Abruzzo “stella polare” per il rilancio del ... - Regione Abruzzo

regione.abruzzo.it

Abruzzo “stella polare” per il rilancio del ... - Regione Abruzzo

Periodico a cura

del Servizio

Stampa della

Giunta regionale

d’Abruzzo

Abruzzo Cronache n.1

Giugno 2012

Direttore Responsabile:

Giovanni Ruscitti

Rersponsabile di edizione:

Carlo Gizzi

In redazione:

Katia Scolta,

Duilio Rabottini,

Isolina Scarsella

����������������

Barbara Fabiani

Autorizzazione del tribunale dell’Aquila Abruzzo

Cronache

Indice

ArtIcolI

ABRUZZO cronache

Economia: chiodi, ridotto il debito,

tagliamo le tasse, in Abruzzo si puo’

fare

Sussidiarietà: quando la famiglia

vince lo statalismo

l’Abruzzo sportivo va a gonfie vele

la ricetta degli esperti: microcredito,

coesione territoriale e social business

Abruzzo dA vIvErE

Metti una sera a cena…

su un trabocco

4

8

10

12

14

3


ABRUZZO conache

L’Abruzzo NON È PIÙ la regione con la

più alta tassazione

Solo sei

regioni in

Italia

hanno tasse

più basse

Il Presidente Chiodi e il ministro

Martino durante il convegno

Regione VERSIONE 2.0, un Abruzzo che c’è!

Abruzzo ha ridotto l’indebitamento

del 14%, da 4 MLD a 3,2 MLD

(circa 800 milioni di euro). Nessun

aumento di tasse (solo l’accisa sulla benzina

per il buco della sanità), nessun nuovo debito

contratto e spesa pubblica ridotta di un

terzo. Non è più la regione con la più alta

tassazione e solo sei regioni in Italia hanno

tasse più basse. Il bilancio è in equilibrio.

E’ questo in sintesi il frutto di un lavoro di

risanamento e riacquisto di competitività e

credibilità operato in tre anni e mezzo dalla

���������������������������������������������te

della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi.

Il Governatore tiene a sottolineare la lunga

lista di risultati raggiunti e lo fa intervenendo

a Teramo nel convegno “Economia,

lavoro, sviluppo. Ridotto il debito ora

tagliamo le tasse” insieme al deputato ed

economista Antonio Martino, già ministro

della Difesa e degli Affari Esteri.

In realtà e, sono dati inconfutabili, al momento

del suo insediamento, aveva ereditato

la Regione più indebitata d’Italia, con

la più alta tassazione e la prima ad essere

ABRUZZO cronache

ECONOMIA: CHIODI, RIDOTTO IL DEBITO,

TAGLIAMO LE TASSE

IN ABRUZZO SI PUO’ FARE

Eliminate 250 poltrone ad uso della politica, ridotta di 1/3

la spesa pubblica

commissariata. Ma non solo.

Messa in ginocchio dalla crisi economica

internazionale, dalle vicende giudiziarie

e da un sistema sanitario in crisi, come se

non bastasse, l’Abruzzo ha dovuto sottostare

anche agli effetti di un devastante terremoto.

E così il lungo elenco di successi sciorinato

dal Presidente Chiodi continua: eliminato

il vitalizio dei Consiglieri regionali, ridotto

le indennità dei consiglieri (oggi tra le più

basse d’Italia), eliminate circa 250 poltrone

«ad uso della politica» di enti ed agenzie

regionali, tagliati i compensi ai componenti

dei consigli di amministrazione, ridotti i

�������������������������������������������

eliminate le Comunità montane al livello

del mare, accorpate le IPAB da 110 a 8, da

200 membri dei CdA a circa 20, diminuiti

i dirigenti (- 31 unità) , diminuiti i dipendenti

( -115 unità), dimezzata la spesa dei

collaboratori esterni e il parco auto regio-

����������������������������������������������

Arssa, Aptr, Abruzzo Lavoro. E ancora:

messe in liquidazione società ed enti in de-

������ ���� ��������� ��� ����������� ������������

4 5

L’

���������������


ABRUZZO conache

Aret (agenzia regionale per il territorio) e

Abruzzo Engeenering, assunte nelle Asl

1.118 unità (2010-2011).

Il Governo Chiodi ha basato la propria

operatività su risanamento e crescita attra-

������ �������� ������������� ������� ���������

utilizzando misure di contenimento e di

�����������������������������������������nale

in funzione di un migliore assetto dei

servizi da offrire ai cittadini.

