17.06.2013 Views

Clicca qui per scaricare la brochure - Liceo Scientifico Paritario "E ...

Clicca qui per scaricare la brochure - Liceo Scientifico Paritario "E ...

Clicca qui per scaricare la brochure - Liceo Scientifico Paritario "E ...

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

BrochureFermi2.indd 1 27-05-2009 15:45:28


BrochureFermi2.indd 2 27-05-2009 15:45:28


My Fermi<br />

un liceo fondato sul desiderio:<br />

cinquantanni e non li dimostra.<br />

1958<br />

Nel 1958 l’ing. Nico<strong>la</strong> Longo insieme al suocero, l’ing. Attilio<br />

Maisano, una figura importante del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> privata mi<strong>la</strong>nese, ha<br />

fondato il <strong>Liceo</strong> “E. Fermi” che ha ottenuto in quello stesso anno il<br />

riconoscimento legale dal Ministero del<strong>la</strong> Pubblica Istruzione.<br />

2008<br />

La ricorrenza del cinquantesimo è stata occasione <strong>per</strong> gli insegnanti,<br />

<strong>per</strong> i genitori: <strong>per</strong> tutta l’é<strong>qui</strong>pe del Fermi <strong>per</strong> festeggiare e <strong>per</strong> rendere<br />

conto del<strong>la</strong> propria attività.<br />

Il fondatore, l’ing. Nico<strong>la</strong> Longo, non era presente - il 12 marzo 2007<br />

ha passato il testimone ai figli, Michele, Attilio e Alessandro - ma<br />

continua ad esserci attraverso il suo atto. Uomo di grandi doti, severo<br />

e leale, ha dedicato le sue energie al <strong>la</strong>voro, occupandosi a tempo<br />

pieno del<strong>la</strong> Policarbo, impresa da lui fondata nel 1949, delle altre<br />

attività imprenditoriali che spaziano dal<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> al<strong>la</strong> produzione<br />

vinico<strong>la</strong> e non ha mai trascurato quello che chiamava il suo “fiore<br />

all’occhiello”: il <strong>Liceo</strong> “E. Fermi”. Non un semplice ornamento,<br />

ma un’istituzione in cui Nico<strong>la</strong> Longo ha rispecchiato <strong>la</strong> propria<br />

grande onestà intellettuale e morale con quel rispetto <strong>per</strong> ognuno<br />

Albo diplomati<br />

anno sco<strong>la</strong>stico 1959/60<br />

BrochureFermi2.indd 3 27-05-2009 15:45:28


Materiale storico del Laboratorio di<br />

biologia<br />

Pianta del<strong>la</strong> Storia d’Italia al 1911<br />

che ha dato sempre forma al suo agire. La sua passione <strong>per</strong> <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

datava dall’immediato dopoguerra quando come giovane insegnante<br />

preparava con cura e precisione gli strumenti nel <strong>la</strong>boratorio di fisica<br />

<strong>per</strong> le lezioni ai suoi studenti in un istituto tecnico statale di Vercelli<br />

e quando in seguito, dopo le dimissioni dallo Stato, insegnava agli<br />

studenti serali nell’istituto privato L. B. Alberti di Mi<strong>la</strong>no, da lui<br />

fondato nel ‘47.<br />

Scrive uno studente sul Giornale degli studenti del liceo <strong>Scientifico</strong><br />

Fermi “Fermi…tutti!” nel 1994:<br />

“In pochi anni, in via Silvio Pellico, 8, il Fermi diviene sotto <strong>la</strong><br />

Presidenza del prof. Dante Cavallotti un istituto su<strong>per</strong>iore conosciuto<br />

e apprezzato in tutta Mi<strong>la</strong>no. Il prof. Dante Cavallotti, ottimo<br />

insegnante di lettere, è stato Preside <strong>per</strong> ben venticinque anni, dando<br />

al Fermi una credibilità invidiabile. Seguono poi due anni sotto <strong>la</strong><br />

direzione del prof. Enrico Georgiacodis, <strong>qui</strong>ndi subentra il prof.<br />

Sergio Borghi es<strong>per</strong>to in meteorologia ed insegnante di fisica.<br />

Il Prof. Sergio Borghi, l’ing. Nico<strong>la</strong> Longo e il Prof. Giuseppe D’Arrigo.<br />

BrochureFermi2.indd 4 27-05-2009 15:45:28


“Fermi...tutti!”<br />

Giornale degli studenti del <strong>Liceo</strong><br />

<strong>Scientifico</strong> E. Fermi, n° 0 Aprile 1994<br />

La vecchia sede del Fermi, in via Silvio<br />

Pellico 8: il cortile interno e l’ingresso<br />

Dal<strong>la</strong> Galleria Vittorio Emanuele,<br />

si vedevano le finestre del Fermi,<br />

al terzo piano.<br />

BrochureFermi2.indd 5 27-05-2009 15:45:29


Pagina pubblicitaria, 4° di co<strong>per</strong>tina<br />

inserto di “La Repubblica”, 1993<br />

Il Giorno, 27 Novembre 1991<br />

Una serie di corsi tenuti da Giancarlo<br />

Majorino al Centro Studi Enrico Fermi.<br />

A scuo<strong>la</strong> <strong>per</strong> diventare poeti o scrittori<br />

“Essendo io uno che scrive, ho delle<br />

predilezioni sfacciate, non mi nascondo<br />

dietro l’alibi dell’imparzialità, non<br />

faccio il professore. È forse <strong>per</strong> questo<br />

che i ragazzi partecipano volentieri ai<br />

miei corsi, amano <strong>la</strong> mia doppiezza<br />

di insegnante e poeta”. Giancarlo<br />

Majorino, nato e vissuto a Mi<strong>la</strong>no, è<br />

un poeta “che non s’alleva in casa <strong>la</strong><br />

sua solitudine, ma è capace di par<strong>la</strong>re<br />

degli altri e agli altri”. Così, adesso<br />

che ha smesso di insegnare nei licei,<br />

tiene due cicli di lezioni al Centro<br />

Studi Enrico Fermi (...)”<br />

Corriere del<strong>la</strong> Sera, 7 Febbraio 1993<br />

Lezioni illuminate nel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> senza<br />

