FRATRUM MINORUM - OFM

ofm.org

FRATRUM MINORUM - OFM

ACTA ORDINIS

FRATRUM MINORUM

VEL AD ORDINEM QUOQUO MODO PERTINENTIA

IUSSU ET AUCTORITATE

Fr. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

TOTIUS ORD. FR. MIN. MINISTRI GENERALIS

IN COMMODUM PRAESERTIM RELIGIOSORUM SIBI SUBDITORUM

IN LUCEM AEDITA

Veritatem facientes in caritate (Eph. 4,15).

Peculiari prorsus laude dignum putavimus,

dilecte Fili, consilium quo horum Actorum

collectio atque editio suscepta est.

(Ex Epist. LEONIS PP. XIII ad Min. Gen.)

ROMA

CURIA GENERALIS ORDINIS


Arti Grafiche Antica Porziuncola – Cannara (Perugia) – 2005


SUMMARIUM FASCICULI

(An. CXXIV, IANUARII - APRILIS 2005 – Fasc. I)

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

1. Messaggio di Giovanni Paolo II per i sessant'anni

dalla liberazione dei prigionieri del campo di

sterminio di Auschwitz-Birkenau. ............................3

2. Messaggio in occasione della giornata

della vita consacrata .................................................4

3. Messaggio Urbi et Orbi ............................................6

4. Omelia per l’inizio del ministero petrino

del Vescovo di Roma ................................................6

5. Omelia in occasione della visita alla

Basilica di San Paolo fuori le mura.........................10

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Incontro con i Ministri provinciali..........................13

2. Lettera alla Fraternità itinerante..............................22

3. Discurso en ocasión del Doctorado Honoris

Causa por la Universidad de las Américas..............24

4. Inaugurazione della Pinacoteca Francescana

Internazionale ........................................................29

5. Carta con ocasión de la solemnidad de la

Pascua de nuestro Señor Jesucristo.........................30

6. Lettera all’Ordine in occasione della morte

di Giovanni Paolo II................................................33

7. Omelia nella Messa di suffragio per

Giovanni Paolo II....................................................34

8. Omelia in occasione dell’elezione

di Benedetto XVI....................................................36

9. Lettera all’Ordine in occasione dell’elezione

di Benedetto XVI ...................................................36

10. Prorogatur ad quinquennium indultum

Paenitentiariae Apostolicae.....................................37

PONTIFICIA UNIVERSITAS

ANTONIANUM

1. Richiesta della dichiarazione a Università..............39

2. Approvazione definitiva della Facoltà

di Scienze Bibliche e d’Archeologia ......................39

1. Comunicazione.................................................39

2. Decreto .............................................................40

3. Approvazione degli Statuti ...............................40

3. Il PAA diventa Università Pontificia.......................41

Copertina: 2 a Priorità: Comunione Fraterna.

(Bronzo di Alfiero Nena - Sorrento)

4. Letter to the Brother Ministers and Custodes .........41

5. Rectoris Pontificiæ Universitatis Antonianæ

in Urbe nominatio ...................................................42

1. Decretum ............................................................42

2. Curriculum vitae .................................................42

6. Celebrazione per il titolo di Pontificia Università

Antonianum ............................................................43

1. Curia generale. Omelia durante i Vespri .............43

2. Pontificia Università Antonianum ......................45

7. Vice-Rectoris Pontificiæ Universitatis

“Antonianum” nominatio........................................55

9. Cronaca...................................................................55

10. Storia del Pontificio Ateneo Antonianum:

da Collegio a Università .........................................57

E SECRETARIA GENERALI

1. Unio seu fusio Provinciarum ..................................59

2. Consilii Fund. “S. Francisci Assisien- ....................59

sis” in Russia et Kazakistania electio......................59

3. Capitulum Custodiae S. Ioannis Baptistae

in Pakistania............................................................59

4. Capitulum Prov. S. Bernardini Senensis

in Austria.................................................................59

5. Capitulum Prov. Picenae S. Iacobi de Marchia

in Italia ....................................................................60

6. Capitulum Prov. Siciliae Ss. Nominis Iesu

in Italia ....................................................................60

7. Visitatores generales ...............................................60

8. Domus suppressae ..................................................61

9. Notitae particulares.................................................61

E SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

1. X International Council for Formation

and Studies .............................................................65

1. Chronicle .........................................................65

2. Report of the Secretary General for Formation

and Studies........................................................67

3. Letter to the Brother Ministers, Custodes

and Formators OFM .........................................76

2. Notitiae particulares ..................................................78

❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈

Directio Commentarii «ACTA ORDINIS FRATRUM MINORUM»

CURIA GENERALIS O.F.M.

Via S. Maria Mediatrie, 25

00165 ROMA (Italia)

Fax +39.06.68.491.364 / e-mail: acta@ofm.org

DISTRIBUTIO GRATUITA – DISTRIBUZIONE GRATUITA FUORI COMMERCIO


E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

1. Eucaristia nella Basilica di San Pietro ....................79

2. Incontro del Comitato Esecutivo del COFIEM ......79

E POSTULATIONE GENERALI

1. Decretum super virtutibus S. D. Seraphinae

ab Angelis ..............................................................83

2. Electio Ponentis in Causa Beati Simonis

de Lipnica ...............................................................84

3. Facultas exuvias S. D. Augustini Castrillo

recognoscendi atque transferendi............................85

4. Electio Ponentis in Causa Beatae Baptistae

Varano.....................................................................85

5. Electio Ponentis in Causa Servorum Dei

Victoris Chumillas et Sociorum..............................86

6. Electio Ponentis in Causa SD Maximi Rinaldi .......86

7. Notitiae particulares................................................86

1. Congregatio Ordinaria super miraculo .............86

2. Congregationes Ordinariae super virtutibus.....87

3. Congregatio Ordinaria super martyrio..............87

4. Congressus Peculiares super virtutibus ............87

5. Congressus Medicorum super adsertis

miribus..............................................................87

STATISTICA

ORDINIS FRATRUM MINORUM

(31 Decembris 2003)

I. Relatio de statu personali et locali Ordinis ............89

II. Fratres omnes unicuique Provinciae vel

Cust. Aut. adscripti ...............................................93

III. Fratres et domus secundum regiones .....................97

IV. Status domum et presentia fratrum in

singulis nationibus ...............................................100

V. Provinciae vel Cust. Aut. juxta

numerum fratrum et novitiorum ..........................103

VI. Incrementum vel decrementum numeri fratrum ..106

VII. Inter 2002 et 2003 compoaratio ...........................110

EX OFFICIO OFS

1. Germania – Incontro preparatorio per la

GMG 2005 a Colonia............................................113

2. Polonia - Corso di formazione per l’OFS

della Bielorussia....................................................113

3. Perù – Capitolo nazionale dell’OFS .....................114

AD CHRONICAM ORDINIS

1 De itineraribus Ministri generalis .........................115

1.1. 2° Incontro del Definitorio generale con

i nuovi Ministri provinciali e Custodi ......115

1.2. Capitolo della Fondazione “San Francesco

d’Assisi” in Russia-Kazakistan ................116

1.3. Quinto centenario de la Fundación de

la Provincia de Santa Cruz de las Indias...117

1.4. Visita alla Provincia OFM delle Marche ..118

1.5. Visita a la Provincia del Santo

Evangelio, Mexico ...................................120

1.6. Visita a la Provincia de los Santos

Francisco y Santiago, México ..................126

1.7. Inaugurazione della Pinacoteca

Francescana d'Arte contemporanea..........129

1.8. CONFRES: XXXIII semana

interprovincial ..........................................130

1.9. Esercizi spirituali del Definitorio

generale ....................................................132

2. Quinto centenario de la Fundación de la

Provincia de Santa Cruz de las Indias...................132

3. Riunione delle Conferenze Sub-Sahariana

e Comona ..............................................................136

4. I Frati Minori in Libia...........................................138

5. Incontro della Conferenza dei Ministri generali

del Primo Ordine Francescano e del TOR ............139

6. Incontro della Conferenza della Famiglia

Francescana con Franciscans International...........140

7. Incontro della Conferenza West-Slavica...............140

8. Una rivista di cultura francescana.........................141

9. Notitiae particulares..............................................142

BIBLIOGRAFIA

1. Libri ......................................................................149

2. Extracta.................................................................150

NECROLOGIA

1. Br. Bernard Bartolo...............................................151

2. Fr. César Saco Alarcón..........................................151

3. Fr. Mel Brady........................................................153

4. Anno 2004 mortui sunt .........................................154

5. Anno 2005 mortui sunt .........................................156


EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

1. Messaggio di Giovanni Paolo II per i

sessant'anni dalla liberazione dei prigionieri

del campo di sterminio di

Auschwitz-Birkenau.

Si compiono sessant’anni dalla liberazione

dei prigionieri del campo di sterminio

di Auschwitz-Birkenau. In questa circostanza

non è possibile fare a meno di tornare

con la memoria al dramma che lì ebbe

luogo, tragico frutto di un odio programmato.

In questi giorni occorre ricordare i vari

milioni di persone che senza alcuna colpa

sopportarono sofferenze disumane e vennero

annientati nelle camere a gas e nei crematori.

Chino il capo dinanzi a tutti coloro

che sperimentarono quella manifestazione

del mysterium iniquitatis.

Quando, come Papa, visitai da pellegrino

il campo di Auschwitz-Birkenau nell’anno

1979, mi soffermai davanti alle lapidi

dedicate alle vittime. Vi erano iscrizioni in

varie lingue: polacca, inglese, bulgara, rom,

ceca, danese, francese, greca, ebraica, yiddish,

spagnola, fiamminga, serbo-croata, tedesca,

norvegese, russa, rumena, ungherese

e italiana. In tutte queste lingue era scritto il

ricordo delle vittime di Auschwitz, di persone

concrete, benché spesso del tutto sconosciute:

uomini, donne e bambini. Mi soffermai

allora un po’ più a lungo accanto alla

lapide con la scritta in ebraico. Dissi:

“Questa iscrizione suscita il ricordo del Popolo,

i cui figli e figlie furono destinati allo

sterminio totale. Questo Popolo ha la sua

origine da Abramo, che è anche nostro padre

nella fede (cfr Rm 4, 11-12), come si è

espresso Paolo di Tarso. Proprio questo popolo,

che ha ricevuto da Dio il comandamento:

«non uccidere», ha sperimentato su

se stesso in modo particolare che cosa significa

l’uccidere. Davanti a questa lapide

non è lecito a nessuno passare oltre con indifferenza”.

Oggi ripeto quelle parole. A nessuno è

lecito, davanti alla tragedia della Shoà, passare

oltre. Quel tentativo di distruggere in

modo programmato tutto un popolo si stende

come un’ombra sull’Europa e sul mondo

intero; è un crimine che macchia per sempre

la storia dell’umanità. Valga questo, almeno

oggi e per il futuro, come un monito:

non si deve cedere di fronte alle ideologie

che giustificano la possibilità di calpestare

la dignità umana sulla base della diversità di

razza, di colore della pelle, di lingua o di religione.

Rivolgo il presente appello a tutti, e

particolarmente a coloro che nel nome della

religione ricorrono alla sopraffazione e al

terrorismo.

Queste riflessioni mi hanno accompagnato

specialmente quando, durante il

Grande Giubileo dell’Anno 2000, la Chiesa

ha celebrato la solenne liturgia penitenziale

in San Pietro, ed anche quando mi sono recato

come pellegrino ai Luoghi Santi e sono

salito a Gerusalemme. Nello Yad Vashem -

il memoriale della Shoà - e ai piedi del Muro

occidentale del Tempio, ho pregato in silenzio,

chiedendo perdono e conversione

dei cuori.

Nel 1979 ricordo di essermi fermato a riflettere

intensamente anche davanti ad altre

due lapidi, scritte in russo e in rom. La storia

della partecipazione dell’Unione Sovietica

a quella guerra fu complessa, ma non è

possibile non ricordare che in essa i Russi

ebbero il più alto numero di persone che

persero tragicamente la vita. Anche i Rom

nelle intenzioni di Hitler erano destinati allo

sterminio totale. Non si può sottovalutare

il sacrificio della vita imposto a questi

nostri fratelli nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Ecco perché esorto di

nuovo a non passare con indifferenza davanti

a quelle lapidi.

Mi fermai, infine, davanti alla lapide

scritta in lingua polacca. Dissi allora che

l’esperienza di Auschwitz costituiva un’ul-


4 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

teriore “tappa nelle lotte secolari di questa

nazione, della mia nazione, in difesa dei

suoi diritti fondamentali fra i popoli dell’Europa.

Era ancora un altro grido per il diritto

ad un suo proprio posto sulla carta dell’Europa;

ancora un doloroso conto con la

coscienza dell’umanità”. L’affermazione di

questa verità non era che un’invocazione alla

giustizia storica per questa nazione che

aveva affrontato tanti sacrifici nella liberazione

del continente europeo dalla nefasta

ideologia nazista, ed era stata venduta in

schiavitù ad un’altra ideologia distruttiva: il

comunismo sovietico. Oggi ritorno a quelle

parole per rendere grazie a Dio - senza rinnegarle

- perché, attraverso il perseverante

sforzo dei miei connazionali, la Polonia ha

trovato il giusto posto sulla carta d’Europa.

Il mio augurio è che questo storico dato porti

frutti di reciproco arricchimento spirituale

per tutti gli europei.

Durante la visita ad Auschwitz-Birkenau

dissi anche che bisognerebbe fermarsi davanti

a ogni lapide. Io stesso lo feci, passando

in orante meditazione da una lapide

all’altra e raccomandando alla Misericordia

Divina tutte le vittime appartenenti alle

nazioni colpite dalle atrocità della guerra.

Pregai anche per ottenere, attraverso la loro

intercessione, il dono della pace per il mondo.

Continuo a pregare senza mai cessare,

nella fiducia che, in ogni circostanza, alla

fine vincerà il rispetto per la dignità della

persona umana, per i diritti di ogni uomo ad

una libera ricerca della verità, per l’osservanza

delle norme della morale, per il compimento

della giustizia e del diritto di ciascuno

a condizioni di vita degne dell’uomo

(cfr Giovanni XXIII, Lett. enc. Pacem in

terris: AAS 55 [1963], 295-296).

Parlando delle vittime di Auschwitz, non

posso fare a meno di ricordare che, in mezzo

a quell’indescrivibile accumulo di male,

vi furono anche manifestazioni eroiche di

adesione al bene. Certamente ci furono tante

persone che accettarono con libertà di

spirito di essere sottoposte alla sofferenza,

e dimostrarono amore non soltanto verso i

compagni prigionieri, ma anche verso i carnefici.

Tanti lo fecero per amore di Dio e

dell’uomo, altri nel nome dei più alti valori

spirituali. Grazie al loro atteggiamento si è

resa palese una verità, che spesso appare

nella Bibbia: anche se l’uomo è capace di

compiere il male, a volte un male enorme, il

male non avrà l’ultima parola. Nell’abisso

stesso della sofferenza può vincere l’amore.

La testimonianza di tale amore, emersa in

Auschwitz, non può cadere nell’oblio. Deve

incessantemente destare le coscienze,

estinguere i conflitti, esortare alla pace.

Tale sembra essere il più profondo senso

della celebrazione di questo anniversario.

Se infatti stiamo ricordando il dramma delle

vittime, lo facciamo non per riaprire dolorose

ferite, né per destare sentimenti di

odio e propositi di vendetta, ma per rendere

omaggio a quelle persone, per mettere in luce

la verità storica e soprattutto perché tutti

si rendano conto che quelle vicende tenebrose

devono essere per gli uomini di oggi

una chiamata alla responsabilità nel costruire

la nostra storia. Mai più in nessun angolo

della terra si ripeta ciò che hanno provato

uomini e donne che da sessant’anni piangiamo!

Invio i miei saluti a quanti partecipano alle

celebrazioni dell’anniversario e chiedo a

Dio per tutti il dono della sua benedizione.

Dal Vaticano, 15 gennaio 2005

GIOVANNI PAOLO II

[L’Osservatore Romano, 28 gennaio 2005, pp. 5-6]

2. Messaggio in occasione della giornata

della vita consacrata

Dal Vaticano, 2 Febbraio 2005

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Oggi si celebra la Giornata della vita

consacrata, occasione propizia per ringraziare

il Signore insieme a coloro che, da Lui

chiamati alla pratica dei consigli evangelici,

“ne fanno fedelmente professione, si

consacrano in modo speciale al Signore, seguendo

Cristo che, vergine e povero (cfr Mt

8,20; Lc 9,58), redense e santificò gli uomi-


ni con la sua obbedienza spinta fino alla

morte di croce (cfr Fil 2,8)” (Perfectae caritatis,

1). Quest’anno tale celebrazione assume

un significato speciale, perché ricorre

il 40° anniversario dalla promulgazione del

Decreto Perfectae caritatis, con il quale il

Concilio Ecumenico Vaticano II ha tracciato

le linee guida per il rinnovamento della

vita consacrata.

In questi quarant'anni, seguendo le direttive

del magistero della Chiesa, gli Istituti

di vita consacrata e le Società di vita apostolica

hanno percorso un cammino fecondo

di rinnovamento, segnato da una parte

dal desiderio di fedeltà al dono ricevuto dallo

Spirito per mezzo dei Fondatori e delle

Fondatrici e, dall’altra, dall’ansia di adattare

il modo di vivere, di pregare e di agire

“alle odierne condizioni fisiche e psichiche

dei religiosi, come pure, per quanto è richiesto

dalla natura di ciascun istituto, alle

necessità dell'apostolato, alle esigenze della

cultura, alle circostanze sociali ed economiche”

(Perfectae caritatis, 3).

Come non rendere grazie al Signore per

questo opportuno “aggiornamento” della

vita consacrata? Sono certo che, anche grazie

ad esso, si moltiplicheranno i frutti di

santità e di operosità missionaria, a condizione

che le persone consacrate conservino

un inalterato fervore ascetico e lo trasfondano

nelle opere apostoliche.

2. Il segreto di questo ardore spirituale è

l’Eucaristia. In quest'anno, ad essa particolarmente

dedicato, vorrei esortare tutti i religiosi

e le religiose ad “instaurare con Cristo

una comunione sempre più profonda

mediante la partecipazione quotidiana al

Sacramento che lo rende presente, al sacrificio

che attualizza il dono d'amore del Golgota,

al convito che alimenta e sostiene il

Popolo di Dio pellegrinante. “L'Eucaristia -

come affermavo nell'Esortazione apostolica

Vita consecrata - sta per sua natura al centro

della vita consacrata, personale e comunitaria”

(n. 95).

Gesù si dona come Pane “spezzato” e

Sangue “versato” perché tutti possano

“avere vita e averla in abbondanza” (cfr Gv

10,10). Egli offre se stesso per la salvezza

dell’intera umanità. Prendere parte al suo

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

banchetto sacrificale non comporta solo ripetere

il gesto da Lui compiuto, ma bere al

suo stesso calice e partecipare alla sua stessa

immolazione. Come Cristo si fa “pane

spezzato” e “sangue versato”, così ogni cristiano

- e ancor più ogni consacrato ed ogni

consacrata - è chiamato a dare la vita per i

fratelli, in unione a quella del Redentore.

3. L’Eucaristia è la sorgente inesauribile

della fedeltà al Vangelo, perché in questo

Sacramento, cuore della vita ecclesiale, si

realizzano in pienezza l'intima immedesimazione

e la totale conformazione con Cristo,

a cui i consacrati e le consacrate sono

chiamati. “Qui si concentrano tutte le forme

di preghiera, viene proclamata ed accolta la

Parola di Dio, si è interpellati sul rapporto

con Dio, con i fratelli, con tutti gli uomini:

è il sacramento della filiazione, della fraternità

e della missione. Sacramento dell'unità

con Cristo, l'Eucaristia è contemporaneamente

sacramento dell'unità ecclesiale e

dell'unità della comunità dei consacrati. In

definitiva essa appare fonte della spiritualità

del singolo e dell'Istituto” (Istr. Ripartire

da Cristo, 26). Dall’Eucaristia le persone

consacrate apprendono “una maggiore libertà

nell'esercizio dell'apostolato, una irradiazione

più consapevole, una solidarietà

che si esprime con lo stare dalla parte della

gente, assumendone i problemi per rispondere

con una forte attenzione ai segni dei

tempi e alle loro esigenze” (Ibid., 36).

Carissimi Fratelli e Sorelle, entriamo nel

mistero dell’Eucaristia guidati dalla Santissima

Vergine e seguendo il suo esempio!

Maria, Donna eucaristica, aiuti quanti sono

chiamati ad una speciale intimità con Cristo

ad essere frequentatori assidui della Santa

Messa ed ottenga per loro il dono di un'obbedienza

pronta, di una fedele povertà e di

una verginità feconda; li renda santi discepoli

di Cristo eucaristico.

Con questi sentimenti, mentre assicuro

un ricordo nella preghiera, volentieri benedico

tutte le persone consacrate e le comunità

cristiane all’interno delle quali esse sono

chiamate a svolgere la loro missione.

5

GIOVANNI PAOLO II


6 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

3. Messaggio Urbi et Orbi

Domenica di Pasqua, 27 marzo 2005

1. Mane nobiscum, Domine!

Resta con noi, Signore! (cfr Lc 24,29).

Con queste parole i discepoli di Emmaus

invitarono il misterioso Viandante a restare

con loro, mentre volgeva al tramonto quel

primo giorno dopo il sabato in cui l’incredibile

era accaduto.

Secondo la promessa, Cristo era risorto;

ma essi non lo sapevano ancora. Tuttavia le

parole del Viandante lungo la strada avevano

progressivamente riscaldato il loro cuore.

Per questo lo avevano invitato: «Resta

con noi». Seduti poi intorno alla tavola della

cena, lo avevano riconosciuto allo «spezzare

del pane». E subito Egli era sparito. Dinanzi

a loro era rimasto il pane spezzato, e

nel loro cuore la dolcezza di quelle sue parole.

2. Fratelli e Sorelle carissimi, la Parola e

il Pane dell’Eucaristia, mistero e dono della

Pasqua, restano nei secoli come memoria

perenne della passione, morte e risurrezione

di Cristo! Anche noi oggi, Pasqua di Risurrezione,

con tutti i cristiani del mondo ripetiamo:

Gesù, crocifisso e risorto, rimani

con noi! Resta con noi, amico fedele e sicuro

sostegno dell’umanità in cammino sulle

strade del tempo! Tu, Parola vivente del Padre,

infondi fiducia e speranza in quanti cercano

il senso vero della loro esistenza. Tu,

Pane di vita eterna, nutri l’uomo affamato

di verità, di libertà, di giustizia e di pace.

3. Rimani con noi, Parola vivente del Padre,

ed insegnaci parole e gesti di pace: pace

per la terra consacrata dal tuo sangue e

intrisa del sangue di tante vittime innocenti;

pace per i Paesi del Medio Oriente e dell'Africa,

dove pure tanto sangue continua ad

essere versato; pace per tutta l'umanità, su

cui sempre incombe il pericolo di guerre

fratricide.

Rimani con noi, Pane di vita eterna,

spezzato e distribuito ai commensali: dà anche

a noi la forza di una solidarietà generosa

verso le moltitudini che, ancor oggi, soffrono

e muoiono di miseria e di fame, deci-

mate da epidemie letali o prostrate da immani

catastrofi naturali. Per la forza della

tua Risurrezione siano anch'esse rese partecipi

di una vita nuova.

4. Anche noi, uomini e donne del terzo

millennio, abbiamo bisogno di Te, Signore

risorto! Rimani con noi ora e fino alla fine

dei tempi.

Fa’ che il progresso materiale dei popoli

non offuschi mai i valori spirituali che sono

l’anima della loro civiltà.

Sostienici, Ti preghiamo, nel nostro

cammino. In Te noi crediamo, in Te speriamo,

perché Tu solo hai parole di vita eterna

(cfr Gv 6,68). Mane nobiscum, Domine! Alleluia!

Buona Pasqua a tutti!

GIOVANNI PAOLO II

4. Omelia per l’inizio del ministero petrino

del Vescovo di Roma

Piazza S. Pietro, 24.04.2005

Signori Cardinali, venerati Fratelli

nell’episcopato e nel sacerdozio,

distinte Autorità e Membri

del Corpo diplomatico,

carissimi Fratelli e Sorelle!

Per ben tre volte, in questi giorni così intensi,

il canto delle litanie dei santi ci ha accompagnato:

durante i funerali del nostro

Santo Padre Giovanni Paolo II; in occasione

dell'ingresso dei Cardinali in Conclave,

ed anche oggi, quando le abbiamo nuovamente

cantate con l'invocazione: Tu illum

adiuva - sostieni il nuovo successore di San

Pietro. Ogni volta in un modo del tutto particolare

ho sentito questo canto orante come

una grande consolazione. Quanto ci siamo

sentiti abbandonati dopo la dipartita di Giovanni

Paolo II! Il Papa che per ben 26 anni

è stato nostro pastore e guida nel cammino

attraverso questo tempo. Egli varcava la soglia

verso l'altra vita, entrando nel mistero

di Dio. Ma non compiva questo passo da

solo. Chi crede, non è mai solo: non lo è


nella vita e neanche nella morte. In quel

momento noi abbiamo potuto invocare i

santi di tutti i secoli: i suoi amici, i suoi fratelli

nella fede, sapendo che sarebbero stati

il corteo vivente che lo avrebbe accompagnato

nell'aldilà, fino alla gloria di Dio. Noi

sapevamo che il suo arrivo era atteso. Ora

sappiamo che egli è fra i suoi ed è veramente

a casa sua. Di nuovo, siamo stati consolati

compiendo il solenne ingresso in conclave,

per eleggere colui che il Signore aveva

scelto. Come potevamo riconoscere il

suo nome? Come potevano 115 Vescovi,

provenienti da tutte le culture ed i paesi, trovare

colui al quale il Signore desiderava

conferire la missione di legare e sciogliere?

Ancora una volta, noi lo sapevamo: sapevamo

che non siamo soli, che siamo circondati,

condotti e guidati dagli amici di Dio. Ed

ora, in questo momento, io debole servitore

di Dio devo assumere questo compito inaudito,

che realmente supera ogni capacità

umana. Come posso fare questo? Come

sarò in grado di farlo? Voi tutti, cari amici,

avete appena invocato l'intera schiera dei

santi, rappresentata da alcuni dei grandi nomi

della storia di Dio con gli uomini. In tal

modo, anche in me si ravviva questa consapevolezza:

non sono solo. Non devo portare

da solo ciò che in realtà non potrei mai

portare da solo. La schiera dei santi di Dio

mi protegge, mi sostiene e mi porta. E la

Vostra preghiera, cari amici, la Vostra indulgenza,

il Vostro amore, la Vostra fede e

la Vostra speranza mi accompagnano. Infatti

alla comunità dei santi non appartengono

solo le grandi figure che ci hanno preceduto

e di cui conosciamo i nomi. Noi tutti siamo

la comunità dei santi, noi battezzati nel nome

del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo,

noi che viviamo del dono della carne e

del sangue di Cristo, per mezzo del quale

egli ci vuole trasformare e renderci simili a

se medesimo. Sì, la Chiesa è viva, questa è

la meravigliosa esperienza di questi giorni.

Proprio nei tristi giorni della malattia e della

morte del Papa questo si è manifestato in

modo meraviglioso ai nostri occhi: che la

Chiesa è viva. E la Chiesa è giovane. Essa

porta in sé il futuro del mondo e perciò mostra

anche a ciascuno di noi la via verso il fu-

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

turo. La Chiesa è viva e noi lo vediamo: noi

sperimentiamo la gioia che il Risorto ha promesso

ai suoi. La Chiesa è viva, essa è viva

perché Cristo è vivo, perché egli è veramente

risorto. Nel dolore, presente sul volto del

Santo Padre nei giorni di Pasqua, abbiamo

contemplato il mistero della passione di Cristo

ed insieme toccato le sue ferite. Ma in

tutti questi giorni abbiamo anche potuto, in

un senso profondo, toccare il Risorto. Ci è

stato dato di sperimentare la gioia che egli

ha promesso, dopo un breve tempo di oscurità,

come frutto della sua resurrezione.

La Chiesa è viva: così saluto con grande

gioia e gratitudine voi tutti, che siete qui radunati,

venerati Confratelli Cardinali e Vescovi,

carissimi sacerdoti, diaconi, operatori

pastorali, catechisti. Saluto voi, religiosi

e religiose, testimoni della trasfigurante

presenza di Dio. Saluto voi, fedeli laici, immersi

nel grande spazio della costruzione

del Regno di Dio che si espande nel mondo,

in ogni espressione della vita. Il discorso si

fa pieno di affetto anche nel saluto che rivolgo

a tutti coloro che, rinati nel sacramento

del Battesimo, non sono ancora in

piena comunione con noi; ed a voi fratelli

del popolo ebraico, cui siamo legati da un

grande patrimonio spirituale comune, che

affonda le sue radici nelle irrevocabili promesse

di Dio. Il mio pensiero, infine – quasi

come un’onda che si espande – va a tutti

gli uomini del nostro tempo, credenti e non

credenti.

Cari amici! In questo momento non ho

bisogno di presentare un programma di governo.

Qualche tratto di ciò che io considero

mio compito, ho già potuto esporlo nel

mio messaggio di mercoledì 20 aprile; non

mancheranno altre occasioni per farlo. Il

mio vero programma di governo è quello di

non fare la mia volontà, di non perseguire

mie idee, ma di mettermi in ascolto, con tutta

quanta la Chiesa, della parola e della volontà

del Signore e lasciarmi guidare da

Lui, cosicché sia Egli stesso a guidare la

Chiesa in questa ora della nostra storia. Invece

di esporre un programma io vorrei

semplicemente cercare di commentare i due

segni con cui viene rappresentata liturgicamente

l’assunzione del Ministero Petrino;

7


8 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

entrambi questi segni, del resto, rispecchiano

anche esattamente ciò che viene proclamato

nelle letture di oggi.

Il primo segno è il Pallio, tessuto in pura

lana, che mi viene posto sulle spalle. Questo

antichissimo segno, che i Vescovi di Roma

portano fin dal IV secolo, può essere

considerato come un’immagine del giogo

di Cristo, che il Vescovo di questa città, il

Servo dei Servi di Dio, prende sulle sue

spalle. Il giogo di Dio è la volontà di Dio,

che noi accogliamo. E questa volontà non è

per noi un peso esteriore, che ci opprime e

ci toglie la libertà. Conoscere ciò che Dio

vuole, conoscere qual è la via della vita,

questa era la gioia di Israele, era il suo grande

privilegio. Questa è anche la nostra

gioia: la volontà di Dio non ci aliena, ci purifica

– magari in modo anche doloroso – e

così ci conduce a noi stessi. In tal modo,

non serviamo soltanto Lui ma la salvezza di

tutto il mondo, di tutta la storia. In realtà il

simbolismo del Pallio è ancora più concreto:

la lana d’agnello intende rappresentare

la pecorella perduta o anche quella malata e

quella debole, che il pastore mette sulle sue

spalle e conduce alle acque della vita. La

parabola della pecorella smarrita, che il pastore

cerca nel deserto, era per i Padri della

Chiesa un’immagine del mistero di Cristo e

della Chiesa. L’umanità – noi tutti – è la pecora

smarrita che, nel deserto, non trova più

la strada. Il Figlio di Dio non tollera questo;

Egli non può abbandonare l’umanità in una

simile miserevole condizione. Balza in piedi,

abbandona la gloria del cielo, per ritrovare

la pecorella e inseguirla, fin sulla croce.

La carica sulle sue spalle, porta la nostra

umanità, porta noi stessi: Egli è il buon pastore,

che offre la sua vita per le pecore. Il

Pallio dice innanzitutto che tutti noi siamo

portati da Cristo. Ma allo stesso tempo ci invita

a portarci l’un l’altro. Così il Pallio diventa

il simbolo della missione del pastore,

di cui parlano la seconda lettura ed il Vangelo.

La santa inquietudine di Cristo deve

animare il pastore: per lui non è indifferente

che tante persone vivano nel deserto. E vi

sono tante forme di deserto. Vi è il deserto

della povertà, il deserto della fame e della

sete, vi è il deserto dell’abbandono, della

solitudine, dell’amore distrutto. Vi è il deserto

dell’oscurità di Dio, dello svuotamento

delle anime senza più coscienza della dignità

e del cammino dell’uomo. I deserti

esteriori si moltiplicano nel mondo, perché

i deserti interiori sono diventati così ampi.

Perciò i tesori della terra non sono più al

servizio dell’edificazione del giardino di

Dio, nel quale tutti possano vivere, ma sono

asserviti alle potenze dello sfruttamento e

della distruzione. La Chiesa nel suo insieme,

ed i Pastori in essa, come Cristo devono

mettersi in cammino, per condurre gli

uomini fuori dal deserto, verso il luogo della

vita, verso l’amicizia con il Figlio di Dio,

verso Colui che ci dona la vita, la vita in

pienezza. Il simbolo dell’agnello ha ancora

un altro aspetto. Nell’Antico Oriente era

usanza che i re designassero se stessi come

pastori del loro popolo. Questa era un’immagine

del loro potere, un’immagine cinica:

i popoli erano per loro come pecore, delle

quali il pastore poteva disporre a suo piacimento.

Mentre il pastore di tutti gli

uomini, il Dio vivente, è divenuto lui stesso

agnello, si è messo dalla parte degli agnelli,

di coloro che sono calpestati e uccisi. Proprio

così Egli si rivela come il vero pastore:

“Io sono il buon pastore… Io offro la mia

vita per le pecore”, dice Gesù di se stesso

(Gv 10, 14s). Non è il potere che redime,

ma l’amore! Questo è il segno di Dio: Egli

stesso è amore. Quante volte noi desidereremmo

che Dio si mostrasse più forte. Che

Egli colpisse duramente, sconfiggesse il

male e creasse un mondo migliore. Tutte le

ideologie del potere si giustificano così,

giustificano la distruzione di ciò che si opporrebbe

al progresso e alla liberazione dell’umanità.

Noi soffriamo per la pazienza di

Dio. E nondimeno abbiamo tutti bisogno

della sua pazienza. Il Dio, che è divenuto

agnello, ci dice che il mondo viene salvato

dal Crocifisso e non dai crocifissori. Il mondo

è redento dalla pazienza di Dio e distrutto

dall’impazienza degli uomini.

Una delle caratteristiche fondamentali

del pastore deve essere quella di amare gli

uomini che gli sono stati affidati, così come

ama Cristo, al cui servizio si trova. “Pasci le

mie pecore”, dice Cristo a Pietro, ed a me, in


questo momento. Pascere vuol dire amare, e

amare vuol dire anche essere pronti a soffrire.

Amare significa: dare alle pecore il vero

bene, il nutrimento della verità di Dio, della

parola di Dio, il nutrimento della sua presenza,

che egli ci dona nel Santissimo Sacramento.

Cari amici – in questo momento

io posso dire soltanto: pregate per me, perché

io impari sempre più ad amare il Signore.

Pregate per me, perché io impari ad amare

sempre più il suo gregge: voi, la Santa

Chiesa, ciascuno di voi singolarmente e voi

tutti insieme. Pregate per me, perché io non

fugga, per paura, davanti ai lupi. Preghiamo

gli uni per gli altri, perché il Signore ci porti

e noi impariamo a portarci gli uni gli altri.

Il secondo segno, con cui viene rappresentato

nella liturgia odierna l’insediamento

nel Ministero Petrino, è la consegna dell’anello

del pescatore. La chiamata di Pietro ad

essere pastore, che abbiamo udito nel Vangelo,

fa seguito alla narrazione di una pesca

abbondante: dopo una notte, nella quale

avevano gettato le reti senza successo, i discepoli

vedono sulla riva il Signore Risorto.

Egli comanda loro di tornare a pescare ancora

una volta ed ecco che la rete diviene così

piena che essi non riescono a tirarla su;

153 grossi pesci: “E sebbene fossero così

tanti, la rete non si strappò” (Gv 21, 11).

Questo racconto, al termine del cammino

terreno di Gesù con i suoi discepoli, corrisponde

ad un racconto dell’inizio: anche allora

i discepoli non avevano pescato nulla

durante tutta la notte; anche allora Gesù aveva

invitato Simone ad andare al largo ancora

una volta. E Simone, che ancora non era

chiamato Pietro, diede la mirabile risposta:

Maestro, sulla tua parola getterò le reti! Ed

ecco il conferimento della missione: “Non

temere! D’ora in poi sarai pescatore di uomini”

(Lc 5, 1–11). Anche oggi viene detto

alla Chiesa e ai successori degli apostoli di

prendere il largo nel mare della storia e di

gettare le reti, per conquistare gli uomini al

Vangelo, a Dio, a Cristo, alla vera vita. I Padri

hanno dedicato un commento molto particolare

anche a questo singolare compito.

Essi dicono così: per il pesce, creato per

l’acqua, è mortale essere tirato fuori dal mare.

Esso viene sottratto al suo elemento vita-

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

le per servire di nutrimento all’uomo. Ma

nella missione del pescatore di uomini avviene

il contrario. Noi uomini viviamo alienati,

nelle acque salate della sofferenza e

della morte; in un mare di oscurità senza luce.

La rete del Vangelo ci tira fuori dalle acque

della morte e ci porta nello splendore

della luce di Dio, nella vera vita. E’ proprio

così: nella missione di pescatore di uomini,

al seguito di Cristo, occorre portare gli uomini

fuori dal mare salato di tutte le alienazioni

verso la terra della vita, verso la luce di

Dio. E’ proprio così: noi esistiamo per mostrare

Dio agli uomini. E solo laddove si vede

Dio, comincia veramente la vita. Solo

quando incontriamo in Cristo il Dio vivente,

noi conosciamo che cosa è la vita. Non siamo

il prodotto casuale e senza senso dell’evoluzione.

Ciascuno di noi è il frutto di un

pensiero di Dio. Ciascuno di noi è voluto,

ciascuno è amato, ciascuno è necessario.

Non vi è niente di più bello che essere raggiunti,

sorpresi dal Vangelo, da Cristo. Non

vi è niente di più bello che conoscere Lui e

comunicare agli altri l’amicizia con lui. Il

compito del pastore, del pescatore di uomini

può spesso apparire faticoso. Ma è bello e

grande, perché in definitiva è un servizio alla

gioia, alla gioia di Dio che vuol fare il suo

ingresso nel mondo.

Vorrei qui rilevare ancora una cosa: sia

nell’immagine del pastore che in quella del

pescatore emerge in modo molto esplicito

la chiamata all’unità. “Ho ancora altre pecore,

che non sono di questo ovile; anch’esse

io devo condurre ed ascolteranno la mia

voce e diverranno un solo gregge e un solo

pastore” (Gv 10, 16), dice Gesù al termine

del discorso del buon pastore. E il racconto

dei 153 grossi pesci termina con la gioiosa

constatazione: “sebbene fossero così tanti,

la rete non si strappò” (Gv 21, 11). Ahimè,

amato Signore, essa ora si è strappata! vorremmo

dire addolorati. Ma no, non dobbiamo

essere tristi! Rallegriamoci per la tua

promessa, che non delude, e facciamo tutto

il possibile per percorrere la via verso l’unità,

che tu hai promesso. Facciamo memoria

di essa nella preghiera al Signore, come

mendicanti: sì, Signore, ricordati di quanto

hai promesso. Fa’ che siamo un solo pasto-

9


10 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

re ed un solo gregge! Non permettere che la

tua rete si strappi ed aiutaci ad essere servitori

dell’unità!

In questo momento il mio ricordo ritorna

al 22 ottobre 1978, quando Papa Giovanni

Paolo II iniziò il suo ministero qui

sulla Piazza di San Pietro. Ancora, e continuamente,

mi risuonano nelle orecchie le

sue parole di allora: “Non abbiate paura,

aprite anzi spalancate le porte a Cristo!” Il

Papa parlava ai forti, ai potenti del mondo,

i quali avevano paura che Cristo potesse

portar via qualcosa del loro potere, se lo

avessero lasciato entrare e concesso la libertà

alla fede. Sì, egli avrebbe certamente

portato via loro qualcosa: il dominio della

corruzione, dello stravolgimento del diritto,

dell’arbitrio. Ma non avrebbe portato via

nulla di ciò che appartiene alla libertà dell’uomo,

alla sua dignità, all’edificazione di

una società giusta. Il Papa parlava inoltre a

tutti gli uomini, soprattutto ai giovani. Non

abbiamo forse tutti in qualche modo paura -

se lasciamo entrare Cristo totalmente dentro

di noi, se ci apriamo totalmente a lui –

paura che Egli possa portar via qualcosa

della nostra vita? Non abbiamo forse paura

di rinunciare a qualcosa di grande, di unico,

che rende la vita così bella? Non rischiamo

di trovarci poi nell’angustia e privati della

libertà? Ed ancora una volta il Papa voleva

dire: no! chi fa entrare Cristo, non perde

nulla, nulla – assolutamente nulla di ciò che

rende la vita libera, bella e grande. No! solo

in quest’amicizia si spalancano le porte della

vita. Solo in quest’amicizia si dischiudono

realmente le grandi potenzialità della

condizione umana. Solo in quest’amicizia

noi sperimentiamo ciò che è bello e ciò che

libera. Così, oggi, io vorrei, con grande forza

e grande convinzione, a partire dall’esperienza

di una lunga vita personale, dire a

voi, cari giovani: non abbiate paura di Cristo!

Egli non toglie nulla, e dona tutto. Chi

si dona a lui, riceve il centuplo. Sì, aprite,

spalancate le porte a Cristo – e troverete la

vera vita. Amen.

BENEDETTO XVI

(L’Osservatore Romano, 25 aprile 2005, pp. 4-5)

5. Omelia in occasione della visita alla

Basilica di San Paolo fuori le mura

Roma, 25.04.2005

Signori Cardinali,

venerati Fratelli nell’Episcopato

e nel Sacerdozio,

cari Fratelli e Sorelle nel Signore!

Rendo grazie a Dio che, all’inizio del

mio ministero di Successore di Pietro, mi

concede di sostare in preghiera presso il sepolcro

dell’apostolo Paolo. E’ questo per

me un pellegrinaggio tanto desiderato, un

gesto di fede, che compio a nome mio, ma

anche a nome della diletta Diocesi di Roma,

della quale il Signore mi ha costituito Vescovo

e Pastore, e della Chiesa universale

affidata alle mie premure pastorali. Un pellegrinaggio,

per così dire, alle radici della

missione, di quella missione che Cristo risorto

affidò a Pietro, agli Apostoli e, in modo

singolare, anche a Paolo, spingendolo ad

annunciare il Vangelo alle genti, fino a

giungere in questa Città, dove, dopo avere a

lungo predicato il Regno di Dio (At 28,31),

rese con il sangue l’estrema testimonianza

al suo Signore, che lo aveva “conquistato”

(Fil 3,12) e inviato.

Prima ancora che la Provvidenza lo conducesse

a Roma, l’Apostolo scrisse ai cristiani

di questa Città, capitale dell’Impero,

la sua Lettera più importante sotto il profilo

dottrinale. Ne è stata proclamata poc’anzi la

parte iniziale, un denso preambolo in cui

l’Apostolo saluta la comunità di Roma presentandosi

quale “servo di Cristo Gesù,

apostolo per vocazione” (Rm 1,1). E più

avanti aggiunge: “Per mezzo di lui [Cristo]

abbiamo ricevuto la grazia dell’apostolato

per ottenere l’obbedienza alla fede da parte

di tutte le genti” (Rm 1,5).

Cari amici, come Successore di Pietro,

sono qui per ravvivare nella fede questa

“grazia dell’apostolato”, perché Dio, secondo

un’altra espressione dell’Apostolo delle

genti, mi ha affidato “la sollecitudine per

tutte le Chiese” (2Cor 11,28). E’ dinanzi ai

nostri occhi l’esempio del mio amato e venerato

predecessore Giovanni Paolo II, un

Papa missionario, la cui attività così inten-


sa, testimoniata da oltre cento viaggi apostolici

oltre i confini d’Italia, è davvero inimitabile.

Che cosa lo spingeva ad un simile

dinamismo se non lo stesso amore di Cristo

che trasformò l’esistenza di san Paolo (cfr

2Cor 5,14)? Voglia il Signore alimentare

anche in me un simile amore, perché non mi

dia pace di fronte alle urgenze dell’annuncio

evangelico nel mondo di oggi. La Chiesa

è per sua natura missionaria, suo compito

primario è l’evangelizzazione. Il Concilio

Ecumenico Vaticano II ha dedicato

all’attività missionaria il Decreto denominato,

appunto, “Ad gentes”, che ricorda come

“gli Apostoli… seguendo l’esempio di

Cristo, «predicarono la parola della verità e

generarono le Chiese» (S. Aug., Enarr. in

Ps. 44,23: PL 36,508)” e che “è compito dei

loro successori dare continuità a quest’opera,

perché «la parola di Dio corra e sia glorificata»

(2Ts 3,1) e il Regno di Dio sia annunciato

e stabilito in tutta la terra” (n. 1).

All’inizio del terzo millennio, la Chiesa

sente con rinnovata vivezza che il mandato

missionario di Cristo è più che mai attuale.

Il Grande Giubileo del Duemila l’ha condotta

a “ripartire da Cristo”, contemplato

nella preghiera, perché la luce della sua verità

sia irradiata a tutti gli uomini, anzitutto

con la testimonianza della santità. Mi è caro

qui ricordare il motto che san Benedetto

pose nella sua Regola, esortando i suoi monaci

a “nulla assolutamente anteporre all’amore

di Cristo” (cap. 4). In effetti, la vocazione

sulla via di Damasco portò Paolo proprio

a questo: a fare di Cristo il centro della

sua vita, lasciando tutto per la sublimità del-

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

la conoscenza di lui e del suo mistero d’amore,

ed impegnandosi poi ad annunciarlo

a tutti, specialmente ai pagani, “a gloria del

suo nome” (Rm 1,5). La passione per Cristo

lo portò a predicare il Vangelo non solo con

la parola, ma con la stessa vita, sempre più

conformata al suo Signore. Alla fine, Paolo

annunciò Cristo con il martirio, e il suo sangue,

insieme a quello di Pietro e di tanti altri

testimoni del Vangelo, irrigò questa terra

e rese feconda la Chiesa di Roma, che presiede

alla comunione universale della carità

(cfr S. Ignazio Ant., Ad Rom., Inscr.: Funk,

I, 252).

Il secolo ventesimo è stato un tempo di

martirio. Lo ha messo in grande risalto il

Papa Giovanni Paolo II, che ha chiesto alla

Chiesa di “aggiornare il Martirologio” e ha

canonizzato e beatificato numerosi martiri

della storia recente. Se dunque il sangue dei

martiri è seme di nuovi cristiani, all’inizio

del terzo millennio è lecito attendersi una

rinnovata fioritura della Chiesa, specialmente

là dove essa ha maggiormente sofferto

per la fede e per la testimonianza del

Vangelo.

Questo auspicio affidiamo all’intercessione

di san Paolo. Voglia egli ottenere alla

Chiesa di Roma, in particolare al suo Vescovo,

e a tutto il Popolo di Dio, la gioia di

annunciare e testimoniare a tutti la Buona

Novella di Cristo Salvatore.

BENEDETTO XVI

(L’Osservatore Romano, 27 aprile 2005, pp. 6-7)

11


12 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Incontro con i Ministri provinciali

Roma, 18 gennaio 2005

IL SERVIZIO DELL’AUTORITÀ

1. Per cominciare: siamo Frati Minori

Se l’autorità nella Chiesa è fondata sul

fatto che la Chiesa è comunione1, popolo di

Dio, il servizio dell’autorità2, in prospettiva

francescana si può comprendere solo a partire

dal nostro essere fraternità di minori/

servi.

Prima di essere chiamati ad esercitare il

servizio dell’autorità siamo stati chiamati

ad essere Frati Minori, il nome scelto dal

Francesco per la sua Fraternità3. Il servizio

dell’autorità è una chiamata particolare e

temporanea all’interno della chiamata fondamentale

ad essere Frati Minori4.

La fraternità, conseguenza dell’essere

fratelli, ci definisce: «L’Ordine dei Frati

Minori, fondato da san Francesco d’Assisi,

è una Fraternità»5. La fraternità è, pertanto,

un elemento irrinunciabile della nostra forma

vitae, un elemento essenziale nella nostra

spiritualità e nella organizzazione del

nostro Ordine.

Questo fu il desiderio del nostro padre

Francesco. L’insistenza sulle relazioni umane,

sul carattere fraterno e insieme materno,

sull’uso della parola “fratello”, per designare

i suoi seguaci, e “fraternità” per indicare

il gruppo che si era riunito intorno a lui, sono

sufficienti a dimostrare l’importanza che

Francesco attribuiva alla fraternità6.

In linea con il pensiero di Francesco la

nostra legislazione riconosce che la vita fraterna

è, insieme allo “spirito di orazione e

devozione”, una manifestazione irrinunciabile

della “vita radicalmente evangelica”

che siamo obbligati a condurre: «Quali seguaci

di san Francesco i frati devono condurre

una vita radicalmente evangelica: vivendo

in spirito di orazione e devozione ed

in comunione fraterna»7.

Tra le molte note che caratterizzano la

fraternità francescana una è quella dell’uguaglianza.

Anche se la Chiesa annovera

l’Ordine dei Frati Minori tra gli Istituti clericali8,

«in virtù della professione» tutti

quelli che ne fanno parte «sono veramente

uguali»9. Nella Fraternità nessun Frate è più

grande o più importante di un altro. Tutti,

senza eccezioni, sono uguali, perché tutti

partecipano della medesima vocazione alla

fraternità. Anche questo risponde alla volontà

di Frate Francesco che nella sua Prima

Regola scrive: «E nessuno sia chiamato

priore, ma tutti allo stesso modo siano chiamati

frati minori. E l’uno lavi i piedi dell’altro»10.

Tutti abbiamo lo stesso titolo,

Frati Minori, e tutti siamo chiamati a vivere

rapporti di uguaglianza nella Fraternità,

mostrandoci benevoli, fraterni, accoglienti,

come ci piacerebbe che gli altri si comportassero

con noi11.

D’altra parte sono la minorità e il servizio

a qualificare la nostra «vita fraterna in

comunità»12. «E siano minori». Questo

aspetto qualificativo della nostra comunione

di vita in fraternità ci porta ad impegnarci,

in ogni momento e situazione, «come

servi e soggetti a tutti, pacifici e umili di

cuore»13, perché «tutti i membri dell’Ordine

sono di nome e di fatto fratelli e minori,

sebbene esercitino nell’Ordine uffici, incarichi

e ministeri diversi»14.

Questo credo sia sufficiente per supportare

quanto affermato all’inizio di questa relazione,

cioè, che l’esercizio dell’autorità in

chiave francescana non può essere mai separato

dal nostro essere Frati Minori. Questa

condizione fa sì che «il sacramento del

fratello sia al centro dell’esperienza francescana»

e, al tempo stesso, che egli, indipendentemente

dalla sua situazione e dai suoi

comportamenti, sia il primo a dover essere

servito da colui che ha ricevuto il “ministero”

dell’autorità15.


14 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Noi che siamo stati chiamati ad esercitare

il servizio dell’autorità dobbiamo

quindi ricordare che siamo chiamati a vivere

questo ministero tenendo presente

l’esempio del Signore che «non è venuto

per essere servito, ma per servire» (Mt,28)

ed è vissuto come un servo, dandoci un

esempio, perchè anche noi facessimo altrettanto

(cf Gv 13,14-15). Il potere è incompatibile

con la missione di Gesù, per

questo quando glielo offrono non ha dubbi

nel rifiutarlo (cf Lc 4,5-8; Gv 6,15). Il

potere è incompatibile con la missione di

chiunque si consideri discepolo del “Servo

di Yhwh” (cf Lc 22,24-30). A quanti in

Fraternità esercitano l’autorità è permesso

di gloriarsi solo di lavare i piedi ai fratelli16.

