Religion Today 2019 Catalogo

calakes

Religion Today 2019 Catalogo

1


2

3



INDICE

TABLE OF CONTENTS

Saluto del Presidente Greeting from the President

Saluto del Direttore Greeting from the Director

Manifesto ufficiale Official poster

La squadra Our team

GIURIE, PREMI e NOMINATIONS

JURIES, AWARDS and NOMINATIONS

Giuria internazionale

International jury

Nomination della giuria internazionale

International jury nominations

Nomination per i premi speciali

Special awards nominations

IN CONCORSO COMPETITION

FILM A SOGGETTO FEATURE FILMS

DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

EVENTI EVENTS

Opening talk

Mostre fotografiche Photography exhibitions

Libri Books

Musica Music

Danza Dance

p.6

8

12

13

15

19

21

24

30

44

61

62

64

64

65

Ringraziamenti, enti e sponsor

Acknowledgements, partners and sponsors

Indice dei film Film’s index

66

71



Saluto del Presidente

Greeting from the President

Quest’anno Religion Today mette in primo piano la missione come

spinta, chiamata e forza motrice di un’esistenza piena. Parliamo di

missione come chiamata personale ma anche come relazione con gli altri:

non l’imposizione del nostro io, ma come condivisione di ciò che ci spinge

a portare luce nel mondo. Missione come dialogo, dialogo come missione.

Proprio seguendo la relazione simbiotica fra missione e dialogo, i film

che vi presentiamo quest’anno raccontano la missione nelle tradizioni

religiose e culturali in modi diversi e sempre ricchi di intensità. Ad ogni

giornata di proiezioni abbiamo assegnato una tematica per fare sì che

il pubblico possa interagire con la sfera più ampia di missione in modo

multidimensionale, interattivo e attuale.

Il silenzio di missione, identità e missione, padre, scelte difficili, missione dialogo, missione come

vocazione, diritti, guerra e pace. Attraverso questi temi, la grande varietà di film in concorso e i

tanti eventi paralleli renderanno Trento un centro di scambio, dialogo e incontro in cui ognuno

potrà avere l’opportunità di vedere la missione come una forza motrice nella propria vita. Perché

la missione è movimento e scopo: con uno scopo, il movimento incessante da un punto all’altro

diventa il fuoco che arde senza bruciare, che meraviglia e risponde alla chiamata di Dio.

La nostra natura di festival itinerante continua, con l’auspicio di poter vedere sempre più opere

cinematografiche che esplorino il dialogo interreligioso in maniere innovative, che possano riflettere

l’importanza di esplorare percorsi di convivenza e combattere le narrative imposte da chi vuole

contestualizzare la religione come divisione. È la nostra missione come Religion Today e come

essere umani che guardano l’alto, e l’altro, con la speranza e meraviglia di Dio.

This year, Religion Today focuses on the idea of mission as a push, a call and a driving force for

a full existence. We talk about mission as a personal call, but also as a relation with others. It is

not the imposition of oneself; rather, it means sharing what pushes us to bring light in the world.

Mission as dialogue, dialogue as mission.

Following the symbiotic interrelation between mission and dialogue, the films we present this year

talk about mission within religious and cultural traditions in ways that are diverse and always full

of intensity. Every day will have a specific theme to allow the public to engage with the wider sphere

of mission in a multidimensional, interactive and contemporary. The silence of missions, identity

and mission, Fathers, difficult choices, mission dialogue, mission as vocation, rights, war and

peace. Through these themes, the great variety of films competing this year, and the many parallel

events, will make Trento a hub of exchange, dialogue and encounter. Within this, each person will

have the opportunity to see the mission as a driving force in their very own life. Because mission is

movement and purpose: with a purpose, the unstoppable movement from one point to the other

becomes the fire that blazes without burning, that mervels and responds to God’s call.

Our nature as a wandering festival continues. Our dream for the future is to see many more films

that explore interreligious dialogues in innovative ways that can reflect the importance of exploring

paths of coexistence and fight those narratives imposed by those who want to contextualise religion

as division. This is our mission as Religion Today and as human beings who look up to Heaven,

and to the Other, with God’s hope and wonder.

Alberto Beltrami

Alberto Beltrami

6

7



Saluto del Direttore

«Se sei nel giusto hai già la benedizione di Dio, se sei nell’errore

la mia benedizione non servirà a niente. Se è la forza che

determina il diritto, allora non c’è posto per l’amore in questo

mondo.»

Dal film Mission, Roland Joffé, 1986.

L’obiettivo della XXII edizione sarà quello di favorire una conoscenza

consapevole e non retorica delle religioni declinate nel tema della

missione, presente in numerose religioni, invitando il pubblico a mettersi

in relazione con l’attualità e i grandi cambiamenti in corso a tutte le

latitudini nelle nostre società, tra vecchi e nuovi conflitti, inarrestabili

movimenti di popoli, tendenze globalizzanti e rivendicazioni identitarie,

dove il lavoro e l’esperienza dei missionari diventano tasselli

imprescindibili per comprendere la società attuale e il pluralismo

religioso che la caratterizza.

Sono due le ragioni che hanno accompagnato questa scelta, la prima è la sensibile decisione di

Papa Francesco di indire questo ottobre il Mese Straordinario Missionario, rimettendo il tema

della missione ed i tanti missionari impegnati sulle rotte del mondo al centro della vita sociale

e culturale della Chiesa. La seconda è che la nostra terra, il Trentino, ha dato i natali a molti

missionari, circa uno ogni duemila abitanti, che operano tutt’oggi con impegno e amore nel

mondo. Sono 204 oggi, infaticabili testimoni di altruismo, fede e coraggio.

Il Festival avrà inizio il 2 ottobre, una data non casuale, che coincide con l’anniversario dei

150 anni dalla nascita di Mahatma Gandhi: che incarna la scelta di fare della propria vita

una Missione, nel suo caso, promuovere la libertà della terra natale dal giogo del colonialismo

britannico e renderla una terra libera, dove le differenti religioni, espressioni di un popolo

multietnico, potessero vivere in pace nel seno della non violenza. Come ci insegnano le “Donne di

fede per la pace” che in alcuni eventi collaterali accompagneranno la manifestazione spiegando il

loro cammino di amicizia, pace e fratellanza.

La XXII sarà un’edizione dedicata allo scoperta dell’altro, all’incontro, alla conoscenza, ma

soprattutto alla rimozione dei pregiudizi e delle paure: una vera e propria festa delle diversità

intesa come ricchezza ed opportunità.

Giurati internazionali, registi e missionari da ogni angolo del mondo, oltre 1700 film iscritti al

concorso, 62 pellicole proiettate durante la settimana di manifestazione, 34 paesi di provenienza:

questi i numeri che confermano il ruolo crescente che riveste il Religion Today Film Festival nel

panorama internazionale dei festival spirituali. Una selezione di pellicole pluripremiate e ghiotte

anteprime internazionali, che permetteranno al pubblico trentino e agli studenti di scuola e

università di avvicinarsi al cinema spirituale con curiosità e interesse.

Andrea Morghen

A rendere il Religion Today un’esperienza unica di condivisione, scoperta e confronto saranno loro,

i missionari trentini, che vogliamo protagonisti di questa edizione. Saranno presenti durante le

proiezioni, nelle scuole, alla presentazione dei libri, dove potranno incontrare i cittadini e i giovani,

raccontare, ascoltare e riflettere insieme sulle loro terre di missioni e sulle appartenenze religiose

con le quali si confrontano quotidianamente. Ogni mattina potremo incontrarli alla sede della

Caritro per cominciare la giornata con la carica del caffè e l’energia delle loro testimonianze.

8

9



Greeting from the Director

«If you’re right, you’ll have God’s blessing. If you’re wrong, my blessing won’t mean

anything. If might is right, then love has no place in the world.»

From The Mission (1986), by Roland Joffé.

The aim of the 22nd edition is to favour an aware and non-rhetorical understanding of religions

within the sphere of mission, an idea present in many religions. We want to invite the public to

relate to today’s world and the big changes happening to all latitudes of our societies. Old and new

conflicts, relentless movements of peoples, globalising tendencies and rivendications of identities. In

this, the experience and the work of missionaries become vital pieces to understand today’s society

and the religious pluralism that characterizes it.

There are two reasons for this choice. Firstly, Pope Francis’ decision to hold an Extraordinary

Missionary Month in October. This places the theme of mission, and the many missionaries

committed around the world, at the centre of the social and cultural life of the Church. Secondly,

our land, Trentino, is the birthplace of many missionaries (around one per 2000 inhabitants) who

continue to work globally with commitment and love. Today, they are 204, unstoppable witnesses

of solidarity, faith and courage.

