Pullman 40 novembre 2021

casaeditricelafiaccola
  • No tags were found...

Prova su strada
Setra MultiClass S 418 Le

Anteprime
Iveco StreetWay
Solaris Urbino 9 Le Electric
Otokar e-Kent C

Abusi
Lo scuolabus palestra

Attualità
Il rapporto Isfort sul Tpl
Il futuro di Iveco Bus
Ibe Driving Experience Mercato brasiliano

Bustimer
Un secolo con Mauri

772279 990702

Anno X numero 40 novembre 2021

Casa Editrice la fiaccola srl

All’attacco!

Prova su strada

Setra MultiClass S 418 Le

Anteprime

Iveco StreetWay

Solaris Urbino 9 Le Electric

Otokar e-Kent C

Abusi

Lo scuolabus palestra

Attualità

Il rapporto Isfort sul Tpl

Il futuro di Iveco Bus

Ibe Driving Experience

Mercato brasiliano

Bustimer

Un secolo con Mauri

ISSN 2279-9907

0 0 0 4 0 >

9


LOG IN

Breve

storia

triste

10°

ANNO

Da mesi ormai segnaliamo alla spettabile Enel X, ente ex di Stato che gestisce

le colonnine omonime, come alcune sue amate, ubicate attorno

alla zona dei test su strada effettuati dalla nostra Casa editrice con veicoli

elettrici di vario tipo, siano fuori servizio: anzi no, spente proprio.

Lo spegnimento di una di queste, va detto, è causa nostra. Perché dopo due o tre

anni di continue segnalazioni per malfunzionamenti, stanchi di sentirci, hanno

preferito disattivarla. Così come ‘buia’ è un’altra identica sempre in zona e di

recente è spenta anche una loro fiammante ‘fast charge’ in corrente continua da

50 kW, facente parte del programma europeo Eva e piazzata addirittura nel cortile

antistante una sede Enel.

A nulla è valso anche interpellare chi dovrebbe interfacciarsi coi giornalisti, alias

l’addetta stampa. Che, dopo una prima cortese risposta con un “vi faremo sapere“,

modo educato per levarti di torno qualcuno che non vuoi più sentire né tantomeno

vedere, è sparita infatti nel nulla non replicando più neanche alle nostre missive

(quale sia il telefono diretto dell’incaricata non ci è stato concesso sapere).

Ma le foto qui sopra dicono tutto. Eh sì, perché la più ‘sfigata’ di questa colonnine

abbandonate a loro stesse giace niente meno che - ironia della sorte - all’angolo

tra le vie Edison e Volta. Uno scherzo del destino che ci fa però dubitare come la

manutenzione di questi charging pole (così si chiamano in gergo tecnico) non sia

evidentemente contemplata da Enel X, cui interessa forse più la base installata

che non quella funzionante.

PS: Abbiamo foto di altre colonnine Enel X - sempre rigorosamente spente - ricoperte

di muschio, guano, edera... lll

Starring: Otokar e-Kent C www.pullmanweb.com

Pullman - 3


ROAD MAP

numero 40 - novembre 2021

14

ANTEPRIMA

Iveco

StreetWay

l’ottomano

18

ATTUALITA

Mezzi pubblici

poco sexy

Lo dice il rapporto Isfort

26

PULLMAPP

I programmini

col bus nel cuore

Solo per iOs

MERCATO

Brasile

sotto la lente

d’ingrandimento

6

PROVA

Interurbano

Setra

S 418 Le Business E6d

22

ANTEPRIMA

Otokar

e-Kent C

pronto per le gare

28

RUBRICA

Bustrotter

immagini dal mondo

Del bus

OLTRECORRIERA

Calendario eventi

Il mondo della mobilità

al di là del torpedone

16

ANTEPRIMA

Solaris

Urbino 9 Le Electric

il midi a pile

30

ABUSI

Lo school bus

americano è una

palestra per bimbi

AGGIORNAMENTI CONTINUI SU

31

ATTUALITÀ

Ibe

Driving Experience

in pista a Misano

32 34 38 42

BUSTIMER

Mauri

compie

un secolo

12

SECOND LIFE

Quotazioni di ritiro

dei pullman turistici

dal 2011 al 2020

@rivista_pullman

@rivistapullman

13

24

ATTUALITÀ

Iveco Bus

svela i piani

per il 2022

www.pullmanweb.it

PULLMAN ON LINE

Ikarbus

Foxbus

Credobus

TUTTE LE PROVE

I dati di consumo

e prestazionali

dei bus testati da noi

Rivista Pullman

rivista_pullman

Pullman

Per tutte le direzioni

Direttore responsabile

Lucia Edvige Saronni

Coordinatore editoriale

Giuseppe Guzzardi

gguzzardi@fiaccola.it

Direttore

Gianluca Ventura

gventura@fiaccola.it

Collaboratori

Tiziana Altieri, Mauro Armelloni, Gioia Cardarelli,

Riccardo Esposito, Simone Gaier, Giovanni Gaslini,

Gianenrico Griffini, Stefano Lavori, Emilia Longoni,

John Next (foto), Andrea Trenti, Luca Visconti

Amministrazione

Francesca Lotti flotti@fiaccola.it

Margherita Russo amministrazione@fiaccola.it

Abbonamenti

Mariana Serci

abbonamenti@fiaccola.it

Marketing e Pubblicità (responsabile estero)

Sabrina Levada slevada@fiaccola.it

Cinzia Rosselli crosselli@fiaccola.it

Traffico e Pubblicità

Giovanna Thorausch

marketing@fiaccola.it

Direzione, amministrazione, pubblicità

Casa Editrice La Fiaccola s.r.l.

20123 Milano - Via Conca del Naviglio, 37

Tel. 02/89421350 - Fax 02/89421484

casaeditricelafiaccola@legalmail.it

www.fiaccola.com

Agenti

Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto,

Emilia Romagna (Parma e Piacenza escluse)

Giorgio Casotto Tel. 0425/34045 - Cell. 348 5121572

E-mail: info@ottoadv.it

Trimestrale - LO-NO/00516/02.2021CONV

Reg. Tribunale di Milano n. 11

del 02/01/2012 - ROC 32150

PREZZI DI VENDITA ITALIA ESTERO

Copia singola € 10,00 € 20,00

Abbonamento annuo € 60,00 € 150,00

Grafica

Michela Chindamo

La Spezia

Tipografia

Tep Srl

Strada di Cortemaggiore 50 - 29100 Piacenza

Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa

n.1740 - vol.18 - foglio 313 - 21/11/1985

La rivista è aperta alla collaborazione di tutti coloro, tecnici,

studiosi, professionisti, industriali, comunque interessati

al mondo dei trasporti e della movimentazione.

La responsabilità di quanto espresso negli articoli firmati

rimane esclusivamente agli Autori. Manoscritti e fotografie,

anche se non pubblicati, non si restituiscono.

È vietata e perseguibile per legge la riproduzione totale

o parziale di testi, articoli, pubblicità ed immagini pubblicate

su questa rivista sia in forma scritta che su supporti

magnetici, digitali, ecc.

Foro competente Milano

Il suo nominativo è inserito nella nostra mailing list

esclusivamente per l'invio delle nostre comunicazioni

e non sarà ceduto ad altri, in virtù del nuovo regolamento

UE sulla Privacy N.2016/679. Qualora non desideri ricevere

in futuro altre informazioni, può far richiesta alla

Casa Editrice la fiaccola srl scrivendo a: info@fiaccola.it

ISSN: 2279-9907

Questo periodico è associato all’Unione stampa

periodica italiana.

Numero di iscrizione 15846

Aria nuova nella tua città

da scoprire al più presto.

100%

elettrico

Distributore per l’Italia

Via Caravaggio, 8 20832 Desio (MB) - Italy - Office: +39 0362 626247

www.mauri-bus.it

Zero

emissioni

www.otokareurope.com

Più

silenzioso


PROVA

Setra MultiClass S 418 Le Business E6d

REGOLARE

INTENSO

CRITICO

8°/13°

min/max

Milano Assago

100 m

km 72

Milano Assago

109 m

km 00

Emissioni

CO 2

832,2 g/km

Il gigante

di Gianluca Ventura

foto di John Next

della strada

Al volante di quello che è

uno dei bus rigidi più

lunghi dipsonibili sul

mercato. Enorme, eppure

così facile da guidare.

Anche in città

Raro vederne uno circolare sulle nostre strade.

Ancora più difficile mettere le mani su una versione

a tre porte di questo transatlantico a tre

assi, apprezzatissimo ad esempio in Spagna o nei paesei

scandinavi, dov’è proprio destinato l’esemplare

della nostra prova. Ma abbiamo voluto ugualmente

guidarlo e misurarne attentamente i consumi per capire

se veicoli del genere potrebbero essere una buona

soluzione sulle tratte interurbane nostrane a medio

raggio molto battute, per togliere così un po’ di traffico

dalle statali.

SORT

3

Alessandria est

91 m

km 29,9

Casei Gerola

72 m

km 75,9

Serravalle Scrivia

224 m

km 36,8

Telemetria

Giri @ 80 km/h (rpm)

Media oraria (km/h)

90 80 70 60 50

Index performance (punti)

Su strada

Guidarlo è un gioco da ragazzi. Giuro. Non fatevi spaventare

dal fatto che è un rigido da quasi 15 metri,

perché quasi non ve ne accorgerete. Neanche affrontando

le strette rotatorie italiche. Abbiamo viaggiato

benissimo senza problemi perfino ai margini del centro

storico di Pavia - il nostro percorso test passa di lì

-, transitando agilmente dove di solito ci andiamo coi

12 metri o coi double-decker triasse da oltre 13.

Insomma un macchinone, nel caso assemblato ancora

solo a Ulm (il due assi lo producono invece anche in

Turchia), che sul fronte dei consumi ci riporta nel

mondo dei ‘tre con un litro’. D’altronde la roba da por-

1.320

1.000 1.100 1.200 1.300 1.400 1.500

Giri @ 100 km/h (rpm)

1.670

1.500 1.600 1.700 1.800 1.900 2.000

Accelerazione 0-100 km/h (secondi)

veloce

45”,23

30’’ 40’’ 50’’ 60’’

Consumo carburante (km/l)

basso

6

5

Consumo AdBlue (%)

2,506

4

3,21

3

lento

alto

2% 3% 4% 5% 6% 7%

66,4

374,4

450 440 430 420 410 400 390 380 370 360 350

40

6 - Pullman novembre 2021

www.pullmanweb.com

MEDIE ORARIE & CONSUMI

Km Tempo Velocità Consumo

n statale n autostrada km/h km/l (l/100)

n Milano Assago (109 m)

n Casei Gerola (72 m) 75,9 1h24’ 54,2 3,31 (30,16)

n Casei Gerola (72 m)

n Serravalle Scrivia (224 m) 36,8 29’ 76,1 2,77 (36,14)

n Serravalle Scrivia (224 m)

n Alessandria Est (91 m) 29,9 34’ 52,8 3,52 (28,43)

n Alessandria Est (91 m)

n Milano Assago (100 m) 72,0 47’ 91,9 3,24 (30,83)

TOTALI: 214,6 3h14’ 66,9 3,21 (31,17)

Diesel consumato = 77,400 litri. Urea consumata = 1,94 litri, pari al 2,506% del gasolio rabboccato (77,400 litri).

Peso durante la prova = 21.254 chilogrammi. Fabbricato in Germania. Prezzo, al netto di Iva e optional, della versione provata con

motore Euro 6d da 265 kW e cambio automatico Zf Ecolife 1: € 250.000.

Pullman - 7


PROVA

tare in giro è tanta e non si può sfruttare neanche il

plus aerodinamico degli ultimissimi Setra. Però, si

trasportano, tra seduti e in piedi, più di centoventi passeggeri,

il che riequilibra il tutto. Buoni sia la velocità

media sia i dispendi di urea, di poco oltre il 2,5 per

cento. E in tempi di caro-AdBlue, non può che essere

una buona notizia per gli operatori.

Comodo il freno di fermata che s’inserisce premendo

a fondo il pedale del freno e mantiene fermo il bus

fino a che non si vada a dare gas.

All’interno

Al volante, anche nella rapida marcia autostradale,

non senti alcun fruscìo. Segno di un ottimo disegno

e della perfetta chiusura delle porte. Solo sullo sconnesso

emerge qualche scricchiolio, che comunque

COCKPIT - In grande, la plancia con la console centrale che

piega verso l’autista. Sopra, il davanzale sotto il vetro

driver col devio luci e lo svuotatasche. Sotto, da sinistra, il

cockpit visto dal fronte, il cruscotto col display centrale a

colori, l’impianto audio Bosch, l’armadietto sulla destra

della plancia e i vani Din sopra il posto guida.

CABINA - In alto, a

sinistra, la porzione

posteriore elevata di 500

millimetri rispetto a

quella anteriore

ribassata e uno dei due

portabagagli alle spalle

della prima fila

anteriore. Sopra, da

sinistra, la cabina vista

dal fondo sopraelevato,

i radiatori ai piedi delle

pareti laterali nella zona

ribassata e le feritoie

d’aerazione previste nel

cielo. Nella foto grande a

lato, la cabina con

pavimento rivestito in

simil parquet ripresa dal

fronte.

non penalizza il comfort globale del veicolo.

Arrotondata e ben conosciuta la plancia non imbottita,

che avrebbe ormai bisogno di una svecchiata. Chi

guida siede su un sedile Isri girevole (con braccioli e

microfono) e alle spalle ha - di serie - una paratia cieca.

Quella in plexiglas trasparente presente sul veicolo

in prova è un optional, così come la protezione antivirus

nel medesimo materiale applicata sopra la porta

d’accesso al posto guida e a prova di deformazione visiva.

Presente una tendina manuale sul vetro autista

ed elettrica quella frontale larga 2/3 di parabrezza.

Dietro il volante quadrirazza, privo di comandi remoti,

il cluster con solo due strumenti analogici, inframmezzati

da un pannello lcd a colori su cui transitano tutte

le altre informazioni necessarie alla gestione del mezzo.

Distribuiti in cinque schermate, richiamabili premendo

il classico tastino a piè di cruscotto, ci sono i

livelli di gasolio/urea più marcia/retarder inseriti nella

prima, gli eventuali messaggi d’errore nella seconda,

tutto sui serbatoi d’aria nella terza, temperatura acqua

più pressione olio nella quarta e una conclusiva che

aggiunge il voltmetro. Sul lato destro del cruscotto,

il tachigrafo e il controller del climatizzatore EvoCool

Comfort, da 39 chilowatt in refrigerazione che soffia

MISTER METRO

Interno cabina (mm)

Le misure rilevate...