Essere Frati Minori è allora un programma

di vita, anche e soprattutto, per i Ministri.

Un programma che ci porta a lavorare

instancabilmente per comportarci da uguali,

come servitori.

2. Diversi modi di esercitare l’autorità

I modi di esercitare l’autorità possono

essere molto diversi e dipendono dai modelli

a cui ciascuno si ispira. Fondamentalmente,

nel nostro caso, i modelli sono due:

quello del mondo e quello evangelico.

1. Guardando al mondo

Se guardiamo al mondo, l’autorità può

essere esercitata come potere o come privilegio.

A volte i due aspetti vanno insieme.

Esercita l’autorità come potere chi si

crede padrone della Fraternità e la vede come

la sua “azienda” e non come una famiglia

in cui tutto viene condiviso; chi coniuga

i verbi sempre alla prima persona singolare,

quando si tratta di qualcosa di positivo

e di qualche privilegio, e alla seconda persona,

quando si tratta di qualcosa di negativo

o di un dovere; chi valorizza le persone

solo per ciò che fanno o producono e non

per ciò che sono; chi fa alleanze per mantenere

il potere ad ogni costo e lo “divide” per

poter continuare a comandare.

Chi esercita l’autorità in questo modo

sarà una persona autoritaria ma non avrà autorevolezza.

Potrà essere molto efficiente,

ma non creerà fraternità e non permetterà

che i “sudditi” crescano come persone. Il

suo modo di esercitare l’autorità chiuderà la

porta a qualsiasi tipo di dialogo e renderà

impossibili le relazioni interpersonali basate

sulla fiducia e sulla familiarità17, creando

invece ambienti di sospetto e di timore.

È evidente che questo modo di esercitare

l’autorità è contrario al Vangelo (cf Mt

20,26; Lc 22,24-26) e al pensiero di Francesco,

chiaramente espresso nella Regola18.

Esercita l’autorità come privilegio chi la

vede solo in funzione di se stesso e dei vantaggi

che può ricavare dalla sua posizione;

chi “se ne lava le mani” invece di “lavare i

piedi” ai fratelli; chi tace di fronte alle ingiustizie

che accadono nella Fraternità, giustificandosi

dicendo: “tanto questo non lo

cambierà nessuno”; chi sceglie la legge del

“lasciar correre” o per giustificare ciò che fa

o per non complicarsi la vita.

Chi esercita l’autorità come privilegio può

essere “caro” a molti, però così la Fraternità

non può funzionare, come anche la vita fraterna

e francescana perderanno facilmente di

significato e si trasformeranno in apatia.

Anche in questo caso è chiaro che questo

modo di esercitare l’autorità non è evangelico

(cf Mt 23,8-10; Lc 20,44-46) né francescano19.

2. Guardando al Vangelo

L’autorità secondo il Vangelo e la mente

del Poverello ha senso solo dentro, in e per

la Fraternità. Posto che la Fraternità è «una

famiglia unita in Cristo»20, il Ministro non

può essere visto come colui intorno a cui

tutto gira, né così può essere esercitata la

sua autorità. Il centro di una Fraternità –

universale, provinciale, locale – deve essere

Cristo. Se così non fosse l’autorità certamente

si porrebbe fuori o sopra la Fraternità.

Colui che è stato chiamato a presiedere

ai fratelli non può mai dimenticare che

non smette di essere un fratello e che, in un

certo senso, è tenuto, per la sua vocazione e

missione, ad essere un fratello dal momento

che è responsabile di anime21.


Tenendo presenti questi principi e guardando

al modo di comportarsi di Gesù, possiamo

tranquillamente affermare che l’autorità

che viene dal Vangelo è un’autorità

che si relaziona, libera e liberatoria, che

motiva e orienta, soprattutto che è spirituale

e che sa decidere22.

Tutto questo, tradotto nelle concrete

espressioni del servizio e dell’autorità,

comporta lo stare con i Frati23, l’essere sensibili

alle loro necessità, mostrando con le

opere il proprio amore24 come fece Gesù,

che, mosso a compassione, curava gli infermi

(Mt 14,14) e correggeva coloro che avevano

peccato (cf Mt 18,15-17; Gal 6,1)25.

3. La missione del Ministro

Alla luce di quanto detto possiamo affermare

che la nostra missione come Ministri,

come lo stesso termine indica, è quella di

servire. Gesù ha invertito il senso dell’autorità:

dal potere-dominio si passa al potereservizio.

La lavanda dei piedi non è solo un

modello per la Chiesa (cf Gv 13,14), soprattutto

per noi Francescani, è un paradigma

da seguire in ogni momento, soprattutto per

coloro che sono stati “costituiti sopra gli altri”26.

È molto significativo a questo riguardo

che Francesco faccia diretto riferimento

a questo episodio parlando della “prelatura”

o autorità, così come è significativo che nei

suoi scritti il termine “ministro” si accompagni

molte volte a quello di “servo”27.

L’autorità è sempre servizio, minorità, e

non privilegio o predominio. Nasce dall’amore,

come l’amore del buon pastore che

giunge a dar la vita per le sue pecore (cf Gv

10,11)28. Per questo, per esercitare il ministero

dell’autorità nella Chiesa e nell’Ordine

non basta aver la qualità della leadership,

è necessario aggiungere molti altri

aspetti. L’autorità evangelica e francescana

comprende, sostiene, stimola, corregge,

perdona, aiuta a crescere, apri orizzonti e

indica il cammino29.

Tra i molti aspetti in cui si concretizza la

missione del Ministro mi limito a segnalarne

due: il Ministro a servizio della comunione

tra i Frati e il servizio di sviluppo del carisma.

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

15

1. Il Ministro a servizio della comunione

tra i Frati

Il Consiglio plenario dell’Ordine, celebrato

a Guadalajara (Messico), ha definito

il Frate Minore come “persona in relazione”30.

In questo modo il Consiglio Plenario

ci ricordava che la nostra realizzazione come

Frati Minori passa necessariamente per

il vissuto delle relazioni interpersonali e che

questa realizzazione sarà ogni volta più

completa in rapporto alla profondità, all’autenticità,

e alla gioia con cui vengono vissute,

facendo così in modo che la vita fraterna

in comunità sia una vera «schola Amoris …

ove si impara ad amare Dio e ad amare i fratelli»31.

Perché questo “miracolo” sia possibile,

tutti e ciascuno dei Frati devono impegnarsi

nel portare i pesi gli uni degli altri (cf Gal

6,2) e nel coltivare alcune qualità richieste

in ogni relazione umana, quali: «educazione,

gentilezza, sincerità, controllo di sé, delicatezza,

senso dell'umorismo e spirito di

condivisione … la lieta semplicità, la chiarezza

e la fiducia reciproca, la capacità di

dialogo, l'adesione sincera ad una benefica

disciplina comunitaria»32. È anche necessario

ricordare e riconoscere che questo “miracolo”

si realizza a prezzo della riconciliazione33,

che comporta il morire a se stessi

«perché rinasca la vita fraterna»34 e che tutto

questo è «un cammino di liberazione interiore»35.

Comporta, inoltre, di guardarsi

«da ogni azione che possa danneggiare l’unione

fraterna»36.

In questo compito chi esercita il servizio

dell’autorità deve lavorare intensamente,

considerando la creazione di queste relazioni

come una delle sue principali e fondamentali

responsabilità. Il Ministro deve essere il

servo della comunione per eccellenza.

In questo senso il Ministro, che esercita

una missione fondamentale nella crescita

della vita fraterna, dovrà sentirsi inviato37 a:

curare le ferite causate dalle esperienze negative

nella vita comunitaria; creare ponti

tra i Frati che conducono una vita indipendente

e al margine della Fraternità; rinsaldare

le relazioni tra i Frati che vivono sotto

lo stesso tetto; creare una vera fraternità tra

i Frati che vivono nella medesima comu-


16 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

nità. Essere Ministro vuol dire essere luogo

di incontro, costruttore di ponti.

Il Ministro potrà compiere questa delicata

missione solo se si sforza costantemente

di vivere in stretta comunione con i Frati e

fidandosi di loro. Se un Ministro non sa entrare

in relazione, creare e mantenere la comunione,

manca di un atteggiamento fondamentale

per esserlo. La capacità di creare

relazioni e comunione non è mai “opzionale”

nel servizio dell’autorità, ma un ingrediente

che qualifica tutto e che tutto rende

possibile. Solo chi ha questa capacità potrà

passare dall’ordinare e controllare al comprendere

e convincere. Questo è il modo di

esercitare l’autorità, poiché come Ministri

dobbiamo essere, prima di tutto, Frati che

offrono motivazioni evangeliche più che

precetti.

È vero che molte volte ci toccherà esercitare

il servizio dell’autorità in solitudine e a

volte rimanendo isolati. Di fatto vi sono situazioni

che difficilmente potremo condividere

con altri. A volte dovremo anche prendere

decisioni contro il parere della maggioranza.

Questo non può però portarci ad

esercitare l’autorità stando ai margini, al di

sopra o ignorando gli altri. Abbiamo già detto

che l’autorità, secondo l’intenzione di Gesù

e di Francesco, può essere esercitata solo

dentro, in, e per la fraternità. La nostra forza,

anche come Ministri e non solo come Frati

Minori, risiede nella comunione con gli altri.

Riceviamo la forza gli uni dagli altri.

Questo significa che come Ministri dobbiamo

favorire la partecipazione attiva dei

Frati e delle Fraternità non solo all’esecuzione

di ciò che si ordina, ma di tutto il processo

di discernimento, dando spazio alla

sussidiarietà, aiutando ogni Frate ad assumere

la propria responsabilità. In ogni comunità

umana, e anche in una fraternità religiosa,

la funzione dell’autorità è quella di

unificare i suoi membri in modo da poter

raggiungere gli obiettivi comuni. Per questo

l’autorità deve essere esercitata in modo da

permettere il coinvolgimento di tutti i suoi

membri. Deve, poi, cercare tutti i mezzi

perché ciascuno tenga presente il bene dell’intera

Fraternità e l’intera Fraternità si

preoccupi di ciascuno dei suoi membri. Da

ultimo, chi esercita il servizio dell’autorità

deve saper stimolare i doni di ciascuno, integrandoli

con i doni degli altri. Il monopolio

o l’eccessivo potere può atrofizzare il talento

degli altri.

In questo impegno per creare comunione

i Ministri devono considerare il dialogo

come lo strumento indispensabile, essendo

il momento privilegiato della ricerca comune

della volontà di Dio, sempre e quando si

parte con piena disponibilità e povertà di

spirito. Se vogliamo creare comunione dobbiamo

lasciare gli interessi personali e metterci

in cammino per rispondere alla forma

vitae che abbiamo abbracciato. Un ordine

non è volontà di Dio perché lo dà il Ministro,

ma lo ordina il Ministro perché è volontà

del Signore. Il discernimento è un’esigenza

per tutti, anche per i Ministri: il Ministro

«sarà tenuto a rendere ragione al

Signore, se in questo [se non avrà dato licenza

a coloro che vedeva idonei ad andare

tra i saraceni e gli altri infedeli] o in altre cose

avrà proceduto senza discrezione»38.

E insieme al dialogo il Ministro deve

considerare l’ascolto come un momento essenziale

del suo ministero. Sono molti i Frati

che hanno una vera necessità di essere

ascoltati, perché soffrono una terribile solitudine.

Il Ministro deve sforzarsi di essere

segno e promotore dell’ascolto di ciò che

Dio chiede al Fratello e alla Fraternità e, allo

stesso tempo, dell’ascolto del Fratello.

In questo compito di creare comunione

la comunicazione, a tutti i livelli, è fondamentale.

Oggi si sente più che in altre epoche

la necessità di una comunicazione estesa

e intensa per incrementare la vita fraterna.

Se per essere fratelli è necessario

conoscersi, per conoscersi è «assai importante

comunicare in forma più ampia e

profonda»39. La comunicazione crea relazioni

più strette, unendo i membri di una

Fraternità intorno alla missione comune,

alimenta lo spirito di famiglia e la partecipazione

a tutto ciò che riguarda l’Ordine, la

Provincia e la Fraternità. La mancanza o la

povertà di comunicazione, invece, indeboliscono

il senso di appartenenza, generano

situazioni di isolamento e solitudine, in cui

i Frati sono portati a sentirsi “estranei” in


casa propria e tra i loro, e fanno perdere la

voglia di stare insieme alimentando, nel migliore

dei casi, relazioni interpersonali di tipo

“cameratesco”, ma che restano sempre

formali e superficiali.

Come Ministri dobbiamo fare attenzione

che nella Fraternità – universale, provinciale

o locale – ci sia una comunicazione sana.

Per questo non è sufficiente dire molte parole

o scrivere molte notizie. Parlare è importante,

ma quando si dice qualcosa della

propria vita – come mi vedo? – o della vita

della Fraternità – come vedo la Fraternità? –

e quando permetto che altri dicano qualcosa

della mia vita, come mi vedono gli altri?

Parlare è importante, sempre che non si dica

alle spalle del Fratello «cosa alcuna che

non [si] possa dire con carità in sua presenza»40.

Se ciò che si dice non ha nulla a che

fare con la nostra vita o si riduce ad uno

scambio di notizie o di pettegolezzi, che

non aiutano certo a crescere uniti, non meravigliamoci

che vi siano Frati che si sentano

male e che il clima che si crea nelle nostre

comunità – in questo caso non si potrebbe

parlare di Fraternità – sia un

concentrato di crisi affettive realmente pericolose.

Quando non c’è una comunicazione

sana non ci meravigliamo che nelle nostre

Case esista un individualismo esacerbato

o che cresca una «mentalità di

autogestione unita all'insensibilità per l'altro»

e che le relazioni fraterne si deteriorino

in modo tale da cercare «rapporti significativi

al di fuori della comunità»41. Non è

nemmeno sufficiente scrivere molto, è necessario

scegliere cosa scrivere, in modo

che tutto serva per la mutua edificazione.

Credo che nel campo della comunicazione

abbiamo fatti grandi passi, ma molto è il

cammino che ci resta da percorrere. Per

questo come Ministri non dobbiamo risparmiare

gli sforzi perché le nostre Fraternità

crescano nella comunicazione profonda e

spirituale, di ciò che è vitale e centrale per

la nostra vita. Faccio mie le parole del documento

più volte ricordato La vita fraterna

in comunità: «Il problema va affrontato

esplicitamente: con tatto e attenzione,

senz'alcuna forzatura; ma anche con coraggio

e creatività»42. In questo la condotta del

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

17

Ministro è imprescindibile. A loro tocca, in

modo particolare, di fare attenzione che le

comunicazioni verbali, scritte, sensorialigestuali

e quelle simboliche43, aiutino realmente

a costruire fraternità e non ad indebolirla

ancora di più.

Infine come Ministri, se davvero vogliamo

essere creatori di comunione, dobbiamo

ricordare sempre che siamo stati eletti per

una missione in favore dei Fratelli e comportarci

di conseguenza. Questo significa

che il Ministro non può sentirsi inviato solo

ad alcuni o, il che sarebbe ancor peggio, a

servizio di alcuni. Ancor meno il Ministro

deve sentirsi condizionato da un determinato

gruppo. Il Ministro deve essere una persona

libera. Anche se fosse stato eletto solo

da un determinato gruppo di Frati, una volta

eletto Ministro deve mettersi al servizio

di tutti. Se deve prestare maggiore attenzione

a qualcuno è al Frate “ferito”, come il

buon samaritano (cf Lc 10,25-37), o a quello

“perso” come il buon pastore (cf Gv 10,1-

18). E se deve fare “eccezione” con qualcuno,

questi deve essere il Frate infermo,

quello che non lo può ricompensare44 o il

peccatore45, così come voleva S. Francesco.

Ricordiamo sempre che, per vocazione,

ogni Frate Minore è chiamato a vivere

un’autentica vita di fraternità in comunità e

che, per missione, il Ministro è anche chiamato

a creare comunione, a creare ponti.

2. Al servizio dello sviluppo del carisma

La vita consacrata è una «una speciale

forma di partecipazione alla funzione profetica

di Cristo». Questa dimensione della

vita consacrata porterà i consacrati, seguendo

l’esempio di Elia e degli altri profeti, a

vivere alla presenza del Signore e a contemplare

in silenzio il suo passaggio; a intercedere

per il popolo e a proclamare con

coraggio la volontà del Signore; a difendere

i diritti di Dio e a ergersi in difesa dei poveri

contro i potenti di questo mondo (cf

1Re 18-19)46. Grazie a questa intensa “attività”

i consacrati apriranno le strade del futuro.

D’altra parte la sorte dei profeti è quella

di poter intravedere, non senza tentennamenti

e timori, e anche contro la loro vo


18 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

lontà (cf Geremia), ma con una fiducia totale

nel Signore della storia, quello che la

maggior parte dei mortali arriva a constatare

molti anni, a volte secoli, dopo. In questo

modo il profeta, scrutando con grande attenzione

i segni dei tempi e interpretandoli

alla luce della storia della salvezza, mantenendo

viva la “memoria” e la fedeltà al Signore

e al suo popolo, riesce ad anticipare il

futuro.

Noi Ministri, più degli altri Frati, siamo

chiamati ad essere profeti, rimanendo fedeli

alla parola e al carisma ricevuto e fedeli

alla gente, al popolo.

Come Ministri, fedeli alla dimensione

profetica della nostra missione, dobbiamo

impegnarci a tracciare cammini per il futuro

in un mondo in cui tutte le porte sembrano

chiudersi prima ancora di aprirsi; cammini

di vita laddove molti, talvolta la maggioranza,

gridano morte; cammini di

speranza in un mondo senza speranza. Per

questo anche noi abbiamo il compito di

scrutare i segni dei tempi che stiamo vivendo,

quei “lampi di luce” che il Signore ci offre

nel mezzo della notte oscura che attraversiamo,

per poter intravedere il suo disegno

di salvezza sull’umanità e soprattutto

sui Frati che ci sono stati affidati47.

Fedeli alla nostra missione profetica come

Ministri non possiamo accontentarci di

contemplare passivamente, di ricordare a

volte con nostalgia, di raccontare a volte

con orgoglio, la storia che i nostri antenati

hanno scritto, e nemmeno possiamo giudicarla,

a volte per condannarla, ma, ricordando

che abbiamo una grande storia da costruire,

guardando nel futuro e aprendosi allo

Spirito48, dobbiamo stimolare i Frati a

costruire il pezzo di storia che a loro compete49.

Fedeli alla nostra missione profetica, noi

Ministri, non possiamo essere semplici conservatori

dello status quo o semplici “notai”

che “redigono atti” di ciò che ciascuno

compie, ma che dobbiamo sentirci “sentinelle

del mattino” (cf Is 21,11-12). Non

possiamo essere semplicemente «memoria

del passato», ma dobbiamo essere soprattutto

«profezia dell’avvenire»50. Non possiamo

concentrarci nel fare «memoria grata

del passato», ma dobbiamo impegnarci con

tutte le nostre forze nel preparare e anticipare

il futuro, vivendo con passione il presente51.

Non possiamo accontentarci di percorrere

vie battute perché “si è sempre fatto

così”, ma dobbiamo aprire nuovi sentieri di

futuro e di speranza che portano alla rifondazione

del nostro Ordine, in fedeltà creativa

a Cristo, alla Chiesa, al nostro carisma e

all’uomo del nostro tempo52.

Facendo mio l’invito della Chiesa vi

esorto: «guardate al futuro»53; partendo da

un configurarsi ogni volta di più al Signore,

siate creativi; lasciatevi guidare dallo Spirito!54

Proponete con coraggio l’audacia, la

creatività e la santità di Francesco d’Assisi!55

Create progetti e istituzioni che diano

forma e corpo al nostro essere “fraternità in

missione”!

Vi propongo come camino per aprire vie

al futuro nelle vostre Province e nell’Ordine

i seguenti “passi”56. Come punto di partenza

aiutate i Frati ad approfondire la conoscenza

della nostra storia. Questo farà crescere

il loro senso di appartenenza, che in

molti casi è molto debole. Poi aiutateli a conoscere

le sfide di oggi del mondo, della

Chiesa, della vita consacrata. Questo permetterà

loro di riconoscere, leggere, interpretare

e dare un giudizio sui segni dei tempi,

senza ancorarsi ad un passato che ormai

non esiste più. Aiutateli anche a “inculturare”

il carisma francescano nel qui e ora. Solo

così potranno rispondere alle domande

esistenziali degli uomini e delle donne di

oggi. Infine, aiutateli a sviluppare il carisma

attraverso la formazione permanente e iniziale

e ad aprirsi alla collaborazione con i

laici. In altre parole, vi chiedo di assumere

con vera passione il progetto che il Definitorio

generale ha preparato per l’VIII Centenario

del nostro Ordine e che viene proposto

nel documento La grazia delle origini.

Siamo sicuri che questo ci porterà a una

vera rifondazione del nostro carisma e così

potremo anche potenziare la nostra significatività

per il futuro.

Il nostro presente e il nostro futuro sono

nelle mani di Dio, ma in gran parte dipenderanno

da come ci situiamo in essi. In tempi

di apatia abbastanza generalizzata e di


pessimismo immobilista, una delle sfide

principali per un Ministro è quella di motivare

i Frati, riportando alla memoria e riproponendo

la nostra identità carismatica,

sostenendo e animando il loro cammino

nella quotidianità, orientando e stimolando

la realizzazione della loro missione specifica.

A noi è toccata una missione delicata: fare

memoria della meta e dei valori che hanno

permesso al nostro Ordine di nascere e

mantenere una grande vitalità durante questi

otto secoli di storia, che non solo non

possiamo dimenticare, ma che danno senso

e significato al nostro essere Frati Minori.

Come Ministri, se vogliamo davvero contribuire

allo sviluppo del carisma, dobbiamo

mettere in evidenza le due condizioni

fondamentali per l’esistenza di una vera fraternità:

un progetto esistenzialmente condiviso

e delle relazioni interpersonali a livello

di valori e di affetto veramente significative.

Siamo custodi della meta. Dobbiamo

quindi ricordare e indicare a tutti in che direzione

si deve camminare e giudicare se il

cammino scelto porta o no alla meta indicata

dal nostro progetto di vita57. Non possiamo

aver paura nel momento di trasmettere

il senso della nostra vocazione e missione e

il senso del dovere. Siamo custodi del carisma

e di questo dobbiamo rendere conto al

Signore, a Francesco, ai Frati, alla Chiesa e

al mondo.

Per essere fedeli custodi della meta e del

carisma, come Ministri dobbiamo assumere

con umiltà e con molta responsabilità il

nostro servizio di animazione e di governo,

usando al massimo la nostra immaginazione,

sognando nuovi progetti, che siano al

servizio della vita e missione dei Frati e ci

restituiscano o rafforzino la nostra visibilità

e la nostra significatività evangelica, così da

poter rispondere alle nuove sfide che oggi si

presentano.

4. Alcune attenzioni particolari

Nel nostro servizio non possiamo fare

tutto né dare a tutto la stessa importanza.

Dobbiamo avere una chiara gerarchia di valori

o di “attenzioni particolari”. Tra le altre,

personalmente penso che il Ministro debba

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

19

prestare una particolare attenzione ai seguenti

aspetti:

1. La formazione permanente e iniziale

Senza formazione permanente non può

esserci rifondazione. Ci saranno accomodamenti,

faremo rammendi, prolungheremo

l’agonia, ma non creeremo vita, non saremo

creativi, non potremo rispondere alle esigenze

dell’evangelizzazione del mondo attuale.

D’altra parte, senza formazione permanente

non ci sarà una vera formazione

iniziale e nemmeno l’humus della cura pastorale

delle vocazioni. Vi chiedo di dare

priorità alla formazione permanente nelle

vostre Fraternità. Solo da qui potremo pensare

qualcosa di nuovo.

2. L’attenzione ai Frati in difficoltà

Frati in difficoltà non sono solo quelli

che soffrono di qualche tipo di problema affettivo

e di dipendenza (es., alcolismo). Frati

in difficoltà sono anche quelli che si sentono

soli, che rifiutano qualsiasi discorso –

in teoria e in pratica – sulla vita fraterna, vivendo

fissi nell’individualismo, nel mutismo,

in un’aggressività sistematica, in assoluta

autonomia nella gestione del tempo,

dei beni e delle attività. Frati in difficoltà

sono quelli che non si interessano delle cose

comuni, che rifiutano progetti di rinnovamento,

per giustificare i propri atteggiamenti

o comportamenti, che scelgono le

proprie relazioni dentro e fuori dalla Fraternità

solo per la propria convenienza; che

giudicano e condannano tutto ancora prima

di provarlo… In tutti questi casi il Ministro

non può “incrociare le braccia”, deve aver il

coraggio di chiamare le cose con il proprio

nome e prendere le decisioni opportune, anche

se non fossero sempre popolari. Al Ministro,

in questi casi, si chiede la massima

disponibilità – pazienza, dialogo, mettendo

a disposizione di questi Frati qualsiasi tipo

di aiuto umano e spirituale – ma anche un

intervento chiaro, di fare chiarezza, anche

se per questo dovesse pagare.

3. Economia

L’attenzione all’economia è importante

per il buon funzionamento della Fraternità.


20 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

È necessario assicurare, nei limiti del possibile,

la trasparenza e la solidarietà. Solo così

si potrà garantire una fraternità di uguali,

in cui non vi siano né ricchi né poveri, e di

minori.

4. I mezzi di comunicazione

Sono assolutamente necessari e in linea

di principio buoni. Senza dubbio non sempre

l’uso che si fa di essi favorisce la comunione

tra i Frati e la loro fedeltà a ciò

che abbiamo promesso. L’uso “incontrollato”

dei mezzi di comunicazione può indebolire

la comunicazione e, quindi, la comunione.

D’altra parte non sempre l’uso che si

fa di questi strumenti, in particolare internet,

è compatibile con le nostre opzioni

fondamentali. Credo che in questo tempo

non si possa “chiudere gli occhi” o “guardare

da un’altra parte” come se non ci riguardasse.

Una parola chiara al momento

opportuno può evitare conseguenze per

nulla desiderate.

5. Per concludere: vi invito a pregare non

ci indurre in tentazione”

Il Ministro, come ogni uomo e donna,

può cadere in tentazione. Una tentazione

che ha diversi nomi. Desidero, con molta

sincerità e senza pretendere di essere esaustivo,

segnalarne alcune che mi sembrano

possano essere le più frequenti e anche pericolose.

1. “Gettare la spugna” o, che è lo stesso,

abbandonare

Di fronte alle difficoltà che in questi

momenti sta attraversando la vita religiosa

e le nostre Fraternità o perché uno non si

sente all’altezza di portare a termine adeguatamente

il compito che gli è stato affidato,

è facile sentire la tentazione di lasciare,

“ritirarsi in campagna” o, per lo meno,

di rassegnarsi a fare l’indispensabile e,

quindi, di accontentarsi di risultati molto

poveri o anche discutibili. Cedere a questa

tentazione significa favorire la “dittatura

dei forti” a discapito dei diritti dei deboli, è

optare per la morte della Fraternità, lenta

ma sicura.

2. Confondere l’esercizio dell’autorità

con il controllo

È l’estremo opposto in cui cade il “superiore”

che si atteggia a poliziotto, convinto

di potersi fidare solo di pochi che, alla fine,

sono quelli che realmente fanno il suo gioco.

Da qui la sua ossessione per controllare

tutto in maniera molto minuziosa e sospettare

costantemente. Questo gioco esagerato

porta facilmente alla dissimulazione, alla

resistenza interiore e, a volte, anche alla ribellione

aperta.

3. L’impazienza

È un altro modo di esercitare l’autorità,

ma che si può considerare anche una tentazione

e, quindi, bisogna stare attenti di non

cadervi. A volte come Ministri vorremmo

che certi atteggiamenti o comportamenti

cambiassero con molta rapidità e corriamo

il rischio di spazientirci. Questo potrebbe

portarci a correre il rischio di raccogliere

pochi frutti, per aver voluto raccogliere prima

del tempo e fuori luogo.

4. Fare l’equilibrista

È spesso frutto dell’insicurezza in se

stessi e del terrore di sbagliarsi, quando non

nasce dal desiderio di “salvare la faccia”.

Porta a dar ragione all’uno e all’altro, a posporre

le decisioni, anche le più semplici, a

dipendere da “ciò che diranno”. Il frutto del

lasciarsi prendere da questa tentazione è il

malcontento generalizzato, la tensione interiore.

Tutto è in equilibrio ma non si va da

nessuna parte.

5. Fare il “re magio”

È la posizione di chi vuole accontentare

tutti e non complicarsi la vita. Per questo

non dubita di fare a tutti un “regalo” gradito.

Cadere in questa tentazione porta allo

sfasciarsi della Fraternità.

***********

Per finire è bene riportare ciò che il Serafico

padre chiedeva ai Ministri provinciali,

secondo il suo biografo Celano:

«Il beato padre pretendeva tutti questi requisiti

anche nei ministri provinciali, quan-


tunque nel ministro generale le singole qualità

debbano eccellere in modo particolare.

Li voleva affabili verso gli inferiori, e tanto

benigni e sereni che i colpevoli non avessero

timore di affidarsi al loro affetto. Come

pure, che fossero moderati nei comandi, benevoli

nelle mancanze, più facili a sopportare

che a ritorcere le offese, nemici dichiarati

dei vizi e medici per i peccatori. In una

parola, esigeva in essi una condotta tale che

la loro vita fosse specchio di disciplina per

tutti gli altri. … E diceva che sono degni di

grandissimi premi davanti a Dio quelli che

con tale animo e tale norma governano le

anime loro affidate»58.

Ai Ministri provinciali chiedeva anche

queste qualità che, diceva, devono distinguere

in modo particolare il Ministro generale:

«Deve essere – proseguì – un uomo di

vita quanto mai austera, di grande discrezione

e lodevole fama. Un uomo che non

conosca simpatie particolari, perché, mentre

predilige una parte, non generi scandalo

in tutta la comunità. Si applichi con zelo alla

preghiera e sappia distribuire determinate

ore alla sua anima e altre al gregge che gli

è affidato. … Si metta a disposizione dei religiosi,

disposto a lasciarsi importunare da

tutti, pronto a rispondere e a provvedere a

tutti con affabilità. Deve essere una persona,

che non presenti alcun angolo oscuro di

turpe favoritismo e che abbia per i piccoli

ed i semplici la stessa premura che ha per i

maggiori e i dotti Anche ammettendo che

emerga per cultura, tuttavia ancor più nella

sua condotta sia il ritratto della virtuosa

semplicità e coltivi la virtù. Deve avere in

orrore il denaro, principale rovina della nostra

vita religiosa e della perfezione e, come

capo di un Ordine povero, presentandosi

modello agli altri, non abusi mai di alcuna

somma di denaro”.

E continuò: “Gli deve bastare personalmente

l'abito ed un registro, per i frati invece

un portapenne ed il sigillo, Non sia

collezionista di libri, né molto dedito alla

lettura, per non sottrarre all'ufficio il tempo

che dedica allo studio. Consoli gli afflitti,

… per piegare i protervi alla mitezza, e lasci

cadere parte del suo diritto, per conquistare

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

21

un'anima a Cristo. Quanto ai disertori dell'Ordine,

come a pecorelle smarrite, non

chiuda loro le viscere della sua misericordia.

… È suo compito soprattutto indagare

nel segreto delle coscienze per estrarre la

verità dalle vene più occulte, ma non presti

orecchio a chi fa pettegolezzi. Infine, deve

essere tale da non macchiare in nessun modo

l'aspetto virile della giustizia per la smania

di mantenere la carica, e che senta più

un peso che un onore sì alto ufficio. Guardi

tuttavia che l'eccessiva bontà non generi rilassamento,

né la condiscendenza colpevole

il dissolvimento della disciplina, in modo

da essere amato da tutti, ma anche non meno

temuto da quanti operano il male»59.

Domande per il lavoro di gruppo

1. Come esercito il servizio dell’autorità?

Atteggiamenti concreti

2. Come vivo la mia missione “a servizio

della comunione dei Frati” e “a servizio

dello sviluppo del carisma”? Indicare atteggiamenti

e azioni concrete.

3. Che difficoltà incontro nell’esercizio del

servizio dell’autorità e che gioie sperimento?

Fr. José Rodríguez Carballo, ofm

Ministro generale

1 Cf Lumen gentium 13. La comunione è una delle principali

nozioni del Concilio Vaticano II e uno dei concetti

fondamentali dell’ecclesiologia conciliare. Questo

modello di Chiesa è ispiratore della vita consacrata:

«La vita fraterna, intesa come vita condivisa

nell’amore, è segno eloquente della comunione ecclesiale»

(GIOVANNI PAOLO II, Vita consecrata = VC 42).

E anche: «La comunità religiosa ... rende pubblicamente

visibile e continuamente percepibile il dono di

fraternità fatto da Cristo a tutta la Chiesa» (CIVCSVA,

La vita fraterna in comunità = VFC 2).

2 Oggi è di moda parlare di leadership nella Chiesa o

nell’Ordine. Personalmente credo che questa parola

non corrisponda pienamente a ciò che desideriamo

esprimere quando parliamo di esercizio dell’autorità

nella Chiesa e nell’ordine. Leader si nasce o si diventa,

mentre nella Chiesa o nell’Ordine l’autorità è data

e non sempre quanti la esercitano hanno le doti del leader

o della leadership. Parlerei quindi di “servizio dell’autorità”,

ritenendo questa espressione più consona

alla nostra spiritualità.

3 Cf TOMMASO DA CELANO, Vita prima 38.

4 È necessario non perdere mai di vista che il servizio

dell’autorità è una vocazione all’interno della voca


22 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

zione francescana e non la “conquista” di una persona

o di un gruppo, o l’“accordo” tra “gruppi”.

5 Costituzioni generali O.F.M. (= CCGG) 1,1.

6 Il termine fraternità compare 10 volte negli scritti di

san Francesco ed è utilizzato per indicare il gruppo dei

Frati che professano la stessa Regola e perseguono lo

stesso ideale. Equivale quindi ai termini “Ordine” e

“Religione”. È significativo che negli scritti di san

Francesco non appaia il termine “comunità”, così utilizzato

nel Medio Evo. Su questa tematica cf Fernando

Uribe, La fraternità nella forma di vita proposta da

Francesco d’Assisi, in Vita Minorum 5 (2000) 357ss.

7 CCGG 1,2.

8 CCGG 3,2.

9 CCGG 3,1.

10 Regola non bollata (=Rnb) 6,3. La Regola bollata sarà

indicata con l’abbreviazione Rb.

11 Cf Rnb 6,2.

12 CCGG 38.

13 CCGG 64.

14 CCGG 41.

15 THADDÉ MATURA, L’identità francescana. Ieri e oggi.

Pasini Editori, 2002, 64. La persona del fratello, soprattutto

del più bisognoso, deve godere di una preferenza

reale sulle istituzioni o sulle strutture. Come vedremo

in seguito, il Ministro è chiamata a servire i fratelli

e non tanto a salvare una struttura.

16 Cf S. FRANCESCO, Ammonizioni (= Am) 4,1.

17 Cf Rnb 7,15; Rb 6,7-8.

18 Cf Rb 5,9-10.

19 Francesco, mentre chiede comprensione per il Frate

che ha peccato (cf Am 11; Lmin) e attenzione al Frate

come se si trattasse di se stessi, chiede anche che venga

ammonito e messo in guardia da coloro che sono

stati chiamati ad esercitare il ministero dell’autorità,

perché nessuno si perda «per loro colpa e cattivo

esempio» (Rnb 4,1-6).

20 Ecclesiae sanctae II, 25; CCGG 45.

21 Rnb

22 Cf UGO SARTORIO, Obbedienza e autorità nella vita

consacrata. Un’obbedienza da rifondare, un’autorità

da rievangelizzare, in Vita Consacrata XL (2004) 29-

33.

23 Il Ministro, come il pastore biblico (Gv 10,1-18) deve

avere una relazione personale con ogni Frate, “sfamarli”,

“proteggerli” in caso di necessità ed essere disposto

a dare la vita per loro (cf Ez 34,1-31; Ger 23,1-3).

24 Cf Am 9,4; cf Rb 6,8; cf CCGG 44.

25 Cf Rb 10,1; Am 5 e 11.

26 Am 4,2.

27 Cf Rnb 4,6; 5,3.4.6.7; 16,3; Rb 8,1; 10,1.

28 Cf Am 6,1-2.

29 Cf Rnb 2,3; 4,2; Rb 10,1.

30 Consiglio Plenario dell’Ordine dei Frati Minori, Fraternità

in missione in un mondo che cambia, Guadalajara

2001, 2.

31 VFC 25.

32 VFC 27.

33 Perfectae Caritatis 15a.

34 VFC 25.

35 VFC 21.

36 CCGG 43.

37 Esercitare il servizio dell’autorità è oltre che una vocazione

come già detto, una vera missione.

38 Rnb 16,4.

39 VFC 29.

40 Am 25.

41 VFC 32.

42 VFC 32.

43 AMEDEO CENCINI, Vida en comunidad: reto y maravilla.

La vida fraterna y la nueva evangelización, Ed.

Atenas, Madrid 1996, 152ss.

44 Cf Amm 24; Rnb 9,2; 10,1-2; Rb 4,2; 6,9.

45 Lmin 9-12.

46 Cf VC 84.

47 Cf CAPITOLO GENERALE OFM 2003, Il Signore ti dia

pace (= Sdp) 6.

48 VC 110.

49 Cf Sdp 3.

50 GIOVANNI PAOLO II, Novo Millennio Ineunte, 3.

51 Idem 1.

52 Cf VC 37.110.

53 Cf VC 110.

54 Cf VFC 50.

55 Cf VC 37.

56 Cf CAMILLO MARCISE, Il servizio dei superiori nello

sviluppo del carisma, in Guidare la comunità religiosa.

L’autorità in tempo di rifondazione, Ancora,

Milano 2001, 115-121.

57 Il nostro progetto di vita viene dal Vangelo, punto costante

di riferimento, prende una propria fisionomia nella

Regola, è attualizzato dalle Costituzioni e trova una

“chiave di lettura” nelle Priorità dell’Ordine

2. Lettera alla Fraternità itinerante

Roma, 18 febbraio 2005

Prot. N. 095321

Carissimi Fratelli,

il Signore vi dia Pace!

Desidero anzitutto ringraziarvi per la vostra

visita del 14 febbraio u.s. È stato per me

un bel momento in cui ho avuto la possibilità

di condividere con voi la mia visione di

un “Progetto di Fraternità itinerante” e, allo

stesso tempo, di poter ascoltare qualcosa

della vostra esperienza e dei vostri desideri.

È stato un incontro in cui ho sentito la presenza

dello Spirito tra noi e rendo grazie al

datore di ogni bene, per il bene che continua

a realizzare tra i Frati e grazie ai Frati.

Così come mi avete chiesto, e come anch’io

vi ho promesso, metto per iscritto alcuni

elementi che mi sembrano fondamentali

per compiere un discernimento evangelico

e francescano su di un Progetto di

Fraternità itinerante. Senza dubbio a questi

se ne dovranno aggiungere altri, ma questi

mi sembrano essenziali per un Progetto

di questo tipo.


Principi fondamentali

In primo luogo il Progetto deve muovere

da motivazioni evangeliche e francescane.

Questo significa che “andare itineranti

tra i poveri” non può essere un’opzione che

si fonda unicamente o principalmente su

motivazioni sociologiche, come se i poveri

avessero più bisogno di noi che noi di loro,

né questo fu il motivo che spinse Francesco

ad “andare tra i lebbrosi”. Questo Progetto

non può nemmeno obbedire a motivazioni

solo di tipo psicologico, che si esprimono

nei “mi piace” o “mi sento attratto”: Francesco

confesserà che gli «sembrava cosa

troppo amara vedere i lebbrosi» (Test 1).

L’“andare tra i lebbrosi” per condividere in

modo radicale la loro insicurezza, senza denaro

e senza fissa dimora, almeno per alcuni

periodi di tempo, deve essere l’esigenza

di una chiamata, di una vocazione, di una

“ispirazione divina”, in continuità con la

prima chiamata ad abbracciare la vita francescana

(cf Rnb 2,1). Come Francesco fu

“condotto” dal Signore tra i lebbrosi (cf Test

2), così coloro che scelgono questo Progetto

devono sentirsi “spinti” dal Signore

per riconoscere il suo volto in quello degli

ultimi, dei poveri e degli emarginati; devono

sentirsi «invitati dallo Spirito ad intraprendere

un cammino di itineranza, perché

questi esseri umani, nostri fratelli, sono

l’immagine viva di Cristo che vogliamo seguire»

(Sdp 33). È l’amore di Gesù, che da

ricco si fece povero, e l’amore per Gesù,

che si è fatto simile a noi, che ci deve spingere

ad andare tra i poveri. È l’abbraccio a

Cristo povero che, come per Francesco, ci

deve portare ad abbracciare, fino a sentirli

come fratelli e maestri, tutti i poveri che incontriamo

sul nostro cammino.

Il Progetto deve essere vissuto in Fraternità.

Camminare senza i nostri Fratelli o,

cosa ancora peggiore, ai margini della Fraternità,

ci porterebbe ad aumentare la tendenza

all’individualismo e all’isolamento,

mentre il camminare con loro, “a due a

due”, come volle il Signore (cf Lc 10,1) e lo

stesso Francesco (cf Spec 65) «è grazia per

perseverare nel cammino» (Sdp 36b). D’altra

parte questa esigenza di vivere l’itineranza

in fraternità non si esaurisce nell’an-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

23

dare “a due a due”, ma deve manifestare la

piena comunione con i Frati della Provincia

e dell’Ordine, che non la vivono nella stessa

modalità, e con la Chiesa locale. Questa

comunione si esprimerà nella ricerca e nel

discernimento fraterno della volontà del Signore.

Quando Francesco cercava di conoscere

la volontà del Signore, chiese consiglio

a Lui, che glielo manifestò nella Parola,

chiese consiglio al sacerdote, che gli

spiegò la Parola, chiese consiglio a Chiara e

a Silvestro. Così quei Frati che «mossi da

divina ispirazione» sentono questa chiamata

all’itineranza devono confrontarsi con la

Parola, con i Fratelli e con i rappresentanti

della Chiesa di Gesù Cristo, dalla quale sono

inviati per annunciare la Buona Notizia.

E devono vivere sempre da minori, sottomessi

a tutti per Dio, senza considerarsi migliori

di quelli che non sentono questa chiamata

così radicale. Coloro che si sentono

inviati ad andare itineranti tra i poveri, come

gli altri Frati, devono sentirsi in cammino

sulla strada mai conclusa per arrivare ad

essere Frati Minori. Solo in questo modo

l’itineranza sarà un cammino percorso insieme

con gli altri (Sdp 36b). Diversamente

porterebbe ad un altro tipo di appropriazione,

che contraddirebbe apertamente il Progetto

della Fraternità itinerante.

Un tale Progetto deve poi coniugare adeguatamente

i tempi di silenzio e di ritiro con

i tempi di annuncio esplicito, laddove possibile,

del lieto messaggio ai poveri (cf Lc

4,18). La Chiesa, infatti, ci ricorda che

«quanto più si vive di Cristo, tanto meglio

Lo si può servire negli altri, spingendosi fino

agli avamposti della missione, e assumendo

i più grandi rischi» (VC 76), mentre

il Capitolo generale ci ha detto che «la nostra

principale missione è insita nel cuore

stesso della nostra forma di vita in fraternità

e minorità» (Sdp 38).

Solo salvaguardando questi principi si

potrà dire che il Progetto della Fraternità itinerante

è evangelico e francescano e solo

così sarà germe di rinnovamento per la Provincia,

l’Ordine, la Chiesa.

Provviste per il cammino

Desidero indicare anche alcuni “stru-


24 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

menti” o “provviste” per questo cammino

di itineranza.

Una Fraternità itinerante per nascere “al

di là” delle strutture abituali, proprie di una

Fraternità stabile, ha bisogno che ciascuno

dei suoi membri abbia una solida strutturazione

interna, perché questa, lungi dal portare

alla perdita della libertà evangelica, che

deve caratterizzare questa opzione di vita,

porterà alla perseveranza nel cammino.

Questa strutturazione si forgia attraverso

una profonda vita di orazione, che oltre che

ad essere intensa deve essere estesa.

Lo Spirito di orazione e devozione, che

è il cuore della nostra vita evangelica e che

consiste nell’avere il cuore rivolto al Signore

(cf Rnb 22, 19.25), in una Fraternità itinerante

si manifesta soprattutto con una intensa

vita di orazione, che porta il Frate a

cogliere se stesso nella verità e a riconoscere

la presenza di Dio nella propria vita. La

Fraternità itinerante per questo deve riservare

numerosi momenti comuni per l’ascolto

e la lettura orante della Parola, così come

“tempi forti” di orazione personale per l’adorazione

e la meditazione della Parola di

Dio. Al centro di questa dimensione contemplativa

deve stare l’Eucaristia, «il centro

e la sorgente di tutta la comunione fraterna»

(CCGG 21,2).

Non possono poi mancare frequenti momenti

di “revisione di vita” e di confronto,

che rendono possibile la conoscenza di sé e

permettono di scoprire la terra sassosa del

nostro cuore (cf Rnb 22,10-26). Solo così il

Frate itinerante potrà crescere nel senso di

appartenenza, nell’apertura, nella libertà interiore…

Cari Fratelli della Fraternità itinerante,

questi sono i punti principali che in questo

momento ho voluto condividere con voi per

aiutarvi nella comprensione del servizio

che l’itineranza può svolgere nella “rifondazione”

dell’Ordine.

Oggi Gesù dice a noi, come ieri ai discepoli:

«Andate dunque e ammaestrate tutte le

nazioni…» (Mt 28,19-20) e Francesco ci

ordina: «Andate, Fratelli carissimi…»

(1Cel 29). Dove? Chiediamo noi. «Il nostro

chiostro è il mondo» (SCom 63), «andate

per le strade del mondo» (1Cel 29), ci ri-

sponde Francesco. Andate, «a due a due»,

sull’esempio dei discepoli (cf 1Cel 29; Lc

10,1), senza portare «né sacco, né bisaccia,

né pane, né pecunia, né bastone» (Rnb 14,1;

cf Lc 10,4). Andate come «minori e sottomessi

a tutti» (Rnb 7,2). Andate e «annunciate

agli uomini la pace e la penitenza»

(1Cel 29; cf Rb 3,13). E quando andate per

il mondo non litigate, evitate le dispute di

parole, non giudicate gli altri, ma siate miti,

pacifici e modesti, mansueti e umili, parlando

a tutti onestamente (cf Rb 3,10-11). Andate

e che la benedizione del Signore vi accompagni

sempre, insieme alla protezione

dell’Immacolata, Regina e Madre dell’Ordine

dei Frati Minori.

Vi abbraccio e vi benedico!

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

__________________________

Fraternità Francescana Itinerante

c/o Fraternità francescana

Via Pecorile 190

CELLE LIGURE SV

3. Discurso en ocasión del Doctorado

Honoris Causa por la Universidad de

las Américas

Cholula, México, 01.03.2005

LOS FRANCISCANOS

AL SERVICIO DE LA CULTURA EN

MÉXICO

Saludo y gratitud

Excelentísima Rectora, Dra. Nora Lustig,

Excelentísimas autoridades académicas,

Profesores, Alumnos, Personal auxiliar,

Hermanos todos en San Francisco: “¡El Señor

os dé la paz!”

Con estas palabras, que el seráfico Padre

Francisco dejó en su Testamento como forma

de salutación para los hermanos, deseo

dirigirme a todos Ustedes, bien sabiendo

que al desearles la paz que viene del Señor

Jesús, les estoy deseando con ella todo bien.

Me siento literalmente confundido y al

mismo tiempo lleno de alegría por este doc-


torado “honoris causa” que la Universidad

de las Américas acaba de concederme.

Confundido, pues sé muy bien que esta

distinción académica antes que a mí le correspondería

a otros muchos de mis hermanos

aquí presentes, y a otros muchos ausentes,

por su labor en favor de la cultura en

América y, más concretamente, en México.

Lleno de alegría porque en este reconocimiento

a mi persona, siento el reconocimiento

a tantos hermanos franciscanos que, desde

el lejano 1493, cuando formando parte del

segundo viaje de Cristóbal Colón llegaron a

la Isla Española los primeros seguidores de

Francisco, hasta el día de hoy, se distinguieron

y distinguen por su amor a América y por

su extraordinaria y ejemplar aportación a la

cultura en el llamado Nuevo Mundo.

Entre los muchísimos hermanos que podría

y debería citar, permítaseme que recuerde

dos nombres. Con ellos comparto,

además de mi condición de franciscano, el

don más hermoso que después de la vida, de

la fe y de mi vocación como franciscano, el

Señor me ha podido conceder, la honra de

haber nacido en una tierra hermosa y generosa:

Galicia, en el noroeste de España. El

primero es el beato Sebastián de Aparicio y

el segundo es el P. Lino Gómez Canedo.

El Beato Sebastián de Aparicio nació el

20 de enero de 1502, en la orensana tierra

de La Gudiña, a pocos kilómetros de Lodoselo,

pueblo donde el Señor me trajo a este

mundo. A los 31 años Sebastián embarca

rumbo al Nuevo Mundo. Y ya en México,

para evitar el trabajo agotador de los nativos,

Sebastián ideó las carretas y puso manos

a la obra de adaptar el camino de México

a Veracruz para el tráfico de los carros.

De este modo Sebastián es el primer transportista

de México, como bien lo recordáis

ufanos los mexicanos de hoy, al invocarlo

como el patrono de los transportistas y conductores.

Fr. Lino Gómez Canedo, OFM, perteneciente,

como yo, a la Provincia de Santiago,

falleció en la Ciudad de México el 24 de diciembre

de 1990. Franciscano íntegro y

ejemplar, un cultísimo hombre de letras,

americanista insigne y misionólogo extraordinario.

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

25

Ambos, Sebastián y Lino, amaron América

y particularmente México. Ambos desearon

quedarse para siempre entre las gentes

a las que tanto amaron y de las que tanto

afecto recibieron en vida y reciben

todavía hoy, después de muertos. En ellos

pienso en estos momentos y a ellos, en modo

particular, dedico este homenaje.

América es franciscana y si hoy estas tierras

y sus gentes se abrazan con el cordón

franciscano y los une el saludo fraterno de

Paz y Bien, es gracias a la labor heroica de

los hijos de San Francisco de ayer y de hoy.

A ellos vaya nuestro reconocimiento y mi

personal admiración y gratitud en nombre

también de toda la Orden Franciscana a la

que represento en calidad de Ministro general.

Mi gratitud sincera y profunda a la Sra.

Rectora y a las Autoridades Académicas de

esta Universidad por su generosidad en

concederme esta alto honor académico.

Muchísimas gracias.

1. Los franciscanos: “Hombres muy sabios

y letrados” que aprenden para enseñar

El Papa Alejandro VI, en la bula Inter

caetera del 4 de mayo de 1493, pedía a los

Reyes Católicos que fuesen enviados a las

Indias “hombres buenos, temerosos de Dios,

doctos, sabios y expertos...”. No hay por qué

poner en duda la sinceridad de Isabel la Católica

cuando años después (1504) consignaba

en su testamento: “Nuestra principal intención

fue... enviar a las dichas islas y tierra

firme prelados y religiosos clérigos y otras

personas doctas y temerosas de Dios, para

instruir los vecinos y moradores de ellas”.

Lo mismo se puede decir de los doce franciscanos

que llegaron a México en compañía

del obispo Zumárraga en 1534, a su regreso

de España, a donde había marchado para defenderse

de ciertas acusaciones.

