15.06.2022 Views

Leseprobe_Cadernos 5

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

CADERNOS DE QUELUZ

5

EIGHTEENTH-CENTURY

THEATRE CAPITALS

FROM LISBON TO ST. PETERSBURG

Edited by

Iskrena Yor danova ∙ José Camões


CADERNOS DE QUELUZ

5


DON JUAN ARCHIV WIEN

SPECULA SPECTACULA

Series edited by

Reinhard Eisendle ∙ Michael Hüttler ∙ Matthias J. Pernerstorfer

15

DIVINO SOSPIRO

CENTRO DE ESTUDOS MUSICAIS SETECENTISTAS DE PORTUGAL

CADERNOS DE QUELUZ

Series edited by

Iskrena Yor danova ∙ Massimo Mazzeo

5


EIGHTEENTH-CENTURY

THEATRE CAPITALS

FROM LISBON TO ST. PETERSBURG

Edited by

Iskrena Yor danova ∙ José Camões


The publication was supported by

Parques de Sintra – Monte da Lua and Don Juan Archiv Wien Forschungsverein

Eighteenth-Century Theatre Capitals:

From Lisbon to St. Petersburg

Edited by

Iskrena Yordanova and José Camões

Wien: HOLLITZER Verlag 2022

(= Specula Spectacula 15 / Cadernos de Queluz 5)

Editors of Specula Spectacula

Reinhard Eisendle ∙ Michael Hüttler ∙ Matthias J. Pernerstorfer

Editors of Cadernos de Queluz

Iskrena Yordanova ∙ Massimo Mazzeo

Cover Image

Museu Nacional de Arte Antiga, Lisbon:

Arcadas de um pátio com estátua de Neptuna (325 Des, 34364 TC)

drawing by Francesco Galli Bibiena (1659–1739)

Photo copyright Direção-Geral do Património Cultural/

Arquivo de Documentação Fotográfica, Luísa Oliveira, 2007

Layout: Gabriel Fischer, Vienna

Production Management: Inge Praxl, Vienna

© HOLLITZER Verlag, Wien 2022

HOLLITZER Verlag

a division of

HOLLITZER Baustoffwerke Graz GmbH, Wien

www.hollitzer.at

All rights reserved.

ISSN 2616-9037

ISBN 978-3-99094-005-1


HONORARY PRESIDENT

Jorge Sampaio †

Former President of the Portuguese Republic

ADVISORY COMMITTEE

João Bosco Mota Amaral

Former President of the Portuguese Parliament

Florinda Sofia Augusto Cruz

President of the board, Parques de Sintra-Monte da Lua S.A.

António Mega Ferreira

Writer

Risto Nieminem

Director of Gulbenkian Musica, Fundação Calouste Gulbenkian, Lisboa

Hans Ernst Weidinger

President of Don Juan Archiv Wien

Bruno Wolschlegel

Scientist

SCIENTIFIC COMMITTEE

Ricardo Bernardes

CESEM, Universidade Nova de Lisboa

Maria Ida Biggi

Università Ca’ Foscari, Venezia

Director of Theatre and Opera Institute, Fondazione Giorgio Cini, Venezia


SCIENTIFIC COMMITTEE

Manuel Carlos de Brito

Professor Emeritus, Universidade Nova de Lisboa

José Camões

CET, Universidade de Lisboa

Paulo Ferreira de Castro

CESEM, Universidade Nova de Lisboa

Francesco Cotticelli

Università degli studi “Federico Secondo”, Napoli

Cristina Fernandes

INET-md, Universidade Nova de Lisboa

Paologiovanni Maione

Conservatorio San Pietro a Majella / Fondazione Pieta de’ Turchini, Napoli

Carlos Pimenta

Universidade Lusófona, Lisboa

Brian Pritchard

School of Music University of Canterbury, New Zealand

Giuseppina Raggi

CES, Universidade de Coimbra

Iskrena Yordanova

Director of research DS-CEMSP, Lisboa

CESEM, Universidade Nova de Lisboa / CET, Universidade de Lisboa


CONTENTS

XI

Introduction

Iskrena Yordanova – José Camões

PART I

LISBON

3

55

69

79

89

Non solo Roma: L’importanza di Bologna e il protagonismo delle

donne artiste e spettatrici nei teatri d’opera di Lisbona (1708–1760)