Lunghezza (utile/max) 13.600/14.500

Larghezza (utile/max) 2.400/2.500

Altezza interna anteriore 2.670

Altezza interna centrale 2.640

Altezza interna posteriore 1.900

Altezza interna su pentaposto 1.580

Altezza 1° gradino anteriore 330

Altezza 2° gradino anteriore -

Altezza 3° gradino anteriore -

Altezza 4° gradino anteriore -

Altezza corridoio anteriore da terra 330

Altezza corridoio posteriore da terra 830

Altezza podesti (min/max) 260/300

Larghezza porta anteriore (utile/max) 630/785

Larghezza porta centrale (utile/max) 1.130/1.260

Larghezza porta posteriore (utile/max) 550/780

Larghezza corridoio 490

Distanza media sedili 800

Larghezza sedile 440

Larghezza cockpit 960

Altezza cockpit 2.200

Profondità cockpit 1.600

Altezza podeste cockpit 470

Diametro di volta tra pareti 24.000

Diametro di volta interno 10.650

Fascia d’ingombro mm

6.675

Aree (m 2 ) e volumi (m 3 )

Le misure calcolate...

Superficie abitabile m 2 31,104

Superficie per passeggero m 2 0,253

Volume per passeggero m 3 0,610

Superficie cockpit m 2 1,563

Volume cockpit m 3 3,379

Volume cappelliere m 3 -

Volume bagagliere m 3 0,644

Volume bagagli per passeggero m 3 0,005

Posti a sedere/in piedi 51+1/72

Volume abitabile m 3

75,066

Ingombri (mm) Masse (kg) Design

Lunghezza 14.640

Larghezza 2.550

Altezza 3.350

Sbalzo anteriore 2.700

Passo 7.040

Interasse 1.600

Sbalzo posteriore 3.300

Carreggiata 1° asse 2.119

Carreggiata 2° asse 1.802

Carreggiata 3° asse 2.119

Distanza minima da terra 280

Diametro di volta 23.520

Angolo sbalzo anteriore 7,2

Angolo sbalzo posteriore 6,9

Tara su 1° asse 3.975

Tara su 2° asse 8.125

Massa tecnica ammissibile 1° asse 7.500

Massa tecnica ammissibile 2° asse 12.600

Massa tecnica ammissibile 3° asse 5.750

Peso bagagli 64,4

Massa complessiva 24.000

Tara kg

14.400

Nonostante oggi il direttore del reparto

design di Daimler Buses sia Stefan Handt,

la serie 400 di MultiClass è ancora frutto

della mano di Mathias Lenz, capo designer

di EvoBus fino al 2018.

8 - Pullman novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 9


ESTERNO - In alto, basta agire sul tiretto interno per far scendere il fascione

paraurti anteriore con la ruota di scorta. Sopra, da sinistra, la retrocamera con

impianto di lavaggio, le luci a led supplementari sopra le porte, uno dei due

vani di servizio riservati all’autista e l’accesso posteriore. Sotto, le fiancate.

dentro la cabina attraverso due file di feritoie che corrono

parallele nel cielo in sintetico. Al caldo supplementare

ci pensano i radiatori fissati ai piedi delle pareti

laterali rivestite in feltro e sovrastate da vetri laterali

singoli. Due botole vetrate, l’anteriore elettrica, contribuiscono

al ricambio dell’aria, mentre all’illuminazione

della cabina ci pensano cinque plafoniere longitudinali

a led freddi e a doppia intensità incassate

nel soffitto della cabina. Luogo deputato ad accogliere

anche gli altorparlanti collegati a una semplice autoradio

Bosch Smartradio in console centrale.

L’utilizzo della ‘vecchia’ piattaforma 400 non consente

d’integrare tutti gli Adas captive presenti invece sulla

serie 500, per cui serve talvolta optare per prodotti aftermarket.

Com’è il caso, qui, dell’assistente di svolta

Mekra Lang, che usa un radar presente sul lato destro,

Tutti su podesti i sedili. La scelta è caduta su dei Setra

Transit, trentuno dei quali nella zona rialzata posteriore,

raggiungibile valicando tre gradini per 500 millimetri

complessivi di dislivello. A tale zona ci si accede

pure dalla porta di coda, salendo quattro gradini.

SOTTOPELLE - Nella foto

grande l’Om 470

installato in posizione

longitudinale. All’estrema

destra, l’asse di coda a

sterzata attiva. Sotto, da

sinistra, le quattro

batterie localizzate nel

vano tra arco ruota

anteriore destro e porta

centrale, la centralina

fusibili in plancia, le

sospensioni anteriori Zf a

ruote indipendenti, le

omologhe posteriori e il

ponte Mercedes-Benz.

PROVA

Marca Potenza Coppia Consumo AdBlue Velocità Lungh./assi Peso Index Pubbl.

Modello kW/Cv Nm km/l % km/h mm/n° kg performance n°

Isuzu Anadolu 187/254 1.000 4,61 4,789 62,2 9.560/2 14.560 400,4 Pul 32

Visigo Interurban E6c

Iveco 265/360 1.650 4,02 6,899 66,4 12.097/2 17.250 385,6 Pul 36

Crossway Line 12m E6d

Setra 260/354 1.400 4,19 2,161 67,1 12.330/2 17.680 401,1 Pul 21

MultiClass S 415 Le Business E6

Setra 265/360 1.700 3,21 2,506 66,0 14.640/3 21.254 374,4 Pul 40

MultiClass S 418 Le Business E6d

I CONCORRENTI

MECCANICA

Motore

Marca e modello Mercdes-Benz Om 470 La

Architettura

6 cilindri in linea

Alesaggio x corsa (mm) 125 x 145

Cilindrata (cc) 10.677

Rapporto di compressione 18,5:1

Distribuzione

albero a camme in testa

Valvole per cilindro 4

Aspiraz.(turbo/interc.) BorgWarner twin scroll/sì

Sistema iniezione common rail amplificato

Pressione d’iniezione (bar) 2.100

Peso a secco (kg) 990

Capacità coppa dell’olio (l) 34

Potenza (kW(Cv)/giri) 265(360)/1.800

Potenza specifica (kW(Cv)/l) 24,79(33,72)

Coppia (Nm/giri) 1.700/1.100

Coppia specifica (Nm/l) 159,23

Riserva di coppia (%) 21

Consumo specifico (g/kW-h @ giri) 189 @ 1.300

Inquinanti (omol./sist.) Euro 6d/Egr+Doc+Dpf+Scr

kW

Potenza

giri

Nm

All’esterno

Come scritto in apertura della prova, questo è uno dei

pochi S 418 Le Business realizzati con la terza porta,

una monoanta vetrata rototraslante verso il retro. La

cui presenza costringe gli ingegneri di Ulm a spostare

il vano batterie - comunque sempre localizzato sul versante

destro - dalla coda del bus al suo interasse, adiacente

alla doppia porta centrale. Sono ben quattro gli

accumulatori al gel montati sulla usuale slitta estraibile:

due principali e altrettanti (ma più piccoli) d’emergenza

commutabili direttamente dal ponte di comando,

Coppia

giri

Trasmissione - Cambio automatico con convertitore

di coppia Zf Ecolife 1 6Ap 1700B a sei rapporti avanti

più rallentatore integrato. Ponte Mercedes-Benz Ro

440 e rapporto di 5,222.

Marcia Rapporto

1 a 3,36

2 a 1,91

3 a 1,42

4 a 1,00

5 a 0,72

6 a 0,62

Retro 4,24

senza quindi dover scendere dal veicolo, qualora le

grosse siano ko. Questo gigante della famiglia

MultiClass 400 offre ancora gruppi ottici anteriori allo

xeno, sfruttando i led solo per le luci di marcia diurne

Sospensioni - Pneumatiche integrali a controllo elettronico.

Davanti e in coda, a ruote indipendenti Zf RL

75 Ec con due molle ad aria e altrettanti ammortizzatori

idraulici. Il tutto raddoppia sul ponte. Barra stabilizzatrice

anteriore e centrale. Kneeling -/+ 70 mm.

Elettronica - Due batterie da 225 Ampèrora l’una su una

slitta nel vano esterno pirma della porta centrale, cui se

ne affiancano altrettante d’emergenza più piccole, tutte

ricaricate via tre alternatori da 150 Ampère l’uno.

Centralina con fusibili e relé in plancia.

Pneumatici - Su tutti gli assi, cerchi da 22,5 pollici e

gomme Goodyear Marathon Coach M+S, taglia 295/80.

Indici di carico 154/149 e codice di velocità M. Tutta a

disco la frenata con Abs/Esp.

e i gruppi di faretti che sovrastano le tre porte.

Al conducente si risrevano due vani esterni ubicati

simmetricamente poco prima del ponte, ma non comunicanti

e chiusi da sportelli in alluminio con movimento

a compasso. Non ci sono invece spazi per i bagagli

dei passeggeri, se non due piccoli portapacchi

interni alle spalle dei due biposti della prima fila.

Sul retro del veicolo resta la caratteristica monograta

d’aerazione assimetrica del cofano motore con apartura

ad ala, dietro il quale si nasconde un sei in linea

della famiglia Om 470 da 10,7 litri scarsi di cilindrata,

qui montato nella taratura meno potente, quella da

265 kW (360 Cv). Volendo si può richidere quella da

290 kW (394 Cv), entrambe comunque abbinate di

serie al cambio manuale esarapporto Go 210 di

Mercedes-Benz, nel veicolo della prova sostituito da

un automatico puro con convertitore di coppia,

l’EcoLife di Zf, qui ancora di prima generazione e con

rallentatore a cinque scatti integrato. Nel vano motore

non manca il sistema antincendio con allarme. lll

10 - Pullman novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 11


OLTRECORRIERA

APPUNTAMENTI

Dicembre 22-24

Shanghai (Chn)

China International Bus Expo

Gennaio 9-10

Grapevine (Usa)

Busworld North America

Gennaio 27-30

Milano

Transpotec

Marzo 8-10

Karlsruhe (Deu)

It-Trans

Marzo 23-25

Giacarta (Idn)

Busworld Southeast Asia

Aprile 27-28

Berlino (Deu)

Bus2Bus

Maggio 26-28

Istanbul (Tur)

Busworld Turchia

Agosto 25-27

Bangalore (Ind)

Busworld India

Settembre 20-25

Hannover (Deu)

Iaa Transportation

Settembre 21-23

Buenos Aires (Arg)

Busworld Latin America

Ottobre 18-21

Madrid (Esp)

Fiaa

Ottobre 25-27

Rimini

Ibe

Ottobre 25-27

Stoccolma (Sve)

Persontrafik

12 - Pullman

UN PULLMAN CONTRO L’ALZHEIMER

Arriva Italia ha dato il proprio contributo per

creare la riproduzione di un autobus all’interno

della residenza sanitaria assistenziale con

nucleo specialistico Alzheimer della

Fondazione Rota di Almenno San Salvatore

(Bg). Nella struttura di cura è stata inaugurata

una stanza al cui interno è possibile trovare -

perfettamente riprodotto con pezzi originali -

un bus di Arriva Italia, con tanto di sedili e

posto guida completo. Questo perché il

desiderio maggiormente espresso da coloro

che soffrono della sindrome di Alzheimer è

proprio quello di ‘prendere il pullman per

ritornare a casa’. Alle pareti di tale stanza

sensoriale sono stati appesi anche dei monitor

che riproducono la strada al fine di rendere il

viaggio ancora più reale.

La ‘Terapia del viaggio’ è uno dei supporti non

farmacologici che vengono adottati per

favorire il benessere dei malati affetti da vari

tipi di demenza. Numerosi studi ed esperienze

sul territorio nazionale e internazionale hanno

dimostrato come la presenza all'interno di un

nucleo Alzheimer di una fermata d’autobus o di

un mezzo di trasporto, o di uno spazio con le

stesse caratteristiche (una panchina, una

pensilina, l'orario delle corse, i sedili, il

cruscotto, l’obliteratrice e così via), riduca lo

stato di ansia di queste persone, rassicurandole

di essere nel posto giusto per tornare a casa.

Arriva Italia aveva già contribuito a realizzare

un’esperienza simile presso la Fondazione

Elisabetta Germani di Cingia De’ Botti (Cr).

Insomma, il pullman visto come mezzo per

ritornare in qualche maniera alla normalità.

FUORI DI TEST SBARCA NEL BUS

Quasi di sorpresa il pazzo team di Fuori

di Test, ossia Gianluca Ventura e Rino

Lo Brutto, irrompe nel comparto dei bus

con un sensazionale episodio delle loro

videoprove, nel solito stile scanzonato

sì ma profondamente tecnico.

Attore protagonista della ‘prima’ un

veicolo anch’esso pronto al debutto in

società, l’urbano elettrico e-Kent C di

Otokar, in Italia attraverso la Mauri Bus

System di Desio (Mb). In oltre cinque

minuti di video in formato 4K ad

altissima definizione, verranno svelati

tutti i segreti del ribassato 12 metri a

batteria, messo alla frusta dal team

sulle strade di Milano centro e della

Brianza. Tutti gli altri segreti su

www.fuoriditest.com. Buona visione!

NUOVO CODICE DELLA STRADA

Il 10 novembre scorso è entrato in vigore il

nuovo Codice della Strada. Oltre alla multa

comminata a chi avrà anche solo in mano il

cellulare o altro dispositivo mobile durante la

guida, vengono introdotte importanti novità

specifiche per i bus. Dal 30 giugno 2022 sarà

vietata la circolazione dei veicoli di categoria

M2 e M3 (trasporto di persone oltre 9 posti) a

norma Euro 1, cui dal 1° gennaio 2023

seguiranno anche gli Euro 2 e un anno dopo

gli Euro 3. Per

contribuire al rinnovo

dei veicoli del Tpl

sono previsti 5 milioni

di euro per il 2022 e 7

per ciascuno degli

anni dal 2023 al 2035.

novembre 2021

electrify +

your business

+ Webasto Thermal Management System

Soluzioni di Climatizzazione Convenzionali ed Elettriche

e Sistemi di Batterie Modulari per un Trasporto Pubblico

Sostenibile. Tutto da un'Unica Fonte.

webasto-comfort.com


ANTEPRIMA

ANTEPRIMA

L’urbano d’attacco

IVECO STREETWAY 12

Driveline

Motore marca e modello Iveco Cursor 9

Cilindrata cc 8.700

Potenza kW (Cv)@giri 228 (310)@2.200

Coppia Nm@giri 1.300@1.100

Inquinanti

omologaz./sistema E6e/Doc+Dpf+Scr+Cuc

Cambio (*)

marca e tipo/n° marce Voith Diwa.6 St/4

Ingombri

Lunghezza/n° assi mm 12.000/2

Larghezza mm 2.540

Altezza massima da terra mm 3.245

Passo mm 5.900

Sbalzo anteriore mm 2.700

Sbalzo posteriore mm 3.400

Diametro di volta mm 23.200

Altezza interna mm 2.431

Altezza pavimento da terra mm 330

Angolo di sbalzo anteriore gradi 7

Angolo di sbalzo posteriore gradi 7

Posti a sedere/in piedi (**) 24+1/68

Masse

Tara kg 11.950

Peso totale a terra kg 18.000

(*)Oppure Zf Ecolife 2 a 6 rapporti con Topodyn. (**)Versione 3 porte.

