11.01.2013 Views

Sfoglia questo numero in formato pdf - jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

26<br />

32<br />

38<br />

<strong>in</strong> copert<strong>in</strong>a:<br />

foto di Augusto Giglietti<br />

40<br />

36<br />

JESI E LA SUA VALLE - qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ale d’<strong>in</strong>formazione Direttore responsabile D<strong>in</strong>o<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Grafica Elisabetta Carletti,<br />

Pubblicità Marco Focante, Amm<strong>in</strong>istrazione Pao<strong>la</strong> Perl<strong>in</strong>i - Gruppo Editoriale<br />

Informazione - sede, direzione, redazione, amm<strong>in</strong>istrazione e pubblicità via Petrucci 11<br />

Jesi (An) - cp 192 - www.<strong>jesi</strong>e<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - e.mail <strong>jesi</strong>val@t<strong>in</strong>.it - tel 0731/4855 - fax<br />

0731/209128 - stampa Utj, Jesi - associato a: Unione Stampa Periodica Italiana Reg.<br />

trib. di Ancona n. 262/62 del 9.11.1962 - spedizione <strong>in</strong> abbon. postale una copia e 1,90<br />

(arretrata e 3,80) • abbonamento annuale e 33,00 • estero e 70,00 • sostenitore<br />

e 60,00 - C/c postale 12544607 <strong>in</strong>testato a: Gruppo Editoriale Informazione soc. coop.<br />

via Petrucci 11 Jesi - Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione: presidente Marcello Focante, vice<br />

presidente Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Elisabetta Carletti, Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, D<strong>in</strong>o Mogianesi<br />

sommario<br />

4<br />

9<br />

11<br />

26<br />

30<br />

31<br />

32<br />

34<br />

36<br />

37<br />

38<br />

40<br />

41<br />

42<br />

45<br />

FUORISERA<br />

a cura di emanuele ram<strong>in</strong>i<br />

EDITORIALE:<br />

LE SFIDE PROSSIME VENTURE<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

EDITORIALE:<br />

MALA EDUCAZIONE<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

PER RICICLARE MEGLIO<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

RISULTATI ELETTORALI<br />

BERLUSCONI VINCE ANCORA<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

IL NOSTRO LEONARDO<br />

di chiara cascio<br />

SFIDE AL MERCATO IN PERFETTO...<br />

di car<strong>la</strong> troiani<br />

NELLE MONETE E NELLE MEDAGLIE<br />

LA STORIA DI JESI<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

BOB CARDINALI E LE SUE CANZONI<br />

di maddalena braconi<br />

MUSEO UTENSILIA<br />

di maria pett<strong>in</strong>ari<br />

SAN FLORIANO 2008<br />

UNA PITTURA IDEOLOGICA<br />

di attilio coltorti<br />

I CAMPIONI DELLA MARCHE NUOTO<br />

di eleonora dottori<br />

ADRIANO COLOCCI<br />

di giuseppe luconi


4 FUORISERA FLASH<br />

a cura di emanuele ram<strong>in</strong>i<br />

Term<strong>in</strong>al, personale di<br />

Luca Zampetti<br />

La rappresentazione di spazi metropolitani<br />

che rivendicano il confronto<br />

con lo spettatore, l’evoluzione<br />

dell’opera come filosofia,<br />

progettazione, realizzazione. “Term<strong>in</strong>al”<br />

è il titolo del<strong>la</strong> nuova personale<br />

di Luca Zampetti, costruita<br />

attorno ad un progetto che comprende<br />

tredici nuove opere e<br />

quattro grandi <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>zioni che<br />

verranno esposte <strong>in</strong> due mostre corre<strong>la</strong>te. La prima si<br />

terrà presso <strong>la</strong> Galleria Artessenza Arte Contemporanea<br />

di Ancona f<strong>in</strong>o al 30 aprile, e <strong>la</strong> seconda all’<strong>in</strong>terno del<br />

term<strong>in</strong>al-arrivi dell’aeroporto “Raffaello Sanzio” di Ancona,<br />

dal 20 settembre al 19 ottobre 2008. Info: tel. e<br />

fax 071/2916288, 347.6986837, <strong>in</strong>fo@artessenza.it<br />

Nemico di c<strong>la</strong>sse a Jesi<br />

Lo spettacolo, liberamente ispirato al testo teatrale di<br />

Nigel Williams, è <strong>la</strong> conclusione di un <strong>la</strong>boratorio di due<br />

anni tenuto dal Teatro Pirata con gli studenti dell’ITCG<br />

“A. Morea”, dove i ragazzi e le ragazze hanno potuto<br />

sperimentare tecniche teatrali diverse, ed il gruppo e<br />

l’<strong>in</strong>dividualità sono cresciute di pari passo. “Nemico di<br />

c<strong>la</strong>sse” è un aspro dramma generazionale. Alcuni sedicenni<br />

abbandonati a se stessi nell’au<strong>la</strong> di una scuo<strong>la</strong> di<br />

un quartiere periferico, gestiscono da soli delle “lezioni”,<br />

organizzandosi una strana pedagogia spontaneistica.<br />

Resistenti<br />

Il giorno del<strong>la</strong> data del<strong>la</strong> Liberazione, 25 aprile del<br />

1945, si ricorda a Jesi con “Resistenti”, <strong>in</strong> scena al teatro<br />

Moriconi il 24 aprile, alle ore 21.30. Lo spettacolo<br />

racconta <strong>in</strong> modo scarno ed anti-eroico <strong>la</strong> vicenda di<br />

tanti ragazzi delle c<strong>la</strong>ssi ’25 e ’26 del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia piacent<strong>in</strong>a<br />

che non erano stati chiamati alle armi: il giorno<br />

che toccò loro andare a combattere per <strong>la</strong> Repubblica di<br />

Salò, essi scapparono sulle montagne e divennero partigiani.<br />

Storia di ragazzi diciottenni e diciannovenni, con<br />

<strong>la</strong> pazzia e l’<strong>in</strong>coscienza del<strong>la</strong> loro età.<br />

Christian De Sica a Fermo<br />

Christian De Sica rende omaggio al teatro con un musical<br />

pieno di brio e mal<strong>in</strong>conia scritto da Maurizio Costanzo<br />

ed Enrico Vaime. Un tributo rivolto al teatro di<br />

varietà, all’avanspettacolo, al<strong>la</strong> rivista e al<strong>la</strong> commedia<br />

musicale. Tanti generi a confronto nello spettacolo diretto<br />

da Marco Mattol<strong>in</strong>i che è riuscito a confezionare 90<br />

m<strong>in</strong>uti di gustoso <strong>in</strong>trattenimento con tanto di orchestra<br />

dal vivo di venti elementi e proiezioni di immag<strong>in</strong>i <strong>in</strong>edite<br />

ed evocative. “Par<strong>la</strong>mi di me” dispone di un’orchestra<br />

dal vivo di venti elementi e propone alcuni pezzi<br />

forti del repertorio di Christian De Sica.<br />

GLI APPUNTAMENTI...<br />

sabato 19 aprile<br />

A Jesi (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> Stagione “Teatro Giovani”<br />

M’PALERMU; ore 21.15<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Comunale) BADURLO spettacolo<br />

di musica folk con i VINCANTO e di cabaret con<br />

LUCIA FRABONI e FRANCESCO FAVI; ore 21.15.<br />

Prevendita Libreria Motivi, <strong>in</strong>fo: 071/7451100<br />

Ad Ancona (Barfly), CAPAREZZA <strong>in</strong> concerto. Info:<br />

071/2901224<br />

A Senigallia (Rotonda a mare), WINTER JAMBOREE<br />

2008: sw<strong>in</strong>g dance party; dalle ore 14.00<br />

A Fabriano (Teatro Gentile), GIOVANNI ALLEVI IN<br />

CONCERTO; ore 21.00<br />

domenica 20 aprile<br />

Ad Arcevia (Teatro Comunale Misa) per <strong>la</strong> Rassegna le<br />

Strade del Jazz PETER BERNSTEIN TRIO; ore 21.15<br />

A Porto Recanati (Piazza del Borgo), I TESORI IN<br />

PIAZZA: mostra mercato di prodotti tipici e enogastronomici;<br />

ore 10.00 – 20.00<br />

lunedì 21 aprile<br />

A Jesi (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> Stagione S<strong>in</strong>fonica<br />

CHET BAKER TRIBUTE; ore 21.15<br />

mercoledì 23 aprile<br />

A Civitanova (Teatro Ross<strong>in</strong>i), BALLETTO DELL’AC-<br />

CADEMIA DEL TEATRO ALLA SCALA<br />

giovedì 24 aprile<br />

A Jesi (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> Rassegna “Controcanto”<br />

RESISTENTI <strong>in</strong> esclusiva regionale; ore 21.30<br />

venerdì 25 aprile<br />

A Castelbell<strong>in</strong>o (museo civico di Vil<strong>la</strong> Coppetti) mostra<br />

di acqueforti e puntesecche IL SEGNO INCISO DI<br />

CARLO IACOMUCCI. Inaugurazione ore 18. Aperta<br />

tutti i giorni, dalle 17.30 alle 19.30, f<strong>in</strong>o al 3 maggio<br />

domenica 27 aprile<br />

A Senigallia (Rotonda a mare), ENRICO DINDO E<br />

KATHRYN STOTT IN CONCERTO; ore 17.00<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), HEY GIRL! di Romeo<br />

Castellucci, con Silvia Costa, Sonia Beltran Napoles,<br />

musica orig<strong>in</strong>ale Scott Gibbons. Prima e esclusiva regionale<br />

A Grottammare (Teatro Dell’Arancio), SENZA POLVE-<br />

RE, SENZA PESO di e con Mariange<strong>la</strong> Gualtieri<br />

martedì 29 aprile<br />

A Jesi (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> Stagione “Teatro Giovani”<br />

NEMICO DI CLASSE, spettacolo liberamente<br />

ispirato al testo teatrale di Nigel Williams; ore 21.15<br />

A Fermo (Teatro Dell’Aqui<strong>la</strong>), PARLAMI DI ME: musical<br />

di Maurizio Costanzo e Enrico Vaime, con Christian<br />

De Sica, Paolo Contic<strong>in</strong>i, Laura Di Mauro; repliche il 30<br />

aprile e dal 1 al 4 maggio<br />

f<strong>in</strong>o a mercoledì 30 aprile<br />

Ad Ancona (Galleria Artessenza, Zona Baracco<strong>la</strong> - via<br />

1° maggio 142/c) mostra di Luca Zampetti TERMI-<br />

NAL. Info: 071/2916288, <strong>in</strong>fo@artessenza.it<br />

sabato 3 maggio<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Comunale) OLOFERNE <strong>in</strong> concerto,<br />

ore 21.15. Prevendita 339/4328676 (costo biglietto<br />

8 euro)<br />

Ad Ancona (Teatro Sperimentale), GIOVANNI SOLLI-<br />

MA IN CONCERTO: dal<strong>la</strong> musica barocca a Jimi<br />

Hendrix; ore 21.30 <strong>in</strong> esclusiva regionale<br />

f<strong>in</strong>o a sabato 3 maggio<br />

A Falconara (sede dell’associazione culturale l’Orecchio<br />

di Van Gogh, via Leopardi 21) mostra personale di<br />

Andrea Agost<strong>in</strong>i “IL CUORE NAVIGA A VISTA”. La<br />

mostra è aperta dal martedì al sabato, dalle ore 16.30<br />

alle 19.30. Info: 071/9175925; 349/2561130, <strong>in</strong>fo@orecchiodivangogh.it<br />

domenica 4 maggio<br />

A Jesi (parrocchia Santa Maria del Piano) 38ª edizione<br />

del<strong>la</strong> estemporanea di pittura per le vie di Jesi GIÙ PE’<br />

SANT’ANNA sul tema: “Jesi... de te me piace”.<br />

Info: 0731/58636, 333/5717211, smp<strong>jesi</strong>@tiscali.it<br />

A Senigallia (Rotonda a mare), AIDA NADEEM <strong>in</strong> concerto;<br />

ore 21.30 <strong>in</strong> esclusiva regionale<br />

venerdì 9 maggio<br />

Ad Ancona (Teatro Sperimentale), STUDIO SU MEDEA:<br />

capitolo I Medea & Giasone, capitolo II Medea & Figli, capitolo<br />

III Medea Dea, con Nicole Kehrberger, Michele Andrei,<br />

Giuseppe Lan<strong>in</strong>o, Emilio Vacca, regia Antonio Latel<strong>la</strong><br />

f<strong>in</strong>o a domenica 8 giugno<br />

A Caldaro<strong>la</strong> (Pa<strong>la</strong>zzo dei Card<strong>in</strong>ali Pallotta) mostra delle<br />

<strong>in</strong>teressanti scoperte artistiche r<strong>in</strong>venute negli ultimi<br />

mesi SCOPERTE NELLE MARCHE INTORNO A<br />

SIMONE DE MAGISTRIS. Info: 0733/905529,<br />

349/0571850, www.simonedemagistris.it<br />

f<strong>in</strong>o a domenica 28 settembre<br />

Ad Arcevia (Collegiata San Medardo) mostra delle opere<br />

di Luca Signorelli LA PALA DI ARCEVIA E I CAPO-<br />

LAVORI DI SAN MEDARDO 0721/370956,<br />

349/5691710, az@arthemisia.it<br />

Nona edizione de I concerti degli allievi<br />

Nona edizione per “I Concerti degli Allievi”, <strong>la</strong> rassegna<br />

del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> Musicale “G.B. Pergolesi” <strong>in</strong> cui i ragazzi del<strong>la</strong><br />

sezione c<strong>la</strong>ssica dell’istituto musicale jes<strong>in</strong>o si esibiscono<br />

davanti a un pubblico vero, <strong>in</strong> un concerto tutto<br />

dedicato a loro. Sei gli appuntamenti <strong>in</strong> programma all’Enoteca<br />

Regionale di Jesi, dall’8 al 29 aprile, tutti alle<br />

21,15 con <strong>in</strong>gresso libero. A dar sfoggio del<strong>la</strong> preparazione<br />

maturata <strong>in</strong> c<strong>la</strong>sse, saranno allievi di età compresa<br />

fra i 12 e i 18 anni.<br />

Il cuore naviga a vista<br />

“Il cuore naviga a vista” è il titolo<br />

del<strong>la</strong> mostra che Andrea Agost<strong>in</strong>i<br />

ha presentato il 12 aprile<br />

nei locali dell’Associazione culturale<br />

l’Orecchio di Van Gogh.<br />

Le opere grafiche di Agost<strong>in</strong>i<br />

sono messaggi d’amore portati<br />

dal vento, pura poesia disegnata,<br />

i loro colori sono un bagno<br />

caldo <strong>in</strong> cui immergersi. I “sogni”<br />

di Andrea sono un <strong>in</strong>coraggiamento<br />

a credere che sognare, e ancora di più esprimere<br />

i propri desideri, non solo si può, ma si deve.<br />

Info: 071/9175925 - 349/2561130<br />

<strong>in</strong>fo@orecchiodivangogh.it<br />

Aida Nadeem a Senigallia<br />

Poco più che dodicenne, Aida Nadeem già fa parte<br />

dell’Orchestra S<strong>in</strong>fonica Irachena. Per il suo impegno<br />

politico contro <strong>la</strong> dittatura è costretta a rifugiarsi <strong>in</strong><br />

Europa. La <strong>sua</strong> musica è un mix di elementi orientali,<br />

ambient, elettronica, con <strong>in</strong> primo piano i testi sulle<br />

tragedie del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> terra natale.<br />

Scoperte <strong>in</strong>torno a De<br />

Magistris<br />

Dopo il r<strong>in</strong>venimento di nuove opere<br />

dell’artista caldarolese Simone De<br />

Magistris, dei suoi seguaci e di altri<br />

pittori del Manierismo Controri<strong>formato</strong>,<br />

Caldaro<strong>la</strong> ripropone un nuovo<br />

evento espositivo, <strong>la</strong> mostra “Scoperte<br />

nelle Marche <strong>in</strong>torno a Simone<br />

De Magistris” aperta f<strong>in</strong>o all’8 giugno<br />

presso il Pa<strong>la</strong>zzo dei Card<strong>in</strong>ali.<br />

L’aspetto forse più affasc<strong>in</strong>ante<br />

del<strong>la</strong> mostra è <strong>la</strong> presentazione,<br />

dopo un complesso <strong>in</strong>tervento di restauro, del<strong>la</strong> prima<br />

scultura a lui attribuita raffigurante <strong>la</strong> Madonna con il<br />

Bamb<strong>in</strong>o, scoperta nel<strong>la</strong> chiesa di San Francesco a Force,<br />

nell’Asco<strong>la</strong>no. Orario: feriale 10–13, 15–19; prefestivo e<br />

festivo 10–19. Info: 0733/905529, 349/0571850, www.simonedemagistris.it.<br />

5


6 LETTERE<br />

LA CITTÀ RIMOSSA<br />

Dal prof. Antonio Ram<strong>in</strong>i riceviamo queste riflessioni<br />

sullo scrittore Rafael Sabat<strong>in</strong>i<br />

Di Rafael Sabat<strong>in</strong>i si potrebbe dire quello che lo scrittore<br />

disse del protagonista di uno dei suoi romanzi più<br />

famosi, Scaramouche: “Egli nacque con il dono dello<br />

humour e con l'impressione che il mondo fosse pazzo".<br />

Autore di 40 romanzi storici, dei racconti delle Notti<br />

Storiche, delle sei Vite Eroiche di grandi personaggi,<br />

due delle quali, quel<strong>la</strong> di San Francesco e quel<strong>la</strong> di<br />

Giovanna D'Arco, pubblicate per <strong>la</strong> prima volta <strong>in</strong> Italia<br />

<strong>in</strong> l<strong>in</strong>gua orig<strong>in</strong>ale e traduzione italiana a cura del<strong>la</strong><br />

"Res Humanae" e del<strong>la</strong> LUAJ di Jesi, del<strong>la</strong> Vita di<br />

Cesare Borgia e del famoso saggio su Torquemada e<br />

l'Inquisizione spagno<strong>la</strong>, Sabat<strong>in</strong>i fu un personaggio<br />

cosmopolita, conoscitore di ben c<strong>in</strong>que l<strong>in</strong>gue, italiano,<br />

portoghese, francese, tedesco e, naturalmente, <strong>in</strong>glese,<br />

<strong>la</strong> l<strong>in</strong>gua <strong>in</strong> cui scrisse tutte le sue opere.<br />

Dotato di una cultura umanistica formidabile, appresa<br />

<strong>in</strong> una severa scuo<strong>la</strong> svizzera (i suoi pirati gentiluom<strong>in</strong>i<br />

non disdegnano citazioni da autori greci e <strong>la</strong>t<strong>in</strong>i,<br />

Capitan Blood è un lettore raff<strong>in</strong>ato di Orazio), viaggiatore,<br />

agente segreto (nel<strong>la</strong> I Guerra Mondiale fece<br />

parte dei Servizi Segreti Britannici, e il tema<br />

dell'”agente segreto” ricorre spesso nei suoi romanzi),<br />

giunto al successo negli anni 1921-22 con i romanzi<br />

Scaramouche e Capitan Blood divenuti autentici best<br />

seller e da allora cercato avidamente dagli editori <strong>in</strong>glesi,<br />

che lo avevano <strong>in</strong> un primo tempo sdegnato.<br />

Conferenziere acc<strong>la</strong>mato, prestante e atletico, appassionato<br />

di sci (morì ad Adelboden, <strong>in</strong> Svizzera, dove<br />

tutti gli anni si recava a sciare, nel 1950, a 75 anni) e<br />

pur colpito più volte dal<strong>la</strong> sventura: si era visto morire<br />

sotto gli occhi il figlio B<strong>in</strong>kie, <strong>in</strong> un <strong>in</strong>cidente automobilistico,<br />

e il figlio del<strong>la</strong> seconda moglie, Lancelot, pilota<br />

del<strong>la</strong> RAF, cui era profondamente affezionato, era<br />

caduto con l’aereo nel 1940, mentre si esercitava sui<br />

cieli di Londra.<br />

Un uomo solitario, <strong>in</strong> realtà, Rafael Sabat<strong>in</strong>i, che aveva<br />

visto <strong>la</strong> luce a Jesi nel 1875 da genitori entrambi cantanti<br />

d’opera, <strong>la</strong> madre una giovane <strong>in</strong>glese di Liverpool,<br />

il padre un apprezzato cantante lirico jes<strong>in</strong>o.<br />

Un’<strong>in</strong>fanzia e un'adolescenza solitarie, presso i nonni<br />

materni <strong>in</strong> Inghilterra (aveva <strong>la</strong>sciato l’Italia, al seguito<br />

dei genitori, all’età di tre anni) dove lesse vorticosamente<br />

Verne e Walter Scott, Manzoni e Schiller, Stevenson<br />

e Machiavelli, come solo ci appare a Liverpool,<br />

impiegato di commercio e già <strong>in</strong>tento a scrivere i suoi<br />

primi racconti.<br />

Quasi nessun rapporto con i genitori, sempre <strong>in</strong> giro<br />

con le loro tournée. Uno dei temi ricorrenti dei suoi<br />

romanzi è il difficile rapporto padre-figlio, che ha <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

espressione più drammatica <strong>in</strong> Scaramouche, dove il<br />

protagonista deve lottare contro un nemico, il c<strong>in</strong>ico<br />

libert<strong>in</strong>o Marchese de La Tour d’Azyre, che risulta poi<br />

essere suo padre: uno strano dest<strong>in</strong>o sembra attirare<br />

e resp<strong>in</strong>gere tra loro i due personaggi. Anche il protagonista<br />

di Re <strong>in</strong> Prussia, il futuro Federico il Grande,<br />

detesta profondamente il padre, militarista e dispotico,<br />

che non esita a <strong>in</strong>sultare e pers<strong>in</strong>o a percuotere <strong>in</strong> pubblico<br />

suo figlio, facendone un uomo nevrotico e contraddittorio.<br />

Dopo aver letto e studiato 34 dei suoi 40 romanzi, mi<br />

sono posto <strong>la</strong> domanda: come mai, nei romanzi dedicati<br />

ai Borgia (Amori e Armi, 1907; La vergogna del<br />

buffone, 1908; La giustizia del Duca, 1912; Il vessillo<br />

del Toro, 1915), <strong>in</strong> cui troviamo descrizioni di Senigallia<br />

(il “bell'<strong>in</strong>ganno” tramato dal Valent<strong>in</strong>o ai danni<br />

dei condottieri ribel<strong>la</strong>tisi a lui, e raccontato dal Machiavelli),<br />

di Urb<strong>in</strong>o, Pesaro, Fabriano, Cagli, Sant’Angelo,<br />

e pers<strong>in</strong>o delle val<strong>la</strong>te dell’Es<strong>in</strong>o e del Metauro,<br />

non viene mai fatta <strong>la</strong> m<strong>in</strong>ima menzione di Jesi, <strong>in</strong> cui<br />

era nato?<br />

Eppure, <strong>la</strong> città, con le sue mura r<strong>in</strong>ascimentali e certi<br />

scorci di vie e pa<strong>la</strong>zzi non era certo ignota allo scrittore.<br />

Partico<strong>la</strong>re curioso: i paesaggi marchigiani di Sabat<strong>in</strong>i<br />

sono generalmente <strong>in</strong>nevati, sotto un cielo c<strong>in</strong>ereo<br />

appena illum<strong>in</strong>ato dai freddi raggi del sole. Si direbbero<br />

quasi paesaggi che gli tornavano al<strong>la</strong> memoria<br />

da anni lontani. Ma “quel<strong>la</strong>“ città del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> nascita lo<br />

scrittore, si direbbe, volle rimuovere, perché serrata <strong>in</strong><br />

uno scrigno segreto, <strong>in</strong> cui preferiva non tornare a<br />

guardare.<br />

Voce del lettore<br />

Il ponte di via Montesecco<br />

Da trent’anni via Montesecco (strada che porta a Montecappone)<br />

è <strong>in</strong> queste condizioni. Sotto il ponte è pieno<br />

di detriti, spazzatura e rifiuti di ogni genere con<br />

conseguente al<strong>la</strong>gamento del<strong>la</strong> strada ogni volta che<br />

piove. Nonostante le <strong>numero</strong>se segna<strong>la</strong>zioni dei residenti<br />

e di chi vi transita abitualmente, l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale non ha preso alcun provvedimento per<br />

risolvere il problema. F<strong>in</strong> ora si è sempre limitata a<br />

mettere dei cartelli. Non si potrebbe ripulire adeguatamente<br />

sotto il ponte e risolvere così def<strong>in</strong>itivamente il<br />

problema?<br />

L’amm<strong>in</strong>istrazione comunale <strong>in</strong>forma:<br />

Pista skateboard<br />

È stata riprist<strong>in</strong>ata nei giorni scorsi, a cura degli operai<br />

comunali, <strong>la</strong> pista di skateboard di via del Burrone, a<br />

ridosso degli impianti sportivi del<strong>la</strong> zona Tabano, struttura<br />

pubblica partico<strong>la</strong>rmente utilizzata dai giovanissimi.<br />

In partico<strong>la</strong>re è stata rimossa <strong>la</strong> vecchia pavimentazione<br />

ormai irrimediabilmente danneggiata e sostituita<br />

con tre nuovi elementi <strong>in</strong> legno fissati a terra.<br />

Sistemata anche <strong>la</strong> rec<strong>in</strong>zione che era stata divelta e<br />

ripulita l’area verde. La pista di skate-board è ad uso<br />

pubblico e l’accesso è libero a tutti.<br />

L’ultima di Woodstock<br />

7


di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

Le sfide<br />

prossime venture<br />

La riunione del G7, delle prime sette grandi potenze<br />

economiche mondiali, ha dovuto riconoscere che l’uscita<br />

dal<strong>la</strong> crisi è ancora lontana. La turbolenza nata negli<br />

Stati Uniti si è diffusa ormai <strong>in</strong> tutto il mondo ed è probabilmente<br />