pareti.<br />

“Le pareti a strisce, in meravigliose<br />

tonalità di verde misto a blu, che<br />

sfumano verso l’alto. Tre livelli di<br />

illuminazione: <strong>la</strong>mpade che servono <strong>per</strong><br />

favorire il dialogo e <strong>la</strong> concentrazione.<br />

(...) Il regno dei colori: è il liceo<br />

scientifi co Enrico Fermi, in via Alfi eri.<br />

“Questa scuo<strong>la</strong> l’ho sempre amata.<br />

Così (...) ho deciso che l’avrei fatta<br />

bel<strong>la</strong>”. Par<strong>la</strong> l’ingegner Nico<strong>la</strong> Longo,<br />

petroliere. Proprietario da decenni del<br />

prestigioso istituto privato. (...)”<br />

BrochureFermi2.indd 6 27-05-2009 15:45:30


1993<br />

Nel 1993 l’Istituto si trasferisce dal<strong>la</strong> storica sede di via Silvio Pellico<br />

a via Alfieri al 12. Nel nuovo plesso sco<strong>la</strong>stico opportunamente<br />

ristrutturato e rinnovato lo spazio a disposizione degli studenti è<br />

accogliente e funzionale”<br />

Dal ’94 ad oggi al<strong>la</strong> Presidenza del Fermi c’è il prof. Giuseppe D’Arrigo<br />

che <strong>per</strong> molti anni ha insegnato lettere al <strong>Liceo</strong> Fermi. In quell’anno<br />

il Preside, sostenuto dall’ing. Nico<strong>la</strong> Longo, dà vita al Centro Studi<br />

Enrico Fermi che man mano negli anni si occupa di musica, teatro,<br />

iniziative culturali, conferenze diurne e serali pubblicizzate dai<br />

quotidiani. Tutte queste iniziative hanno l’obiettivo di contribuire ad<br />

un rinnovamento del<strong>la</strong> didattica del liceo.<br />

1985<br />

Nel 1985 Nico<strong>la</strong> Longo scrive: “una scuo<strong>la</strong> che sappia creare un<br />

clima in cui ogni studente possa sviluppare le proprie capacità,<br />

valorizzare le proprie attitudini ed ac<strong>qui</strong>sire gradualmente le<br />

necessarie conoscenze … senza inutili ed anacronistiche rigidità, ma<br />

anche senza controproducenti facilitazioni.”<br />

2008<br />

In continuità con queste parole di Nico<strong>la</strong> Longo, i suoi figli sostengono il<br />

progetto del Fermi che è anche costruire un <strong>per</strong>corso fatto “su misura”<br />

<strong>per</strong> ogni ragazzo. C<strong>la</strong>ssi in cui ogni studente possa essere accolto nel<strong>la</strong><br />

sua partico<strong>la</strong>rità; <strong>per</strong> uno studio in cui il sa<strong>per</strong>e non sovrasti e lo studente<br />

possa valorizzare le proprie risorse e seguire le proprie inclinazioni.<br />

Seguendo questo orientamento da molti anni l’é<strong>qui</strong>pe del liceo Fermi,<br />

facendo riferimento al<strong>la</strong> psicoanalisi applicata, sostiene un progetto<br />

educativo che cerca di fare una scuo<strong>la</strong> che sia attenta al singolo e che É<strong>qui</strong>pe anno sco<strong>la</strong>stico 2008/09<br />

BrochureFermi2.indd 7 27-05-2009 15:45:31


Laboratorio Radio Fermi,<br />

anno sco<strong>la</strong>stico 2008/09<br />

sostenga e susciti il desiderio di apprendere; gli insegnanti sono chiamati<br />

a gestire in é<strong>qui</strong>pe le difficoltà e a trasmettere entusiasmo e voglia di<br />

fare. Nel progetto del Fermi i genitori non sono semplici interlocutori,<br />

ma sono presenti nel<strong>la</strong> loro fondamentale posizione educativa ed è<br />

riconosciuto il loro ruolo insostituibile e <strong>la</strong> loro responsabilità.<br />

Il <strong>Liceo</strong> Fermi, <strong>per</strong> festeggiare i primi 50 anni dal<strong>la</strong> sua fondazione,<br />

sceglie di non concluderli con un punto, ma di inaugurarne una<br />

nuova serie socchiudendo nuovamente una porta che si apre su un<br />

rinnovato orizzonte: farsi occasione <strong>per</strong> ogni ragazzo che varchi il<br />

Fermi di un incontro che sia buono.<br />

Questa porta che ri<strong>la</strong>ncia il Fermi ha il nome di una modesta e<br />

sorprendente insegnante belga, Noëlle De Smet, che testimonia<br />

dell’impossibile arte dell’insegnare, in un volume realizzato dal <strong>Liceo</strong><br />

Enrico Fermi in occasione del suo cinquantesimo: In c<strong>la</strong>sse come al fronte<br />

- Un nuovo sentiero nell’impossibile dell’insegnare, delle Edizioni Quodlibet<br />

Studio, a cura di Donata Roma.<br />

29 Novembre 2008, una giornata <strong>per</strong> festeggiare il cinquantesimo anno<br />

dal<strong>la</strong> fondazione. Gli insegnanti, gli studenti, i genitori: tutta l’é<strong>qui</strong>pe del<br />

Fermi organizza in col<strong>la</strong>borazione con l’Istituto freudiano <strong>per</strong> <strong>la</strong> Clinica,<br />

<strong>la</strong> Terapia e <strong>la</strong> Scienza, e con l’Antenna di Pisa - SOS insegnanti:<br />

• presentazione del libro “In c<strong>la</strong>sse come al fronte”<br />

• tavo<strong>la</strong> rotonda “l’eccellenza dell’eccezione”<br />

• musica, murales e poesia: i Laboratori degli studenti.<br />

Michele Longo<br />

Giuseppe D’Arrigo<br />

BrochureFermi2.indd 8 27-05-2009 15:45:31


29 novembre 2008<br />

Donata Roma<br />

Giancarlo Majorino<br />

Intervento Laboratorio<br />

“Poesia e Paro<strong>la</strong>”<br />

Antonio di Ciaccia e un<br />

professore<br />

Noëlle De Smet<br />

Adele Marcelli Alberto Visini<br />

Intervento Laboratorio “Diplomati in Writing”<br />

Giuliano Spazzali<br />

Virginio Baio<br />

Sergio Borghi<br />

Studenti del <strong>Liceo</strong><br />

BrochureFermi2.indd 9 27-05-2009 15:45:34


insegnare Dove trovare le condizioni <strong>per</strong> far fronte a questo impossibile? Come<br />

nel diradarsi dei punti di riferimento e di autorità autentiche, creare,<br />

in é<strong>qui</strong>pe, uno strumento che consenta di “prendere a cuore <strong>la</strong> problematica<br />

di ogni allievo”, uno <strong>per</strong> uno, che sia una risposta consona al<strong>la</strong><br />

sua posizione di “soggetto”?<br />

il soggetto Se l’orientamento del Fermi riesce a dare il giusto posto e voce al<strong>la</strong><br />

