Master Villa Contarini - Regione Veneto

www2.regione.veneto.it

Master Villa Contarini - Regione Veneto

A VILLA CONTARINI UN MASTER INTERNAZIONALE DEDICATO

ALLA MUSICA ANTICA

con la partecipazione di Ton Koopman

A Palazzo Balbi quest’oggi la conferenza stampa

Si è tenuta quest’ oggi a palazzo Balbi a Venezia la conferenza stampa di presentazione del primo

Master di musica antica realizzato a villa Contarini di Piazzola sul Brenta dal Consorzio dei

Conservatori del Veneto coordinati dal Conservatorio di Vicenza e realizzato grazie a fondi regionali.

Presenti il segretario dell’assessorato alla cultura dott. Angelo Tabaro, il presidente della fondazione

Ghirardi avv. Francesco Molinari, il direttore del conservatorio di Vicenza, m° Paolo Troncon ideatore

e coordinatore del progetto, il direttore artistico del master prof. Terrell Stone ed i direttori dei

conservatori di Verona prof. Giorgio Brunello ed Adria prof. Marco Nicolè.

“Con il master a Villa Contarini intendiamo realizzare un modulo sperimentale per un progetto di

lungo periodo dedicato all’alta formazione musicale.- afferma il segretario generale dell’Assessorato alla

cultura dott. Angelo Tabaro- L’acquisizione di Villa Contarini da parte della Regione rende necessario,

per la villa, un duplice impiego che guardi alla conservazione ed alla valorizzazione”. La valorizzazione

del favoloso contesto avverrà così in maniera inedita con il progetto europeo dedicato alla musica

antica che vedrà, tra il 24 ed il 29 settembre, 40 corsisti selezionati tra i conservatori del Veneto e quelli

stranieri. Gli studenti approfondiranno gli aspetti di prassi e teoria legati al repertorio con un team di

specialisti italiani per poi lavorare con il celeberrimo clavicembalista e direttore d’orchestra olandese

Ton Koopman alla confezione del concerto finale, il 29 settembre nell’auditorium della villa.

L’iniziativa è nata su proposta del Conservatorio di Vicenza. “Abbiamo ritenuto opportuno indicare

una via concreta sia alla valorizzazione del repertorio barocco veneto, sia costituire un laboratorio

sperimentale in cui sette realtà musicali si consorziano per collaborare- afferma il direttore m° Paolo

Troncon - nel convincimento che questa sia la strada del futuro e delle collaborazioni con l’Europa. A

tutt’oggi infatti questo progetto, che impegna i sette conservatori del Veneto, rappresenta un unicum

nel suo genere a livello nazionale”.

Nelle sale della seicentesca villa patrizia sei giorni di lezioni, conferenze, concerti che culmineranno

nella tre giorni conclusiva con la presenza di Ton Koopman. “La fondazione Ghirardi- afferma il

presidente avvocato Francesco Molinari- saluta con particolare favore questo master che impegna la

villa in maniera vitale, non rendendola soltanto un museo statico di conservazione”

Un progetto inedito che darà la possibilità a cinquanta studenti selezionati di frequentare gratuitamente

lezioni e seminari con i migliori specialisti del genere.

Situata proprio nel centro geografico della regione, la villa Contarini – Fondazione “G.E. Ghirardi” è

stata recentemente acquisita dalla Regione del Veneto con il progetto di farne, oltre che un museo, un

centro per iniziative culturali di livello e visibilità internazionale. La storia della seicentesca villa costruita

da una delle più potenti famiglie veneziane è ricca di tradizione musicale: numerose erano in passato le

rappresentazioni musicali nei suoi teatri circostanti e nei suoi splendidi spazi interni. La “sala della

chitarra rovesciata”, veramente unica nel suo genere, è stata per la sua particolare acustica sede di

prestigiose registrazioni di esecuzioni di musica antica.

