24.03.2020 Views

Un Parco da Re - Edizione 2020

Depliant di presentazione del Parco naturale delle Alpi Marittime e la segnalazione delle nove località assolutamente da visitare!

Depliant di presentazione del Parco naturale delle Alpi Marittime e la segnalazione delle nove località assolutamente da visitare!

SHOW MORE
SHOW LESS
  • No tags were found...

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

l<br />

e<br />

V e<br />

ph: A. Rivelli<br />

01<br />

ph: N. Villani<br />

02<br />

ph: N. Villani<br />

Sella<br />

785<br />

Trinità<br />

M. Moura<br />

1540<br />

P.ta del Bric<br />

692<br />

1223<br />

San Maurizio<br />

Santuario<br />

Sapè Soprano<br />

Madonna del Pino<br />

Begu<strong>da</strong><br />

Cornaletto<br />

Gaiola<br />

636<br />

Fontanelle<br />

Riserva Naturale<br />

Fedio<br />

M. Croce<br />

Grotte di Aisone AISONE<br />

Borgo San Dalmazzo<br />

743<br />

1223<br />

Negozio<br />

Demonte Sant'Anna di Rialpo Moiola<br />

834<br />

Vinadio<br />

Sant'Antonio Aradolo<br />

meraviglie<br />

<strong>Parco</strong><br />

689<br />

780<br />

Forani Perdioni<br />

646<br />

904<br />

Madonna Bruna Roccavione<br />

Pinet<br />

C. delle Piastre<br />

1450<br />

1003<br />

Pratolungo<br />

M. Cucetto<br />

Marittime<br />

943<br />

Festiona<br />

Bergemolo<br />

T.ti Baut C. Pissousa C. Saben<br />

Bergemoletto<br />

1670 1667 Andonno<br />

733<br />

Brignola<br />

C. Trent<br />

Riserva Naturale di<br />

Robilante<br />

2063<br />

T. Bandito<br />

686<br />

Bacino artificiale<br />

Rocca San Giovanni-Saben Riserva Naturale<br />

T. Colletto<br />

di Rio Freddo<br />

Il Chiot<br />

Madonna<br />

1885<br />

del Colletto<br />

VALDIERI<br />

delle Grotte del Bandito<br />

1698<br />

C. Cialancia<br />

T. Massa<br />

Gias Vei<br />

San Giovanni<br />

2420<br />

1835 Sede<br />

Gias Fontanile<br />

San Bernardo<br />

T. dei Fré<br />

M. La Piastra<br />

774<br />

1746<br />

<strong>Parco</strong><br />

Chiotti<br />

Porgia Grande T. Chiappello<br />

Colle dell’Arpione<br />

1366<br />

L. sottano<br />

Desertetto<br />

820<br />

della Valletta<br />

M. Bourel<br />

ROASCHIA<br />

C. di Marchiana 2461<br />

T. Snive<br />

Testa Rimà<br />

M. Merqua<br />

T. Lombardo<br />

San Lorenzo<br />

2602<br />

2506<br />

2148<br />

1746 Gorgia Cagna<br />

2276<br />

M. Vintabren<br />

2718<br />

Biv. Groppo<br />

T. Luiset<br />

T. Rim<br />

Rocce della Scregna<br />

1289<br />

Serra Sariundo<br />

P.so Valletta<br />

Gias Merqua<br />

1850<br />

M.te Casternaud<br />

1453<br />

2667<br />

d<br />

T. Arpetta<br />

Rocca del Chiapous<br />

T. della Colla<br />

Gias del Prato<br />

Negozio T. Babau<br />

L. soprano<br />

L. sottano della Sella<br />

<strong>Parco</strong><br />

Centro Faunistico<br />

T.ta delle Novelle<br />

della Valletta<br />

Ecomuseo<br />

Uomini e Lupi M. Lausa<br />

P.so del Van<br />

T. Goderie<br />

1701<br />

Rif. D. L. Bianco<br />

della Segale<br />

1377<br />

Centro Visita <strong>Parco</strong><br />

1972<br />

2603<br />

01<br />

L. Martel<br />

L. soprano<br />

1910<br />

Sant’Anna di Valdieri<br />

P.ta del Van<br />

Sede <strong>Parco</strong><br />

della Sella<br />

VERNANTE<br />

2055<br />

T. Goderie<br />

Palazzine <strong>Re</strong>ali<br />

ENTRACQUE<br />

799<br />

L. Nero<br />

P.ta della Meris R.ca Arcoulon P.ta Morionera<br />

894<br />

2620<br />

Rif. Al Colle Balur<br />

2641<br />

1397<br />

Rocca della Paur<br />

Centro Visita <strong>Parco</strong><br />

1780<br />

Costa Croce Coltura<br />

2972<br />

Tetti Gaina<br />

L. Aver<br />

L. sottano del Matto<br />

S. Lucia<br />

2744<br />

M. Ray<br />

Bric Martinet<br />

C. del Latous<br />

M. Sapè<br />

1232<br />

2318<br />

Centrale ENEL<br />

1867<br />

C. nord di Valrossa<br />

Rocca di Valmiana<br />

3097<br />

T. Niot<br />

Mostra Ultimi Ghiacci Caire dell’Uia<br />

2909<br />

3006<br />

1459<br />

M. Servatun<br />

Rif. Malinvern<br />

M. Matto<br />

C. del Lausetto<br />

2277<br />

2922<br />

1670<br />

1839<br />

Esterate<br />

2686<br />

C. di Valmiana<br />

Biv. Barbero Gias Vagliotta<br />

L. della<br />

L. inf. di Valrossa<br />

I Doni<br />

L. dellaValletta L. della Paur<br />

Piastra<br />

T. Traversa<br />

M. Bussaia<br />

1847<br />

1280<br />

2451<br />

Centro Visita Biv. Gandolfo<br />

T. d’Ambrin Trinità<br />

2548<br />

C. sud di Valrossa<br />

L. Malinvern<br />

Terme di Valdieri <strong>Parco</strong><br />

C. della Vagliotta<br />

Locan<strong>da</strong><br />

Rocca d’Orel<br />

2800<br />

2797<br />

Ponte Rovina<br />

2850<br />

del Sorriso<br />

2439<br />

2280<br />

Caire di Porcera<br />

