21.09.2022 Views

Notizie Emilbanca | numero 2 | anno 2022

La rivista dedicata ai soci della Banca di Credito Cooperativo emiliana

La rivista dedicata ai soci della Banca di Credito Cooperativo emiliana

SHOW MORE
SHOW LESS
  • No tags were found...

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

NEB<br />

notizie emilbanca<br />

Anno XXI n. 2 Settembre <strong>2022</strong><br />

Quadrimestrale di informazione bancaria e di cultura locale di Emil Banca Credito Cooperativo<br />

SCOPRENDO PIACENZA<br />

Un Grand Tour alla ricerca dei tesori locali


E TUTTI GLI ALTRI MUTUI<br />

I TUOI OBIETTIVI CONTANO PIÙ DI OGNI PAROLA<br />

Una linea completa di mutui e finanziamenti che mette al centro i bisogni delle persone<br />

e delle famiglie. Con lo spirito cooperativo che ci guida, con l’attenzione al territorio che<br />

ci contraddistingue.<br />

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. La Banca si riserva il diritto di subordinare l’accesso al credito ad una valutazione del merito creditizio. Per le informazioni contrattuali ed economiche si rinvia ai fogli informativi di prodotto reperibili<br />

nella sezione “trasparenza” del sito www.emilbanca.it, oppure presso qualsiasi filiale Emil Banca.<br />

IL CUORE NEL TERRITORIO


EDITORIALI<br />

IL PRESIDENTE<br />

4 Ci manca molto l'abbraccio dei soci<br />

4<br />

NEB<br />

notizie emilbanca<br />

PERIODICO DI INFORMAZIONE BANCARIA E DI CULTURA<br />

LOCALE DI EMIL BANCA CREDITO COOPERATIVO<br />

BANCA<br />

L'INTERVISTA AL DIRETTORE<br />

6 "Sei mesi da record<br />

per un futuro sostenibile"<br />

AMBIENTE<br />

8 Dalle sedi alle bici<br />

l'impegno per un futuro più green<br />

PARTNERSHIP<br />

10 Per l'assistenza pubblica e la ricerca di qualità<br />

ECONOMIA<br />

12 Comunità energetiche rinnovabili<br />

14 PNRR: un'opportunità da non perdere<br />

SOLIDARIETÀ<br />

16 Risorse per il bene comune<br />

17 Un aiuto all'Ucraina<br />

INNOVAZIONE<br />

18 Dodici mesi con MUG<br />

PROGETTI TERRITORIALI<br />

20 Abbiamo un cuore in Comune:<br />

ecco i cinque finalisti<br />

22 Dieci anni di Grand Tour<br />

23 Al cinema con Emil Banca<br />

CROWDFUNDING<br />

24 Amigos Campesinos, una raccolta per l'Ecuador<br />

INNOVAZIONE SOCIALE<br />

25 Squisito, sostenibile e per tutti<br />

ARTE ECULTURA<br />

26 A Mug risuonano Echi dal mondo<br />

27 A Palazzo Bentivoglio i costumi di Tirelli<br />

GIOVANI<br />

28 Il giorno dei talenti di domani<br />

MONDO SOCI<br />

PROGETTO SALUTE<br />

30 Viaggio in Appennino<br />

sul Camper della prevenzione<br />

SOCIO IN EVIDENZA<br />

32 Giuliano Razzoli<br />

34 DAI COMITATI GIOVANI SOCI<br />

BANCA E TERRITORIO<br />

36 IN BREVE<br />

APPUNTAMENTO A<br />

8<br />

10<br />

18<br />

23<br />

28<br />

30<br />

32<br />

Quadrimestrale<br />

Anno XXI | n. 2 | Settembre <strong>2022</strong><br />

Direttore responsabile<br />

Giuliana Braido<br />

Coordinamento redazionale<br />

Filippo Benni<br />

H<strong>anno</strong> collaborato<br />

Area Risorse Umane, Michelangelo<br />

Abatantuono, Serena Carletti,<br />

Francesca Ceresoli, Irene Checchi,<br />

Beatrice Donetti, Alessandro Ferrari,<br />

Graziano Massa, Paola Misiti, Daniele<br />

Ravaglia, Massimo Simoncini, Emanuele<br />

Stanzani, Gabriele Vocino.<br />

Crediti fotografici<br />

Archivi fotografici Emil Banca, Nelle<br />

Valli Bolognesi e Vem, Filippo Benni,<br />

Giuliana Braido, Pentaphoto.<br />

In copertina<br />

Cupola della Cattedrale di Piacenza<br />

affrescata dal Guercino.<br />

Foto di Cooltours S.C.<br />

Redazione<br />

Via Trattati Comunitari ’57/’07, 19<br />

Bologna - tel: 051.6317823<br />

e-mail: notizie@emilbanca.it<br />

Numero chiuso in redazione<br />

Martedì 13 Settembre <strong>2022</strong><br />

Registrazione del Tribunale<br />

di Bologna n. 6560 del 11/04/1996;<br />

Proprietà di Emil Banca Credito<br />

Cooperativo - Bologna.<br />

Stampa<br />

CISCRA SPA - Via S. Michele 36<br />

Villanova del Ghebbo | Rovigo<br />

Questo prodotto è composto<br />

da fibre riciclate al 100%<br />

e viene fabbricato secondo<br />

le più rigide normative di rispetto<br />

dell’ambiente.<br />

42 L'AGENDA EMIL BANCA


BANCA<br />

IL BILANCIO DI UN ANNO DI SUCCESSI<br />

CI MANCA<br />

MOLTO<br />

L’ABBRACCIO<br />

DEI SOCI<br />

A maggio si è tenuta la terza<br />

Assemblea generale consecutiva<br />

a porte chiuse causa pandemia:<br />

“Torneremo presto nei palazzetti”<br />

GRAZIANO MASSA<br />

Presidente Emil Banca<br />

di GRAZIANO MASSA - Presidente Emil Banca<br />

Per il terzo <strong>anno</strong> consecutivo, come noto, siamo stati costretti<br />

a organizzare l’Assemblea dei soci a porte chiuse.<br />

Lo abbiamo fatto nostro malgrado, per rispetto della sicurezza<br />

di tutti e delle norme dettate dalla pandemia. Per noi<br />

l’Assemblea è un momento importante, di riflessione su come<br />

è andato l’<strong>anno</strong>, ma anche di festa, un modo per alimentare lo<br />

spirito di appartenenza alla cooperativa. Un momento che nel<br />

tempo è divenuto sempre più impegnativo, tanto da rendere<br />

indispensabile organizzarlo all’interno di strutture imponenti,<br />

come palazzetti dello sport, in grado di contenere migliaia di<br />

soci. Mi auguro che quella dello scorso maggio sia stata l’ultima<br />

Assemblea a cui i soci h<strong>anno</strong> potuto partecipare solo attraverso<br />

la delega al rappresentante designato. I numeri relativi all’emergenza<br />

sanitaria st<strong>anno</strong> finalmente migliorando e confidiamo che<br />

potremo lasciarci alle spalle anche questa modalità che proprio<br />

non ci appartiene. I risultati e le più importanti scelte strategiche<br />

è fondamentale infatti che vengano condivise il più diffusamente<br />

possibile e in modo approfondito con la base sociale. Ricordiamoci<br />

sempre che siamo una cooperativa e il rapporto con i soci<br />

sta alla base di tutto. Tra l’altro in questi anni abbiamo vissuto<br />

momenti, dal punto di vista dei risultati, di grande soddisfazione<br />

e che davvero avremmo avuto piacere di “celebrare” insieme<br />

ai soci. Come già anticipato nel precedente <strong>numero</strong> di NEB, i<br />

numeri del bilancio 2021 sono stati più che soddisfacenti con<br />

oltre 18 milioni di euro di utile. Elemento che ci ha permesso di<br />

erogare un dividendo dell’1% sulle quote sociali che sono state<br />

rivalutate di un ulteriore 1%.<br />

Anche l’investimento, effettuato sul finire dello scorso <strong>anno</strong>, di<br />

acquisizione di nove filiali a Piacenza dalla Bcc Centropadana,<br />

riteniamo sia stato lungimirante. Infatti, oltre a permetterci di<br />

consolidare la nostra presenza in Emilia e il nostro ruolo di banca<br />

strategica per l’economia reale della Regione, si sta dimostrando<br />

fruttuoso. Come evidenziano gli ottimi numeri della prima semestrale<br />

<strong>2022</strong>, saremo in grado di portare benefici anche a questo<br />

nuovo territorio in cui siamo approdati, sempre con il nostro peculiare<br />

modo di fare Banca.<br />

4 NEB


EDITORIALE<br />

GLI INCONTRI PER LA COSTITUZIONE DEI QUATTRO NUOVI COMITATI SOCI A PIACENZA<br />

VAL TIDONE<br />

Filiali: Castel San Giovanni, Vicobarone, Borgonovo e Trevozzo<br />

6 GIUGNO <strong>2022</strong><br />

VAL TREBBIA<br />

Filiale di Rivergaro<br />

9 GIUGNO <strong>2022</strong><br />

VAL D’ARDA<br />

Filiale di Fiorenzuola<br />

13 GIUGNO <strong>2022</strong><br />

Sin dall’inizio dell’estate abbiamo<br />

cercato di incontrare clienti<br />

e soci per mettere in funzione,<br />

già dal mese di luglio, quattro<br />

nuovi Comitati soci che h<strong>anno</strong><br />

già iniziato ad operare favorendo<br />

la presenza della Banca<br />

nel piacentino e, via via diventer<strong>anno</strong><br />

sempre più promotori<br />

di iniziative e progetti per contribuire<br />

allo sviluppo sociale e<br />

culturale delle comunità di cui<br />

sono espressione.<br />

Così oggi i Comitati soci della Banca, perno attorno al quale ruota<br />

il nostro modo di stare sul territorio, sono diventati 33 ed h<strong>anno</strong><br />

l’obiettivo non solo di erogare contributi attraverso sponsorizzazioni<br />

o beneficenze ma di essere il legame diretto tra la Banca<br />

e la realtà locale, di raccogliere istanze ed esigenze garantendo<br />

così una proficua relazione con tutte le comunità di cui facciamo<br />

PIACENZA<br />

Filiali: via Menicanti, via Manfredi e San Nicolò<br />

20 GIUGNO <strong>2022</strong><br />

parte. Ogni componente dei<br />

comitati si è autocandidato e<br />

presta il suo servizio volontariamente,<br />

senza ricevere alcun<br />

compenso. H<strong>anno</strong> a disposizione<br />

un budget che viene stabilito<br />

annualmente e che anche<br />

per quest’<strong>anno</strong> è complessivamente<br />

di circa 900 mila euro.<br />

Oltre a questo impegno va detto<br />

che, grazie agli ottimi risultati<br />

raggiunti in questi ultimi anni,<br />

la Banca ha costituito un fondo di beneficienza a disposizione<br />

del Consiglio di amministrazione di oltre 2 milioni di euro, di cui<br />

attraverso varie progettualità, in parte descritte anche all’interno<br />

di queste pagine, potrà beneficiare la collettività.<br />

Rinnovo i miei ringraziamenti al personale dipendente per l’ottimo<br />

lavoro e ai soci per la costante fiducia che riservano alla<br />

nostra Banca.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 5


BANCA<br />

L’INTERVISTA A DANIELE RAVAGLIA<br />

“SEI MESI DA<br />

RECORD PER<br />

UN FUTURO<br />

SOSTENIBILE”<br />

Il Direttore generale traccia<br />

un primo bilancio del <strong>2022</strong><br />

tra PNRR, guerra e caro energia<br />

di FILIPPO BENNI<br />

Ancora una volta i numeri del Bilancio strappano un<br />

sorriso. Dopo anni di crescita senza precedenti, anche<br />

la semestrale <strong>2022</strong> si è chiusa con una performance<br />

mai registrata prima. “Nonostante pandemia, guerra e un<br />

aumento spropositato del costo delle materie prime, Emil Banca<br />

ha continuato a lavorare per il territorio e con il territorio, con<br />

sensibilità ed efficacia, confermando a famiglie ed imprese, grazie<br />

al proprio modo differente di fare banca, di essere un partner<br />

competente e degno di fiducia”, spiega il direttore generale,<br />

Daniele Ravaglia. “In sei mesi - specifica - sono entrati 6 mila nuovi<br />

clienti e 2200 soci. Siamo molto soddisfatti anche dello sbarco<br />

a Piacenza dove in poco tempo abbiamo registrato l’ingresso di<br />

ben 300 Soci”.<br />

Direttore, parliamo di questo primo semestre dell’<strong>anno</strong>?<br />

“È stata la miglior semestrale della nostra storia. È cresciuta<br />

la raccolta e, nonostante il periodo complicato, abbiamo<br />

aumentato anche gli impieghi, con ottimi risultati nel comparto<br />

mutui, sia per famiglie che per imprese. E lo abbiamo fatto<br />

migliorando ancora la qualità del nostro lavoro visto che le<br />

sofferenze sono diminuite ulteriormente e oggi sono rasenti<br />

lo zero”.<br />

Che utile vi aspettate a fine <strong>anno</strong>?<br />

“Al 30 giugno l’utile era sopra i 20 milioni di euro. Un risultato<br />

davvero eccezionale, raggiunto, va detto per trasparenza,<br />

anche grazie ad alcune operazioni straordinarie che non<br />

si ripeter<strong>anno</strong> nella seconda parte dell’<strong>anno</strong>. Non credo<br />

quindi che chiuderemo raddoppiando il risultato della<br />

semestrale, ma le previsioni sono comunque molto positive.<br />

Il consolidamento aziendale che ne deriva ci permetterà<br />

di avere le risorse necessarie per interventi di sostegno al<br />

territorio, anche attraverso forme di credito agevolato per far<br />

fronte alle emergenze come quella che stiamo affrontando in<br />

questo momento in campo energetico.<br />

6 NEB


LA SEMESTRALE<br />

I DATI DELLA SEMESTRALE<br />

Utile sopra i 20 milioni di euro<br />

Sofferenze ai minimi<br />

I primi sei mesi del <strong>2022</strong> si sono chiusi con un utile<br />

superiore ai 20 milioni di euro, cresciuto di circa il<br />

70 per cento rispetto a quello registrato nei primi<br />

sei mesi del 2021.<br />

Ottimi anche gli indicatori di solidità con il<br />

rapporto tra sofferenze nette e impieghi netti<br />

sceso fino allo 0,10 % mentre la copertura delle<br />

sofferenze è salita ad oltre l’80 per cento.<br />

Al 30 giugno <strong>2022</strong> gli impieghi h<strong>anno</strong> superato i<br />

3,8 miliardi di euro, segnando + 2,72% sul dato di<br />

fine 2021 e +17,17% sulla semestrale dello scorso<br />

<strong>anno</strong>. La raccolta totale ammontava invece a 6,5<br />

miliardi di euro (+ 5% rispetto al 30/6/21).<br />

A spingere gli impieghi soprattutto i mutui erogati,<br />

sia a privati (i mutui casa sono saliti del 20%) che<br />

a imprese (+10,7% sulla scorsa semestrale).<br />

Più di 6 mila i nuovi clienti entrati nei primi sei<br />

mesi dell’<strong>anno</strong>, che portano il totale dei clienti di<br />

Emil Banca ad oltre 182 mila (+1,34% su fine <strong>anno</strong>).<br />

Circa 2.200 invece i nuovi Soci entrati nella<br />

compagine sociale che sta per superare la soglia<br />

delle 54mila unità.<br />

La guerra in Ucraina continua da oltre sei mesi, che impatto<br />

ha sul vostro bilancio il blocco degli affari con la Russia?<br />

“La guerra è prima di tutto un dramma per la popolazione<br />

civile, a cui sono rivolti i nostri pensieri e le nostre attività<br />

solidali. Sul nostro bilancio invece non è così determinante: da<br />

maggio a dicembre 2021, il nostro Istituto ha registrato scambi<br />

verso la Russia per un valore di circa 50 milioni di euro, e il 70<br />

per cento è riferito ad aziende che esportano, mentre i volumi<br />

con l’Ucraina erano marginali e si riferivano soprattutto alle<br />

rimesse dei lavoratori immigrati. Complessivamente, gli scambi<br />

verso quei Paesi ammontano a circa il 2 per cento del volume<br />

complessivo che registriamo verso l’estero. Il problema è che il<br />

conflitto, oltre a evidenti impatti sociali ed umani, è una delle<br />

cause che sta contribuendo ad aumentare i costi energetici e<br />

delle materie prime, complicando l’ormai ineludibile transizione<br />

ecologica e rischiando di fermare la ripresa economica partita<br />

dopo il covid”.<br />

Come siete intervenuti per limitare questo rischio?<br />

“Come facciamo di solito: ci siamo messi assieme alle realtà del<br />

territorio e del nostro Gruppo che si occupano di energia, come<br />

Power Energia e Bit Spa, e abbiamo studiato un progetto per<br />

aiutare le aziende a posticipare i costi straordinari di questi anni,<br />

attraverso un finanziamento a tassi agevolati, offrendo anche la<br />

consulenza per fare scelte strategiche finalizzate al risparmio<br />

energetico”.<br />

Un fattore importante per la crescita economica del territorio<br />

è il PNRR. Come state lavorando su questo?<br />

“Siamo pronti ad offrire anticipi e finanziamenti specifici per<br />

aiutare le imprese del territorio ad accedere ai bandi del Piano.<br />

Ma in questa fase, oltre al credito, sono decisive le informazioni<br />

che spesso le piccole e medie imprese faticano ad ottenere.<br />

Oggi la nostra priorità è fornire alle aziende del territorio una<br />

consulenza specialistica che le aiuti a capire il mondo di domani,<br />

dove, anche per le normative sempre più stringenti che si st<strong>anno</strong><br />

prospettando, i temi dell’Agenda 2030 sar<strong>anno</strong> vincolanti. Temi<br />

attorno ai quali abbiamo costruito il nostro primo piano di<br />

sostenibilità, con impegni e obiettivi specifici per traghettare il<br />

nostro sistema economico e sociale nell’imminente futuro”.<br />

In meno di 10 anni le banche italiane h<strong>anno</strong> chiuso più di<br />

11.000 sportelli. Qual è la vostra politica?<br />

“Le grandi banche h<strong>anno</strong> abbandonato i territori poco<br />

remunerativi. Noi non lo facciamo. Siamo nati in montagna e in<br />

pianura, attorno ai campanili dei centri di periferia. Questa è la<br />

nostra storia e la nostra forza. Certamente ci sono regole che<br />

impongono di non tenere aperte agenzie in perdita, ma in questi<br />

anni siamo riusciti a gestire le situazioni complicate attraverso<br />

scelte organizzative che non prendessero in considerazione la<br />

chiusura. Alcune filiali h<strong>anno</strong> ridotto orario o giorni di apertura,<br />

mantenendo comunque una presenza fisica sul territorio”.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 7


