FACOLTÀ DI FARMACIA Anno Accademico 2010/2011

farm.unisi.it

FACOLTÀ DI FARMACIA Anno Accademico 2010/2011

FACOLTÀ DI

FARMACIA

Anno Accademico

2010/2011

Uniiversiità degllii Studii dii Siiena


Realizzazione [1]

Prof. Maurizio Botta - Preside della Facoltà di Farmacia

Centro Servizi della Facoltà di Farmacia Polo Scientifico Universitario di San Miniato

CD cover, Book cover, layout grafico e impaginazione

G. Mazzei

Redazione

F. Fusi - F. Manetti - A. Tafi - M.Bogi - S. Aurigi - G. Mazzei

Foto

J. D. Docquier - F. Fusi - F. Manetti - E. Miraldi - A. Santucci - A. Tafi - M. Biagi - A. Nardi - G. Mazzei

Ringraziamenti

Per il prezioso contributo e disponibilità:

M. Centini - C. La Rosa - E. Miraldi - F. Pessina - A. Santucci - M. Biagi - M. Bogi - P. Fontani - L. Berni - C. Polato

e tutti gli studenti coinvolti nella realizzazione delle foto.

[1] realizzato con i fondi della dotazione ordinaria del Centro Servizi della Facoltà di Farmacia


Care studentesse, cari studenti,

state iniziando un nuovo percorso di studi e in questa occasione desidero rivolgervi

un augurio sincero per il vostro futuro personale e professionale.

Avete aspettative importanti per la vostra vita e per realizzarle occorre tutto il vostro

impegno ma soprattutto è necessario avere il supporto di una università, come la

nostra, che possa assicurarvi un’alta qualità del sapere e soprattutto gli strumenti per

studiare bene e con profitto.

L’Università di Siena vi offre tutto questo, per far sì che possiate sviluppare le vostre

personalità individuali e cogliere tutte le opportunità in ambito lavorativo nazionale

e internazionale.

Avrete docenti preparati e presenti, il sostegno di una specifica assistenza tutoriale,

servizi innovativi che rispondono alle vostre reali esigenze.

Da oltre sette secoli siamo impegnati a produrre sapere e a diffondere conoscenza

in ogni ambito di studi. I solidi risultati nella ricerca, nella didattica e nei servizi

continuano a rinnovare il patrimonio di conoscenza dell’Università di Siena, come

dimostrano gli ottimi posizionamenti della nostra Università nelle rilevazioni nazionali.

Questo importante patrimonio di conoscenze è a vostra disposizione per la vostra

crescita.

Nell’Università di Siena sarete dunque veri protagonisti del vostro domani.

Con questo augurio vi do il benvenuto nella nostra Comunità universitaria e vi saluto

cordialmente.

Il Rettore

Silvano Focardi

- 3 -


IL NOTIZIARIO CHE TI PRESENTIAMO È SUDDIVISO IN TRE SEZIONI

Prima sezione: strutture e servizi della Facoltà

� La Facoltà pag 007

� Indagine laureandi e laureati pag 011

� I Laboratori didattici pag 015

� La Presidenza pag 024

� Rappresentanti degli studenti in Consiglio di Facoltà pag 025

� Il Centro Servizi pag 026

� La Biblioteca di Facoltà pag 027

� Laboratorio Informatico pag 029

� Segreteria studenti pag 031

� Orientamento e Tutorato pag 032

� Attività di Tirocinio/Stage pag 037

� Scambi culturali con altre Università pag 038

Seconda sezione: offerta didattica della Facoltà

� Classi e corsi di studio pag 041

� Corsi di Laurea di Facoltà pag 043

� Notizie generali sulla didattica e sulla sua organizzazione

valide per tutti i corsi di studio pag 044

� Organizzazione didattica dei corsi di studio pag 047

� Sessioni ed appelli d’esame - A. A. 2009-2010 pag 049

� Lingue straniere pag 050

� Descrizione dettagliata dei vari Corsi di studio:

Corso di Laurea Magistrale a normativa UE in FARMACIA pag 053

PIANO DEGLI STUDI pag 070

Corso di Laurea Specialistica a normativa UE in FARMACIA pag 074

PIANO DEGLI STUDI pag 087

Corso di Laurea Magistrale a normativa UE in

CHIMICA e TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CTF) pag 090

PIANO DEGLI STUDI pag 105

Corso di Laurea Specialistica a normativa UE in

CHIMICA e TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CTF) pag 0110

PIANO DEGLI STUDI pag 0120

Corso di Laurea Magistrale in PHARMACEUTICAL BIOTECHNOLOGY pag 0124

PIANO DEGLI STUDI pag 0149

� SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA pag 0153

- 4 -


Terza sezione: formazione post-laurea pag 0163

� Scuole di Dottorato pag 0163

� Master universitari pag 0163

� Scuole di Specializzazione pag 171

� Corsi di perfezionamento pag 171

� Centro di Formazione Permanente pag 174

Elenco Docenti della Facoltà di Farmacia pag 175

- 5 -


INFORMAZIONI PER L’A.A. 2010-2011

L’inizio delle lezioni è fissato per il giorno 18 ottobre 2010 [1] .

Saranno pubblicate sul sito web istituzionale della Facoltà di Farmacia le informazioni

relative a:

� Informazioni generali sull’offerta didattica;

� Iniziative rivolte alle matricole;

� Calendario e orario delle lezioni;

� Calendario e orario di ricevimento dei docenti;

� Calendario e orario degli appelli di esame;

� Recapito dei docenti;

� Recapito degli studenti tutori;

Tutte le informazioni non ancora disponibili all’uscita del presente “Notiziario per gli

Studenti” saranno pubblicate sul sito web della Facoltà:

http://www.farm.unisi.it

I programmi degli insegnamenti dei vari corsi di studio comunicati dai docenti

saranno pubblicati sulle pagine web della Facoltà allo stesso indirizzo.

http://www.farm.unisi.it

Il giorno 21 ottobre 2010 alle ore 10:00 presso il Polo Scientifico Universitario “San

Miniato” (Aula Magna) si terrà un incontro tra le matricole ed il Preside della Facoltà

di Farmacia.

Tutte le matricole sono caldamente invitate a partecipare

Calendario Anno Accademico 2010-2011

Inizio delle lezioni: 18 ottobre 2010 [1] ;

● Vacanze natalizie : dal 15 dicembre 2010 al 9 gennaio 2011;

● Vacanze pasquali : dal 18 aprile 2011 al 1 maggio 2011.

[1] L’inizio delle lezioni per il Corso di Laurea Magistrale in Pharmaceutical

Biotechnology è fissato per il giorno 4 novembre 2010.

- 6 -


LA FACOLTÀ

La Facoltà di Farmacia ha la sua sede nel Polo Scientifico Universitario “San Miniato”

di recente costruzione.

- 7 -


Qui puoi trovare tutte le strutture didattiche e scientifiche della Facoltà:

Presidenza, Centro Servizi, Biblioteca, Strutture Informatiche, Aule e Laboratori

didattici, Studi e Laboratori di ricerca dei Docenti.

Uno dei nostri laboratori didattici e particolari

- 8 -


Alcuni studenti nei nostri laboratori

- 9 -


Alcune strumentazioni

- 10 -


Indagine laureandi e laureati

La Facoltà di Farmacia ha reputato di dedicare uno specifico spazio del Notiziario

alla valutazione dei risultati che scaturiscono dalle “Indagini”, svolte dal Consorzio

AlmaLaurea, sull’opinione degli studenti in procinto di laurearsi e sull'occupazione

degli studenti laureati (ad un anno dal conseguimento del titolo), in quanto ritiene di

grande utilità l’analisi dei pareri di coloro che rappresentano i fruitori del sistema

universitario.

L'analisi svolta mette in confronto i dati relativi alla Facoltà di Farmacia del nostro

Ateneo con le analoghe Facoltà degli atenei italiani che aderiscono al Consorzio

suddetto. Più specificatamente sono state considerate le rilevazioni riguardanti i

Corsi di Laurea Specialistica a normativa UE della Classe 14/S (DM 509/99),

trasformati nel nostro caso, dall’a.a. 2009/2010, nei due Corsi di Laurea Magistrale a

normativa UE in “Farmacia” e “Chimica e Tecnologia Farmaceutiche” della Classe

LM-13 (DM 270/04).

Relativamente all'Indagine AlmaLaurea denominata “Profilo dei Laureati”, sono stati

considerati i laureandi degli anni 2007, 2008 e 2009 (dati per anno solare).

Le domande facenti parte del sondaggio riguardavano varie tematiche fra cui la

soddisfazione complessiva del Corso di studi, i rapporti con i docenti, nonché la

valutazione delle infrastrutture (aule, postazioni informatiche) e dei servizi offerti

(biblioteca), sulle quali sono state sinteticamente concentrate le valutazioni svolte.

Quanto sopra è riportato nei grafici 1 (Corsi di studio), 2 (rapporto docenti), 3 (aule),

4 (postazioni informatiche) e 5 (servizio biblioteche), nei quali si evidenziano ottimi

risultati di apprezzamento, con giudizi nell’ambito positivo delle risposte che risultano

in ogni caso superiori alla media nazionale.

100,00%

90,00%

80,00%

70,00%

60,00%

GIUDIZI SULL'ESPERIENZA UNIVERSITARIA [1]

Giudizio positivo d'insieme relativo ai CdS - espresso in percentuale

(Indagine AlmaLaurea - Profilo dei Laureati)

93,70%

2007

100,00%

92,90%

2008

- 11 -

96,20%

92,50%

2009

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi

94,70%


95,00%

85,00%

75,00%

65,00%

55,00%

45,00%

110,00%

90,00%

70,00%

50,00%

30,00%

10,00%

GIUDIZI SULL'ESPERIENZA UNIVERSITARIA [2]

Giudizio positivo d'insieme relativo ai rapporti con i Docenti

(Indagine AlmaLaurea - Profilo dei Laureati)

85,70%

2007

97,60%

86,70%

2008

- 12 -

96,20%

84,70%

2009

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi

71,60%

95,10%

71,30%

86,80%

69,90%

92,90%

GIUDIZI SULL'ESPERIENZA UNIVERSITARIA [3]

Giudizio positivo d'insieme relativo alle aule didattiche

(Indagine AlmaLaurea - Profilo dei Laureati)

2007

2008

2009

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi

98,30%


101,00%

81,00%

61,00%

41,00%

21,00%

1,00%

100,00%

80,00%

60,00%

40,00%

GIUDIZI SULL'ESPERIENZA UNIVERSITARIA [4]

Giudizio positivo d'insieme relativo alle postazioni informatiche

(Indagine AlmaLaurea - Profilo dei Laureati)

31,90%

84,60%

2007

68,30%

32,10%

2008

- 13 -

71,70%

31,10%

2009

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi

100,00%

83,70%

94,40%

83,00%

2007

2008

2009

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi

64,30%

GIUDIZI SULL'ESPERIENZA UNIVERSITARIA [5]

(Valutazione biblioteche prestito/consultazione, orari di apertura ...)

(Indagine AlmaLaurea - Profilo dei Laureati)

100,00%


In merito all’Indagine AlmaLaurea denominata “Condizione occupazionale dei

Laureati”, sono stati presi in considerazione solo i Laureati degli anni 2007 e 2008 (dati

per anno solare), intervistati ad un anno dal conseguimento del titolo ed i cui risultati

sono stati pubblicati rispettivamente nelle Indagini 2008 e 2009; non è stata

volutamente considerata l’Indagine 2007 in quanto i Laureati dell’anno 2006, della

tipologia di Corso specificata, sono da considerarsi pre-riforma.

In questo caso fra i vari quesiti si è posta l’attenzione su due dati significativi che

sono riportati nei grafici 6 e 7, rispettivamente inerenti all’età media di

conseguimento del titolo e al tasso di occupazione (secondo la definizione Istat -

Forze di lavoro). Anche in questo caso si evidenziano dati molto positivi, migliori dei

riferimenti nazionali.

28,0

24,0

20,0

99,00%

95,00%

91,00%

87,00%

83,00%

79,00%

75,00%

CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI [6]

Occupabilità 2008-2009: Età alla laurea (medie)

(Indagine AlmaLaurea)

anni: 26,3

anni: 25,0

- 14 -

anni: 26,4

Indagine 2008

Indagine 2009

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi

86,50%

89,70%

84,80%

anni: 25,2

CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI [7]

Tasso di occupazione (def. Istat - Forze di lavoro)

(Indagine AlmaLaurea)

Indagine 2008

Indagine 2009

91,70%

Facoltà di Farmacia altri Atenei Facoltà di Farmacia Unisi


I LABORATORI DIDATTICI

La Facoltà di Farmacia ti offre laboratori a posto singolo dove potrai fare esperienze pratiche

che ti permetteranno di acquisire le competenze richieste per il completamento del tuo ciclo

di studi. Avrai a disposizione tutti gli strumenti necessari per approfondire e mettere in

pratica le conoscenze acquisite con le lezioni frontali e lo studio personale. Sarai immerso

quotidianamente in un ambiente stimolante e potrai impadronirti delle tecniche che

caratterizzeranno la tua futura professionalità.

- 15 -


LLaabboorraattoorri ioo ddi iddaatttti iccoo ddi i BBi ioocchhi imi iccaa

Esercitazione allo spettrofotometro

- 16 -


Preparazione e analisi di campioni

- 17 -


LLaabboorraattoorri ioo ddi iddaatttti iccoo ddi i BBi iool looggi iaa FFaarrmaacceeuutti iccaa

Il laboratorio didattico di Biologia Farmaceutica, situato nel centro della città, in via

T. Pendola n. 62, è afferente al Dipartimento di Scienze Ambientali “G. Sarfatti”, che ha la

sua sede principale presso l’Orto Botanico di Siena.

Il laboratorio viene utilizzato dagli studenti che scelgono di laurearsi con una tesi in Biologia

Vegetale, Botanica Farmaceutica Applicata e Farmacognosia, corsi di studio che si occupano

di piante medicinali e piante officinali (utilizzate sia nel settore farmaceutico che in altri

settori industriali, come quello liquoristico, cosmetico, alimentare, ecc.).

Nel laboratorio didattico ci si occupa dello studio della composizione e degli effetti dei principi

attivi contenuti nelle preparazioni vegetali. L'attività consiste nello studio botanico,

fitochimico, farmacologico e tossicologico di piante medicinali, finalizzato alla individuazione e

caratterizzazione chimica e biologica dei costituenti attivi e alla selezione di quelli

potenzialmente sfruttabili per scopi terapeutici.

Recentemente al laboratorio dedicato all’estrazione e all’isolamento dei principi attivi da

droghe vegetali, si è aggiunto un laboratorio specializzato per le colture cellulari, nel quale

vengono testati i fitomedicamenti direttamente su cellule umane.

Attualmente sono oggetto di studio specie, sia spontanee che coltivate, da cui si ottengono

droghe attive sul SNC (antidepressivi come Hypericum perforatum), droghe utilizzate per uso

topico (cicatrizzanti, Arum italicum e Sedum telephium), droghe aromatiche (Thymus

vulgaris, Salvia spp., Rosmarinus officinalis) e prodotti alimentari (olio, vino, miele e propoli)

contenenti polifenoli, per la loro attività antinfiammatoria e antiossidante.

- 18 -


- 19 -


IIl l laabboorraattoorri l ioo ddi iddaatttti iccoo ddi i FFaarrmaaccool looggi iaa

Il laboratorio didattico di Farmacologia nasce come struttura nel 2001 ma comincia ad essere

attrezzato soltanto alla fine del 2007. Il suo primo utilizzo avviene con il Corso di Saggi e

Dosaggi Farmacologici, per Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, nell’anno accademico 2007-

2008. Sedici sono le postazioni che vengono fatte funzionare sia con la strumentazione

acquisita dal Centro Servizi della Facoltà, sia con quella propria dei Docenti. Le attrezzature

presenti permettono lo studio di organi isolati in vitro, con particolare attitudine per la

muscolatura liscia vascolare. Dall’anno accademico 2009-2010 nel laboratorio didattico di

farmacologia vengono svolte anche le lezioni di Fisiologia Avanzata - Modulo 2 - Metodologie

Avanzate in Fisiologia e il Modulo 2 di Farmacologia e Tossicologia Sperimentale, per

Biotecnologie Farmaceutiche. Con l’anno accademico 2010-2011 il numero di postazioni

disponibili salirà a 24 e, grazie alla nuova strumentazione acquisita dal Centro Servizi della

Facoltà sarà possibile effettuare esercitazioni a posto singolo sia su colture cellulari (studi di

farmacologia cellulare e test di citotossicità) che studi di funzionalità tissutale su vari organi

(vescica urinaria, stomaco, intestino, ecc…).

Laboratorio didattico di Farmacologia. Strumentazione per lo studio di organi isolati in vitro.

- 20 -


Laboratorio didattico di Farmacologia. Strumentazione per lo studio di organi isolati in vitro.

Laboratorio per le colture cellulari, cappa a flusso laminare (Dipartimento di Neuroscienze)

- 21 -


Laboratorio per le colture cellulari, cappa a flusso laminare (Dipartimento di Neuroscienze)

- 22 -


LLaabboorraattoorri ioo ddi iddaatttti iccoo ddi i TTeeccnnool looggi iaa FFaarrmaacceeuutti iccaa

Il laboratorio didattico di Tecnologia Farmaceutica è utilizzato dagli studenti dei corsi di

Laurea in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche per le esercitazioni a posto

singolo di galenica durante le quali si esegue la preparazione pratica delle forme

farmaceutiche. Infatti il suddetto laboratorio è dotato della strumentazione necessaria per

poter effettuare vari preparati galenici quali per es. cartine, capsule, sciroppi, creme,

unguenti, gel, supposte, ovuli ecc..

Pertanto il singolo studente, mettendo in pratica le nozioni acquisite durante le lezioni frontali

dello stesso corso, imparerà ad allestire sia preparati galenici in base ad una prescrizione

medica (galenici magistrali) sia effettuerà preparazioni per lotti (galenici officinali) in base

alla normativa nazionale vigente.

Queste conoscenze saranno poi fondamentali per lo studente durante il periodo di tirocinio

professionale e per il laureato in Farmacia e in C.T.F. che, una volta conseguita l’abilitazione

professionale, deciderà di esercitare la professione di farmacista.

- 23 -


LA PRESIDENZA

L’Ufficio di Presidenza della Facoltà di Farmacia si trova presso il Polo Scientifico

Universitario “San Miniato”.

Il Preside Prof. Maurizio Botta

- 24 -


RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI IN CONSIGLIO DI FACOLTÀ

Studenti: Telefono: e-mail:

Pierre Arnault Arrighi arrighi4@student.unisi.it

Elena Campodonico campodonico2@student.unisi.it

Armando Carlone carlone2@student.unisi.it

Serena Di Filippi sere-df@hotmail.it

Ilaria Laurenzana ilariapz86@hotmail.it

Wael Kandalaft kandalaft@student.unisi.it

Alessandro Perrone triokala@hotmail.it

Pucciarelli Rosario saro87caggiano@hotmail.it

Mariantonia Ripullone ripullone@student.unisi.it

- 25 -


IL CENTRO SERVIZI

Il Centro Servizi della Facoltà di Farmacia svolge funzione di informazione sullo

svolgimento dell'attività didattica agli studenti dei Corsi di Studio della Facoltà.

Tra i servizi disponibili segnaliamo:

Informazioni sull’offerta didattica;

Iniziative rivolte alle matricole;

Calendario e orario delle lezioni;

Calendario e orario di ricevimento dei docenti;

Programmi dei corsi di insegnamento;

Calendario e orario degli appelli di esame;

Informazioni sulla normativa per internato, tesi e tirocinio;

Recapito dei docenti;

Recapito degli studenti tutori;

Sito web della Facoltà (continuamente aggiornato)

Il personale operante nel Centro è costituito da:

Stefano Aurigi (responsabile) Tel. +39 0577 234298

Gianna Cantelli Tel. +39 0577 234300

Manuela Fontani Tel. +39 0577 234300

Gianluca Mazzei (Lab. Informatica) Tel. +39 0577 234352

Paola Paccagnella Tel. +39 0577 234244

Antonella Nardi (Lab. didattici) Tel. +39 0577 234463-4300

Filippo Papini Tel. +39 0577 234244

e-mail : segrfarm@unisi.it Fax. +39 0577 234299

Sito web: http://www.farm.unisi.it/

CENTRO SERVIZI

Orario d’apertura:

dal lunedì al venerdì

dalle ore 9:30 alle ore 13:00

Sede:

Polo Scientifico Universitario “San Miniato”

Via Aldo Moro 2, 53100

Siena

- 26 -


LA BIBLIOTECA DI FACOLTÀ

Orario d’apertura: 8,30-19,30 (lun-ven); 8,30-13,30 (sab);

Sala lettura con emeroteca: 130 posti

Sala informatica: 24 postazioni, stampanti, scanner

1 postazione per utenti diversamente abili

Sistemi operativi: Windows e Linux.

Sede: Via A. Moro 2 - 53100 Siena

Tel. +39 0577 234183 ; +39 0577 234205; Fax +39 0577 234184

Web: www.unisi.it/bcf

e-mail: info.bcf@unisi.it

Direzione: Dott.ssa Paola Fontani

Tel. +39 0577 234200 e-mail: fontani@unisi.it

La Biblioteca centrale di Farmacia si presenta come una struttura particolarmente

flessibile, volta all’innovazione e orientata ai servizi al pubblico. Si pone come

obiettivo il supporto alla didattica e alla ricerca ed ha di conseguenza sviluppato

collezioni specializzate e servizi all’avanguardia. E’ una struttura a scaffale aperto,

nella quale gli utenti possono cercare, studiare, confrontare i documenti

liberamente e dove le risorse, in buona parte di natura elettronica, sono

agevolmente accessibili grazie alla sala informatica della Biblioteca composta da 24

postazioni, stampanti e scanner.

- 27 -


Ti segnaliamo in particolare: che la Biblioteca organizza Seminari per gli studenti

iscritti al primo anno con lo scopo di far avvicinare i nuovi arrivati alle molte risorse

disponibili e che continua a seguire gli studenti durante tutto il percorso di studio

proponendo Corsi di navigazione in rete su banche dati di interesse disciplinare e

sugli strumenti di informazione scientifica indispensabili per un buon iter di

apprendimento e per una futura professione.

Patrimonio bibliografico

18.000 opere monografiche

accesso ad oltre 7.000 periodici elettronici dei più importanti editori internazionali

(Elsevier, Wiley, ACS, Springer...)

E’ consultabile la Sezione storica, che comprende pubblicazioni periodiche e

monografiche dei secoli XVIII e XIX attinenti ai settori disciplinari di interesse per la

Facoltà

Risorse elettroniche disciplinari

� Scifinder in Web (Chemical Abtracts Service)

� Beilstein Cross-Fire (Beilstein Chemical Data and Software GmbH)

� Web of Science (ISI)

� Journal citation Index

� Oltre 200 Banche dati disciplinari accessibili tramite STN International Fiz-karlsrhue

� Basi di dati brevettuali

Consulenza bibliografica

Il personale della Biblioteca offre assistenza ed intermediazione nell'uso di risorse

informative elettroniche e consulenza nell'utilizzo degli strumenti di reference.

Distribuzione e prestito

L’ orario di distribuzione e di prestito coincide con l’orario di apertura della

Biblioteca.

Prestito interbibliotecario e Document Delivery

La Biblioteca effettua il servizio di fornitura del materiale bibliografico necessario

all’utente e non presente in Biblioteca. I documenti vengono richiesti a Biblioteche e

Centri di documentazione italiani e internazionali. Le richieste possono essere

inoltrate personalmente presso la Biblioteca, via e-mail e via fax. L’utente dovrà

informarsi relativamente all’arrivo del materiale richiesto e provvedere

personalmente al ritiro. La Biblioteca non richiede alcun rimborso per le richieste di

fotoriproduzione inoltrate presso le altre Biblioteche dell’Ateneo di Siena. Per quelle

evase da Biblioteche e Centri di documentazione nazionali ed internazionali, la

Biblioteca richiede esclusivamente il rimborso delle spese addebitatele dalle strutture

fornitrici. L’utente può segnalare alla Biblioteca la disponibilità a ricevere tramite

posta elettronica il materiale richiesto

Fotoriproduzioni e stampe

Nei limiti posti dalla Legge sul diritto d’autore, la Biblioteca permette la

fotoriproduzione self-service delle opere possedute. Per l’utilizzo delle fotocopiatrici è

sufficiente che l’utente acquisti in Biblioteca la relativa tessera magnetica.

Sala informatica

L'accesso alla sala informatica è previsto per gli utenti della Biblioteca previa

identificazione tramite le credenziali di Ateneo unisiPass, fornite dal Centro

universitario per l’informatica e la telematica Q.it. L'utilizzo delle attrezzature

informatiche è consentito per le esigenze legate allo studio ed alla ricerca.

- 28 -


LABORATORIO INFORMATICO

Le macchine presenti nel laboratorio sono collegate tra loro tramite una sottorete

privata (Ethernet) gestita da un server dedicato alla gestione dei servizi d’accesso

agli hosts e all’interfacciamento con sistemi esterni.

Ogni postazione è corredata di sistema operativo linux based, del software

necessario per l’office automation, nonché di programmi specifici per l’elaborazione

di immagini digitali e per il modeling e l’elaborazione 3D di strutture chimiche e/o

molecolari.

La Facoltà di Farmacia garantisce ai suoi studenti per l’intera durata della loro

formazione universitaria la possibilità di utilizzare moderni computers disponendo

nella propria sede di un laboratorio a posto singolo informatizzato appositamente

dedicato.

Orario di apertura:

dal lunedì al venerdì: 9:00 - 19:00;

Per informazioni rivolgersi al Centro Servizi della Facoltà.

La struttura viene principalmente utilizzata per lo svolgimento di lezioni teoricopratiche

direttamente inerenti all'Informatica nonché per tutti quei corsi che

prevedono l'uso del computer come strumento didattico permettendo

l'applicazione pratica (utilizzazione a posto singolo dei computer) di alcune delle

metodologie computazionali di base utilizzate nella progettazione razionale dei

farmaci.

- 29 -


Attraverso l’uso di opportuno software didattico e di software professionali per il

modeling molecolare, nel laboratorio è possibile giungere fino alla simulazione

(attraverso la costruzione di modelli molecolari) dei dettagli atomici dell’interazione

non covalente tra due molecole - un host e un guest - come modello semplificato

dell’interazione tra farmaco e bersaglio biologico.

Fuori dall'orario di svolgimento delle lezioni, gli studenti possono accedervi

liberamente vista la presenza nel laboratorio di personale specializzato in grado di

fornire un valido supporto al corretto utilizzo delle risorse e dei servizi messi a

disposizione.

- 30 -


LA SEGRETERIA STUDENTI

Per informazioni e certificazioni riguardanti immatricolazioni, iscrizioni

e carriere, gli studenti possono rivolgersi alla

Segreteria Studenti della Facoltà di Farmacia

Polo Scientifico Universitario di San Miniato

tel. +39 0577 234047/4029/4056

fax. +39 0577 234056

e-mail: segst_farm@unisi.it

Orario d’apertura:

lunedì e mercoledì: 9:00 - 13:30

martedì e giovedì: 14:45 - 17:00

venerdì: previa richiesta da inviare almeno 48 ore

prima a mezzo e-mail

l personale operante presso la Segreteria Studenti della Facoltà di Farmacia:

Martina Bogi (responsabile) Tel. +39 0577 234047

Manola Bruttini Tel. +39 0577 234056

Benedetta Nepi Tel. +39 0577 234029

- 31 -


ORIENTAMENTO E TUTORATO

La Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Siena, anche in collaborazione

con l’Ufficio Accoglienza Orientamento e Tutorato dell’Ateneo, realizza le attività di

seguito riportate:

per gli studenti delle Scuole secondarie

ATTTTI IVVI ITTÀ IN I INGRREESSSSO I

Colloqui individuali di orientamento

i docenti della Facoltà ricevono gli studenti che intendono intraprendere gli studi

universitari,per fornire chiarimenti ed indicazioni sull’offerta didattica,

sull’ordinamento dei vari corso di studio e sui relativi sbocchi professionali. I colloqui

si tengono nei mesi di Febbraio, Luglio, Agosto e Settembre presso la sede della

Facoltà secondo un calendario stabilito e reso noto anche attraverso le pagine

web della Facoltà.

Iniziativa di Orientamento interattivo (CHAT)

che consente di dialogare on-line con i docenti delegati e con gli studenti tutor

secondo un calendario fissato dall’Ufficio Orientamento e Tutorato.

Presentazione della Facoltà

da effettuarsi o presso la sede delle Scuole o presso la sede della Facoltà nel Polo

Scientifico Universitario di San Miniato; in quest’ultimo caso è possibile anche

incontrare gli studenti tutors dei vari corsi di studio e visitare le strutture della

Facoltà che sono interamente collocate all’interno del Polo (biblioteca, laboratori

didattici, aule informatiche etc.).

Partecipazione alla Settimana Scientifica e Tecnologica

all’interno della Settimana Scientifica e Tecnologica verranno presentati seminari

ed esperienze su tematiche relative al settore del Farmaco.

Partecipazione al Progetto “UNIVERSITA’ APERTA”

nel mese di Febbraio 2011.

Collaborazione Facoltà-Scuole su argomenti da individuare

su richiesta delle Scuole i docenti della Facoltà potranno effettuare lezioni ed

attività sperimentali su precise tematiche relative al settore del Farmaco quali

Biochimica, Bioinformatica, Biotecnologie, Botanica, Chimica (analisi e sintesi),

Cosmetica, Prodotti e tecniche erboristiche, Microbiologia, Molecolar modeling,

Tecnologie farmaceutiche, etc., per la migliore organizzazione delle attività, le

scuole interessate dovranno contattare i docenti delegati (Alessandro Sega e

Valter Travagli).

- 32 -


Visite guidate nella Facoltà

con possibilità di assistere alla presentazione della Facoltà, a lezioni ed esercitazioni

di laboratorio, di incontrare studenti e docenti, di visitare la biblioteca e le aule

informatiche e le altre strutture del Polo scientifico di San Miniato. Dietro preavviso

è possibile visitare il Museo Anatomico e l’Orto Botanico di Siena. (Per le visite

all’Orto Botanico è prevista una durata minima di tre ore ed una partecipazione

massima di 20 studenti durante la visita verranno particolarmente illustrate le

specie più utilizzate nella medicina tradizionale toscana e quelle di più larga

applicazione in fitoterapia, in erboristeria e nell’industria.)

Stages

prevedono che un certo numero di studenti vengano ospitati nei laboratori di

ricerca della Facoltà per un periodo di tempo continuativo dietro precisa

convenzione; gli stages sono sostituitivi della normale attività didattica svolta nella

Scuola; le disponibilità sono al momento:

* ambito: Fisiologia generale e Scienza della Alimentazione

coordinatori: Prof.ssa Maria Michela Muscettola (tel: +39 0577 234225 ) e

Prof. Gian Paolo Pessina (tel: +39 0577 234216);

*ambito: Chimica e fotochimica organica

coordinatore: Prof. Fabio Ponticelli (tel: +39 0577 234271)

Progetto “Nuovi percorsi di qualità”

gestito dall’Ateneo ed al quale la Facoltà partecipa.

Docente di riferimento: Prof.ssa Stefania Butini (tel: +39 0577 234161)

Tutte le attività sopra indicate si avvalgono nella fase organizzativa della

collaborazione dell’Ufficio Accoglienza, Orientamento e Tutorato e di quella dei

Delegati di Facoltà.

per le matricole

Incontro con il Preside della Facoltà

Prof. Maurizio Botta; l’incontro si terrà nella sede della Facoltà il giorno 21 ottobre

2010 ore 10.00 presso l’Aula Magna del Polo Scientifico Universitario di San Miniato.

Incontro con gli studenti tutors, con il docente tutor e con i rappresentanti del

Comitato per la Didattica

di ciascuno dei tre corsi di studio (Farmacia, CTF e Pharmaceutical Biotechnology)

della Facoltà; gli incontri si terranno, per ciascun corso, durante la prima ora (in

assoluto) delle lezioni del primo anno.

Precorso Matematica Zero

è aperto agli studenti di tutti i corsi di laurea con una durata prevista di 12 ore (2

settimane), da svolgersi nella seconda metà del mese di settembre. Nel precorso

vengono illustrati argomenti propedeutici al programma del corso curriculare con

lo scopo di agevolare sia dal punto di vista dei contenuti che del metodo, ciò che

nel corso curriculare verrà trattato. Le notizie definitive sul precorso (calendario,

orario , aula,) saranno pubblicate sul sito web della Facoltà in tempo utile per la

partecipazione.

- 33 -


Test accesso per le matricole dei corsi di laurea magistrale

Con la riforma dei cicli di studio anche l’Università di Siena, come tutte le Università

italiane, ha introdotto una prova di accesso anche per chi si immatricola a un

corso di studio non a numero programmato.

Tale prova ha lo scopo di valutare la tua attitudine e il tuo grado di preparazione in

alcune discipline ritenute particolarmente rilevanti per affrontare con successo il

corso di laurea che intendi scegliere, e quindi di colmare le eventuali lacune che

dovessero emergere dalla prova prima dell’inizio delle lezioni. Per i corsi di laurea

non a numero programmato tali prove sono obbligatorie, ma l’eventuale risultato

negativo non preclude l’immatricolazione. In questo caso, infatti, avrai degli

“obblighi formativi aggiuntivi” da coprire attraverso corsi di recupero mirati che la

tua Facoltà organizzerà nel primo anno di corso. E previsto un contributo

economico per le spese che l’Ateneo dovrà sostenere per la realizzazione delle

prove.

Si informa che il test di accesso, obbligatorio ma non vincolante ai fini

dell'iscrizione, si svolgerà il giorno 27 settembre 2010 alle ore 9:00 presso l'Aula

Magna del Polo Scientifico Universitario di San Miniato.

Una seconda sessione, dedicata agli studenti che avranno perfezionato l'iscrizione

in data successiva al 27 settembre 2010, si terrà il giorno 17 gennaio 2010 alle ore

9:00 presso l'Aula Magna del Polo Scientifico Universitario di San Miniato.

Si precisa tuttavia che le attività tutoriali e di recupero per gli studenti che

presenteranno lacune nella preparazione personale si svolgeranno nel mese di

ottobre 2010.

- 34 -


per gli studenti di tutti gli anni di corso

ATTTTI IVVI ITTÀ IN I ITTI I INEERREE

Ricevimento degli studenti

da parte di ogni docente sulla propria disciplina, secondo un calendario stabilito.

Docenti-tutors

per ogni anno di ciascun corso di laurea nonché per gli studenti fuori corso è

nominato un docente-tutor cui gli studenti possono rivolgersi per esporre richieste,

segnalare eventuali problemi didattici e logistici e per avere informazioni e

suggerimenti nel caso di trasferimenti, di problemi legati all’accreditamento di CFU,

etc. I docenti-tutors effettuano inoltre un monitoraggio periodico per verificare la

progressione degli studenti nel loro percorso di studio e possono , se necessario

proporre, ai Comitati per la didattica di intraprendere precise iniziative di tutorato

didattico.

Tutorato didattico

vengono messe in atto forme di tutorato, che possono variare nella tipologia, da

parte dei docenti delle varie discipline allo scopo di migliorare l’apprendimento e

di rimuovere possibili situazioni di disagio; forme di tutorato ad hoc vengono

individuate per gli studenti che effettuano il passaggio da un corso di laurea

all’altro all’interno della nostra Facoltà.

Studenti-tutors

per ogni Corso di Studio vengono nominati studenti-tutori cui tutti gli studenti

possono rivolgersi per avere informazioni o suggerimenti sulle modalità di studio,

sulla organizzazione del Corso, sull’uso delle strutture di Facoltà e di Ateneo etc.;

per facilitare e supportare tali interazioni e per assicurare la massima visibilità, gli

studenti-tutors dispongono di un luogo di ricevimento nella sede della Facoltà e di

un sito web (per conoscere le attività organizzate dagli studenti tutor consultare il

link presente nelle pagine web di facoltà).

ATTTTI IVVI ITTÀ IN I UUSSCI ITTA

per gli studenti iscritti agli ultimi anni di corso

Il mondo del lavoro ed il futuro professionale

organizzazione di incontri volti ad offrire una panoramica della realtà professionale

attuale. L’iniziativa si articolerà in più incontri durante i quali vari relatori provenienti

da numerose e diverse realtà professionali presenteranno la loro attività,

propongono riflessioni sul loro curriculum prima universitario e poi professionale e

sono a disposizione degli studenti per approfondimenti, suggerimenti e discussione.

per i neolaureati

Corso teorico-pratico di “Spedizione della ricetta” per la preparazione all’esame

di abilitazione all’esercizio della Professione di Farmacista. Il corso verrà effettuato

due volte in periodi immediatamente precedenti le due sessioni annuali degli

esami di Stato nel laboratorio di Tecnologia Farmaceutica del Polo Scientifico

Universitario di San Miniato.

- 35 -


Progetto “ Network Alumni Farmacia”

volto a creare, mantenere e stimolare contatti tra i nostri attuali studenti e coloro

che nostri studenti sono stati (Alumni) e che attualmente occupano varie ed

articolate posizioni professionali. Il progetto persegue i seguenti obiettivi:

- rendere disponibile l’esperienza che i nostri Alumni hanno già vissuto sia di ricerca

del lavoro sia di inserimento nella posizione professionale prescelta;

- incrementare e rendere sempre più proficuo il rapporto tra Università e

Professioni, dando vita ad un continuo e reciproco feedback tra offerta formativa

e professionalità;

- stimolare negli studenti una riflessione sulle loro attitudini e attese favorendo così il

formarsi di una cultura del lavoro contestuale agli ultimi anni del percorso di studio.

Tutte le informazioni sul progetto sono consultabili sul sito della Facoltà al link:

http://www.farm.unisi.it/alumni/index-al.php

AZZI IONI I DDI I SSOSSTTEEGNO ALLLLA ATTTTI IVVI ITTÀ DDI I TTUUTTORRATTO

Vengono promosse dai Corsi di Laurea Specialistica in Farmacia e CTF e sono

rappresentate dalla distribuzione di due questionari:

Questionario per i Laureandi

attinente tra l’altro alla organizzazione generale della didattica, alle eventuali

difficoltà incontrate ed agli obiettivi ed attese relativamente alla preparazione

della tesi.

Questionario per Laureati

inviato agli studenti laureati negli ultimi due anni ed attinente tra l’altro alla

situazione occupazionale ed al giudizio di merito sulla qualificazione culturale e

professionale acquisita, al momento del riscontro occupazionale.

I dati raccolti andranno ad aggiungersi a quelli ottenuti dai questionari annuali di

valutazione; sarà possibile così un monitoraggio completo, da parte dei Comitati per

la didattica, sulla intera sequenza del Corso .

Docenti responsabili per le attività di Orientamento e Tutorato della Facoltà:

Prof. Alessandro Sega

tel. +39 0577 234281 - e-mail: sega@unisi.it

Prof. Valter Travagli

tel. +39 0577 234317 - e-mail: travagli@unisi.it

Ufficio di Ateneo:

Area Servizio agli Studenti, Ufficio Accoglienza,Orientamento e Tutorato

Università degli Studi di Siena, Via Banchi di Sotto 55

Sig.ra Ginetta Betti Tel. +39 0577 232423 e-mail: betti@unisi.it

Sito web: http://www.unisi.it/orientamento/

- 36 -


ATTIVITÀ DI TIROCINIO/STAGE

Il Placement Office è il servizio dell'Università degli Studi di Siena che favorisce

l'incontro tra studenti/neolaureati e il mondo del lavoro, gestendo e attivando i

rapporti con le aziende del territorio, in Italia e all'estero e le procedure per

l'avvicinamento dei giovani ai settori delle professioni.

Puoi rivolgerti al Placement Office per:

� consulenza amministratva per l'attivazione dei tirocini e l'individuazione del

progetto formativo;

� orientamento sulle offerte di stage e di lavoro;

� consulenza sui programmi di stage con enti pubblici, aziende in Italia e

all'estero;

� informazioni per tirocini curriculari (ai sensi del D.M. n. 509/99 e del D.M. n.

270/04) e per tirocini di orientamento e formazione post laurea (ai sensi del

D.M. 142/98)

� orientamento professionale, orientamento in uscita, career counseling e

tecniche di recruitment;

� banca dati AlmaLaurea;

� sportello aziende AlmaLaurea;

� valutazione delle necessità formative e le aspettative del mondo del lavoro

(analisi dei fabbisogni professionali, mappatura del sistema produttivo locale

delle imprese ecc...);

ATTIVITÀ DI TIROCINIO/STAGE

Placement Office, Via Banchi di Sotto, 59 - 53100 Siena

Fax 0577/232494

e-mail: stage@unisi.it

placement@unisi.it

sito web: www.unisi.it/placement

Staff:

Laura Berni (responsabile) Tel. +39 0577-232259; e-mail: lberni@unisi.it

Francesca Bassi Tel. +39 0577-232277; e-mail: bassi@unisi.it

Novella Manganelli Tel. +39 0577-232006; e-mail: manganelli9@unisi.it

Sabina Mencherini Tel. +39 0577-232124; e-mail: mencherini2@unisi.it

Cristina Rubegni Tel. +39 0577-232007; e-mail: rubegni6@unisi.it

- 37 -


PROGRAMMA LLP - ERASMUS

SCAMBI CULTURALI CON ALTRE UNIVERSITÀ

Con il programma SOCRATES/ERASMUS la Commissione Europea ha inteso favorire lo

sviluppo di una rete europea di cooperazione tra le Università, promuovendo

gli scambi culturali di studenti all'interno della Unione Europea. gli studenti che

usufruiscono del programma SOCRATES/ERASMUS è concessa, dalla Commissione

Europea, una borsa di studio per il periodo di permanenza all’estero.

Per il prossimo Anno Accademico la Facoltà rende disponibili gli Scambi sotto

indicati per i quali sono riportati: l’ambito disciplinare, il docente della Facoltà con

funzione di Coordinatore locale e il suo recapito e le università straniere presso le

quali lo scambio può essere svolto.

1) Biologia:

Coordinatore locale Prof.ssa Annalisa Santucci

Dipartimento di Biologia Molecolare

Anatolia(TR)

Granada (E)

Krakòw (PL)

Liverpool (UK)

Nijmegen (NL)

Vienna (A)

Coordinatore locale Prof.ssa Lorenza Trabalzini

Dipartimento di Biologia Molecolare

Swansea (UK)

2) Chimica:

Coordinatore locale Prof. Maurizio Botta

Dipartimento Farmaco Chimico Tecnologico

Thessaloniki (GR)

Salford (UK)

Coordinatore locale Prof. Alessandro Sega

Dipartimento Farmaco Chimico Tecnologico

Montpellier (F)

Helsinki (SF)

Braunschweig (D)

Coordinatore locale Prof. Maurizio Taddei

Dipartimento Farmaco Chimico Tecnologico

Southampton (UK)

- 38 -


2) Farmacologia:

Coordinatore locale Prof.ssa Cecilia Anselmi

Dipartimento Farmaco Chimico Tecnologico

Leiden (NL)

Coordinatore locale Prof.ssa Stefania Butini

Dipartimento Farmaco Chimico Tecnologico

Copenhagen (DK)

Coordinatore locale Prof. Gian Pietro Sgaragli

Dipartimento di Neuroscienze

Dublin Trinity College (IRL)

Alcala de Henares (E)

Barcellona (E)

Elche (E)

Coventry (UK)

Londra (UK)

Coordinatore locale Prof. Massimo Valoti

Dipartimento di Neuroscienze

Sofia (BG)

Coordinatore locale Prof.ssa Marina Ziche

Dipartimento di Biologia Molecolare

Patras (GR)

Joannina (GR)

Gli studenti che intendono usufruire dei suddetti programmi, devono

preliminarmente contattare il Coordinatore locale del programma prescelto. Con il

concorso del Coordinatore locale, dei docenti coinvolti nello scambio (locali e delle

Università straniere) e dello studente, viene organizzato un preciso piano dell'attività

didattica che lo studente stesso svolgerà all'estero.

L’attività didattica può essere rappresentata da:

● frequenza ai corsi che fanno parte del piano di attività concordato

e superamento dei relativi esami;

● preparazione di tutta o di parte della tesi;

● partecipazione ad attività di ricerca.

Le richieste ed i piani di attività didattica vengono esaminate dalla

“Sottocommissione LLP - Erasmus” della Facoltà di Farmacia,

composta da:

Prof.ssa Annalisa Santucci

docente responsabile dei Programmi di Mobilità;

Prof. Gian Pietro Sgaragli

membro della “Commissione LLP - Erasmus” per l’area disciplinare della Facoltà di

Farmacia e docente responsabile dei Programmi di Mobilità;

i Presidenti dei Comitati per la Didattica.

- 39 -


Ogni tipo di attività svolta dovrà essere documentata, al rientro, con attestati o

certificati ufficiali, rilasciati dall'Università straniera.

I Comitati per la Didattica e il Consiglio di Facoltà riconosceranno le attività svolte

secondo criteri stabiliti. Le stesse attività verranno riportate nel curriculum dello

studente.

Per gli aspetti amministrativi e per altre informazioni rivolgersi a:

Ufficio Relazioni Internazionali - Via S. Vigilio, 6

e-mail: uri@unisi.it

tel. +39 0577 23 2416 - 2158 - 2391

fax +39 0577 232392

Orario di apertura al pubblico

International Relations Desk

Via Banchi di Sotto n. 55

Lunedì, mercoledì e venerdì

dalle ore 10.30 alle 13.00

Martedì e giovedì

dalle ore 15.00 alle 17.00

- 40 -


CLASSI E CORSI DI STUDIO

Un corso di studio è qualunque percorso universitario che si conclude con

l’acquisizione di un titolo con valore legale. Le Classi stabilite a livello nazionale dal

MIUR, sono dei “contenitori” all’interno dei quali sono stati raggruppati i corsi di

studio; fanno parte di una stessa classe quei corsi di studio che hanno la stessa

durata, che perseguono gli stessi obiettivi formativi qualificanti e che per

conseguenza devono avere in comune un certo numero di attività formative

indispensabili. Accanto a questo denominatore comune, individuato dalla classe, i

corsi di studio vengono diversificati e diversamente articolati da ogni singolo Ateneo

con lo scopo di coniugare le specificità culturali di sede e le esigenze di formazione

presenti in particolare nel territorio di riferimento. L’appartenenza di vari corsi di

studio alla stessa classe garantisce d’altra parte gli stessi obiettivi formativi generali e

quindi il titolo conseguito avrà sempre lo stesso valore legale.

I corsi di studio previsti dagli ordinamenti vigenti sono:

● Corso di Laurea (CdL) con durata di tre anni (ex D.M. 270/04);

● Corso di Laurea Magistrale (CdLM) ulteriori due anni

dopo una Laurea (3 + 2) (ex D.M. 270/04);

● Corso di Laurea Magistrale a Normativa Europea (CdLM-UE)

con durata di cinque anni (5) (ex D.M. 270/04).

- 41 -


Diploma

di

maturità

Su questa base ti presentiamo in veste grafica i percorsi di studio:

Laurea Magistrale a Normativa Europea in

Farmacia

(durata 5 anni Classe LM-13)

Laurea Specialistica a Normativa Europea in

Farmacia 1

(durata 5 anni Classe LS-14)

Laurea Magistrale a Normativa Europea in

Chimica e Tecnologia Farmaceutiche

(durata 5 anni Classe LM-13)

Laurea Specialistica a Normativa Europea in

Chimica e Tecnologia Farmaceutiche 1

(durata 5 anni Classe LS-14)

Laurea 2

Laurea Magistrale in

Pharmaceutical

Biotechnology

(durata 2 anni Classe LM-9)

1 attivati gli anni III, IV, e V;

2 Possono accedere, senza debiti formativi, al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical

Biotechnology coloro che abbiano conseguito uno dei seguenti titoli, ovvero altro titolo di studio

conseguito all’estero e riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente:

1. una Laurea in una delle seguenti classi di laurea a) DM 270/04: classe L-2 Biotecnologie; classe

L-13 Scienze Biologiche; classe L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche. b) DM 509/99: classe

1 Biotecnologie; classe 12 Scienze Biologiche; classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche,

classe 27 Scienze Naturali; classe 46/S Medicina e Chirurgia; classe SNT/3 Tecniche di

Laboratorio Biomedico;

2. ovvero una laurea specialistica nella classe delle Lauree Specialistiche 14/S della Farmacia e

Farmacia industriale;

3. ovvero un diploma di laurea in Farmacia o in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche o in

Scienze Biologiche conseguito negli ordinamenti previgenti al D.M. 509/1999.

