14.06.2013 Views

U n a s to ria d el N o v ecento : il R abbino Dario Disegni

U n a s to ria d el N o v ecento : il R abbino Dario Disegni

U n a s to ria d el N o v ecento : il R abbino Dario Disegni

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

La mostra nasce sot<strong>to</strong> <strong>il</strong> Patrocinio di<br />

Regione Piemonte<br />

Provincia di Torino<br />

Comune di Torino<br />

Unione d<strong>el</strong>le Comunità Ebraiche Italiane<br />

Si ringraziano le Istituzioni che hanno<br />

reso possib<strong>il</strong>e la realizzazione d<strong>el</strong>l’esposizione<br />

Regione Piemonte<br />

Comune di Torino<br />

Unione d<strong>el</strong>le Comunità Ebraiche Italiane<br />

Fondazione CRT<br />

Comunità Ebraica di Torino<br />

Fondazione Ebraica Marchese Cav. Gugli<strong>el</strong>mo De Levyv


Archivio B. e A.Terracini<br />

Comunità Ebraica di Torino Scuola Rabbinica Margulies <strong>Disegni</strong><br />

Una s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>:<br />

<strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

(1878 – 1967)<br />

a cura di<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion, Lucetta Levi Momigliano, Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci<br />

Torino<br />

10 dicembre 2008 – 30 gennaio 2009<br />

13 kislev 5769 – 5 shevat 5769


© 2008 - Copyright Archivio Ebraico B. e A. Terracini<br />

Si rimane a disposizione di eventuali deten<strong>to</strong>ri di diritti<br />

In copertina<br />

Le rovine d<strong>el</strong> Tempio ebraico di Torino distrut<strong>to</strong><br />

n<strong>el</strong> bombardamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> 20 novembre 1942.<br />

Prima funzione alla fi ne d<strong>el</strong>la guerra


Mostra a cura di<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion<br />

Lucetta Levi Momigliano<br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci<br />

Comita<strong>to</strong> Scientifi co<br />

Anna Bises Vitale<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion<br />

Giulio <strong>Disegni</strong><br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci<br />

Lia Mont<strong>el</strong> Tagliacozzo<br />

Rav Alber<strong>to</strong> Moshe Somekh<br />

Catalogo a cura di<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion<br />

Lucetta Levi Momigliano<br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci<br />

Contributi al Catalogo<br />

Rav Rober<strong>to</strong> Bonfi l<br />

Cristina Bonino Nascè<br />

Rav Luciano Caro<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion<br />

Valentina De Robertis<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

Giulio <strong>Disegni</strong><br />

Carlotta Ferrara degli Uberti<br />

Laura Gat<strong>to</strong> Monticone<br />

Fabio Levi<br />

Tullio Levi<br />

Lucetta Levi Momigliano<br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci<br />

Lia Mont<strong>el</strong> Tagliacozzo<br />

Ila<strong>ria</strong> Pavan<br />

Ori Sierra Lampronti<br />

Rav Alber<strong>to</strong> Moshe Somekh<br />

Ida Zat<strong>el</strong>li<br />

Editing d<strong>el</strong> catalogo<br />

Alterstudio snc - Novara<br />

Proget<strong>to</strong> espositivo e direzione<br />

d<strong>el</strong>l’allestimen<strong>to</strong><br />

Rober<strong>to</strong> Pagliero<br />

Proget<strong>to</strong> multimediale<br />

Riccardo Mazza<br />

Produzione audio e video<br />

R.M. Interactivesound S.r.l.<br />

Alber<strong>to</strong> De Stefani<br />

Matteo Bagnasacco<br />

Fo<strong>to</strong>grafi e<br />

Elvira Ton<strong>el</strong>li<br />

Franco Lovera<br />

Restauri<br />

La Fo<strong>to</strong>teca<br />

via Andrea da Faenza 3, Bologna<br />

Assicurazioni<br />

Agenzia Augusta Assicurazioni<br />

di Rosy Gaia Pane<br />

corso Marconi 24, Torino<br />

Presta<strong>to</strong>ri<br />

Fondazione Mario Lattes, Torino<br />

Archivio S<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>l’Università di<br />

Torino<br />

Si ringraziano:<br />

Famiglia <strong>Disegni</strong><br />

Centro Studi Piero Gobetti<br />

Fondazione Mario Lattes<br />

Ross<strong>el</strong>la Bottini Treves<br />

Paola Nova<strong>ria</strong><br />

Giorgio Poletti<br />

Stefania Taran<strong>to</strong><br />

Anna Tedesco<br />

Si ringraziano:<br />

i presta<strong>to</strong>ri privati alcuni dei quali<br />

hanno sc<strong>el</strong><strong>to</strong> di mantenere<br />

l’anonima<strong>to</strong><br />

l’Agenzia Augusta Assicurazioni<br />

di Rosy Gaia Pane<br />

corso Marconi 24, Torino


“Una s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>: <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> (1878-1967)” non è solo un<br />

catalogo che documenta la mostra dedicata al R<strong>abbino</strong>, ma un volume che la completa<br />

e la amplia.<br />

La mostra ricostruisce, attraverso la vita di una d<strong>el</strong>le fi gure più signifi cative d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

italiano, la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> di una comunità profondamente radicata n<strong>el</strong> terri<strong>to</strong>rio piemontese<br />

e non solo.<br />

Dall’Archivio fam<strong>il</strong>iare riordina<strong>to</strong>, provengono i documenti, gli oggetti, le fo<strong>to</strong>grafi e e<br />

le opere che hanno accompagna<strong>to</strong>, in un lungo percorso a cavallo tra due secoli, <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> e ne sono importante testimonianza che intreccia <strong>il</strong> soggettivo e affettivo vivere<br />

alla più oggettiva e razionale partecipazione agli eventi tragici d<strong>el</strong>la grande s<strong>to</strong><strong>ria</strong>. E<br />

contemporaneamente è anche <strong>il</strong> confron<strong>to</strong> tra l’uomo, lo studioso, <strong>il</strong> docente che vive <strong>il</strong><br />

proprio credo r<strong>el</strong>igioso con consapevolezza e n<strong>el</strong>la costante ricerca, attraverso le parole<br />

d<strong>el</strong>le Sacre Scritture, di un signifi ca<strong>to</strong> profondo da attribuire alla vita e all’impegno<br />

sociale, culturale, politico.<br />

Una vita, qu<strong>el</strong>la d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong>, costruita sui saldi principi che regolano la tradizionale<br />

vita fam<strong>il</strong>iare e plasmata dalla rigorosa formazione d<strong>el</strong>la scuola ebraica; l’esperienza<br />

terrib<strong>il</strong>e e devastante d<strong>el</strong>le guerre e la tragedia d<strong>el</strong>l’olocaus<strong>to</strong> rafforzeranno <strong>il</strong> suo impegno<br />

n<strong>el</strong>la ricostruzione di una società fondata sui valori fondamentali d<strong>el</strong>l’uguaglianza, d<strong>el</strong>la<br />

<strong>to</strong>lleranza dei diritti.<br />

Il suo esempio è la migliore forma di insegnamen<strong>to</strong> e di trasmissione di quei valori.<br />

La mostra in tal senso offre importanti momenti di rifl essione e di analisi in particolare<br />

per le giovani generazioni che si trovano a vivere un periodo s<strong>to</strong>rico particolarmente<br />

diffi c<strong>il</strong>e e confuso.<br />

7<br />

Gianni Oliva<br />

Regione Piemonte<br />

Assessora<strong>to</strong> alla Cultura, Patrimonio linguistico<br />

e minoranze linguistiche, Politiche giovan<strong>il</strong>i,<br />

Museo Regionale di Scienze naturali


La Fondazione Cassa di Risparmio di Torino ha assicura<strong>to</strong> <strong>il</strong> proprio sostegno alla<br />

realizzazione d<strong>el</strong>la mostra dedicata al R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, un momen<strong>to</strong> espositivo<br />

che certamente contribuirà a garantire adeguata memo<strong>ria</strong> ad una fi gura r<strong>il</strong>evante n<strong>el</strong>la<br />

s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano tra le due guerre, ad un testimone emblematico d<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>.<br />

Riteniamo di grande importanza mantenere viva la rifl essione sui diritti civ<strong>il</strong>i, <strong>il</strong><br />

ricordo degli orrori d<strong>el</strong>la guerra, la condivisione dei valori fondamentali d<strong>el</strong>l’uguaglianza.<br />

Nonostante <strong>il</strong> passare degli anni, la memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>l’Olocaus<strong>to</strong> deve mantenersi intatta per<br />

evitare che sim<strong>il</strong>i avvenimenti si possano ripetere: ancora più lodevole è per noi questa<br />

mostra proprio n<strong>el</strong> suo proporsi quale strumen<strong>to</strong> didascalico, priv<strong>il</strong>egiando come proprio<br />

pubblico gli allievi d<strong>el</strong>le scuole di vario ordine e grado.<br />

Ringraziamo l’Archivio Ebraico Terracini di Torino che, con la Comunità Ebraica di<br />

Torino e la Scuola Rabbinica Margulies-<strong>Disegni</strong>, fondata dal R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>, hanno reso<br />

possib<strong>il</strong>e ques<strong>to</strong> interessante avvenimen<strong>to</strong> s<strong>to</strong>rico e culturale.<br />

8<br />

Andrea Comba<br />

Presidente Fondazione CRT


Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> lasciò la Cattedra Rabbinica di Torino n<strong>el</strong> 1959, quando io avevo<br />

20 anni; posso quindi dire che egli è sta<strong>to</strong> <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la mia Comunità negli anni d<strong>el</strong>la<br />

mia infanzia e d<strong>el</strong>la mia giovinezza: <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>il</strong> cui insegnamen<strong>to</strong>, uni<strong>to</strong> a qu<strong>el</strong>lo dei<br />

miei geni<strong>to</strong>ri, a qu<strong>el</strong>lo d<strong>el</strong>la scuola ebraica e alla frequentazione dei movimenti giovan<strong>il</strong>i<br />

(CGE e FGEI), ha plasma<strong>to</strong> la mia coscienza ebraica.<br />

Conservo, per gli anni d<strong>el</strong>la scuola ebraica, ricordi mol<strong>to</strong> nitidi di Rav <strong>Disegni</strong>: entrava<br />

in classe, tutti scattavamo sull’attenti, n<strong>el</strong>l’aula scendeva un assolu<strong>to</strong> s<strong>il</strong>enzio, si sedeva alla<br />

cattedra e, in una atmosfera di timore reverenziale che coinvolgeva alunni ed insegnante,<br />

procedeva alle interrogazioni e alla verifi ca d<strong>el</strong>la nostra padronanza n<strong>el</strong>la lettura di brani<br />

d<strong>el</strong> siddur d<strong>el</strong>le tefi lloth. E se, terminata la sua visita, la classe aveva fat<strong>to</strong> una “buona<br />

fi gura” tutti “tiravamo un sospiro di sollievo”: l’insegnante in primis. Qu<strong>el</strong>la di Rav<br />

<strong>Disegni</strong> n<strong>el</strong>la scuola, era di fat<strong>to</strong> una presenza costante, perché n<strong>el</strong>la scuola egli aveva<br />

la sua abitazione: salite le scale d<strong>el</strong> vecchio edifi cio di via Sant’Ans<strong>el</strong>mo 7, si giungeva<br />

al primo piano; a destra c’era l’abitazione di Rav <strong>Disegni</strong>, a sinistra si snodava un lungo<br />

corridoio con tutte le nostre aule.<br />

Per quan<strong>to</strong> mi concerne, <strong>il</strong> timore reverenziale non era cer<strong>to</strong> mitiga<strong>to</strong> dalla frequentazione<br />

famigliare che derivava dai tempi in cui Rav <strong>Disegni</strong> aveva ricoper<strong>to</strong> la cattedra<br />

rabbinica di Genova di cui mio nonno paterno, Dona<strong>to</strong>, era hazan onorario e soprattut<strong>to</strong><br />

dalla stretta parent<strong>el</strong>a esistente tra la mia nonna materna, Ad<strong>el</strong>e ed Elvira sua moglie.<br />

Col passare degli anni, a qu<strong>el</strong> sentimen<strong>to</strong>, si sostituì via via la presa di coscienza<br />

di essere in presenza di un maestro dalle doti non comuni, capace di trasmettere un<br />

insegnamen<strong>to</strong> che non derivava solo da ciò che egli diceva, ma anche ed ancor più,<br />

da ciò che egli faceva.<br />

Non si poteva cer<strong>to</strong> rimanere indifferenti di fronte ad un uomo universalmente<br />

rispetta<strong>to</strong> e di cui si conosceva la grande au<strong>to</strong>revolezza in campo rabbinico, la profonda<br />

cultura umanistica, la dedizione <strong>to</strong>tale alla causa d<strong>el</strong>l’ebraismo e d<strong>el</strong>la sua comunità,<br />

l’attenzione per ciascun membro d<strong>el</strong>la stessa e per i suoi problemi, la ferrea determinazione<br />

n<strong>el</strong> perseguire gli obiettivi che si poneva: fossero qu<strong>el</strong>li di gestire una scuola capace<br />

di formare nuovi rabbini, fossero qu<strong>el</strong>li di realizzare la nuova traduzione d<strong>el</strong>l’intero<br />

tanach, fossero qu<strong>el</strong>li di redigere machazorim di agevole ut<strong>il</strong>izzo per tutte le circostanze<br />

d<strong>el</strong> calendario ebraico.<br />

Ma ciò che più rimane in me d<strong>el</strong> suo insegnamen<strong>to</strong> è una concezione d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

in cui convivono con pari dignità forma e sostanza, prassi ed etica: un ebraismo dal<br />

vol<strong>to</strong> umano che cerca di avvicinare e che tende la mano a coloro che lo chiedono;<br />

era una concezione che si coniugava e si integrava perfettamente con gli ideali di<br />

democrazia, di antifascismo e di impegno civ<strong>il</strong>e che, in quegli anni d<strong>el</strong> dopoguerra,<br />

condividevamo con le tante componenti d<strong>el</strong> mondo giovan<strong>il</strong>e con cui intrattenevamo<br />

intensi e profi cui rapporti.<br />

9


Ben venga dunque questa mostra che rappresenta un’occasione ecc<strong>el</strong>lente per<br />

ripercorrere la vita di un uomo, testimone ed at<strong>to</strong>re di un’epoca s<strong>to</strong>rica travagliata e<br />

contraddit<strong>to</strong><strong>ria</strong> che si snoda attraverso anni di tragedie e di grandi speranze: un uomo che,<br />

in campo ebraico, ha segna<strong>to</strong> col suo insegnamen<strong>to</strong> e con le sue opere un lungo trat<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong> ventesimo secolo e che ha lascia<strong>to</strong> all’ebraismo italiano un’eredità importante che,<br />

mi auguro, possa non andare dispersa.<br />

10<br />

Tullio Levi<br />

Presidente Comunità Ebraica Torino


Una fi gura rabbinica d<strong>el</strong> suo tempo, immersa in una società particolarmente diffi c<strong>il</strong>e<br />

che attraversa periodi drammatici, ma che anche nei momenti più tranqu<strong>il</strong>li ha dovu<strong>to</strong><br />

fare i conti con istanze comunitarie contrastanti, superate seguendo una sua costante linea<br />

comportamentale sancita da principi ebraici ben defi niti.<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion osserva che, ad esclusione di poche eccezioni, manca una ricerca<br />

sistematica sui Rabbini italiani e l’Archivio Terracini con questa sua proposta espositiva<br />

ed i r<strong>el</strong>ativi <strong>el</strong>aborati, si augura di aver da<strong>to</strong> un contribu<strong>to</strong> ad un approccio s<strong>to</strong>rico ut<strong>il</strong>e<br />

per ulteriori approfondimenti.<br />

L’Archivio Terracini è impegna<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la raccolta e n<strong>el</strong>l’ut<strong>il</strong>izzazione di documenti che<br />

riguardano in particolare <strong>il</strong> mondo ebraico piemontese ed è convin<strong>to</strong> che questa mostra<br />

possa contribuire al raggiungimen<strong>to</strong> di questi suoi scopi. Siamo specialmente grati alla<br />

Famiglia <strong>Disegni</strong> per averci assegna<strong>to</strong> <strong>il</strong> fondo personale d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> z.l. Si tratta<br />

di mate<strong>ria</strong>le di grande ut<strong>il</strong>ità per <strong>il</strong> completamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la documentazione s<strong>to</strong>rica d<strong>el</strong>la<br />

Comunità ebraica di Torino n<strong>el</strong> ’900. Apprezziamo che i pronipoti <strong>Disegni</strong>, Benedetta e<br />

Simone, si siano impegnati per recuperare le carte dai vari luoghi famigliari dove erano<br />

conservate e per aver da<strong>to</strong> loro una prima sistemazione.<br />

La sede d<strong>el</strong>la mostra, n<strong>el</strong> deambula<strong>to</strong>rio d<strong>el</strong> tempio piccolo, è sembrata <strong>il</strong> luogo più<br />

adat<strong>to</strong> per ricreare <strong>il</strong> legame tra la sinagoga e l’attività rabbinica. Il percorso espositivo<br />

è organizza<strong>to</strong> da Rober<strong>to</strong> Pagliero e Riccardo Mazza tramite un suggestivo allestimen<strong>to</strong><br />

completa<strong>to</strong> da un suppor<strong>to</strong> multimediale ut<strong>il</strong>e a contestualizzare <strong>il</strong> mate<strong>ria</strong>le espos<strong>to</strong>.<br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci e Lucetta Levi Momigliano, hanno segui<strong>to</strong> con particolare<br />

partecipazione la biografi a di questa personalità. Lo hanno segui<strong>to</strong> n<strong>el</strong> suo dolore per la<br />

perdita d<strong>el</strong>l’amata fi glia e d<strong>el</strong>la nipotina nei Lager. Lo hanno segui<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la particolare<br />

raccolta dei suoi discorsi, scritti a mano su caratteristici car<strong>to</strong>ni spessi e legati a mano.<br />

Lo hanno segui<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la sua insistenza a sot<strong>to</strong>lineare <strong>il</strong> legame tra le festività ebraiche e<br />

la natura n<strong>el</strong> volgere d<strong>el</strong>le stagioni. L’attenzione su queste e altre particolarità d<strong>el</strong> nostro<br />

R<strong>abbino</strong> hanno contribui<strong>to</strong> a renderlo particolarmente reale e vicino.<br />

Approfondimenti su sva<strong>ria</strong>te tematiche ci vengono forniti dal catalogo n<strong>el</strong> quale le<br />

<strong>il</strong>lustrazioni sono corredate da numerosi testi redazionali. Giulio <strong>Disegni</strong> in un’ampia<br />

biografi a d<strong>el</strong> nonno, mentre Alber<strong>to</strong> Cavaglion, n<strong>el</strong> primo dei suoi interventi, esamina la<br />

fi gura di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> n<strong>el</strong>l’ambi<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’ebraismo, iniziando la descrizione con un aneddo<strong>to</strong><br />

che sot<strong>to</strong>linea la sua repulsione per ogni forma di idolat<strong>ria</strong>.<br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci analizza i documenti dai quali è stata tratta la mostra. Parte<br />

dei documenti provengono dal fondo deposita<strong>to</strong> presso l’Archivio Terracini dalla Comunità<br />

Ebraica di Torino, parte provengono dal fondo priva<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la Famiglia <strong>Disegni</strong>, altri ancora<br />

sono stati reperiti presso Enti pubblici e presso privati.<br />

Troviamo di particolare interesse n<strong>el</strong>la ricerca di Ila<strong>ria</strong> Pavan, l’osservazione di<br />

quan<strong>to</strong> fosse diffusa n<strong>el</strong>la Prima Guerra Mondiale la volontà d<strong>el</strong>la popolazione ebraica<br />

11


di partecipare ad una guerra che esaltava <strong>il</strong> patriottismo e al tempo stesso prometteva<br />

modernità, parità di diritti, giustizia. Troviamo per la prima volta in Italia i rabbini<br />

con funzione di capp<strong>el</strong>lani m<strong>il</strong>itari e ancora osserviamo che la volontà di integrazione<br />

determinava in molti m<strong>il</strong>itari la mancata denuncia d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> fede isra<strong>el</strong>itica. Troviamo<br />

altresì <strong>il</strong> tentativo da parte di alcuni capp<strong>el</strong>lani cat<strong>to</strong>lici di convertire al cat<strong>to</strong>licesimo<br />

ebrei ospedalizzati.<br />

Laura Gat<strong>to</strong> Monticone ci offre una visione d<strong>el</strong> fronte d<strong>el</strong>la Prima Guerra Mondiale<br />

e mette a disposizione d<strong>el</strong>la mostra le interessanti carte d<strong>el</strong> Capp<strong>el</strong>lano m<strong>il</strong>itare<br />

Bar<strong>to</strong>lomasi.<br />

Carlotta Ferrara degli Uberti <strong>il</strong>lustra l’importanza sempre maggiore d<strong>el</strong>l’ambiente<br />

famigliare n<strong>el</strong> determinare la conservazione d<strong>el</strong>l’ebraismo n<strong>el</strong> momenti in cui gli ebrei<br />

«furono chiamati a ridefi nire <strong>il</strong> senso d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> ebraicità in modo che non entrasse in<br />

confl it<strong>to</strong> con le aspirazioni di pieno inserimen<strong>to</strong> n<strong>el</strong> nuovo contes<strong>to</strong> politico-culturale».<br />

In effetti la tenuta d<strong>el</strong>l’università ebraica era minata dall’ideologia sempre più diffusa<br />

d<strong>el</strong>l’“ebreo in casa e cittadino fuori”.<br />

Fabio Levi affronta lo spinoso e lacerante contras<strong>to</strong> all’interno d<strong>el</strong>le Comunità tra<br />

adesione e consenso al fascismo, rafforza<strong>to</strong> dalla legge d<strong>el</strong> ’30, per la quale gli ebrei erano,<br />

tra l’altro, indissolub<strong>il</strong>mente iscritti alle Comunità di residenza a meno di fare abiura<br />

d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> appartenenza r<strong>el</strong>igiosa. È da sot<strong>to</strong>lineare che incont<strong>ria</strong>mo proprio a Torino<br />

un contras<strong>to</strong> forte tra un consistente gruppo di giovani ebrei che svolgeva una precoce<br />

attività antifascista ben prima d<strong>el</strong>l’avven<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le leggi razziali e n<strong>el</strong> periodo d<strong>el</strong> massimo<br />

consenso al regime. In senso oppos<strong>to</strong> <strong>il</strong> movimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la “Nostra Bandiera”, sempre a<br />

Torino, aderì in modo incondiziona<strong>to</strong> al fascismo anche nei periodi di maggior violenza<br />

antisemita, fi nché si compì <strong>il</strong> dramma di alcuni suoi membri trucidati dai nazisti in una<br />

d<strong>el</strong>le prime stragi perpetrate in Italia.<br />

Fabio Levi affronta anche <strong>il</strong> tema d<strong>el</strong>le diffi coltà incontrate al termine d<strong>el</strong>la Seconda<br />

Guerra Mondiale: la faticosa rinascita d<strong>el</strong>le Comunità ebraiche, la ricerca affannosa di<br />

parenti e amici mancanti, <strong>il</strong> recupero di abitazioni e beni sovente distrutti, confi scati o<br />

rubati, <strong>il</strong> recupero d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> attività lavorativa, i posti di lavoro sovente occupati da<br />

altri. Ma la fi ducia n<strong>el</strong> futuro degli ebrei, che si sentivano traditi dal mondo intero, era<br />

determinata dalla nascita d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> di Isra<strong>el</strong>e. È mutata da allora in maniera irreversib<strong>il</strong>e<br />

la considerazione d<strong>el</strong> mondo intero nei confronti degli ebrei. Ed è mutata anche la<br />

considerazione degli ebrei verso sé stessi.<br />

Rav Alber<strong>to</strong> Somekh <strong>il</strong>lustra l’impegno d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> per la didattica e in<br />

particolare per la Scuola Rabbinica frequentata da allievi provenienti sia dall’Italia che<br />

da altri Paesi di area mediterranea. Rav Rober<strong>to</strong> Bonfi l ci consegna una vivida memo<strong>ria</strong><br />

personale d<strong>el</strong>la sua esperienza di allievo d<strong>el</strong>la Scuola Rabbinica S. H. Margulies<br />

Ori Sierra Lampronti offre una panoramica d<strong>el</strong>le principali festività ebraiche<br />

12


solennizzate, secondo la tradizione ebraica, sia in sinagoga che n<strong>el</strong> priva<strong>to</strong> ambi<strong>to</strong><br />

famigliare.<br />

Gli oggetti esposti contribuiscono alla comprensione d<strong>el</strong> vissu<strong>to</strong> quotidiano in cui sono<br />

inseriti gli eventi s<strong>to</strong>rici e Lucetta Levi Momigliano, attraverso la schedatura ragionata<br />

degli oggetti ne evidenzia l’uso e <strong>il</strong> signifi ca<strong>to</strong>.<br />

L’opera di traduzione d<strong>el</strong>la Bibbia, realizzata dal R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> è stata <strong>il</strong>lustrata da<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion, Paolo De Benedetti, Rav Alber<strong>to</strong> Somekh e Ida Zat<strong>el</strong>li in occasione<br />

di un apposi<strong>to</strong> convegno tenu<strong>to</strong>si lo scorso anno. Recentemente ne sono stati pubblicati<br />

gli atti.<br />

Ci augu<strong>ria</strong>mo che la mostra raggiunga lo scopo di <strong>il</strong>lustrare in modo adegua<strong>to</strong> la<br />

personalità d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> z.l. con le sue istanze inserite in un mondo<br />

complesso sogget<strong>to</strong> ad involuzioni ed evoluzioni epocali.<br />

Un ringraziamen<strong>to</strong> caloroso alle numerosissime persone che con autentico spiri<strong>to</strong> di<br />

collaborazione hanno presta<strong>to</strong> la prop<strong>ria</strong> attività per <strong>il</strong> raggiungimen<strong>to</strong> di un obiettivo<br />

piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> complesso: Alber<strong>to</strong> Cavaglion, Cristina Bonino Nascè, Laura Gat<strong>to</strong> Monticone,<br />

Carlotta Ferrara degli Uberti, Fabio Levi, Ila<strong>ria</strong> Pavan, Ori Sierra Lampronti, Ida<br />

Zat<strong>el</strong>li.<br />

Ringraziamo Riccardo Mazza e Rober<strong>to</strong> Pagliero, e ancora Ross<strong>el</strong>la Bottini Treves,<br />

Ma<strong>ria</strong> Cristina Colli, Franco Lovera, Giorgio Poletti, Valentina de Robertis, Anna<br />

Tedesco, Elvira Ton<strong>el</strong>li.<br />

Il nostro particolare ringraziamen<strong>to</strong> va a coloro che ci hanno fat<strong>to</strong> omaggio d<strong>el</strong><br />

loro appor<strong>to</strong> professionale. Oltre a Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci e Lucetta Levi Momigliano,<br />

sot<strong>to</strong>lineiamo l’appor<strong>to</strong> di Anna Bises Vitale, Rav Rober<strong>to</strong> Bonfi l, Paolo De Benedetti,<br />

Giulio <strong>Disegni</strong>, Dani<strong>el</strong>a Levi, Rav Alber<strong>to</strong> Somekh.<br />

La realizzazione sia d<strong>el</strong> convegno che d<strong>el</strong>la mostra è stata possib<strong>il</strong>e grazie alle Istituzioni<br />

e agli Enti che hanno valuta<strong>to</strong> positivamente <strong>il</strong> nostro proget<strong>to</strong> e ci hanno forni<strong>to</strong> <strong>il</strong> loro<br />

fondamentale sostegno: la Regione Piemonte, <strong>il</strong> Comune di Torino, l’UCEI, la Fondazione<br />

C.R.T., la Comunità ebraica di Torino, la Fondazione Marchese De Levy, la Scuola<br />

Rabbinica Margulies <strong>Disegni</strong>.<br />

13<br />

Lia Mont<strong>el</strong> Tagliacozzo<br />

Presidente Archivio Ebraico B. e A. Terracini


Il percorso che si snoda n<strong>el</strong>la galle<strong>ria</strong> in<strong>to</strong>rno al Tempio piccolo d<strong>el</strong>la Comunità<br />

di Torino, dedica<strong>to</strong> in ques<strong>to</strong> ultimo scorcio d<strong>el</strong> 2008 e nei primi mesi d<strong>el</strong> 2009 alla<br />

presentazione di “una s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>”, qu<strong>el</strong>la d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> z.l. che<br />

ques<strong>to</strong> secolo ha attraversa<strong>to</strong>, non può essere defi ni<strong>to</strong> con <strong>il</strong> consue<strong>to</strong> nome di “mostra”.<br />

Nulla di più distante si potrebbe infatti immaginare n<strong>el</strong>la complessa personalità di<br />

Rav <strong>Disegni</strong> – di grande au<strong>to</strong>revolezza e austerità, ma anche di straordina<strong>ria</strong> umanità<br />

– di una qualsivoglia inclinazione a “mostrare” o a “esibire”. D<strong>el</strong> res<strong>to</strong>, la tradizione<br />

ebraica ci insegna che, quando intendiamo ricordare Coloro che non sono più tra noi,<br />

lo facciamo attraverso un “limmud”, uno studio che ci stimoli a una profonda e intima<br />

rifl essione e che ci sia di ammaestramen<strong>to</strong> e di guida n<strong>el</strong> nostro agire come individui<br />

e come membri d<strong>el</strong>la società.<br />

Ecco allora che ripercorrere l’esemplare vicenda umana di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> z.l. signifi ca<br />

r<strong>il</strong>eggere con l’aus<strong>il</strong>io di queste lenti la vicenda d<strong>el</strong>l’Ebraismo italiano tra l’ultimo<br />

ventennio d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> e la fi ne degli anni Sessanta d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> e rifl ettere su<br />

quasi un secolo caratterizza<strong>to</strong> da avvenimenti straordinari e terrib<strong>il</strong>i che hanno segna<strong>to</strong><br />

<strong>il</strong> corso d<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong>.<br />

Na<strong>to</strong> a Firenze n<strong>el</strong> 1878 e scomparso quasi novantenne a Torino n<strong>el</strong> 1967, fu R<strong>abbino</strong><br />

a Torino, Genova, Verona, ma anche Tripoli e Bucarest; Maestro di intere generazioni<br />

di Rabbini che ricoprirono a loro volta cattedre rabbiniche in tutta Italia; studioso e<br />

promo<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>la grande traduzione italiana d<strong>el</strong>la Bibbia. Ma fu anche Sposo, Padre e<br />

Nonno affettuoso di una grande famiglia, funestata dalla tragedia d<strong>el</strong>la deportazione ad<br />

Auschwitz d<strong>el</strong>la fi glia primogenita Annetta e d<strong>el</strong>la nipotina di appena 8 anni Siss<strong>el</strong>,<br />

scomparse n<strong>el</strong>l’abisso subi<strong>to</strong> dopo <strong>il</strong> loro arrivo in qu<strong>el</strong> campo di morte.<br />

N<strong>el</strong>la Sua lunga vita attraversò la prima guerra mondiale (in cui fu capp<strong>el</strong>lano<br />

m<strong>il</strong>itare), la tragedia d<strong>el</strong>le leggi razziali d<strong>el</strong> 1938 e d<strong>el</strong>la Shoà, la ricostruzione d<strong>el</strong>le<br />

Comunità ebraiche dopo i lutti e le distruzioni d<strong>el</strong>la seconda guerra mondiale n<strong>el</strong>la<br />

nuova fase aperta dalla nascita d<strong>el</strong>la Repubblica e dai due eventi che n<strong>el</strong> 1948 ridavano<br />

una nuova prospettiva e una nuova speranza agli Ebrei italiani: la promulgazione d<strong>el</strong>la<br />

Costituzione repubblicana, che sanciva l’eguaglianza di tutti i cittadini e di tutti i culti, e<br />

la nascita d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> d’Isra<strong>el</strong>e, una casa a disposizione di tutti gli Ebrei d<strong>el</strong> mondo dopo<br />

quasi due m<strong>il</strong>lenni di es<strong>il</strong>io e di persecuzioni.<br />

Il percorso quindi che viene offer<strong>to</strong> ai visita<strong>to</strong>ri, Ebrei e non Ebrei, è un invi<strong>to</strong> alla<br />

rifl essione su qu<strong>el</strong>le vicende e qu<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> e all’impegno che vi è sotteso ad operare n<strong>el</strong>la<br />

nostra vita con comportamenti sempre ispirati ad eticità e tendenti alla realizzazione di<br />

una società più libera e più giusta.<br />

A nome di tutta la famiglia di Rav <strong>Disegni</strong> z.l. e mio personale, desidero esprimere i<br />

sensi d<strong>el</strong>la più sincera gratitudine all’Archivio Ebraico Benvenu<strong>to</strong> e Alessandro Terracini<br />

e alla sua Presidente Lia Mont<strong>el</strong> Tagliacozzo, che – in collaborazione con la Comunità<br />

15


Ebraica di Torino e la Fondazione Scuola Rabbinica Margulies <strong>Disegni</strong> – ha promosso<br />

questa importante manifestazione. Un ringraziamen<strong>to</strong> particolarmente senti<strong>to</strong> e affettuoso<br />

rivolgo alle due curatrici Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci e Lucetta Levi Momigliano che, con<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion, hanno lavora<strong>to</strong> con straordina<strong>ria</strong> passione e con la loro ben nota<br />

professionalità a questa avventura diffi c<strong>il</strong>e ma entusiasmante. Con loro ringrazio tutti<br />

coloro che hanno collabora<strong>to</strong> con impegno e dedizione alle diverse fasi d<strong>el</strong> lavoro e gli Enti,<br />

pubblici e privati, senza <strong>il</strong> cui sostegno l’iniziativa non si sarebbe potuta realizzare.<br />

16<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>


Rievocare la fi gura di Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> a distanza di molti anni dalla sua scomparsa è<br />

per me motivo di commozione. Vi sono infatti ricordi che non sbiadiscono col tempo. Rav<br />

<strong>Disegni</strong> ha lascia<strong>to</strong> un ricordo che rimane vivo n<strong>el</strong>le Comunità ove ha opera<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la sua<br />

lunga carriera rabbinica. La sua memo<strong>ria</strong> è perpetuata n<strong>el</strong>le opere di divulgazione d<strong>el</strong> pensiero<br />

ebraico, in primo luogo attraverso la traduzione di opere fondamentali quali <strong>il</strong> tes<strong>to</strong> biblico e<br />

<strong>il</strong> Mahazor (formulario liturgico). Ma i suoi insegnamenti continuano soprattut<strong>to</strong> per mezzo<br />

dei numerosissimi discepoli che ha “coltiva<strong>to</strong>” e degli allievi degli allievi.<br />

Qualunque rievocazione d<strong>el</strong>la vita d<strong>el</strong> maestro non riuscerebbe a dare un quadro esauriente<br />

d<strong>el</strong>la sua personalità multiforme. La sua attività al servizio d<strong>el</strong>l’ebraismo, peraltro non sempre<br />

capita e talvolta non suffi cientemente apprezzata , è stata condotta con determinazione,<br />

coerenza ed entusiasmo e ha lascia<strong>to</strong> una traccia profonda n<strong>el</strong>la vita d<strong>el</strong>le nostre comunità.<br />

La mia personalità ebraica si è forgiata attraverso la fi gura d<strong>el</strong> maestro fi n dal primo<br />

incontro, allorché, a pochi mesi dalla fi ne d<strong>el</strong>la guerra, nei locali di via Lombroso,<br />

allora adibiti a Beth Hakeneseth provvisorio, chiese a Rav Laras e a me giovinetti un po’<br />

sprovveduti e ancora sbigottiti da quan<strong>to</strong> era capita<strong>to</strong> n<strong>el</strong> corso d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>, se eravamo<br />

disposti a frequentare un corso prepara<strong>to</strong>rio alla Scuola Rabbinica. Abbiamo rispos<strong>to</strong><br />

affermativamente probab<strong>il</strong>mente senza renderci con<strong>to</strong> di che cosa si trattasse, ma di questa<br />

risposta non mi sono mai penti<strong>to</strong>. Ha avu<strong>to</strong> così inizio un percorso n<strong>el</strong> quale la fi gura di<br />

Rav <strong>Disegni</strong> è sempre stata dominante.<br />

Ho vissu<strong>to</strong> l’adolescenza e la giovinezza all’ombra d<strong>el</strong> Maestro e talvolta, ancora oggi,<br />

dovendo affrontare situazioni speciali mi sorprendo a domandarmi come questi avrebbe agi<strong>to</strong>.<br />

A decenni dalla scomparsa, a fronte di profonde modifi cazioni che hanno interessa<strong>to</strong> <strong>il</strong><br />

mondo comunitario ebraico, sono in pochi quanti si rendono con<strong>to</strong> di quan<strong>to</strong> l’ebraismo italiano<br />

sia debi<strong>to</strong>re a ques<strong>to</strong> personaggio la cui attività condotta al di fuori di gesti eclatanti, ha lascia<strong>to</strong><br />

una traccia profonda in chi l’ha conosciu<strong>to</strong> e indirettamente n<strong>el</strong>le generazioni successive.<br />

Un set<strong>to</strong>re non secondario d<strong>el</strong>la sua attività è sta<strong>to</strong>, come s’è det<strong>to</strong>, qu<strong>el</strong>lo d<strong>el</strong>l’opera<br />

di divulgazione di testi fondamentali n<strong>el</strong> set<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>la sua liturgia. Formulari liturgici con<br />

traduzioni e note esplicative tut<strong>to</strong>ra in uso in varie Comunità e Sinagoghe contribuiscono<br />

ad avvicinare alla comprensione d<strong>el</strong> variega<strong>to</strong> mondo d<strong>el</strong>la preghiera chi non ha<br />

dimestichezza con la lingua ebraica.<br />

Ma particolare importanza è unanimamente attribuita all’iniziativa di pubblicare <strong>il</strong><br />

tes<strong>to</strong> biblico con una moderna traduzione italiana, corredata da brevi note.<br />

Si tratta di un opera di cui, a distanza di circa un secolo dalla traduzione ad opera di<br />

Shemu<strong>el</strong> David Luzzat<strong>to</strong>, si sentiva partcolarmente la necessità. A ques<strong>to</strong> scopo <strong>il</strong> nostro<br />

Maestro si è avvalso d<strong>el</strong>la collaborazione di <strong>il</strong>lustri rabbini.<br />

Dando vita a questa iniziativa Rav <strong>Disegni</strong> che aveva supera<strong>to</strong> gli 80 anni di età, si<br />

proponeva di «contribuire a una migliore conoscenza degli eterni valori d<strong>el</strong>la tradizione<br />

di Isra<strong>el</strong>e». Per realizzare l’opera che si presenta in 4 volumi (l’ultimo è sta<strong>to</strong> pubblica<strong>to</strong><br />

17


dopo la scomparsa d<strong>el</strong> maestro) è sta<strong>to</strong> necessario superare molteplici diffi coltà di carattere<br />

economico e organizzativo, ma anche in ques<strong>to</strong> caso Rav <strong>Disegni</strong> ha da<strong>to</strong> prova di<br />

coraggio e baldanza giovan<strong>il</strong>e impegnandosi in una impresa che avrebbe spaventa<strong>to</strong><br />

persone mol<strong>to</strong> più giovani.<br />

L’opera, apprezzata da cul<strong>to</strong>ri di studi ebraici ebrei e non ebrei, è tut<strong>to</strong>ra in uso n<strong>el</strong>le<br />

scuole e n<strong>el</strong>le sinagoghe riempendo un vuo<strong>to</strong> da molti percepi<strong>to</strong>.<br />

Per questa iniziativa ho avu<strong>to</strong> <strong>il</strong> priv<strong>il</strong>egio di essere vicino al Maestro collaborando con le<br />

mie modeste forze di giovane R<strong>abbino</strong> piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> inesper<strong>to</strong> in mate<strong>ria</strong> di redazione e ho avu<strong>to</strong><br />

modo di apprezzare ancora una volta i tratti d<strong>el</strong> suo carattere irruente e coraggioso.<br />

Allorché aveva deciso di impegnarsi in una iniziativa, Rav <strong>Disegni</strong> vi si buttava<br />

incurante d<strong>el</strong>le diffi coltà. Sopportava di malanimo l’occuparsi di problemi che potevano<br />

procrastinarne la realizzazione. Aveva proprio una idiosincrasia (era <strong>il</strong> termine da lui<br />

usa<strong>to</strong>) per la correzione d<strong>el</strong>le bozze. Ricordo le animate discussioni con la Signora Eugenia<br />

Marietti (coordinatrice d<strong>el</strong>l’omonima casa editrice) allorché, in occasione di viaggi a<br />

Casale Monferra<strong>to</strong> (allora sede d<strong>el</strong>la tipografi a) sostenevamo la necessità di rivedere i testi e<br />

uniformare la traduzione di termini ricorrenti e l’ampiezza d<strong>el</strong>le note esplicative.<br />

Ma anche la Signora Eugenia era affascinata dal personaggio e sosteneva che se non<br />

fosse sta<strong>to</strong> per Rav <strong>Disegni</strong>, non si sarebbe imbarcata in una sim<strong>il</strong>e iniziativa.<br />

Non si dimentichi che allora non esistevano gli attuali sistemi au<strong>to</strong>matici di correzione<br />

or<strong>to</strong>grafi ca e che i collabora<strong>to</strong>ri erano residenti in località diverse in un periodo in cui le<br />

comunicazioni non erano rapide come oggi.<br />

Ma Rav <strong>Disegni</strong> era impaziente e ci metteva fretta dissimulando <strong>il</strong> compiacimen<strong>to</strong> per<br />

<strong>il</strong> nostro desiderio di realizzare un’opera <strong>il</strong> più corretta possib<strong>il</strong>e.<br />

“Haamidu taimidim harbè” (allevate molti discepoli) è sta<strong>to</strong> <strong>il</strong> mot<strong>to</strong> che ha segna<strong>to</strong><br />

tutta l’esistenza di Rav <strong>Disegni</strong>, che, instancab<strong>il</strong>e si è dedica<strong>to</strong> alla continua ricerca di<br />

discepoli su cui riversare <strong>il</strong> suo sapere, <strong>il</strong> suo affet<strong>to</strong> e la speranza per <strong>il</strong> futuro. Non era<br />

un uomo fac<strong>il</strong>e Rav <strong>Disegni</strong>; <strong>il</strong> suo carattere talvolta poteva apparire burbero ma con gli<br />

allievi ha sempre mostra<strong>to</strong> una sensib<strong>il</strong>ità fuori dall’ordinario cercando di venire incontro<br />

alle loro esigenze con sentimen<strong>to</strong> paterno e tanta pazienza. Ricordo che, allorché qualcuno<br />

di noi, n<strong>el</strong> corso d<strong>el</strong>la settimana aveva da<strong>to</strong> qualche segno di irrequietezza o avesse tarda<strong>to</strong><br />

a presentarsi alle Tefi llot (lui era sempre <strong>il</strong> primo ad arrivare!) la “punizione” consisteva<br />

generalmente n<strong>el</strong> simulare di sottrarsi nei confronti d<strong>el</strong> “colpevole” al ri<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la Berachà<br />

che era soli<strong>to</strong> impartirci dopo la funzione d<strong>el</strong> Venerdì sera.<br />

Era un ges<strong>to</strong> mol<strong>to</strong> temu<strong>to</strong> da noi allievi, ma avevamo la precisa sensazione che la<br />

cosa dispiacesse anche a lui.<br />

Un trat<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la sua personalità che mi piace sot<strong>to</strong>lineare è la grande saggezza e la<br />

modestia d<strong>el</strong> suo agire.<br />

18


Preso com’era dai vari impegni r<strong>el</strong>ativi alla sua carica di R<strong>abbino</strong> Capo, sosteneva<br />

di non avere sempre la possib<strong>il</strong>ità di prepararsi adeguatamente all’insegnamen<strong>to</strong> di certe<br />

materie. Per ques<strong>to</strong> si metteva alla ricerca dei più valenti insegnanti dei vari set<strong>to</strong>ri d<strong>el</strong>lo<br />

scib<strong>il</strong>e ebraico, senza curarsi di diffi coltà logistiche o di pressanti problemi economici.<br />

Una cosa che non sopportava era <strong>il</strong> Bittul Torà, vale a dire le situazioni o gli impegni<br />

che potevano dis<strong>to</strong>gliere lui o gli allievi dal regolare svolgimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le lezioni.<br />

L’esistenza di Rav <strong>Disegni</strong> è stata alimentata da Ebraicità in senso la<strong>to</strong>, connotata dallo<br />

stesso entusiasmo dimostra<strong>to</strong> n<strong>el</strong>le piccole Comunità e in qu<strong>el</strong>le grandi.<br />

Talvolta dissimulava la sua partecipazione ai bisogni d<strong>el</strong> prossimo dietro una scorza di<br />

rudezza assumendo atteggiamenti au<strong>to</strong>ritari e sbrigativi, ma era comunque sempre aper<strong>to</strong> nei<br />

confronti di chi ricorreva a lui. Mai ha rifi uta<strong>to</strong> <strong>il</strong> suo aiu<strong>to</strong> a chi ne aveva bisogno.<br />

Particolarmente sensib<strong>il</strong>e ai problemi d<strong>el</strong>l’Italia ebraica, non ignorava quan<strong>to</strong> accadeva<br />

n<strong>el</strong> mondo circostante.<br />

La vita gli ha riserva<strong>to</strong> momenti diffi c<strong>il</strong>i, dolori e d<strong>el</strong>usioni laceranti, ma Rav <strong>Disegni</strong><br />

non ha mai perso <strong>il</strong> senso d<strong>el</strong>l’ottimismo.<br />

Infatti l’azione di Rav <strong>Disegni</strong> è sempre stata connotata da coraggio, spregiudicatezza e<br />

di indomab<strong>il</strong>e ottimismo che derivava da una profonda e genuina fede.<br />

Manifestava sempre la fretta di chi non ha tempo da perdere.<br />

Come ha scrit<strong>to</strong> Rav Bonfi l in un mirab<strong>il</strong>e articolo comparso n<strong>el</strong>la Rassegna Mens<strong>il</strong>e<br />

di Isra<strong>el</strong> (Adar 5767-febbraio 1967) «Amava le cose fatte in fretta. Non sopportava<br />

l’idea di stare fermo».<br />

Questa sua caratteristica ha da<strong>to</strong> l’impronta a tutta la sua vita n<strong>el</strong>la quale ha da<strong>to</strong><br />

applicazione al det<strong>to</strong> dei Maestri : Gadol halimmud hamevì lidè maasè (è importante<br />

lo studio che porta all’azione).<br />

Non vanno dimenticate le amarezze che ha dovu<strong>to</strong> affrontare n<strong>el</strong>la sua esistenza, in<br />

qu<strong>el</strong>la pubblica e in qu<strong>el</strong>la privata. Rav <strong>Disegni</strong> è passa<strong>to</strong> attraverso d<strong>el</strong>udenti rifi uti,<br />

le lotte e le piccinerie d<strong>el</strong>le Comunità che spesso prive di lungimiranza, consideravano<br />

i suoi viaggi alla ricerca di fondi per la sua scuola, per le istituzioni ebraiche e per<br />

le pubblicazioni di testi fondamentali, tempo sottrat<strong>to</strong> ai compiti istituzionali più<br />

specifi catamente burocratici.<br />

Le vicende tragiche d<strong>el</strong>la guerra e le sue grandi diffi coltà affrontate con coraggio e<br />

abnegazione danno di Rav <strong>Disegni</strong> una immagine ancora più grande.<br />

Senza la sua azione, l’ebraismo italiano sarebbe oggi più povero.<br />

Grazie Rav <strong>Disegni</strong>.<br />

19<br />

Rav Luciano Caro<br />

R<strong>abbino</strong> Capo Comunità Ebraica di Ferrara


Piano d<strong>el</strong>la Mostra<br />

Architet<strong>to</strong> Rober<strong>to</strong> Pagliero<br />

20


Saggi introduttivi


La biografi a d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

Una vita per l’ebraismo, ma anche per gli uomini, per la sua gente, per le sue Comunità,<br />

potrebbe sintetizzarsi l’opera multiforme di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, maestro, studioso e r<strong>abbino</strong><br />

vissu<strong>to</strong> a cavallo tra due secoli densi di s<strong>to</strong><strong>ria</strong> e vicissitudini anche drammatiche.<br />

Di antica famiglia livornese, con un cognome sim<strong>il</strong>e a qu<strong>el</strong>lo – Di Segni – comune<br />

a molti ebrei romani, provenienti dalla città laziale di Segni, probab<strong>il</strong>mente parte di<br />

qu<strong>el</strong> nucleo che aveva lascia<strong>to</strong> Roma nei secoli precedenti, per recarsi in Toscana<br />

dove assunse <strong>il</strong> cognome <strong>Disegni</strong>, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> nasce a Firenze <strong>il</strong> 26 luglio 1878 da<br />

Cesare <strong>Disegni</strong> e da Anna D<strong>el</strong>la Pergola, anch’essa appartenente ad antica famiglia<br />

ebraica fi orentina.<br />

Era ques<strong>to</strong> un periodo particolarmente fortuna<strong>to</strong> per la comunità ebraica fi orentina,<br />

sugg<strong>el</strong>la<strong>to</strong> n<strong>el</strong> 1882 dall’inaugurazione d<strong>el</strong>la nuova grande Sinagoga progettata da Marco<br />

Treves, anche se alla fl oridezza economica e ad un <strong>el</strong>eva<strong>to</strong> liv<strong>el</strong>lo culturale dei suoi<br />

componenti si accompagnava, come ovunque in qu<strong>el</strong>l’epoca postemancipa<strong>to</strong><strong>ria</strong>, l’inizio di<br />

una d<strong>il</strong>agante assim<strong>il</strong>azione ai mod<strong>el</strong>li culturali e di vita d<strong>el</strong>la società esterna.<br />

Il processo di integrazione a segui<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’emancipazione era divenu<strong>to</strong> assai intenso<br />

per gli ebrei fi orentini già dai primi anni ’60 d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>, con forti crisi di identità e<br />

diffi coltà per i Rabbini di raccogliere in<strong>to</strong>rno a sé soprattut<strong>to</strong> le giovani generazioni.<br />

L’ambiente in cui nasce e cresce <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> è un ambiente povero, ma mol<strong>to</strong> lega<strong>to</strong><br />

all’osservanza d<strong>el</strong>le tradizioni ebraiche avite: <strong>il</strong> padre Cesare ha un’attività di ciabattino,<br />

mentre la mamma morirà assai pres<strong>to</strong>, lasciando in tenera età i due fi gli, <strong>Dario</strong> e Am<strong>el</strong>ia.<br />

Poco prima di quando <strong>Dario</strong> sta per diventare bar-mitzwà, n<strong>el</strong> 1889, era arriva<strong>to</strong> in<br />

Italia, chiama<strong>to</strong>vi per fare <strong>il</strong> diret<strong>to</strong>re d<strong>el</strong> Collegio Rabbinico, a qu<strong>el</strong>l’epoca a Firenze, rav<br />

Shemu<strong>el</strong> Zevi Margulies, na<strong>to</strong> in Galizia n<strong>el</strong> 1858, laurea<strong>to</strong>si in fi losofi a e lingue semitiche<br />

e divenu<strong>to</strong> R<strong>abbino</strong>, dopo aver studia<strong>to</strong> con i più c<strong>el</strong>ebri talmudisti tedeschi.<br />

Come effi cacemente commentava <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> di Roma David Pra<strong>to</strong>, a qu<strong>el</strong>l’epoca «la<br />

voce dei Rabbini era fi oca, non usciva dalle quattro pareti d<strong>el</strong>la Sinagoga, quasi sempre<br />

ovunque disertata, mol<strong>to</strong> spesso asservita alla volontà dei consigli di amministrazione d<strong>el</strong>la<br />

Comunità, composta di assim<strong>il</strong>ati e di assim<strong>il</strong>a<strong>to</strong>ri»: l’avven<strong>to</strong> d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> Margulies<br />

rappresentò uno scossone benefi co per Firenze, che divenne ben pres<strong>to</strong> un vero e proprio<br />

centro di rinascita ebraica italiana, oltre che di diffusione d<strong>el</strong> sionismo 1 .<br />

In<strong>to</strong>rno alla sua persona si raccoglievano fi gure come Dante Lattes e Alfonso Pacifi ci<br />

e si andava formando una generazione di futuri rabbini, quali Elia S. Ar<strong>to</strong>m, Umber<strong>to</strong><br />

Cassu<strong>to</strong>, Gustavo Cast<strong>el</strong>bolognesi e Ang<strong>el</strong>o Sacerdoti, che lasceranno una traccia<br />

importante n<strong>el</strong>l’ebraismo italiano. In un ambiente cer<strong>to</strong> stimolante, quale era <strong>il</strong> glorioso<br />

1. Per un quadro d<strong>el</strong>la vita ebraica fi orentina tra Ot<strong>to</strong> e Novecen<strong>to</strong> cfr. Massimo Longo Adorno, Gli ebrei fi orentini<br />

dall’emancipazione alla Shoà, Firenze, La Giuntina, 2003; Lion<strong>el</strong>la Viterbo, Spigolando n<strong>el</strong>l’archivio d<strong>el</strong>la comunità<br />

ebraica di Firenze, Firenze, La Giuntina, 1997.<br />

25<br />

Giulio <strong>Disegni</strong>


Collegio Rabbinico Italiano, fonda<strong>to</strong> n<strong>el</strong> 1829 a Padova da Samu<strong>el</strong> David Luzzat<strong>to</strong> e<br />

trasferi<strong>to</strong> a Firenze, cresce e si forma anche <strong>il</strong> giovane <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> che divenne uno dei<br />

discepoli più legati a rav Margulies e a lui tra i più cari, come emerge da alcune lettere dal<br />

Maestro all’allievo rinvenute n<strong>el</strong> ricco archivio personale di rav <strong>Disegni</strong>.<br />

Abitudine, qu<strong>el</strong>la d<strong>el</strong>le lettere, affettuose ma piene di raccomandazioni, che sarà<br />

frequente poi per lo stesso futuro r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> n<strong>el</strong> rappor<strong>to</strong> con i suoi allievi, sino<br />

alla fi ne d<strong>el</strong>la sua lunga vita 2 .<br />

Da qui, da qu<strong>el</strong>la Firenze ebraica di fi ne ‘800, da qu<strong>el</strong> nuovo ven<strong>to</strong> propulsore che<br />

ispirava l’iniziativa educatrice di rav Margulies, prende <strong>il</strong> via una s<strong>to</strong><strong>ria</strong> che attraverserà<br />

gran parte d<strong>el</strong> secolo successivo e che sarà vissuta da <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> come imperativo<br />

morale e impegno costante, ovunque egli abbia avu<strong>to</strong> modo di operare, «per la diffusione<br />

d<strong>el</strong>la Torà e per l’avvicinamen<strong>to</strong> alle fonti d<strong>el</strong>l’Ebraismo dei frat<strong>el</strong>li più lontani», come<br />

sot<strong>to</strong>lineerà uno dei suoi allievi, <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Giuseppe Laras.<br />

Una vita ricca di impegni, di attività, di iniziative, non scevra da difficoltà e<br />

incomprensioni, scandita da tappe e passaggi che oggi sembrerebbero quasi impossib<strong>il</strong>i<br />

se rapportati ai tempi in cui avvenivano. Una vita che merita qui di esser descritta in<br />

breve, pur n<strong>el</strong>la consapevolezza che si tratta di una ricostruzione d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> somma<strong>ria</strong> e per<br />

nulla esaustiva, ma ut<strong>il</strong>e forse a restituire un’immagine di un r<strong>abbino</strong> e di un uomo che<br />

trascorse quasi settant’anni in mezzo ai problemi, «non di rado sgradevoli, d<strong>el</strong>le Comunità<br />

ebraiche, assediate dall’assim<strong>il</strong>azione e svuotate n<strong>el</strong> loro stesso interno dall’au<strong>to</strong>-disfacimen<strong>to</strong>,<br />

conobbe e visse le loro lotte, le loro miserie, i loro dolori, senza mai rimanere sommerso e<br />

annich<strong>il</strong>i<strong>to</strong>: pur scoraggia<strong>to</strong> e d<strong>el</strong>uso, riusciva sempre a mettere da parte la malinconia e<br />

qu<strong>el</strong> senso di impotenza… riuscendo a trovare in se stesso rinnovate e più fresche energie di<br />

fronte ai bisogni e alle necessità emergenti».<br />

Non è cer<strong>to</strong> fac<strong>il</strong>e tracciare una biografi a completa sugli avvenimenti che hanno<br />

caratterizza<strong>to</strong> la lunga vita d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> e la documentazione che in parte è esposta<br />

in mostra non è che uno spacca<strong>to</strong> di alcuni suoi momenti fondamentali.<br />

Gli anni d<strong>el</strong>la formazione a Firenze lo hanno porta<strong>to</strong> a completare gli studi<br />

universitari in fi losofi a e a prendere <strong>il</strong> ti<strong>to</strong>lo rabbinico, ma ancor prima di arrivare<br />

alla laurea rabbinica, n<strong>el</strong> 1903 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> aveva già lascia<strong>to</strong> la città natìa per<br />

coprire <strong>il</strong> suo primo incarico di vice r<strong>abbino</strong> a Genova, dove rimase per tre anni,<br />

seguiti da altri tre anni in qu<strong>el</strong>laTorino che diventerà <strong>il</strong> luogo principale d<strong>el</strong>la sua<br />

vita, d<strong>el</strong>la sua attività, dei suoi affetti.<br />

Un rappor<strong>to</strong> lungo, speciale e unico qu<strong>el</strong>lo con Torino, che potremmo defi nire la<br />

sua città, ancorché <strong>il</strong> legame con Firenze non sia mai venu<strong>to</strong> meno: la parlata rimase<br />

sempre qu<strong>el</strong>la colorita fi orentina, molti dei suoi modi di dire, di frasi mezzo <strong>to</strong>scane<br />

mezzo giudaiche si sono tramandate n<strong>el</strong>la famiglia n<strong>el</strong>le generazioni successive.<br />

Firenze venne poi sc<strong>el</strong>ta quale luogo d<strong>el</strong>la sepoltura, accan<strong>to</strong> al padre, alla madre,<br />

al nonno Ang<strong>el</strong>o.<br />

Ma <strong>to</strong>rniamo al 1903, anno che coincide anche con la formazione d<strong>el</strong>la famiglia:<br />

<strong>il</strong> 29 marzo al Tempio di Cuneo <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> sposa Elvira Momigliano, nata a<br />

Murazzano, appartenente alla grande famiglia dei Momigliano di Mondovì, più giovane<br />

di lui di tre anni, mol<strong>to</strong> legata, in assenza d<strong>el</strong> padre mor<strong>to</strong> quando lei era bambina,<br />

allo zio Amadio, fi gura di studioso talmudista e cabalista assai conosciuta anche al<br />

2. cfr. Giuseppe Laras, Ricordo di un Maestro: Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> z.l., Estrat<strong>to</strong> dalla “Rassegna Mens<strong>il</strong>e di Isra<strong>el</strong>”, 1977<br />

in occasione d<strong>el</strong>la commemorazione tenuta a Torino <strong>il</strong> 16 gennaio 1977 (26 Tevet 5737) per i dieci anni dalla scomparsa:<br />

«amava più tenere i contatti mediante lettere, scritte con qu<strong>el</strong>la grafi a personalissima, inconfondib<strong>il</strong>e». Si veda anche<br />

Rober<strong>to</strong> Bonf<strong>il</strong>, Il nostro Maestro <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, in “Rassegna Mens<strong>il</strong>e di Isra<strong>el</strong>”, vol. XXIII, n. 2-3, 1967.<br />

26


di fuori dei confi ni piemontesi. Amadio Momigliano diventerà un riferimen<strong>to</strong> sicuro<br />

tan<strong>to</strong> per la giovane Elvira quan<strong>to</strong> per <strong>Dario</strong>, come si evince da un carteggio mol<strong>to</strong><br />

frequente tra i due sposi e lo zio.<br />

Si incontrano così, n<strong>el</strong> matrimonio tra Elvira Momigliano e <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

due mondi apparentemente distanti, forse solo geografi camente, ma in realtà due<br />

Comunità legate agli studi e al profondo rispet<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le antiche tradizioni ebraiche,<br />

la Firenze di rav Margulies e d<strong>el</strong> Collegio rabbinico e la Mondovì dei Momigliano<br />

(Amadio appun<strong>to</strong>, ma anche Att<strong>il</strong>io, F<strong>el</strong>ice, Riccardo, Eucardio, Arnaldo, per citarne<br />

solo alcuni) connotata da un’antica abitudine allo studio e alla rifl essione e non a caso<br />

chiamata “la piccola Gerusalemme” 3 .<br />

Il frequentissimo carteggio tra <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> ed Elvira Momigliano, dapprima<br />

fi danzati, poi sposi e geni<strong>to</strong>ri, n<strong>el</strong> periodo in cui vissero separati da impegni di<br />

lavoro d<strong>el</strong> primo e impegni fam<strong>il</strong>iari d<strong>el</strong>la seconda, reperi<strong>to</strong> fortunosamente intat<strong>to</strong>,<br />

nonostante due guerre mondiali, trasferimenti in molte città e abitazioni e vicissitudini<br />

di un secolo, documenta con singolare effi cacia un mondo di regole e di tradizioni,<br />

di confronti e di affetti profondi, che danno la misura di qu<strong>el</strong>la fermezza, solidità e<br />

rigore d<strong>el</strong>la famiglia che stava formandosi.<br />

Gli anni che seguono tra Genova, Torino e poi Verona n<strong>el</strong> 1909 vedono la<br />

formazione d<strong>el</strong>la famiglia: n<strong>el</strong> 1904 nasce Anna, n<strong>el</strong> 1906 Dona<strong>to</strong>, n<strong>el</strong> 1908 Egidio<br />

e n<strong>el</strong> 1909 Raffa<strong>el</strong>la.<br />

È <strong>il</strong> 26 apr<strong>il</strong>e 1909 quando <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> riceve con queste parole <strong>il</strong> primo incarico<br />

uffi ciale di R<strong>abbino</strong>: «dal convegno avu<strong>to</strong> ieri colla S.V. e dalla breve allocuzione da Lei<br />

pronunciata al Sacro Tempio, la Direzione e la Commissione hanno riporta<strong>to</strong> così f<strong>el</strong>ici<br />

impressioni che unanimemente venne d<strong>el</strong>ibera<strong>to</strong> di proporre alla Assemblea generale… la<br />

sua nomina a R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la nostra Comunione». Tra gli impegni assunti vi erano qu<strong>el</strong>li<br />

«di entrare in carica col ti<strong>to</strong>lo di Dot<strong>to</strong>re in b<strong>el</strong>le lettere e di ottenere qu<strong>el</strong>lo di R<strong>abbino</strong><br />

maggiore entro <strong>il</strong> 30 giugno 1910».<br />

La Comunione che l’aveva chiama<strong>to</strong> al suo primo incarico di R<strong>abbino</strong> era qu<strong>el</strong>la<br />

di Verona, una comunità piccola ma vivace, dove <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> vi si recherà da solo<br />

mentre la moglie con i quattro piccoli fi gli rimarranno a Cuneo, fi no a quando <strong>il</strong><br />

nucleo fam<strong>il</strong>iare si ricostituirà a Verona per un lungo periodo, che ha termine n<strong>el</strong><br />

1924, anno in cui farà ri<strong>to</strong>rno a Torino.<br />

L’esperienza rabbinica in una comunità ai confi ni con l’impero austro-ungarico n<strong>el</strong><br />

pieno d<strong>el</strong>la prima guerra mondiale, sarà oltremodo formativa per rav <strong>Disegni</strong>, che ne<br />

manterrà un ricordo positivo per tutta la vita.<br />

Già durante gli anni veronesi gli orizzonti per rav <strong>Disegni</strong> si ampliano: fi nita la guerra,<br />

n<strong>el</strong> 1922, dopo aver rifi uta<strong>to</strong> l’incarico propos<strong>to</strong>gli per diventare gran r<strong>abbino</strong> di Bulga<strong>ria</strong>,<br />

accetta la cattedra rabbinica di Bucarest. Era ques<strong>to</strong> un incarico che gli veniva in qualche<br />

modo dall’al<strong>to</strong> per un interesse diret<strong>to</strong> d<strong>el</strong> Ministero degli Affari Esteri, ma durò solo<br />

pochi mesi e da Verona, ove era rientra<strong>to</strong>, n<strong>el</strong> 1924 si trasferì a Torino, chiama<strong>to</strong>vi quale<br />

vice d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> Giacomo Bolaffi o.<br />

Altri tentativi di portarlo in una comunità estera non avevano avu<strong>to</strong> successo anche<br />

per le diffi coltà intrinseche di trasferirvi la famiglia. Così le richieste di guidare le<br />

Comunità di Alessand<strong>ria</strong> d’Egit<strong>to</strong> e Salonicco rimasero lettera morta.<br />

Rav <strong>Disegni</strong> accettò però l’invi<strong>to</strong> a guidare la Comunità di Tripoli, dove si recò<br />

3. Notizie su Mondovì ebraica si possono leggere in Marco Momigliano, Au<strong>to</strong>biografi a di un R<strong>abbino</strong> italiano,<br />

Palermo, S<strong>el</strong>lerio, 1991 e n<strong>el</strong>la nota di Alber<strong>to</strong> Cavaglion, mentre un quadro fam<strong>il</strong>iare dei Momigliano è traccia<strong>to</strong> da<br />

Arnaldo Momigliano, fi glio di un frat<strong>el</strong>lo di Elvira, n<strong>el</strong>la Prefazione a Pagine ebraiche, Torino, Einaudi, 1987.<br />

27


n<strong>el</strong> novembre d<strong>el</strong> 1930. Fu un incarico breve perché terminò già nei primi mesi n<strong>el</strong><br />

1931, ma intenso dal momen<strong>to</strong> che, come opportunamente sot<strong>to</strong>linea<strong>to</strong>, «l’esperienza<br />

tripolina fu forse l’occasione più signifi cativa in cui ebbe modo di mostrare le sue doti di<br />

organizza<strong>to</strong>re e di pas<strong>to</strong>re d’anime». 4<br />

Al ri<strong>to</strong>rno da Tripoli <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> si stab<strong>il</strong>ì a Torino, da dove non si sarebbe più mosso<br />

e dove si realizzarono tutti i progetti più signifi cativi d<strong>el</strong> suo lungo magistero. Per pochi<br />

anni fu vice r<strong>abbino</strong> e poi n<strong>el</strong> settembre 1935 ebbe l’incarico di R<strong>abbino</strong> Capo.<br />

Le sue attenzioni erano rivolte alla crescita e all’educazione ebraica di tutti i membri<br />

d<strong>el</strong>la Comunità, un compi<strong>to</strong> che si prefi sse sin dal primo momen<strong>to</strong> e che perseguì con<br />

tenacia sino alla fi ne, sovente in mezzo ad avversità e complessità di ogni genere, legate<br />

ad un periodo s<strong>to</strong>rico non cer<strong>to</strong> fac<strong>il</strong>e.<br />