����������������������������������������������to

rigoroso della disciplina di bilancio di cui

solo da poco tempo si parla a livello nazio-

������������������������������������������tà

della Regione Abruzzo si è concentrata

dunque, attraverso un’azione programmatica,

in una serie di atti e azioni propedeutiche

alla preparazione e implementazione

del nuovo sistema di sviluppo del territorio

che rilanciasse la competitività del nostro

settore industriale, rafforzasse la coesione

sociale e fornisse nuovo impulso all’occupazione”.

La programmazione delle risorse ha seguito

una “vision” strategica di lungo periodo,

�����������������������������������������

�������������������������������������

che c’è!”.

“L’Abruzzo che c’è” - spiega il Presidente

- è fatto di un sistema economico molto

frammentato, con una componente ma-

������������� ����������� �� �������������� ���

tessuto di PMI radicato e consolidato, un

territorio con alcuni settori di forte eccellenza,

naturalmente con criticità e problematicità,

ma senz’altro “vitale” e attivo. Da

qui siamo partiti! Era necessario rafforzare

il sistema esistente di piccole imprese e

al contempo agevolare la creazione di ag-

��������������������������������������������

d’eccellenza, un equilibrio tra il ‘piccolo’ e

il ‘grande’. La Regione ha cercato, dal punto

di vista dello sviluppo economico, di

supportare le imprese con misure rapide e

In

Bilancio in equilibrio

Abruzzo

si può fare

di sostegno immediato, favorendo gli investimenti

in innovazione, le nuove assunzioni,

i rapporti creditizi e, nell’area del cratere,

la riattivazione delle attività economiche”.

Alcuni momenti della giornata

ABRUZZO cronache

6 7


ABRUZZO conache

Commissione ad hoc per responsabilità individuale e contro antipolitica

Abruzzo

“stella polare”

per il rilancio del

Mezzogiorno e

dell’Italia

nell’economia

europea

SUSSIDIARIETÀ:

QUANDO LA FAMIGLIA

VINCE LO STATALISMO

L’

��������������������

Abruzzo “stella polare” per il rilancio

del Mezzogiorno e dell’Italia

nell’economia europea. La svolta,

�������������������������������������������

del Governatore, Gianni Chiodi che, primo

nel sud, ha deciso di istituire un’apposita

Commissione per la sussidiarietà. Quattro

i membri, Vincenzo Bassi, Dario Chiesa,

Flavio Felice e Gabriele Rossi, tutti professionisti

dai profondi legami col territorio,

fortemente motivati, che lavoreranno, gratuitamente,

per promuovere forme di sussidiarietà

che rimettano al centro dell’agire

umano il singolo, la famiglia (vera roccaforte),

l’associazionismo tout court. America

docet. “Una delle più importanti questioni

����������� ������ �� ���������� ������������ ��

spiega Gabriele Rossi - è la trasformazione

del Mezzogiorno da terra di nessuno in occasione

di sviluppo. Il meridione è un vero

������������������������������������������

tutte le carte in regola per fare da traino,

in una concezione liberale, sussidiaria ed

������������������������������������������������

dal basso o è destinata a fallire”. Per Rossi

il regionalismo pensato oltre quarant’anni

fa è superato” e “l’idea che la Regione sia

un’Italia in miniatura, uno staterello dove

riprodurre in piccolo il modello di governo

statalista nazionale non funziona più”.

Deve quindi passare il messaggio che “il

bene comune non è il bene pubblico, per-

�������������������������������������������

è di nessuno, i beni comuni sono di ognuno

e di tutti contemporaneamente”. Il presidente

Chiodi, convinto del suo alto valore,

alla sussidiarietà ha dedicato, ad inizio mandato,

una propria delega e l’ha tenuta per

���������������������������������������������

in Abruzzo, per attuarne i principi: opporsi

allo statalismo; privilegiare la cultura della

responsabilità personale ed individuale;

coinvolgere la cittadinanza attiva nel governo

del territorio; dare risposta ai rigurgiti di

��������������������������������������������

dei diritti e dei doveri della persona; sostituire

il mero assistenzialismo centrale con

forme di gestione collaborativa e propositiva.

L’Abruzzo, secondo il Governatore,

è ormai pronto per questa “rivoluzione”.