BANCA<br />

di GIULIANA BRAIDO<br />

L’impegno a orientare le politiche<br />

di acquisto e di consumo in<br />

ottica di riduzione degli impatti,<br />

degli sprechi di risorse e a cercare di<br />

adottare comportamenti il più sostenibili<br />

possibile, sono sempre più temi<br />

strategici per la nostra Azienda e pertanto<br />

oggetto di massima attenzione<br />

da parte di tutte le strutture.<br />

Questo perché vi è la convinzione che<br />

tutte le organizzazioni, anzi l’intera<br />

collettività, può e deve dare il proprio<br />

contributo per preservare l’ambiente<br />

naturale, il bene più prezioso, quanto in<br />

pericolo, che esista.<br />

Come ampiamente descritto nel piano<br />

triennale di sostenibilità pubblicato a<br />

inizio <strong>anno</strong> (consultabile su www.emilbanca.it\sostenibilità),<br />

la nostra Bcc<br />

oltre ad utilizzare esclusivamente energia<br />

proveniente da fonti rinnovabili e attuare<br />

costantemente interventi che ne<br />

riducano il consumo, si è assunta una<br />

serie di impegni per ridurre, per quanto<br />

possibile, i propri impatti diretti.<br />

Alcune recenti scelte confermano questo<br />

indirizzo intrapreso con la precisa<br />

consapevolezza che, mai come in questo<br />

momento storico, sia necessario<br />

un forte richiamo alla responsabilità da<br />

parte di tutti.<br />

Così a maggio è stata inaugurata la prima<br />

filiale ad impatto quasi zero, cioè ad<br />

altissima prestazione energetica, in cui<br />

il fabbisogno (molto basso o quasi nullo)<br />

è coperto in misura significativa da<br />

energia da fonti rinnovabili e prodotta<br />

direttamente.<br />

La Banca ha voluto traferire la sua filiale<br />

bolognese di via Zanardi, in un edificio<br />

A BOLOGNA LA PRIMA FILIALE AD IMPATTO ZERO<br />

DALLE SEDI ALLE BICI<br />

L’IMPEGNO PER UN<br />

FUTURO PIÙ GREEN<br />

In città si utilizzano solo corrieri su due ruote<br />

e anche la flotta dei mezzi ha iniziato la transizione<br />

8 NEB


AMBIENTE<br />

Con Massa, Ravaglia e le autorità locali il taglio del nastro della nuova agenzia a basso impatto<br />

ambientale di via delle Borre (a sinistra), a Bologna, dove si è trasferita la storica filiale di Zanardi.<br />

IN ALTO, le nuove auto e le bici elettriche per gli spostamenti dei dipendenti.<br />

sito nella vicina via delle Borre, all’interno<br />

di un’area che è stata oggetto di<br />

riqualificazione urbana. L’operazione<br />

attuata dalla Cooperativa Edificatrice<br />

Dozza, grazie ad un significativo intervento<br />

finanziario di Emil Banca, è stata<br />

realizzata in un’area, ormai era dismessa<br />

da tempo, che fino agli anni 70 era<br />

luogo di aggregazione per il quartiere<br />

Navile in cui è inserita.<br />

Il fabbricato di tipo A4 dove oggi ha<br />

sede la filiale è nuovo, realizzato completamente<br />

in legno, con un sistema<br />

che permette lo scambio dell’aria senza<br />

disperdere o immagazzinare calore;<br />

ha sul tetto pannelli fotovoltaici in<br />

grado di produrre più dell’energia che<br />

serve a scaldare e far funzionare la filiale<br />

consentendo una produzione pari<br />

al 105% del fabbisogno. In più l’edificio<br />

è dotato di un sistema di riutilizzo delle<br />

acque piovane, che, convogliate in una<br />

vasca di raccolta, vengono utilizzate<br />

negli scarichi e per la gestione dell’area<br />

verde circostante.<br />

È la prima filiale perfettamente sostenibile<br />

e speriamo che presto altre possano<br />

avere le stesse caratteristiche.<br />

Un altro aspetto importante è quello<br />

della mobilità. Dal 2017 la Banca sul<br />

tema spostamenti del personale (casalavoro)<br />

ha fatto scelte importanti, con<br />

positivi effetti sull’impatto ambientale.<br />

Tra queste sicuramente spiccano il<br />

progetto di smart working e il servizio<br />

di car pooling con la messa a disposizione<br />

del personale di tre pulmini da<br />

nove posti per le percorrenze più lunghe.<br />

Ma dal mese di giugno, come da indicazione<br />

del piano, ha iniziato a integrare<br />

la propria flotta aziendale per le uscite<br />

di servizio con due automezzi elettrici e<br />

otto biciclette elettriche al fine di ridurre<br />

il più possibile le emissioni da carburanti.<br />

Ha poi ridotto al minimo i giri<br />

dei corrieri tra sedi e filiali e utilizza per<br />

gli spostamenti nelle città i corrieri in<br />

bicicletta. Tutte scelte che confermano<br />

che la sostenibilità, ambientale ma non<br />

solo, è per la nostra cooperativa un driver<br />

sempre più strategico. E per questo,<br />

crediamo, debba essere motivo di condivisione<br />

soprattutto con i soci.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 9


BANCA<br />

LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATO PER IL BENE COMUNE<br />

PER LA RICERCA PUBBLICA<br />

E L’ASSISTENZA DI QUALITÀ<br />

Emil Banca partecipa a due Fondazioni legate a<br />

eccellenze della sanità bolognese: Bellaria e Rizzoli<br />

di FILIPPO BENNI<br />

Sostenere la ricerca pubblica e l’assistenza di qualità,<br />

supportare due importanti istituzioni sanitarie, e riconosciute<br />

eccellenze bolognesi, nel loro percorso<br />

di crescita e sviluppo mettendo assieme forze e risorse di<br />

aziende private e realtà del Terzo settore, con la supervisione<br />

di comitati scientifici di altissimo profilo. Con questa<br />

convinzione, negli scorsi mesi Emil Banca ha contribuito alla<br />

nascita di due importanti fondazioni: la Fondazione Istituto<br />

Ortopedico Rizzoli, legata al noto ospedale sui colli affacciati<br />

sulla città, e la Fondazione Ricerca Scienze Neurologiche, legata<br />

all’ospedale Bellaria di via Altura.<br />

FONDAZIONE RICERCA SCIENZE NEUROLOGICHE.<br />

La Fondazione legata al Bellaria è nata, sotto l’impulso<br />

dell’USL di Bologna, grazie all’impegno di Emil Banca, Fondazione<br />

Bimbo TU, Rekeep, Fatro, Logimatic e Masterpiece<br />

La Fondazione, con sede presso l’IRCSS Istituto delle Scienze<br />

Neurologiche (Ospedale Bellaria) è stata iscritta nel<br />

Registro Unico Nazionale del Terzo Settore, ed avrà come<br />

obiettivo principale quello di promuovere e finanziare la ricerca<br />

scientifica nell’ambito delle scienze neurologiche e sostenere<br />

progetti orientati al miglioramento della qualità dei<br />

servizi ai pazienti e alle loro famiglie, in partnership privilegiata<br />

con l’Azienda Usl.<br />

La Fondazione (il cui modello di riferimento è quello della<br />

fondazione di partecipazione) nasce con un capitale iniziale<br />

di 166.000 euro, a cui via via si aggiunger<strong>anno</strong> ulteriori fondi<br />

che sar<strong>anno</strong> raccolti per la realizzazione di progetti specifici<br />

attraverso campagne di fundraising mirate, e si avvarrà di un<br />

prestigioso Comitato Tecnico Scientifico di cui f<strong>anno</strong> parte:<br />

LA FONDAZIONE RICERCA SCIENZE NEUROLOGICHE - Alla presentazione, assieme al presidente Graziano Massa (al centro) h<strong>anno</strong> preso parte<br />

anche il direttore generale dell’azienda USL Paolo Bordon, l’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini, il sindaco di Bologna Matteo Lepore e<br />

il Magnifico Rettore dell’Alma Mater - Università di Bologna, Giovanni Molari.<br />

10 NEB


PARTNERSHIP<br />

Francesco Ubertini (Presidente), Isabella Seragnoli, Francesca<br />

Pasinelli, Alessandro Bonfiglioli e il direttore scientifico<br />

di IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche Prof. Raffaele<br />

Lodi. La Presidenza della Fondazione è stata affidata al Prof<br />

Pietro Cortelli, Direttore Operativo dell’IRCCS Istituto delle<br />

Scienze Neurologiche di Bologna.<br />

FONDAZIONE ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI<br />

La Fondazione, a cui Emil Banca partecipa assieme ad altre<br />

otto aziende bolognesi, è nata con tre finalità principali: supporto<br />

all’impegno del Rizzoli nel miglioramento della qualità<br />

dell’assistenza, della cura e dell’accoglienza ai pazienti; sostegno<br />

alle attività di ricerca, e valorizzazione del patrimonio<br />

culturale dell’istituto. Il progetto della Fondazione si collega<br />

idealmente al gesto filantropico con cui Francesco Rizzoli,<br />

illustre chirurgo dell’Ottocento, diede vita all’Istituto lasciando<br />

il suo ingente patrimonio alla Provincia di Bologna per<br />

creare un ospedale ortopedico nell’antico monastero di San<br />

Michele in Bosco. Presidente della Fondazione è stata nominata<br />

Federica Guidi, presidente del CDA di Ducati Energia.<br />

Al suo fianco, assieme ad Emil Banca ci sono Lamborghini,<br />

Crif, GdTre, Gvs, Macron, Rekeep e il Cavalier Roberto Bertazzoni.<br />

F<strong>anno</strong> parte del CDA della Fondazione anche il presidente<br />

del Comitato Consultivo Misto del Rizzoli, Giovanni<br />

Bitonti, e i chirurghi Roberto Rotini e Paolo Messina. I primi<br />

progetti di cui si occuperà la Fondazione sono il restauro del<br />

giardino all’italiana situato nella parte monumentale dell’Istituto,<br />

la realizzazione di spazi ludici per pazienti dell’oncologia<br />

pediatrica, la creazione di una rete di strutture ricettive<br />

convenzionate per l’accoglienza delle famiglie dei pazienti<br />

e l’acquisto di speciali macchinari utili a una ricerca sempre<br />

più all’avanguardia.<br />

LA FONDAZIONE ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI<br />

Sopra, il presidente Emil Banca Graziano Massa,<br />

firma l’atto di nascita della Fondazione. In alto, il vicedirettore<br />

Gian Luca Pavan assieme agli altri protagonisti della giornata.<br />

Settembre <strong>2022</strong><br />

11


BANCA<br />

BANCA E GRUPPO ICCREA VOGLIONO INCENTIVARE QUESTO NUOVO STRUMENTO<br />

COMUNITÀ ENERGETICHE<br />

RINNOVABILI<br />

Persone fisiche,<br />

imprese, enti territoriali<br />

e del Terzo Settore possono<br />

creare un soggetto giuridico<br />

con l’obiettivo di produrre,<br />

distribuire, scambiare,<br />

accumulare energia<br />

a impatto zero attraverso<br />

impianti locali<br />

di energia rinnovabile<br />

diventando protagonisti<br />

della transizione ecologica<br />

di IRENE CHECCHI<br />

Le alte temperature e la siccità che h<strong>anno</strong> caratterizzato<br />

l’estate appena trascorsa h<strong>anno</strong> reso evidenti a tutti il<br />

grande problema dell’emergenza climatica che impone<br />

di ridurre le emissioni climalteranti fino ad azzerare quelle<br />

nette entro il 2050 per evitare conseguenze irreparabili<br />

derivanti dal riscaldamento globale. In questo processo<br />

epocale di transizione il modo di produrre e di consumare<br />

l’energia assume un’importanza primaria, con la sostituzione<br />

delle fonti di origine fossile (carbone, petrolio, gas naturale)<br />

con fonti rinnovabili. Il tema dell’energia si è imposto<br />

nell’ultimo <strong>anno</strong> anche per un altro motivo, ovvero l’enorme<br />

aumento del suo prezzo a seguito della catena di eventi<br />

innescati da varie dinamiche internazionalli. Aumento che<br />

crea problemi molto seri sia alle imprese che alle famiglie,<br />

soprattutto se di basso reddito.<br />

Uno strumento che può dare un contributo rilevante per<br />

affrontare questa situazione problematica è dato dalle<br />

Comunità Energetiche Rinnovabili (CER). Si tratta di un<br />

soggetto giuridico, introdotto grazie a una normativa<br />

europea, di cui possono fare parte realtà di diversa<br />

natura (persone fisiche, imprese, enti territoriali, di ricerca<br />

e formazione, religiosi, del Terzo Settore e di protezione<br />

ambientale) che, tramite la volontaria adesione a un<br />

contratto, collaborano con l’obiettivo di produrre, distribuire,<br />

scambiare e accumulare energia a impatto zero attraverso<br />

impianti locali di energia rinnovabile. Lo scopo prioritario non<br />

è la generazione di profitti finanziari, ma il raggiungimento di<br />

benefici ambientali, economici e sociali per i suoi membri e al<br />

12 NEB


ECONOMIA<br />

IN BREVE<br />

INQUADRA IL QRCODE PER APRIRE<br />

LA PAGINA DELLA REGIONE EMILIA<br />

ROMAGNA SULLE COMUNITÀ<br />

ENERGETICHE RINNOVABILI<br />

territorio in cui agisce.<br />

Dietro questo strumento c’è un concetto di responsabilità<br />

sociale da parte di una comunità, che si assume l’onere di<br />

produrre l’energia che consuma. Si tratta di un vero e proprio<br />

cambiamento culturale che non significa solo mettere il<br />

proprio pannello fotovoltaico sul tetto per diminuire la<br />

bolletta, ma fare rete con altre persone e creare rapporti<br />

economici e sociali in senso comunitario. In questo modo<br />

si assume un ruolo attivo nel contrastare le guerre, le<br />

speculazioni, salvaguardare l’ambiente, come richiede<br />

l’Agenda Onu 2030.<br />

Specificatamente l’utente non si limita ad essere<br />

un consumatore (consumer), ma partecipa alle diverse<br />

fasi del processo produttivo (producer). In pratica diventa<br />

un “prosumer” ovvero colui che possiede un proprio<br />

impianto di produzione di energia, della quale consuma<br />

una parte. La rimanente quota di energia può essere fornita<br />

a consumatori fisicamente prossimi o anche accumulata<br />

in un apposito sistema e dunque restituita alle unità di<br />

consumo nel momento più opportuno. Pertanto, il prosumer<br />

è un protagonista attivo nella gestione dei flussi energetici<br />

e non solo può godere di una relativa autonomia e di risparmi<br />

sulla bolletta, ma può contribuire a generare anche benefici<br />

sociali. Si possono mettere in piedi meccanismi in cui far<br />

pagare un prezzo inferiore a famiglie a basso reddito o non<br />

far pagare i costi di cessione a degli spazi (es. palestre) ad<br />

associazioni grazie ai risparmi generati.<br />

La nascita delle “CER” sono incentivate anche dalla<br />

Regione Emilia Romagna che si è dotata di una propria<br />

normativa (legge n. 5/<strong>2022</strong> del 27 maggio <strong>2022</strong>), che<br />

individua le azioni di sistema e le misure di sostegno e<br />

promozione dell’autoconsumo collettivo e delle comunità<br />

energetiche, prevedendo l’erogazione di contributi e<br />

strumenti finanziari che accompagnino le comunità<br />

dalla costituzione e progettazione, fino all’acquisto e alla<br />

installazione degli impianti di produzione e accumulo.<br />

La promozione e il sostegno delle CER sono tra gli obiettivi del<br />

piano strategico del Gruppo Bancario Iccrea e costituiscono<br />

un’area di forte impegno anche per Emil Banca per trovare<br />

soluzioni utili.<br />

Torneremo quindi sull’argomento…<br />

Moratorie e finanziamenti agevolati<br />

per le aziende colpite dal maltempo<br />

Finanziamenti a tasso agevolato per agricoltori e<br />

imprenditori con sede nelle province emiliane e nel<br />

mantovano, che h<strong>anno</strong> subito danni causati dal<br />

nubifragio e dalla grandine dell’agosto scorso. Nello<br />

specifico, Emil Banca garantirà liquidità a costi<br />

limitati a coloro che ne far<strong>anno</strong> richiesta entro il 31<br />

ottobre prossimo recandosi in una delle filiali della<br />

Banca con l’autocertificazione attestante il d<strong>anno</strong><br />

subito (nel caso delle aziende agricole, andrà<br />

controfirmata dalla propria associazione di<br />

categoria). Le aziende agricole o le imprese di<br />

qualsiasi altro settore operanti nel territorio di<br />

competenza della Bcc potr<strong>anno</strong> richiedere liquidità<br />

da 20 a 100 mila euro per la copertura (anche del<br />

100%) del mancato reddito, dei maggiori costi<br />

sostenuti, o da sostenere, per la riparazione dei<br />

danni subiti a macchinari o strutture<br />

produttive. I finanziamenti possono essere richiesti<br />

con possibilità di preammortamento fino a 12 mesi.<br />

Inoltre, entro il 30 settembre è stata data la<br />

possibilità ai titolari di mutui in difficoltà per danni<br />

causati dagli eventi calamitosi, di richiedere la<br />

sospensione della sola quota capitale o dell’intera<br />

rata del mutuo fino ad un max di 12 mesi.<br />

Con Ascom Bologna<br />

contro il “Caro energia <strong>2022</strong>”<br />

Contro il caro bollette che sta mettendo in difficoltà le<br />

imprese italiane, Emil Banca ha siglato una<br />

convenzione con Confcommercio Ascom Bologna per<br />

l’erogazione di finanziamenti a tassi molto più bassi<br />

rispetto a quelli di mercato. Il “Caro energia <strong>2022</strong>” è<br />

un mutuo chirografario a tasso fisso rimborsabile in<br />

quattro anni che permetterà ai commercianti<br />

bolognesi associati ad Ascom di dilazionare nel tempo<br />

l’eccesso di costi maturati in questo periodo di<br />

incertezza internazionale. I fondi disponibili per<br />

questa operazione sono 10 milioni di euro.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 13