They will be the ones to make Religion Today a unique experience of sharing and discovery. We

want them to be the protagonists of this edition. They will be present during the screenings, in

schools, and at the many book presentations. They will be able to meet people and youngsters,

to tell stories, listen and reflect together on the lands where they operate and on the different

religious experiences with whom they relate on a daily basis. Every morning, we will be able to

meet them at Caritro’s main see to start the day with the charge of coffee and their testimonies.

The Festival will start on the 2nd of October. This is not a random date: it coincides with the

150th anniversary of Gandhi’s birth. He embodies the choice of making a Mission of one’s

own life. In his case, the mission was to promote the freedom of his country from colonialism, to

make it a free land, where different religions, expressions of a multiethnic population, could live

together peacefully within a narrative of nonviolence. Similarly, the Women of Faith for Peace will

accompany the festival in parallel events explaining their path of friendship, peace and sisterhood.

This edition will be dedicated to discovering, encountering and knowing the other; but mostly to

removing prejudice and fears. It will be a real celebration of diversity understood as richness and

opportunity.

International jury members, filmmakers and missionaries from all around the world. Over

1700 submissions, 62 films screened throughout the week, from 34 countries. These are the

numbers that prove the growing role Religion Today plays in the international scene of spiritual

film festivals. We will host a selection of award-winning films and exciting international premiers,

which will allow the public from Trentino and students from schools and universities to get closer to

spiritual cinema with curiosity and interest.

Andrea Morghen

10

11



Manifesto ufficiale

Official poster

La squadra

Our team

Illustrazione di Illustration by Chiara Abastanotti e and Luigi Filippelli

Design di by Lorenzo Fantetti

Presidente President

Alberto Beltrami

Direttore Director

Andrea Morghen

Coordinatrice Coordinator

Olha Vozna

Ufficio stampa Press

Federico Uez

Responsabile accoglienza

Welcome supervisor

Tatiana Brusco

Sarah Maule

Manuela Rossi

Commissione di selezione

Selection committee

Alberto Beltrami

Matteo Campestrini

Lia Giovanazzi

Katia Malatesta

Andrea Morghen

Simone Semprini

Olha Vozna

Sottotitoli Subtitles

Matteo Campestrin

Simone Semprini

Michele Lechner

Catalogo Catalogue

Marianna Beltrami

Responsabile social media

Social media supervisor

Simone Lorenzoni

Produzioni video Video productions

Sabrina Santorum

Assistente spirituale Spiritual advisor

Lia Giovanazzi Beltrami

Attività scuole e REC

School activities and REC

Katia Malatesta

Emanuele Cabbio

Logistica e sicurezza

Logistic and security

Michele Colombo

Volontari Volunteers

Cristina Bronzini

Adriana Leonardi

Adriana Perini

Manuela Pizzinini

Donatella Turrina

Reggiani Francesca

Zordan Sara

Lleshi Dea

Dalvit Ester

Lodi Evaristo

Bassani Paola

Vescovi Michele

Manica Nicola

Risatti Ezio

Poli Carla

Somaini Sarah

Bridi Francesca

Dolci Carla

Badoch Ada

Gislimberti Irma

Scotti Clara

Giamoena Bianca

Benanti Giulia

Caresia Paolo

Antonazzo Simona

Bortuzzo Luca

Zorzi Maddalena

Boldrin Francesca

12

13



GIURIE, PREMI

E NOMINATIONS

JURIES, AWARDS

AND NOMINATIONS

Giuria internazionale

International jury

Roberto Paglialonga (Italia Italy)

Giornalista, ha conseguito un PhD

in storia delle relazioni internazionali

presso l’Università di Firenze.

Attualmente si occupa dell’ufficio

stampa del Dicastero Vaticano per il

Servizio dello Sviluppo Umano Integrale,

e scrive di letteratura sul quotidiano

italiano Il Foglio. Ha collaborato alla

realizzazione artistica del padiglione

della Santa Sede a EXPO Milano 2015

(Premio medaglia d’oro per lo sviluppo

del tema) e a EXPO Astana 2017

in Kazakistan. Dal 2010 al 2013 ha

lavorato nello staff del Ministro italiano

dell’Istruzione dell’Università e della

Ricerca. Ha scritto La Chiesa in uscita di

Paolo VI. Viaggi internazionali e diplomazia

della pace del primo Papa che ha incontrato

il mondo (2015). Nato a Desenzano del

Garda, in provincia di Brescia (Italia)

nel 1978, vive a Roma. È sposato con

Sara ed è papà di Matteo ed Elisa.

Journalist, he holds a PhD in History of

International Relations at the University of

Florence. He is currently in charge of the press

office pf the Vatican Dicastery for Integral

Human Development, and writes about

literature in the Italian newspaper Il Foglio.

He collaborated in the artistic realization of

the Holy See pavilion at EXPO Milan 2015

(Gold Medal Award for theme development)

and at EXPO Astana 2017 in Kazakhstan.

From 2010 to 2013 he worked in the staff

of the Italian Minister of University Research

and Education. He wrote The outgoing Church

of Paul VI. International travel and peace diplomacy

of the first Pope who met the world (2015). Born

in Desenzano del Garda, in the province of

Brescia (Italy) in 1978, he lives in Rome. He is

married with Sara and is the father of Matteo

and Elisa.

14

15



Giuria internazionale

International jury

Shanta Nepali (Nepal)

Shanta Nepali è fondatrice, regista

e produttrice della Shanta Nepali

Productions. Dopo aver conseguito

una laurea in turismo e sviluppo

rurale alla Tribhuvan University, ha

lavorato per diversi giornali e radio

come giornalista. Dopo molti anni di

lavoro nell’informazione, ha realizzato

di avere un passione per la regia e per

i viaggi. Ha quindi seguito le proprie

passioni, producendo programmi sul

turismo d’avventura e sulla natura

per molti canali televisivi. Che si tratti

di scalare montagne o guidare moto

attraverso le valli dell’Himalaya,

Shanta è nel suo elemento quando

lavora nella natura selvaggia con le sue

location impegnative, sempre usando la

telecamera per immortalare la natura e

la gente nella loro forma migliore.

Shanta Nepali is a founder, director and

producer of Shanta Nepali Productions. After

completing her Bachelor’s degree in tourism

and rural development from the Tribhuvan

University, she has worked in different

newspapers and Radios as a Journalist. After

many years of working in the News sector,

she realized that she has a passion for film

making and traveling. And she finally followed

her passion producing programs focusing

on adventure tourism, travel, and nature for

different television channels. From climbing

mountain peaks to riding motorbikes across

the high Himalayan valleys all the while

beautifully capturing nature and people at

their best in her camera, Shanta is in her

element working in wild and challenging

locations.

Liya Gilmutdinova (Russia)

Esperta nel campo cinematografico del

Ministero della Cultura della Repubblica

del Tatarstan (Russia). È laureata

in Filologia russa alla Kazan State

Pedagogical University. Ha diretto molti

documentari dal 2005 al 2016 e oggi

collabora per il Kazan Film Festival.

Expert in the field of cinematography of

the Ministry of Culture of the Republic of

Tatarstan (Russian Federation). She graduated

from Kazan State Pedagogical University,

faculty of Russian philology. She directed

several documentaries from 2005 and 2016.

Godfrey Omorodion Aibuedefe

(Nigeria)

Godfrey Omorodion è un regista e

consulente informatico, impegnato

nello sviluppo del Paese. Oltre ad

essere coinvolto in numerose attività

umanitarie, è il presidente della Nigeria

Film Society; fondatore e direttore

artistico del Benin City Film Festival;

CEO dell’Abog Communications;

co-fondatore della fondazione borse

di studio Arise Education e membro

dell’esecutivo di Environmental

Development and Social Justice

Initiatives.

Godfrey Omorodion is a filmmaker,

development worker and ICT Consultant.

Besides being involved in numerous

humanitarian activities, he is the President

of the Nigeria Film Society; founder and

Festival Director of Benin City Film Festival;

CEO of Abog Communications; founding

partner of the Arise Education Scholarship

Foundation and Committee Member for

the Environmental Development and Social

Justice Initiatives . Over the past two and a

half decades, he has worked in a wide variety

of sectors, always moved by the mission of

bringing good to his country.

M. Hamid

Mr. M. Hamid è noto come

eminente personalità culturale e

dei media in Bangladesh. È uno dei

leader pionieri del movimento neoteatrale

e dell’attività della società

cinematografica in Bangladesh. È

stato insignito di numerosi premi

nazionali e internazionali per le sue

opere teatrali e documentarie. È un

combattente per la libertà nella guerra

di liberazione del Bangladesh nel 1971.

Ha assunto un ruolo vitale nel fondare

il Bangladesh Film and Television

Institute. Attualmente è impegnato nella

formazione cinematografica, televisiva

e teatrale.

Mr. M Hamid is widely known as an eminent

cultural and media personality in Bangladesh.

