03.05.2024 Views

Pullman 50 maggio 2024

L'IBRIDO ALZA LA TESTA Anteprime Iveco Crossway Ld Hyb Volvo 8900 Electric Le Solaris Urbino 12 E Mercato Come vanno gli elettrici Attualità Vdl si allarga Milano come San Paolo Asstra fa il punto sul Tpl Al volante In pista coi Daimler my ‘24 Abusi Un salotto per gli artisti Bustimer La storia dell’autoportant

L'IBRIDO ALZA LA TESTA

Anteprime
Iveco Crossway Ld Hyb Volvo 8900 Electric Le Solaris Urbino 12 E

Mercato
Come vanno gli elettrici

Attualità
Vdl si allarga
Milano come San Paolo Asstra fa il punto sul Tpl

Al volante
In pista coi Daimler my ‘24

Abusi
Un salotto per gli artisti

Bustimer
La storia dell’autoportant

SHOW MORE
SHOW LESS
  • No tags were found...

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

772279 990702<br />

Anno XIII numero <strong>50</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong> Casa Editrice la fiaccola srl<br />

Anteprime<br />

Iveco Crossway Ld Hyb<br />

Volvo 8900 Electric Le<br />

Solaris Urbino 12 E<br />

Mercato<br />

Come vanno gli elettrici<br />

Attualità<br />

Vdl si allarga<br />

Milano come San Paolo<br />

Asstra fa il punto sul Tpl<br />

Al volante<br />

In pista coi Daimler my ‘24<br />

Abusi<br />

Un salotto per gli artisti<br />

Bustimer<br />

La storia dell’autoportante<br />

ISSN 2279-9907<br />

0 0 0 5 0 ><br />

9


LOG IN<br />

Ebbene sì. Con questo fascicolo, <strong>Pullman</strong> compie cinquanta uscite.<br />

Un’avventura iniziata solo nel 2012, come spin-off di Vie&Trasporti,<br />

rivista camionistica edita anch’essa dalla Casa Editrice la Fiaccola, che<br />

ospitava alcune pagine dedicate al mondo del bus.<br />

Oggi entriamo nei secondi ‘anta’, almeno quanto a numeri pubblicati. E lo<br />

facciamo galvanizzati dall’ottimo seguito che ci stata tributando, segno che la<br />

qualità paga. In un mondo dove molte realtà del settore hanno alzato bandiera<br />

bianca, noi siamo cresciuti sia di fogliazione sia a livello commerciale,<br />

archiviando il 2023 come il migliore dei nostri anni. Di sempre.<br />

Ma non finisce qui.<br />

Restate sintonizzati, perché altre novità sono nei ‘tubi’. Già nelle<br />

prossime settimane, prima dal nostro sito Internet (nonché dai<br />

collegati profili social) e quindi dalla rivista, verrete a conoscenza di<br />

un altro importante traguardo che <strong>Pullman</strong> ha saputo raggiungere in<br />

cinquanta numeri di duro quanto appassionato lavoro. lll<br />

00_00_Cover 20_Pu lman 14/12/16 10:58 Pagina 1<br />

Bimestrale - Anno V Casa Editrice la fiaccola srl<br />

numero 20 - dicembre 2016<br />

Prove su strada<br />

Iveco Magelys 12,8 E6<br />

Setra S 511 Hd E6<br />

Attualità<br />

Una capatina all’Ibe<br />

Se il passo è 35 mm<br />

La Cina galoppa ancora<br />

Anteprima<br />

Temsa Md 7 E6<br />

Cinebus Amarcord<br />

Anno XII numero 46 giugno 2023 Casa Editrice la fiaccola srl<br />

Anteprime:<br />

Setra MultiClass<br />

<strong>50</strong>0 Le, Iveco<br />

elettrici, Mercedes-<br />

Benz eCitaro Nmc3,<br />

Man Lion’s City 10E.<br />

Attualità: Euro 7,<br />

Accordi&disaccordi<br />

nel bus, i pullman<br />

turistici post Covid<br />

<strong>50</strong> DI<br />

QUESTI<br />

00_00_Cover 26.qxp_Pu lman 19/06/18 11:05 Pagina 1<br />

electric<br />

Anno VII - numero 26 - giugno 2018<br />

Casa Editrice la fiaccola srl<br />

N U M E R I<br />

Al volante<br />

Man Lion’s Coach Ecolife<br />

Vdl Futura Traxon<br />

Setra TopClass S 531 Dt<br />

Anteprime<br />

Mci D45 Crt Le<br />

Toyota Sora fuel cell<br />

Mercedes-Benz Citaro E<br />

Attualità<br />

Solaris oggi e domani<br />

Irizar e la fabbrica elettrica<br />

<strong>Pullman</strong> - 3


ROAD MAP<br />

numero <strong>50</strong> - <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

6<br />

ANTEPRIMA<br />

Iveco<br />

Crossway Ld Hyb<br />

l’ibrido s’alza<br />

16<br />

MERCATO<br />

Cme Solutions<br />

ci racconta come<br />

vanno gli elettrici<br />

27<br />

PULLMAN ON LINE<br />

Fengtai<br />

Sunlong<br />

Kinwin<br />

38<br />

BUSTIMER<br />

Il bus<br />

autoportante<br />

è americano<br />

AGGIORNAMENTI CONTINUI SU<br />

@rivista_pullman<br />

@rivistapullman<br />

10<br />

AL VOLANTE<br />

In pista con i bus<br />

Daimler aggiornati<br />

alla Gsr 2019<br />

20<br />

ATTUALITÀ<br />

Milano Lampugnano<br />

dove il degrado<br />

regna sovrano<br />

28/32<br />

RUBRICHE<br />

Pulmapp<br />

Bustrotter<br />

Shopping<br />

TUTTE LE PROVE<br />

I dati di consumo<br />

e prestazionali<br />

dei bus testati da noi<br />

8<br />

ANTEPRIMA<br />

Volvo<br />

8900 Electric Le<br />

debutta con Mcv<br />

12<br />

22<br />

34<br />

ABUSI<br />

Ritrovo<br />

d’artista<br />

su ruote<br />

14<br />

ANTEPRIMA<br />

Solaris<br />

Urbino 12 Electric<br />

passa al trucco<br />

36<br />

RUBRICA<br />

Ibe<br />

si racconta<br />

2^ puntata<br />

40 42 46<br />

Rivista <strong>Pullman</strong><br />

rivista_pullman<br />

ATTUALITÀ<br />

Vdl inaugura<br />

la nuova fabbrica<br />

di Roeselare<br />

ATTUALITÀ<br />

Una ricerca Asstra<br />

fa il punto<br />

sul Tpl nostrano<br />

SECOND LIFE<br />

Quotazioni di ritiro<br />

dei pullman turistici<br />

dal 2013 al 2022<br />

26<br />

OLTRECORRIERA<br />

Calendario eventi<br />

Il mondo della mobilità<br />

al di là del torpedone<br />

RUBRICA<br />

An.Bti Confcommercio<br />

mette in guardia<br />

sul ‘tutto elettrico’<br />

@Rivista<strong>Pullman</strong><br />

www.pullmanweb.it<br />

<strong>Pullman</strong><br />

Per tutte le direzioni<br />

Stampato su carta FSC<br />

Direttore responsabile<br />

Lucia Edvige Saronni<br />

Coordinatore editoriale<br />

Giuseppe Guzzardi<br />

gguzzardi@fiaccola.it<br />

Direttore<br />

Gianluca Ventura<br />

gventura@fiaccola.it<br />

Collaboratori<br />

Tiziana Altieri, Mauro Armelloni, Wim Chatrou,<br />

Riccardo Esposito, Simone Gaier, Stefano Lavori,<br />

Emilia Longoni, John Next (foto), Andrea Trenti, Luca<br />

Visconti<br />

Amministrazione<br />

Margherita Russo amministrazione@fiaccola.it<br />

Marzia Salandini msalandini@fiaccola.it<br />

Abbonamenti<br />

Mariana Serci, Patrizia Zanetti<br />

abbonamenti@fiaccola.it<br />

Marketing e Pubblicità (responsabile estero)<br />

Sabrina Levada slevada@fiaccola.it<br />

Traffico e Pubblicità<br />

Giovanna Thorausch<br />

marketing@fiaccola.it<br />

Direzione, amministrazione, pubblicità<br />

Casa Editrice La Fiaccola s.r.l.<br />

20123 Milano - Via Conca del Naviglio, 37<br />

Tel. 02 894213<strong>50</strong> - Fax 02 89421484<br />

casaeditricelafiaccola@legalmail.it<br />

www.fiaccola.com<br />

Agenti<br />

Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto,<br />

Emilia Romagna (Parma e Piacenza escluse)<br />

Giorgio Casotto Tel. 0425/34045 - Cell. 348 5121572<br />

E-mail: info@ottoadv.it<br />

Trimestrale - LO-NO/00516/02.2021CONV<br />

Reg. Tribunale di Milano n. 11<br />

del 02/01/2012 - ROC 321<strong>50</strong><br />

PREZZI DI VENDITA ITALIA ESTERO<br />

Copia singola € 15,00 € 30,00<br />

Abbonamento annuo € 60,00 € 1<strong>50</strong>,00<br />

Grafica<br />

Michela Chindamo<br />

La Spezia<br />

Tipografia<br />

Ingraph Srl<br />

Via Bologna 106 - 20831 Seregno (MB)<br />

Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa<br />

n.1740 - vol.18 - foglio 313 - 21/11/1985<br />

La rivista è aperta alla collaborazione di tutti coloro,<br />

tecnici, studiosi, professionisti, industriali, comunque<br />

interessati al mondo dei trasporti e della movimentazione.<br />

La responsabilità di quanto espresso<br />

negli articoli firmati rimane esclusivamente agli<br />

Autori. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati,<br />

non si restituiscono. È vietata e perseguibile<br />

per legge la riproduzione totale o parziale di testi,<br />

articoli, pubblicità ed immagini pubblicate su questa<br />

rivista sia in forma scritta che su supporti magnetici,<br />

digitali, ecc.<br />

Foro competente Milano<br />

Il suo nominativo è inserito nella nostra mailing<br />

list esclusivamente per l'invio delle nostre comunicazioni<br />

e non sarà ceduto ad altri, in virtù del<br />

nuovo regolamento UE sulla Privacy N.2016/679.<br />

Qualora non desideri ricevere in futuro altre informazioni,<br />

può far richiesta alla Casa Editrice la fiaccola<br />

srl scrivendo a: info@fiaccola.it<br />

ISSN: 2279-9907<br />

Questo periodico è associato all’Unione stampa<br />

periodica italiana.<br />

Numero di iscrizione 15846<br />

AUTONOMIA MASSIMIZZATA.<br />

EFFICIENZA OTTIMIZZATA.<br />

Il nuovo eCitaro fuel cell. Batterie ad alta prestazione e cella a combustibile<br />

per estendere l’autonomia. Fino a 400 Km senza ricarica intermedia per la<br />

versione 12 e 18 mt.<br />

per <strong>maggio</strong>ri<br />

informazioni<br />

Daimler Buses Italia S.p.A. - Via Togliatti, 7/11 - 41030 Bomporto MO


ANTEPRIMA<br />

L’ibrido low deck<br />

IVECO CROSSWAY LD LINE 12 MH<br />

Driveline<br />

Motore marca e modello Iveco Cursor 9<br />

Cilindrata cc 8.709<br />

Potenza<br />

kW(Cv)@giri 265(360)@1.700-2.200<br />

Coppia Nm@giri 1.6<strong>50</strong>@1.125-1.5<strong>50</strong><br />

Inquinanti<br />

omol./sist. E6e/Doc+Dpf+Scr+Cuc<br />

Cambio<br />

marca e tipo/n° marce Voith Diwa Nxt/7<br />

Motore elettrico (cont-max) kW/Nm 25-35/300<br />

Batteria V/kWh 48/1<br />

Ingombri<br />

Lunghezza/n° assi mm 12.097/2<br />

Larghezza mm 2.5<strong>50</strong><br />

Altezza massima da terra mm 3.582<br />

Passo mm 6.200<br />

Sbalzo anteriore mm 2.605<br />

Sbalzo posteriore mm 3.292<br />

Diametro di volta mm 21.540<br />

Altezza interna mm 2.280<br />

Altezza 1° gradino mm 344<br />

Altezza pavimento da terra mm 800<br />

Angolo di sbalzo anteriore gradi 8,3<br />

Angolo di sbalzo posteriore gradi 8<br />

Volume bagagliera m3 5,7<br />

Posti a sedere/in piedi n° 55+1/n.d.<br />

Masse<br />

Tara kg n.d.<br />

Peso totale a terra kg 18.000<br />

COM’È FATTO Nello schema,<br />

l’ubicazione dei componenti mild hybrid<br />

sul Crossway low decker.<br />

Unità di controllo ibrida<br />

Modulo cambio con motore elettrico<br />

Batteria a 48 Volt<br />

Convertitore 48 > 24 Volt corrente continua<br />

Raffreddamento sezione ibrida<br />

<br />

<br />

<br />

ANTEPRIMA<br />

<br />

<br />

Dopo quella con accessi ribassati, arriva<br />

la versione a pianale alto con bagagliera<br />

del Crossway Iveco diesel ibridato a 48 Volt<br />

di Luca Visconti<br />

Dopo averci provato con la versione low entry<br />

destinata a un impiego suburbano, Iveco Bus<br />

- secondo noi a ragione - cala la carta del diesel<br />

mild hybrid anche sulle rotte più lunghe, grazie al<br />

proprio best seller Crossway, stavolta low decker, ossia<br />

col piano di calpestio a 800 millimetri dal selciato, raggiungibile<br />

valicando tre gradini. Sotto il quale viene<br />

ricavata, allungando lievemente il passo rispetto all’omologo<br />

con accesso ribassato, una bagagliera con<br />

sportelli in alluminio la cui capienza va da 3,5 metri<br />

cubi del 10,757 metri (2,4 la cubatura delle cappelliere)<br />

fino ai 6,8 (più 3 di cappelliere) del quasi 12,962 biasse,<br />

passando per i 5,7 di questo dell’articolo.<br />

In regola con la normativa Gsr in arrivo a luglio e disponibile<br />

anche in allestimento Pop, il nuovo nato è<br />

stato leggermente modificato nell’anteriore per ospirare<br />

i sensori degli Adas obbligatori di nuova intro-<br />

duzione. Offre vetratura singola, due botole vetrate<br />

manuali a cielo e quattro aerotermi di serie, ma il condizionatore<br />

in opzione, al pari del kneeling.<br />

Stessa ibridazione del ribassato<br />

Anche il low decker sfrutta la tecnologia della tedesca<br />

Voith del cambio automatico a sette rapporti Diwa<br />

Nxt. Flangiato sul lato motore (quello d’ingresso della<br />

coppia) della scatola c’è un’unità elettrica da 25 chilowatt<br />

di potenza continua e 35 di picco, nonché 300<br />

Newtonmetro di coppia. Che funge sia da propulsore<br />

sia da generatore elettrico per produrre elettricità<br />

in frenata, nonché da motorino d’avviamento<br />

d’un Cursor 9 turbodiesel, compatibile<br />

Hvo (220 i litri imbarcabili di<br />

gasolio/Xtl, più 80 d’urea). In tutti i Crossway<br />

Mh è offerto nella taratura da 360 cavalli di potenza<br />

e 1.6<strong>50</strong> Newtonmetro di coppia, scaricati a terra<br />

via un ponte Meritor U17X con rapporto di 5,29.<br />

Una batteria al litio-titanato-ossido, da 48 Volt di tensione<br />

e 1 chilowattora di capacità, alimenta sia il motore<br />

elettrico sia i componenti ausiliari, dopo che la<br />

sua tensione è stata ridotta a 24 Volt da un convertitore,<br />

il quale fornisce 3 chilowatt d’energia in continuo e il<br />

doppio di picco. Nella zona posteriore destra del tetto<br />

c’è il sistema di raffreddamento ad acqua da 1,5 chilowatt,<br />

incaricato di mitigare il caldo del motore elettrico<br />

e della batteria. In accelerazione, il motore elettrico<br />

supporta quello termico grazie all’energia<br />

stoccata nella batteria a 48 Volt, assistenza che continua<br />

anche nelle fasi di velocità costante, configurando<br />

così una sorta di veleggio. In rilascio o frenata, il motore<br />

elettrico genera energia elettrica, inviata verso<br />

la batteria sul tetto. Grazie all’ibridazione, Crossway<br />

offre pure la funzione stop&start, che spegne e riavvia<br />

il motore termico sfruttando quello elettrico. lll<br />

Nella foto grande<br />

della pagina accanto,<br />

il Crossway Line low<br />

decker mild hybrid in<br />

configurazione a due<br />

porte, l’unica disponibile,<br />

con la centrale offerta<br />

in due larghezze: 800<br />

(come l’anteriore)<br />

e 1.200 millimetri.<br />

In basso, dall’estrema<br />

sinistra, il lato guida<br />

del veicolo, il cockpit<br />

e la cabina vista dal<br />

fronte, arredata con sedili<br />

Lineo. Le cappelliere,<br />

aperte, hanno una<br />

capienza complessiva<br />

di 2,8 metri cubi.<br />

6 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 7


ANTEPRIMA<br />

ANTEPRIMA<br />

Si parte dalla linea<br />

Il nuovo corso di Volvo inizia dai servizi<br />

interurbani, grazie alla piattaforma elettrica<br />

multiruolo BZR, per low entry e decker<br />

di Gianluca Ventura<br />

Apre il ‘mondo’ di Volvo<br />

Verrà assemblato dagli egiziani di Mcv questo<br />

nuovo interurbano elettrico di Volvo, l’8900<br />

Le Electric, un low entry basato sull’anch’esso<br />

inedito telaio multiruolo Bzr, disponibile a due o tre<br />

assi (guida a destra o a sinistra) per lunghezze veicolo<br />

Non solo un museo, ma un vero e proprio centro di aggregazione. Questo vuol<br />

essere ‘The world of Volvo’, che <strong>Pullman</strong> ha visitato qualche settimana prima dell’inaugurazione<br />

ufficiale, avvenuta il 14 aprile scorso a Göteborg: un secolo esatto<br />

dalla fondazione dell’azienda. Voluta da Assar Gabrielsson e Gustav Larsson (un<br />

passato alla Skf, quella dei cuscinetti a sfere), che<br />

decisero fosse necessario costruire - utilizzando l’indistruttibile<br />

acciaio svedese (dal quale deriva il logo)<br />

- auto, camion e bus adatti alle temibili condizioni<br />

scandinave. Progettato da uno studio d’architettura<br />

danese, il World è realizzato con legno austriaco.<br />

comprese tra 9,5 e 14,9 metri, anche low decker. Una<br />

piattaforma a disposizione di tutti i carrozzieri, che<br />

segna un po’ un ritorno alle origini per la Casa di<br />

Göteborg che fino al 2007 era esclusivamente un fornitore<br />

di meccaniche che si affidava a carrozzieri locali,<br />

Batterie anche sul tetto<br />

Questo 8900 sfoggia un nuovo frontale con parabrezza<br />

più ampio in arrivo anche sugli urbani 7900 e la parte<br />

anteriore tutta in colore carrozzeria. Migliorate sia<br />

l’aerodinamica sia la riparabilità del muso, grazie al<br />

fascione paraurti in tre pezzi apribile rapidamente e<br />

ai piccoli angolari inferiori (quelli sotto i fari fendinebbia/svolta,<br />

per intenderci ) che si possono asportare<br />

e sostituire senza intervenire sul fascione. Disponibile<br />

anche con retrovisori elettronici e ricarica via pantografo<br />

a 4<strong>50</strong> chilowatt (altrimenti ci sono le Ccs Combo<br />

2 a 2<strong>50</strong> sopra i due archi ruota anteriori), il nuovo 8900<br />

intercity ha tutti i gruppi ottici a led. mentre sul retro<br />

vengono introdotte una nuova grande scritta Volvo<br />

centrale a una retrocamera inedita omologata Gsr 24.<br />

Di Masats le porte, qui tutte scorrevoli e monoanta,<br />

con quella di coda che dà però su un vano scale a ben<br />

cinque gradini: quanto un Gt. Una soluzione dovuta<br />

alla presenza di parte delle batterie, della power unit<br />

VOLVO 8900 ELECTRIC LE 6x2<br />

Driveline<br />

Motore elettrico marca e modello Volvo Ept802<br />

Tipo funzion./corrente/V asincrono/CA/600<br />

Potenza nominale (massima) kW 2x167 (2x200)<br />

Coppia massima Nm 8<strong>50</strong><br />

Batterie marca e tipo nichel-cobalto-alluminio<br />

Capacità batterie kWh 4<strong>50</strong> o 540<br />

Ingombri<br />

Lunghezza/n° assi mm 14.896/3<br />

Larghezza mm 2.5<strong>50</strong><br />

Altezza massima da terra mm 3.625<br />

Passo mm 7.000<br />

Interasse mm 1.400<br />

Sbalzo anteriore mm 2.899<br />

Sbalzo posteriore mm 3.597<br />

Carreggiata anteriore/posteriore mm 2.049/1.834<br />

Diametro di volta mm 24.6<strong>50</strong><br />

Angolo di sbalzo anteriore/posteriore gradi 7,1/7<br />

Altezza interna ant./cen./post. mm 2.0<strong>50</strong>/2.170/1.6<strong>50</strong><br />