- 42 -

Scuola di

Specializzazione in

Farmacia Ospedaliera

Scuole di dottorato

Masters Universitari

Corsi di Perfezionamento

Scuole di dottorato

Masters Universitari

Corsi di Perfezionamento


Sono rappresentate da:

CORSI DI LAUREA DI FACOLTÀ

Lauree Magistrali a Normativa Europea (LM-UE) ex D.M. 270/04:

● Laurea Magistrale in Farmacia*

● Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF)*:

* per l’A.A.2010/2011 sono attivati solo il I ed il II anno.

Lauree Specialistiche a Normativa Europea (LS-UE) ex legge 509/99:

● Laurea Specialistica in Farmacia*

● Laurea Specialistica in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF)*

* per l’A.A.2010/2011 sono attivati il III, IV e V anno.

Laurea Magistrale (LM):

Laurea Magistrale in Pharmaceutical Biotechnology

- 43 -


NOTIZIE GENERALI

(valide per tutti i corsi di studio della Facoltà)

STUDENTI A TEMPO PARZIALE:

una nuova opportunità offerta dall’Ateneo di Siena.

Chi è lo studente a tempo parziale?

Lo studente si considera a tempo parziale quando partecipa alle attività didattiche

e consegue i crediti relativi alle attività formative previste per ciascun anno di corso,

in due anni accademici, fermi restando gli eventuali obblighi di frequenza. Lo

studente esprime l’opzione al momento dell’iscrizione. La scelta si intende valida per

due anni accademici - nel secondo dei quali lo studente risulta iscritto come

ripetente – ferma restando la facoltà dello studente di optare per il tempo pieno

all’atto del perfezionamento dell’iscrizione all’anno accademico successivo. Al fine

di agevolare la scelta dello studente, il Comitato per la Didattica predispone forme

specifiche di tutorato.

● Uno studente che in base a considerazioni strettamente personali (motivi di lavoro,

situazioni familiari etc..) liberamente sceglie di compiere il proprio percorso di studi in

un tempo più lungo da quello previsto dagli ordinamenti;

● in particolare lo studente ha la possibilità di fare in due anni quello che

l'ordinamento richiede sia fatto in un anno;

● ragionando in termini di crediti lo studente a tempo parziale diluisce i 60 crediti

previsti per ciascun anno di corso in due anni accademici (si raddoppia in tal modo

la durata dell’anno accademico);

Quando fare richiesta di tempo parziale?

● Lo studente può esercitare la scelta al momento dell'iscrizione;

● lo studente lo può fare anche successivamente purché entro la data definita nel

manifesto degli studi (termine ultimo); questa seconda possibilità viene offerta allo

studente per consentirgli di esercitare una scelta consapevole anche sulla base del

proprio rendimento e con l’aiuto di forme apposite di tutorato.

La laurea ottenuta con il tempo parziale ha lo stesso valore di quella a tempo

normale?

● Sì, il titolo che viene rilasciato è ovviamente lo stesso.

- 44 -


C'è un numero minimo di crediti da conseguire ogni anno?

Il regolamento didattico dell'Ateneo di Siena prevede che:

● lo studente iscritto ai CdL Magistrale a normativa Europea deve conseguire

almeno un certo numero di crediti (per i dettagli vedi: http://www.farm.unisi.it)

entro il 31 dicembre dell’anno di iscrizione; al di sotto di questo valore lo studente

viene automaticamente iscritto come ripetente;

● lo studente che ha scelto il tempo parziale deve conseguire questi stessi crediti in

un numero doppio di anni.

Quali sono i vantaggi dello studente a tempo parziale rispetto a quello ripetente?

● Le tasse ed i contributi vengono calcolati sulla base di un indice di merito oltre che

di reddito. Lo studente ripetente (a parità di crediti conseguiti) avrà indici di merito

inferiori rispetto allo studente a tempo parziale: ciò può influire sensibilmente

sull’entità delle tasse;

● il calcolo dell’indice di merito per uno studente a tempo parziale è più favorevole

anche rispetto allo studente a tempo pieno (si riporta in nota un esempio del calcolo

applicato);

● il Rettore dell’Ateneo di Siena si è attivato perché il Diritto allo studio (DSU), di

competenza regionale, riconosca la figura dello studente a tempo parziale al pari

dello studente a tempo pieno rispetto ai benefici (borse, alloggi, etc).

Lo studente a tempo parziale ha obbligo di frequenza?

● Sì, anche lo studente a tempo parziale è tenuto a rispettare gli eventuali obblighi

di frequenza;

Quali studenti non possono scegliere il tempo parziale?

● La posizione di studente a tempo parziale non è compatibile con i Corsi di

Dottorato di Ricerca;

Nota:

Lo status di studente a tempo parziale di solito determina anche – a parità di

rendimento con lo studente a tempo pieno – valori di contribuzione più bassi. Per

maggiori informazioni si rimanda al “Regolamento per la determinazione delle tasse

e dei contributi universitari” consultabile on-line all’indirizzo:

http://segreteriestudenti.unisi.it/segr_cdl/regolamento_tasse.rtf

- 45 -


Che cosa sono?

CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI

Tutti i Corsi di Studio sono organizzati in base al nuovo sistema dei crediti formativi

universitari (CFU) che rappresentano le unità di misura del lavoro complessivamente

svolto dallo studente. 1 CFU corrisponde a 25 ore di lavoro; queste ore si intendono

distribuite tra:

1. attività didattica assistita che prevede cioè il rapporto con il docente e quindi la

partecipazione (frequenza) a lezioni, esercitazioni, laboratori

2. attività dedicata alla elaborazione ed allo studio individuale necessari per far

propri i contenuti proposti dalla didattica assistita.

Le ore di elaborazione e studio possono variare in funzione del tipo di attività

didattica considerata; così il rapporto tra ore di studio ed ore di lezione sarà massimo

per gli insegnamenti che prevedono soltanto lezioni teoriche, mentre per quelli che

prevedono esercitazioni dimostrative o laboratori a posto singolo, proprio per il

supporto fornito dalla verifica sperimentale, si può prevedere un minor numero di ore

di elaborazione e quindi un rapporto minore. Si sottolinea che per tutte le attività

didattiche una parte del credito deriva comunque dal rapporto diretto docente–

studente e ciò implica per alcuni insegnamenti la frequenza obbligatoria a tutte le

forme di didattica assistita (lezione, esercitazione, laboratorio…).

Sulla base di quanto detto è possibile comprendere chiaramente i Piani di studio

riportati nelle pagine web della Facoltà:

il valore del rapporto rimanda al tipo di attività didattica e definisce di quante ore è

costituito 1 CFU

1 CFU = 7.5 ore per una disciplina che si avvale solo di lezioni teoriche;

1 CFU = 7,5 ore per una disciplina che prevede anche esercitazioni dimostrative;

1 CFU = 15 ore per una disciplina che prevede anche esercitazioni a posto singolo.

Come si acquisiscono?

I CFU attribuiti ad un dato insegnamento vengono acquisiti dallo studente solo al

superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto prevista nei piani di

studio. Mentre i crediti acquisiti misurano la quantità di lavoro svolto dallo studente

per superare un dato esame, il voto ne indica invece la qualità. Tutti gli studenti

conseguono il titolo con lo stesso numero di crediti, ma non è detto che ottengano

anche la stessa votazione.

Quanti ne occorrono?

Convenzionalmente, un anno accademico corrisponde ad un carico di lavoro per

lo studente pari a 60 CFU, da cui la necessità di maturare 180 CFU in tre anni per

conseguire la Laurea triennale e 300 CFU in cinque anni per ogni tipo di Laurea

Magistrale. Evidentemente il biennio magistrale a prosecuzione della Laurea

triennale, nel modello 3+2, comporta la necessità di acquisire 120 CFU.

- 46 -


ORGANIZZAZIONE DIDATTICA DEI CORSI DI STUDIO

Tutti i corsi di studio sono organizzati su base semestrale con due semestri per ogni

anno accademico dedicati all’insegnamento che cadono nel periodo 1 ottobre -

31 gennaio per il 1° semestre e 1 marzo - 15 giugno per il 2° semestre; gli altri periodi,

compreso il mese di febbraio, sono di silenzio didattico e quindi dedicati alle prove

di verifica secondo date stabilite.

Lo studente iscritto ad un determinato anno del corso di studio può frequentare le

discipline di quell’anno ma deve tener conto, relativamente alla possibilità o meno

di dare il relativo esame, della propedeuticità di esame (un esame è propedeutico

rispetto ad un altro quando deve obbligatoriamente essere superato prima di poter

affrontare l’altro). Quando previste, le propedeuticità sono indicate nel piano degli

studi dei singoli Corsi di Laurea.

Crediti liberi e Corsi a Scelta dello Studente

I crediti liberi si acquisiscono frequentando attività didattiche denominate anche

corsi a scelta e superando la verifica finale prevista.

Rappresentano un margine di libertà culturale previsto in ogni curriculum; lo studente

può utilizzarlo per espandere o approfondire i propri interessi scientifici e culturali. I

Il Senato Accademico nella seduta del 12 aprile 2010 ha precisato che ai fini

dell’acquisizione dei crediti previsti per le attività formative di cui all’art. 10, lettera a,

del DM 270/2004, lo studente può scegliere tutti gli insegnamenti attivati nell’ateneo

purché coerenti con gli obiettivi formativi del suo corso di studi.

Gli insegnamenti attivati nell’ambito di corsi di studio dello stesso livello di quello a

cui è iscritto lo studente e nella stessa Facoltà sono da considerare tutti coerenti con

gli obiettivi formativi senza la necessità di valutazione da parte del Comitato per la

Didattica.

E’ invece richiesta la valutazione del Comitato per la Didattica quando gli

insegnamenti siano attivati in corsi di studio di livello diverso a quello a cui lo

studente è iscritto e/o in diverse Facoltà.

Corso ed esame monodisciplinare (E): ha per oggetto una singola disciplina sulla

quale deve essere sostenuta la verifica (esame monodisciplinare E); la votazione

ottenuta viene registrata ed entra a far parte del curriculum dello studente.

Corso ed esame integrato (EI): è costituito da più insegnamenti (moduli)

opportunamente accorpati per potenziare il coordinamento dei contenuti. Le

verifiche di apprendimento conseguite sui singoli moduli andranno a costituire, in

media ponderata, una votazione finale, l’unica che verrà registrata entrando a far

parte del curriculum dello studente.

Per i corsi integrati la commissione è composta da tutti i titolari degli insegnamenti

costituenti il corso ed è presieduta dal docente designato dal Preside o dall'organo

previsto dal Regolamento Didattico di Facoltà. Il titolare o i titolari dell'insegnamento

sono responsabili dell'accertamento della preparazione dello studente.

- 47 -


Così per un corso integrato di due moduli di 4 e 6 CFU e quindi di peso diverso, se si è

ottenuto 25/30 nel primo e 30/30 nel secondo, la media pesata sui 10 CFU

complessivi sarà [(4CFU x 25 )+(6CFU x 30 ) ] /10 = 28/30. I crediti di un corso

integrato vengono acquisiti solo al superamento di tutte le verifiche sugli

insegnamenti che lo compongono.

La didattica viene impartita secondo tipologie diverse in parte già citate in

precedenza, che qui si riassumono:

Lezioni teoriche in aula, coadiuvate da strumenti audiovisivi multimediali;

Esercitazioni dimostrative con un massimo di 10-15 studenti per gruppo, durante le

quali vengono sviluppate da parte del docente applicazioni che consentono di

chiarire il contenuto delle lezioni (senza contenuti aggiuntivi);

Esercitazioni di laboratorio a posto singolo, durante le quali lo studente svolge

personalmente una precisa attività, in un posto di lavoro ed utilizzando un suo

personale corredo; lo studente può quindi, sotto la guida del docente, interagire

con attrezzature sperimentali;

Tirocini presso strutture esterne convenzionate (vedi di seguito);

Visite didattiche a laboratori o strutture o manifestazioni professionalmente

significative, durante le quali viene privilegiata la partecipazione interattiva.

Forme di verifica: le forme di verifica dell’apprendimento che determinano

l’acquisizione dei CFU possono essere diverse e vengono illustrate dal docente del

corso all’inizio delle lezioni; di norma sono rappresentate da un colloquio (che può

essere integrato da una prova di laboratorio, da una relazione scritta od orale o

altro) o da un elaborato scritto. Per ogni corso sono previste una o più prove di

verifica “in itinere” che il docente stabilirà nel numero e nella tipologia.

Valutazione dell’apprendimento: la votazione conseguita negli esami di profitto è

espressa in trentesimi e per il voto di conseguimento del titolo di studio (voto di

Laurea) in centodecimi; a quantificare il voto di Laurea concorrono diversi parametri

e tra questi, il principale è la media dei voti riportati su tutti i CFU conseguiti; per

alcune attività (tirocini) e per alcune discipline (abilità informatiche, lingua inglese o

altre dettagliate nei piani di studio) è previsto il conseguimento della sola idoneità

non espressa da un voto; l’idoneità determina l’acquisizione dei CFU ma

evidentemente non concorre al calcolo che porterà al voto di

Laurea.

Abilità Informatiche: in ottemperanza alla riforma questa attività è prevista per tutti i

corsi di studio. La acquisizione di abilità informatiche viene gestita dalla Facoltà per

mezzo dei corsi di Laboratorio di Informatica; il numero dei CFU che si acquisiscono

al superamento della verifica prevista è riportato nei singoli piani di studio; la

valutazione è rappresentata dalla idoneità.

- 48 -


Tirocinio: è un periodo di inserimento nei luoghi di lavoro privati o pubblici. Per le

Lauree Magistrali in Farmacia e CTF, riconosciute dal SSN, è obbligatorio un periodo

di tirocinio professionale da svolgersi in una Farmacia. Tale tirocinio determina

l’acquisizione di 30 CFU con una valutazione di “idoneità”.

Il regolamento e l’elenco delle Farmacie nelle quali è possibile svolgerlo sono

disponibili sul sito web istituzionale della Facoltà oltre che presso l’Ufficio competente

di Ateneo.

Lo studente può scegliere di svolgere un altro periodo di tirocinio secondo quanto

riportato nella prima sezione; tale tirocinio può essere richiesto dallo studente per la

preparazione della tesi di laurea sperimentale; i CFU acquisiti con tale tirocinio

facoltativo rientrano quindi in quelli attribuiti dal piano di studio alla preparazione

della tesi.

Tesi di laurea e valutazione finale: si rimanda alle monografie dei singoli Corsi di

Studio consultabili alla pagina web della Facoltà, alla voce “Regolamenti della

Facoltà e dei Corsi di Studio”.

SESSIONI ED APPELLI D’ESAME - A. A. 2010-2011

Le verifiche di profitto avvengono alla fine del periodo didattico e quindi nelle

sessioni invernale (mese di Febbraio) ed estiva (dal 15 giugno), secondo quanto

disposto dal “Regolamento Didattico di Ateneo”. Le prove intermedie possono

avvenire anche alla fine dei corsi di insegnamento, nel rispetto della non

sovrapposizione di lezioni ed esami.

Per gli studenti ripetenti, o fuori corso, è possibile sostenere verifiche di profitto anche

in apposite sessioni straordinarie. In base all’art. 7 del Regolamento di Facoltà: per gli

esami di profitto sono previste quattro

sessioni.

La Facoltà stabilisce che i singoli appelli di ogni sessione siano, di norma, disposti a

quindici giorni di distanza l’uno dall’altro.

I Sessione : n. 2 appelli, dal 1 febbraio al 28 febbraio 2011;

II Sessione : n. 3 appelli, dal 15 giugno al 29 luglio 2011;

III Sessione : n. 2 appelli, nel mese di settembre 2011;

IV Sessione : n. 2 appelli, dal 15 dicembre 2011 al 10 gennaio 2012.

Gli studenti potranno iscriversi agli appelli di esame secondo le modalità indicate

nel sito web della Facoltà di Farmacia:

http://www.farm.unisi.it/appelli/Guida_studenti.htm

- 49 -


LINGUE STRANIERE

Il Centro Linguistico d’Ateneo (CLA) è la struttura di riferimento per l'organizzazione

dei servizi didattici riguardanti l'apprendimento delle lingue straniere. Esso mette a

disposizione di studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo dell'Università

competenza ed esperienza organizzativa nel gestire corsi, esami di idoneità e

attività di studio autonomo. II CLA, inoltre, organizza seminari e attività di ricerca in

ambito linguistico ed è sede di corsi di formazione ed aggiornamento per insegnanti

di lingue.

Il CLA dispone di due sedi, una a Siena in Piazza San Francesco, 7, e una ad Arezzo in

Viale Cittadini, 33.

Le lingue insegnate a vari livelli sono:

• Inglese e francese

informazioni presso il CLA e sul sito web: http://www.cla.unisi.it

• tedesco, portoghese, spagnolo e russo (presso le Facoltà di Lettere)

Il CLA dispone di laboratori self-access per l'apprendimento autonomo delle lingue

straniere, dotati di postazioni audio, video e computer e di numerosi strumenti

didattici, in particolare materiale di supporto ai corsi e alla preparazione degli esami.

Il personale del laboratorio è a disposizione per orientare gli studenti, consigliarli nella

scelta dei materiali e aiutarli a progettare un percorso di studio autonomo che

soddisfi le loro necessità.

Il CLA mette inoltre a disposizione una serie di percorsi formativi online (WebLingu@),

assistiti da collaboratori esperti linguistici, che vanno dal livello principiante fino al

livello B1 del Quadro comune di riferimento europeo per le lingue. Tali percorsi

possono essere seguiti a distanza anche da studenti lavoratori o disabili. Per

informazioni: clatutors@unisi.it.

Per informazioni sui servizi offerti:

CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO

Piazza San Francesco, 7 - SIENA

tel. 0577/232702-232703

http://www.cla.unisi.it

e-mail: infocla@unisi.it

ORARIO DI APERTURA

Dal lunedì al venerdì: 10,00 - 13,00

Lunedì e mercoledì: 15,00 – 17,00 (dal 13 settembre)

SEDE DI AREZZO - Viale Cittadini, 33

Facoltà di Lettere e Filosofia (sede del Pionta - Palazzina Uomini - Primo Piano)

tel. 0575/926384 o 926221 (Segreteria) tel. 0575/926233 (Lab. Linguistico)

e-mail: cla-ar@unisi.it

ORARIO DI APERTURA

dal lunedì al venerdì ore 10.30-12.30 e 13.00-15.00

- 50 -


Informazioni sull'Idoneità di lingua inglese

(valide esclusivamente per le matricole 2010/2011)

L’Università di Siena richiede a tutti gli studenti iscritti alle lauree triennali e lauree a

ciclo unico 1 il superamento di una prova d’idoneità di lingua inglese di livello B1 -

secondo il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue (CEFR) 2 - che porta

all’acquisizione di 3 CFU (Crediti Formativi Universitari).

L’idoneità deve essere conseguita tramite una prova somministrata dal Centro

Linguistico d’Ateneo.

Gli studenti dei corsi di laurea triennali di Medicina (lauree per le professioni

sanitarie) dovranno superare una prova d’idoneità linguistica specifica.

Il superamento della prova vale anche come requisito linguistico per lo studente che

intendesse usufruire degli scambi Erasmus presso università anglofone.

Il percorso

• Per l’accesso a tutti i corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico è

richiesta la conoscenza della lingua inglese a un livello di competenza

almeno pari ad A2.2, così come definito dal Quadro comune di riferimento

delle lingue del Consiglio di Europa.

• Una volta immatricolato lo studente dovrà sostenere un test di livello che

valuta l’attuale livello di conoscenza della lingua inglese, a meno che non sia

già in possesso di una certificazione internazionale (la tabella delle

certificazioni riconosciute dall'Ateneo è pubblicata sul sito web del CLA). In

tal caso lo studente non dovrà sostenere il test, ma presentare al Centro

Linguistico entro il 15 dicembre 2010 l’originale del certificato per ottenere il

riconoscimento dei 3 Crediti Formativi Universitari obbligatori corrispondenti a

quelli previsti dal proprio corso di studi per la conoscenza della lingua inglese.

• Se non si è in possesso di alcuna certificazione internazionale è necessario

prenotarsi online per sostenere il test presso il Centro Linguistico. Per l’accesso

alle apposite pagine web (https://segreteriaonline.unisi.it) dovrà essere

utilizzato il codice di accesso ricevuto al momento dell’immatricolazione

(UnisiPass).

• I test di livello a Siena si svolgono nel periodo dal 13 settembre al 20 ottobre

presso il Laboratorio Informatico della Facoltà di Economia in Piazza San

Francesco, 8; nelle sedi di Arezzo e Grosseto le date saranno comunicate al

momento dell’immatricolazione. Le informazioni saranno disponibili anche sul

sito web del CLA.

• Per la preparazione al sostenimento delle prove di idoneità l’Università di

Siena attiverà corsi di diverso livello. Per le modalità di iscrizione consultare il

sito web del CLA all’indirizzo: http://www.cla.unisi.it/

• Chi si iscrive a un corso di laurea della Facoltà di Economia dovrà partecipare

all’incontro che si terrà Lunedì 13 settembre alle ore 9,00 presso l’Aula Magna

“Franco Caparrelli” della Facoltà. Nel mese di settembre la Facoltà di

Economia organizza due corsi intensivi di lingua inglese di 50 ore per gli

studenti che al momento del test di livello risultino avere competenze

linguistiche insufficienti alla frequenza con profitto dei corsi ordinari. Per

1 Per queste lauree è prevista un’ulteriore prova di livello B2

2 Tutte le indicazioni dei livelli si riferiscono d’ora in poi a tale documento.

- 51 -


accedere a questi corsi è necessario sottoporsi ad un test che valuta il livello

di conoscenza della lingua inglese. Il test si svolgerà nello stesso giorno (13

settembre) subito dopo l’incontro per la presentazione dei corsi.

Importante! Nel corso dell’incontro è necessario avere con sé il

numero di matricola e un indirizzo e-mail.

• Chi si iscrive al corso di laurea in Lingue, Letterature e culture moderne di Siena

dovrà sostenere i test di lingua inglese che si svolgeranno durante il mese di

settembre (senza appuntamento, tutti i giorni escluso il Sabato) dalle 10,00

alle 13,00 presso il laboratorio self-access della Facoltà di Lettere e Filosofia

(Via Roma, 56 – Complesso didattico san Niccolò, 4° piano). E' necessario

munirsi di due fotografie formato tessera. Chi si iscrive al corso di laurea in

Lingue e Comunicazione interculturale di Arezzo riceverà una nota

informativa all’atto dell’immatricolazione. Le informazioni saranno disponibili

anche sul sito web del CLA.

• Per gli immatricolati alle Lauree sanitarie (triennali della Facoltà di Medicina) i

test si svolgeranno nel mese di ottobre. Chi ha già conseguito il PET non è

tenuto a sostenere il test, ma a presentare al Centro Linguistico entro il 15

dicembre 2010 l’originale del certificato per ottenere il riconoscimento dei 3

CFU.

Il Centro Linguistico offre anche corsi online "WebLingua" per studenti lavoratori e

non frequentanti. Per ottenere informazioni sui corsi online scrivere a

clatutors@unisi.it.

INFORMAZIONI PER GLI STUDENTI DELLE LAUREE MAGISTRALI

Idoneità B2

L’Università di Siena richiede a tutti gli studenti iscritti alle lauree magistrali il

superamento di una prova d’idoneità di lingua inglese di livello B2 secondo il

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue (CEFR). L’idoneità deve essere

conseguita tramite un esame somministrato dal Centro Linguistico d’Ateneo.

Per gli studenti dei corsi di laurea magistrale a ciclo unico vale quanto detto nel

paragrafo precedente, previa l’acquisizione dei 3 CFU relativi all’idoneità di livello

B1.

Tutti gli studenti già in possesso del livello B1 attestato tramite certificazione

internazionale riconosciuta dall'Ateneo - la tabella delle certificazioni riconosciute

dall'Ateneo è pubblicata sul sito web del CLA - o idoneità rilasciata dal Centro

Linguistico possono accedere direttamente al corso B2. Le iscrizioni si tengono presso

il Centro Linguistico d’Ateneo prima dell’inizio dei corsi previsto per il 4 ottobre.

Gli studenti provenienti da altri Atenei dovranno dimostrare di aver raggiunto il livello

di competenza richiesto per l'accesso alla magistrale (B1) presentando al Centro

Linguistico una certificazione internazionale riconosciuta dall'Ateneo o sostenendo

un test di livello.

- 52 -


DESCRIZIONE DEI CORSI DI STUDIO

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A NORMATIVA UE IN FARMACIA

Classe delle Lauree Magistrali in Farmacia e Farmacia Industriale (LM-13)

REGOLAMENTO DIDATTICO

Art. 1 – Definizioni

1. - Nel presente Regolamento Didattico si intende: per LM Laurea Magistrale; per

CpD Comitato per la Didattica; per RDF Regolamento Didattico di Facoltà; per

RDA Regolamento Didattico di Ateneo.

Art. 2 – Istituzione

1. - È istituito presso l’Università degli Studi di Siena, Facoltà di Farmacia, il Corso di

Laurea Magistrale (LM) in Farmacia (Pharmacy), Classe LM/13 - Farmacia e

Farmacia Industriale, a norma del DM270/2004 e successivi decreti attuativi, di

durata quinquennale.

Art. 3 – Obiettivi Formativi Specifici

1. - I laureati magistrali in Farmacia sono dotati delle basi scientifiche e della

preparazione teorica e pratica necessarie all'esercizio della professione di

farmacista e per operare, quale esperto del farmaco e dei prodotti per la salute

(cosmetici, dietetici e nutrizionali, erboristici, diagnostici e chimico-clinici, presidi

medico-chirurgici, articoli sanitari, ecc.), nei relativi settori. Il corso di laurea

magistrale in Farmacia si propone di conferire un insieme di conoscenze teoriche

e pratiche in campo chimico, fisiologico, biologico, farmaceutico,

farmacologico e tossicologico che permettano ai laureati magistrali di affrontare

l’insieme multidisciplinare delle “scienze del farmaco” che prevedono la

progettazione della struttura, il sistema di controllo secondo le codifiche della

farmacopea europea, la produzione e l’utilizzazione del farmaco, fornendo così

una preparazione adeguata per operare nei diversi ambiti in cui è prevista

l'opera del Farmacista (farmacie pubbliche e private, parafarmacie, farmacie

ospedaliere e strutture sanitarie del territorio, aziende farmaceutiche, aziende

che si occupano degli aspetti regolatori ed aziende che operano nei settori della

nutrizione e della cosmetica). Con l’obiettivo di coprire le diverse aree per le

quali è richiesta la competenza professionale del farmacista, sono stati proposti

dei pacchetti di corsi opzionali che dovrebbero indirizzare il laureato magistrale

verso alcuni dei campi della scienza del farmaco. Altri obiettivi di apprendimento

sono: conseguire una buona padronanza del metodo scientifico di indagine;

saper utilizzare, in forma scritta e orale, la lingua inglese; essere in grado di

stendere rapporti tecnico-scientifici; saper elaborare e/o applicare idee o

procedure originali, anche in un contesto di ricerca; essere capaci di lavorare in

gruppo, di operare con autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di

lavoro.

Art. 4 – Risultati di apprendimento attesi

4.1 Conoscenza e capacità di comprensione.

I laureati magistrali conseguono conoscenze e capacità di comprensione ed

elaborazione dei concetti nei settori chimico, biologico, farmaceutico e

farmacologico. I laureati magistrali, tramite il supporto di libri e la consultazione

della letteratura scientifica, sono in grado di conoscere alcuni temi di

- 53 -


avanguardia nel proprio campo di studi e di elaborare ed applicare idee

originali, anche in un contesto di ricerca. La verifica dell'apprendimento

prevede esami tradizionali in cui il candidato dimostra ad una commissione di

esperti della materia la propria capacità di integrare le conoscenze apprese e

di comunicarle in modo chiaro e privo di ambiguità. Oltre agli esami, in

funzione dell'accertamento e a giudizio dei docenti dei corsi, possono essere

previste relazioni scritte e colloqui su specifici argomenti. Queste tipologie di

accertamento delle conoscenze sono volte a verificare se lo studente è in

grado di integrare e formulare giudizi sulle conoscenze apprese e sulla sua

capacità di proseguire gli studi e di acquisire conoscenze specifiche in modo

autonomo. La conoscenza e la capacità di comprensione delle varie discipline

previste nell'ordinamento si sviluppa nello studente progressivamente col

superamento delle verifiche previste nei diversi ambiti disciplinari. A tal fine il

corso di studi in Farmacia è organizzato con una serie di esami propedeutici

necessari per la frequenza e il superamento degli esami caratterizzanti. Nel loro

complesso le attività formative caratterizzanti la professione di Farmacista sono

incrementate sia per quanto riguarda le discipline chimico-farmaceutiche che

bio-farmacologiche. Tale incremento e più marcato nei settori della

biochimica, fisiologia e farmacologia per meglio caratterizzare il laureato

magistrale rispetto all'altro Corso di Laurea Magistrale della stessa Classe in

Chimica e Tecnologia Farmaceutiche attivato dalla Facoltà.

4.2 Capacità di applicare conoscenza e comprensione

La verifica della capacità di applicare le conoscenze apprese dallo studente in

un dato momento della frequenza nel corso di studi viene specificamente

effettuata valutando la frequenza a specifici corsi di laboratorio teorico-pratici

che prevedono la soluzione di problematiche sperimentali che implicano

anche la conoscenza di tematiche interdisciplinari e, come per gli esami di

corsi teorici, il superamento di un esame finale. Nello specifico sono previsti in

sede di regolamento e di piano di studio del Corso di Laurea Magistrale tre

laboratori di analisi dei medicinali e laboratori di tecnologia farmaceutica.

Infine la capacità di applicare le conoscenze apprese è esplicata in sede di

svolgimento della tesi di laurea che per il Corso di Laurea Magistrale in

Farmacia può essere di tipo compilativo o sperimentale. Dovranno essere

dimostrate in particolare una buona conoscenza della lingua inglese, la

padronanza di metodiche di laboratorio e di metodi di indagine di tipo

statistico-epidemiologico. L'applicazione delle conoscenze apprese è anche

richiesta in sede di tirocinio dove il laureando svolge, come previsto dalla

legge, un periodo di attività presso una Farmacia aperta al pubblico o una

Farmacia ospedaliera.

4.3 Autonomia di giudizio

L'autonomia di giudizio viene sviluppata progressivamente dagli studenti. Essa

viene verificata con le metodologie sopra menzionate e arriva al suo

completamento in sede di preparazione della tesi di laurea che può essere di

tipo sperimentale riguardante lo svolgimento di un lavoro di ricerca in

laboratorio con analisi e valutazione dei risultati ottenuti o di tipo compilativo,

riguardante indagini bibliografiche su problematiche appartenenti a diversi

settori scientifici. Durante tale fase la scelta delle modalità di indagine per il

completamento del lavoro di tesi, pur sotto la supervisione del relatore, è

lasciata al candidato ed il grado di raggiungimento di tale autonomia farà

parte del voto finale di laurea integrato da una valutazione complessiva del

suo curriculum di studi. In tutte le fasi del corso di studio ma in particolare

durante lo svolgimento della tesi di laurea è richiesta la conoscenza della

- 54 -


lingua inglese che viene accertata attraverso l’acquisizione certificata almeno

del livello B2 con riferimento anche al lessico scientifico

4.4 Abilità comunicative

I laureati magistrali nel corso di studi seguono un curriculum di insegnamenti e

di verifiche che li portano ad avere una capacità di apprendimento conforme

a quanto richiesto per questi laureati magistrali in sede Europea.

L'accertamento di queste caratteristiche avviene con le metodologie esposte

nei punti precedenti ed è basato sull'esposizione scritta e orale delle

conoscenze acquisite a specialisti del settore (docenti) e cultori delle materie

del corso. Le abilità comunicative raggiunte sono evidenziate alla conclusione

degli studi dall'esposizione del lavoro di tesi.

4.5 Capacità di apprendimento

Le capacità di apprendimento ottenute durante il corso di studi ovvero le

capacità di studiare in modo completamente autogestito e autonomo sono tra

gli obiettivi che il corso di studi si propone per i suoi laureati magistrali. Tali

capacità sono verificate in itinere con le modalità precedentemente descritte

Art. 5 – Sbocchi Occupazionali e Professionali

1. - Il conseguimento della laurea magistrale in Farmacia e della relativa abilitazione

professionale autorizza allo svolgimento della professione di farmacista, ai sensi

della direttiva CEE 85/432, e per operare come esperto del farmaco e dei

prodotti per la salute (prodotti cosmetici, erboristici, dietetici e nutrizionali,

diagnostici e chimico-clinici, articoli sanitari, presidi medico-chirurgici, ecc.) a

livello di industrie, centri pubblici e privati, farmacie aperte al pubblico e

farmacie ospedaliere pubbliche e private. Abilita inoltre all'esercizio delle

seguenti attività professionali: preparazione della forma farmaceutica dei

medicinali nell'industria; controllo dei medicinali in un laboratorio pubblico o

privato di controllo dei medicinali; immagazzinamento, conservazione e

distribuzione dei medicinali nella fase di commercio all'ingrosso; preparazione,

controllo, immagazzinamento e distribuzione dei medicinali nelle farmacie

aperte al pubblico; preparazione, controllo, immagazzinamento e distribuzione

dei medicinali negli ospedali (farmacie ospedaliere pubbliche e private);

diffusione di informazioni e consigli nel settore dei medicinali, dei prodotti

cosmetici, dietetici e nutrizionali, nonché erboristici per il mantenimento e la

tutela dello stato di salute; formulazione, produzione, confezionamento,

controllo di qualità e stabilità e valutazione tossicologica dei prodotti cosmetici;

produzione di fitofarmaci, antiparassitari e presidi sanitari; analisi e controllo

delle caratteristiche fisico-chimiche e igieniche di acque minerali; analisi e

controllo di qualità di prodotti destinati all'alimentazione, ivi compresi i prodotti

destinati ad un'alimentazione particolare ed i dietetici; produzione e controllo

di dispositivi medici e presidi medico-chirurgici; trasformazione, miscelazione,

concentrazione e frazionamento di parti di piante e loro derivati, sia per uso

terapeutico che erboristico; farmacovigilanza e controllo degli effetti avversi

dei farmaci in uso nella popolazione; esperto di regulatory affairs nel settore

farmaceutico industriale. Tali sbocchi professionali rientrano in quelli previsti

nell'elenco delle professioni ISTAT al punto 2.3.1.5 : Farmacisti ed assimilati.

Art. 6 – Conoscenze richieste per l’accesso

1. – E’ prevista l'ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Farmacia a tutti gli

studenti in possesso delle conoscenze acquisite alla scuola secondaria

superiore. Per l’accesso è richiesta la conoscenza della lingua inglese ad un

- 55 -


livello di competenza almeno pari ad A2/2, così come definito dal quadro

comune di riferimento delle lingue del Consiglio di Europa. La preparazione di

base delle matricole è verificata all'inizio delle attività didattiche del primo

anno tramite un test, obbligatorio ma non coercitivo ai fini

dell’immatricolazione.

Art. 7 – Comitato per la Didattica

1. - Il Comitato per la Didattica (CpD) del Corso di LM in Farmacia è composto da

otto membri: quattro docenti e quattro studenti. Le competenze e la

composizione del CpD del Corso di LM in Farmacia sono quelle indicate

nell’art.11 del Regolamento Didattico di Ateneo (RDA).

Art. 8 – Valutazione della qualità della didattica.

1. Il Comitato per la Didattica, in accordo con il Nucleo di Valutazione

dell’Ateneo, definisce le modalità operative, stabilisce e applica gli strumenti

più idonei per la valutazione dei parametri mirati a governare i processi

formativi così da garantirne il continuo miglioramento.

2. Alla fine di ogni periodo didattico, il Comitato per la didattica organizza la

distribuzione dei questionari di valutazione delle attività formative da parte

degli studenti, ne valuta i risultati e definisce gli interventi più idonei per

superare le eventuali criticità riscontrate.

Art. 9 – Orientamento e tutorato

1. - Il CpD del Corso di LM in Farmacia, all’inizio dell’anno accademico, nomina dei

Docenti Tutori, ed organizza le attività finalizzate a orientare, informare e

assistere gli studenti.

Art. 10 – Riconoscimento dei crediti

1. - Per gli studenti in trasferimento da altri corsi di laurea magistrale o da corsi di

laurea specialistica di Università italiane o straniere, ai fini del riconoscimento

dei CFU acquisiti il Comitato per la Didattica terrà conto non tanto della

puntuale corrispondenza dei contenuti degli insegnamenti, quanto della loro

equipollenza e della coerenza con l’ordinamento didattico e con gli obiettivi

formativi specifici della LM in Farmacia nonché, se ritenuto necessario, della

effettiva preparazione dello studente accertata mediante colloqui individuali.

2. - Per gli studenti in trasferimento da un altro corso di laurea magistrale della stessa

classe di una Università italiana i crediti acquisiti nei medesimi SSD previsti

nell’ordinamento didattico del corso di LM in Farmacia saranno di norma

riconosciuti dal Comitato per la didattica nella misura massima possibile e, in

ogni caso, in misura non inferiore al 50%. Tali condizioni non si applicano nel

caso in cui il corso di laurea magistrale di provenienza sia svolto con modalità a

distanza non formalmente accreditato.

3. - Nei casi di trasferimento o di passaggio di corso, il Comitato per la didattica,

valutato l’effettivo raggiungimento degli obiettivi formativi specifici della LM in

Farmacia e in relazione al numero di crediti riconosciuti, delibera a quale

anno dovranno essere iscritti gli studenti.

4. - Gli studenti provenienti in trasferimento da un altro Ateneo, per conseguire la

qualifica accademica di dottore magistrale in Farmacia dovranno comunque

acquisire presso l’Università degli Studi di Siena almeno 45 CFU (Art.18 comma 5

del R.D.A.) , oltre a quelli della prova finale.

- 56 -


Art. 11– Mobilità internazionale degli studenti

1. - Gli studenti del corso di LM in Farmacia sono incentivati alla frequenza di periodi

di studio all’estero presso Università con le quali siano stati approvati

dall’Ateneo accordi e convenzioni per il riconoscimento di crediti, e in

particolare nell’ambito dei programmi di mobilità dell’Unione Europea.

2. - L’approvazione dei programmi di studio all’estero è deliberato dal Comitato per

la didattica in base alla coerenza con gli obiettivi formativi specifici del corso

di LM in Farmacia. A tale scopo il Comitato verifica, in base agli obiettivi di

apprendimento e ai contenuti di ogni insegnamento all’estero, se il SSD

riconoscibile è compatibile con l’ordinamento didattico del corso di LM in

Farmacia, tenuto conto anche degli insegnamenti che lo studente ha già

superato presso la Facoltà, i cui contenuti non possono essere reiterati nel

periodo di studio all’estero.

3. - Le attività formative presso le Università europee sono quantificate in base

all’European Credit Transfer System (ECTS).

Art. 12 – Attività formative

Attività formative di base

Ambito disciplinare Settori scientifico disciplinari

Discipline

matematiche,

fisiche,

informatiche e

statistiche

Discipline

Biologiche

Discipline

Chimiche

FIS/01, FIS/02, FIS/03, FIS/04, FIS/05,

FIS/06, FIS/07, FIS/08

BIO/09, BIO/13, BIO/16

CHIM/01, CHIM/03, CHIM/06

- 57 -

CFU (1) minimo da

min

D.M. per

max

l'ambito (2)

12 12 12

28 28 16

28 28 28

Discipline Mediche MED/04, MED/07 12 12 10

Ambito

disciplinare

Totale CFU Attività di base 80 80 66

Minimo di crediti da D.M. (2) 66

Attività formative caratterizzanti

Settori scientifico disciplinari

CFU (1)

min max

Discipline

80 80

chimico

farmaceutiche

e tecnologiche

CHIM/08, CHIM/09, CHIM/10

Discipline

60 60

biologiche e

farmacologiche

BIO/10, BIO/14, BIO/15

Totale CFU Attività caratterizzanti 140 140

Minimo di crediti da D.M. (2) 117

minimo

da D.M.

per

l'ambito

(2)


Attività formative affini o integrative

CFU (1)

Settori scientifico disciplinari

(Indicare i settori e le relative denominazioni uno di seguito

(minimo da D.M.)(2)

all’altro

≥ 12

divisi da un trattino)

min max

BIO/09, BIO/10, BIO/11, BIO/14, BIO/15, CHIM/06, 12

CHIM/08, CHIM/09, CHIM/10, MED/01, IUS/04, SECS-P/07,

SECS-P/10.

Totale CFU Attività affini o integrative 12 12

Altre Attività formative

CFU (1)

ambito disciplinare

CFU min CFU

minimo

max

da D.M.

(2)

A scelta dello studente 18 18 ≥ 8

Per la prova finale

e la lingua straniera

cfr. Linee Guida, Parte 1,

punto 10, 11 e 14

Per la prova finale

- 58 -

≥12 12

Per la conoscenza di almeno una

≥ 6 6

lingua straniera

Ulteriori conoscenze linguistiche

Abilità informatiche, telematiche

2

e relazionali

2

Ulteriori attività formative Tirocini formativi e di

orientamento

Altre conoscenze utili per

l'inserimento

lavoro

nel mondo del

Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati,

30

ordini professionali

30

Totale CFU Altre attività formative 68 68

Art. 13 Piano delle attività formative

1. - Il piano delle attività formative è di norma organizzato sulla base di corsi ufficiali

di insegnamento.

2. - Ogni anno il CpD approva il piano degli studi (allegato 1) della LM in Farmacia,

che viene altresì riportato nelle pagine web del Corso di Studio.

3. Art. 14 – Impegno orario delle attività formative e studio individuale

1. - L’impegno orario per le attività formative viene misurato in CFU. Ogni CFU

equivale convenzionalmente a 25 ore suddivise in didattica assistita e

12


impegno di studio individuale in relazione al tipo di attività formative. Per ogni

CFU delle attività formative del corso di LM in Farmacia le ore di didattica sono

le seguenti:

- Lezioni: 7.5 ore di lezioni per CFU

- Esercitazioni dimostrative: 7.5 ore di lezione per CFU

- Laboratori a posto singolo: 15 ore di lezione per CFU

- Altro: fino ad un massimo di 25 ore

2. - Le ore di didattica necessarie per il conseguimento della certificazione linguistica

della lingua inglese saranno definite dal Centro Linguistico di Ateneo.

Art. 15 – Insegnamenti del corso di studi

1. - Nell’ Allegato 2, che viene pubblicato annualmente nel sito web del corso di

studio, sono riportati, per ogni insegnamento del corso di LM in Farmacia, la

denominazione e gli obiettivi formativi specifici, ai fini del Supplemento al

Diploma; la tipologia di attività formativa a cui appartiene e, per quelle

caratterizzanti, anche il relativo ambito disciplinare; l’afferenza a specifici SSD,

ove prevista, e l’eventuale articolazione in moduli; i crediti formativi; le

eventuali propedeuticità o i prerequisiti consigliati; le forme e le ore di didattica

previste; le modalità di verifica del profitto ai fini dell’acquisizione dei crediti.

2. - Gli insegnamenti attivati per ogni anno accademico sono deliberati

annualmente dal Consiglio di Facoltà, in sede di programmazione didattica.

Art. 16– Esami e verifiche del profitto

1. - La verifica del profitto degli insegnamenti di base, caratterizzanti e affini e

integrativi avviene mediante esame scritto e/o orale, con votazione in

trentesimi ed eventuale lode.

2. - La verifica delle competenze linguistiche della lingua inglese al livello B2 avviene

mediante superamento del First Certificate of English (FCE) o di certificazione

riconosciuta equipollente dal Centro Linguistico di Ateneo.

3. - La verifica del profitto delle abilità informatiche avviene mediante prove

pratiche di idoneità, da svolgersi in laboratorio informatico, secondo le

modalità definite dal Comitato per la Didattica su proposta del docente

responsabile dell’attività formativa.

4 Le propedeuticità previste sono solo quelle relative ai corsi con la stessa

denominazione e numero progressivo diverso per i quali il corso "I" deve sempre

precedere il corso "II". Sono stabilite le seguenti propedeuticità degli esami:

Analisi dei medicinali I deve precedere Analisi dei Medicinali II e Analisi dei

Medicinali II deve precedere Analisi dei Medicinali III, Fisiologia e Terminologia

medica deve precedere Fisiologia II, Chimica Farmaceutica e Tossicologica I

deve precedere Chimica farmaceutica e Tossicologica II.

5. - Per quanto concerne il numero delle sessioni di esame, il numero degli appelli

previsti in ogni sessione e la composizione delle Commissioni di esame, vale

quanto previsto dal Regolamento Didattico di Ateneo e dal Regolamento

Didattico di Facoltà.

Art. 17 – Attività a scelta dello studente

1. - I CFU a libera scelta dello studente possono essere acquisiti mediante il

superamento degli esami relativi a insegnamenti o moduli attivati presso i corsi

di laurea magistrale della Facoltà, che sono tutti considerati congruenti con gli

obiettivi formativi specifici della LM in Farmacia. Insegnamenti e moduli attivati

presso altri corsi di studio dell’Ateneo possono essere utilizzati ai fini

dell’acquisizione di CFU a libera scelta, a condizione che siano giudicati

coerenti con gli obiettivi formativi specifici della LM in Farmacia.

- 59 -


2. - La valutazione di coerenza compete al CpD. Tali attività dovranno prevedere un

esame finale con votazione in trentesimi.

3. - Nel caso di svolgimento di Tesi sperimentale, la frequenza continuativa del

Laboratorio di tesi verrà riconosciuta equipollente ai 18 CFU a scelta studente.

La certificazione dovrà essere fatta dal docente relatore all’atto della

presentazione della domanda di tesi.

4. - Per le altre attività formative, diverse dagli insegnamenti o moduli, utilizzabili per il

conseguimento dei crediti a libera scelta dello studente, l’eventuale

riconoscimento dei CFU verrà valutato dal CpD.

Art. 18 – Conoscenze linguistiche e modalità di verifica

1. - Il Corso di LM in Farmacia prevede l’insegnamento Lingua Inglese, suddiviso in

due moduli, per il conseguimento del livello B2. La verifica del profitto è di

competenza del Centro Linguistico di Ateneo e prevede il rilascio di una

idoneità.

Art. 19 – Abilità informatiche, telematiche e relazionali e modalità di verifica

1. - Il Corso di LM in Farmacia prevede l’insegnamento Laboratorio di Informatica (2

CFU) la cui modalità di verifica avviene attraverso una prova pratica di

idoneità da svolgersi presso il laboratorio informatico.

Art. 20 – Stage e tirocini

1. - Il Corso di LM in Farmacia prevede un tirocinio professionale che consente di

accedere all'esame di stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di

Farmacista. Durante il quinto anno di corso lo studente dovrà svolgere un

periodo di sei mesi, anche non continuativi, ma comunque non frazionabile in

periodi inferiori alla durata di quattro settimane, presso non più di due farmacie

aperte al pubblico, o in farmacie ospedaliere, sotto la sorveglianza del servizio

farmaceutico, allo scopo di ottenere 30 CFU secondo quanto previsto dal

Regolamento del Tirocinio Professionale.

2. - Lo studente deve aver ottenuto 170 CFU per presentare la domanda di Tirocinio

e 180 CFU per poterlo iniziare. La domanda di tirocinio deve essere presentata

alla Segreteria Studenti della Facoltà di Farmacia dell'Università degli Studi di

Siena almeno un mese prima della data di inizio prevista.

