

€ 2,49

500G

€ 3,27

Rimuove più placca dal bordo gengivale rispetto a uno spazzolino manuale

E1,00

con setole flat-trim per una bocca sana. Impugnatura sottile e leggera per un

facile controllo come uno spazzolino manuale e pulizia multidirezionale.

30% € 2,29 -20%

Le vibrazioni € e i 1,99 micromovimenti creano un

-29%

flusso idrodinamico € e 2,29

permettono

di raggiungere meglio gli spazi interdentali rimuovendo batteri e macchie sui

VALIDO PER L’ACQUISTO

denti più efficacemente.

DI UN ARTICOLO DELLA LINEA


NUNCAS WINTO O NUNCAS PAVIMENTI PROFUMATI


BUONO SCONTO DI

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN ARTICOLO DELLA LINEA

NUNCAS VEGETALE

Scopri la promozione

all’interno dei nostri

punti vendita

E1,00

2 BATTERIE AAA INCLUSE

AVVERTENZE PER IL CONSUMATORE

Il presente tagliando è valido esclusivamente nei negozi IPERSOAP fino al 31.12.2019

BUONO SCONTO VALIDO FINO AL 31/12/2019

49


Dermo-Oil Equilibra• è un olio multiattivo dalla

straordinaria texture morbida e scorrevole che si

assorbe rapidamente senza ungere. Contiene il

99% di ingredienti di origine naturale. Utilizzato

con regolarità migliora visibilmente l’aspetto della

pelle in tutti i casi di:

Cicatrici: aiuta a migliorare l’aspetto delle cicatrici

più o meno recenti.

Smagliature: aiuta a prevenire la comparsa di

smagliature anche in caso di gravidanza, crescita

adolescenziale, repentine variazioni di pese.

Secchezza: restituisce alla pelle gli oli naturali

di cui è costituita e di cui viene meno a causa

di condizioni meteorologiche estreme, bagni

frequenti, uso eccessivo del riscaldamento o

dell’aria condizionata. Incarnato non uniforme:

aiuta a migliore l’aspetto della pelle segnata da

macchie causate da eccessiva esposizione solare,

sbalzi ormonali, invecchiamento cutaneo.

Segni del tempo: aiuta a migliorare tonkità del

pelle in caso di invecchiamento cutaneo, del so

e del corpo.

FELCE AZZURRA

ARIA DI CASA

GEL

ASSORTITO

140G

I NOSTRI

Per far fronte alle molteplici esigenze di protezione

della pelle di tutta la famiglia, Equilibra presenta

ALOE VERA DERMO-GEL, un preziosissimo aiuto in

€ 1,85

molte situazioni a rischio cutaneo, grazie all’altissima

percentuale di Aloe Vera (98%) contenuta nel prodotto.

Considerata una vera panacea fin dall’antichità,

-46% € 0,99 -30% € 4,49 -40% € 1,49

-30% €

la pianta dell’Aloe Vera gode oggi di numerosi studi

volti a dimostrare la sua attività benefica in svariate

applicazioni, fra cui quella cosmetica.

ALOE VERA DERMO GEL EQUILIBRA®, é ottenuto mediante

spremitura a freddo delle foglie della pianta

Per far fronte dell’Aloe alle molteplici Vera. esigenze Rappresenta di protezione un prezioso alleato per

della pelle di la tutta pelle la famiglia, di tutta Equilibra la famiglia, presenta svolgendo un’efficace

ALOE VERA azione DERMO-GEL, riequilibrante un preziosissimo della aiuto pelle e lenitiva.

in molte situazioni a rischio cutaneo, grazie all’altissima

percentuale Aloe di Vera Aloe Dermo-Gel Vera (98%) IPERSOAP

contenuta Equilibra® è un prodotto che

nel prodotto. dona Considerata sollievo una alla vera pelle panacea in tutti fin i casi di disequilibrio e

dall’antichità, fastidio la pianta cutaneo, dell’Aloe Vera arrossamenti VEGETALE

gode oggi delle pieghe cutanee,

di numerosi studi volti a dimostrare la sua attività

benefica in svariate sollievo applicazioni, dopo sole fra DETERGENTE

e cui contatto quella con fonti di calore, rossori

delle gengive, piedi stanchi ed eccessivamente

cosmetica.

ALOE VERA sollecitati, DERMO GEL EQUILIBRA®, rossore • da BAGNO é sfregamento ottenuto

mediante spremitura a freddo delle foglie della

o sudore, dopo la

pianta dell’Aloe depilazione Vera. Rappresenta o rasatura. • un VETRI prezioso Applicato con regolarità sulla

alleato per la pelle sana, di tutta la la nutre famiglia, rinfrescandola svolgendo

un’efficace azione riequilibrante 850ML della pelle e

e rigenerandola.

lenitiva.

Aloe Vera Dermo-Gel Equilibra® è un € prodotto 2,28che

dona sollievo alla pelle in tutti i casi di disequilibrio

e fastidio cutaneo, arrossamenti delle pieghe

cutanee, sollievo dopo sole e contatto con fonti di

€ 1,69

calore, rossori delle gengive, piedi stanchi ed eccessivamente

sollecitati, rossore da sfregamento o

sudore, dopo la depilazione o rasatura. Applicato

con regolarità sulla pelle sana, la nutre rinfrescandola

e rigenerandola.

EAN PROMO EQUILIBRA DERMO-GEL

FELCE AZZURRA

SCONTI

FELCE AZZURRA

PERLE

AMMORBIDENTE

PROFUMA

CONCENTRATO

BUCATO

GOCCE

250G

PER te!

ASSORTITO

€ 6,48

750ML

VALIDI FINO AL 30 NOVEMBRE € 2,49 2019

Rimuove più placca dal bordo gengivale rispetto a uno spazzolino manuale

con setole flat-trim per una bocca sana. Impugnatura sottile e leggera per un

facile controllo come uno spazzolino manuale e pulizia multidirezionale.

gli articoli della linea Ve

di radici di ginepro da c

Le vibrazioni e i micromovimenti creano un flusso idrodinamico Questa linea e permettono è stata stu

di raggiungere meglio gli spazi interdentali rimuovendo un basso batteri e impatto macchie sui ambie

denti più Rimuove efficacemente. più placca dal bordo gengivale rispetto a uno spazzolino manuale

con setole flat-trim per una bocca sana. Impugnatura sottile e leggera per un

facile controllo come uno spazzolino manuale e pulizia multidirezionale.

IPERSOAP

VEGETALE

SAPONE

IPERSOAP

VEGETALE

DETERGENTE

PAVIMENTI

850ML

€ 1,99

Le vibrazioni e i micromovimenti creano un flusso idrodinamico e permettono

di raggiungere meglio gli spazi interdentali rimuovendo batteri e macchie sui

denti più efficacemente.

• BUCATO

• SGRASSATORE

850ML

€ 2,28

2 BATTERIE AAA INCLUSE

€ 1,69

€ 1,49

AVVERTENZE PER IL CONSUMATORE

Il presente tagliando è valido esclusivamente 2 BATTERIE nei negozi AAA IPERSOAP INCLUSE

fino al 31.12.2019

BUONO VALIDO FINO AL 30 NOVEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di

una confezione di ALOE DERMO-GEL MULTIATTIVO o

DERMO-OIL MULTIATTIVO

2aahbabGccilofF

AMUCHINA

BAGNO

SPRAY

Buono valido fino al 31/12/2019

750ML

€ 3,69

BUONO VALIDO FINO AL 30 NOVEMBRE

AVVERTENZE PER IL CONSUMATORE

I Il buoni presente AMUCHINA

sconto tagliando non sono cumulabili è valido con esclusivamente altre promozioni nei negozi IPERSOAP fino al 31.12.2019

in corso su questo prodotto.

ADDITIVO Questo buono è valido per l’acquisto di

COLGATE PRO CLINICAL 150

AMUCHINA

BUCATO

PAVIMENTI

LIQUIDO

BUONO SCONTO VALIDO 1000+500ML

FINO AL 31/12/2019

€ 2,49

1L

€ 3,30

AMUCHINA

ADDITIVO BU

POLVERE

500G

€ 3,27

-37% € 2,29 -30% € 2,29

BUONO SCONTO -20% VALIDO

€ 1,99

FINO AL 31/12/2019 -29% € 2,29



LOVE ME TENDE

LOVE ME TENDE

FAI RISPLENDERE DI LUCE LA TUA CASA

Grazie alle esclusive formulazioni Grazie alle Nuncas, esclusive le tue tende formulazioni saranno sempre Nuncas, splendenti Il sole che filtra dalle finestre, una nuova luce

permettendo alla luce di esaltarne le tue tende il naturale saranno splendore. sempre splendenti

che scalda lacasa.

permettendo alla luce di esaltarne il naturale

Un piacere sottile, vetri puliti a regola d’arte.

Tende 1 Lava 750 ml • Tende 2 Cura 750 ml • Kit Tende • Sbianca splendore.

Tende 240 ml • Tende Colour 1 Lava 500 ml • Tende Colour 2 Nuncas Cura 500 ml ha studiato per te una linea di prodotto

specifici per vetri, vetrate e cristalli.

Un risultato perfetto, senza aloni.

LOVE ME TENDE

specifici per v

Un risultato p

LOVE ME TENDE

FAI RISPLENDERE

Grazie alle esclusive formulazioni Grazie alle Nuncas, esclusive le tue tende formulazioni saranno sempre Nuncas, splendenti

permettendo alla luce di esaltarne le tue tende il naturale saranno splendore. sempre splendenti

Il sole che filtra da

che s

permettendo alla luce di esaltarne il naturale

Un piacere sottile,

Tende 1 Lava 750 ml • Tende 2 Cura 750 ml • Kit Tende • Sbianca splendore.

Tende 240 ml • Tende Colour 1 Lava 500 ml • 2 Nuncas Cura 500 ml ha studiato

Tende Colour

AVVERTENZE PER IL CONSUMATORE

AVVERTENZE PER IL CONSUMATORE

Il presente tagliando è valido esclusivamente nei negozi

Il presente tagliando è valido esclusivamente nei

LA QUALITÀ DI NUNCAS IN UNA LINEA COMPLETA DI PRODOTTI IPERSOAP IPOAL fino LERGENICI al 31.12.2019

OGNI ESIGENZA HA IL SUO PRODOTTO! IPERSOAP fino al 31.12.2019

REALIZZATI CON PRINCIPI ATTIVI DI ORIGINE 100% VEGETALE E CONFEZIONATA IN FLACONI

I FUORICLASSE SPECIFICI PER LA PULIZIA QUOTIDIANA E PERIODICA:

DI PLASTICA 100% RICICLATA, PER LA PULIZIA E LA CURA DELLA CASA E DEL BUCATO.

UN’AZIONE INTELLIGENTE ED EFFICACE PER UNA PERFEZIONE A 360°

RISPETTO DELL’AMBI ENTE E DI CHI LO VIVE, CON TUTTA L’EFFICACIA DI NUNCAS.

WINTO MARMO 1L - WINTO COTTO 1L - WINTO GRES 1L - WINTO PARQUET 1L - PAVIMENTI PROFUMATI 1L

EAN PROMO NUNCAS TENDE&VETRI EAN PROMO SCHOLL VELVET WET&DRY EAN PROMO NUNCAS TEN

50

BUONO VALIDO FINO AL 30 NOVEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto.

Questo buono è valido per l’acquisto di un prodotto della linea

NUNCAS VEGETALE

2aahbabGcciDlAF

BUONO VALIDO FINO AL 30 NOVEMBRE

2aahbabGcciDorF

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto.

Questo buono è valido per l’acquisto di un prodotto della linea

NUNCAS WINTO o NUNCAS PAVIMENTI PROFUMATI

2aahbabGcciDlAF


ZONA BEAUTY

di CHIARA ZACCARELLI

Una coccola beauty da fare a casa.

In inglese si dice facial, in italiano semplicemente “pulizia della pelle”.