Casa Savoia Asta Sottana<br />

M. la Croce<br />

1818<br />

C.to di Valscura<br />

Biv. Costi<br />

Folchi<br />

1957<br />

2306<br />

2520<br />

T. Porcera<br />

Malinvern 03<br />

M. Pianard<br />

Rif. Valasco<br />

2938<br />

Lagarot<br />

di Lourousa<br />

C. dell’Oriol<br />

2021<br />

1764<br />

G. Botanico <strong>Parco</strong> Naturale<br />

09<br />

2943<br />

M. Costassa<br />

Bassa del Druos 02<br />

P.ta Colletto<br />

L. di Valscura Piano del<br />

Valderia<br />

2225<br />

Colle della Garbella<br />

L. di Valcuca<br />

P.ta Stella<br />

Valasco<br />

T. Tanasso<br />

Palanfrè<br />

2566<br />

2235<br />

L. di <strong>Re</strong>vel<br />

Ponte del Suffiet<br />

L. de Terre<br />

Gias delle<br />

Biv. Varrone Rif. Morelli-Buzzi<br />

Rouge<br />

C. di Valcuca<br />

2805<br />

Mosche<br />

2351<br />

Alpi Marittime<br />

2628<br />

Locan<strong>da</strong><br />

C. del Chiapous<br />

M. Aiera<br />

del <strong>Parco</strong><br />

2605<br />

Corno Stella<br />

L. del Claus<br />

M. Barra<br />

2713<br />

Rif. Questa<br />

l’Arbergh<br />

3050<br />

Gias Creusa<br />

2388<br />

2071<br />

L. di Lausa<br />

Colletto<br />

Rif. Bozano<br />

M. Garbella<br />

sottano<br />

2526<br />

di Valasco<br />

2306<br />

2458 05 C. Chiapous<br />

L. delle Portette<br />

2429<br />

Testa di Tablasses<br />

3297<br />

San Giacomo<br />

P.ta del Baus<br />

2851<br />

Tête Mercière<br />

L. della Rovina<br />

2779<br />

Gias Creusa<br />

C. Argentera<br />

di Entracque <strong>Re</strong>ale Casa di Caccia<br />

2491<br />

Gias della Casa<br />

2549<br />

Gias d’Ischietto<br />

soprano<br />

P.so Prefouns<br />

2423<br />

2620 2820<br />

C. della Valletta<br />

M. Colombo<br />

Tête de la Roubine L. Tavels<br />

04<br />

Gias Valera sott.<br />

1535<br />

2261<br />

Tête sud des Bresses<br />

2800<br />

C. delle Giosolette<br />

L. di Fremamorta<br />

La Madre di Dio<br />

Rif. San Giacomo<br />

Gias del Rasur<br />

2214<br />

C. di Nasta<br />

1213<br />

Pointe Giegn<br />

Bacino<br />

P.ta Ciamberline<br />

3108<br />

2888<br />

Rif. <strong>Re</strong>mondino<br />

P.ta Savina<br />

del Chiotas<br />

C. Plisser<br />

2792<br />

2821<br />

2318<br />

L. des Bresses<br />

2430<br />

3067<br />

L. Alberghi Passo del Ciotto Mien<br />

L. Nègre<br />

L. di Nasta<br />

C. di Fremamorta<br />

C. del Baus<br />

M. Carbonè<br />

2731<br />

Rif. Genova-Figari Gias Isterpis<br />

2281<br />

2873 L. Carbonè<br />

L. Scluos<br />

Gias sott.<br />

2010<br />

L. Frisson M. Chiamossero<br />

2615<br />

C. di Brocan<br />

2201<br />

Rif. <strong>Re</strong>g. Elena 1830<br />

Vei del Bouc<br />

2478<br />

Colle di Fremamorta<br />

L. Brocan<br />

Passo della Mena<br />

3054<br />

L. della Roccia L. della Valletta piccola<br />

2637<br />

Legen<strong>da</strong><br />

06<br />

scala 1:100.000<br />

C. Brocan<br />

C. Est di Pagarì<br />

M d’Ischietto<br />

M. Frisson<br />

L. de Frémamorte<br />

2686<br />

2787<br />

2376<br />

Colle del Mercantour<br />

C. dell’Agnello<br />

C. della Valletta piccola<br />

L. Oro<br />

Stra<strong>da</strong> statale<br />

Colle<br />

2927<br />

C. de Salante<br />

2705<br />

2611<br />

Gias della<br />

C. de Rogué<br />

L. Mercantour<br />

L. de l'Agnel<br />

C. di Pantacreus<br />

Culatta Rocca dell’Abisso<br />

2176<br />

S. provinciale<br />

Struttura del <strong>Parco</strong><br />

2550<br />

L. de Baissette<br />

2393<br />

2755<br />

2031<br />

2130<br />

Col de Salèse<br />

Colle di Ciriegia<br />

Rif. Ellena<br />

S. secon<strong>da</strong>ria<br />

Rifugio del <strong>Parco</strong><br />

C. della Siula<br />

L. del Vej del Bouc<br />

M. Becco Rosso<br />

2822<br />

L. Bessons<br />

Soria 1840<br />

2672<br />

2325<br />

C. de Baissette<br />

08<br />

C. del Vei del Bouc<br />

L. de Peirefique<br />

S. sterrata<br />

Rifugio/Posto Pointe des Adustappa<br />

L. des Sagnes<br />

L. del Gelas<br />

2610<br />

L. du Barn<br />

2710<br />

L. della Maura<br />

C. du Sabion<br />

Sentiero<br />

Rif./Bivacco non gestito<br />

<strong>Re</strong>f. de Cougourde<br />

C. des Lauses<br />

2090<br />

Biv. Moncalieri<br />

2328<br />

Baisse<br />

2842<br />

Colle del Sabbione<br />

de Peirafique<br />

2651<br />

<strong>Re</strong>f. des Adus<br />

2768<br />

S. chiusa al traffico Santuario<br />

C. del Lombard<br />

2163<br />

M. Pélago<br />

07<br />

Passo dell’Agnel<br />

Rif. Pagarì<br />

3143<br />

2560<br />

C. de Belletz<br />

L. Gros<br />

2650<br />

S. L. Long ad accesso<br />

Fortificazione<br />

2610<br />

C. du Gelas<br />

L. de l'Agnel<br />

2526<br />

Colle di Finestra<br />

