Artisti del Mugello Web

toscanacultura

MAURO BARONCINI

LUCIA RAVEGGI

Artisti del Mugello,

della Valdisieve e del

Valdarno Superiore

duemila

ventuno



MAURO BARONCINI - LUCIA RAVEGGI

Artisti del

Mugello

della Valdisieve e del

Valdarno Superiore

2021

introduzione di Aldo GiovAnnini


COLLANA

Artisti in Toscana

35

Diretta da

FABRIZIO BORGHINI

Coordinamento editoriale

LUCIA RAVEGGI

Il volume è realizzato da

A cura di Lucia Raveggi - Mauro Baroncini

impaginazione di Erika Bresci

ISBN 978-88-6039-528-3

Tutti i diritti riservati

© Copyright Associazione Toscana Cultura

e Masso delle Fate Edizioni

Masso delle Fate Edizioni

Via Cavalcanti, 9 - 50058 Signa (FI)

www.massodellefate.it

Finito di stampare nel mese di aprile 2021

presso la Nova Arti Grafiche

Via Cavalcanti, 9/D - 50058 Signa (FI)

www.novaartigrafiche.it

In copertina:

Giusto Utens, Lunetta villa di Artimino, Cafaggiolo (part.)


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

AMARCORD ARTISTICO FRA IL MUGELLO E LA VAL DI SIEVE DOVE SPOSA L’ARNO

Cronaca di Aldo Giovannini

Era un bel pomeriggio quel sabato 23 maggio

del 1958 a Borgo San Lorenzo nel Mugello,

quando, appena diciottenne, amante com’ero –

e lo sono tutt’ora – della pittura, assistetti, come

giovanissimo corrispondente della Nazione,

all’inaugurazione di una grande mostra collettiva

di pittura e scultura all’interno dell’antico

Oratorio di Sant’Omobono, ubicato davanti alla

millenaria Pieve romanica di San Lorenzo.

In quel luogo, il cui interno ben cinque generazioni

della famiglia Chini nel corso di tre secoli

(1808-2008) hanno pitturato, decorato, invetriato

ed ornato, compreso Galileo Chini (1876-

1953), il Circolo Culturale Le Madielle organizzò

una significativa mostra collettiva denominata

“L’arte nel corso della Sieve – fra Barberino di

Mugello e Pontassieve”, dove presentarono le

loro opere circa trentacinque artisti (per l’epoca

erano davvero molti) provenienti da Barberino,

San Piero a Sieve, Scarperia, Vicchio di Mugello,

Dicomano, Rufina e Pontassieve; appunto il

“corso della Sieve”.

Fu un evento veramente eclatante per l’epoca,

e non fecero mancare il loro apporto molte persone

di alta cultura nel mondo dell’arte, della

letteratura, della storia, come Piero Bargellini

(scrittore, futuro sindaco di Firenze), Ugo Procacci

(storico dell’arte), Ferruccio Ulivi (ordinario

dell’Università La Sapienza), Siro Mennini

(scrittore, giornalista), Mario Salmi (ordinario

dell’Università di Firenze), Odoardo H. Giglioli

(Galleria degli Uffizi) ed altri ancora.

Da giornalista alle prime esperienze, l’esser vicino

a queste personalità fu una sensazione straordinaria,

così come per tutti gli artisti presenti

a quell’evento. Unico neo: le ristrettezze finanziarie

dell’epoca non consentirono di stampare

un catalogo-ricordo di quella straordinaria pagina

culturale.

Perché questo ricordo ormai lontano nel tempo

e nello spazio?

Perché fu un evento che fece germogliare in

tutto il territorio del Mugello e della Val di Sieve

una grande passione per l’arte; da Barberino

a Scarperia, da San Piero a Sieve a Vicchio, da

Dicomano a Vaglia, da Rufina a Pontassieve, fu

un susseguirsi – e il mio archivio storico fotografico

ne è testimonianza – di allestimenti pittorici,

mostre d’arte personali e collettive, premi

estemporanei, premi nazionali ed internazionali

(leggendari il Premio Mugello a Borgo San Lorenzo,

il Premio Ponte Vecchio a Dicomano, il

Premio Andrea del Castagno a Castagno d’Andrea

a San Godenzo e tanti altri ancora), con

una copiosa proliferazione di centri culturali, pro

loco e gallerie d’arte, oltre a qualche oratorio o

piccole chiese sconsacrate – vedi Scarperia – che

caratterizzarono momenti culturali vivacissimi

in tutta la vallata bagnata dalla Sieve.

Se, ad onor del vero, alla fine del ventesimo secolo

ci fu un rallentamento in questo settore

artistico (in certi paesi anche molto sensibile),

qualche seme restò fecondo, germogliando

poi per l’apertura di certi luoghi dove l’arte

radicata nei secoli (vedi per antonomasia San

Martino a Vespignano in Comune di Vicchio

alla Casa di Giotto) non era mai venuta meno,

riabbracciando tutti coloro, uomini e donne,

giovani e meno giovani, professionisti o dilettanti

nel vero senso della parola, per dar vita ad

una nuova primavera artistica facendo riaprire

la passione per il pennello e la tavolozza, riscoprendo

quei valori culturali di una terra che ne

è sempre stata feconda.

Questo volume, e tutti gli artisti in esso presenti,

qualsiasi tendenza, forma ed idea pittorica

abbiano nel loro cuore e nella loro mente, sono

la ferma testimonianza che questa lunga e secolare

catena non ha mai perso un anello, continua

cioè la sua strada accarezzando la Sieve

dalla Calvana alla foce dell’antico Pontassieve.

3



TURI ALESCIO

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

In viaggio,

ferro di riciclo

e pietra pece,

61x13,55x

13 cm.

Anno 2021

Turi Alescio è un mondo infinito. Paasseggiare tra le sue opere, nel suo atelier, vuol dire fantasticare sul fantasticato.

L’artista riesce ad essere attratto dalle forme del reale e di guardare in esse la faccia che in un altro

mondo, il suo mondo, assumerebbero. Così si mette all’opera modificando la quotidiana funzione degli

oggetti in disuso o abbandonati che raccoglie. Una riappropriazione diretta del reale che con la profonda conoscenza

dei materiali, è alla base da cui riprendono vita le sue opere. Decollage di vita che con un tocco di fantasia

si trasformano in opere d’arte. Le forme si amalgamano ai materiali e ai colori, culminando nell’eleganza del

movimento. Turi trasforma l’inimmaginabile, vede l’invisibile e lo rende visibile agli occhi di chi trova il tempo di

guardare. (Raffaella Del Gaudio Pernice)

Cell. 3337548901

E-mail: turi1.alescio@gmail.com

5


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GRACIELA ARCE

Di origine argentina ma

adottata dalla Toscana da

molto tempo, dove vive e

lavora, a Borgo San Lorenzo, presso

Firenze. Si diploma all’Accademia

di Belle Arti di Firenze frequentando

la scuola libera del nudo e da

allora lavora intensamente sia

come pittrice che come scultrice.

Ottiene numerosi premi e riconoscimenti.

Espone dal 1988 e tra le

numerose mostre si ricordano:

2000, Le donne nell’arte, Palazzo

Pretorio Certaldo; 2001, collettiva

La Telaccia d’oro, Torino; “Arte

oggi”, Fiera d’arte contemporanea,

Livorno; Collettiva di pittura e scultura

“Homo ludens”, Palazzo Pretorio,

Volterra; Biennale internazionale

di arte e cultura nel mondo,

Università per stranieri, Perugia;

2003, collettiva di scultura e pittura

“Avanzando… regredendo”, Palazzo

Correr, Venezia; “L’8 marzo al

femminile”, Palagio di Parte Guelfa,

Firenze; Collettiva “Elogio della

mano”, chiesa del Suffragio, Carrara;

2006, Fortezza Medicea, Cortona;

Arte Padova 2006, Padova;

2007, Arte a confronto, Palazzo

Correr in Canareggio, Venezia; Arte

Padova 2007, Padova; Immaginarte

Reggio Emilia, 2008, Reggio

Emilia; 2009, 20 Mostre in Villa, arte

a confronto, Villa Borbone, Viareggio;

2011, Ars futura, Percorsi nella

scultura e Ars Futura Grafica, Disegno

ed Acquerello, Villa Gori, Stiava

(Lu); 2012, Incontri/Confronti, Villa

Paolina Bonaparte, Viareggio; Palazzo

Zenobio, Venezia; Palazzo Minucci

Solini, Volterra; Castello di Levizzano,

Modena; Palazzo Ruspoli,

Il filo d’Arianna, zinco-carta-corda, 24×18×17 cm. Anno 2016

Roma; 2013, Abstraction, chiesa di San Carlo dei Barnabiti, Firenze; 2013 I

Biennale dell’aquerello e del disegno, Castello di Levizzano, Modena;

2014, De natura pingendi, La Brilla, Quiesa/Massarosa; L’Ambiente

nell’arte, Palazzo Medici Riccardi, Firenze.

E-mail: gracielaarce394@gmail.com

6


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GRACIELA ARCE

Senza Titolo, carta-legno-ferro, 25×12×28 cm. Anno 2002

7


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SIMONE AZZURRINI

Il Sogno di Pinocchio, pietra serena di Vellano, lunghezza 210 cm, Parco di Collodi (Pt). Anno 2016

Simone Azzurrini è nato a Firenze nel 1970, vive e

lavora a Vaglia (Fi). A Firenze frequenta l’Istituto

Statale d’Arte di Porta Romana nella sezione

Oreficeria, il Liceo artistico L.B. Alberti (corso serale),

l’Accademia di Belle Arti nella Prima Scuola di Scultura

dei proff. Bianchi e Di Tommaso. Sul territorio fiorentino

lavora per laboratori e botteghe di oreficeria, argenteria,

ceramica, modellistica. Presso l’Accademia di

Belle Arti di Carrara consegue l’abilitazione all’insegnamento.

È docente di Discipline Plastiche e Scultoree

al Liceo artistico U. Brunelleschi di Montemurlo

(Po). Dal 2014 è Accademico Corrispondente e dal

2018 Ordinario nella Classe di Scultura presso l’Accademia

delle Arti del Disegno di Firenze. Partecipa in

Italia e all’estero a mostre, simposi internazionali su

pietra e marmo, a eventi con sculture installative sitespecific

temporanee e permanenti. Nel 2008 pubblica

il libro “Le possibilità espressive del marmo e della pietra”,

Editoria e Spettacolo, Roma. Nel 2020 nasce “Il

Casello: I Binari dell’Arte sulla Faentina” con opere

scultoree e installazioni ambientate intorno alla Casa-

Laboratorio.

E-mail: simoneazzurrini@gmail.com

Sito: www.simoneazzurrini.it

8


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SIMONE AZZURRINI

Farfalla II, ferro-smalto, lunghezza 150 cm, aspettando il tramonto agli equinozi sulla Concarena, percorso

della Memoria, Paspardo in Val Camonica (Bs). Anno 2017, ripresa 2020

Altrove 0, ferro-corde-200 formelle di galestro rosso e grigio, altezza 240 cm diagonale 450 cm, Il Casello: I

Binari dell’Arte sulla Faentina, Vaglia (Fi). Anno 2015, ripresa 2020

9


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PATRIZIA BACARELLI

Ti imponi allo sguardo, Autunno che abbondi generoso di colori e frutti, olio su tela, 120x100 cm

Patrizia Bacarelli ha sempre

amato dipingere, un talento

emerso sin dai banchi di scuola

quando usava con abilità matite,

cere, carboncini, gessetti e pennelli

facendo scaturire come per magia

paesaggi, oggetti, personaggi appartenenti

a quel vivacissimo mondo a

colori che era dentro di lei e che solo

così riusciva a trasmettere.

Nata a Firenze nel 1953, compie i

suoi studi presso alcune Scuole di

Settignano e Fiesole dove scopre la

sua propensione artistica che perfeziona

ed accresce come autodidatta

incoraggiata dal fratello gemello

Massimo, pittore affermato in Germania.

Nel 1969 inizia a lavorare alla Ceramica

Mas di Giolli Marco a Sesto

Fiorentino, sono venti anni di importante

formazione ed apprendimento.

Patrizia, assunta come impiegata,

impara nel contempo a

dipingere la ceramica di Capodimonte

dimostrando insieme all’innato

gusto estetico, manualità e

velocità che le permettono di raggiungere

una sempre maggiore sicurezza.

Si forma da sola studiando la storia

dell’arte, ispirandosi alle opere dei

grandi maestri del Rinascimento

fino a quelli del ’900 prediligendo

artisti come Van Gogh e Picasso. È

seguita ed incoraggiata da valenti

artisti del territorio toscano come

Luca Alinari, Eugenio Miccini, Osvaldo

Curandai e Piero Maffessoli.

E-mail: info@patriziabacarelli.it

10


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PATRIZIA BACARELLI

Mi guidi con la tua luce nella pace silente della neve, olio su tela, 120x100 cm

Rivolta verso uno spazio interiore,

ispirata da sofferte vicissitudini familiari

e dalla realtà circostante, guidata

da un temperamento vivace ed irrompente,

si muove fra i paesaggi

della terra toscana, oggetti appartenenti

al quotidiano ed alla figura

umana. Ama soffermarsi sui dettagli

ed usa una cromia generosa che accentua

l’accuratezza del particolare.

Indugia negli anfratti di un ricordo

che è per lei presenza viva ed allo

stesso tempo cerca la sua vera essenza

nella certezza che l’arte pittorica è

parte inscindibile del suo vissuto.

Nel 1989 nasce Lorenzo e poi Margherita,

Patrizia lascia il lavoro a Sesto

per occuparsi dei suoi bambini e

della famiglia, ma non abbandona

mai la pittura.

Porta avanti insieme al marito un’azienda

che si occupa della lavorazione

artistica del legno in stile fiorentino,

contemporaneamente nel 1995

inizia ad esporre, proseguendo poi in

modo sempre più continuativo con

mostre a Firenze e nel territorio limitrofo

ottenendo vari premi e riconoscimenti

(fra i più importanti merita

notare la sua posizione come finalista

nella sezione pittura del XXIX

Premio Firenze consegnato nel Salone

dei Cinquecento).

Dipinge sempre, anche quando è

una mamma appagata ed un’attiva

imprenditrice.

Dal 2016 la pittura diventa la sua attività

prevalente, diviene socia di alcune

delle più importanti associazioni

artistiche fiorentine. Partecipa

con interesse alle attività de Il Circolo

degli Artisti della Casa di Dante,

l’Antica Compagnia del Paiolo ed il

Gadarte, intensificando così le esposizioni.

Eleonora d’Aquino

11


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PATRIZIA BACARELLI

Giaggioli, olio su tela, 100x100 cm. Primavera 2020

Fra le mostre di maggior rilievo ricordiamo:

- 2016 -

“Fonti di luce” allo studio Bong di Firenze.