<strong>la</strong> più grave dopo quel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> grande<br />

depressione del 1929. Anche se non si par<strong>la</strong> direttamente<br />

di recessione, però il rallentamento dell’economia<br />

e dei consumi ormai è netto. E gli <strong>in</strong>terventi vanno<br />

fatti subito, come ha dichiarato nel<strong>la</strong> riunione del G7 il<br />

governatore del<strong>la</strong> Banca d’Italia, Mario Draghi, <strong>in</strong>caricato<br />

di presentare le “raccomandazioni” alle banche e<br />

alle autorità di vigi<strong>la</strong>nza di tutti i paesi.<br />

Il Fondo monetario ha previsto per l’Italia una crescita<br />

quasi piatta, non solo per quest’anno, ma anche per il<br />

prossimo: più 0,3%, un valore più basso di quello stimato<br />

precedentemente. Risulta il peggiore all’<strong>in</strong>terno<br />

dei paesi del G7: <strong>la</strong> nostra è l’economia più lenta di<br />

tutta Euro<strong>la</strong>ndia. A noi si chiede di <strong>in</strong>tensificare le riforme<br />

strutturali e cont<strong>in</strong>uare il risanamento dei conti<br />

pubblici che negli ultimi due anni ha portato al miglior<br />

risultato nel<strong>la</strong> riduzione del rapporto deficit-Pil.<br />

Ma come si presenta l’Italia rispetto alle grandi sfide<br />

EDITORIALE<br />

prossime? Uno studio dell’Ocse (l’Organizzazione per <strong>la</strong><br />

Cooperazione e lo Sviluppo Economico) mostra un quadro<br />

fosco del<strong>la</strong> nostra realtà: un’Italia più povera, meno<br />

efficiente, con un sistema che ci pone agli ultimi<br />

posti per quanto riguarda <strong>la</strong> produttività del <strong>la</strong>voro, ma<br />

soprattutto siamo ultimi nel<strong>la</strong> “produttività totale dei<br />

fattori” cioè <strong>la</strong> capacità di mesco<strong>la</strong>re <strong>la</strong>voro, capitale,<br />

conoscenze ed istruzione. Siamo quartultimi per <strong>in</strong>vestimenti<br />

<strong>in</strong> conoscenza, ventiquattresimi per <strong>numero</strong> di<br />

ricercatori, terzultimi per spese <strong>in</strong> cultura; bassissime<br />

nascite di bamb<strong>in</strong>i e secondi nel rapporto tra anziani e<br />

forza <strong>la</strong>voro.<br />

La gravità del<strong>la</strong> situazione italiana richiederebbe una<br />

forte coesione nazionale per fronteggiare i problemi<br />

che ci troveremo a dover affrontare <strong>in</strong> questi anni.<br />

Purtroppo sappiamo tutti qual è <strong>in</strong>vece <strong>la</strong> nostra situazione<br />

di profonda divisione all’<strong>in</strong>terno del Paese fra le<br />

forze politiche. Il nuovo governo uscito dal<strong>la</strong> consultazione<br />

elettorale dovrà trovare l’autorevolezza per<br />

superare quelli che sono gli aspetti negativi che ci<br />

caratterizzano e che ci rendono più lenti rispetto agli<br />

altri paesi. Primo fra tutti lo scarso senso dello Stato<br />

che noi abbiamo. È dai tempi di Cavour che abbiamo<br />

fatto l’Italia, ma non siamo ancora riusciti a fare gli italiani,<br />

salvo quando giocano le squadre nazionali.<br />

Da ragazzi, ricordo, che il mio libro di educazione civica,<br />

era tito<strong>la</strong>to “Lo Stato siamo noi”. Bel titolo, ma<br />

quanti lo capiscono? Da noi non sono apprezzati coloro<br />

che rispettano le leggi; sono stimati, o perlomeno<br />

ammirati, i furbi, quelli che riescono a far<strong>la</strong> <strong>in</strong> barba<br />

alle regole, che ci sanno fare nel<strong>la</strong> vita. Giornali e televisioni<br />

contribuiscono molto. In Italia pagare le tasse è<br />

il peggiore dei mali, senza pensare che se tutti pagassero<br />

il dovuto, pagheremmo tutti il giusto, come avviene<br />

<strong>in</strong> qualsiasi altro paese sviluppato. Lo Stato non<br />

deve mettere le mani nelle tasche degli italiani, però<br />

poi si <strong>la</strong>scia che tutti ce le mettano con l’aumento dei<br />

prezzi. E <strong>in</strong> <strong>questo</strong> tutti i governi hanno fallito.<br />

Noi cont<strong>in</strong>uiamo a confidare nel<strong>la</strong> nostra proverbiale<br />

“arte di arrangiarsi”, contando sempre nell’<strong>in</strong>gegno dei<br />

s<strong>in</strong>goli, facciamo f<strong>in</strong>ta di cambiare <strong>in</strong> modo tale che<br />

però tutto resti come prima, mai che si <strong>in</strong>tervenga con<br />

riforme strutturali. Quante sfide aspettano il nuovo<br />

governo. Prima fra tutte <strong>la</strong> riforma del nostro sistema<br />

rappresentativo, con <strong>la</strong> riduzione dei par<strong>la</strong>mentari, le<br />

modifiche delle competenze fra Camera e Senato, <strong>la</strong><br />

modifica del sistema elettorale. Interventi per favorire<br />

<strong>la</strong> competitività delle nostre imprese, rimuovere gli<br />

ostacoli al<strong>la</strong> crescita e al<strong>la</strong> bassa produttività del <strong>la</strong>voro,<br />

i ritardi del<strong>la</strong> ricerca e del nostro sistema sco<strong>la</strong>stico,<br />

le difficoltà di <strong>in</strong>serimento dei giovani nel mondo<br />

del <strong>la</strong>voro, l’aggravarsi delle disuguaglianze sociali e<br />

territoriali. È preoccupante il distacco dei giovani dalle<br />

istituzioni, molti delusi dal<strong>la</strong> politica non sono andati a<br />

votare, perché “tanto sono tutti uguali, pensano solo per<br />

sé e non fanno niente per noi giovani”. Il governo prossimo<br />

ha i numeri per fare le leggi, ma se nascerà come<br />

governo di parte, che non saprà ascoltare le esigenze<br />

del paese, tutto, non potrà andare molto lontano.<br />

9


articoli sportivi<br />

e abbigliamento<br />

per il tempo libero<br />

Jesi - Viale del<strong>la</strong> Vittoria, 42/c - tel. 0731 58722<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

Ma<strong>la</strong><br />

educazione<br />

Difficile acchiappare l’argomento giusto, nel<strong>la</strong> settimana<br />

delle elezioni e delle prime decisioni istituzionali, che<br />

<strong>in</strong>augurano una fase nuova del<strong>la</strong> vita politica del paese.<br />

Anche perché, a detta di tutti, e non importa che siano<br />

su posizioni diverse e politicamente contrapposte, <strong>la</strong><br />

situazione italiana non è affatto <strong>in</strong>coraggiante. Potremmo<br />

essere all’ultima spiaggia. Sempre che l’ultima non sia<br />

già passata.<br />

So, dunque, che dovrei par<strong>la</strong>re di questioni ben più alte<br />

di quelle che dirò nelle righe successive.<br />

Avevo anche pensato di abbandonare il primitivo progetto<br />

e di dare maggior spessore al pezzo. Alcune notizie di<br />

stampa mi hanno <strong>in</strong>vece <strong>in</strong>dotto a tornare sui miei passi<br />

e a trattare di cose più futili di quello che i lettori meriterebbero.<br />

Avevo pensato di par<strong>la</strong>re di buona educazione<br />

(pensa un po’) e mi pare sia il caso di rimanere fedele al<strong>la</strong><br />

prima ipotesi.<br />

Sento <strong>in</strong> giro diverse <strong>la</strong>mentele che riguardano <strong>la</strong> nostra<br />

città, teatro spesso di comportamenti davvero maleducati<br />

e sgradevoli. In certe zone, soprattutto da parte di giovani,<br />

mi dicono che si usa sputare per terra con una frequenza<br />

e con una rego<strong>la</strong>rità che, evidentemente, risponde<br />

ad una moda di dubbio gusto. Forse i primi piani di<br />

giocatori dal<strong>la</strong> salivazione abbondante e poco control<strong>la</strong>ta<br />

riesce a rendere illustre un grezzo comportamento. In<br />

certi angoli partico<strong>la</strong>rmente frequentati, questa disgustosa<br />

abitud<strong>in</strong>e rende addirittura pericoloso il transito pedonale.<br />

Non parliamo, poi, dell’abitud<strong>in</strong>e di danneggiare <strong>la</strong><br />

proprietà pubblica per il semplice gusto di fare danni e di<br />

EDITORIALE<br />

11<br />

passare, agli occhi dei compagni, da ganzi un bel po’.<br />

Per mesi, sotto le logge, <strong>in</strong> piazza, <strong>in</strong> certe ore si giocava/si<br />

gioca a pallone senza che nessuna autorità fosse<br />

<strong>in</strong>tervenuta/<strong>in</strong>tervenga a control<strong>la</strong>re e a far smettere l’abuso.<br />

C’è, molto diffusa, l’abitud<strong>in</strong>e di raggrupparsi per<br />

gli happy hour, o come diavolo si chiamano, con contorno<br />

di disagi per chi deve transitare da quelle parti, con <strong>la</strong><br />

coda di rifiuti, bicchieri, bottiglie <strong>la</strong>sciate sul posto, negli<br />

angoli dei portoni, con mozziconi di sigarette, cartacce…<br />

Non credo neppure che tutti coloro che si fermano per<br />

l’aperitivo siano maggiorenni. Ma non è vietata <strong>la</strong> vendita<br />

degli alcolici ai m<strong>in</strong>orenni? Non credo che si controlli<br />

molto da parte di chi dovrebbe. Oltretutto, questa abitud<strong>in</strong>e,<br />

praticata <strong>in</strong> maniera così sfacciata, all’aperto, f<strong>in</strong>o<br />

ad <strong>in</strong>tasare il passaggio perf<strong>in</strong>o dei pedoni, non è una<br />

pubblicità evidente e un forte <strong>in</strong>centivo al consumo di<br />

alcolici? Credo che l’uso si sia imposto anche per <strong>la</strong> pratica<br />

dei bassi costi, con una strategia, oggettivamente e<br />

al di là delle <strong>in</strong>tenzioni, simile a quel<strong>la</strong> che presiede al<br />

commercio delle sostanze proibite.<br />

Ma le manifestazioni di questa cattiva educazione sono<br />

parecchie e non sempre sono opera dei ragazzi. Per<br />

esempio, è esperienza comune che <strong>in</strong> certe ore e <strong>in</strong> certe<br />

zone il pedone viene considerato con fastidio e quasi con<br />

disprezzo. A volte, credo che il pedone venga evitato a<br />

mal<strong>in</strong>cuore solo per non rov<strong>in</strong>are il paraurti o per non<br />

avere rogne, altrimenti, quasi quasi… Nelle strade ampie,<br />

dove sia possibile per le auto mettersi su due file, non è<br />

raro trovare l’automobilista che tende a sorpassare a<br />

destra l’auto ferma alle strisce calco<strong>la</strong>ndo <strong>la</strong> frazione di<br />

secondo per evitare, sgommando, l’<strong>in</strong>vestimento del<br />

pedone. Neppure fossimo al pit stop di un gran premio.<br />

Molti marciapiedi vengono sottratti al pedone e mangiati<br />

dai musi delle automobilone più prepotenti che vanno ad<br />

annusare da vic<strong>in</strong>o i portoni delle abitazioni.<br />

Quello del traffico non è un problema trascurabile. Uno<br />

dei motivi che mi hanno per<strong>sua</strong>so a par<strong>la</strong>re di questi<br />

argomenti è proprio quello di aver letto, recentemente,<br />

di diversi <strong>in</strong>cidenti mortali sulle strade. Su strade anche<br />

urbane a danno di pedoni, con ragazz<strong>in</strong>i, mamme, persone<br />

anziane non solo uccise, ma spesso trasc<strong>in</strong>ate per<br />

dec<strong>in</strong>e di metri o <strong>la</strong>nciate <strong>in</strong> aria come fuscelli nell’impatto<br />

mortale.<br />

Si dirà che qui non siamo <strong>in</strong> presenza di un problema di<br />

buona educazione, ma di veri e propri reati e di comportamenti<br />

del<strong>in</strong>quenziali, soprattutto quando gli autori di<br />

questi <strong>in</strong>cidenti sono persone con tassi alcolici fuori dal<strong>la</strong><br />

norma o automobilisti variamente fatti. Ma tutte queste<br />

manifestazioni, e tutte le altre che ciascuno può personalmente<br />

enumerare, secondo una propria personale<br />

lista e sul<strong>la</strong> base del<strong>la</strong> propria variegata esperienza,<br />

fanno parte del<strong>la</strong> stessa categoria di cattiva educazione:<br />

quel<strong>la</strong> di non rispettare il prossimo, di far diventare <strong>la</strong><br />

sgarberia assoluta rego<strong>la</strong> di vita, di irridere alle regole<br />

del<strong>la</strong> corretta convivenza civile, di farsi vanto di dileggiare<br />

le norme come marchio del<strong>la</strong> propria personalità.<br />

E non si capisce perché ci sia una così scarsa sensibilità<br />

generale nel control<strong>la</strong>re e colpire questi abusi, che spesso<br />

vengono, <strong>in</strong>vece, scusati proprio da chi dovrebbe prevenirli<br />

e reprimerli.


12 FOTO CRONACA<br />

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA<br />

Sabato 5 e domenica 6 aprile, il Teatro e Fondo documentario<br />

Valeria Moriconi, presso il Complesso San<br />

Floriano, ha aperto le porte al pubblico aderendo alle<br />

“Giornate Fai di Primavera”. Un percorso d’arte e memoria<br />

nel nome del<strong>la</strong> grande attrice jes<strong>in</strong>a, con nuovi<br />

ed <strong>in</strong>editi cimeli <strong>in</strong> esposizione, proiezioni video e <strong>la</strong><br />

possibilità di visitare <strong>la</strong> mostra temporanea “Valeria<br />

Eduardo. La grande magia di un <strong>in</strong>contro”. Nelle due<br />

giornate i visitatori sono stati accompagnati dagli<br />

‘apprendisti Ciceroni’ del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> di Teatro Petite Ecole<br />

<strong>in</strong> un percorso guidato attraverso il Complesso San<br />

Floriano al<strong>la</strong> scoperta del Teatro Studio <strong>in</strong>tito<strong>la</strong>to a<br />

Valeria Moriconi, e dei cimeli ed effetti personali del<strong>la</strong><br />

grande attrice conservati nel Fondo Documentario<br />

donato al Comune di Jesi dalle cug<strong>in</strong>e Olivieri. Per l’occasione,<br />

sono stati mostrati eccezionali documenti d’epoca<br />

conservati nel Fondo e mai esposti precedemente:<br />

manifesti, bozzetti scenici, cimeli, copioni, autografi<br />

e foto appartenuti al<strong>la</strong> Moriconi.<br />

LA PRIMA CENTRALE A BIOMASSE<br />

Apiro – La prima centrale a biomasse delle Marche è<br />

nata ad Apiro. All’<strong>in</strong>augurazione erano presenti il presidente<br />

del<strong>la</strong> Giunta regionale, Gian Mario Spacca, gli<br />

amm<strong>in</strong>istratori locali, il presidente del<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia di<br />

Macerata, Giulio Silenzi e il prefetto. La centrale a biomasse<br />

– 1200 KW – assicura energia termica per il<br />

riscaldamento e <strong>la</strong> produzione di acqua calda degli edifici<br />

di proprietà del comune: oltre al Municipio, <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

elementare e quel<strong>la</strong> media, il teatro Mestica, <strong>la</strong> casa<br />

di riposo. Ma già si guarda avanti <strong>in</strong> due direzioni: <strong>la</strong><br />

produzione di energia elettrica e l’erogazione dei servizi<br />

alle aziende e alle abitazioni private. La centrale<br />

verrà alimentata dalle piante provenienti da una piantagione<br />

di pioppi di un terreno agricolo comunale,<br />

<strong>in</strong>sieme al<strong>la</strong> paglia e ad altri prodotti dell’agricoltura<br />

come il materiale del<strong>la</strong> pulitura dei fossi.<br />

OBIETTIVO 100 NUOVE IMPRESE<br />

Positivo il risultato che il Prestito d’Onore Regionale è<br />

riuscito ad ottenere <strong>in</strong> un anno di attività: 500 nuove<br />

aziende f<strong>in</strong>anziate. 327 richieste di prestito sono state<br />

presentate da donne, per un totale di 10.233.493 euro<br />

erogati. Il settore di attività maggiormente f<strong>in</strong>anziato è<br />

stato l’artigianato con il 41% degli start up avviati,<br />

seguito dal commercio, 37%, i pubblici esercizi e i servizi,<br />

entrambi con il 9% ed <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e il turismo: 4%. Qu<strong>in</strong>di<br />

il progetto realizzato <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con Banca Marche<br />

e Sida Group, quale strumento di politica attiva del<br />

<strong>la</strong>voro, <strong>in</strong> virtù del grande successo ha portato <strong>la</strong><br />

Regione Marche a riproporre l’<strong>in</strong>iziativa con l’obiettivo<br />

di arrivare a mille nuove imprese nate grazie al Prestito<br />

d’Onore Regionale.<br />

L’ATTIVITÀ DEL CALAMANDREI<br />

Un importante convegno dal titolo “Una nazione che<br />

abbandona le proprie fabbriche ha perduto <strong>la</strong> <strong>sua</strong> identità”,<br />

organizzato dal Centro studi Ca<strong>la</strong>mandrei presieduto<br />

da Gian Franco Berti con il patroc<strong>in</strong>io del Comune<br />

di Jesi, si è svolto il 1° aprile presso il Teatro studio Valeria<br />

Moriconi. Il dibattito è stato coord<strong>in</strong>ato dal giornalista<br />

di Repubblica Edmondo Berselli e sono <strong>in</strong>tervenuti<br />

il s<strong>in</strong>daco di Tor<strong>in</strong>o Sergio Chiampar<strong>in</strong>o, il presidente<br />

del<strong>la</strong> Regione Abruzzo ed ex segretario generale del<strong>la</strong><br />

Cgil Ottaviano del Turco, l’imprenditore vicent<strong>in</strong>o leader<br />

mondiale nel settore dei mosaici P<strong>in</strong>o Bisazza. Presenti<br />

al dibattito, <strong>in</strong>trodotto dall’ex presidente del Ca<strong>la</strong>mandrei<br />

Massimiliano Gatti, Fabio Sturani, s<strong>in</strong>daco di Ancona,<br />

Armando G<strong>in</strong>esi, console onorario russo per l’Italia,<br />

Fabiano Belcecchi, s<strong>in</strong>daco di Jesi, molti studenti<br />

delle scuole secondarie cittad<strong>in</strong>e e qualche imprenditore<br />

del territorio. Riprende anche l’attività editoriale del<br />

Centro con <strong>la</strong> pubblicazione del volume, con due copert<strong>in</strong>e,<br />

“Processo a Mussol<strong>in</strong>i” di Michael Foot, e “Il sarto<br />

<strong>in</strong> fondo al mare” di Alfio Bernabei con l’<strong>in</strong>troduzione di<br />

Luigi Squarz<strong>in</strong>a, sui temi dell’antifascismo. C’è anche <strong>in</strong><br />

progetto l'<strong>in</strong>tenzione di mettere <strong>in</strong> scena questi <strong>la</strong>vori.<br />

SOLIDARIETÀ DELLA JESINA CALCIO<br />

13<br />

Domenica scorsa, <strong>in</strong> occasione del derby casal<strong>in</strong>go del<strong>la</strong><br />

Jes<strong>in</strong>a Calcio contro <strong>la</strong> Vis Macerata nel campionato di<br />

Eccellenza, si è svolta un’<strong>in</strong>iziativa di solidarietà per lo<br />

Iom, Istituto Oncologico Marchigiano sezione di Jesi.<br />

Tutti i giocatori sono scesi <strong>in</strong> campo con le magliette dello<br />

Iom raffiguranti il simbolico fiammifero del<strong>la</strong> speranza.<br />

All’<strong>in</strong>iziativa è stato dato il nome “Un ge<strong>la</strong>to per lo<br />

Iom”: agli spettatori è stato offerto un ge<strong>la</strong>to che è servito<br />

a sostenere l’associazione, da oltre dieci anni accanto<br />

ai ma<strong>la</strong>ti oncologici di Jesi e del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a. Lo scorso<br />

anno sono stati assistiti ben 237 pazienti ed ora il prossimo<br />

obiettivo sarà avere un <strong>in</strong>fermiere accanto alle<br />

famiglie nelle ultime 24 ore di vita del ma<strong>la</strong>to.<br />

(foto A. V. V<strong>in</strong>cenzoni)<br />

INCONTRO CON GINA BASSO<br />

Il 27 marzo si è svolto, presso <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> “A.Colocci” di<br />

San Marcello, un <strong>in</strong>contro del<strong>la</strong> giornalista e scrittrice<br />

G<strong>in</strong>a Basso con gli alunni delle c<strong>la</strong>ssi di terza media che<br />

avevano letto il suo libro “Un fucile troppo grande”. I<br />

ragazzi hanno formu<strong>la</strong>to una serie di domande sulle<br />

opere dell’autrice come “Il coraggio di par<strong>la</strong>re”, il suo<br />

libro dedicato al problema di chi vive <strong>in</strong> zone dove<br />

impera <strong>la</strong> crim<strong>in</strong>alità organizzata, portato sullo schermo<br />

da Leandro Castel<strong>la</strong>ni e v<strong>in</strong>citore di <strong>numero</strong>si premi. Gli<br />

alunni hanno dimostrato <strong>in</strong>teresse soprattutto verso i<br />

problemi del<strong>la</strong> ’ndrangheta, del<strong>la</strong> droga, dell’omertà,<br />

del<strong>la</strong> violenza. Si è poi par<strong>la</strong>to del<strong>la</strong> questione israelopalest<strong>in</strong>ese<br />

che <strong>la</strong> scrittrice ha trattato nel libro letto <strong>in</strong><br />

c<strong>la</strong>sse. G<strong>in</strong>a Basso ha ripercorso anche le tappe fondamentali<br />

del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> carriera giornalistica che l’hanno portata<br />

al<strong>la</strong> conduzione di programmi radiofonici importanti,<br />

come “C’è posta per tutti” e “Pianeta donna”.