3. - Il periodo di Tirocinio Professionale è incompatibile con:

• la frequenza da parte dello studente dei corsi istituzionali;

• la frequenza dei corsi a scelta dello studente;

• il periodo di internato previsto per la tesi sperimentale.

Art. 21 – Piani di studio individuale

1. - Entro i termini e con le modalità stabilite dal Regolamento di Facoltà, gli studenti

sono tenuti alla presentazione del piano di studi individuale, in cui dovranno

specificare, fra gli insegnamenti previsti nel curriculum del corso di LM in Farmacia

di cui all’art. 12:

a) Gli insegnamenti scelti fra quelli opzionali per ogni anno accademico;

b) Gli insegnamenti o moduli scelti per l’acquisizione dei crediti a libera scelta

dello studente.

c) Gli eventuali insegnamenti o altre attività formative i cui crediti lo studente

intenda eventualmente conseguire in sovrannumero .

- 60 -


Art. 22 – Frequenza del corso di studio

1. - Lo studente è tenuto a partecipare assiduamente a tutte le attività didattiche.

La frequenza è obbligatoria e verificata dal docente per le esercitazioni di

laboratorio a posto singolo dei seguenti insegnamenti:

- Competenze Informatiche;

- Analisi dei Medicinali I, II, e III;

- Galenica e Neogalenica.

2. - Lo studente che ha scelto la posizione di studente a tempo parziale e/o

lavoratore, come indicato nell’art. 28, comma 3 del R.D.A., ha l’obbligo di

frequenza alle esercitazioni di laboratorio a posto singolo e consegue i CFU

relativi a ciascun anno accademico in due anni accademici.

Art. 23 – Prova finale

1. - Per il conseguimento della Laurea Magistrale in Farmacia è prevista la

presentazione di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la

responsabilità di uno o più Docenti supervisori (relatore e correlatore). Detta

tesi consisterà nello svolgimento di una ricerca a carattere compilativo o

sperimentale da effettuarsi presso una delle strutture di riferimento (od altra

struttura autorizzata ai sensi della vigente normativa), con la supervisione e

sotto la responsabilità di un docente della Facoltà di Farmacia al quale sia

stata richiesta la tesi.

2. - Lo studente, conseguiti almeno 180 CFU potrà presentare, su apposito modulo

cartaceo o informatico (qualora disponibile), domanda di assegnazione di

tesi controfirmata per accettazione anche dal Docente responsabile.

3. - Per essere ammesso a sostenere l’Esame di Laurea, lo Studente deve:

a. aver seguito tutti i Corsi ed avere superato i relativi esami o le altre forme di

verifica di profitto previste.

b. aver maturato almeno 288 CFU compresi i 30 CFU del tirocinio professionale

c. avere consegnato alla Segreteria Studenti una copia della Tesi almeno 7

giorni prima della seduta di Laurea.

4. - La tesi dovrà essere presentata in forma scritta in lingua italiana o previa

autorizzazione del Comitato per la Didattica, in lingua inglese. La successiva

discussione orale e pubblica di tale elaborato (esame di laurea) avrà luogo di

fronte ad una apposita commissione.

5. - A determinare il voto di laurea, espresso in centodecimi, contribuiscono i

seguenti parametri: a. La media pesata, espressa in centodecimi, dei voti

conseguiti negli esami curriculari.

b. La media dei punti attribuiti dalla Commissione di laurea sulla discussione

della tesi: fino ad un massimo di cinque punti per tesi compilativa e di

dieci punti per tesi sperimentale.

c. Il periodo impiegato per lo svolgimento dell’intero corso di studi (fino ad un

massimo di un punto, qualora non superiore a cinque anni accademici),

ed i periodi di studio trascorsi all’estero (fino ad un massimo di due punti).

6. - Per conseguire la laurea con lode sono contestualmente necessari oltre al

raggiungimento del voto finale di 110: a. La media pesata, espressa in

centodecimi, dei voti conseguiti negli esami curriculari, maggiore od uguale a

cento. b. Conseguimento della valutazione massima nella prova finale.

7. - La lode può essere concessa solo con il giudizio unanime dei docenti

ufficialmente convocati alla seduta di laurea.

- 61 -


Art. 24 – Organizzazione e calendario dell’attività didattica

1. - L’attività didattica del corso di LM in Farmacia è organizzata su due semestri. La

ripartizione degli insegnamenti e delle altre attività formative fra il primo e il

secondo semestre viene proposta annualmente dal CpD tenuto conto dei

contenuti formativi degli insegnamenti, delle eventuali propedeuticità e

dell’esigenza di una equa ripartizione del carico didattico fra i due periodi

didattici.

2. - Il calendario dell’attività didattica, delle sessioni di esame e di laurea, nonché i

termini per la presentazione e per la modifica dei piani di studio individuale e

per gli altri adempimenti sono deliberati annualmente dal Consiglio di Facoltà.

3. - Il Corso di LM in Farmacia prevede 300 CFU complessivi, articolati in cinque anni

di corso, di cui 30 da acquisire in attività formative finalizzate alla maturazione

di specifiche capacità professionali (tirocinio) e 18 da acquisire a libera scelta

dello studente.

4. - I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa vengono acquisiti dallo

studente con il superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto.

5. - Come indicato dal RDA, per il Corso di LM in Farmacia è previsto almeno un

punto di sbarramento nel percorso di studio fissato in un numero minimo di 100

CFU da conseguire per il passaggio al IV anno di corso. La verifica dei CFU sarà

fatta entro il 31 dicembre del medesimo anno. Se entro tale data lo studente

non avrà ottenuto questo numero di CFU, sarà iscritto d’ufficio al III anno

ripetente.

6. - Lo studente a tempo parziale e/o lavoratore, limitatamente agli anni in cui risulta

iscritto come tale, consegue i medesimi CFU di cui al comma 5 in un numero

doppio di anni.

7. - Il CpD del Corso di LM in Farmacia accerta la coerenza tra i crediti assegnati alle

attività formative e gli specifici obiettivi formativi.

8. - La didattica viene fornita nelle seguenti tipologie:

a) lezioni frontali in aula;

b) esercitazioni dimostrative, durante le quali si sviluppano applicazioni che

consentano di chiarire il contenuto delle lezioni (senza aggiunta di contenuti);

c) esercitazioni di laboratorio sperimentale a posto singolo, durante le quali

vengono svolte attività che prevedono l’interazione dello studente con

attrezzature sperimentali sotto la guida del docente;

d) tirocini, seminari, stages individuali o di gruppo presso strutture esterne

convenzionate con relazioni sull’attività svolta e visite guidate.

Art. 25 – Docenti del corso di studi ed attività di ricerca

1. - Nell’Allegato 3, che viene pubblicato sul sito web del corso di studio, sono

riportati i nominativi dei docenti del corso di LM in Farmacia, nominati

annualmente dal Consiglio di Facoltà ai fini del rispetto dei requisiti di copertura

in conformità alla normativa vigente.

2. - Nell’Allegato 4, che viene pubblicato sul sito web del corso di studio sono

riportati i nominativi e i temi di ricerca dei docenti di riferimento del corso di LM

in Farmacia.

3. - Le pubblicazioni dei docenti del corso di LM in Farmacia sono reperibili sul sito

web dell’Ateneo, http://online.unisi.it/anagrafe-ricerca.

Art. 26 – Norme transitorie

1. - Il riconoscimento dei crediti acquisti dagli studenti iscritti al corso di laurea

Specialistica in Farmacia istituito presso la Facoltà ai sensi del DM 509/1999,

che optino per il passaggio al corso di LM in Farmacia del nuovo ordinamento

didattico (DM 270/2004) è deliberato dal CpD in relazione all’apporto

- 62 -


formativo dei singoli insegnamenti rispetto al piano di studio individuale, tenuto

conto delle corrispondenze definite dalla seguente Tabella di Conversione

ESAME SOSTENUTO CFU CONVALIDATI ESAME CONVALIDATO

Matematica

4

Fisica – Modulo Matematico

MAT/04 8 CFU

Propedeutico

4

Fisica

FIS/01 8 CFU

8

A scelta studente nel ssd MAT/04

Fisica – Modulo Sperimentale

Biologia Animale 4

Biologia Animale – E.I. con

BIO/13 5 CFU

Anatomia Umana

1

A scelta studente nel ssd BIO/13

Anatomia Umana e 8 Anatomia Umana – E.I. con

Terminologia Medica

BIO/16 8 CFU

Biologia Animale

Laboratorio

Informatica

di 2

Competenze Informatiche

6 CFU

4

In esubero (non convalidabili come

scelta studente in quanto privi di

valutazione in trentesimi)

Biologia Vegetale 5 Biologia Vegetale – da integrare 1

BIO/15 5 CFU

CFU

Chimica Generale ed 10 Chimica Generale ed Inorganica –

Inorganica

CHIM/03 10 CFU

da integrare 2 CFU

Esercitazioni di Statistica 6 In esubero ((non convalidabili

6 CFU

come scelta studente in quanto

privi di valutazione in trentesimi )

Chimica Organica

CHIM/06 8 CFU

Chimica dei Composti

Eterociclici

CHIM/06 2 CFU

Esame Integrato

10

Chimica Organica

Chimica Analitica

CHIM/01 8 CFU

6

Chimica Analitica

2

A scelta studente nel ssd CHIM/01

Sistema Farmacia

CHIM/09 4 CFU

4 A scelta studente nel ssd CHIM/09

Botanica Farmaceutica 4 Botanica Farmaceutica e

BIO/15 4 CFU

Farmacognosia – Modulo Botanica

Farmaceutica – da integrare 4 CFU

Farmacognosia

4 Botanica Farmaceutica e

BIO/15 4 CFU

Farmacognosia

Farmacognosia

– Modulo

Biochimica Generale 7 Biochimica Generale – da

BIO/10 7 CFU

integrare 5 CFU

Biochimica Applicata 3 Biochimica Applicata Medica – da

(Medica)

BIO/10 3 CFU

integrare 1 CFU

- 63 -


Microbiologia

MED/07 10 CFU

Elementi

Epidemiologia

MED/42 2 CFU

di

Fisiologia generale e

Terminologia Medica

BIO/09 10 CFU

Analisi dei Medicinali I

CHIM/08 9 CFU

Chimica Farmaceutica

e Tossicologica I

CHIM/08 9 CFU

Fisiologia Generale II

BIO/09 5 CFU

Scienza

dell’Alimentazione

BIO/09 5 CFU

Chimica Bromatologia e

dei Prodotti Dietetici

CHIM/10 6 CFU

Biochimica della

Nutrizione

BIO/10 4 CFU

Farmacologia Generale

BIO/14 6 CFU

Eziopatogenesi delle

Malattie Umane

MED/04 4 CFU

Tecnologia e

Socioeconomia e

Legislazione

farmaceutiche I

CHIM/09

Modulo I Tecnologia e

Socieconomia 5 CFU

Modulo II: Galenica e

neogalenica 5 CFU

Prodotti Cosmetici

CHIM/09 3 CFU

Tossicologia

BIO/14 8 CFU

Farmacologia e

Farmacoterapia I

BIO714 6 CFU

Analisi dei Medicinali II

CHIM/08 9 CFU

Tecnologia

Socioeconoma e

8

2

Microbiologia

Epidemiologia

ed Elementi di

2

A scelta studente nel ssd MED/07

A scelta studente nel ssd MED/42

10 Fisiologia e terminologia medica

4

5

- 64 -

Analisi dei Medicinali I da integrare

per 4 CFU

Analisi dei Medicinali II da integrare

per 3 CFU

9 Chimica farmaceutica e

5

Tossicologica I (da integrare per 3

CFU)

Fisiologia generale ( da integrare

per 1 CFU)

5 Corso opzionale

6 Corso opzionale

4 Corso opzionale

6 Farmacologa generale (da

integrare per 2 CFU)

4 Eziopatogenesi

umane

delle malattie

8

2

Galenica e neogalenica

Come integrazione di un opzionale

o come Scelta studente

3 Come integrazione di un coso

opzionale

8 Tossicologia

6 Modulo A di Farmacologia e

farmacoterapia

9 Analisi dei medicinali III

10 Tecnologia Socioeconoma e

legislazione farmaceutiche


legislazione

farmaceutiche II

CHIM/09 9 CFU

Chimica Farmaceutica

e Tossicologica II

CHIM/08 9 CFU

Farmacologa e

Farmacoterapia

BIO/14 5 CFU

9 Chimica Farmaceutica e

Tossicologica II da integrare per 3

CFU

5

1

- 65 -

Modulo B di Farmacologa e

farmacoterapia

Scelta studente

Art. 27 - Sito web del Corso di LM in Farmacia

1. - Il Corso di LM in Farmacia predispone un sito WEB contenente tutte le

informazioni utili agli Studenti ed al Personale docente e cura la massima

diffusione del relativo indirizzo.

2. - Presso il Centro Servizi della Facoltà e nelle pagine WEB del Corso di LM,

aggiornate prima dell'inizio di ogni anno accademico, sono disponibili per la

consultazione:

a) l'Ordinamento Didattico;

b) la programmazione didattica, contenente il calendario di tutte le attività

didattiche programmate, i programmi dei Corsi corredati dell'indicazione dei

libri di testo consigliati, le date fissate per gli appelli di esame di ciascun Corso, il

luogo e l'orario in cui i singoli Docenti sono disponibili per ricevere gli studenti;

c) il Regolamento Didattico del Corso di LM in Farmacia;

d) eventuali sussidi didattici on line per l’autoapprendimento e

l’autovalutazione.

Art. 28 - Modifiche di Regolamento

1. - Il Regolamento didattico del corso di LM in Farmacia e le relative modifiche

sono deliberati dal Consiglio di Facoltà, su proposta del CpD, e approvati dal

Senato Accademico, secondo quanto previsto dal Regolamento Didattico di

Ateneo.

2. - Le modifiche degli Allegati 1, 2, 3 e 4 vengono deliberate dal Consiglio di

Facoltà, su proposta del CpD.

3. - Il CpD del corso di LM in Farmacia ha il compito di garantire sia la periodica

revisione degli obiettivi formativi specifici degli insegnamenti in relazione

all’evoluzione dei saperi scientifici e delle esigenze espresse dal mercato del

lavoro, sia il costante adeguamento del numero dei crediti attribuiti ad ogni

attività formativa in termini coerenti con l’impegno didattico necessario al

conseguimento degli obiettivi formativi ad essa assegnati.

Art. 29- Disposizioni finali

1. - Per quanto non previsto dal presente Regolamento, vale quanto disposto dallo

Statuto e dal Regolamento Didattico di Ateneo, dai Regolamenti di Facoltà e

dalle normative specifiche.


COMITATO PER LA DIDATTICA

Docenti: Telefono: e-mail:

Maria Michela Muscettola

(Presidente)

+39 0577-234225 muscettola@unisi.it

Maria Frosini +39 0577-234441 frosinim@unisi.it

Luisa Savini +39 0577-234304 frosinim@unisi.it

Maurizio Taddei +39 0577-234280 taddei.m@unisi.it

(D.R n. 1008 del 23/03/2010)

Studenti: Telefono: e-mail:

Guido Alfano alfano@student.unisi.it

Diana De Feo defeo4@student.unisi.it

Alfonso Tarantini tarantini3@student.unisi.it

Ilaria Tota tota2@student.unisi.it

DOCENTI TUTOR

Docenti: Telefono: e-mail:

Gian Gabriele FRANCHI +39 0577-233226 franchi@unisi.it

Valter Travagli +39 0577-234317 travagli@unisi.it

STUDENTI TUTOR

Gli studenti dei vari anni possono avere dai tutor consigli e informazioni sulle modalità

di studio, sulla organizzazione del Corso, sull'uso delle strutture dell'Università, ecc..

Laurea Magistrale in FARMACIA:

Studenti: Telefono: e-mail:

Arber Shabani shabani@student.unisi.it

- 66 -


OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

I laureati magistrali nei corsi della classe sono dotati delle basi scientifiche e della

preparazione teorica e pratica necessarie all'esercizio della professione di farmacista

e per operare, quale esperto del farmaco e dei prodotti per la salute (cosmetici,

dietetici e nutrizionali, erboristici, diagnostici e chimico-clinici, presidi medicochirurgici,

articoli sanitari, ecc.), nei relativi settori.

Il corso di laurea magistrale in Farmacia si propone di conferire un insieme di

conoscenze teoriche e pratiche in campo chimico, fisiologico, biologico,

farmaceutico, farmacologico e tossicologico che permettano ai laureati magistrali

di affrontare l’insieme multidisciplinare delle “scienze del farmaco” che prevedono

la progettazione della struttura, il sistema di controllo secondo le codifiche della

farmacopea europea, la produzione e l’utilizzazione del farmaco, fornendo così una

preparazione adeguata per operare nei diversi ambiti in cui è prevista l'opera del

Farmacista (farmacie pubbliche e private, parafarmacie, farmacie ospedaliere e

strutture sanitarie del territorio, aziende farmaceutiche, aziende che si occupano

degli aspetti regolatori ed aziende che operano nei settori della “nutriceutica” e

“cosmeceutica”).

Tra gli obiettivi formativi specifici inseriti nel presente ordinamento didattico assume

particolare risalto il potenziamento del settore biologico "di base" riguardante

conoscenze di fisiologia e terminologia medica e la razionalizzazione degli

insegnamenti di anatomia umana e biologia animale, l’aumento dei crediti dei

laboratori a posto singolo ed il potenziamento dei crediti di Chimica Farmaceutica,

Tecnologia e Farmacologia.

Con l’obiettivo di coprire le diverse aree per le quali è richiesta la competenza

professionale del farmacista, sono stati proposti dei pacchetti di corsi opzionali che

dovrebbero indirizzare il laureato magistrale verso alcuni dei campi della scienza del

farmaco. In questi pacchetti si ritrovano:

pacchetto A: corsi che trattano di farmacovigilanza, di farmaci da banco, di

organizzazione aziendale, marketing e legislazione dei prodotti cosmetici,

argomenti questi di grande attualità per il farmacista che opererà nelle

farmacie, parafarmacie e sistemi che si occupano di distribuzione di farmaci e

prodotti per la salute;

pacchetto B: corsi che trattano di chimica e biochimica degli alimenti e scienza

dell’alimentazione, di fitochimica, fitofarmacia, prodotti cosmetici e principi

attivi di origine naturale che sono di grande attualità nell’ambito

dell’approccio “erboristico-naturalistico” che oggi riscuote grande interesse in

aggiunta al trattamento farmaceutico tradizionale;

pacchetto C: corsi più di tipo chimico-organico-farmaceutico-tecnologico che

potranno servire ai laureati magistrali che vorranno intraprendere la via del

terzo livello di studio universitario.

- 67 -


Conoscenza e capacità di comprensione

I laureati magistrali conseguono conoscenze e capacità di comprensione ed

elaborazione dei concetti nei settori chimico, biologico, farmaceutico e

farmacologico. I laureati magistrali, tramite il supporto di libri e la consultazione della

letteratura scientifica, sono in grado di conoscere alcuni temi di avanguardia nel

proprio campo di studi e di elaborare ed applicare idee originali, anche in un

contesto di ricerca. La verifica dell'apprendimento prevede esami tradizionali in cui il

candidato dimostra ad una commissione di esperti della materia la propria capacità

di integrare le conoscenze apprese e di comunicarle in modo chiaro e privo di

ambiguità.

Oltre agli esami, in funzione dell'accertamento e a giudizio dei docenti dei corsi,

possono essere previste relazioni scritte e colloqui su specifici argomenti.

Queste tipologie di accertamento delle conoscenze sono volte a verificare se lo

studente è in grado di integrare e formulare giudizi sulle conoscenze apprese e sulla

sua capacità di proseguire gli studi e di acquisire conoscenze specifiche in modo

autonomo. La conoscenza e la capacità di comprensione delle varie discipline

previste nell'ordinamento si sviluppa nello studente progressivamente col

superamento delle verifiche previste nei diversi ambiti disciplinari.

A tal fine il corso di studi in Farmacia è organizzato con una serie di esami

propedeutici necessari per la frequenza e il superamento degli esami caratterizzanti.

Nel loro complesso le attività formative caratterizzanti la professione di Farmacista

sono incrementate sia per quanto riguarda le discipline chimico-farmaceutiche che

bio-farmacologiche.

Tale incremento e più marcato nei settori della biochimica, fisiologia e farmacologia

per meglio caratterizzare il laureato magistrale rispetto all'altro Corso di Laurea

Magistrale della stessa Classe in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche attivato dalla

Facoltà.

Sbocchi occupazionali e professionali

Il conseguimento della laurea magistrale in Farmacia e della relativa abilitazione

professionale autorizza allo svolgimento della professione di farmacista, ai sensi della

direttiva CEE 85/432, e per operare come esperto del farmaco e dei prodotti per la

salute (prodotti cosmetici, erboristici, dietetici e nutrizionali, diagnostici e chimicoclinici,

articoli sanitari, presidi medico-chirurgici, ecc.) a livello di industrie, centri

pubblici e privati, farmacie aperte al pubblico e farmacie ospedaliere pubbliche e

private.

Abilita inoltre all'esercizio delle seguenti attività professionali:

- preparazione della forma farmaceutica dei medicinali nell'industria;

- controllo dei medicinali in un laboratorio pubblico o privato di controllo dei

medicinali; immagazzinamento, conservazione e distribuzione dei medicinali

nella fase di commercio all'ingrosso;

- preparazione, controllo, immagazzinamento e distribuzione dei medicinali

nelle farmacie aperte al pubblico;

- 68 -


- preparazione, controllo, immagazzinamento e distribuzione dei medicinali

negli ospedali (farmacie ospedaliere pubbliche e private);

- diffusione di informazioni e consigli nel settore dei medicinali, dei prodotti

cosmetici, dietetici e nutrizionali, nonché erboristici per il mantenimento e la

tutela dello stato di salute;

- formulazione, produzione, confezionamento, controllo di qualità e stabilità e

valutazione tossicologica dei prodotti cosmetici; produzione di fitofarmaci,

antiparassitari e presidi sanitari;

- analisi e controllo delle caratteristiche fisico-chimiche e igieniche di acque

minerali; analisi e controllo di qualità di prodotti destinati all'alimentazione, ivi

compresi i prodotti destinati ad un'alimentazione particolare ed i dietetici;

produzione e controllo di dispositivi medici e presidi medico-chirurgici;

- trasformazione, miscelazione, concentrazione e frazionamento di parti di

piante e loro derivati, sia per uso terapeutico che erboristico;

farmacovigilanza e controllo degli effetti avversi dei farmaci in uso nella

popolazione; esperto di regulatory affairs nel settore farmaceutico industriale.

Tali sbocchi professionali rientrano in quelli previsti nell'elenco delle professioni

ISTAT al punto 2.3.1.5 : Farmacisti ed assimilati.

Il corso prepara alle professioni di:

ISTAT_ 2.3.1.5 Farmacisti e professioni assimilate.

Il corso di Laurea magistrale prepara alla professione di Farmacista e rientra nel

campo d’applicazione del sistema di riconoscimento obbligatorio e automatico dei

diplomi, istituito a livello europeo, direttive 85/432/CEE e 85/433/CEE (Gazzetta

ufficiale delle Comunità europee L 253/24.09.85), modificate da: direttiva

85/584/CEE (GU L372/31.12.85); direttiva 90/658/CEE (GU L 353/17.12.90).

- 69 -


PPI IANO DDEEGLLI I SSTTUUDDI I DDEELL CORRSSO DDI I LLAUURREEA MAGI ISSTTRRALLEE A

FFARRMACI IA

A. .A. . 22001100//22001111

- 70 -

NORRMATTI IVVA UUEE IN I

Classe delle Lauree Magistrali in Farmacia e Farmacia Industriale (LM-13)

Per l’Anno Accademico 2010/2011 sono attivati solo il primo e il secondo anno.

NOTA: Per avere chiarimenti e indicazioni sul contenuto dei corsi, all’interno del CD sono

presenti i programmi degli insegnamenti relativi allo scorso Anno Accademico.

I programmi del nuovo Anno Accademico saranno pubblicati sul sito web della

Facoltà non appena disponibili.

I ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Chimica Generale ed Inorganica

Modulo I: Chimica Generale

Modulo II : Stechiometria

SSSSDD

CHIM/03

Or ree

LLeezzi iioonnee

90

60

30

CCFFUU

12

8

4

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Inglese (livello B1) 3 APV

TTAAFF

E Base

Biologia Animale BIO/13 30 4 E Base

Biologia Vegetale BIO/15 45 6 E Caratterizzante

Competenze Informatiche

Totale CFU 27

I ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

2 APV

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Ulteriori attività

formative

Anatomia Umana BIO/16 60 8 E Base

Fisica

Modulo matematico propedeutico

Modulo sperimentale

FIS/01

90

30

60

12

4

8

TTAAFF

E Base

Chimica Analitica CHIM/01 45 6 E Base

Totale CFU 26


II ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 71 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Chimica organica CHIM/06 75 10 E Base

Fisiologia Generale BIO/09 60 8 E Base

Microbiologia ed Elementi di

Epidemiologia

Totale CFU 26

II ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Biochimica Generale:

Biochimica Generale

Biochimica Sistematica Umana

Botanica farmaceutica e

farmacognosia:

Botanica farmaceutica

Farmacognosia

Analisi dei Medicinali I

Corso A-L

Corso M-Z

TTAAFF

MED/07 60 8 E Base

SSSSDD

BIO/10

BIO/15

Or ree

LLeezzi iioonnee

Totale CFU 32

III ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

90

60

30

90

60

30

CCFFUU

12

8

4

12

8

4

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

E Caratterizzante

E Caratterizzante

CHIM/08 80 8 E Caratterizzante

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Analisi dei Medicinali II CHIM/08 80 8 E Caratterizzante

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica I

TTAAFF

CHIM/08 90 12 E Caratterizzante

Biochimica Applicata Medica BIO/10 30 4 E Caratterizzante

Fisiologia e Terminologia medica BIO/09 60 8 E Base

Totale CFU 32


III ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 72 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Tecnica Farmaceutica CHIM/09 60 8 E Caratterizzante

Farmacologia Generale BIO/14 60 8 EI Caratterizzante

Eziopatogenesi delle Malattie Umane MED/04 30 4 EI Base

Opzionale I 6 E Caratterizzante

Opzionale II

Totale CFU 32

IV ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Tecnologia Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

6 E

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

Affine/

integrativa

TTAAFF

CHIM/09 75 10 E Caratterizzante

Galenica e Neogalenica CHIM/09 80 8 E Caratterizzante

Tossicologia BIO/14 60 8 E Caratterizzante

Opzionale III

Totale CFU 32

IV ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Farmacologia e farmacoterapia

Modulo A

Modulo B

Chimica farmaceutica e

Tossicologica II

SSSSDD

BIO/14

Or ree

LLeezzi iioonnee

75

45

30

6 E

CCFFUU

10

6

4

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Affine/

integrativa

TTAAFF

E Caratterizzante

CHIM/08 75 10 E Caratterizzante

Analisi dei Medicinali III CHIM/08 100 10 E Caratterizzante

Totale CFU 30


IV ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 73 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Tirocinio 30 APV

Scelta studente 18 APV

Inglese (livello B2) 3 APV

Prova finale 12 APV

Totale CFU 63

LEGENDA:

SSD: Settore Scientifico Disciplinare

CFU: Crediti Formativi Universitari

TAF: Tipologia Attività Formativa

Opzionali

TTAAFF

Ulteriori attività

formative

Ulteriori attività

formative

Ulteriori attività

formative

Sono previsti pacchetti comprendenti

1 Opzionale caratterizzante (CHIM/09 o CHIM/10)

2 Opzionali affini-integrativi (SECS/P10; BIO/14; BIO/09; BIO/10; BIO/15; CHIM/06;

CHIM/08; CHIM/09; CHIM/10).

Per i 18 CFU a scelta studente può essere riconosciuta l’attività sperimentale svolta in

un laboratorio di tesi.


CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA A NORMATIVA UE IN FARMACIA

Classe delle Lauree Specialistiche in Farmacia e Farmacia Industriale (14/S)

REGOLAMENTO DIDATTICO

Art. 1 - Denominazione e Classe di appartenenza

1. E’ istituito presso l’Università degli Studi di Siena, Facoltà di Farmacia, il Corso di

Laurea Specialistica (LS) in Farmacia Classe 14/S – Farmacia e Farmacia Industriale,

di durata quinquennale.

Art. 2 - Requisiti di ammissione

1. Possono accedere al Corso di LS in Farmacia coloro che siano in possesso di

Diploma di Scuola media superiore o di titolo estero equipollente.

2. L'organizzazione didattica del Corso di LS in Farmacia prevede che gli studenti

ammessi al 1° anno di corso possiedano una adeguata preparazione iniziale,

conseguita negli studi precedentemente svolti.

Art. 3 - Comitato per la Didattica

1. Il Comitato per la Didattica del Corso di LS in Farmacia è composto da dodici

membri: sei docenti e sei studenti. Le competenze del CD del Corso di LS in Farmacia

sono quelle indicate nell’art. 9 del Regolamento Didattico di Ateneo.

Art. 4 - Disposizioni per la validazione europea

1. La LS in Farmacia è strutturata secondo quanto previsto dalla direttiva 85/432 CEE

e successive modificazioni ed integrazioni, che disciplina le Lauree di tipo sanitario

all’interno della Comunità Europea. La LS in Farmacia comprende insegnamenti

teorici e pratici ed un semestre di tirocinio presso una farmacia privata, comunale o

ospedaliera convenzionata.

2. Il Corso di laurea specialistica comprende, tra le altre, le seguenti discipline

elencate dalla Direttiva Comunitaria ai fini delle libera circolazione dei professionisti:

• Biologia Vegetale e Animale

• Fisica

• Chimica Generale ed Inorganica

• Chimica Organica

• Chimica Analitica

• Chimica Farmaceutica, compresa l’Analisi dei Medicinali

• Biochimica Generale ed Applicata (Medica)

• Anatomia e Fisiologia, Terminologia Medica

• Microbiologia

• Farmacologia e Farmacoterapia

• Tecnologia Farmaceutica

• Tossicologia

• Farmacognosia

• Legislazione e, se del caso, Deontologia

- 74 -


Art. 5 - Obiettivi formativi

1. Il Corso di LS in Farmacia si propone il conseguimento degli obiettivi formativi di

seguito definiti.

• La LS in Farmacia fornisce le basi scientifiche e la preparazione teoricopratica

necessarie all’esercizio della professione di farmacista e ad operare

quale esperto del farmaco e dei prodotti per la salute (presidi medicochirurgici,

articoli sanitari, cosmetici, dietetici, prodotti erboristici, diagnostici e

chimico-clinici) sia in ambito territoriale che ospedaliero. Una avanzata

preparazione scientifica nel campo sanitario mira a formare un esperto del

farmaco e del suo uso a fini terapeutici, in grado di collaborare sul territorio

con medici, pazienti e strutture sanitarie per l’attuazione della terapia e per il

monitoraggio dei farmaci e capace di fornire a pazienti indicazioni utili per un

corretto impiego dei farmaci e dei prodotti per la salute

2. Il corso di LS in Farmacia si propone di formare la figura professionale di

farmacista, cioè di un operatore sanitario che nell’ambito delle sue competenze

multidisciplinari è destinato ad operare nei diversi settori del Servizio Sanitario

Nazionale. I settori di competenza sono rappresentati da:

• Farmacie aperte al pubblico dove oltre ad adempiere alle sue specifiche

funzioni il Laureato è tenuto a fornire informazioni e chiarimenti circa la

conservazione, la posologia, le modalità ed i tempi di somministrazione, gli

eventuali effetti collaterali e le interazioni di qualunque natura, dei medicinali

dispensati, consigli ed indicazioni igieniche, sanitarie ed alimentari, mirando al

recupero ed al mantenimento dello stato di salute

• Servizi Farmaceutici ospedalieri dove il Laureato oltre alla gestione del

farmaco e del restante materiale sanitario, ha la gestione dell’attività di

galenica e galenica clinica con allestimento di terapie anche personalizzate;

ha tra l’altro la funzione di predisporre linee guida diagnostico-terapeutiche in

particolari aree della terapia in collaborazione con gli altri sanitari

• Servizi Farmaceutici territoriali dove il Laureato ha tra l’altro funzioni di

vigilanza sul corretto svolgimento del servizio e dell’assistenza farmaceutica

da parte delle farmacie convenzionate; di monitoraggio della prescrizione

farmaceutica; di promozione di attività finalizzate alla razionalizzazione del

consumo dei farmaci e all’attività di farmacovigilanza

• Enti di produzione e/o distribuzione all’ingrosso dei medicinali per uso umano

e/o per uso veterinario, degli antiparassitari, dei fitofarmaci, presidi sanitari,

ecc.

3. Il curriculum del Corso di LS in Farmacia comprende la conoscenza:

• delle nozioni di matematica, di informatica e fisica finalizzate

all’apprendimento delle discipline del corso;

• della chimica generale e della chimica inorganica;

• dei principi fondamentali della chimica organica, del chimismo dei gruppi

funzionali, della stereochimica e dei principali sistemi carbociclici ed

eterociclici;

• delle nozioni fondamentali della chimica analitica utili all’espletamento ed

alla valutazione dei controlli dei medicamenti ed alla comprensione degli

studi di validazione dei farmaci;

• della cellula animale e vegetale e delle strutture vegetali;

- 75 -


• della morfologia del corpo umano in rapporto alla terminologia anatomica e

medica;

• della biochimica generale e della biochimica applicata, al fine della

comprensione delle molecole di interesse biologico, dei meccanismi delle

attività metaboliche e dei meccanismi molecolari dei fenomeni biologici;

• della fisiologia della vita di relazione, per la comprensione dei fondamenti

neurofisiologici del comportamento e delle interazioni sensoriali, cognitive ed

emotive tra l’uomo e l’ambiente; della fisiologia della vita vegetativa, per la

comprensione dei meccanismi funzionali degli organi e degli apparati e del

loro controllo neuroendocrino;

• della chimica farmaceutica, delle principali classi di farmaci, delle loro

proprietà chimico-fisiche, del loro meccanismo di azione, nonché dei rapporti

struttura - attività;

• delle materie prime impiegate nelle formulazioni dei preparati terapeutici;

• delle nozioni di base e moderne della tecnologia farmaceutica;

• delle norme legislative e deontologiche utili nell'esercizio dei vari aspetti

dell'attività professionale;

• della farmacologia, farmacoterapia e tossicologia, al fine di una completa

conoscenza dei farmaci e degli aspetti relativi alla loro somministrazione,

metabolismo, azione, tossicità;

• dell’analisi chimica dei medicinali, anche in matrici non semplici;

• della preparazione delle varie forme farmaceutiche e del loro controllo di

qualità;

• degli elementi di microbiologia utili alla comprensione delle patologie

infettive ed ai saggi di controllo microbiologico;

• delle nozioni utili di eziopatogenesi e di denominazione delle malattie umane,

con conoscenza della terminologia medica;

• dei prodotti diagnostici e degli altri prodotti per la salute e del loro controllo di

qualità;

• delle piante medicinali e dei loro principi farmacologicamente attivi;

• di nozioni utili di organizzazione e gestione aziendale.

4. La formazione è completata con insegnamenti che sviluppano la conoscenza dei

presidi medico-chirurgici, dei prodotti cosmetici, diagnostici e chimico-clinici; dei

prodotti dietetici, delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti e di altri prodotti per

la salute, tenendo presenti anche le possibilità occupazionali offerte in ambito

Comunitario. Infine sono considerati complementi indispensabili alla figura

professionale del farmacista, la capacità di esprimersi - in forma scritta e orale – in

una delle principali lingue parlate nell’Unione Europea e la competenza a

comunicare e gestire l’informazione con mezzi telematici ed informatici.

Il corso di LS in Farmacia comprende un periodo di sei mesi di tirocinio professionale

presso una farmacia privata, comunale od ospedaliera convenzionata.

5. Il Corso di LS in Farmacia si caratterizza per l’acquisizione di competenze

multidisciplinari professionalizzanti ed altamente specifiche in relazione alle esigenze

proprie del sistema Farmacia. Tali conoscenze si concretizzano, in particolare,

all’interno della Farmacia quale struttura di pubblico servizio erogatrice di aspetti

correlati alla salute (“pharmaceutical care”) e nella figura professionale del

farmacista quale operatore sanitario caratterizzato dalla esclusività nella

dispensazione di medicinali al pubblico e di tutti gli aspetti correlati con i vari

prodotti quali quelli alimentari, per infanzia, dietetici, etc.

- 76 -


Art. 6 - Organizzazione dell’Attività Didattica

1. L’attività didattica è organizzata in due semestri.

2. La frequenza per tutte le attività formative è, di norma, obbligatoria.

3. Il Corso di LS in Farmacia è organizzato in base al sistema dei crediti formativi

universitari (CFU), che rappresentano le unità di misura del lavoro complessivamente

svolto dallo studente. Il Corso di LS in Farmacia prevede 300 CFU complessivi,

articolati in cinque anni di corso, di cui 30 da acquisire in attività formative finalizzate

alla maturazione di specifiche capacità professionali (tirocinio) e 24 da acquisire a

libera scelta dello studente, come riportato nel seguente art. 7.

4. La didattica viene fornita nelle seguenti tipologie:

• Lezioni frontali in aula, coadiuvate da strumenti audiovisivi multimediali;

• Esercitazioni di laboratorio con un massimo di 10-15 studenti per gruppo,

durante le quali si sviluppano applicazioni che consentono di chiarire il

contenuto delle lezioni (senza contenuti aggiuntivi);

• Esercitazioni di laboratorio a posto singolo, durante le quali vengono svolte

attività che prevedono l’interazione dello studente con attrezzature

sperimentali sotto la guida del docente. Questa tipologia prevede anche una

fase di verifica tramite una relazione.

Art. 7 - Prospetto delle Attività Formative e dei Crediti

1. Le attività formative prevedono una distribuzione dei crediti in

a) Attività formative di base (50 CFU):

Discipline matematiche, fisiche:

• MAT/05 - Analisi matematica (8 CFU): attività formative frontali

• FIS/01 - Fisica sperimentale (8 CFU): attività formative frontali

Discipline biologiche:

• BIO/16 - Anatomia umana (8 CFU): attività formative frontali

Discipline chimiche:

• CHIM/01 - Chimica analitica (8 CFU): attività formative frontali

• CHIM/03 - Chimica generale e inorganica (10 CFU): attività formative frontali

ed almeno il 25% di esercitazioni dimostrative

• CHIM/06 - Chimica organica (8 CFU): attività formative frontali ed almeno il

25% di attività dimostrative

b) Attività formative caratterizzanti (114 CFU):

Discipline chimico-farmaceutiche e tecnologiche:

• CHIM/08 - Chimica farmaceutica (18 CFU): attività formative frontali.

• CHIM/08 - Chimica farmaceutica (18 CFU) attività formative frontali ed

almeno il 50% di laboratorio sperimentale a posto singolo

• CHIM/09 - Farmaceutico tecnologico applicativo (10 CFU): attività formative

frontali ed almeno il 50% di laboratorio sperimentale a posto singolo.

• CHIM/09 - Farmaceutico tecnologico applicativo (17 CFU): attività formative

frontali.

- 77 -


Discipline biologiche e farmacologiche:

• BIO/10 – Biochimica (14 CFU): attività formative frontali ed almeno il 25% di

esercitazioni dimostrative

• BIO/14 – Farmacologia (24 CFU): attività formative frontali ed almeno il 25% di

esercitazioni dimostrative

• BIO/15 - Biologia farmaceutica (13 CFU): attività formative frontali

c) Attività affini o integrative (49 CFU):

Formazione interdisciplinare:

• BIO/09 – Fisiologia (20 CFU): attività formative frontali ed almeno il 25% di

esercitazioni dimostrative

• BIO/13 - Biologia applicata (5 CFU): attività formative frontali

• CHIM/06 – Chimica Organica (2 CFU): attività formative frontali ed almeno il

25% di esercitazioni dimostrative

• CHIM/10 - Chimica degli alimenti (6 CFU): attività formative frontali

• MED/04 - Patologia generale (4 CFU): attività formative frontali

• MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica (10 CFU): attività formative

frontali ed almeno il 25% di esercitazioni dimostrative

• MED/42 - Igiene generale e applicata (2 CFU): attività formative frontali

d) attività formative a scelta dello studente (24 CFU):

I CFU relativi alle attività formative a scelta dello studente possono essere ottenuti:

• frequentando corsi a scelta individuati dal CD nel rispetto degli obiettivi

formativi specifici.

• frequentando insegnamenti attivati o riconosciuti dall’Ateneo Senese.

• frequentando laboratori interdisciplinari per la preparazione della tesi di

laurea a carattere sperimentale (15 CFU).

• prestando attività di volontariato, opportunamente certificate, in

ottemperanza all’art. 11, comma 12 del RDA, per favorire l’integrazione nel

Corso di LS in Farmacia delle studentesse e degli studenti con disabilità.

e) attività formative per la prova finale e conoscenza della lingua inglese (21 CFU).

• Per la prova finale sono assegnati 15 CFU. Le attività relative alla preparazione

della prova finale per il conseguimento della Laurea Specialistica in Farmacia

consisteranno nello svolgimento di una ricerca a carattere compilativo o

sperimentale. In caso di tesi sperimentale è previsto un periodo di internato di

durata semestrale da effettuarsi presso una delle strutture di riferimento dei

corsi di insegnamento (od altra struttura autorizzata ai sensi della vigente

normativa), con la supervisione e sotto la responsabilità di un docente della

Facoltà al quale è stata richiesta la tesi.

• Lo studente potrà optare tra tesi compilativa o sperimentale. In quest'ultimo

caso gli verranno riconosciuti e registrati 15 CFU di tipologia d (a scelta dello

studente) alla data di inizio effettivo del lavoro di tesi certificato dal docente

nel modulo di inizio tesi sperimentale. La opzione per tesi sperimentale si

intende irrevocabile e non più modificabile.

- 78 -


• La conoscenza della lingua inglese, certificata dal superamento di PET o

prova equipollente, dà diritto a 6 CFU. L'Ateneo istituisce corsi di lingua per

tutti gli studenti iscritti.

f) altre attività formative (42 CFU):

• Abilità informatiche e relazionali (12 CFU)

• Tirocinio professionale obbligatorio della durata di sei mesi da svolgersi

durante il IV e V anno di corso presso farmacie aperte al pubblico o in

farmacie ospedaliere convenzionate (30 CFU) secondo quanto previsto dal

Regolamento del Tirocinio Professionale (D.R. n° 815/2002-03 del 9.06.2003).

Art. 8 - Piano degli Studi

1. L’attività didattico-formativa è di norma organizzata sulla base di corsi ufficiali di

insegnamento.

2. Per gli esami dei corsi pluriennali il numero ordinale costituisce priorità.

3. Allo scopo di aumentare il coordinamento fra i contenuti e diminuire le prove di

verifica ufficiale del profitto sono istituiti Corsi Integrati. I relativi CFU vengono acquisiti

con il superamento della prova di verifica relativa agli insegnamenti che li

compongono.

Art. 9 - Crediti Formativi Universitari

1. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa vengono acquisiti dallo

studente con il superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto.

2. Come indicato dal RDA per il corso di laurea specialistica in Farmacia è previsto

almeno un punto di sbarramento nel percorso di studio fissando un numero minimo

di 90 CFU (esclusi i CFU per attività formative a scelta dello studente) da conseguire

per il passaggio al IV anno di corso. La verifica dei CFU sarà fatta entro il 31

dicembre del medesimo anno. Se entro tale data lo studente non avrà ottenuto

questo numero di CFU, sarà iscritto d’ufficio al III anno ripetente.

3. Lo studente lavoratore, limitatamente agli anni in cui risulta iscritto come tale,

deve almeno conseguire i medesimi crediti di cui al comma 2. in un numero doppio

di anni

4. Lo studente deve conseguire, nel periodo della durata normale del corso di studio

non meno di 180 CFU su 300; nel caso che non raggiunga tale obiettivo è sospeso

dalla posizione di studente. E’ sospeso altresì lo studente fuori corso che non

consegua crediti in ciascun anno accademico.

Art. 10 - Riconoscimento di crediti acquisiti presso altre sedi o altri Corsi di Studio

1. I CFU conseguiti da uno studente che si trasferisca al Corso di LS in Farmacia da

altra sede o da altro Corso di Laurea Specialistica dell’Ateneo possono essere

riconosciuti dopo un giudizio di congruità, espresso dal CD del Corso di LS in

Farmacia, con gli obiettivi formativi compresi nell’ordinamento didattico del Corso di

LS in Farmacia. Il CD del Corso di LS in Farmacia dispone, dopo aver deliberato il

- 79 -


iconoscimento dei CFU, per l’ammissione dello studente ad uno dei cinque anni di

Corso, adottando i criteri dal Regolamento Didattico di Ateneo.

Art. 11 - Verifica del profitto e Sessioni d’Esame

1. I docenti responsabili dei corsi e dei moduli di insegnamento verificano la

preparazione degli studenti tramite una o più prove in itinere ed una prova finale da

svolgersi in forma scritta e/o orale oppure in altre forme approvate dal CD del Corso

di LS in Farmacia.

2. In base all’art. 7 del RDF:

a. Per gli esami di profitto sono previste quattro sessioni. La Facoltà stabilisce che i

singoli appelli di ogni sessione siano, di norma, disposti a quindici giorni di distanza

l’uno dall’altro.

• I sessione: n° 2 appelli, di norma, nel mese di febbraio;

• II sessione: n° 3 appelli, di norma, dal 15 giugno al 31 luglio;

• III sessione: n° 2 appelli, di norma, nel mese di settembre;

• IV sessione: n° 2 appelli, di norma, dal 15 dicembre al 10 gennaio.

b. Per gli studenti lavoratori, fuori corso e ripetenti le sessioni di fine periodo didattico

dovranno prevedere almeno tre appelli, ove necessario anche a distanza inferiore ai

quindici giorni, secondo quanto riportato nel RDA.

3. Ogni Docente è tenuto a comunicare al Presidente del CD della LS in Farmacia

ed al Centro Servizi di Facoltà il calendario completo degli esami. Eventuali

variazioni potranno essere apportate soltanto per giustificati motivi e dopo

comunicazione al Presidente del CD. Nell’ambito della I sessione d’esami di profitto,

il Docente può far sostenere agli studenti gli esami di profitto del proprio Corso prima

dell’inizio della regolare sessione d’esame qualora le lezioni del Corso stesso fossero

terminate e nel rispetto della non sovrapposizione di lezioni ed esami.

4. Per gli esami finali di Laurea Specialistica sono previste, di norma, cinque sessioni

nei mesi di luglio, ottobre, dicembre, febbraio e aprile.

Art. 12 - Prova finale di Laurea e determinazione dei voti relativi

1. Per il conseguimento della Laurea Specialistica in Farmacia è prevista la

presentazione di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la

responsabilità di uno o più Docenti supervisori (relatore e correlatore). Detta tesi

consisterà nello svolgimento di una ricerca a carattere compilativo o sperimentale

da effettuarsi presso una delle strutture di riferimento (od altra struttura autorizzata ai

sensi della vigente normativa), con la supervisione e sotto la responsabilità di un

docente della Facoltà di Farmacia al quale sia stata richiesta la tesi.

2. Lo studente, conseguiti almeno 160 CFU, potrà presentare, su apposito modulo

cartaceo o informatico (qualora disponibile), domanda di assegnazione di tesi

controfirmata per accettazione anche dal Docente responsabile.

3. Per essere ammesso a sostenere l’Esame di Laurea, lo Studente deve:

a. aver seguito tutti i Corsi ed avere superato i relativi esami o le altre forme di

verifica di profitto previste.

b. aver maturato almeno 285 CFU compresi i 30 CFU del tirocinio professionale

- 80 -


c. avere consegnato alla Segreteria Studenti una copia della Tesi almeno 10 giorni

prima della seduta di Laurea.

