NOI - frammenti di siena

extempora

Il nuovo magazine targato Extempora. Numero unico dicembre 2019

tro nel tempo. Quasi un anno fa la nostra artista era nel

Cortile del Podestà per la presentazione del Drappellone

e del Masgalano in occasione del Palio Straordinario.

"Essere di fronte a una città, o meglio, dentro la tua città,

è un’emozione difficile da raccontare. Ti senti figlia di Siena

e onorata di farne parte specialmente in un contesto

come il nostro Palio: il masgalano è il premio che viene,

come sappiamo, assegnato alla migliore comparsa, e io,

come sai, sono cresciuta grazie a mio Babbo tra bandiere

e tamburi biancorossi. Immaginati quello che posso aver

provato in quel momento. Il mio sogno, non a caso, è di

dipingere il Palio, come immagino ogni artista senese."

Ho capito che Sara ha una vita movimentata e intensa,

sempre in giro per il mondo... di fatto quando dipingerà?

"Non ho orari né aspetto l’ispirazione. Amo mettermi

all’opera semplicemente quando sono serena. Sono un’artista

a modo mio come avrai capito, se non sono in pace

con me stessa non dipingo e credo si veda dalle mie opere

colorate e piene di significati positivi. Sono una persona

di fede, questa mia energia quindi voglio che si sprigioni

dalle mie opere, trasmettendo positività a chi le osserva."

Tra qualche giorno daremo il benvenuto al nuovo anno,

mi chiedo quale sarà l'auspicio della Cafarelli. "Mi auguro

che la mia energia positiva possa colorare la città e che

il mio colore possa sommergere le vie di Siena perché ne

ha veramente bisogno. Tutti noi dobbiamo credere nella

nostra città ed essere fieri di farne parte: io sono onorata

nei miei viaggi di dire che sono proprio senese."

Termina così, più che un'intervista una chiacchierata,

l'incontro con Sara Cafarelli e mi rendo conto che anche

io in questo momento vorrei urlare al mondo la felicità

e la positività che è riuscita a trasmettermi. Avanti così.

54

More magazines by this user
Similar magazines