14<br />

MCDONALD’S SCEGLIE LA CLABO<br />

La filiale tedesca del<strong>la</strong> più grande catena al mondo di<br />

ristorazione veloce, ha scelto le vetr<strong>in</strong>e refrigerate prodotte<br />

dal<strong>la</strong> C<strong>la</strong>bo di Jesi per conservare ed esporre<br />

dolci e tramezz<strong>in</strong>i nel nuovo concept McDonald’s Cafè.<br />

Le prime 15 <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>zioni avverranno entro il mese di<br />

maggio e, complessivamente, saranno 150 i locali r<strong>in</strong>novati<br />

con le vetr<strong>in</strong>e italiane. La C<strong>la</strong>bo Group, che<br />

annovera tra i propri clienti le più importanti catene al<br />

mondo di ge<strong>la</strong>terie e pasticcerie, ha di recente raggiunto<br />

un accordo per <strong>la</strong> fornitura di vetr<strong>in</strong>e per l’esposizione<br />

del ge<strong>la</strong>to artigianale anche con i giganti<br />

del<strong>la</strong> distribuzione americana Safeway e Wholefoods.<br />

L’azienda di Jesi, che fa parte del gruppo C<strong>la</strong>bof<strong>in</strong>, ha<br />

chiuso il 2007 con ricavi per circa 50 milioni di euro, <strong>in</strong><br />

progresso del 6% sull’anno precedente. Per il 2008 le<br />

previsioni sono di un <strong>in</strong>cremento dei ricavi del 9%, con<br />

le vendite che saranno tra<strong>in</strong>ate soprattutto dai mercati<br />

europei e mediorientali.<br />

DA JESI AD HANNOVER<br />

Le Avventure Teatrali su edizione critica del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Pergolesi Spont<strong>in</strong>i, dopo <strong>la</strong> prima rappresentazione<br />

<strong>in</strong> epoca moderna al Teatro Pergolesi di Jesi nel<br />

2006, sarà ripresa il 20 febbraio 2009 ad Hannover<br />

dal<strong>la</strong> NDR Radiophi<strong>la</strong>rmonie e trasmessa per radio <strong>in</strong><br />

Germania. La NDR Radiophi<strong>la</strong>rmonie di Hannover, una<br />

delle orchestre radiofoniche tedesche più apprezzate,<br />

ha chiesto al<strong>la</strong> Fondazione Pergolesi Spont<strong>in</strong>i il materiale<br />

musicale del s<strong>in</strong>gspiel <strong>in</strong> due atti Theatralische<br />

Abentheuer (Le avventure Teatrali) su testi di Goethe<br />

e Vulpius, con musiche di Cimarosa e Mozart, del<strong>la</strong> cui<br />

edizione critica l’ente culturale jes<strong>in</strong>o detiene i diritti<br />

nel<strong>la</strong> versione orig<strong>in</strong>aria tedesca del 1797 ricostruita<br />

da Jean-Yves Aizic.<br />

PIERALISI APRE IN USA E TUNISIA<br />

Dopo l’apertura del<strong>la</strong> nuova sede negli Stati Uniti lo<br />

scorso autunno, il Gruppo Pieralisi aggiunge un nuovo<br />

tassello al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> presenza nel mondo con l’<strong>in</strong>augurazione<br />

di un <strong>in</strong>sediamento commerciale <strong>in</strong> Tunisia. La Pieralisi<br />

North America, con sede a West Chester, nello stato<br />

dell’Ohio, concretizza il <strong>la</strong>voro svolto <strong>in</strong> tanti anni di<br />

presenza <strong>in</strong> Nord America e Canada ed il crescente successo<br />

riscosso dalle tecnologie Pieralisi <strong>in</strong> quest’area,<br />

soprattutto nei settori dell’ecologia e del<strong>la</strong> chimica. La<br />

Pieralisi Tunisia, partnership italo-araba <strong>in</strong>sediata nel<strong>la</strong><br />

capitale, Tunisi, conferma l’attenzione crescente del Gruppo<br />

per le regioni del Maghreb, <strong>in</strong> cui <strong>la</strong> produzione di olio<br />

d’oliva è <strong>in</strong> costante aumento <strong>in</strong> term<strong>in</strong>i sia di volumi che<br />

di qualità. I nuovi <strong>in</strong>sediamenti Pieralisi vanno ad arricchire<br />

<strong>la</strong> rete commerciale del Gruppo nel mondo, che lo<br />

vede presente con strutture dirette anche <strong>in</strong> Germania,<br />

O<strong>la</strong>nda, Grecia, Spagna, Argent<strong>in</strong>a, Brasile, C<strong>in</strong>a e con<br />

agenzie di rappresentanza <strong>in</strong> tutto il mondo, dal Medio<br />

Oriente all’Africa e all’Oceania.<br />

FLASH<br />

Silvia Brunetti<br />

Tanti auguri a Silvia Brunetti che il 2 maggio<br />

compie 88 anni.<br />

Con affetto da Adele e Franco<br />

Marzio e Palmira<br />

Il prossimo 24 aprile Marzio<br />

Fur<strong>la</strong>ni e Palmira<br />

Gianlorenzi festeggeranno<br />

i 50 anni di matrimonio.<br />

I problemi e le gioie che<br />

<strong>in</strong>evitabilmente <strong>la</strong> vita pone<br />

non hanno per niente<br />

<strong>in</strong>taccato <strong>la</strong> loro unione, sempre salda e forte come 50<br />

anni fa quando ancora giovanissimi, <strong>in</strong> quel di Fano, si<br />

sono uniti <strong>in</strong> matrimonio. Una coppia che rappresenta un<br />

esempio importante da ammirare e da seguire. In occasione<br />

di <strong>questo</strong> felice evento, Marzio e Palmira sono stati<br />

ricevuti dal Vescovo di Jesi, S.E. Mons. Gerardo Rocconi,<br />

con loro nel<strong>la</strong> foto, che ha e<strong>la</strong>rgito <strong>la</strong> Santa Benedizione.<br />

Agli “sposi d’oro” vanno le più sentite felicitazioni dagli<br />

amici e parenti e gli auguri per un futuro sereno e pieno<br />

di soddisfazioni.<br />

TELEFONO AMICO<br />

Tel: 0731/59878; e-mail: telefonoamico@libero.it.<br />

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 12,30 o dalle<br />

16,30 alle 19,00.<br />

15


16<br />

I ragazzi del<strong>la</strong> 1ª C<br />

A chi non piace sfogliare l’album dei ricordi?<br />

Tornare <strong>in</strong>dietro con <strong>la</strong> mente ed accarezzare<br />

con il tocco del pensiero momenti di gioia, da<br />

rivedere, quasi come <strong>in</strong> un sogno ad occhi<br />

aperti... Lo scorso 7 marzo lo hanno fatto<br />

<strong>in</strong>sieme, dopo 40 anni, i “ragazzi del<strong>la</strong> 1ª C”<br />

del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> elementare Mazz<strong>in</strong>i. Al<strong>la</strong> presenza<br />

del<strong>la</strong> loro cara ed “<strong>in</strong>ossidabile” maestra,<br />

Lora Maria Romanelli Pimp<strong>in</strong>i, un gruppo di<br />

splendidi “ragazzi del 1962” ha risposto: “presente!”<br />

E sì, perché <strong>in</strong> ogni giorno di scuo<strong>la</strong><br />

che si rispetti non può mancare l’appello ed è<br />

proprio con l’appello al<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse che <strong>la</strong> serata<br />

ha avuto <strong>in</strong>izio. Ci sono quasi tutti, assenti<br />

giustificati a parte, solo un attimo di silenzio,<br />

al momento di chiamare Sandro, uno di loro<br />

che non c'è più... Ed allora “presente!” lo dicono <strong>in</strong> coro<br />

tutti gli altri, con un app<strong>la</strong>uso <strong>in</strong> cui si scioglie il groppo <strong>in</strong><br />

go<strong>la</strong>, <strong>la</strong>sciando poi spazio agli abbracci, ai sorrisi, ai racconti.<br />

Presenti: Mattei Roberto, Stefano Campanelli, Mario<br />

Giusti, Diego Solustri, Andrea Gatto Bors<strong>in</strong>i, Danilo San-<br />

toni, C<strong>la</strong>udio Miche<strong>la</strong>ngeli, C<strong>la</strong>udio Dolciotti, Altibano<br />

Spaccia, Marcello Allegr<strong>in</strong>i, Massimo Valeri, Valdemiro<br />

Saraceni, Marcel<strong>la</strong> Giuliani, Lorel<strong>la</strong> Ferrucci, Mariel<strong>la</strong> Vitali,<br />

Maria Pia Scaloni, Marilena Amadio. Assenti giustificati:<br />

Mariel<strong>la</strong> Giuliani, Simone Paolucci, Paolo Baldoni, Lat<strong>in</strong>i<br />

Settimio.<br />

La valutazione<br />

dell’<strong>in</strong>qu<strong>in</strong>amento<br />

per mezzo delle api<br />

Fabriano – Sabato 12<br />

aprile, presso <strong>la</strong> sa<strong>la</strong> convegni<br />

“L<strong>in</strong>o Ubaldi” dell’Istituto<br />

Tecnico Agrario “G.<br />

Vivarelli” di Fabriano, sono<br />

stati presentati i dati del<br />

biomonitoraggio con le api<br />

dislocate nell’ambiente urbano<br />

di Fabriano. Lo studio<br />

permette di valutare <strong>la</strong><br />

qualità dell’aria tramite le<br />

api mellifiche e gli effetti<br />

degli <strong>in</strong>qu<strong>in</strong>anti sull’ambiente<br />

possono essere valutati<br />

con due tipi di metodologie:<br />

strumentale e<br />

biologico. Il primo metodo<br />

riguarda <strong>la</strong> misurazione<br />

diretta delle sostanze considerate<br />

nocive tramite<br />

apparecchiature strumentali,<br />

il secondo si basa sulle<br />

modificazioni provocate<br />

dalle sostanze <strong>in</strong>qu<strong>in</strong>anti<br />

su determ<strong>in</strong>ati organismi<br />

viventi, i bio<strong>in</strong>dicatori.<br />

I gialli di Bertarelli<br />

Il commendator Armando<br />

Delfaro, proprietario del<br />

castello Del Poggio, scompare<br />

<strong>in</strong> circostanze misteriose.<br />

L’<strong>in</strong>vestigatore William<br />

Plotter, <strong>in</strong>caricato delle<br />

<strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i, dovrà districare<br />

i nodi dell’enigma, <strong>in</strong><br />

mezzo a storie di fantasmi<br />

e <strong>in</strong>quietanti apparizioni.<br />

È <strong>questo</strong> il tema del nuovo<br />

giallo pubblicato da Fabio<br />

Bertarelli per <strong>la</strong> col<strong>la</strong>na “Le<br />

Fenici” presso <strong>la</strong> Montag<br />

Edizioni, con il titolo “Il<br />

mistero del castello del<br />

Poggio”. Il libro fa parte di<br />

una trilogia, il secondo<br />

uscirà entro l’anno e si<br />

<strong>in</strong>titolerà “Il covo dei pirati”,<br />

mentre il terzo dovrebbe<br />

essere per il prossimo<br />

anno. Ricordiamo che Fabio<br />

Bertarelli, ex docente<br />

17<br />

di materieeconomiche,<br />

è anche<br />

autore di<br />

testi teatraliapparsi<br />

nel<br />

l i b r o<br />

“Commedie”<br />

edito dal<strong>la</strong> Gei e di<br />

racconti di narrativa, fra<br />

cui “Immag<strong>in</strong>i e racconti<br />

jes<strong>in</strong>i” edizioni Centro<br />

Studi Jes<strong>in</strong>i, coautore di<br />

“Donne delle Marche di<br />

una volta”, “Religiosità<br />

marchigiana di una volta”,<br />

“La riscossa democratica”,<br />

editi dal<strong>la</strong> Computer Firm.<br />

Inoltre ha pubblicato il<br />

romanzo storico “La felice<br />

pianta” presso <strong>la</strong> casa editrice<br />

Città Ideale.<br />

Viale del<strong>la</strong> Vittoria, 89 - Jesi - Tel. 0731/59942


preparazione vetture per revisione<br />

offic<strong>in</strong>a autorizzata Citroën<br />

ALBERTO AMADIO<br />

Via Don A. Rettaroli, 3/a<br />

Tel. 0731 200342<br />

Mattoli<br />

per lo IOM<br />

A f<strong>in</strong>e anno è stato presentato<br />

il volume “Oltre <strong>la</strong><br />

te<strong>la</strong>” con disegni di Corrado<br />

Olmi dedicato ai pittori<br />

del ’900 attivi nelle<br />

Marche e d<strong>in</strong>torni. Un libro<br />

che si richiama agli altri<br />

due “Oltre <strong>la</strong> scena” e “Oltre<br />

lo schermo” dedicati rispettivamente<br />

al mondo<br />

del teatro e del c<strong>in</strong>ema. Il<br />

libro “Oltre <strong>la</strong> te<strong>la</strong>” è stato<br />

pubblicato dall’imprenditore<br />

jes<strong>in</strong>o Antonio Mattoli<br />

che ha donato circa mille<br />

volumi allo IOM, l’Istituto<br />

Oncologico Marchigiano. I<br />

libri sono stati venduti<br />

durante <strong>la</strong> mostra antologica<br />

di V<strong>in</strong>icio Passarelli<br />

che si è svolta al<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra<br />

del Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria,<br />

Tre <strong>in</strong>contri<br />

dell’associazione<br />

Donne Sempre<br />

Ha preso il via lunedì 14<br />

aprile nel<strong>la</strong> sede dell’associazione<br />

<strong>in</strong> via Nenni, un<br />

ciclo di tre <strong>in</strong>contri pubblici<br />

con <strong>la</strong> psicologa Lucil<strong>la</strong><br />

Garofoli. Star bene con il<br />

proprio corpo, all’<strong>in</strong>terno<br />

del<strong>la</strong> coppia e nel ruolo di<br />

genitori. A questi tre temi<br />

sono dedicati altrettanti<br />

<strong>in</strong>contri pubblici, gratuiti e<br />

aperti a tutti, promossi dall’associazione<br />

di volontariato<br />

jes<strong>in</strong>a Donne Sempre<br />

<strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con il<br />

Csv. Dopo il primo che ha<br />

Tolent<strong>in</strong>o 815<br />

L’Associazione Tolent<strong>in</strong>o<br />

815 organizza il 3 e 4<br />

maggio prossimi, <strong>la</strong> tredicesima<br />

edizione di “Tolent<strong>in</strong>o<br />

815” rievocazione<br />

storica del<strong>la</strong> Battaglia di<br />

Tolent<strong>in</strong>o, combattuta il 2<br />

e 3 maggio 1815 che vide<br />

protagonisti Gioacch<strong>in</strong>o Mu-<br />

e ora si possono acquistare<br />

presso il negozio “Giard<strong>in</strong>i<br />

<strong>in</strong> Piazza” di piazza<br />

del<strong>la</strong> Repubblica, presso il<br />

Circolo Cittad<strong>in</strong>o e presso<br />

<strong>la</strong> sede dello IOM <strong>in</strong> via<br />

San Francesco (sede del<br />

Distretto sanitario). Il prezzo<br />

è di 20 euro e serve a<br />

contribuire alle attività<br />

dell’istituto rivolte ad aiutare<br />

i ma<strong>la</strong>ti di Jesi e del<strong>la</strong><br />

Valles<strong>in</strong>a.<br />

avuto come tema: “L’immag<strong>in</strong>e<br />

corporea: aspetti<br />

psicologici”, seguiranno il<br />

21 aprile alle ore 21 “La<br />

re<strong>la</strong>zione di coppia” e il 28<br />

aprile “La genitorialità oggi”.<br />

Donne Sempre è un’associazione<br />

impegnata pr<strong>in</strong>cipalmente<br />

nel sostegno<br />

fisico e psicologico alle<br />

donne operate al seno e<br />

nel<strong>la</strong> prevenzione e diagnosi<br />

precoce dei tumori<br />

femm<strong>in</strong>ili, ma anche, come<br />

<strong>in</strong> <strong>questo</strong> caso, nel<strong>la</strong> sensibilizzazione<br />

e nel confronto<br />

su temi di <strong>in</strong>teresse<br />

più generale, organizzando<br />

<strong>in</strong>contri con esperti, medici<br />

ed operatori del settore.<br />

rat, re di Napoli, ed il barone<br />

Federico Bianchi, comandante<br />

austriaco, <strong>in</strong><br />

quel<strong>la</strong> che molti storici<br />

considerano <strong>la</strong> prima battaglia<br />

per l’Indipendenza<br />

italiana. La manifestazione<br />

si realizza, dal 1996, una<br />

volta l’anno presso il ca-<br />

Iniziative del<br />

Sistema Museale<br />

Numerose le nuove <strong>in</strong>iziative<br />

promosse dall’Associazione<br />

Sistema Museale<br />

del<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia di Ancona,<br />

per garantire un’offerta<br />

sempre più allettante e diversificata.<br />

Arcevia <strong>in</strong> mostra.<br />

Sabato 26 aprile <strong>la</strong><br />

visita guidata ad Arcevia<br />

per <strong>la</strong> mostra “1508-2008<br />

Luca Signorelli”, comprensiva<br />

del<strong>la</strong> visita al centro<br />

storico del<strong>la</strong> città e al<strong>la</strong><br />

Galleria d’arte Alfieri Manucci.<br />

Costo 36 euro. Arte,<br />

v<strong>in</strong>o e fantasia. Per favorire<br />

un turismo culturale<br />

<strong>in</strong>tegrato, che valorizzi<br />

non solo il patrimonio museale,<br />

ma anche quello<br />

ambientale e paesaggistico,<br />

saranno organizzati dei<br />

“safari fotografici” nel territorio<br />

del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia.<br />

Sono stati <strong>in</strong>dividuati ben<br />

20 it<strong>in</strong>erari da percorrere<br />

e visitare con <strong>la</strong> macch<strong>in</strong>a<br />

fotografica <strong>in</strong> mano. Al<br />

museo con l’I-Pod! È quasi<br />

ultimata <strong>la</strong> realizzazione<br />

Convegno<br />

sugli anziani<br />

Il Circolo Contardo Ferr<strong>in</strong>i<br />

e l’associazione Maestri<br />

Cattolici di Jesi organizzano,<br />

venerdì 23 aprile alle<br />

ore 17,30 presso <strong>la</strong> sa<strong>la</strong><br />

dell’ex Seconda Circoscrizione<br />

(piazzale San Francesco)<br />

il convegno sul tema:<br />

“Gli anziani risorsa e<br />

speranza delle giovani ge-<br />

stello del<strong>la</strong> Rancia ed il<br />

centro storico di Tolent<strong>in</strong>o,<br />

<strong>la</strong> prima domenica del<br />

mese di maggio, alternando<br />

ricostruzione del<strong>la</strong> battaglia<br />

e raduno bande storiche<br />

militari. Partecipano,<br />

come rievocatori, i componenti<br />

dei gruppi storici ita-<br />

19<br />

di alcune <strong>in</strong>novative guide<br />

audio-video per arricchire<br />

<strong>la</strong> visita presso alcuni siti e<br />

musei. Tutte le <strong>in</strong>formazioni<br />

curiose e suggestive che<br />

contengono, filmati, musica,<br />

potranno essere scaricate<br />

a casa da <strong>in</strong>ternet con<br />

<strong>formato</strong> Mp3 ed Mp4. Al<br />

museo gratis per un anno.<br />

Sembra questa <strong>la</strong> mission<br />

del<strong>la</strong> Carta Musei, <strong>la</strong><br />

tesser<strong>in</strong>a nom<strong>in</strong>ale che<br />

permette di accedere gratuitamente<br />

per un anno ai<br />

53 musei del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di<br />

Ancona, nonché di usufruire<br />

di sconti, convenzioni,<br />

<strong>in</strong>iziative speciali ed avere<br />

il <strong>la</strong>sciapassare per luoghi<br />

ed edifici storici normalmente<br />

non accessibili. La<br />

carta annuale può essere<br />

acquistata al prezzo di 25<br />

euro (20 euro ridotto), ma<br />

sono previste anche forme<br />

settimanali (10-8 euro) e<br />

qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ali (15-10 euro).<br />

Tutte le <strong>in</strong>fo per costi,<br />

riduzioni, <strong>in</strong>iziative e offerte<br />

sul sito www.cartamusei.it<br />

o al <strong>numero</strong> verde<br />

800 439392.<br />

nerazioni”. Re<strong>la</strong>tori: Massimo<br />

Manenti, direttore delle<br />

istituzioni sociali di Jesi<br />

e Paolo C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni, pedagogista<br />

e logopedista.<br />

L’<strong>in</strong>contro vuole essere<br />

motivo di riflessione per<br />

un servizio sociale sempre<br />

più richiesto e qualificato<br />

che solo gli anziani sanno<br />

dare. La cittad<strong>in</strong>anza è<br />

<strong>in</strong>vitata tutta a partecipare,<br />

discutere, proporre.<br />

liani e stranieri <strong>in</strong> divisa,<br />

equipaggiamento ed armi<br />

dell’epoca; effettuano sfi<strong>la</strong>te,<br />

manovre, esercitazioni<br />

e simu<strong>la</strong>zioni di scontri<br />

tra eserciti, e si caratterizza<br />

quale prima rievocazione<br />

storica militare nel<br />

centro Italia.