BANCA<br />

ASSIEME ALLA CAPOGRUPPO ICCREA VERSO I TEMI DELL’AGENDA 2030<br />

PNRR: UN’OPPORTUNITÀ<br />

DA NON PERDERE<br />

LE SEI MISSIONI DEL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA<br />

di FILIPPO BENNI<br />

Anticipi, finanziamenti specifici e tanta consulenza per<br />

aiutare le imprese del territorio ad accedere ai bandi<br />

del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.<br />

Emil Banca, grazie al decisivo supporto della capogruppo<br />

BCC Gruppo Iccrea e in rete con le associazioni di<br />

categoria e le centrali cooperative del territorio, ha messo a<br />

disposizione del sistema economico locale una consulenza<br />

specialistica con l’obiettivo di favorire l’ottenimento delle<br />

agevolazioni derivanti dai fondi PNRR e si rende disponibile<br />

ad integrare, ove necessario, le fonti di finanziamento delle<br />

imprese con il credito bancario, favorendo la loro transizione<br />

ecologica e digitale.<br />

A questo scopo, il Gruppo BCC Iccrea ha predisposto<br />

un plafond di 2,5 miliardi di euro per accompagnare,<br />

nell’orizzonte temporale del PNRR, le micro e Piccole e Medie<br />

Imprese (mPMI) nei loro progetti di sviluppo e affiancarle<br />

nel percorso di accesso alle risorse del recovery plan.<br />

Ottemperando anche agli obiettivi previsti dal proprio<br />

Piano di Sostenibilità triennale, Emil Banca ha formato il<br />

proprio personale con specifiche competenze sui temi<br />

dettati dall’Agenda Onu 2030. Queste competenze,<br />

assieme alla consulenza delle business unit specialistiche<br />

da tempo avviate nell’ambito della Divisione Impresa della<br />

Capogruppo per affiancare le BCC affiliate nei settori turismo,<br />

agribusiness, finanza strutturata, project energetico, PPP,<br />

estero, transaction banking e terzo settore, sar<strong>anno</strong> decisive<br />

per favorire l’ottenimento delle agevolazioni derivanti dai<br />

fondi PNRR.<br />

14 NEB


ECONOMIA<br />

IN BREVE<br />

Sostegno a Illumia Spa<br />

per abbassare i costi energetici<br />

Anticipi, finanziamenti specifici<br />

e tanta consulenza per aiutare<br />

le imprese del territorio ad accedere<br />

ai bandi del Piano Nazionale<br />

di Ripresa e Resilienza<br />

In particolare, per il settore turismo, il Gruppo BCC Iccrea sta<br />

perfezionando la gestione di un Bando che si è aggiudicata<br />

con la Regione Emilia Romagna per una provvista BEI<br />

(Banca Europea per gli Investimenti) di 20 milioni di euro<br />

che potr<strong>anno</strong> essere utilizzati da Emil Banca, e dalle altre<br />

Bcc emiliano-romagnole del Gruppo, per la concessione di<br />

finanziamenti agevolati per il rilancio e lo sviluppo di uno<br />

dei settori decisivi per il sistema economico regionale.<br />

Il Gruppo BCC Iccrea ha messo a disposizione delle<br />

BCC affiliate un portale bandi PNRR (https://pnrr.<br />

gruppobcciccrea.it) che consentirà di agire in modo<br />

proattivo sulle imprese clienti, individuando le esigenze in<br />

tempi molto veloci.<br />

“Il Pnrr è una grande occasione che il nostro Paese non può<br />

sprecare. Assieme alla capogruppo BCC Iccrea, e facendo<br />

rete con tutti gli altri interlocutori del mondo cooperativo, ci<br />

siamo confrontati anche con la Regione e con l’assessore<br />

allo sviluppo economico e green economy, Vincenzo<br />

Colla, per fare il punto sulle esigenze e sulle opportunità<br />

che il Pnrr può offrire al nostro sistema economico e<br />

sociale”, ha commentato il direttore generale di Emil<br />

Banca, Daniele Ravaglia, che ha aggiunto: “In questa fase,<br />

oltre al credito, sono decisive le informazioni che spesso le<br />

piccole e medie imprese faticano ad ottenere. Oggi la nostra<br />

priorità è fornire alle aziende del territorio una consulenza<br />

specialistica che le aiuti a capire il mondo di domani, dove,<br />

anche per le normative sempre più stringenti che si st<strong>anno</strong><br />

prospettando, i temi dell’Agenda 2030 sar<strong>anno</strong> vincolanti”.<br />

Emil Banca e Illumia S.p.A., azienda italiana che opera<br />

nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas<br />

naturale, h<strong>anno</strong> sottoscritto un accordo di<br />

finanziamento per un ammontare di 8 milioni di euro<br />

assistito da SACE tramite Garanzia Italia e in<br />

partnership con il Gruppo Iccrea. Il finanziamento<br />

consentirà a Illumia di sviluppare il proprio piano di<br />

investimenti, con importanti benefici per il territorio<br />

nel quale opera. L’operazione avrà effetti positivi su<br />

tutta la filiera, in quanto aiuta a dare maggiore forza<br />

ad Illumia nel trattare coi fornitori i prezzi che poi<br />

vengono ribaltati sui clienti, con evidente possibilità<br />

di contenimento degli stessi.<br />

Migliorata la convenzione<br />

con gli associati CNA Modena<br />

É stata rinnovata e migliorata, nonostante l’attuale<br />

congiuntura economica, la convenzione tra Emil Banca<br />

e l’associazione di categoria modenese che conta oltre<br />

10.000 associati. L’accordo prevede la disponibilità di<br />

Emil Banca a riconoscere alle imprese associate a Cna<br />

Modena particolari condizioni economiche in relazione<br />

alle operazioni di finanziamento a medio termine con o<br />

senza garanzia MCC, sia per esigenze di liquidità che<br />

per investimenti. Per beneficiare della convenzione gli<br />

associati potr<strong>anno</strong> riferirsi ai consulenti di Finimpresa,<br />

la società di mediazione creditizia del gruppo CNA.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 15


BANCA<br />

I RISULTATI DEL BANDO COOPERA<br />

RISORSE COL CUORE<br />

PER IL BENE COMUNE<br />

Finanziati con 90 mila euro 18 progetti<br />

di altrettante associazioni, cooperative<br />

sociali ed enti sportivi del territorio<br />

di GIULIANA BRAIDO<br />

L<br />

’ acquisto di una sedia a rotelle<br />

per una Asd di Reggio Emilia, o di<br />

boccioni per l’acqua e bidoni per la<br />

raccolta differenziata per gli impianti<br />

sportivi di Modena. L’acquisto di arredi<br />

per un’abitazione di co-housing per<br />

adulti con disabilità a Piacenza o di un<br />

drone per la Protezione Civile di Parma.<br />

Questi sono solo alcuni esempi dei<br />

18 progetti di altrettante realtà che si<br />

sono aggiudicati i 90 mila euro di contributi<br />

da parte di Emil Banca attraverso<br />

un bando destinato ad associazioni,<br />

cooperative sociali ed enti sportivi, soci<br />

o clienti della Banca.<br />

Tutti progetti orientati al bene comune,<br />

alla crescita delle comunità e che consentono<br />

di creare reti fondate su valori<br />

condivisi, promuovere cultura, dare un<br />

maggior contributo al perseguimento<br />

dello sviluppo sostenibile in risposta<br />

agli obiettivi dell’Agenda 2030. Questo<br />

il motivo che ha spinto Emil Banca, da<br />

quest’<strong>anno</strong>, a decidere di erogare una<br />

parte dei fondi messi annualmente a<br />

disposizione, molti dei quali grazie alla<br />

preziosa attività dei Comitati Soci locali,<br />

attraverso una modalità nuova.<br />

Fino alla metà di giugno è stato infatti<br />

reso disponibile, per queste tre categorie<br />

del Terzo Settore, il Bando Coopera<br />

<strong>2022</strong>, al quale h<strong>anno</strong> partecipato 130<br />

realtà emiliane.<br />

Trentamila euro erano destinati al settore<br />

della cooperazione sociale e altrettanti<br />

a quello delle associazioni e a<br />

quello degli enti sportivi. All’interno di<br />

ogni categoria sono state selezionate<br />

6 realtà destinatarie di 5.000 euro di<br />

contributo liberale. 90.000 mila euro in<br />

tutto divisi quindi tra 18 realtà che la<br />

commissione ha scelto dopo aver valutato<br />

le domande pervenute, tenendo<br />

conto in particolar modo dell’efficacia e<br />

della rilevanza degli impatti ambientali<br />

e sociali conseguenti all’investimento<br />

realizzato dai singoli (nel corso dell’<strong>anno</strong><br />

o da realizzarsi entro l’<strong>anno</strong>) e della<br />

presenza di un co-finanziamento.<br />

“In coerenza con il nostro Piano triennale<br />

di Sostenibilità, abbiamo deciso di<br />

premiare progettualità con un impatto<br />

significativo sul territorio, misurabile e<br />

verificabile nel tempo – sono le parole<br />

di commento del Presidente Massa<br />

- Non grandi interventi ma piccole<br />

e significative azioni che, con cifre relativamente<br />

contenute, contribuiscono<br />

comunque all’attivazione di circuiti virtuosi<br />

per il bene comune”.<br />

Per approfondire inquadrare il qrcode<br />

con la fotocamera dello smartphone<br />

LE REALTÀ SOSTENUTE<br />

• CONSORZIO SÌ SOCIETÀ<br />

COOPERATIVA SOCIALE (FE)<br />

• CO’ D’ENZA SOCIETÀ<br />

COOPERATIVA SOCIALE ONLUS<br />

(RE)<br />

• COOPERATIVA SOCIALE A.I.D.A.<br />

AUSILI E INFORMATICA<br />

PER DISABILI (MO)<br />

• TICE COOPERATIVA SOCIALE (PC)<br />

• EIDÈ SOCIETÀ COOPERATIVA<br />

SOCIALE ONLUS (PR)<br />

• NEWPOL SALA BOLOGNESE<br />

ASSOCIAZIONE SPORTIVA<br />

DILETTANTISTICA (BO)<br />

• ASSOCIAZIONE SPORTIVA<br />

DILETTANTISTICA GAST<br />

ONLUS (RE)<br />

• SCUOLA DI PALLAVOLO<br />

ANDERLINI SOCIETÀ<br />

COOPERATIVA SOCIALE<br />

SPORTIVA DILETTANTISTICA (MO)<br />

• ASSOCIAZIONE SPORTIVA<br />

DILETTANTISTICA<br />

SAN GIORGIO NUOTA (BO)<br />

• CANOA CLUB FERRARA<br />

ASSOCIAZIONE SPORTIVA<br />

DILETTANTISTICA (FE)<br />

• CENTRO SPORTIVO<br />

DILETTANTISTICO<br />

J. MARITAIN (MO)<br />

• NUOVO INTERGRUPPO PARMA (PR)<br />

• IL MELOGRANO - ODV (MO)<br />

• FONDAZIONE PIA POZZOLI DOPO<br />

DI NOI - ONLUS (PC)<br />

• COMPAGNIA TEATRALE<br />

LAMINARIE (BO)<br />

• ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE<br />

SOCIALE IL TURCO (FE)<br />

• PROTEZIONE CIVILE VAL D’ENZA<br />

RADIOCOMUNICAZIONI ODV (RE)<br />

• TEATRO DEL PRATELLO SOCIETÀ<br />

COOPERATIVA SOCIALE (BO)<br />

16 NEB


SOLIDARIETÀ<br />

Con Cna per i rifugiati<br />

La Banca ha aderito, anche ad un’ulteriore<br />

iniziativa promossa da CNA Bologna,<br />

donando 5.000 euro. In totale sono stati<br />

donati 30 mila euro a favore dell’emergenza<br />

Ucraina alla Città metropolitana di Bologna<br />

di cui 20 mila per il Fondo “Dare per Fare”<br />

per sostenere le persone ospitate, e 10 mila a<br />

Mediterranea per l’invio di beni. Nella foto la<br />

consegna simbolica della donazione da parte<br />

del presidente di CNA Bologna, Gramuglia,<br />

del Dg Ravaglia, Gatti di Banca di Bologna e<br />

direttore e vice presidente di Banca Felsinea,<br />

al Sindaco Lepore.<br />

CON UN BANDO DISTRIBUITI 50 MILA EURO A 25 REALTÀ<br />

UN AIUTO ALL’UCRAINA<br />

Le iniziative di Banca e Comitati soci<br />

dedicate agli aiuti e alla gestione dei minori<br />

Inquadra il qrcode con lo smartphone per aprire<br />

la pagina con l’elenco delle realtà sostenute<br />

LA MISSIONE- I volontari di Monzuno che,<br />

con il sostegno del locale Comitato soci,<br />

a maggio h<strong>anno</strong> portato aiuti alimentari<br />

direttamente in Ucraina.<br />

Il conflitto russo-ucraino,<br />

purtroppo ancora<br />

in corso, ha generato<br />

sicuramente la più<br />

grossa crisi di rifugiati<br />

dalla seconda guerra mondiale.<br />

Anche il nostro<br />

Paese è stato<br />

protagonista di<br />

accoglienza e l’intero<br />

Credito Cooperativo<br />

si è attivato per raccogliere<br />

fondi a favore della popolazione<br />

ucraina, destinando a Caritas Italiana una<br />

cifra complessiva di 1,6 milioni di euro.<br />

La nostra Banca, dopo aver aderito a<br />

questa raccolta promuovendola presso i<br />

propri soci e clienti, ha deciso anche di<br />

sostenere i tanti profughi arrivati in Regione,<br />

in maggioranza mamme con figli al<br />

seguito.<br />

Lo ha fatto attivando un’ulteriore campagna<br />

al proprio interno, tra il personale dipendente,<br />

che ha consentito di raccogliere<br />

una somma importante, poi<br />

raddoppiata dalla Banca. A questa iniziativa<br />

si è unita anche la maggior<br />

parte dei Comitati Soci<br />

destinando un ammontare<br />

del proprio budget annuale<br />

a disposizione; in questo<br />

modo è stata raggiunta la<br />

cifra complessiva di 50<br />

mila euro.<br />

Per massima trasparenza<br />

nei confronti di chi ha donato,<br />

ma anche per avere<br />

garanzia dell’utilizzo dei<br />

fondi raccolti, la Banca ha<br />

deciso di rivolgere alle organizzazioni locali<br />

non profit (enti religiosi, società sportive<br />

dilettantistiche, associazioni, cooperative<br />

sociali e enti di formazione<br />

professionale) uno specifico bando per la<br />

distribuzione delle risorse. Requisiti necessari<br />

erano che ci fosse l’impegno, da<br />

parte delle realtà richiedenti, nell’inserimento<br />

di profughi minori in attività ludiche,<br />

sportive ed educative (anche nel<br />

periodo di chiusura estiva delle scuole) e<br />

che queste fossero già clienti delle Banca.<br />

La commissione di valutazione ha selezionato<br />

25 realtà (che h<strong>anno</strong> interessato<br />

circa 250 giovani accolti) cui sono stati<br />

destinati i fondi raccolti.<br />

A tutte queste realtà, oltre al contributo,<br />

va la nostra riconoscenza per l’impegno a<br />

rendere più umano e sopportabile il distacco<br />

dalla propria terra a tante persone<br />

la cui vita improvvisamente è stata stravolta<br />

dalla guerra.<br />

g.b.<br />

Settembre <strong>2022</strong><br />

17


BANCA<br />

DODICI MESI CON MUG<br />

Dopo un avvio frenato dalla pandemia, l’hub che Emil Banca<br />

ha dedicato all’innovazione sta lavorando a pieno regime<br />

di ALESSANDRO FERRARI<br />

Esattamente un <strong>anno</strong> dopo l’apertura, che risale all’estate<br />

