28.05.2013 Views

Scarica il Catalogo generale - Padana Sementi Elette

Scarica il Catalogo generale - Padana Sementi Elette

Scarica il Catalogo generale - Padana Sementi Elette

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

CATALOGO GENERALE<br />

2012-2013


<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


Loietto 6<br />

Cereali minori 10<br />

Triticale 10<br />

Avena 12<br />

Avena Forestiera 13<br />

Segale 13<br />

Sorgo da foraggio 14<br />

Sorgo da granella 19<br />

Altre graminacee estive 20<br />

Miglio perlato 20<br />

Panico 20<br />

Graminacee foraggere poliennali 21<br />

Festuca arundinacea 21<br />

Loietto ibrido 21<br />

Erba mazzolina 21<br />

Festulolium 22<br />

Festuca dei prati 22<br />

Fleolo 23<br />

Loietto perenne 23<br />

Leguminose poliennali 24<br />

Erba Medica 24<br />

Trifoglio violetto 27<br />

Trifoglio bianco 28<br />

Leguminose annuali 29<br />

Trifoglio incarnato 29<br />

Trifoglio Alessandrino 30<br />

Trifoglio Vescicoloso 30<br />

Trifoglio Persiano 30<br />

Veccia (comune, v<strong>il</strong>losa e bengalese) 31<br />

Favino 32<br />

Pisello proteico e da foraggio 32<br />

Leguminose autoriseminanti 33<br />

Trifoglio Micheliano 33<br />

Erba Medica Polimorfa 33<br />

Medicago Littoralis 33<br />

Trifoglio Sotterraneo 34<br />

Serradella 35<br />

Miscugli da Erbaio 36<br />

Miscugli del Sole 38<br />

Erbai Estivi 39<br />

Miscugli da prato stab<strong>il</strong>e 41<br />

Inerbimenti Tecnici 44<br />

Piste da sci 45<br />

Rizobio Alosca 46<br />

Kit per la misurazione del pH del suolo 48<br />

Colture da sovescio 49<br />

Facelia, Esta-Fertimix 49<br />

Rafano, Rucola 50<br />

Senape 51<br />

Miscugli per biofumigazione BioFum 52<br />

Colza 53<br />

Tappeti Erbosi 54<br />

Epoche di spigatura 56


Oltre ad essere lo slogan di <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> è <strong>il</strong> nostro modo<br />

di vivere l’azienda impegnandoci ogni giorno nell’obiettivo di fornire<br />

prodotti e servizi di qualità superiore.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> nasce ai primi del ‘900 come<br />

azienda a gestione fam<strong>il</strong>iare da parte di una delle prime<br />

famiglie di sementieri del nord-est italiano: la famiglia<br />

Frigo.<br />

Inizialmente lavora e commercializza sementi foraggere<br />

a livello locale, distinguendosi per i propri prodotti e<br />

servizi.<br />

Nel dopoguerra, con la crescente necessità di colture<br />

in grado di ottenere grandi produzioni nella Pianura<br />

<strong>Padana</strong>, iniziò la nostra espansione commerciale a tutto<br />

<strong>il</strong> Nord Italia.<br />

La nostra vera crescita aziendale è però avvenuta negli<br />

ultimi 30 anni, con <strong>il</strong> potenziamento dei programmi<br />

sperimentali e della ricerca.<br />

Inoltre, accanto al settore agricoltura, che rimane <strong>il</strong> nostro<br />

core business con <strong>il</strong> 60% del fatturato totale, si è<br />

sv<strong>il</strong>uppata la domanda di prodotti per altri settori, quali:<br />

• <strong>Sementi</strong> per da tappeto erboso per <strong>il</strong> verde privato<br />

e pubblico<br />

• Mangimi compositi e semplici per piccoli animali<br />

• Legumi secchi per usi alimentari<br />

Il successo crescente premia <strong>il</strong> nostro lavoro quotidiano:<br />

in tutti i settori in cui operiamo ci differenziamo<br />

dalla concorrenza per la metodologia e la f<strong>il</strong>osofia<br />

aziendale, sintetizzab<strong>il</strong>i nei seguenti 10 punti:<br />

1. LA RICERCA. Un importante programma di<br />

sperimentazione, anche grazie a collaborazioni con<br />

Università, Enti di ricerca e consulenti tecnici, viene<br />

portato avanti ogni anno nei nostri campi prova allo<br />

scopo di selezionare nuove varietà con i migliori caratteri<br />

morfo-fisiologici. Questo lavoro è da noi reputato<br />

strategico e irrinunciab<strong>il</strong>e per <strong>il</strong> successo finale, anche<br />

se impegna notevolmente l’azienda sia in termini finanziari<br />

sia in tempo dedicato. A tutt’oggi sono ben 12<br />

le varietà da noi registrate al “Registro Nazionale delle<br />

Varietà” e diverse quelle in corso di iscrizione.<br />

2. I CONTROLLI. Per ottenere uno standard qualitativo<br />

elevato, nostro obiettivo primario, è necessario<br />

che vengano fatti controlli sistematici e severi su tutti i<br />

passaggi dei processi produttivi. I controlli per noi sono<br />

una routine, non un’eccezione dettata da necessità o<br />

temporanee emergenze.<br />

Per implementare questa attività abbiamo messo in<br />

atto un sistema di controllo della qualità che non permette<br />

errori e che, soprattutto, permette di far partire<br />

dal nostro stab<strong>il</strong>imento solamente sementi di alta<br />

germinab<strong>il</strong>ità e purezza, ben oltre gli standard richiesti<br />

dalla legge. In questo sistema di controllo, <strong>il</strong> nostro laboratorio<br />

di analisi delle sementi ed <strong>il</strong> personale qualificato<br />

(accreditato presso l’Ente Nazionale <strong>Sementi</strong><br />

<strong>Elette</strong>), rappresentano la nostra punta di diamante.<br />

3. LE CERTIFICAZIONI Oltre alla certificazione<br />

INRAN-ENSE o OECD così come richiesto dai regolamenti<br />

comunitari e internazionali, abbiamo adottato<br />

ulteriori strumenti di controllo, per cui oggi siamo l’unica<br />

azienda italiana nel settore delle sementi foraggere<br />

e da tappeto erboso ad avere <strong>il</strong> sistema di gestione<br />

della qualità certificato ISO 9001:2008 sia in ambito<br />

nazionale che internazionale (inserire marchi)<br />

4. LA TECNOLOGIA. Anche nei nostri processi<br />

produttivi ricerchiamo l’innovazione. Un esempio<br />

recente nel settore dei tappeti erbosi è costituito dal<br />

nuovo impianto di miscelazione, <strong>il</strong> primo in Italia, a<br />

sistema orizzontale multipale. Questa tecnologia garantisce:<br />

assoluta pulizia di tutte le parti dell’apparecchiatura<br />

e conseguente assenza di contaminazioni tra<br />

componenti di miscelate successive; elevata uniformità<br />

della miscela dal primo all’ultimo sacco prodotto.<br />

5. GLI EVENTI. Offriamo sempre alla nostra clientela<br />

consolidata o potenziale, la possib<strong>il</strong>ità di conoscere<br />

e toccare con mano i nostri prodotti negli eventi che<br />

<strong>il</strong> nostro staff propone. I nostri Field Day e i seminari


tecnici sono anche ut<strong>il</strong>i giornate di approfondimento<br />

ed occasioni preziose di confronto e di informazione.<br />

6. LE COLLABORAZIONI. Per ottenere varietà<br />

sempre migliori abbiamo intessuto negli anni una<br />

fitta rete di collaborazioni con enti e società italiane<br />

ed estere. Da queste attingiamo nuovi materiali genetici<br />

da inserire nei nostri programmi di sperimentazione<br />

e solo i migliori vengono inseriti nella nostra<br />

gamma di prodotti. Citiamo alcuni dei nostri partner<br />

più importanti: Jacklin Seed, Columbia Seeds, Turf<br />

Merchants, Douglass King Co. e Calwest dagli USA,<br />

Saatbau Linz dall’Austria, Seedmark e Pacific Seed<br />

dall’Australia, Joordens e Barenbrug dall’Olanda,<br />

Svalof-Weibulls dalla Svezia, DLF dalla Danimarca,<br />

Feldsaaten Freudenberger dalla Germania<br />

7. LA PRODUZIONE. Le sementi delle nostre<br />

varietà o di quelle in delega, vengono da noi moltiplicate<br />

(direttamente o indirettamente) in Italia e<br />

all’estero. Nel corso degli anni <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

è riuscita a mettere in piedi un network produttivo<br />

di primo piano per qualità ed affidab<strong>il</strong>ità, riducendo<br />

così eventuali rischi produttivi ed arrivando a seminare<br />

le proprie produzioni in molti paesi quali Italia,<br />

Ungheria, Repubblica Ceca, Romania, Argentina ed<br />

Oregon (USA). Questo rende l’offerta più flessib<strong>il</strong>e e<br />

competitiva e ha permesso di destagionalizzare <strong>il</strong> nostro<br />

fatturato.<br />

Nello stab<strong>il</strong>imento di Tombolo, le sementi vengono<br />

selezionate (cioè pulite dalle impurità con macchine<br />

specifiche) e/o miscelate, a seconda della tipologia:<br />

tutto questo sotto l’attento controllo INRAN/ENSE.<br />

Le sementi vengono poi confezionate in un packaging<br />

efficiente, moderno ed attraente.<br />

8. LA VENDITA. Abbiamo un’importante rete<br />

commerciale tecnicamente preparata, impegnata a<br />

proporre i nostri prodotti, consigliando quelli più idonei<br />

a seconda delle diverse realtà/aree geografiche.<br />

Tutte le spedizioni vengono effettuate con i nostri<br />

mezzi o con corrieri: grazie alla efficiente collaborazione<br />

con alcuni dei principali vettori, siamo in grado<br />

di consegnare nel giro di pochi giorni in tutt’Italia, anche<br />

nei periodi di più intensa richiesta.<br />

9. IL SERVIZIO AL CLIENTE ED IL POST<br />

VENDITA. Ricerchiamo <strong>il</strong> massimo della qualità nel<br />

servizio poiché la soddisfazione del cliente è parte<br />

centrale della nostra f<strong>il</strong>osofia aziendale. Il rispetto<br />

dei tempi di consegna, <strong>il</strong> dialogo quotidiano con i<br />

distributori, la fornitura di miscugli personalizzati su<br />

richiesta, l’informazione sul miglior ut<strong>il</strong>izzo dei diversi<br />

prodotti sono tutte scelte atte a dare <strong>il</strong> miglior servizio<br />

possib<strong>il</strong>e ai nostri clienti.<br />

Il nostro staff inoltre è sempre a disposizione per la<br />

consulenza tecnica (telefonica o, laddove servisse,<br />

in loco), per l’organizzazione di eventi e per la formazione<br />

tecnico/commerciale della eventuale rete<br />

commerciale della nostra clientela.<br />

10. LO STAFF. Da ultimo, ma non per importanza,<br />

è doveroso parlare del nostro personale. Tutti i nostri<br />

collaboratori sono altamente qualificati, dalla ricerca<br />

alle vendite, dall’amministrazione alla produzione: un<br />

patrimonio di persone scelte, che svolgono le loro<br />

mansioni con alta professionalità ed impegno, sicuri<br />

di fare gli interessi dell’azienda e del proprio team<br />

con la qualità del loro lavoro.<br />

Tutti insieme impegnati per raggiungere un solo<br />

obiettivo: la Qualità Totale!<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> è un’azienda con sistema di gestione per la qualità Certificato<br />

UNI EN ISO 9001:2008<br />

Registration Number: IT-45550


Loietto<br />

LOIESSA O LOIETTO ITALICO<br />

(Lolium multiflorum)<br />

Specie molto importante per la moderna foraggicoltura,<br />

in quanto consente di ottenere<br />

notevoli produzioni di foraggio e si inserisce<br />

fac<strong>il</strong>mente in avvicendamenti colturali stret-<br />

ti con <strong>il</strong> mais, al fine di massimizzare le unità<br />

foraggere prodotte per ettaro. Presenta inoltre<br />

un’importante valenza ecologica in quanto<br />

possiede un’elevata capacità di catturare e<br />

trattenere tutte le forme di azoto presenti nel<br />

terreno, riducendo i rischi di inquinamento delle<br />

falde acquifere, consentendo nel contempo<br />

all’azienda la pianificazione della distribuzione<br />

delle deiezioni e delle fert<strong>il</strong>izzazioni azotate.<br />

La loiessa si differenzia in due sottospecie, italico<br />

e westervoldico:<br />

Il Loietto Italico, originatosi negli ambienti<br />

dell’Italia Settentrionale, è in <strong>generale</strong> non alternativo<br />

ed è perciò consigliato per le semine<br />

autunnali per la produzione di fieno o ins<strong>il</strong>ato.<br />

Il Loietto Westerwoldico, di origine nord europea,<br />

è generalmente alternativo e quindi si<br />

presta sia per semine autunnali che primaver<strong>il</strong>i.<br />

Nel caso di semina autunnale in ambienti temperati<br />

può essere vantaggiosamente pascolato,<br />

grazie all’elevata attitudine al ricaccio.<br />

Un ulteriore criterio di distinzione riguarda gli<br />

aspetti genetici ed in particolare <strong>il</strong> numero di<br />

cromosomi, per cui si distinguono varietà diploidi<br />

e tetraploidi.<br />

Varietà Diploidi sono caratterizzate da seme<br />

più piccolo e quindi richiedono investimenti di<br />

seme minori, da ciclo generalmente più precoce,<br />

taglia leggermente più bassa, foglia più<br />

stretta, minor contenuto di acqua nel foraggio<br />

e quindi migliore attitudine alla fienagione.<br />

Varietà Tetraploidi presentano seme più<br />

grande, ciclo generalmente più tardivo, taglia<br />

più alta, foglia più espansa, maggior contenuto<br />

d’acqua nel foraggio e si prestano meglio<br />

all’ins<strong>il</strong>amento.<br />

Stadio vegetativo<br />

Al momento del taglio<br />

JAKO<br />

Diploide Italico (poco alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

SPRINT<br />

diploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

Precoce. spigatura 9 gg prima di Excellent.<br />

Fieno, pascolo<br />

Molto fogliosa di taglia medio elevata.<br />

Buona la resistenza all’allettamento.<br />

Autunno o primavera.<br />

40 kg per ettaro<br />

Tutta Italia.<br />

Varietà produttiva in relazione alla sua precocità. Rapidità di essicazione ed<br />

eccellente attitudine alla fienagione.<br />

Precoce, spigatura 8 gg prima di Excellent.<br />

Fieno.<br />

Abbondante fogliosità e fusti sott<strong>il</strong>i, di taglia medio alta<br />

Buona resistenza all’allettamento, tollera le più diffuse fitopatie.<br />

Autunnale<br />

40 Kg/ha<br />

Consigliato per <strong>il</strong> nord laddove si pratica un unico taglio, adattab<strong>il</strong>e anche<br />

al sud e isole per più sfalci.<br />

Varietà produttiva in relazione alla sua precocità.<br />

Essicazione particolarmente rapida che garantisce un fieno di qualità.<br />

GIPSYL<br />

Diploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

Composizione e valori nutritivi medi del loietto al momento del taglio<br />

Sostanza<br />

secca<br />

%<br />

Protidi<br />

grezzi<br />

% s.s.<br />

Protidi<br />

digerib<strong>il</strong>i<br />

% s.s.<br />

Fibra<br />

grezza<br />

% s.s.<br />

ADF<br />

% s.s.<br />

Medio-precoce. 5 giorni prima di Excellent<br />

Fieno ma anche ins<strong>il</strong>ato, eventuale pascolo autunnale<br />

Sana e veloce nel ricaccio, taglia elevata.<br />

Abbastanza resistente all’allettamento e e alle malattie.<br />

Autunno o primavera<br />

40 Kg/ha<br />

Tutta italia.<br />

Varietà di genetica olandese. L’ampia flessib<strong>il</strong>ità di ut<strong>il</strong>izzo è stata dimostrata,<br />

oltre che dalle sperimentazioni, dal successo ottenuto in campo. In<br />

ambienti temperati dell’italia centro-meridionale con semina autunnale, si<br />

presta bene al pascolamento grazie alla rapidità del ricaccio.<br />

UFL/kg<br />

di s.s.<br />

Prespigatura 16,4 11,2 6,9 23,0 25,7 0,90 0,85<br />

6 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

UFC/kg<br />

di s.s.<br />

novità


ANDREA<br />

diploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

Inserita nelle liste di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

Medio-precoce, spigatura 4 gg prima di Excellent.<br />

Principalmente fieno, ma anche ins<strong>il</strong>ato ed eventualmente pascolo<br />

Molto fogliosa di taglia elevata.<br />

Ottima la resistenza all’allettamento e alle malattie.<br />

Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

40 Kg/ha<br />

E’ consigliato per le fert<strong>il</strong>i pianure del centro-nord.<br />

Varietà di genetica olandese, Andrea è apprezzato per la sua eccezionale<br />

produttività. Ottima capacità di ricaccio. Il numero 1 fra i diploidi!.<br />

MC LAREN<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

MAGNUM<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

LINOS<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

novità<br />

In corso di iscrizione<br />

Medio precoce, 4 giorni prima di Excellent.<br />

Ins<strong>il</strong>ato e pascolo invernale, fieno con condizioni idonee.<br />

Lamina fogliare larga, portamento eretto.<br />

Resiste all’allettamento e alle più comuni malattie.<br />

Autunno e Primavera al nord.<br />

50 kg/ha.<br />

Centro, Sud.<br />

Genetica italiana, consigliata soprattutto per unico taglio primaver<strong>il</strong>e molto<br />

abbondante, paragonab<strong>il</strong>e o superiore rispetto a varietà tardive, lasciando<br />

spazio a successive semine. Idonea al pascolamento invernale grazie alla<br />

rapidità di vegetazione dopo la semina e al pronto ricaccio.<br />

bioenergie<br />

Medio precoce, 4 giorni prima di Excellent.<br />

Ins<strong>il</strong>ato, fieno e pascolo invernale.<br />

Alta e fogliosa.<br />

Resiste all’allettamento e alle più comuni malattie.<br />

Autunno e Primavera al nord.<br />

50 kg/ha.<br />

Centro, Sud.<br />

Genetica olandese, varietà polivalente, indicata per <strong>il</strong> pascolamento<br />

invernale in Italia centro-meridionale. Possiede ottimi parametri qualitativi:<br />

digerib<strong>il</strong>ità, appetib<strong>il</strong>ità, tenore zuccherino.<br />

Media, 2 giorni prima di Excellent.<br />

Ins<strong>il</strong>ato, pascolo invernale e fieno.<br />

Vigorosa e aggressiva, portamento eretto.<br />

Resiste alle più comuni malattie.<br />

Autunnale o primaver<strong>il</strong>e<br />

50 kg/ha<br />

Centro, Sud.<br />

Genetica italiana, caratterizzata da un buon rapporto foglia-stelo. Indicata<br />

per <strong>il</strong> pascolamento invernale in Italia centro-meridionale per la rapidità<br />

del ricaccio. Buone caratteristiche qualitative.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

7<br />

Loietto


Loietto<br />

LOIESSA O LOIETTO ITALICO<br />

(Lolium multiflorum)<br />

EXCELLENT<br />

Tetraploide italico (non-alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

AUBADE<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

Maturazione:<br />

Ut<strong>il</strong>izzo:<br />

Pianta:<br />

Resistenze:<br />

Semina:<br />

Dose di semina:<br />

Zona di coltivazione:<br />

Caratteristiche:<br />

Media.<br />

Ins<strong>il</strong>ato e fienagione quando ci sono le migliori condizioni.<br />

Bella pianta, fogliosa con stelo sott<strong>il</strong>e, si adatta a tutte le situazioni.<br />

Si distingue per la resistenza all’allettamento.<br />

Autunnale .<br />

50 kg/ha<br />

Nord, Centro, Sud.<br />

Varietà di nostra costituzione, ben collaudata che garantisce buona adattab<strong>il</strong>ità<br />

e rese elevatissime. Elasticità d’uso per la rapidità nell’essicazione<br />

rispetto agli altri tetraploidi.<br />

Loiessa o loietto italico 8<br />

Inserita nelle liste di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

bioenergie<br />

Medio tardiva, 2 giorni dopo Excellent.<br />

Ins<strong>il</strong>ato e/o pascolo invernale.<br />

Tipico tetraploide a foglia larga.<br />

Tollera le malattie e non si alletta fac<strong>il</strong>mente.<br />

Autunnale, anche primaver<strong>il</strong>e al nord italia.<br />

50 Kg per ettaro.<br />

Sud, isole e centro.<br />

Rapidità di ricaccio, produzione di foraggio ad alto tenore zuccherino.<br />

Ottima attitudine al pascolamento.<br />

EXTREM<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

Inserita nelle liste di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

bioenergie<br />

Inserita nelle liste di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

bioenergie<br />

Maturazione: Medio tardiva. 3 Giorni dopo Excellent.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato e pascolo invernale.<br />

Pianta: La pianta alta e fogliosa si affranca velocemente dopo la semina.<br />

Resistenze: Resiste bene alla siccità inverno-primaver<strong>il</strong>e.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 50 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Ha ottenuto i migliori risultati al sud, specialmente nelle pianure molto<br />

siccitose, ma si comporta bene anche al nord.<br />

Caratteristiche: Genetica italiana. L’elevata capacità di ricaccio, la rende la preferita da molti<br />

coltivatori.<br />

8 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


BORMITRA<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

BARSUTRA<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

novità<br />

Maturazione: Medio tardiva. 4 giorni dopo Excellent.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato, pascolo invernale, foraggio verde.<br />

Pianta: Equ<strong>il</strong>ibrato rapporto foglie-stelo.<br />

Resistenze: Ottima tolleranza alla ruggine.<br />

Periodo di semina: Autunno o Primavera.<br />

Dose di semina: 50 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro-Sud e isole<br />

Caratteristiche: Genetica tedesca di recente costituzione. Adatto a raccolti in più tagli,<br />

grazie alla rapidità di ricaccio e crescita. Ottima appetib<strong>il</strong>ità osservata nel<br />

pascolo diretto.<br />

Inserita nelle liste di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

Maturazione: Tardiva. 5 Giorni più di Excellent.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato, fieno e pascolo invernale.<br />