Un rituale di bellezza che è anche una coccola per mente e corpo, ma che purtroppo non è

sempre possibile concedersi. Vi proponiamo una versione casalinga, a costo (quasi) zero.

Quello della pulizia della pelle dall’estetista è un vero e proprio rituale di

bellezza che, oltre ad assicurarvi un viso fresco luminoso, dona una generale

sensazione di benessere. Purtroppo però, sia per ragioni economiche che

per ragioni di tempo, non è possibile concedersi questa coccola tanto

spesso. Per fortuna oggi, con l’aiuto di prodotti che probabilmente già

avete nell’armadietto del bagno, potete ottenere quasi lo stesso risultato a

casa vostra. Iniziate creando un ambiente rilassante e silenzioso: spegnete

TV e cellulari, mandate a letto i bambini, poi accendete qualche candela e

mettete una musica rilassante.

É necessario innanzitutto purificare la pelle del viso ed eliminare ogni traccia

di trucco e inquinamento con un detergente delicato, da risciacquare con

acqua tiepida. Poi esfoliate la pelle, per prepararla ai trattamenti successivi

ed eliminare le cellule morte. Se non avete uno scrub potete facilmente

prepararne uno casalingo mescolando un cucchiaio di olio d’oliva, uno

di miele e uno di zucchero di canna. Emulsionate e massaggiante sul viso

per qualche minuto. Dopo il risciacquo, asciugate e tamponate la pelle

con un asciugamano tiepido. Ricordatevi che l’obbiettivo qui è quello di

coccolarsi. E, a proposito di coccole, il prossimo step prevede un sontuoso

automassaggio. Con il dito indice e il pollice fate dei gentili movimenti

circolari sulla fronte, dal centro verso le tempie, poi passate alle guance,

alla mascella e al mento. Ora è il momento di liberare i pori con il vapore.

Il metodo “della nonna” andrà benissimo: fate bollire una pentola piena

di acqua, poi posizionatevi sopra la pentola con un asciugamano sulla

testa per non fare disperdere il calore, per circa 5 minuti. Per un’esperienza

ancora più sensoriale e aromaterapica, aggiungete all’acqua qualche

goccia del vostro olio essenziale preferito. Una volta asciugato il viso siete

pronti per uno dei passaggi più importanti della vostra routine di bellezza:

la maschera. Sceglietela in base alle esigenze della vostra pelle: se è molto

secca applicatene una idratante, se è impura sceglietene una purificante, se

è molto delicata una lenitiva.

Lasciate agire per il tempo indicato e nel frattempo mettetevi comodi e

cercate di rilassarvi, ma prima applicate due fette di cetriolo sulle palpebre,

per rinfrescare lo sguardo. Una volta risciacquata la maschera, asciugate il

viso e picchiettatelo con un dischetto di cotone intriso di tonico, addolcente

e riequilibrante. Quello che usate normalmente va benissimo, ma se non

lo avete in casa potete rimediare mescolando un cucchiaio di aceto di mele

con un cucchiaio di acqua.

Ed eccoci arrivati al passaggio finale: l’idratazione. Applicate sul viso uno

strato generoso di crema giorno, con movimenti lenti e circolari. Se potete,

dopo questa pulizia, cercate di non truccarvi per qualche ora, per dare la

possibilità alla pelle del vostro viso di riposare e di beneficiare appieno dei

trattamenti ricevuti.

51


SPECIALE

MODA

di IRENE CASTELLI

Il glitter è di stagione: non resta che splendere

Già amatissimo da Cleopatra, che utilizzava frammenti iridescenti ricavati dagli scarabei, il glitter divenne un’arma di stile

capace di incantare le masse. E poi... Un salto nel futuro: se già le “flapper”, smaliziate fanciulle dei ruggenti anni Venti,

amavano indossare abiti in fulgido lamé, David Bowie iniziò a cospargere i propri costumi di tocchi iridescenti, presto

imitato da tutti gli irriducibili fan del look “glam”. Facile comprendere come abiti e accessori luccicanti difficilmente

possano passare di moda: lo dimostrano le ultime collezioni che a filati lurex e bagliori di glitter dedicano un ampio

spazio. Vi sembra che non sia il vostro stile? Indossate solo abiti e accessori scurissimi e scegliete un unico capo (o

scarpa) mille luci: il risultato vi sorprenderà.

Piumino dai riflessi perlacei,

Herno.

Mocassino oro e argento,

Bally.

Maglia a righe navy in lurex,

Kocca.

Borsa con zigrinature luccicanti,

M Michael Kors.

Abito con pannelli a contrasto,

Patrizia Pepe.

Blazer in filato lucente,

Marina Rinaldi.

Abito luminoso Dries Van Noten..

Il lato glam dello stivale da neve,

UGG.

Scarpetta friulana in glitter,

Fit Flop.

52


Il jeans (sportivo) che volevi

Voglia di stile e comfort… dalla città allo sport?

Nasce per questo NOW®, il nuovo pantalone 5

tasche di Freddy che unisce questi desideri. NOW®

offre un’aderenza estremamente comoda ed elastica

che si adatta ad ogni occasione d’uso, grazie alla

versatilità del jersey bi-elastico effetto denim. Una

forma dritta e modellante con cintura e passanti

invisibili in vita, proposta con due fondi differenti,

regular oppure skinny. Accanto, ecco NOW® YOGA:

un pantalone 5 tasche a fondo skinny con vita alta

dalla banda risvoltabile, senza cerniera e bottoni,

dall’estrema versatilità.

Tempo… per l’arte

Tanti gli anniversari che hanno caratterizzato il

2019: il primo uomo sulla luna, la caduta del

muro di Berlino… e nell’arte, il centenario del

movimento Bauhaus. Swatch, marchio svizzero

di orologi che non esige presentazioni, sa come

giocare bene le sue carte (e la sua fantasia) in

ogni occasione: nasce così la nuova collezione

Bau Swatch, dove i celebri accostamenti

di geometrie e colori tipici del movimento

Bauhaus prendono vita su modelli dalla linea

minimale, ma decisamente originali.

Una fantasia bella e buona

Una collezione speciale composta da calzature, borse e

capi di abbigliamento in tre varianti colore: per CafèNoir

la moda diventa benefica e decisamente variopinta.

Fondamentale l’incontro del brand con la realtà de “I

Bambini delle Fate”, impresa nata nel 2005 da Franco

Antonello, papà di Andrea - ragazzo con disturbo dello

spettro autistico – per raccogliere fondi in aiuto di

famiglie che vivono la stessa condizione.

Per supportarli, CafèNoir ha ideato una capsule collection

ispirata da una stampa nata da un viaggio di Franco ed

Andrea in America: quando Andrea, guardando una

fotografia scattata in un negozio di scarpe coloratissime

in Perù, ha realizzato un disegno che ha dato vita alla

fantasia che oggi è il cuore stilistico di questa iniziativa.

53


54


ZONA FITNESS

di LARÀ VENÈ

Zumba!

Se il tempo è brutto, fa freddo e le giornate sono uggiose balla con la zumba.

Arriva il buon umore e bruci i grassi in eccesso.

La zumba è una lezione di fitness inventata dal ballerino Alberto Perez

negli anni Novanta, in Colombia, che agli esercizi dell’aerobica unisce

i movimenti di vari tipi di balli, specie caraibici. Un modo nuovo per

tonificare i muscoli. Si comincia con qualche minuto di riscaldamento

e poi avanti a passi di salsa, rumba, merengue, balli che mettono in

movimento tutto il corpo. A questi ritmi si abbinano anche movimento del

fitness. Infine qualche minuto di streching finale e la lezionwe di zumba è

terminata.

Come nel fitness i muscoli vengono scolpiti e la musica diverte e dà la carica.

Una lezione di zumba risveglia il metabolismo e lo velocizza favorendo la

perdita di peso. La zumba fa bene anche al sistema cardiovascolare, grazie

all’alternarsi di fasi di lavoro ad alta intensità con fasi di lavoro a bassa

intensità. Mentre la musica e il ballo aiutano a scaricare tutte le tensioni e

allontanano lo stress.

Ma attenzione, non tutti possono praticarla. Essendo uno sport in cui

si salta molto, la zumba è sconsigliata per chi ha problemi articolari,

soprattutto alle ginocchia o chi soffre di mal di schiena o ha problemi alla

colonna vertebrale o l’ernia del disco o dolori cervicali.

55


RED CARPET

di ANTONIO PROVENZANO

Superbowl, Jennifer Lopez e Shakira star dell’half-time show

Jennifer Lopez e Shakira canteranno insieme nello spettacolo dell’intervallo del Super Bowl.

La notizia È stata data sui social network dalle due cantanti e dalla Pepsi, sponsor ufficiale

dell’halftime show. La 54esima edizione della finale della NFL si terrà il 2 febbraio 2020

all’Hard Rock Stadium di Miami Gardens, in Florida. Il Super Bowl è uno degli eventi sportivi

più attesi dell’anno ed è molto seguito sia per le pubblicità che vengono trasmesse per la

prima volta, sia, soprattutto, per l’halftime show, lo spettacolo musicale durante l’intervallo

lungo della partita. In origine, a partire dalla fine degli anni Sessanta, l’halfitme show

prevedeva l’esibizione di una banda musicale collegiale. Dagli anni Novanta sono cominciati

a salire sul palco dell’halftime show artisti rock e pop di caratura internazionale, trasformando

l’evento in uno dei mini-concerti (durata di 15 minuti) più seguiti dell’anno.

L’ex biondo Cugini di Campagna:

«Ho perso tutto,

ho fatto anche il piastrellista»

Vip in miseria. L’ex biondo dei Cugini di

Campagna ha ammesso in più occasioni di aver

perso tutto. Il peggio però sembra passato. «Da

un po’ - spiega il cantante - sto ricominciando

anche con il canto. È stato un periodo nero,

mi sono adattato a fare un po’ tutto, anche il

muratore o il piastrellista».

Gb, la principessa Beatrice figlia di Sarah

Ferguson e Andrea sposerà un italiano:

ecco chi è

Sono state ufficializzate le prossime nozze di casa reale:

a sposarsi saranno la principessa Beatrice, 31 anni,

primogenita del duca di York, Andrea, e Sarah Ferguson, e

l’imprenditore immobiliare italiano Edoardo Mapelli Mozzi,

36. A rendere pubblico l’annuncio è stata la stessa famiglia,

condividendo sui proprio account social diversi scatti della

coppia, subito dopo la proposta, avvenuta in Italia. Ultime

indiscrezioni lasciano supporre che il ‘Royal Wedding’ si

svolgerà tra la primavera e l’ottobre del 2020, mese scelto

da Eugenia, sorella di Beatrice, per le sue nozze nel 2018.

STAR DA PICCOLI

Ora li riconoscete, ma com’erano prima? Soluzione a pagina 96

I suoi primi passi nel mondo dello spettacolo

risalgono al 1997 quando, eletta Miss Calabria

al concorso di bellezza Miss Italia, ha preso parte

alle finali nazionali di Salsomaggiore Terme, dove

ottiene il titolo di Miss Sorriso arrivando al 24º

posto: in seguito ebbe una carriera come modella.

Nel 2003 inizia ad emergere dall’anonimato

partecipando al varietà di Canale 5 Ciao Darwin.

Partecipa alle trasmissioni come opinionista,

poi conduce programmi in tv e radio, mentre

nell’estate 2006 balza al centro della cronaca

rosa italiana e internazionale per la relazione con

l’imprenditore Flavio Briatore (in quel momento

direttore generale del team di Formula 1 della

Renault) a seguito di un incontro del novembre

2005. Si sposa il 18 marzo 2010 e nasce Nathan

Falco Briatore. Il 23 dicembre 2017 i due firmano

la separazione consensuale mettendo così fine al

loro matrimonio.