P.so di Pagarì<br />

regolamentato<br />

M. Archas <strong>Re</strong>f. Boreon<br />

2471<br />

2798<br />

L. Petit<br />

L. Long<br />

L. Rond<br />

Stazione sciistica<br />

L. Blanc<br />

3045<br />

L. de Trécolpas<br />

Comune del <strong>Parco</strong><br />

L. Gelé<br />

L. du Boréon<br />

L. Fenestre<br />

Area <strong>Parco</strong><br />

L. Balaour M. Clapier<br />

Comune<br />

L. Vert<br />

2700<br />

<strong>Re</strong>f. de la Valmasque<br />

M. Pétoumier Area ZSC/ZPS Parc National C. de l’Agnellière du Mercantour<br />

2385<br />

Località<br />

2604<br />

<strong>Re</strong>f. de Nice<br />

2235<br />

M. Paracouerte<br />

Alpeggio<br />

L. de la Fous 2232 L. Niré<br />

L. Noir<br />

M. Chajol<br />

C. de Piagu<br />

2566<br />

L. Sainte-Marie<br />

2293<br />

Cima<br />

2338<br />

2532<br />

Tête du BrecSito archeologico<br />

L. des Grenouilles<br />

1903<br />

Cayre de la Madone<br />

Cayre Autier<br />

2676<br />

Casterino<br />

<strong>Re</strong>f. la Madone<br />

L. Du Basto<br />

Con una serrata processione di pozze e cascatelle il Rio della Meris<br />

scende spumeggiante su Sant'Anna di Valdieri. Nasce <strong>da</strong>l Lago sottano<br />

della Sella, il preferito <strong>da</strong> re e regine, all'epoca della loro permanenza<br />

in Valle Gesso, per la pesca alla trota. Alla sommità di una bastionata<br />

di rocce rosse si incontra il suo gemello, l'altrettanto esteso Lago<br />

soprano, mentre ancora più a monte, a ovest verso Rocca la Paur, a sud<br />

in direzione del Monte Matto, emergono due arcipelaghi di pozze e<br />

laghetti.<br />

<strong>Un</strong> mondo di acque unico: in uno spazio ristretto, una ventina di bacini<br />

grandi e piccoli.<br />

Valscura<br />

Antiche vie del sale, sentieri per la transumanza, mulattiere di caccia,<br />

strade militari: un reticolo che si sviluppa per centinaia di chilometri<br />

ricopre il territorio del <strong>Parco</strong>. L'esempio più stupefacente di intervento<br />

dell'uomo lo si incontra percorrendo la rotabile, realizzata <strong>da</strong>gli alpini<br />

agli inizi del Novecento, tra i laghi di Valscura e il Lago del Claus: è il<br />

lungo tratto lastricato che permette di oltrepassare un tormentato<br />

ammasso di blocchi e sfasciumi. <strong>Un</strong>a superficie perfettamente modellata,<br />

integra a un secolo <strong>da</strong>lla sua costruzione.<br />

03<br />

ph: N. Villani<br />

d i R i o F r e d d o<br />

V . n e<br />

0 km<br />

1<br />

V A L L E<br />

2<br />

V . n<br />

3<br />

a<br />

t<br />

e d e l l a V a l l e t<br />

4<br />

d i<br />

V . n e<br />

C o<br />

A i s o n e<br />

o i<br />

s<br />

l c<br />

t e a r p S<br />

d e l V a l a<br />

5<br />

S T U R A<br />

s c o<br />

V . d e Sal è s e<br />

V . B<br />

o r é<br />

V a l l o n e<br />

V . n e d e l l a V a l l e t t a<br />

o n<br />

e l l a<br />

V .<br />

V . n e<br />

M e r<br />

i s<br />

V .<br />

G e s s o d e l l a<br />

d i<br />

ph: N. Villani<br />

L o u r o u s a<br />

V a<br />

l l<br />

t t<br />

e<br />

a<br />

S<br />

t<br />

u r<br />

n e Des e r t e<br />

a<br />

C . s t<br />

a<br />

t t o<br />

d e<br />

l l<br />

’ A<br />

t o<br />

S e r r a d e l L a u s e t<br />

r p<br />

V . d e l l a<br />

a<br />

R o v i n<br />

V . G e s s o<br />

B a r r a<br />

d e l l a<br />

T<br />

b<br />

o m<br />

o<br />

r r e<br />

V . n e M o n c o<br />

n<br />

t<br />

o<br />

e G e s s<br />

V A L L E G E S S O<br />

04 05 06 07<br />

ph: N. Villani<br />

s e t<br />

l B o u s<br />

e d e<br />

l o n<br />

V a l<br />

V .<br />

d e s<br />

e<br />

n<br />

o<br />

V . n<br />

M e<br />

b i<br />

b<br />

S a<br />

l<br />

d e<br />

e<br />

r v<br />

e i l<br />

l<br />

e s<br />

V a<br />

A<br />

V .<br />

l m a s q u e<br />

N<br />

n d e<br />

G r a<br />

E R M E N A G<br />

V<br />

a<br />

L L E<br />

n a g n<br />

r m<br />

A<br />

V<br />

Colletto<br />

del Moro<br />

ph: G. Bernardi ph: A. Rivelli<br />

ph: G. Bernardi<br />

09<br />

Palanfré<br />

08<br />

”<br />

Non prendete nulla,<br />

tranne foto.<br />

Non lasciate nulla,<br />

tranne impronte.<br />

Non portate via nulla,<br />

tranne ricordi.<br />

<strong>Un</strong>a manciata di baite in pietra ai margini di un grande anfiteatro<br />

erboso che si alza verso la Costa di Pianard. Palanfré è montagna<br />

dolce, amica.<br />

Profumi di erbe, e chi e richiami di animali in alpeggio. <strong>Un</strong> bosco di<br />

maestosi faggi secolari protegge <strong>da</strong>lle valanghe la borgata di Palanfré<br />

che, abbandonata negli anni Settanta, <strong>da</strong>l 2002 è tornata a rivivere.<br />