Giuseppina Raggi

De palco giratório a palco fixo: presença de cantores

e bailarinos italianos em Lisboa no século XVIII

José Camões

Giuseppe Scolari, Nicola Setaro and the Italian Opera in Eighteenth-

Century Spain and Portugal: Trajectories and Repertoires

Ricardo Bernardes

Il disertore and Maestro Leali, or the Making of a Pastiche

and the Invention of a Composer

David Cranmer

De Lisboa ao Rio de Janeiro: Elementos para o estudo da disseminação

do repertório teatral português no Brasil setecentista

Marta Brites Rosa

PART II

MADRID

101

Las academias místicas y la recepción del repertorio operístico

en Madrid a finales del siglo XVIII

Josep Martínez Reinoso


113

Mezcla de estilos y gusto moderno en la comedia española dieciochesca:

tres estudios de caso

Carlos González Ludeña

PART III

MILAN, FLORENCE, GENOA, NAPLES

163

195

223

267

In viaggio tra le capitali: i passaggi delle principesse nel Ducato di Milano

dal 1708 al 1760. Circolazione di idee e di artisti

Alessandra Mignatti

Il teatro mediceo di Pratolino come crocevia di artisti

e tendenze nell’Italia del primo Settecento

Leonardo Spinelli

«… e sappi che al [Teatro] S. Agostino vi sarà il famoso ballerino

Giovanni Favier di Vienna»: prime notizie sul ballo a Genova

nel secondo Settecento

Fabio Ivaldi

Giuseppe de Dominicis de Rossi e Domenico Rossi:

due Italiani in Europa tra XVIII e XIX secolo

Maria Venuso

PART IV

PARIS AND LONDON

283

307

Gli italiani di Parigi: artisti, pirotecnici e cavallerizzi

al servizio delle scene teatrali di fine Settecento

Elisa Cazzato

Londra, Parigi, San Pietroburgo:

le capitali del circo moderno (Astley, Franconi e Guerra)

Elena Mazzoleni


PART V

VIENNA

323

341

361

Letteratura «al secondo grado» e generi misti operistici

alla corte di Carlo VI: tre libretti donchisciotteschi a confronto

Livio Marcaletti

Lo scambio culturale europeo attraverso la corrispondenza

inedita di Favart

Flora Mele

Cimarosa’s Il matrimonio segreto in Vienna:

Trying to be ‘Classic’?

Federico Gon

PART VI

ST. PETERSBURG

387

411

Da San Pietroburgo a Lisbona:

Giuseppe Bonechi in Portogallo nel nome di Metastasio

Luca Beltrami

Esterháza and St. Petersburg:

Two Remote Centres Connected by a Diversity of Ties

Janos Malina

APPENDIX

423

447

INDEX OF PERSONS

LIST OF ILLUSTRATIONS


INTRODUCTION

Iskrena Yordanova – José Camões

This fifth volume of the series Cadernos de Queluz intends to broaden the conceptual

and geographical perspectives on the pan-European history of music theatre.

It shows the continuity in the exploration of the topics and links that the previous

four volumes of this series have traced, bringing a fresh look to unexplored

and sometimes even unexpected ties between the multiple theatre practices around

the continent during the eighteenth century, and is a continuation of the fruitful

collaboration between Divino Sospiro-CEMSP, the Don Juan Archiv, Parques de

Sintra, and the Hollitzer Verlag. Its publication confirms the importance of the

constant international efforts of these Austrian and Portuguese institutions whose

long-standing collaborative work in European cultural studies is dedicated to understanding

and preserving our precious musical and artistic heritage.