Iveco Bus cala la carta dell’urbano ribassato

dal prezzo aggressivo, lo StreetWay. Ma per

farlo s’appoggia ai turchi del gruppo Koç

di Luca Visconti

Per contrastare la folta schiera di urbani ribassati

di fabbricazione turca proposti anche da marchi

blasonati e presentarsi così ‘preparati’ a quelle

gare d’appalto dove il prezzo è una leva molto

importante, anche Iveco Bus cala la carta del

city bus made in Turkey. Si chiama Streetway

ed è frutto di quell’accordo stipulato tra la Casa

torinese e il gruppo Koç (con cui intratteneva

già rapporti su più fronti) nel gennaio del 2020.

Il nuovo nato ci sarà da 12 e 18,75 metri, con

motorizzazione diesel o a gas metano, comunque

basate sul Cursor 9 di Fpt, offerto tarato

a 310 cavalli sul rigido e a 360 sullo snodato,

sempre con cambi automatici Zf o Voith, rispettivamente

il sei rapporti EcoLife 2 con soft-

ware Topodyn o il quattro marce Diwa 6 anch’esso

col pacchetto topografico, nel caso il SensoTop.

Subito pronto c’è il rigido di questa presentazione, un

tre porte doppie (ma c’è anche un due che offre una

coppia di sedili in più) larghe ognuna 1.200 millimetri

Design specifico Iveco

Nonostante il Dna in comune con il Kent C di Otokar,

i tecnici Iveco hanno fatto molto per differenziare lo

StreetWay dal concorrente di Sakarya (dove anche

questo viene comunque assemblato) rivedendo buona

parte dell’estetica esterna, ma soprattutto impiantando

in sala macchine una propria unità Hi-Scr, senza quindi

Egr. Dentro si punta su selleria Kiel Ideo e rivestimenti

del cielo in fòrmica, dentro cui si ritagliano botole vetrate

(manuali o elettriche). Quanto al cockpit, il conducente

siede su un sedile pneumatico - a scelta - di

Isri o Grammer e ha di fronte a sé una plancia di tipo

Vdv regolabile insieme al volante dotaao di strumentazione

Actia, con quattro indicatori analogici più un

ampio display a colori centrale. Autoportante, ha pan-

nellature laterali in alluminio incollate alla struttura e

il tetto costituito da un sandwich di fiberglass inframmezzato

da polistirene. Sottoposto a bagno cataforetico,

viaggia su sospensioni anteriori a ruote indipendenti

Rl 82 Ec di Zf, marchio che firma anche il ponte, nel

caso l’Av 133, equipaggiato con barra antirollio. Da 280

litri il serbatoio di gasolio, rifornibile dal bocchettone

sopra l’arco ruota anteriore destro. Optional l’Esp.

StreetWay arriverà il prossimo gennaio in quasi tutta

Europa, a esclusione di Francia, Benelux, Regno Unito

e paesi scandinavi, dove non verrà distribuito. lll

In alto, le fiancate dello

StreetWay, qui nella

versione a tre doppie

porte. Nei riquadri,

dall’angolo superiore

sinistro in senso orario,

il posto guida, il cluster

Actia, la cabina vista dal

fronte e dal fondo.

Dall’estrema sinistra, il

retro del veicolo, il vano

batterie da 225 Ah l’una

sotto il posto autista, il

serbatoio AdBlue da 50

litri in coda al lato

porte, il vano motore col

Cursor 9 longitudinale,

l’accesso agli organi

meccanici in fondo al

lato guida e il frontale

aperto in sintetico.

14 - Pullman

novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 15


ANTEPRIMA

ANTEPRIMA

Nella foto a lato, la disposizione ordinata dei

componenti sul tetto, che nella porzione anteriore ospita

le batterie col relativo sistema di raffreddamento e,

a seguire, il gruppo clima a pompa di calore. Sotto,

da sinistra, il lato con le due porte che danno su un

pavimento ribassato a quota 320 o 335 millimetri in

base alla gomme montate e il retro. In basso, ancora da

sinistra, il posto guida, la zona rialzata posteriore,

la cabina vista dal fondo e il pentaposto.

Da piccolo

Arriverà nel corso del prossimo anno questa

versione in taglia midi dell’Urbino elettrico

low entry di Solaris. Offerto in classe I e II

di Luca Visconti

C’era una volta l’8,9 Le Electric, un veicolo con

motore da 160 kW che spingeva un ponte

Dana G 150 e che aveva ancora quell’aspetto

arrotondato dei primi Urbino di Solaris. Presentato

in anteprima nella seconda metà del 2011 - ma in consegna

dal 2013 - e realizzato in acciaio inox più fibra

di carbonio nel tentativo di ridurne la tara, rimase in

produzione per circa un quinquennio, durante il quale

ne furono prodotti poco meno di una cinquantina.

midi la tecnica costruttiva dei più lunghi, con una struttura

protetta contro la corrosione cui vengono applicati

pannelli laterali e sportelli apribili in materiale composito

di vario tipo, aggiunti dei tegoli in alluminio e

dell’Abs, con una fascia mediana laterale tutta vetrata

applicata riducendo al minimo l’impiego di Sikaflex.

A spingerlo ci pensa un motore centrale Siemens Elfa

3 di nuova generazione abbinato a un inverter sempre

dell’azienda tedesca, alimentato via batterie che Solaris

propone di serie del tipo ‘high energy’ con celle al litioferro-fosfato,

mentre sono un’opzione le ‘high power’ al

litio-titanato-ossido o nickel-manganese-cobalto, ricaricabili

via presa Ccs Combo 2 o pantografo. Si conserva

lo stesso ponte della generazione precedente e davanti

s’installa una sospensione indipendente Zf Rl 55 Ec.

Quanto alla potenza di ricarica, si possono toccare i

350 chilowatt, optando per accumulatori ad alto immagazzinamento

di energia, le high energy appunto.

SOLARIS URBINO 9 LE ELECTRIC

Driveline

Motore elettrico marca e modello Siemens Elfa 3

Tipo funzionamento/corrente sincrono/CA

Potenza nominale/massima kW 170/220

Coppia massima Nm 2.700

Batterie (*) marca e tipo Solaris hi-energy/Lfp

Capacità batterie (**) kWh 120 o 350

Caricatore kW fino a 350

Tempo di ricarica (da 0 a 100%) h 1:00

Autonomia km 200

Ingombri

Lunghezza/n° assi mm 9.270/2

Larghezza mm 2.540

Altezza massima da terra (Classe II) mm 3.300 (3.315)

Passo mm 4.480

Sbalzo anteriore mm 2.200

Sbalzo posteriore mm 2.590

Diametro di volta mm 18.200

Altezza interna (ant./pos.) mm 2.368/2.072

Altezza pavimento da terra (alle porte) mm 320

Angolo di sbalzo anteriore gradi 8

Angolo di sbalzo posteriore gradi 8

Posti a sedere/in piedi (Classe II) n° 27(31)+1/46

Masse

Peso totale a terra kg 16.000

(*) High power Nmc o Lto in opzione (**) A seconda se high power o high energy.

Elettronica a gogò

Disponibile in Classe I e II, con porta anteriore singola

larga 750 milllimetri e centrale doppia da 1.250 che s’affacciano

su una zona ribassata - con otto posti a sedere

- la cui distanza da terra oscilla di 15 millimetri in funzione

che si montino pneumatici 265 o 285/70 su cerchi

da 19,5 pollici, Urbino sfoggia cluster e retrovisori digitali,

nel caso i MirrorEye di Stoneridge. C’è anche il sistema

Mobileye Shield Plus per annullare gli angoli ciechi e

l’illuminazione (interna ed esterna) completamente a

led con sensore crepuscolare e luci di svolta. Non mancano

il sensore pioggia e la climatizzazione, volendo

anche con pompa di calore a Co2. Tutto dal 2022. lll

Urbino 9 completa la

famiglia degli elettrici ad

accesso ribassato del

marchio polacco. A destra,

l’anteriore coi retrovisori

elettronici in bella vista.

S’allunga un po’

Adesso la Casa di Bolechowo ci riprova, sfoderando

un midi che passa dagli 8.950 millimetri della generazione

precedente ai 9.270 dell’attuale. Obiettivo principale

era standardizzare questo midi col resto della

produzione Solaris, ormai arrivata alla quarta generazione

degli Urbino. Così si replica anche su questi

16 - Pullman

www.pullmanweb.com

Pullman - 17


ATTUALITÀ

di Tiziana Altieri

Il trasporto collettivo vive una fase di profonda sofferenza.

La pandemia scatenata dal Covid-19 ha

ulteriormente spinto gli italiani verso la mobilità

privata, con il risultato che mentre il tema della sostenibilità

ambientale anima qualsiasi dibattito, nella

realtà non si fanno passi avanti in questa direzione:

piuttosto si torna indietro con strade trafficatissime

e mezzi pubblici semi vuoti.

È quanto emerge dal 18° Audimob sulla mobilità degli

italiani realizzato da Isfort (Istituto di Formazione e

Ricerca per i Trasporti). Il Rapporto, che analizza i

dati consolidati 2020 e anticipa qualche tendenza dell’anno

in corso, evidenzia come l’emergenza sanitaria

abbia comportato un punto di rottura nelle serie storiche

della domanda di mobilità, con pesanti variazioni

negative. I volumi di mobilità feriale nell’ultimo anno

si sono ridotti, rispetto al 2019, del 22,3 per cento in

termini di spostamenti e del 39,8 per cento in termini

di distanze coperte. Il tasso di mobilità feriale è sceso

al 69 per cento contro l’85,3 del 2019. In flessione anche

il numero medio di spostamenti (da 2,1 a 1,7), il

tempo medio pro-capite percepito per la mobilità giornaliera

(da 50 a 33 minuti) e la distanza media pro-capite

percorsa quotidianamente (da 24 a 15 km).

Per quanto riguarda le motivazioni degli spostamenti,

nel 2020 cresce il peso della gestione familiare (dal

26,2 del 2019 al 34,3 per cento) a fonte del crollo della

mobilità scolastica (dal 4,6 all’1,7 per cento) e della

mobilità legata alle attività del tempo libero (dal 37,2

al 33,9 per cento). Stabile la quota della mobilità lavorativa,

ma in forte flessione, nei valori assoluti anche

a causa della grande adesione allo smart working, una

tendenza che sembra destinata a proseguire anche

al termine dell’emergenza.

C’è nessuno?

Diminuisce in Italia l’attrattività dei mezzi pubblici per timore del contagio

da Covid-19. Una tendenza da invertire migliorando i servizi da subito perché

la sostenibilità si persegue (anche) limitando la mobilità privata

Tutti in auto

Il Covid e i timori legati al contagio hanno inciso profondamente

sulla scelta dei mezzi. Il trasporto pubblico

ha visto dimezzare la quota modale (dal 10,8 al 5,4 per

cento) e il numero dei passeggeri; parallelamente è

crollata, quindi, la quota di viaggi intermodali (dal 6,5

all’1,7 per cento di quelli motorizzati). In forte sviluppo

la mobilità dolce grazie in particolare agli spostamenti

a piedi, il cui peso è cresciuto dal 20,8 per cento del

2019 al 29 del 2020, e al consolidamento della bicicletta

e della micromobilità.

La vera protagonista per gli spostamenti è però l’automobile,

al 59 per cento. Una situazione che perdurerà:

i dati congiunturali relativi alla prima metà del

2021 elaborati dalla Struttura Tecnica di Missione del

Mims evidenziano il recupero della quota modale

dell’auto, ormai ai livelli pre-Covid, a scapito della mobilità

dolce. Leggero miglioramento per la mobilità

collettiva, ma il livello stimato di passeggeri trasportati

resta molto lontano dalla media 2019.

Le macrotendenze modali - ossia esplosione della mobilità

attiva, crollo della mobilità collettiva e sostanziale

tenuta dell’auto - hanno interessato tutto il Paese Gli

impatti, però, non sono stati i medesimi nei diversi

territori e si sono, anzi, ampliati i divari di ‘sostenibilità’

nella ripartizione modale tra i territori. Il tasso di mobilità

sostenibile è ora inferiore di quasi 5 punti al Sud

rispetto al Nord, di quasi 25 punti nei Comuni più piccoli

rispetto alle grandi città, di circa 18 punti nelle

aree periferiche e interne rispetto ai Comuni-polo.

ATTUALITÀ

GRAFICO 1 I volumi di mobilità in Italia

Spostamenti (in milioni nel giorno medio feriale)

128,1 123,8

-22,3%

111,7

97,5

102,3 102,6 105,7

82,1

2008 2010 2012 2014 2016 2018 2019 2020

Passeggeri km (milioni nel giorno medio feriale)

1.561

1.381,4

-31,2%

1.261,2 1.311,8

1.188

1.185,8

1.115,4

713,8

2008 2010 2012 2014 2016 2018 2019 2020

GRAFICO 2 I riposizionamenti delle motivazioni di mobilità

Distribuzione % degli spostamenti

n 2001 n 2019 n 2020

-1,9%

+8,1%

37,2

34,5

34,3

33,9

32

30,1

31,2

28,7 26,2

-2,9%

5,5 4,6

1,7

Lavoro Studio Gestione familiare Tempo libero

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

La vicinanza fa ancora paura

Guardando agli indici di soddisfazione in un quadro

generale che mostra una lieve decrescita del punteggio

medio, si amplia il divario tra i mezzi individuali

e quelli collettivi: nel primo caso, oltre il 70 per

cento del campione assegna un punteggio tra il 7 e

il 10, per i bus questa percentuale si ferma intorno

al 45. Del resto, circa la percezione del contagio sui

mezzi di trasporto, la rilevazione Audimob mostra

che nel 2021 la forbice tra sicurezza sui mezzi individuali

e quella sui mezzi pubblici è ancora altissima:

in una scala 0-10, l’indice medio di sicurezza percepita

è inferiore a 4 per pullman e metropolitana, tra

4 e 5 per treno, aereo e sharing, mentre è a 9 per

l’automobile e a poco più di 8 per piedi e bici.

I grafici in alto mostrano

la forte flessione dei

volumi di mobilità

in Italia come

conseguenza

dell’emergenza sanitaria.

I lockdown e la didattica

a distanza sono alla base

del riposizionamento

delle motivazioni

di mobilità con

la gestione familiare che

guadagna 8 punti

percentuali tolti

al tempo libero e alla

scuola.

18

Pullman - 19


ATTUALITÀ

ATTUALITÀ

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

GRAFICO 3 Le scelte di mobilità degli italiani

Distribuzione % degli spostamenti

-3,5%

59,2 62,5 59

n 2018 n 2019 n 2020

+8,2%

29

23,7

-5,4%

20,8

10,8

4,3 3,3 3,8 3,1 5,4

2,6 2,8

9,7

Piedi Bici/micromobilità Moto Auto Mezzi pubblici

53,3

53,8

TABELLA 1. I DATI PROVVISORI DELL’OSSERVATORIO

AUDIMOB PER IL 2021 (DISTRIBUZIONE PERCENTUALE

DEGLI SPOSTAMENTI PER MEZZI DI TRASPORTO)

Media Media Media

2019 2020 genn-luglio 2021

Mobilità attiva 24,1 33,2 29,4

Mobilità privata (auto e moto) 65,4 62 64,4

Mobilità pubblica e intermodale 10,6 4,9 6,1

Tasso di mobilità sostenibile 34,7 38,1 35,5

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

GRAFICO 6 Previsione utilizzo mezzi di trasporto nei prossimi mesi

62,5

55,3

I dati provvisori

Audimob sui primi sette

mesi 2021 evidenziano

come, in un contesto di

ripresa degli

spostamenti, la mobilità

pubblica continui a fare i

conti con volumi

nettamente inferiori a

quelli pre-Covid.