��������������������������������������

lo sono stati le autostrade di collegamento

������������������������������������������

�������������������������������������������lantropia

ed impresa capitalistica, ormai retaggio

del passato, quella che gli americani

chiamano social business, “una galassia di

imprese che, agli obiettivi socio ambientali

tipici del pubblico e del Terzo settore, uni-

���������������������������������������������

dell’impresa tradizionale”. Gabriele Rossi

osserva che “mentre nel nord del Paese la

cultura sociale è molto radicata, nel Mezzogiorno

impera quella statalista: non cade

��������������������������������������������

���������������������������������������������

sindaco, del presidente di Provincia o di

Regione, del capo di Governo.

ABRUZZO cronache

8 9


ABRUZZO conache

L’ABRUZZO SPORTIVO VA

A GONFIE VELE

L

a meritatissima promozione del Pescara

in serie A, la memorabile impresa

di Matteo Rabottini al Giro d’Italia

in una delle tappe di montagna più lunghe

�� ���������� ��� ���������� ��������� ����������

della Leadercoop di Teramo nella pallamano

femminile ed il ritorno al successo nel

circuito mondiale della Moto2 di Andrea

Iannone. Finora sono state le immagini più

emozionanti nel 2012 per l’Abruzzo dello

sport. Ma, visto che, al momento in cui

andiamo in stampa, la stagione agonistica è

tutt’altro che conclusa, potrebbero ancora

aggiungersi altri straordinari successi sia a

�������� ��� �������� ���� ������������� ������tutto

il calcio, dopo gli acuti di Pescara e

di Duilio Rabottini

Teramo (di nuovo tra i professionisti dopo

molti anni di purgatorio tra i dilettanti) potrebbe

regalare all’Abruzzo un’incredibile

ein-plein con possibili promozioni nelle

serie superiore per altre due formazioni. E’

������������������������������������������� �

con il Trapani per l’accesso in serie B) e

���������������������������� �����������������

per la promozione in prima divisione). Tutto

proprio nell’anno in cui la Formula 1 ha

perso, non certo per colpa loro ma a causa

di logiche di mercato, le prestazioni dei due

piloti abruzzesi, Jarno Trulli e Tonio Liuzzi,

che poi erano anche gli unici rappresentanti

italiani a gareggiare nel mondiale.

Ma il 2012, anno olimpico, non a caso

ha riconfermato il tricolore a squadre per

l’Armonia d’Abruzzo di ginnastica ritmica,

al suo quarto titolo consecutivo. Ed è as-

��������������������������������������������

2000, Atene 2004 e Pechino 2008, anche

a Londra il team azzurro potrà schierare

un’atleta tesserata con il sodalizio teatino.

�� ���������� ��� ���������� ��� �������� ��leta

abruzzese, il 24 enne ortonese Paolo

Nicolai, in coppia con Daniele Lupo, è ad

�������������������������������������������

principale della rassegna a cinque cerchi.

Nel basket, nonostante il raggiungimento

della salvezza nel campionato di A1, Teramo

non dorme sonni tranquilli a causa di

problematiche societarie. Per fortuna brilla

di nuovo la stella di Chieti che, dopo oltre

trent’anni e con un progetto societario

piuttosto solido, è tornata a lottare per un

posto in A2 maschile. E come non ricor-

A sinistra, il Presidente con la maglia del Pescara. In alto e in basso, alcuni momenti della premiazione della squadra

ABRUZZO cronache

dare la fantastica cavalcata del Cus Chieti

femminile che è le valsa nuovamente l’approdo

nel massimo campionato? Nel calcio

a 5, Montesilvano, dopo la prestigiosa

vittoria in Champions League, unica nella

storia per un club italiano, non è riuscita a

riconquistare il tricolore. Tuttavia, il movimento

regionale si è confermato ai massimi

livelli. In sostanza, sia negli sport di squadra

che in quelli individuali l’Abruzzo continua

a mettersi in evidenza. Intanto, in Regione,

����������������������������������������������

Carlo Masci, continua l’iniziativa di premiare

le squadre e gli atleti più rappresentativi

ma anche le realtà agonistiche meno conosciute

e meno considerate dai mass media.

10 11


ABRUZZO conache

Sussidiarietà,

famiglia

e sviluppo

economico

LA RICETTA DEGLI ESPERTI:

MICROCREDITO, COESIONE

TERRITORIALE E SOCIAL BUSINESS

L

��������������������

a governance dei beni comuni è oggi

����������������������������������������

�������������������������������������

è. Lo ha ribadito il Governatore Chiodi in

��� ��������� ��������� �� ������ ��� ����sidiarietà,

famiglia e sviluppo economico”

che ha dato voce , oltre ai componenti la

Commissione, a rappresentanti della Chiesa

e dell’associazionismo, impegnati appunto

nel valorizzare l’uomo ed il suo nucleo

affettivo, fonti di sentimenti ma anche

di creatività, progettualità, intraprendenza,

operatività, stimolo all’economia ed alla

produzione. La neonata Commissione per

la sussidiarietà, nelle intenzioni, non sarà

solo mera accademia ma scenderà in campo

per applicare, concretamente, i principi

che la animano. Tre le linee di azione:

1) microcredito alle famiglie, attraverso le

più rappresentative associazioni familiari

operanti nella regione.