Camila Raznovich, a 10 anni in un regime

militare vittima di un esperimento:

‘Piangevo tutte le notti’

Tredici anni fa Camila Raznovich aveva pubblicato un libro

dal titolo “Lo rifarei!” in cui raccontava della sua infanzia

alternativa che vedeva come una ricchezza. Adesso quel

libro è stato ripubblicato con una nuova prefazione in cui

cambia completamente idea. Qual è stata l’esperienza che

l’ha segnata di più nel corso della sua infanzia? “Senza

dubbio i quattro mesi nella sperduta campagna inglese in

un regime militare. Ero in quinta elementare e fui selezionata

per questo esperimento che prevedeva che trecento bambini

vivessero con nove adulti, questa era la proporzione. Nel

libro lo raccontavo quasi divertita: con l’analisi ho capito di

esserne stata fortemente traumatizzata tanto che uno dei miei

compagni, da grande, mi ha raccontato che piangevo tutte le

notti, l’avevo rimosso. Il sentimento più forte che ho provato

era la paura“.

56


57


CONSIGLI

PER LA CASA

di ANNA GRECO

Il tappeto.

La sua presenza riesce a trasformare un ambiente, rendendolo più caldo e accogliente.

Il tappeto è un complemento d’arredo insostituibile. Ce ne sono di preziosi, con tessuti

costosi e trame fatte a mano che restituiscono anni di storia e tradizioni secolari.

Sono quelli orientali che in un attimo ci rimandano a terre lontane.

Poi ci sono i tappeti moderni, di diversi colori e filati. Le fantasia sono

innumerevoli e adattabili ad ogni ambiente. Quelli con motivi floreali

si sposano bene con un soggiorno con arredamento classico, quelli

damascati invece, con il salotto. Il damascato è molto versatile: sta bene in

una sala moderna o in uno studio antico. Poi ci sono le forme geometriche

e pulite, dai rombi ai triangoli, che si adattano bene a una cameretta o un

ingresso e in tutti gli ambienti moderni.

un disegno o un contorno. Mentre, se interamente in seta il tappeto viene

usato per cerimonie di rappresentanza essendo il costo proibitivo.

I più diffusi per gli arredi di casa nostra sono i tappeti Kilim, parola turca che

significa coperta grezza. Con questo termine si indica un motivo persiano e

la tecnica utilizzata per realizzarlo. I kilim persiani più comuni sono Kelim

Sumakh, Kelim Senneh, Kelim Fars e Kelim Qashqai, ma vengono realizzati

anche in molte altre terre come Iran, Afghanistan e Turchia. Ogni zona si

caratterizza per colori, lavorazioni e dettagli diversi.

Ma il tappeto per eccellenza è quello persiano. Generalmente ornati a disegni

floreali con scene di caccia, non sono tutti uguali: a fare la differenza sono

i materiali usati e la lavorazione. Nella maggior parte dei casi il filo usato

è di pecora, ma le caratteristiche variano da zona a zona, a seconda della

razza di pecore, delle condizioni climatiche e anche delle modalità con cui

la lana viene lavorata. I tappeti moderni invece per lo più sono di cotone.

Mentre la seta rende il tappeto di una leggerezza e di un eleganza senza

uguali. Il tappeto persiano di seta è una luce accesa in una stanza. Talvolta,

considerato il prezzo, la sete viene usata solo per evidenziare il dettaglio di

58


evanda

gasata al

gusto cola?

foglietto

adesivo

riposizionabile?

Chiamiamo le cose con il loro nome.

polvere

di talco

e acido

borico?

crema

spalmabile

alla

nocciola?

Se dici “accendifuoco” dici Diavolina!

diavolina.eu

59


IO VIAGGIO

DA SOLA

di VIRGINIA TORRIANI

Lucca.

Lucca è un piccolo mondo antico, in cui è bello perdersi… per ritrovarsi. Molto più che una

graziosa cittadina di provincia con scorci da cartolina, regala a chi la visita emozioni da

ricordare per la vita. Ne sanno sicuramente qualcosa le migliaia di persone che

scelgono di soggiornarvi in occasione dei concerti del Lucca Summer Festival o degli eventi del

Lucca Comics & Games, la fiera dedicata al fumetto, ai giochi di ruolo e ai videogiochi seconda

per importanza al mondo solo a quella di Tokyo.

Palcoscenico internazionale o privato l’importante è comportarsi da

protagonisti. Iniziamo dai fondamentali: “chi viene a Lucca e non mangia

il buccellato è come non ci fosse mai stato”, recita un vecchio adagio del

posto. Va da sé quindi che una delle prime cose da fare in città è assaggiare

questo dolce tradizionale, creato nel lontano 1450 per deliziare i palati

della nobiltà cittadina. Oggi questo pane con uvetta e anice si trova in

molti forni e pasticcerie. Il mio preferito è quello “ben cotto e con tanta

uva” della Pasticceria Taddeucci. Chiedetelo espressamente con questi

requisiti: sarete subito nella cerchia “di chi ne sa”.

Il Taddeucci per altro affaccia su una delle più belle piazze della città, San

Michele in Foro, dove sorge l’omonima chiesa, che spesso viene scambiata

per il Duomo. No. È bellissima ed è centrale - dato che è stata eretta

sull’antico foro romano -, ma la Cattedrale è San Martino, che custodisce

la croce lignea del Volto Santo. Tra le altre chiese da vedere senza dubbio

San Frediano, con il mosaico sulla facciata esterna e, all’interno, le reliquie

di Santa Zita; poi la meno nota chiesa di Santa Maria Corteorlandini:

piccola di dimensione, ma straordinaria. Si tratta dell’unica chiesa barocca

di Lucca: un capolavoro squisito di affreschi e opulenza con un segreto

all’interno: la riproduzione – datata 1600 – della Santa Casa di Loreto,

dove venne concepito per opera dello Spirito Santo Gesù di Nazareth.

New York ha Top of the Rock; Lucca ha Torre Guinigi, la splendida torre

con giardino pensile, da cui osservare i tetti e le altre torri della la città

facendo vagare lo sguardo fino alle Apuane e agli Appennini. Tornate a

terra e percorrendo la centrale Via Fillungo raggiungete Piazza Anfiteatro:

nata sui resti dell’antico anfiteatro romano, datato II secolo d.C., questa

piazza vanta una particolare forma ellittica delimitata da una serie di case

colorate e di diverse dimensioni, che al loro interno fanno ancora oggi

bella mostra delle pietre originali.

Non mancano musei e mostre temporanee: dal moderno Lu.C.C.A – Lucca

Center of Contemporary Art – alla Fondazione Paolo Cresci – il museo

dedicato alla storia dell’emigrazione italiana -, dalla casa natale di Giacomo

Puccini al museo nazionale Palazzo Mansi, storica residenza di mercanti

60


lucchesi. Bello visitare anche Palazzo Pfanner e il suo giardino, che arriva a

sfiorare le storiche mura che circondano il centro storico della città.

L’attuale cerchia muraria di Lucca risale al Cinquecento, è lunga oltre 4

km ed è interamente percorribile a piedi, in bicicletta e, in tempi recenti,

anche a bordo di orribili risciò: io continuo a preferire la camminata, che

consente per altro l’indiscusso vantaggio di potersi scambiare un cortese

cenno di saluto con tutti i perfetti sconosciuti che procedono in senso

opposto al vostro.

legata alla tradizione, Osteria Da Manzo; ma anche Il Giglio e L’Olivo.

Capitolo soggiorno. A Palazzo Busdraghi potete dormire in una residenza

del 1200 e gustare le sontuose colazioni di Marta. Quando vi ricapita?

Provate e vi assicuro che farete proprio in modo che vi ricapiti!

Questa banale occasione di far sfoggio di buone maniere è una delle cose

che più mi è mancata nei periodi in cui sono stata lontana da questa città –

la mia città - assieme alla spuma bionda, che è la più classica delle bibite

con cui accompagnare una merenda mattutina. Dove farla? Da Momus in

Piazza Santa Maria oppure al forno Casali di Via Guinigi per un pezzo di

focaccia appena sfornata.

Per una cena lucchese tipica consiglio La Buca di Sant’Antonio se volete

restare dentro le mura; fuori, a circa 5 km, L’antica locanda di Sesto, anche

se i “tordelli” – dei particolari ravioli di carne - più buoni io continuo a

mangiarli Al Bamboro. Per un’ottima cucina, ma non necessariamente

61


LE RICETTE DI

in collaborazione con:

Vellutata di

piselli e cipolle

Ammollare per 12 ore i piselli.

In una pentola dal fondo alto versare olio, cipolla e patata e far insaporire;

addizionare i piselli scolati dall’acqua di ammollo. Far insaporire qualche

minuto, quindi aggiungere tutta l’acqua.

Far cuocere fin quando i piselli saranno morbidi, aggiustare di sale,

quindi frullare tutto con il minipimer. Servire con dei crostini di pane o

dell’orzo e un filo di olio extravergine di oliva crudo.

NiscimÈ di

verdure dolci

In una pentola con il fondo alto, versare l’olio e la salsa di soia, quindi

stratificare le verdure una sopra l’altra. Addizionare 1 dito di acqua e

coprire. Far raggiungere il bollore, quindi abbassare la fiamma al minimo

e proseguire la cottura per 20/25 minuti senza mai girare.

Servire così la verdura.

Ingredienti per 4 persone

-1 bicchiere di piselli

secchi spezzati

-2 bicchieri di cipolla

-2 bicchieri di patate

-2 litri di acqua

-2 cucchiai di olio evo

-sale q.b.

Ingredienti per 4 persone

2 bicchieri di zucca

2 bicchieri di cipolla

2 bicchieri di cavolo

cappuccio o verza

1 bicchiere di porro

1 bicchiere di carota

2 cucchiai di olio

extravergine di oliva

2 cucchiai di salsa di soia

RICETTA A CURA DI GIULIA LANDINI

LUNEDÌ

Zucca al forno

Prendete la zucca, tagliatela a fette e rimuovete i semi interni.

Dovreste ottenere delle fettine sottili e molto simile a quelle di un melone.

A questo punto, foderate una teglia con della carta forno e disponete le fette di

zucca. Conditele con il sale, il pepe, le erbe aromatiche e irrorate con un filo di

olio extravergine. Disponete anche i due spicchi d’aglio e lasciate per 5-10 la

zucca marinare; nel frattempo preriscaldate il forno.

Una volta atteso il tempo necessario, cuocete a 180 °C per circa 25-30 minuti,

finché non vedrete che il colore sarà bello dorato. Lasciatela raffreddare per

qualche minuto e servitela ancora calda! Buon appetito!

• 700 g di zucca

• sale grosso q.b.

• pepe q.b.

• olio extravergine di oliva q.b.

• rosmarino q.b. • timo q.b.

• 2 spicchi d’aglio

62


MARTEDÌ

Vellutata di funghi porcini

PROCEDIMENTO

Pulite i funghi eliminando la parti terrose, quindi tagliateli a

pezzetti.

Affettate lo scalogno e mettetelo a soffriggere in un tegame con un

paio di cucchiai di olio e del prezzemolo tritato.

Una volta appassito, unite i funghi e fateli insaporire.

Dopo un paio di minuti coprite con il brodo bollente e ponete

il coperchio, quindi portate a cottura per ancora 15 minuti. Al

termine regolate di sale e pepe e insaporite con del timo. Spegnete

la fiamma e frullate bene il tutto con un frullatore ad immersione.

Servite la vellutata ben calda irrorandola con un filo di olio,

spolverandola con del prezzemolo fresco e guarnendola con

qualche crostino di pane.

•500 gr di funghi porcini freschi

•prezzemolo fresco

•1 scalogno

•800 ml di brodo vegetale circa

•timo qb

•noce moscata qb

•olio extravergine di oliva qb

•sale e pepe

MERCOEDÌ Arrosto di maiale alle prugne

In un tegame scaldate il burro e quattro cucchiai di olio, adagiatevi

la carne legata e cuocete in forno 1/4 d’ora rigirando il filetto per

fargli prendere colore. Salate.