This book brings together a selection of articles based on papers presented at

the international conference held in the National Palace of Queluz, Portugal, in

late June 2019. At that time, we were completely unaware of the arrival of events

that have brought deep changes to our lives in the past two years – at first the pandemic

situation, and more recently the war in Ukraine. In the present tumultuous

days, it is particularly important to look back and remind ourselves who we are, to

understand what distinguishes us culturally, what we have achieved and created,

and especially what brings us together, through the ties of common artistic expressions

that made Europe a tight yet multifaceted cultural network. The Old Continent

has been the crib of common cultural values cultivated over the centuries, and

an awareness that the European cultural heritage could be unifying is important to

make us look to the future in a learned and positive way.

The cultural and ceremonial patterns common to 18 th -century European courts

created complex webs of meaning around the sovereigns who communicated via

the arts, which found expression in an architectural, artistic, and musical code. The

existence of a common artistic language among European countries facilitated the

circulation of musicians, theatrical companies, architects, librettists, and craftsmen

within a single network, challenging the orthodox conceptual distinctions

between European cultural traditions. The main research topic that we explore is

music and musical theatre, but we also consider various types of 18 th -century artistic

expression and theatre performance, such as the dance and the circus.

This book is a virtual journey among the artistic exchanges between the European

capitals, weaving them into one single narrative and underlining the common

patterns of musical and theatre practices throughout the Continent, from West to

East. Many of the contributions to this volume show how the migration of artists

XI


Introduction

is directly responsible for the shaping of tastes in third countries, while others underline

the deep connections between apparently remote centres of the continent.

Some papers even share common objects of study, examined though the prism of

different scientific approaches or visions.

The road map of this theatrical journey starts from the kingdom of Portugal

and passes through Madrid, Paris, the Papal States, Naples, Milan, and Vienna, to

end in St. Petersburg.

XII


Giuseppina Raggi

PART I

LISBON

1


2

Part i — Non solo Roma: l’importanza di Bologna


NON SOLO ROMA:

L’IMPORTANZA DI BOLOGNA E IL PROTAGONISMO

DELLE DONNE ARTISTE E SPETTATRICI NEI

TEATRI D’OPERA DI LISBONA (1708–1760)

Giuseppina Raggi *

Le date scelte per questo saggio vogliono sottolineare lo stretto legame che intercorre

tra due eventi apparentemente estranei tra loro. L’anno 1708 si riferisce

all’arrivo a Lisbona dell’arciduchessa austrica Maria Anna d’Asburgo (1683–1754)

come regina di Portogallo. L’anno 1760 si riferisce alla morte a Lisbona di Giovan

Carlo Sicinio Galli Bibiena (1717–1760) e del tenore bolognese Annibale Pio Fabri

(1696–1760).

Per meglio comprendere l’articolazione del tema – e della prospettiva con cui

verrà inquadrato – il saggio si suddivide nei seguenti paragrafi: 1) L’asse Bologna-Vienna

e i primi scenografi attivi a Lisbona; 2) Tra Lisbona e Roma: Filippo

Juvarra e Antonio Canevari; 3) La famiglia Paghetti e la sua circolazione europea;

4) I Paghetti e il teatro d’opera italiana a Lisbona; 5) Le arti affini dei bolognesi:

quadratura, scenografia, architettura; 6) I Paghetti e il piccolo teatro dipinto della

Trindade; 7) La permeabilità tra il teatro della Trindade e gli spazi teatrali della

corte; 8) Donne cantanti e donne spettatrici nel teatro d’opera a Lisbona; 9) Dalle

Paghetti a Annibale Pio Fabri; 10) Continuità e cambiamento tra i regni di Giovanni

V e Giuseppe I.