Il Tempio era innanzitut<strong>to</strong> <strong>il</strong> centro d<strong>el</strong>la vita comunita<strong>ria</strong>, <strong>il</strong> luogo di riunione degli<br />

ebrei per ecc<strong>el</strong>lenza. «Qui vi recherete n<strong>el</strong>le ore di introspezione, nei momenti di s<strong>il</strong>enzio<br />

interiore in cui ognuno di voi trova la nostalgia d<strong>el</strong>l’infi ni<strong>to</strong> e d<strong>el</strong>l’eterno… qui verrete,<br />

devotamente, ad espandere affetti, gioie, dolori, effusioni di giub<strong>il</strong>o, a ritrovare calma e<br />

rassegnazione ai voleri d<strong>el</strong>la Divinità, durante le prove dolorose d<strong>el</strong>la vita» sono le parole<br />

pronunciate <strong>il</strong> 3 giugno 1935 all’inaugurazione d<strong>el</strong> Tempio di Genova e danno la misura<br />

d<strong>el</strong>la profonda umanità di rav <strong>Disegni</strong>, c<strong>el</strong>ata dietro un aspet<strong>to</strong> apparentemente burbero<br />

e severo, «dall’aspet<strong>to</strong> ieratico», come sot<strong>to</strong>linea Gadi Luzzat<strong>to</strong> Voghera.<br />

L’aspet<strong>to</strong>, di uomo al<strong>to</strong> e austero: forse una d<strong>el</strong>le caratteristiche d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong><br />

che tutti ricordano e citano anche a distanza di anni e anch’io lo ricordo n<strong>el</strong>la sua casa<br />

sempre vesti<strong>to</strong> di nero e fuori, «con un capp<strong>el</strong>lo a larga tesa… una cravatta bianca e<br />

un pizzet<strong>to</strong> appena r<strong>il</strong>evab<strong>il</strong>e» 5 .<br />

Il 1935, si diceva, è l’inizio d<strong>el</strong> lungo rabbina<strong>to</strong> a Torino, che per un quar<strong>to</strong> di<br />

secolo lo vedrà impegna<strong>to</strong> a 360 gradi n<strong>el</strong>la vita di qu<strong>el</strong>la che era diventata ad ogni<br />

effet<strong>to</strong> la sua Comunità.<br />

I primi sono certamente anni diffi c<strong>il</strong>i per l’ebraismo in generale e per gli ebrei <strong>to</strong>rinesi<br />

in particolare: appena due anni prima Hitler era sali<strong>to</strong> al potere in Germania e avvisaglie<br />

di un nascente e preoccupante antisemitismo iniziavano a farsi strada anche a Torino. N<strong>el</strong><br />

1934, al valico di Ponte Tresa erano stati arrestati diversi giovani ebrei antifascisti <strong>to</strong>rinesi,<br />

mentre la Comunità viveva un periodo di tensioni e contrasti, e sempre n<strong>el</strong>lo stesso anno<br />

era stata fondata la rivista “La nostra bandiera” che si opponeva alla rivista “Isra<strong>el</strong>” di<br />

ispirazione sionista, diretta da Dante Lattes e Alfonso Pacifi ci.<br />

Sarà l’inizio di un periodo che condurrà pochi anni dopo alla legislazione razziale ed a<br />

tutte le drammatiche conseguenze che gli ebrei dovranno subire.<br />

Ma sin dal discorso d’insediamen<strong>to</strong> tenu<strong>to</strong> n<strong>el</strong> Tempio Isra<strong>el</strong>itico di Torino <strong>il</strong> 28<br />

settembre 1935, primo giorno di Rosh ha shanà d<strong>el</strong> 5696, l’accen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong><br />

è sul ri<strong>to</strong>rno alla tradizione, alla spiritualità, perché «gli uomini nostri anzi quan<strong>to</strong> sono<br />

più eminenti, hanno dona<strong>to</strong> tut<strong>to</strong> sé stessi, le loro opere migliori senza sig<strong>il</strong>lo ebraico,<br />

dimenticando d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> di essere una coscienza, una s<strong>to</strong><strong>ria</strong>, d’avere una forma spirituale<br />

prop<strong>ria</strong>, per assumere la forma ambientale».<br />

4. Così Gadi Luzzat<strong>to</strong> Voghera, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>: un r<strong>abbino</strong> “ot<strong>to</strong>centesco” n<strong>el</strong>l’Italia fascista, in Cat<strong>to</strong>lici, ebrei ed<br />

evang<strong>el</strong>ici n<strong>el</strong>la guerra, a cura di Bar<strong>to</strong>lo Gariglio, Riccardo Marchis, M<strong>il</strong>ano, Franco Ang<strong>el</strong>i, 1999, che ricostruisce<br />

almeno parzialmente la vicenda biografi ca di rav <strong>Disegni</strong> sino alla fi ne d<strong>el</strong>la seconda guerra mondiale, n<strong>el</strong> tentativo<br />

di mettere in luce i rapporti d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong> con la società esterna in un’epoca quale qu<strong>el</strong>la fascista di estrema diffi coltà<br />

per gli ebrei e per chi doveva guidarli.<br />

5. L’annotazione è di Augus<strong>to</strong> Segre in Memorie di vita ebraica, Roma, Bonacci, 1979, interessante anche per<br />

<strong>il</strong> ritrat<strong>to</strong> che fornisce d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> durante <strong>il</strong> periodo d<strong>el</strong>l’occupazione tedesca e d<strong>el</strong> suo nascondiglio n<strong>el</strong>le<br />

campagne d<strong>el</strong>l’Astigiano.<br />

28


È questa in fondo la vera preoccupazione, che caratterizza sin dal suo nascere l’opera<strong>to</strong><br />

di rav <strong>Disegni</strong> a Torino, per far in modo, come dichiara, che «da parte nostra ogni sforzo<br />

sia diret<strong>to</strong> a riportare questi nostri frat<strong>el</strong>li al puro spiri<strong>to</strong> giudaico, mediante un’educazione<br />

costante, serena e scientifi ca d<strong>el</strong>le nostre idee, senza formule vuote, senza paure. Dobbiamo<br />

creare un’atmosfera spirituale che conquisti la moltitudine degli uomini più <strong>el</strong>etti in Isra<strong>el</strong>e,<br />

ricostruire i valori ebraici, ricondurre le famiglie nostre alle sorgenti d<strong>el</strong>le virtù singolari<br />

per cui si segnalò la nostra tradizione».<br />

L’an<strong>el</strong>i<strong>to</strong> maggiore era qu<strong>el</strong>lo di avvicinare tutti, di far sentire tutti gli appartenenti alla<br />

Comunità legati e consapevoli d<strong>el</strong>l’eredità ricevuta: «io voglio persuadervi – concludeva<br />

n<strong>el</strong> discorso d’insediamen<strong>to</strong> – che non basta esser na<strong>to</strong> ebreo, è necessario che lo si diventi,<br />

che si chiarisca al nostro spiri<strong>to</strong> <strong>il</strong> nostro ebraismo e che lo si renda attivo…ed è in cerca<br />

d<strong>el</strong> cuore lontano che io affannosamente dirigerò i miei passi, provocando contatti <strong>il</strong> più<br />

frequente possib<strong>il</strong>e coi singoli, come pure un’estesa coltivazione spirituale d<strong>el</strong>le famiglie,<br />

una per una».<br />

Oltre che ai singoli e alle famiglie, che cercherà di conoscere “una per una”, <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong><br />

<strong>Disegni</strong> rivolge <strong>il</strong> suo interesse precipuo n<strong>el</strong> campo d<strong>el</strong>l’educazione.<br />

La scuola ebraica, vicino ai cui locali viveva, e l’Orfanotrofi o Educa<strong>to</strong>rio isra<strong>el</strong>itico di<br />

Via Or<strong>to</strong> Botanico (poi Via Lombroso) diventano riferimenti centrali d<strong>el</strong>la sua attività,<br />

ma è d<strong>el</strong> 1941, in piena guerra, l’idea di fondare a Torino <strong>il</strong> Collegio Rabbinico, idea<br />

che prenderà corpo con la creazione d<strong>el</strong>la Scuola Rabbinica inti<strong>to</strong>lata al suo Maestro<br />

S.H.Margulies, che diventerà un vero e proprio «vivaio di maestri e di rabbini» cui egli<br />

«dedicò gli ultimi anni d<strong>el</strong>la sua vita, con una tenacia e una dedizione che non furono<br />

smosse da ostacoli mate<strong>ria</strong>li o da diffi coltà d’altra sorta». 6<br />

Qu<strong>el</strong>la Scuola diventerà una fucina di giovani impegnati n<strong>el</strong>lo studio d<strong>el</strong>la Torah e<br />

negli studi rabbinici, che rav <strong>Disegni</strong> ricercherà meticolosamente n<strong>el</strong>le comunità italiane<br />

e in molte comunità estere, dalla Grecia alla Libia all’Etiopia: di lì molti dei suoi allievi<br />

andranno a ricoprire cattedre rabbiniche italiane.<br />

La seconda guerra mondiale fu una d<strong>el</strong>le pagine più dolorose e terrib<strong>il</strong>i d<strong>el</strong>la lunga<br />

vita di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>: lo strappo causa<strong>to</strong> dalla morte d<strong>el</strong>la fi glia primogenita Annetta e<br />

d<strong>el</strong>la nipote Siss<strong>el</strong> Vog<strong>el</strong>mann, deportate ad Auschwitz n<strong>el</strong> gennaio 1944 ed <strong>el</strong>iminate<br />

n<strong>el</strong>le camere a gas al loro arrivo, sarà una ferita ind<strong>el</strong>eb<strong>il</strong>e, sopportata con una fede<br />

e un attivismo incrollab<strong>il</strong>i.<br />

Fino all’ultimo e ancora n<strong>el</strong> giugno 1945, dopo <strong>il</strong> ri<strong>to</strong>rno dai campi di sterminio d<strong>el</strong><br />

genero Shulim, <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> aveva spera<strong>to</strong> in una loro salvezza: in una lettera<br />

drammatica alla Comunità di Firenze, dove la famiglia Vog<strong>el</strong>mann viveva, confi dando in<br />

un ri<strong>to</strong>rno d<strong>el</strong>la fi glia e d<strong>el</strong>la nipote, invocava notizie.<br />

Poi la certezza. In casa, d<strong>el</strong>la tragedia si cercava di non parlare e l’azione fu ciò che<br />

caratterizzò da qu<strong>el</strong> momen<strong>to</strong> in modo sempre più signifi cativo l’opera<strong>to</strong> d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong>.<br />

Con <strong>il</strong> dolore n<strong>el</strong> cuore, n<strong>el</strong> luglio 1945 c<strong>el</strong>ebrava <strong>il</strong> primo matrimonio dopo la guerra,<br />

sulle rovine d<strong>el</strong> Tempio Isra<strong>el</strong>itico di Torino distrut<strong>to</strong> dai bombardamenti aerei d<strong>el</strong> 1942,<br />

qu<strong>el</strong> «maes<strong>to</strong>so e splendido edifi cio che dalla pietà dei Vostri cari era sta<strong>to</strong> eret<strong>to</strong> a glo<strong>ria</strong> di<br />

Dio, ridot<strong>to</strong> ad un cumulo di macerie», come aveva scrit<strong>to</strong> rav <strong>Disegni</strong> rivolgendosi agli<br />

ebrei <strong>to</strong>rinesi in una lettera d<strong>el</strong> 24 novembre 1942, per annunciare «un’immane sciagura<br />

piombata sulla nostra Comunità».<br />

La guerra era stata vissuta sino all’ultimo a Torino, n<strong>el</strong>la sua Comunità, lasciata solo<br />

n<strong>el</strong> novembre ’43 per ritirarsi n<strong>el</strong>l’Astigiano, cercando rifugio dalle retate nazifasciste.<br />

6. Cfr. Giorgio Romano, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, in Misc<strong>el</strong>lanea di studi in memo<strong>ria</strong> di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, Firenze, Giuntina, 1969.<br />

29


Dopo <strong>il</strong> ri<strong>to</strong>rno a Torino, la ricostruzione d<strong>el</strong>le istituzioni comunitarie, <strong>il</strong> lavoro quotidiano<br />

n<strong>el</strong>la Comunità, tra i suoi allievi d<strong>el</strong>la Scuola Rabbinica, n<strong>el</strong>le molte istituzioni ebraiche<br />

locali e nazionali, presero <strong>il</strong> sopravven<strong>to</strong>. Come bene scrisse alla sua morte <strong>il</strong> suo<br />

successore, rav Sergio Sierra, egli «adeguò la sua vita alla norma secondo la quale ‘è<br />

importante lo studio che conduce all’azione pratica’ e non v’è dubbio che tale sc<strong>el</strong>ta sia stata<br />

favorita anche dal suo naturale temperamen<strong>to</strong>, dalla sua personalità combattiva, dinamica,<br />

in continua ricerca di realizzazioni. La coscienza profonda che nasceva dalla sua vocazione<br />

di Maestro lo guidò n<strong>el</strong>la sua azione di organizza<strong>to</strong>re, di suscita<strong>to</strong>re di sempre nuove imprese<br />

n<strong>el</strong> campo ebraico facendo di Lui un instancab<strong>il</strong>e costrut<strong>to</strong>re» 7 .<br />

E così, a partire dagli anni ’60, lasciata la cattedra rabbinica <strong>to</strong>rinese dopo un quar<strong>to</strong><br />

di secolo, <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, che già aveva tradot<strong>to</strong> i formulari d<strong>el</strong>le preghiere<br />

rituali d<strong>el</strong> Saba<strong>to</strong> e dei giorni fe<strong>ria</strong>li e di tutte le festività, diede vita ad un’opera necessa<strong>ria</strong><br />

quan<strong>to</strong> straordina<strong>ria</strong>: la traduzione in quattro volumi d<strong>el</strong> Tanach.<br />

N<strong>el</strong> 1960 uscì la traduzione d<strong>el</strong> primo volume Torah e Haftaroth, seguita n<strong>el</strong> 1962<br />

da qu<strong>el</strong>la dei Profeti Anteriori, n<strong>el</strong> 1964 dai Profeti Posteriori e infi ne, n<strong>el</strong> 1967, a pochi<br />

mesi dalla sua scomparsa, <strong>il</strong> volume degli Agiografi .<br />

Fu un lavoro immane cui si dedicò senza risparmio, nonostante l’età avanzata e<br />

le raccomandazioni continue dei fi gli di non stancarsi. Organizzò qu<strong>el</strong>lo che è sta<strong>to</strong><br />

giustamente defi ni<strong>to</strong> un “cantiere”, contattò i collabora<strong>to</strong>ri e i tradut<strong>to</strong>ri, tradusse lui<br />

stesso, tenne i contatti con la casa editrice Marietti, cercò i fi nanziamenti, contattò le<br />

Comunità italiane e le biblioteche per una diffusione cap<strong>il</strong>lare d<strong>el</strong>la Torah.<br />

Il 7 gennaio 1967, in un freddo saba<strong>to</strong> mattina, mentre la sua Comunità era riunita<br />

per le preghiere d<strong>el</strong>lo Shabbat al Tempio piccolo, allora n<strong>el</strong>l’edifi cio di via Sant’Ans<strong>el</strong>mo<br />

7, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> si spense.<br />

Anch’io ero lì qu<strong>el</strong>la mattina, mio padre qu<strong>el</strong> giorno non c’era perché all’estero,<br />

ricordo la sensazione di vuo<strong>to</strong> profondo che provai sentendo che <strong>il</strong> Nonno era manca<strong>to</strong>:<br />

d’un trat<strong>to</strong> <strong>il</strong> mondo sembrò crollarmi addosso.<br />

L’11 gennaio la terza pagina de La Stampa così, tra l’altro, commentava la sua fi gura:<br />

«Rimane di lui oltre ad una ragguardevole opera di studioso ed alla versione biblica, di<br />

r<strong>il</strong>evante importanza anche fuori d<strong>el</strong> ristret<strong>to</strong> ambi<strong>to</strong> specialistico, <strong>il</strong> ricordo rispetta<strong>to</strong> di un<br />

vecchio saggio, fed<strong>el</strong>e con rigore appassiona<strong>to</strong> alla tradizione ebraica, ma di un comprensivo<br />

e caldo senso umano».<br />

Ed è qu<strong>el</strong> comprensivo e caldo senso umano che anch’io ricordo fi n da piccolo. Ricordo<br />

fi ssa<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la mente e in una fo<strong>to</strong>grafi a, scattata mentre assistevo, sedu<strong>to</strong> sulle sue gambe,<br />

ad una premiazione di Purim n<strong>el</strong> Teatro Valdese e che mi accompagnò quando, più<br />

avanti, <strong>il</strong> saba<strong>to</strong> pomeriggio <strong>il</strong> Nonno mi impartiva lezioni di Torà dietro alla sua scrivania<br />

in preparazione d<strong>el</strong> mio bar mitzwà.<br />

Sia <strong>il</strong> suo ricordo in benedizione.<br />

7. Così Sergio Sierra n<strong>el</strong>la Presentazione alla Misc<strong>el</strong>lanea di studi in memo<strong>ria</strong> di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, 1969.<br />

30


L’archivio d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>:<br />

la memo<strong>ria</strong> di una vita<br />

“Dalla perfetta conoscenza nasce <strong>il</strong> perfet<strong>to</strong> amore, è perciò necessario divulgare cogli scritti e con<br />

la parola quan<strong>to</strong> di grande e di nob<strong>il</strong>e fu perpetra<strong>to</strong> dalla nostra gente”<br />

Da questa raccomandazione, tratta da una R<strong>el</strong>azione d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> 1 , mi<br />

piace prendere avvio n<strong>el</strong>la discussione d<strong>el</strong> riordinamen<strong>to</strong> archivistico, che di recente<br />

ha restitui<strong>to</strong> forma e leggib<strong>il</strong>ità alle carte di una vita, testimoni e memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong> lungo<br />

lavoro compiu<strong>to</strong> da Rav <strong>Disegni</strong>.<br />

La parola e gli scritti sono infatti al cuore d<strong>el</strong>la memo<strong>ria</strong> documenta<strong>ria</strong> dalla quale non<br />

può prescindere la conoscenza quale strumen<strong>to</strong> per coltivare, consolidare e condividere<br />

i legami di una collettività.<br />

In tale spiri<strong>to</strong> si colloca l’inventario d<strong>el</strong>le carte d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> che restituiscono<br />

un lungo e appassiona<strong>to</strong> magistero alla guida d<strong>el</strong>la comunità ebraica <strong>to</strong>rinese.<br />

Gli archivi personali nascono dalla attenzione al proprio agire da parte dei soggetti che<br />

accumulano la testimonianza di quan<strong>to</strong> da loro opera<strong>to</strong>. Ma conservare la prop<strong>ria</strong> memo<strong>ria</strong><br />

documenta<strong>ria</strong> costituisce pure strumen<strong>to</strong> per la sopravvivenza, <strong>il</strong> ricordo e la trasmissione<br />

d<strong>el</strong>la realtà di cui si è stati partecipi. Non manca peraltro, n<strong>el</strong>la conservazione d<strong>el</strong>le carte<br />

prodotte, <strong>il</strong> desiderio di mantenere traccia di una identità personale e di ruoli che la<br />

distruzione d<strong>el</strong>l’archivio di memorie avrebbe potu<strong>to</strong> canc<strong>el</strong>lare.<br />

Reciprocamente la cus<strong>to</strong>dia da parte di un nuovo sogget<strong>to</strong>, priva<strong>to</strong> o pubblico, che<br />

accolga e conservi tali archivi, esprime una valutazione d<strong>el</strong> r<strong>il</strong>ievo attribui<strong>to</strong> dal nuovo<br />

conserva<strong>to</strong>re a ruoli e azioni d<strong>el</strong>le persone dalle quali i documenti sono nati. La memo<strong>ria</strong><br />

collettiva potrà così giovarsi di un patrimonio altrimenti destina<strong>to</strong> all’oblio.<br />

A tale proposi<strong>to</strong> Giulia Barrera, che recentemente si è occupata di archivi di persone,<br />

scrive:<br />

“C’è chi conserva innanzi tut<strong>to</strong> per sé e chi conserva per gli altri, per <strong>il</strong> desiderio di trasmettere,<br />

o per <strong>il</strong> bisogno di ricordare. Il senso di appartenenza ad una collettività gioca in genere un<br />

ruolo determinante” 2 .<br />

Le considerazioni che precedono possono certamente applicarsi alle carte appartenute<br />

al R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, rimaste a testimoniare una lunga vita, ricca di ruoli pubblici<br />

e affetti privati.<br />

31<br />

Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci<br />

1. R<strong>el</strong>azione in mate<strong>ria</strong> di Sionismo, s.d. [1936?], Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 64.<br />

2. Giulia Barrera, Gli archivi di persone, in S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia n<strong>el</strong> secolo ventesimo. Strumenti e fonti, Le fonti<br />

documentarie, a cura di Claudio Pavone, Ministero per i Beni e le attività Culturali. Dipartimen<strong>to</strong> per i Beni<br />

Archivistici e Librari, Direzione Generale per gli Archivi, Roma, 1997, p. 617-659.


Gadi Luzzat<strong>to</strong> Voghera, ha traccia<strong>to</strong> un complesso profi lo di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, R<strong>abbino</strong><br />

che vive la prop<strong>ria</strong> missione interpretata n<strong>el</strong>la “più pura accezione ot<strong>to</strong>centesca d<strong>el</strong><br />

termine”:<br />

“maestro, pas<strong>to</strong>re d’anime e instancab<strong>il</strong>e organizza<strong>to</strong>re […] intransigente n<strong>el</strong> difendere i fondamenti<br />

r<strong>el</strong>igiosi e tradizionali d<strong>el</strong>l’ebraismo […] svolse un ruolo decisivo soprattut<strong>to</strong> n<strong>el</strong> dopoguerra, con<br />

la creazione d<strong>el</strong>la scuola rabbinica di Torino, dove vennero formati molti dei capi spirituali attivi<br />

n<strong>el</strong>le comunità ebraiche italiane dagli anni sessanta fi no ad oggi” 3 .<br />

L’archivio personale, testimoniando la speciale cura riservata alla conservazione d<strong>el</strong>la<br />

parte di memo<strong>ria</strong>, legata prevalentemente al magistero compiu<strong>to</strong>, appare restituire,<br />

all’interno di una vita ricca e complicata, soprattut<strong>to</strong> le funzioni di maestro e pas<strong>to</strong>re<br />

d’anime assolte dal R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>, come, per altre vie, Gadi Luzzat<strong>to</strong> Voghera ha<br />

indica<strong>to</strong> n<strong>el</strong> ritrat<strong>to</strong> sopra cita<strong>to</strong>.<br />

Tuttavia le carte pervenute fanno intravedere pure altri sottesi risvolti di una s<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

personale che solo la ricomposizione archivistica di dissolti nessi originari aiuta a<br />

ricostruire.<br />

Le carte e <strong>il</strong> loro riordinamen<strong>to</strong><br />

La famiglia <strong>Disegni</strong> – i fi gli prima e i nipoti ora – cresciuta n<strong>el</strong> ricordo di una fi gura<br />

eminente d<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> comune, più volte si è interrogata sulla sorte da riservare alle<br />

voluminose casse, piene di carte immagazzinate, ma mai affrontate per un riordinamen<strong>to</strong><br />

scientifi co, richiedente tempi e possesso di adeguate me<strong>to</strong>dologie.<br />

Solo l’entusiasmo e la fermezza di Benedetta e Simone <strong>Disegni</strong>, pronipoti attenti e<br />

desiderosi di conoscere una parte così importante d<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> fam<strong>il</strong>iare, hanno potu<strong>to</strong><br />

mettere in mo<strong>to</strong> <strong>il</strong> riordinamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’archivio di memorie di cui essi sentivano la<br />

ricchezza. In particolare i due giovani, tra le carte pervenute, hanno individua<strong>to</strong> e scheda<strong>to</strong><br />

l’ampia serie di Corrispondenza, che ha ricevu<strong>to</strong> così una prima descrizione.<br />

Da ques<strong>to</strong> lavoro ha preso avvio la successiva decisione di affrontare <strong>il</strong> riordinamen<strong>to</strong><br />

organico d<strong>el</strong>la documentazione adottando adeguati strumenti me<strong>to</strong>dologici.<br />

Le carte d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>, alla guida d<strong>el</strong>la Comunità ebraica di Torino per un<br />

lungo tempo (1935-1959), sembravano poter coprire una parte dei vuoti di memo<strong>ria</strong><br />

documenta<strong>ria</strong>, che le distruzioni b<strong>el</strong>liche avevano lascia<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la Comunità<br />

Ebraica <strong>to</strong>rinese. Pertan<strong>to</strong> all’attenzione fam<strong>il</strong>iare si è affi ancata qu<strong>el</strong>la degli organi<br />

comunitari e d<strong>el</strong>l’Archivio Ebraico B. e A. Terracini in particolare 4 , che ha accol<strong>to</strong> con<br />

piacere <strong>il</strong> deposi<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’archivio personale per assicurarne l’adeguata salvaguardia fi sica e<br />

int<strong>el</strong>lettuale tramite una accurata e scientifi ca inventa<strong>ria</strong>zione.<br />

Il trasferimen<strong>to</strong> dei documenti è sta<strong>to</strong> tuttavia precedu<strong>to</strong> da una somma<strong>ria</strong> individuazione<br />

d<strong>el</strong> fondo archivistico, onde predisporre una prima conoscenza d<strong>el</strong>le carte che la<br />

famiglia affi dava ad un sogget<strong>to</strong> pubblico che oggi, a buona ragione, si propone quale<br />

Archivio s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la intera memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la Comunità ebraica di Torino 5 .<br />

Le tappe successive d<strong>el</strong> lavoro sono state la schedatura dei fascicoli, talora smembrati<br />

3. Gadi Luzzat<strong>to</strong> Voghera, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> un r<strong>abbino</strong>“ ot<strong>to</strong>centesco”…, cit. p. 93.<br />

4. L’Archivio Terracini ha messo in mo<strong>to</strong> un lavoro di censimen<strong>to</strong> e di acquisizione di carte fam<strong>il</strong>iari al fi ne di coprire i<br />

vuoti informativi conseguenti alla distruzione d<strong>el</strong>l’Archivio d<strong>el</strong>la Comunità Ebraica di Torino, avvenuta n<strong>el</strong> 1942.<br />

5. Mica<strong>el</strong>a Procaccia, Gli archivi d<strong>el</strong>le istituzioni ebraiche, in S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia n<strong>el</strong> secolo ventesimo. Strumenti,<br />

cit. p. 393<br />

32


da inadeguate vicende conservative 6 ; la ricomposizione d<strong>el</strong> vincolo archivistico quasi<br />

<strong>to</strong>talmente dissol<strong>to</strong>; la ricostruzione d<strong>el</strong>la struttura d<strong>el</strong> fondo in base all’ordine originario,<br />

quando ne rimaneva traccia, e <strong>il</strong> recupero degli scopi funzionali ai quali le carte erano<br />

strettamente legate. 7<br />

Lo strumen<strong>to</strong> informatico ha da<strong>to</strong> confor<strong>to</strong> al lavoro di riordinamen<strong>to</strong> e ha assicura<strong>to</strong><br />

conformità a condivise procedure di descrizione archivistica 8 .<br />

Il fondo archivistico e i suoi contenuti<br />

Concluso <strong>il</strong> riordinamen<strong>to</strong>, la carte hanno assun<strong>to</strong> una nuova <strong>el</strong>oquenza, assicurata<br />

dalla stessa struttura formale attribuita al fondo. Essa consente ora di fruire di <strong>el</strong>ementi<br />

ut<strong>il</strong>i per rispondere ad alcune d<strong>el</strong>le molte questioni poste dalla s<strong>to</strong>riografi a.<br />

In generale presenze ed assenze documentarie sono ut<strong>il</strong>i segnali di cose fatte o non<br />

fatte o, più semplicemente, di attività di cui si vuole rimuovere la memo<strong>ria</strong> o infi ne<br />

segnale di mancata attenzione verso una pezzo d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> s<strong>to</strong><strong>ria</strong> da parte d<strong>el</strong>l’au<strong>to</strong>re<br />

d<strong>el</strong>le carte pervenute.<br />

L’Archivio d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> riunisce emblematicamente, n<strong>el</strong>la sua ricostruzione,<br />

molti di tali caratteri.<br />

Schedate analiticamente le carte, che richiedevano per la loro descrizione tale speciale<br />

attenzione (ad esempio la Corrispondenza), la restante documentazione pervenuta è<br />

stata inventa<strong>ria</strong>ta per fascicoli (complessi di carte legate dal vincolo nascente dalla loro<br />

r<strong>el</strong>azione alla attività testimoniata) 9 . È sta<strong>to</strong> così possib<strong>il</strong>e raggruppare in serie 10 le unità<br />

pertinenti alle stesse funzioni, ripristinando la r<strong>el</strong>azione strumentale dei documenti con<br />

le attività testimoniate e quindi con <strong>il</strong> sogget<strong>to</strong> che di tali attività è sta<strong>to</strong> protagonista e<br />

mo<strong>to</strong>re, n<strong>el</strong> nostro caso, <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>.<br />

L’inventario che descrive l’esi<strong>to</strong> d<strong>el</strong> riordinamen<strong>to</strong>, in tal modo effettua<strong>to</strong>, consta d<strong>el</strong>le<br />

descrizioni di 542 fascicoli, suddivisi in 12 serie documentarie così individuate:<br />

Documenti biografi ci e di famiglia; La morte di Rav <strong>Disegni</strong>; Discorsi; R<strong>el</strong>azioni in mate<strong>ria</strong> r<strong>el</strong>igiosa;<br />

Preghiere; Discorsi di contenu<strong>to</strong> civ<strong>il</strong>e; Rabbina<strong>to</strong> e Scuola Rabbinica; Corsi di cultura ebraica;<br />

L’edizione d<strong>el</strong>la Bibbia; Corrispondenza; Fo<strong>to</strong>grafi e 11 .<br />

Studiando l’esi<strong>to</strong> d<strong>el</strong> riordinamen<strong>to</strong>, risulta con chiarezza <strong>il</strong> prevalere n<strong>el</strong>l’archivio di<br />

documentazione legata a due principali caratteri d<strong>el</strong>la memo<strong>ria</strong> pervenuta: in primis<br />

le funzioni di pas<strong>to</strong>re di anime e di maestro e, accan<strong>to</strong> con ampio spazio, la famiglia,<br />

6. Al riguardo d<strong>el</strong> peso d<strong>el</strong>le vicende conservative su struttura e contenu<strong>to</strong> degli archivi ha scrit<strong>to</strong> importanti<br />

pagine Isab<strong>el</strong>la Zanni Rosi<strong>el</strong>lo. Rimando per tutti al suo recente contribu<strong>to</strong> in Isab<strong>el</strong>la Zanni Rosi<strong>el</strong>lo, Archivi,<br />

archivisti, s<strong>to</strong>rici, in Linda Giuva, Stefano Vitali, Isab<strong>el</strong>la Zanni Rosi<strong>el</strong>lo, Il potere degli archivi, M<strong>il</strong>ano, Bruno<br />

Mondadori, 2007, p. 17.<br />

7. Al riordinamen<strong>to</strong>, opera<strong>to</strong> dalla scrivente, ha da<strong>to</strong> un importante contribu<strong>to</strong> Cosetta Levi che ringrazio con<br />

riconoscenza.<br />

8. Ringrazio Andrea Calzolari e Stefania Taran<strong>to</strong> per <strong>il</strong> suppor<strong>to</strong> informatico.<br />

9. Paola Carucci n<strong>el</strong> suo consolida<strong>to</strong> glossario così ne indica defi nizione e caratteri: «Il fascicolo costituisce l’unità<br />

di base indivisib<strong>il</strong>e di un archivio». Esso «… è costitui<strong>to</strong> dai documenti r<strong>el</strong>ativi ad una determinata pratica, collocati<br />

all’interno di una camicia (o copertina)» cfr. Paola Carucci, Le fonti archivistiche: ordinamen<strong>to</strong> e conservazione, La<br />

nuova Italia Scientifi ca, Roma, 1983, p. 209.<br />

10. Paola Carucci defi nisce la “serie” come “ciascun raggruppamen<strong>to</strong>,opera<strong>to</strong> dall’ente stesso, di documenti con<br />

caratteristiche omogenee in r<strong>el</strong>azione alla natura e alla forma dei documenti o in r<strong>el</strong>azione all’ogget<strong>to</strong> e alla mate<strong>ria</strong><br />

o in r<strong>el</strong>azione alle funzioni d<strong>el</strong>l’ente…”. Quando sia impossib<strong>il</strong>e ricostruire la ripartizione in serie originarie, la<br />

documentazione d<strong>el</strong>l’archivio viene organizzata in base a criteri logici. Cfr. Paola Carucci, Le fonti archivistiche…,<br />

cit., p. 209.<br />

11. Per una analitica descrizione d<strong>el</strong>le serie si rimanda all’Inventario recentemente concluso.<br />

33


non tan<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la gestione d<strong>el</strong>le incombenze pratiche, alle quali tuttavia <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

non fu estraneo (la corrispondenza pervenuta lo testimonia), ma soprattut<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la<br />

cura dei rapporti morali e di affet<strong>to</strong> tra i componenti di una parent<strong>el</strong>a allargata (ne<br />

è importante segno l’ampia r<strong>el</strong>azione epis<strong>to</strong>lare con i Momigliano, famiglia di origine<br />

d<strong>el</strong>la moglie Elvira).<br />

N<strong>el</strong>l’ archivio, raramente e solo in occasioni estreme (ad esempio dinanzi al pericolo<br />

sotteso al manifes<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la razza 12 ) <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> lascia esplicita traccia di sc<strong>el</strong>te e interventi<br />

di natura politica che prescindano dal ruolo di cus<strong>to</strong>de d<strong>el</strong>la tradizione d<strong>el</strong>l’ebraismo e al<br />

contempo di fed<strong>el</strong>e tramite n<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> comunità d<strong>el</strong> principio di fed<strong>el</strong>tà allo Sta<strong>to</strong>.<br />

La realtà n<strong>el</strong>la quale <strong>il</strong> magistero d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> si d<strong>el</strong>inea n<strong>el</strong>l’Italia degli anni<br />

Trenta d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> è<br />

[…] segnata dalla presenza di un interlocu<strong>to</strong>re politico, come <strong>il</strong> fascismo, che chiede agli ebrei<br />

come a tutti gli italiani un coinvolgimen<strong>to</strong> sempre maggiore… La legge d<strong>el</strong> 1931 che aveva regola<strong>to</strong><br />

la vita d<strong>el</strong>le comunità ebraiche e istitui<strong>to</strong> l’Unione d<strong>el</strong>le Comunità richiedeva un coinvolgimen<strong>to</strong><br />

attivo anche da parte dei Rabbini. Questi d<strong>il</strong>emmi emergono già con chiarezza n<strong>el</strong> discorso di<br />

insediamen<strong>to</strong> di Rav <strong>Disegni</strong> d<strong>el</strong> 28 settembre 1935 13 .<br />

Nasce spontanea la domanda, a cui l’archivio non sempre esplicitamente sembra<br />

rispondere, circa interessi, r<strong>el</strong>azioni e posizioni politico-ideologiche d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

alla guida di una comunità divisa tra lealtà istituzionale al governo e opposizione alla<br />

dittatura, in un contes<strong>to</strong> nazionale e internazionale dai drammatici risvolti.<br />

Si tratta di un’assenza che sin dall’origine ha contrassegna<strong>to</strong> l’archivio, in quan<strong>to</strong> tali<br />

“affari” non costituivano mate<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la attiva attenzione di Rav <strong>Disegni</strong>?<br />

Oppure l’assenza è l’esi<strong>to</strong> di una s<strong>el</strong>ezione documenta<strong>ria</strong>, conseguente ad una<br />

inadeguata conservazione successiva, sottraendo così alla memo<strong>ria</strong> s<strong>to</strong>rica una parte<br />

d<strong>el</strong>l’agire d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> n<strong>el</strong>l’adempimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> suo ruolo?<br />

L’archivio con i suoi s<strong>il</strong>enzi apre tale problema e l’interpretazione s<strong>to</strong>riografi ca potrà<br />

aggiungere nuovi tass<strong>el</strong>li a quan<strong>to</strong> esplicitamente evidente, intrecciando documenti e<br />

ricavando da tale intreccio le risposte attese, nonché interpretando i s<strong>il</strong>enzi, dotati anche<br />

essi di una prop<strong>ria</strong> <strong>el</strong>oquenza.<br />

Tra l’altro, la stessa consistenza numerica d<strong>el</strong>le serie individuate dal riordinamen<strong>to</strong><br />

archivistico gioca un ruolo informativo di r<strong>il</strong>ievo.<br />

R<strong>el</strong>ativamente a tali tracce con chiarezza si ricava che i Documenti biografi ci e di<br />

famiglia, documenti “vitali” 14 per la permanenza d<strong>el</strong>la memo<strong>ria</strong> identita<strong>ria</strong> d<strong>el</strong> sogget<strong>to</strong><br />

produt<strong>to</strong>re, raggiungono percentualmente una limitata presenza (nove fascicoli), mentre<br />

le carte r<strong>el</strong>ative al magistero rabbinico evidenziano una cospicua presenza (ottantasei<br />

fascicoli).<br />

Si profi lano così ambiti diversi di interven<strong>to</strong>, dai discorsi di anno in anno dedicati<br />

alla c<strong>el</strong>ebrazione d<strong>el</strong>le ricorrenze r<strong>el</strong>igiose, a qu<strong>el</strong>li riservati ad occasioni speciali d<strong>el</strong>la<br />

vita d<strong>el</strong>la comunità di cui <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> governa <strong>il</strong> corso, in un lungo periodo segna<strong>to</strong> da<br />

eventi gravissimi e da estreme contraddizioni, tra difesa d<strong>el</strong>la tradizione e modernità<br />

che appare insidiarne la continuità.<br />

12. Cfr. Archivio <strong>Disegni</strong>, Fasc. 15.6.<br />

13. Alber<strong>to</strong> Cavaglion, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e la famiglia Momigliano in ques<strong>to</strong> catalogo, pp. 86-87 .<br />

14. Luciana Duranti defi nisce documenti vitali gli atti indispensab<strong>il</strong>i per la salvaguardia n<strong>el</strong> tempo d<strong>el</strong>l’identità d<strong>el</strong><br />

sogget<strong>to</strong> produt<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>l’archivio e per la continuità d<strong>el</strong>la sua funzione attiva. Cfr. Luciana Duranti, I documenti<br />

archivistici. La gestione d<strong>el</strong>l’archivio da parte d<strong>el</strong>l’ente produt<strong>to</strong>re, Ministero per i Beni Culturali e Ambientali. Uffi cio<br />

Centrale per i Beni Archivistici, Roma, 1997.<br />

34


La lettura organica di tali documenti consentirà di tracciare d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> un<br />

inedi<strong>to</strong> profi lo, pure n<strong>el</strong>la conferma d<strong>el</strong>la sua salda coerenza con <strong>il</strong> principio talmudico:<br />

la legge d<strong>el</strong> regno è legge 15 , che n<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> ebraica ha ret<strong>to</strong> <strong>il</strong> rappor<strong>to</strong> tra la minoranza<br />

ebraica e <strong>il</strong> potere politico dei luoghi di insediamen<strong>to</strong>.<br />

N<strong>el</strong>l’attività dottrinale, che i testi di r<strong>el</strong>azioni, lezioni, discorsi ci consen<strong>to</strong>no di<br />

seguire, inattese occasioni offrono <strong>el</strong>ementi per una nuova conoscenza critica d<strong>el</strong>la<br />

personalità di Rav <strong>Disegni</strong>.<br />

Ad esempio in mate<strong>ria</strong> di sionismo 16 , in una ampia e appassionata r<strong>el</strong>azione non<br />

datata, ma certamente stesa in coincidenza con un Congresso mondiale ebraico [Ginevra<br />

1936?] e in presenza d<strong>el</strong>la forte pressione di politiche razziali, con una analisi dettagliata,<br />

egli scriveva:<br />

“È confortante ad un tempo commovente ques<strong>to</strong> movimen<strong>to</strong> che ha da<strong>to</strong> occasione a tutti gli<br />

int<strong>el</strong>lettuali di interessarsene, è b<strong>el</strong>lo e fantastico immaginarsi questa raccolta di congressisti che dà<br />

l’impressione che, dietro i t<strong>ria</strong>ngoli d’oro simbolici, <strong>il</strong> popolo d’Isra<strong>el</strong>e si incammini con lo spiri<strong>to</strong> dei<br />

suoi duci antichi […] verso l’orizzonte azzurro dove palme e cedri frondeggiano sui colli.<br />

Il problema più poderoso che oggi fra l’altro incombe alla vita d’Isra<strong>el</strong>e è <strong>il</strong> Sionismo. Per bene<br />

intenderlo occorre tener presente, oltre al fat<strong>to</strong>re s<strong>to</strong>rico messianico, le forze che l’hanno prodot<strong>to</strong><br />

e due soprattut<strong>to</strong>, l’una antitetica di repulsione al processo di fusione che si veniva formando n<strong>el</strong>la<br />

seconda metà d<strong>el</strong> secolo XIX coi popoli che li ospitavano, l’altra tenuta in poco con<strong>to</strong>, ma viva<br />

ed operosa <strong>il</strong> proleta<strong>ria</strong><strong>to</strong> ebraico […]”.<br />

Continuava poi l’esame d<strong>el</strong> tema, indicando con chiare parole le condizioni culturali<br />

e politiche alle quali <strong>il</strong> sionismo doveva opporre le sue ragioni:<br />

“due specie antisemitismo aduggiano l’Europa presente, l’uno di sopravvivenza medievale assume<br />

carattere r<strong>el</strong>igioso nazionale, l’altro che prende a pretes<strong>to</strong> la razza. E così che ogni tan<strong>to</strong> alla<br />

plebe che grida […] si danno in pas<strong>to</strong> gli ebrei coi loro averi che possono saziare l’ingordigia e<br />

la brama d<strong>el</strong>le folle ub<strong>ria</strong>che[…] .<br />

Di fronte all’ignoranza e alla perdizione sicura d<strong>el</strong> sentimen<strong>to</strong> nazionale e spirituale d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

insorse di mezzo alla società aris<strong>to</strong>cratica tedesca un’anima ardente che riuscì a risollevare <strong>il</strong> sogno<br />

d<strong>el</strong>la pat<strong>ria</strong> fra i nostri frat<strong>el</strong>li […] fu <strong>il</strong> b<strong>el</strong>lissimo cammino d’una idea chiusa n<strong>el</strong>l’anima di tut<strong>to</strong><br />

un popolo, idea che libera dalle tenebre, splende sot<strong>to</strong> <strong>il</strong> sole come un tesoro o come segno di<br />

vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> e di santità di fronte al mondo meraviglia<strong>to</strong>”.<br />

La piena adesione al sionismo e alle sue ragioni e la presa di distanza da alcuni<br />

set<strong>to</strong>ri antisionisti d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano è mol<strong>to</strong> esplicita, innovando sulla lettura d<strong>el</strong>la<br />

disponib<strong>il</strong>ità culturale d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> a guardare con interesse agli ideali d<strong>el</strong><br />

movimen<strong>to</strong> di riscoperta r<strong>el</strong>igiosa e culturale d<strong>el</strong>l’ ebraismo.<br />

“N<strong>el</strong>la parte di occidente di’Europa e più specialmente nei paesi latini ove i liberi ordinamenti<br />

permet<strong>to</strong>no all’<strong>el</strong>emen<strong>to</strong> ebraico di espandersi armonicamente, entro i limiti segnati dalle leggi<br />

d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> <strong>il</strong> Sionismo avrà lo scopo d<strong>el</strong>la rigenerazione d<strong>el</strong>la coscienza ebraica […quale] soffi o<br />

potente di modernità e di progresso” 17 .<br />

15. Ringrazio Paolo Valabrega per avermi segnala<strong>to</strong> tale passo talmudico, che ritrovo pure in Gadi Luzzat<strong>to</strong> Voghera,<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> un r<strong>abbino</strong> “ ot<strong>to</strong>centesco”…, cit. p. 94.<br />

16. Su sionismo, razza e famiglia, Cfr. in ques<strong>to</strong> catalogo, p. 84, Carlotta Ferrara degli Uberti, Famiglia ed<br />

ebraismo fra fi ne Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> e primo Novecen<strong>to</strong> in Italia.<br />

17. R<strong>el</strong>azione in mate<strong>ria</strong> di Sionismo, s.d. [1936?], Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 64, pp. 3-4.<br />

35


Se le r<strong>el</strong>azioni, le lezioni e i discorsi rimasti saranno, dunque, prezioso tramite per<br />

una più completa lettura d<strong>el</strong> magistero di Rav <strong>Disegni</strong>, e indirettamente d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

italiano, un peso informativo, quantitativamente non confrontab<strong>il</strong>e con qu<strong>el</strong>lo d<strong>el</strong>le serie<br />

documentarie sopra descritte, assume la corposa serie archivistica d<strong>el</strong>la Corrispondenza,<br />

inventa<strong>ria</strong>ta per mittenti (153 fascicoli). Essa si segnala soprattut<strong>to</strong> per la modalità di<br />

descrizione analitica adottata n<strong>el</strong> riordinamen<strong>to</strong>, ma pure per i contenuti, legati sia a<br />

ruoli pubblici che ad occasioni fam<strong>il</strong>iari.<br />

All’interno d<strong>el</strong>la Corrispondenza, che per molte ragioni è quindi da considerarsi parte<br />

centrale d<strong>el</strong>l’archivio, molte lettere si riv<strong>el</strong>ano come indispensab<strong>il</strong>e strumen<strong>to</strong> per la<br />

conoscenza d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>, ma pure d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano n<strong>el</strong> primo Novecen<strong>to</strong>.<br />

Un esempio d<strong>el</strong>la specifi cità di tali documenti, analizza<strong>to</strong> in ques<strong>to</strong> catalogo da<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion, è l’insieme di lettere di Amadio Momigliano ai due nipoti Elvira<br />

e <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>.<br />

Un carteggio ricco di osservazioni, discussioni e indicazioni su temi centrali d<strong>el</strong>l’ebraismo,<br />

ma ricco pure di:<br />

“suggerimenti psicologici, diretti in specie alle molte donne di casa un terreno, ques<strong>to</strong>, d<strong>el</strong>le corrispondenze<br />

famigliari dove sarà possib<strong>il</strong>e analizzare meglio la questione femmin<strong>il</strong>e e <strong>il</strong> ruolo di guida<br />

esterna che veniva da fi gure pat<strong>ria</strong>rcali [in ques<strong>to</strong> caso lo zio Amadio] prima che dal R<strong>abbino</strong>.<br />

[…] Le lettere di Amadio Momigliano ci mostrano in presa diretta che cosa concretamente<br />

volesse dire denuncia contro l’assim<strong>il</strong>azione. Quando queste lettere potranno essere per intero<br />

rese note, come è auspicab<strong>il</strong>e, ciò che prima si diceva in modo alquan<strong>to</strong> astrat<strong>to</strong> d<strong>el</strong> rappor<strong>to</strong><br />

tradizione-modernità potrà risultare a tutti più chiaro” 18 .<br />

Da ultimo un cospicuo numero di fo<strong>to</strong>grafi e (276) sono risultate prezioso completamen<strong>to</strong><br />

non solo d<strong>el</strong>la memo<strong>ria</strong> personale e fam<strong>il</strong>iare di Rav <strong>Disegni</strong>, ma pure dei ruoli pubblici da<br />

lui rivestiti: sessantaquattro fo<strong>to</strong>grafi e (circa la metà d<strong>el</strong>l’intera serie) – riprese in occasioni<br />

rituali, in congressi, convegni, riunioni uffi ciali – animano la scena e completano la<br />

testimonianza di una vita.<br />

L’archivio personale d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>, a riordinamen<strong>to</strong> concluso, si è senz’altro<br />

riv<strong>el</strong>a<strong>to</strong> quale patrimonio di memo<strong>ria</strong> che certamente aggiungerà nuove tessere al ritrat<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>la Comunità ebraica <strong>to</strong>rinese 19 , ma offrirà pure nuovi documenti per la lettura<br />

d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano.<br />

18. Arnaldo Momigliano, Premessa a Pagine ebraiche, a cura di S. Berti, Torino, Einaudi, 1987.<br />

19. Gran parte dei documenti riordinati costituiscono riferimen<strong>to</strong> di ques<strong>to</strong> catalogo. Al riguardo si veda Lucetta<br />

Levi Momigliano, Note per un percorso n<strong>el</strong>la Mostra, in ques<strong>to</strong> Catalogo, p. 37.<br />

36


Note per un percorso n<strong>el</strong>la Mostra<br />

Le carte d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, consegnate n<strong>el</strong> 2007 dalla Famiglia all’Archivio<br />

B. e A. Terracini, hanno permesso di ricostruire n<strong>el</strong>le vetrine d<strong>el</strong>la Mostra le vicende<br />

biografi che di un R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> coinvol<strong>to</strong> negli avvenimenti, non solo europei, di<br />

ques<strong>to</strong> secolo <strong>to</strong>rmenta<strong>to</strong>. Documenti manoscritti e a stampa, fo<strong>to</strong>grafi e, lettere, oggetti di<br />

proprietà privata, carte d<strong>el</strong>l’Archivio B. e A. Terracini, ci guidano dalla fi ne d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong><br />

fi no agli anni Sessanta d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>, lungo una vita tutta tesa a promuovere, attraverso<br />

alterne e anche tragiche vicende, non solo in Italia e in Europa, la consapevole e<br />

responsab<strong>il</strong>e adesione ad una profonda coscienza ebraica e ai precetti d<strong>el</strong>la Torah. Gli<br />

oggetti e i documenti d<strong>el</strong>le vetrine fanno da contraltare agli avvenimenti s<strong>to</strong>rici che<br />

emergono dalle postazioni multimediali.<br />

La formazione di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> è bene evidenziata n<strong>el</strong>la prima vetrina da una serie<br />

di ritratti fo<strong>to</strong>grafi ci: la madre Annetta d<strong>el</strong>la Pergola a Livorno, <strong>il</strong> maestro Samu<strong>el</strong> Hirsch<br />

Margulies a Firenze, la famiglia Momigliano a Cuneo e a Torino. Essi ci parlano dei<br />

primi Salmi recitati da bambino, prima di dormire, d<strong>el</strong>l’impegno attivo d<strong>el</strong> suo maestro<br />

n<strong>el</strong>la Comunità di Firenze, d<strong>el</strong>le prime rifl essioni sul Sionismo e sulla solidarietà per gli<br />

ebrei d<strong>el</strong>l’Abissinia, i Falascià, e d<strong>el</strong>la r<strong>el</strong>igiosità all’interno d<strong>el</strong>la famiglia d<strong>el</strong>la moglie,<br />

Elvira Momigliano, sot<strong>to</strong> la protezione e la guida di uno zio, “Barba Amadio”, sempre<br />

vicino e prodigo di consigli per la giovane coppia di sposi. Uno dei volumi d<strong>el</strong>la biblioteca<br />

fam<strong>il</strong>iare, Sentences et Proverbes du Talmud et du Midrash…, in un’edizione parigina d<strong>el</strong><br />

1878, porta la dedica di Amadio Momigliano ed <strong>il</strong> suo ex-libris.<br />

La seconda vetrina è dedicata alle origini e alle vicende fam<strong>il</strong>iari di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

osservate e analizzate con uno sguardo al signifi ca<strong>to</strong> e al ruolo importante d<strong>el</strong>la famiglia<br />

n<strong>el</strong>l’ebraismo tra Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> e Novecen<strong>to</strong>. Se abbiamo poche notizie sulla famiglia<br />

d’origine, se non le effi gi d<strong>el</strong> padre e d<strong>el</strong>la madre, accompagnate da ricordi au<strong>to</strong>biografi ci<br />

di <strong>Dario</strong>, densi di profonda gratitudine per l’educazione ricevuta, più numerose sono<br />

le immagini di Elvira e d<strong>el</strong>la sua famiglia, dalla buffa fo<strong>to</strong>grafi a d<strong>el</strong>la bambina con <strong>il</strong><br />

frat<strong>el</strong>lo Riccardo, al libret<strong>to</strong>, regala<strong>to</strong> per i diciot<strong>to</strong> anni, alla immagine d<strong>el</strong>la famiglia<br />

in posa per <strong>il</strong> fi danzamen<strong>to</strong>, alla Ketubbah dei due fi danzati con un sonet<strong>to</strong> di auguri<br />

per <strong>il</strong> matrimonio. È <strong>il</strong> frat<strong>el</strong>lo Riccardo che regala <strong>il</strong> libricino, Un bandi<strong>to</strong>, stampa<strong>to</strong> a<br />

Roma n<strong>el</strong> 1892: tre racconti di au<strong>to</strong>ri diversi, tra i quali singolare e interessante è qu<strong>el</strong>lo<br />

riguardante <strong>il</strong> pit<strong>to</strong>re An<strong>to</strong>n Van Dyck, protagonista di una appassionante s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’amore<br />

n<strong>el</strong>la Genova dei suoi tempi. Da ques<strong>to</strong> momen<strong>to</strong> una serie di fo<strong>to</strong>grafi e, di biglietti<br />

augurali, di lettere, documenterà <strong>il</strong> visita<strong>to</strong>re sul formarsi d<strong>el</strong>la nuova famiglia, sulla<br />

nascita e la crescita dei fi gli in un ambiente borghese, atten<strong>to</strong> alla formazione scolastica<br />

dei bambini e alla osservanza d<strong>el</strong>le pratiche r<strong>el</strong>igiose e d<strong>el</strong>le cerimonie ricorrenti anche<br />

n<strong>el</strong>l’ambi<strong>to</strong> fam<strong>il</strong>iare. Ne sono testimonianza un piat<strong>to</strong> secentesco per la tavola d<strong>el</strong><br />

saba<strong>to</strong>, una lampada per le festività e una Haggadah ot<strong>to</strong>centesca per <strong>il</strong> seder di Pesach<br />

(la Pasqua ebraica). Alle immagini d<strong>el</strong>le Nozze d’oro di <strong>Dario</strong> e Elvira, at<strong>to</strong>rniati dai fi glio<br />

37<br />

Lucetta Levi Momigliano


e dai nipoti, si affi ancano gli attestati d<strong>el</strong>le donazioni di alberi e di un bosco per <strong>il</strong> Fondo<br />

Nazionale Ebraico in Isra<strong>el</strong>e, n<strong>el</strong>la terra dei Padri.<br />

Ma sono le tre vetrine seguenti a mettere in evidenza <strong>il</strong> rappor<strong>to</strong> d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> con <strong>il</strong> drammatico contes<strong>to</strong> s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>. Una fo<strong>to</strong>grafi a in abiti m<strong>il</strong>itari<br />

n<strong>el</strong> 1916 ci restituisce <strong>il</strong> suo ruolo di uffi ciale e di “Capp<strong>el</strong>lano m<strong>il</strong>itare isra<strong>el</strong>itico”<br />

a Verona, accan<strong>to</strong> alle immagini dei prigionieri austro-ungarici ebrei durante un ri<strong>to</strong><br />

r<strong>el</strong>igioso. Il Talled e la S<strong>to</strong>la, <strong>il</strong> libro di preghiere si riferiscono a questa importante<br />

presenza accan<strong>to</strong> ai “frat<strong>el</strong>li” con i quali “possiamo proclamare di aver compiu<strong>to</strong> con lealtà<br />

e con sentimen<strong>to</strong> di civismo <strong>il</strong> dovere verso la pat<strong>ria</strong>”, ma anche accan<strong>to</strong> ai prigionieri<br />

austro-ungarici ebrei, che avevano bisogno di poter accedere alle pratiche r<strong>el</strong>igiose e per i<br />

quali <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> richiede testi per la preghiera e indumenti rituali.<br />

Accan<strong>to</strong> alle carte che segnano l’importante esperienza veronese, <strong>il</strong> documen<strong>to</strong> di<br />

nomina n<strong>el</strong> 1930 a Reggente la carica di R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la Comunità isra<strong>el</strong>itica di Tripoli<br />

introduce ad un periodo di attivo impegno su tre fronti, che saranno sempre ritenuti<br />

importanti da <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> sulla scia, forse, d<strong>el</strong>l’esempio d<strong>el</strong> suo primo maestro Samu<strong>el</strong><br />

Hirsch Margulies: <strong>il</strong> riordinamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la scuola ebraica, la raccolta di fondi per un<br />

ospedale, e la cura d<strong>el</strong> cul<strong>to</strong> sinagogale. N<strong>el</strong>la vetrina seguente un’immagine di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> con le insegne rabbiniche ci introduce al suo magistero in una Comunità divisa<br />

e <strong>to</strong>rmentata come qu<strong>el</strong>la d<strong>el</strong>la Torino fascista, e al suo discorso di insediamen<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la<br />

carica. I documenti che seguono sono drammatici: essi testimoniano di una grande<br />

tensione n<strong>el</strong>l’animo di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> tra <strong>il</strong> sentimen<strong>to</strong> forte di italianità, la fed<strong>el</strong>tà al<br />

sovrano e al Governo stesso e, dopo la promulgazione d<strong>el</strong>le leggi razziali, la presa di<br />

posizione, con due lettere al Re e a Beni<strong>to</strong> Mussolini, in difesa d<strong>el</strong>l’eguaglianza dei<br />

cittadini e d<strong>el</strong>l’ebraismo. Diventano a ques<strong>to</strong> pun<strong>to</strong> signifi cativi i discorsi pronunziati tra<br />

<strong>il</strong> 1941 e <strong>il</strong> 1942 in occasione di festività ebraiche importanti come Rosh Hashanah,<br />

Kippur e Pesach. Essi provano la continuità d<strong>el</strong>le c<strong>el</strong>ebrazioni r<strong>el</strong>igiose e d<strong>el</strong> rappor<strong>to</strong><br />

stret<strong>to</strong> con gli ebrei <strong>to</strong>rinesi praticanti, pur n<strong>el</strong>l’ora diffi c<strong>il</strong>e; n<strong>el</strong>lo stesso tempo, n<strong>el</strong>la<br />

vetrina, questi fogli di car<strong>to</strong>ne spesso, legati tra loro con un semplice spago e percorsi<br />

da una scrittura marcata, alta e chiara, talvolta interrotta da canc<strong>el</strong>lature, sono una<br />

concreta e tangib<strong>il</strong>e prova di un lavoro e di un impegno incessanti per dare voce al<br />

continuo richiamo all’adesione ai principi d<strong>el</strong>la Torah anche nei momenti drammatici<br />

d<strong>el</strong>le persecuzioni. Intervengono ancora documenti d<strong>el</strong>l’Archivio B. e A. Terracini a<br />

testimoniare tra <strong>il</strong> 1942 e <strong>il</strong> 1943 l’attenzione all’ospizio, all’orfanatrofi o con una immagine<br />

fo<strong>to</strong>grafi ca dei bambini d<strong>el</strong>l’“educa<strong>to</strong>rio isra<strong>el</strong>itico Enrichetta Sacerdote”, all’assistenza<br />

dei profughi, e, addirittura, alla possib<strong>il</strong>ità di istituire una scuola rabbinica (discorso di<br />

inaugurazione d<strong>el</strong> 25 maggio 1942). Ma n<strong>el</strong>la vetrina seguente, dedicata alla “guerra<br />

<strong>to</strong>tale” e alle deportazioni, sono le fo<strong>to</strong>grafi e d<strong>el</strong> tempio ebraico distrut<strong>to</strong> ad introdurre<br />

una serie di testimonianze drammatiche: gli <strong>el</strong>enchi degli ebrei ricercati, l’es<strong>il</strong>io d<strong>el</strong>la<br />

famiglia <strong>Disegni</strong> ad Asti ed <strong>il</strong> conseguente rifugio a Valdiv<strong>il</strong>la presso una famiglia di<br />

contadini, e infi ne l’<strong>el</strong>enco degli ebrei <strong>to</strong>rinesi deportati.<br />

Il visita<strong>to</strong>re dovrà ri<strong>to</strong>rnare a ques<strong>to</strong> pun<strong>to</strong> alla vita d<strong>el</strong>la fi glia maggiore di <strong>Dario</strong>,<br />

Annetta, al suo matrimonio con Schulim Vog<strong>el</strong>mann, d<strong>el</strong> 26 marzo 1933, e al discorso<br />

d<strong>el</strong> padre, r<strong>abbino</strong>, in occasione d<strong>el</strong>le nozze: «La vostra f<strong>el</strong>ice unione confortata dal<br />

sentimen<strong>to</strong> e dalla rettitudine d<strong>el</strong>le vostre anime <strong>el</strong>ette non conosca giammai la tristezza<br />

né mai l’incudine sulla quale <strong>il</strong> mart<strong>el</strong>lo crud<strong>el</strong>e d<strong>el</strong> dolore venga a percuotere i suoi<br />

mestissimi colpi». Ed ecco, dopo ques<strong>to</strong> augurio, le dolcissime immagini d<strong>el</strong>la bimba<br />

Siss<strong>el</strong>, i suoi disegni e le letterine inviate da Firenze ai Nonni e allo “zio Lo”. Dopo<br />

<strong>il</strong> tragico s<strong>il</strong>enzio di molti mesi due lettere di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> racconteranno l’angoscia<br />

38


per <strong>il</strong> destino d<strong>el</strong>la fi glia e d<strong>el</strong>la nipotina, e <strong>il</strong> ri<strong>to</strong>rno d<strong>el</strong> genero <strong>il</strong> 20 giugno d<strong>el</strong> 1945<br />

con la narrazione d<strong>el</strong>le ultime notizie e tracce di Annetta e Siss<strong>el</strong>. Sarà Elvira <strong>Disegni</strong><br />

a “perpetuare la memo<strong>ria</strong>” di entrambe con <strong>il</strong> dono, n<strong>el</strong> 1950, alla Comunità ebraica di<br />

Torino di un Parokhet (tenda) per l’Aron d<strong>el</strong>la Sinagoga.<br />

La vetrina seguente, dedicata alla “rinascita”, ci ripresenta le immagini d<strong>el</strong> tempio ora<br />

“risor<strong>to</strong> dalle rovine”, <strong>ria</strong>per<strong>to</strong> per i primi riti r<strong>el</strong>igiosi, con la presenza dei soldati alleati<br />

e, fi nanco, d<strong>el</strong>la brigata ebraica. <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> c<strong>el</strong>ebra, con un discorso d<strong>el</strong> 6 dicembre<br />

1947, la fondazione d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> d’Isra<strong>el</strong>e e <strong>il</strong> 22 febbraio 1948, al Teatro Godetti, invita<br />

la cittadinanza <strong>to</strong>rinese all’“unione contro l’in<strong>to</strong>lleranza”. L’Archivio B. e A. Terracini,<br />

accan<strong>to</strong> all’immagine di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> con tre allievi d<strong>el</strong>la scuola rifondata nei tre ordini<br />

(materna, <strong>el</strong>ementare e media), conserva i temi, i compiti di matematica e molti disegni<br />

d<strong>el</strong>l’anno scolastico 1947-1948. Accan<strong>to</strong> alla rifondazione d<strong>el</strong>la scuola per tutti, <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> ri<strong>to</strong>rna subi<strong>to</strong> negli stessi anni al proget<strong>to</strong> di una scuola rabbinica che porterà <strong>il</strong><br />

nome d<strong>el</strong> suo Maestro Samu<strong>el</strong> Hirsch Margulies. Oltre alle r<strong>el</strong>azioni degli esami annuali<br />

degli allievi <strong>to</strong>rinesi troviamo l’adesione degli studenti ateniesi e, sopratut<strong>to</strong>, l’iscrizione<br />

di giovani falascià provenienti da Tripoli, con una b<strong>el</strong>la fo<strong>to</strong>grafi a di tutti gli allievi sulla<br />

scalinata d<strong>el</strong> cort<strong>il</strong>e d<strong>el</strong>la Scuola Ebraica di Torino.<br />

Si è volu<strong>to</strong> raccogliere e presentare tutti insieme i discorsi di Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

scritti e pronunciati in occasione d<strong>el</strong>le cerimonie e dei riti sinagogali (Kippur, Simchat<br />

Torah) ed anche d<strong>el</strong>le feste vissute n<strong>el</strong>la stretta intimità fam<strong>il</strong>iare (Shabbat, Pesach,<br />

Succot), in periodi f<strong>el</strong>ici, in altri drammatici: redatti con un linguaggio immaginifi co,<br />

intenso e persuasivo sono un continuo riferimen<strong>to</strong> alla forza e alla sacralità d<strong>el</strong>la famiglia,<br />

un moni<strong>to</strong> alla fed<strong>el</strong>tà alle tradizioni e all’insegnamen<strong>to</strong> dei padri, anche, e, soprattut<strong>to</strong>,<br />

n<strong>el</strong>le avversità e nei momenti tragici d<strong>el</strong>le persecuzioni. Prova di ques<strong>to</strong> ininterrot<strong>to</strong><br />

impegno sono le lettere che n<strong>el</strong> momen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> commia<strong>to</strong> dalla Comunità di Torino<br />

e d<strong>el</strong> ritiro dal Rabbina<strong>to</strong> (4 novembre 1959) arrivarono dalle comunità italiane e,<br />

soprattut<strong>to</strong>, i doni di arredi sacri che le comunità stesse offrirono in suo ricordo al<br />

Tempio italiano di Gerusalemme: questi oggetti, un Keter (corona), un Tas (targa), un<br />

Me<strong>il</strong> (man<strong>to</strong>) oggi sono cus<strong>to</strong>diti n<strong>el</strong> Museo U. Nahon di Arte Ebraica Italiana in qu<strong>el</strong>la<br />

città ed è sta<strong>to</strong> nostro desiderio che fossero rappresentati in mostra almeno dalle loro<br />

immagini fo<strong>to</strong>grafi che.<br />

Ancora una vetrina è dedicata a qu<strong>el</strong>la che è stata l’ultima fatica di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, ma<br />

anche <strong>il</strong> coronamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la sua missione: la cura d<strong>el</strong>la traduzione e d<strong>el</strong>la nuova edizione<br />

d<strong>el</strong>la Bibbia. Dal 1959 al 1966 un lavoro incessante, documenta<strong>to</strong> in mostra dagli<br />

appunti, dalla bibliografi a e dalle carte amministrative, porterà all’edizione Marietti e alla<br />

diffusione d<strong>el</strong>l’opera nei tipi d<strong>el</strong>la Giuntina. I bozzetti di Lina Sorani per le sopracoperte,<br />

così evocativi dei contenuti dei quattro volumi, i frontespizi così chiari ed essenziali,<br />

in ebraico e in italiano, d<strong>el</strong> Pentateuco e Haftaroth, dei Profeti Anteriori, dei Profeti<br />

Posteriori e degli Agiografi sono la degna veste grafi ca d<strong>el</strong> risulta<strong>to</strong> di un vero e proprio<br />

cantiere. N<strong>el</strong> dicembre d<strong>el</strong> 2007 un convegno, a cura di Alber<strong>to</strong> Cavaglion, dal ti<strong>to</strong>lo<br />

Genesi di una Traduzione. La Bibbia dei Rabbini italiani n<strong>el</strong>l’edizione curata da Rav <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong>, ha in qualche modo anticipa<strong>to</strong> i contenuti d<strong>el</strong>la Mostra ed ha volu<strong>to</strong> rifl ettere<br />

sull’importante signifi ca<strong>to</strong> che ques<strong>to</strong> lavoro rappresenta per la comprensione d<strong>el</strong>le<br />

profonde ragioni di una vita e di una missione.<br />

39


Catalogo d<strong>el</strong>la mostra<br />

a cura di<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion, Lucetta Levi Momigliano, Isab<strong>el</strong>la Massabò Ricci


Abbreviazioni<br />

c. carta<br />

cc. carte<br />

fasc. fascicolo<br />

Inv. Fot. Inventario Fo<strong>to</strong>grafi co<br />

n. numero<br />

nn. numeri<br />

s.d. senza data<br />

D<strong>el</strong>asem D<strong>el</strong>egazione Assistenza Emigranti Ebrei<br />

Per l’or<strong>to</strong>grafi a dei nomi d<strong>el</strong>le principali ricorrenze d<strong>el</strong>l’anno ebraico ci si<br />

è riferiti alla Guida alle uffi ciature per l’anno ebraico 5769, 2008-2009,<br />

Zamorani, Torino, 2008.