20<br />

Il “Family Day”<br />

dell’Aurora Basket<br />

Per <strong>la</strong> seconda volta l’Aurora<br />

Basket Jesi organizza<br />

il “Family Day”, una giornata<br />

dedicata al<strong>la</strong> famiglia,<br />

ai bamb<strong>in</strong>i ed ai ragazzi.<br />

Un’occasione per<br />

trascorrere <strong>in</strong>sieme, tra<br />

gare, giochi e canestri, un<br />

pomeriggio primaverile di<br />

festa. La prima edizione si<br />

era tenuta l’8 dicembre<br />

2006, mentre quest’anno<br />

l’appuntamento è per sabato<br />

19 aprile al Pa<strong>la</strong>-<br />

Triccoli.<br />

Il programma è ricchissimo<br />

e si snoderà lungo<br />

tutto l’arco del pomeriggio.<br />

I momenti clou saran-<br />

no senz’altro<br />

quello delle ore<br />

18, quando le<br />

cent<strong>in</strong>aia di bimbi<br />

e ragazzi <strong>in</strong>tervenuti<br />

si schiereranno<br />

al centro<br />

del campo per<br />

ricevere i gadget<br />

dalle mani dei<br />

campioni del<strong>la</strong> prima<br />

squadra, e<br />

quello delle 18.30,<br />

quando <strong>la</strong> Fileni<br />

Bpa di Legadue<br />

sfiderà una squadra<br />

composta da<br />

dirigenti e sponsor. Nell’occasione<br />

avverrà un simpatico<br />

scambio di panch<strong>in</strong>a:<br />

Giovanni Fileni, presidente<br />

del title-sponsor,<br />

Riconferma per Roberto Pesaresi<br />

Roberto Pesaresi, presidente<br />

di Interporto Marche<br />

spa è stato riconfermato<br />

vice-presidente nazionale<br />

di UIR – Unione Interporti<br />

Riuniti.<br />

L'Associazione che rag-<br />

Il nuovo libro di<br />

Vittorio Graziosi<br />

Dopo Kiev e Roma, al via<br />

le presentazioni del nuovo<br />

libro dello scrittore jes<strong>in</strong>o<br />

Vittorio Graziosi “Sangue<br />

di rosa scar<strong>la</strong>tta”: prossime<br />

tappe a Fabriano,<br />

C<strong>in</strong>goli, Sorrento, Assisi,<br />

Loreto, Jesi ed Isernia. Il<br />

ricavato delle vendite sarà<br />

dest<strong>in</strong>ato ai pazienti del<strong>la</strong><br />

cl<strong>in</strong>ica oncologica pediatrica<br />

di Kiev. E a maggio<br />

appuntamento al<strong>la</strong> Fiera<br />

del Libro di Tor<strong>in</strong>o.<br />

Vendetta, giustizia, redenzione,<br />

sono i temi al centro<br />

dell’opera del narratore<br />

jes<strong>in</strong>o, come fu anche per<br />

l’opera “La vita è un arco<br />

teso”, pubblicato nel 2005.<br />

gruppa tutti i centri <strong>in</strong>termodali<br />

italiani riunita <strong>in</strong><br />

assemblea a Roma ha r<strong>in</strong>novato<br />

le cariche nazionali:<br />

al presidente uscente<br />

prof. Rodolfo De Dom<strong>in</strong>icis,<br />

presidente dell'In-<br />

Una novità, il doppio testo:<br />

nel<strong>la</strong> prima edizione il libro<br />

sarà <strong>in</strong>fatti disponibile <strong>in</strong><br />

due l<strong>in</strong>gue (italiano ed<br />

<strong>in</strong>glese) all'<strong>in</strong>terno di un<br />

unico volume. Inoltre <strong>la</strong><br />

copert<strong>in</strong>a di “Sangue di<br />

Rosa Scar<strong>la</strong>tta” porta <strong>la</strong><br />

firma dell’artista ucra<strong>in</strong>o<br />

Eugenio Derevyanko che<br />

ha aderito con entusiasmo<br />

ad un progetto a favore<br />

dei bamb<strong>in</strong>i di Chernobyl.<br />

allenerà Ross<strong>in</strong>i e compagni<br />

<strong>in</strong>sieme all’ex auror<strong>in</strong>o<br />

Carlo Rossetti, Andrea<br />

Capobianco sarà il coach<br />

degli sponsor e dirigenti<br />

terporto di Catania, subentra<br />

Alessandro Ricci,<br />

presidente dell’Interporto<br />

di Bologna. Al<strong>la</strong> carica di<br />

vice-presidente, oltre al<strong>la</strong><br />

riconferma di Pesaresi,<br />

salgono per <strong>la</strong> prima volta<br />

assistito dal responsabile<br />

scout<strong>in</strong>g Gianluca Zenobi.<br />

anche il prof. Salvatore<br />

Antonio De Biasio presidente<br />

dell'Interporto di<br />

Marcianise e l’Onorevole<br />

Marco Sus<strong>in</strong>i presidente<br />

dell’Interporto di Livorno.<br />

Presentazione<br />

del libro “Ventre”<br />

Il 13 aprile alle 17.30,<br />

presso il Teatro Moriconi di<br />

Jesi, Stefania Ricci ha presentato<br />

il suo libro di poesie<br />

<strong>in</strong>tito<strong>la</strong>to “Ventre”.<br />

L’evento è stato organizzato<br />

dall’Associazione Res<br />

Humanae e patroc<strong>in</strong>ato<br />

dal Comune di Jesi. Il critico<br />

Massimo Raffaeli ha<br />

presentato le poesie dell’artista<br />

jes<strong>in</strong>a già nota per<br />

una <strong>sua</strong> esposizione di<br />

quadri nell’ottobre del<br />

2007. Le note voci di Dante<br />

Ricci, Mugia Bel<strong>la</strong>gamba<br />

e Pia Mora, <strong>in</strong>sieme alle<br />

voci delle giovanissime<br />

Sofia Cartuccia e Roberta<br />

Ulissi, hanno <strong>in</strong>trodotto il<br />

pubblico presente nell’<strong>in</strong>timo<br />

mondo del<strong>la</strong> poetessa,<br />

accompagnati dalle musiche<br />

orig<strong>in</strong>ali di Stefano Mora<br />

con un eccellente Simone<br />

La Maida al f<strong>la</strong>uto.<br />

Massimo Barile ha def<strong>in</strong>ito<br />

“estatica” <strong>la</strong> scrittura di<br />

Stefania Ricci sottol<strong>in</strong>eando<br />

nel<strong>la</strong> prefazione del<br />

libro: «…e Lei accentua le<br />

parole, le ammanta d’un<br />

potere taumaturgico, offre<br />

nuovi significati, apre le<br />

porte del tempo a spazi<br />

<strong>in</strong>esplorati: assume il ruolo<br />

di una ricercatrice che<br />

<strong>in</strong>daga <strong>la</strong> vita attraverso un<br />

camaleontico percorso,<br />

come mappa esistenziale <strong>la</strong><br />

“paro<strong>la</strong> magica”».<br />

Le parole del<br />

Camaleonte<br />

Il critico d’arte Stefano<br />

Verri <strong>in</strong>contra gli artisti<br />

Giovanni Gaggia e Chiara<br />

Francescani, <strong>la</strong> critica d’arte<br />

Crist<strong>in</strong>a Petrelli <strong>in</strong>contra<br />

gli artisti Daniele Bordoni e<br />

Daniele Silvi, sabato 19<br />

aprile alle ore 16.30 presso<br />

<strong>la</strong> sede dell’associazione “Il<br />

Camaleonte”, corso Matteotti,<br />

51 a Jesi. L’Associazione<br />

Artistica “Il Camaleonte”<br />

si è costituita a Jesi<br />

nel 2007 con lo scopo di<br />

valorizzare il settore delle<br />

Apre a Jesi<br />

Gabetti F<strong>in</strong>ance<br />

Da lunedì 28 aprile sarà<br />

operativo a Jesi, <strong>in</strong> via<br />

XXIV Maggio 36/b, il nuovo<br />

negozio f<strong>in</strong>anziario Gabetti<br />

F<strong>in</strong>ance, primo nelle<br />

Marche, <strong>in</strong>augurato domenica<br />

30 marzo al<strong>la</strong> presenza<br />

delle autorità cittad<strong>in</strong>e.<br />

Gabetti F<strong>in</strong>ance è <strong>la</strong> società<br />

del Gruppo Gabetti, che<br />

opera nel settore del cre-<br />

21<br />

arti visive nel territorio<br />

attraverso l’<strong>in</strong>segnamento<br />

di discipl<strong>in</strong>e teoriche –<br />

Storia dell’Arte – e pratiche<br />

– Disegno, Pittura, Incisione,<br />

Decorazione ceramica<br />

e Fotografia – e con<br />

l’organizzazione di eventi<br />

rivolti al<strong>la</strong> cittad<strong>in</strong>anza.<br />

Si è deciso di dare una<br />

forma <strong>in</strong>solita all’<strong>in</strong>contro,<br />

che verrà artico<strong>la</strong>to come<br />

un’<strong>in</strong>tervista doppia: un’artista<br />

e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> ricerca verranno<br />

presentati e spiegati<br />

attraverso il confronto con<br />

l’altro artista presente.<br />

dito con il marchio GF<strong>in</strong>ance<br />

nei settori retail (mutui<br />

casa, prestiti personali e<br />

prodotti assicurativi per <strong>la</strong><br />

cliente<strong>la</strong> family). Gabetti<br />

F<strong>in</strong>ance opera, <strong>in</strong> un’ottica<br />

multibrand, attraverso <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> rete di agenti e negozi<br />

f<strong>in</strong>anziari. Il piano strategico<br />

<strong>in</strong>dustriale prevede<br />

l’apertura <strong>in</strong> tutta Italia di<br />

100 agenzie entro il 2008.<br />

Prossime aperture nelle<br />

Marche, Pesaro e Fano.


22<br />

Monte Schiavo senza gloria,<br />

Vecci per <strong>la</strong> salvezza<br />

Si chiude una stagione dal<br />

bi<strong>la</strong>ncio negativo per <strong>la</strong><br />

Monte Schiavo BdM, ancora<br />

una volta annata <strong>in</strong><br />

archivio senza trofei. Fuori<br />

dal<strong>la</strong> f<strong>in</strong>al four di Champions<br />

League ed elim<strong>in</strong>ata<br />

<strong>in</strong> semif<strong>in</strong>ale dal<strong>la</strong> Coppa<br />

Italia, <strong>la</strong> formazione rossoblu<br />

si ferma nei quarti di<br />

f<strong>in</strong>ale dei p<strong>la</strong>yoff scudetto.<br />

Dopo l’ultima di fase rego<strong>la</strong>re<br />

(3-0 al Forlì) le jes<strong>in</strong>e<br />

trovano Novara: vittoria<br />

conv<strong>in</strong>cente (3-1) <strong>in</strong> gara<br />

uno a Jesi, brutta debacle<br />

<strong>in</strong> gara due <strong>in</strong> Piemonte<br />

Moto<br />

Alessia Polita <strong>in</strong>izia<br />

al<strong>la</strong> grande<br />

Parte col piede giusto <strong>la</strong><br />

stagione agonistica del<strong>la</strong><br />

centaura jes<strong>in</strong>a Alessia<br />

Polita nel Campionato Italiano<br />

Motocicliste. Nel<strong>la</strong><br />

prova del circuito di Vallelunga,<br />

Alessia ha fatto<br />

bott<strong>in</strong>o pieno nel<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse<br />

600 <strong>in</strong> sel<strong>la</strong> al<strong>la</strong> Yamaha<br />

del CP Rac<strong>in</strong>g, dando<br />

seguito al suo secondo<br />

posto <strong>in</strong> griglia alle spalle<br />

del<strong>la</strong> pole position di Pao<strong>la</strong><br />

Cazzo<strong>la</strong>, poi prima nel<strong>la</strong><br />

c<strong>la</strong>ssifica assoluta <strong>in</strong> cui <strong>la</strong><br />

leoncel<strong>la</strong> si è piazzata<br />

terza.<br />

SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

(0-3), nel<strong>la</strong> bel<strong>la</strong>, ancora a<br />

Novara, non basta a Togut<br />

e compagne l’orgoglio<br />

messo <strong>in</strong> mostra nei parziali<br />

f<strong>in</strong>ali, il match va<br />

all’Asystel (1-3). In B2<br />

maschile <strong>la</strong> Vecci Bpa dopo<br />

l’arrivo al timone di Roberto<br />

Leonardi prova a<br />

mettere al sicuro <strong>la</strong> salvezza:<br />

vittoria (3-1) <strong>in</strong> casa<br />

contro Pescara, un<br />

punto dal<strong>la</strong> sconfitta al tie<br />

break di Lecce. Nel prossimo<br />

turno di sabato 19<br />

derby al Pa<strong>la</strong>Triccoli contro<br />

Castelferretti.<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET - Serie A2 maschile<br />

Rim<strong>in</strong>i - Fileni Aurora Jesi 83-59<br />

Fileni Aurora Jesi - Sores<strong>in</strong>a 89-82<br />

Pistoia - Fileni Aurora Jesi 80-68<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Ferrara 44, Caserta 38, Sassari 36, Reggiana 36, Casale 34,<br />

Sores<strong>in</strong>a 34, Pistoia 34, Fileni Aurora Jesi 30, Rim<strong>in</strong>i 28,<br />

Livorno 28, Pavia 24, Veroli 20, Imo<strong>la</strong> 20, Fabriano 18,<br />

Montecat<strong>in</strong>i 14, Novara 10<br />

VOLLEY- Serie A1 femm<strong>in</strong>ile<br />

Monteschiavo BdM Jesi - Forli 3-0<br />

C<strong>la</strong>ssifica f<strong>in</strong>ale<br />

Scavol<strong>in</strong>i Pesaro 57, Bergamo 52, Perugia 50, Asystel Volley<br />

Novara 44, Monteschiavo BdM Jesi 38, Busto Arsizio 35,<br />

Santeramo 29, Sassuolo 27, Altamura 21, Imo<strong>la</strong> 20, Chieri<br />

19, Forlì 4<br />

P<strong>la</strong>y Off<br />

Monteschiavo BdM Jesi - Novara 3-1<br />

Novara - Monteschiavo BdM Jesi 3-0<br />

Novara - Monteschiavo BdM Jesi 3-1<br />

VOLLEY- Serie B2 maschile<br />

Sambenedetto - Vecci Jesi 3-0<br />

Vecci Jesi - Pescara 3-1<br />

Ga<strong>la</strong>tone - Vecci Jesi 3-2<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Bel<strong>la</strong>ria 55, Sambenedetto 47, Ga<strong>la</strong>tone 47, Paglieta 46,<br />

Ortona 43, Castelferretti 40, Viserba 38, Montorio 34,<br />

23<br />

MS.Giusto 30, Vecci Jesi 30, Calimera 27, Sira Ancona 20,<br />

Appignano 15, Pescara 11<br />

CALCIO - Eccellenza<br />

Monturanese - Jes<strong>in</strong>a 0-2<br />

Jes<strong>in</strong>a - Macerata 1-0<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Elpidiense 59, Jes<strong>in</strong>a 53, C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na 50, Fossombrone 49,<br />

Osimana 49, Fermignanese 47, Civitanovese 46, Piano San<br />

Lazzaro 44, Castelfrettese 43, Urb<strong>in</strong>o 42, Macerata 41,<br />

Senigallia 41, Montegiorgio 38, Vis Pesaro 35, Monturanese 33,<br />

Chiara<strong>valle</strong> 32, Pergolese 31, P.S. Elpidio 21<br />

CALCIO - Serie A2 femm<strong>in</strong>ile<br />

EDP Jes<strong>in</strong>a - Cervia 1-1<br />

Francavil<strong>la</strong> - EDP Jes<strong>in</strong>a 6-1<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Roma 49, Ravenna 38, Francavil<strong>la</strong> 35, EDP Jes<strong>in</strong>a 32,<br />

Cervia 32, Bari 31, Or<strong>la</strong>ndia 25, Aquile Palermo 21, Perugia<br />

18, Ludos Palermo 18, Imo<strong>la</strong> 17, Lecce 12<br />

CALCIO A 5 - Serie C1<br />

Osimo Stazione - Acli S.Giuseppe 5-5<br />

Acli S.Giuseppe - Ostrense 3-7<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Cameranese 75, Ascoli 70, Juvent<strong>in</strong>a 58, Morro<strong>valle</strong> 52,<br />

Falconara 47, Cor<strong>in</strong>aldo 45, P.S.Giorgio 43, Acli S.Giuseppe<br />

41, San Sever<strong>in</strong>o 40, Ostrense 38, Urb<strong>in</strong>o 35, Montegranaro<br />

34, Tenax 33, Castelbell<strong>in</strong>o 31, Grande Toro 24, Picchio 17,<br />

Osimo Stazione 15


Fileni Bpa,<br />

p<strong>la</strong>yoff assicurato<br />

Nel torneo di Legadue <strong>la</strong><br />

Fileni Bpa di coach Capobianco<br />

centra matematicamente<br />

con due giornate di<br />

anticipo sul<strong>la</strong> chiusura<br />

del<strong>la</strong> fase rego<strong>la</strong>re l’obiettivo<br />

stagionale dei p<strong>la</strong>yoff.<br />

Sconfitti nettamente nel<strong>la</strong><br />

trasferta di Rim<strong>in</strong>i (56-<br />

83), gli arancioblu si riscattano<br />

<strong>in</strong> casa fermando<br />

Sores<strong>in</strong>a (89-82) e poi<br />

cadono di nuovo a Pistoia<br />

(nel girone di ritorno l’unica<br />

vittoria <strong>in</strong> trasferta è<br />

arrivata a Fabriano) per<br />

68-80.<br />

Con <strong>la</strong> Coppa Italia di Lega<br />

già <strong>in</strong> bacheca ed i risultati<br />

delle altre che garantiscono<br />

l’appendice di stagione<br />

il bi<strong>la</strong>ncio è comunque<br />

positivo, domenica 20<br />

a Jesi arriva Imo<strong>la</strong>, qu<strong>in</strong>di<br />

si chiude <strong>in</strong> trasferta a<br />

Caserta.<br />

Corre <strong>la</strong> Jes<strong>in</strong>a,<br />

si ferma l’Edp<br />

Nel campionato di Eccellenza<br />

con quattro successi<br />

consecutivi <strong>la</strong> Jes<strong>in</strong>a bl<strong>in</strong>da<br />

<strong>la</strong> qualificazione ai<br />

prossimi p<strong>la</strong>yoff e r<strong>in</strong>via <strong>la</strong><br />

festa promozione dell’Elpidiense<br />

Casc<strong>in</strong>are, che ha<br />

sei lunghezze di vantaggio<br />

a due giornate dal term<strong>in</strong>e.<br />

Dopo le vittorie nei derby<br />

con Osimana e Civitanovese,<br />

i ragazzi di Trill<strong>in</strong>i passano<br />

per 2-0 a Monte Urano<br />

e per 1-0 <strong>in</strong> casa sul<strong>la</strong> Vis<br />

Macerata nel giorno del<strong>la</strong><br />

<strong>in</strong>iziativa benefica “Un ge<strong>la</strong>to<br />

per lo Iom”.<br />

In A2 femm<strong>in</strong>ile, l’Edp<br />

impatta <strong>in</strong> casa nel big<br />

match col Cervia (1-1) e<br />

poi sul campo del Francavil<strong>la</strong><br />

Fontana cade pesantemente<br />

(1-6), penalizzata<br />

dall’<strong>in</strong>fortunio del portiere<br />

tito<strong>la</strong>re Cantori. Salvezza al<br />

sicuro da tempo, domenica<br />

20 ultima di campionato al<br />

Card<strong>in</strong>aletti contro il Lecce.<br />

Parata di Pieralisi<br />

25


26 PRIMO PIANO<br />

Dal prossimo mese di maggio prenderà avvio <strong>la</strong> raccolta<br />

differenziata porta a porta dei rifiuti urbani promossa dal CIR 33.<br />

Dobbiamo passare dall’attuale 20% agli obiettivi fissati dal<strong>la</strong><br />

legge: 45% nel 2008, 65% nel 2012.<br />

Per ricic<strong>la</strong>re meglio<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

Mediamente produciamo a testa un chilo e mezzo di rifiuti<br />

al giorno, circa 560 chili pro capite l’anno. Moltiplicati per<br />

40.000 abitanti, abbiamo un’idea del<strong>la</strong> quantità di rifiuti<br />

prodotti a Jesi e dei costi per il loro conferimento <strong>in</strong> discarica.<br />

Occorre qu<strong>in</strong>di da un <strong>la</strong>to dim<strong>in</strong>uire <strong>la</strong> quantità di<br />

rifiuti portati <strong>in</strong> discarica ed aumentare, dall’altro, <strong>la</strong> percentuale<br />

di raccolta differenziata per passare dall’attuale<br />

20% di Jesi agli obiettivi fissati dal<strong>la</strong> legge (45% nel 2008,<br />

65% nel 2012). Per <strong>questo</strong> dal prossimo mese di maggio<br />

prenderà avvio <strong>la</strong> raccolta differenziata porta a porta dei<br />

rifiuti urbani promossa dal CIR 33 - Consorzio Intercomunale<br />

Valles<strong>in</strong>a Misa. Tra le varie <strong>in</strong>iziative, il CIR33 ha<br />

organizzato <strong>in</strong>contri pubblici <strong>in</strong> cui sono state spiegate al<strong>la</strong><br />

cittad<strong>in</strong>anza le nuove modalità di raccolta dei rifiuti solidi<br />

urbani. Per capire cosa e come si può ricic<strong>la</strong>re, ci siamo<br />

rivolti a Matteo Giantomassi, dell’Area Comunicazione e a<br />

Paolo Sant<strong>in</strong>elli dell’Ufficio Informazioni del CIR 33.<br />

Cosa cambierà a maggio?<br />

«Innanzitutto scompariranno dal<strong>la</strong> strada i cassonetti<br />

dei rifiuti e le campane per <strong>la</strong> raccolta differenziata ed arriveranno<br />

a casa i bidoni che saranno di due tipologie: quelli<br />

più piccoli che saranno dotazioni domestiche, cioè per le<br />

case s<strong>in</strong>gole, bifamiliari e trifamiliari. Le abitazioni con più<br />

di tre unità abitative saranno <strong>in</strong>vece considerati condom<strong>in</strong>i<br />

ed avranno una dotazione condom<strong>in</strong>iale, cioè bidoni più<br />

grandi. Inoltre ad ogni appartamento verrà dato un mastell<strong>in</strong>o<br />

più piccolo per il rifiuto organico».<br />

In percentuale come sono composti i rifiuti?<br />

«Se dovessimo analizzare <strong>la</strong> composizione dei rifiuti,<br />

diciamo che <strong>la</strong> fetta più grande, il 30-35% è composta da<br />

rifiuti organici. C’è poi un 25% di carta, il 16% di p<strong>la</strong>stica,<br />

l’8% di vetro, l’1% di allum<strong>in</strong>io e così via f<strong>in</strong>o a che rimane<br />

una quota, circa il 10%, che non si recupera. Se idealmente<br />

facessimo una raccolta differenziata fatta bene, <strong>la</strong><br />

nostra pattumiera si ridurrebbe ad un decimo di quel<strong>la</strong><br />

attuale».<br />

Cerchiamo di capire come va fatta <strong>la</strong> raccolta differenziata,<br />

materiale per materiale. Iniziamo dal<strong>la</strong><br />

carta.<br />

«La carta va messa nel raccoglitore bianco. Per quanto<br />

riguarda <strong>la</strong> carta possiamo mettere riviste, fogli, giornali,<br />

cartonc<strong>in</strong>i come <strong>la</strong> scato<strong>la</strong> del<strong>la</strong> pasta. Non dobbiamo mettere<br />

però <strong>la</strong> carta imbrattata, ad esempio il fazzoletto di<br />

carta sporco o il tovagliolo di carta unto. Vedremo dopo<br />

dove andranno messi».<br />

Quando verrà fatto il ritiro del<strong>la</strong> carta?<br />

«Si farà una volta a settimana».<br />

Come va conferita <strong>la</strong> carta?<br />

«Sfusa, senza sacchetti perché con il sacchetto di p<strong>la</strong>stica<br />

non può essere ricic<strong>la</strong>ta».<br />

E <strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica?<br />

«Sul<strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica, che va messa nel bidone giallo, il discorso<br />

è un po’ diverso perché esistono vari tipi di p<strong>la</strong>stica.<br />

Possiamo recuperare bottiglie, f<strong>la</strong>coni, sacchetti e tutti gli<br />

imbal<strong>la</strong>ggi <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica <strong>in</strong> genere».<br />

Quale p<strong>la</strong>stica non va ricic<strong>la</strong>ta?<br />

«Non vanno messi nel bidone giallo oggetti monouso<br />

come piatti, bicchieri, forchette <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica perché non sono<br />

recuperabili. In generale qu<strong>in</strong>di si ricic<strong>la</strong>no solo gli imbal<strong>la</strong>ggi<br />

e non vanno messi nel contenitore giallo tutti gli<br />

oggetti di p<strong>la</strong>stica dura (giocattoli, cancelleria, attrezzi,<br />

oggetti elettrici ed elettronici, ecc.)».<br />

E il polistirolo?<br />

«Il polistirolo, quando è imbal<strong>la</strong>ggio, come le vaschette<br />

per <strong>la</strong> frutta, verdura, carne, può essere messo nel<strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica.<br />

Invece i grandi polistiroli, quelli cioè per l’imbal<strong>la</strong>ggio<br />

degli elettrodomestici, non possono essere messi nel<strong>la</strong><br />

p<strong>la</strong>stica ma vanno restituiti al<strong>la</strong> ditta che consegna l’elettrodomestico,<br />

oppure vanno smaltiti. Solo se <strong>in</strong> quantità<br />

m<strong>in</strong>ima si possono mettere nel contenitore grigio dell’<strong>in</strong>differenziato».<br />

Debbono essere puliti i f<strong>la</strong>coni e le bottiglie che<br />

mettiamo nel bidone?<br />

«Puliti o sporchi non cambia niente perché vanno poi<br />

<strong>la</strong>vorati <strong>in</strong> forni ad alte temperature. Lo sporco non va<br />

qu<strong>in</strong>di ad <strong>in</strong>cidere sul<strong>la</strong> qualità del<strong>la</strong> raccolta. La loro pulizia<br />

può però evitare che il proprio contenitore venga sporcato».<br />

Come va conferita <strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica?<br />

«A differenza del<strong>la</strong> carta si può conferire con i sacchetti<br />

del<strong>la</strong> spesa. I sacchi di p<strong>la</strong>stica sono imbal<strong>la</strong>ggi e qu<strong>in</strong>di<br />

vanno recuperati. Dal 2010 non saranno più prodotti e<br />

andranno progressivamente a scomparire».<br />

Metalli e vetro. Cosa possiamo ricic<strong>la</strong>re?<br />

«Per metalli <strong>in</strong>tendiamo scato<strong>la</strong>me da cuc<strong>in</strong>a, dal<strong>la</strong> <strong>la</strong>tt<strong>in</strong>a<br />

per bibite al<strong>la</strong> scato<strong>la</strong> di fagioli. Non le pentole, però.<br />

Per vetro <strong>in</strong>tendiamo bottiglie e vasetti <strong>in</strong> generale. In <strong>questo</strong><br />

caso, scato<strong>la</strong>me e vetro vanno conferiti senza sacchetti<br />

nel contenitore verde».<br />

Cosa non va messo nel vetro?<br />

«Il pirex che va messo nel bidone grigio, perché il vetro<br />

viene fuso, e se mettiamo anche il pirex che non fonde,<br />

rov<strong>in</strong>iamo tonnel<strong>la</strong>te di vetro che poteva essere riutilizzato.<br />

Non vanno messe neanche <strong>la</strong>mpad<strong>in</strong>e e soprattutto<br />

neon che, purtroppo, ora spesso troviamo nelle campane<br />

del vetro. Quest’ultimo <strong>in</strong>fatti è un materiale pericoloso<br />

che può essere portato solo nel<strong>la</strong> stazione ecologica al<br />

Campo Boario. Non può essere abbandonato o conferito <strong>in</strong><br />

alcun modo nei normali circuiti di raccolta».<br />

Le bottiglie vanno buttate con o senza tappo?<br />

«È <strong>in</strong>differente. Nell’impianto di ricic<strong>la</strong>ggio del vetro, le<br />

bottiglie vengono rotte all’altezza del collo».<br />

E veniamo ai rifiuti organici. Quali sono?<br />

«Tutti i resti del cibo, anche le piccole ossa, si raccolgono<br />

attraverso una pattumier<strong>in</strong>a, che funge da sotto<strong>la</strong>-<br />

Carta<br />

sfusa o <strong>in</strong> buste di carta<br />

cosa mettere nel<strong>la</strong> carta:<br />

• agende di carta<br />

• calendari<br />

• carta assorbente non unta<br />

o bagnata<br />

• carta da pacco se di carta<br />

pura<br />

• carta del pane<br />

contenitore bianco<br />

• carta lucida da disegno<br />

• cartone delle pizze se non unto<br />

• cartoni piegati<br />

• cassette di cartone per <strong>la</strong> frutta<br />

• contenitore sale e zucchero di carta<br />

• contenitori multiunità snack, cereali, <strong>in</strong> cartonc<strong>in</strong>o<br />

• dépliants non p<strong>la</strong>stificati<br />

• faldoni per ufficio senza anelli<br />

• fogli pubblicitari, vo<strong>la</strong>nt<strong>in</strong>i, avvisi<br />

• giornali e riviste<br />

• imbal<strong>la</strong>ggi di carta<br />

• imbal<strong>la</strong>ggi di cartone<br />

• libri<br />

• quaderni<br />

• scatole di detersivo<br />

• scatole di pasta<br />

• scontr<strong>in</strong>i fiscali<br />

27<br />

vello, dove viene messo un sacchetto, fornito da noi, che<br />

non è <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica ma biodegradabile. Questo sacchetto ha<br />

<strong>la</strong> funzione di raccogliere l’organico di una giornata e, una<br />

volta chiuso, può essere messo nel bidone marrone dell’organico.<br />

L’unico problema è che il sacchetto non ha <strong>la</strong><br />

stessa resistenza dei sacchetti di p<strong>la</strong>stica. Questo perché,<br />

nell’impianto di compostaggio, non <strong>la</strong>scia residui che potrebbero<br />

rov<strong>in</strong>are il terriccio che si va a produrre.<br />

Nell’impianto di compostaggio non c’è un operatore che<br />

fa una cernita manuale dei rifiuti che arrivano. Per cui, se<br />

c’è del materiale che non è stato conferito bene, ci si<br />

accorge solo quando si va ad analizzare il concime prodotto<br />

che, se non rispetta i valori previsti dal<strong>la</strong> legge, viene<br />

portato <strong>in</strong> discarica anziché essere riutilizzato <strong>in</strong> agricoltura.<br />