Le due famiglie di allevatori che nella bella stagione fanno pascolare<br />

le loro vacche <strong>da</strong> latte tra Pianard e Frisson <strong>da</strong> quell'anno non sono<br />

più scese a svernare in pianura.<br />

Vei del Bouc<br />

<strong>Un</strong> lago placido, allungato in una conca chiusa a occidente <strong>da</strong> costole<br />

di granito che l’azione dei ghiacciai ha arroton<strong>da</strong>to e scalfito in superficie.<br />

Il toponimo “Vei del Bouc”, “Vecchio del Caprone” nella parlata locale,<br />

è legato a una leggen<strong>da</strong> secondo la quale sul fondo del lago si<br />

troverebbero i resti di un anziano montanaro.<br />

Il Lago del Vei del Bouc è un luogo primordiale.<br />

Frequentato <strong>da</strong>ll’uomo fin <strong>da</strong>i tempi più remoti, come dimostrano le<br />

incisioni rupestri ritrovate ai bordi dello specchio d’acqua, oggi è un<br />

angolo per solitari.<br />

Le strutture del <strong>Parco</strong><br />

Sedi, uffici e centri visita<br />

Valdieri, sede amministrativa<br />

Piazza <strong>Re</strong>gina Elena, 30<br />

tel. +39 0171 976800, fax +39 0171 976815<br />

info@parcoalpimarittime.it, www.parcoalpimarittime.it<br />

Entracque, Sede operativa<br />

Stra<strong>da</strong> Provinciale per San Giacomo, 12<br />

tel. +39 0171 978809, fax +39 0171 978921<br />

Entracque, Centro visita “Uomini e Lupi” e Centro informazioni<br />

Piazza Giustizia e Libertà, 3<br />

tel. +39 0171 978616, fax +39 0171 978637<br />

Entracque, Centro faunistico “Uomini e Lupi”<br />

Stra<strong>da</strong> Prov. per San Giacomo, 3<br />

tel. +39 0171 976850, fax +39 0171 978637<br />

Entracque, Centro informazioni<br />

Enel Green Power“Luigi Einaudi”<br />

Stra<strong>da</strong> prov. per San Giacomo, Località Piastra<br />

tel. +39 0171 978811<br />

S. Anna di Valdieri, Museo della Civiltà della Segale<br />

Via Provinciale, 18<br />

tel. +39 0171 976800 - 347 0008837<br />

Terme di Valdieri, Centro visita e informazioni<br />

Apertura <strong>da</strong> metà giugno a metà settembre<br />

Terme di Valdieri, Giardino botanico “Valderia”<br />

Apertura <strong>da</strong> metà giugno a metà settembre<br />

Vernante, Centro informazioni<br />

SS. 20 del Colle di Ten<strong>da</strong>, 12<br />

tel. +39 0171 920550<br />

Strutture ricettive<br />

Aisone, Taverna delle Grotte<br />

Via Fossà 1/A<br />

tel. +39 0171 976800<br />

Valdieri, “I Bateur” – Osteria e negozio dell’Ecomuseo della Segale<br />

Frazione S. Anna di Valdieri<br />

tel. +39 347 0008837<br />

Vernante, “L’Arbergh” – Rifugio escursionistico<br />

Frazione Palanfré<br />

tel. +39 340 6973954<br />

Sentieri autogui<strong>da</strong>ti<br />

Sentiero naturalistico del Bosco di faggio – Palanfré<br />

Sentiero etnografico La via di Téit – <strong>da</strong> Vernante a Palanfré<br />

Sentiero archeo-naturalistico – <strong>Parco</strong> archeologico Valdieri<br />

Sentiero etnografico Lo Viòl di Tàit<br />

S. Anna di Valdieri, Ecomuseo della Segale<br />

Sentiero arte-natura Valderia<br />

Terme di Valdieri – Giardino botanico Valderia<br />

Come si arriva<br />

Per raggiungere il Sud del Piemonte gli aeroporti più vicini sono quelli<br />

di Torino (aeroportotorino.it) e Nizza (nice.aeroport.fr).<br />

I collegamenti ferroviari (trenitalia.com) permettono di arrivare a Cuneo<br />

con le linee Torino-Cuneo-(Ventimiglia) e Torino-Savona; <strong>da</strong> Cuneo è<br />

attiva la tratta per Vernante-Limone.<br />

Per trasferimenti in bus con partenza <strong>da</strong>lla stazione ferroviaria di Cuneo,<br />

la Nuova Benese / Gran<strong>da</strong> Bus (+39 0171 692929, benese.it) copre la<br />

Valle Gesso (Valdieri-Entracque; corse per le Terme di Valdieri in periodo<br />

estivo) e la Valle Vermenagna (Vernante-Limone), mentre Bus Company<br />

(+39 0171 478811, buscompany.it) serve la Valle Stura (Aisone-Vinadio).<br />

Tutto l’anno è attivo un servizio taxi <strong>da</strong>lla stazione ferroviaria di Cuneo:<br />

Taxi Città di Cuneo (+39 0171 692113), Taxi Audisio Entracque (+39<br />

335 6531024 / 339 5755789)<br />

Con mezzo privato, Borgo San Dalmazzo, su cui convergono le tre valli<br />

che rientrano nel <strong>Parco</strong>, è raggiungibile <strong>da</strong>l casello Cuneo est<br />

dell’Autostra<strong>da</strong> A33 Asti-Cuneo (che si stacca <strong>da</strong>lla A6 Torino-Savona),<br />

percorrendo lungo la Stra<strong>da</strong> Provinciale 21 una distanza di circa 20<br />

km. Da Borgo si prosegue per Vernante (Stra<strong>da</strong> Statale 20, km 12.5),<br />