4. La tesi dovrà essere presentata in forma scritta. La successiva discussione orale e

pubblica di tale elaborato (esame di laurea) avrà luogo di fronte ad una apposita

commissione.

5. A determinare il voto di laurea, espresso in centodecimi, contribuiscono i seguenti

parametri:

a. La media pesata, espressa in centodecimi, dei voti conseguiti negli esami

curriculari.

b. La media dei punti attribuiti dalla Commissione di laurea sulla discussione della

tesi: fino ad un massimo di cinque punti per tesi compilativa e di otto punti per tesi

sperimentale.

c. Il periodo impiegato per lo svolgimento dell’intero corso di studi (fino ad un

massimo di due punti, qualora non superiore a cinque anni accademici), i periodi di

studio trascorsi all’estero (fino ad un massimo di due punti), la partecipazione agli

organi collegiali di Ateneo ed ai Consigli delle strutture Didattiche(un punto).

6. Per conseguire la laurea con lode sono contestualmente necessari oltre al

raggiungimento del voto finale di 110:

a. La media pesata, espressa in centodecimi, dei voti conseguiti negli esami

curriculari, maggiore od uguale a cento.

b. Conseguimento della valutazione massima nella prova finale.

7. La lode può essere concessa solo con il giudizio unanime dei docenti

ufficialmente convocati alla seduta di laurea.

Art. 13 - Esami presso Università straniere, esami degli studenti stranieri e

riconoscimenti internazionali

1. Il CD del C.d.L.S. in Farmacia fa proprie le norme indicate negli articoli 12 e 13 del

R.D. di Facoltà.

Art. 14 - Tirocinio

1. Durante il quarto e quinto anno di corso lo studente è tenuto ad acquisire

specifiche professionalità. A tale scopo lo studente dovrà svolgere un periodo di sei

mesi, anche non continuativi, ma comunque non frazionabile in periodi inferiori alla

durata di quattro settimane, presso non più di due farmacie aperte al pubblico o in

farmacie ospedaliere, al fine di acquisire i 30 CFU secondo quanto previsto dal

Regolamento del Tirocinio Professionale (D.R. n° 815/2002-03 del 9.06.2003).

2. La domanda di tirocinio deve essere presentata alla Segreteria Studenti della

Facoltà di Farmacia dell'Università di Siena, almeno un mese prima della data di

inizio prevista ed una volta acquisiti almeno 180 CFU.

- 81 -


3. Il periodo di Tirocinio Professionale è incompatibile con:

• La frequenza da parte dello studente dei corsi istituzionali,

• La frequenza dei corsi a scelta dello studente,

• Tesi sperimentale.

4. Durante il quarto anno il periodo di Tirocinio Professionale potrà essere iniziato solo

dopo il termine dei corsi istituzionali previsto, di norma, per il 15 giugno di ogni anno

accademico.

Art. 15 - Orientamento e Tutorato

1. Il CD del Corso di LS in Farmacia, in accordo con il Docente responsabile di

Facoltà per l’Orientamento, predispone attività di orientamento in entrata, in itinere

ed in uscita.

2. Il CD del Corso di LS in Farmacia, in accordo con il Docente responsabile di

Facoltà per il Tutorato, predispone attività di tutorato in entrata, in itinere ed in

uscita. In particolare, all’inizio di ogni anno accademico, mette in atto forme di

tutorato allo scopo di migliorare l’apprendimento delle singole discipline e di far

superare eventuali situazioni di disagio.

3. Per ogni anno di corso il CD individua un docente tutor al quale gli studenti

potranno rivolgersi per problemi inerenti la didattica del relativo anno.

Art. 16 - Valutazione dell'efficienza e dell'efficacia del Processo formativo

1. Il CD del Corso di LS in Farmacia ogni tre anni esprime alla Facoltà pareri sulla

congruenza tra i CFU assegnati alle attività formative e gli specifici obiettivi formativi

programmati, nonché sulla obsolescenza dei contenuti dei corsi, secondo quanto

previsto dall’art. 9 comma 3, lett. I del RDA.

2. Il CD del Corso di LS in Farmacia, in accordo con il Nucleo di Valutazione

dell’Ateneo, nomina un Gruppo di Autovalutazione, formato anche da

rappresentanti di industrie farmaceutiche e dell’Ordine Professionale, ed un

Comitato di indirizzo al fine di garantire il continuo miglioramento del Corso di LS in

Farmacia.

3. L’efficienza e la qualità delle attività formative svolte nel Corso di LS in Farmacia è

sottoposta a verifica qualitativa applicando eventuali indicatori nazionali e locali e

comunque in base ad un continuo confronto con le organizzazioni professionali, con

l’industria del settore, con le esigenze del Servizio farmaceutico e con Enti privati.

4. Il CD mette in atto azioni per il controllo dell’efficacia del processo formativo

attraverso:

• La rilevazione della soddisfazione degli studenti

• La rilevazione della soddisfazione dei laureati

• La rilevazione della soddisfazione delle parti interessate (studenti, genitori,

industrie farmaceutiche, Ordine professionale, ecc.)

• La verifica della adeguatezza delle risorse di docenza disponibili prima

dell’inizio dell’A.A.

- 82 -


• La verifica della adeguatezza delle strutture disponibili prima dell’inizio

dell’A.A.

• Il riesame e l’aggiornamento dei programmi di insegnamento

Art. 17 - Sito web del Corso di LS in Farmacia

1. La Facoltà di Farmacia predispone un sito WEB contenente tutte le informazioni

utili agli Studenti ed al Personale docente e cura la massima diffusione del relativo

indirizzo.

2. Presso il Centro Servizi della Facoltà e nelle pagine WEB relative al Corso di LS in

Farmacia, aggiornate prima dell'inizio di ogni anno accademico, devono essere

comunque disponibili per la consultazione:

• l'Ordinamento Didattico,

• il Regolamento Didattico del Corso di LS in Farmacia,

• il Piano degli Studi,

• la programmazione didattica, contenente il calendario di tutte le attività

didattiche programmate, i programmi dei Corsi corredati dell'indicazione dei

libri di testo consigliati, le date fissate per gli appelli di esame di ciascun Corso,

il luogo e l'orario in cui i singoli Docenti sono disponibili per ricevere gli

Studenti,

• il Regolamento del Tirocinio Professionale,

• eventuali sussidi didattici on-line per l’autoapprendimento e

l’autovalutazione.

Art. 18 - Norme transitorie

1. Gli Studenti iscritti a Corsi di Laurea con ordinamenti previgenti afferenti alla

Facoltà di Farmacia possono optare per il Corso di LS in Farmacia. Il CD del Corso di

LS in Farmacia, nel rispetto del DM 509/99, art. 13, c. 2 e successive modificazioni ed

integrazioni, ha predisposto le tabelle di conversione dei CFU relativi alle discipline

degli ordinamenti precedenti in CFU per le discipline previste dalla LS in Farmacia.

Per le discipline non comprese nell’elenco, il CD verificherà di volta in volta la

possibilità di convalidare gli esami di profitto e la loro conversione in CFU.

Art. 19 - Modifiche di Regolamento

1. Qualora si verifichi la necessità di introdurre modifiche al presente Regolamento, il

CD propone al Consiglio di Facoltà il cambiamento da effettuare per la necessaria

delibera

Art. 20 - Norma Finale

1. Il presente regolamento sostituisce tutte le disposizioni precedenti in materia.

Sono comunque fatti salvi i piani di studio, le situazioni giuridiche e le carriere

studentesche iniziate ed acquisite precedentemente.

2. Per quanto non espressamente disposto dal presente Regolamento, si rinvia allo

Statuto, al Regolamento Didattico di Ateneo ed al Regolamento di Facoltà.

- 83 -


COMITATO PER LA DIDATTICA

Docenti: Telefono: e-mail:

Maria Michela Muscettola

(Presidente)

+39 0577-234225 muscettola@unisi.it

Maria Frosini +39 0577-234441 frosinim@unisi.it

Caterina La Rosa +39 0577-234322 larosa@unisi.it

Elisabetta Miraldi +39 0577-233517 miraldi@unisi.it

Luisa Savini +39 0577-234304 frosinim@unisi.it

Maurizio Taddei +39 0577-234280 taddei.m@unisi.it

(D.R n. 1008 del 23/03/2010)

Studenti: Telefono: e-mail:

Pierre Arnault Arrighi arrighi4@student.unisi.it

Carlone Armando carlone2@student.unisi.it

Serena Di Filippi sere-df@hotmail.it

Salvatore Finelli finelli@student.unisi.it

Luigi Pisano pisanogae@tiscali.it

Rosario Pucciarelli saro87caggiano@hotmail.it

DOCENTI TUTOR

Docenti: Telefono: e-mail:

III anno: Fabrizio Manetti +39 0577-234330 fabrizio.manetti@unisi.it

IV anno: Valter Travagli +39 0577 234317 travagli@unisi.it

STUDENTI TUTOR

Gli studenti dei vari anni possono avere dai tutor consigli e informazioni sulle modalità

di studio, sulla organizzazione del Corso, sull'uso delle strutture dell'Università, ecc.

Laurea Specialistica in FARMACIA:

Studenti: Telefono: e-mail:

Arber Shabani shabani@student.unisi.it

- 84 -


OBIETTIVI FORMATIVI

1. Il Corso di LS in Farmacia si propone il conseguimento degli obiettivi formativi di

seguito definiti. La LS in Farmacia fornisce le basi scientifiche e la preparazione

teorico-pratica necessarie

all’esercizio della professione di Farmacista e ad operare quale esperto del farmaco

e dei prodotti per la salute (presidi medicochirurgici, articoli sanitari, cosmetici,

dietetici, prodotti erboristici, diagnostici e chimico-clinici) sia in ambito territoriale che

ospedaliero. Un’avanzata preparazione scientifica nel campo sanitario mira a

formare un esperto del farmaco e del suo uso a fini terapeutici, in grado di

collaborare sul territorio con medici, pazienti e strutture sanitarie per l’attuazione

della terapia e per il monitoraggio dei farmaci e capace di fornire a pazienti

indicazioni utili per un corretto impiego dei farmaci e dei prodotti per la salute.

2. Il corso di LS in Farmacia si propone di formare la figura professionale di

farmacista, cioè di un operatore sanitario che nell’ambito delle sue competenze

multidisciplinari è destinato ad operare nei diversi settori del Servizio Sanitario

Nazionale. I settori di competenza sono rappresentati da:

● Farmacie aperte al pubblico dove oltre ad adempiere alle sue specifiche funzioni il

Laureato è tenuto a fornire informazioni e chiarimenti circa la conservazione, la

posologia, le modalità ed i tempi di somministrazione, gli eventuali effetti collaterali e

le interazioni di qualunque natura, dei medicinali dispensati, consigli ed indicazioni

igieniche, sanitarie ed alimentari, mirando al recupero ed

al mantenimento dello stato di salute;

● Servizi Farmaceutici ospedalieri dove il Laureato oltre alla gestione del farmaco e

del restante materiale sanitario, ha la gestione dell’attività di galenica e galenica

clinica con allestimento di terapie anche personalizzate; ha tra l’altro la funzione di

predisporre linee guida diagnostico-terapeutiche in particolari aree della terapia in

collaborazione con gli altri sanitari;

● Servizi Farmaceutici territoriali dove il Laureato ha tra l’altro funzioni di vigilanza sul

corretto svolgimento del servizio e dell’assistenza farmaceutica da parte delle

farmacie convenzionate; di monitoraggio della prescrizione farmaceutica; di

promozione di attività finalizzate alla razionalizzazione del consumo dei farmaci e

all’attività di farmacovigilanza;

● Enti di produzione e/o distribuzione all’ingrosso dei medicinali per uso umano e/o

per uso veterinario, degli antiparassitari, dei fitofarmaci, presidi sanitari, ecc.

3. Il curriculum del Corso di LS in Farmacia comprende la conoscenza:

● delle nozioni di matematica, di informatica e fisica finalizzate all’apprendimento

delle discipline del corso;

● della chimica generale e della chimica inorganica;

● dei principi fondamentali della chimica organica, del chimismo dei gruppi

funzionali, della stereochimica e dei principali sistemi carbociclici ed eterociclici;

● delle nozioni fondamentali della chimica analitica utili all’espletamento ed alla

valutazione dei controlli dei medicamenti ed alla comprensione degli studi di

validazione dei farmaci;

● della cellula animale e vegetale e delle strutture vegetali;

● della morfologia del corpo umano in rapporto alla terminologia anatomica e

medica;

- 85 -


● della biochimica generale e della biochimica applicata, al fine della

comprensione delle molecole di interesse biologico, dei meccanismi delle attività

metaboliche e dei meccanismi molecolari dei fenomeni

biologici;

● della fisiologia della vita di relazione, per la comprensione dei fondamenti

neurofisiologici del comportamento e delle interazioni sensoriali, cognitive ed

emotive tra l’uomo e l’ambiente; della fisiologia della vita vegetativa, per la

comprensione dei meccanismi funzionali degli organi e degli apparati e del loro

controllo neuroendocrino;

● della chimica farmaceutica, delle principali classi di farmaci, delle loro proprietà

chimico-fisiche, del loro meccanismo di azione, nonché dei rapporti struttura -

attività;

● delle materie prime impiegate nelle formulazioni dei preparati terapeutici;

● delle nozioni di base e moderne della tecnologia farmaceutica;

● delle norme legislative e deontologiche utili nell'esercizio dei vari aspetti dell'attività

professionale;

● della farmacologia, farmacoterapia e tossicologia, al fine di una completa

conoscenza dei farmaci e degli aspetti relativi alla loro somministrazione,

metabolismo, azione, tossicità;

● dell’analisi chimica dei medicinali, anche in matrici non semplici;

● della preparazione delle varie forme farmaceutiche e del loro controllo di qualità;

● degli elementi di microbiologia utili alla comprensione delle patologie infettive ed

ai saggi di controllo microbiologico;

● delle nozioni utili di eziopatogenesi e di denominazione delle malattie umane, con

conoscenza della terminologia medica;

● dei prodotti diagnostici e degli altri prodotti per la salute e del loro controllo di

qualità;

● delle piante medicinali e dei loro principi farmacologicamente attivi;

● di nozioni utili di organizzazione e gestione aziendale.

4. La formazione è completata con insegnamenti che sviluppano la conoscenza dei

presidi medico-chirurgici, dei prodotti cosmetici, diagnostici e chimico-clinici; dei

prodotti dietetici, delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti e di altri prodotti per

la salute, tenendo presenti anche le possibilità occupazionali offerte in ambito

Comunitario. Infine sono considerati complementi indispensabili alla figura

professionale del farmacista, la capacità di esprimersi - in forma scritta e orale - in

una delle principali lingue parlate nell’Unione Europea e la competenza a

comunicare e gestire l’informazione con mezzi telematici ed informatici.

Il corso di LS in Farmacia comprende un periodo di sei mesi di tirocinio professionale

presso una farmacia privata, comunale od ospedaliera convenzionata.

5. Il Corso di LS in Farmacia in conclusione, si caratterizza per l’acquisizione di

competenze multidisciplinari professionalizzanti ed altamente specifiche in relazione

alle esigenze proprie del sistema Farmacia. Tali conoscenze si concretizzano, in

particolare, all’interno della Farmacia quale struttura di pubblico servizio erogatrice

di aspetti correlati alla salute (“pharmaceutical care”) e della figura professionale

del farmacista quale operatore sanitario caratterizzato dalla esclusività nella

dispensazione di medicinali al pubblico e di tutti gli aspetti correlati con i vari

prodotti quali quelli alimentari, per infanzia,

dietetici, etc.

- 86 -


PIANO DEGLI STUDI

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FARMACIA - A.A. 2010/2011

Classe delle Lauree Specialistiche in Farmacia e Farmacia Industriale (14/S)

Per l’Anno Accademico 2010/2011 sono attivati gli anni III, IV, e V anno.

NOTA: Per avere chiarimenti e indicazioni sul contenuto dei corsi, all’interno del CD sono

presenti i programmi degli insegnamenti relativi allo scorso Anno Accademico.

I programmi del nuovo Anno Accademico saranno pubblicati sul sito web della

Facoltà non appena disponibili.

III ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Fisiologia Generale I e Terminologia

Medica

Analisi dei Medicinali I

Corso A-L

Corso M-Z

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica I

SSSSDD

- 87 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

BIO/09 72 10 E

TTAAFF

Affine/

integrativa

CHIM/08 86 9 E Caratterizzante

CHIM/08 56 9 E Caratterizzante

Scelta Studente 2 APV

Totale CFU 30

III ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Fisiologia Generale II BIO/09 36 5 E

Scienza dell’Alimentazione BIO/09 36 5 E

Chimica Bromatologica e dei Prodotti

Dietetici

CHIM/10 43 6 E

Altre attività

formative

TTAAFF

Affine/

integrativa

Affine/

integrativa

Affine/

integrativa

Biochimica della Nutrizione BIO/10 25 4 E Caratterizzante

Farmacologia Generale BIO/14 43 6 E Caratterizzante

Eziopatogenesi delle Malattie Umane MED/04 25 4 E

Totale CFU 30

Affine/

integrativa


IV ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Tecnologia, Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche I:

Modulo I: Tecnologia e

Socioeconomia

Modulo II: Galenica e Neogalenica

SSSSDD

CHIM/09

- 88 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

80

32

48

CCFFUU

10

5

5

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

E Caratterizzante

Prodotti Cosmetici CHIM/09 19 3 E Caratterizzante

Tossicologia BIO/14 57 8 E Caratterizzante

Farmacologia e Farmacoterapia I BIO/14 43 6 E Caratterizzante

Scelta dello Studente 1 APV

Totale CFU 28

IV ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Altre attività

formative

Analisi dei Medicinali II CHIM/08 86 9 E Caratterizzante

Tecnologia Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche II

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica II

CHIM/09 56 9 E

CHIM/08 56 9 E

TTAAFF

Caratterizzante

Caratterizzante

Farmacologia e Farmacoterapia II BIO/14 36 5 E Caratterizzante

Totale CFU 32

V ANNO

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Tirocinio 30 APV

Prova Finale 15 E

Scelta Studente 15 APV

Totale CFU 60

TTAAFF

Altre attività

formative

Altre attività

formative


LEGENDA:

SSD: Settore Scientifico Disciplinare

CFU: Crediti Formativi Universitari

TAF: Tipologia Attività Formativa

CORSI A SCELTA STUDENTE

(CdLS-UE in FARMACIA)

I corsi a scelta studente per il CdLS-UE in Farmacia verranno pubblicati quanto prima

sul sito web della Facoltà:

http://www.farm.unisi.it

- 89 -


CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A NORMATIVA UE IN CHIMICA E

TECNOLOGIA FARMACEUTICHE

Classe delle Lauree Magistrali in Farmacia e Farmacia Industriale (LM-13)

REGOLAMENTO DIDATTICO

Art. 1 – Definizioni

1. - Ai fini del presente regolamento si intende:

- per Ateneo, l’Università degli Studi di Siena;

- per Facoltà, la Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Siena;

- per LM, la Laurea Magistrale;

- per CTF, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche;

- per CFU, credito formativo universitario;

- per SSD, settore scientifico disciplinare;

- per CpD Comitato per la Didattica;

- per RDF Regolamento Didattico di Facoltà;

- per RDA Regolamento Didattico di Ateneo.

Art. 2 – Istituzione

1. - È istituito presso l’Università degli Studi di Siena, Facoltà di Farmacia, il Corso di

Laurea Magistrale (LM) in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche - Pharmaceutical

Chemistry And Technology (CTF), Classe LM/13 - Farmacia e Farmacia Industriale,

di durata quinquennale.

Art. 3 – Obiettivi Formativi Specifici

1. - La LM in CTF fornisce un’adeguata preparazione scientifica di base, un supporto

linguistico ed informatico, e un insieme di conoscenze necessarie ad affrontare

l'intera sequenza del complesso processo multidisciplinare che, partendo dalla

progettazione strutturale, sintesi, sviluppo, valutazione dell'attività biologica e/o

farmacologica, e preparazione della forma farmaceutica, porta al rispetto del

requisito di qualità nella produzione del farmaco (secondo le norme codificate

dalla Farmacopea) e dei prodotti per la salute (presidi medico-chirurgici, articoli

sanitari, cosmetici, dietetici, prodotti erboristici, prodotti diagnostici e chimicoclinici)

e alle procedure brevettuali e di registrazione. Il percorso formativo mira a

formare una figura professionale in grado di operare in realtà complesse con

adeguati strumenti di conoscenza critica, di analisi e con specifiche capacità

progettuali valutative e realizzative. Con il conseguimento della LM e della

relativa abilitazione professionale, il laureato magistrale in CTF potrà inoltre

svolgere la professione di farmacista a livello sia territoriale che ospedaliero e

l'esercizio delle attività professionali connesse, oltre che la professione di chimico.

Il corso di LM in CTF mira principalmente a formare una figura professionale che

operi: nell'industria farmaceutica; nei laboratori di analisi chimiche,

tossicologiche, chimico-cliniche e biochimico-cliniche; in laboratori di controllo di

qualità pubblici e privati; in strutture del Sistema Sanitario Nazionale; nella Scuola,

nell'Università e in altri Enti pubblici e privati; nella distribuzione e

commercializzazione del farmaco.

- 90 -


Art. 4 – Risultati di apprendimento attesi

1. - L’intero Corso di studi procede dalle discipline basilari e propedeutiche, verso

quelle caratterizzanti ed affini. I laureati magistrali conseguono conoscenze e

capacità di comprensione ed elaborazione dei concetti nei settori chimico,

biologico, farmaceutico e farmacologico. In particolare, acquisiscono la

conoscenza dell’approccio scientifico alla soluzione di problematiche inerenti

la progettazione strutturale di molecole biologicamente attive, sintesi, sviluppo,

valutazione dell'attività biologica e/o farmacologica, preparazione della forma

farmaceutica, controllo di qualità nella produzione, procedure brevettuali e di

registrazione del farmaco nonché le conoscenze dei contesti legislativi in cui

operano le industrie farmaceutiche e le farmacie. Mediante la consultazione

della letteratura scientifica, il laureato magistrale deve saper recepire

prontamente le innovazioni scientifiche e tecnologiche che si stanno

verificando con grande rapidità in questi ambiti ed essere in grado di elaborare

ed applicare idee originali all'altezza dello stato dell'arte, anche in un contesto

di ricerca.

2. - La verifica dell'apprendimento prevede esami tradizionali in cui il candidato

dimostra ad una commissione di esperti della materia la propria capacità di

assimilare ed integrare le conoscenze apprese e di comunicarle in modo chiaro

e privo di ambiguità. Oltre agli esami, in funzione dell'accertamento e a giudizio

dei docenti dei corsi, possono essere previste relazioni scritte e colloqui

intermedi su specifici argomenti. Queste tipologie di accertamento delle

conoscenze sono volte a verificare se lo studente è in grado di integrare e

formulare giudizi sulle conoscenze apprese e sulla sua capacità di proseguire gli

studi e di acquisire conoscenze specifiche in modo autonomo.

3. - La capacità di applicare le conoscenze apprese viene acquisita dallo studente

durante la frequenza alle esercitazioni e ai corsi di laboratorio teorico-pratici

che prevedono la soluzione di problematiche sperimentali, anche di tipo

interdisciplinare e, come per gli esami di corsi teorici, il superamento di un

esame finale. Nello specifico, il laureato magistrale è in grado di eseguire le

analisi qualitative (riconoscimento dei farmaci e saggi di purezza), le analisi

quantitative (dosaggio dei farmaci), la sintesi di nuovi principi attivi, la

valutazione della loro attività biologica, l’allestimento delle preparazioni

galeniche. Il laureato magistrale ha anche le competenze adeguate per la

produzione e per i controlli tecnologici delle forme farmaceutiche come

descritto nelle Farmacopee. Infine la capacità di applicare le conoscenze

apprese si completa nello svolgimento della tesi di LM che è obbligatoriamente

sperimentale. Dovranno essere acquisite e dimostrate in particolare una buona

conoscenza della lingua inglese, la padronanza di metodiche di laboratorio e

di metodi di indagine di tipo chimico, farmaceutico, biologico e

farmacologico, nonché statistico.

4. - L'applicazione delle conoscenze apprese è anche richiesta in sede di tirocinio

dove il laureando magistrale svolge, come da normativa, un periodo di attività

presso una Farmacia aperta al pubblico. In questo caso, la verifica

dell'apprendimento è certificata da un libretto di frequenza, vidimato dal

Farmacista titolare della Farmacia, in cui il candidato dimostra ad una

commissione formata da tre docenti della Facoltà le capacità acquisite

durante il tirocinio.

5. - L’autonomia di giudizio dello studente si sviluppa progressivamente nel corso

degli studi, viene verificata da loro stessi e dal docente in ogni esame alla fine

dei singoli corsi e arriva al suo completamento in sede di preparazione della tesi

di LM sperimentale. Questa consiste nella raccolta e in un’attenta analisi critica

della letteratura scientifica internazionale, nell’impostare, applicare e

sviluppare protocolli di ricerca, raccogliere ed interpretare dati, ricavandone

- 91 -


spunti e soluzioni originali. Lo svolgimento di un lavoro di ricerca originale in

laboratorio, completo di analisi e valutazione dei risultati ottenuti, pur sotto la

supervisione del relatore, è compito del candidato, e il grado di

raggiungimento di tale autonomia farà parte del voto finale di LM assieme ad

una valutazione complessiva del suo curriculum di studi.

6. - I laureati magistrali nel corso di studi hanno tutte le necessarie conoscenze,

proprie dell’esperto del farmaco, per comunicare con interlocutori specialisti e

non specialisti del settore nonché all’interno di gruppi di ricerca. Questo, in

accordo con le normative Europee, presuppone anche una buona

conoscenza della lingua inglese, parlata e scritta. Tali caratteristiche sono

acquisite gradualmente (anche grazie ai programmi di mobilità studentesca

promossi dalla Facoltà) e verificate progressivamente nel corso degli studi da

specialisti del settore (docenti) e cultori delle materie del corso. Le abilità

comunicative raggiunte sono poi valutate alla conclusione degli studi durante

l'esposizione del lavoro di tesi sperimentale.

7. - Il laureato magistrale ha tutte le capacità per poter aggiornare continuamente

e autonomamente le proprie conoscenze e sviluppare le proprie capacità

professionali in un ambito lavorativo, sia nazionale che internazionale e per

proseguire gli studi nelle Scuole di dottorato con un elevato grado di

autonomia. A questo concorrono le esperienze maturate nel corso del tirocinio

professionale, della preparazione della tesi sperimentale e dei corsi liberi o dei

seminari frequentati.

Art. 5 – Sbocchi Occupazionali e Professionali

1. - Per tenere il passo con i rapidi progressi delle scienze biomediche, gli studenti

che intraprenderanno professioni sanitarie devono essere in grado di attingere

alle proprie conoscenze e maturare una comprensione concettuale dei vari

problemi. Il conseguimento della LM in CTF offre i seguenti sbocchi

occupazionali: esperto nella ricerca e sviluppo del farmaco e dei prodotti per

la salute (erboristici, diagnostici e chimico-clinici, cosmetici, dietetici e

nutrizionali, presidi medico-chirurgici, articoli sanitari, ecc.) a livello d’industrie,

centri pubblici e privati, Università; produzione nell’industria farmaceutica,

chimica, cosmetica, dietetico-alimentare; esperto in controllo della qualità,

stabilità e valutazione tossicologica di farmaci ed altri prodotti per la salute;

informatore scientifico sul farmaco e sui prodotti per la salute. La LM abilita

inoltre all'esercizio delle seguenti attività professionali: preparazione della forma

farmaceutica dei medicinali nell'industria; controllo dei medicinali in un

laboratorio pubblico o privato di controllo dei medicinali; immagazzinamento,

conservazione e distribuzione dei medicinali nella fase di commercio

all'ingrosso; preparazione, controllo, immagazzinamento e distribuzione dei

medicinali nelle farmacie aperte al pubblico; preparazione, controllo,

immagazzinamento e distribuzione dei medicinali negli ospedali (farmacie

ospedaliere pubbliche e private); diffusione di informazioni e consigli nel settore

dei medicinali, dei prodotti cosmetici, dietetici e nutrizionali, nonché erboristici

per il mantenimento e la tutela dello stato di salute; produzione di fitofarmaci,

antiparassitari e presidi sanitari; analisi e controllo delle caratteristiche fisicochimiche

e igieniche di acque minerali; analisi e controllo di qualità di prodotti

destinati all'alimentazione, ivi compresi i prodotti destinati ad un’alimentazione

particolare, ed i dietetici; produzione e controllo di dispositivi medici e presidi

medico-chirurgici; trasformazione, miscelazione, concentrazione e

frazionamento di parti di piante e loro derivati, sia per uso terapeutico che

erboristico; formulazione, produzione, confezionamento, controllo di qualità e

stabilità e valutazione tossicologica dei prodotti cosmetici; farmacovigilanza e

controllo degli effetti avversi dei farmaci in uso nella popolazione; esperto di

- 92 -


“regulatory affairs” nel settore farmaceutico industriale. Tali sbocchi

professionali rientrano in quelli previsti nell'elenco delle professioni ISTAT. Il

conseguimento della LM in CTF e della relativa abilitazione professionale

autorizza inoltre allo svolgimento della professione di farmacista, ai sensi della

direttiva CEE 85/432.

Art. 6 – Conoscenze richieste per l’accesso

1. – E’ prevista l'ammissione al Corso di LM in CTF a tutti gli studenti in possesso delle

conoscenze acquisite alla scuola secondaria superiore. Per l’accesso è

richiesta la conoscenza della lingua inglese ad un livello di competenza

almeno pari ad A2/2, così come definito dal quadro comune di riferimento

delle lingue del Consiglio di Europa. La preparazione di base delle matricole è

verificata all'inizio delle attività didattiche del primo anno tramite un test,

obbligatorio ma non coercitivo ai fini dell’immatricolazione. Il CpD sconsiglierà

la permanenza nel Corso di LM in CTF a quelle matricole che, non avendo

dimostrato nel test il possesso delle conoscenze richieste per l’accesso, non

abbiano partecipato alle attività tutoriali predisposte dal Corso di LM in CTF.

Art. 7 – Comitato per la Didattica

1. - Il Comitato per la Didattica (CpD) del Corso di LM in CTF è composto da otto

membri: quattro docenti e quattro studenti. Le competenze del CpD del Corso di

LM in CTF sono quelle indicate nell’art. 11 del Regolamento Didattico di Ateneo

(RDA).

Art. 8 – Valutazione della qualità della didattica.

1. - Il CpD, in accordo con il Nucleo di Valutazione dell’Ateneo, definisce le modalità

operative, stabilisce e applica gli strumenti più idonei per la valutazione dei

parametri mirati a governare i processi formativi così da garantirne il continuo

miglioramento.

2. - Alla fine di ogni periodo didattico, il CpD organizza la distribuzione dei questionari

di valutazione delle attività formative da parte degli studenti, ne valuta i risultati

e definisce gli interventi più idonei per superare le eventuali criticità riscontrate.

Art. 9 – Orientamento e tutorato

1. - Il CpD del Corso di LM in CTF, all’inizio dell’anno accademico, nomina dei

Docenti Tutori ed organizza le attività finalizzate a orientare, informare e

assistere gli studenti.

Art. 10 – Riconoscimento dei crediti

1. - Per gli studenti in trasferimento da altri corsi di LM o da corsi di laurea specialistica

di Università italiane o straniere, ai fini del riconoscimento dei CFU acquisiti il

CpD terrà conto non tanto della puntuale corrispondenza dei contenuti degli

insegnamenti, quanto della loro equipollenza e della coerenza con

l’ordinamento didattico e con gli obiettivi formativi specifici della LM in CTF

nonché, se ritenuto necessario, della effettiva preparazione dello studente

accertata mediante colloqui individuali.

2. - Per gli studenti in trasferimento da un altro corso di LM della stessa classe di una

Università italiana, i CFU acquisiti nei medesimi SSD previsti nell’ordinamento

didattico del corso di LM in CTF saranno di norma riconosciuti dal CpD nella

misura massima possibile e, in ogni caso, in misura non inferiore al 50%. Tali

condizioni non si applicano nel caso in cui il corso di LM di provenienza sia

svolto con modalità a distanza non formalmente accreditato.

- 93 -


3. - Nei casi di trasferimento o di passaggio di corso, il CpD, valutato l’effettivo

raggiungimento degli obiettivi formativi specifici della LM in CTF e in relazione al

numero di CFU riconosciuti, delibera a quale anno dovranno essere iscritti gli

studenti.

4. - Gli studenti provenienti in trasferimento da un altro Ateneo, per conseguire la

qualifica accademica di dottore magistrale in CTF dovranno comunque

acquisire presso l’Università degli Studi di Siena almeno 45 CFU (Art.18 comma 5

del R.D.A.), oltre a quelli della prova finale.

Art. 11 – Mobilità internazionale degli studenti

1. - Gli studenti del corso di LM in CTF sono incentivati alla frequenza di periodi di

studio all’estero presso Università con le quali siano stati approvati dall’Ateneo

accordi e convenzioni per il riconoscimento di CFU, e in particolare nell’ambito

dei programmi di mobilità dell’Unione Europea.

2. - L’approvazione dei programmi di studio all’estero è deliberato dal CpD in base

alla coerenza con gli obiettivi formativi specifici del corso di LM in CTF. A tale

scopo il CpD verifica, in base agli obiettivi di apprendimento e ai contenuti di

ogni insegnamento all’estero, se il SSD riconoscibile è compatibile con

l’ordinamento didattico di CTF, tenuto conto anche degli insegnamenti che lo

studente ha già superato presso la Facoltà, i cui contenuti non possono essere

reiterati nel periodo di studio all’estero.

3. - Le attività formative presso le Università europee sono quantificate in base

all’European Credit Transfer System (ECTS).

Art. 12 – Attività formative

1. - Le attività formative del corso di LM in CTF sono previste dall’ordinamento

didattico come segue:

Ambito disciplinare

Attività formative di base

Settori scientifico disciplinari

CFU

min max

Discipline

FIS/01, FIS/02, FIS/03, FIS/04, FIS/05, 14 14

matematiche, fisiche, FIS/06, FIS/07, FIS/08, MAT/01, MAT/02,

informatiche e MAT/03, MAT/04, MAT/05, MAT/06,

statistiche

MAT/07, MAT/08, MAT/09

Discipline Biologiche BIO/09, BIO/13, BIO/15, BIO/16 16 16

Discipline Chimiche

CHIM/01,

CHIM/06

CHIM/02, CHIM/03, 32 32

Discipline Mediche MED/04, MED/07 10 10

Totale CFU Attività di base 72 72

- 94 -


Ambito disciplinare

Attività formative caratterizzanti

Settori scientifico disciplinari

CFU

min max

Discipline chimiche,

88 88

farmaceutiche

tecnologiche

e CHIM/08, CHIM/09

Discipline biologiche e

BIO/10, BIO/14, BIO/15

farmacologiche

48 48

Totale CFU Attività caratterizzanti 136 136

Attività formative affini o integrative

Settori scientifico disciplinari

CFU

min max

CHIM/01, CHIM/02, CHIM/03, CHIM/06, CHIM/08, CHIM/09, 16

CHIM/10, BIO/09, BIO/10, BIO/11, BIO/14, BIO/15, MED/01,

MED/07, IUS/04, SECS-P/07, SECS-P/10.

16

Totale CFU Attività affini o integrative 16 16

Altre Attività formative

Ambito disciplinare

CFU

CFU CFU

min max

A scelta dello studente 8 8

Per la prova finale

Per la prova finale

30 30

e la lingua straniera Per la conoscenza di almeno una

6

lingua straniera

6

Ulteriori attività formative

Ulteriori conoscenze linguistiche

Abilità informatiche, telematiche

2

e relazionali

2

Tirocini formativi e di

orientamento

Altre conoscenze utili per

l'inserimento

lavoro

nel mondo del

Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati,

30

ordini professionali

30

Totale CFU Altre attività formative 76 76

Art. 13 – Piano delle attività formative

4. 1. - Il piano delle attività formative è di norma organizzato sulla base di corsi

ufficiali di insegnamento. Ogni anno il CpD approva il piano degli studi della LM

in CTF. Sono stabilite le seguenti propedeuticità degli esami: l'esame di Chimica

Generale ed Inorganica deve precedere gli esami di Chimica Analitica, Analisi

Chimico Farmaceutiche I, Chimica Fisica, Chimica Organica I, e Analisi Chimico

Farmaceutiche II; per i corsi con uguale denominazione e numero progressivo

diverso, gli esami devono essere sostenuti seguendo il numero crescente;

- 95 -


l’esame di Chimica Organica II deve precedere l’esame di Laboratorio di

Preparazione Estrattiva e Sintetica dei Farmaci.

2. - Allo scopo di aumentare il coordinamento fra i contenuti e diminuire le prove di

verifica ufficiale del profitto sono istituiti Corsi Integrati suddivisi in non più di due

moduli.

3. - Il piano di studi della LM in CTF è riportato nell’Allegato 1, che viene pubblicato

annualmente sul sito web del corso di studio.

Art. 14 – Impegno orario delle attività formative e studio individuale

1. - L’impegno orario per le attività formative viene misurato in CFU. Ogni CFU

equivale convenzionalmente a 25 ore suddivise in didattica assistita e impegno

di studio individuale in relazione al tipo di attività formative. Per ogni CFU delle

attività formative del corso di LM in CTF le ore di didattica sono le seguenti:

- lezioni frontali: 7,5 ore;

- esercitazioni dimostrative: 7,5 ore;

- laboratorio a posto singolo: 15 ore.

2. - Le ore di didattica necessarie per il conseguimento della certificazione linguistica

della lingua inglese saranno definite dal Centro Linguistico di Ateneo.

Art. 15 – Insegnamenti del corso di studi

1. - Nell’Allegato 2, che viene pubblicato annualmente nel sito web del corso di

studio, sono riportati, per ogni insegnamento del corso di LM in CTF: la

denominazione e gli obiettivi formativi specifici, in italiano e in inglese anche ai

fini del Supplemento al Diploma; la tipologia di attività formativa a cui

appartiene e, per quelle di base e caratterizzanti, anche il relativo ambito

disciplinare; l’afferenza a specifici SSD, ove prevista, e l’eventuale articolazione

in moduli; i CFU; le eventuali propedeuticità; le forme e le ore di didattica

previste; le modalità di verifica del profitto ai fini dell’acquisizione dei CFU.

2. - Gli insegnamenti attivati per ogni anno accademico sono deliberati

annualmente dal Consiglio di Facoltà, in sede di programmazione didattica.

Art. 16– Esami e verifiche del profitto

1. - La verifica del profitto degli insegnamenti di base, caratterizzanti e affini e

integrativi avviene mediante esame scritto e/o orale, con votazione in

trentesimi ed eventuale lode.

2. - Per quanto concerne il numero delle sessioni di esame, il numero degli appelli

previsti in ogni sessione e la composizione delle Commissioni di esame, vale

quanto previsto dal RDA e dal RDF.

Art. 17 – Attività a scelta dello studente

1. - I CFU a libera scelta dello studente possono essere acquisiti mediante

insegnamenti o moduli attivati presso i corsi di LM della Facoltà, che sono tutti

considerati congruenti con gli obiettivi formativi specifici di CTF. Insegnamenti e

moduli attivati presso altri corsi di studio dell’Ateneo possono essere utilizzati ai

fini dell’acquisizione di CFU a libera scelta, a condizione che siano giudicati

coerenti con gli obiettivi formativi specifici della LM in CTF e che prevedano un

esame finale con votazione in trentesimi. La valutazione di coerenza compete

al CpD.

2. - Per le altre attività formative, diverse dagli insegnamenti o moduli, utilizzabili per il

conseguimento dei CFU a libera scelta dello studente, l’eventuale

riconoscimento di CFU verrà valutato dal CpD.

Art. 18 – Conoscenze linguistiche e modalità di verifica

- 96 -


1. - Il Corso di LM in CTF prevede l’insegnamento Lingua Inglese, suddiviso in due

moduli, per il conseguimento del livello B2. La verifica delle competenze

linguistiche della lingua inglese è competenza del Centro Linguistico di Ateneo

e prevede il rilascio di un’idoneità.

Art. 19 – Abilità informatiche, telematiche e relazionali e modalità di verifica

1. - Il Corso di LM in CTF prevede l’insegnamento Laboratorio di Informatica La

verifica del profitto delle abilità informatiche avviene mediante prove pratiche

di idoneità, da svolgersi in laboratorio informatico.

Art. 20 – Stage e tirocini

1. - Il Corso di LM in CTF prevede un tirocinio professionale che consente di

accedere all'esame di stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di

Farmacista. Durante il quinto anno di corso lo studente dovrà svolgere un

periodo di sei mesi, anche non continuativi, ma comunque non frazionabile in

periodi inferiori alla durata di quattro settimane, presso non più di due farmacie

aperte al pubblico, o in farmacie ospedaliere, sotto la sorveglianza del servizio

farmaceutico, allo scopo di ottenere 30 CFU secondo quanto previsto dal

Regolamento del Tirocinio Professionale

2. - Lo studente deve aver ottenuto 170 CFU per presentare la domanda di Tirocinio

e 180 CFU per poterlo iniziare. La domanda di tirocinio deve essere presentata

alla Segreteria Studenti della Facoltà di Farmacia dell'Università degli Studi di

Siena almeno un mese prima della data di inizio prevista.

3. - Il periodo di Tirocinio Professionale è incompatibile con:

• la frequenza da parte dello studente dei corsi istituzionali;

• la frequenza dei corsi a scelta dello studente;

• il periodo di internato previsto per la tesi sperimentale.

Art. 21 – Piani di studio individuale

1. - Entro i termini e con le modalità stabilite dalla normativa di Ateneo, gli studenti

sono tenuti alla presentazione del piano di studi individuale, in cui dovranno

specificare, fra gli insegnamenti previsti nel piano di studi di CTF di cui all’art. 12:

d) l’insegnamento scelto fra quelli opzionali per ogni anno accademico;

e) gli insegnamenti o moduli scelti per l’acquisizione dei CFU a libera scelta dello

studente;

f) gli eventuali insegnamenti o altre attività formative i cui CFU lo studente

intenda eventualmente conseguire in sovrannumero.

Art. 22 – Frequenza del corso di studio

1. - Lo studente è tenuto a partecipare assiduamente a tutte le attività didattiche.

La frequenza è obbligatoria e verificata dal docente per le esercitazioni di

laboratorio a posto singolo dei seguenti insegnamenti:

- Laboratorio di Informatica;

- Analisi Chimico Farmaceutiche I, II, e III;

- Saggi e Dosaggi Farmacologici;

- Tossicologia, Socioeconomia e Legislazione Farmaceutiche;

- Laboratorio di Preparazione Estrattiva e Sintetica dei farmaci.

2. - Lo studente che ha scelto la posizione di studente a tempo parziale e/o

lavoratore, come indicato nell’art. 28, comma 3 del R.D.A., ha l’obbligo di

frequenza alle esercitazioni di laboratorio a posto singolo e consegue i CFU

relativi a ciascun anno accademico in due anni accademici.

3. - Per le attività di tirocinio e di stage la verifica della frequenza deve essere

certificata dalle strutture convenzionate.

- 97 -


Art. 23 – Prova finale

1. - Per il conseguimento della LM in CTF è prevista la presentazione di una tesi

sperimentale da svolgere su un argomento originale coerente con gli obiettivi

formativi del corso di studio. Tale modalità prevede lo svolgimento di una

ricerca, sotto la guida di un docente relatore della Facoltà su tematiche

proprie del Settore Scientifico Disciplinare (SSD) cui afferisce il Docente stesso,

da condurre in un laboratorio universitario (o di un’azienda o ente di ricerca in

Italia o all’estero nell’ambito dei programmi di mobilità studentesca, previa

autorizzazione della Facoltà) con produzione finale di un elaborato scritto.

I risultati della tesi saranno oggetto di una dissertazione finale (esame di laurea)

in presenza di una commissione di docenti della Facoltà. La tesi può essere

redatta e presentata in lingua italiana o inglese. Per lo svolgimento della tesi

sperimentale sono assegnati 30 CFU.

2. - Lo studente, conseguiti almeno 180 CFU, potrà presentare, su apposito modulo

cartaceo o informatico (qualora disponibile), domanda di assegnazione di tesi

controfirmata per accettazione anche dal Docente relatore.

3. - Per essere ammesso a sostenere l’Esame di LM, lo Studente deve:

a) aver seguito tutti i Corsi ed avere superato i relativi esami o le altre forme di

verifica del profitto previste;

b) aver maturato almeno 270 CFU (compresi i 30 CFU del tirocinio

professionale);

c) avere consegnato alla Segreteria Studenti una copia della tesi almeno 7

giorni prima della seduta di laurea.

4. La qualità del lavoro svolto viene giudicata e quantificata con un punteggio

di merito. A determinare il voto di LM, espresso in centodecimi (con eventuale

lode), contribuiscono i seguenti parametri:

a) la media pesata arrotondata dei voti conseguiti negli esami presenti nel

piano di studi, compresi quelli a scelta dello studente che prevedano una

prova finale con votazione espressa in trentesimi;

b) la media dei punti attribuiti dalla commissione di laurea alla discussione della

tesi, fino ad un valore massimo di dieci;

c) periodi di studio trascorsi all'estero (fino ad un massimo di due punti);

d) la durata del corso di studi, con un valore massimo di un punto per LM

conseguita entro il quinto anno di corso;

5. - Per conseguire la LM con lode sono contestualmente necessari oltre al

raggiungimento del voto finale di 110:

a) la media pesata, espressa in centodecimi, dei voti conseguiti negli esami

presenti nel piano di studi, maggiore od uguale a cento, prima

dell’arrotondamento;

b) conseguimento della valutazione massima nella prova finale.

6. - La lode può essere concessa solo con il giudizio unanime dei docenti

ufficialmente convocati alla seduta di LM.

Art. 24 – Organizzazione e calendario dell’attività didattica

1. - L’attività didattica del corso di LM in CTF è organizzata su due semestri. La

ripartizione degli insegnamenti e delle altre attività formative fra il primo e il

secondo semestre viene proposta annualmente dal CpD tenuto conto dei

contenuti formativi degli insegnamenti, delle eventuali propedeuticità e

dell’esigenza di una equa ripartizione del carico didattico fra i due periodi

didattici.

- 98 -


2. - I CFU corrispondenti a ciascuna attività formativa vengono acquisiti dallo

studente con il superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto.

3. - Come indicato dal RDA, per il Corso di LM in CTF è previsto almeno un punto di

sbarramento nel percorso di studio fissato in un numero minimo di 100 CFU da

conseguire per il passaggio al quarto anno di corso. La verifica dei CFU sarà

fatta entro il 31 dicembre del medesimo anno. Se entro tale data lo studente

non avrà ottenuto questo numero di CFU, sarà iscritto d’ufficio al terzo anno

ripetente.

4. - Lo studente a tempo parziale e/o lavoratore, limitatamente agli anni in cui risulta

iscritto come tale, deve conseguire almeno i medesimi CFU di cui al comma 3

in un numero doppio di anni.

5. - La didattica viene fornita nelle seguenti tipologie:

a) lezioni frontali in aula;

b) esercitazioni dimostrative, durante le quali si sviluppano applicazioni che

consentano di chiarire il contenuto delle lezioni (senza aggiunta di contenuti);

c) esercitazioni di laboratorio sperimentale a posto singolo, durante le quali

vengono svolte attività che prevedono l’interazione dello studente con

attrezzature sperimentali sotto la guida del docente;

d) tirocini, seminari, stages individuali o di gruppo presso strutture esterne

convenzionate con relazioni sull’attività svolta e visite guidate.

6. - Il calendario dell’attività didattica, delle sessioni di esame e di laurea, nonché i

termini per la presentazione e per la modifica dei piani di studio individuale e

per gli altri adempimenti sono deliberati annualmente dal Consiglio di Facoltà.