L’importanza della città di Bologna nel panorama teatrale europeo si giustifica

per la centralità della tradizione scenografico-quadraturistica del centro emiliano

che, grazie alla famiglia Bibiena e all’istituzione dell’Accademia Clementina nel

1711, formò e estese in Europa la principale rete di artisti specializzati nei campi

della quadratura, della scenografia e dell’architettura teatrale. Al di là di questa

predominanza, un aspetto importante da considerare è la differenza tra le modalità

teatrali vigenti a Bologna e a Roma. Come è noto Bologna apparteneva allo Stato

pontificio, di cui era la seconda maggiore città. La città era governata da un Legato

pontificio e dal Senato che permetteva alle antiche famiglie gentilizie di continuare

ad esercitare il loro potere. La città emiliana si reggeva, quindi, su equilibri

diversi da quelli dominanti a Roma. Questa diversità si rifletteva anche in ambito

* Centro di Studi Sociali dell’Università di Coimbra (CES-UC). La presente pubblicazione risulta

dall’appoggio della Fundação para a Ciência e a Tecnologia portoghese nell’ambito del programma

CEECIND/04792/2017/CP1402/CT0009 e integra, inoltre, il progetto «Cultura escenográfica

en el contexto hispánico de la Edad Moderna: Un enfoque holístico», Proyecto i+D+i del Ministerio

de Ciencia e Innovación (España) Ref. PID2020-117415GB-100.

3


Part i — Non solo Roma: l’importanza di Bologna

teatrale. Bologna, infatti, si distingueva per la sua forte attrazione per il teatro.1

L’interesse per la prospettiva coltivato dai matematici dello Studium bolognese ne

era alla base e i trattati emiliani di Sebastiano Serlio (1475–1554) e Jacopo Barozzi

da Vignola (1507–1573) determinarono lo sviluppo della tradizione quadraturistica

e scenografica di Bologna, che conobbe un forte impulso nel passaggio tra Cinque

e Seicento grazie alle nuove pratiche di recitar cantando e alla nascita dell’opera in

musica. Nel Settecento la fondazione dell’Accademia Clementina coagulò e diffuse,

attraverso i suoi allievi, la tradizione artistica bolognese. Come scrisse il segretario

della nuova istituzione, l’architettura si studiava a partire dalla pittura di

quadratura. Questo significa che la formazione nel campo del costruito si basava

sulla stretta connessione con gli spazi scenografici che gli affreschi di quadratura

e la pratica teatrale avevano immaginato e creato nel corso del Seicento grazie,

principalmente, all’opera dei quadraturisti Agostino Mitelli (1609–1660) e Angelo

Michele Colonna (1604–1687).

Per le finalità di questo saggio un’altra caratteristica delle pratiche teatrali di

Bologna è particolarmente significativa. Grazie alla sua struttura di potere bicefala

(Legato pontificio e Senato), la città non seguì le scelte pontificie romane che

vietarono alle donne di esibirsi sui palchi. La scuola musicale e teatrale della città

emiliana continuò così a sfornare, tra Sei e Settecento, cantanti, ballerine, attrici,

che attuarono nei teatri europei, inclusi quelli di Lisbona durante il regno di

Giovanni V (1689, r.1707–1750) e Maria Anna d’Asburgo. Quest’ultimo aspetto,

tradizionalmente sottovalutato e sottaciuto dagli studi, contribuisce a corroborare

la recente rivalutazione critica del ruolo della regina di Portogallo, della corte femminile

e, come descritto nei paragrafi successivi, delle cantanti e delle spettatrici

nel panorama teatrale settecentesco portoghese.

L’ASSE BOLOGNA-VIENNA E

I PRIMI SCENOGRAFI ATTIVI A LISBONA

L’arte di Ferdinando (1657–1743) e di Francesco (1659–1739) Galli Bibiena era ben

nota a Vienna, dove all’inizio del Settecento Francesco aveva progettato e costruito

il Grosses Hoftheater. Come pretendente del trono di Spagna, Carlo III aveva

1 Lorenzo Bianconi et al.: I ritratti del Museo della Musica di Bologna da padre Martini al Liceo Musicale.

Firenze: Leo S. Olschki Editore, 2018. – Massimo Bruni et al.: Storia dell’opera. L’opera in Italia,

vol. 1. Torino: UTET, 1977. – Lorenzo Bianconi: Il teatro d’opera in Italia. Bologna: Il Mulino,

1993. – Corrado Ricci: I Teatri di Bologna nei secoli XVII e XVIII. Bologna: Forni Editore,

1965 (1ª ed. Bologna: Monti 1888). – Piero Mioli: «La scuola di canto bolognese nel Settecento»,

Quadrivium 22 (1981), pp. 5-62. – Marina Calore: Bologna a teatro. Vita di una città attraverso i suoi

spettacoli 1400–1800. Bologna: Guidicini e Rosa editori, 1981.

