06.07.2023 Views

ORS Relazione Annuale 2022

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

<strong>ORS</strong><br />

RELAZIONE ANNUALE<br />

<strong>2022</strong><br />

Neutrali, flessibili, affidabili.<br />

1


2<br />

FLESSIBILI


NEUTRALI<br />

AFFIDABILI<br />

3


4


I N D I C E<br />

EDITORIALE:<br />

FLESSIBILITÀ IN TEMPI ECCEZIONALI<br />

FATTI E NUMERI<br />

<strong>ORS</strong> SVIZZERA<br />

Tappe fondamentali<br />

Ritratto di Giordana Biaggio Lazzeri<br />

Ritratto di Roger Hasler<br />

<strong>ORS</strong> GERMANIA<br />

Tappe fondamentali<br />

Ritratto di Antje-Hellen Nekhili<br />

Ritratto di Martin Kinzel<br />

<strong>ORS</strong> ITALIA<br />

Tappe fondamentali<br />

Ritratto di Miriam Arensi<br />

<strong>ORS</strong> AUSTRIA<br />

Tappe fondamentali<br />

Ritratto di Lisa Buhne<br />

<strong>ORS</strong> - A SERCO COMPANY<br />

Anniversario - 30 anni <strong>ORS</strong><br />

Ritratto di Melanie Schnetzer<br />

Ritratto di Fraser Moore<br />

Risultato annuale<br />

Comitato consultivo di <strong>ORS</strong> – Ritratto di Erwin Jutzet<br />

Formazione continua<br />

Glossario<br />

Note editoriali<br />

5


Gentili lettori e lettrici<br />

Ci sono periodi normali e periodi eccezionali,<br />

e qualche volta ci sono anche<br />

periodi di crisi. Al momento stiamo<br />

vivendo senza ombra di dubbio una crisi<br />

di questo tipo innescata dalla guerra<br />

in Ucraina, che mette alla prova anche<br />

la politica migratoria.<br />

L’aiuto flessibile per i rifugiati è<br />

fondamentale<br />

In momenti di crisi ed emergenza è<br />

importante aiutare: subito, senza complicazioni<br />

burocratiche e con flessibilità.<br />

Una grossa parte di merito per il<br />

fatto che Svizzera, Germania, Austria<br />

e Italia abbiano gestito e continuino a<br />

gestire la più grande crisi di rifugiati<br />

dalla seconda guerra mondiale va al<br />

personale di <strong>ORS</strong>.<br />

<strong>ORS</strong> è una partner rilevante<br />

per il sistema<br />

Nel <strong>2022</strong> e fino alla fine di marzo 2023,<br />

solo la Svizzera ha accolto quasi 85’000<br />

rifugiati provenienti dall’Ucraina e oltre<br />

30’000 richiedenti asilo legati alla<br />

6


E D I T O R I A L E<br />

migrazione regolare. La maggior parte<br />

di loro è stata seguita da <strong>ORS</strong>. L’afflusso<br />

ha messo le autorità e altre organizzazioni<br />

davanti a sfide enormi. Durante<br />

la crisi <strong>ORS</strong> ha assunto 1000 nuovi<br />

operatori. Siamo diventati una partner<br />

importante per il settore pubblico.<br />

Il nostro obiettivo dichiarato nel lavoro<br />

di assistenza è quello di soddisfare i<br />

massimi requisiti, innanzitutto in prima<br />

persona e con la qualità dell’assistenza<br />

che forniamo. Come unica azienda privata<br />

nel settore delle migrazioni, rispettare<br />

gli standard più elevati per noi è<br />

implicito, anche in condizioni difficili.<br />

Per tale motivo <strong>ORS</strong> investe molto nella<br />

formazione e nel perfezionamento del<br />

personale. Anche i media sono consapevoli<br />

che i nostri standard di qualità nel<br />

lavoro quotidiano sono elevati e quando<br />

muovono delle critiche, lo fanno spesso<br />

per motivi ideologici, oppure fondamentalmente<br />

per attaccare le regole del<br />

sistema di asilo stabilite dalla politica.<br />

Un nuovo capitolo nella storia<br />

di <strong>ORS</strong><br />

L’anno d’esercizio <strong>2022</strong> segna l’inizio<br />

di un nuovo capitolo della nostra storia<br />

di successi. Con l’acquisizione da parte<br />

del fornitore globale di servizi Serco,<br />

abbiamo ora un proprietario dotato di<br />

un orientamento strategico. Sono lieto<br />

di sviluppare ulteriormente la nostra<br />

attività in Europa.<br />

L’anno d’esercizio passato è stato caratterizzato<br />

anche da un momento particolare:<br />

a settembre abbiamo festeggiato<br />

i 30 anni di <strong>ORS</strong>! La grande festa con<br />

tutta la famiglia <strong>ORS</strong> è stata per me e<br />

per tutto il team un’esperienza unica!<br />

A questo punto non mi resta che<br />

auguravi una buona lettura con la<br />

nostra relazione annuale.<br />

Cordiali saluti<br />

Jürg Rötheli<br />

CEO Gruppo <strong>ORS</strong><br />

7


F A T T I E<br />

4<br />

Paesi<br />

Operativi in 4 paesi | Rappresentanze in 2 paesi | 1 Liaison O<br />

fice nell’UE<br />

Sede principale e uf<br />

CH Zurigo<br />

DE Friburgo<br />

AT Vienna<br />

IT Roma<br />

BE Bruxelles<br />

ES Madrid<br />

GR Atene<br />

fici locali<br />

CH 95+ | DE 17 |<br />

IT 5 | AT 5<br />

44 %<br />

120 +<br />

mandati<br />

Strutture di assistenza<br />

8


N U M E R I<br />

CH 1’500+ | DE 700+<br />

| IT 70+ | AT 30+<br />

2’300 +<br />

Organico<br />

63 %<br />

95 %<br />

CH 16’000+ | DE 10’000+ | IT 900+ | AT 300+<br />

28’000 +<br />

Posti letto<br />

9<br />

Aggiornamento al: 31.12.<strong>2022</strong>


10


SVIZZERA<br />

11


T A P P E F O N<br />

D<br />

Aperture<br />

KU Zollikon ZH<br />

CR Enggistein BE<br />

Mandato comunale Zeiningen AG<br />

Aperture<br />

Mandato comunale Hunzenschwil AG<br />

Aperture<br />

CFA Bure JU<br />

DZ Fridau, Egerkingen SO<br />

KU Burgdorf BE per i rifugiati ucraini<br />

Mandato comunale Winterthur ZH<br />

Mandato comunale Zeiningen AG<br />

Centro di accoglienza cantonale per i rifugiati ucraini a FR<br />

Inizio coordinamento<br />

Famiglie ospitanti che offrono alloggio<br />

ai rifugiati ucraini Canton FR<br />

Aperture<br />

CFA Neuchlen SG<br />

CFA Les Rochat VD<br />

CFA Chamblon VD<br />

CFA Liestal BL<br />

DZ Balmberg SO<br />

KU Winterthur ZH<br />

KU Frick AG<br />

Mandato comunale Biberstein AG<br />

Mandato comunale Urdorf ZH<br />

Mandato comunale Zollikon ZH<br />

Aperture<br />

Biberstein AG<br />

Aperture<br />

KU Richterswil ZH<br />

KU Dianapark Rheinfelden AG<br />

Mandato comunale Rümlang ZH<br />

12


A M E N T A L I<br />

Aperture<br />

CFA Emmen LU<br />

GOPS Muri AG, KU Winterthur-Mattenbach ZH<br />

KU Jura-Zentrum FR<br />

Inizio costruzione<br />

Caserma della polizia Zurigo ZH<br />

con apertura inizi gennaio 2023<br />

Aperture<br />

Unterentfelden AG<br />

L’NH Hotel di Friburgo diventa KU<br />

per i rifugiati ucraini<br />

Consenso all’apertura del KU Summiswald BE<br />

Aperture<br />

CR Bellelay BE<br />

KU Charmey FR per i rifugiati ucraini<br />

Mandato comunale Urdorf ZH<br />

Aperture<br />

Chiusura<br />

CFA Thun BE<br />

RZB Bellelay BE<br />

CFA Chamblon VD<br />

DZ Allerheiligenberg SO<br />

KU L’Ondine a Enney FR<br />

Dietlikon ZH,<br />

Irchel ZH<br />

Pianificazione di progetto apertura<br />

CR Bellelay BE<br />

13


T A P P E F O N<br />

D<br />

AG - Canton Argovia B K G<br />

BL - Canton Basilea Campagna K<br />

BS - Canton Basilea Città B K<br />

G<br />

BS<br />

BE - Canton Berna B K<br />

FR - Canton Friburgo B K<br />

GE - Canton Ginevra B<br />

JU<br />

SO<br />

GR - Canton Grigioni<br />

JU - Canton Giura B<br />

B<br />

NE<br />

LU - Canton Lucerna<br />

B<br />

NE - Canton Neuchâtel B<br />

SG - Canton San Gallo B G<br />

SO - Canton Soletta B K<br />

VD - Cantgon Turgovia B<br />

VD<br />

FR<br />

BE<br />

ZH - Canton Zurigo K<br />

G<br />

GE<br />

VS<br />

14


A M E N T A L I<br />

SH<br />

TG<br />

BL<br />

AG<br />

ZH<br />

AR<br />

AI<br />

LU<br />

ZG<br />

NW<br />

SZ<br />

GL<br />

SG<br />

OW<br />

UR<br />

GR<br />

TI<br />

B Mandato federale<br />

K Mandato cantonale<br />

G Mandato comunale<br />

15


T A P P E F O N<br />

D<br />

<strong>ORS</strong> Svizzera<br />

Le aperture di ulteriori strutture caratterizzano<br />

l’anno d’esercizio <strong>2022</strong> in<br />

Svizzera. Per il Segretariato di Stato della<br />

migrazione SEM si devono aprire<br />

diversi centri federali d’asilo temporanei.<br />

<strong>ORS</strong> si dimostra un fornitore<br />

di servizi flessibile, attivo anche nelle<br />

regioni che rientrano a tutti gli effetti<br />

nell’area geografica di competenza<br />

della concorrenza.<br />

Nel Canton Friburgo, il coordinamento<br />

generale del flusso di rifugiati imposto<br />

dalla guerra in Ucraina rappresenta una<br />

sfida particolarmente difficile. Ci occupiamo<br />

della registrazione dei rifugiati<br />

che arrivano, apriamo gli alloggi collettivi<br />

e facciamo da mediatori con le<br />

famiglie ospitanti raggiungendo una<br />

quota di collocamento di oltre il 70%.<br />

Le organizzazioni che operano in altri<br />

cantoni non riescono mai a raggiungere<br />

valori così alti.<br />

Nell’ambito della situazione straordinaria<br />

dichiarata, <strong>ORS</strong> si assume la<br />

responsabilità degli alloggi temporanei<br />

nei Cantoni Argovia e Basilea Città.<br />

Abbiamo dovuto ampliare la capienza<br />

anche nei mandati già in essere nei<br />

Cantoni Berna, Soletta e Zurigo.<br />

Inoltre, possiamo aumentare l’impegno<br />

per l’assistenza e l’integrazione in altri<br />

11 comuni della Svizzera tedesca.<br />

16


A M E N T A L I<br />

Questo compito erculeo di supporto<br />

alle autorità si può compiere solo grazie<br />

all’assunzione di ulteriore personale.<br />

Le risorse umane (HR) e il People<br />

Development hanno un ruolo speciale<br />

nella formazione e nel perfezionamento<br />

dei nuovi colleghi e colleghe e di quelli<br />

già in organico. È solo grazie a un elevato<br />