Así como la certeza de que su fe era la

única fe verdadera no les impidió el diálogo

respetuoso con los jefes indígenas, tal como

atestigua Fr. Bernardino de Sahagún; así

tampoco la preparación que traían estos hijos

del Poverello y heraldos del Evangelio

no les cerró a la vocación de aprender de los


26 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

hijos de estas tierras para poder luego enseñarles

los “rudimentos” de la fe católica y

los principios de la propia cultura (Sobre los

medios y métodos de evangelización cf. LI-

NO GÓMEZ CANEDO, Primitiva evangelización

en México, en Evangelización, cultura

y promoción social, Edt. Porrúa, México

1993, 409-415). Antes bien, limitándonos a

la sola geografía mexicana, es de justicia

subrayar el gran interés por conocer la lengua

de los hijos de estas tierra que mostraron

desde un principio los primeros franciscanos,

hasta el punto que al cabo de medio

año de haber llegado, algunos de estos franciscanos

habían logrado dominar el idioma

mexicano lo suficiente para poder hablar y

hacerse entender por los nativos. Dos de

ellos, Fr. Luis de Fuensalida y Fr. Francisco

Jiménez, llegaron incluso a traducir “lo

principal de la doctrina cristiana en

náhuatl”, tal como escribe Mendieta.

Para lograr este propósito no dudaron en

ponerse a la altura de los niños, jugando con

ellos y escuchando con atención el nombre

que daban a los objetos y anotándolo cuidadosamente,

como afirma Mendieta en su

Historia. En este contexto hemos de recordar

al célebre nahuatlato Fr. Alonso de Molina,

uno de los más notables compositores

de obras en lengua mexicana.

Una vez que aprendieron la lengua, los

franciscanos no dudaron en abrir escuelas

donde, además de enseñar la “doctrina”

cristiana, se enseñaba también Gramática.

La primera de la que tenemos noticia, anterior

a la llegada de los “Doce”, es la escuela

de Texcoco, bajo la dirección de Fr. Pedro

de Gante, quien años después, en 1528,

abriría también la “Escuela de San José de

los Naturales”, en la ciudad de México. Esta

última fue sin duda la más famosa de las

escuelas franciscanas, aunque no ciertamente

la única: la institución existió generalmente

en todos los conventos franciscanos.

Otras escuelas importantes “regentadas”

por franciscanos fueron: la de

Hueytlapan (sierra de Puebla) y la de Maní,

en el Yucatán, regentadas ambas por Fr.

Juan de Herrera.

Tales escuelas comenzaron por tener una

finalidad catequística, con la doctrina cristia-

na como principal asignatura; sin embargo en

ellas se enseñaba también a leer, escribir, contar

y música. En algunas, como la de San José

de México, se enseñaba arte, artesanía y latín.

Éstas y las materias correspondientes a lo

que se llama Gramática, así como filosofía y

medicina indígena, fueron enseñadas también

en el Colegio de Santa Cruz, establecido

en el barrio de Tlatelolco hacia 1534 e inaugurado

oficialmente el 6 de enero de 1536.

Esta escuela constituyó lo que hoy llamaríamos

“un centro de enseñanza media” para la

educación de los hijos de la nobleza indígena.

De él salieron excelentes latinistas, buenos

conocedores también del náhuatl y del español.

Algunos de ellos posteriormente darían

clases en los seminarios diocesanos, donde se

formaba al clero indígena.

Era una forma de restituir lo que habían

recibido. Así como los niños de las escuelas

ayudaron a los primeros misioneros en el

aprendizaje de las lenguas y como intérpretes

en la predicación, los misioneros les enseñaban

las materias correspondientes al

estudio de Gramática. Pero la colaboración

entre unos y otros no terminó aquí. Varios

alumnos de Tlatetolco cooperaron con algunos

de sus profesores en el estudio del

pasado indígena. Gracias a esta colaboración

Fr. Bernardino de Sahagún podrá escribir

su célebre obra Historia General de

las cosas de la Nueva España.

Un dato muy interesante es que desde

1524 a 1571 conocemos 106 obras en lenguas

indígenas, de las cuales 82 fueron escritas

por franciscanos, 16 por dominicos y

8 por agustinos. Las cifras son elocuentes,

sobre todo si se tiene en cuenta que los franciscanos

no sólo escribieron catecismos y

libros de tema religioso en las lenguas indígenas,

sino también diccionarios y otras

obras, que todavía hoy es necesario consultar

para el conocimiento de estas lenguas y

de historia y cultura indígenas. A ello no sólo

ayudan las obras de Sahagún o de Fr. Andrés

de Olmos, sino las de Motolinía, Landa

y Mendieta, que si bien fueron escritas

en español, sus autores tuvieron necesidad

de conocer idiomas indígenas –en este caso

náhuatl, maya y tarasco-, para poder escribirlas.

Siempre en este empeño por la cultu-


a, pienso que es oportuno recordar que fu

gracias a las gestiones del franciscano Fr.

Antonio de la Cruz se fundó en la Nueva

España, en 1530, la primera escuela para la

educación de las niñas indias, seguida de

otras en Texcoco y Huejotzingo. Posteriormente

se abrieron otras escuelas como éstas

también en Otumba, Tepeapulco, Cholula,

Coyoacán, Tlalmanalco y Cuauhtitlán. Significativo

es también el interés del franciscano

y obispo Zumárraga, quien en 1534

trajo consigo de España un grupo de maestras

seglares con el fin de potenciar la instrucción

de las niñas. También aquí se dio la

reciprocidad, pues las niñas formadas en estos

colegios-escuelas prestarán una gran

ayuda en la obra de evangelización.

Pero no sólo los franciscanos que habían

llegado a estas tierras promovieron la educación

y formación de los nativos, también

lo hicieron los que se habían quedado en

España, pero que miraban al Nuevo Mundo

con los ojos de quien se sabe “hermano universal”.

Los franciscanos de la Universidad

de Salamanca fueron, de hecho, pioneros en

la defensa de la enseñanza superior de los

indígenas, como lo demuestra el notabilísimo

dictamen dado en favor de dichos estudios,

en 1543, por el teólogo franciscano Fr.

Alfonso de Castro, que lleva la aprobación

de sus hermanos de religión Fr. Francisco

de Vitoria, Fr. Andrés de Vega, Fr. Francisco

del Castillo y Fr. Luis de Carvajal.

2. Los franciscanos: Frailes pobres que

conocen el valor de los libros

La mayor parte de los primeros franciscanos

llegados a tierras de México, entre

ellos los “Doce”, provenían de la Provincia

de San Gabriel, en España. Una Provincia

que daba a sus frailes una sólida formación

espiritual, dentro de una rigurosa observancia

regular, pero al mismo tiempo suficientemente

flexible y equilibrada. Es de notar

que, mientras la “tradición descalza” había

abandonado los estudios, la Provincia de

San Gabriel los admitía.

Esto puede explicar cómo México contó

desde muy antiguo con bibliotecas notables

(Cf LINO GÓMEZ CANEDO, OFM, Viejas Bi-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

27

bliotecas de México, en Evangelización,

cultura y promoción social, Edt. Porrúa,

México 1993, 409-415). No se conoce la lista

de los libros que trajeron consigo los primeros

frailes. Conocemos, sin embargo, los

libros que llevaban consigo los franciscanos

de la primera expedición misionera a Cumaná

(Venezuela). También sabemos que la expedición

de 1519, con el mismo destino, llevaba

73 volúmenes. Estos envíos de libros a

América creció rápidamente, a medida que

se extendía el arte de la imprenta. Ésta fue

implantada muy pronto en México por Fr.

Juan de Zumárraga, quien reunió la primera

biblioteca importante de México. Algunos

de los volúmenes de esta biblioteca, con

anotaciones de la mano de Zumárraga, se

conservan todavía. Más adelante fueron

muy notables las que instaló Fr. Alonso de

Veracruz en Tiripitío y Tacámbaro.

Ya en el s. XVII la Provincia del Santo

Evangelio de México cuenta con varias bibliotecas,

cerca de 90, entre grandes, modestas

o pequeñas. Y entre las alhajas de

sus conventos vienen considerados los libros,

tal como se desprende de un informe

sobre las bibliotecas de los conventos de dicha

Provincia y que hoy se conserva en el

Instituto Nacional de Antropología e Historia

de la ciudad de México.

La más copiosa de todas éstas era la de

Tlatelolco, probablemente la que restaba del

antiguo colegio de Santa Cruz, que contaba

con más de 1.000 volúmenes. La segunda biblioteca

, en número de libros, era la de Toluca

con un total de 378 volúmenes. Seguramente

la biblioteca de San Francisco de México

era la más grande. Otras bibliotecas de

esta Provincia del Santo Evangelio eran las

de Texcoco, Tlalnepantla, Tacuba, Tepepan,

Cholula, Tlaxcala, Tepeaca, Tlalmanalco,

Tulancingo, Tepeji, San Cosme y Huexotla.

Llama la atención la presencia en estas

bibliotecas de un buen número de obras

“humanísticas” y de autores clásicos como

Platón, Plinio, Cicerón, Virgilio, Terencio,

Aristóteles, Valerio Máximo, Quintiliano,

Nebrija, Vives, entre otros; además de muchas

e interesantes obras de los Santos Padres,

de Derecho, de comentarios a la Sagrada

Escritura y de manuales de moral,


28 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

historia, apologética y mística. También se

encontraban en estas bibliotecas otras obras

de filosofía, teología y gramáticas de la lengua

griega y hebrea.

Los franciscanos en América, como en

España, eran pobres, pero bien conscientes

de la importancia de una buena formación

académica e intelectual, tanto para ellos como

para las gentes de estas tierras. La evangelización

no podía ir sino acompañada de

una amplia instrucción.

3. Los franciscanos de ayer y de hoy: siempre

al servicio de la cultura

La Orden Franciscana que heredó de su

Fundador, San Francisco de Asís, la minoridad

como “color” y “sabor” en todo lo que

hace, heredó también de la gran tradición

franciscana, a partir del mismo S. Antonio

de Padua, un gran amor por la ciencia, unida

siempre a la santidad de vida. Esto llevó

a afirmar a Tomás de Eclestón que “la Orden

Franciscana se sostiene sobre dos columnas:

la santidad de vida y el estudio”.

Para nosotros franciscanos, los estudios

son, en este momento, una exigencia de la

evangelización y del diálogo con la cultura

actual. Por otra parte los franciscanos no

queremos ser simples consumidores de cultura.

Queremos ofrecer nuestra propia aportación

a la creación de una cultura al servicio

del hombre, y por tanto a la creación de una

cultura que vaya más allá del “sentido funcional”,

del “rendimiento” y de la “concurrencia”,

principios ciertamente familiares

tanto para la economía como para la Universidad

misma. Por eso, siguiendo la secular

tradición de los grandes representantes

de la “Escuela franciscana”, los franciscanos

del siglo XXI apostamos por la “diaconía”

del saber, al servicio del hombre, contra

el poder del saber que utiliza al hombre.

Por estos motivos los franciscanos de

hoy reconocemos que el estudio es “un

componente esencial de la formación, tanto

permanente como inicial de los Hermanos

Menores” (Ratio Studiorum O.F.M., RFF,

Roma 2001, n. 31). Por este motivo favorecemos

entre los hermanos el estudio de las

ciencias que hacen referencia a la creación

(ciencias exactas, naturales y ambientales);

las que hacen referencia al hombre: ciencias

humanas (sicología, pedagogía, economía,

ciencias políticas, sociología, antropología,

comunicaciones sociales...), literatura y artes,

filosofía e historia; y las que hacen referencia

a Dios (Sagrada Escritura y Teología)

y a nuestro propio carisma franciscano

(Cf RFF ns. 48-79), movidos siempre por el

amor que sentimos hacia el ser humano,

creado a imagen del Verbo encarnado (RFF

n. 51. Nada que se refiera a Dios, al hombre

y a la creación puede ser ajeno al interés y,

en consecuencia, al estudio de los Hermanos

Menores.

Por otra parte, conscientes de que la separación

entre fe y cultura, iniciada a partir

del tardo medioevo, ha asumido en la actualidad

frecuentemente formas de antagonismo

que con razón Juan Pablo II ha definido

como “fatal” y como “drama”, los

franciscanos de hoy queremos crear puentes

entre fe y razón y para ello sentimos la

necesidad de hacernos presentes en los nuevos

areópagos y en y con Centros en los que

no sólo se difunde una determinada cultura,

sino también donde se crea actualmente

cultura: Universidades, Facultades, Institutos

de educación superior, Colegios, Centros

humanísticos...

Este compromiso de la Orden franciscana

con la cultura sigue vivo en América y,

más concretamente, en México, después de

más de 500 años. Baste recordar a este respecto

que la Orden de los Hermanos Menores

cuenta en América con: 13 Universidades

civiles, 1 Facultad de Matemáticas, 1 de

Física y Química, 6 Facultades de Teología,

1 Instituto humanístico, 12 Institutos de Teología

y 131 Colegios donde se imparte enseñanza

primaria y media.

A través de estos Centros académicos en

América y de los demás Centros académicos

en el resto de los Continentes y Países donde

estamos presentes, queremos responder a

cuanto la Iglesia, a través de Juan Pablo II,

nos pide: “El papel de vuestras Universidades

y Centros de investigación es el de realizar

un encuentro fecundo entre el Evangelio

y las diversas expresiones culturales de nuestro

tiempo, para ir al encuentro del hombre


de hoy, sediento de respuestas enraizadas en

los valores evangélicos. Siguiendo el ejemplo

de San Francisco y la gran tradición cultural

de la Orden Franciscana, sea vuestra

preocupación el poner el Evangelio en el corazón

de la cultura y de la historia contemporánea”

(JUAN PABLO II, Mensaje a los participantes

en el Congreso Internacional de

Universidades y de Centros de Investigación

O.F.M., en Actas del Congreso Internacional

de Universidades y de Centros de Investigación

O.F.M, Roma 2002, pg. 25).

Los franciscanos de hoy, también los de

México, conscientes de la actualidad del

patrimonio cultural franciscano, queremos

ofrecerlo al hombre de hoy, convencidos

que “del gran depósito de la teología y de la

sabiduría franciscana se pueden dar respuestas

adecuadas también a los dramáticos

interrogantes de la humanidad, al inicio del

tercer milenio” (Idem, pg. 24).

La estrecha colaboración entre la Provincia

Franciscana del Santo Evangelio y la

Universidad de las Américas, a través de la

Biblioteca Franciscana y del Centro de Estudios

Humanísticos Fr. Bernardino de Sahagún,

se sitúa en este intento de diálogo de

la Orden con la cultura actual y en perfecta

sintonía con la voluntad de la Orden de los

Hermanos Menores y de esta Provincia

Franciscana del Santo Evangelio de colaborar

en la creación de una nueva cultura que

promueva la grandeza del hombre, llamado

a cultivar y custodiar el inmenso jardín del

mundo, para realizar sus inmensas posibilidades

que le vienen de haber sido creado a

imagen y semejanza del Creador.

Mientras me alegro por la colaboración

ya existente, deseo que ésta sea potenciada

en todos los campos posibles, y que Universidad

y Provincia mantengan alta la

atención al recíproco diálogo, no como un

modo episódico y estratégico sino como un

verdadero y propio método de trabajo y como

inspiración permanente del pensar y de

la investigación con rigor científico.

Dialogar significa, por tanto, mantener

inalterado el gusto por la investigación y

por la confrontación de posturas diversas, a

través de la escucha y de la valorización del

bien presente en cada uno. Cualquier dog-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

matismo, venga de la Universidad o venga

de la Provincia, apagaría esta actitud fundamental,

a la que nosotros franciscanos no

queremos, porque no podemos, renunciar.

Busquemos, pues, con pasión y con rigor

los medios más adecuados para responder a

este gran desafío del diálogo, sin pensar que

llegaremos a dar una respuesta exhaustiva

(Cf KARL LEHMAN, Università e Chiesa: in

dialogo per una nuova cultura, ponencia al

Simposio Europeo “Universidad e Iglesia

en Europa”, Roma 17-20 de julio de 2003),

lo cual nos obligará a estar siempre en actitud

de escucha y de aprendizaje, actitudes

fundamentales para poder aprender y en

consecuencia para poder enseñar.

Muchísimas gracias por su atención.

JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, O.F.M.

Ministro general

4. Inaugurazione della Pinacoteca Francescana

Internazionale

Falconara Marittima, 12.03.2005

Spett.li Autorità, distinti Invitati,

Fratelli e Sorelle, Carissimi Artisti,

il Signore vi dia Pace!

29

Con il saluto di Francesco di Assisi desidero

esprimere il senso della mia partecipazione

ad un evento importante per la Provincia Picena

e per l’Ordine dei Frati Minori: l’inaugurazione

della “Pinacoteca Francescana Internazionale”

di Falconara Marittima.

L’Ordine dei Frati Minori, e quindi anche

la Provincia OFM delle Marche, si sta

preparando alla celebrazione degli 800 anni

di fondazione (1209-2009). E nel celebrare

la grazia delle origini, noi Frati Minori vogliamo

impegnarci a percorrere un cammino

di “rifondazione”, per riappropriarci del

nostro carisma, e poter così meglio rispondere

alle esigenze della nostra vocazione/missione

e alle sfide che il mondo di oggi

ci presenta.

A tale scopo sono state già programmate

varie iniziative sia a livello universale che

locale. Provvidenzialmente capitano “fatti”


30 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

non programmati, che possono però aiutarci

a rileggere e a reincarnare il nostro carisma

nell’odierna realtà ecclesiale, culturale

e sociale.

L’8 marzo, in Curia generale, e il 9 marzo,

nel Collegio Internazionale S. Antonio,

abbiamo celebrato il conferimento, da parte

della Santa Sede, del titolo di Università al

nostro Pontificio Ateneo Antonianum. Il riconoscimento

non solo premia sforzi e meriti,

soprattutto ci stimola ad offrire un servizio

di qualità al Vangelo e all’uomo; ci

impegna a dare risposte «adeguate agli interrogativi

dell’umanità» con il patrimonio

culturale, filosofico e teologico della «scuola

francescana»; ci ricorda ancora una volta

che due sono i pilastri su cui deve poggiare

il nostro Ordine: la santità della vita e lo studio

(cf. Tommaso da Eccleston).

Oggi, 12 marzo, a Falconara si inaugura

la Pinacoteca Francescana. È vero, è un

evento locale, tuttavia mi interessa come Ministro

generale. La Pinacoteca si colloca all’interno

di una realtà specifica: la Biblioteca

Francescana e Picena. Il patrimonio della

«scuola francescana» (spiritualità, dottrina,

testimonianza di vita, missione, visione dell’uomo

e del mondo...) può essere trasmesso

se viene conservato e messo a disposizione

di coloro che vogliono conoscere le “novità”

che provengono dal carisma di Francesco.

Questa Pinacoteca inoltre, rispetto alle

numerose Pinacoteche inserite nei nostri

Conventi sparsi nel mondo, ha un suo “unicum”:

«In nome di Francesco», come dice

il titolo del Catalogo. Contiene, cioè, opere

che “leggono” e “trasmettono”, attraverso il

sublime linguaggio dell’arte, il patrimonio

che proviene dal Santo di Assisi e dalle vicende

dei suoi seguaci, in Umbria, nelle

Marche e nel mondo.

Si tratta, allora, di un’iniziativa preziosa

per le Marche, per i Frati della Provincia Picena

e dell’Ordine, ma anche per gli uomini e

le donne di oggi, tra i quali, noi Frati Minori,

vogliamo vivere ed operare come servitori.

Le “novità”, che provengono da Francesco

e dal Francescanesimo, non si incontrano

solo nei libri o nei documenti. Il Giullare

del Signore, il cantore della creazione,

l’uomo della “perfetta letizia” – e tanti altri

aspetti della personalità del Poverello – ci

dicono che dobbiamo frequentare anche altri

luoghi o ascoltare altri linguaggi se vogliamo

comprendere in profondità tali “novità”

e se vogliamo trasmetterle per rendere

più “bella” la vita dell’uomo. Non accade

così anche per la comprensione e la trasmissione

delle «odorose parole del Signore»?

E l’arte è un “luogo” da frequentare, un

“linguaggio” da ascoltare, poiché ha la capacità

– attraverso l’immagine, il colore, la

luce... – di coinvolgere non solo l’intelligenza,

«ma tutte le energie e i sensi dell’anima

e del corpo» (San Francesco).

Ho voluto partecipare, quindi, all’inaugurazione

di questa Pinacoteca Francescana,

nonostante la mia recente visita ai Frati

e alla Famiglia francescana delle Marche,

per contemplare i frutti dell’incontro degli

Artisti con Francesco e il Francescanesimo;

per ringraziare personalmente gli Artisti, i

veri protagonisti di questo avvenimento,

per aver posto i talenti, che il Signore ha loro

elargito con generosità, a servizio dello

«spirito di Assisi» e di coloro che desiderano

riapprendere il linguaggio dello stupore

e della meraviglia.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

5. Carta con ocasión de la solemnidad de

la Pascua de nuestro Señor Jesucristo

Roma - Pascua 2005

Prot. 095274

¡CRISTO HA RESUCITADO!

“Unus militum lancea latus eius aperuit, et

continuo exivit sanguis et aqua” (Jn 19, 34)

“Cognoverunt eum in fractione panis” (Lc

24, 35)

A todos los Hermanos:

Paz y Bien !

La santa cuaresma, itinerario de fe que

hemos seguido con la Iglesia para prepararnos

a la Pascua, ha llegado a su término.


Con Cristo, tentado en el desierto, hemos

aprendido a abrazar la fragilidad de la

condición humana desde la certeza de que

somos, por gracia y para siempre, hijos muy

queridos de Dios.

Con Cristo, en el monte de la Transfiguración,

hemos aprendido a ver la luz de

Dios que, aunque velada, ilumina toda la vida

de Jesús de Nazaret, desde el primer llanto

al nacer hasta el último grito al morir, y

que ilumina también, siempre velada, nuestra

vida, nuestro camino, nuestro éxodo,

nuestra muerte.

Junto al pozo de Jacob nos hemos encontrado

con el pozo de Dios, con Cristo,

don de Dios a su pueblo, fuente en la cual

apagar nuestra sed de eternidad. Allí hemos

recibido de él, por la fe, el agua que salta

hasta la vida eterna. Allí hemos aprendido a

conocer al Mesías, a escuchar al profeta, a

amar al Hijo de Dios. Allí hemos aprendido

a creer en él.

Encontrándonos con Cristo, con el Enviado

del Padre, oímos su palabra, obedecimos

su mandato, nos bautizamos en él, y

nuestros ojos ciegos fueron curados para

que pudiésemos ver en él la luz de Dios para

el mundo.

Encontrándonos con Cristo, con el Hijo

de Dios que, haciéndose hombre, hizo suya

nuestra muerte, nosotros, por la fe, hemos

encontrado en él la resurrección y la vida.

Con toda la Iglesia hemos aclamado a

nuestro rey humilde y victorioso, a Cristo

muerto y resucitado, al Hijo del hombre que

todo nos lo ha dado, mientras él mismo era

despojado de todo.

Ahora, después de haber cantado el Hosanna

que profetizaba la resurrección, resuena

en el corazón de los fieles el Aleluya

que la celebra ya cumplida. El motivo de

nuestro canto es hoy Cristo resucitado. La

razón de nuestra fiesta es el encuentro en la

fe con Aquel que vive para siempre.

¡Cristo ha resucitado! Éste es el día en

que actuó el Señor, pues en Cristo Jesús,

que es nuestra Pascua, Dios nos ha hecho

pasar de la esclavitud a la libertad, del pecado

a la gracia, de la muerte a la vida.

¡Cristo ha resucitado! Él es el fundamento

de nuestra fe, la razón de nuestra es-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

peranza, la fuente del amor que llena nuestros

corazones.

¡Cristo ha resucitado! Ésta es la noticia

que pone en marcha a la Iglesia, con prisa,

con temor, con gozo, para que todos lleguen

a conocer las obras de Dios y entren, por la

fe, en el mundo nuevo que la resurrección

de Cristo ha inaugurado.

La Iglesia, un misterio de comunión

31

Muerto ya el Señor, dice el Evangelio,

uno de los soldados se acercó con la lanza

y le traspasó el costado, y al punto salió

agua y sangre: agua, como símbolo del

bautismo; sangre, como figura de la eucaristía[…].

Pues bien, con estos dos sacramentos

se edifica la Iglesia: con el agua de

la regeneración y con la renovación del Espíritu

Santo, es decir, con el bautismo y la

eucaristía, que han brotado ambos del costado.

Del costado de Jesús se formó la Iglesia,

como del costado de Adán fue formada

Eva (S. Juan Crisóstomo, Oficio de Viernes

Santo, Segunda lectura).

Esa Iglesia que hemos visto nacer, no es

una sociedad que forman quienes, movidos

por el propio espíritu o guiados por el propio

interés, comparten opiniones, convicciones,

ideas, ilusiones, proyectos, tal vez creencias,

tal vez certezas. Esa Iglesia es un misterio de

comunión, una comunidad de hombres y

mujeres que han nacido, no de linaje humano,

ni por impulso de la carne, ni por deseo

de varón, sino de Dios (Jn 1, 13); hombres y

mujeres que el Padre ha querido reunir por

la sangre de su Hijo y la fuerza del Espíritu

(Prefacio VIII dominical del Tiempo Ordinario);

hombres y mujeres que son miembros

del cuerpo de Cristo, formados de sus

huesos, de tal modo unidos a él, que son con

él una sola carne (cf. Ef 5, 30-31).

Si contemplamos a Cristo resucitado, en

su cuerpo glorioso vemos brillar la luz que

ilumina el rostro de la Iglesia. Si admiramos

la belleza de la esposa de Cristo, ella nos

habla del infinito amor de quien la ha redimido,

purificado y santificado. Pues Cristo

se entregó a sí mismo por ella, para consagrarla,

purificándola mediante el baño del

agua y en virtud de la palabra, y para colo-


32 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

carla ante sí gloriosa, la Iglesia, sin mancha

ni arruga ni nada semejante, sino santa e inmaculada

[…]. «Por eso dejará el hombre a

su padre y a su madre, y se unirá a su mujer

y serán los dos una sola carne.» Es éste un

gran misterio: y yo lo refiero a Cristo y a la

Iglesia (Ef 5, 25-27; 31-32).

El ángel del Señor, el mensajero de vestido

blanco como la nieve, sentado encima

de la piedra del sepulcro, nos dice: Buscáis

a Jesús, el crucificado. No está aquí. Ha resucitado

(cf. Mt 28, 5-6). Y nosotros, que

por la fe vemos amanecer el día de Cristo

resucitado, vemos que amanece también el

día de nuestra propia resurrección, pues

Dios, rico en misericordia, por el gran amor

que nos tuvo, cuando estábamos muertos

por las culpas nos dio vida con Cristo, con

él nos resucitó y con él nos hizo sentar en el

cielo, en la persona de Cristo Jesús (Ef 2, 4-

6). Y en otro lugar leemos: Ya que habéis resucitado

con Cristo, buscad los bienes de

allá arriba, donde está Cristo, sentado a la

derecha de Dios (Col 3, 1).

¡Cristo ha resucitado! Con él nos han resucitado.

¡Cristo ha sido glorificado! En él

hemos sido glorificados. ¡Éste es el día en

que actuó el Señor para liberar a Cristo de

la muerte! Éste es el día en que actuó el Señor

para liberarnos en Cristo de la muerte.

Es éste un gran misterio, un misterio de

comunión entre Cristo y su Iglesia, tan admirable

e inefable que sólo Dios, en su misericordia

y por solo su amor, puede realizar;

es éste el misterio de la Iglesia una, que

sólo puede ser una, porque uno solo es el

cuerpo del Señor. Es éste un don maravilloso,

que se nos ha concedido de lo alto: ser

uno con Cristo, ser hijos en el Hijo, ser herederos

de la gloria con el Hijo.

Por gracia somos Iglesia, por gracia somos

cuerpo de Cristo, por gracia somos hermanos.

La Iglesia vive de la Eucaristía

La Eucaristía es el sacramento por excelencia

del misterio pascual (cf. Juan Pablo

II, La Iglesia vive de la Eucaristía = IvE, 3).

La Iglesia, que nace del misterio pascual

de Cristo (cf. IvE 3), vive de la Eucaristía

(cf. IvE 1), pues cada vez que celebramos

este memorial del sacrificio de Cristo, se

realiza la obra de nuestra redención (II Domingo

del Tiempo Ordinario, oración sobre

las ofrendas).

Cada vez que celebramos la Eucaristía,

anunciamos la muerte del Señor y proclamamos

su resurrección, nos acercamos al

misterio del amor con que el Hijo de Dios

se entrega por su Iglesia y, acogiendo la gracia

de la comunión, nos dejamos congregar

por el Espíritu Santo en la misteriosa unidad

del cuerpo de Cristo.

En la Eucaristía, nos encontramos con

Cristo resucitado, escuchamos a Cristo, nos

sentamos con él a la mesa, con él bendecimos

al Padre del cielo, con él nos entregamos

en sacrificio de obediencia, con su

Cuerpo y su Sangre somos fortalecidos y,

llenos de su Espíritu Santo, formamos en

Cristo un solo cuerpo y un solo espíritu (cf.

2ª Epíclesis de la Plegaria Eucarística III).

A todos los que celebramos en la fe la

Eucaristía, nos une el deseo de estar con

Cristo, la alegría de encontrarle y la necesidad

de escucharle; nos une la voluntad de

invitarle a la mesa de nuestra vida, y la sorpresa

de encontrarnos invitados por él a la

mesa de su vida; nos une la gracia de comulgar

su Cuerpo entregado y su Sangre

derramada; nos une el Espíritu que de él recibimos

y la misión a la que él nos envía. De

este modo, la Iglesia, unificada por virtud y

a imagen de la Trinidad, aparece ante el

mundo como cuerpo de Cristo y templo del

Espíritu, para alabanza de la infinita sabiduría

de Dios nuestro Padre.

La fraternidad, epifanía de la fe que profesamos

La Orden de los Hermanos Menores es

una fraternidad (cf. CCGG, art. 1). Nuestras

Constituciones Generales, buscando un

fundamento teologal a nuestra comunión

fraterna, lo encuentran en la misteriosa relación

que tiene nuestra vida con el misterio

de la Santísima Trinidad, pues somos, por

gracia, hijos del Padre celestial y hermanos

de Jesucristo en el Espíritu Santo (cf.

CCGG, art. 38). De la comunión que es la


Trinidad divina aprendemos a vivir una vida

fraterna en común. De la perfecta comunicación

del amor, que contemplamos en el

seno de Dios, aprendemos los hermanos el

amor recíproco y el cuidado mutuo que deseamos

hacer siempre presentes en el seno

de la fraternidad.

Ahora, Cristo resucitado nos permite

vernos a nosotros mismos como miembros

de su cuerpo: en él somos hijos, en él somos

amados, en él somos bendecidos con toda

clase de bendiciones espirituales y celestiales

(cf. Ef 1, 3).

En la celebración eucarística de la fraternidad,

al escuchar la Palabra del Señor y

participar de su Cuerpo y de su Sangre, recibimos

a Cristo y a nuestros hermanos, nos

hacemos de Cristo y de nuestros hermanos,

comulgamos con Cristo y con nuestros hermanos.

Tanto amó Dios al mundo que dio a su

Hijo único para que tenga vida eterna y no

perezca ninguno de los que creen en él (Jn

3, 16). Se nos ha dado este Hijo único en el

misterio de la Encarnación, se nos ha manifestado

plenamente su don en el misterio de

su muerte y resurrección, se perpetúa su entrega

amorosa en el misterio de la Eucaristía,

y nuestra fe, allí donde ve que el Padre

Dios nos hace el don de su Hijo, allí ve que

el mismo amor divino nos hace el don de

nuestros hermanos (cf. CCGG, art. 40).

Así, en la familiaridad de espíritu y en la

mutua amistad de los hermanos (cf. CCGG,

art. 39) se manifiesta, como en un sacramento,

la verdad de nuestra adhesión al

misterio de la Santa Trinidad. En la mutua

caridad y en el servicio recíproco de los hermanos

(cf. CCGG, art. 42) toma cuerpo

nuestra fe en Cristo resucitado. En la sencillez

de la vida común, en la edificación de

la fraternidad como familia en Cristo

(CCGG, art. 45), en la acogida cordial de

todos los hermanos, en el perdón ofrecido y

recibido, los hermanos manifestamos cada

día la verdad de nuestra comunión con Cristo

en la Eucaristía.

Creo en Dios Padre: lo dice vuestro amor

de hijos. Creo en Dios Hijo: lo dice vuestro

amor de hermanos. Creo en Dios Espíritu

Santo: lo dicen los muchos hermanos que

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

tienen un solo corazón y una sola alma (cf.

Hch 4, 32). Creo que Cristo ha resucitado

de entre los muertos: lo dice vuestra alegría

compartida, vuestra oración común, vuestra

esperanza que deseáis siempre cierta, vuestra

caridad que suplicáis cada vez más perfecta.

Creo que recibo a Cristo en la Eucaristía:

lo dice el amor de caridad con que

acogéis a los pobres, el amor de caridad con

que abrazáis a los hermanos, el amor de caridad

con que cuidáis a Cristo en los enfermos

y en los ancianos.

En verdad, hermanos míos muy queridos,

la fraternidad es epifanía de la fe que

profesamos, es epifanía de la fe en Cristo

Resucitado y por ello es también la primera

forma que los seguidores de Francisco y

Clara tenemos para evangelizar.

Conclusión

Hermanos: Cristo ha resucitado. Verdaderamente

ha resucitado. Y en la Eucaristía

y en la vida de comunión, en fraternidad,

anunciamos su muerte y proclamamos su

resurrección. ¡En Cristo se fundamenta toda

fraternidad!

Que nos acompañe siempre la bendición

de nuestro seráfico padre San Francisco.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

Ministro general

6. Lettera all’Ordine in occasione della

morte di Giovanni Paolo II

Roma, 2 aprile 2005

Carissimi Fratelli,

il Signore ci doni la sua Pace!

33

Il lungo pontificato di Karol Wojtyla si è

concluso, secondo l’amorevole divina

provvidenza, proprio nell’ottava di Pasqua.

Mentre la Liturgia proclama con forza e

tutta la Chiesa canta con gioia il messaggio

liberante del «nuovo primo Giorno», Gesù

Cristo, il Risorto, ha accolto nel suo Regno

di luce infinita Giovanni Paolo II: l’instancabile

messaggero della Buona Novella; l’ap-


34 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

passionato servitore dell’uomo; il profeta

della pace; il difensore intrepido della libertà

e della dignità di ogni persona umana.

Il Signore lo ha accolto tra le sue braccia

per dirgli il suo grazie, poiché, secondo la

vocazione ricevuta, ha confermato fino all’ultimo

istante i fratelli e le sorelle nella fede

con la parola, con la sua vita evangelica

e infine con la misteriosa la forza della sofferenza

accolta e trasformata in testimonianza,

facendo diventare Piazza S. Pietro il

«cuore del mondo». Il silenzio, infatti, di

Giovanni Paolo II in questi ultimi suoi giorni

terreni, si è fatto parola eloquente, dando

senso e valore alle parole pronunciate, e

non sempre ascoltate, in 26 anni di alto e

profetico magistero.

Al grazie del Risorto subito si è unito

quello della Chiesa, di ogni credente, degli

uomini e delle donne di buona volontà, delle

generazioni giovani alle quali ha indicato

sempre orizzonti audaci. A questa corale

gratitudine vuole aggiungersi il nostro grazie,

come Frati Minori: per il legame particolare

che esiste da sempre tra il nostro Ordine

e il «signor Papa»; soprattutto per la

paterna cura e sollecitudine con cui Giovanni

Paolo II ha seguito la nostra Fraternità

dal 1978 ad oggi, offrendoci sempre segni

concreti di affetto, vicinanza e di stima.

Avremo modo di ritornare sul suo magistero

riguardo al carisma francescano e clariano,

specie in occasione dei Capitoli generali.

La nostra filiale riconoscenza gliela

esprimiamo, nel momento in cui «sorella

morte» l’ha condotto nella Casa del Padre,

richiamando alla memoria alcuni “mandati”

che ha voluto affidarci come Frati Minori,

quasi a modo di testamento spirituale:

osservare il santo Vangelo del Signore nostro

Gesù Cristo secondo la forma di vita

fatta propria da san Francesco; servire e

amare gli uomini sull’esempio del Poverello;

annunciare il Vangelo: vocazione, missione

e ragion d’essere dei Frati Minori;

colmare il bisogno di speranza degli uomini

del nostro tempo con l’apporto originario

che scaturisce dall’esperienza caratteristica

di san Francesco; guardare a san Francesco

come «forma Minorum, virtutis speculum,

recti via, regula morum»; andare nel cuore

delle masse, come «frati del popolo»; porre

il Vangelo nel cuore della cultura e della

storia contemporanea seguendo l’esempio

di san Francesco e della grande tradizione

culturale dell’Ordine; rispondere all’esigenza

di essenzialità e di autenticità con la

nostra «viva spiritualità», cioè vivendo e testimoniando

i valori del carisma francescano.

Come commosso commiato da questo

straordinario Pontefice e per nutrire la nostra

riconoscente invocazione al Signore,

Padre delle misericordie, facciamo risuonare

dentro di noi alcune sue parole tratte dal

Messaggio natalizio del 1986: «Oh, come

sono belli i piedi di quel messaggero di lieti

annunzi il cui nome è Francesco il Poverello

di Assisi, di Greccio e della Verna,

Francesco amante di tutte le creature; Francesco

conquistato dall'amore del divin

Bambino, nato nella notte di Betlemme,

Francesco nel cui cuore Cristo cominciò a

regnare, perché anche per mezzo della povertà

del discepolo noi comprendessimo

meglio la povertà del Maestro e fossimo indotti

a pensieri di amore e di pace».

«Laudato si’, mi’ Signore» per il nostro

Papa Giovanni Paolo II, perché «de Te, Altissimo,

porta significazione»!

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

7. Omelia nella Messa di suffragio per

Giovanni Paolo II

Roma, Curia generale, 13.04.2005

Atti 10, 34-43; Sal 22; Gv 21, 15-19

Carissimi Fratelli e Sorelle,

il Signore vi dia pace.

Ancora una volta ci siamo riuniti attorno

alla mensa della Parola e dell’Eucaristia per

fare memoria della passione, morte e risurrezione

di Gesù, il Cristo. E a questa memoria

associamo il ricordo del nostro compianto

e amato Papa Giovanni Paolo II il


quale, avendo sofferto con Cristo ed essendo

morto con Lui, per fede siamo certi che è

anche stato associato alla sua risurrezione.

In questi giorni abbiamo vissuto emozioni

intense: le terribili sofferenze fisiche

del Papa; l’affetto per lui di tante persone di

tutto il mondo: giovani, anziani, sani e malati;

l’intensa preghiera di tutti in suo favore,

anche di chi non è in comunione di fede

con noi; l’omaggio dei grandi della terra a

un Papa anziano, malato e, a dire di alcuni,

conservatore nelle sue posizioni dottrinali.

Mi sono domandato molte volte il perché

di tutto questo. Personalmente trovo soltanto

una risposta: perché era un uomo di Dio.

Sì, Giovanni Paolo II era un appassionato di

Dio, un innamorato di Cristo. E questa passione,

questo innamoramento, ha fatto sì che

fosse un appassionato dell’uomo, che ha difeso,

con una libertà che stupisce, dall’inizio

del pontificato alla morte. Proprio questa libertà

lo ha portato a denunciare la guerra in

ogni circostanza; a denunciare la mafia proprio

in casa di questa; a condannare il terrorismo

e la violenza da qualunque parte venisse;

a difendere la vita, dal suo concepimento

alla morte, e i diritti umani di coloro

ai quali vengono negati. Questa stessa libertà,

frutto del suo amore per Colui che è la

Verità – “la verità vi farà liberi” –, ha fatto di

lui un annunciatore della Buona Notizia fino

ai confini della terra, seguendo il mandato

lasciatoci da Gesù Cristo.

Giovanni Paolo II è stato un grande maestro

e ci ha lasciato un magistero per il quale

serviranno anni prima di poterne approfondire

le molteplici ricchezze: 14 Encicliche,

15 Esortazioni apostoliche, 11

Costituzioni apostoliche, 45 Lettere apostoliche,

oltre alle Catechesi proposte nelle

Udienze generali ed alle Allocuzioni, pronunciate

in ogni parte del mondo nei suoi

più di 100 viaggi apostolici. Ma il suo magistero

più autorevole, più profondo e senza

dubbio più fecondo è stato quello degli ultimi

giorni della sua vita. Un Papa anziano e

malato, seguito da tutti, particolarmente dai

giovani; un Papa muto, privo della parola,

che ha “parlato” a tutti con il silenzio e la

sofferenza, che hanno autenticato le sue parole.

Dalla cattedra del dolore è stato grande

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

35

maestro e per questo con ragione viene chiamato

Giovanni Paolo II, il Grande. Giovanni

Paolo II, inoltre, ci ha lasciato una testimonianza

mirabile di pietà, di vita santa e di

paternità universale, per questo è stato acclamato

dal popolo come “santo” immediatamente

dopo il suo transito alla casa del Padre.

Ma sopratutto, nella sua vita, Giovanni

Paolo II ha dato vita alla Parola. Lui come

Pietro confessò il suo amore per Gesù.

Quante volte gli avrà detto: “Tu sai tutto. Tu

sai che ti amo”. Lui come Pietro ha ricevuto

dal Signore la missione di pascere i suoi

agnelli e le sue pecorelle, e si è consegnato a

questa missione senza sosta fino alla fine.

Lui come Pietro ha ascoltato l’invito di Gesù:

“Seguimi”, e lo ha seguito nella salute e

nella malattia, nella vita e nella morte. Per

questo è stato “a lui accetto”. Ha saputo riporre

la sua fiducia nel Buon Pastore, come

è chiaramente detto nel Testamento che ci ha

lasciato, e per questo il bastone e il vincastro

del Buon Pastore gli hanno dato sicurezza.

Si è affidato costantemente alla misericordia

di Dio e per questo passò “beneficando tutti”,

“perché Dio era con lui”.

Mentre, accogliendo il desiderio di Giovanni

Paolo II espresso nel suo Testamento,

preghiamo il Padre delle misericordie “affinché

la Misericordia di Dio sia più grande

della sua debolezza e indegnità”, vogliamo

dire il nostro grazie al Santo Padre. Lo faccio

a nome di tutti i Frati Minori sparsi nel

mondo intero, lo faccio a nome della Famiglia

Francescana e in particolare di quanti

siamo qui riuniti questa sera. Grazie Santo

Padre per la testimonianza della tua fede;

grazie per il tuo coraggio profetico nell’annunciare

la Buona Novella e denunciare

quanto a questa si oppone; grazie perché

non hai accettato di “scendere dalla croce”

quando tanti gridavano: scendi, scendi! Grazie

perché ci hai amato come figli e figlie;

grazie perché prima di partire hai pensato a

noi e ci hai lasciato nelle mani materne della

Madre del nostro Maestro. Grazie, Santo

Padre! E ora intercedi per noi affinché, seguendo

il tuo invito e il tuo esempio, spalanchiamo

le porte della nostra vita a Cristo e lo

seguiamo sempre, nella salute e nella malattia,

nella vita e nella morte. Sì, Santo Padre,


36 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

intercedi per noi affinché, come te, possiamo

dire ora e sempre: “Totus Tuus”.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

8. Omelia in occasione dell’elezione di

Benedetto XVI

Roma, Curia generale, 20.04.2005

Carissimi Fratelli e Sorelle,

Il Signore vi dia Pace!

Il Signore è stato grande con noi e siamo

felici! Egli ha ascoltato la nostra preghiera,

donando alla sua Chiesa un nuovo Pastore

nella persona del Cardinale Joseph Ratzinger,

Papa Benedetto XVI.

Noi Frati Minori, ringraziamo il Signore

per questo dono, sicuri che è il Pastore voluto

da Dio per questo momento storico che

stiamo vivendo.

Ancora una volta la Parola del Signore si

è compiuta. Oggi lo Spirito ha “separato”

uno dei suoi, il Cardinale Ratzinger, chiamandolo

alla missione che Egli stesso, nei

suoi disegni divini, gli ha affidato: pascere i

suoi agnelli, pascere le sue pecore.

E noi, come fece Francesco nel lontano

1209 presentandosi a Papa Innocenzo III,

vogliamo presentarci oggi al “signor Papa”

Benedetto XVI perché ci consigli e confermi

nel servizio di Cristo (cf. Lper 15), e perché

“con la sua volontà e mandato, possiamo

continuare quanto abbiamo iniziato”

(3Comp 46). Sull’esempio del Serafico Padre,

desideriamo rinnovare al Sommo Pontefice

la nostra promessa di “ubbidienza e

riverenza”. Il nostro amore per la Chiesa a

cui ci impegna nel suo Testamento il nostro

padre e fratello Francesco, si manifesti nella

comunione con il Pastore Universale del

gregge di Cristo e nel nostro amore per Lui.

A Papa Benedetto XVI esprimiamo con

gioia i nostri più fervidi auguri per il suo

Pontificato.

E mentre gli assicuriamo la nostra filiale

devozione, preghiamo il Signore, il Buon

Pastore, affinché lo illumini con la luce del

suo Spirito, gli doni la forza necessaria per

compiere fedelmente la missione affidatagli

e, in docile ascolto della Parola, possa trasmetterci

sempre “quanto ascolterà dal Signore”

in piena fedeltà al Suo comando.

Maria, Mediatrice di ogni grazia, protegga

il nostro Santo Padre Benedetto XVI con

il suo sguardo materno e San Francesco interceda

per il nostro amato Pastore!

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro Generale

9. Lettera all’Ordine in occasione dell’elezione

di Benedetto XVI

Roma, 20 aprile 2005

Cari Fratelli,

il Signore vi dia Pace!

Te Deum laudamus! Sì, dal nostro cuore

e dalle nostre labbra oggi si è levato l’inno

di lode e di ringraziamento, poiché la «comunità

responsabile per il lascito delle chiavi

del Regno», insieme allo Spirito Santo,

ha scelto il 265° successore di Pietro, nella

persona di Benedetto XVI.

Dopo i giorni del silenzio, della commozione,

della riflessione e della memoria grata

per il lungo pontificato di Giovanni Paolo

II, il Grande, che ci ha condotto per mano

negli ultimi decenni del secolo XX, la

comunità cristiana vive con intensa gioia e

gratitudine il suo presente: il Signore le ha

donato un nuovo Pastore secondo il suo

cuore, un Pastore che avrà il compito di

condurla «al largo», agli inizi del terzo millennio.

È sbocciata così una nuova stagione di

grazia per la Chiesa. Nella Cappella Sistina,

infatti, è risuonato ancora una volta l’invito

del Risorto: seguimi! Questa volta l’invito è

stato rivolto al Card. Joseph Ratzinger, che,

aderendo al disegno della volontà divina, ha

«abbandonato» tutto ed ha accettato di guidare

la Chiesa verso il futuro, confidando

unicamente nella promessa del Risorto:

«Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla

fine del mondo» (Mt 28,20).

All’alba di questo nuovo cammino, noi

Frati Minori, in comunione con tutta la


Chiesa e nella condivisione delle attese degli

uomini di buona volontà, vogliamo assicurare

a Papa Benedetto XVI la nostra obbedienza

e riverenza, secondo il cuore di

san Francesco, e la nostra disponibilità ad

assecondare i suoi desideri. Al «semplice ed

umile lavoratore nella vigna del Signore»

promettiamo di non fargli mancare mai la

nostra preghiera, il nostro affetto e la nostra

collaborazione.

Il Signore Risorto benedica Benedetto

XVI, sostenga con la sua grazia il ministero

affidatogli, affinché possa guidarci «nella

conoscenza di Cristo, al suo amore, alla vera

gioia».Vi saluto tutti fraternamente.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

10. Prorogatur ad quinquennium indultum

Paenitentiariae Apostolicae

1. Petitio Ministri Generalis

IL MINISTRO GENERALE

DELL’ORDINE DEI FRATI MINORI

PAENITENTIARIA APOSTOLICA

(Prot. N. 182/00)

Prot. N. 095283

Beatissime Pater,

Minister Generalis Ordinis Fratrum Minorum,

a Sanctitate tua humiliter petit prorogationem

Rescripti N. 182/00, die 16

martii 2000, quo quaedam facultates ipsi

concedebantur, communicandae cum aliquibus

sacerdotibus sui Ordinis.

Et Deus, etc.

Romae, die 2 Februarii 2005

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister Generalis

2. Paenitentiariae Apostolicae Rescriptum

TRIBUNALE

DELLA PENITENZIERIA APOSTOLICA

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

Prot. n. 59/05

Paenitentiaria Apostolica Reverendissimo

Ministro Generali Ordinis Fratrum Minorum

Apostolica Auctoritate ad quinquennium

prorogat, iuxta preces, sequentes facultates

quas ipse pro suo prudenti iudicio

poterit subdelegare Rectoribus domorum

religiosarum et aliquibus sacerdotibus sui

Ordinis, scientia et prudentia conspicuis,

dummodo sint omnes ad audiendas christifidelium

confessiones legitime adprobati:

1. absolvendi paenitentes ab omnibus

censuris, id est excommunicationibus, suspensionibus

et interdictis, non declaratis

nec Apostolicae Sedi reservatis;

2. dispensandi, iuxta exsistente causa,

omnia vota privata, commutando, si casus

ferat, in aliqua pietatis vel paenitentiae opera,

dummodo dispensatio ne laedat ius aliis

quaesitum.

His facultatibus praefati sacerdotes uti

possunt tantum in actu sacramentalis confessionis

et pro foro conscientiae.

Datum Romae, ex aedibus Paenitentiariae,

die 8 februarii 2005.

IACOBUS FRANCISCUS CARDINALIS

STAFFORD

Paenitentiarius Maior

P. IOANNES FRANCISCUS GIROTTI,

O.F.M.CONV.

Regens

37

N.B. Quoad facultatem concessam sub n. 1

huius Rescripti, summa prudentia opus est

cum agitur de censura suspensionis comminata

canone 1394 §1: nam ex una parte delictum,

quod hac poena plectitur, de se est

publicum, ac pro tanto, etiam cum censura

non sit declarata, inde scandalum sequitur;

itaque nonnisi in gravissimis circurnstantiis

relativa suspensio est tollenda; ex altera

parte, ipso iure, canone 1335 censura suspenditur,

si adsit necessitas, et ita ordinariis

in adiunctis ipsa non videtur tollenda

per absolutionem. Pro opportunitate confessariorum

in memoriam revocatur sive

iam citatus canon 1335, sive canon 1048

pro casibus irregularitatis.


38 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

3. Executio Rescripti ex parte Ministri Generalis

Ordinis

DECRETUM

Praesentis Decreti vigore Confessariis

Ordinis nostri, ab Ordinario loci legitime

approbatis, vi Rescripti Paenitentiariae

Apostolicae diei 8 februarii 2005 easdem

facultates usque ad diem 8 februarii 2010

subdelegamus, servatis de iure servandis.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae Generalis

Ordinis, die XXV mensis Martii, anno

MMV.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister Generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretarius generalis

Prot. 095283

4. Decreti comunicatio

Prot. N° 095283

ORDO FRARUM MINORUM

PROCURA GENERALIS

Ai Ministri provinciali, ai Custodi e ai

Presidenti delle Federazioni dell'Ordine dei

Frati Minori.

LL.SS.

Gent.mo Fratello,

con la presente Le inviamo copia del Decreto

emesso dal Ministro generale il 25

marzo 2005 (Prot. N° 095283).

Il Ministro generale ha deciso di subdelegare

ad quinquennium (fino all'8 febbraio

2010) ad ogni frate dell'Ordine che abbia ricevuto

dall'Ordinario diocesano la facoltà

di confessare, le facoltà a lui concesse dalla

Penitenzieria Apostolica, mediante il Rescritto

Prot. N° 59/05, emesso il giorno 8

febbraio 2005, del quale alleghiamo copia.