Versate il vino e fate evaporare.

Aggiungete le prugne prima ammorbidite nell’acqua poi strizzate

e tagliate a metà.

Continuate la cottura per 3/4 d’ora a fuoco medio.

Tagliate a fette e servite con il sughetto di prugne.

•800 gr Filetto di Maial

•40 gr Burro

•8 Prugne Secche

•1 Bicchiere Vino Bianco Secco

•Olio d’oliva

•Sale

GIOVEDÌ

Baccalà mantecato alla veneziana

Mettete il baccalà, coperto d’acqua, in una casseruola. Ponete

al fuoco, fate prendere il bollore, schiumate, quindi spegnete e

lasciate riposare per circa 20’ a recipiente coperto.

Controllate che sia tenero e, in caso contrario, bollitelo per altri

10’, quindi mondate perfettamente il pesce da pelle e lische.

Mettetelo in una casseruola pesante e lavoratelo energicamente,

con un cucchiaio di legno, unendovi lentamente, a filo, il latte

caldo e l’olio.

Lavorate a lungo finché il baccalà si sarà completamente sfibrato,

diventando bianco e spumoso come una crema.

Questo lavoro si può fare con un frullatore a vaso o a immersione.

Assaggiate, aggiustate di sale e pepe, completando il tutto con le

foglioline di un mazzetto di prezzemolo, tritate finissime insieme

con uno spicchio d’aglio. Si serve freddo, accompagnandolo con

crostoni di polenta bianca o gialla, arrostiti alla griglia.

•1000 gr Baccalà ammollato

•150 gr Olio d’oliva

•100 gr Latte

•Prezzemolo

•Aglio

•Sale

•Pepe

63


64


VENERDÌ

Roast beef con spinaci filanti

Cospargete la carne con un velo di olio, pepatela e ponetela in una

pirofila; infornate a 2500 per circa 20 minuti, quindi abbassate la

temperatura a 200-180 gradi e proseguite la cottura per altri 10

minuti. Salate e fate raffreddare.

Fondete un po’ di burro in un tegame e fate saltare gli Spinaci Filanti

Findus.

Affettate sottilmente la carne e servitela con contorno di spinaci.

•700 gr Roast-beef (pezzi da 700 gr)

•1 Confezione Spinaci Filanti Findus

•1 Noce Burro

•1 Cucchiaio Olio d’oliva

•Sale

•Pepe

SABATO

In una terrina montare i tuorli con lo zucchero. Intanto sciogliere il burro

con il cioccolato a bagnomaria.

Quando il cioccolato è freddo, aggiungerlo ai tuorli montati e mescolare

bene. Aggiungere la farina e mescolare bene; infine aggiungere gli albumi

montati a neve. Versare il composto in una teglia precedentemente

unta di burro e infarinata. Mettere in forno a 200 gradi poi abbassare

subito a 180 gradi per 17-18 minuti e non di più. Una volta tolta dal

forno è consigliato lasciarla riposare su un tavolo in modo che sotto la

torta circoli aria (consigliato usare la grata del forno). Quando è fredda

tagliarla a quadretti e cospargerla di zucchero a velo.

Tenerina ferrarese al cioccolato

•300 gr Cioccolato Fondente

•135 gr Burro

•200 gr Zucchero

•4 Uova

•2 1/2 Cucchiai Farina

•Zucchero a Velo

DOMENICA Crostata alla marmellata di agrumi

Impastate con le mani la farina, il burro e lo zucchero ed il sale,

fino a quando la pasta sarà morbida, quindi lasciatela riposare per

1 ora. Imburrate una teglia rotonda, infarinatela e stendete sul fondo

e ai bordi uno strato di pasta tenendone da parte un po’. Spalmate

al centro la marmellata di arancia ed intorno quella di limone.

Decorate la superficie con la pasta rimasta ed infornate a 180 gradi

per 35-40 minuti.

•200 gr Farina

•140 gr Burro

•80 gr Zucchero

•Sale

•130 gr Marmellata di Arance

•130 gr Marmellata di Limon

65


ECO GOOD

di GIULIA LANDINI

Trasformare frutta e verdura:

quattro tecniche infallibili.

In autunno possiamo ancora avere molti frutti da trasformare:

Fondamentale non sprecare questi frutti della terra: vediamo 4 tecniche di

trasformazione che non deludono mai

66

Entriamo nel magico e ricchissimo mondo della trasformazione alimentare,

un modo intelligente ed economico per avere frutta e verdura sana anche

in inverno. In questo numero vi parliamo di 4 metodi, la marmellata, la

passata, il congelamento e il pesto.

Marmellate con e senza zucchero

Fare la marmellata in casa è certamente conveniente se si pensa al costo di

una confettura biologica: meglio mangiarne poca ma buona.

Non conviene fare la marmellata per poche quantità di frutta, una buona

marmellata ha bisogno di almeno 1 ora e ½ di cottura: è molto più

conveniente, quindi, far bollire grosse pentole con grosse quantità di frutta.

Regole per una buona sterilizzazione

Per la buona riuscita delle vostre marmellate occorre una altrettanto buona

sterilizzazione dei vasetti vuoti.

1 - In una pentola capiente versate acqua fredda e immergete i vasetti e i

tappi (i tappi non andranno montati sul vasetto). Una volta che l’acqua avrà

raggiunto l’ebollizione, bollite per 20 minuti. Fate raffreddare i vasetti e

poggiateli su uno straccio pulito.

2 – Per una ottimale conservazione e preservazione della marmellata, i

vasetti riempiti devono andare sottovuoto. Invasettate la marmellata

bollente: capovolgete il vasetto riempito e ben chiuso. Lasciate raffreddare

in questa posizione per almeno 24 ore. Per capire l’avvenuto sottovuoto,

occorre che la capsula di sicurezza in cima al tappo sia risucchiata dal

vuoto, non dovrà quindi muoversi o far alcun rumore.

Sterilizzazione aggiuntiva, da utilizzare in caso di marmellata senza

zucchero.

Per sterilizzare le marmellate senza zucchero occorre un grande pentolone,

meglio se di rame, ma va bene anche in acciaio; dei barattoli perfettamente

puliti; stracci puliti da porre sul fondo del pentolone e intorno a barattoli,

affinché questi ultimi non urtino l’uno contro l’altro nel momento

dell’ebollizione.

•I barattoli riempiti di marmellata vanno immersi nel pentolone d’acqua

fredda prima di accendere la fiamma e avvolti dagli stracci: ponetene uno

anche sul fondo del pentolone;

•Il tempo di sterilizzazione si calcola, sempre, a partire dal primo istante

dell’ebollizione, con la pentola coperta: raggiunta l’ebollizione, si prosegue

per altri 20 minuti;

•Lasciate sempre raffreddare i barattoli nella pentola prima di tirarli fuori;

sono assolutamente da escludere i barattoli che, dopo la sterilizzazione,

avranno il tappo bombato: essi indicano una fermentazione. Se dovesse

accadere ciò ripetere l’operazione di sterilizzazione dall’inizio.

Congelamento sì, ecco come

Un altro ottimo metodo di conservazione È il congelamento.

Vi sono essenzialmente due modi per congelare le verdure: alcune si

prestano per preparare dei sughi, altre anche per essere tagliate a fettine

o cubetti.

Melanzane, zucchine, peperoni, pomodori, cipolle sono perfette per

preparare dei gustosi sughi di verdure; mentre le verdure grandi come

zucchine, zucche, fagiolini e tutti i legumi, basilico, cipolla, possono essere

tagliati a pezzi e messi in sacchetti per alimenti, etichettati e congelati. Si

prestano per la preparazione invernale di sughi, contorni e zuppe. Non

oltrepassare i 6 mesi di conservazione.


ENJOY YOUR TIME

Acquista i prodotti Vileda in promozione

+ + +

SUPERMOCIO

COMPLETO + RICAMBIO

REVOLUTION

COMPLETO + RICAMBIO

RICEVI

TURBO SMART

COMPLETO + RICAMBIO

50€

IN CREDITI *

per goderti il tuo tempo libero.

Scopri tutte le esperienze tra cui scegliere su www.enjoyyourtime.vileda.it.

PREMIO

SICURO

* Operazione a premi ENJOY YOUR TIME valida dal 02/09/2019 al 30/12/2019, presso i punti vendita che espongono l’apposito materiale

pubblicitario e nei relativi siti e-commerce e su www.vileda.it. Combinazioni di prodotti partecipanti: 1 SuperMocio completo + 1 SuperMocio

ricambio a scelta; 1 Revolution completo + 1 Revolution ricambio a scelta oppure 1 Revolution box; 1 Turbo Smart completo + 1 ricambio Turbo

100% Microfibre; 1 Scopa Elettrica; 1 Virobi. Entro 7 gg (festivi inclusi) dalla data di acquisto, registrati sul sito www.enjoyyourtime.vileda.it.

e segui la procedura. Conserva lo scontrino d’acquisto, ti servirà per richiedere il premio. Per informazioni consulta il regolamento completo

su www.enjoyyourtime.vileda.it oppure www.vileda.com/it/regolamenti.

67


GARDEN PLACE

di TIZIANO BALDI GALLENI

Freddo e gelo non vi temo. Come avere

un prato verde nonostante l’inverno.

Novembre è il mese in cui farà capolino il primo vero freddo. Ecco che la preparazione

contro le temperature prossime - o sotto - allo zero è importante. Anzi, è questa l’unica arma

vincente per far sopravvivere il giardino a tutto l’inverno e avvantaggiarsi.

Potrete pensare che, essendo il manto erboso in uno stato vegetativo

rallentato, tutto possa essere lasciato al caso. Non è così. Quello che farete

ora vale quanto quello che farete a primavere o in estate (annacquando e

passando con il tosaerba) per avere un giardino sempre al top. Ebbene sì,

perché altrimenti quando arriverà la bella stagione vi ritroverete con un

giardino a metà, distrutto dal freddo. In alcune zone d’Italia non sarà raro

vedere prati innevati, bianchissimi, o perlomeno alzarsi la mattina e trovare

la brinata che gela l’erba.

Per prima cosa vanno tolte le foglie che cadranno nel periodo autunnale.

Potrete rastrellarle, così da togliere qualsiasi altra cosa. Foglie e aghi di

pino sono deleteri per il prato: fanno da tappo, riducendo l’assorbimento

della luce e lo scambio gassoso. Dunque questa prima pulizia è

importantissima. Per farlo efficacemente consigliamo l’utilizzo del rastrello

a ragno o del soffiatore. Per aumentare il ventaglio di luce che prende il

manto assicuratevi inoltre che gli arbusti del giardino siano stati potati.

Meno ombra c’è, nel periodo dell’anno in cui le giornate sono più corte,

meglio è.

Passiamo allo stato di salute del terreno. C’è chi consiglia, proprio nel

mese di novembre, di distribuire carbonato di calcio sul manto erboso.

Con lo scopo di apportare calcio e quindi invertire lo stato di acidità

naturale del suolo. Per fare le cose correttamente è indicata però un’analisi

del pH del terreno, per sapere con precisione il grado di acidità o alcalinità

(Il pH dovrebbe essere neutro, cioè pari a 7, o appena acido tra 5,5 e 6,5).

C’è infine da fare attenzione all’altezza media dell’erba. Non fatela crescere

oltre i 9 centimetri. Ma l’altezza dovrà essere un po’ maggiore rispetto a

quella adatta per l’estate e la primavera. Si stima intorno ai 6 cm per un

prato di festuca arundinacea. Con i fili dell’erba più alti il manto sarà più

robusto, producendo più energia, e capace di sopportare le temperature

invernali. Ultima chicca quando cadrà la neve: calpestate il meno possibile

il prato.