- 2017 -

“Emozioni a colori” al Palazzo del Pegaso

sede del Consiglio regionale di Firenze,

“M’ama non m’ama” nella Sala delle Eroine

del Palazzo Comunale di Pontassieve,

“L’Albero della Vita” al Circolo degli Artisti

della Casa di Dante.

- 2018 -

“Riflessi” alla Soffitta Spazio delle Arti di

Sesto Fiorentino (Fi) seguita da

“Artisti in San Lorenzo” nella Basilica di

San Lorenzo a Firenze,

“Grandi maestri toscani” Mostra del

Consiglio regionale a Palazzo Malaspina

in San Donato in Poggio.

Riceve il 56° PREMIO CARDO D’AR-

GENTO assegnato dall’Associazione

GADARTE come seconda classificata.

È fra i finalisti in mostra a Palazzo Bastogi

per il XXXVI Premio Firenze Centro Culturale

Firenze Europa “Mario Conti”.

- 2019 -

Un’altra importante personale negli spazi

dello storico Caffè letterario Giubbe Rosse

nella centralissima Piazza della Repubblica

a Firenze intitolata “In sé… il tutto”.

Riceve il 57° premio CARDO D’ARGEN-

TO come Speciale segnalazione.

12


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PATRIZIA BACARELLI

Girasoli, olio su tela, 100x100 cm. Estate 2020

Riceve la targa PREMIO PONTE VEC-

CHIO 2019 promosso da Toscana Cultura

a Le Logge Piazzale Michelangelo Firenze.

È tra i finalisti in mostra a Palazzo Bastogi

per il XXXVII Premio Firenze Centro

Culturale Firenze Europa “Mario Conti”.

Partecipa all’evento promosso dall’associazione

Toscana Cultura all’Educandato

della Santissima Annunziata, Piazzale del

Poggio Imperiale, “Omaggio a tre grandi

fiorentini del Cinquecento: Caterina de’

Medici, Cosimo I e Leonardo”.

Riceve il PREMIO TOSCANA TV Incontri

con l’Arte 2019.

Partecipa alla rassegna di arte contemporanea

promossa da Toscana Cultura

“Collettiva di Natale” alla Limonaia-Villa

Strozzi.

- 2020 -

Partecipa alla Collettiva degli artisti della

Antica Compagnia del Paiolo all’Auditorium

al Duomo “Sala Giuliano Borselli”.

Patrizia oggi si dedica interamente alla

pittura nella sua abitazione e studio di

via di Moriano vicino a Le Corti in Rignano

sull’Arno, nella verde campagna toscana

che così tanto la ispira.

13


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIANNA BACCI

Nata a Firenze, frequenta

la Sezione di Arte del

Tessuto presso l’Istituto

Statale d’Arte di Firenze dove

si diploma Maestro d’Arte e successivamente

consegue il diploma

di Magistero d’Arte. Ancora

prima di terminare tale specializzazione

frequenta la “bottega”

di un artigiano che opera

nel campo del restauro dei tessili,

dove apprende le tecniche

di restauro di tappeti e tessuti

specializzandosi nel restauro

degli arazzi. Ed è grazie a queste

esperienze che entra a far parte

dell’organico dell’Opificio delle

Pietre Dure alle cui dipendenze

rimane fino al pensionamento.

Nel corso degli oltre quarant’anni

trascorsi nel laboratorio

di restauro, inizialmente posto

nei locali della Vecchia

Posta agli Uffizi e successivamente

nella sede del Salone

delle Bandiere in Palazzo Vecchio,

ha contribuito al recupero

di numerose opere tra le più

prestigiose della collezione Medicea

e di altri enti e musei italiani,

prima in qualità di funzionario

restauratore e poi come

direttrice tecnica del laboratorio.

Docente nella scuola di Alta

Formazione istituita nel 1977

presso l’Opificio delle Pietre

Dure, ha formato numerose allieve

tramandando così la metodologia

propria dell’Istituto.

Trasferitasi in anni relativamente

recenti nel Mugello, ha iniziato

a riscoprire il mondo dell’arte

dedicandosi ad apprendere e

La luna vanitosa,

arazzo realizzato in cotone e lana, 35x24 cm

sviluppare forme espressive per lei inusuali, come la pittura ad olio, l’acquerello

e il mosaico senza abbandonare però il campo della decorazione dei

tessuti e degli intrecci tessili alla ricerca di nuove possibilità creative, in questa

arte che si può dire rimanga per lei “il primo amore”.

E-mail: gianna.bacci@gmail.com

14


PIER GIORGIO BANI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Si tratta di una scultura in bronzo realizzata da me e dalla

fonderia Guastini di Verona di un ippopotamo deceduto al

parco Natura Viva di Bussolengo (Verona), molto famoso,

“PIPPO”, usato in pubblicità.

La scultura pesa 600 chili ed è realizzata in cera perduta.

Scultore tassidermista esperto nella riproduzione delle specie animali e dell’ambiente in cui vivono. Le sue

preparazioni si distinguono per il rigore scientifico dei dettagli anatomici e delle posture comportamentali.

Lo studio degli animali e dell’habitat naturale è documentato dai viaggi effettuati in Europa, Africa, America,

Asia, Mongolia, Alaska.

Le sculture naturalistiche, realizzate in bronzo e ceramica, sono una sintesi di una capacità tecnica e interpretativa

dove ogni soggetto mantiene la sua assenza di vita originaria.

I suoi lavori sono presenti in varie collezioni private e musei di storia naturale in Europa e America.

Invitato nel 1997 dal governo cinese, tiene una serie di corsi di tassidermia presso il Museo di Storia Naturale di

Pechino.

Cell. 3338105393

E-mail: pier.giorgio16.bani@gmail.com

15


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CLAUDIO BARBUGLI

Rossella,

acrilico

su tavola

100x100 cm

Barbugli riesce a vedere le sue emozioni, i suoi

stati d’animo, che proietta sulla tela servendosi

unicamente del colore. Non ci sono né forme né

dettagli riconoscibili nella sua pittura, ma solo un continuo

fluire di tinte luminose e spesso contrastanti,

una varietà di stesure che rendono il colore particolarmente

dinamico. Anche la linea dell’orizzonte sembra

sparire per lasciare spazio alla vitalità del colore, che

cancella il confine tra cielo e terra, e quindi tra l’alto e

il basso del dipinto, per creare una dimensione dove gli

elementi naturali si fondono in un continuo movimento.

Una pittura ricca di energia e di vitalità, dove tutto

si trasforma incessantemente per effetto della luce e

del colore. Confrontando questi lavori con quelli realizzati

in passato, si capisce quanto negli anni Barbugli

abbia modificato non solo il suo stile, ma anche le ragioni

stesse della sua pittura. Il presente lo vede impegnato,

infatti, a spingersi oltre i limiti del visibile per

avvicinare l’immagine dipinta alla propria verità interiore.

Un intento che ha realizzato senza seguire l’indicazione

di una scuola o di un movimento artistico, ma

in maniera autonoma, spontanea, quasi istintiva, come

se ad un certo punto del suo percorso avesse sentito

l’esigenza di liberarsi dai vincoli della pittura tradizionale

per iniziare un nuovo capitolo della sua storia. A mio

giudizio, il risultato raggiunto merita di essere attentamente

considerato ed apprezzato, essendo la riprova di

come il talento, quando è sincero e autentico, possa

fare a meno di regole imposte dall’esterno. È l’artista

stesso, in questo caso, a darsi delle regole, cercando di

adeguarle alle sue intenzioni espressive e facendo sì che

tutto quanto rientra nello spazio dipinto sia lo specchio

fedele della sua interiorità.

Renzo Del Lungo

E-mail: claudiobarbugli@gmail.com

16


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CLAUDIO BARBUGLI

Riflessioni,

acrilico

su tavola,

93x110 cm

Stato

emozionale,

acrilico

su tavola,

93x110 cm

17


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURO BARONCINI

Emozioni, olio su tela, 80x100 cm. Anno 2020

Mauro Baroncini ama ritrarre multiformi e mutevoli

scorci urbani. È un paesaggista sopraffino

che ama legare insieme con un unico filo

quello che Firenze è stata coi suoi monumenti e simboli

più celebri, con quello che è, nella sua attualità, e

che sarà coi suoi scorci e le sue novità future. Questo

filo è un filo speciale, sapete perché? Perché è intriso di

emozioni vissute, di sensazioni a volte sfuggenti, a volte

fondamentali e profonde.

Sofia Falzone

E-mail: maurobaroncini@yahoo.it

18


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURO BARONCINI

Onde sonore, olio su legno telato, 90x120 cm. Anno 2018

19


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PAOLA BATISTINI

Famiglia,

acrilico

su tela,

90x60 cm

Sono nata ad Argentan (Francia) il 14 maggio

1970. Diplomata all’Istituto d’Arte per le Ceramiche

G. Ballardini a Faenza. Laureata all’Accademia

delle Belle Arti di Bologna nel corso di pittura del

professor Pozzati, tesi di laurea “Bill Viola”.

Durante gli anni ’90 ho partecipato alla mostra collettiva

degli studenti dell’Accademia delle Belle Arti alla

fiera di arte e artigianato del mondo a Bologna.

Vent’anni fa mi stabilii nel Parco del Delta del Po, precisamente

nel comune di Comacchio, un luogo che

unisce storia e natura. La presenza di un’area lagunare,

della spiaggia e della particolarità della “piccola Venezia”,

hanno dato nuova linfa alla creatività, mi trovo

spesso a fotografare e poi riprodurre questi luoghi unici

e così diversi col cambiare delle stagioni.

Rimane un forte legame con l’Appennino e il Mugello,

Marradi, il paese che mi ha cresciuta, dove vive la mia

famiglia e si trovano le amicizie dell’adolescenza, e Firenzuola,

dove vivevano i nonni paterni; lì ho imparato

a nuotare nel fiume Santerno.

Opere proposte:

“Famiglia” (acrilico su tela). Questo dipinto è dedicato

alla famiglia. Gli elefanti sono animali molto intelligenti

che vivono in gruppi matriarcali, nei quali per

tutta la vita il nucleo familiare rimane invariato. La stabilità,

l’attaccamento, ma anche la simbologia religiosa

indocinese legata a questo animale (dio Ganesh

uomo con la testa di elefante e protettore dell’intimità

familiare), sono un augurio di amore e reciproco sostegno.

“La Boca” (acrilico su tela) è una riproduzione fantasiosa

del quartiere più colorato, tradizionale e vivace di

Buenos Aires. Ho amato oltre ai colori e al sottofondo

tanguero, la storia di questo quartiere di pescatori che

da luogo povero e pericoloso, grazie alla mano di un

artista, si è trasformato nel quartiere più visitato della

città.

“Nepal” (acrilico su tela). Ho una grande passione per

questo Stato delimitato dalla più alta catena montuosa

del mondo, l’Himalaya, e dalla giungla in cui

sopravvive l’unica specie di rinoceronte indocinese. Il

popolo nepalese è legato al proprio ambiente naturale

molto più di quanto lo siamo noi, il rispetto e l’amore

verso le montagne e la giungla hanno radici religiose

e mistiche.

E-mail: paolabat70@gmail.com

20


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PAOLA BATISTINI

Nepal,

acrilico

su tela,

90x45 cm

La Boca,

acrilico

su tela,

50x35 cm

Di Paola Batistini si ricordano:

Mostra collettiva a Pavullo (Mo)

Mostra collettiva a Marradi (Fi)

Concorso d’arte a Lizzano in Belvedere (Bo)

Pubblicazione sul libro della mostra realizzata a Pavullo (Mo)

Pubblicazione sul libro artisti del Mugello (Fi)

21


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SILVIA BATTAGLIA

Aspettando le cicogne, tecnica mista carboncino su carta bruciata e smalto con incisione diretta su PVC, 100x60 cm

Silvia Battaglia, nasce a Trani nel 1971. Frequenta

la scuola d’Arte Applicata di Vasto, sezione oreficeria.

Nel 2008 si laurea in pittura presso l’Accademia

di Belle Arti di Firenze, ultima recluta del vecchio

ordinamento accademico della prestigiosa scuola

toscana. Studia disegno dal vero seguendo il metodo

Fattori nella famosa aula dell’Accademia fiorentina.

Nel corso della sua carriera artistica partecipa a varie

mostre personali e collettive e a numerosi concorsi, tra

cui si segnalano:

“Dea Alata” 1999 Firenze.

Fiera di Bologna 1999.

“Natalvita” Milano 1999.

“Festival dell’Artista” mostra contemporanea internazionale,

centro culturale di San Remo 2000.

Concorso nazionale d’arte “De Nittis” 2000, realizzato

nelle sale del castello storico di Barletta.

11 a mostra mercato d’arte contemporanea “Arte Padova”

2003-2004.

Mostra collettiva giovani dell’Accademia di Belle Arti

di Firenze dal titolo: “Profezia di Bellezza” 2006, presso

il caffè le Giubbe Rosse di Firenze.

Mostra collettiva al salone d’arte contemporanea del

Comune di Trieste 2004.

XXVI Maze mostra artigianato Artistico del Mugello

Vicchio, 25 agosto-2 settembre 2007.

Mostra collettiva i “Futuribili” presso l’Accademia di

Belle Arti di Firenze, giugno 2009.

Mostra estemporanea di gemellaggio artistico con il comune

di Barberino di Mugello (FI) e Betton-Bretagna.

Partecipazione con la proloco del comune di Faenza

alla Biennale di pittura 2010 e 2012.

Mostra collettiva Cervia Lumedicandela, Cervia da giugno

ad agosto 2014.

Mostra collettiva Borgomarina vetrina di Romagna,

Cervia da maggio a settembre 2014.

Mostra personale patrocinata dal comune di Faenza,

Faenza, aprile 2015.

Mostra personale patrocinata dal comune di Riolo Terme,

Riolo Terme, luglio 2015.

Mostra personale con il patrocinio del comune di Cervia

presso sala Rubicone (RA) nel mese di luglio, anno

2019.

Recensita sulla rivista d’arte «Quadri e Sculture» nel

1992 e «Senza Titolo» nel 2001.

E-mail: silvia.battaglia1@gmail.com

Sito: www.siarteatelier.it

22


FILIPPO BENCI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

AMORE INFINITO “forever”, acrilico materico su tela, 60x60x4 cm. Anno 2017

Interpretazione romantica dell’equazione di DIRAC

Nasce a Firenze nel 1944. La sua esperienza artistica inizia fin da ragazzo con il disegno e nel tempo matura

sperimentando diverse tecniche. Prosegue ancora con la sua passione, cercando l’essenzialità minimale e

dando libero sfogo alla sua sensibilità. L’arte per lui è LIBERTÀ, che lo porta ad esprimersi con la sua “creatività

materica”. Egli racconta le proprie esperienze di vita rielaborando visioni e sensazioni del proprio vissuto. Nella

sua pittura l’uomo è assente figurativamente, eppure nello spazio dei suoi dipinti si apre un mondo pieno di colori,

che trattengono, come impronte simboliche, tracce del suo passato nel tempo. Sono queste le espressioni di Filippo

Benci, artista fiorentino dalla spontaneità intellettuale e pittorica, che con le sue tematiche, attualissime, ci porta

sempre a riflettere. Nel corso degli anni, oltre a mostre personali, ha partecipato a numerosi eventi.