He is one of the pioneer leaders in neo

theater movement and film society activity

in Bangladesh. He was honored by many

national and International awards for his

works in theater and documentary. He is

a freedom fighter in the liberation war of

Bangladesh in 1971. He took a vital role

in setting Bangladesh Film and Television

Institute. Presently he is engaged in Film,

Television and Theater education.

16

17



Nomination della giuria internazionale

International jury nominations

Gran Premio Nello Spirito della Fede

Grand Prize In the Spirit of Faith

I film nominati per le categorie sotto

indicate concorrono al Gran Premio

All the films nominated below are

eligible for the Grand Prize

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

Miglior documentario:

Best documentary:

Outback Rabbis

Fathers

My Father’s Son

Voci dal silenzio

Between God & I

Molkanka

Miglior film a soggetto:

Best feature film:

Laces

Paangshu

Il vizio della speranza

Bangla

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

Miglior documentario corto:

Best short documentary:

Migration of Dresses

Knitted Beliefs

100 Faces

Kani Spi (The White Spring)

The Land of the Brave

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

Miglior cortometraggio:

Best short film:

On the Border

Third Kind

Driving Lessons

Shmil

Andate in pace

Athyo

Skin

Battle Fields

Bismillah

— I premi del 21° Religion Today FIlm

Festival sono una creazione del maestro

orafo Mastro 7

The prizes of 21st Religion Today Film

Festival have been created by the master

goldsmith Mastro 7 —

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

18

19



Nomination per i premi speciali

Special awards nominations

• Nello spirito della pace •

assegnato da:

giuria Forum Trentino per la Pace

e i Diritti Umani

• In the spirit of peace •

assigned by:

Trentino forum for peace

and human rights jury

Life Again

Time to Retaliate: Masoom

Between Two Seas

The Land of the Brave

Ses-Qui-Centenary

Elephantbird

Terror

Skin

Battle Fields

• Migrazioni e coesistenza •

assegnato da:

giuria Centro Missionario Diocesano

Pastorale Migranti

• Migrations and coexistence •

assigned by:

Missionary Diocesan Centre jury

Sincerely Yours, Dhaka

Moustafa: The Imam of Lesbos

Red Nose

Third Kind

Ius Maris

Bismillah

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

• Religioni con gli occhi di donna •

assegnato da:

giuria interreligiosa Comune di Arco

• Religions through women’s eyes •

assigned by:

Interreligious jury, Arco municipality

Mother Cabrini

Between Two Seas

Molokanka

Beloved

Covered Up

Hermanas

Fitna

Driving Lessons

Shmil

God’s Will

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

20

21



Nomination per i premi speciali

Special awards nominations

• Nuovi sguardi •

assegnato da:

giuria FSC Università Pontificia Salesiana

• New gazes •

assigned by:

Salesian Pontifical University jury

Life Again

Wild Jonquils

Freddy «Si yo puedo tú puedes»

Abyssinia Ethiopia Meeting Point

Carving the Divine

A Little Red Car

Rumbu

Behind the Moon

In the Field

Ashmina

• Miglior colonna sonora •

assegnato da:

giuria Conservatorio

F.A. Bomporti, Trento

• Best Soundtrack •

assigned by:

F.A. Bonporti Conservatory jury

Il vizio della speranza

Bangla

Reaching for Zion

100 Faces

Skin

Bismillah

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

• Popoli e religioni •

assegnato da: giuria CinemAmore

• Peoples and religions •

assigned by: CinemAmore jury

The Man Beyond the Limits

Sacrist

100 Faces

Ani, The Nuns of Yaqen Gar

Intihar

Sagrada Familia: Bible on Stone

It’s Not a Towel!

God’s will

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

menzione:

mention:

• Film for Our Future •

Life Again

Identity

Mute Noise

iRONY

People of the Book

Indicazione relativa all’interno delle schede

Relative key inside the profiles

• Premio Signis •

assegnato da: giuria Signis

• Signis Award •

assigned by: Signis jury

Assegnato tra tutte le nominations

della Giuria internazionale

All the films nominated for the

International Jury are eligible

22

23



FILM A SOGGETTO

FEATURE FILMS

Bangla

di by Phaim Bhuiyal

Italia Italy

84'

Between Two Seas

di by Anas Tolba

Egitto Egypt

87'

Phaim è un giovane musulmano di

origini bengalesi che vive in un quartiere

multietnico di Roma. Dopo l’incontro

con Asia, dovrà cercare di capire come

conciliare il suo amore con la prima

regola dell’Islam: la castità prima del

matrimonio.

Phaim is a young Muslim of Bangladeshi

origins who lives in a multiethnic

neighbourhood in Rome. After meeting Asia,

he will have to balance out his love with a vital

Muslim rule: chastity before marriage.

Durante una visita alla sua città natale,

un piccolo villaggio rurale vicino

al Cairo, un incidente inaspettato

sconvolge la vita di Zahra. Decidendo di

non arrendersi, Zahra continua a lottare

per costruire una vita migliore per se

stessa e per la sua comunità.

While on a short visit to her hometown, a

small rural island near Cairo, an unexpected

incident turns Zahra’s life upside down.

Deciding not to give up, Zahra continues to

fight to build a better life for herself and for

her community.

I FILM THE MOVIES — FILM A SOGGETTO FEATURE FILMS

24

25



Il vizio della speranza

di by Edoardo De Angelis

Italia Italy

90'

Laces

di by Jacob Goldwasser

Israele Israel

98'

Life Again

di by Reza Fahimi

Iran

80'

Mother Cabrini

di by Daniela Guerrieri

Italia Italy

99'

I FILM THE MOVIES — FILM A SOGGETTO FEATURE FILMS

Maria traghetta sul fiume donne incinte,

in quello che sembra un purgatorio

senza fine. È proprio a questa donna

che la speranza un giorno tornerà a far

visita.

Maria carries pregnant women across the

river, in what seems like an endless purgatory.

One day, hope will come back to visit this very

woman.

Gadi è un bambino-adulto con un

lieve ritardo. Ha un grande senso

dell’umorismo, una risata contagiosa

e un ottimismo senza fine. La morte

improvvisa della madre lo costringerà a

trasferirsi temporaneamente a casa del

suo padre biologico, dal quale è stato

separato per la maggior parte della sua

vita.

Gadi is a child-adult with mild retardation, he

has a unique sense of humor, an

infectious laugh and endless optimism. His

mother’s sudden death forces Gadi to move

temporarily to the house of his biological

father, from whom he’s been estranged most

of his life.

Una coppia di anziani vive una vita

solitaria. Nonostante il marito cerchi

di convincere la moglie ad andare

insieme in una casa di riposo per

ricevere cure e attenzioni adeguate, lei è

contraria all’idea. Ma proprio quando

le condizioni la forzano ad accettare,

saranno costretti a continuare la loro

vita…

An old couple live a quiet and lonely life. The

old man has been trying to convince his wife to

go together to a rest home to have better care

and attention, but the woman is against the

idea. After their conditions force the wife to

agree hopelessly, fate forces them to continue

life...

I primi difficili anni della missione di

Santa Francesca Saverio Cabrini negli

USA. Francesca sperimenta le terribili

condizioni degli immigrati italiani,

considerati il fondo della società

americana. Il suo carattere forte,

assieme all’intelligenza e ad una fede

inossidabile la aiuteranno a svolgere

una missione concreta e funzionante.

The film tells about the first difficult years of

St Frances Xavier Cabrini’s mission in the USA.

Frances witnesses the miserable conditions

of Italian immigrants considered the bottom

of American society. Her strong character

supported by a lively intelligence and an

unshakable faith help her carry out a concrete

and effective mission.

I FILM THE MOVIES — FILM A SOGGETTO FEATURE FILMS

26

27



Paangshu

di by Visakesa Chandrasekarm

Sri Lanka

85'

Sincerely Yours, Dhaka

opera collettiva collective work

Bangladesh

134'

Time to Retaliate: Masoom

di by Kumaar Aadarsh

India

111'

Wild Jonquils

di by Rahbar Ghanbari

Iran

87'

I FILM THE MOVIES — FILM A SOGGETTO FEATURE FILMS

Babanona identifica Lionel come uno

dei paramilitari che avevano rapito

suo figlio. Namalee, la moglie incinta

di Lionel, cerca perdono. Mentre il

tribunale dilapidato vede le udienze

continuare per mesi, andranno a

scoprirsi grandi segreti.

Babanona identifies Lionel as one of the

paramilitary men who abducted her son.

Namalee, Lionel’s pregnant wife, seeks

forgiveness. As the prolonging hearings in the

dilapidated courthouse continue for months,

shameful secrets are gradually unearthed.

Una lettera d’amore ad una città spesso

difficile da amare. Undici vignette di

Undici registi bengalesi si incontrano

per raccontare storie frammentate

intorno ad un protagonista: la città di

Dhaka.

A love letter to a city that is often difficult to

love. Eleven vignettes by eleven Bangladeshi

filmmakers come together to tell fragmented

stories about one character - Dhaka City itself.