Altezza pavimento da terra ant./pos. mm<br />

n.d.<br />

Larghezza porte mm 1.200<br />

Posti a sedere/in piedi n° 57+1/53<br />

Masse<br />

Peso totale a terra kg 27.000<br />

e dell’elettronica di controllo. Se poi si vuole più autonomia,<br />

allora c’è altro spazio per gli accumulatori nella<br />

zona anteriore del tetto, il che implica un ribassamento<br />

del soffitto in piazzola e nelle prime due file. Di serie ci<br />

sono le vetrocamere azzurrate, insieme al radar laterale<br />

salva pedoni/biciclette e nel triasse come questo anche<br />

una piccola bagagliera laterale da 0,9 metri cubi poco<br />

prima del ponte. Esternamente, sotto il posto guida, ci<br />

vanno delle batterie al gel da 140 Ampèrora, mentre all’interno<br />

il conducente può contare sul Volvo Dynamic<br />

Steering collegato a un servosterzo elettroidrualico<br />

per il volante e una postazione isolata - a scelta - attraverso<br />

una porta a blocco magnetico senza o con vetro<br />

(mezzo o intero), più parete posteriore vetrata o in Abs<br />

opaco. Digitale il cruscotto (la versione Vdv arriverà<br />

nel primo trimestre del 2025), completato da un volante<br />

regolabile con comandi remoti e monitor della retrocamera<br />

ancorato nella parte alta del parabrezza, accessoriabile<br />

coi tergi automatici. Valeo Revo il gruppo<br />

clima, con pompa di calore da 25 chilowatt e raffreddamento<br />

da 28. Taglia 295/80 o 305/70 i pneus. lll<br />

In alto, da sinistra,<br />

l’8900 tre assi low entry<br />

con tre porte scorrevoli,<br />

il muso e il cockpit.<br />

Sopra, ancora da<br />

sinistra, la cabina<br />

ripresa dal fondo e la<br />

zona rialzata. Sotto, il<br />

vano motore e uno dei<br />

moduli batteria da 90<br />

chilowattora. In basso,<br />

vista anteriore e<br />

posteriore del telaio Bzr<br />

con le batterie a tetto.<br />

8 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com


AL VOLANTE<br />

AL VOLANTE<br />

Sopra, la dimostrazione di come funziona l’Active<br />

brake assist di sesta generazione. Da sinistra, il<br />

Setra S 515 Hd in fase di frenata automatica dopo<br />

aver rilevato una vettura ferma, la medesima scena<br />

vista da sopra il pullman e le telecamere sul<br />

parabrezza che controllano lo spazio davanti al bus.<br />

A tutta sicurezza<br />

Daimler Buses porta in pista i sistemi di<br />

assistenza che diventeranno obbligatori a<br />

luglio sui veicoli di nuova immatricolazione<br />

di Luca Visconti<br />

Sotto, nell’infografica,<br />

i sistemi di sicurezza (con<br />

relative abbreviazioni<br />

internazionali) offerti da<br />

Daimler Buses, che vanno<br />

oltre le prescrizioni. Più a<br />

destra, il Setra laboratorio.<br />

Prevenire<br />

Assistenza<br />

Dal 7 luglio prossimo, con la revisione del<br />

General Safety Regulation (il cosiddetto Gsr<br />

Eu 2019/2144), in tutta l’Unione europea verranno<br />

applicati dei nuovi standard per i sistemi di assistenza<br />

alla guida, con l’obiettivo di migliorare la sicurezza<br />

stradale. A tal fine, Daimler Buses ha voluto fare il punto<br />

della situazione mettendo a disposizione della stampa<br />

specializzata - sul circuito spagnolo di Jarama - tutta la<br />

Avviso<br />

Reagire<br />

Intervento<br />

propria gamma già aggiornata con i nuovi Adas che diventeranno<br />

obbligatori sui veicoli di nuova immatricolazione<br />

a partire da luglio, ma andando addirittura oltre<br />

in alcuni casi dal punto di vista della funzionalità.<br />

Ecco i nuovi Adas obbligatori<br />

Otto i sistemi che dovranno necessariamente essere<br />

a bordo dei nuovi veicoli a partire da questa estate e<br />

che vanno ad aggiungersi a quelli già introdotti nel<br />

novembre del 2015, come la frenata automatica<br />

d’emergenza (Aebs) e l’assistente di corsia (Ldws).<br />

Primo fra tutti il segnale di frenata d’emergenza, sottoforma<br />

di lampeggio degli stop in caso di brusca fre-<br />

nata. Poi ci sono la retrocamera e/o i sensori a sorvegliare<br />

la retromarcia, il Tpms per tenere sotto controllo<br />

la pressione delle gomme, il sistema di segnalazione<br />

dei limiti di velocità della strada che si sta<br />

percorrendo, il monitoraggio dell’angolo cieco sul<br />

lato porte e di presenza dell’anteriore a salvaguardia<br />

di pedoni/ciclisti, la predispzione di un’interfaccia<br />

standardizzata per l’installazione dell’Alcolock inibente<br />

l’avvio in stato di ebbrezza e infine il sistema di rilevamento<br />

stanchezza/distrazione del conducente.<br />

Insomma finalmente un bel pacchetto che include sistemi<br />

già offerti in opzione da alcuni costruttori, ma<br />

che d’ora in poi dovranno far parte della dotazione di<br />

serie. Dotazione che Daimler ha deciso d’integrare<br />

con ulteriori funzioni non ancora obbligatorie, come<br />

spesso accade sui prodotti della Casa tedesca.<br />

È il caso del Bsis contro gli angoli ciechi, nella versione<br />

di Daimler con monitoraggio anche del lato guida,<br />

grazie a un ulteriore sensore che scandaglia i 7 metri<br />

davanti e i 30 del fianco verso il retro (partendo dal<br />

muso). Oppure ancora l’Aba 6, che utilizzando una<br />

combinazione di sensori radar a corto e lungo raggio<br />

più una telecamera è ora in grado di eseguire una frenata<br />

completa massima automatizzata a velocità fino<br />

a 60 chilometri orari quando rileva un ostacolo, sia<br />

esso una vettura (anche contromano), un pedone o<br />

un ciclista: ciò con una visione multicorsia fino a 2<strong>50</strong><br />

metri di distanza, che solo Daimler Buses offre.<br />

Luci e ombre invece sul fronte dei sistemi di retrovisione<br />

elettronica, i Mirror cam, che l’azienda teutonica<br />

- pioniera anche in questo ambito - offre ora in opzione<br />

sui propri veicoli, equipaggiandoli con fino a sette monitor<br />

(due sono bipartiti) in combinazione col retrovideo.<br />

Forse un po’ troppi per non distrarsi. lll<br />

La riga in alto mostra,<br />

da sinistra, come si<br />

presentano i cockpit<br />

rispettivamente di un<br />

high-decker e di un due<br />

piani equipaggiati con<br />

retrovisori elettronici:<br />

la selva di monitor è<br />

imponente. Più sotto,<br />

da sinistra, i Mirror cam<br />

esterni e la nuova<br />

retrocamera a norma Gsr.<br />

Retrocamera<br />

Sistema videocamera<br />

in retromarcia (REIS)<br />

Alcol interlock<br />

Predisposizione sistema<br />

controllo tasso alcolemico<br />

Intelligent headlight control<br />

Controllo intelligente fascio<br />

luminoso dei fari<br />

Attention assist<br />

Rilevamento stanchezza<br />

con relativo avviso (DDAW)<br />

Tire pressure monitoring system<br />

Monitoraggio pressione<br />

pneumatici (TPMS)<br />

Lane departure warning<br />

Avviso abbandono corsia<br />

di marcia (LDWS)<br />

Trafc sign assit<br />

Segnalazione<br />

limiti di velocità (ISA) Active brake assist 6<br />

Preventive brake assist 2<br />

Frontguard assist<br />

Rilevamento presenza<br />

anteriore pedoni e bici (MOIS)<br />

Sideguard assist 2<br />

Monitoraggio angoli<br />

ciechi laterali (BSIS)<br />

Proximity control assist<br />

Cruise control<br />

adattivo (ACC)<br />

Sistema automatico<br />

frenata d’emergenza<br />

(AEBS)<br />

Active drive assist 2<br />

Protezione<br />

abbandono corsia<br />

Assistente fermata<br />

d’emergenza<br />

All’estrema sinistra, una demo combinata<br />

di Sideguard e Frontguard assist, che<br />

rileva qui la presenza di un ciclista sul<br />

fianco porte e davanti. Al centro, i nuovi<br />

fari led intelligenti dotati di camere<br />

necessarie a tarare il fascio emesso. A<br />

destra, il sensore del Sideguard (non può<br />

sporgere più di 100 millimetri), che<br />

Daimler offre pure sul lato guida del bus.<br />

10 - <strong>Pullman</strong><br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 11


ATTUALITÀ<br />

ATTUALITÀ<br />

Belli carichi<br />

Il gruppo olandese Van der Leegte inaugura<br />

il nuovo sito produttivo belga di Roeselare<br />

dedicato all’assemblaggio degli elettrici<br />

Un impianto ultra ‘green’<br />

Dopodiché sarà chiuso e tutta la produzione degli urbani<br />

elettrici di nuova generazione verrà trasferita in<br />

questo nuovo impianto, che occupa una superficie di<br />

20mila metri quadrati. L’edificio è stato progettato predi<br />

Gianluca Ventura<br />

Se da un lato c’è chi alza bandiera bianca o delocalizza,<br />

dall’altro c’è chi investe parecchio ancora<br />

sull’Europa occidentale e decide addirittura di<br />

aprire un nuovo insediamento produttivo.<br />

È il caso di Vdl che, sfruttando le sinergie di gruppo<br />

(quello dei Van der Leegte è attivo in numerosi ambiti<br />

dell’automotive e anche in altri settori), riesce a gestire<br />

meglio i costi di produzione e può continuare a produrre<br />

nell’Unione Europea, tra i Paesi Bassi e il Belgio.<br />

Dove lo scorso 10 aprile ha inaugurato la nuova fabbrica<br />

di Roeselare, nelle Fiandre, a poca distanza da<br />

un precedente insediamento produttivo, quello rilevato<br />

ormai nel lontano 1998 dal fallimento del Gruppo<br />

Berkhof, che solo quattro anni prima aveva assorbito<br />

il carrozziere di Roeselare e la relativa fabbrica fondata<br />

nel lontano 1881. Fabbrica che resterà attiva fino a<br />

che il portafoglio ordini di vecchi Citea sarà esaurito.<br />

stando particolare attenzione al rispetto<br />

dell’ambiente, con riscaldamento a pavimento<br />

e sistemi di ventilazione che garantiscono<br />

un uso efficiente dell’energia.<br />

I pannelli solari sono stati integrati nel<br />

progetto, rendendo l’impianto ampiamente<br />

autosufficiente nel suo fabbisogno<br />

energetico. Il tetto ‘green’ non solo contribuisce all’estetica<br />

del plesso, ma funge anche da isolante naturale<br />

e contribuisce alla biodiversità dell’ambiente.<br />

Un impianto costruito intorno al bus, dalla logistica avanzatissima<br />

per non avere né stock né rischi di restare<br />

senza componenti, buona parte dei quali prodotti da<br />

altre aziende del gruppo. Ad esempio,<br />

i telai vengono costruiti ad<br />

Eindhoven (Olanda), presso la Vdl<br />

Special Vehicles, ex Daf Bus, almeno<br />

fino a quando quest’attività<br />

non verrà trasferita alla loro<br />

NedCar di Born (Olanda), dove<br />

un tempo Vdl produceva le<br />

Mini per Bmw. I centri competenza<br />

bus di Vdl resteranno<br />

quindi questo di Roeselare e<br />

quello ex Bova di Valkenswaard (Olanda),<br />

dove faranno sia il prossimo Futura sia i<br />

Citea, qualora la domanda dovesse crescere<br />

ulteriormente. Un’altra società del<br />

Gruppo si occupa invece di produrre in fibra<br />

di vetro le fiancate e il tetto dei veicoli,<br />

incollati a una struttura metallica imbullonata:<br />

le saldature sono limitate alla costruzione dei singoli<br />

pezzi, mentre l’assemblaggio si fa solo con colla e viti.<br />

Cinquecento - tra tute blu e colletti bianchi - i dipendenti<br />

in forza qui a Roeselare, la cui capacità produttiva a regime<br />

è fissata in quindici pezzi alla settimana. lll<br />

Nella pagina accanto,<br />

in grande, la vista esterna<br />

della nuova fabbrica<br />

a Roeselare, inaugurata<br />

il 10 aprile scorso. Qui<br />

a lato, la reception degli<br />

uffici e, nel riguadro,<br />

Willem Van der Leegte,<br />

presidente e direttore di<br />

tutto il gruppo omonimo.<br />

Sotto, uno piantina delle<br />

otto stazioni in cui<br />

è articolata la linea<br />

di produzione. A piè<br />

di pagina, alcune fasi<br />

della costruzione<br />

di un Citea elettrico:<br />

dall’estrema sinistra, la<br />

stazione dove s’incollano<br />

le fiancate alla struttura,<br />

il completamento del<br />

tetto, l’area di stoccaggio<br />

dei sedili, la zona<br />

dedicata all’installazione<br />

dell’impianto elettrico<br />

e all’incollaggio dei vetri.<br />

Chiude il fine linea, dove<br />

si rabboccano i fluidi<br />

e si effettuanno<br />

i controlli conclusivi.<br />

12 - <strong>Pullman</strong><br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 13


ANTEPRIMA<br />

ANTEPRIMA<br />

Motore al centro<br />

Anche l’Urbino 12 Electric di Solaris si<br />

aggiorna per soddisfare le normative Gsr2 in<br />

vigore da luglio. Di serie col CeTrax di Zf<br />

di Andrea Trenti<br />

Mobility Move <strong>2024</strong> di Berlino (l’ex ElekBu)<br />

è l’occasione scelta per il debutto in società<br />

del rinnovato urbano Solaris Urbino 12 elettrico.<br />

Grazie a una nuova trasmissione modulare che<br />

sfrutta un motore elettrico centrale CeTrax di Zf flagiato<br />

sul ponte omonimo a portale, è stato possibile<br />

eliminare l’armadio nell’angolo posteriore sinistro,<br />

piazzando in modo più efficace i componenti sul tetto,<br />

dove sono state spostate tutte le batterie ad alta densità<br />

d’energia di nuova concezione con celle pouch. Offerte<br />

sempre in varie capacità, in base alle esigenze dell’operatore<br />

e fino a un massimo di 600 chilowattora<br />

(sei moduli), sufficienti a percorrere altrettanti chilometri<br />

senza ricariche. Effettuabili sia attraverso la presa<br />

Ccs Combo 2 piazzata sopra l’arco ruota anteriore<br />

destro, sia sfruttando il pantografo in opzione. Il nuovo<br />

layout col pentaposto in coda permette inoltre di sfruttare<br />

al meglio lo spazio interno, incrementando così<br />

di sette i posti a sedere di questo dodici metri secchi<br />

tutto ribassato, dotato di tre doppie porte Ventura.<br />

Arriva il carburo di silicio<br />

A migliorare l’efficienza e a ridurre l’impatto ambientale<br />

contribuisce anche l’implementazione, nell’inverter,<br />

dell’innovativa tecnologia dei Mosfet - i transistori<br />

a effetto di campo utilizzati nell’elettronica di consumo<br />

digitale - al carburo di silicio, invece dei classici transistori<br />

bipolari a gate isolato (gli Igbt).<br />

Realizzato sempre con ossatura in acciaio inossidabile,<br />

il nuovo Urbino 12 soddisfa tutti gli standard di sicurezza<br />

e di cybersecurity imposti dalla normativa Gsr 2<br />

che diventeranno obbligatori sui veicoli di nuova immatricolazione<br />

a partire dal prossimo luglio. Leggi<br />

che portano con sé una serie di radar nel musetto ridisegnato<br />

e ai due lati del veicolo per il rilevamento<br />

di pedoni o ciclisti, una nuova camera sul posteriore<br />

e i retrovisori elettronici MirrorEye della Stoneridge.<br />

Tutte a led le luci, esterne e interne, climatizzato dal<br />

medesimo impianto a tetto Konvekta con pompa di<br />

calore a CO2 che serve la cabina il posto guida.<br />

SOLARIS URBINO 12 ELECTRIC<br />

Driveline<br />

Motore elettrico marca e modello Zf CeTrax<br />

Tipo funzion./corrente/V asincrono/CA/800<br />

Potenza nominale (massima) kW@giri 175 (300)@8.<strong>50</strong>0<br />

Coppia nominale (massima) Nm 2.170 (4.<strong>50</strong>0)<br />

Batterie marca e tipo Lg hi-energy/Nmc<br />

Capacità batterie kWh 600<br />

Ingombri<br />

Lunghezza/n° assi mm 12.000/2<br />

Larghezza mm 2.5<strong>50</strong><br />

Altezza massima da terra mm 3.300<br />

Passo mm 5.900<br />

Sbalzo anteriore mm 2.700<br />

Sbalzo posteriore mm 3.400<br />

Carreggiata anteriore/posteriore mm 2.1<strong>50</strong>/1.887<br />

Diametro di volta mm 20.800<br />

Angolo di sbalzo anteriore/posteriore gradi 7/7<br />

Altezza interna mm 2.280<br />

Altezza pavimento da terra mm 320<br />

Larghezza porte mm 1.2<strong>50</strong><br />

Posti a sedere/in piedi n° 41+1/37<br />

Masse<br />

Tara kg n.d.<br />

Peso totale a terra kg 19.200<br />

Al nuovo Urbino elettrico il compito di bissare il successo<br />

dei predecessori, venduti in oltre millecinquecento<br />

unità sparse in centoventi città europee. lll<br />

Dall’estrema sinistra della pagina accanto,<br />

il posto guida a norma Vdv, la zona di coda<br />

della cabina dove sparisce l’armadio in<br />

favore di un’erta scalinata che conduce al<br />

pentaposto, la cabina vista dal fronte,<br />

i componenti elettronici nel vano posteriore<br />

chiuso da sportelli bivalvi e il sistema di<br />

retrovisori elettronici Stoneridge.<br />

14 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com <strong>Pullman</strong> - 15