Pianta: Pianta alta e fogliosa.<br />

Resistenze: Tollerante <strong>il</strong> freddo e l’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunno o primavera.<br />

Dose di semina: 50 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Tutta italia.<br />

Caratteristiche: Varietà olandese di ultima generazione. Grande produttività e alto valore<br />

nutritivo del foraggio ottenuto.<br />

BARTEMPO<br />

Tetraploide westervoldico (alternativo)<br />

Inserita nelle liste di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

novità<br />

Maturazione: Tardiva. 6 giorni dopo Excellent.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato, fieno e anche pascolo invernale.<br />

Pianta: Alta, fogliosa, apprezzata per le alte rese.<br />

Resistenze: Resiste all’allettamento e fitopatie.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 50 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro, Sud e Isole.<br />

Caratteristiche: Varietà di genetica olandese, conosciuta per le potenzialità produttive al<br />

vertice.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

9<br />

Loietto


Cereali minori<br />

CEREALI MINORI<br />

Triticale<br />

(xTriticosecale)<br />

Specie a semina autunnale, impiegata, oltre che per la produzione di granella, per la formazione di erbai in purezza oppure in consociazione.<br />

Ideale per la produzione di ins<strong>il</strong>ato può anche essere pascolato in inverno. Oggi <strong>il</strong> triticale sta avendo un importante sv<strong>il</strong>uppo<br />

quale pianta “energetica”, vale a dire che <strong>il</strong> suo ins<strong>il</strong>ato entra nella “razione” dei moderni bio-digestori.<br />

Lo stadio ottimale per l’ins<strong>il</strong>amento è a maturazione lattea.<br />

Sostanza<br />

organica<br />

%<br />

COMPOSIZIONE CHIMICA % S.S. E DIGERIBILITÀ DELL’INSILATO DI TRITICALE<br />

Ceneri<br />

%<br />

Digerib<strong>il</strong>ità<br />

s.o.<br />

%<br />

Proteina<br />

grezza<br />

% s.s.<br />

Fibra<br />

grezza<br />

% s.s.<br />

ADF<br />

% s.s.<br />

UFL/kg UFC/kg<br />

92,6 7,4 65,33 6,81 24,84 37,97 0,76 0,68<br />

novità<br />

NAGANO<br />

Maturazione: Precoce<br />

bioenergie<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato, biomassa, granella.<br />

Pianta: Taglia medio-alta, buon accestimento e buona<br />

fogliosità.<br />

Resistenze: Si è dimostrata sempre superiore alla media nella<br />

resistenza alle principali malattie (oidio, ruggine bruna,<br />

septoriosi, fusariosi). Resistente all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 180-200 kg/ha a seconda della preparazione del<br />

letto di semina.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia<br />

Caratteristiche: Varietà polacca di recente costituzione, selezionata<br />

sia per produrre foraggio con buon contenuto<br />

proteico che per produzione di granella.<br />

10 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

novità<br />

AMARILLO 105<br />

Maturazione: Precoce.<br />

bioenergie<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato, granella, biomassa.<br />

Pianta: Taglia elevata, buon accestimento e numero di<br />

spighe per pianta.<br />

Resistenze: Buonissima tolleranza a ruggine bruna e oidio,<br />

resistente all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale e primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 160-180 kg/ha a seconda della preparazione del<br />

letto di semina. Con semine precoci o primaver<strong>il</strong>i<br />

aumentare la dose a 190 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia<br />

Caratteristiche: Varietà di ultima generazione, dall’altissimo<br />

potenziale produttivo.<br />

Primo classificato nelle prove del C.R.A. nel nord Italia (I.A. n° 34/2011) (vedi tabella):<br />

Produzione di granella (media t/ha):<br />

7,9 t/ha Nord, (4° classificato)<br />

6,6 t/ha al Centro (1°classificato)<br />

6,3 t/ha al Sud (1° classificato)<br />

Altezza pianta (media italiana): 118-120 cm.<br />

TRIAMANT<br />

bioenergie<br />

Maturazione: Medio tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato e granella.<br />

Pianta: Di altezza medio alta, fogliosa.<br />

Resistenze: Appositamente selezionata per la resistenza<br />

alle più comuni fitopatie.<br />

Periodo di semina: Autunnale.<br />

Dose di semina: 160 – 180 kg per ettaro<br />

Zona di coltivazione: Nord Italia, può essere coltivato con successo nelle<br />

zone del centro-sud in terreni profondi e freschi.<br />

Caratteristiche: E’ una varietà ad elevata produttività, consigliata<br />

anche nella formulazione di erbai autunnali<br />

per la sua fogliosità.


Areale Nord. Resa in granella (t/ha 13% umidità) e caratteri morfo-fisiologici in<br />

ordine decrescente di produzione media<br />

Emiglia<br />

Lombardia<br />

Friuli V.G.<br />

Romagna<br />

VARIETÀ<br />

Tottemenapace (PV)<br />

SEGALE<br />

TRITICALE<br />

AVENA<br />

AVENA STRIGOSA<br />

S.Angelo<br />

Lodigiano (LO)<br />

AMARILLO 105 9,8 8,9 8,0 7,1 4,3 7,6<br />

TRIMOUR 9,1 8,0 8,1 6,9 5,4 7,5<br />

TALENTRO 8,9 7,9 8,2 7,2 4,7 7,4<br />

AGOSTINO 8,9 7,6 8,4 7,3 4,4 7,3<br />

COLLEGIAL 9,2 7,8 7,2 6,8 5,1 7,2<br />

KEREON 8,6 7,4 8,4 6,7 4,4 7,1<br />

TULUS 8,9 7,8 7,1 6,8 4,5 7,0<br />

ISOTOP 7,5 7,7 8,7 6,5 4,4 6,9<br />

LEONTINO 8,1 7,6 8,3 6,6 3,7 6,8<br />

MAXIMAL 8,4 7,2 7,2 6,3 3,6 6,5<br />

MADILO 8,3 6,2 7,1 5,9 3,9 6,3<br />

VIVACIO’ 8,4 6,9 5,5 6,2 4,2 6,2<br />

UNIVERSAL 8,0 6,3 6,3 5,6 4,8 6,2<br />

CONSTANT 6,9 6,2 7,0 5,5 4,3 6,0<br />

OCEANIA 8,4 6,3 5,5 5,8 3,7 6,0<br />

WILFRIED 6,8 6,3 6,6 5,8 4,2 5,9<br />

MAGISTRAL 7,9 6,3 5,9 5,4 4,0 5,9<br />

RIGEL 7,4 6,5 5,1 5,8 4,0 5,8<br />

QUARK 7,1 5,9 6,0 5,2 3,7 5,6<br />

ALTAIR 7,5 5,3 6,0 4,7 4,2 5,6<br />

AGRANO 6,7 5,9 4,9 5,2 3,6 5,2<br />

FORRICALE 7,2 5,3 5,2 5,2 3,2 5,2<br />

CATRIA 6,7 5,1 5,4 4,4 3,7 5,1<br />

BIENVENU 5,9 4,9 5,4 4,4 4,2 4,9<br />

TRICA 6,1 5,3 4,5 4,7 3,4 4,8<br />

MEDIA 7,9 6,7 6,6 5,9 4,1 6,2<br />

MDS (P≤ 0,05) 0,4 0,8 1,0 0,8 0,8<br />

CV (%) 3,3 7,3 9,4 8,1 11,5<br />

Fonte I.A. n°34 2011<br />

Fiorenzuola d’Arda (PC)<br />

Epoca di spigatura delle diverse varietà<br />

PROTECTOR<br />

Palazzolo dello Stella (UD)<br />

Fiume Veneto (PN)<br />

Produzione (t/ha) ( 1 )<br />

MARCELO<br />

LEONTINO<br />

bioenergie<br />

Maturazione: Medio tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Tipicamente da ins<strong>il</strong>ato.<br />

Pianta: Alta, fogliosa, con grande attitudine all’accestimento.<br />

Resistenze: Mediamente resistente alle più comuni fitopatie.<br />

Periodo di semina: Autunnale.<br />

Dose di semina: 165 – 185 kg per ettaro<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: E’ una varietà di grande potenziale produttivo in<br />

termini di biomassa.<br />

Dalle prove della rete nazionale (v. I.A. n°34/2011)<br />

ha avuto produzioni superiori alle medie in tutti gli<br />

areali (Nord, Centro, Sud).<br />

SW TALENTRO bioenergie<br />

Maturazione: Tardiva<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato, granella, biomassa.<br />

Pianta: Di altezza media, dotata di grande spiga molto ricca di semi.<br />

Resistenze: Resistente alle più comuni fitopatie. Molto resistente<br />

all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale.<br />

Dose di semina: 155 – 175 kg per ettaro<br />

Zona di coltivazione: Nord Italia, può essere coltivato nelle zone più fresche del<br />

centro-sud.<br />

Caratteristiche: E’ una varietà ad elevata produttività, sia a granella che a<br />

trinciato. L’alto contenuto di granella rende <strong>il</strong> trinciato di<br />

Talentro particolarmente ricco di zuccheri e molto apprezzato<br />

per l’ins<strong>il</strong>ato destinato anche alla fermentazione anaerobica<br />

dei Bio-digestori. Sempre affidab<strong>il</strong>e per produttività<br />

AMARILLO 105 TRIAMANT TALENTRO<br />

NAGANO LEONTINO<br />

HAMEL AUTEUIL<br />

GNIADY TYPHON<br />

LA MOROCHA<br />

20/4 25/4 30/4 05/5 10/5 15/5 20/5 25/5<br />

INTERVALLI MEDI NORD ITALIA<br />

AVENY<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

11<br />

Cereali minori


Cereali minori<br />

CEREALI MINORI<br />

Avena<br />

(Avena sativa)<br />

Specie a semina autunnale o primaver<strong>il</strong>e ut<strong>il</strong>izzata in purezza o per<br />

la formazione di erbai in consociazione con leguminose e graminacee.<br />

Viene ut<strong>il</strong>izza oltre che per granella, per pascolo invernale<br />

o per ins<strong>il</strong>ato.<br />

Le diverse varietà di avena si distinguono in base al colore della<br />

granella: l’avena bianca, generalmente indicata per produrre granella,<br />

presenta pianta meno fogliosa e più robusta, mentre le avene<br />

nere, colore scuro della granella, sono più precoci, più fogliose e<br />

quindi più adatte all’ut<strong>il</strong>izzo integrale.<br />

Da tenere presente che la concimazione azotata va commisurata,<br />

oltre che alla fert<strong>il</strong>ità del terreno e al clima, alla resistenza all’allettamento<br />

delle varietà impiegate. L’epoca ottimale di sfalcio per produzione<br />

di ins<strong>il</strong>ato è da inizio spigatura fino alla maturazione lattea.<br />

HAMEL<br />

Maturazione: Medio Precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Sfalcio e granella per equini.<br />

Pianta: Taglia medio-elevata, con fusto elastico e sott<strong>il</strong>e.<br />

Resistenze: Media resistenza al freddo, buona resistenza<br />

all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale e primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 120 – 150 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Tutte. Ha ottenuto ottime perfomance al Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Varietà bianca di ottima produttività. Adatta ad<br />

essere affienata.<br />

TYPHON novità<br />

Maturazione: Media.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Foraggio (ins<strong>il</strong>ato, fieno fasciato), consociazione in<br />

erbai e granella.<br />

Pianta: Taglia alta, con foglia particolarmente larga.<br />

Resistenze: Resistente allì’oidio, buona tolleranza alle malattie<br />

fogliari più comuni.<br />

Periodo di semina: Autunnale e primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 120 – 150 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro.<br />

Caratteristiche: Varietà bianca. Prima per produzione nelle prove<br />

ufficiali in Austria. La sua fogliosità permette di<br />

produrre un foraggio di elevata qualità.<br />

12 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

AUTEUIL<br />

Maturazione: Medio-tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: In purezza o in consociazione con leguminose<br />

per la formazione di erbai autunno<br />

primaver<strong>il</strong>i.<br />

Pianta: Grande e fogliosa.<br />

Resistenze: Resistente all’allettamento e tollerante alle<br />

infezioni di Oidio.<br />

Periodo di semina: Autunnale e primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 130 – 150 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro.<br />

Caratteristiche: Granella nera con riflessi rosso scuro, di<br />

grande produttività.<br />

GNIADY<br />

Maturazione: Tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Granella e foraggio in purezza o in consociata<br />

in erbai autunno primaver<strong>il</strong>i.<br />

Pianta: Fogliosa di taglia medio-alta.<br />

Resistenze: Notevole resistenza all’allettamento e tollerante<br />

all’Oidio.<br />

Periodo di semina: Autunnale e primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 130 – 150 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro.<br />

Caratteristiche: Avena nera di recente costituzione, caratterizzata<br />

dalla grande stab<strong>il</strong>ità della pianta e<br />

dalle alte rese (v. tabella).<br />

Areale Nord. Resa in granella (t/ha 13% umidità) nelle 2 località provate<br />

Semina autunnale Semina primaver<strong>il</strong>e<br />

VARIETÀ<br />

S.Angelo L.(LO)<br />

VARIETÀ<br />

Fiorenzuola<br />

d’Arda (PC)<br />

S.Angelo L. (LO)<br />

MEDIA<br />

AVENY 7,15 AVENY 4,30 6,71 5,51<br />

GNIADY 5,81 CORNEIL 3,94 6,11 5,03<br />

CORNEIL 5,65 GNIADY 3,94 5,46 4,70<br />

PRIMULA 5,59 TEO BD40 3,64 5,73 4,69<br />

GENZIANA 5,57 RANCH 3,52 5,33 4,43<br />

DONATA 5,40 HAMEL 3,35 5,10 4,23<br />

RANCH 5,40 BIONDA 3,42 4,93 4,18<br />

BIONDA 5,29 PRIMULA 3,12 4,79 3,96<br />

TEO BD40 5,22 ALCUDIA 2,77 4,75 3,76<br />

ALCUDIA 5,18 GENZIANA 2,98 4,45 3,72<br />

STELLA D’ORO 4,86 DONATA 2,41 4,23 3,32<br />

NOVELLA ANTONIA 4,60 STELLA D’ORO 2,41 3,62 3,02<br />

ARGENTINA 4,35 ARGENTINA 2,72 3,29 3,01<br />

FULVIA 2,97 NOVELLA ANTONIA 2,48 3,42 2,95<br />

FULVIA 1,90 3,03 2,47<br />

MEDIA 5,22 MEDIA 3,13 4,73 3,93<br />

DMS (P≤ 0,05) 1,0 DMS (P≤ 0,05) 0,4 0,7<br />

CV (%) 10,6 CV (%)<br />

Fonte I.A. n°34 2011<br />

9,0 14,3


AVENY<br />

Maturazione: Tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Foraggio (in consociazione o non), granella.<br />

Pianta: Alta e fogliosa.<br />

Resistenze: Molto resistente all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale e primaver<strong>il</strong>e<br />

Dose di semina: 130 -150 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Particolarmente produttiva al Centro-Sud.<br />

Caratteristiche: Varietà bianca, caratterizzata da alte rese. Produzioni<br />

sempre ai vertici confermate anche dai risultati ufficiali<br />

del 2010 e 2011 (v.tabella) nelle prove coordinate dal<br />

C.R.A. (dati I.A. n° 34/2010 e n° 34/2011), dove è<br />

risultata anche la meno allettata. Aveny ha anche una<br />

spiccata attitudine all’ut<strong>il</strong>izzo foraggero, dovuta alla<br />

sua fogliosità e alla taglia elevata.<br />

Avena Forestiera<br />

(Avena strigosa)<br />

L’avena strigosa è una specie che ben si adatta ad essere inserita<br />

negli erbai per la sua elevata produttività e rusticità. Caratteristica saliente<br />

di questa specie è di avere <strong>il</strong> culmo molto sott<strong>il</strong>e: ciò migliora la<br />

fienagione riducendo i tempi di essiccazione del foraggio. Può essere<br />

inoltre pascolata, grazie alla sua ottima appetib<strong>il</strong>ità e digerib<strong>il</strong>ità. Da<br />

tener presente che, con semine troppo anticipate, l’avena strigosa<br />

può avere una maggiore suscettib<strong>il</strong>ità alle gelate invernali e all’allettamento<br />

primaver<strong>il</strong>e. Può essere seminata anche nel tardo inverno,<br />

ottenendo comunque ottime produzioni in foraggio. L’epoca ottimale<br />

di sfalcio va dalla spigatura alla fioritura (generalmente a maggio).<br />

Segale<br />

(Secale cereale)<br />

Specie a semina autunnale da ut<strong>il</strong>izzare in purezza o in consociazione, molto precoce, poco esigente e quindi adatta ai terreni marginali.<br />

Resiste molto bene ai freddi invernali, alla siccità ed è poco esigente in fatto di sostanze nutritive.<br />

La segale viene impiegata con una dose di seme pari o poco superiore a quella del frumento a causa del suo scarso potere di accestimento.<br />

La semina viene fatta leggermente in anticipo rispetto al frumento stesso, ovvero tra la fine di agosto e la fine di ottobre, a seconda<br />

della latitudine e dell’altitudine. La dose di semina varia da 120 a 180 kg/ha in purezza con le dosi maggiori se la destinazione è per la<br />

produzione di foraggio o biomassa.<br />

La concimazione azotata va limitata a 20-40 Kg/ha, ciò a causa della maggiore suscettib<strong>il</strong>ità della segale all’allettamento.<br />

PROTECTOR<br />

Maturazione: Precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Biomassa o granella.<br />

Pianta: Taglia molto elevata.<br />

Resistenze: Resiste molto bene al freddo e alla siccità.<br />

Periodo di semina: Autunnale, meglio se anticipata.<br />

Dose di semina: 180 kg/ha per l’ut<strong>il</strong>izzo da trinciato.<br />

Zona di coltivazione: Tutt’Italia.<br />

Caratteristiche: Protector produce ottimi quantitativi di biomassa<br />

anche nelle condizioni più diffic<strong>il</strong>i.<br />

LA MOROCHA<br />

Maturazione: Precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo in miscuglio.<br />

Pianta: Alta con culmo sott<strong>il</strong>e.<br />

novità<br />

In corso di iscrizione<br />

Resistenze: Pianta sanissima e poco soggetta a patologie.<br />

Come tutte le varietà di A. strigosa tende ad<br />

allettarsi se seminata in purezza.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 70 - 80 kg/ha in purezza.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud.<br />

Caratteristiche: La Morocha è una varietà adatta all’ut<strong>il</strong>izzo in<br />

miscugli da erbaio autunno primaver<strong>il</strong>i. Grandissima<br />

adattab<strong>il</strong>ità alle condizioni pedoclimatiche<br />

anche in terreni poco fert<strong>il</strong>i.<br />

MARCELO<br />

Maturazione: Medio-tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Biomassa o granella.<br />

Pianta: Pianta robusta e fogliosa.<br />

Resistenze: Buona tolleranza a ruggine e peronospora.<br />

Resiste bene all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale, meglio se anticipata.<br />

Dose di semina: 150-160 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Tutt’Italia.<br />

Caratteristiche: Dotata di grande stab<strong>il</strong>ità produttiva.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

13<br />

Cereali minori


Sorgo<br />

SORGO<br />

L’incremento costante delle superfici coltivate a sorgo degli ultimi anni, conferma come questa coltura possa avere un ruolo strategico nella<br />

diversificazione e nella sostenib<strong>il</strong>ità (sia economica che ambientale) della produzione aziendale.<br />

Il vero punto di forza del sorgo sta nel suo adattamento fisiologico ad ambienti caldi e tendenzialmente aridi, che lo rendono insuperab<strong>il</strong>e in<br />

coltivazioni a bassi input agronomici, nelle più svariate condizioni ambientali e climatiche.<br />

La classificazione attualmente riconosciuta del genere Sorghum, raggruppa tutte le tipologie coltivate sotto la specie botanica Sorghum vul-<br />

gare (sin. Sorghum bicolor), all’interno della quale si distinguono tutte le molteplici forme di sorgo, indicate generalmente come sottospecie.<br />

E’ importante conoscere le caratteristiche delle principali tipologie di sorgo, poiché sono strettamente correlate con la loro gestione agronomica<br />

e <strong>il</strong> loro ut<strong>il</strong>izzo finale:<br />

• S. bicolor ssp. bicolor: A questo gruppo appartengono le varietà e gli ibridi da granella, a taglia generalmente bassa, culmi robusti,<br />

panicolo molto sv<strong>il</strong>uppato, diffic<strong>il</strong>mente allettab<strong>il</strong>i.<br />

• S. bicolor ssp. sudanense. Raggruppa le varietà denominate “sorghi gent<strong>il</strong>i” o “sudangrass”. Sono caratterizzate da fusto sott<strong>il</strong>e ed<br />

elastico, spiccata tendenza all’accestimento, rapidità di ricaccio, ciclo precoce. Particolarmente adatte per erbai estivi polisfalcio.<br />

• S. bicolor ssp. saccharatum. I sorghi zuccherini si contraddistinguono per la taglia elevata, foglie larghe, culmo grosso, e midollo succoso<br />

e zuccherino, scarsa capacità di accestimento e ricaccio, ciclo tendenzialmente tardivo.<br />

• Incroci e ibridi delle tipologie precedenti: hanno permesso di ottenere piante con caratteristiche molto varie, sia dal punto di vista<br />

morfologico che agronomico, in base alle caratteristiche delle tipologie impiegate come parentali.<br />

La semina è la fase più delicata della coltivazione del sorgo. Questo necessita di un letto di semina ben preparato per assicurare una emergenza<br />

omogenea e al contempo sufficientemente strutturato per limitare la formazione di crosta superficiale. Per favorire <strong>il</strong> più possib<strong>il</strong>e<br />

l’approfondimento radicale si consiglia di agire preventivamente con lavorazioni profonde.<br />

Al Sud Italia e isole sono necessarie irrigazioni di soccorso in caso di siccità prolungata, mentre al Centro Nord l’unica fase che necessita<br />

di un lieve apporto idrico, in assenza di piogge, è quella della germinazione e dell’emergenza.<br />

Vantaggi agronomici del sorgo:<br />

Massima efficienza nell’uso delle risorse idriche, costi di produzione contenuti, pur garantendo elevate rese anche in terreni poco favorevoli.<br />

Buona qualità e conservab<strong>il</strong>ità del prodotto. Particolarmente indicato nelle zone colpite da Diabrotica e Piralide.<br />

Sorgo da foraggio<br />

(Sorghum bicolor spp.)<br />

14 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

PIPER<br />

(S. b. sudanense)<br />

Maturazione: Precoce (60 giorni dall’emergenza a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno (almeno 3 tagli) e pascolo.<br />

Pianta: Il fusto è sott<strong>il</strong>e ed elastico, ha grande capacità di accestimento e di<br />

ricaccio.<br />

Resistenze: Varietà rustica per eccellenza.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo 16°C).<br />

Dose di semina: 25–35 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Tutte, adatta ai terreni marginali.<br />

Caratteristiche: La varietà non contiene acido prussico.<br />

MONARCH V<br />

(ibrido sudanense x sudanense)<br />

Maturazione: Medio precoce (62 giorni dall’emergenza a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo polisfalcio.<br />

Pianta: Caratterizzata dalla fogliosità e dalla grande capacità di accestimento.<br />

Resistenze: La sua rusticità lo rende tollerante a tutte le avversità.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo 16°C).<br />

Dose di semina: 20-30 kg/ha a seconda della preparazione del terreno.<br />

Zona di coltivazione: Adatto a tutti i climi, ideale nell’ambiente mediterraneo con sussidio<br />

idrico.<br />

Caratteristiche: Ibrido particolarmente produttivo (13 % in più di Piper). Produce<br />

foraggio di alta qualità senza acido prussico.