Il film è basato su veri casi di abusi

sessuali sui minori.

The film is based on true incidents of child

abuses.

Una scuola in zone rurali riceve un

mandato dal Ministero dell’Educazione,

che minaccia la chiusura se la capacità

richiesta non verrà soddisfatta.

L’insegnante decide quindi di andare

di villaggio in villaggio per convincere i

genitori che l’educazione è necessaria.

Quando si ammala, le cose si

complicano…

A rural school receives a warrant from the

Ministry of Education, stating that if the

requried capacity is not fulfilled, the school

should shut down. The teacher decides to go

to the neighbouring villages to convince all the

parents that education is a must. When he

falls ill, things get complicated...

I FILM THE MOVIES — FILM A SOGGETTO FEATURE FILMS

28

29



DOCUMENTARI

DOCUMENTARIES

Abyssinia Ethiopia Meeting Point

di by Denis Khalifa

Francia France

50'

Ani, the Nuns of Yaqen Gar

di by EloÏse Barbieri

Italia Italy

43'

L’incontro tra Getnet, ebreo etiope, e

Salomon, cristiano ortodosso, ci porta

nel cuore della storia e delle tradizioni

religiose dell’Etiopia, arrivando

nell’emozionante Epifania etiope, uno

degli eventi più spettacolari nel Corno

d’Africa.

The meeting of Getnet, an Ethiopian Jew, and

Salomon, an Orthodox Christian, takes us into

the heart of Ethiopia’s history and religious

traditions, into the whirlwind of the Ethiopian

Epiphany, the most spectacular event in the

Horn of Africa.

A metà degli anni ‘80 Achu Lama,

un monaco buddista, era andato a

meditare su un altopiano sacro del

Tibet. Poco a poco intorno a lui si

erano riuniti pellegrini, monaci e

monache che fondarono Yaqen, una

sterminata bidonville che oggi ospita

circa 30 mila monaci di cui i due terzi

donne. Una “cittadella buddista” che il

governo cinese ha tentato più volte di

radere al suolo. Il quartiere femminile

è un villaggio di catapecchie dove

vivono le monache non curanti delle

loro disastrose condizioni ambientali.

Sono donne unite dalla stessa ricerca

spirituale e voglia di emancipazione,

molte di loro sono cinesi di etnia Han.

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

In the mid ‘80s, Achu Lama, a Buddhist monk,

went to meditate on a sacred highland in

Tibet. Gradually pilgrims, monks and nuns

joined him, who would go on to found Yaqen,

a boundless shanty town that is today home

to around 30,000 monks, two-thirds of whom

are women. This is a “Buddhist citadel” that

the Chinese government has tried to raze to

the ground several times. The women’s wing is

a village of shacks where the nuns live, without

care for their disastrous living conditions. They

are women who are united by their spiritual

quest and desire for liberation, many of whom

are Han Chinese.

30

31



Beloved

di by Yaser Talebi

Iran

54’

Between God & I

di by Yara Cosat

Mozambico Mozambique

60'

Carving the Divine

di by Yujiro Seki

Giappone Japan

40'

Covered Up

di by Rachel Elitzur

Israele Israel

52'

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

La vita da pastore è difficile e solitaria,

ma l’ottantaduenne Firouzeh ama la

natura in continua mutazione. Il film la

segue nel suo lavoro, mentre racconta

la storia della sua vita. Il ritratto di una

delle ultime allevatrici donne di stampo

tradizionale, una donna indomabile che

sceglie l’indipendenza.

Life as a herder is hard and solitary, but

82-year-old Firouzeh loves the ever changing

nature. The film follows her in her work as she

tells the story of her life. This striking portrait

captures one of the last female herders

working in the traditional way, an indomitable

woman who ultimately chooses independence.

Noto per la sua diversità, il Mozambico

ha tradizioni radicate, nelle quali l’Islam

ha sempre convissuto armoniosamente

con le altre religioni. Il film mostra

l’umanità di giovani donne che

compiono radicali scelte religiose, e le

implicazioni in un contesto più ampio di

conflitti a sfondo religioso.

Known for its diversity, Mozambique has

deeply rooted traditions, where Islam has

so far harmoniously coexisted with other

religions. The film sheds light into the

humanity of young women who are making

radical religious choices and its implications in

a broader context of religious conflicts.

Uno sguardo raro e intimo alla vita e al

processo artistico dei Busshi, artigiani

del legno in una tradizione di 1400

anni al cuore del Buddismo Mahayana

giapponese. Un viaggio attraverso una

cultura diversa da tutto ciò che esiste in

Occidente oggi.

A rare and intimate look into the life and

artistic process of modern-day Busshi -

practitioners of a 1400-year lineage of

woodcarving that’s at the heart of Japanese

Mahayana Buddhism. A trip through a culture

unlike anything existing today in the West.

Dopo il divorzio, Rachel chiede il

permesso di rimuovere la sua parrucca,

una mossa insolita nella società ultraortodossa.

After divorcing, Rachel asks for permission

to remove her wig, an unusual move in ultra-

Orthodox society.

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

32

33



Fathers

di by Adrian Duré

Germania Germany

47'

Freddy «Si yo puedo tú puedes»

di by Germán Bertasio

Argentina

49'

Molokanka

di by Tatiana Snisarenko

Russia

30'

My Father’s Son

di by Hillel Rate

Israele Israel

32'

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

Sei padri, sei modi di vivere,

un’esperienza condivisa: essere un

padre. Perché i valori della paternità

sono gli stessi ovunque e in ogni cultura.

Il film evidenzia il valore della paternità

e il significato dell’essere padre nella

società di oggi.

Six fathers, six ways of life, one shared

experience: being a father. Because the

important values of fatherhood are the

same everywhere and in all cultures. The film

highlights the value of fatherhood and the

meaning of being a father in today’s society.

Freddy è nato senza gambe e con un

solo braccio in un umile quartiere

colombiano. A soli 13 anni, che sia

sul suo skateboard o surfando, Freddy

sorride sempre. Il documentario mostra

le sue difficoltà nel sogno di diventare

un campione del mondo e provare a

tutti che se lui può, tu puoi!

Freddy was born without legs and with only

one arm in a humble neighbourhood in

Colombia. With only 13 years old, either

sliding on his skateboard or surfing, Freddy is

always smiling. This documentary shows his

struggles to become a world champion and

prove that if he can, you can!

Il film racconta la vita di una piccola

comunità di Molokan russi. Sotto

grande pressione da tanto tempo, i

Molokan sono riusciti a mantenere la

loro fede e l’atteggiamento riverente nei

confronti del mondo e dell’altro. Dove

hanno trovato la forza?

The film tells about the life of a small

community of Russian Molokans. Being under

strong pressure for a long time, the Molokans

managed to keep their beliefs and reverent

attitude to the world and to the people around

them. Where did they find strength?

Gershon, un uomo carismatico e

spirituale, insegna l’ebraismo in

tutto il mondo. Moshe, il suo figlio

disoccupato, prova a seguire le orme di

suo padre. Quando parte alla ricerca

di un lavoro e una moglie, il delicato

tessuto delle vite di padre e figlio inizia a

strapparsi.

Gershon, a charismatic and spiritual man,

teaches Judaism to his students all over the

world. Moshe, his unemployed son, is trying

to follow his father’s footsteps. When he goes

in search of a job and a marriage partner, the

delicate fabric of the lives of father and son

beings to tear.

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

34

35



Outback Rabbis

di by Danny Ben-Moshe

Australia

77'

Reaching for Zion

di by Irene Lilenheim Angelico

Canada

82'

The Man Beyond the Limits

di by Arun N Sivan

India

33'

Voci dal silenzio

(Voices from the Silence)

di by Joshua Wahlen e and

Alessandro Seidita

Italia Italy

45'

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

Lasciando la comoda vita ebraica

a Melbourne, due rabbini e le

loro famiglie partono per il cuore

dell’Australia in un viaggio ricco di

incontri sorprendenti ed emozionanti

con personaggi dell’entroterra

australiano, assieme ad umorismo,

musica e cultura ebraici.

Leaving the comfort of Melbourne Jewish life,

two Rabbis and their families are heading

into the heart of Australia on a journey filled

with surprising and emotional encounters

with Aussie outback characters and laced with

Jewish wit, music and culture.

Donisha Prendergast, la nipote di

Bob Marely, ci porta in una ricerca

delle radici dell’eredità di suo nonno,

legata al suo desiderio di trovare Sion,

un luogo di Amore dove la vita scorre

in pace e armonia. Ma guardandosi

intorno, tutto ciò che vede è ingiustizia

e sofferenza. Allora è possibile pensare

all’eredità di Bob Marley?

Bob Marley’s granddaughter Donisha

Prendergast takes us on a quest to understand

the roots of her grandfather’s legacy. She has

long been committed to his longing for Zion,

a place of One Love, where people live in

peace and harmony. But when she looks at the

world around her, all she sees is injustice and

suffering. Is Bob Marley’s legacy even possible?