2021, per MUG è tempo di bilanci. L’hub dell’innovazione<br />

di Emil Banca, nato dalla rigenerazione di un ex<br />

magazzino delle poste di via Emilia Levante a Bologna, si è<br />

posizionato come un attore di riferimento nell’ecosistema<br />

delle startup della città e della regione.<br />

La zona del coworking e gli uffici sono diventati il luogo di<br />

lavoro per decine di persone, da chi li usa quotidianamente a<br />

chi ha esigenze differenti e ha la necessità di lavorare davanti<br />

a una scrivania solo in alcuni periodi. Al momento tutti gli<br />

uffici a disposizione sono stati contrattualizzati da diverse<br />

aziende e startup, mentre rimangono libere alcune scrivanie<br />

in coworking. La maggiore affluenza di persone (alcune delle<br />

quali anche straniere) denota sempre più interesse verso<br />

queste nuove modalità di lavoro e condivisione degli spazi.<br />

Oltre agli spazi di lavoro anche l’auditorium di MUG, dotato<br />

di tutte le tecnologie necessarie per ospitare eventi ibridi<br />

e full digital, ha visto centinaia di nuove facce. Dopo un<br />

rallentamento a inizio <strong>anno</strong> dovuto al picco di contagi, durante<br />

il quale ci siamo concentrati più sulla diffusione di contenuti<br />

digitali e Webinar, la primavera ed estate <strong>2022</strong> sono state<br />

ricche di appuntamenti fisici e attività. La versatilità degli<br />

spazi rende possibili eventi di ogni genere, sono stati ospitati<br />

infatti convegni, corsi, workshop e tavole rotonde tematiche<br />

ma anche aperitivi di networking in collaborazione con alcune<br />

fra le più importanti community di startup a livello nazionale.<br />

18<br />

NEB


INNOVAZIONE<br />

IL TEAM DI MUG ASSIEME AL DIRETTORE EMIL BANCA RAVAGLIA<br />

DURANTE LO STARTUP DAY DI UNIBO<br />

IL PROGETTO MUG – MAGAZZINI GENERATIVI HA VINTO il primo<br />

Italian Project Awards di Channel City all’insegna dell’innovability.<br />

Il riconoscimento è stato conseguito grazie ai partner e fornitori<br />

tecnologici Vem Sistemi e Panduit che insieme a Emil Banca sono<br />

riusciti a integrare prestazioni e sicurezza.<br />

In questi mesi sono nate anche importanti collaborazioni,<br />

tra cui si possono citare quella con CRIF e Fondazione<br />

Golinelli per la Call for Innovation I-Tech, quella con ART-ER,<br />

con la quale abbiamo organizzato un hackathon nell’ambito<br />

di R2B, e infine la partnership con Jebo (Junior Entreprise<br />

dell’Università di Bologna) che ha portato più volte a<br />

MUG tanti giovani interessati ai temi dell’innovazione e<br />

dell’imprenditorialità.<br />

Altri eventi rilevanti organizzati insieme ad alcuni membri<br />

dell’Advisory Board di MUG sono stati il Mygrants Day, una<br />

competizione per startup gestite da migranti e un convegno<br />

sul tema del Crowdfunding con il partner Ginger.<br />

Nel mondo startup si dice spesso “get out of the building”<br />

che significa “esci dall’edificio, esci dall’ufficio e vai a parlare<br />

con le persone”. Negli ultimi mesi il team di MUG ha avuto<br />

modo di “uscire” dalla propria struttura, portando la propria<br />

esperienza dentro le Università, facendo parte della giuria<br />

di diverse competizioni per startup, partecipando a fiere<br />

ed eventi del settore, e intervenendo a tavole rotonde<br />

e conferenze (sia in regione che fuori). Queste attività<br />

permettono di diffondere l’esperienza di MUG a nuove<br />

persone, per alimentare l’ecosistema dell’innovazione e<br />

ampliare il network di Emil Banca.<br />

Per quanto riguarda il futuro c’è ancora molta strada da fare,<br />

le idee non mancano e, sempre più, MUG diventerà anche<br />

un veicolo di innovazione interna per tutta Emil Banca,<br />

sfruttando le potenzialità che la cultura delle startup può<br />

dare anche alle aziende più tradizionali.<br />

INNOVATION FESTIVAL<br />

INCETTA DI PREMI PER LE STARTUP<br />

TARGATE EMIL BANCA<br />

Tra la primavera e l’estate <strong>2022</strong> si è svolto l’Innovation<br />

Festival, la prima call dedicata alle nuove idee di impresa<br />

clienti delle Bcc del Gruppo Iccrea. Il progetto è stato<br />

fortemente voluto da quest’ultimo per favorire lo<br />

sviluppo di imprese innovative ed è stato supportato<br />

dalle Banche di Credito Cooperativo su tutto il territorio<br />

italiano. Tramite MUG, anche Emil Banca ha portato il<br />

suo contributo, confrontandosi con le altre BCC, con<br />

la Capogruppo e con le proprie startup per la buona<br />

riuscita del festival. Alla chiusura della Call (aprile)<br />

sono stati selezionati i 20 migliori progetti che h<strong>anno</strong><br />

poi partecipato a una fase preparatoria per l’Innovation<br />

Day. Per Emil Banca h<strong>anno</strong> partecipato NDG (agritech),<br />

Fees (Fintech) e E-Muse (Tech, Art). Il 7 luglio è stato<br />

il giorno dell’Innovation Day durante il quale le startup<br />

selezionate, accompagnate dalla propria banca di<br />

riferimento, h<strong>anno</strong> fatto il loro pitch (presentazione)<br />

davanti alla giuria. L’evento si è tenuto nell’aula magna<br />

dell’Università Sapienza di Roma e sui quattro premi<br />

totali in palio ben due sono stati vinti da startup targate<br />

Emil Banca (NDG e E-Muse) che avr<strong>anno</strong> accesso a un<br />

ulteriore programma di accelerazione e la possibilità<br />

di presentarsi davanti a investitori e fare networking a<br />

livello internazionale. La soddisfazione per Emil Banca è<br />

stata grande, tanto da organizzare un ulteriore evento a<br />

MUG dove le 3 startup si sono fatte conoscere meglio da<br />

tutta la community.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 19


BANCA<br />

SELEZIONATE LE PROPOSTE PIÙ IN LINEA CON L’AGENDA ONU 2030<br />

ABBIAMO UN CUORE IN COMUNE<br />

ECCO I CINQUE FINALISTI<br />

Dopo la formazione i progetti sono pronti per andare on line<br />

a cura di IRENE CHECCHI<br />

Con “Abbiamo un cuore in Comune” <strong>2022</strong>, Emil Banca ha confermato<br />

la sua collaborazione con Ginger Crowdfunding,<br />

proponendo lo strumento della raccolta fondi partecipativa agli<br />

Enti Pubblici, per favorire progetti di valorizzazione del territorio<br />

che generino un impatto positivo coerente con la direzione indicata<br />

dagli obiettivi dell’Agenda ONU 2030.<br />

Dopo un percorso formativo gratuito, che si è svolto nel<br />

mese di aprile, la commissione (composta da Uffici<br />

Sviluppo del Territorio e Sostenibilità e Terzo Settore<br />

di Emil Banca e Ginger Crowdfunding) ha<br />

valutato tutte le proposte progettuali che ne sono<br />

scaturite ed ha selezionato i cinque finalisti: i Comuni<br />

di Formigine (MO), Granarolo dell’Emilia<br />

(BO), Gualtieri (RE), Medesano (PR) e San Giovanni<br />

in Persiceto (BO).<br />

Tra le oltre 40 realtà che h<strong>anno</strong> aderito all’iniziativa<br />

questi sono i Comuni che h<strong>anno</strong> presentato<br />

le campagne maggiormente aderenti agli<br />

obiettivi dell’Agenda 2030 secondo criteri di<br />

valutazione relativi al maggiore impatto sul<br />

territorio, sulla comunità o sull’ambiente (partendo<br />

dalla fattibilità e dall’efficacia della campagna<br />

di crowdfunding). I goal più citati: Città e<br />

Comunità sostenibili, Istruzione di qualità, Lavoro<br />

dignitoso e crescita economica.<br />

Questi cinque progetti verr<strong>anno</strong> sostenuti dalla Banca,<br />

aiutati da ERcoleTV per la realizzazione dei video<br />

e affiancati da un esperto di Ginger.<br />

Le campagne di raccolta fondi sar<strong>anno</strong> disponibili, per la<br />

consultazione e le donazioni, tra settembre ed ottobre su<br />

www.ideaginger.it e rimarr<strong>anno</strong> attive fino a fine dicembre per<br />

la realizzazione dei singoli obiettivi. Da 3.500 a 10 mila euro per<br />

mettere in piedi progetti di sviluppo sostenibile a beneficio delle<br />

comunità che vivono nei comuni interessati.<br />

20 NEB


PROGETTI TERRITORIALI<br />

Le cinque Campagne<br />

su www.ideaginger.it<br />

SAN GIOVANNI IN PERSICETO<br />

E QUINDI USCIMMO A RIVEDER….I MUSEI<br />

Il Comune di San Giovanni in collaborazione con Agen.Ter. intende<br />

raccogliere 5 mila euro per offrire alle scuole dell’area metropolitana di<br />

Bologna l’occasione di far uscire gli studenti dalle aule per riscoprire le<br />

meraviglie costudite nei musei locali, con la possibilità, dopo due anni<br />

di Covid, di tornare a sperimentare ed ammirare la natura e la cultura<br />

che li circonda in modo diretto e attivo. Il progetto coinvolgerà gli<br />

archeologi, gli astronomi, i fisici, i botanici e gli entomologi del Museo<br />

del Cielo e della Terra, del Museo Archeologico Ambientale e del Museo<br />

“F. Risi” che strutturer<strong>anno</strong> almeno 40 attività didattiche (tutte<br />

della durata di due ore) da offrire alle classi a partire dalla primavera<br />

dell’<strong>anno</strong> prossimo.<br />

GRANAROLO DELL’EMILIA<br />

IERI, OGGI E DOMANI, GIOCHIAMO!<br />

Il progetto del Comune di Granarolo intende raccogliere 7.500 euro<br />

da utilizzare per la creazione di 5 aree del divertimento, dislocate<br />

anche nelle frazioni, per far riscoprire ai bambini il piacere dei giochi<br />

di una volta. Verr<strong>anno</strong> realizzati, attraverso murales e altri interventi,<br />

le “piattaforme” per giocare a “Campana”, a “Un, due, tre… stai là!,<br />

a “Mosca cieca” ed ad altri giochi che far<strong>anno</strong> volare la fantasia dei<br />

