Sequence 63

online.magazines

Ten years of Jones.

TEXT

Matteo Rossato

Nel 2020 Jones Snowboards compie 10 anni. Jeremy Jones

ha aperto la sua azienda nel 2010, il punto più alto dell’era

dello snowboard urbano / jibbing. A quel tempo solo

una manciata di persone sapeva cosa fosse lo splitboard

e la maggior parte degli splitboard disponibili erano fatti

in casa grazie ai kit da split e a delle seghe circolari.

Jeremy non si è mai arreso di fronte alle grandi sfide e

coraggiosamente ha seguito la sua strada. Ora, dieci anni

dopo, il suo impegno e il suo duro lavoro lo hanno ampiamente

ripagato. Jones è ampiamente considerata una

delle aziende di snowboard più lungimiranti e rispettate

al mondo in quanto continua a vincere product awards

ovunque vada e si è già assicurata una fetta in rapida crescita

del mercato dello snowboard.

Quando le aziende stavano cercando di offrire la più

ampia gamma e sperimentando tutte le ultime tendenze

sul camber, Jones si è concentrato sulle attrezzature da

backcountry e ha continuato a lavorare anno dopo anno

per costruire le migliori tavole da freeride del settore. Jones

si è anche impegnato a produrre prodotti sostenibili

sin dall’inizio, poiché ogni modello al debutto nella loro

linea di tavole presentava sidewalls e lamine riciclati e la

Flagship presentava un topsheet in legno impiallacciato.

“Ho aperto Jones Snowboards per sviluppare le tavole all-mountain con le

massime prestazioni possibili sul mercato: tavole da freeride che riflettono

tutto ciò che ho imparato sia sulla neve che in fabbrica. Ogni snowboard

che produciamo nasce dalla mia passione, e i nostri progetti rispecchiano le

esigenze prestazionali del mio riding abbinate alle esigenze ambientali dettate

dalla mia coscienza. Jones Snowboards è un’evoluzione naturale per me. Lo

snowboard non è il mio lavoro, è la mia vita”

Jeremy si è anche assicurato che la sua prima linea di

tavole stabilisse lo standard secondo il quale ogni tavola

che produceva era progettata per uno stile di riding

specifico. La linea del 2010 presentava quattro modelli,

Flagship, Mountain Twin, Hovercraft e Solution, e insieme

coprivano l’intero spettro del backcountry riding.

Durante i primi anni di Jones, Jeremy aveva anche

condiviso la sua visione del futuro dell’esplorazione

backcountry nella leggendaria serie di video Teton Gravity

Research: Deeper, Further, Higher. I video mostravaon

un nuovo capitolo della carriera professionale di

Jeremy mentre abbandonava l’uso di elicotteri e motoslitte

per accedere alle montagne e abbracciava l’ascesa

più “umana” e non dipendente dalle macchine. Non c’è

dubbio che i suoi video e quella stessa ispirazione abbiano

alimentato il fuoco della rivoluzione splitboard.

Nel 2013 Jones Snowboards ha fatto debuttare la sua prima

linea di tavole femminili e la famosa serie Carbon.

La collezione femminile era composta da tre tavole che

riflettevano la stessa costruzione ad alte prestazioni dei

modelli degli uomini, ma su misura per le donne, più

piccole e più leggere. La serie Carbon era rivolta a rider

esperti che richiedevano prestazioni più elevate in un

pacchetto più leggero. Il 2013 segna anche l’ultimo anno

di Jeremy per le riprese della serie Deeper, Further, Higher.

Come gran finale della serie, Jeremy e Luca Pandolfi

- rider italiano delle tavole Jones ed esperto alpinista

- intraprendono una spedizione molto impegnativa in

Nepal. Dopo una dura battaglia combattuta con i ghiacciai

e le montagne, Jeremy raida un’incredibile muro di

spine ad alta quota che chiama Shangri-la. L’avventura di

Jeremy e Luca in Nepal è descritta nel film Higher.

- Jeremy Jones

48°

More magazines by this user
Similar magazines