grado di flessibilità e alla volontà<br />

di impegnarsi a fondo che è stato<br />

possibile soddisfare tutte le esigenze.<br />

Prosegue anche il mandato di gestire i<br />

centri di rimpatrio per le persone cui<br />

la richiesta di asilo è stata respinta. Tra<br />

le altre cose, nel Canton Berna si sta<br />

trovando una soluzione per le famiglie<br />

che si trasferiscono dalla struttura di<br />

Bienne in fase di chiusura ai nuovi<br />

centri di Enggistein e Bellelay.<br />

Le notizie negative e tendenziose riportate<br />

dai media non ci distolgono dall’<br />

adempiere al nostro mandato di fornitore<br />

di servizi flessibile e professionale<br />

nel miglior modo possibile.<br />

In occasione dell’anniversariodi <strong>ORS</strong> in tutti gli alloggi<br />

sono state allestite delle panchine per offrire ai rifugiati<br />

e agli ospiti una gradita occasione di intrattenersi. Qui la<br />

panchina nel centro di rimpatrio Rohr / ZH.<br />

17


Giordana<br />

Biaggio<br />

Lazzeri<br />

Giordana Biaggio Lazzeri (52) lavora<br />

da 15 anni presso <strong>ORS</strong>. La psicologa<br />

parla cinque lingue e dal <strong>2022</strong> ha<br />

assunto la direzione del mandato<br />

cantonale per i rifugiati ucraini.<br />

Un complesso multipiano vicino alla<br />

stazione ferroviaria di Friburgo è la<br />

principale sede di lavoro di Giordana<br />

Biaggio Lazzeri dal <strong>2022</strong>. Dove prima<br />

c’era un viavai di viaggiatori, ora c’è il<br />

Centro di registrazione centrale per<br />

i richiedenti protezione provenienti<br />

dall’Ucraina ed assegnati al Canton<br />

Friburgo.<br />

All’inizio i nuovi arrivati venivano<br />

registrati nell’hotel vuoto, sostenuti<br />

finanziariamente, assistiti dal punto di<br />

vista medico e in poche ore ricollocati<br />

dal personale <strong>ORS</strong> soprattutto presso<br />

famiglie ospitanti private. Con una<br />

percentuale superiore al 70%, il collocamento<br />

ucraino è tra i più riusciti<br />

in tutta Svizzera. Un team di circa 35<br />

operatori e operatrici cappeggiati da<br />

Giordana si occupa di garantire a ogni<br />

rifugiato ucraino un’accoglienza calda<br />

e un’assistenza di alta qualità.<br />

L’ex NH Hotel è diventato un punto di<br />

contatto centrale per i rifugiati ucraini<br />

e funge anche da alloggio collettivo;<br />

proprio al centro di questo caos linguistico<br />

fatto di francese, ucraino, inglese<br />

e tedesco, c’è Giordana. Laurea in psico-<br />

18


logia, prima di lavorare per <strong>ORS</strong><br />

Giordana ha diretto progetti per<br />

sfollati interni e rifugiati in diversi<br />

paesi. «Ho vissuto molti momenti<br />

difficili, ma non credo di aver ancora<br />

raggiunto i miei limiti», descrive<br />

così la sua passione. Di lei viene<br />

apprezzato il fatto che riesca a<br />

sfruttare le sue competenze di psicologia<br />

anche nella guida del team.<br />

Rimane al fianco del personale di<br />

assistenza, degli assistenti sociali,<br />

degli interpreti, degli insegnanti e del<br />

personale medico che si trovano in<br />

situazioni difficili con i rifugiati.<br />

L’anno scorso l’afflusso di rifugiati<br />

è stato maggiore e quindi a tutte le<br />

persone coinvolte è stata richiesta<br />

una maggiore flessibilità. Tuttavia,<br />

Giordana ha sempre mantenuto la<br />

calma e ha reagito con tranquillità<br />

ai cambiamenti delle linee guida del<br />

Governo federale e del cantone. «La<br />

flessibilità è strettamente legata alla<br />

resilienza. Chi sta alla guida deve<br />

rimanere flessibile e dare l’esempio<br />

al personale. Associo la flessibilità<br />

anche all’apertura e alla disponibilità a<br />

sperimentare nuovi modi di lavorare».<br />

Giordana ritiene che la ricetta del<br />

successo sul lavoro sia vivere i valori<br />

gestionali di <strong>ORS</strong>. Delegare i compiti<br />

agli operatori e alle operatrici, avere<br />

fiducia in loro e incoraggiarli a<br />

sviluppare le proprie attitudini.<br />

"<br />

Il mio motto come dirigente:<br />

conosci i tuoi collaboratori, i<br />

loro talenti e le loro debolezze,<br />

accompagnali nella loro<br />

evoluzione e abbi fiducia in<br />

loro, i risultati non si faranno<br />

attendere.<br />

"<br />

Nel 2023, Giordana assumerà la<br />

direzione condivisa dell’intero<br />

mandato di assistenza e integrazione<br />

nel Canton Friburgo. Insieme a 350<br />

collaboratori e collaboratrici avrà un<br />

ruolo decisivo nel delineare il futuro<br />

dei circa 4’400 rifugiati presenti sul<br />

territorio cantonale.<br />

19


Roger Hasler<br />

Quando era giovane Roger Hasler (56)<br />

voleva fare il poliziotto. Poi però ha<br />

scoperto la passione per la pasticceria,<br />

ha frequentato un corso per<br />

pasticcere e ha svolto questa professione<br />

con la consapevolezza che un<br />

giorno avrebbe lavorato nel campo<br />

dell’assistenza sociale. Da 8 anni si<br />

sta realizzando nel lavoro dei suoi<br />

sogni, impegnandosi con i rifugiati.<br />

Nel suo ambiente di lavoro viene descritto<br />

come un tipo energico e con<br />

un alto livello di flessibilità.<br />

I colleghi ritengono Roger Hasler una<br />

persona risoluta, che non si risparmia<br />

mai nel lavoro. Roger svolge la sua attività<br />

nel servizio operativo di assistenza<br />

di <strong>ORS</strong> esattamente da 8 anni. Nel<br />

Canton Zurigo dirige il centro di rimpatrio<br />

di Hammermühle a Kemptthal,<br />

ubicato direttamente sulla strada di<br />

transito tra Zurigo e Winterthur. L’ex<br />

dormitorio ospita solo persone di<br />

sesso maschile a cui è stata respinta<br />

la domanda d’asilo e che quindi devono<br />

"<br />

Il nostro lavoro ci porta spesso<br />

ai limiti del possibile. Per<br />

trovare soluzioni praticabili<br />

servono calma e routine.<br />

"<br />

lasciare il paese. Roger Hasler commenta<br />

a riguardo: “I destini umani<br />

possono essere dolorosi. Ma se il<br />

sistema giuridico ha deciso che la<br />

richiesta d’asilo è immotivata, io e il<br />

mio team non possiamo farci nulla.<br />

Cerchiamo di relazionarci con questi<br />

uomini con empatia, di tanto in tanto<br />

però dobbiamo anche ricordare loro<br />

i doveri di una convivenza civile".<br />

Roger si occupa di mantenere l’ordine<br />

20


dentro e fuori dal Centro. Se serve, va<br />

lui stesso in cantina a smistare la spazzatura<br />

o la biancheria sporca. Allo<br />

stesso tempo è dotato di un grande<br />

talento organizzativo e viene molto<br />

apprezzato dal suo team. «I superiori<br />

dovrebbero sempre dare il buon esempio.<br />

Ma devono anche sapere quando<br />

fermarsi”.<br />

Il suo "know-how" in ambiti che vanno<br />

dall’apertura alla direzione di centri<br />

per rifugiati è noto oltre i confini dei<br />

cantoni e del paese. Per questo motivo<br />

spesso e volentieri ci si rivolge a lui<br />

quando si devono allestire nuovi<br />

alloggi per rifugiati. Roger viene ricordato<br />

in particolare per il lavoro svolto<br />

nel 2020 presso l’ex Centro d’alloggio<br />

centrale ZUE Sankt Augustin in<br />

Germania. Quando l’intera struttura è<br />

stata messa in quarantena a causa del<br />

coronavirus e la mancanza di personale<br />

diventava ogni giorno più critica,<br />

Hasler non ha esitato un attimo a<br />

intervenire in prima persona. «Sotto<br />

le tute protettive grondavamo letteralmente<br />

di sudore. Per tutte le persone<br />

coinvolte è stato davvero difficile<br />

riuscire a gestire la situazione. Ma,<br />

lavorando in team, ce l’abbiamo<br />

fatta».<br />

"<br />

Collaborare con così tanti<br />

interlocutori diversi richiede<br />

flessibilità. Si capisce che tutto<br />

funziona nel modo giusto<br />

dalle conferme che si ricevono<br />

giorno per giorno.<br />

"<br />

La flessibilità fa parte del DNA di<br />

Roger Hasler. Quando nel <strong>2022</strong> si è<br />

reso necessario accogliere nel Canton<br />

Zurigo un numero crescente di richiedenti<br />

protezione provenienti da diversi<br />

paesi, Roger è stato subito pronto ad<br />

assumersi la responsabilità di un altro<br />

centro a Winterthur. «<strong>ORS</strong> può contare<br />

su di me, come io posso contare sul mio<br />

team. Le persone da assistere, indipendentemente<br />

dalla loro provenienza<br />

e dalla loro destinazione, possono<br />

contare su di noi per essere seguite nel<br />

miglior modo possibile».<br />

21


GERMANIA<br />

22


23


T A P P E F O N<br />

D<br />

Apertura<br />

EAE Bonn, NRW<br />

Apertura<br />

Sede distaccata Hermeskeil:<br />

Bernkastel-Kues, RLP<br />

Apertura<br />

Centro sanitario a Ingelheim RLP<br />

(Centro di trattenimento per persone<br />

obbligate al rimpatrio)<br />

Apertura<br />

Centro di accoglienza Ucraina Messstetten<br />

Trasformazione del ZUE Wegberg in seguito alla<br />

crisi ucraina<br />

Il Ministro Presidente del Land Baden-Wurttemberg,<br />

Winfried Kretschmann e Marion Gentges,<br />

ministra della Giustizia e dell’Immigrazione visitano<br />

il LEA di Sigmaringen. «Si vede che qui si lavora con<br />

passione. Il connubio di professionalità e dedizione è<br />

esattamente quello che serve ora». ha commentato il<br />

leader politico.<br />

24


A M E N T A L I<br />

<strong>ORS</strong> rafforza la collaborazione con i volontari. Nel ZUE Sankt Augustin,<br />

volontari, assistenti e ospiti si impegnano nell’attività di pulizia dei dintorni<br />

