(Italiano) Il Coronavirus non è un principe (Ne una principessa)

audaciacomunicacion

Coronavirus non è il nome di un principe (o una principessa) è un libro per bambini che ci mette esattamente nella testa di un bambino o una bambina di circa 7 anni.
A suo modo racconta come sta vivendo questi giorni in casa e i suoi sintomi , parla della sua nuova routine , nuove abitudini di pulizia e persino nuove sfide con un premio: lavarsi continuamente le mani mentre canta la sua canzone preferita.
Attraverso la sua immaginazione (e i suoi occhi) ci racconta cosa prova quando applaude fuori dalla finestra o come immagina , nel suo castello ed anche lui senza scuola Coronavirus , questo nuovo essere che è arrivato nelle nostre vite, e di cui tanto parlano i grandi.

Correzioni:

Illustrazioni:

Coronavirus

non è un principe

Un racconto di:

(Ne una principessa)


Qualsiasi forma di produzione, distribuzione, comunicazione pubblica

o trasformazione di questo lavoro può essere effettuata solo con

l’autorizzazione dei suoi autori, ad eccezione di quanto previsto dalla

legge.

Titolo: Il coronavirus non è un principe (ne una principessa)

Autore: Maria Coco Hernando www.mariacoco.es

Illustrazioni e disegno: Sarà Ramírez Sáez www.shine.es

Correzioni: Maria Rodríguez Coco www.mariacoco.org

Traduzione: Rosangela Ricciardi

Tipografía Barrio: Sergio Jiménez y Pablo Cosgaya


Dedicato a

Manu e Tommy

Elisa e Giulia

Perché non è sempre facile spiegare queste cose.

Perché i racconti sono la miglior finestra alla quale

affacciarci per iniziare a viaggiare.

Perché non tutto va come vorremo.

Perché insieme superiamo qualsiasi difficoltà.

Perché ogni giorno che trascorriamo in casa è un giorno in

più per poter continuare ad imparare qualcosa da voi.


Oggi non c’è scuola.

2

Queste settimane sono molto diverse.

Da qualche settimana i grandi parlano di

qualcosa che si chiama coronavirus.


Quando li sento, immagino un

principe o una principessa.

Il coronavirus è molto molto piccolo.

Vive nel suo castello con tutti i suoi amici.

Sicuramente anche lui non

sta andando a scuola.

Potremo vederlo al microscopio?

3


4

Papà riordina nervoso casa, mentre mamma

non smette di lavorare con il computer.

Parla con i medici ed ha un viso stanco.

Forse si sta ammalando.


Chiamiamo anche i nonni e gli

chiediamo di non uscire di casa.

Deve essere molto freddo, anche

se per le strade splende il sole.

5


6

Cerco di immaginarmi come potrebbe

essere il coronavirus.

Sarà un rocker o avrà un completo

pomposo? Alla mia famiglia piace molto la

musica, quindi preferisco sia un rocker.


Dove vivrà per muoversi così in fretta?

La mamma dice che forse ci

incontreremo un giorno.

7


8


Passiamo i giorni in casa.

Giochiamo tanto con mamma e papà.

Facciamo un po’ di esercizio con la console.

Dipingiamo e ritagliamo.

Ridiamo sempre.

9


10

Non abbiamo mai trascorso tutto questo

tempo senza uscire in strada, nonostante

mi piaccia un sacco!

Adesso apriamo le finestre e parliamo con

i vicini dall’altra parte della strada.

Anche loro non escono.


Applaudiamo insieme quando arriva la sera.

Lo facciamo per le persone che

lavorano per farci stare meglio.

Tutto è diverso.

11


12

Ci laviamo spesso le mani, facciamo

la doccia senza fretta, puliamo

casa ed aiutiamo a cucinare.

Facciamo tante cose nuove.




Oggi mi ha iniziato a fare male la

gola ed ho un po’ di febbre.

Non andremo dal dottore.

Papà e mamma dicono che è arrivato il

coronavirus, ma io continuo a non vederlo.

Deve essere davvero molto piccolo.

Lo cercherò con la lente d’ingrandimento!

15


16

Quando starnutisco, mi danno

2 punti se copro la bocca con

la parte interna del gomito.

Se invece mi lavo bene le mani ed

anche tra le dita ne vinco uno in più.

Il premio è fare merenda con la cioccolata!


17


18

Anche i nonni hanno la tosse.

Nemmeno loro escono di casa e chiamano

tutti i giorni il dottore al telefono.

Con loro ci videochiamiamo e ci

raccontiamo delle barzellette.

È divertente!


19


20


Ci vorrà del tempo per tornare a

scuola, ma la mattina facciamo i

compiti che ci assegnano i maestri

e nel pomeriggio giochiamo.

Ci stiamo già abituando.

Adesso mi sento meglio.

21



Finalmente lo hanno trovato!

Al telegiornale dicono che

una donna lo ha visto con il suo

microscopio, quanto è stata fortunata!

Sapevo che era possibile!

Preparerà un vaccino

per far guarire tutti noi.

23


24


Ho fatto un disegno di coronavirus.

Te lo presento.

Ora che ci conosciamo,

impareremo a vivere insieme.

25



Se tutti ascoltiamo e restiamo a

casa, torneremo molto presto

a scuola con i nostri amici.

27


Abbiamo il superpotere

di proteggerci.

Lavarsi le mani e divertente. Facciamo una sfida!

Pensa alla tua canzone preferita e cantala tutta

mentre ti sfreghi bene le mani con il sapone.

Non toccarti la bocca, il naso o gli occhi.

Se lo fai, avrai un punto in meno per la super merenda!

Quando tossisci o starnutisci, copriti con la parte interna del

gomito. Quante altre cose ci hai mai fatto prima? Pensane

almeno tre. Difficile vero?

28


Se hai paura parlane con papà e mamma.

Loro ti capiranno e ti spiegheranno ciò che sta accadendo.

È normale che tu ti senta spaventato.

Possiamo fare mille cose tutto il giorno in casa!

È il momento di aiutare con le pulizie, di imparare ad

allacciarsi i lacci e scoprire qual è la nostra pizza preferita…

Se ti dovesse far male la testa o la gola,

dillo a mamma e papà. Si prenderanno sempre cura di te.

Se ti annoi, prendi un libro, leggilo e fatti

coinvolgere nel racconto.

ANDRÀ TUTTO BENE

29


More magazines by this user