Testi inediti di antiche rime volgari

booksnow2.scholarsportal.info

Testi inediti di antiche rime volgari

242

E non sentiua per su operare, ma

cagionerà incio chera operato, imde se-

condo stato, dinatura midaua isuariamento.

Farmi uoler chenonpoteacqui-

stare. eperder chegradiuo auea quistato.

enciascun (iesti grato, porgiamisuariato

sentimento. Etal suo creamento. adoperaua

inme diuersa offensa. edico hom

perpotensa. ciò caquistato amando u-

prende gioia, sedei perde poi noia, glia

bon damaggio chenonfe il deletto, per

che nostra {9\d) natura e indefetto.

Comoperaua inmeui ilsuo sentire,

tutto languir diuizo ogni piacere, alde-

sentir dolere, dame diuizo dongnunque

suo male. Edammi gioia inche fermo

gradire, efanmi cheuolea tutto isuolere.

edeldezio podere, chera costretto adizio

inflnale. Ediuerso già quale, nonpotea

auer dauer mai conpimento, eilsuo po-

timento. dilibberato intutto auer dizio.

siche mizo innobrio. ogni sentir dilui

fermo ericordo, stando amenbransa di

lui mai senpre ordo.

Sedisdegnansa amore alcuna apreza.

dolendo apporre offeza. chenfuin sua

signoria orne son fora, dicolui che re-

1

More magazines by this user
Similar magazines