Gli anni d<strong>el</strong>la formazione


<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e l’ebraismo d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong><br />

Passa<strong>to</strong> prossimo<br />

Il profi lo di Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> che ci è sta<strong>to</strong> tramanda<strong>to</strong> è qu<strong>el</strong>lo di una fi gura austera,<br />

<strong>il</strong> vol<strong>to</strong> asciut<strong>to</strong>, segna<strong>to</strong> dalle tragedie d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>: <strong>il</strong> viaggio dentro <strong>il</strong> fascismo, poi<br />

<strong>il</strong> trauma d<strong>el</strong>le leggi razziali, l’orrore d<strong>el</strong>la Shoah, che gli sottrasse una fi glia e l’adorata<br />

nipotina Siss<strong>el</strong>. È un profi lo che ritroviamo nei libri dove si parla di lui e, soprattut<strong>to</strong>,<br />

n<strong>el</strong>le opere fi gurative: dal dipin<strong>to</strong> di <strong>Dario</strong> Treves al più scabro, quasi surreale ritrat<strong>to</strong>,<br />

lascia<strong>to</strong>ci da un altro pit<strong>to</strong>re <strong>to</strong>rinese che gli fu amico, Mario Lattes. È un profi lo che<br />

ritroviamo n<strong>el</strong>l’au<strong>to</strong>biografi a di Augus<strong>to</strong> Segre, che fu partigiano n<strong>el</strong> Monferra<strong>to</strong> e sarà<br />

n<strong>el</strong> dopoguerra, non meno di <strong>Disegni</strong>, una colonna d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano, con solide<br />

radici in qu<strong>el</strong>l’entità geografi ca che Primo Levi ci ha insegna<strong>to</strong> a chiamare “Argon”. N<strong>el</strong>le<br />

Memorie di vita ebraica di Augus<strong>to</strong> Segre si legge, a proposi<strong>to</strong> dei giorni d<strong>el</strong>la clandestinità<br />

e d<strong>el</strong>l’arrivo di Rav <strong>Disegni</strong> ad Asti:<br />

«Siamo giunti quasi a metà d<strong>el</strong>la via Cavour, quando di lontano riconosciamo <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

che sta dirigendosi verso di noi, ma non ci ha ancora nota<strong>to</strong>. La sua fi gura è inconfondib<strong>il</strong>e.<br />

Al<strong>to</strong>, allampana<strong>to</strong>, con un capp<strong>el</strong>lo a larga tesa, alla Margulies – suo famoso Maestro al Collegio<br />

rabbinico di Firenze –, una cravatta bianca e un pizzet<strong>to</strong> appena r<strong>il</strong>evab<strong>il</strong>e 1 ».<br />

N<strong>el</strong> concita<strong>to</strong> dialogo che segue, per le vie di una spettrale Asti, si misura la distanza<br />

fra due temperamenti radicalmente diversi: <strong>il</strong> politico Segre e l’impoliticissimo <strong>Disegni</strong>,<br />

che in qu<strong>el</strong>le ore si muoveva con imprudenza, quasi non accorgendosi di quan<strong>to</strong> accadeva<br />

accan<strong>to</strong> a lui.<br />

N<strong>el</strong> rifugio di Castagnole, trova<strong>to</strong>gli da Segre, Rav <strong>Disegni</strong> troverà riparo e salvezza a<br />

partire dall’inverno 1943-1944, ma r<strong>il</strong>eggendo le righe assai effi caci di questa au<strong>to</strong>biografi a,<br />

si ha chiara la sensazione che un mondo intero, <strong>il</strong> mondo di ieri, stesse precipitando:<br />

«Nevica. Rav <strong>Disegni</strong> – a fatica son riusci<strong>to</strong> a fargli cambiare capp<strong>el</strong>lo, cravatta e cappot<strong>to</strong> – non<br />

ne vuole sapere di camminare in mezzo ai campi. C’è una strada che corre lungo la cima d<strong>el</strong>le<br />

colline e si snoda a semicerchio, vuol prendere qu<strong>el</strong>la, è più comoda, d’accordo, ma gli faccio<br />

presente <strong>il</strong> grave pericolo che può correre. […] Quando ha inizio <strong>il</strong> saba<strong>to</strong>, al lume di una lampada<br />

all’acet<strong>il</strong>ene, c’è già d<strong>el</strong> brodo caldo e un po’ di bolli<strong>to</strong>. Rav <strong>Disegni</strong> è lie<strong>to</strong>, quasi allegro, divora <strong>il</strong><br />

pas<strong>to</strong> come sempre con ottimo appeti<strong>to</strong> e mi dice che gli par di rivivere un raccon<strong>to</strong> chassidico. Può<br />

darsi che abbia ragione, ma io ho l’impressione che continui a vivere fra le nuvole 2 ».<br />

45<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion<br />

1. A. Segre, Memorie di vita ebraica, Roma, Bonacci, 1979, p. 310. Sulla r<strong>il</strong>evanza di ques<strong>to</strong> ritrat<strong>to</strong> si è sofferma<strong>to</strong> anche<br />

G. Luzzat<strong>to</strong> Voghera, <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>: un r<strong>abbino</strong> “ot<strong>to</strong>centesco” n<strong>el</strong>l’Italia fascista, in Cat<strong>to</strong>lici, ebrei ed evang<strong>el</strong>ici n<strong>el</strong>la guerra.<br />

Vita r<strong>el</strong>igiosa e società 1939-1945, a c. di R. Marchis, B. Gariglio, M<strong>il</strong>ano, F. Ang<strong>el</strong>i, 1999, p. 105.<br />

2. A. Segre, Memorie cit., p. 317.


Tutti coloro che hanno conosciu<strong>to</strong> Rav <strong>Disegni</strong> – amici, congiunti, discepoli d<strong>el</strong> Collegio<br />

rabbinico – sot<strong>to</strong>lineano lo sguardo severo, <strong>il</strong> rigore dei costumi, che si rifl etteva n<strong>el</strong> modo<br />

di vestire, n<strong>el</strong>la sobrietà d<strong>el</strong>le parole, nei giudizi sib<strong>il</strong>anti, n<strong>el</strong>l’impossib<strong>il</strong>ità di stare fermo.<br />

Possediamo testimonianze piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> colorite, che sfi orano la caricatura benevola. Si pensi<br />

a una pagina di Aldo Zargani, dove si rievoca un incontro d<strong>el</strong> 1945:<br />

«Eravamo andati, in maglietta, a salutarlo n<strong>el</strong>la semidistrutta Comunità Isra<strong>el</strong>itica e <strong>il</strong> papà, per<br />

dare un senso r<strong>el</strong>igioso a qu<strong>el</strong>l’even<strong>to</strong>, aveva credu<strong>to</strong> opportuno appenderci al collo le st<strong>el</strong>le di<br />

Davide, qu<strong>el</strong>le d’oro riposte dal 1940. L’adunco r<strong>abbino</strong> capo ci guardò <strong>to</strong>rvo, ci strappò le st<strong>el</strong>le<br />

a sei punte con le mani ossute e le schiaffò n<strong>el</strong> palmo di mio padre, esclamando, senza neppure<br />

l’ombra d<strong>el</strong>la minima indulgenza: ‘Anche queste sono chadoglie’ 3 ».<br />

N<strong>el</strong> gergo ebraico-livornese chadoglia è la Madonna, n<strong>el</strong>la sua accezione, dice Zargani,<br />

di «ogget<strong>to</strong> di fanatica idolat<strong>ria</strong>». Dalla parola “sacro” (kadòsc), <strong>il</strong> termine, in assonanza<br />

con “bigioglia”, esprime disprezzo verso ogni decorazione inut<strong>il</strong>e – anche una st<strong>el</strong>la di<br />

Davide troppo orgogliosamente esibita. In Argon, Primo Levi adopererà un’espressione<br />

affi ne: Khaltrum (o Khantrum), o meglio “l’odioso” Khaltrum, «<strong>il</strong> ri<strong>to</strong> e la bigotte<strong>ria</strong> dei<br />

cat<strong>to</strong>lici, in<strong>to</strong>llerab<strong>il</strong>e perché politeistica e soprattut<strong>to</strong> perché gremita d’immagini (“Non<br />

avrai altri dèi che me, non ti farai scultura né immagine… e non la adorerai”, Esodo<br />

20-3) e quindi idolatrica». 4<br />

N<strong>el</strong> 1945, l’insistenza sul da<strong>to</strong> fi sico, sulle mani ossute, sul nero vestire, sul profi lo<br />

adunco, sull’amore per le cose fatte in fretta rimandavano ad un passa<strong>to</strong> prossimo che,<br />

purtroppo, non era frut<strong>to</strong> di allucinazione, né oggi può essere ogget<strong>to</strong> di oblio. Cer<strong>to</strong>,<br />

perdura <strong>il</strong> ricordo d<strong>el</strong> fascismo e dei compromessi cui molti, incluso Rav <strong>Disegni</strong>, avevano<br />

dovu<strong>to</strong> soggiacere; tra adolescenti come Zargani, soprattut<strong>to</strong> perdurava n<strong>el</strong> 1945, <strong>il</strong> ricordo<br />

d<strong>el</strong> primo sv<strong>il</strong>upparsi a Torino d<strong>el</strong>la campagna razziale; nessuno poteva aver dimentica<strong>to</strong><br />

un manifes<strong>to</strong> affi sso per le vie d<strong>el</strong> centro a Torino, <strong>il</strong> 16 ot<strong>to</strong>bre 1941. N<strong>el</strong> folle <strong>el</strong>enco<br />

dei reprobi messi alla gogna, <strong>il</strong> nome di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> era sta<strong>to</strong> sistema<strong>to</strong> dagli estensori<br />

d<strong>el</strong> manifes<strong>to</strong> sul fi nire di un inarrestab<strong>il</strong>e, d<strong>el</strong>irante crescendo:<br />

Giudei sono: Da Verona, Pitigr<strong>il</strong>li, Moravia, Lo<strong>ria</strong>, Segre, Momigliano, Terracini, Franco, Levi<br />

Montalcini, Einstein, Blum, La Pasiona<strong>ria</strong>, Alvarez d<strong>el</strong> Vajo, Carlo Marx, Litvinof, Lenin, Mordavisi,<br />

Voronof, Modigliani, Maestro, Roosev<strong>el</strong>t, Jachia, Bombacci, Ar<strong>to</strong>m, <strong>il</strong> Negus, De Benedetti,<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> 5 .<br />

Questioni s<strong>to</strong>riografi che aperte<br />

Nondimeno una domanda pare d’obbligo. Siamo sicuri che ques<strong>to</strong> ritrat<strong>to</strong>, ricalca<strong>to</strong><br />

sulla memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong> periodo di guerra, corrisponda al vero? La formazione culturale di Rav<br />

<strong>Disegni</strong>, e l’avvio d<strong>el</strong>la sua opera, sono da ricondurre a un contes<strong>to</strong> precedente, assai diverso<br />

sia rispet<strong>to</strong> al periodo d<strong>el</strong> consenso al fascismo, sia rispet<strong>to</strong> al biennio drammatico d<strong>el</strong><br />

1943-1945. Che cosa sappiamo di qu<strong>el</strong> primo periodo che precede la Grande Guerra?<br />

3. Ci<strong>to</strong> dalla seconda edizione di A. Zargani, Per violino solo. La mia infanzia n<strong>el</strong>l’Aldiqua 1938-1945, Bologna,<br />

Il Mulino, 2002, p. 104.<br />

4. P. Levi, Argon, in Il sistema periodico (Opere, a c. di M. B<strong>el</strong>politi, Torino, Einaudi, 1997, vol. I, p. 748).<br />

5. Nulla sapremmo di qu<strong>el</strong>l’episodio se non ne avessero parla<strong>to</strong> Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m, (Diari di un partigiano ebreo)<br />

a c. di G. Schwarz, Torino, Bollati Boringhieri, 2008, p. 16, e altri giovani a lui coetanei, per esempio Eugenio<br />

Gent<strong>il</strong>i-Tedeschi e lo stesso Primo Levi, i quali, con l’aiu<strong>to</strong> anche di non ebrei, s’affrettarono a defi ggere <strong>il</strong> manifes<strong>to</strong><br />

(P. Levi, Lettera a Euge, in Opere cit., vol. I, pp. 1233-1235).<br />

46


Mol<strong>to</strong> poco in verità sappiamo d<strong>el</strong>le letture, d<strong>el</strong>le corrispondenze, d<strong>el</strong>le inclinazioni,<br />

d<strong>el</strong> ruolo che giovani come <strong>Disegni</strong> all’inizio d<strong>el</strong> secolo pensavano di avere, e in effetti<br />

avevano, o non avevano (o avrebbero dovu<strong>to</strong> avere) n<strong>el</strong>la società che da poco tempo<br />

aveva vis<strong>to</strong> gli ebrei diventare cittadini uguali e liberi. Si contano sulle dita di una mano<br />

i mod<strong>el</strong>li sui quali appoggiarci per una comparazione: numerosi e lodevoli, ad esempio,<br />

sono stati gli studi sulla vita e le opere di Dante Lattes, ma <strong>il</strong> caso fa s<strong>to</strong><strong>ria</strong> a sé, perché<br />

Lattes non si trovò mai n<strong>el</strong>la condizione di doversi prendere cura di una Comunità (come<br />

accadde a <strong>Disegni</strong> a Torino già nei suoi anni universitari, poi a Genova, Verona, infi ne<br />

di nuovo a Torino) 6 . Gabri<strong>el</strong>e Rigano ha lavora<strong>to</strong> sulla formazione int<strong>el</strong>lettuale di Isra<strong>el</strong><br />

Zolli e <strong>il</strong> suo studio è davvero esemplare per ricchezza di documentazione, ma concerne<br />

la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> di una comunità, qu<strong>el</strong>la di Trieste, diventata italiana solo n<strong>el</strong> 1917 7 . Poco<br />

o nulla sappiamo d<strong>el</strong>le vicende di coloro che con <strong>Disegni</strong> per decenni interloquirono<br />

trovandosi in una posizione di prima linea: Ermanno Friedenthal, Giuseppe Bolaffi o,<br />

Gustavo Cast<strong>el</strong>bolognesi.<br />

Ci sarebbe da chiedersi se Rav <strong>Disegni</strong> avrebbe considera<strong>to</strong> una “chadoglia” anche <strong>il</strong><br />

suo archivio, n<strong>el</strong>le cui carte la sua fi gura ci appare adesso sot<strong>to</strong> una nuova luce, diversa,<br />

inaspettata. Il riordino d<strong>el</strong>le carte, reso ora possib<strong>il</strong>e, in occasione di questa mostra,<br />

dall’Archivio Benvenu<strong>to</strong> Terracini, consentirà di sottrarre <strong>il</strong> ritrat<strong>to</strong> dagli stereotipi. In<br />

questa sede possiamo soltan<strong>to</strong> indicare alcuni punti emersi da una prima esplorazione.<br />

Poco sappiamo d<strong>el</strong> suo passaggio al Collegio di Margulies, che aveva stab<strong>il</strong>i<strong>to</strong><br />

la sua sede a Firenze n<strong>el</strong> 1899, dove <strong>Disegni</strong> si addot<strong>to</strong>rò n<strong>el</strong> 1915. Molte notizie<br />

preziose sul mondo fi orentino ci vengono da Ida Zat<strong>el</strong>li n<strong>el</strong> profi lo biografi co di<br />

Umber<strong>to</strong> Cassu<strong>to</strong>. 8 Sappiamo per cer<strong>to</strong> che un ruolo particolarissimo ebbero su<br />

giovani come lui Perez Chajes o Ismar Elbogen, cioè docenti d<strong>el</strong> collegio fi orentino<br />

di provenienza centro-europea, disponib<strong>il</strong>i a suggerire stimoli culturali legati alla<br />

Scienza d<strong>el</strong> Giudaismo (Wissenschaft des Judentums), <strong>il</strong> movimen<strong>to</strong> di risveglio<br />

ebraico na<strong>to</strong> in Germania in<strong>to</strong>rno al 1820, caratterizza<strong>to</strong> dalla volontà di confrontare<br />

in modo scientifi co <strong>il</strong> patrimonio r<strong>el</strong>igioso e culturale d<strong>el</strong>l’ebraismo n<strong>el</strong> terreno<br />

d<strong>el</strong>l’interpretazione d<strong>el</strong>le Scritture. <strong>Disegni</strong>, tuttavia, non ebbe i sogni accademici<br />

di Cassu<strong>to</strong>, né qu<strong>el</strong>li di Arnaldo Momigliano. Si ha l’impressione che la vivacità<br />

stessa di qu<strong>el</strong> microcosmo famigliare caratterizza<strong>to</strong> da un formidab<strong>il</strong>e legame affettivo,<br />

ma diviso al suo interno fra rigore tradizionalista di Amadio e istanze universalisticoprofetiche<br />

di F<strong>el</strong>ice 9 , abbiano agi<strong>to</strong> più a fondo di ogni insegnamen<strong>to</strong> universitario,<br />

sicché la fi gura di Rav <strong>Disegni</strong>, in primo luogo, fi n dalla giovinezza più che verso gli<br />

studi ci appare protesa verso la cura d<strong>el</strong>le anime, in obbedienza al sacro principio<br />

d<strong>el</strong> “tu andrai ove vi è luce e Saba<strong>to</strong>”.<br />

L’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> ebraico è terra poco esplorata. Molte d<strong>el</strong>le nostre r<strong>il</strong>etture sono<br />

condizionate, come si è det<strong>to</strong>, dalla lente deformante d<strong>el</strong> senno d<strong>el</strong> poi, che rende<br />

6. Mi riferisco, per Dante Lattes, soprattut<strong>to</strong> al volume cura<strong>to</strong> da D. Bidussa, A. Luzzat<strong>to</strong>, Oltre <strong>il</strong> ghet<strong>to</strong>. Momenti<br />

e fi gure d<strong>el</strong>la cultura ebraica in Italia fra l’Unità e <strong>il</strong> fascismo, Brescia, Morc<strong>el</strong>liana, 1992.<br />

7. G. Rigano, Il caso Zolli. L’itinerario di un int<strong>el</strong>lettuale in b<strong>il</strong>ico fra fedi, culture e nazioni, M<strong>il</strong>ano, Guerini<br />

Studio, 2006.<br />

8. I. Zat<strong>el</strong>li, Umber<strong>to</strong> e Nathan Cassu<strong>to</strong>, in Fiorentini d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>, a c. di P. L. Ballini, Firenze, Edizioni<br />

Polistampa, 2004, pp. 73-93. Assai ricca documentazione è ora raccolta n<strong>el</strong> saggio d<strong>el</strong>la stessa Zat<strong>el</strong>li, Umber<strong>to</strong><br />

(Moshe David) Cassu<strong>to</strong> e la cattedra fi orentina di lingua e letteratura ebraica, in Umber<strong>to</strong> (Moshe David) Cassu<strong>to</strong>,<br />

Conference Supplement Series, “Italia. Studi e ricerche sulla s<strong>to</strong><strong>ria</strong>, la cultura e la letteratura degli ebrei d’Italia”, a c.<br />

di R. Bonf<strong>il</strong>, Gerusalemme, 2007, pp. 43-56.<br />

9. È d’obbligo <strong>il</strong> riferimen<strong>to</strong> alla premessa di A. Momigliano, Pagine ebraiche, a c. di S<strong>il</strong>via Berti, Torino, Einaudi,<br />

1987; ut<strong>il</strong>i riferimenti all’universo caragliese si leggono adesso anche in Rinaldo De Benedetti, Memorie di Didimo,<br />

M<strong>il</strong>ano, Libri Scheiw<strong>il</strong>ler, 2008, alle pp. 191-192 un breve ritrat<strong>to</strong> di Amadio Momigliano. La lettera di Benamozegh<br />

è stata pubblicata da Yoseph Colombo, Una lettera di Benamozegh a Amadio Momigliano, in “La rassegna mens<strong>il</strong>e<br />

di Isra<strong>el</strong>”, XXXV, 10, ot<strong>to</strong>bre 1969, pp. 439-447.<br />

47


impossib<strong>il</strong>e un’analisi d<strong>el</strong> fenomeno da Anna Foa defi ni<strong>to</strong> la “modernizzazione” degli ebrei<br />

d’Italia 10 . La situazione di stallo in cui oggi si trova la s<strong>to</strong>riografi a mi sembra consistere<br />

n<strong>el</strong> fat<strong>to</strong> che molte ricerche sull’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> non sono andate al di là di una generica<br />

presa d’at<strong>to</strong> d<strong>el</strong> conserva<strong>to</strong>rismo, pensando che <strong>il</strong> genere di scrittura più pratica<strong>to</strong> dai<br />

rabbini sia la deprecatio temporum.<br />

L’emancipazione ebbe rifl essi in molti campi, che vanno esaminati uno alla volta.<br />

Mol<strong>to</strong> importante è naturalmente <strong>il</strong> campo che ci accingiamo ad osservare: la traduzione<br />

d<strong>el</strong>la Bibbia; ma ques<strong>to</strong> problema rientra in un più generale discorso sul processo di<br />

integrazione e sul rappor<strong>to</strong> modernità-tradizione. I d<strong>il</strong>emmi che la fi lologia pone agli<br />

studiosi d<strong>el</strong>la Bibbia si collocano dentro una cornice che riguarda la libertà r<strong>el</strong>igiosa, così<br />

come essa venne percepita dagli ebrei italiani fra 1848 e avven<strong>to</strong> d<strong>el</strong> fascismo.<br />

La partita si è svolta su molti terreni, che vanno indagati uno per uno, con spiri<strong>to</strong><br />

di concretezza. Il discorso, come ovvio, vale non solo per i Rabbini d<strong>el</strong>la Nuova Italia,<br />

ma per la società italiana n<strong>el</strong> suo insieme: se analizziamo <strong>il</strong> genere di risposte fornite a<br />

molteplici quesiti, se, come è assai probab<strong>il</strong>e, i ritardi e le carenze non si dimostreranno<br />

mol<strong>to</strong> diversi fra neo-emancipati e società circostante, risulterà più fac<strong>il</strong>e capire la<br />

successiva (altrimenti inspiegab<strong>il</strong>e) accettazione supina d<strong>el</strong> fascismo, sia da parte ebraica<br />

sia da parte non ebraica.<br />

Gioverebbe sapere, ad esempio, che idea di democrazia avessero i diplomati d<strong>el</strong>la<br />

scuola fi orentina andati a dirigere, prima d<strong>el</strong>la Grande Guerra, istituzioni comunitarie<br />

rette da un sistema in cui la moderna democrazia era ben lungi dall’essere realizzata (<strong>il</strong><br />

confron<strong>to</strong> andrebbe fat<strong>to</strong> con le comunità francesi, con <strong>il</strong> mondo anglosassone, ma anche<br />

con <strong>il</strong> grado di consapevolezza politica interno al microcosmo dei valdesi); gioverebbe<br />

sapere poi che idea di libertà r<strong>el</strong>igiosa possedessero sia le au<strong>to</strong>rità r<strong>el</strong>igiose, lo stesso<br />

pat<strong>ria</strong>rca Amadio, sia gli amministra<strong>to</strong>ri d<strong>el</strong>le comunità – e come pensassero di conc<strong>il</strong>iare<br />

l’osservanza dei precetti con <strong>il</strong> cardine d<strong>el</strong> pensiero liberale che, da Cavour a Ruffi ni,<br />

sanciva la separazione tra fede e politica (in un’età, sarà bene ricordarlo, n<strong>el</strong>la quale i<br />

cat<strong>to</strong>lici, almeno fi no al 1907, non fanno parte d<strong>el</strong>la scena politica).<br />

Studiando la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> degli ebrei n<strong>el</strong>la società italiana contemporanea i nodi affrontati<br />

sono invece quasi sempre altri, apparentemente più semplici da districare: <strong>il</strong> problema<br />

d<strong>el</strong>l’insegnamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la r<strong>el</strong>igione n<strong>el</strong>la scuola pubblica, ad esempio, ma ognuno può<br />

constatare che non è immediatamente comparab<strong>il</strong>e con <strong>il</strong> problema, in verità più lineare,<br />

d<strong>el</strong>la liceità di una traduzione d<strong>el</strong>la Bibbia.<br />

Se si osservano le cose dal pun<strong>to</strong> di vista d<strong>el</strong>la educazione, ieri come oggi, oggi<br />

come domani, un ebreo osservante non potrà dissentire dal principio, vichiano e poi<br />

gent<strong>il</strong>iano, secondo cui l’infanzia deve essere l’età per la prima conoscenza di Dio. È<br />

d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> evidente la contraddizione che, n<strong>el</strong> primo Novecen<strong>to</strong>, s’apre fra <strong>il</strong> pun<strong>to</strong> di<br />

vista rabbinico, coincidente con Gent<strong>il</strong>e, e qu<strong>el</strong>lo di ogni ebreo secolarizza<strong>to</strong>, mazziniano<br />

o cattaneano o socialista turatiano, difensore d<strong>el</strong>la laicità d<strong>el</strong>la scuola (i termini d<strong>el</strong>la<br />

questione, e annesse contraddizioni, non muteranno n<strong>el</strong> secondo Novecen<strong>to</strong>, e con essi<br />

Rav <strong>Disegni</strong> si troverà a fare i conti, dentro la scuola ebraica <strong>to</strong>rinese, che deciderà di<br />

aprirsi ai ragazzi non ebrei, dopo la votazione d<strong>el</strong>l’art. 7).<br />

Altri punti nevralgici dove misurare se e come <strong>il</strong> solco tradizione-modernità sia sta<strong>to</strong><br />

colma<strong>to</strong> non mancano: la questione d<strong>el</strong>la famiglia, ad esempio, e in specie d<strong>el</strong> ruolo che<br />

la donna deve assumere n<strong>el</strong>la vita domestica.<br />

10. A. Foa, Il mi<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’assim<strong>il</strong>azione. La s<strong>to</strong>riografi a d<strong>el</strong>l’emancipazione degli ebrei italiani: prospettive e condizionamenti,<br />

in Ebrei e nazione. Comportamenti e rappresentazioni n<strong>el</strong>l’età d<strong>el</strong>l’emancipazione, a c. di D. Menozzi, C. Ferrara degli<br />

Uberti, “S<strong>to</strong><strong>ria</strong> e problemi contemporanei”, XX, 45, maggio-agos<strong>to</strong> 2007, p. 19.<br />

48


Paradossalmente, in quest’ambi<strong>to</strong>, che Rav <strong>Disegni</strong> ebbe mol<strong>to</strong> caro e di cui parlò<br />

innumerevoli volte, in conferenze e discorsi per matrimoni o festività r<strong>el</strong>igiose, <strong>il</strong> pun<strong>to</strong> di<br />

convergenza c’era sta<strong>to</strong>, ma non aveva riguarda<strong>to</strong> <strong>il</strong> matrimonio, bensì <strong>il</strong> suo scioglimen<strong>to</strong>:<br />

<strong>il</strong> divorzio, di cui all’inizio d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>, per iniziativa proprio di forze democraticoliberali,<br />

si era discusso un proget<strong>to</strong> di legge, senza riuscire a vararlo (<strong>il</strong> cosiddet<strong>to</strong> proget<strong>to</strong><br />

Berenini Borciani, 1901).<br />

Interessante studiare la discussione che s’anima in quei mesi dentro l’ebraismo<br />

italiano, fra ebrei più o meno praticanti, perché a parlare a chiare lettere sono proprio<br />

i giovani Rabbini. Dal pun<strong>to</strong> di vista d<strong>el</strong> dirit<strong>to</strong> matrimoniale, l’emancipazione non vi è<br />

dubbio che determinasse, per gli ebrei, una diminuzione dei loro diritti; sulla stampa<br />

ebraica e nei discorsi numerosi i Rabbini ebbero modo di rivendicare <strong>il</strong> “prima<strong>to</strong> morale”<br />

d<strong>el</strong>l’ebraismo in fat<strong>to</strong> di diritti civ<strong>il</strong>i. Togliere <strong>il</strong> dirit<strong>to</strong> al divorzio signifi cava limitare la<br />

libertà d<strong>el</strong>la coscienza ebraica 11 .<br />

Le cose si pongono invece in modo d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> diverso se si allarga <strong>il</strong> raffron<strong>to</strong> al ruolo<br />

d<strong>el</strong>la donna, n<strong>el</strong>la famiglia e n<strong>el</strong>la società. Mentre <strong>Disegni</strong> ultimava i suoi studi, n<strong>el</strong>la<br />

società civ<strong>il</strong>e, in specie a M<strong>il</strong>ano, molte donne ebree gravitavano ormai in<strong>to</strong>rno ai circoli<br />

democratici e socialisti, istituzioni benefi che come la Società Umanita<strong>ria</strong> o l’istitu<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>le Mariuccine per l’infanzia abbandonata (è sta<strong>to</strong> dimostra<strong>to</strong> come questa istituzione<br />

fosse una emanazione stessa d<strong>el</strong>l’ebraismo m<strong>il</strong>anese, quasi una sede distaccata d<strong>el</strong>la<br />

comunità) 12 . La vicenda biografi ca di Anna Kuliscioff non lasciava indifferenti molte<br />

donne ebree d’inizio Novecen<strong>to</strong> 13 .<br />

N<strong>el</strong>la questione femmin<strong>il</strong>e <strong>il</strong> ritardo d<strong>el</strong>le posizioni rabbiniche è evidente. E quando<br />

<strong>il</strong> s<strong>il</strong>enzio si spezza, l’antico prevale sul moderno fi no a creare situazioni non poco<br />

imbarazzanti. Basterebbe citare <strong>il</strong> caso livornese d<strong>el</strong> 1912, su cui è ri<strong>to</strong>rnata di recente<br />

Carlotta Ferrara degli Uberti (dove la controversia fra una ragazza nata da un’unione<br />

<strong>il</strong>legittima e <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la Comunità Samu<strong>el</strong>e Colombo fi nì in un tribunale, poiché<br />

alla ragazza venne negata la dote, in obbligo alla norma di Deut. 23, 3 che estende ai<br />

discendenti le colpe di ogni rappor<strong>to</strong> proibi<strong>to</strong>) 14 . Ed è parimenti emblematica, in un<br />

contes<strong>to</strong> d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> diverso, la situazione imbarazzante in cui verrà a trovarsi N<strong>el</strong>lo Ross<strong>el</strong>li,<br />

quando prese di pet<strong>to</strong> la questione, affrontando, dal suo pun<strong>to</strong> di vista di int<strong>el</strong>lettuale<br />

secolarizza<strong>to</strong>, <strong>il</strong> “senso ebraico d<strong>el</strong>la famiglia” n<strong>el</strong> c<strong>el</strong>ebre discorso tenu<strong>to</strong>, sempre a<br />

Livorno, n<strong>el</strong> 1924 al congresso giovan<strong>il</strong>e ebraico 15 .<br />

Sono tutte considerazioni che andrebbero analizzate con maggiore respiro e inserite<br />

dentro più generali coordinate normativo-giuridiche: prima d<strong>el</strong> fascismo comunque<br />

si ha l’impressione che un diverso confi gurarsi di ques<strong>to</strong> rappor<strong>to</strong> fra minoranza e<br />

maggioranza avrebbe potu<strong>to</strong> avere ripercussioni positive sul futuro asset<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

italiano. Il fat<strong>to</strong> che né la maggioranza, né la minoranza prendessero coscienza dei<br />

problemi seri che la libertà trascinava dietro di sé, riv<strong>el</strong>a un ritardo globale: se da un<br />

la<strong>to</strong> la maggioranza ha rimosso le peculiarità di una condizione come qu<strong>el</strong>la ebraica,<br />

11. È per esempio notevole la discussione che si anima sulla stampa ebraica dopo la pubblicazione d<strong>el</strong> libro di V.<br />

Polacco, Lezione contro <strong>il</strong> divorzio, (1894).<br />

12. A. Buttafuoco, Le Mariuccine: s<strong>to</strong><strong>ria</strong> di un’istituzione laica: l’as<strong>il</strong>o Mariuccia, M<strong>il</strong>ano, F. Ang<strong>el</strong>i, 1985.<br />

13. Sul tema si veda adesso di M. Miniati, “Le emancipate”. Le donne ebree in Italia n<strong>el</strong> XIX e XX secolo, Roma,<br />

Vi<strong>el</strong>la, 2008.<br />

14. Traggo queste notizie dalla tesi di dot<strong>to</strong>ra<strong>to</strong> C. Ferrara degli Uberti, Fare gli ebrei italiani. Linguaggi<br />

d<strong>el</strong>l’integrazione n<strong>el</strong>l’Italia liberale, Scuola Normale Superiore di Pisa, anno acc. 2005-2006, pp. 190 ss. (tesi in corso<br />

di stampa per i tipi d<strong>el</strong> Mulino, ringrazio l’autrice per la disponib<strong>il</strong>ità).<br />

15. Dal nostro pun<strong>to</strong> di vista più d<strong>el</strong>le parole di Ross<strong>el</strong>li, colpisce la stizzita risposta dei Rabbini che lo ascoltarono;<br />

cfr. Guido Bedarida, In difesa dei vigliacchi, in “Isra<strong>el</strong>”, 18 dicembre 1924, dove esplicitamente si nega “cittadinanza<br />

ebraica” alle tesi di Ross<strong>el</strong>li sulla famiglia ebraica.<br />

49


così da ricadere n<strong>el</strong> precipizio d<strong>el</strong>le interdizioni antiche, dall’altro la<strong>to</strong>, gli ebrei<br />

italiani hanno vis<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la democrazia liberale solo una fonte d<strong>el</strong> male e non una<br />

protezione contro <strong>il</strong> ri<strong>to</strong>rno d<strong>el</strong>le antiche vessazioni. I nodi verranno al pettine sot<strong>to</strong><br />

un regime come qu<strong>el</strong>lo di Mussolini, la cui natura ant<strong>il</strong>iberale e dunque antimoderna<br />

gli italiani tutti quanti, non solo Rav <strong>Disegni</strong>, tardarono a comprendere, talora anche<br />

dopo <strong>il</strong> 1938 16 .<br />

Cer<strong>to</strong>, in Italia, ed in particolare n<strong>el</strong> pragmatico Piemonte, la lezione d<strong>el</strong>le cose,<br />

sommandosi al “carattere prettamente locale degli insediamenti”, 17 sconsiglia ogni forma<br />

di generalizzazione moralistica a posteriori.<br />

Proprio dall’archivio <strong>Disegni</strong> viene fuori un documen<strong>to</strong> più unico che raro: <strong>il</strong> diploma<br />

redat<strong>to</strong> in ebraico secondo l’uso antico consegui<strong>to</strong> a Mondovì n<strong>el</strong> giugno 1901 da<br />

Mi<strong>ria</strong>m Alessandrina fi glia di Marco Levi, allora R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la piccola cittadina, dove<br />

nacquero molti componenti di qu<strong>el</strong>la famiglia Momigliano da cui <strong>Disegni</strong> fi nirà con<br />

l’essere per così dire adotta<strong>to</strong>. Fra gli esamina<strong>to</strong>ri campeggia la fi rma di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>. Il<br />

documen<strong>to</strong> conserva una sua esemplarità, che testimonia l’anomalia italiana, non essendo<br />

immaginab<strong>il</strong>e credo in nessun altra realtà europea, <strong>il</strong> r<strong>il</strong>ascio d<strong>el</strong> diploma di shochét a<br />

una donna – e come se ciò non bastasse n<strong>el</strong> 1901! 18 .<br />

I d<strong>il</strong>emmi d<strong>el</strong>la fi lologia<br />

Per chi voglia misurare, sul lungo periodo, <strong>il</strong> divario fra tradizione e modernità nulla<br />

è più adat<strong>to</strong> d<strong>el</strong> nodo d<strong>el</strong>la fi lologia.<br />

Negli ultimi anni d<strong>el</strong>la sua vita Rav <strong>Disegni</strong>, come tutti sappiamo, si fece promo<strong>to</strong>re<br />

di una edizione completa, la cosiddetta Bibbia dei Rabbini italiani, prima stampata da<br />

Marietti e poi ripresa da Giuntina: una serie di volumi, per la cui realizzazione profuse<br />

le sue ultime, migliori energie. L’opera vide la luce circa novant’anni dopo la memorab<strong>il</strong>e<br />

traduzione di Samu<strong>el</strong> David Luzzat<strong>to</strong>, apparsa tra <strong>il</strong> 1872 e <strong>il</strong> ’75, ma <strong>il</strong> vuo<strong>to</strong> di circa un<br />

secolo, a proposi<strong>to</strong> dei ritardi cui accennavamo, è piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> <strong>el</strong>oquente.<br />

Come collocare ques<strong>to</strong> cantiere edi<strong>to</strong><strong>ria</strong>le (vi parteciparono, fra gli altri,<br />

Menahem Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m, Samu<strong>el</strong>e Avisar, Fernando B<strong>el</strong>grado, Ermanno<br />

Friedenthal, Luciano Caro, Giuseppe Laras, Leone Leoni, Aldo Luzzat<strong>to</strong>, Paolo<br />

Nissim, Sergio Sierra ed Alfredo Ravenna), n<strong>el</strong> contes<strong>to</strong> più generale d<strong>el</strong>l’edi<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

ebraica in Italia fra Ot<strong>to</strong> e Novecen<strong>to</strong>? E, soprattut<strong>to</strong>, in che modo collocare<br />

l’impresa all’interno d<strong>el</strong>la biografi a di <strong>Disegni</strong>? Vi è continuità o discontinuità<br />

fra la sua visione d<strong>el</strong>le cose negli ultimi anni d<strong>el</strong>la vita rispet<strong>to</strong> all’orizzonte di<br />

valori matura<strong>to</strong> prima d<strong>el</strong> fascismo?<br />

L’archivio di <strong>Disegni</strong> offre di nuovo un documen<strong>to</strong> per diverse ragioni argu<strong>to</strong> e prezioso.<br />

Si tratta di una lettera di Arturo Carlo Jemolo, datata 24 dicembre 1962, in risposta al<br />

dono che <strong>Disegni</strong> gli aveva fat<strong>to</strong> d<strong>el</strong> volume contenente <strong>il</strong> Pentateuco e le preghiere ad<br />

esso collegate, da recitarsi durante alcune festività maggiori, le Haftaroth.<br />

Come è no<strong>to</strong> dalla sua au<strong>to</strong>biografi a, per parte materna, Jemolo apparteneva al<br />

nucleo ebraico-monregalese dei Momigliano, al cui interno <strong>Disegni</strong> era sta<strong>to</strong> adotta<strong>to</strong><br />

16. Sono questioni che non andrebbero naturalmente affrontate in astrat<strong>to</strong>, ma sot<strong>to</strong>poste al giudizio degli s<strong>to</strong>rici<br />

d<strong>el</strong> dirit<strong>to</strong>, ai quali, per altro, va riconosciu<strong>to</strong> in questi ultimi tempi un coraggio che gli s<strong>to</strong>rici d<strong>el</strong> fascismo e<br />

d<strong>el</strong>l’antisemitismo fascista non sempre hanno avu<strong>to</strong>. Fresco di stampa è l’ottimo lavoro di S. Dazzetti, L’au<strong>to</strong>nomia<br />

d<strong>el</strong>le comunità ebraiche italiane n<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>. Leggi, intese, statuti, regolamenti, Torino, Giappich<strong>el</strong>li, 2008.<br />

17. Come ci ha ricorda<strong>to</strong> L. Allegra, L’emancipazione degli ebrei italiani. Problemi e studi recenti, in “Rivista di<br />

s<strong>to</strong><strong>ria</strong> e letteratura r<strong>el</strong>igiosa”, 3, luglio 2004, p. 200.<br />

18. Archivio Terracini, fondo Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, 1, serie 1, sot<strong>to</strong>serie 2.<br />

50


dopo <strong>il</strong> fi danzamen<strong>to</strong>. 19 D<strong>el</strong>l’edizione d<strong>el</strong>la Bibbia curata da <strong>Disegni</strong>, Jemolo non<br />

voleva né poteva essere let<strong>to</strong>re ingenuo.<br />

Va inoltre premesso, a scanso di equivoci, che assai più di molti let<strong>to</strong>ri comuni, anche<br />

ebrei, Jemolo conosceva i caratteri profondi d<strong>el</strong>la cultura italiana, né gli era mai sfuggita<br />

la vocazione fondamentalmente a-r<strong>el</strong>igiosa e cinica dei suoi connazionali smaniosi, per<br />

dirla con Jemolo, soprattut<strong>to</strong> di «mettere Dio in soffi tta». I volumi d<strong>el</strong>la Bibbia curati<br />

da <strong>Disegni</strong> ebbero cer<strong>to</strong> larga circolazione e sicuramente hanno conosciu<strong>to</strong> – e tut<strong>to</strong>ra<br />

conoscono – un ampio successo di pubblico, ma non possiamo nascondere l’evidenza:<br />

scarsissime furono le occasioni in cui qu<strong>el</strong> lavoro poté essere discusso, né sulle riviste<br />

scientifi che, come risulta dalla ricerca di Ida Zat<strong>el</strong>li, né tan<strong>to</strong> meno se ne parlò sui<br />

quotidiani nazionali. L’Italia, proprio Jemolo lo ha ripetu<strong>to</strong> fi no alla noia, è uno scombina<strong>to</strong><br />

paese, dove si strepita e si urla allo scandalo, quando si parla d<strong>el</strong>le ingerenze d<strong>el</strong>la<br />

Chiesa n<strong>el</strong>la scuola, ma nessuno discute n<strong>el</strong> meri<strong>to</strong> i testi che in classe si potrebbero<br />

ut<strong>il</strong>mente adottare.<br />

Che dunque, solo dalla penna di Jemolo, sia venu<strong>to</strong> un lungo e profondo <strong>el</strong>zeviro,<br />

pubblica<strong>to</strong> sulla “Stampa”, non meraviglia 20 . Non ci è rimasta purtroppo copia d<strong>el</strong>la<br />

lettera che <strong>Disegni</strong> scrisse per ringraziarlo, ma la missiva scritta da Jemolo, tre giorni<br />

dopo l’uscita d<strong>el</strong>l’<strong>el</strong>zeviro, è giunta fi no a noi.<br />

Con la franchezza che sempre lo caratterizza, in questa comunicazione privata, Jemolo<br />

formula una critica radicale, che n<strong>el</strong>l’articolo, conscio d<strong>el</strong>la diffi coltà che sempre sussiste<br />

quando si sfi orano corde d<strong>el</strong>icate, non si era permesso di formulare. Per chi ricorderà<br />

l’importanza che Jemolo ha sempre attribui<strong>to</strong> al ruolo fondativo che gli ebrei italiani<br />

avevano avu<strong>to</strong> n<strong>el</strong> Risorgimen<strong>to</strong> e n<strong>el</strong>la crescita morale d<strong>el</strong>la nazione italiana, questa<br />

notazione non dovrebbe stupire: «Mi pare abbiate pensa<strong>to</strong> ad un pubblico più ristret<strong>to</strong><br />

di qu<strong>el</strong>lo che l’opera può avere», scrive, lamentando l’assenza di qualche «noticina per i<br />

profani, per spiegare quale sia <strong>il</strong> canone ebraico, e cosa rappresentino le Haftaroth» 21 .<br />

L’obiezione va direttamente al cuore d<strong>el</strong> nostro problema. Jemolo, oltre che gent<strong>il</strong>uomo<br />

era dota<strong>to</strong> di una memo<strong>ria</strong> prodigiosa; augurando a <strong>Disegni</strong> <strong>il</strong> successo edi<strong>to</strong><strong>ria</strong>le<br />

che l’opera meritava, aggiungeva, non senza malizia: «Da quanti anni La conosco!<br />

Probab<strong>il</strong>mente Ella non ricorda <strong>il</strong> nostro primo incontro, presso F<strong>el</strong>ice Momigliano,<br />

degente in una casa di cura, 55 o 56 anni or sono: io ero ancora studente di liceo.<br />

Ella era giovane, malgrado la b<strong>el</strong>la barba nera che la faceva sembrare più anziano,<br />

e si lamentava che alla Facoltà di lettere non avessero volu<strong>to</strong> accettare come tema<br />

di laurea la fi gura di Montefi ore, per la mancanza di ogni professore competente a<br />

giudicare <strong>il</strong> tema» 22 .<br />

19. A qu<strong>el</strong> mondo di antenati Jemolo aveva dedica<strong>to</strong> un memorab<strong>il</strong>e saggio per l’Accademia d<strong>el</strong>le Scienze di Torino,<br />

Gli ebrei piemontesi ed <strong>il</strong> ghet<strong>to</strong> in<strong>to</strong>rno al 1935-1940 (lo si r<strong>il</strong>egge in appendice alle sue memorie A.C. Jemolo, Anni<br />

di prova, Firenze, Passigli, 1991, pp. 269 ss.; al mondo dei Momigliano, che fu lo stesso che accolse <strong>Disegni</strong>, Jemolo<br />

dedica un intero capi<strong>to</strong>lo inti<strong>to</strong>landolo “Più vecchie s<strong>to</strong>rie”).<br />

20. A. C. Jemolo, La grandiosa epopea d<strong>el</strong> Vecchio Testamen<strong>to</strong>. La Bibbia è poco fam<strong>il</strong>iare agli italiani, in “La Stampa”,<br />

21 dicembre 1962. Jemolo partiva da un concet<strong>to</strong> a lui mol<strong>to</strong> caro fi n dalla giovinezza: la scarsa cultura r<strong>el</strong>igiosa<br />

degl’italiani, «anche nei credenti, nei praticanti, nei devoti». N<strong>el</strong>la r<strong>el</strong>igione degli italiani <strong>il</strong> la<strong>to</strong> affettivo «ha pos<strong>to</strong><br />

preminente» (l’agiologia, le pie leggende, tradizioni, riv<strong>el</strong>azioni), <strong>il</strong> la<strong>to</strong> etico «segue a qualche distanza», «l’esigenza<br />

int<strong>el</strong>lettuale ha l’ultimo luogo». Jemolo non lo diceva a chiare lettere, ma è percepib<strong>il</strong>e fra queste righe, e in molti altri<br />

suoi scritti che ritenesse gli ebrei italiani non estranei a ques<strong>to</strong> schema.<br />

21. Archivio Terracini, Fondo Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, 16, Corrispondenze, Lettera di A. C. Jemolo, 24 dicembre 1962.<br />

Per un inquadramen<strong>to</strong> generale di questi temi n<strong>el</strong> pensiero e n<strong>el</strong>l’opera d<strong>el</strong>l’insigne giurista mi permet<strong>to</strong> di rinviare<br />

alla mia r<strong>el</strong>azione Jemolo e <strong>il</strong> mondo ebraico, in La lezione di un maestro, Atti d<strong>el</strong> Convegno in memo<strong>ria</strong> di Arturo Carlo<br />

Jemolo, Torino 8 giugno 2001, a c. di Rinaldo Ber<strong>to</strong>lino, Ila<strong>ria</strong> Zuanazzi, “Collana di studi di dirit<strong>to</strong> canonico ed<br />

ecclesiastico”, Torino, Giappich<strong>el</strong>li, 2005, pp. 39-65.<br />

22. Ibidem.<br />

51


Jemolo richiama <strong>Disegni</strong> alle sue origini primo-novecentesche, a qu<strong>el</strong> suo proponimen<strong>to</strong><br />

di laurearsi con una tesi riguardante l’universo pluralistico di uno dei capostipiti<br />

d<strong>el</strong>l’ebraismo moderno. Claudio G. Montefi ore, trasferi<strong>to</strong>si da Livorno a Londra, era<br />

sta<strong>to</strong> fra i promo<strong>to</strong>ri di una rinascita di studi ebraici, distinguendosi come anima<strong>to</strong>re<br />

dei primi circoli di ebraismo “progressivo”. L’Ingh<strong>il</strong>terra fu terra di es<strong>il</strong>io per Claudio G.<br />

Montefi ore. Na<strong>to</strong> n<strong>el</strong> 1858, cresciu<strong>to</strong> in Ingh<strong>il</strong>terra, Montefi ore è con L<strong>il</strong>y Montagu (una<br />

donna: particolare signifi cativo) fonda<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>la Word Union for Progressive Judaism, la<br />

maggiore organizzazione d<strong>el</strong>l’ebraismo riforma<strong>to</strong> novecentesco, oltre che au<strong>to</strong>re di una<br />

importante traduzione inglese d<strong>el</strong> libro dei Salmi (1902).<br />

<strong>Disegni</strong> n<strong>el</strong> primo decennio d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> avrebbe dunque volu<strong>to</strong> approfondire<br />

una personalità d<strong>el</strong>l’ebraismo modernizzante europeo, sulla quale, all’interno d<strong>el</strong>la<br />

cerchia famigliare, proprio F<strong>el</strong>ice Momigliano stava lavorando (su Montefi ore, n<strong>el</strong><br />

1911, pubblicherà uno studio politicamente innovativo, per i tipi d<strong>el</strong>l’edi<strong>to</strong>re modenese<br />

Formiggini) 23 .<br />

Jemolo ricorda amab<strong>il</strong>mente, ma con fermezza, all’amico, immemore di quei suoi<br />

trascorsi, che in giovinezza egli si sarebbe ben guarda<strong>to</strong> dal concepire un proget<strong>to</strong><br />

edi<strong>to</strong><strong>ria</strong>le chiuso in se stesso al pun<strong>to</strong> da non fornire al let<strong>to</strong>re profano nemmeno la<br />

defi nizione di quale sia <strong>il</strong> canone ebraico e che cosa siano le Haftaroth.<br />

Sta a noi trasformare l’obiezione di Jemolo in problema s<strong>to</strong>riografi co. Dobbiamo<br />

in altre parole chiederci: perché l’ipotesi universalistica “alla Montefi ore” alla fi ne fu<br />

sconfi tta? Che peso ha avu<strong>to</strong>, in questa metamorfosi, <strong>il</strong> conserva<strong>to</strong>rismo d<strong>el</strong>l’altro ramo<br />

d<strong>el</strong>la famiglia Momigliano? Il cammino d<strong>el</strong>la libertà r<strong>el</strong>igiosa tragicamente sconfi t<strong>to</strong> dalle<br />

persecuzioni razziali basta a spiegare questa che, agli occhi di Jemolo, sembrava una<br />

involuzione? Come si sarebbe confi gurata un’edizione d<strong>el</strong>la Bibbia coordinata da <strong>Disegni</strong>,<br />

supponiamo, in età giolittiana o nei primissimi anni Venti? Ed infi ne, la domanda più<br />

attuale: dopo la scomparsa di Rav <strong>Disegni</strong> quale strada ha intenzione di intraprendere<br />

l’ebraismo italiano rispet<strong>to</strong> agli inva<strong>ria</strong>ti d<strong>il</strong>emmi d<strong>el</strong>la fi lologia?<br />

Il percorso di <strong>Disegni</strong>, a ben guardare, non è mol<strong>to</strong> diverso da qu<strong>el</strong>lo di Umber<strong>to</strong><br />

Cassu<strong>to</strong>. Esaminando i primi lavori di Umber<strong>to</strong> Cassu<strong>to</strong> sull’opera di Immanu<strong>el</strong> Romano<br />

e sulla s<strong>to</strong><strong>ria</strong> degli ebrei fi orentini n<strong>el</strong> Rinascimen<strong>to</strong> si scorgono i rifl essi d<strong>el</strong>la scienza d<strong>el</strong><br />

Giudaismo e gli infl ussi modernistici d’inizio secolo, sensib<strong>il</strong>i alla libera interpretazione<br />

d<strong>el</strong>le Scritture. Fino a tutti gli anni Venti, Cassu<strong>to</strong> si dichiara fed<strong>el</strong>e all’insegnamen<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong> maestro Giorgio Levi D<strong>el</strong>la Vida: n<strong>el</strong>l’esame d<strong>el</strong>la Bibbia non esiste una verità<br />

assoluta, “non suscettib<strong>il</strong>e di essere provata”, ma <strong>il</strong> vero esame d<strong>el</strong> tes<strong>to</strong> rischiara<strong>to</strong><br />

dal “lume d<strong>el</strong>la ragione”. 24<br />

La traduzione di testi ebraici in italiano, e per converso di liriche italiane in ebraico<br />

era stata n<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> un genere mol<strong>to</strong> pratica<strong>to</strong>, da quasi tutti i Rabbini. È singolare<br />

la popolarità di cui ha godu<strong>to</strong> l’opera di Dante, in primo luogo, e poi di Manzoni. L’ode<br />

Cinque maggio vanta una decina di buone traduzioni in ebraico pubblicate soltan<strong>to</strong> in<br />

Piemonte. Era prassi comune che affi ancassero la composizione dei loro discorsi (l’arte<br />

d<strong>el</strong>la om<strong>il</strong>etica), la stesura dei commenti e degli studi sulle Scritture allo studio d<strong>el</strong>la<br />

metrica, alla comparazione fra lirica ebraica e italiana. Altrettan<strong>to</strong> numerose sono state le<br />

traduzioni di poesie ebraiche medievali: n<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> andavano per la maggiore i poeti<br />

23. Claudio G. Montefiore, Gesù di Nazareth n<strong>el</strong> pensiero ebraico contemporaneo, pref. di F<strong>el</strong>ice Momigliano,<br />

Genova, Formiggini, 1991; su questi temi mi permet<strong>to</strong> di rinviare al mio libro F<strong>el</strong>ice Momigliano. Una biografi a<br />

(1866-1924), Bologna-Napoli, Il Mulino-Istitu<strong>to</strong> italiano per gli studi s<strong>to</strong>rici, 1988, pp. 150 ss.<br />

24. I. Zat<strong>el</strong>li, Umber<strong>to</strong> Cassu<strong>to</strong> cit., p. 81. D<strong>el</strong> grande semitista D<strong>el</strong>la Vida, in riferimen<strong>to</strong> a tali questioni, si veda<br />

l’articolo d<strong>el</strong> 1926 in margine alle Apologie d<strong>el</strong>l’edi<strong>to</strong>re Formiggini. Lo si può ut<strong>il</strong>mente r<strong>il</strong>eggere in qu<strong>el</strong> capolavoro<br />

d<strong>el</strong> libero pensiero sciol<strong>to</strong> da dogmi che è Aneddoti e svaghi arabi e non arabi (M<strong>il</strong>ano-Napoli, Ricciardi, 1959, pp.<br />

334-335), dove è raccol<strong>to</strong> un b<strong>el</strong> profi lo di Umber<strong>to</strong> Cassu<strong>to</strong> (pp. 305-309).<br />

52


classici spagnoli quali Ibn Gabirol e Jehudà Halevy, <strong>il</strong> cui Canzoniere ebbe n<strong>el</strong> 1871<br />

una memorab<strong>il</strong>e edizione curata dal novarese Salva<strong>to</strong>re Debenedetti. E non mancano<br />

comparazioni st<strong>il</strong>istiche au<strong>to</strong>revoli fra poesia classica e Salmi. Di un altro <strong>il</strong>lustre docente<br />

d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> ebraico, L<strong>el</strong>io d<strong>el</strong>la Torre, ci sono rimaste ben due traduzioni in ebraico<br />

d<strong>el</strong>l’episodio d<strong>el</strong> Conte Ugolino e, soprattut<strong>to</strong>, acute rifl essioni sulla liceità, o <strong>il</strong>liceità, da<br />

parte di un ebreo, di imparare dal sommo poeta concetti biblici.<br />

Sull’idea d<strong>el</strong> raffron<strong>to</strong>, d<strong>el</strong>la equiparazione fra culture, occorrerà tenere desta la<br />

nostra attenzione.<br />

Tramontata qu<strong>el</strong>la stagione, già all’inizio d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>, dentro la cultura ebraica,<br />

assai prima d<strong>el</strong>l’ascesa di Mussolini, <strong>il</strong> concet<strong>to</strong> non verrà più ribadi<strong>to</strong> con eguale<br />

energia. La convinzione secondo cui ciascuna componente, anche la più piccola, potesse<br />

fornire <strong>il</strong> proprio contribu<strong>to</strong> alla formazione d<strong>el</strong> neona<strong>to</strong> sta<strong>to</strong> italiano si sfalda mol<strong>to</strong><br />

prima che Mussolini prenda <strong>il</strong> potere 25 . Montefi ore e con lui F<strong>el</strong>ice Momigliano non<br />

prevalgono, si smette di pensare che un cer<strong>to</strong> separatismo possa essere dannoso alla<br />

libertà appena conquistata.<br />

La domanda non era oziosa: si temeva che l’esclusivismo, ossia <strong>il</strong> decidere di avere<br />

come interlocu<strong>to</strong>ri soltan<strong>to</strong> se stessi, non mettesse completamente al riparo davanti<br />

a nuove forme di persecuzione, in vista di un bene più al<strong>to</strong>. Come sarebbe sta<strong>to</strong><br />

possib<strong>il</strong>e non smarrire se stessi e al tempo stesso inventare un proprio ruolo attivo è una<br />

preoccupazione che cessò lentamente di essere vitale.<br />

Erano ideali n<strong>el</strong> 1909 non saprei dire quan<strong>to</strong> condivisi dal giovane <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> al<br />

momen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la sc<strong>el</strong>ta di un argomen<strong>to</strong> per la tesi, ma cer<strong>to</strong> erano ben presenti n<strong>el</strong>la<br />

sua preparazione culturale, tan<strong>to</strong> è vero che a me sembra <strong>ria</strong>ffi orino – come lontani<br />

bagliori – in qu<strong>el</strong>le sorprendenti sue rifl essioni sulla catego<strong>ria</strong> d<strong>el</strong> “dubbio”, oppure in<br />

talune coraggiose citazioni dai poeti classici greco-latini inserite n<strong>el</strong>le inedite lezioni<br />

su Qoh<strong>el</strong>et . In questa ricerca di equ<strong>il</strong>ibrio fra modernità e tradizione mi sembra vada<br />

let<strong>to</strong>, ad esempio, lo spregiudica<strong>to</strong> raffron<strong>to</strong> fra Ecclesiaste e la statua di Iside: «Si è<br />

volu<strong>to</strong> assomigliare le rifl essioni d<strong>el</strong>l’Ecclesiaste al v<strong>el</strong>o che in Egit<strong>to</strong> ricopriva la statua<br />

d’Iside. Era proibi<strong>to</strong> ai profani alzare <strong>il</strong> v<strong>el</strong>o ma ognuno poteva esprimere la prop<strong>ria</strong><br />

opinione su ciò che c’era dentro. Eracli<strong>to</strong> e Democri<strong>to</strong>, posti dinanzi a ques<strong>to</strong> v<strong>el</strong>o,<br />

l’hanno commenta<strong>to</strong> ciascuno a suo modo: l’uno piangendo, l’altro ridendo. Il nostro libro<br />

tiene la via di mezzo fra queste due maniere…».<br />

Benché impartita dal let<strong>to</strong> di un ospedale, a giovani come Jemolo e <strong>Disegni</strong>, qu<strong>el</strong>la<br />

lezione d<strong>el</strong>l’equ<strong>il</strong>ibrio e d<strong>el</strong> dubbio, qu<strong>el</strong>la lezione dove Orazio poteva interloquire con<br />

Ecclesiaste, era la stessa dei protagonisti d<strong>el</strong> Risorgimen<strong>to</strong> ebraico-italiano: Isacco Ar<strong>to</strong>m,<br />

David Levi, Salva<strong>to</strong>re De Benedetti, Tullo Massarani, <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> Marco Mortara, <strong>il</strong><br />

grande studioso David Cast<strong>el</strong>li 26 . Essa rifl etteva i valori di un’età in cui si pensava per<br />

agire, ma pensando che la libertà degli oppressi avrebbe potu<strong>to</strong> crescere in proporzione<br />

al diminuire d<strong>el</strong>la loro chiusura verso la società esterna.<br />

Per ques<strong>to</strong> pensiamo che l’immagine tramandataci dall’ultima fase d<strong>el</strong>la biografi a,<br />

non ci debba far dimenticare che Rav <strong>Disegni</strong> era sta<strong>to</strong> direttamente partecipe di quegli<br />

ideali di saggezza e di equ<strong>il</strong>ibrio.<br />

25. Su questi temi è da vedersi l’importante paragrafo “La cultura ebraica n<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>” n<strong>el</strong> ricco volume di G.<br />

Luzzat<strong>to</strong> Voghera, Il prezzo d<strong>el</strong>l’eguaglianza. Il dibatti<strong>to</strong> sull’emancipazione degli ebrei in Italia (1781-1848), M<strong>il</strong>ano,<br />

F. Ang<strong>el</strong>i, 1998, pp. 133-166; d<strong>el</strong>lo stesso au<strong>to</strong>re si veda anche Aspetti d<strong>el</strong>la cultura ebraica in Italia n<strong>el</strong> secolo XIX, in<br />

S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia, “Annali 11” (Gli ebrei in Italia), t. II, Torino, Einaudi, 1997, pp. 1213-1241.<br />

26. Su quest’ultimo cfr. l’ottima monografi a di C. Facchini, David Cast<strong>el</strong>li: ebraismo e scienze d<strong>el</strong>le r<strong>el</strong>igioni tra Ot<strong>to</strong><br />

e Novecen<strong>to</strong>, Brescia, Morc<strong>el</strong>liana, 2005.<br />

53


Gli anni d<strong>el</strong>la formazione<br />

L’insegnamen<strong>to</strong> materno<br />

54<br />

1 La madre<br />

Annetta D<strong>el</strong>la Pergola<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 2<br />

cm 8,8 x 5,7


55<br />

2 Testamen<strong>to</strong> di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong><br />

15 dicembre 1959<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 3<br />

cm 30 x 22,5<br />

… Il ricordo particolare di<br />

mia Madre, donna ebrea<br />

esemplare che mi insegnò fi n<br />

da bambino attaccamen<strong>to</strong> ai<br />

precetti r<strong>el</strong>igiosi, che mi<br />

insegnò a recitare i salmi ogni<br />

sera prima di addormentarmi…<br />

(Dal Testamen<strong>to</strong> di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>)


L’insegnamen<strong>to</strong> di Samu<strong>el</strong> Hirsch Margulies<br />

56<br />

3 Il maestro Samu<strong>el</strong> Hirsch<br />

Margulies<br />

Fo<strong>to</strong>grafi a<br />

di un ritrat<strong>to</strong> ad olio<br />

Comunità ebraica di Torino,<br />

Uffi cio rabbinico<br />

cm 82 x 58<br />

Figura morale austera e sacra,<br />

fi sicamente di media statura,<br />

la b<strong>el</strong>la faccia sanamente<br />

colorata, incorniciata da una<br />

fl uente barba, i cap<strong>el</strong>li<br />

foltissimi (da giovane gli<br />

arrivavano alle spalle),<br />

vivacissimi gli occhi, incavati<br />

e profondi sot<strong>to</strong> le lenti,<br />

<strong>il</strong> riso <strong>il</strong>lumina<strong>to</strong> dal candore<br />

di denti b<strong>el</strong>lissimi, n<strong>el</strong> quale<br />

risplendeva <strong>il</strong> candore<br />

d<strong>el</strong>l’anima sua…<br />

(Dalla Commemorazione, p. 14)


57<br />

4 L’allievo <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 19<br />

cm 13,4 x 8,8


58<br />

5 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

Commemorazione d<strong>el</strong><br />

Maestro S. H. Margulies in<br />

occasione d<strong>el</strong> 25º<br />

anniversario d<strong>el</strong>la morte<br />

9 marzo 1947<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 40.14<br />

cm18 x 15


La scuola di via d<strong>el</strong>la Stufa a Firenze: pensiero e pratica di vita<br />

59<br />

6 La presenza attiva di S. H.<br />

Margulies n<strong>el</strong>la comunità<br />

ebraica fi orentina<br />

Dalla Commemorazione di<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> in occasione<br />

d<strong>el</strong> 25º anniversario d<strong>el</strong>la<br />

morte di S. H. Margulies<br />

9 marzo 1947<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, 40.14<br />

cm 18 x 15<br />

Sembra ancora di vederlo<br />

passare per le strette strade<br />

di Firenze ove tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> popolo<br />

lo conosceva perfettamente…<br />

con la sua andatura sempre<br />

calma ed uguale con occhio<br />

pensieroso dirigersi alla scuola<br />

o all’ospizio o all’orfanotrofi o<br />

a visitare qualche ammala<strong>to</strong> a<br />

cui recava la sua alta parola di<br />

confor<strong>to</strong>!<br />

(Dalla Commemorazione, p. 38)


60<br />

7 La Settimana Isra<strong>el</strong>itica<br />

Anno I, n. 25, 17 Giugno<br />

1910<br />

Comunità Ebraica di Torino,<br />

Biblioteca Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m<br />

cm 46 x 32,5<br />

Samu<strong>el</strong> H. Margulies<br />

proponeva la Settimana<br />

Isra<strong>el</strong>itica come: “una rivista<br />

per <strong>il</strong> rinnovamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la<br />

coscienza ebraica”.<br />

(Dalla Commemorazione p. 26)<br />

8 La Rivista Isra<strong>el</strong>itica<br />

Anno IV, n. 2, Marzo-Apr<strong>il</strong>e<br />

1907<br />

Comunità Ebraica di Torino,<br />

Biblioteca Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m<br />

cm 24 x 17<br />

Samu<strong>el</strong> H. Margulies<br />

proponeva la Rivista Isra<strong>el</strong>itica<br />

quale periodico destina<strong>to</strong>:<br />

“particolarmente alle alte vette<br />

d<strong>el</strong> sapere ebraico”.<br />

(Dalla Commemorazione p. 26)


61<br />

9 L’adesione d<strong>el</strong> Maestro<br />

alla “grande idea di Teodoro<br />

Herzl”<br />

9 marzo 1947<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 40.14<br />

cm 18 x 15<br />

Come colombe al loro nido si<br />

avviano i giovani a dissodare<br />

le zolle di Erez Isra<strong>el</strong> i nostri<br />

giovani, i più nob<strong>il</strong>i, i più fi eri,<br />

i più forti i più vivi.<br />

(Dalla Commemorazione, p. 38)


62<br />

10 Jacques Faïtlovitch, Gli<br />

ebrei d’Abissinia (Falascià)<br />

Acqui 1907<br />

Proprietà privata<br />

cm 22 x 13,6<br />

11 S. H. Margulies,<br />

La solidiarietà isra<strong>el</strong>itica<br />

e i Falascià<br />

Firenze 1907<br />

Proprietà privata<br />

cm 24 x 16,5<br />

12 S. H. Margulies,<br />

Per la S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong> movimen<strong>to</strong><br />

Pro Falascià<br />

Firenze 1909<br />

Proprietà privata<br />

cm 23,8 x 16,8


63<br />

13 Lettere e car<strong>to</strong>line di<br />

Margulies a <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

da Firenze<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 183.