Affidiamo a Lei il compito di trasmettere

copia del presente decreto a tutti i frati della

Sua Entità che esercitano legittimamente

il ministero della confessione.

La salutiamo fraternamenie.

Roma, 20 aprile 2005

FR. FRANESCO BRAVI, OFM

Vicario e Procuratore Generale

FR. VALENTINO MENEGATTI, OFM

Segretario


1. Richiesta della dichiarazione a Università

Roma, 21 giugno 2004

Prot. 094539 (177/04)

PONTIFICIA UNIVERSITAS

ANTONIANUM

Eminenza Reverendissima,

il Signore Le dia pace!

A distanza di quasi tre anni dalla richiesta

avanzata dal mio predecessore Fr. Giacomo

Bini, con Lettera del 31 ottobre 2001

[Prot. 091512 (326/01)], circa la dichiarazione

del Pontificio Ateneo “Antonianum”

di Roma a Università Pontificia “Antonianum”,

sono da Lei per presentarle di nuovo

la medesima richiesta.

Il cammino di qualificazione necessario

per aspirare a questo riconoscimento è testimoniato

dal materiale in allegato, riguardante

sia la sede romana dell'Ateneo che la

Facoltà di Scienze Bibliche e di Archeologia

in Gerusalemme e l'Istituto di Studi

Ecumenici in Venezia.

Dopo aver proceduto alle necessarie

consultazioni e aver lungamente riflettuto,

con la presente chiedo all'Eminenza Vostra

Reverendissima che il Pontificio Ateneo

“Antonianum” di Roma venga dichiarato

Università Pontificia “Antonianum”.

Confido che quanto contenuto nella documentazione

in allegato permetta il riconoscimento

richiesto, dal quale verrà

senz'altro al Pontificio Ateneo “Antonianum”

stesso e a tutto il nostro Ordine dei

Frati Minori, del quale l'Ateneo è Centro di

studi a livello internazionale, un decisivo

impulso alla promozione degli studi. In tal

modo auspico che la nostra vocazione e

missione di evangelizzazione a servizio

della Chiesa e dell'uomo di oggi sia più qualificata.

In attesa di una Sua risposta, assicurando

la disponibilità a compiere tutti i passi

necessari, La ringrazio per il fedele servizio

alla Chiesa e le auguro ogni bene nel Signore.

Dell'Eminenza Vostra Reverendissima

dev.mo nel Signore

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro Generale

e Gran Cancelliere PAA

______________________________

A Sua Eminenza Rev.ma

Il Signor Card. Zenon Grocholewski

Prefetto della Congregazione per

L'Educazione Cattolica

Piazza Pio XII, 3

00193 ROMA

2. Approvazione definitiva della Facoltà

di Scienze Bibliche e d’Archeologia

1. Comunicazione

CONGREGATIO

DE INSTITUTIONE CATHOLICA

(DE SEMINARIIS

ATQUE STUDIORUM INSTITUTIS)

Roma, 14 dicembre 2004

Prot. N. 442/89 – 1611/2001 – 815/79

Reverendissimo Padre,

ci pregiamo di fare riferimento alla cortese

lettera N. 094902 (279/04) del 6 ottobre

scorso, concernente la domanda per il

rinnovo dell'approvazione dell'erezione

della Facoltà di Scienze Bibliche e d'Ar-


40 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

cheologia di cotesto Pontifìcio Ateneo Antonianum

e dei suoi Statuti.

Con la presente, siamo lieti di significare

alla Paternità Vostra che questo Dicastero

ha provveduto ad approvare definitivamente

l'erezione canonica della summenzionata

Facoltà, con Decreto in pari numero

e data, qui unito in duplice copia, ed ha altresì

rinnovato l'approvazione, per un quinquennio,

degli Statuti della medesima Facoltà,

con Decreto in pari numero e data,

qui unito in duplice copia.

È nostra premura, infine, informare la

Paternità Vostra che questa Congregazione

ha avviato la procedura, prevista in questi

casi, per l'eventuale concessione del titolo

di Università a cotesto Pontifìcio Ateneo.

Nel comunicarLe quanto sopra, ci è gradito

rinnovarLe i sensi del nostro distinto

ossequio e confermarci

della Paternità

Vostra Reverendissima

dev.mi nel Signore

ZENON CARD. GROCHOLEWSKI

Prefetto

+ J. MICHAEL MILLER

Segretario

______________________

Reverendissimo Padre

P. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro Generale dell'Ordine dei Frati Minori

Gran Cancelliere del Pontifìcio Ateneo Antonianum

- ROMA -

2. Decreto

CONGREGATIO

DE INSTITUTIONE CATHOLICA

(DE SEMINARIIS

ATQUE STUDIORUM INSTITUTIS)

DECRETUM

N. 442/89

CONGREGATIO DE INSTITUTIONE CATHOLI-

CA (DE SEMINARIIS ATQUE STUDIORUM INSTI-

TUTIS), attenta postulatione Rev.mi Ministri

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, Pontifìcii

Athenæi Antoniani in Urbe Magni

Cancellarii, legitime praesentantis,

FACULTATIS SCIENTIARUM BIBLICARUM

ET ARCHAELOGIÆ

in civitate Hierosolymitana sitæ

(Studii Biblici Franciscani)

PONTIFICII ATHENÆI ANTONIANI in Urbe

hoc Decreto erectionem canonicam definitive

approbat, eidem collata potestate academicum

Baccalaureatus Sacræ Theologiæ

necnon Licentiæ atque Doctoratus Scientiarum

Biblicarum et Archaeologiæ gradum

iuxta Ecclesiae legem conferendi; servatis

Statutis approbatis ab hac Congregatione;

ceteris servatis de iure servandis; sanans hoc

ipso Decreto defectum approbationis in temporis

spatio a die V mensis Septembris a. D.

MMIV usque ad hunc diem; contrariis quibuslibet

minime obstantibus.

Datum Romæ, ex ædibus eiusdem Congregationis,

die XIV mensis Decembris, a.

D. MMIV.

ZENON CARD. GROCHOLEWSKI

Praefectus

+ J. MICHAEL MILLER

a Secretis

3. Approvazione degli Statuti

CONGREGATIO DE INSTITUTIONE CATHOLI-

CA (DE SEMINARIIS ATQUE STUDIORUM INSTI-

TUTIS), lectis perpensisque STATUTIS Facultatis

Scientiarum Biblicarum et Archeologiæ

Pontifìcii Athenæi Antoniani in Urbe,

ad normam Constitutionis Apostolica Sapientia

christiana recognitis, quæ in eorumdem

XXIX articulis dicuntur, defmiuntur

ac statuuntur hoc Decreto rata habet atque

ad quinquiennium approbat; iisque ad

quos pertinet ut rite observentur præcipit;

ceteris servatis de iure servandis; sanans

hoc ipso Decreto defectum approbationis in

temporis spatio a die V mensis Septembris

a.D. MMIV usque ad hunc diem; contrariis

quibuslibet minime obstantibus.


Datum Romæ, ex ædibus eiusdem Congregationis,

die XIV mensis Decembris, a.

D. MMIV.

ZENON CARD. GROCHOLEWSKI

Præfectus

+ J. MICHAEL MILLER

A Secretis

3. Il PAA diventa Università Pontificia

CONGREGATIO

DE INSTITUTIONE CATHOLICA

DE SEMINARIIS

ATQUE STUDIORUM INSTITUTIS

Roma, 18 gennaio 2005

Prot. n. 1611/2001

PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

Reverendissimo Padre,

siamo lieti di significarLe che il Sommo

Pontefice, con lettera N. 568.755 dell'Em.mo

Cardinale Segretario di Stato, datata 11 c.m.,

ha benevolmente concesso a cotesto Pontificio

Ateneo Antonianum il titolo di Università

Pontificia. Ciò a motivo del possesso dei requisiti

tradizionalmente richiesti e in considerazione

dell'apprezzato servizio di formazione

accademica svolto da detto Ateneo.

Nel comunicarLe quanto sopra, formuliamo

a tutta la Comunità Accademica le

nostre felicitazioni e i nostri voti augurali e

profittiamo volentieri della circostanza per

rinnovarLe i sensi del nostro distinto ossequio

e confermarci della Paternità Vostra

Reverendissima

dev.mi nel Signore

ZENON CARD. GROCHOLEWSKI

Prefetto

+ J. MICHAEL MILLER

Segretario

__________________________________

Reverendissimo Padre

P. José Rodríguez Carballo, O.F.M.

Ministro generale dell'Ordine dei Frati Minori

Gran Cancelliere della

Pontifìcia Università Antonianum

ROMA

41

4. Letter to the Brother Ministers and

Custodes

Rome, 2 nd February 2005

To all the Ministers and Custodes

Dear Brother Ministers and Custodes,

May the Lord give you peace!

I am truly very happy to inform you

hereby that on the 11 th January of this year

the Supreme Pontiff granted the title of

Pontifical University to the Pontifical

Athenaeum Antonianum. The Congregation

for Catholic Education informed me of this

by letter on the 18 th January last.

I cannot but share with you the joy of

this moment, which I take as a sign of

recognition of and confidence in our Order

and the entire Franciscan Family.

The solemn academic act, during which

the new Rector will be installed and the reception

of the title of Pontifical University

will be celebrated publicly, will be held on

the 9 th March 2005. I attach an invitation to

this important moment so that it can be

shared by all the Friars and Entities of the

Order.The title granted reminds us that commitment

to deepening our study of the content

of Revelation, in order to give witness to

it through life and to transmit it by word, in

sanctitate et doctrina, to present-day

mankind, is part of our charism.

While we accept this high recognition of

the academic institution, I also recognise

the great responsibility required of us to be

at the height of so much esteem. Let us

commit ourselves to responding to this trust

of the Apostolic See through an even more

defined response to the mission proper to

the Pontifical University Antonianum, especially

by investing more suitable means

and a convinced contribution of the Order

in it.

I take advantage of the occasion to wish

you all the best in the Lord and to greet you

fraternally.

BR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister General

and Grand Chancellor

of the Pontifical University

“Antonianum”


42 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

5. Rectoris Pontificiæ Universitatis Antonianæ

in Urbe nominatio

1. Decretum

CONGREGATIO

DE INSTITUTIONE CATHOLICA

(DE SEMINARIIS

ATQUE STUDIORUM INSTITUTIS)

132/2005

CONGREGATIO DE INSTITUTIONE CATHOLI-

CA (DE SEMINARIIS ATQUE STUDIORUM INSTI-

TUTIS), attentis commendatitiis litteris

Rev.mi Ministri Generalis Ordinis Fratum

Minorum, Pontificiæ Universitatis Antonianæ

in Urbe Magni Cancellarii, legitime

præsentantis; perpensis titulis dotibusque

quibus candidatus qui probe prassit aptus

demonstratur; cum compererit eundem legitime

electum esse; ad normam, tum art.

18 Constitutionis Apostolicæ « Sapientia

christiana”, tum peculiarium Statutorum

Rev.dum P. IOANNEM BAPTISTAM FREYER,

laudati Ordinis Presbyterum, Sacras Theologias

Doctorem, memorata; Universitatis

Professorem Extraordinarium,

RECTOREM

PONTIFICIÆ UNIVERSITATIS ANTONIANÆ

in Urbe

hoc Decreto ad triennium nominat atque renuntiat,

omnibus ipsi agnitis tributisque

iuribus et officiis huiusmodi muneri de

more adnexis; ceteris servatis de iure servandis.

Datum Romæ, ex ædibus eiusdem Congregationis,

die XVI mensis Februarii a D.MMV.

ZENON CARD. GROCHOLEWSKI

Præfectus

+ J. MICHAEL MILLER

A Secretis

2. Curriculum vitae

Johannes Baptist (Hans Jürgen) Freyer,

OFM, è nato a Waldshut (Baden) in Germania

il 13 luglio 1953. All’età di 24 anni è

stato accolto tra i Frati Minori nella Provincia

dei “Tre Re Magi” di Colonia. Ha

emesso la professione perpetua nel 1982 ed

è stato ordinato presbitero il 12 marzo

1983.

Prima dell’ingresso nell’Ordine, Fr.

Johannes ha ottenuto la licenza in scienze

bancarie presso “Industrie-und Handels-

Kammer” di Wuppertal. In seguito, dal

1978 al 1982, ha frequentato i corsi di filosofia

e teologia, prima a Lucerna e quindi a

Bonn, conseguendo il Baccalaureato in teologia.

A Roma dal 1984 al 1989, presso l’Istituto

di Spiritualità Francescana del Pontificio

Ateneo “Antonianum”, ha prima ottenuto

la Licenza in teologia e quindi il Dottorato

in Spiritualità. Rientrato in Germania, dal

1995 al 2000 ha frequentato la Facoltà di

teologia dell’Università di Trier, ottenendo

la libera docenza in dogmatica e storia del

dogma presso la stessa facoltà.

Nella Provincia dei “Tre Re Magi” di

Colonia ha ricoperto vari uffici: Formatore

dal 1991 al 1995, Definitore provinciale e

responsabile della Formazione permanente

dal 1992 al 1995. Nello stesso periodo ha

fatto parte della commissione scientifica

della “Missionszentrale der Franziskaner”.

La Santa Sede lo ha nominato Assistente

della Federazione delle Clarisse di lingua

tedesca dal 1992 al 1998. Dal 1996 ha insegnato

come Professore invitato presso la

Facoltà teologica del PAA di Roma. Nel

1997 si è trasferito a Grottaferrata, presso il

Collegio S. Bonaventura, come Professore

e Ricercatore del Pontificio Ateneo “Antonianum”

e nel 1999 è stato nominato “Professore

aggiunto” presso la Facoltà di teologia.

Dal 2000, riconfermato nel 2004, dirige

la Sezione “Pensiero Francescano” del

Centro scientifico di Grottaferrata. Il 19 luglio

2003 fu nominato Professore straordinario.

Il 16 febbraio 2005 la Congregatione “de

Instituzione Catholica” lo ha nominato Rettore

della Pontificia Università “Antonianum”

in Roma e ha preso possesso del nuovo

incarico il 9 marzo 2005, divenendo il

primo Rettore Magnifico della neo eretta

Pontificia Università “Antonianum”.


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

6. Celebrazione per il titolo di Pontificia

Università Antonianum

1. Curia generale. Omelia durante i Vespri

8 marzo 2005

TU SIGNORE COMPI MERAVIGLIE

Rm 8,5-8

È con la gioia nel cuore che vi ringrazio

per essere con noi a questa celebrazione dei

Vespri, per lodare insieme il Padre, datore

di ogni bene. Al suo nome vogliamo rendere

grazie (cf Sal 137), a Lui che compie meraviglie

(cf LodAl 1), siano «le laude, la gloria

e l’honore et onne benedizione» (Cant

1); a Lui la cui bontà «dura per sempre» e

che non abbandona l’opera delle sue mani

(cf Sal 137), «la gloria, l’onore e la potenza»

(Ap 4,11).

Vogliamo insieme a voi anche condividere

la nostra profonda gratitudine al Santo

Padre, che continuamente ci dimostra la sua

paterna vicinanza e ha voluto, ancora una

volta, attestarci la sua fiducia, riconoscendo

al Pontificio Ateneo Antonianum il titolo di

Università. Il nostro grazie va poi a tutti voi

che partecipate a questo momento così importante

per la vita del nostro Ordine: Sua

Eminenza il Signor Cardinal Zenone Grocholewski;

Sua Eccellenza Mons. Miller;

Sua Eccellenza Mons. Angelo Amato, gli

ufficiali della Congregazione per l’Educazione

Catolica; Fr. John Corrivau, Ministro

generale dei Frati Minori Cappuccini; Fr.

Ilija Zivkovic, Ministro generale del TOR;

Fr. Fermino Giacometti, Vicario generale

dei Frati Minori Conventuali; il Rettore

Magnifico, Fr. Marco Nobile, e in lui tutti

coloro che hanno lavorato e lavorano per la

Pontificia Università Antonianum, particolarmente

il nuovo Rettore Fr. Johannes

Freyer; Fr. Hermann Schalück, Fr. Giacomo

Bini, e tutti i Ministri generali, che mi hanno

preceduto e che si sono prodigati per il

bene di questa nostra istituzione, particolarmente

Fr. Bernardino da Portogruaro, fondatore

del Collegio Sant’Antonio, oggi

Pontificia Università Antonianum.

Nella Parola che è stata proclamata l’Apostolo

invita i cristiani di Roma a vivere

43

secondo i desideri dello Spirito e non secondo

quelli la carne (cf Rm 8,5-8). È l’invito

che continuamente ci viene rivolto in

questo tempo di quaresima. L’esigenza

sempre rinnovata a lasciare la mentalità del

mondo per convertirci, per volgerci ad una

vita nuova, una vita nello Spirito, una vita

che trovi il suo senso e la sua pienezza nel

canto di lode all’Agnello, al quale ci siamo

uniti: «Tu sei degno, o Signore e Dio nostro,

di ricevere l’onore la gloria e la potenza»

(Ap 4, 11). L’invito allora è prima di tutto a

fare di Dio l’origine, il centro e il fine della

nostra esistenza. Questa è la vita nello spirito

che ogni cristiano deve desiderare e che

in Gesù Cristo ci è stata rivelata perché potessimo

percorrerla.

Viviamo secondo lo Spirito, pensando alle

cose dello Spirito. Camminiamo, cioè,

guardando a Dio, fissando in lui il nostro

sguardo, lasciandoci affascinare dalla sua

bellezza e avvolgere dal suo amore, per ripartire

da Lui e portare agli uomini e alle

donne di oggi la Buona Notizia del Risorto.

È questo il fondamento di ogni esistenza cristiana

e di ogni annuncio evangelico. E in

ascolto della Parola vogliamo che sia questo

anche il punto di partenza della nostra neonata

Università. Vogliamo che, nel solco

della grande tradizione francescana, anch’essa

si caratterizzi per una sapienziale

sintesi di contemplazione e annuncio, così

come fu per tutti i grandi dottori del nostro

Ordine da san Bonaventura fino a Fr. Gabriele

Maria Allegra. Essi seppero esprimere

il loro ardente spirito di orazione e devozione

con una vita dedita all’approfondimento

della divina Parola e nella ricerca dei

suoi semi che sono sparsi nel mondo. Seguirono

così l’esempio di Francesco che, per

amore del nome del Signore, «ovunque trovava

qualche scritto, di cose divine o umane,

per strada, in casa o sul pavimento, lo

raccoglieva con grande rispetto riponendolo

in un luogo sacro o almeno decoroso, nel timore

che vi si trovasse il nome del Signore,

o qualcosa che lo riguardasse»; e che arrivava

addirittura a raccogliere i frammenti degli

scritti pagani «quelli che certamente non

contenevano il nome di Dio», perché con le

loro lettere si sarebbe potuto comporre il no-


44 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

me del Signore Iddio (cf 1Cel 82). La consapevolezza

che tutto può parlare di Dio,

perfino ciò che generalmente tutti considerano

come lontano da Lui, ha portato i francescani

a dedicarsi nei secoli ad ogni branca

del sapere, sicuri che ogni bene, ovunque si

trovi, da dovunque venga, proviene sempre

e comunque da Dio, unica fonte di qualsiasi

bene. In questo modo ogni scienza acquista

allora quel sapore che, secondo l’etimologia

medievale, la rende vera sapienza. «Così anche

noi non possiamo accontentarci di magnificare

le opere dei nostri antenati; piuttosto

dobbiamo ispirarci ad esse per adempiere

il compito che ci è stato affidato nel

nostro frammento di storia» (Sdp 3).

Viviamo secondo lo Spirito, pensando

alle cose dello Spirito, o, come diceva san

Francesco, desideriamo di avere sopra ogni

cosa lo spirito del Signore e la sua santa

operazione (cf Rb 10,8). Non possiamo infatti

sfuggire alla grande responsabilità che

la Chiesa ci affida. Il titolo di Università, oltre

che un riconoscimento per il lavoro fin

qui compiuto, è anche un impegno per la

buona riuscita del quale tutti noi siamo

chiamati a collaborare. È un attestato di fiducia

che non possiamo e non vogliamo deludere.

È un invito a rinnovare il nostro desiderio

di metterci a servizio della Chiesa

per annunciare il Vangelo della pace in questa

nostra epoca così piena di contraddizioni

e violenze. Ma tutto questo potrà diventare

realtà nella misura in cui ciascuno vivrà

nella verità e nella libertà dello Spirito di

Cristo e non secondo la carne. Perché mentre

la carne è portata a soddisfare i propri

desideri, lo Spirito ci fa agire come autentici

servi di Dio, infatti, «a questo segno si

può riconoscere il servo di Dio se ha lo Spirito

del Signore: se cioè quando il Signore

compie, per mezzo di lui, qualcosa di buono,

la sua carne non se ne inorgoglisce»

(Amm 12). Il fatto di avere un’Università

pontificia deve, perciò, essere considerato

da noi Frati Minori più come un’ulteriore

occasione per servire il regno di Dio, che

come un titolo di merito; più come una missione

da compiere, che come un traguardo

raggiunto. Una missione che, secondo le

parole del Santo Padre durante la visita al-

l’allora Pontificio Ateneo Antonianum nel

gennaio 1982, consiste nel potere e nel sapere,

mediante «la multiforme attività propria

ad una Istituzione accademica, allargare

gli spazi ai valori contenuti nel Vangelo,

i soli capaci di generare ed alimentare non

illusorie speranze», per poter, in questo modo,

«colmare il bisogno di speranza» che

avverte la società moderna. E questo sempre

tenendo presente «l’apporto originario

– dice il Papa – che a san Francesco si ispira»

(GIOVANNI PAOLO II, Discorso presso il

PAA, 16 gennaio 1982, 5).

È in questo modo che la Pontificia Università

Antonianum arrichirà, ancora di più,

l’ampio campo di possibilità e di pluralismo

teologico che offre la Chiesa a Roma attraverso

le altre 6 Università Pontificie e i suoi

5 Atenei. Potrà altresì aiutare anche lo stesso

Ordine dei Frati Minori, alimentando la

sua dimensione apostolica con la riflessione

che procede della vita contemplativa e

che comporta, insieme alla dimensione spirituale

e religiosa, anche una dimensione

culturale profonda.

L’Ordine dei Frati Minori, alla vigilia del

VIII Centenario della sua fondazione e

quindi impegnato in un profondo rinnovamento

della sua vita e della sua missione,

vede negli studi, in fedeltà alla grande tradizione

della nostra Fraternità e accogliendo

l’invito che più volte ci è venuto dalla

Sede Apostolica, una delle colonne con cui

sostenere questo processo di rinnovamento/rifondazione.

Impegnati nel dare vita al

mandato «de poenitentia praedicanda», attraverso

un servizio e una testimonianza di

qualità e nel profondo rispetto per il Vangelo

che vogliamo annunciare e per l’uomo

d’oggi che desideriamo servire, noi Frati

Minori assumiamo gli studi come esigenza

della nuova evangelizzazione. Decisi a vivere

il Vangelo, come nostra vita e Regola,

noi Frati Minori consideriamo gli studi –

unitamente alla santità di vita e alla vicinanza

al popolo semplice – come un aiuto

per meglio percorrere il cammino di conversione

continua, nel quale siamo entrati

per la nostra professione e attraverso il quale

cerchiamo di «raggiungere la sapienza

dello Spirito e lasciarci possedere dalla Ve-


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

rità e dal Bene, per amare e lodare il Signore…

e per servire i fratelli nella carità del

Cristo» (RS, Introduzione 4).

Cari fratelli! Viviamo secondo lo Spirito,

pensando alle cose dello Spirito. Solo

chi ha occhi spirituali, infatti, può scorgere

le meraviglie che il Signore compie ogni

giorno nella nostra vita e magnificarlo per

l’infinita bontà con cui ci ha amato. E questa

sera possiamo veramente dire che l’anima

nostra magnifica il Signore e il nostro

spirito esulta in Dio nostro salvatore (cf Lc

1,46s) anche per la Pontificia Università

Antonianum e per tutti quei Frati che, a partire

dal 1887, si sono succeduti e hanno offerto

con amore le loro energie per educare

tanti giovani alla vita francescana, avvicinandoli

a Cristo, unico maestro. «Laudato

si’, mi’ Signore» per questi Frati e per tutti

quelli che verranno.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

e Gran Cancelliere PUA

2. Pontificia Università Antonianum

9 marzo 2005

1. Discorso del Prefetto della Congregazione

per l’Educazione Cattolica

UN RICONOSCIMENTO

CHE TESTIMONIA

LA FEDELTÀ DI UNA

PRESENZA LUMINOSA

Sono particolarmente lieto di essere presente

nel vostro centro di studi, in questa significativa

circostanza, mentre, con un solenne

atto accademico, si celebra l'elevazione

del Pontificio Ateneo Antonianum al

rango di Università, compiuta da parte del

Santo Padre Giovanni Paolo II l'11 gennaio

2005, nonché la proclamazione del nuovo

Rettore Magnifico, nominato dalla Congregazione

per l'Educazione Cattolica lo scorso

16 febbraio.

Si tratta di una tappa importante nello

sviluppo e nella promozione dell'impegno

accademico dell'Ordine dei Frati Minori nel

centro della cristianità.

45

Come ben si sa, nella sua sede attuale e

con le relative strutture, l’Antonianum ha

avuto inizio nel 1887, grazie alla decisione

e all'iniziativa dell'allora ministro generale

dell'Ordine dei Frati Minori di rifondare a

Roma uno studio generale per tutto l'Ordine.

Il 20 novembre 1890, con la benedizione

del Papa Leone XIII, ha avuto inizio la

vita e l'attività accademica del Collegium

Sancti Antonii Patavini in Urbe.

Il 17 maggio 1933, la Congregazione per

l'Educazione Cattolica dichiarò canonicamente

eretto l’Athenæum Antonianum in

Urbe, con le Facoltà di Teologia, di Diritto

canonico e di Filosofia, autorizzandolo a

conferire i gradi accademici. Il 14 giugno

1938, il Sommo Pontefice Pio XI concesse

benevolmente all'Ateneo il titolo di Pontificio

e il 15 agosto del medesimo anno ne furono

approvati gli statuti.

Il 4 settembre 2001, la Congregazione

per l'Educazione Cattolica ha trasformato lo

Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme,

fino ad allora sezione della Facoltà

di teologia dell'Ateneo, erigendolo come

Facoltà di scienze bibliche e d'archeologia

del medesimo Ateneo, con la potestà di

conferire i gradi accademici di baccalaureato

in sacra teologia, nonché di licenza e di

dottorato in Scienze bibliche e archeologia.

Il Pontificio Ateneo Antonianum, costituito

da quattro Facoltà, si è trovato così ad

assolvere alle condizioni richieste, secondo

la prassi del nostro dicastero, per poter essere

insignito del titolo di Università.

Il conferimento del titolo di Università

Pontificia all’Antonianum riconosce il valore

e il contributo della lunga tradizione teologica

francescana nella storia della Chiesa

e fregia lo stesso Antonianum di un titolo

che corona la sua presenza e la sua opera

nell'ambito dei Pontifici Atenei romani.

Allo stesso tempo, la concessione del titolo

di Università all’Antonianum postula

un ulteriore impegno per tutti coloro che, a

vario titolo, spendono qui le loro energie,

per far sì che il medesimo Antonianum sia

sempre di più il luogo nel quale, in comunione

con la Sede Apostolica, si coltiva, con

diligenza e amore, il sapere teologico nelle

sue varie discipline ecclesiastiche, per pro


46 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

gredire nella conoscenza della rivelazione

cristiana e del deposito della fede e per illuminare

la vita ecclesiale.

Oltre ai vivi rallegramenti, miei e della

Congregazione che presiedo, rivolti a tutto

l'Ordine dei Frati Minori, vorrei esprimere

soprattutto un cordiale e fervente auspicio

perché l’Antonianum, entrato nella famiglia

delle Università Pontificie contribuisca efficacemente

a rendere sempre più fruttuosa la

missione evangelizzatrice della Chiesa e a

permeare con il Vangelo ogni ambito della

cultura umana nel mondo contemporaneo.

Nell’Esortazione Apostolica postsinodale

Ecclesia in Europa (28 giugno 2003) mi ha

colpito il rilievo dato alla questione della

speranza. Il Santo Padre nota che la realtà di

oggi è caratterizzata «da un offuscamento

della speranza». «Il tempo che stiamo vivendo

– scrive – [...] appare come una stagione

di smarrimento. Tanti uomini e donne

sembrano disorientati, incerti, senza speranza

e non pochi cristiani condividono questi

stati d'animo» (n. 7°). Il Pontefice mette anche

in rilievo che i Padri sinodali, analizzando

la complessità che caratterizza il Continente

europeo, «hanno colto come l'urgenza

forse più grande che lo attraversa, a Est come

a Ovest, consiste in un accresciuto bisogno

di speranza, così da poter dare senso alla

vita e alla storia e camminare insieme» (n.

4b). In questo contesto il Santo Padre sottolinea

fortemente: «l'uomo non può vivere

senza speranza: la sua vita sarebbe votata all’insignificanza

e diventerebbe insopportabile»

(n. 10°).

L’attualità del problema della speranza

non è, comunque, limitata all’Europa ma

senza alcun dubbio riguarda, in maggiore o

minore grado, tutto il mondo contemporaneo.

Avendo presenti questi rilievi, qui sintetizzati,

vorrei ricordare che oltre venti anni

prima (il 16 gennaio 1982), Giovanni Paolo

II – notando la questione – ha chiesto proprio

al vostro centro di studi di essere portatore

della speranza seguendo la scia di san

Francesco. Ripetendo le parole di Paolo VI,

ha detto allora al vostro Ateneo Antonianum:

«Come san Francesco, siate anche

voi, nel mondo di oggi, i custodi della spe-

ranza!» (n. 4a); insistendo nello stesso discorso:

«Io vorrei che l'Ordine dei Frati Minori,

in particolare modo mediante questo

suo ateneo, contribuisse a colmare questo

bisogno di speranza con l'apporto originario

che a san Francesco si ispira» (n. 5a).

Si tratta, ha spiegato il Santo Padre, della

speranza «umana ed insieme trascendente

[...], che può trasformare in beatitudine anche

situazioni umanamente disperate; che

fa vedere come momento di vita anche la

sua fine; che non emargina dal processo storico

in cui viviamo, ma anzi lo anima con

l'introduzione in esso della dimensione del

futuro; che fa aderire a Cristo primogenito

di molti fratelli, nell'esperienza dei condizionamenti

dell’esistenza temporale e, insieme,

primogenito dei resuscitati da morte»

(n. 4f). Quindi, insieme con il Santo Padre

«formulo l'auspicio che la vostra

operosità scientifica, didattica di oggi e di

domani si riveli adatta a ravvivare e custodire

la [vera] speranza» che non delude (n.

7a.).

In altre parole, Vi auguro che mediante

la Pontificia Università Antonianum sappiate

dare sempre di più un proprio specifico

contributo non solo come cultori delle

scienze sacre, ma insieme e non di meno,

come veri e vigorosi figli spirituali di un

personaggio stupendo qual era san Francesco,

con il suo genio di santità realizzata

con semplicità evangelica.

ZENON CARD. GROCHOLEWSKI

[L’Osservatore Romano, 16 marzo 2005, p. 7]

2. Discorso del Ministro generale

IN DIALOGO CON LA CULTURA

Eminenza, distinti Invitati, Frati della

Comunità Accademica della Pontificia Università

Antonianum, Signori e Signore, il

Signore vi dia pace!

Le mie prime parole sono di gratitudine.

In primo luogo al Signore che compie meraviglie

(cf LodAl 1) e, poiché da Lui procede

ogni bene, a Lui sia reso ogni onore e

ogni benedizione. Poi al Santo Padre Gio-


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

vanni Paolo II che ha sempre mostrato paterna

sollecitudine e amorosa benevolenza

verso l’Ordine dei Frati Minori. In questa

occasione rinnoviamo al “signor papa”, come

direbbe il nostro padre san Francesco, la

nostra filiale devozione e gli esprimiamo la

gratitudine per la bontà usataci nel voler

concedere al nostro Antonianum il prestigioso

titolo di Università. Il grazie va anche

alla Congregazione per l’Educazione Cattolica,

al suo Prefetto, sua Eminenza Zenone,

Cardinal Grocholewski, che ci onora con la

sua presenza e che saluto affettuosamente.

A lui e a tutti i membri della Congregazione

esprimo, a nome di tutto l’Ordine dei Frati

Minori, a nome della Comunità Accademica

di questa Università e a mio nome, la nostra

più cordiale e sincera gratitudine per

aver proposto a Sua Santità di degnarsi concedere

il titolo di Pontificia Università al finora

Pontificio Ateneo Antonianum. Gratitudine

a Fr. Marco Nobile, ofm, per tutto

quello che ha fatto per il PUA e il mio apprezzamento

per quanto ha realizzato in

questi ultimi sei anni come Rettore di questa

Università. Al nuovo Rettore, Fr. Johannes

Freyer, ofm, mentre lo ringrazio per la

disponibilità ad accettare questo incarico,

rinnovo le mie fraterne felicitazioni per il

servizio che gli è stato affidato e gli assicuro

la mia personale collaborazione, quella

di tutto il Definitorio generale, così come

quella della Segreteria per la Formazione e

gli Studi, in tutto ciò che possiamo fare per

il bene della nostra Università.

Il titolo di Pontificia Università dato al

nostro Antonianum ci onora grandemente,

così come in un passato recente ci ha onorato

la concessione del titolo di Facoltà di

Scienze Bibliche e Archeologia al nostro

Studium Biblicum di Gerusalemme, ma siamo

consapevoli, al tempo stesso, della

grande responsabilità che questo comporta.

Mentre con rinnovata gratitudine accogliamo

questo onore, con grande responsabilità

assumiamo l’impegno di essere sempre più

meritevoli della fiducia che la Sede Apostolica

ha riposto nel nostro Ordine. Con l’aiuto

del Signore e la collaborazione di tutti

siamo certi che non deluderemo questa fiducia.

47

Il riconoscimento del nostro Antonianum

come Pontificia Università giunge in

un momento particolarmente significativo

per il nostro Ordine: la celebrazione della

grazia delle origini nell’anno 2009, ad 800

anni dalla fondazione dell’Ordine dei Frati

Minori, per la quale cominceremo a prepararci

già nel prossimo mese di ottobre. Approfittando

di questa grazia, la Fraternità

universale è impegnata a percorrere un

cammino di rifondazione che, nella fedeltà

creativa, come ci chiede la Chiesa, e tornando

all’essenziale, come ci ha chiesto il

Capitolo di Pentecoste 2003, ci porta a riappropriarci

del carisma della fondazione, per

meglio rispondere alle esigenze della nostra

vocazione/missione e alle sfide che ci presenta

il mondo di oggi. Per questo, insieme

alla santità di vita e alla vicinanza alla gente

semplice, siamo pienamente convinti che

lo studio è un’esigenza fondamentale, come

già ai suoi tempi faceva notare Tommaso da

Eccleston, il quale affermava che l’Ordine

dei Frati Minori poggia su due pilastri: la

santità di vita e lo studio (De adventu fratrum

minorum in Angliam 90), e come ci ha

ricordato lo stesso Giovanni Paolo II nel

messaggio al Capitolo generale del 1991.

Questa necessità degli studi per garantire

ai Frati una qualità di vita e di testimonianza

ci porta non solo a valorizzare gli

studi “ad intra”, per noi stessi, ma a lavorare

per situarci nei nuovi areopaghi in cui si

crea e trasmette cultura. Siamo certi che le

Università e i Collegi sono piattaforme privilegiate

per questi areopaghi. È significativo

che un Ordine come il nostro che non è

legato a nessuna attività specifica, e tanto

meno a quella educativa, conti al momento

14 Università, 6 Facoltà di Teologia, più di

50 Istituti teologico-filosofici e oltre 150

Collegi.

La Pontificia Università Antonianum è,

senza dubbio, la prediletta del nostro Ordine,

perché, benché sia molto più piccola per

numero di altre istituzioni accademiche dell’Ordine,

è considerata il «suo principale

centro di studi» (RFF 122,1).

La Pontificia Università Antonianum deve

caratterizzarsi per il suo carattere di Università,

pontificia e francescana.


48 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

In quanto Università la PUA mantenendo

le propria fisionomia, che le viene dalle quattro

Facoltà di cui è composta, cioè, la Facoltà

di Teologia, la Facoltà di Scienze Bibliche e

Archeologia, la Facoltà di Filosofia e la Facoltà

di Diritto Canonico, deve caratterizzarsi

come un’istituzione aperta all’universalità

del sapere, offrendo il proprio contributo alla

creazione di una cultura a servizio dell’uomo

e, pertanto, alla creazione di una cultura

che vada oltre il criterio della praticità, del

rendimento e della concorrenza, principi certamente

familiari all’economia come alle

stesse Università. Per questo, seguendo la secolare

tradizione dei grandi rappresentati

della scuola francescana, la PUAdeve scommettere

sulla “diaconia” del sapere a servizio

dell’uomo, superando così il potere del sapere

che sfrutta l’uomo.

Cari Professori, fate il possibile perché

la nostra Università, in stretta collaborazione

con la Pontificia Accademia Mariana,

con la Commissione Scotista e il Collegio

S. Bonaventura di Grottaferrata e con le altre

Università Pontificie di Roma, sia un laboratorio

culturale in cui teologia, filosofia,

scienze umane e della natura dialoghino costruttivamente.

Una Università che si ritiene

tale deve caratterizzarsi come un’istituzione

creatrice di ponti, un’istituzione che

mantiene alta l’attenzione al dialogo con

l’altro, non in modo episodico e strategico,

ma come un vero e proprio metodo di lavoro

e come un’ispirazione permanente del

pensare e della ricerca condotta con rigore

scientifico.

Dialogare significa, quindi, mantenere

inalterato il gusto per la ricerca e per il confronto

di posizioni diverse, attraverso l’ascolto

e la valorizzazione del bene presente

in ciascuno. Il fondamentalismo, qualunque

sia la sua manifestazione, spegnerebbe questo

atteggiamento essenziale a cui noi Francescani

non vogliamo, perché non possiamo,

rinunciare. Cercate, poi, con passione e

rigore gli strumenti più adeguati per rispondere

a questa grande sfida del dialogo, senza

pensare di arrivare ad una risposta definitiva

(cf Karl Card. Lehman, Università e

Chiesa in dialogo per una cultura nuova,

conferenza al Simposio Europeo Università

e Chiesa in Europa, Roma 7-20 luglio

2003). Questa convinzione obbligherà a rimanere

sempre in atteggiamento di ascolto

e di apprendistato, atteggiamenti essenziali

per poter apprendere e, di conseguenza, per

poter insegnare.

In quanto Università Pontificia la PUA,

in fedeltà al Magistero della Chiesa, come

ci insegna san Bonaventura (cf Quaest. Disp

De Perfect. Evang., q. 4, a. 3), desidera

offrire il proprio contributo, insieme alle altre

Università Pontificie, nella costruzione

del tempio della sapienza cristiana, come in

passato fecero i grandi maestri del nostro

Ordine (cf Paolo VI, Alma parens, AAS 58

[1966] 611)

Per questo, cari Professori, dovete continuare

a lavorare per raggiungere, attraverso

la vostra attività di ricerca e di docenza, la

«sintesi vitale» delle verità rivelate e dei valori

umani, sintesi che è costitutiva della

«Sapienza cristiana» (cf Const. Sapientia

Christiana, Proemio 1). Alla luce della Sapientia

Christiana la PUA, come ogni Università

Pontificia, deve cercare contatti e

scambi con tutto ciò che è umano, coltivando

pertanto l’«audacia della ragione» (Fides

et ratio, 48), illuminata dalla fede e animata

dall’amore. In questo modo l’Università

francescana, in quanto istituzione

pontificia, contribuirà a realizzare un fecondo

dialogo tra il Vangelo e la cultura attuale;

contribuirà a incontrare un nuovo linguaggio

che faccia da ponte tra il Vangelo e

il mondo e a rendere comprensibile all’uomo

di oggi il Vangelo di sempre.

In quanto Università francescana la

PUA è chiamata a trasmettere – attualizzandolo

quando è necessario – il patrimonio

culturale, filosofico e teologico della “scuola

francescana” , così che «dal grande deposito

della teologia e della sapienza francescana

possono essere tratte risposte adeguate

anche ai drammatici interrogativi

dell'umanità». Questo esige, senza dubbio,

uno studio critico e approfondito della nostra

tradizione francescana, basato sulla capacità

di leggere, interpretare e attualizzare

le fonti della nostra tradizione culturale. Un

cammino che deve essere compiuto in sintonia

e comunione con tutta la grande Fa-


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

miglia Francescana, perché solo così potremo

rispondere a quanto lo stesso Pontefice

ci ha chiesto: «porre il Vangelo nel cuore

della cultura e della storia contemporanea»

(Giovanni Paolo II, Messaggio al Congresso

delle Università e dei Centri di Studio

dell’OFM, 2001), per essere in questo modo

«custodi della speranza» (Giovanni Paolo

II, Discorso al PAA, 16 gennaio 1982).

Per raggiungere una meta così alta, cari

Professori, dovete essere esperti di umanità:

scegliere la “pedagogia del discepolato”,

che vi pone come compagni di viaggio dei

vostri studenti in cerca della Verità; fare una

chiara opzione di minorità e di povertà, propria

di quelli che non possiedono la verità,

ma sono da questa posseduti; e, infine, porvi

al servizio dell’evangelizzazione, consapevoli

che il gaudium veritate consiste nel

cercare la verità, scoprirla e comunicarla (cf

S. Agostino, Confessioni, X, XIII, 33), unendo

sempre la proposta e la vita, perché, come

insegna il Dottore Serafico «non basta la

lettura senza l’amore, la speculazione senza

la devozione, la ricerca senza la capacità di

meravigliarsi … la scienza senza la carità,

l’intelligenza senza l’umiltà, lo studio senza

la grazia divina» (San Bonaventura, Itin.,

Prologo 4).

Cari Professori e Studenti, desidero vivamente

che questo riconoscimento dell’Antonianum

come Pontificia Università

sia un ulteriore passo nell’impegno della

Chiesa e dell’Ordine dei Frati Minori nel

dialogo con la cultura attuale e nella missione

di porre il Vangelo nel cuore di questa.

Per questo ritengo indispensabile che

voi, che fate parte della Comunità Accademica

di questa Pontificia Università vi dedichiate

«fideliter et devote», come chiedeva

il Padre san Francesco, con rigore e dedizione,

senza lasciare che si spenga in voi

lo «Spirito del Signore e la sua santa operazione»,

al delicato compito che vi è stato affidato:

intrecciare la ricerca e l’insegnamento

con il servizio del Vangelo, in modo

da poter realizzare un vero incontro tra fede,

ragione e vita.

Fr. José Rodríguez Carballo, ofm

Gran Cancelliere

3. Discorso del Nuovo Rettore

IL MISTERO NASCOSTO

IN OGNI COSA

49

Solo venerdì sera 4 marzo, ho ricevuto la

comunicazione della mia nomina a Rettore

dell’Università Antonianum. Nei pochi

giorni che mi separavano da questo incontro

ho sentito la difficoltà di dover preparare

un discorso in una lingua che non è mia e

per una occasione tanto importante come

questa.

Considerando la poca disponibilità di

tempo, ho deciso di non presentare una programma

per il prossimo triennio e nemmeno

di proporre un discorso altamente scientifico.

Vorrei semplicemente condividere

con voi i pensieri che mi venivano alla mente

e nel cuore in una situazione come questa.

I miei pensieri gravitano attorno a tre

questioni che, in questo momento, mi sembrano

importanti:

• In quale mondo di pensiero ci ritroviamo

oggi e che cosa vuole dire essere Università

Pontificia e Francescana in questo

mondo?

• Intorno a quale pensiero e valori si costituisce

un proprio francescano della nostra

Università?

• A che cosa io stesso devo e vorrei servire

attraverso il mandato di Rettore che

mi è stato affidato?

Per rispondere alla prima domanda: In

quale mondo di pensiero ci ritroviamo oggi

e che cosa vuole dire essere Università

Pontificia e Francescana in questo mondo?,

mi servo di un testo che ho letto proprio

in queste ultime settimane, uno scritto

di Maurice Bellet, teologo, filosofo, romanziere

e psicoanalista francese. Nel nostro

mondo globalizzato Maurice Bellet ravvisa

due principi dominanti che influiscono anche

sul pensiero accademico di oggi:

• il principio tecnologico: tutto ciò che è

possibile, lo faremo a qualsiasi prezzo;

• il principio economico: tutto ciò che desideriamo

lo avremo al più presto e a

qualsiasi prezzo.

Questi due principi non solo caratteriz


50 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

zano la vita quotidiana dell'uomo comune

ma caratterizzano sempre più anche la ricerca

e l'insegnamento accademico. Il predomino

di questa cultura del tutto è possibile,

del tutto è permesso basta che lo vogliamo,

crea una società mondiale dello sfruttamento,

dell’esclusione e dello sradicamento. La

creazione rimane impoverita e danneggiata

perché sfruttata fino alle ultime risorse; interi

popoli sono esclusi da ogni civilizzazione

perché esclusi dal poter partecipare

alle cose essenziali; l'uomo come tale rimane

senza significato, senza affetto e tenerezza

perché sradicato dalla stessa sua radice

di vita e di fede.

Di fronte a questa determinazione della

cultura globale Maurice Bellet (cfr. BELLET

MAURICE, Invito. Elogio della gratuità e

dell'astinenza, Ed. Messaggero, Padova

2004) indica, come rimedio, la riscoperta

della gratuità e, con tale atteggiamento,

propone di liberare dal predominio del principio

tecnologico e economico anche il pensare

accademico, la ricerca e l'insegnamento.

Ciò può servire veramente a ritrovare la

vera fonte della vita.

Vorrei fare mia questa proposta perché

mi sembra molto francescana. Dando una

sguardo ai diversi periodi di fioritura del

pensiero francescano possiamo renderci

conto, certamente di un rigido carattere

scientifico con una metodologia appropriata,

ma possiamo anche notare la curiosità

dell’esplorazione, dello stupore, della meraviglia

e del fascino. Uno stupore, una meraviglia

e un fascino che nasceva sulla base

di quella gratuità che si rivelava dietro e

dentro tutte le cose che erano oggetto di indagine

e di ricerca.

Sulla base di quella gratuità che si dona,

la ricerca non diventa strumento di possesso

e di dominio, ma di umile avvicinamento

al grande mistero nascosto in ogni cosa.

Questa esperienza francescana dello studio,

non ci presenta la figura del ricercatore come

di uno che vuole conquistare per poter

aumentare il profitto tecnico o economico,

ma come un essere toccato, un essere scosso

e impressionato, un essere preso dalla

meraviglia per il Bene e la Bellezza che é

inerente alle cose.

La scoperta di questa gratuità fa sì che lo

studioso, docente o studente, sia un umile,

paziente e devoto servitore della vita. Ciò

non toglie allo studio la serietà e la fatica

scientifica, non preserva dall’impegno rigoroso

o dalla noia di certe lezioni, ma questa

comprensione dello studio è capace anche

di donare soddisfazione e gioia. La soddisfazione

e la gioia di ritrovare per mezzo

dello studio la vera fonte della vita. Quella

fonte della vita che la stessa Chiesa vuole

offrire al mondo.

In questo nostro mondo globalmente dominato

dal principio tecnico e economico

dal quale non va esente neppure la vita accademica,

per cui la ricerca deve produrre

del profitto, io mi auguro che la nostra Università

francescana, senta viva la missione

di riproporre, attraverso lo studio, la ricerca

e l'insegnamento, quella gratuità che ci stimola

a testimoniare con il nostro impegno

concreto in questo mondo dello sfruttamento,

della esclusione e dello sradicamento, la

vera fonte della vita, la vera fonte di ogni

bene e la vera fonte di ogni bellezza.

Questo augurio mi porta alla seconda

domanda che mi sono posto in questi giorni:

Intorno a quali pensieri e valori si costituisce

un proprio francescano della nostra

Università?

Per trovare una indicazione a questa domanda

mi serve uno sguardo alla nostra

stessa tradizione francescana, anche se in

questo momento sarà rapido e generico e da

approfondire in un prossimo futuro.

Da questa nostra tradizione emergono

alcuni elementi che possono delineare un

nostro proprio.

Il pensiero francescano filosofico, teologico,

spirituale, artistico e culturale in senso

largo nasceva e si sviluppava nelle diverse

scuole della nostra tradizione a partire da un

essenziale sguardo retrospettivo sulle proprie

fonti vitali, unitamente ad un coraggioso

sguardo verso il futuro di nuovi orizzonti.

Lo stesso pensiero si alimentava così all’acqua

sana della nostra fonte di vita e

contemporaneamente il pensiero si ritrovava

sulla via e su itinerari di orizzonti aperti.

Una filosofia e teologia critica impediva


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

che lo sguardo retrospettivo cadesse in un

puro tradizionalismo o in una nostalgia sentimentale

verso le nostre origini. Al tempo

stesso, l'accuratezza del pensiero, aiutava a

superare ogni ideologia futuristica ed utopistica.

Trovandosi in un pellegrinaggio dalle

sane origini verso la nuova terra promessa

della nostra fede, il pensiero francescano

era capace di discernere i segni dei tempi e

trovava sempre di nuovo la coraggiosa forza

di una parola profetica verso il mondo, la

società e, se necessario, anche all’interno

della stessa chiesa, per far ricordare quell’ordo

divino che solo può promettere la

salvezza e la felicità dell'uomo.

Mi auguro che le nostre Facoltà di Filosofia,

di Teologia, e di Diritto insieme con il

nostro Istituto di Studi Medievali, il nostro

Istituto di Grottaferrata e la Commissione

Scotista, ci aiutino a scoprire anche oggi questa

sana fonte delle nostre origini e che ci

spingano verso nuovi orizzonti, abituandoci

anche al discernimento dei tempi per poter

testimoniare una necessaria parola profetica

che fa ricordare credibilmente la voce di Dio.

Per poter fare l'itinerario dalle fonti verso

l'orizzonte del pensiero francescano serviva

una determinata ermeneutica, una

chiave di lettura: il sacro Testo della Bibbia.

Certo anche i francescani cercavano di interpretare

i testi biblici con la finezza dello

studio, ma erano piuttosto la vita concreta e

gli eventi della storia ad essere interpretati

alla luce del sacro testo. Anche per i pensatori

più fini e scrupolosi era la Bibbia la base

del pensare e dell’agire.

Mi auguro che la nostra Facoltà di Scienze

Bibliche e Archeologia di Gerusalemme

ci aiuti a non perdere mai questo contatto

vitale con i nostri fondamenti nella Bibbia.

Il pensiero francescano non ha mai preso

la forma di un esclusivismo, mai restava

chiuso nei limiti di una sola nazione, mai si

nascondeva in un ghetto conventuale. Dagli

inizi era caratterizzato da uno zelo universale

che si rivolgeva a tutto il mondo e a tutti

gli uomini, di qualsiasi nazione, lingua,

colore o sesso. Abolendo tante barriere, il

pensiero ha creato la visione di una fraternità

universale dei figli di Dio, riconoscendo

la dignità e il valore di ognuno. Il rispet-

51

to dell’individuo e l’integrazione in una

grande famiglia umana e cristiana, sono le

caratteristiche di questo universalismo francescano.

Un universalismo che si costruisce

attraverso la comunicazione, la condivisione,

il dialogo e la solidarietà.

Mi auguro che il contributo della psicopedagogia,

in fase di potenziamento, ci aiuti

a maturare nel rispetto dell’individuo e

nell’integrazione in una famiglia più grande,

attraverso la capacità comunicativa. In

questa dimensione universale del nostro carisma

che si costruisce nel dialogo, riconosco

il contributo prezioso del nostro Istituto

Ecumenico di Venezia.