“dimensione soggettiva” di ciascuno, mirando a creare una atmosfera<br />

di rispetto e di riconoscimento, questo non lo si deve ad ogni insegnante<br />

che fa passare <strong>la</strong> sua carica di desiderio, il gusto e l’entusiasmo<br />

<strong>per</strong> <strong>la</strong> materia che insegna?<br />

A tutto questo gli alunni possono rispondere con l’amore. Per l’insegnante<br />

allora, come rispondere al sorgere di questo amore nei suoi<br />

confronti? Come ri<strong>la</strong>nciarli in un altro orizzonte?<br />

il maestro-desiderio Così Noëlle De Smet chiama l’insegnante, nel suo libro, In c<strong>la</strong>sse, come<br />

al fronte, edito dal Fermi. C’è <strong>la</strong> testimonianza di cosa abbia dovuto<br />

inventarsi <strong>per</strong> rispondere alle condizioni impossibili di c<strong>la</strong>ssi di<br />

ragazzi adolescenti. Passando dall’eccellenza all’eccezione! Scrive:<br />

“...mi son resa conto che ciò che consideravo come un handicap poteva essere invece<br />

una fortuna... <strong>la</strong>sciarmi sorprendere decidendo che soltanto incompleta posso essere<br />

insegnante”.<br />

strada facendo Si trovano studenti con i loro <strong>la</strong>boratori, i loro murales e le loro invenzioni;<br />

professori con <strong>la</strong> loro testimonianza di come abbiano saputo essere<br />

più forti del<strong>la</strong> routine e sa<strong>per</strong> inventare dei <strong>per</strong>corsi “su misura”;<br />

genitori che non smettono di battersi <strong>per</strong> far del liceo uno strumento<br />

su misura <strong>per</strong> ognuno; un Preside che dando un posto ad ognuno<br />

degli studenti, insegnanti, genitori è convinto di <strong>la</strong>vorare in un liceo<br />

ordinario. Pierre-Gilles Gueguen non è d’accordo: “...in realtà, è un liceo<br />

piuttosto straordinario, dice. Non ci sono, ed è un peccato, molti licei nei quali<br />

il Preside crede sufficientemente all’orientamento psicoanalitico <strong>per</strong> far sì che esso<br />

si possa applicare a situazioni concrete, al<strong>la</strong> città, ai problemi del<strong>la</strong> città.”<br />

BrochureFermi2.indd 10 27-05-2009 15:45:34


Abbiamo scelto alcune fra le numerose testimonianze <strong>per</strong> dare<br />

un’idea di come si sono affrontate le difficoltà e le numerose<br />

soluzioni che insegnanti e alunni del Fermi hanno inventato..<br />

Al passo del soggetto<br />

Durante l’anno molti ragazzi si trasferiscono da altri licei al Fermi.<br />

Uno di questi dice che un professore, già a novembre, ha letto <strong>la</strong> lista<br />

di chi avrebbe <strong>per</strong>so l’anno, e “in questa lista non c’era il mio nome,<br />

ma ogni mattina, al risveglio, sto male”. Ad un altro ragazzo che<br />

domanda aiuto <strong>per</strong>ché non riesce a stare al passo, viene risposto:<br />

“È un tuo problema!”.<br />

Lo studente deve essere al passo del<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse, che deve essere al passo dei<br />

professori, che devono essere al passo del “marchio di qualità” del liceo.<br />

Il Fermi sceglie, invece di correre al<strong>la</strong> stessa corsa, di fare del liceo<br />

una scuo<strong>la</strong> “seria” che includa ogni studente, preso uno <strong>per</strong> uno,<br />

nel<strong>la</strong> sua dimensione di soggetto. Questa politica e strategia dell’é<strong>qui</strong>pe del Fermi, formata dal Preside,<br />

dai professori, dal<strong>la</strong> psicologa, dal partner del soggetto, dall’éxtime*,<br />

crea un’atmosfera nel<strong>la</strong> quale ogni studente, preso come “eccezione”,<br />

trova il suo posto e può riprendere i suoi studi.<br />

Per chi è più in difficoltà, è possibile costruire un <strong>per</strong>corso<br />

individualizzato che tenga conto, da un <strong>la</strong>to, di quello che <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

esige, e dall’altro, che egli lo possa fare con i propri ritmi.<br />

Ecco cosa è avvenuto con Stefano e i suoi genitori. “Siamo dis<strong>per</strong>ati.<br />

Non sappiamo più cosa fare - dicono i genitori di Stefano, 17 anni, 2<br />

bocciature alle spalle - da un anno fa quello che vuole, se gli si par<strong>la</strong>,<br />

esplode”. Il Preside precisa a Stefano che ciò che conta è quello che<br />

conviene a lui e nessuno può decidere al suo posto. Stefano allora dice<br />

di voler ottenere il diploma, ma gli è insopportabile stare in c<strong>la</strong>sse.<br />

* neologismo inventato da Jacques Lacan, composto da due parole, intimità e esteriorità, <strong>per</strong><br />

indicare che <strong>la</strong> cosa più intima è in continuità con <strong>la</strong> cosa più esterna.<br />

BrochureFermi2.indd 11 27-05-2009 15:45:34


Gruppo Genitori 2008/2009<br />

Il progetto<br />

Il Fermi costruisce un “<strong>per</strong>corso individuale” fatto su misura <strong>per</strong><br />

Stefano. Si prevedono più partner al <strong>la</strong>voro in é<strong>qui</strong>pe con Stefano,<br />

con i genitori, con i professori. Il Preside vigilerà che il sa<strong>per</strong>e, che<br />

il programma sco<strong>la</strong>stico non escluda <strong>la</strong> partico<strong>la</strong>rità del soggetto.<br />