e in lavori di manutenzione negli alloggi nell’ambito di una giornata di<br />

volontariato.<br />

Aggiudicazione<br />

dei primi due mandati per il vitto con la contemporanea<br />

perdita dei mandati di assistenza nei<br />

SUE Sankt Augustin e Wegberg nel NRW<br />

Aperture<br />

GU Bühringstrasse, Berlino<br />

25


T A P P E F O N<br />

D<br />

<strong>ORS</strong> Germania<br />

Primavera <strong>2022</strong><br />

Con l’aggiudicazione per l’apertura del<br />

centro di prima accoglienza di Bonn,<br />

nella Renania Settentrionale-Vestfalia,<br />

siamo riusciti ad espandere ulteriormente<br />

la nostra presenza nello stato<br />

federale più grande. All’inizio di febbraio<br />

abbiamo avviato la nostro attività per<br />

la prima volta nel Centro di trattenimento<br />

per persone obbligate al rimpatrio<br />

a Ingelheim, nella Renania-Palatinato<br />

e forniamo servizi sanitariagli ospiti.<br />

La crisi ucraina<br />

Con l’inizio della crisi ucraina nel<br />

febbraio <strong>2022</strong> è iniziato un periodo<br />

turbolento. Visto il rapido aumento<br />

degli arrivi, abbiamo aperto il centro<br />

di accoglienza di Messstetten nel<br />

Baden-Württemberg e la sede distaccata<br />

di Hermeskeil a Bernkastel-Kues<br />

nella Renania-Palatinato. Inoltre, il<br />

nostro ZUE di Wegberg è stato trasformato<br />

in un alloggio per soli ucraini.<br />

Nel giro di pochi giorni è stato necessario<br />

trasferire in altre strutture tutti<br />

i rifugiati che alloggiavano in questa<br />

struttura che, non appena svuotata, è<br />

stata riempita di richiedenti protezione<br />

dall’Ucraina. Questo enorme<br />

sforzo logistico è stato possibile solo<br />

unendo le forze. All’inizio dell’estate<br />

abbiamo aperto il secondo alloggio<br />

collettivo nella Bühringstrasse, a Berlino.<br />

26


A M E N T A L I<br />

L’autunno è stato caratterizzato da<br />

altri eventi imprevedibili: l’afflusso di<br />

rifugiati ucraini, provvisoriamente in<br />

calo, è stato più che compensato da<br />

un forte aumento dell’immigrazione<br />

regolare. La conseguenza è stata un<br />

forte sovraffollamento degli alloggi<br />

esistenti gestiti da <strong>ORS</strong> e da altre<br />

organizzazioni di assistenza. Il nostro<br />

team del LEA Sigmaringen ha gestito<br />

l’afflusso e il deflusso di oltre 1000<br />

persone in pochi giorni. Purtroppo<br />

non siamo riusciti ad aggiudicarci il<br />

proseguimento dei servizi di assistenza<br />

di due dei nostri ZUE in Germania:<br />

Sankt Augustin e Wegberg. In futuro<br />

in queste due strutture ci occuperemo<br />

del vitto dei rifugiati.<br />

Miglioramento della qualità<br />

dell’assistenza; l’app di <strong>ORS</strong><br />

Nel <strong>2022</strong> è stato avviato il progetto<br />

di digitalizzazione «app <strong>ORS</strong>». L’app<br />

è stata programmata appositamente<br />

per i nostri ospiti con l’intento di<br />

facilitare la comunicazione all’interno<br />

degli alloggi. Gli ospiti ricevono<br />

tutte le informazioni specifiche della<br />

struttura nella loro lingua e possono<br />

iscriversi online a eventi e attività.<br />

Inoltre, possono essere contattati<br />

individualmente in modo da rendere<br />

la gestione degli appuntamenti più<br />

efficiente. Completano l’offerta<br />

ulteriori informazioni sull’alloggio,<br />

sulla regione e su temi generali, come<br />

l’asilo e la migrazione in Germania.<br />

L’app verrà lanciata come progetto<br />

pilota nel 2023 e poi rodata a livello<br />

di Gruppo in Germania, Svizzera,<br />

Austria e Italia.<br />

Prospettive 2023<br />

Anche l’inizio del 2023 è stato intenso<br />

e siamo lieti di poter aprire ulteriori<br />

nuove strutture in Assia e Baviera<br />

nella primavera e nell’estate del 2023.<br />

Inoltre, segnaliamo un imminente<br />

cambiamento al vertice. Carolin Wälz,<br />

Direttrice dal 2018, lascia <strong>ORS</strong> dopo<br />

16 anni per affrontare una nuova sfida<br />

professionale. Nel maggio 2023 le<br />

succederà Martin Furrer, che finora<br />

ha ricoperto la posizione di Responsabile<br />

regionale Nord e Vice Direttore<br />

Generale. In questo contesto, anche il<br />

team che dirige il settore operativo è<br />

stato potenziato per poter reagire in<br />

modo ancora più rapido e flessibile al<br />

mutare delle situazioni in Germania.<br />

27


Antje-Hellen<br />

Nekhili<br />

Antje Nellen Nekhili (51) lavora<br />

presso <strong>ORS</strong> dal <strong>2022</strong> . È coordinatrice<br />

dei volontari nel Centro di prima<br />

accoglienza di Bonn. Questo posto<br />

è stato creato appositamente dal<br />

governo distrettuale responsabile di<br />

Colonia per promuovere il dialogo tra<br />

gli ospiti, il personale degli alloggi per<br />

rifugiati e il pubblico. In questo modo,<br />

è possibile identificare i problemi a<br />

bassa soglia ed elaborare soluzioni.<br />

Allo stesso tempo, il coinvolgimento<br />

dei volontari è un passo importante<br />

per il successo dell’integrazione.<br />

Se si chiede ad Antje Hellen Nekhili<br />

da cosa è motivato il suo lavoro con i<br />

rifugiati, risponde che considera ogni<br />

sorriso che riceve da un ospite del<br />

centro di prima accoglienza di Bonn<br />

un segno di gratitudine per la buona<br />

assistenza. Antje ha una formazione da<br />

fotografa e si occupa di persone con<br />

background migratorio da 8 anni. È<br />

approdata alla <strong>ORS</strong> agli inizi del <strong>2022</strong><br />

e considera la sua professione di coordinatrice<br />

dei volontari il lavoro dei suoi<br />

sogni. «Costruisco ponti tra le persone<br />

e le culture. Fare è meglio di lamentarsi»<br />

spiega, riferendosi all’ impiego<br />

di volontari che assistono le persone<br />

ospitate negli alloggi per rifugiati.<br />

Costruendo reti tra i rifugiati e i volontari,<br />

contribuisce a migliorare la comprensione<br />

reciproca. In questo modo<br />

si smontano i pregiudizi e si rafforza<br />

la coesistenza. «Non posso cancellare<br />

quello che è successo ai rifugiati durante<br />

il loro viaggio per arrivare fino a qui.<br />

Ma posso aiutarli ad arrivare nella loro<br />

nuova patria, a sentirsi a proprio agio<br />

e a pianificare il futuro.<br />

28


"<br />

È nel vedere i volti illuminarsi<br />

grazie al mio aiuto, che trovo<br />

la migliore motivazione per il<br />

lavoro che svolgo.<br />

"<br />

I volontari del quartiere possono svolgere<br />

un ruolo importante in questo<br />

senso». Ma ha notato un cambiamento<br />

tra i volontari. La disponibilità ad<br />

impegnarsi per i rifugiati di guerra<br />

provenienti dall’Ucraina è maggiore<br />

rispetto all’impegno per le persone<br />

provenienti dalla Siria, dall’Afghanistan<br />

o dall’Africa.<br />

La flessibilità fa parte della quotidianità<br />

dell’assistenza ai rifugiati. Ogni<br />

giorno le cose possono andare diversamente<br />

da quanto previsto. In questo<br />

caso Antje è molto orgogliosa di<br />

poter lavorare in un team su cui può<br />

sempre contare. Per lei «non è compito<br />

mio» non esiste. “Solo insieme<br />

siamo forti e alla lunga riusciamo ad<br />

affrontare la quotidianità solo se ci<br />

piace il lavoro che facciamo”. È entusiasta<br />

della varietà di attività e offerte<br />

