04.08.2020 Views

Annual Report 2019 (ed. 2020)

Ogni sezione di questo Annual Report è legata da un fil rouge che vorrebbe ridurre le distanze imposte dalla situazione sanitaria e omaggiare i territori, dal Friuli al Lazio, in cui i nostri lavoratori sono impegnati quotidianamente. Grazie a tutti voi per la professionalità e il senso di responsabilità con il quale avete affrontato l’emergenza e il grande contributo che state dando alla ripartenza del nostro Paese.

Ogni sezione di questo Annual Report è legata da un fil rouge che vorrebbe ridurre le distanze imposte dalla situazione sanitaria e omaggiare i territori, dal Friuli al Lazio, in cui i nostri lavoratori sono impegnati quotidianamente. Grazie a tutti voi per la professionalità e il senso di responsabilità con il quale avete affrontato l’emergenza e il grande contributo che state dando alla ripartenza del nostro Paese.

SHOW MORE
SHOW LESS
  • No tags were found...

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

08 09

GRUPPO COLSER-AURORADOMUS

ANNUAL REPORT 2019 EDIZIONE 2020

Con impegno e professionalità, con amore

e dedizione abbiamo costruito la nostra storia.

Dietro ogni gesto, dietro ogni traguardo

raggiunto c’è la volontà di essere

sempre al vostro fianco

LETTERA DEL PRESIDENTE

Introdurre quest’anno il nostro report non è semplice. Il 2019 ha portato molte soddisfazioni e

ha consolidato ulteriormente la presenza del Gruppo all’interno di un mercato che identificava

lo sviluppo dell’innovazione e la salvaguardia dell’ambiente come elementi fondamentali per

costruire un futuro sostenibile. Le divisioni Green e Tech hanno così affiancato nella progettazione

di nuovi servizi le tradizionali aree del Cleaning e del Sociale, rafforzando ulteriormente la

multidisciplinarietà del Gruppo.

Come partner ufficiale di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, negli ultimi mesi del 2019

avevamo seguito da vicino tutte le fasi di preparazione ad un evento che avrebbe portato la

cultura in azienda e il lavoro nei luoghi di cultura con iniziative rivolte a tutti i nostri lavoratori, alle

loro famiglie e ai territori, non solo a livello locale, ma anche nazionale e di cui avevamo dato

un’anteprima a Natale con una bellissima festa presso la sede del Gruppo.

Mai avremmo immaginato che un piccolo virus, tanto invisibile quanto sconosciuto e aggressivo,

avrebbe spazzato via ogni progetto dalle nostre scrivanie, obbligandoci ad indossare

mascherine, guanti, tute e camici per disinfettare gli ospedali stremati dalla pandemia o per

trincerarci nelle case di riposo cercando di assistere e proteggere i nostri anziani, che più di altri

hanno pagato a caro prezzo questa tragica emergenza sanitaria.

Più volte durante questi lunghi mesi abbiamo rivolto il nostro ringraziamento a tecnici, coordinatori,

e operatori che sono intervenuti durante l’emergenza con competenza e professionalità

e che sono stati in seguito coinvolti sia nel delicato compito di mettere in sicurezza gli ambienti

di lavoro dei nostri clienti, attraverso l’introduzione di nuove metodologie operative e delicate

attività di sanificazione e disinfezione, sia, attualmente, nel mantenere nel tempo gli standard

adeguati ad evitare un altro lockdown.

L’emergenza ha fatto affiorare problematiche per lungo tempo trascurate sia dal sistema economico

che politico, non solo nazionale ma globale: la cura degli anziani, l’educazione dei figli, la

vera conciliazione tra lavoro e famiglia e, non ultima, l’importanza dell’igiene ambientale. Ma ha

anche spinto i nostri settori a insistere sulla strada dell’innovazione e della ricerca, della sinergia

con il cliente, della formazione degli operatori e della comunicazione dei servizi come chiave di

volta che potrà rendere concreta la ripartenza, premiare l’alta specializzazione e fare la differenza

anche qualitativa, in un mercato dove, oggi più che mai, non può esistere approssimazione.

Azioni che abbiamo messo in campo anche nel 2019 e che abbiamo cercato di illustrate in

questo documento che racconta non solo della nostra crescita economica, ma anche degli

oltre 6600 operatori occupati su gran parte del territorio nazionale, dei servizi essenziali svolti

in stretta connessione con i territori, dei progetti di welfare in continua evoluzione nati, grazie

anche a preziose collaborazioni intersettoriali, per rispondere alle esigenze dei lavoratori e delle

loro famiglie.

Ci troviamo ancora costretti a mantenere le distanze, ma nello stesso tempo impegnati a raggiungere

uniti nuovi obiettivi in un contesto in cui la sostenibilità e la capacità di mettere in atto

progetti concreti di rinnovamento avranno un ruolo determinante per la costruzione di una nuova

visione di futuro.

Cristina Bazzini

Presidente

Gruppo Colser-Auroradomus

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!