Cioè facciamo leva sulle risorse di Stefano in modo tale che, al di<br />

là dell’obiettivo immediato, possa trasformare un interesse in una<br />

competenza e trovare il proprio<br />

posto nel legame sociale.<br />

Stefano ha <strong>la</strong> passione <strong>per</strong><br />

l’arte: il professore organizza<br />

con lui di visitare delle mostre<br />

e al ritorno Stefano si mette al<br />

<strong>la</strong>voro a partire dai cataloghi<br />

delle mostre visitate. Stefano<br />

si serve di tutti gli o<strong>per</strong>atori di<br />

cui può disporre, si serve degli<br />

incontri con “il partner del soggetto” <strong>per</strong> par<strong>la</strong>re di sé, dei litigi con i<br />

genitori, delle risse allo stadio, delle ragazze. Per par<strong>la</strong>re del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

si serve del Preside. Per tornare a scuo<strong>la</strong> dopo una lunga assenza usa<br />

l’ora di arte.<br />

La funzione del partner del soggetto è di creare un posto vuoto in cui<br />

il soggetto possa collocare il proprio desiderio. Antonio Di Ciaccia<br />

dà un nome a questa funzione, “suscitatore di desiderio”. Questo<br />

o<strong>per</strong>atore non sa cosa sia più giusto <strong>per</strong> lo studente: è lo studente che<br />

può dire le proprie difficoltà e utilizzare questo posto vuoto del quale<br />

l’o<strong>per</strong>atore è l’almeno-uno garante.<br />

BrochureFermi2.indd 12 27-05-2009 15:45:36


Il partner dei genitori si mette nel<strong>la</strong> posizione di sa<strong>per</strong>e che non deve<br />

sa<strong>per</strong>e sui genitori e su Stefano. I genitori incontrano l’o<strong>per</strong>atore ogni<br />

settimana, possono telefonare nei momenti di crisi. Il fatto che noi ci<br />

siamo, li pacifica e si li fa sentire autorizzati a intervenire <strong>per</strong> dare a<br />

Stefano dei punti di re<strong>per</strong>imento.<br />

All’inizio, i genitori sono convinti che Stefano sia capriccioso, non<br />

riescono a mettergli dei limiti; quando il padre non ce <strong>la</strong> fa più a<br />

sopportare le provocazioni del figlio, arriva allo scontro fisico.<br />

Gli frugano nelle tasche e <strong>la</strong> madre che ha paura del figlio gli somministra<br />

di nascosto dei calmanti. A poco a poco questo padre e questa madre<br />

cambiano posizione cessando di essere invadenti <strong>per</strong> loro figlio.<br />

Il Fermi nelle sue riunioni rego<strong>la</strong>ri fa il punto delle impasse <strong>per</strong><br />

capire cosa stia succedendo e <strong>per</strong> calco<strong>la</strong>re <strong>la</strong> strategia e le tattiche da<br />

mettere in o<strong>per</strong>a.<br />

Stefano ottiene il suo diploma e dice: “Mi sono tolto un peso enorme<br />

che portavo da anni”.<br />

Stefano, in quanto soggetto, ha dato lui stesso il “marchio di qualità”<br />

al Fermi?<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 13 27-05-2009 15:45:38


Eclissi... <strong>per</strong> non eclissarsi!<br />

Ogni giorno questo ragazzo o dorme, nascosto dal cappuccio del<strong>la</strong> sua<br />

felpa e dallo zaino che mette a guisa di barriera sul banco o è impegnato<br />

a fare altro.<br />

Lo richiamo cercando di coinvolgerlo senza alcun effetto. Educatamente<br />

si scusa, ma ritorna subito alle sue attività.<br />

Nel corso dell’anno il suo atteggiamento diventa sempre più provocatorio,<br />

salta le verifiche, si rivolge a me con tono sempre più insolente.<br />

Finché un giorno durante <strong>la</strong> verifica di italiano, scrive un tema, in cui<br />

ignorando le tracce proposte, mi comunica esplicitamente il suo disagio,<br />

<strong>la</strong> sua insofferenza nei confronti del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, degli insegnanti. Prendo<br />

<strong>per</strong> me quelle “accuse”, quel “disagio”, come insegnante. Mi sento ferita<br />

e soprattutto delusa: a volte un buon <strong>la</strong>voro <strong>per</strong> noi insegnanti, non lo è<br />

<strong>per</strong> i ragazzi.<br />

Faccio leggere al Preside il tema ed incontro <strong>la</strong> psicologa del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>.<br />

Mi sento sostenuta, incoraggiata a non rispondere con un’insufficienza o<br />

un tema più difficile come avevo pensato.<br />

Prendo tempo <strong>per</strong> riflettere.<br />

Dopo una settimana restituendo<br />

i temi, dico al ragazzo il mio<br />

apprezzamento <strong>per</strong> il suo tema,<br />

prendendo atto del messaggio<br />

contenuto e che se vuole, può<br />

par<strong>la</strong>re con me. Non posso<br />

<strong>per</strong>ò valutare il compito, <strong>per</strong>ché<br />

non aderente alle tre tracce<br />

proposte.<br />

Sembra stupito e soddisfatto del<strong>la</strong><br />

risposta avuta.<br />

BrochureFermi2.indd 14 27-05-2009 15:45:39


Da <strong>qui</strong>, forse, un effetto sorprendente! Un mese più tardi, tutta <strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse<br />

vuole salire sul terrazzo a vedere l’eclissi di sole. Ma purtroppo non<br />

è possibile. Mentre sto traducendo un passo di Cesare, il ragazzo mi<br />

chiede di andare in bagno, nascosto come sempre dal suo cappuccio.<br />

Gli accordo il <strong>per</strong>messo, convinta che nul<strong>la</strong> sia cambiato.<br />

Dopo più di mezz’ora, ritorna e mi dice, mugugnando da sotto il<br />

cappuccio che, con il <strong>per</strong>messo del Preside, è andato a vedere l’eclissi.<br />