Cell. 3389753494

E-mail: filippo.benci@alice.it

23


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FLAVIO BENVENUTI

Capanno nei Renai, olio su tela, 70x100 cm. Anno 1973

Fonte, olio su tela, 50x100 cm. Anno 1971

E-mail: afbenvenuti@gmail.com

24


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FLAVIO BENVENUTI

I Renai,

olio su tela,

60x80 cm.

Anno 1976

Ritratto di un amico,

matita su carta,

43x58 cm.

Anno 1974

25


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIULIANA BERTIERI

Donna Masai (fronte), scarto plastico

industriale, h 150 cm

Nata nel Mugello, cuore toscano.

L’attenzione all’ambiente e

la sensibilità al divenire delle cose

sono la molla per l’incontro, forse casuale,

forse irrinunciabile esigenza di

esprimere il suo essere più profondo

attraverso il silenzio della materia, la

musica del colore.

Riccorre a uno sperimentalismo di

composizione per trattare temi ambientali.

Usa materiali riciclati da scarti industriali.

Maternità, scarto plastico industriale, h 100 cm

E-mail: giulianabertieri@live.it

Sito: www.giulianabertieri.it

Instagram: giuli.art_

26


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIULIANA BERTIERI

Cane, scarto plastico industriale, scultura h 100 cm

Vicchio post atomico, acrilico e stucco su sughero, 50x40 cm

27


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

NIKLA BIAGIOLI

Nata a Firenze, risiede

e lavora a Barberino

di Mugello (FI).

Fin da piccola ha avuto propensione

per le arti e maturando

ha allargato i suoi

orizzonti, pasticciando con

matite, gessetti, pennelli e

frequentando lo studio del

pittore Rinaldo Bettini si è

dedicata alla pittura. Ma gli

orizzonti per lei sono sempre

stati “non definiti”, ed ha rivolto

la sua ricerca su varie

discipline artistiche: Pittura,

Ceramica, Scultura, fino ad

arrivare ad una nuova tecnica

pittorica: la “PITTURA DI-

GITALE” o “DIGITAL ART”.

Ha unito quindi l’estro creativo

ad un mezzo tecnologico

ed all’avanguardia, il PC,

riuscendo a produrre opere

“comunicanti emozioni profonde”.

Ha partecipato a mostre

personali e collettive, sia in

Italia che all’estero, ricevendo

premi e riconoscimenti,

tra cui il “Premio Onorifico

Internazionale GALILEO GA-

LILEI 2012”.

Suoi lavori ceramici e pittorici

fanno parte di collezioni

private e pubbliche in Italia e

all’estero. Le sue opere di

pittura digitale sono state

sottoposte nel 2011 per Critica

e Quotazione Peritale al

Tribunale di Tivoli (Roma),

che ha rilasciato una ottima

valutazione sia critica che

economica.

Cigno nero, DigitalArt, 50x72 cm. Anno 2010 (collezione privata)

Pubblicazioni: “ARTE”, mensile di arte di Mondadori; “Donne nell’arte del XX secolo”,

ed. Pegaso; 2007-2008-2009, “Agenda degli artisti della Toscana”, ed. Pegaso; 2015,

Catalogo d’Arte Mondadori (CAM); 2017, libro sul 750° della nascita di Giotto “GIOT-

TO, la casa, il colle di Vespignano”, ed. Masso delle Fate; 2017, rivista LA TOSCANA,

“Nikla Biagioli: la mia vita per l’arte, ora in digitale!”; 2019, copertine per i libri di poesie

“Atmosfere del Mugello” e “Non Abiuro”; quadro per il libro “Flora e Fauna del

Colle di Vespignano”.

E-mail: nikla.29@hotmail.it

28


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

NIKLA BIAGIOLI

Di lei hanno detto:

“Artista con grandi capacità

espressive e cromatiche, capace

di esternare attraverso l’uso del

colore e della tecnica pittorica digitale,

opere trasparevoli di emozioni

e profonda ricerca artistica

personale.” (Premio Internazionale

G. Galilei 2011 – W. Curzi)

“La pittura di Nikla Biagioli, che

ha i colori ed il sapore della poesia

dell’elegiaco, di quanto la realtà

ha di più divino ed esaltante,

induce alla riflessione, al pensiero

di un sogno malioso e catartico.”

(G. Nacci)

“Si può definire l’artista Nikla Biagioli

un grande talento. L’artista

compone cromaticamente immagini

sublimali, mantenendo la

capacità di renderle leggibili in

modo poetico e silente. Le sue

opere vanno oltre la descrizione

formale dell’oggettiva rappresentazione

naturale, rendendole

all’altezza del panorama dell’arte

internazionale.” (G. Alù – Tribunale

di Tivoli – Roma)

“Questo premio va alla sensibilità

dell’artista e della donna, componenti

fisse in un tutto unico: la

realizzazione di opere che rapiscono

l’occhio e l’animo sensibile

dell’estimatore.” (1° Premio Città

di Bibbona)

“L’opera artistica di Nikla Biagioli,

attraverso un’avanguardia tecnologica,

comunicativa ed espressiva,

racconta con delicate cromie

la fragilità e la bellezza dei soggetti

rappresentati, sempre portatori

di una forte aura poetica.

Sogno… realtà, DigitalArt, 50x70 cm. Anno 2008

Con estrema libertà l’artista muove il mouse al posto del tradizionale pennello,

seleziona la sfumatura di colore, anziché attingere ai pigmenti della tavolozza,

con un risultato che ci trasmette al pari di una pittura consueta la sua

sensibilità artistica e la sua creatività comunicativa, spaziando da un realismo

figurativo, legato anche a tematiche sociali, ad un simbolismo evanescente

che indaga l’intimità più profonda.” (Elisa Marianini)

“Il fare arte in Nikla Biagioli, nella forma di pittura digitale, è inoltrarsi nelle

nuove frontiere dell’esprimersi emozionale, dove il limite superato è ciò che

esso stesso fa arte. Definirsi poi, in questo esprimersi con il puro simbolismo,

è già di per sé poesia, poiesis, creare da ciò che non è a ciò che è.” (G. Alù)

29


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ALBERTO BENEDETTI

Mentale hospital, tecnica mista, su faesite, 16x20 cm

Alberto Benedetti è nato a Borgo San Lorenzo

nel 1962.

E-mail: geom.a.benedetti@gmail.com

30


GLORIA BICCHI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Ragazza in vendita,

acrilico su tela,

50x70 cm

Libero,

acrilico su tela,

50x70 cm

Cell. 3383282480

31


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURO BONINSEGNI

Lo studioso, collage di coriandoli su cartone, 32x45 cm

E-mail: mauro.boninsegni@libero.it

32


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURO BONINSEGNI

Pioggia con covid, collage di coriandoli su cartone, 32x45 cm

33


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

BARBARA BRICCOLANI

Pian della quercia, acrilici su cartone telato, 23,5x18 cm. Anno 2004

Nasce a Premilcuore il 15 ottobre 1966 da genitori

originari di Forlì ma residenti a Tereglio

(Lu), dove frequenta le scuole elementari e la

prima media. Si trasferisce poi a Marradi (Fi) con la famiglia.

Completate le scuole medie frequenta l’Istituto

d’Arte G. Ballardini di Faenza (Ra). In questo periodo si

avvicina anche alla musica, al canto e alla pittura. Conseguito

il diploma di Maestro d’Arte ottiene il perfezionamento

in Arte della Maiolica. Dagli anni ’80 partecipa

a mostre d’arte con manufatti in ceramica, vincendo

il primo premio concorso al Magazzeno del Sale di

Cervia. Negli anni ’90 opera nel settore del restauro di

dipinti murali presso una ditta specializzata attiva a

Firenze. Dal 2007 prosegue l’attività di restauro e realizza

progetti decorativi in proprio.

E-mail: b.briccolani@live.it

34


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

BARBARA BRICCOLANI

Casa di caccia, tempere e acrilici su terracotta, 41,5x33,5 cm. Anno 2021

Presente e ricordi, tecnica mista su tavola, 45x29 cm. Anno 2012

35


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LAURA BORELLI

Un tempo, Brentosanico, olio su tela, 70x30 cm

Laura Borelli, autodidatta, con una precoce

passione per il disegno e il fumetto, compie

studi scientifici per poi studiare Architettura.

Partecipa col gruppo di pittura del maestro

Enrico Michieletto ad alcune mostre nel territorio

mugellano.

La pittura di Laura si sviluppa lungo il tempo su

vari binari, approfondendo ora il colore, ora la

forma, con approcci e tecniche sempre diversi:

olio, acrilico, acquarello, matite, gesso.

È l’amore per la natura che negli ultimi anni l’ha

condotta verso composizioni multimateriche,

fatte di legno, stoffe, carta e segno grafico.

L’opera “Un tempo, Brentosanico”, la più classica nella tecnica

racconta di un passato che non esiste più,

se non nel segno che ha lasciato sul territorio.

E-mail: borellilaura@hotmail.com

36


LORETTA CASALVALLI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Tramonto sul mare in alta Versilia, olio su tavola, 90x50 cm

Loretta Casalvalli è nata nel 1953 a Vicchio, in località

Vespignano, a poche centinaia di metri dalla

Casa di Giotto.

Dopo il diploma, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza,

presso l’Università degli Studi di Firenze e, successivamente,

la specializzazione biennale in Notariato

presso il Consiglio Notarile di Firenze.

Durante gli studi universitari, tra i vari docenti, ha avuto

un’importante figura di riferimento come insegnante

e come persona: un uomo di grande spessore e cultura,

profondo conoscitore di storia, di politica, di

letteratura antica e moderna ed eccellente estimatore

di arte: Giorgio La Pira, che sempre con amore, dedizione

e grande passione, ha indirizzato i suoi studenti verso

la cultura, valorizzando l’interesse e la curiosità di

ognuno per acquisire conoscenze ed invogliando a scoprire

ed apprezzare le bellezze di Firenze, del nostro

paese e del mondo.

Nel frattempo però l’interessata, risultata vincitrice di

concorso pubblico a soli 23 anni durante il percorso

universitario, pur proseguendo negli studi, ha intrapreso

il suo lungo, brillante ed entusiasmante percorso

lavorativo alle dipendenze dell’Amministrazione delle

Dogane, appartenente al Ministero delle Finanze.

Durante la sua prima assegnazione presso la Dogana di

Prato (1976), insieme ad un collega – affermato pittore

surrealista – partecipa ad alcune mostre collettive.

In questo periodo prende parte al Concorso Italia-Francia

1981, tenutosi a Viareggio, conseguendo un importante

riconoscimento nel settore dell’arte figurativa

con il suo dipinto “Tramonto sul mare”.

Presso la Dogana, l’artista ha realizzato un’appassionante

ed impegnativa carriera che le ha aperto ambiti

ampissimi e poco conosciuti, quasi approcciabili dai

soli addetti ai lavori. Insomma ha spaziato in settori

completamente diversi, ma inaspettatamente coinvol-

E-mail: loretta.casalvalli@live.it

37


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LORETTA CASALVALLI

Fiori:

le creste

di gallo a

Vespignano,

olio

su tavola,

40x70 cm

Il gallo,

olio

su tavola,

50x70 cm

genti e capaci di proiettarla in materie tecniche e giuridiche,

spesso non comuni e specialistiche, concernenti

aspetti economici, geografici, culturali, artistici

di molti paesi del mondo. La sua carriera è durata quaranta

anni effettivi, anni trascorsi intensamente e velocemente,

nei quali è stata chiamata ad effettuare

numerose docenze e corsi di formazione al personale

ed è stata richiesta per docenze e convegni presso Enti,

Istituti e Facoltà universitarie interessate alla materia

doganale. Per l’occasione ha scritto saggi e dispense

diffusi ai partecipanti.

Per i suoi meriti lavorativi ha conseguito vari riconoscimenti,

tra i quali: un encomio conferito dall’Organizzazione

Mondiale delle Dogane ed il titolo di Cavaliere

della Repubblica, assegnatole nell’anno 2010, su segnalazione

dell’Amministrazione delle Dogane, conferito

nel 2011 nel corso di un’apposita cerimonia in Palazzo

Vecchio (Salone dei Cinquecento) a Firenze.

Gli impegni lavorativi, quelli in ambito familiare (dopo

il matrimonio, celebrato – non a caso – nella chiesa di

Vespignano, ha avuto due figli) ed una ‘routine’ costante

da pendolare per raggiungere le sedi di lavoro

non le hanno consentito di dedicare grandi spazi alla

pittura, che tuttavia ha continuato a coltivare, seppure

con minore assiduità, sempre per passione e per il piacere

di regalare un quadro a parenti ed amici.

Molto appagante nella sua esperienza è il ‘background’

culturale ed artistico maturato nel corso degli anni,

personalmente ed anche in ambito lavorativo, dove ha

seguito in prima persona, dal punto di vista tecnicoprocedurale

e quasi sempre anche visivamente, il passaggio

in dogana dei beni culturali (destinati a mostre,

restauri o semplicemente esportati o importati) movimentati

da e per l’estero.

Con il pensionamento, avvenuto nel 2016, si è riacceso

“il fuoco rimasto sotto la cenere” e così c’è stato il

grande ritorno a Vespignano, luogo da dove si era allontanata

nel 1965. Sul colle ha incontrato l’associazione

culturale “Dalle Terre di Giotto e dell’Angelico”

che da anni gestisce la Casa di Giotto, luogo questo

che era la meta delle gite scolastiche che venivano fatte

all’epoca della scuola elementare… Da qui sono riaffiorati

innumerevoli, particolareggiati e carissimi ricordi

di infanzia e la grande voglia di dipingere il Colle

di Vespignano dal vivo, nei suoi particolari.

Da allora, nel 2017 ha ripreso a lavorare intensamente,

in maniera più libera ed incondizionata, frequentando

38


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LORETTA CASALVALLI

corsi di pittura ad olio alla Bottega di Giotto con il Maestro

Giuliano Paladini. Ha preso parte alle frequenti

ed innumerevoli mostre collettive presso la Casa di

Giotto, presso il laboratorio di Vicchio, la Vecchia Propositura

di Scarperia ed in occasione di manifestazioni

all’esterno organizzate da vari enti (Fiera dell’Agricoltura

a Montichiari, Fiera del Cavallo a Forlì, CNA a Villa

Pecori a Borgo San Lorenzo, Festival alla “Foglia Tonda”

a Razzuolo, mercoledì nel Borgo a Borgo San Lorenzo,

Festival di Spoleto, rassegna dei Presepi a Cerreto Guidi,

Mostra di Natale a Villa Strozzi a Firenze, ecc.). Nel

mese di luglio 2019 ha effettuato una mostra personale

dal titolo “Per Passione”, dove ha esposto tutte le

sue opere, raccogliendo anche le opere giovanili nella

sua disponibilità. La mostra ha avuto grande partecipazione

e riscosso grande successo, tanto che a fine

anno è stato realizzato l’omonimo catalogo, arricchito

con le foto di altre opere giovanili reperite dai possessori

e di altri dipinti ultimati entro l’anno. Sia la mostra,

sia l’uscita del catalogo sono stati oggetto di interviste

e di riprese televisive andate in onda in TV e successivamente

hanno avuto eco sulla stampa locale e specialistica,

con diversi articoli e immagini pubblicati su riviste

specializzate.