HERMES<br />

(ibrido sudanense x sudanense)<br />

Tecnologia Hi-Gest®<br />

novità<br />

Maturazione: Medio precoce (65 giorni dall’emergenza a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, ins<strong>il</strong>ato e pascolo, in più sfalci.<br />

Pianta: E’ dotata di stocco es<strong>il</strong>e, alto numero di accestimenti e ricaccio vigoroso.<br />

Altezza media a fioritura 220 cm.<br />

Resistenze: Resiste a tutte le avversità.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo 16°C).<br />

Dose di semina: Da 20 a 30 kg per ettaro a seconda delle condizioni del terreno.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia<br />

Caratteristiche: L’ultimissima generazione dei sorghi Hi-Gest®!! Questa tecnologia ha<br />

permesso di ottenere ibridi con un contenuto di lignina nella fibra drasticamente<br />

ridotto (-20 %), mantenendo allo stesso tempo piante con<br />

alto vigore vegetativo e produttivo. HERMES esprime al meglio sia le<br />

caratteristiche qualitative degli ibridi BMR, sia le alte rese (paragonab<strong>il</strong>i<br />

o superiori) degli ibridi tradizionali. Il foraggio è più appetib<strong>il</strong>e, più nutriente<br />

e più digerib<strong>il</strong>e e dà quindi una maggiore resa in stalla!<br />

Valori medi di 4 campioni di fieno di HERMES Hi-Gest®<br />

Parametro media TQ media SS<br />

Sostanza Secca, % 93,73 93,73<br />

Umidità, % 6,28 6,28<br />

Proteina Grezza, % 8,81 9,40<br />

Lipidi Grezzi, % 0,71 0,76<br />

Ceneri, % 12,58 13,43<br />

NDF - Fibra neutro detersa-, % 51,16 54,58<br />

ADF - Fibra acido detersa-, % 37,33 39,83<br />

NDFD, % dell’NDF tot. 46,30 49,40<br />

NFC, % 20,46 21,83<br />

Emicellulose, % 13,83 14,76<br />

ADF/NDF, come % dell’NDF 72,30 77,10<br />

ADL - Lignina acido detersa-, % 4,12 4,40<br />

RFQ (Relative Feed Quality) 83,20 88,70<br />

UFL 0,57 0,61<br />

PADANA 2 /SWEET CAROLINA<br />

(ibrido bicolor x bicolor)<br />

Maturazione: Media (85 giorni dall’emergenza a metà fioritura). bioenergie<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ibrido monosfalcio per produzione di ins<strong>il</strong>ato.<br />

Pianta: Tipologia da granella di taglia alta (1,8 - 2 m), con fusti grossi e foglie<br />

larghe per una ottimale copertura delle f<strong>il</strong>e. Panicolo molto sv<strong>il</strong>uppato<br />

che produce buone quantità di granella.<br />

Resistenze: Molto resistente a siccità, resiste molto bene all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo 16°C).<br />

Dose di semina: 10-13 kg/ha (pari a 32-35 semi/mq).<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: Ibrido che associa alla massa verde un ottimo apporto di granella<br />

(5-6 t/ha circa), permettendo di ottenere un prodotto b<strong>il</strong>anciato,<br />

digerib<strong>il</strong>e, con ottimo contenuto proteico, dalle caratteristiche<br />

qualitative sim<strong>il</strong>i al trinciato di mais. Particolarmente indicato nelle<br />

aree in cui <strong>il</strong> mais non può essere coltivato (Diabrotica, Piralide, aree<br />

non irrigue, ecc.)<br />

PIPER<br />

HERMES<br />

Costituenti nutrizionali<br />

Parametro media TQ media SS<br />

Met.: Spettroscopia Infrarosso (NIRS)<br />

Umidità, % 69,30<br />

Sostanza Secca, % 30,70<br />

Proteina Grezza, % 1,92 6,24<br />

Lipidi Grezzi, % 0,60 1,94<br />

Ceneri, % 1,51 4,92<br />

NDF -Fibra neutro detersa-, % 15,69 51,10<br />

ADF -Fibra acido detersa-, % 9,38 30,55<br />

Emicellulosa, % 6,31 20,55<br />

ADF/NDF, come % dell’NDF 59,8<br />

NDFD, % dell’NDF tot. 36,9<br />

NFC, % 10,99 35,80<br />

Amido polarimetrico 7,27 23,68<br />

Zuccheri Totali, % Met. Uff. It 0,83 2,70<br />

Zuccheri originari (Tot. + ricalcolati da AGV) 2,43 7,92<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

15<br />

Sorgo


Sorgo<br />

Sorgo da foraggio<br />

HAY DAY<br />

(ibrido bicolor x sudanense)<br />

Maturazione: Media (68 giorni dall’emergenza a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato in più sfalci: sia trinciato che fasciato.<br />

Pianta: Dotata di fusti alti ed elastici. Ricaccia con fac<strong>il</strong>ità.<br />

Resistenze: Resistente all’allettamento. Rustico.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo 16°C).<br />

Dose di semina: 40 – 50 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Tutte.<br />

Caratteristiche: Ibrido caratterizzato da alte rese, Il rapido ricaccio permette fino a tre<br />

tagli in coltura irrigua. Da non ut<strong>il</strong>izzare prima del metro di altezza, la<br />

massima qualità si ha dalla botticella alla maturazione lattea. Produce<br />

12-14 t/ha di s.s.<br />

SUGAR GRAZE II<br />

(ibrido bicolor x sudanense x zuccherino)<br />

Maturazione: Media (68 giorni dall’emergenza a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ibrido polisfalcio per produzione di trinciato, ins<strong>il</strong>ato fasciato e<br />

pascolo.<br />

Pianta: Ibrido a tre vie, dotato di grandi foglie, buona attitudine all’accestimento<br />

e al ricaccio rapido. Più alto e produttivo di Hay Day.<br />

Resistenze: Molto resistente a siccità e alle temperature estive.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo 16°C).<br />

Dose di semina: 35-45 kg/ha<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: Ibrido di recente costituzione, dotato di fusti succulenti e ricchi di foglie,<br />

produce un foraggio di buona qualità. Da non ut<strong>il</strong>izzare prima del<br />

metro di altezza, la massima qualità e digerib<strong>il</strong>ità si hanno alla fase di<br />

botticella (contenuto proteico 9-10%).<br />

16 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


NECTAR<br />

(ibrido zuccherino x sudanense)<br />

Maturazione: Tardivo (88 giorni dall’emergenza ad inizio<br />

fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolamento estivo autunnale. Ins<strong>il</strong>ato<br />

integrale.<br />

Pianta: Alta, con maggiore tendenza di Sugargraze<br />

all’accestimento.<br />

Resistenze: Grande resistenza al secco e al caldo.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e (temperatura minima del suolo<br />

16°C).<br />

Dose di semina: 10-15 kg/ha per pascolo. Per trinciato<br />

8-10 kg/ha, con lo scopo di ottenere un<br />

investimento di 20-25 piante/mq, con interf<strong>il</strong>a<br />

di almeno 45 cm. Profondità di semina 3 cm.<br />

Zona di coltivazione: Tutte.<br />

Caratteristiche: Grande flessib<strong>il</strong>ità di ut<strong>il</strong>izzo: unisce la<br />

produttività del S. zuccherino alla rusticità del<br />

sudanese. Non ut<strong>il</strong>izzare prima che la pianta<br />

abbia raggiunto <strong>il</strong> metro di altezza<br />

800<br />

700<br />

600<br />

500<br />

400<br />

300<br />

200<br />

100<br />

m 3 biogas/t ST<br />

849<br />

FM1<br />

GOLIATH PADANA 4<br />

F<br />

FM1<br />

bioenergie<br />

SUCRO<br />

506<br />

Z<br />

ALPILLES<br />

FM2<br />

877<br />

NICOL<br />

FM2<br />

SUGARGRAZE<br />

(ibrido zuccherino x zuccherino)<br />

Maturazione: Tardivo (90 giorni circa a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: ins<strong>il</strong>ato monosfalcio.<br />

Pianta: Alta e fogliosa, raggiunge fac<strong>il</strong>mente i 3 m.<br />

Medio accestimento.<br />

Fusto particolarmente spesso.<br />

Resistenze: Ottima resistenza alla siccità e agli stress<br />

termici.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e, quando la temperatura del suolo<br />

raggiunge almeno 16°C.<br />

Dose di semina: 8-10 kg/ha (con semina di precisione investimento<br />

di 20-24 semi/mq) aumentare la dose<br />

a 10-15 kg/ha con letto di semina non ben<br />

preparato o semina a spaglio. Interf<strong>il</strong>a minimo<br />

45 cm, profondità 3 cm. Si consiglia di non<br />

superare l’investimento consigliato per ridurre <strong>il</strong><br />

rischio di allettamento<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro, Sud.<br />

Caratteristiche: Taglia imponente che combina l’ottima produttività<br />

con l’elevato tenore zuccherino. Si presta<br />

ad essere ins<strong>il</strong>ato con un unico taglio dall’eccezionale<br />

produzione di biomassa.<br />

H 133<br />

FV<br />

N.D.F.<br />

(% t.q.)<br />

Caratteristiche qualitative dell’ins<strong>il</strong>ato di SUGARGRAZE (fonte CRPA di RE):<br />

A.D.F.<br />

(% t.q.)<br />

Emicellulosa<br />

(% t.q.)<br />

Cellulosa<br />

(% t.q.)<br />

bioenergie<br />

Lignina<br />

(% t.q.)<br />

67.92 36.90 31.03 31.4 5.47<br />

RESA IN BIOGAS DEL SORGO SUGARGRAZE (fonte dati Ersaf 2010)<br />

a<br />

b<br />

MYTHRIL<br />

FM2<br />

H 140<br />

F<br />

SILAGE K<br />

Z<br />

c<br />

ENSAL<br />

FM1<br />

SUGAR<br />

GRAZE<br />

Z<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

17<br />

Sorgo


Sorgo<br />

Sorgo da foraggio<br />

JUMBO<br />

(ibrido bicolor x sudanense)<br />

Varietà<br />

Ditta<br />

sementiera<br />

bioenergie<br />

Maturazione: Molto tardivo (120 giorni circa a metà fioritura).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ibrido polivalente sia per produzioni in un unico<br />

taglio (ins<strong>il</strong>ato, biogas o biomassa) che per<br />

ut<strong>il</strong>izzo in più sfalci come sorgo da foraggio<br />

(foraggiata fresca o ins<strong>il</strong>ato), tagliato oltre 1 -<br />

1.5 m<br />

Pianta: Molto alta e fogliosa. Buona capacità di accestimento.<br />

Resistenze: Ottima resistenza alla siccità e agli stress<br />

termici. Resiste bene all’allettamento grazie ai<br />

fusti più fibrosi.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e, quando la temperatura del suolo<br />

raggiunge almeno 16°C.<br />

Dose di semina: 8-10 kg/ha (con semina di precisione investimento<br />

di 20-24 semi/mq).<br />

Per ut<strong>il</strong>izzo in più sfalci aumentare l’investimento<br />

a 15-20 kg/ha<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia<br />

Caratteristiche: La sua flessib<strong>il</strong>ità di ut<strong>il</strong>izzo è permessa dall’alta<br />

fogliosità della pianta, dalla buona capacità<br />

di accestimento e dalla rapidità di ricaccio. Ut<strong>il</strong>izzata<br />

in più sfalci fornisce un foraggio molto<br />

energetico; ut<strong>il</strong>izzata in monosfalcio permette<br />

di avere una pianta imponente con enormi<br />

produzioni di biomassa.<br />

Tipologia<br />

INDICE di<br />

produzione<br />

INDICE di<br />

produzione S.S.<br />

KWS BULLDOZER KWS fibra 126 128<br />

JUMBO PADANA foraggio mono 127 110<br />

GOLIATH SIS fibra 96 102<br />

ENSAL SEMFOR foraggio mono 109 95<br />

TRUDAN HL SYNGENTA foraggero 109 104<br />

NECTAR PADANA zuccherino 101 96<br />

849 PIONEER foraggio mono 91 95<br />

BIOMASS 133 SYNGENTA fibra 88 99<br />

877 NICOL PIONEER foraggio multi 84 98<br />

Dati estratti da: ERSAF progetto Grandi Colture regione Lombardia 2011 - Indici produttivi medi di 3 località. Prove a pieno campo<br />

18 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


Sorgo da granella<br />

(Sorghum bicolor)<br />

Coltura di grande importanza in alcune<br />

aree italiane, oggi sta conquistando i<br />

favori dei coltivatori di altre zone. I motivi<br />

stanno nella capacità produttiva del sorgo<br />

pur con bassi input agronomici (meno<br />

irrigazioni, meno seme, meno concimi).<br />

Dopo un rigoroso programma di test nel<br />

nostro paese, <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> ha<br />

ottenuto la distribuzione esclusiva di due<br />

ibridi rivelatisi particolarmente adatti ai<br />

nostri ambienti.<br />

PUMA<br />

IL ROSSO SENZA TANNINI!<br />

IL ROSSO SENZA TANNINI PIU’ PRODUTTIVO E AFFIDABILE IN ITALIA<br />

Maturazione: Medio- tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Granella, ma anche trinciato.<br />

Pianta: Bassa, con panicolo assurgente e distante dall’ultima foglia.<br />

Resistenze: Rustica, resiste agli stress idrici e termici. La granella è di colore rosa a<br />

bassissimo contenuto di Tannini.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 12-15 kg/ha. 34-36 piante al metro quadrato.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia<br />

Caratteristiche: Puma è l’ibrido dalle grandi performance produttive. Anche nelle prove<br />

ufficiali 2010 si è confermato l’ibrido più produttivo nel mercato italiano,<br />

sottolineando la sua grande affidab<strong>il</strong>ità.<br />

PROVA NAZIONALE DEL C.R.A. DI CONFRONTO VARIETALE DI SORGO DA GRANELLA<br />

Produzione di granella (14% umidità) e principali caratteri feno-morfologici<br />

In tabella è riportato un estratto dei dati con i risultati dei primi 10 ibridi fra i 32 testati<br />

Prove senza sussidio idrico<br />

PRODUZIONE 2009<br />

(t/ha)<br />

Ibridi<br />

Pizzale (PV) Agugliano (AN) Rieti<br />

Media<br />

t/ha indice<br />

Puma 9,34 ae 8,97 ad 12,60 bc 10,30 118<br />

Brenus 8,57 eg 8,22 ah 13,68 a 10,16 116<br />

Arsenio 9,41 ae 9,55 a 11,34 df 10,10 116<br />

Targga 9,88 ac 8,12 ah 12,21 bd 10,07 115<br />

DK34-Alabama 9,79 ad 8,71 ae 11,19 dg 9,90 113<br />

Marcus 8,17 fh 8,37 ah 13,14 ab 9,89 113<br />

PR88Y20 8,86 dg 8,75 ae 11,73 9,78 112<br />

Aralba 8,73 eg 8,31 ah 11,53 cf 9,52 109<br />

Sanggat 9,91 ab 7,72 bh 10,74 eg 9,46 108<br />

Artico 10,32 a 8,60 af 9,22 <strong>il</strong> 9,38 107<br />

MEDIA 8,32 7,92 10,00 8,74 100<br />

GIAGUARO<br />

PRODUZIONE 2010<br />

(t/ha)<br />

Ibridi<br />

Pizzale (PV) Agugliano (AN) Rieti<br />

Media<br />

t/ha indice<br />

Puma 5,42 gi 5,33 a 12,58 a 7,78 124<br />

Angelus 6,49 ac 4,91 ac 11,20 bc a 7,53 120<br />

Marcus 5,01 ij 4,18 dg 13,34 a 7,51 120<br />

Cheope 6,69 a 3,94 ei 11,51 b 7,38 118<br />

Reggal 6,70 a 4,54 be 10,53 cf 7,26 116<br />

Targga 5,54 fi 4,06 ei 11,62 b 7,07 113<br />

Classus 5,51 gi 4,83 ad 10,72 be 7,02 112<br />

Aralba 5,68 di 3,93 ei 11,06 bd 6,89 110<br />

Kinggo 5,55 fi 3,48 gn 11,55 b 6,86 109<br />

DK34/Alabama 6,25 af 4,19 dg 10,08 ei 6,84 109<br />

MEDIA 5,66 3,66 9,51 6,28 100<br />

IBRIDO DI SORGO BIANCO!<br />

Disponib<strong>il</strong>e anche seme non trattato<br />

Maturazione: Medio - Tardiva.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Granella, eventualmente trinciato.<br />

Pianta: Medio bassa, con panicolo assurgente, ottima eserzione del panicolo.<br />

Granella bianca, semivitrea, senza tannini.<br />

Resistenze: Pianta rustica, resiste agli stress idrici e termici. Molto resistente all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 15-18 kg/ha. 36-38 piante metro quadrato.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia. Particolarmente produttivo al Centro-Sud.<br />

Caratteristiche: Ibrido di recente costituzione, registrato in Italia nel 2009. Giaguaro ha<br />

un’ottima capacità produttiva negli ambienti più vocati.<br />

Produzione di Granella<br />

BO FE RA AR Media<br />

Test 1 109 100 98 106 103<br />

Test 2 102 106 88 109 101<br />

Test 3 94 98 76 106 93<br />

Test 4 84 89 72 91 84<br />

Test 5 113 121 88 117 109<br />

GIAGUARO 96 107 131 101 109<br />

Prove 2007 per l’iscrizione al: Registro Nazionale delle varietà.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

19<br />

Sorgo


Graminacee<br />

ALTRE GRAMINACEE ESTIVE<br />

Miglio perlato<br />

(Pennisetum glaucum)<br />

Questa specie è originaria delle zone calde e asciutte della fascia sub tropicale.<br />

Raccolto prima della spigatura è capace di fornire grandi masse di foraggio, dalle<br />

ottime caratteristiche qualitative in termini di appetib<strong>il</strong>ità e contenuto proteico.<br />

E’ particolarmente adatto al pascolo, vista l’attitudine al ricaccio, nelle zone più<br />

asciutte del nostro centro sud. Non ha bisogno di particolari accorgimenti, se non<br />

una minima concimazione di base, per non depauperare troppo <strong>il</strong> terreno. Il miglio-<br />

ramento genetico ha messo a disposizione varietà ed ibridi particolarmente adatti<br />

all’ut<strong>il</strong>izzo quali erbai estivi a più sfalci. Non contiene mai sostanze tossiche per <strong>il</strong><br />

bestiame.<br />

Panico<br />

(Setaria italica)<br />

NUTRIFEED<br />

(ibrido)<br />

Maturazione: Molto tardivo.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo, fieno, foraggiata verde. Grazie alla rapidità di ricaccio, si può<br />

ut<strong>il</strong>izzare fino a 3-4 volte nel corso della stagione. La prima ut<strong>il</strong>izzazione,<br />

deve essere fatta quando le piante sono ben accestite. Per massimizzare<br />

la qualità del foraggio (eccezionale contenuto proteico) ut<strong>il</strong>izzare prima del<br />

metro di altezza (vedi grafico).<br />

Pianta: Molto fogliosa, con grande attitudine all’accestimento. Se lasciata crescere<br />

raggiunge altezze notevoli a discapito però della qualità.<br />

Resistenze: Alta resistenza a siccità e temperature elevate. Non è soggetto a fitopatologie.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e, quando la temperatura del suolo raggiunge almeno 16°C.<br />

Dose di semina: 8 kg/ha con terreno ben preparato. Si può aumentare fino a 15 kg/ha in<br />

condizioni non ottimali. Si consiglia una profondità di semina di 3 cm.<br />

Zona di coltivazione: Centro, Sud. Adatto anche alla formazione di erbai estivi al Nord.<br />

Caratteristiche: Produce abbondante foraggio, ad alto contenuto proteico (20%), in tutte<br />

le annate e in ogni ambiente. La qualità del foraggio rimane alta anche in<br />

seguito a sfalci ripetuti, in virtù della tardività dell’ibrido.<br />

Graminacea annuale a ciclo<br />

vegetativo primaver<strong>il</strong>e-estivo,<br />

ut<strong>il</strong>izzata spesso in secondo<br />

raccolto per produrre fieno in<br />

un unico sfalcio abbondante.<br />

Resiste molto bene alle temperature<br />

estive, ma necessità<br />

di irrigazioni di soccorso in<br />

caso di mancanza di precipitazioni,<br />

sia dopo la semina,<br />

sia in fase di levata.<br />

20 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

PANORAMA<br />

GIGANTE<br />

(Setaria italica)<br />

Maturazione: Precocissimo (50-60 giorni).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno in unico sfalcio.<br />

Pianta: Molto fogliosa, di taglia alta,<br />

rapidamente affienab<strong>il</strong>e.<br />

Resistenze: Resistente ai calori estivi.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e estiva.<br />

Dose di semina: 40 – 45 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Tutte.<br />

Caratteristiche: Visto <strong>il</strong> suo ciclo rapidissimo,<br />

questa varietà è adatta a semine<br />

in secondo raccolto dopo <strong>il</strong><br />

cereale vernino.<br />

Energia (Mj/kg)<br />

Proteico (%)<br />

10,5<br />

10,0<br />

9,5<br />

9,0<br />

8,5<br />

8,0<br />

7,5<br />

7,0<br />

0,6<br />

30,0<br />

25,0<br />

20,0<br />

15,0<br />

10,0<br />

5,0<br />

0,0<br />

0,6<br />

DAILY DOUBLE<br />

(Ibrido)<br />

Maturazione: Precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo, può essere affienato<br />

al primo taglio.<br />

Pianta: Vigorosa, con grande capacità<br />

di accestimento.<br />

Resistenze: Tollera la siccità e si adatta a<br />

diversi tipi di suolo.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e. La temperatura<br />

del suolo deve raggiunge<br />

almeno i 16 °C.<br />

Dose di semina: 20 – 30 kg per ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud e Isole.<br />

Caratteristiche: Per massimizzare la qualità<br />

del foraggio, bisogna raccogliere<br />

o pascolare prima che<br />

la pianta inizi a spigare.<br />

Energia metabolizzab<strong>il</strong>e rispetto all’altezza piante<br />

0,7 1,0 1,2<br />

Altezza (mt)<br />

0,7 1,0 1,2<br />

PANICO<br />

MOHA<br />

St<strong>il</strong>l<br />

Vegetative<br />

1,6 1,9 2,4<br />

Contenuto Proteico rispetto all’altezza piante<br />

Altezza (mt)<br />

St<strong>il</strong>l<br />

Vegetative<br />

1,6 1,9 2,4<br />

Maturazione: Precocissimo (50-60 giorni)<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno o foraggio verde.<br />

Pianta: Molto fogliosa, di taglia media.<br />

Resistenze: Poco suscettib<strong>il</strong>e ai patogeni.<br />

Periodo di semina: Estiva.<br />

Dose di semina: 40 – 45 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Tutte.<br />

Caratteristiche: Si distingue per i fusti sott<strong>il</strong>i e<br />

fogliosi, particolarmente fac<strong>il</strong>i<br />

da seccare.