Mi arrabbio ma mi trattengo dal rimproverarlo, e sorridendo con<br />

tono sorpreso e ammirato esc<strong>la</strong>mo: “sei riuscito a vedere l’eclissi? E<br />

com’è?”<br />

Il ragazzo, passando, risponde che non si vedeva molto, ma era<br />

interessante.<br />

Replico subito, sorridendo: “Non puoi cavarte<strong>la</strong> con due parole…<br />

Visto che sei l’unico che ha avuto il privilegio di vedere l’eclissi, vieni<br />

al<strong>la</strong> cattedra e racconta al<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse che cosa hai visto, fai anche un<br />

disegno al<strong>la</strong> <strong>la</strong>vagna”.<br />

Per <strong>la</strong> prima volta si toglie il cappuccio mentre par<strong>la</strong>!<br />

Ecco gli effetti di un <strong>la</strong>voro di “squadra”: condividere le informazioni<br />

con gli altri colleghi, Preside, psicologa del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, chiedere aiuto<br />

senza abbandonare <strong>la</strong> mia funzione di docente.<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 15 27-05-2009 15:45:40


La filosofia è ‘m...’!<br />

Al corso di formazione <strong>la</strong> dott.ssa Adele Marcelli ha detto:<br />

“Se voglio che gli studenti studino <strong>la</strong> disciplina che insegno,<br />

dovrò fare in modo di preparar<strong>la</strong> in modo che abbiano desiderio di<br />

imparar<strong>la</strong>, a partire da un mio desiderio sul <strong>la</strong>voro che faccio. Come<br />

fare? Occorre che lo studente intraveda che nel progetto didattico,<br />

che è stato redatto <strong>per</strong> <strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse o <strong>per</strong> lui, ci sia il posto <strong>per</strong> <strong>la</strong> sua<br />

soggettività, <strong>per</strong> <strong>la</strong> sua partico<strong>la</strong>rità. Che non sia un tutto pieno, senza<br />

un minimo di possibilità <strong>per</strong> lui di ritrovare qualcosa che gli <strong>per</strong>metta<br />

di esprimere una sua scelta, anche se picco<strong>la</strong>, una sua opinione, un<br />

suo pensiero che magari non collima col sa<strong>per</strong>e ufficiale. Un posto<br />

<strong>per</strong> <strong>la</strong> sua partico<strong>la</strong>rità che lo fa soggetto, che non lo faccia sentire<br />

schiacciato sull’universale del tutti uguali, che esiste solo in astratto<br />

mentre nel concreto ci sono solo diversità”.<br />

È quello che, dopo essermi confrontata con il Preside e <strong>la</strong> psicologa del<strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong>, ho cercato di mettere<br />

in atto. Così <strong>per</strong> comprendere<br />

<strong>la</strong> materia, ad inizio anno<br />

faccio un’introduzione re<strong>la</strong>tiva<br />

al significato del<strong>la</strong> filosofia e<br />

all’utilità del suo studio. Al<strong>la</strong><br />

prima lezione decido di partire<br />

così. Entrata in c<strong>la</strong>sse chiedo<br />

agli studenti di venirsi a sedere<br />

vicino al<strong>la</strong> cattedra, distribuisco<br />

loro le fotocopie delle mappe<br />

concettuali e chiedo a uno di loro<br />

di scrivere al<strong>la</strong> <strong>la</strong>vagna tutto ciò<br />

che i suoi compagni avrebbero<br />

BrochureFermi2.indd 16 27-05-2009 15:45:40


isposto al<strong>la</strong> domanda “Che cos’è <strong>la</strong> filosofia? Idee e aspettative”.<br />

Le risposte devono essere scritte in ordine sparso intorno al termine<br />

filosofia.<br />

Risponde <strong>per</strong> primo uno studente che di solito non partecipa: “La<br />

filosofia è merda!” Il termine è stato scritto al<strong>la</strong> <strong>la</strong>vagna insieme alle<br />

definizioni date dai compagni.<br />

Lo studente quando vede che <strong>la</strong> sua provocazione non suscita<br />

reazione, mi dice: “ma no prof, non lo scriva, stavo scherzando”. Gli<br />

rispondo che il suo pensiero è valido al pari di quello degli altri e potrà<br />

spiegare <strong>per</strong>ché secondo lui <strong>la</strong> filosofia è merda. Da quel momento<br />

anche questo studente partecipa al <strong>la</strong>voro, facendo emergere spunti<br />

di riflessione significativi. Nessun studente si è sottratto a questo<br />

<strong>la</strong>voro.<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 17 27-05-2009 15:45:40


“Lei non può...”<br />

Sempre al<strong>la</strong> ricerca di nuove modalità di <strong>la</strong>voro in c<strong>la</strong>sse, mi è<br />

capitato di arrivare a un punto di crisi di fronte a un atteggiamento<br />

partico<strong>la</strong>rmente aggressivo dei ragazzi. Crisi, reazione violenta, a<br />

mio avviso immotivata e che mi sembrava vio<strong>la</strong>sse <strong>la</strong> rego<strong>la</strong>.<br />

Al<strong>la</strong> reazione aggressiva ho opposto una reazione altrettanto forte<br />

innescando così una sorta di esca<strong>la</strong>tion giunta ad un punto tale che<br />

non si poteva andare oltre.<br />

Nel silenzio che si era creato “Tu non puoi comportarti in questo<br />

modo, - dico - sei maleducato”. “No, lei non può...” replica il ragazzo,<br />

arrivando a un punto di rottura o a un punto di stasi.<br />

Mi chiedo allora: “a questo punto cosa faccio? Si va avanti?” Lì <strong>per</strong><br />

lì mi sono preso un attimo di pausa, ho evitato cioè di occuparmi di<br />

lui <strong>per</strong>ché non sapevo come intervenire.<br />

Poi, sorpresa, <strong>la</strong> risposta è arrivata in un certo qual modo da so<strong>la</strong>.<br />

Dopo un compito in c<strong>la</strong>sse, nel consegnarglielo (il compito era andato<br />

bene <strong>per</strong>altro) ci siamo confrontati par<strong>la</strong>ndo di qualcosa d’altro,<br />

cioè del compito in c<strong>la</strong>sse, ritrovando così un modo di re<strong>la</strong>zionarci e<br />

ritrovare un dialogo a un livello civile.<br />

Ho fatto mia questa modalità: tutte le volte che con un ragazzo c’è stato<br />

uno screzio, non si è più arrivati a tali estremi, ma ho preso tempo,<br />

trovando a volte utile un momento di ascolto al<strong>la</strong> fine dell’ora fuori<br />

c<strong>la</strong>sse.<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 18 27-05-2009 15:45:41