ragazzi di ogni età. Accanto ad ogni gioco un qrcode rimanderà alla<br />

spiegazione e nell’App tabUi verrano geolocalizzati.<br />

FORMIGINE<br />

SHINE ON BERTOLA, OUR RE-GENERATION<br />

Formigine, con questa raccolta che<br />

punta ad ottenere 5 mila euro, vuole<br />

contrastare l’illegalità proseguendo<br />

l’attività di riqualificazione di un parco<br />

teatro di spaccio e di degrado, di<br />

recente restituito alla comunità grazie<br />

all’impegno di alcuni giovani residenti.<br />

Contribuendo così al completamento<br />

del percorso di rinascita della località<br />

La Bertola.<br />

MEDESANO<br />

CI VEDIAMO AL VASCONE<br />

Medesano vuole raccogliere 10<br />

mila euro per riqualificare il Viale<br />

delle Terme della frazione turistica<br />

Sant’Andrea Bagni. Riscoprire<br />

attraverso un percorso anche<br />

fotografico la storia del bacino<br />

idrotermale unico in Italia per fargli<br />

riappropriare della sua vocazione<br />

di luogo di ospitalità e di benessere<br />

valorizzando le cure termali<br />

idropiniche, acque termali da bere.<br />

GUALTIERI<br />

SPAZIO LIBERO: RIDIAMO VITA AL BORGO<br />

Il progetto di Gualtieri in collaborazione<br />

con Associazione Pro Loco<br />

cerca 3.500 euro che servir<strong>anno</strong> per<br />

riqualificare gli spazi abbandonati del<br />

borgo storico e a restituire un aspetto<br />

vitale ai luoghi dimenticati mettendoli<br />

a disposizione della comunità: mostre,<br />

esibizioni, spazi per il dialogo in rete<br />

con altre realtà di volontariato.<br />

Settembre <strong>2022</strong><br />

21


BANCA<br />

TUTTO È INIZIATO CON LE DOMENICHE DELL’ARTE<br />

IL PREMIO<br />

DIECI ANNI<br />

DI GRAND TOUR<br />

I passi di un progetto che ha sempre puntato<br />

allo sviluppo territoriale valorizzandone<br />

le eccellenze turistiche, culturali e naturali<br />

di SERENA CARLETTI<br />

Nel 2012 nasce la “Domenica<br />

dell’Arte in Pianura”, una giornata<br />

settembrina organizzata nella pianura<br />

bolognese e dedicata ai cittadini, per<br />

invitarli a diventare turisti per un giorno<br />

del loro stesso territorio, scoprendone<br />

i tesori spesso sconosciuti.<br />

Un format che in un decennio ha costruito<br />

una community affezionata di<br />

oltre 3.000 persone.<br />

Visto il successo, nel 2018 abbiamo<br />

deciso di aggiungere come meta anche<br />

l’Appennino Bolognese.<br />

Il Grand Tour prende forma con la<br />

successiva e progressiva annessione<br />

dei nuovi territori reggiano, parmense,<br />

modenese, ferrarese e infine piacentino<br />

e sempre non limitandosi ad accendere<br />

i riflettori solo sui luoghi ma<br />

anche sulle persone.<br />

Ogni visita guidata, laboratorio, escursione<br />

è l’occasione per valorizzare gli<br />

enti, le associazioni, le imprese e i privati<br />

che ogni giorno lavorano e tengono<br />

vivo il territorio, guardando sempre<br />

avanti. E negli ultimi anni guardare<br />

avanti ha significato lavorare su accessibilità<br />

e sostenibilità. Mentre Emil<br />

Banca lancia il Piano di Sostenibilità, il<br />

Grand Tour si popola di eco-lab, Buone<br />

<strong>Notizie</strong> dall’Emilia, Green Ambas-<br />

sador, tasselli strategici che raccontano<br />

l’impegno crescente dell’azienda sui<br />

temi dell’Agenda Onu 2030 e testimoniano<br />

come questo progetto interpreti<br />

da sempre la natura intrinseca della<br />

Banca.<br />

Intorno a questo progetto è stata creata<br />

un’ampia rete, che conta centinaia di<br />

realtà, tra imprese, enti pubblici e associazioni<br />

con l’obiettivo di promuovere<br />

in sinergia una valorizzazione integrata<br />

dei territori, nel rispetto delle identità<br />

culturali e peculiarità ambientali.<br />

Nel <strong>2022</strong>, sono i territori del Ferrarese<br />

(18 settembre) e del Piacentino (16 ottobre),<br />

a essere protagonisti di Grand<br />

Tour Emil Banca e lo sguardo è già rivolto<br />

a nuovi orizzonti.<br />

Nell’<strong>anno</strong> del decennale dell’evento,<br />

Grand Tour Emil Banca si<br />

è aggiudicato la menzione speciale<br />

CCR – Corporate Cultural<br />

Responsibility del Premio<br />

Cultura+Impresa. Il Premio CUL-<br />

TURA + IMPRESA ha l’obiettivo<br />

di premiare i migliori progetti<br />

di sponsorizzazione e partnership<br />

culturale, di produzione<br />

culturale d’impresa, e di applicazione<br />

dell’Art Bonus, valorizzando<br />

presenza e ruolo sia<br />

dell’operatore culturale che<br />

dell’Impresa che investe in cultura.<br />

Questo importante riconoscimento<br />

a livello nazionale attesta<br />

il valore di questa iniziativa<br />

nata per contribuire alla promozione<br />

e valorizzazione del patrimonio<br />

dei nostri territori e, allo<br />

stesso tempo, alla crescita culturale<br />

delle comunità.<br />

Il vice presidente Galletti ritira il premio CULTURA + IMPRESA<br />

22 NEB


PROIEZIONI<br />

IL FILM: Beppe Signori torna in<br />

campo dopo dieci anni in Fuorigioco<br />

Un docufilm per risarcire un campione di dieci anni di<br />

ingiusta sofferenza. Prodotto da Genoma Film con il<br />

contributo di Emil Banca, Fuorigioco. Una storia di<br />

vita e di sport racconta il calvario giudiziario di Beppe<br />

Signori, conclusosi con un’assoluzione piena dopo un<br />

lungo iter processuale. Il docufilm, nato da una idea di<br />

Paolo Rossi e Emanuela Zaccherini e diretto da Pier<br />

Paolo Paganelli, è stato trasmesso anche da Sky. Emil<br />

Banca ha organizzato a luglio una proiezione speciale<br />

riservata ai Soci a cui ha partecipato anche l’ex giocatore<br />

di Bologna e Lazio, vice campione del mondo nel 1994.<br />

MASSA, RAVAGLIA, SIGNORI E ROSSI DURANTE LA SERATA AL CINEMA RIALTO<br />

LA NUOVA DOCUMMEDIA DI MARDIGRAS<br />

LUCREZIA:<br />

A FERRARA<br />

SOCI IN SALA<br />

Asettembre riparte finalmente il set<br />

di “LU’ Duchessa d’Este. Fama e infamie<br />

di Lucrezia Borgia” la docummedia,<br />

ovvero un prodotto a metà tra un<br />

documentario e un film brillante, dei registi<br />

Marco Melluso e Diego Schiavo, autori<br />

di altre pellicole del genere come<br />

quelle sui personaggi di Matilde di Canossa<br />

e del conte Cesare Mattei. In lavorazione<br />

anche un film sui Bentivoglio<br />

perché al duo Melluso-Schiavo sta a<br />

cuore il territorio proprio come alla nostra<br />

Banca, che per questo, sostiene le<br />

loro produzioni e non solo… Infatti, le<br />

comparse nel film di Lucrezia che si gira<br />

a Ferrara tra le Gallerie Estensi, il Comune,<br />

il Castello Estense, il Teatro e il Museo<br />

Archeologico, Palazzo Schifanoia e il<br />

Museo della Cattedrale, la Certosa e la<br />

Darsena, oltre a varie vie del centro, sono<br />

soci della Banca! Protagonista del film è<br />

l’affascinante Lucrezia Lante della Rovere<br />

(piccolo gossip: la sua controfigura in<br />

alcune scene è una socia dipendente<br />

della Banca..) accompagnata dal grande<br />

Tullio Solenghi. Assieme d<strong>anno</strong> vita a un<br />

racconto ambientato ai giorni nostri,<br />

dove la narratrice Lucrezia Lante della<br />

Rovere si muoverà per le terre del ducato<br />

estense scoprendone la bellezza e le<br />

eccellenze nell’arte, nell’architettura e<br />

nella cucina e sottolineandone appeal e<br />

fascino turistico. Per vederli al cinema si<br />

dovrà attendere l’<strong>anno</strong> nuovo ma inquadrando<br />

questo qrcode è possibile vedere il<br />

divertente video di alcune scene dove<br />

sono presenti sul set le comparse, scelte<br />

tra i soci.<br />

IL DOCUMENTARIO<br />

L’acqua non<br />

muore mai<br />

Si chiama “L’acqua non muore<br />

mai” il documentario prodotto<br />

da Open Group anche con il sostegno<br />

di Emil Banca, realizzato<br />

da Barbara Roganti con l’aiuto<br />

di tante persone che,<br />

direttamente o indirettamente,<br />

sono entrate in contatto con il<br />

mondo delle demenze. Parte<br />

delle risorse per realizzarlo<br />

sono state raccolte con un<br />

crowdfunding.<br />

GUARDA IL TEASER<br />

DEL DOCUMENTARIO<br />

SUL SITO<br />

DI OPEN GROUP<br />

Settembre <strong>2022</strong> 23


CROWDFUNDING<br />

AD OTTOBRE UNA CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI PER IL VENTENNALE<br />

DEL PROGETTO “MICROFINANZA CAMPESINA IN ECUADOR”<br />

AMIGOS CAMPESINOS<br />

UN CROWDFUNDING<br />

PER L’ECUADOR<br />

di GIULIANA BRAIDO<br />

Quest’<strong>anno</strong> ricorre il ventennale del progetto “Microfinanza<br />

Campesina in Ecuador” del Credito Cooperativo, che<br />

sin dall’inizio ha visto la nostra Banca partecipe in modo<br />

particolarmente sentito.<br />

Risale infatti alla fine del 2002 il nostro incontro con il<br />

Fepp (Fondo Ecuatoriano Popolorum Progressio) e con<br />

Codesarrollo (braccio finanziario del Fepp), le due realtà<br />

ecuadoriane che ormai da tantissimi anni incarnano e<br />

promuovono i valori della cooperazione e della solidarietà con<br />

interventi concreti a supporto della popolazione più<br />

indigente.<br />

In particolare in questi venti anni, anche grazie al contributo<br />

e al sostegno delle Banche di Credito Cooperativo italiane<br />

più di centomila famiglie h<strong>anno</strong> avuto accesso ad un credito<br />

giusto e a servizi di finanza popolare, sono state ricostruite<br />

strade e ponti e case distrutti da calamità, sono stati portati<br />

avanti progetti di formazione e di sostenibilità ambientale.<br />

Attraverso un accompagnamento costante, attento e<br />

costruttivo.<br />

In occasione di questo speciale anniversario le BCC,<br />

sfruttando le potenzialità dello strumento “crowdfunding”<br />

(ovvero avviando raccolta fondi che coinvolgano comunità<br />

di persone che condividono l’obiettivo), vogliono sostenere<br />

nuovi progetti del FEPP e aiutarlo nel proseguire la propria<br />

efficace azione a favore dei più deboli.<br />

Tramite MIcrofinanza campesina - Crowdfunding per<br />

l’Ecuador anche la nostra Banca proporrà una raccolta fondi<br />

a favore di uno specifico progetto condividendo questa che<br />

per noi è una straordinaria esperienza di cooperazione e di<br />

solidarietà diffusa.<br />

Ad ottobre lanceremo quindi la nostra campagna di raccolta<br />

fondi digitale attraverso lo strumento del crowdfundig,<br />

nella speranza di coinvolgere tanti soci, anche con piccole<br />

cifre che insieme, come sempre, consentir<strong>anno</strong> di fare la<br />

differenza. Perché l’obiettivo non è solo quello di raccogliere<br />

risorse economiche ma anche quello di rafforzare il senso<br />

di comunità e stimolare la partecipazione collettiva per<br />

rispondere a necessità molto concrete.<br />

24 NEB


INNOVAZIONE SOCIALE<br />

CON DISMECO<br />

Elettrodomestici<br />

ecologici e solidali<br />

per i profughi ucraini<br />

A MUG LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO - Da sinistra, Daniele Ravaglia (direttore Emil<br />

Banca), Don Matteo Prosperini (direttore Caritas Bologna), Alberto Drusiani (Fouder Squiseat)<br />

LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL’INCLUSIONE SOCIALE<br />

SQUISITO, SOSTENIBILE<br />

E PER TUTTE LE TASCHE<br />

Un progetto di Emil Banca e Caritas Bologna<br />

contro lo spreco alimentare a favore dei meno<br />

abbienti grazie alla startup bolognese Squiseat<br />

di FILIPPO BENNI<br />

Si chiama Squisito, Sostenibile e per<br />

Tutt il progetto messo in campo da<br />

Emil Banca assieme alla Caritas diocesana<br />

di Bologna e alla giovane startup<br />

bolognese che da qualche tempo ha<br />

lanciato la piattaforma web Squiseat.<br />

Squiseat consente di acquistare da forni,<br />

pasticcerie, gelaterie o da altri esercenti,<br />

prodotti alimentari in eccedenza<br />

al 50% del loro prezzo di listino attraverso<br />

un’applicazione disponibile per<br />

iOS e Android. Consultando l’applicazione,<br />

con un semplice click si possono<br />

acquistare, per esempio, tre brioche a 2<br />

euro, tre tranci di pizza a 4 o mezzo chilo<br />

di gelato artigianale a meno di 5 euro<br />

per poi passarli a ritirare in negozio.<br />

Con un vantaggio sia per chi acquista<br />

che per chi vende.<br />

Conoscendo la piattaforma (che ha<br />

partecipato a Battiti, il percorso di accelerazione<br />

e validazione che la Banca<br />

ha dedicato alle startup ad alto impatto<br />

sociale), Emil Banca ha coinvolto la<br />

Caritas proponendo di utilizzare l’applicazione<br />

come strumento di inclusione<br />

sociale. Caritas ha individuato i potenziali<br />

beneficiari dell’iniziativa a cui è stato<br />

attivato, e caricato inizialmente con<br />

100 euro, un account sulla piattaforma<br />

da poter usare a loro piacimento. Emil<br />

Banca ha messo nel progetto 10 mila<br />

euro che Caritas conta di erogare a un<br />

centinaio di soggetti, anche se la speranza<br />

è che altre realtà si uniscano alla<br />

rete per aumentarne l’impatto. I primi<br />

utenti a sperimentare il progetto sono<br />

stati alcuni studenti stranieri, che riescono<br />

mantenersi a Bologna grazie ad<br />

una borsa di studio ma che si rivolgono<br />

a Caritas perché f<strong>anno</strong> fatica ad accedere<br />

a beni di prima necessità.<br />

Otto lavatrici portate allo smaltimento<br />

dai loro proprietari<br />

presso le stazioni ecologiche di<br />

Hera Spa, dopo la raccolta differenziata<br />

sono state rigenerate<br />

dai riparatori di Cna Bologna<br />

tornando così a nuova vita. Perfettamente<br />

rifunzionanti, sono<br />

state donate alle famiglie di profughi<br />

ucraini che sono ospitate<br />

in Appennino, nei Comuni di San<br />

Benedetto Val di Sambro, Monghidoro,<br />

Loiano e Monzuno.<br />

Protagonista del progetto “Utile”<br />

è l’azienda Dismeco srl, con<br />

sede a Marzabotto, specializzata<br />

nello smaltimento e trattamento<br />

dei rifiuti tecnologici. Dismeco<br />

rappresenta una realtà<br />

unica per la capacità professionale<br />

ed operativa relativamente<br />

al trattamento dei rifiuti tecnologici.<br />

Oltre al fondamentale<br />

ruolo di Hera e Cna, alla buona<br />

riuscita del progetto ha contribuito<br />

anche Emil Banca, di<br />

cui Dismeco è socia, sostenendo<br />

parte dei costi per l’acquisto<br />

di un autocarro ecocompatibile<br />

che viene utilizzato per il recupero<br />

e la consegna degli elettrodomestici<br />

dismessi.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 25


BANCA<br />

SALA COLONNE<br />

FINO A FINE OTTOBRE IN VIA EMILIA A BOLOGNA<br />

A MUG RISUONANO<br />

ECHI DAL MONDO<br />

In mostra quindici grandi batik africani e altrettante<br />

opere pittoriche e scultoree dell’artista bolognese<br />

Riccardo Calzolari a loro ispirate<br />

Fino a fine ottobre, una<br />

quindicina di grandi<br />

batik africani, provenienti<br />

principalmente dal<br />

Togo e appartenenti<br />

all’ampia collezione<br />

dell’Associazione di Volontariato<br />

“Migranti e Banche”,<br />

e altrettante opere<br />

pittoriche e scultoree<br />

dell’artista bolognese<br />

Riccardo Calzolari a<br />

loro ispirate, rester<strong>anno</strong> in<br />

mostra tra le sale e i corridoi<br />

di MUG.<br />

Riccardo Calzolari, bolognese,<br />

si è sempre interessato<br />

alla sperimentazione,<br />

passando dal pennello e<br />

colori a olio su una tela a un’acquaforte<br />

su zinco, dallo spray su un muro a una<br />

china e pantoni su carta.<br />

Migranti e Banche è un’associazione di<br />

volontariato nata da un gruppo di colleghi<br />

del Credito Cooperativo che lavora<br />

sull’alfabetizzazione finanziaria dei<br />

migranti e sulla sensibilizzazione del<br />

personale bancario nell’accoglienza dei<br />

migranti in banca e sul commercio equo<br />

e solidale, organizzando eventi e attività<br />

di promozione al consumo responsabile.<br />

Con questa mostra, curata da Licia<br />

Mazzoni, i già vivaci spazi espositivi di<br />

MUG si arricchiscono di nuovi colori che<br />

testimoniano ancora una volta la sensibilità<br />

di Emil Banca a dialogare con altre<br />

culture e a promuovere, anche attraverso<br />

l’arte, i propri valori.<br />

I segreti dei cartoni<br />

animati giapponesi<br />

È passata anche la Rai nella sala<br />

Colonne, in via Mazzini, per<br />

“Anime: Ricordi d’infanzia”, la<br />

mostra dei disegni e dei lucidi<br />

originali utilizzati per produrre i<br />

cartoni animati giapponesi trasmessi<br />

in abbondanza anche<br />

dalle nostre emittenti televisive.<br />

In mostra tanti frammenti<br />

della storia della produzione<br />

nipponica, dagli esordi in Rai<br />

(1977) ai primi anni 2000, attraverso<br />

tavole originali, repliche,<br />

fan art, tutti rigorosamente dipinti<br />

a mano. Un patrimonio raccolto<br />

in anni di appassionata ricerca<br />

dal collezionista bolognese<br />

Alessandro Cavazza. Appesi<br />

alle pareti della sala Colonne<br />

anche decine di rodovetri, ovvero<br />

i fogli trasparenti in acetato<br />

di cellulosa su cui venivano<br />

stampati i disegni degli animatori,<br />

che poi venivano ridipinti:<br />

un processo che riguardava<br />

ogni singolo fotogramma che<br />

porta alla sequenza animata di<br />

un cartone. A sottolineare l’importanza<br />

della collezione di Cavazza,<br />

unica nel suo genere, tra<br />

i tanti visitatori passati in via<br />

Mazzini anche una giornalista<br />

giapponese che ne ha scritto su<br />

una testata in lingua.<br />

26 NEB


ARTE E CULTURA<br />

AL BARACCANO<br />

Passeggiate nella storia<br />

con un finale a teatro<br />

FINO AL 13 NOVEMBRE A GUALTIERI<br />

A PALAZZO BENTIVOGLIO<br />

I COSTUMI DI TIRELLI<br />

In mostra la collezione dei costumi realizzati<br />

dal sarto per Fellini, Bertolucci e altri grandi<br />

produzioni cinematografiche internazionali<br />

C<br />

’’è tempo fino al 13 novembre per<br />

visitare la Collezione d’arte Tirelli-<br />

Trappetti - 1992-<strong>2022</strong> allestita nella<br />

Sala di Icaro a Palazzo Bentivoglio di<br />

Gualtieri, sede del Museo Antonio Ligabue.<br />

Umberto Tirelli, sarto di origine gualtierese<br />

scomparso nel 1990, ha realizzato<br />

i costumi più importanti della storia<br />

del cinema e del teatro di tutti i<br />

tempi, divenendo uno dei massimi<br />

punti di riferimento per la sartoria teatrale<br />

e cinematografica. Fondatore a<br />

Roma (nel 1964) della Tirelli Costumi è<br />

stato il più stretto collaboratore di alcuni<br />

fra i più grandi costumisti del<br />

mondo. Amava definirsi “archeologo<br />

della moda” e la sua passione per la<br />

storia della sartoria, del costume e del<br />

design gli ha donato la capacità di riprodurre<br />

abiti di tutte le epoche. Nella<br />

sua lunga carriera ha collaborato alla<br />

realizzazione di film come il Gattopardo<br />

e Amarcord, ‘900 di Bernardo Bertolucci<br />

e Momenti di Gloria di Hugh<br />

Hudson.<br />

Nel 1992, per volontà dello stesso Tirelli<br />

e di Dino Trappetti (suo successore<br />

nella direzione della Tirelli Costumi)<br />

viene donato al Comune di Gualtieri un<br />

patrimonio artistico che comprende 53<br />

opere pittoriche e grafiche di grande<br />

valore e due costumi di straordinaria<br />

importanza. Il patrimonio attualmente<br />

è esposto al piano nobile di Palazzo<br />

Bentivoglio. L’ingresso è a pagamento<br />

ma per i soci Emil Banca sono previsti<br />

biglietti a prezzo ridotto.<br />

A novembre e dicembre sono in calendario<br />

gli ultimi due appuntamenti<br />

con “Il Teatro della gente, passeggiate<br />

e concerti”, la rassegna<br />

pensata dal cantante e scrittore<br />

Cristiano Cremonini, socio Emil<br />

Banca. Tre diversi itinerari h<strong>anno</strong><br />

accompagnato i bolognesi, ognuno<br />

dei quali abbinato ad un concerto<br />

dell’Orchestra del Baraccano, per<br />

un totale di otto appuntamenti realizzati<br />

insieme al Teatro del Baraccano.<br />

Le passeggiate nel cuore di<br />

Bologna vogliono far scoprire i luoghi<br />

e le persone che nel corso dei<br />

secoli, h<strong>anno</strong> reso grande e rinomata<br />

nel mondo la Città delle Arti e<br />

della Musica. Il 26 novembre, con<br />

ritrovo in piazza Rossini alle 18.15, si<br />

passeggerà fra i Giardini del Guasto<br />

e Piazza Verdi dove anticamente<br />

sorgeva l’immenso Palazzo Bentivoglio,<br />

una sorta di “Domus<br />

Aurea” rinomata in tutta Europa, e<br />

dove oggi c’è il Teatro Comunale,<br />

primo teatro pubblico d’Italia. Il<br />

percorso si concluderà al Teatro<br />

del Baraccano per assistere<br />

ad Aida. Il 10 dicembre è in programma<br />

lo stesso percorso ma che<br />

si concluderà con l’opera Sagra della<br />

Primavera. Entrambi i concerti<br />

sar<strong>anno</strong> tenuti dall’Orchestra diretta<br />

da Giambattista Giocoli.<br />

Per i soci biglietti a prezzo ridotto.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 27