59,9

66,3

46,1

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

GRAFICO 4 Distribuzione percentuale degli spostamenti intermodali (solo motorizzati)

5,4 5,3 5,4 5,3

2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020

GRAFICO 5 La soddisfazione degli italiani per le diverse modalità di trasporto

% punteggi tra il 7 e il 10 in una scala da 0 a 10

Auto privata

Bicicletta

Moto ciclomotore

Aereo

Treno AV

Sharing/pooling

Metropolitana

Treno locale/regionale

Bus urbano/tram

Bus interurbano

86,6

88,1

76,1

74,4

74,4

71,1

73,3

80,2

64,9

66,2

57,3

65,7

57,1

61,5

47,1

49,9

45,2

46,5

44,5

50,3

5,9

4,5

5,4 5,4

4,6

7,2

Cosa succederà nel prossimo futuro? Il campione

coinvolto nell’indagine sembra orientato a incrementare

le soluzioni di mobilità dolce, ma ci sono

anche segnali non incoraggianti in ottica di sostenibilità.

Da un lato, infatti, l’auto sembra proseguire

la fase di recupero già evidente dal monitoraggio

della prima parte del 2021 (+8,8 per cento il saldo

tra quanti pensano di usarla di più nei prossimi mesi

e quanti pensano, invece, di utilizzarla meno).

Dall’altro, le prospettive dei mezzi pubblici sono stagnanti,

con la parziale e contenuta eccezione del treno

(qui il saldo è +3,4 contro il -0,3 di bus e tram urbani

e il -2,1 degli extraurbani).

“Lo scenario che rischia di delinearsi per il futuro modello

di mobilità degli italiani può e deve essere contrastato

- ha detto Enrico Giovannini, Ministro delle

Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile intervenuto

alla presentazione del rapporto a Roma - così come la

tendenza attrattiva e in-sostenibile dell’auto può e deve

essere invertita perché mai come oggi c’è urgenza di mobilità

sostenibile. Bisogna creare incentivi per un cambio

di mentalità. La scelta del mezzo pubblico deve essere

fatta perché nel frattempo questo dev’essere migliorato.

Sul piano concettuale, il Pnrr rappresenta un salto quantico

- ci sono 62 miliardi di euro che dovrà spendere il

Mims - ma il passaggio culturale non è scontato. Come

possiamo provare a cambiare da subito le cose? Qui entra

il gioco il tema della riforma del Tpl, una riforma

che non deve puntare a un ritorno al passato, che non

20 - Pullman novembre 2021

1,7

n 2020 n 2019

I mezzi pubblici sono stati duramente colpiti

dall’emergenza Covid: nel 2020 sono stati utilizzati

solo per il 5,4 per cento degli spostamenti come si

evince dal grafico 3. Questo ha comportato una vera

e propria caduta della mobilità di scambio dopo un

lungo trend di crescita (grafico 4).

7,3

34,5

4,9

A piedi Bicicletta/micromobilità Autobus, tram, Pullman, Treno Automobile Moto/scooter

meropolitana

autobus extraurbano

n Non penso di usarlo nei prossimi mesi n Penso di fare più spostamenti n Penso di fare meno spostamenti n Penso di fare più o meno lo stesso numero di spostamenti

GRAFICO 7 La percezione di sicurezza degli italiani per le diverse modalità di trasporto

7,3

Spostamenti Spostamenti Spostamenti Spostamenti Spostamenti Spostamenti Spostamenti Spostamenti car/bike/

a piedi in bicicletta in auto in autobus tram in metropolitana in pullman in treno scooter sharing

Dal grafico 6 si evince come anche nel prossimo futuro gli italiani non sembrino intenzionati a salire in

carrozza abbandonando la propria vettura. Il saldo fra coloro che pensano di usare di più bus e tram nei

prossimi mesi e quanti pensano, invece, di utilizzarli meno è negativo. Del resto, come sottolinea il grafico

7, non si è alzata nemmeno nella prima parte del 2021 la percezione di sicurezza per i mezzi pubblici.

www.pullmanweb.com

20,8

6,2

8,2

8,4

8,1

8,2

26,9

8,7 9,1 9

10,210,5

25,6

3,5

4,4

7,6 9,7 20,1

4

3,1

3,9

13,1

9,7

21,9

3,4 3,3

20,5

era affatto soddisfacente, ma a un potenziamento del

servizio per incontrare la nuova domanda. La Legge di

Bilancio ha poi istituito un fondo per il Tpl superiore di

1,3 miliardi di euro, che devono essere impiegati per

orientare le scelte delle aziende verso una maggiore efficienza

e qualità dei servizi. Occorre, infine, rafforzare

la figura del mobility manager per una pianificazione

urbana di prossimità dal basso, vicina alla popolazione.

Non si può immaginare una politica di mobilità ecologica

senza ripensare le città”. lll

11,7

4,8

4,4 4,4

3,8

3,5

7,4 7

19,2

n Primo lockdown 2020

n Primo mese post-lockdown 2020

n Periodo gennaio-luglio 2021

5,1 4,9

Pullman - 21

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort

Fonte: Osservatorio Audimob Isfort


ANTEPRIMA

ANTEPRIMA

Corrente del Bosforo

Disponibile anche sul mercato italiano

la versione elettrica a batteria dell’urbano

ribassato 12 metri Kent C di Otokar

di Gianluca Ventura

Per vederlo in azione,

guarda la videoprova

realizzata dal team di

Fuori di Test® inquadrando

il QR sottostante!

Otokar sbarca di prepotenza nella mobilità elettrica

con l’e-Kent C, un veicolo già visto prima

della pandemia in fase prototipale e ora prontao

per le gare d’appalto. Si tratta di un’elettrificazione

della versione diesel, opportunamente modificata per

marciare a batteria, sfruttando in questo caso un motore

posteriore lievemente disassato sul fianco sinistro,

nel caso l’Ipsm Voith, sincrono a magneti permanenti

raffreddato a liquido, capace di erogare 310 kW di potenza

continua e 410 di picco a 3.800 giri. Abbinato a

un inverter anch’esso della Casa tedesca a valle di un

gruppo di batterie agli ioni di litio (raffreddate a liquido),

scalabile in base alle esigenze di autonomia, realizzato

da Webasto sfruttando moduli in nichel-manganese-cobalto

Samsung. Otokar propone tre tagli di

batterie, per totali 210, 280 e 350 chilowattora, quest’ultimo

capace di garantire percorrenze superiori

ai 300 chilometri. La corrente di funzionamento è a

800 Volt e altrettanti sono gli Ampère d’intensità.

Batterie in due porzioni

Per distribuire al meglio i pesi lungo questo 12 metri

completamente ribassato alle tre doppie porte, si ripartiscono

i pacchi batterie ad alta tensione tra la porzione

anteriore del tetto e la zona posteriore inferiore, solitamente

occupata da motore, cambio e superfici radianti.

Che in questo caso vanno invece sul tetto: quelle dei

pacchi inferiori sul retro e quelle dei superiori avanti.

Per fare il pieno in circa quattro ore basta un semplice

OTOKAR E-KENT C

Driveline

Motore elettrico marca e modello Voith Ipsm

Tipo funzionamento/corrente sincrono/CA

Potenza nominale/massima kW@giri 310/410@3.800

Coppia massima Nm 3.100

Batterie marca e tipo Webasto/nichel-mang-cobalto

Capacità batterie kWh 210-280-350

Caricatore kW 150 Cc

Tempo di ricarica (da 0 a 100%) h 4:00

Autonomia km 300

Ingombri

Lunghezza/n° assi mm 12.000/2

Larghezza mm 2.540

Altezza massima da terra mm 3.220

Passo mm 5.900

Sbalzo anteriore mm 2.700

Sbalzo posteriore mm 3.400

Diametro di volta mm 22.000

Altezza interna mm 2.358

Altezza pavimento da terra mm 350

Angolo di sbalzo anteriore gradi 7

Angolo di sbalzo posteriore gradi 7

Posti a sedere/in piedi (*) n° 27+1/72

Masse

Tara kg 13.600

Peso totale a terra kg 19.500

(*) Posti in piedi fino a 81.

cavo elettrico da collegare alla presa Ccs Combo 2 localizzata

in fondo al lato porte, che sfrutta caricatori in

corrente continua con potenze fino a 150 kW. Se ciò no

bastasse, si può richiedere un pantografo a tetto ed effettuare

i biberonaggi alle fermate.

Privo di cambio, si comanda da un tastierino D-N-R

sulla porzione destra di plancia e lo si tiene sotto controllo

attraverso il display a centro cruscotto, che fornisce

informazioni su carica e autonomia residue, nonché

sulla potenza disponibile o su quanta elettricità

viene recuperata in frenata (fino al 25 per cento). Il resto

del cockpit resta sostanzialmente immutato a partire

dal finestrino di guida a scorrimento manuale e dal volante

che manovra uno sterzo elettroidraulico.

Cabina invariata

Al microclima della cabina, anch’essa invariata rispetto

alla versione termica, ci pensa un impianto Valeo con

pompa di calore da 30 kW in refrigerazione e 19 in ri-

scaldamento, cui si può affiancare un riscaldatore elettrico

supplementare Spheros ad acqua da 20, localizzato

in fondo al lato porte, proprio sotto la presa di ricarica.

E-Kent C utilizza una struttura in acciaio al carbonio

su cui vengono applicate pannellature perimetrali in alluminio

prima di sottoporre il tutto a cataforesi. Viaggia

su ‘ciclistica’, Zf, nel caso una sospensione anteriore a

ruote indipendenti Rl 82 50 e un ponte Av 133/80 dietro

(entrambi con molle ad aria), equipaggiati con ruote

da 22,5 più pneumatici 275/70. Sono 27 i posti a sedere

e da un minimo di 72 i passeggeri in piedi fino a un massimo

di 81. Di fabbricazione cinese il compressore Naila

dell’aria, rumoroso sull’esemplare saggiato. lll

In, alto, da sinistra, il

cockpit e la cabina vista

dal fronte. Sotto, due

partcolari del display

digitale a colori presente

al centro del cluster Actia:

la riga orizzontale

superiore indica consumo

(rossa) o recupero di

corrente (verde), il

numerino sottostante

l’autonomia. A destra,

il riepilogo consumi.

A lato, da sinistra, il

caricatore portatile in

corrente continua e il

retro aperto con i pacchi

batteria. Sotto, ancora da

sinistra, il raffreddamento

delle batterie inferiori più

il gruppo clima Valeo, le

batterie a tetto, il motore

Voith centrale posteriore

e la presa Ccs Combo 2 in

coda al lato porte.

22 - Pullman novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 23


ANTEPRIMA

ANTEPRIMA

URBANWAY - L’urbano del marchio viene rivisto sia nell’estetica sia nella meccanica.

Sopra, da sinistra, l’anteriore del bus - qui a metano - con le nuove telecamere al

posto degi classici retrovisori, il rinnovato posto guida che si arricchisce di un cluster

inedito, il motore ora offerto solo in posizione longitudinale. Qui a destra, la vista di

tre quarti posteriore, col retro completamente rinnovato nell’aspetto, senza più il

lunotto, per dare più libertà agli ingegneri a livello di sala macchine.

Luci della ribalta

Iveco Bus presenta tutte insieme le numerose

novità della sua gamma per l’anno 2022.

Sugli scudi Crossway, Urbanway e Daily Access

di Andrea Trenti

Dovevano essere lanciati quest’autunno al

Busworld di Bruxelles (poi cancellato), tutti

i veicoli model year 2022 d’Iveco Bus.

Che ha sfruttato invece la ribalta milanese dei teatri

di posa solitamente occupati da X-Factor e MasterChef

nonché la pista Aci di Arese - a pochi passi dagli ex

stabilimenti Alfa Romeo - per presentare il proprio

programma interurbano e urbano.

Padrone di casa il ‘linea’ Crossway, best seller del marchio,

l’intercity più venduto in Europa, dove detiene

il 50 per cento di share nel comparto dei ‘blu’.

Migliorare il meglio non è facile, ma i tecnici torinesi

ci sono riusciti lavorando innanzi tutto sulla strutttra

del bus, modificata nella porzione anteriore a livello

del cockpit per incrementare la sicurezza passiva, ora

in linea con la normativa Ece R29.03.

Arrivano i motori ‘step E’

Sempre in questa zona del bus altre novità, come l’inedito

volante con comandi sulle razze e una plancia ridisegnata

che sposta più a portata di mano dell’autista

gli interruttori, introducendo anche una serie di comodità

per chi guida, come vani oggetti più capienti,

portabottiglie/bicchieri e prese Usb multiple. A centro

cruscotto, poi, uno schermo lcd a colori da ben 7 pollici

offre adesso un sacco d’informazioni, tra cui il driving

style evaluation, che valuta lo stile di guida.

Novità anche sotto il cofano, con l’arrivo dei motori

Euro 6e, sia diesel (Tector 7 o Cursor 9) sia a gas metano

(Cursor 9), abbinabili a due nuovi cambi automatici:

la generazione 2 dell’EcoLife di Zf e il Voith

Diwa Nxt. A fine del prossimo anno verrà introdotto,

sulla versione low entry (oltre che su Urbanway e

Crealis), un modulo mild hybrid che dovrebbe consentire

risparmi di combustibile del 18 per cento sui

modelli a gasolio e del 23 su quelli a Cng. Toccherà

invece attendere la metà del 2023 per un Crossway

elettrico a batteria con accessi ribassati.

Telecamere per la città

Tante novità anche per l’urbano Urbanway, che sfoggia

ora un sistema opzionale di retrovisori elettronici

Stoneridge MirrorEye, con doppie telecamere per lato

e una singola grandangolare anteriore. Particolare la posizione

del monitor interno destro, ancorato a circa metà

del parabrezza, in modo che non venga impallato dai

passeggeri in attesa sulla piazzaola anteriore. Il sistema

s’inserisce in un posto guida ristilizzato, che ruota intorno

a un cluster Actia Podium

2 con schermo centrale a

colori da 7 pollici.

Esternamente viene ridisegnato il posteriore, eliminando

il lunotto e piazzando l’unico motore previsto - il Cursor

9 E6e a gasolio o Cng - solo longitudinalmente, per facilitare

le operazioni di manutenzione. Arrivano il cambio

Zf Ecolife 2 e un nuovo rack porta bombole che consente

di creare un ‘serbatoio’ su misura.

La nuova gamma Daily E6e s’arricchisce di una famiglia

urbana low entry, l’Access, realizzata in Spagna da Indcar.