Da qui l’importanza di ricic<strong>la</strong>re bene al<strong>la</strong> “fonte”, cioè al<br />

momento del<strong>la</strong> produzione del rifiuto».<br />

Quante volte a settimana sarà raccolto l’organico?<br />

«Nel periodo <strong>in</strong>vernale due volte a settimana. In estate<br />

tre, praticamente un giorno sì e uno no».<br />

Passiamo ai rifiuti che non si ricic<strong>la</strong>no.<br />

«Tutto il materiale che non è recuperabile attraverso <strong>la</strong><br />

raccolta differenziata che abbiamo detto f<strong>in</strong>ora va conferito<br />

nel bidone grigio dove c'è l’<strong>in</strong>differenziato. E qu<strong>in</strong>di possiamo<br />

mettere <strong>la</strong>mpad<strong>in</strong>e rotte, <strong>la</strong> polvere del pavimento,<br />

gli oggetti <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica e <strong>in</strong> metallo come le penne, i cd, tutto<br />

il monouso (piatti, bicchieri, posate di p<strong>la</strong>stica), le pento-<br />

La raccolta differenziata colore per colore<br />

cosa non mettere nel<strong>la</strong> carta:<br />

• carta carbone<br />

• carta di fax o autocopiante<br />

• carta oleata<br />

• carta unta<br />

• cellophane<br />

• copert<strong>in</strong>e p<strong>la</strong>stificate<br />

Vetro e Metalli<br />

sfusi<br />

cosa mettere nel vetro e<br />

metalli:<br />

• bicchieri di vetro<br />

• bottiglie di vetro con tappo<br />

(olio, aceto, ecc.)<br />

• caraffe di vetro<br />

• chiusura dello yogurt <strong>in</strong><br />

carta stagnata<br />

• damigiane<br />

contenitore verde<br />

• <strong>la</strong>tt<strong>in</strong>e <strong>in</strong> allum<strong>in</strong>io<br />

• <strong>la</strong>tt<strong>in</strong>e vuote per alimenti<br />

• specchi (piccoli)<br />

• vaschette e scatolette <strong>in</strong> allum<strong>in</strong>io<br />

• vasetti di vetro puliti con tappo<br />

• vetri vari anche se rotti<br />

(tutti senza residui del contenuto)


28<br />

le, le posate ecc.».<br />

L’<strong>in</strong>differenziato va conferito <strong>in</strong> buste?<br />

«Possiamo conferirlo sfuso o tramite le vecchie buste<br />

nere che usiamo per <strong>la</strong> pattumiera o utilizzando i sacchetti<br />

del<strong>la</strong> spesa <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica. Il ritiro sarà fatto una volta a settimana<br />

secondo un calendario che sarà consegnato ai cittad<strong>in</strong>i,<br />

con tutto il materiale e tanti consigli per differenziare<br />

bene».<br />

F<strong>in</strong> qui abbiamo par<strong>la</strong>to di raccolta differenziata.<br />

Parliamo ora del “porta a porta”. Come funzionerà?<br />

«“Porta a porta” significa che <strong>la</strong> raccolta arriverà al<br />

<strong>numero</strong> civico. Viene fatta su suolo pubblico. Questo vuol<br />

dire che, il giorno del<strong>la</strong> raccolta, i bidoni vanno esposti<br />

sul<strong>la</strong> strada pubblica. Se ci sono partico<strong>la</strong>ri problemi, possono<br />

essere <strong>la</strong>sciati nell’area condom<strong>in</strong>iale ma sempre vic<strong>in</strong>o<br />

al transito e a pochi metri, al massimo tre, dal<strong>la</strong> strada<br />

pubblica <strong>in</strong> modo tale che l’operatore possa svuotare il<br />

bidone senza doverlo cercare all’<strong>in</strong>terno del condom<strong>in</strong>io.<br />

cosa non mettere nel vetro e metalli:<br />

• bombolette<br />

• ceramiche<br />

• contenitori per vernici e solventi<br />

• <strong>la</strong>mpad<strong>in</strong>e<br />

• neon<br />

• occhiali<br />

• porcel<strong>la</strong>ne<br />

• vetro pirex<br />

P<strong>la</strong>stica<br />

sfusi o <strong>in</strong> sacchetti di p<strong>la</strong>stica<br />

dopo averli schiacciati<br />

cosa mettere nel<strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica:<br />

• bottiglie di p<strong>la</strong>stica delle<br />

bevande<br />

• buste<br />

• buste delle merend<strong>in</strong>e<br />

contenitore giallo<br />

• confezioni per le uova<br />

• contenitori da cuc<strong>in</strong>a <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica<br />

• contenitori di cosmetici liquidi<br />

• contenitori di shampoo<br />

• contenitori per l'igiene del<strong>la</strong> casa<br />

• imbal<strong>la</strong>ggi di p<strong>la</strong>stica<br />

• pacchi del caffè<br />

• pellicole di cellophane<br />

• polistirolo da imbal<strong>la</strong>ggio (piccole dimensioni)<br />

• reti del<strong>la</strong> frutta e verdura<br />

• vaschette del ge<strong>la</strong>to risciacquate<br />

• vasi per piante<br />

• vassoi di polistirolo per alimenti<br />

• yogurt contenitore<br />

cosa non mettere nel<strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica:<br />

• custodie per Cd, Dvd, Vhs<br />

• penne<br />

• piatti e posate di p<strong>la</strong>stica<br />

F<strong>in</strong>ita <strong>la</strong> raccolta, i bidoni vanno ritirati nell’area privata.<br />

L’esposizione deve essere fatta non il matt<strong>in</strong>o ma <strong>la</strong> sera,<br />

dopo le ore 20, mentre il ritiro, il matt<strong>in</strong>o successivo. Non<br />

è che cambi molto sotto <strong>questo</strong> punto di vista. Adesso si<br />

esce con il sacco del<strong>la</strong> spazzatura, dopo si uscirà con il<br />

bidone. Tutto qui».<br />

Come si può <strong>in</strong>dividuare l’area privata dove <strong>la</strong>sciare<br />

i bidoni?<br />

«Molti ci chiedono quale è <strong>la</strong> soluzione migliore. La<br />

decisione va presa sia <strong>in</strong> base a quanto è stato detto dai<br />

nostri operatori nelle <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i che abbiamo fatto, sia <strong>in</strong><br />

base al<strong>la</strong> situazione che ognuno ha nel proprio condom<strong>in</strong>io.<br />

Molti utilizzano <strong>la</strong> soluzione di <strong>la</strong>sciare i bidoni vic<strong>in</strong>o <strong>la</strong><br />

strada pubblica. I bidoni però non possono stare su suolo<br />

pubblico».<br />

Le batterie, le medic<strong>in</strong>e scadute ed il verde. Dove<br />

andranno messi?<br />

«Per le batterie e le pile, rimarranno i contenitori attua-<br />

• p<strong>la</strong>stica dura (giocattoli, bac<strong>in</strong>elle, casal<strong>in</strong>ghi)<br />

• rasoi<br />

Organico<br />

nelle buste biodegradabili<br />

date <strong>in</strong> dotazione<br />

cosa mettere nell’organico:<br />

• biscotti (avanzi)<br />

• bucce di ogni genere<br />

• carne (avanzi)<br />

• carta assorbente usata <strong>in</strong><br />

cuc<strong>in</strong>a<br />

• cenere da cam<strong>in</strong>etto<br />

• cenere da sigaretta<br />

• cibo (avanzi)<br />

• fazzoletti da naso<br />

• foglie e fiori da appartamento<br />

• fondi di caffè e filtri di tè<br />

• formaggi (avanzi)<br />

• frutta (avanzi)<br />

• granaglie<br />

• gusci di cozze e vongole<br />

• lettiere di animali domestici<br />

• lische<br />

• noccioli (es. ciliegie, prugne)<br />

• ossa<br />

• pane (vecchio)<br />

• pasta (avanzi)<br />

• pesce (avanzi)<br />

• residui da orto<br />

• riso (avanzi)<br />

• segatura asciutta<br />

• sfalci (pochi)<br />

• tappi <strong>in</strong> sughero<br />

• torsoli<br />

• tovaglioli di carta usati<br />

contenitore marrone<br />

li <strong>in</strong> città e nei centri commerciali. Le medic<strong>in</strong>e scadute<br />

vanno messe, come ora, nei contenitori presso le farmacie.<br />

Il verde dovrà essere conferito nell’oasi al Campo Boario,<br />

come adesso».<br />

Dove vanno tovaglioli e fazzoletti di carta?<br />

«Il “famoso” tovagliolo sporco di sugo, lo possiamo<br />

mettere nell’organico perchè <strong>la</strong> carta ed il sugo sono rifiuti<br />

organici. Stessa cosa per il fazzoletto di carta».<br />

Assorbenti e pannol<strong>in</strong>i <strong>in</strong>vece?<br />

«Quelli andranno messi obbligatoriamente nel contenitore<br />

grigio».<br />

Ultima cosa. Per chi ha animali domestici. Dove<br />

andranno messi gli escrementi?<br />

«La lettiera del gatto può essere messa nell’organico.<br />

Per quanto riguarda gli escrementi del cane, possono essere<br />

messi nell’organico, con le modalità dette sopra. Se<br />

<strong>in</strong>vece li raccogliamo con il sacchetto di p<strong>la</strong>stica, andranno<br />

messi nel contenitore grigio».<br />

• uova (gusci)<br />

• verdura (avanzi)<br />

cosa non mettere nell’organico:<br />

• assorbenti<br />

• olio<br />

• pannol<strong>in</strong>i<br />

• stracci<br />

Residuo secco<br />

Tutti gli oggetti che non<br />

sono ricic<strong>la</strong>bili<br />

<strong>in</strong> sacchi o sacchetti di<br />

p<strong>la</strong>stica<br />

cosa mettere nei rifiuti:<br />

• bombolette non etichettate<br />

come pericolose<br />

• buste dei surge<strong>la</strong>ti<br />

• calze di nylon<br />

contenitore grigio<br />

• carta assorbente <strong>in</strong>trisa di<br />

prodotti<br />

• carta chimica<br />

• carta da forno<br />

• carta da pacco se non di carta pura<br />

• carta oleata<br />

• carta per alimenti (formaggi, affettati)<br />

• carta p<strong>la</strong>stificata<br />

• cassette audio, Cd, Dvd, Vhs, floppy disk<br />

• cellophane<br />

• ceramiche<br />

• contenitori <strong>in</strong> carta per <strong>la</strong>tte, succhi, alimenti<br />

• cosmetici<br />

• cotton fioc<br />

• escrementi animali senza lettiera<br />

• fotografie<br />

• giocattoli di qualsiasi genere<br />

• gomma da masticare<br />

Simone Cecchett<strong>in</strong>i,<br />

presidente del CIR 33.<br />

In basso i vecchi<br />

cassonetti dest<strong>in</strong>ati, a breve,<br />

a scomparire.<br />

• <strong>la</strong>mette da barba<br />

• <strong>la</strong>mpad<strong>in</strong>e<br />

• legni verniciati (piccoli pezzi)<br />

• mozziconi di sigarette e sigari<br />

• nastro adesivo<br />

• pannol<strong>in</strong>i, pannoloni, assorbenti<br />

• penne biro<br />

• piatti, posate e bicchieri <strong>in</strong> p<strong>la</strong>stica<br />

• polvere domestica<br />

• porcel<strong>la</strong>ne<br />

• sacchetti dell'aspirapolvere<br />

• salviette detergenti<br />

• scarpe e scarponi <strong>in</strong> cattive condizioni<br />

• segatura imbevuta di olio o altre sostanze<br />

• spazzo<strong>la</strong> per capelli<br />

• spazzol<strong>in</strong>o da denti<br />

• stracci e strisce di cuoio<br />

• tamponi per timbri<br />

• terrecotte<br />

• tubetto dentifricio<br />

29<br />

Altro<br />

Oggetti <strong>in</strong>gombranti, rifiuti elettronici, materiali ferrosi,<br />

neon, materiali pericolosi si conferiscono presso <strong>la</strong><br />

Stazione ecologica del Campo Boario. Per <strong>in</strong>gombranti<br />

e verde è disponibile anche il servizio di ritiro gratuito<br />

a chiamata. Abiti usati e scarpe <strong>in</strong> buono stato, nei<br />

raccoglitori per abiti o al<strong>la</strong> Caritas. Medic<strong>in</strong>ali presso i<br />

raccoglitori delle farmacie. Oli di uso domestico nelle<br />

stazioni di raccolta.<br />

GIORNI DI RACCOLTA<br />

lunedì carta e cartone bianco<br />

martedì organico marrone<br />

mercoledì residuo secco grigio<br />

giovedì vetro e metalli verde<br />

giovedì organico (estate) marrone<br />

venerdì p<strong>la</strong>stica giallo<br />

sabato organico marrone<br />

Informazioni<br />

Numero verde URP Comune di Jesi 800580084<br />

Cir33 0731/215990 www.cir33.it


30 ATTUALITÀ<br />

Risultati elettorali (valori %)<br />

Partito<br />

Comunista<br />

dei Lavoratori<br />

S<strong>in</strong>istra Critica<br />

La S<strong>in</strong>istra<br />

Arcobaleno<br />

Partito Socialista<br />

Partito<br />

Democratico<br />

Di Pietro<br />

Italia dei Valori<br />

Unione di Centro<br />

Il Popolo<br />

del<strong>la</strong> Libertà<br />

Autonomia Sud<br />

Lega Nord<br />

Aborto?<br />

No, Grazie<br />

Forza Nuova<br />

La Destra<br />

Partito Liberale<br />

Italiano<br />

Per il bene<br />

comune<br />

Unione<br />

democratica<br />

consumatori<br />

Altri<br />

C A M E R A 2 0 0 8<br />

Italia Marche<br />

0,6<br />

0,9<br />

Jesi<br />

1,05<br />

0,5 0,5 0,66<br />

3,1 3,0 3,94<br />

1,0 0,8 0,92<br />

33,2 41,4 52,22<br />

4,4 4,5 5,49<br />

5,6 6,1 4,32<br />

37,3 35,0 25,24<br />

1,1 / /<br />

8,3 2,2 1,22<br />

0,4 0,4 0,36<br />

0,3 0,7 0,78<br />

2,4 3,4 2,75<br />

0,3 0,3 0,20<br />

0,3 0,5 0,58<br />

0,2 0,3 0,27<br />

1,0 0,0 0,0<br />

Altri<br />

C A M E R A 2 0 0 6<br />

Italia<br />

2,3<br />

Jesi<br />

3,45<br />

5,8 8,14<br />

2,1 2,36<br />

2,6 2,27<br />

31,3 47,79<br />

2,3 2,42<br />

6,8 5,30<br />

23,7 14,03<br />

12,3 10,77<br />

4,6 0,67<br />

0,7 0,48<br />

0,7 0,50<br />

0,6 0,48<br />

1,4 0,40<br />

0,0 0,18<br />

0,9 0,62<br />

1,5 0,13<br />

Il partito democratico svuota <strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra, non sfonda al centro e<br />

perde le elezioni<br />

Berlusconi v<strong>in</strong>ce ancora<br />

La s<strong>in</strong>istra arcobaleno non raggiunge il quorum e Jesi resta<br />

senza par<strong>la</strong>mentari<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

L’esito del voto è stato netto: Silvio Berlusconi ha i<br />

numeri per governare l’Italia per l’<strong>in</strong>tera legis<strong>la</strong>tura. Il<br />

suo successo è stato determ<strong>in</strong>ato da un modesto <strong>in</strong>cremento<br />

del Pdl rispetto ai risultati che due anni fa avevano<br />

ottenuto separatamente forza Italia e alleanza<br />

nazionale, e dal quasi raddoppio dei voti del<strong>la</strong> lega<br />

nord.<br />

Sull’altro fronte, il partito democratico ha visto<br />

aumentare i propri consensi così come l’Italia dei valori,<br />

senza tuttavia ottenere quello sfondamento al centro<br />

che le avrebbe consentito di essere veramente <strong>in</strong><br />

corsa per <strong>la</strong> vittoria. Ed anche su <strong>questo</strong> fronte, l’esito<br />

è stato netto e non consente recrim<strong>in</strong>azioni: se anche<br />

il partito democratico avesse accettato di ripetere <strong>la</strong><br />

<strong>la</strong>rga alleanza del 2006, il misero tre e qualcosa per<br />

cento del<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra arcobaleno o lo zero nove del partito<br />

socialista non avrebbero rovesciato il risultato.<br />

Oltre a consegnarci un governo certo nei suoi numeri,<br />

il voto ci consegna un par<strong>la</strong>mento molto semplificato<br />

nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> composizione, se non addirittura impoverito.<br />

La sfida di Veltroni di correre (quasi) da solo, subito<br />

raccolta da Berlusconi, ha determ<strong>in</strong>ato una po<strong>la</strong>rizzazione<br />

molto forte dell’elettorato che ha escluso dal<br />

par<strong>la</strong>mento non solo le dec<strong>in</strong>e di “cespugli” che lo<br />

popo<strong>la</strong>vano ma pers<strong>in</strong>o forze storiche. Prima fra tutte,<br />

quel<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra arcobaleno che pure <strong>in</strong> partenza era<br />

accreditata almeno di un 8-9% dei voti.<br />

Bert<strong>in</strong>otti e Diliberto, Pecoraro Scanio e Mussi,<br />

hanno raccolto un milione di voti: non pochi, e tuttavia<br />

meno di un terzo di quelli che avevano portato a casa<br />

appena due anni fa. Uno smottamento che non trova<br />

una spiegazione conv<strong>in</strong>cente nel<strong>la</strong> so<strong>la</strong> po<strong>la</strong>rizzazione<br />

dei consensi sulle due forze pr<strong>in</strong>cipali. C’è stata evidentemente<br />

nell’elettorato tradizionale del<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra, <strong>la</strong><br />

percezione che <strong>la</strong> vita grama e <strong>la</strong> morte prematura del<br />

governo Prodi siano da addebitare <strong>in</strong> buona misura proprio<br />

ai comportamenti di questa s<strong>in</strong>istra. Che dovrà ora<br />

metabolizzare <strong>la</strong> sconfitta e <strong>la</strong>vorare duramente per<br />

ritrovare il posto che le compete nelle istituzioni.<br />

In questa forte bi-po<strong>la</strong>rizzazione degli schieramenti,<br />

regge, unica tra le forze <strong>in</strong>termedie, l’udc di Cas<strong>in</strong>i, che<br />

supera lo sbarramento del 4% al<strong>la</strong> camera eleggendo<br />

una trent<strong>in</strong>a di deputati ed un paio di senatori.<br />

Tuttavia, sul piano politico, <strong>questo</strong> assomiglia più al<strong>la</strong><br />

31<br />

semplice sopravvivenza di un partito e di alcuni leader<br />

che non all’avvio di un progetto. Appare cioè irrealizzato<br />

oggi e lontano nelle prospettive, il progetto di costituire<br />

una “terza forza” <strong>in</strong> grado di condizionare il governo<br />

dell’Italia.<br />

Per quanto riguarda <strong>la</strong> nostra città, l’esito del voto<br />

non si discosta molto da quanto già detto. Certo, l’Italia<br />

centrale, le Marche e <strong>la</strong> nostra città danno, <strong>in</strong> assoluto,<br />

un responso diverso, con una netta vittoria del centros<strong>in</strong>istra.<br />

A Jesi il partito democratico ha v<strong>in</strong>to bene,<br />

segnando un aumento di circa sette punti rispetto al<br />

2006, mentre il popolo delle libertà conferma i voti che<br />

aveva ottenuto allora.<br />

Tuttavia, anche nel<strong>la</strong> nostra città, il risultato più<br />

sconcertante riguarda <strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra arcobaleno che <strong>la</strong>scia<br />

nell’urna 12 punti percentuali, i tre quarti circa dei voti<br />

che aveva raccolto appena due anni fa. Un esito c<strong>la</strong>moroso<br />

e potenzialmente destabilizzante per l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale.<br />

Peraltro, <strong>questo</strong> fallimento elettorale apre un’ulteriore<br />

ferita per Jesi che non sarà rappresentata da nessun<br />

concittad<strong>in</strong>o <strong>in</strong> par<strong>la</strong>mento. Infatti, le speranza di<br />

rappresentanza erano di fatto limitate a Rosalba Ces<strong>in</strong>i,<br />

deputato uscente del partito dei comunisti italiani, che<br />

era stata <strong>in</strong>serita nel<strong>la</strong> lista del<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra arcobaleno,<br />

come capolista al senato.<br />

La constatazione che non tutta <strong>la</strong> sconfitta può<br />

essere addebitata alle scelte del partito democratico,<br />

può forse aprire una riflessione più profonda <strong>in</strong> seno a<br />

rifondazione comunista, comunisti italiani, s<strong>in</strong>istra<br />

democratica e verdi. Resta tuttavia alta <strong>la</strong> probabilità<br />

che il primo bersaglio delle recrim<strong>in</strong>azioni di questi partiti<br />

sia proprio il partito di Veltroni.<br />

Ed occorrerà allora vedere come una maggioranza,<br />

forte sul piano dei<br />

numeri quanto politicamente<br />

debole per <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

eterogeneità e complessità,<br />

saprà far fronte a<br />

questa nuova realtà.<br />

Rosalba Ces<strong>in</strong>i,<br />

deputato uscente, non<br />

eletta al senato


32 PERSONAGGI<br />

di chiara cascio<br />

Il nostro<br />

Leonardo<br />

Mario Federici 87 anni e tanta passione<br />

per <strong>la</strong> riproduzione <strong>in</strong> m<strong>in</strong>iatura<br />

delle <strong>in</strong>venzioni di Leonardo Da V<strong>in</strong>ci.<br />

«Ho passato <strong>la</strong> vita a costruire e distruggere ciò che mi<br />

capitava sotto le mani». Con queste parole Mario Federici,<br />

87 anni di Jesi, <strong>in</strong>izia a raccontare di sé e del<strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

passione: <strong>la</strong> riproduzione <strong>in</strong> m<strong>in</strong>iatura delle <strong>in</strong>venzioni<br />

di Leonardo da V<strong>in</strong>ci. Un’attività che ha <strong>in</strong>iziato per<br />

gioco da ragazzo e che ancora cont<strong>in</strong>ua a svolgere,<br />

nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> picco<strong>la</strong> bottega, piena di <strong>in</strong>granaggi, march<strong>in</strong>gegni<br />

vari, strumenti da <strong>la</strong>voro, modell<strong>in</strong>i <strong>in</strong> fase di<br />

costruzione.<br />

Lo scorso 30 marzo, a Montecarotto, Mario ha esposto<br />

pubblicamente le sue realizzazioni <strong>in</strong> occasione<br />

del<strong>la</strong> 12ª edizione di “Artigiani e Mestieranti all’Opera”.<br />

Carri d’assalto e macch<strong>in</strong>e da guerra <strong>in</strong> m<strong>in</strong>iatura, perfettamente<br />

funzionanti e curati al dettaglio, hanno attirato<br />

l’attenzione dei visitatori per <strong>la</strong> loro fedeltà ai progetti<br />

orig<strong>in</strong>ali del genio toscano.<br />

«La mostra mi ha dato l’opportunità di rendere pubblica<br />

una passione che ho da tutta <strong>la</strong> vita, ma che f<strong>in</strong>ora<br />

era rimasta chiusa nel<strong>la</strong> mia bottega e conosciuta<br />

solo dai miei familiari».<br />

Signor Mario, quando ha <strong>in</strong>iziato a realizzare<br />

modell<strong>in</strong>i <strong>in</strong> m<strong>in</strong>iatura?<br />

«All’età di 7-8 anni ho costruito con una raspa un<br />

piccolo camion per giocare. Da allora non ho più smesso<br />

di creare: ho l’elettricità nelle mani! Da ragazzo mi<br />

capitò poi di leggere alcuni fascicoli sulle opere di Leonardo.<br />

Subito mi <strong>in</strong>teressai alle sue <strong>in</strong>venzioni e <strong>in</strong>iziai<br />

a riprodurle. Tuttora colleziono libri sui progetti del Da<br />

V<strong>in</strong>ci: prima di realizzarli, li studio con attenzione».<br />

Che materiali usa per costruirli?<br />

«Prevalentemente legno e ferro, sotto varie forme.<br />

Spesso sm<strong>in</strong>uzzo spied<strong>in</strong>i per curare alcuni dettagli<br />

delle ruote dei carri, altre volte utilizzo <strong>in</strong>granaggi<br />

recuperati da vecchie fotocopiatrici o pezzi di giocattoli.<br />

La professione di elettromeccanico mi ha <strong>in</strong>segnato<br />

ad avere dimestichezza con motor<strong>in</strong>i e circuiti: per <strong>questo</strong><br />

quando voglio costruire qualcosa, so ciò che mi<br />

serve e come procurarmelo».<br />

Quanto ci impiega a realizzare uno dei suoi<br />

modell<strong>in</strong>i?<br />

«Io sono libero come i gatti! Se <strong>in</strong>izio una cosa non<br />

è detto che <strong>la</strong> porti subito a term<strong>in</strong>e. Magari mi concedo<br />

delle pause, <strong>in</strong>izio a costruire qualcos’altro. Poi<br />

quando ne ho voglia riprendo <strong>in</strong> mano tutto e ricom<strong>in</strong>cio<br />

da dove avevo <strong>la</strong>sciato. È così: odio le regole, dopo<br />

un po’ mi stanco e sento il bisogno di cambiare».<br />

Eppure è un signore sposato, con figli e nipoti.<br />

Come ha fatto a unire questa <strong>sua</strong> <strong>in</strong>dole con le<br />

regole del matrimonio?<br />

«Sto con <strong>la</strong> mia signora da 52 anni e lei è l’opposto<br />

di me: io sono un ciaciò, come si dice qui a Jesi, lei<br />

<strong>in</strong>vece è precisa e ord<strong>in</strong>ata. Ma <strong>in</strong> amore funziona<br />

come nell’elettricità: quando gli opposti si attraggono<br />

le luci si accendono!».<br />

A cosa sta <strong>la</strong>vorando ora?<br />

«Sto costruendo un mul<strong>in</strong>o a vento! Ma il mio sogno<br />

è quello di costruire una locomotiva a vapore <strong>in</strong>sieme a<br />

mio nipote, di 13 anni, che mi dà spesso una mano: lui<br />

sembra proprio aver ereditato questa mia passione e s<strong>in</strong><br />

da piccolissimo si è <strong>in</strong>teressato ai miei modell<strong>in</strong>i. Ne<br />

abbiamo realizzati molti <strong>in</strong>sieme, spero mi aiuterà anche<br />

con <strong>la</strong> locomotiva…».<br />

Nonostante i suoi 87 anni, lei ha lo spirito di<br />

un ragazz<strong>in</strong>o. Che consiglio di vita può darci?<br />

«Il sorriso prima di tutto. Una risata al giorno leva<br />

il medico di torno! Io ho vissuto <strong>la</strong> Guerra, sono stato<br />

prigioniero <strong>in</strong> Germania, eppure, nonostante <strong>questo</strong>,<br />

non ho mai smesso di sorridere, di sognare e di gioire<br />

del<strong>la</strong> vita. Per quello che mi riguarda sono pienamente<br />

soddisfatto di tutto ciò che ho fatto e sono stato e di<br />

quello che ancora farò e sarò per le persone che amo».<br />

33<br />

Sopra, betoniere <strong>in</strong><br />

m<strong>in</strong>iatura funzionanti;<br />

a fianco e sotto: modell<strong>in</strong>i<br />

di antiche macch<strong>in</strong>e da<br />

guerra di Leonardo<br />

Da V<strong>in</strong>ci riprodotte da<br />

Mario Federici.