proposte dai volontari. Ce n’è quasi<br />

per tutti i gusti, dal corso di lingua ai<br />

giochi pomeridiani per i bambini, dalle<br />

attività sportive alle gite. Tuttavia,<br />

non si tratta solo di dare, ma anche di<br />

ricevere.<br />

Per questo lancia anche un appello:<br />

«Impegnatevi nel volontariato, perché<br />

la gratitudine delle persone a cui avete<br />

prestato assistenza non ha prezzo».<br />

"<br />

Per me flessibilità significa<br />

non limitarsi a osservare<br />

le regole sulla carta, ma<br />

accettare idee che a volte<br />

possono anche non essere<br />

convenzionali.<br />

"<br />

La coordinatrice dei volontari di Bonn<br />

vede l’impegno delle aziende che<br />

accordano ai loro dipendenti la possibilità<br />

di prestare assistenza anche<br />

come un segno della sensibilità della<br />

Germania nei confronti dei rifugiati.<br />

29


Martin Kinzel<br />

Martin Kinzel (49) vanta un’esperienza<br />

pluriennale nel management delle organizzazioni.<br />

Nato e cresciuto in Austria,<br />

ha lavorato molti anni in Irlanda. Nel<br />

2015, con <strong>ORS</strong> Austria, è entrato in<br />

contatto e si è appassionato al mondo<br />

dell’assistenza ai rifugiati. Nel frattempo<br />

lavora in Germania ed è membro della<br />

Direzione di <strong>ORS</strong>.<br />

Quando il numero di rifugiati aumenta<br />

e la capienza si riduce, l’appello per<br />

ulteriori possibilità d’alloggio adeguate<br />

si fa sempre più forte. <strong>ORS</strong> si dimostra<br />

flessibile e supporta i committenti<br />

pubblici nell’affrontare i flussi di<br />

rifugiati sia per quanto riguarda gli<br />

alloggi temporanei per accogliere gli<br />

ucraini in cerca di protezione sia per<br />

l’aggiudicazione di un bando di gara<br />

per un mandato più lungo.<br />

Dal 2023 Martin Kinzel si occupa dell’<br />

entrata in funzione tempestiva e professionale<br />

dei nuovi alloggi. È il responsabile<br />

delle aperture e, a seconda<br />

dell’incarico, mette insieme in breve<br />

tempo i team con cui può realizzare le<br />

strutture <strong>ORS</strong> in loco. Martin èl’uomo<br />

giusto al momento giusto: dall’arredamento<br />

e le insegne degli alloggi, all’elaborazione<br />

di procedure operative per<br />

l’utilizzo ottimale dell’infrastruttura<br />

fornita, fino all’onboarding del nuovo<br />

personale. Di origini austriache, Kinzel<br />

si è formato come meccanico tessile e<br />

può contare su molti anni di esperienza<br />

nel settore alberghiero e della ristorazione.<br />

Non si è mai pentito di aver<br />

30


"<br />

iniziato ad occuparsi dell’assistenza dei<br />

rifugiati, 8 anni fa. «Mi fa piacere quando<br />

i bambini e gli adulti ti vengono<br />

incontro sorridenti e ti ringraziano per<br />

il tuo sostegno. Ma naturalmente ci<br />

sono anche delle situazioni difficili che<br />

pesano e per le quali bisogna cercare<br />

delle soluzioni in modo professionale».<br />

Mi fa piacere quando i<br />

bambini e gli adulti ti vengono<br />

incontro sorridenti e<br />

ti ringraziano per il tuo<br />

sostegno.<br />

"<br />

Fino alla fine del <strong>2022</strong> era impegnato<br />

in una doppia funzione. Da un lato<br />

era il responsabile dell’apertura di<br />

nuovi alloggi, dall’altro gestiva l’assistenza<br />

di uno dei più grandi centri di<br />

accoglienza dello stato federato del<br />

Baden-Württemberg. Nella spaziosa<br />

ex caserma delle forze armate, Martin<br />

Kinzel guidava un team di oltre 70<br />

collaboratori che si occupano dell’ospitalità<br />

di 2000 rifugiati.<br />

"<br />

Essere in pace con sé stessi,<br />

esercitare una leadership<br />

intelligente e trattare l’altro<br />

con rispetto.<br />

"<br />

«Il nostro lavoro ci porta spesso ai<br />

limiti del possibile». Nel difficile<br />

incontro tra le opzioni di assistenza,<br />

le esigenze dei rifugiati e le aspettative<br />

delle autorità sui compiti da svolgere,<br />

l’empatia e una buona comunicazione<br />

con tutte le persone coinvolte<br />

sono fondamentali. Il segreto del suo<br />

successo: «Essere in pace con sé stessi,<br />

esercitare una leadership intelligente<br />

e trattare l’altro con rispetto».<br />

31


32<br />

ITALIA


33


T A P P E F O N<br />

D<br />

Aggiudicazione<br />

del Centro di permanenza per il rimpatrio CPR Ponte Galeria a Roma<br />

Capienza 125 persone.<br />

Giornata dei rifugiati nel Centro di prima accoglienza CAS Monastir<br />

Aggiudicazione<br />

del Centro di permanenza per il rimpatrio<br />

CPR Torino, Capienza 144 persone<br />

Apertura<br />

Centro per i rifugiati ucraini<br />

CAS Rocca Barra San Colombano (Milano)<br />

Capienza 50 posti<br />

34


A M E N T A L I<br />

Apertura<br />

CAS Gelsomino a Roma<br />

Capienza 300 posti<br />

Aumento della capienza<br />

Nel CAS Monastir<br />

Nel CPR Ponte Galeria a Roma<br />

Il personale di assistenza di <strong>ORS</strong><br />

contribuisce con successo a smorzare<br />

le proteste degli ospiti contro il<br />

sistema di asilo politico.<br />

Visita nel Centro di permanenza per il<br />

rimpatrio di una delegazione del<br />

Consiglio comunale di Torino<br />

CPR Torino<br />

35


T A P P E F O N<br />

D<br />

<strong>ORS</strong> Italia<br />

Nel <strong>2022</strong> il numero di rifugiati approdati<br />

sul territorio italiano è aumentato<br />

rispetto all’anno precedente. Il picco<br />

di arrivi del <strong>2022</strong> è stato registrato ad<br />

agosto con circa 16’822 rifugiati.<br />

Nel primo trimestre del <strong>2022</strong>, <strong>ORS</strong><br />

Italia ha ottenuto l’aggiudicazione<br />

della direzione dei centri di accoglienza<br />

di Roma e Torino, con una<br />

capienza totale di 269 posti. A<br />

novembre <strong>ORS</strong> Italia ha ricevuto<br />

per la prima volta un’assegnazione<br />

diretta dalla Prefettura di Roma per<br />

la direzione di un centro di prima<br />

accoglienza con più di 300 posti. Tali<br />

provvedimenti sono dovuti alla situazione<br />

di emergenza causata dall’elevato<br />

numero di arrivi di rifugiati sul<br />

territorio italiano.<br />

Con l’aumento delle assegnazioni, in<br />

Italia è aumentato anche il numero<br />

degli operatori. Alla fine del <strong>2022</strong><br />

lavoravano per <strong>ORS</strong> fino a 140<br />

persone.<br />

La professionalità e la competenza<br />

del personale sono fattori importanti<br />

per garantire gli standard di qualità<br />

nel lavoro di assistenza.<br />

36


A M E N T A L I<br />

Per tale motivo, i processi in essere<br />

verranno ottimizzati, mentre la formazione<br />

e il perfezionamento saranno<br />

intensificati.<br />

Lo scambio personale di esperienze tra<br />

i direttori dei centri e i responsabili dei<br />

centri operativi in Svizzera è stato particolarmente<br />

utile. Ci impegniamo a<br />

essere percepiti come un fornitore di<br />

servizi affidabile in un contesto deli-<br />

cato. Per questo motivo, <strong>ORS</strong> Italia<br />

continua ad attribuire grande importanza<br />

alla promozione della formazione<br />

e del perfezionamento interni<br />

del personale.<br />

In occasione dell’anniversario di <strong>ORS</strong> in tutti gli alloggi sono state allestite<br />

delle panchine per offrire ai rifugiati e agli ospiti una gradita occasione<br />