Sarvodayam Kurian era un’anima

nobile. Per lui, il benessere di chi era

attorno era il pensiero principale e il

motore della sua vita, dedicando la

sua vita a servire il prossimo. Questo

documentario sulla sua vita esplora le

varie sfaccettature dell’essere umano.

Sarvodayam Kurian was a noble soul. For

him, the welfare of all around him was the

main concern and driving force of his life. He

devoted his life to serving his fellow human

beings. This documentary on his life explores

the varied facets of a humane human being.

Un viaggio dal nord al sud dell’Italia

per raccontare l’esperienza eremitica

all’interno delle diverse tradizioni

religiose. Storie di uomini e di donne

che, attraverso una ricerca intima e

solitaria, cercano di recuperare il senso

profondo di sé e della vita.

A journey from north to southern Italy to

narrate the eremitical experience within the

different religious traditions. Stories of men

and women who try to recover their deep

sense of self and life, through an intimate and

solitary search.

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI DOCUMENTARIES

36

37



100 Faces

di by Benjamin Till

Regno Unito United Kingdom

14'

Kani Spi (The White Spring)

di by Khesrew Heme Kerim

Iraq

27'

Knitted Beliefs

di by Salman Alam Khan

Pakistan

15'

Migration of Dresses

di by Guram Megrelishvili

Georgia

17'

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI CORTI SHORT DOCUMENTARIES

Una cartolina musicale dalla comunità

ebraica britannica al resto del mondo.

A musical postcard from the UK Jewish

community to the rest of the world.

Nel 2014, i militanti dell’ISIS

attaccarono la città di Shingal e i

villaggi circostanti, uccidendo migliaia

di uomini Ezidi e rapendo le mogli e le

figlie. Tre sorelle di una famiglia nella

quale la maggior parte degli uomini

sono stati assassinati raccontano la loro

storia di schiavitù sessuale e della fuga

dall’ISIS.

In 2014, ISIS militants attacked Shingal

city and its surrounding villages. They killed

thousands of Ezidi men and kidnapped their

wives and daughters. Three sisters of a family

in which most of the male members were killed

tell their story of being forced into becoming

sex slaves and how they set free.

La storia di Narayanpura, un complesso

di minoranze a Karachi, dove Indù, Sikh

e Cristiani vivono in armonia e pace con

la maggioranza musulmana.

The story of Narayanpura, a minorities

compound in Karachi, where Hindus, Sikhs

and Christians are living in harmony and peace

with Muslims.

Un villaggio montano è stato

abbandonato dalle donne. L’unica

rimasta è Nina, una novantenne il cui

sogno è essere un’attrice. A 92 anni, il

suo sogno si realizza. Nina è venuta a

mancare dopo la realizzazione del film.

A mountainous village has been abandoned by

women. The only one left is Nina, a 90-yearold

whose dream is to be an actress. At 92

years old, her dream comes true. Nina dies

after the film was made.

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI CORTI SHORT DOCUMENTARIES

38

39



Moustafa: The Imam of Lesbos

di by Elma Neykova

Grecia Greece

18'

Sacrist

di by Luka Klapan

Croazia Croatia

17'

Ses-Qui-Centenary

di by Mark Norfolk

Regno Unito United Kingdom

20'

Hermanas

di by Inès Lemaire

e and Solène Pietrzyk

Francia France

13'

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI CORTI SHORT DOCUMENTARIES

Il documentario mostra il difficile

compito dell’imam Moustafa Dawa

sull’isola di Lesbo: la sepoltura

dei profughi musulmani morti

attraversando il mare.

The documentary deals with the difficult duty

of Moustafa Dawa in the island of Lesvos; the

Muslim burials of the refugees that crossed

the sea.

Stipe vive nell’idilliaca cittadina dalmata

di Novigrad, ed è uno degli ultimi

residenti a non aver ancora perso la

fede. Stipe è l’ultimo testimone delle

tradizioni e dei costumi locali.

Stipe lives in the idyllic Dalmatian town of

Novigrad, and is one of the few residents who

still haven’t lost faith. Stipe is the last witness

of the local traditions and customs.

150 anni dopo la nascita di Gandhi,

uno degli attivisti sociopolitici più

iconici, questo breve film guarda al

suo ruolo nella liberazione dell’India

attraverso le idee spirituali della

nonviolenza.

It’s been 150 years since Gandhi’s birth, one

of the world’s most iconic social-political

activists. This short film looks at his role

in freeing India with his spiritual ideas of

nonviolent protest.

Le Sorelle dell’Adorazione hanno scelto

di dedicare le loro vite a combattere lo

sfruttamento e la discriminazione nei

confronti delle donne a Bogota. Grazie

alle diverse formazioni vocazionali

offerte dalle sorelle, le vittime possono

avere nuovi progetti di vita.

The Adoring Sisters have chosen to devote

their lives to fighting the exploitation and

discrimination suffered by women in Bogota.

Thanks to the different vocational training

provided by the sisters, victims can offer new

life projects.

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI CORTI SHORT DOCUMENTARIES

40

41



The Land of the Brave

di by Rhadem Camlian Morados

Filippine Philippines

29'

The Encounter

di by Lia Beltrami

e and Olha Vozna

Italia Italy

20'

FUORI CONCORSO

OUT OF COMPETITION

I FILM THE MOVIES — DOCUMENTARI CORTI SHORT DOCUMENTARIES

Il documentario mostra la lotta di

un gruppo LGBTIQ per uno spazio

sicuro e per l’accettazione nella regione

di Mindanao, l’isola più a sud delle

Filippine.

This documentary narrates accounts of

struggle for safe space and acceptance from

a group of LGBTIQ people in the region in

Mindanao, the southernmost island of the

Philippines.

Ricordando l’incontro tra San

Francesco e il sultano, padre Murray

va a Gerusalemme sulle tracce dei Sufi

Naqshabandi e dello sheikh Bukhari,

promotore della nonviolenza e dell’unità

interreligiosa.

Recalling the encounter between Francis and

the Sultan, Father Murray travels to Jerusalem

on the traces of the Sufi Naqshabandi and the

late Sheikh Bukhari, promoter of nonviolence

and interreligious unity.

I FILM THE MOVIES — FUORI CONCORSO OUT OF COMPETITION

42

43



CORTOMETRAGGI

SHORT FILMS

A Little Red Car

di by Md. Abid Mallick

Bangladesh

14'

Andate in pace

di by Carmine Lautieri

Italia Italy

20'

Lakshmi è una bambina orfana di

madre. Suo padre Narayan deve andare

in città, ma prima che parta Lakshmi

gli chiede di portarle una macchinina

rossa. Quando torna con quello che

la figlia gli ha chiesto, Narayan non è

pronto per quello che vedrà.

Lakshmi is a little motherless girl. Her father

Narayan goes to town, but before he leaves

Lakshmi asks him to bring a red car for her.

When he returns with what the daughter asked

for, he is not ready for what he will see.

Tre comare, molto devote al loro

santo patrono San Girolamo, quando

vengono a sapere che la loro chiesa

verrà chiusa e la statua del santo

trasferita in un museo vicino Napoli

decidono di rubarlo, completamente

ignare di cosa si nasconda al suo

interno.

Three gossips, very devoted to their patron

saint St. Jerome, come to know that their

church will be closed and the statue of the

saint transferred in a museum near Naples.

They decide to steal it, completely oblivious to

what is hidden inside.

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

44

45



Ashmina

di by Dekel Berenson

Nepal

15'

Athyo

di by Jean-Pierre Abdayem

Libano Lebanon

17'

Battle Fields

di by Anouar H Smaine

USA

20'

Behind the Moon

di by Samrat Chakraborty

India

23'

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

In un Paese impoverito e pieno di

contraddizioni, una ragazza è divisa

tra il dovere verso la sua famiglia e

l’influenza dei visitatori stranieri.

In an impoverished country, rife with

contradiction, a young girl is torn between her

obligation to her family and the influence of

foreign visitors.

Preoccupata per il nonno Abboud,

Marine cerca di impedirgli di uscire la

sera tardi per incontrare il suo amore.

Dopo che entrambi si addormentano,

Marine si sveglia sentendo la porta

chiudersi, per scoprire che il nonno ha

iniziato il suo viaggio da solo.

Worried for her grandfather Abboud, Marine

tries to keep him from going out late at night

to meet his love. After they both fall asleep,

Marine wakes up to the sound of the door

closing, to find out her grandfather has started

his journey alone.

L’incontro casuale tra un veterano della

guerra in Iraq, la cui vita sta perdendo

controllo a causa dello stress posttraumatico,

e un autista di limousine

iracheno che vive a Los Angeles come

rifugiato.