Tre i modelli in gamma, i primi due dei quali con motorizzazione

a gas metano o biometano e una sola doppia

porta centrale ribassata, realizzati rispettivamente su furgone

(7,1 metri di lunghezza per 28 passeggeri) e cabinato

(8 metri, per 25 pax). L’ultimo del trio (7,5 metri,

buono per 35) è invece offerto a gasolio, carrozzato su

base van e con due porte singole, la posteriore ribassata.

Nessuna notizia infine in merito a un probabile successore

dell’ormai fuori listino Magelys. Il possibile arrivo

d’un nuovo modello è stato definitivamente cassato dalla

pandemia, che ha messo in ginocchio il settore dei granturismo.

E con lui il sogno di un new Magelys. lll

CROSSWAY - Nella pagina

accanto, da sinistra, la

versione low entry a gas

metano, il posto guida col

nuovo display 7 pollici a

centro cruscotto e il

motore Cursor 9 Cng E6e.

DAILY ACCESS - Carrozzato

da Indcar su furgone

questo low entry per

servizio urbano

alimentato a gas metano

equipaggiato con cambio

Hi-Matic.

24 - Pullman novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 25


PULLMAPP

Gratis

Categoria

Pianificazione

Gratis

Categoria

Bigliettazione

Gratis

Categoria

Pianificazione

Prontobus Italia

Dedicata a chi viaggia in Abruzzo.

Compara le soluzioni di viaggio per

andare da A a B, segnala la fermata

più vicina a te e t’aggiorna sulla

posizione del bus che stai

aspettando. In più serve a comprare

e conservare tutti i titoli di viaggio.

Viaggi Di Maio

L’App ufficiale del Gruppo Di Maio,

dentro la quale trovate tutte le

informazioni e i biglietti relativi

alla rotte coperte dai bus

dell’azienda avellinese, che effettua

collegamenti domestici nonché

verso Francia e Svizzera.

Prontobus Rumobil Modena

Il servizio di mobilità a chiamata

Prontobus di Actm, operato da Seta,

nel Modenese ha una propria App

per effettuare le prenotazioni ed è

questa. che visualizza anche le

coincidenze con altri mezzi alle

fermate prenotabili.

Trade Show and Congress

Valutazione:

~~~~~

Valutazione:

~~~~~

Valutazione:

~~~~~

Gratis

Categoria

Videogiochi

Bus Simulator : Ultimate

Delle esperienze di guida uniche

sulle strade di Usa, Germania,

Russia, Turchia, Italia, Spagna,

Francia, Olanda, Brazile e

Azerbaijan. Ci sono quindici

pullman gt tra cui scegliere e da

trasportare dei passeggeri esigenti.

Valutazione:

~~~~~

Un salto sul’App Store a scovare le applicazioni per iOS,

da installare su iPad, iPhone, iPod Touch e Apple Watch

destinate al mondo del trasporto collettivo di persone

di Stefano Lavori

L’App

che non

c’entra

niente

Gratis

Categoria

Utilità

Fontanelle

Durante le lunghe soste in attesa

che i turisti tornino al pullman,

l’arsura potrebbe sopraffarci

all’improvviso. E allora sapere dove si

trova - in zona - una fontanella da

cui sgorga della fresca acqua potabile

diventa quasi un lusso.