Valdieri/Entracque (Stra<strong>da</strong> Provinciale 22, km 10.5/15.5), Aisone (Stra<strong>da</strong><br />

Statale 21, km 24).<br />

Per raggiungere Borgo San Dalmazzo <strong>da</strong> Riviera ligure e Costa Azzurra<br />

si può utilizzare la Statale del Colle di Ten<strong>da</strong>, <strong>da</strong>lla Provenza la Statale<br />

del Colle della Mad<strong>da</strong>lena.<br />

Savigliano<br />

Fossano<br />

TORINO<br />

Valasco<br />

<strong>Un</strong> grande pianoro pascolivo, il fondo di un lago trasformatosi nei<br />

millenni in una distesa verdeggiante al centro di un catino di rocce<br />

rotte, scivoli di pietra, cime innevate. Il cuore del <strong>Parco</strong>. Qui Vittorio<br />

Emanuele II fece costruire a metà Ottocento una casa di caccia, singolare<br />

“fortino” a pianta quadrata con torri merlate.<br />

Animali al pascolo, fischi di marmotte, acque pigre, radi larici persi nella<br />

prateria: il Valasco è un'oasi di pace che, come per magia, si apre al<br />

fondo di un vallone impervio, scavato negli aspri fianchi del Monte<br />

Matto e delle Rocche di San Giovanni.<br />

Fremamorta<br />

La “fremo”, in lingua franco-provenzale, è la donna.<br />

Che ci sia un'antica tragedia alpina all'origine di un toponimo che<br />

suona come “donna morta”? Chissà… Carico di suggestioni, il termine<br />

Fremamorta poco si a<strong>da</strong>tta all'identità di luoghi per nulla sinistri: un<br />

ampio colle che dà comodo accesso al versante francese, cinque piccoli<br />

laghi, uno più bello dell'altro, allineati al fondo di una conca sospesa<br />

ai bordi del Vallone della Valletta.<br />

Spettacolare il colpo d'occhio che a oriente si apre sulla sequenza di<br />

cime che va <strong>da</strong>l Gelas di Lourousa al Brocan.<br />

Argentera<br />

Nelle Alpi del Sud non esiste scenario che possa essere paragonato per<br />

maestosità e imponenza a quello offerto <strong>da</strong>l versante occidentale<br />

della Serra dell'Argentera.<br />

<strong>Un</strong>a mezza corona di montagne, frastagliata ai lati, laddove corrono le<br />

creste della Madre di Dio e della Catena delle Guide, soli<strong>da</strong> e compatta<br />

al centro, dove si alza per oltre ottocento metri la barriera granitica che<br />

culmina con le cime nord e sud dell'Argentera.<br />

Al bordo settentrionale della Serra emerge l’inconfondibile sagoma del<br />

Corno Stella, montagna simbolo dell'alpinismo in Marittime.<br />

Fenestrelle<br />

Il profilo delle cime innevate del Gruppo del Gelas si riflette nelle acque<br />

immobili di una pozza d’acqua che in primavera si forma poco al di<br />

sotto del Colle di Fenestrelle.<br />

Fenestrelle è un eccezionale balcone panoramico: a meridione la<br />

vista spazia sul Gelas e sui suoi ghiacciai; sul lato opposto, in direzione<br />

nord-ovest, compare la massiccia sagoma dell’Argentera, che con il<br />

suo versante orientale domina il bacino artificiale del Chiotas.<br />

Vecchi maschi di stambecco pascolano in prossimità del passo per<br />

buona parte dell’anno.<br />

Maledia<br />

All’alba la parete nord-est della Cima della Maledia prende fuoco, e i<br />

bagliori delle fiamme si riflettono sulla superficie del sottostante<br />

Ghiacciaio di Pagarì. <strong>Un</strong>'immagine intensa quanto effimera, <strong>da</strong> cogliere<br />

al volo.<br />

L’ambiente, l’atmosfera, sono quelli tipici dell’alta montagna: ghiaccio<br />

e roccia, pendii ricoperti di nevi perenni e muraglie di pietra alte fino<br />

a quattrocento metri. Torre d’osservazione su questo mondo minerale<br />

è il rifugio Pagarì che, a dispetto della quota, 2650 metri, offre una<br />

accoglienza quanto mai cal<strong>da</strong>.<br />

CUNEO<br />

<strong>Parco</strong> Naturale<br />

Alpi Marittime<br />

Parc National<br />

Mercantour<br />

<strong>Parco</strong> Naturale<br />

Marguareis<br />

COLLE DI TENDA<br />

VENTIMIGLIA<br />

Mondovì<br />

NIZZA<br />

IMPERIA<br />

GENOVA<br />

Albenga<br />

Savona


design&cartografia www.diegovia<strong>da</strong>.com e www.areagrafica.it – stampa Jollygraph, Villanova Mondovì – 02_<strong>2020</strong><br />

LE AREE PROTETTE DELLE ALPI MARITTIME<br />

L’Ente di Gestione delle Aree Protette delle Alpi Marittime, creato <strong>da</strong>lla <strong>Re</strong>gione<br />