4


Giuseppina Raggi

chiamato a Barcellona Ferdinando Bibiena per dirigere un folto gruppo di artisti

italiani. Nel 1708 il doppio matrimonio di Carlo III (1685–1740) a Barcellona e della

sorella Maria Anna d’Asburgo a Lisbona si caratterizzò anche per la promozione

dell’opera in musica come marco distintivo della presenza degli Asburgo di Vienna

nella penisola iberica, ancora non avvezza al linguaggio operistico italiano. Durante

gli anni della guerra di Successione spagnola, a Vienna, gli imperatori Leopoldo

(1640–1705) e Giuseppe (1678–1711) chiamarono al loro servizio Francesco Bibiena,

mentre, quando Carlo III divenne imperatore con il nome di Carlo VI, scelse di

continuare la relazione instaurata con Ferdinando, chiamandolo nella capitale austriaca.

Nel 1716 l’incarico di Primo ingegnere teatrale imperiale passò al figlio

Giuseppe (1695–1757) Galli Bibiena e, grazie a questo stretto e duraturo rapporto

con la famiglia dei famosi scenografi, Vienna divenne il centro più importante per

la circolazione europea degli artisti bolognesi.2

Il 27 dicembre 1708, per festeggiare le nozze tra Giovanni V e Maria Anna

d’As burgo, nel Terreiro do Paço di Lisbona venne e rappresentato «un piccolo dramma

in musica»,3 la cui azione drammatico-musicale terminava con l’incendio delle

imponenti architetture effimere. In questo modo la tradizionale struttura montata

per i fuochi artificiali era stata concepita per essere usata, prima del gioco pirotecnico

finale, come spazio scenografico. A partire da questo momento, infatti,

iniziò un intenso processo di sperimentazione teatrale all’interno del palazzo reale.

In queste prime attività vennero coinvolti artisti stranieri, principalmente l’architetto

Carlos Gimac (1651–1730) e il quadraturista-scenografo Vincenzo Bacherelli

(1672–1745), così come uno scenografo italiano e un ingegnere teatrale che integravano

il seguito imperiale della regina. Purtroppo continuano a mancare dati sulla

personalità e sulla vicenda biografica di questi ultimi due esperti teatrali. Ancora

non è possibile determinare se rimasero in Portogallo o ritornarono a Vienna con

la parte del seguito della regina che si imbarcò nel maggio del 1709. In ogni caso,

la loro presenza testimonia la volontà e la concordanza di intenti tra Giovanni V e

Maria Anna d’Asburgo per promuovere il teatro e, principalmente, le nuove forme

dell’opera e della commedia italiane.4

2 Deanna Lenzi – Jadranka Bentini: I Bibiena. Una famiglia europea. Venezia: Marsilio, 2000.

3 Roma, Archivio Apostolico Vaticano (AAV), Segreteria di Stato, Portogallo 67, fol. 5, il nunzio

apostolico Michelangelo Conti: lettera al Segretario di Stato Vaticano, 4 gennaio 1709.