Valutazione:

~~~~~

In collaborazione con Brita (produttore

di brocche e borracce)

per dare la possibilità a tutti di

bere acqua potabile evitando

l’uso delle bottigliette in plastica

monouso che tanto inquinano.

Il database dell’App

ospita oltre 7.600

fontanelle di undici città

italiane facilmente

visualizzabili su una

mappa. Chiunque può

segnalarne di nuove.

Utili & indispensabili

NEXT STOP:

FUTURE

27–28 APRIL 2022

BERLIN EXHIBITION GROUNDS

bus2bus.berlin

26 - Pullman novembre 2021


BUS TROTTER

Girovagando sui

MEZZI pubblici

Aumentano gli interpista a ‘pile’,

una missione che ben si presta a

tale trazione. A Milano Linate ci

sono gli eCobus 3000 di Contrac.

Un must il rigido tre assi anche

in città nei paesi scandinavi,

come questo Scania OmniLink

fotografato a Södertälje.

Ci pensano i bipiano open top della

turca Güleryüz a portare in giro i

turisti che acquostano i biglietti

del Milan Open Tour.

Modena. Un cartello

malconcio del servizio di

mobilità a chiamata

Prontobus di Actm,

ma operato da Seta.

Si prenota via numero verde o

con l’App dedicata

Curiosità

e stranezze

fotografate o

raccolte in giro

per il mondo.

Mandateci anche

le vostre via mail:

pullman@fiaccola.it

Si moltiplicno gli urbani trasformati in laboratori mobili dove si effettuano

tamponi Covid. Questo è il Solaris Urbino in servizio a Monaco di Baviera.

28 - Pullman

novembre 2021


ABUSI

ATTUALITÀ

In apertura il

Gymnastics Bus, uno

scuolabus Freightliner

riconvertito in palestra

da Isaac Notman,

istruttore certificato

negli Usa. Il veicolo

si muove sulle strade

della California,

nell’area di San

Francisco.

Nelle foto in alto

alcuni bambini

impegnati nelle diverse

attività proposte

durante una festa

di compleanno.

In forma a bordo

In California, uno scuolabus

è stato trasformato in

palestra adatta all’esercizio

fisico dei più piccoli. Qui

il divertimento è assicurato

di Tiziana Altieri

Attività fisica nella North Area di San Francisco

i più piccoli possono farla anche a bordo di un

bus. Dal 2006, infatti, sulle strade di questa

parte della California circola il Gymnastics Bus, uno

scuolabus Freightliner riconvertito da Isaac Notman

in spazio adatto all’educazione fisica e al divertimento

dei bambini. Nulla è stato cambiato nel posto di guida:

il veicolo è perfettamente funzionante. In carrozza,

invece, sono scomparsi tutti i sedili che hanno lasciato

lo spazio alle attrezzatture necessarie per eseguire i

diversi esercizi proposti (dalle reti per l’arrampicata

alle spalliere) e le pareti - fino all’altezza delle finestrature

laterali - sono state completamente rivestite con

morbidi cuscini ricoperti in plastiche lavabili per attutire

qualsiasi colpo. Gialla la livrea (“perché piace ai

bimbi e percepiscono da subito il bus come qualcosa per

loro”, ha spiegato il suo ideatore), con il logo The

Gymnastics Bus su entrambi i lati.

Ex insegnante di scuola materna e personal trainer

da oltre 20 anni, Isaac, addestrato anche per il pronto

soccorso, ha creato questo spazio con l’obiettivo di

proporre un’esperienza di apprendimento unica in

età prescolare. Lo speciale bus è particolarmente richiesto

per le feste di compleanno, dove il divertimento,

garantiscono anche i genitori, è assicurato.

Il veicolo può essere prenotato attraverso il sito

www.thegymnasticsbus.com versando una cauzione

di 250 dollari. Chi organizza l’evento deve solo assicurarsi

di avere a disposizione, nei pressi della propria

abitazione o in un parco locale (con necessaria autorizzazione),

un parcheggio a livello lungo almeno 60

piedi, ossia poco più di 18 metri.

Il costo complessivo è su richiesta: dipende dal giorno

e dall’orario scelto (i weekend si sa le cifre salgono)

nonché dal numero dei partecipanti alla festa.

Non più di dieci ‘passeggeri’

Per il massimo del divertimento Isaac consiglia di non

superare i dieci invitati, di età compresa tra i 3 e i 7

anni. I bambini devono indossare abbigliamento comodo,

per muoversi liberamente. Dopo un'attività di

riscaldamento ad alta energia, infatti, si sfidano in emozionanti

percorsi ad ostacoli a suon di musica per concludere

con un po’ di stretching e relax.

In epoca di Covid tutti coloro che salgono a bordo non

devono presentare sintomi e devono indossare la mascherina,

indipendentemente dall’età.

Ogni festa dura 45 minuti. Possono sembrare pochi

ma qui non si mangia: a bordo si porta solo acqua.

Torta e tartine meglio servirle a terra. lll

Torna il bus

Ibe Driving Experience al circuito Marco Simoncelli di Misano

Adriatico, riapre finalmente la stagione degli incontri in

presenza. Perché il pullman s’ha da guidarlo

Voglia di tornare in presenza. Voglia di riprendere

in mano il ‘volantone’ e di saggiare le ultime

novità delle Case dal vero e non più sullo

schermo di un computer.

Il merito di avere riportato - in tutta sicurezza - il pubblico

a contatto dei veicoli è stato di Ibe Driving

Experience, la kermesse di Misano Adriatico (Rn)

che per la seconda volta ha permesso agli operatori

del settore di guidare direttamente sul tracciato del

Marco Simoncelli le ultime novità. In onda il 29 e 30

settembre scorsi, ha coinvolto oltre ducentosettanta

autisti professionali del trasporto pubblico e privato

a lunga percorrenza più duecentotrenta passeggeri

per la prova su pista di tredici bus di ultima generazione

- e a diversa tipologia di trazione - messi a disposizione

dai player globali di settore partecipanti come

Iveco, Mercedes-Benz, Scania, Setra, Isuzu, Irizar e

Karsan: per un totale di 568 giri del tracciato e una

media di 200 chilometri percorsi da ciascun mezzo.

Tra gli espositori, distribuiti nei box dell’autodromo

a ridosso della pit lane, anche Pullman, che ha distribuito

gratuitamente a tutti i visitatori l’ultimo numero

della rivista zeppo di notizie, di prodotto ma non solo.

mia e quindi ancora poco conosciuti ai più. Come l’innovativo

urbano ribassato elettrico E-Way d’Iveco Bus

o il Kendo di Isuzu Anadolu, un interessante 13 metri

interurbano alimentato a metano gassoso (in Italia

grazie a Mirandola). Novità assoluta invece il Furore,

minibus 25 posti da turismo firmato dal Gruppo

D’Auria e realizzato su meccanica dell’Iveco Daily.

Italian Exhibition Group, organizzattrice della kermesse

di Misano, chiamerà nuovamente a raccolta la bus travel

industry con un nuovo appuntamento del biennale

International Bus Expo, dal 26 al 28 ottobre 2022, sempre

presso il quartiere fieristico di Rimini. lll

L’anno prossimo a Rimini

L’occasione è stata propizia per una presa di contatto

con alcuni veicoli usciti a ridosso o durante la pandedi

Luca Visconti

In grande, una veduta

del paddock, trasformato

in posteggio per i bus

in esposizione. A lato,

dall’alto, l’urbano

elettrico E-Way d’Iveco,

l’interurbano 13 metri

a metano Isuzu Kendo

e il nuovo mini turistico

Furore su Iveco Daily.

UN AIUTO AI GIOVANI

È stata seguita da una sessantina

di potenziali candidati la presentazione

di Scuderia Start, il progetto

per avvicinare giovani aspiranti

autisti agevolandoli - anche

economicamente - nel conseguimento delle patenti D-DE e della Carta di qualificazione

del conducente (Cqc), tenuta dall’operatore di trasporto pubblico locale Start Romagna

presso il circuito di Misano Adriatico (Rn) durante la manifestazione.

Un’idea per far fronte alla crescente penuria di autisti, causata anche dall’alto costo

delle abilitazioni, spesso non a portata di candidati che - in questo caso - dovevano

avere tra i 24 e i 29 anni d’età. Non di più.

30 - Pullman

novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 31


MERCATO

MERCATO

Riecco il più

Cresce, ma sotto le attese, l’immatricolato bus del paese

sudamericano, dopo il crollo dello scorso anno. L’incremento

trainato da minibus, scuolabus e veicoli da noleggio

di Gianenrico Griffini

Dopo la batosta del 2020 - anno nel quale

il mercato brasiliano bus ha subito un tracollo

di oltre il 33 per cento rispetto alle

cifre da record del 2019 - sembra che sia tornato

un po’ di sereno nelle intenzioni d’acquisto degli

operatori del trasporto pubblico del paese sudamericano.

Lo testimonia l’incremento delle vendite

del 3,8 per cento nel periodo gennaio-ottobre

2021 rispetto ai primi dieci mesi dell’anno pre-

TABELLA 1. IMMATRICOLATO PER COSTRUTTORE DEL TELAIO

Costruttore Ott 2021 Set 2021 Gen-Ott 2021 Ott 2020 Gen-Ott 2020 Var % Var % Var %

(A) (B) (C) (D) (E) A/B A/D C/E

Agrale 240 253 2.352 180 1.310 -5,1 33,3 79,5

Iveco 40 30 974 87 327 33,3 -54,0 197,9

Man 167 169 3.294 530 3.327 -1,2 -68,0 -1,0

Mercedes-Benz 406 340 4.702 541 5.599 19,4 -25,0 -16,0

Scania 28 35 170 44 322 -20,0 -36,4 -47,2

Volvo 23 20 320 38 380 15,0 -39,5 -15,8

Altri marchi 1 7 31 16 141 -85,7 -93,8 -78,0

Totale 905 854 11.812 1.436 11.406 6,0 -37,0 3,8

cedente. Si tratta di un aumento contenuto, inferiore

alle aspettative di inizio anno, quando l’associazione

delle industrie automotive locali (Anfavea) stimava

per il settore bus un’espansione delle vendite attorno

al 13 per cento in confronto ai volumi del 2020.

Ripresa economica sì, ma sale l’inflazione

Numerosi fattori hanno contribuito a frenare la ripresa

dell’immatricolato. Infatti, i progressi della campagna

vaccinale che hanno aiutato la ripresa economica del

paese sono stati in parte vanificati dalla crescita dell’inflazione

(attualmente attorno al 10 per cento) e

dall’aumento del tasso ufficiale di sconto da parte della

Banca Centrale del Brasile (portato recentemente al

6,25 per cento). L’industria di settore (come accade

in Europa, negli Usa e un po’ in tutto il mondo) deve,

inoltre, fare i conti con l’aumento dei prezzi delle materie

prime e con la penuria di componenti, primi fra

tutti i semiconduttori. In ogni caso, quest’anno il prodotto

interno lordo (Pil) del Brasile dovrebbe crescere

del 5,2 per cento, mentre per il 2022 (anno delle elezioni

presidenziali fissate a ottobre) le previsioni si attestano

all’1,5 per cento. In questo contesto, con luci

ed ombre, le cifre dei primi dieci mesi di quest’anno

vedono una marcata crescita dell’immatricolato dei

minibus (+28 per cento), degli scuolabus (+26 per cento)

e dei veicoli destinati al comparto interurbano (+44

per cento). In contrazione sono, invece, i volumi degli

urbani (-22 per cento) e quelli dei granturismo (-45

per cento, rispetto all’analogo periodo del 2020).

Un mercato che fa gola a molti

Malgrado i tanti elementi d’incertezza, il settore del

trasporto collettivo fa gola a numerosi operatori.

Anche FlixBus, nel suo piano di espansione globale,

ha raggiumto il paese sudamericano proprio in questi

giorni. L’obiettivo è offrire una rete capillare di collegamenti

a costi contenuti, alla portata di tutte le tasche.

Nell’ambito degli autobus carrozzati, Marcopolo rimane

il costruttore di riferimento, sia nei primi dieci

mesi di quest’anno sia in tutto il 2020. Il costruttore

di Caxias do Sul è presente in tutti i principali segmenti

di business, dai minibus agli urbani, dagli interurbani

ai granturismo. Fra i produttori di telai, Mercedes-

Benz è leader di mercato con oltre 4.700 unità, seguita

da Man (quasi 3.300 telai, inclusi quelli brandizzati

Volkswagen), da Agrale specializzata in minibus e midibus

(2.352 unità) e da Iveco (974), in netto progresso

rispetto allo stesso periodo del 2020. Più defilate le

svedesi Volvo e Scania (Cfr. Tabella 1). lll

GRAFICO 2 Variazioni per segmento gennaio-ottobre 2021

TABELLA 2. PRODUZIONE AUTOBUS CARROZZATI: GENNAIO - DICEMBRE 2020

Costruttore Minibus Urbani Interurbani Granturismo Totale

Marcopolo 481 1.531 728 1.303 3.863

Marcopolo Rio 0 2.957 0 0 2.957

Comil 38 137 386 720 1.281

Caio Induscar 232 3.365 0 0 3.597

Irizar 0 0 0 397 397

Neobus 1.470 99 25 2 1.596

Mascarello 1.388 500 60 163 2.111

Carbuss (Busscar) 0 0 0 518 518

Totale 3.609 8.409 1.199 3.103 16.320

Percentuale su totale 22,11% 51,53% 7,35% 19,01%

TABELLA 3. PRODUZIONE AUTOBUS CARROZZATI: GENNAIO - OTTOBRE 2021

Costruttore Minibus Urbani Interurbani Granturismo Totale

Marcopolo 361 1.622 782 1.054 3.851

Comil 81 97 348 415 941

Caio Induscar 149 2.141 0 0 2.290

Irizar 0 0 0 407 407

Neobus 565 33 8 0 606

Mascarello 941 331 60 2 1.363

Carbuss (Busscar) 0 0 0 627 627

Totale 2.097 4.224 1.198 2.505 10.085

Percentuale su totale 20,79% 41,88% 11,88% 24,84%

GRAFICO 1 Immatricolato bus oltre le 8 tonnellate

26.158

15.711

10.384 11.444 14.452

-33,3%

20.741

3,8%

13.830

11.720

11.293

2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021

Nella pagina a fianco,

un double-decker

di Marcopolo. In alto,

un urbano extralungo

di Volkswagen

Caminhões e Ônibus.

Nelle due tabelle sopra,

la produzione di autobus

carrozzati da parte dei

principali player

brasiliani. A fianco,

l’immatricolato bus oltre

le 8 tonnellate di massa

totale a terra.

Minibus Scuolabus Urbani Interurbani Granturismo

28%

2.186

2.808

2.423

26%

3.053

4.240

-22%

2008 2021 2020 2021 2020 2021 2020 2021 2020 2021

3.311

1.364

44%

1.959

1.080

-45%

589

32

novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 33


BUSTIMER

BUSTIMER

Il bus nelle vene

di famiglia entreranno autobus e filobus vetusti e provati

dal tempo per uscirne totalmente ricondizionati

e pronti ad affrontare nuovamente la strada.

Ma Ambrogio sogna di diventare un costruttore e nel

1965 la Fiat gli mette a disposizione tre telai per autobus

urbano 416A, fino ad allora prodotto solo negli

stabilimenti Fiat di Cameri. L’anno seguente nascono

così i primi carrozzati Mauri, con il modello 6Tre dove

6 è sta per 1966 - un anno storico per l’azienda - e Tre

è riferito al numero dei propri figli. Si tratta di un urbano

corto, dove la versione Mauri differisce da quella

Fiat per il taglio del parabrezza, le vetrature laterali e

gli spigoli meno arrotondati. Purtroppo la produzione

non entrerà mai in serie, fermandosi invece bruscamente

perché Fiat decide di non dare spazio a un altro

carrozziere sul mercato Italiano.

Nel 1972 la svolta, dopo una visita in Danimarca al

carrozziere Petersen: col sostegno tecnico della

Alusuisse, prende corpo l’idea d’impiegare l’alluminio

per le carrozzerie. Così Ambrogio convince Atm

Milano a fare le ricostruzioni usando questa nuova

tecnologia. Sembra uno dei soliti ricondizionamenti

di veicoli ma non sarà affatto così: via la carrozzeria

da una parte e tenendo buono il telaio dall’altra, l’autobus

veniva rifatto per intero. Alla dirigenza Atm di

allora il risultato piacque a tal punto, che nel giro di

tre anni l’azienda invierà a Desio oltre una cinquantina

di pezzi per essere riconvertiti. Tra il 1974 e il ‘76 Mauri

realizza, a partire da tre carrozze tramviarie tradizionali,

il Jumbo Tram, lungo 24 metri, a tre casse, realizzato

in oltre 43 esemplari.

La ‘fissa’ per le trazioni alternative

Il grande salto avviene con l’introduzione del primo filobus

realizzato a partire da un telaio Volvo B59.

Presentato alUitp di Göteborg (Svezia) nel 1975, è il primo

filobus capace di marciare anche fuori rete, grazie

alla presenza a bordo d’un piccolo motore diesel raffreddato

ad aria. Simili nell’aspetto ai bus ricostruiti e garantiti

contro la corrosione per ben vent’anni, i primi diciassette

esemplari finiranno a Rimini e altri otto a Cremona, dove

rimarranno in servizio fino ai primi Duemila.

Nella foto grande della

pagina accanto, scattata

negli Anni ‘80, Ambrogio

Mauri attorniato dalle

maestranze dell’epoca.

Sempre nella pagina

accanto, in basso da da

sinistra, un Alfa Romeo

spider carrozzata nel

1943, la fase di ripristino

di un vecchio bus negli

Anni ‘60 e il mitico 6Tre

del 1966.

Qui sott, il Jumbo Tram

24 metri, realizzato da

Mauri tra il 1974 e il ‘76.

Cento anni di bus Mauri. Inizia nel lontano

1921 la storia imprenditoriale di una famiglia

che diventò un marchio di fabbrica

di Simone Gaier

L’esperienza nel settore della famiglia Mauri

inizia nel 1921 in una bottega artigiana nel

quale Carlo Mauri iniziò riparando le carrozzerie

delle prime automobili. Successivamente all’inizio

degli Anni ‘30 inizia una collaborazione con Moto

Guzzi per la realizzazione di sidecar. Verso la metà di

100

anni

quello stesso decennio, Carlo si trovò a modificare

l’Alfa Romeo 6C 2500 coupé in cabrio per i gerarchi

fascisti che dovevano andare in parata, operazione di

successo che convinse l’allora governo ad affidargli

- nel 1939 - la trasformazione di autocarri militari in

autobus trasporto truppe. Finisce il conflitto mondiale

e il Governo non pagherà il lavoro fatto per il regime,

ma questo non ferma la sua intraprendenza e decide