Piemonte nel 2016, coordina le attività di due Parchi e otto Riserve naturali,<br />

che nell’insieme occupano una superficie di circa 40.000 ettari all’interno di<br />

diciassette Comuni. Ne fanno parte:<br />

<strong>Parco</strong> naturale Alpi Marittime<br />

Comuni: Aisone, Entracque, Roaschia, Valdieri,<br />

Vernante<br />

Superficie totale: 28.360 ettari<br />

<strong>Parco</strong> naturale Marguareis<br />

Comuni: Briga Alta, Chiusa Pesio, Ormea<br />

Superficie totale: 7.833 ettari<br />

Riserva naturale Benevagienna<br />

Comuni: Benevagienna<br />

Superficie totale: 438 ettari<br />

Riserva naturale Ciciu del Villar<br />

Comuni: Villar San Costanzo<br />

Superficie totale: 61 ettari<br />

Riserva naturale Crava – Morozzo<br />

Comuni: Mondovì, Morozzo, Rocca de’ Baldi<br />

Superficie totale: 292 ettari<br />

Aree Protette<br />

Alpi Marittime<br />

Ente di gestione Aree Protette<br />

delle Alpi Marittime<br />

tel. +39 0171 976800<br />

fax +39 0171 976815<br />

info@parcoalpimarittime.it<br />

www.areeprotettealpimarittime.it<br />

www.parcoalpimarittime.it<br />

Riserva Naturale<br />

Ciciu del Villar<br />

CUNEO<br />

Fossano<br />

Riserva Naturale<br />

Crava-Morozzo<br />

Riserva naturale Grotte di Aisone<br />

Comuni: Aisone<br />

Superficie totale: 26 ettari<br />

Riserva naturale Grotte del Bandito<br />

Comuni: Roaschia<br />

Superficie totale: 9 ettari<br />

Riserva naturale Grotte di Bossea<br />

Comuni: Frabosa Soprana<br />

Superficie totale: 613 ettari<br />

Riserva naturale Sorgenti del Belbo<br />

Comuni: Camerana, Montezemolo, Saliceto<br />

Superficie totale: 447 ettari<br />

Riserva nat. Rocca San Giovanni – Saben<br />

Comuni: Valdieri<br />

Superficie totale: 233 ettari<br />

Sede legale di Valdieri<br />

Piazza <strong>Re</strong>gina Elena 30<br />

12010 – Valdieri – Cuneo<br />

Sede operativa di Entracque<br />

Stra<strong>da</strong> Provinciale per San Giacomo 12<br />

12010 – Entracque – Cuneo<br />

Sede operativa di Chiusa di Pesio<br />

Via Sant’Anna 34<br />

12013 – Chiusa di Pesio – Cuneo<br />

TORINO<br />

Riserva Naturale<br />

speciale Benevagienna<br />

Riserva Naturale<br />

Sorgenti del Belbo<br />

La bellezza di queste montagne, l’abbon<strong>da</strong>nza<br />

di camosci, di trote e di una splendi<strong>da</strong><br />

e rigogliosa vegetazione colpirono con forza<br />

<strong>Re</strong> Vittorio Emanuele II, quando nel 1855 visitò<br />

la Valle Gesso.<br />

le palazzine<br />

di caccia<br />

Il suo apprezzamento non passò inosservato, e i sin<strong>da</strong>ci<br />

dei comuni dell’alta valle, ben conoscendo la sua passione<br />

venatoria e i vantaggi che sarebbero derivati <strong>da</strong> una<br />

presenza estiva in zona della famiglia reale, stabilirono di<br />

cedere al re i diritti di caccia e di pesca su gran parte del<br />

loro territorio. Nacque così la Riserva <strong>Re</strong>ale di caccia.<br />

Oltre ottanta laghi, alcuni incastonati nelle<br />

rocce, altri lambiti <strong>da</strong>lle praterie, caratterizzano<br />

il paesaggio d’alta quota del <strong>Parco</strong>.<br />

laghi<br />

e ghiacciai<br />

Ognuno di questi specchi d’acqua, in cui si riflettono le<br />

cime circostanti, ha un suo fascino, una sua peculiarità per<br />

forma, dimensione, colore. Ce ne sono di piccolissimi e<br />

sperduti, come quelli di Valcuca e della Maledia, e di<br />

grandi e profondi: i laghi Sella, delle Portette, di Valscura,<br />

della Valletta.<br />

Ce ne sono anche, e la loro è storia recentissima poiché<br />

risale alla fine degli anni Sessanta, di artificiali: i grandi<br />

bacini della Piastra e del Chiotas, creati per la produzione<br />

di energia elettrica.<br />

Di alcuni si traman<strong>da</strong>no affascinanti leggende, come quella<br />

legata al Lago del Vei del Bouc, sopra San Giacomo di<br />

Entracque.<br />

L'area delle Alpi Marittime<br />

è famosa in tutto il mondo<br />

per la sua ricchezza botanica.<br />

Complessivamente viene stimata la presenza di 1500<br />

specie, un patrimonio pari a un terzo di quello della intera<br />

penisola.<br />

La famiglia delle Orchideacee, ad esempio, di cui fanno<br />

parte alcuni dei fiori più spettacolari che si trovano in<br />

natura, nel solo territorio del <strong>Parco</strong> può contare su oltre<br />

40 delle 121 specie di orchidee censite in Italia.<br />

Le peculiarità delle Marittime in ambito botanico si spiegano<br />

con la loro posizione geografica, di raccordo tra i sistemi<br />

montuosi di Piemonte, Liguria e Provenza; collegate<br />

geologicamente, in tempi remoti, con distretti anche molto<br />

lontani (Pirenei, Corsica, Balcani) rivelano ancor oggi con<br />

queste aree sorprendenti affinità floristiche. A rendere vario<br />

il clima e di conseguenza la flora contribuiscono la vicinanza<br />

del mare e l’esistenza di numerose cime oltre i 3000 metri<br />

di quota, tra cui spicca l’Argentera, che con i suoi 3297<br />

metri rappresenta il tetto delle Marittime.<br />

Queste condizioni favoriscono la presenza non solo di un<br />

elevato numero di specie, ma anche di numerosi endemismi,<br />

cioè di piante che crescono esclusivamente in una certa<br />

area. Della trentina di endemismi delle Marittime, il più<br />

noto è la sassifraga florulenta: <strong>da</strong>lla rosetta di foglie<br />

basali, dopo una trentina d’anni emerge una lunga<br />

infiorescenza a pannocchia di color rosa tenue; dopo la<br />

fioritura, la pianta muore.<br />

Per facilitare la conoscenza della flora e della vegetazione<br />

del parco, alle Terme di Valdieri, è stato allestito il giardino<br />

botanico Valderia, in un area che già a metà Ottocento<br />

ospitava il cosiddetto “giardino degli inglesi”.<br />

Poche aree protette possono vantare una<br />

presenza di animali paragonabile a quella<br />

del <strong>Parco</strong> delle Alpi Marittime.<br />

La specie più facilmente osservabile, soprattutto al mattino<br />

presto e alla sera, è il camoscio.<br />

Il popolamento di questo animale, che può contare su circa<br />

4500 esemplari, se considerato in rapporto alla superficie<br />

è uno dei più consistenti delle Alpi. Lo stambecco,<br />

reintrodotto per volere di Vittorio Emanuele III negli anni<br />

Venti, <strong>da</strong>lla ventina di capi provenienti <strong>da</strong>l Gran Paradiso<br />