NUMERI<br />

Cambia la scena<br />

In tre anni il peso dei bus a zero emissioni nel segmento urbano è quasi<br />

triplicato. Raggiungere gli obiettivi di Bruxelles non sembra impossibile, ma<br />

bisognerà dire addio a costruttori che hanno fatto la storia nel Vecchio Continente<br />

L’istogramma a lato, mette in evidenza come - a partire<br />

dal 2020 - le immatricolazioni di bus ad alimentazione<br />

alternativa nel segmento urbano in Europa abbiano<br />

superato quelle di veicoli diesel tradizionali, conquistando<br />

una quota del 52,5 per cento. Nel 2021 hanno sfiorato<br />

il 60 per cento, per superarlo nel 2022 e raggiungere un<br />

72,9 per cento nell’ultimo anno. Come si vede<br />

nell’istogramma al piede della pagina accanto, la parte del<br />

leone la fanno senza ombra di dubbio i veicoli elettrici.<br />

IL PESO DEGLI ALTERNATIVI SUL<br />

MERCATO DEGLI URBANI<br />

7.787<br />

8.911<br />

8.375<br />

NUMERI<br />

11.004<br />

di Tiziana Altieri<br />

e Chatrou Cme Solutions<br />

LE IMMATRICOLAZIONI DI BUS A<br />

TRAZIONE ALTERNATIVA IN EUROPA<br />

47<br />

2.210<br />

3.162<br />

2.919<br />

158<br />

3.282<br />

3.088<br />

3.285<br />

2020 2021 2022 2023<br />

99<br />

4.152<br />

3.274<br />

2.018<br />

Lo scorso febbraio i negoziatori del Consiglio e<br />

del Parlamento europeo hanno raggiunto un<br />

accordo politico provvisorio sulle norme in materia<br />

di emissioni di CO2 per i veicoli pesanti. In linea<br />

con gli obiettivi dell’Unione Europea in materia di clima<br />

per il 2030 e oltre, sono stati mantenuti i target stabiliti<br />

dalla Commissione nella sua proposta per il 2030<br />

(-45 per cento di emissioni di CO2), il 2035 (-65) e il<br />

2040 (-90), oltre a una riduzione del 15 per cento entro<br />

il 2025, già prevista dall’attuale regolamento.<br />

Bersaglio: i mezzi sopra le 7,5 tonnellate, pullman<br />

compresi. È stato poi introdotto un obiettivo del 100<br />

per cento di autobus urbani a emissioni zero entro il<br />

2035, con uno step intermedio del 90 per cento al 2030.<br />

Esentati gli interurbani.<br />

Bruxelles ritornerà sulla questione nel 2027 per valutare<br />

l’impatto del regolamento ed, eventualmente,<br />

apportare le opportune modifiche. Certo è che la strada<br />

sembra già tracciata. Ma qual è oggi la situazione<br />

in Europa? Una risposta la fornisce il rapporto Chatrou<br />

Cme Solutions.<br />

Le buone notizie? I target dell’Unione non sembrano<br />

irraggiungibili. Le cattive? Alcuni costruttori del<br />

Vecchio Continente rischiano di uscire di scena per<br />

lasciare spazio a quelli venuti, soprattutto, da Est.<br />

Oggi a quota 42 per cento<br />

Nel <strong>2024</strong> in Europa (Unione, Efta - Norvegia, Islanda<br />

e Svizzera - e Regno Unito) sono stati immatricolati<br />

13.466 bus urbani a propulsione alternativa, con un<br />

incremento del 41 per cento rispetto all’anno precedente<br />

quando ci si era fermati a quota 9.543 anche a<br />

causa del rallentamento della produzione dovuto alla<br />

difficoltà per le case costruttrici di approvvigionarsi<br />

di microchip e materie prime. Nel 2020, anno caratterizzato<br />

dalla pandemia, non si era andati oltre quota<br />

n Ibridi<br />

n Metano<br />

n Elettrici<br />

n Fuel cell<br />

16 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

207<br />

6.354<br />

2.883<br />

4.022<br />

www.pullmanweb.com<br />

Danimarca 200<br />

3,1%<br />

Svezia 296<br />

4,7%<br />

Portogallo 364<br />

5,7%<br />

Danimarca 880<br />

4,6%<br />

Fonte grafici e tabelle:<br />

Chatrou CME Solutions<br />

2020 2021 2022 2023<br />

n Bus ad alimentazione alternativa n Bus tradizionali<br />

Polonia 336<br />

5,3%<br />

Romania 368<br />

5,8%<br />

Romania 677<br />

3,6%<br />

Finlandia 693<br />

3,6%<br />

7.055<br />

Italia 906<br />

4,8%<br />

Spagna 944<br />

Altri 1.031<br />

16,2%<br />

Italia 400<br />

6,3%<br />

5%<br />

Polonia 1.093<br />

5,7%<br />

Norvegia 1.178<br />

6,2%<br />

6.079<br />

Regno Unito 1.206<br />

19%<br />

Le immatricolazioni<br />

di bus elettrici<br />

per Paese<br />

(2023)<br />

Totale: 6.354<br />

Altri 2.294<br />

12,1%<br />

Spagna 491<br />

7,7%<br />

Francia 416<br />

6,5%<br />

Regno Unito 3.041<br />

16%<br />

Le immatricolazioni<br />

di bus elettrici<br />

per Paese<br />

(2012-2023)<br />

Totale:19.009<br />

Svezia 1.182<br />

6,2%<br />

5.016<br />

4.094<br />

Germania 753<br />

11,9%<br />

Norvegia 493<br />

7,8%<br />

Germania 2.562<br />

13,5%<br />

Francia 1.978<br />

10,4%<br />

Paesi Bassi<br />

1.581<br />

8,3%<br />

<strong>Pullman</strong> - 17


NUMERI Immatricolazioni bus elettrici per marca (Europa 2023)<br />

Unità Quota%<br />

Man 785 12,4<br />

Man<br />

Altri<br />

12,4%<br />

Solaris 725 11,4<br />

Yutong 483 7,6<br />

Ebusco 16,6%<br />

3%<br />

Wrightbus 469 7,4<br />

Solaris Byd-Alexander Dennis 448 7,1<br />

Irizar<br />

3,3%<br />

11,4% Mercedes-Benz 446 7<br />

Quote di mercato<br />

Byd 358 5,6<br />

Zonson/Granton<br />

2023<br />

Iveco-Heuliez 356 5,6<br />

3,7%<br />

Totale bus elettrici Yutong<br />

Volvo 345 5,4<br />

Zhongtong<br />

immatricolati: 7,6%<br />

Zhongtong 249 3,9<br />

3,9%<br />

6.354<br />

Zonson/Granton 232 3,7<br />

Volvo<br />

Wrightbus<br />

Irizar 211 3,3<br />

5,4%<br />

7,4%<br />

Byd-Adl<br />

Ebusco 193 3<br />

Byd<br />

7,1%<br />

Karsan 187 2,9<br />

Iveco-Heuliez 5,6%<br />

Golden Dragon 136 2,1<br />

5,6%<br />

Vdl 108 1,7<br />

Caetano 90 1,4<br />

Mercedes-Benz<br />

7%<br />

Mellor 66 1<br />

Altri 467 7,3<br />

Totale 6.354 100<br />

Fonte grafici e tabelle:<br />

Chatrou Cme Solutions<br />

Wrightbus<br />

3,1%<br />

Ebusco<br />

3,4%<br />

Irizar<br />

4,1%<br />

Iveco-Heuliez<br />

6,2%<br />

Volvo<br />

6,2%<br />

Altri<br />

17,6%<br />

Quote di mercato<br />

2012- 2023<br />

Totale bus elettrici<br />

immatricolati:<br />

19.054<br />

Man<br />

6,2%<br />

Vdl<br />

7,5%<br />

Solaris<br />

11,5%<br />

Byd<br />

9,3%<br />

Byd<br />

A. Dennis<br />

9%<br />

Yutong<br />

8,4%<br />

Mercedes-Benz<br />

7,5%<br />

8.338. A trainare la crescita sono stati i veicoli elettrici<br />

(6.354, +53 per cento) e ibridi (4.022, praticamente il<br />

doppio dell’anno precedente). Gli autobus a metano<br />

(Cng/Lng) hanno archiviato l’ultimo anno con una<br />

flessione dell’11,3 per cento (da 3.274 a 2.883 unità),<br />

quelli a idrogeno (fuel cell) hanno segnato un +100<br />

per cento, ma i numeri sono ancora quelli di una nicchia:<br />

207 unità in tutto.<br />

Decisamente cresciuto negli anni il peso degli autobus<br />

a trazione alternativa nel segmento degli urbani: se<br />

nel 2020 si fermavano a una quota del 52,5 per cento,<br />

nel 2023 sono arrivati al 72,9, 42,2 per cento se non si<br />

conteggiano i veicoli ibridi e quelli a gas metano per i<br />

quali non sembra esserci spazio a Bruxelles. La quota<br />

degli emissioni zero è quasi triplicata in soli tre anni<br />

(era del 15,1 per cento nel 2020). Certo la situazione<br />

Immatricolazioni bus elettrici per marca (Europa 2012-2023)<br />

Unità Quota%<br />

Solaris 2.188 11,5<br />

Byd 1.768 9,3<br />

Byd-Alexander Dennis 1.716 9<br />

Yutong 1.600 8,4<br />

Mercedes-Benz 1.430 7,5<br />

Vdl 1.421 7,5<br />

Man 1.187 6,2<br />

Volvo 1.185 6,2<br />

Iveco-Heuliez 1.185 6,2<br />

Irizar 783 4,1<br />

Ebusco 647 3,4<br />

Wrightbus 588 3,1<br />

Karsan 379 2<br />

Bluebus 326 1,7<br />

Golden Dragon 323 1,7<br />

Zhongtong 271 1,4<br />

Zonson-Granton 259 1,4<br />

Switch Mobility 188 1<br />

Sor 173 0,9<br />

Caetano 172 0,9<br />

Altri 1.265 6,6<br />

Totale 19.054 100<br />

non è uguale in tutta Europa: i Paesi a Ovest risultano<br />

più virtuosi di quelli a Est, grazie a una <strong>maggio</strong>re disponibilità<br />

delle casse pubbliche. La transizione ecologica<br />

costa. Dei 19.009 autobus elettrici immatricolati<br />

nel periodo 2012-2023, il Regno Unito ne ha assorbiti<br />

3.041 (16 per cento), la Germania 2.562 (13,5), la<br />

Francia 1.978 (10,4) e i Paesi Bassi 1.581 (8,3 per cento).<br />

Solo nell’ultimo anno si sono fatte avanti con numeri<br />

importanti Spagna, Italia, Romania e Portogallo.<br />

Immatricolazioni bus idrogeno per marca (Europa 2023)<br />

Unità Quota%<br />

Solaris 77 37,2<br />

Van Hool 34 16,4<br />

Caetano 34 16,4<br />

Alexander Dennis 20 9,7<br />

Neso Bus 20 9,7<br />

Wrightbus 15 7,2<br />

Mercedes-Benz 7 3,4<br />

Totale 207 100<br />

Neso Bus<br />

9,7%<br />

Alexander<br />

Dennis<br />

9,7%<br />

Caetano<br />

16,4%<br />

Mercedes-Benz<br />

3,4%<br />

Wrightbus<br />

7,2%<br />

Quote di mercato<br />

2023<br />

Totale bus idrogeno<br />

immatricolati: 207<br />

Van Hool<br />

16,4%<br />

Solaris<br />

37,2%<br />

Cambiano gli attori sulla scena<br />

Decisamente interessante notare come il mercato degli<br />

autobus elettrici negli ultimi dodici anni sia stato caratterizzato<br />

da una crescente diversificazione dei fornitori.<br />

Nel 2023 il costruttore che ha immatricolato più elettrici<br />

in Europa è Man (785 unità). Seguono Solaris e Yutong,<br />

rispettivamente, con 725 e 483 unità. Nell’insieme ‘altri’<br />

ci sono produttori come Sor, Rampini, Van Hool, Isuzu<br />

e Switch Mobility che negli anni hanno lasciato la scena<br />

a brand emergenti. Se si guarda infatti al periodo 2012-<br />

2023 si nota che Solaris è leader di mercato con una<br />

quota dell’11,5 per cento. Alla piazza d’onore c’è la cinese<br />

Byd con un 9,3 per cento, seguita dalla joint Byd-<br />

Alexander Dennis con un 9 per cento. Al quarto posto<br />

Yutong, con un 8,4, e a chiudere la top five Mercedes-<br />

Benz con un 7,5 per cento di share.<br />

In costante aumento anche gli autobus a idrogeno<br />

che percorrono le strade d’Europa. I primi due attori<br />

del mercato targato 2023, Solaris con 77 mezzi e una<br />

quota del 37,2 per cento nonché Van Hool con 34 unità<br />

e un 16,4 per cento di share, sono gli stessi del periodo<br />

Immatricolazioni bus idrogeno per marca (Europa 2012-2023)<br />

Unità Quota%<br />

Solaris 181 31,4<br />

Van Hool 140 24,3<br />

Wrightbus 97 16,8<br />

Caetano 74 12,8<br />

Safra 24 4,2<br />

Neso Bus 21 3,6<br />

Alexander Dennis 20 3,5<br />

Mercedes-Benz 11 1,9<br />

Vdl 4 0,7<br />

Hyundai 3 0,5<br />

Altri 2 0,3<br />

Totale 577 100<br />

Neso Bus<br />

3,6%<br />

Safra<br />

4,2%<br />

Caetano<br />

12,8%<br />

Wrightbus<br />

16,8%<br />

Alexander<br />

Dennis<br />

3,5%<br />

Altri<br />

3,4%<br />

Quote di mercato<br />

2012-2023<br />

Totale bus idrogeno<br />

immatricolati: 577<br />

Van Hool<br />

24,3%<br />

Solaris<br />

31,4%<br />

2012-2023. Wrightbus, sul terzo gradino del podio nell’intervallo<br />

2012-2023, nell’ultimo anno ha ceduto la<br />

posizione a Caetano.<br />

Da sottolineare come con l’avanzata di bus a emissioni<br />

zero diminuiscano i costruttori nel panorama europeo.<br />

In particolare, sono pochi quelli che sembrano aver<br />

investito sulla tecnologia delle pile a combustibile.<br />

Nel 2023 solo sette marchi si sono spartiti il mercato,<br />

erano una decina nel periodo 2012-2023. lll<br />

NUMERI<br />

18 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 19


ATTUALITÀ<br />

ATTUALITÀ NUMERI<br />

Welcome to favelas<br />

Se ne parla da anni: in Italia servono investimenti per creare stazioni per i bus<br />

a misura di passeggeri e rendere, quindi, più attrattive le corriere. Lampugnano,<br />

tra i principali hub meneghini, l’esempio di ciò che non può essere accettabile<br />

di Tiziana Altieri<br />

C’è<br />

In apertura, gli stalli<br />

dell’autostazione di<br />

Lampugnano, base<br />

milanese di alcune<br />

compagnie di bus.<br />

Nella pagina a fianco,<br />

immagini che mostrano<br />

il degrado del luogo<br />

affollato non solo da<br />

clochard, ma anche da<br />

borseggiatori e venditori<br />

abusivi.<br />

chi guarda i pannelli elettronici per scoprire<br />

da dove partirà il proprio autobus, chi si avvicina<br />

ai passanti per avere qualche informazione<br />

in più e chi cammina a testa bassa, mani strette<br />

alla valigia o alla borsa. Ad accomunarli lo sguardo<br />

smarrito, talvolta atterrito. Sta calando la sera e nessuno<br />

vuole attardarsi in questa autostazione nota anche<br />

come l’hub della paura. Benvenuti a Lampugnano,<br />

periferia Nord-Ovest di Milano, principale scalo di autobus<br />

di diverse compagnie,<br />

da Flixbus a<br />

Marino, che collegano<br />

il capoluogo<br />

lombardo ai <strong>maggio</strong>ri centri italiani ed europei.<br />

La capitale economica d’Italia, una delle città (l’altra<br />

è Cortina) che ospiterà le Olimpiadi invernali 2026<br />

‘accoglie’ così ogni giorno migliaia di passeggeri.<br />

A Lampugnano stazionano clochard e migranti. Gli<br />

anfratti della stazione per molti di loro sono un vero<br />

e proprio domicilio da anni. Non disturbano, è vero,<br />

ma è difficile sentirsi a proprio agio camminando in<br />

mezzo a persone che dormano avvolte in pochi stracci<br />

e circondati da tanta sporcizia. Sembra di essere nella<br />

New York fine Anni ‘80, primi Anni ‘90, quella precedente<br />

alla cura ‘tolleranza zero’ del sindaco Rudy<br />

Giuliani. Tolleranza zero invocata dai passeggeri<br />

attenti a districarsi, invece, fra borseggiatori,<br />

venditori abusivi di biglietti Atm e ambulanti<br />

illegali di merci di dubbia provenienza, anzi certissima.<br />

Qui scippi e furti sono all’ordine del giorno. Raramente<br />

la Polizia pattuglia la zona e quando lo fa c’è ancora la<br />

luce del sole.<br />

Una situazione di degrado che dura da anni e a poco<br />

è servito allontanare il vicino campo Rom. L’ex<br />

Palasharp (ma prima Palatrussardi) alle spalle della<br />

stazione è stato abbandonato, diventando un rifugio<br />

per senzatetto e irregolari. “Le facce che vediamo - fanno<br />

sapere i titolari delle attività che gravitano intorno,<br />

un bar e un’edicola - sono ormai sempre le stesse. Ci<br />

sono molti maghrebini e qualche centrafricano. Quando<br />

sono arrivati in Italia, alcuni hanno cercato un lavoro<br />

ma senza successo. C’è chi si è lasciato andare: ci sono<br />

alcolizzati e tossicodipendenti che hanno dato vita a<br />

una vera e propria organizzazione criminale. Rubano<br />

le valigie dei viaggiatori meno accorti e ne rivendono<br />

praticamente l’intero contenuto. Qui si traffica anche<br />

con i documenti”.<br />

Un biglietto da visita non certo all’altezza della ‘città<br />

da bere’. Il Comune ha messo sul tavolo qualche progetto<br />

per cambiare il volto dell’hub. In particolare ‘Natta<br />

Nord‘ prevede la risistemazione della piazza della metropolitana<br />

e delle aree verdi con la realizzazione di un<br />

parco pubblico, un’area commerciale e la nuova sede<br />

di Ediltrenno. ‘Natta Sud’, invece, punta sull’edilizia libera<br />

e a una quota di social housing. Al momento, però,<br />

non si vede nessun cantiere. Non consola il fatto che<br />

il Palasharp rischia di essere tagliato fuori dalle<br />

Olimpiadi invernali. Scartata, infatti, l’ipotesi di ospitare<br />

qui le gare di hockey femminile, troppo elevati i costi<br />

per recuperare la struttura ormai allo sfacelo.<br />

Servono stazioni strutturate<br />

Proprio le autostazioni sono state al centro di uno dei<br />

FlixTalk organizzato a Milano da FlixBus. “Oggi, nonostante<br />

i volumi di traffico della mobilità su gomma<br />

- ha evidenziato Paolo Beria, Direttore Traspol e<br />

Professore Associato del Politecnico di Milano - il concetto<br />

di ‘autostazione’ è spesso interpretato in maniera<br />

molto minimal: una semplice fermata a bordo strada,<br />

senza servizi, strutture e presidio. Una tendenza non<br />

solo italiana. Per quanto riguarda il nostro Paese bisogna<br />

guardare con attenzione al Sud dove, spesso grazie<br />

all’impegno dei singoli operatori privati, sono state realizzate<br />

autostazioni più strutturate”.<br />

Bastano pochi numeri per dare l’idea di quella che è<br />

la situazione nel Bel Paese: delle circa <strong>50</strong>0 fermate in<br />

Italia della rete FlixBus, solo 29 sono autostazioni,<br />

mentre tutte le altre sono aree di fermata su marciapiedi,<br />

senza alcun servizio all’utenza. E tra le autostazioni<br />

c’è appunto Lampugnano: non certo un esempio<br />

da seguire e, purtroppo, non l’unico. Da Padova, ad<br />

Adria fino all’Aquila, le cronache sono piene di descrizioni<br />

di ‘capolinea’ dove regna sovrano il degrado.<br />

Eppure il successo delle corriere passa anche da qui.<br />

“È fondamentale - ha sottolineato Tommaso Ferrari,<br />

assessore alla Transizione ecologica del Comune di<br />

Verona - fare squadra tra pubblico e privato, al fine di<br />

migliorare il servizio offerto agli utenti, sia da un punto<br />

di vista qualitativo che di sicurezza, e promuovere lo<br />

sviluppo futuro della mobilità sostenibile con l’installazione<br />

di punti di ricarica per la diffusione delle trazioni<br />

alternative”. Un altro tema, l’ennesimo, da mettere<br />

sul tavolo delle amministrazioni. lll<br />

20 - <strong>Pullman</strong><br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 21