intrattenersi. Qui la panchina nel centro di rimpatrio CAS FANTOLI a<br />

Milano / IT.<br />

37


Miriam Arensi<br />

Miriam Arensi (36), lavora da due<br />

anni per <strong>ORS</strong> nel CAS di Milano. In<br />

qualità di direttrice del Centro, è<br />

responsabile della regolare gestione<br />

dell’assistenza. Ha soggiornato varie<br />

volte per lunghi periodi in paesi in via<br />

di sviluppo, ottenendo così l’opportunità<br />

di vivere in un contesto multiculturale.<br />

Dopo la fine della pandemia da Covid<br />

e a causa dell’incerta situazione<br />

politica ed economica di molti paesi<br />

africani, sempre più persone provenienti<br />

dal continente nero si riversano<br />

in Europa. Dopo gli 84’000 del <strong>2022</strong>,<br />

nel primo trimestre del 2023 sono già<br />

stati registrati in Italia 30’000 rifugiati.<br />

Molti di questi attraversano il<br />

Mediterraneo alla ricerca di una vita<br />

migliore. Anche se la traversata su<br />

imbarcazioni che a volte non sono in<br />

grado di navigare può costargli la vita,<br />

molti accettano il rischio.<br />

Miriam Arensi lavora nel centro di<br />

accoglienza per richiedenti asilo CAS<br />

Fantolini a Milano dove arrivano i<br />

rifugiati provenienti dall’Africa. La<br />

trentaseienne è legata all’Africa da un<br />

rapporto personale. Una volta conclusi<br />

gli studi di Cooperazione internazionale<br />

e mantenimento della pace, ha<br />

vissuto per diversi anni in Tanzania,<br />

Benin e Burundi. Dopo essere tornata<br />

in patria, ha fatto da tramite tra un’organizzazione<br />

internazionale e l’Africa<br />

Occidentale. Ora, quando deve assistere<br />

i rifugiati nel CAS, si impegna<br />

per garantire che vengano trattati con<br />

38


ispetto e dignità nell’ambito delle<br />

possibilità legislative. «Le direttive e<br />

i regolamenti delle autorità possono<br />

cambiare rapidamente e noi dobbiamo<br />

reagire con flessibilità. Tuttavia,<br />

nonostante la burocrazia e le molte<br />

incombenze da sbrigare, non bisogna<br />

dimenticare che prima di tutto lavoriamo<br />

per le persone e con le persone».<br />

Miriam è consapevole che la vicinanza<br />

e la distanza sono importanti,<br />

tanto quanto un contesto lavorativo<br />

piacevole nel quale ogni membro del<br />

team sia in grado di sostenere gli altri.<br />

Il forte afflusso di rifugiati ha determinato<br />

un aumento della capienza<br />

anche nei centri del nord Italia. La<br />

coesione nel team <strong>ORS</strong> è importante<br />

per lei: «L’anno scorso abbiamo<br />

lavorato duramente per migliorarci e<br />

abbiamo ottenuto dei buoni risultati.<br />

Ci sosteniamo a vicenda e ci aiutiamo<br />

a controllare lo stress lavorativo e a<br />

rispettare la nostra sfera privata». Se<br />

Miriam pensa alla flessibilità, le viene<br />

in mente l’immagine di un filo d’erba:<br />

«Si piega quando soffia il vento, ma<br />

non si spezza».<br />

"<br />

A volte, a causa di tutta la<br />

“burocrazia” e della lista del<br />

incombenze da sbrigare ci<br />

dimentichiamo che prima di<br />

tutto lavoriamo con le persone<br />

e per le persone.<br />

"<br />

Insieme al suo team composto da 24<br />

persone, è riuscita a far fronte alle<br />

sfide degli imprevisti e a destreggiarsi<br />

tra le numerose richieste senza<br />

perdere il rispetto per sé stessa e<br />

per gli altri. E allo stesso modo non<br />

dimentica mai di donare un sorriso al<br />

prossimo. Oggi guarda indietro con<br />

orgoglio al lavoro di assistenza svolto<br />

presso il centro di accoglienza ed è<br />

grata di lavorare come responsabile in<br />

un’azienda strutturata e organizzata,<br />

incentrata sui servizi professionali di<br />

assistenza ai rifugiati.<br />

39


AUSTRIA<br />

40


41


T A P P E F O N<br />

D<br />

Aperture<br />

Centro d’accoglienza Nenzing, allestito per<br />

95 profughi di guerra in fuga dall’Ucraina<br />

Alloggi per profughi in fuga dall’Ucraina<br />

presso l’Hotel Gaschurn, allestiti per 120 profughi di guerra<br />

Dopo la firma del contratto con lo stato federato<br />

dell’Austria inferiore nel dicembre 2021, sono stati aperti i primi<br />

appartamenti del mandato di assistenza abitativa nell’<br />

Austria inferiore con occupazione dei primi 30 posti.<br />

42


A M E N T A L I<br />

Espansione della capienza nel<br />

mandato di assistenza abitativa<br />

attraverso l’aumento degli alloggi<br />

in Stiria.<br />

Controllo degli alloggi a Gaschurn da parte del<br />

centro di assistenza primaria.<br />

Le persone preposte al controllo danno una<br />

valutazione molto positiva<br />

Partecipazione alla Vienna<br />

Migration Conference<br />

Raddoppio del<br />

numero di posti<br />

di assistenza per il<br />

mandato per l’Austria<br />

inferiore per un totale<br />

di 60 posti<br />

43


T A P P E F O N<br />

D<br />

<strong>ORS</strong> Austria<br />

Le attività di <strong>ORS</strong> Austria si concentrano<br />

sull’offerta di servizi per gli<br />

alloggi e l’assistenza dei rifugiati<br />

nei singoli stati federati. L’afflusso<br />

di rifugiati in Austria ha un impatto<br />

sempre maggiore anche sugli stati<br />

federati.<br />

Nei nostri mandati per le residenze<br />

assistite in Carinzia, Austria inferiore<br />

e Stiria c’è sempre più necessità di<br />

ulteriori alloggi. La ricerca di alloggi<br />

adatti risulta difficile a causa della<br />

carenza di appartamenti. Tuttavia, è<br />

possibile aumentare la capienza nel<br />

corso dell’anno.<br />

Nella primavera del <strong>2022</strong>, il governo<br />

federale del Vorarlberg chiede a <strong>ORS</strong><br />

di assumere i compiti di assistenza<br />

per l’alloggiamento dei profughi di<br />

guerra provenienti dall’Ucraina. In<br />

breve tempo assumiamo, inseriamo e<br />

prepariamo per il lavoro il personale<br />

nei centri di accoglienza di Nenzing e<br />

Gaschurn. Il campo da tennis coperto<br />

di Nenzing, trasformato in alloggio per<br />

rifugiati, diventa il punto di riferimento<br />

centrale per i rifugiati ucraini<br />

nel Vorarlberg.<br />

Fin dagli inizi, la collaborazione con<br />

i servizi di soccorso ed emergenza,<br />

le autorità e i volontari si basa sulla<br />

fiducia.<br />

44


A M E N T A L I<br />

In ottobre, più di 250 rappresentanti<br />

di alto livello di vari governi, autorità<br />

e organizzazioni per la migrazione<br />

si riuniscono a Vienna per la Vienna<br />

Migration Conference annuale. <strong>ORS</strong><br />

sfrutta questa occasione per parlare<br />

con ministri, ambasciatori ed esperti<br />

degli standard di qualità dell’ assistenza<br />

internazionale ai rifugiati. Siamo grati<br />

per la partnership duratura con gli<br />

organizzatori, l’ICMPD, presieduta da<br />

Michael Spindelegger, ex vicecancelliere<br />

austriaco e membro del Comitato<br />

consultivo di <strong>ORS</strong>.<br />

In occasione dell’anniversario di <strong>ORS</strong> in tutti gli alloggi sono state allestite<br />

delle panchine per offrire ai rifugiati e agli ospiti una gradita occasione<br />

per intrattenersi. Qui la panchina nel centro di rimpatrio centro di accoglienza<br />