Ha partecipato alla mostra “8 marzo 2019 – Festa della

Donna”, presso il Comune di Fiesole a una mostra

collettiva di arte contemporanea presso la Sala del Basolato,

a una mostra itinerante in Omaggio a Fellini e a

una mostra collettiva presso la Galleria il Quadrivio di

Grosseto.

Nel gennaio 2020, in relazione alla propria attività, ha

ricevuto un attestato da parte di Toscana TV.

Più di recente, alla Casa di Giotto, sta anche sperimentando

altre tecniche artistiche come mosaico, scultura,

acquerello. (Sotto: Campo di papaveri a sagginale,

olio su tavola, 50x35 cm.)

Colori e

profumi

sul colle,

olio su

tavola,

40x50 cm

Fiori

di primavera,

olio/acrilico

su tavola,

47,5x58 cm

39


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LORETTA CASALVALLI

Diosperi

e melagrana,

olio

su tavola,

50x40 cm

Glicini

alla Casa

di Giotto,

olio su

tavola,

40x50 cm

40


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LORETTA CASALVALLI

Cigni a Sirmione, olio su tavola, 70x38 cm

Vaso di giaggioli e papaveri, olio su tavola, 40x50 cm

Porcellana da caffè, olio su tavola, 40x50 cm

41


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MECHTILD CARLINI

Ortensie al muretto, acrilico su tela, 100x50 cm

Mechtild Carlini, nata in Germania, inizia a dipingere ai tempi del liceo sotto la guida della sua insegnante/

pittrice. Dopo anni di interruzione, ormai vivendo a Firenze, ricomincia a dipingere per diversi anni come

allieva del prof. Giorgio Barreca.

Ha seguito diversi corsi in Germania, ha fatto uno stage presso l’Accademia delle Belle Arti a Kassel. Faceva parte

del gruppo artistico GADARTE di Firenze e Ardengo Soffici di Rignano sull’Arno.

Ogni quadro è il risultato di una sosta nella concentrazione, per cogliere e dipingere i significati profondi. Il linguaggio

è quello figurativo della tradizione che richiede bravura nel disegno. Acuta sensibilità per il colore al

servizio della sincerità e bellezza.

(Franco Rubinetti, PRAXIS ARTISTICA)

E-mail: mechtildcarlini@gmail.com

Località Le Valli, 2/a 50067 - Rignano sull’Arno (FI)

Diventerà: via Fiorentina, 277

Le Valli - 50067 Rignano sull'Arno (FI)

42


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MECHTILD CARLINI

Merenda in campagna, olio e acrilico su tela, 70x50 cm

43


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ALICE CAPPELLARI

Vera,

acquerello

e tempera,

50x60 cm

Alice Cappellari è pittrice autodidatta. Vive a Vicchio.

Il dipinto, realizzato con la tecnica dell’acquerello, è stato commissionato dalla

cantautrice Vanina Vincent per la canzone “Vera”.

E-mail: alicecappellari@yahoo.it

44


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CLAUDIO CAVALLINI (KEVO)

Claudio, in arte “KEVO”, si dedica alla scultura dal 2003, predilige come materiale il legno che elabora dal

blocco intero senza nessun assemblaggio. Ha affrontato diverse tematiche: dal figurativo di carattere primitivo-etnico,

al realismo simbolico, maturando infine una sua personalissima ed originale sintesi della

forma alla cui espressività essenziale contribuiscono talvolta anche il colore ed elementi di metallo.

Presente in rassegne, fiere e premi d’arte, ha tenuto numerose personali a Firenze e provincia, Arezzo, Pisa, Bologna

Bratislava. Di particolare rilievo quella del 2012 presso la sala delle Eroine del comune di Pontassieve, al

Museo Casa di Giotto a Vicchio, al Museo Etrusco di Dicomano e al Museo del Duomo di Viterbo. Tre volte finalista

al Premio Firenze, nel 2012 si aggiudica il Fiorino d’Argento con la scultura “Nefertiti” e nel 2013 è medaglia

di Bronzo con la scultura “Lo Squalo”. Nel maggio del 2013, a coronamento del suo percorso espositivo, allestisce

una bellissima mostra personale nell’importante Museo di Storia Naturale della Specola a Firenze.

Patrizia nel ricordo del suo congiunto scomparso nel 2015

45


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SILVANA CIPRIANI

Percorsi antichi,

acrilico su tela,

50x70 cm

Silvana Cipriani, fiorentina di nascita, è da sempre

interessata alla pittura, autodidatta, rappresentativa

di paesaggi, figurativo, nature morte, impegnandosi

nei colori ad olio e acrilico, realizzando

mostre personali e presente in diverse collettive; alla

sua passione si aggiunge l’interesse per la poesia, e la

ricerca storica, portandola nel tempo a scrivere e realizzare

due saggi: “Per grazia Ricevuta”, sul Santuario

della Madonna dei Fossi, ricerca storica su di una robbiana

datata 1510-20, pubblicazione presentata nel

2012 presso la Pieve di Pomino – Rufina (edizione Servizio

Editoriale Fiesolano); l’altro, “La Pieve di Pomino,

brevi note”, è una ricerca di antiche testimonianze storico

artistiche, relative alla pieve stessa, pubblicazione

presentata nel 2019 presso pieve in terra di Rufina (Tipografia

Pegaso Firenze).

Nel presente si esprime con forme particolari di ampio

respiro, tecnica acrilico anche con colori brillanti.

E-mail: silvana.cipriani@gmail.com

46


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SILVANA CIPRIANI

Amazzonia,

acrilico su tela

50x40 cm

Invasione

globale,

acrilico su tela,

50x40 cm

47


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CARLO CIUCCHI (PICCHIO)

Albero che

prima di

morire

genera

la vita,

specchio,

legno di

pino, legno

di betulla

e colori

diametro

sm 85,

h 2,10 cm

Giorgio Vasari diceva che la Pittura e la Scultura

sono sorelle, nate da un padre che è il

Disegno, in un sol parto e a un tempo; non

precedono l’una all’altra, se non quanto la virtù e la

forza di coloro che le portano addosso fa passare

l’uno artefice innanzi all’altro; e non per differenza

o grado di nobiltà che veramente si trovi fra di loro.

Io con i pennelli in mano sono nato, forse li usavo

già nel grembo di mia madre. Lo scalpello invece è

arrivato dopo, in prima superiore acquistai tutto il

necessario per lavorare la creta e a diciotto anni,

dopo aver conosciuto il Maestro Alfio Rapisardi,

dotai il mio studio di scalpelli, sgorbie, raspe, motosega

e levigatrice per lavorare il legno. Dei lavori in

creta e gesso eseguiti all’Istituto d’Arte e nel mio

studio non è rimasto niente perché tutto quello che

realizzavo lo distruggevo come facevo da più giovane

con i disegni e i dipinti. Ero innamorato delle

fantastiche creazioni della Natura e allora raccoglievo

pietre naturali emerse dal terreno, ciottoli di

fiume lavorati dall’acqua, conchiglie e marmi scolpiti

dal mare e anche radici di alberi trovate nei boschi.

Di queste opere della natura ne conservo ancora

alcune. Con il Maestro Alfio Rapisardi lavorai

diversi anni fino al 1979, quasi esclusivamente nella

scultura in legno; ricordo che il legno preferito dal

maestro era il castagno che ha un solo verso di intaglio,

perciò creava notevoli difficoltà nella lavorazione,

ci voleva tanta attenzione, pazienza e cura

in tutte le fasi dell’esecuzione. Era ricorrente il detto

“Attenzione!!! Pierino da una trave fece uno stecchino”.

Di quel tempo è rimasta “Ermafrodito”,

scultura più volte rielaborata. Negli anni Ottanta-

Novanta ispirato dalle grandiose opere d’Arte della

Natura realizzai “Forme plastiche” in pietra forte. In

una cava di pietra serena dove lavoravano lastre di

grandi dimensioni scoprii per puro caso la bellezza

dei rapporti geometrici che nascevano con il pas-

Cell. 338 5253569

E-mail: carlo.ciucchi@carlociucchipicchio.it

Sito: www.carlociucchipicchio.it

48


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CARLO CIUCCHI (PICCHIO)

Gabbiano,

ferro, sabbia

e ghiaino

del fiume

Savio, colla,

corten,

115x160 cm,

h 82 cm

saggio dei dischi vidia, tagli profondi e meno profondi,

in verticale e orizzontale, sulla superficie della pietra.

Fu così che realizzai diverse opere, prima senza intervenire

con colore poi anche dipinte. Queste le conservo

tutte. Del 1994 è il tavolo rotondo in pietra serena con

la base a quattro lati concavi ancora utilizzato all’aperto.

Ormai da qualche anno ho una nuova esigenza,

quella di mettere in luce attraverso la scultura e le installazioni

i valori della vita, lo studio delle coscienze e

delle azioni degli esseri umani. In questo anno che sarà

ricordato per la gravissima pandemia mondiale da coronavirus

spero di realizzare la mia prima mostra di

scultura con opere in pietra, vetro, legno, resine, marmo,

ferro, cemento e anche combinazioni tra questi

meravigliosi materiali.

HANNO PARLATO E SCRITTO DI “PICCHIO”

Stefano Benedetti, Antonio Berti, Fabrizio Borghini, Gastone

Breddo, Osman De Scolari, Aldo Giovannini, Silvio Loffredo,

Elisabetta Mereu, Dino Migliorini, Elvio Natali, Franca Nesi,

Tommaso Paloscia, Dino Pasquali, Piero Poggiali, Daniela Pronestì,

Giuliano Romoli, Demo Veronese, Domenico Viggiano.

Nido

dell’arte,

marmo,

vetro, legno,

vegetali,

gesso e

colori,

11,5x11,5

cm,

h 22 cm

49


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

EMANUELA DEGAN

L’autunno, pastello su carta, 50x65 cm

Emanuela Degan, laureata all’Accademia di Belle

Arti di Venezia, vive vicino a Firenze, nel Mugello,

dal 1996.

Dopo un periodo di pausa dedicata alla famiglia, nel

2018 ricomincia ad esporre fra Veneto e Toscana.

Iscritta a numerose associazioni artistiche, partecipa a

tante collettive e concorsi, vincendo due volte il terzo

premio e una menzione d’onore.

Specializzata nel ritratto e nella rappresentazione

umana, delle sue emozioni e dei sentimenti, come

un’opera teatrale nella quale le immagini parlano e

raccontano sempre qualcosa.

I soggetti femminili spadroneggiano solo per esaltare

quello che di più talvolta è sofferente nella realtà con

tutta la dolcezza di cui possono armarsi.

La tecnica che utilizza è sempre il segno, graffite o pastello

che sia.

Cell. 3471958863

E-mail: manu.degan.1966@alice .it

50


GIOVANNI GIUSTI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Scarperia, chiesa di S. Gavino, acquerello, 24x35 cm. Anno 2019

Architetto, gioca con i colori fin da bambino su

materiali diversi. Riprende durante l’università

sperimentando tecniche differenti e formati

diversi: dai grandi quadri (Monache guerriere) alle

piccole cose quotidiane, fino ai temi geometrici con

gli Equilibri e le Architetture invivibili. Poi fra professione,

università e insegnamento nascono gli Scacciapensieri

dove fantasia e sogno caratterizzano un

lungo periodo di attività artistica. Negli anni ’90 Archiplani,

Finestre, Vedute, Marine propongono visioni

colorate, dove l’esperienza architettonica si fa più

presente e percepibile.

Nel 2013 inizia il percorso all'interno del Gruppo Donatello

partecipando a numerose mostre. Attualmente

ne è vicepresidente con Gianni Oliveti.

E-mail: giovgiusti@gmail.com

51


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

RENZO DEL LUNGO

Veduta di Siena, Piatto in Ceramica

Renzo Del Lungo nasce a Pelago (FI) nel 1942, dove tuttora risiede. Ha al proprio attivo oltre 150 personali,

che hanno riscosso successo di pubblico e di critica, sia in Europa che nelle due Americhe.

Dopo aver viaggiato per tutti i continenti approda nelle regioni polari, dove viene attratto dal silenzio dei

ghiacciai e dalla maestosità del paesaggio. Da quel momento, l’ispirazione dell’intera sua opera sarà infatti dominata

dal tentativo di raccontare e trasmettere il silenzio.

Il silenzio lo ha chiamato e lui ha risposto con la sua arte, cercando di trasmettere nelle sue opere una dimensione

che parte dalla natura, si trasforma nella contemplazione dell’infinito e invita l’uomo a riscoprire veramente

se stesso. Questa la ricerca artistica di Renzo Del Lungo che con due colori, l’azzurro e il rosso Pozzuoli, rigorosamente

proposti in toni teneri e sfumati riesce a trasmettere una leggerezza che accompagna in una dimensione

irreale, ora tra i ghiacciai polari, ora tra le colline toscane, o immersi nel cuore delle città, ma sempre alla ricerca

del silenzio. Un silenzio che è forma di comunicazione positiva, quindi un messaggio per comunicare e dialogare

con gli altri.

Del Lungo ama definirsi pittore chiarista. Tutte le opere su tela o su tavola sono pitture ad olio. Ma la creatività

dell’artista fiorentino, che vive a Pelago, possiamo apprezzarla anche in piatti e in vasi di ceramica, con nuovi effetti

di sfumature e di distesa del colore su superfici mosse.

Paola Scuffi

E-mail: dellungo.renzo@gmail.com

52


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

RENZO DEL LUNGO

La Genesi (omaggio al Ghiberti), olio su tavola, 120x104 cm

Paesaggio Nordico, olio su tela, 70x60 cm

53


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CRISTINA FALCINI

Nebbia, la Sieve a S. Piero, olio su tavola, 100x90 cm

Cristina Falcini, pittrice paesaggista autodidatta, lavora in prevalenza en plein air.

“È pittura fresca , spigliata, espressa con il cuore, ma allo stesso tempo si intuisce un piglio quasi autoritario

e ne è la testimonianza la pennellata che si avverte decisa, organizzata, necessaria…”

(da Ritratti d’artista, di Jacopo Chiostri)

Abitazione e studio Scarperia via F. Margheri 3/B

Cell. 3805323791

E-mail: crisfalcini@gmail.com

54


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

CRISTINA FALCINI

Passeggiando, luci della sera, Scarperia, olio su tela, 65x100 cm

55


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ANTONIO FIESOLI (TRAVARES)

Antonio Fiesoli è nato il 06.02.43 a

Calenzano (FI), Loc. Paese di Travalle,

ai piedi del monte della Calvana,

un’oasi immersa nel verde dove si trova

una bellissima villa in stile barocco del

1600 costruita dalla famiglia fiorentina

degli Strozzi.