quindi di farsi avanti come carrozziere per il ripristino

dei veicoli dell’Azienda Tranviaria Milanese, da cui nasce

una proficua collaborazione.

Il 6Tre primo veicolo originale

Purtroppo il destino fa sì che nel 1949 Carlo Mauri

muoia prematuramente e a prendere immediatamente

in mano le redini dell’azienda sono sua moglie e il

figlio diciottenne Ambrogio. Che abbandona gli studi

per seguire i settanta dipendenti e dare continuità al

lavoro del padre: per una quindicina d’anni, nell’officina

34 - Pullman

novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 35


BUSTIMER

BUSTIMER

Sopra, da sinistra,

Ambrogio Mauri in posa

davanti al suo bus

bimodale e il 18P23

Master ‘pusher’, ossia

con trazione sul terzo

asse. Siamo nel 1982.

Sotto, da sinistra,

l’autosnodato 18PT29

motorizzato Deutz del

1991 e il modulare

Kronos del 1999.

Le trazioni alternative cominciano così a diventare un

chiodo fisso di Ambrogio Mauri, che nel 1979 realizza

il Bibus, un prototipo di filosnodato bimodale dieselelettrico

a partire dal telaio dell’autobus urbano Iveco

470-12. La carrozzeria riprende quella in lega leggera

del modello Master, il propulsore posteriore è un V8

Deutz da 350 cavalli, mentre il motore elettrico da 190

chilowatt viene sviluppato da uno specialista di unità

in corrente continua. Grazie alla trasmissione idrostatica

adottata, comprendente due pompe idrauliche

e altrettanti motori idrostatici a esse collegati,

fu possibile eliminare il cambio

automatico e il relativo albero di trasmissione

per il motore diesel, nonché l’albero

di trasmissione del motore elettrico e

circa l’80 per cento dell’equipaggiamento

elettrico. La trazione era sul secondo e il

terzo asse e poteva essere utilizzato come

autobus, con trasmissione idraulica, o

come filobus. Venne utilizzato per lo più

sulle linee 90 e 91 di Atm Milano.

Del 1982 e firmato Mauri il primo autosnodato italiano

a tre assi da 18 metri con trazione sul terzo asse (pusher)

e controllo elettropneumatico della ralla. Base

di partenza per lo sviluppo di questo progetto denominato

18P24 Master sarà un telaio Iveco 470 da 10,5

metri di lunghezza. Il telaio viene ottenuto separando

SIMBOLO DELLA

LOTTA ALLA

CORRUZIONE NEGLI

APPALTI PUBBLICI,

AMBROGIO MAURI

SI TOGLIE LA VITA

IL 21 APRILE 1997.

NEL SUO UFFICIO

la parte anteriore originaria dello châssis Iveco da

quella posteriore e inserendo nel mezzo una sezione

comprendente lo snodo.

L’intesa con la famiglia Auwärter

Alla fine degli Anni ‘80, Iveco decide di non vendere più

motori e telai a Mauri e Ambrogio si reca in Germania,

a Stoccarda, con l’intenzione di avviare una collaborazione

decennale con la famiglia Auwärter proprietaria

della Neoplan. Le due famiglie sono in perfetta simbiosi

per la continua ricerca e sviluppo di soluzioni

innovative a livello costruttivo nel settore

del bus. Dalla collaborazione ne nasce

l’autobus a pianale totalmente ribassato in

cui entrambe le famiglie avevano da sempre

intravisto il futuro nel settore della mobilità

urbana. È il 1991 e si tratta della gamma

PT, a scocca portante con motori

Deutz, inaugurata dal 18PT29, il primo articolato

italiano a pianale totalmente ribassato

nel modulo anteriore, cui seguirà due anni più tardi

il 12PT23-U. Saranno i primi veicoli al mondo a montare

un impianto elettrico multiplex (can-bus) sviluppato da

Mauri in tandem con gli svizzeri di Adigan, oggi Teq.

Nel 1996, sarà la volta dell’Hydro, il prototipo di autobus

idrostatico con due motori idraulici calettati nelle

ruote e a loro volta azionati da una pompa ad alta pres-

sione. L’anno seguente, a seguito del tragico suicidio

di Ambrogio Mauri, la guida dell’azienda passa ai figli

Umberto e Carlo, che nel ’98 avviano una collaborazione

commerciale col costruttore spagnolo Ayats

per l’importazione esclusiva di autobus turistici e interurbani,

a uno o due piani. Nel 1999 viene presentata

la serie urbani e suburbani modulari Kronos, con meccanica

Man e design delle testate che richiama i turistici

Ayats. La produzione di questi autobus verrà effettuata

in Cechia, presso gli stabilimenti di un

assemblatore che poi cederà le linee produttive alla

Tedom. Grazie al discreto successo di mercato, la loro

produzione andrà avanti fino al 2004.

Da costruttore a distributore

Nel 2001, in collaborazione con l’elvetica Rizzi Bus,

Mauri realizza una serie di veicoli corti specifici per

l’Autopostale, denominati Carro Alpino, fatti per raggiungere

la località di Carona. Autoportante di soli

2,3 metri di larghezza e con motorizzazione 11 litri

Mercedes-Benz, era disponibile in due diverse altezze:

ne verranno prodotte solo cinque unità, tutte per il

mercato svizzero. In seguito ci saranno delle collaborazioni

con la slovena Tam e l’austriaca Kutsenits per

la commercializzazione dei rispettivi veicoli sul mercato

italiano. Il vero passo da gigante commerciale è

però del 2010, quando la Mauri Bus System rientra

tra i big del mercato italiano stringendo l’accordo col

costruttore turco Otokar per la commercializzazione

dell’intera gamma di veicoli nel Belpaese.

Ma questa è un’altra storia. lll

Del 1985 l’idea del

Compact Carrier, un bus

dalla forma avveniristica

ripresa poi dagli

interpista aeroportuali in

tempi più recenti (sopra).

Nella foto grande, sotto,

il Carro Alpino, un bus

interurbano per la

Svizzera largo solo 2,3

metri, ma non per questo

meno spazioso di uno

tradizionale.

36 - Pullman novembre 2021

Pullman - 37


SECOND LIFE

SECOND LIFE

Affare fatto!

La metodologia adottata da Pullman per ricavare

le valutazioni degli autobus di seconda mano più diffusi

sul mercato italiano nell’arco degli ultimi dieci anni

Qui di seguito, le quotazioni

degli autobus usati elaborate

da Pullman. Coprono

un intervallo temporale di dieci anni

e derivano da indagini periodiche

da noi direttamente effettuate presso

concessionari e/o commercianti

specializzati italiani.

Riguardano i modelli da turismo

a due o a tre assi più diffusi da nuovi

sul mercato nazionale e, quindi,

maggiormente trattati nel settore

dei veicoli d’occasione.

Le quotazioni in euro (Iva esclusa)

si riferiscono al prezzo medio

di ritiro dell’autobus da parte di

un operatore del settore usato,

nelle condizioni che trovate indicate

nelle colonne a fianco.

Condizioni di riferimento

Le valutazioni di Pullman si applicano

ai veicoli che soddisfano i seguenti

criteri:

• Stato d’uso normale, congruente

con la data di prima immatricolazione;

• In regola con le revisioni periodiche

di legge;

• Tagliandati, secondo i piani di

manutenzione previsti dalla casa

costruttrice;

• Con carrozzeria, cristalli e selleria

in buone condizioni;

• Con pneumatici con profondità

del battistrada pari al 50 per cento

delle coperture nuove;

• Con impianto di climatizzazione

funzionante;

• Con impianto multimediale funzionante;

• Con personalizzazione esterna

realizzata solo con pellicole autoadesive;

• Con percorrenze annue di 80-

90.000 chilometri.

Fattori di maggiore

o minore valutazione

Sono considerati elementi peggiorativi,

ai fini della valutazione, percorrenze

superiori del 15-20 per cento

rispetto al valore indicato. Le

quotazioni aumentano, invece, per

gli autobus con equipaggiamenti di

sicurezza aggiuntivi o con particolari

dotazioni di bordo (toeletta, galley,

eccetera).

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011

Valore di ritiro in € Iva esclusa

AYATS

BRAVO

I 13,20 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - 165.000 145.000 125.000 110.000 95.000 85.000 72.000 68.000

I 13,95 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - 170.000 150.000 130.000 115.000 100.000 90.000 75.000 70.000

BARBI

GALILEO

Hd 10,20 m - 2 assi - 290 Cv - cambio manuale - - - - - - - 54.000 48.000 42.000

Hdl 12,20 m - 2 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 57.000 54.000 51.000

Hdh 13,80 m - 3 assi - 450 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 74.000 65.000 58.000

GALILEO Euro 6

Rr2 10,34 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - 153.000 135.000 120.000 105.000 100.000 - -

GENESIS

Hdl 12,20 m - 2 assi - 290 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 49.000

Hdh Classic 13,80 m - 3 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 52.000

BMC

PROBUS

850 Tbx 8,85 m - 2 assi - 285 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 32.000 28.000

IVECO BUS

NEW DOMINO

Hd.45 12,40 m - 2 assi - 450 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 46.000 40.000

Hdh 12,40 m - 2 assi - 450 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 58.000 52.00

EVADYS

H 12 12,00 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - 55.000 50.000 45.000

H 12,8 12,80 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - 58.000 50.000 45.000

Hd 12 12,00 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - 62.000 56.000 50.000

Hd 12,8 12,80 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - 64.000 58.000 54.000

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011

Valore di ritiro in € Iva esclusa

EVADYS Euro 6

Hd 12 12,09 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale 225.000 198.000 174.000 153.000 - - - - - -

Hd 13 12,96 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale 236.000 210.000 184.000 162.000 - - - - - -

MAGELYS

Hd 12,20 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - 95.000 90.000 86.000 81.000

Hd 12,80 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - 97.000 93.000 88.000 84.000

Hdh 13,80 m - 3 assi - 450 Cv - cambio manuale - - - - - - 118.000 112.000 108.000 100.000

MAGELYS PRO / MAGELYS Euro 6

Hd 12,2 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale 188.000 165.000 146.000 128.000 112.000 98.000 87.000 - - -

Hd 12,8 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale 194.000 170.000 150.000 132.000 116.000 102.000 90.000 - - -

IRIZAR

CENTURY

Hd 12.35 12,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 65.000 58.000 50.000

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 70.000 62.000 55.000

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 38.000

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 440 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 60.000 54.000 48.000

Hdh 14.37 13,70 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 70.000 60.000 54.000

i6 Euro 6

i6 Hd 12.35 12,22 m - 2 assi - 410 Cv - cambio robotizzato 250.000 220.000 209.000 198.000 189.000 179.000 - - - -

i6 Hd 13.35 13,22 m - 3 assi - 410 Cv - cambio robotizzato 280.000 246.000 234.000 222.000 212.000 200.000 - - - -

i6 Hd 13.35 13,22 m - 3 assi - 450 Cv - cambio robotizzato 287.000 254.000 241.000 229.000 218.000 207.000 - - - -

i6 Hd 14.35 14,07 m - 3 assi - 410 Cv - cambio robotizzato 284.000 250.000 238.000 226.000 214.000 204.000 - - - -

i6 Hdh 12.37 12,20 m - 2 assi - 450 Cv - cambio robotizzato 284.000 250.000 238.000 226.000 214.000 204.000 - - - -

i6 Hdh 13.37 13,22 m - 3 assi - 490 Cv - cambio robotizzato 317.000 278.000 264.000 251.000 238.000 226.000 - - - -

i6 Hdh 14.37 14,07 m - 3 assi - 490 Cv - cambio robotizzato 320.000 282.000 268.000 255.000 242.000 230.000 -

PB

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 420/440 Cv - cambio robotizzato - - 152.000 144.000 137.000 130.000 124.000 118.000 112.000 106.000

Hdh 14.37 13,90 m - 3 assi - 480 CV - cambio robotizzato - - 170.000 162.000 152.000 146.000 138.000 130.000 125.000 119.000

MAN

LION’S COACH

R 07 12,00 m - 2 assi - 409 Cv - cambio manuale - - - - - - - 75.000 65.000 58.002

R 09 C 13,20 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - 80.000 70-000 62.000

R 08 L 13,80 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - 95.000 85.000 75.000

LION’S COACH Euro 6

Lion’s Coach 12,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio robotizzato - - - 142.000 135.000 128.000 - - - -

Lion’s Coach C 13,26 m - 3 assi - 440 Cv - cambio robotizzato - - - 152.000 144.000 137.000 - - - -

Lion’s Coach L 13,80 m - 3 assi - 440 Cv - cambio robotizzato - - - 156.000 148.000 140.000 - - - -

NEW LION’S COACH Euro 6c

Lion’s Coach 12,10 m - 2 assi - 430 Cv - cambio manuale 264.000 232.000 220.000 - - - - - - -

Lion’s Coach C 13,09 m - 2 assi - 430 Cv - cambio robotizzato 280.000 245.000 233.000 - - - - - - -

Lion’s Coach C 13,36 m - 3 assi - 470 Cv - cambio robotizzato 290.000 255.000 242.000 - - - - - - -

Lion’s Coach L 13,90 m - 3 assi - 470 Cv - cambio robotizzato 296.000 260.000 247.000 - - - - - - -

MERCEDES-BENZ

TOURINO

O510 9,40 m - 2 assi - 279/285 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 55.000 48.000

TOURISMO

O350 15 Rhd 12,10 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - 78.000 68.000 60.000

O350 M 16 Rhd 12,90 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - 84.000 65.000 58.000

O350 L 17 Rhd 13,90 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - 88.000 78.000 68.000

TOURISMO Euro 6

Tourismo K 10,32 m - 2 assi - 354 Cv - cambio manuale 200.000 176.000 167.000 159.000 152.000 143.000 136.000 - -

Tourismo 12,14 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale - - 198.000 178.000 169.000 162.000 153.000 - - -

Tourismo M/2 12,96 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale - - 217.000 206.000 195.000 186.000 176.000 - - -

Tourismo L 13,99 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - 222.000 210.000 200.000 190.000 180.000 - - -

NEW TOURISMO Euro 6

Tourismo 12,29 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale 238.000 226.000 - - - - - - -

Tourismo M/2 13,11 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale 258.000 245.000 - - - - - - - -

Tourismo M/3 13,11 m - 3 assi - 394 Cv - cambio manuale 262.000 249.000 - - - - - - - -

Tourismo L 13,93 m - 2 assi - 394 Cv - cambio manuale 266.000 253.000 - - - - - - - -

TRAVEGO

O580 15 Rhd 12,10 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - 98.000 82.000 72.000

O580 M 16 Rhd 12,90 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - 94.000 80.000 70.000

O580 L 17 Rhd 13,90 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - 110.000 95.000 75.000

TRAVEGO Euro 6

Travego 12,18 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - 225.000 198.000 175.000 153.000 - - -

Travego M 13,00 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - 246.000 218.000 190.000 168.000 - - -

Travego L 14,03 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - 255.000 225.000 198.000 174.000 - - - -

NEOPLAN

JETLINER Euro 6

Jetliner 12,30 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - - 141.000 134.000 127.000 120.000 - - -

Jetliner C 13,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - - 146.000 140.000 132.000 126.000 - - -

38 - Pullman

novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 39


SECOND LIFE

SECOND LIFE

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011

Valore di ritiro in € Iva esclusa

TOURLINER

N2216 Shd 12,00 m - 2 assi - 440/460 Cv - cambio manuale - - - - - - - 84.000 74.000 65.000

N2216/3 Shd C 13,20 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - 89.000 78.000 70.000

N2216/3 Shd L 13,80 m - 3 assi - 440/460 Cv - cambio manuale - - - - - - - 92.000 80.000 72.00

TOURLINER Euro 6

Shd 12,00 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 220.000 194.000 170.000 150.000 132.000 115.000 109.000 - - -

Shdc 13,26 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 230.000 204.000 178.000 158.000 138.000 120.000 114.000 - - -

Shdl 13,80 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 235.000 208.000 182.000 160.000 142.000 125.000 119.000 - -

CITYLINER

N1216 Hd 12,20 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - 102.000 90.000 78.000

N1217 Hd C 12,90 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - 108.000 96.000 84.000

N1218 Hd L 13,90 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - 112.000 100.000 80.000

CITYLINER Euro 6

Cityliner 12,24 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 265.000 236.000 205.000 180.000 158.000 140.000 133.000 - - -

Cityliner C 12,99 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 275.000 245.000 214.000 188.000 165.000 145.000 138.000 - - -

Cityliner L 13,99 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 285.000 250.000 222.000 194.000 172.000 150.000 143.000 - - -

STARLINER

N5217 Shd C 13,00 m - 3 assi - 505 Cv - cambio manuale - - - - - - 134.000 118.000 104.000 90.000

N5218 Shd L 14,00 m - 3 assi - 505 Cv - cambio manuale - - - - - - 140.000 124.000 108.000 95.000

SKYLINER Euro 6c

Skyliner 14,00 m - 3 assi - 500 Cv - cambio robotizzato 512.000 486.000 462.000 - - - - - - -

OTOKAR

Navigo T Euro 6