Dotati di grande curiosità (o interesse)

verso tutto quello che esiste, molti francescani,

anche in questo universali, si occupavano

di tutto e descrivevano il loro sapere in

vere e proprie enciclopedie, ma il vero motore

di queste ricerche non era la necessità

della conoscenza ma il desiderio di scoprire

in ogni cosa il vero autore della vita. Conoscere

le cose, conoscere il mondo, l'intero

universo serviva a questo unico scopo: sapersi

inserire maggiormente nella profondità

del vero essere per poter scrutare quella

sapienza che si dona a chi bussa. Scrutare

quella sapienza che si dona e si incarna in

Cristo. Scrutare la sapienza per poterla incarnare

nella concretezza della propria vita.

Mi auguro in modo particolare che l'Istituto

di Spiritualità e l'Istituto di Scienze

Religiose, come la nostra Commissione

Mariana ci aiutino a entrare in (bussare a)

questa sapienza unica, per poterla incarnare

nella nostro vita.

Gli inizi della nostra tradizione sono testimoniate

dal Celano come una ambasceria

di pace e lo stesso San Francesco voleva,

sulla base di una rivelazione, che il saluto

dei frati fosse: Il Signore ti dia la pace. Infatti

il pensiero francescano, in un mondo

lacerato da discordie, guerre e ingiustizie,

assumeva nella sua tradizione, la promozione

della pace e della giustizia. Testimoniare

e promuovere la vera pace, che è venuta fra

di noi per portarci la misericordia del Padre

Celeste, attraverso gesti concreti di perdono

e di riconciliazione, apparteneva sempre al

nucleo del messaggio francescano.


52 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Mi auguro che, secondo la richiesta del

nostro ultimo Capitolo Generale, nell’attuale

Pontificia Università Antonianum, vengano

istituiti corsi dedicati alla Giustizia,

alla Pace e alla Salvaguardia del Creato.

Infine la mia terza questione: A che cosa

io stesso devo e vorrei servire attraverso

il mandato di Rettore che mi è stato affidato?

In forma breve vorrei accennare solo alcune

cose che mi sembrano importanti.

La prima cosa che mi viene in mente è il

semplice ascolto, la comunicazione, il dialogo,

l'incontro umano e fraterno e una giusta

trasparenza. Il riconoscere i nostri studenti

come protagonisti. Certo siamo al servizio

della chiesa e del nostro ordine. Ma

ripetere questo mi sembra un poco astratto.

Per me qui la chiesa e il nostro ordine hanno

un volto concreto, il volto dei nostri studenti.

Mi sento a loro servizio e mi auguro

che con il nostro aiuto, possano responsabilmente

prendere in mano il loro curriculum

di studi.

Un altra cosa che mi sembra importante

è l'incontro delle culture. Non basta l’internazionalità

data dal fatto che veniamo da

tanti paesi, ma la condivisone della fede e

delle diverse culture potrebbe essere una

grande ricchezza. Mi sembra importante

animare quel lavoro interdisciplinare già in

atto fra le nostre facoltà e includere qui anche

una più intensa collaborazione fra le nostre

istituzioni aggregate e affiliate. Certo

non vorrei dimenticare la seria promozione

degli studi e della ricerca.

Dicendo tutto questo mi rendo conto,

che in futuro sarò giudicato su queste mie

stesse parole. Per questo non vorrei promettere

troppo. Vorrei però domandare la vostra

comprensione, la vostra solidarietà, la

vostra collaborazione e talvolta penso di

aver bisogno anche della vostra pazienza e

del vostro perdono.

Al termine di queste idee che ho voluto

condividere con voi, sento il dovere di ringraziare.

Ringrazio in modo particolare la Congregazione

dell’Educazione cattolica qui

rappresentata dal Signor Cardinale Chrocholeski.

Ringrazio il nostro Ministro generale,

José Rodríguez Carballo, e tutto il Definitorio

generale per la fiducia che hanno posto

nella mia persona con la mia nomina.

Ringrazio il mio Ministro provinciale,

Franz-Leo Barden, qui presente per esprimere

la solidarietà della mia Provincia dei

Tre Re Magi di Colonia. Ringrazio la Fraternità

San Bonaventura di Grottaferrata

per il sostegno ricevuto in questi anni.

Ringrazio il mio predecessore, il Prof.

Marco Nobile, il Segretario generale, Jorge

Horta, e tutti i professori e collaboratori,

che mi consegnano una casa curata e uno

studio valido. Ringrazio tutti gli studenti

per lo spirito fraterno dimostrato nei miei

confronti: spero ti potermi dimostrare degno

di tutto questo.

Grazie a tutti voi presenti per il vostro

ascolto e buona festa.

4. Saluto dell’ex Rettore

JOHANNES BAPTIST FREYER

Em.ze Rev.me, Ecc.ze Rev.me, Rev.mo

Ministro generale OFM e Gran Cancelliere,

M.R.P. Ministro Provinciale della Provincia

Drei Konige (Köln), Rev.mi e cari colleghi

Rettori e Presidi, Autorità accademiche e

religiose, illustri ospiti, colleghi, studenti e

amici tutti.

Compio con animo grato e sereno questo

atto di commiato dal mio servizio rettorale a

questa neo-università. I motivi di gratitudine

sono tanti, tanti forse quanti siete qui

presenti e anche di più.

Il servizio da me reso alla P.U.A. durante

questi sei anni ha aumentato in me la fede, di

cui ringrazio vivamente Dio e il N.S. Gesù

Cristo. In tale periodo ho avuto il privilegio

dell'attenzione della S. Sede alla nostra istituzione

nelle persone del Card. Prefetto Zenon

Grocholewski, del Segretario Generale e della

CEC che essi reggono saggiamente: un

grazie sentito; grazie soprattutto per avere

con due atti fondamentali portato l'Antonianum

alla configurazione attuale: l'erezione

della Facoltà di Scienze Bibliche e Archeologia

prima e la titolazione di “università” dopo,

precisamente l'11 gennaio c.a.


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

Un ringraziamento riverente e fraterno

va al Ministro generale, Fr. José R. Carballo,

che, come Segretario generale degli Studi

nel precedente governo dell'Ordine e come

Ministro generale dell'attuale si è adoperato

in modo decisivo per l'avanzamento

della PUA.

Sono grato alla simpatia e all'attenzione

con la quale i colleghi rettori e presidi delle

varie istituzioni universitarie e accademiche

romane sono stati vicini alla PUA, gratificandomi

del loro rapporto cordiale e

amichevole. Ogni bene dal Signore alle istituzioni

che esse dirigono.

Un particolare ringraziamento ricco d'affetto

va alla comunità accademica della

PUA, nei suoi professori, officiali e studenti,

che l'hanno sempre resa ricca e vivace. È

grazie alla loro varia collaborazione che si

è giunti a questo traguardo: a un traguardo

del genere si arriva sempre insieme, in comunione,

mai da soli. In sei anni abbiamo

lavorato insieme in maniera viva e differenziata,

cercando di valorizzare al massimo

questa università centrale dell'Ordine dei

Frati Minori, con la collaborazione dei

Confratelli dell'Ordine dei Cappuccini e di

molti docenti laici di varie università civili e

religiose.

Sei anni fa io ho raccolto quel che i miei

predecessori avevano seminato, con il lavoro

in comune di questo sessennio io a

mia volta offro in dono all'Ordine e al mio

successore, il caro confratello e amico Fr.

Johannes B. Freyer questa nostra amata

università che egli sicuramente saprà condurre

con saggezza, perché continui ad essere

uno strumento utile al servizio della

Chiesa e dell'unica famiglia umana. È per

questo che mentre lascio il mio incarico,

faccio voti perché il nuovo Rettore Magnifico

sia assistito dallo Spirito di Dio e sia

sempre sostenuto dalla collaborazione dei

membri della comunità accademica. Da

parte mia, pur tornando doverosamente nei

ranghi per continuare la docenza e la ricerca,

posso assicurare Fr. Johannes che ogni

qual volta lo riterrà opportuno potrà contare

sulla mia piena collaborazione. Insieme

amiamo questa nostra università e insieme,

ciascuno nel suo incarico, contribuiremo al

53

mantenimento e contemporaneamente allo

sviluppo di quel progetto che il governo

dell'Ordine ha approntato e che farà della

PUA un'università sempre più moderna e

più adeguata alle esigenze della società

contemporanea. Il Vangelo non cambia

mai, ma le strutture degli uomini sì e oggi

la società è divenuta fortemente esigente e

complessa. La nostra non è una grande istituzione,

comparata ad altre istituzioni universitarie

molto più prestigiose, ma ha

ugualmente un'importanza storica centrale

per l'Ordine francescano in quanto avamposto

e fucina di cultura la cui specificità

consiste nel saper saldare tradizione e innovazione,

la migliore tradizione del pensiero

francescano che ha una sua logica interna

nei secoli e l'appassionata ricerca di

una risposta alle accorate e contraddittorie

domande dell'uomo di oggi.

Una lunga strada ancora ci attende, ma

oggi è un momento importante di pausa festiva

e di gioia. Auguri fraterni vivissimi,

Fr. Johannes!

FR. MARCO NOBILE, OFM

5. Breve presentazione della Facoltà di

Scienze Bibliche e Archeologia

Nell'ultimo quadriennio la Facoltà ha consolidato

i programmi di studio con l'apporto

dei suoi professori e di vari docenti invitati

provenienti da istituzioni universitarie operanti

in Israele e fuori. Il corpo docente, si è

arricchito con la promozione e cooptazione di

nuovi professori. In totale circa 120 studenti

si iscrivono annualmente alla Facoltà nei suoi

tre cicli. Recentemente 4 studenti di Scienze

Bibliche e Archeologia si sono laureati, 22

hanno ottenuto la licenza e 26 hanno ottenuto

il Baccalaureato in sacra teologia nello Studium

Theologicum Jerosolymitanum, primo

ciclo della Facoltà.

Le pubblicazioni hanno avuto un notevole

incremento grazie al servizio della Tipografia

editrice Franciscan Printing Press

della Custodia di Terra Santa. La rivista

«Liber Annuus», giunta al volume 54, continua

a presentare articoli di argomento bi-


54 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

blico, linguistico e archeologico e rapporti

preliminari di scavo di professori dello Studium

e di collaboratori appartenenti a istituti

di ricerca locali ed estere. La «Collectio

Maior» conta 43 volumi e tra gli ultimi

spiccano quello in inglese dedicato agli scavi

e ai monumenti di Nazareth del periodo

crociato, la miscellanea di studi archeologici

in onore del docente emerito padre S.

Loffreda, l'edizione di due antichi itinerari

di Terra Santa, rispettivamente del 1330 di

Giovanni Fedanzola da Perugia, finora inedito,

e di Nicola De Martoni del 1394-95.

La «Collectio Minor» raccoglie 43 volumi,

di cui i più recenti sono costituiti dalla pubblicazione

della trilogia sugli antichi villaggi

cristiani di Terra Santa aggiornata e tradotta

in inglese e dall'edizione critica della

«Vita latina di Santa Melania» di Gerontius.

La serie «Analecta» riservata alla ricerche

di esegesi, teologia biblica e ai testi per l'insegnamento

delle lingue bibliche comprende

65 volumi.

Quanto agli scavi archeologici, a Cafarnao

sono state effettuate quattro campagne

che hanno permesso di conoscere meglio il

complesso degli edifici ad est della Casa di

Pietro. Quelli di Umm al-Rasas hanno ricevuto

un riconoscimento di grande valore

con l'inserimento del sito archeologico da

parte dell'Unesco tra i luoghi «patrimonio

dell'umanità».

La Facoltà ha promosso giornate e corsi

di studio su vari temi di interesse particolare:

La rivelazione nelle tre religioni

monoteistiche; Il popolo ebraico e le sue

sacre Scritture nella Bibbia cristiana; San

Gregorio Magno nel XIV centenario della

morte.

Per la prossima settimana pasquale la

Facoltà organizza un corso di aggiornamento

biblico-teologico, a beneficio prevalentemente

della Chiesa locale, sul tema «Eucaristia:

culto e dottrina» in risposta all'invito

del Santo Padre e al suggerimento della

Congregazione per il Culto divino a «coniugare

l'approfondimento dei fondamenti

biblici e dottrinali dell'Eucaristia con l'approfondimento

del vissuto cristiano».

GIOVANNI CLAUDIO BOTTINI

6. Presentazione dell’Istituto di Studi Ecumenici

«S. Bernardino» di Venezia

Una realtà accademica incorporata alla

Facoltà Teologica della Pontificia Università

Antonianum è l’Istituto di Studi Ecumenici

«S. Bernardino» di Venezia. L’Istituto,

avviato a Verona nel 1982 su richiesta

della CEI, ha avuto il riconoscimento dei

gradi accademici da parte della Santa Sede

nel 1990, dopo il suo trasferimento a Venezia.

Da allora svolge una molteplice attività

accademica e formativa in campo ecumenico

a servizio dell’Ordine e della Chiesa.

Dopo i primi anni, che hanno visto fra i suoi

studenti sacerdoti e laici appartenenti quasi

esclusivamente alla Chiesa italiana, ora l’Istituto

è frequentato da studenti provenienti

da vari continenti e da Chiese diverse, di

area cattolica, ortodossa e protestante.

Nato e sviluppatosi in un contesto francescano,

l’Istituto offre a studenti e professori

non solo gli strumenti di una seria formazione

accademica, ma anche l’opportunità

di inserimento in un ambiente di

condivisione e di dialogo, fattore estremamente

importante per il cammino ecumenico.

La stessa composizione della comunità

accademica offre un’occasione unica per

questa condivisione, potendo riunire insieme

professori e studenti appartenenti a

chiese e culture diverse.

E’ proprio attingendo alle radici della

spiritualità francescana che l’Istituto ha trovato

l’ispirazione per tracciare l’itinerario

di una spiritualità ecumenica che sappia

fondere in armonia le esigenze di un serio

dialogo dottrinale con un concreto dialogo

della vita. Proprio per questa concretezza e

serietà l’Istituto è stato in grado di accompagnare

il coraggioso cammino dell’Ordine

in campo ecumenico, sia assistendo i Superiori

maggiori nei frequenti contatti con i

rappresentanti di varie Chiese, sia offrendo

la sua disponibilità nella compilazione dei

diversi sussidi di formazione ecumenica destinati

a tutti i frati dell’Ordine.

L’attività accademica propriamente detta

è affiancata e sostenuta da un qualificato

impegno in campo editoriale. L’Istituto edita

una rivista trimestrale di carattere teolo-


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

gico-ecumenico, intitolata «Studi Ecumenici»,

articolata in tre sezioni: Studi e ricerche

– informazioni dal mondo ecumenico – rassegna

bibliografica. Oltre alla rivista ogni

sei mesi viene pubblicato un agile volume

della serie «Quaderni di Studi ecumenici»,

di carattere monografico, su problemi di attualità

ecumenica. Più impegnativa è la collana

non periodica intitolata «Biblioteca di

Studi ecumenici», che raccoglie il frutto

delle ricerche di professori dell’Istituto e di

altri specialisti in campo ecumenico.

Per mantenere un contatto immediato

con la Chiesa locale, ogni anno l’Istituto organizza

un Convegno su problemi di carattere

culturale o pastorale con risvolti ecumenici.

Inoltre, soprattutto per coltivare la

formazione permanente dei propri professori,

ogni anno organizza un «Seminario di

ecclesiologia», al quale sono invitati teologi

ecumenisti, soprattutto di area europea.

Si tratta di una realtà modesta nelle sue proporzioni,

ma in grado di rendere un dignitoso

servizio alla causa del dialogo.

TECLE VETRALI

7. Vice-Rectoris Pontificiæ Universitatis

“Antonianum” nominatio

DECRETUM

Præsentium litterarum vigore, ad normam

art. 11 §1 Statutorum Pontificiæ Universitatis

“Antonianum” in Urbe et obtento

Nihil Obstat a Sancta Sede (litt. diei 19

mensis Aprilis A.D. 2005, Prot. 408/2005);

perpensis titulis dotibusque quibus candidatus

qui probe praesit aptus demonstratur

Nos, qua fungimur auctoritate,

FR. MANUEL BLANCO, OFM,

Provinciæ «S. Gregorii Magni» in Hispania

alumnum et memoratæ Universitatis Professorem

Adiunctum,

VICE-RECTOREM

PONTIFICIÆ UNIVERSITATIS

“ANTONIANUM” in Urbe

ad triennum nominamus, instituimus et renuntiamus

cum omnibus iuribus et obligationibus

officio adnexis, eidem commendantes

in suo munere, qua par est diligentia

et sollicitudine, in bonum Pontificiæ Universitatis

“Antonianum” sese gerat. Contrariis

quibuslibet non obstantibus.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae generalis Ordinis,

die 2 mensis Maii A.D. 2005.

FR. IOSEPHUS RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister Generalis et

Magnus Cancellarius

FR. MAXIMUS FUSARELLI, OFM

Secretarius Generalis

pro Formatione et Studiis

Prot. 095575 (113/05)

8. Nomine di Decani ed Officiali

Nel corso del mese di aprile gli organi

competenti della Pontificia Università Antonianum

hanno provveduto, secondo le

norme degli Statuti, alle seguenti nomine

dei Decani e degli Officiali:

• BATTAGLIA FR. VINCENZO, ofm: Decano

della Facoltà di Teologia

• ETZI FR. PRIAMO, ofm: Decano della Facoltà

di Diritto Canonico

• OPPES FR. STÉPHANE M., ofm: Decano

della Facoltà di Filosofia

• BOTTINI FR. CLAUDIO, ofm: Decano della

Facoltà di Scienze Bibliche e d’Archeologia

• HORTA E. FR. JORGE, ofm: Segretario generale

• MICANGELI FR. AUGUSTO, ofm: Economo

• SARDELLI FR. MARCELLO, ofm: Bibliotecario.

9. Cronaca

55

Il 9 marzo 2005 il Pontificio Ateneo

“Antonianum” ha celebrato ufficialmente

l’elevazione al rango di “Pontificia Università”,

nel contesto del solenne atto accademico

che ha visto anche l’insediamento del

nuovo Rettore Magnifico nella persona di

Fr. Johannes B. Freyer OFM. La celebrazione

è stata preparata e curata da una Com


56 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

missione mista tra personale dell’Antonianum

e della Segreteria Generale per la Formazione

e gli Studi.

L’atto accademico è stato celebrato nella

Basilica di S. Antonio da Padova, attigua all’Università

stessa. Grande la folla delle persone,

molte delle quali rimaste in piedi. Fra

i presenti, molte autorità: Sua Em.za il Card.

Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione

dell’Educazione Cattolica; Sua

Em.za il Card. Ignace Moussa Daud I, Patriarca

emerito di Antiochia di Siria, Prefetto

della Congregazione delle Chiese orientali;

le Loro Ecc.ze Rev.me Mons. Silvano

Piergiorgio Nesti, Segretario della Congregazione

degli Istituti di Vita Consacrata e

delle Società di Vita Apostolica e Mons. Tarcisio

Cortese, OFM, Vescovo di Mileto (Italia),

già studente all’Antonianum; il Ministro

generale OFM, Fr. José Rodríguez Carballo

con tutto il Definitorio Generale; il

Ministro generale OFMCap, Fr. John Corriveau;

il Ministo generale TOR, Fr. Elias

Zivkovic; il Vicario generale OFMConv, Fr.

Fermino Giacometti; il Vicario generale

OFMCap, Fr. Aurelio Laita; il Rettore

uscente, Fr. Marco Nobile OFM, e il nuovo

Rettore, Fr. Johannes B. Freyer OFM. Insieme

a queste autorità erano pure presenti numerosi

Rettori, Vicerettori, Presidenti, Decani

e Professori delle diverse Università di

Roma e fuori di Roma.

Nove Ministri provinciali, numerosi religiosi

e religiose, studenti e amici hanno

completato le presenze e riempito completamente

la Basilica.

L’atto accademico è durato più di due

ore, sotto il coordinamento del Segretario

Generale della Pontificia Università Antonianum.

Nella prima parte si è proceduto all’insediamento

del nuovo Rettore, con il discorso

di saluto di quello uscente Fr. Marco Nobile,

la lettura del decreto di nomina del nuovo

Rettore da parte del Segretario Generale

per la Formazione e gli Studi, la Professione

di fede e il giuramento di fedeltà del nuovo

Rettore, fr. Johannes B. Freyer dinanzi a

Sua Eminenza Reverendissima il Card. Prefetto

della Congregazione dell’Educazione

Cattolica Zenon Grocholewski. Il Ministro

generale, Fr. José Rodríguez Carballo, ha

quindi tenuto il suo discorso, nel quale ha

richiamato l’importanza per la nuova Università

di curare il dialogo con la cultura.

Nell’intervento fatto dopo il suo insediamento,

il nuovo Rettore ha esposto le sue riflessioni

specialmente riguardo a tre questioni:

• che cosa significa una Università pontificia

e francescana nel mondo di oggi;

• quali idee e valori fanno della nostra

Università una autentica Università francescana;

• quale dovrà essere il suo impegno come

Rettore dell’Università.

Dedicherà il suo servizio specialmente

alla sua Facoltà e al curriculum degli studenti.

Ha pure affermato di avere speranza

di poter collaborare con le altre Università

e Istituti di Roma. Ha concluso il suo intervento

ringraziando diverse persone e chiedendo

a tutti una preghiera.

Ha quindi avuto luogo un intermezzo

musicale curato da Silvia Scicolone, soprano,

e da Katia Castelli, mezzosoprano, accompagnate

all’organo da Fr. Giuseppe

Schipani, OFM. Cantati vari brani, fra i

quali l’Ave Maria di Mozart e il Dulcis Christe

di Michelangelo Grancini.

Nella seconda parte dell’atto accademco

si è celebrato il titolo di Università Pontificia.

Sempre il Segretario Generale per la

Formazione e gli Studi ha dato lettura della

lettera ufficiale di conferimento del titolo di

Pontificia Università da parte della Congregazione

per l’Educazione Cattolica, la quale

ha comunicato la decisione sottoscritta dal S.

Padre Giovanni Paolo II, di venerata memoria,

l’11 gennaio 2005. Il Cardinale Zenon

Grocholewski ha dunque tenuto il suo discorso,

nel quale ha dichiarato che la concessione

del titolo di Università all’Antonianum

è un riconoscimento che premia la fedeltà di

una presenza luminosa. In particolare ha richiamato

le linee storiche dell’istituzione accademiche

e l’attualità della sua missione

che consiste nel contribuire efficacemente a

rendere sempre più fruttuosa la missione

evangelizzatrice della Chiesa, soprattutto

coltivando una cultura della speranza, tanto

urgente nell’attuale contesto storico.


PONTIFICIA UNIVERSITAS ANTONIANUM

Il Cardinale Prefetto ha dunque proceduto

alla benedizione di una lapide commemorativa

che indica la nuova denominazione

di UNIVERSITÀ PONTIFICIA.

Il Segretario Generale della Pontificia

Università Antonianum ha concluso l’atto

accademico ringraziando i presenti e invitando

gli ospiti all’aperitivo e al pranzo festivo.

La sera precedente il Ministro Generale

aveva invitato nella sede della Curia Generale

il Card. Prefetto, il Segretario e gli Officiali

della Congregazione dell’Educazione

Cattolica insieme alle autorità accademica

dell’Antonianum, agli ex Ministri

Generali e ai Ministri Generali della Famiglia

Francescana per la celebrazione solenne

del Vespro di ringraziamento e per una

cena familiare. In tal modo ha voluto sottolineare

il particolare valore che assume per

l’Ordine l’alto riconoscimento fatto alla nostra

Università Pontificia.

10. Storia del Pontificio Ateneo Antonianum:

da Collegio a Università

La storia del Pontificio Ateneo Antonianum

prese avvio nel 1887, anno in cui padre

Bernardino Del Vago da Portogruaro, Ministro

Generale dell'Ordine dei Frati Minori,

portò a maturazione il progetto di rifondare, a

Roma, uno studio generale per tutto l'Ordine.

Costruita la sede in prossimità del Laterano,

il 20 novembre 1890, con la benedizione

di Leone XIII, fu inaugurata l'attività

accademica del Collegium S. Antonii Patavini

in Urbe.

Il 17 maggio 1933, Pio XI dichiarò canonicamente

eretto l'Athenaeum Antonianum

de Urbe, a cui, il 14 giugno 1938,

avrebbe concesso il titolo di "Pontificio".

La storia del P.A.A. è stata arricchita nel

tempo dallo sviluppo dello Studium Biblicum

Franciscanum di Gerusalemme, fondato

nel 1901 dalla Custodia Francescana di

Terra Santa. Ramo parallelo della Facoltà di

Teologia del Pontificio Ateneo Antonianum

dal 1982, nel 2001 lo Studio, in riconoscimento

dell'alto livello scientifico e formativo

raggiunto, è stato eretto a Facoltà di

57

Scienze bibliche e d'Archeologia del Pontificio

Ateneo Antonianum.

Ulteriore espressione della ricerca e della

docenza del P.A.A. è l'Istituto di Studi

Ecumenici "S. Bernardino" di Venezia, nato

dall'esperienza dei corsi di ecumenismo

tenuti, a partire dal 1975, presso lo Studio

Teologico dei Frati Minori "S. Bernardino"

a Verona. Incorporato alla Facoltà di Teologia

del Pontificio Ateneo Antonianum, l'Istituto

rilascia il grado accademico di Licenza

in Teologia con specializzazione in

Studi ecumenici.

Dopo l’erezione della Facoltà di Scienze

bibliche e d'Archeologia a Gerusalemme il

4 settembre 2001, Fr. Giacomo Bini, Ministro

generale dell’Ordine dei Frati Minori e

Gran Cancelliere del P.A.A., il 31 ottobre

del 2001 presenta alla Congregazione per

l’Educazione Cattolica formale richiesta di

concedere il titolo di Università Pontificia

al P.A.A., disponendo finalmente della

quarta Facoltà. La medesima Congregazione

chiede un tempo di attesa, necessario per

il riconoscimento definitivo della Facoltà di

Gerusalemme e il rinnovo dei suoi Statuti.

Maturate le condizioni, il 21 giugno

2004 Fr. José Rodríguez Carballo, attuale

Ministro generale e Gran Cancelliere del

P.A.A., rinnova la richiesta per ottenere il titolo

di Università Pontificia.

Espletate le pratiche necessarie, si ottiene

l’erezione definitiva della Facoltà di

Scienze bibliche e d'Archeologia a Gerusalemme

il 14 dicembre 2004 insieme all’approvazione

per un altro quinquennio degli

Statuti della medesima Facoltà.

A questo punto il Prefetto della Congregazione

per l’Educazione Cattolica comunica

al Ministro generale e Gran Cancelliere

l’avvenuta concessione del titolo di Università

Pontificia da parte del Sommo

Pontefice con lettera dell’Em.mo Cardinale

Segretario di Stato, datata 11 gennaio.

Nella sua lettera il Prefetto, Card. Zenon

Grocholewski, sottolinea che il titolo è stato

concesso «a motivo del possesso dei requisiti

tradizionalmente richiesti e in considerazione

dell’apprezzato servizio di formazione

accademica svolto da detto

Ateneo».


58 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Fr. José Rodríguez Carballo, attuale Ministro

generale e Gran Cancelliere del

P.A.A., comunica ufficialmente al Rettore

Magnifico, ai Decani delle Facoltà e ai Presidi

l’avvenuta concessione del titolo di

Università Pontificia il 26 gennaio nella sede

stessa dell’Ateneo.

Il 9 marzo ha avuto luogo l’atto accademico

ufficiale di celebrazione di questo

evento, in concomitanza con l’insediamento

del nuovo Rettore Magnifico, Fr. Johannes

B. Freyer, ofm.

L’Università Pontificia “Antonianum” è

spronata in modo tanto autorevole a continuare

la sua missione a servizio della Chiesa,

dell’Ordine e delle società, qualificando

sempre più la ricerca e la docenza, aprendosi

costantemente la dialogo con la cultura

contemporanea, sulle solidi basi della ricca

tradizione del pensiero francescano. Questa

tradizione secolare si dimostra quanto mai

attuale e feconda per permettere l’incontro

tra il messaggio della Rivelazione cristiana

e l’uomo del nostro tempo, immerso in una

situazione di cambiamento mai sperimentata

in antecedenza.

L’Ordine dei Frati Minori si augura in tal

modo di contribuire a questo incontro oggi

tanto necessario, riconoscendo anche in

questo un’espressione piena del carisma di

S. Francesco d’Assisi, uomo tutto evangelico,

e per questo capace di parlare all’uomo

e alle sue domande più profonde. Questo

carisma si è espresso con grande ricchezza

nel corso dei secoli, non ultimo nella tradizione

di pensiero, di ricerca e di studio rimasta

sempre viva nell’Ordine e in tutta la

Famiglia Francescana.


1. Unio seu fusio Provinciarum

Actuali statu duarum Provinciarum

SANCTI JOHANNIS A CAPISTRANO et SANCTAE

MARIAE in Hungaria examinato, atque

spem melioris incrementi vitae franciscanae

prae oculis habentes, Nos, audito Definitorio

generali eiusque praehabito consensu

in congressu diei 8 mensis novembris

c.a. 2004, auctoritate qua fungimur, praesentis

Decreti vigore, ad normam art. 170

§1 Constitutionum Generalium et art. 120

Statutorum Generalium Ordinis, unionem

seu fusionem earumdem Provinciarum decernimus,

ita ut unica in Hungaria intra

mensem iunium anni 2008 nova habeatur

Provincia Ordinis Fratmm Minorimi; actualis

tamen Provincia a Sancta Maria, usque

ad diem unionis seu fusionis cum alia Provincia

Sancti Johannis a Capistrano, suum

retinet nomen "Provinciae". Contrariis quibuslibet

non obstantibus.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae generalis

Ordinis, die 16 novembris anni 2004.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretarius Generalis

Prot. n. 095102

E SECRETARIA GENERALI

2. Consilii Fund. “S. Francisci Assisiensis”

in Russia et Kazakistania electio

In congressu die 14 mensis Ianuarii anni

2005, in domo “S. Mariae Mediatricis”

Curiae Generalis, civitatis v.d. Roma, rite et

canonice celebrato, praesidente RODRÍGUEZ

CARBALLO FR. JOSÉ, Ministro Generali, pro

Fundatione S. Francisci Assisiensis in Russia

et Kazakistania, ad normam art. 128 §1

Statutorum Generalium et art. 4 Statutorum

particularium, regulariter electi sunt:

in Praesidem Fundationis:

EDMISTON FR. JAMES

in Consiliarios Fundationis:

TREZZANI FR. GUIDO

PIOTROWSKI FR. GRACJAN

KIM FR. DOMINIC.

Romae, ex Aedibus Curiae Generalis Ordinis,

die 19 mensis Ianuarii anni 2005.

Prot. 095208

3. Capitulum Custodiae S. Ioannis Baptistae

in Pakistania

In the Custodial Chapter of the Custody

of “St. John Baptist” in Pakistan, canonically

celebrated at the Portiuncula friary,

Karachi, under the presidency of the General

Visitator, RAFTERY BR. GERARD, on the

29 th February 2005 the following friars

were elected:

Custos:

SHUKARDIN FR. SAMSON

Vicar of the Custody:

MOHAR FR. VICTOR

Councillors of the Custody:

JAVED FR. SADIQ

ASHIR FR. IFTIKHAR

BABAR FR. YOUSUF

PERVAZ FR. DANIEL.

The General Definitorium in its session

of the 18 th March 2005 attentively examined

these elections and approved them.

Prot. 095352

4. Capitulum Prov. S. Bernardini Senensis

in Austria

Nel Capitolo della nostra Provincia S.

Bernardino di Siena in Austria, celebrato re-


60 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

golarmente il giorno 31 del mese di marzo

dell’anno 2005, secondo le disposizioni del

Diritto, nella Casa di Stille, Heilegenkreutz,

in Waasen, sotto la presidenza di ARENS FR.

HERIBERT, Visitatore generale, membro della

Provincia S. Crucis, in Germania, sono

stati eletti:

– come Ministro provinciale:

BRUCK FR. ANTON

– come Vicario provinciale:

MAIER FR. MATTHIAS

– come Definitori della Provincia:

GIZDON FR. TERENTIUS

GRÜBLER FR. HUBER

SIESS FR. ANDREAS

WEGLEITNER FR. GOTTFRIED.

Queste Elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 23 aprile 2005.

Prot. 094751/360

5. Capitulum Prov. Picenae S. Iacobi de

Marchia in Italia

Nel Capitolo della nostra Provincia Picena

S. Giacomo della Marca in Italia, celebrato

regolarmente nei giorni 6-7 aprile dell’anno

2005, secondo le disposizioni del

Diritto, nella Casa Oasi S. Maria dei Monti

in Grottammare (AP), sotto la presidenza

di RUSSO FR. RENATO, Visitatore Generale,

membro della Provincia Serafica di S. Francesco

d’Assisi, in Umbria-Italia, sono stati

eletti:

– come Ministro provinciale:

CAMPANA FR. FERDINANDO

– come Vicario provinciale:

NATALINI FR. VALENTINO,

– come Definitori della Provincia:

ALBERONI FR. ALDO

ANGELISANTI FR. ALESSANDRO

BUCCOLINI FR. MARCO

CESARONI FR. GIANLUCA

SAVELLI FR. AUGUSTO

SILVESTRINI FR. MARIO.

Queste elezioni sono state ratificate del

Definitorio generale il 23 aprile 2005.

Prot. 095498

6. Capitulum Prov. Siciliae Ss. Nominis

Iesu in Italia

Nel Capitolo della Nostra Provincia Ss.

Nome di Gesù in Sicilia, Italia, celebrato regolarmente

nei giorni 9-12 del mese di aprile

dell’anno 2005, secondo le disposizioni

del Diritto, nel Convento di S. Giovanni

Battista in Baida, Palermo, sotto la presidenza

di MALATESTA FR. LORENZO, Visitatore

Generale, membro della Provincia Napolitana

del S. Cuore di Gesù, in Italia, sono

stati eletti:

– come Ministro provinciale:

FINOCCHIARO FR. CARMELO

– come Vicario provinciale:

CICCHELLO FR. ARMANDO

– come Definitori della Provincia:

BRUCCOLERI FR. VINCENZO

DI LIBERTO FR. DOMENICO

LATTERI FR. CARMELO

LA ROCCA FR. SALVATORE.

Queste elezioni sono state ratificate dal

Definitorio generale il 23 aprile 2005.

Prot. 095534

7. Visitatores generales

– MURAKAMI FR. PAULUS MIKI, Prov. Ss.

Martyrum Iaponiensium, Giappone, Vis.

Gen. Assistens pro Fratribus Prov. Ss.

Nominis Iesu, USA, in Iaponiam degentibus:

10.01.2005; prot. n. 094002.

– HOPFGARTNER FR. WILLIBALD, Prov. B.

Engelberti Kolland, Austria/Italia, pro

Cust. Aut. Helvetiae Christi Regis:

07.03.2005; prot. n. 094960.

– WILLIAMS FR. PETER, Prov. Immaculatae

Conceptionis BMV, Gran Bretagna, pro

Prov. S. Francisci, Africa/Madagascar:

10.03.2005; prot. n. 095276.

– COLOMER BARBER FR. J. RAFAEL, Prov.

Valentiae et Aragoniae S. Ioseph, Spagna,

pro Prov. B. Juniperi Serra, Messico:

11.03.2005; prot. n. 095378.


– MÜLLER FR. JOÃO INACIO, Prov. S. Francisci

Assisiensis, Brasile, pro Prov. S.

Antonii Patavini, Brasile: 17.03.2005;

prot. n. 095380.

– NDONDJI FR. GHISLAN, Prov. S. Benedicti

Africani, Rep. Dem. del Congo, Vis.

Gen. Assistens pro Fratribus Prov. Immaculatae

Conceptionis BMV, Polonia,

in Congum Repub. degentibus:

21.03.2005; prot. n. 094553.

8. Domus suppressae

– “San Antonio”, 28751 La Cabrera, Madrid,

Spagna: 19.01.2005; prot. n.

095223.

– “Centro di Propaganda Stampa di Terra

Santa”, Via Gherardini 3, Milano, Italia:

20.01.2005. prot. n. 095183.

– “Convento dell’Annunciazione di Maria

Santissima”, Saida, Libano: 20.01.2005.

prot. n. 095183.

– “Franziskanerkloster Osnabrück”,

Bramscher Strasse 158, 49088 Osnabrück,

Germania: 21.01.2005; prot. n.

095179.

– “St. Paschal Friary”, West Monroe,

Luisiana, USA: 21.01.2005; prot. n.

095184.

– “Convento S. Antonio di Padova”, Famagosta,

Cipro: 04.02.2005; prot. n.

095315.

– “San Francisco”, Camiri, Bolivia:

26.04.2005; prot. n. 095531.

9. Notitae particulares

– FR. MIHÁLY BÖJTE, della Prov. S. Stefano

Re in Romania, è stato nominato dal

Definitorio generale, nella sessione dell’8

novembre 2004, Delegato generale per le

Province Santa Maria e S. Giovanni da Ca-

E SECRETARIA GENERALI

61

pestrano, Ungheria, con il compito di preparare

e portare a termine la fusione delle

due Province, erigendone una nuova, secondo

le decisioni prese dal Definitorio generale

in data 8 novembre 2004: 1. Unica

habeatur Provincia Ordinis Fratrum Minorum

in Hungaria; 2. Nova et unica Provincia

OFM in Hungaria erigatur intra mensem

iunium anni 2008; 3. Usque af fusionem

duarum Provinciarum Hungariae, Provincia

S. Mariae nomen “Provinciae” retinet.

(Roma, 16 novembre 2004; prot. n. 095104)

– Il Definitorio generale, nella Sessione

del 13 gennaio 2005, ha eletto, extra-Capitolo

e a norma delle CCGG art. 210, FA-

VRETTO FR. MARIO, della Prov. Veneta “S.

Antonio di Padova”, Italia, Definitore generale

per l’Italia e Albania.

Prot. n. 095237

* Fr. Mario, della Provincia di S. Antonio

di Padova (Venezia, Italia), è nato a Lorenzaga

(Treviso, Italia) il 1 dicembre 1954,

figlio di Erminio e Giulia Tubiana, è entrato

nell'Ordine nel 1974. Ha emesso la Professione

solenne il 5 ottobre 1980 ed è stato

ordinato sacerdote il 19 giugno 1982. Ministro

provinciale della provincia Veneta per

il sessennio 1998-2004, attualmente è Visitatore

generale della Provincia Serafica di

S. Francesco (S. Maria degli Angeli, Italia).

Con l'elezione del Definitore per la COM-

PI, il Governo dell'Ordine dei Frati minori,

guidato dal Ministro generale Fr. José Rodríguez

Carballo, ritorna al suo “plenum”

originario di 9 Definitori.

– Il Ministro generale, con il consenso

del Definitorio generale, il 14 gennaio 2005

ha eretto la Conferenza COMPI (Conferenza

dei Ministri Provinciali d’Italia).

La COMPI è composta dalle seguenti 20

Province: San Bernardino da Siena (L’Aquila),

San Michele Arcangelo (Foggia),

Cristo Re (Bologna), SS. VII Martiri (Catanzaro),

Sacro Cuore di Maria (Genova),

Assunzione della BMV (Lecce), S. Carlo

Borromeo (Milano), Sacro Cuore di Gesù

(Napoli), San Bonaventura (Torino), San

Giacomo della Marca (Jesi), SS Pietro e


62 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Paolo (Roma), Immacolata Concezione

della BVM (Salerno), S. Maria delle Grazie

(Benevento), S. Maria delle Grazie (Cagliari),

San Francesco d’Assisi (S. Maria degli

Angeli/Assisi), SS.mo Nome di Gesù (Palermo),

San Vigilio (Trento), San Francesco

Stimmatizzato (Firenze), San Antonio di

Padova (Venezia), Annunciazione della

BVM (Albania).

Prot. n. 094969

– Il Ministro generale, con il consenso

del Definitorio, il 14 gennaio 2005, ha eretto

la Conferenza COTAF (Conferenza Transalpina

Francescana).

La COTAF è composta dalle seguenti 13

Province e da 1 Custodia Autonoma: San

Bernardino da Siena (Austria), B. Engelbert

Kolland (Austria/Italia), S. Giuseppe (Belgio),

B. Pacifico (Francia), Tre Compagni

(Francia/Belgio), San Antonio di Padova

(Germania), Tre Re Magi (Germania), Santa

Croce (Germania), Santa Elisabetta (Germania),

SS. Martiri di Gorcum (Olanda),

San Stefano Re (Romania), CA “Cristo Re”

(Svizzera), San Giovanni da Capestrano

(Ungheria), Santa Maria (Ungheria).

Prot. n. 094964

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza BRASI-

LIANA (CFMB), composta dalle Entità presenti

in Brasile: Prov. S. Antonii Patavini,

Prov. S. Crucis, Prov. S. Francisci Assisiensis;

Prov. Immaculatae Conceptionis BMV;

Prov. SS. Nominis Iesu; Prov. Assumptionis

BMV; Cust. At. Nostrae Dominae Septem

Gaudiorum; Cust. Aut. Benedicti in Amazzonia;

Cust. dip. Ss. Cordis Iesu; Fund.

“Nostrae Dominae a Fatima”; Fund. “Nostrae

Dominae Gratiarum”.

Prot. 095566

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza BOLIVA-

RIANA, composta dalle seguenti Entità:

Prov. Miss. S. Antonii (Bolivia); Prov. S.

Fidei (Colombia); Prov. S. Pauli Apostoli

(Colombia); Prov. S. Francisci de Quito

(Ecuador); Prov. S. Francisci Solano (Perù);

Prov. Ss. XII Apostolorum (Perù); Cust.

dip. Ss. Nominis Iesu (Perù); Cust. dip. S.

Ioseph de Amazonia (Perù); Cust. dip. Imaculatae

Conceptionis BMV (Venezuela);

Fund. “Ss. Nominis Iesu” (Perù).

Prot. 095565

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza ISPANO-

LUSITANA (CONFRES), composta dalle seguenti

Entità: Prov. Baeticae (Spagna);

Prov. Franciscanae de Arantzazu (Spagna);

Prov. Carthaginensis (Spagna); Prov. Castellanae

S. Gregorii Magni (Spagna); Prov.

Catalauniae S. Salvatoris ab Horta (Spagna);

Prov. Granatensis Nostrae Dominae a

Regula (Spagna); Prov. S. Iacobi a Compostela

(Spagna); Prov. Valentiae et Aragoniae

S. Ioseph (Spagna); Prov. Ss. Martyrum

Marochiensium (Portogallo); Cust. dip. S.

Francisci Solano (Spagna).

Prot. 095568

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza del CONO

SUR, composta delle seguenti Entità: Prov.

Assumptionis BMV (Argentina); Prov. S.

Michaëlis Archangeli (Argentina); Prov. S.

Francisci Solano (Argentina); Prov. Ss. Trinitatis

(Cile); Cus. dip. S. Ioseph (Cile);

Cust. dip. “Luis Bolaños” (Paraguay).

Prot.095567

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza AN-

GLOFONA (Esc), composta dalle seguenti

Entità: Prov. Immaculatae Conceptionis

BMV (Gran Bretagna); Prov. Hiberniae

(Irlanda); Prov. S. Pauli Apostoli (Malta);

Prov. Assumptionis BMV (USA); Prov. S.

Barbarae (USA); Prov. SS. Cordis Iesu

(USA), Prov. Immaculatae Conceptionis

BMV (USA); Prov. S. Ioannis Baptistae

(USA); Prov. SS. Nominis Iesu (USA);

Prov. Nostrae Dominae de Guadalupe

(USA); Prov. S. Ioseph Sponsi BMV (Canada);

Prov. Christi Regis (Canada); Prov.


S. Casimiri (Lituania); Cust. dip. S. Familiae

(USA); Fund. “S. Crucis” (USA);

Fund. “Immaculatae Conceptionis” (Canada).

Prot. 095563

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza del MES-

SICO E AMERICA CENTRALE (N. SEÑORA DE

GUADALUPE), composta dalle seguenti Entità:

Prov. S. Evangelii (Messico); Prov. SS.

Francisci et Iacobi Jalisco (Messico); Prov.

SS. Petri et Pauli de Michoacán (Messico);

Prov. B. Juniperi Serra (Messico); Prov. S.

Philippi de Jesús (Messico); Prov. N. Dominae

de Guadalupe (America Centrale);

Cust. dip. “N. Dominae Spei” (Portorico);

Fund. Franciscana in Guatemala; Fund.

“Immaculatae Conceptionis” (El Salvador);

Fund. Miss. “S. Antonii” (Guatemala e El

Salvador).

Prot. 095571

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza SUD-

SLAVICA, composta dalle seguenti Entità:

Prov. SS. Cyrilli et Methodii (Croazia);

Prov. S. Hieronymi (Croazia); Prov. Ss. Redemptoris

(Croazia); Prov. S. Crucis (Bosnia-Erzegovina);

Prov. Assumptionis

BMV (Bosnia-Erzegovina); Prov. S. Crucis

(Slovenia).

Prot. 095570

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza WEST-

SLAVICA, composta dalle seguenti Entità:

Prov. Asssumptionis BVM (Polonia); Prov.

S. Hedvigis (Polonia); Prov. Immaculatae

Conceptionis BVM (Polonia); Prov. S. Mariae

Angelorum (Polonia); S. Francisci Assisiensis

(Polonia); Prov. Ss. Salvatoris

(Slovacchia); Prov. S. Venceslai/Bohemiae-

Moraviae (Rep. Ceca); Prov. S. Michaëlis

Archangeli (Ucraina); Fund. S. Francisci

Assisiensis (Russia-Kazakistan); Fund. di

Rito bizantino (Ucraina).

Prot. 095572

E SECRETARIA GENERALI

63

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza AFRICA-

NA, composta dalle seguenti Entità: Prov. N.

Dominae Reginae Pacis (Sud Safrica),

Prov. S. Francisci (Kenya), Prov. Verbi Incarnati

(Togo, Benin, Costa d’Avorio),

Prov. S. Benedicti Africani (Rep. Dem. del

Congo), Prov. S. Familiae (Egitto); Cust.

dip. “Boni Pastoris” (Zimbabwe), Cust. dip.

“S. Clarae” (Mozambico); Feder. “Ss.

Martyrum Marochiensium” (Marocco);

Fund. “S. Francisci Assisiensis” (Guinea

Bissau); Fund. “Immaculatae Matris Dei”

(Angola); Fond. “Nostrae Dominae Africae”

(Congo-Brazzaville); Fund. “S. Francisci”

(Madagascar); Fund. Franciscana

(Rep. Centroafricana).

Prot.095561

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza ASIA ME-

RIDIONALE (SAOO), composta dalle seguenti

Entità: Prov. Sancti Spiritus (Australia);

Prov. S. Thomae Apostoli (India); Prov. S.

Michaëlis Archangeli (Indonesia); Cust.

Aut. S. Ioannis Baptistae (Pakistan); Cust.

Aut. S. Francisci Assisiensis, (Papua Nuova

Guinea); Cust. dip. S. Antonii (Singapore);

Cust. dip. S. Francisci (Indonesia);

Fund. “S. Andreae” (Nuova Zelanda);

Fund. franciscana (Tailandia); Fond. franciscana

(Sri Lanka).

Prot.095569

– Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, l’8 marzo 2005, ha eretto

(SS.GG. Art.191,2) la Conferenza ASIA

ORIENTALE (EAC), composta dalle seguenti

Entità: Prov. Ss. Martyrum Coreanorum

(Cora); Prov. Ss. Martyrum Iaponensium

(Giappone); Prov. S. Petri Baptistae (Filippine);

Prov. S. Francisci (Vietnam); Prov. S.

Mariae Reginae Sinarum ((Taiwan).

Prot.095564

– Il Ministro generale, con il consenso

del Definitorio, l’8 marzo 2005, tenuto conto

della natura internazionale della CUSTO-

DIA DI TERRA SANTA, essendo questa pre-


64 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

sente in dodici nazioni, la dispensa dall’appartenere

ad una Conferenza, secondo

quanto stabilito degli SS.GG. (art. 191 § 3),

e la dichiara CONFERENZA “AD INSTAR”, ri-

conoscendole tutti gli oneri e i diritti propri

di tale status.

Prot. 095562


1. X International Council for Formation

and Studies

1. Chronicle

E SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

On 15 th February 2005, the International

Council for Formation and Studies gathered

in the chapel of St Francis Friary in

Seoul and began with the Eucharist celebrated

by the Provincial Minister of Korea,

Paolo Oh ofm. He extended a welcome

from the Province of the Korean Martyrs.

The group then met at the Franciscan

Education Centre, is in the same compound,

where the rest of the meeting was held.

At this opening session, Br. Massimo

Fusarelli, ofm, Secretary General for Formation

and Studies, welcomed us and read

the greetings and letter of the Minister General,

Br. José Carballo, ofm.

The first presentation was by Nichoals

Shin, ofm, on the situation and evangelization

of the Church and the Franciscan Order

in Asia. He also presented statistics comparing

the different religions in the different

parts of Asia.

The second presentation of the day was

by Dr Hwang Jong Yeul, who spoke about

the “Spirituality of Difference.” In illustrating

this through the use of instruments in a

musical group, he spoke about the concept

of harmony, which presupposes differences.

Harmony does not mean conformity,

rather do the different sounds combine to

produce a harmony of music.

The second day was dedicated to dialogue

with Buddhism.

The first presentation was by the Venerable

Misan, who spoke about meditation.

Buddhism is seen as a path of practice

and spiritual development leading to true

happiness.

Meditation is a means of changing oneself

and of developing awareness, compas-

sion and wisdom. Mindfulness is the eventual

goal of Buddhist meditation.

In the late morning, a local Friar,

Sylvester Shim, shared his experience of

living in a Buddhist environment in Korea

with us. He had invited the Zen monks to

give lessons on meditation to the students.

He is presently living in the prayer house of

the Province.

The afternoon was spent visiting a Buddhist

temple. A lively and animated exchange

took place between the group and

an American Buddhist monk who had converted

from Catholicism.

Day three began with a sharing by Br.

John of God, ofm, from the Vietnamese

Province, who spoke about how the friars

responded to the reality of the communist

regime in the life of the Friars. Both the

communists and the Friars celebrated their

75 th anniversary within the last year. Since

the fall of Saigon, in 1975, the Friars have

been challenged to live the Franciscan spirituality

in an authentic way within the context

of a communist society without losing

their identity. He described this period as

the encounter of St Francis with the crucified

Christ.

Over the last decades, the Friars of Vietnam,

in responding to their present situation,

have worked on adapting their religious

life.

While society was moving towards centralization,

the Friars were moving towards

small communities in response to the need

to share the life of the new society: living

with the poor around them.

In the afternoon of the third day we had

a presentation by a Confucian scholar,

Wonsuk Chang, who gave us an introduction

to the thoughts and concepts of Confucianism.

He spoke of the principle of mutuality,

co-dependence and communal interactivity.

Harmony does not mean


66 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

uniformity but presupposes the existence of

differences. The contribution of the differences

bring about harmony.

In the afternoon the delegates were was

divided into three language work-groups

and addressed the following questions:

How do we feel about what has been

presented?

If new, how has it been?

What are the elements of dialogue up till

now?

In what sense and measure can these elements

of dialogue be applied to formation?

The fourth day was spent visiting the

Novitiate in Taejon city, about two hours’

drive south of Seoul. Mass was celebrated

in the Novitiate and lunch followed. A visit

was made to the House of Prayer, in a traditional

Korean house which had been relocated.

Day five began with an address by Prof.

Syed Farid Alatas, a professor of sociology

in the National University of Singapore. In

his presentation, he gave a historical and sociological

understanding on the present

state of Islam and, in particular, of her relationship

to Christianity and the Western

world.