La scorciatoia è sempre una curva<br />

Ho cominciato ad insegnare da un anno.<br />

Il disturbo<br />

Lo studente, fonte inesauribile di comportamenti, che riescono a farmi<br />

innervosire… Par<strong>la</strong> in continuazione con il compagno di fianco, dietro e<br />

davanti al suo banco… contemporaneamente! Non ha niente da dire se gli<br />

domando qualcosa di scuo<strong>la</strong>: spesso ha preso note o è finito fuori dal<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse.<br />

La mia reazione. Reagisco ur<strong>la</strong>ndo, sgridandolo davanti a tutti, ormai<br />

sfinita dai continui richiami che deve piantar<strong>la</strong>, che non ha rispetto.<br />

Lui si sente aggredito e risponde che non ha fatto niente; io mi innervosisco<br />

ancora di più di fronte al<strong>la</strong> sua sfacciataggine e gli elenco tutto ciò che ha<br />

fatto dall’inizio dell’ora; lui mi risponde ur<strong>la</strong>ndo a sua volta, fino a che gli<br />

metto <strong>la</strong> nota e lo mando fuori.<br />

Dopo, riflettendoci con attenzione, mi rendo conto che in fondo se è finito<br />

fuori è colpa mia o che comunque potevo evitare quello che è accaduto<br />

tra i primi richiami e <strong>la</strong> nota. Risultato: mi sono innervosita, lui anche<br />

peggio, <strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse è ammutolita e forse pensa che non ho i nervi a posto.<br />

Il ragazzo ora è fuori dal<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse e non potrà seguire questa lezione. Decido<br />

allora che in futuro cercherò di non arrivare allo scontro frontale.<br />

Minaccio<br />

Senza innervosirmi gli dico che <strong>la</strong> prossima volta che aprirà bocca lo<br />

manderò fuori. Lui resiste ma poi ricomincia a chiacchierare.<br />

Gli metto <strong>la</strong> nota e lo mando fuori <strong>per</strong> un po’. Ho fatto un passo avanti, ma<br />

mi rendo conto che il ragazzo è sempre fuori e non seguirà questa lezione.<br />

Lo sposto<br />

Gli chiedo di spostarsi ai primi banchi, vicino agli studenti che prendono<br />

appunti e fanno commenti intelligenti, s<strong>per</strong>ando che prenda esempio. Lui<br />

riesce a traviare anche loro raccontando chissà quale avventura con qualche<br />

ragazza in discoteca.<br />

Lo sposto al primo banco, di fronte a me, attaccato al<strong>la</strong> cattedra. Gli<br />

dico di scrivere questo e di sottolineare quello. Lui lo fa ma, appena mi<br />

rivolgo a tutti, diventa un incubo. Borbotta, commenta quello che dico, mi<br />

interrompe continuamente. Non va.<br />

BrochureFermi2.indd 19 27-05-2009 15:45:41


Lo ignoro<br />

Decido allora di ignorare i suoi interventi, fingo di non aver sentito e<br />

proseguo <strong>la</strong> lezione. Ma se questo giova al<strong>la</strong> mia lezione, non giova<br />

allo studente, il quale continua a disinteressarsi e <strong>per</strong>severa in questo<br />

comportamento. Mi rendo conto che forse questo gli serve proprio <strong>per</strong><br />

attirare l’attenzione e forse ignorarlo non è del tutto una buona idea.<br />

Lo sguardo assassino<br />

Al<strong>la</strong> fine sviluppo <strong>la</strong> tecnica dello “sguardo assassino”, l’occhiataccia<br />

dell’insegnante che, senza parole, vuole dire: “attento. Se continui sono<br />

guai”. È una via di mezzo tra l’ignorare e lo sgridare. Lui ridacchia<br />

ma non insiste ed io ho <strong>la</strong> sensazione che <strong>per</strong> lui sia un gioco.<br />

Lavoro d’é<strong>qui</strong>pe<br />

Al Gruppo Insegnanti in formazione vengono discusse le impasse che<br />

incontriamo <strong>per</strong> capirne <strong>la</strong> logica. Per esempio, come sorprendere lo<br />

studente non facendo le cose che lui si aspetta che il docente faccia,<br />

come tutto quello che ho provato fino a quel momento? Come<br />

sfruttare i commenti o gli interventi di questo ragazzo a favore del<strong>la</strong><br />

lezione? Forse giocando sul<strong>la</strong> prontezza?<br />

Ecco, un esempio. Mentre sto par<strong>la</strong>ndo, lui se ne esce con: “prof, ieri<br />

ha visto <strong>la</strong> puntata di ‘Smallville’ ”? Ovviamente tutti accantonano<br />

il Tasso <strong>per</strong> fare dei commenti sul telefilm. Quel giorno mi ci butto<br />

e li sorprendo dicendo che conosco “Smallville” e rispondendo alle<br />

domande delle ragazze, che mi chiedono se mi piace l’attore che<br />

interpreta C<strong>la</strong>rk Kent. Faccio così notare che, in fondo, <strong>la</strong> storia<br />

di Su<strong>per</strong>man e del suo nemico Lex Luthor non par<strong>la</strong> d’altro che<br />

del<strong>la</strong> affascinante ed eterna lotta tra il Bene e il Male. Come <strong>la</strong> si<br />

ritrova anche nel<strong>la</strong> Gerusalemme Liberata del Tasso, dove i Cristiani<br />

rappresentano il Bene e i Mori, il Male. Solo che, invece che a<br />

Metropolis, <strong>la</strong> lotta avviene a Gerusalemme. Poi attacco a par<strong>la</strong>re<br />

del<strong>la</strong> Controriforma e sono tutti al <strong>la</strong>voro.<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 20 27-05-2009 15:45:42