34 IMPRESE E TERRITORIO<br />

Sfide al mercato <strong>in</strong> perfetto stile italiano<br />

di car<strong>la</strong> troiani<br />

Il 2008 è l’anno del mercato Usa. Il gusto italiano approda<br />

<strong>in</strong> America portando il made <strong>in</strong> Italy nel design e nel<strong>la</strong> tecnologia<br />

del freddo. Questo è <strong>in</strong>fatti l’obiettivo per l’anno<br />

corrente del gruppo Bocch<strong>in</strong>i, nato nel 1962 a Monsano e<br />

ora leader nel settore dell’arredamento di esercizi pubblici,<br />

bar, caffè, ge<strong>la</strong>terie, fast food, ristoranti e pasticcerie.<br />

E poi c’è il consolidamento nel Medio Oriente, nei paesi<br />

dell’Est, a Dubai, <strong>in</strong> Oceania e <strong>in</strong> Australia dove il mercato<br />

è forte e <strong>in</strong> crescita. Diversamente da quello nazionale che<br />

«<strong>in</strong> <strong>questo</strong> momento non gode di certo di una partico<strong>la</strong>re<br />

effervescenza», commenta Paolo Bocch<strong>in</strong>i, amm<strong>in</strong>istratore<br />

delegato del gruppo. «Nonostante ciò però siamo riusciti a<br />

migliorare <strong>la</strong> nostra performance anche <strong>in</strong> <strong>questo</strong> contesto.<br />

Nel 2007 abbiamo <strong>in</strong>fatti registrato un più 10 per cento<br />

rispetto all’anno precedente».<br />

Dopo il 2006, che ha visto il gruppo co<strong>in</strong>volto <strong>in</strong> una<br />

forte ristrutturazione, nell’anno successivo i primi frutti di<br />

questa operazione con un aumento dei volumi prodotti e<br />

del personale e dieci nuovi addetti al<strong>la</strong> produzione impiegati<br />

nel<strong>la</strong> S.T. Steel Technologies, l’altra realtà del gruppo<br />

che produce elementi tecnologici, complementare al<strong>la</strong> Bocch<strong>in</strong>i:<br />

500 vetr<strong>in</strong>e due anni fa, oggi 1250. «Investendo e<br />

scommettendo dunque – spiega l’amm<strong>in</strong>istratore delegato –<br />

anche sul territorio e sul<strong>la</strong> qualità del <strong>la</strong>voro qui, fra queste<br />

mura». Nel 2007 il gruppo ha fatturato 20 milioni di euro,<br />

di cui 13 milioni e mezzo nel settore arredo, e 6 milioni e<br />

mezzo nell’ambito del Contract, ovvero arredamento di<br />

esercizi pubblici, Horeca (Hotel-restaurant-cater<strong>in</strong>g) e banche<br />

con soluzione chiavi <strong>in</strong> mano. «Quello del contract –<br />

spiega ancora Paolo Bocch<strong>in</strong>i – è un settore nato con l’azienda,<br />

ma che poi si è evoluto: ad un certo punto il mercato<br />

non si è più accontentato del c<strong>la</strong>ssico e tradizionale<br />

bancone, ma ha richiesto un co<strong>in</strong>volgimento da parte degli<br />

operatori a 360 gradi». Tradotto: essere per il cliente l’unico<br />

referente, dallo sviluppo del concept <strong>la</strong>yout al<strong>la</strong> progettazione<br />

architettonica degli impianti e degli arredi, passando<br />

dal<strong>la</strong> valutazione economica dei diversi <strong>in</strong>terventi e, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e,<br />

approdando al<strong>la</strong> gestione e al controllo delle operazioni<br />

pratiche. «Ovviamente garantendo il post vendita. Il segreto<br />

del successo, dunque, sta nell’essere al tempo stesso<br />

progettisti e produttori, condizione questa che permette di<br />

ottimizzare le caratteristiche del prodotto, rispondendo <strong>in</strong><br />

modo puntuale e mirato alle esigenze del cliente».<br />

Nascono così col<strong>la</strong>borazioni con il mondo bancario: UBI<br />

Banca, Carifac, Unicredit, BNL, Intesa San Paolo, Antonveneta,<br />

Banca Marche. E così anche le col<strong>la</strong>borazioni nel<br />

settore dell’Horeca, <strong>in</strong> Italia e nel mondo, da Mi<strong>la</strong>no a<br />

Catania, dall’Europa del Nord agli Stati Uniti, dal Regno<br />

Unito all’Arabia Saudita. «Il mercato estero – sottol<strong>in</strong>ea<br />

Bocch<strong>in</strong>i – rappresenta il 50% del<strong>la</strong> nostra produzione, e<br />

l’obiettivo per il 2008 sarà quello di crescere arrivando<br />

anche al 60%». E ancora. «Attualmente <strong>la</strong> peniso<strong>la</strong> scan-<br />

d<strong>in</strong>ava e il Nord Europa <strong>in</strong> generale rappresentano i maggiori<br />

clienti per il nostro gruppo, con i quali abbiamo<br />

com<strong>in</strong>ciato a <strong>la</strong>vorare già negli anni Novanta. Molte sono<br />

<strong>in</strong>fatti le catene <strong>in</strong> cui siamo presenti, anche perché sono<br />

luoghi dove è molto apprezzato il ge<strong>la</strong>to mantecato italiano,<br />

quello vero e artigianale del nostro Paese. La nostra,<br />

<strong>in</strong>fatti, è una “battaglia” non solo combattuta sul<strong>la</strong> tecnologia,<br />

l’<strong>in</strong>novazione e <strong>la</strong> ricerca, ma anche sul gusto per i<br />

prodotti alimentari italiani che è molto forte all’estero».<br />

Da qui l’attività di Bocch<strong>in</strong>i spa per <strong>la</strong> ricerca e lo sviluppo<br />

di tecnologie <strong>in</strong> grado di esaltare il made <strong>in</strong> Italy,<br />

coniugando design, tecnologia del freddo e funzionalità.<br />

«Ad esempio, il ge<strong>la</strong>to artigianale è molto delicato nel<strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> conservazione – spiega ancora l’amm<strong>in</strong>istratore delegato<br />

– e ha bisogno di una temperatura costante e omogenea<br />

<strong>in</strong> tutte le parti del piano espositivo. Noi <strong>la</strong>voriamo<br />

su <strong>questo</strong>: valorizziamo l’alimento attraverso <strong>la</strong> tecnologia».<br />

Così dal<strong>la</strong> ricerca nascono le fibre ottiche <strong>in</strong> grado di<br />

trasportare <strong>la</strong> luce nel bancone senza riscaldare i prodotti<br />

esposti, esaltandone i colori reali. Veri. «Con un risparmio<br />

energetico del 70 per cento rispetto ai metodi tradizionali».<br />

E sull’<strong>in</strong>novazione Paolo Bocch<strong>in</strong>i spiega che circa il 20<br />

per cento del fatturato annuo viene <strong>in</strong>vestito <strong>in</strong> ricerca e<br />

sviluppo. «Un settore fondamentale per v<strong>in</strong>cere una concorrenza<br />

che per il 90 per cento proviene dall’Italia stessa,<br />

concentrandosi soprattutto nel distretto Marche-Umbria, <strong>in</strong><br />

35<br />

BOCCHINI SPA<br />

60030 Monsano (An) Italia<br />

S.P. 76 km. 66,9 • tel +39 0731.2341<br />

fax +39 0731.60861<br />

<strong>in</strong>fo@bocch<strong>in</strong>i.it • www.bocch<strong>in</strong>i.com<br />

A s<strong>in</strong>istra Paolo Bocch<strong>in</strong>i,<br />

amm<strong>in</strong>istratore delegato del<br />

gruppo; sotto: l’entrata del<strong>la</strong><br />

sede del<strong>la</strong> Bocch<strong>in</strong>i S.p.A. a<br />

Monsano e <strong>la</strong> ST Steel<br />

Technologies a Jesi, azienda<br />

del Gruppo Bocch<strong>in</strong>i.<br />

un mercato dove ormai il prodotto ha un ciclo di vita che si<br />

esaurisce <strong>in</strong> poco tempo. Lavorare <strong>in</strong> questa direzione allora<br />

significa <strong>in</strong>vestire per il futuro, puntando sull’orig<strong>in</strong>alità,<br />

sui contenuti tecnologici e sul<strong>la</strong> funzionalità. Per <strong>questo</strong><br />

siamo ora co<strong>in</strong>volti <strong>in</strong> un progetto di <strong>in</strong>dustrial design per<br />

una serie di prodotti che prossimamente svilupperemo e<br />

presenteremo». Nessun’altra anticipazione. Il mercato,<br />

dunque, rappresenta uno stimolo, ma anche una sfida.<br />

«Conoscendolo, con il tempo abbiamo migliorato le<br />

nostre performance. Abbiamo <strong>la</strong>vorato molto sulle condizioni<br />

di vendita – spiega Paolo Bocch<strong>in</strong>i – rendendo più capil<strong>la</strong>re<br />

<strong>la</strong> presenza <strong>in</strong> una determ<strong>in</strong>ata area e modificandone<br />

l’approccio: meno rapporti con il cliente f<strong>in</strong>ale, più, al contrario,<br />

con rivenditori, importatori, concessionari e arredatori<br />

locali <strong>in</strong> grado di filtrare e captare meglio le richieste che<br />

arrivano dal mercato stesso». Inoltre, ampliamento del<strong>la</strong><br />

gamma di prodotti per renderli più accessibili, senza però<br />

penalizzarne <strong>la</strong> qualità. Come? Standardizzando <strong>la</strong> produzione<br />

<strong>in</strong>terna grazie allo stabilimento S.T. Steel Technologies<br />

e <strong>in</strong>dustrializzando <strong>la</strong> modu<strong>la</strong>rità che per Bocch<strong>in</strong>i spa significa<br />

creare affasc<strong>in</strong>anti ambientazioni ed arredi su misura<br />

utilizzando moduli tecnologici metallici di ampia gamma e di<br />

alta qualità. Dunque, per il 2008 <strong>la</strong> paro<strong>la</strong> chiave è crescita:<br />

22 milioni di euro il fatturato di previsione, più 10% rispetto<br />

all’anno scorso; più 5% sul mercato nazionale e più 10%<br />

su quello estero. Sfide <strong>in</strong> perfetto stile italiano.


36 ASSOCIAZIONI<br />

Nelle monete e nelle medaglie<br />

<strong>la</strong> storia di Jesi<br />

Il Circolo fi<strong>la</strong>telico e numismatico Federico II è nato ufficialmente<br />

a Jesi, <strong>in</strong> via Pergolesi, nel 2002. In realtà, l’esistenza di medaglie<br />

emesse di anno <strong>in</strong> anno, <strong>in</strong> occasione di ogni convegno commerciale,<br />

ne rive<strong>la</strong> l’esistenza f<strong>in</strong> dal 1947.<br />

testo e foto di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

Con il presidente, cav. Gilberto Luconi, abbiamo par<strong>la</strong>to<br />

dell’attività del Circolo.<br />

In che cosa consiste il convegno commerciale?<br />

«Si tratta di un convegno locale che si svolge a gennaio<br />

a Jesi, presso il Pa<strong>la</strong>zzetto del<strong>la</strong> Scherma, con l’ampia adesione<br />

di commercianti del posto e di altre regioni. Ma non<br />

è l’unico convegno a cui prendono parte i soci durante l’anno<br />

perché <strong>la</strong> loro partecipazione si estende anche a convegni<br />

esterni più importanti, durante i quali essi si scambiano<br />

<strong>in</strong>formazioni e materiali, si aggiornano sulle novità e<br />

cercano di reperire pezzi <strong>in</strong>trovabili o di un certo costo».<br />

Oltre al convegno, cos’altro fate?<br />

«Per le attività culturali, ci <strong>in</strong>contriamo <strong>la</strong> domenica<br />

matt<strong>in</strong>a al Circolo, <strong>in</strong> via Pergolesi. Teniamo una riunione<br />

una volta all’anno, durante <strong>la</strong> quale discutiamo dell’andamento<br />

del Circolo e programmiamo le attività per l’anno<br />

successivo. In questa occasione decidiamo il tema per <strong>la</strong><br />

coniazione delle medaglie, che può <strong>in</strong>vestire il solo territorio<br />

locale oppure estendersi anche a livello nazionale e<br />

<strong>in</strong>ternazionale. Le medaglie emesse <strong>in</strong> questi primi anni<br />

dell’associazione, hanno avuto rispettivamente, come soggetti,<br />

Federico II, Lorenzo Lotto, il Teatro Pergolesi, <strong>la</strong><br />

Savoia Marchetti, <strong>la</strong> Stazione ferroviaria, il Palio, il <strong>la</strong>voro<br />

nelle Fi<strong>la</strong>nde».<br />

In che materiale vengono coniate le medaglie?<br />

«Bronzo, argento e, per una tiratura molto bassa, <strong>in</strong><br />

una lega di bronzo e argento p<strong>la</strong>ccato oro (quello che noi<br />

chiamiamo trittico)».<br />

A chi sono dest<strong>in</strong>ate?<br />

«Una campionatura resta al Circolo, le altre vengono<br />

distribuite ai soci e a chiunque ne faccia richiesta.<br />

Generalmente le realizziamo su prenotazione. Per quanto<br />

riguarda le monete, <strong>in</strong>vece, al Circolo abbiamo diversi<br />

cataloghi per aggiornarci sulle nuove emissioni, sia a livello<br />

europeo che mondiale. Abbiamo anche dei volumi che,<br />

attraverso <strong>la</strong> presentazione delle varie monete emesse nel<br />

corso dei secoli, raccontano <strong>la</strong> storia di ogni Paese».<br />

L’attività del Circolo, dunque, su cosa si <strong>in</strong>centra<br />

maggiormente?<br />

«Sul<strong>la</strong> fornitura del materiale da collezione sia per il<br />

filone del<strong>la</strong> numismatica a livello mondiale, che per quello<br />

del<strong>la</strong> fi<strong>la</strong>telia, quest’ultima circoscritta all’Italia, al Vaticano<br />

e a San Mar<strong>in</strong>o. Il Circolo si fa carico di fornirlo ai soci a<br />

costo di emissione».<br />

Siete riusciti a recuperare qualche vecchia moneta<br />

che circo<strong>la</strong>va a Jesi?<br />

«Anche se Jesi pare non abbia mai battuto moneta,<br />

siamo riusciti a recuperare pezzi che circo<strong>la</strong>vano nel<strong>la</strong> città<br />

s<strong>in</strong> dal periodo federiciano».<br />

Bisognerebbe promuovere qualche <strong>in</strong>iziativa sul<strong>la</strong><br />

moneta e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> storia, il suo valore, il valore del<br />

risparmio…<br />

«La moneta <strong>in</strong> effetti non è solo storia, situazione politica<br />

e sociale, ma è anche economia. Rappresenta l’economia<br />

di una nazione, di una famiglia. Pensiamo al<strong>la</strong> moneta<br />

tosata, che i nobili, nelle varie epoche e <strong>in</strong> situazioni di<br />

bisogno, facevano ritagliare nei bordi per recuperare<br />

metallo pregiato. Abbiamo pensato di organizzare mostre<br />

e concorsi; nel mese di settembre sarà allestita al Pa<strong>la</strong>zzo<br />

dei Convegni un’importante mostra sulle Fi<strong>la</strong>nde jes<strong>in</strong>e.<br />

L’avvenimento sarà suggel<strong>la</strong>to dall’emissione<br />

di una bellissima medaglia che avrà come<br />

soggetto, appunto, fi<strong>la</strong>ndaie al <strong>la</strong>voro».<br />

A fianco<br />

Gilberto Luconi<br />

PERSONAGGI<br />

Bob Card<strong>in</strong>ali e le sue canzoni<br />

Dal cabaret al<strong>la</strong> musica. Una vita di<br />

ricordi rianimati dal suo primo cd<br />

“My Songs”.<br />

di maddalena braconi<br />

Sicuramente un “personaggio” Bob Card<strong>in</strong>ali, cabarettista<br />

e cantante jes<strong>in</strong>o. Considerata <strong>la</strong> mia giovane età, non lo<br />

conoscevo ma ho capito che nel<strong>la</strong> cerchia del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> generazione,<br />

a Jesi, gode sicuramente di popo<strong>la</strong>rità. Grazie al<strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> disponibilità sono riuscita a recuperare alcune <strong>in</strong>formazioni<br />

e a realizzare un’<strong>in</strong>teressante <strong>in</strong>tervista.<br />

Come nasce l’idea di fare un cd autof<strong>in</strong>anziato?<br />

«C’era <strong>la</strong> necessità di avere un documento tangibile di<br />

quello che, più o meno, ho fatto per 45 anni. Inoltre mi<br />

piaceva l’idea di <strong>la</strong>sciare un ricordo gradevole di me ai miei<br />

figli e nipoti».<br />

Come è stato per lei l’impatto con una casa discografica?<br />

«Come casa discografica ho scelto <strong>la</strong> “Fast Records” di<br />

Rosora <strong>in</strong> quanto ero a conoscenza del<strong>la</strong> competenza di chi<br />

vi <strong>la</strong>vorava e volevo un documento ben realizzato. Per me<br />

entrare <strong>in</strong> una realtà come questa è stata una grande soddisfazione<br />

personale. Quando ero giovane ascoltavo M<strong>in</strong>a,<br />

Celentano e tanti altri cantanti, ma vedevo il loro <strong>la</strong>voro<br />

come qualcosa di magico e lontano, un sogno irrealizzabile.<br />

Non immag<strong>in</strong>avo che un giorno mi sarei avvic<strong>in</strong>ato a<br />

<strong>questo</strong> mondo. Per una persona che canta dal 1963 come<br />

me, questa è stata un’esperienza unica ed emozionante».<br />

Come nasce un disco come il suo?<br />

«All’<strong>in</strong>izio si presenta una traccia di quello che si vuole<br />

fare, poi pian piano s’<strong>in</strong>izia a cantare, ma ovviamente non<br />

è buona <strong>la</strong> prima. Ci sono molte ore di <strong>la</strong>voro e c’è <strong>la</strong> pos-<br />

37<br />

sibilità di realizzare <strong>la</strong> canzone pezzo per pezzo e poi<br />

rimontar<strong>la</strong> aff<strong>in</strong>ché venga nel miglior modo possibile.<br />

Naturalmente io non mi sono sottratto all’utilizzo di tutte<br />

quelle nuove tecnologie che ci sono oggi».<br />

Quale cosa l’ha colpita di più di questa esperienza?<br />

«Quando ho term<strong>in</strong>ato d’<strong>in</strong>cidere <strong>la</strong> canzone, pensavo<br />

che il più fosse fatto, <strong>in</strong>vece ho capito che da lì <strong>in</strong>izia un<br />

secondo <strong>la</strong>voro di rifacimento. La tua voce viene presa<br />

come base, ma <strong>la</strong> musica di sottofondo del<strong>la</strong> canzone è<br />

tutta rie<strong>la</strong>borata cambiando batterie, toni, <strong>in</strong>serendo fiati,<br />

archi, cori e seconde voci. Tutto naturalmente realizzato<br />

con il computer. L’effetto f<strong>in</strong>ale è sorprendente».<br />

In base a quale criterio ha scelto <strong>la</strong> scaletta dei<br />

titoli?<br />

«Poiché con <strong>questo</strong> cd <strong>in</strong>tendo rivisitare e re<strong>in</strong>terpretare<br />

quel<strong>la</strong> musica che amavo da giovane e che poi mi sono<br />

portato dietro negli anni, il taglio che ho scelto nel<strong>la</strong> disposizione<br />

dei titoli è assolutamente cronologico. Dalle<br />

canzoni da night degli anni ’50-’60, molto lente, appartenenti<br />

a complessi americani come i “P<strong>la</strong>tters” f<strong>in</strong>o al blues<br />

nero di “Don’t answer the door” di B.B K<strong>in</strong>g e poi soul più<br />

recenti come “Chicago” dei Blues Brothers».<br />

Ci sono delle canzoni a cui è più affezionato?<br />

«Sì, amo soprattutto “My dream”, “Mia”, “Chicago” e<br />

soprattutto “Non voglio pietà” di un autore sconosciuto.<br />

Quest’ultima, <strong>in</strong>oltre, è l’unica del cd <strong>in</strong> cui i cori sono stati<br />

registrati dal vero. Vorrei sottol<strong>in</strong>eare che le mie scelte<br />

non sono legate a situazioni partico<strong>la</strong>ri, ma esclusivamente<br />

a preferenze sonore appartenenti agli anni del<strong>la</strong> mia<br />

giov<strong>in</strong>ezza».<br />

A chi consiglierebbe l’acquisto di “My Songs”?<br />

«Ai miei amici più <strong>in</strong>timi perché sicuramente condividiamo<br />

ricordi sonori comuni e poi sicuramente a quelli<br />

appartenenti ad una fascia d’età superiore ai 35 anni che<br />

amano le rivisitazioni di queste musiche da night».<br />

Dov’è <strong>in</strong> vendita attualmente il cd?<br />

«All’edico<strong>la</strong> <strong>in</strong> piazza del<strong>la</strong> Repubblica, al<strong>la</strong> “Casa del<br />

Disco”, all’edico<strong>la</strong> Marani e a quel<strong>la</strong> di fronte al<strong>la</strong> Chiesa<br />

delle Grazie che si trovano <strong>in</strong> corso Matteotti a Jesi».<br />

Se potesse tornare <strong>in</strong>dietro cambierebbe qualcosa<br />

di <strong>questo</strong> cd?<br />

«Sì, mi piacerebbe alternare dei brani lenti ad alcuni<br />

più movimentati e selezionare delle canzoni meno conosciute,<br />

anche <strong>in</strong>edite. Magari lo farò nel prossimo cd…».