GRAMINACEE POLIENNALI<br />

Festuca Arundinacea Erba Mazzolina<br />

(Festuca arundinacea) (Dactylis glomerata)<br />

Specie di lunga persistenza, molto rustica, con una notevole tolleranza alla<br />

siccità estiva. Produce abbondantemente al primo sfalcio, <strong>il</strong> quale deve<br />

essere eseguito all’inizio della spigatura per non compromettere la qualità e<br />

appetib<strong>il</strong>ità del foraggio. Data l’emergenza piuttosto lenta, la Festuca arundinacea<br />

necessita di particolari attenzioni durante le fasi di preparazione<br />

del letto di semina e semina stessa. La semina autunnale è consigliata<br />

nel caso la si semini in purezza e viene realizzata fra la fine di agosto e la<br />

fine di settembre. La semina primaver<strong>il</strong>e può essere effettuata nel caso di<br />

consociazioni con le leguminose e deve essere effettuata entro la fine del<br />

mese di marzo. La dose di semina deve mantenersi fra i 30-40 kg/ha (in<br />

purezza). Dopo la semina è consigliab<strong>il</strong>e eseguire una rullatura del terreno.<br />

PALMA<br />

Maturazione: Precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno o foraggio fresco.<br />

Pianta: Alta, ricaccia prontamente.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e o autunnale precoce, ha bisogno di<br />

diversi giorni per germinare.<br />

Dose di semina: 30 – 35 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro nord.<br />

Caratteristiche: Varietà rustica, molto produttiva e fornitrice di foraggio<br />

molto appetib<strong>il</strong>e.<br />

Loietto Ibrido<br />

(Lolium x hybridum)<br />

Ibrido interspecifico che combina in modo variab<strong>il</strong>e le diverse caratteristiche<br />

delle due specie di partenza, in particolare la densità e la persistenza del Lolium<br />

perenne con la appetib<strong>il</strong>ità e accrescimento del Lolium multiflorum. Il risultato<br />

è una pianta adatta all’inserimento in miscugli da prato-pascolo della durata<br />

di 3-4 anni, in condizioni ottimali <strong>il</strong> loietto ibrido può durare fino a 6-7 anni.<br />

LEONIS<br />

Maturazione: Media precocità.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Componente di miscugli da prato pascolo.<br />

Pianta: Varietà tetraploide.<br />

Periodo di semina: Primavera o autunno.<br />

Dose di semina: 40 – 50 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: tutte, particolarmente adatta a zone fresche.<br />

Caratteristiche: Selezionata per essere molto produttiva, soprattutto nei primi<br />

due anni. Molto resistente alle malattie fogliari rispetto alle altre<br />

varietà. Inserita nelle liste di raccomandazione in Svizzera.<br />

Fra le graminacee foraggere è la specie più rustica per adattab<strong>il</strong>ità<br />

e tolleranza agli stress, anche se preferisce gli ambienti freschi ed<br />

irrigui. Possiede inoltre una lunga persistenza (7-8 anni) tanto da<br />

renderla adatta all’inserimento in miscugli da prati o pascoli di lunga<br />

durata. Produce un foraggio di ottima qualità per digerib<strong>il</strong>ità ed<br />

appetib<strong>il</strong>ità.<br />

La semina va fatta su terreno accuratamente preparato avendo<br />

presente che l’attecchimento è piuttosto lento, perciò è necessario<br />

eseguire una rullatura dopo la semina. La semina autunnale è da<br />

preferire nel caso di prato in purezza e deve essere effettuata entro<br />

la prima metà di settembre per consentire alla pianta un certo affrancamento<br />

prima dell’inverno. La semina primaver<strong>il</strong>e va effettuata<br />

nel corso del mese di marzo<br />

OTELLO<br />

Maturazione: Media.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Foraggio fresco o fienagione.<br />

Pianta: Di taglia medio-elevata, tollerante l’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale precoce o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 25 – 30 kg/ha<br />

Zona di coltivazione: Tutte.<br />

Caratteristiche: Varietà selezionata da <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>,<br />

a partire da un ecotipo delle prealpi venete<br />

migliorato. Questa sua origine genetica, ha<br />

permesso di ottenere una varietà che si distingue<br />

oltre che per la produttività, per la notevole<br />

adattab<strong>il</strong>ità a climi freschi, come a climi più<br />

caldi e asciutti. E’ adatta sia alla coltivazione<br />

in purezza sia alla formazione di miscugli per<br />

prati stab<strong>il</strong>i, dove presenta una lunga persistenza<br />

e una buona stab<strong>il</strong>ità produttiva.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

21<br />

Graminacee


GRAMINACEE POLIENNALI<br />

(x Festulolium)<br />

GraminaceeFestulolium<br />

Ibrido intergenerico tra Loietto e Festuca che viene generalmente<br />

introdotto nei miscugli per la formazioni di prati e<br />

pascoli. A volte può essere ut<strong>il</strong>izzato in purezza. Produce<br />

una quantità di foraggio maggiore del loietto perenne con<br />

una qualità pressoché equivalente. Tollera bene la siccità<br />

estiva oltre a possedere una buona persistenza e re-<br />

sistenza alle malattie. Il Festulolium presenta una rapida<br />

emergenza ed un veloce insediamento. Si preferisce la<br />

semina autunnale. Sono importanti le concimazioni azotate<br />

per far esprimere al Festulolium tutto <strong>il</strong> suo potenziale<br />

produttivo.<br />

BECVA<br />

Maturazione: Media.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno in prati pascoli.<br />

Pianta: Esprime i caratteri più tipici del loietto<br />

italico.<br />

Periodo di semina: Autunnale<br />

Dose di semina: 40 – 50 kg/ha<br />

Zona di coltivazione: Tutte.<br />

Caratteristiche: Becva produce notevoli quantità di<br />

foraggio di ottimo valore nutritivo. Alta è<br />

la persistenza.<br />

22 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

Festuca dei prati<br />

(Festuca pratensis)<br />

La Festuca pratense è una specie di media persistenza<br />

molto resistente al freddo, ma molto sensib<strong>il</strong>e alla siccità<br />

e temperature estive. Produce foraggio di ottima qualità<br />

purché sfalciato ad inizio spigatura, può anche essere pascolata.<br />

Gradisce medie concimazioni azotate. La festuca<br />

pratense viene comunemente ut<strong>il</strong>izzata in consociazione<br />

con altre essenze.<br />

COSMOLIT<br />

Maturazione: Precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno in consociazione.<br />

Pianta: Di altezza media, molto persistente e<br />

molto resistente al freddo.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e<br />

Dose di semina: 20 kg per ettaro in purezza.<br />

Zona di coltivazione: Nord.<br />

Caratteristiche: Produce un foraggio di ottima qualità<br />

purché sfalciato ad inizio spigatura.<br />

SW MINTO<br />

Maturazione: Medio.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo.<br />

Pianta: Molto persistente in prato pascolo.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e<br />

Dose di semina: 20 kg per ettaro in purezza.<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro in zone fresche.<br />

Caratteristiche: Molto adattab<strong>il</strong>e a diverse condizioni<br />

pedoclimatiche. Moderata tolleranza agli<br />

stress estivi.


GRAMINACEE POLIENNALI<br />

Fleolo o Coda di topo<br />

(Phleum pratense)<br />

Specie di lunga persistenza particolarmente indicata per gli<br />

ambienti freschi di collina o montagna o irrigui di pianura.<br />

Possiede un ottima resistenza al freddo ma tollera poco<br />

le temperature elevate e gli ambienti siccitosi. Il Fleolo è<br />

una specie a ciclo tardivo con produzione di foraggio di<br />

ottima qualità, può essere sia sfalciato che pascolato. Il fleolo<br />

necessita di buone disponib<strong>il</strong>ità in azoto per sostenere<br />

la propria produzione, da evitare però gli eccessi per non<br />

favorire l’allettamento. La semina autunnale (fine agostosettembre)<br />

è consigliab<strong>il</strong>e in purezza, con 10-15 kg/ha.<br />

La semina primaver<strong>il</strong>e è invece consigliata negli ambienti<br />

montani oppure per la semina di miscugli assieme alle leguminose.<br />

SKALD<br />

Varietà a ciclo medio<br />

KORPA<br />

Varietà a ciclo tardivo<br />

Loietto Perenne<br />

(Lolium perenne)<br />

Specie foraggera particolarmente indicata per gli ambienti<br />

freschi e umidi purché non caratterizzati da temperature<br />

troppo basse. Ha una persistenza media e produce un<br />

foraggio dall’ottimo valore nutritivo. Viene perlopiù impiegata<br />

nella formazione di pascoli per la sua resistenza al<br />

calpestamento ed <strong>il</strong> suo rapido ricaccio. Specie che per le<br />

sue caratteristiche necessita di buone dotazioni in azoto. Il<br />

loietto perenne non ha bisogno di cure particolari alla semina.<br />

Nel caso di semina di prati in purezza è preferib<strong>il</strong>e la<br />

semina autunnale (fine agosto-metà settembre), nel caso<br />

di semina in consociazione con leguminose preferib<strong>il</strong>e la<br />

semina primaver<strong>il</strong>e (marzo). La dose di semina varia in funzione<br />

della ploidia: per le varietà tetraploidi 35- 45 kg/ha,<br />

per le varietà diploidi 30-35 kg/ha.<br />

PASTORAL<br />

Varietà Tetraploide. Ciclo tardivo.<br />

Resistente alla ruggine<br />

MATHILDE<br />

Varietà Tetraploide a ciclo medio tardivo.<br />

GRASSLANDS NUI<br />

Varietà diploide. Ciclo medio-precoce.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

23<br />

Graminacee


Leguminose<br />

LEGUMINOSE POLIENNALI<br />

Erba Medica<br />

(Medicago sativa)<br />

Vista l’importanza e la diffusione di questa coltura, senza dubbio la più diffusa in Italia tra le specie foraggere, vengono<br />

solamente date alcune indicazioni relative alla scelta varietale.<br />

Specie prativa per eccellenza, adatta a tutte le condizioni pedoclimatiche, preferisce terreni profondi, arg<strong>il</strong>losi o di<br />

medio impasto. Teme i ristagni idrici ed i terreni acidi o poveri.<br />

L’Erba medica sopporta temperature bassissime, e ciò è dovuto al fenomeno della dormienza: oltre certe soglie<br />

limite infatti, l’erba medica entra in riposo vegetativo, tollerando anche limiti di -20° o - 40°.<br />

La dormienza rappresenta un aspetto importante da tenere in considerazione nella scelta della varietà di erba medica.<br />

Questa consiste nell’ab<strong>il</strong>ità della pianta di arrestare l’attività vegetativa prima dei rigori invernali ed a mantenersi<br />

tale per periodi prolungati. In funzione della maggiore o minore capacità di entrare in dormienza, le varietà possono<br />

essere quindi destinate alle diverse condizioni climatiche: le più dormienti agli ambienti con inverni rigidi, le meno<br />

dormienti ad ambienti con inverni miti. A tal proposito la National Alfalfa Alliance ha predisposto una suddivisione<br />

in classi in funzione del livello di dormienza della varietà, con una scala che va dalla classe 1 (varietà dormienti) alla<br />

classe 11 (varietà non dormienti). In Italia le varietà ut<strong>il</strong>izzate sono comprese fra le classi di dormienza 4 e 8 scendendo<br />

da nord a sud.<br />

Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 6,5 e 8. Con rizobio ALOSCA gruppo AL si può coltivare la<br />

medica in terreni con acidità fino a pH 5.<br />

ICON<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AL<br />

Maturazione: Medio precoce, Classe di dormienza 6.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno.<br />

Pianta: Di notevole sv<strong>il</strong>uppo con stelo sott<strong>il</strong>e.<br />

Resistenze: Media resistenza al freddo.<br />

Tollerante all’Antracnosi e alla Phitoftora.<br />

Periodo di semina: Primavera. Se necessario anche in autunno presto.<br />

Dose di semina: 30 kg/ha a seconda della preparazione del terreno.<br />

40 kg/ha con Rizobio Alosca ® (4 dosi)<br />

Zona di coltivazione: Nord, Centro Italia e Sardegna<br />

Caratteristiche: Varietà dotata di lunga persistenza, pascolab<strong>il</strong>e.<br />

24 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


LEGUMINOSE POLIENNALI<br />

FRIGOS<br />

Inserita nella lista B di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

Maturazione: Media. Classe di Dormienza 6.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, fieno disidratato, farina.<br />

Pianta: Di altezza media, molto fogliosa con stelo sott<strong>il</strong>e.<br />

Resistenze: Ottima resistenza al freddo e agli stress idrici.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e e autunnale.<br />

Dose di semina: 30 kg/ha sono sufficienti per un buon medicaio. 40 kg/ha<br />

con Rizobio Alosca ® (4 dosi)<br />

Zona di coltivazione: Nord e Centro Italia.<br />

Caratteristiche: Varietà a notevole velocità di ricaccio, tanto che spesso si<br />

può ottenere un taglio in più rispetto alle varietà più comuni.<br />

Grazie alla sua notevole fogliosità, si ottiene un fieno di grande<br />

valore nutritivo dall’elevato contenuto proteico (v.tabella).<br />

Varietà<br />

Produzione di proteina grezza (kg ha-1 Produzione di proteina grezza (kg ha ) - Anno 2010 (II°)<br />

-1 ) - Anno 2010 (II° sfalcio)<br />

Pg. Innovazione Varietale - Az. Beccastecca (MO)<br />

Totale<br />

2010 (*)<br />

2° taglio<br />

25-giu<br />

3° taglio<br />

25-giu<br />

4° taglio<br />

31-ago<br />

5° taglio<br />

14-ott<br />

Aubigny 1688,415 581,287 A 264,577 B 483,183 B 359,367 A<br />

Azzurra 2062,465 A 645,254 A 375,667 A 629,517 A 412,028 A<br />

Csalina 1940,340 A 640,585 A 306,203 A 280,248 A 413,304 A<br />

Creno 1564,013 552,111 A 235,370 C 430,053 B 346,478 A<br />

Frigos 1907,851 A 586,189 A 322,745 A 583,243 A 415,675 A<br />

Garisenda 1943,006 A 606,419 A 350,908 A 575,317 A 410,362 A<br />

Letizia 1958,866 A 629,378 A 339,989 A 573,613 A 415,886 A<br />

Minerva 1755,284 A 599,237 A 289,168 B 492,038 B 374,841 A<br />

Miranda 1432,462 C 482,066 A 257,907 B 421,74 B 270,615 B<br />

Picena GR 2130,084 A 703,866 A 356,484 A 606,000 463,733 A<br />

Pomposa 1928,516 A 570,483 A 370,140 A 581,842 A 406,051 A<br />

PR57Q53 1931,286 A 600,330 A 344,433 A 584,870 A 401,654 A<br />

Prosementi 1857,535 A 594,633 A 293,149 A 578,292 A 391,460 B<br />

Verbena 1342,473 C 500,237 A 203,621 C 399,889 B 238,726 B<br />

Media di<br />

campo<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AL<br />

1817,328 592,291 307,883 537,141 380,013<br />

Significatività *** * *** *** ***<br />

C.V. 7,84 12,67 10,34 12,54 10,79<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

25<br />

Leguminose


Leguminose<br />

LEGUMINOSE POLIENNALI Disponib<strong>il</strong>e<br />

Fonte dati: CTPS France<br />

varietà<br />

Resistenza Resistenza a<br />

all’allettamento Vertic<strong>il</strong>ium<br />

Resa al 1°<br />

e 2° taglio<br />

Altri tagli<br />

Resa<br />

totale<br />

Proteina<br />

grezza<br />

Dorine 7,1 6,6 107 104 106 104<br />

Magali<br />

(standard)<br />

5,2 4,3 100 100 100 100<br />

Zénith 5,4 4,4 98 101 99 -<br />

26 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

BARLYDIA<br />

Maturazione: Media. Classe di Dormienza 6,5.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, fieno disidratato, farina.<br />

Pianta: Molto fogliosa con stelo sott<strong>il</strong>e.<br />

Resistenze: Ottima resistenza alle più comuni fitopatie.<br />

Periodo di semina: Primavera e autunno.<br />

Dose di semina: 30 kg sono sufficienti per avere un buon medicaio. 40 kg/ha con<br />

Rizobio Alosca ® (4 dosi)<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: Molto produttiva in tutti i tagli, si presta allo sfruttamento intenso<br />

con <strong>il</strong> sussidio idrico. Molto persistente.<br />

DORINE<br />

Maturazione: Media. Classe di Dormienza 6,4.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, fieno disidratato, farina.<br />

Pianta: Molto fogliosa.<br />

Resistenze: Ottima resistenza all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Primavera e autunno.<br />

Dose di semina: 30 kg sono sufficienti per avere un buon medicaio.<br />

40 Kg/ha con Rizobio Alosca ® (4 dosi)<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: Varietà semi-dormiente con una produzione ben distribuita su tutti<br />

i tagli. Coniuga alte rese con foraggio di alta qualità e appetib<strong>il</strong>ità.<br />

Ottima persistenza negli anni, si presta allo sfruttamento intensivo.<br />

VERDOR<br />

con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AL<br />

Inserita nella lista B di<br />

raccomandazione del CRPA di RE<br />

Risultati produttivi di Barlydia nelle prove CRPA<br />

Piacenza Reggio Em<strong>il</strong>ia Ravenna<br />

indice t/ha<br />

Media di<br />

campo,<br />

t/ha<br />

indice t/ha<br />

Media di<br />

campo,<br />

t/ha<br />

indice t/ha<br />

Media di<br />

campo,<br />

t/ha<br />

Tot.<br />

triennio 109 40,87 37,33 103 21,55 20,91 106 39,46 37,07<br />

2001 93 7,55 8,07 105 2,80 2,66 105 7,92 7,52<br />

2002 110 19,71 17,84 100 11,38 11,36 110 21,84 19,90<br />

2003 119 13,62 11,42 107 7,37 6,89 100 9,69 9,65<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AL<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AL<br />

Maturazione: Precoce, Classe di Dormienza 8.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno.<br />

Pianta: Robusta e resistente.<br />

Resistenze: Ottima resistenza alle più comuni fitopatie.<br />

Periodo di semina: Primavera e autunno.<br />

Dose di semina: 30 kg/ha sono sufficienti per avere un buon medicaio. 40 kg/ha<br />

con Rizobio Alosca ® (4 dosi)<br />

Zona di coltivazione: Sud Italia e Isole.<br />

Caratteristiche: Varietà non dormiente, particolarmente adatta ad aree mediterranee<br />

con inverni miti, dove è in grado di vegetare tutto l’anno, se supportata<br />

dall’irrigazione.