di Nenzing/ AT.<br />

45


Lisa Buhne<br />

Lisa Buhne (33) è nata e cresciuta in<br />

Germania. Dopo gli studi in germanistica<br />

e storia si è perfezionata nel<br />

campo dell’assistenza sociale, scegliendo<br />

di lavorare in questo settore.<br />

Dagli inizi del <strong>2022</strong> lavora come vice<br />

responsabile del centro di accoglienza<br />

di Nenzing (AT).<br />

"<br />

Con lo slogan pubblicitario «Toccare il<br />

cielo con un dito», la regione turistica<br />

di Nenzig invita i turisti a recarsi nel<br />

Voralberg. Lisa Buhne, invece, è legata<br />

a Nenzig non dalle vacanze, ma dall’<br />

assistenza ai rifugiati, quindi qualcosa<br />

che non ha a che fare con il paradiso,<br />

ma con una realtà concreta. Nella<br />

primavera del <strong>2022</strong>, il campo da tennis<br />

al coperto è stato trasformato in alloggi<br />

per i richiedenti protezione provenienti<br />

dall’Ucraina. Con l’apertura degli alloggi<br />

che ospitano 100 posti, per Lisa è<br />

iniziata la sfida dell’assistenza professionale<br />

a persone di cui non parla la<br />

lingua e che, tuttavia, vorrebbe supportare<br />

nella difficile situazione che si<br />

ritrovano ad affrontare.<br />

Quando improvvisamente si<br />

presenta alla porta una famiglia<br />

di rifugiati composta da<br />

sei persone e un grosso cane,<br />

devi dimostrarti flessibile.<br />

"<br />

Nonostante la sua precedente esperienza<br />

professionale nell’assistenza,<br />

nella consulenza e nell’incoraggiamento<br />

di persone con disabilità fisiche e<br />

46


"<br />

mentali, ogni giorno lavorativo per<br />

lei è una nuova avventura.<br />

Solo chi capisce come funzionano<br />

le cose in un posto nuovo<br />

riesce a integrarsi. Per questo<br />

motivo mi impegno affinché i<br />

rifugiati comprendano meglio<br />

l’ambiente in cui si trovano.<br />

"<br />

«Mi piace che ogni giorno sia diverso<br />

dall’altro e che le cose non sempre<br />

vadano come previsto, perché ogni<br />

giorno bisogna lavorare su sé stessi e<br />

crescere». Tra i suoi ricordi c’è un<br />

momento quando si è presentato un<br />

pullman con famiglie rom e sinti e una<br />

famiglia con bambini e un cane di<br />

grossa taglia stava davanti agli alloggi<br />

e voleva entrare, e per la prima volta<br />

si era ritrovata a dover prendere delle<br />

decisioni come responsabile dopo un<br />

breve periodo di inserimento. «Le necessità<br />

delle persone sono difficili da programmare.<br />

È sempre molto avvincente<br />

vedere come sono diversi i destini che si<br />

nascondono dietro le storie di gnuno».<br />

Insieme al suo team, è riuscita a trovare<br />

soluzioni per gli ospiti temporanei.<br />

Ha imparato a reagire con calma e disinvoltura<br />

agli imprevisti. Ritiene il<br />

lavoro presso <strong>ORS</strong> molto positivo sotto<br />

molti punti di vista.<br />

Oltre al dialogo costante con il team di<br />

assistenza in loco, ha ricevuto preziosi<br />

input per l’assistenza quotidiana grazie<br />

alla partecipazione a diversi corsi di<br />

formazione interni. «Secondo me il<br />

programma di perfezionamento offerto<br />

da <strong>ORS</strong> è grandioso, trasmette le conoscenze<br />

e allo stesso tempo consente di<br />

gestire input e output».<br />

47


<strong>ORS</strong> - a serco company<br />

48


49


ANNIVERSARIO<br />

Quando nel 1992 fu fondata l’organizzazione<br />

per la gestione e gli incarichi<br />

speciali, pochi potevano immaginare<br />

che 30 anni dopo <strong>ORS</strong> si sarebbe<br />

trasformata in un fornitore di servizi<br />

riconosciuto a livello europeo per l’offerta<br />

di alloggi e l’assistenza dei rifugiati.<br />

Per celebrare l’anniversario dei 30 anni<br />

dell’Organizzazione per i Servizi ai<br />

Rifugiati, più di 600 operatori e operatrici<br />

provenienti da Germania, Austria,<br />

Italia e Svizzera hanno festeggiato<br />

insieme il 1° settembre <strong>2022</strong>. I colleghi<br />

e le colleghe hanno presentato i loro<br />

talenti artistici sul palco, in un variegato<br />

programma. Contestualmente, sono state<br />

50<br />

50


30 ANNI DI <strong>ORS</strong><br />

premiate le panchine allestite dai team<br />

<strong>ORS</strong> di tutte le sedi. A tutt’oggi queste<br />

panchine offrono ai rifugiati una gradita<br />

occasione per intrattenersi. È stata<br />

presentata in anteprima una canzone di<br />

<strong>ORS</strong> dal titolo "WE ARE <strong>ORS</strong>". Ilvideo-clip<br />