La laurea in lettere e gli studi rabbinici<br />

64<br />

14 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, diploma<br />

di maestro di r<strong>el</strong>igione<br />

1900<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 4.1<br />

cm 18 x 12


65<br />

15 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, laurea<br />

in lettere n<strong>el</strong>l’Università di<br />

Torino<br />

17 luglio 1909<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 4.2<br />

cm 46,5 x 58,5


66<br />

16 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

laurea rabbinica<br />

Firenze 1911<br />

S. H. Margulies: “Traduzione<br />

d<strong>el</strong> diploma di laurea<br />

rabbinica da me r<strong>il</strong>ascia<strong>to</strong><br />

al dott. <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>”<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 4.3<br />

cm 33,5 x 46,5


67<br />

17 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

laurea superiore rabbinica<br />

(“Chakam”)<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 4.4<br />

cm 21 x 14,5


La biblioteca fam<strong>il</strong>iare<br />

68<br />

18.a Le Pentateuque ou les<br />

cinq livres de Moise…<br />

Paris, 1860-1864<br />

Proprietà privata<br />

cm 21 x 12,5


69<br />

18.b Le Pentateuque ou les<br />

cinq livres de Moise…<br />

Paris, 1860-1864<br />

Proprietà privata<br />

cm 21 x 12,5


70<br />

18.c Le Pentateuque ou les<br />

cinq livres de Moise…<br />

Paris, 1860-1864<br />

Proprietà privata<br />

cm 21 x 12,5


71<br />

19 Sentences et Proverbes<br />

du Talmud et du Midrash,<br />

suivis du Traité d’Aboth…<br />

Paris 1878<br />

(Dono e ex libris di Amadio<br />

Momigliano)<br />

Proprietà privata<br />

cm 25 x 17


72<br />

20 La Legge di Dio ossia <strong>il</strong><br />

Pentateuco…<br />

Isacco Reggio, Vienna 1821<br />

Proprietà privata<br />

cm 20 x 12


73<br />

21 I Salmi di Davide…<br />

Livorno 1838<br />

Proprietà privata<br />

cm 19 x 12


74<br />

22 Preghiere…<br />

Venezia 1626,<br />

con legatura recente<br />

Proprietà privata<br />

cm 14,5 x 11


75<br />

23 S. H. Margulies, Qu<strong>el</strong><br />

che l’ora s<strong>to</strong>rica esige da noi<br />

Discorso tenu<strong>to</strong> n<strong>el</strong> Tempio<br />

maggiore di Firenze <strong>il</strong> primo<br />

giorno di Rosh-hashanah<br />

1916<br />

Proprietà privata<br />

cm 21,5 x 14


La famiglia


Famiglia ed ebraismo<br />

fra fi ne Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> e primo Novecen<strong>to</strong> in Italia<br />

La famiglia è la vera protagonista d<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> degli ebrei italiani d<strong>el</strong> periodo successivo<br />

all’emancipazione. È solo seguendo <strong>il</strong> dipanarsi d<strong>el</strong>le reti fam<strong>il</strong>iari e provando ad entrare<br />

n<strong>el</strong> priva<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le mura domestiche che si può pensare di studiare i nodi problematici<br />

centrali d<strong>el</strong>l’identità ebraica fra Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> e Novecen<strong>to</strong> 1 .<br />

Vorrei distinguere a ques<strong>to</strong> proposi<strong>to</strong> due piani principali. Da una parte è necessario<br />

sot<strong>to</strong>lineare la centralità d<strong>el</strong>la famiglia n<strong>el</strong>l’ebraismo; dall’altra occorre ricostruire la<br />

funzione peculiare che la dimensione fam<strong>il</strong>iare svolse in qu<strong>el</strong> determina<strong>to</strong> periodo s<strong>to</strong>rico,<br />

in particolare in ambi<strong>to</strong> ebraico ma con un costante sforzo di contestualizzazione n<strong>el</strong> clima<br />

culturale d<strong>el</strong>la società maggiorita<strong>ria</strong> in cui la minoranza ebraica era inserita.<br />

La famiglia n<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

N<strong>el</strong>la tradizione culturale e r<strong>el</strong>igiosa d<strong>el</strong>l’ebraismo l’ambi<strong>to</strong> fam<strong>il</strong>iare è di cruciale<br />

importanza da diversi punti di vista. In famiglia si c<strong>el</strong>ebrano le festività più importanti<br />

attraverso rituali domestici in cui trovano spazio tutti i suoi membri – uomini e donne<br />

– ognuno con un suo compi<strong>to</strong> specifi co. Il caso d<strong>el</strong>lo Shabbat è esemplare, ma in realtà<br />

anche n<strong>el</strong>la quotidianità dei giorni “profani” numerose occasioni di riunione fam<strong>il</strong>iare<br />

possono essere ritualizzate, ad esempio attraverso la recitazione d<strong>el</strong>le benedizioni prima<br />

e dopo i pasti o <strong>il</strong> rispet<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le regole alimentari. Quasi ogni momen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la vita, anche<br />

n<strong>el</strong>la sua mate<strong>ria</strong>lità, può essere riempi<strong>to</strong> di signifi ca<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso. L’osservanza dei precetti<br />

ha bisogno d<strong>el</strong>la solidarietà e d<strong>el</strong>l’impegno di tutti i membri d<strong>el</strong>la famiglia, attraverso<br />

la quale si tramanda un patrimonio di tradizioni m<strong>il</strong>lenarie che legano l’una all’altra le<br />

generazioni. Inoltre n<strong>el</strong>l’ottica d<strong>el</strong>l’ebraismo diasporico e di una s<strong>to</strong><strong>ria</strong> segnata da rapporti<br />

diffi c<strong>il</strong>i e spesso violenti con la società maggiorita<strong>ria</strong>, la famiglia diventa anche <strong>il</strong> luogo<br />

accogliente dove non si è “diversi”, dove non bisogna nascondersi o dare spiegazioni.<br />

All’interno d<strong>el</strong>le mura domestiche si svolgono in particolare due doveri r<strong>el</strong>igiosi<br />

di fondamentale importanza per gli individui e per la comunità: la riproduzione e<br />

l’insegnamen<strong>to</strong>. Questi rappresentano la trasmissione d<strong>el</strong> crisma ebraico alle generazioni<br />

successive, sia da un pun<strong>to</strong> di vista “mate<strong>ria</strong>le” – quasi fi sico – che da un pun<strong>to</strong> di vis<strong>to</strong><br />

culturale e spirituale. Al di là d<strong>el</strong>le conoscenze e d<strong>el</strong> sentimen<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso d<strong>el</strong> singolo,<br />

l’appartenenza all’ebraismo è normalmente stab<strong>il</strong>ita secondo la halakhà attraverso un<br />

criterio di discendenza matr<strong>il</strong>ineare, che rafforza la centralità d<strong>el</strong>la famiglia e la necessità<br />

di normare e controllare alcuni aspetti d<strong>el</strong>la vita fam<strong>il</strong>iare 2 . Il ruolo d<strong>el</strong>la donna è<br />

1. Su ques<strong>to</strong> cfr. Barbara Armani, Guri Schwarz, Premessa, in Ebrei borghesi, “Quaderni S<strong>to</strong>rici” 114, 3/2003,<br />

pp. 627-628; Barbara Armani, Il confi ne invisib<strong>il</strong>e. L’élite ebraica di Firenze 1840-1914, Franco Ang<strong>el</strong>i, M<strong>il</strong>ano,<br />

2006.<br />

2. Cfr. Riccardo Di Segni, Il padre assente. La trasmissione matr<strong>il</strong>ineare d<strong>el</strong>l’appartenenza all’ebraismo, in «Quaderni<br />

S<strong>to</strong>rici» 70, XXIV, 1, 1989, pp. 143-204.<br />

79<br />

Carlotta Ferrara degli Uberti


strutturalmente centrale, anche se questa centralità è stata spiegata e proposta secondo<br />

mod<strong>el</strong>li mol<strong>to</strong> diversifi cati n<strong>el</strong> corso di secolari dibattiti interpretativi di grande interesse.<br />

Resta <strong>il</strong> fat<strong>to</strong> che la madre trasmette al fi glio fi n dalla nascita una contiguità, una parent<strong>el</strong>a<br />

(in un cer<strong>to</strong> senso un legame di sangue) non solo con i membri d<strong>el</strong>la sua famiglia, ma<br />

anche con <strong>il</strong> popolo d’Isra<strong>el</strong>e. Il signifi ca<strong>to</strong> da attribuire al concet<strong>to</strong> di “popolo d’Isra<strong>el</strong>e” è<br />

controverso e suscettib<strong>il</strong>e di molteplici e divergenti declinazioni, che hanno fat<strong>to</strong> parlare<br />

d<strong>el</strong>l’ebraismo in termini di r<strong>el</strong>igione, etnia, nazione, popolo o razza. Si tratta in ogni caso<br />

di un problema in<strong>el</strong>udib<strong>il</strong>e, e a me interessa in questa sede d<strong>el</strong>ineare alcune soluzioni<br />

proposte fra la fi ne d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> e i primi d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> dall’ebraismo italiano.<br />

Famiglia e nazione<br />

N<strong>el</strong> corso d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> si intrecciano, a liv<strong>el</strong>lo europeo, diversi processi di mutamen<strong>to</strong>:<br />

penso in particolare alle istanze di modernizzazione d<strong>el</strong>lo sta<strong>to</strong> n<strong>el</strong> senso di un adeguamen<strong>to</strong><br />

a mod<strong>el</strong>li istituzionali liberali e alla diffusione d<strong>el</strong>le ideologie nazionali. La nuova idea di cittadinanza<br />

vedeva come protagonista l’individuo, che acquisiva diritti e doveri in un rappor<strong>to</strong><br />

diret<strong>to</strong> con lo sta<strong>to</strong>, non più media<strong>to</strong> dalla presenza di corpi intermedi e non più fonda<strong>to</strong><br />

sull’appartenenza r<strong>el</strong>igiosa o sulla catego<strong>ria</strong> professionale. A questa spinta individualizzante<br />

se ne accompagnava una altrettan<strong>to</strong> forte ma di segno diverso, per certi versi oppos<strong>to</strong>,<br />

che esortava alla fusione d<strong>el</strong>le individualità n<strong>el</strong>la comune appartenenza nazionale. 3 Per<br />

gran parte degli ebrei europei l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> è sta<strong>to</strong> anche <strong>il</strong> secolo d<strong>el</strong>l’emancipazione legale.<br />

L’equiparazione giuridica degli ebrei fu sancita in Francia fra <strong>il</strong> 1790 e <strong>il</strong> 1791; in Gran<br />

Bretagna dove n<strong>el</strong> 1829 erano stati parifi cati i cat<strong>to</strong>lici fra <strong>il</strong> 1833, l’anno in cui gli ebrei<br />

furono ammessi al foro, e <strong>il</strong> 1871; n<strong>el</strong>la Confederazione Tedesca d<strong>el</strong> Nord n<strong>el</strong> 1869, con<br />

l’estensione a tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> terri<strong>to</strong>rio d<strong>el</strong> Secondo Reich n<strong>el</strong> 1871; in Italia fra 1848 e 1870, con<br />

<strong>il</strong> compimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> processo di unifi cazione.<br />

L’emancipazione signifi cò per gli ebrei italiani l’acquisizione d<strong>el</strong>lo status di cittadini, la<br />

possib<strong>il</strong>ità di partecipare a pieno ti<strong>to</strong>lo alla vita sociale, culturale e politica d<strong>el</strong>la loro pat<strong>ria</strong> e<br />

anche l’opportunità di contribuire alla costruzione d<strong>el</strong>la nuova identità italiana. Ma signifi cò<br />

anche la fi ne di un periodo in cui l’essere ebrei era defi ni<strong>to</strong> per legge e la comunità ebraica<br />

locale – la “nazione ebraica”, come veniva spesso chiamata – rappresentava un pun<strong>to</strong> di<br />

riferimen<strong>to</strong> imprescindib<strong>il</strong>e n<strong>el</strong>la vita dei singoli. La fi ne di una fase in cui <strong>il</strong> fat<strong>to</strong> di essere<br />

ebrei condizionava profondamente la libertà di decidere d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> vita, al di là d<strong>el</strong>la volontà<br />

d<strong>el</strong>l’individuo. N<strong>el</strong>la prospettiva di una nuova uguaglianza con gli altri sudditi/cittadini<br />

e di una sincera adesione alla re<strong>to</strong>rica patriottica e nazionale italiana che non ammetteva la<br />

presenza di plurime appartenenze e fed<strong>el</strong>tà, ogni comunità, famiglia e singolo ebreo furono<br />

chiamati a ridefi nire <strong>il</strong> senso d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> ebraicità in modo che non entrasse in confl it<strong>to</strong><br />

con le aspirazioni di pieno inserimen<strong>to</strong> n<strong>el</strong> nuovo contes<strong>to</strong> politico-culturale.<br />

La soluzione fu cercata n<strong>el</strong> tentativo di immaginare una distinzione fra la sfera privata<br />

e la sfera pubblica, fra l’essere ebrei e l’essere cittadini. Si tentò di presentare l’ebraismo<br />

come una r<strong>el</strong>igione fra le altre, sminuendo o addirittura negando gli altri aspetti d<strong>el</strong>la<br />

tradizione ebraica legati al concet<strong>to</strong> di nazione o di popolo <strong>el</strong>et<strong>to</strong>.<br />

«[Dobbiamo] conservare la nostra credenza, ossia essere ebrei n<strong>el</strong>la famiglia e n<strong>el</strong> tempio, ma<br />

in tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> rimanente essere cittadini. Mostrare che <strong>il</strong> nome di ebreo non si vuole che per la<br />

3. Per quan<strong>to</strong> riguarda <strong>il</strong> caso italiano, cfr. Alber<strong>to</strong> M. Banti, La nazione d<strong>el</strong> Risorgimen<strong>to</strong>. Parent<strong>el</strong>a santità e<br />

onore alle origini d<strong>el</strong>l’Italia unita, Einaudi, Torino 2000; I. Porciani, Famiglia e nazione n<strong>el</strong> lungo Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>, in<br />

«Passa<strong>to</strong> e Presente», XX, 57, 2002.<br />

80


<strong>el</strong>igione, la quale è un fat<strong>to</strong> intimo tut<strong>to</strong> individuale, tut<strong>to</strong> spirituale né s’immedesima colla<br />

condotta verso gli altri; che l’isra<strong>el</strong>ita non è dimezza<strong>to</strong> perché tale, ma sente e pensa puramente<br />

come cittadino.<br />

Isra<strong>el</strong>e deve conservare la sua veste r<strong>el</strong>igiosa per ciò che concerne <strong>il</strong> cul<strong>to</strong> e la fede,<br />

ma d<strong>el</strong> rimanente deve entrare n<strong>el</strong> consorzio sociale quale è ora crea<strong>to</strong> dal progresso e<br />

lavorare con amore per la pat<strong>ria</strong> comune col senno, cogli averi e colla vita». 4<br />

Queste affermazioni di Salva<strong>to</strong>re Momigliano, pubblicate n<strong>el</strong> 1885 sul “Vess<strong>il</strong>lo<br />

Isra<strong>el</strong>itico”, descrivono mol<strong>to</strong> effi cacemente <strong>il</strong> ruolo che la famiglia era chiamata ad<br />

assumersi n<strong>el</strong>la vita degli ebrei italiani d<strong>el</strong> periodo successivo all’emancipazione e alla<br />

costituzione d<strong>el</strong>lo sta<strong>to</strong> unitario. In queste parole vengono d<strong>el</strong>ineate anche una certa<br />

defi nizione di ebraismo e persino una certa concezione – sia pur vaga – d<strong>el</strong> rappor<strong>to</strong><br />

fra r<strong>el</strong>igione e sta<strong>to</strong>. L’élite int<strong>el</strong>lettuale e r<strong>el</strong>igiosa d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano esplicitò questa<br />

prospettiva e se ne fece promotrice, registrando e assecondando un processo in at<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la<br />

minoranza ebraica. Essendo i templi assai poco frequentati già prima d<strong>el</strong>l’emancipazione<br />

ed essendo la cultura r<strong>el</strong>igiosa d<strong>el</strong>la maggior parte d<strong>el</strong>la popolazione ebraica già mol<strong>to</strong><br />

limitata, la famiglia diventava <strong>il</strong> principale strumen<strong>to</strong> di conservazione d<strong>el</strong>l’identità. Con<br />

<strong>il</strong> passare d<strong>el</strong> tempo – e l’avanzata d<strong>el</strong> processo di secolarizzazione – essa divenne per<br />

moltissimi individui l’unico luogo di collegamen<strong>to</strong> con una qualche forma di ebraicità,<br />

che si trasmetteva sot<strong>to</strong> forma di ricordi ed affetti, d<strong>el</strong>la c<strong>el</strong>ebrazione di feste diverse<br />

rispet<strong>to</strong> a qu<strong>el</strong>le d<strong>el</strong>la maggioranza, d<strong>el</strong>la tendenza all’endogamia.<br />

Lo ha descrit<strong>to</strong> mol<strong>to</strong> bene Vit<strong>to</strong>rio Foa, esempio di ebreo assim<strong>il</strong>a<strong>to</strong>, o meglio di<br />

cittadino italiano di origine ebraica, fi glio d<strong>el</strong>l’emancipazione:<br />

«Na<strong>to</strong> in una famiglia ebraica e nipote di un r<strong>abbino</strong> avrei dovu<strong>to</strong>, almeno n<strong>el</strong>la mia infanzia e<br />

n<strong>el</strong>la mia giovinezza, essere immerso in un’atmosfera r<strong>el</strong>igiosa. Le cose non sono andate così,<br />

almeno come le ricordo. Vi era in casa una r<strong>el</strong>igiosità ebraica ma era tutta di carattere famigliare,<br />

era una ritualità che non supponeva una fede individuale, ma solo un profondo sentimen<strong>to</strong> di<br />

unità d<strong>el</strong>la famiglia». 5<br />

Anche in casi in cui veniva attribuita una maggiore importanza alla r<strong>el</strong>igione, questa<br />

era strettamente e indissolub<strong>il</strong>mente collegata alla dimensione fam<strong>il</strong>iare.<br />

Era una r<strong>el</strong>igione – ha ricorda<strong>to</strong> Arnaldo Momigliano – chiusa n<strong>el</strong>la famiglia. «[…]<br />

Per ques<strong>to</strong> non posso separare i miei sentimenti domestici dalle cerimonie r<strong>el</strong>igiose<br />

di ogni giorno e soprattut<strong>to</strong> d<strong>el</strong> Saba<strong>to</strong> in cui tut<strong>to</strong> cambiava […] andavamo spesso a<br />

passare <strong>il</strong> saba<strong>to</strong> pomeriggio a “Paniale”, una casa tra rustica e civ<strong>il</strong>e circondata da campi<br />

e castagneti, che era stata comprata misurando la distanza permessa a un ebreo or<strong>to</strong>dosso<br />

di allontanarsi di casa di saba<strong>to</strong>. La mia vera esperienza di r<strong>el</strong>igione ebraica è in questa<br />

intensa, austera, pietà domestica. I fi gli che son benedetti dal padre <strong>il</strong> venerdì sera, la<br />

mamma che abbraccia mari<strong>to</strong> e fi gli 6 ».<br />

Per risalire ad una generazione precedente si può ricordare la fi gura di Alessandro<br />

D’Ancona, int<strong>el</strong>lettuale integra<strong>to</strong> n<strong>el</strong> suo ambiente e non r<strong>el</strong>igioso, che a quan<strong>to</strong> emerge<br />

4. Salva<strong>to</strong>re Momigliano, L’antisemitismo?, in “Il Vess<strong>il</strong>lo Isra<strong>el</strong>itico”, XXXIII, 1885, p. 133.<br />

5. Vit<strong>to</strong>rio Foa, Il cavallo e la <strong>to</strong>rre. Rifl essioni su una vita, Einaudi, Torino, 1991, p. 5.<br />

6. Arnaldo Momigliano, Prefazione a Id., Pagine ebraiche, introduzione di S<strong>il</strong>via Berti, Einaudi, Torino, 1987,<br />

p. XXX.<br />

81


dai suoi scritti e dalle sue lettere apprezzava che in famiglia si conservasse qualche<br />

<strong>el</strong>emen<strong>to</strong> di pratica r<strong>el</strong>igiosa. Scrivendo alla moglie, Ad<strong>el</strong>e Nissim, affermava: «Amo<br />

[…] che la compagna d<strong>el</strong>la mia vita, la probab<strong>il</strong>e madre dei miei fi gli sia r<strong>el</strong>igiosa, né<br />

disapproverei in lei altro che le pratiche esteriori soverchiamente appariscenti, e alle<br />

quali si desse troppa importanza» 7 . Anche se n<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> l’osservanza dei precetti<br />

era già ampiamente disattesa da una larga parte d<strong>el</strong>le famiglie ebraiche italiane, qu<strong>el</strong><br />

contes<strong>to</strong> normativo e simbolico continuava ad essere presente sullo sfondo, sia pure<br />

come tradizione astratta, e continuava ad infl uenzare la percezione d<strong>el</strong>la famiglia, dei<br />

ruoli sessuali al suo interno, dei doveri dei coniugi, d<strong>el</strong> pos<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la donna n<strong>el</strong>la società,<br />

e soprattut<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la concezione d<strong>el</strong> matrimonio, sia sul piano simbolico che sul piano più<br />

concre<strong>to</strong> d<strong>el</strong> disciplinamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le mediazioni matrimoniali 8 .<br />

N<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>, d’altronde, la famiglia non era importante solo all’interno d<strong>el</strong> mondo<br />

ebraico, più o meno assim<strong>il</strong>a<strong>to</strong>. Si trovava piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> al centro di un enorme cambiamen<strong>to</strong><br />

socio-culturale collega<strong>to</strong> all’affermazione e all’espansione d<strong>el</strong>la società borghese, e che<br />

investiva la concezione d<strong>el</strong>l’infanzia, <strong>il</strong> rappor<strong>to</strong> fra i coniugi, le dimensioni d<strong>el</strong> nucleo<br />

fam<strong>il</strong>iare, la gestione dei circuiti di sociab<strong>il</strong>ità. N<strong>el</strong> tardo Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> la famiglia, n<strong>el</strong>la<br />

sua versione moderna di famiglia nucleare, era <strong>il</strong> luogo degli affetti e d<strong>el</strong>la solidarietà<br />

parentale, <strong>il</strong> palcoscenico priv<strong>il</strong>egia<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’azione femmin<strong>il</strong>e, mentre per gli uomini era<br />

<strong>il</strong> luogo d<strong>el</strong> riposo dall’attività pubblica. Ma non era solo ques<strong>to</strong>. La separatezza d<strong>el</strong>la<br />

sfera privata da qu<strong>el</strong>la pubblica è un’idea moderna, che si lega all’evoluzione in senso<br />

liberale d<strong>el</strong>le istituzioni statali, non più au<strong>to</strong>rizzate ad intervenire in qualsiasi campo<br />

d<strong>el</strong>la vita umana, ma chiamate a lasciare ai sudditi/cittadini uno spazio priva<strong>to</strong>, appun<strong>to</strong><br />

libero dalla loro infl uenza (in ques<strong>to</strong> contes<strong>to</strong> si inserisce anche <strong>il</strong> problema d<strong>el</strong>la<br />

libertà r<strong>el</strong>igiosa, che dovrebbe rappresentare in massimo grado un momen<strong>to</strong> intimo e<br />

personale). Ciò che appare oggi sconta<strong>to</strong> ai più, in un mondo ossessiona<strong>to</strong> dalla tut<strong>el</strong>a<br />

d<strong>el</strong>la privacy, n<strong>el</strong> tardo Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>-primo Novecen<strong>to</strong> era ancora poco defi ni<strong>to</strong>: esisteva<br />

un vas<strong>to</strong> e importantissimo spazio di sovrapposizione fra le due sfere, soprattut<strong>to</strong> dal<br />

pun<strong>to</strong> di vista d<strong>el</strong>la media e alta borghesia protagonista d<strong>el</strong>le professioni liberali, d<strong>el</strong>la<br />

politica, d<strong>el</strong>la vita economica. 9<br />

La vita fam<strong>il</strong>iare era anche banco di prova d<strong>el</strong>la moralità individuale e d<strong>el</strong>la fed<strong>el</strong>tà nazionale.<br />

Come ha scrit<strong>to</strong> Ila<strong>ria</strong> Porciani, la «famiglia viene consapevolmente indicata come luogo<br />

d<strong>el</strong>l’onore nazionale e la nazione come pun<strong>to</strong> di riferimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’onore d<strong>el</strong>la famiglia». 10 Il<br />

ruolo d<strong>el</strong>la donna in ques<strong>to</strong> contes<strong>to</strong> era fondamentale: padrona d<strong>el</strong>la casa, organizzatrice d<strong>el</strong><br />

tempo libero (un’altra scoperta borghese di ques<strong>to</strong> periodo), maîtresse di salotti, ma anche<br />

madre affettuosa ed educatrice, spesso coinvolta come unica attività esterna in associazioni<br />

benefi che. La gestione dei circuiti d<strong>el</strong>la sociab<strong>il</strong>ità fam<strong>il</strong>iare, ambi<strong>to</strong> di comunicazione fra<br />

priva<strong>to</strong> e pubblico, era in gran parte in mani femmin<strong>il</strong>i. Tenendo presente <strong>il</strong> quadro generale<br />

fi n qui presenta<strong>to</strong>, appare evidente come la minoranza ebraica, almeno per quan<strong>to</strong> riguardava<br />

7. Cita<strong>to</strong> in Mauro Moretti, La dimensione ebraica di un maestro pisano. Documenti su Alessandro D’Ancona, in<br />

Mich<strong>el</strong>e Luzzati (a cura di), Gli ebrei di Pisa (secoli IX-XX), Atti d<strong>el</strong> Convegno internazionale Pisa, 3-4 ot<strong>to</strong>bre<br />

1994, Pacini, Pisa, 1998, p. 253.<br />

8. Cfr. Carlotta Ferrara degli Uberti, Rappresentare se stessi tra famiglia e nazione. Il «Vess<strong>il</strong>lo Isra<strong>el</strong>itico» alla<br />

soglia d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>, in «Passa<strong>to</strong> e Presente», 25 (2007), n. 70, pp. 35-58; Fare gli ebrei italiani: mod<strong>el</strong>li di genere e<br />

integrazione nazionale, in Ila<strong>ria</strong> Porciani (a cura di), Famiglia e nazione n<strong>el</strong> lungo Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> italiano. Mod<strong>el</strong>li, strategie,<br />

reti di r<strong>el</strong>azioni, Vi<strong>el</strong>la, Roma, 2006, pp. 217-242.<br />

9. Cfr. Alber<strong>to</strong> M. Banti, S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la borghesia italiana. L’età liberale, Donz<strong>el</strong>li, Roma, 1996 e Raffa<strong>el</strong>e Roman<strong>el</strong>li,<br />

Individuo, famiglia e collettività n<strong>el</strong> codice civ<strong>il</strong>e d<strong>el</strong>la borghesia italiana, in Raffa<strong>el</strong>la Gherardi, Gustavo Gozzi (a<br />

cura di), Saperi d<strong>el</strong>la borghesia e s<strong>to</strong><strong>ria</strong> dei concetti fra Ot<strong>to</strong> e Novecen<strong>to</strong>, Annali d<strong>el</strong>l’Istitu<strong>to</strong> s<strong>to</strong>rico italo germanico,<br />

Quaderno 42, Il Mulino, Bologna, 1995, pp. 351-399.<br />

10. Porciani, Famiglia e nazione, cit., p. 15.<br />

82


le classi medio-alte, potesse <strong>el</strong>aborare una visione d<strong>el</strong>la famiglia che intrecciava strettamente<br />

<strong>el</strong>ementi d<strong>el</strong>la tradizione ebraica con <strong>el</strong>ementi d<strong>el</strong>la cultura borghese 11 .<br />

Se la famiglia era <strong>il</strong> nucleo più importante spesso connota<strong>to</strong> come “sacro” d<strong>el</strong>la società<br />

e d<strong>el</strong>la nazione, la nazione stessa era rappresentata come mi si passi <strong>il</strong> gioco di parole una<br />

famiglia di famiglie. Il pun<strong>to</strong> in cui la sovrapposizione fra i due piani è più lampante è<br />

l’educazione dei fi gli. Compi<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la scuola, ma ancor prima dei geni<strong>to</strong>ri e fra questi d<strong>el</strong>la<br />

madre, era di farne dei sudditi/cittadini fed<strong>el</strong>i, rispettab<strong>il</strong>i, consapevoli d<strong>el</strong>le glorie nazionali,<br />

imbevuti di amor patrio, capaci di dare <strong>il</strong> loro contribu<strong>to</strong> int<strong>el</strong>lettuale, morale e all’occorrenza<br />

di sangue alla vita d<strong>el</strong>la nazione. Il r<strong>el</strong>egare l’ebraicità alla sfera fam<strong>il</strong>iare, alla conservazione<br />

di alcune scarne pratiche r<strong>el</strong>igiose e alla difesa – a liv<strong>el</strong>lo teorico e pratico – d<strong>el</strong>l’endogamia,<br />

diventava in ques<strong>to</strong> contes<strong>to</strong> un <strong>el</strong>emen<strong>to</strong> porta<strong>to</strong>re di potenziali contraddizioni e aporie che<br />

minavano l’effi cacia di qu<strong>el</strong>la formula sempre ripetuta: ebrei in casa e cittadini fuori.<br />

Ques<strong>to</strong> contes<strong>to</strong> problematico emerge in maniera particolarmente evidente n<strong>el</strong>la campagna<br />

portata avanti dalla stampa ebraica italiana, in particolare dal “Vess<strong>il</strong>lo Isra<strong>el</strong>itico”, contro<br />

i matrimoni misti, che vennero identifi cati come la più grave minaccia alla sopravvivenza d<strong>el</strong>la<br />

minoranza, nonostante la loro incidenza fosse piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> scarsa. Gli studi che sono stati<br />

compiuti fi nora si limitano a segnalare una crescita d<strong>el</strong> fenomeno negli anni Novanta d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>,<br />

ma in una misura che non sembra giustifi care l’allarme lancia<strong>to</strong> dai rabbini e da molti<br />

int<strong>el</strong>lettuali d<strong>el</strong>l’epoca 12 . Elia Benamozegh, r<strong>abbino</strong> livornese che si era distin<strong>to</strong> durante i<br />

disordini d<strong>el</strong> 1848 per i suoi discorsi patriottici, scrisse n<strong>el</strong> 1881 un articolo che ci aiuta a<br />

d<strong>el</strong>ineare alcuni <strong>el</strong>ementi di ques<strong>to</strong> quadro contraddit<strong>to</strong>rio. In un primo momen<strong>to</strong>, egli si<br />

proponeva di combattere <strong>il</strong> pregiudizio che vedeva n<strong>el</strong>l’ebraismo una r<strong>el</strong>igione a base etnica:<br />

«[…] stando a Mosè, come è interpreta<strong>to</strong> dalla maggior parte dei dot<strong>to</strong>ri, non vi è matrimonio<br />

legale fra un’isra<strong>el</strong>ita ed altro di altra fede. Dico fede giacché <strong>il</strong> pagano, <strong>il</strong> cristiano, <strong>il</strong> non ebreo<br />

insomma <strong>il</strong> quale abbracciasse <strong>il</strong> giudaismo, tut<strong>to</strong>ché di stirpe non isra<strong>el</strong>itica, potrebbe contrarre<br />

vincoli matrimoniali con una isra<strong>el</strong>ita. […] In una r<strong>el</strong>igione […] come la mosaica che in parte è,<br />

e mol<strong>to</strong> più è creduta, r<strong>el</strong>igione esclusiva e nazionale, <strong>il</strong> prescindere come fa, da ogni preconcet<strong>to</strong><br />

etnologico per non badare che alla credenza, è fat<strong>to</strong> di non poco valore, […]».<br />

Poche righe dopo però aggiungeva:<br />

«Se si volesse indagare <strong>il</strong> perché dei limiti imposti alla libertà dei matrimonii, non sarebbe diffi c<strong>il</strong>e lo<br />

scuoprirlo n<strong>el</strong>l’intendimen<strong>to</strong> di serbare intat<strong>to</strong> <strong>il</strong> carattere d<strong>el</strong>la razza e soprattut<strong>to</strong> le sue tendenze<br />

int<strong>el</strong>lettuali che oggi da tutti si conviene essere favorevolissime al monoteismo, proprio dicono d<strong>el</strong><br />

genio semitico e specialmente d<strong>el</strong> semita ebreo. […] Quan<strong>to</strong> alla prole, questa, n<strong>el</strong> matrimonio<br />

mis<strong>to</strong>, segue secondo l’ebraismo, le condizioni d<strong>el</strong>la madre. Per conseguenza <strong>il</strong> fi glio di una isra<strong>el</strong>ita<br />

sarà sempre ebreo benché <strong>il</strong> padre sia cristiano, turco, pagano o altro. Il fi glio di una cristiana,<br />

turca, ecc. sarà sempre cristiano benché <strong>il</strong> padre sia isra<strong>el</strong>ita. Questi non avrà dirit<strong>to</strong> di imporgli la<br />

sua r<strong>el</strong>igione e nemmeno lo avrà l’au<strong>to</strong>rità ebraica, fosse pure indipendente in Palestina. […] Non<br />

c’è che l’Isra<strong>el</strong>ita che volens, nolens sia tenu<strong>to</strong> a essere per forza sacerdote d<strong>el</strong> genere umano. È<br />

una esprop<strong>ria</strong>zione coatta per causa di pubblica ut<strong>il</strong>ità» 13 .<br />

11. A ques<strong>to</strong> proposi<strong>to</strong> è fondamentale lo studio di Marion A. Kaplan sul contes<strong>to</strong> tedesco: The Making of the Jewish<br />

Middle Class: Women, Fam<strong>il</strong>y, and Identity in Impe<strong>ria</strong>l Germany, Oxford University Press, New York, 1991.<br />

12. Cfr. Luciano Allegra, Prefazione a Chiara Foà, Gli ebrei e i matrimoni misti. L’esogamia n<strong>el</strong>la comunità <strong>to</strong>rinese<br />

(1866-1898), Zamorani, Torino 2001, pp. 9-15, e Sergio D<strong>el</strong>la Pergola, Jewish and Mixed Mar<strong>ria</strong>ges in M<strong>il</strong>an,<br />

1901-1968, The Institute of Contemporary Jewry, The Hebrew University of Jerusalem, Jerusalem, 1972.<br />

13. Elia Benamozegh, Sui matrimonii misti, «Il Vess<strong>il</strong>lo Isra<strong>el</strong>itico», 29 (1881), pp. 357-58. Elia Benamozegh<br />

(1823-1900), livornese di origini marocchine, fu un insigne cabalista. Cfr. Alessandro Guetta, F<strong>il</strong>osofi a e qabbalah :<br />

saggio sul pensiero di Elia Benamozegh, Thalassa de Paz, M<strong>il</strong>ano, 2000.<br />

83


Nonostante l’iniziale enfasi posta sull’aspet<strong>to</strong> prettamente r<strong>el</strong>igioso d<strong>el</strong>la fede, Benamozegh<br />

legava implicitamente nazione e etnia, quando presentava come una stranezza<br />

encomiab<strong>il</strong>e <strong>il</strong> fat<strong>to</strong> che l’ebraismo, r<strong>el</strong>igione almeno in parte “nazionale”, non regoli l’accesso<br />

sulla base di un “preconcet<strong>to</strong> etnologico”. La nazione cui faceva riferimen<strong>to</strong> è un’entità<br />

assai fumosa, ma che sicuramente non si identifi ca qui con lo sta<strong>to</strong>-nazione e si basa in<br />

qualche misura su un’affi nità etnica. Qualche riga dopo Benamozegh usava un termine<br />

ancora diverso, preso da un universo linguistico e concettuale “scientifi co”: la razza. Ed è<br />

attraverso <strong>il</strong> riferimen<strong>to</strong> alla razza che introduceva la legge halakhica che regola la trasmissione<br />

d<strong>el</strong>l’ebraicità. I legami di sangue e la conservazione d<strong>el</strong>la razza si mescolavano n<strong>el</strong>la<br />

lotta contro <strong>il</strong> matrimonio mis<strong>to</strong> alle preoccupazioni r<strong>el</strong>igiose.<br />

Il linguaggio razziale derivante dalla rifl essione “scientifi ca” iniziata a metà Settecen<strong>to</strong> 14<br />

era all’epoca mol<strong>to</strong> diffuso, usa<strong>to</strong> in ogni contes<strong>to</strong>, con molteplici accezioni, e con inten<strong>to</strong><br />

in genere meramente descrittivo. Era senso comune parlare d<strong>el</strong>la divisione d<strong>el</strong>l’umanità in<br />

razze diverse, per ognuna d<strong>el</strong>le quali si potevano individuare ben determinate caratteristiche<br />

biologiche e somatiche, ma anche precise attitudini caratte<strong>ria</strong>li e int<strong>el</strong>lettuali, specifi ci<br />

talenti e inettitudini. Una visione che comportava mol<strong>to</strong> frequentemente una commistione<br />

fra un registro linguistico e concettuale scientifi co-biologico e gli studi psicanalitici e<br />

psichiatrici. L’uso di un linguaggio razziale non implicava necessa<strong>ria</strong>mente la presenza di<br />

un pensiero razzista. La teo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le razze rientrava in una più generale passione per le<br />

classifi cazioni e le statistiche, in larga parte inconsapevole d<strong>el</strong> potenziale confl it<strong>to</strong> fra la<br />

re<strong>to</strong>rica omologante d<strong>el</strong>la nazione e la schedatura d<strong>el</strong>le diversità, vere o presunte, né di<br />

quan<strong>to</strong> possa essere breve <strong>il</strong> passaggio dal classifi care all’ordinare in scala gerarchica. Di<br />

queste caratteristiche d<strong>el</strong> tempo gli ebrei erano pienamente partecipi e ques<strong>to</strong> orizzonte<br />

concettuale interagiva con la percezione d<strong>el</strong>l’importanza d<strong>el</strong>la dimensione fam<strong>il</strong>iare.<br />

Dagli ultimi anni d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> un nuovo fenomeno intervenne ad arricchire ulteriormente<br />

ques<strong>to</strong> quadro. Il sionismo, che in Italia fu soprattut<strong>to</strong> un movimen<strong>to</strong> minoritario di<br />

rinascita culturale, postulò <strong>il</strong> rifi u<strong>to</strong> di qu<strong>el</strong>la separatezza fra sfera pubblica e sfera privata<br />

che restava la bussola più o meno consapevole per la maggioranza d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano, e<br />

rivendicò la riscoperta di quegli aspetti nazionali e biologici d<strong>el</strong>l’ebraismo che erano vissuti<br />

come più problematici e confl ittuali con l’inserimen<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la società italiana 15 . Senza negare<br />

in alcun modo l’importanza d<strong>el</strong>la dimensione fam<strong>il</strong>iare n<strong>el</strong>la trasmissione d<strong>el</strong>l’identità ebraica,<br />

i sionisti denunciavano l’insuffi cienza di questa declinazione identita<strong>ria</strong>. I circoli sionisti<br />

che nacquero in varie città italiane tentarono di affi ancare alle famiglie e a qu<strong>el</strong> che restava<br />

d<strong>el</strong>le organizzazioni comunitarie, d<strong>el</strong>le altre strutture di aggregazione, soprattut<strong>to</strong> rivolte ai<br />

giovani 16 . Favorire incontri fra ragazze e ragazzi ebrei al fi ne di incoraggiare l’endogamia era<br />

un aspet<strong>to</strong> non secondario di ques<strong>to</strong> tipo di iniziative.<br />

La famiglia restava in ogni caso <strong>il</strong> nucleo forte di formazione e di conservazione di<br />

un’ebraicità va<strong>ria</strong>mente intesa e suscettib<strong>il</strong>e di innumerevoli interpretazioni personali.<br />

14. La bibliografi a su ques<strong>to</strong> tema è mol<strong>to</strong> nutrita. Mi limi<strong>to</strong> a segnalare George L. Mosse, Il razzismo in Europa.<br />

Dalle origini all’Olocaus<strong>to</strong>, Laterza, Roma-Bari, 1985 [ed. or. New York 1978]; Tzvetan Todorov, Noi e gli altri. La<br />

rifl essione francese sulla diversità umana, Einaudi, Torino, 1991 [ed. or. Paris, 1989].<br />

15. Il sionismo italiano fu un movimen<strong>to</strong> di minoranza, vol<strong>to</strong> ad una riscoperta r<strong>el</strong>igiosa e culturale d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

più che ad una vera attività politica. Per essenziali riferimenti orientativi e bibliografi ci, cfr. David Bidussa (a<br />

cura di), Il sionismo politico, Unicopli, M<strong>il</strong>ano 1993; Alber<strong>to</strong> Cavaglion, Tendenze nazionali e albori sionistici, in<br />

S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia. Annali 11. Gli ebrei in Italia, 2, a cura di Corrado Vivanti, 2. Dall’emancipazione a oggi, Einaudi,<br />

Torino, 1997, pp. 1291-1320.<br />

16. Mario Toscano, Fermenti culturali ed esperienze organizzative d<strong>el</strong>la gioventù ebraica italiana (1911-1925), in<br />

Ebraismo e antisemitismo in Italia. Dal 1848 alla guerra dei sei giorni, Franco Ang<strong>el</strong>i, M<strong>il</strong>ano, 2003, pp. 69-109.<br />

84


<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e la famiglia Momigliano<br />

1. A. Momigliano, Pagine ebraiche, a c. di S. Berti, Torino, Einaudi, 1987, p. vii.<br />

85<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion<br />

Ut<strong>il</strong>i informazioni sul reticolo famigliare – che accolse, e potremmo dire, adottò Rav<br />

<strong>Disegni</strong>, quando si fi danzò con Elvira Momigliano –, risultano dalle carte d<strong>el</strong>l’archivio<br />

ora in corso di riordinamen<strong>to</strong>. Sono informazioni preziose che riguardano soprattut<strong>to</strong> <strong>il</strong><br />

formarsi di qu<strong>el</strong>la specifi ca r<strong>el</strong>igiosità famigliare, che per altre vie già conosciamo, per<br />

esempio attraverso i ricordi di Arnaldo Momigliano:<br />

Era una r<strong>el</strong>igione chiusa n<strong>el</strong>la famiglia. Per ques<strong>to</strong> non posso separare i miei sentimenti domestici<br />

dalle cerimonie r<strong>el</strong>igiose di ogni giorno e soprattut<strong>to</strong> d<strong>el</strong> Saba<strong>to</strong> in cui tut<strong>to</strong> cambiava… andavamo<br />

spesso a passare <strong>il</strong> saba<strong>to</strong> pomeriggio a “Paniale”, una casa tra rustica e civ<strong>il</strong>e circondata da campi<br />

e castagneti, che era stata comprata misurando la distanza permessa ad un ebreo or<strong>to</strong>dosso di<br />

allontanarsi di casa di saba<strong>to</strong>. La mia vera esperienza di r<strong>el</strong>igione ebraica è in questa intensa,<br />

austera, pietà domestica. I fi gli che son benedetti dal padre <strong>il</strong> venerdì sera, la mamma che abbraccia<br />

mari<strong>to</strong> e fi gli 1 .<br />

La stessa carriera rabbinica di Rav <strong>Disegni</strong> fu guidata e saggiamente ispirata dai<br />

suggerimenti e dai pratici consigli di colui che fu <strong>il</strong> pat<strong>ria</strong>rca di questa specie di clan<br />

caragliese. Qu<strong>el</strong> pat<strong>ria</strong>rca, che potrebbe costituire un pro<strong>to</strong>tipo eccezionale, per chi<br />

desiderasse studiare la struttura fam<strong>il</strong>istica d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano, in specie qu<strong>el</strong>lo<br />

piemontese, rispondeva al nome di Amadio Momigliano, det<strong>to</strong> Barbamadiô, fi gura<br />

appartata di studioso, in corrispondenza con Benamozegh e con i futuri colleghi di<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> (ma guidò per mano anche i primi passi di Arnaldo Momigliano).<br />

N<strong>el</strong>la cerchia famigliare dove <strong>Disegni</strong> viene affettuosamente adotta<strong>to</strong> in segui<strong>to</strong><br />

al suo fi danzamen<strong>to</strong> non agiva soltan<strong>to</strong> la lezione burbera e benefi ca di Barbamadiô;<br />

la lezione profetica e universalistica di F<strong>el</strong>ice Momigliano, una personalità altrettan<strong>to</strong><br />

capace di seduzione per un giovane come <strong>Dario</strong>, si muoveva per contrastare <strong>il</strong><br />

conserva<strong>to</strong>rismo d<strong>el</strong>lo zio Amadio.<br />

Professore di liceo, simpatizzante socialista amico di Claudio Treves, ebreo<br />

modernizzante in odor di eresia, amico di Ernes<strong>to</strong> Buonaiuti, F<strong>el</strong>ice Momigliano<br />

rimane una presenza-assenza: <strong>il</strong> suo nome si trova di rado nei carteggi famigliari<br />

conservati n<strong>el</strong>l’archivio-<strong>Disegni</strong>. Visse a lungo in una specie di es<strong>il</strong>io int<strong>el</strong>lettuale, girò<br />

tutta la penisola prima di approdare a Roma, dove insegnò fi losofi a morale al Magistero<br />

(morì n<strong>el</strong> 1924). C’è da pensare che le sue idee rib<strong>el</strong>li fossero guardate con sospet<strong>to</strong><br />

dai famigliari, come qualcosa di troppo incandescente e pericoloso.


Le carte conservate n<strong>el</strong>l’archivio dimostrano che a contrastare <strong>il</strong> messaggio universalistico<br />

di F<strong>el</strong>ice, la lezione di Amadio alla fi ne ebbe la meglio. 2<br />

«Zio Amadio». Così si legge n<strong>el</strong>la fi rma posta in calce ad una trentina di mirab<strong>il</strong>i lettere<br />

indirizzate ad Elvira e <strong>Dario</strong> fra 1905 e 1924: una corrispondenza che per molte ragioni è<br />

da considerarsi la parte più notevole d<strong>el</strong>l’archivio-<strong>Disegni</strong>, la via maestra che potrà aiutarci<br />

a capire la formazione di un R<strong>abbino</strong> italiano n<strong>el</strong> primo Novecen<strong>to</strong> 3 .<br />

Si tratta di un carteggio che può aiutarci a seguire da vicino anche i primi passi<br />

d<strong>el</strong> grande antichista Arnaldo Momigliano, fi glio di Riccardo e nipote di Barbamadiô.<br />

Nulla sfuggì allo zio Amadio d<strong>el</strong>la carriera d<strong>el</strong> giovane Arnaldo, cresciu<strong>to</strong> vicino a lui a<br />

Caraglio; di lui si conservano n<strong>el</strong>l’Archivio-<strong>Disegni</strong> alcuni biglietti augurali e una letterina<br />

posteriore alla riforma scolastica avviata da Gent<strong>il</strong>e n<strong>el</strong> 1923, n<strong>el</strong>la quale <strong>il</strong> futuro<br />

collabora<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>l’Enciclopedia Italiana dice di avere un buon numero di materie da<br />

studiare «che abbracciano un vas<strong>to</strong> campo». E soggiunge: «Gent<strong>il</strong>e non ci ha risparmiati».<br />

Se di Arnaldo Barbamadiô non fece in tempo a seguire i successi accademici, si può dire<br />

che abbia segui<strong>to</strong> passo dopo passo, seppure a distanza, l’intera carriera di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>,<br />

fi no al defi nitivo insediamen<strong>to</strong> a Torino (1922).<br />

Barbamadiô non era come gli antenati di Primo Levi «un pat<strong>ria</strong>rca tabaccoso», né era<br />

porta<strong>to</strong> alla «conversazione disinteressata e gratuita». Era un fortuna<strong>to</strong> uomo di affari , un<br />

mercante di granaglie, na<strong>to</strong> n<strong>el</strong> 1844. Dedicò <strong>il</strong> suo tempo libero allo studio d<strong>el</strong>l’ebraismo;<br />

periodicamente si recava a Parigi non per d<strong>il</strong>et<strong>to</strong>, ma per procurarsi pregiate edizioni di<br />

libri e di commenti ai testi introvab<strong>il</strong>i in Italia («ti farò vedere i libri che ho compra<strong>to</strong> a<br />

Parigi, veri gioi<strong>el</strong>li, ben inteso di argomenti sacri»). Per altro non dimenticava di rifornire<br />

la cuginanza e i nipoti di generi di prima sussistenza: («Spero che sarete contenti d<strong>el</strong>la<br />

gallina speditavi se ne volete poi altre scrivetemi»).<br />

N<strong>el</strong>lo scrivere aveva la stessa ironica sprezzatura che ritroveremo n<strong>el</strong>la prosa di Arnaldo<br />

Momigliano saggista, polemista, au<strong>to</strong>re di pungenti recensioni. Fu in contat<strong>to</strong> con i<br />

principali int<strong>el</strong>lettuali d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>: ebbe un vivace scambio epis<strong>to</strong>lare con Benamozegh<br />

e sarebbe interessante un giorno mettersi alla ricerca di altre sue corrispondenze.<br />

Scriveva in un italiano secco, talora sprezzante. Le sue lettere sono irte di citazioni<br />

in ebraico, la forma dei suoi caratteri in qu<strong>el</strong>la che in Argon Levi chiama <strong>il</strong> lassòn<br />

accodesc, la lingua sacra, è <strong>el</strong>egante e non d<strong>il</strong>ettantesca. Non aveva una particolare<br />

pred<strong>il</strong>ezione per nessuno dei suoi contemporanei. Nemmeno per i Piemontesi, che<br />

amava defi nire Gianduja.<br />

Nei primi anni dopo le nozze, la sussistenza economica degli sposi <strong>Dario</strong> ed Elvira (è<br />

documenta<strong>to</strong> da rigorosi rendiconti cartacei) fu garantita dalla generosità di Barbamadiô.<br />

Lo stipendio dei rabbini all’inizio d<strong>el</strong>la loro carriera doveva essere tutt’altro che<br />

considerevole. N<strong>el</strong>le sue lettere «lo zio Amadio» alterna consigli pratici, sull’educazione<br />

da impartire ai fi gli, sullo stipendio che <strong>Dario</strong> avrebbe dovu<strong>to</strong> esigere dalle comunità,<br />

dove via via prendeva servizio; non mancano mai consigli affettuosi in<strong>to</strong>rno ai famigliari,<br />

suggerimenti psicologici, diretti in specie alle molte donne di casa (un terreno, ques<strong>to</strong>,<br />

d<strong>el</strong>le corrispondenze famigliari dove sarà possib<strong>il</strong>e analizzare meglio la questione<br />

femmin<strong>il</strong>e e <strong>il</strong> ruolo di guida esterna che veniva da fi gure pat<strong>ria</strong>rcali prima che dal<br />

R<strong>abbino</strong>). A Elvira, nei momenti più diffi c<strong>il</strong>i, Amadio invia esortazioni ad assecondare<br />

2. Su Barbamadiô si legga la premessa di Arnaldo Momigliano a Pagine ebraiche, a c. di S. Berti, Torino, Einaudi,<br />

1987; Rinaldo De Benedetti, Memorie di Didimo, a c. di A. De Benedetti, M<strong>il</strong>ano, Scheiw<strong>il</strong>ler, 2008, pp. 191-192.<br />

La lettera di Benamozegh è stata pubblicata da Yoseph Colombo, Una lettera di Benamozegh a Amadio Momigliano,<br />

in “La rassegna mens<strong>il</strong>e di Isra<strong>el</strong>”, XXXV, 10, ot<strong>to</strong>bre 1969, pp. 439-447.<br />

3. Archivio B. Terracini, Fondo Rav D. <strong>Disegni</strong>, Corrispondenze, Amadio Momigliano.<br />

86


<strong>Dario</strong>, a non lamentarsi per i continui traslochi o per le lunghe assenze d<strong>el</strong> consorte;<br />

ma Amadio non perde occasione per sot<strong>to</strong>porre a <strong>Dario</strong> dotte questioni esegetiche,<br />

n<strong>el</strong>la speranza di soddisfare la sua infi nità curiosità erudita: si muoveva da questioni<br />

interpretative sott<strong>il</strong>issime, ai giochi linguistici, a citazioni di versetti criptici , a mistici<br />

virtuosismi numerici. Amadio, che giovane non era più n<strong>el</strong> 1912, si precipitò da Caraglio<br />

a Torino per assistere ad un convegno giovan<strong>il</strong>e ebraico, allo scopo precipuo di mettere<br />

in guardia gli astanti contro le pericolose idee socialiste d<strong>el</strong> suo congiun<strong>to</strong>-rivale F<strong>el</strong>ice<br />

Momigliano 4 .<br />

Le lettere di Barbamadiô ci mostrano in presa diretta che cosa concretamente volesse<br />

dire denuncia contro l’assim<strong>il</strong>azione. Quando queste lettere potranno essere per intero<br />

rese note, come è auspicab<strong>il</strong>e, ciò che prima si diceva in modo alquan<strong>to</strong> astrat<strong>to</strong> d<strong>el</strong><br />

rappor<strong>to</strong> tradizione-modernità potrà risultare a tutti più chiaro.<br />

Sarebbe inut<strong>il</strong>e cercare n<strong>el</strong>la corrispondenza di ques<strong>to</strong> pat<strong>ria</strong>rca – nomina<strong>to</strong> ottuagenario<br />

Maskìl da una commissione rabbinica salita espressamente a Caraglio per<br />

festeggiarlo alla vig<strong>il</strong>ia d<strong>el</strong>la morte –, qualche riferimen<strong>to</strong> alla politica italiana. Barbamadiô<br />

vive fi no alla fi ne dei suoi giorni prigioniero di qu<strong>el</strong>la inascoltata denuncia contro la<br />

decadenza d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano.<br />

Non lo convince nemmeno <strong>il</strong> sionismo e di qui cer<strong>to</strong> deriva <strong>il</strong> prolunga<strong>to</strong> s<strong>il</strong>enzio di<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> giovane sul movimen<strong>to</strong> di emancipazione nazionale avvia<strong>to</strong> da Herzl alla<br />

fi ne d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong>: la presa di Gerusalemme da parte d<strong>el</strong> Generale Allenby strappa a<br />

Barbamadiô un (parziale) entusiasmo:<br />

«Sebbene non sia Sionista n<strong>el</strong> genere moderno, tuttavia l’avvenimen<strong>to</strong> odierno, è veramente<br />

meraviglioso e avrà cer<strong>to</strong> una grande infl uenza mondiale. Sì, <strong>il</strong> nome di Gerusalemme fa battere<br />

i cuori di tutti e questa città avrà cer<strong>to</strong> un avvenire anche commerciale, ma fa tremare che non<br />

si osservi la Santa Tora».<br />

Il suo unico cruccio rimane fi no al termine d<strong>el</strong>la vita <strong>il</strong> len<strong>to</strong> svuotarsi d<strong>el</strong>le “scole”:<br />

«Sen<strong>to</strong> che a Torino sono giunti al pun<strong>to</strong> che alla mattina coi poveri pagati si stenta a fare Minian,<br />

io non capisco che non sia mai venu<strong>to</strong> in mente di pagare non i poveri, ma i ragazzi che sono<br />

entrati da Minian. questi pagare o con doni o con masche da fi ssare <strong>il</strong> prezzo o con libretti, ma è<br />

con questi che si dovrebbe far Minian, io vorrei perfi no una funzione giornaliera per i ragazzi e le<br />

ragazze d<strong>el</strong> Collegio; purtroppo li so senza <strong>il</strong> San<strong>to</strong> Sabba<strong>to</strong> nulla è possib<strong>il</strong>e fare, e ques<strong>to</strong> per me<br />

è <strong>il</strong> motivo principale d<strong>el</strong>la decadenza di tutte le Comunità».<br />

La colpa d<strong>el</strong> decadimen<strong>to</strong> è attribuita ai Rabbini che avevano favori<strong>to</strong><br />

l’emancipazione:<br />

«Se i Rabbini d<strong>el</strong> 48 si fossero mossi per studiare <strong>il</strong> mezzo che la Santa Tora non fosse sta<strong>to</strong><br />

trasforma<strong>to</strong>, certamente l’Italia non si troverebbe n<strong>el</strong>lo sta<strong>to</strong> attuale. Il giornale Isra<strong>el</strong> per me è<br />

anche miracoloso come fu fat<strong>to</strong>, e come si fa, e certamente ha un avvenire che sembra incredib<strong>il</strong>e,<br />

e fa d<strong>el</strong> bene senza dubbio, ma ha un terreno un po’ arido».<br />

4. Gli Atti di ques<strong>to</strong> convegno sono raccolti in “Vess<strong>il</strong>lo isra<strong>el</strong>itico”, LX, 23 (1912), pp. 793 ss; in particolare si veda<br />

p. 815: “Amadio M. voterà contro essendo le sue opinioni diametralmente opposte a qu<strong>el</strong>le di F<strong>el</strong>ice M.”.<br />

87


Ai nipoti e in particolare a <strong>Dario</strong>, “lo zio Amadio” trasmette un compendio d<strong>el</strong> saper vivere<br />

secondo la tradizione: «Chi è ama<strong>to</strong> da Dio è ama<strong>to</strong> dagli uomini». E ancora:<br />

«È veramente una vergogna che codeste Comunità coi Signori che ci sono, non vogliano dare<br />

da vivere e lasciare andare in rovina le Comunità, ma è una prova evidente che quando non<br />

vi è la r<strong>el</strong>igione è come diciamo n<strong>el</strong> Salmo di martedì, cioè Non conoscono, non comprendono<br />

n<strong>el</strong>la oscurità camminano. Non impensierirti perché se cotesti corr<strong>el</strong>igionari sono n<strong>el</strong>l’oscurità,<br />

tu andrai ove vi è luce e Saba<strong>to</strong>».<br />

Oppure:<br />

«Purtroppo in Italia non vi sono M<strong>il</strong>ionari r<strong>el</strong>igiosi, perché allo sta<strong>to</strong> attuale d<strong>el</strong>le cose Isra<strong>el</strong>itiche<br />

le parole hanno più poco valore, ci vogliono denari molti per pagare anzi tut<strong>to</strong> i Capi Cul<strong>to</strong><br />

adeguatamente alle enormi spese oggigiorno, che possano occuparsi se<strong>ria</strong>mente alle cose d<strong>el</strong><br />

Cul<strong>to</strong> senza preoccupazioni d<strong>el</strong> vivere, per fare qualche cosa in Italia ci vogliono m<strong>il</strong>ioni, per fare<br />

Convitti; perché lo studio d<strong>el</strong>la Santa Torà impone l’osservanza, senza questa è tut<strong>to</strong> risib<strong>il</strong>e. Tutti<br />

i congressi sono chiacchiere, ci vorrebbero m<strong>il</strong>ioni con la Sapienza dei rabbini perché a me fa<br />

tremare al pensare alle Comunità d<strong>el</strong>l’Italia; nulla eppoi nulla si può fare senza l’Osservanza,<br />

tut<strong>to</strong> eppoi tut<strong>to</strong> è vano, gli articoli d<strong>el</strong>l’Isra<strong>el</strong> fanno ridere. A Torino Bolaffi o è mol<strong>to</strong> mol<strong>to</strong><br />

benemeri<strong>to</strong>, e fa l’impossib<strong>il</strong>e per che l’Orfanotrofi o proceda con vera r<strong>el</strong>igione e si può dire sua<br />

opera e fa ottimamente bene, ma si avrebbe necessità di avere qualche m<strong>il</strong>ionario per fare qualche<br />

stab<strong>il</strong>imen<strong>to</strong> da occupare i ragazzi per osservare <strong>il</strong> San<strong>to</strong> Saba<strong>to</strong>, è questa la base di tut<strong>to</strong>».<br />

La modernità è vista alla stregua di uno sta<strong>to</strong> di ebbrezza collettiva, come scrive a<br />

<strong>Dario</strong> in una lettera mol<strong>to</strong> intensa, n<strong>el</strong>la quale s’intravede quasi <strong>il</strong> passaggio d<strong>el</strong> testimone<br />

al nipote Arnaldo, alla sua geniale vocazione di studioso:<br />

«Mi piacque assai assai la tua saggia defi nizione che gli ambienti moderni in mezzo ai quali ci si<br />

ub<strong>ria</strong>ca purtroppo è una santa verità, la vita r<strong>el</strong>igiosa dei tempi passati faceva godere mol<strong>to</strong> di più di<br />

tutte le pazzie di oggi giorno. Io spero che la tua profezia per <strong>il</strong> caro Arnaldo si avveri, per <strong>il</strong> suo bene,<br />

e per <strong>il</strong> bene d<strong>el</strong>l’Isra<strong>el</strong>itismo, che fa confondere la mente al pensare in quale decadimen<strong>to</strong> si trova.<br />

La Parassà di ques<strong>to</strong> Sabba<strong>to</strong> sarebbe bene fosse intesa dal pubblico, sono testi di una b<strong>el</strong>lezza<br />

straordina<strong>ria</strong>. Purtroppo è qu<strong>el</strong>lo che si vede al giorno d’oggi; è davvero tremendamente doloroso al<br />

pensare che pochi sono qu<strong>el</strong>li che comprendono; <strong>il</strong> Tempio era una Scuola, oggi è veramente una<br />

nullità. La nostra r<strong>el</strong>igione è lo studio d<strong>el</strong>la Santa Tora, ma chi pensa a ciò?» 5 .<br />

5. I frammenti sopra riportati vengono rispettivamente dalle lettere d<strong>el</strong> 23 gennaio 1905; 18 maggio 1908; 16<br />

febbraio 1911; 9 maggio 1920; 20 apr<strong>il</strong>e 1921; 30 apr<strong>il</strong>e 1923; 15 apr<strong>il</strong>e 1924.<br />

88


La famiglia<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> n<strong>el</strong>la vita fam<strong>il</strong>iare<br />

89<br />

La famiglia d’origine<br />

1 Cesare <strong>Disegni</strong><br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 16<br />

cm 22,3 x 18<br />

2 Annetta D<strong>el</strong>la Pergola<br />

<strong>Disegni</strong><br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 2<br />

cm 22,3 x 18<br />

3 Am<strong>el</strong>ia (sor<strong>el</strong>la di <strong>Dario</strong>)<br />

con Ugo Galletti<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 1<br />

cm 24,7 x 19


90<br />

La famiglia d<strong>el</strong>la moglie,<br />

Elvira Momigliano<br />

4 La famiglia Momigliano<br />

con <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> in<br />

occasione d<strong>el</strong> fi danzamen<strong>to</strong><br />

di <strong>Dario</strong> e Elvira<br />

Cuneo 1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 178<br />

cm 16 x 11,5


91<br />

5 Em<strong>il</strong>ia (madre di Elvira)<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 153<br />

cm 10,5 x 6,5


92<br />

6 Elvira bambina con <strong>il</strong><br />

frat<strong>el</strong>lo Riccardo<br />

s. d.<br />

Proprietà privata<br />

cm 18,4 x 13,7


93<br />

7 S<strong>il</strong>houette di Elvira fatta<br />

in occasione<br />

d<strong>el</strong>l’Esposizione 1898<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.3<br />

cm 12 x 7


94<br />

8 Un bandi<strong>to</strong>, Libricino<br />

dona<strong>to</strong> ad Elvira, n<strong>el</strong> suo<br />

diciottesimo compleanno,<br />

dal frat<strong>el</strong>lo Riccardo<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9. 2<br />

cm 9,5 x 6


95<br />

9 Lettera d<strong>el</strong>lo zio Amadio<br />

“ai carissimi nipoti” in<br />

meri<strong>to</strong> alla “modernità”<br />

quale sta<strong>to</strong> di ebbrezza<br />

collettiva<br />

5 agos<strong>to</strong> 1924<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 131<br />

cm 18 x 11<br />

“…Mi piacque assai assai la<br />

tua saggia defi nizione che gli<br />

ambienti moderni in mezzo ai<br />

quali ci si ub<strong>ria</strong>ca. Purtroppo<br />

è una santa verità, la vita<br />

r<strong>el</strong>igiosa dei tempi passati,<br />

faceva godere mol<strong>to</strong> di più di<br />

tutte le pazzie di oggigiorno…”