GIOVANI<br />

IL GIORNO DEI TALENTI DI DOMANI<br />

a cura dell’ AREA RISORSE UMANE EMIL BANCA<br />

In un mercato del lavoro altamente articolato e spinto<br />

dallo sviluppo tecnologico, in cui le nuove generazioni<br />

manifestano interessi e ambizioni sempre più mutevoli<br />

e dinamiche ci siamo posti la domanda di quali strumenti<br />

utilizzare per intercettare con maggiore precisione le<br />

idee e i pensieri dei giovani che si st<strong>anno</strong> avvicinando<br />

al mondo del lavoro e quale supporto concreto potere<br />

offrire loro. Da questa riflessione siamo arrivati all’idea<br />

di metterci al servizio delle comunità e dei giovani con<br />

“Talent Day locali” che possiamo definire di “prossimità”.<br />

Un’occasione importante per sviluppare un sincero e<br />

diretto dialogo con le persone e fornire loro una vera e<br />

propria attività di servizio per aiutarli a gestire al meglio la<br />

ricerca del lavoro più adeguato al proprio profilo. I Talent<br />

Day di Emil Banca sono giornate di orientamento sul<br />

territorio, in luoghi strategici per la Banca, con l’obiettivo<br />

di far conoscere alle nuove generazioni le specificità e i<br />

valori della BCC e fornire ai giovani laureati strumenti utili<br />

per muoversi nel mondo del lavoro.<br />

Il primo Talent Day organizzato a Vergato ha visto la<br />

partecipazione di 11 giovani laureandi e laureati del<br />

territorio, che h<strong>anno</strong> avuto la possibilità di scoprire come<br />

definire i propri obiettivi professionali e come affrontare<br />

un colloquio di lavoro, oltre che di conoscere le peculiarità<br />

del Credito Cooperativo.<br />

TUTTE LE TAPPE<br />

Se sei tra i laureandi e neolaureati<br />

in economia, giurisprudenza o titoli<br />

equivalenti e vuoi lavorare nel nostro<br />

territorio cogli l’occasione di partecipare<br />

alle prossime tappe:<br />

CAVOLA (RE)<br />

19 ottobre<br />

AREA PARMA E PIACENZA<br />

9 novembre<br />

AREA BOLOGNA<br />

data da definire<br />

Sul sito di Emil Banca e sui canali social<br />

troverai tutte le informazioni utili per<br />

iscriverti in prossimità degli eventi.<br />

28 NEB


PREMI<br />

ALLO STUDIO<br />

<strong>2022</strong><br />

PER SOCI<br />

O FIGLI DI SOCI<br />

Una società evoluta si fonda sul sapere. E un bravo studente è quindi determinante<br />

per il futuro delle nostre comunità. Per questo Emil Banca ha istituito, ormai da tanti<br />

anni, un premio per meriti di studio. Hai un figlio che si è diplomato o laureato con il<br />

massimo dei voti o tu stesso hai raggiunto questo traguardo?<br />

• Il diploma di maturità o laurea deve riferirsi all’a.s. o a.a. 2021-<strong>2022</strong><br />

• La laurea deve essere specialistica o magistrale<br />

Complimenti!<br />

Se non lo hai ancora fatto, presenta la tua richiesta di PREMIO ALLO STUDIO entro il<br />

15 ottobre <strong>2022</strong> alla tua filiale dove riceverai tutte le indicazioni utili.<br />

Condizioni necessarie per ottenere il premio<br />

• Il richiedente deve essere socio o figlio di socio in possesso del <strong>numero</strong> di azioni minime<br />

(10 se under 30 – 37 se over 30)<br />

• Il richiedente deve essere intestatario di un conto corrente presso Emil Banca<br />

DIPLOMA DI SCUOLA SUPERIORE<br />

➜ 500 EURO<br />

LAUREA SPECIALISTICA O MAGISTRALE ➜ 700 EURO<br />

Il 24 ottobre si terrà la cerimonia di consegna dei premi.<br />

Tutte le informazioni sar<strong>anno</strong> specificate ai giovani premiandi.


MONDO SOCI<br />

di PAOLA MISITI<br />

Il benessere dei nostri soci ci sta a<br />

cuore, da sempre. Per dimostrarlo,<br />

ancora una volta, abbiamo messo in<br />

moto il “Camper della prevenzione”, una<br />

nuova opportunità che ha integrato il<br />

nostro progetto salute, rivolto alla compagine<br />

sociale, attraverso cui offriamo<br />

una visita di prevenzione gratuita all’<strong>anno</strong><br />

o, in alternativa, un coupon del valore di<br />

50 euro per effettuarne una specialistica<br />

presso le strutture dei nostri partner sul<br />

territorio.<br />

L’idea, nata osservando i dati dei fruitori<br />

del Progetto Salute, era da un lato di ampliare<br />

il pubblico di soci beneficiari delle<br />

prestazioni sanitarie già in essere, andando<br />

a cercare coloro che non vivono o frequentano<br />

i capoluoghi di provincia (dove<br />

al momento h<strong>anno</strong> sede le strutture convenzionate).<br />

Dall’altro lato, era importante<br />

riattivare l’attenzione, spentasi in questi<br />

anni di pandemia, sulla cultura della prevenzione<br />

oncologia che è di fondamentale<br />

importanza per prendersi cura tempestivamente<br />

e in modo attivo della propria<br />

salute.<br />

Così, a marzo è partito un vero e proprio<br />

ambulatorio mobile di prossimità che, per<br />

questa iniziativa pilota, ci ha permesso in<br />

particolare di offrire ai nostri soci l’opportunità<br />

di effettuare lo screening gratuito<br />

per la prevenzione del tumore della tiroide<br />

nei comuni dell’Appennino Bolognese in<br />

cui siamo presenti, andando incontro a chi<br />

ha maggiori difficoltà, in particolare le persone<br />

più anziane, a raggiungere la sede<br />

di Bologna dove normalmente offriamo il<br />

servizio.<br />

Il progetto è frutto dell’ormai storica collaborazione<br />

con la Fondazione Ant Italia,<br />

che ha messo a disposizione il camper<br />

adeguatamente allestito, e l’Istituto Ramazzini<br />

che ha partecipato con il proprio<br />

personale medico e paramedico.<br />

Nei cinque mesi di attività, il “Camper della<br />

prevenzione” ha fatto tappa a Monzuno,<br />

Castel d’Aiano, Loiano, Madonna dei Fornelli,<br />

Sasso Marconi e Vergato effettuando<br />

CASTEL D’AIANO<br />

IN COLLABORAZIONE CON ANT E RAMAZZINI<br />

VIAGGIO IN APPENNINO<br />

SUL CAMPER<br />

DELLA PREVENZIONE<br />

Effettuati 240 screening gratuiti “a domicilio”<br />

per la prevenzione del tumore della tiroide<br />

ai soci di sei comuni della montagna bolognese<br />

30 NEB


PROGETTO SALUTE<br />

LOIANO<br />

SASSO MARCONI<br />

PROSSIMA TAPPA<br />

APPENNINO REGGIANO<br />

MONZUNO<br />

Stiamo progettando una ripartenza del camper insieme<br />

ai nostri partner per fargli fare tappa, questa volta, nei<br />

comuni dell’Appennino reggiano e permettere ad altri<br />

soci di beneficiare di questa importante opportunità di<br />

prevenzione. Anche in questa occasione, le richieste di<br />

appuntamento dovr<strong>anno</strong> essere effettuate nell’app Per<br />

Te che, se non ancora fatto, invitiamo a scaricare e attivare<br />

sin d’ora. Per maggiori informazioni è possibile<br />

contattare il nostro Ufficio Soci (800.217.295)<br />

complessivamente 10 giornate di visite<br />

(24 appuntamenti al giorno).<br />

Grazie a questa iniziativa, 240 soci h<strong>anno</strong><br />

potuto sottoporsi, a poca distanza<br />

da casa loro, allo screening gratuito per<br />

la diagnosi precoce delle neoplasie della<br />

tiroide.<br />

Angela Guaragna, direttrice sanitaria alla<br />

guida dei medici dell’Istituto Ramazzini<br />

che h<strong>anno</strong> eseguito le visite sul camper:<br />

“L’incidenza dei tumori della tiroide è<br />

aumentata notevolmente negli ultimi<br />

trent’anni, soprattutto in relazione all’uso<br />

sistematico dell’ecografia. Risulta quindi<br />

di primaria importanza la sensibilizzazione<br />

sull’argomento e l’offerta di una<br />

campagna di screening su una struttura<br />

mobile in grado di raggiungere il maggior<br />

<strong>numero</strong> di cittadini possibile e rispondere<br />

ad esigenze particolari di spostamenti.<br />

L’obiettivo è quello di porre l’accento<br />

sull’utilità di un esame non invasivo qual<br />

è l’ecografia tiroidea anche in assenza di<br />

sintomi, un esame fondamentale per gli<br />

specialisti per individuare i noduli che<br />

necessitano di un approfondimento diagnostico”.<br />

Raffaella Pannuti, presidente Fondazione<br />

ANT Italia ONLUS:<br />

“Oggi viviamo un momento storico nel<br />

quale - anche a causa della pandemia<br />

- è ormai scontato ricevere a casa non<br />

solo la spesa o la cena consegnata dal ristorante,<br />

ma tutta una serie di servizi accessori<br />

che ci rendono la vita più comoda<br />

o semplicemente meno faticosa. Per noi<br />

di ANT il concetto di “consegna a casa”<br />

è parte della nostra storia, è nel nostro<br />

stesso DNA: siamo nati 44 anni fa proprio<br />

portando le cure a casa del paziente, un<br />

concetto allora in completa controtendenza<br />

rispetto alla medicina tradizionale,<br />

ovvero alla cura in ospedale. Ormai da diversi<br />

anni, per lo stesso motivo, abbiamo<br />

avviato progetti di prevenzione sui nostri<br />

Ambulatori Mobili in modo da portare<br />

la prevenzione “a casa” dei cittadini. Ma<br />

è solo grazie a storici sostenitori e amici<br />

- come è appunto Emil Banca - che<br />

possiamo continuare la nostra missione<br />

e diffondere la cultura della prevenzione<br />

anche nelle aree meno accessibili del nostro<br />

Paese, e avvicinarci alle persone più<br />

fragili come gli anziani.”<br />

Settembre <strong>2022</strong> 31


MONDO SOCI<br />

SOCIO DELLA BANCA, CLASSE 1984, NEL 2010 HA VINTO LA MEDAGLIA D’ORO IN<br />

SLALOM SPECIALE A VANCOUVER E HA SFIORATO IL PODIO ANCHE A PECHINO <strong>2022</strong><br />

RAZZOLI, DA VILLA MINOZZO<br />

ALL’OLIMPO DELLO SCI<br />

GIULIANO RAZZOLI<br />

NELLA SUA ACETAIA DI VILLA MINOZZO,<br />

NELL’APPENNINO REGGIANO<br />

di FILIPPO BENNI<br />

Nell’inverno del 1988, letteralmente trascinati dalle imprese<br />

olimpiche di Alberto Tomba che in quel di Albertville<br />

vinse l’oro olimpico sia nella slalom gigante che nello<br />

speciale, migliaia di italiani corsero a comprare sci e scarponi e<br />

a riempire le piste di Alpi e Appennini. Anche Giuliano Razzoli,<br />

classe 1984, emiliano doc come la Bomba, spinto dalla passione<br />

del babbo (fabbro ma maestro di sci “per passione”), sulle nevi<br />

del comprensorio reggiano di Febbio, provava le prime curve.<br />

“Ero bravino, e così mi appassionai. A nove anni iniziai a fare le<br />

gare e da lì è partito l’iter classico: prima le competizioni giovanili<br />

al Cerreto, poi le gare Fis per raccogliere punti per la Coppa<br />

Europa e quella del Mondo. A 18 anni sono entrato in nazionale.”,<br />

ricorda Giuliano Razzoli, nella sua splendida acetaia a Razzolo,<br />

piccolo borgo in pietra a pochi chilometri da Villa Minozzo.<br />

Nel 2006 in Val Badia l’esordio in Coppa del Mondo, l’<strong>anno</strong><br />

dopo il primo podio e a 25 anni la prima vittoria. Era il 2010,<br />

l’<strong>anno</strong> delle Olimpiadi, a Vancouver, dove hai portato a casa<br />

l’oro in slalom speciale. Cosa ti ricordi di quel successo?<br />

Ricordo tutto, e tutto è stato bellissimo. Dagli allenamenti estivi,<br />

già con quell’obiettivo in testa, fino alla gara e alla telefonata del<br />

Presidente Napolitano poco dopo il traguardo. Una sfida e un<br />

percorso molto avvincenti.<br />

Dopo Tomba, un altro emiliano nell’olimpo dello sci. Ha pesato<br />

il paragone col campione bolognese?<br />

32 NEB


SOCIO IN EVIDENZA<br />

OLTRE A RAZZOLI, SOLO DUE ITALIANI<br />

HANNO VINTO LA MEDAGLIA D’ORO IN SLALOM:<br />

ALBERTO TOMBA E PIERO GROSS<br />

Lo h<strong>anno</strong> fatto diversi giornalisti ma è un paragone che non è<br />

mai esistito e che non poteva esistere. Albertone è un’altra cosa.<br />

Io speravo di fare almeno qualcosa di quel che ha fatto lui e<br />

diciamo che con l’oro olimpico ci sono riuscito.<br />

Dopo quell’<strong>anno</strong> fantastico sembravi inarrestabile, invece<br />

sono arrivati un po’ di problemi…<br />

In realtà i problemi ci sono stati anche prima del 2010, tra<br />

ginocchio e schiena gli infortuni han sempre segnato la mia<br />

carriera. A 16 anni, nel momento decisivo per la crescita di<br />

un’atleta, smisi di sciare per ben due anni e recuperare il gap<br />

fisico con gli altri fu difficile. Fortunatamente sono sempre<br />

riuscito a compensare con la tecnica.<br />

Dopo Vancouver hai fatto altre olimpiadi?<br />

Ho fatto il 2014 a Sochi mentre nel 2018 a Pyeongchang non ho<br />

partecipato: stavo tornando dalla rottura del crociato e non ero<br />

ancora all’altezza.<br />

In pochi credevano saresti riuscito ad arrivare a quella di<br />

Pechino di quest’<strong>anno</strong>.<br />

Il tempo passa e raggiungere certi obiettivi diventa sempre più<br />

difficile ma in realtà sto molto meglio in questi ultimi due anni<br />

che nei tre o quattro precedenti. E se il fisico sta bene, la mia<br />

sciata è sempre bella e competitiva.<br />

Tanto competitiva da arrivare a 26 centesimi di secondo,<br />

un battito di ciglia, da un podio che sarebbe stato davvero<br />

storico…<br />

Di come ho gareggiato a Pechino sono comunque molto<br />

contento, probabilmente la medaglia l’ho persa nell’ultima gara<br />

prima delle Olimpiadi: ho inforcato quando avevo il podio in mano,<br />

buttando via quei punti che mi avrebbero permesso di partire<br />

nella gara olimpica con con un pettorale migliore rispetto al 17. E<br />

forse avrei potuto fare una prima manche migliore di quella che<br />

ho fatto, recuperando quello che mancava dai primi tre. Un po’ ci<br />

si sono messi anche gli organizzatori che non barrarono la pista:<br />

quando sono sceso io c’erano diverse porte molto segnate.<br />

Oltre alle Olimpiadi, quali sono stati i momenti della tua<br />

carriera che ricordi con più piacere?<br />

Sicuramente i tanti ritorni dopo i periodi complicati. Come il podio<br />

del 2015 dopo anni senza risultati, o quello di quest’<strong>anno</strong> dopo i<br />

problemi al tendine rotuleo. Ricordo con piacere anche Madonna<br />

di Campiglio dove arrivai quinto partendo con il pettorale 69,<br />

riconquistando la Coppa del Mondo dopo uno dei tanti infortuni<br />

della mia carriera. Tornare ai vertici quando sembra tutto finito<br />

dà sicuramente molte soddisfazioni, ma per una volta sarebbe<br />

bello non dover ripartire sempre dal basso e rincorrere.<br />

Oltre allo sci, l’altra passione è l’aceto…<br />

Da buon emiliano, sono sempre stato appassionato di cose buone.<br />

Questa era l’acetaia di famiglia, con alcune botti che h<strong>anno</strong> più di<br />

sessant’anni, che adesso abbiamo deciso si ampliare mettendoci<br />

a produrre aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia Dop di<br />

altissima qualità.<br />

Emil Banca, di cui sei socio, quando l’hai conosciuta?<br />

È stata la mia prima banca, ci sono arrivato per relazioni e amicizie<br />

dirette. Il primo stipendio da militare, nel 2003, l’ho portato alla<br />

filiale di Villa Minozzo, allora Banca di Cavola e Sassuolo.<br />

Sei ancora militare?<br />

Sì, Alpino. Ma noi atleti siamo gestiti dalle Federazioni e non<br />

abbiamo obblighi con l’Arma se non quelli sportivi. Anche se<br />

quando ero giovane qualche nottata da piantone l’ho dovuta<br />

fare.<br />

Futuro?<br />

Quando sto bene fisicamente mi diverto e quindi sono qua,<br />

pronto a ripartire. Settimana prossima siamo sul ghiacciaio in<br />

Svizzera con il resto della Nazionale.<br />

Ci vediamo a Milano Cortina 2026?<br />

Alle prossime Olimpiadi avrei 41 anni. Chissà…<br />

IL RECORD- Il 16 gennaio <strong>2022</strong>, con il 3º posto conquistato nello slalom<br />

speciale di Wengen (nelle immagini di @Pentaphoto), ha stabilito<br />

il nuovo primato di atleta più anziano a salire sul podio in Coppa<br />

del Mondo in tale specialità, e lo sciatore italiano più vecchio di tutte<br />

le discipline dello sci alpino.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 33