dà un’idea dell’atmosfera unica di<br />

questa festa indimenticabile.<br />

51


Melanie<br />

Schnetzer<br />

Prima di iniziare a lavorare come<br />

HR Generalist per <strong>ORS</strong>, Melanie<br />

Schnetzer (30) ha viaggiato molto<br />

e ha potuto conoscere e apprezzare<br />

persone diverse. Oggi si sente perfettamente<br />

a suo agio in un ambiente<br />

multiculturale. Attualmente la<br />

specialista in risorse umane con<br />

attestato professionale federale e<br />

formatrice professionale qualificata<br />

insieme al team HR assiste il personale<br />

proveniente da 80 paesi diversi.<br />

Alzarsi ogni mattina e prendere la<br />

giornata come viene. Con questo<br />

spirito Melanie Schnetzer, HR<br />

Generalist, affronta le difficoltà<br />

della gestione del personale. Nel <strong>2022</strong><br />

insieme al suo team ha constatato la<br />

necessità urgente di assumere altri<br />

operatori negli alloggi per rifugiati.<br />

I team in sinergia hanno organizzato<br />

e svolto i cosiddetti Recruiting Days<br />

durante i quali sono stati intervistati i<br />

potenziali candidati.<br />

"<br />

Dietro ogni candidatura si<br />

nasconde una personalità<br />

diversa. Verificare se la<br />

persona è giusta per quel<br />

posto è impegnativo. Per fare<br />

questo mi prendo volentieri il<br />

mio tempo.<br />

"<br />

Inoltre, visto che il normale orario di<br />

lavoro a volte non bastava, sono stati<br />

fatti anche colloqui telefonici di sera o<br />

nei fine settimana.<br />

52


«Chi si candida ha il diritto di essere<br />

preso sul serio. Per questo motivo<br />

cerco sempre di trattare chi ho di<br />

fronte con rispetto durante i colloqui,<br />

di verificare la motivazione per il<br />

lavoro e di capire se le competenze<br />

professionali e sociali sono adatte<br />

alla posizione da ricoprire. Ma non è<br />

sempre facile» ammette.<br />

Per Melanie, impiegata di banca<br />

diplomata, la flessibilità, l’iniziativa<br />

e l’abnegazione sono caratteristiche<br />

importanti per svolgere l’attività nel<br />

settore dell’immigrazione. Quando tre<br />

anni fa era lei stessa alla ricerca di un<br />

lavoro incentrato sull’impegno sociale,<br />

ha capito subito che lavorare per <strong>ORS</strong><br />

poteva davvero avere un senso per lei.<br />

Anche se come impiegata qualificata<br />

delle risorse umane non ha un contatto<br />

diretto con i rifugiati, Melanie offre<br />

un contributo prezioso in termini di<br />

consulenza, supporto e alleggerimento<br />

del carico di lavoro dei superiori e del<br />

personale in prima linea. «ll nostro<br />

lavoro richiede molta autonomia e<br />

flessibilità. Come team ce ne rendiamo<br />

conto ogni giorno e apprezziamo<br />

"<br />

molto il fatto di poterci confrontare<br />

regolarmente e di supportarci a<br />

vicenda. Altrimenti non saremmo in<br />

grado di affrontare tutto questo».<br />

Per me rimanere flessibile<br />

significa riuscire a crearmi<br />

ogni giorno lo spazio per gli<br />

imprevisti.<br />

"<br />

Lo spazio per la flessibilità lo trova<br />

facendo in modo di non caricarsi<br />

troppo la giornata, perché tanto le<br />

cose non vanno quasi mai come da<br />

programma.<br />

Secondo Melanie i momenti salienti<br />

degli ultimi 12 mesi di lavoro nelle<br />

risorse umane sono stati le digitalizzazioni<br />

e le ottimizzazioni dei processi<br />

introdotti, che hanno migliorato il<br />

workflow senza però intaccare lo<br />

spirito <strong>ORS</strong> del personale.<br />

53


Fraser Moore<br />

Il 1° settembre <strong>2022</strong> <strong>ORS</strong> è stata<br />

acquisita da Serco Group, fornitore<br />

internazionale di servizi per il settore<br />

pubblico con oltre 55.000 dipendenti<br />

in tutto il mondo. Serco opera in cinque<br />

regioni geografiche nel settore difesa,<br />

giustizia e immigrazione, trasporti,<br />

sanità e servizi ai cittadini.<br />

Come parte di Serco Group, <strong>ORS</strong><br />

offre servizi per l’immigrazione per<br />

conto dei governi e delle autorità in<br />

Europa.<br />

Ulteriori informazioni su Serco sono<br />

disponibili sulla pagina web<br />

www.serco.com<br />

Da quando Fraser Moore ha assunto la<br />

responsabilità dell’integrazione di<br />

<strong>ORS</strong> nelle strutture di Serco alla fine<br />

del <strong>2022</strong>, fa regolarmente la spola tra<br />

Londra, Zurigo e Bruxelles. Questo<br />

richiede una tabella di marcia ben<br />

organizzata e una notevole flessibilità.<br />

E il sostegno che riceve dai suoi interlocutori<br />

di <strong>ORS</strong> e Serco, e soprattutto<br />

dalla sua famiglia, è per lui ancora più<br />

prezioso.<br />

Fraser sa fin troppo bene cosa significa<br />

raggiungere il proprio limite dal<br />

punto di vista professionale. L’azienda<br />

di costruzione che dirigeva agli inizi<br />

degli anni 2000 ha dovuto chiudere<br />

a causa delle difficoltà economiche<br />

durante la crisi finanziaria globale.<br />

«All’epoca mi sembrò un fallimento<br />

professionale, ma fu un’esperienza<br />

importante che ha fatto di me quello<br />

che sono oggi. Oggi so apprezzare<br />

quando le colleghe e i colleghi si fanno<br />

in quattro».<br />

Fraser lavora da 10 anni per Serco,<br />

il fornitore internazionale di servizi<br />

governativi. Nella sua posizione<br />

attuale di Director of Integration è<br />

54


esponsabile dell’unione delle due<br />

aziende per condividere i rispettivi<br />

punti di forza. Non è un compito<br />

semplice: «Nei 30 anni della sua storia,<br />

<strong>ORS</strong> è stata un’azienda indipendente.<br />

Far parte di una società di servizi<br />

globale che si occupa esclusivamente<br />

di incarichi governativi comporta<br />

enormi vantaggi per <strong>ORS</strong> e per i suoi<br />

clienti. Ma inevitabilmente ci vuole<br />

tempo per adattarsi».<br />

"<br />

In <strong>ORS</strong> percepisco la volontà<br />

di dare un contributo duratro<br />

alla società con le forze a disposizione.<br />

"<br />

Contestualmente, sottolinea che parte<br />

del suo lavoro consiste nell’aiutare<br />

il team <strong>ORS</strong> a orientarsi nel mondo<br />

Serco. La sua ricetta per il buon esito<br />

dell’integrazione è: sviluppare la<br />

comprensione reciproca, concordare<br />

obiettivi comuni e definire il modo per<br />

raggiungerli.<br />

dell’accoglienza e dell’assistenza professionale<br />

dei rifugiati e dei richiedenti<br />

asilo.<br />

Fraser pensa che ci sia un enorme<br />

potenziale per condividere queste<br />

esperienze nel campo della migrazione<br />

con altri committenti pubblici<br />

nei paesi in cui già opera <strong>ORS</strong> e in<br />

altri ancora. «Un’azienda di servizi<br />

di successo deve fare affidamento<br />

sull’impegno del suo personale. In<br />

<strong>ORS</strong> ho incontrato tanti colleghi e<br />

tante colleghe impegnati che durante<br />

una delle più grandi crisi di rifugiati<br />

sono riusciti a non perdere di vista la<br />

qualità del loro lavoro di assistenza.<br />

Sono certo che gli elevati standard di<br />

qualità diano a <strong>ORS</strong> l’opportunità di<br />

posizionarsi con successo, ora come<br />

parte integrante di Serco».<br />

Per Fraser è stato istruttivo vedere<br />

da vicino il lavoro di <strong>ORS</strong>. È rimasto<br />

colpito della competenza nel settore<br />

55


R I S U L T A T O<br />

Retrospettiva e prospettive<br />

La relazione finanziaria riflette gli<br />

sviluppi migratori nei paesi in cui opera<br />

<strong>ORS</strong>. A causa dei cambiamenti di proprietà<br />

e dei requisiti delle società quotate<br />

in borsa, <strong>ORS</strong>, in quanto parte di Serco<br />

Company, si astiene dal fornire informazioni<br />

dettagliate e rimanda alla relazione<br />

annuale di Serco.<br />

Nel <strong>2022</strong>, le richieste di asilo in Europa<br />

sono aumentate di circa il 55% rispetto<br />

all’anno precedente.<br />

La Segreteria di Stato della migrazione<br />

SEM, con sede in Svizzera, indica come<br />

ragioni principali dell’aumento della<br />

migrazione:<br />

■ Viaggi più facili dopo la fine delle<br />

restrizioni legate alla pandemia.<br />

■ Indebolimento delle economie<br />

pubbliche dei tradizionali paesi di<br />

origine e di transito dei richiedenti<br />

asilo, unito all’aumento dei costi energetici<br />

e del costo della vita a causa<br />

della guerra in Ucraina.<br />

■ Pressione da parte della Turchia per<br />

obbligare alla partenza 3,5 milioni di<br />

rifugiati siriani e da 200’000 a 300’000<br />

rifugiati afghani. Questo ha comportato<br />

un aumento significativo delle richieste<br />

in Europa.<br />

■ Le norme liberali sui visti dei singoli<br />

Stati facilitano l’ingresso in Europa.<br />

56


A N N U A L E<br />

Svizzera<br />

In Svizzera, nel <strong>2022</strong> sono state presentate<br />

circa 24’500 domande di asilo, un<br />

aumento di ben il 64% rispetto all’anno<br />

precedente. A causa dell’afflusso di<br />

richiedenti protezione provenienti<br />

dall’Ucraina, che hanno lasciato il loro<br />

paese d’origine per motivi bellici, il 12<br />

marzo <strong>2022</strong>, il Consiglio federale ha<br />

attivato lo stato di protezione S con<br />

il quale i rifugiati hanno ottenuto<br />

rapidamente il permesso di soggiorno<br />

senza dover seguire una regolare procedura<br />

di asilo. Alla fine del <strong>2022</strong>,<br />

erano 74’959 i richiedenti protezione<br />

ad aver fatto domanda per lo stato S.<br />

All’inizio di novembre <strong>2022</strong>, il onsiglio<br />

federale ha deciso di non abolire lo<br />

stato S per i richiedenti protezione<br />

provenienti dall’Ucraina prima del 4<br />

marzo 2024, a condizione che la situazione<br />

nel paese non cambi radicalmente<br />

entro tale data. L’aumento<br />

delle richieste di asilo e dei rifugiati<br />

con stato S ha comportato un numero<br />

maggiore di pernottamenti e, di conseguenza,<br />

un aumento di fatturato<br />

rispetto all’anno precedente. Nell’anno<br />

in esame, il mandato di assistenza nei<br />

centri federali d’asilo è stato il settore<br />

che ha generato il maggior fatturato in<br />

Svizzera, seguito a ruota dal mandato<br />

nel Canton Friburgo.<br />

Questo è da ricondurre al fatto che tali<br />

mandati sono quelli più interessati dall’<br />

aumento dei richiedenti asilo e delle<br />

persone con stato S.<br />

Germania<br />

Nel <strong>2022</strong>, il numero di prime richieste<br />

di asilo è aumentato del 47% rispetto<br />

all’anno precedente, comportando una<br />

maggiore necessità di strutture di assistenza.<br />

Ne è risultato un miglior<br />

sfruttamento della capienza. Inoltre,<br />

il numero di mandati da noi gestiti<br />

è passato da 12 a 17, grazie soprattutto<br />

all’aggiudicazione dei mandati<br />

in Renania Settentrionale-Vestfalia<br />

e Renania-Palatinato. In aggiunta, è<br />

stato possibile negoziare un mandato<br />

per l’assistenza alle persone con stato<br />

S nel Baden-Württemberg.<br />

L’andamento degli affari nel <strong>2022</strong> è<br />

quindi migliorato, con un aumento del<br />

fatturato di circa il 41%.<br />

Italia<br />

Lo scorso anno <strong>ORS</strong> Italia S.r.l. si è<br />

aggiudicata nuovi mandati. Dopo il<br />

rallentamento dei bandi di gara dell’<br />

anno precedente a causa del cambio di<br />

governo e della situazione pandemica,<br />

nell’anno in esame siamo riusciti a implementare<br />

ulteriormente la nostra<br />

strategia di crescita.<br />

57


R I S U L T A T O<br />

Austria<br />

In Austria le richieste di asilo sono<br />

aumentate notevolmente, con un incremento<br />

del 229% circa rispetto all’anno<br />

precedente. All’inizio dell’anno in<br />

esame, nello stato federato dell’Austria<br />

inferiore è stato aggiunto un mandato<br />

nel settore delle residenze assistite. Inoltre,<br />

nello stato federato del Vorarlberg<br />

sono state costruite due strutture per<br />

l’assistenza ai rifugiati provenienti<br />

dall’Ucraina. Nel complesso, questo ha<br />

comportato un aumento del numero<br />

di pernottamenti e di conseguenza del<br />

fatturato rispetto all’anno precedente.<br />

Da settembre <strong>2022</strong> <strong>ORS</strong> fa parte di Serco Group PLC, società di<br />

servizi attiva a livello globale che offre soluzioni di outsourcing per<br />

il settore pubblico ed è quotata alla Borsa di Londra.<br />

58


A N N U A L E<br />

Fatturato per paese (in migliaia di CHF) 2021 <strong>2022</strong><br />

Svizzera 79’702 124’660<br />

Austria 723 2’712<br />

Germania 27’471 38’583<br />

Italia 2’319 7’571<br />

Totale 110’215 173’526<br />

I membri della Direzione del Gruppo sono responsabili di tutte le attività<br />

commerciali del Gruppo <strong>ORS</strong> e vengono supportati dalle Direzioni dei paesi nei<br />

