Pambianco Wine & Food 3-2020

online.magazines

EDITORIALE

Dall’horeca al b2c

di David Pambianco

Per il vino italiano, la chiusura immediata e imprevedibile del ‘fuori casa’ non sarà

compensabile, almeno per quest’anno. Il canale horeca vale al consumo 6,5 miliardi di

euro, tra Italia ed estero, e i ristoratori sono da sempre i più influenti testimonial delle

nostre etichette a livello internazionale. Al di là dell’impatto sui conti per il bilancio 2020, la

crisi conseguente alla pandemia ha evidenziato la necessità di trovare una via alternativa al canale

professionale per raggiungere il cliente finale. Il contemporaneo boom dell’e-commerce ha posto

il digital al centro della scena, dando impulso a quella rivoluzione multichannel che la maggior

parte dei produttori aveva considerato come possibile e necessaria, ma non a così breve termine.

Nel frattempo, la crescita della grande distribuzione ha offerto un aiuto importante alle aziende

ben inserite nei supermercati, premiando però le etichette di primo prezzo e penalizzando quelle

di fascia alta e medio/alta, le più importanti per la marginalità del comparto. È per questo che i

nostri produttori continueranno a offrire alla ristorazione un forte sostegno anche finanziario,

investendo così nella ripresa di un partner strategico e che certamente, passata la crisi, tornerà ai

fasti di un tempo. Ma i budget destinati al digital saranno una voce sempre più consistente nei

conti delle aziende. E non si limiteranno al solo e-commerce, che è senz’altro una modalità di

vendita efficace ma appare sempre più come il finalizzatore di un gioco di squadra, il centravanti

in grado di concludere a rete un’azione corale organizzata in modalità b2c con una costante

attenzione al millennial winelover il quale, anche al ristorante, si presenterà con richieste sempre

più precise e orientate verso i brand che hanno saputo e potuto investire in digital marketing.

E tutto questo andrà a vantaggio delle aziende grandi e strutturate. I piccoli produttori non sono

automaticamente fuori gioco, ma devono mettersi in discussione e trovare partner, industriali o

finanziari, in grado di accompagnarli a giocare la partita all’attacco, perché una tattica difensiva

non darebbe scampo.

4 PAMBIANCO WINE&FOOD Giugno/Luglio 2020

More magazines by this user
Similar magazines