è passato a circa 800 esemplari, che possono essere<br />

ammirati <strong>da</strong> distanza ravvicinata soprattutto in periodo<br />

primaverile. Altri ungulati presenti nel <strong>Parco</strong> sono il cervo,<br />

il capriolo, il cinghiale, animali più schivi e difficili <strong>da</strong><br />

osservare anche per il tipo di ambiente che abitualmente<br />

frequentano: il bosco.<br />

Sono decine e decine i chilometri di strade<br />

militari, mulattiere e sentieri che risalgono i<br />

valloni del <strong>Parco</strong>.<br />

i fiori gli animali un paradiso per<br />

l’escursionista<br />

Molte mulattiere, oggi percorsi “classici” dell’escursionismo,<br />

vennero costruite per raggiungere le imposte di caccia,<br />

dove il re e il suo seguito si appostavano in attesa di veder<br />

comparire i camosci, sospinti verso i punti prestabiliti <strong>da</strong><br />

una schiera di 200-300 battitori.<br />

Prima della secon<strong>da</strong> guerra mondiale l’Italia fortifica le<br />

montagne al confine con la Francia.<br />

Riserva Naturale<br />

Grotte di Aisone<br />

Riserva Naturale<br />

Rocca San Giovanni-Saben<br />

Riserva Naturale<br />

Grotte del Bandito<br />

<strong>Parco</strong> Naturale<br />

Alpi Marittime<br />

COLLE DI TENDA<br />

<strong>Parco</strong> Naturale<br />

Marguareis<br />

Mondovì<br />

Riserva Naturale<br />

Grotte di Bossea<br />

NIZZA<br />

GENOVA<br />

Savona<br />

<strong>Parco</strong> naturale<br />

Alpi Marittime<br />

sui sentieri del <strong>Re</strong><br />

Alpi<br />

Marittime<br />

Casa Savoia edificò, tra il 1865 e il 1870, la residenza<br />

estiva a Sant’Anna di Valdieri, le palazzine di caccia a<br />

San Giacomo di Entracque e al Piano del Valasco. Alle<br />

Terme vennero costruiti quattro chalet “di foggia svizzera”,<br />

uno dei quali ancor oggi viene detto “Casa della Bela<br />

Rosin”, in ricordo di Rosa Vercellana, la popolana <strong>da</strong> cui<br />

Vittorio Emanuele Il ebbe due figli.<br />

La presenza dei reali fece diventare la valle, per un lungo<br />

periodo, meta privilegiata di molti politici, nobili e sovrani<br />

d’Europa, ed ebbe un’influenza positiva sull’economia della<br />

zona, poiché le famiglie dei guardiacaccia potevano<br />

contare su un lavoro sicuro e numerosi altri valligiani,<br />

impiegati stagionalmente nelle battute di caccia, nella<br />

manutenzione dei sentieri, nei lavori di cucina e pulizia,<br />

integravano così i loro poveri gua<strong>da</strong>gni. Ancora oggi tra<br />

gli anziani il ricordo dei reali è molto vivo, ed è legato<br />

soprattutto alla regina Elena, moglie di Vittorio Emanuele<br />

III, che nelle sue permanenze amava dedicarsi alla pesca<br />

nei torrenti e nel Lago sottano della Sella.<br />

Fino alla metà del Novecento, nelle Alpi Marittime <strong>da</strong>lla segale si ricavavano<br />

pane, paglia per la lettiera degli animali e coperture dei tetti. Il prezioso<br />

cereale era la base di una vera e propria “civiltà della segale”, ormai scomparsa,<br />

cui è dedicato l’Ecomuseo della Segale: una rete di strutture, attività ed<br />

eventi distribuiti sul territorio, che coinvolge le comunità dell’alta Valle Gesso,<br />

con particolare riferimento ai tre nuclei (Andonno, Sant’Anna di Valdieri,<br />

Valdieri) del Comune di Valdieri.<br />

Anno dopo anno, il tessuto ecomuseale si è fatto più ampio e più ricco, di<br />

strutture e di esperienze. Dire Ecomuseo oggi vuol dire forno comunitario,<br />

nuovi tetti in paglia, Museo della Civiltà della Segale, negozio I Bateur, ma<br />

anche feste della Segale e della Lavan<strong>da</strong>, Carnevale Alpino dell’Orso, laboratori<br />

di panificazione, appuntamenti serali con musica e cultura alpine: una storia<br />

in movimento e in continua evoluzione.<br />

All’osservatore più attento non potrà sfuggire l’origine<br />

glaciale comune alla maggior parte dei laghi del <strong>Parco</strong>.<br />

I ghiacciai delle Marittime, che nel corso delle glaciazioni<br />

ebbero un ruolo fon<strong>da</strong>mentale nel modellamento del<br />

territorio e che oggi rischiano per i mutamenti del clima<br />

di scomparire, sono indicati come i più meridionali dell’arco<br />

alpino: Monaco, località con le maggiori temperature medie<br />

della Costa Azzurra, si trova in linea d’aria a soli 45<br />

chilometri.<br />

In copertina: l'Argentera al tramonto <strong>da</strong>i laghi di Fremamorta (N. Villani)<br />

Il <strong>Re</strong> a caccia nella Riserva reale di Valdieri-Entracque (Arch. APAM).<br />