ATTUALITÀ<br />

ATTUALITÀ NUMERI<br />

Un taglio alle emissioni di CO2<br />

Lo scorso 10 aprile il Parlamento Europeo, con 341 voti favorevoli, ha adottato<br />

in via definitiva nuove misure per rafforzare gli obiettivi di riduzione delle emissioni<br />

di CO2 per i nuovi veicoli pesanti e gli autobus. L’obiettivo è arrivare a un<br />

taglio del 90 per cento a partire dal 2040 rispetto allo scenario di riferimento,<br />

compreso tra metà 2019 e metà 2020.<br />

Due gli step intermedi: a partire dal 2030 le emissioni medie di CO2 del parco<br />

veicoli pesanti/bus nuovi dovrebbero diminuire del 44 per cento e dal 2035 del<br />

65 per cento, sempre rispetto al 2019. Inoltre il 100 per cento degli autobus,<br />

urbani di nuova immatricolazione dovrà essere a emissioni zero a decorrere<br />

dal 2030. Gli autobus interurbani saranno soggetti agli obiettivi generali stabiliti<br />

anche per quelli da turismo. Come richiesto dal Parlamento, la Commissione<br />

dovrà lavorare a una metodologia per valutare e comunicare le emissioni di<br />

CO2 prodotte durante l'intero ciclo di vita dei veicoli nuovi.<br />

Il regolamento si applicherà a decorrere dal 1° luglio 2025.<br />

A noi i soldi<br />

Per una svolta green e digitale del Trasporto Pubblico Locale<br />

servono ingenti investimenti. A Roma Asstra ha presentato le sue<br />

proposte non per centrare i target comunitari, ma per avvicinarsi<br />

di Tiziana Altieri<br />

Il Trasporto Pubblico Locale necessita di sostegno.<br />

Lo ha ribadito Asstra, l’Associazione Italiana di<br />

Trasporto Pubblico Locale che rappresenta 1<strong>50</strong><br />

aziende che offrono servizi di trasporto urbano, suburbano<br />

ed extraurbano. Lo ha fatto in occasione del<br />

Convegno Nazionale andato in scena a Roma lo scorso<br />

aprile presentando le sue proposte prioritarie.<br />

“Innovazione e sostenibilità - ha ricordato<br />

Andrea Gibelli, presidente<br />

di Asstra - sono condizioni per rafforzare<br />

il trasporto pubblico, garantendone<br />

sviluppo a lungo termine.<br />

Lo studio ‘Gli impatti della transizione sulle aziende di<br />

Tpl’ è un approccio funzionale al raggiungimento degli<br />

obiettivi ambientali e strategico per pianificare gli investimenti<br />

pubblici in ottica di sostenibilità economica e<br />

corretta gestione delle aziende, del lavoro e delle flotte”.<br />

Bastano pochi numeri per comprendere come investire<br />

sul Trasporto Pubblico Locale impatti positivamente<br />

sull’ambiente: per ogni autobus messo su strada<br />

si eliminano 40 auto che diventano 600 per ogni metropolitana<br />

e 1.<strong>50</strong>0 per ogni treno<br />

regionale. Il vantaggio è anche<br />

economico: la congestione<br />

stradale costa ogni anno<br />

all’Europa oltre 100 miliardi di<br />

euro, e occupazionale. Nel 2023 il Tpl in Italia ha generato<br />

12 miliardi di euro di fatturato e il 25 per cento<br />

di posti di lavoro in più rispetto a quelli prodotti dalla<br />

gestione complessiva della mobilità privata. “È necessario<br />

- ha continuato Andrea Gibelli - rafforzare e stabilizzare<br />

il sistema di Tpl, dal punto di vista normativo<br />

ed economico per favorire il graduale<br />

passaggio dal trasporto privato a<br />

quello collettivo. Passaggio fondamentale<br />

per ridurre l'impatto ambientale,<br />

gestire in modo più efficiente<br />

e sostenibile il traffico nelle città e<br />

sostenere l’economia”.<br />

Una questione di opportunità<br />

Asstra ha evidenziato la necessità di investimenti mirati<br />

a promuovere l'innovazione tecnologica e sostenibile,<br />

sia nella flotta di mezzi utilizzati, sia nell’infrastruttura<br />

di supporto. L’obiettivo non è solo migliorare l’efficienza<br />

e la qualità dei servizi, ma anche creare opportunità<br />

di sviluppo industriale e occupazionale nel settore.<br />

Tra le proposte concrete dall'Associazione c’è<br />

la revisione e l’aggiornamento del Fondo Nazionale<br />

Trasporti, al fine di allineare la normativa nazionale<br />

alle direttive europee e garantire risorse a lungo termine<br />

per lo sviluppo. Questo include anche la promozione<br />

di sinergie tra imprese, l’adeguamento delle tariffe<br />

e la fidelizzazione del personale attraverso accordi<br />

collettivi e programmi di formazione.<br />

Per quanto riguarda gli investimenti in transizione<br />

energetica e digitale l’Associazione<br />

ha proposto di integrare le<br />

quote di ammortamento direttamente<br />

nei contratti di servizio per<br />

assicurare stabilità finanziaria agli<br />

operatori del trasporto pubblico e<br />

favorire l’adozione di tecnologie<br />

più sostenibili.<br />

Funzionale in questa direzione, la possibile estensione<br />

delle agevolazioni energetiche agli operatori e il potenziamento<br />

della digitalizzazione dei servizi per migliorare<br />

l'esperienza dei passeggeri e ottimizzare la<br />

gestione delle (purtroppo scarse) risorse.<br />

Sul fronte tariffe, l’invito è quello di adottare politiche<br />

innovative per incentivare l'uso del trasporto pubblico.<br />

Da evitare la gratuità totale, che potrebbe causare<br />

squilibri finanziari, ma sì all'implementazione di meccanismi<br />

automatici di aggiornamento delle tariffe.<br />

22 - <strong>Pullman</strong><br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 23


ATTUALITÀ<br />

Euro 7 al via<br />

Il Consiglio Europeo ha adottato ad aprile il regolamento Euro 7, che stabilisce norme sui limiti di emissione<br />

per i veicoli stradali e sulla durabilità della batteria. Si tratta dell'ultima tappa del processo decisionale. In un<br />

unico atto giuridico sono contemplati autovetture, furgoni, veicoli pesanti e autobus. Dopo la firma da parte<br />

della presidente del Parlamento europeo e del presidente del Consiglio, il regolamento sarà pubblicato nella<br />

Gazzetta ufficiale dell'Unione Eeuropea ed entrerà in vigore dopo 20 giorni. Il regolamento Euro 7 stabilisce<br />

norme per le emissioni dallo scarico dei veicoli stradali, ma anche per altri tipi di emissioni, come l'abrasione<br />

dei pneumatici e le emissioni di particelle dai freni. Introduce, inoltre, prescrizioni per la durabilità delle batterie<br />

dei veicoli elettrici. Per le autovetture e i furgoni, il regolamento mantiene gli attuali limiti di emissione dallo<br />

scarico Euro 6, ma introduce prescrizioni più rigorose per le particelle solide. Per gli autobus, come per gli<br />

autocarri pesanti, il regolamento impone limiti più rigorosi per vari inquinanti, compresi alcuni fino ad ora<br />

non disciplinati, come il protossido di azoto (N2O). Le nuove norme prevedono inoltre prescrizioni più rigorose<br />

relative alla durata di vita per tutti i veicoli in termini sia di chilometraggio, sia di durata di vita.<br />

Le date di applicazione del regolamento dipenderanno dal tipo di veicolo interessato:<br />

- 30 mesi per i nuovi tipi di autovetture e furgoni e 42 mesi per le autovetture e i furgoni nuovi;<br />

- 48 mesi per i nuovi modelli di autobus, autocarri e rimorchi e 60 mesi per gli autobus, gli autocarri e i<br />

rimorchi nuovi;<br />

- 30 mesi per i nuovi sistemi, componenti o entità tecniche indipendenti da installare su autovetture e<br />

furgoni e 48 mesi per quelli da installare su autobus, autocarri e rimorchi.<br />

Mettiti alla guida<br />

di scania Touring<br />

Scegli la sensazione di guida definitiva con Scania Touring.<br />

Un comfort ineguagliabile per un’esperienza senza pari per<br />

te e per i tuoi passeggeri.<br />

Inquadra il qr code e scopri di più<br />

Obiettivi non raggiungibili<br />

Presentato a Roma un ‘Modello di valutazione degli<br />

impatti della transizione energetica’.<br />

Lo studio è stato realizzato da Asstra attraverso il Gruppo<br />

di Lavoro tecnico autobus con il contributo di alcune<br />

aziende associate (Atb Bergamo, Gtt<br />

Torino, TperBologna e Trasporti<br />

Bergamo Sud-Ovest Spa).<br />

Quale, dunque, il fabbisogno di<br />

autobus a trazione alternativa in<br />

Italia e quante le risorse finanziarie<br />

necessarie per la svolta green indicata dall’Unione<br />

Europea? Il modello prevede diversi scenari che considerano<br />

i target europei nel lungo periodo e l’evoluzione<br />

tecnologica in atto, con la necessità di arrivare<br />

ad emissioni zero entro il 20<strong>50</strong> e di ridurre l’età media<br />

del parco circolante a 7,5 anni nei prossimi 15 anni.<br />

A livello macro, l’applicazione del modello evidenzia<br />

la difficoltà nel raggiungere gli obiettivi comunitari,<br />

anche seguendo scrupolosamente le indicazioni fornite<br />

da Bruxelles, oltre alla necessità a livello nazionale<br />

di risorse aggiuntive sia per<br />

spese correnti, sia per gli investimenti.<br />

Da qui, la necessità per le<br />

aziende di promuovere un mix<br />

energetico attraverso scelte<br />

orientate secondo il principio della neutralità tecnologica,<br />

della compatibilità con le diverse esigenze di<br />

esercizio (ossia delle missioni) e di sostenibilità economica<br />

e finanziaria. lll<br />

24 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong>


OLTRECORRIERA<br />

WWW<br />

APPUNTAMENTI<br />

Maggio 8-11<br />

Milano<br />

Transpotec Logitec Nme<br />

Maggio 14-16<br />

Karlsruhe (Deu)<br />

It Trans<br />

Maggio 15-17<br />

Giacarta (Idn)<br />

Busworld Souteast Asia<br />

Maggio 29-31<br />

Istanbul (Tur)<br />

Busworld Turchia<br />

Settembre 17-18<br />

Brisbane (Aus)<br />

National Bus&Coach Show<br />

Settembre 17-22<br />

Hannover (Deu)<br />

Iaa Transportation<br />

Settembre 24-27<br />

Berlino (Deu)<br />

InnoTrans<br />

Ottobre 1-3<br />

Strasburgo (Fra)<br />

European Mobility Expo<br />

Ottobre 22-25<br />

Madrid (Esp)<br />

Fiaa<br />

Novembre 5-7<br />

Göteborg (Swe)<br />

Persontrafik<br />

Novembre 12-14<br />

Birmingham (Gbr)<br />

Eurobus Expo<br />

Novembre 19-21<br />

Rimini (Ita)<br />

Intermobility Bus Expo<br />

Dicembre 18-20<br />

Shanghai (Chn)<br />

Cib Expo<br />

26 - <strong>Pullman</strong><br />

VAN HOOL FALLITA<br />

Finisce un’altra era. Dopo quella di Otto<br />

Kässbohrer (Setra) e di Gottlob Auwärter<br />

(Neoplan), un altro nome altisonante nel<br />

settore dei pullman granturismo premium<br />

deve alzare bandiera bianca. Stavolta<br />

tocca a monsieur Bernard Van Hool e al<br />

brand omonimo, che lunedì 8 aprile alle<br />

9:30 ha dichiarato ufficialmente<br />

fallimento. A nulla sono servite le<br />

trattative in extremis per cercare di<br />

evitare di portare i libri in tribunale e così<br />

la palla è passata subito ai curatori<br />

fallimentari, che per mano del proprio<br />

rappresentante Jeroen Pinoy hanno<br />

accolto la proposta avanzata da Vdl Groep<br />

e Grw - braccio sudafricano di Schmitz<br />

Cargobull - di rilevare i due diversi rami<br />

d’azienda, quello bus e quello dei<br />

rimorchi. C'era il rischio che, se l’azienda<br />

non fosse ripartita immediatamente, il<br />

buon potenziale dei dipendenti di Van<br />

Hool sarebbe andato perso. Inoltre, le<br />

consegne dei veicoli in ordine, bus e<br />

trainati, avrebbero richiesto ancora più<br />

tempo, con una conseguente perdita<br />

d’entrate e danni irreparabili.<br />

Rigettate invece le offerte avanzate dalle<br />

cordata Abc-Dumarey da un lato e Cim<br />

Capital-Delcroix dall’altro. Si teme che<br />

buona parte dei dipendenti in forza a Lier<br />

dovranno lasciare l’azienda, mentre si<br />

salverebbero quelli dell’impianto bus<br />

macedone, dove verrebbe trasferita tutta<br />

la produzione degli autobus. Vedremo.<br />

SIVIERO DAI BUS AI TRUCK<br />

Dallo scorso 1° aprile, David Siviero, già<br />

Direttore vendite e prodotto bus di Man<br />

Truck&Bus Italia, con una lunga esperienza<br />

internazionale in molteplici marchi del<br />

settore automotive (Iveco, Optare e Karsan<br />

in testa a tutti) è migrato al comparto truck<br />

della filiale italiana del Leone, diventandone<br />

Direttore vendite e prodotto.<br />

Giulia Marras, fino al 31 marzo Responsabile<br />

gestione ordini e pianificazione vendite, con<br />

oltre un ventennio d’esperienza in Man e<br />

diversi ruoli manageriali, ha assunto invece<br />

il ruolo di Direttore della divisione TopUsed.<br />

NIENTE EXPO PER DAIMLER BUSES<br />

In una nota diramata lo scorso 17 aprile,<br />

Daimler Buses Italia, che distribuisce bus a<br />

marchio Mercedes-Benz e Setra, ha<br />

comunicato che non perteciperà a nessun<br />

evento fieristico sulla Penisola. Queste le<br />

parole di Stefano Giordani, suo Ad: “Daimler<br />

Buses Italia, pur riconoscendo l’assoluta<br />

importanza e il valore di avere per il<br />

mercato italiano ‘una fiera’ come momento<br />

di aggregazione degli operatori di settore,<br />

conferma la decisione di non partecipare<br />

a quelle in programma per il <strong>2024</strong>“.<br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