He spoke of the need for dialogue and

proposed three themes to address this in a

structural way. The three elements are:

Need to understand the multi-cultural

origins of modern civilization.

Provide occasions of inter-religious encounters

(formal and informal).

To learn to appreciate the point of view

of the other.

This would then bring about mutual understanding,

sympathy and interest in each

other.

Dialogue with Prof Alatas followed after

a short break which resulted in much mutual

and respectful exchange.

Br. Alfons Suhardi, ofm, shared with the

council on a dialogue of life with Islam in

Indonesia. He spoke of the challenges and

difficulties of living in Indonesia within an

Islamic society at times. However, it is important

to continue the dialogue of life within

Indonesian society.

The afternoon was spent at the Chong-

dong theatre to take in more of the Korean

culture.

On Sunday, the group visited the Myongdong

Cathedral of Seoul and concelebrated

with the local parish. The afternoon

was spent visiting the different tourist attractions

of Seoul.

The second week of the council began

on Monday, 21 st February.

The theme of the second week was

“Translation of the elements of dialogue to

formation in the Order.”

The day began with the reports of the respective

Conferences of the Order, focusing

on the new elements of formation and on

the inter-cultural and inter-religious projects

which exist within each conference.

In the afternoon, there was work in language

groups discussing the following elements:

Group reaction to reports.

What element of dialogue emerge from

these reports?

How can we take up these elements for

programmes in formation and studies?

Day two began with the report by the

General Secretary for Formation and Studies,

Massimo Fusarelli, ofm, on the last two

years’ work.

In reflecting on the prophetic dimension

of our way of life, he spoke about dialogue

as leading to peace, as announcing the

Kingdom of God and as learning from the

poor. It is this attitude of dialogue which begins

the renewal of formation.

In this report, there was a self-evaluation

of the work done, which was followed by

comments and responses from the International

Council.

Group work in language groups followed

on the different proposals put forward

by the General Secretary.

Day three of the second week saw Br.

Gwenole Jeusset, ofm, share with us on the

Foundations of dialogue in a Franciscan

way and elements for formation to dialogue.

Gwenole address the topic of dialogue

with Islam from these perspectives:

Francis saw his meeting with the Sultan

as a meeting with a believer.


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

The contrast of the models of meeting in

Damietta and Morocco; in Damieta, it was a

meeting without matrydom while in Marrakech

it was martyrdom without a meeting.

Franciscan spirituality:

Francis is seen as a person who was able

to cross the physical, moral and spiritual

frontiers. It is beyond these frontiers that

Francis makes an intensive experience of

God’s love and paternity.

Formation to dialogue: All stages of formation

should be oriented towards the formation

to dialogue which includes the capacity

to discern the action of the Spirit of

the Lord in the other.

He was able to share with us the 40 plus

years of his work in dialogue with Islam. In

this same presentation, he also presented

new horizons for the Order in this unique

vocation to dialogue. He further impressed

upon us the culture of dialogue which was

begun in Assisi on 27 th October 1986 by

Pope John Paul II. In very concrete and

prophetic ways, he made 14 proposals for

formation in the service of dialogue.

The afternoon was spent visiting the

shrine of Confucius at Sungkyunkwan. In

the freezing temperatures of Korea, the International

Council courageously braved

the weather to listen to the teachings and

pay respect to this shrine.

The evening was spent visiting the postnovitiate

house where we had dinner and

recreation with the Friars.

On day four of the second week, Ruben

Tierrablanca, ofm, shared with us the experience

of the Istanbul community. He

shared the different initiatives undertaken

by this community to engage in ecumenical

dialogue with the two Orthodox Churches,

the Jewish community and Muslims.

Following this presentation, there was

work in language groups on elements that

should be present in the letter to the Order

which would be sent from the Council.

The Council gathered in the afternoon to

have a first look at the draft of the letter.

Comments and feedback were received.

The morning of the 5 th day saw the International

Council gathered in a plenary

session to review another draft of the letter,

which was discussed with further feedback.

This will be further worked on in the afternoon,

to be presented again for the afternoon

work.

At 3.30pm, the group gathered in the

chapel of the centre for a prayer session

based on the songs and style of Taizé.

Ruben led us in this simple but prayerful

liturgy.

Following this session, the Friars gathered

for the approval of the final redaction

of the text of the letter.

An evaluation of the meeting for the previous

two weeks was carried out with positive

comments from the delegates. There

were small areas that could have been improved

but the overall impression was that

it was a novelty in the way this meeting was

carried out. The outcome from this experience

of dialogue with different religions

and cultures was positive. It was also felt

that this could be a new way of working and

learning which could be repeated in the different

entities of the Order.

Methodologies and the topics chosen reflected

well the current needs of the world

and of formation for the future of the Order.

BR. JOHN PAUL TAN, OFM

2. Report of the Secretary General for

Formation and Studies

1. Franciscan Life and prophecy

67

These are the horizons within which I

wish to insert my intervention before this

very representative International Council

for Formation and Studies in our Order.

Why Franciscan life and prophecy? Precisely

because of the experience of this first

year and an half of service I see a greater urgency

to insert our analysis and attempts to

respond to the many challenges within a

framework of very high ideals. This is constituted

by the very core of our vocation,

that is, to live the perfection of the Holy

Gospel, not in a moral sense, but rather in

the sense of the love of Jesus Christ, totally


68 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

consumed and committed to the Father and

to us in His death and resurrection.

To live the perfection of the Gospel

means, then, to adhere to the logic of the

Paschal Mystery, which is the very soul of

our life as men, Christians and Friars Minor.

We can only try to become all of this in a

new and original way each day through a

creative and generating response of life in

the world.

Prophecy, it seems to me, resides in the

never resolved question of how to combine

the idealist tension: the response to our vocation

with the history and situation of contemporary

man, a reality in a situation of

exceptional change. Prophecy is certainly

not reduced to a strategic reading of the

signs of the times in order to be more present

and incisive through a mundane mentality

of success and power. It is to recognise

and accept whatever the Spirit might

arouse around us and in us, there where the

reality of man meets the Paschal Mystery of

the Lord through the very joys and hopes,

expectations and disillusionments of man.

Gaudium et Spes powerfully affirms that:

“since the ultimate vocation of man is in

fact one, and divine, we ought to believe

that the Holy Spirit, in a manner known only

to God, offers to every man the possibility

of being associated with this paschal

mystery” (GS n. 22).

The General Chapter of Assisi 2003 said

it with equal force: “One of the essential elements

of the Christian journey is the ongoing

capacity to examine the signs of the

times and to interpret them in the light of

the Gospel (cf. GS 4; GGCC 102 §2; SRS 7;

VC 81). They are events of life that mark a

determined epoch of history and through

which the Christian feels questioned by

God and is called on to give a gospel response.

The signs of the times are, in this

way, flashes of light present in the dark

night of our lives and of our peoples, lighthouses

that generate hope. Whoever does

not read the signs of the times runs the risk

of becoming installed, of repeating himself,

of nullifying the deepest dreams, of losing,

little by little, the contagious joy of faith…

The Lord invites us to listen to His voice in

the events of history, to detect His ever active

presence, in order to announce what we

have seen and heard through word and deed

(cf. 1Jn 1,1; cf. GGCC 89.93 §2). The signs

require, therefore, recognition, reading, interpretation

and judgement on the personal

level and in the bosom of the fraternity (cf.

OA 3; RFF 32)” (May the Lord give you

Peace! n. 6).

Prophecy can explode where we allow

this meeting between the Word, the charism

and history to occur and to transform us,

helping us to change mentality. If we remain

prisoners of existence and do not

know how to imagine anything beyond

what we already are and do, those points of

light which help us to dare more will not be

made clear to us.

Formation is called on to dare more; it is

totally one with the process of fidelity to the

charism in the context of history and cannot

ever repeat prefixed schemes. It is not the

possession of a few who pass it on to many,

it is not a gathering of ideas or of behaviours,

it is not subjected to what has been

given. Its function is to permit us to catch a

glimpse of those “lights present in the

night” in order to open up those intuitions,

to open doors and windows wide to the novelty

of the Gospel, to support our life in an

ever new response to the charism, in order

not to be extinguished in tired repetition.

2. Prophecy of the Franciscan life through

dialogue and the poor

During these days we have chosen to

combine charism and history by going

deeply into the topic of inter-religious dialogue.

We discovered it as a reality which begins

at home, within each one and in that

sanctuary which is the life of the Friars. We

understood that we are really neophytes in a

process which is so demanding, that we are

called on for more imagination and preparation.

I hope we can intuit more that we are always

too far from and outside of the history

and life of present-day men and women, often

even of our own brothers, to be able to allow

the Word find a space of acceptance and

therefore of acting as a force for change.


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

We have gone deeply into dialogue as a

primary point for this time. The General

Chapter of Assisi 2003 told us that dialogue

is the path to peace. As such it asks us for

constant openness to the other, for discipline

in listening and reception, mutual obedience

and service (cf. May the Lord give

you peace! nn. 28-32). Dialogue does not

happen on its own. It goes together with

“absolute availability to go out to announce

the Kingdom to the poor and to allow ourselves

to be evangelised by them” (cf. Ibidem,

33).

Dialogue seems to be the way of the

poor, which they themselves can point out

to us. Prophecy, which is born of recognising

the Paschal Mystery in the life, pain and

joy of man, bears the features of the poor in

a special way. In their bodies and lives a

new and provocative announcement is

made. If it is true that the Lord Jesus identified

with them in a very particular way, they

are, for us, a living Gospel and therefore a

memorial of that “perfection”, in the sense

of consummated love, to which we are

called. The prophecy of the poor leads to

that of peace. The poor, in fact, cry out the

desire for peace through their very lives,

which bear the consequences of war, of violence,

of the violation of the fundamental

rights of the person. We cannot but be impassioned

with the poor and with peace together.

It is a question of the only “sacrament”

of Him who is our peace.

Our GGCC say in many articles, followed

by the RFF and other documents of

the Order, that closeness to and sharing with

the poor are the ordinary “places” for our

formation, together with the commitment to

reconciliation, justice and peace. Do we

still feel ill at ease before such solemn affirmations?

In many realities of our international

fraternity the Friars share the fate of

the poor, in both ongoing and initial formation.

In many others they make gestures of

solidarity, but without changing style of

mentality or style of life, without conversion.

We are required to have new eyes to

look at the reality which surrounds us and

thereby to change our mental and material

structures. The encounter with the poor can

renew the formative itineraries because it

reaches the heart and mind and leads the

person to a radical transformation. This is

also the process of that renewal of our life

and of our Fraternity which our Minister

General calls “re-foundation”.

In this meeting of the ICFS I think we

are called on to offer a spark of prophecy to

our Friars spread throughout the world, in

order not to sit down and stop, or to go back

over our tiredness and disillusionment, but

to rise up and go towards the novelty which

the Kingdom opens in front of us through

the life and face of the poor.

3. Formation for the future, for a situation

in ongoing change

69

Our proposal and formative activity cannot

continue to offer a “product” already

confectioned and, apparently, ready for all

seasons. “To form” has meaning if it consents

to the rhythm of life, which asks for

unceasing and – let us recognise it – uncomfortable

steps forwards. Forming is an

act of a person, whether of the formator or

of the person in formation, a pact that both

are in a process. Forming, in this sense,

does not only prepare the future, but it anticipates

it, it permits seeing it draw near,

from the beginning. If our work of formation

is limited to repeating models and formulas,

the life and “perfection” – consummated

love – of the holy Gospel is, perhaps,

a faded memory for us.

Today we are living in a time of extraordinary

changes. Our very religious life

bears the signs, some are painful, others are

open to hope. In the diversity of our countries,

cultures and continents, the situation

of the religious life is very different. But

nowhere are they lacking signs of hope and

of worry, even though different. This time,

which we can only love as the space which

Providence opens up to us to live fully, provokes

us not to stop, not to be satisfied with

what tradition has consecrated and assigned

to us. We are responsible for the charism,

which somebody else gave witness to and

transmitted to us, exactly in the measure in

which we, in turn, pass it on. But we are in


70

AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

a process and must not stop, must always be

looking forward and never behind, accepting

the bet on a hope which is greater than

our narrow confines.

It seems to me that there is something

missing in our formation and in the intellectual

tension which studies require,

maybe it is that very disposition to progress

and to seek the new, to allow ourselves to be

penetrated by this searching, not coming

out of it as we were before but accepting

that many of our values and measures miss

out, in order to make us more capable of

greater measures, because they are donated

by Another. Our Formation is often tired

and weighed down. We should ask ourselves:

what are we continuing to form for?

Whoever does not ask himself this question

cannot extract himself from the slow wearing

down of certainties and forms to which

out times submit every non-renewed tradition.

I agree that we must take care of the integral

maturity of the candidates and encourage

that of the “already adult” Friars

and, equally, that it is necessary to guarantee

the level of studies and research. In the

same way it is vital to initiate an authentic

spiritual and vocational experience. We

must, as formators, secure an objective referential

framework. But I still ask myself:

for what? For what project? For which present-day

Franciscan life, at this time, in this

context? And with what disposition and in

what reality of courageous progress in order

“to dare the future”, trusting only in the defenceless

power of the Gospel, which is the

flesh of the Son of God, poor and crucified?

Formators can remain the jealous custodians

of the situation, of the status quo, or

are they, rather, called to become promoters

of a process, of a search for a full life, to be

capable of having “visions” of the future,

always aware that we can only live the impossible

of the Gospel through grace?

Can formators avoid putting forward and

allowing others to see and touch this fire

through concrete proposals of life and

work, of sharing with the poor, of a vital

and profound prayer, of a fraternity where

the other may be met and looked at in the

eye as soon as they have met? Here is a fire

to be kindled in the formators of our Conferences

and Entities. The rest is of capital

importance, but without this fire, we run the

risk of exchanging the Gospel for our poor

fears and disillusioned prudence.

I therefore think that every formation

programme for formators should include

time and some concrete means for reassuming

and becoming impassioned once again

with their own life and vocation, but in a

movement towards the new.

This is urgent in the Houses of formation,

in the courses of ongoing formation,

which run the risk of being born dead, in the

service of the Ministers and Custodes, in

the animation of Secretaries, etc. It is urgent!

Can we give witness to it? Can we

promote it as a sensitivity and an urgency?

Do we believe that to preserve what we

have today is already a useless effort, without

an eye, our intelligence, our will and

heart turned towards the future? Are we disposed

to pay personally for this? These are

crucial and not easy questions, questions

we are are asked wherever we may be.

4. La formación en la OFM hoy

No se me ha pedido una síntesis de los

informes de las Conferencias en este Consejo.

Ya las hemos escuchado. Me urge solamente

subrayar algunos puntos principales,

que considero útiles para nuestra reflexión

común. Los escojo de vuestros

informes.

a. La formación entre la conciencia de su

importancia para el presente y el futuro

de nuestra Familia y la fragilidad del

proceso formativo en un tiempo de cambio.

Se nos exige paciencia para sembrar

en vistas al futuro.

b. El contraste entre formación permanente

y formación inicial continúa y en algunos

casos llega a ser más profundo. En

la formación permanente es necesario

dar un grande salto de calidad. Con este

fin deseamos preparar muy bien el Congreso

Internacional para Moderadores

de Formación permanente en el 2007 para

ofrecer una fuerte señal que marque


un cambio de dirección en la Orden.

c. El acompañamiento de los primeros

años de profesión solemne: existe una

atención mayor, pero aún es necesario

poner sumo cuidado al prepara itinerarios

adecuados y bien pensados, aplicados

y evaluados. La improvisación y la

inconsistencia en estos procesos comprometen

su validez y su futuro.

d. Formación de formadores: sigue siendo

una prioridad absoluta. Se percibe bastante

interés, pero frecuentemente no es

atendida. De un modo especial se pide a

nivel de Conferencias proponer iniciativas

concretas para los propios formadores.

Existen ya algunos signos consoladores,

esperamos más.

e. La profundización del carisma, de la tradición

espiritual e intelectual franciscana

sigue siendo una prioridad de la formación

en toda su amplitud. Pienso que

cada Entidad y Conferencia debe velar

para tener hermanos preparados en formación

franciscana para garantizar una

adecuada formación de los hermanos en

formación permanente y en formación

inicial.

5. Las solicitudes del Capítulo

General 2003

El Capítulo General 2003

ha pedido que el SGFE

E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

1. “Convoque a todos los encargados de

la formación permanente para encuentros

formativos” (n. 7).

En octubre del 2007 tendrá lugar el Congreso

Internacional para los Moderadores

provinciales y custodiales para la FoPe, en

particual con el objetivo de reelaborar el documento

“La Formación Permanente en la

OFM” y para impulsar esta elección prioritaria

(ver arriba).

2. “Ayude a las Conferencias y a las Entidades

con subsidios para la formación permanente”

(n. 8).

3. “Ayude a los Ministros con metodologías

que puedan facilitar la formación permanente

en las respectivas entidades” (n. 9).

4. “Elabore orientaciones formativas pa-

ra ayudar a las entidades a crear programas

de acompañamiento para los hermanos en

dificultad” (n. 10).

Están en preparación algunos subsidios

para la formación permanente. En particular:

• subsidios sobre la prioridad de “Minoridad,

pobreza y solidaridad: cap. 5 de las

CCGG”, en colaboración entre el SGFE

y la oficina general JPIC.

• Subsidio sobre Evangelización y misión

con atención a la formación, en colaboración

entre SGE y SGFE.

• Subsidios para el servicio de los Guardianes

y para los hermaos ancianos y enfermos,

en colaboración con los Secretariados

generales para la formación de los

OFMConv. y OFMCap.

El SGFE pide al Consejo Internacional

indicaciones metodológicas y de contenido

para estos subsidios. ¿Realizarlos como

subsidios para el trabajo personal y comunitario?

¿Preferir la brevedad y la esencialidad

de los contenidos? ¿o de otro modo?

5. “Curso para formadores y propuestas

para la formación permanente.

Continúense los cursos de formación permanente

para los formadores y los cursos intensivos

de formación permanente para otros

servicios y ministerios de la orden. Organizados

por el Secretariado general para la Formación

y los Estudios, estos cursos deben ser

integrados en las Conferencias” (n.28).

Además del Curso interobediencial para

Moderadores de Formación Permanente, en

el otoño del 2004 hemos realizado el curso

para Formadores sobre el acompañamiento

personalizado y el tiempo sabático en lengua

española, “Celebrando el don de la Vocación”.

El Capítulo General 2003 ha

pedido al DEFINITORIO GENERAL

71

1. “Casa para la formación permanente.

El Gobierno de la Orden escoja entre las

Casas existentes aquella que mejor pueda

ofrecer este servicio (n. 23).

El Definitorio está trabajando en esta petición

del Capítulo, a fin de tener para el

próximo año una casa dependiente del Mi


72 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

nistro general que se ocupe de la animación

de la formación en las Entidades y Conferencias

y que organice cursos de formación

residencial.

2. “Instituto pedagógico para la formación

de los formadores.

El Definitorio general estudie, durante

este sexenio, la posibilidad de instituir un

Instituto pedagógico para la formación de

los formadores, agregando este nuevo centro,

preferentemente, al Instituto de Espiritualidad

del PAA” (n.24).

Una tal petición responde por una parte a

la vocación originaria del PAA, formar profesores

y formadores para la Orden, y por

otra a una urgencia cada vez más evidente

en la Iglesia y en la Orden. Sapientia Christiana

establece que la sección psicopedagógica

compete a la Facultad de Filosofía, derivando

de ésta la organización teorética de

base. La necesaria organización psicopedagógica

exige una especialización específica.

La inspiración carismática franciscana es

característica de un tal servicio en nuestro

Centro de estudios. Sus tres ases: bíblico-teológico-espiritual,

histórico y actual.

La vocación propia de un tal Instituto será

también la de convertirse en un centro de

investigación y de inspiración para la acción

formativa propia de la Familia Franciscana

en sus diversos elementos que la

componen. El conjunto de diversas exigencias

exige una clara opción para la interdisciplinariedad

e con ésta la atención para la

dimensión intercultural.

3. “Pontificio Ateneo Antonianum.

El nuevo Gobierno de la Orden continúe

en compromiso del Gobierno precedente

para mejorar la calidad y la administración

del PAA, ofreciendo para esto las ayudas

necesarias” (n. 25).

La primera noticia que nos da satisfacción

y nos compromete mucho más es que

el PAA desde el 11 de enero de 2005 goza

del título de Universidad Pontificia. Es un

alto reconocimiento de parte de la Iglesia

que obliga a la Orden a asumir de nuevo y

con mayor fuerza la renovación y la calidad

académica de éste su Centro de estudios.

Inmediatamente después del Capítulo

general el PAA ha continuado el camino hacia

la clarificación de su identidad académica

y la adecuación de su estructura administrativa.

Este proceso ha comprometido al

Gobierno general de la Orden, a las autoridades

académicas, al cuerpo docente, administrativo

y a los estudiantes. Este proceso

ha sido acompañado por del Consejo de Regentes,

(ahora “Grupo de coordinación permanente”),

organismo surgido como fruto

del proceso de Autoevaluación del PAA del

2002-2003. Junto con la Comunidad académica,

éste ha realizado la redacción de un

“Proyecto académico” para el PAA, aprobado

por el definitorio general el 26 de enro

pasado. Este proyecto será entregado al

nuevo Rector Magnífico y a la neo-Universidad

el 9 de marzo próximo, para continuar

en el esfuerzo de renovación.

El SGFE está empeñado en primera persona

para que crezca la conciencia y la estima

del Antonianum en la Orden, en relación

directa con los Centro afiliados y con otros

Centros de estudio de la Orden misma.

4. “Otros Centros de Estudio y de Investigación.

El nuevo Gobierno de la Orden contribuya

al incremento de los Centros de Investigación

(Grottaferrata, Comisión Escotista,

Muski a El Cairo, ...) y de los Centros de

Estudio que existen en algunas Entidades.

A tal fin, el Capítulo pide al Secretariado

general para la Formación y los Estudios

publicar un subsidio con las informaciones

necesarias sobre todos los Centros de Estudio

de la Orden” (n. 26).

La Comisión designada para el Colegio

de Grottaferrata ha entregado su trabajo al

Definitorio general de noviembre del2004.

Se ha confirmado la importancia y la necesidad

del Colegio y de su actividad científica

y editorial y se han elaborado propuestas

para el mejoramiento de la Casa. La prioridad

es la formación de al menos 4 investigadores

de alto nivel para el futuro de la institución.

Lo mismo vale para la Comisión Escotista,

para lo cual es necesario preparar al

menos 3 estudiosos.


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

El 15 de junio de 2004 la Secretaría ha

enviado a todos los Centros de Estudio de la

Orden un cuestionario para recibir la estadística

actualizada de los profesores, estudiantes

y actividad académica. De los 46

cuestionarios enviados, nos han llegado

hasta hoy 18 respuestas. Esperamos las

otras para publicar el subsidio solicitado y

poner dichos Centros en comunicación mayor

entre ellos y con toda la Orden.

5. “Via Pulchritudinis.

El nuevo Gobierno de la Orden valorice,

a través del Secretariado general para la

Formación y los Estudios, la via pulchritudinis

como camino para el encuentro con la

Creación y sostenga a los hermanos que se

dedican a las artes (música, pintura, arquitectura,

escultura, ...)” (n. 27).

En el SGFE queremos promover una investigación

en las Entidades para hacer un

censo de los hermanos artistas en la Orden,

especialmente en la pintura, en la escultura

y en otras artes musivas, arquitectura y

composición musical. Con esto, pensamos

realizar al menos una exposición en ocasión

del VIII Centenario de la Orden, además un

encuentro de estos hermanos con los cuales

reflexionar y elaborar algunas líneas acerca

de la via purlchritudinis.

6. “Facultad de la Flagelación.

La Orden y las Provincias tengan un interés

particular por la Facultad de Ciencias Bíblicas

y de Arqueología de la Flagelación de

Jerusalén, y se comprometan a dar profesores

capaces de responder a las orientaciones

y a las esperanzas de la Iglesia” (n. 36).

La Facultad ha recibido la aprobación

definitiva de la Congregación para la Educación

Católica. Este reconocimiento nos

empuja a un compromiso cada vez más intenso

para cualificarla y garantizar un futuro

sereno en la investigación y en la enseñanza.

También aquí se nos pide preparar al

menos seis nuevos profesores en los próximos

diez años, sobre todo en Exégesis del

Antiguo y del Nuevo Testamento.

Además de Jerusalén, recuerdo el Instituto

de Estudios Ecuménicos de Venecia, único

en su género en la Orden; El Instituto Te-

73

ológico de Murcia en España, donde se ofrece

la Licencia en Teología Fundamental y el

de Petrópolis en Brasil, donde se da la Licencia

en Teología de la Evangelización. En

el mundo anglófono Canterbury, St. Bonaventure

University en Nueva York y Berkeley

en California ofrecen buena parte de estudios

franciscanos importantes. Otros Centros

de Estudio, realidad en crecimiento en la

Orden, manifiestan una atención renovada a

este campo tan importante para el futuro.

7. “Fondo para la formación y los estudios.

Se mantenga y incremente el Fondo para

la formación y los estudios con la contribución

de todas las Entidades” (n. 37).

La ayuda que la Curia general puede

ofrecer para Becas, para sostener la formación

en las Entidades más limitadas en medios,

para los Centros de estudio y para la

formación de profesores e investigadores,

son administrados por el SGFE gracias al

Fondo para la formación y los estudios. Actualmente

las entradas voluntarias de las

Entidades disminuyen en gran manera,

mientras crecen las solicitudes de ayuda.

Frecuentemente somos forzados a reducir

las solicitudes y a tener una política financiera

más atenta. Es un problema delicado y

vital para el futuro de la formación permanente

e inicial en las diversas Provincias y

Custodias y pide una mentalidad más acentuada

en la solidaridad de parte de todos,

también de las Entidades más pobres.

Presento enseguida lo que el Capítulo

General ha pedido a las ENTIDADES Y

CONFERENCIAS para que se pueda verificar

en qué punto esta el camino y cuáles son

las motivaciones que tenemos al interno de

las Conferencias en relación a estas materias.

Entre éstas me permito subrayar la importancia

del Postulantado, en cuanto al

tiempo, al menos un año, y al programa formativo

bien definido. Además la formación

específicamente franciscana responde a opciones

más decididas, especialmente en el

tiempo de profesión temporal. Insisto también

en la importancia de inculturar en mayor

medida la RFF en las diferentes áreas

donde estamos presentes y la modalidad pa-


74 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

ra dotar a las Entidades y/o Conferencias de

una apropiada Ratio studiorum.

6. La vida y las actividades del SGFE

Actividades hasta hoy realizadas

En los primeros 18 meses de actividades

el SGFE ha continuado el trabajo ordinario

administrativo de la oficina. El espíritu de

diálogo y de colaboración en la Secretaría

general es en verdad bueno y expreso mi gratitud

a Fr. Alojzy Warot y a Fr. John Wright

por la amistad y el servicio, con frecuencia

humilde y escondido, pero muy importante

para llevar a cabo el trabajo cotidiano.

En octubre del 2003 el Comité Ejecutivo

se reunió por primera vez y presentó al Definitorio

general una propuesta de “Plan para

el sexenio”, que ya conocéis. El Comité

Ejecutivo se volvió a reunir en mayo y en

diciembre del 2004. Aprovecho para agradecer

a Fr. João I. Müller, a Fr. Albert Schmucki

y a Fr. John Paul Tan que nos han

ayudado en gran medida para reflexionar y

programar las actividades en un espíritu de

optima comunicación y colaboración.

Entre las actividades recuerdo que se

han realizado los Cursos que ya he mencionado

antes; se ha comenzado la preparación

del Congreso Internacional de Maestros de

Novicios con un cuestionario; se han llevado

a cabo dos cursos de lengua italiana en el

Antonianum; se ha comenzado una investigación

sobre la situación de los Centros de

Estudio de la Orden y para tener un elenco

de profesores OFM actualmente activos.

El trabajo de la Secretaría comprende

también la atención a la Pontificia Universidad

Antonianum, a Grottaferrata y a la

Comisión Escotista, según os lo he mencionado.

La Secretaría también es responsable,

por encargo del Ministro general, del Colegio

Fraternidad Internacional “Ven. Fr. Gabriel

M. Allegra”, donde la Fraternidad tiene

una configuración autónoma, a través de

un equipo específico compuesto por el

Guardián, el Vicario-Rector y por el Ecónomo-Vice

Rector. Se está haciendo un grande

esfuerzo para cualificar la vida de la Fraternidad

no solamente desde el punto de

vista de los estudios, sino también de la calidad

de la vida fraterna, favoreciendo el

acompañamiento y la atención a cada hermano

(hoy son 101 estudiantes). Han sido

promulgados los nuevos Estatutos de la Casa,

enviados a todos los Ministro y Custodios.

Es necesario discernir sobre los candidatos

enviados al Colegio y garantizar una

relación verdadera con la Provincia.

El trabajo de enlace se dirige también a

los demás Centros de estudio de la Orden,

algunos de los cuales ya he visitado, como

Jerusalén, Venecia, Canterbury, S. Bonaventure

University en los EE.UU. de Norteamérica,

la Facultad de Quito en Ecuador y

las Universidades de Bogotá y Cali en Colombia.

Se trata de una grande riqueza que

está en crecimiento numérico y de calidad,

también en colaboración con la Familia

Franciscana y con otros Institutos religiosos

de diferentes partes del mundo.

En la Curia se ha comenzado la colaboración

y un intercambio permanente con el

Secretariado para la Evangelización y la

Misión, con la Oficina JPIC, con el de las

Clarisas y contemplativas franciscanas y el

de la OFS. Se trata de una realidad muy positiva

que queremos sostener y hacer crecer.

Con el SGE hemos encontrado conjuntamente

dos Conferencias y organizado el encuentro

de Lusaka con los Secretarios para

la Evangelización y la Formación de África

en agosto del 2004.

Se ha participado a las asambleas de Formadores

de seis Conferencias, visitado las

Casas de formación y los Centros de estudio

de varias Entidades, animado encuentros

de formación permanente, tocando sobre

todo la RFF, la etapa del Postulantado,

el documento del Capítulo general y el tema

del acompañamiento personalizado y en

fraternidad, la promoción de los estudios.

De estas visitas e intercambios maduramos

algunas convicciones.

Existen muchas Entidades y Conferencias

que tienen un camino local y de Conferencia

muy bien encaminado y otras a las

que tenemos que seguir más de cerca. En

todos los casos es necesario estimular la

creatividad y la apertura de nuevos horizontes,

para no repetir las mismas fórmulas. Es


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

necesario también promover la interprovincialidad

y la colaboración real entre las Entidades

y a nivel de Conferencia. En estas

últimas es importante realizar algunas modalidades

de formación de formadores, poniendo

atención para inculturar la propuesta

educativa.

Proyectos en preparación

• Octubre 2006: Curso para Formadores

sobre algunos aspectos franciscanos del

acompañamiento formativo.

• Curso para formadores en Canterbury

(cada año 9 meses en lengua inglesa).

• Tiempo sabático en Tierra Santa en lengua

inglesa (2006); en lengua española

(2007); en lengua italiana (2008).

• “Celebrando el don de la vocación” en

lengua italiana (2006), en lengua inglesa

(2007), en lengua española (2008).

• 2007: Congreso Internacional de Moderadores

de Formación Permanente.

• Febrero 2007: Consejo Internacional de

Formación y Estudios sobre la promoción

de los estudios.

• III Encuentro de Rectores y Directores

de Centros de Estudio de la Orden.

• Subsidio descriptivo de Centros de estudio

de la Orden.

• Producción de material para la formación

permanente.

• Investigación sobre Hermanos artistas,

exposición y comisión sobre el tema.

• Visitas a las conferencias y a las diferentes

Entidades.

Una primera evaluación

Después de 18 meses de servicio en el

Secretariado, Deseo expresar, a nombre de

Fr. Alojzy y Fr. John, nuestra gratitud y satisfacción

con el trabajo que se nos ha pedido,

y que al mismo tiempo nos ha enriquecido.

De hecho, nos pone en contacto diario

con la vida de la Orden, especialmente a través

de la colaboración solicitada por el Ministro

General y por el Definitorio General.

Podemos sentir que la Orden es una Fraternidad

internacional en la cual existe una

gran variedad y riqueza de dones y expresiones.

Podemos también ver lo bueno que

hay en nuestra familia, lo cual frecuente-

75

mente no reconocemos ni apreciamos suficientemente.

Hemos creado un estilo de escucha, de

colaboración y diálogo en nuestro trabajo

en la Curia. A pesar de las preocupaciones

que esto trae consigo, creo que puedo decir

que hemos mantenido este estilo, que se traduce

en intercambio, reflexión y colaboración

llevando adelante las iniciativas juntos.

Lo mismo se puede decir de los diversos

encuentros con los Ministros y

Custodios, Formadores, Entidades y Conferencias.

Desde las primeras visitas que hicimos

a 9 Conferencias y a 20 Entidades, hemos

visto la importancia de gastar tiempo y

energía al encuentro con los Hermanos, privilegiando

los encuentros de formadores y

aquellos con todos los Hermanos en formación

permanente y en las Casas de formación.

Me permito en esta ocasión agradecer

sinceramente a todos los Hermanos que nos

han acogido en las Conferencias, haciéndonos

sentir realmente a casa. Además, deseo

decir aquí que considero muy importante la

presencia del Secretariado en los encuentros

de Formadores de una Conferencia al

menos una vez en el período de seis años. El

estilo escogido es el de mantenernos con esta

clase de encuentros por todo el tiempo

para compartir algunos días de trabajo y fraternidad.

Exhorto a las Conferencias donde

no hay este tipo de encuentro a promoverlos,

aún con nuestra ayuda si fuere necesario.

Lo mismo vale para los cursos de formadores

a nivel de Conferencia.

El trabajo en el Secretariado con la Pontificia

Universidad Antonianum, el Colegio

internacional “Ven. Fr. Gabriel M. Allegra”,

el Colegio de San Buenaventura de Grottaferrata

y la Comisión Escotista continúa a

través del cuidado de relaciones diarias, las

cuales son más administrativas que de animación

y coordinación. Esta es una cuestión

que hemos de tener en cuenta para el

presente y para el futuro de estas instituciones

a través de la búsqueda de profesores e

investigadores especialmente como ya he

mencionado anteriormente.

Durante los cursos para formadores

aprendimos a tener mayor cuidado de la in


76 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

formación que se debe dar desde el comienzo

de los cursos y de la acogida, además de

la constante atención a la internacionalidad.

Estos cursos son lugares importantes para la

formación y el conocimiento entre los formadores

de las diferentes partes del mundo.

En la evaluación del curso de octubre pareció

oportuno continuar en proponer el tópico

del acompañamiento personalizado

para el futuro, acentuando la dimensión

franciscana y el acompañamiento de grupo

en fraternidad.

Conclusión

Entrego el informe al Consejo Internacional

para que sea discutido, pido clarificaciones

y explicaciones si pensáis que es

necesario. También nosotros deseamos recibir

sugerencias y propuestas que parezcan

oportunas para que nuestro servicio a la Orden

pueda crecer en sentido de participación.

Un agradecimiento conclusivo a cada

uno de vosotros y, a través de vosotros, a los

formadores de todas las Entidades y Conferencias.

A través de vuestra presencia y de

vuestro trabajo diario el servicio a la formación

y los estudios anima y mueve la vida y

la misión de los Hermanos de la Orden.

Nuestro servicio, con frecuencia un poco

“virtual”, tiene sentido si se mantiene en

relación y abocado a la ayuda en lo que cada

uno de vosotros y de todos los formadores

de la Orden realiza, para que crezcamos

en la esperanza que nuestra vocación continúe

siendo una palabra actual y fecunda para

el hombre de nuestro tiempo.

FR. MASSIMO FUSARELLI, OFM

Secretario general

para la Formación y los Estudios

3. Letter to the Brother Ministers, Custodes

and Formators OFM

Sharing our experience with the brothers

In these days of 14th – 26th February, we

the members of the International Council for

Formation and Studies met in Korea under

the historical inspiration of the encounter between

Francis and the Sultan of Egypt.

In continuity with the General Chapter

of Assisi 2003, we adopted the theme for

this meeting: «Dialogue for peace. What

kind of formation in a multicultural and

multi-religious context?»,.

Many of us, like St. Francis, crossed frontiers

to be in Korea for this graced moment of

encounters. Our encounters and dialogue

with the cultural and religious diversity of

Asia challenged us to cross our own mental,

psychological and spiritual frontiers.

While we were able to recognize the

common search for deep spirituality and

sincerity, we were also able to discover other

elements which are present in today’s society.

We recognize the phenomenon of

globalization, which presents both opportunities

and challenges.

In the encounter with Buddhism, Confucianism,

Islam and Hinduism, we also recognize

the common search for a deep spirituality

and the answers for a more humane world.

Dialogue with other religions, cultures and

indigenous peoples is an opportunity to discover

the other face of God who, not only accepts

the differences between Him and creation,

but also rejoices in diversity.

As we perceive the challenges of globalization,

we see the movement towards a

world-wide culture that can, at times, be

primarily driven by economy, communications

and technology, thus emptying it of a

soul and perhaps without a heart.

These realities which we have encountered

draw us to new horizons which we

must address as a global fraternity.

New horizons for formation and studies

Our dialogue in these few days has inspired

us to look to the future with new sets

of eyes. This is a future that sees the Friars

Minor as persons who are passionate for

God and the human person.

From Crusade to Fraternity

At Damietta, contrary to what was happening

around him, Francis arrived not with


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

an attitude of the Crusades, but with a spirit

of fraternity. Similarly the Friars Minor

are not called to follow the current spirit of

domination and appropriation but a spirit of

fraternal encounter.

From the spirit of Fraternity to the courage

of “going beyond”

The same Spirit who led Francis into

contemplation and passion for God, also led

him to a new vision of fraternity. This new

vision led him to go beyond the walls and

borders of social, cultural and even religious

barriers. It is in this inclusive vision

that Francis saw the world as his cloister.

In this spirit of going beyond, friars

should have the confidence and honesty to

face the past, even with its burden of failures

as a means to understand and accept

our difficulties and those of the other.

This “going beyond” also urges us onto

paths of authentic inculturation.

Encountering the “other”

The belief in this universal fraternity inspired

him to see his encounter not as conquest,

but as one of pilgrimage undertaken

together. The experience that St. Francis

had of God also enabled him to discern the

same Spirit working in the other. That is

why the other becomes for him a gift and a

way of encountering the Incarnate Word.

Proposals

In our meetings we have become evermore

convinced that “desire for dialogue is

an essential part of the Church’s mission,”

and that “inter-religious dialogue is more

than a way of fostering mutual knowledge

and enrichment; it is part of the Church’s

evangelizing mission, an expression of the

mission ad gentes.” (Ecclesia in Asia, 29, 31)

Above all, it is a dialogue of life and

heart which is best developed “in a context

of openness to other believers, a willingness

to listen and the desire to respect and understand

others in their differences.” (Ecclesia

in Asia, 31).

We therefore present these proposals

based on this conviction.

77

• The Friars should cultivate and deepen

their own spirit of prayer and devotion as

a priority. This forms the platform for the

authentic encounter and dialogue with

the other; friars, fraternity, society and

other religions. Nevertheless, the fraternity

always remains the privileged place

of learning the art of dialogue.

• Formators who are to be men attuned to

dialogue (RFF 138), are to acquire skills

in communication, an attitude of openness

and men who are attentive to the signs

of the times (RFF 151).

• Assisted by the human sciences, all stages

of initial and ongoing formation

should aim at the encounter with the

other. In the daily life of the friars, there

should be an attitude of listening, respect,

courtesy, appreciation of differences

and recognition of the good in others.

• The formation programmes should take

into account the issue of dialogue in a

multicultural and multi-religious environment.

The future of our Order calls

for new exchanges of formative experiences

in the different spheres of mission

and inter-religious dialogue. The

aim of these exchanges would be that of

coming into contact with the lived realities

of the other parts of the Order.

• In all stages of formation, especially in

the initial years, the friars are to enter into

dialogue with the different forms of

poverty within their environment. This

dialogue and encounter with their social

realities should be followed by a guided

reflection of this experience.

• The study centres of the Order should

develop programmes to prepare friars

for dialogue. For this purpose they are

invited to reread history and theology

from a Franciscan perspective (cf. RS,

70-74).

• All friars, especially those in initial formation,

are to engage in the study of languages

as an indispensable means of dialogue,

in a spirit of respect for others (cf.

RS, 53).

• In a continuing dialogue towards inculturating

the Ratio Formationis and Ratio

Studiorum, entities are encouraged to


78 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

draw up their own Ratio, taking into

consideration local realities.

• The Secretaries for Formation and Studies

in all entities are invited to work in

closer collaboration with those for Evangelization,

the Service for Dialogue and

JPIC.

Conclusion

We thank the Minister Provincial and

brothers of the Province of the Korean Martyrs

for their exceptional hospitality in welcoming

us in their provincial house in

Seoul, and in the houses of initial formation

and the house of prayer of the Province. We

would like to acknowledge the other partners

of this dialogue; our brothers from other

religious traditions and other friars who

impressed upon us the importance of dialogue.

We offer these reflections to you,

brothers Ministers, Custodes and Formators,

and through you, to all friars. We are

convinced that the historical encounter of St

Francis with the Sultan urges us today to

embark on a renewed formative journey as

instruments of dialogue in a world that is

thirsty for peace.

Seoul, South Korea on 26 th of February 2005

2. Notitiae particulares

THE BROTHERS OF THE

INTERNATIONAL COUNCIL

FOR FORMATION AND STUDIES

– Commissione Scotista. Con Decreto del

15 marzo 2005 il Ministro generale approva

e promulga gli Statuti Particolari della

Commissione Scotista

Prot. 095382 (046/05)

– Grottaferrata. Con Decreto del 21 marzo

2005 il Ministro generale approva e promulga

gli Statuti Particolari del Collegio

Internazionale S. Bonaventura di Grottaferrata.

Prot. 095436 (060/05)


E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

1. Eucaristia nella Basilica di San Pietro

Città del Vaticano, 02.02.2005

«La festa della Presentazione al Tempio

di Gesù è la manifestazione di Dio a tutte le

genti. Cristo è luce di tutte le nazioni e di

tutti i popoli, per questo prima di salire al

cielo comanda ai suoi discepoli di continuare

la missione di predicare la Buona Novella

a tutte le genti. Noi siamo coloro che hanno

ricevuto da Cristo questo comando: dobbiamo

cioè manifestare e rivelare Dio a tutti

i popoli, ed è quello che la Chiesa sta facendo

da duemila anni. È quello che oggi dobbiamo

fare noi come missionari di Cristo».

Nella festa della Presentazione al Tempio

di Gesù, il Card. Crescenzio Sepe, Prefetto

della Congregazione per l’Evangelizzazione

dei Popoli, ha presieduto questa

mattina una Concelebrazione Eucaristica

nella Basilica Vaticana, con un gruppo di

Frati minori dell’Estremo Oriente, accompagnati

dal Vicario generale e da alcuni Definitori

generali. I religiosi, dopo aver vissuto

alcuni momenti spirituali nei luoghi

francescani, sono giunti in pellegrinaggio

sulle tombe degli Apostoli a Roma.

«Cari fratelli – ha detto il Card. Sepe nell’omelia

– , avete desiderato venire in pellegrinaggio

alla tomba di Pietro. Oggi noi siamo

qui, sulla tomba del primo degli Apostoli

per manifestare la nostra fede a Pietro

e al Successore di Pietro, che Cristo ha insignito

della sua potestà. Francesco chiese

con tutte le sue forze di avere il sigillo dell’autenticità

del suo carisma dal Papa. Come

Francesco siamo venuti per “videre Petrum!

e dalla tomba di Pietro e dalla testimonianza

di carità del suo successore, il

Papa Giovanni Paolo II, vogliamo trarre la

forza per essere annunciatori del Signore e

del suo Vangelo a tutte le genti».

Il Card. Sepe ha quindi rinnovato il mandato

missionario ai Frati: «In modo partico-

lare voi avete la missione speciale di manifestare

Cristo nell’immenso e grandioso continente

asiatico. Andate e siate testimoni del

Risorto a tanti nostri fratelli che attendono

l’annuncio della morte e risurrezione del Signore.

Francesco andò a vedere Pietro, ma

poi volle anche andare dal Sultano perché

voleva annunciare Cristo alle genti. Voi avete

visto Pietro e con la fede di Pietro andate

ad annunciare il Signore ai vostri fratelli!

Siate luce, soprattutto con la testimonianza

della vostra vita, siate portatori dell’amore e

della carità di Cristo per tutti gli uomini. Come

i primi missionari francescani che seppero

dare anche la loro vita per il Signore e come

tanti francescani testimoniano ancora oggi

il Signore in molte nazioni del mondo

anche nei contesti più problematici, siate luce

delle genti. Il Signore benedica la vostra

dedizione missionaria!».

(S.L., Agenzia Fides 2/2/2005)

2. Incontro del Comitato Esecutivo del

COFIEM

Roma, Curia generale, 29.03-02.04.2005

Dal 29 marzo al 2 aprile del 2005, nella

Curia Generale, si è riunito il Comitato Esecutivo

del Consiglio Francescano Internazionale

per l’Evangelizzazione e Missioni

(COFIEM), organismo di aiuto al Segretariato

Generale di Evangelizzazione e Missioni

(SGEM). Dopo aver letto e meditato il

testo “La grazia delle Origini”, specialmente

per quanto concerne l’evangelizzazione e

le missioni, il Comitato ha approvato il nutrito

ordine del giorno.

Per prima cosa il Comitato ha studiato

una bozza di Statuti Peculiari per il CO-

FIEM e per il SGEM, preparata in antecedenza,

e che ora dovrà essere inviato al Definitorio

generale per l’approvazione.


80 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Il Comitato ha ripreso, poi, le proposte

dell’Assemblea del COFIEM (ottobre

2004), già approvate dal Definitorio generale,

dando suggerimenti in vista della loro

concretizzazione. Riguardo alla priorità della

revisione dell’animazione nelle Entità e

nelle Conferenze, il Comitato ha suggerito

diverse strategie: dare consistenza agli orientamenti

degli Statuti generali con motivazioni

e approfondimenti; cercare i contatti personali,

soprattutto a livello di Conferenze;

scrivere una lettera ai Segretari ed ai Ministri,

cercando di coinvolgere entrambi; partecipazione

del Delegato nell’attività di sensibilizzazione

e di informazione.

Per quanto concerne la proposta di promuovere

e accompagnare l’elaborazione

del progetto provinciale per l’Evangelizzazione

ordinaria e per quella missionaria, il

Comitato ha elaborato uno schema di riferimento.

È necessario offrire le motivazioni

fondamentali per tale compito, tenendo presenti

alcuni passi da compiere: chiarire la

nostra identità (chi siamo); conoscere e valorizzare

il nostro operare (che cosa facciamo);

ricuperare la memoria storica; prendere

coscienza delle sfide e dei cambi della

realtà storica; accogliere le luci e gli orientamenti

che provengono dalla Chiesa e dall’Ordine;

individuare le priorità e fare delle

scelte a livello di stile di vita, di presenze e

di forme di evangelizzazione e di missioni;

organizzare le strutture di animazione e di

formazione; prevedere dei meccanismi di

verifica.

Per l’elaborazione e la stesura dei Sussidi,

il Comitato ha proposto uno schema di

riferimento per i seguenti Sussidi:

• Animazione missionaria: Obiettivo;

Testo biblico; Riflessione sulla base delle

CCGG (Cap. V) e di altri documenti dell’Ordine,

in particolare “Riempire la terra

del Vangelo di Cristo”; Riferimenti bibliografici;

Proposta di una dinamica per l’approfondimento.

Una Commissione “ad

hoc” sarà di aiuto per l’elaborazione del

Sussidio.

• Pubblicazione dei risultati dell’inchiesta

sulle presenze pastorali dei Frati, realizzata

nel sessennio scorso: Titolo; Lettera

del Ministro generale; Memoria storica del-

l’inchiesta; I grafici; I commenti della Commissione

dell’inchiesta; Alcune prospettive;

Domande del Ministro generale di allora,

Fr. Giacomo Bini, ed il suo Definitorio;

Conclusione.

• Orientamento della Pastorale parrocchiale:

Evoluzione storica della presenza

dei Frati minori nelle parrocchie; Fondamenti

teologico-pastorali della parrocchia;

Caratteristiche francescane della pastorale

parrocchiale dei Frati; Sfide e possibilità attuali

nella pastorale parrocchiale; Parrocchia

nelle missioni; Alcune esperienze di

nuove forme di pastorale parrocchiale.

• Progetto provinciale di evangelizzazione

(cf. Priorità 2003-2009,4.1): Chi siamo?

(la nostra identità, i nostri valori, l’essenziale

del nostro carisma in una fedeltà creativa);

Che cosa stiamo facendo? (a livello di

Fraternità e di singoli frati, ricuperare la

memoria storica, prendere coscienza delle

sfide attuali a partire dall’esterno e dall’interno);

Come lo dovremmo fare? (Criteri e

riferimenti di illuminazione, di valutazione,

di giudizio); Che cosa vogliamo fare e come

lo vogliamo fare? (stile di vita, linee di

azione, priorità); 5. Quali mezzi vogliamo

usare? (strutture di animazione, mezzi di

formazione, forme di sostegno, di verifica).

È stata fatta anche una riflessione sui criteri

o sulle caratteristiche per classificare

una forma di evangelizzazione come nuova.

Sono stati sottolineati i seguenti aspetti per

caratterizzare una forma nuova:

• deve essere nuova nell’ardore (con lo

spirito della “missio ad gentes”, ripartendo

da Cristo missionario ed evangelizzatore,

coltivando la fedeltà creativa al carisma e al

padre S. Francesco, lasciandosi muovere

dallo Spirito del Signore);

• nei metodi (itineranza e creatività; inserimento

in mezzo al popolo, nelle sue diverse

situazioni e culture; apertura al dialogo;

promozione dei (fedeli) laici, in modo

da favorire l’inculturazione del Vangelo,

della Chiesa e del carisma);

• nelle espressioni (Fraternità itineranti,

Fraternità inserite, forme di evangelizzazione

che vanno al di là della forma istituzionale,

apertura a vari tipi di collaborazione

interprovinciale e interfamiliare nella Fami-


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZAZIONE ET MISSIONE

glia francescana). Ci sono delle esigenze

fondamentali da salvaguardare: l’identità di

una Fraternità evangelizzatrice che incarna

e rende visibili i valori del carisma esplicitati

dalle CCGG e dalle priorità dell’Ordine,

la coerenza tra stile di vita e impegno

nelle attività, la lettura e l’interpretazione

dei segni dei tempi, la comunione ecclesiale

ed il servizio alla Chiesa locale.

È stata elaborata anche una scheda per la

relazione annuale dei Segretari provinciali

sulle loro attività di animazione e sul cammino

dell’Entità rispetto all’evangelizzazione

ed alle missioni.

Altro argomento trattato nella riunione

del Comitato è stato la preparazione della

prossima Assemblea del COFIEM. Dopo

lunga discussione, il Comitato è arrivato alle

seguenti conclusioni:

• Luogo: Repubblica Dominicana (in

sintonia con la memoria dei 500 anni della

presenza francescana e della fondazione

della Provincia più antica in America Latina;

contatto con delle esperienze significative

dell’Entità locale; appoggio e solidarietà

con quell’Entità; rispetto dei suggerimenti

dei membri dell’ultima assemblea del

COFIEM)

• Data: dal 13 febbraio (arrivi) al 21 febbraio

(partenze) 2006.

• Tema: Memoria e profezia nelle intuizioni

missionarie e nelle forme di evangelizzazione.

Si chiederà ai Delegati una relazione,

si farà una giornata di approfondi-

81

mento sul tema, ci sarà un contatto con le

realtà locali.