La Palazzina di caccia del Valasco in una foto di fine ‘800 (Arch.<br />

G. Ferrero). Il Ghiacciaio del Clapier (G. Bernardi). Il Lago del<br />

Claus (Arch. APAM). Sassifraga florulenta (A. Rivelli / Arch. APAM).<br />

Nigritella (Arch. APAM). <strong>Re</strong>gina delle Alpi (Arch. APAM).<br />

Camoscio (E. Piacenza / Arch. APAM). Marmotta (A. Rivelli / Arch.<br />

APAM). Maschio di stambecco (A. Rivelli / Arch. APAM).<br />

Fagiano di monte (Arch. APAM). Arrivo al rifugio del Valasco (Arch.<br />

APAM). Sosta al Colle di Fenestrelle (N. Villani). In discesa <strong>da</strong>l<br />

Passo dei Ghiacciai (N. Villani).<br />

Il giardino botanico Valderia si trova a Terme di Valdieri 1370 m, in alta Valle<br />

Gesso, nel cuore delle Alpi Marittime. Deve il suo nome alla Viola valderia,<br />

un endemismo scoperto nel 1780 <strong>da</strong>l botanico Carlo Allioni sul greto del<br />

torrente che lambisce il giardino.<br />

Il giardino ospita circa 500 specie distribuite in quattordici ambienti,<br />

rappresentativi dei principali ecosistemi delle Alpi Marittime: <strong>da</strong>lle roccere<br />

calcaree all'abetina mista, passando per il ruscello, il lariceto, la torbiera e<br />

il giàs. Questa impostazione rende como<strong>da</strong>mente osservabili specie che in<br />

natura si potrebbero incontrare soltanto dopo ore di cammino, e offre anche<br />

un quadro chiaro e comprensibile dell'intero "mondo vegetale" delle Alpi<br />

Marittime. Alla scoperta delle caratteristiche di ogni singolo fiore, si unisce<br />

così il piacere di cogliere i legami fra le diverse specie botaniche nonché fra<br />

le piante stesse e ciò che le circon<strong>da</strong>.<br />

Per i suoi caratteristici fischi, le posizioni che assume sulle<br />

rocce, il correre goffo ma agile, la marmotta è uno degli<br />

animali che maggiormente sanno attirarsi le simpatie dei<br />

visitatori, soprattutto dei più piccoli. L’avifauna,<br />

estremamente ricca e diversificata, comprende quasi tutte<br />

le specie tipiche dell’arco alpino occidentale, <strong>da</strong>l gallo<br />

forcello alla pernice bianca, e un gran numero di<br />

migratori. Nel <strong>Parco</strong> vivono dieci coppie di aquila reale<br />

e sono presenti molte altre specie di rapaci, tra cui il gipeto,<br />

che è ricomparso di recente nelle Alpi Marittime grazie a<br />

un progetto europeo di reintroduzione. Spontaneo è stato<br />

invece il ritorno di un pre<strong>da</strong>tore sottoposto per secoli a<br />

terribili persecuzioni, il lupo.<br />

Il Centro faunistico Uomini e Lupi offre al visitatore l’opportunità di<br />

approfondire la conoscenza del lupo e del suo comportamento.<br />

Comprende un recinto di circa otto ettari al cui interno sono ospitati alcuni<br />

esemplari di Canis lupus italicus. Si tratta esclusivamente di animali che<br />

non potrebbero vivere in libertà: o perché vittima di gravi incidenti, o in<br />

quanto già nati in condizioni di cattività.<br />

Al centro dell’area si alza una torretta di tre piani <strong>da</strong> cui è possibile osservare<br />

– evento per altro non scontato – gli esemplari ospiti dell’area.<br />

Alla torretta si giunge attraverso un tunnel al cui interno si sno<strong>da</strong> un percorso di<br />

visita che presenta il lupo <strong>da</strong>l punto di vista naturalistico. Insieme al recinto e al<br />

tunnel in località Casermette, presso la sede operativa delle Aree Protette delle<br />

Alpi Marittime, il Centro comprende un secondo spazio espositivo con allestimenti<br />

multimediali nel paese di Entracque, dedicato al rapporto uomo-lupo.<br />

Le valli delle Marittime diventano un gigantesco cantiere.<br />

Le antiche “strade del sale”, tracciate per i commerci<br />

con l’altro versante della catena alpina e la costa del<br />

Nizzardo, diventano le direttrici per collegare i fondivalle<br />

con le caserme e i bunker costruiti nelle vicinanze dei<br />

valichi.<br />

Di questo tragico periodo ci è rimasta la testimonianza<br />

straordinaria di una rete estesissima di sentieri e strade<br />

militari, in molti tratti lastricate, sopraelevate, intagliate nella<br />

roccia, che rappresentano un vero gioiello architettonico.<br />

L’esempio più significativo è senza dubbio la ex carrozzabile<br />

che <strong>da</strong>l Piano del Valasco raggiunge, con un tratto in galleria,<br />

il Lago inferiore di Valscura e prosegue quindi verso il Lago<br />

delle Portette e la zona di Fremamorta.<br />

La rete Natura 2000<br />

Natura 2000 è il principale strumento della politica dell'<strong>Un</strong>ione<br />

Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta di<br />

una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell'<strong>Un</strong>ione,<br />

istituita ai sensi della Direttiva 92/43/CEE "Habitat" per garantire<br />

il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle<br />

specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario.<br />

La rete Natura 2000 è costituita <strong>da</strong>i Siti di Interesse<br />

Comunitario (SIC), identificati <strong>da</strong>gli Stati Membri secondo<br />

quanto stabilito <strong>da</strong>lla Direttiva Habitat, che vengono<br />

successivamente designati quali Zone Speciali di<br />

Conservazione (ZSC), e comprende anche le Zone di<br />

Protezione Speciale (ZPS) istituite ai sensi della Direttiva<br />

2009/147/CE "Uccelli" concernente la conservazione degli<br />

uccelli selvatici.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!