96<br />

Il fi danzamen<strong>to</strong><br />

e le nozze<br />

10 Elvira fo<strong>to</strong>grafata in<br />

posa in occasione d<strong>el</strong><br />

fi danzamen<strong>to</strong><br />

1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 273<br />

cm 25 x 41


97<br />

11 <strong>Dario</strong> fo<strong>to</strong>grafa<strong>to</strong> in<br />

posa in occasione d<strong>el</strong><br />

fi danzamen<strong>to</strong><br />

1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 274<br />

cm 25 x 41


98<br />

12 La Ketubbah (contrat<strong>to</strong><br />

di matrimonio) di Elvira<br />

e <strong>Dario</strong><br />

29 marzo 1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 2.2<br />

cm 52 x 42


99<br />

13 <strong>Dario</strong> e Elvira n<strong>el</strong>l’“anno<br />

d<strong>el</strong> matrimonio”<br />

1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 94<br />

cm 16,5 x 13,5


100<br />

14 Giornale “Il Birichin” con<br />

l’annuncio d<strong>el</strong> matrimonio di<br />

<strong>Dario</strong> e Elvira<br />

20 apr<strong>il</strong>e 1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.5<br />

cm 27,5 x 38


101<br />

15 Sonet<strong>to</strong> in Piemontese<br />

per le nozze di <strong>Dario</strong><br />

e Elvira, fi rma<strong>to</strong> <strong>Dario</strong><br />

Cesulani<br />

29 marzo 1903<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.4<br />

cm 16,5 x 11,5


La famiglia di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

102<br />

16 Genova,<br />

Corso Mentana 43<br />

Biglietti da visita con<br />

indirizzi d<strong>el</strong>le residenze<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong> fasc. 9.9<br />

cm 5 x 10,5<br />

17 Verona,<br />

Borgo Tren<strong>to</strong> 3<br />

Biglietti da visita con<br />

indirizzi d<strong>el</strong>le residenze<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong> fasc. 9.9<br />

cm 5,5 x 9,5<br />

Le case


103<br />

18 Torino, Contrat<strong>to</strong><br />

d’affi t<strong>to</strong>, Via dei M<strong>il</strong>le 23<br />

30 giugno 1927<br />

Archivio <strong>Disegni</strong> fasc. 9.7<br />

cm 30,5 x 21


104<br />

I fi gli<br />

19 La nascita di “Anny”:<br />

partecipazione<br />

Genova 27 febbraio 1904<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.7<br />

cm 6,0x10,3<br />

20 Tre biglietti di augurio da<br />

parte d<strong>el</strong>la famiglia Bachi<br />

per la nascita di “Anny”<br />

8 marzo 1904<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.10<br />

cm 5,5 x 11,5


105<br />

21 La nascita di Dona<strong>to</strong>,<br />

gli auguri d<strong>el</strong>la cugina<br />

Tranqu<strong>il</strong>la<br />

18 gennaio 1905<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 139<br />

cm 8,9 x 12,5


106<br />

22 Lettera d<strong>el</strong>lo zio Amadio<br />

Momigliano in occasione<br />

d<strong>el</strong>la nascita di Egidio<br />

15 maggio 1908<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 131<br />

cm 21 x 13,5<br />

23 La nascita di Raffa<strong>el</strong>la<br />

Debora<br />

26 settembre 1909<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.7<br />

cm 17 x 10,5


107<br />

La crescita dei fi gli<br />

24 Elvira con Annetta, Nino<br />

ed Egidio<br />

Torino 1908<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 141<br />

cm 9,8x12,7


108<br />

25 Annetta, Nino, Egidio e<br />

L<strong>el</strong>la<br />

Verona, maggio 1910<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 155<br />

cm 11,5 x 21,5


109<br />

26 Annetta, Nino, Egidio,<br />

L<strong>el</strong>la, n<strong>el</strong>la “Pineta di<br />

Viareggio”<br />

agos<strong>to</strong> 1915<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 144<br />

cm 9 x 6,5


110<br />

27 Elvira con Annetta, Nino,<br />

Egidio e L<strong>el</strong>la<br />

Viareggio 1913<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. N. 145<br />

cm 8,7 x 13,7


111<br />

28 <strong>Dario</strong> e Elvira con<br />

Annetta, Nino, Egidio e L<strong>el</strong>la<br />

Verona 1916<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. 159<br />

cm 11,1 x 16,6


112<br />

Oggetti rituali<br />

n<strong>el</strong>la tradizione fam<strong>il</strong>iare<br />

29 Una lampada per le<br />

festività<br />

Proprietà privata<br />

cm 57 x 30


113<br />

30 Un piat<strong>to</strong> per la tavola<br />

d<strong>el</strong> Saba<strong>to</strong><br />

(sec. XVII)<br />

Proprietà privata<br />

cm 50,5 diametro


114<br />

31 Bicchiere veneziano in<br />

vetro rosso,<br />

ut<strong>il</strong>izza<strong>to</strong> per <strong>il</strong> Kiddush<br />

Proprietà privata<br />

cm 17,5 altezza


115<br />

32 Haggadah ot<strong>to</strong>centesca<br />

per <strong>il</strong> Seder di Pesach<br />

(cena pasquale)<br />

Proprietà privata<br />

cm 31 x 23


116<br />

32.a Calamaio in argen<strong>to</strong><br />

con iniziali appartenu<strong>to</strong> a<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

Proprietà privata


117<br />

La maturità dei fi gli<br />

33 Annuncio d<strong>el</strong>la Laurea in<br />

Lettere di Annetta <strong>Disegni</strong><br />

9 apr<strong>il</strong>e 1927<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.1<br />

cm 10 x 15<br />

34 Annetta <strong>Disegni</strong>,<br />

“Antigone di Sofocle”<br />

Tesi di Laurea in Lettere e<br />

F<strong>il</strong>osofi a<br />

Università degli Studi di Torino,<br />

Archivio di deposi<strong>to</strong>, fondo Tesi di<br />

laurea, numero provvisorio 9346<br />

cm 19 x 25


118<br />

35 Dona<strong>to</strong> <strong>Disegni</strong> sposa<br />

Nenn<strong>el</strong>la Valabrega<br />

Torino 7 ot<strong>to</strong>bre 1934<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 117<br />

cm 17,5 x 23,5


119<br />

36 Egidio <strong>Disegni</strong> alla<br />

scrivania di lavoro<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 125<br />

cm 12,5 x 9,8


120<br />

37 Raffa<strong>el</strong>la <strong>Disegni</strong><br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 196<br />

cm 13,8 x 8,7


121<br />

Le nozze d’oro<br />

di Elvira e <strong>Dario</strong><br />

38 <strong>Dario</strong> e Elvira n<strong>el</strong> giorno<br />

d<strong>el</strong>le nozze d’oro<br />

Marzo 1953<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 97<br />

cm 18 x 24


122<br />

39 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e Elvira<br />

con i nipoti n<strong>el</strong> giorno d<strong>el</strong>le<br />

nozze d’oro<br />

Marzo 1953<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 99<br />

cm 8,5 x 13,5


123<br />

La memo<strong>ria</strong> fam<strong>il</strong>iare<br />

n<strong>el</strong>la terra dei Padri<br />

40 Elvira Momigliano dona<br />

un albero per <strong>il</strong> “Bosco d<strong>el</strong><br />

Fondo nazionale Ebraico” in<br />

memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la madre Em<strong>il</strong>ia<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.8<br />

cm 13,8 x 9


124<br />

41 Riccardo Momigliano<br />

(frat<strong>el</strong>lo di Elvira) dona un<br />

albero per <strong>il</strong> Bosco d<strong>el</strong><br />

Fondo nazionale Ebraico in<br />

memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong> padre Dona<strong>to</strong><br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.8<br />

cm 13,8 x 9


125<br />

42 Donazione di un bosco<br />

per <strong>il</strong> Fondo nazionale<br />

Ebraico in memo<strong>ria</strong> di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> e di Elvira<br />

Momigliano<br />

23 dicembre 1968<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 9.8<br />

cm 43 x 30


Il Novecen<strong>to</strong><br />

secolo d<strong>el</strong>le guerre


L’ebraismo a confron<strong>to</strong> con la guerra<br />

Per la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> degli ebrei in Italia, <strong>il</strong> Novecen<strong>to</strong> è <strong>il</strong> secolo d<strong>el</strong>la guerra. È <strong>il</strong> secolo che<br />

culmina con la tragedia d<strong>el</strong>la Shoah, ma è anche <strong>il</strong> secolo durante <strong>il</strong> quale gli ebrei italiani<br />

si sono trovati ad affrontare per la prima volta <strong>il</strong> problema d<strong>el</strong>le sofferenze provocate, fuori<br />

e dentro i confi ni, da una guerra offensiva, per assecondare un ideale nazionale.<br />

Fino all’emancipazione gli ebrei italiani avevano <strong>to</strong>llera<strong>to</strong> i confl itti, osservandoli<br />

dall’esterno, senza dovervi prendere parte (costretti ad appoggiare le guerre di espansione<br />

dei Savoia, talora fi nanziandole, subendo le ristrettezze derivanti da occupazioni straniere).<br />

Fra <strong>il</strong> 1940 e l’8 settembre 1943, in pieno periodo di leggi razziali, n<strong>el</strong>la prima fase d<strong>el</strong>la<br />

guerra nazifascista qualcosa di sim<strong>il</strong>e accadrà: gli ebrei italiani, la cui libertà r<strong>el</strong>igiosa era<br />

ancora <strong>to</strong>llerata, osserveranno dall’esterno l’esplosione d<strong>el</strong>la seconda guerra mondiale;<br />

giuridicamente perseguitati, ma non al pun<strong>to</strong> da impedire ai più anziani di loro, carichi<br />

di memorie risorgimentali, di esprimere <strong>il</strong> desiderio di voler comunque combattere per<br />

<strong>il</strong> proprio paese ritenu<strong>to</strong> in pericolo. Sono note, e quantitativamente di un cer<strong>to</strong> r<strong>il</strong>ievo,<br />

le suppliche inviate a Mussolini affi nché assecondasse <strong>il</strong> desiderio di essere mandati<br />

al fronte come volontari.<br />

Il paradosso che si crea non rende dunque inut<strong>il</strong>e osservare l’intero percorso<br />

d<strong>el</strong>l’emancipazione, dal 1848 al 1943-1945, alla luce di ques<strong>to</strong> unico tema: la guerra.<br />

Esperienze b<strong>el</strong>liche non erano mancate negli anni immediatamente posteriori<br />

all’emancipazione: le guerre d’indipendenza, specialmente in Piemonte e n<strong>el</strong> Lombardo-<br />

Vene<strong>to</strong>, avevano vis<strong>to</strong> la partecipazione di singole, notevoli individualità (David Levi,<br />

Tullo Massarani, Giacomo Dina); <strong>il</strong> fervore con cui molti seguirono le campagne m<strong>il</strong>itari<br />

di Garibaldi, in specie la campagna dei M<strong>il</strong>le, è largamente documentab<strong>il</strong>e; sempre si<br />

era tratta<strong>to</strong>, però, di sc<strong>el</strong>te di singoli, legate a ristrette minoranze di giovani da poco<br />

usciti dal ghet<strong>to</strong>.<br />

Perché n<strong>el</strong>la stragrande maggioranza degli ebrei italiani si formasse consapevolezza<br />

di che cosa volesse dire, in termini di identità collettiva, la partecipazione a un confl it<strong>to</strong><br />

mondiale – e di come si dovessero conc<strong>il</strong>iare le ragioni di una sim<strong>il</strong>e guerra con la<br />

tradizione – bisognerà attendere <strong>il</strong> 1915 e osservare la discussione che divise i giovani<br />

ebrei italiani fra interventisti e neutralisti.<br />

Il problema non muterà n<strong>el</strong>la Grande Guerra e non sarà diverso nemmeno per i<br />

partigiani ebrei saliti in montagna dopo <strong>il</strong> settembre 1943: Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m, nei suoi<br />

diari, ricorderà <strong>il</strong> det<strong>to</strong> d<strong>el</strong> Talmud, secondo cui è da considerarsi severo <strong>il</strong> tribunale che<br />

sentenzia una condanna a morte ogni secolo.<br />

La vera schiavitù in Egit<strong>to</strong> non dipende solo dal cuore induri<strong>to</strong> d<strong>el</strong> Faraone, cioè d<strong>el</strong><br />

Duce, ma consiste più tristemente n<strong>el</strong> fat<strong>to</strong> che gli ebrei, come gli italiani, per un periodo<br />

troppo lungo hanno accetta<strong>to</strong> di sopportare la schiavitù: «Il fascismo», scrive sempre<br />

Ar<strong>to</strong>m, «non è una tegola cadutaci per caso sulla testa; è un effet<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la apoliticità e<br />

quindi d<strong>el</strong>la immoralità d<strong>el</strong> popolo italiano. Se non ci facciamo una coscienza politica<br />

129<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion


non sapremo governarci e un popolo che non sa governarsi cade necessa<strong>ria</strong>mente sot<strong>to</strong><br />

<strong>il</strong> dominio straniero o sot<strong>to</strong> una dittatura».<br />

La guerra, in termini di corruzione degli animi, di allentamen<strong>to</strong> dei legami con la<br />

comunità, come e forse più di altre emergenze d<strong>el</strong>la modernità, rappresenta un bivio,<br />

di fronte al quale gli ebrei italiani ed in modo particolare i loro rabbini si presentano<br />

con un grado immaturità mol<strong>to</strong> sim<strong>il</strong>e a qu<strong>el</strong>la degli altri italiani: la nazionalizzazionem<strong>il</strong>itarizzazione<br />

d<strong>el</strong>le masse non verrà subi<strong>to</strong> intesa, ciò che renderà in<strong>el</strong>uttab<strong>il</strong>e la<br />

posteriore adesione al fascismo.<br />

Non erano mancati ebrei socialisti che avevano rifi uta<strong>to</strong> l’interven<strong>to</strong>, così come vi<br />

erano stati gli interventisti democratici, che avevano lega<strong>to</strong> l’interven<strong>to</strong> alla memo<strong>ria</strong><br />

risorgimentale, all’eredità mazziniana; deposte le armi, a prevalere saranno però i<br />

nazionalisti e, in numero piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> cospicuo, fra i volontari a Fiume e i fonda<strong>to</strong>ri d<strong>el</strong><br />

fascismo in piazza S. Sepolcro si vedono molti ebrei (anche dentro la cerchia stessa dei<br />

Momigliano, come dimostra la parabola di Eucardio Momigliano).<br />

La biografi a di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> è segnata dolorosamente dalla contiguità con la guerra,<br />

dalla seconda guerra mondiale soprattut<strong>to</strong>, che lo aggredì nei suoi affetti più cari.<br />

È ogget<strong>to</strong> di discussione fra gli s<strong>to</strong>rici l’idea di considerare <strong>il</strong> Novecen<strong>to</strong> come <strong>il</strong><br />

secolo di una nuova “guerra dei trent’anni”. Osservando la tragedia fi nale, gli esiti che ne<br />

derivarono all’interno d<strong>el</strong>la stessa famiglia <strong>Disegni</strong>, non impediscono tuttavia di osservare<br />

come <strong>il</strong> dialogo con <strong>il</strong> Male inizi con l’esperienza d<strong>el</strong>la trincea, con l’assistenza offerta ai<br />

prigionieri dal “Maghen David Rosso” n<strong>el</strong> 1917-1918. La tragedia d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> inizia<br />

con la visione dei feriti al fronte, dei reduci n<strong>el</strong> dopoguerra, le famiglie lacerate che si<br />

riuniscono n<strong>el</strong>le sinagoghe e contano i loro morti. La prima guerra mondiale in aggiunta<br />

poneva l’ebreo lega<strong>to</strong> alla tradizione dei padri di fronte all’eventualità di dover uccidere un<br />

avversario che potrebbe essere un frat<strong>el</strong>lo. Questa ipotesi è da considerarsi qualcosa di<br />

scandalosamente inaccettab<strong>il</strong>e, come la prospettiva stessa d<strong>el</strong> “fare a pugni”.<br />

Nei Sommersi e i salvati, in replica ad Améry, non dobbiamo dimenticare che<br />

l’agnostico Primo Levi, come altrove ci aveva ricorda<strong>to</strong> quan<strong>to</strong> per secoli i suoi antenati<br />

fossero stati “alieni alla violenza”, così ci ammonisce, in ques<strong>to</strong>, credo, ribadendo <strong>il</strong> suo<br />

forte attaccamen<strong>to</strong> all’ebraismo: «Fare a pugni è una esperienza che mi manca, fi n dall’età<br />

più remota a cui arrivi la mia memo<strong>ria</strong>; né posso dire di rimpiangerla. Proprio per ques<strong>to</strong><br />

la mia carriera partigiana è stata così breve, dolorosa, stupida e tragica: recitavo la<br />

parte di un altro». N<strong>el</strong> raccon<strong>to</strong> “Oro” ques<strong>to</strong> disagio viene alla luce con ulteriore<br />

chiarezza, quando ricorda un episodio che lo ha segna<strong>to</strong> per sempre, l’esecuzione di<br />

una condanna a morte dopo sommario processo: «L’avevamo eseguita, ma ne eravamo<br />

usciti distrutti, destituiti, desiderosi che tut<strong>to</strong> fi nisse e di fi nire noi stessi; ma desiderosi<br />

anche di vederci fra noi, di parlarci, di aiutarci a vicenda ad esorcizzare qu<strong>el</strong>la memo<strong>ria</strong><br />

ancora così recente».<br />

130


La guerra 1915-1918


I rabbini italiani e la prima guerra mondiale<br />

Nei mesi d<strong>el</strong>la neutralità, <strong>il</strong> rabbina<strong>to</strong> italiano si mantenne s<strong>il</strong>enziosamente ai margini<br />

d<strong>el</strong> dibatti<strong>to</strong> tra interventisti e neutralisti, sottraendosi da qualsiasi dichiarazione uffi ciale.<br />

Con lo scoppio d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>, la titubanza mostrata nei mesi precedenti fu v<strong>el</strong>ocemente<br />

abbandonata a favore di una piena e <strong>to</strong>tale adesione alla causa b<strong>el</strong>lica che, sin dai<br />

primi giorni di guerra, si tradusse in reiterate ed entusiastiche invocazioni patriottiche<br />

provenienti dalle sinagoghe d’Italia.<br />

L’atteggiamen<strong>to</strong> mostra<strong>to</strong> dal rabbina<strong>to</strong> e dai rabbini m<strong>il</strong>itari – fi gure introdotte anche<br />

in Italia n<strong>el</strong>le prime settimane d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>, al pari di quan<strong>to</strong> accadde all’interno degli<br />

eserciti di Francia, Gran Bretagna, Germania ed Aust<strong>ria</strong>-Unghe<strong>ria</strong> – si riv<strong>el</strong>a prezioso<br />

per fare luce sulla lettura che le guide r<strong>el</strong>igiose d<strong>el</strong>le varie comunità ebraiche diedero<br />

d<strong>el</strong>la guerra in at<strong>to</strong> e aiuta a comprendere attraverso quali percorsi, quali riferimenti<br />

r<strong>el</strong>igiosi, culturali e politici i rabbini italiani tentarono di fondere e sintetizzare i valori d<strong>el</strong>la<br />

tradizione ebraica con le nuove ansie patriottiche. L’interpretazione che i rabbini diedero<br />

d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> può inoltre contribuire a chiarire se in uno scontro che appariva fratricida,<br />

opponendo per la prima volta gli uni agli altri gli ebrei d<strong>el</strong>le varie comunità europee d<strong>el</strong>la<br />

diaspora, l’identità r<strong>el</strong>igiosa prevalse sulla dimensione patriottica, costituendo un freno<br />

ad un’adesione senza riserve alla guerra. Ma le parole dei rabbini sono anche in grado<br />

di restituirci indirettamente l’immagine e le peculiarità d<strong>el</strong>la comunità ebraica n<strong>el</strong> suo<br />

insieme, ponendoci di fronte – seppure da una prospettiva certamente non imparziale –<br />

a qu<strong>el</strong>le dinamiche di secolarizzazione innescate dall’emancipazione che, costantemente<br />

denunciate dai rabbini, permet<strong>to</strong>no di avanzare una prima valutazione sui caratteri, sul<br />

successo o sull’insuccesso di un’integrazione in corso, allora, da pochi decenni.<br />

«Dio è con noi!». La guerra dei rabbini<br />

Alla fi ne d<strong>el</strong> maggio 1915, <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> di Torino Giacomo Bolaffi o sceglieva i versetti<br />

d<strong>el</strong> salmo 45 per incitare i coscritti in partenza per <strong>il</strong> fronte, affi nché con le loro «gesta<br />

contribui[ssero] ad accrescere la glo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la Nazione». 1<br />

«Cingi al fi anco, o prode, la spada, ed essa costituisca <strong>il</strong> tuo decoro e <strong>il</strong> tuo onore; e con <strong>il</strong> tuo<br />

onore abbi successo; esci sul tuo cocchio per una causa vera di um<strong>il</strong>tà e giustizia e la tua destra<br />

faccia vedere azioni terrib<strong>il</strong>i.» 2<br />

E ogni saba<strong>to</strong>, <strong>il</strong> rav avrebbe recita<strong>to</strong> «in italiano e in ebraico, una apposita preghiera<br />

per implorare la vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le armi italiane e per <strong>il</strong> raggiungimen<strong>to</strong> degli ideali sacrosanti<br />

1. Sermone pronuncia<strong>to</strong> dal r<strong>abbino</strong> di Torino Giacomo Bolaffi o <strong>il</strong> 19 maggio 1915, Torino 1915, p. 6.<br />

2. Bibbia ebraica, Salmo 45, a cura di R. Di Segni, Giuntina, Firenze 2003.<br />

133<br />

Ila<strong>ria</strong> Pavan


di redenzione dei nostri frat<strong>el</strong>li oppressi». 3 Con puntuale frequenza, espressioni come<br />

guerra “santa” o “santissima”, “buona”, “nob<strong>il</strong>e e giusta”, “guerra redentrice”, “depuratrice<br />

e purifi catrice” comparvero nei sermoni dei rabbini che, approp<strong>ria</strong>ndosi di una re<strong>to</strong>rica<br />

tipica anche d<strong>el</strong> linguaggio patriottico cat<strong>to</strong>lico – e comune ad ogni fronte in lotta che<br />

impegna<strong>to</strong> a ‘sacralizzare’ <strong>il</strong> confl it<strong>to</strong>, tentava di guadagnare Dio alla prop<strong>ria</strong> causa –,<br />

affermavano con convinzione: «Dio è con noi!»:<br />

«Par di vedere sulle alture dei sacri monti la grande fi gura di Mosè, le mani tese verso i ci<strong>el</strong>i, per<br />

benedire l’Italia; a noi sembra di ascoltare la voce dei nostri profeti annunziante che la giustizia e<br />

<strong>il</strong> dirit<strong>to</strong> sono con noi, che Dio è con noi. Noi […] possiamo invocarti, o Eterno, come <strong>il</strong> Dio degli<br />

eserciti italiani. Adonài zebaòt nhimmànu. Il Signore degli eserciti è con noi. Eravamo <strong>il</strong> dirit<strong>to</strong>, ora<br />

siamo <strong>il</strong> dirit<strong>to</strong> con la forza. [...] L’Italia ha un cuore solo per la sua santissima guerra […] E la spada<br />

liberatrice è in mano a Vit<strong>to</strong>rio Emanu<strong>el</strong>e. Nhimmànu El! Dio è con noi!» 4<br />

E <strong>il</strong> combattivo Dio degli eserciti di biblica memo<strong>ria</strong>, fu più volte invoca<strong>to</strong> affi nché le<br />

armi italiane fossero condotte alla vit<strong>to</strong><strong>ria</strong>:<br />

«Frat<strong>el</strong>li! In quest’ora solenne e decisiva per la pat<strong>ria</strong> nostra, siete voi stati convocati in ques<strong>to</strong><br />

sacro tempio per implorare da Dio benedet<strong>to</strong> la vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le armi italiane combattenti contro <strong>il</strong><br />

secolare nemico di nostra gente. E voi tutti, in ques<strong>to</strong> giorni di sacre speranze, con r<strong>el</strong>igioso fervore<br />

e con patriottico entusiasmo, innalzerete al Dio degli eserciti, la calda e fervida preghiera […]<br />

invocante la divina protezione sui fi gli d’Italia». 5<br />

Suggerendo un’implicita equazione tra la Terra Promessa e l’Italia, <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Giacomo<br />

Todesco arrivava a paragonare <strong>il</strong> sacrifi cio chies<strong>to</strong> da Dio ad Abramo a qu<strong>el</strong>lo che la pat<strong>ria</strong><br />

ora chiedeva alle famiglie dei soldati ebrei:<br />

«Invocate, o isra<strong>el</strong>iti italiani, l’antico Dio degli eserciti; dimostratevi, o impavidi guerrieri, degni fi gli<br />

di Roma ed insieme discendenti gloriosi d<strong>el</strong> fortissimo popolo che fu di Davide e di Salomone, dei<br />

difensori di Gerusalemme. Isra<strong>el</strong>iti italiani! Tenete stret<strong>to</strong> n<strong>el</strong> ferreo braccio <strong>il</strong> tricolore magnifi co<br />

d<strong>el</strong>la vostra pat<strong>ria</strong>. Sia <strong>il</strong> sacro vess<strong>il</strong>lo impresso n<strong>el</strong> vostro cuore. Donategli tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> vostro sangue,<br />

tutta l’anima vostra; difendet<strong>el</strong>o con tutte le forze; esaltat<strong>el</strong>o! Sacrifi cate p<strong>el</strong> nome sacro d’Italia <strong>il</strong><br />

vostro sangue, la vostra carne, <strong>il</strong> vostro amore, i fi gli vostri; così come per ordine d<strong>el</strong> Dio d’Isra<strong>el</strong>e<br />

sacrifi cava Abramo <strong>il</strong> suo Isacco». 6<br />

Todesco insisteva inoltre sul valore «d<strong>el</strong>la fed<strong>el</strong>tà verso la pat<strong>ria</strong> grande» che gli<br />

isra<strong>el</strong>iti dovevano all’Italia come segno, tangib<strong>il</strong>e, d<strong>el</strong>la loro d<strong>el</strong>la riconoscenza per la<br />

raggiunta uguaglianza:<br />

«Il dovere d<strong>el</strong>la fed<strong>el</strong>tà più generosa verso la pat<strong>ria</strong> grande è vostro! Sfav<strong>il</strong>li luce radiosa di civ<strong>il</strong>tà<br />

la vostra spada; fi ammeggi eroismo n<strong>el</strong> vostro cuore; <strong>il</strong> lampo d<strong>el</strong>la riconoscenza br<strong>il</strong>li nei vostri<br />

occhi! Tut<strong>to</strong> voi dovete alla pat<strong>ria</strong> italiana!»<br />

3. “Vess<strong>il</strong>lo Isra<strong>el</strong>itico”, [da qui in avanti “VI”], XLI (1915), p. 262.<br />

4. G. Lattes, Guerra, in “VI”, XLI (1915), p. 294.<br />

5. “VI”, XLI (1915), p. 314, sinagoga di Reggio Em<strong>il</strong>ia, 29 maggio 1915, «Servizio divino speciale per implorare<br />

la vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le armi italiane».<br />

6. G. Todesco, in “VI”, XLI (1915), p. 294.<br />

134


E «<strong>il</strong> sacro dovere d<strong>el</strong>la riconoscenza verso la nazione […] che prima e più completamente<br />

d<strong>el</strong>le altre abbatté le barriere d<strong>el</strong>l’in<strong>to</strong>lleranza» emerge anche dalle parole<br />

pronunciate n<strong>el</strong> tempio di Parma dal r<strong>abbino</strong> Dani<strong>el</strong>e Camerini:<br />

«Andate, combattete da forti, date volonterosi la vita per l’Italia! […] Voi avete, oltre <strong>il</strong> dovere<br />

e <strong>il</strong> sentimen<strong>to</strong> che sono naturali verso la terra in cui uno è na<strong>to</strong>, voi avete anche un sacro<br />

dovere di riconoscenza verso la nazione che prima e più completamente d<strong>el</strong>le altre abbattè le<br />

barriere d<strong>el</strong>l’in<strong>to</strong>lleranza e riconobbe agli isra<strong>el</strong>iti parità di diritti cogli altri cittadini, voi avete<br />

<strong>il</strong> dovere di conservare immacolata la glo<strong>ria</strong> di due nomi parimenti gloriosi, <strong>il</strong> nome di isra<strong>el</strong>ita<br />

e <strong>il</strong> nome d’italiano». 7<br />

Nei primi mesi d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>, in ogni sinagoga d’Italia, si moltiplicarono le benedizioni<br />

dei soldati in partenza per <strong>il</strong> fronte e le preghiere pronunciate dal pergamo – spesso<br />

composte dagli stessi rabbini – per «implorare <strong>il</strong> trionfo d<strong>el</strong>le armi italiane». L’ostenta<strong>to</strong><br />

e reitera<strong>to</strong> fervore patriottico che sembrava emergere senza incrinature dalle sinagoghe<br />

italiane portava <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Dante Lattes a rifl ettere, non senza amarezza, sul fat<strong>to</strong> che la<br />

guerra aveva messo in luce come per gli isra<strong>el</strong>iti d<strong>el</strong>le diaspora l’identità r<strong>el</strong>igiosa fosse<br />

ormai divenuta un valore subalterno rispet<strong>to</strong> all’ identità nazionale:<br />

«La guerra europea ha addormenta<strong>to</strong> <strong>il</strong> cuore d’Isra<strong>el</strong>e […] qu<strong>el</strong> tenue senso di solidarietà r<strong>el</strong>igiosa<br />

ed etnica […] Gli Ebrei d<strong>el</strong>la stampa francese affermano <strong>il</strong> loro odio contro gli Ebrei tedeschi,<br />

gli inglesi hanno rifi uta<strong>to</strong> la loro protezione agli isra<strong>el</strong>iti internati o rimpat<strong>ria</strong>ti e hanno ripetu<strong>to</strong><br />

qu<strong>el</strong>la s<strong>to</strong>lta proposizione che they were Englishmen fi rst and Jews afterwards (che essi sono prima<br />

inglesi e poi ebrei) come se <strong>il</strong> tentativo di alleviar la sorte di alcuni loro frat<strong>el</strong>li stranieri fosse un<br />

attenta<strong>to</strong> di leso patriottismo». 8<br />

D<strong>el</strong> res<strong>to</strong>, al pari di Germania e Aust<strong>ria</strong>, anche in Italia la sparuta pattuglia sionista<br />

avrebbe da<strong>to</strong>, dopo iniziali tentennamenti, la sua piena e sincera adesione alla nuova<br />

confl agrazione europea, una volta che <strong>il</strong> paese fu uffi cialmente coinvol<strong>to</strong> n<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>.<br />

Ed anche <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Smu<strong>el</strong> Zvì Margulies, fi gura di riferimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano di<br />

quegli anni, n<strong>el</strong> 1915 compose una preghiera per <strong>il</strong> solda<strong>to</strong> italiano in cui giustifi cava e<br />

legittimava, in nome d<strong>el</strong> «sacro dovere verso la pat<strong>ria</strong>», l’uso d<strong>el</strong>le armi:<br />

«È palese e manifes<strong>to</strong> che non per odio o per malvagità di cuore io sono sceso in campo, ma per<br />

compiere un sacro dovere verso la mia pat<strong>ria</strong>, la quale combatte per <strong>il</strong> suo onore, per <strong>il</strong> suo dirit<strong>to</strong> e<br />

per la liberazione dei suoi fi gli che gemono sot<strong>to</strong> <strong>il</strong> giogo straniero. Perciò, Signore, non imputarmi<br />

colpa se io debbo adoperare le armi contro Tue creature; giacché con coscienza integra e con mani<br />

pure io lo faccio […] Salva, o Signore, e benedici la mia pat<strong>ria</strong> d<strong>il</strong>etta e innalza le sue sorti con<br />

glo<strong>ria</strong>. Fa trionfare fra gli uomini Verità, Dirit<strong>to</strong> e Giustizia». 9<br />

N<strong>el</strong> complesso, dai discorsi pronunciati dai rabbini italiani, emergeva un linguaggio<br />

caratterizza<strong>to</strong> da formule re<strong>to</strong>rico-propagandistiche dai <strong>to</strong>ni emotivamente patriottici e<br />

che denotavano una comunanza di immagini, di idealità, di pratiche discorsive, fra la<br />

minoranza ebraica e la società maggiorita<strong>ria</strong> a testimonianza di un rappor<strong>to</strong> osmotico e<br />

di una mentalità che n<strong>el</strong>le circostanze b<strong>el</strong>liche risuonava all’unisono. Si trattava di parole<br />

7. Pasqua triste, in “VI”, XLI (1915), p. 299.<br />

8. La vita comincia domani, in “Corriere Isra<strong>el</strong>itico”, 15 agos<strong>to</strong> 1915.<br />

9. Preghiera per <strong>il</strong> solda<strong>to</strong> italiano, in “VI” , XLI (1915), p. 294.<br />

135


che esaltavano <strong>il</strong> valore, ritenu<strong>to</strong> positivo, d<strong>el</strong> patriottismo, senza peraltro fare accenni<br />

al nazionalismo, lemma e riferimen<strong>to</strong> culturale che, al contrario di pat<strong>ria</strong>, patriottismo<br />

e nazione, mai compare nei discorsi pronunciati dai rabbini in tali occasioni. Dalle loro<br />

parole non sembrava inoltre trasparire una “teologia d<strong>el</strong>la guerra”, né alcuna rifl essione<br />

sulla teo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la cosiddetta “guerra giusta”, catego<strong>ria</strong> che invece era stata codifi cata già da<br />

tempo in campo cat<strong>to</strong>lico. Ciò non impediva ai rabbini di affermare che:<br />

«Mai guerra fu più nob<strong>il</strong>e, più giusta di questa che oggi si combatte […] E questa guerra, che è<br />

diretta non solo a compiere l’unità nazionale con la liberazione dei nostri frat<strong>el</strong>li che gemono sot<strong>to</strong><br />

la tirannide aust<strong>ria</strong>ca, ma bensì per punire coloro che a ferro e fuoco misero le terre d’Europa<br />

e violarono ogni principio di equità e giustizia. […] O Dio degli eserciti, mostrati a noi propizio<br />

e saremo salvi». 10<br />

Ciò che agli occhi dei rabbini rendeva giustifi cata e giustifi cab<strong>il</strong>e la guerra in at<strong>to</strong><br />

– concedendo all’ebraismo di allontanarsi dalla sua tradizionale aspirazione alla pace<br />

universale – era dunque la considerazione che <strong>il</strong> confl it<strong>to</strong> avrebbe concorso alla liberazione<br />

dei corr<strong>el</strong>igionari d<strong>el</strong>l’impero austro-ungarico. In ques<strong>to</strong> senso, dunque, anche per loro si<br />

poteva parlare di guerra rigeneratrice, «depuratrice e purifi catrice». 11<br />

«Basterebbe pensare che la guerra d’Italia è guerra di recupero e non di conquista, che è guerra<br />

di salvazione per tanti oppressi, che è guerra voluta dalla giustizia umana, dal dirit<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le genti<br />

e dalla dignità d<strong>el</strong>la nazione. Basterebbe pensare a tut<strong>to</strong> ques<strong>to</strong> per ritenere che la guerra d’Italia<br />

è guerra buona e giusta». 12<br />

Ma c’era «qualcosa di più», proseguiva <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Colombo, qualcosa che identifi cava<br />

la guerra italiana con l’ebraismo stesso: non solo l’eserci<strong>to</strong> italiano ricordava qu<strong>el</strong>lo<br />

di Isra<strong>el</strong>e guida<strong>to</strong> da Giosuè, ma anche <strong>il</strong> fi ne d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> attuale, <strong>il</strong> raggiungimen<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>l’unità nazionale, rispondeva per <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> livornese ad un esplici<strong>to</strong> «comando divino»<br />

che voleva «la nazione, come la famiglia, sempre e tutta unita, ubbidiente ognora a una<br />

sola legge e un solo Dio», istituendo così un nesso inscindib<strong>il</strong>e, n<strong>el</strong>l’universo simbolico e<br />

discorsivo che evocavano, fra nazione e famiglia:<br />

«C’è qualcosa che avvicina e identifi ca la guerra italiana all’Ebraismo stesso! Essa è continuazione<br />

logica, è ep<strong>il</strong>ogo naturale d<strong>el</strong>le guerre precedenti. […] ma è anche, prima e soprattut<strong>to</strong>, l’Italia<br />

ideata e vagheggiata, pensata e profondamente e veramente divinata dalla mente profetica ed<br />

essenzialmente ebraica di Giuseppe Mazzini. La guerra attuale, per i pr<strong>el</strong>iminari che l’han<br />

preceduta, rammenta le antiche guerre d’Isra<strong>el</strong>e con Giosuè alla testa; <strong>il</strong> quale non impugnava<br />

la spada se non quando vedeva respinte le sue giuste proposte di pace e di umanità. […] Il<br />

tender sempre più all’unità nazionale è riconoscere, ossequiare, è uniformarsi all’unità di Dio! È<br />

rispettare un esplici<strong>to</strong> comando divino che vuole le nazione, come la famiglia, sempre e tutta unita,<br />

ubbidiente ognora a una sola legge e un solo Dio!» 13<br />

Al di là di un comprensib<strong>il</strong>e biasimo nei confronti d<strong>el</strong>la violenza e d<strong>el</strong>le atrocità d<strong>el</strong><br />

confl it<strong>to</strong> e di un generico richiamo al valore d<strong>el</strong>la pace, non sembrava inoltre emergere una<br />

10. “VI”, XLI (1915), p. 314, sinagoga di Reggio Em<strong>il</strong>ia, 29 maggio 1915, Servizio divino speciale per implorare la<br />

vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le armi italiane.<br />

11. Così <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> di Genova, durante le c<strong>el</strong>ebrazioni di Shavuot; “VI”, XLI (1915), p. 330.<br />

12. S. Colombo, La guerra d’Italia e l’ebraismo, in “VI” , XLIII (1917), p. 11.<br />

13. Ivi, p. 12.<br />

136


condanna esplicita d<strong>el</strong>la guerra in quan<strong>to</strong> tale. Se già nei mesi d<strong>el</strong>la neutralità la stampa<br />

ebraica non aveva da<strong>to</strong> voce ai fermenti d<strong>el</strong> movimen<strong>to</strong> pacifi sta, tale atteggiamen<strong>to</strong> venne<br />

conferma<strong>to</strong> anche negli anni di guerra, come assente dalle parole dei rabbini sarebbe sta<strong>to</strong><br />

anche ogni riferimen<strong>to</strong> al dibatti<strong>to</strong> sulla coscrizione obbliga<strong>to</strong><strong>ria</strong> o sull’obiezione di coscienza.<br />

Da segnalare, inoltre, <strong>il</strong> fat<strong>to</strong> che nessuna risonanza verrà mai data alle parole a favore d<strong>el</strong>la<br />

pace pronunciate da parte di Benedet<strong>to</strong> XV n<strong>el</strong> corso d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>.<br />

Complessivamente, n<strong>el</strong>la lettura che i rabbini davano d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> in at<strong>to</strong> non<br />

sembrava rispecchiarsi l’interpretazione che, da più parti, <strong>il</strong> mondo cat<strong>to</strong>lico forniva<br />

d<strong>el</strong>la guerra, considerata come l’inevitab<strong>il</strong>e conseguenza e punizione per i mali d<strong>el</strong>la<br />

modernità che corrompevano una società colpevolmente allontanatasi dai precetti<br />

– e dal controllo – che la Chiesa esercitava prima che si insinuassero i principi<br />

disgrega<strong>to</strong>ri d<strong>el</strong>la Riforma e d<strong>el</strong>la rivoluzione francese. Non che per i rabbini italiani<br />

lo spettro minaccioso d<strong>el</strong>la secolarizzazione, con <strong>il</strong> conseguente allontanamen<strong>to</strong> da<br />

un ebraismo vissu<strong>to</strong> in modo integrale ed or<strong>to</strong>dosso, non fosse ogget<strong>to</strong> già dagli<br />

ultimi anni d<strong>el</strong>l’Ot<strong>to</strong>cen<strong>to</strong> di continue deprecazioni. Ma nei discorsi pronunciati n<strong>el</strong><br />

corso d<strong>el</strong>la guerra, non veniva istitui<strong>to</strong> nessun rappor<strong>to</strong> diret<strong>to</strong> di causa e effet<strong>to</strong><br />

tra emancipazione-secolarizzazione da una parte e guerra dall’altra, sebbene tali temi<br />

risultassero frequentemente affi ancati. Soltan<strong>to</strong> in un’occasione, <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Margulies<br />

avrebbe da<strong>to</strong> d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> una lettura in parte analoga a qu<strong>el</strong>la dei ‘colleghi’ cat<strong>to</strong>lici,<br />

interpretando la guerra come castigo di Dio:<br />

«Sì, la guerra è decisa e decretata da Dio, ma come fl ag<strong>el</strong>lo, come castigo terrib<strong>il</strong>e, per le colpe<br />

volontarie degli uomini. Perché <strong>il</strong> Dio d’Isra<strong>el</strong>e non è soltan<strong>to</strong> <strong>il</strong> Dio d<strong>el</strong>la carità, ma anche e<br />

soprattut<strong>to</strong> <strong>il</strong> Dio d<strong>el</strong>la Giustizia. […] Non possiamo disconoscere che l’umanità moderna si è<br />

meritata <strong>il</strong> castigo che l’ha così duramente colpita. Nessuna età s<strong>to</strong>rica forse è stata così dimentica<br />

di Dio, così rib<strong>el</strong>le alle sue sante leggi come la Nostra. È innegab<strong>il</strong>e un crescente e spaven<strong>to</strong>so<br />

decadimen<strong>to</strong> e immiserimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’anima e dei valori spirituali che pure costituiscono la suprema<br />

fi nalità d<strong>el</strong>l’esistenza umana». 14<br />

N<strong>el</strong> completamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’unità nazionale, n<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> vis<strong>to</strong> come ideale e naturale<br />

prosecuzione d<strong>el</strong>le lotte risorgimentali, n<strong>el</strong>la liberazione degli ebrei ancora oppressi,<br />

in ques<strong>to</strong>, dunque, stavano la legittimità e la necessità di una guerra che in tal senso<br />

si reputava «giusta» e «santa». 15 Se n<strong>el</strong>l’appoggiare <strong>il</strong> confl it<strong>to</strong> i rabbini italiani ne<br />

fornivano dunque una valutazione – e una legittimazione – che non disgiungeva dalle<br />

istanze nazional-patriottiche le aspirazioni circa <strong>il</strong> destino complessivo d<strong>el</strong>l’ebraismo,<br />

nessuno di loro sembrava rifl ettere sull’incoerenza che una tale lettura portava con sé:<br />

<strong>il</strong> fat<strong>to</strong> che le truppe italiane combattessero a fi anco e a favore d<strong>el</strong>la Russia zarista,<br />

la Russia dei pogrom di Kishinev e dei recenti processi per omicidio rituale, non<br />

rappresentava ai loro occhi un’aperta contraddizione. N<strong>el</strong>lo sguardo dei rabbini, <strong>il</strong><br />

nemico d<strong>el</strong>l’Italia, e dunque degli ebrei italiani, era esclusivamente l’Aust<strong>ria</strong>-Unghe<strong>ria</strong>,<br />

senza con ciò considerare che <strong>il</strong> multietnico e multinazionale impero d<strong>el</strong> Kaiser<br />

consentiva alla minoranza ebraica di vivere e coltivare la prop<strong>ria</strong> specifi cità r<strong>el</strong>igiosa,<br />

culturale ed etnica 16 in modo certamente meno confl ittuale di quan<strong>to</strong> accadeva n<strong>el</strong>la<br />

Russia zarista. Sebbene in maniera non esplicitata – e forse non completamente<br />

14. La guerra presente e gli ideali ebraici, in «La Settimana Isra<strong>el</strong>itica», VI (1915), 16 settembre.<br />

15. G. Lattes, Guerra e pace, in “VI”, XLIII (1917), p. 385.<br />

16. Questa la testi sostenuta da M. Rozenblit, Reconstructing a National Identity, M. L. Rozenblit, Reconstructing a<br />

National Identity. The Jews of hausbburg Aust<strong>ria</strong> during the World War I, Oxford University, 2004.<br />

137


consapevole – per <strong>il</strong> rabbina<strong>to</strong> italiano sensib<strong>il</strong>ità e devozione patriottica sembravano<br />

dunque aver prevalso sulla solidarietà interr<strong>el</strong>igiosa.<br />

Le loro parole riv<strong>el</strong>avano inoltre l’assunzione dei temi e d<strong>el</strong>le re<strong>to</strong>riche proprie d<strong>el</strong>la propaganda<br />

nazional-patriottica che, abbandonate le argomentazioni razionali circa la legittimità<br />

d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>, fi nivano spesso per fare app<strong>el</strong>lo al sentimen<strong>to</strong> di appartenenza ad una comunità<br />

minacciata, in cui <strong>il</strong> nemico assumeva immancab<strong>il</strong>mente i tratti di una “razza” ost<strong>il</strong>e, sempre<br />

qualifi cata come barbara. E dopo la disfatta di Caporet<strong>to</strong>, si esclamava infatti: «Oggi un solo<br />

pensiero ci deve unire – ques<strong>to</strong>: Fuori i barbari! – ora e sempre». 17<br />

Rabbini in trincea<br />

«Ritenendo necessario che anche i soldati ebrei abbiano <strong>il</strong> confor<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la fede, e anche per<br />

un’affermazione di principio per ottenere trattamen<strong>to</strong> uguale ai cittadini professanti altre fedi<br />

r<strong>el</strong>igiose, si stanno facendo pratiche presso <strong>il</strong> Ministero d<strong>el</strong>la Guerra affi nché conceda che ad<br />

ogni corpo di armata sia aggrega<strong>to</strong> un r<strong>abbino</strong> […] Ciò richiede l’opera di almeno 12 rabbini […]<br />

Faccio app<strong>el</strong>lo ai Suoi superiori sentimenti di fede e di patriottismo affi nché voglia farmi sapere<br />

se Ella stesso fosse dispos<strong>to</strong> a compiere quest’opera santa e tenere al<strong>to</strong> <strong>il</strong> nome d<strong>el</strong>l’Ebraismo<br />

italiano». 18<br />

Così scriveva <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> maggiore di Roma Ang<strong>el</strong>o Sacerdoti <strong>il</strong> 23 maggio d<strong>el</strong> 1915<br />

invitando i colleghi ad adempiere, anche sul campo, la loro «sacra missione». Ma, fuori<br />

dalle numerose ed enfatiche dichiarazioni patriottiche pronunciate in sinagoga o sulle<br />

colonne dei periodici, ben pochi manifestarono <strong>il</strong> medesimo entusiasmo alla prova dei<br />

fatti: oltre allo stesso Sacerdoti, solo Rodolfo Levi e Aldo Lattes (questi, peraltro, già<br />

richiama<strong>to</strong> sot<strong>to</strong> le armi) risposero positivamente all’app<strong>el</strong>lo:<br />

«È gius<strong>to</strong>, è san<strong>to</strong> – sosteneva Levi – che l’ebraismo mostri qu<strong>el</strong>lo che veramente è: è doveroso<br />

che quando la pat<strong>ria</strong> ha bisogno, tut<strong>to</strong> come un sol uomo si levi e faccia causa con i frat<strong>el</strong>li<br />

d’Italia».<br />

Ma nonostante l’entusiasmo di Levi, si era ben lontani dai dodici rabbini ritenuti<br />

necessari da Sacerdoti che, amareggia<strong>to</strong>, scriveva:<br />

«Purtroppo quantunque non fossi eccessivamente ottimista circa i Rabbini Italiani, ho avu<strong>to</strong> una<br />

grande d<strong>el</strong>usione specialmente per i giovani. Tutti si sono trincerati dietro le loro occupazioni<br />

per rifi utare <strong>il</strong> loro concorso». 19<br />

Il 2 giugno 1915 <strong>il</strong> ministro d<strong>el</strong>la guerra Zupp<strong>el</strong>li, «convenendo n<strong>el</strong>l’opportunità che<br />

anche i m<strong>il</strong>itari appartenenti alla r<strong>el</strong>igione isra<strong>el</strong>itica possano avere i conforti spirituali<br />

da parte dei ministri d<strong>el</strong> loro cul<strong>to</strong> ed in omaggio ai sensi di patriottismo dimostrati<br />

dagli isra<strong>el</strong>iti italiani» aveva concesso che quattro rabbini potessero seguire l’eserci<strong>to</strong> in<br />

qualità di Capp<strong>el</strong>lani m<strong>il</strong>itari, con <strong>il</strong> grado di Capitani, al pari di qu<strong>el</strong>li cat<strong>to</strong>lici. Ma a<br />

differenza di questi ultimi, ai quali era concesso di portare assistenza anche alla truppe<br />

combattenti n<strong>el</strong>le trincee, ai rabbini sarebbe sta<strong>to</strong> permesso solo di «compiere visite<br />

17. G. Lattes, Fuori i barbari, “VI”, XLIII (1917), p. 431.<br />

18. Archivio Unione d<strong>el</strong>le Comunità Ebraiche Italiane (AUCEI), Attività d<strong>el</strong> Consorzio sino al 1924 (AC 1924),<br />

b. 27 f. 150.<br />

19. Ivi, lettera d<strong>el</strong> 9 giugno 1915.<br />

138


presso gli stab<strong>il</strong>imenti sanitari di seconda linea», circostanza che avrebbe limita<strong>to</strong> non<br />

poco la loro reale capacità di interven<strong>to</strong>. 20<br />

Tra la diffi coltà di coprire un fronte mol<strong>to</strong> ampio in cui soldati e uffi ciali ebrei erano<br />

dispersi in modo casuale, tra la burocrazia m<strong>il</strong>itare che caratterizzava le retrovie e tra la<br />

sostanziale impreparazione con cui i rabbini affrontavano un’esperienza sicuramente nuova<br />

e lontana dalla loro quotidianità, la loro attività – come emerge dalle r<strong>el</strong>azioni che ognuno di<br />

loro regolarmente inviava a Sacerdoti 21 – fu prevalentemente rivolta a mantenere i contatti<br />

tra i soldati e le loro famiglie, fornendo a entrambi notizie e lettere, a compiere visite presso<br />

gli ospedali m<strong>il</strong>itari, ad approntare i cibi kasher e a organizzare per i soldati le festività d<strong>el</strong><br />

lunario ebraico, come concesso dal secondo anno di guerra dalle au<strong>to</strong>rità m<strong>il</strong>itari.<br />

Uno dei compiti più frequentemente assolti dai rabbini riguardava, su precise<br />

sollecitazioni d<strong>el</strong>le famiglie, l’individuazione d<strong>el</strong>le sepolture dei soldati ebrei – «quasi si<br />

può dire che mi sono specializza<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la ricerca di <strong>to</strong>mbe», scriveva Mich<strong>el</strong>e Amar n<strong>el</strong><br />

giugno d<strong>el</strong> 1917 22 – per dare loro una più degna inumazione e provvedendo, talvolta, a<br />

sostituire con una st<strong>el</strong>la di David la croce cristiana inizialmente apposta.<br />

Ma l’<strong>el</strong>emen<strong>to</strong> forse più signifi cativo evidenzia<strong>to</strong> dai rabbini n<strong>el</strong>lo svolgimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la<br />

loro opera riguardava la tendenza da parte dei soldati ebrei – più volte denunciata in<br />

varie r<strong>el</strong>azioni n<strong>el</strong>l’arco di tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> confl it<strong>to</strong> – alla mimetizzazione, circostanza che rendeva<br />

ancor più diffi col<strong>to</strong>so <strong>il</strong> compi<strong>to</strong> di Sacerdoti e colleghi. 23<br />

«È necessario – scriveva Lattes n<strong>el</strong> gennaio d<strong>el</strong> 1916 – che i soldati e gli uffi ciali non nascondano<br />

la loro r<strong>el</strong>igione: è doloroso per me constatare che, su molti soldati da me visitati, solo uno aveva<br />

dichiara<strong>to</strong> sul foglio matricolare la prop<strong>ria</strong> r<strong>el</strong>igione» (Sot<strong>to</strong>lineature originali).<br />

E ancora, qualche mese più tardi:<br />

«Ma…vorranno i nostri corr<strong>el</strong>igionari fare <strong>il</strong> loro più <strong>el</strong>ementare dovere dichiarando<br />

la prop<strong>ria</strong> r<strong>el</strong>igione?» 24<br />

Le lament<strong>el</strong>e di Lattes accomunavano in realtà tutti i rabbini sot<strong>to</strong>lineando un<br />

atteggiamen<strong>to</strong> diffuso su tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> fronte: «Abbiamo spesso scova<strong>to</strong> qualche restio a<br />

manifestarsi ieudì, e purtroppo nemmeno ques<strong>to</strong> mese ci mancano gli esempi di chi non<br />

vuole si sappia la sua origine» – denunciava Menasci n<strong>el</strong> giugno d<strong>el</strong> 1916, e concludendo,<br />

<strong>il</strong> mese successivo: «Le dirò che raramente l’opera mia sarebbe spontaneamente<br />

richiesta». 25 E ancora, notava Levi n<strong>el</strong> gennaio d<strong>el</strong> 1917:<br />

«[I soldati ebrei] non ci chiamano essendo così basso <strong>il</strong> sentimen<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso dei nostri<br />

e pensando che l’essere isra<strong>el</strong>ita pone l’individuo in una condizione di inferiorità di fronte<br />

20. A Sacerdoti, Lattes e Levi – assegnati rispettivamente agli ospedali di Udine, Verona e Por<strong>to</strong>gruaro – si affi ancò<br />

anche Elia Ar<strong>to</strong>m che, seppur r<strong>il</strong>uttante e critico circa l’ut<strong>il</strong>ità effettiva d<strong>el</strong> rabbina<strong>to</strong> m<strong>il</strong>itare, diede infi ne la prop<strong>ria</strong><br />

disponib<strong>il</strong>ità per «puro spiri<strong>to</strong> di disciplina ebraica», venendo assegna<strong>to</strong> alla sede di B<strong>el</strong>luno (dal novembre 1915<br />

gli subentrerà Armando Sorani). N<strong>el</strong>l’agos<strong>to</strong> d<strong>el</strong> 1916 ai quattro si sarebbero aggiunti altrettanti coadiu<strong>to</strong>ri, con <strong>il</strong><br />

grado di soldati semplici: Rober<strong>to</strong> Menasci, Mich<strong>el</strong>e Amar, Giuseppe Bassani, Elio Servadio. N<strong>el</strong> marzo d<strong>el</strong> 1917<br />

l’organico avrebbe raggiun<strong>to</strong> <strong>il</strong> suo asset<strong>to</strong> defi nitivo con la nomina dei rabbini Ugo Massiach, Alfonso Pacifi ci, <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong>, Guido Sonnino, Arturo Uzzi<strong>el</strong>li.<br />

21. Sacerdoti conservò per tutta la durata d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> la direzione d<strong>el</strong> rabbina<strong>to</strong> in zona di guerra, essendo <strong>il</strong> pun<strong>to</strong><br />

di riferimen<strong>to</strong> e di coordinamen<strong>to</strong> per i colleghi.<br />

22. AUCEI, AC 1924, b. 27, f. 154, 25 giugno 1917.<br />

23. I rabbini potevano inizialmente contare su un <strong>el</strong>enco, largamente lacunoso, di circa 1.000 nomi che <strong>il</strong> Comita<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>le Comunità Isra<strong>el</strong>itiche Italiane aveva comp<strong>il</strong>a<strong>to</strong> n<strong>el</strong>le prime settimane d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>. Complessivamente, si calcola<br />

che i soldati ebrei impegnati n<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong> furono tra i tre e i quattrom<strong>il</strong>a.<br />

24. AUCEI, AC 1924, b. 27, f. 155, r<strong>el</strong>azioni di A. Lattes, 9 e 13 gennaio e 24 giugno 1916.<br />

25. Ivi, b. 24, f. 123, r<strong>el</strong>azioni d<strong>el</strong> 15 giugno e 31 luglio 1917.<br />

139


al gran mondo. In un anno di guerra non ho avu<strong>to</strong> la soddisfazione di vedere scrit<strong>to</strong><br />

“r<strong>el</strong>igione isra<strong>el</strong>ita” in una tab<strong>el</strong>la clinica appesa al let<strong>to</strong> di un nostro corr<strong>el</strong>igionario<br />

italiano». 26 (Sot<strong>to</strong>lineature originali)<br />

Preso at<strong>to</strong>, con rammarico, di un tale atteggiamen<strong>to</strong> incontra<strong>to</strong> tra i corr<strong>el</strong>igionari, i<br />

rabbini non si avventuravano peraltro n<strong>el</strong> tentativo di interpretarlo. Dalle loro parole non<br />

sembrava trasparire <strong>il</strong> sospet<strong>to</strong> che in seno all’eserci<strong>to</strong> potessero nascondersi tensioni di<br />

natura antisemita tali da spingere gli ebrei a non manifestare la loro identità r<strong>el</strong>igiosa.<br />

Una lettura di ques<strong>to</strong> genere, d<strong>el</strong> res<strong>to</strong>, sarebbe stata diffi c<strong>il</strong>mente conc<strong>il</strong>iab<strong>il</strong>e con <strong>il</strong><br />

giudizio, sempre estremamente positivo, espresso dagli stessi rabbini circa la condotta d<strong>el</strong>le<br />

au<strong>to</strong>rità m<strong>il</strong>itari, di cui più volte lodarono la «generosa liberalità» dimostrata, specialmente<br />

in occasione d<strong>el</strong>le festività ebraiche allorché «nessun solda<strong>to</strong> ebreo che ha volu<strong>to</strong> fruire<br />

d<strong>el</strong>la licenza per questa occasione ne è sta<strong>to</strong> in alcun modo impedi<strong>to</strong>». 27 Inoltre, n<strong>el</strong>le<br />

r<strong>el</strong>azioni dei rabbini (e, più in generale, all’interno d<strong>el</strong>la coeva documentazione d<strong>el</strong><br />

Comita<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le Comunità Isra<strong>el</strong>itiche Italiane) nessun episodio di antisemitismo in<br />

seno alle forze armate venne mai denuncia<strong>to</strong> durante gli anni d<strong>el</strong> confl it<strong>to</strong>, così come<br />

nessun accenno d<strong>el</strong> genere comparve sulla stampa ebraica, solitamente assai sensib<strong>il</strong>e<br />

n<strong>el</strong> registrare e n<strong>el</strong> dare eco a episodi di tal genere. Non sembrava dunque essere l’ost<strong>il</strong>ità<br />

d<strong>el</strong>l’ambiente m<strong>il</strong>itare circostante ciò che frenava soldati ed uffi ciali ebrei dal dichiarare<br />

liberamente la prop<strong>ria</strong> “diversità” r<strong>el</strong>igiosa. Se una preoccupazione in ques<strong>to</strong> senso si<br />

registrava, questa sembrava legarsi alla temuta opera di – per così dire – pros<strong>el</strong>itismo<br />

esercitata dai capp<strong>el</strong>lani cat<strong>to</strong>lici:<br />

«Il capp<strong>el</strong>lano m<strong>il</strong>itare, un monaco, profittando d<strong>el</strong>lo sta<strong>to</strong> di incoscienza d<strong>el</strong><br />

moribondo Mosè Piperno e d<strong>el</strong>la momentanea assenza d<strong>el</strong>la madre [ha] imparti<strong>to</strong> al<br />

Piperno l’estrema unzione, battezzandolo cat<strong>to</strong>lico […] L’Università Isra<strong>el</strong>itica dovrebbe<br />

fare sentire alta la sua voce di protesta verso le Superiori Au<strong>to</strong>rità M<strong>il</strong>itari le quali<br />

certamente non possono <strong>to</strong>llerare che si faccia distinzione di sorta fra i soldati italiani<br />

tan<strong>to</strong> più ora che <strong>il</strong> sangue versa<strong>to</strong> a profusione dai nostri fi gliuoli ha sugg<strong>el</strong>la<strong>to</strong> <strong>il</strong> san<strong>to</strong><br />

amore che ci lega alla nostra cara Pat<strong>ria</strong>». 28<br />

Lo stesso r<strong>abbino</strong> Sacerdoti, in una lettera in cui accennava a tentativi di conversioni<br />

effettuate all’interno degli ospedali m<strong>il</strong>itari, avanzava tale motivazione per spiegare la<br />

reticenza dei soldati ebrei a riv<strong>el</strong>are la loro identità: «Molti poi dichiarano che sono<br />

costretti a nascondere la r<strong>el</strong>igione per evitare trattamen<strong>to</strong> poco simpatico». 29 E <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong><br />

Colombo, dalle colonne d<strong>el</strong> “Vess<strong>il</strong>lo”, esortava i colleghi a «curare i vivi e non soltan<strong>to</strong> i<br />

moribondi, immunizzandoli per tempo contro <strong>il</strong> pericolo d<strong>el</strong>le conversioni. Oramai sono<br />

noti i tentativi di seduzione, alcuni riusciti». 30 Ma, al di là d<strong>el</strong> timore di essere ogget<strong>to</strong> di<br />

tentativi forzati di conversioni al cat<strong>to</strong>licesimo – presenti, ma comunque lontani dall’avere<br />

26. Ivi, b. 24, f. 122, r<strong>el</strong>azione di R. Levi, 17 agos<strong>to</strong> 1916.<br />

27. La disponib<strong>il</strong>ità mostrata dalle au<strong>to</strong>rità m<strong>il</strong>itari emerge anche in alcune r<strong>el</strong>azioni, laddove si legge che, a dispet<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>la circolare istitutiva d<strong>el</strong> rabbina<strong>to</strong> m<strong>il</strong>itare, che prevedeva la loro presenza solo presso gli ospedali di seconda<br />

linea, con l’appoggio d<strong>el</strong>le au<strong>to</strong>rità m<strong>il</strong>itari i rabbini riuscivano spesso anche a raggiungere gli stab<strong>il</strong>imenti sanitari<br />

di prima linea. AUCEI, AC 1924, b. 24, f. 124 e b. 25, f. 132, r<strong>el</strong>azioni di Menasci d<strong>el</strong> 25 giugno 1917 e 10<br />

ot<strong>to</strong>bre 1916.<br />

28. L’episodio era avvenu<strong>to</strong> a Roma, presso l’ospedale m<strong>il</strong>itare di Santa Croce in Gerusalemme, cfr. AUCEI, AC<br />

1924, b. 26, f. 143.<br />

29. AUCEI, AC 1924, lettera d<strong>el</strong> marzo 1916 a Sereni, b. 22, f. 3.<br />

30. A. Colombo, I rabbini m<strong>il</strong>itari, in “VI”, XLII (1916), pp. 210-13. Per altri casi di battesimi forzati, AUCEI, AC<br />

1924, b. 24, f. 117, ivi, b. 26, f. 144 e b. 27, f. 155.<br />

140


un carattere di sistematicità – la tendenza alla mimetizzazione si legava probab<strong>il</strong>mente<br />

al fat<strong>to</strong> che per le più giovani generazioni ebraiche valori integrativi e sostitutivi a qu<strong>el</strong>li<br />

d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> cultura e tradizione r<strong>el</strong>igiosa – primo fra tutti, anche se non unico, qu<strong>el</strong>lo<br />

nazional-patriottico – stavano intervenendo n<strong>el</strong>la ridefi nizione d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> identità; un<br />

processo messo in at<strong>to</strong> dall’emancipazione e sul quale irruppe in maniera dirompente<br />

l’esperienza b<strong>el</strong>lica che rappresentò per molti ebrei un momen<strong>to</strong> ulteriore di cesura<br />

rispet<strong>to</strong> alle precedenti origini e tradizioni. Forse per una comprensib<strong>il</strong>e reazione a<br />

secoli di discriminazioni, forse per la mancata introduzione, in Italia, di quegli <strong>el</strong>ementi<br />

riforma<strong>to</strong>ri d<strong>el</strong>la liturgia e d<strong>el</strong>la prassi r<strong>el</strong>igiosa ebraica che altrove in Europa avevano<br />

tenta<strong>to</strong> di adeguare la fede degli avi agli stimoli di una società in trasformazione, sembra<br />

trovare fondamen<strong>to</strong> anche l’ipotesi per cui alcuni aspetti d<strong>el</strong>la modernità avessero fat<strong>to</strong><br />

maggiormente breccia n<strong>el</strong>la mentalità d<strong>el</strong>le nuove generazioni di ebrei, qu<strong>el</strong>le coinvolte<br />

appun<strong>to</strong> n<strong>el</strong>l’esperienza b<strong>el</strong>lica, indotte a mostrarsi in un sim<strong>il</strong>e contes<strong>to</strong> oltremodo<br />

uguali tra gli uguali.<br />

Qu<strong>el</strong> che è cer<strong>to</strong> – come notava <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> m<strong>il</strong>itare Alfonso Pacifi ci in una d<strong>el</strong>le sue<br />

r<strong>el</strong>azione – è che l’affi evolirsi d<strong>el</strong> sentimen<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso e una progressiva «assim<strong>il</strong>azione<br />

culturale» 31 a comportamenti e mentalità d<strong>el</strong>la maggioranza erano un fenomeno ormai<br />

palpab<strong>il</strong>e:<br />

«Ebbi a deplorare in questi giovani [soldati e uffi ciali] una preparazione ebraica mediocrissima,<br />

allarmante l’assim<strong>il</strong>azione culturale. […] Generalmente, ho trova<strong>to</strong> <strong>il</strong> liv<strong>el</strong>lo di ebraicità attiva assai<br />

basso, pochissimi gli osservanti d<strong>el</strong> Saba<strong>to</strong>». 32<br />

Lo spettro d<strong>el</strong>la secolarizzazione, con l’allontanamen<strong>to</strong> dalla fede avita e l’allentamen<strong>to</strong><br />

di una identità r<strong>el</strong>igiosamente intesa, era d<strong>el</strong> res<strong>to</strong> una preoccupazione che già dagli anni<br />

precedenti <strong>il</strong> confl it<strong>to</strong> veniva agitata dai rabbini italiani, un timore che anche negli anni<br />

di guerra venne più volte denuncia<strong>to</strong>:<br />

«Il diminui<strong>to</strong> fervore – scriveva <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> di M<strong>il</strong>ano Da Fano in occasione di Pesach<br />

1915 – è causa tra noi di indifferenza, tan<strong>to</strong> esiziale, e a poco a poco ogni vestigio d<strong>el</strong>la<br />

vita intima ebraica scompare dal focolare domestico, e più non si rifl ette n<strong>el</strong>la famiglia<br />

alcun at<strong>to</strong> di r<strong>el</strong>igioso consenso […] È assai doloroso <strong>il</strong> constatare che molti tra noi,<br />

nati n<strong>el</strong> nostro cul<strong>to</strong>, allevati n<strong>el</strong>la nostra r<strong>el</strong>igione hanno un fi ero disdegno per la nostra<br />

s<strong>to</strong><strong>ria</strong>, per la nostra tradizione». 33<br />

E <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> di Torino, Bolaffi o, n<strong>el</strong> sermone pronuncia<strong>to</strong> in occasione d<strong>el</strong>l’entrata<br />

in guerra d<strong>el</strong> paese, non mancava di affi ancare agli incitamenti patriottici i timori per <strong>il</strong><br />

«funes<strong>to</strong>» effet<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’emancipazione:<br />

«Rammaricai più volte e pur sempre mi dolgo che l’emancipazione a noi concessa abbia prodot<strong>to</strong><br />

un effet<strong>to</strong> funes<strong>to</strong> sugli ebrei italiani, per quan<strong>to</strong> ha attinenza con le avite r<strong>el</strong>igiose osservanze, e<br />

che dal giorno d<strong>el</strong>la proclamazione d<strong>el</strong>la libertà e d<strong>el</strong>la giustizia, abbiano ritenu<strong>to</strong>, quasi fosse un<br />

nostro dirit<strong>to</strong>, di poter rinunciare alla vita ebraica. […] Ma se l’ottenuta concessione dei diritti<br />

civ<strong>il</strong>i estendemmo arbitra<strong>ria</strong>mente alla trasgressione dei doveri di stirpe, se n<strong>el</strong> godere da un la<strong>to</strong><br />

31. Ivi, b. 27, f. 154, 22 luglio 1917.<br />

32. Ibid.<br />

33. Cfr. Il nostro dovere, in “VI”, XLI (1915), pp. 234-236.<br />

141


i naturali e benefi ci effetti d<strong>el</strong>le libertà, per l’abuso sconsidera<strong>to</strong> di essa, siamo caduti dall’altro<br />

n<strong>el</strong>l’errore, n<strong>el</strong>l’abbandono quasi <strong>to</strong>tale d<strong>el</strong>l’ebraismo». 34<br />