Autodidatta, coltiva una grande passione

per le arti visive, la pittura e la scultura.

La firma delle opere con lo pseudonimo

Travares è omaggio alla giovinezza vissuta

in quel di Travalle, terra di meravigliosi

contadini, dolci ricordi della mietitura del

grano e della battitura.

Il suo stile unisce il sacro ed il profano.

* * *

Voglio parlare di un artista toscano,

che sin dagli anni della sua giovinezza

si è caratterizzato per una

forte sensibilità verso lo splendore e la varietà

infinita di forme che la natura ogni

giorno offre; soprattutto perché nato e

cresciuto a Travalle, un’isola verde vicino a

Calenzano, dove quelle forme poteva osservarle

e studiarle così bene da lasciare

una traccia indelebile nel suo cuore e nella

sua memoria.

Ha iniziato in opere in legno per poi sperimentare

altri materiali, fusioni in bronzo,

ottone e terrecotte.

È giunto adesso ad una ricerca espressiva

che non tralascia di far apparire la sua matrice

profondamente calata nella cultura

etrusca, da buon toscano qual è.

Loredana Gennaro (giornalista)

Busto femminile, terracotta, h 45 cm. Anno 2000 circa. Coll. privata

E-mail: fiesoliantonio@gmail.com

Via della Resistenza n 28

50031 - Cavallina Mugello, FI

Comune di Barberino di Mugello

56


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ANTONIO FIESOLI (TRAVARES)

Colomba,

acrilico su tela,

50x50 cm.

Anno 2021

Interferenze TV,

acrilico su tela

50x50 cm.

Anno 2021

57


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LUCIANA GABELLINI

Vite, xilografia, 25x20 cm

Ritratti in terracotta, 40x15x5 cm

Cell. 339 620 8888

E-mail: gabellinil@yahoo.it

58


PATRIZIA GABELLINI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

La modella,

penna biro,

50x67 cm

Sull’Arno...,

penna biro,

50x64 cm

E-mail: patgab57@virgilio.it

59


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ROLANDO GHERI

Rolando Gheri nasce a Firenze

nel 1951 e attualmente

vive e lavora a Incisa

Valdarno.

Ha partecipato a numerose mostre

e, pur riscuotendo lusinghieri

ed incoraggianti consensi, non

le ritiene il suo habitat naturale.

Si è classificato ai primi posti

nella mostra nazionale dell’Umorismo

di Siena, in quella internazionale

dell’Umorismo Sportivo

di Ancona ed altre di non

minor spessore.

Ha prestato i suoi pennelli per la

rivista «Pescare», per il giornale

«Satirikon» di Ancona, per «Metropoli

Firenze» e Telelibera Firenze.

Ha illustrato numerosi libri

di fiabe tra cui:

“Pinocchio” per Pugliese Editore,

i libri a fumetti dai titoli “Firenze

e il suo gioco del calcio”, “Lo

scoppio del Carro a Firenze”,

“Siena e il suo Palio”, sempre per

Pugliese Editore. Ha lavorato

come grafico all’Enel. Adesso dipinge

perlopiù a tempera su legni

antichi e acquerello su encausto

pur non disdegnando

terracotta, cartapesta, scultura

su legno e pietra.

Daino, acquerello su encausto

E-mail: gherir@gmail.com

60


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ROLANDO GHERI

Capinera, acquerello su encausto

Sterpazzola, acquerello su encausto

61


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIANNA GIANNINI

Dopo

la tempesta,

olio su tela,

80x80 cm

Nasce e vive in provincia di Firenze, nel cuore

verde del Mugello.

Fin dalla prima infanzia si manifesta in lei l’amore

per la pittura e una sorprendente manualità, per

questo è indirizzata verso studi artistici e frequenta

l’Istituto d’Arte di Firenze.

Dal 1990 al 1993 approfondisce la tecnica del nudo e

della figura presso lo studio di importanti pittori fiorentini.

Visto il successo delle prime mostre personali, dalla

seconda metà degli anni ’90 si immerge totalmente

nella pittura paesaggistica tradizionale toscana, alla

continua ricerca di un nuovo linguaggio formale al passo

con i tempi. Il suo percorso espositivo la porta in

seguito ad uscire dai confini prima regionali e poi nazionali,

rafforzando in lei la consapevolezza del proprio

progetto artistico.

Il Mugello, terra impervia rivestita di una recondita poesia,

da sempre ispira la produzione artistica di Gianna

Giannini. L’amore per il proprio luogo natio ha reso

sensibile la sua visione nei confronti del mondo naturale

e dei suoi silenti abitanti. Distese di campi coltivati,

prati verdeggianti, fiori e frutti che sgorgano da

quella terra hanno così acquisito verità simbolica sulle

sue tele.

Una pittura che si staglia nella tradizione per approfondirla,

donandole modernità stilistica e personale

spessore. L’abilità tecnica incontra i significati introspettivi

e le riflessioni di un’attenta osservatrice, alla

ricerca di una scoperta contemplativa.

È l’amore per la bellezza che muove la sua mano e che

la aiuta a vedere il mondo, e soprattutto a farlo vedere

agli spettatori, con il filtro della poesia e della capacità

di meravigliarsi ancora una volta.

E-mail: info@giannagiannini.com

g.giannini1402@gmail.com

62


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIANNA GIANNINI

Aspri momenti,

olio su tela,

40x40 cm.

Anno 2012

Nove possibilità,

olio su tela,

40x40 cm.

Anno 2008

63


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIUSTI CERAMICA

Lo Studio Ceramico Giusti è composto dai due

soci, Stefano Giusti e Sandra Pelli. Entrambi iniziano

ad occuparsi di ceramica dal 1980 a Firenze

sotto la guida dello scultore ceramista G. Girard.

Nel 1989 il laboratorio viene trasferito da Pontassieve

a Paterno di Pelago, un piccolo paese sulle colline vicino

a Firenze.

La produzione è particolarmente centrata su oggetti di

uso quotidiano dove i valori della tradizione ben si coniugano

con il linguaggio contemporaneo.

I loro oggetti sono presenti in qualificate gallerie nazionali

ed internazionali.

I metodi di lavorazione usati sono quelli della tradizione:

il tornio, la lastra, il bassorilievo. Spesso le argille

usate (gres e porcellane) sono frutto di ricerca e composizione

personali, come pure la formulazione degli

smalti (cristallizzazioni) e le tecniche di cottura conferiscono

agli oggetti quel carattere di unicità tipico della

più alta tradizione artigianale.

Dal 2013 Sandra e Stefano sono entrambi qualificati

come maestri artigiani e la loro bottega è stata accreditata

come Bottega Scuola dalla Regione Toscana

potendo in tal modo esercitare l’attività formativa.

Tel 055 83010175 - Cell. 3477416184

E-mail: info@ceramicagiusti.com

Sito: www.ceramicagiusti.com

Via Campicuccioli 26/B - Loc. Paterno Pelago 50060 (FI)

64


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIUSTI CERAMICA

65


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FURIO INNOCENTI

Nato a Rufina nella propria abitazione il 30/12/1956.

Artista fortunato: è dotato di 9 vite come i gatti

anche se 6 le ha già utilizzate.

1) Investito da un motociclo (3 anni).

2) Rischio di morte per denutrizione in colonia ad Anzio (8 anni).

3) Salvato da annegamento dal fratello Alessio sul fiume Sieve (14 anni).

4) Scampato ad un colpo di fucile in un bosco (16 anni).

5) Rischio di essere investito da autobus di linea (18 anni).

6) Disperso in montagna sotto la neve (30 anni).

Troppo tardi

olio su tavola di legno, 126x95 cm

La bara è pressata dalla terra.

E-mail: rina.59@alice.it

66


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FURIO INNOCENTI

… come una storia…

Nel frattempo la compagna si riaccompagna.

67


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FURIO INNOCENTI

Il suo salvataggio? “Troppo tardi”.

68


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FURIO INNOCENTI

Eppure non sembra né angosciato né disperato, comunque fiducioso.

69


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GIUSI GRAMIGNI

Nata a Borgo San

Lorenzo, dopo

molti anni vissuti

nel comune di Fiesole,

attualmente risiede a

Vicchio. Attratta da sempre

da molteplici forme

di espressioni artistiche,

frequenta giovanissima

la scuola libera di nudo

all’Accademia di Belle

Arti di Firenze e successivamente,

sempre nella

stessa Accademia, studia

pittura, allieva del prof.

Goffredo Trovarelli fino

al diploma. Dopo una

lunga pausa durante la

quale svolge l’attività di

insegnante, si dedica alla

pittura e alla scultura su

legno a tempo pieno.

Espone in una mini personale

presso il palazzo

Pretorio di Sesto Fiorentino

in occasione della

festa della donna promossa

dallo stesso comune

nel 2009.

Presente in numerose

rassegne collettive, tra le

quali:

- In più occasioni presso

la casa natale di Giotto,

Vicchio.

- Sala Toniolo e Basolato

di Fiesole.

- Hotel Esplanade a Viareggio.

- Circolo degli artisti

“Casa di Dante”.

- Itineranti A.L.I. 2018 e

2019 con inaugurazione

a San Galgano.

Liberi, olio su tela, 70x100 cm

E-mail: giusigramigni52@gmail.com

70


SUSI LA ROSA

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

E’ ‘ndari cchiù luntanu,

pastelli secchi

su cartoncino,

70x100 cm.

Anno 2020.

Siciliana, è a Milazzo che forma la sua anima artistica conseguendo il diploma di Maestro d’Arte. Arricchisce

la sua esperienza collaborando con la compagnia teatrale “Il Chersoneso d’Oro”, allestendone le scenografie.

A Firenze approfondisce i suoi studi presso l’Accademia delle Belle Arti. A partire dal 2000 ad oggi ha al

suo attivo esposizioni personali in varie località, tra le quali Firenze, San Galgano, Rosignano e Matera Capitale

Europea della Cultura 2019 e collettive italiane sia con associazioni culturali che con gruppi artistici.

Cell. 3397696613

E-mail: larosasusi@gmail.com

Sito: www.susilarosa.it

susi.larosa Instagram - Susi La Rosa Facebook

71


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ROSIE LAWRENCE

Bouquet

per una

sposa,

olio su tavola,

30x30 cm.

Anno 2020

Rosie Lawrence esprime una vera personalità inglese: in parte passionale e istintivamente emotiva, ma anche

in parte precisa e perfezionista nel raggiungere ciò che cerca. Le sue opere sono la perfetta espressione

di questi suoi due lati, esprimono uno stupore continuo di fronte alla Natura di cui colgono il respiro più

profondo e nello stesso tempo Dipinta alla perfezione, nella continua ricerca di una percezione visiva approfondita

dalla cura nella tecnica. La riproduzione delle immagini “assorbite” dal suo occhio attento tocca punti di alto

lirismo che le hanno giustamente fatto attribuire il premio quale artista che maggiormente si avvicina all’emozionante

naturalismo delle opere di C. Corot, in omaggio al quale è stata allestita la rassegna “Realtà ed Emozione”

nell’ottobre 2005 a Ferrara.

Importante è la sua attività anche quale ritrattista che negli anni ha fatto apprezzare la sua produzione, anche su

commissione, di ritratti e di figure colte sempre con una profonda eleganza e sensibilità psicologica.

Molte volte non si riesce a cogliere dove finisce la Natura e dove inizi l’arte di Rosie. I suoi piccoli quadri ci trascinano

dentro, infatti, rispondendo ad un richiamo forte ed istintivo, facendoci respirare la brezza e facendoci abbagliare

dal sole dell’alba o addolcire a quello dei suoi tramonti. Una fusione perfetta con ciò che spesso coglie en

plain air, nelle bellissime colline e nelle valli delle terre toscane. Le sue nature morte sono espresse con colori

caldi e luci soffuse, che danno all’ambiente ed all’osservatore l’impressione di essere in un tempo passato, in un

ricordo dolce dei tempi in cui ha vissuto la sua fanciullezza, tra cose semplici e, nello stesso tempo, care perché

cariche di affetti e momenti importanti della vita di ogni giorno.

Francesca Mariotti

E-mail: Info@rosielawrence.com

FB Rosie Lawrence Artist

instagram rosemaryannlawrence

Cell. 3385069367

72


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ROSIE LAWRENCE

Pian del Voglio,

olio su tela,

50x40 cm.

Anno 2005

Podere

Castello - Sieci

En Plein Air,

olio su tela.

Anno 1995

73


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SUSAN LOEB LUPPINO

Bronzo

con base in marmo,

h 27x20x20 l cm

Susan Loeb Luppino nasce a New York l’8 febbraio del 1945. Dopo pochi mesi dalla sua nascita, la sua famiglia

si trasferisce a Washington DC dove il padre, oltre ad essere il fondatore e direttore di un giornale nello

stato di New York, intraprende la carriera diplomatica e, nel 1962, viene nominato da Kennedy ambasciatore

americano in Perù. Susan all’epoca sedicenne, trasferitasi con la famiglia in Perù, frequenterà per un anno la

scuola superiore di Lima. Dopo la scuola, frequenta un corso serale di scultura con la scultrice Isabel Benavides.

Nel 1963 tornata negli USA, frequenta l’American University di Washington DC, un anno prima di conseguire la

laurea prende un anno sabbatico e vola nella città di Firenze per studiare arte all’Accademia di Belle Arti di Firenze

con Antonio Berti. Questa esperienza cambierà la sua vita completamente; infatti a Firenze oltre a conoscere

il suo futuro marito e curatore delle sue opere, inizia la sua lunga carriera da scultrice. Tornata negli USA per finire

gli studi, insegna per un breve periodo alla scuola media di Washington DC per poi decidere di tornare in Italia

dove vivrà il resto della sua vita fino ad oggi, svolgendo la sua carriera di artista a 360 gradi con decine di mostre

e partecipazioni in pubblicazioni artistiche in Italia e nel mondo. Attualmente vive e lavora nel Borgo di San Michele

nel comune di Incisa Valdarno in Toscana.

E-mail: susanloeb45@gmail.com

74


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

NICOLETTA MACCHIONE

La Passione

di Cristo,

olio su tela,

50x40 cm

Nicoletta Macchione è nata a Dicomano, dove

attualmente vive.

Nonostante la sua passione per l’arte fosse già

presente in gioventù, Nicoletta inizia a coltivare il suo

talento come pittrice in età adulta grazie alla partecipazione

ai corsi promossi dall’associazione “Dalle Terre

di Giotto e dell’Angelico”. Dal 2019 è allieva del maestro

Silvestro Pistolesi.