La naturale vocazione della villa per la musica, specie per quella antica, ha trovato oggi grazie al

contributo della Regione del Veneto e allo slancio impresso dalla Fondazione “G.E. Ghirardi”

un’originale realizzazione con l’organizzazione di un particolare master dedicato allo studio e

all’esecuzione di repertori musicali del XVII e XVIII secolo, in particolare di compositori di area

veneta. Circa quaranta studenti - selezionati tra quelli iscritti ai corsi accademici attivi nei sette

conservatori veneti, con una quota riservata a studenti provenienti da altre istituzioni europee


convenzionate - saranno ospitati a Piazzola sul Brenta per vivere insieme ai più qualificati docenti delle

istituzioni consorziate un’intensa settimana di studio culminante negli ultimi tre giorni con la presenza

di Ton Koopmann che suonerà e dirigerà un concerto finale con musiche di Galuppi, Vivaldi e J.S.

Bach.

Il Veneto ha dato un’importante contributo alla storia della musica antica e ancora oggi è

all’avanguardia nel settore didattico specifico con i suoi sette Conservatori. Il conservatorio di Venezia,

con la sua secolare tradizione, quello Verona che negli anni ’60 per primo ha avviato scuole di musica

antica, il conservatorio di Vicenza che nel 2001 ha avviato il primo corso di studi accademico preso poi

a modello da altri istituti, quelli di Padova e Castelfranco Veneto con i loro qualificati corsi specialistici,

e infine i conservatori di Rovigo e Adria che muovono i primi passi in questa direzione. Messi insieme i

sette conservatori formano una realtà unica in Italia e in Europa, in grado di competere con le più

prestigiose istituzioni internazionali.

Il progetto è considerato una prima tappa verso la creazione a villa Contarini – Fondazione “G.E.

Ghirardi” di un centro internazionale di studio ed esecuzione della musica antica, nel quale gli studenti

potranno conseguire titoli accademici (diplomi e master) che i conservatori, grazie alla riforma che li ha

trasformati un “università” della musica, possono ora rilasciare, titoli che sono riconoscibili in tutto il

mondo grazie al sistema dei crediti formativi.

La villa, nei progetti del consorzio, della Regione del Veneto e della Fondazione “G.E. Ghirardi”, vuole

diventare un centro internazionale di riferimento per lo studio della musica, con collaborazioni che si

potranno espandere ad università e ad altri conservatori italiani ed esteri.

IL PROGETTO

Il progetto, elaborato dal Consorzio dei Conservatori del Veneto, prevede sei giorni di lezioni di tecnica

e prassi del repertorio antico per un totale di 40 borsisti selezionati mediante audizione tra i

Conservatori del Veneto ed una rappresentanza di Conservatori stranieri.

Gli studenti saranno seguiti da un selezionato team di specialisti del repertorio antico provenienti dai

conservatori veneti: prof. Paolo Grazzi ( corso di oboe barocco- Conservatorio di Verona), prof. Fabio

Missaggia ( corso di violino barocco- Conservatorio di Vicenza) prof. Cristiano Contadin ( corso di

viola da gamba-Conservatorio di Venezia), prof. Walter Vestidello ( corso di violoncello barocco-

Conservatorio di Castelfranco), prof. Sergio Balestracci ( corso di musica da camera, conservatorio di

Padova), prof. Marco Massimo di Pasquale ( aspetti teorici e musicologi nel repertorio antico-

conservatorio di musica di Vicenza), prof. Paolo Faldi ( concertazione e direzione- conservatorio di

musica di Vicenza).

Queste lezioni preludono e affiancano la presenza di Ton Koopman, clavicembalista e

concertatore di fama internazionale, che preparerà con i corsisti il grande concerto finale del 29

settembre p.v. a Villa Contarini.

Il programma della serata prevede l’esecuzione di una sinfonia inedita di Baldassarre Galuppi

detto Il Buranello, di 2 sonate per molti strumenti di Antonio Vivaldi, della Taffelmusik di

Georg Philip Telemann e del Gloria di Antonio Vivaldi.