Tan<strong>to</strong> più, per i rabbini, <strong>il</strong> processo di secolarizzazione e <strong>il</strong> «fascino d<strong>el</strong>la vita nuova» 35<br />

costituivano una sfi da all’esistenza d<strong>el</strong>la minoranza, tan<strong>to</strong> più, come possib<strong>il</strong>e argine a<br />

tale minaccia, essi proponevano una visione d<strong>el</strong>l’ebraismo fortemente caratterizzata in<br />

senso etnico, in cui la “coesione razziale” d<strong>el</strong> gruppo costituiva ai loro occhi non solo uno<br />

dei suoi caratteri costitutivi, ma un <strong>el</strong>emen<strong>to</strong> necessario per la sua stessa sopravvivenza.<br />

N<strong>el</strong> dicembre d<strong>el</strong> 1917 così si esprimeva <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> di Genova Giuseppe Sonnino in<br />

un sermone esplicitamente diret<strong>to</strong> ad allontanare <strong>il</strong> pericolo degli «incrociamenti di<br />

razza»:<br />

«Un popolo perde la sua qualifi ca qualora abbia già altresì perdute le sue caratteristiche fi sico<br />

morali, <strong>il</strong> suo linguaggio e le sue peculiari attitudini […] Nessun popolo può vantarsi di aver<br />

conserva<strong>to</strong> <strong>il</strong> perfet<strong>to</strong> suo tipo originale. I così detti incrociamenti di razza si sono ovunque verifi cati<br />

durante i secoli, coi matrimoni misti, colle sva<strong>ria</strong>te e modifi cate abitudini. Potevamo adunque noi<br />

rimanerne immuni? Fin dai primordi d<strong>el</strong>la nostra esistenza, la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> ci indica inquinamenti fra noi<br />

avvenuti. Se adunque non desiderab<strong>il</strong>i sono gli <strong>el</strong>ementi che ai noi si aggregano senza secondo fi ne,<br />

immaginiamoci quan<strong>to</strong> nocivi per la purità d<strong>el</strong>la nostra razza, per la inalterab<strong>il</strong>ità d<strong>el</strong> nostro tipo e<br />

d<strong>el</strong>le nostre caratteristiche sieno i matrimoni misti! Sì, nocivi essi furono sempre e sono». 36<br />

Ed anche <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> m<strong>il</strong>itare <strong>Disegni</strong>, n<strong>el</strong> discorso pronuncia<strong>to</strong> a Verona davanti a<br />

soldati e uffi ciali ebrei in occasione d<strong>el</strong> Kippur 1917, a fi anco d<strong>el</strong>le consuete esortazioni<br />

patriottiche, non mancava di evocare la comunanza di sangue come trat<strong>to</strong> distintivo<br />

d<strong>el</strong>la minoranza:<br />

«Là dove si pugna per la libertà degli oppressi, dei deboli contro i violenti […] si veggono tanti<br />

e tanti valorosi, aventi con noi comune <strong>il</strong> sangue, la fede, le aspirazioni. Pres<strong>to</strong> sorgerà quale<br />

radioso lume la sospirata pace […] e voi […] vi considererete davvero tutti uguali, riconoscerete in<br />

ogni vostro corr<strong>el</strong>igionario a qualsiasi terra appartenga un amico, un frat<strong>el</strong>lo, un consanguineo». 37<br />

(Corsivi nostri)<br />

La percezione e l’au<strong>to</strong>-rappresentazione di sé stessi come di una minoranza distinta<br />

non solo su un piano r<strong>el</strong>igioso ma anche etnico, non confi ggeva comunque con la prop<strong>ria</strong><br />

appartenenza e fed<strong>el</strong>tà alla nazione, non impedendo dunque ai rabbini – come emerso<br />

dai loro sermoni – di appoggiare pienamente la causa d<strong>el</strong>le armi italiane. Ri<strong>to</strong>rnando,<br />

infatti, all’attività svolta dai rabbini m<strong>il</strong>itari, se le complesse condizioni logistiche, che<br />

imponevano loro spostamenti giornalieri, se <strong>il</strong> loro numero esiguo e la dispersione dei<br />

corr<strong>el</strong>igionari sui vari fronti rendevano differente <strong>il</strong> loro ruolo rispet<strong>to</strong> all’opera – e<br />

alla funzione propagandistica e di esortazione all’obbedienza – svolta dai “colleghi”<br />

cat<strong>to</strong>lici, non per ques<strong>to</strong>, i rabbini mancavano di compiere <strong>il</strong> medesimo incitamen<strong>to</strong><br />

patriottico: «Facemmo ogni sforzo – scriveva Levi – per avvicinare, anche non richiesti,<br />

34. Cfr. “VI”, XLI (1915), pp. 261-267.<br />

35. Così si legge in un documen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> Comita<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le Comunità Isra<strong>el</strong>itiche d<strong>el</strong> maggio 1911 cita<strong>to</strong> in T. Catalan,<br />

L’organizzazione d<strong>el</strong>le comunità ebraiche italiane, in S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia, Gli ebrei in Italia, Annali 11, t. 2, Einaudi,<br />

Torino 1997, p. 1279.<br />

36. G. Sonnino, Discorso pronuncia<strong>to</strong> n<strong>el</strong> Tempio di Genova n<strong>el</strong> saba<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le Encenie, 15 dicembre 1917, Genova<br />

1917.<br />

37. AUCEI, AC 1924, b. 27, f. 155<br />

142


tutti quegli isra<strong>el</strong>iti che fanno parte d<strong>el</strong>l’eserci<strong>to</strong> […] per accrescere, se necessario, <strong>il</strong><br />

loro entusiasmo a servire con devozione e con eroismo la Pat<strong>ria</strong> onde far rifulgere sempre<br />

più l’attaccamen<strong>to</strong> fi liale che tutti gli Ebrei sen<strong>to</strong>no per l’Italia» 38 . «Io non manco di<br />

incoraggiarli a perseverare n<strong>el</strong> compimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> loro sacro dovere», gli faceva eco Lattes. 39<br />

E ancora: «noi continuiamo a disimpegnare <strong>il</strong> nostro uffi cio […] unendo continuamente<br />

alla parola r<strong>el</strong>igiosa che portiamo, l’esortazione al più scrupoloso adempimen<strong>to</strong> dei loro<br />

doveri patriottici». 40<br />

Un’ultima osservazione riguarda infi ne la particolare visione d<strong>el</strong>la guerra che emerge<br />

dai carteggi dei rabbini: è sicuramente una strana guerra la loro, apparentemente senza<br />

sangue e senza morte, priva <strong>to</strong>talmente di accenni alla sofferenza dei soldati e alla<br />

disumanità d<strong>el</strong>le trincee, in cui nulla riv<strong>el</strong>a la consapevolezza di trovarsi di fronte ad un<br />

confl it<strong>to</strong> così radicalmente “altro” rispet<strong>to</strong> ad ogni precedente esperienza b<strong>el</strong>lica. Al<br />

più, scriverà Menasci descrivendo i m<strong>il</strong>itari convenuti a Padova per le c<strong>el</strong>ebrazioni<br />

d<strong>el</strong> Kippur 1916: «Per la maggior parte di essi, si trovavano in condizioni veramente<br />

pie<strong>to</strong>sissime in riguardo alla pulizia d<strong>el</strong> corpo e d<strong>el</strong>la bianche<strong>ria</strong>». 41 E, dopo Caporet<strong>to</strong>,<br />

– in linea con una vulgata assai diffusa in quei giorni – dalle pagine inviate da Ugo<br />

Massiach emergerà la convinzione che la sconfi tta fosse in buona misura da imputarsi<br />

al disfattismo dei soldati italiani:<br />

«Compresi purtroppo che noi avevamo fi da<strong>to</strong> troppo nei nostri soldati e che p<strong>el</strong> tradimen<strong>to</strong> di alcuni<br />

di essi l’Italia subiva uno scacco se non irrimediab<strong>il</strong>e, che Dio benedet<strong>to</strong> lo voglia, per lo meno assai<br />

grave […]. Ma io non dispero che la st<strong>el</strong>la d’Italia br<strong>il</strong>lerà più fulgente. Che se per la vigliacche<strong>ria</strong> di<br />

alcuni si è un po’ offuscata, non è det<strong>to</strong> che <strong>il</strong> ns. popolo non ritrovi se stesso». 42<br />

Complessivamente, negli anni di guerra, dalle parole dei rabbini affi orava un paesaggio<br />

mentale che, se da un la<strong>to</strong> testimoniava la penetrazione n<strong>el</strong> contes<strong>to</strong> rabbinico dei messaggi<br />

e d<strong>el</strong>la propaganda patriottica, dall’altro riv<strong>el</strong>ava un universo decisamente ristret<strong>to</strong>,<br />

espressione di una condizione e di una formazione au<strong>to</strong>referenziale, insistentemente – se<br />

non unicamente – incentrata sulla denuncia d<strong>el</strong>la debole coscienza ebraica di molti. Una<br />

lettura che in quei drammatici momenti aiutava ben poco i rabbini a comprendere tan<strong>to</strong><br />

<strong>il</strong> paese e i suoi problemi, quan<strong>to</strong> i bisogni dei loro stessi corr<strong>el</strong>igionari, e che forse porta<br />

in sé la migliore interpretazione circa la r<strong>il</strong>uttanza da parte dei soldati ebrei impegnati n<strong>el</strong><br />

confl it<strong>to</strong> a cercare n<strong>el</strong>le loro guide r<strong>el</strong>igiose un reale riferimen<strong>to</strong> e sostegno.<br />

38. Ivi, b. 24, f. 123, apr<strong>il</strong>e 1917.<br />

39. Ibid., 7 maggio 1917.<br />

40. Ivi, b. 24, f. 124, 30 apr<strong>il</strong>e 1918<br />

41. Ivi, b. 25, f. 132, 10 ot<strong>to</strong>bre 1916.<br />

42. Ivi, b. 24, f. 123, 9 novembre 1917.<br />

143


Monsignor Ang<strong>el</strong>o Bar<strong>to</strong>lomasi, Vescovo castrense<br />

«Perché scrivo questi ricordi? (…) Li dicono ut<strong>il</strong>i, dati i tempi che vissi in funzione di Vescovo<br />

d<strong>el</strong>le Forze Armate dal 1915 al 1944, nei quali due guerre mondiali, una coloniale, una sociale<br />

spagnuola, cui presero parte combattenti italiani; tempi politicamente diffi c<strong>il</strong>i, sia prima che<br />

dopo <strong>il</strong> Concorda<strong>to</strong> fra lo Sta<strong>to</strong> e la Chiesa, tempi densi di ricordi, di evoluzioni e rivoluzioni, di<br />

ammaestramenti ed anche di ammonimenti, nei quali vidi e vissi tante vicende, conobbi molte<br />

personalità (…). Non vanità mi muove a fi ssar sulla carta le impressioni ed i ricordi, cumulati<br />

n<strong>el</strong>l’animo mio in lungo e fortunoso volgere di anni (…), ma solo desidero che le esperienze mie<br />

giovino ai pochi che le leggeranno e valgano a far conoscere questi tempi, come li vidi e vissi».<br />

Così iniziano le memorie manoscritte di monsignor Ang<strong>el</strong>o Bar<strong>to</strong>lomasi: una sintesi,<br />

in poche righe, di una lunga vita vissuta quasi sempre da protagonista d<strong>el</strong>la scena politica<br />

e r<strong>el</strong>igiosa d<strong>el</strong>la prima metà d<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong> 1 .<br />

Figlio di un bersagliere modenese che m<strong>il</strong>itò sot<strong>to</strong> <strong>il</strong> comando di Lamarmora, nacque<br />

n<strong>el</strong> 1869 a Pianezza, dove <strong>il</strong> padre aveva trova<strong>to</strong> moglie e si era stab<strong>il</strong>i<strong>to</strong> dopo la prima<br />

guerra d’Indipendenza. N<strong>el</strong> 1881 entrò n<strong>el</strong> Seminario di Giaveno, proseguendo poi i suoi<br />

studi a Chieri e ricevendo gli ordini sacerdotali n<strong>el</strong> 1892. Alla fi ne d<strong>el</strong> 1910 si verifi cò<br />

una svolta importante per la sua carriera ecclesiastica: <strong>il</strong> cardinale di Torino Agostino<br />

Rich<strong>el</strong>my lo volle presso di sé come vescovo aus<strong>il</strong>iare.<br />

Pochi anni dopo scoppiò <strong>il</strong> primo confl it<strong>to</strong> mondiale, a cui l’Italia, dopo qualche<br />

incertezza, aderì <strong>il</strong> 24 maggio 1915, schierandosi contro l’impero aust<strong>ria</strong>co. Una d<strong>el</strong>le<br />

conseguenze di tale ges<strong>to</strong> fu la chiamata alle armi dei r<strong>el</strong>igiosi, che, come ricorda lo<br />

stesso Bar<strong>to</strong>lomasi n<strong>el</strong>le sue memorie, inizialmente furono diecim<strong>il</strong>a, ma n<strong>el</strong> corso d<strong>el</strong><br />

confl it<strong>to</strong> superarono le quindicim<strong>il</strong>a unità. Di questi, più di duem<strong>il</strong>a ottennero l’incarico<br />

di capp<strong>el</strong>lani m<strong>il</strong>itari, per volere d<strong>el</strong> capo di Sta<strong>to</strong> Maggiore, <strong>il</strong> generale Luigi Cadorna.<br />

Ben pres<strong>to</strong> si ebbe coscienza che un così <strong>el</strong>eva<strong>to</strong> impiego di sacerdoti richiedeva un<br />

coordinamen<strong>to</strong>, non solo m<strong>il</strong>itare, ma anche r<strong>el</strong>igioso, oltre ad una regolamentazione<br />

giuridica ad hoc: nacque, così, l’idea d<strong>el</strong>la creazione d<strong>el</strong>la fi gura di un “vescovo castrense”.<br />

Ecco cosa riporta monsignor Bar<strong>to</strong>lomasi n<strong>el</strong>le sue memorie a ques<strong>to</strong> proposi<strong>to</strong>:<br />

Era opportuno, anzi necessario, un Vescovo Castrense o, come dicevasi, da Campo. Ques<strong>to</strong><br />

problema, intui<strong>to</strong> da monsignor Respighi, ceremoniere pontifi cio, addet<strong>to</strong> al Collegio Capranica,<br />

e da don Rinaldi Giuseppe, parroco dei SS. Marc<strong>el</strong>lino e Pietro, già richiama<strong>to</strong> al servizio m<strong>il</strong>itare,<br />

quale capitano di complemen<strong>to</strong>, fu dai medesimi prospetta<strong>to</strong> al card. Giorgi, Penitenziere maggiore,<br />

ed al Card. De Lai, segretario d<strong>el</strong>la S. Congregazione Concis<strong>to</strong><strong>ria</strong>le.<br />

1. Archivio S<strong>to</strong>rico Diocesano di Susa (d’ora in poi ASDS), fondo Archivio Ang<strong>el</strong>o Bar<strong>to</strong>lomasi (AAB), fald. 1,<br />

fasc. 9.<br />

145<br />

Laura Gat<strong>to</strong> Monticone


I due cardinali ne fecero parola subi<strong>to</strong> al Papa Benedet<strong>to</strong> XV, che riconosceva l’urgenza d<strong>el</strong>la<br />

nomina di un Vescovo Castrense.<br />

Non era fac<strong>il</strong>e attribuire un incarico di così grande responsab<strong>il</strong>ità, ma fu lo stesso<br />

pontefi ce a far cadere la prop<strong>ria</strong> sc<strong>el</strong>ta su monsignor Bar<strong>to</strong>lomasi, che aveva conosciu<strong>to</strong><br />

pochi mesi prima durante un incontro con una d<strong>el</strong>egazione <strong>to</strong>rinese recatasi a prestargli<br />

omaggio. Cosa spinse Benedet<strong>to</strong> XV ad operare tale sc<strong>el</strong>ta? Non possiamo che formulare<br />

ipotesi, ma riteniamo che <strong>il</strong> pontefi ce sia rimas<strong>to</strong> colpi<strong>to</strong> dalla personalità d<strong>el</strong> vescovo<br />

<strong>to</strong>rinese, che dice di sé in un passo d<strong>el</strong>le sue memorie: “… Fui educa<strong>to</strong> sulle ginocchia,<br />

ed intenzionalmente aggiungo, sot<strong>to</strong> la mant<strong>el</strong>la di bersagliere di mio padre”: un uomo di<br />

Chiesa, dunque, ma che aveva respira<strong>to</strong> fi n la bambino un’atmosfera m<strong>il</strong>itaresca.<br />

La sua nomina, scrive Bar<strong>to</strong>lomasi, fu accolta benevolmente negli ambienti liberali, ma<br />

trovò una ferma opposizione fra i socialisti, contrari alla guerra, i massoni, che fomentavano<br />

<strong>il</strong> dissidio fra Sta<strong>to</strong> e Chiesa, e i liberali anticlericali, “che volevano aggiogati al servizio d<strong>el</strong>la<br />

pat<strong>ria</strong> i preti e non li volevano organizzati e in caso di bisogno difesi e protetti”.<br />

Anche dal pun<strong>to</strong> di vista pratico la situazione che dovette affrontare <strong>il</strong> neo <strong>el</strong>et<strong>to</strong><br />

vescovo castrense non era semplice: l’arruolamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> clero non era un argomen<strong>to</strong><br />

di grande interesse per chi seguiva le sorti d<strong>el</strong>le operazioni m<strong>il</strong>itari, dunque era un<br />

fenomeno scarsamente conosciu<strong>to</strong>. Bar<strong>to</strong>lomasi descrive i capp<strong>el</strong>lani come inesperti e<br />

mal equipaggiati, spediti al fronte senza alcuna preparazione. Il suo primo impegno fu,<br />

quindi, rivol<strong>to</strong> ad organizzare la nuova istituzione e a fornire bas<strong>il</strong>ari <strong>el</strong>ementi di assistenza<br />

al personale già invia<strong>to</strong> n<strong>el</strong>le zone di guerra.<br />

Riguardo all’aspet<strong>to</strong> istituzionale, monsignor Bar<strong>to</strong>lomasi potè contare sul riconoscimen<strong>to</strong><br />

uffi ciale d<strong>el</strong> governo italiano, giun<strong>to</strong> <strong>il</strong> 10 giugno, e su un assegno di 5000 lire assegna<strong>to</strong>gli<br />

direttamente dal pontefi ce. Egli potè così individuare una sede operativa, che si insediò<br />

presso <strong>il</strong> Collegio Capranica di Roma, nominare un vicario, monsignor Cerrati, che fu suo<br />

collega quando prestò servizio come insegnante presso <strong>il</strong> Seminario di Chieri e fi ssare le prime<br />

regole d<strong>el</strong>la gestione d<strong>el</strong> clero m<strong>il</strong>itarizza<strong>to</strong>. Innanzitut<strong>to</strong> la direzione d<strong>el</strong>la Sanità M<strong>il</strong>itare<br />

doveva presentare la richiesta di capp<strong>el</strong>lani per le unità m<strong>il</strong>itari all’Uffi cio Castrense, <strong>il</strong> quale<br />

assumeva informazioni e proponeva i nominativi, rispettando due condizioni: non si sarebbero<br />

richiamati altri preti, per non sottrarre ulteriore personale alla cura d’anime, inoltre <strong>il</strong> Governo<br />

non poteva richiedere alla Cu<strong>ria</strong> castrense le motivazioni di eventuali esoneri.<br />

Per agevolare l’opera<strong>to</strong> dei capp<strong>el</strong>lani monsignor Bar<strong>to</strong>lomasi provvide a rifornirli<br />

d<strong>el</strong>l’occorrente per poter c<strong>el</strong>ebrare la messa al fronte. A tal fi ne si costituirono, prima<br />

a Torino e poi a Roma, dei comitati femmin<strong>il</strong>i che si curavano di preparare altari da<br />

campo da inviare in centri di rifornimen<strong>to</strong> situati n<strong>el</strong>le retrovie. Il pontefi ce intervenne<br />

nuovamente con l’<strong>el</strong>argizione di <strong>el</strong>emosine per <strong>il</strong> sostentamen<strong>to</strong> dei sacerdoti.<br />

Concluse le operazioni organizzative, circa un anno dopo lo scoppio d<strong>el</strong>la guerra,<br />

monsignor Bar<strong>to</strong>lomasi, insigni<strong>to</strong> dei gradi di Maggior Generale, iniziò le sue peregrinazioni<br />

sul fronte orientale. Così ricorda <strong>il</strong> suo primo impat<strong>to</strong> con l’atmosfera d<strong>el</strong>la guerra:<br />

“Cominciai a vedere in Udine gli orrori d<strong>el</strong>la guerra, a sentire orrore per i fac<strong>il</strong>i e quasi fes<strong>to</strong>si<br />

guerrafondai da caffè e da ritrovo, là dove coi feriti gementi arrivava <strong>il</strong> rombo d<strong>el</strong> cannone che<br />

tuonava lungo l’Isonzo, e sul Carso e sul Podgora”.<br />

La prima adunata dei capp<strong>el</strong>lani m<strong>il</strong>itari fu organizzata n<strong>el</strong>la chiesa parrocchiale di<br />

Cervignano. Ad essa parteciparono circa sessanta sacerdoti, rivestiti con abi<strong>to</strong> talare e una<br />

fascia bianca con croce rossa legata al braccio sinistro, due fi letti sul capp<strong>el</strong>lo da prete<br />

(per assim<strong>il</strong>azione al grado di tenente) e le st<strong>el</strong>lette al bavero d<strong>el</strong>la veste “che signifi cavano<br />

146


m<strong>il</strong>itarizzazione. Se questa era obbliga<strong>to</strong><strong>ria</strong>, o di richiamo in servizio, le st<strong>el</strong>lette erano a cinque<br />

punte, se volonta<strong>ria</strong>, le st<strong>el</strong>lette dovevano essere a ot<strong>to</strong> punte o raggi e si chiamavano rosette.<br />

Il vescovo da campo, quale divisa m<strong>il</strong>itare non portava che le st<strong>el</strong>lette ad ot<strong>to</strong> raggi dorati.<br />

Ques<strong>to</strong> poteva bastare. La guerra esigeva lavoro e sacrifi zi: non consentiva esibizioni e sarebbe<br />

stata pericolosa, come segnalazione al nemico, una divisa vis<strong>to</strong>sa n<strong>el</strong>le zone di operazione”.<br />

La divisa defi nitiva dei capp<strong>el</strong>lani fu concordata successivamente con <strong>il</strong> generale Armando<br />

Diaz: <strong>el</strong>iminata la talare, ingombrante da ut<strong>il</strong>izzare n<strong>el</strong>le zone operative, essa fu sostituita<br />

dalla divisa grigio-verde, coi segni d<strong>el</strong> grado di tenente, con croce rossa sul pet<strong>to</strong> a sinistra e<br />

con crocefi sso, “unica arma d<strong>el</strong> Sacerdote”, appeso al collo con un cordoncino.<br />

Come si è poc’anzi accenna<strong>to</strong>, le critiche rivolte al clero m<strong>il</strong>itarizza<strong>to</strong> e al suo vescovo<br />

non tardarono. In effetti, è diffi c<strong>il</strong>e conc<strong>il</strong>iare la fede cat<strong>to</strong>lica con l’ideologia interventista,<br />

e Bar<strong>to</strong>lomasi stesso ne era consapevole. Reca<strong>to</strong>si a Torino per una breve visita, r<strong>il</strong>asciò<br />

un’intervista al giornale “Il momen<strong>to</strong>”, al quale dichiarò: “I cat<strong>to</strong>lici non possono essere<br />

favorevoli alla guerra, alla stregua dei guerrafondai, ma, data questa guerra, dichiarata dalla<br />

legittima au<strong>to</strong>rità, responsab<strong>il</strong>e d<strong>el</strong>le ragioni politiche che la determinarono, i cat<strong>to</strong>lici come<br />

buoni cittadini debbono fare tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> loro dovere, dare perciò <strong>il</strong> possib<strong>il</strong>e appor<strong>to</strong>”.<br />

N<strong>el</strong> 1924 fu invita<strong>to</strong> a Torino dal Circolo Universitario Cat<strong>to</strong>lico e da Piergiorgio<br />

Frassati a tenere una conferenza dal ti<strong>to</strong>lo “I valori morali d<strong>el</strong>la guerra 1915-18” 2 . In tale<br />

occasione egli descrisse l’esperienza d<strong>el</strong>la guerra come “una luminosa riv<strong>el</strong>azione di valori:<br />

è un libro polveroso denso di insegnamenti che gli Italiani debbono saper leggere”, la miglior<br />

scuola d<strong>el</strong>la virtù d<strong>el</strong> sacrifi cio e d<strong>el</strong> dovere. Aggiunse poi: “La guerra fu una scuola. La<br />

palestra che parve cozzo di forze brute e fu invece la più profonda ed effi cace condanna d<strong>el</strong><br />

mate<strong>ria</strong>lismo, la dimostrazione più stringente d<strong>el</strong>la necessità dei valori morali”. Il <strong>to</strong>no d<strong>el</strong><br />

suo discorso alternava momenti in cui prevaleva lo spiri<strong>to</strong> m<strong>il</strong>itaresco:<br />

“E la luce che sfolgorava più che gli alterni lampi d<strong>el</strong> cannone sui campi di battaglia, era <strong>il</strong> connubio<br />

di anime, la convergenza radiosa di intendimen<strong>to</strong> e di volontà verso la quota da conquistare, la<br />

vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> da conseguire, l’amor alla prop<strong>ria</strong> bandiera, l’entusiasmo per la prop<strong>ria</strong> arma, lo spiri<strong>to</strong> di<br />

corpo, (…) l’affrat<strong>el</strong>lamen<strong>to</strong> n<strong>el</strong>le trincee, n<strong>el</strong>le ridotte, nei baraccamenti, ove i dolori condivisi<br />

erano meno pungenti ed amari”<br />

con altri dove invece era l’uomo di Chiesa a prendere <strong>il</strong> sopravven<strong>to</strong>:<br />

“La r<strong>el</strong>igione è una necessità imprescindib<strong>il</strong>e per chi ha doveri da compiere, dolori da sopportare,<br />

passioni da frenare, essa indiscutib<strong>il</strong>mente è al dovere <strong>il</strong> più effi cace stimolo, ai dolori <strong>il</strong> più al<strong>to</strong><br />

confor<strong>to</strong>, alle passioni <strong>il</strong> più stringente freno” (…) In trincea non vi sono atei (…).La r<strong>el</strong>igione è<br />

freno alle passioni, è stimolo al dovere, confor<strong>to</strong> nei dolori: è perciò un valore morale di sovrana<br />

importanza in guerra”.<br />

La conclusione d<strong>el</strong> discorso sembra improntata al tentativo di conc<strong>il</strong>iazione di queste<br />

sue due “anime”:<br />

“Non sono un panegirista d<strong>el</strong>la guerra; credo di averne date suffi cienti prove. Che se, per l’onore<br />

d’Italia, plaudo a chi volle e seppe valorizzare la guerra e la vit<strong>to</strong><strong>ria</strong> nostra all’estero ed anche<br />

all’interno, sono profondamente convin<strong>to</strong> che è dovere degli Italiani ed è urgente valorizzare i<br />

valori morali che la guerra ridestò, coordinò, dichiarò necessari per la disciplina, per la forza, per<br />

l’<strong>el</strong>evazione, per la grandezza di un popolo”.<br />

2. ASDS, AAB, fald. 22, fasc. 411.<br />

147


Già n<strong>el</strong>le prime lettere pas<strong>to</strong>rali indirizzate ai suoi capp<strong>el</strong>lani era presente <strong>il</strong> concet<strong>to</strong><br />

che “in trincea non vi sono atei”, e che <strong>il</strong> compi<strong>to</strong> di tutti i sacerdoti impegnati in guerra,<br />

sia al fronte, sia n<strong>el</strong>le retrovie e negli ospedali, doveva essenzialmente essere qu<strong>el</strong>lo<br />

di far conoscere e far vivere lo spiri<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso, essere di confor<strong>to</strong>, mantenendo un<br />

atteggiamen<strong>to</strong> riconoscib<strong>il</strong>e al di là dei segni distintivi d<strong>el</strong>la divisa. Riguardo alla pace,<br />

n<strong>el</strong>la lettera d<strong>el</strong> Natale 1915 3 egli scrisse che “se la pace politica debba ancora essere<br />

guadagnata e maturata da lunga serie di sacrifi zi e di atti eroici, quali ha dimostra<strong>to</strong> di saper<br />

fare la Nazione e l’Eserci<strong>to</strong> nostro, anche fra <strong>il</strong> rombo d<strong>el</strong> cannone voi cercate la pace morale,<br />

la tranqu<strong>il</strong>lità d<strong>el</strong>la rassegnazione e <strong>il</strong> soddisfacimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> dovere compiu<strong>to</strong>”.<br />

Conclusosi <strong>il</strong> confl it<strong>to</strong>, n<strong>el</strong> 1919 cominciarono le smob<strong>il</strong>itazioni d<strong>el</strong>le truppe, e si pose <strong>il</strong><br />

problema di congedare defi nitivamente i preti-soldati o di istituire anche in tempo di pace la<br />

fi gura dei capp<strong>el</strong>lani m<strong>il</strong>itari. Monsignor Bar<strong>to</strong>lomasi optò per la seconda ipotesi, e riuscì,<br />

dopo alterne vicende, ad istituire l’Ordina<strong>ria</strong><strong>to</strong> M<strong>il</strong>itare. N<strong>el</strong> gennaio d<strong>el</strong> 1920 fu anche<br />

nomina<strong>to</strong> primo vescovo di Trieste liberata, pur continuando ad essere in carica come vescovo<br />

castrense. Lasciò quest’ultima mansione n<strong>el</strong> 1922 4 , e n<strong>el</strong> 1923, per ragioni di salute, rinunciò<br />

anche alla sede episcopale tergestina, travagliata dalla cosiddetta “questione slava”, per<br />

<strong>to</strong>rnare in Piemonte, come vescovo di Pinerolo. Qui rimase fi no al 1929, quando papa Pio XI<br />

lo richiamò a Roma per porlo nuovamente a capo d<strong>el</strong>l’Ordina<strong>ria</strong><strong>to</strong>. Con tale carica si dedicò<br />

alla riorganizzazione d<strong>el</strong>l’intera istituzione, le diede una sede più digni<strong>to</strong>sa, eresse la cripta<br />

monumen<strong>to</strong> per i Capp<strong>el</strong>lani e i Caduti di tutte le armi. Guidò ancora i capp<strong>el</strong>lani m<strong>il</strong>itari<br />

attraverso la guerra civ<strong>il</strong>e di Spagna e un nuovo confl it<strong>to</strong> mondiale, cooperando strettamente<br />

con la gerarchia fascista e casa Savoia, fi no al 1944, quando, stanco e mala<strong>to</strong>, rassegnò le<br />

proprie dimissioni a favore di monsignor Carlo Alber<strong>to</strong> Ferrero di Cavallerleone. La Santa<br />

Sede lo nominò canonico di San Giovanni in Laterano (1945) e, successivamente, canonico<br />

di San Pietro (1951). N<strong>el</strong> 1958 poté fi nalmente coronare <strong>il</strong> suo sogno di ri<strong>to</strong>rnare a Pianezza,<br />

ospite d<strong>el</strong>le suore Gaetanine a V<strong>il</strong>la Leumann, dove morì <strong>il</strong> 28 febbraio 1959.<br />

D<strong>el</strong>la sua lunga vita sono ricca testimonianza non solo le sue memorie, cui abbiamo<br />

abbondantemente attin<strong>to</strong> per ques<strong>to</strong> contribu<strong>to</strong>, ma anche i discorsi minuziosamente<br />

preparati, le fo<strong>to</strong>grafi e d<strong>el</strong>le cerimonie r<strong>el</strong>igiose, civ<strong>il</strong>i e m<strong>il</strong>itari cui egli presenziava, la<br />

corrispondenza, anche qu<strong>el</strong>la avversa alla fi gura di un vescovo m<strong>il</strong>itare e fascista.<br />

Tut<strong>to</strong> ques<strong>to</strong> prezioso mate<strong>ria</strong>le, conserva<strong>to</strong> con cura n<strong>el</strong> corso d<strong>el</strong>la vita di monsignor<br />

Bar<strong>to</strong>lomasi, fu trasmesso al nipote, don Natalino Bar<strong>to</strong>lomasi, canonico d<strong>el</strong>la cattedrale di<br />

San Gius<strong>to</strong> di Susa, mediante lasci<strong>to</strong> testamentario. Don Natalino <strong>el</strong>aborò tale mate<strong>ria</strong>le, che<br />

fu in parte pubblica<strong>to</strong> n<strong>el</strong> tes<strong>to</strong> biografi co “Monsignor Ang<strong>el</strong>o Bar<strong>to</strong>lomasi Vescovo dei Soldati<br />

d’Italia” 5 . Negli intenti d<strong>el</strong>l’au<strong>to</strong>re la biografi a doveva narrare le vicende d<strong>el</strong>l’intera vita d<strong>el</strong><br />

pr<strong>el</strong>a<strong>to</strong>, ma la Santa Sede non concesse l’imprimatur alla parte d<strong>el</strong> volume concernente le<br />

vicende successive alla prima guerra mondiale, per cui esso fu pubblica<strong>to</strong> solo parzialmente.<br />

Alla sua morte, avvenuta ad ot<strong>to</strong>bre d<strong>el</strong> 1999, don Natalino cedette l’archivio d<strong>el</strong>lo zio<br />

al neo-costitui<strong>to</strong> Archivio S<strong>to</strong>rico Diocesano di Susa, <strong>il</strong> cui diret<strong>to</strong>re, don Gianluca Popolla,<br />

ne dispose <strong>il</strong> riordinamen<strong>to</strong> e l’inventa<strong>ria</strong>zione. Attualmente le carte sono in parte disponib<strong>il</strong>i<br />

per gli studiosi, n<strong>el</strong> rispet<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la cesura richiesta dalla Santa Sede e n<strong>el</strong>l’attesa d<strong>el</strong>la<br />

liberalizzazione d<strong>el</strong> decre<strong>to</strong> che ne vincola la consultazione e che consentirà di conoscere<br />

meglio e rivalutare la fi gura di un uomo di Chiesa che visse da protagonista <strong>il</strong> suo tempo.<br />

3. ASDS, AAB, fald. 15, fasc. 232.<br />

4. Nominò suo successore monsignor Cerrati.<br />

5. N. Bar<strong>to</strong>lomasi, Monsignor Ang<strong>el</strong>o Bar<strong>to</strong>lomasi Vescovo dei Soldati d’Italia, Pinerolo 1966.<br />

148


La guerra 1915-1918<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> R<strong>abbino</strong> a Verona, terra di confi ne<br />

149<br />

1 Proposta di nomina di<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> a R<strong>abbino</strong><br />

maggiore in Verona<br />

26 apr<strong>il</strong>e 1909<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 11.1<br />

cm 21 x 13,5


150<br />

2 Tempio Isra<strong>el</strong>itico di<br />

Verona<br />

G. Levi, edi<strong>to</strong>re<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 11.6<br />

cm 9,1 x 14


151<br />

3 Gli Isra<strong>el</strong>iti in Verona<br />

Memo<strong>ria</strong> s<strong>to</strong>rica<br />

29 agos<strong>to</strong> 1899<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 11.6<br />

cm 31,1 x 20,2


152<br />

4 “Prospet<strong>to</strong> nominale e<br />

Statistica degli alunni e<br />

d<strong>el</strong>le alunne d<strong>el</strong>la Scuola<br />

Elementare e Scuola<br />

annessa di R<strong>el</strong>igione d<strong>el</strong>la<br />

Comunione Isra<strong>el</strong>itica in<br />

Verona, alla chiusa d<strong>el</strong>l’anno<br />

scolastico 1913-1914”<br />

1914<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 11.4<br />

cm 31 x 20,4


153<br />

5 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> a Verona in<br />

abiti m<strong>il</strong>itari<br />

Verona 1916<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 20<br />

cm 13,7 x 8,6<br />

“È doveroso che [l’Ebraismo]<br />

quando la pat<strong>ria</strong> ha bisogno,<br />

tut<strong>to</strong> come un sol Uomo si levi<br />

e faccia causa con i frat<strong>el</strong>li<br />

d’Italia…” (R. Levi, 1915).


154<br />

6 Intendenza d<strong>el</strong>la Prima<br />

armata: “Busta paga”di<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, Uffi ciale,<br />

Capp<strong>el</strong>lano M<strong>il</strong>itare<br />

Isra<strong>el</strong>itico<br />

Dicembre 1917<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.3<br />

cm 20 x 13,3


155<br />

7 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

ai soldati ebrei impegnati in<br />

Guerra<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.5<br />

cm 21,3 x 15,8<br />

E Tu o Signore, Dio degli<br />

eserciti ti piaccia accogliere la<br />

preghiera che io ti rivolgo per<br />

la salvezza dei miei frat<strong>el</strong>li che<br />

combat<strong>to</strong>no per la pat<strong>ria</strong>.<br />

Deh salvali da ogni disgrazia,<br />

siano forti e sani per compiere<br />

<strong>il</strong> loro dovere e possano<br />

ri<strong>to</strong>rnare ai loro cari incolumi<br />

coll’intima soddisfazione di aver<br />

fat<strong>to</strong> onore al loro nome di<br />

ebrei…<br />

(Dalla pagina 3 d<strong>el</strong> discorso)


Il Servizio di Rav <strong>Disegni</strong> n<strong>el</strong> “Mogen David Rouge”<br />

156<br />

8 Comité Central d<strong>el</strong> Mogen<br />

David Rouge: Attestazione<br />

d<strong>el</strong> Servizio presta<strong>to</strong> da<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

Tes<strong>to</strong> in lingua tedesca.<br />

Traduzione di mano di Rav<br />

<strong>Disegni</strong><br />

Lucerna, 7 maggio 1920<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.4<br />

cm 28,5 x 22; cm 17 x 13


157<br />

9 Prigionieri austro-ungarici<br />

1916<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.2.<br />

cm 13 x 18


158<br />

10 Lettera di Rav <strong>Disegni</strong><br />

a nome d<strong>el</strong> Mogen David<br />

Rouge r<strong>el</strong>ativa all’uffi ciatura<br />

d<strong>el</strong>le funzioni r<strong>el</strong>igiose per i<br />

prigionieri austro-ungarici in<br />

occasione di “Rosciascianà<br />

e Chippur”<br />

11 settembre 1916<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.1<br />

cm 30,8 x 20,8<br />

“…Il nostro comita<strong>to</strong> dunque<br />

dovrebbe provvedere a fornire<br />

Talledod e Machazorim<br />

(preferib<strong>il</strong>mente questi di ri<strong>to</strong><br />

tedesco) ai richiedenti. …<br />

Mi rivolgo alla S. V. E. per<br />

sapere se codesta spettab<strong>il</strong>e<br />

Comunità r<strong>el</strong>igiosa potrebbe e<br />

sarebbe disposta a ti<strong>to</strong>lo di<br />

presti<strong>to</strong> mettere a disposizione<br />

d<strong>el</strong> nostro comita<strong>to</strong> un cer<strong>to</strong><br />

numero di Talledod, sia di lana<br />

o di seta, e Machazzorim per<br />

Rosciascianà e Kippur…”


159<br />

11 Prigionieri di guerra<br />

durante un ri<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso<br />

Verona 1916<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.2.1<br />

cm 12,3 x 17,8


160<br />

12 Talled appartenu<strong>to</strong> a Rav<br />

<strong>Disegni</strong><br />

Proprietà privata


161<br />

13 S<strong>to</strong>la appartenuta a<br />

Rav <strong>Disegni</strong><br />

Proprietà privata


162<br />

14 Machazorim<br />

Cinque volumi<br />

Livorno 1982<br />

Archivio Ebraico B. e A. Terracini<br />

n. 649-653<br />

cm 16 x 11


163<br />

15 Preghiera per la Vit<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

e la Salute d’Italia e<br />

per la Salute d’Isra<strong>el</strong>e e<br />

d<strong>el</strong>l’Umanità<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.7<br />

cm 24,5 x 17


164<br />

16 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

di c<strong>el</strong>ebrazione d<strong>el</strong>la Vit<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

1918<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 56<br />

cm 22 x 15<br />

“… E noi, o frat<strong>el</strong>li, a testa<br />

alta, possiamo proclamare di<br />

aver compiu<strong>to</strong> con lealtà e con<br />

sentimen<strong>to</strong> di civismo <strong>il</strong> dovere<br />

verso la pat<strong>ria</strong> …”


165<br />

17 Generale Armando Diaz<br />

Ordine d<strong>el</strong> Giorno<br />

all’Eserci<strong>to</strong><br />

(circolare a stampa)<br />

30 ot<strong>to</strong>bre 1918<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 12.8<br />

cm 24,6 x 17


Il commia<strong>to</strong> dalla Comunità di Verona<br />

166<br />

18 “Parole pronunziate al<br />

S. Tempio isra<strong>el</strong>itico dal<br />

Presidente e dal Segretario<br />

d<strong>el</strong>la Comunione Isra<strong>el</strong>itica<br />

<strong>il</strong> giorno 1 apr<strong>il</strong>e, in<br />

occasione d<strong>el</strong>la cerimonia<br />

di commia<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’Ecce.mo<br />

R<strong>abbino</strong> Maggiore Cav. Dott.<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>”<br />

1 apr<strong>il</strong>e 1922<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 13.2<br />

cm 29,5 x 23


Gli anni d<strong>el</strong> primo dopoguerra<br />

167<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> R<strong>abbino</strong><br />

a Bucarest:<br />

una lealtà riconosciuta<br />

(1921-1923)<br />

1 Lettera di nomina da<br />

parte d<strong>el</strong>la Comunità<br />

isra<strong>el</strong>itica di Bucarest<br />

1 novembre 1921<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 13.1<br />

cm 33,9 x 20,8


168<br />

2 Udienza privata al<br />

Quirinale per <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

alla vig<strong>il</strong>ia d<strong>el</strong>la partenza per<br />

Bucarest<br />

14 febbraio 1922<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 13.3<br />

busta cm 10,5 x 13,5


169<br />

3 Sermone di insediamen<strong>to</strong><br />

quale Gran R<strong>abbino</strong> di<br />

Bucarest<br />

20 apr<strong>il</strong>e 1922<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 13.2<br />

cm 21,6 x 14,2


170<br />

4 Un immagine di Bucarest:<br />

car<strong>to</strong>lina inviata a <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong><br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 244<br />

cm 9 x 13,5


171<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

e la Cattedra Rabbinica<br />

di Tripoli:<br />

una fi ducia confermata<br />

5 Designazione di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> a R<strong>abbino</strong> Maggiore<br />

d<strong>el</strong>la Comunità di Tripoli<br />

21 marzo 1914<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.1<br />

cm 29,5 x 20,8


172<br />

6 Comunità Isra<strong>el</strong>itica di<br />

Tripoli: incarico a <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> per <strong>il</strong> “riordinamen<strong>to</strong><br />

r<strong>el</strong>igioso d<strong>el</strong>la Comunità”<br />

8 giugno 1930<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.2<br />

cm 33 x 23


173<br />

7 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> nuovamente<br />

R<strong>abbino</strong> a Tripoli: Discorso<br />

di insediamen<strong>to</strong> di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> quale reggente la<br />

carica di R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la<br />

Comunità isra<strong>el</strong>itica di<br />

Tripoli<br />

6 novembre 1930<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.3<br />

cm 33 x 23


174<br />

8 Car<strong>to</strong>line dalla Libia di<br />

<strong>Dario</strong> a Raffa<strong>el</strong>la e a Dona<strong>to</strong><br />

1914<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. n. 247, n. 248<br />

cm 13,5 x 8,5<br />

cm 14,5 x 8,5


175<br />

L’attività di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> in Tripoli:<br />

cul<strong>to</strong>, assistenza,<br />

istruzione<br />

9 Riordinamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la<br />

scuola ebraica di Tripoli<br />

1 dicembre 1930<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.4<br />

cm 28,5 x 22,5


176<br />

10 Raccolta di fondi per la<br />

costituzione di un ospedale<br />

ebraico a Tripoli<br />

20 gennaio 1931<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.5<br />

cm 28,5 x 22,5


177<br />

11 La promozione d<strong>el</strong>la<br />

cultura: Circolo “Maccabei”<br />

25 gennaio 1931<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.6<br />

cm 28,5 x 22,5


178<br />

12 Lettera di<br />

compiacimen<strong>to</strong> di Pietro<br />

Badoglio, Governa<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>la<br />

Tripolitania e d<strong>el</strong>la Cirenaica<br />

3 marzo 1931<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 14.7<br />

cm 27,5 x 18,5


179<br />

13 Discorso di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

di c<strong>el</strong>ebrazione d<strong>el</strong>la vit<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

di Addis Abeba<br />

maggio 1936<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 58<br />

cm 17,5 x 13,5


Fascismo, nazismo, guerra


Il mondo ebraico <strong>to</strong>rinese di fronte al fascismo<br />

N<strong>el</strong> 1938 fu come se <strong>il</strong> regime fascista, preparandosi a colpire, avesse improvvisamente<br />

punta<strong>to</strong> un potente faro sugli ebrei italiani e solo su di loro, separandoli già così dal res<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>la popolazione: per conoscere quale fosse la loro reale presenza n<strong>el</strong>la vita d<strong>el</strong> paese –<br />

di cui i primi a non sapere granché erano proprio i vertici d<strong>el</strong> governo –, ma soprattut<strong>to</strong><br />

per individuarli a uno a uno e averli sot<strong>to</strong> tiro. Qu<strong>el</strong> fascio di luce, ost<strong>il</strong>e e indaga<strong>to</strong>re,<br />

doveva mettere a nudo presente e possa<strong>to</strong> perché venissero allo scoper<strong>to</strong> i legami, anche<br />

i più intimi, determinatisi n<strong>el</strong> tempo con la società di maggioranza e perché potessero<br />

risaltare le buone ragioni – sicuramente non potevano mancare – destinate a legittimare<br />

l’inopinata mut<strong>il</strong>azione d<strong>el</strong>la società italiana decisa d’un trat<strong>to</strong> da Mussolini.<br />

Pecca<strong>to</strong> che <strong>il</strong> complesso sistema di r<strong>il</strong>evazioni via via messo in opera attraverso le<br />

pubbliche istituzioni, se pure riuscì con r<strong>el</strong>ativa fac<strong>il</strong>ità a fo<strong>to</strong>grafare la situazione, fi nì<br />

tuttavia per dimostrare – a voler leggere senza pregiudizi i dati raccolti – esattamente <strong>il</strong><br />

contrario di quan<strong>to</strong> i vertici fascisti avrebbero volu<strong>to</strong>. Gli ebrei apparivano infatti come<br />

una presenza tutt’altro che estranea al res<strong>to</strong> d<strong>el</strong> paese, né risultavano costituire in alcun<br />

modo una pericolosa minaccia. Si pensi anche solo alla loro partecipazione convinta e<br />

spesso entusiasta alla prima guerra mondiale, un’esperienza incisa oramai profondamente<br />

n<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia: in percentuale, <strong>il</strong> contribu<strong>to</strong> da essi offer<strong>to</strong> al confl it<strong>to</strong> non era sta<strong>to</strong><br />

infatti inferiore a qu<strong>el</strong>lo d<strong>el</strong>l’insieme d<strong>el</strong>la popolazione, malgrado le antiche interdizioni<br />

fossero n<strong>el</strong> 1914 un ricordo ancora ben vivo, e forse proprio per ques<strong>to</strong>. La differenza<br />

aveva riguarda<strong>to</strong> semmai <strong>il</strong> numero degli uffi ciali rispet<strong>to</strong> all’insieme dei combattenti:<br />

più d<strong>el</strong>la metà fra gli ebrei, <strong>il</strong> cui liv<strong>el</strong>lo di istruzione era considerevolmente più <strong>el</strong>eva<strong>to</strong>,<br />

a fronte di un ben più limita<strong>to</strong> 4% per tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> paese. In particolare in Piemonte i ben<br />

500 fra uffi ciali di grado superiore e inferiore – su una popolazione ebraica compresa fra<br />

i 5 e i 6000 individui – avevano fat<strong>to</strong> di qu<strong>el</strong>la regione <strong>il</strong> luogo in cui più consistente e<br />

qualifi ca<strong>to</strong> era sta<strong>to</strong> l’impegno per la pat<strong>ria</strong> comune; ques<strong>to</strong> grazie anche alla riconoscente<br />

devozione alla casa reale maturata sin dagli anni d<strong>el</strong>l’emancipazione.<br />

Ma guardiamo con più attenzione ai risultati d<strong>el</strong> censimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> 22 agos<strong>to</strong> d<strong>el</strong> ’38<br />

e d<strong>el</strong>le altre r<strong>il</strong>evazioni con cui nei mesi immediatamente successivi si volle fi ssare <strong>il</strong><br />

pun<strong>to</strong> cui era arriva<strong>to</strong> <strong>il</strong> processo di integrazione degli ebrei n<strong>el</strong>la società. Per dimensioni<br />

<strong>il</strong> gruppo ebraico <strong>to</strong>rinese, costitui<strong>to</strong> di quasi 4000 individui, era <strong>il</strong> quar<strong>to</strong> in Italia –<br />

dopo Roma, M<strong>il</strong>ano e Trieste –. Esso rappresentava poco più d<strong>el</strong> 5 per m<strong>il</strong>le d<strong>el</strong>la<br />

popolazione cittadina. Ma <strong>il</strong> suo peso effettivo andava al di là d<strong>el</strong> mero da<strong>to</strong> numerico,<br />

pur signifi cativo. L’alta percentuale dei nati a Torino certifi cava <strong>il</strong> profondo radicamen<strong>to</strong><br />

n<strong>el</strong>la realtà locale; così pure la forte percentuale dei nati n<strong>el</strong>le altre province d<strong>el</strong> Piemonte<br />

dava con<strong>to</strong> di una minoraza fortemente incardinata n<strong>el</strong> terri<strong>to</strong>rio regionale e assai<br />

meno soggetta ad apporti esterni – dal res<strong>to</strong> d’Italia o dall’estero – che non altre realtà<br />

comunitarie d<strong>el</strong>la penisola; d’altra parte <strong>il</strong> ridot<strong>to</strong> ricambio d<strong>el</strong>la popolazione era fra<br />

le ragioni d<strong>el</strong> suo progressivo invecchiamen<strong>to</strong>. Va nota<strong>to</strong> poi che i luoghi di residenza<br />

183<br />

Fabio Levi


d<strong>el</strong>le famiglie sul terri<strong>to</strong>rio urbano segnalavano una concentrazione n<strong>el</strong>l’area centrale,<br />

a riprova di una sostanziale continuità con gli insediamenti tradizionali precedenti<br />

all’emancipazione; ma n<strong>el</strong>lo stesso tempo l’ampia diffusione oltre i confi ni d<strong>el</strong> vecchio<br />

ghet<strong>to</strong> rendeva evidente una piena partecipazione ai processi di sv<strong>il</strong>uppo e di espansione<br />

ed<strong>il</strong>izia venutisi a determinare fra la fi ne d<strong>el</strong>l’800 e i primi decenni d<strong>el</strong> nuovo secolo.<br />

D<strong>el</strong> res<strong>to</strong> l’integrazione n<strong>el</strong>la società di maggioranza aveva trova<strong>to</strong> un’ulteriore conferma<br />

n<strong>el</strong>l’accresciuta frequenza dei matrimoni misti, ad un tempo conseguenza e concausa di<br />

un sistema di rapporti e di interdipendenze in via di consolidamen<strong>to</strong> che avrebbe reso<br />

tan<strong>to</strong> più arbitrari atti d’imperio volti a ristab<strong>il</strong>ire nette separazioni.<br />

Era però <strong>il</strong> profi lo professionale d<strong>el</strong> gruppo ebraico a rendere palpab<strong>il</strong>e la piena compenetrazione<br />

con le istituzioni e i ceti chiamati a svolgere un ruolo di primo piano n<strong>el</strong>la vita<br />

d<strong>el</strong>la città. Mol<strong>to</strong> meno presenti fra gli operai e negli strati più svantaggiati d<strong>el</strong>la popolazione,<br />

gli ebrei si concentravano per lo più n<strong>el</strong> mondo d<strong>el</strong> commercio, d<strong>el</strong>l’artigiana<strong>to</strong> e d<strong>el</strong>le libere<br />

professioni. Numerosi erano anche gli impiegati n<strong>el</strong> set<strong>to</strong>re priva<strong>to</strong> e pubblico, con punte<br />

signifi cative n<strong>el</strong>l’insegnamen<strong>to</strong> a tutti i liv<strong>el</strong>li, compresa l’Università dove non pochi nomi<br />

<strong>il</strong>lustri spiccavano tan<strong>to</strong> n<strong>el</strong>le facoltà umanistiche quan<strong>to</strong> in qu<strong>el</strong>le scientifi che. Di r<strong>il</strong>ievo<br />

era poi <strong>il</strong> peso d<strong>el</strong>la proprietà immob<strong>il</strong>iare come fonte di reddi<strong>to</strong>, segno anche ques<strong>to</strong> di una<br />

propensione al radicamen<strong>to</strong> n<strong>el</strong> terri<strong>to</strong>rio e d<strong>el</strong>l’avvenuta acquisizione di comportamenti<br />

economici largamente coincidenti con qu<strong>el</strong>li d<strong>el</strong>la borghesia subalpina. Senza contare l’al<strong>to</strong><br />

tasso di attività d<strong>el</strong>la componente femmin<strong>il</strong>e – presente in particolare n<strong>el</strong>l’insegnamen<strong>to</strong>,<br />

ma non solo – strettamente connesso all’<strong>el</strong>eva<strong>to</strong> grado di scolarizzazione.<br />

La ricerca di un suppor<strong>to</strong> istituzionale<br />

Guardare ai dati di carattere demografi co appena indicati, alle forme di insediamen<strong>to</strong><br />

urbano e, ancora, ai modi d<strong>el</strong>la partecipazione alla vita professionale d<strong>el</strong>la città, destinati<br />

peraltro – pur entro i limiti imposti a tutti dal fascismo – a favorire una socialità sempre<br />

più aperta n<strong>el</strong>le sedi istituzionali e nei luoghi di incontro, conduce ad individuare la base<br />

concreta, quotidiana, d<strong>el</strong>l’adesione diffusa e convinta d<strong>el</strong>la gran parte d<strong>el</strong>la minoranza<br />

ebraica al quadro istituzionale vigente. Senza tuttavia trascurare con ques<strong>to</strong> i risvolti<br />

più prop<strong>ria</strong>mente culturali e r<strong>el</strong>igiosi dei processi di integrazione in at<strong>to</strong>. Qui qualsiasi<br />

generalizzazione rischierebbe di condurre troppo fac<strong>il</strong>mente a discutib<strong>il</strong>i semplifi cazioni.<br />

Mi limi<strong>to</strong> dunque a due notazioni di contes<strong>to</strong> che non <strong>to</strong>lgono nulla ai processi di<br />

au<strong>to</strong>noma <strong>el</strong>aborazione compiuti dai personaggi e dai gruppi più attivi all’interno<br />

d<strong>el</strong>l’universo ebraico: in primo luogo <strong>il</strong> già cita<strong>to</strong> incremen<strong>to</strong> dei matrimoni misti, mol<strong>to</strong><br />

maggiore in ogni caso d<strong>el</strong> numero d<strong>el</strong>le abiure; inoltre <strong>il</strong> progressivo allontanamen<strong>to</strong> dalla<br />

tradizione da parte di una fascia consistente di individui e gruppi famigliari, condizionati<br />

sia dalle infl uenze d<strong>el</strong>la cultura laica e liberale, sia dalle forme di r<strong>el</strong>igiosità derivate<br />

spesso in modo indiret<strong>to</strong> dalla preminente presenza d<strong>el</strong> cat<strong>to</strong>licesimo n<strong>el</strong>la realtà italiana.<br />

Anche su ques<strong>to</strong> sembrano essersi mantenute ed accentuate durante <strong>il</strong> fascismo tendenze<br />

già affermatesi n<strong>el</strong> periodo precedente: sulle quali, con <strong>il</strong> passare degli anni, fi nirono poi<br />

per pesare sempre più le interferenze esplicite e consapevoli d<strong>el</strong> regime.<br />

Ma conside<strong>ria</strong>mo ora più direttamente i fenomeni di integrazione politica, a partire<br />

però da una precisazione pr<strong>el</strong>iminare. Quando parliamo di ebrei italiani non possiamo<br />

ricondurre i loro atteggiamenti al solo fat<strong>to</strong> – o al fat<strong>to</strong> prevalente e non adeguatamente<br />

discusso – che fossero ebrei, come troppo spesso è accadu<strong>to</strong> sinora. Anzi, bisogna prima<br />

di tut<strong>to</strong> considerare che si trattava di italiani pienamente presenti e attivi n<strong>el</strong>la cultura e<br />

n<strong>el</strong>la società d<strong>el</strong>l’epoca; senza d’altra parte accontentarsi d<strong>el</strong> discorso generico, rituale e<br />

un po’ consola<strong>to</strong>rio che tante volte ci siamo sentiti ripetere, secondo cui essi avrebbero<br />

184


pensa<strong>to</strong> e agi<strong>to</strong> di fronte al fascismo “come tutti gli altri” loro connnazionali. Ed essere<br />

italiani voleva dire allora subire persistenti sollecitazionii a condividere – chi più, chi<br />

meno – le paure, <strong>il</strong> conformismo, le pulsioni corporative, la propensione a cercare un<br />

rappor<strong>to</strong> priv<strong>il</strong>egia<strong>to</strong> con <strong>il</strong> potere, che volta per volta attraversavano gli individui e i gruppi<br />

insieme ai quali essi si trovavano ad agire. A ques<strong>to</strong> in primo luogo, e non necessa<strong>ria</strong>mente<br />

e soltan<strong>to</strong> a una presunta e ancestrale fl essib<strong>il</strong>ità d<strong>el</strong> mondo ebraico di fronte ai voleri d<strong>el</strong><br />

principe, va ricondotta ad esempio la tendenza, che non fu solo di gruppi circoscritti –<br />

come qu<strong>el</strong>lo che si sarebbe raccol<strong>to</strong> in<strong>to</strong>rno al periodico <strong>to</strong>rinese “La Nostra Bandiera” –,<br />

ad affi dare <strong>il</strong> proprio futuro in primo luogo alla benevolenza d<strong>el</strong> capo.<br />

Dove poi in politica fi nisse l’essere italiani e cominciasse l’essere ebrei è questione<br />

quasi impossib<strong>il</strong>e da dirimere, tan<strong>to</strong> più in una realtà come qu<strong>el</strong>la d<strong>el</strong> nostro paese<br />

fortemente segnata dai processi di assim<strong>il</strong>azione e n<strong>el</strong>la quale l’identità ebraica, già<br />

fortemente plurale, risultò via via sempre più connotata da fat<strong>to</strong>ri estrinseci derivanti,<br />

prima, dalla forma di riconoscimen<strong>to</strong> giuridico d<strong>el</strong>le comunità operata dallo Sta<strong>to</strong> con<br />

la nuova legge d<strong>el</strong> 1930 e, poi, dalla defi nizione di ebreo imposta dai provvedimenti per<br />

la difesa d<strong>el</strong>la razza emanati n<strong>el</strong> 1938. Per scoprire alcune peculiarità d<strong>el</strong>l’atteggiamen<strong>to</strong><br />

ebraico di fronte al fascismo, una via si può però ut<strong>il</strong>mente percorrere: qu<strong>el</strong>la che porta<br />

ad analizzare <strong>il</strong> comportamen<strong>to</strong> dei gruppi dirigenti comunitari sia locali, sia nazionali in<br />

alcuni momenti concreti particolarmente signifi cativi.<br />

E <strong>il</strong> passaggio cruciale da cui non è possib<strong>il</strong>e in alcun modo prescindere è rappresenta<strong>to</strong><br />

dalla discussione, appun<strong>to</strong>, dalla legge d<strong>el</strong> 1930 sull’ordinamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le comunità ebraiche.<br />

Quali presupposti essenziali d<strong>el</strong>l’atteggiamen<strong>to</strong> manifesta<strong>to</strong> in qu<strong>el</strong>l’occasione – pur<br />

fra signifi cative differenze – da parte d<strong>el</strong>la dirigenza ebraica vi erano la fi ducia e la<br />

corrispondente lealtà dimostrate in passa<strong>to</strong> e mai venute meno nei confronti d<strong>el</strong>la<br />

monarchia sabauda, cui veniva attribui<strong>to</strong> <strong>il</strong> grande meri<strong>to</strong> di aver concesso l’emancipazione,<br />

e d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> liberale, che aveva fat<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la laicità <strong>il</strong> baluardo contro la tradizionale ost<strong>il</strong>ità<br />

d<strong>el</strong>la Chiesa nei confronti degli ebrei. Ora <strong>il</strong> problema centrale pareva essere qu<strong>el</strong>lo di<br />

impostare una strategia di contenimen<strong>to</strong> dei fat<strong>to</strong>ri di disgregazione cui era sot<strong>to</strong>posta<br />

la comunità, che fosse effi cace e ad un tempo compatib<strong>il</strong>e con la piena integrazione<br />

degli ebrei n<strong>el</strong> tessu<strong>to</strong> sociale e n<strong>el</strong>le istituzioni d<strong>el</strong> paese; e ques<strong>to</strong> cogliendo l’occasione<br />

offerta dalla ristrutturazione d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> intrapresa dal fascismo, n<strong>el</strong> tentativo fra l’altro<br />

di “rinsaldare le deboli r<strong>el</strong>azioni tra <strong>il</strong> centro e la perife<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>l’ebraismo italiamo, che<br />

costituivano un freno al pieno dispiegarsi d<strong>el</strong>l’azione d<strong>el</strong>l’ente di rappresentanza” 1 .<br />

Da notare che le prime proposte di riforma, senz’altro condizionate dal clima politico e<br />

istituzionale d<strong>el</strong> momen<strong>to</strong>, vennero da parte ebraica e furono motivate dalla preoccupazione<br />

che non si riuscisse a preservare – come è sta<strong>to</strong> sot<strong>to</strong>linea<strong>to</strong> – “l’identità e le istituzioni<br />

tradizionali n<strong>el</strong>l’ambi<strong>to</strong> di una concezione liberale d<strong>el</strong>l’au<strong>to</strong>nomia e di una visione separatista<br />

tra Sta<strong>to</strong> e confessioni rt<strong>el</strong>igiose” 2 . Così, sin dall’inizio e su preciso impulso fra gli altri<br />

di Mario Falco, l’idea portante, poi pienamente recepita n<strong>el</strong> Regio Decre<strong>to</strong> n. 1731, fu<br />

qu<strong>el</strong>la di inquadrare entro precisi limiti di legge l’au<strong>to</strong>nomia d<strong>el</strong>le comunità, n<strong>el</strong>l’inten<strong>to</strong><br />

di sot<strong>to</strong>porle alla tut<strong>el</strong>a d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong>, di renderle dipendenti da un rinnova<strong>to</strong> ente centrale e<br />

di vincolare ad esse l’appartenenza dei singoli individui. In ciò andando incontro peraltro<br />

a precise obiezioni di personaggi come Francesco Ruffi ni – docente a Torino fi no alla sua<br />

espulsione dall’Università dopo aver rifi uta<strong>to</strong> di giurare fed<strong>el</strong>tà al regime – <strong>il</strong> quale ebbe<br />

modo di commentare, rivol<strong>to</strong> al suo allievo Falco: «Ques<strong>to</strong> ordinamen<strong>to</strong> mi sembra accre-<br />

1. S. Dazzetti, Gli ebrei italiani e <strong>il</strong> fascismo: la formazione d<strong>el</strong>la legge d<strong>el</strong> 1930 sulle comunità isra<strong>el</strong>itiche, in A.<br />

Mazzacane, Dirit<strong>to</strong>, economia e istituzioni n<strong>el</strong>l’Italia fascista, Nomos Verlagsges<strong>el</strong>lschaft, Baden Baden, 2002.<br />

2 Ibidem, p. 230.<br />

185


scere qu<strong>el</strong>la differenza di condizione giuridica, rispet<strong>to</strong> al principio d<strong>el</strong>la libertà di coscienza,<br />

che è sta<strong>to</strong> uno dei sogni più fervidi e diventa più che mai una d<strong>el</strong>le più m<strong>el</strong>anconiche<br />

dis<strong>il</strong>lusioni d<strong>el</strong>la mia vita» 3 . «È evidente – ha commenta<strong>to</strong> di recente Stefania Dazzetti,<br />

anche alla luce d<strong>el</strong>la stipulazione d<strong>el</strong> Concorda<strong>to</strong> con la Chiesa cat<strong>to</strong>lica avvenuta poco<br />

prima – che si affacciava così un’interpretazione d<strong>el</strong> giurisdizionalismo come luogo di convergenza<br />

e di mediazioine fra le aspirazioni d<strong>el</strong> gruppo confessionale a darsi un asset<strong>to</strong><br />

giuridico unitario e funzionale, e l’interesse d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> a regolare e controllare <strong>il</strong> fenomeno<br />

r<strong>el</strong>igioso. Che fosse l’ebraismo a voler concordare una soluzione di ques<strong>to</strong> tipo non deve<br />

sorprendere, perché esso era porta<strong>to</strong> per cultura e per tradizione a riporre le proprie speranze<br />

di conservazione e di crescita più n<strong>el</strong>la disciplina giuridica e amministrativa d<strong>el</strong> gruppo al<br />

suo interno e n<strong>el</strong>l’ambi<strong>to</strong> d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong>, che in una diffusione n<strong>el</strong>la società» 4 .<br />

Posizioni diverse<br />

La vicenda d<strong>el</strong>la legge d<strong>el</strong> ’30 aiuta ad analizzare in profondità <strong>il</strong> rappor<strong>to</strong> fra la dirigenza<br />

degli ebrei italiani e <strong>il</strong> vertice fascista, al di là degli alti e bassi in tema di sionismo politico o,<br />

fra le altre, d<strong>el</strong>le osc<strong>il</strong>lazioni assai diffuse n<strong>el</strong>la generalità degli iscritti alle comunità tra una<br />

certa diffi denza, non priva di suffi cienza, verso gli apparati di regime e viceversa l’apprezzamen<strong>to</strong><br />

per la persona e l’opera di Mussolini. Il quale peraltro, malgrado sue specifi che<br />

idiosincrasie o intemperanze verso singoli ebrei come verso tanti altri, per mol<strong>to</strong> tempo non<br />

fu in alcun modo percepi<strong>to</strong> n<strong>el</strong>l’insieme d<strong>el</strong> mondo ebraico come antisemita; né d’altra parte<br />

la stessa ondata razzista contro i neri alimentata dalla guerra di Etiopia risultò essere intesa<br />

in quegli ambienti – se non da pochissimi – come prodromo di una possib<strong>il</strong>e campagna<br />

persecu<strong>to</strong><strong>ria</strong> a loro danno e dunque come una indiretta minaccia.<br />