The story of a chance encounter between a US

Veteran of Iraq whose life spirals out of control

because of PTSD and an Iraqi Limo driver who

lives in LA as a refugee.

La storia ruota attorno un artista che si

guadagna da vivere incidendo immagini

di moschee e templi sulle macine. Ma

un giorno compie un grande errore!

This film’s story revolves around an artist who

earns his livelihood by means of engraving

images of mosques and temples on the

grindstones. But one day he does a big

mistake!

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

46

47



Bismillah

di by Alessandro Grande

Italia Italy

14'

Driving Lessons

di by Marziyeh Riahi

Iran

13'

Elephantbird

di by Masoud Soheili

Afghanistan

15'

Fitna

di by Rabah Silmani

Algeria

15'

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

Samira, bambina tunisina che vive

illegalmente in Italia, si trova ad

affrontare da sola un problema molto

più grande di lei quando il fratello si

ammala.

Samira is a Tunisian little girl who lives in Italy

illegally. She finds herself to face a problem

that is much bigger than her when her brother

gets sick.

Per seguire le leggi iraniane, Bahareh

deve portare con sé il marito

tradizionalista e maschilista alle sue

lezioni di guida.

According to the laws of Iran, Bahareh must

have her traditional, chauvinistic husband

accompany her to driving lessons.

Un minibus sta viaggiando tra

le montagne, verso Kabul. Ogni

passeggero ha una ragione precisa

per questo viaggio. Un anziano sta

viaggiando per dare un tacchino a suo

nipote come suo ultimo desiderio. Ma la

strada principale è bloccata dai ribelli.

A mini-bus is on a journey across the

mountains to Kabul. Each person on the bus

has a reason to take this journey. An old man

is traveling to give a turkey to his grandchild,

as his last wish before dying. However, the

main road is blocked by insurgents..

La complicità e l’amore di un fratello

e una sorella sono infranti a causa di

un’ideologia fondamentalista e del

giudizio della società. Mounir sospetta

sua sorella Feriel di avere un amante,

spinto e influenzato dal suo vicino

fondamentalista.

The complicity and the love between a

brother and a sister are broken because of a

fundamentalist ideology and the judgment of

society. Mouni suspects that his sister Feriel

has a lover, influenced by his fundamentalist

neighbour.

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

48

49



God’s Will

di by Tanka Brzakovic

Serbia

20'

In the field

di by Oleksandr Shkrabak

Ucraina Ukraine

20'

Intihar

di by Yerboluly Nurbol

Kazakhstan

15'

It’s Not a Towel!

di by Laura Solis

Messico Mexico

7'

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

Quattro suore e un gatto vanno

nel bosco per raccogliere bacche

selvatiche, imbattendosi in un uomo

con un passato sospettoso. Le suore si

troveranno davanti al più grande esame

delle loro vite spirituali: cosa fare con

un criminale di guerra?

Four nuns and a cat are going into the woods

to peek wild berries. They run into a man with

a suspicious past. They will be confronted by

the greatest examination of the spiritual lives:

what to do with a war criminal?

La storia di un padre che viene a sapere

della morte del suo figlio coscritto. Il

corpo è rimasto nell’est dell’Ucraina,

controllata dai separatisti. Rifiutando

di accettare i diktat della guerra, il

padre parte per un viaggio nella zona di

combattimento per cercare il figlio.

This story is about a father who finds out

about the death of his conscript son. The son’s

body remained in the eastern part of Ukraine,

which is controlled by separatists. The father,

refusing to accept the dictates of war, sets off

on a journey into the combat zone in search of

the body of his son.

Abbiamo il diritto di terminare la vita

di qualcuno? Qual è il valore della vita?

Il protagonista si sveglia in un luogo

sconosciuto. Non ricorda niente del

passato, e da quel momento iniziano ad

accadere cose strane...

Do we have the right to terminate one’s life

? What is the value of the life? The main

character wakes up in an unfamiliar place. He

does not remember yesterday, and from that

moment strange things start happening...

Indonesia. Il primo giorno di scuola,

Putri incontra Nabila, una bambina

che indossa l’hijab. Chiedendosi cosa

sia, prova a cercare una spiegazione

che nessuno riesce a darle. Il punto di

vista di una bambina di tre anni per

promuovere tolleranza, inclusione e

rispetto.

Indonesia. On her first day at school, Putri

meets Nabila, a girl who wears a hijab. She

wonders what is is, but nobody can give a

proper explanation to her. The point of view

of a 3-year-old, with the intention to promote

tolerance, inclusion and respect.

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

50

51



Ius Maris

di by Vincenzo D’Arpe

Italia Italy

15'

On the Border

di by Wei Shujun

Cina China

21'

Red Nose

di by Andreas Kyriacou

Cipro Cyprus

21'

Rumbu

di by Remi Mazet

Francia France

18'

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

Yassine è nato e cresciuto a Lecce

da genitori marocchini. Vive tra due

culture, senza una reale integrazione.

Ma attraverso il mare e il surf il processo

di integrazione diventerà realtà: Yassine

farà partire un surf camp frequentato

da gente di ogni provenienza e religione.

Yassine was born and raised in Lecce by

Moroccan parents. He lives straddling two

cultures, never supported by a real integration.

Through the sea and surfing, however, the

integration process will come true, Yassine will

become an host of a surf camp, attended by

people of all races and religions.

In un paese al confine, un teenager

cinese di origini coreane vuole andare in

Corea del Sud, provando a realizzare il

suo sogno in tutti i modi.

In a border village, a Chinese teenager of

Korean roots aspires to join South Korea. He

tries by all means to realize his dream.

Muhammad è un immigrato palestinese

che lavora in una macelleria di Cipro.

Quando una donna misteriosa torna dal

suo passato, crea delle tensioni tra lui e

il suo capo.

Muhammad is a Palestinian immigrant

working in a Cyprus meat factory. When a

mysterious woman comes back from his past

life she creates tension between him and his

boss.

Aurélie è un’adolescente tormentata. A

malavoglia dovrà trascorrere le vacanze

con il padre, trasferitosi di recente

sull’isola di Mayotte, un’esperienza

che si rivelerà essere un’inaspettata

esperienza di crescita.

Aurélie is a tormented teenager. Unwillingly,

she has to spend her holidays with her father

recently settled on the island of Mayotte. This

experience turns out to be an unexpected

initiatory journey that will make her grow up.

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

52

53



Sagrada Familia: Bible on Stone

di by Jordi Roigé i Solé

Spagna Spain

11'

Shmil

di by Baruch Rosenstein

Israele Israel

32'

Skin

di by Guy Nattiv

USA

20'

Terror

di by Yonatan Shehoah

Israele Israel

16'

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

Antoni Gaudi mostra la bellezza della

creazione attraverso la luce, la natura e

l’architettura della Sagrada Familia.

Antoni Gaudi shows the beauty of creation

through light, nature and architecture in the

Sagrada Familia.

Quando Shmil viene espulso da una

prestigiosa Yeshiva, farà di tutto per

ritornare.

When Shmil is expelled from a prestigious

Yeshiva, he will do anything to return.

In un piccolo supermercato in una città

operaia, un uomo nero sorride ad un

bambino bianco di 10 anni al di là della

cassa. Un momento innocuo che inizierà

una guerra spietata tra due gang.

A small supermarket in a blue collar town, a

black man smiles at a 10 year old white boy

across the checkout aisle. This innocuous

moment sends two gangs into a ruthless war.

Dan, che soffre di stress posttraumatico

dopo un attacco

terroristico, si ritrova assieme a dei

colleghi arabi quando diversi nuovi

attacchi colpiscono Gerusalemme.

Dan, who suffers from PTSD after being

wounded in a terrorist attack, finds himself

thrown together with his Arab co-workers

when multiple terror attacks hit Jerusalem

again.

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

54

55



Third Kind

di by Yorgos Zois

Grecia Greece

30'

BOEZ - Andiamo via

(serie TV)

FUORI CONCORSO

OUT OF COMPETITION

I FILM THE MOVIES — CORTOMETRAGGI SHORT FILMS

La Terra è stata abbandonata tempo fa

e la razza umana ha trovato rifugio nello

spazio.Tre archeologi i fanno ritorno

per scoprire da dove viene un misterioso

segnale...

Earth has been abandoned for a long time

now and the human race has found refuge

in outer space. Three archeologists return to

Earth to investigate where a mysterious five

tone signal is coming from...

La docu-serie in 10 puntate BOEZ -

Andiamo via, coprodotta da Rai Fiction

e Stemal Entertainment, andata in

onda su Rai3 dal 2 al 13 settembre,

racconta il “percorso” fisico ma anche

emotivo e di “espiazione” di sei ragazzi,

condannati e inseriti in uno speciale

programma di esecuzione esterna

della pena. Alessandro, Francesco,

Kekko, Maria, Matteo e Omar partono

da Roma per arrivare, a piedi, a

Santa Maria di Leuca. Tappa dopo

tappa, assistiti da una guida e da

un’educatrice, i giovani raccontano

le loro vite, i loro sogni, le loro

aspirazioni. Un viaggio/pellegrinaggio

che sperimenta il cammino come pena

alternativa, già praticata in altri Paesi

europei, che abbatte le percentuali di

recidiva.