Trifoglio Violetto<br />

(Trifolium pratense)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

C<br />

È una pianta poliennale della durata di 2-3 anni con elevata potenzialità<br />

produttiva. Pur preferendo terreni freschi con buona disponib<strong>il</strong>ità<br />

idrica, ben si adatta ad essere coltivato nei terreni poco<br />

profondi o nei terreni a reazione acida fino a pH 6, sopporta inoltre<br />

i ritorni di freddo. In questi ambienti rappresenta perciò una buona<br />

alternativa all’erba medica.<br />

Il trifoglio violetto può essere ut<strong>il</strong>izzato sia in purezza sia in miscuglio<br />

con graminacee, aumentando così la qualità del foraggio. Si presta<br />

ad essere inserito nella composizione di prati polifiti, aumentandone<br />

la produttività nei primi anni d’impianto.<br />

La sua produzione può essere destinata alla fienagione o all’ins<strong>il</strong>amento.<br />

La semina viene effettuata in primavera negli ambienti del<br />

Centro-Nord Italia entro la prima decade di apr<strong>il</strong>e. Il momento migliore<br />

per l’effettuazione del primo taglio è all’inizio della fioritura (10-<br />

20 % capolini fioriti).<br />

Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 6 e 7,5.<br />

SPADONE GIGANTE DI<br />

S. MARTA<br />

Maturazione: Medio precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e Pascolo. In consociazione per<br />

prati polifiti.<br />

Pianta: Di notevole sv<strong>il</strong>uppo vegetativo.<br />

Resistenze: Ottima resistenza alle più comuni fitopatie.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e, autunnale al Sud Italia.<br />

Dose di semina: 25-35 kg/ha in funzione della preparazione<br />

del letto di semina.<br />

Zona di coltivazione: Si adatta a tutti gli ambienti italiani.<br />

Caratteristiche: Varietà diploide che fornisce produzioni<br />

eccezionali per tutta la durata del prato,<br />

raggiunge <strong>il</strong> massimo della produzione<br />

al secondo anno di impianto.<br />

MISTRAL<br />

Varietà diploide di origine francese, ottima produttività.<br />

Dose semina 25-35 kg/ha.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

27<br />

Leguminose


Leguminose<br />

LEGUMINOSE POLIENNALI Disponib<strong>il</strong>e<br />

Trifoglio Bianco<br />

(Trifolium repens)<br />

Il trifoglio bianco è una leguminosa poliennale che comprende diverse varietà botaniche sim<strong>il</strong>i per esigenze pedoclimatiche ma differenti<br />

per taglia ed ut<strong>il</strong>izzo. Pred<strong>il</strong>ige terreni freschi con buona disponib<strong>il</strong>ità idrica, si adatta ai terreni acidi e sopporta bene <strong>il</strong> freddo invernale.<br />

Mal sopporta invece le elevate temperature accompagnate da siccità. Il suo portamento strisciante preserva <strong>il</strong> prato dagli ut<strong>il</strong>izzi più intensi<br />

fornendo un foraggio di ottima qualità in quanto composto perlopiù da foglie. Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 5 e 8.<br />

Trifoglio Bianco Olandese<br />

(Trifolium repens var. hollandicum)<br />

Trifoglio bianco che si caratterizza per la taglia media, la resistenza<br />

al freddo, al calpestamento e la notevole persistenza. Si adatta bene<br />

perciò all’inserimento nei miscugli per la formazione di prati-pascoli<br />

delle zone montane e collinari. Dose di semina 8-10 kg/ha.<br />

HAIFA<br />

Varietà pregiata di notevole rusticità e produttività. Tollera<br />

bene le temperature estive, è adatta a comporre prati di<br />

media durata (persistenza di circa 3 anni).<br />

WINTER WHITE<br />

Varietà medio precoce a foglia larga. La rapidità di ricaccio<br />

e la buona resistenza al calpestamento, la rendono particolarmente<br />

adatta come componente di prati-pascoli. Buona<br />

resistenza al freddo.<br />

Trifoglio Bianco Ladino<br />

(Trifolium repens var. giganteum)<br />

Forma botanica che si caratterizza per l’elevata taglia (può arrivare<br />

a 60 cm di altezza). Sono ut<strong>il</strong>izzati in purezza soprattutto in zone<br />

irrigue e al Nord Italia, per la formazione di prati della durata di 4 anni<br />

che possono fornire fino a 8 sfalci annui. Ciascun sfalcio produce<br />

notevoli quantità di foraggio di altissima qualità.<br />

Dose di semina 8-10 kg/ha.<br />

28 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

<strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

C<br />

HUIA<br />

Varietà a ciclo medio. La pianta, con foglie di medie dimensioni,<br />

forma cuscini densi, con una crescita vigorosa<br />

primaver<strong>il</strong>e che la porta ad essere aggressiva nei confronti<br />

delle infestanti e molto resistente al pascolamento.<br />

Adatta a prati di lunga durata.<br />

REGALGRAZE<br />

Varietà di taglia elevata, a foglia larga e crescita<br />

vigorosa. La marcata capacità di ricaccio la rende<br />

particolarmente adatta all’impiego anche in miscugli<br />

da prato pascolo aumentandone la produttività.<br />

FANTASTICO<br />

Varietà di genetica Italiana, derivata dal miglioramento<br />

di popolazioni dell’ecotipo “Gigante Lodigiano”. Pianta<br />

fogliosa e di taglia alta (30-40 cm). Maturazione<br />

medio-tardiva.


LEGUMINOSE ANNUALI<br />

Trifoglio Incarnato<br />

(Trifolium incarnatum)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

Specie a semina autunnale impiegata principalmente negli ambienti<br />

ad inverno mite (centro-sud Italia), anche se resiste abbastanza<br />

bene al freddo. Viene impiegato sia in purezza sia in consociazione<br />

con altre specie per la formazione di erbai. Fornisce un unico taglio<br />

in tarda primavera. Nelle zone a clima più mite e con semina precoce<br />

può essere pascolato durante l’inverno senza compromettere<br />

<strong>il</strong> taglio primaver<strong>il</strong>e. Il foraggio verde non provoca meteorismo. È<br />

inoltre un’ottima coltura da sovescio anche in terreni arg<strong>il</strong>losi.<br />

L’ut<strong>il</strong>izzo deve avvenire entro la fioritura, per mantenere buoni livelli<br />

qualitativi. La dose di seme consigliata è pari a 30-35 kg/ha.<br />

Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 5,5 e 8.<br />

C<br />

ALBEROBELLO<br />

Varietà precoce, dall’insediamento rapido, e dall’ottima<br />

tolleranza al freddo invernale. Ottimo per pascolo, grazie<br />

al ricaccio pronto. Particolarmente adatto alla consocia-<br />

Leguminose<br />

zione in erbai da ins<strong>il</strong>are o affienare. Se coltivato in purezza<br />

può essere affienato oppure può essere destinato al<br />

sovescio con buona produzione di biomassa già in apr<strong>il</strong>e.<br />

novità<br />

KARDINAL<br />

Varietà medio precoce, ideale per erbaio e pascolo.<br />

OPOLSKA<br />

Varietà a ciclo medio tardivo ottimo per erbaio e pascolo.<br />

VITERBO<br />

Varietà molto tardiva adatta al pascolamento ed erbaio.<br />

novità<br />

HYKNUSA<br />

Varietà ottenuta a partire da genotipi sardi.<br />

E’ caratterizzata da un ciclo molto tardivo, che permette di<br />

estendere <strong>il</strong> periodo di ut<strong>il</strong>izzo, massimizzando le rese.<br />

Selezionata per l’attitudine al ricaccio, è indicata per la<br />

formazione di erbai pascolab<strong>il</strong>i in inverno.<br />

Effetto dell’inoculazione con rizobio Alosca su Trifoglio incarnato var. Viterbo.<br />

(Dati <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>)<br />

n° piante 40 40<br />

peso fresco<br />

piante (g)<br />

Trifoglio incarnato VITERBO<br />

NT Riz. Incremento(%)<br />

90,3 141,6 56,8<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

29


Leguminose<br />

LEGUMINOSE ANNUALI Disponib<strong>il</strong>e<br />

Trifoglio Alessandrino<br />

(Trifolium alexandrinum)<br />

Leguminosa annuale da erbaio ut<strong>il</strong>izzata generalmente in purezza, può<br />

comunque essere consociata con altre specie. Fra le leguminose annuali<br />

è la più resistente al secco, collocandosi perlopiù negli ambienti<br />

del centro-sud Italia. Adatto al pascolamento o consumo verde, può<br />

essere in alternativa affienato. Fornisce più tagli (da 2-3 in asciutta a<br />

4-5 con irrigazione). La semina può essere eseguita sia in primavera<br />

sia in autunno alla dose di semina di 20-30 kg/ha. Il pH ottimale del<br />

terreno di coltivazione è compreso fra 5,5 e 8.<br />

LAURA<br />

Varietà medio tardiva, molto fogliosa. Ha ottima capacità di<br />

accestimento e ricaccio rapido. Media tolleranza alle basse<br />

temperature che la rendono adatta soprattutto alle aree centro-meridionali.<br />

Buona attitudine al pascolo e all’affienamento.<br />

Trifoglio Vescicoloso<br />

(Trifolium vesciculosum)<br />

Trifoglio particolarmente adatto al clima mediterraneo, dove raggiunge<br />

notevoli altezze (supera fac<strong>il</strong>mente <strong>il</strong> metro) con eccellente produttività.<br />

Produce un foraggio di ottima qualità dall’elevato tenore proteico:<br />

se usato in consociazione alle graminacee contribuisce ad innalzare la<br />

qualità del foraggio. Grazie all’alta percentuale di semi duri, permette<br />

con discreto successo la disseminazione spontanea e la persistenza<br />

nel prato-pascolo. Si adatta bene ai terreni sciolti e calcarei, rifugge i<br />

ristagni idrici e i terreni pesanti. Solitamente si semina in autunno o alla<br />

fine dell’estate impiegando 10-12 Kg/ha di seme.<br />

Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 5,5 e 8.<br />

CEFALU’<br />

Varietà precoce, adatta a produrre fieno o ins<strong>il</strong>ato. Se usato<br />

come foraggio verde, non causa meteorismo.<br />

Sv<strong>il</strong>uppa un apparato radicale profondo che permette la<br />

crescita anche con scarsa piovosità. Eccellente capacità<br />

autoriseminante.<br />

ZULU II<br />

Varietà medio tardiva e molto produttiva. Continua la sua crescita<br />

fino a tarda primavera-inizio estate, con ottime produzioni<br />

di fieno. Adatta a terreni sciolti e profondi.<br />

30 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

<strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

C<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

C<br />

Trifoglio Persiano<br />

(Trifolium resupinatum)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

C<br />

Trifoglio annuale adatto alla produzione di fieno o ad essere pascolato.<br />

Può essere ut<strong>il</strong>izzato sia in purezza che in consociazione<br />

con graminacee. Pred<strong>il</strong>ige suoli arg<strong>il</strong>losi o di medio impasto con pH<br />

compreso fra 5,5 e 8, resiste relativamente alla siccità ed ai freddi<br />

invernali. Fornisce un foraggio dalle ottime caratteristiche qualitative,<br />

molto appetito dal bestiame.<br />

La dose di semina indicata è pari a 8-10 kg/ha La semina viene effettuata<br />

nel periodo autunnale nel Centro-Sud Italia, nel Nord Italia la<br />

semina viene invece eseguita in primavera.<br />

LIGHTNING<br />

Varietà medio precoce, adatta a terreni forti e alcalini.<br />

Sv<strong>il</strong>uppo rapido dopo la semina. Portamento semi-eretto,<br />

adatto al pascolo e alle consociazioni con graminacee per<br />

produzione di pascolo e fieno<br />

novità<br />

LOGUDORO<br />

Varietà a ciclo medio.<br />

Pianta a portamento eretto, con fusti vigorosi e cavi. Produce<br />

foraggio appetib<strong>il</strong>e e digerib<strong>il</strong>e (16-24% di proteina greggia).<br />

Dotato di crescita primaver<strong>il</strong>e molto rapida che lo rende adatto<br />

a semine primaver<strong>il</strong>i, con ottime produzioni. Ut<strong>il</strong>izzo: pascolo,<br />

fieno e ins<strong>il</strong>ato. Molto adattab<strong>il</strong>e, anche in terreni acidi.<br />

LASER<br />

Varietà a ciclo tardivo. Polivalente (fieno, ins<strong>il</strong>ato e<br />

pascolo). Buona tolleranza verso la ruggine del fusto e<br />

Phytophthora. Buona vegetazione invernale (consente<br />

<strong>il</strong> pascolamento), rapido accrescimento primaver<strong>il</strong>e e<br />

buona capacità di vegetare a lungo durante l’estate<br />

(con adeguata irrigazione).


Veccia Comune<br />

(Vicia sativa)<br />

Specie a semina autunnale o primaver<strong>il</strong>e, ut<strong>il</strong>izzata generalmente<br />

per la formazione di erbai autunno-primaver<strong>il</strong>i insieme ad altre<br />

graminacee o ad altre leguminose.<br />

La semina è autunnale al Sud Italia, al Nord è preferib<strong>il</strong>e la semina<br />

primaver<strong>il</strong>e, se coltivata in purezza. Lo sfalcio è consigliato allo<br />

stadio di fioritura.<br />

La dose di semina indicata è di 90-120 kg/ha.<br />

Varietà<br />

CUMBRE<br />

Di media maturazione si adatta a tutti i tipi di terreno.<br />

BUZA<br />

Varietà medio tardiva di grande rusticità e produttività.<br />

Ind.<br />

Produttivo<br />

medio<br />

Kg/ha Precocità<br />

Legumi /<br />

ramificazioni<br />

Data fioritura<br />

BUZA 108 2711 8 2,13 11-mag<br />

SENDA 108 2710 -3 1,79 30-apr<br />

CUMBRE 107 2686 3 1,12 06-mag<br />

VEREDA 100 2510 -7 2,44 26-apr<br />

JOSE' 100 2510 8 1,65 11-mag<br />

FRANCESCA 98 2460 -7 2,63 26-apr<br />

Risultati ottenuti dall’istituto tecnologico agrario di Cast<strong>il</strong>la e Leon, 2003/04<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

F<br />

Veccia V<strong>il</strong>losa<br />

(Vicia v<strong>il</strong>losa)<br />

Specie a semina autunnale caratterizzata, rispetto alla veccia<br />

comune, da una notevole rusticità e resistenza al freddo anche<br />

in aree montane. Sopporta bene la salinità dei suoli e la<br />

siccità e si adatta anche a terreni tendenzialmente acidi. La<br />

veccia vellutata può fornire due tagli, se sfalciata prima della<br />

fioritura. Lo sfalcio va eseguito precocemente anche per evitare<br />

l’indurimento della tipica v<strong>il</strong>losità, con un conseguente<br />

calo dell’appetib<strong>il</strong>ità.<br />

Adatta al sovescio, ma si raccomanda di interrare prima che<br />

i semi arrivino a maturazione.<br />

Si semina con 75 -100 kg/ha.<br />

VILLANA<br />

Varietà a precocità media, ben tollerante <strong>il</strong><br />

pascolamento invernale con rapido ricaccio in<br />

primavera. Produce alte quantità di foraggio anche in<br />

condizioni diffic<strong>il</strong>i e tollera i terreni molto umidi.<br />

Veccia del Bengala<br />

(Vicia benghalensis)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

F<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

F<br />

Veccia a ciclo tardivo, se inserita in miscugli con graminacee o altre<br />

leguminose, produce un foraggio di ottima qualità, sia per fieno che<br />

ins<strong>il</strong>ato. Si semina in autunno. Adatta ad ambienti temperati dell’Italia<br />

centro- meridionale.<br />

POPANY<br />

Varietà tardiva, habitus semieretto. Molto rustica tollerante<br />

la siccità, adatta al pascolo e alla costituizione di erba.<br />

Dose di semina 50-70 kg/ha.<br />

BARLOO<br />

Varietà precoce, adatta per erbaio e pascolo anche in<br />

terreni molto leggeri.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

31<br />

Leguminose


Leguminose<br />

Favino<br />

(Vicia faba minor)<br />

Specie adatta a terreni da sabbiosi ad arg<strong>il</strong>losi sub alcalini, non<br />

sopporta ristagni idrici o siccità prolungata. Viene impiegata<br />

in consociazione per la formazione di erbai o in purezza per la<br />

produzione di granella. La granella (25 – 30 % di proteine) entra<br />

nella formulazioni di mangimi. Possiede una media resistenza<br />

al freddo, anche se è molto sensib<strong>il</strong>e alla temperatura durante<br />

la fase di fioritura. Il favino può essere seminato in autunno<br />

(novembre) o in tardo inverno (febbraio).<br />

Questa specie è inoltre un’ottima miglioratrice del terreno, se<br />

destinata al sovescio.<br />

PROTHABON 101<br />

Maturazione: Medio precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Granella, sovescio, erbai.<br />

Pianta: Taglia medio-alta (110-120 cm), con granella<br />

chiara. Inserzione del primo baccello alta (15<br />

cm) rispetto al suolo, per fac<strong>il</strong>itare la raccolta.<br />

Resistenze: Ottima resistenza all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale al Centro Sud Italia, inizio primavera<br />

al Nord.<br />

Dose di semina: 180-200 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Principalmente regioni centro-meridionali.<br />

Caratteristiche: Elevato contenuto proteico (31-33%) della<br />

granella. Indicata per la produzione di farine<br />

proteiche. Fornisce rese produttive al vertice<br />

(v. tabella).<br />

Varietà<br />

Media delle rese in granella<br />

nelle 12 località della prova<br />

(t/ha allo 0% umid.)<br />

Prothabat 69 2,54<br />

Prothabon 101 2,29<br />

Scuro di Torre Lama 2,14<br />

Sicania 2,05<br />

Chiaro di Torre Lama 1,95<br />

Vithabon 1,82<br />

Irena 1,45<br />

Castel 1,33<br />

Betty 1,19<br />

Lady 0,94<br />

Merkur 0,83<br />

Espresso 0,52<br />

Media 1,59<br />

Prove di confronto varietale proteiche da granella 2006-2007 (dati CRPV)<br />

32 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

F<br />

Pisello proteico<br />

(Pisum sativum ssp. hortense)<br />

Questa sottospecie è destinata principalmente alla produzione di granella<br />

per alimentazione umana o zootecnica. Viene comunque spesso<br />

inserito in erbai, per aumentare <strong>il</strong> contenuto proteico del foraggio. Ha<br />

una resistenza al freddo che varia in funzione dello stadio di sv<strong>il</strong>uppo<br />

(molto resistente a 4-5 foglie, poco resistente in fioritura). La semina<br />

può essere effettuata a profondità di 5-7 cm. Poco tollerante nei confronti<br />

della siccità e dei calori estivi, così come dei ristagni idrici. Ha un<br />

ciclo autunno-vernino al centro sud o primaver<strong>il</strong>e al nord.<br />

Investimento di semina: 120 semi/mq<br />

HARDY<br />

Varietà af<strong>il</strong>a a ciclo medio. Granella color crema chiaro. Ottimi livelli<br />

produttivi. Pianta a duplice attitudine, granella e foraggio, con<br />

ottimi livelli produttivi. Si semina con 250 – 280 kg/ha<br />

PROTEAL<br />

Varietà medio precoce. Pianta af<strong>il</strong>a, con granella gialla. Portamento<br />

eretto e buona taglia (80-90 cm) ne consentono la consociazione in<br />

erbai ad alta produttività. Ottima la resistenza all’allettamento. Duplice<br />

attitudine foraggio- granella: ottimi parametri qualitativi e <strong>il</strong> contenuto<br />

proteico della granella, consigliata sia per alimentazione umana che<br />

per mangimi. Si semina con 250 – 260 kg/ha<br />

Pisello da foraggio<br />

(Pisum sativum ssp.arvense)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

F<br />

novità<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

F<br />

Presenta uno sv<strong>il</strong>uppo vegetativo maggiore rispetto al pisello proteico.<br />

Viene coltivato in consociazione con cereali o altre leguminose per<br />

consumo verde o ins<strong>il</strong>ato. Nelle aree a clima più mite può sostituire la<br />

veccia, fornendo un foraggio qualitativamente migliore.<br />

RHEA<br />

Varietà a ciclo medio-precoce, con sufficiente resistenza al freddo.<br />

La vigorosa vegetazione primaver<strong>il</strong>e e la scalarità nella fioritura<br />

lo rendono particolarmente adatto alla consociazione con varie<br />

graminacee da erbaio. Al Nord viene consigliato sia con semina<br />

tardo-autunnale che primaver<strong>il</strong>e (pur subendo leggeri diradamenti<br />

dalle gelate più intense). Dose di semina: 180-200 kg/ha.<br />

EUREKA<br />

novità<br />

Varietà a ciclo medio-tardivo. Si distingue per <strong>il</strong> portamento eretto<br />

che, quando consociato per la formazione di erbai, contribuisce a<br />

dare stab<strong>il</strong>ità alla massa vegetale. Semina: autunnale e primaver<strong>il</strong>e. Al<br />

Nord può essere leggermente diradato dalle gelate intense, ma non<br />

ha problemi a superare l’inverno. Dose di semina: 200-220 kg/ha.