Art. 25 – Docenti del corso di studi

1. - Nell’Allegato 3, che viene pubblicato sul sito web del corso di studio, sono

riportati i nominativi dei docenti del corso di LM in CTF, nominati annualmente

dal Consiglio di Facoltà ai fini del rispetto dei requisiti di copertura secondo

quanto previsto dalla normativa vigente.

Art. 26 – Docenti di riferimento del corso di studi e attività di ricerca

1. - Nell’Allegato 4, che viene pubblicato sul sito web del corso di studio sono

riportati i nominativi e i temi di ricerca dei docenti di riferimento del corso di LM in

CTF.

2. - Le pubblicazioni dei docenti del corso di LM in CTF sono reperibili sul sito web

dell’Ateneo, http://online.unisi.it/anagrafe-ricerca.

Art. 27 – Norme transitorie

1. - Gli Studenti iscritti al Corso di Laurea Specialistica dell’ordinamento

previgente afferente alla Facoltà di Farmacia (DM 509/1999) possono optare

per il Corso di LM in CTF (DM 270/2004). Il CpD del Corso di LM in CTF e il

Consiglio di Facoltà, per le rispettive competenze, esaminati i curricula degli

studenti, deliberano le modalità di passaggio al Corso di LM, incluso il

riconoscimento dell'attività di tirocinio svolta, e dell’anno di collocamento nel

Corso di LM secondo la seguente tabella di conversione:

- 99 -


Attività formativa DM 509/199

CFU

riconosciu

ti

Attività formativa DM 270/2007

Analisi Matematica 6 Matematica + 2 CFU a scelta

studente

Laboratorio di informatica 2 Laboratorio di Informatica + 3

CFU a scelta studente

Chimica Analitica 6 Chimica Analitica + 2 CFU a

scelta studente

Analisi dei Medicinali 6 Analisi Chimico Farmaceutiche

I (richiesta integrazione per 2

CFU)

Chimica Fisica 6 Chimica Fisica + 2 CFU a scelta

studente

Analisi dei Farmaci I 6 Analisi Chimico Farmaceutiche

II (richiesta integrazione per 2

CFU)

Metodi Fisici in Chimica Organica 6 Metodi Fisici in Chimica

Organica + 2 CFU a scelta

studente

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica I

8 Chimica Farmaceutica e

Tossicologica I (richiesta

integrazione per 2 CFU)

Farmacologia e Farmacoterapia 8 Farmacologia e

Farmacoterapia (richiesta

Analisi dei Farmaci II 8

integrazione per 2 CFU)

Analisi Chimico Farmaceutiche

III

Laboratorio di Preparazione

Estrattiva e Sintetica dei Farmaci

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica II

8 Laboratorio di Preparazione

Estrattiva e Sintetica dei

Farmaci (richiesta integrazione

per 2 CFU)

8 Chimica Farmaceutica e

Tossicologica II (richiesta

integrazione per 2 CFU)

Chimica Farmaceutica Industriale 4 Chimica Farmaceutica

Industriale (richiesta

integrazione per 2 CFU)

Tecnologia, Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche

8 Tecnologia, Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche

(richiesta integrazione per 2

CFU)

Saggi e Dosaggi Farmacologici 4 Saggi e Dosaggi Farmacologici

(richiesta integrazione per 2

CFU)

Impianti dell’Industria

Farmaceutica

4 Impianti dell’Industria

Farmaceutica (richiesta

integrazione per 2 CFU)

- 100 -


Art. 28 - Sito web del Corso di LM in CTF

1. - Il Corso di LM in CTF predispone un sito web contenente tutte le informazioni utili

agli studenti ed al personale docente e cura la massima diffusione del relativo

indirizzo.

2. - Presso il Centro Servizi della Facoltà e nelle pagine web del Corso di LM,

aggiornate prima dell'inizio di ogni anno accademico, devono essere

comunque disponibili per la consultazione:

a) l'Ordinamento Didattico;

b) la programmazione didattica, contenente il calendario di tutte le attività

didattiche programmate, i programmi dei Corsi corredati dell'indicazione dei

libri di testo consigliati, le date fissate per gli appelli di esame di ciascun Corso, il

luogo e l'orario in cui i singoli Docenti sono disponibili per ricevere gli studenti;

c) il Regolamento Didattico del Corso di LM in CTF;

d) eventuali sussidi didattici on line per l’autoapprendimento e

l’autovalutazione.

Art. 29 – Approvazione e modifica del Regolamento Didattico

1. - Il Regolamento didattico del corso di LM in CTF e le relative modifiche sono

deliberati dal Consiglio di Facoltà, su proposta del CpD, e approvati dal Senato

Accademico, secondo quanto previsto dal RDA.

2. - Le modifiche degli Allegati 1, 2, 3 e 4 vengono deliberate dal Consiglio di

Facoltà, su proposta del CpD.

3. - Il CpD del corso di in CTF ha il compito di garantire sia la periodica revisione degli

obiettivi formativi specifici degli insegnamenti in relazione all’evoluzione dei

saperi scientifici e delle esigenze espresse dal mercato del lavoro, sia il costante

adeguamento del numero dei CFU attribuiti ad ogni attività formativa in termini

coerenti con l’impegno didattico necessario al conseguimento degli obiettivi

formativi ad essa assegnati.

Art. 30 – Disposizioni finali

1. - Per quanto non previsto dal presente Regolamento, vale quanto disposto dallo

Statuto e dal RDA, dal RDF e dalle normative specifiche.

- 101 -


COMITATO PER LA DIDATTICA

Docenti: Telefono: e-mail:

Gian Paolo Pessina

(Presidente)

+39 0577-234216 pessina@unisi.it

Maurizio Anzini +39 0577-234173 anzini@unisi.it

Fabio Fusi +39 0577-234438 fusif@unisi.it

Lorenza Trabalzini +39 0577-234907 trabalzinil@unisi.it

(D.R. n. 477 del 12/01/2010)

Studenti: Telefono: e-mail:

Davide Antonelli antonelli@student.unisi.it

Silvia Brogioni brogioni@student.unisi.it

Daniela Geusa geusa@student.unisi.it

Georges Tchouandjiep

Ngongang

DOCENTI TUTOR

- 102 -

tchouandjiep@student.unisi.it

Docenti: Telefono: e-mail:

Gian Paolo Pessina +39 0577-234216 pessina@unisi.it

Fabio Fusi +39 0577-234438 fusif@unisi.it

STUDENTI TUTOR

Gli studenti dei vari anni possono avere dai tutor consigli e informazioni sulle modalità

di studio, sulla organizzazione del Corso, sull'uso delle strutture dell'Università, ecc..

Laurea Magistrale in CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE:

Studenti: Telefono: e-mail:

Giulio Pardini pardini7@student.unisi.it


OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Le principali scelte progettuali su cui si basa l’ordinamento didattico del corso di

studio hanno portato ad una riorganizzazione dei crediti dei primi due anni per

ottenere una distribuzione più razionale del carico didattico. Per quanto riguarda le

attività formative caratterizzanti sono stati aumentati i CFU sia delle discipline

chimiche, farmaceutiche e tecnologiche che di quelle biologiche e farmacologiche

(136 CFU totali a fronte dei 117 minimi previsti dal DM 16.3.2007), fino ad ottenere un

bilanciamento ideale tra i due ambiti disciplinari. La laurea magistrale in Chimica e

Tecnologia Farmaceutiche fornisce così un’adeguata preparazione scientifica di

base, un supporto linguistico ed informatico, e un insieme di conoscenze necessarie

ad affrontare l'intera sequenza del complesso processo multidisciplinare che,

partendo dalla progettazione strutturale, sintesi, sviluppo, valutazione dell'attività

biologica e/o farmacologica, e preparazione della forma farmaceutica, porta al

controllo di qualità nella produzione del farmaco (secondo le norme codificate

dalla Farmacopea) e dei prodotti per la salute (presidi medico-chirurgici, articoli

sanitari, cosmetici, dietetici, prodotti erboristici, prodotti diagnostici e chimico-clinici)

e alle procedure brevettuali e di registrazione. Il percorso formativo mira a formare

una figura professionale in grado di operare in realtà complesse con adeguati

strumenti di conoscenza critica, di analisi e con specifiche capacità progettuali

valutative e realizzative. Con il conseguimento della laurea magistrale e della

relativa abilitazione professionale il laureato magistrale in CTF potrà inoltre svolgere

la professione di farmacista a livello sia territoriale che ospedaliero e l'esercizio delle

attività professionali connesse, oltre che la professione di chimico. Il corso di laurea

magistrale in CTF mira principalmente a formare una figura professionale che operi:

nell'industria farmaceutica; nei laboratori di analisi chimiche, tossicologiche,

chimico-cliniche e biochimico-cliniche; in laboratori di controllo di qualità pubblici e

privati; in strutture del Sistema Sanitario Nazionale; nella Scuola, nell'Università ed in

altri Enti pubblici e privati; nella distribuzione e commercializzazione del farmaco.

Conoscenza e capacità di comprensione

L’intero Corso di studi procede dalle discipline basilari e propedeutiche, verso quelle

caratterizzanti ed affini. I laureati magistrali conseguono conoscenze e capacità di

comprensione ed elaborazione dei concetti nei settori chimico, biologico,

farmaceutico e farmacologico. In particolare, acquisiscono la conoscenza

dell’approccio scientifico alla soluzione di problematiche inerenti la progettazione

strutturale di molecole biologicamente attive, sintesi, sviluppo, valutazione

dell'attività biologica e/o farmacologica, preparazione della forma farmaceutica,

controllo di qualità nella produzione, procedure brevettuali e di registrazione del

farmaco nonché le conoscenze dei contesti legislativi in cui operano le industrie

farmaceutiche e le farmacie. Mediante la consultazione della letteratura scientifica,

il laureato magistrale deve saper recepire prontamente le innovazioni scientifiche e

tecnologiche che si stanno verificando con grande rapidità in questi ambiti ed

essere in grado di elaborare ed applicare idee originali all'altezza dello stato

dell'arte, anche in un contesto di ricerca.

Sbocchi occupazionali e professionali

Per tenere il passo con i rapidi progressi delle scienze biomediche, gli studenti che

intraprenderanno professioni sanitarie devono essere in grado di attingere alle

proprie conoscenze e maturare una comprensione concettuale dei vari problemi. Il

conseguimento della laurea magistrale in CTF offre i seguenti sbocchi occupazionali:

- 103 -


esperto nella ricerca e sviluppo del farmaco e dei prodotti per la salute (erboristici,

diagnostici e chimico-clinici, cosmetici, dietetici e nutrizionali, presidi medicochirurgici,

articoli sanitari, ecc.) a livello di industrie, centri pubblici e privati,

Università; produzione nell’industria farmaceutica, chimica, cosmetica, dieteticoalimentare;

esperto in controllo della qualità, stabilità e valutazione tossicologica di

farmaci ed altri prodotti per la salute; informatore scientifico sul farmaco e sui

prodotti per la salute. La laurea magistrale abilita inoltre all'esercizio delle seguenti

attività professionali: preparazione della forma farmaceutica dei medicinali

nell'industria; controllo dei medicinali in un laboratorio pubblico o privato di controllo

dei medicinali; immagazzinamento, conservazione e distribuzione dei medicinali

nella fase di commercio all'ingrosso; preparazione, controllo, immagazzinamento e

distribuzione dei medicinali nelle farmacie aperte al pubblico; preparazione,

controllo, immagazzinamento e distribuzione dei medicinali negli ospedali (farmacie

ospedaliere pubbliche e private); diffusione di informazioni e consigli nel settore dei

medicinali, dei prodotti cosmetici, dietetici e nutrizionali, nonché erboristici per il

mantenimento e la tutela dello stato di salute; produzione di fitofarmaci,

antiparassitari e presidi sanitari; analisi e controllo delle caratteristiche fisico-chimiche

e igieniche di acque minerali; analisi e controllo di qualità di prodotti destinati

all'alimentazione, ivi compresi i prodotti destinati ad un’alimentazione particolare, ed

i dietetici; produzione e controllo di dispositivi medici e presidi medico-chirurgici;

trasformazione, miscelazione, concentrazione e frazionamento di parti di piante e

loro derivati, sia per uso terapeutico che erboristico; formulazione, produzione,

confezionamento, controllo di qualità e stabilità e valutazione tossicologica dei

prodotti cosmetici; farmacovigilanza e controllo degli effetti avversi dei farmaci in

uso nella popolazione; esperto di “regulatory affairs” nel settore farmaceutico

industriale. Tali sbocchi professionali rientrano in quelli previsti nell'elenco delle

professioni ISTAT. Il conseguimento della laurea magistrale in CTF e della relativa

abilitazione professionale autorizza inoltre allo svolgimento della professione di

farmacista, ai sensi della direttiva CEE 85/432.

Il corso prepara alle professioni di:

Chimico, chimico ricercatore, Farmacista e professioni assimilate.

- 104 -


PPI IANO DDEEGLLI I SSTTUUDDI I DDEELL CORRSSO DDI I LLAUURREEA MAGI ISSTTRRALLEE A NORRMATTI IVVA UUEE IN I

CHHI IMI ICA EE TTEECNOLLOGI IA FFARRMACEEUUTTI ICHHEE

A. .A. . 22001100//22001111

Classe delle Lauree Magistrali in Farmacia e Farmacia Industriale (LM-13)

Per l’Anno Accademico 2010/2011 sono attivati solo il primo e il secondo anno.

NOTA: Per avere chiarimenti e indicazioni sul contenuto dei corsi, all’interno del CD sono

presenti i programmi degli insegnamenti relativi allo scorso Anno Accademico.

I programmi del nuovo Anno Accademico saranno pubblicati sul sito web della

Facoltà non appena disponibili.

I ANNO – I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 105 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Matematica MAT/04 45 6 E Base 1

Anatomia Umana e Biologia Animale

I Modulo: Biologia Animale

II Modulo: Anatomia Umana

Chimica Generale ed Inorganica

(I parte) *

BIO/13

BIO/16

60

30

30

8

4

4

TTAAFF

EI Base 2

CHIM/03 45 6 E Base 3

Laboratorio di Informatica 2 APV

Lingua Inglese

I Modulo: B1

Totale CFU 25

I ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

3 APV

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Ulteriori attività

formative

Chimica Analitica CHIM/01 45 6 E Base 3

Fisica FIS/01 60 8 E Base 1

Chimica Generale ed Inorganica

(II parte) *

Farmacognosia e Biologia Vegetale

I Modulo: Biologia Vegetale

II Modulo: Farmacognosia

TTAAFF

CHIM/03 30 4 E Base 3

BIO/15

BIO/15

Chimica Fisica CHIM/02 45 6 E

Totale CFU 32

60

30

30

8

4

4

EI

Caratterizzante 2

Caratterizzante 2

Affine/

integrativa


Legenda:

E = Esame monodisciplinare di profitto - EI = Esame integrato di profitto - APV = Altra

prova di verifica

* - Per l’insegnamento di Chimica Generale ed Inorganica (I e II parte) l’esame è

unico con prova intermedia fra la I e la II parte.

Propedeuticità:

L'Esame di Chimica Generale ed Inorganica deve precedere gli esami di: Analisi

Chimico Farmaceutiche I, Chimica Organica I, Analisi Chimico Farmaceutiche II. Per

i corsi con uguale denominazione e numero progressivo diverso, l’esame del corso

“I” deve sempre precedere l’esame del corso “II”.

II ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 106 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Analisi Chimico-Farmaceutiche I CHIM/08 80 8 E Caratterizzante 1

Fisiologia Generale BIO/09 60 8 E Base 2

Chimica Organica I CHIM/06 60 8 E Base 3

Biochimica BIO/10 60 8 E Caratterizzante 2

Totale CFU 32

II ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Chimica Organica II CHIM/06 60 8 E Base 3

Patologia Generale e Terminologia

Medica e Microbiologia

I Modulo: Patologia Generale e

Terminologia Medica

II Modulo: Microbiologia MED/07

90 10

MED/04 30 4

60

30 LF

30 LPS

6

4

2

TTAAFF

TTAAFF

EI Base 4

Analisi Chimico-Farmaceutiche II CHIM/08 80 8 E Caratterizzante 1

Lingua Inglese

II Modulo: B2

Totale CFU 29

3 APV

Propedeuticità:

L’esame di Chimica Organica II deve precedere l’esame di Laboratorio di Preparazione

Estrattiva e Sintetica dei Farmaci.


III ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Biochimica Applicata BIO/10

- 107 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

75:

45 LF

30 LPS

CCFFUU

8

6

2

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

E Caratterizzante 2

Analisi Chimico-Farmaceutiche III CHIM/08 80 8 E Caratterizzante 1

Metodi Fisici in Chimica Organica CHIM/06 45 6 E

Affine/

integrativa

Farmacologia e Farmacoterapia BIO/14 75 10 E Caratterizzante 2

Totale CFU 32

III ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica I

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

CHIM/08 75 10 E Caratterizzante 1

Saggi e Dosaggi Farmacologici BIO/14 60 6 E Caratterizzante 2

Tossicologia BIO/14 60 8 E Caratterizzante 2

Corso opzionale 4 E

Scelta Studente 2

Totale CFU 30

Affine/

integrativa


IV ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica II

Tecnologia, Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche

Chimica Farmaceutica Applicata e

Complementi di Chimica

Farmaceutica

I Modulo: Chimica Farmaceutica

Applicata

II Modulo: Complementi di Chimica

Farmaceutica

SSSSDD

- 108 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

CHIM/08 75 10 E Caratterizzante 1

CHIM/09 100 10 E Caratterizzante 1

90 12

CHIM/09 60 8

CHIM/08 30 4

Totale CFU 32

IV ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Laboratorio di Preparazione Estrattiva

e Sintetica dei Farmaci

Impianti dell’Industria Farmaceutica e

Chimica Farmaceutica Industriale

I Modulo: Impianti dell’Industria

Farmaceutica

II Modulo: Chimica Farmaceutica

Industriale

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

E Caratterizzante 1

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

CHIM/08 100 10 E Caratterizzante 1

90 12

CHIM/09 45 6

CHIM/09 45 6

Scelta Studente 6 E

Totale CFU 30

EI Caratterizzante 1


V ANNO

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 109 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Tirocinio 30 E

Scelta Studente

Prova finale

Totale CFU 60

18

E

12 E

TTAAFF

Altre attività

formative

Altre attività

formative

Altre attività

formative

LEGENDA:

SSD: Settore Scientifico Disciplinare

CFU: Crediti Formativi Universitari

TAF: Tipologia Attività Formativa

E = Esame monodisciplinare di profitto; EI = Esame integrato di profitto; APV = Altra

prova di verifica

Opzionali

Sono previsti pacchetti comprendenti:1 Opzionale caratterizzante (CHIM/09 o CHIM/10);2

Opzionali affini-integrativi (SECS/P10; BIO/14; BIO/09; BIO/10; BIO/15; CHIM/06; CHIM/08;

CHIM/09;CHIM/10). Per i 18 CFU a scelta studente può essere riconosciuta l’attività

sperimentale svolta in un laboratorio di tesi


CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA A NORMATIVA UE IN

CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE

Classe delle Lauree Specialistiche in Farmacia e Farmacia Industriale (14/S)

REGOLAMENTO DIDATTICO

Art. 1 - Denominazione e Classe di appartenenza

1. E’ istituito presso l’Università degli Studi di Siena, Facoltà di Farmacia, il Corso di

Laurea Specialistica (LS) in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF), Classe 14/S –

Farmacia e Farmacia Industriale, di durata quinquennale.

Art. 2 - Requisiti di ammissione

1. Possono essere ammessi al Corso di LS in CTF coloro che siano in possesso di

Diploma di Scuola media superiore o di titolo estero equipollente.

2. L'organizzazione didattica del Corso di LS in CTF prevede che gli Studenti ammessi

al 1° anno di corso possiedano una adeguata preparazione iniziale, conseguita negli

studi precedentemente svolti.

Art. 3 - Comitato per la Didattica

1. Il Comitato per la Didattica (CD) del Corso di LS in CTF è composto da dodici

membri: sei docenti e sei studenti. Le competenze del CD del Corso di LS in CTF sono

quelle indicate nell’art. 9 del Regolamento Didattico di Ateneo (RDA).

Art. 4 - Disposizioni per la validazione europea

1. La LS in CTF è strutturata secondo quanto previsto dalla direttiva 85/432 CEE e

successive modificazioni ed integrazioni, che disciplina le Lauree di tipo sanitario

all’interno della Comunità Europea. La LS in CTF comprende insegnamenti teorici e

pratici ed un semestre di tirocinio presso una farmacia privata, comunale o

ospedaliera convenzionata. Il Corso di Laurea Specialistica comprende, tra le altre,

le seguenti discipline elencate dalla Direttiva Comunitaria ai fini delle libera

circolazione dei professionisti:

• Biologia Vegetale e Animale

• Fisica

• Chimica Generale ed Inorganica

• Chimica Organica

• Chimica Analitica

• Chimica Farmaceutica, compresa l’Analisi dei Medicinali

• Biochimica Generale ed Applicata (Medica)

• Anatomia e Fisiologia, Terminologia Medica

• Microbiologia

• Farmacologia e Farmacoterapia

• Tecnologia Farmaceutica

• Tossicologia

• Farmacognosia

• Legislazione e, se del caso, Deontologia.

- 110 -


Art. 5 - Obiettivi formativi

1. Il corso di LS in CTF ha come obiettivo formativo quello di fornire la preparazione

scientifica adeguata ad affrontare l’intera sequenza del complesso processo

multidisciplinare che, partendo dalla progettazione strutturale, porta alla

produzione, formulazione e controllo del farmaco (secondo le norme codificate

dalla Farmacopea) e dei prodotti per la salute (presidi medico-chirurgici, articoli

sanitari, cosmetici, dietetici, prodotti erboristici, prodotti diagnostici e chimico-clinici).

2.Il corso di laurea specialistica si propone di formare una figura professionale dotata

di una solida preparazione culturale che consenta di operare in realtà complesse

con adeguati strumenti di conoscenza critica, di analisi e con specifiche capacità

progettuali valutative e realizzative. Il percorso formativo sarà caratterizzato da una

adeguata preparazione di base, dal necessario supporto linguistico ed informatico,

dall’insieme di conoscenze ed abilità che permettono l’inserimento in ambiti

specifici quali:

• ricerca di base per lo sviluppo di farmaci e prodotti per la salute

• progettazione di farmaci e prodotti per la salute

• sintesi di farmaci e prodotti per la salute

• valutazione biologica e/o farmacologica dell’attività di farmaci e

prodotti per la salute

• preparazione della forma farmaceutica di farmaci e prodotti per la

salute

• controllo di qualità di farmaci e prodotti per la salute

• controllo nella produzione di farmaci e prodotti per la salute

• analisi chimico-cliniche e biochimico-cliniche

• procedure brevettuali e di registrazione di farmaci e prodotti per la

salute

• insegnamento

3. Con il conseguimento della laurea specialistica e della relativa abilitazione

professionale il laureato specialistico in CTF potrà inoltre svolgere la professione di

farmacista a livello sia territoriale che ospedaliero e l’esercizio delle attività

professionali connesse, oltre che la professione di chimico.

4.Il corso di laurea specialistica in CTF mira principalmente a formare una figura

professionale che operi:

• nell’industria farmaceutica

• nell’industria dietetica

• nell’industria cosmetica

• nell’industria di prodotti diagnostici

• nell’industria biotecnologica

• nei laboratori di analisi chimiche, tossicologiche, chimico-cliniche e

biochimico-cliniche

• in laboratori di controllo di qualità pubblici e privati

• in strutture del Sistema Sanitario Nazionale

• nella Scuola, nell’Università ed in altri Enti pubblici e privati

• nella distribuzione e commercializzazione del farmaco.

Art. 6 - Organizzazione dell’Attività Didattica

1. L’attività didattica è organizzata in due semestri.

2. La frequenza per tutte le attività formative è di norma obbligatoria.

3. Lo studente che ha scelto la posizione di studente lavoratore, come indicato

nell’art. 21, comma 3 del RDA, ha l’obbligo di frequenza a tutte le attività formative

e può conseguire i crediti relativi a ciascun anno accademico in due anni

accademici.

- 111 -


4. Il Corso di LS in CTF è organizzato in base al nuovo sistema dei crediti formativi

universitari (CFU), che rappresentano le unità di misura del lavoro complessivamente

svolto dallo studente che sono regolamentati dall’art. 4 del RDF. Il Corso di LS in CTF

prevede 300 CFU complessivi, articolati in cinque anni di corso, di cui 30 da acquisire

in attività formative finalizzate alla maturazione di specifiche capacità professionali

(tirocinio) e 15 da acquisire a libera scelta dello studente, come riportato nel

seguente art. 6 (7).

5.Il CD del Corso di LS in CTF accerta la coerenza tra i crediti assegnati alle attività

formative e gli specifici obiettivi formativi.

6.La didattica viene fornita nelle seguenti tipologie:

a) Lezioni frontali in aula;

b) Esercitazioni dimostrative, durante le quali si sviluppano applicazioni che

consentano di chiarire il contenuto delle lezioni (senza aggiunta di contenuti);

c) Esercitazioni di laboratorio sperimentale a posto singolo, durante le quali vengono

svolte attività che prevedono l’interazione dello studente con attrezzature

sperimentali sotto la guida del docente.

d) Tirocini, seminari, stages individuali o di gruppo presso strutture esterne

convenzionate con relazioni sull’attività svolta e visite guidate.

Art. 7 - Prospetto delle Attività Formative e dei Crediti

1. Le attività formative prevedono una distribuzione dei crediti in:

a) attività formative di base (46 CFU):

Discipline matematiche, fisiche:

• MAT/05 - Analisi matematica (8 CFU): attività formative

frontali ed almeno il 25% di esercitazioni dimostrative

• FIS/01 - Fisica sperimentale (8 CFU): attività formative

frontali

Discipline biologiche:

• BIO/16 - Anatomia umana (4 CFU): attività formative

frontali

Discipline chimiche:

• CHIM/01 - Chimica analitica (8 CFU): attività formative

frontali

• CHIM/03 - Chimica generale e inorganica (10 CFU):

attività formative frontali ed almeno il 25% di esercitazioni

dimostrative

• CHIM/06 - Chimica organica (8 CFU): attività formative

frontali ed almeno il 25% di esercitazioni dimostrative

b) attività formative caratterizzanti (116 CFU):

Discipline chimico-farmaceutiche e tecnologiche:

• CHIM/08 - Chimica farmaceutica (28 CFU): attività

formative frontali ed almeno il 50% di laboratorio

sperimentale a posto singolo

• CHIM/08 - Chimica farmaceutica (20 CFU): attività

formative frontali

• CHIM/09 - Farmaceutico tecnologico applicativo (16

CFU): attività formative frontali

• CHIM/09 - Farmaceutico tecnologico applicativo (8 CFU):

attività formative frontali ed almeno il 50% di laboratorio

sperimentale a posto singolo

- 112 -


Discipline biologiche e farmacologiche:

• BIO/10 – Biochimica (8 CFU): attività formative frontali ed

almeno il 25% di esercitazioni dimostrative

• BIO/10 – Biochimica (8 CFU): attività formative frontali

• BIO/14 – Farmacologia (16 CFU): attività formative frontali

• BIO/14 – Farmacologia (4 CFU): attività formative frontali

ed almeno il 50% di laboratorio sperimentale a posto

singolo

• BIO/15 - Biologia farmaceutica (8 CFU): attività formative

frontali

c) attività affini o integrative (52 CFU):

Formazione interdisciplinare:

• BIO/09 – Fisiologia (8 CFU): attività formative frontali

• BIO/13 - Biologia applicata (4 CFU): attività formative

frontali

• CHIM/02 – Chimica Fisica (8 CFU): attività formative

frontali

• CHIM/06 – Chimica Organica (8 CFU): attività formative

frontali

• CHIM/06 – Chimica Organica (8 CFU): attività formative

frontali ed almeno il 25% di esercitazioni dimostrative

• CHIM/10 - Chimica degli alimenti (6 CFU): attività

formative frontali ed almeno il 25% di esercitazioni

dimostrative

• MED/04 - Patologia generale (4 CFU): attività formative

frontali

• MED/07 - Microbiologia e microbiologia clinica (6 CFU):

attività formative frontali ed almeno il 25% di esercitazioni

dimostrative

d) attività formative a scelta dello studente (15 CFU):

• Tali attività sono a libera scelta dello studente e potranno essere

relative ad attività formative attivate dall’Ateneo Senese o da

altri Atenei Italiani o stranieri oppure potranno riguardare la

frequenza di laboratori interdisciplinari o di stage in strutture

convenzionate e certificate. Il CD del Corso di LS in CTF ne

verifica la conformità agli ordinamenti ed al rispetto delle

eventuali propedeuticità .

e) attività formative per la prova finale e conoscenza della lingua inglese (36 CFU):

• Le attività relative alla preparazione della prova finale per il

conseguimento della LS in CTF consisteranno nello svolgimento

di una ricerca a carattere sperimentale (tesi di laurea) con la

supervisione e sotto la responsabilità di un docente del corso di

laurea o della Facoltà (30 CFU).

• La conoscenza della lingua inglese, certificata dal superamento

di PET (6 CFU).

f) altre attività formative (35 CFU):

• Abilità informatiche relazionali (5 CFU)

• Tirocinio professionale presso una farmacia aperta al pubblico, o

presso una farmacia ospedaliera (30 CFU).

- 113 -


Art. 8 - Piano degli Studi

1. L’attività didattico-formativa è di norma organizzata sulla base di corsi ufficiali di

insegnamento. Ogni anno il comitato per la didattica approva il piano degli studi

della LS e stabilisce le propedeuticità degli esami, riportandole nel medesimo.

2. Allo scopo di aumentare il coordinamento fra i contenuti e diminuire le prove di

verifica ufficiale del profitto sono istituiti Corsi Integrati.

Art. 9 - Crediti Formativi Universitari

1. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa, vengono acquisiti dallo

studente con il superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto.

2. Come indicato dal RDA, per il corso di laurea specialistica in CTF è previsto

almeno un punto di sbarramento nel percorso di studio fissato in un numero minimo

di 100 CFU da conseguire per il passaggio al IV anno di corso. La verifica dei CFU

sarà fatta entro il 31 dicembre del medesimo anno. Se entro tale data lo studente

non avrà ottenuto questo numero di CFU, sarà iscritto d’ufficio al III anno ripetente.

3. Lo studente lavoratore, limitatamente agli anni in cui risulta iscritto come tale,

deve almeno conseguire i medesimi crediti di cui al comma 2 in un numero doppio

di anni.

4. Lo studente deve conseguire, nel periodo della durata normale del corso di

laurea specialistica, non meno di 180 CFU su 300; nel caso che non raggiunga tale

obiettivo è sospeso dalla posizione di studente. E’ sospeso altresì lo studente fuori

corso che non consegua crediti in ciascun anno accademico.

Art. 10 - Riconoscimento di crediti acquisiti presso altre sedi o altri Corsi di Studio

1. I CFU conseguiti da uno studente che si trasferisca al Corso di LS in CTF da altra

sede o da altro Corso di Laurea dell’Ateneo, possono essere riconosciuti dopo un

giudizio di congruità, espresso dal CD del Corso di LS in CTF, con gli obiettivi formativi

compresi nell’ordinamento didattico del Corso di LS in CTF. Il CD del Corso di LS in

CTF dispone, dopo aver deliberato il riconoscimento dei CFU, per l’iscrizione regolare

dello studente ad uno dei cinque anni di Corso.

Art. 11 - Verifica del profitto e Sessioni d’Esame

1. Le modalità di verifica del profitto degli studenti sono riportate nell’art. 5 del RDF.

Le sessioni di esame sono riportate nell’art. 7 del RDF:

• I sessione: n° 2 appelli, di norma,nel mese di febbraio;

• II sessione: n° 3 appelli, di norma, dal 15 giugno al 31 luglio;

• III sessione: n° 2 appelli, di norma, nel mese di settembre;

• IV sessione: n° 2 appelli, di norma, dal 15 dicembre al 10 gennaio.

2. Per gli studenti lavoratori, fuori corso e ripetenti le sessioni di fine periodo didattico

(II e III sessione) dovranno prevedere almeno tre appelli, ove necessario anche a

distanza inferiore ai quindici giorni, secondo quanto riportato nel RDA.

3. Per le attività di tirocinio e di stage la verifica della frequenza deve essere

certificata dalle strutture convenzionate.

Art. 12 - Prova finale e determinazione dei voti relativi

1. Per il conseguimento della Laurea Specialistica in CTF è prevista la presentazione

di una tesi sperimentale elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di

uno o docenti su tematiche proprie del Settore Scientifico Disciplinare cui afferisce il

Docente relatore. La tesi dovrà essere presentata in forma scritta. La successiva

discussione orale e pubblica di tale elaborato (esame di laurea) avrà luogo di fronte

ad una apposita commissione.

- 114 -


2. Per essere ammesso a sostenere l’Esame di Laurea, lo Studente deve:

a) aver seguito tutti i Corsi ed avere superato i relativi esami o le altre forme di

verifica del profitto previste

b) aver maturato almeno 270 CFU (compresi i 30 CFU del tirocinio professionale)

c) avere consegnato alla Segreteria Studenti una copia della Tesi almeno 10 giorni

prima della seduta di Laurea .

3. A determinare il voto di laurea, espresso in centodecimi, contribuiscono i seguenti

parametri:

a) la media pesata arrotondata dei voti conseguiti negli esami curriculari, compresi

quelli a scelta studenti che prevedano una prova finale con votazione;

b) la media dei punti attribuiti dalla commissione, fino ad un valore massimo di

otto;

c) fino ad un massimo di due punti per periodi di studio trascorsi all'estero;

d) la durata normale del corso, tenendo presente la data di primo ingresso nel

sistema universitario;

fino ad un massimo di un punto per la partecipazione ad organi collegiali di Ateneo

ed ai Consigli delle Strutture Didattiche.

4. Per conseguire la laurea con lode sono contestualmente necessari oltre al

raggiungimento del voto finale di 110:

a) la media pesata, espressa in centodecimi, dei voti conseguiti negli esami

curriculari, maggiore od uguale a cento, prima dell’arrotondamento;

b) conseguimento della valutazione massima nella prova finale.

5. La lode può essere concessa solo con il giudizio unanime dei docenti

ufficialmente convocati alla seduta di laurea.

Art. 13 - Esami presso Università straniere, esami degli studenti stranieri e

riconoscimenti internazionali

1. Il CD del corso di laurea specialistica in CTF fa proprie le norme indicate negli

articoli 12 e 13 del RD di Facoltà

Art. 14 - Tirocinio

1. Durante il quarto ed il quinto anno di corso lo studente è tenuto ad acquisire

specifiche professionalità. A tale scopo lo studente dovrà svolgere un periodo di sei

mesi, anche non continuativi, ma comunque non frazionabile in periodi inferiori alla

durata di quattro settimane, presso non più di due farmacie aperte al pubblico, o in

farmacie ospedaliere allo scopo di ottenere 30 CFU secondo quanto previsto dal

Regolamento del Tirocinio Professionale (D.R. n° 815/2002-03 del 9.06.2003).

2. Le norme e le propedeuticità per l'accesso al tirocinio sono approvate dal CD e

riportate nel piano degli studi.

3. La domanda di tirocinio deve essere presentata alla Segreteria Studenti della

Facoltà di Farmacia dell'Università di Siena almeno un mese prima della data di inizio

prevista.

4. Il periodo di Tirocinio Professionale è incompatibile con:

• La frequenza da parte dello studente dei corsi istituzionali,

• La frequenza dei corsi a scelta dello studente,

• Tesi sperimentale.

5. Durante il quarto anno il periodo di Tirocinio Professionale potrà essere iniziato solo

dopo il termine dei corsi istituzionali previsto per il 15 giugno di ogni anno

accademico.

6. Gli studenti che si iscrivono al IV anno possono optare tra due diversi piani di

studio:

a: Svolgimento del tirocinio suddiviso tra IV e V anno e preparazione della prova

finale al V anno;

- 115 -


: Preparazione della prova finale suddivisa tra IV e V anno e svolgimento del

tirocinio al V anno.

Art. 15 - Orientamento e Tutorato

Il CD del Corso di LS in CTF, all’inizio dell’anno accademico, con la nomina di

Docenti Tutori, organizza le attività finalizzate ad orientare, informare ed assistere gli

studenti.

Art. 16 - Valutazione dell'efficienza e dell'efficacia del Processo formativo

1. Il CD del Corso di LS in CTF esprime alla Facoltà pareri sulla congruenza tra i CFU

assegnati alle attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati, nonché

sulla obsolescenza dei contenuti dei corsi, secondo quanto previsto dall’art. 9

comma 3 del RDA.

2. Il CD del Corso di LS in CTF, in accordo con il Nucleo di Valutazione dell’Ateneo,

nomina un gruppo di autovalutazione ed un Comitato di indirizzo con le finalità

riportate nell'art. 14 del RDF.

3. L’efficienza e la qualità delle attività formative svolte nel Corso di LS in CTF è

sottoposta a verifica qualitativa applicando eventuali indicatori nazionali e locali e

comunque in base ad un continuo confronto con le organizzazioni professionali, con

l’industria del settore, con le esigenze del Servizio farmaceutico e con Enti privati.

4. Il CD mette in atto azioni per il controllo dell’efficacia del processo formativo

attraverso:

a) La rilevazione della soddisfazione degli studenti

b) La rilevazione della soddisfazione dei laureandi e dei laureati

c) La rilevazione della soddisfazione delle parti interessate

d) La verifica della adeguatezza delle risorse di docenza disponibili prima dell’inizio

dell’A.A.

e) La verifica della adeguatezza delle strutture disponibili prima dell’inizio dell’A.A.

f) Il riesame ed aggiornamento dei programmi di insegnamento.

Art. 17 - Sito web del Corso di LS in CTF

1. Il Corso di LS in CTF predispone un sito WEB contenente tutte le informazioni utili

agli Studenti ed al Personale docente e cura la massima diffusione del relativo

indirizzo.

2. Presso il Centro Servizi della Facoltà e nelle pagine WEB del Corso di Laurea,

aggiornate prima dell'inizio di ogni anno accademico, devono essere comunque

disponibili per la consultazione:

a) l'Ordinamento Didattico,

b) la programmazione didattica, contenente il calendario di tutte le attività

didattiche programmate, i programmi dei Corsi corredati dell'indicazione dei libri di

testo consigliati, le date fissate per gli appelli di esame di ciascun Corso, il luogo e

l'orario in cui i singoli Docenti sono disponibili per ricevere gli Studenti,

c) il Regolamento Didattico del Corso di LS in CTF,

d) eventuali sussidi didattici on line per l’autoapprendimento e l’autovalutazione.

Art. 18 - Norme transitorie

1. Gli Studenti iscritti a Corsi di Laurea degli ordinamenti previgenti afferenti alla

Facoltà di Farmacia possono optare per il Corso di LS in CTF. Il CD del Corso di LS in

CTF e il Consiglio di Facoltà, per le rispettive competenze, esaminati i curricula degli

studenti, deliberano le modalità di passaggio al Corso di LS, incluso il riconoscimento

dell'attività di tirocinio svolta, e dell’anno di collocamento nel corso di Laurea

Specialistica secondo tabelle di corrispondenza.

- 116 -


Art. 19 - Modifiche di Regolamento

1. Qualora si verifichi la necessità di introdurre modifiche al presente Regolamento, il

CD propone al Consiglio di Facoltà il cambiamento da effettuare per la necessaria

delibera.

Art. 20 - Norma Finale

1. Il presente regolamento sostituisce tutte le disposizioni precedenti in materia.

Sono comunque fatti salvi i piani di studio, le situazioni giuridiche e le carriere

studentesche iniziate ed acquisite precedentemente.

2. Per quanto non espressamente disposto dal presente Regolamento, si rinvia allo

Statuto, al Regolamento Didattico di Ateneo ed al Regolamento di Facoltà.

- 117 -


COMITATO PER LA DIDATTICA

Docenti: Telefono: e-mail:

Gian Paolo Pessina

(Presidente)

+39 0577-234216 pessina@unisi.it

Maurizio Anzini +39 0577-234173 anzini@unisi.it

Andrea Cappelli +39 0577-234320 cappelli@unisi.it

Fabio Fusi +39 0577-234438 fusif@unisi.it

Fabio Ponticelli +39 0577-234271 ponticelli@unisi.it

Lorenza Trabalzini +39 0577-234907 trabalzinil@unisi.it

(D.R. n. 477 del 12/01/2010)

Studenti: Telefono: e-mail:

Irene Coppola coppola17@student.unisi.it

Silvia Del Pizzo silviadelpizzo@virgilio.it

Maria Gallo gallo9@student.unisi.it

Annette Magadino annette.magaddino@alice.it

Alessandro Perrone triokala@hotmail.it

Vincenza Ricchiuti ricchiuti2@student.unisi.it

DOCENTI TUTOR

Studenti: Telefono: e-mail:

Gian Paolo Pessina +39 0577-234216 pessina@unisi.it

STUDENTI TUTOR

Gli studenti dei vari anni possono avere dai tutor consigli e informazioni sulle modalità

di studio, sulla organizzazione del Corso, sull'uso delle strutture dell'Università, ecc..

Laurea Specialistica in CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE:

Studenti: Telefono: e-mail:

Giulio Pardini pardini7@student.unisi.it

- 118 -


OBIETTIVI FORMATIVI

La LS-UE in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche fornisce la preparazione scientifica

adeguata ad affrontare l'intera sequenza del complesso processo multidisciplinare

che, partendo dalla progettazione strutturale, porta alla produzione, formulazione e

controllo del farmaco (secondo le norme codificate dalla Farmacopea) e dei

prodotti per la salute (presidi medico-chirurgici, articoli sanitari, cosmetici, dietetici,

prodotti erboristici, prodotti diagnostici e chimico-clinici).

Il percorso formativo:

● mira a formare una figura professionale in grado di operare in realtà complesse

con adeguati strumenti di conoscenza critica, di analisi e con specifiche capacità

progettuali valutative e realizzative.

● è caratterizzato da una adeguata preparazione di base, dal necessario supporto

linguistico ed informatico, dall'insieme di conoscenze ed abilità che permettono

l’inserimento in ambiti specifici quali:

● ricerca di base per lo sviluppo di farmaci e prodotti per la salute;

● progettazione di farmaci e prodotti per la salute;

● sintesi di farmaci e prodotti per la salute;

● valutazione biologica e/o farmacologica dell'attività di farmaci e prodotti per la

salute;

● preparazione della forma farmaceutica di farmaci e prodotti per la salute;

● controllo di qualità di farmaci e prodotti per la salute;

● controllo nella produzione di farmaci e prodotti per la salute;

● analisi chimico-cliniche e biochimico-cliniche;

● procedure brevettuali e di registrazione di farmaci e prodotti per la salute;

● insegnamento.

Con il conseguimento della laurea specialistica e della relativa abilitazione

professionale il laureato specialistico in CTF potrà inoltre svolgere la professione di

farmacista a livello sia territoriale che ospedaliero e l'esercizio delle attività

professionali connesse, oltre che la professione di chimico.

Il corso di laurea specialistica in CTF mira principalmente a formare una figura

professionale che operi:

● nell'industria farmaceutica;

● nell'industria dietetica;

● nell'industria cosmetica;

● nell'industria di prodotti diagnostici;

● nell'industria biotecnologica;

● nei laboratori di analisi chimiche, tossicologiche, chimico-cliniche e

biochimico-cliniche;

● in laboratori di controllo di qualità pubblici e privati;

● in strutture del Sistema Sanitario Nazionale;

● nella Scuola, nell'Università ed in altri Enti pubblici e privati;

● nella distribuzione e commercializzazione del farmaco.

- 119 -


PIANO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN

CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE – A.A. 2010/2011

Classe delle Lauree Specialistiche in Farmacia e Farmacia Industriale (14/S)

Per l’Anno Accademico 2010/2011 sono attivati gli anni III, IV, e V anno.

NOTA: Per avere chiarimenti e indicazioni sul contenuto dei corsi, all’interno del CD sono

presenti i programmi degli insegnamenti relativi allo scorso Anno Accademico.

I programmi del nuovo Anno Accademico saranno pubblicati sul sito web della

Facoltà non appena disponibili.

III ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 120 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Biochimica BIO/10 50 8 E Caratterizzante

Fisiologia Generale BIO/09 57 8 E

Chimica degli Alimenti CHIM/10 45 6 E

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica I

Totale CFU 30

III ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

TTAAFF

Affine/

integrativa

Affine/

integrativa

CHIM/08 50 8 E Caratterizzante

SSSSDD

Biochimica Applicata BIO/10

Patologia Generale

Terminologia Medica

Farmacologia e

Farmacoterapia

Or ree

LLeezzi iioonnee

75

45LF

30LPS

CCFFUU

8

6

2

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

MED/04 25 4 E

TTAAFF

E Caratterizzante

Affine/

integrativa

BIO/14 50 8 E Caratterizzante

Analisi dei Farmaci II CHIM/08 77 8 E Caratterizzante

Scelta Studente 2

Totale CFU 30

Altre attività

formative


IV ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Laboratorio di Preparazione Estrattiva

e Sintetica dei Farmaci

Chimica Farmaceutica e

Tossicologica II

Chimica Farmaceutica

Industriale:

Modulo I: Chimica Farmaceutica

industriale generale

Modulo II: Chimica Farmaceutica

industriale speciale

SSSSDD

- 121 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

CHIM/08 77 8 E Caratterizzante

CHIM/08 50 8 E Caratterizzante

CHIM/09

25

18

7

4

3

1

E Caratterizzante

Tossicologia BIO/14 50 8 E Caratterizzante

Scelta Studente 2 E

Totale CFU 30

IV ANNO II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Tecnologia, Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche

Complementi di Chimica

Farmaceutica

- - - - - - - - - - - - - - - - OPZIONE A - - - - - - - - - - - - - - - -

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Altre attività

formative

TTAAFF

CHIM/09 77 8 E Caratterizzante

CHIM/08 25 4 E Caratterizzante

Saggi e Dosaggi Farmacologici BIO/14 38 4 E Caratterizzante

Tirocinio 12 APV

Scelta Studente 2 E

Totale CFU 30

Altre attività

formative

Altre attività

formative

Propedeuticità:

L’esame di Chimica Organica II deve precedere l’esame di Laboratorio di

Preparazione Estrattiva e Sintetica dei Farmaci.


V ANNO

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

- 122 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Impianti dell’Industria Farmaceutica CHIM/09 25 4 E Caratterizzante

Chimica Farmaceutica Applicata CHIM/09 50 8 E Caratterizzante

Tirocinio 18 APV

Prova finale 30 E

Totale CFU 60

- - - - - - - - - - - - - - - - OPZIONE B - - - - - - - - - - - - - - - -

IV ANNO II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Tecnologia, Socioeconomia e

Legislazione Farmaceutiche

Complementi di Chimica

Farmaceutica

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

TTAAFF

Altre attività

formative

TTAAFF

CHIM/09 77 8 E Caratterizzante

CHIM/08 25 4 E Caratterizzante

Saggi e Dosaggi Farmacologici BIO/14 38 4 E Caratterizzante

Prova finale 12 APV

Scelta Studente 2 E

Totale CFU 30

Altre attività

formative

Propedeuticità:

L’esame di Chimica Organica II deve precedere l’esame di Laboratorio di

Preparazione Estrattiva e Sintetica dei Farmaci.

V ANNO

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Impianti dell’Industria Farmaceutica CHIM/09 25 4 E Caratterizzante

Chimica Farmaceutica Applicata CHIM/09 50 8 E Caratterizzante

Prova finale 18 APV

Tirocinio 30 E

Totale CFU 60

TTAAFF

Altre attività

formative


LEGENDA:

SSD: Settore Scientifico Disciplinare

CFU: Crediti Formativi Universitari

TAF: Tipologia Attività Formativa

A=AFFINI INTEGRATIVE; B=DI BASE; C=CARATTERIZZANTI; F=ALTRE ATTIVITA’ FORMATIVE

CORSI A SCELTA STUDENTE

(CdLS-UE in CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE)

I corsi a scelta studente per il CdLS-UE in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche

verranno pubblicati quanto prima sul sito web della Facoltà:

http://www.farm.unisi.it

- 123 -


CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PHARMACEUTICAL BIOTECHNOLOGY

Classe delle Lauree Magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e

farmaceutiche (LM-9)

REGOLAMENTO DIDATTICO

Art. 1 – Istituzione e finalità

TITOLO 1

Finalità, obiettivi del corso e modalità di accesso

1. Presso la Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Siena è istituito il

corso di laurea magistrale (LM) in Pharmaceutical Biotechnology afferente

alla classe delle lauree magistrali “LM-9 Biotecnologie mediche, veterinarie e

farmaceutiche”, ai sensi del D.M. 270/2004 e successivi decreti attuativi.