Scritto da Roberta Cortella e Paola

Pannicelli, per la regia di Roberta

Cortella e Marco Leopardi, BOEZ

- Andiamo via è il primo prodotto

televisivo che affronta questo tipo di

tematiche: un esperimento dal forte

impatto sociale, realizzato con la

collaborazione del Ministero della

Giustizia.

BOEZ - Andiamo Via is a docu-series

co-produced by Rai Fiction and Stemal

Entertainment, aired on Rai Tre from the

2nd to the 13th of September. It shows the

physical and emotional path of expiation of six

young people, condemned and inserted in a

special programme of probation. Alessandro,

Francesco, Kekko, Maria, Matteo and Omar

walk from Rome to Santa Maria di Leuca. Step

by step, assisted by a guide, they will tell about

their lives, their dreams, their aspirations. A

journey-pilgrimage that shows probation,

practiced by many European countries, that

fight high recidivism percentages.

Written by Roberta Cortella and Paola

Pannicelli, directed by Roberta Cortella and

Marco Leopardi, BOEZ is the first TV product

that talks about these themes: an experiment

with a strong social impact, made with the

support of the Ministry of Justice.

I FILM THE MOVIES — FUORI CONCORSO OUT OF COMPETITION

56

57



58

59



EVENTI

EVENTS

Opening talk

Galina Evtushenko

Galina Evtushenko è una nota e

pluripremiata regista-documentarista

russa. Autrice in qualità di regista,

sceneggiatrice e di produttore di più

di 30 film, prevalentemente di nonfiction.

In particolare, si è distinta

nel genere delle biografie di scrittori

e artisti russi, dedicando i suoi film

fra gli altri a figure come Lev Tolstoj,

Anton Cechov, Aleksandr Puškin,

Vsevolod Mejerchol’d, Dziga Vertov.

Insegna all’università RGGU di Mosca

ed è membro di numerose giurie

internazionali di cinema. Ha fondato lo

studio cinematografico ROSA, di cui è

direttore artistico.

Traccerà un doppio ritratto di Tolstoj e

Gandhi a partire dal suo documentario

Tolstoj e Gandhi: doppio ritratto in un interno

d’epoca (Kinostudija “Roza” 2016, 54').

Galina Evtushenko is an award-winning

Russian filmmaker. She made over 30 films

as a director, writer and producer, primarily

non-fiction. In particular, she mastered the

genre of biographies of Russian authors and

artists, dedicating her films to Lev Tolstoj,

Anton Cechov, Aleksandr Puškin, Vsevolod

Mejerchol’d, Dziga Vertov, among many

others. She teaches at RGU University

in Moscow and is a member of many

international film juries. She founded ROSA,

a film production company of which she is

artistic director.

She will paint a double portrait of Tolstoj and

Gandhi drawing from her documentary Tolstoj

and Gandhi.

Amita Shankar

Amita Shankar è un noto nome nella

scena teatrale e culturale anglo-asiatico.

È attiva nelle arti e nello spettacolo

come imprenditrice e artista. Tra le

tante attività, Amita è direttore creativo

di ORZU Arts, festival centro-asiatico

basato a Londra. È inoltre un’attrice

affermata e promotrice di Women and

Cinema. Proprio su questo argomento

ha tenuto una conferenza a Londra nel

luglio 2018, nella cornice del Rainbow

Film Festival.

Celebreremo con l’imprenditrice indiana

il 150° anniversario della nascita del

Mathma Gandhi .

Ms. Amita Shankar is a renowned name on

the British-Asian theatre and cultural scene.

She has been active across the Arts and

Entertainment panorama both as a business

entrepreneur as well as being an artiste

herself, acting on stage. Among her various

achievements, Amita is Creative Director of

ORZU Arts, the London-based Central Asian

festival. She is also an accomplished actor and

champion of Women and Cinema and led a

highly acclaimed conference on this topic in

London in July 2018 as part of the Rainbow

Film Festival.

Together, we will celebrate the 150th

anniversary of Gandhi’s birth.

60

61



Mostre fotografiche

Photography exhibitions

Giovani sulle rotte del cinema

Le foto dei giovani di Religion Today in

Bangladesh e in Nepal

Young people on cinema’s roads

The photos of Religion Today’s young

volunteers in Bangladesh and Nepal

«Quando faccio vedere le foto del mio

viaggio la parte che più mi tocca sono

le foto dei bambini che ho incontrato.

Qui siamo ormai incontentabili,

più abbiamo e più vogliamo, ci

dimentichiamo delle cose che contano

davvero, ma lì, dall’altra parte del

mondo, ho visto tanta povertà ed ho

incontrato tanti cuori pieni di amore,

tante persone che, nonostante abbiano

poco, sono ricche dentro, non perdono

il sorriso.

Se c’è qualcosa che vorrei imparassimo

tutti da loro è proprio l’essere contenti

di ciò che si ha, smettiamola di

volere sempre di più, ci sarà sempre

qualcuno che avrà situazioni peggiori,

accontentiamoci, aiutiamoci,

condividiamo ciò che abbiamo.»

(Chiara Dauriz)

«When I show people the pictures from my

journey, what moves me the most are the

pictures of the children we met. Here, we are

always unsatisfied: the more we have, the

more we want. We forget about the things

that really matter. But there, on the other side

of the world, I saw a lot of poverty and many

hearts full of love; many people who are rich

inside and don’t lose their smile, regardless of

how little they have.

If there is something I’d love everyone to learn

from them is this: being happy with what you

have, not craving for more and more. There

always will be people with less: let’s help each

other and share what we have.»

(Chiara Dauriz)

I giganti del bene

Heroes Without Capes

Aurora Vision opera nel mondo per

diffondere la speranza e mettere in luce

le tante esperienze positive che spesso

non hanno voce.

Abbiamo attualmente in catalogo

36 tra documentari, cortometraggi,

e reportages. In 5 anni, i nostri film

sono stati selezionati in 107 festival

internazionali e hanno ricevuto oltre

40 premi e riconoscimenti in tutto il

mondo.

Le produzioni di Aurora Vision sono

principalmente a tema missionario.

Abbiamo quindi ideato una mostra dei

poster e di alcuni scatti significativi per

portare l’attenzione sul significato della

missione e in particolare per raccontare

storie di persone che dedicano la loro

vita alla missione.

I 12 poster realizzati dal giovane artista

Giacomo Martinoli saranno esposti

insieme a 8 scatti di Ferran Paredes

Rubio e Asaf Ud Daula.

Un viaggio in Thailandia, Etiopia,

Messico, USA, Ghana, Giappone,

Uganda, Marocco, Sri Lanka, Kenya,

Tanzania e Albania per conoscere e

scoprire la bellezza dell’opera di questi

giganti del bene.

Aurora Vision operates in the world to spread

hope and shed light on the many positive

experiences that often do not have a voice.

So far, we have made 36 documentaries, short

films and reportages. In 5 years, our films have

been selected in 107 international film festivals

and received over 40 awards all around the

world.

Aurora Vision’s productions are primarily on

the theme of mission. We therefore created

an exhibition of our film posters, and some

significant photos to bring attention to the

meaning of mission, and to tell stories of

people who dedicate their lives to it.

The 12 posters were designed by the young

artist Giacono Martinoli, and they well be

exposed together with 8 pictures by Ferran

Paredes Rubio and Asaf Ud Daula.

A journey to Thailand, Ethiopia, Mexico, USA,

Ghana, Japan, Uganda, Morocco, Sri Lanka,

Kenya, Tanzania and Albania to get to know

and discover the beauty of the work of these

heroes without capes.

62

63



Libri

Books

Musica

Music

Danza

Dance

Concerto dal vivo

Live concert:

Presentazioni di libri con l’autore

presso il Teatro San Marco

(via San Bernardino 8, Trento):

Presentation of books with the authors

at Teatro San Marco

(via San Bernardino 8, Trento):

L’incredibile storia di Nagoyo

di by Rolando Pizzini

Edizioni31

Evelina e il mondo che verrà

di by Matilde Meazzi

Edizioni del Faro

Kino - l’Apostolo senza tempo dei

migrantes del Muro messican

di by Mauro Neri

Àncora Editrice

Narratè© è un vero e proprio tè

narrante che unisce due tradizioni

millenarie, il tè e la lettura. Un inedito di

food souvenir composto da una teabag

alla quale abbiamo collegato un libretto

la cui lettura dura esattamente il tempo

d’infusione (5 minuti).