Chiedergli scusa!<br />

Anno 2000, insegno da molti anni. Situazione in una c<strong>la</strong>sse: ci sono<br />

ore in cui riesco a svolgere le lezioni, altre in cui - quasi all’improvviso - <strong>la</strong><br />

situazione diventa ingestibile.<br />

Alcuni ragazzi, uno in partico<strong>la</strong>re, mi impedisce letteralmente di far<br />

lezione. Al<strong>la</strong> fine di un’ora in cui questo ragazzo ha fatto a pezzettini<br />

un foglio, lo ha <strong>la</strong>nciato contro un compagno e non ha prestato <strong>la</strong><br />

minima attenzione ai miei rimproveri, gli ho detto: “bisogna che ci<br />

parliamo, andiamo insieme dal Preside, così non può continuare, tu<br />

stai distruggendo <strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse”.<br />

Uscendo da scuo<strong>la</strong> <strong>per</strong>ò ho cominciato a ripensarci. C’era qualcosa<br />

che non riuscivo a capire. Mi sono venute in mente una serie di<br />

questioni: l’anno precedente gli era morto il padre…, quest’anno ha<br />

accumu<strong>la</strong>to una serie di insufficienze…<br />

Ne ho par<strong>la</strong>to subito con il Preside e abbiamo capito che <strong>la</strong><br />

situazione è <strong>per</strong> lui effettivamente difficile. Io con <strong>la</strong> mia frase gli<br />

offrivo l’occasione di portare avanti un ruolo che aveva sin dall’inizio<br />

sostenuto in c<strong>la</strong>sse: quello del distruttore. Ho deciso che durante <strong>la</strong><br />

riunione con il Preside avrei cominciato io a chiedergli scusa e solo<br />

dopo gli avrei detto che non capivo il suo comportamento.<br />

Il fatto che gli ho chiesto scusa lo ha sorpreso e ha capovolto <strong>la</strong><br />

situazione: lui ha potuto dire le sue difficoltà familiari e <strong>la</strong> paura di<br />

fronte a una serie di voti negativi. Abbiamo fatto un programma<br />

di studio guidato e le cose sono migliorate. Mi è sembrato che una<br />

miccia all’interno del<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse si è disinnescata.<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 21 27-05-2009 15:45:42


Passare da...<br />

Da alcuni mesi sono partico<strong>la</strong>rmente in difficoltà con un allievo<br />

<strong>per</strong>ché non riesco a sintonizzarmi con lui: non riesco ad interessarlo,<br />

a fargli preferire un disegno meglio eseguito ad uno tecnicamente<br />

più scadente, ecc... In una paro<strong>la</strong>, non riesco a stabilire con lui una<br />

comunicazione costruttiva. Esegue quanto gli chiedo, mostra anche<br />

capacità di attenzione, ma è “sordo” e “sciatto”, sembra insensibile.<br />

Mi fa pensare ad una campana che <strong>per</strong>cossa non emetta suono.<br />

Mi è difficile <strong>la</strong> sua presenza <strong>per</strong>ché il <strong>la</strong>voro che faccio con lui mi<br />

sembra senza sviluppo. In attesa di idee migliori, gli domando di<br />

eseguire disegni nei quali mettere a frutto le capacità di attenzione e<br />

di orientamento spaziale che ho notato in lui.<br />

Porto queste mie difficoltà al Gruppo degli insegnanti in formazione<br />

(o, meglio, richiesta di aiuto). Questo ha sortito l’effetto di aver messo<br />

insieme, tra i diversi insegnanti, alcuni tasselli di questo ragazzo: si è<br />

riaccesa <strong>la</strong> mia curiosità nei suoi confronti.<br />

Infatti, quel<strong>la</strong> che a me sembrava opacità può essere una sorta di<br />

invenzione, messa in atto da lui <strong>per</strong> motivi a me sconosciuti, nelle<br />

sue re<strong>la</strong>zioni con i diversi insegnanti in un gioco di rimandi che mi<br />

sembra, tra l’altro, molto divertente.<br />

Evidentemente, vederlo sotto una luce diversa, da un altro punto di vista,<br />

mi ha molto divertita. Me lo fa vedere con più simpatia e, soprattutto,<br />

mi indica nuove piste <strong>per</strong> cercare di stabilire con lui un contatto.<br />

Ora ho <strong>la</strong> sensazione che il mio approccio al<strong>la</strong> lezione, più sereno e<br />

divertito, sia <strong>per</strong>cepito dallo studente e porti piccoli frutti. Il <strong>la</strong>voro è<br />

ancora tutto da inventare, ma io ho ritrovato le motivazioni e <strong>la</strong> fantasia<br />

<strong>per</strong> farlo. Da so<strong>la</strong>, senza l’aiuto del gruppo, non ci sarei mai arrivata.<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 22 27-05-2009 15:45:43


Esposizione di una foto che manca<br />

Lavorare insieme, insegnanti, preside, segretarie, bidelli, amministratrice, psicopedagogisti<br />

è non solo progetto, ma necessità.<br />

Un f<strong>la</strong>sh. Un bidello, durante l’ultima ora di lezione, dice al preside che una professoressa<br />

gli chiede di andare in 1°A. Durante l’anno il numero dei ragazzi di questa c<strong>la</strong>sse è<br />

passato da 7 a 30. I docenti sono in difficoltà e spesso chiamano il preside in aiuto.<br />

Il preside va in c<strong>la</strong>sse, ma c’è un malinteso: <strong>la</strong> professoressa non ha chiesto <strong>la</strong> presenza<br />

del preside.<br />

Il preside, trovandosi spiazzato, coglie <strong>la</strong> pal<strong>la</strong> al balzo e si mette ad inventare. Colpito<br />

da un piccolo dettaglio (quasi su tutti i banchi ci sono delle scritte), propone ai ragazzi di<br />

fotografarle (prima che siano cancel<strong>la</strong>te) <strong>per</strong> poi farne una mostra fotografica <strong>per</strong> il 50°<br />

anniversario del Fermi.<br />

I ragazzi sono subito in fermento, si danno da fare (“io porto <strong>la</strong> macchina fotografica”),<br />

soprattutto quelli più in difficoltà (“ma io che non ho scritte come faccio?”)<br />

Nel pomeriggio, il preside resta di stucco scoprendo che tutti i banchi sono stati puliti e le<br />

scritte cancel<strong>la</strong>te. Cosa è successo?<br />

La mattina prima, un’altra professoressa, aveva chiesto ad un bidello di procurare <strong>per</strong><br />

il giorno dopo il materiale <strong>per</strong> far cancel<strong>la</strong>re ai ragazzi le scritte sui banchi. Il bidello,<br />

pensando che erano materiali nocivi e che <strong>qui</strong>ndi non li si poteva dare ai ragazzi, pulisce lui<br />

stesso tutti i banchi. Il preside ha preso in giro gli studenti? No! Perché? Al Fermi, ognuno<br />

