Testi inediti di antiche rime volgari

booksnow2.scholarsportal.info

Testi inediti di antiche rime volgari

41

(48 e) Bel me sauer dire cheuisi

scuza. ecliasto emansueto epur setegna.

nel cui regno ragion non forsa regna,

echelautrui non cher nel suo mal uza.

Ebelme manto altomo umil sauere. ebel

deforte segnore. che rende salute eamore,

aisoi debel uicini ebel mesae. homo

ricche che strae, lamano sua degni lar-

ghessa nana, elastende apiana, allemo-

zina far dallegro core. Ebello me gio-

uan omo eretto, dongni laidessa netto,

ebello uergognar ueglio edolere, di che-

fu peccatore, centra dio nostro singnore.

ebel sepugnar menda assuo podere.

Piacemi caualier che dio temendo,

porta lonobel suo ordine bello, epiace

eldibonaire opro donzello, lo cui dezio

esol pugnar seruendo. E giudice chense

sema ben leggie. echanpion chenon torto

defende, e merchante cheuende. aun uer

motto enon sua robba lauda, epouer

hom chenon frauda, nesabandona già

nesi contrista, ma per affanno acquista,

chelui eneciessario esi contene. Enel

suo poco tutto allegramente, eforte me-

piaciente. homo che ben nauersita si-

reggie. esor piacie chibene. enne giù-

More magazines by this user
Similar magazines