68


69


MATRIX

di ANTONIO PROVENZANO

Com’è il nuovo zaino smart di Saint Laurent

realizzato con Google

Prosegue il trend della tecnologia indossabile. Ultimo marchio ad abbracciare questo

fenomeno è Saint Laurent che ha collaborato con Google per creare un rivoluzionario

zaino smart. Il modello si chiama Cit - E e nella spalla sinistra contiene un mini computer

(Jacquard Tag) che si abbina all’app del telefono e trasforma una serie di movimenti

della mano sulle fibre in comandi che poi l’applicazione esegue. Tutto funziona con

Google Assistant che è in grado di assolvere a molteplici funzioni come la riproduzione

della musica e la navigazione di Google Maps. Il prezzo per questo accessorio è di

795 euro, anche se il gigante di Mountain View ha fatto sapere che in futuro prevede

di mettere sul mercato versioni più economiche. Sul sito web del marchio francese

l’articolo è già sold out. La collaborazione tra le due realtà segue l’esperimento ben

riuscito della giacca iperconnessa Commuter Jacket, sviluppata insieme a Levi’s nel

2017, e altri esempi nel territorio moda come le valigie Horizon di Louis Vuitton, dotate

di un innovativo dispositivo di controllo che permette di tracciare il proprio bagaglio in

tutti gli aeroporti internazionali.

Nike ha realizzato una scarpa che si allaccia

con i comandi vocali

Nike ha presentato le nuove Huarache. In commercio le Nike Adapt Huarache portano

a un nuovo livello la tecnologia FitAdapt, già vista sulle Nike Adapt BB, le scarpe

autoallaccianti che si comandano con lo smartphone presentate a gennaio dal campione

Nba Jason Tatum. La novità delle Nike Adapt Huarache è che la tecnologia FitAdapt

dialogherà non soltanto con lo smartphone, ma anche con l’app installata su Apple

Watch e le scarpe saranno in grado di ricevere persino i comandi vocali direttamente

da Siri. Ciò che l’innovativa tecnologia applicata per la prima volta alle

Nike Huarache consente è la regolazione autonoma della tensione dei

lacci grazie a un motorino integrato nella suola. Così che i lacci possano

allentarsi o stringersi a seconda della situazione che il piede affronta,

come una corsa o una passeggiata. Anche sulla base di configurazioni

pre-programmate. Associando inoltre alle diverse situazioni differenti

colorazioni dei led sulla suola. Un upgrade tecnologico che – come

spiega un comunicato di Nike – ha un duplice obiettivo. Da un lato, aprire

una nuova frontiera nel comfort di un modello iconico nato nel 1991 e

che prende il nome dal tradizionale sandalo messicano cantato dai Beach

Boys in Surfin Usa. Dall’altro, proiettare prodotto e brand Nike in un

futuro tecnologico e integrato.

70


BENVENUTO

A CASA

AIUTA I PET

IN CERCA

DI UNA FAMIGLIA

Vai su purina.it,

registrati e carica una foto

che ti ritrae insieme al tuo pet.

In palio OGNI SETTIMANA

1 smartphone

Concorso valido dal 27/09/2019 al 29/11/2019.

Montepremi € 3.129,30 (IVA inclusa).

Regolamento su www.purina.it

e al numero verde 800 525 505.

INSIEME A PURINA SOSTIENI LE ADOZIONI IN PARTNERSHIP CON

`

QUANTO E FELICE QUANDO GIOCHI CON LUI?

REGALAGLI UNO SNACK!


Larissa Iapichino (Borgo San Lorenzo,

18 luglio 2002) è una lunghista italiana.

Figlia di Fiona May e Gianni Iapichino, il 22

giugno 2019, a neanche 17 anni, durante la

seconda giornata dei campionati italiani allievi

di Agropoli, ha fatto registrare nel salto in lungo

la misura di 6,64 m, nuova migliore prestazione

italiana under 18 e under 20, migliore prestazione

mondiale stagionale under 20 e tra le dieci

migliori prestazioni italiane di sempre.

72


THE WINNER

LARISSA

IAPICHINO

Il nome nel destino. Larissa Iapichino ha vinto il titolo europeo under

20 nel salto in lungo il 21 luglio scorso a Boras, in Svezia, impresa

realizzata appena tre giorni dopo aver compiuto diciassette anni.

“E pensare che lei

da bambina

neppure voleva

praticare atletica.

“La rinnegavo,

sapevo che prima

o poi sarei stata

messa a confronto

con papà e mamma,

ecco perché avevo

deciso di non

avvicinarmi a

questo mondo”

di GABRIELE NOLI

Non si tratta di una campionessa qualunque: la ragazza nata nel 2002 a Borgo

San Lorenzo (in provincia di Firenze) è infatti la figlia di Fiona May e Gianni

Iapichino. Ma se il papà è stato un astista (tre volte campione italiano), la madre

ha rappresentato l’icona azzurra nel salto in lungo: a Birmingham, era il 1987, fu

oro europeo juniores quando ancora però gareggiava per la Gran Bretagna. Quasi

fosse un ideale passaggio di consegne, trentadue anni dopo una componente della

famiglia Iapichino è salita sul gradino più alto del podio continentale. Larissa ha

73


THE WINNER

LARISSA IAPICHINO

continentale, attirando inevitabilmente su di sé le attenzioni

degli addetti ai lavori e dei tifosi, che la stanno seguendo

in massa sui social network ora che si prefigura come uno

dei simboli dell’atletica italiana da qui a breve. A vederla,

sugli spalti, erano presenti mamma Fiona, papà Gianni e la

sorella Anastasia, tutti elettrizzati per il capolavoro di Larissa

giunto “nonostante condizioni pessime, spesso il vento

era contrario”. Aspetti strettamente legati alla gara, insidie

da mettere in preventivo, che lei ha comunque saputo

fronteggiare e superare senza ripercussioni negative, con

una maturità raramente riscontrabile in una ragazza della

sua età, neppure maggiorenne. “Intanto mi godo la festa,

il prossimo anno si vedrà”, diceva mentre ancora si stava

godendo il meritato oro. La sua vita (sportiva e non) è più

la stessa da quel 21 luglio. E pensare che lei da bambina

neppure voleva praticare atletica. “La rinnegavo, sapevo

che prima o poi sarei stata messa a confronto con papà e

mamma, ecco perché avevo deciso di non avvicinarmi a

questo mondo”. Ed infatti aveva scelto la ginnastica artistica,

salvo poi cambiare idea a 13 anni. Nel 2005 con sua madre

Fiona era andata ad assistere al meeting di Montecarlo e

dentro di lei improvvisamente era scattata la scintilla.

saltato in 6.58 (precedendo la svedese Tilde Johansson, 6,52

e la britannica Holly Mills, 6,50). Una misura ragguardevole

eppure non la sua migliore: un mese prima (era il 22 giugno)

in occasione dei campionati italiani Allievi di Agropoli aveva

stabilito il nuovo primato azzurro tra le under 18 e le under

20: 6,64. In quella circostanza era stata capace di migliorare

il suo record di 25 centimetri. Un’enormità. Premessa ideale

per l’avvicinamento ai campionati europei in Svezia, nei quali

la giovane promessa dell’atletica italiana confidava di poter

far bene, nutrendo legittime ambizioni alla fine superate dalla

realtà. “È stato pazzesco, non ci credo. Sono riuscita a vincere

in una gara bellissima, eravamo tre atlete racchiuse in pochi

centimetri. Ad un certo punto mi sono detta che dovevo solo

pensare a fare del mio meglio e ce l’ho fatta. Un oro europeo

a 17 anni significa tantissimo”, commentava subito dopo

quell’affermazione grazie alla quale si era guadagnata la ribalta

74


Dal vivo, l’atletica non l’aveva mai vista. E così, dopo qualche

settimana di riflessione, si era convinta a cominciare ad

allenarsi e, di lì a breve, pure a gareggiare, lasciando stupiti (e

non poco) i genitori. I primi approcci furono con la velocità,

dimostrando un considerevole potenziale. E poi il salto in

lungo, con un exploit dietro l’altro: nel personale palmarès

rientrano due titoli italiani all’aperto e altrettanti indoor ed

uno nel pentathlon, anch’esso al coperto. Tutti successi nella

categoria Allieve. Il trionfo all’europeo under 20 con tre anni di

anticipo fa pensare che i presupposti per altri risultati di rilievo

ci siano tutti, in considerazione anche degli enormi margini di

miglioramento di Larissa, che in Toscana, dove abita, è stata

festeggiata adeguatamente. E non poteva essere altrimenti,

trattandosi di una campionessa, che comunque cerca di vivere

la sua adolescenza senza particolari rinunce, raggiungendo un

equilibrio tra il divertimento e gli allenamenti. Meno agevole

conciliarli, invece, con lo studio: la Iapichino frequenta il

liceo scientifico a Firenze e per non restare indietro ha dovuto

impegnarsi parecchio. Cosa ne sarà del suo futuro (didattico)

ancora non lo sa. Il tempo per schiarirsi le idee di certo non le

manca, anche se molto dipenderà da come si svilupperà il suo

percorso sportivo. Potrà fare affidamento sul totale sostegno

dei genitori, che la seguono e la incoraggiano, ma senza

caricarla di pressione. Pur essendo stati campioni nell’atletica,

non l’hanno mai allenata. Ma il rapporto con loro è stretto e

intenso. E i consigli di Fiona May risultano di grande aiuto a

Larissa, specialmente quelli riguardanti l’aspetto mentale. Sul

fronte tecnico, invece, nessun tipo di ingerenza. Forse non

tutti sanno che proprio assieme alla madre ha recitato in uno

sport televisivo di un celebre marchio italiano, quando ancora

era una bambina.

“È stata una gioia indimenticabile, simile a quella che provai

io a Birmingham più di trent’anni fa. Sono fiera di mia figlia,

mi ha fatto commuovere. È stata determinata e coraggiosa. Ho

sofferto con lei, perché so bene cosa significa stare in pedana”,

le parole di Fiona May (due argenti ai Giochi Olimpici, due

ori, un argento e un bronzo ai Mondiali) riferite alla vittoria

della figlia in Svezia. Il patrimonio genetico, insomma, non

ha mentito. Se Larissa sia una predestinata o meno, forse è

ancora presto per stabilirlo, ma intanto le basi per aspirare a

divenire una campionessa anche tra i grandi le ha poste.

75


SULLA STRADA

di TIZIANO BALDI GALLENI

Una Corsa durata sei generazioni.

Opel ha presentato la nuova utilitaria tedesca.

Al Salone di Francoforte di settembre Opel ha svelato la piccola Corsa.

Ha portato all’evento internazionale in anteprima tre versioni: diesel e benzina, l’elettrica e

la Corsa-e Rally. È più lunga e più bassa. Sarà scontro sul mercato con Ford Fiesta,

Renault Clio e Volkswagen Polo.

Al salone tedesco la nuova Corsa ha incontrato un nonno molto speciale,

una rara Corsa GT gialla del 1987. Questa vettura d’epoca è stata condotta

da un garage di un porticciolo portoghese, dove era custodita, fino a

Francoforte. Messe accanto, la prima versione con l’ultima – la sesta

generazione –, hanno racchiuso in un’immagine 37 anni di storia e

leggenda di una vettura.

Opel Corsa è rinnovata profondamente intanto perché ha un nuovo pianale.

È lo stesso della Peugeot 208 – e in fondo all’articolo capirete perché –

essendo basata sulla piattaforma CMP. Ciò ha permesso di aumentare

la lunghezza della nuova Corsa. Più leggera di 40 kg, più bassa di 4

centimetri, facendo di questa utilitaria un’auto con una guidabilità migliore

e scattante. Sarà disponibile sia nel 1.2 benzina aspirato (75 cv), che

turbo (100 e 130 cv); 1.5 turbodiesel con 100 cv; con la sesta generazione

nasce anche la versione elettrica: 136 cv, e batterie da 50 kWh di capacità.