COMITATI GIOVANI SOCI<br />

di BEATRICE DONETTI<br />

e FRANCESCA CERESOLI<br />

IL GEMELLAGGIO<br />

DEI GIOVANI SOCI<br />

Dopo due anni di pandemia il Comitato<br />

di Reggio Emilia e Parma ha organizzato<br />

un weekend per condividere esperienze<br />

ed energia con le Bcc Valdarno e Colli Albani<br />

Un meraviglioso weekend toscano,<br />

tra storia, sapori, natura e<br />

condivisione. Si potrebbe sintetizzare<br />

così il viaggio dello scorso maggio<br />

nel Valdarno, realizzato su iniziativa<br />

del Comitato Giovani soci Reggio Emilia-Parma<br />

di Emil Banca, insieme alla<br />

BCC Valdarno Fiorentino e alla BCC dei<br />

Colli Albani e dedicato ai giovani Soci.<br />

Si tratta del primo gemellaggio dopo<br />

due anni di pandemia tra BCC di diverse<br />

regioni, pensato per unire, conoscere<br />

e condividere esperienze. Il<br />

rapporto umano e l’energia dei giovani<br />

soci rappresentano dei valori originali<br />

ed unificanti del Credito Cooperativo,<br />

da conoscere e promuovere, un patrimonio<br />

di motivazione ed appartenenza<br />

da valorizzare.<br />

Guidati da esperti del territorio, i partecipanti<br />

h<strong>anno</strong> potuto in particolare<br />

ammirare il Castello di Sammezzano,<br />

un vero gioiello composto da 365 stanze<br />

che creano un immenso labirinto di<br />

colori, vedere (e degustare!) come nasce<br />

il nostro Olio Extra Vergine di Oliva<br />

(Frantoio Pasquini) e visitare Cascia<br />

di Reggello e la sua Pieve Romanica, il<br />

Museo di Arte Sacra con la Mostra del<br />

Masaccio e l’Abbazia benedettina fondata<br />

nel 1000 da San Giovanni Gualberto.<br />

Incantevole è stata anche la camminata,<br />

a cura dei carabinieri forestali,<br />

nell’arboreto di Vallombrosa: la riserva<br />

ospita circa 5000 esemplari di oltre<br />

1000 entità botaniche, appartenenti a<br />

generi provenienti da diverse parti del<br />

mondo. La sera, a suggellare il gemellaggio<br />

si è svolto anche un momentopiù<br />

istituzionale con lo scambio delle<br />

targhe commemorative tra i referenti<br />

dei vari Gruppi di giovani soci, che con<br />

l’occasione h<strong>anno</strong> anticipato le prossime<br />

attività e obiettivi. Il tutto accompagnato<br />

da karaoke, ottimo Chianti e una<br />

gustosa fiorentina.<br />

Una bellissima esperienza che i nostri<br />

giovani soci non vedono già l’ora di ripetere<br />

e che, chissà, non sia l’inizio di<br />

un grande progetto di gemellaggio tra<br />

tutte le Bcc.<br />

34 NEB


MODENA, BOLOGNA E FERRARA, PARMA E REGGIO EMILIA<br />

prossimi appuntamenti<br />

in breve<br />

DOMENICA 18 SETTEMBRE<br />

Grand Tour Giovani Soci<br />

nel ferrarese<br />

DOMENICA 16 OTTOBRE<br />

Grand Tour Giovani Soci<br />

nel piacentino<br />

Tante le iniziative realizzate<br />

da inizio <strong>anno</strong> e dedicate ai<br />

giovani Soci (come lezioni di<br />

cucina, visite guidate a mostre<br />

e a luoghi storici, esperienze<br />

presso realtà del territorio<br />

ecc.): scarica l’app PerTe per<br />

partecipare e non perdere le<br />

opportunità.<br />

BOLOGNA E FERRARA<br />

SERATA GOURMET PER IL BOSCO URBANO<br />

Una piacevole serata gourmet sui<br />

meravigliosi colli bolognesi è stata<br />

occasione per i giovani soci sia<br />

di incontro sia di contribuire alla<br />

sostenibilità ambientale del territorio:<br />

il ricavato dell’iniziativa è andato<br />

infatti a favore del progetto “Bosco<br />

Urbano”, promosso dall’associazione<br />

culturale Santa Bellezza, per la<br />

piantumazione di alberi in un’area da<br />

riqualificare a Pianoro.<br />

MODENA<br />

APERICENA PER RITROVARSI<br />

Un’apericena con i prodotti locali<br />

del territorio modenese e immersi<br />

nel verde: è questa la cornice<br />

che h<strong>anno</strong> scelto i ragazzi del<br />

Comitato giovani soci di Modena<br />

per riprendere le attività in<br />

presenza e definire i prossimi<br />

progetti, che continuer<strong>anno</strong> a<br />

comprendere anche iniziative<br />

di solidarietà e di sostegno al<br />

territorio.<br />

I GIOVANI SOCI DI REGGIO EMILIA E PARMA<br />

API LIBERE:<br />

IL MIELE È BIO<br />

L’adozione di un alverare e tutti<br />

i passaggi per ottenere i vasetti<br />

Inostri giovani soci, grazie al progetto “Adozione di un alveare<br />

Emil Banca” della fattoria Api libere a Codemondo (RE),<br />

st<strong>anno</strong> seguendo uno speciale corso di formazione sul mondo<br />

delle api e sul percorso del miele bio italiano dal campo<br />

alla tavola, scoprendo i meccanismi dell’allevamento in agricoltura<br />

biologica delle api.<br />

Grazie ai primi due appuntamenti tenutisi il 21 maggio e il 23<br />

luglio scorsi, i partecipanti h<strong>anno</strong> potuto in particolare visitare<br />

il campo delle api, posare il melario e successivamente<br />

effettuare l’operazione di smielatura.<br />

Il 17 settembre l’iniziativa si conclude con l’invasettamento<br />

del miele e un momento conviviale con la consegna di un tris<br />

di miele di millefiori biologico prodotto dalla fattoria.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 35


BANCA E TERRITORIO<br />

L’INAUGURAZIONE DELL’OPERA DI VITTORIA PARRINELLO<br />

IL “PER-DONO” A CHI ENTRA<br />

NEL COMUNE DI CANOSSA<br />

La statua installata nella rotonda all’ingresso del paese è<br />

stata scelta attraverso il concorso Riconciliazione e Grazia<br />

ongratulazioni a tutti”, ha esor-<br />

così il sindaco di Canossa, “Cdito<br />

Luca Bolondi, lo scorso giugno in occasione<br />

dell’inaugurazione della statua<br />

chiamata Per-Dono installata nella rotonda<br />

all’ingresso del Comune.<br />

La scultura, realizzata in vetro termoformato<br />

e temprato e coperta da una<br />

pellicola protettiva di sicurezza, è alta<br />

tre metri ed è stata realizzata dall’artista<br />

Vittoria Parrinello che si è aggiudicata<br />

il concorso “Riconciliazione e Grazia”<br />

lanciato nell’agosto 2020 per una<br />

rivisitazione formale del tema del perdono.<br />

Il progetto è stato possibile grazie<br />

all’impegno dell’Associazione Canossa<br />

Stone, di Emil Banca e del suo<br />

Comitato Soci locale, oltre che del Comune.<br />

“Canossa - ha concluso il sindaco<br />

durante la cerimonia a cui ha partecipato<br />

anche il vicedirettore di Emil<br />

Banca, Matteo Passini - ora ha la sua<br />

scultura grazie anche alla scuola di<br />

Scultura su Pietra di Canossa che da<br />

anni esercita sul territorio e non solo un<br />

grande impegno con altrettanti importanti<br />

risultati. Grazie a tutti quelli che<br />

h<strong>anno</strong> reso possibile questo progetto”.<br />

GUASTALLA<br />

Taglio del nastro<br />

per il Pala Chiarelli<br />

Lo scoro 8 maggio, con una<br />

bellissima festa di comunità,<br />

è stato inaugurato il nuovo<br />

palazzo dello sport di Guastalla<br />

la cui realizzazione ha<br />

visto il convinto sostegno di<br />

Emil Banca e del locale Comitato<br />

Soci. Alla cerimonia, oltre<br />

alle autorità locali e a centinaia<br />

di cittadini, h<strong>anno</strong><br />

partecipato anche il presidente<br />

della Regione, Stefano<br />

Bonaccini, e Valentina Vezzali,<br />

Sottosegretario di Stato<br />

alla Presidenza del Consiglio<br />

dei Ministri. Il “Pala Chiarelli<br />

Donati” è un’opera, attesa da<br />

tempo, che sarà al servizio<br />

non solo della città ma dell’intero<br />

territorio della Bassa<br />

reggiana e mantovana, per<br />

svolgere attività sportive e<br />

scolastiche, ma anche per<br />

ospitare concerti, mostre e<br />

assemblee di varia natura.<br />

36 NEB


BANCA E TERRITORIO<br />

La nuova vita della chiesa<br />

di San Pantaleone di Medesano<br />

Dopo quasi 900 giorni di buio è stata<br />

riaperta dopo i lavori di messa in sicurezza<br />

e riqualificazione generale, la chiesa di San<br />

Pantaleone di Medesano. Durante l’inaugurazione<br />

il parroco Don Francesco Ponci ed il Sindaco<br />

Michele Giovanelli h<strong>anno</strong> ringraziato apertamente<br />

il Comitato di Parma provincia per la sensibilità<br />

dimostrata per aver contribuito ai lavori. Nella<br />

foto, assieme a Sindaco e parroco, Giancarlo<br />

Mandelli e Alessandro Squeri, del Comitato, e<br />

Matteo Corpieri della filiale.<br />

A PARMA UN CONVEGNO SULL’ECONOMIA SOSTENIBILE<br />

BANCA, IMPRESA E ATENEO<br />

PER L’AGENDA ONU 2030<br />

Il ruolo di università, impresa e banca<br />

per una economia sostenibile. Di<br />

questo si è parlato, lo scorso maggio,<br />

durate un convegno organizzato dal<br />

Comitato Soci Parma Città presieduto<br />

dal professor Alfredo Alessandrini. Ai<br />

lavori ha partecipato anche Fabrizio<br />

Storti, Prorettore dell’Università di Parma,<br />

che ha illustrato l’impegno degli<br />

atenei nella formazione e nella ricerca,<br />

evidenziando come la sostenibilità ambientale<br />

non sia scindibile da quella<br />

economica e sociale. Della sfida globale<br />

della sostenibilità h<strong>anno</strong> poi parlato i<br />

professori Pier Luigi Marchini e Veronica<br />

Tibiletti, del Dipartimento di Scienze<br />

Economiche e Aziendali dell’Università<br />

di Parma, e Ombretta Sarassi, general<br />

manager Opem Spa. Ha chiuso i lavori<br />

Daniele Ravaglia, direttore Generale,<br />

che ha spiegato come Emil Banca, grazie<br />

all’adozione di un Piano triennale di<br />

sostenibilità, si sia dotata di una strategia<br />

integrata mirata e di un sistema di<br />

controllo e rendicontazione sui temi<br />

dell’agenda ONU 2030.<br />

MEDESANO<br />

In festa per il centro<br />

sportivo Maniforti<br />

Dopo diversi lavori di riqualificazione<br />

sostenuti anche dal<br />

locale Comitato soci, lo scorso<br />

4 giugno si è tenuta l’inaugurazione<br />

del centro sportivo Ivo<br />

Maniforti di Medesano. In tanti<br />

non h<strong>anno</strong> voluto mancare alla<br />

giornata di festa per uno dei<br />

più importanti centri di aggregazione<br />

e di interesse del paese.<br />

I padroni di casa, il Sindaco<br />

di Medesano Michele Giovanelli<br />

ed il presidente della società<br />

sportiva Fornovo Medesano<br />

Alessandro Squeri, h<strong>anno</strong> avuto<br />

l’onore di ospitare il Presidente<br />

della Regione Emilia Romagna<br />

Stefano Bonaccini.<br />

Settembre <strong>2022</strong> 37


BANCA E TERRITORIO<br />

I CONTRIBUTI PER LE FAMIGLIE A BASSO REDDITO<br />

DUE CITTÀ UNITE DAL RUGBY:<br />

EMIL BANCA ABBRACCIA<br />

BOLOGNA E LYONS PIACENZA<br />

Domenica 18 settembre, a Piacenza,<br />

si è svolto il “Torneo Due Città<br />

EmilBanca”, evento promosso da<br />

Emil Banca, da tempo<br />

main sponsor del Bologna<br />

Rugby Club, una<br />

delle squadre della<br />

palla ovale più antiche<br />

d’Italia, e, da<br />

quest’<strong>anno</strong>, anche<br />

delle giovanili dei<br />

Lyons Piacenza, la squadra<br />

che milita nella categoria<br />

di vertice del rugby italiano.<br />

Dopo questa edizione di lancio,<br />

il Torneo si ripeterà ogni<br />

<strong>anno</strong> e vedrà affrontarsi le<br />

squadre Under 15, Under 17<br />

e Under 19 del Bologna<br />

Rugby Club e del Rugby<br />

Lyons Piacenza. Emil Banca,<br />

da sempre vicina alla promozione<br />

dello sport di base sul<br />

territorio emiliano-romagnolo,<br />

oltre a<br />

patrocinare il<br />

torneo, finanzierà<br />

10 quote<br />

di iscrizioni<br />

annuali alle<br />

due Società<br />

(cinque cadauna),<br />

per i<br />

ragazzi con età inferiore<br />

ai 15 anni, appartenenti<br />

a famiglie con<br />

basso reddito, per permettere<br />

loro di conoscere<br />

e praticare il rugby<br />

senza aggravio<br />

economico sull’economia<br />

familiare.<br />

SULLE MAGLIE DELLA AC REGGIANA 1919 - Continua anche quest’<strong>anno</strong> la collaborazione con<br />

la Reggiana Calcio, impegnata nel campionato di serie C. Si consolida così il rapporto iniziato nell’ambito<br />

del Centenario Granata nella stagione 2019-2020 (nella foto, la presentazione della stagione 22-23).<br />