38 CULTURA<br />

Museo Utensilia<br />

Un piccolo, autarchico, eco-compatibile mondo antico<br />

di maria pett<strong>in</strong>ari - foto di augusto giglietti<br />

Era il 17 maggio del 1986 quando a Morro d’Alba venne<br />

<strong>in</strong>augurato, nei locali del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> elementare, Utensilia<br />

il Museo del<strong>la</strong> Cultura Mezzadrile su <strong>in</strong>iziativa del prof.<br />

Sergio Anselmi e delle amm<strong>in</strong>istrazioni comunali di Morro<br />

d’Alba e Senigallia. Una targa <strong>in</strong> ricordo del “Professore”,<br />

come <strong>in</strong> molti lo ricordano, campeggia all’<strong>in</strong>gresso<br />

del<strong>la</strong> nuova sede <strong>in</strong>augurata sabato 5 aprile. Intellettuale<br />

e punto di riferimento del<strong>la</strong> storia economico-sociale<br />

delle Marche, è stato l’ideatore e direttore del Mu-<br />

seo del<strong>la</strong> Storia del<strong>la</strong> Mezzadria di Senigallia dal 1978,<br />

anno di apertura, f<strong>in</strong>o al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> scomparsa nel 2003.<br />

Il Museo Utensilia nasce come una sezione distaccata,<br />

ma allo stesso tempo ha un percorso storico diverso.<br />

Una parte del<strong>la</strong> collezione viene <strong>in</strong>fatti dal museo senigalliese,<br />

ma importanti negli anni sono state le donazioni<br />

degli abitanti di Morro d’Alba. Si tratta di una raccolta<br />

di utensili da <strong>la</strong>voro del mezzadro, catalogata sotto il<br />

profilo storico ed economico-culturale, che non solo<br />

testimonia del <strong>la</strong>voro nelle campagne marchigiane, ma<br />

anche del<strong>la</strong> filosofia di vita, di quel<strong>la</strong> cultura del saper<br />

fare, che al<strong>la</strong> scomparsa del<strong>la</strong> mezzadria, è stata il perno<br />

del modello <strong>in</strong>dustriale ed economico marchigiano.<br />

Lo stesso Anselmi <strong>la</strong> def<strong>in</strong>ì “(...) una raccolta ragionata<br />

per compiere alcune ricognizioni nel<strong>la</strong> cultura<br />

materiale e nel<strong>la</strong> vita quotidiana del mondo produttivo<br />

mezzadrile. Pervaso da un ideale autarchico (...) <strong>questo</strong><br />

mondo produttivo raggiunge vette <strong>in</strong>eguagliate <strong>in</strong><br />

una <strong>in</strong>tegrazione sem<strong>in</strong>aturale con le risorse che l’ambiente<br />

circostante offre (...)”. Ora, questa testimonianza<br />

così importante del<strong>la</strong> nostra cultura ha trovato una<br />

sede prestigiosa, ricca di fasc<strong>in</strong>o e di storia, frutto di un<br />

<strong>la</strong>voro di recupero di alcuni locali sottostanti il Pa<strong>la</strong>zzo<br />

Comunale, nei sotterranei di quel<strong>la</strong> c<strong>in</strong>ta muraria così<br />

partico<strong>la</strong>re che caratterizza il paese.<br />

Il progetto di recupero e allestimento è stato affidato<br />

nel 2002 agli architetti Ermanno Tittarelli e Giuseppe<br />

Sgura. La c<strong>in</strong>ta muraria di Morro d’Alba è il risultato di<br />

diversi <strong>in</strong>terventi databili tra il XIII e il XV secolo. Nel<br />

1654 le autorità autorizzarono <strong>la</strong> costruzione di abitazioni<br />

sulle mura, ed ebbe così orig<strong>in</strong>e <strong>la</strong> cosiddetta<br />

“Scarpa”, esempio unico <strong>in</strong> Italia di camm<strong>in</strong>amento di<br />

ronda completamente coperto. La “Scarpa” nasce come<br />

costruzione fortificata capace di resistere agli attacchi<br />

e, a testimoniare il suo valore sotto il profilo militare,<br />

fu il ritrovamento del<strong>la</strong> più antica bombarda italiana <strong>in</strong><br />

ferro battuto del XIV secolo.<br />

Al di sotto di <strong>questo</strong> centro murato, si dipana una<br />

fitta rete di cunicoli ed androni, come una sorte di<br />

“paese sotterraneo” con un impianto architettonico di<br />

partico<strong>la</strong>re <strong>in</strong>teresse. Il recupero degli ambienti che<br />

man mano tornavano al<strong>la</strong> luce, ha seguito <strong>la</strong> logica dell’ottimizzazione<br />

e del massimo rispetto filologico: un<br />

pezzo di storia marchigiana si appresta a fare da cornice<br />

ad altri pezzi di storia. Il risultato è affasc<strong>in</strong>ante.<br />

La visita a Utensilia si snoda attraverso otto sale<br />

tematiche dove vengono raccontate e documentate<br />

materie prime, <strong>la</strong>vorazioni e stili di vita che appartengono<br />

ad un passato prossimo scomparso per sempre<br />

ma che <strong>in</strong> qualche modo racchiude l’essenza del nostro<br />

essere marchigiani e <strong>la</strong> storia del nostro territorio.<br />

La prima sa<strong>la</strong> documenta il <strong>la</strong>voro dell’artigiano più<br />

importante: il fabbro e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> bottega arredata con<br />

mantice, forgia e <strong>in</strong>cud<strong>in</strong>e. Il suo <strong>la</strong>voro era fondamentale<br />

per <strong>la</strong> realizzazione di ferri da cavallo e da bov<strong>in</strong>o ma<br />

anche per <strong>la</strong> realizzazione degli strumenti da <strong>la</strong>voro come<br />

le falci fienaie, le roncole, i martelli, i picconi e i felc<strong>in</strong>i.<br />

In questa comunità scandita dal ritmo delle stagioni,<br />

durante i mesi <strong>in</strong>vernali quando il <strong>la</strong>voro nei campi dim<strong>in</strong>uiva,<br />

ci si dedicava al<strong>la</strong> creazione di manufatti, ad attività<br />

come l’impagliatura di sedie e <strong>la</strong> produzione di cesti,<br />

cr<strong>in</strong>e e cr<strong>in</strong>elle, <strong>in</strong>trecciati con vim<strong>in</strong>i, canna o g<strong>in</strong>estrel<strong>la</strong>,<br />

tutte <strong>in</strong> bel<strong>la</strong> mostra nel<strong>la</strong> sa<strong>la</strong> dei manufatti. Non<br />

solo oggetti utili ma anche strumenti musicali costruiti<br />

con canne e legno come gli zufoli e le raganelle.<br />

Ma <strong>in</strong> <strong>questo</strong> piccolo mondo antico <strong>in</strong> cui tutto ciò<br />

che il territorio offriva veniva usato per <strong>la</strong> vita quotidiana<br />

e <strong>la</strong>vorativa del contad<strong>in</strong>o, quali erano le materie<br />

prime più utilizzate? La risposta nel<strong>la</strong> terza sa<strong>la</strong><br />

dove troviamo il legno, <strong>la</strong> pietra, <strong>la</strong> canna, il vim<strong>in</strong>e, <strong>la</strong><br />

39<br />

g<strong>in</strong>estra e <strong>la</strong> canapa. Il viaggio cont<strong>in</strong>ua con <strong>la</strong> sa<strong>la</strong><br />

del<strong>la</strong> fi<strong>la</strong>tura e tessitura con l’antico te<strong>la</strong>io ed il cardatore<br />

per <strong>la</strong> <strong>la</strong>na, i fusi e gli arco<strong>la</strong>i per i gomitoli, le<br />

naspe per le matasse. Le donne confezionavano il<br />

necessario per <strong>la</strong> casa, come strof<strong>in</strong>acci, lenzuo<strong>la</strong>, ed il<br />

vestiario per tutta <strong>la</strong> famiglia. La colorazione avveniva<br />

anch’essa con sostanze naturali, ad esempio il marrone<br />

con il mallo di noce ed il giallo con <strong>la</strong> g<strong>in</strong>estrel<strong>la</strong>.<br />

Nel<strong>la</strong> sa<strong>la</strong> dei mezzi da trasporto troneggia un<br />

bellissimo biroccio rosso fiammante del 1942 con le<br />

fiancate decorate secondo <strong>la</strong> tradizione con motivi floreali<br />

e l’immag<strong>in</strong>e di Sant’Antonio. Ma forse l’attrezzo<br />

più “curioso” è <strong>la</strong> treggia o strascì come ho sentito dire<br />

da un gruppo di signori <strong>in</strong> visita al museo. Una specie<br />

di rudimentale slitta di legno tra<strong>in</strong>ata da buoi sull’utilizzo<br />

specifico del<strong>la</strong> quale il simpatico gruppo di visitatori<br />

si è diviso: chi sosteneva servisse per il trasporto<br />

del foraggio chi del letame.<br />

La sa<strong>la</strong> dedicata al<strong>la</strong> cant<strong>in</strong>a ci suona un po’ più<br />

familiare con le sue botti di rovere, i rub<strong>in</strong>etti e l’antico<br />

torchio completamente <strong>in</strong> legno di quercia e olmo. La<br />

cuc<strong>in</strong>a è <strong>in</strong>vece un’autentica sorpresa con l’impastatrice<br />

<strong>in</strong> legno per <strong>la</strong> <strong>la</strong>vorazione del pane che veniva realizzato<br />

con cereali come il miglio, il granoturco o <strong>la</strong> far<strong>in</strong>a<br />

di ghiande. C’è anche un mul<strong>in</strong>o a mano per mac<strong>in</strong>are<br />

grano, orzo e mais.<br />

Inf<strong>in</strong>e il <strong>la</strong>voro nei campi rappresentato da un<br />

grande aratro di legno. Alle pareti zappe, forconi, vanghe,<br />

falci e roncole. Ci sono anche i trefoli ed i torcitoi<br />

per <strong>la</strong> fabbricazione delle corde.<br />

La visita è term<strong>in</strong>ata, ma <strong>la</strong> sensazione di essersi<br />

riappropriati di un pezzetto del<strong>la</strong> nostra storia rimarrà<br />

per molto tempo ancora.<br />

Il Museo Utensilia di Morro d’Alba aderisce al Sistema<br />

Museale del<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia di Ancona e da domenica 6 aprile al 30<br />

giugno sarà aperto tutte le domeniche dalle ore 15 alle 19. Dal<br />

1 luglio al 31 agosto nei giorni di venerdì, sabato e domenica<br />

dalle ore 17 alle 20, il sabato anche dalle 21 alle 23.


40 EVENTI<br />

San Floriano 2008<br />

Jesi ritorna nel Medioevo con <strong>la</strong> XIII edizione del Palio di San Floriano. Si <strong>in</strong>izia con il 30<br />

aprile per proseguire poi dal 2 al 4 maggio. Nelle piazze e vie del centro storico mangiafuoco,<br />

falconieri, sbandieratori, tambur<strong>in</strong>i, figuranti ed armati presenteranno nuovi spettacoli<br />

e coreografie.<br />

PROGRAMMA MANIFESTAZIONE PALIO DI SAN FLORIANO 2008<br />

Mercoledì 30 aprile<br />

ore 18.00 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - Torneo di calcetto <strong>in</strong> abiti<br />

storici<br />

ore 21.30 piazza delle Monnighette - Esibizione arcieri<br />

Venerdì 2 maggio<br />

ore 16.30 “Scampanel<strong>la</strong>ta de San Fiorà”, tradizionale scampanel<strong>la</strong>ta<br />

dei bamb<strong>in</strong>i per le vie del centro storico, a cura del<strong>la</strong><br />

circoscrizione Jesi Centro<br />

ore 18.00 centro storico - M<strong>in</strong>icorteo per l’annuncio dell’<strong>in</strong>izio<br />

del palio (araldo, tamburi, chiar<strong>in</strong>e, popo<strong>la</strong>ne)<br />

ore 18.30 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - Calcetto bamb<strong>in</strong>i<br />

ore 21.00 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - F<strong>in</strong>ale torneo di calcetto <strong>in</strong><br />

abiti storici<br />

ore 21.15 piazza Colocci - Arcieri: gara dei quartieri<br />

ore 22.00 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - Esibizione gruppo sbandieratori<br />

Sabato 3 maggio<br />

ore 16.00/18.30 piazza Spont<strong>in</strong>i - Torneo di scacchi per ragazzi<br />

ore 16.30 piazza Baccio Pontelli - Accampamento armati gruppo<br />

Avalon, artigiani ed animatori, Centro Sociale di Roncitelli.<br />

piazza Colocci - Accampamento armati <strong>la</strong> Pandolfaccia di Fano.<br />

ore 16.30 chiesa San Nicolò - Partenza corteo storico con <strong>la</strong><br />

presenza dei s<strong>in</strong>daci del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a. Ospiti: <strong>la</strong> Pandolfaccia di<br />

Fano, gruppo La Castel<strong>la</strong>na di Scapezzano, Arcieri del Leone di<br />

San Marcello, gruppo di Waibl<strong>in</strong>gen<br />

ore 17.30 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - cerimonia. L’emporio delle<br />

parole, sorteggio ed abb<strong>in</strong>amento degli arcieri ai comuni, esibizione<br />

di mangiafuoco e tambur<strong>in</strong>i<br />

ore 18.30 piazza Federico II - Esibizione falconieri l’Antico volo<br />

ore 18.45 chiesa San Settimio (Duomo) - Cerimonia religiosa<br />

con i figuranti<br />

ore 19.15 piazza Spont<strong>in</strong>i - F<strong>in</strong>ale di scacchi, con scacchiera gigante,<br />

tra ragazzi<br />

ore 19.45 piazza Federico II - Esibizione Falconieri. Partenza<br />

corteo storico, trasferimento a piazza Baccio Pontelli<br />

ore 20.00 piazza Ghislieri - Accampamento armati ed esibizione<br />

giocolieri e mangiafuoco. piazza Colocci - Accampamento armati<br />

<strong>la</strong> Pandolfaccia di Fano<br />

ore 21.15 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - Sbandieratori Jesi, tiro del<strong>la</strong><br />

fune gruppo di Fermo. piazza Federico II - Falconieri l’Antico<br />

volo - piazza Baccio Pontelli, giard<strong>in</strong>i delle Carceri - Elim<strong>in</strong>atorie<br />

torneo degli arcieri<br />

ore 22.00 piazza Colocci - Mangiatore di spade. Piazza Federico<br />

II - Jesi protagonista del<strong>la</strong> storia: da Federico II a Valeria<br />

Moriconi<br />

ore 22.30 piazza Baccio Pontelli - F<strong>in</strong>ale Torneo degli arcieri per<br />

l’assegnazione del Palio<br />

Domenica 4 maggio<br />

ore 09.00/14.30 chiesa S. Nicolò - Concorso di pittura estemporanea<br />

“Jesi, de te me piace…” organizzata dall’associazione<br />

“Giù pe’ Sant’Anna”<br />

ore 16.00 piazza Colocci - Accampamento armati <strong>la</strong> Pandolfaccia<br />

di Fano<br />

ore 16.30 chiesa San Nicolò - Partenza Corteo storico che attraverserà<br />

il centro per giungere <strong>in</strong> piazza Federico II e piazza<br />

Baccio Pontelli<br />

ore 17.45 piazza del<strong>la</strong> Repubblica - Esibizione gruppo tambur<strong>in</strong>i<br />

e sbandieratori<br />

ore 18.20 piazza Federico II - Esibizione armati gruppo <strong>la</strong><br />

Pandolfaccia di Fano<br />

ore 18.30 piazza Baccio Pontelli - Artigiani di Roncitelli, esibizione<br />

falconiere di Cor<strong>in</strong>aldo<br />

ore 19.30 piazza Baccio Pontelli - Esibizione armati Gruppo<br />

Avalon<br />

ore 21.15 piazza Baccio Pontelli - Animazione, premiazioni tornei,<br />

assegnazione “Pallio” al comune v<strong>in</strong>citore, estrazione del<strong>la</strong><br />

lotteria<br />

ore 22.45 piazza Baccio Pontelli - Fuochi d’artificio a cura del<strong>la</strong><br />

Fonti Pirotecniche<br />

Dal 25 aprile al 4 maggio - chiesa di San Bernardo, via Valle -<br />

mostra di Calcografia.<br />

Dal 3 al 4 maggio - Bottega Equo e Solidale <strong>in</strong> piazza - piazza<br />

Repubblica locale Pro Loco.<br />

Durante le serate, nel centro storico di Jesi: esibizione gruppo<br />

tamburi, animazione figuranti e apertura taverne.<br />

Tutti gli spettacoli sono ad <strong>in</strong>gresso libero.<br />

Il ricavato del<strong>la</strong> lotteria del Palio verrà devoluto allo I.O.M. di<br />

Jesi e Valles<strong>in</strong>a.<br />

Per maggiori dettagli: www.paliodisanfloriano.com<br />

e-mail: <strong>in</strong>fo@paliodisanfloriano.com<br />

PERSONAGGI<br />

Una pittura ideologica<br />

Risolute conv<strong>in</strong>zioni e “lievito resistenziale” di fronte ai traumi del<strong>la</strong> storia contemporanea<br />

nel<strong>la</strong> pittura di Mar<strong>in</strong>o Badiali<br />

di attilio coltorti<br />

“Tutto il nostro fare, tutto il nostro sapere, tutto il nostro<br />

essere è <strong>in</strong> sostanza il prodotto del nostro reagire<br />

d<strong>in</strong>anzi al<strong>la</strong> realtà” (Lukacs)<br />

Una nuova stagione d’impegno sociale o politico<br />

attende l’artista d’oggi. Emergenze umanitarie di ogni<br />

tipo, <strong>in</strong>term<strong>in</strong>abili conflitti etnici, contrapposizioni sempre<br />

più nette fra civiltà, terrorismo, ecc.<br />

Eventi di una tragicità tale che sembrano aver fatto<br />

perdere agli uom<strong>in</strong>i i lumi del<strong>la</strong> ragione e risposte politiche<br />

che <strong>la</strong>sciano spesso perplessi sul<strong>la</strong> loro reale efficacia,<br />

specialmente quando si ricorre all’uso delle armi<br />

(per quanto <strong>in</strong>telligenti), stanno determ<strong>in</strong>ando nel campo<br />

41<br />

dell’arte una riflessione di cui, dal ’68 ad oggi, ci si era<br />

praticamente dimenticati.<br />

Ma <strong>la</strong> volontà di dare una risposta <strong>in</strong>dividuale, soggettiva<br />

a queste problematiche che stanno sempre più<br />

assumendo carattere globale, nasce anche dall’esigenza<br />

di opporsi al messaggio sublim<strong>in</strong>ale dei mass-media<br />

e al<strong>la</strong> loro pressante forza di per<strong>sua</strong>sione.<br />

Mar<strong>in</strong>o, <strong>la</strong> cui coscienza critica poggia su tre elementi<br />

fondamentali: una forte passione politica, una<br />

memoria storica sempre viva e nitida (a dispetto dei<br />

suoi anni) ed una curiosità costante per tutto ciò che di<br />

importante accade <strong>in</strong>torno a lui, confida nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> grande<br />

forza visionaria per tradurre <strong>in</strong> pittura, mediante<br />

una forma <strong>in</strong>genua ma sempre esplicita e diretta e un<br />

colore dal<strong>la</strong> forte valenza espressiva, <strong>la</strong> <strong>sua</strong> idea che si<br />

è fatto del mondo, e delle forze sociali, politiche, economiche<br />

e religiose che lo rego<strong>la</strong>no.<br />

Il risultato è una pittura ideologica. Le condanne<br />

rivolte agli Usa e al grande Capitalismo <strong>in</strong> genere, agli<br />

Ebrei, al<strong>la</strong> Chiesa, ecc., sono palesi... Da <strong>questo</strong> punto<br />

di vista non c’è ambiguità. La pittura di Mar<strong>in</strong>o, che<br />

pure ha sempre un movente nell’attualità e nell’importanza<br />

storica dell’evento, coscientemente o no, att<strong>in</strong>ge<br />

i suoi elementi peculiari da diverse fonti: <strong>la</strong> grande storia<br />

dell’arte, il fumetto, gli ex voto, il repertorio figurativo<br />

simbolico-ideologico degli anni del<strong>la</strong> guerra fredda.<br />

Ma ciò che più di tutto <strong>in</strong>curiosisce ed affasc<strong>in</strong>a nei<br />

quadri di Mar<strong>in</strong>o Badiali è <strong>la</strong> grande passione politica<br />

che l’artista-uomo riesce ad <strong>in</strong>fondere <strong>in</strong> essi, rendendo<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> pittura efficace ed attuale.


42 SPORT<br />

I campioni<br />

del<strong>la</strong><br />

Marche<br />

Nuoto<br />

di eleonora dottori - foto di augusto giglietti<br />

Parliamo con orgoglio dello sport jes<strong>in</strong>o, i nomi che vengono<br />

<strong>in</strong> mente sono: Trill<strong>in</strong>i, Vezzali, Manc<strong>in</strong>i, e chi più ne ha<br />

più ne metta. Ma Jesi sforna anche altri campioni, <strong>in</strong> sport<br />

altrettanto importanti, come <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>nuoto e il nuoto agonistico.<br />

L'Italia <strong>in</strong>tera vanta una delle più illustri tradizioni<br />

pal<strong>la</strong>notiste, che hanno fatto <strong>la</strong> storia dello sport nazionale,<br />

con atleti che hanno v<strong>in</strong>to <strong>numero</strong>si titoli olimpici,<br />

diversi titoli mondiali ed europei. Ma fermiamoci qui, e torniamo<br />

a noi.<br />

«Sono diversi anni che <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>nuoto <strong>in</strong> Serie C va<br />

bene,» spiega orgoglioso Gianluigi Tra<strong>in</strong>i, allenatore di pal<strong>la</strong>nuoto<br />

del<strong>la</strong> Serie C e degli Under 15. «Anche quest’anno<br />

– cont<strong>in</strong>ua il giovane allenatore – stiamo facendo bene.<br />

Certo, manca ancora il primo posto, che è quello che conta,<br />

ma comunque i risultati non mancano. Siamo fiduciosi».<br />

Quali sono le trasferte del<strong>la</strong> Serie C?<br />

«Le trasferte del gruppo che è <strong>in</strong> C arrivano a Pescara<br />

come città più a sud, Ravenna quel<strong>la</strong> più a nord, ma ci spostiamo<br />

anche a Perugia».<br />

Nonostante i risultati, però, <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>nuoto è uno<br />

sport che raramente fa notizia. Secondo te, perché?<br />

«Sicuramente risente del<strong>la</strong> notorietà di altri sport come<br />

il calcio. Questo anche se abbiamo sfornato grandi giocatori.<br />

Due dei nostri, <strong>in</strong>fatti, sono approdati al<strong>la</strong> A2: Fosco<br />

Maria Rossi che ora gioca ad Ancona, e Alberto Tomassetti<br />

che sta a Bologna. Sono partiti da Jesi per <strong>la</strong> A2, questa è<br />

una picco<strong>la</strong> soddisfazione come tecnici e come società».<br />

La pal<strong>la</strong>nuoto subisce <strong>la</strong> forza del calcio? Qual è <strong>la</strong><br />

differenza rispetto allo “sport nazionale”?<br />

«Rispetto al calcio c’è secondo me più passione, per via<br />

dei soldi <strong>in</strong>nanzitutto. Noi qui vediamo il sacrificio di ragazz<strong>in</strong>i<br />

che tutte le sere vengono <strong>in</strong> pisc<strong>in</strong>a nonostante gli<br />

impegni sco<strong>la</strong>stici, e nessuno li retribuisce. È l’essenza<br />

vera dello sport, senza f<strong>in</strong>i di lucro. La pal<strong>la</strong>nuoto per me<br />

è stare <strong>in</strong> famiglia».<br />

Cosa deve avere un giocatore di pal<strong>la</strong>nuoto?<br />

«È uno sport molto selettivo, ci vuole una buona preparazione<br />

<strong>in</strong> tutti e quattro gli stili notatori. Attorno ai nove<br />

anni sarebbe l’età giusta per com<strong>in</strong>ciare».<br />

A livello di strutture, <strong>la</strong> realtà locale come risponde?<br />

«È dal 1996 che giochiamo <strong>in</strong> trasferta – racconta<br />

Gianluigi –. Questo avviene perché a Jesi non ci sono pisc<strong>in</strong>e<br />

adeguate per <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>nuoto. Nel<strong>la</strong> pisc<strong>in</strong>a comunale <strong>la</strong><br />

vasca non è rego<strong>la</strong>mentare per giocare. Siamo costretti ad<br />

andare fuori, a Fermo, a Civitanova e ad Ancona».<br />

Questo scoraggia i giovani di Jesi a praticare <strong>questo</strong><br />

sport?<br />

«Certo. Capita spesso che alcuni ragazzi che sono cresciuti<br />

con noi siano costretti ad andare altrove».<br />

Cosa comporta <strong>questo</strong> disagio per voi?<br />

«La mancanza di strutture comporta orari improbabili,<br />

soprattutto per i ragazzi che devono conciliare lo sport con<br />

<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>. Bisogna fare i salti mortali, anche se poi si ottengono<br />

anche tante soddisfazioni. Il problema delle strutture<br />

dovrebbe essere risolto, non si può portare tutti ad<br />

Ancona. Ci servono strutture più vic<strong>in</strong>e, anche perché que-<br />

sto farebbe <strong>in</strong> modo che i giovani si trattengano nelle varie<br />

discipl<strong>in</strong>e agonistiche. Abbiamo perso molti dei ragazzi più<br />

bravi che sono andati ad Ancona, anche se sono cresciuti<br />

qui. Dal canto nostro abbiamo stipu<strong>la</strong>to una col<strong>la</strong>borazione<br />

con <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>nuoto di Osimo, con <strong>la</strong> quale formiamo due<br />

squadre: i migliori Under 15 di Jesi si allenano con i migliori<br />

di Osimo, qui a Jesi. I migliori Under 17 di Jesi vanno ad<br />

Osimo, e giocano con i loro più validi elementi. E chi non<br />

partecipa a <strong>questo</strong> progetto può comunque allenarsi».<br />

I risultati del nuoto italiano possono favorire le<br />

iscrizioni a questa attività agonistica?<br />

«Dopo il successo del “sette rosa” alle scorse olimpiadi<br />

abbiamo avuto un boom di iscrizioni – spiega Silvana<br />

Brocani, vicepresidente del<strong>la</strong> Marche Nuoto. – Abbiamo<br />

istruttori validi e qualificati, e <strong>in</strong> quell’occasione avevamo<br />

anche una squadra di pal<strong>la</strong>nuoto femm<strong>in</strong>ile, ma se <strong>la</strong><br />

coperta è corta è <strong>in</strong>utile tirar<strong>la</strong>!»<br />

Ci sono anche le specialità del nuoto agonistico.<br />

Chi sono i giovani campioni emergenti?<br />

«Sofia Ciccarelli vanta il record regionale sui 100 metri<br />

rana; lei e Andrea Baioni, ai campionati regionali degli<br />

esordienti A, hanno conquistato tutti i primi posti <strong>in</strong> rana e<br />

misti. Altri risultati importanti li ha raggiunti Lucia Ceciliani<br />

e le staffette degli esordienti A e B, che ai campionati<br />

regionali si sono piazzate bene. Successi importanti nelle<br />

gare regionali anche per gli esordienti B, con Francesco<br />

Baioni e Carlo Lum<strong>in</strong>ari. Questo grazie agli allenatori che<br />

per gli esordienti A sono Walter Ridolfi e Crist<strong>in</strong>a Stronati,<br />

per <strong>la</strong> B è Mar<strong>in</strong>a Boria, e per i piccol<strong>in</strong>i del<strong>la</strong> C è Marco<br />