2. Il piano degli studi del corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology è

riportato nell’ALLEGATO 1, che viene pubblicato annualmente sul sito web del

corso di studio.

3. La durata normale del corso di LM è di 2 anni e prevede il conseguimento di

120 CFU. L’attività didattica degli insegnamenti è organizzata secondo

l’ordinamento semestrale. Il piano degli studi del corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology prevede 11 esami per gli insegnamenti

caratterizzanti ed affini e integrativi, oltre alle prove di verifica per le altre

attività formative e per la prova finale.

4. Il corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology è erogato interamente in

lingua inglese.

Art. 2 – Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

1. Il corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology si propone di formare laureati

magistrali con un'adeguata conoscenza e capacità di applicazione degli

approcci, tecniche e metodologie nei diversi settori delle biotecnologie

farmaceutiche, per la progettazione e la ottimizzazione di farmaci, cosmetici,

diagnostici, biomateriali e vaccini. A tal fine, il percorso formativo è strutturato

in modo da fare acquisire al laureato magistrale le competenze specifiche

richieste per un rapido inserimento nel mondo del lavoro o per una successiva

ed ulteriore qualificazione accademica.

2. Gli obiettivi generali del corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology sono

identificabili con l'acquisizione da parte del laureato di conoscenza e

capacità di applicazione di metodiche di produzione, sviluppo, analisi,

valutazione farmacologica e tossicologica di molecole e biomateriali di

natura biotecnologica di interesse farmaceutico, diagnostico e cosmetico.

Inoltre, il percorso formativo prevede anche la conoscenza e la capacità di

applicazione di metodiche per la formulazione e veicolazione dei farmaci e

relativa regolamentazione.

3. Gli obiettivi del corso sono anche formulati tenendo presente la necessità che

il percorso formativo rispecchi al meglio le attività scientifiche di ricerca e

sviluppo svolte dalle aziende e dagli enti locali.

- 124 -


Il percorso formativo è costituito da una fase caratterizzante i cui obiettivi sono la

conoscenza dei concetti e dei processi operativi che riguardano la progettazione, la

produzione, il controllo e l'utilizzazione di prodotti biotecnologici per la terapia, la

diagnosi e la cosmesi.

1. La fase caratterizzante del percorso formativo permette allo studente di

acquisire:

2. conoscenze approfondite sulla fisiologia e fisiopatologia a livello molecolare e

cellulare;

3. conoscenze di biotecnologia molecolare ed analisi genomica e postgenomica;

4. conoscenze della farmacocinetica e farmacodinamica dei farmaci

biotecnologici e competenze di farmacologia sperimentale e tossicologia;

5. conoscenze e competenze di modellismo molecolare per la progettazione di

molecole di interesse farmaceutico;

6. conoscenze di microbiologia molecolare per la scoperta di farmaci;

7. competenze nel campo delle biotecnologie applicate all'ottenimento di

vaccini;

8. conoscenze per la produzione industriale di farmaci biotecnologici anche per

via fermentativa;

9. conoscenze e competenze delle applicazioni biotecnologiche nel campo

dei biomateriali e della loro biocompatibilità;

10. conoscenze di chimica bioorganica e competenze nel campo dell'analisi

chimica di biofarmaci, diagnostici e vaccini;

11. conoscenze dei concetti, strumenti e tecniche delle biotecnologie in ambito

cosmetico.

12. Il percorso formativo è completato da una fase specifica, in forma di attività

di ricerca sperimentale presso laboratori di ricerca qualificati, finalizzata alla

preparazione della prova finale e principalmente a far acquisire allo studente

la capacità di riversare in una realtà operativa le conoscenze e le

competenze acquisite con la fase caratterizzante del percorso formativo.

13. L'attività di ricerca sperimentale permette allo studente di acquisire la

capacità di elaborare un progetto di ricerca in termini di scopi, tecniche,

fattibilità e costi, ed è propedeutico alla stesura della tesi in cui vengono

riportati e discussi i risultati della propria ricerca.

14. L'insieme delle conoscenze e competenze sopra descritte, acquisite durante

le attività formative in aula ed in laboratorio ed integrate dall'attività di

ricerca sperimentale, convergeranno nella formazione di una figura

professionale altamente specializzata nel campo delle biotecnologie

farmaceutiche in grado di operare, con funzione di elevata competenza e

responsabilità, negli ambiti di ricerca, sviluppo e produzione di enti ed

aziende pubbliche e private.

Art. 3 – Requisiti di ammissione

1. Requisiti richiesti per l’ammissione - Per l’ammissione al corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology, gli aspiranti devono essere in possesso di specifici

requisiti curriculari e di un’adeguata preparazione (ai sensi dell’art. 6, comma 2, del

DM 270/04) che saranno verificati e valutati sulla base dei criteri sotto riportati.

- 125 -


2. Requisiti curriculari richiesti per l’ammissione - Per l’accesso al corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology è previsto l'accertamento dei requisiti curriculari e

dell'adeguata preparazione personale. Possono accedere, senza debiti formativi, al

corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology coloro che abbiano conseguito uno

dei seguenti titoli, ovvero altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto

idoneo in base alla normativa vigente:

a) una Laurea in una delle seguenti classi di laurea a) DM 270/04: classe L-2

Biotecnologie; classe L-13 Scienze Biologiche; classe L-29 Scienze e Tecnologie

Farmaceutiche. b) DM 509/99: classe 1 Biotecnologie; classe 12 Scienze

Biologiche; classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche, classe 27 Scienze

Naturali; classe 46/S Medicina e Chirurgia; classe SNT/3 Tecniche di Laboratorio

Biomedico;

b) ovvero una laurea specialistica nella classe delle Lauree Specialistiche 14/S

della Farmacia e Farmacia industriale;

c) ovvero un diploma di laurea in Farmacia o in Chimica e Tecnologia

Farmaceutiche o in Scienze Biologiche conseguito negli ordinamenti previgenti al

D.M. 509/1999.

3. Verifica della preparazione personale - Le conoscenze e l'adeguatezza della

preparazione personale dei candidati, nonché la congruità complessiva del

percorso formativo precedente, saranno valutate attraverso una prova di verifica

obbligatoria ma non vincolante ai fini dell’immatricolazione. Per i candidati che non

supereranno la prova di verifica, il corso di LM predisporrà un percorso formativo ad

hoc, organizzando apposite attività tutoriali finalizzate all’acquisizione dei requisiti di

conoscenza e adeguatezza della preparazione personale. Il CpD sconsiglierà la

permanenza nel corso di LM a quelle matricole che, non avendo dimostrato nel test

il possesso delle conoscenze richieste per l’accesso, non abbiano partecipato alle

attività tutoriali predisposte dal corso di LM.

Alla prova di verifica possono partecipare i laureati e i laureandi nelle classi indicate

al comma 2 del presente articolo. I laureandi che abbiano superato la prova di

verifica potranno iscriversi al corso di LM solo se in possesso di tutti i requisiti previsti al

comma 2 del presente articolo ed al presente comma, entro i termini fissati per la

chiusura delle iscrizioni.

4. Conoscenze richieste per l’accesso - Per l’accesso al corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology, oltre a dimostrare il possesso di requisiti curriculari (di

cui all’art. 3, comma 2.), sarà necessario possedere un’adeguata preparazione

personale in materie fondamentali quali matematica, fisica e chimica generale e in

materie che forniscono le conoscenze di base sulla struttura e funzionamento della

cellula e del materiale genetico. I candidati, inoltre, devono essere in possesso delle

nozioni sulla morfologia e fisiologia degli organismi e microorganismi modello delle

biotecnologie, di conoscenze approfondite della struttura e funzione delle molecole

biologiche che vengono fornite dalle discipline biochimiche e dalla biologia

molecolare, nonché i principi ed applicazioni delle tecnologie del DNA

ricombinante. I candidati devono possedere conoscenze sulle principali applicazioni

biotecnologiche nel campo animale e microbico e conoscenze approfondite delle

applicazioni che sfruttano conoscenze specialistiche nel campo della chimica

farmaceutica e della chimica organica. Devono inoltre essere in grado di consultare

materiale bibliografico, testi specialistici, banche dati ed altre informazioni disponibili

in internet.

- 126 -


5. Considerando che la lingua in cui si terrà il corso di LM in Pharmaceutical

Biotechnology è l'inglese, è prevista obbligatoriamente una conoscenza della lingua

inglese di livello non inferiore a B2 del quadro di riferimento delle lingue del Consiglio

d’Europa. Tale livello di conoscenza della lingua inglese corrisponde al possesso di

una delle certificazioni indicate nell’ALLEGATO 2. Gli studenti che non risultino in

possesso di tali competenze relative alla lingua inglese potranno comunque iscriversi

al corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology, ma dovranno conseguire una delle

certificazioni suddette prima di sostenere gli esami del secondo anno.

6. Modalità di valutazione della preparazione iniziale dello studente - I candidati in

possesso dei requisiti curriculari avranno accesso alla verifica della adeguatezza

della preparazione personale mediante prova di verifica che consiste in un esame

scritto in lingua inglese basato su 50 quesiti a scelta multipla che verteranno sulle

seguenti materie:

a) Matematica, Fisica, Statistica

b) Chimica, Biochimica

c) Biologia, Microbiologia

d) Genetica

e) Immunologia

7. Il livello di conoscenza della lingua inglese sarà verificato mediante certificazione

internazionale riconosciuta valida dall’Ateneo o equipollente idoneità rilasciata dal

centro linguistico di Ateneo (vedi ALLEGATO 2). Sono esonerati i candidati di

madrelingua inglese ed i candidati che hanno conseguito all’estero, in lingua

inglese, il titolo di studio valutato ai fini dell’ammissione al corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology).

8. Ammissione - Saranno ammessi al corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology i

candidati che, oltre ad essere in possesso dei requisiti curriculari di cui all’art. 3

comma 2 del presente regolamento, abbiano superato la prima prova di verifica,

sulla base dei criteri indicati al precedente comma 6. I candidati che non

supereranno la prova di verifica dovranno acquisire i requisiti di conoscenza e

adeguatezza della preparazione personale attraverso apposite attività tutoriali

predisposte dal corso di LM.

9. Ammissione diretta - I candidati in possesso dei requisiti curriculari e che abbiano

conseguito il titolo di studio con una votazione non inferiore a 100/110 verranno

riconosciuti in possesso di adeguata preparazione e quindi esonerati dalla prova di

verifica.

Art. 4 – Comitato per la Didattica

1. Nella fase di prima istituzione del corso di LM, il Comitato Ordinatore, nominato dal

Consiglio di Facoltà a norma di quanto previsto dal Regolamento Didattico di

Ateneo, svolge le funzioni che sono proprie del Comitato per la Didattica (CpD).

2. Il CpD è istituito al momento della attivazione del corso di LM ed è costituito da tre

docenti e tre studenti. Le funzioni, le competenze e le norme di funzionamento del

CpD sono stabilite dal Regolamento Didattico di Ateneo e dal Regolamento

Didattico di Facoltà.

- 127 -


Art. 5 – Organizzazione didattica

1. Organizzazione didattica - Il corso di laurea in Pharmaceutical Biotechnology è

organizzato ai sensi del DM n. 270/04 e successivi decreti attuativi, in modo da

soddisfare i requisiti della classe LM-9 Biotecnologie mediche, veterinarie e

farmaceutiche.

2. Elenco e caratteristiche degli insegnamenti e delle altre attività formative - Il piano

degli studi, riportato nell'ALLEGATO 1 e nel sito web del Corso di Studio, è soggetto a

verifica annuale da parte del Consiglio di Facoltà. Esso riporta l’elenco degli

insegnamenti e delle altre attività formative previste annualmente per il corso di LM

in Pharmaceutical Biotechnology, la loro eventuale organizzazione in moduli, il

numero ed il tipo di CFU assegnati a ciascun insegnamento o altra attività formativa,

l’indicazione dei settori scientifico-disciplinari di riferimento, l’anno del corso (primo o

secondo) ed il semestre (primo o secondo) in cui ogni singolo insegnamento è

tenuto. Nell’ALLEGATO 3, che viene pubblicato annualmente nel sito web del corso

di studio, per ogni insegnamento del corso di LM è riportata la denominazione, gli

obiettivi formativi specifici, la tipologia di attività formativa a cui appartiene e, per

quelle caratterizzanti ed affini/integrative, anche il relativo settore scientificodisciplinare,

l’eventuale articolazione in moduli, i crediti formativi, le eventuali

propedeuticità o i prerequisiti consigliati, le forme e le ore di didattica previste, le

modalità di verifica del profitto ai fini dell’acquisizione dei crediti.

Gli insegnamenti attivati per ogni anno accademico sono deliberati annualmente

dal Consiglio di Facoltà, in sede di programmazione didattica.

3. Tipologia delle forme didattiche - Il percorso formativo prevede l’utilizzazione di

diverse forme di insegnamento aventi diverso obiettivo specifico e diverso significato

pedagogico. Nel percorso sono previste infatti:

1. Lezioni frontali;

2. Esercitazioni dimostrative;

3. Attività di laboratorio a posto singolo. In tal caso, verranno valutate le

effettive capacità di svolgere le attività previste.

4. Attività formative finalizzate all’acquisizione di capacità professionali

specifiche e possono comprendere attività seminariali, esperienza presso

laboratori di ricerca, esperienze di lavoro presso strutture pubbliche o private

(seminari, stage, visite). La proposta di stage e tirocini verrà incentivata per

ampliare l’offerta formativa ed avvicinare gli studenti al mondo del lavoro.

Inoltre, si potranno avviare azioni specifiche per migliorare i livelli di

internazionalizzazione dei percorsi formativi mediante l’inserimento,

nell’ambito dei piani di studio, di periodi di studio all’estero.

5. Attività didattiche a scelta dello studente che comprendono le attività

formative che lo studente sceglie a completamento della propria

maturazione culturale. I CFU a libera scelta sono previsti al primo e al secondo

anno del piano degli studi affinché lo studente possa scegliere tali attività

didattiche con consapevolezza e per approfondire argomenti di proprio

interesse anche relativamente all’attività di internato.

- 128 -


4. Internato di tesi - Lo studente è tenuto a svolgere un periodo di internato di tesi

(della durata di almeno sei mesi, corrispondenti ad un totale di 30 CFU) presso

laboratori dei dipartimenti dell'Università degli Studi di Siena o presso altri laboratori

pubblici e privati qualificati e convenzionati con l’Ateneo. Qualora l’internato si

svolga presso una di tali istituzioni di ricerca esterne all’Università, verrà stipulata una

apposita convenzione e redatto uno specifico progetto formativo.

5. Acquisizione dei crediti formativi - Ad un CFU corrispondono 7,5 ore di lezione

frontale, oppure 15 ore di attività di laboratorio a posto singolo, oppure 25 ore di

altre attività (ulteriori attività formative: seminari, stage, visite).

6. Informazioni sulla organizzazione della didattica e sulle attività formative - Le

attività formative realmente attivate, i programmi degli insegnamenti e delle altre

attività formative, le attività di ricerca a supporto delle attività formative ed ogni

eventuale ulteriore aggiornamento degli ALLEGAT1 1, 2, 3 e 4 sono resi noti

annualmente, prima dell’inizio dell’anno accademico, attraverso il sito internet del

corso di LM (http://www.farm.unisi.it/pharmabiotech/index_phb.php), il Manifesto

degli Studi della Facoltà di Farmacia (sede amministrativa del corso), altre forme di

comunicazione individuate dal Regolamento Didattico di Ateneo, nonché la banca

dati dell’offerta formativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

7. Docenti del corso di studi - Nell’ALLEGATO 4, che viene pubblicato sul sito web del

corso di studio, sono riportati i nominativi dei docenti del corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology, nominati annualmente dal Consiglio di Facoltà ai fini

del rispetto dei requisiti di copertura previsti dalla normativa vigente.

Nell’ALLEGATO 5, che viene pubblicato sul sito web del corso di studio, sono riportati

i nominativi ed i temi di ricerca dei docenti di riferimento del corso di LM in

Pharmaceutical Biotechnology).

Le pubblicazioni dei docenti del corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology sono

reperibili sul sito web di Ateneo (http://online.unisi.it/anagrafe-ricerca).

Art. 6 – Esami ed altre verifiche del profitto

1. Esami e verifiche finali - Al termine del periodo in cui si è svolta ciascuna attività

formativa è previsto un esame o verifica finale di profitto, il superamento del quale

consente allo studente di conseguire i CFU attribuiti all’attività formativa in oggetto.

Per le attività formative articolate in moduli, ovvero nel caso delle prove d’esame

integrate per più insegnamenti, la valutazione finale del profitto è comunque

unitaria e collegiale.

2. Numero degli esami - Il numero massimo di esami necessari per il conseguimento

della LM in Pharmaceutical Biotechnology non può essere superiore a 12. Le attività

formative caratterizzanti, affini o integrative ed a scelta dello studente vanno

considerate nel computo. Gli esami a scelta dello studente corrispondono a 10 CFU

e sono conteggiati complessivamente come un solo esame ai fini del numero

massimo di esami sostenibili. I voti degli esami a scelta dello studente concorrono

alla definizione del voto finale di LM.

- 129 -


3. Forme di verifica del profitto - Gli esami o verifiche finali di profitto consistono in un

esame orale o in un compito scritto o in una relazione scritta o orale sull'attività

svolta, oppure in un test con domande a risposta libera o a scelta multipla o in una

prova di laboratorio o in una esercitazione al computer. Le modalità di

accertamento possono comprendere anche più di una delle forme sopra indicate e

la possibilità di effettuare accertamenti parziali in itinere e vengono specificate

prima dell’inizio di ogni anno accademico dal docente responsabile dell'attività

formativa. È prevista anche la possibilità di un esame integrato qualora l’attività

formativa sia costituita da due moduli. Sono previste anche altre prove di verifica

quali, ad esempio, tesine e presentazioni su argomenti trattati durante il corso ed

assegnati dal docente agli studenti. Prima dell’inizio di ogni anno accademico viene

comunicato anche il programma di ogni insegnamento, approvato dal Comitato

per la Didattica. Le modalità d’esame devono essere le stesse per tutti gli studenti ed

essere in accordo con quanto stabilito all’inizio dell’anno accademico.

4. Prove in itinere - Eventuali prove in itinere sono intese a rilevare l'efficacia dei

processi di apprendimento e d'insegnamento e possono sostituire parte dell'esame

di profitto. Tali valutazioni debbono essere fatte dal docente nell'ambito del proprio

corso senza causare interferenze con la normale frequenza alle altre attività

formative.

5. Voto - Per gli insegnamenti delle tipologie caratterizzanti, affini o integrative e a

scelta dello studente, l'accertamento finale o esame di profitto comporta il

conseguimento dei relativi CFU ed anche l'attribuzione di un voto, espresso in

trentesimi, con la possibilità di far seguire la lode al punteggio massimo (30/30). Il

voto assegnato a seguito dell’esame di profitto concorre a determinare il voto finale

di LM.

6. Seminari, stage e tirocini - Le competenze ottenute dagli studenti mediante la

partecipazione ai seminari, la realizzazione di stage e tirocini e la visita ad enti

pubblici e privati di interesse specifico, saranno verificate sulla base delle relazioni

dei tutor, tesine e presentazioni su argomenti trattati durante il corso ed

eventualmente anche con un colloquio individuale e permetteranno allo studente

di acquisire 1 CFU per ogni 25 ore di attività.

7. Programmi di mobilità studentesca e riconoscimento dei crediti acquisiti all’estero

- Lo studente che intenda fruire di programmi di mobilità studentesca (progetto

Erasmus) dovrà preparare un piano di studio con l’indicazione degli insegnamenti

che seguirà presso l’Università estera ospitante. Tale piano di studio dovrà essere

approvato preventivamente dal Comitato per la Didattica. A conclusione del

periodo di mobilità, verranno attribuiti allo studente i CFU relativi agli insegnamenti

seguiti per i quali è stato superato il corrispettivo esame. Nel caso in cui sia stato

attribuito un voto, la registrazione avverrà sulla base della corrispondenza in

trentesimi, facendo riferimento alle tabelle di conversione dei voti e dei crediti

redatta in base alle convenzioni tra i paesi dell’UE. La fruizione di programmi di

mobilità studentesca (progetto Erasmus) permetterà allo studente il riconoscimento

di un massimo di 2 punti per l’assegnazione del voto finale di LM.

8. Prova finale - Il percorso formativo è completato da una fase specifica, in forma di

attività di ricerca sperimentale presso laboratori di ricerca qualificati, finalizzata alla

preparazione della prova finale e principalmente a far acquisire allo studente la

capacità di riversare in una realtà operativa le conoscenze e le competenze

acquisite con la fase caratterizzante del percorso formativo. L'attività di ricerca

- 130 -


sperimentale permette allo studente di acquisire la capacità di elaborare un

progetto di ricerca in termini di scopi, tecniche, fattibilità e costi, ed è propedeutico

alla stesura della tesi in cui vengono riportati e discussi i risultati della propria ricerca.

La LM in Pharmaceutical Biotechnology si consegue con il superamento di una

prova finale che consiste nella preparazione e nella discussione, in seduta pubblica,

di un elaborato individuale originale nella forma tipica di una pubblicazione

scientifica, redatto dallo studente in lingua inglese, nel quale il candidato metterà in

evidenza le esperienze acquisite ed il lavoro di ricerca sperimentale svolto su una

tematica specifica presso laboratori di ricerca dell'Università degli Studi di Siena

oppure presso laboratori di ricerca di qualificate istituzioni o enti pubblici o privati del

settore biotecnologico-farmaceutico, ma comunque sotto la supervisione di un

docente tutore (relatore).

L’elaborato deve essere chiaro, essenziale e semplice. L’impegno da dedicare

all’allestimento dell’elaborato deve essere commisurato al numero di 30 CFU ad esso

assegnato dall’ordinamento didattico ed essere coerente con gli obiettivi formativi

del corso di studio.

Per essere ammessi alla prova finale lo studente deve aver conseguito tutti i crediti

nelle attività formative previste dal piano di studi. Per la prova finale, lo studente

deve dedicare un minimo di sei mesi (corrispondenti a 30 CFU) ad una ricerca

sperimentale condotta sotto la responsabilità di un docente del corso di LM.

La discussione della tesi sarà valutata da una commissione nominata dal Preside

della facoltà di Farmacia e costituita da docenti e ricercatori che esprimeranno un

giudizio che tenga conto dell’intero percorso di studio dello studente ed in

particolare della coerenza tra obiettivi formativi e professionali, della sua maturità

culturale, della sua capacità espositiva e di elaborazione intellettuale. Per ogni

laureando verrà nominato un controrelatore che esprimerà un giudizio sulle

conoscenze e le competenze acquisite dal laureando e sul suo lavoro di tesi.

La commissione di laurea preposta alla valutazione della prova finale, esaminato il

lavoro sperimentale svolto durante la tesi, la corrispondente discussione, il curriculum

del candidato ivi incluse le competenze e le conoscenze da lui acquisite, esprimerà

la valutazione finale, commutata in voto di laurea da assegnare in centodecimi con

eventuale lode. La discussione della tesi e la proclamazione finale si svolgeranno di

fronte ad una commissione per l’esame finale di Laurea Magistrale nominata dal

Preside della facoltà di Farmacia e composta da almeno 5 docenti di ruolo della

facoltà stessa. Di norma, il relatore ed il contro-relatore faranno parte di questa

commissione.

9. Conseguimento della laurea magistrale - La LM si consegue con l’acquisizione di

almeno 120 CFU e dopo aver superato con esito positivo la prova finale di cui

all'articolo precedente. Il voto finale è espresso in centodecimi e verrà assegnato

sommando i seguenti contributi:

1. media ponderata dei voti degli esami pesati per i relativi CFU;

2. valutazione della prova finale con un massimo di 10 punti, di cui 2 riservati agli

studenti che sostengano la prova finale di laurea entro la durata legale del

corso di LM;

- 131 -


3. un massimo di 2 punti per la fruizione di programmi di mobilità studentesca

(progetto Erasmus);

4. un massimo di 2 punti per la partecipazione ad attività istituzionali in organi

collegiali.

Per l’assegnazione della lode, lo studente dovrà aver una media ponderata minima

di 102/110 ed aver ottenuto il voto finale massimo (110/110). Il punteggio minimo per

il superamento dell'esame finale è 66/110.

Art. 7 – Obblighi di frequenza

TITOLO 2

Norme di funzionamento

a. Frequenza obbligatoria - La frequenza alle attività didattiche è obbligatoria per

tutte le attività formative identificabili in esercitazioni di laboratorio a posto singolo.

Per poter sostenere l’esame finale e conseguire i CFU relativi a ciascun

insegnamento, lo studente dovrà aver frequentato almeno i 2/3 delle ore di attività

di laboratorio necessarie per lo svolgimento del programma previsto. Il presidente

del Comitato per la Didattica potrà autorizzare una frequenza ridotta su richiesta

motivata dello studente, sentito il docente di riferimento. I docenti provvederanno

ad accertare la presenza degli studenti mediante appello all’inizio ed alla fine di

ogni lezione.

b. Studenti lavoratori - Modalità ed entità di frequenza diverse potranno essere

concordate fra gli studenti impegnati in attività lavorative ed i docenti responsabili

dell’insegnamento. Queste modalità dovranno essere approvate dal Comitato per

la Didattica a norma del Regolamento Didattico di Ateneo.

c. Internato di tesi - È facoltà del docente non ammettere alla frequenza di un

laboratorio per l’internato di tesi gli studenti che non abbiano superato le verifiche

finali di profitto di quegli insegnamenti ritenuti dal docente propedeutici al

laboratorio stesso o all’insegnamento in cui il laboratorio è inserito.

Art. 8 – Trasferimento da altri corsi di studio e riconoscimento dei crediti

1. Trasferimenti - Il trasferimento da altri corsi di studio o da altri atenei è consentito

previa verifica del possesso dei requisiti curriculari e di un’adeguata preparazione

personale, ricorrendo eventualmente a colloqui.

2. Riconoscimento dei crediti

a) Crediti per attività formative esterne

Il riconoscimento totale o parziale di specifici CFU conseguiti in corsi universitari

equivalenti o affini, frequentati in Italia o all'estero può essere richiesto al Comitato

per la Didattica, allegando la documentazione relativa al superamento degli esami,

il numero totale di ore dei relativi corsi e i programmi seguiti. Oltre a riconoscere CFU

relativi ai corsi istituzionali previsti nell'ambito della LM, il Comitato per la Didattica

potrà riconoscere, caso per caso, CFU addizionali sino alla copertura dei 10 CFU a

scelta dello studente previsti dalla LM. I CFU relativi alle attività formative esterne

potranno essere riconosciuti anche solo parzialmente.

- 132 -


) Crediti per conoscenze ed abilità professionali pregresse

Il Comitato per la Didattica potrà anche riconoscere, dopo l’iscrizione, CFU esterni

relativi ad attività lavorative (abilità professionali pregresse) ed a precedenti carriere

universitarie (conoscenze ed attività formative pregresse) non concluse. Il

riconoscimento dei CFU per le attività formative esterne è soggetto all’approvazione

del Comitato per la Didattica che dovrà valutare sia la congruenza con il corso di

laurea intrapreso, il contenuto formativo di tali attività e la corrispondenza ai

programmi degli insegnamenti previsti dall’ordinamento didattico vigente. Tali

attività formative esterne dovranno essere documentate con certificazioni scritte da

parte di responsabili delle istituzioni nelle quali esse sono state svolte. Il

riconoscimento dei CFU sarà limitato ad attività post-secondarie realizzate in

concerto con l’Ateneo, con altre università italiane o straniere, aziende del settore

bio-farmaceutico. Relativamente agli stage, saranno presi in considerazione solo

quelli effettuati durante il percorso formativo universitario della LM sotto la

supervisione di una persona autorizzata. I CFU relativi alle conoscenze ed abilità

professionali pregresse potranno essere riconosciuti anche solo parzialmente, per un

numero massimo complessivo di 20 CFU, fermo restando che il riconoscimento verrà

deliberato dal Comitato per la Didattica solo in termini rigorosamente individuali.

3. Corrispondenza fra le attività formative - La corrispondenza fra le attività formative

esterne e le attività formative della LM in Pharmaceutical Biotechnology viene

valutata dal Comitato per la Didattica sulla base della loro equipollenza, della

coerenza con gli obiettivi formativi specifici della LM ed eventualmente anche della

preparazione dello studente, accertata mediante colloquio individuale. Il Comitato

per la Didattica fornirà ogni possibile proposta per le eventuali integrazioni di debiti

formativi e per facilitare il trasferimento con il massimo riconoscimento dei CFU già

acquisiti.

4. Riconoscimento del voto già acquisito - Il voto conseguito in altro corso di studio

verrà mantenuto solo se il riconoscimento riguarda almeno il 75% dei relativi CFU.

Negli altri casi, il voto sarà definito dal docente di riferimento per l’insegnamento,

sulla base della eventuale integrazione del debito formativo richiesta per il

completamento dell’attività didattica in questione.

Art. 9 – Iscrizione al secondo anno

1. Per l’iscrizione al secondo anno del corso di LM in Pharmaceutical

Biotechnology non è richiesta l’acquisizione di un numero minimo di CFU.

2. Gli studenti iscritti al primo anno ma non in possesso di competenze relative

alla lingua inglese corrispondenti ad una delle certificazioni riportate

nell’ALLEGATO 2, dovranno acquisire tale livello di competenze entro il primo

anno accademico, pena l’impossibilità di iscrizione al secondo anno del

corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology.

Art. 10 – Piani di studio individuali

1. Attività formative autonomamente scelte dallo studente - All’atto dell’iscrizione al

secondo anno, gli studenti devono presentare un piano degli studi dove

indicheranno quali attività a scelta intendono svolgere. Le attività formative

autonomamente scelte dallo studente potranno essere scelte tra le attività

formative proposte dalla Facoltà e in generale tra gli insegnamenti attivati presso

l’Ateneo, purché coerenti con il progetto formativo (art. 10, comma 5, lettera a, DM

270/2004). La valutazione di coerenza spetta al CpD. Le attività formative a scelta

- 133 -


dello studente sono registrate con il voto ed il numero di CFU che le caratterizza ed il

voto contribuisce a determinare il voto di LM. Le attività formative a scelta devono

essere approvate dal Comitato per la Didattica. I piani di studio non potranno

prevedere sovrapposizioni di contenuti delle varie attività formative anche con

riferimento alle attività formative autonomamente scelte dallo studente.

Art. 11 – Tutorato

1. Il Comitato per la Didattica organizza attività di tutorato in conformità con il

regolamento di Ateneo per il tutorato e con quanto deliberato dal consiglio

di Facoltà.

2. Nelle attività di tutorato sono anche comprese le eventuali attività

propedeutiche alle verifiche di ingresso e per il recupero di eventuali debiti

formativi.

3. L’attività di tutorato comprende anche le ore obbligatorie dedicate da

ciascun docente al ricevimento degli studenti.

Art. 12 – Valutazione dell’attività didattica

1. La Facoltà attua forme di valutazione e di monitoraggio dell’attività didattica,

avvalendosi delle iniziative predisposte dall’ateneo (schede di valutazione

della didattica, dei docenti e degli insegnamenti).

Possono essere attivate apposite commissioni o nuclei di valutazione interni per la

redazione di rapporti annuali di valutazione della didattica.

TITOLO 3

Modifiche e disposizioni finali

Art. 13 – Approvazione e modifiche del Regolamento Didattico

1. Il Regolamento Didattico del corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology e

le relative modifiche sono deliberati dal Consiglio di Facoltà, su proposta del

CpD, e approvati dal Senato Accademico, secondo quanto previsto dal

Regolamento Didattico di Ateneo.

2. Le modifiche degli ALLEGATI 1, 2, 3 e 4 vengono deliberati dal Consiglio di

Facoltà, su proposta del CpD.

3. Il CpD del corso di LM in Pharmaceutical Biotechnology ha il compito di

garantire sia la periodica revisione degli obiettivi formativi specifici degli

insegnamenti in relazione all’evoluzione dei saperi scientifici e delle esigenze

espresse dal mercato del lavoro, sia il costante adeguamento del numero dei

crediti attribuiti ad ogni attività formativa in termini coerenti con l’impegno

didattico necessario al conseguimento degli obiettivi formativi ad essa

assegnati.

Art. 14 – Disposizioni finali

Per quanto non previsto dal presente Regolamento Didattico, vale quanto disposto

dallo Statuto e dal Regolamento Didattico di Ateneo, dai Regolamenti di Facoltà e

dalle normative specifiche.

- 134 -


COMITATO PER LA DIDATTICA

Docenti: Telefono: e-mail:

Annalisa Santucci

(Presidente)

+39 0577-234958 santucci@unisi.it

Fabrizio Manetti +39 0577-234330 fabrizio.manetti@unisi.it

Federica Pessina +39 0577-234449 pessinafed@unisi.it

(D.R. n. 920 del 10/03/2010)

Studenti: Telefono: e-mail:

Federica Di Maio kifi@hotmail.it

Filippo Romoli romoli5@student.unisi.it

Tommaso Patriarchi t.patriarchi@gmail.com

DOCENTI TUTOR

Docenti: Telefono: e-mail:

Annalisa Santucci +39 0577-234958 santucci@unisi.it

Fabrizio Manetti +39 0577-234330 fabrizio.manetti@unisi.it

Federica Pessina +39 0577-234449 pessinafed@unisi.it

Informazioni generali [1]

Il corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology si inserisce nella

tradizione senese delle biotecnologie (terapeutici, vaccini, diagnostici e

biomateriali) che hanno una connotazione prettamente farmaceutica e connessa

al territorio per la presenza di rilevanti realtà industriali biotecnologiche, tutte

coinvolte nelle attività formative del corso.

Il corso si propone di formare figure professionali specializzate con un'adeguata

conoscenza e capacità di applicazione degli approcci, tecniche e metodologie nei

diversi settori delle biotecnologie farmaceutiche, per la progettazione e la

ottimizzazione di farmaci, cosmetici, diagnostici e vaccini.

Gli obiettivi del corso sono anche formulati in modo che il percorso formativo

rispecchi al meglio le attività scientifiche di ricerca e sviluppo svolte dalle aziende e

dagli enti locali, per garantire un rapido inserimento nel mondo del lavoro o per una

successiva ed ulteriore qualificazione accademica.

Il percorso formativo è costituito da una fase caratterizzante (i cui obiettivi sono la

conoscenza dei concetti e dei processi operativi che riguardano la progettazione, la

produzione, il controllo e l'utilizzazione di prodotti biotecnologici per la terapia, la

diagnosi e la cosmesi) e completato da una fase specifica, in forma di attività di

ricerca sperimentale presso laboratori di ricerca qualificati.

[1] Gli studenti del primo anno saranno ben lieti di rispondere alle domande che gli

interessati vogliano loro porre a proposito del corso di laurea magistrale in

Pharmaceutical Biotechnology (organizzazione, docenti, programmi, logistica, etc..)

- 135 -


L'insieme delle conoscenze e competenze sopra descritte, acquisite durante le

attività formative in aula ed in laboratorio ed integrate dall'attività di ricerca

sperimentale, convergeranno nella formazione di una figura professionale altamente

specializzata nel campo delle biotecnologie farmaceutiche in grado di operare,

con funzione di elevata competenza e responsabilità, negli ambiti di ricerca,

sviluppo e produzione di enti ed aziende pubbliche e private.

In particolare, i laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology potranno:

1. promuovere e sviluppare, con autonomia operativa, l'innovazione scientifica

e tecnologica nel settore delle biotecnologie applicate in campo

farmaceutico, diagnostico, cosmetico, dei biomateriali e dei vaccini;

2. progettare ed applicare metodologie scientifiche e biotecnologiche per la

ideazione e sviluppo di farmaci innovativi, per la diagnosi di patologie umane

ed animali, per l'ottenimento di biomateriali da utilizzare per la sostituzione di

tessuti ed organi;

3. organizzare e coordinare la messa a punto di protocolli sperimentali per la

produzione di farmaci biotecnologici e prodotti farmaceutici innovativi, la loro

analisi, identificazione e caratterizzazione, la formulazione e la veicolazione.

Gli sbocchi occupazionali riguardano settori applicativi dell'industria

farmaceutica per la progettazione, la produzione ed il controllo di farmaci

biotecnologici e vaccini; per lo sviluppo di diagnostici, cosmetici e

biomateriali; per la progettazione e sviluppo di sistemi biologici per la

produzione di agenti di interesse diagnostico e terapeutico;

4. operare nell'industria orientata alla tutela della salute umana (in particolare,

nei settori farmaceutico, diagnostico, cosmetico e dei biomateriali), tramite

prodotti e servizi avanzati; nei laboratori di analisi chimico-biotecnologiche e

biologico-molecolari; come consulenti in settori specifici delle biotecnologie,

nonché presso istituti di ricerca ed aziende pubbliche o private, nazionali ed

internazionali, che operino nel settore biotecnologico applicato al campo

farmaceutico, cosmetico, dei vaccini e dei biomateriali;

5. dedicarsi ad attività di docenza in scuole di ogni ordine e grado, una volta

completati gli ulteriori specifici percorsi formativi.

Individuazione delle esigenze formative

L'esigenza di formare laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology nasce

dalla necessità di garantire la richiesta di prosecuzione degli studi da parte di

studenti provenienti da corsi di laurea di primo livello del nostro ed altri Atenei, come

testimoniato dagli studenti attualmente iscritti al primo anno del corso di laurea

magistrale in Pharmaceutical Biotechnology, che in parte provengono dal corso di

laurea interfacoltà in Biotecnologie della nostra Università, da altri corsi del nostro

Ateneo ed in parte da corsi di altri sedi universitarie.

Un'altra motivazione essenziale deriva dalla grande dinamicità imprenditoriale con

conseguente esigenza di personale espressa dalla molteplicità di piccole e medie

aziende che operano localmente nel settore biotecnologico, farmaceutico,

diagnostico, biomedicale e dei biomateriali, e dalla presenza di grandi aziende

operanti nel campo farmaceutico e dei vaccini.

Il corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology rappresenterebbe

quindi la risposta del nostro Ateneo alle esigenze formative dei giovani e alla

domanda di personale altamente qualificato espressa dal mondo imprenditoriale

locale e non.

- 136 -


Per garantire un'effettiva coerenza tra percorsi formativi ed esigenze del mondo del

lavoro, sono previste attività formative che approfondiscano la preparazione in

settori specifici richiesti dalle esigenze pratico-applicative del mondo del lavoro o

permettano di proseguire gli studi con dottorati di ricerca e master di secondo livello.

Motivazioni della progettata innovazione

L’istituzione del corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology è

fortemente connessa al territorio per la presenza di rilevanti realtà industriali

biotecnologiche nella provincia di Siena, molte delle quali collaborano in modo

fattivo alla progettazione dello stesso corso in Pharmaceutical Biotechnology

(SienaBiotech, Novartis Vaccines and Diagnostics, Novartis Vaccines Institute for

Global Health, Diesse Diagnostica Senese, Biosynth, Philogen, Lima Corporate,

Toscana Life Sciences, Molteni Therapeutics, Sorin, ALTA, SienaBioGraphiX).

Le biotecnologie a Siena hanno una connotazione prettamente farmaceutica,

essendo centrate proprio sulla ricerca, produzione, e commercializzazione di

terapeutici, vaccini, diagnostici e biomateriali. Da questo punto di vista, Farmacia è

la Facoltà di elezione per proporre un corso di laurea magistrale specifico, poiché

possiede tutte le competenze sia culturali che tecnologiche necessarie. Infatti, tale

Facoltà ha una specifica tradizione nella formazione in biotecnologie, avendone

iniziato la filiera anni fa, con l’istituzione della scuola diretta a fini speciali in

Biotecnologie.

L’istituzione del nuovo corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology

consentirà una formazione che privilegia gli approfondimenti degli aspetti

biotecnologico-farmaceutici, richiesti e desiderati dal bacino dell’indotto industriale.

La facoltà di Farmacia mette inoltre a disposizione ampie possibilità di formazione

post-laurea in campo biotecnologico.

L’istituzione del nuovo corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology

consentirà una formazione che privilegia gli approfondimenti degli aspetti

biotecnologico-farmaceutici, richiesti e desiderati dal bacino dell’indotto industriale.

La facoltà di Farmacia mette inoltre a disposizione ampie possibilità di formazione

post-laurea in campo biotecnologico.

Gli insegnamenti verranno tenuti in lingua inglese, favorendo l'ingresso di studenti

stranieri, garantendo un elevato grado di internazionalizzazione del corso di laurea

magistrale e fornendo anche al laureato magistrale uno strumento che gli permetta

di avere il maggior numero di sbocchi professionali nel mercato del lavoro sia

nazionale che internazionale, pubblico o privato.

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology si propone di formare

laureati magistrali con un'adeguata conoscenza e capacità di applicazione degli

approcci, tecniche e metodologie nei diversi settori delle biotecnologie

farmaceutiche, per la progettazione e la ottimizzazione di farmaci, cosmetici,

diagnostici e vaccini. A tal fine, il percorso formativo è strutturato in modo da fare

acquisire al laureato magistrale le competenze specifiche richieste per un rapido

inserimento nel mondo del lavoro o per una successiva ed ulteriore qualificazione

accademica.

Gli obiettivi generali del corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology

sono identificabili con l'acquisizione da parte del laureato di conoscenza e capacità

di applicazione di metodiche di produzione, sviluppo, analisi, valutazione

- 137 -


farmacologica e tossicologica di molecole e biomateriali di natura biotecnologica

di interesse farmaceutico, diagnostico e cosmetico. Inoltre, il percorso formativo

prevede anche la conoscenza e la capacità di applicazione di metodiche per la

formulazione e veicolazione dei farmaci e relativa regolamentazione.

Gli obiettivi del corso sono anche formulati tenendo presente la necessità che il

percorso formativo rispecchi al meglio le attività scientifiche di ricerca e sviluppo

svolte dalle aziende e dagli enti locali.

Il percorso formativo è costituito da una fase caratterizzante i cui obiettivi sono la

conoscenza dei concetti e dei processi operativi che riguardano la progettazione, la

produzione, il controllo e l'utilizzazione di prodotti biotecnologici per la terapia, la

diagnosi e la cosmesi.

La fase caratterizzante del percorso formativo permette allo studente di acquisire:

1. conoscenze approfondite sulla fisiologia e fisiopatologia a livello molecolare e

cellulare;

2. conoscenze di biotecnologia molecolare ed analisi genomica e postgenomica;

3. conoscenze della farmacocinetica e farmacodinamica dei farmaci

biotecnologici e competenze di farmacologia sperimentale e tossicologia;

4. conoscenze e competenze di modellismo molecolare per la progettazione di

molecole di interesse farmaceutico;

5. conoscenze di microbiologia molecolare per la scoperta di farmaci;

6. competenze nel campo delle biotecnologie applicate all'ottenimento di

vaccini;

7. conoscenze per la produzione industriale di farmaci biotecnologici anche per

via fermentativa;

8. conoscenze e competenze delle applicazioni biotecnologiche nel campo

dei biomateriali e della loro biocompatibilità;

9. conoscenze di chimica bioorganica e competenze nel campo dell'analisi

chimica di biofarmaci, diagnostici e vaccini;

10. conoscenze dei concetti, strumenti e tecniche delle biotecnologie in ambito

cosmetico.

Il percorso formativo è completato da una fase specifica, in forma di attività di

ricerca sperimentale presso laboratori di ricerca qualificati, finalizzata alla

preparazione della prova finale e principalmente a far acquisire allo studente la

capacità di riversare in una realtà operativa le conoscenze e le competenze

acquisite con la fase caratterizzante del percorso formativo.

L'attività di ricerca sperimentale permette allo studente di acquisire la capacità di

elaborare un progetto di ricerca in termini di scopi, tecniche, fattibilità e costi, ed è

propedeutico alla stesura della tesi in cui vengono riportati e discussi i risultati della

propria ricerca.

L'insieme delle conoscenze e competenze sopra descritte, acquisite durante le

attività formative in aula ed in laboratorio ed integrate dall'attività di ricerca

sperimentale, convergeranno nella formazione di una figura professionale altamente

specializzata nel campo delle biotecnologie farmaceutiche in grado di operare,

con funzione di elevata competenza e responsabilità, negli ambiti di ricerca,

sviluppo e produzione di enti ed aziende pubbliche e private.

- 138 -


Requisiti richiesti per l’ammissione

1. Requisiti richiesti per l’ammissione - Per l’ammissione al corso di laurea magistrale in

Pharmaceutical Biotechnology, gli aspiranti devono essere in possesso di specifici

requisiti curriculari e di un’adeguata preparazione (ai sensi dell’art. 6, comma 2, del

DM 270/04) che saranno verificati e valutati sulla base dei criteri sotto riportati.

2. Requisiti curriculari richiesti per l’ammissione - Per l’accesso al corso di laurea

magistrale in Pharmaceutical Biotechnology è previsto l'accertamento dei requisiti

curriculari e dell'adeguata preparazione personale. Possono accedere, senza debiti

formativi, al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology coloro che

abbiano conseguito uno dei seguenti titoli, ovvero altro titolo di studio conseguito

all’estero e riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente:

a) una Laurea in una delle seguenti classi di laurea a) DM 270/04: classe L-2

Biotecnologie; classe L-13 Scienze Biologiche; classe L-29 Scienze e Tecnologie

Farmaceutiche. b) DM 509/99: classe 1 Biotecnologie; classe 12 Scienze Biologiche;

classe 24 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche, classe 27 Scienze Naturali; classe

46/S Medicina e Chirurgia; classe SNT/3 Tecniche di Laboratorio Biomedico;

b) ovvero una laurea specialistica nella classe delle Lauree Specialistiche 14/S della

Farmacia e Farmacia industriale;

c) ovvero un diploma di laurea in Farmacia o in Chimica e Tecnologia

Farmaceutiche o in Scienze Biologiche conseguito negli ordinamenti previgenti al

D.M. 509/1999.

3. Verifica della preparazione personale - Le conoscenze e l'adeguatezza della

preparazione personale dei candidati, nonché la congruità complessiva del

percorso formativo precedente, saranno valutate attraverso una prova di verifica

obbligatoria ma non vincolante ai fini dell’immatricolazione. Per i candidati che non

supereranno la prova di verifica, il corso di laurea magistrale predisporrà un percorso

formativo ad hoc, organizzando apposite attività tutoriali finalizzate all’acquisizione

dei requisiti di conoscenza e adeguatezza della preparazione personale. Il Comitato

per la Didattica sconsiglierà la permanenza nel corso di laurea magistrale a quelle

matricole che, non avendo dimostrato nel test il possesso delle conoscenze richieste

per l’accesso, non abbiano partecipato alle attività tutoriali predisposte dal corso di

laurea magistrale.

Alla prova di verifica possono partecipare i laureati e i laureandi nelle classi indicate

al comma 2 del presente articolo. I laureandi che abbiano superato la prova di

verifica potranno iscriversi al corso di laurea magistrale solo se in possesso di tutti i

requisiti previsti al comma 2 del presente articolo ed al presente comma, entro i

termini fissati per la chiusura delle iscrizioni.