Orchestra Fuoritempo

L’Orchestra Fuoritempo nasce

nell’estate 2009. L’idea era quella di

raggruppare i ragazzi della comunità

presso l’oratorio per animare un po’ il

borgo nelle giornate calde d’estate.

Il lavoro estivo, fatto soprattutto di

prove, è servito per far innamorare i

ragazzi alla loro orchestra, per stimolare

in loro la voglia di migliorare e di

trovare nuovi equilibri personali e nei

confronti del gruppo, ma soprattutto a

riscoprire l’emozione della musica.

Negli anni la giovane orchestra ha

partecipato a molti concerti compresi

alcuni all’estero. Il più importante

quello in Israele nell’ambito del

progetto Officina Medio Oriente.

Orchestra Fuoritempo started in summer

2009. The idea was to group teens from the

community at the local oratory to animate

the village during the warm summer days. The

summer job, mostly made up of rehearsals,

made the guys fall in love with their orchestra;

it stimulated their will to improve and to

find a new personal and group balance, but

more importantly, to rediscover the emotion

of music. Throughout the years, the young

orchestra has been part of many concerts,

including several abroad. The most important

was the one in Israel, in the context of the

project Officina Medio Oriente.

SeeSaw DC

Nasce, nel giugno 2017 a Riva del

Garda, SeeSaw Dance Company,

una giovane compagnia di danza

contemporanea. Quattro ballerine:

Veronica Boniotti, Jasmine Bresciani,

Ambra Calvia, e Federica Danaj con

background diversi, fusi in una stessa

linea di lavoro.

Ricerca costante, intensità e significato

sono i fondamenti della compagnia. La

compagnia ha debuttato con The Drop a

febbraio 2018 all’Auditorium Melotti di

Rovereto, ad aprile ha partecipato come

ospite al festival ENIGMAFest di Roma

e alla presentazione di Trento Doc, e si

è esibita al teatro Sanbàpolis di Trento

a luglio.

Quest’anno presenteranno Tabù: «Le

abitudini ci rendono schiavi di un

credo senza significato. Possono essere

indifferenti, lodevoli ma anche dannose.

Come rendersi conto di esserne succubi,

in catene? Come romperle? Forse solo

una forte ragione, un nobile obiettivo,

una missione collettiva può spingerci

oltre, nutrendoci dell’urgenza di

estinguerle. Come un Totem, essa può

unire, nel rispetto dell’altro, creando

una trama più forte di qualsiasi catena.»

Created in 2017 in Riva del Garda, SeeSaw

Dance Company are a young contemporary

dance company. Four dancers - Veronica

Boniotti, Jasmine Bresciani, Ambra Calvia,

and Federica Danaj - merge their different

backgrounds in the same line of work.

Constant research, intensity, and meaning, are

the foundation of the company. They made

their debut with The Drop, in February 2018 at

the Auditorium Melotti in Rovereto. In April

they were part of the ENIGMAFest festival in

Rome and the presentation of Trento Doc,

and in July they performed at the Sanbàpolis

theatre in Trento.

This year, they present Taboo: «Habits enslave

us within a meaningless creed. They can be

indifferent, laudable but also damaging. How

can we realise whether we are subject to them,

in chains? How can we break them? Perhaps

only a strong reason, a noble objective,

a collective mission can push us beyond,

nourishing us with the urgency to quench

them. Like a Totem, this can unite, in the

respect of the other, creating a narrative that is

stronger than any chain.»

64

65



Ringraziamenti, enti e sponsor

Acknowledgements, partners and sponsors

Promotori:

Sponsor:

Collaborazioni:

PROVINCIA

AUTONOMA

DI TRENTO

REGIONE

AUTONOMA

TRENTINO

ALTO ADIGE

COMUNE

DI ARCO

COMUNE

DI TRENTO

L’iniziativa è stata realizzata con il contributo di:

Main partners:

COMUNITÀ

ALTA VALSUGANA

E BERSNTOL

COMUNE

DI ROVERETO

Media Partners:

Associazione Cristiano/culturale

degli Ucraini in Trentino RASOM

Associazione Giovani Arco

Associazione Sulle Strade

del Mondo Onlus

Aurora vision

CinemAMORE

Cineforum San Marco

Cinit - Cineforum Italiano

Comune di Bolzano

Conservatorio F.A. Bonporti di Trento

FBK - Fondazione Bruno Kessler

Fondazione Ente per lo Spettacolo

Fondazione S. Ignazio Trento

Gruppo Editoriale Tangram

MalEdizioni

Noi Oratori Pergine

SIGNIS

Brescia Winter Film Festival

ARCIDIOCESI

DI TRENTO

Partners:

66

67



68

69



Indice dei film

Film’s index

FILM A SOGGETTO

FEATURE FILMS

Bangla, Phaim Bhuiyal, Italia Italy

Between Two Seas, Anas Tolba, Egitto Egypt

Il vizio della speranza, Edoardo De Angelis, Italia Italy

Laces, Jacob Goldwasser, Israele Israel

Life Again, Reza Fahimi, Iran

Mother Cabrini, Daniela Guerrieri, Italia Italy

Paangshu, Visakesa Chandrasekarm, Sri Lanka

Sincerely Yours, Dhaka, opera collettiva collective work, Bangladesh

Time to Retaliate: Masoom, Kumaar Aadarsh, India

Wild Jonquils, Rahbar Ghanbari, Iran

p.25

25

26

26

27

27

28

28

29

29

70 71



Indice dei film

Film’s index

Indice dei film

Film’s index

DOCUMENTARI

DOCUMENTARIES

CORTOMETRAGGI

SHORT FILMS

Abyssinia Ethiopia Meeting Point, Denis Khalifa, Francia France

Ani, the Nuns of Yaqen Gar, EloÏse Barbieri, Italia Italy

Beloved, Yaser Talebi, Iran

Between God & I, Yara Cosat, Mozambico Mozambique

Carving the Divine, Yujiro Seki, Giappone Japan

Covered Up, Rachel Elitzur, Israele Israel

Fathers, Adrian Duré, Germania Germany

Freddy «Si yo puedo tú puedes», Germán Bertasio, Argentina

Molokanka, Tatiana Snisarenko, Russia

My Father’s Son, Hillel Rate, Israele Israel

Outback Rabbis, Danny Ben-Moshe, Australia

Reaching for Zion, Irene Lilenheim Angelico, Canada

The Man Beyond the Limits, Arun N Sivan, India

Voci dal Silenzio, Joshua Wahlen e and Alessandro Seidita, Italia Italy

100 Faces, Benjamin Till, Regno Unito United Kingdom

Kani Spi (The White Spring), Khesrew Heme Kerim, Iraq

Knitted Beliefs, Salman Alam Khan, Pakistan

Migration of Dresses, Guram Megrelishvili, Georgia

Moustafa: The Imam of Lesbos, Elma Neykova, Grecia Greece

Sacrist, Luka Klapan, Croazia Croatia

Ses-Qui-Centenary, Mark Norfolk, Regno Unito United Kingdom

Hermanas, Inès Lemaire e and Solène Pietrzyk, Francia France

The Land of the Brave, Rhadem Camlian Morados, Filippine Philippines

p.31

31

32

32

33

33

34

34

35

35

36

36

37

37

38

38

39

39

40

40

41

41

42

A Little Red Car, Md. Abid Mallick, Bangladesh

Andate in pace, Carmine Lautieri, Italia Italy

Ashmina, Dekel Berenson, Nepal

Athyo, Jean-Pierre Abdayem, Libano Lebanon

Battle Fields, Anouar H Smaine, USA

Behind the Moon, Samrat Chakraborty, India

Bismillah, Alessandro Grande, Italia Italy

Driving Lessons, Marziyeh Riahi, Iran

Elephantbird, Masoud Soheili, Afghanistan

Fitna, Rabah Silmani, Algeria

God’s Will, Tanka Brzakovic, Serbia

In the field, Oleksandr Shkrabak, Ucraina Ukraine

Intihar, Yerboluly Nurbol, Kazakhstan

It’s Not a Towel!, Laura Solis, Messico Mexico

Ius Maris, Vincenzo D’Arpe, Italia Italy

On the Border, Wei Shujun, Cina China

Red Nose, Andreas Kyriacou, Cipro Cyprus

Rumbu, Remi Mazet, Francia France

Sagrada Familia: Bible on Stone, Jordi Roigè, Spagna Spain

Shmil, Baruch Rosenstein, Israele Israel

Skin, Guy Nattiv, USA

Terror, Yonatan Shehoah, Israele Israel

Third Kind, Yorgos Zois, Grecia Greece

p.45

45

46

46

47

47

48

48

49

49

50

50

51

51

52

52

53

53

54

54

55

55

56

72

73



ILLUSTRAZIONI ILLUSTRATIONS:

CHIARA ABASTANOTTI E AND LUIGI FILIPPELLI

DESIGN:

LORENZO FANTETTI

74

More magazines by this user
Similar magazines