quali <strong>ORS</strong> è operativa.<br />

Jürg Rötheli<br />

CEO <strong>ORS</strong> Goup<br />

Claude Gumy<br />

Managing Director <strong>ORS</strong> Switzerland<br />

Carolin Wälz<br />

Managing Director <strong>ORS</strong> Switzerland<br />

Viene sostituita da Martin Furrer al 1° maggio 2023.<br />

Maurizio Reppucci<br />

Managing Director <strong>ORS</strong> Italy<br />

Jochen Wenderoth<br />

Head of Human Resources & Managing Director Austria<br />

Martin Nyfeler<br />

CFO <strong>ORS</strong> Group<br />

Viene sostituito da Beatrice Greger e Vuk Popovic al 1° aprile 2023.<br />

Lutz Hahn<br />

Head of Corporate Communications & Public Affairs<br />

Aggiornamento al: 31.12.<strong>2022</strong><br />

59


C O M I T A T O<br />

C<br />

consultivo, dopo la fine della mia<br />

carriera come attivista politico.<br />

Erwin Jutzet<br />

Ex membro del Governo cantonale di<br />

Friburgo, Direzione sicurezza e iustizia,<br />

e del Consiglio nazionale (CH)<br />

Sono un socialdemocratico e orgoglioso<br />

di esserlo. Ho trascorso 35<br />

anni in politica (14 anni nel Gran<br />

Consiglio di Friburgo, 11 anni nel<br />

Consiglio Nazionale, 10 anni nel<br />

Consiglio di Stato di Friburgo). Come<br />

socialdemocratico cerco sempre di<br />

mettermi dalla parte dei più deboli<br />

della società. Un socialista di sinistra<br />

può offrire consulenza a un’azienda di<br />

servizi privata? Io credo di sì.<br />

E non è una cosa da biasimare se al<br />

centro delle azioni ci sono il benessere<br />

delle persone da assistere e l’uso responsabile<br />

dei fondi pubblici messi a disposizione.<br />

Mi è stato chiesto spesso come<br />

si può guadagnare soldi sulle spalle<br />

dei poveri. Mi sono posto la stessa<br />

domanda quando mi è stato chiesto<br />

di entrare a far parte del Comitato<br />

Invece dei buonisti, nell’assistenza<br />

servono professionalità e flessibilità.<br />

E questo non lo possono fare né lo<br />

Stato né i sapientoni autoproclamati<br />

con le loro strategie di benessere.<br />

Naturalmente, lo Stato potrebbe<br />

gestire anche direttamente i centri di<br />

accoglienza per i rifugiati. Tuttavia,<br />

per una serie di ragioni (ad es. lo status<br />

di dipendente pubblico, i costi, la<br />

flessibilità), le autorità responsabili in<br />

Svizzera, Germania, Austria e Italia<br />

hanno deciso di esternalizzare l’accoglienza,<br />

l’assistenza e l’integrazione<br />

dei richiedenti asilo e dei rifugiati.<br />

È meglio che si concentrino sulla<br />

verifica del procedimento di asilo e<br />

sull’attuazione delle misure legali<br />

dopo una decisione positiva o<br />

negativa.<br />

In caso di outsourcing, le autorità<br />

sono obbligate a indire un bando di<br />

gara per i servizi. Ed ecco che molto<br />

spesso li vince <strong>ORS</strong>, non solo perché<br />

i preventivi aiutano a risparmiare i<br />

soldi dei contribuenti, ma soprattutto<br />

perché ne viene riconosciuta l’affidabilità.<br />

In particolar modo nell’attuale<br />

crisi dei rifugiati, in cui sempre più<br />

persone cercano protezione in Europa<br />

occidentale a causa dei disordini<br />

60


O N S U L T I V O<br />

politici a livello mondiale, le agenzie<br />

governative sono felici di poter contare<br />

sulla pluriennale esperienza internazionale<br />

e sulla disponibilità di un<br />

fornitore di servizi privato. Nel mio<br />

cantone natale, Friburgo, a <strong>ORS</strong> è stata<br />

addirittura affidata l’intera responsabilità<br />

per l’assistenza e l’integrazione<br />

dei rifugiati provenienti dall’Ucraina.<br />

Prendiamo l’esempio del centro<br />

federale per l’asilo di Guglera. Come<br />

presidente del Consiglio cantonale,<br />

già nel 2015 mi sono espresso a favore<br />

di questa sede in occasione di un<br />

incontro con i cittadini nell’affollata<br />

palestra, andando contro i numerosi<br />

oppositori dell’asilo, alcuni dei quali<br />

muniti di campanacci per fare rumore.<br />

Oggi i vicini mi confermano che i<br />

timori che avevano allora, ovvero che<br />

i richiedenti asilo avrebbero causato<br />

solo guai, non si sono avverati. Già<br />

a quei tempi ero dalla parte dei più<br />

deboli, in questo caso i richiedenti<br />

asilo.<br />

Presto saranno 7 anni che sono membro<br />

del Comitato consultivo di <strong>ORS</strong> dove<br />

ancora oggi faccio sentire la mia voce<br />

per i più deboli e faccio valere le mie<br />

posizioni di socialdemocratico. E<br />

questo viene apprezzato, perché per<br />

noi contano le persone, non il pensiero<br />

politico.<br />

Il nostro Comitato consultivo fornisce<br />

consulenza a <strong>ORS</strong> in qualità di<br />

commissione specializzata su<br />

problemi di migrazione attuali e<br />

futuri e raccomanda soluzioni per<br />

la messa in atto della strategia e<br />

l’ulteriore sviluppo delle divisioni. Il<br />

Comitato consultivo è costituito da<br />

personaggi politici, imprenditori ed<br />

esperti di migrazione della regione<br />

DACH. Oltre all’ex Consigliere di<br />

Stato del Canton Friburgo, Erwin<br />

Jutzet, gli altri membri sono:<br />

Ruth Metzler-Arnold, presidentessa<br />

Ex consigliere federale (CH), ministra della<br />

giustizia e della polizia, presidentessa di<br />

Switzerland Global Enterprise, membro di diversi<br />

consigli di amministrazione, consigliera universitaria<br />

HSG (CH)<br />

Rita Fuhrer<br />

Ex membro del Governo cantonale di Zurigo,<br />

direzione sociale e sicurezza (CH) ed ex direttrice<br />

della Divisione Economia (CH)<br />

Thomas Bäumer<br />

CEO di Colosseum Dental Germania, ex CEO di<br />

Adecco Germania e Austria, membro del Presidio<br />

dell’Associazione federale delle associazioni dei<br />

datori di lavoro tedeschi (BDA, DE)<br />

Dr. Michael Spindelegger<br />

Ex vicecancelliere e ministro degli esteri austriaco<br />

(AT), direttore generale dell’International Centre<br />

for Migration Policy Development (ICMPD)<br />

Dr. h. c. Fritz Schramma<br />

Ex sindaco di Colonia e presidente dell’associazione<br />

tedesca delle città e dei comuni<br />

61


I NOSTRI C<strong>ORS</strong>I<br />

La formazione e il perfezionamento<br />

del nostro personale sono molto<br />

importanti per noi. In questo modo<br />

garantiamo di poter mantenere i nostri<br />

alti standard di qualità nella fornitura<br />

dei servizi. Oltre ai corsi di base e per<br />

dirigenti, viene proposta un’ampia<br />

scelta di corsi specialistici. Nel <strong>2022</strong><br />

si sono svolti 80 corsi con una media<br />

di 15 partecipanti, sia in presenza<br />

sia in versione webinar. Anche per il<br />

2023, il nostro dipartimento People<br />

Development propone un interessante<br />

programma di perfezionamento. La<br />

maggior parte dei corsi è aperta anche<br />

a persone esterne.


G L O S S A R I O<br />

Abbreviazioni Svizzera<br />

NaBe – riorganizzazione del settore dell’asilo e dei rifugiati nel Canton Berna<br />

CFA – centro federale per l’asilo<br />

CR – centro di rimpatrio<br />

KU – alloggio collettivo<br />

SEM – segreteria di Stato della migrazione<br />

GOPS - centro operativo protetto sotterraneo<br />

Cantoni<br />

AG– Canton Argovia<br />

BE – Canton Berna<br />

BS– Canton Basilea Città<br />

FR – Canton Friburgo<br />

SO – Canton Soletta<br />

TG – Kanton Turgovia<br />

ZH – Canton Zurigo<br />

Abbreviazioni Germania<br />

BU – centro di assistenza<br />

LEA – centro regionale di prima accoglienza<br />

ZUE – centro d’alloggio<br />

EA – centro di prima accoglienza<br />

AfA – centro di accoglienza richiedenti asilo<br />

GU – alloggio collettivo<br />

Stati federati tedeschi<br />

BW – Baden-Württemberg<br />

NRW – Renania Settentrionale-Vestfalia<br />

RP – Renania-Palatinato<br />

BE -–Berlino<br />

Abbreviazioni Austria<br />

BM.I – Ministero degli interni austriaco<br />

BBU – Agenzia federale per i servizi di assistenza e di sostegno<br />

ICMPD – International Centre for Migration Policy Development<br />

Abbreviazioni Italia<br />

UNHCR – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati<br />

CAS – centro di accoglienza straordinario<br />

CPR – centro di permanenza per il rimpatrio


EU Liaison<br />

Office Bruxelles<br />

BELGIO<br />

GERMANIA<br />

SVIZZERA<br />

AUSTRIA<br />

ITALIA<br />

SPAGNA<br />

GRECIA<br />

64


NOTE EDITORIALI<br />

<strong>ORS</strong> Group<br />

<strong>ORS</strong> Group AG<br />

Röschibachstrasse 22<br />

CH-8037 Zurigo<br />

T +41 (0)44 386 67 67<br />

info@ors.ch<br />

www.ors-group.org<br />

Svizzera<br />

<strong>ORS</strong> Group AG<br />

Röschibachstrasse 22<br />

CH-8037 Zurigo<br />

T +41 (0)44 386 67 67<br />

info@ors.ch<br />

www.ors-schweiz.ch<br />

Germania<br />

<strong>ORS</strong> Deutschland GmbH<br />

Güterhallenstrasse 4<br />

D-79106 Freiburg i.Br.<br />

T +49 (0)761 769 931 20<br />

info@orsdeutschland.de<br />

www.ors-deutschland.de<br />

Austria<br />

<strong>ORS</strong> Deutschland GmbH<br />

Leopold-Ungar-Platz 2<br />

AT-1190 Vienna<br />

T +43 1 253 621 6081<br />

info@orsservice.at<br />

www.ors-austria.at<br />

Italia<br />

<strong>ORS</strong> Italia S. r. l.<br />

Piazza Annibaliano 18<br />

I-00198 Roma<br />

info@ors-italia.com<br />

www.ors-italia.com<br />

Grecia<br />

<strong>ORS</strong> Greece<br />

Monoprosopi A.E.<br />

280 Kifisias Avenue<br />

GR-15232 Chalandri<br />

Spagna<br />

<strong>ORS</strong> España<br />

Servicios Sociales S.L.<br />

Avenida Felipe II, 17<br />

1° oficina 1<br />

ES-28009 Madrid<br />

www.ors-espana.es<br />

EU Liaison Office Bruxelles<br />

<strong>ORS</strong> Group AG<br />

c/o Serco Europe<br />

Waversesteenweg 1945<br />

BE-1160 Oudergem<br />

T +32 2 892 322 00<br />

www.serco.com/eu<br />

Note editoriali<br />

Editrice<br />

<strong>ORS</strong> Group AG, Zurigo<br />

Giugno 2023<br />

© <strong>ORS</strong> Group AG, Zurigo<br />

Progetto e design<br />

Ellinor Amini e Stefan Michel<br />

Layout e grafica<br />

<strong>ORS</strong> Deutschland GmbH<br />

Gestione redazionale<br />

Lutz Hahn, Head of Communications,<br />

Public Affairs & Marketing<br />

<strong>ORS</strong> Group AG<br />

65


66<br />

FLESSIBILI


NEUTRALI<br />

AFFIDABILI<br />

67


www.ors-group.org<br />

68

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!