Quest’ultima è la Corsa-e, in grado di fare i 100 km/h e avere un’autonomia

di 330 chilometri. Come testimoniano le foto la nuova versione cambia

totalmente anche nell’estetica facendo un salto in avanti rispetto al modello

precedente. Ha più personalità con il cofano più lineare, fanali orizzontali,

e la mascherina anteriore assottigliata. Aumenta anche lo spazio del

bagagliaio da 285 a 309 litri.

Opel Corsa-e Rally rappresenta invece la prima auto elettrica da rally al

mondo. La stagione 2020-2021 si disputerà la neonata ADAC Opel e-Rally

Cup, un trofeo monomarca che si svolgerà in Germania. Protagonista sarà

appunto la Corsa-e Rally, variante da gara della nuova generazione.

La utilitaria della Opel ha venduto in tutti questi anni, nelle cinque versioni,

13,6 milioni di unità nel mondo. Dal 2017 però la Adam Opel GmbH

(il nome completo di Opel) - casa automobilistica tedesca con sede a

Rüsselsheim am Main in Assia - è stata acquistata dai francesi del Gruppo

PSA, un aggregato industriale che unisce i marchi automobilistici Peugeot,

Citroën, DS, Opel e Vauxhall Motors.

76


77


LA 25°ORA

di ANTONIO PROVENZANO

Frozen – Il segreto di Arendelle

Da novembre al cinema

Jennifer Lee e Chris Buck dirigono il secondo

capitolo del fortunato film d’animazione Disney.

L’atteso sequel del fortunato film d’animazione

Frozen - Il regno di ghiaccio prodotto dai Walt

Disney Animation Studios. Alla regia troviamo

Jennifer Lee e Chris Buck, già al timone del primo

film e del cortometraggio Frozen Fever.

L’ufficiale e la spia

Regia: Roman Polansky

Con: Emanuelle Seigner e Jean Dujardin

Genere: drammatico

Da novembre al cinema

Il famoso caso Dreyfus che sconvolse l’opinione

pubblica francese alla fine del XIX secolo. Gennaio

del 1895, pochi mesi prima che i fratelli Lumière

diano vita a quello che convenzionalmente

chiamiamo Cinema, nel cortile dell’École

Militaire di Parigi, Georges Picquart, un ufficiale

dell’esercito francese, presenzia alla pubblica

condanna e all’umiliante degradazione inflitta ad

Alfred Dreyfus, un capitano ebreo, accusato di

essere stato un informatore dei nemici tedeschi.

Zombieland – Doppio colpo

Regia: Ruben Fleischer

Con Emma Stone e Woody Harrelson

Genere: commedia

Da novembre al cinema

Tra violenza, distruzione e situazioni comiche, che

si diffondono dalla Casa Bianca al resto del Paese, i

quattro protagonisti dovranno affrontare nuove forme di

zombie, evolute rispetto al primo film, e incontreranno

altri umani sopravvissuti. I quattro dovranno inoltre

fronteggiare le crescenti difficoltà della loro irriverente

quanto improvvisata famiglia.

Le Mans ’66 – La grande sfida

Regia: James Mangold

Con Christian Bale e Matt Damon

Genere: azione

Da novembre al cinema

Il film segue la vicenda di un team eccentrico e

determinato di ingegneri e designer americani, guidato

dai lungimiranti piloti automobilistici Carroll Shelby e

Ken Miles, inviati da Henry Ford II con una particolare

missione: quella di costruire dal nulla una nuovissima

automobile che possa sconfiggere, finalmente, il

costante dominio della Ferrari, al Campionato Mondiale

di Le Mans del 1966.

78


79


MY BOOK

di ANTONIO PROVENZANO

La scuola di pizze in faccia

del professor Calcare

Autore: Zerocalcare

Casa Editrice: Bao Publihing

La più corposa raccolta di storie brevi di Zerocalcare, “La scuola di pizze in faccia del professor

Calcare” si articola in tre sezioni: una di storie pop e quotidiane, una di storie di testimonianza

e impegno sociale, e una di storie legate al cinema e alla televisione. A fare da collante alle tre

sezioni, una nuova storia inedita di venticinque pagine, in cui l’autore di Rebibbia ragiona su come

si concilino in lui il lato più leggero e quello più impegnato, in un mondo che vorrebbe gli autori

facilmente classificabili, senza ambiguità nelle scelte dei temi di cui raccontano.

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

80

La parata

Autore: Dave Eggers

Casa Editrice: Feltrinelli

Per commemorare l’armistizio in un paese del

Terzo mondo appena uscito dalla guerra, viene

commissionata una nuova strada che connette

le due metà dello stato fratturato. Sono incaricati

del lavoro due uomini che vengono da un paese

del Primo mondo, due contractor mercenari. Per

ragioni di sicurezza si sono dati degli pseudonimi

numerici. Numero Quattro, quello incaricato di

guidare l’avveniristica macchina asfaltatrice RS-

90, si attiene a una disciplina monastica: devono

fare una strada perfettamente dritta, lunga 260

chilometri, e i tempi sono stretti, il lavoro deve

essere completato prima della parata celebrativa.

La ragazza che doveva morire

Autore: David Lagercrantz

Casa editrice: Marsilio

Arriva il sesto e ultimo volume della saga di

Millennium: “In un parco nel centro di Stoccolma

viene trovato il cadavere di un senzatetto.

Sembrerebbe un triste caso di cronaca, un uomo

solo e squilibrato che non ha retto alle difficoltà

della vita. Il punto è che quell’uomo sembra

non essere mai esistito, nessuno è in grado di

risalire alla sua identità. Oltretutto, al medico

legale qualcosa non torna, e a questo punto

meglio consultare Mikael Blomqvist, giornalista

duro e puro alla guida della rivista d’inchiesta

Millennium”.

Possiamo salvare il mondo prima di cena

Autore: Jonathan Safran Foer

Casa Editrice: Guanda

Il tema dell’emergenza climatica affrontato in un

libro che ha l’urgenza di un pamphlet e il fascino

di un romanzo. Qualcuno si ostina a liquidare

i cambiamenti climatici come fake news, ma la

gran parte di noi è ben consapevole che se non

modifichiamo radicalmente le nostre abitudini

l’umanità andrà incontro al rischio dell’estinzione

di massa. Lo sappiamo, eppure non riusciamo a

crederci. E di conseguenza non riusciamo ad agire.

Il problema è che l’emergenza ambientale non è

una storia facile da raccontare e, soprattutto, non è

una buona storia: non spaventa, non affascina, non

coinvolge abbastanza da indurci a cambiare la nostra

vita. Per questo rimaniamo indifferenti o paralizzati.

Nel suo nuovo libro, Jonathan Safran Foer mette in

campo tutte le sue risorse di scrittore per raccontare,

con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica

che è anche «crisi della nostra capacità di credere,

mescolando in modo originalissimo storie di

famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati

scientifici rigorosi e suggestioni futuristiche.


81


TEATRO &

MUSICA

di MARTA ZANNONER

Il Coro di Babele

Il Coro di Babele di Barbe à Papa Teatro è il grido generazionale di una

comunità in movimento. Viaggia al ritmo serrato di una performance

senza pause di riflessione. Gli attori sono come lo zucchero filato (il

barbe à papa francese), colorati e leggeri. C’è frenesia, gioia e tristezza,

ci sono tutti gli elementi che hanno segnato questa generazione vissuta

a cavallo del secolo scorso e del nuovo. Corrono e parlano altre lingue,

ma la sensazione di casa subito restituisce un calore che sembrava

introvabile. Lo spettacolo può sembrare un po “banale”, tuttavia in sé

racchiude una grande sincerità e un lavoro ricco e studiato da parte della

compagnia, che merita l’applauso più fragoroso.

THE BEATLES

Abbey Road Super Deluxe Edition

WILCO

Ode to Joy

TEMPLES

Hot Motion

Abbey Road è l’ultimo album registrato dai Beatles, ma

il penultimo ad essere pubblicato, seguito nel 1970 da

Let it be. A cinquant’anni dalla sua pubblicazione, nel

1969, poco prima dello scioglimento definitivo della

band, è stato ripubblicato uno degli album migliori

della storia della musica, che non ha bisogno di

presentazioni. Solo qualche curiosità su questo nuovo

mix: per la prima volta, infatti, Abbey Road viene remixato.

Il nuovo mix è disponibile nelle versioni stereo,

stereo in alta risoluzione, 5.1 surround e, per la prima

volta per i Beatles, Dolby Atmos.

I Wilco, gruppo rock statunitense, torna con un album

sperimentale, mantenendo sempre il loro pizzico di

ironia. Sono sempre un po’ sottotono, cosa che spesso

rischia di penalizzarli, ma che resta un loro tratto

distintivo. In Ode to Joy (un inno alla gioia, che nulla ha

a che vedere con Beethoven) i Wilco decidono di stupire

l’ascoltatore senza lasciarlo tranquillo, sottoponendolo

ad una variazione di sonorità continua.

Dopo la nomina di migliore nuova band UK arrivata

dagli ex Oasis, i Temples creano aspettativa. Il loro è uno

stile psichedelico, che vuole ricreare vecchie atmosfere.

Di certo non è una musica che è ascoltata dalle masse,

ma per chi si vuole immergere in un viaggio sonoro,

i Temples sono il veicolo giusto per un percorso

all’insegna di una profonda sperimentazione strumentale.

82


CON INGREDIENTI

NATURALI, PULISCI

IN PROFONDITÀ I

TUOI CAPI

RIMETTE A

NUOVO I TUOI

CAPI PIÙ PREGIATI

TRATTAMENTO

TUTTO IN 1 PER LA

PULIZIA DELLA

LAVATRICE

PIATTI BRILLANTI

E DELICATAMENTE

PROFUMATI

83


84


ON STAGE

Maestro della Comic Art contemporanea, si distingue per il suo stile

pittorico ricco e dettagliato. Negli Stati Uniti ha collaborato prima

con DC Comics e poi in esclusiva con Marvel per più di un decennio,

creando diversi albi e copertine di famose testate, tra cui

Wolverine, X-Men, Thor, Thanos, Spider-Man e Star Wars.

di LUCA BALDI

Le immagini utilizzate nell’articolo

sono © degli aventi diritto.

È vietata la riproduzione,

anche parziale, delle opere.

Thor, Thanos, Spiderman, Capitan America,

Batman; sono solo alcuni degli eroi che

negli ultimi anni sono entrati a far parte

dell’immaginario collettivo di tutto il

mondo, amplificati dai loro grandi successi

cinematografici, ma dietro agli eroi del

grande schermo ci sono i fumetti che hanno

dato loro la vita da decenni e, sopratuttto,

grandi Artisti che li disegnano.

Uno degli illustratori più importanti

dell’attuale scena mondiale è “l’italianissimo”

Simone Bianchi.

85


ON STAGE

Ebbene sì, da oltre 10 anni un illustratore che lavora nel suo studio

di Capannori (frazione di Lucca), stupisce i lettori del mondo intero

grazie al suo tratto pittorico che tanto deve agli Artisti Rinascimentali.

Il connubio tra il sentimento marcatamente Europeo delle pose,

abbinato alla mitologia Americana dei Supereroi, gli ha permesso di

esplodere dalle pagine dei classici “comic book” proiettandolo sul

podio degli illustratori più richiesti al mondo.

Tutto comincia a Lucca, dove Simone Bianchi è nato nel 1972 e vive

tutt’ora. Fin da bambino si appassiona al mondo dell’illustrazione,

leggendo i fumetti della Corno, la casa editrice che per prima ha

portato in Italia supereroi come l’Uomo Ragno, Daredevil, i Fantastici

Quattro e Batman.

Per due anni infatti Simone lavora per la DC Comics, per cui realizza

diverse copertine per le testate di personaggi come Green Lantern

e Batman.