4 Questo saggio prosegue la riflessione avviata nei miei contributi anteriori pubblicati nella serie

dei Cadernos de Queluz: Giuseppina Raggi: «O espaço teatral na corte de D. João V e o papel da

rainha Maria Ana de Áustria na promoção da ópera em Portugal», Serenata and Festa Teatrale in

18 th Century Europe, a cura di Iskrena Yordanova e Paologiovanni Maione. Vienna: Hollitzer

Verlag, 2018, pp. 19-57. – Eadem: «Lisbona nello specchio di Vienna: le lettere di Giuseppe Zignoni

per una nuova visione sul teatro e sull’opera italiana in Portogallo», Diplomacy and the Aristocracy

as Patrons of Music and Theatre in the Europe of the Ancient Regime, a cura di Iskrena Yordanova

e Francesco Cotticelli. Vienna: Hollitzer Verlag, 2019, pp. 243-280. – Eadem: «I teatri regi in

5


Part i — Non solo Roma: l’importanza di Bologna

In questa prima fase dello sviluppo teatrale di matrice italiana il principale scenografo

e esperto nella costruzione di palchi attrezzati per le esigenze della messa

in scena di rappresentazioni di tipo operistico fu Vincenzo Bacherelli. Pur essendo

fiorentino di origine la sua formazione derivava dall’incontro tra la tradizione

quadraturistica bolognese e quella pittorico-teatrale fiorentina. Mitelli e Colonna

lavorarono per la famiglia Medici e gli affreschi di palazzo Pitti (1637–1640) divennero

la chiave per la trasformazione del lessico cinquecentista degli affreschi

fiorentini verso le nuove esigenze della cultura seicentesca. Vincenzo Bacherelli

giunse a Lisbona nel 1701 grazie al circuito dei mercanti toscani attivi in Portogallo.

Sconosciuto in Italia, ottenne grande successo come quadraturista, ma anche

come scenografo e scenotecnico. Questo significa che la versatilità della quadratura

gli permise di rispondere alle richieste di una nuova teatralità. Rispetto alla tradizione

vigente in Portogallo era una delle poche figure, infatti, capaci di progettare

un palco teatrale con macchine e attrezzature adeguate per realizzare i complessi

movimenti scenici dei teatri italiani.

Intorno al 1720 Bacherelli ritornò a Firenze ed è molto significativo notare

che la sua traiettoria artistica a Lisbona declina nel momento di maggiore effervescenza

artistico-teatrale del regno di Giovanni V.5 Tra il 1716 e il 1724, infatti,

questa intensissima progettualità si coagulò intorno alle figure di due riconosciuti

artisti italiani: Filippo Juvarra (1678–1736) come urbanista, architetto e scenografo

e Domenico Scarlatti (1685–1757) come compositore, clavicembalista e direttore di

tutti gli aspetti della vita musicale della corte joanina. L’arrivo nel 1719 di Filippo

Juvarra a Lisbona fornì l’esperienza concreta di vedere all’opera uno dei principali

architetti europei e l’unico scenografo italiano in grado di gareggiare direttamente

con i Bibiena. Ciò è confermato dal fatto che, nel 1716, quando Ferdinando Bibiena

lasciò Vienna per ritornare a Bologna, Juvarra cercò di ottenere dall’imperatore

Carlo VI il posto di Primo architetto e ingegnere teatrale imperiale attraverso i

suoi potenti contatti romani. La fortuna di Vincenzo Bacherelli in Portogallo non

poteva che declinare nell’accelerazione qualitativa dei progetti artistici della corte.

Portogallo e il palco reale dell’Ópera do Tejo come spazialità del femminile (1708–1755)», Theatre

Spaces for Music in 18 th -Century Europe, a cura di Iskrena Yordanova, Giuseppina Raggi e

Maria Ida Biggi. Vienna: Hollitzer, 2020, pp. 49-92. – Eadem: «La politica del teatro e il teatro

della politica: le lettere del nunzio apostolico e altri carteggi sulla musica a Lisbona (1742–1755)»,

«Padron mio colendissimo…»: Letters about Music and the Stage in the 18 th Century, a cura di Iskrena

Yordanova e Cristina Fernandes. Vienna: Hollitzer, 2021, pp. 187-238.

5 Giuseppina Raggi: O projeto de D. João V. Lisboa ocidental, Mafra e o urbanismo cenográfico de Filippo

Juvarra. Lisbona: Caleidoscópio, 2021.

6

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!