Segnalazioni a: pullman@fiaccola.it<br />

PULLMAN<br />

ON LINE<br />

www.ftbcibus.com www.sunlongbus.com www.kinwinauto.com<br />

Ritorniamo in Cina per conoscere i<br />

siti Internet di alcuni marchi affacciatisi<br />

di recente nel mondo dei bus.<br />

Come la Xiamen Fengtai Bus &<br />

Coach International Co limited, abbreviata<br />

in Ftbci, che diventa poi solo<br />

Bci una volta sulla calandra dei veicoli.<br />

I quali si trovano sotto la voce<br />

‘products’ del menù, articolato in quattro<br />

categorie: turistici, urbani, elettrici<br />

e carrozzati su telai europei. Directory<br />

quest’ultima dove si trovano un urbano<br />

su Mercedes-Benz e due turistici,<br />

rispettivamente ancora sulla<br />

Stella e su Man, da cui ‘rubano’ anche<br />

l’idea del Neoplan Starliner. Una vetrina<br />

con una foto per modello e qualche<br />

dato tecnico.<br />

Più noto del precedente il marchio<br />

Sunlong. Dalla homepage in cinese,<br />

cliccate sull’ideogramma nell’angolo<br />

superiore per commutarlo alla lingua<br />

inglese, sperando d’aver centrato<br />

l’ideogramma giusto (per far prima,<br />

potete digitate direttamente<br />

http://en.sunlongbus.com). Una<br />

volta girata pagina, diciamo così, eccoci<br />

in un sito graficamente diverso<br />

da quello asiatico e strutturato in sei<br />

aree, con quella dei prodotti a sua<br />

volta suddivisa in cinque subdirectory,<br />

delle quali una dedicata ai camion<br />

e una ai veicoli speciali tra cui - ma<br />

non ve lo dicono - vanno annoverati<br />

i bus ‘camera della morte’ per giustiziare<br />

a domicilio i condannati.<br />

Scopri le nuove sezioni dedicate<br />

a riviste, guide, multimedia e libri<br />

Si scrive Chtc Kinwin Nanjing<br />

Automobile Co limited, ma si legge<br />

più semplicemente Kinwin Auto e<br />

mette on line una vetrina telematica<br />

in quattro lingue: mandarino, inglese,<br />

russo e spagnolo.<br />

Curato dal punti di vista grafico, offre<br />

quattro directory principali, con i veicoli<br />

raggruppati nella prima battezzata<br />

‘’products’. Dentro, mischiati tra<br />

gli errori informatici (alcune pagine<br />

mancano, altre son vuote), trovate -<br />

organizzati per lunghezze - micro+minibus,<br />

turistici, urbani e speciali, corredati<br />

di qualche dato tecnico e di un<br />

paio di foto.<br />

E li potete anche comperare dal sito,<br />

in puro stile Shein o AliExpress.<br />

È ONLINE IL NUOVO SITO<br />

WWW.FIACCOLA.IT


PULLMAPP<br />

Ha conquistato l’Europa intera!<br />

Gratis<br />

Categoria<br />

Bigliettazione<br />

Gratis<br />

Categoria<br />

Utilità<br />

Gratis<br />

Categoria<br />

Pianificatore<br />

Bus times London<br />

Controlla gli orari dei bus della<br />

Transport for London per vedere in<br />

tempo reale dove sia il doubledecker<br />

che stai aspettando.<br />

Pianifica i tuoi viaggi e visualizza le<br />

fermate più vicine a te, qualsiasi sia<br />

la zona di Londra dove ti trovi.<br />

V+ driver<br />

L’App captive del costruttore cinese<br />

Yutong, destinata ai conducenti dei<br />

loro urbani elettrici per controllarne<br />

in remoto lo stato di carica,<br />

la posizione e molto altro ancora.<br />

Così come succede da tempo con le<br />

autovetture a batteria.<br />

CheckMyBus<br />

Un’App tedesca che funziona in<br />

tutta Europa (o quasi), destinata a<br />

chi deve pianificare uno<br />

spostamento in bus e vuole<br />

confrontare diverse opzioni, anche<br />

di prezzo. Sulla carta un’ottima<br />

idea, de facto zeppa di bachi.<br />

Valutazione:<br />

~~~~~<br />

Valutazione:<br />

~~~~~<br />

Valutazione:<br />

~~~~~<br />

Gratis<br />

Categoria<br />

Giochi<br />

Bus driver puzzle game<br />

Un gioco di ruolo per i più piccini,<br />

che insegna loro a riconoscere i<br />

principali mezzi di trasporto in<br />

generale e i bus in particolare.<br />

Inoltre s’impara a conoscere la<br />

routine quotidiana di un<br />

conducente.<br />

Valutazione:<br />