Il Ministro generale, Fr. José R. Carballo,

ha partecipato ad una sessione dell’incontro.

Dopo aver rivolte parole di ringraziamento

e di incoraggiamento, ha sottolineato

la necessità di suscitare nei frati lo

spirito missionario e di stimolare la creatività

nella ricerca di nuove forme di evangelizzazione;

di essere presenti e di operare

nelle parrocchie, nella pastorale educativa e

in altre forme di evangelizzazione, secondo

il carisma francescano.

Il Comitato, infine, ha suggerito di offrire

ai giovani frati, in formazione iniziale,

occasione per fare esperienza della “missio

ad gentes” e di evangelizzazione; ha indicato

alcune modalità per far conoscere le missioni

delle Province e delle Conferenze e

per migliorare la comunicazione tra SGEM

ed i Segretariati provinciali ed interprovinciali.

Fr. Alessandro Caspoli del Centro Antoniano

di Bologna, al termine dell’incontro,

ha fatto vedere e commentato la “bozza” di

un DVD sulla dimensione missionaria del

carisma francescano, sulle missioni dell’Ordine

e sulle varie attività di evangelizzazione.

FR. NESTOR INACIO SCHWERZ OFM

Segretario generale

per l’Evangelizzazione


82 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I


E POSTULATIONE GENERALI

1. Decretum super virtutibus S. D. Seraphinae

ab Angelis

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Venetiarum. Beatificationis et Canonizationis

Servae Dei SERAPHINAE AB ANGELIS

(in saec.: Victoriae Gregoris) Religiosae

Professae Instituti Sororum Franciscalium

a Christo Rege (1873-1935).

«Per multas tribulationes oportet nos intrare

in regnum Dei» (Act 14, 22).

Viam crucis apostolico spiritu percurrit

Serva Dei Seraphina ab Angelis (in saec.:

Victoria Gregoris), quae, insanabili morbo

a iuvenili inde aetate affecta, Christi tribulationes

participavit et instrumentum facta

est solaminis omnibus se adeuntibus, ut digna

Regni caelorum efficeretur.

Haec vera Sancti Francisci Assisiensis

sectatrix in loco v. d. Fiume Veneto, provinciae

Portus Naonis, die 15 mensis Octobris

anno 1873 nata est e modesta familia, quae

eam christianis moribus instituit. In oppido

Bannia litterarium explevit ludum, ingenio

et bonitate eminens. Anno 1886 ingressa est

associationem Filiarum Mariae, cuius postea

praeses exstitit. Ad familiam sustentandam,

quae in oeconomicis angustiis versabatur,

aliquot per annos apud cotonificium

in eodem oppido nativo laborem exercuit.

Cotidie Eucharistiae intererat et assidue sacramenta

frequentabat.

Maturata vocatione ad vitam consecratam,

Venetiis mense Novembri anno 1894

ingressa est Institutum Sororum Franciscalium

a Christo Rege. Die 5 mensis Februarii

sequentis anni religiosum habitum induit,

nomen Sororem Seraphinam ab Angelis

assumens. Die 6 mensis Februarii anno

1896 professionem emisit. Operam deinde

navavit iuvenibus evangelizandis. Spatio

unius anni vix expleto, animadvertere coe-

pit prima morbi Pottiani indicia. Primo quidem

tempore, campum apostolatus relinquere

nolens, dolorem silentio pertulit et

mira fortitudine omnia assumpta opera fideliter

explevit. Etiam tempore quo orthopaedica

bacula adhibere coacta est, munia

sibi commissa explicare perrexit et ulterius,

cum ne baculis quidem stare poterat, consorores

precabatur ut ad locum operis apostolici

eam comitarentur. Vires eius physicae

paulatim in peius ruerunt ita ut omni motu

iam privata vivere cogeretur. Annis 1918-

1919, bello erumpente, Florentiam translata

est in valetudinarium Sancti Galli; bello

autem composito in domum Venetam rediit.

Precando spiritale invenit nutrimentum

ad serenitatem pacemque spiritus assequendas

et servandas. Serva Dei consorores attrahebat,

quae innumerae, solamen et consilium

quaerentes, eius cubiculum ingrediebantur.

Ulla absque condicione consiliis

Domini obtemperavit, ita ut crebro repeteret:

«Plurimum laetor Dei voluntatem

adimplendo», et viam Calvariae perseveranter

percurrit eo usque ut ad Christum

Crucifixum se conformaret.

Fides illuminavit et roboravit eam in

acerbis morbi incommodis perferendis.

Numquam spem amisit et in manus divinae

Providentiae fiducialiter se tradidit. Hortata

est suos ut similiter facerent, bene sciens

passiones huius temporis condignas non esse

ad futuram gloriam (cfr. Rom 8, J8). Devotionem

nutrivit erga Eucharistiam et Beatam

Mariam Virginem. Omnibus viribus dilexit

Dominum, cuius mandata servavit,

atque propria officia, Regulam et consilia

evangelica adimplens, maiorem in dies cum

Ipso communionem attigit. Tribulationes

patiens, sociata navitate Regnum Christi dilatandum

curavit, et per spiritum omnibus

Evangelium in regionibus non christianis

nuntiantibus adfuit, ita ut saepe diceret:

«Domi quoque manentes missionarii esse

possumus, dummodo fortiter pati valeamus,


84 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

omnia Domino offerentes pro missionibus

et missionariis». Caritatem exercuit erga

proximum ac praesertim erga consorores,

quas hortabatur ut sese gererent iuxta propriam

vocationem.

Virtutes prudentiae, iustitiae et patientiae

excoluit. Non permisit se automiserationibus,

querelis vel complorationibus implicari.

Testificationes dedit constantis simplicitatis,

humilitatis, alienationis a se ipsa

et a terrenis opibus, et iam a iuventute sensus

mortificavit per exercitium paenitentiae,

vitam plane gerens secundum franciscalem

spiritum.

Extremis quoque horis vitae erga personam

ministrantem ostendit eximiam sollicitudinem.

Paulo ante obitum nomen Divini

Redemptoris pronuntiavit, cui ipsa victimam

holocausti ob amorem sese obtulerat;

et die 30 mensis lanuarii anno 1935 Dominus

eam ad se vocavit.

Perpensa eius diffusa sanctitatis fama,

Patriarcha Venetiarum Causam beatificationis

et canonizationis incepit, instruens Inquisitionem

Dioecesanam annis 1986-1987.

Iuridicam huius Inquisitionis validitatem

Congregatio de Causis Sanctorum comprobavit

per decretum die 15 mensis Maii anno

1992 vulgatum. Apparata Positione, disceptatum

est num Serva Dei gradu heroico virtutes

excoluerit. Felici cum exitu, die 16

mensis Decembris anno 2003 actus est Congressus

Peculiaris Consultorum Theologorum.

Patres Cardinales et Episcopi in Sessione

Ordinaria congregati die 18 mensis

Maii anno 2004, audita Relatione Ponentis

Causae, Exc.mi D.ni Ottorini Petri Alberti,

Archiepiscopi emeriti Calaritani, edixerunt

Servam Dei virtutes theologales, cardinales

eisque adnexas heroice exercuisse.

Facta demum de hisce omnibus rebus

Summo Pontifici Ioanni Paulo II per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, mandavit ut super heroicis Servae

Dei virtutibus decretum conscriberetur.

Quod cum rite esset factum, accitis ad Se

hodierno die infrascripto Cardinali Praefecto

necnon Causae Ponente meque Antistite

a Secretis Congregationis ceterisque de mo-

re convocandis, eisque astantibus. Beatissimus

Pater sollemniter declaravit: Constare

de virtutibus theologalibus Fide, Spe et Caritate

tum in Deum tum in proximum, necnon

de cardinalibus Prudentia, Iustitia,

Temperantia et Fortitudine, eisque adnexis,

in gradu heroico, Servae Dei Seraphinae ab

Angelis (in saec.: Victoriae Gregoris), religiosae

professae Instituti Sororum Franciscalium

a Christo Rege, in casu et ad effectum

de quo agitur.

Hoc autem decretum publici iuris fieri et

in acta Congregationis de Causis Sanctorum

Summus Pontifex referri mandavit.

Datum Romae, die 22 mensis Iunii A. D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

2. Electio Ponentis in Causa Beati Simonis

de Lipnica

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 600-15/04

CRACOVIEN. Canonizationis Beati SIMO-

NIS DE LIPNICA Sacerdotis professi Ordinis

Fratrum Minorum.

Cum Causa Canonizationis Beati Simonis

De Lipnica, Sacerdotis professi Ordinis

Fratrum Minorum, suo indigeat Ponente,

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator Generalis

eiusdem Ordinis, ab hac Congregatione

de Causis Sanctorum petit ut, ex Patribus

eidem Congregationi praepositis, Ponentem

eiusdem Beati Causae eligere ac

deputare benigne dignetur.

Haec Congregatio, attentis expositis,

precibus annuit, et Em.mum ac Rev.mum

Dominum D. Iulianum S.R.E. Cardinalem

Herranz, Ponentem Causae praefati Beati

Simonis De Lipnica, omnibus cum iuribus

et facultatibus necessariis et opportunis,


elegit et nominavit. Contrariis non obstantibus

quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 14 mensis Decembris A.D. 2004.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

3. Facultas exuvias S. D. Augustini Castrillo

recognoscendi atque transferendi

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1450-8/05

SANCTI MARCI ARGENTANEN.-SCALEEN.

Beatificationis et Canonizationis Servi Dei

AUGUSTINI ERNESTI CASTRILLO Episcopi

Sancti Marci Argentanensis-Bisinianensis

ex Ordine Fratrum Minorum.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut exuviae Servi Dei Augustini Ernesti

Castrillo, Episcopi Sancti Marci Argentanensis-Bisinianensis,

ex eodem Ordine, in

crypta Ecclesiae Cathedralis Dioeceseos

Sancti Marci Argentanensis-Scaleensis asservatae,

recognosci atque, eadem recognitione

canonica peracta, in sacellum Sancto

Michaëli Archangelo dicatum eiusdem Ecclesiae

Cathedralis, transferri possint.

Haec Congregatio, attentis expositis

necnon assensu Exc.mi ac Rev.mi Domini

D. Dominici Crusco, Episcopi Sancti Marci

Argentanensis-Scaleensis, pro gratia iuxta

preces benigne annuit, ea tamen lege ut

omnia signa cultus publici praefato Servo

Dei vitentur: servata tamen peculiari Instructione

huius Congregationis. Contrariis

non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 13 mensis Ianuarii A.D. 2005.

E POSTULATIONE GENERALI

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

4. Electio Ponentis in Causa Beatae Baptistae

Varano

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2381-7/05

85

CAMERINEN.-SANCTI SEVERINI IN PICENO.

Canonizationis Beatae BAPTISTAE VARANO

(seu Camillae Baptistae de Varano) Monialis

professae Ordinis Clarissarum Fundatricis

Monasterii Sanctae Clarae Civitatis

Camerini.

Cum Causa Canonizationis Beatae Baptistae

Varano (seu Camillae Baptistae de Varano),

Monialis professae Ordinis Clarissarum

et Fundatricis Monasterii Sanctae Clarae civitatis

Camerini, suo indigeat Ponente,

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator Generalis

Ordinis Fratrum Minorum, ab hac Congregatione

de Causis Sanctorum petit ut, ex

Patribus eidem Congregationi praepositis,

Ponentem eiusdem Beatae Causae eligere ac

deputare benigne dignetur.

Haec Congregatio, attentis expositis,

precibus annuit, et Exc.mum ac Rev.mum

Dominum D. Francum Croci, Episcopum

titularem Potentinum in Piceno, Ponentem

Causae Canonizationis praefatae Beatae

Baptistae Varano, omnibus cum iuribus et

facultatibus necessariis et opportunis, elegit

et nominavit. Contrariis non obstantibus

quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 1 mensis Februarii A.D. 2005.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis


86 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

5. Electio Ponentis in Causa Servorum

Dei Victoris Chumillas et Sociorum

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1591-8/03

TOLETANA. Beatificationis seu Declarationis

Martyrii Servorum Dei VICTORIS

CHUMILLAS FERNANDEZ et XXI SOCIORUM ex

Ordine Fratrum Minorum in odium Fidei,

uti fertur, interfectorum.

Cum Causa Beatificationis seu Declarationis

Martyrii Servorum Dei Victoris Chumillas

Fernandez et xxi Sociorum, ex Ordine

Fratrum Minorum, in odium Fidei, uti

fertur, interfectorum, suo indigeat Ponente,

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator Generalis

eiusdem Ordinis, ab hac Congregatione

de Causis Sanctorum petit ut, ex Patribus

eidem Congregationi praepositis, Ponentem

eorundem Servorum Dei Causae

eligere ac deputare benigne dignetur.

Haec Congregatio, attentis expositis,

precibus annuit, et Exc.mum ac Rev.mum

Dominum D. Xaverium Echevarria Rodriguez,

Episcopum titularem Cilibiensem,

Ponentem Causae praefatorum Servorum

Dei Victoris Chumillas Fernandez et xxi

Sociorum, omnibus cum iuribus et facultatibus

necessariis et opportunis, elegit et nominavit.

Contrariis non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 16 mensis Februarii A.D. 2005.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

6. Electio Ponentis in Causa SD Maximi

Rinaldi

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1741-14/05

REATINA. Beatificationis et Canonizationis

Servi Dei Maximi Rinaldi Episcopi Reatini

e Congregatione Missionariorum a

Sancto Carolo.

Cum Causa Beatificationis et Canonizationis

Servi Dei Maximi Rinaldi, Episcopi

Reatini, e Congregatione Missionariorum a

Sancto Carolo, suo indigeat Ponente,

Rev.mus P. Lucas De Rosa, O.F.M., Postulator

legitime constitutus in eiusdem Servi

Dei Causa, ab hac Congregatione de Causis

Sanctorum petit ut, ex Patribus eidem Congregationi

praepositis, Ponentem eiusdem

Servi Dei Causae eligere ac deputare benigne

dignetur.

Haec Congregatio, attentis expositis,

precibus annuit, et Exc.mum ac Rev.mum

Dominum D. Laurentium Chiarinelli, Episcopum

Viterbiensem, Ponentem Causae

Beatificationis et Canonizationis praefati

Servi Dei Maximi Rinaldi, omnibus cum

iuribus et facultatibus necessariis et opportunis,

elegit et nominavit. Contrariis non

obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 28 mensis Februarii A.D. 2005.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiep. tit. Lunensis

a Secretis

7. Notitiae particulares

1. Congregatio Ordinaria super miraculo

Il 18 gennaio 2005 i Padri Cardinali e Vescovi,

membri della Congregazione delle

Cause dei Santi, riuniti in Congregazione

Ordinaria, ascoltata la Relazione dell'Ecc.mo

Mons. Salvatore Boccaccio, Ponente

della Causa, espressero il loro unanime

giudizio affermativo sulla presunta guarigione

miracolosa attribuita all'intercessione

del Venerabile Servo di Dio Agostino

Thevarparampil (1891-1973), sacerdote

della diocesi di Palai in India.


2. Congregationes Ordinariae super virtutibus

Radunati in Congregazione Ordinaria,

nella duplice sessione dell'11 gennaio 2005

e del 1 marzo 2005, i Padri Cardinali e Vescovi,

membri della Congregazione delle

Cause dei Santi, dopo di aver ascoltato le

Relazioni dei rispettivi Ponenti delle Cause

(l’Em.mo Signor Cardinale Giuliano Herranz

e l'Ecc.mo Mons. Franco Croci),

espressero unanime giudizio affermativo

sulla eroicità delle virtù praticate dal Beato

Simone da Lipnica (1440-1482), sacerdote

professo OFM, e della Beata Battista Varano

(1458-1524), monaca professa dell'Ordine

di S. Chiara, beatificati “per conferma di

culto” il 24 febbraio 1685 e il 7 aprile 1845.

3. Congregatio Ordinaria super martyrio

Nel corso della Congregazione Ordinaria

del 15 marzo 2005, i Padri Cardinali e

Vescovi, mèmbri della Congregazione delle

Cause dei Santi, ascoltata la Relazione

dell'Ecc.mo Mons. Saverio Echevarria Rodriguez,

Ponente della Causa, hanno

espresso il loro unanime giudizio affermativo

sul presunto martirio dei Servi di Dio

Victor Chumillas Fernandez e XXI Soci,

membri dell'Ordine dei Frati Minori della

Provincia di Castiglia, uccisi, in odium Fidei,

nel 1936.

4. Congressus Peculiares super virtutibus

Nelle tre distinte Sessioni del 1 febbraio,

12 aprile e 19 aprile dell'anno 2005, riuniti

E POSTULATIONE GENERALI

87

in Congresso Peculiare presieduto dal Promotore

Generale della Fede, i Consultori

Teologi della Congregazione delle Cause

dei Santi, votarono all'unanimità (9/9) a favore

della eroicità delle virtù praticate dai

Servi di Dio:

– Massimo Rinaldi (1869-1941), Vescovo

di Rieti, membro della Congregazione

dei Missionari di S. Carlo (Scalabriniani),

Italia;

– Speranza Gonzalez Puig (1825-1885),

Fondatrice della Congregazione delle

Ancelle del Cuore Immacolato di Maria

(Spagna);

– Maria Rosa Flesch (1826-1906), Fondatrice

della Congregazione delle Suore

Francescane di S. Maria degli Angeli

(Germania).

5. Congressus Medicorum super adsertis

miribus

Nella duplice sessione del 27 gennaio e

del 14 aprile 2005, la Consulta Medica della

Congregazione delle Cause dei Santi ha

espresso unanime voto affermativo (5/5)

sulla inspiegabilità scientifica della duplice

presunta guarigione miracolosa attribuita

alla intercessione della Venerabile Serva di

Dio Maria Celina della Presentazione

(1878-1897), monaca professa dell'Ordine

di S. Chiara (Francia) e del Beato Simone

da Lipnica (1440-1482), saderdote professo

OFM (Polonia).

FR. LUCA M. DE ROSA, OFM


88 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I


Statistica

Ordinis Fratrum Minorum

Status die 31 Decembris 2004

Iuxta statistica a Ministris Provincialibus transmissas.

Curata a fr. L. Perugini OFM et fr. John Abela OFM

I. Relatio de statu personali et locali totius ordinis

I. De Statu Personali

1. Sollemniter Professi

a) Cardinales

a) Archiepiscopi

a) Episcopi

b) Sacerdotes

c) Diaconi permanentes

d) Fratres cum optione clericali

e) Fratres laici

2. Professi temporarii

a) Fratres cum optione clericali

b) Fratres sine optione clericali

c) Fratres sine optione

Summa professorum sollemnium

Summa professorum temporarium

7

11

94

Summa 112

10559

63

551

2282

13567

1136

220

410

1766

c) Novitii 462

Summa totalis omnium fratrum cum novitiis

II. Distributio Fratrum Provinciae juxta residentiam

1. In territorio Provinciae

2. Extra territorium Provinciae

a) In Custodiis

b) In aliis locis

Postulantes

Tertiarii seu oblati perpetui

15795

13663

533

1599

Summa omnium fratrum cum novitiis 15795

652

46


90 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

III. Incrementum et decrementum Provinciae

1. Admissi (hoc anno)

a) Ad novitiatum

b) Ad professionem temporariam

c) Ad professionem sollemnem

Fratres laici

Fratres cum optione clericali

d) Ad sacros ordines

Ad diaconatum permanentem

Ad presbyteratum

2. Extra claustra commorantes hoc anno gratiam obtinuerunt

a) Sacerdotes et diaconi

b) Fratres laici

3. Egressi (hoc anno)

a) Novitii

b) Professi temporarii

c) Professi sollemnes

Frattres laici

Fratres cum optione clericali

Diaconi permanentes

Sacerdotes saecularizati, qui indultum obtinuerunt

Sacerdotes qui officium reliquerunt

4. Defuncti (hoc anno)

a) Novitii

b) Professi temporarii

c) Professi sollemnes

Frattres laicii

Fratres cum optione clericali

Diaconi

Sacerdotes

Summa fratrum egressorum

Summa fratrum defunctorum

514

499

46

207

3

171

79

34

119

207

28

16

3

30

18

421

1

81

2

2

245

331


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

IV. De statu locali - Domus

1. Domus

a) In territorio Provinciae

b) Extra territorium Provinciae

2. Domus filiales

a) In territorio Provinciae

b) Extra territorium Provinciae

V. Numerus paroeciarum Ordini concreditarum

1. In territorio Provinciae

a) Apud nostras domos

b) A domibus remotae

2. Extra territorium Provinciae

a) Apud nostras domos

b) A domibus remotae

Summa

1783

225

Summa 2008

583

33

Summa 616

Summa omnium domorum 2624

1159

647

1806

129

173

Summa 302

Summa omnium paroeciarium 2108

91


92 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

PS CL = Prof. Sol. cum optione clericale; PS Lc = Prof. Sol. Laici; PT Lc = Prof. Temp. Laici;

PT Cl = Prof. Temp. cum optione clericali; PT So = Prof. Temp. sine optione clericali;

Nov = Novitii; Pos = Postulantes; Obl = Oblati; SPS = summa Prof. Sol.;

SPT = summa Prof. Temp.; Tot = summa Fratrum; Sum = summa Fratrum cum Novitiis;

Dom = Domus


II. Fratres omnes unicuique Provinciae vel Cust. Aut. adscripti

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

1 Aegyptus

S. Familiae

2 Aequatoria

S. Francisci de Quito

3 Africa (Kenia) et Madigascaria

S. Francisci

4 Africa Meridionalis

N.rae Dominae Reginae Pacis

5 Albania

Annuntiationis B.V.M.

6 America Centralis/Panama

Dominae Nostrae de Guadalupe

7 Argentina

Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M

S. Michaelis

S. Francisci Solano

8 Australia

Sancti Spiritus

9 Austria

S. Bernardini Senensis

10 Austria/Italia

B. Engelberti Kolland

11 Belgium

S. Joseph Sponsi B.V.M.

12 Bolivia

S. Antonii / Missionaria

13 Bosnia-Herzegovia

S. Crucis / Bosnae Argentinae

Assumptionis BVM / Herzegoviae

14 Brasilia

SS. Nominis Jesu

S. Antonii Patavini

S. Francisci Assisiensis

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

N.rae Dominae Septem Gaudiorum

Assumptionis B.V.M. (Bacabal)

S. Crucis

S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut.

15 Britannia Magna

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

1 59 1 2 6 69 22 4 26 4 99 11

5 75 0 12 21 113 33 6 39 7 159 10

44 0 11 10 65 30 2 2 34 8 107 7

3 54 1 4 3 65 2 2 5 72 7

14 0 4 1 19 2 2 21 2

2 143 11 31 187 35 1 36 16 239 38

52 7 11 70

5 5 6 81 3

2 31 0 1 8 42 1 2 2 5 47

56 1 11 68 6 6 74 5

88 0 1 36 125 2 3 5 1 131 1

1 20 4 3 10 38 5 5 43 1

1 79 0 4 18 102 2 3 5 1 108 1 1

133 0 20 153

153 2

7 98 5 12 122 29 3 32 6 160 9

1 298 0 13 6 318 46 46 10 374 4

189 1 1 6 197 14 14 3 214 7

3 32 0 2 6 43 5 3 8 9 60 8

3 88 0 6 39 136 15 8 23 4 163 5

3 77 0 8 12 100

23 23 4 127 6

10 276 1 19 64 370

96 96 23 489 22

21 0 1 7 29 4 2 1 7 3 39 4

1 33 0 11 9 54 6 2 8 1 63 7

5 86 11 13 115 13 2 15 5 135 11

19 6 5 30 5 2 7 3 40 5

55 1 1 7 64 1 0 1 65 1 0

93


94 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

16 Canada

S. Joseph Sponsi B.V.M.

Christi Regis

17 Ceca Respublica

S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae

18 Chilia

Ss.mae Trinitatis

19 Columbia

S. Fidei

S. Pauli Apostoli

20 Congensis Resp.Democ.

21 Corea

Ss. Martyrum Coreanorum

22 Croatia

Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae

S. Hieronymi / Dalmatiae

Ss.mi Redemptoris / Dalmatia

23 Gallia

B. Pacifici / Gallia Occidentalis

24 Gallia-Belgium

Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg.

25 Germania

S. Antonii Patavini / Bavariae

S. Crucis / Saxoniae

S. Elisabeth

SS. Trium Regum / Coloniae

26 Helvetia

Christi Regis Cust. Aut.

27 Hibernia

Hiberniae

28 Hispania

Baetica

Franciscana de Arantzazu

Carthaginensis

S. Gregorii Magni / Castellana

S. Salvatoris a Horta / Cataloniae

N.rae Dominae a Regula / Granatensis

S. Iacobi a Compostella

S. Joseph / Valentiae et Aragoniae

29 Hungaria

S. Ioannis a Capistrano

S. Mariae

30 Iaponia

Ss. Martyrum Iaponensium

1 90 0 1 35 127

9 9 1 137 6

24 0 17 41

3 44

43 1 7 51 2 1 3 54 4 1

85 1 1 30 117

22 22 1 140 2

2 156 0 9 35 202 23 6 29 9 240 11

48 0 1 15 64 4 9 4 17 4 85 7

55 0 13 53 121 14 3 17 14 152 6

1 152 0 3 21 177 28 7 35 10 222 9

65 0 3 68 1 1 2 70 2

252 0 3 5 260 22 22 5 287 10

2 136 2 36 176

2 2 2 180

1 95 33 129

1 1 1 131 4

65 0 3 29 97 2 3 5 102 1 2

121 1 31 153 1 1 2 1 156 2

82 0 20 102

3 3 105 1 2

54 23 77 1 5 6 83 2

17 1 1 12 31 1 1 32 1

1 112 0 10 24 147 12 12 5 164 1 1

73 1 2 26 102 8 1 9 1 112

224 0 3 42 269

25 25 8 302 13 3

64 1 2 11 78 2 2 1 81 2 1

1 56 1 1 12 71 4 4 1 76 2

39 2 8 49 2 2 1 52

1 75 1 2 17 96 2 2 2 100 1

3 96 3 19 121 5 5 4 130

1 77 1 2 12 93 1 1 94 1 1

2 75 0 5 6 88 8 4 12 2 102 1

21 0 1 6 28 1 1 2 1 31 3

1 77 1 1 15 95 3 3 1 99


Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

31 India

S. Thomae Apostoli / Indiae

32 Indonesia

S. Michaelis Archangeli

33 Israel

Custodia Terrae Sanctae

34 Italia

S. Antonii Patavini / Venetae

S. Bernardini Senensis / Aprutiorum

S. Michaelis Archangeli / Apuliae

Christi Regis / Bononiensis

Ss. VII Martyrum / Calabriae

Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae

Assumptionis B.V.M. / Lyciensis

S. Caroli Borromaei / Mediolanensis

Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana

S. Bonaventurae / Pedemontana

S. Iacobi de Marchia / Picena

Ss. Petri et Pauli / Romana

Immac. Concept. / Salernitano-Lucana

S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina

S. Mariae Gratiarum / Sardiniae

Seraphica S. Francisci Assisiensis

Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae

S. Vigilii / Tridentina

S. Francisci Stigmatizati / Tusciae

35 Lituania

S. Casimiri

36 Melita

S. Pauli Apostoli

37 Mexicum

S. Evangelii

Ss. Francisci et Jacobi Jalisco

Ss. Petri et Pauli de Michoacan

B. Junipero Serra

S. Philippi de Iesu

38 Nederlandia

Ss. Martyrum Gorcomiensium

39 Pakistania

S. Joannis Baptistae Cust. Aut.

40 Papua Nova Guinea

S. Francisci Cust. Aut.

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

94 0 29 8 131 34 1 35 8 174 15

4 80 0 11 26 121 46 17 63 17 201 27

1 110 1 7 37 156 25 7 32 6 194 8

1 302 3 10 69 385 19 2 21 2 408 5 2

72 0 10 82 1 1 2 84

92 0 5 11 108 10 2 12 3 123 5 2

112 0 22 134

6 6 2 142 1 3

1 40 2 3 2 48 3 1 4 1 53 5 1

1 76 1 8 86 1 1 2 88 1 1

1 67 0 3 14 85 3 4 7 2 94 2

1 113 4 9 42 169 2 4 6 2 177 2 1

118 3 4 20 145

22 22 6 173 10 2

56 1 12 69

2 2 1 72 1

104 0 13 117 5 5 3 125 3 1

125 1 1 14 141

14 14 155 5

2 112 2 21 137 12 3 10 25 5 167 5 1

75 1 6 4 86 8 1 9 4 99 3

38 0 1 3 42 1 2 4 7 49

158 0 25 15 198 10 17 27 7 232 14

104 5 12 121 15 3 18 9 148 12 1

1 83 0 12 96 1 1 97 1

4 107 2 2 13 128

10 10 2 140 2 1

1 36 6 6 49 6 6 2 57 1

2 64 0 5 71 1 1 72 2

128 0 12 39 179 12 4 13 29 208 7 1

3 217 1 26 74 321 62 14 76 18 415 39 1

180 1 9 31 221 42 2 44 10 275 18

34 0 3 10 47 9 7 1 17 9 73 9

26 0 1 14 41 8 11 19 5 65 9

1 175 1 37 214

3 3 1 218

1 23 9 33 7 7 40 5

2 20 9 31 1 6 7 7 45 4

95


96 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

41 Peruvia

S. Francisci Solano

Ss. XII Apostolorum

42 Philippinae

S. Petri Baptistae

43 Polonia

Assumptionis B.V.M.

S. Hedvigis

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

S. Mariae Angelorum

S. Francisci Assisiensis

44 Portugallia

Ss. Martyrum Marochiensium

45 Romania

S. Stephani Regis / Transilvaniae

46 Slovakia

Ss.mi Salvatoris / Slovakiae

47 Slovenia

S. Crucis / Slovenia

48 Taivania (Formosa)

B.V.M. Reginae Sinarum

49 Togum

Verbi Incarnati

50 Ucraina

S. Michaëlis Arch.

51 USA (Fed Civ Am Sept)

Assumptionis B.V.M.

S. Barbarae

Ss.mi Cordis Iesu

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

S. Ioannis Baptistae

Ss.mi Nominis Iesu

Nostrae Dominae de Guadalupe

52 Vietnamia

S. Francisci in Vietnam

3 66 3 4 11 87 12 4 16 7 110 11

2 79 2 8 23 114

50 50 3 167 7

109 1 12 23 145 13 2 15 8 168 16

198 1 12 25 236 35 14 49 9 294 17

141 0 5 32 178 17 2 19 12 209 9

265 0 13 48 326 23 1 24 10 360 7

173 0 12 19 204 25 7 32 16 252 13

128 2 12 15 157 21 10 31 2 190 12

5 139 0 3 39 186 29 29 4 219 16 1

30 0 1 10 41 7 3 10 4 55 2 1

35 8 14 57 8 7 15 4 76 4

78 0 2 10 90 5 1 6 2 98 1 2

40 0 1 7 48 1 1 2 51 3

35 6 20 61 16 5 21 5 87 6

2 47 7 4 60 20 20 3 83 5

2 107 1 1 43 154 2 2 2 158 3

134 0 8 58 200 4 6 10 2 212 4 1

198 1 5 70 274

5 5 1 280 7

4 119 3 25 151 9 9 160 3

138 1 1 58 198 2 1 3 1 202 4

1 310 2 2 71 386 14 3 17 7 410 6

46 0 1 17 64 2 2 4 4 72 2

66 0 18 30 114 32 5 17 54 10 178 14 1


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

III. Fratres et domuus secundum regiones

Africa et Oriens Propinquus Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Aegyptus 34 2 61 1 26 12 102 102 11

Africa Media/Respublica 4 15 1 16 16

Africa Meridionalis 26 3 58 1 6 4 72 5 77 7

Angola 3 7 2 8 17 17

Beninum 1 3 2 5 5

Burkina Faso 1 2 1 3 3

Burundia 2 4 1 5 5

Congus-Brazapolis 6 2 1 9 9

Congus/Respublica (ex Zaire) 28 1 90 89 21 201 15 216

Costa Eburnea 4 1 12 12 9 34 34

Cuvaitum 1 1 1

Dzibuti 1 1 1 3 3

Gana 1 1 1

Guinea Bissaviensis 8 16 7 6 29 29

Iordania 2 3 3 3

Israel 32 121 2 31 39 193 193 1

Kenia 3 13 18 1 32 32

Libanum 6 4 4

8 8 7

Libya 2 2 7 9 9

Madagascaria 3 9 18 3 30 4 34 5

Malavium 1 3 1

4 4

Marochium 8 1 20 6 27 27

Mauritius 2 6 2 8 8

Mozambicum 10 3 21 9 2 35 4 39 11

Namibia 1 3 1 4 4

Ruanda 2 6 1 3 10 10

Syria 11 1 14 15 15

Tanzania 2 11 2 13 13 2

Togum 8 20 9 12 41 5 46 6

Turcia 1 6 6 6

Ugandia 2 7 2 9 4 13

Zambia 1 5 28 3 2 38 38

Zimbabue 4 14 10 3 27 5 32

Summa 212 15 570 4 271 140 10 1010 42 1052 50

America Latina Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Aequatoria 24 5 73 41 27 146 7 153 10

Argentina 46 2 155 1 15 34 7 214 6 220 8

Bolivia 60 9 108 2 33 15 167 6 173 9

Brasilia 181 25 652 2 127 168 124 1098 56 1154 77

Chilia 28 89 1 1 30 22 143 1 144 2

Columbia 48 2 187 39 64 4 296 13 309 18

Costarica 4 11 2 13 1 14

Cuba 4 11 3

1 15 1 16 3

97


98 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

America Latina Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Dominiciana Respublica 2 7 2 1 10 1 11 3

Guaiana 1 1 1

Guatimala 21 53 23 9 85 16 101 2

Haitia 2 7 2 9 9

Honduria 12 4 23 2 29 29 14

Jamaica 3 2 4 6 6

Mexicum 146 2 524 2 153 180 25 886 42 928 82

Nicaragua 9 1 26 5 32 32 13

Panama/America Centralis 5 18 5 23 23 11

Paraguaia 6 15 1 14 30 6 36 6

Peruvia 42 10 154 5 26 49 59 303 12 315 24

Portorico 3 7 1

8 16 16 1

Salvatoria 19 2 36 23 10 71 71

Uruguaia 1 1 1 2 2

Venetiola 5 24 5 3 32 3 35

Summa 671 62 2184 13 490 613 265 3627 171 3798 283

America Septentrionalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Canada 33 132 43 175 3 178 2

USA (Fed Civ Am Sept) 234 4 1108 8 67 346 11 1544 17 1561 25

Summa 267 4 1240 8 67 389 11 1719 20 1739 27

Asia et Oceania Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Australia 23 91 24 2 117 1 118

Cazastania 1 5 1 7 7

Corea 18 42 26 50 118 14 132 6

Iaponia 68 1 98 1 4 12 116 1 117

India 24 89 63 9 161 8 169 15

Indonesia 18 4 66 56 40 166 17 183 21

Malaesia 1 3 2 5 5

Nova Zelandia 3 4 6 10 10

Pakistania 5 1 21 7 9 38 38 5

Papua Nova Guinea 15 2 22 1 16 41 7 48 4

Philippinae 28 95 1 23 22 141 5 146 12

Singapura 2 6 3 2 1 12 12 1

Sri Lanka 3 6 3 2 2 13 3 16 4

Taivania (Formosa) 7 53 2 13 68 2 70 3

Thailandia 1 1 2 2

Timoria Or. 2 6 1 2 9 9 6

Vietnamia 18 59 47 35 17 158 10 168 14

Summa 235 9 667 2 236 246 22 1182 68 1250 91


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Europa Occidentalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Austria 29 2 120 4 17 22 165 165 2

Belgium 18 169 30 199 199

Britannia Magna 10 62 1 5

8 0 76 76 2

Cyprus Insula 5 8 8 8

Gallia 27 2 198 2 58 3 263 3 266

Germania 76 464 1 10 118 3 596 1 597 4

Graecia 2 3 3 3

Helvetia 20 41 1 2 13 57 57 1

Hibernia 17 1 93 3 20 117 117

Hispania 120 4 611 6 30 134 1 786 6 792 6

Italia 418 4 1988 16 165 351 88 2612 55 2667 67

Melita 7 49 1 5 55 55 2

Nederlandia 11 1 170 1 36 3 211 1 212

Norvegia 2 5 1 6 6

Portugallia 17 2 114 8 32 156 156 5

Suetia 1 4 4 4

Summa 780 16 4099 32 241 828 98 5314 66 5380 89

Europa Orientalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Albania 9 2 20 5 2 29 0 29 2

Bielorussia 2 8 1

9 9

Bosnia-Herzegovia 105 333 59 12 404 13 417 4

Ceca Respublica 9 48 1 2 9 60 60 4

Croatia 148 404 1 70 35 510 15 525 28

Estonia 1 1 1 1

Hungaria 14 1 88 15 14 4 122 7 129 4

Iugoslavia 2 8 8 8

Lituania 6 22 7 7 36 2 38

Nigromontium 2 4 4 4

Polonia 110 670 2 162 153 987 45 1032 55

Romania 11 28 8 12 48 48 2

Russia 1 9 4 13 13

Slovakia 7 35 15 20 70 4 74 4

Slovenia 14 63 7 12 82 2 84 1

Ucraina 18 3 58 31 6 98 7 105 8

Summa 459 6 1799 4 382 286 4 2481 95 2576 112

99


100 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

IV. Status domorum et presentia fratrum in singulis nationibus

Natio

Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Aegyptus 34 2 61 1 26 12 102 102 11

Aequatoria 24 5 73 41 27 146 7 153 10

Africa Media/Respublica 4 15 1 16 16

Africa Meridionalis 26 3 58 1 6 4 72 5 77 7

Albania 9 2 20 5 2 29 0 29 2

Angola 3 7 2 8 17 17

Argentina 46 2 155 1 15 34 7 214 6 220 8

Australia 23 91 24 2 117 1 118

Austria 29 2 120 4 17 22 165 165 2

Belgium 18 169 30 199 199

Beninum 1 3 2 5 5

Bielorussia 2 8 1

9 9

Bolivia 60 9 108 2 33 15 167 6 173 9

Bosnia-Herzegovia 105 333 59 12 404 13 417 4

Brasilia 181 25 652 2 127 168 124 1098 56 1154 77

Britannia Magna 10 62 1 5 8 0 76 76 2

Burkina Faso 1 2 1 3 3

Burundia 2 4 1 5 5

Canada 33 132 43 175 3 178 2

Cazastania 1 5 1 7 7

Ceca Respublica 9 48 1 2 9 60 60 4

Chilia 28 89 1 1 30 22 143 1 144 2

Columbia 48 2 187 39 64 4 296 13 309 18

Congus-Brazapolis 6 2 1 9 9

Congus/Respublica (ex Zaire) 28 1 90 89 21 201 15 216

Corea 18 42 26 50 118 14 132 6

Costa Eburnea 4 1 12 12 9 34 34

Costarica 4 11 2 13 1 14

Croatia 148 404 1 70 35 510 15 525 28

Cuba 4 11 3

1 15 1 16 3

Cuvaitum 1 1 1

Cyprus Insula 5 8 8 8

Dominiciana Respublica 2 7 2 1 10 1 11 3

Dzibuti 1 1 1 3 3

Estonia 1 1 1 1

Gallia 27 2 198 2 58 3 263 3 266

Gana 1 1 1

Germania 76 464 1 10 118 3 596 1 597 4

Graecia 2 3 3 3

Guaiana 1 1 1

Guatimala 21 53 23 9 85 16 101 2


Natio

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Guinea Bissaviensis 8 16 7 6 29 29

Haitia 2 7 2 9 9

Helvetia 20 41 1 2 13 57 57 1

Hibernia 17 1 93 3 20 117 117

Hispania 120 4 611 6 30 134 1 786 6 792 6

Honduria 12 4 23 2 29 29 14

Hungaria 14 1 88 15 14 4 122 7 129 4

Iaponia 68 1 98 1 4 12 116 1 117

India 24 89 63 9 161 8 169 15

Indonesia 18 4 66 56 40 166 17 183 21

Iordania 2 3 3 3

Israel 32 121 2 31 39 193 193 1

Italia 418 4 1988 16 165 351 88 2612 55 2667 67

Iugoslavia 2 8 8 8

Jamaica 3 2 4 6 6

Kenia 3 13 18 1 32 32

Libanum 6 4 4

8 8 7

Libya 2 2 7 9 9

Lituania 6 22 7 7 36 2 38

Madagascaria 3 9 18 3 30 4 34 5

Malaesia 1 3 2 5 5

Malavium 1 3 1

4 4

Marochium 8 1 20 6 27 27

Mauritius 2 6 2 8 8

Melita 7 49 1 5 55 55 2

Mexicum 146 2 524 2 153 180 25 886 42 928 82

Mozambicum 10 3 21 9 2 35 4 39 11

Namibia 1 3 1 4 4

Nederlandia 11 1 170 1 36 3 211 1 212

Nicaragua 9 1 26 5 32 32 13

Nigromontium 2 4 4 4

Norvegia 2 5 1 6 6

Nova Zelandia 3 4 6 10 10

Pakistania 5 1 21 7 9 38 38 5

Panama/America Centralis 5 18 5 23 23 11

Papua Nova Guinea 15 2 22 1 16 41 7 48 4

Paraguaia 6 15 1 14 30 6 36 6

Peruvia 42 10 154 5 26 49 59 303 12 315 24

Philippinae 28 95 1 23 22 141 5 146 12

Polonia 110 670 2 162 153 987 45 1032 55

Portorico 3 7 1

8 16 16 1

Portugallia 17 2 114 8 32 156 156 5

Romania 11 28 8 12 48 48 2

Ruanda 2 6 1 3 10 10

101


102 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Natio

Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Russia 1 9 4 13 13

Salvatoria 19 2 36 23 10 71 71

Singapura 2 6 3 2 1 12 12 1

Slovakia 7 35 15 20 70 4 74 4

Slovenia 14 63 7 12 82 2 84 1

Sri Lanka 3 6 3 2 2 13 3 16 4

Suetia 1 4 4 4

Syria 11 1 14 15 15

Taivania (Formosa) 7 53 2 13 68 2 70 3

Tanzania 2 11 2 13 13 2

Thailandia 1 1 2 2

Timoria Or. 2 6 1 2 9 9 6

Togum 8 20 9 12 41 5 46 6

Turcia 1 6 6 6

Ucraina 18 3 58 31 6 98 7 105 8

Ugandia 2 7 2 9 4 13

Uruguaia 1 1 1 2 2

USA (Fed Civ Am Sept) 234 4 1108 8 67 346 11 1544 17 1561 25

Venetiola 5 24 5 3 32 3 35

Vietnamia 18 59 47 35 17 158 10 168 14

Zambia 1 5 28 3 2 38 38

Zimbabue 4 14 10 3 27 5 32

Summa Omnium Fratrum OFM:

Summa 2624 112 10559 63 1687 2502 410 15333 462 15795 652

Summa Omnium Fratrum OFM cum Novitiis:

15333

15795


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

V. Provinciae et Cust. Aut. juxta numerum fratrum et novitiorum

Provincia Natio

Tot Prof Sol Temp Nov

1 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Brasilia

489 466 370 96 23

2 Ss. Francisci et Jacobi Jalisco Mexicum

415 397 321 76 18

3 Ss.mi Nominis Iesu USA (Fed Civ Am Sept)

410 403 386 17 7

4 S. Antonii Patavini / Venetae Italia

408 406 385 21 2

5 S. Crucis / Bosnae Argentinae Bosnia-Herzegovia

374 364 318 46 10

6 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Polonia

360 350 326 24 10

7 Franciscana de Arantzazu Hispania

302 294 269 25 8

8 Assumptionis B.V.M. Polonia

294 285 236 49 9

9 Ss.mi Redemptoris / Dalmatia Croatia

287 282 260 22 5

10 Ss.mi Cordis Iesu USA (Fed Civ Am Sept)

280 279 274 5 1

11 Ss. Petri et Pauli de Michoacan Mexicum

275 265 221 44 10

12 S. Mariae Angelorum Polonia

252 236 204 32 16

13 S. Fidei Columbia

240 231 202 29 9

14 Dominae Nostrae de Guadalupe America Centralis/Panama 239 223 187 36 16

15 Seraphica S. Francisci Assisiensis Italia

232 225 198 27 7

16 Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae Croatia

222 212 177 35 10

17 Ss. Martyrum Marochiensium Portugallia

219 215 186 29 4

18 Ss. Martyrum Gorcomiensium Nederlandia

218 217 214 3 1

19 S. Benedicti Africani Congensis Resp.Dem.

215 200 120 80 15

20 Assumptionis BVM / Herzegoviae Bosnia-Herzegovia

214 211 197 14 3

21 S. Barbarae USA (Fed Civ Am Sept)

212 210 200 10 2

22 S. Hedvigis Polonia

209 197 178 19 12

23 S. Evangelii Mexicum

208 208 179 29

24 S. Ioannis Baptistae USA (Fed Civ Am Sept)

202 201 198 3 1

25 S. Michaelis Archangeli Indonesia

201 184 121 63 17

26 Custodia Terrae Sanctae Israel

194 188 156 32 6

27 S. Francisci Assisiensis Polonia

190 188 157 31 2

28 B. Pacifici / Gallia Occidentalis Gallia

180 178 176 2 2

29 S. Francisci in Vietnam Vietnamia

178 168 114 54 10

30 S. Caroli Borromaei / Mediolanensis Italia

177 175 169 6 2

31 S. Thomae Apostoli / Indiae India

174 166 131 35 8

32 Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana Italia

173 167 145 22 6

33 S. Petri Baptistae Philippinae

168 160 145 15 8

34 Immac. Concept. / Salernitano-Lucana Italia

167 162 137 25 5

35 Ss. XII Apostolorum Peruvia

167 164 114 50 3

36 Hiberniae Hibernia

164 159 147 12 5

37 S. Antonii Patavini Brasilia

163 159 136 23 4

38 Immaculatae Conceptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

160 160 151 9

39 S. Antonii / Missionaria Bolivia

160 154 122 32 6

40 S. Francisci de Quito Aequatoria

159 152 113 39 7

41 Assumptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

158 156 154 2 2

42 S. Crucis / Saxoniae Germania

156 155 153 2 1

43 Ss. Petri et Pauli / Romana Italia

155 155 141 14

103


104 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Provincia Natio

Tot Prof

44 S. Joseph Sponsi B.V.M. Belgium

153 153 153

Sol Temp Nov

45 Ss. Martyrum Coreanorum Corea

152 138 121 17 14

46 Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae Italia

148 139 121 18 9

47 Christi Regis / Bononiensis Italia

142 140 134 6 2

48 Ss.mae Trinitatis Chilia

140 139 117 22 1

49 S. Francisci Stigmatizati / Tusciae Italia

140 138 128 10 2

50 S. Joseph Sponsi B.V.M. Canada

137 136 127 9 1

51 S. Crucis Brasilia

135 130 115 15 5

52 Sancti Spiritus Australia

131 130 125 5 1

53 Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg. Gallia-Belgium

131 130 129 1 1

54 S. Iacobi a Compostella Hispania

130 126 121 5 4

55 S. Francisci Assisiensis Brasilia

127 123 100 23 4

56 S. Iacobi de Marchia / Picena Italia

125 122 117 5 3

57 S. Michaelis Archangeli / Apuliae Italia

123 120 108 12 3

58 Baetica Hispania

112 111 102 9 1

59 S. Francisci Solano Peruvia

110 103 87 16 7

60 B. Engelberti Kolland Austria/Italia

108 107 102 5 1

61 S. Francisci Africa (Kenia) et Madigascaria 107 99 65 34 8

62 S. Elisabeth Germania

105 105 102 3

63 S. Antonii Patavini / Bavariae Germania

102 102 97 5

64 S. Ioannis a Capistrano Hungaria

102 100 88 12 2

65 N.rae Dominae a Regula / Granatensis Hispania

100 98 96 2 2

66 Ss. Martyrum Iaponensium Iaponia

99 98 95 3 1

67 S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina Italia

99 95 86 9 4

68 S. Familiae Aegyptus

99 95 69 26 4

69 S. Crucis / Slovenia Slovenia

98 96 90 6 2

70 S. Vigilii / Tridentina Italia

97 97 96 1

71 S. Joseph / Valentiae et Aragoniae Hispania

94 94 93 1

72 Assumptionis B.V.M. / Lyciensis Italia

94 92 85 7 2

73 Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae Italia

88 88 86 2

74 Verbi Incarnati TOGUM

87 82 61 21 5

75 S. Pauli Apostoli Columbia

85 81 64 17 4

76 S. Bernardini Senensis / Aprutiorum Italia

84 84 82 2

77 SS. Trium Regum / Coloniae GERMANIA

83 83 77 6

78 S. Michaëlis Arch. UCRAINA

83 80 60 20 3

79 Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M Argentina

81 75 70 5 6

80 Carthaginensis Hispania

81 80 78 2 1

81 Ss.mi Salvatoris / Slovakiae Slovakia

76 72 57 15 4

82 S. Gregorii Magni / Castellana Hispania

76 75 71 4 1

83 S. Francisci Solano ARGENTINA

74 74 68 6

84 B. Junipero Serra Mexicum

73 64 47 17 9

85 S. Bonaventurae / Pedemontana Italia

72 71 69 2 1

86 N.rae Dominae Reginae Pacis Africa Meridionalis

72 67 65 2 5

87 S. Pauli Apostoli Melita

72 72 71 1

88 Nostrae Dominae de Guadalupe USA (Fed Civ Am Sept)

72 68 64 4 4

89 S. Hieronymi / Dalmatiae Croatia

70 70 68 2

90 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Britannia Magna

65 65 64 1


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Provincia Natio

Tot Prof

Sol Temp Nov

91 S. Philippi de Iesu MEXICUM

65 60 41 19 5

92 Assumptionis B.V.M. (Bacabal) BRASILIA

63 62 54 8 1

93 SS. Nominis Jesu BRASILIA

60 51 43 8 9

94 S. Casimiri LITUANIA

57 55 49 6 2

95 S. Stephani Regis / Transilvaniae Romania

55 51 41 10 4

96 S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae Ceca Respublica

54 54 51 3

97 Ss. VII Martyrum / Calabriae Italia

53 52 48 4 1

98 S. Salvatoris a Horta / Cataloniae Hispania

52 51 49 2 1

99 B.V.M. Reginae Sinarum Taivania (Formosa)

51 49 48 1 2

100 S. Mariae Gratiarum / Sardiniae Italia

49 49 42 7

101 S. Michaelis Argentina

47 47 42 5

102 S. Francisci Cust. Aut. PAPUA NOVA GUINEA

45 38 31 7 7

103 Christi Regis Canada

44 41 41

3

104 S. Bernardini Senensis Austria

43 43 38 5

105 S. Joannis Baptistae Cust. Aut. PAKISTANIA

40 40 33 7

106 S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. BRASILIA

40 37 30 7 3

107 N.rae Dominae Septem Gaudiorum BRASILIA

39 36 29 7 3

108 Christi Regis Cust. Aut. HELVETIA

32 32 31 1

109 S. Mariae Hungaria

31 30 28 2 1

110 Annuntiationis B.V.M. Albania

21 21 19 2

105

15795 15333 13567 1766 462


106 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

VI. Incrementum vel decrementum numeri fratrum

Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

1 Aegyptus

S. Familiae 4 6 3 1 3 4

99 95

2 Aequatoria

S. Francisci de Quito 7 5 5 1 5 1 159 152

3 Africa (Kenia) et Madigascaria

S. Francisci 4 2 1 4 4 2 9 2 1 107 99

4 Africa Meridionalis

N.rae Dominae Reginae Pacis 7 5 2 2 2

4

72 67

5 Albania

Annuntiationis B.V.M. 2 1 1

21 21

6 America Centralis/Panama

Dominae Nostrae de Guadalupe 20 16 1 4 7 2 11 2 239 223

7 Argentina

Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M 6 3 3 2 2 81 75

S. Michaelis 1 3 1

4

47 47

S. Francisci Solano 2 2 1 1 74 74

8 Australia

Sancti Spiritus 1 4 1 1 5 2 5 1 131 130

9 Austria

S. Bernardini Senensis 2 1 1 1 1 43 43

10 Austria/Italia

B. Engelberti Kolland 1 5 1 1 1 4 3 4 1 108 107

11 Belgium

S. Joseph Sponsi B.V.M. 1 14 2 14 1 153 153

12 Bolivia

S. Antonii / Missionaria 12 8 2 6 3 3 9 3 160 154

13 Bosnia-Herzegovia

S. Crucis / Bosnae Argentinae 10 27 9 7 1

4 10 4 2 374 364

Assumptionis BVM / Herzegoviae 3 6 1 6 1 6 214 211

14 Brasilia

SS. Nominis Jesu 11 2 3 2 3 8 2 60 51

S. Antonii Patavini 7 2 1 3 3 1

3 7 3 163 159

S. Francisci Assisiensis 4 27 1 1 3 4

127 123

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 40 33 1 7 15 3

1 26 1 489 466

N.rae Dominae Septem Gaudiorum 4 1 1

1

39 36

Assumptionis B.V.M. (Bacabal) 1 4 2 6 1 6 1 63 62

S. Crucis 5 1 4 1 1

1 6 1 135 130

S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. 5 3 3 2

2

40 37

15 Britannia Magna

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 1 2 4 1 4 65 65

16 Canada

S. Joseph Sponsi B.V.M. 3 2 1 4 2 4 6 4 137 136

Christi Regis 3 1 1 1 1 1 44 41

17 Ceca Respublica

S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae 1 1 54 54

18 Chilia

Ss.mae Trinitatis 4 7 6 3 1 2 9 2 3 140 139

19 Columbia

S. Fidei 12 8 3 3 1 1

1 5 1 240 231

S. Pauli Apostoli 8 4 1 5 1 2

8

85 81


Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

20 Congensis Resp.Democ.

21 Corea

Ss. Martyrum Coreanorum 5 3 13 3 1 2

6

152 138

22 Croatia

Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae 10 35 6 5 2 5 2 222 212

S. Hieronymi / Dalmatiae 1 1

70 70

Ss.mi Redemptoris / Dalmatia 5 4 2 1 2 1 2 287 282

23 Gallia

B. Pacifici / Gallia Occidentalis 2 2 2

9 4 9 180 178

24 Gallia-Belgium

Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg. 1 5 5 131 130

25 Germania

S. Antonii Patavini / Bavariae 1 2 1

1

102 102

S. Crucis / Saxoniae 1 9 1 9 1 156 155

S. Elisabeth 1 3 2 3 1 105 105

SS. Trium Regum / Coloniae 6 1 1

83 83

26 Helvetia

Christi Regis Cust. Aut. 32 32

27 Hibernia

Hiberniae 5 5 2 4 1

6 9 6 4 164 159

28 Hispania

Baetica 1 1 1 1 1 1 1 112 111

Franciscana de Arantzazu 8 3 1 1 5 8 7 8 302 294

Carthaginensis 1 1 1 2 1 1 81 80

S. Gregorii Magni / Castellana 1 1 1 5 1 5 76 75

S. Salvatoris a Horta / Cataloniae 1 1 1 1 52 51

N.rae Dominae a Regula / Granatensis 2 2 4 4 100 98

S. Iacobi a Compostella 4 3 3 3 130 126

S. Joseph / Valentiae et Aragoniae 2 3 3 94 94

29 Hungaria

S. Ioannis a Capistrano 2 4 3 4 3 102 100

S. Mariae 1 1 1 1 4 1 4 31 30

30 Iaponia

31 India

Ss. Martyrum Iaponensium 1 3 3

99 98

S. Thomae Apostoli / Indiae 8 11 13 7 1

3 8 3 174 166

32 Indonesia

S. Michaelis Archangeli 17 15 5 1 8 3

12

201 184

33 Israel

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Custodia Terrae Sanctae 7 6 3 5 4 2 9 2 194 188