Nicoletta ha partecipato a numerose mostre promosse

da Toscana Cultura a Firenze (Villa Vogel, Poggio

Imperiale e Auditorium al Duomo), Grosseto, Sesto

Fiorentino, Fiesole, Spoleto e Prato.

Cell.: 339 6474329

E-mail: nicolettamacchione@yahoo.it

75


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MARCO MACCIONI

… interminati spazi di là da quella…, olio su tela, 70x50 cm

L’Arte è sempre Simbolista, in quanto rappresentazione per Simboli della realtà, ed è comunque Astratta, intesa

come astrazione della mente… A questo punto l’anima (esiste?) è un groviglio di difficoltà. In ognuno

di noi c’è una moltitudine di anime? E l’Arte cerca di dare delle risposte a ciò?

E-mail: dr.gmac@hotmail.it

76


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MARCO MACCIONI

Studio di ragazza: Roberta, lapis su carta, 29x34 cm

77


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MARCO MACCIONI

Nevicata: Be Bop, She Bop, olio su tela, 50x70 cm

78


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MARCO MACCIONI

L’Uomo Rinascimentale, olio su tela, 40x50 cm

79


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ANDREA MAESTRINI

Paesaggio invernale, olio su compensato, 60x80 cm

Andrea Maestrini nasce a Pelago nel 1962, dove tutt’oggi risiede e lavora.

Ama dipingere paesaggi rurali, dove predominano le coloniche abbandonate e consumate dal tempo, i

muri screpolati e le sterpaglie a ridosso.

La sua arte è particolarmente apprezzata dai turisti che frequentano il Mugello.

Partecipa a tutte le iniziative dell’associazione “Dalle Terre di Giotto e dell’Angelico”.

Ha donato la sua opera “Rudere abbandonato” al comune di Vicchio ed è stata collocata nel paese di Villore.

(Biografia tratta da “Invisibili vite sulla strada”, a cura di Serena Beoni)

E-mail: maestriniandrea335@gmail.com

80


MARIO MAGHERINI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Mare toscano, acrilico olio su tavola, 123x55 cm

Pittore della Valdisieve vive e lavora a Pontassieve (FI).

Inizia a dipingere giovanissimo, ha fatto parte del GADA (Gruppo Amici dell’Arte) e ha frequentato la Scuola

di Grafica e di Pittura.

Ha allestito numerose mostre in Italia e all’estero ed è stato invitato a importanti rassegne e premi di pittura.

Dopo trentacinque anni di attività pittorica, la passione per l’arte non lo abbandona, continua a perfezionare la

sua personale tecnica e a sperimentarne di nuove. Attualmente è presente in collezioni private in Italia e all’estero.

Nel 1999 ha fatto il disegno dell’annullo filatelico (900 anni del mercato a Pontassieve, Fi).

Nel 2007 dona tre opere al Comune di Pontassieve. Si sono occupati di lui La Nazione, Eco d’Arte, Educations, Il

Giornale del Mugello, Il Gazzettino, Rai 3, Toscana TV, Canale Dieci e Sky Canale 882.

E-mail: mario.magherini@gmail.com

81


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURO MANNELLI

Regata, olio su tela, 100x100 cm

La pittura di Mauro Mannelli, noto artista fiorentino, si caratterizza per i colori affascinanti e variegati, ma mai

banali, che la sua mano esperta crea sulla tavolozza.

Che siano scorci fiorentini, paesaggi toscani rilassanti, malinconiche marine o pianure solitarie, egli li rappresenta

con un tocco che accende la passione e l’amore per i luoghi ritratti. La stessa passione che usa quando dipinge

altre cose a lui care, come gli animali, le moto o quando realizza ritratti che colgono l’essenza della persona.

Cell. 3480712546

E-mail: mauro.mannelli@libero.it

Sito: www.mauromannelli.it

82


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURO MANNELLI

Butteri al lavoro, olio su tela, 60x80 cm

Butteri con tori, olio su tela, 170x240 cm

83


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MASSIMO MANNINI

Paesaggio alpino, acquerello, 30x20 cm

Nato a Siena, da quando ha iniziato a lavorare vive a Sesto F.no. Fin dagli anni giovanili ha realizzato opere

a tempera; nel corso della sua attività lavorativa di bancario si è laureato in Giurisprudenza e ha praticato

vari sport. Fra questi, da diversi anni si sta dedicando alla danza sportiva. Ancora atleta nei balli standard,

ha conseguito il diploma di trainer di 2° livello con la possibilità di svolgere attività di giudice e ha scritto un

libro dal titolo “Le danze di coppia nel mondo occidentale. Tutto quello che c’è da sapere dai primi passi alle gare”,

Infinito Edizioni (2018).

Lasciando il lavoro, dedicatosi con passione alla pittura con acquerello, talvolta con l’uso di tecnica mista, ha

avuto modo di partecipare a diversi importanti concorsi di pittura e letteratura e a mostre.

E-mail: massimo.mannini1@gmail.com

84


AMBRETTA MARI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Studio di composizione, olio, 85x64 cm

Ambretta Mari è nata a Firenze e vive e lavora a

Donnini (Reggello).

Pittrice autodidatta, iniziò ad esporre giovanissima,

già negli anni Sessanta.

I quadri ad olio di Ambretta Mari spaziano dalla natura

morta al paesaggio, all’astrattismo. Non di rado, infatti,

i tre generi si trovano in incredibile equilibrio nella

stessa opera; sicuramente in tutti domina l’emozione

data dal contrasto cromatico che risente delle lezioni

dei grandi maestri dell’espressionismo.

Oltre alle pitture a olio, l’artista produce opere in ardesia

con scagliola; suo padre, Romano Mari, era un artigiano

di questa tecnica di intarsio antica, che risale al

Cinquecento.

Questa tecnica è realizzata attraverso l’incisione

sull’ardesia, una pietra nera, del disegno che l’artista

intenderà realizzare; i solchi vuoti così ottenuti vengono

colmati dall’inserimento della scagliola, composto

costituito da una parte di gesso e una di polvere; preparata

appositamente dall’artista come formula di

materie diverse per ottenere quelle sensibili gradazioni

cromatiche che caratterizzano i suoi soggetti.

E-mail: ambrettamari42@gmail.com

85


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

AMBRETTA MARI

Accarezzar

le fibre ascose,

ardesia,

40x40 cm

Per un attimo

nel cielo,

ardesia,

40x40 cm

86


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

AMBRETTA MARI

Primavera, ardesia, 40x40 cm

Madonna della Pace, ardesia, 40x40 cm

Cardinali, ardesia, 71,5x51 cm

87


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

AMBRETTA MARI

Cavalli, ardesia, 40x40 cm

88


PAOLO MORONI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Tramonto,

acrilico,

83x83 cm

Questi miei ultimi dipinti vogliono rappresentare

una sorta di “radiografia” mentale che lasci trasparire

il mio essere e la mia personalità. Ma

com’è possibile tradurre in pittura, con impasti colorati,

stati d’animo così complessi? Io ci ho provato attraverso

superfici-supporto dipinte (quadri) che raffigurano

scenari di natura pura, solo cielo e terra, dando tutta

l’importanza al colore che poi, per me, è l’elemento più

esauriente. Sono visuali di natura all’aperto che io ho

avuto modo di vedere nei miei tanti anni di vita e che

oggi si confondono fra vaghi ricordi. Sono scenari mentali,

dai colori esagerati ed ancor più spregiudicati, senza

timidezza, con l’esuberanza coloristica tipica della vecchiaia

di un pittore (concedetemi le frenesie di un vecchio).

Non a caso sono crepuscoli, sono tramonti, ma

anche albe perché ho voluto che rappresentassero in

qualche modo anche il prosieguo della vita, e come si

dice, finché c’è vita…

E-mail: 37oloap37@gmail.com

89


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAYA

Man

with a

dove,

acrilico,

d. 40 cm

Da sempre legata all’arte che ha seguito nelle sue varie sfaccettature, Maya se ne occupa attraverso la

creazione, la critica, la scrittura, la comunicazione. Gli ultimi anni la vedono impegnata soprattutto nella

pittura che, come in un pouring esistenziale, arriva a coprire e trasformare tutto il resto, dando vita a

opere particolari. Quella di Maya è una pittura densa. Densa di colori, di storie, di incontri e personaggi. Una pittura

simbolica, onirica, una tecnica fra l’astratto e il figurativo.

Un mondo fatto di emozioni e sogni, in continua trasformazione, dove nulla è come appare. Un caleidoscopio

fatto di volti e di silhouette, di sorrisi e lacrime, di gioie e dolori dove tutto è in divenire e l’oggi è già domani.

Un linguaggio espressionista onirico che affonda le proprie radici nell’universo umano, in prevalenza femminile

con la sue infinite sfaccettature, ricchezze e diversità, che è mutevole come la vita e vivo come la speranza.

E-mail: artrotter99@yahoo.it

90


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAYA

Ombre

del passato,

acrilico,

50x50 cm

Davvero?,

acrilico,

60x50 cm

91


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURIZIO MONTI

Fuori dal coro, olio su tela, 80x90 cm. Anno 2020

Maurizio Monti nasce nel 1951 a S. Sofia (Forlì). Già dal 1968 inizia il suo percorso artistico vincendo i primi

concorsi. Da allora le sue opere hanno portato in giro per il mondo (Seoul, Los Angeles, New York, Sidney,

ecc.) il dualismo di una pittura che, pur essendo estremamente manifesta, cela un universo totalmente

invisibile, quello più enigmatico, ovvero quello dell’anima: un universo che è paradigma del pensiero,

dell’incognito, e che emerge attraverso immagini in cui un modello realistico non è che il pretesto per accedere

all’infinito del sogno.

Maurizio Monti è pittore che avverte costantemente l’importanza dell’elemento umano, inserendo corpi e visi in

ogni sua opera, al fine di rivelare una dichiarazione artistica che da ipotesi di “verità” approdi alle soglie del “verosimile”.

“Ogni volta è ricerca (infinita e impossibile) dell’equilibrio assoluto e di quella perfetta armonia che è specchio

della presenza divina”, afferma l’artista; così che le sue creazioni vivono di un iperrealismo verosimile, per diventare

calda definizione d’atmosfera e affermativa proiezione di vita.

E-mail: info@mauriziomonti.com

Sito: www.mauriziomonti.com

Via Santa Maria in Castello, 25

47019 - Tredozio (FC)

92


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MAURIZIO MONTI

L’uomo dei sogni, olio su tela, 60x80 cm. Anno 2020

93


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MARUSCA MOROZZI

Papaveri, olio su tela, 40x60 cm

Marusca Morozzi vive e lavora a Barberino di

Mugello. La sua ricerca artistica spazia dalla

pittura alla grafica, cimentandosi con passione

in diverse tecniche. Ha frequentato vari studi d’arte,

per poi proseguire verso un suo stile personale. Ha

esposto in numerose collettive e in passato ha partecipato

a varie estemporanee. Fa parte delle associazioni

Casa di Giotto e Toscana Cultura.

E-mail: morozzimarusca@gmail.com

94


ANTONIETTA MOSCHI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Antonietta Moschi è

nata a Firenze. È scultrice

e pittrice.

Laureata in Medicina e chirurgia,

pur essendo appassionata

alla sua professione, ha sempre

manifestato fin da giovane

una spiccata predilezione

per l’espressione artistica. È

parente dello scultore Mario

Moschi.

Fiori d’inverno, acrilico, 40x60 cm

E-mail: antoniettamoschi@gmail.com

95


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GABRIELLA PANCRAZI

La coperta rossa, olio su tela, 80x80 cm

Gabriella Pancrazi ha iniziato la sua formazione artistica al Liceo artistico di Firenze, conseguendo la maturità

e l’abilitazione all’insegnamento. Allieva e collaboratrice del maestro Sergio Manunta, miniaturista e

ritrattista.

Ha fatto parte del Gruppo Arti Figurative Ardengo Soffici e dell’Associazione Artistica Culturale Mazon.

Nelle sue composizioni sono sempre presenti i temi legati al paesaggio toscano, che si affaccia piacevole, colorato

e rassicurante, e quelli della raffigurazione privata, a volte intima, degli incontri personali, siano essi semplicemente

quotidiani o di quelli a cui ha dedicato la vita.

I suoi dipinti sono carichi di accessi cromatici dalle forti e contrastanti tonalità.

Luca Miraglia - Chiara di Cesare

E- mail: gabrypank@gmail.com - ristori.roberto@gmail.com

96


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

GABRIELLA PANCRAZI

Passo di danza, olio su tela, 80x80 cm

97


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ALESSANDRO PARRINI

Pastore a Montefioralle, olio su tela, 50x70 cm

Nel piccolo-grande mondo artistico, dove la

scenografia naturale si poggia ancora sulla

mano, sul pennello, sulla tavolozza e sulla tela,

grazie all’intelligenza umana, che non potrà mai essere

sovvertita dalla macchina tecnologica, Alessandro Parrini

da molti anni, benché ancora giovane, ha sempre

camminato diritto su una strada artistica senza tentennamenti

e senza capovolgimenti, in un tempo dove

la novità, la modernità e i cambiamenti possono influire

sulla coscienza e sulla mente. L’artista Parrini non

ha mai debordato; è sempre stato lui.

Lo abbiamo conosciuto alcuni anni orsono, in autunno

inoltrato, quando seduto dietro il suo cavalletto, si era

posizionato davanti ad un lembo di terra mugellana

dove i colori autunnali, fra gialli ocra, rossi scuri, verdi

opachi e marroni violacei, incorniciavano una natura

ancora intatta e ancora capace di dare bellissime sensazioni,

che solo un bravo artista, semplice nel cuore,

può comprendere e può recepire nel suo animo e nella

sua mente. Se la natura è sempre stata quella nel tempo

e nello spazio, con i suoi giallo oro dell’estate, i verdi

e i lilla tenui della primavera e i profondi grigi dell’inverno,

la non si può cambiare per far piacere a quello o

all’altro; Parrini, nella sua attività artistica, non ha mai

fatto sconti a nessuno: ha camminato sulla sua strada,

senza dare ascolto alle “sirene”, si è notevolmente migliorato

nel tratto e nel disegno, e le sue opere sono là

a testimoniare un percorso figurativo tradizionale,

sempre bello, sempre affascinante, sul vero e nel vero.

Infatti un panorama non si cambia, un campo, una collina,

un anfratto non si cambiano; un casale illuminato

all’alba e oscurato al tramonto non si cambia; tutto

deve essere al suo posto, come natura comanda.

Ecco perché la ragione è, e sarà sempre dalla sua parte.