~~~~~<br />

L’App<br />

che non<br />

c’entra<br />

niente<br />

Gratis<br />

Categoria<br />

Noleggio<br />

Bolt<br />

Siete fermi in attesa del gruppo per<br />

alcune ore o per il pernottamento e<br />

desiderate farvi un giretto in tutta<br />

comodità? Niente di meglio di questa<br />

applicazione di mobilità per<br />

spostamenti in monopattino elettrico<br />

veloci e convenienti.<br />

Valutazione:<br />

~~~~~<br />

Qualora non ci fossero monopattini<br />

a disposizione nella vostra<br />

zona, Bolt vi proporrà di richiedere<br />

un ‘passaggio’ in automobile,<br />

sul modello di Uber, oppure di<br />

prendere una vettura in sharing.<br />

L'App è gratuita e si<br />

paga solo la corsa.<br />

Bolt è disponibile in<br />

oltre 45 paesi e 400<br />

città in tutto il mondo.<br />

In Italia: Milano,<br />

Modena, Reggio Emilia<br />

e Torino.<br />

Utili & indispensabili<br />

Un salto sul’App Store a scovare le applicazioni per iOS,<br />

da installare su iPad, iPhone, iPod Touch e Apple Watch<br />

destinate al mondo del trasporto collettivo di persone<br />

di Stefano Lavori<br />

7.80 m 8.40 m 9.20 m<br />

Con oltre 3.<strong>50</strong>0 veicoli venduti in tutta Europa, NAVIGO ha coperto innumerevoli<br />

percorsi e linee di trasporto, dai viaggi turistici agli spostamenti interurbani e scolastici.<br />

La sua robustezza, il comfort, l’elevata versatilità d’uso e i bassi costi di gestione<br />

hanno già conquistato molte aziende. Perché non la tua? Vuoi vedere le sue prestazioni<br />

con i tuoi occhi? Contatta subito il tuo distributore OTOKAR per una presentazione completa<br />

di NAVIGO, diventato oggi un punto di riferimento nel mercato dei midibus<br />

28 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.otokareurope.com<br />

08·10<br />

MAY<br />

<strong>2024</strong><br />

MILANO<br />

Pavillon 6P<br />

Stand : A21C30


BUS TROTTER<br />

Fotografato a Courmayeur (Ao),<br />

un Citymood di MenariniBus<br />

operato dalla britannica Arriva,<br />

ora del gruppo Deutsche Bahn.<br />

Telaio camionistico dell’Fh di<br />

Mitsubishi per questo bus<br />

turistico carrozzato in Africa e<br />

utilizzato da un resort kenyiota.<br />

Un Solaris Urbino 12 a metano<br />

dell’Emt in servizio sulle strade<br />

di Madrid, Spagna, qui ripreso<br />

nei pressi di Puerta Europa.<br />

Il modernissimo<br />

aeroporto di Doha,<br />

in Qatar, punta su una<br />

flotta di Cobus 2700S a<br />

gasolio firmati Contrac<br />

come interpista per<br />

collegare i velivoli<br />

all’aerostazione.<br />

Curiosità<br />

e stranezze<br />

fotografate o<br />

raccolte in giro<br />

per il mondo.<br />

Mandateci anche<br />

le vostre via mail:<br />

pullman@fiaccola.it<br />

Sono un po’ il simbolo delle Filippine queste ‘jeepney’, in pratica vecchie<br />

Jeep trasformate in variopinti bus che ricordano i carretti siciliani.<br />

30 - <strong>Pullman</strong>


SHOPPING<br />

AVVIATORE<br />

EXTRA LARGE<br />

Da Intec i-Starter Xl,<br />

l’avviatore d’emergenza<br />

a 12 e 24 Volt che è<br />

anche una batteria<br />

portatile<br />

multifunzione.<br />

Grazie alla sua potenza<br />

di picco data dalle<br />

batterie Litio-Polimero<br />

da 56 Ampèrora,<br />

riconosce<br />

automaticamente la<br />

tensione del veicolo<br />

nel momento in cui<br />

viene collegato alla<br />

batteria. Ricaricabile in<br />

quattro ore e pesante<br />

solo 2,8 chilogrammi,<br />

è dotato di cavi lunghi<br />

140 centimetri di<br />

sezione generosa.<br />

Dotato di presa Usb, ha<br />

una luce a led<br />

integrata ad alta<br />

potenza sul fronte che<br />

emette luce fissa o<br />

lampeggiante.<br />

NUOVA MISURA<br />

PER ENDURACE<br />

Apollo Tyres amplia la<br />

sua gamma di<br />

pneumatici EnduRace<br />

Rd2 per autobus con il<br />

lancio della nuova<br />

misura 295/80<br />

destinata a cerchi da<br />

22,5 pollici.<br />

Commercializzato in<br />

tutta Europa da<br />

questo mese, eccelle<br />

in tutte le condizioni<br />

atmosferiche e offre<br />

una resistenza al<br />

rotolamento ottimale,<br />

un chilometraggio<br />

prolungato e una<br />

lunga durata. Prodotto<br />

in Ungheria, è<br />

classificato B per le<br />

sue prestazioni sul<br />

bagnato ed è<br />

certificato per<br />

l’aderenza su superfici<br />

innevate simbolo del<br />

fiocco di neve e<br />

montagna a tre cime.<br />

DETERGENTE FRENI<br />

A BASE D’ACQUA<br />

Brākleen H2O di Crc<br />

Industries Europe è un<br />

detergente ideale per la<br />

pulizia delle parti di<br />

freni e frizione,<br />

comprese le guarnizioni<br />

dei freni più i cilindri.<br />

Le sue prestazioni di<br />

alto livello riducono la<br />

necessità di smontare<br />

completamente le parti,<br />

riducendo tempi e<br />

sforzi delle attività di<br />

manutenzione. Come<br />

detergente per freni a<br />

base d’acqua<br />

e a pH<br />

neutro,<br />

consente di<br />

rimuovere in<br />

modo sicuro<br />

ed efficace<br />

olio, grasso,<br />

polvere e<br />

liquido dei<br />

freni,<br />

liquido di<br />

trasmissione, depositi<br />

induriti e altri<br />

contaminanti. Offre una<br />

potente erogazione a<br />

spruzzo che facilita la<br />

decontaminazione delle<br />

zone di difficile<br />

accesso.<br />

LO SAPEVATE CHE...<br />

Anche conosciuta come la ‘rotta degli hippie’, che andavano in India a ritrovare se<br />

stessi e anche qualcos’altro ancora, la linea Londra-Calcutta-Londra rimane ancora oggi<br />

la più lunga linea regolare autoviaria mai esistita. Un viaggio che, per la sola andata,<br />

durava cinque giorni e prevedeva l’attraversamento di Belgio, Germania Ovest, Austria,<br />

Jugoslavia, Bulgaria, Turchia, Iran, Afghanistan, Pakistan e infine India. Per un totale<br />

di oltre 16mila chilometri. Attiva fino al 1976, la linea venne inaugurata nel ‘57, con<br />

un prezzo della corsa di 85 sterline, che diventarono 136 all’epoca della chiusura.<br />

ORA ANCHE<br />

IN SLOVACCHIA<br />

Dkv Mobility, la<br />

piattaforma per i<br />

pagamenti on the<br />

road, offre ora la<br />

possibilità di<br />

utilizzare Dkv Box<br />

Europe anche in<br />

Slovacchia, per il<br />

pagamento dei<br />

pedaggi di tutti i<br />

veicoli oltre le 3,5<br />

tonnellate di peso:<br />

fino a oggi da quelle<br />

parti si poteva pagare<br />

solo tramite una<br />

soluzione specifica del<br />

gestore locale. Dkv<br />

Box Europe è facile da<br />

installare, configurare<br />

e aggiornare tramite<br />

un’interfaccia di rete<br />

mobile. I clienti<br />

possono aggiungere la<br />

funzione della<br />

Slovacchia on line,<br />

senza bisogno di<br />

sostituire il<br />

dispositivo.<br />

DA SOLE E<br />

D’ASCOLTO<br />

Soundvision di<br />

Cellular Line è<br />

l’accessorio perfetto<br />

per le giornate<br />

soleggiate alla guida.<br />

Questi occhiali da sole<br />

con protezione Uv<br />

dotati di bluetooth,<br />

permettono di<br />

collegare il proprio<br />

smartphone, ascoltare<br />

la musica grazie agli<br />

speaker integrati ed<br />

effettuare chiamate<br />

tramite il microfono<br />

integrato. Tutto ciò in<br />

totale sicurezza grazie<br />

al design open-ear.<br />

Venduti a 29,90 euro<br />

Iva compresa, si<br />

ricaricano via Usb e<br />

hanno un’autonomia<br />

di cinque ore.<br />

SCATTATA IL 15 APRILE DEL<br />

1957, ALLA VICTORIA COACH STATION DI LONDRA<br />

(INGHILTERRA), QUESTA FOTO MOSTRA L’IMBARCO DEI<br />

PASSEGGERI SUL BUS CHE PER LA PRIMA VOLTA SERVE LA LINEA<br />

LONDRA-CALCUTTA-LONDRA. ANCORA OGGI, QUESTO È<br />

RITENUTO IL SERVIZIO BUS REGOLARE COL PERCORSO PIÙ<br />

LUNGO AL MONDO.<br />

32 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

eDAILY.<br />

Sprigiona una nuova energia.<br />

100% Connesso<br />

- Un nuovo mondo di servizi<br />

digitali e integrati<br />

- Manutenzione e riparazione su misura<br />

e assistenza avanzata<br />

Sostenibile<br />

. JUST ELECTRIC<br />

- Zero emissioni e batterie<br />

con energia installata da 111 kWh<br />

- Costi operativi ottimizzati<br />

Versatile<br />

- Soluzione compatta per missioni con linee brevi<br />

e ridotta capacità di passeggeri<br />

Performante<br />

- Esclusivo telaio portante a longheroni<br />

- Motore da 140kw con funzione Hi-Power<br />

e modalità Eco


9<br />

ISSN 2279-9907<br />

772279 990702<br />

0 0 0 5 0 ><br />

ABUSI<br />

LA RIVISTA SUL TRASPORTO<br />

PASSEGGERI<br />

01_01_Cover 45.qxp_<strong>Pullman</strong> 13/03/23 16:01 Pagina 1<br />

01_01_Cover <strong>50</strong>.qxp_<strong>Pullman</strong> 26/04/24 16:40 Pagina 1<br />

Ispirazione in viaggio<br />

Anno XIII numero <strong>50</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong> Casa Editrice la fiaccola srl<br />

Anno XII numero 45 marzo 2023<br />

Casa Editrice la fiaccola srl<br />

In apertura, l’Art We<br />

There Yet realizzato sulla<br />

base di un International<br />

3800 con motore DT466E<br />

e trasmissione Allison.<br />

Dall’alto, la sala<br />

registrazione, l’angolo<br />

dedicato all’editing di<br />

video e foto, la cucina<br />

attrezzata e il salotto.<br />

Quando è stato<br />

acquistato dai due<br />

coniugi, il bus aveva già<br />

percorso 212.000 miglia<br />

(oltre 340mila<br />

chilometri).<br />

L’Art We There Yet non è solo<br />

la casa di José e Cora, ma un<br />

ritrovo per tutti gli artisti<br />

di Tiziana Altieri<br />

Quante volte rinchiusi fra quattro mura capita<br />

di pensare che se ci si trovasse in tutt’altro<br />

luogo sarebbe più facile trovare ispirazione<br />

per il proprio lavoro? Di questo ne sono assolutamente<br />

convinti José Luis Vílchez, di origini nicaraguensi, e<br />

Cora Rose, nata nel Wisconsin, Usa. Il problema, però,<br />

è che continuare a cambiare orizzonti non è semplice,<br />

anche solo per la spesa che implica. Una soluzione,<br />

però, i due coniugi artisti l’hanno trovata: utilizzare<br />

un bus. Non uno qualsiasi, ma l’Art We There Yet,<br />

realizzato nel 2022 grazie a una raccolta fondi.<br />

Il veicolo, un International 3800 del 2001, è costato<br />

complessivamente poco meno di 29mila dollari. Per<br />

acquistarlo ne sono serviti 6.<strong>50</strong>0, gli altri sono stati investiti<br />

nella sua trasformazione curata direttamente<br />

dai due artisti, che hanno potuto accedere alle tante<br />

informazioni trovate sul web. Le conversioni di scuolabus,<br />

infatti, chiamate anche ‘skoolie bus’ sono molti<br />

in voga negli States. Il risultato è uno spazio multifunzionale<br />

e convertibile: studio di registrazione professionale,<br />

studio artistico multimediale e casa, ovviamente<br />

su ruote. Quando si sale a bordo ci si trova<br />

nella dinette che ospita oltre a cucina e salottino, una<br />

scrivania per la postproduzione di video più foto e un<br />

deposito per l’attrezzatura nonché gli oggetti personali<br />

degli ospiti. Perché Art We There Yet è anche una residenza<br />

gratuita. Offre agli artisti l’opportunità di completare<br />

un progetto, traendo ispirazione da un ambiente<br />

nuovo. Dalla dinette si accede al bagno con wc<br />

a compostaggio e doccia. Sul retro del veicolo si trovano<br />

lo studio di registrazione e quello fotografico, oltre<br />

alla camera da letto di José e Cora. Infine è accessibile<br />

dall’esterno il garage, contenente tra l’altro<br />

batteria e generatori solari, tavoli e sedie pieghevoli.<br />

Sul tetto del bus sono stati sistemati cinque pannelli<br />

fotovoltaici da 100 Watt l’uno che alimentano un generatore<br />

da 1.100 Wattore. Se il sole non basta, può<br />

intervenire un generatore a gas.<br />

Trentamila miglia in 4 anni<br />

Art We There Yet è un progetto che mira a creare un<br />

vasto portfolio di arte visiva e musica ispirata ai popoli<br />

e ai paesaggi delle Americhe. L’obiettivo è percorrere,<br />

in 4 anni, 30mila miglia attraverso 23 Paesi del Nord,<br />

Centro e Sud America e relazionarsi con il <strong>maggio</strong>r<br />

numero possibile di artisti locali. Oggi José e Cora<br />

sono circa a metà del loro percorso. José sta creando<br />

una serie di ritratti fotografici e dipinti ispirati al viaggio.<br />

Cora sta invece lavorando a un album con i musicisti<br />

incontrati lungo il percorso e a una serie di canzoni<br />

realizzate, a partire da paesaggi sonori catturati attraverso<br />

le Americhe. Insieme, poi, dipingono murales,<br />

organizzano laboratori nelle comunità incontrate lungo<br />

il percorso e producono cortometraggi sperimentali.<br />

Il loro arrivo in Argentina è previsto a fine 2026. lll<br />

*IVA assolta dall’editore<br />

Anteprime<br />

Iveco Crossway Ld Line Hyb Le Mh<br />

Volvo Rampini 8900 Sixtron Electric Le<br />

Solaris Fuso Rosa Urbino 12 E<br />

Mercato Abusi<br />

Come Un Iveco vanno per gli l’IT elettrici<br />

Attualità<br />

Vdl Busworld si allarga Nordamerica<br />

Milano Detroit come on board San Paolo<br />

Asstra Lo studio fa il punto Isfort sul Tpl<br />

Al volante<br />

In pista coi Daimler my ‘24<br />

Mercato Abusi ‘22<br />

Italia Un salotto ed Europa per gli artisti<br />

La situazione in Cina<br />

Bustimer<br />

Bustimer<br />

La storia dell’autoportante<br />

Un salto a Retro Classics<br />

ABBONAMENTO ANNUO<br />

60,00*€ (4 numeri)<br />

www.pullmanweb.it/abbonamenti/<br />

In ogni numero:<br />

Attualità e informazione<br />

Inchieste<br />

Prove su strada<br />

Novità di prodotto bus & coach<br />

Visita la rivista online<br />

www.pullmanweb.it<br />

34 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

20123 Milano - Via Conca del Naviglio, 37 - Tel. 02 894213<strong>50</strong> - P.I. 007223<strong>50</strong>154<br />

www.fiaccola.com - abbonamenti@fiaccola.it


IBE INSIDE<br />

IBE INSIDE<br />

Le ragazze del digitale<br />

Grazie a una nuova piattaforma digitale, Ibe <strong>2024</strong> offrirà accesso istantaneo<br />

alla mappa dell’evento, all’elenco degli espositori, al programma e allo streaming<br />

on-demand. Una vera esperienza coinvolgente e personalizzata<br />

a cura di Italian Exhibition Group<br />

La manifestazione si pone all’avanguardia, anticipando le esigenze<br />

della community ridenendo il concetto stesso di<br />

evento attraverso un’esperienza digitale senza precedenti.<br />

Con la possibilità di creare un prolo personalizzato, i partecipanti<br />

possono presentare i propri servizi e prodotti in modo efcace, facilitando<br />

il networking e le opportunità di business.<br />

Cos’è Ibe<br />

Ibe Intermobility and Bus Expo<br />

è l’evento dedicato al presente e al futuro dell’intermobilità, il luogo<br />

in cui si incontrano i viaggi a lunga percorrenza e il trasporto pubblico<br />

locale. Luogo d’incontro privilegiato tra domanda e offerta di mobilità<br />

collettiva e condivisa, istituzioni e stakeholder di respiro internazionale,<br />

Ibe include non solo la filiera industriale dei veicoli, ma<br />

anche i nuovi attori necessari a progettare un sistema in linea con<br />

gli obiettivi della Next Generation EU per la transizione energetica.<br />

www.expoibe.com<br />

Sono a portata di click l’elenco espositori, il programma degli eventi<br />

e la mappa interattiva dell’evento, consentendo ai partecipanti di<br />

navigare facilmente tra le varie aree e pianicare la propria visita<br />

in anticipo. Inoltre, la piattaforma offre accesso on-demand a tutti<br />

i contenuti dell’evento, compresi eventi e workshop, anche dopo<br />

la chiusura ufciale. Aperta un mese prima e chiusa un mese dopo<br />

l’evento, l’App offre ai partecipanti un’opportunità unica per piani-<br />

care al meglio la loro visita, gestire l’agenda e continuare a fruire<br />

dei contenuti anche dopo la conclusione ufciale dell’evento.<br />

Insomma, una vera rivoluzione digitale tutta al femminile.<br />

Vediamo chi sono le protagoniste.<br />

Maria Elena De Iaco<br />

È la Digital Sales Project Manager della divisione Green &<br />

Technology, responsabile della promozione, gestione, aggiornamenti<br />

e sviluppo dell’hub digitale Greentech Insight. Questa piattaforma<br />

è un luogo virtuale di incontro per tutte le comunità della<br />

divisione, consentendo interazioni prima, durante e dopo gli eventi.<br />

Ogni espositore di Ibe ha un prolo personalizzato su questa piattaforma,<br />

che può essere adattato in ogni dettaglio, dalla graca<br />

alla descrizione dell’azienda e dall’inserimento dei prodotti alle<br />

presentazioni delle novità. Inoltre, è possibile attivare una chat per<br />

raccogliere le richieste di contatto dei potenziali clienti.<br />

Maria Elena è disponibile per guidarvi attraverso tutte le funzionalità<br />

dell’hub digitale Greentech Insight. Inoltre, collabora con il team<br />

della manifestazione per creare pacchetti di visibilità digitale su<br />

misura per le esigenze speciche di ciascuna azienda.<br />

Per ulteriori informazioni sul digital hub Greentech Insight, contattatela<br />

all’indirizzo mail mariaelena.deiaco@iegexpo.it.<br />

Letizia Benini e Chiara Casadei<br />

Anche il gruppo di lavoro del marketing di Ibe è al femminile e ha<br />

come protagoniste Letizia Benini, Product Marketing &<br />

Communication Manager e Chiara Casadei, Digital Marketing<br />

Specialist. Uno dei loro compiti è strutturare la migliore customer<br />

experience per gli utenti di GreenTech Insights, garantendo non<br />

solo un impatto estetico di alto livello ma anche una fruizione dei<br />

servizi facilitata, creando un’esperienza signicativa per coloro<br />

che vi accedono.<br />

Il team di marketing di Intermobility and Bus Expo s’impegna anche<br />

a rafforzare la posizione della kermesse riminese come punto di<br />

riferimento della community, utilizzando strategie e canali di comunicazione<br />

innovativi per raccontare gli aspetti che rendono<br />

l’evento un’occasione imperdibile. Questi includono i settori espositivi,<br />

i focus tematici, i progetti, le partnership, il contesto normativo<br />

e le dinamiche in evoluzione del settore. Coordinando tutte le attività<br />

di comunicazione, dallo storytelling alla promozione, il team<br />

lavora per garantire il successo condiviso dell’evento e di tutti i<br />

partecipanti. lll<br />

Nella pagina accanto, in<br />

alto, da sinistra, Letizia<br />

Benini, Product Marketing<br />

& Communication Manager,<br />

e Chiara Casadei, Digital<br />

Marketing Specialist<br />

Qui a lato, Maria ElenaDe<br />

Iaco, Digital Sales Project<br />

Manager della divisione<br />

Green & Technology.<br />

Nel box a destra, Giada<br />

Bartolucci, Digital Project<br />

Manager di Italian<br />

Exhibition Group.<br />

Tre domande a...<br />

Abbiamo chiesto a Giada Bartolucci, Digital<br />

Project Manager di Italian Exhibition Group,<br />

come si stanno contaminando fiere e digitale.<br />

Come si sono evolute le fiere?<br />

Il settore fieristico, come molti altri, sta adottando soluzioni digitali<br />

sviluppate durante la recente crisi. Italian Exhibition Group ha lanciato<br />

i suoi digital hub quattro anni fa, ora integrati nelle manifestazioni.<br />

Inizialmente utilizzati per garantire continuità al business,<br />

oggi offrono risposte alle crescenti esigenze di espositori e visitatori,<br />

facilitando networking e aggiornamenti settoriali. GreenTech<br />

Insights, parte di questo ecosistema, unisce le principali comunità<br />

internazionali del settore Green & Technology di Ieg.<br />

Quali info si possono trovare sul digital hub, focalizzandosi<br />

su catalogo e mappa?<br />

Durante Intermobility and Bus Expo <strong>2024</strong>, il digital hub offrirà un’esperienza<br />

di fiera completa e efficiente. Sarà possibile accedere<br />

facilmente a tutte le informazioni necessarie, come i biglietti d’ingresso<br />

e il catalogo degli espositori con dettagli e immagini. Gli<br />

utenti potranno salvare i loro espositori preferiti, prenotare appuntamenti<br />

e utilizzare mappe interattive per orientarsi nel quartiere<br />

fieristico e trovare i servizi più vicini.<br />

Come sfruttare lo strumento per fare networking.?<br />

Accreditarsi in anticipo e utilizzare il badge d’ingresso direttamente<br />

in piattaforma corrisponde ad avere un biglietto da visita digitale<br />

sempre disponibile. Facilitare il networking è il nostro obiettivo principale,<br />

eliminando la necessità di salvare manualmente i contatti o<br />

collezionare biglietti da visita, risparmiando tempo e rendendo il<br />

processo più efficiente. Abbiamo due principali novità. L’espositore<br />

ha la possibilità di scannerizzare il Qr presente sui biglietti d’ingresso,<br />

così da salvare automaticamente sul digital hub i principali dettagli<br />

del potenziale cliente. È inoltre in grado di inserire note e valutare la<br />

qualità del contatto raccolto, così da non dimenticare i dettagli chiave<br />

dell’incontro. In qualsiasi momento, può facilmente scaricare un file<br />

completo contenente tutti i contatti acquisiti durante la fiera.Il visitatore,<br />

invece, oltre all’opportunità di richiedere appuntamenti e programmare<br />

l’agenda con anticipo, potrà mettersi in contatto diretto<br />

con i referenti degli espositori direttamente dal digital hub, e capire<br />

in via preliminare se in quartiere troverà quello che cerca. Essere<br />

presenti e attivi in piattaforma permette di ottimizzare il proprio<br />

tempo a Rimini, dedicandolo alle attività prioritarie.<br />

36 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 37


BUSTIMER<br />

BUSTIMER<br />

Qui a lato, da destra verso sinistra,<br />

una foto scattata al Salone di Torino<br />