UNA NUOVA SFIDA<br />

Sulle maglie<br />

della Geetit Pallavolo<br />

per riportare<br />

Bologna in alto<br />

È partita da Mug la nuova stagione<br />

della Geetit Pallavolo<br />

Bologna che da quest’<strong>anno</strong><br />

sarà affiancata anche da Emil<br />

Banca. Quella che inizierà ad<br />

ottobre sarà la quarta stagione<br />

sportiva della società nata<br />

dall’unione di sette realtà del<br />

territorio: Pallavolo Budrio,<br />

CrevaVolley, Savena Volley,<br />

Pallavolo Imola, Valsamoggia<br />

Volley, YZ Volley, Pallavolo San<br />

Lazzaro. La Geetit, come lo<br />

scorso <strong>anno</strong>, affronterà il campionato<br />

di serie A3.<br />

38 NEB


BANCA E TERRITORIO<br />

DA PIACENZA A LOIANO PER RIBADIRE CHE C’È UNA TERRA SOLA<br />

L’EVERGREEN FEST COLORA<br />

L’APPENNINO BOLOGNESE<br />

L’associazione Viva il Verde con il supporto dei Comitati<br />

soci locali ha coinvolto circa 500 studenti del territorio<br />

Da marzo a giugno, con il sostegno dei<br />

Comitati soci di Loiano, Madonna dei<br />

Fornelli, Monzuno e Pianoro, si è tenuto il<br />

Bologna Montana Evergreen Fest, il Festival<br />

dell’Ambiente e della Sostenibilità organizzato<br />

dall’Associazione Viva il Verde<br />

che ha previsto una quarantina di eventi<br />

che si sono tenuti nei territori dei comuni<br />

dell’Appennino bolognese.<br />

Il progetto ha preso il via, a marzo, con la<br />

campagna di educazione ambientale<br />

“Viva il verde natural-mente” rivolta alle<br />

classi elementari e medie di Loiano, Monghidoro,<br />

Monzuno e San Benedetto Val di<br />

Sambro. L’iniziativa ha previsto un percorso<br />

formativo che ha coinvolto circa 500<br />

ragazzi e si è conclusa il 5 giugno in occasione<br />

della Giornata Mondiale dell’ambiente<br />

con l’esposizione nei 4 comuni dei<br />

lavori (disegni, collage, foto, ecc.) realizzati<br />

dai ragazzi e la proclamazione dei vincitori.<br />

Dei lavori risultati vincitori sar<strong>anno</strong><br />

realizzati quattro maxi poster che sar<strong>anno</strong><br />

affissi nei comuni coinvolti.<br />

Il calendario del Festival ha previsto anche<br />

conferenze, convegni, campus, sport,<br />

spettacoli e intrattenimento, enogastronomia,<br />

benessere, mercato km 0, educazione<br />

ambientale, escursioni e Notti Verdi.<br />

Il 28 maggio la Staffetta Ambientale Transappenninica<br />

“solo una terra”, realizzata<br />

dai runner di Viva il Verde ha toccato in<br />

32 ore i territori dell’Appennino emiliano<br />

partendo da Piacenza per arrivare, dopo<br />

aver percorso circa 330 km, a Loiano per<br />

condividere il messaggio ambinetale. I paesi<br />

attraversati sono stati: Castell’Arquato,<br />

Varano de’ Melegari, Fornovo Taro, Cale-<br />

stano, Castelnovo ne’ Monti, Serramazzoni,<br />

Zocca, Vergato, Marzabotto, S. Benedetto<br />

Val di Sambro, Monzuno,<br />

Monghidoro, Loiano. Del tema “solo una<br />

terra” è stato realizzato anche un concorso<br />

rivolto ai soci AIAP (associazione italiana<br />

design della comunicazione visiva).<br />

Fra tutte le opere arrivate ne sono state<br />

selezionate 13 di cui sono state realizzate<br />

delle grandi installazioni collocate una<br />

per ogni paese attraversato dalla staffetta<br />

con l’obiettivo di creare una “mostra permanente”<br />

lunga 330 km. Infine, sempre il<br />

5 giugno, circa 150 volontari si sono occupati<br />

della pulizia e salvaguardia dei territori<br />

dei cinque comuni. Un’operazione<br />

che ha portato ottimi risultati: sono stati<br />

infatti raccolti rifiuti per circa 20 quintali.<br />

MODENA<br />

Massimo Simoncini<br />

Emil Banca col Cefa<br />

Riempie il Mondo di Verde<br />

Emil Banca anche quest’<strong>anno</strong> è stata<br />

partner del Cefa Onlus nell’organizzazione<br />

di Riempi il Mondo di Verde, una<br />

giornata a Modena dedicata alla tutela<br />

dell’ambiente. Nella foto, il consigliere<br />

d’amministrazione, Assuero Zampini,<br />

membro del Comitato di Sostenibilità<br />

della Banca, che lo scorso maggio ha<br />

partecipato al convegno di lancio dell’iniziativa.<br />

Settembre <strong>2022</strong><br />

39


BANCA E TERRITORIO<br />

BUDRIO<br />

IL 22 OTTOBRE UNA VISITA GUIDATA PER I SOCI<br />

CARLO ALBERTO PIZZARDI<br />

A 100 ANNI DALLA MORTE<br />

Fino a dicembre un ricco calendario di eventi ricorda la figura del<br />

filantropo che ha cambiato volto a Bentivoglio e Castel Maggiore<br />

Nel <strong>2022</strong> ricorre il centenario della<br />

morte di Carlo Alberto Pizzardi, imprenditore,<br />

filantropo, promotore dell’Aemilia<br />

Ars, la cui storia si intreccia a quella economica,<br />

sociale, politica, sanitaria e artistica<br />

di Bologna e del suo territorio. Per ricordarlo,<br />

con il sostegno di Emil Banca, continua<br />

fino a dicembre un ricco calendario di appuntamenti<br />

per approfondire la storia di<br />

una famiglia che rimane poco conosciuta e<br />

dai molti aspetti enigmatici. I Pizzardi riuscirono<br />

ad accumulare beni e fortuna grazie<br />

all’acquisto di <strong>numero</strong>se proprietà terriere<br />

tra l’Emilia e la Romagna, ottenendo<br />

perfino il titolo nobiliare del marchesato<br />

grazie all’impulso dato allo sviluppo economico<br />

di Castel Maggiore, la cui attuale denominazione<br />

risale proprio ai cambiamenti<br />

apportati dai Pizzardi. Qui la famiglia fece<br />

erigere il municipio, il Palazzo Hercolani,<br />

l’Oratorio di San Gaetano e le Officine Meccaniche.<br />

Il nome di Carlo Alberto è particolarmente<br />

legato a Bentivoglio, dove promosse il recupero<br />

del Castello adibendolo durante il<br />

periodo della prima guerra mondiale ad<br />

ospedale militare e ancor prima ad asilo<br />

per i figli dei propri braccianti.<br />

La sua sensibilità di sostenitore della salute,<br />

si tradusse in interventi di bonifica e di<br />

meccanizzazione delle sue terre e nella<br />

promozione della costruzione degli ospedali<br />

Bellaria, Maggiore e di Bentivoglio.<br />

Coinvolse le personalità più interessanti<br />

dell’Aemilia Ars come Rubbiani, Casanova,<br />

Paul Cézanne e l’ebanista Fiorfurono nella<br />

realizzazione della sua casa bolognese (palazzo<br />

Ratta) e di Palazzo Rosso a Bentivoglio,<br />

che oggi ospita la biblioteca e la Sala<br />

del Consiglio Comunale, dove è ancora<br />

possibile ammirare le splendide decorazioni<br />

dello scalone e della sala dello Zodiaco.<br />

All’interno delle celebrazioni, il Comitato<br />

ha fissato per il 22 ottobre un evento dedicato<br />

ai Soci. Si tratta di una visita guidata<br />

gratuita, loro riservata, assieme alla referente<br />

dell’Unione Reno Galliera, Elisa Busato<br />

(le informazioni su come partecipare<br />

sarannno diffuse attraverso l’App PerTe).<br />

Transizione ecologica:<br />

un’opportunità<br />

per il mondo agricolo<br />

“Agricoltura sostenibile: trasformare<br />

le opportunità in<br />

competitività”. Questo il titolo<br />

del convegno organizzato da<br />

Emil Banca all’interno del programma<br />

di Primaveranda <strong>2022</strong><br />

a Budrio, sostenuto dal Comitato<br />

di Molinella. Nella sala Ottagonale<br />

delle Torri d’Acqua,<br />

introdotti dalla referente del<br />

Comitato, Cristina Bottoni, ne<br />

h<strong>anno</strong> discusso Gian Luca Galletti,<br />

vicepresidente di Emil<br />

Banca, Marco Marcatili, Responsabile<br />

Sviluppo di Nomisma,<br />

e Camillo Gardini, presidente<br />

di Agri 2000, la società<br />

che assieme ad Emil Banca è<br />

impegnata in un progetto pluriennale<br />

per diffondere la cultura<br />

manageriale all’interno del<br />

mondo agricolo.<br />

A novembre il convegno sarà replicato<br />

a Castelnovo Monti (RE).<br />

40 NEB


BANCA E TERRITORIO<br />

BOLOGNA<br />

Aperitivo a bordo piscina<br />

al Savoia Regency<br />

Una cena a bordo piscina presso Il Savoia<br />

Regency Hotel di Bologna a inizio<br />

luglio è stata la piacevole occasione di<br />

reincontro, dopo la pandemia, dei soci del<br />

Comitato di Bologna. Durante la serata<br />

anche la sorpresa di un gruppo di giovani<br />

nuotatrici sincronizzate che si sono esibite<br />

per gli ospiti.<br />

SAN BENDETTO VAL DI SAMBRO GUARDA AL FUTURO<br />

NON SOLO VIA DEGLI DEI:<br />

UN PIANO PER IL TURISMO<br />

Realizzato dalla JFC di Faenza, delinea la vision da seguire per<br />

cogliere le opportunità che vengono dai cambiamenti sociali<br />

Un Marketing & Strategy Plan per<br />

progettare il futuro del turismo a<br />

San Benedetto val di Sambro.<br />

Il drastico cambiamento che la società<br />

e l’economia h<strong>anno</strong> vissuto negli ultimi<br />

anni, tra Covid e guerra, ha modificato i<br />

comportamenti di consumo delle persone.<br />

Soprattutto in ambito turistico,<br />

settore condizionato come pochi altri<br />

da fattori quali la serenità, il piacere, le<br />

relazioni umane e la socializzazione. In<br />

questo contesto, il Comune di San Benedetto<br />

Val di Sambro ha deciso di delineare<br />

con estrema chiarezza il proprio<br />

futuro turistico, disegnando il percorso<br />

da seguire per garantire stabilità economica<br />

e sociale al territorio. Il piano,<br />

sostenuto anche da Emil Banca e<br />

Ascom, è stato realizzato dalla società<br />

JFC di Faenza, specializzata in pianificazione<br />

strategica in ambito commerciale<br />

e turistico. La vision del piano presentato<br />

la scorsa estate si basa su tre<br />

diversi versanti: il mantenimento dell’alto<br />

appeal della Via degli Dei, affiancandogli<br />

la Via Mater Dei, l’inserimento del<br />

territorio in un’area di mercato attualmente<br />

non acquisita, grazie a innovazione<br />

di prodotto ed experience, e la<br />

profilazione di una precisa clientela,<br />

senza disperdere energie e risorse.<br />

FIORENZUOLA<br />

Stramlòn <strong>2022</strong><br />

tra sport e divertimento<br />

È davvero positivo il bilancio dell’edizione<br />

‘22 della Stramlòn , partecipato<br />

e coinvolgente evento ludicosportivo<br />

promosso dall’ASD Darwin<br />

Knew Basketball e sostenuto<br />

dalla nostra Banca. Lo scorso primo<br />

luglio a Fiorenzuola, il nostro<br />

stand è stato animato dal via vai<br />

delle squadre, preparatissime anche<br />

sul mondo della nostra Bcc, alle<br />

prese con il quiz per conquistare<br />

un bonus punti.<br />

APERICENA IN VIGNA - Lo scorso giugno il Comitato Soci di Pianoro ha organizzato<br />

una serata nell’azienda agricola Podere Riosto dove si producono i vini<br />

del Consorzio dei Colli Bolognesi. Il ricavato è stato devoluto all’Ant.<br />

Settembre <strong>2022</strong><br />

41


APPUNTAMENTO A...<br />

Giovedì 29 settembre<br />

Agricoltura sostenibile<br />

CASTELNOVO NÈ MONTI - Nell’ambito della<br />

Fiera di San Michele, il Comitato soci Appennino<br />

Reggiano ha organizzato un convegno<br />

aperto a tutti sul tema: Agricoltura sostenibile:<br />

trasformare le opportunità in competitività.<br />

L’ANNIVERSARIO<br />

I 120 anni della Cassa di Molinella<br />

MOLINELLA (BO) - Domenica 9 ottobre sono in programma<br />

celebrazione dei 120 anni dalla nascita della Cassa Rurale di Molinella<br />

presso Villa Malvezzi Evento organizzato dal Comitato di<br />

Molinella riservata ai soci; prenotazioni in app Per Te alla pubblicazione<br />

della relativa news.i<br />

Sabato 1 ottobre<br />

I Giovani soci a Fico<br />

BOLOGNA - Pomeriggio con apericena, e gioco<br />

cooperativo, a Fico organizzato dai Comitati giovani<br />

soci e riservata ai soci under 35.<br />

Mercoledì 12 ottobre<br />

La Bologna delle chiese<br />

BOLOGNA - È in calendario una passeggiata<br />

guidata “La Bologna delle Chiese” organizzata dal<br />

Comitato di Bologna e riservata ai soli soci delle<br />

filiali di riferimento.<br />

Domenica 16 ottobre<br />

In piazza con il CEFA<br />

BOLOGNA - È la giornata mondiale dell’Alimentazione<br />

promossa da Cefa in Piazza Maggiore -<br />

Evento pubblico di pixel art e solidarietà aperto a<br />

tutti con inizio alle ore 10.00 a sostegno dei progetti<br />

della ong bolognese nel Corno d’Africa.<br />

Domenica 16 ottobre<br />

Grand Tour a Piacenza<br />

BOLOGNA - Evento pubblico aperto a tutti. Itinerari<br />

speciali per i soci.<br />

Info su emilbancatour.it/terre-piacentine.<br />

LA MOSTRA<br />

Mattei: Genesi di un’Apocalisse<br />

BOLOGNA - Giovedì 20 ottobre si terrà l’Inaugurazione della<br />

Mostra del socio Luigi Enzo Mattei GENESI DI UN’APOCALISSE<br />

presso la Sala Marconi del Business Park a Bologna. Un nuovo<br />

progetto espositivo per la sede Emil Banca visitabile gratuitamente<br />

anche nei mesi successivi.<br />

Sabato 22 ottobre<br />

Ricordando Carlo Alberto Pizzardi<br />

BENTIVOGLIO (BO) - Visita guidata gratuita al Castello di Bentivoglio, Mulino<br />

e Palazzo Rosso nell’ambito della ricorrenza del centenario di Carlo<br />

Alberto Pizzardi, organizzata dal Comitato Soci di Argelato riservata ai soci<br />

delle filiali di riferimento.<br />

Mercoledì 26 ottobre<br />

La Bologna degli oratori<br />

BOLOGNA - Passeggiata guidata “La Bologna degli oratori” Organizzata<br />

dal Comitato soci di Bologna riservata ai soli soci delle filiali di riferimento.<br />

PER PRENOTARE GLI EVENTI<br />

Tutti gli eventi dedicati ai soci<br />

vengono promossi attraverso<br />

L’App Per Te. Per prenotare,<br />

quando necessario, basta seguire<br />

le indicazioni che si trovano<br />

in coda alla relativa news<br />

una volta pubblicata.<br />

Per restare sempre aggiornati: www.emilbanca.it<br />

42 NEB


www.cartabcc.it<br />

www.cartabcc.it<br />

www.cartabcc.it<br />

www.cartabcc.it<br />

Premiati<br />

Premiati<br />

Revolution:<br />

Revolution: è<br />

nella<br />

nella<br />

semplicità<br />

semplicità<br />

la<br />

la<br />

vera<br />

vera<br />

rivoluzione.<br />

rivoluzione.<br />

Premiati Per tutti i titolari Revolution: di carta di credito è nella personale semplicità CartaBCC la e vera VentisCard rivoluzione. cogliere<br />

Per tutti titolari di carta di credito personale CartaBCC VentisCard cogliere<br />

Premiati Per tutte tutti le opportunità i titolari Revolution: di carta che offre di credito è Premiati nella personale semplicità Revolution CartaBCC è davvero la e vera VentisCard semplice. rivoluzione. cogliere<br />

tutte le opportunità che offre Premiati Revolution davvero semplice.<br />

Per<br />

tutte<br />

tutti<br />

le opportunità<br />

i titolari di carta<br />

che offre<br />

di credito<br />

Premiati<br />

personale<br />

Revolution<br />

CartaBCC<br />

è davvero<br />

e VentisCard<br />

semplice.<br />

cogliere<br />

tutte<br />

Scopri<br />

Scopri le<br />

di<br />

di opportunità<br />

più su www.premiati.gruppoiccrea.it<br />

più su www.premiati.gruppoiccrea.it<br />

che offre Premiati Revolution è davvero semplice.<br />

Scopri di più su www.premiati.gruppoiccrea.it<br />

Premiati Revolution <strong>2022</strong>-2023: Operazione a premi promossa da Iccrea Banca S.p.A e BCC Pay S.p.A. valida dal 28 maggio <strong>2022</strong><br />

Premiati al 26 maggio Revolution 2023 per <strong>2022</strong>-2023: i destinatari Operazione aventi le a caratteristiche premi promossa dettagliate da Iccrea nello Banca specifico S.p.A e regolamento BCC Pay S.p.A. consultabile valida dal su 28 www.premiati.<br />

maggio <strong>2022</strong><br />

al<br />

Premiati<br />

26 maggio<br />

Revolution<br />

2023 per<br />

<strong>2022</strong>-2023:<br />

i destinatari<br />

Operazione<br />

aventi le<br />

a<br />

caratteristiche<br />

premi promossa<br />

dettagliate<br />

da Iccrea<br />

nello<br />

Banca<br />

specifico<br />

S.p.A e<br />

regolamento<br />

BCC Pay S.p.A.<br />

consultabile<br />

valida dal<br />

su<br />

28<br />

www.premiati.<br />

maggio <strong>2022</strong><br />

gruppoiccrea.it.<br />

al 26 maggio 2023<br />

Montepremi<br />

per i destinatari<br />

€300.000<br />

aventi<br />

(iva<br />

le<br />

esclusa).<br />

caratteristiche dettagliate nello specifico regolamento consultabile su www.premiati.<br />

gruppoiccrea.it. Montepremi €300.000 (iva esclusa).<br />

gruppoiccrea.it. Montepremi €300.000 (iva esclusa).<br />

Scopri di più su www.premiati.gruppoiccrea.it<br />

Immagine concessa in licenza da Shutterstock.com<br />

Immagine concessa in licenza da Shutterstock.com<br />

Premiati Revolution <strong>2022</strong>-2023: Operazione a premi promossa da Iccrea Banca S.p.A e BCC Pay S.p.A. valida dal 28 maggio <strong>2022</strong><br />

Immagine concessa in licenza da Shutterstock.com<br />

al 26 maggio 2023 per i destinatari aventi le caratteristiche dettagliate nello specifico regolamento consultabile su www.premiati.<br />

gruppoiccrea.it. Montepremi €300.000 (iva esclusa).


UNA DOMENICA PER ESPLORARE L’EMILIA<br />

16 OTTOBRE<br />

Terre piacentine<br />

Edizione<br />

speciale<br />

<strong>2022</strong><br />

per i<br />

di<br />

10<br />

anni<br />

NATURA, ARTE, ECCELLENZE E SOSTENIBILITÀ<br />

IL CUORE NEL TERRITORIO<br />

VERSIONE<br />

POSITIVA<br />

VERDE<br />

PRENOTAZIONI, INFO E<br />

PROGRAMMA SU EMILBANCATOUR.IT<br />

Seguici su<br />

#grandtoureb22<br />

Con il patrocinio di<br />

In collaborazione con<br />

emilia romagna

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!