LEGUMINOSE AUTORISEMINANTI<br />

Specie annuali a ciclo autunno primaver<strong>il</strong>e, ideali per la formazione di pascoli nell’area mediterranea su terreni siccitosi e di bassa fert<strong>il</strong>ità.<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

Trifoglio Micheliano ALOSCA Erba Medica<br />

(Trifolium michelianum)<br />

Polimorfa<br />

®<br />

gruppo<br />

C<br />

Trifoglio annuale con ciclo autunno-primaver<strong>il</strong>e, adatto alle regioni<br />

mediterranee ad inverno mite e coltivato sia in purezza che in consociazione<br />

con le graminacee. E’ una buona specie autoriseminante<br />

grazie alla notevole percentuale di semi duri, che permettono così la<br />

formazione di pascoli che durano nel tempo. Pred<strong>il</strong>ige suoli arg<strong>il</strong>losi e<br />

si adatta a un’ampia gamma di pH: da acido a marcatamente alcalino.<br />

Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 6 e 9.<br />

Dose di semina in purezza: 8-10 kg/ha<br />

PARADANA<br />

Varietà a ciclo medio. Nelle regioni più temperate è dotata di<br />

crescita vigorosa, che permette <strong>il</strong> pascolamento invernale.<br />

Portamento prostrato se soggetto a pascolamento, semi eretto<br />

se inserito in consociazione con graminacee.<br />

Grande persistenza negli anni nei miscugli da prato. Si adatta<br />

anche a terreni leggermente salini e a temporanei ristagni idrici.<br />

BOLTA<br />

Varietà tardiva, a semi più grossi di Paradana.<br />

Si caratterizza per la crescita primaver<strong>il</strong>e più prolungata rispetto<br />

a Paradana, che garantisce un ottimo taglio primaver<strong>il</strong>e.<br />

Minore capacità autoriseminante.<br />

(Medicago polymorpha)<br />

Leguminosa annuale diffusa nei pascoli mediterranei. A differenza<br />

della tradizionale erba medica, <strong>il</strong> ciclo della polimorfa si completa<br />

nell’arco di un anno. Si adatta a una gamma di terreni da<br />

subacidi ad alcalini. In ambienti mediterranei è una specie molto<br />

produttiva, adatta a pascolamento invernale, seguito da produzione<br />

di fieno o ins<strong>il</strong>ato in primavera.<br />

Può essere impiegata in purezza o in consociazione con graminacee.<br />

Ottima capacità autoriseminante. Per consentire la disseminazione,<br />

deve essere permessa la fioritura e la maturazione.<br />

Eccezionale tolleranza al pascolamento intensivo e buona produttività<br />

primaver<strong>il</strong>e.<br />

Il pH ottimale del terreno di coltivazione è compreso fra 6 e 8,5.<br />

Dose di semina in purezza: 10-15 kg/ha.<br />

SCIMITAR<br />

Varietà di recente costituzione, a ciclo medio. Può crescere<br />

in terreni da leggeri ad arg<strong>il</strong>losi e anche in terreni salini. La<br />

varietà produce un basso tasso di semi duri, permettendo<br />

una rapida rigenerazione del prato-pascolo già la stagione<br />

successiva alla maturazione. Pianta a portamento semi<br />

eretto. Indicata sia per <strong>il</strong> pascolamento che per la fienagione.<br />

Medicago Littoralis<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AM<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

AL<br />

Medica a ciclo annuale, adatta agli ambienti a clima tipicamente<br />

mediterraneo.<br />

Viene inserita nelle rotazioni fra cereali e pascolo, grazie alla<br />

buona capacità di rigenerazione nelle stagioni successive, dovuta<br />

all’alta percentuale di semi duri.<br />

Specie adatta a terreni da sabbiosi a limosi neutro-alcalini con<br />

pH compreso fra 6,5 e 8,5.<br />

novità<br />

ANGEL<br />

Unica varietà in grado di tollerare i residui di Solfon<strong>il</strong>uree<br />

nel terreno, senza risentirne nelle rese produttive e nella<br />

persistenza in rotazioni cereali-pascolo. Può quindi essere<br />

seminata senza problemi in successione cereale trattato con<br />

questi erbicidi.<br />

Ciclo precoce, con rapido accrescimento primaver<strong>il</strong>e e alte<br />

rese, che la rende adatta a zone con scarsa piovosità tardoprimaver<strong>il</strong>e.<br />

Alto tasso di semi duri che garantiscono una<br />

buona rigenerazione del pascolo.<br />

Dose di semina: 10-12 kg/ha in purezza.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

33<br />

Leguminose


Leguminose<br />

LEGUMINOSE AUTORISEMINANTI<br />

Trifoglio Sotterraneo<br />

(Trifolium subterraneum)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

C<br />

Leguminosa annuale a ciclo autunno-primaver<strong>il</strong>e. E’ l’autoriseminante<br />

per eccellenza grazie alla peculiarità dell’interramento dei<br />

frutti e all’alta percentuale di semi duri (40-50%). Particolarmente<br />

adatto ai climi di tipo mediterraneo e, pur essendo annuale, assume<br />

un carattere di poliennalità, superando le estati siccitose grazie ai<br />

consistenti depositi dei semi nel terreno che prontamente germi-<br />

nano alla fine dell’estate. E’ una tipica essenza da pascolo grazie<br />

al portamento prostrato: viene pertanto impiegato in purezza per<br />

la formazione di prati a lunga durata negli ambienti a siccità estiva<br />

prolungata.<br />

Un altro ut<strong>il</strong>izzo particolarmente interessante è quello di essenza per<br />

l’inerbimento di colture arboree al centro sud, in particolare vigneti,<br />

grazie alla tolleranza al semiombreggiamento e all’assenza di competizione<br />

con la coltura durante <strong>il</strong> periodo estivo.<br />

Si differenzia in tre sottospecie:<br />

1. sotterraneo (ssp. subterraneum): la più diffusa, la meno sensib<strong>il</strong>e<br />

al freddo, la più adatta a terreni acidi e sciolti, la più attiva<br />

nell’interramento dei semi.<br />

2. brachicalicino (ssp. brachycalicinum): più adatta a terreni subalcalini<br />

e arg<strong>il</strong>losi, scarsa nell’interramento dei semi.<br />

3. yanninico (ssp. yanninicum): adatta a zone umide con terreni da<br />

neutri a subacidi.<br />

Il miglioramento genetico ha costituito molte varietà di trifoglio sotterraneo<br />

che si differenziano per lunghezza del ciclo vegetativo ed<br />

esigenze idriche. In funzione del ciclo si possono avere infatti trifogli<br />

classe 1 che compiono <strong>il</strong> ciclo semina-fioritura in 80 gg fino ai trifogli<br />

classe 9 che lo compiono in 145 gg. Le differenze in termini di esigenze<br />

idriche si esprimono come piovosità minima annua o PMA.<br />

E’ consigliab<strong>il</strong>e la sola semina autunnale (alla dose di 40 - 50 kg/ha),<br />

in quanto con la semina primaver<strong>il</strong>e <strong>il</strong> trifoglio non riesce a sv<strong>il</strong>upparsi<br />

e a disseminare prima della siccità estiva.<br />

34 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

DALKEITH<br />

Sotterraneo, precocissima (classe 2), PMA 350 mm.<br />

pH del terreno: 5 – 7<br />

GOSSE<br />

Yanninico, media (classe 5), PMA 600 mm.<br />

pH del terreno: 4,5 – 7.<br />

WOOGENELLUP<br />

Sotterraneo, media (classe 5), PMA 550 mm.<br />

pH del terreno: 5 – 7.<br />

MOUNT BARKER<br />

Sotterraneo, media (classe 5), PMA 550 mm.<br />

pH del terreno: 5 – 7.<br />

ANTAS<br />

Brachicalicino, medio tardivo (classe 6), PMA 450 mm.<br />

pH del terreno: 5 – 8.<br />

CLARE<br />

Brachicalicino, medio tardivo (classe 6), PMA 550 mm.<br />

pH del terreno: 6 – 8.<br />

DENMARK<br />

Sotterraneo, tardivo (classe 7), PMA 600 mm.<br />

pH del terreno: 4,5 – 7.


Serradella<br />

(Ornithopus sativus)<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

gruppo<br />

S<br />

Leguminosa foraggera a ciclo annuale, coltivata storicamente nella<br />

regioni mediterranee e in alcuni paesi dell’Europa centro settentrionale.<br />

E’ una pianta con steli grac<strong>il</strong>i prostrati-ascendenti, molto ramificati.<br />

Ha foglie composite, imparipennate, con foglioline ellittiche pubescenti.<br />

I fiori sono raggruppati in capolini di colore rosa pallido.<br />

Solitamente coltivata in miscuglio con altre foraggere da erbaio (es.<br />

loiessa), può essere usata anche in coltura pura in terreni diffic<strong>il</strong>i.<br />

E’ particolarmente indicata per pascolo invernale-primaver<strong>il</strong>e, in cui<br />

risulta molto appetita e ricercata dal bestiame. In tarda primavera<br />

si può eseguire uno sfalcio che può essere destinato a consumo<br />

verde, fieno, fieno-s<strong>il</strong>o. L’epoca di sfalcio ottimale è a inizio fioritura<br />

(tarda primavera). Non causa disturbi al bestiame.<br />

Fornisce foraggio di ottima qualità e molto digerib<strong>il</strong>e (proteina 19%,<br />

digerib<strong>il</strong>ità della sostanza secca 70-80%).<br />

Ha una modalità di semina sim<strong>il</strong>e ad erba medica: i semi vanno distribuiti<br />

alla profondità di 1 cm, evitando profondità superiori o semi<br />

esposti sulla superficie del terreno.<br />

Specie adatta ad ambienti temperato caldi, con terreni poveri (da<br />

sabbiosi a limosi) a reazione acida (pH ottimale fra 4 e 7). Non adatto<br />

a terreni alcalini con pH>7,5.<br />

Fondamentale l’inoculazione con rizobio specifico Alosca gruppo S.<br />

EMENA<br />

Maturazione: Medio-precoce.<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo e fieno (in consociazione o in<br />

purezza.)<br />

Pianta: Taglia media, molto ramificata a portamento<br />

prostrato se in purezza.<br />

Resistenze: Tollera sia <strong>il</strong> freddo che <strong>il</strong> caldo.<br />

Periodo di semina: autunnale al Centro-Sud Italia, primaver<strong>il</strong>e<br />

al Nord (anche autunnale in zone<br />

con inverni meno rigidi.)<br />

Dose di semina: 25-30 kg/ha con seme vestito.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia, e in particolare regioni<br />

centro-meridionali e insulari, con terreni<br />

acidi, poveri e leggeri.<br />

Caratteristiche: Ha <strong>il</strong> grande vantaggio di produrre<br />

foraggio di alta qualità da terreni poveri<br />

e marginali. In miscuglio di ottenere un<br />

prodotto b<strong>il</strong>anciato. La resa in foraggio<br />

verde è paragonab<strong>il</strong>e a quella del trifoglio<br />

incarnato<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

35<br />

Leguminose


Miscugli da Erbaio<br />

MISCUGLI DA ERBAIO<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> è lieta di presentare la sua prestigiosa linea di miscugli per la creazione di erbai autunno primaver<strong>il</strong>i. Miscugli creati dopo<br />

importanti studi in laboratorio e nei nostri campi sperimentali. Particolare attenzione viene posta nelle varietà ut<strong>il</strong>izzate e nelle proporzioni fra queste,<br />

in modo di ottenere erbai molto produttivi, resistenti alle avversità e adatti a diverse condizioni ambientali. Anche la qualità dei foraggi che vengono<br />

ottenuti, non è lasciata al caso, ma bensì è espressione particolare di ogni formula, ottenuta dopo attenta sperimentazione. La nostra azienda, attenta<br />

alle esigenze del mercato, è inoltre disponib<strong>il</strong>e a fornire apposite miscele richieste dai clienti. Qui di seguito le nostre molteplici e differenziate proposte.<br />

MARTE<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno o come foraggio fresco.<br />

Resistenze: Ottima resistenza al freddo e agli stress idrici.<br />

Periodo di semina: Autunno o primavera.<br />

Dose di semina: 140 -160 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord e Centro Italia.<br />

Caratteristiche: Miscuglio di grande produttività, ottima appetib<strong>il</strong>ità<br />

ed equ<strong>il</strong>ibrato contenuto proteico.<br />

pH ottimale del suolo: 6,5 – 7,5.<br />

TRITICHELLO<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato o foraggio fresco.<br />

Resistenze: Rusticità assicurata.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 215-225 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: Miscuglio di grande produttività alla quale è associato<br />

<strong>il</strong> consistente apporto proteico del pisello.<br />

pH ottimale del suolo: 6,5 – 7,5.<br />

MISCUGLI DEL SOLE<br />

Avena bianca<br />

Avena nera<br />

GRAMINACEE LEGUMINOSE<br />

Avena rossa<br />

Avena strigosa<br />

Loiessa<br />

Segale<br />

Frumento<br />

Triticale<br />

Pisello da foraggio<br />

Pisello proteico<br />

Marte Avena Bianca 50 25 25<br />

Tritichello 40 30 30<br />

Super Five 20 10 10 29 15 6 10<br />

Special Fieno 41 20 35 4<br />

Pontino 20 45 15 20<br />

Genius del sud 25 10 10 30 20 5<br />

Green Methan 15 32 53<br />

Altufen Acid 60 5 15 8 4 3 5<br />

Altufen basic 40 25 12 4 6 8 5<br />

Extra biada 10 25 21 15 20 5 4<br />

Lestrumix 70 5 10 3 8 4<br />

Serraloi 50 50<br />

Spongebob 15 35 25 25<br />

Winter Express 60 20 10 10<br />

36 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

Composizione percentuale dei diversi miscugli da erbaio<br />

SPECIAL FIENO<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno.<br />

Resistenze: Ottima resistenza all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunno.<br />

Dose di semina: 80-90 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Miscuglio di grande produttività e buon valore nutritivo.<br />

pH ottimale del suolo: 5,5 – 7,5<br />

T.resupinato<br />

Veccia<br />

SUPER FIVE<br />

(disponib<strong>il</strong>e anche con rizobi Alosca<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno o come foraggio fresco.<br />

Resistenze: Buona resistenza agli stress idrici.<br />

Periodo di semina: Autunno.<br />

Dose di semina: 90-100 kg/ha (+ 10 kg con Rizobio).<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Miscuglio di grande produttività, ottima appetib<strong>il</strong>ità<br />

ed equ<strong>il</strong>ibrato contenuto proteico.<br />

pH ottimale del suolo: 5,5 – 7,5.<br />

® )<br />

PADANA SEMENTI ELETTE si riserva la facoltà di apportare variazioni alle composizioni dei miscugli, qualora lo ritenga necessario per miglioramento o l’innovazione varietale.<br />

Sulla<br />

Veccia bengalese<br />

T. incarnato<br />

T. bianco<br />

T. squarroso<br />

T. micheliano<br />

T.alessandrino<br />

T. vescicoloso<br />

E. Medica polimorfa<br />

M. littoralis<br />

Serradella


PONTINO<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e ins<strong>il</strong>ato.<br />

Resistenze: Ottima resistenza all’allettamento e agli stress.<br />

Periodo di semina: Autunno.<br />

Dose di semina: 70 – 80 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia.<br />

Caratteristiche: Miscuglio di grande produttività e adattab<strong>il</strong>ità<br />

ambientale.<br />

GENIUS DEL SUD<br />

(disponib<strong>il</strong>e anche con rizobi Alosca<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo invernale, foraggio verde, ins<strong>il</strong>ato.<br />

Resistenze: Ottima resistenza agli stress e buona al calpestamento.<br />

Periodo di semina: Autunno.<br />

Dose di semina: 100-110 kg/ha (+ 10 kg con Rizobio).<br />

Zona di coltivazione: Centro-Sud Italia, particolarmente indicato in<br />

Puglia.<br />

Caratteristiche: Miscuglio b<strong>il</strong>anciato con eccellenti caratteristiche<br />

qualitative. Spiccata attitudine al ricaccio.<br />

pH ottimale del suolo: 5,5 – 7,5.<br />

® )<br />

SPONGEBOB<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato<br />

Resistenze: Buona rusticità e resistenza alle fitopatie.<br />

Periodo di semina: Autunnale<br />

Dose di semina: 145 – 150 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro-Nord<br />

Caratteristiche: Miscuglio caratterizzato dall’ottimo livello<br />

qualitativo dell’ins<strong>il</strong>ato, b<strong>il</strong>anciato nel contenuto<br />

proteico e di amido, che si esprime al meglio<br />

nelle aree più vocate.<br />

GREEN METHAN<br />

novità<br />

novità<br />

bioenergie<br />

Maturazione: Raccolta precoce (mediamente inizio maggio).<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato<br />

Resistenze: Buona resistenza agi stress ambientali.<br />

Periodo di semina: Autunnale<br />

Dose di semina: 145 – 150 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Tutta Italia<br />

Caratteristiche: Garanzia di ottenere <strong>il</strong> massimo rendimento<br />

in biomassa e biogas in tutte le condizioni<br />

ambientali.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

37<br />

Miscugli da Erbaio


Miscugli del Sole<br />

MISCUGLI DEL SOLE<br />

Mix polivalenti adatti al pascolo invernale e allo sfalcio primaver<strong>il</strong>e.<br />

Questi formulati sono stati selezionati dal nostro<br />

staff tecnico appositamente per gli ambienti meridionali. I<br />

miscugli sono studiati appositamente per fornire foraggio in<br />

elevate quantità, in breve tempo e di ottima qualità adattandosi<br />

nel contempo a tutti i vari terreni, dai calcarei ricchi di<br />

scheletro a quelli acidi.<br />

ALTUFEN acid<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno o pascolo invernale.<br />

Resistenze: Particolarmente indicato per terreni acidi.<br />

Periodo di semina: Autunno.<br />

Dose di semina: 40 – 50 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Ottima qualità nutrizionale per l’elevato contenuto<br />

proteico.<br />

pH ottimale del suolo: 5 – 7,5.<br />

ALTUFEN basic<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno o pascolo invernale.<br />

Resistenze: Particolarmente indicato per terreni neutri od<br />

alcalini.<br />

Periodo di semina: Autunno.<br />

Dose di semina: 50 – 60 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Ottima qualità nutrizionale per l’elevato contenuto<br />

proteico.<br />

pH ottimale del suolo: 6,5 – 8,5.<br />

EXTRABIADA<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo invernale, fieno fasciato.<br />

Resistenze: Molto resistente all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e .<br />

Dose di semina: 100-110 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro-Sud Italia, ma anche al Nord con semina<br />

primaver<strong>il</strong>e.<br />

Caratteristiche: Erbaio di notevole potenzialità produttiva.<br />

Si adatta al pascolo prima della fienagione.<br />

pH ottimale del suolo: 5 – 7,5.<br />

(Per le composizioni dei MISCUGLI<br />

DEL SOLE vedi tabella a pagina 36)<br />

38 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

Rizobiati<br />

con<br />

ALOSCA ®<br />

LESTRUMIX<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, trinciato o pascolo invernale.<br />

Resistenze: Resiste all’allettamento.<br />

Periodo di semina: Autunno o primavera precoce al nord.<br />

Dose di semina: 40 – 50 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia, ma anche al Nord con semina<br />

primaver<strong>il</strong>e.<br />

Caratteristiche: Erbaio ad alta velocità di insediamento. Particolarmente<br />

indicato, se supportato da irrigazione,<br />

se si esige un erbaio a più tagli di elevata<br />

qualità. pH ottimale del suolo: 5,5 – 7,5.<br />

SERRALOI<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo, foraggio verde, fieno.<br />

Resistenze: Tollera i terreni acidi, e <strong>il</strong> freddo invernale.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 45-50 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia, adatto anche nelle pianure<br />

del Nord.<br />

Caratteristiche: Si adatta al pascolo prima della raccolta.<br />

Il pH del suolo deve essere inferiore a 7.<br />

WINTER EXPRESS<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo, foraggio verde, fieno.<br />

Periodo di semina: Autunno o primavera.<br />

Dose di semina: 40-45 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia, adatto anche nelle pianure<br />

del Nord con semina primaver<strong>il</strong>e.<br />

Caratteristiche: Miscuglio rusticissimo e produttivo, pensato<br />

per i terreni neutro alcalini.<br />

pH del suolo ottimale: 6,5 - 8.


Erbai estivi<br />

Sono ottenuti dalla consociazione fra una graminacea estiva e<br />

una leguminosa tropicale, adatti a sopportare temperature elevate,<br />

irrigazioni scarse, terreni marginali. Particolarmente consigliati<br />

al Centro-Sud. Al Nord non richiedono irrigazione. Poco<br />

esigenti in fatto di concimazione: sono sufficienti 60-70 kg/ha di<br />

fert<strong>il</strong>izzante minerale b<strong>il</strong>anciato distribuito alla semina.<br />

SUMMERFOR<br />

novità<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo, fieno fasciato, foraggio verde, in 2-3<br />

sfalci.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia e Pianura <strong>Padana</strong>.<br />

Caratteristiche: - E’ composto da miglio perlato ibrido (20%) e<br />

Vigna unguiculata (80%).<br />

- Alta qualità: in condizioni ottimali si può arrivare<br />

al 17 % di proteina grezze sul foraggio verde<br />

o sul fieno secco.<br />

- Totale assenza di composti cianogenetici<br />

- Grande adatt ab<strong>il</strong>ità a terreni anche marginali.<br />

Basso fabbisogno idrico.<br />

Periodo di semina: Non oltre la fine di giugno, quando la temperatura<br />

del suolo è di almeno 16°.<br />

Dose di semina: 20 - 25 kg per ettaro alla profondità di 2-3 cm.<br />

Per pascolo:interf<strong>il</strong>a 25-30 cm. Per sfalcio: interf<strong>il</strong>a<br />

più larga (45-50 cm), in modo da limitare<br />

al massimo <strong>il</strong> calpestamento dei mezzi sulla f<strong>il</strong>a<br />

(<strong>il</strong> passaggio di mezzi sulla f<strong>il</strong>a compromette <strong>il</strong><br />

ricaccio).<br />

Letto di semina: Fine, accuratamente preparato<br />

Semina: E’ consigliab<strong>il</strong>e effettuare più prove di taratura<br />

della seminatrice prima di procedere con la<br />

semina a pieno campo in modo da non alterare<br />

le proporzioni fra le due specie<br />

Controllo<br />

delle infestanti: Non si possono applicare erbicidi, l’unico mezzo<br />

è la falsa semina e, se possib<strong>il</strong>e, la sarchiatura<br />

meccanica.<br />

Sfalcio: Da eseguire prima che <strong>il</strong> miglio raggiunga i<br />

100 cm di altezza (60gg circa dalla semina), <strong>il</strong><br />

taglio deve essere fatto ad almeno 10-15 cm di<br />

altezza per avere un ricaccio ottimale.<br />

SUMMERFOR: analisi su fieno fasciato<br />

RISULTATI<br />

SUL<br />

TAL QUALE<br />

Umidità 28,48<br />

Sostanza Secca, % 71,52<br />

SUL<br />

SECCO<br />

Proteina Grezza, % 9,76 13,65<br />

Lipidi Grezzi, % 1,47 2,05<br />

Ceneri, % 12,05 16,85<br />

NDF - Fibra neutra detersa-, % 46,25 64,67<br />

ADF - Fibra acido detersa-, % 28,68 40,10<br />

Emicellulose, % 17,57 24,57<br />

ADF/NDF, come % dell’NDF 62,0<br />

NFC, % 1,99 2,78<br />

RFV (Relative Feed Value) 82,9<br />

Ammoniaca, mg/Kg, ppm 976 1.365<br />

Azoto ammoniacale/Azoto tot, % 5,1<br />

Ac. Lattico, % 1,337 1,870<br />

Ac. Acetico, % 0,565 0,790<br />

Ac. Butirrico, % 0,007 0,010<br />

pH 5,50<br />

SUMMERFOR: analisi sulla sostanza secca di foraggio verde, allo stadio ottimale<br />

RISULTATI<br />

SUL<br />

TAL QUALE<br />

Umidità 9,37<br />

Sostanza Secca, % 90,63<br />

SUL<br />

SECCO<br />

Proteina Grezza, % 15,51 17,11<br />

Lipidi Grezzi, % 0,62 0,68<br />

Ceneri, % 12,41 13,69<br />

NDF - Fibra neutra detersa-, % 41,89 46,22<br />

ADF - Fibra acido detersa-, % 29,94 33,04<br />

Emicellulose, % 11,95 13,18<br />

ADF/NDF, come % dell’NDF 71,5<br />

NFC, % 20,21 22,30<br />

RFV (Relative Feed Value) 127,1<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

39<br />

Erbai estivi


MASTERSILAGE<br />

Erbai estivi Erbai estivi<br />

novità<br />

Per trinciato ad alto contenuto energetico con bassi input agronomici<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Ins<strong>il</strong>ato monosfalcio con raccolta diretta. Si<br />

consiglia l’ut<strong>il</strong>izzo di idonei conservanti per<br />

valorizzare le qualità del prodotto.<br />

Maturazione: 100 gg circa. Sfalciare a maturazione latteacerosa<br />

del sorgo.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia e Pianura <strong>Padana</strong>.<br />