Navigo T 7,7 m - 2 assi - 176 Cv - cambio manuale 120.000 105.000 92.000 82.000 72.000 62.000 59.000 - - -

Vectio T Euro 6

Vectio T 10,1 m - 2 assi - 315 Cv - cambio manuale 185.000 164.000 144.000 128.000 112.000 98.000 93.000 - - -

SETRA

COMFORTCLASS 400

S 415 Gt 12,20 m - 2 assi - 354 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 48.000 42.000

S 415 Gt Hd 12,20 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 48.000 42.000

S 416 Gt Hd 13,02 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 55.000 48.000

S 417 Gt H 14,05 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 65.000 58.000

COMFORTCLASS 500

S 515 Hd 10,46 m - 2 assi - 395 Cv - cambio manuale 260.000 230.000 200.000 178.000 156.000 136.000 129.000 - -

S 516 Hd/2 13,11 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale 265.000 234.000 205.000 182.000 158.000 140.000 133.000 - - -

S 516 Hd 13,11 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale 275.000 245.000 215.000 188.000 165.000 145.000 138.000 - - -

S 517 Hd 13,39 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale* 285.000 252.000 220.000 194.000 170.000 150.000 143.000 - - -

TOPCLASS 400

S 411 Hd 10,10 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - 75.000 66.000 58.000

S 415 Hd 12,00 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - 85.000 75.000 65.000

S 415 Hdh 12,00 m - 3 assi - 476 Cv - cambio manuale - - - - - - - 95.000 84.000 74.000

S 416 Hdh 13,00 m - 3 assi - 476 Cv - cambio manuale - - - - - - - 100.000 90.000 78.000

S 417 Hdh 13,90 m - 3 assi - 476 Cv - cambio manuale - - - - - - - 108.000 96.000 84.000

S 431 Dt 13,89 m - 3 assi - 503 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 118.000 102.000 90.000

S 431 Dt E6 13,89 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato - - - 255.000 225.000 200.000 190.000 - - -

TOPCLASS 500

S 515 Hdh 10,49 m - 3 assi - 476 Cv - cambio robotizzato 330.000 290.000 256.000 225.000 198.000 175.000 166.000 - - -

S 516 Hdh 13,32 m - 3 assi - 476 Cv - cambio robotizzato 340.000 300.000 262.000 232.000 205.000 180.000 171.000 - - -

S 517 Hdh 14,16 m - 3 assi - 476 Cv - cambio robotizzato 350.000 310.000 270.000 240.000 210.000 185.000 176.000 - - -

S 531 Dt 14,00 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato 375.000 330.000 314.000 - - - - - - -

TEMSA

SAFARI

Hd 12 12,20 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - 36.000 32.000 28.000

Hd 13 13,00 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - 38.000 34.000 30.000

DIAMOND

13 13,00 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - 45.000 40.000

14 14,00 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - 50.000 45.000

MD Euro 6

7 7,74 m - 2 assi - 186 Cv - cambio manuale 110.000 95.000 85.000 75.000 71.000 - - -

9 9,38 m - 2 assi - 290 Cv - cambio manuale 115.000 100.000 90.000 78.000 68.000 62.000 59.000 - - -

LD Euro 6

12 12,33 m - 2 assi - 368 Cv - cambio manuale 135.000 120.000 105.000 92.000 82.000 72.000 68.000 - - -

13 13,05 m - 2 assi - 368 Cv - cambio manuale 155.000 135.000 120.000 105.000 92.000 82.000 78.000 - - -

HD Euro 6

12 12,27 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 160.000 140.000 125.000 110.000 96.000 84.000 80.000 - - -

13 13,07 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 165.000 145.000 130.000 112.000 98.000 86.000 82.000 - - -

MARATON Euro 6

12 12,36 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 205.000 180.000 160.000 152.000 - - - - - -

13 13,08 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 210.000 185.000 164.000 156.000 - - - -

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011

Valore di ritiro in € Iva esclusa

VAN HOOL

EX Euro 6

15 H 12,48 m - 2 assi - 394 Cv Euro 6 - cambio manuale 180.000 158.000 140.000 125.000 110.000 96.000 90.000 - - -

16 M 13,26 m - 2 assi - 394 Cv Euro 6 - cambio manuale 185.000 162.000 142.000 126.000 112.000 98.000 93.000 - - -

ALICRON

T 915 12,20 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 48.000 22.000

ALICRON Euro 6

Tx 11 10,50 m - 2 assi - 368 Cv - cambio manuale 190.000 168.000 150.000 130.000 115.000 100.000 95.000 - - -

Tx 15 12,20 m - 2 assi - 396 Cv - cambio manuale 195.000 172.000 152.000 134.000 118.000 104.000 99.000 - - -

Tx 16 13,05 m - 2 assi - 396 Cv - cambio manuale 195.000 170.000 150.000 132.000 118.000 104.000 99.000 - - -

ASTRON

T 916 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 60.000. 54.000

T 917 14,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 65.000 58.000

ASTRON Euro 6

Tx 16 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 230.000 205.000 180.000 158.000 138.000 120.000 114.000 - - -

Tx 17 14,04 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 235.000 210.000 184.000 160.000 142.000 124.000 118.000 - - -

ASTRONEF

T 916 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 78.000 68.000

T 917 14,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 85.000 75.000

ASTRONEF Euro 6

Tx 15 12,30 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 235.000 206.000 182.000 160.000 142.000 124.000 118.000 - - -

Tx 16 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 240.000 212.000 185.000 164.000 144.000 128.000 122.000 - - -

Tx 17 14,04 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 245.000 215.000 190.000 168.000 148.000 130.000 124.000 - - -

ALTANO

T 917 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 82.000 72.000

ALTANO Euro 6

Tx 17 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 245.000 215.000 190.000 168.000 148.000 130.000 124.000 - - -

Tx 18 14,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 250.000 220.000 195.000 170.000 150.000 132.000 125.000 - - -

Tx 19 15,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 258.000 228.000 200.000 176.000 155.000 136.000 129.000 - - -

ASTROMEGA

Td 925 13,10 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - 78.000 68.000

Td 927 14,10 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - 82.000 72.000

ASTROMEGA Euro 6

Tdx 25 13,10 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 300.000 264.000 232.000 204.000 180.000 160.000 152.000 - - -

Tdx 27 14,10 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 310.000 272.000 240.000 210.000 186.000 164.000 156.000 - - -

VDL BUS & COACH

FUTURA FHD

Fhd 104.365 10,40 m - 2 assi - 362 Cv - cambio manuale - - - - - - - 46.000 40.000 36.000

Fhd 127.365 12,70 m - 2 assi - 362 Cv - cambio manuale - - - - - - - 50.000 44.000 38.000

FUTURA FMD2 Euro 6

Fmd2-122 12,19 m - 2 assi - 370 Cv - cambio manuale 172.000 150.000 134.000 118.000 102.000 92.000 - - - -

Fmd2-129 12,87 m - 2 assi - 370 Cv - cambio manuale 174.000 153.000 135.000 120.000 104.000 92.000 - - -

FUTURA FHD2 Euro 6

Fhd2-122 12,19 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 188.000 165.000 145.000 128.000 112.000 100.000 - - - -

Fhd2-129 12,87 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 192.000 168.000 150.000 132.000 115.000 102.000 - - - -

Fhd2-131 13,14 m - 3 assi - 460 Cv - cambio manuale 205.000 180.000 160.000 140.000 124.000 108.000 - - - -

Fhd2-139 13,94 m - 3 assi - 460 Cv - cambio manuale 210.000 185.000 164.000 145.000 126.000 112.000 - - - -

Fhd2-148 14,84 m - 3 assi - 460 Cv - cambio manuale 215.000 190.000 168.000 148.000 130.000 115.000 - - - -

FUTURA FDD2 Euro 6

Fdd2-130 13,08 m - 3 assi - 530 Cv - cambio robotizzato 275.000 240.000 215.000 - - - -

Fdd2-141 14,14 m - 3 assi - 530 Cv - cambio robotizzato 284.000 250.000 220.000 - - - - - - -

VOLVO

9500 Euro 6

Optimal 12,30 m - 2 assi - 350 Cv - cambio robotizzato - - - 110.000 98.000 85.000 81.000 - - -

9700

Hdh Premium 12,30 m - 2 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 58.000 50.000 45.000

Hdh Superior 13,00 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 64.000 68.000 60.000

9700 Euro 6

Premium 12,35 m - 2 assi - 430 Cv - cambio robotizzato 180.000 158.000 140.000 124.000 108.000 96.000 91.000 - - -

Premium 13,05 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 195.000 172.000 152.000 132.000 118.000 104.000 98.000 - - -

Premium 13,83 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 200.000 176.000 155.000 136.000 120.000 106.000 100.000 - - -

9900

Hdh Prestige 13,00 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 75.000 65.000 58.000

Hdh Prestige 13,70 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - 78.000 70.000 60.000

9900 Euro 6

Prestige 12,35 m - 2 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 225.000 198.000 174.000 154.000 135.000 120.000 114.000 - - -

Prestige 13,05 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 240.000 210.000 186.000 164.000 144.000 128.000 122.000 - - -

Prestige 13,83 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 250.000 220.000 194.000 170.000 150.000 132.000 125.000 - - -

40 - Pullman novembre 2021

www.pullmanweb.com

Pullman - 41


Isuzu Turquoise Eev

km/l 4,51 (l/100km 22,18) - adblue% 0,000

km/h 63,9 - kg 9.860 - index 412,0 V&T 740

Iveco Bus Daily Way 50C17 E5 Eev

km/l 8,67 (l/100km 11,53) - adblue% 0,000

km/h 66,8 - kg 5.580 - index 490,6 Pul 8

Mercedes-Benz Sprinter 515 Cdi E4

km/l 7,94 (l/100 12,59) - adblue% 0,000

km/h 63,6 - kg 4.755 - index 474,1 V&T 720

Otokar Navigo T77 Bl E6

km/l 5,12 (l/100km 19,52) - adblue% 3,998

km/h 68,9 - kg 9.560- index 424,7 Pul 22

Tomassini Vip Sprinter 519 Cdi E5

km/l 8,58 (l/100km 11,65) - adblue% 0,000

km/h 66,1 - kg 5.020 - index 488,2 V&T 750

Irisbus Iveco Citelis 12 Eev

km/l 1,99 (l/100km 50,35) - adblue% 4,352

km/h 26,9 - kg 15.990 - index 254,3 V&T725

Man Lion’s City A21 Eev

km/l 1,86 (l/100km 53,76) - adblue% 0,000

km/h 19,9 - kg 16.680 - index 246,7 V&T722

Mercedes-Benz Citaro E6

km/l 2,51 (l/100km 39,88) - adblue% 5,129

km/h 25,8 - kg 15.520 - index 267,9 Pul 7

Mercedes-Benz O 530 K Citaro E5

km/l 2,33 (l/100km 42,97) - adblue% 4,215

km/h 26,5 - kg 14.500 - index 266,7 V&T726

Setra MultiClass S 415 Nf Eev

km/l 2,11 (l/100km 47,43) - adblue% 4,587

km/h 25,8 - kg 15.380 - index 255,5 V&T730

De Simon Millemiglia 10 E4

km/l 3,44 (l/100km 26,32) - adblue% 5,038

km/h 61,2 - kg 17.980 - index 366,1 V&T715

De Simon Millemiglia 12 Hd E4

km/l 3,8 (l/100km 29,07) - adblue% 0,000

km/h 62,4 - kg 17.760 - index 392,4 V&T711

Irisbus Iveco Arway 10,6 E5

km/l 4,03 (l/100km 24,79) - adblue% 5,277

km/h 62,3 - kg 16.825 - index 384,3 V&T737

Irizar i4 H 12,2 Eev

km/l 3,31 (l/100km 30,21) - adblue% 0,000

km/h 61,5 - kg 18.000 - index 377,8 V&T727

Isuzu Anadolu Visigo Interurban

km/l 4,61 (l/100km 21,71) - adblue% 4,789

km/h 62,2 - kg 14.560- index 400,4 Pul 32

Iveco Crossway Line 12m E6d

km/l 4,02 (l/100km 24,87) - adblue% 6,899

km/h 66,4 - kg 17.250- index 385,6 Pul 36

TUTTE LE PROVE

Man Lion’s Regio R12 Eev

km/l 2,93 (l/100km 34,25) - adblue% 0,000

km/h 65,2 - kg 17.820 - index 371,5 V&T733

Scania OmniExpress 12,8 Lk 400 Hd E5

km/l 4,12 (l/100km 24,25) - adblue% 0,000

km/h 59,2 - kg 17.300 - index 400,7 V&T743

Scania OmniLink Ck 310 Ub E4

km/l 3,69 (l/100km 27,10) - adblue% 0,000

km/h 62,1 - kg 17.440 - index 389,1 V&T716

Setra MultiClass S 415 H E5

km/l 3,68 (l/100km 27,17) - adblue% 4,123

km/h 65,8 - kg 17.760 - index 382,9 V&T749

Setra MultiClass S 415 Le Business E6

km/l 4,19 (l/100km 23,85) - adblue% 2,161

km/h 67,1 - kg 17.680 - index 404,1 Pul 21

Setra MultiClass S 415 Nf E5

km/l 4,13 (l/100km 24,21) - adblue% 3,385

km/h 61,5 - kg 15.480 - index 390,8 V&T712

Setra MultiClass S 415 Ul Business E6

km/l 4,16 (l/100km 24,06) - adblue% 3,877

km/h 66,0 - kg 17.670 - index 397,2 Pul 14

Setra MultiClass S 418 Le Business E6d

km/l 3,21 (l/100km 31,17) - adblue% 2,506

km/h 66,4- kg 21.254 - index 364,4 Pul 40

Temsa Safari Rd 12 Eev

km/l 3,62 (l/100km 27,59) - adblue% 4,866

km/h 59,2- kg 16.800 - index 369,0 V&T739

Irisbus Iveco Magelys Pro 12,8 E5

km/l 3,87 (l/100km 25,85) - adblue% 4,126

km/h 75,8 - kg 17.800 - index 402,4 Pul 1

Iveco Magelys 12,8 E6

km/l 4,11 (l/100km 24,35) - adblue% 5,781

km/h 73,7 - kg 18.085 - index 401,7 Pul 20

Man Lion’s Coach C R10 E6

km/l 4,17 (l/100km 23,98) - adblue% 4,508

km/h 73,9 - kg 19.640 - index 407,2 Pul 27

Mercedes-Benz Tourismo M/2 16 Rhd E6c

km/l 4,76 (l/100km 21,02) - adblue% 5,341

km/h 72,2 - kg 17.827- index 417,9 Pul 31

Otokar Vectio T 250 E5

km/l 4,81 (l/100km 20,78) - adblue% 0,000

km/h 76,5- kg 13.260 - index 438,1 Pul 6

Setra ComfortClass S 416 Gt-Hd/2 Eev

km/l 4,41 (l/100km 22,68) - adblue% 4,718

km/h 77,4 - kg 17.580 - index 417,8 Pul 1

Setra ComfortClass S 511 Hd E6

km/l 4,82 (l/100km 20,75) - adblue% 2,784

km/h 72,9 - kg 15.080 - index 426,6 Pul 20

Setra ComfortClass S 515 Hd E6

km/l 4,59 (l/100km 21,79) - adblue% 2,768

km/h 79,5 - kg 17.730 - index 431,3 Pul 7

Setra ComfortClass S 515 Md E6

km/l 4,71 (l/100km 21,23) - adblue% 1,808

km/h 76,2 - kg 17.640 - index 431,0 Pul 17

Temsa Hd 13 E6

km/l 4,16 (l/100km 24,02) - adblue% 1,726

km/h 74,4 - kg 17.960- index 415,0 Pul 16

Temsa Md 9 E6

km/l 4,25 (l/100km 23,51) - adblue% 2,554

km/h 73,9 - kg 14.320 - index 414,5 Pul 18

Van Hool T915 Alicron Lite E5

km/l 4,01 (l/100km 24,93) - adblue% 1,898

km/h 75,7 - kg 17.660 - index 412,4 V&T742

Vdl Futura Fhd2-129/450 E6c

km/l 4,23 (l/100km 23,64) - adblue% 5,903

km/h 73,9 - kg 18.522 - index 405,0 Pul 29

Vdl Futura Fmd2 129/370 E6

km/l 4,22 (l/100km 22,61) - adblue% 3,904

km/h 75,2 - kg 17.980 - index 417,2 Pul 15

Barbi Galileo Hdh E5

km/l 3,20 (l/100km 31,25) - adblue% 5,270

km/h 75,4 - kg 22.400 - index 376,8 V&T747

Irisbus Iveco Magelys Hdh E5

km/l 3,14 (l/100km 31,84) - adblue% 5,739

km/h 72,0 - kg 22.560 - index 368,7 V&T741

Man Lion’s Coach C R 09 E4

km/l 3,46 (l/100km 28,90) - adblue% 0,000

km/h 73,7 - kg 20.720 - index 399,6 V&T718

Mercedes-Benz Tourismo L E6

km/l 3,80 (l/100km 26,32) - adblue% 1,900

km/h 76,0 - kg 21.640 - index 407,2 Pul 17

Mercedes-Benz Travego M E5

km/l 3,79 (l/100km 26,37) - adblue% 6,289

km/h 75,4 - kg 20.020 - index 392,9 V&T753

Neoplan Cityliner C N1217 Hdc Eev

km/l 3,55 (l/100km 28,19) - adblue% 0,000

km/h 74,9 - kg 21.020 - index 403,8 V&T738

Scania Higer Touring Hd 13,7 E6c

km/l 4,58 (l/100km 21,83) - adblue% 6,787

km/h 69,4 - kg 21.150 - index 405,6 Pul 30

Setra ComfortClass S 519 Hd E6c

km/l 4,06 (l/100km 24,63) - adblue% 3,090

km/h 74,7 - kg 21.600 - index 409,1 Pul 25

Setra TopClass S 516 Hdh E6

km/l 4,38 (l/100km 23,17) - adblue% 3,306

km/h 78,4 - kg 21.160 - index 420,5 Pul 10

Setra TopClass S 531 Dt E6c

km/l 3,79 (l/100km 26,40) - adblue% 4,527

km/h 72,4 - kg 23.770 - index 394,3 Pul 28

Van Hool T916 Astronef E5

km/l 3,46 (l/100km 28,86) - adblue% 3,172

km/h 77,3 - kg 21.020 - index 394,8 V&T748

Van Hool Tx 16 Astronef E5

km/l 3,81 (l/100km 26,26) - adblue% 4,870

km/h 79,0 - kg 22.140 - index 404,2 Pul 3

Vdl Futura Fdd2-141/510 E6

km/l 3,31 (l/100km 30,17) - adblue% 7,942

km/h 74,4 - kg 24.680 - index 369,9 Pul 19

Vdl Futura Fhd2-139/460 E5

km/l 3,65 (l/100km 27,36) - adblue% 4,328

km/h 75,2 - kg 22.160 - index 394,4 Pul 4

Vdl Jonckheere Jsd 140-460 E5

km/l 3,30 (l/100km 30,30) - adblue% 5,737

km/h 74,0 - kg 23.800 - index 376,9 V&T723

FLESSIBILITÀ DELL’OFFERTA

Disponibile in 4 diverse lunghezze da 9,5 m fino a 18 m

con varie modalità di carica e diversi tipi di batterie

a seconda della mission del cliente

ELETTROMOBILITÀ NEL DNA

NUOVO

ELECTRO

Firmato “Heuliez”, il prestigioso marchio con una lunga tradizione

nella progettazione e costruzione di filobus e autobus Full Hybrid

OBILITY

DESIGN INNOVATIVO, COMFORT TOTALE

Massima personalizzazione; vano passeggeri spazioso,

luminoso e silenzioso; guida prestante

e allo stesso tempo confortevole

ASSISTENZA AL TOP

*

L’ELETTRONOBILE

Ampia rete di assistenza europea; Control Room di IVECO per la diagnostica

da remoto; soluzioni di telematica e gestione del parco veicoli

*

btsadv.com

n Minibus n Urbani n Interurbani n Turistici

L’index performance tiene conto di consumo gasolio, eventuale AdBlue e media oraria. A indice maggiore corrisponde una migliore prestazione.


Qualsiasi sia la destinazione,

ogni viaggio è un piacere.

Un autobus dall’inconfondibile DNA Scania: interamente progettato

dall’azienda svedese e costruito secondo i più elevati standard di qualità.

É disponibile sia nella versione a due che a tre assi, con motore 13 litri

da 410, 450 o 490 CV Euro 6, con alimentazione a biodiesel, HVO o diesel.

Pensato per rispondere al meglio alle esigenze degli operatori del settore del Granturismo,

lo Scania Touring garantisce massimi livelli di profittabilità sempre nel segno della sostenibilità.

Per informazioni sul nuovo Touring, il coach firmato Scania, visita scania.it

More magazines by this user
Similar magazines