Aldo Giovannini

E-mail: parrini49@gmail.com

98


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ALESSANDRO PARRINI

Via dei Servi,

olio su tela,

40x80 cm

99


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LILIANA PESCIOLI

Ritratto, olio su tela, 50x35 cm

Gualchiere Remole, olio su tela, 70x50 cm

E-mail: liliana.pescioli@hotmail.it

100


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LILIANA PESCIOLI

Giaggioli, olio su tela, 100x80 cm

Anemoni, olio su tela, 60x40 cm

101


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ENRICO PAZZAGLI

Autunno

in Mugello,

acrilico

su tavola,

95x95 cm

Enrico Pazzagli nasce a Genova da genitori toscani, si trasferisce in seguito a Borgo San Lorenzo (FI), dove

tuttora vive e lavora. Frequenta la scuola d’Arte pubblicità L. Cappiello di Firenze, si inserisce nell’area della

grafica pubblicitaria dedicandosi pure alla pittura. Nel 1968 espone per la prima volta i suoi dipinti nei locali

della Biblioteca Comunale di Borgo San Lorenzo con successo e ammirazione da parte di amici e personaggi

della cultura. Dopo varie ricerche pittoriche, essendo un appassionato camminatore, comincia ad inoltrarsi sui

vecchi sentieri dell’Appennino toscano fino ad arrivare a sperduti casolari abbandonati e ormai in rovina ma validi

testimoni di una civiltà scomparsa. Questi nuovi soggetti, insieme alle spettacolari vedute panoramiche con

bellissimi tramonti autunnali che esaltano i colori dei monti e dei boschi del Mugello, saranno in prevalenza il

tema ricorrente dei suoi dipinti. Ha fatto mostre personali in stimate gallerie d’arte, ha partecipato a concorsi e

rassegne pittoriche nazionali, ottenendo premi e consensi su giornali e riviste da parte di critici d’arte.

E-mail: simona.pazzagli@yahoo.it

102


CHIARA PICCARDI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Firenze

Duomo,

acrilico

su tela,

40x40 cm

Chiara Piccardi è nata nel 1976 a Firenze, città dove vive tuttora.

Fin da piccola ha sempre coltivato l’amore per il disegno e la pittura, che pratica per diletto e per passione.

Suscitano in particolare il suo interesse l’espressività dei bambini, il fascino dei luoghi che ha visitato durante

i suoi viaggi, gli angoli caratteristici della propria città. Predilige l’utilizzo dei colori acrilici per i ritratti, per i

paesaggi e per le nature morte.

Attualmente, mediante l’associazione Toscana Cultura di Firenze, prende parte a mostre collettive e manifestazioni

artistiche. Partecipa inoltre a rassegne pittoriche promosse dell’associazione “Dalle Terre di Giotto e dell’Angelico”

di Vicchio di Mugello.

E-mail: arte@chiarapiccardi.it

Sito: www.chiarapiccardi.it

103


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ANNA PIERACCINI

È

nata a Firenze, vive e lavora a

Barberino di Mugello e Sesto

Fiorentino. Originaria del

Mugello, la pittrice proviene da

studi storico artistici. Laureata

all’Istituto di Storia dell’Arte di Firenze,

ha seguito un dottorato di

ricerca e ha collaborato con la Soprintendenza

ai Monumenti di Firenze.

Ha pubblicato in libri e riviste specialistiche

alcune delle sue ricerche

sul Quattrocento e Cinquecento

mugellano e fiorentino. Ha

ripreso in età matura a dipingere in

modo sistematico mettendo a

frutto le sue capacità artistiche

che l’hanno contraddistinta fin da

giovanissima, aiutata dall’ambiente

familiare perché proveniente, in

linea paterna, da una famiglia di

artigiani artisti.

La formazione universitaria, unita

allo studio dei pittori moderni e dei

movimenti dell’Ottocento e del

Novecento, l’hanno portata a visitare

piccole e grandi collezioni ed

esposizioni d’arte moderna e contemporanea

non solo in Italia ed

Europa, ma anche oltre gli oceani.

Luoghi dove ha vissuto per lunghi

periodi, facendo di ogni viaggio e

soggiorno una disciplina asservita

al “fatto estetico”.

È socia di Liberarte di Sesto Fiorentino

e dell’Associazione “Dalle

terre di Giotto e dell’Angelico” di

Vicchio, entrambi sodalizi di artisti

che collaborano alla realizzazione

di eventi culturali e alla valorizzazione

del territorio. Fa

parte del gruppo “Pittori Autonomi”

che si riunisce nell’atelier del

Fiori con glicine, acquerello e matita su carta 40x34 cm

circolo “La Costituzione” a Quinto Basso. Ha esposto le sue opere in collettive

e personali a Sesto (a Villa San Lorenzo al Prato, al Tondo, al Circolo

Rinascita, al Palazzo Pretorio) e nel Mugello (presso le salette comunali

e la Biblioteca a Barberino, a Villa Pecori Giraldi a Borgo San Lorenzo).

Da sempre è appassionata di fotografia e poesia, a cui dedica parte dei

suoi studi.

E-mail: annapieraccini88@gmail.com

104


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ANNA PIERACCINI

Giro d’Italia a Barberino, pastelli a cera, matita, collage su carta, 66x88 cm

Nido incompiuto di merlo, gessetto su carta, 48x73 cm

105


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PAOLO PRATESI

Ritratto,

olio

su tavola,

30x40 cm

Nato a Firenze il 4 luglio 1966 e residente a Borgo San Lorenzo (FI), sposato e padre di tre figli, sono cuoco

per professione e pittore per passione.

Faccio parte di un gruppo di amici artisti che hanno dato vita all’associazione artistico culturale Delle

Terre di Giotto e dell’Angelico. Ho iniziato il mio cammino artistico osservando la corrente dei Macchiaioli e in

seguito quella degli impressionisti, seguendo meno le regole date dal disegno e guardando maggiormente quello

che la natura esprime, le emozioni, le luci, i colori, ovvero la “libertà di espressione”.

Il disegno è l’elemento primario per ogni artista ma a mio parere il troppo rende “l’arte” rigida, scolastica e accademica.

E-mail: pratesi.paolo66@gmail.com

106


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PAOLO PRATESI

Paesaggio. Gualchiere di Rosano, olio su tavola, 39,5x28,5 cm

Paesaggio. Il laghetto con il pontile, olio su tela, 50x35 cm

107


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

STEFANIA PRATESI

Datazione: 2019

Titolo dell’opera: Il Cinquecentenario

di Cosimo e Caterina de’ Medici.

Tecnica e Materiale: Anta Sportello

originale legno massello - Intarsio e

dipinto con tecnica mista

Misura: 52x115 cm

E-mail: pratesi.stefania@gmail.com

Via Ardengo Soffici, 4 - 50066 (fraz. Leccio) - Reggello, Firenze

108


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

STEFANIA PRATESI

Datazione: 2009

Titolo dell’opera: Donna e cultura

Tecnica e Materiale: Anta Sportello

originale legno massello - Intarsio e

dipinto con tecnica mista

Misura: 120x45 cm

109


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PIER NICOLA RICCIARDELLI

Il ritratto

di Marika

a 40 anni.

Pastello

su carta.

Tel. 055.689306 - Cell. 3402428363

E-mail: pnricciardelli@gmail.com

Via Villamagna 58 - 50126 Firenze

110


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

PIER NICOLA RICCIARDELLI

Pier Nicola Ricciardelli, pittore e incisore fiorentino,

classe 1936, non tenta di nascondere i suoi

anni – ottimo sistema per non sentirli proprio –,

ed è un buon testimonial di un proverbio, aggiornato

alla nostra epoca, secondo il quale la vita incomincia

a sessant’anni. A questa età andò infatti in pensione

dopo una carriera di stimato bancario, e iniziò a darsi

da fare per imparare a dipingere. Riuscendo così a formarsi

un’educazione artistica in varie scuole, tra cui

l’Istituto Artistico di Porta Romana, l’Istituto Internazionale

di calcografia “Il Bisonte”, l’Accademia delle

Belle Arti di Firenze (scuola libera del nudo) e vari insegnanti

privati.

Di imparare si può dire che non ha mai voluto né vuole

smettere. Il primo premio lo ebbe nel 2000 (si classificò

2° per l’arte sacra al premio nazionale “G.

GRONCHI” Pittura-Grafica-Scultura - Città di Pontedera),

ma – e di questo va giustamente orgoglioso –

nel 2005 un dipinto raffigurante Giovanni Paolo II

genuflesso con sullo sfondo la Pietà di Michelangelo

fu collocato sull’altar maggiore di SS. Annunziata a

Firenze in occasione della morte del Papa, e vi rimase

fino all’elezione di Benedetto XVI.

L’arte sacra costituisce da sempre una parte consistente

della sua produzione.

Oggi è uno dei più attivi membri di Gadarte e dell’Associazione

Giotto e l’Angelico.

Particolare soddisfazione gli dette la segnalazione

alla Biennale Il Burlamacco di Viareggio nel 2012 per

l’acquaforte […] Dipingere a olio o acrilico, mi ha raccontato

Pier Nicola, è sempre stato per lui soprattutto

un divertimento, e si può dire che non ha avuto un

maestro vero e proprio. Ha avuto invece maestri straordinari,

e ne parla con fervore, nelle altre due ‘discipline’:

Giorgio Barreca per il pastello, Manuel Ortega

(centro culturale per l’arte grafica ‘Il Bisonte’, forse il

più importante del mondo) per le acqueforti. Paesaggi

e nature morte a olio trasmettono come un clima

di grande festa per la gioia torrenziale con cui vengono

stesi i colori, mentre i pastelli hanno forse un tono

più meditativo e riflessivo. Ma le incisioni, che richiedono

una tecnica e una pazienza d’esecuzione esagerate,

sono a mio parere quelle che maggiormente rivelano

il vasto retroterra culturale, l’originalità

d’ispirazione e l’abilità espressiva di un artista umile e

d e t e r m i n a t o n e l v o l e r g u a r d a r e s e m p r e a v a n t i .

(Paolo Marini)

Collage di incisioni ad acquaforte che hanno vinto premi.

Collage di ritratti tra cui Marika, Duccio ed io.

111


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

MARIANO PINZAUTI

Da sempre appassionato di

pittura, è un pittore autodidatta.

L’artista ha già

esposto in numerose mostre collettive

e personali. Fra queste è

senza dubbio da ricordare la mostra

personale del 2010 a Pelago

dal titolo “E il naufragar m’è dolce

in questo mare”, fortemente

innovativa per l’allestimento e

caratterizzata dall’accompagnamento

delle opere con video e

musiche evocative.

La più importante è la mostra

personale del 2014 tenutasi a Firenze,

presso la prestigiosa sede

di Palazzo Medici Riccardi dal titolo

“Atmosfere di Toscana”.

Nel 2015 partecipa al SUNDAY

PAINTERS – Concorso nazionale

di pittura, organizzato da «La

Stampa» di Torino, dove si classifica

terzo per la giuria tecnica

presieduta da Mario Calabresi,

all’epoca direttore de «La Stampa»

di Torino, Francesco Bonami

critico d’arte contemporanea di

notorietà internazionale, Rocco

Moliterni giornalista de «La

Stampa» e dalla Galleria Contemporary

Art di Torino.

L’opera dal titolo “Autoritratto” è

stata esposta all’interno della

manifestazione “ARTISSIMA”,

una delle cinque mostre d’arte

contemporanea più importanti al

mondo.

L’opera di Mariano Pinzauti ci riporta

alla raffigurazione del paesaggio-stato

d’animo, dove l’arte

ha imparato a trasferire le tempeste

del cuore sulle forme della

natura perché si è capito che la

Autoritratto, olio su tela, 70x50 cm

natura ha un’anima. Ne scaturisce una pittura rassicurante, intima, evocativa

di emozioni e sentimenti che hanno il pregio di rimanere intatti nel tempo.

Paesaggi toscani solitari, dove l’osservazione si proietta su lontananze

ricche di movimento interiore di vita. Ricordi di luci, di colori, del vento, dei

profumi, dei silenzi, del frusciare delle foglie o del rumore del mare. Ogni

forma ci accompagna e ci guida in quegli stessi luoghi, offerti ai sensi anche

di chi, direttamente, non li ha visti e infonde una grande serenità, espressione

di una raggiunta maturità artistica.

E-mail: mpinzauti@alice.it

112


di gaetano salmista - fiesole - firenze

GAETANO SALMISTA

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Gaetano Salmista con la sua fonderia artistica a

cera persa Art’ù alle porte di Firenze prosegue

una tradizione familiare che si tramanda ormai

da tre generazioni. Nel suo più che trentennale impegno

ed esperienza lavorativa e di insegnamento

nell’artigianato artistico di alta qualità gli sono stati

assegnati vari premi come il Diploma di Merito “Luigi

Bellini” nel 2009 e il premio “Incontri con l’arte” nel

2010. Inoltre nel 2017 gli è stata riconosciuta la qualifica

di “Maestro Artigiano” dalla Camera di Commercio

di Firenze e dalla Regione Toscana. Nella fonderia artistica

Art’ù di Gaetano Salmista l’antico procedimento

della fusione a cera persa per la produzione di opere

d’arte in bronzo, ma anche in alluminio ed altri metalli,

viene eseguito in maniera completamente artigianale

da addetti altamente specializzati in ogni sua importante

fase a partire dal calco fino ad arrivare alla rifinitura

completa dell’opera con l’affascinante procedimento

della patina. I calchi vengono eseguiti in silicone

e gesso o in silicone e resina, le cere vengono create e

ritoccate da collaboratori diplomati e laureati alla Accademia

delle Belle Arti, le fusioni a cera persa di piccole

e grandi dimensioni possono essere fatte sia a loto

sia a guscio ceramico utilizzando bronzo statuario,

bronzo bianco, bronzo al silicio, ottone, alluminio primario

e su richiesta alluminio secondario ottenuto dal

processo di riciclaggio. L’opera in bronzo viene rifinita e

cesellata prestando il massimo rispetto e la massima

attenzione al lavoro dell’artista, le patine proposte

sono molteplici sia a freddo che a caldo. Inoltre vengono

eseguite dorature a foglia di alta qualità. Il nostro

staff è in grado di realizzare modelli da fotografia o da

disegno, ingrandimenti tradizionali a compasso o con

pantografo telescopico. Vengono prodotte opere anche

tramite scansione e stampa 3D ad alta definizione.

L’assistenza agli artisti italiani e stranieri che si avvalgono

della nostra fonderia è completa sia per quanto

riguarda la parte tecnico/artistica che per quella logistico/pratica

come per esempio nell’organizzazione di

eventi espositivi e mostre, realizzazione cataloghi, spedizioni

e trasporti nazionali ed internazionali, imballaggio,

pratiche doganali per esportazione, installazioni temporanee e permanenti. Alta competenza e professionalità

viene messa a disposizione di studi di architettura ed aziende che si occupano di interior design per

produzioni di complementi ed elementi di arredo esclusivi sia per interni che per esterni.