- 139 -


4. Conoscenze richieste per l’accesso - Per l’accesso al corso di laurea magistrale in

Pharmaceutical Biotechnology, oltre a dimostrare il possesso di requisiti curriculari (di

cui al comma 2.), sarà necessario possedere un’adeguata preparazione personale

in materie fondamentali quali matematica, fisica e chimica generale e in materie

che forniscono le conoscenze di base sulla struttura e funzionamento della cellula e

del materiale genetico. I candidati, inoltre, devono essere in possesso delle nozioni

sulla morfologia e fisiologia degli organismi e microorganismi modello delle

biotecnologie, di conoscenze approfondite della struttura e funzione delle molecole

biologiche che vengono fornite dalle discipline biochimiche e dalla biologia

molecolare, nonché i principi ed applicazioni delle tecnologie del DNA

ricombinante. I candidati devono possedere conoscenze sulle principali applicazioni

biotecnologiche nel campo animale e microbico e conoscenze approfondite delle

applicazioni che sfruttano conoscenze specialistiche nel campo della chimica

farmaceutica e della chimica organica. Devono inoltre essere in grado di consultare

materiale bibliografico, testi specialistici, banche dati ed altre informazioni disponibili

in internet.

5. Considerando che la lingua in cui si terrà il corso di laurea magistrale in

Pharmaceutical Biotechnology è l'inglese, è prevista obbligatoriamente una

conoscenza della lingua inglese di livello non inferiore a B2 del quadro di riferimento

delle lingue del Consiglio d’Europa. Tale livello di conoscenza della lingua inglese

corrisponde al possesso di una delle certificazioni indicate nella tabella delle

certificazioni internazionali riconosciute dall’ateneo. Gli studenti che non risultino in

possesso di tali competenze relative alla lingua inglese potranno comunque iscriversi

al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology, ma dovranno

conseguire una delle certificazioni suddette prima di sostenere gli esami del secondo

anno.

6. Modalità di valutazione della preparazione iniziale dello studente - I candidati in

possesso dei requisiti curriculari avranno accesso alla verifica della adeguatezza

della preparazione personale mediante prova di verifica che consiste in un esame

scritto in lingua inglese basato su 50 quesiti a scelta multipla che verteranno sulle

seguenti materie:

a) Matematica, Fisica, Statistica

b) Chimica, Biochimica

c) Biologia, Microbiologia

d) Genetica

e) Immunologia

7. Il livello di conoscenza della lingua inglese sarà verificato mediante certificazione

internazionale riconosciuta valida dall’Ateneo o equipollente idoneità rilasciata dal

centro linguistico di Ateneo (vedi tabella delle certificazioni internazionali

riconosciute dall’ateneo). Sono esonerati i candidati di madrelingua inglese ed i

candidati che hanno conseguito all’estero, in lingua inglese, il titolo di studio

valutato ai fini dell’ammissione al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical

Biotechnology.

8. Ammissione - Saranno ammessi al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical

Biotechnology i candidati che, oltre ad essere in possesso dei requisiti curriculari di

cui al comma 2, abbiano superato la prima prova di verifica, sulla base dei criteri

indicati al precedente comma 6.

- 140 -


I candidati che non supereranno la prova di verifica dovranno acquisire i requisiti di

conoscenza e adeguatezza della preparazione personale attraverso apposite

attività tutoriali predisposte dal corso di laurea magistrale.

9. Ammissione diretta - I candidati in possesso dei requisiti curriculari e che abbiano

conseguito il titolo di studio con una votazione non inferiore a 100/110 verranno

riconosciuti in possesso di adeguata preparazione e quindi esonerati dalla prova di

verifica.

TABELLA DELLE CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI RICONOSCIUTE

DALL’ATENEO

(approvata dal Senato Accademico nella seduta del 12.10.2009)

UNIVERSITY OF CAMBRIDGE FCE (First Certificate in English)

UNIVERSITY OF CAMBRIDGE BEC Vantage (Business English Certificate)

TRINITY COLLEGE LONDON ISE II (Integrated Skills in English)

EDEXCEL London Tests of English EDEXCEL Level 1 Certificate in ESOL

International

T.O.E.F.L. Internet-Based Test 87 – 109

IELTS “Academic” International English Language Testing System 5.5 - 6.4

Conoscenze richieste per l’accesso

Per l’accesso al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical Biotechnology, oltre a

dimostrare il possesso di requisiti curriculari (di cui all’art. 3, comma 2. del

Regolamento Didattico), sarà necessario possedere un’adeguata preparazione

personale in materie fondamentali quali matematica, fisica e chimica generale e in

materie che forniscono le conoscenze di base sulla struttura e funzionamento della

cellula e del materiale genetico. I candidati, inoltre, devono essere in possesso delle

nozioni sulla morfologia e fisiologia degli organismi e microorganismi modello delle

biotecnologie, di conoscenze approfondite della struttura e funzione delle molecole

biologiche che vengono fornite dalle discipline biochimiche e dalla biologia

molecolare, nonché i principi ed applicazioni delle tecnologie del DNA

ricombinante.

I candidati devono possedere conoscenze sulle principali applicazioni

biotecnologiche nel campo animale e microbico e conoscenze approfondite delle

applicazioni che sfruttano conoscenze specialistiche nel campo della chimica

farmaceutica e della chimica organica. Devono inoltre essere in grado di consultare

materiale bibliografico, testi specialistici, banche dati ed altre informazioni disponibili

in internet.

Considerando che la lingua in cui si terrà il corso di laurea magistrale in

Pharmaceutical Biotechnology è l'inglese, è prevista obbligatoriamente la

conoscenza della lingua inglese non inferiore al livello B2 in tutte le competenze

linguistiche (espressione scritta, espressione orale, comprensione alla lettura,

comprensione all’ascolto) con riferimento anche al lessico specialistico. Tale livello di

conoscenza della lingua inglese corrisponde al “First Certificate in English” (FCE vedi

tabella delle certificazioni internazionali riconosciute dall’ateneo).

- 141 -


Gli studenti che non risultino in possesso di tali competenze relative alla lingua inglese

potranno comunque iscriversi al corso di laurea magistrale in Pharmaceutical

Biotechnology, ma dovranno conseguire il “First Certificate in English” entro il primo

anno accademico, pena l’impossibilità di iscrizione al secondo anno del corso di

laurea.

Sbocchi occupazionali e professionali

I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology (classificazione delle attività

economiche, ATECO2002: M 80.30.1 Corsi di laurea e di diploma universitario) sono

esperti nell'utilizzo di tecniche per la progettazione di molecole innovative in campo

farmaceutico e nella preparazione di prodotti per la salute umana ed animale per

mezzo di metodologie biotecnologiche.

Essi potranno dirigere laboratori a prevalente caratterizzazione biotecnologica e

coordinare, anche a livello gestionale ed amministrativo, l'applicazione e lo sviluppo

delle biotecnologie con particolare riguardo alla produzione di vaccini e di nuovi

composti di interesse farmaceutico, tenendo anche conto dei risvolti tecnici,

legislativi, etici ed economici (Classificazione delle attività economiche, ATECO2002:

DG 24.41 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base; DG 24.42 Fabbricazione di

medicinali e preparati farmaceutici; DG 24.66.1 Fabbricazione di prodotti chimici

organici mediante processi di fermentazione o derivati da materie prime vegetali).

I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology, grazie ai loro elevati livelli di

conoscenza e di esperienza in ambito scientifico e tecnologico, ed anche sulla base

della conoscenza della lingua inglese perfezionata durante il corso, potranno

svolgere attività e funzioni di alta responsabilità.

La conoscenza della lingua inglese ad un livello sicuramente superiore al livello B2

richiesto al momento dell'iscrizione, permetterà ai laureati magistrali in

Pharmaceutical Biotechnology di accedere ad un maggior numero di sbocchi

professionali nel mondo del lavoro a livello nazionale ed internazionale, pubblico e

privato. In particolare, essi potranno:

1. promuovere e sviluppare, con autonomia operativa, l'innovazione scientifica

e tecnologica nel settore delle biotecnologie applicate in campo

farmaceutico, diagnostico, cosmetico, dei biomateriali e dei vaccini;

2. progettare ed applicare metodologie scientifiche e tecnologiche per la

ideazione e lo sviluppo di farmaci innovativi, per la diagnosi di patologie

umane ed animali, per l'ottenimento di biomateriali da utilizzare per la

sostituzione di tessuti ed organi;

3. organizzare e coordinare la messa a punto di protocolli sperimentali per la

produzione di farmaci biotecnologici e prodotti farmaceutici innovativi, la loro

analisi, identificazione e caratterizzazione, la formulazione e la veicolazione.

Gli sbocchi occupazionali riguardano settori applicativi dell'industria

farmaceutica per la progettazione, la produzione ed il controllo di farmaci

biotecnologici e vaccini; per lo sviluppo di diagnostici, cosmetici e

biomateriali; per la progettazione e sviluppo di sistemi biologici per la

produzione di agenti di interesse diagnostico e terapeutico;

4. dedicarsi ad attività di docenza in scuole di ogni ordine e grado, una volta

completati gli ulteriori specifici percorsi formativi.

- 142 -


I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology potranno operare nell'industria

orientata alla tutela della salute umana (in particolare, nei settori farmaceutico,

diagnostico, cosmetico e dei biomateriali), tramite prodotti e servizi avanzati; nei

laboratori di analisi chimico-biotecnologiche e biologico-molecolari (Classificazione

delle attività economiche, ATECO2002: N 85.14.1 Laboratori di analisi cliniche, igiene

e profilassi); come consulenti in settori specifici delle biotecnologie, nonché presso

istituti di ricerca ed aziende pubbliche o private, nazionali ed internazionali, che

operino nel settore biotecnologico applicato al campo farmaceutico, cosmetico,

dei vaccini e dei biomateriali.

I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology saranno preparati alla

professione di biochimico, biologo, biotecnologo alimentare, biotecnologo

farmaceutico, farmacologo, microbiologo.

Offerta formativa proposta per la prosecuzione degli studi

SCUOLE DI DOTTORATO

Biologia evoluzionistica

Biologia e fisiopatologia cellulare

Biomedicina e Scienze Immunologiche

Biotecnologie

Biotecnologie Mediche

Fisiologia-Farmacologia-Tossicologia Molecolare e Cellulare

Medicina molecolare

Oncologia e Genetica

MASTERS DI II LIVELLO

Drug Design and Synthesis

E-learning international master in cosmetic science and technology

Fitoterapia applicata

Fitoterapia

Scienza e Tecnologia Cosmetiche

Tecnologie farmaceutiche industriali

Valutazione della sicurezza dei prodotti cosmetici

Bioinformatica “A. Del Lungo”

CORSI DI PERFEZIONAMENTO

Fitoterapia

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE

- 143 -


RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI

Conoscenza e capacità di comprensione

I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology conseguono conoscenze e

capacità di comprensione nel settore biotecnologico applicato alla progettazione,

produzione, controllo di farmaci (terapeutici, vaccini), prodotti per la salute e presidi

medico-chirurgici (diagnostici, cosmetici, biomateriali). I laureati magistrali in

Pharmaceutical Biotechnology conoscono in modo approfondito la struttura e la

funzione dei sistemi biologici, sulla base delle logiche molecolari e informazionali, dal

livello cellulare a quello degli organismi; possiedono solide conoscenze della struttura

e della funzione delle macromolecole biologiche e dei processi cellulari e

fisiopatologici nei quali intervengono; possiedono conoscenze di tipo biochimicomolecolare,

a livello macromolecolare e cellulare, delle cellule procariotiche,

eucariotiche e degli agenti microbici, delle loro strutture ed attività, della loro

modificazione e manipolazione genetica, nonché della produzione di enzimi, vettori,

biomateriali, cosmetici biotecnologici; possiedono adeguate conoscenze di

bioinformatica ed approfondite conoscenze di modellismo molecolare

computazionale applicato alla progettazione di farmaci; conoscono le tecniche

analitiche integrate applicate al processo del “drug discovery”; conoscono le

tecniche di sintesi di oligonucleotidi e peptidi; conoscono le metodiche per la

formulazione e veicolazione di farmaci nonché i meccanismi alla base

dell’assorbimento, distribuzione, metabolismo ed eliminazione dei farmaci;

conoscono i processi e gli impianti biotecnologici, la strumentazione scientifica e

l’organizzazione del laboratorio; conoscono gli aspetti economici utili a verificare la

validità dei processi biotecnologici, le normative in campo biotecnologico,

laboratoristico e produttivo, nonché le tecniche di controllo della qualità. In

particolare, conoscono i principi e la base dello sviluppo di vaccini e diagnostici e le

relative tecnologie di produzione.

Le conoscenze sopraelencate sono acquisite mediante le attività caratterizzanti,

affini ed integrative ed anche attraverso ulteriori attività formative utili all’inserimento

nel mondo del lavoro, che prevedono partecipazione a lezioni frontali, intensa

attività di laboratorio ed esercitazioni. Le modalità di verifica dell’apprendimento

sono quelle classiche del colloquio orale e/o dell’elaborato scritto che ha come

presupposto l’impiego del rigore logico.

I laureati magistrali, attraverso il supporto di libri di testo avanzati, della consultazione

della letteratura scientifica e di opportuni mezzi informatici quali banche dati, sono

in grado di apprendere argomenti di avanguardia riguardanti le problematiche

connesse con la progettazione, lo sviluppo, la produzione, il controllo di farmaci ed

altri prodotti biotecnologici per la salute dell’uomo, di elaborare ed applicare in tali

contesti idee e procedure originali anche in un ambito di ricerca sia di base che

applicata.

Inoltre, i laureati magistrali avranno raggiunto un livello di conoscenza della lingua

inglese sicuramente superiore al livello B2 richiesto al momento dell'iscrizione e che

permetterà loro un maggior numero di sbocchi professionali nel mondo del lavoro a

livello internazionale.

- 144 -


Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Il laureato magistrale in Pharmaceutical Biotechnology è capace di effettuare

analisi genomiche e proteomiche; conosce in modo approfondito ed è capace di

applicare le tecniche di modificazione genica di organismi e microrganismi e di

purificazione e analisi delle biomolecole; conosce ed è capace di applicare le

tecniche fondamentali nei vari campi delle biotecnologie farmaceutiche, con

particolare attenzione agli approcci multidisciplinari che le connotano; conosce ed

è capace di applicare tecniche per la produzione di vettori; conosce ed è capace

di applicare tecniche per la produzione di biomateriali e la valutazione della loro

biocompatibilità; è capace di acquisire, elaborare e trasmettere dati e informazioni

anche con strumenti elettronici, con particolare riguardo al settore bioinformatico.

Il laureato magistrale in Pharmaceutical Biotechnology deve quindi aver acquisito la

capacità di applicare tecniche "allo stato dell'arte" in uno dei seguenti settori:

progettazione di farmaci mediante metodiche computazionali; produzione di

farmaci e prodotti biotecnologici per la salute dell’uomo e loro analisi;

identificazione e caratterizzazione di bersagli biologici; formulazione e veicolazione

dei farmaci; valutazione dell'interferenza dei farmaci sul genoma e sul proteoma.

I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology, attraverso l'ampia esperienza

pratica maturata nei laboratori di ricerca e più precisamente attraverso

l'applicazione di tecnologie avanzate alla soluzione di un problema scientifico,

devono entrare in possesso di un metodo di lavoro trasferibile ad altri contesti

specifici e saper organizzare la propria attività anche in funzione dei tempi di

attuazione e dei costi corrispondenti.

Gli strumenti didattici finalizzati al raggiungimento delle capacità di applicare le

conoscenze nell'ambito delle attività formative caratterizzanti, affini e integrative ed

anche attraverso ulteriori attività formative utili all’inserimento nel mondo del lavoro,

includono una intensa attività di laboratorio a posto singolo, e la riflessione su,

rielaborazione e presentazione di testi scientifici analizzati. Più specificamente,

l’intensa attività sperimentale necessaria per l’elaborazione del progetto scientifico

di tesi, cui è stato dedicato un congruo numero di crediti (30), fornirà uno strumento

didattico essenziale per il raggiungimento della capacità di applicare le

conoscenze acquisite.

La valutazione delle capacità applicative della conoscenza acquisita e della

capacità di comprensione verrà attuata mediante prove che prevedano la

soluzione di problemi tecnico-scientifici attraverso verifiche scritte e/o orali,

esperienze di laboratorio, elaborazione e discussione di relazioni su esperimenti svolti

e presentazioni orali su argomenti scientifici all’avanguardia nel settore

biotecnologico.

Autonomia di giudizio

I docenti stimolano gli studenti ad avere senso critico e a formulare giudizi; i laureati

magistrali in Pharmaceutical Biotechnology acquisiscono, attraverso le discipline a

carattere sia teorico che di laboratorio, la capacità di raccogliere ed interpretare

dati sperimentali connessi con le tematiche del settore farmaceutico.

- 145 -


L'ampia parte di percorso formativo dedicata all'attività pratica di laboratorio

consente agli studenti di confrontarsi con i problemi, sia scientifici che più

prettamente tecnici, incontrati durante lo svolgimento di uno specifico progetto. A

seguito di tale esperienza e delle nozioni apprese nei corsi di insegnamento, i laureati

magistrali devono aver acquisito una metodologia di lavoro trasferibile a contesti

diversi di attività di ricerca o di ricerca e sviluppo, principalmente basata sulle

seguenti capacità: essere in grado di analizzare i problemi posti dall'attività di

ricerca, individuando autonomamente gli approcci metodologici più idonei ed

efficaci per il raggiungimento degli obiettivi; conoscere i criteri e i limiti di impiego

delle tecnologie apprese e quindi valutarne l'applicabilità in contesti diversi; saper

valutare criticamente i risultati ottenuti. Il laureato magistrale è capace di lavorare

con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità di progetti e strutture; è

capace di utilizzare la strumentazione scientifica nel campo delle biotecnologie e di

progettare ed organizzare attività di laboratorio, utilizzando tecniche innovative; è

capace di analizzare, gestire e divulgare i dati dei protocolli sperimentali ed è in

grado di analizzare criticamente e risolvere problematiche scientifiche legate alle

biotecnologie; possiede capacità autonoma di giudizio sulle problematiche sociali,

scientifiche ed etiche, legate alle biotecnologie; è capace di adattarsi ad ambiti

lavorativi diversi; è capace di reperire ed interpretare fonti, dati, letteratura in

campo scientifico. L’autonomia di giudizio viene coltivata nello studente mediante

letture di articoli scientifici o letture dedicate a uno specifico tema scientifico

biotecnologico che produrranno presentazioni elaborate in maniera autonoma

dallo studente. Specificamente dedicata all’acquisizione dell’autonomia di giudizio

è l’elaborazione del progetto scientifico originale di tesi, il quale culminerà in un

elaborato autonomo provvisto di bibliografia.

Abilità comunicative

I laureati magistrali in Pharmaceutical Biotechnology, soprattutto attraverso l'ampio

spazio dedicato alla raccolta ed organizzazione dei dati ottenuti attraverso la

ricerca svolta, nonché all'esposizione degli stessi nell'elaborato da discutere nella

prova finale, devono acquisire la capacità di comunicare i risultati scientifici ottenuti

in maniera chiara ed univoca, in forma scritta e parlata ed anche ricorrendo

all'impiego di programmi informatici. Il laureato magistrale è capace di lavorare in

gruppo nell’ambito della progettazione ed applicazione di protocolli sperimentali;

possiede capacità relazionali e di comunicazione che gli permettono di lavorare

anche in contesti internazionali; è capace di utilizzare fluentemente in forma scritta e

orale la lingua inglese; è capace di divulgare i dati sperimentali e di redigere

rapporti tecnico-scientifici, sia in italiano che in inglese; deve infine saper trasferire

l'informazione sugli argomenti oggetto delle proprie competenze professionali in

maniera comprensibile anche ad interlocutori non specialisti. In particolare, tali

capacità verranno verificate al momento dello svolgimento dell'internato, della

redazione di presentazioni orali su specifici argomenti scientifici biotecnologici

assegnati agli studenti e della redazione e discussione della tesi di laurea.

Capacità di apprendimento

Il laureato magistrale in Pharmaceutical Biotechnology deve aver sviluppato le

capacità di apprendimento necessarie per approfondire tematiche complesse nel

campo di competenza; approfondire e mettere a punto tecniche innovative nel

campo delle biotecnologie; lavorare in modo autonomo e proseguire

autonomamente in studi superiori in campo biotecnologico che gli consentano

l’accesso ad un ulteriore livello di formazione (master, specializzazione, dottorato di

- 146 -


icerca, post-dottorato) e lo sviluppo ed organizzazione di percorsi di

autoapprendimento per una formazione professionale permanente. Le modalità di

verifica della personale preparazione sono previste nel Regolamento Didattico in

maniera dettagliata per ciascuna attività formativa.

ACCORDI INTERNAZIONALI

Coordinatore locale Prof.ssa Annalisa Santucci

University of Liverpool

Liverpool, UK

Prof. James A. Gallagher

School of Biomedical Sciences

Dept. Biomedical Sciences

http://www.liv.ac.uk/hacb

University of Vienna

Vienna, A

Prof. Oskar Hoffmann

Institute of Pharmacology and Toxicology

Dept. of Pharmacology and Toxicology

http://www.univie.ac.at/ptox/index.html

The Scripps Research Insitute

La Jolla, CA, USA

Prof. Luigi Pulvirenti

Dept. of Neuropharmacology

http://www.scripps.edu/e_index.html

The University of Auckland

Auckland, New Zealand

Prof. Jillian Cornish

Faculty of Medicine and Health Sciences

School of Medicine

Dept. of Medicine

http://www.fmhs.auckland.ac.nz/

Ulteriori informazioni:

Uff. SPECIALE PER LE RELAZIONI INTERNAZIONALI

Annalisa Poggialini e-mail: poggialini@unisi.it

Tiziana Gatti e-mail: gatti2@unisi.it

- 147 -


UNIVERSITY-COMPANIES COLLABORATIONS

- 148 -

http://www.biosuma.it/

http://www.diesse.it/

http://www.lima.it/

http://www.moltenitherapeutics.it/

http://www.novartis.it/

http://www.sienabiografix.it/

http://www.sienabiotech.com

http://www.sorin.com/eng/index.asp

http://www.toscanalifesciences.org/


PIANO DEGLI STUDI DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN

PHARMACEUTICAL BIOTECHNOLOGY

Anno Accademico 2010/2011

Classe delle Lauree Magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

I ANNO - I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Advanced physiology

Fisiologia avanzata

Modulo 1: Molecular and cellular

physiology

Fisiologia molecolare e cellulare

Modulo 2: Advanced methodologies

in physiology

Metodologie avanzate in fisiologia

Genomics and Pharmacogenomics

Genomica e Farmacogenomica

Modulo 1: Molecular biotechnology and

genomic analysis

Biotecnologie molecolari e analisi

genomica

Modulo 2: Farmacogenetica e

farmacogenomica

Pharmacogenetics and

pharmacogenomics

Advanced biochemistry and bioorganic

chemistry

Corso avanzato di biochimica e

chimica bioorganica

Modulo 1: The ‘omics technologies:

Post-genomics (transcriptomics,

proteomics, metabolomics,

metabonomics)

Le tecnologie "omiche": post-genomica

(trascrittomica, proteomica,

metabolomica, metabonomica)

Modulo 2: Advanced bioorganic

chemistry

Chimica bioorganica avanzata

SSSSDD

BIO/09

BIO/09

BIO/10

BIO/14

BIO/10

CHIM/06

- 149 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

30

60

23

23

30

30

CCFFUU

4

6

3

3

4

4

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

EI

EI

EI

EI

EI

EI

TTAAFF

Caratterizzante

Caratterizzante

Caratterizzante

Caratterizzante

Caratterizzante

Caratterizzante


IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Pharmacology and toxicology of

biotechnological drugs

Farmacologia e tossicologia dei farmaci

biotecnologici

Modulo 1: Pharmacokinetics and

pharmacodynamics of

biotechnological drugs

Farmacocinetica e farmacodinamica

dei farmaci biotecnologici

Modulo 2: Experimental pharmacology

and toxicology (in vitro cellular and ex

vivo pharmacology, in vivo models)

Farmacologia e tossicologia

sperimentale (farmacologia cellulare in

vitro ed ex vivo, modelli in vivo)

SSSSDD

BIO/14

BIO/14

- 150 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

TOTALE CFU I semestre 34

I ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Biotechnology and biomaterials

Biotecnologia e biomateriali

Modulo 1: Biotechnological applications

in biomaterials

Applicazioni biotecnologiche ai

biomateriali

Modulo 2: Methods for assessing

biocompatibility

Metodi per la valutazione della

biocompatibilità

SSSSDD

CHIM/03

BIO/10

30

53

Or ree

LLeezzi iioonnee

23

23

CCFFUU

4

6

CCFFUU

3

3

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

EI

EI

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

EI

EI

TTAAFF

Caratterizzante

Caratterizzante

TTAAFF

Affine/

integrativa

Caratterizzante


IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Drug design and discovery

Progettazione e scoperta di nuovi

farmaci

Modulo 1:

Drug design and molecular modelling

Progettazione di farmaci e modellismo

molecolare

Modulo 2:

Discovery of drugs and biomarkes

Scoperta di farmaci e biomarcatori

Molecular microbiology

Microbiologia molecolare

Modulo 1: Molecular microbiology for

drug discovery (formulation and

delivery)

Microbiologia molecolare per la

scoperta dei farmaci (formulazione e

distribuzione)

Modulo 2: Vaccines biotechnology

Biotecnologia dei vaccini

Industrial production of

biotechnological drugs

Produzione industriale di farmaci

biotecnologici

Modulo 1: Pharmaceutical technologies

development: How to develop the final

vaccine dosage form

Sviluppo di tecnologie farmaceutiche:

come si arriva alla forma di dosaggio

finale di un vaccino

Modulo 2: Fermentation biotechnology

Biotecnologia delle fermentazioni

SSSSDD

CHIM/08

BIO/10

MED/07

MED/07

CHIM/09

CHIM/11

- 151 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

23

23

30

30

CCFFUU

3

3

4

4

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

Attività formative a scelta dello

studente 1 6 APV

TOTALE CFU II semestre 34

30

30

4

4

EI

EI

EI

EI

EI

EI

TTAAFF

Caratterizzante

Affine/

integrativa

Caratterizzante

Caratterizzante

Affine/

integrativa

Affine/

integrativa

Altre attività

formative

1 Attività formative di tipo seminariale o stage organizzate anche presso aziende partner.


II ANNO – I SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Analysis of biotechnological drugs

Analisi dei farmaci biotecnologici

Modulo 1: Chemical analysis of

biodrugs, diagnostics and vaccines

Analisi chimica dei biofarmaci,

diagnostici e vaccini

Modulo 2: Applied pharmaceutical

microbiology

Microbiologia farmaceutica applicata

Biotechnology in cosmetic science

Biotecnologia nelle scienze cosmetiche

Modulo 1: Biotechnology in cosmetic

science: Concepts

Biotecnologia nelle scienze cosmetiche:

concetti

Modulo 2: Biotechnology in cosmetic

science: Tools and techniques

Biotecnologia nelle scienze cosmetiche:

strumenti e tecniche

SSSSDD

CHIM/01

MED/07

CHIM/09

CHIM/09

- 152 -

Or ree

LLeezzi iioonnee

38

30

23

23

CCFFUU

3

3

3

3

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

EI

EI

EI

EI

TTAAFF

Caratterizzante

Caratterizzante

Caratterizzante

Affine/

integrativa

Altre attività: ulteriori attività 6 Altre attività

formative

TOTALE CFU I semestre 18

II ANNO - II SEMESTRE

IInnsseeggnnaameennt

I

ttoo

Attività formative a scelta dello

studente

SSSSDD

Or ree

LLeezzi iioonnee

CCFFUU

TTi iippool llooggi iiaa

vveer ri iif ffi iiccaa

ppr roof ffi iit ttt ttoo

4 APV

Prova finale 30 APV

TOTALE CFU II semestre 34

LEGENDA:

SSD: Settore Scientifico Disciplinare

CFU: Crediti Formativi Universitari

TAF: Tipologia Attività Formativa

TTAAFF

Altre attività

formative

Altre attività

formative


SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA

CONSIGLIO DELLA SCUOLA (aggiornato a giugno 2010)

DIRETTORE Telefono: e-mail:

Prof. Valter Travagli +39 0577-234317 travagli@unisi.it

Docenti Telefono: e-mail:

Prof. Cecilia Anselmi +39 0577-232039 anselmic@unisi.it

Prof. Maurizio Anzini +39 0577-234173 anzini@unisi.it

Prof. Angiolo Benedetti +39 0577-234021 benedetti@unisi.it

Dott. Alessandro D’Arpino +39 0744.740206 alessandro.d'arpino@asl4.terni.it

Prof. Isabella Fiorini +39 0577 234329 fiorini@unisi.it

Dott. Silvano Giorgi +39 0577 586322 s.giorgi@ao-siena.toscana.it

Prof. Paola Lusini +39 0577 234344 lusinip@unisi.it

Prof. Emanuele Montomoli +39 0577 234134 montomoli@unisi.it

Dott. Luciana Pazzagli +39 055 7949244 luciana.pazzagli@asf.toscana.it

Prof. Simona Saponara +39 0577 234438 saponara@unisi.it

Rappresentanti degli Specializzandi e-mail:

Dott. Eleonora Cesqui eleonora.cesqui@hotmail.it

Dott. Donata Iozzi donataiozzi@yahoo.it

Dott. Davide Paoletti paolettida@libero.it

Obiettivi Scuola

Lo specialista in Farmacia Ospedaliera deve avere maturato conoscenze teoriche,

scientifiche e professionali nel campo della farmacia clinica, della farmacoterapia e

dell'utilizzo delle tecnologie sanitarie, della farmacoeconomia nonché della

legislazione sanitaria, con particolare riferimento al settore farmaceutico, utili

all'espletamento della professione nell'ambito delle strutture farmaceutiche

ospedaliere e territoriali del Servizio Sanitario Nazionale. Sono specifici ambiti di

competenza la gestione dei farmaci e dei dispositivi medici, la produzione di

farmaci anche a carattere sperimentale, l'informazione e documentazione sul

farmaco, la vigilanza sui prodotti sanitari, la vigilanza sull'esercizio farmaceutico.

- 153 -


OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivi formativi integrati (ovvero tronco comune): lo specializzando deve

acquisire una soddisfacente conoscenza teorica e competenza professionale

nell'ambito delle discipline che contribuiscono alla definizione della classe di Area

Farmaceutica con particolare riguardo a quelle ricomprese nei SSD Chimica

farmaceutica, Farmaceutico tecnologico applicato, Farmacologia, Chimica degli

alimenti, Biochimica, Patologia clinica e Microbiologia e Microbiologia clinica. Egli

deve conoscere gli aspetti di responsabilità professionale legati al ruolo di

farmacista, i principi ispiratori della legislazione farmaceutica ed i doveri professionali

ad essa connessi; inoltre, deve acquisire conoscenze riguardanti l'organizzazione dei

servizi, i principi che sottendono la gestione dei servizi farmaceutici e la

programmazione degli interventi specifici, inerenti la salute. Lo specializzando deve

acquisire le conoscenze necessarie ad organizzare e gestire la propria attività di

farmacista in rapporto alle caratteristiche delle strutture e del territorio in cui è tenuto

ad operare; obiettivi formativi di base:

l'acquisizione di conoscenze nelle discipline biologiche e mediche attinenti

l'organismo umano, sia in condizioni normali che patologiche che permettano la

completa valutazione della farmacoterapia in generale, con particolare riferimento

alla efficacia ed appropriatezza degli interventi terapeutici, e lo svolgimento di

attività di Farmacovigilanza, con particolare riferimento alla farmacotossicocinetica,

alla valutazione del rischio/beneficio dei trattamenti farmacologici ,

alle interazioni tra biomolecole e farmaci;

l'acquisizione di conoscenze sia delle metodologie statistiche e statisticoepidemiologiche

che degli aspetti applicativi delle stesse con particolare riguardo

all'area della farmacoepidemiologia;

l'acquisizione di conoscenze specifiche nelle discipline tecnologiche dei medicinali,

con particolare riferimento alla produzione galenica dei medicinali, al loro controllo

ed alla relativa impiantistica, secondo i principi delle norme di buona preparazione

e fabbricazione;

l'acquisizione di conoscenze ed approfondimento delle problematiche inerenti la

galenica clinica, in particolare per quanto riguarda la formulazione dei medicinali e

le tecniche di allestimento di terapie iniettabili in dose unitaria personalizzata, ivi

inclusi i radiofarmaci, secondo i principi delle norme di buona dispensazione;

l'acquisizione di conoscenze attinenti la preparazione, fabbricazione, conservazione

ed utilizzo dei prodotti della salute (dispositivi medici, diagnostici e dietetici);

obiettivi formativi della tipologia della Scuola:

l'acquisizione di specifiche competenze finalizzate alla ricerca, identificazione ed

archiviazione dell'informazione biomedica, clinicamente rilevante, attraverso l'utilizzo

di banche dati al fine di applicare le metodologie della Evidence-Based Medicine,

della Evidence-Based Health Care e dell'Health Tecnology Assessment (HTA) nello

specifico ambito di competenza (definizione e aggiornamento di prontuari

terapeutici, partecipazione alla predisposizione di linee-guida e percorsi diagnostico

terapeutici in particolari aree della terapia,verifica della efficacia, sicurezza, costi

delle tecnologie, quali medicinali, dispositivi medici e materiale diagnostico utilizzati

per l'assistenza sanitaria);

l'acquisizione di conoscenze nel campo della Sperimentazione Clinica, con

particolare riguardo agli aspetti normativi e di valutazione dei protocolli sperimentali;

l'acquisizione di conoscenze approfondite ed integrate, che permettano di ricavare,

dalla struttura del principio attivo e dalla sua formulazione, informazioni specifiche

da utilizzare nella interpretazione razionale e molecolare dei processi

farmacocinetici e farmacodinamici, sia sul piano farmacologico che su quello

tossicologico. Questo allo scopo di utilizzare, in modo appropriato, le metodologie

orientate: alla Informazione e Documentazione sul farmaco e sulle tecnologie

sanitarie in genere; alla educazione sanitaria ed alla conoscenza degli impieghi

- 154 -


terapeutici dei medicinali; alla variabilità di risposta in rapporto a fattori genetici e

fisiopatologici; alle interazioni farmacologiche ed ai criteri di definizione dei piani

terapeutici.

le conoscenze delle metodiche analitiche applicabili ai principi attivi ed ai

medicinali;

l'acquisizione di specifiche conoscenze sulla nutrizione che permettano di informare,

documentare e vigilare sui prodotti dietetici;

l'acquisizione di conoscenze che permettano di valutare eventuali interferenze dei

farmaci sulle analisi chimico-cliniche;

la conoscenza in materia di gestione dei sistemi di qualità, delle tecniche di controllo

di qualità analitico e microbiologico e la loro applicazione alle materie prime, agli

imballaggi ed ai prodotti finiti preparati nella farmacia ospedaliera;

la conoscenza dei fondamenti e dell'utilizzazione dei sistemi di elaborazione dei dati

e l'acquisizione di competenze, atte a impostare processi di rilevazione ed analisi dei

dati, attraverso i quali pervenire alla realizzazione di studi di Farmacoutilizzazione,

Farmacoepidemiologia, Farmacovigilanza e Farmacoeconomia, finalizzati al

monitoraggio della prescrizione e al management della spesa farmaceutica;

l'acquisizione di conoscenze nel campo della Nutrizione artificiale finalizzate alla

valutazione/allestimento delle terapie personalizzate di Nutrizione Parenterale ed

Enterale;

l'acquisizione di conoscenze specifiche nel campo delle terapie oncologiche e di

supporto finalizzate allo sviluppo della farmacia oncologica;

l'acquisizione di conoscenze specifiche nel campo della terapia del dolore;

le conoscenze riguardanti le normative nazionali e comunitarie che regolano le varie

attività del settore farmaceutico.

Sono obiettivi affini o integrativi:

lo specialista in area farmaceutica deve altresì:

- conoscere i fondamenti nell'ambito del management sanitario, con particolare

riguardo alla gestione delle risorse;

- conoscere le norme legislative che regolano l'organizzazione sanitaria, con

particolare approfondimento sulle norme che regolano l'esercizio farmaceutico;

- acquisire competenze informatiche, utili alla gestione dei sistemi informativi dei

servizi farmaceutici;

- conoscere la lingua inglese ad un livello che consenta la comprensione della

letteratura internazionale e l'aggiornamento.

Sono attività professionalizzanti obbligatorie:

la formazione dello specializzando deve prevedere la partecipazione guidata ed

assistita a tutte le attività che si svolgono presso le strutture Farmaceutiche

Ospedaliere e Territoriali del SSN.

Sono attività professionalizzanti obbligatorie per il raggiungimento delle finalità

didattiche della tipologia Farmacia Ospedaliera:

Informazione e documentazione scientifica

Interrogazione di banche dati ed altre fonti informative, reperimento di voci

bibliografiche, interpretazione dei dati di lavori clinici, revisioni sistematiche,

metanalisi, per almeno 100 ore.

Attività di informazione passiva: 100 ore con elaborazione di almeno 50 risposte a

quesiti specifici;

Attività di informazione attiva: partecipazione alla elaborazione di almeno 2 progetti

con produzione di testi rivolti a sanitari o pazienti/cittadini;

Farmacovigilanza e vigilanza sui dispositivi medici;

Partecipazione alle attività di raccolta, analisi e monitoraggio delle segnalazioni di

reazioni avverse da farmaci, incidenti/mancati incidenti conseguenti all'impiego di

dispositivi medici per un totale di 200 ore.

- 155 -


Gestione dei flussi informativi inerenti il sistema di farmacovigilanza, quali la

segnalazione spontanea delle ADRs, il sistema nazionale di registrazione, i principali

siti informativi, il sistema di allerta nazionale e locale: 100 ore.

Produzione di almeno 4 reports informativi di feed-back destinati ai medici ed

operatori sanitari;

Partecipazione allo sviluppo di almeno un progetto di farmacovigilanza attiva.

Partecipazione a n. 10 interventi di vigilanza ispettiva agli armadi farmaceutici di

reparto.

Sono attività professionalizzanti obbligatorie nell'ambito della Farmacia Ospedaliera:

a. Gestione del farmaco e dei dispositivi medici:

- Partecipazione alla predisposizione di capitolati tecnici per l'acquisizione dei

materiali sanitari ed alle successive fasi di valutazione dei prodotti nell'ambito delle

procedure d'acquisto, per almeno n. 4 procedure di gara.

- Partecipazione alle attività di gestione del Prontuario Terapeutico e del Repertorio

dei Dispositivi medici comprendenti le valutazioni di almeno 20 richieste di

inserimento di nuovi farmaci e 10 dispositivi medici, applicando i principi del

Tecnology Assessment, per un totale di almeno 400 ore.

- Partecipazione ad almeno 5 riunioni della Commissione Terapeutica Locale.

- Valutazione delle richieste dei prodotti in fase di distribuzione, con particolare

riferimento alle prescrizioni di farmaci personalizzate, e gestione dei farmaci

stupefacenti e psicotropi per un totale di almeno 200 ore.

- Partecipazione alle attività di analisi della prescrizione farmaceutica in ambito

ospedaliero con elaborazione di almeno 3 report di farmacoutilizzazione e/o di

valutazione dell'impiego clinico di dispositivi medici ad elevata tecnologia.

- Partecipazione alle attività correlate alla contabilità direzionale per centri di costo,

con elaborazione di report di analisi dei consumi e dei costi, per un totale di almeno

n. 200 ore ed elaborazione di almeno 3 reports.

- Partecipazione alle attività di programmazione e pianificazione, correlate al

processo di definizione del budget aziendale, per almeno n. 100 ore.

b. Sperimentazione Clinica:

- Valutazione di almeno 50 protocolli di sperimentazione, comprendenti la

valutazione metodologica dello studio, la valutazione della documentazione

necessaria ai fini della valutazione da parte dei comitati etici, le modalità di

inserimento dei dati nell'osservatorio del Ministero della Salute. Nei 50 protocolli

devono essere comprese le seguenti tipologie:

sperimentazioni con farmaci, sperimentazioni con dispositivi medici e altre

tecnologie, studi epidemiologico-osservazionali;

- Partecipazione ad almeno 5 riunioni di un Comitato Etico locale, durante le quali,

oltre alla valutazione di protocolli di sperimentazione, venga analizzato almeno un

quesito etico;

- gestione dei campioni sperimentali (ricezione, contabilità, visite del monitor,

restituzione etc.) per almeno 5

sperimentazioni;

- Aver assistito alla gestione della randomizzazione/allestimento del farmaco

sperimentale o aver effettuato visite in reparto,

per la verifica del rispetto delle Good Clinical Practices, da parte degli

sperimentatori per almeno una sperimentazione;

- Aver prodotto almeno un esempio di report di attività di un comitato etico,

relativamente agli indicatori principali degli studi.

c. Preparazione dei medicinali in farmacia secondo F.U.:

- Programmazione e produzione di preparati magistrali e officinali non sterili,

comprendente la valutazione della prescrizione medica, della formulazione tecnica

- 156 -


(studio di fattibilità, scelta dei materiali e delle metodiche di allestimento) e dei

controlli di qualità da effettuare per almeno n. 200 preparazioni/lotti.

- Produzione di preparati magistrali obbligatoriamente sterili, eseguiti per il singolo

paziente su indicazione medica, quali miscelazioni, diluizioni, ripartizioni di terapie

nutrizionali, antiblastiche, antinfettive, antidolorifiche e di supporto alla cura del

paziente, radiofarmaci, comprendente la valutazione ed interpretazione dei dati

della prescrizione, la valutazione della fattibilità tecnica della preparazione,

l'elaborazione della formulazione, la conoscenza delle tecniche di allestimento

anche mediante l'utilizzo di sistemi automatizzati ed altre attrezzature dedicate, le

operazioni di verifica sul prodotto finito previste dalla FU., per almeno n. 200

preparazioni.

- Compilazione ed archiviazione della documentazione relativa alle attività del

processo di produzione di medicinali riguardante ambienti, attrezzature, materie

prime e preparazioni magistrali ed officinali, per almeno n. 100 preparazioni/lotti.

- Valutazione, programmazione ed, in alcuni casi, esecuzione dei controlli su

ambienti, attrezzature ed eventuali punti critici delle operazioni di preparazione, in

rispondenza a quanto prescritto dalla FU., per almeno n. 20 lotti di officinali.

- Partecipazione all'attività di monitoraggio dei pazienti trattati con terapie

personalizzate, comprendente la raccolta, l'inserimento e l' elaborazione dei dati,

attraverso procedure informatiche specifiche, per almeno 50 pazienti/casi ed

elaborazione di almeno 3 reports di analisi dei pazienti trattati.

- Partecipazione ad almeno 3 riunioni di commissioni e/o gruppi di lavoro

interdisciplinari quali i Team Nutrizionali, Oncologici, Progetto Ospedale Senza

Dolore, ecc. da cui viene svolta attività di consulenza, di indirizzo e di verifica in

ambiti specifici.

- Partecipazione alla stesura, revisione ed applicazione di procedure e protocolli

operativi relativi alle diverse fasi dei processi di produzione, in accordo con le NBP ed

il Sistema Qualità, per almeno n. 2 procedure/Istruzioni operative).

Sono attività professionalizzanti obbligatorie nell'ambito della Farmaceutica

territoriale

- Partecipazione a interventi di vigilanza ispettiva, inerenti il servizio prestato dalle

farmacie e il commercio dei medicinali, con particolare riferimento a ispezioni

ordinarie, straordinarie, commercio dei medicinali veterinari, distribuzione all'ingrosso

dei medicinali, per almeno n. 10 ispezioni.

- Partecipazione ad attività inerenti i controlli tecnici svolti sulle prestazioni rese dalle

farmacie aperte al pubblico, in regime convenzionale SSN, con riferimento

all'assistenza farmaceutica, protesica/integrativa ed ai compiti assegnati alle

commissioni arbitrali previste dall'Accordo nazionale, per almeno n. 100 ore.

- Partecipazione ad attività inerenti l'erogazione agli utenti del SSN di medicinali ed

altro materiale sanitario afferenti alle aree della continuità assistenziale, ADI,

assistenza protesica integrativa. Monitoraggio delle prescrizioni e verifiche di

appropriatezza, per almeno n. 300 ore.

- Partecipazione e/o analisi dei percorsi riguardanti i procedimenti istruttori degli Atti

amministrativi in tema di farmacie e distribuzione all'ingrosso dei medicinali, assunti

dagli organi competenti (A.USL, Sindaco, Regione, Provincia), per almeno n. 50 ore.

- Monitoraggio dei dati di prescrizione attraverso l'interrogazione di banche dati.

Analisi mirate, orientate alla verifica di appropriatezza dei comportamenti prescrittivi

in Medicina generale. Analisi della reportistica, per almeno n. 300 ore.

- Analisi di alcuni esempi della costruzione e monitoraggio dei progetti obiettivo per il

miglioramento dell'appropriatezza prescrittiva e la razionalizzazione della spesa

farmaceutica in Medicina generale, per almeno n. 200 ore.

Sono infine attività professionalizzanti obbligatorie:

- La partecipazione a corsi di aggiornamento, seminari, dimostrazioni, conferenze e

congressi con tematiche direttamente pertinenti o comunque di completamento al

- 157 -


percorso formativo, accreditati dal Ministero della Salute per l'Educazione Continua

in Medicina;

- La partecipazione ad almeno uno studio multicentrico, in particolare nell'ambito

della farmacoepidemiologia e farmacoeconomia;

Le attività caratterizzanti elettivi a scelta dello studente: il Consiglio della Scuola può

determinare percorsi elettivi, di alta specializzazione nei seguenti ambiti:

- Farmacia Ospedaliera

- Farmaceutica territoriale

Sono obiettivi specifici delle attività elettive della Farmacia Ospedaliera, da svolgersi

nell'ambito delle attività professionalizzanti:

- metodiche di produzione di galenica tradizionale e galenica clinica secondo la

F.U. e GMP;

- sistemi di gestione, manipolazione e distribuzione, anche in dose unitaria, in

condizioni di sicurezza dei prodotti farmaceutici;

- tecniche di benchmarking e loro applicazione alle prestazioni dei fornitori ed

all'indicizzazione dei prezzi;

- monitoraggio delle prescrizioni in ambito ospedaliero ed analisi dei consumi;

- analisi epidemiologiche e statistiche sul consumo dei medicinali;

- attività correlate alla farmacovigilanza ed alla vigilanza sui dispositivi medici, in

ambito ospedaliero;

- informazione e documentazione sul farmaco e sui prodotti sanitari.

Sono obiettivi specifici delle attività elettive della Farmaceutica Territoriale, da

svolgersi nell'ambito delle attività professionalizzanti:

- vigilanza sul corretto svolgimento del servizio e dell'assistenza farmaceutica da

parte delle farmacie convenzionate;

- monitoraggio, analisi e valutazione delle prescrizioni in ambito territoriale;

- management, con particolare riguardo al monitoraggio del budget farmaceutico;

- informazione e documentazione sul farmaco e sui prodotti sanitari;

- analisi epidemiologiche e statistiche sul consumo dei medicinali;

- farmacovigilanza.

Ogni altro obiettivo, che il singolo specializzando, possa ritenere più consono alle sue

inclinazioni nell'ambito dello sviluppo pratico del tirocinio.