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;

107


108 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

34 Italia

S. Antonii Patavini / Venetae 3 1 5 1 1 24 2 24 408 406

S. Bernardini Senensis / Aprutiorum 1 1 3 3 84 84

S. Michaelis Archangeli / Apuliae 3 3 2 2

123 120

Christi Regis / Bononiensis 2 3 3 142 140

Ss. VII Martyrum / Calabriae 1 1 2 1 1 1 1 53 52

Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae 1 1 1 88 88

Assumptionis B.V.M. / Lyciensis 2 2 1 3 5 3 5 94 92

S. Caroli Borromaei / Mediolanensis 2 2 3 1 1 5 3 5 1 177 175

Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana 6 5 6 1 1 4 2 4 173 167

S. Bonaventurae / Pedemontana 1 1 4 4 72 71

S. Iacobi de Marchia / Picena 3 2 2 1

4 3 4 125 122

Ss. Petri et Pauli / Romana 5 1

3 1 3 155 155

Immac. Concept. / Salernitano-Lucana 5 3 3 3 2 4 2 167 162

S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina 5 3 5 1 1 2 5 2 1 99 95

S. Mariae Gratiarum / Sardiniae 1 1 1 49 49

Seraphica S. Francisci Assisiensis 7 4 7 1 1 1

3 4 3 1 232 225

Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae 9 1 1 2 6 4 6 1 148 139

S. Vigilii / Tridentina 1 3 3 97 97

S. Francisci Stigmatizati / Tusciae 2 1 1 2 5 2 5 140 138

35 Lituania

S. Casimiri 2 3 3 1

1 1 1 57 55

36 Melita

S. Pauli Apostoli 72 72

37 Mexicum

S. Evangelii 9 3 2 8 4 10 4 208 208

Ss. Francisci et Jacobi Jalisco 18 22 6 3 1 5 6 5 1 415 397

Ss. Petri et Pauli de Michoacan 12 13 3 3 8 1

4 13 4 1 275 265

B. Junipero Serra 10 3 1 1 5 1 6 1 73 64

S. Philippi de Iesu 5 1 3 5 2

8 1 65 60

38 Nederlandia

Ss. Martyrum Gorcomiensium 1 1 13 2 13 1 218 217

39 Pakistania

S. Joannis Baptistae Cust. Aut. 7 1 1 40 40

40 Papua Nova Guinea

S. Francisci Cust. Aut. 8 2 1 1 2

4

45 38

41 Peruvia

S. Francisci Solano 9 18 3 2 2 4

110 103

Ss. XII Apostolorum 7 4 3 4

1 4 1 167 164

42 Philippinae

S. Petri Baptistae 9 9 2 2 1 4 1 168 160

43 Polonia

Assumptionis B.V.M. 10 10 4 2 7 1

1 15 1 1 294 285

S. Hedvigis 12 4 3 1 7 2 8 2 209 197

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 10 7 5 3 3 1

4 10 4 1 360 350

S. Mariae Angelorum 17 5 6 2 3 2

1 8 1 1 252 236

S. Francisci Assisiensis 3 8 7 3 3 2 6 2 190 188

44 Portugallia

Ss. Martyrum Marochiensium 7 9 3 4 3 5 7 5 219 215

45 Romania

S. Stephani Regis / Transilvaniae 4 2 1 1

3 2 3 55 51

46 Slovakia

Ss.mi Salvatoris / Slovakiae 4 3 4 2 2 1

3 6 3 76 72

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;


Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

47 Slovenia

S. Crucis / Slovenia 2 2 1 1 1 1 98 96

48 Taivania (Formosa)

B.V.M. Reginae Sinarum 2 2 51 49

49 Togum

Verbi Incarnati 5 3 3

3

87 82

50 Ucraina

S. Michaëlis Arch. 3 20 4 1

83 80

51 USA (Fed Civ Am Sept)

Assumptionis B.V.M. 2 2 1 6 1 6 158 156

S. Barbarae 2 1 3 3 2 9 5 9 212 210

Ss.mi Cordis Iesu 1 4 4 280 279

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 4 1 7 1 7 160 160

S. Ioannis Baptistae 1 1 2 8 2 8 202 201

Ss.mi Nominis Iesu 7 7 1 1 2 15 3 16 410 403

Nostrae Dominae de Guadalupe 4 1 2 1 4 1 4 72 68

52 Vietnamia

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

S. Francisci in Vietnam 10 5 10 3 1 1

5 5 5 178 168

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;

109


110 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

VII. Inter 2004 et 2003 comparatio

Provincia Natio 2004 2003 Diff

104 S. Michaëlis Arch.

UCRAINA

83 83

111 S. Benedicti Africani

Congensis Resp.Dem.

215 204 11

004 Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M Argentina

81 73 8

062 S. Crucis / Bosnae Argentinae Bosnia-Herzegovia

374 367 7

075 S. Petri Baptistae

Philippinae

168 162 6

108 SS. Nominis Jesu

BRASILIA

60 55 5

018 S. Fidei

Columbia

240 235 5

041 S. Michaelis Archangeli

Indonesia

201 196 5

101 B. Junipero Serra

Mexicum

73 68 5

012 S. Francisci Assisiensis

Brasilia

127 123 4

071 Ss. Petri et Pauli de Michoacan Mexicum

275 271 4

113 Verbi Incarnati

TOGUM

87 83 4

010 S. Antonii Patavini

Brasilia

163 160 3

065 Ss.mi Redemptoris / Dalmatia Croatia

287 284 3

A04 S. Francisci Cust. Aut.

PAPUA NOVA GUINEA

45 42 3

033 S. Salvatoris a Horta / Cataloniae Hispania

52 50 2

077 S. Hedvigis

Polonia

209 207 2

079 S. Mariae Angelorum

Polonia

252 250 2

096 Christi Regis

Canada

44 42 2

013 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Brasilia

489 488 1

043 S. Michaelis Archangeli / Apuliae Italia

123 122 1

054 Immac. Concept. /

Italia

167 166 1

055 S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina Italia

99 98 1

057 Seraphica S. Francisci Assisiensis Italia

232 231 1

058 Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae

Italia

148 147 1

063 Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae Croatia

222 221 1

089 S. Francisci in Vietnam

Vietnamia

178 177 1

093 Ss. Martyrum Coreanorum

Corea

152 151 1

024 S. Antonii Patavini / Bavariae

Germania

102 102 0

067 S. Crucis / Slovenia

Slovenia

98 98 0

073 S. Francisci Solano

Peruvia

110 110 0

095 B.V.M. Reginae Sinarum

Taivania (Formosa)

51 51 0

A01 N.rae Dominae Septem Gaudiorum BRASILIA

39 39 0

025 SS. Trium Regum / Coloniae

GERMANIA

83 83 0

110 S. Casimiri

LITUANIA

57 57 0


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Provincia Natio 2004 2003 Diff

A02 Christi Regis Cust. Aut.

HELVETIA

32 32 0

A05 S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. BRASILIA

40 40 0

006 S. Bernardini Senensis

Austria

43 44 -1

008 S. Joseph Sponsi B.V.M.

Belgium

153 154 -1

015 S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae Ceca Respublica

54 55 -1

029 Baetica

Hispania

112 113 -1

081 S. Stephani Regis / Transilvaniae Romania

55 56 -1

088 Nostrae Dominae de Guadalupe USA (Fed Civ Am Sept)

72 73 -1

105 S. Familiae

Aegyptus

99 100 -1

002 Annuntiationis B.V.M.

Albania

21 23 -2

039 Ss. Martyrum Iaponensium

Iaponia

99 101 -2

045 Christi Regis / Bononiensis

Italia

142 144 -2

046 Ss. VII Martyrum / Calabriae

Italia

53 55 -2

047 Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae Italia

88 90 -2

056 S. Mariae Gratiarum / Sardiniae Italia

49 51 -2

068 S. Pauli Apostoli

Melita

72 74 -2

070 Ss. Francisci et Jacobi Jalisco Mexicum

415 417 -2

090 Custodia Terrae Sanctae

Israel

194 196 -2

094 S. Pauli Apostoli

Columbia

85 87 -2

098 S. Antonii / Missionaria

Bolivia

160 162 -2

011 S. Crucis

Brasilia

135 137 -2

A03 S. Joannis Baptistae Cust. Aut. PAKISTANIA

40 42 -2

001 S. Francisci de Quito

Aequatoria

159 162 -3

031 Carthaginensis

Hispania

81 84 -3

035 S. Iacobi a Compostella

Hispania

130 133 -3

036 S. Joseph / Valentiae et Aragoniae Hispania

94 97 -3

042 S. Bernardini Senensis / Aprutiorum Italia

84 87 -3

050 Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana Italia

173 176 -3

051 S. Bonaventurae / Pedemontana Italia

72 75 -3

053 Ss. Petri et Pauli / Romana

Italia

155 158 -3

059 S. Vigilii / Tridentina

Italia

97 100 -3

102 N.rae Dominae Reginae Pacis Africa Meridionalis

72 75 -3

066 Assumptionis BVM / Herzegoviae Bosnia-Herzegovia

214 217 -3

084 Ss.mi Cordis Iesu

USA (Fed Civ Am Sept)

280 283 -3

092 S. Michaelis

Argentina

47 50 -3

027 S. Elisabeth

Germania

105 109 -4

038 S. Mariae

Hungaria

31 35 -4

040 S. Thomae Apostoli / Indiae

India

174 178 -4

052 S. Iacobi de Marchia / Picena

Italia

125 129 -4

111


112 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Provincia Natio 2004 2003 Diff

080 Ss. Martyrum Marochiensium Portugallia

219 223 -4

100 Trium Sociorum / Gallia

Gallia-Belgium

131 135 -4

016 Ss.mi Salvatoris / Slovakiae

Slovakia

76 81 -5

034 N.rae Dominae a Regula /

Hispania

100 105 -5

060 S. Francisci Stigmatizati / Tusciae Italia

140 145 -5

082 Assumptionis B.V.M.

USA (Fed Civ Am Sept)

158 163 -5

112 S. Philippi de Iesu

MEXICUM

65 70 -5

003 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Britannia Magna

65 71 -6

005 Sancti Spiritus

Australia

131 137 -6

032 S. Gregorii Magni / Castellana Hispania

76 82 -6

037 S. Ioannis a Capistrano

Hungaria

102 108 -6

064 S. Hieronymi / Dalmatiae

Croatia

70 76 -6

076 Assumptionis B.V.M.

Polonia

294 300 -6

109 Assumptionis B.V.M. (Bacabal) BRASILIA

63 69 -6

103 B. Engelberti Kolland

Austria/Italia

108 115 -7

017 Ss.mae Trinitatis

Chilia

140 147 -7

030 Franciscana de Arantzazu

Hispania

302 309 -7

048 Assumptionis B.V.M. / Lyciensis Italia

94 101 -7

074 Ss. XII Apostolorum

Peruvia

167 174 -7

085 Immaculatae Conceptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

160 167 -7

097 S. Francisci Assisiensis

Polonia

190 197 -7

107 S. Francisci Solano

ARGENTINA

74 81 -7

049 S. Caroli Borromaei / Mediolanensis Italia

177 185 -8

026 S. Crucis / Saxoniae

Germania

156 165 -9

086 S. Ioannis Baptistae

USA (Fed Civ Am Sept)

202 211 -9

087 Ss.mi Nominis Iesu

USA (Fed Civ Am Sept)

410 419 -9

014 S. Joseph Sponsi B.V.M.

Canada

137 147 -10

099 B. Pacifici / Gallia Occidentalis Gallia

180 190 -10

028 Hiberniae

Hibernia

164 176 -12

069 S. Evangelii

Mexicum

208 220 -12

072 Ss. Martyrum Gorcomiensium Nederlandia

218 230 -12

083 S. Barbarae

USA (Fed Civ Am Sept)

212 225 -13

091 Dominae Nostrae de Guadalupe America Centralis/Panama

239 253 -14

106 S. Francisci

Africa (Kenia) et Madigascaria

107 125 -18

061 S. Antonii Patavini / Venetae

Italia

408 433 -25

078 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Polonia

360 440 -80

15795 16082 -287


1. Germania – Incontro preparatorio

per la GMG 2005 a Colonia

Dal 6 al 9 gennaio 2005 nella casa Kardinal-Schulte

a Bensberg, nei pressi di Colonia,

si è svolto il secondo incontro preparatorio

per la GMG 2005. L’incontro è stato

organizzato dal Pontificio Consiglio per i

Laici assieme all’Ufficio Tedesco per la

GMG 2005 e ha visto la partecipazione di

circa 300 persone, tra responsabili delle varie

Conferenze Episcopali, dei Movimenti e

delle Associazioni o Comunità internazionali.

All’incontro erano presenti, tra gli altri,

Mons. Stanislaw Rylko, Presidente del

Pontificio Consiglio per i Laici, con il Segretario,

Mons. Josef Clemens; l’Arcivescovo

di Colonia Joachim Card. Meisner; e

Karl Card. Lehmann, Presidente della Conferenza

Episcopale tedesca. Per la Gioventù

Francescana hanno partecipato Xavi Ramos,

Consigliere della Presidenza CIOFS, e

Fr. Ivan Matic, OFM, Assistente generale.

Sono stati tre giorni intensi di lavoro, comunione

e condivisione per tutti i rappresentanti

dei giovani che si stanno preparando

alla celebrazione del XX GMG, che si

svolgerà nei giorni 16-21 agosto 2005 a Colonia.

Si è discusso della preparazione e

della celebrazione della GMG, e di molti

aspetti pratici, relativi all’iscrizione dei giovani

e alle celebrazioni con il Santo Padre.

I partecipanti hanno potuto incontrare tutti i

responsabili di questo evento e avere informazioni

dirette per una migliore preparazione

alla GMG. Xavi e Fr. Ivan hanno avuto

anche la possibilità di informare a loro

volta gli organizzatori della GMG dell’incontro

internazionale della GiFra, che si

svolgerà tre giorni prima della GMG a Vossenack,

e hanno confermato la data del pomeriggio

del 17 agosto, per un momento di

Festa della GiFra organizzato presso il convento

dei Frati Minori a Düsseldorf.

Il 10 gennaio Xavi e Fr. Ivan hanno avu-

EX OFFICIO OFS

to un incontrato a Düsseldorf con Fr. Georg

Scholles, OFM, Assistente nazionale dell’OFS

di Germania, incaricato della preparazione

dell’incontro GiFra. In tale circostanza

si è concordato quanto dovrà essere

preparato dalla Presidenza CIOFS e dall’OFS

della Germania. Tutte le informazioni

poi saranno messe, nelle quattro lingue

ufficiali, nella pagina web appositamente

preparata per questo evento:

www.ciofs.org/gifra.

2. Polonia - Corso di formazione per

l’OFS della Bielorussia

Dal 4 al 7 febbraio 2005 nella città di

Varsavia, presso il Centro francescano, si è

svolto un corso di formazione per i Francescani

secolari della Bielorussia. Circa quaranta

persone hanno preso parte a tale Corso,

tra cui 17 persone della Bielorussia con

il loro Assistente nazionale, Fr. Walerian

Sokolovski, OFMConv. Da parte della Presidenza

CIOFS erano presenti Benedetto

Lino, Consigliere della Presidenza e Fr.

Ivan Matic, OFM, Assistente generale dell’OFS.

Questi hanno presentato vari temi di

spiritualità francescana; in particolare si sono

soffermati su: vocazione, carisma e missione

dell’OFS, Assistenza spirituale e pastorale

all’OFS. Per la positiva riuscita del

Corso si sono rivelati decisivi la collaborazione

e il contributo dati dal Consiglio nazionale

dell’OFS di Polonia.

In Bielorussia ci sono 50 Fraternità locali

con circa 430 professi. Ci sono anche due

Fraternità di giovani francescani. Del Primo

Ordine sono presenti i Frati Minori, i Frati

Minori Conventuali e i Frati Minori Cappuccini.

Durante il Corso si è parlato della

necessità di costituire la Conferenza degli

Assistenti nazionali e di provvedere all’assistenza

alle Fraternità locali, senza un Assistente.


114 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

3. Perù – Capitolo nazionale dell’OFS

Nei giorni 25-27 febbraio 2005 nella

città di Lima si è svolto il XII Capitolo nazionale

elettivo dell’OFS del Perù. A nome

della Presidenza CIOFS era presente la

Consigliera internazionale M. Consuelo

Núñez (Chelito), del Venezuela, che ha presieduto

anche la sessione elettiva del Capitolo.

A nome della Conferenza degli Assistenti

generali dell’OFS vi ha partecipato

Fr. Ivan Matic, OFM. Maritza Tejada è sta-

ta eletta Ministra nazionale e Betty Herrera

è stata rieletta Consigliera internazionale.

Durante il Capitolo si è riflettuto su alcuni

temi importanti per la vita e la missione dei

Francescani secolari nella Chiesa e nella società,

e soprattutto sul ruolo dei Ministri,

Vice-Ministri e dei Consiglieri dell’OFS

nei vari Consigli. È stato anche affrontato il

tema dell’assistenza spirituale e pastorale,

tenendo conto delle novità contenute nelle

Costituzioni generali dell’OFS e nel recente

Statuto per l’assistenza.


AD CHRONICAM ORDINIS

1. De itineribus Ministri Generalis

1.1. 2° Incontro del Definitorio generale

con i nuovi Ministri provinciali e Custodi

Roma, Curia generale, 16-26.01.2005

Il 2° incontro dei nuovi Ministri provinciali

e Custodi con il Ministro e il Definitorio

generale si è tenuto dal 16 al 26 gennaio

2005 presso la Curia generale, anche se l’ospitalità

è stata trovata nei dintorni, dati i lavori

di ristrutturazione in atto della Curia.

Le giornate romane sono state arricchite da

un pellegrinaggio ad Assisi, per ritornare

così alla “grazia delle origini”.

Partecipanti

Definitorio generale

Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro

generale; Fr. Francesco Bravi, Vicario e

Procuratore generale; Fr. Amaral Bernardo

Amaral, Definitore generale; Fr. Luis Gerardo

Cabrera Herrera, Definitore generale;

Fr. Finian McGinn, Definitore generale; Fr.

Juan Ignacio Muro Aréchiga, Definitore generale;

Fr. Sime Samac, Definitore generale;

Fr. Ambrogio Van Si Nguyen, Definitore

generale; Fr. Miguel J. Vallecillo Martín,

Definitore generale; Fr. Jakab Varnai, Definitore

generale; Fr. Sandro Overend Rigillo,

Segretario generale.

Ministri provinciali e Custodi

Arias Fr. Alex Antonio (Cust. Immacolatae

Conceptionis BVM del Venezuela,

dip. dalla Prov. S. Iacobi a Compostella,

Spagna); González González Fr. Amado

(Prov. Iacobi a Compostella, Spagna); Miele

Fr. Bruno (Prov. Venetae S. Antonii Patavini,

Italia); Malczuk Fr. Erkulan (Prov.

S. Michaëlis Archangeli, Ucraina); Barden

Fr. Franz Leo (Prov. Trium Regum, Germania);

Schlegel Fr. Helmut (Prov. Thuringiae

S. Elisabeth, Germania); Pereira Lamelas

Fr. Isidro (Prov. Ss. Martyrum Maro-

chiensium, Portogallo); Van den Eijden Jan

(Prov. Ss. Martyrum Gorcomiensium,

Olanda); Aguirre García Fr. Jesús (Foed.

Franc. Marochiensis, Marocco); Jordá

Tomás Fr. José Antonio (Valentiae et Aragoniae

S. Ioseph, Spagna); Amin Fr. Joseph

(Prov. S. Familae, Egitto); Bunader Fr. Julio

César (Prov. Assumptionis BMV, Argentina);

Milhaly Fr. Juraj (Prov. S. Salvatoris,

Slovacchia); Valdivia Covarrubias Fr.

Lorenzo (Prov. S. Philippi a Iesu, Messico);

Di Franco Fr. Manlio (Salernitano-Lucanae

Immaculatae Conceptionis BMV,

Italia); Wagner Fr. Max (Prov. S. Antonii

Patavini, Germania); Gashi Fr. Ndue (Prov.

Annuntiationis BMV, Albania); Pizzaballa

Fr. Pierbattista (Cust. Terrae Sanctae, Israele);

Dzierzenga Fr. Richard (Prov. Verbi Incarnati,

Togo); Van Laer Fr. Robert (Prov.

S. Ioseph Sponsi BMV, Belgio); Pusma Fr.

Salomon (Cust. Ss. Nominis Iesu, dip. XII

Apostolorum, Perù); Papez Fr. Viktor

(Prov. S. Crucis, Slovenia); Di Virgilio Fr.

Virgilio (Prov. Aprutiorum S. Bernardini

Senensis, Italia).

Interpreti/Assistenti

Caspoli Fr. Alessandro (Italiano), Orduña

Fr. César (Spagnolo), Hudson Fr. Patrick

(inglese), De Angelis Fr. Roberto (Assistente

Segreteria), Fernández Fr. Hector

(Assistente Segreteria), Portka Fr. Samuele

(Assistente in Aula).

Agenda

L’incontro con i Ministri provinciali e i

Custodi è iniziato il 17 gennaio, nella mattinata

con una breve liturgia, l’auto-presentazione

dei partecipanti ed una riflessione

dettata da Fr. Francesco Bravi, Vicario generale,

su Il cammino dell’Ordine; nel pomeriggio

con i lavori in gruppo linguistici,

la condivisione in Assemblea ed una comunicazione

su Assistenza alle contemplative

(Fr. Enrique González).


116 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Il secondo giorno è stato caratterizzato

dalla Relazione centrale del Convegno, tenuta

dal Ministro generale, nella quale Fr.

José ha illustrato il significato e le modalità

del servizio del Ministro/Custode. Infatti, il

tema del suo intervento è stato: Il servizio

dell’autorità (cf. Sezione, Ex Actis Ministri

generalis). L’ampia e documentata riflessione

è stata approfondita nel dialogo con il

Relatore e nel pomeriggio attraverso i lavori

di gruppo. La giornata si è conclusa con

una comunicazione di Fr. Finian McGinn su

L’Accompagnamento dei Frati in difficoltà.

Il 19 gennaio è stato lasciato libero per

gli incontri personali con il Ministro e con i

Definitori generali; anche per visitare gli

Uffici della Curia e conoscere così i “volti”

di coloro che lavorano negli Uffici come

aiuto al Definitorio e come servizio alla

Fraternità universale.

Nella mattinata del quarto giorno sono

state affrontate due grosse tematiche, in vario

modo decisive per il presente e il futuro

delle Entità e dell’Ordine: La formazione e

gli studi. Situazione e prospettive (Fr. Massimo

Fusarelli); L’economia e la nostra vita

fraterna (Aspetti generali: Fr. Giancarlo

Lati; Animazione ed economia: Fr. Jakab

Várnai; Il “fondo comune”: Fr. Miguel Vallecillo).

Nel pomeriggio, nella prima parte

sono stati ripresi i temi del mattino nei lavori

di gruppo e nella condivisione in Assemblea;

nella seconda si è avuta la relazione

dell’Ufficio delle Comunicazioni su Internet,

Acta Ordinis e Fraternitas (Fr. John

Abela e Fr. Luigi Perugini).

Il 21 gennaio è stato denso di comunicazioni

e riflessioni: Il Ministro e il suo Definitorio

secondo le Costituzioni e gli Statuti

generali (Fr. Nikolaus Schöch); Problemi

giuridici: quesiti e risposte (Fr. Francesco

Antonelli); Affari della Procura generale

(Fr. Valentino Menegatti); Assistenza ai

Francescani Secolari (Fr. Ivan Matic).

Dopo la giornata vissuta ad Assisi, con

un programma adeguato al luogo e allo scopo

del pellegrinaggio, e la domenica lasciata

libera, i lavori riprendono il 24 con un nutrito

ordine del giorno: Evangelizzazione

(Fr. Nestor Schwerz), Progetti missionari

dell’Ordine (Fr. Vicenzo Brocanelli), Giu-

stizia, Pace e Integrità del Creato (Fr. Rodrigo

Péret e Fr. Alejandro Castillo); Accompagnamento

dei Frati in difficoltà (P.

Amedeo Cencini).

L’ultimo giorno, 25 gennaio, è stato dedicato,

nella mattinata, al Progetto della vita

fraterna, con l’aiuto di un Relatore (Fr.

Miguel Vallecillo) e il lavoro di gruppo e la

condivisione in Assemblea; nel pomeriggio

alla conclusione dell’Incontro prima con la

verifica del lavoro svolto, fatta in Assemblea,

e poi con la Celebrazione eucaristica,

presieduta dal Ministro generale.

FR. LUIGI PERUGINI, OFM

1.2. Capitolo della Fondazione “San Francesco

d’Assisi” in Russia-Kazakistan

Santuario della Verna, 26.01- 03.02.2005

I Frati della Fondazione “S. Francesco

d’Assisi”, Russia-Kazakistan, si sono dati

appuntamento la sera del 25 gennaio 2005

al Collegio irlandese in Roma. Provenivano

dalle quattro Fraternità della Fondazione,

sparse negli immensi territori della Russia

(San Pietroburgo, Novosibirsk e Ussurisk)

e del Kazakistan (Alma Ata).

Il giorno successivo i diciotto Frati, di

ben sette nazionalità, sono partiti per Assisi

dove hanno potuto sostare e pregare nei

principali luoghi francescani e dove sono

stati accolti, per il pranzo, dalla Fraternità di

Santa Maria degli Angeli.

In serata, nel bel mezzo di una bufera di

neve, hanno raggiunto il Santuario della

Verna, ricevuti dal Definitore generale per

l’Europa dell’Est, Fr. Sime Samac, e, con

squisita premura, dalla Fraternità locale.

Su questo santo Monte, dove Francesco

ha ricevuto le Stimmate, il gruppo di Frati ha

vissuto due intensi giorni di ritiro spirituale,

27 e 28 gennaio, a cui ha preso parte anche

Fr. Vadim Bielokorytov, novizio kazako della

Fondazione. Ogni Fraternità, infatti, aveva

preparato nei mesi precedenti, delle tracce

per la riflessione personale e comune sulle

Priorità dell’Ordine per il sessennio.

La sera del 28 gennaio i Capitolari hanno

accolto il Ministro generale, Fr. Josè R.


Carballo, che ha presentato il cammino che

l’Ordine compirà nei prossimi anni in vista

della celebrazione dell’ottavo centenario

della propria fondazione.

La mattina del 29 gennaio il Ministro generale

ha aperto ufficialmente il Capitolo

della Fondazione “San Francesco d’Assisi”

in Russia e Kazakistan, alla presenza anche

di alcuni Definitori generali e di Fr. Vincenzo

Brocanelli, Moderatore delle Missioni

“ad gentes”. Dopo aver salutato Fr. Astijus

Kungys, Visitatore generale e Presidente

del Capitolo, il Ministro generale ha ringraziato

i Frati per la loro presenza in Russia ed

in Kazakistan, li ha esortati ad approfondire

e a vivere le Priorità che l’Ordine si è dato

per il sessennio. Al termine dell’intervento

del Ministro Fr. Sime Samac, Definitore

generale, ha letto il Decreto di nomina

del nuovo Presidente della Fondazione (Fr.

James Edmiston) e dei Consiglieri (Fr. Gracijan

Piotrowski, Fr. Guido Trezzani, Fr.

Dominik Kim). La celebrazione dell’Eucaristia

e la tradizionale processione con la

Fraternità della Verna alla Cappella delle

Stimmate, hanno concluso l’incontro con il

Ministro generale.

I lavori del Capitolo sono poi proseguiti

fino alla sera del 2 febbraio sotto la guida di

Fr. Astijus. Nelle varie sessioni capitolari

sono stati presi in esame gli aspetti importanti

per la vita della Fondazione e delle

Fraternità. Inoltre l’Assemblea ha votato alcune

proposte di modifica degli Statuti della

Fondazione. Tali proposte dovranno essere

poi esaminate ed approvate dal Definitorio

generale.

Nella stessa giornata si è svolta anche la

riunione del Congresso Capitolare per i primi

adempimenti e per la formazione delle

nuove Tavole di Famiglia.

Il Capitolo si è concluso con la celebrazione

eucaristica presieduta dal Definitore

generale, Fr. Sime Samac, che ha esortato

tutti ad essere messaggeri di speranza nel

mondo di oggi. In questa celebrazione ogni

Frate ha rinnovato la propria professione religiosa.

AD CHRONICAM ORDINIS

FR. STEFANO INVERNIZZI

117

1. 3. Quinto centenario de la Fundación de

la Provincia de Santa Cruz de las Indias

Santo Domingo, 03.02.2005

Los hermanos de la Custodia Franciscana

del Caribe, “Santa María de la Esperanza”,

están celebrando el Quinto Centenario

de la Fundación de la Provincia de Santa

Cruz de las Indias.

Dicha Provincia, la primera de América

y la primera institución autónoma erigida

en el Nuevo Mundo por una Orden Religiosa,

con sede en Santo Domingo, fue erigida

en el mes de mayo del año 1505, el día de

Pentecostés, por el Capítulo General de la

Observancia, celebrado en la ciudad francesa

de Laval, a los doce años de la llegada de

los franciscanos a América, en el año 1493,

en el segundo viaje de Cristóbal Colón.

Dicha Provincia nació con una decidida

vocación expansionista y fue rampa de lanzamiento

de misioneros en sus primeros

años, hacia Jamaica (1508), Venezuela

(1509), Cuba (1511), Puerto Rico (1512),

Panamá (1512) y México (1518).

El día 3 de febrero de este año 2005, los

hermanos de la Custodia Franciscana del

Caribe “Santa María de la Esperanza” tuvieron

un primer acto con motivo del Centenario,

en Santo Domingo, República Dominicana,

aprovechando su Asamblea

anual.

Estuvieron presentes el Ministro General,

Fr. José Rodríguez Carballo, los Definidores

Generales para América Latina, los

hermanos Juan Ignacio Muro y Luis Cabrera,

el Provincial de la Provincia de Arantzazu,

de la que depende la Custodia, el hermano

José María Arregui, el Custodio del

Caribe, el hermano Eusebio Unzurrunzaga,

el Custodio de Venezuela, el hermano Alex

Arias, y numerosos hermanos de la Custodia,

llegados de Cuba, Puerto Rico y República

Dominicana.

La jornada comenzó por la mañana, en la

Casa San Pablo, el lugar donde los hermanos

estaban celebrando su Asamblea, con

una exposición del Santísimo, recordando a

los primeros hermanos, dando gracias al

Señor por los 500 años y tratando de emularlos.


118 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Después, el hermano Ministro General,

Fr. José Rodríguez Carballo, dirigió dos

charlas a los hermanos, relacionadas con el

acontecimiento, seguidas de amplios diálogos:

• Volver a lo esencial: La refundación de

la Vida Consagrada.

• Llamados a vivir y proclamar el Evangelio

en un mundo fragmentado.

Por la tarde, todos los hermanos se trasladaron

a la ermita del Rosario, en Villa

Duarte, que puede ser considerada la Porciúncula

de la Orden Franciscana en América,

porque fue en ella, primero un bohío y

luego de piedra y ladrillo, donde formaron

su primera comunidad los franciscanos que

llegaron al Caribe a partir del año 1493.

El hermano Mariano Errasti, buen conocedor

del tema, presentó un trabajo histórico

sobre el Quinto Centenario de la fundación

de la Provincia Franciscana de Santa

Cruz de las Indias.

A continuación, se celebró una eucaristía,

en un clima fraterno y sencillo, presidida

por el Ministro General, con la asistencia

también de los postulantes, novicios y profesos

temporales de la Custodia en el país y

también de muchos hermanos terciarios y

feligreses de la Parroquia Nuestra Señora

del Rosario, donde está la ermita, atendida

por los hermanos.

El Ministro General, en su homilía, subrayó

que los franciscanos de hoy al recordar

esta efemérides queremos «mirar al pasado

con gratitud, para bendecir y alabar al

Señor por el don de aquellos primeros hermanos

que implantaron la vida franciscana

en América y particularmente en el Caribe

y Venezuela, territorio de esta primera Provincia

franciscana; queremos también nosotros

abrirnos a la gracia del Señor para vivir

con pasión el presente, y, de este modo,

preparar con confianza el futuro».

Y prosiguió, diciendo: «“Conscientes de

que no sólo tenemos una historia gloriosa

que contar, sino también una historia por

construir” (VC 37), queremos edificar el futuro

sobre roca firme, para que los hermanos

podamos seguir siendo fieles y creativos

en la vocación y misión que hemos recibido.

Y edificar sobre roca significa

priorizar algunos elementos que han caracterizado

siempre nuestra vida, sobre todo en

América, subrayando tres elementos que

me parecen particularmente importantes en

el contexto histórico que estamos viviendo:

la calidad de vida, una sólida formación intelectual

y la cercanía a la gente, especialmente

a los más pobres».

Terminada la celebración y después de

algunas fotos de los hermanos y del lugar

todos se dirigieron a la cercana fraternidad

de Villa Duarte, para seguir compartiendo y

celebrando y reparar sus fuerzas.

AZCONA FR. SAMUEL

1.4. Visita alla Provincia OFM delle

Marche

10-12.02.2005

La nostra Provincia Picena S. Giacomo

della Marca ha avuto la gioia di avere la visita

paterna del Ministro generale, nei giorni

10-12 febbraio 2005. Sono state giornate

intensissime di preghiera, di riflessione, di

dialogo, di fraternità.

Il Ministro è giunto nel convento di Monteprandone,

nella cui chiesa vi sono le venerate

spoglie del nostro patrono san Giacomo

della Marca, al mattino del 10 febbraio; insieme

a lui c’era il Vicario generale e anche

Fr. Vincenzo Brocanelli. Dopo un primo

cordiale saluto di Fr. Ferdinando Campana,

Ministro provinciale, del Guardiano del

convento e della Fraternità locale, abbiamo

iniziato l'incontro con la celebrazione dell'Ora

terza e con la richiesta dell'intercessione

di san Giacomo della Marca. I Frati presenti,

tra i quali i tre novizi venuti appositamente

dalla Verna, erano circa cinquanta. Il

Ministro provinciale, salutando e offrendo il

benvenuto al Ministro generale e al suo Vicario,

a nome di tutti i Frati marchigiani, ha

presentato brevemente la situazione della

Provincia, che sta per celebrare il suo Capitolo.

In particolare ha illustrato le prospettive

future nella rivalorizzazione dell'esperienza

della Terra dei Fioretti e nella riscoperta

delle origini dell' Ordine.

Fr. José R. Carballo, facendosi interprete

di tutto il Definitorio generale, ha saluta-


to i Frati delle Marche, terra cara al Padre S.

Francesco, e ha rivolto il suo saluto anche a

Fr. Renato Russo, Visitatore generale della

nostra Provincia, presente in questa circostanza.

Poi ha sviluppato una riflessione

sulla “rifondazione” dell’Ordine: tornare

all’essenziale, risituare il nostro carisma,

mettere vino nuovo in otri nuovi. Il Ministro

si è soffermato anche sul tema delle

“Priorità” dell' Ordine: spirito di orazione e

devozione; comunione fraterna; minorità,

povertà e solidarietà; evangelizzazionemissione;

formazione. Infine terminava le

sue riflessioni impartendo a tutti la benedizione

di san Francesco.

Fr. Francesco Bravi, Vicario generale,

ha illustrato poi in maniera sintetica i progetto:

“La grazia delle origini” nelle sue varie

tappe dal 2006 al 2009.

Dopo una pausa c’è stato un fraterno e

fruttuoso dialogo dei frati con il Ministro

generale: sono stati toccati vari temi dell'attualità

del nostro Ordine e della nostra vita

di Frati Minori.

Alle 12,30 il Vescovo diocesano,

Mons.Gervasio Gestori, che era stato invitato

appositamente, ha presieduto la solenne

concelebrazione eucaristica, fulcro di

tutta la giornata. Era presente anche il Sindaco

dì Monteprandone. Una preghiera particolare,

al termine della S. Messa, l'abbiamo

elevata al Signore per la Provincia, l'Ordine

e la Chiesa tutta davanti al corpo di san

Giacomo della Marca.

Il pranzo, offerto con generosità dai Frati

di Monteprandone, ha concluso questo

momento così importante per i Frati della

Provincia Picena che con gioia si sono incontrati

con il successore di san Francesco.

Il Ministro provinciale, a nome di tutti, gli

ha offerto in omaggio un'icona di san Giacomo

della Marca.

Nel pomeriggio il Ministro e il Vicario

generale si sono trasferiti nel vicino convento-oasi

di Grottammare, dove poi hanno

incontrato il Definitorio della Provincia. Il

Ministro provinciale ha presentato il lavoro

svolto in questi sei anni, soffermandosi soprattutto

sulla scelta della pastorale giovanile

e vocazionale; ha delineato anche le

prospettive future, in particolare il progetto

AD CHRONICAM ORDINIS

119

“Terra dei Fioretti”, in vista dell' imminente

Capitolo provinciale.

Fr. José Carballo, nella sua riflessione, ha

posto in evidenza il duplice compito di un

Definitorio: amministrare tutta la realtà provinciale

e animare spiritualmente la Provincia,

quale custode del carisma proprio. Ha

ricordato, in vista del Capitolo provinciale,

come sia compito dell'assise capitolare

giungere a scelte operative coraggiose e

concrete, proprio per compiere un cammino

realistico di “rifondazione”.

A cena sono giunte poi una quindicina di

sorelle Clarisse dei monasteri più distanti e

insieme ai giovani informazione abbiamo

trascorso, terminato il pasto, un momento di

fraternità.

Nel primo mattino del giorno 11 febbraio,

dopo la preghiera delle Lodi e dell'Ufficio

delle letture, sono arrivate circa altre settanta

Clarisse della Federazione Marche-

Abruzzo, insieme all’Assistente Fr. Damiano

Di Stefano della Provincia dell'Abruzzo.

Celebrata l'Ora terza, la Madre Presidente,

Madre Patrizia Festa, ha presentato la

realtà della Federazione e il cammino di ricerca

e di discernimento della propria identità

compiuto in questi anni. Il Ministro generale,

ha espresso la sua gioia e la sua gratitudine

per la numerosa presenza delle

Sorelle povere di S. Chiara; ha sottolineato

la bellezza dell'unità del carisma tra il Primo

e il Secondo Ordine, e poi si è soffermato

sul tema della contemplazione alla

scuola soprattutto della vita e degli scritti dì

santa Chiara: Cristo Signore al centro della

nostra preghiera, della nostra vita, lasciandoci

trasformare da lui, nella consapevolezza

di essere abitati dal Padre, dal Figlio e

dallo Spirito Santo.

Anche alle Sorelle il Vicario generale ha

illustrato brevemente il progetto “La grazia

delle origini”. È seguito, dopo una pausa,

un dialogo tra le Clarisse e il Ministro, soprattutto

sul tema della identità delle Sorelle

povere di S. Chiara.

La solenne concelebrazione, presieduta

dal Ministro generale, ci ha riuniti tutti attorno

all'altare del Signore; ad essa ha partecipato

il Vescovo diocesano, che al termine

della S. Messa ha rivolto un breve saluto


120 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

alle Clarisse. Il Vescovo è rimasto anche per

il pranzo, volendo condividere la gioia della

fraternità.

Nel pomeriggio, partite le sorelle, il Ministro

si è ritrovato con i giovani in formazione:

postulanti (tre), novizi (tre), professi

temporanei (cinque). Poi è stato il Consiglio

di Formazione della Provincia che ha potuto

ascoltare dal Ministro generale una riflessione,

soprattutto sulla formazione iniziale

e sulla figura dell' accompagnatore. La

giornata, così ricca ed intensa, terminava

con la cena e con il meritato riposo!

Il sabato 12 febbraio il Ministro generale

lo ha dedicato ai laici della Famiglia francescana

delle Marche e della Repubblica di

S. Marino. Celebrate le Lodi e l'Ufficio delle

letture, il Ministro, insieme al suo Vicario

e agli altri Frati rimasti a Grottammare,

si è trasferito nella nostra Casa S. Francesco

di Loreto. Qui egli ha potuto incontrare un

centinaio di francescani secolari delle varie

Fraternità, compreso un bel gruppo di giovani

della GiFra.

Dopo un breve momento di preghiera, il

Ministro regionale dell' OFS, Sig. Giorgio

Sartini, ha delineato la fisionomia dell'OFS

delle Marche, il suo cammino di formazione,

il suo impegno per la pastorale della famiglia,

in particolare per le giovani famiglie.

Le brevi parole del Ministro Giorgio

Sartini sono state inframmezzate da un conciso

saluto, ricco di fede e di cordialità, di

Mons. Angelo Comastri, Arcivescovo Prelato

di Loreto, terziario francescano: egli ha

invitato tutti i seguaci di Francesco d'Assisi

ad imitarlo nel tenere gli occhi costantemente

fissi sul volto di Gesù.

Poi il Ministro generale si è rivolto ai

fratelli e alle sorelle dell'Ordine Francescano

Secolare felicitandosi nel vederli così

numerosi e con un'età media non molto alta

e per il folto gruppo di giovani della GiFra.,

accompagnati dalla Presidente regionale

Sig.na Valeria Gabban. Egli ha voluto sottolineare

la comune vocazione che lega i

Frati e i Laici francescani, anche se essa è

vissuta in modi diversi; inoltre si è soffermato

sull'importanza della formazione e

sulle sue varie dimensioni: biblica, teologica,

francescana, professionale.

Fatta una breve sosta, si è svolto il dialogo

tra i fratelli, le sorelle e il Ministro generale:

non è mancato il riferimento al problema

dell' Unità dell'OFS e il Ministro generale

ha sottolineato tutta la sua vicinanza

fraterna e paterna ai Francescani secolari e

la sua adesione piena a quanto la S. Sede sta

chiedendo all'OFS in Italia.

Il Ministro poi, implorata l'intercessione

e la protezione della Vergine Lauretana, ha

presieduto la solenne Eucaristia; tra i concelebranti

erano presenti anche vari Assistenti

delle Fraternità locali oltre l'Assistente

regionale Fr. Silvio Capriotti. Con il

pranzo, offerto dalla Casa S. Francesco, è

terminata la visita paterna di Fr. José R.

Carballo. Il Ministro provinciale ha rinnovato

al Successore di san Francesco la gratitudine,

l'affetto e l'obbedienza filiale di

tutta la Famiglia francescana delle Marche.

Questi tre giorni resteranno certamente

indelebili nella storia della Provincia Picena

san Giacomo della Marca.

FR. ALDO ALBERONI OFM

1.5. Visita a la Provincia del Santo Evangelio,

Mexico

Lunes 21

Encuentro con el Secretariado para la

Formación y los Estudios

A las 9:30, se reunieron Fr. José Rodríguez

Carballo, Ministro general, y los hermanos

del Definitorio general, Fr. Juan

Ignacio Muro y Fr. Luis Gerardo Cabrera,

con los hermanos que conforman el Secretariado

provincial para la Formación y los

Estudios en nuestro Centro Vocacional

Franciscano San Felipe de Jesús, en

Coyoacán, D.F, México. En un primer momento,

los hermanos del Secretariado presentaron

brevemente la situación actual de

la Provincia en cada una de las áreas tanto

de la Formación permanente como inicial,

destacando los logros y los problemas.

Después, nuestros hermanos del Definitorio

general destacaron algunos aspectos

que les llamaron la atención de lo presentado:

la importancia de la reestructuración del

Postulantado, que la Formación tanto per-


manente como inicial sea diferenciada, el

acompañamiento a los hermanos con pocos

años de profesión solemne, la incorporación

de actividades de Justicia, Paz e Integración

a la Creación en los procesos de

formación, el año de proceso vocacional

obligatorio antes de entrar al Postulantado,

y la de garantizar el acompañamiento en

cualquier experiencia formativa. Posteriormente,

Fr. José Rodríguez Carballo remarcó

algunos aspectos a considerar dentro

de la formación, como son: la formación

como un camino no terminado, la importancia

de la coordinación entre las diferentes

etapas formativas, la meta, núcleos y

objetivos de la formación y la importancia

del acompañamiento en la formación.

Encuentro con los formandos

A las 16:00 son recibidos Fr. José Rodríguez

Carballo, Ministro general, Fr. Juan

Ignacio Muro y Fr. Luis Gerardo Cabrera,

Definidores generales, Fr. Manuel Anaut y

Fr. Efrén Balleño, Ministro y Vicario provincial

respectivamente, en el Convento de

Ntra. Sra. de Guadalupe, nuestra casa de filosofía

y teología, donde se reunieron los

hermanos postulantes, los de profesión temporal

e incluso algunos aspirantes; también

estuvieron presentes algunos de los hermanos

que colaboran en la formación inicial.

Este encuentro, donde Fr. Efrén Balleño,

que también es el Secretrario provincial para

la Formación y los Estudios, fungió como

moderador, se dio en tres momentos:

Presentación, Mensaje de Fr. José Rodríguez

Carballo, Diálogo fraterno.

• Presentación. Algunos formandos expusieron

de manera sintética las diversas

etapas de formación inicial: Postulantado,

Profesión temporal, el Instituto Franciscano

de Filosofía y Teología, las pequeñas

fraternidades formativas, el Año

de Servicio.

• Mensaje. Fr. José Rodríguez Carballo

apuntó algunos aspectos de la formación,

como la importancia de la disciplina en la

formación, la diferencia entre experiencias

y experimentos formativos, destacando

que debemos de procurar nuevas

experiencias en el campo de la formación.

AD CHRONICAM ORDINIS

121

El desarrollo central de su exposición fue

sobre los estudios como la principal misión

del profeso temporal, donde éste debe

adquirir progresivamente los sentimientos

de Cristo hacia el Padre.

• Diálogo fraterno. Continuamos con una

serie de preguntas de los formandos hacia

los hermanos que nos visitaban. Se

destacó que la oración no debe limitarse

a lo litúrgico, sino también buscar los

momentos de oración personal. Se remarcó

también la importancia de la vida

en fraternidad y la administración adecuada

de los bienes. Para finalizar, Fr.

José Rodríguez Carballo les pidió a los

hermanos que tuvieran pasión en todas

las actividades y vida como hermanos

menores.

Eucaristía

Después del diálogo fraterno, a las 19:00

pasamos a la Capilla de nuestra casa de formación

para celebrar la Eucaristía. Esta fue

presidida por Fr. José Rodríguez Carballo y

concelebraron Fr. Juan Ignacio Muro, Definidor

general, Fr. Manuel Anaut, Ministro

provincial, Fr. Roberto Valencia, Maestro

de Postulantes, y Fr. Jesús Gómez, Morador

en la Casa de Profesos temporales. En su

homilía, Fr. José Rodríguez Carballo recordó

que, para Francisco de Asís, “Dios es el

nunca bastante”, por lo que nos invitó a no

claudicar en nuestra búsqueda-encuentro

del Sumo y Eterno Bien. Después de la Eucaristía,

pasamos a cenar con los formandos

y formadores de la Provincia.

Martes 22

Alrededor de las 8:30 llegaron al Hospital

Santa Coleta Fr. José Rodríguez Carballo,

Ministro general, Fr. Luis Gerardo Cabrera

y Fr. Juan Ignacio Muro, Definidores

generales, y Fr. Manuel Anaut, Ministro

provincial, para visitar y animar a Fr. Rubén

Moratilla, secretario académico de

nuestro Instituto Franciscano de Filosofía y

Teología. También las hermanas encargadas

del Hospital recibieron unas palabras

de agradecimiento y la bendición seráfica

de nuestro hermano José Rodríguez Carballo.


122 AN. CXXIV – JANUARII-APRILIS 2005 – FASC. I

Encuentro con los hermanos en San

Juan Bautista Coyoacán

Nos reunimos en el salón parroquial de

la Iglesia de San Juan Bautista en Coyoacán

los hermanos de la Provincia que se encuentran

en el Distrito Federal, Estado de