2) coesione territoriale tra le principali città

abruzzesi, mediante progetti i cui protagonisti

saranno principalmente donne e

giovani, gemellandosi con la Fondazione di

comunità del centro storico di Napoli e con

�������������������������

3) “incubatore” di imprese di social business

da trasformarsi in consorzio (si sta

������������������������������������������-

������������������������������������������

������������������������������������������

“A proposito di famiglie - puntualizza Gabriele

Rossi, uno dei quattro esperti, membri

della Commissione - la famiglia italiana,

anche dopo lo sconquasso della crisi e

l’assottigliarsi di redditi e risparmi rimane,

�������� ��� ������� ���������� ���������� ��port

del FMI, (dati del 2010) la quinta per

���������� ������������� ������� �� ������ ���ti,

Giappone, Regno Unito e Canada. In

Abruzzo abbiamo una ‘Emergenza Famiglia’

- denuncia - il Piano sociale regionale

per l’Abruzzo evidenzia il pericolo di una

������������ ������������ ����������� ����

basso tasso di nascita; dal lieve incremento

dovuto all’immigrazione; dall’aumento

dell’invecchiamento; dalla diminuzione del

tasso di attività e della forza lavoro”. A parere

di Rossi “le più recenti ricerche mostrano

che il tasso di natalità incide signi-

�����������������������������������������

��������������������������������������������

dai bambini è notevole, mentre il ristagno

������ ���������� ������������ �� ������ ���

rallentamento economico e di improduttività”.

ABRUZZO cronache

12 13


ABRUZZO conache

Abruzzo da vivere

Metti una sera

a cena…

su un

Trabocco

di Carlo Gizzi

M

etti una sera a cena in un posticino

incantevole, per due, come per

una famiglia o una allegra comitiva;

dove il cibo - pesce e frutti di mare - è

buono e cucinato bene con prodotti a km.

0 per lo più provenienti dall’orto o dalla tenuta

di famiglia; dove si respira il profumo

del mare e si ammira un panorama di incommensurabile

bellezza sospesi tra la realtà

e la fantasia e miracolosamente sorretti

da una fantastica ‘macchina’ fatta di travi e

di corde sapientemente intrecciate da mani

antiche: Benvenuti sul trabocco!

Il mare è piatto e non tira vento. Tommaso,

ultima generazione di una antica famiglia

di traboccanti che mantiene da oltre 100

anni il trabocco di Punta Cavalluccio, tira

su la rete con un argano di castagno posto

al centro della piattaforma, anch’essa

di legno. La pesca non è abbondante (“è

così, di questa stagione”), ma ce n’è a suf-

�������������������������������������������

dei tagliolini al nero di seppia che Pina, la

madre, sta ammassando nella attrezzatissima

e comoda cucina… et voilà: nel volgere

di pochi minuti, il pescato passa dallo stato

di ‘navigante’, a quello di protagonista di

ABRUZZO cronache

profumatissimi piatti!

Accade in Abruzzo; più precisamente in

una tranquilla caletta della costa dei traboc-

���������������������������������������������

queste splendide e archeologiche armature

sono tutelate e valorizzate in virtù di una

normativa regionale che ne incentiva l’uso

��� ������ ������ ������������ ������� ���� ����

turistici e culturali. Prima di questo appropriato

intervento legislativo, i trabocchi stavano

per essere cancellati dalle mareggiate

����������������������������������������������

in funzione e quasi tutti trasformati in caratteristici

ristoranti dove si gustano piatti

a base di pesce della variegata cucina vastese,

celebre per l’omonimo brodetto.