- 158 -


PPI IANO DDEEGLLI I SSTTUUDDI I DDEELLLLA SSCUUOLLA DDI I SSPPEECI IALLI IZZZZAZZI IONEE IN I FFARRMACI IA OSSPPEEDDALLI IEERRA

Piano degli Studi della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera

I ANNO (a.a. 2009/2010)

CCoor rssoo

IInnt teeggr raat too

IInnsseeggnnaammeennt ti ii

SSSSDD

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

FF oo r mm aa t i ii vv ee

- 159 -

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

PP r oo f ff ee ss ssi ii oo nn aa l ll i ii zz zz aa nn t i ii

oo EE ssee r cc i iit t aa zz i ii oo nn i ii

OOr ree

LLeezzi iioonnee

Elementi di diritto sanitario IUS/10 2 16 Affini o integrative

Management sanitario

Strumenti Di ed organizzazione aziendale

Gestione

Metodologie statistiche

Operativa,

e statistico-epidemiologiche

Clinico-

Terapeutica

Ed Economica

I Farmacoeconomia

Igiene,

Patologia

Generale ed

Immunologia

Meccanismi

d’azione dei

Farmaci

Metodologie

Analitiche e

Diagnostica

Clinica

TTAAFF

SECS-P10 1 8 Affini o integrative

MED/01 1 1 8 Affini o integrative

CHIM/09 1 8 8

CHIM/08 7

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Igiene MED/42 1 8 Base

Patologia Generale

ed Immunologia

Basi molecolari

dell’azione dei farmaci

MED/04 2 1 16 Base

CHIM/08 2 2 16

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

CHIM/09 2 Caratterizzanti Specifico

Farmacocinetica

e metabolismo dei farmaci BIO/14 2 16 Caratterizzanti Specifico

Genetica MED/03 2

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Caratterizzanti

Metodi di analisi dei farmaci CHIM/08 2 7 16

Specifiche

Tipologia F.O.

Sistemi di

assicurazione di qualità

CHIM/09 1 8 8

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

BIO/10 1 1 8 Base

Analisi chimico-cliniche

BIO/10 2

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Analisi microbiologiche MED/07 1 2 8

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Totale CFU - I Anno: 17 43

II ANNO (anno di prima attivazione)

CCoor rssoo

IInnt teeggr raat too

Strumenti di

Gestione

Operativa,

Clinico-

Terapeutica ed

Economica II

IInnsseeggnnaammeennt ti ii

SSSSDD

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

FF oo r mm aa t i ii vv ee

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

PP r oo f ff ee ss ssi ii oo nn aa l ll i ii zz zz aa nn t i ii

oo EE ssee r cc i iit t aa zz i ii oo nn i ii

OOr ree

LLeezzi iioonnee

Elementi di diritto sanitario

Management sanitario ed

IUS/10 1 Affini o integrative

organizzazione aziendale

(interventi di vigilanza ispettiva

SECS-P10 2 Affini o integrative

etc.)

Metodologie statistiche e

statistico-epidemiologiche

Farmacoeconomia

MED/01 2 Affini o integrative

Acquisizioni di capacità

informatiche

ALTRE

Inglese 1 ALTRE

TTAAFF


Sperimentazio

ne Clinica e

Valutazione dei

Protocolli

Sperimentali

Elementi di bioetica ALTRE

Progetti per la produzione di

testi e report informatici

Interrogazione di fonti

informative e metanalisi

CHIM/08 2 6

CHIM/09 6

- 160 -

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Farmacoterapia e

farmacoutilizzazione

BIO/14 1 8 Caratterizzanti Specifico

Fisiologia e biochimica della

nutrizione

BIO/10 1

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Dietetica e

Nutrizione

Prodotti destinati ad

alimentazione particolare:

aspetti nutrizionali

BIO/10 1

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Chimica degli alimenti CHIM/10 1 4 Caratterizzanti Specifico

Preparazioni officinali e

magistrali

Nutrizione parenterale totale e

CHIM/09 3 10

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

personalizzata

CHIM/10 2 Caratterizzanti Specifico

Tecnologia (preparazione e controlli)

Farmaceutica I

Caratterizzanti

CHIM/08 2 2

Specifiche

Radiofarmaci

Tipologia F.O.

Caratterizzanti

CHIM/09 2 3

Specifiche

Tipologia F.O.

III ANNO (da attivare)

CCoor rssoo

IInnt teeggr raat too

Strumenti di

Gestione

Operativa,

Clinico-

Terapeutica ed

Economica III

Terapie

Oncologiche

Terapia del

Dolore

Totale CFU - II Anno: 15 45

IInnsseeggnnaammeennt ti ii

SSSSDD

Elementi di diritto sanitario IUS/10

Management sanitario ed

organizzazione aziendale

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

FF oo r mm aa t i ii vv ee

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

PP r oo f ff ee ss ssi ii oo nn aa l ll i ii zz zz aa nn t i ii

oo EE ssee r cc i iit t aa zz i ii oo nn i ii

OOr ree

LLeezzi iioonnee

TTAAFF

IUS/10 1 Affini o integrative

Elementi di bioetica SECS-P/10 1 Affini o integrative

Farmacoepidemiologia

Acquisizioni di capacità

informatiche

ALTRE

Inglese 2 ALTRE

Elementi di bioetica ALTRE

Genetica medica MED/03 1

Oncologia medica MED/06 5

Aspetti chimico-farmaceutici

degli antiblastici

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Caratterizzanti

Specifiche

Chemioterapia antitumorale CHIM/08 1 4

Nuove terapie antitumorali

Preparazioni oncologiche

CHIM/09 1 6

Tipologia F.O.

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Monitoraggio delle terapie

Terapie di supporto in

oncologia

BIO/14 1 3 Caratterizzanti Specifico

Aspetti fisiologici BIO/09 1 Base

Aspetti patologici MED/04 1 Base

Caratterizzanti

Chimico-farmaceutici CHIM/08 1 2

Specifiche

Tipologia F.O.


Terapie delle

Malattie del

SNC

Tecnologia

Farmaceutica

Farmacologici BIO/14 1 Caratterizzanti Specifico

Caratterizzanti

Tecnologici e Normativi CHIM/09 1 4

Specifiche

Tipologia F.O.

Aspetti fisiologici BIO/09 1 Base

Basi genetiche delle malattie

neurodegenerative

MED/04 1 Base

Aspetti patologici clinici

(Monitoraggio delle terapie)

BIO/14

MED/03

1

1

Caratterizzanti Specifico

Caratterizzanti

Interdisciplinare

Caratterizzanti

Chimico-farmaceutici CHIM/08 1 3

Specifiche

Tipologia F.O.

Farmacoterapeutici BIO/14 1 Caratterizzanti Specifico

Dispositivi medici e diagnostici

(monitoraggio delle reazioni

avverse)

II Aggiornamenti sulle forme

farmaceutiche innovative

CHIM/09 2 8

CHIM/09 1 3

Totale CFU - III Anno: 19 41

IV ANNO - AMBITO OSPEDALIERO (da attivare)

CCoor rssoo

IInnt teeggr raat too

Strumenti di

Gestione

Operativa,

Clinico-

Terapeutica ed

Economica IV

Monitoraggio

delle

Prescrizioni in

ambito

Ospedaliero ed

Analisi dei

Consumi

IInnsseeggnnaammeennt ti ii

SSSSDD

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

FF oo r mm aa t i ii vv ee

- 161 -

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

PP r oo f ff ee ss ssi ii oo nn aa l ll i ii zz zz aa nn t i ii

oo EE ssee r cc i iit t aa zz i ii oo nn i ii

OOr ree

LLeezzi iioonnee

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Caratterizzanti

Specifiche

Tipologia F.O.

Elementi di diritto sanitario IUS/10 1 Affini o integrative

Management sanitario ed

organizzazione aziendale

TTAAFF

SECS-P10 2 Affini o integrative

Monitoraggio delle prescrizioni

in ambito ospedaliero,

analisi e razionalizzazione dei

CHIM/08 5

consumi CHIM/09 1 6

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.

Studi di farmacoutilizzazione

Gestione del prontuario

terapeutico ospedaliero

Contabilità per centri di costo

BIO/14 1 4 Caratterizzanti Specifico

Acquisizioni di capacità

informatiche

ALTRE

Inglese 2 ALTRE

Elementi di bioetica ALTRE

Progetti di monitoraggio clinico MED/42 2 Base

Prevenzione degli errori

Fattori di rischio e gestione del

rischio

MED/09 1 2 Base

Studi osservazionali di

BIO/14 1

outcome MED/05 2

Dispensazione diretta (con

annesse:

analisi epidemiologiche,

progetti di governo

clinico e di farmaco vigilanza

etc.)

Totale CFU - IV Anno

(Ambito Ospedaliero):

Caratterizzanti Specifico

Caratterizzanti

Interdisciplinare

MED/07 2

Caratterizzanti

Interdisciplinare

BIO/14 1 4 Caratterizzanti Specifico

CHIM/08 1 5

CHIM/09 1 6

10 40

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.


IV ANNO - AMBITO TERRITORIALE (da attivare)

CCoor rssoo

IInnt teeggr raat too

Appropriatezz

a Prescrittiva e

Razionalizzazi

one della

Spesa

Farmaceutica

in Medicina

Generale

Strumenti di

Gestione

Operativa,

Clinico-

Terapeutica ed

Economica IV

IInnsseeggnnaammeennt ti ii

Attendibilità e criticità della

raccolta dati di prescrizioni

SSSSDD

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

FF oo r mm aa t i ii vv ee

- 162 -

CCFFUU

AA t t i ii vv i iit t àà

PP r oo f ff ee ss ssi ii oo nn aa l ll i ii zz zz aa nn t i ii

oo EE ssee r cc i iit t aa zz i ii oo nn i ii

OOr ree

LLeezzi iioonnee

TTAAFF

MED/09 3 Base

MED/42 2 Base

Utilizzo dei dati di prescrizione MED/07 2 Caratterizzanti Interdisciplinare

per scopi di monitoraggio MED/05 2 Caratterizzanti Interdisciplinare

Organizzazione di audit sulle BIO/14 1 Caratterizzanti Specifico

prescrizioni MED/07 1 Caratterizzanti Interdisciplinare

Ricerca in medicina territoriale

CHIM/08

CHIM/09 1

5

6

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.

Acquisizioni di capacità

informatiche

ALTRE

Inglese 2 ALTRE

Elementi di bioetica BIO/14 2 5 Caratterizzanti Specifico

Organizzazione e legislazione

sanitaria

Informazione e

documentazione clinica

Commissioni terapeutiche e

prontuari condivisi

Controlli sul processo

distributivo dei farmaci

CHIM/09 3 4

CHIM/08 1 5

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.

Caratterizzanti Specifiche

Tipologia F.O.

IUS/10 1 Affini o integrative

Studi di farmacovigilanza SECS-P10 1 Affini o integrative

Analisi e gestione di nuovi

bisogni di

assistenza farmaceutica

territoriale

Totale CFU - IV Anno

(Ambito Territoriale):

BIO/14 1 2 Caratterizzanti Specifico

11 39


FORMAZIONE POST LAUREA

Preliminarmente:

● si consiglia di consultare le pagine web della Facoltà http://www.farm.unisi.it per

possibili aggiornamenti ed ulteriori inserimenti.

● le informazioni di tipo amministrativo (modalità di iscrizione, costi etc.) sono

disponibili presso:

Ufficio Formazione e Post-Laurea

Via Valdimontone 1, 53100 Siena

Tel. +39 0577 235942; Fax: +39 0577 235939, e-mail post-laurea@unisi.it

Le attività di formazione post-laurea (a.a. 2010/2011) cui partecipano i docenti della

Facoltà di Farmacia sono di seguito elencate:

1) Scuole di Dottorato

● Biotecnologie mediche;

● Fisica Sperimentale;

● Fisiologia-Farmacologia-Tossicologia Molecolare e Cellulare;

● Scienze Chimiche;

● Scienze Farmaceutiche

(con sezione Scienza e Tecnologia Cosmetiche). Per informazioni si consiglia di

consultare le pagine web pubblicate sul sito d’Ateneo al link:

http://dottorati.unisi.it

2) Masters universitari

Maasst teer r uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

EE--LLEEARRNI ING INTTEERRNATTI I IONALL MASSTTEERR IN I COSSMEETTI IC SSCI IEENCEE ANDD TTEECHHNOLLOGYY

Presso la Facoltà di Farmacia ed il Centro Interdipartimentale di Scienza e

Tecnologia Cosmetiche viene attivato un Master di secondo livello in E-learning

International Master in Cosmetic Science and Technology.

Il Master universitario ha la durata di 16 mesi e conferisce 80 CFU.

Il Master universitario è riservato a laureati in possesso di una laurea specialistica (ai

sensi del D.M. 509/99) e magistrale (ai sensi del D.M. 270/2004) o di una laurea

conseguita secondo il vecchio ordinamento in Farmacia, Chimica e Tecnologia

Farmaceutiche, Chimica, Chimica Industriale, Scienze Biologiche, Ingegneria

Chimica e Biotecnologie.

Il Master si svolge mediante formazione e-learning e attività pratica di laboratorio in

Italia. Il Master si prefigge l'obiettivo di formare esperti nel settore cosmetico, fornire

conoscenze teoriche e pratiche per la preparazione di specialisti altamente

qualificati in Scienza e Tecnologia dei Prodotti Cosmetici. Il Master consente di

acquisire conoscenze relative al settore cosmetico che permettono di svolgere

attività in ambito sanitario e aziendale. L'acquisizione di tali professionalità consente

di operare in laboratori di Ricerca di Base, Ricerca e Sviluppo, Produzione, Controllo

analitico e Microbiologico, in strutture addette alla certificazione, nel settore

marketing e comunicazione e dell'informazione tecnico-scientifica. La preparazione

acquisita in corsi teorici e nelle esercitazioni pratiche è altamente qualificata e

- 163 -


permette di svolgere attività di Direttore tecnico, responsabile dell'importazione e

Valutatore della sicurezza....

I corsi vengono tenuti da docenti universitari, esperti del settore di varia estrazione

(provenienti da enti pubblici e privati) italiani e/o stranieri e sono raggruppati nelle

seguenti aree:

Area Chimica (Responsabili Prof.ssa Cecilia Anselmi e Prof.ssa Marisanna Centini)

Insegnamenti: Principi chimico-fisici della cosmetologia; Chimica dei prodotti

cosmetici; Chimica delle sostanze organiche naturali; Analisi dei prodotti cosmetici e

controllo di qualità; Il profumo.

Area Biologica (Responsabili Prof.ssa Lucia Bovalini e Dott.ssa Irene Cagliani)

Insegnamenti: Anatomia, istologia, istochimica della cute e annessi; Fisiologia e

fisiopatologia della cute e annessi; Biochimica della cute e annessi; Microbiologia

applicata; Tossicologia cosmetica e documentazione dei prodotti; Controllo

microbiologico di qualità; Dermatologia cosmetologica; Psicologia e analisi

sensoriale.

Area Tecnologica (Responsabili Prof.ssa Marisanna Centini, Dott.ssa Silvia Gatti e

Prof.ssa Carla Scesa)

Insegnamenti: Tecnologia e formulazione cosmetica; Impianti dell'industria

cosmetica e igiene della produzione; Legislazione dei prodotti cosmetici e

documentazione; Marketing e comunicazione dei prodotti cosmetici; Certificazione

e sistemi di qualità; Elementi di statistica; Il cosmetico naturale e biologico.

La preparazione verrà completata con lo svolgimento di uno stage presso

dell'Università di Siena o di altre Università italiane e/o straniere, Centri di Ricerca o

Industrie del settore italiane e/o straniere con le quali verrà stabilito un rapporto di

partenariato.

Per informazioni rivolgersi a:

Prof.ssa Cecilia Anselmi tel +39 0577 232039 e-mail: anselmic@unisi.it

Sito web: http://www.unisi.it/farmacia/cosmetici/masterelearning.htm

Maasst teer r uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

SSCI IEENZZA EE TTEECNOLLOGI IA COSSMEETTI ICHHEE

Presso la Facoltà di Farmacia ed il Centro Interdipartimentale di Scienza e

Tecnologia Cosmetiche viene attivato un Master di secondo livello in Scienza e

Tecnologia Cosmetiche in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità con il

quale viene stipulata apposita convenzione.

Il Master universitario ha la durata di due anni e conferisce 120 CFU.

Ciascun anno di corso prevede circa 300 ore di insegnamento e 300 ore di attività

pratiche guidate.

Il Master universitario è riservato a laureati in possesso di una laurea specialistica (ai

sensi del D.M. 509/99) e magistrale (ai sensi del D.M.270/04) o di una laurea

conseguita secondo il vecchio ordinamento in Farmacia, Chimica e Tecnologia

Farmaceutiche, Chimica, Chimica Industriale, Scienze Biologiche, Ingegneria

Chimica e Biotecnologie.

Il Master si prefigge l'obiettivo di formare esperti nel settore cosmetico, fornire

conoscenze teoriche e pratiche per la preparazione di specialisti altamente

qualificati in Scienza e Tecnologia dei Prodotti Cosmetici.

Il Master consente di acquisire conoscenze relative al settore cosmetico che

consentono di svolgere attività in ambito sanitario e aziendale.

L'acquisizione di tali professionalità consente di operare in laboratori di Ricerca di

base, Ricerca e Sviluppo, produzione, controllo analitico e microbiologico, in

- 164 -


strutture addette alla certificazione, nel settore marketing e comunicazione e

dell'informazione tecnico-scientifica.

La preparazione acquisita in corsi teorici e nelle esercitazioni pratiche è altamente

qualificata e permette di svolgere attività di Direttore Tecnico, Responsabile

dell'Importazione e Valutatore della Sicurezza.

I corsi vengono tenuti da docenti universitari, esperti del settore di varia estrazione

(provenienti da enti pubblici e privati) italiani e/o stranieri e sono raggruppati nelle

seguenti aree:

Area Chimica e informatica (Responsabili Prof.ssa Cecilia Anselmi e Prof.ssa

Marisanna Centini) Insegnamenti: Principi chimico-fisici della cosmetologia; Chimica

dei prodotti cosmetici I e II; Chimica delle sostanze organiche naturali; Analisi dei

prodotti cosmetici e controllo di qualità I e II; Informatica; Statistica medica.

Area Biologica (Responsabili Prof.ssa Lucia Bovalini e Dott.ssa Irene Cagliani)

Insegnamenti: Anatomia, istologia, istochimica della cute e annessi; Fisiologia e

fisiopatologia della cute e annessi; Biochimica della cute e annessi; Fitocosmesi-

Farmacognosia; Microbiologia applicata; Farmacologia e tossicologia; Controllo

microbiologico di qualità; Farmacologia e tossicologia cosmetica e Dossier;

Dermatologia cosmetologica.

Area Tecnologica (Responsabili Prof.ssa Marisanna Centini, Dott.ssa Silvia Gatti e

Prof.ssa Carla Scesa)

Insegnamenti: Tecnologia e formulazione cosmetica I e II; Impianti dell’industria

cosmetica e igiene della produzione; Legislazione cosmetica e documentazione;

Organizzazione aziendale; Marketing dei prodotti cosmetici; Comunicazione dei

prodotti cosmetici; Certificazione e sistemi di qualità; Sicurezza nell’ambiente di

lavoro.

La preparazione verrà completata con lo svolgimento di uno stage presso strutture

dell'Università di Siena o di altre Università, l'Istituto Superiore di Sanità, Centri di

ricerca e Industrie del settore.

Secondo la circolare del Ministro della Salute del 5 marzo 2002 (D.O.R.O./Segr.37)

avente ad oggetto l’ECM-Formazione continua, è escluso dall’obbligo dell’ECM il

personale sanitario che frequenta, in Italia e all’estero, corsi di formazione post-base

propri della categoria professionale di appartenenza (corso di specializzazione,

corso di formazione specifica in medicina generale, dottorato di ricerca, master,

laurea specialistica) per tutti gli anni compresi nell’impegno formativo

Per informazioni rivolgersi a:

Prof.ssa Cecilia Anselmi tel +39 0577 232039 e-mail: anselmic@unisi.it

sito web: http://www.unisi.it/farmacia/cosmetici/Masterindex.html

- 165 -


Maasst teer r uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

VVALLUUTTAZZI IONEE DDEELLLLA SSI ICUURREEZZZZA DDEEI I PPRRODDOTTTTI I

- 166 -

COSSMEETTI ICI I

Lo scopo del Master è quello di approfondire i vari aspetti della sicurezza dei prodotti

cosmetici in relazione alla necessità di dover definire le proprietà chimico-analitiche,

microbiologiche e tossicologiche dei prodotti e degli ingredienti impiegati nei

cosmetici, sia in ambito produttivo che da parte degli strumenti di controllo sanitari

locali e nazionali. Il Master prevede l'allestimento di strutture tecniche e la

formazione di personale qualificato per l'adempimento delle norme amministrative

previste dall'attuale legislazione europea nel settore dei cosmetici. Il Master, che si

avvale della partecipazione di esperti nazionali ed internazionali del settore, è

costituito da una serie di lezioni teoriche affiancate da una parte finale pratica di

redazione di dossier tecnici su alcuni principali ingredienti e prodotti cosmetici.

I corsi vengono tenuti da docenti universitari, esperti del settore di varia estrazione

(provenienti da enti pubblici e privati) italiani e/o stranieri e sono raggruppati nelle

seguenti aree:

Area Chimica, Tecnologica e Analitica (Responsabili Prof.ssa Cecilia Anselmi,

Prof.ssa Carla Scesa, Dott.ssa Silvia Gatti)

Insegnamenti: Forme e ingredienti cosmetici; caratteristiche chimico-analitiche:

metodi analitici di riferimento, la qualità nell’analisi chimica.

Area Biologica (Responsabili Dott.ssa Irene Cagliani,Prof. Lucio Andreassi)

Insegnamenti: Fisiologia della cute; Metodi di indagine microbiologici. La qualità

nell’analisi microbiologica.

Area Legislativa (Responsabili Dott.ssa Monica Capasso, Dott.ssa Cristina Emanuel)

Insegnamenti: La normativa nazionale e comunitaria; Le fonti di informazione e le

risorse disponibili; La cosmetovigilanza.

Area Tossicologica (Responsabile Prof. Corrado Galli)

Insegnamenti: Fisiopatologia della tossicità da sostanze chimiche; Metodi di

indagine tossicologica delle sostanze chimiche “in vivo” e “in vitro”; Le buone

pratiche di laboratorio in tossicologia; Effetti sull’uomo: effetti acuti e cronici;

Valutazione della sicurezza e dossier (valutazione del rischio, livelli di esposizione…);

La redazione del dossier (esercitazioni pratiche).

Per informazioni rivolgersi a:

Prof.ssa Cecilia Anselmi tel +39 0577 232039 e-mail: anselmic@unisi.it

sito web: http://www.unisi.it/farmacia/cosmetici/mastervalutatore.htm


Maasst teer r

uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

FFI ITTOTTEERRAPPI IA

Presso la Facoltà di Farmacia, in collaborazione con la ditta INDENA S. p. A. di

Milano, viene attivato il Master Universitario di II livello in FITOTERAPIA della durata di

un anno.

I requisiti di ammissione sono: lauree magistrali secondo il vecchio ordinamento e

lauree di II livello secondo il nuovo ordinamento in discipline scientifiche riguardanti

l’utilizzo, la ricerca scientifica, il controllo di qualità e la lavorazione delle piante

medicinali.

Lo scopo del Master universitario in Fitoterapia è di fornire una specifica conoscenza

ed abilità nell'uso delle tecniche di preparazione dei farmaci vegetali nonché una

approfondita cultura sulle piante medicinali e sulle loro preparazioni, sulle loro

caratteristiche farmacotossicologiche e terapeutiche e sugli ambiti in cui la

fitoterapia può essere praticata in modo da poter guidare con professionalità i

pazienti orientati all'automedicazione con prodotti basati sulle piante medicinali o

sulle loro preparazioni. Il Master universitario in Fitoterapia rappresenta un

approfondimento postlauream degli insegnamenti basilari che vengono impartiti

nella Facoltà di Farmacia, corsi di Biologia vegetale, Botanica farmaceutica,

Fitochimica, Farmacognosia, Tecnica farmaceutica, Fisiopatologia con l'aggiunta di

nozioni di carattere integrativo che riguardano la patologia e la clinica. Il Master

universitario si avvale, oltre che delle prestazioni didattiche proprie dell'Università

degli Studi di Siena, anche di quelle di docenti di altre Università italiane, di scientists

qualificati che operano nell'industria dei farmaci vegetali e di professionisti farmacisti

e medici.

La Sede del corso sarà presso l’Università degli Studi di Siena, aula didattica di Via T.

Pendola, 62

La durata del corso è di 1 anno. Sono previste 4 settimane di lezioni frontali

presumibilmente nei seguenti periodi:

febbraio 2011; aprile 2011; giugno 2011; ottobre 2011

E' obbligatorio inoltre svolgere uno stage di 450 ore in una qualsiasi struttura pubblica

o privata, a scelta del partecipante. A fine corso i partecipanti dovranno discutere

una tesina di approfondimento su un argomento a scelta riguardante la fitoterapia.

Il costo del Master è di 2000 €.

Il Master di II livello in Fitoterapia, conferisce 60 crediti universitari (CFU). Gli iscritti

sono esonerati dall’obbligo ECM per l'anno 2011 secondo il Decreto del MURST del 3

novembre 1999, n. 509, pubblicato nella G.U. n. 2 del 4 gennaio 2000.

Per informazioni rivolgersi alla

Prof.ssa Daniela Giachetti, U. O. di Biologia Farmaceutica,

Via T. Pendola, 62, 53100 Siena. e-mail: giachetti@unisi.it tel. +39 0577 233525-14-10

http://www.sifit.org/laurea.asp

ISCRIZIONI: Ufficio Formazione e Post Laurea tel. +39 0577 235940-42

http://www.unisi.it/postlaurea/

- 167 -


Maasst teer r uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

FFI ITTOTTEERRAPPI IA APPPPLLI ICATTA

Presso la Facoltà di Farmacia, in convenzione con la ditta SPECCHIASOL s.r.l. di

Bussolengo (VR) viene attivato il Master Universitario di II livello in FITOTERAPIA

APPLICATA della durata di due anni.

I requisiti di ammissione sono: lauree magistrali secondo il vecchio ordinamento e

lauree di II livello secondo il nuovo ordinamento in discipline scientifiche riguardanti

l’utilizzo, la ricerca scientifica, il controllo di qualità e la lavorazione delle piante

medicinali.

Lo scopo del Master universitario in Fitoterapia applicata rivolto a Medici, Farmacisti

e Biologi è di fornire un'approfondita conoscenza sulle piante medicinali e sulle loro

preparazioni, sulle loro caratteristiche farmacotossicologiche e sul loro utilizzo

terapeutico. In particolare il Master si pone l'obiettivo dell'utilizzazione razionale della

fitoterapia con i limiti dettati dall'attuale stato delle conoscenze. Il Master

universitario in Fitoterapia Applicata rappresenta un approfondimento postlauream

degli insegnamenti basilari che vengono impartiti nei corsi accademici: corsi di

Biologia vegetale, Botanica farmaceutica, Fitochimica, Farmacognosia, Tecnica

farmaceutica, Fisiopatologia, con l'aggiunta di nozioni di carattere integrativo che

riguardano l'applicazione clinica. Il Master universitario si avvale oltre che delle

prestazioni didattiche proprie dell'Università degli Studi di Siena, anche di quelle di

docenti di altre Università italiane, di scientists qualificati che operano nell'industria

dei farmaci vegetali e di professionisti farmacisti e medici. La Sede del corso sarà

presso il Centro Carraro, Verona.

La durata del corso è di 2 anni. Sono previsti cicli di lezioni frontali nei fine settimana a

partire da settembre 2010.

E' obbligatorio inoltre svolgere uno stage di 500 ore in una qualsiasi struttura pubblica

o privata, a scelta del partecipante. A fine corso i partecipanti dovranno discutere

una tesina di approfondimento su un argomento a scelta riguardante la fitoterapia.

Il costo del Master è di 2000 € da pagarsi in due rate, la prima ad agosto 2010 e la

seconda ad agosto 2011.

Il Master di II livello in Fitoterapia, conferisce 80 crediti universitari (CFU). Gli iscritti

sono esonerati dall’obbligo ECM per l'anno 2011 e 2012 secondo il Decreto del

MURST del 3 novembre 1999, n. 509, pubblicato nella G.U. n. 2 del 4 gennaio 2000.

Per informazioni rivolgersi alla

Prof.ssa Daniela Giachetti, U. O. di Biologia Farmaceutica,

Via T. Pendola, 62, 53100 Siena. e-mail: giachetti@unisi.it tel. +39 0577 233525-14-10

http://www.sifit.org/laurea.asp

ISCRIZIONI: Ufficio Formazione e Post Laurea tel. +39 0577-235940-42

http://www.unisi.it/postlaurea/

- 168 -


Maasst teer r uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

DDRRUUG DDEESSI IGN ANDD SSYYNTTHHEESSI ISS

Presso la Facoltà di Farmacia ed il Dipartimento Farmaco Chimico Tecnologico

dell'Università degli Studi di Siena viene attivato per l'anno accademico 2010/2011 il

Master universitario di secondo livello in "Drug Design and Synthesis".

Il corso ha carattere Europeo ed è focalizzato alla formazione di ricercatori e tecnici

specializzati nel campo del Drug Discovery e delle Biotecnologie per le Imprese

Farmaceutiche. Attraverso lezioni tenute da docenti provenienti dal mondo della

ricerca applicata ed industriale Europea, verranno trattati i temi strategici per un

Drug Discovery contemporaneo.

La preparazione verrà completata con lo svolgimento di un progetto di ricerca

sperimentale su una delle tematiche previste da svolgere presso i laboratori

dell'Università di Siena o di un'altra Università, ente di ricerca o partner industriale

convenzionato. In tal modo sarà possibile preparare del personale che, con una

conoscenza approfondita dei temi della sintesi organica, della Computer Chemistry

e della parte analitica in Medicinal Chemistry possa inserirsi proficuamente all'interno

dell'industria farmaceutica e biotecnologica europea ed abbia gli strumenti per

rapportarsi con le altre componenti produttive, indispensabili per l'obiettivo del Drug

Discovery. Il master universitario si caratterizza per una fortissima componente

industriale con la presenza di molti docenti provenienti da industrie del settore.

Inoltre è prevista la presenza di docenti provenienti dal mondo della ricerca

applicata ed industriale di vari paesi dell'Unione Europea.

Per informazioni rivolgersi a

Prof. Maurizio Taddei tel. +39 0577 234275 e-mail: taddei.m@unisi.it

- 169 -


Maasst teer r uunni iivveer rssi iit taar ri iioo ddi ii II I lli liivveel

lll lloo iinn i

GOVVEERRNO CLLI INI ICO DDEELL FFARRMACO EE DDI ISSPPOSSI ITTI IVVO

Coordinatore Prof.ssa Marina Ziche

- 170 -

MEEDDI ICO

Obiettivi formativi

Obiettivo del master è quello di fornire al Farmacista una formazione multidisciplinare

mirata a soddisfare le richieste delle strutture aziendali sanitarie per l’ottimizzazione

dei problemi connessi con l’uso di farmaci e di dispositivi medici e per la gestione del

rischio clinico.

Struttura del master

Il master si articola in 60 CFU così ripartiti:

20 CFU equivalenti a 160 ore di didattica frontale;

36 CFU di stage di formazione extra-aula, (tirocinio, project work, didattica interattiva)

4 CFU 100 ore per la verifica finale (Preparazione di un elaborato)

Destinatari

Il Master si rivolge a n.15 allievi.

Il corso si potrà effettuare con un minimo di n.5 iscritti, senza i quali il corso non potrà

essere attivato.

Titoli di ammissione: Laurea vecchio ordinamento o specialistica in: Farmacia, CTF;

Titolo indispensabile: Abilitazione all’esercizio della professione di Farmacista;

Titoli preferenziali: Specializzazione in Farmacologia o in Farmacia Ospedaliera.

Prospettive occupazionali

Il master è un percorso di specializzazione post-lauream, è rivolto ai laureati in

Farmacia e Chimica e Tecnologia del Farmaco, agli specializzati in Farmacologia e

Farmacia Ospedaliera, con il fine di:

i. Fornire conoscenze avanzate per la condivisone del percorso del farmaco e

del dispositivo medico con gli altri professionisti del processo terapeutico, e per

l’integrazione della figura del Farmacista nel team sanitario di Reparto o di

Distretto;

ii. Formare operativamente gruppi di Farmacisti di reparto, di distretto e di

dipartimento secondo un modello esportabile in tutte le realtà del territorio

nazionale;

iii. Individuare gli interventi da adottare nel reparto per la razionalizzazione della

gestione quali-quantitativa dei farmaci e l’ottimizzazione della prestazione

terapeutica.

iv. Obiettivo fondamentale del Master è quello di fornire al Farmacista le

competenze per coniugare le necessità cliniche e quelle gestionali

economiche delle strutture aziendali con particolare riferimento ai settori clinici

ad elevato impatto economico quali l’oncologia, la nefrologia, la

reumatologia, la cardiochirurgia e l’ortopedia. A tal fine l’attività didattica è

strettamente integrata con esperienze di stage presso Aziende del settore e

strutture pubbliche

Scadenza iscrizione : 10 settembre 2010

Inizio del corso: Ottobre 2010

Per informazioni rivolgersi a

Prof.ssa Marina Ziche tel. +39 0577 23 4444 e-mail: ziche@unisi.it

Prof.ssa Lucia Morbidelli tel. +39 0577 23 4439 e-mail: morbidelli@unisi.it


3) Scuole di Specializzazione

I laureati in Farmacia ed in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche possono essere

ammessi alle Scuole di specializzazione in:

Biochimica Clinica (Direttore Prof. R. Pagani)

Scienza dell’Alimentazione (Direttore Prof. R. Pagani)

Per informazioni rivolgersi a:

Ufficio Formazione e Post Laurea - Via S.Bandini, 25

Dott. Giuseppe Giordano, tel. +39 0577 232447 +39 0577 233108,

e-mail: giordanog@unisi.it

4) Corsi di Perfezionamento

Corso di Perfezionamento in

FITOTERAPIA

Presso la Facoltà di Farmacia viene attivato il Corso di Perfezionamento in Fitoterapia

della durata di un anno.

I requisiti di ammissione sono: laurea magistrale secondo il vecchio ordinamento e

lauree di I e II livello secondo il nuovo ordinamento.

La finalità del Corso di Perfezionamento è quella di fornire una preparazione

professionale nel settore della Fitoterapia. Il programma didattico comprende il

conferimento delle fondamentali conoscenze sulle caratteristiche chimiche,

farmacotossicologiche e cliniche delle piante medicinali e delle loro preparazioni

con l’obiettivo di indurre un uso razionale nella cura delle appropriate malattie.

La Sede del corso sarà presso l’Università degli Studi di Siena, aula didattica di Via T.

Pendola, 62.

La durata del corso è di 1 anno. le Lezioni frontali si svolgeranno in 2 cicli di lezioni di

tre giorni ciascuno infrasettimanali, durante l’anno accademico, presumibilmente

nei periodi febbraio 2011 e aprile 2011. A fine corso i partecipanti dovranno

discutere una tesina di approfondimento su un argomento a scelta riguardante la

fitoterapia.

Il costo del Corso è di 500 €.

Gli iscritti sono esonerati dall’obbligo ECM per l'anno 2011 secondo il Decreto del

MURST del 3 novembre 1999, n. 509, pubblicato nella G.U. n. 2 del 4 gennaio 2000.

Per informazioni rivolgersi alla

Prof.ssa Daniela Giachetti, U. O. di Biologia Farmaceutica,

Via T. Pendola, 62, 53100 Siena. e-mail: giachetti@unisi.it tel. +39 0577 233525-14-10

http://www.sifit.org/laurea.asp

ISCRIZIONI: Ufficio Formazione e Post Laurea tel. +39 0577-235940-42

http://www.unisi.it/postlaurea/

- 171 -


Corso di Perfezionamento Teorico-Pratico in

PREPARAZIONI GALENICHE FITOTERAPICHE

Presso la Facoltà di Farmacia viene attivato il Corso di Perfezionamento in

Preparazioni Galeniche Fitoterapiche.

I requisiti di ammissione sono: laurea magistrale secondo il vecchio ordinamento in

Farmacia e CTF e lauree di II livello secondo il nuovo ordinamento classe 14S.

Il corso si propone di rispondere alle esigenze dei farmacisti che intendono acquisire

le conoscenze teoriche e pratiche necessarie per la realizzazione di prodotti galenici

vegetali magistrali e officinali rispondenti ai requisiti della qualità di grado

farmaceutico. I prodotti medicinali vegetali allestiti in farmacia, in forma di

preparazioni galeniche magistrali o di preparazioni galeniche officinali, sono farmaci

a tutti gli effetti. Come tali devono rispondere ai requisiti imposti dalla normativa

farmaceutica: l’efficacia, la sicurezza e la qualità. La qualità farmaceutica non si

esaurisce nella purezza dei materiali impiegati, ma è costituita dalla sommatoria di

tutti gli attributi del prodotto, i quali assicurano che i principi farmacologicamente

attivi vengano assorbiti dalla via di somministrazione e vengano immessi nella

circolazione sanguigna nei tempi e alle concentrazioni utili per fornire l’effetto

terapeutico atteso e non raggiungere concentrazioni tossiche. Altro obiettivo del

corso è quello di fornire in modo specifico al farmacista tutte le informazioni

necessarie affinché, per l’allestimento in farmacia delle preparazioni galeniche,

possa essere assicurato lo stesso standard di qualità che vincola la produzione

industriale dei farmaci, tenendo conto delle peculiari caratteristiche chimico-fisiche,

biologiche e terapeutiche di ogni prodotto medicinale vegetale.

La Sede del corso sarà presso l’Università degli Studi di Siena, laboratori Didattici

degli Istituti Biologici di S. Miniato, Via Aldo Moro, Siena

La durata del corso è di 1 anno. le Lezioni frontali si svolgeranno in 2 cicli di lezioni di

tre giorni ciascuno infrasettimanali, durante l’anno accademico, presumibilmente

nei periodi febbraio 2011 e giugno 2011. A fine corso i partecipanti dovranno

discutere una tesina di approfondimento su un argomento a scelta riguardante la

fitoterapia.

Il costo del Corso è di 750 €.

Gli iscritti sono esonerati dall’obbligo ECM per l'anno 2011 secondo il Decreto del

MURST del 3 novembre 1999, n. 509, pubblicato nella G.U. n. 2 del 4 gennaio 2000.

Per informazioni rivolgersi alla

Prof.ssa Daniela Giachetti, U. O. di Biologia Farmaceutica,

Via T. Pendola, 62, 53100 Siena. e-mail: giachetti@unisi.it tel. +39 0577 233525-14-10

http://www.sifit.org/laurea.asp

ISCRIZIONI: Ufficio Formazione e Post Laurea tel. +39 0577-235940-42

http://www.unisi.it/postlaurea/

- 172 -


Coor rssoo ddi ii PPeer rf feezzi iioonnaameennt too iinn i

RRI ICEETTTTAZZI IONI I GALLEENI ICHHEE FFI ITTOTTEERRAPPI ICHHEE OFFFFI ICI INALLI I EE

- 173 -

MAGI ISSTTRRALLI I

Presso la Facoltà di Farmacia viene attivato il Corso di Perfezionamento in

Ricettazioni Galeniche Fitoterapiche Officinali e Magistrali.

I requisiti di ammissione sono: laurea magistrale secondo il vecchio ordinamento in

Medicina e Chirurgia, Medicina Veterinaria e Odontoiatria e Protesi Dentarie e

lauree di II livello secondo il nuovo ordinamento classe LM-41, LM-42, LM-46.

Circa il 4,8% della popolazione italiana si rivolge ai prodotti medicinali vegetali con lo

scopo di curare le malattie. Per la maggior parte questi prodotti vengono fabbricati

industrialmente e commercializzati come appartenenti alla categoria degli

integratori alimentari seppure formulati e inclusi in forme farmaceutiche analoghe a

quelle delle specialità medicinali. Nonostante siano considerati alimenti, con

dispensa quindi dei produttori di fornire le prove della loro efficacia, sicurezza e

qualità farmaceutica, molti, sicuramente i più diffusamente impiegati, contengono

principi attivi vegetali dotati di potenti attività farmacologiche. L’uso di questi

prodotti richiede quindi le stesse precauzioni che vengono raccomandate per i

farmaci veri e propri. Sono farmaci a tutti gli effetti invece i prodotti che vengono

allestiti in farmacia in forma di preparazioni galeniche magistrali e rispondono ai

requisiti di qualità, sicurezza ed efficacia. Il limite nella prescrizione di questo tipo di

preparati, per la peculiarità dei prodotti vegetali, è dato dalla difficoltà del medico

di redigere correttamente la ricetta galenica; infatti, in questo caso è opportuno

che il medico indichi, oltre al nome della pianta anche il preparato che intende

utilizzare nella prescrizione (estratto secco, tintura, tintura madre..) perché

preparazioni diverse della stessa specie non consentono l’estrazione qualitativa e

quantitativa degli stessi componenti e quindi non possono assicurare la stessa

risposta terapeutica. La qualità farmaceutica non si esaurisce nella purezza dei

materiali impiegati, ma è costituita dalla sommatoria di tutti gli attributi fisici, chimici

e biologici del prodotto, i quali assicurano che i principi farmacologicamente attivi

vengano assorbiti dalla via di somministrazione e vengano immessi nella circolazione

sanguigna nei tempi e alle concentrazioni utili per fornire l’effetto terapeutico atteso

e non raggiungere concentrazioni tossiche.

La Sede del corso sarà presso l’Università degli Studi di Siena, aula didattica di Via T.

Pendola, 62.

La durata del corso è di 1 anno. le Lezioni frontali si svolgeranno in 2 cicli di lezioni di

tre giorni ciascuno infrasettimanali, durante l’anno accademico, presumibilmente

nei periodi novembre 2010 e gennaio 2011. A fine corso i partecipanti dovranno

discutere una tesina di approfondimento su un argomento a scelta riguardante la

fitoterapia.

Il costo del Corso è di 500 €.

Gli iscritti sono esonerati dall’obbligo ECM per l'anno 2011 secondo il Decreto del

MURST del 3 novembre 1999, n. 509, pubblicato nella G.U. n. 2 del 4 gennaio 2000.

Per informazioni rivolgersi alla

Prof.ssa Daniela Giachetti, U. O. di Biologia Farmaceutica,

Via T. Pendola, 62, 53100 Siena. e-mail: giachetti@unisi.it tel. +39 0577 233525-14-10

http://www.sifit.org/laurea.asp

ISCRIZIONI: Ufficio Formazione e Post Laurea tel. +39 0577-235940-42

http://www.unisi.it/postlaurea/


5) Centro di Formazione Permanente

Centro di Formazione Permanente per Laureati che operano

nell’industria Farmaceutica, Cosmetica, Alimentare e affini.

Presso la Facoltà di Farmacia dell'Università degli Studi di Siena, ai sensi dell’art. 36

dello Statuto dell’Università di Siena, è costituito il Centro Servizi di Facoltà per la

Formazione Permanente dei laureati in discipline scientifiche e specialisti che

operano nell'industria farmaceutica, cosmetica, alimentare e affini. Le finalità del

Centro - nell'ottica di avvicinare e far colloquiare il mondo del lavoro con quello

accademico – sono riassumibili nell'attività didattica che si esplicherà mediante lo

svolgimento di corsi monografici (i cui docenti sono in maggioranza tecnici senior

dell'industria) su argomenti di attualità. In particolare verranno trattati argomenti di

carattere tecnologico, analitico, gestionale, produttivo e organizzativo/normativo,

attività formativa del personale, banca degli standard.

I Corsi monografici finora effettuati sono consultabili nelle pagina web della Facoltà:

http://www.farm.unisi.it/

Per informazioni rivolgersi al Centro Servizi della Facoltà di Farmacia

- 174 -


ELENCO DOCENTI DELLA FACOLTÀ DI FARMACIA

Docenti Telefono: e-mail:

1 Marco ANDREASSI +39 0577 23 2071 andreassi2@unisi.it

2 Cecilia ANSELMI +39 0577 23 2039 anselmic@unisi.it

3 Maurizio ANZINI +39 0577 23 4173 anzini@unisi.it

4 Rolando BARBUCCI +39 0577 23 4382 barbucci@unisi.it

5 Maurizio BOTTA +39 0577 23 4306 botta@unisi.it

6 Lucia BOVALINI +39 0577 23 4909 bovalini@unisi.it

7 Antonella BRIZZI +39 0577 23 4327 brizzi3@unisi.it

8 Stefania BUTINI +39 0577 23 4161 butinis@unisi.it

9 Giuseppe CAMPIANI +39 0577 23 4172 campiani@unisi.it

10 Andrea CAPPELLI +39 0577 23 4320 cappelli@unisi.it

11 Fabio CARRARO +39 0577 23 4221 carraro@unisi.it

12 Mario CASOLARO +39 0577 23 4388 casolaro@unisi.it

13 Angela Maria CELLI +39 0577 23 4276 celli@unisi.it

14 Marisanna CENTINI +39 0577 23 2072 centini2@unisi.it

15 Gianfranco CORBINI +39 0577 23 4301 corbini@unisi.it

16 Federico CORELLI +39 0577 23 4308 corelli@unisi.it

17 Jean Denis DOCQUIER +39 0577 23 3134 jddocquier@unisi.it

18 Sandra DONNINI +39 0577 23 4439 donnini4@unisi.it

19 Elena DREASSI +39 0577 23 4321 dreassi@unisi.it

20 Isabella FIORINI +39 0577 23 4329 fiorini@unisi.it

21 Gian Gabriele FRANCHI +39 0577 23 3226 franchi@unisi.it

22 Maria FROSINI +39 0577 23 4441 frosinim@unisi.it

23 Fabio FUSI +39 0577 23 4438 fusif@unisi.it

24 Stefania FUSI +39 0577 23 4273 fusiste@unisi.it

25 Sandra GEMMA +39 0577 23 4326 gemma@unisi.it

26 Daniela GIACHETTI +39 0577 23 3525 giachetti@unisi.it

27 Germano GIULIANI +39 0577 23 4324 giuliani5@unisi.it

28 Stefania LAMPONI +39 0577 23 4386 lamponi@unisi.it

29 Caterina LA ROSA +39 0577 23 4322 larosa@unisi.it

30 Gemma LEONE +39 0577 23 4387 leone10@unisi.it

31 Leda LODI +39 0577 23 4053 lodil@unisi.it

32 Fabrizio MANETTI +39 0577 23 4330 fabrizio.manetti@unisi.it

33 Maria Alessandra MARIOTTI +39 0577 23 3707 mariotti.ale@unisi.it

34 Paola MASSARELLI +39 0577 23 3226 massarelli@unisi.it

35 Mario MEUCCI +39 0577 23 4679 meucci@unisi.it

36 Elisabetta MIRALDI +39 0577 23 3517 miraldi@unisi.it

37 Lucia MORBIDELLI +39 0577 23 4439 morbidelli@unisi.it

- 175 -


38 Claudia MUGNAINI +39 0577 23 4312 mugnaini11@unisi.it

39 Maria Michela MUSCETTOLA +39 0577 23 4225 muscettola@unisi.it

40 Rosa Anna MUSMANNO +39 0577 23 3855 musmanno@unisi.it

41 Antonella NALDINI +39 0577 23 4212 naldini@unisi.it

42 Mitri PALMI +39 0577 23 4442 palmi@unisi.it

43 Federica PESSINA +39 0577 23 4449 pessinafed@unisi.it

44 Gian Paolo PESSINA +39 0577 23 4216 pessina@unisi.it

45 Elena PETRICCI +39 0577 23 4277 petricci@unisi.it

46 Fabio PONTICELLI +39 0577 23 4267 ponticelli@unisi.it

47 Annalisa SANTUCCI +39 0577 23 4958 santucci@unisi.it

48 Simona SAPONARA +39 0577 23 4438 saponara@unisi.it

49 Luisa SAVINI +39 0577 23 4304 savini@unisi.it

50 Alessandro SEGA +39 0577 23 4281 sega@unisi.it

51 Maurizio TADDEI +39 0577 23 4275 taddei.m@unisi.it

52 Andrea TAFI +39 0577 23 4313 tafi@unisi.it

53 Lorenza TRABALZINI +39 0577 23 4907 trabalzinil@unisi.it

54 Valter TRAVAGLI +39 0577 23 4317 travagli@unisi.it

55 Massimo VALOTI +39 0577 23 4440 valoti@unisi.it

56 Marina ZICHE +39 0577 23 4444 ziche@unisi.it

- 176 -

More magazines by this user
Similar magazines