Nel Febbraio 2006 firma un Contratto di Esclusiva con la MARVEL,

dando volto e anima al personaggio di WOLVERINE, per poi passare

ai famosi X-MEN per i quali gli viene affidato il compito di ridisegnare

i costumi ufficiali. La sua ascesa continua lavorando con i personaggi

più famosi del fumetto e del cinema, come Thor e Thanos fino a che,

nel 2018, diventa il primo illustratore italiano ad essere selezionato

per il progetto Marvel Masterpieces, presentato in anteprima

mondiale al TG1 nella rubrica “DoRe- CiakGulp” da Vincenzo

Mollica, dove i migliori talenti dell’illustrazione reinterpretano i

personaggi più conosciuti del mondo Marvel. Dopo un anno e mezzo

di lavorazione, Simone ha presentato i suoi 135 ritratti (di cui alcuni

presenti in questo articolo), le cui tavole originali sono state esposte

a Lucca Comics & Games 2018 e alla Metropolis Gallery di

New York. Simone Bianchi ha raggiunto e superato così tanti traguardi

da riuscire a catturare l’attenzione di Artisti come George Lucas,

che ha messo nella sua collezione privata tutto il numero di Star Wars

da lui disegnato, o Mark Millar il famoso scrittore dalle cui opere

Una passione che presto diventa una professione. Già a 15 anni

pubblica le sue prime strisce su “Il Tirreno”, a 20 inizia lo studio del

disegno realistico e a 22 collabora con la Sergio Bonelli editore,

gli stessi che pubblicano titoli come Dylan Dog e Tex.

Ma la svolta professionale avviene quando il suo talento viene scoperto

dalle più importanti case editrici americane di fumetti.

86


sono strati realizzati i film Wanted (con Angelina Jolie) e Kick Ass.

È proprio con Mark Millar che Simone ha deciso di affrontare il suo,

ad ora, ultimo ed ambizioso progetto: la co-creazione di una serie

a fumetti dal titolo “Sharkey the Bounty Hunter” per l’etichetta

comicbook di Netflix. La miniserie di 6 numeri ha già ottenuto un tale

successo da avere già in cantiere un film che vedrà la luce nel 2020!

Non possiamo che allacciare le cinture e preparaci ad un viaggio

strabiliante, accompagnati dall’ “italianissimo” talento che ha

conquistato il mondo!

INCONTRI & INFO

Curiosi di vedere le opere di Simone Bianchi dal vivo?

Allora non perdete l’occasione di passare al suo stand in Piazza

del Giglio in occasione di LuccaComics & Games

dal 30 ottobre al 3 Novembre.

Dal 7 Dicembre al 6 Gennaio presso le Officine Garibaldi di

Pisa saranno esposte in una personale le operepiù significative

della sua carriera. Un’occasione unica di poter ammirare dal vivo

opere inedite e da collezioni private.

Info: www.officinegaribaldi.it

Per vedere on line tutte le opere di Simone, i video di pittura dal

vivo e lo store con le sue opere/libri, visita il sito:

www.simonebianchi.com

87


HOME

SWEET HOME

di MAURIZIO BONUGLI

AVENZA!

All’ombra della storica Torre di Castruccio risalente al 1300, ad Avenza -frazione del comune

di Carrara che si incontra scendendo dai monti verso il mare, IperSoap si trova nel bellissimo

negozio di Viale XX Settembre dove, insieme alle mille occasioni di risparmio e il miglior

assortimento di sempre, vi aspettano sorridenti e professionali Milena, Daniela, Alessandra,

Francesca e la capo area Silvia Bonugli.

L’antico porto e il borgo di Avenza, situati vicino al torrente Carriona

(flumen Aventia), sono sorti in epoca romana. Erano in posizione

centrale nel sistema di approdi litoranei e a partire dal XIII secolo,

con la decadenza del porto fluviale di San Maurizio, assunsero il

ruolo di principali approdi dell’area lunense fino a raggiungere tra

il XIV e il XV secolo, il momento di massima attività di scambi in

tutta l’area del Mediterraneo. Il borgo e il castello di Avenza, in

epoca medioevale furono anche una importante tappa lungo la via

Francigena. La costruzione della Torre è da attribuire a Castruccio

Castracani. La fortezza di Avenza, all’epoca, era protetta da un

fossato ed era accessibile attraverso un ponte levatoio. La Torre,

alla fine del 1800, fu in parte sventrata da vandali al fine di farne

sassi per costruire case.

Avenza è oggi una “vivace” e fiorente frazione del Comune di

Carrara la “capitale mondiale del marmo”, nonché capoluogo

del distretto industriale lapideo apuo-versiliese, è collocata sul

Mar Ligure, nella Toscana nord-occidentale. Le origini di Carrara

sono legate al suo marmo prezioso, conosciuto in tutto il mondo

già a partire dall’epoca romana; oggi parlare di Carrara significa

evocare il marmo e le sue cave, così prezioso da essere definito

“oro bianco”, così noto da richiamare artisti e uomini illustri di

ogni epoca e di ogni luogo.

Con la vicina città di Massa dà nome alla Provincia di Massa

Carrara, che si estende dal mare alle Alpi Apuane, all’Appennino

Tosco-Emiliano, confinando a sud con la Versilia (provincia

di Lucca), a est con la Garfagnana, a nord con Reggio Emilia e

Parma, a nord-ovest con La Spezia, al centro di una fitta rete di

collegamenti stradali, ferroviari, marittimi e aeroportuali che la

rendono facilmente accessibile.

Molti paesi della montagna di Carrara, erano legati alle attività

agricolo-pastorali, come ad esempio Castelpoggio, mentre

altri, come Colonnata, Torano e Bedizzano, contrassegnati dalle

innumerevoli finiture di marmo, sono cresciuti in funzione

dell’escavazione del marmo. In particolare Bedizzano, che nel

XVI secolo era diventato la residenza estiva dei Cybo Malaspina,

presenta una immagine urbana unica, mentre fra i nuclei sorti al

piano solamente Avenza ha, per l’appunto, origini antichissime.

INFO:

aptmassacarrara.it | web.comune.carrara.ms.it

carraraonline.com

88


Un design moderno

per personalizzare la tua casa

SCOPRI TUTTE LE FRAGRANZE GLADE SU WWW.GLADE.IT

89


I GIOCHI DI

Trovi tutte le soluzioni a pagina 96 della rivista.

195

IL CRUCIVERBA

1 2 3 4 5 6 7 8 9

10 11 12

13 14

15 16

17 18

19 20 21

22 23

24 25 26

27 28

29 30

31

C

A

T

A

N

Z

A

R

O

90

ORIZZONTALI: 1. Lettore di libri elettronici – 10. Grosso

veicolo – 11. Il mondo musulmano – 13. Chicchi d’uva – 14.

Astiosi – 15. Nascondiglio – 16. Il Missoni della moda – 17.

Dati… senza principio – 18. Il Brachetti trasformista – 19. Causa

delusione – 20. Tollerare passivamente – 21. In fondo al vicolo –

22. Quattro al quadrato – 23. Unità informatica – 24. Bruschezza –

26. Cosa – 27. Vasta operazione di polizia – 28. La capitale

dell’Oregon – 29. Pesci di mare – 30. Il Giacobbe cantante italiano

– 31. Artigiano… minuzioso.

ORIZZONTALI: 1. Lettore di libri elettronici – 10. Grosso veicolo – 11. Il mondo musulmano – 13. Chicchi d’uva – 14. Astiosi –

15. Nascondiglio – 16. Il Missoni della moda – 17. Dati… senza principio – 18. Il Brachetti trasformista – 19. Causa delusione

– 20. Tollerare passivamente – 21. In fondo al vicolo – 22. Quattro al quadrato – 23. Unità informatica – 24. Bruschezza – 26.

Cosa – 27. Vasta operazione di polizia – 28. La capitale dell’Oregon – 29. Pesci di mare – 30. Il Giacobbe cantante italiano

– 31. Artigiano… minuzioso.

VERTICALI: 1. Calmo, pacifico – 2. I birilli del biliardo – 3. Lo stato con la Grande Muraglia – 4. Carpa giapponese – 5. Fra

gli stenti – 6. Il coltello del chirurgo – 7. Essere di impedimento – 8. L’albero della pace – 9. La dea dei Thug – 10. Provincia

calabrese – 12. Varietà di castoro – 14. Modo di vedere – 16. La traiettoria del missile – 18. Rileva l’audience televisiva – 20.

Calmato con i farmaci – 21. Il giornale di Belpietro – 22. Liuto indiano – 23. Un Massimo del cinema – 25. Grossa candela –

26. Girino adulto – 28. Abiti di frati – 30. Sua Grazia.

VERTICALI: 1. Calmo, pacifico – 2. I birilli del biliardo – 3. Lo

stato con la Grande Muraglia – 4. Carpa giapponese – 5. Fra gli

stenti – 6. Il coltello del chirurgo – 7. Essere di impedimento – 8.

L’albero della pace – 9. La dea dei Thug – 10. Provincia calabrese

– 12. Varietà di castoro – 14. Modo di vedere – 16. La traiettoria


196

IL CRUCIVERBA

1 2 3 4 5 6 7 8 9

10 11 12

13 14

15 16

17 18

19 20 21

22 23

24 25 26

27 28

29 30

31

ORIZZONTALI: 1. Violento temporale – 10. Stampato da

compilare – 11. Bevande spumeggianti – 13. Grosso cannone –

14. Alvaro il “Pierino” del cinema – 15. Lancio, getto – 16.

Lago magiaro – 17. Un grido nell’arena – 18. Foglio del libro –

19. Il centro di Piacenza – 20. Il nome del “Duce” – 21. Ultime

nello sport – 22. Appoggiata delicatamente – 23. Spiazzi rustici

– 24. Erba aromatica – 26. Confina con l’Iraq – 27. Prateria

tropicale – 28. I “neri” americani – 29. Attività ricreativa – 30.

Ondata – 31. Predisposizioni.

ORIZZONTALI: 1. Violento temporale – 10. Stampato da compilare – 11. Bevande spumeggianti – 13. Grosso cannone – 14.

Alvaro il “Pierino” del cinema – 15. Lancio, getto – 16. Lago magiaro – 17. Un grido nell’arena – 18. Foglio del libro – 19. Il

centro di Piacenza – 20. Il nome del “Duce” – 21. Ultime nello sport – 22. Appoggiata delicatamente – 23. Spiazzi rustici – 24.

Erba aromatica – 26. Confina con l’Iraq – 27. Prateria tropicale – 28. I “neri” americani – 29. Attività ricreativa – 30. Ondata

– 31. Predisposizioni.

VERTICALI: 1. Persona di “sangue blu” – 2. Sentire – 3. Foro – 4. Piccole raganelle – 5. Dario Nobel italiano – 6. Maestria – 7.

Zingaro – 8. Collerica – 9. Bordo – 10. Gara motociclistica campestre – 12. Elemento chimico che prende il nome da un grande

scienziato – 14. Pianto di neonato – 16. Si raccoglie a caschi – 18. Contrario di leggeri – 20. L’Humphrey di Hollywood – 21.

Secchi, aridi – 22. L’attaccante nel basket – 23. Gas per lampadine – 25. Ortaggio anemico – 26. Il giorno passato – 28.

VERTICALI: 1. Persona di “sangue blu” – 2. Sentire – 3. Foro

– 4. Piccole raganelle – 5. Dario Nobel italiano – 6. Maestria –

7. Zingaro – 8. Collerica – 9. Bordo – 10. Gara motociclistica

campestre – 12. Elemento chimico che prende il nome da un

grande scienziato – 14. Pianto di neonato – 16. Si raccoglie a

Nucleo Anti Droga – 30. I fianchi di Marilù.

91


I CARE

di MAURIZIO BONUGLI

Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora

Nel 1983 nasce a Brescia un Coordinamento chiamato “una spina nel cor”

costituito da alcuni organismi operanti nell’area della cosiddetta “grave emarginazione”.

Dopo un anno di lavori e di incontri sistematici, emerge l’esigenza di allargare la conoscenza

a enti locali, realtà ecclesiali, cooperative e associazioni di volontariato che nel Nord Italia si

occupano di persone “senza fissa dimora”.