Ton Koopman è nato a Zwolle nel 1944. Accanto agli studi classici si è dedicato allo studio

dell’organo, del clavicembalo e della musicologia ad Amsterdam, ricevendo il “Prix d’Excellence” sia

per l’organo che per il clavicembalo. Fin dall’inizio la prassi filologica e gli strumenti originali hanno

caratterizzato il suo stile esecutivo e l’amore per la musica barocca lo ha portato a fondare nel 1969,

all’età di 25 anni, la sua prima orchestra barocca. Nel 1979 ha fondato The Amsterdam Baroque

Orchestra, a cui ha fatto seguito The Amsterdam Baroque Choir nel 1993.


L’ampia attività come solista e direttore è testimoniata da un gran numero di LP e CD per numerose

case discografiche tra cui Erato, Teldec, Sony, Philips e DGG a cui recentemente si è aggiunta

“Antoine Marchand”, una nuova etichetta discografica creata da Koopman stesso per la pubblicazione

delle sue prossime registrazioni.

Nei suoi 45 anni di carriera Ton Koopman si è esibito nelle più importanti sale da concerto e nei più

prestigiosi festival dei cinque continenti. Come organista ha suonato sui più prestigiosi strumenti

autentici esistenti in Europa, mentre come clavicembalista e direttore di The Amsterdam Baroque

Orchestra & Choir ha suonato al Concertgebouw di Amsterdam, al Théatre des Champs-Elysées di

Parigi, alla Philharmonie di Monaco, alla Alte Oper di Francoforte, al Lincoln Centre e Carnegie Hall di

New York, così come a Vienna, Londra, Berlino, Bruxelles, Madrid, Roma, Salisburgo, Tokyo e Osaka.

Tra il 1994 e il 2004 Ton Koopman è stato impegnato in un progetto unico nel suo genere registrando

ed eseguendo tutte le cantate di Bach esistenti. Un lavoro di studio e ricerca enorme per il quale ha

ricevuto il Deutsche Schallplattenpreis Echo Klassik 1997, il premio Hector Berlioz, e la nomination sia

per il Grammy Award (USA) che per il Gramophone Award (UK). Ton Koopman è stato

recentemente insignito della Laurea Honoris Causa dall’Università di Utrecht per il suo studio sulle

Cantate e Passioni di Bach e gli è stato assegnato il prestigioso premio Silver Phonograph da parte

dell’industria discografica olandese. Per la sua importante attività di ambasciatore culturale ha ricevuto il

Premio VSCD Classical Music Award, un particolare riconoscimento delle sale da concerto olandesi.

Ton Koopman è stato nominato Presidente della “International D. Buxtehude Society” e coordinatore

del Festival Buxtehude 2007.

Ton Koopman svolge un’intensa attività come direttore ospite e ha lavorato con le principali orchestre

europee, americane e giapponesi. È stato direttore principale della Radio Chamber Orchestra olandese e

direttore ospite principale della Lausanne Chamber Orchestra. Tra le orchestre con cui lavorerà nella

prossima stagione figurano la Chicago Symphony, la Royal Concertgebouw di Amsterdam, la Tonhalle

Orchestra di Zurigo, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la Deutsche Kammerphilharmonie,

l’Orchestra dei Bayerischen Rundfunks di Monaco, la WDR di Colonia e la DSO di Berlino.

Ton Koopman pubblica regolarmente e per molti anni ha lavorato all’edizione completa dei concerti

per organo di Händel per Breitkopf & Härtel.

Ton Koopman è titolare della cattedra di clavicembalo al Conservatorio dell’Aja, ha recentemente

accettato la posizione di Professore all’Università di Leiden ed è Membro Onorario della Royal

Academy of Music di Londra. Ton Koopman è direttore artistico del Festival Itinéraire Baroque in

Périgord vert.

Logistica, struttura organizzativa ed ufficio stampa

Conservatorio di musica di Vicenza

Arrigo Pedrollo

Contrà San Domenico,33

0444-507551

produzione@consvi.it ( responsabile dott.ssa Francesca Meneghello)

ufficio.stampa@consvi.it

347-7040713 ( responsabile dott.ssa Elena Filini)

More magazines by this user
Similar magazines