Sede legale via Aretina, 214 - 50061 Fiesole (Fi)

fonderia: via Boccaccio 8A - 50012 Bagno a Ripoli (Fi)

tel. 0556461897, fax 055646945, cell. 3384706475

SCULTURE IN BRONZO

E ORGANIZZAZIONE MOSTRE

artusculture@gmail.com

www.artusculture.com

113


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FRANCO SCUDERI

Yellow people,

basso rilievo

realizzato in legno

e dipinto a tempera

in color giallo

130x130 cm

Franco Scuderi è nato a Torino nel 1945. Vive a Polcanto,

piccola frazione del comune di Borgo San

Lorenzo (Firenze). Si dedica alla pittura e scultura

fin da giovane e opera nel campo artistico dal 1965.

Acciaio, alluminio legno e marmo, sono materiali che

apprezza e con essi e su di essi condensa a dare forma

a idee e pensieri con forme astratte e geometriche. È

un artista internazionale, lavora negli Stati Uniti dal

1980, facendo dell’America la sua seconda casa.

Ha partecipato a grandi e numerosi eventi, riscuotendo

vivi consensi, tra cui la partecipazione a Chicago

PIER WALK 98 – The World’s Largest International

Outdoor Sculpture Exhibition. È membro della ISC –

International Sculpture Center. Le sue opere si trovano

in collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero,

sono presenti a Manhattan N.Y., Chicago, Palm Beach,

Miami, Giappone, Corea del Sud, Olanda, Gran Bretagna,

Germania e Finlandia. È presidente dell’associazione

culturale “Malachite” di Firenze.

E-mail: info@gaiascuderi.it

114


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

FRANCO SCUDERI

Barchetta,

legno

color petrolio

chiaro,

100x35 cm circa

Città,

quadro realizzato

con pittura

su pacchetti

di sigarette,

3x2 m

115


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SABRINA STRAMPELLI

I Pappagalli, olio su tela, 80×80 cm. Anno 2018

Sabrina Strampelli nasce a Pelago il 30.08.74. Pittrice autodidatta, dipinge soprattutto su tela con colori a

olio. Il colore è di fondamentale importanza nella sua arte e nelle sue creazioni. Allieva della Maestra Francesca

Vannini partecipa a varie rassegne, mostre personali e collettive tra cui:

• Arte sotto il Campanile (dal 2014 al 2018),

• Di Arte in Arte armonia di versi, pittura e note musicali (2019),

• Mostra personale presso Bar Plinio Sieci (2019). Attualmente vive e lavora a Rufina.

Cell. 3477310596

E-mail: Sabrina.strampelli@gmail.com

116


LETIZIA STRIGELLI

ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

Dopo lunghe e affascinanti peregrinazioni in Africa

(Costa d’Avorio), in Francia (Parigi, Montpellier)

in America Latina (Messico, Cile), oggi Letizia

(Strigelli) è tornata a vivere nell’alto Mugello, dove

nel suo ampio fienile/laboratorio segue la sua attività

creatrice alternandosi tra organizzatrice e realizzatrice

delle sue molteplici intuizioni fantastiche.

Ma il filo conduttore di tutta la sua opera resta e si

conferma “il filo” (cfrwww.lstrigelli.com), sia esso duttile,

setoso, fragile, sia nelle forme più rigide, metalliche

e usurate dal tempo.

“Tutto ciò che è usato, patinato e già modellato, inconsapevolmente

dal tempo, costituisce per me un affascinante

punto di partenza su cui poi si modellano e sviluppano

le mie opere, frutto di un innegabile e contorto

mondo sotterraneo” così dice Lei stessa, “un mondo

complesso ma a cui devo tutta la forza e la gioia che

solo una passione silenziosa e costante può donare.”

* * *

TRA LE MOSTRE PIÙ IMPORTANTI:

Bienal Internacional de la Tapiceria, 1983, Ciudad

de Mexico, Mexique;

“Textitalia”, 1989, Firenze;

Salon d’Art, “Nimagine”, 1990, ’91, ’92, Nimes, Fr.;

Musée Fleury, “Fil dans tous ses états”, 1993,

Lodève, Fr.; Phare sud, Gruissan, Fr.;

Chapelle Fromentine, 1993, “Fil en main”, La Rochelle,

Fr.;

“Métiers d’art”, Maison des métiers d’Art, 1994, Marseille,

Fr.;

“Le livre objet d’art”, 1995, Alpes de Haute Provence, Fr.;

Galerie Marouska, 1994, Lyon, Fr.;

“Galerie Castellane”, 1996, mostra personale,

Montpellier, Fr.;

Le biennali del Word Textil Art (U.S.A. 2002; Messico

2003, Argentina 2005, Paraguay 2017);

MXESPAI, Barcellona, Bienal Pequenô formato (2004,

2006, 2012), e, nel 2006, “Materia”, mostra personale;

“Proyecto Interdependencia colaborativa Internacional

de Fibras”, 2009, Huntsville, Alabama, E.E.U.U.;

“Incontro Internazionale Arte Contemporanea”,

2011, 1° premio miglior Progetto, Skopie, Macedonia;

“Dumping Art”, dalla discarica al riciclo, 2009, Palazzo

Ducale, Genova;

“Miami RiverArtFair”, 2012, MIIT Torino, Miami, Florida;

“Di pieghe in forme”, 2014, mostra personale Rocca

di Riolo Terme, Ravenna;

Biennale Salerno, Incontro d’Arte Contemporanea,

2014, Salerno;

“Milano Scultura”, Fabbrica del Vapore, 2017, Milano.

PREMI E RICONOSCIMENTI:

Museo di Storia Naturale, 2002, Cile (cfr.www.

lstrigelli.com, sezione metallo);

Museo di Arte Contemporanea, 2003-2004, Cile

(mostra personale);

Arcadia, 1° premio, 2007, “Presencia”, mostra/concorso

“un abito per Bianca Pellegrino”, Parma;

“Open Art”, 3° premio scultura 2008, Roma;

“Premio Italia”, per le Arti Visive, 2008, premio Editoriale,

Capraia Fiorentina;

“Un fiore”, mostra-concorso 2014, 2° Premio Installazione,

Pontremoli.

E-mail: lucearc@hotmail.com

Sito: www.lstrigelli.com

117


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LETIZIA STRIGELLI

Sorgente, arazzo tessuto a mano su disegno personale dell’artista, 70x40 cm

Particolare di Sorgente

118


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LETIZIA STRIGELLI

Rifugio nel bosco, intreccio in rame, 25x30x15 cm

La damigella, intreccio in rame, 15x30x15 cm

119


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LETIZIA STRIGELLI

La dama delle Camelie, carta trattata e rete acrilica, 15x45x15 cm

120


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LETIZIA STRIGELLI

Il conflitto, rete metallica, pasta di legno e intreccio in rame, 50x95x15 cm su supporto di presentazione

121


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ROBERTO SMORTI

Bellosguardo,

50x70 cm

Roberto Smorti è tra i più noti paesaggisti nel panorama artistico fiorentino.

Allievo di Giuseppe Mazzon, ha avuto il suo studio per anni nei quartieri più caratteristici di Firenze, ma fin

dall’età giovanile dipinge soprattutto dal vero, en plein air, i bellissimi scorci intorno a dove vive.

Dalle sue mani esce una pittura delicata e luminosa caratterizzata da un cromatismo impeccabile.

Le sue opere sono esposte in molte collezioni pubbliche e private. Tramite i suoi quadri i migliori scorci della Toscana

allietano da oltre 50 anni numerose case in Italia e all’estero.

Tel. 0556519169

Cell. 3664860305

E-mail: smortiroberto@libero.it

Sito: www.smortiroberto.it

122


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

ROBERTO SMORTI

Gualchiere, 50x70 cm

Pecore alla Certosa, 50x70 cm

123


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SIMONE VETTORI

Madonna di Sant’Onofrio.

Copia della

scultura originale in

pietra situata all’interno

(XIX sec.). Calco

in resina e polvere

di pietra da modello

in creta ad imitazione

dell’originale.

Misure h. m. 2,30.

Situata sulla sommità

del timpano della

facciata di Sant’Onofrio

a Dicomano.

Nasce a Dicomano nel 1971. Frequenta gli studi

nella sezione di decorazione pittorica, presso

l’Istituto Statale d’Arte di Porta Romana a Firenze

dove si diploma nel 1990. Sviluppa la sua passione

nell’arte attraverso la sua professione di restauratore

dopo essersi diplomato presso l’Opificio delle Pietre

Dure nella conservazione e restauro di Pitture murali e

Stucchi nel 1995. Le esperienze professionali svolte

negli anni su numerose tipologie di opere, tra cui importanti

cicli pittorici come “La Leggenda della Vera

Croce” di Piero della Francesca in San Francesco ad

Arezzo e “La Sala di Costantino” nelle Stanze di Raffaello

ai Musei Vaticani, gli hanno permesso di approfondire

aspetti creativi e tecnici dei più grandi artisti. Da

questa attenta conoscenza e continua ricerca nasce la

sua produzione artistica che si esprime in diverse direzioni,

attraverso la pittura, la scultura, la fotografia,

consapevole che ogni forma espressiva racchiude la

sintesi di molteplici conoscenze tecniche ed esperienze

creative.

E-mail: simuove1@yahoo.it

124


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

SIMONE VETTORI

Copia di un particolare, da Giotto, Cappella

degli Scrovegni, Padova. Eseguito

ad affresco su supporto mobile, misure

cm 70x 90. In esposizione permanente

alla Casa di Giotto – Vicchio.

Decomposizione 53-19/3. Olio su tavola,

misure cm 50x40.

125


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LORETTA ZAGLI CONFALONIERI

Abbraccio,

terracotta

patinata,

7x12x

38 cm

(destra)

Fusione,

terracotta

patinata

17x10x

41 cm

(sinistra)

Nasce a Firenze nel 1942. Da sempre dimostra un’innata inclinazione per il disegno e per il colore e nei primi

anni ’70, dopo il matrimonio, può finalmente dare seguito alla sua passione per l’arte. Frequenta per cinque

anni i corsi di cultura artistica e pittura tenuti dalla prof.ssa Edvige Poggi presso l’Istituto Martenot di Firenze,

dove ha modo di studiare gli esempi dei grandi artisti del ’900, cubisti e futuristi in particolare, approfondendo la

conoscenza delle tematiche relative alla scomposizione del movimento e al dinamismo della figura. Agli inizi degli

anni ’80 frequenta l’accademia del nudo ed altri corsi di pittura tenuti presso l’Università dell’Età Libera dai professori

Colacicchi e Bugatti, che la stimolano alla ricerca di diverse forme e maniere espressive. In questi anni l’esigenza

della “matericità” la spinge a compiere il passaggio dalla pittura al modellato, frequentando corsi tenuti dal prof.

Antonio Di Tommaso dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze. Nel 2007 entra a far parte della Società di Belle Arti

– Circolo degli Artisti - Casa di Dante dove ha esposto con una personale tre e collettive.

E-mail: confalonieriloretta@gmail.com

126


ARTISTI DEL MUGELLO, DELLA VALDISIEVE E DEL VALDARNO SUPERIORE 2021

LORETTA ZAGLI CONFALONIERI

Aliena,

terracotta

patinata

22x21x31 cm

Alcune delle mostre più importanti a cui ha partecipato:

1990. Mostra Internazionale di scultura e pittura SAP (FI)

1991. Mostra collettiva Galleria via Larga, Palazzo Cocchi Serristori (FI)

1995/1996. Mostra collettiva internazionale di pittura e scura (LI)

1996. Mostra collettiva internazionale di pittura e scultura – Bottini dell’Olio (LI)

2013. Collettiva d’Autunno – Firenze Arte (FI)

2014. Collettiva “Donne nell’Arte in Toscana” – Palagio di Parte Guelfa (FI)

2016. Collettiva “I Colori del Mare” – Museo Ugo Guidi. Forte dei Marmi (LU)

2016. Collettiva “Artisti del Mugello” – Casa di Giotto. Vicchio (FI)

2017. Collettiva “Artisti dal Mondo” – Spazio ICLAB (FI)

2017. Collettiva “Scultorea” – Spazio ICLAB (FI)

2018. Collettiva “Donne nell’Arte 2018” – Spazio ICLAB (FI)

127


IndIce deglI artIstI

Alescio Turi .....................................................5

Anna Gioielli ...................................................4

Arce Graciela ..................................................6

Azzurrini Simone .............................................8

Bacarelli Patrizia ...........................................10

Bacci Gianna ................................................14

Bani Pier Giorgio ...........................................15

Barbugli Claudio ...........................................16

Baroncini Mauro ...........................................18

Batistini Paola ...............................................20

Battaglia Silvia ..............................................22

Benci Filippo .................................................23

Benedetti Alberto ..........................................30

Benvenuti Flavio ............................................24

Bertieri Giuliana ............................................26

Biagioli Nikla .................................................28

Bicchi Gloria .................................................31

Boninsegni Mauro .........................................32

Borelli Laura .................................................36

Briccolani Barbara .........................................34

Cappellari Alice .............................................44

Carlini Metchild .............................................42

Casalvalli Loretta ...........................................37

Cavallini Claudio (Kevo) .................................45

Cipriani Silvana .............................................46

Ciucchi Carlo (Picchio) ...................................48

Degan Emanuela ...........................................50

Del Lungo Renzo ...........................................52

Falcini Cristina ..............................................54

Fiesoli Antonio (Travares) ...............................56

Gabellini Luciana ..........................................58

Gabellini Patrizia ...........................................59

Gheri Rolando ...............................................60

Giannini Gianna ............................................62

Giusti Giovanni ..............................................51

Giusti ceramica .............................................64

Gramigni Giusi ..............................................70

Innocenti Furio ..............................................66

La Rosa Susi ................................................71

Lawrence Rosie ............................................ 72

Loeb Luppino Susan ...................................... 74

Macchione Nicoletta ...................................... 75

Maccioni Marco ............................................ 76

Maestrini Andrea ........................................... 80

Magherini Mario............................................ 81

Mannelli Mauro ............................................. 82

Mannini Massimo .......................................... 84

Mari Ambretta ............................................... 85

Maya ............................................................ 90

Monti Maurizio .............................................. 92

Moroni Paolo ................................................ 89

Morozzi Marusca........................................... 94

Moschi Antonietta ......................................... 95

Pancrazi Gabriella ......................................... 96

Parrini Alessandro ......................................... 98

Pazzagli Enrico ............................................ 102

Pescioli Liliana ............................................ 100

Piccardi Chiara ........................................... 103

Pieraccini Anna ........................................... 104

Pinzauti Mariano ......................................... 112

Pratesi Paolo .............................................. 106

Pratesi Stefania .......................................... 108

Ricciardelli Pier Nicola ................................. 110

Salmista Gaetano ........................................ 113

Scuderi Franco ........................................... 114

Smorti Roberto ............................................ 122

Strampelli Sabrina ....................................... 116

Strigelli Letizia ............................................ 117

Vettori Simone ............................................ 124

Zagli Confalonieri Loretta ............................. 126



ISBN 978-88-6039-528-3

€ 15,00 (IVA inclusa)

More magazines by this user
Similar magazines