92

Il 28 settembre 1985 si tenne a Brescia il convegno

“Emarginazione ed accoglienza“, promosso dal settore Servizi

Sociali del Comune e dalla Caritas Diocesana orientato a

coloro che nel nord Italia si occupavano dei “frequentatori

abituali di dormitori e stazioni”. Tale evento fu circoscritto

al nord Italia per ragioni di praticità organizzativa, per una

certa uniformità d’intervento in atto e per la comunanza di

problemi determinata dalla persona in continuo transito da

una città all’altra. Durante l’incontro, da parte di molti fra

i partecipanti, (202 persone in rappresentante di 76 gruppi)

era stato espresso l’auspicio di proseguire la riflessione

iniziata oltre l’esperienza del convegno e, pertanto, le realtà

che si erano impegnate nell’organizzazione si ritrovarono in

incontri successivi.

La fio.PSD – Federazione Italiana Organismi per le Persone

Senza Dimora, è una associazione che persegue finalità di

solidarietà sociale nell’ambito della grave emarginazione

adulta e delle persone senza dimora

Trae la sua origine, nel 1985, dall’aggregazione spontanea e

informale di alcuni operatori sociali di servizi e organismi

che si occupano di persone senza dimora ma è nel settembre

del 1986 si decise la formalizzazione del Coordinamento

del Nord-Italia per i senza fissa dimora: si stese una Carta

Programmatica e si raccolsero adesioni scritte all’iniziativa

presso la segreteria di Brescia Nel 1990 si costituisce

formalmente in associazione. Aderiscono alla fio.PSD Enti

e/o Organismi, appartenenti sia alla Pubblica amministrazione

sia al privato sociale, che si occupano di grave emarginazione

adulta e di persone senza dimora.

GLI OBIETTIVI DELLA fio.PSD: promuovere il

coordinamento delle realtà pubbliche, private e di volontariato

che operano in favore della grave emarginazione adulta e

delle persone senza dimora sul territorio nazionale; sollecitare

l’attenzione al problema nei confronti di tutti gli interlocutori

sociali, attivare momenti di studio, di confronto e di ricerca

sociale, perseguendo l’obiettivo della maggiore comprensione

del fenomeno e dell’elaborazione di metodologie e strategie

di lotta all’esclusione sociale; promuovere la diffusione delle

buone prassi e delle acquisizioni metodologiche di intervento,

attraverso l’organizzazione di seminari, convegni, iniziative

di formazione e la redazione di una pubblicazione specifica

e specializzata nel campo dell’emarginazione grave adulta.

LE ATTIVITÀ. Gli ambiti nei quali la fio.PSD è impegnata si

possono ricondurre a tre aree:

la comprensione del fenomeno della grave emarginazione

adulta;

lo studio e la promozione di strategie e metodologie di

intervento per contrastare la grave emarginazione adulta;

la sensibilizzazione e la promozione dei diritti delle persone

adulte gravemente emarginate.

LE PERSONE SENZA DIMORA IN ITALIA. Secondo

l’indagine Istat sulle persone senza dimora, svolta in

collaborazione con fio.PSD e Ministero del Lavoro e delle

Politiche Sociali e Caritas italiana, sono 50.724 le persone

senza dimora stimate in Italia nel 2015. Queste persone

vivono in povertà estrema ovvero in una condizione di

disagio profondo legato prima di tutto alla mancanza di una

casa come luogo intimo e di rifugio e, legato all’ intreccio

di povertà di beni materiali per la sussistenza e fragilità

personali multi-dimensionali e complesse.

INFO/CONTATTI

fio.PSD – Federazione Italiana Organismi

per le Persone Senza Dimora

Via Giambattista Soria, 13 – 00168 Roma, Italia

Tel +39 06 56566944

(dal lunedì al venerdì ore 9.00 – 12.00)

segreteria@fiopsd.org

www.fiopsd.org

facebook.com/fioPSD/


Idee per ogni festa

ILIP S.r.l.

Via Castelfranco 52

40053 Valsamoggia, loc.Bazzano (BO)

www.ilip.it

93


QUA LA ZAMPA!

di LUCA ALBERTI

Il gatto di razza bengala.

Il gatto di razza Bengala è un esemplare dall’aspetto davvero affascinante perché

ricorda un leopardo in miniatura: molto amante della libertà e dell’autonomia,

è un felino che non disdegna neppure le attenzioni umane.

Di tipologia ibrida è un esemplare di grossa taglia con una discreta

fisicità: viste le sue origini è un animale che ama correre, saltare e

muoversi con agilità. Mantiene attiva la sua indole grazie a un forte

istinto predatorio, ma rimane comunque un felino dolce, affettuoso e

particolarmente coccolone.

Gatto fisicamente forte, agile e muscoloso, possiede una taglia

abbastanza grande per gli standard consueti, arrivando a pesare anche

nove chilogrammi. Ciò che lo identifica è sicuramente il mantello con

una predominanza per il maculato, frutto del suo antenato asiatico,

ma sono diffuse anche le righe e le striature. Nel primo caso le

macchie sono definite “spotted” come un decoro a rosetta, allineate

orizzontalmente lungo il corpo in modo equilibrato tanto da ricordare

quelle del leopardo. Nel caso delle striature, il decoro – definito

“marbled” – è costituto da tre larghe righe parallele disposte sul dorso,

quindi su spalle e fianchi.

Animale dall’indole selvatica, mantiene vivo l’istinto di predazione, ma

anche tutta la sua energia e voglia di saltare. Ha bisogno di spazi ampi

per correre ma sicuri per impedire la fuga ed eventuali pericoli, ama

comunque convivere con l’uomo verso cui mostra affetto e tenerezza.

94


DROPPY

i tappetini multiuso SUPER assorbenti

preferiti dai nostri piccoli amici!

PRODOTTI IN ITALIA


L’OROSCOPO di

ARIETE

TORO

GEMELLI

CANCRO

State attenti: potrete fare tutto ciò

che vorrete con i vostri mezzi. E se

desiderate novità, usate le vostre

armi per ottenerle e, con loro, averne

sempre nuove a portata di mano. “Il

denaro che si ha è lo strumento della

libertà. Quello che si insegue è lo

strumento della schiavitù”.

(Jean Jacques Rousseau)

Ultimamente la vostra

determinazione è stata risolutiva.

Efficienti come da vostro Dna,

non dovete temere un apparente

mistero… che potrebbe portare del

buono! “Non abbiate mai paura

dell’ombra. È lì a dimostrare che

vicino, da qualche parte, c’è una

luce che illumina”.

(Ruth E. Enkel)

Permissivi per natura, non siate

accondiscendenti con chi vi sta a

fianco, o ciò che vi rende perplessi

potrebbe non cambiare mai. Dite la

vostra e otterrete risultati. “Non ho

bisogno di un amico che cambia

quando cambio e che annuisce

quando annuisco; la mia ombra lo

fa molto meglio”.

(Plutarco)

Il momento potrebbe essere duro,

ma non temere: senza guardare

troppo a ciò che intorno accade,

trova l’inventiva e la direzione nei

tuoi valori, e portali avanti. “Quel

che abbiamo alle spalle e ciò che

abbiamo davanti sono piccole cose,

paragonate a ciò che abbiamo

dentro”.

(Ralph Waldo Emerson)

LEONE

VERGINE

BILANCIA

SCORPIONE

L’ottimismo è il sale della vita, e con

indole leonina l’hai messo in pratica.

Se saprai spargere questo verbo

anche nella tua attività (senza però

essere troppo orgoglioso), il gioco

sarà facile! Spronati per pensare al

meglio, sta per arrivare. “La vita è

come uno specchio: ti sorride se la

guardi sorridendo”.

(Jim Morrison)

Inutile stare a cercare del male

quando gli indizi non sono

abbastanza: la gelosia potrebbe

rovinare qualcosa di bello, se

portata all’eccesso in modo inutile.

“Credo di essere una delle persone

più gelose del mondo. La mia mano

destra è gelosa se la sinistra dipinge

un bel quadro”.

(Andy Warhol)

Imparerete molto da questo periodo

di prove evolutive, soprattutto se

dovrete impegnarvi per portare

avanti un grande progetto. Non

spaventatevi se tentennerete, in ogni

caso otterrete qualcosa di buono!

“L’esperienza è il tipo d’insegnante

più difficile. Prima ti fa l’esame, poi

ti spiega la lezione”.

(Oscar Wilde)

“È una follia (…) buttare via tutte le

possibilità di essere felici solo perché

qualcosa non è andato per il verso

giusto”. (Antoine De Saint-Exupéry).

E allora non tentennate, forse quel

dettaglio - grande o piccino - che vi

ha infastiditi porterà nuove scoperte,

in ogni ambito della vostra vita!

SAGITTARIO

CAPRICORNO

ACQUARIO

PESCI

Se portate avanti relazioni

difficili, nella vita lavorativa o nei

sentimenti, è ora di fare pulizia:

potreste ammalarvi per lo stress,

lo sapete? “Che io possa avere la

forza 7 di cambiare 8 9le cose che posso

cambiare, e la pazienza di accettare

le cose che non posso cambiare, ma

Sta per arrivare qualcosa di

imprevedibile, e il tuo modo di

pensare non potrà che cambiare!

La nuova stagione parte così: in

allegria, ma con la sensazione che

presto qualcosa si modificherà e che

dovrai affrontare un ostacolo o una

discussione. “La vita è un mistero

da vivere, non un problema da

risolvere”.

(Osho) 11 12

1 2 3 4 5 6 7 8 9

soprattutto l’intelligenza di saperle

1

distinguere”.

12

(Tommaso Moro)

Dissidi legati ad amicizie, vita

sociale, famiglia... E voi vorreste

solo partire. Destinati a trovare

una soluzione quando capirete la

vostra direzione: l’umore tornerà in

vetta e l’atmosfera diventerà serena

e allegra! “Non sono gli anni che

contano nella vita, è la vita che metti

in quegli anni”.

(Abraham Lincoln)

A una prima occhiata si direbbe che

tutto possa funzionare, ma nulla vi

soddisfa davvero. Sicuri che non

dobbiate solo capire se ciò che

avete fatto finora è quello che dentro

di voi pensavate fosse giusto? “La

vita è come un’eco: se non ti piace

quello che ti rimanda, devi cambiare

il messaggio che invii”.

(James Joyce)

14

Le soluzioni dei giochi

16

STAR DA PICCOLI:

18

ELISABETTA GREGORACI

21

20 21

P O C K E T B O O K

23

22 C23A M I O N I S L A M

A C I N I O S T I L I

26

25 26 T A N A O T T A V I O

A T I A R T U R O P

8

28 N O S U B I R E L O

Z S E D I C I B I T

30

A C I D I T A R O B A

R E T A T A S A L E M

31

O R A T E S A N D R O

O R O L O G I A I O

N U B I F R A G I O

M O D U L O B I R R E

O B I C E V I T A L I

T I R O B A L A T O N

O L E P A G I N A S

C E B E N I T O R T

R P O S A T A A I E

O R I G A N O I R A N

S A V A N A N E G R I

S P O R T M A R O S O

A T T I T U D I N I

96

ONTALI: elettronici – 1. 10. Violento Grosso temporale – 10. Stampato da


Castello di Pontebosio

Luxury Resort L

Dove passato e presente convivono in un’armonia di piacere.

La riscoperta di antichi sapori.

L’arte della buona cucina di una volta. Il gusto di un pranzo con chi amate o con gli amici.

La raffinatezza e la cura di ogni piatto, rendono il Ristorante del Castello Pontebosio una tappa

imperdibile dove poter assaporare i gusti dei prodotti del territorio, sapientemente preparati

dalle mani di Chef esperti e inclini al recupero delle tradizioni culinarie più antiche.

Via Pontebosio 3 - 54016 Pontebosio Loc. Licciana Nardi (MS)

t: +39 0187 472050 - www.castellodipontebosio.it - info@castellodipontebosio.it

More magazines by this user
Similar magazines