Pur n<strong>el</strong> quadro d’insieme appena d<strong>el</strong>inea<strong>to</strong>, rigidamente condiziona<strong>to</strong> da un regime<br />

sempre più orienta<strong>to</strong> in senso <strong>to</strong>talitario, n<strong>el</strong> corso degli anni ’30 non mancarono tuttavia<br />

di affermarsi n<strong>el</strong> mondo ebraico posizioni diverse – da qu<strong>el</strong>le più entusiasticamente corrive<br />

verso <strong>il</strong> regime a qu<strong>el</strong>le di coraggiosa e incoercib<strong>il</strong>e opposizione –, rispet<strong>to</strong> alle quali Torino<br />

giocò un ruolo tut<strong>to</strong> particolare. Fu n<strong>el</strong> ’34, dopo l’arres<strong>to</strong> proprio n<strong>el</strong>la capitale subalpina di<br />

un gruppo di antifascisti, fra cui vari ebrei, in segui<strong>to</strong> ai fatti di Ponte Tresa e la conseguente<br />

prima campagna di stampa antisemita attizzata da Mussolini, che si coagulò e venne allo<br />

scoper<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la medesima città <strong>il</strong> gruppo fascistissimo de “La Nostra Bandiera”, <strong>il</strong> cui obiettivo<br />

immedia<strong>to</strong> voleva essere di prevenire, attraverso profferte di indefettib<strong>il</strong>e lealtà al duce, <strong>il</strong><br />

possib<strong>il</strong>e inasprimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’ost<strong>il</strong>ità antiebraica; anche se la fac<strong>il</strong>ità con la quale i bandieristi<br />

conquistarono di slancio la maggioranza n<strong>el</strong>la comunità <strong>to</strong>rinese e riuscirono ad espandere<br />

la loro infl uenza in altre città, come pure la vasta accoglienza riservata al ricco ventaglio di<br />

argomenti proposti dal loro giornale fi nirono per accendere in loro ambizioni mol<strong>to</strong> maggiori.<br />

E se negli anni immediatamente successivi, dopo alterne vicende, essi non riuscirono a<br />

conquistare <strong>il</strong> vertice d<strong>el</strong>l’Unione d<strong>el</strong>le Comunità Isra<strong>el</strong>itiche fu, non solo ma in buona<br />

parte, per l’opposizione d<strong>el</strong>lo stesso Mussolini. Fat<strong>to</strong> sta che la loro proposta non può essere<br />

considerata, n<strong>el</strong> suo paradossale affi dare gli ebrei italiani alla benevolenza d<strong>el</strong> duce,<br />

semplicemente come un’escrescenza anomala e folle. E infatti n<strong>el</strong>le pagine d<strong>el</strong> giornale<br />

risuonavano chiaramente, oltre ai <strong>to</strong>ni parossistici di molte loro prese di posizione, echi<br />

signifi cativi de “Il Vess<strong>il</strong>lo Isra<strong>el</strong>itico”, l’importante periodico di Casale che aveva accompagna<strong>to</strong>,<br />

assecondandola con convinzione, l’integrazione degli ebrei italiani. Per non dire<br />

3 Ibidem p. 244, nota 72.<br />

4 Ibidem p. 244.<br />

186


d<strong>el</strong> radicale antisionismo de “La nostra bandiera”, che contrastava solo in parte con una<br />

tradizione di sostegno senz’altro piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> debole d<strong>el</strong> mondo ebraico italiano alla prospettiva<br />

d<strong>el</strong> ri<strong>to</strong>rno in Palestina. Così pure, la tendenza di un buon numero di rabbini ad attribuire al<br />

fascismo una legittimità ultraterrena non pare essere stata solo una conseguenza d<strong>el</strong>l’azione<br />

dei bandieristi, quan<strong>to</strong> piut<strong>to</strong>s<strong>to</strong> una condizione già data, favorevole all’affermazione e alla<br />

diffusione d<strong>el</strong> giornale e d<strong>el</strong>le sue idee.<br />

Viceversa colpisce la distanza, lo stacco net<strong>to</strong> fra gli ambienti esplicitamente antifascisti<br />

di va<strong>ria</strong> matrice, ben radicati in particolare in una realtà come qu<strong>el</strong>la <strong>to</strong>rinese, e <strong>il</strong><br />

contes<strong>to</strong> comunitario. Uomini e donne di origine ebraica m<strong>il</strong>itavano da anni n<strong>el</strong> Parti<strong>to</strong><br />

comunista e in qu<strong>el</strong>lo socialista o si sentivano affi ni alle posizioni liberali e GL di critica<br />

radicale al regime. Ma era come se per tutte, o quasi, qu<strong>el</strong>le fi gure l’orientamen<strong>to</strong> politico<br />

e i legami, avulsi quasi sempre da ragioni di carattere r<strong>el</strong>igioso, che su qu<strong>el</strong>la base si<br />

costituivano prevalessero su ogni altra cosa, compresa l‘appartenenza ebraica, intesa<br />

anche solo come vincolo priv<strong>il</strong>egia<strong>to</strong> con una tradizione o un gruppo.<br />

D’altra parte, se si pensa all’ampio numero di ebrei estranei sia ad atteggiamenti di<br />

ferma opposizione sia a forme di sostegno entusiastico al regime – e <strong>il</strong> bandierismo era solo<br />

una di qu<strong>el</strong>le possib<strong>il</strong>i –, non ha mol<strong>to</strong> senso affi darsi al termine, troppo neutro appun<strong>to</strong>,<br />

di neutralità. Senza poter dire qui se qu<strong>el</strong>la fascia per così dire intermedia, qu<strong>el</strong>la zona<br />

grigia, fosse più o meno ampia – è convinzione diffusa che fra gli ebrei fosse più numerosa<br />

che altrove, ma è da dimostrare che non si tratti qui di una proiezione retrospettiva d<strong>el</strong>la<br />

distanza dal fascismo indotta poi dalle persecuzioni –, n<strong>el</strong> valutare le varie posizioni al suo<br />

interno va in ogni caso tenu<strong>to</strong> con<strong>to</strong> di un fat<strong>to</strong> indiscutib<strong>il</strong>e: che cioè, per ogni momen<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> di quegli anni, l’atteggiamen<strong>to</strong> politico di ognuno subiva necessa<strong>ria</strong>mente qu<strong>el</strong>la<br />

che n<strong>el</strong>la situazione data – n<strong>el</strong>l’insieme d<strong>el</strong>la vita sociale così come n<strong>el</strong> gruppo ebraico –<br />

risultava essere la posizione dominante. Né viceversa può essere rubrica<strong>to</strong> sot<strong>to</strong> <strong>il</strong> segno<br />

d<strong>el</strong>la neutralità lo sforzo assai faticoso e gravido di rischi di chi operava per salvaguardare<br />

dalle intromissioni d<strong>el</strong> regime spazi più o meno grandi d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> vita famigliare, sociale,<br />

culturale o professionale. Ma su ques<strong>to</strong>, anche per quan<strong>to</strong> riguarda Torino, non si è ancora<br />

andati mol<strong>to</strong> al di là di alcuni racconti strettamente individuali.<br />

In ogni caso, per tutti gli ebrei italiani e <strong>to</strong>rinesi senza distinzioni, l’ora X scoccò a<br />

cavallo d<strong>el</strong>l’estate d<strong>el</strong> 1938. Fu per molti – come sappiamo – un trauma, improvviso e<br />

imprevis<strong>to</strong>. Solo una minoranza aveva messo n<strong>el</strong> con<strong>to</strong> la svolta antisemita d<strong>el</strong> fascismo.<br />

Sappiamo anche che molti vissero qu<strong>el</strong>l’affron<strong>to</strong> come un tradimen<strong>to</strong> di Mussolini, ma<br />

ancor più d<strong>el</strong> sovrano. E ci si sente tan<strong>to</strong> più traditi da colui n<strong>el</strong> quale si è nutrita una<br />

speciale fi ducia. Sul tradimen<strong>to</strong>, sulla slealtà avevano anche fonda<strong>to</strong> da tempo le loro<br />

accuse gli organi di stampa d<strong>el</strong> regime n<strong>el</strong>la campagna contro <strong>il</strong> sionismo e in generale<br />

contro gli ebrei. Ma un con<strong>to</strong> era la propaganda strumentale e ricatta<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong> potere, un<br />

altro la caduta d<strong>el</strong>le certezze, l’incredib<strong>il</strong>e rottura di un legame che pareva a molti essersi<br />

nutri<strong>to</strong> in passa<strong>to</strong> di una r<strong>el</strong>azione quasi personale con <strong>il</strong> capo.<br />

La legislazione razziale colpì da subi<strong>to</strong> con durezza in molte direzioni, minando la vita<br />

quotidiana e la stab<strong>il</strong>ità indistintamente di tutti gli ebrei. Lo sappiamo. Meno nota è l’importanza<br />

per la generalità dei perseguitati d<strong>el</strong>le norme, contenute n<strong>el</strong>la stessa normativa, r<strong>el</strong>ative<br />

al possib<strong>il</strong>e riconoscimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la qualifi ca di “discrimina<strong>to</strong>”, grazie a cui sarebbe sta<strong>to</strong> possib<strong>il</strong>e<br />

ottenere una parziale riduzione d<strong>el</strong>le limitazioni previste. Qu<strong>el</strong>le disposizioni sembravano<br />

un modo per suggerire la solita immagine d<strong>el</strong>l’Italia dei trucchi e d<strong>el</strong>le scappa<strong>to</strong>ie, che <strong>il</strong><br />

fascismo in precedenza non aveva cer<strong>to</strong> contribui<strong>to</strong> a fugare; parevano una conferma che le<br />

leggi sulla razza non avrebbero in realtà colpi<strong>to</strong> a fondo; o anche solo un varco entro <strong>il</strong> quale<br />

cercare di infi larsi per allentare la morsa d<strong>el</strong>la persecuzione. D’altronde era da lungo tempo<br />

che, per salvaguardare i propri interessi e la prop<strong>ria</strong> au<strong>to</strong>nomia, ci si era abituati – tutti, ebrei<br />

187


e non ebrei – ad allargare come si poteva le maglie d<strong>el</strong>la rete tessuta dal regime per imbrigliare<br />

la società. Pecca<strong>to</strong> che questa volta e proprio contro gli ebrei, oltre ogni prevedib<strong>il</strong>e aspettativa,<br />

<strong>il</strong> fascismo facesse terrib<strong>il</strong>mente sul serio, spiazzando i molti che non riuscirono a rendersene<br />

con<strong>to</strong> con tempestività e fi nirono per sot<strong>to</strong>valutare <strong>il</strong> pericolo.<br />

Forme analoghe di sorpresa, di disorientamen<strong>to</strong>, di incapacità di previsione si sarebbero<br />

manifestate anche dopo, sia n<strong>el</strong>la forma di irrealistiche speranze durante la breve parentesi<br />

dei 45 giorni, sia, con conseguenze ben più drammatiche, l’8 settembre e nei mesi<br />

successivi. Cer<strong>to</strong>, gli ebrei partecipavano – com’era ovvio – d<strong>el</strong> clima generale d<strong>el</strong> paese,<br />

ma per forza di cose in una posizione peculiare: per diretta esperienza, una maggiore<br />

chiarezza sulla vera natura d<strong>el</strong> fascismo si sarebbe dovuta manifestare in loro – e in molti<br />

casi non mancò di manifestarsi – prima che in tutti gli altri italiani; anche se qu<strong>el</strong>la presa di<br />

coscienza non si produsse tutta in una volta. Essa procedette man mano che si chiarirono<br />

le vere intenzioni persecu<strong>to</strong>rie di Mussolini. Si può però dire che n<strong>el</strong>l’insieme si assistette<br />

in qu<strong>el</strong> periodo a una sfasatura tra la r<strong>el</strong>ativa lentezza con cui cresceva fra la generalità<br />

degli ebrei una chiara visione d<strong>el</strong>le tendenze in at<strong>to</strong> e la irrimediab<strong>il</strong>e rapidità con cui la<br />

loro condizione si andava progressivamente deteriorando.<br />

Per meglio comprendere <strong>il</strong> problema, guardiamo ad esempio a quan<strong>to</strong> avvenne anche<br />

all’interno d<strong>el</strong>la comunità di Torino: se prima d<strong>el</strong> ’38 i consueti rapporti vicendevoli, come<br />

qu<strong>el</strong>li concernenti la formazione scolastica e r<strong>el</strong>igiosa, lo scambio culturale, la solidarietà o<br />

<strong>il</strong> sostegno reciproco e altro ancora, non si erano cer<strong>to</strong> potuti esaurire n<strong>el</strong>la loro esclusiva<br />

dimensione istituzionale – non accade quasi mai e tan<strong>to</strong> meno poteva accadere in un<br />

contes<strong>to</strong> assoggetta<strong>to</strong> a un regime occhiu<strong>to</strong>, au<strong>to</strong>ritario e classista –, in qu<strong>el</strong>la dimensione<br />

avevano però potu<strong>to</strong> trovare quan<strong>to</strong> meno una cornice adeguata, senza gravi contraddizioni<br />

o incrinature. Dopo la svolta d<strong>el</strong>le leggi razziali invece le cose mutarono radicalmente. Di<br />

fronte alla persecuzione, <strong>il</strong> mutuo aiu<strong>to</strong> solo in parte poté esprimersi attraverso le strutture<br />

uffi ciali: come la scuola ebraica, frequentata a qu<strong>el</strong> pun<strong>to</strong> anche dai molti bambini e<br />

ragazzi cacciati dalle istituzioni pubbliche e rinnovata dagli insegnanti ebrei espulsi dalle<br />

scuole d<strong>el</strong> Regno, ma pur sempre soggetta al rigido controllo d<strong>el</strong>l’appara<strong>to</strong> di regime e –<br />

n<strong>el</strong> caso ad esempio d<strong>el</strong>le <strong>el</strong>ementari di Torino – a un corpo insegnante profondamente<br />

infl uenza<strong>to</strong> dalla rigida formazione fascista. Così le reti di solidarietà dovettero organizzarsi<br />

in forma sempre più au<strong>to</strong>noma dal quadro comunitario, a partire dall’iniziativa dei singoli,<br />

contando – quando possib<strong>il</strong>e – sulle r<strong>el</strong>azioni parentali o di amicizia, ma soprattut<strong>to</strong> e in<br />

forma sempre maggiore sui rapporti con l’esterno. E tut<strong>to</strong> ques<strong>to</strong> si accentuò a maggior<br />

ragione di fronte al pericolo estremo, quando <strong>il</strong> collasso d<strong>el</strong> vincolo istituzionale fi nì per<br />

lasciare un vuo<strong>to</strong> incolma<strong>to</strong>, spesso – tan<strong>to</strong> più per chi di qu<strong>el</strong> vincolo aveva fat<strong>to</strong> la ragione<br />

d<strong>el</strong>la prop<strong>ria</strong> vita – all’origine di ulteriore disorientamen<strong>to</strong> e di una percezione ancor meno<br />

tempestiva e realistica di quan<strong>to</strong> gravi fossero le minacce incombenti.<br />

Bibliografi a essenziale<br />

Renzo De F<strong>el</strong>ice, S<strong>to</strong><strong>ria</strong> degli ebrei italiani sot<strong>to</strong> <strong>il</strong> fascismo, Torino, Einaudi, 1961 [1998].<br />

1938. Le leggi contro gli ebrei: raccolta di documenti, a c. di Mich<strong>el</strong>e Sarfatti, “Rassegna mens<strong>il</strong>e di Isra<strong>el</strong>”,<br />

gennaio-agos<strong>to</strong> 1988, nn. 1-2.<br />

Corrado Vivanti (a c. di), S<strong>to</strong><strong>ria</strong> d’Italia. Annali, XI, t. II, Gli ebrei in Italia, Torino, Einaudi, 2002.<br />

Luca Ventura, Ebrei con <strong>il</strong> Duce. La nostra bandiera (1934-1938), Torino, Zamorani, 2002.<br />

Stefania Dazzetti, L’au<strong>to</strong>nomia d<strong>el</strong>le Comunità ebraiche italiane n<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>. Leggi, Intese, Statuti e regolamenti,<br />

Torino, Giuffré, 2008.<br />

188


<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong>, r<strong>abbino</strong> a Torino durante <strong>il</strong> fascismo<br />

Il fascismo nasce e si afferma come conseguenza d<strong>el</strong>la tragedia d<strong>el</strong> primo confl it<strong>to</strong><br />

mondiale. Qu<strong>el</strong>la tragedia divide gli ebrei al pari di tutti gli italiani, divide le famiglie<br />

medesime, spaccandole come mai era accadu<strong>to</strong> prima.<br />

La guerra, in termini di corruzione degli animi, di allentamen<strong>to</strong> dei legami con la<br />

comunità, come e forse più di altre emergenze d<strong>el</strong>la modernità, rappresenta un bivio,<br />

di fronte al quale gli ebrei italiani ed in modo particolare i loro rabbini si presentano<br />

con un grado immaturità mol<strong>to</strong> sim<strong>il</strong>e a qu<strong>el</strong>la degli altri italiani: la nazionalizzazionem<strong>il</strong>itarizzazione<br />

d<strong>el</strong>le masse non verrà subi<strong>to</strong> intesa, ciò che renderà in<strong>el</strong>uttab<strong>il</strong>e la<br />

posteriore adesione al fascismo.<br />

La biografi a di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> è segnata dolorosamente dal problema d<strong>el</strong>la Nazione.<br />

È ogget<strong>to</strong> di discussione fra gli s<strong>to</strong>rici l’idea di considerare <strong>il</strong> Novecen<strong>to</strong> come <strong>il</strong> secolo<br />

di una nuova “guerra dei trent’anni”. N<strong>el</strong> tentativo di spiegare la successiva adesione al<br />

fascismo si fi nisce spesso con <strong>il</strong> dimenticare la memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>la prima guerra mondiale, che<br />

permane a lungo e determina per esempio le sc<strong>el</strong>te iniziali di recarsi all’estero, a Bucarest<br />

e poi a Tripoli negli anni in cui l’affermarsi d<strong>el</strong> regime impone anche una nazionalizzazione<br />

degli ebrei, un loro coinvolgimen<strong>to</strong> attivo n<strong>el</strong>la politica d<strong>el</strong> nuovo regime.<br />

Il passaggio di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> dentro <strong>il</strong> fascismo è più complesso di quan<strong>to</strong> si possa<br />

immaginare. Le carte d<strong>el</strong>l’archivio rispondono ai nostri quesiti, anche a qu<strong>el</strong>li più diffi c<strong>il</strong>i, in<br />

modo non sempre lineare. Alla cattedra di R<strong>abbino</strong> Capo a Torino <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> era giun<strong>to</strong><br />

succedendo a Giacomo Bolaffi o n<strong>el</strong> momen<strong>to</strong> in cui più al<strong>to</strong> era <strong>il</strong> consenso al fascismo<br />

da parte di tutta quanta la società italiana, n<strong>el</strong> maggio 1935. Con Bolaffi o, <strong>Disegni</strong> aveva<br />

trattenu<strong>to</strong> fi n dalla giovinezza uno stret<strong>to</strong> rappor<strong>to</strong> epis<strong>to</strong>lare, ma la realtà cui <strong>Disegni</strong> si trova<br />

di fronte a metà degli anni Trenta è ormai segnata dalla presenza di un interlocu<strong>to</strong>re politico<br />

come <strong>il</strong> fascismo che chiede agli ebrei come a tutti gli italiani un coinvolgimen<strong>to</strong> sempre<br />

maggiore n<strong>el</strong>la vita italiana. La legge d<strong>el</strong> 1931 che aveva regola<strong>to</strong> la vita d<strong>el</strong>le comunità<br />

italiane e istitui<strong>to</strong> l’Unione d<strong>el</strong>le Comunità richiedeva un coinvolgimen<strong>to</strong> attivo anche da<br />

parte dei Rabbini. Questi d<strong>il</strong>emmi emergono già con chiarezza n<strong>el</strong> discorso di insediamen<strong>to</strong><br />

di Rav <strong>Disegni</strong> d<strong>el</strong> 28 settembre 1935. Siamo n<strong>el</strong> periodo in cui l’adesione al regime da parte<br />

per esempio degli int<strong>el</strong>lettuali italiani <strong>to</strong>cca <strong>il</strong> suo apice. La Comunità ebraica <strong>to</strong>rinese, dopo<br />

gli arresti degli ebrei antifascisti a Ponte Tresa e conseguente processo, si sente chiamata in<br />

causa e decide di professare più apertamente i propri ideali di lealtà a Mussolini inaugurando<br />

le pubblicazioni di una rivista, “ La nostra Bandiera “ alla cui direzione, per un breve periodo,<br />

all’inizio d<strong>el</strong> 1937, è chiama<strong>to</strong> lo stesso <strong>Disegni</strong>. Le sue dimissioni dalla direzione d<strong>el</strong>la “<br />

Nostra Bandiera”, l’8 apr<strong>il</strong>e 1937, ribadite a più riprese, con dichiarazioni pubbliche che<br />

non si prestano ad equivoci, testimoniano la diffi coltà d<strong>el</strong> momen<strong>to</strong>, le incertezze di fronte<br />

alla più generale tensione che in quei mesi viene scuotendo la società italiana.<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> sembra muoversi fra la lealtà istituzionale verso <strong>il</strong> governo e <strong>il</strong> senso di<br />

appartenenza alla nazione che aveva reso gli ebrei cittadini eguali: «Benché non iscrit<strong>to</strong> al<br />

189<br />

Alber<strong>to</strong> Cavaglion


PNF si dimostra favorevole alle attuali direttive, e di sentimenti italiani», leggiamo n<strong>el</strong>la<br />

R<strong>el</strong>azione d<strong>el</strong> Prefet<strong>to</strong> di Torino al Ministro d<strong>el</strong>l’Interno circa la sua condotta morale<br />

e politica d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> (8 dicembre 1937). Sempre in qu<strong>el</strong>le settimane<br />

aveva inizia<strong>to</strong> a circolare un documen<strong>to</strong> di alcuni Rabbini, fra cui Toaff, Cast<strong>el</strong>bolognesi<br />

e Ot<strong>to</strong>lenghi, con un’esortazione a far sentire la prop<strong>ria</strong> voce, per non essere d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong><br />

esau<strong>to</strong>rati, un documen<strong>to</strong> al quale <strong>Disegni</strong> aderisce n<strong>el</strong>l’agos<strong>to</strong> d<strong>el</strong> 1937.<br />

Quando la campagna razziale prenderà avvio due sono i documenti centrali cui<br />

possiamo appoggiarci: la lettera al Re con <strong>il</strong> richiamo alla funzione d<strong>el</strong> sovrano di garante<br />

costituzionale d<strong>el</strong>lo Statu<strong>to</strong> in mate<strong>ria</strong> di eguaglianza dei cittadini e qu<strong>el</strong>la al Duce, n<strong>el</strong>la<br />

quale si <strong>ria</strong>ssume la complessità d<strong>el</strong>la situazione in cui si stava precipitando e dove al<br />

rinnovarsi di un sentimen<strong>to</strong> di adesione alla lealtà nazionale si avanza anche <strong>il</strong> sospet<strong>to</strong><br />

che <strong>il</strong> governo progetti di introdurre n<strong>el</strong>la legislazione nazionale «discriminazioni in odio<br />

ai cittadini di r<strong>el</strong>igione ebraica».<br />

190


Fascismo, nazismo, guerra<br />

La successione di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> a Giacomo Bolaffi o<br />

sulla Cattedra di R<strong>abbino</strong> Capo a Torino<br />

191<br />

1 Circolare d<strong>el</strong> Presidente<br />

d<strong>el</strong>la Comunità, Generale<br />

Guido Liuzzi che comunica<br />

le dimissioni di Giacomo<br />

Bolaffi o e la designazione di<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> a R<strong>abbino</strong> di<br />

Torino<br />

2 maggio 1935<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 15.1<br />

cm 28,5x22,5


192<br />

2 Decre<strong>to</strong> prefettizio di<br />

nomina di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> a<br />

R<strong>abbino</strong> d<strong>el</strong>la Comunità di<br />

Torino<br />

24 settembre 1935<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 15.1<br />

cm 28,5 x 22,5


193<br />

3 Discorso di insediamen<strong>to</strong><br />

di Rav <strong>Disegni</strong><br />

28 settembre 1935<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 15.2<br />

cm 24 x 16


194<br />

4 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

con le insegne rabbiniche<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 29<br />

cm 13,6 x 8,6


Il contras<strong>to</strong> all’interno d<strong>el</strong>la Comunità isra<strong>el</strong>itica di Torino<br />

tra conformismo politico e percezione d<strong>el</strong> pericolo<br />

195<br />

5 “La Nostra Bandiera<br />

Settimanale degli italiani<br />

di r<strong>el</strong>igione ebraica”<br />

Diret<strong>to</strong>ri Deoda<strong>to</strong> Foa e<br />

Et<strong>to</strong>re Ovazza<br />

Anno I, numero 5,<br />

31 maggio 1934<br />

Biblioteca d<strong>el</strong> Centro Gobetti<br />

cm 49,5 x 36


196<br />

6 La direzione di Rav<br />

<strong>Disegni</strong> d<strong>el</strong> settimanale<br />

“La Nostra Bandiera”<br />

28 febbraio 1937<br />

Archivio Corrente d<strong>el</strong>la Comunità<br />

Ebraica di Torino, Uffi cio Rabbinico,<br />

Corrispondenza 1937, cart<strong>el</strong>la 169,<br />

fasc. 3<br />

cm 24 x 17,5


197<br />

7 Le dimissioni di Rav<br />

<strong>Disegni</strong> dalla direzione de<br />

“La Nostra Bandiera”<br />

8 apr<strong>il</strong>e 1937<br />

Archivio Corrente d<strong>el</strong>la Comunità<br />

Ebraica di Torino, Uffi cio Rabbinico,<br />

Corrispondenza 1937, cart<strong>el</strong>la 169,<br />

fasc. 3<br />

cm 28,4 x 22,5


198<br />

8 Rav <strong>Disegni</strong> ribadisce<br />

le proprie dimissioni dalla<br />

direzione d<strong>el</strong> settimanale<br />

“La Nostra Bandiera”<br />

18 apr<strong>il</strong>e 1937<br />

Archivio Corrente d<strong>el</strong>la Comunità<br />

Ebraica di Torino, Uffi cio Rabbinico,<br />

Corrispondenza 1937, cart<strong>el</strong>la 169,<br />

fasc. 3.<br />

cm 28,4 x 22,5


Il R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> tra lealtà istituzionale<br />

verso <strong>il</strong> Governo e adesione all’iniziativa<br />

di au<strong>to</strong>difesa d<strong>el</strong>l’ebraismo<br />

199<br />

9 R<strong>el</strong>azione d<strong>el</strong> Prefet<strong>to</strong><br />

di Torino al Ministro<br />

d<strong>el</strong>l’Interno circa la condotta<br />

morale e politica d<strong>el</strong><br />

R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

8 dicembre 1937<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 5.6<br />

cm 30 x 21,5<br />

“Benché non iscrit<strong>to</strong> al PNF<br />

si dimostra favorevole alle<br />

attuali direttive, e di sentimenti<br />

italiani”<br />

(Dalla R<strong>el</strong>azione d<strong>el</strong> Prefet<strong>to</strong> di<br />

Torino, 8 dicembre 1937)


200<br />

10 Lettera dei Rabbini Toaff,<br />

Cast<strong>el</strong>bolognesi e Ot<strong>to</strong>lenghi<br />

Roma, 22 agos<strong>to</strong> 1937<br />

Archivio Corrente d<strong>el</strong>la Comunità<br />

ebraica di Torino, Uffi cio Rabbinico,<br />

Corrispondenza 1937, cart<strong>el</strong>la 169,<br />

fasc. 3<br />

cm 20,4 x 22,5<br />

“Troppo a lungo abbiamo<br />

taciu<strong>to</strong>, mancando al nostro<br />

dovere di Maestri e rischiando<br />

di esau<strong>to</strong>rarci d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong>, mentre<br />

particolarmente in ques<strong>to</strong><br />

momen<strong>to</strong> la nostra parola è<br />

necessa<strong>ria</strong> ed anche desiderata”<br />

(Dalla Lettera dei Rabbini Toaff,<br />

Cast<strong>el</strong>bolognesi e Ot<strong>to</strong>lenghi -<br />

Roma, 22 agos<strong>to</strong> 1937)


201<br />

11 L’adesione di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> all’app<strong>el</strong>lo dei<br />

Rabbini, attestata dal<br />

contribu<strong>to</strong> di Lire 700<br />

10 ot<strong>to</strong>bre 1937<br />

Archivio Corrente d<strong>el</strong>la Comunità<br />

ebraica di Torino, Uffi cio Rabbinico,<br />

Corrispondenza 1937, cart<strong>el</strong>la 169,<br />

fasc. 3<br />

cm 24 x 17,5


202<br />

Il manifes<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>la Razza:<br />

la presa di posizione<br />

d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong><br />

12 La lettera di Rav<br />

<strong>Disegni</strong> al Re: <strong>il</strong> richiamo<br />

alla funzione d<strong>el</strong> sovrano<br />

di garante costituzionale<br />

d<strong>el</strong>lo Statu<strong>to</strong> in mate<strong>ria</strong> di<br />

eguaglianza dei cittadini<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 15.5<br />

cm 31 x 21<br />

“Maestà,<br />

Un’ombra di tristezza e di<br />

dubbio ass<strong>il</strong>la da alcune<br />

settimane un esiguo ma onora<strong>to</strong><br />

gruppo di Vostri sudditi, non<br />

meno degli altri fed<strong>el</strong>i alla<br />

Nazione ed alla gloriosa<br />

Dinastia vostra, gli Ebrei<br />

d’Italia.<br />

Rendendoci spontaneamente<br />

interpreti di tali sentimenti,<br />

abbiamo risol<strong>to</strong> di rivolgerci<br />

alla Maestà Vostra, a nome<br />

di tutti i corr<strong>el</strong>igionari d<strong>el</strong>la<br />

Penisola, affi nché siano pres<strong>to</strong> e<br />

per sempre fugate tali angustie”<br />

(Incipit d<strong>el</strong>la La lettera di Rav<br />

<strong>Disegni</strong> al Re)


203<br />

13 L’articolata lettera di Rav<br />

<strong>Disegni</strong> al Capo d<strong>el</strong> Governo<br />

Mussolini: <strong>il</strong> sospet<strong>to</strong> che<br />

<strong>il</strong> governo progetti di<br />

introdurre n<strong>el</strong>la legislazione<br />

nazionale “discriminazioni in<br />

odio ai cittadini di r<strong>el</strong>igione<br />

ebraica”<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 15.5<br />

cm 31 x 21<br />

“… la dichiarazione d<strong>el</strong> 15<br />

luglio, formulata in argomen<strong>to</strong><br />

da alcuni studiosi d<strong>el</strong>le nostre<br />

Università, l’<strong>il</strong>lustrazione<br />

fornitane <strong>il</strong> 25 successivo dal<br />

Ministro Segretario d<strong>el</strong> Parti<strong>to</strong>,<br />

l’enunciazione Vostra d<strong>el</strong> 30<br />

luglio hanno cagiona<strong>to</strong> in<br />

taluni, ebrei e non, <strong>il</strong> sospet<strong>to</strong><br />

che si progetti dal Governo<br />

Fascista di introdurre n<strong>el</strong>la<br />

legislazione nazionale<br />

discriminazioni in odio ai<br />

cittadini di r<strong>el</strong>igione ebraica”<br />

(Dalla lettera di Rav <strong>Disegni</strong> al<br />

Capo d<strong>el</strong> Governo Mussolini)


La continuità d<strong>el</strong> ruolo n<strong>el</strong>l’ora d<strong>el</strong>la prova:<br />

cul<strong>to</strong>, assistenza, istruzione<br />

n<strong>el</strong>l’opera d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong><br />

204<br />

Cul<strong>to</strong><br />

14 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

per Ros Hashanah 1941<br />

ut<strong>il</strong>izza<strong>to</strong> pure n<strong>el</strong> 1942<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 29<br />

cm 22 x 15<br />

“…L’anno 5701 testè decorso<br />

fu un anno tragico na<strong>to</strong><br />

n<strong>el</strong> sangue, tramonta n<strong>el</strong><br />

sangue. Esso segna un’altra<br />

tappa dolorosissima durante la<br />

quale la sofferenza ebraica in<br />

particolar modo si è ancora più<br />

accentuata… E questa festività<br />

che segna anzi inizia <strong>il</strong> periodo<br />

annuale d<strong>el</strong>la penitenza è di<br />

anno in anno <strong>il</strong> richiamo<br />

periodico alla gravità d<strong>el</strong><br />

compi<strong>to</strong>, alla terrib<strong>il</strong>e<br />

responsab<strong>il</strong>ità che la s<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

e l’idea hanno impos<strong>to</strong> a<br />

Isra<strong>el</strong>e…”<br />

(Dal discorso di Rav <strong>Disegni</strong> per<br />

Ros Hashanah 1941)


205<br />

15 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

per Pesah (Pasqua ebraica)<br />

1941<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 34<br />

cm 22 x 15<br />

“… I tempi in cui viviamo sono<br />

pieni di oscurità. Ci troviamo<br />

di fronte ad una grande prova<br />

la quale richiede <strong>il</strong> sostegno di<br />

tutta la m<strong>il</strong>lena<strong>ria</strong> fede. Nei<br />

momenti in cui ci assale la<br />

tristezza, pensiamo alla nostra<br />

lunga e dolorosissima s<strong>to</strong><strong>ria</strong><br />

e al modo in cui gli avi<br />

n<strong>el</strong>le varie età superarono<br />

terrib<strong>il</strong>i innumeri vicende,<br />

affi nché anche questa diffi c<strong>il</strong>e<br />

situazione possa essere superata<br />

con dignità…”<br />

(Dal discorso di Rav <strong>Disegni</strong> per<br />

Pesah, 1941)


206<br />

16 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

per Kippur 1940, ut<strong>il</strong>izza<strong>to</strong><br />

pure n<strong>el</strong> 1942<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, 30/2<br />

cm 22 x 15<br />

“…In mezzo alle tristezze<br />

d<strong>el</strong>l’ora presente ci raggiunge<br />

questa sacra giornata… Ma<br />

la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> insegna che Isra<strong>el</strong>e<br />

non si ravvede, non <strong>ria</strong>cquista<br />

la capacità d<strong>el</strong> bene, che<br />

attraverso sofferenze e sot<strong>to</strong><br />

la stretta di eventi gravi. È<br />

ques<strong>to</strong> un giudizio psicologico o<br />

s<strong>to</strong>rico, degli antichi e venerati<br />

nostri maestri…”<br />

(Dal Discorso di Rav <strong>Disegni</strong> per<br />

Kippur 1940)


207<br />

L’ Ospizio:<br />

Assistenza<br />

17 L’opera<strong>to</strong> d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong><br />

<strong>Disegni</strong>: due lettere al<br />

R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong><br />

19 marzo 1943 e una<br />

lettera priva di data<br />

Archivio Terracini, Archivio s<strong>to</strong>rico<br />

d<strong>el</strong>la Comunià, fasc. 554<br />

cm 17 x 15,5


208<br />

L’orfanotrofi o:<br />

18 I bambini d<strong>el</strong>l’educa<strong>to</strong>rio<br />

isra<strong>el</strong>itico Enrichetta<br />

Sacerdote di via Or<strong>to</strong><br />

Botanico in Torino<br />

s. d.<br />

Proprietà privata<br />

La fo<strong>to</strong>grafi a è tratta da: Alber<strong>to</strong><br />

Cavaglion (a cura di), Quando si<br />

inizia?, Torino 2005


209<br />

19 Lo sfollamen<strong>to</strong> degli<br />

orfani a Casale<br />

29 Dicembre 1942<br />

Archivio Terracini, Archivio s<strong>to</strong>rico<br />

d<strong>el</strong>la Comunità, fasc. 521<br />

cm 29,2 x 22,5


210<br />

L’appoggio alla<br />

D<strong>el</strong>egazione Assistenza<br />

Emigranti Ebrei<br />

(DELASEM)<br />

20 Circolare d<strong>el</strong>l’Unione<br />

Comunità Isra<strong>el</strong>itiche<br />

Italiane per la raccolta di<br />

fondi per <strong>il</strong> sussidio e<br />

contribu<strong>to</strong> di Lire 40.000<br />

mens<strong>il</strong>i richies<strong>to</strong> alla<br />

Comunità Isra<strong>el</strong>itica di<br />

Torino per l’assistenza ai<br />

profughi<br />

16 febbraio 1942<br />

Archivio Terracini, DELASEM,<br />

Assistenza, Circolari e Contab<strong>il</strong>ità,<br />

fasc. 2<br />

cm 18 x 28


211<br />

21 Elenco degli ebrei<br />

maschi superiori ai 18<br />

anni che n<strong>el</strong>l’ot<strong>to</strong>bre 1943<br />

risultavano presenti n<strong>el</strong><br />

campo di concentramen<strong>to</strong><br />

tedesco in Borgo San<br />

Dalmazzo<br />

4 luglio 1945<br />

Archivio Terracini, Archivio d<strong>el</strong>la<br />

Comunità Ebraica, fasc. 337<br />

cm 29,5 x 21


212<br />

22 Richiesta alla Comunità<br />

Isra<strong>el</strong>itica di Torino per la<br />

raccolta di oggetti vari da<br />

destinare ai profughi<br />

Lettera 14 maggio 1942<br />

Archivio Terracini, DELASEM,<br />

Assistenza, Circolari e Contab<strong>il</strong>ità,<br />

fasc. 2<br />

cm 18 x 28


213<br />

22.a Richiesta alla<br />

Comunità Isra<strong>el</strong>itica di<br />

Torino per la raccolta di<br />

oggetti vari da destinare ai<br />

profughi<br />

Lettera 8 maggio1942<br />

Archivio Terracini, DELASEM,<br />

Assistenza, Circolari e Contab<strong>il</strong>ità,<br />

fasc. 2<br />

cm 18 x 28


214<br />

Per la continuità<br />

d<strong>el</strong>l’ebraismo attraverso<br />

l’insegnamen<strong>to</strong><br />

23 La scuola Rabbinica<br />

di Torino: discorso di<br />

inaugurazione<br />

25 maggio 1942<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 79.1<br />

cm 22 x 15


Guerra <strong>to</strong>tale, persecuzione, es<strong>il</strong>io,<br />

deportazione


Guerra e persecuzione a Torino: due percorsi intrecciati<br />

217<br />

Fabio Levi<br />

Sin dai primi mesi la guerra impose alla città le sue regole e i suoi altissimi prezzi: la<br />

mob<strong>il</strong>itazione per <strong>il</strong> fronte ben pres<strong>to</strong> resa più minacciosa dallo spettro d<strong>el</strong>la spedizione<br />

in Russia, le violente incitazioni d<strong>el</strong>la propaganda, le diffi coltà a spostarsi sul terri<strong>to</strong>rio, le<br />

restrizioni alimentari e <strong>il</strong> razionamen<strong>to</strong>, e poi l’infl azione, un paesaggio urbano dissemina<strong>to</strong><br />

di rovine e tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> res<strong>to</strong>. Tan<strong>to</strong> che per i molti che avevano sin lì credu<strong>to</strong> con convinzione<br />

n<strong>el</strong> duce la sua decisione di partecipare alle ost<strong>il</strong>ità al fi anco di Hitler fu <strong>il</strong> primo vero<br />

momen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la verità sul fascismo. E ques<strong>to</strong> valeva ovviamente per tutti, compresi gli<br />

ebrei, che tuttavia ad una vita tranqu<strong>il</strong>la e senza scosse avevano dovu<strong>to</strong> rinunciare da non<br />

poco tempo. Il trauma per loro era venu<strong>to</strong> due anni prima che per tutti gli altri e già aveva<br />

avu<strong>to</strong> modo di far sentire <strong>il</strong> suo peso mate<strong>ria</strong>le e psicologico; a maggior ragione in una<br />

realtà di solida integrazione come qu<strong>el</strong>la <strong>to</strong>rinese, dove la separazione e l’emarginazione<br />

imposte dalle leggi d<strong>el</strong> ’38 erano entrate in confl it<strong>to</strong> in forma tan<strong>to</strong> più innaturale con le<br />

abitudini acquisite nei decenni precedenti. Per gli ebrei la guerra si presentava dunque<br />

come un colpo ulteriore, come un nuovo pericoloso smottamen<strong>to</strong> su un pendio già<br />

frana<strong>to</strong>, tale oltre tut<strong>to</strong> da accentuare le peculiarità d<strong>el</strong>la loro situazione rispet<strong>to</strong> a qu<strong>el</strong>la<br />

d<strong>el</strong> res<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la popolazione.<br />

Ad esempio: a parità di condizione sociale gli ebrei erano destinati a patire più degli<br />

altri le ristrettezze economiche. Se poi, cer<strong>to</strong>, essi erano al riparo dall’arruolamen<strong>to</strong><br />

n<strong>el</strong>l’eserci<strong>to</strong> perché ritenuti indegni di combattere per la pat<strong>ria</strong>, d’altro can<strong>to</strong> dovevano<br />

subire proprio per ques<strong>to</strong> l’accusa di essere dei parassiti o addirittura dei tradi<strong>to</strong>ri, tan<strong>to</strong><br />

che in molti patirono un profondo senso di frustrazione; alcuni addirittura rivendicarono<br />

apertamente <strong>il</strong> proprio dirit<strong>to</strong> di vestire l’uniforme per poter servire l’Italia. Senza<br />

dimenticare che n<strong>el</strong> caso di matrimoni misti i geni<strong>to</strong>ri ebrei erano comunque perseguitati<br />

e i fi gli maschi partivano per <strong>il</strong> fronte come tutti gli altri. In questa situazione cominciava<br />

a insinuarsi negli animi più scettici e consapevoli l’idea che in defi nitiva per l’Italia fosse<br />

quasi meglio perdere la guerra. E che fra gli ebrei ci fosse chi la pensava in ques<strong>to</strong> modo<br />

risultava anche dai rapporti di polizia, attenti a registrare in ogni momen<strong>to</strong> i mutamenti<br />

negli umori d<strong>el</strong>l’opinione pubblica.<br />

In aggiunta a tut<strong>to</strong> <strong>il</strong> res<strong>to</strong> i bombardamenti alleati non si fecero attendere; la guerra,<br />

divenuta oramai guerra <strong>to</strong>tale, poteva uccidere anche dentro le pareti domestiche, in<br />

qualsiasi momen<strong>to</strong>. Fino a che n<strong>el</strong>l’autunno d<strong>el</strong> ’42, a ridosso d<strong>el</strong>la svolta che avrebbe<br />

segna<strong>to</strong> l’inizio d<strong>el</strong>la sconfi tta per le forze d<strong>el</strong>l’Asse, gli attacchi a ondate dal ci<strong>el</strong>o si<br />

fecero ripetuti e devastanti. Di fronte a qu<strong>el</strong> rischio estremo si era tutti più soli. La città,<br />

svuotata per lo sfollamen<strong>to</strong> di metà dei suoi abitanti, aveva perdu<strong>to</strong> gran parte d<strong>el</strong>la sua<br />

centralità. La popolazione – e insieme molti ebrei – o si era trasferita stab<strong>il</strong>mente nei<br />

terri<strong>to</strong>ri circostanti o pendolava fra m<strong>il</strong>le diffi coltà. Il 20 novembre le bombe colpirono<br />

anche gli edifi ci d<strong>el</strong>la comunità e la sinagoga grande, mandando in fumo fra l’altro gran<br />

parte d<strong>el</strong>le carte su cui era registrata la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> degli ebrei <strong>to</strong>rinesi: un colpo mortale e


un presagio funes<strong>to</strong>. Anche a ques<strong>to</strong> aveva porta<strong>to</strong> <strong>il</strong> regime, n<strong>el</strong> quale malgrado tut<strong>to</strong><br />

non pochi continuavano a nutrire fi ducia. Eppure <strong>il</strong> clima si era fat<strong>to</strong> via via sempre<br />

più pesante. Come ricorda Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m n<strong>el</strong> suo diario, <strong>il</strong> 16 ot<strong>to</strong>bre d<strong>el</strong> ’41 proprio<br />

vicino al tempio erano comparsi manifestini razzisti carichi di minacce; <strong>il</strong> controllo di<br />

polizia sulla minoranza ebraica, percepita come sempre meno affi dab<strong>il</strong>e, si faceva via<br />

via più stret<strong>to</strong>; n<strong>el</strong> maggio d<strong>el</strong> ’42 agli uomini validi “di razza ebraica” venne imposta<br />

l’um<strong>il</strong>iazione d<strong>el</strong> lavoro obbliga<strong>to</strong>rio spesso esibi<strong>to</strong> sulla pubblica via, cui molti riuscirono<br />

a sottrarsi grazie a provvidenziali certifi cati medici, ma che ciò nonostante rappresentò<br />

un sal<strong>to</strong> ulteriore sulla strada d<strong>el</strong>l’isolamen<strong>to</strong> e d<strong>el</strong>l’emarginazione. Senza dimenticare<br />

i profughi stranieri, arrivati anche in Piemonte per sottrarsi alle violente persecuzioni<br />

n<strong>el</strong>l’Europa centro-orientale, sot<strong>to</strong>posti a misure di internamen<strong>to</strong>, costretti in condizioni<br />

di cronica indigenza e affi dati alla rete di solidarietà dei corr<strong>el</strong>igionari – organizzati n<strong>el</strong>la<br />

DELASEM – e d<strong>el</strong>le persone di buona volontà.<br />

Fino a che, dopo la breve parentesi di speranza successiva alla caduta di Mussolini,<br />

si arrivò alla svolta d<strong>el</strong>l’8 settembre. A qu<strong>el</strong> pun<strong>to</strong> la guerra, oltre che venire dal ci<strong>el</strong>o,<br />

si era avvicinata ormai a un passo dall’uscio di casa n<strong>el</strong>le fi gure pesanti e minacciose<br />

dei m<strong>il</strong>itari tedeschi in pattuglia lungo le vie principali. Per gli ebrei la realtà era ancora<br />

una volta mol<strong>to</strong> peggiore, perché le SS o, dopo poche settimane, i m<strong>il</strong>iti repubblichini<br />

non si fermavano di fronte a nulla e qu<strong>el</strong>l’uscio potevano violarlo in ogni momen<strong>to</strong>, per<br />

arrestare e per rubare a piene mani con <strong>il</strong> favore d<strong>el</strong>la legge. A ques<strong>to</strong> si aggiunse <strong>il</strong><br />

collasso d<strong>el</strong>l’eserci<strong>to</strong> e d<strong>el</strong>le istituzioni d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> che costrinse ognuno, dopo anni di<br />

soggezione e di d<strong>el</strong>ega, a doversi misurare in prima persona con le proprie responsab<strong>il</strong>ità,<br />

sulle cose grandi e piccole d<strong>el</strong>la vita di tutti i giorni. Gli ebrei erano già stati posti n<strong>el</strong>la<br />

condizione di dover imparare che cosa potesse signifi care dover fare da sé senza e contro<br />

le istituzioni – qu<strong>el</strong>le pubbliche o magari qu<strong>el</strong>le d<strong>el</strong>la loro stessa comunità, – e ora,<br />

anche su ques<strong>to</strong> terreno, erano i più esposti, senza documenti di identità, senza tessere<br />

annonarie, senza protezioni che non fossero l’abnegazione dei singoli disposti ad offrire<br />

loro aiu<strong>to</strong>. E i più deboli fra i deboli furono i primi a cadere in balia degli eventi: gli<br />

anziani costretti ad abbandonare l’ospizio isra<strong>el</strong>itico e i bambini che dovettero lasciare<br />

in tutta fretta l’orfanatrofi o di via Or<strong>to</strong> Botanico. Su tut<strong>to</strong> dominavano le prime notizie<br />

di morte certa, che venivano dal Lago Maggiore e dalle altre località n<strong>el</strong>le quali le SS<br />

avevano da<strong>to</strong> corso senza più alcuna remora alla politica di sterminio.<br />

Proprio n<strong>el</strong> momen<strong>to</strong> in cui diveniva estrema la pressione d<strong>el</strong> pericolo incombente si<br />

faceva tan<strong>to</strong> maggiore l’urgenza di decidere e si aprivano orizzonti fi no ad allora d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong><br />

impensab<strong>il</strong>i. Dover mettere al primo pos<strong>to</strong> la salvezza d<strong>el</strong>la vita prop<strong>ria</strong> e dei propri cari<br />

faceva sì che le cose, le case, i ruoli consolidati e mol<strong>to</strong> altro fi nissero in secondo piano,<br />

e ques<strong>to</strong> trasformava radicalmente la prospettiva immediata di ognuno. Anche se molti<br />

dei vincoli contratti in precedenza, di mentalità, di cultura o nei rapporti con gli altri,<br />

fi nirono per condizionare non poco i comportamenti dei singoli e, prima ancora, la loro<br />

capacità di rendersi con<strong>to</strong> più o meno tempestivamente di quan<strong>to</strong> stava accadendo,<br />

di individuare volta per volta le persone di cui potersi o non potersi fi dare, di fare la<br />

cosa giusta al momen<strong>to</strong> gius<strong>to</strong>.<br />

Per tutti esercitare la prop<strong>ria</strong> libertà – in ogni caso un’opportunità largamente inedita<br />

dopo vent’anni di fascismo – signifi cava in primo luogo fare di tut<strong>to</strong> per nascondersi o<br />

fuggire. Una città socialmente compartimentata e semivuota, come era la Torino di allora,<br />

non costituiva però un luogo in cui potersi fac<strong>il</strong>mente mimetizzare. D’altra parte andare<br />

lontano – in Svizzera o in altri paesi – non era cosa per molti: bisognava essere dotati<br />

di forte intraprendenza, non avere troppe responsab<strong>il</strong>ità verso altri obbligati comunque<br />

a restare, possedere denaro e r<strong>el</strong>azioni adeguate. Così, se pure molti ebrei furono in<br />

218


ogni caso costretti a rimanere e un numero forse più consistente che in altre città riuscì<br />

a emigrare, la salvezza venne n<strong>el</strong>la maggioranza dei casi dalla capacità d<strong>el</strong> terri<strong>to</strong>rio<br />

piemontese di assorbire i fuggitivi n<strong>el</strong>le campagne, nei paesi, dietro le mura di varie<br />

istituzioni r<strong>el</strong>igiose, n<strong>el</strong>le maglie insomma di una rete di solidarietà fatta in primo luogo<br />

di individui disposti a dare e a rischiare, ma anche di r<strong>el</strong>azioni più o meno estese e rese<br />

impermeab<strong>il</strong>i ai ricatti e alle minacce d<strong>el</strong> potere.<br />

Per una minoranza, ma non cer<strong>to</strong> trascurab<strong>il</strong>e, comportarsi da uomini liberi volle dire<br />

invece battersi in prima persona per la libertà prop<strong>ria</strong> e degli altri. A ragionare così furono<br />

per lo più giovani: ragazzi che si affacciavano ora alla vita pubblica e che, aggregandosi alle<br />

bande partigiane, operavano una drastica rottura esistenziale con <strong>il</strong> proprio passa<strong>to</strong>, ma<br />

– per l’età e per la provenienza – senza con ques<strong>to</strong> dover contraddire granché eventuali<br />

compromissioni passate con <strong>il</strong> regime. Per lo più essi avevano come retroterra famiglie<br />

n<strong>el</strong>le quali i valori d<strong>el</strong>l’antifascismo erano stati consapevolmente coltivati anche nei periodi<br />

peggiori o anche solo dove l’educazione impartita ai fi gli aveva sapu<strong>to</strong> mantenere una prop<strong>ria</strong><br />

digni<strong>to</strong>sa au<strong>to</strong>nomia da qu<strong>el</strong>la imposta a scuola e n<strong>el</strong>le organizzazioni giovan<strong>il</strong>i di regime. È<br />

comprensib<strong>il</strong>e a ques<strong>to</strong> pun<strong>to</strong> che si trattasse di ambienti per lo più poco coinvolti n<strong>el</strong>la vita<br />

di una comunità ebraica come qu<strong>el</strong>la <strong>to</strong>rinese permeata in profondità dalla cultura di regime.<br />

Di qui, quasi sempre, lo scarso peso di motivazioni più prop<strong>ria</strong>mente “ebraiche” alla base<br />

d<strong>el</strong>la sc<strong>el</strong>ta di fare <strong>il</strong> partigiano: una sc<strong>el</strong>ta che peraltro rimandava per sua natura a valori<br />

universali declinati, tan<strong>to</strong> più dalle ideologie allora prevalenti n<strong>el</strong> mondo d<strong>el</strong>la Resistenza, in<br />

una prospettiva non particolarmente attenta a valorizzare le differenze di carattere r<strong>el</strong>igioso<br />

o di altra natura. Di qui, a parte pochi casi, anche alcune d<strong>el</strong>le ragioni che portarono alla<br />

divaricazione così netta e tutta <strong>to</strong>rinese, destinata a manifestarsi negli ultimi venti mesi d<strong>el</strong><br />

confl it<strong>to</strong> all’interno d<strong>el</strong> mondo ebraico inteso in senso mol<strong>to</strong> la<strong>to</strong>, fra la forte presenza di<br />

un fascismo radicalizza<strong>to</strong> e, viceversa, <strong>il</strong> numero <strong>el</strong>eva<strong>to</strong> di giovani impegnati n<strong>el</strong>la guerra<br />

di liberazione.<br />

Incombeva però allora sulle sc<strong>el</strong>te di ognuno, e pesa tut<strong>to</strong>ra sulla memo<strong>ria</strong> di quegli<br />

avvenimenti pur a distanza di tanti anni, lo spettro d<strong>el</strong>la deportazione: gli ebrei arrestati<br />

n<strong>el</strong>la provincia di Torino e avviati allo sterminio furono 246, mentre qu<strong>el</strong>li arrestati fuori<br />

dalla provincia di Torino (ma ivi nati o residenti) e successivamente deportati furono 140.<br />

Ques<strong>to</strong> a dimostrazione che <strong>il</strong> percorso di chi si salvò fu ad ogni passo sogget<strong>to</strong> a rischi<br />

mortali e che n<strong>el</strong>la società circostante non mancarono cer<strong>to</strong> le complicità con le au<strong>to</strong>rità<br />

d<strong>el</strong>la RSI e con gli occupanti, tan<strong>to</strong> che i passi falsi, le debolezze o semplicemente<br />

la sfortuna furono pagate da molti irrevocab<strong>il</strong>mente e ad altissimo prezzo. O forse, di<br />

fronte allo strapotere nazifascista, non ha senso parlare né di passi falsi né di debolezze.<br />

Anche perché le ragioni che portarono ogni volta agli arresti rimasero quasi sempre<br />

imperscrutab<strong>il</strong>i per le vittime e, se vennero comprese, lo furono soltan<strong>to</strong> dopo, quando<br />

oramai non c’era più nulla da fare.<br />

Bibliografi a essenziale<br />

Fabio Levi (a cura di), L’ebreo in ogget<strong>to</strong>. L’applicazione d<strong>el</strong>la normativa antiebraica a Torino 1938-1943, Torino,<br />

S<strong>il</strong>vio Zanorani edi<strong>to</strong>re, 1991.<br />

Fabio Levi, Le case e le cose. La persecuzione degli ebrei <strong>to</strong>rinesi n<strong>el</strong>le carte d<strong>el</strong>l’EGELI 1938-1945, Archivio s<strong>to</strong>rico<br />

d<strong>el</strong>la Compagnia di San Paolo, Torino, 1998.<br />

Mich<strong>el</strong>e Sarfatti, Gli ebrei n<strong>el</strong>l’Italia fascista, Torino, Einaudi, 2000.<br />

Luca Ventura, Ebrei con <strong>il</strong> Duce. La nostra bandiera (1934-1938), Torino, Zamorani, 2002.<br />

Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m, Diari di un partigiano ebreo, a cura di Guri Schwarz, Torino, Bollati Boringhieri, 2008<br />

Stefania Dazzetti, L’au<strong>to</strong>nomia d<strong>el</strong>le Comunità ebraiche italiane n<strong>el</strong> Novecen<strong>to</strong>. Leggi, Intese, Statuti e regolamenti,<br />

Torino, Giuffré, 2008.<br />

Marie-Anne Matard-Bonucci, L’Italia fascista e la persecuzione degli ebrei, Bologna, Il Mulino, 2008.<br />

219


Guerra <strong>to</strong>tale, persecuzione, es<strong>il</strong>io, deportazione<br />

La Comunità <strong>to</strong>rinese n<strong>el</strong>la tragedia<br />

220<br />

La distruzione<br />

d<strong>el</strong> Tempio<br />

1.a Il tempio distrut<strong>to</strong><br />

20 novembre 1942<br />

Archivio Terracini, Fondo fo<strong>to</strong>grafi co<br />

cart<strong>el</strong>la 1, fasc. 14: n. 185<br />

cm 11 x 15,5


221<br />

1.b Il tempio distrut<strong>to</strong><br />

20 novembre 1942<br />

Archivio Terracini, Fondo fo<strong>to</strong>grafi co<br />

cart<strong>el</strong>la 1, fasc. 14: n. 201<br />

cm 18 x 12,7


222<br />

1.c Il tempio distrut<strong>to</strong><br />

20 novembre 1942<br />

Archivio Terracini, Fondo fo<strong>to</strong>grafi co<br />

cart<strong>el</strong>la 1, fasc. 14: n. 203<br />

cm 11 x 15,5


223<br />

1.d Il tempio distrut<strong>to</strong><br />

20 novembre 1942<br />

Archivio Terracini, Fondo fo<strong>to</strong>grafi co<br />

cart<strong>el</strong>la 1, fasc. 14: n. 205<br />

cm 15,5 x 10,8


224<br />

L’es<strong>il</strong>io doloroso<br />

2 Diario di Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m<br />

16 ot<strong>to</strong>bre 1941<br />

Trascrizione d<strong>el</strong> manifes<strong>to</strong><br />

con la segnalazione dei<br />

“sionisti” da <strong>el</strong>iminare.<br />

Archivio d<strong>el</strong>la Fondazione Centro di<br />

Documentazione Ebraica<br />

Contemporanea, CDEC, Fondo<br />

Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m<br />

cm 19 x 12,5


225<br />

3 Il raccon<strong>to</strong> di Primo Levi<br />

sulle reazioni cittadine al<br />

manifes<strong>to</strong>. “Ha Ke<strong>il</strong>lah”, IV,<br />

apr<strong>il</strong>e 1978<br />

Archivio Comunità Ebraica di Torino<br />

cm 31,5 x 21,7 (aper<strong>to</strong>)


226<br />

4 Un primo soggiorno ad<br />

Asti<br />

Augus<strong>to</strong> Segre, Memorie di<br />

vita ebraica. Casale<br />

Monferra<strong>to</strong>, Roma-<br />

Gerusalemme, 1918-1960,<br />

Bonacci Edi<strong>to</strong>re, Roma<br />

1979, p. 310<br />

cm 21 x 14,5


227<br />

5.a Un rifugio sicuro<br />

durante <strong>il</strong> periodo d<strong>el</strong>la<br />

clandestinità in Valdiv<strong>il</strong>la<br />

(Mango), 1 dicembre<br />

1943 - 23 apr<strong>il</strong>e 1945.<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e <strong>il</strong> nipotino<br />

<strong>Dario</strong> con i coniugi che<br />

li ospitarono dal 1943 al<br />

1945.<br />

1958<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 170<br />

cm 10 x 7


228<br />

5.b Un rifugio sicuro<br />

durante <strong>il</strong> periodo d<strong>el</strong>la<br />

clandestinità in Valdiv<strong>il</strong>la<br />

(Mango), 1 dicembre<br />

1943 - 23 apr<strong>il</strong>e 1945.<br />

<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e <strong>il</strong> nipotino<br />

<strong>Dario</strong> con i coniugi che<br />

li ospitarono dal 1943 al<br />

1945.<br />

1958<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 171<br />

cm 10 x 7


229<br />

6 Schedario vittime <strong>to</strong>rinesi<br />

d<strong>el</strong>la persecuzione razziale<br />

(schedario ed <strong>el</strong>enco<br />

datt<strong>il</strong>oscrit<strong>to</strong>)<br />

s. d.<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

S<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità Ebraica,<br />

fasc. 336, 337<br />

Schede cm 8,5 x 12<br />

Elenco cm 31 x 21


La tragedia entra n<strong>el</strong>la vita d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>:<br />

Annetta <strong>Disegni</strong> Vog<strong>el</strong>mann e la fi glia Siss<strong>el</strong>,<br />

deportate ad Auschwitz<br />

230<br />

Il matrimonio<br />

di Annetta con<br />

Schulim Vog<strong>el</strong>mann<br />

7 Ketubbah (contrat<strong>to</strong> di<br />

matrimonio) di Annetta<br />

<strong>Disegni</strong> e di Schulim<br />

Vog<strong>el</strong>mann<br />

26 marzo 1933<br />

Archivio B. e A. Terracini, Ketubboth<br />

n. 108<br />

cm 30 x 20,3


231<br />

8 Annetta e Schulim sposi<br />

Torino 26 marzo 1933<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 214<br />

cm 26,6 x 19,7<br />

9 Att<strong>il</strong>io Tedeschi, Fiori,<br />

sonet<strong>to</strong> per le nozze di<br />

Annetta<br />

26 marzo 1933<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.3<br />

cm 12 x 10


232<br />

10 Lettera d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong><br />

Mordechaj Vog<strong>el</strong>mann di<br />

Ka<strong>to</strong>wice (frat<strong>el</strong>lo di<br />

Schulim) in occasione d<strong>el</strong>le<br />

nozze<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.3<br />

cm 29 x 22


233<br />

11 Il discorso di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> per le nozze d<strong>el</strong>la<br />

fi glia Annetta<br />

26 marzo 1933<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.5<br />

cm 28 x 21,5<br />

“La vostra f<strong>el</strong>ice unione<br />

confortata dal sentimen<strong>to</strong> e<br />

dalla rettitudine d<strong>el</strong>le vostre<br />

anime <strong>el</strong>ette non conosca<br />

giammai la tristezza né mai<br />

l’incudine sulla quale <strong>il</strong><br />

mart<strong>el</strong>lo crud<strong>el</strong>e d<strong>el</strong> dolore<br />

venga a percuotere i suoi<br />

mestissimi colpi”.<br />

(Dal discorso di <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> per<br />

le nozze di Annetta)


234<br />

Siss<strong>el</strong><br />

12 Siss<strong>el</strong> in braccio alla<br />

mamma<br />

Settembre 1936<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 275<br />

cm 20,5 x 15


235<br />

13 Siss<strong>el</strong><br />

Fo<strong>to</strong>grafi a con dedica<br />

“al mio caro zio Lo”<br />

s. d., ma 1941-42,<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 206<br />

cm 13,4 x 8,5


236<br />

14 Bigliet<strong>to</strong> di Egidio che<br />

raccomanda la cus<strong>to</strong>dia<br />

d<strong>el</strong>la memo<strong>ria</strong> di Siss<strong>el</strong><br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.6<br />

cm 18 x 21,5<br />

15 Lettere e disegni di<br />

Siss<strong>el</strong> Vog<strong>el</strong>mann, raccolti<br />

dallo zio Egidio con la<br />

raccomandazione di<br />

“conservarli e tramandarli”:<br />

Carissima Nonna e zietta,<br />

s. d.<br />

cm 20,7 x 15<br />

Carissimo Zio, s. d.<br />

cm 20,7 x 15<br />

Carissimi Nonnini miei, s. d.<br />

cm 15,3 x 11,1<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.6


237<br />

15.a Lettere e disegni di<br />

Siss<strong>el</strong> Vog<strong>el</strong>mann, raccolti<br />

dallo zio Egidio con la<br />

raccomandazione di<br />

“conservarli e tramandarli”:<br />

Disegno con fi ori, (con<br />

scritta a matita “siss<strong>el</strong>”),<br />

s. d.<br />

cm 11 x 17<br />

Disegno con casetta, s. d.<br />

cm 14 x 9<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.6


238<br />

La deportazione<br />

16 Due lettere di <strong>Dario</strong><br />

<strong>Disegni</strong> 15 giugno e 20<br />

giugno 1945: <strong>il</strong> drammatico<br />

raccon<strong>to</strong> d<strong>el</strong> ri<strong>to</strong>rno di<br />

Schulim Vog<strong>el</strong>mann dalla<br />

deportazione<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 8.7<br />

cm 29,6 x 21


239


240<br />

17 Parokhet dona<strong>to</strong> alla<br />

Comunità Ebraica di Torino<br />

da Elvira <strong>Disegni</strong> in<br />

memo<strong>ria</strong> di Annetta e Siss<strong>el</strong><br />

Comunità Ebraica di Torino, Camera<br />

degli argenti, inv. n. P 2<br />

cm 187 x 92,5<br />

“Onde perpetuare la memo<strong>ria</strong><br />

d<strong>el</strong>la mia carissima Annetta …<br />

e d<strong>el</strong>la sua adorata bimba Siss<strong>el</strong><br />

rapite a noi n<strong>el</strong> 1945”<br />

1950


La rinascita


Le diffi coltà d<strong>el</strong>la ripresa n<strong>el</strong> dopoguerra<br />

243<br />

Fabio Levi<br />

La Liberazione tan<strong>to</strong> attesa di Torino coincise con la fatidica ora X, quando le<br />

formazioni partigiane scesero a valle e le truppe tedesche fi nalmente si ritirarono. N<strong>el</strong>la<br />

memo<strong>ria</strong> di chi partecipò a quei momenti decisivi essa è apparsa come un even<strong>to</strong><br />

puntuale: da qu<strong>el</strong> giorno nulla sarebbe più sta<strong>to</strong> come prima. Ben diversa è invece<br />

la percezione che gli ebrei hanno conserva<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la fi ne d<strong>el</strong>la discriminazione razziale:<br />

anche per loro <strong>il</strong> momen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la Liberazione è sta<strong>to</strong> ovviamente un passaggio cruciale,<br />

ma le conseguenze di quan<strong>to</strong> ad essi e solo ad essi era sta<strong>to</strong> impos<strong>to</strong> hanno pesa<strong>to</strong><br />

necessa<strong>ria</strong>mente per un tempo mol<strong>to</strong> lungo.<br />