del 1948 raffigura la versione con<br />

rimorchio del Monotral Cv e una<br />

réclame del restyling successivo<br />

motorizzato Lancia.<br />

Sotto, due immagini del Tubocar<br />

realizzato dalla torinese Ca.SA.Ro.<br />

In basso, da sinistra, un<br />

autoportante Tr 3.5 costruito<br />

dall’ungherese Ikarus dei fratelli<br />

Uhri e il Magirus O6<strong>50</strong>0 spinto da<br />

un propulsore V8 Deutz, l’F8L 614.<br />

Un’americanata<br />

Ebbene sì, anche il bus autoportante è un<br />

invenzione yankee, addirittura degli Anni ‘30.<br />

Copiata dalla Francia prima e dall’Italia poi<br />

di Simone Gaier<br />

In alto, a sinistra, il primo<br />

Gar Wood Aerocoach<br />

autoportante, il modello<br />

‘C’, poi seguito dal ‘D’ coi<br />

fari sovrapposti e il<br />

parabrezza bipartito<br />

(a destra nelle foto).<br />

Nell’immagine qui sotto,<br />

una vista del francese<br />

Isobloc W240, versione<br />

transalpina del model D.<br />

Pensavate che il bus autoportante fosse un’idea<br />

tutta europea del 1951? E invece no, è roba statunitense<br />

addirittura degli Anni ‘30, dell’ingegnere<br />

aeronautico William B. Stout. Il quale, osservando le carlinghe<br />

degli aerei e i telai a motore anteriore su cui venivano<br />

costruiti gli autobus, volle sperimentare la realizzazione<br />

di uno a motore posteriore utilizzando lo stesso<br />

concetto impiegato per gli aerei: una scocca in alluminio<br />

(poi in acciaio) saldato a cui fosse possibile applicare<br />

qualsivoglia assali nonché alloggiare qualsiasi tipo di<br />

motore in posizione posteriore. Per mettere in pratica il<br />

suo progetto trovò come partner e finanziatore il costruttore<br />

di barche Garfield Wood della Gar Wood Industries<br />

Inc. Nell’utilizzo della scocca autoportante e la realizzazione<br />

di una carrozzeria dalla linea filante e tondeggiante,<br />

si notò subito un’enorme riduzione di peso dell’autobus<br />

e conseguentemente una diminuzione dei consumi nonché<br />

delle vibrazioni indotte dalla meccanica all’abitacolo.<br />

Senza contare che scomparvero le esalazioni di combustibile<br />

e olio in cabina e ne guadagnò anche l’accelerazione.<br />

Costruito tra il 1937 e il ‘38, il primo autoportante<br />

Gar Wood, battezzato ‘model C’, montava sospensioni e<br />

motore Ford - nel caso un 8 cilindri a V - e venne dato in<br />

prova alla compagnia Dearborn Coach del Michigan,<br />

per utilizzarlo su linee a lunga percorrenza. Dopo vari<br />

mesi di esercizio, il cliente decise di ordinare ben ventiquattro<br />

unità, cui ne seguirono molte altre acquistate da<br />

altri operatori americani. All’inizio degli Anni ‘40, sarà introdotto<br />

sul mercato un restyling chiamato ‘model D’.<br />

Dagli Usa all’Europa<br />

L‘Aerocoach di Wood suscita un interesse tale che il francese<br />

Joseph Besset, proprietario della Isobloc, fa carte<br />

false per ottenere dagli americani la licenza di realizzare<br />

presso i propri stabilimenti di Annonay una ‘copia’ del<br />

model D, chiamandolo W240. Il bus dal design americano<br />

piacque assai, ma gli eventi della Seconda Guerra<br />

Mondiale ne rallentarono la produzione. Dal ‘46 la richiesta<br />

del mercato sarà davvero elevata e agli inizi degli<br />

Anni ‘<strong>50</strong> si contavano ben 3.400 pezzi prodotti. Venne il<br />

tempo anche di rimpiazzare il motore Ford con qualcosa<br />

di europeo, nel caso un Hl della connazionale Panhard,<br />

che però rimase ben poco nel cofano del W240: qualche<br />

anno più tardi la Isobloc - in difficoltà - fu rilevata da Saviem.<br />

In Italia, fu Candido Viberti - nel 1946 - a cimentarsi con<br />

gli autobus autoportanti, traendo ispirazione da quanto<br />

realizzato dagli americani. Decise però di fare di testa<br />

sua realizzando il Monotral Cv (acronimo di Candido<br />

Viberti), composto da un’unica trave scatolata facente<br />

da base alle centine che reggono la<br />

carrozzeria e a cui poi ancorare sul<br />

posteriore gli organi meccanici nazionali,<br />

dei camion Fiat 666 N7 o<br />

Alfa Romeo 800. Sarà suo figlio a<br />

presentare il veicolo al Salone di<br />

Torino del 1948, dove però venne<br />

giudicato troppo innovativo, quasi<br />

uno ‘studio’, e quindi snobbato sia<br />

dagli operatori del settore sia dai<br />

fornitori di meccaniche. Grazie alla<br />

sua costruzione modulare, la carrozzeria Monotral si<br />

adattò bene a veicoli di tutte le taglie e impieghi. In seguito<br />

al prototipo con meccanica posteriore seguirà una cinquantina<br />

d’esemplari su Alfa Romeo, Fiat, Lancia, Om,<br />

Pegaso e Leyland con motore anteriore. La produzione<br />

proseguirà fino a fine Anni ‘60.<br />

Nel ‘47 anche la torinese Ca.S.A.Ro. - Carrozzeria Società<br />

Anonima Rotabili - guarda agli autoportanti Aerocoach<br />

della General American di Chicago (subentrata alla Gar<br />

Wood Industries) dal nuovo design e di <strong>maggio</strong>ri dimensioni,<br />

acquisendo la licenza per realizzare il bus Usa in<br />

Italia adattandolo alle normative vigenti: il Tubocar con<br />

motore Alfa 800 posteriore. Il bus autoportante attirò l’interesse<br />

pure dei fratelli ungheresi Uhri, che nel ‘48 lanciarono<br />

il Tr 3.5 con motore Raba, e dei tedeschi di Magirus<br />

e Kässbohrer nei ‘<strong>50</strong>. Ma questa è un’altra storia. lll<br />

38 - <strong>Pullman</strong><br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

<strong>Pullman</strong> - 39


TUTTE LE PROVE<br />

TUTTE LE PROVE<br />

I risultati delle prove su strada relative a minibus, urbani, interurbani più<br />

turistici a due e tre assi, zavorrati, strumentati e messi alla frusta dal nostro<br />

test team sui tre percorsi specifici per ciascun impiego, disegnati da <strong>Pullman</strong><br />

seguendo le stringenti direttive SORT. Perché solo noi li guidiamo veramente<br />

Otokar Vectio T 2<strong>50</strong> E5<br />

km/l 4,81 (l/100km 20,78) - adblue% 0,000<br />

km/h 76,5 - kg 13.260 - index 438,1 Pul 6<br />

Setra ComfortClass S 416 Gt-Hd/2 Eev<br />

km/l 4,41 (l/100km 22,68) - adblue% 4,718<br />

km/h 77,4 - kg 17.580 - index 417,8 Pul 1<br />

Barbi Galileo Hdh E5<br />

km/l 3,20 (l/100km 31,25) - adblue% 5,270<br />

km/h 75,4 - kg 22.400 - index 376,8 V&T 747<br />

Irisbus Iveco Magelys Hdh E5<br />

km/l 3,14 (l/100km 31,84) - adblue% 5,739<br />

km/h 72,0- kg 22.560 - index 368,7 V&T 741<br />

Van Hool T916 Astronef E5<br />

km/l 3,46 (l/100km 28,86) - adblue% 3,172<br />

km/h 77,3 - kg 21.020 - index 394,8 V&T 748<br />

Van Hool Tx 16 Astronef E5<br />

km/l 3,81 (l/100km 26,26) - adblue% 4,870<br />

km/h 79,0 - kg 22.140 - index 404,2 Pul 3<br />

Setra ComfortClass S 511 Hd E6<br />

km/l 4,82 (l/100km 20,75) - adblue% 2,784<br />

km/h 72,9 - kg 15.080 - index 426,6 Pul 20<br />

Man Lion’s Coach C R 09 E4<br />

km/l 3,46 (l/100km 28,90) - adblue% 0,000<br />

km/h 73,7 - kg 20.720 - index 399,6 V&T 718<br />

Vdl Futura Fdd2-141/510 E6<br />

km/l 3,31 (l/100km 30,17) - adblue% 7,942<br />

km/h 74,4 - kg 24.680 - index 369,9 Pul 19<br />

Isuzu Turquoise Eev<br />

km/l 4,51 (l/100km 22,18) - adblue% 0,000<br />

km/h 63,9 - kg 9.860 - index 412,0 V&T 740<br />

De Simon Millemiglia 10 E4<br />

km/l 3,44 (l/100km 26,32) - adblue% 5,038<br />

km/h 61,2 - kg 17.980 - index 366,1 V&T 715<br />

Setra MultiClass S 415 Nf E5<br />

km/l 4,13 (l/100km 24,21) - adblue% 3,385<br />

km/h 61,5 - kg 15.480 - index 390,8 V&T 712<br />

Setra ComfortClass S 515 Hd E6<br />

km/l 4,59 (l/100km 21,79) - adblue% 2,768<br />

km/h 79,5 - kg 17.730 - index 431,3 Pul 7<br />

Mercedes-Benz Tourismo E4<br />

km/l 3,82 (l/100km 26,18) - adblue% 5,618<br />

km/h 74,7 - kg 20.900 - index 395,0 V&T 714<br />

Vdl Futura Fhd2-139/460 E5<br />

km/l 3,65 (l/100km 27,36) - adblue% 4,328<br />

km/h 75,2 - kg 22.160 - index 394,4 Pul 4<br />

Iveco Bus Daily Way <strong>50</strong>C17 E5 Eev<br />

km/l 8,67 (l/100km 11,53) - adblue% 0,000<br />

km/h 66,8 - kg 5.580 - index 490,6 Pul 8<br />

De Simon Millemiglia 12 Hd E4<br />

km/l 3,8 (l/100km 29,07) - adblue% 0,000<br />

km/h 62,4 - kg 17.760 - index 392,4 V&T 711<br />

Setra MultiClass S 415 Ul Business E6<br />

km/l 4,16 (l/100km 24,06) - adblue% 3,877<br />

km/h 66,0 - kg 17.670 - index 397,2 Pul 14<br />

Setra ComfortClass S 515 Hd E6e<br />

km/l 4,87 (l/100km 20,52) - adblue% 6,104<br />

km/h 68,1 - kg 17.380 - index 412,7 Pul 48<br />

Mercedes-Benz Travego M E4<br />

km/l 3,66 (l/100km 27,32) - adblue% 4,025<br />

km/h 71,3 - kg 20.440 - index 390,4 V&T 717<br />

Vdl Jonckheere Jsd 140-460 E5<br />

km/l 3,30 (l/100km 30,30) - adblue% 5,737<br />

km/h 74,0 - kg 23.800 - index 376,9 V&T 723<br />

Mercedes-Benz Sprinter 515 Cdi E4<br />

km/l 7,94 (l/100km 12,59) - adblue% 0,000<br />

km/h 63,6 - kg 4.755 - index 474,1 V&T 720<br />

Irisbus Iveco Arway 10,6 E5<br />

km/l 4,03 (l/100km 24,79) - adblue% 5,277<br />

km/h 62,3 - kg 16.825 - index 384,3 V&T 737<br />

Setra MultiClass S 418 Le Business E6d<br />

km/l 3,21 (l/100km 31,17) - adblue% 2,<strong>50</strong>6<br />

km/h 66,4 - kg 21.254 - index 364,4 Pul 40<br />

Setra ComfortClass S 515 Md E6<br />

km/l 4,71 (l/100km 21,23) - adblue% 1,808<br />

km/h 76,2 - kg 17.640 - index 431,0 Pul 17<br />

Mercedes-Benz Tourismo L E6<br />

km/l 3,80 (l/100km 26,32) - adblue% 1,900<br />

km/h 76,0 - kg 21.640 - index 407,2 Pul 17<br />

Otokar Navigo T77 Bl E6<br />

km/l 5,12 (l/100km 19,52) - adblue% 3,998<br />

km/h 68,9 - kg 9.560 - index 424,7 Pul 22<br />

Irisbus Iveco Crossway Le E4<br />

km/l 3,85 (l/100km 25,97) - adblue% 6,162<br />

km/h 62,4 - kg 17.820 - index 376,9 V&T 721<br />

Temsa Safari Rd 12 Eev<br />

km/l 3,62 (l/100km 27,59) - adblue% 4,866<br />

km/h 59,2 - kg 16.800 - index 369,0 V&T 739<br />

Setra TopClass S 415 Hd E5<br />

km/l 4,43 (l/100km 22,55) - adblue% 4,040<br />

km/h 81,4 - kg 17.700 - index 425,5 V&T 724<br />

Mercedes-Benz Travego M E5<br />

km/l 3,79 (l/100km 26,37) - adblue% 6,289<br />

km/h 75,4 - kg 20.020 - index 392,9 V&T 753<br />

Tomassini Vip Sprinter 519 Cdi E5<br />

km/l 8,58 (l/100km 11,65) - adblue% 0,000<br />

km/h 66,1 - kg 5.020 - index 488,2 V&T 7<strong>50</strong><br />

Irizar i4 H 12,2 Eev<br />

km/l 3,31 (l/100km 30,21) - adblue% 0,000<br />

km/h 61,5 - kg 18.000 - index 377,8 V&T 727<br />

Temsa Tourmalin Ic 12 E5<br />

km/l 3,32 (l/100km 30,12) - adblue% 4,542<br />

km/h 60,9 - kg 17.640 - index 363,5 V&T 719<br />

Temsa Safari Hd 13 E5<br />

km/l 3,89 (l/100km 26,67) - adblue% 4,242<br />

km/h 74,2 - kg 18.060 - index 400,7 Pul 2<br />

Neoplan Cityliner C N1217 Hdc Eev<br />

km/l 3,55 (l/100km 28,19) - adblue% 0,000<br />

km/h 74,9 - kg 21.020 - index 403,8 V&T 738<br />

Isuzu Anadolu Visigo Interurban<br />

km/l 4,61 (l/100km 21,71) - adblue% 4,789<br />

km/h 62,2 - kg 14.560 - index 400,4 Pul 32<br />

Temsa Hd 13 E6<br />

km/l 4,16 (l/100km 24,02) - adblue% 1,726<br />

km/h 74,4 - kg 17.960 - index 415,0 Pul 16<br />

Scania Higer Touring Hd 13,7 E6c<br />

km/l 4,58 (l/100km 21,83) - adblue% 6,787<br />

km/h 69,4 - kg 21.1<strong>50</strong> - index 405,6 Pul 30<br />

Iveco Crossway Line 12m E6d<br />

km/l 4,02 (l/100km 24,87) - adblue% 6,899<br />

km/h 66,4 - kg 17.2<strong>50</strong> - index 385,6 Pul 36<br />

Temsa Md 9 E6<br />

km/l 4,25 (l/100km 23,51) - adblue% 2,554<br />

km/h 73,9 - kg 14.320 - index 414,5 Pul 18<br />

Setra ComfortClass S 416 Gt-Hd E4<br />

km/l 3,54 (l/100km 28,25) - adblue% 5,6<strong>50</strong><br />

km/h 73,7 - kg 20.320 - index 384,8 V&T 706<br />

Irisbus Iveco Citelis 12 Eev<br />

km/l 1,99 (l/100km <strong>50</strong>,35) - adblue% 4,352<br />

km/h 26,9 - kg 15.990 - index 254,3 V&T 725<br />

Man Lion’s Regio R12 Eev<br />

km/l 2,93 (l/100km 34,25) - adblue% 0,000<br />

km/h 65,2 - kg 17.820 - index 371,5 V&T 733<br />

Irisbus Iveco Magelys Hd 12,2 E5<br />

km/l 3,57 (l/100km 28,02) - adblue% 4,805<br />

km/h 74,7 - kg 18.120 - index 389,8 V&T 732<br />

Van Hool T915 Alicron Lite E5<br />

km/l 4,01 (l/100km 24,93) - adblue% 1,898<br />

km/h 75,7 - kg 17.660 - index 412,4 V&T 742<br />

Setra ComfortClass S 519 Hd E6c<br />

km/l 4,06 (l/100km 24,63) - adblue% 3,090<br />

km/h 74,7 - kg 21.600 - index 409,1 Pul 25<br />

Man Lion’s City A21 Eev<br />

km/l 1,86 (l/100km 53,76) - adblue% 0,000<br />

km/h 19,9 - kg 16.680 - index 246,7 V&T 722<br />

Mercedes-Benz Intouro E6d<br />

km/l 4,25 (l/100km 23,51) - adblue% 2,000<br />

km/h 62,5 - kg 17.130 - index 394,2 Pul 44<br />

Irisbus Iveco Magelys Pro 12,8 E5<br />

km/l 3,87 (l/100km 25,85) - adblue% 4,126<br />

km/h 75,8 - kg 17.800 - index 402,4 Pul 1<br />

Vdl Futura Fhd2-129/4<strong>50</strong> E6c<br />

km/l 4,23 (l/100km 23,64) - adblue% 5,903<br />

km/h 73,9 - kg 18.522 - index 405,0 Pul 29<br />

Setra TopClass S 516 Hdh E6<br />

km/l 4,38 (l/100km 23,17) - adblue% 3,306<br />

km/h 78,4 - kg 21.160 - index 420,5 Pul 10<br />

Mercedes-Benz Citaro E6<br />

km/l 2,51 (l/100km 39,88) - adblue% 5,129<br />

km/h 25,8 - kg 15.520 - index 267,9 Pul 7<br />

Mercedes-Benz Intouro K Hybrid E6d<br />

km/l 4,10 (l/100km 23,51) - adblue% 2,000<br />

km/h 62,5 - kg 17.130 - index 394,2 Pul 47<br />

Iveco Magelys 12,8 E6<br />

km/l 4,11 (l/100km 24,35) - adblue% 5,781<br />

km/h 73,7 - kg 18.085 - index 401,7 Pul 20<br />

Vdl Futura Fmd2 129/370 E6<br />

km/l 4,22 (l/100km 22,61) - adblue% 3,904<br />

km/h 75,2 - kg 17.980 - index 417,2 Pul 15<br />

Setra TopClass S 531 Dt E6c<br />

km/l 3,79 (l/100km 26,40) - adblue% 4,527<br />

km/h 72,4 - kg 23.770 - index 394,3 Pul 28<br />

Mercedes-Benz O 530 K Citaro E5<br />

km/l 2,33 (l/100km 42,97) - adblue% 4,215<br />

km/h 26,5 - kg 14.<strong>50</strong>0 - index 266,7 V&T 726<br />

Scania OmniExpress 12,8 Lk 400 Hd E5<br />

km/l 4,12 (l/100km 24,37) - adblue% 5,114<br />

km/h 65,4 - kg 17.800 - index 391,4 V&T 743<br />

Man Lion’s Coach C R10 E6<br />

km/l 4,17 (l/100km 23,98) - adblue% 4,<strong>50</strong>8<br />

km/h 73,9 - kg 19.640 - index 407,2 Pul 27<br />

Vdl Futura Fhd2-129/410 E5<br />

km/l 4,14 (l/100km 24,15) - adblue% 2,736<br />

km/h 75,5 - kg 17.900 - index 412,0 V&T 754<br />

Setra TopClass S 431 Dt E5<br />

km/l 3,16 (l/100km 31,68) - adblue% 4,690<br />

km/h 77,9 - kg 25.520 - index 380,5 V&T 736<br />

Setra MultiClass S 415 Nf Eev<br />

km/l 2,11 (l/100km 47,43) - adblue% 4,587<br />

km/h 25,8 - kg 15.380 - index 255,5 V&T 730<br />

Scania OmniLink Ck 310 Ub E4<br />

km/l 3,69 (l/100km 27,10) - adblue% 0,000<br />

km/h 62,1 - kg 17.440 - index 389,1 V&T 716<br />

Mercedes-Benz Tourismo M/2 16 Rhd E6c<br />

km/l 4,76 (l/100km 21,02) - adblue% 5,341<br />

km/h 72,2 - kg 17.827 - index 417,9 Pul 31<br />

Vdl Bova Futura Fhd-120/365 E5<br />

km/l 4,02 (l/100km 24,87) - adblue% 2,929<br />

km/h 74,0 - kg 18.240 - index 407,5 V&T 729<br />

Setra MultiClass S 415 H E5<br />

km/l 3,68 (l/100km 27,17) - adblue% 4,123<br />

km/h 65,8 - kg 17.760 - index 382,9 V&T 749<br />

Mercedes-Benz Tourismo Rhd E5<br />

km/l 3,95 (l/100km 25,29) - adblue% 5,583<br />

km/h 76,3 - kg 17.720 - index 401,1 Pul 5<br />

Setra MultiClass S 415 Le Business E6<br />

km/l 4,19 (l/100km 23,85) - adblue% 2,161<br />

km/h 67,1 - kg 17.680 - index 404,1 Pul 21<br />

Neoplan Tourliner N 2216 Shd Eev<br />

km/l 3,69 (l/100km 27,10) - adblue% 0,000<br />

km/h 77,4 - kg 17.840 - index 411,1 V&T 731<br />

n Minibus<br />

n Urbani<br />

n Interurbani<br />

n Turistici 2 assi<br />

n Turistici 3 assi<br />

40 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

L’index performance tiene conto di consumo gasolio, eventuale<br />

AdBlue e media oraria. A indice <strong>maggio</strong>re corrisponde una<br />

migliore prestazione.<br />

<strong>Pullman</strong> - 41


SECOND LIFE<br />

SECOND LIFE<br />

Affare fatto!<br />

La metodologia adottata da <strong>Pullman</strong> per ricavare<br />

le valutazioni degli autobus di seconda mano più diffusi<br />

sul mercato italiano nell’arco degli ultimi dieci anni<br />

Qui di seguito, le quotazioni<br />

degli autobus usati elaborate<br />

da <strong>Pullman</strong>. Coprono<br />

un intervallo temporale di dieci anni<br />

e derivano da indagini periodiche<br />

da noi direttamente effettuate presso<br />

concessionari e/o commercianti<br />

specializzati italiani.<br />

Riguardano i modelli da turismo<br />

a due o a tre assi più diffusi da nuovi<br />

sul mercato nazionale e, quindi,<br />

<strong>maggio</strong>rmente trattati nel settore<br />

dei veicoli d’occasione.<br />

Le quotazioni in euro (Iva esclusa)<br />

si riferiscono al prezzo medio<br />

di ritiro dell’autobus da parte di<br />

un operatore del settore usato,<br />

nelle condizioni che trovate indicate<br />

nelle colonne a fianco.<br />

Condizioni di riferimento<br />

Le valutazioni di <strong>Pullman</strong> si applicano<br />

ai veicoli che soddisfano i seguenti<br />

criteri:<br />

• Stato d’uso normale, congruente<br />

con la data di prima immatricolazione;<br />

• In regola con le revisioni periodiche<br />

di legge;<br />

• Tagliandati, secondo i piani di<br />

manutenzione previsti dalla casa<br />

costruttrice;<br />

• Con carrozzeria, cristalli e selleria<br />

in buone condizioni;<br />

• Con pneumatici con profondità<br />

del battistrada pari al <strong>50</strong> per cento<br />

delle coperture nuove;<br />

• Con impianto di climatizzazione<br />

funzionante;<br />

• Con impianto multimediale funzionante;<br />

• Con personalizzazione esterna<br />

realizzata solo con pellicole autoadesive;<br />

• Con percorrenze annue di 80-<br />

90.000 chilometri.<br />

Fattori di <strong>maggio</strong>re<br />

o minore valutazione<br />

Sono considerati elementi peggiorativi,<br />

ai fini della valutazione, percorrenze<br />

superiori del 15-20 per cento<br />

rispetto al valore indicato. Le<br />

quotazioni aumentano, invece, per<br />

gli autobus con equipaggiamenti di<br />

sicurezza aggiuntivi o con particolari<br />

dotazioni di bordo (toeletta, galley,<br />

eccetera).<br />

2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013<br />

Valore di ritiro in € Iva esclusa<br />

AYATS<br />

BRAVO<br />

I 13,20 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - 120.000 105.000 90.000 80.000 68.000 63.000<br />

I 13,95 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - 125.000 110.000 95.000 85.000 70.000 65.000<br />

BARBI<br />

GALILEO<br />

Hd 10,20 m - 2 assi - 290 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 40.000<br />

Hdl 12,20 m - 2 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 48.000<br />

Hdh 13,80 m - 3 assi - 4<strong>50</strong> Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 55.000<br />

GALILEO Euro 6<br />

Rr2 10,34 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - - - 125.000 119.000 113.000 108.000 102.000<br />

GENESIS<br />

Hdl 12,20 m - 2 assi - 290 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 40.000<br />

Hdh Classic 13,80 m - 3 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 44.000<br />

BMC<br />

PROBUS<br />

8<strong>50</strong> Tbx 8,85 m - 2 assi - 285 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 24.000<br />

IVECO BUS<br />

NEW DOMINO<br />

Hd.45 12,40 m - 2 assi - 4<strong>50</strong> Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 33.000<br />

Hdh 12,40 m - 2 assi - 4<strong>50</strong> Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 44.000<br />

EVADYS<br />

H 12 12,00 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 38.000<br />

H 12,8 12,80 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 38.000<br />

Hd 12 12,00 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 45.000<br />

Hd 12,8 12,80 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 46.000<br />

2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013<br />

Valore di ritiro in € Iva esclusa<br />

EVADYS Euro 6<br />

Hd 12 12,09 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale 223.000 198.000 188.000 179.000 170.000 160.000 - - - -<br />

Hd 13 12,96 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale 233.000 205.000 195.000 185.000 176.000 167.000 - - -<br />

MAGELYS<br />

Hd 12,20 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 85.000 80.000<br />

Hd 12,80 m - 2 assi - 380 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 87.000 80.000<br />

Hdh 13,80 m - 3 assi - 4<strong>50</strong> Cv - cambio manuale - - - - - - - - 105.000 95.000<br />

MAGELYS PRO / MAGELYS Euro 6<br />

Hd 12,2 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - 145.000 130.000 118.000 106.000 95.000 86.000 82.000 -<br />

Hd 12,8 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - 148.000 134.000 120.000 110.000 97.000 88.000 84.000 -<br />

IRIZAR<br />

CENTURY<br />

Hd 12.35 12,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 52.000<br />

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 53.000<br />

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 30.000<br />

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 440 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 46.000<br />

Hdh 14.37 13,70 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 53.000<br />

i6 Euro 6<br />

i6 Hd 12.35 12,22 m - 2 assi - 410 Cv - cambio robotizzato 255.000 224.000 213.000 203.000 192.000 174.000 165.000 157.000 - -<br />

i6 Hd 13.35 13,22 m - 3 assi - 410 Cv - cambio robotizzato 285.000 271.000 257.000 244.000 232.000 221.000 210.000 200.000 - -<br />

i6 Hd 13.35 13,22 m - 3 assi - 4<strong>50</strong> Cv - cambio robotizzato 290.000 276.000 262.000 249.000 236.000 224.000 213.000 202.000 - -<br />

i6 Hd 14.35 14,07 m - 3 assi - 410 Cv - cambio robotizzato 287.000 273.000 259.000 246.000 234.000 222.000 210.000 200.000 - -<br />