Caratteristiche: - E’ composto da sorgo zuccherino Nectar<br />

(15%) e fagiolo rampicante Lablab (80%).<br />

- Foraggio b<strong>il</strong>anciato con ottimo contenuto<br />

energetico.<br />

- Grande adattab<strong>il</strong>ità a terreni anche marginali.<br />

Basso fabbisogno idrico (fino al 50% in meno<br />

rispetto a mais).<br />

Periodo di semina: Non oltre la fine di giugno, quando la temperatura<br />

del suolo è di almeno 16°.<br />

Dose di semina: 22 kg per ettaro alla profondità di 3-4 cm. (da<br />

non superare per evitare impianti troppo fitti),<br />

con un’interf<strong>il</strong>a di almeno 45-50 cm.<br />

Letto di semina: Fine, accuratamente preparato.<br />

Semina: E’ consigliab<strong>il</strong>e effettuare più prove di taratura<br />

della seminatrice prima di procedere con la<br />

semina a pieno campo in modo da non alterare<br />

le proporzioni fra le due specie.<br />

Controllo<br />

delle infestanti: Non si possono applicare erbicidi, l’unico mezzo<br />

è la falsa semina e, se possib<strong>il</strong>e, la sarchiatura<br />

meccanica.<br />

Sfalcio: Da eseguire prima che <strong>il</strong> miglio raggiunga i<br />

100 cm di altezza (60gg circa dalla semina), <strong>il</strong><br />

taglio deve essere fatto ad almeno 10-15 cm di<br />

altezza per avere un ricaccio ottimale.<br />

40 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

MASTERSILAGE: analisi su trinciato verde<br />

RISULTATI<br />

SUL<br />

TAL QUALE<br />

Umidità 80,67<br />

Sostanza Secca, % 19,33<br />

SUL<br />

SECCO<br />

Proteina Grezza, % 2,06 10,66<br />

NDF - Fibra neutra detersa-, % 10,54 54,53<br />

MASTERSILAGE: analisi su ins<strong>il</strong>ato<br />

RISULTATI<br />

SUL<br />

TAL QUALE<br />

Umidità 79,26<br />

Sostanza Secca, % 20,74<br />

SUL<br />

SECCO<br />

Proteina Grezza, % 1,53 7,36<br />

Lipidi Grezzi, % 0,60 2,90<br />

Ceneri, % 1,57 7,56<br />

NDF - Fibra neutra detersa-, % 12,17 58,66<br />

ADF - Fibra acido detersa-, % 7,67 36,96<br />

Emicellulose, % 4,50 21,70<br />

ADF/NDF, come % dell’NDF 63,0<br />

NFC, % 4,88 23,52<br />

RFV (Relative Feed Value) 95,3


MISCUGLI DA PRATO STABILE<br />

Nella semina di miscugli da prato pascolo bisogna sempre aver presente la composizione botanica e le peculiarità<br />

di ciascuna specie presente. Le semine autunnali richiedono letti di semina ben preparati o condizioni che favoriscano<br />

la veloce emergenza ed <strong>il</strong> rapido insediamento prima dei rigori invernali.<br />

Le semine primaver<strong>il</strong>i devono essere fatte appena passato <strong>il</strong> periodo più freddo, in modo da garantire un sufficiente<br />

affrancamento prima della stagione estiva.<br />

La distribuzione del seme deve essere <strong>il</strong> più omogenea possib<strong>il</strong>e tenendo presente la differente dimensione dei<br />

semi ed evitando selezioni durante questa fase.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> pone grande attenzione nella scelta delle varietà ut<strong>il</strong>izzate e nella proporzione fra queste,<br />

così da ottenere prati molto produttivi ed efficienti nelle varie condizioni ambientali.<br />

Disponib<strong>il</strong>i formulazioni a richiesta.<br />

ASCIUTTO PADANA<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo.<br />

Piante: Dotate di fac<strong>il</strong>ità di ricaccio dopo <strong>il</strong><br />

taglio.<br />

Resistenze: Molto resistente alla siccità.<br />

Periodo di semina: Autunno o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 55 – 60 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord-Centro.<br />

Caratteristiche: Rapidità di insediamento.<br />

Produce foraggio abbondante di<br />

buona qualità.<br />

ASCIUTTO BS<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno.<br />

Piante: Di buona taglia e persistenza.<br />

Resistenze: Molto resistente alla siccità.<br />

Periodo di semina: Autunno o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 55 – 60 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord-Centro.<br />

Caratteristiche: Prato rustico con produzione ben<br />

distribuita nei diversi tagli.<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

IRRIGUO PADANA<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno.<br />

Piante: Specie e varietà di notevole taglia.<br />

Resistenze: Molto resistente al freddo.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 50 - 55 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord.<br />

Caratteristiche: Adatto a terreni freschi o irrigui,<br />

anche in montagna.<br />

IRRIGUO BS<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno.<br />

Piante: Varietà equ<strong>il</strong>ibrate fra loro, di pronto<br />

ricaccio.<br />

Resistenze: Resistente al freddo.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 55 – 60 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord.<br />

Caratteristiche: Adatto a terreni freschi ed irrigui dove<br />

esprime le massime potenzialità produttive.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

41<br />

Miscugli da prato stab<strong>il</strong>e


PRATO PASCOLO TUSCIA<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo.<br />

Piante: Varietà equ<strong>il</strong>ibrate fra loro, di pronto ricaccio.<br />

Resistenze: Tollera <strong>il</strong> pascolo autunnale.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 50 – 55 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro Nord, aree fresche del Sud.<br />

Caratteristiche: Adatto ai terreni acidi.<br />

IRRIGUO SARDEGNA<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo.<br />

Piante: varietà equ<strong>il</strong>ibrate fra loro, di pronto ricaccio.<br />

Resistenze: Resistente, una volta insediato, a pascolamenti<br />

intensivi.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 30-35 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro Sud Italia e Sardegna, nelle aree più<br />

fert<strong>il</strong>i e vocate.<br />

Caratteristiche: Ottime potenzialità produttive e qualitative<br />

nelle zone a inverno mite. Ricaccio assicurato<br />

anche nel periodo estivo da adeguate<br />

irrigazioni<br />

Ottime rese fin dal primo anno.<br />

Adatto in terreni da subacidi ad alcalini<br />

(pH 6,5 – 8).<br />

Miscugli da prato stab<strong>il</strong>e MISCUGLI DA PRATO STABILE<br />

42 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

PRATO NUOVO<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno e pascolo.<br />

Piante: Mix di graminacee con T. Violetto.<br />

Resistenze: Resiste alla siccità pur gradendo le irrigazioni.<br />

Periodo di semina: Autunnale o primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 65 – 70 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Centro- Nord.<br />

Caratteristiche: Un prato universale, molto rustico e adattab<strong>il</strong>e.<br />

SPECIALE PASCOLI<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo.<br />

Piante: Mix di Loietto e T. Bianco.<br />

Resistenze: Grande resistenza ai geli e al pascolo raso.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e.<br />

Dose di semina: 50 – 55 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Fascia alpina e pre alpina.<br />

Caratteristiche: Rapidità di insediamento e ricaccio.<br />

GALLURA SUPER<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo di ovini.<br />

Piante: Mix di trifogli autoriseminanti.<br />

Resistenze: Resiste al pascolo intenso.<br />

Periodo di semina: Autunnale.<br />

Dose di semina: 35 – 40 kg/ha (+ 10 kg con Rizobio).<br />

Zona di coltivazione: Sardegna e Centro Italia.<br />

Caratteristiche: Un prato di grande adattab<strong>il</strong>ità nei suoi ambienti.


PRATO PASCOLO<br />

BASENTO<br />

BROMO<br />

E. MAZZOLINA<br />

F. ARUNDINACEA<br />

GRAMINACEE LEGUMINOSE<br />

F. PRATENSE<br />

F. RUBRA<br />

LOIESSA<br />

L. PERENNE<br />

L. IBRIDO<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Pascolo.<br />

Piante: Mix complesso che ne incrementa la adattab<strong>il</strong>ità.<br />

Resistenze: Resiste al pascolo anche nel periodo estivo.<br />

Periodo di semina: Autunnale.<br />

Dose di semina: 50 – 60 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Adatto al pascolo nelle zone appenniniche<br />

meridionali.<br />

GRAM. ELETTE<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, pascolo.<br />

Piante: Mix di sole graminacee.<br />

Resistenze: Grande resistenza ai geli e al pascolo intenso.<br />

Periodo di semina: Autunnale, primaver<strong>il</strong>e precoce.<br />

Dose di semina: 30-40 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: Nord-Centro.<br />

Caratteristiche: Molto adattab<strong>il</strong>e e persistente, valorizzato<br />

dalle concimazioni.<br />

Composizione percentuale dei diversi miscugli da prato stab<strong>il</strong>e<br />

FLEOLO<br />

POA PRATENSE<br />

GINESTRINO<br />

E. MEDICA<br />

PRATO COLLINA<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Fieno, pascolo.<br />

Piante: Tutte di tipo mediterraneo.<br />

Resistenze: Grande resistenza alle condizioni di aridità.<br />

Periodo di semina: Primaver<strong>il</strong>e, autunnale in zone a clima mite.<br />

Dose di semina: 50 – 55 kg per ettaro.<br />

Zona di coltivazione: aree collinari del Centro Nord.<br />

Caratteristiche: Miscuglio garantito contro gli stress idrici.<br />

Buona la qualità del foraggio.<br />

Asciutto <strong>Padana</strong> 5 17 20 13 17 5 5 3 5 5 5<br />

Asciutto BS 12 30 31 10 3 2 3 2 2 5<br />

Irriguo <strong>Padana</strong> 12 8 15 15 10 10 5 4 8 8 5<br />

Irriguo BS 9 20 25 11 15 6 5 5 4<br />

Prato pascolo Tuscia 33 45 12 10<br />

Prato nuovo 30 30 20 10 10<br />

Speciale pascoli 65 30 5<br />

Gallura super 10 10 80<br />

Basento 40 15 8 10 10 4 13<br />

Graminacee <strong>Elette</strong> 15 25 30 15 12 3<br />

Prato Collina 22 23 22 33<br />

Irriguo Sardegna 15 17 20 15 28 5<br />

PADANA SEMENTI ELETTE si riserva la facoltà di apportare variazioni alle composizioni dei miscugli, qualora lo ritenga necessario per miglioramento o l’innovazione varietale.<br />

E. MEDICA LUPOLINA<br />

E. MEDICA POLIMORFA<br />

LUPINELLA<br />

T. IBRIDO<br />

T. VIOLETTO<br />

T. BIANCO<br />

T. ALESSANDRINO<br />

T. RESUPINATO<br />

T. FRAGIFERUM<br />

T. MICHELIANO<br />

T. SOTTERRANEO<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

43<br />

Miscugli da prato stab<strong>il</strong>e


Inerbimenti Tecnici<br />

INERBIMENTI TECNICI<br />

E’ ormai pratica comune, suffragata da dati scientifici, che la coltivazione<br />

del frutteto o del vigneto tragga beneficio dalla semina<br />

nell’interf<strong>il</strong>a di essenze scelte ad hoc, piuttosto che lasciare le erbe<br />

spontanee o lavorare <strong>il</strong> terreno. Le essenze che compongono i<br />

tappeti nell’interf<strong>il</strong>a sotto ai fruttiferi devono avere alcune caratteristiche<br />

peculiari: rapido insediamento, bassa crescita, resistenza al<br />

calpestio (macchine agricole) e al l’ombreggiamento e, non ultima,<br />

lunga vita. <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> ha approntato una gamma di<br />

“inerbimenti tecnici” adatta alle più svariate esigenze.<br />

SOTTOFRUTTETO<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Miscuglio per inerbimento del frutteto e del vigneto.<br />

Piante: Di ridotto sv<strong>il</strong>uppo vegetativo che competono<br />

bene con le infestanti.<br />

Resistenze: Abbastanza resistente al calpestio dei mezzi<br />

agricoli.<br />

Periodo di semina: Primavera, in autunno al Sud Italia.<br />

Dose di semina: 80 - 100 kg/ha in funzione della preparazione del<br />

letto di semina.<br />

Zona di coltivazione: Centro Nord.<br />

Caratteristiche: Se ben gestito (taglio non troppo basso) ha una<br />

lunghissima durata. Ha minor competitività con <strong>il</strong><br />

frutteto rispetto alle erbe spontanee.<br />

SOTTOVIGNETO<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Miscuglio per inerbimento del vigneto.<br />

Piante: Rapido insediamento, ottima competizione con le<br />

infestanti.<br />

Resistenze: Abbastanza resistente al calpestio dei mezzi<br />

agricoli.<br />

Periodo di semina: Primavera, in autunno al Centro Italia.<br />

Dose di semina: 80 - 100 kg/ha in funzione della preparazione del<br />

letto di semina.<br />

Zona di coltivazione: Centro Nord.<br />

Caratteristiche: Miscuglio adatto per ambienti freschi, non competitivo<br />

con <strong>il</strong> vigneto. Sopporta i tagli bassi una volta<br />

ben affrancato.<br />

44 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

SCARPATE QUOTA 1000<br />

(Indicato anche per idrosemine)<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Miscuglio per inerbimento di scarpate.<br />

Piante: Molto coprenti e persistenti.<br />

Resistenze: Abbastanza resistente alle condizioni di aridità.<br />

Periodo di semina: Meglio in autunno, ma anche in Primavera.<br />

Dose di semina: 200 – 250 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro Nord.<br />

Caratteristiche: Miscuglio adatto per l’inerbimento di scarpate<br />

degradate, dalla pianura fino a 1000 mt.<br />

Rapido attecchimento.<br />

AUTORISEMINANTI<br />

Disponib<strong>il</strong>e con<br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Miscuglio per inerbimento di vigneti e frutteti in<br />

aree mediterranee.<br />

Piante: Leguminose autoriseminanti.<br />

Resistenze: Abbastanza resistente alle condizioni di aridità.<br />

Periodo di semina: Primavera o autunno.<br />

Dose di semina: 30 – 35 g/ha (+ 10 kg con Rizobio).<br />

Zona di coltivazione: Sud Italia.<br />

Caratteristiche: Non entra in competizione idrica nel periodo<br />

estivo.


Piste da sci<br />

Miscugli indicati per idrosemina.<br />

Le formule sono pensate specificatamente per l’inerbimento delle<br />

piste da sci, con un b<strong>il</strong>anciato rapporto fra specie graminacee e<br />

leguminose che favorisce l’evoluzione dell’inerbimento e la rinaturalizzazione<br />

dell’area inerbita. Le graminacee conferiscono al<br />

miscuglio velocità di insediamento, e un rapido effetto di contenimento<br />

dell’erosione. La presenza delle leguminose è invece fondamentale<br />

per equ<strong>il</strong>ibrare <strong>il</strong> prato e favoriscono <strong>il</strong> miglioramento<br />

del suolo dove gli elementi nutritivi solitamente non sono fac<strong>il</strong>mente<br />

disponib<strong>il</strong>i. Le composizioni e le proporzioni fra le specie sono<br />

state accuratamente formulate in modo da aumentare l’adattab<strong>il</strong>ità<br />

dei vari miscugli, permettendo nel tempo <strong>il</strong> naturale ingresso di<br />

specie spontanee e <strong>il</strong> ripristino della biodiversità locale.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> è inoltre in grado di personalizzare i miscugli<br />

su indicazione del cliente, inserendo anche alcune specie<br />

spontanee ad alto valore naturalistico.<br />

L’impiego di tali miscugli richiede alcuni accorgimenti:<br />

• epoca di semina. Da eseguire preferib<strong>il</strong>mente subito dopo lo<br />

scioglimento della neve. Nel caso di semina autunnale, soprattutto<br />

alle quote maggiori, i fattori di rischio sono più elevati:<br />

è consigliab<strong>il</strong>e perciò effettuare l’eventuale semina in autunno<br />

inoltrato (semina dormiente), in modo da evitare l’immediata<br />

germinazione delle specie, le quali potrebbero fac<strong>il</strong>mente subire<br />

l’effetto delle prime gelate;<br />

• preparazione del terreno, impiegando fert<strong>il</strong>izzanti di natura organica,<br />

i quali possono essere disponib<strong>il</strong>i per le piante negli<br />

anni successivi, grazie al loro lento r<strong>il</strong>ascio.<br />

• A fine stagione si consiglia <strong>il</strong> pascolamento o la trinciatura, per<br />

mantenere <strong>il</strong> prato compatto e robusto.<br />

Agrostide tenue<br />

Festuca ovina<br />

Bromo<br />

Erba Mazzolina<br />

F. arundinacea<br />

SKI 1000<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Miscuglio per inerbimento di piste da sci a<br />

quote non elevate.<br />

Piante: Specie poco aggressive ma molto persistenti,<br />

permettono un insediamento stab<strong>il</strong>e e duraturo.<br />

Resistenze: Abbastanza resistente alle condizioni di aridità.<br />

Periodo di semina: Primavera o autunno inoltrato.<br />

Dose di semina: 200 – 250 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro Nord.<br />

Caratteristiche: Si consiglia una trinciatura alla fine dell’estate<br />

o meglio <strong>il</strong> pascolamento.<br />

SKI 2000<br />

Ut<strong>il</strong>izzo: Miscuglio per inerbimento di piste da sci a<br />

quote elevate (al di sopra del limite del bosco)<br />

o esposte a nord.<br />

Piante: Specie e varietà ad accrescimento ridotto.<br />

Resistenze: Molto resistente i geli invernali.<br />

Periodo di semina: Primavera o autunno inoltrato.<br />

Dose di semina: 200 – 250 kg/ha.<br />

Zona di coltivazione: Centro Nord.<br />

Caratteristiche: Miscuglio adatto a tutti gli impieghi in situazioni<br />

diffic<strong>il</strong>i per aspetti pedologici, climatici,<br />

altimetrici. Si consiglia <strong>il</strong> pascolo a fine estate.<br />

Composizione percentuale dei diversi inerbimenti tecnici<br />

GRAMINACEE LEGUMINOSE<br />

F. rubra<br />

F. pratense<br />

Loiessa<br />

L. perenne<br />

Sottofrutteto 55 35 10<br />

Sottovigneto 38 45 10 7<br />

Scarpate quota 1000 8 10 13 5 11 15 18 4 5 4 2 5<br />

Ski 1000 8 5 20 15 15 5 5 5 7 3 12<br />

Ski 2000 5 25 24 30 3 9 3 1<br />

Leg. autoriseminanti 80 20<br />

PADANA SEMENTI ELETTE si riserva la facoltà di apportare variazioni alle composizioni dei miscugli, qualora lo ritenga necessario per miglioramento o l’innovazione varietale.<br />

Fleolo<br />

Poa nemoralis<br />

Poa pratense<br />

Ginestrino<br />

E. Medica lupolina<br />

Lupinella<br />

T. ibrido<br />

T. violetto<br />

T. bianco<br />

T. sotterraneo<br />

Veccia comune<br />

E.mediaca polimorfa<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

Ach<strong>il</strong>lea<br />

45<br />

Inerbimenti Tecnici


Rizobi Alosca<br />

Rizobi Alosca ® RIZOBI ALOSCA<br />

:<br />

una tecnologia innovativa per garantire prestazioni straordinarie<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> continua a puntare sull’innovazione, proponendo in esclusiva per l’Italia una<br />

tecnologia all’avanguardia per la batterizzazione delle leguminose foraggere.<br />

Con i rizobi ALOSCA ® l’agricoltore produce direttamente in campo l’azoto a basso costo!!<br />

Perché è importante la batterizzazione<br />

La simbiosi batterica radicale è fondamentale per tutte le leguminose per:<br />

• La fissazione dell’azoto atmosferico (con conseguente arricchimento del terreno)<br />

• L’incremento del vigore vegetativo<br />

• Una maggiore sanità della pianta e resistenza a stress ambientali<br />

La simbiosi è un processo che avviene naturalmente nel terreno, a patto che siano presenti in numero sufficiente i batteri specifici<br />

per le specie coltivate. In terreni non favorevoli (acidi, alcalini ecc), o dove da molto tempo non vengono coltivate le specie interessate,<br />

questi microorganismi tendono a diminuire la loro presenza fino a scomparire.<br />

Che cos’è la tecnologia Alosca® e quali vantaggi porta<br />

Gli inoculanti Alosca, sono costituiti da un substrato in granuli di bentonite, dalle dimensioni comprese fra 1 e 3 mm, al cui<br />

interno sono incorporati ceppi selezionati di batteri azoto-fissatori. Questo particolare rivestimento garantisce un’eccellente<br />

protezione per i batteri sia nelle confezioni (conservab<strong>il</strong>i fino a due anni con temperature comprese fra 0 e 60°C), sia nel<br />

terreno dove rimangono quiescenti fino a che condizioni ambientali favorevoli consentano la pronta proliferazione dei microorganismi<br />

a contatto con l’apparato radicale e conseguentemente una rapida e abbondante nodulazione (v. grafico).<br />

I vantaggi di questa tecnologia:<br />

• aumenta la fissazione dell’azoto fino al 50% in più per<br />

alcune specie, permettendo di renderlo in seguito disponib<strong>il</strong>e<br />

per la coltura successiva.<br />

• Aumenta la produttività della coltura in situazioni sfavorevoli<br />

(terreni acidi).<br />

• Aumenta <strong>il</strong> contenuto proteico del foraggio.<br />

• <strong>il</strong> prodotto mantiene a lungo inalterate le sue potenzialità<br />

(fac<strong>il</strong>e conservazione).<br />

• applicazione estremamente semplice, che consiste nel<br />

mescolamento dei granuli direttamente con i semi o con<br />

<strong>il</strong> fert<strong>il</strong>izzante. Applicab<strong>il</strong>e anche con semina su sodo.<br />

• può essere fac<strong>il</strong>mente trasportato e distribuito anche in<br />

condizioni non ottimali (es. terreno secco, alte temperature)<br />

• può essere miscelato anche con semi trattati con fungicidi<br />

o altri antiparassitari, senza che ne venga compromessa<br />

l’efficacia.<br />

Questa tecnologia è già stata pienamente validata da alcuni<br />

importanti enti di ricerca:<br />

- Centro per lo studio dei rizobi della Murdoch University<br />

- Dipartimento di agricoltura del Western Australia<br />

Attualmente sono in corso sperimentazioni approfondite anche<br />

in Italia, presso l’Università di Catania e l’istituto ISPAAM<br />

del CNR a Sassari.<br />

46 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


Tabella: Effetto dell’inoculazione con rizobio Alosca su alcune leguminose.<br />