Il trabocco è un meccanismo semplice e

geniale: una passerella di legno sospesa da

���������������������������������������������ma

costituita da assi di castagno incastrate

�����������������������������������������simi

pali alle cui estremità sono legate cordicelle

e verricelli collegate alle bilance che

servono per catturare il pesce. A guardarli

da lontano (i trabocchi sono disseminati su

�������������������������������������������

Gargano) fanno pensare a enormi e strani

14

15


ABRUZZO conache

�������������������������������������������letro

levigato e sbiancato da secoli di acqua

salata. Ma a salirci sopra, dopo aver percor-

COSTA DEI TRABOCCHI

ABRUZZO cronache

La Costa dei Trabocchi si trova in provincia di Chieti e si caratterizza per la conformazione

del litorale suddiviso in calette, promontori, scogliere alte e frastagliate, che lo rendono

������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������

Giovanni, Fossacesia, Casalbordino e Vasto.

La Costa dei Trabocchi si

estende per quasi 50 km.

�����������������������������

si tiene ogni anno, sui trabocchi

abruzzesi ‘Cala

Lenta’, la manifestazione

itinerante dedicata alla cultura

marinara abruzzese e

alla scoperta delle bellezze

paesaggistiche della costa

dei Trabocchi.

TRABOCCHI:

MACCHINA PISCATORIA

����������������������������������������do

alcuni studiosi del luogo, ‘trabocco’

deriverebbe dal ‘trabocchetto’ che con reti

e bilance si tende al pesce per catturarlo;

secondo altri l’etimo sarebbe da ricercare

����������������������������������������������chi’

degli scogli. Un’altra ipotesi rimanda,

invece, ad attività agricole , come la spremitura

delle olive, molto praticata nella zona

del chietino: ‘trabicolo’ viene chiamato il

meccanismo del frantoio usato per la molitura,

molto simile all’argano utilizzato per

issare le reti.

������������������������������������������-

��������������������������������������������

famiglie vivevano del suo pescato. In in-

so una comoda e sicura passerella che li

collega alla terraferma, si vive un’avventura

meravigliosa.

800 502520

16 17

I N FO

Comune di Ortona 085 90571

Comune di San Salvo 0873 3401

Comune di San Vito Chetino 800 380211

Comune di Rocca San Giovanni 0872 60121

Comune di Fossacesia 0872 608740

Comune di Vasto 0873 3091

verno, la forza del mare

e i venti del nord mettevano a dura prova

la stabilità dei trabocchi, ma poi, ad aprile

si faceva una profonda revisione e la mac-

������ ������� ������� ������ �� ������� �����

gran parte dei trabocchi che si vedono sulla

costa sono stati recuperati, ma si può tirare

anche su uno da zero: basta chiedere il

nulla osta ad occupare temporaneamente il

demanio e lavorare duramente in 3, 4 persone

per 3 mesi, 24 ore al giorno.

Il trabocco era anche la casa dei pescatori

traboccanti: alcune famiglie ci abitavano

sopra tutto l’anno, nella cabina montata sul

piattaforma, riscaldata da una stufa di terracotta.


ABRUZZO conache

�������� ���� ��������� ����������������� ���

trabocco rappresenta il tentativo dei contadini

di rubare spazio al mare e secondo

altri il tentativo dei pescatori di catturare il

pesce con tutti i tempi, restando al sicuro

sulla terra ferma.

����������������������������������������������

apparizione intorno al 1600, importato dalla

Francia dagli ebrei riparati in Abruzzo.

Dopo la metà dell’800 questa macchina inizia

ad avere un notevole sviluppo grazie al

reperimento di materiali nuovi che consentono

di migliorarne la struttura e di renderla

più funzionale. Nel 1863, infatti, sulla co-

���������������������������������������������

da allora, infatti, si comincia a disporre con

una certa facilità di materiali ferrosi come

pezzi di rotaie, traversine di castagno, bul-

����������������������������������������

Con la ferrovia, arrivarono in zona anche

viaggiatori, artisti, letterati; tra questi Ga-

briele d’Annunzio il quale, grazie all’interessamento

dell’amico Francesco Paolo

Tosti, si trovò sulla costa, a picco sul mare,

un grazioso ‘nido d’amore’ dove, nell’estate

del 1889, trascorse appassionate giornate in

compagnia della sua amata Barbara Leoni.

Da questo luogo suggestivo, (divenuto, in

seguito, la location immaginaria del ‘Trionfo

della Morte’), d’Annunzio vedeva un

trabocco: una ‘grande macchina piscatoria

somigliante allo scheletro colossale di un

������������������������������������������

legno”. Era il ‘trabocco del Turchino’, l’unico

oggi gestito direttamente dal Comune

��������������������

Abruzzo

da vivere

������������������������������������������������������������������������������������������

Contrada Piane Favaro, 267, Rocca San Giovanni - Tel. 338 5980985

ABRUZZO cronache

18

19

More magazines by this user
Similar magazines