Il 25 apr<strong>il</strong>e d<strong>el</strong> 1945 i riferimenti centrali d<strong>el</strong>la vita ebraica in città erano un cumulo<br />

di macerie. D<strong>el</strong> tempio rimanevano quasi solo le pericolanti pareti perimetrali, la scuola<br />

lì vicino era stata distrutta: anche la casa di riposo per gli anziani era crollata sot<strong>to</strong> i<br />

bombardamenti. Non c’era più, dunque, <strong>il</strong> luogo di riunione e di preghiera edifi ca<strong>to</strong> con<br />

tan<strong>to</strong> orgoglio per c<strong>el</strong>ebrare l’emancipazione e ci si doveva accontentare provviso<strong>ria</strong>mente<br />

d<strong>el</strong>l’aula magna dal liceo D’Azeglio; così pure erano state canc<strong>el</strong>late le istituzioni più<br />

rappresentative d<strong>el</strong>le altre due funzioni essenziali d<strong>el</strong>la realtà comunita<strong>ria</strong>, l’educazione<br />

e l’assistenza. E tut<strong>to</strong> ques<strong>to</strong> aveva senza dubbio una profonda valenza simbolica,<br />

come se <strong>il</strong> fascismo e la guerra fossero riusciti quasi a sradicare dalla città una sua<br />

componente essenziale, di cui fi no a pochi anni prima nessuno avrebbe mai pensa<strong>to</strong><br />

di poter fare a meno.<br />

Sarebbe sta<strong>to</strong> lungo e faticoso rimediare alle distruzioni. Alla scomparsa dei deportati<br />

però non si sarebbe rimedia<strong>to</strong> mai. Già fu necessario un tempo non breve per avere<br />

notizie certe su chi non sarebbe mai <strong>to</strong>rna<strong>to</strong>. Mol<strong>to</strong> di più ce ne volle per rassegnarsi<br />

alle perdite che avevano colpi<strong>to</strong> la gran parte d<strong>el</strong>le famiglie ebraiche <strong>to</strong>rinesi e che si<br />

aggiungevano a qu<strong>el</strong>le di parenti, amici e conoscenti di altre parti d’Italia. In assenza dei<br />

corpi, faticosamente si cercava almeno qualche informazione più o meno incerta n<strong>el</strong>le<br />

testimonianze dei pochi sopravvissuti.<br />

Né era fac<strong>il</strong>e ricominciare a vivere per chi via via riemergeva dai luoghi di rifugio e<br />

di fuga. Alla prima riunione convocata in comunità dal commissario Eugenio Norzi nei<br />

primi giorni di giugno d<strong>el</strong> ’45 gli iscritti censiti fi no a qu<strong>el</strong> momen<strong>to</strong> risultavano appena<br />

1060, poco più di un quar<strong>to</strong> dei quasi 4000 d<strong>el</strong> ’38 e appena un terzo dei 3000 ancora<br />

presenti n<strong>el</strong> ’43. Si temeva allora che gli scomparsi fossero addirittura un migliaio. Poi via<br />

via molti <strong>to</strong>rnarono, le famiglie si ricostituirono e <strong>il</strong> numero degli arrestati n<strong>el</strong>la provincia<br />

di Torino o di qu<strong>el</strong>li presi altrove fra i nati e i residenti n<strong>el</strong>la capitale subalpina si attestò<br />

in<strong>to</strong>rno ai 400. Ma era diffi c<strong>il</strong>e ricoprire nuovamente i posti di lavoro perduti, anche per<br />

chi aveva avu<strong>to</strong> un impiego pubblico come i molti insegnanti di vario ordine e grado,<br />

tan<strong>to</strong> che non furono in pochi a dover ricominciare da zero, <strong>to</strong>rnando magari alle attività<br />

dei padri, in primo luogo <strong>il</strong> commercio. Neppure per gli studenti era fac<strong>il</strong>e riprendere a<br />

studiare, dopo i lunghi periodi di interruzione e gli sconvolgimenti che avevano costret<strong>to</strong>


i più giovani a diventare adulti prima d<strong>el</strong> tempo. Né era così ovvio poter rioccupare le<br />

proprie case: a Torino, qu<strong>el</strong>le confi scate dallo Sta<strong>to</strong> erano rimaste in gran parte sot<strong>to</strong> la<br />

gestione d<strong>el</strong>l’EGELI, ma quasi sempre al prezzo di gravi saccheggi. Come pure richiedeva<br />

non poco coraggio dover <strong>ria</strong>nnodare da capo r<strong>el</strong>azioni spesso interrotte anni prima dalla<br />

vigliacche<strong>ria</strong> o dal tradimen<strong>to</strong> altrui. Per non dire di chi, <strong>to</strong>rna<strong>to</strong> dai Lager, non riusciva a<br />

trovare orecchie disposte ad ascoltare i racconti d<strong>el</strong>la deportazione.<br />

Insieme a tut<strong>to</strong> ques<strong>to</strong>, sul mondo ebraico <strong>to</strong>rinese pesava poi un’ombra ulteriore,<br />

dolorosa e carica di signifi cati simbolici: qu<strong>el</strong>la di Et<strong>to</strong>re Ovazza, che tanta parte aveva<br />

avu<strong>to</strong> n<strong>el</strong>l’esperienza de “La Nostra Bandiera” e che subi<strong>to</strong> dopo l’8 settembre era sta<strong>to</strong><br />

fra i primi ad essere trucida<strong>to</strong> dalle SS con i propri famigliari. La sua vicenda era vissuta<br />

come qualcosa di mol<strong>to</strong> più inquietante di un irrimediab<strong>il</strong>e fallimen<strong>to</strong>. Era come se su<br />

qu<strong>el</strong>la fi gura ricadesse una colpa quasi impronunciab<strong>il</strong>e: la colpa di aver credu<strong>to</strong> fi no<br />

all’ultimo, lui fra i massimi esponenti d<strong>el</strong>l’ebraismo <strong>to</strong>rinese e nazionale, nei perpetra<strong>to</strong>ri<br />

d<strong>el</strong>la politica di sterminio. Che poi ne fosse diventa<strong>to</strong> egli stesso una vittima e che fi no<br />

al ’43 Mussolini – in cui pure i bandieristi avevano ripos<strong>to</strong> tanta fi ducia – non avesse<br />

ancora deciso di porre <strong>il</strong> proprio sig<strong>il</strong>lo sul genocidio parevano a qu<strong>el</strong> pun<strong>to</strong> solo misere<br />

attenuanti. In realtà <strong>il</strong> problema non era solo Ovazza, ma un’ambiguità di atteggiamenti e<br />

un consenso al fascismo assai diffusi anche fra molti che erano riusciti a sopravvivere alla<br />

guerra; ora <strong>il</strong> terrib<strong>il</strong>e esi<strong>to</strong> dalla persecuzione avviata n<strong>el</strong> ’38 caricava quegli atteggiamenti<br />

e qu<strong>el</strong> consenso di valenze impensab<strong>il</strong>i prima d<strong>el</strong>lo sterminio e ne faceca una piaga<br />

dolorosissima, più fac<strong>il</strong>e da nascondere che da curare. E se la forte presenza di giovani<br />

ebrei n<strong>el</strong>le fi la d<strong>el</strong>la Resistenza e fra i suoi morti poteva essere percepita a posteriori<br />

quasi come una forma di riscat<strong>to</strong>, ques<strong>to</strong> non poteva far dimenticare che sulle sc<strong>el</strong>te di<br />

quei partigiani <strong>il</strong> fat<strong>to</strong> di essere ebrei aveva pesa<strong>to</strong> solo in piccola parte e, soprattut<strong>to</strong>, che<br />

essi si erano mossi al di fuori di qualsiasi logica comunita<strong>ria</strong>.<br />

In un tale contes<strong>to</strong> le frag<strong>il</strong>ità di ognuno si ripercuotevano sull’insieme d<strong>el</strong>la risorgente<br />

comunità e viceversa. Perché le istituzioni ebraiche potessero riprendersi dovettero<br />

contribuire a qu<strong>el</strong> pun<strong>to</strong> diversi fat<strong>to</strong>ri: la generosità di non poche fra le famiglie più<br />

abbienti, che contribuirono ad avviare la ricostruzione e a sostenere le persone in<br />

diffi coltà; l’impegno dei volontari, che servì a <strong>ria</strong>nimare la vita comunita<strong>ria</strong>; i contributi<br />

dall’estero d<strong>el</strong> Joint, che prolungò la prop<strong>ria</strong> attività in Italia oltre la fi ne d<strong>el</strong>la guerra,<br />

arrivando dopo qualche tempo ad assorbire anche le attività d<strong>el</strong>la DELASEM; la rinascita<br />

d<strong>el</strong>le organizzazioni giovan<strong>il</strong>i, stimolata dall’attiva presenza d<strong>el</strong>la Brigata ebraica subi<strong>to</strong><br />

dopo la Liberazione, dalla vicinanza ai profughi stranieri iscritti alle facoltà universitarie<br />

<strong>to</strong>rinesi e dalla sensib<strong>il</strong>ità per gli sforzi volti alla costituzione d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> di Isra<strong>el</strong>e.<br />

A ques<strong>to</strong> riguardo si dovette attendere fi no al luglio ’48 perché una comunità tut<strong>to</strong>ra<br />

saldamente n<strong>el</strong>le mani d<strong>el</strong>la generazione di coloro che l’avevano guidata prima d<strong>el</strong>la<br />

guerra e dove predominavano per lunga tradizione sentimenti assai poco fi losionisti<br />

come qu<strong>el</strong>la <strong>to</strong>rinese accettasse di riconoscere libera cittadinanza nei propri locali ad<br />

organizzazioni come <strong>il</strong> CGE (Centro Giovan<strong>il</strong>e Ebraico), <strong>il</strong> GEEDI (Giovani Esplora<strong>to</strong>ri<br />

Ebrei d’Italia), l’HECHALUZ (“Il pioniere”, associazione giovan<strong>il</strong>e impegnata a preparare<br />

chi intendeva “salire” in Isra<strong>el</strong>e) o l’USEI, l’organizzazione degli studenti. Oltre alla<br />

riparazione dei danni mate<strong>ria</strong>li subiti a causa dei bombardamenti, gli sforzi maggiori messi<br />

in campo da tutti quei soggetti furono dedicati – sot<strong>to</strong> lo stimolo fra gli altri d<strong>el</strong> r<strong>abbino</strong><br />

capo <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> – a garantire la ripresa d<strong>el</strong>la scuola e a porre le condizioni perché<br />

potesse riprendere vigore l’educazione ebraica a tutti i liv<strong>el</strong>li.<br />

Tut<strong>to</strong> ques<strong>to</strong> avveniva però in presenza di un da<strong>to</strong> d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> inedi<strong>to</strong> in particolare in<br />

una realtà ebraica come qu<strong>el</strong>la <strong>to</strong>rinese, così fortemente segnata dal proprio radicamen<strong>to</strong><br />

n<strong>el</strong> terri<strong>to</strong>rio e tradizionalmente poco esposta all’immigrazione: la presenza di migliaia di<br />

244


profughi provenienti soprattut<strong>to</strong> dall’Est europeo, reduci dalle persecuzioni e dai Lager,<br />

che attendevano anche mol<strong>to</strong> a lungo di poter intraprendere <strong>il</strong> viaggio per la Palestina o<br />

per le Americhe. Con i polacchi, gli ungheresi, i cecoslovacchi o i russi che componevano<br />

qu<strong>el</strong>l’universo variega<strong>to</strong> e scosso da indicib<strong>il</strong>i traumi la distanza di cultura e di esperienza<br />

era tuttavia mol<strong>to</strong> forte. Così <strong>il</strong> rappor<strong>to</strong> che ne nacque fu contraddit<strong>to</strong>rio. I profughi<br />

trovarono <strong>il</strong> loro principale pun<strong>to</strong> di raccolta n<strong>el</strong> campo costitui<strong>to</strong> dall’UNRRA a<br />

Grugliasco negli edifi ci d<strong>el</strong>l’ospedale psichiatrico: una popolazione che, fra arrivi e<br />

partenze, arrivò fi no alle 3000 unità presenti contemporaneamente si avvicendò per<br />

ben quattro anni, fi no al ’49, conducendo un’esistenza in larga misura separata sia<br />

dalla popolazione locale, sia dalla comunità <strong>to</strong>rinese, con propri ritmi di vita legati alle<br />

tradizioni dei paesi di provenienza, un proprio r<strong>abbino</strong> e propri obiettivi per <strong>il</strong> futuro.<br />

D’altra parte, non che le istanze d<strong>el</strong>l’ebraismo <strong>to</strong>rinese e neppure singoli individui si<br />

disinteressassero di tanti corr<strong>el</strong>igionari in diffi coltà; anzi, gli aiuti non mancarono, ma non<br />

riuscì a sv<strong>il</strong>upparsi se non in pochi casi una consuetudine quotidiana tale da incidere in<br />

forma durevole sulla s<strong>to</strong><strong>ria</strong> futura d<strong>el</strong>la comunità subalpina.<br />

Di quei profughi negli anni a venire non sarebbe rimas<strong>to</strong> quasi nessuno: gli orizzonti<br />

verso i quali essi si muovevano erano altri e la sosta a Grugliasco – non a caso n<strong>el</strong> ricordo<br />

successivo <strong>il</strong> luogo di riferimen<strong>to</strong> sarebbe sta<strong>to</strong> appun<strong>to</strong> qu<strong>el</strong>la piccola realtà di provincia<br />

e non Torino, pur situata a pochi ch<strong>il</strong>ometri – non fu mol<strong>to</strong> di più se non un lungo<br />

momen<strong>to</strong> di tregua e di preparazione. Come pure la ripresa d<strong>el</strong>la comunità <strong>to</strong>rinese<br />

si sarebbe compiuta in una prospettiva d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> au<strong>to</strong>noma dalla transi<strong>to</strong><strong>ria</strong> ventata di<br />

novità e di inedite sollecitazioni prodotta dalla presenza di tanti ebrei di altra origine<br />

e di altri costumi. Via via <strong>il</strong> tradizionale radicamen<strong>to</strong> n<strong>el</strong> terri<strong>to</strong>rio avrebbe ripreso <strong>il</strong><br />

sopravven<strong>to</strong>, anche se declina<strong>to</strong> in modi diversi. Così <strong>il</strong> peso d<strong>el</strong>l’antifascismo sarebbe<br />

diventa<strong>to</strong> prevalente, in una sorta di ribaltamen<strong>to</strong> rispet<strong>to</strong> a qu<strong>el</strong> che era sta<strong>to</strong> fi no a pochi<br />

anni prima, senza tuttavia un’adeguata rifl essione in proposi<strong>to</strong> che aiutasse a fare i conti<br />

col passa<strong>to</strong>. A qu<strong>el</strong>la svolta avrebbero contribui<strong>to</strong> in larga misura i più giovani, capaci di<br />

conquistare uno spazio sempre maggiore per le proprie idee e le proprie sensib<strong>il</strong>ità. D’altra<br />

parte Torino avrebbe sapu<strong>to</strong> conquistare ancora una volta un ruolo peculiare n<strong>el</strong> mondo<br />

ebraico italiano, grazie questa volta all’importanza che gli studi e l’educazione ebraica<br />

sv<strong>il</strong>uppatisi in<strong>to</strong>rno alla scuola Margulies avrebbero acquisi<strong>to</strong> n<strong>el</strong> tempo, facendone <strong>il</strong><br />

luogo di formazione di gran parte dei giovani rabbini chiamati ad animare l’ebraismo<br />

italiano d<strong>el</strong>la generazione successiva.<br />

Bibliografi a essenziale<br />

Giovanna D’Amico, Quando l’eccezione diventa regola, la reintegrazione degli ebrei n<strong>el</strong>l’Italia postfascista, Torino,<br />

Bollati Boringhieri, 2006.<br />

Sara Vinçon, Vite in transi<strong>to</strong> Il campo profughi di Grugliasco 1945-1949, Torino, S<strong>il</strong>vio Zamorani edi<strong>to</strong>re, di prossima<br />

pubblicazione.<br />

245


La rinascita<br />

Ricostruire a partire dalle rovine<br />

246<br />

1 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

in memo<strong>ria</strong> degli eroi martiri<br />

e dei sei m<strong>il</strong>ioni di ebrei<br />

sterminati<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 40<br />

cm 18 x 13,5


247<br />

2 Elenco dei deportati d<strong>el</strong>la<br />

Comunità Ebraica di Torino<br />

Schede in ordine alfabetico<br />

da A a Z<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità di Torino,<br />

fasc. 330-331<br />

cm 15,7 x 12


248<br />

3 Scoprimen<strong>to</strong> di una lapide<br />

in memo<strong>ria</strong> di Emanu<strong>el</strong>e<br />

Ar<strong>to</strong>m, “cadu<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la guerra<br />

di liberazione” 1940-1945<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità di Torino,<br />

fasc. 367<br />

cm 21 x 14,4


249<br />

La <strong>ria</strong>pertura d<strong>el</strong><br />

Tempio a Torino<br />

4 Discorso di Rav <strong>Disegni</strong><br />

per <strong>il</strong> “nuovo tempio risor<strong>to</strong><br />

dalle rovine”<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 42<br />

cm 18,5 x 14


250<br />

5 La <strong>ria</strong>pertura d<strong>el</strong> Tempio<br />

Ebraico in Torino dopo la<br />

guerra<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

fo<strong>to</strong>grafi co, busta 8, n. 195<br />

cm 15,3 x 10,8


251<br />

5.a La Liberazione. Soldati e<br />

uffi ciali inglesi e americani,<br />

insieme con membri d<strong>el</strong>la<br />

brigata ebraica, parlano agli<br />

ebrei riuniti davanti alle<br />

rovine d<strong>el</strong> Tempio. Compare<br />

<strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

fo<strong>to</strong>grafi co, busta 8, n. 183<br />

cm 10,8 x 15,3


252<br />

5.b La Liberazione. La<br />

“brigata ebraica” dinanzi al<br />

Tempio distrut<strong>to</strong><br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

fo<strong>to</strong>grafi co, busta 8, n. 186<br />

cm 10,8 x 15,3


253<br />

La riconquista<br />

d<strong>el</strong>lo spazio civ<strong>il</strong>e<br />

6 Proclamazione d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong><br />

d’Isra<strong>el</strong>e: discorso di Rav<br />

<strong>Disegni</strong><br />

6 dicembre 1947<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 52<br />

cm 18 x 14<br />

“È ben ques<strong>to</strong> <strong>il</strong> giorno che<br />

attendevamo, l’abbiamo<br />

raggiun<strong>to</strong> lo contempliamo.<br />

Ques<strong>to</strong> verset<strong>to</strong> pronunzia<strong>to</strong><br />

in allora con sconsolata<br />

tristezza da Geremia, per gli<br />

avvenimenti dolorosi a cui<br />

doveva assistere, mi ri<strong>to</strong>rna<br />

con insistenza alla memo<strong>ria</strong><br />

come pr<strong>el</strong>udimen<strong>to</strong> che valga a<br />

render meglio l’impressione di<br />

gioia, che entra n<strong>el</strong> mio spiri<strong>to</strong><br />

per l’avvenimen<strong>to</strong> eccezionale<br />

che in questi giorni si è<br />

prodot<strong>to</strong>: la creazione d<strong>el</strong>lo<br />

Sta<strong>to</strong> ebraico. Un’onda di<br />

memorie talvolta anche tristi,<br />

di affetti, di intensa<br />

commozione solleva oggi <strong>il</strong><br />

nostro animo e lo trasporta in<br />

un’atmosfera in cui non vivono<br />

nè grette passioni né pregiudizi<br />

in cui non risuona che una<br />

voce di esultanza …”<br />

(Dal discorso 6 dicembre 1947,<br />

Proclamazione d<strong>el</strong>lo Sta<strong>to</strong> ebraico)


254<br />

7 “Unione contro<br />

l’in<strong>to</strong>lleranza”, discorso<br />

tenu<strong>to</strong> dal R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong><br />

al teatro Gobetti in Torino<br />

21 febbraio 1948<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, fasc. 54<br />

cm 20 x 14


Riprendere <strong>il</strong> proget<strong>to</strong> educativo


Gli ebrei italiani e la scuola<br />

Le scuole ebraiche n<strong>el</strong>l’Italia liberale<br />

L’istruzione ha sempre avu<strong>to</strong> presso <strong>il</strong> popolo ebraico, “<strong>il</strong> popolo d<strong>el</strong> libro”, un<br />

ruolo di grande importanza, rappresentando uno dei principali strumenti attraverso i<br />

quali conservare e sv<strong>il</strong>uppare la prop<strong>ria</strong> identità. Benché nei secoli passati l’istruzione<br />

<strong>el</strong>ementare presso gli ebrei italiani non fosse obbliga<strong>to</strong><strong>ria</strong>, era così viva la riprovazione<br />

verso chi non era capace di seguire sul libro la recita d<strong>el</strong>le preghiere che la maggioranza<br />

degli uomini ed un buon numero tra le donne sapevano leggere e scrivere, per lo meno in<br />

caratteri ebraici. Era allora consuetudine impartire ai bambini un’educazione fortemente<br />

improntata alla r<strong>el</strong>igione, in modo che fosse ben radicata l’identifi cazione con <strong>il</strong> gruppo di<br />

appartenenza. Se le bambine potevano ricevere anche solo un’educazione impostata sugli<br />

aspetti rituali e sulla recita a memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le preghiere, i maschi, condizioni economiche<br />

permettendo, ne ricevevano una più approfondita, grazie alla quale riuscivano a discettare<br />

sul signifi ca<strong>to</strong> dei testi, sempre più complessi, con cui venivano messi a confron<strong>to</strong>. Nei<br />

maggiori centri d<strong>el</strong>la penisola si trovava normalmente un nucleo di maestri appositamente<br />

costitui<strong>to</strong>; nei minori, invece, l’insegnamen<strong>to</strong> era affi da<strong>to</strong> solo ad un r<strong>abbino</strong>. In ogni caso,<br />

ogni comunità ebraica aveva un luogo dedica<strong>to</strong> alla formazione e, a partire dal XVI secolo,<br />

la presenza di vere e proprie scuole di liv<strong>el</strong>lo <strong>el</strong>ementare divenne un fat<strong>to</strong> diffuso.<br />

Con l’emancipazione d<strong>el</strong> 1848 gli ebrei italiani, entrati a pieno ti<strong>to</strong>lo n<strong>el</strong>la società,<br />

ebbero la possib<strong>il</strong>ità di frequentare le scuole governative, essendo tra l’altro dispensati<br />

da tutti i doveri scolastici non compatib<strong>il</strong>i con la professione d<strong>el</strong> loro cul<strong>to</strong>. Spinti dal<br />

desiderio di una maggiore integrazione, molti ebrei sc<strong>el</strong>sero per i propri fi gli l’istruzione<br />

pubblica, tendenza che ricevette una forte acc<strong>el</strong>erazione dalla promulgazione d<strong>el</strong>la legge<br />

Casati d<strong>el</strong> 1859 che, oltre a sancire principi di grande portata innovativa come l’istruzione<br />

gratuita e obbliga<strong>to</strong><strong>ria</strong> e la parità dei sessi, sottrasse all’esclusiva competenza degli<br />

ecclesiastici l’insegnamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la r<strong>el</strong>igione, che venne affi da<strong>to</strong> ad un maestro laico.<br />

Una sim<strong>il</strong>e impostazione laica avrebbe ricevu<strong>to</strong> importanti conferme lungo tut<strong>to</strong> <strong>il</strong><br />

XIX e l’inizio d<strong>el</strong> XX secolo: negli anni ’70 d<strong>el</strong>l’800 si stab<strong>il</strong>ì che la r<strong>el</strong>igione cat<strong>to</strong>lica<br />

avrebbe dovu<strong>to</strong> essere insegnata solo agli scolari che ne avessero fatta esplicita richiesta<br />

e n<strong>el</strong> 1911, durante l’età giolittiana, la Daneo-Credaro r<strong>el</strong>egò l’insegnamen<strong>to</strong> r<strong>el</strong>igioso<br />

al di fuori d<strong>el</strong>le ore curricolari.<br />

Contemporaneamente le scuole ebraiche furono costrette ad adottare i programmi<br />

governativi, dando uno spazio prima non previs<strong>to</strong> alle cosiddette “materie civ<strong>il</strong>i”, e ad<br />

adeguare le proprie strutture in base ai rigidi dettami di agib<strong>il</strong>ità e sicurezza. La consistente<br />

emorragia di allievi che optarono per l’istruzione pubblica e gli oneri economici che i<br />

nuovi obblighi comportarono costrinsero molte scuole ebraiche a trasformarsi in istituti<br />

di accoglienza ed educazione per i bambini più poveri, offrendo agli altri solo qualche<br />

lezione pomeridiana di ebraismo.<br />

257<br />

Cristina Bonino Nascè


Il fascismo arrestò <strong>il</strong> virtuoso processo laico e liberale che aveva allora investi<strong>to</strong> la<br />

scuola, determinando una brusca inversione di tendenza. N<strong>el</strong> 1923, un anno dopo la sua<br />

salita al potere, Mussolini affi dò al fi losofo Gent<strong>il</strong>e <strong>il</strong> compi<strong>to</strong> di disegnare i contenuti<br />

di un’istruzione che da un la<strong>to</strong> si assicurasse l’appoggio d<strong>el</strong> cat<strong>to</strong>lico parti<strong>to</strong> popolare,<br />

dall’altro la<strong>to</strong> rispondesse alle esigenze di centralizzazione e di dipendenza dal potere<br />

politico proprie d<strong>el</strong> fascismo. La riforma Gent<strong>il</strong>e, animata da una concezione aris<strong>to</strong>cratica<br />

d<strong>el</strong>la cultura e d<strong>el</strong>l’educazione, diede vita ad una scuola “r<strong>el</strong>igiosa e poetica”, facendo<br />

d<strong>el</strong>l’insegnamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la r<strong>el</strong>igione cat<strong>to</strong>lica non più una sc<strong>el</strong>ta extracurricolare, ma<br />

al contrario “<strong>il</strong> fondamen<strong>to</strong> e coronamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’istruzione <strong>el</strong>ementare”, che avrebbe<br />

informa<strong>to</strong> di sé i contenuti di tutte le discipline scolastiche.<br />

A qu<strong>el</strong> pun<strong>to</strong> molti ebrei italiani ritennero necessario rinunciare all’istruzione offerta<br />

dallo Sta<strong>to</strong> e spinsero le scuole ebraiche ad organizzarsi per accogliere un’inaspettata<br />

affl uenza di bambini: n<strong>el</strong> 1924 a Roma venne aperta la scuola <strong>el</strong>ementare “Vit<strong>to</strong>rio<br />

Polacco”, mentre a M<strong>il</strong>ano fu completa<strong>to</strong> <strong>il</strong> ciclo scolastico che fi no a qu<strong>el</strong> momen<strong>to</strong><br />

aveva potu<strong>to</strong> contare solo su una prima <strong>el</strong>ementare annessa all’as<strong>il</strong>o infant<strong>il</strong>e.<br />

Le leggi razziali e la scuola<br />

Considerata la grande importanza assunta dalla scuola n<strong>el</strong>la politica fascista d<strong>el</strong><br />

“consenso” e d<strong>el</strong>la formazione di una nuova coscienza nazionale, non stupisce che <strong>il</strong><br />

primo set<strong>to</strong>re d<strong>el</strong>la società ad essere investi<strong>to</strong> dai provvedimenti antisemiti sia sta<strong>to</strong> qu<strong>el</strong>lo<br />

educativo. Con <strong>il</strong> decre<strong>to</strong> legge d<strong>el</strong> 5 settembre n. 1390, <strong>il</strong> cui contenu<strong>to</strong> era già sta<strong>to</strong><br />

anticipa<strong>to</strong> da alcune circolari inviate n<strong>el</strong> mese di agos<strong>to</strong> dal ministero d<strong>el</strong>l’Educazione<br />

Nazionale ai provvedi<strong>to</strong>ri e ret<strong>to</strong>ri scolastici, gli alunni e gli insegnanti ebrei vennero<br />

cacciati dalle scuole pubbliche di ogni ordine e grado. Uomini insigni furono costretti<br />

da un giorno all’altro ad abbandonare i propri ruoli, lasciando n<strong>el</strong>la cultura italiana un<br />

vuo<strong>to</strong> di considerevoli proporzioni. I professori ordinari cacciati dalle università furono<br />

97; 196 i liberi docenti e 200 i professori d<strong>el</strong>le scuole secondarie. Si tratta di dati che<br />

non solo dimostrano quan<strong>to</strong> pesasse quantitativamente l’appor<strong>to</strong> degli int<strong>el</strong>lettuali ebrei<br />

all’istruzione italiana, ma che diventano ancora più <strong>el</strong>oquenti se si considera <strong>il</strong> prestigio<br />

di molti tra i docenti espulsi.<br />

Proibire agli ebrei l’accesso alle scuole pubbliche signifi cava però disattendere<br />

all’obbligo, sanci<strong>to</strong> dalle disposizioni sull’istruzione <strong>el</strong>ementare, d<strong>el</strong>la scolarizzazione fi no<br />

al 14º anno di età. Poiché non era conveniente che qualcuno venisse esenta<strong>to</strong> dal rispet<strong>to</strong><br />

di una legge fascista, <strong>il</strong> ministro Bottai, mosso più da considerazioni di ordine politico<br />

che da un riguardo nei confronti degli isra<strong>el</strong>iti, con i decreti d<strong>el</strong> 23 settembre e d<strong>el</strong><br />

15 novembre cercò di risolvere una sim<strong>il</strong>e incongruenza. N<strong>el</strong> contes<strong>to</strong> di una completa<br />

emarginazione, quei decreti concedevano agli ebrei di provvedere alla prop<strong>ria</strong> istruzione,<br />

dando vita a proprie spese a scuole <strong>el</strong>ementari e medie n<strong>el</strong>le quali si sarebbero svolti i<br />

programmi governativi ad eccezione d<strong>el</strong>l’insegnamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>la r<strong>el</strong>igione cat<strong>to</strong>lica e, n<strong>el</strong>le<br />

medie, d<strong>el</strong>la cultura m<strong>il</strong>itare – disciplina d<strong>el</strong> res<strong>to</strong> inut<strong>il</strong>e, dal momen<strong>to</strong> che era vieta<strong>to</strong><br />

agli ebrei prestare servizio m<strong>il</strong>itare sia in pace sia in guerra. Anche i libri sarebbero<br />

stati qu<strong>el</strong>li ministe<strong>ria</strong>li, con opportuni adattamenti fi nanziati dalle comunità. Tali scuole<br />

avrebbero poi potu<strong>to</strong> ottenere <strong>il</strong> benefi cio d<strong>el</strong>la parifi ca, ossia <strong>il</strong> riconoscimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> valore<br />

legale degli studi e degli esami. Unico contribu<strong>to</strong> che lo Sta<strong>to</strong> avrebbe concesso ad un<br />

programma educativo le cui spese e diffi coltà di gestione sarebbero altrimenti ricadute<br />

sulle singole comunità sarebbe stata l’istituzione presso le scuole <strong>el</strong>ementari pubbliche<br />

di speciali sezioni per bambini ebrei, solo però n<strong>el</strong>le località in cui <strong>il</strong> numero dei possib<strong>il</strong>i<br />

utenti non fosse sta<strong>to</strong> inferiore a dieci.<br />

258


Dopo i primi e terrib<strong>il</strong>i giorni di sgomen<strong>to</strong> e incredulità, gli ebrei italiani si resero con<strong>to</strong><br />

d<strong>el</strong>la necessità di agire con tempestività per garantire ai propri fi gli un’istruzione <strong>il</strong> più<br />

possib<strong>il</strong>e completa. Accan<strong>to</strong> a qu<strong>el</strong>le già esistenti, altre scuole ebraiche vennero dunque<br />

istituite ex novo per iniziativa di dirigenti comunitari o sot<strong>to</strong> l’impulso di un comita<strong>to</strong> di<br />

geni<strong>to</strong>ri oppure ancora grazie agli sforzi dei professori cacciati dalle scuole pubbliche. A<br />

coordinare sim<strong>il</strong>i iniziative l’Unione d<strong>el</strong>le comunità istituì un “Comita<strong>to</strong> per i problemi<br />

scolastici” che ebbe anche <strong>il</strong> compi<strong>to</strong> di fornire informazioni e suggerimenti. Il ruolo<br />

svol<strong>to</strong> da tale organismo ebbe un’importanza r<strong>el</strong>ativa; l’attività che si sv<strong>il</strong>uppò n<strong>el</strong>le<br />

varie città fu invece frenetica. In soli due mesi furono infatti rese funzionanti 23 scuole<br />

<strong>el</strong>ementari, 14 scuole medie e commerciali e 2 “corsi integrativi di cultura” (corsi<br />

universitari) a Roma e a M<strong>il</strong>ano.<br />

La scuola ebraica di Torino<br />

N<strong>el</strong> 1938, rispet<strong>to</strong> a molte comunità italiane, qu<strong>el</strong>la di Torino si trovava in una<br />

situazione di indubbio vantaggio: già n<strong>el</strong> 1823 grazie al lasci<strong>to</strong> di due generosi dona<strong>to</strong>ri,<br />

Emanu<strong>el</strong>e Colonna Sinai e Samu<strong>el</strong> Vita Finzi, erano stati istituiti un as<strong>il</strong>o e una scuola<br />

<strong>el</strong>ementare affi ancati da un Orfanotrofi o, da un Patrona<strong>to</strong> e, n<strong>el</strong> 1935, da un doposcuola<br />

cui spettava <strong>il</strong> compi<strong>to</strong> di diffondere la cultura ebraica tra i ragazzi d<strong>el</strong>le medie inferiori<br />

e superiori, completando per qu<strong>el</strong> che concerneva lo studio d<strong>el</strong>l’ebraico la preparazione<br />

offerta dalle scuole pubbliche. Promo<strong>to</strong>re di tale servizio fu <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong>, che avvertì<br />

come urgente l’esigenza di garantire un’offerta formativa quan<strong>to</strong> più ampia possib<strong>il</strong>e,<br />

tan<strong>to</strong> da organizzare accan<strong>to</strong> al doposcuola dei cicli di serate di studio dedicati alla<br />

lingua e alla cultura ebraica.<br />

All’inizio degli anni ’30 la scuola, <strong>il</strong> doposcuola, l’Orfanotrofio e <strong>il</strong> Patrona<strong>to</strong><br />

procedevano dunque parall<strong>el</strong>amente, costituendo un’organizzazione educativa-assistenziale<br />

articolata ma insuffi ciente a garantire ai giovani ebrei <strong>to</strong>rinesi qu<strong>el</strong> comple<strong>to</strong> corso di<br />

studi di cui avrebbero avu<strong>to</strong> bisogno n<strong>el</strong> 1938. L’esigenza di affi ancare alle <strong>el</strong>ementari<br />

d<strong>el</strong>le scuole di liv<strong>el</strong>lo superiore era stata invero avvertita ancor prima d<strong>el</strong>le leggi razziali:<br />

n<strong>el</strong> 1912 <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> Elia Samu<strong>el</strong> Ar<strong>to</strong>m era riusci<strong>to</strong> con diffi coltà a dare vita ad un<br />

Istitu<strong>to</strong> tecnico che, insieme ai corsi ginnasiali e liceali d<strong>el</strong>la scuola rabbinica livornese,<br />

rappresentava allora l’unico esempio in Italia d’istruzione ebraica superiore; n<strong>el</strong> 1920,<br />

tuttavia, le diffi coltà economiche e la penu<strong>ria</strong> d<strong>el</strong>le iscrizioni obbligarono l’Istitu<strong>to</strong> a<br />

chiudere i battenti. Dopo i decreti d<strong>el</strong> settembre d<strong>el</strong> 1938 l’apertura di nuovi corsi di<br />

studio divenne una sc<strong>el</strong>ta obbligata. A qu<strong>el</strong> proget<strong>to</strong> dedicarono le loro energie i frat<strong>el</strong>li<br />

Alessandro e Benvenu<strong>to</strong> Terracini, entrambi professori universitari che, prima di partire<br />

per l’Argentina, si adoperarono per trovare i fondi necessari e per disegnare la fi sionomia<br />

che la nuova scuola ebraica avrebbe dovu<strong>to</strong> avere. Alcuni importanti dona<strong>to</strong>ri risposero<br />

con generosità e fi ducia all’app<strong>el</strong>lo dei Terracini, rendendo possib<strong>il</strong>e n<strong>el</strong> giro di pochi<br />

giorni l’apertura di cinque classi di ginnasio, tre di liceo classico, una scuola di avviamen<strong>to</strong><br />

e un istitu<strong>to</strong> tecnico, per un <strong>to</strong>tale di 133 alunni. Ad insegnare n<strong>el</strong>le nuove scuole furono<br />

chiamati i professori ebrei espulsi dai licei e dalle università; tra quei docenti fi guravano,<br />

solo per citarne alcuni, <strong>il</strong> primo preside d<strong>el</strong>la scuola Giacomo Tedesco, già insegnante<br />

di s<strong>to</strong><strong>ria</strong> e fi losofi a presso <strong>il</strong> liceo di Verc<strong>el</strong>li; Giuseppe Morpurgo, au<strong>to</strong>re di manuali<br />

scolastici e docente di discipline letterarie al liceo Gioberti; Marco Levi, insigne grecista;<br />

Bonaparte Colombo, docente di analisi infi nitesimale, matematica complementare e<br />

geomet<strong>ria</strong> descrittiva presso l’Accademia di Artiglie<strong>ria</strong> e Genio di Torino; Emanu<strong>el</strong>e<br />

Ar<strong>to</strong>m, giovane e br<strong>il</strong>lante int<strong>el</strong>lettuale che n<strong>el</strong> 1943 avrebbe sc<strong>el</strong><strong>to</strong> l’impegno attivo n<strong>el</strong>la<br />

Resistenza, morendo a soli ventisette anni per mano dei nazifascisti.<br />

259


Esseri cacciati dalla scuola frequentata fi no a pochi mesi prima fu per tutti gli ebrei<br />

<strong>to</strong>rinesi un fat<strong>to</strong> sconcertante, che produsse reazioni diverse a seconda d<strong>el</strong> carattere e d<strong>el</strong><br />

tipo di famiglia che ciascuno aveva alle spalle; ciò che invece accomunò indistintamente<br />

i ragazzi fu la gioia per l’apertura d<strong>el</strong>le nuove scuole ebraiche, non solo perché si<br />

traduceva n<strong>el</strong>la concreta possib<strong>il</strong>ità di portare a termine i propri studi, ma anche perché<br />

rappresentava una sorta di rivincita nei confronti d<strong>el</strong> fascismo e di chi dopo <strong>il</strong> 1938, lungi<br />

dal dimostrare comprensione e solidarietà, aveva loro volta<strong>to</strong> le spalle. Si studiò quindi con<br />

grande impegno, ottenendo ottimi risultati, come risulta dall’alta percentuale di alunni<br />

che ogni anno veniva promossa e dalle lusinghiere r<strong>el</strong>azioni degli ispet<strong>to</strong>ri governativi<br />

incaricati di sorvegliare l’attività di insegnamen<strong>to</strong>. Non trattandosi prop<strong>ria</strong>mente di una<br />

scuola confessionale, la tradizione e la r<strong>el</strong>igione ebraica occupavano un ruolo marginale<br />

n<strong>el</strong>l’ambi<strong>to</strong> dei programmi scolastici, ricalcati sul mod<strong>el</strong>lo governativo e sui cosiddetti<br />

“libri di Sta<strong>to</strong>” di cui era obbliga<strong>to</strong><strong>ria</strong> l’adozione. D’altro can<strong>to</strong> però la cultura fascista<br />

non fi gurava tra le materie di insegnamen<strong>to</strong>, né i professori ricevevano le circolari che<br />

obbligavano i docenti d<strong>el</strong>le scuole pubbliche a farsi portavoce d<strong>el</strong>la propaganda di regime.<br />

Nondimeno, <strong>il</strong> rigido controllo al quale gli ebrei erano sot<strong>to</strong>posti li obbligava alla massima<br />

caut<strong>el</strong>a in ogni loro azione: anche solo qualche parola di troppo avrebbe potu<strong>to</strong> portare<br />

alla chiusura forzata d<strong>el</strong>la scuola. Nonostante l’occhiuta censura fascista li obbligasse alla<br />

caut<strong>el</strong>a, i professori riuscirono ugualmente a stimolare negli allievi la capacità di pensiero<br />

e di critica, difesero con grande determinazione <strong>il</strong> dirit<strong>to</strong> dei giovani all’istruzione e<br />

garantirono loro l’opportunità di continuare a vivere, nonostante tut<strong>to</strong>, in modo normale<br />

la prop<strong>ria</strong> adolescenza. Alla metà d<strong>el</strong> settembre d<strong>el</strong> 1943 non mancarono atti di vero e<br />

proprio coraggio: benché fosse evidente <strong>il</strong> pericolo di essere catturati dai nazifascisti, i<br />

professori d<strong>el</strong> liceo non rinunciarono ad interrogare gli alunni che dovevano sostenere<br />

la maturità per concedere loro le meritate licenze. Non essendo conveniente ut<strong>il</strong>izzare<br />

i locali d<strong>el</strong>la scuola, le interrogazioni si svolsero addirittura lungo i marciapiedi dei<br />

din<strong>to</strong>rni di via S. Ans<strong>el</strong>mo.<br />

A testimoniare lo spiri<strong>to</strong> che animò l’insegnamen<strong>to</strong> n<strong>el</strong>la nuova scuola intervengono<br />

le parole d<strong>el</strong> discorso con cui <strong>il</strong> preside Giacomo Tedesco inaugurò l’anno scolastico<br />

1941-42: «Sono lie<strong>to</strong> di darvi <strong>il</strong> mio salu<strong>to</strong> (…) La sorte ci ha uniti qui in questa scuola,<br />

legati dalla stessa fede r<strong>el</strong>igiosa e dalle stesse speranze (…) Sia per voi questa comunanza<br />

di affetti e di ideali ragione di confor<strong>to</strong> e di gioia. Qui voi imparate ad essere fi eri di<br />

sentirvi italiani ed ebrei, perché essere italiani signifi ca aver partecipa<strong>to</strong> o partecipare<br />

idealmente alla qu<strong>el</strong>la schiera di eroi, martiri e profeti che soffrirono e lottarono per la<br />

libertà d<strong>el</strong> popolo italiano e dei popoli europei, spezzando le catene d<strong>el</strong> duro secolare<br />

servaggio, essere ebreo signifi ca combattere in ogni luogo e in ogni tempo per <strong>il</strong> trionfo<br />

d<strong>el</strong>la verità e d<strong>el</strong>la giustizia. Noi abbiamo pati<strong>to</strong> persecuzioni ed ingiustizie innumerevoli<br />

da vari m<strong>il</strong>lenni (…) D<strong>el</strong>la s<strong>to</strong><strong>ria</strong> d<strong>el</strong>l’umanità civ<strong>il</strong>e noi siamo i depositari per un<br />

imperscrutab<strong>il</strong>e destino, noi siamo i viventi testimoni d<strong>el</strong>l’evolversi di questa umanità a<br />

volte ancora ferina, a volte sublime nei suoi atteggiamenti eroici; noi apparteniamo per<br />

dirit<strong>to</strong> di nascita e per vocazione ideale alla sacra m<strong>il</strong>izia (…) Ora n<strong>el</strong>la scuola dovete<br />

studiare perché siete ebrei; non è un buon ebreo chi non studia con puro amore e intera<br />

dedizione d<strong>el</strong>le sua volontà».<br />

Se n<strong>el</strong> 1938 furono 133 i ragazzi che trovarono n<strong>el</strong>le medie e n<strong>el</strong>le superiori ebraiche<br />

la possib<strong>il</strong>ità di continuare gli studi, gli iscritti alle cinque classi <strong>el</strong>ementari furono in<br />

qu<strong>el</strong>l’anno 146, di cui 29 provenivano dalle scuole pubbliche. Dover lasciare la prop<strong>ria</strong><br />

maestra ed i compagni fu per molti di quei 29 bambini un fat<strong>to</strong> sconcertante e tan<strong>to</strong> più<br />

doloroso quan<strong>to</strong> più incomprensib<strong>il</strong>i erano i motivi d<strong>el</strong> forza<strong>to</strong> abbandono. L’impostazione<br />

che caratterizzò l’insegnamen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le maestre che ininterrottamente, dall’inizio degli anni<br />

260


’30 fi n verso la metà degli anni ’60, insegnarono alla “Colonna e Finzi” fu certamente meno<br />

aperta e più tradizionalista rispet<strong>to</strong> a qu<strong>el</strong>la dei professori d<strong>el</strong>le medie e d<strong>el</strong>le superiori.<br />

Eredi d<strong>el</strong>la cultura d<strong>el</strong>l’emancipazione, anche dopo <strong>il</strong> 1938 le maestre continuarono a<br />

manifestare sentimenti profondamente patriottici e grande devozione a Casa Savoia,<br />

sentendosi investite di un ruolo “istituzionale, prefettizio”, in virtù d<strong>el</strong> quale si facevano<br />

garanti d<strong>el</strong>l’applicazione d<strong>el</strong>le disposizioni che giungevano dal ministero. I provvedimenti<br />

di settembre non rappresentarono per loro un pun<strong>to</strong> di rottura così forte come per chi,<br />

invece, fu da essi costret<strong>to</strong> a cambiare vita e abitudini. Se all’inizio si <strong>il</strong>lusero che le leggi<br />

avrebbero avu<strong>to</strong> un carattere d<strong>el</strong> tut<strong>to</strong> provvisorio, quando qu<strong>el</strong>l’<strong>il</strong>lusione con <strong>il</strong> passare<br />

degli anni svanì, pensarono che <strong>il</strong> modo migliore per difendere <strong>il</strong> proprio ruolo fosse<br />

qu<strong>el</strong>lo di conservarlo tale e quale esso era sempre sta<strong>to</strong>.<br />

Tradizionaliste, ma coerenti con la missione di indefesse educatrici che si erano<br />

attribuite, le maestre furono però sempre al loro pos<strong>to</strong>, anche nei momenti più diffi c<strong>il</strong>i.<br />

Così, quando n<strong>el</strong> febbraio d<strong>el</strong> 1943 si presentarono in classe pochissimi alunni, perché i<br />

più erano sfollati n<strong>el</strong>le campagne in segui<strong>to</strong> ai tragici bombardamenti d<strong>el</strong> novembre, esse<br />

continuarono ad insegnare a quei pochi, intrattenendo con gli altri una sorta di attività<br />

didattica per corrispondenza, grazie alla quale i bambini riuscirono ad avere i voti d<strong>el</strong><br />

primo trimestre, che <strong>il</strong> decre<strong>to</strong> legge d<strong>el</strong> 15 apr<strong>il</strong>e 1943 considerò suffi cienti per ottenere<br />

la promozione alla classe successiva.<br />

Il 20 maggio 1943 le scuole ebraiche <strong>to</strong>rinesi furono costrette a chiudere, per<br />

<strong>ria</strong>prire i battenti l’8 ot<strong>to</strong>bre d<strong>el</strong> 1945, quando la guerra era terminata da pochi mesi<br />

ed altrettan<strong>to</strong> poco tempo era trascorso dalla tragica parentesi d<strong>el</strong>la Repubblica sociale<br />

di Salò, d<strong>el</strong>l’occupazione tedesca d<strong>el</strong>l’Italia e d<strong>el</strong>la persecuzione d<strong>el</strong>le vite degli ebrei.<br />

Mentre le maestre andarono a ricoprire <strong>il</strong> pos<strong>to</strong> di sempre, molti professori <strong>to</strong>rnarono<br />

n<strong>el</strong>le scuole pubbliche. Il tentativo di proseguire un corso di studi liceale ebbe infatti vita<br />

breve, riuscendo solo a portare alla maturità un numero ridottissimo di allievi iscritti alla<br />

quarta ginnasio n<strong>el</strong> 1949. Maggiore fortuna ebbero invece le medie “Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m”,<br />

che conobbero anzi alla fi ne degli anni ’50 un considerevole aumen<strong>to</strong> di iscrizioni, grazie<br />

anche alla presenza di non ebrei. Fin dal 1945, infatti, la Comunità aveva preso la<br />

straordina<strong>ria</strong> decisione di aprire la scuola ai non ebrei, dandole una caratterizzazione che<br />

la rende tut<strong>to</strong>ra unica n<strong>el</strong> panorama d<strong>el</strong>l’ebraismo italiano ed europeo. Inizialmente si<br />

trattò di quattro sabbatisti, protestanti per i quali <strong>il</strong> saba<strong>to</strong> rappresenta <strong>il</strong> giorno di riposo<br />

settimanale, poi di alunni valdesi ed in segui<strong>to</strong> di quei cat<strong>to</strong>lici che sc<strong>el</strong>sero la scuola<br />

ebraica <strong>to</strong>rinese per la laicità, l’apertura e <strong>il</strong> pluralismo d<strong>el</strong> suo insegnamen<strong>to</strong>.<br />

Fu <strong>il</strong> r<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> a caldeggiare la sc<strong>el</strong>ta di aprire la scuola ai non ebrei,<br />

ritenendo che fosse un modo effi cace per recuperare <strong>il</strong> tradizionale rappor<strong>to</strong> di scambio,<br />

forzatamente interrot<strong>to</strong> dalle leggi razziali, con la società di maggioranza. Come ebbe a<br />

dire Salva<strong>to</strong>re Foa, preside d<strong>el</strong>la “Emanu<strong>el</strong>e Ar<strong>to</strong>m” n<strong>el</strong> 1947: «Mentre negli anni d<strong>el</strong>la<br />

persecuzione la scuola seconda<strong>ria</strong> era stata una necessità, ora è la libera esplicazione<br />

dei nostri ideali più intimi, scevra da ogni traccia di isolamen<strong>to</strong>, nefas<strong>to</strong> sempre anche<br />

quando non è coat<strong>to</strong>. Anzi, come negli anni scorsi, la scuola resterà aperta anche ai non<br />

ebrei ai quali piaccia di presceglierla».<br />

261


Riprendere <strong>il</strong> proget<strong>to</strong> educativo<br />

La scuola prima<strong>ria</strong> e seconda<strong>ria</strong><br />

262<br />

8 Corrispondenza r<strong>el</strong>ativa<br />

alla amministrazione<br />

congiunta d<strong>el</strong>le scuole<br />

materna, <strong>el</strong>ementare e<br />

media<br />

1945<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità di Torino,<br />

fasc. 695-706<br />

cm 28 x 22


263<br />

8.a Corrispondenza r<strong>el</strong>ativa<br />

alla amministrazione<br />

congiunta d<strong>el</strong>le scuole<br />

materna, <strong>el</strong>ementare e<br />

media<br />

1945<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità di Torino,<br />

fasc. 695-706<br />

cm 24,5 x 17; cm 28 x 21,4


264<br />

9 <strong>Disegni</strong> degli studenti<br />

dei vari ordini d<strong>el</strong>la Scuola<br />

Ebraica di Torino<br />

1947-1948<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità di Torino,<br />

fasc. 618<br />

cm 23,5 x 32,5


265<br />

10 Compiti in classe d<strong>el</strong>la<br />

scuola media degli studenti<br />

d<strong>el</strong>la Scuola Ebraica di<br />

Torino<br />

1947-1948<br />

Archivio B. e A. Terracini, Archivio<br />

s<strong>to</strong>rico d<strong>el</strong>la Comunità di Torino,<br />

fasc. 624-637<br />

cm 21 x 15


266<br />

11 <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> con tre<br />

allievi all’interno d<strong>el</strong>la<br />

Scuola Ebraica di Torino<br />

s. d.<br />

Archivio <strong>Disegni</strong>, Inv. Fot. n. 39<br />

cm 8,5 x 13,3


La Scuola Rabbinica Margulies


<strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> e la Scuola Rabbinica di Torino:<br />

l’eredità di Margulies<br />

269<br />

Rabb. Dott. Alber<strong>to</strong> Moshe Somekh<br />

“SIA IL TIMORE DEL TUO MAESTRO COME IL TIMORE DEL CIELO”<br />

(Pirqè Avòt 4,12)<br />

Un discorso programmatico di Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong><br />

Il tes<strong>to</strong> che segue contiene <strong>il</strong> discorso che Rav <strong>Dario</strong> <strong>Disegni</strong> pronunciò verosim<strong>il</strong>mente<br />

martedì 30 ot<strong>to</strong>bre 1951 allorché veniva inaugurata, al terzo piano d<strong>el</strong>lo stab<strong>il</strong>e che<br />

ospitava l’Educa<strong>to</strong>rio Isra<strong>el</strong>itico in Via Or<strong>to</strong> Botanico, 13 (attualmente Via C. Lombroso),<br />

la nuova sede d<strong>el</strong>la Scuola Rabbinica da lui voluta a Torino dodici anni prima e<br />

inti<strong>to</strong>lata alla memo<strong>ria</strong> d<strong>el</strong> Suo Maestro, <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> Shemu<strong>el</strong> Hirsch Margulies di Firenze<br />

(1858-1922) di cui continuava l’opera didattica. Era la settimana immediatamente<br />

successiva a Shabbat Bereshit, che segnava l’inizio uffi ciale degli studi. In questa occasione<br />

si insediò come diret<strong>to</strong>re <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> Gustavo Calò, proveniente da Verc<strong>el</strong>li.<br />

Rammaricando che un impegno urgente mi abbia priva<strong>to</strong> d<strong>el</strong> piacere di partecipare alla cerimonia<br />

che si svolse domenica 28 ot<strong>to</strong>bre n<strong>el</strong>la sala d<strong>el</strong> Talmud Torà in occasione d<strong>el</strong>l’apertura d<strong>el</strong>l’anno<br />

scolastico prendo favorevole l’occasione di ques<strong>to</strong> raduno per porgere a Voi cari allievi <strong>il</strong> mio<br />

Barukh ha-bbà (lett. “benvenu<strong>to</strong>”), <strong>il</strong> mio salu<strong>to</strong> augurale n<strong>el</strong> momen<strong>to</strong> stesso che noi inaugu<strong>ria</strong>mo<br />

questa b<strong>el</strong>la sede che è stata rinnovata appositamente per ospitarvi, n<strong>el</strong> periodo che Voi compirete<br />

i Vostri studi. E anzitut<strong>to</strong> desidero porgere un vivissimo ringraziamen<strong>to</strong> anche a nome Vostro al<br />

nostro ama<strong>to</strong> Presidente Dr. Malvano che n<strong>el</strong>la sua qualità di commissario prefettizio d<strong>el</strong>l’Ente<br />

Educa<strong>to</strong>rio Isra<strong>el</strong>itico ha volu<strong>to</strong> con molta generosità mettere a disposizione ques<strong>to</strong> intero piano<br />

d<strong>el</strong>l’edifi cio d<strong>el</strong>l’istitu<strong>to</strong>.<br />

Non si tratta semplicemente di un discorso di circostanza. Rivolgendosi anzitut<strong>to</strong> ai<br />

suoi studenti, Rav <strong>Disegni</strong> coglie l’occasione per puntualizzare alcuni <strong>el</strong>ementi chiave<br />

che avrebbero caratterizza<strong>to</strong> <strong>il</strong> suo magistero e <strong>il</strong> signifi ca<strong>to</strong> che egli attribuiva, in linea<br />

con una tradizione plurisecolare, alla funzione rabbinica.<br />

O miei cari studenti, voi che provenite da varie regioni d’Italia e uno fra Voi anche dall’estero,<br />

n<strong>el</strong>lo staccarvi dalle Vostre famiglie e allontanarVi dai più intimi affetti, mi auguro che troviate in<br />

questa casa ospitale che è stata provveduta di ogni comfort quale si addice a giovani che devono<br />

applicarsi a studi severi e diffi c<strong>il</strong>i, qu<strong>el</strong>l’atmosfera calda e di affetti e di comprensione che avete<br />

lascia<strong>to</strong> n<strong>el</strong>le Vostre case.<br />

Chi erano i suoi studenti di allora? Dalle testimonianze acquisite si dovette trattare<br />

di: Isidoro Kahn, che sarebbe diventa<strong>to</strong> R<strong>abbino</strong> di Napoli e poi di Livorno, dove è mor<strong>to</strong><br />

n<strong>el</strong> 2004; Ach<strong>il</strong>le Viterbo, di origine tunisina, dal 1955 al 1998 R<strong>abbino</strong> di Padova, dove


vive tut<strong>to</strong>ra; Umber<strong>to</strong> Sciunnach, R<strong>abbino</strong> di Firenze e Carlo Bacconcini, che esercitò<br />

la professione medica a Genova dove è decedu<strong>to</strong> ormai da diversi anni. Lo studente<br />

proveniente dall’estero è Rober<strong>to</strong> Bonfi l, na<strong>to</strong> ad Atene. Quest’ultimo avrebbe fat<strong>to</strong> una<br />

notevole carriera: vice-R<strong>abbino</strong> a M<strong>il</strong>ano, dal 1969 a Gerusalemme dove è divenu<strong>to</strong><br />

Docente di S<strong>to</strong><strong>ria</strong> Medioevale all’Università Ebraica. Si laureò R<strong>abbino</strong> presso <strong>il</strong> Collegio<br />

Rabbinico Italiano a Roma n<strong>el</strong>la primavera d<strong>el</strong> 1959, dopo aver compiu<strong>to</strong> gli studi n<strong>el</strong>la<br />

Scuola S.H. Margulies di Torino insieme a Rav Luciano Caro e a Rav Giuseppe Laras.<br />

Così <strong>il</strong> Presidente d<strong>el</strong>la Comunità di Atene Marcos Osmos salutava l’even<strong>to</strong>, in una<br />

lettera indirizzata al R<strong>abbino</strong> <strong>Disegni</strong> <strong>il</strong> 15 maggio 1961: “Je tiens à vous assurer Eminence<br />

de nos sentiments de joie et de satisfaction que nous <strong>to</strong>us, juifs d’Athènes, nous éprouvons<br />

du fait que Monsieur le Dr. Robert Bonfi l, natif d’Athènes, a su remporter un succès<br />

aussi br<strong>il</strong>lant par ses études dans votre Ecole de façon à occuper aussi dignement son<br />

exc<strong>el</strong>lent poste actu<strong>el</strong>”.<br />

Quando l’Unione d<strong>el</strong>le Comunità mi invitò ad assumere la direzione di ques<strong>to</strong> istitu<strong>to</strong> che<br />

da Roma per speciali circostanze si progettava di trasferire a Torino non vi nego che ebbi un<br />

momen<strong>to</strong> di perplessità prima di accettare quest’incarico che per quan<strong>to</strong> oltremodo lusinghiero<br />

misuravo subi<strong>to</strong> quan<strong>to</strong> fosse oneroso!<br />

Le speciali circostanze furono provocate dalla scomparsa di Rav David Pra<strong>to</strong>, R<strong>abbino</strong><br />

Capo di Roma e Diret<strong>to</strong>re d<strong>el</strong> Collegio Rabbinico Italiano, avvenuta in qu<strong>el</strong>l’anno. Per<br />

<strong>il</strong> Collegio stesso si annunciava un periodo di incertezza, a fronte d<strong>el</strong>la transizione<br />

rabbinica, e fu progetta<strong>to</strong> un trasferimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong>l’istitu<strong>to</strong> a Torino per essere accorpa<strong>to</strong> alla<br />

Scuola Rabbinica che Rav <strong>Disegni</strong> dirigeva con successo. Si comprende pertan<strong>to</strong> come<br />

lo stesso Rav <strong>Disegni</strong> affermasse con un cer<strong>to</strong> orgoglio:<br />

Da circa dodici anni io volli che a Torino sorgesse un centro di studi per la formazione di nuovi<br />

Maestri in Isra<strong>el</strong>e! Ebbene posso dire con intima soddisfazione che qu<strong>el</strong>la scuola, sorta in<br />

proporzioni modestissime ha da<strong>to</strong> già risultati insperati giacché come sapete due giovani educati<br />

ed istruiti da noi sono stati assunti quali capicul<strong>to</strong> in due Comunità Italiane! Ora precisamente<br />

in vista dei risultati già ottenuti, risultati dovuti in gran parte alla serietà, all’int<strong>el</strong>ligenza e alla<br />

perseveranza negli studi dei miei antichi allievi ho accetta<strong>to</strong> di allargare le basi d<strong>el</strong> nostro istitu<strong>to</strong><br />

per trasformarlo n<strong>el</strong>l’unico istitu<strong>to</strong> oggi esistente in Italia per la creazione di nuovi Maestri in<br />

Isra<strong>el</strong>e! Io par<strong>to</strong> quindi dal presuppos<strong>to</strong> di aver in Voi, cari nuovi allievi giovani che per qualità<br />

di mente e di anima possono reggere al confron<strong>to</strong> coi nostri antichi allievi.<br />

I due capicul<strong>to</strong> cui si accenna sono Rav Aldo Luzzat<strong>to</strong>, n<strong>el</strong> frattempo divenu<strong>to</strong><br />

allora R<strong>abbino</strong> di Padova, poi Vice-R<strong>abbino</strong> a M<strong>il</strong>ano (dal 1955, allorché fu sostitui<strong>to</strong><br />

da Rav Viterbo), R<strong>abbino</strong> di Genova fi no al suo trasferimen<strong>to</strong> in Isra<strong>el</strong>e, dove morì<br />

diversi anni fa e Rav Emanu<strong>el</strong>e Weiss Levi, bi<strong>el</strong>lese, dal 1952 al 1987 R<strong>abbino</strong><br />

di Verona, ora residente presso la nostra Casa di Riposo, dove continua a svolgere<br />

un’opera preziosa di Uffi ciante n<strong>el</strong>la Sinagoga di Torino. Rav <strong>Disegni</strong> seguita a<br />

tratteggiare i requisiti personali per poter adire alla “missione” d<strong>el</strong> R<strong>abbino</strong> che<br />

consiste n<strong>el</strong> difendere “<strong>il</strong> bene d<strong>el</strong>l’Ebraismo n<strong>el</strong> mondo” con “scienza e coscienza”.<br />

Si sot<strong>to</strong>linea come <strong>il</strong> R<strong>abbino</strong> debba affi ancare ad una vasta conoscenza la purità<br />

di vita. N<strong>el</strong>lo stesso tempo si pred<strong>il</strong>ige una fi gura di guida nutrita non solo sulle<br />

fonti tradizionali, ma anche versata n<strong>el</strong>la cultura generale, che Rav <strong>Disegni</strong> chiama<br />

“scienza profana”. E in meri<strong>to</strong> alla stessa cultura ebraica, sostiene Rav <strong>Disegni</strong> che<br />

occorre non esagerare n<strong>el</strong> me<strong>to</strong>do analitico che fa perdere di vista <strong>il</strong> signifi ca<strong>to</strong><br />

270


complessivo e <strong>il</strong> messaggio d<strong>el</strong>le fonti: occorre che l’analisi dei testi sia pertan<strong>to</strong><br />

accompagnata da letture di sintesi.<br />

Non ho bisogno qui di accennare largamente alle disposizioni di spiri<strong>to</strong> che si richiedono per chi<br />

vuole abbracciare <strong>il</strong> Rabbina<strong>to</strong>! Missione diffi c<strong>il</strong>e, spinosa, che richiede sacrifi ci non indifferenti<br />

per l’acquis<strong>to</strong> di qu<strong>el</strong>le cognizioni vastissime soprattut<strong>to</strong> n<strong>el</strong> campo d<strong>el</strong>la cultura ebraica, ma anche<br />

in qu<strong>el</strong>lo d<strong>el</strong>la scienza profana! Quindi a Voi oggi si richiedono anzitut<strong>to</strong> purità di vita consona a<br />

chi si dispone a diventare guida per gli altri, serietà di propositi, desiderio spasmodico di sapere<br />

affi ancando le cognizioni che apprendete dai Maestri con letture che vi aprano la mente al pensiero<br />

sublime che sintetizza <strong>il</strong> giudaismo!<br />

Rav <strong>Disegni</strong> mette in luce <strong>il</strong> ruolo complesso svol<strong>to</strong> in questa direzione dai Maestri.<br />

Rispet<strong>to</strong>, venerazione, ma anche amore per i vostri Maestri: “Sia <strong>il</strong> timore d<strong>el</strong> tuo Maestro<br />

come <strong>il</strong> timore d<strong>el</strong> Ci<strong>el</strong>o” (Pirqè Avòt 4,12)! Pensate che essi hanno <strong>il</strong> grave compi<strong>to</strong> oltreché<br />

di offrirvi <strong>il</strong> pane d<strong>el</strong>la scienza ebraica, qu<strong>el</strong>lo ancora più grave d<strong>el</strong>la formazione futura<br />

d<strong>el</strong>le vostre anime affi nché siate mantenuti in condizioni di esser veramente coscienti d<strong>el</strong>la<br />

missione a cui voi vi dedicherete. Fondando le mie speranze su una piattaforma che voi siate<br />

tesi con la vostra anima a seguirci, io ho la certezza che voi riuscirete a raggiungere con<br />

onore la Oraà (lett. “au<strong>to</strong>rità di insegnare”), cioè a dire qu<strong>el</strong>l’ambita meta per ogni Bachur<br />

(lett. “ragazzo, studente”) di ottenere cioè dai Maestri la facoltà di legiferare in Isra<strong>el</strong>e con<br />

scienza e coscienza.<br />

Non può mancare, a ques<strong>to</strong> pun<strong>to</strong>, un riferimen<strong>to</strong> biblico in r<strong>el</strong>azione al calendario.<br />

È da poco trascorsa la Parashat Bereshit, la lettura d<strong>el</strong> primo capi<strong>to</strong>lo d<strong>el</strong>la Genesi in<br />

Sinagoga ed è martedì. E’ no<strong>to</strong> che, a differenza degli altri sei giorni d<strong>el</strong>la Creazione,<br />

solo n<strong>el</strong> terzo è scrit<strong>to</strong> due volte “E D. vide che era cosa buona” (Gen. 1,10 e 12),<br />

commentando l’opera compiuta in qu<strong>el</strong> giorno. Seguendo un’antichissima tradizione<br />

esegetica, Rav <strong>Disegni</strong> trae da questa duplice coincidenza un auspicio:<br />

E perché oggi siamo al terzo giorno d<strong>el</strong>la settimana chiudo queste mie parole con ki <strong>to</strong>v (lett.<br />

“che è cosa buona”). N<strong>el</strong>la descrizione cosmologica che la Genesi ci dà n<strong>el</strong> 1º capi<strong>to</strong>lo quando<br />

parla d<strong>el</strong>l’opera d<strong>el</strong> San<strong>to</strong> Benedet<strong>to</strong> d<strong>el</strong> 3º giorno ripete due volte “e vide <strong>il</strong> S. che era tut<strong>to</strong><br />

buono”, <strong>il</strong> che ci dà buon augurio d’iniziare <strong>il</strong> lavoro in questa casa in un giorno doppiamente<br />

propizio al conseguimen<strong>to</strong> d<strong>el</strong> bene dalla S. Scrittura. E sia quest’accenno di augurio di<br />

f<strong>el</strong>icità e benessere per voi particolarmente! Che <strong>il</strong> Ci<strong>el</strong>o si degni di far posare sempre sui<br />

vostri capi la Berachà (lett. “benedizione”). Possiate mantenervi sani fi sicamente e soprattut<strong>to</strong><br />

spiritualmente. Che abbiate sempre come scopo fi nale d<strong>el</strong>la vostra giovine vita oggi e sempre<br />

<strong>il</strong> bene d<strong>el</strong>l’ebraismo n<strong>el</strong> mondo e che a noi vecchi Maestri sia concesso di ripetere nei vostri<br />

riguardi n<strong>el</strong>la vita le parole d<strong>el</strong> Navì (lett. “profeta”): “Virgul<strong>to</strong> d<strong>el</strong>le mie piantagioni, opera<br />

d<strong>el</strong>le mie mani di cui mi glorio” (Is. 60,21). E cioè voi siete un virgul<strong>to</strong> da noi pianta<st