(Dati <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>)<br />

I rizobi Alosca, specifici per Trifogli annuali e perenni (gruppo C), Serradella (gruppo S),<br />

Erba medica (gruppo AL), Pisello, Favino e Veccia (gruppo F),<br />

sono già miscelati nei nostri seguenti articoli:<br />

Miscugli per erbaio<br />

Miscelato in tutta la<br />

gamma “Miscugli del sole”<br />

Super Five<br />

Genius del Sud<br />

Trifoglio incarnato VITERBO Serradella EMENA<br />

NT RIZ Incremento(%) NT RIZ Incremento(%)<br />

n° piante 40 40 40 40<br />

peso fresco piante (g) 90,3 141,6 56,8 174 341 96<br />

Pisello proteico AMICAL Pisello da foraggio RHEA<br />

NT RIZ Incremento(%) NT RIZ Incremento(%)<br />

n° piante 30 30 20 20<br />

peso fresco piante (g) 540 680 25,9 670 780 16,4<br />

peso fresco semi (g) 190 258 35,8 200 230 15,0<br />

Miscugli per prati stab<strong>il</strong>i<br />

Gallura super<br />

Prato pascolo basento<br />

Autoriseminanti<br />

Irriguo sardegna<br />

Asciutto <strong>Padana</strong><br />

Irriguo <strong>Padana</strong><br />

Prato Nuovo<br />

PIANTE TRATTATE<br />

Erba medica Specie singole<br />

Rizobio gruppo AL<br />

miscelab<strong>il</strong>e con tutte le<br />

varietà in catalogo<br />

PIANTA<br />

TRATTATA<br />

Rizobio specifico da<br />

miscelare alla semina<br />

disponib<strong>il</strong>e per tutte le<br />

specie indicate con <strong>il</strong><br />

marchio<br />

PIANTA NON<br />

TRATTATA<br />

Disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong><br />

Rizobio<br />

ALOSCA ®<br />

PIANTE NON TRATTATE<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

47<br />

Rizobi Alosca


Rizobi Alosca<br />

KIT PER LA MISURAZIONE DEL PH DEL SUOLO<br />

SEMPLICE – RAPIDO - PRECISO<br />

Con <strong>il</strong> prodotto di seguito presentato, PADANA SEMENTI ELETTE si propone di offrire al cliente<br />

un servizio sempre più puntuale, per consentirgli di scegliere e valorizzare al meglio i prodotti<br />

descritti in questo catalogo.<br />

Che cos’è <strong>il</strong> pH del terreno:<br />

Il pH è una scala di misurazione dell’acidità o basicità di una soluzione acquosa, e in questo caso di<br />

quella contenuta nel suolo.<br />

La scala del pH è suddivisa in 14 punti: <strong>il</strong> valore di pH pari a 7 indica la neutralità, un valore superiore a<br />

7 indica alcalinità (o basicità), un valore inferiore a 7 indica acidità.<br />

Perché è importante conoscere <strong>il</strong> pH del proprio terreno:<br />

- Il pH influenza le proprietà chimiche del terreno che sono direttamente implicate nella crescita<br />

delle piante.<br />

- La disponib<strong>il</strong>ità per la pianta di certi nutrienti è controllata dalle variazioni di pH nel terreno e in<br />

particolare nella soluzione acquosa in esso contenuta.<br />

- Il pH influenza inoltre la presenza di microbi e batteri, <strong>il</strong> d<strong>il</strong>avamento dei nutrienti<br />

- Durante l’evoluzione, le piante si sono adattate a crescere su substrati molto diversi.<br />

- Ciascuna pianta quindi richiede diversi intervalli di pH per potersi sv<strong>il</strong>uppare al meglio (riportati nel<br />

testo, in corrispondenza di specie e miscugli)<br />

La determinazione del pH del proprio terreno è di fondamentale importanza per scegliere cosa<br />

coltivare e ottenere <strong>il</strong> massimo dalle proprie colture.<br />

Il Kit sarà messo a disposizione dei venditori e distributori degli erbai rizobiati “Miscugli del Sole”.<br />

48 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong>


COLTURE DA SOVESCIO<br />

Facelia<br />

(Phacelia tanacetifolia)<br />

BORATUS<br />

Varietà a ciclo autunno primaver<strong>il</strong>e con abbondante e<br />

prolungata fioritura adatta al pascolo da parte delle api.<br />

Si può sovesciare una volta finita la sua azione mellifera.<br />

10-15 kg di seme per ha.<br />

Miscuglio<br />

ESTA-FERTIMIX<br />

Caratteristiche: - Erbaio estivo composto da:<br />

Fagiolo rampicante (80%) e miglio<br />

perlato (20% )<br />

- Sovescio che arricchisce <strong>il</strong><br />

suolo in sostanza organica,<br />

elementi minerali e azoto. Ottimale<br />

rapporto C/N nella biomassa<br />

prodotta<br />

- Ottima tolleranza a siccità ed<br />

alte temperature, particolarmente<br />

indicato per le condizioni<br />

dell’ambiente sotto serra.<br />

- Buona capacità di soppressione<br />

delle infestanti dopo<br />

l’insediamento.<br />

Periodo di semina: Quando la temperatura del suolo<br />

è di almeno 16-18 °C.<br />

Dose di semina: 25-30 kg per ettaro alla profondità<br />

di 3-4 cm.<br />

Letto di semina: Fine, accuratamente preparato.<br />

Semina: Effettuare prove di taratura<br />

della seminatrice in modo da non<br />

alterare le proporzioni fra le due<br />

specie.<br />

Sfalcio<br />

ed interramento: A discrezione, aspettare almeno i<br />

100-120 cm di altezza del miglio<br />

(60gg), per avere un buon apporto<br />

in biomassa.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

49<br />

Colture da Sovescio


Rucola nematocida<br />

e biofumigante<br />

(Eruca sativa)<br />

novità<br />

TRIO<br />

L’ultima frontiera del sovescio nelle zone coltivate a<br />

orticole. La prima rucola a duplice ut<strong>il</strong>izzo: verdura<br />

da alimentazione dal sapore piacevolmente piccante<br />

ed essenza nematocida e biofumigante! Può<br />

quindi essere normalmente coltivata come coltura<br />

da reddito apportando allo stesso tempo beneficio<br />

per <strong>il</strong> terreno e le successive colture.<br />

Presenta una sicura attività nei confronti di Heterodera<br />

schachtii, Meloidogyne chitwoodi, M. hapla e<br />

M. incognita. Una volta interrata esplica una azione<br />

fumigante verso i funghi patogeni del terreno (contiene<br />

glucoerucina).<br />

Ciclo: 55-60 giorni da semina a fioritura.<br />

Dose di semina: 10 kg/ha.<br />

Colture da Sovescio COLTURE DA SOVESCIO<br />

50 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

Rafano nematocida<br />

(Raphanus sativus oleiformis)<br />

Il rafano nematocida è una pianta esca contro i nematodi<br />

della barbabietola da zucchero o delle colture in serra.<br />

Il meccanismo di azione è molto semplice e naturale, in<br />

quanto i nematodi quiescenti nel terreno sotto forma di<br />

cisti, si insediano nella radice del rafano, ma non riescono<br />

a completare <strong>il</strong> ciclo vitale. Il rafano ha ciclo brevissimo<br />

– 60 giorni – che ne permette la semina in quasi tutte le<br />

stagioni. Bisogna fare attenzione che sia trinciato e interrato<br />

non più tardi della completa fioritura, per evitare che<br />

dissemini. Molto interessante è <strong>il</strong> beneficio al terreno anche<br />

in sostanza organica e miglioramento della struttura.<br />

Dose di semina: 20-25 kg<br />

ADIOS<br />

Varietà tardiva, nasce e sv<strong>il</strong>uppa rapidamente. La<br />

varietà è resistente ai nematodi Heterodora schachtii e<br />

H. betae. Parzialmente resistente al nematode Meloidogyne<br />

chitwoodii.<br />

E’ possib<strong>il</strong>e una riduzione di più del 90% dell’infestazione<br />

di questi parassiti.<br />

RADICAL<br />

Varietà tardiva a forte effetto nematocida. Caratterizzata<br />

da taglia compatta e notevole fogliosità, rapido<br />

ricaccio dopo <strong>il</strong> primo taglio. Notevole la produzione<br />

di biomassa.<br />

Resistente ai nematodi Heterodora schachtii, H.<br />

betae e Prathylenchus scripnerie.<br />

TERRANOVA<br />

Varietà molto tardiva. Copre <strong>il</strong> terreno rapidamente e<br />

presenta un ottima resistenza all’allettamento.<br />

Ampio lo spettro di resistenza e <strong>il</strong> conseguente<br />

effetto nematocida: è resistente ai nematodi della<br />

bietola Heterodora schachtii e H. betae E’ resistente<br />

poi a Meloidogyne chitwoodii,M. fallax e M. incognita,<br />

Prathylenchus scripnerie, Paratrichodorus allius,<br />

Trichodorus primitivus.


Senape<br />

(Sinapis alba)<br />

La senape bianca è una specie naturalmente sensib<strong>il</strong>e ai<br />

nematodi. Il miglioramento genetico ha creato varietà assolutamente<br />

resistenti a questi parassiti, per cui l’effetto<br />

nematocida è comparab<strong>il</strong>e con quello del rafano.<br />

La semina viene effettuata in autunno o in primavera alla<br />

dose di 20-25 kg/ha.<br />

CONDOR<br />

Senape tetraploide a rapida crescita e copertura del<br />

terreno, con ottimo sv<strong>il</strong>uppo di biomassa. Pianta<br />

compatta di media altezza (70-80 cm) e grande<br />

sv<strong>il</strong>uppo radicale, fac<strong>il</strong>e da interrare. Buona azione<br />

nematocida (<strong>il</strong> 99% delle piante risulta privo di cisti<br />

radicali) ed effetto di miglioramento del terreno.<br />

ULTRA<br />

Varietà medio-precoce resistente ai nematodi della<br />

barbabietola da zucchero (Heterodora schachtii,<br />

H trifolii). Pianta alta (90- 100 cm), non soggetta<br />

a fitopatie, caratterizzata dalla grande rapidità di<br />

sv<strong>il</strong>uppo ed azione competitiva verso le infestanti.<br />

ARCHITECT<br />

Varietà a ciclo tardivo che manifesta una<br />

spiccata attività contro i nematodi della bietola<br />

Heterodora schachtii e H. betae. Pianta di taglia<br />

media, con buona copertura del suolo e buona<br />

resistenza all’allettamento. Manifesta ottima<br />

resistenza alla principali fitopatie.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

51<br />

Colture da Sovescio


Colture da Sovescio<br />

COLTURE DA SOVESCIO<br />

Miscugli per biofumigazione<br />

BioFum<br />

La biofumigazione consiste nell’interramento della biomassa<br />

trinciata prodotta da alcune Brassicacee, che<br />

permette la liberazione dei Glucosinolati in essa contenuti<br />

e la loro successiva conversione in isotiocianati.<br />

Quest’ultima sostanza svolge l’effetto tossico contro<br />

importanti patogeni fungini del suolo. L’interramento di<br />

importanti quantità di sostanza organica migliora inoltre<br />

la fert<strong>il</strong>ità del terreno per le colture successive. I miscugli<br />

BioFum da noi proposti, rappresentano <strong>il</strong> massimo<br />

dell’effetto biofumigante: le varietà inserite nei miscugli<br />

associano un alto contenuto di Glucosinolati, con la<br />

notevole produzione di biomassa e foglie.<br />

Nei test condotti in serra si è dimostrato che questi<br />

miscugli eliminano i seguenti funghi:<br />

• Gaeumannomyces,<br />

• Rhizoctonia,<br />

• Fusarium,<br />

• Helminthosporium<br />

• Pythium.<br />

Le varietà ut<strong>il</strong>izzate nei BioFum hanno la capacità già<br />

in fase di crescita di ridurre la presenza di nematodi<br />

grazie alle seguenti resistenze (totali o parziali):<br />

• - Nematode della barbabietola, H schachti e betae<br />

• - Nematodi galligeni, M chitwoodi, fallax, hapla e<br />

incognita<br />

• - Nematode degli steli e dei bulbi, D. dipsaci<br />

L’ut<strong>il</strong>izzo di questi miscugli prevede la trinciatura della<br />

coltura al 60-80% di fioritura e successivo interramento<br />

entro 30 minuti. Per massimizzare l’effetto fumigante è<br />

necessaria una leggera irrigazione dopo l’interramento<br />

(10 mm). Il terreno è lavorab<strong>il</strong>e dopo 2 settimane e<br />

dopo altre 2 si puo procedere alla semina della coltura<br />

successiva.<br />

Dose di semina: 15 – 20 kg/ha. La dose più alta per i<br />

terreni pesanti.<br />

52 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

BioFum Summer<br />

Miscuglio biocida a semina primaver<strong>il</strong>e costituito<br />

da: Brassica carinata, Rafano e Senape bianca.<br />

BioFum Summer presenta una ottima rapidità di<br />

sv<strong>il</strong>upppo e fioritura tardiva. Si adatta quindi ad<br />

essere inserita in rotazione. Il momento migliore<br />

per l’incorporazione non dovrebbe superare la fine<br />

di settembre.<br />

Periodo di semina: da apr<strong>il</strong>e a luglio.<br />

BioFum Autumn<br />

Miscuglio biocida costituito da: Brassica carinata,<br />

Rafano, Colza da foraggio. BioFum Autumn è una<br />

miscela con vigore precoce e fioritura tardiva. Si<br />

adatta meglio alla rotazione autunnale- primaver<strong>il</strong>e,<br />

grazie alla resistenza ai geli invernali: va quindi<br />

seminata nella seconda metà di settembre ed<br />

incorporata dopo <strong>il</strong> 1° di marzo.<br />

Periodo di semina: settembre.


COLZA<br />

Particolarmente adatta nelle rotazioni aziendali in ambienti vocati, curando gli interventi agronomici in modo da ottimizzare le<br />

rese in olio.<br />

Si adatta bene anche a terreni molto arg<strong>il</strong>losi e umidi. Teme la siccità durante la fase di levata e fioritura, che ostacola lo sv<strong>il</strong>uppo<br />

dei fiori e di conseguenza la produzione di seme.<br />

E’ una specie miglioratrice del terreno in virtù di abbondanti residui colturali che apportano buone quantità di sostanza organica.<br />

Le varietà proposte sono tutte di tipo 00, consentendo, dopo la spremitura meccanica, di ut<strong>il</strong>izzare <strong>il</strong> panello proteico per l’alimentazione<br />

animale senza alcun rischio di effetti tossici.<br />

Nell’ambiente centro-settentrionale si consiglia di seminare entro settembre.<br />

ORLANDO<br />

Resa di seme ed olio. (Prove varietali Università di Padova)<br />

novità<br />

bioenergie<br />

Colza invernale ibrida di ultima generazione, dalle grandi<br />

potenzialità produttive<br />

• Ciclo precoce<br />

• Taglia media, poco allettab<strong>il</strong>e, s<strong>il</strong>iqua poco deiscente<br />

• Rapida ripresa vegetativa primaver<strong>il</strong>e<br />

• Alta resa in semi, ottimo contenuto di olio<br />

• Ottima resistenza a Phoma e Sclerotinia<br />

• Investimento consigliato: 50-60 semi/mq.<br />

• Semina autunnale.<br />

RESA SEME S.S. (t/ha) RESA OLIO<br />

VARIETA’<br />

2007 2008 2009 media<br />

resa olio per ogni t di<br />

seme (t)<br />

resa olio t/ha<br />

Verona 6,21 2,34 2,10 3,55 0,47 1,67<br />

Henry 3,48 3,70 3,59 0,48 1,72<br />

bioenergie<br />

HENRY<br />

• Ciclo medio-tardivo<br />

• Taglia bassa, ramificazione espansa<br />

• Rapida ripresa primaver<strong>il</strong>e<br />

• Adatta a terreni asciutti<br />

• Buona resistenza a Phoma e Sclerotinia<br />

• Investimento consigliato: 60-80 piante finali a metro<br />

quadro, pari a 3 - 4.5 kg/ha.<br />

• Semina autunnale.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

53<br />

Colza


Tappeti erbosi<br />

TAPPETI ERBOSI<br />

Una quota r<strong>il</strong>evante del fatturato di <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> è dato dai tappeti erbosi, e una percentuale maggiore è destinata a questo<br />

settore per quanto riguarda la ricerca. In particolare acquisiamo in Italia e soprattutto all’estero, principalmente da USA, Danimarca e<br />

Olanda, nuove varietà di sementi da prato con caratteristiche uniche di resistenza alle malattie, al calpestamento, alla siccità, o ai grandi<br />

calori così come ai freddi invernali. Queste varietà vengono valutate nei nostri campi prova, e dopo severi test agronomici di almeno 3<br />

anni, vengono inserite nelle nostre formule. Nel nostro attrezzato laboratorio sono inoltre testati i semi e i miscugli che andranno a riempire<br />

tutte le confezioni delle nostre 4 linee di Tappeti Erbosi.<br />

TOP CLASS<br />

Professional Turf grasses<br />

Miscugli di sementi di altissima qualità appositamente formulati per l’uso<br />

professionale e differenziati per meglio rispondere alle diverse esigenze. Tutti<br />

i formulati Top Green Class sono certificati ENSE e seguono severissime<br />

procedure di controllo.<br />

Nel catalogo spesifico sono presenti undici diverse formulazioni (EMME,<br />

ESSE, FORTE BLUE PLASS, SPORTPLAY, EXTENSIVE, FINE GREEN, TWIN<br />

SEEDS, RIGENERVIT PROF, SPORTFIELDS REGENERATION, FESTUMIX,<br />

BLUE GRASS MIX, EXTREME BLUE) per rispondere a tutte le esigenze dei<br />

professionisti del verde.<br />

54 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

E’ disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong> catalogo“Top Class”, con le<br />

descrizioni dei vari formulati e tutte le informazioni<br />

tecniche necessarie per una scelta oculata del<br />

miglior prato per ogni singola esigenza.


TOP GREEN<br />

Formulati semi professionali, caratterizzati da una vastissima gamma di confezioni,<br />

in grado di soddisfare tutte le esigenze, dal pratino di casa di pochi metri al grande<br />

campo di calcio. Otto miscugli differenti (BRILLANTE, PRESTIGE, UNIRUSTIC<br />

PLUS, SPECIAL GREEN, FAST, SPORTING, RIGENERVIT, PRATO AMERICANO)<br />

tutti certificati ENSE, adatti alle più disparate esigenze. <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> ha<br />

voluto sottolineare la sua presenza in questo particolare mercato pubblicando una<br />

“Guida alla manutenzione del prato all’inglese”, molto apprezzata dai consumatori e<br />

disponib<strong>il</strong>e nei negozi distributori delle nostre linee.<br />

Natural Garden<br />

Miscugli di sementi americane di altissima qualità, prodotti tramite parametri e<br />

controlli meticolosi, assicurano standard qualitativi di assoluta eccellenza.<br />

Due sono i formulati (NATURAL GARDEN E NATURAL GARDEN SUD), entrambi<br />

miscugli universali. Sono inoltre caratterizzati dalle bassissime esigenze manutentive<br />

che si esprimono in pochi tagli e poche irrigazioni.<br />

Top Green Essences<br />

Questa linea è costituita da una gamma particolare di singole essenze, presentate in<br />

differenti confezioni, che vogliono incontrare esigenze specifiche.<br />

Microterme<br />

Agrostis tenuis,<br />

Agrostis stolonifera,<br />

Koeleria machrantha,<br />

Trifoium repens.<br />

Macroterme<br />

Axonopus affinis,<br />

Cynodon dactylon<br />

Dichondra repens,<br />

Paspalum notatum,<br />

Pennisetum clandestinum,<br />

Zoysia japonica.<br />

E’ disponib<strong>il</strong>e <strong>il</strong> “catalogo Tappeti Erbosi”, con le descrizioni dei vari formulati<br />

e tutte le informazioni tecniche necessarie per una scelta oculata<br />

del miglior prato per ogni singola esigenza.<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

55<br />

Tappeti erbosi


SEGALE<br />

FRUMENTO TENERO<br />

TRITICALE<br />

AVENA<br />

AVENA STRIGOSA<br />

ORZO<br />

FESTUCA ARUNDINACEA<br />

FESTULOLIUM<br />

FESTUCA PRATENSE<br />

ERBA MAZZOLINA<br />

LOIETTO PERENNE<br />

LOIETTO IBRIDO<br />

LOIETTO<br />

FLEOLO<br />

PISELLO<br />

VECCIA<br />

TRIFOGLIO INCARNATO<br />

TRIFOGLIO ALESSANDRINO<br />

TRIFOGLIO SQUARROSO<br />

TRIFOGLIO MICHELIANO<br />

TRIFOGLIO RESUPINATO<br />

SERRADELLA<br />

TRIFOGLIO PRATENSE<br />

TRIFOGLIO BIANCO<br />

56 <strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

EPOCA DI SPIGATURA / FIORITURA<br />

INTERVALLI MEDI NORD ITALIA<br />

15 /4 20/4 25/4 30/4 05/5 10/5 15/5 20/5 25/5 30/5 05/6 10/6<br />

15 /4 20/4 25/4 30/4 05/5 10/5 15/5 20/5 25/5 30/5 05/6 10/6


Note<br />

SPRINT<br />

JAKO<br />

GIPSYL<br />

ANDREA<br />

MC LAREN<br />

MAGNUM<br />

LINOS<br />

EXCELLENT<br />

AUBADE<br />

EXTREM<br />

BARSUTRA<br />

BORMITRA<br />

BARTEMPO<br />

LOIESSA<br />

01/5 02/5 03/5 04/5 05/5 06/5 07/5 08/5 09/5 10/5 11/5 12/5 13/5 14/5 15/5 16/5 17/5 18/5 19/5 20/5 21/5 22/5 23/5 24/5 25/5<br />

<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong><br />

57


Note


<strong>Padana</strong> <strong>Sementi</strong> <strong>Elette</strong> s.r.l. - Via Vittorio Veneto, 85 _ 35019 Tombolo (PD) Italy<br />

Tel. +39 049 5969054 _ Fax +39 049 5969911 _ www.padanasementi.com _ e-ma<strong>il</strong>: info@padanasementi.com

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!