Archetti».<br />

Ottimi risultati anche nel nuoto dei disabili?<br />

«Sì, – risponde orgogliosa Lara Mucci, allenatrice del<strong>la</strong><br />

43<br />

squadra disabili <strong>in</strong>sieme a Riccardo Cecchi, Marco, Maura<br />

ed E<strong>la</strong><strong>in</strong>e – negli scorsi campionati italiani di nuoto per<br />

disabili fisici, che si sono tenuti i primi di marzo a Napoli,<br />

abbiamo v<strong>in</strong>to il titolo italiano nei 150 misti con Francesca<br />

Kos<strong>in</strong>ska che ha anche registrato il record italiano dei 50<br />

delf<strong>in</strong>o. Dal 31 gennaio Francesca <strong>la</strong>vora per <strong>la</strong> Marche<br />

Nuoto come istruttrice». Ma Lara ricorda anche un’altra<br />

campionessa: «Maria Bonvecchi ha v<strong>in</strong>to i 50 dorso. Il<br />

gruppo è cresciuto molto dal 2000 ad oggi, e più volte i<br />

record da loro stabiliti sono stati battuti. Per <strong>questo</strong> vorremo<br />

che l’Amm<strong>in</strong>istrazione tenesse più conto dei risultati<br />

che abbiamo raggiunto».<br />

Le strutture per i disabili sono adeguate?<br />

«Dopo che <strong>la</strong> struttura è stata rifatta, tanti problemi li<br />

abbiamo risolti, – cont<strong>in</strong>ua a dirci Lara Mucci –. Adesso gli<br />

accessi <strong>in</strong> pisc<strong>in</strong>a e negli spogliatoi sono agibili. Tuttavia<br />

non possiamo <strong>in</strong>serire altri ragazzi perché non c’è abbastanza<br />

spazio. Le richieste ci sono, ma il gruppo non può<br />

contenere più di 25 ragazzi perché non c’è spazio d’acqua.<br />

E nonostante i traguardi, i <strong>la</strong>vori per ampliare gli spazi<br />

vanno a s<strong>in</strong>ghiozzo, ora sembra che qualcosa si muova. Se<br />

il Comune f<strong>in</strong>isse i <strong>la</strong>vori del<strong>la</strong> vasca (alle spalle del<strong>la</strong> pisc<strong>in</strong>a,<br />

è <strong>in</strong> costruzione una nuova vasca di 25 metri di lunghezza,<br />

ma più stretta del<strong>la</strong> vasca pr<strong>in</strong>cipale, <strong>in</strong> modo da<br />

facilitare il flusso dei diversi corsi, ndr) forse il problema<br />

potrebbe ridimensionarsi».<br />

Quali gare fanno i ragazzi disabili?<br />

«Facciamo gare a livello regionale per <strong>la</strong> disabilità fisica,<br />

mentale e visiva, poi facciamo i campionati italiani. Alle<br />

qualificazioni dei campionati nazionali assoluti estivi, che si<br />

terranno a Pescara, <strong>la</strong> Marche Nuoto porta ben 3 atleti.<br />

Inoltre 6 dei nostri, a f<strong>in</strong>e maggio, andranno a Pugnochiuso<br />

(FG) per i campionati italiani promozionali. F<strong>in</strong>ora ad ogni<br />

manifestazione abbiamo ottenuto ottimi risultati».<br />

Qual è, se c’è, <strong>la</strong> difficoltà di <strong>la</strong>vorare con questi<br />

atleti?<br />

«Non abbiamo alcun tipo di difficoltà, il disabile va considerato<br />

atleta a tutti gli effetti, <strong>la</strong> metodologia è quel<strong>la</strong><br />

che utilizziamo con gli atleti normodotati. Inoltre <strong>la</strong> nostra<br />

preparazione professionale ci trova preparati. Io e Riccardo<br />

siamo tesserati al comitato italiano paralimpico».<br />

In alto, <strong>la</strong> formazione del<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>nuoto e, sotto, i giovani atleti<br />

del<strong>la</strong> Marche Nuoto.


44<br />

L’Album di JV<br />

COMPAGNIA TEATRALE<br />

Una nostra abbonata ha ritrovato questa foto <strong>in</strong> cui un suo parente, Riccardo Domenichetti (1892-1955), partecipa<br />

ad una rappresentazione teatrale, di una compagnia locale, al teatro Pergolesi. Siamo negli anni ’30, Riccardo<br />

Domenichetti, l’unico riconosciuto, è il secondo da s<strong>in</strong>istra.<br />

TESSITRICI<br />

Foto di un gruppo di ragazze che <strong>la</strong>voravano <strong>la</strong> seta <strong>in</strong> una picco<strong>la</strong> <strong>in</strong>dustria tessile di Via del Tornabrocco di proprietà<br />

del signor Beccali. L’anno dovrebbe essere il 1945; difficile risalire ai nomi. La foto ci è stata portata dal<strong>la</strong><br />

figlia del<strong>la</strong> signora Esilde Barcaglioni (anni 95) che è <strong>la</strong> prima <strong>in</strong> basso a destra. Ci sono poi Checco, il meccanico<br />

dei te<strong>la</strong>i, Fiorel<strong>la</strong>, Fernanda, G<strong>in</strong>a, Vilda, Ivana, Gianna...<br />

Personaggi del , 900<br />

Adriano Colocci<br />

di giuseppe luconi<br />

Nato a Jesi il 7 settembre del 1855, figlio del marchese<br />

Antonio, senatore del Regno, e di Enrichetta Vespucci,<br />

discendente del navigatore fiorent<strong>in</strong>o. Laureatosi <strong>in</strong><br />

giurisprudenza all’Università di Pisa, ebbe una quantità<br />

di <strong>in</strong>teressi: deputato al par<strong>la</strong>mento, diplomatico, esploratore,<br />

scrittore, dirigente d’azienda. Fu membro di<br />

varie accademie, ricoprì importanti <strong>in</strong>carichi e venne<br />

<strong>in</strong>signito di <strong>numero</strong>se onorificenze, italiane e straniere.<br />

Giornalista bril<strong>la</strong>nte e polemista, nel 1876 fu redattore<br />

de “Il 18 Marzo”, giornale dei monarchici progressisti<br />

jes<strong>in</strong>i.<br />

Insegnante di economia politica e statistica all’università<br />

di Camer<strong>in</strong>o, <strong>la</strong>sciò <strong>la</strong> docenza dopo due anni<br />

per darsi al<strong>la</strong> politica. Nel 1883, consigliere prov<strong>in</strong>ciale,<br />

fondò a sue spese, <strong>in</strong> Ancona, “Il Popolo Marchigiano”.<br />

Due anni più tardi, durante l’<strong>in</strong>surrezione del popolo di<br />

Rumelia contro <strong>la</strong> Serbia, fu con i rivoltosi al seguito di<br />

Alessandro di Battenberg.<br />

Quando Adriano Colocci arrivò oltre Adriatico stavano<br />

maturando le conseguenze del congresso di Berl<strong>in</strong>o<br />

del 1878, nel quale le potenze europee avevano ridisegnato<br />

<strong>la</strong> geografia dei Balcani. La Bulgaria era stata<br />

ridimensionata: <strong>in</strong> una parte del suo territorio era stato<br />

istituito il “pr<strong>in</strong>cipato del<strong>la</strong> Rumelia Orientale”, che<br />

avrebbe dovuto essere <strong>in</strong>dipendente ma <strong>in</strong> realtà era<br />

sottoposto al<strong>la</strong> Turchia.<br />

Gli abitanti del<strong>la</strong> Rumelia si erano ribel<strong>la</strong>ti, proc<strong>la</strong>mando<br />

<strong>la</strong> riunificazione con <strong>la</strong> Bulgaria e provocando<br />

l’<strong>in</strong>vasione da parte dell’esercito serbo, <strong>in</strong>tervenuto per<br />

far rispettare gli accordi di Berl<strong>in</strong>o. Alessandro di<br />

Battengerg aveva guidato <strong>la</strong> resistenza e il contrattacco.<br />

Adriano Colocci si guadagnò <strong>la</strong> fiducia del Battenberg,<br />

che lo volle come suo aiutante <strong>in</strong> campo e lo <strong>in</strong>signì<br />

di varie onorificenze tra cui una medaglia per il<br />

valore dimostrato durante un combattimento.<br />

In quel periodo Adriano Colocci pubblicò una serie di<br />

corrispondenze su La Tribuna. Term<strong>in</strong>ata <strong>la</strong> guerra,<br />

proseguì il suo viaggio <strong>in</strong> Medio Oriente. Attraversando<br />

<strong>la</strong> Tracia <strong>in</strong> mezzo a stenti e pericoli, raggiunse Costant<strong>in</strong>opoli;<br />

qu<strong>in</strong>di passò <strong>in</strong> Egitto, Palest<strong>in</strong>a, Siria e Libano.<br />

In Egitto “organizzò col vescovo scioano Walda Samaet,<br />

col patriarca copto del Cairo e col greco Parisis,<br />

medico del Negus, un’impresa pacifica a favore del<strong>la</strong><br />

spedizione Salimbeni”. Nel 1890 era nell’America del<br />

Sud, dove il 16 luglio <strong>in</strong>iziava un viaggio attraverso<br />

terre <strong>in</strong>esplorate, risalendo “per cent<strong>in</strong>aia di leghe il<br />

corso del Paranà, del Vermejo, del Pilcomajo, del Pa-<br />

45<br />

Sopra, Adriano Colocci<br />

con i rivoltosi di Rumelia,<br />

aiutante <strong>in</strong> campo di<br />

Alessandro di Battenberg.<br />

A fianco, nell’America del<br />

Sud, <strong>in</strong> viaggio attraverso<br />

terre <strong>in</strong>esplorate.<br />

raguaj e del Cuyabà f<strong>in</strong>o al<strong>la</strong> Serra Azul”.<br />

In America cercò anche di aprire uno sbocco ai prodotti<br />

marchigiani sui mercati del P<strong>la</strong>ta. Ingegno poliedrico,<br />

nel 1891 progettò un osservatorio sottomar<strong>in</strong>o:<br />

un enorme cil<strong>in</strong>dro d’acciaio capace di scendere senza<br />

conseguenze f<strong>in</strong>o a trecento metri di profondità.<br />

Scrisse molto – più di c<strong>in</strong>quanta pubblicazioni - di<br />

questioni sociali e politiche, oltre ad argomenti di storia<br />

e ai resoconti dei suoi viaggi, rimasti per buona<br />

parte <strong>in</strong>editi (tra le sue pubblicazioni “La Grecia e <strong>la</strong><br />

diplomazia”, “Lettere Elleniche”, “La crisi argent<strong>in</strong>a e<br />

l’emigrazione italiana nel Sud America”).<br />

Estimatore delle musiche spont<strong>in</strong>iane, era entusiasta,<br />

<strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re, dell’Agnese, “un’opera colossale”<br />

per <strong>la</strong> cui orchestra Spont<strong>in</strong>i aveva creato “istrumenti<br />

musicali nuovi e speciali”. Colocci, che ne auspicava<br />

una «degna esumazione italiana», aveva cercato di<br />

co<strong>in</strong>volgere Mascagni, che si era dimostrato disponibile,<br />

ma ad una condizione: «purché non si pensasse di<br />

rappresentare l’opera a Jesi o <strong>in</strong> Ancona, giacché per<br />

rive<strong>la</strong>re e far salutare dal verdetto di un gran pubblico,<br />

dopo più di un secolo, le bellezze del capo<strong>la</strong>voro spont<strong>in</strong>iano,<br />

esso andava dato o all’Opera di Roma o al<strong>la</strong><br />

Sca<strong>la</strong> di Mi<strong>la</strong>no o al San Carlo di Napoli». Com’era prevedibile,<br />

<strong>la</strong> condizione non era stata accolta dai marchigiani<br />

e non se ne fece niente.<br />

Adriano Colocci morì a Roma il 31 marzo del 1941.


46 FLASH<br />

Aiuole e rotatorie<br />

con gli sponsor<br />

Nel corso di una conferenza<br />

stampa il vices<strong>in</strong>daco<br />

Stefano Tonelli e il responsabile<br />

tecnico dell’ufficio<br />

verde pubblico e giard<strong>in</strong>i<br />

del Comune, Lucio Rossetti,<br />

hanno illustrato i risultati<br />

del bando di sponsorizzazioni<br />

per le aiuole e rotatorie.<br />

«L'<strong>in</strong>iziativa, <strong>la</strong>nciata<br />

l’ottobre scorso – spiega<br />

Tonelli – ci porta all’approvazione<br />

di un elenco di<br />

sponsor che procederanno<br />

al<strong>la</strong> nuova realizzazione a<br />

verde e al<strong>la</strong> manutenzione<br />

del verde esistente, qu<strong>in</strong>di<br />

a una riqualificazione di<br />

Il progetto<br />

Mar<strong>in</strong>as<br />

Monte San Vito – Il<br />

comune ha ospitato il 2°<br />

Laboratorio territoriale del<br />

progetto Mar<strong>in</strong>as il cui<br />

scopo è quello di costruire<br />

una rete di soggetti pubblici<br />

e privati che promuovano<br />

il mare Adriatico quale<br />

mare di unione e di cont<strong>in</strong>uità,<br />

secondo un’ottica di<br />

promozione dell’area turistica<br />

adriatica <strong>in</strong>tegrata.<br />

L’obiettivo dell’<strong>in</strong>contro è<br />

stata <strong>la</strong> presentazione dei<br />

dettagli del<strong>la</strong> realizzazione<br />

del percorso pedonale e<br />

cic<strong>la</strong>bile di 9 km che collegherà<br />

Monte San Vito a<br />

Morro d'Alba e che co<strong>in</strong>-<br />

dodici rotatorie cittad<strong>in</strong>e».<br />

Nello specifico, si tratta di<br />

quel<strong>la</strong> all’<strong>in</strong>crocio tra via<br />

Ricci-viale don M<strong>in</strong>zoni-via<br />

XXIV Maggio; tra via Roma<br />

e lo spartitraffico adiacente;<br />

tra l’asse sud-via<br />

Valche; tra via Pasqu<strong>in</strong>elliangolo<br />

via Santi e angolo<br />

via Bocconi; tra via Pasqu<strong>in</strong>elli-angolo<br />

via Abbruzzetti;<br />

tra viale don M<strong>in</strong>zonivia<br />

Cascamificio; tra via<br />

Setificio-via Garibaldi; via<br />

del Mol<strong>in</strong>o-via Gallodoro e<br />

l’area verde Grammercato.<br />

Ulteriori c<strong>in</strong>que rotatorie<br />

(delle oltre 25 presenti)<br />

sono <strong>in</strong> fase di def<strong>in</strong>izione<br />

e affidamento. I <strong>la</strong>vori <strong>in</strong>izieranno<br />

entro l’estate.<br />

volgerà, oltre agli enti<br />

pubblici partner del progetto,<br />

anche circa 50 tra<br />

aziende e strutture ricettive<br />

del territorio dei due<br />

comuni.<br />

Il percorso è molto suggestivo<br />

perché attraversa<br />

vigneti e coll<strong>in</strong>e, offrendo<br />

uno spettacolo paesaggistico<br />

suggestivo.<br />

Il progetto Mar<strong>in</strong>as punta<br />

anche ad avviare <strong>in</strong> via<br />

sperimentale i <strong>la</strong>vori di<br />

realizzazione del percorso<br />

con l’obiettivo di promuovere<br />

il territorio come eccellenza<br />

dell’entroterra<br />

del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di Ancona,<br />

volàno del<strong>la</strong> salvaguardia<br />

delle tradizioni culturali e<br />

storiche locali.<br />

Una so<strong>la</strong> carta<br />

per molti servizi<br />

La Tessera Sanitaria è uno<br />

degli strumenti del progetto<br />

“Monitoraggio del<strong>la</strong><br />

Spesa Sanitaria”, nato dal<strong>la</strong><br />

col<strong>la</strong>borazione tra Regioni,<br />

Prov<strong>in</strong>ce, M<strong>in</strong>istero<br />

del<strong>la</strong> Salute, M<strong>in</strong>istero dell’economia<br />

e delle f<strong>in</strong>anze<br />

e Dipartimento dell’<strong>in</strong>novazione<br />

e tecnologie del<strong>la</strong><br />

Presidenza del Consiglio<br />

dei M<strong>in</strong>istri, per conoscere<br />

e governare al meglio le<br />

risorse spese <strong>in</strong> Sanità. La<br />

Tessera Sanitaria sostituisce<br />

il vecchio tesser<strong>in</strong>o di<br />

codice fiscale e va consegnata<br />

<strong>in</strong>sieme al<strong>la</strong> ricetta<br />

rossa del Servizio Sanitario<br />

Nazionale quando si<br />

Centro<br />

Residenziale<br />

per gli anziani<br />

Montecarotto – Grazie al<br />

contributo di 8.000 euro<br />

concesso dal<strong>la</strong> Fondazione<br />

Cassa di Risparmio di Jesi<br />

per il progetto a favore del<br />

Centro Residenziale<br />

Anziani, il Comune di Montecarotto<br />

ha potuto acquistare<br />

nuovi letti artico<strong>la</strong>ti<br />

ed un armadio portafar-<br />

Fiera<br />

Campionaria Expo<br />

Moie – Si svolgerà dal 24<br />

al 27 aprile presso i locali<br />

del centro commerciale<br />

l’Oceano, Z.I. di Castelp<strong>la</strong>nio,<br />

<strong>la</strong> 9ª Fiera Campionaria<br />

Valles<strong>in</strong>a Expo promossa<br />

dai comuni di Castelp<strong>la</strong>nio<br />

e Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i<br />

<strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con<br />

tutti i comuni del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

e <strong>la</strong> Expo Marche<br />

(Cna e Confartigianato),<br />

società <strong>in</strong>caricata dell’organizzazione.<br />

richiedono farmaci o prestazioni<br />

specialistiche. Può<br />

essere anche utilizzata <strong>in</strong><br />

tutte le occasioni <strong>in</strong> cui<br />

viene richiesto il codice<br />

fiscale <strong>in</strong> chiaro, <strong>in</strong> barcode<br />

o su banda magnetica.<br />

La Tessera <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e vale all’estero<br />

per avere assistenza<br />

sanitaria nei Paesi UE,<br />

Is<strong>la</strong>nda, Liechtenste<strong>in</strong>, Norvegia<br />

e Svizzera (sostituisce,<br />

ad oggi, il modello cartaceo<br />

E 111).<br />

maci bl<strong>in</strong>dato, attrezzature<br />

assolutamente necessarie<br />

per migliorare <strong>la</strong> qualità di<br />

vita degli ospiti e degli operatori.<br />

L’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale<br />

ha rivolto al<strong>la</strong> Fondazione<br />

un sentito r<strong>in</strong>graziamento<br />

per <strong>la</strong> grande<br />

sensibilità dimostrata nel<br />

valutare positivamente il<br />

progetto e per il conseguente<br />

munifico f<strong>in</strong>anziamento.<br />

Lo scopo del<strong>la</strong> campionaria<br />

è quello di fare conoscere<br />

e promuovere le attività<br />

economiche del<strong>la</strong><br />

prov<strong>in</strong>cia di Ancona ed <strong>in</strong><br />

partico<strong>la</strong>re del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a.<br />

L’obiettivo è quello di valorizzare<br />

le produzioni <strong>in</strong>dustriali,<br />

artigianali ed agricole<br />

presenti nel territorio,<br />

pertanto, nel<strong>la</strong> selezione<br />

degli espositori sarà data<br />

priorità alle imprese del<br />

nostro territorio; saranno<br />

altresì presenti aziende provenienti<br />

da fuori regione.<br />

FARMACIE<br />

Servizio feriale<br />

LUNEDÌ 21 (diurno e notturno) Moretti, MARTEDÌ 22<br />

(diurno) Barba, (notturno) Coppi, MERCOLEDÌ 23 (diurno<br />

e notturno) Mart<strong>in</strong>i, GIOVEDÌ 24 (diurno e notturno)<br />

Calcatelli, VENERDÌ 25 (diurno) Delle Grazie, (notturno)<br />

Coppi, LUNEDÌ 28 (diurno e notturno) Ospedale,<br />

MARTEDÌ 29 (diurno e notturno) Grammercato,<br />

MERCOLEDÌ 30 (diurno e notturno) Coppi, GIOVEDÌ 1°<br />

MAGGIO (diurno e notturno) Moretti, VENERDÌ 2 (diurno)<br />

Barba, (notturno) Coppi.<br />

Servizio festivo<br />

SABATO 19 (diurno e notturno) Grammercato, DOME-<br />

NICA 20 (diurno e notturno) Coppi, SABATO 26 (diurno<br />

e notturno) Comunale, DOMENICA 27 (diurno e<br />

notturno) Cerni.<br />

Indirizzi e numeri telefonici delle farmacie<br />

Barba, via Roma, tel. 204579; Calcatelli, via Pucc<strong>in</strong>i 5,<br />

tel. 56482; Cerni, via Garibaldi, tel. 53793; Comunale,<br />

via San Francesco, tel. 207066; Delle Grazie, corso<br />

Matteotti, tel. 209076; Grammercato, via Marconi, tel.<br />

56516; Mart<strong>in</strong>i, corso Matteotti 29, tel. 208842; Moretti,<br />

corso Matteotti 13, tel. 209162; Ospedale, corso<br />

Matteotti, tel. 57656; Coppi, via F. Coppi 31, tel.<br />

200858.<br />

7° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

ERSILIA LORENZINI<br />

ved. GIORGI<br />

21.05.1930 30.04.2001<br />

Sarai sempre con noi<br />

con tanto amore<br />

Luca, Giovanna,<br />

Maria F<strong>la</strong>via<br />

Il 20 aprile ricorre<br />

il 1° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

MARIO ROSSETTI<br />

Il ricordo del grande amore<br />

per <strong>la</strong> tua famiglia<br />

che era tutto il tuo mondo<br />

rende ancora più vivo<br />

il nostro dolore.<br />

Lo ricordano con affetto<br />

le figlie, i generi e i nipoti<br />

NAZZARENO MONTESI<br />

65° anniversario<br />

AGENDA<br />

MARIA PIERLEONI<br />

ved. MONTESI<br />

13° anniversario<br />

i figli Liliana ed Elvio e i parenti tutti li ricordano<br />

con affetto a coloro che li conobbero e amarono.<br />

27/03/1997 27/03/2008<br />

Nell’11° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

NAZZARENO<br />

GAGLIARDINI<br />

lo ricordano con amore<br />

<strong>la</strong> mamma Liliana, il<br />

padre Antonio, le sorelle<br />

Elisabetta e Car<strong>la</strong>, gli<br />

zii e i parenti tutti.<br />

08/05/2005<br />

Nel 3° anniversario<br />

del<strong>la</strong> morte del caro<br />

NAZZARENO<br />

POSSANZINI<br />

<strong>la</strong> moglie, il figlio,<br />

i parenti e gli amici che<br />

gli hanno voluto bene<br />

lo ricordano con tanto<br />

amore.<br />

22/04/1914 23/04/1958<br />

ANNA FERRARINI<br />

<strong>in</strong> RONCI<br />

Nel 50° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa<br />

le figlie Renata e Mo<strong>la</strong><br />

<strong>la</strong> ricordano<br />

con immutato affetto.<br />

47

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!