i6 Hdh 12.37 12,20 m - 2 assi - 4<strong>50</strong> Cv - cambio robotizzato 287.000 273.000 259.000 246.000 234.000 222.000 210.000 200.000 - -<br />

i6 Hdh 13.37 13,22 m - 3 assi - 490 Cv - cambio robotizzato 320.000 304.000 289.000 274.000 261.000 248.000 235.000 223.000 - -<br />

i6 Hdh 14.37 14,07 m - 3 assi - 490 Cv - cambio robotizzato 325.000 309.000 293.000 279.000 265.000 2<strong>50</strong>.000 240.000 228.000<br />

PB<br />

Hdh 12.37 12,00 m - 2 assi - 420/440 Cv - cambio robotizzato - - - - 135.000 128.000 124.000 118.000 112.000 105.000<br />

Hdh 14.37 13,90 m - 3 assi - 480 CV - cambio robotizzato - - - - 1<strong>50</strong>.000 144.000 135.000 128.000 123.000 118.000<br />

MAN<br />

LION’S COACH<br />

R 07 12,00 m - 2 assi - 409 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 55.000<br />

R 09 C 13,20 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 60.000<br />

R 08 L 13,80 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 70.000<br />

LION’S COACH Euro 6<br />

Lion’s Coach 12,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio robotizzato - - - - - 128.000 122.000 116.000 - -<br />

Lion’s Coach C 13,26 m - 3 assi - 440 Cv - cambio robotizzato - - - - - 137.000 130.000 124.000 - -<br />

Lion’s Coach L 13,80 m - 3 assi - 440 Cv - cambio robotizzato - - - - - 140.000 134.000 127.000 - -<br />

NEW LION’S COACH Euro 6c<br />

Lion’s Coach 12,10 m - 2 assi - 430 Cv - cambio manuale 265.000 252.000 240.000 228.000 217.000 - - - - -<br />

Lion’s Coach C 13,09 m - 2 assi - 430 Cv - cambio robotizzato 285.000 270.000 255.000 244.000 232.000 - - - - -<br />

Lion’s Coach C 13,36 m - 3 assi - 470 Cv - cambio robotizzato 295.000 280.000 265.000 253.000 240.000 - - - - -<br />

Lion’s Coach L 13,90 m - 3 assi - 470 Cv - cambio robotizzato 300.000 285.000 270.000 258.000 245.000 - - - - -<br />

MERCEDES-BENZ<br />

TOURINO<br />

O510 9,40 m - 2 assi - 279/285 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 43.000<br />

TOURISMO<br />

O3<strong>50</strong> 15 Rhd 12,10 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 58.000<br />

O3<strong>50</strong> M 16 Rhd 12,90 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 56.000<br />

O3<strong>50</strong> L 17 Rhd 13,90 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 65.000<br />

TOURISMO Euro 6<br />

Tourismo K 10,32 m - 2 assi - 354 Cv - cambio manuale - - 180.000 170.000 163.000 155.000 148.000 140.000 133.000<br />

Tourismo 12,14 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale - - - - 166.000 158.000 1<strong>50</strong>.000 143.000 136.000 -<br />

Tourismo M/2 12,96 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale - - - - 195.000 186.000 176.000 168.000 160.000 -<br />

Tourismo L 13,99 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - 200.000 190.000 180.000 170.000 162.000 -<br />

NEW TOURISMO Euro 6<br />

Tourismo 12,29 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale 238.000 226.000 215.000 204.000 - - - - -<br />

Tourismo M/2 13,11 m - 2 assi - 360 Cv - cambio manuale 258.000 245.000 233.000 220.000 - - - - -<br />

Tourismo M/3 13,11 m - 3 assi - 394 Cv - cambio manuale 262.000 249.000 236.000 224.000 - - - - - -<br />

Tourismo L 13,93 m - 2 assi - 394 Cv - cambio manuale 266.000 253.000 240.000 228.000 - - - - - -<br />

TRAVEGO<br />

O580 15 Rhd 12,10 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 72.000<br />

O580 M 16 Rhd 12,90 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 70.000<br />

O580 L 17 Rhd 13,90 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 75.000<br />

TRAVEGO Euro 6<br />

Travego 12,18 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - 188.000 179.000 170.000 162.000 -<br />

Travego M 13,00 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - 207.000 198.000 178.000 169.000 -<br />

Travego L 14,03 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - 214.000 203.000 193.000 183.000 - -<br />

NEOPLAN<br />

JETLINER Euro 6<br />

Jetliner 12,30 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - - - - 127.000 120.000 115.000 109.000 -<br />

Jetliner C 13,00 m - 2 assi - 400 Cv - cambio manuale - - - - - 132.000 126.000 120.000 114.000 -<br />

42 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 43


SECOND LIFE<br />

SECOND LIFE<br />

2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013<br />

Valore di ritiro in € Iva esclusa<br />

TOURLINER<br />

N2216 Shd 12,00 m - 2 assi - 440/460 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 65.000<br />

N2216/3 Shd C 13,20 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 70.000<br />

N2216/3 Shd L 13,80 m - 3 assi - 440/460 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 72.000<br />

TOURLINER Euro 6<br />

Shd 12,00 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 220.000 209.000 200.000 190.000 180.000 170.000 160.000 154.000 146.000 -<br />

Shdc 13,26 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 230.000 220.000 210.000 198.000 188.000 178.000 170.000 160.000 152.000 -<br />

Shdl 13,80 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 235.000 225.000 212.000 200.000 190.000 125.000 180.000 173.000 164.000<br />

CITYLINER<br />

N1216 Hd 12,20 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 78.000<br />

N1217 Hd C 12,90 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 84.000<br />

N1218 Hd L 13,90 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 80.000<br />

CITYLINER Euro 6<br />

Cityliner 12,24 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 265.000 252.000 240.000 228.000 215.000 205.000 195.000 185.000 176.000 -<br />

Cityliner C 12,99 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 275.000 260.000 248.000 236.000 224.000 214.000 202.000 192.000 182.000 -<br />

Cityliner L 13,99 m - 3 assi - 440 Cv - cambio manuale 285.000 270.000 258.000 244.000 232.000 220.000 210.000 200.000 190.000 -<br />

STARLINER<br />

N5217 Shd C 13,00 m - 3 assi - <strong>50</strong>5 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 104.000 90.000<br />

N5218 Shd L 14,00 m - 3 assi - <strong>50</strong>5 Cv - cambio manuale - - - - - - - - 108.000 95.000<br />

SKYLINER Euro 6<br />

Skyliner 14,00 m - 3 assi - <strong>50</strong>0 Cv - cambio robotizzato 512.000 486.000 462.000 440.000 418.000 - - - - -<br />

OTOKAR<br />

Navigo T Euro 6<br />

Navigo T 7,7 m - 2 assi - 176 Cv - cambio manuale 120.000 114.000 108.000 104.000 98.000 93.000 88.000 84.000 80.000 -<br />

Vectio T Euro 6<br />

Vectio T 10,1 m - 2 assi - 315 Cv - cambio manuale 185.000 176.000 168.000 160.000 1<strong>50</strong>.000 140.000 136.000 129.000 123.000 -<br />

SETRA<br />

COMFORTCLASS 400<br />

S 415 Gt 12,20 m - 2 assi - 354 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 38.000<br />

S 415 Gt Hd 12,20 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 38.002<br />

S 416 Gt Hd 13,02 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 45.000<br />

S 417 Gt H 14,05 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 53.000<br />

COMFORTCLASS <strong>50</strong>0<br />

S 515 Hd 10,46 m - 2 assi - 395 Cv - cambio manuale 260.000 245.000 235.000 220.000 210.000 200.000 190.000 182.000 173.000<br />

S 516 Hd/2 13,11 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale 265.000 252.000 240.000 228.000 216.000 205.000 195.000 185.000 176.000 -<br />

S 516 Hd 13,11 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale 275.000 260.000 248.000 236.000 224.000 212.000 202.000 192.000 182.000 -<br />

S 517 Hd 13,39 m - 3 assi - 428 Cv - cambio manuale* 285.000 270.000 258.000 244.000 232.000 220.000 210.000 200.000 190.000 -<br />

TOPCLASS 400<br />

S 411 Hd 10,10 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 58.000<br />

S 415 Hd 12,00 m - 2 assi - 428 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 65.000<br />

S 415 Hdh 12,00 m - 3 assi - 476 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 74.000<br />

S 416 Hdh 13,00 m - 3 assi - 476 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 78.000<br />

S 417 Hdh 13,90 m - 3 assi - 476 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 84.000<br />

S 431 Dt 13,89 m - 3 assi - <strong>50</strong>3 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 90.000<br />

S 431 Dt E6 13,89 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato - - - - - 214.000 200.000 194.000 184.000 -<br />

TOPCLASS <strong>50</strong>0<br />

S 515 Hdh 10,49 m - 3 assi - 476 Cv - cambio robotizzato 330.000 314.000 298.000 283.000 270.000 255.000 243.000 230.000 219.000 -<br />

S 516 Hdh 13,32 m - 3 assi - 476 Cv - cambio robotizzato 340.000 323.000 307.000 292.000 277.000 263.000 2<strong>50</strong>.000 237.000 225.000 -<br />

S 517 Hdh 14,16 m - 3 assi - 476 Cv - cambio robotizzato 3<strong>50</strong>.000 330.000 315.000 300.000 285.000 270.000 258.000 244.000 232.000<br />

S 531 Dt 14,00 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato 375.000 356.000 338.000 322.000 306.000 - - - - -<br />

TEMSA<br />

SAFARI<br />

Hd 12 12,20 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 28.000<br />

Hd 13 13,00 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 30.000<br />

DIAMOND<br />

13 13,00 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 35.000<br />

14 14,00 m - 3 assi - 480 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 40.000<br />

MD Euro 6<br />

7 7,74 m - 2 assi - 186 Cv - cambio manuale 110.000 105.000 100.000 95.000 90.000 85.000 80.000<br />

9 9,38 m - 2 assi - 290 Cv - cambio manuale 115.000 109.000 104.000 100.000 95.000 90.000 85.000 80.000 76.000 -<br />

LD Euro 6<br />

12 12,33 m - 2 assi - 368 Cv - cambio manuale 135.000 126.000 115.000 110.000 100.000 95.000 87.000 82.000 78.000 -<br />

13 13,05 m - 2 assi - 368 Cv - cambio manuale 155.000 144.000 134.000 125.000 115.000 108.000 100.000 92.000 87.000 -<br />

HD Euro 6<br />

12 12,27 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 160.000 148.000 138.000 129.000 120.000 110.000 105.000 95.000 90.000 -<br />

13 13,07 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 165.000 153.000 143.000 133.000 123.000 115.000 107.000 100.000 95.000 -<br />

MARATON Euro 6<br />

12 12,36 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 205.000 190.000 180.000 165.000 155.000 147.000 - - -<br />

13 13,08 m - 2 assi - 435 Cv - cambio robotizzato 210.000 195.000 185.000 170.000 158.000 1<strong>50</strong>.000 - -<br />

2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013<br />

Valore di ritiro in € Iva esclusa<br />

VAN HOOL<br />

EX Euro 6<br />

15 H 12,48 m - 2 assi - 394 Cv Euro 6 - cambio manuale 180.000 167.000 156.000 145.000 135.000 125.000 115.000 108.000 103.000<br />

16 M 13,26 m - 2 assi - 394 Cv Euro 6 - cambio manuale 185.000 172.000 160.000 1<strong>50</strong>.000 138.000 129.000 120.000 110.000 105.000 -<br />

ALICRON<br />

T 915 12,20 m - 2 assi - 408 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 20.000<br />

ALICRON Euro 6<br />

Tx 11 10,<strong>50</strong> m - 2 assi - 368 Cv - cambio manuale 190.000 177.000 164.000 153.000 142.000 132.000 123.000 114.000 108.000 -<br />

Tx 15 12,20 m - 2 assi - 396 Cv - cambio manuale 195.000 180.000 170.000 158.000 146.000 136.000 126.000 118.000 112.000 -<br />

Tx 16 13,05 m - 2 assi - 396 Cv - cambio manuale 195.000 180.000 170.000 158.000 146.000 136.000 126.000 118.000 1123.000 -<br />

ASTRON<br />

T 916 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 52.000<br />

T 917 14,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 54.000<br />

ASTRON Euro 6<br />

Tx 16 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 230.000 214.000 200.000 185.000 172.000 160.000 1<strong>50</strong>.000 138.000 130.000 -<br />

Tx 17 14,04 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 235.000 220.000 204.000 190.000 176.000 164.000 152.000 142.000 135.000 -<br />

ASTRONEF<br />

T 916 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 65.000<br />

T 917 14,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 72.000<br />

ASTRONEF Euro 6<br />

Tx 15 12,30 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 235.000 220.000 204.000 190.000 176.000 164.000 152.000 142.000 135.000 -<br />

Tx 16 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 240.000 222.000 208.000 194.000 180.000 167.000 155.000 144.000 137.000 -<br />

Tx 17 14,04 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 245.000 228.000 212.000 198.000 183.000 170.000 160.000 148.000 140.000 -<br />

ALTANO<br />

T 917 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 68.000<br />

ALTANO Euro 6<br />

Tx 17 13,20 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 245.000 228.000 212.000 198.000 183.000 170.000 160.000 148.000 140.000 -<br />

Tx 18 14,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 2<strong>50</strong>.000 233.000 216.000 200.000 187.000 174.000 162.000 1<strong>50</strong>.000 143.000 -<br />

Tx 19 15,00 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 258.000 240.000 223.000 208.000 194.000 180.000 167.000 155.000 147.000 -<br />

ASTROMEGA<br />

Td 925 13,10 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 68.000<br />

Td 927 14,10 m - 3 assi - 510 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 72.000<br />

ASTROMEGA Euro 6<br />

Tdx 25 13,10 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 300.000 279.000 259.000 240.000 224.000 210.000 194.000 180.000 172.000 -<br />

Tdx 27 14,10 m - 3 assi - 462 Cv - cambio manuale 310.000 288.000 268.000 249.000 232.000 216.000 200.000 188.000 178.000 -<br />

VDL<br />

FUTURA FHD<br />

Fhd 104.365 10,40 m - 2 assi - 362 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 35.000<br />

Fhd 127.365 12,70 m - 2 assi - 362 Cv - cambio manuale - - - - - - - - - 36.000<br />

FUTURA FMD2 Euro 6<br />

Fmd2-122 12,19 m - 2 assi - 370 Cv - cambio manuale 172.000 160.000 149.000 138.000 129.000 120.000 110.000 105.000 - -<br />

Fmd2-129 12,87 m - 2 assi - 370 Cv - cambio manuale 174.000 162.000 1<strong>50</strong>.000 140.000 130.000 122.000 114.000 108.000 -<br />

FUTURA FHD2 Euro 6<br />

Fhd2-122 12,19 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 188.000 175.000 163.000 1<strong>50</strong>.000 140.000 130.000 122.000 116.000 - -<br />

Fhd2-129 12,87 m - 2 assi - 440 Cv - cambio manuale 192.000 179.000 166.000 154.000 144.000 134.000 124.000 118.000 - -<br />

Fhd2-131 13,14 m - 3 assi - 460 Cv - cambio manuale 205.000 190.000 176.000 165.000 152.000 142.000 132.000 125.000 - -<br />

Fhd2-139 13,94 m - 3 assi - 460 Cv - cambio manuale 210.000 195.000 182.000 170.000 158.000 146.000 136.000 130.000<br />

Fhd2-148 14,84 m - 3 assi - 460 Cv - cambio manuale 215.000 200.000 186.000 173.000 160.000 1<strong>50</strong>.000 140.000 133.000 - -<br />

FUTURA FDD2 Euro 6<br />

Fdd2-130 13,08 m - 3 assi - 530 Cv - cambio robotizzato 275.000 256.000 238.000 220.000 210.000 - -<br />

Fdd2-141 14,14 m - 3 assi - 530 Cv - cambio robotizzato 284.000 264.000 246.000 228.000 217.000 - - - - -<br />

VOLVO<br />

9<strong>50</strong>0 Euro 6<br />

Optimal 12,30 m - 2 assi - 3<strong>50</strong> Cv - cambio robotizzato - - - - - 88.000 82.000 76.000 72.000 -<br />

9700<br />

Hdh Premium 12,30 m - 2 assi - 420 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 43.000<br />

Hdh Superior 13,00 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 58.000<br />

9700 Euro 6<br />

Premium 12,35 m - 2 assi - 430 Cv - cambio robotizzato 180.000 167.000 156.000 145.000 135.000 125.000 115.000 108.000 103.000 -<br />

Premium 13,05 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 195.000 180.000 170.000 158.000 146.000 136.000 126.000 118.000 122.000 -<br />

Premium 13,83 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 200.000 186.000 173.000 160.000 1<strong>50</strong>.000 139.000 129.000 120.000 114.000 -<br />

9900<br />

Hdh Prestige 13,00 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 55.000<br />

Hdh Prestige 13,70 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato - - - - - - - - - 58.000<br />

9900 Euro 6<br />

Prestige 12,35 m - 2 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 225.000 210.000 195.000 182.000 168.000 157.000 146.000 135.000 128.000 -<br />

Prestige 13,05 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 240.000 223.000 208.000 193.000 180.000 167.000 155.000 144.000 137.000 -<br />

Prestige 13,83 m - 3 assi - 460 Cv - cambio robotizzato 2<strong>50</strong>.000 233.000 215.000 200.000 187.000 174.000 162.000 1<strong>50</strong>.000 143.000 -<br />

44 - <strong>Pullman</strong><br />

<strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

www.pullmanweb.com<br />

<strong>Pullman</strong> - 45


ASSOBUS<br />

Tutto elettrico non va<br />

Serve un approccio diversicato<br />

per la transizione energetica e il<br />

raggiungimento degli obiettivi ssati<br />

dal pacchetto battezzato ‘Fit for 55’<br />

a cura dell’Associazione Bus Turistici Italiani - Confcommercio<br />

La transizione green a ogni costo non è sostenibile per il settore<br />

dei bus turistici italiani, soprattutto al costo attuale. Partiamo<br />

da un presupposto per fare chiarezza: l’Associazione Nazionale<br />

Bus Turistici Italiani - Confcommercio e le aziende dei bus che rappresenta<br />

sono da sempre favorevoli alla transizione green dei mezzi, ma<br />

in maniera graduale e concretamente sostenibile. Nell’immediato<br />

futuro i nostri bus non potranno passare all’elettrico per la mancanza<br />

di un'adeguata tecnologia che, attualmente, non consente la produzione<br />

di batterie che coprano il lungo o anche il lunghissimo raggio dei nostri<br />

viaggi e la soluzione immediatamente percorribile prevede il passaggio<br />

ai motori Euro 6 classe E, con emissioni pari allo zero.<br />

Necessari aiuti per gli Euro 6<br />

Fatta questa doverosa premessa, serve fare ulteriore chiarezza anche<br />

in riferimento al Pnrr e nell’ottica del rispetto delle linee del ‘Fit for 55’,<br />

il pacchetto di proposte legislative presentate dalla Commissione<br />

Europea che mira alla riduzione delle emissioni di gas serra del 55 per<br />

cento entro il 2030 e alla neutralità climatica entro il 20<strong>50</strong>. Abbiamo<br />

evidenziato più volte l’esigenza di un programma omogeneo a livello<br />

nazionale che possa portare nei prossimi anni al graduale rinnovo<br />

Cos’è An.Bti Confcommercio<br />

È il 1° raggruppamento di rappresentanza a livello<br />

nazionale delle imprese di trasporto persone mediante<br />

noleggio di bus ai sensi della legge 218/2003,<br />

a vocazione prevalentemente turistica. L’esperienza<br />

del Comitato di base (Co.bti), formatosi a seguito<br />

della grave pandemia Covid per rappresentare le istanze e supportare<br />

un settore che ha specificità del tutto diverse dagli altri tipi di trasporto<br />

persone, il grande lavoro svolto e i risultati conseguiti hanno consolidato<br />

la necessità della costituzione di una Associazione nel 2021 che curi in<br />

modo specifico i diritti e gli interessi delle imprese e degli operatori che<br />

si muovono nel turismo e per il turismo.www.busturistici.com<br />

della flotta delle aziende di bus turistici in ottica del rispetto dell’ambiente,<br />

con il progressivo superamento dell’utilizzo dei mezzi <strong>maggio</strong>rmente<br />

inquinanti e no al raggiungimento dell’obiettivo di flotte composte da<br />

soli mezzi Euro 6 in tutto il Paese. Questo cambiamento non può<br />

essere sostenuto, dati gli ingenti costi, unicamente dalle aziende e<br />

deve essere ammortizzato da sostegni delle Istituzioni. Qualcosa è<br />

già stato concesso con recenti interventi legislativi, ma non in maniera<br />

strutturale e sufciente al raggiungimento dell’obiettivo.<br />

A tal ne auspichiamo, nei prossimi interventi legislativi in Parlamento,<br />

misure che prevedano in primis lo stanziamento di risorse destinate<br />

ai veicoli Euro 6 con esclusione dell’elettrico; quindi la possibilità di presentazione<br />

delle domande d’accesso agli incentivi tramite piattaforma<br />

temporale e non con un discriminatorio ‘click day’; serve un limite massimo<br />

ai mezzi incentivabili per ogni azienda, così da aiutare tutti; inne,<br />

l’incentivo all’acquisto dev’essere riconosciuto in percentuale (almeno<br />

il 30) e non su una cifra prestabilita dal legislatore.<br />

Negli ultimi mesi, i costi di gestione per le aziende di bus turistici sono<br />

decollati e i mutui indispensabili per l’acquisto dei mezzi Euro 6 hanno<br />

raggiunto tassi sempre più alti, talvolta insostenibili. Ciò crea un circolo<br />

vizioso che le Istituzioni devono fermare. Gli imprenditori del comparto<br />

che hanno effettuato operazioni volte all'acquisto di veicoli Euro 6, assecondando<br />

le richieste delle Istituzioni italiane ed europee, a oggi,<br />

senza il riconoscimento dell’aliquota agevolata sul gasolio utilizzato<br />

da tali mezzi, vedono totalmente erosi i propri margini di guadagno.<br />

Un autentico deterrente al rinnovo della flotta di bus, perché oggi nessun<br />

imprenditore del settore è incentivato a investire sul rinnovo del parco<br />

mezzi e questo porta a un rallentamento se non ad un blocco totale<br />

del processo di transizione ecologica. Serve unità d’intenti e siamo<br />

certi che le Istituzioni ascolteranno la richiesta del comparto trainante<br />

del Turismo che rappresentiamo. Con il sostegno e con le agevolazioni<br />

necessarie per le imprese e con la ‘green-ta’ che ci contraddistingue<br />

da sempre, la transizione è possibile. Altrimenti no. lll<br />

46 - <strong>Pullman</strong> <strong>maggio</strong> <strong>2024</strong><br />

Featuring: Otokar e-Centro C<br />

12°<br />

ANNO


Ready for<br />

any challenge<br />

Explore the Volvo 9000 coach range<br />

volvobuses.com/it

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!