NOI - frammenti di siena

extempora

Il nuovo magazine targato Extempora. Numero unico dicembre 2019

Ti dà anche soddisfazioni perché

sta seguendo le tue orme.

Vero, ma deve migliorare ancora

tantissimo.

Te ne rendi conto vero che non

sei mai contento? Che vuoi sempre

il meglio?

Tanti mi dicono che questo è un

difetto e forse lo è davvero, non

lo so, non riesco mai a godermi le

cose appieno, arrivo a un obiettivo

e dal giorno dopo c’è il prossimo.

Una frenesia dentro di me che non

si ferma mai. Mi sembra alla fine

di aver fatto molto ma non abbastanza:

non mi sento di avere

niente in più degli altri, ho fatto in

fondo quello che hanno fatto tutti.

Ma se non fosse così non saresti

arrivato dove sei adesso…

Tornando al Palio quanto contano

i rapporti con le dirigenze di

Contrada?

Moltissimo. Negli anni sono riuscito

a portare avanti rapporti bellissimi

e solidi che hanno dato vita

anche a belle e sincere amicizie e

soprattutto ad affetti particolari e

importanti. Penso che questo faccia

la differenza anche nei giorni

del Palio, so bene che in un rapporto

che viene da lontano posso

dare molto di più.

Fai quindi scelte di cuore mettendo

da parte i soldi.

Sempre. Non ho mai guardato il denaro,

mi sono sempre trovato bene

a fare così. Sono sempre stato trattato

bene anche senza parlare di soldi

cercando la situazione migliore.

Secondo te perché voi siete in

qualche modo una coppia un po’

invidiata? Forse perché non avete

mai dato modo di fare gossip?

In verità non mi sono mai accorto

di questa cosa, me la fai notare

te adesso. In famiglia siamo molto

uniti in tutto e per tutto, molto

riservati, sarà per questo. Non mi

sento invidiato nemmeno a livello

lavorativo figurati… sarà perché io,

invidioso, non lo sono mai, non è

un sentimento che mi appartiene.

A luglio Giraffa e ad agosto Selva.

Il 17 cos’hai pensato?

Che negli ultimi quattro anni non

arrivava il risultato e in quest’anno

ce l’ho fatta invece ben due volte.

Quando mi pongo degli obiettivi

penso sempre a quello massimo,

riuscirci e svegliarsi con questa

consapevolezza… non si può chiedere

di più! Dire ce l’ho fatta non

capita a tutti. Il secondo pensiero

però è “ora si riparte”.

Vinci il Palio, alzi il nerbo, la prima

sensazione?

È un attimo, è una sensazione di

liberazione da tutte le tensioni.

Tutti i Palii provo la stessa cosa ma

è vero anche che non tutte le Carriere

sono uguali. Un turbinio di

emozioni che dipende da quanto

è che non vinci, da come vinci, da

come sono andati i quattro giorni,

da quanto è stato difficile il cavallo.

Alla fine tutti i Palii sono diversi.

Si avvicina improvvisamente Ilaria

e ne approfitto per alcune domande.

Ila, qualche domanda al volo anche

a te… quanto sei importante

negli obiettivi raggiunti da Giovanni?

Il 50%! Scherzi a parte, sono importante

come tutte le donne che

hanno il marito con un lavoro

impegnativo, che stanno vicino al

compagno in tutte le decisioni im-

18

More magazines by this user
Similar magazines