(<strong>la</strong> professoressa, il bidello) si è preoccupato di far sì che i banchi siano in ordine.<br />

È vero che il preside è rimasto deluso: ha <strong>per</strong>so l’occasione <strong>per</strong> giocare al “preside dei<br />

murales” sui banchi di scuo<strong>la</strong>. Sono rimasti delusi gli alunni <strong>per</strong> l’occasione <strong>per</strong>sa di essere<br />

<strong>per</strong> un istante una c<strong>la</strong>sse simpaticamente isterica. Ma i delusi soprattutto saranno coloro, il<br />

29 novembre, che al<strong>la</strong> esposizione delle foto cercheranno quelle con le scritte sui banchi…<br />

Almeno il preside può <strong>la</strong>mentarsi di… non potersi <strong>la</strong>mentare di un’é<strong>qui</strong>pe troppo<br />

impeccabile!<br />

Gli insegnanti del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 23 27-05-2009 15:45:44


Come suscitare il desiderio di studiare, di <strong>la</strong>vorare?<br />

Ecco un impossibile: far desiderare di svegliarsi!<br />

Il Laboratorio può essere qualcosa che innova <strong>la</strong> didattica <strong>per</strong>ché<br />

crea un diverso spazio al soggetto. È necessario sempre dare spazio al<br />

soggetto, ma nel Laboratorio c’è <strong>la</strong> condizione migliore dal momento<br />

che l’insegnante può mettersi in una posizione diversa, un po’ più di<br />

<strong>la</strong>to rispetto al ragazzo.<br />

Una strada alternativa, serve <strong>per</strong> creare delle condizioni in cui lo<br />

studente possa attivarsi.<br />

Il Laboratorio <strong>per</strong>mette allo studente di s<strong>per</strong>imentare un avere a che<br />

fare col sa<strong>per</strong>e che passa attraverso il suo consenso, attraverso un sì.<br />

Il Laboratorio può essere impostato a partire dall’incontro di due<br />

desideri: l’insegnante o l’es<strong>per</strong>to e lo studente.<br />

Più i ragazzi hanno l’opportunità di essere partecipativi e attivi,<br />

dunque possono produrre un sa<strong>per</strong>e, più potranno studiare anche gli<br />

altri sa<strong>per</strong>i che sono obbligati a studiare.<br />

È<strong>qui</strong>pe del Fermi 2008/2009<br />

BrochureFermi2.indd 24 27-05-2009 15:45:45


Diplomati in writing<br />

Diario di un’es<strong>per</strong>ienza didattica. Fermi! Tutti al muro!<br />

In occasione del cinquantenario, il preside mi propone di organizzare<br />

un Laboratorio <strong>per</strong> lo studio e <strong>la</strong> realizzazione di un manifesto<br />

celebrativo.<br />

Al<strong>la</strong> riunione dei rappresentanti di c<strong>la</strong>sse, il preside e io, proponiamo<br />

l’obiettivo del Laboratorio e che gli interessati si presentino al<br />

prossimo appuntamento. Nessun allievo si presenta.<br />

Alcuni ragazzi, <strong>per</strong>ò, si candidano <strong>per</strong> un graffito sui muri del cortile<br />

interno. Il preside mi chiede di far parte di questo gruppo, mi presenta<br />

Matteo e Filippo, i quali chiederanno ulteriori adesioni.<br />

Primo incontro<br />

Si presentano cinque studenti. Mi raccontano cosa pensano di fare;<br />

Matteo mostra alcuni suoi disegni ed il bozzetto del graffito che<br />

intendono realizzare. Guardiamo insieme alcune foto di graffiti che<br />

ho scattato ai muri intorno al<strong>la</strong> Normale di Pisa. Andiamo in cortile<br />

<strong>per</strong> prendere visione delle pareti sulle quali <strong>la</strong>vorare e faccio alcune<br />

foto <strong>per</strong> calco<strong>la</strong>re <strong>la</strong> parete interessata dai graffiti e comprare <strong>la</strong><br />

pittura necessaria.<br />

I ragazzi sono ansiosi di iniziare il <strong>la</strong>voro e ci diamo appuntamento <strong>per</strong> <strong>la</strong><br />

settimana seguente <strong>per</strong> scegliere i colori e fare un preventivo di spesa.<br />

Si presentano due ragazzi. Una volta scelti i colori e ipotizzata <strong>la</strong><br />

spesa, incontriamo il preside che sollecita un bozzetto da proporre al<br />

gestore <strong>per</strong> il finanziamento.<br />

I ragazzi chiedono di poter <strong>la</strong>vorare durante l’orario sco<strong>la</strong>stico, salvo<br />

presentarsi ad eventuali interrogazioni in programma. Garantisco <strong>la</strong><br />

mia presenza durante le mattine di <strong>la</strong>voro.<br />

BrochureFermi2.indd 25 27-05-2009 15:45:45


Piove<br />

Telefono in segreteria e mi dicono che i ragazzi sono al <strong>la</strong>voro. Corro<br />

al Fermi e li trovo intenti a discutere su come procedere. Sui muri<br />

destinati al graffito sono state applicate quattro strisce di nastro<br />

adesivo e appaiono alcuni segni abbastanza casuali.<br />

Capisco da subito che devo seguire i tempi e le modalità di <strong>la</strong>voro<br />

degli allievi: il <strong>la</strong>voro deve essere a tutti gli effetti un loro prodotto.<br />

La garanzia <strong>per</strong> me è legata all’interesse e al<strong>la</strong> passione dei ragazzi<br />

<strong>per</strong> questa iniziativa. Mi limito ad essere presente, fotografarli e ad<br />

assicurare una partecipazione discreta. Sotto una continua pioggerel<strong>la</strong><br />

iniziano a <strong>la</strong>vorare tracciando con il bianco le lettere del<strong>la</strong> scritta<br />

“Fermi”.<br />

Specializzazione in... lettere!<br />

La prima sorpresa è che decidono di scrivere le lettere che compongono<br />

<strong>la</strong> scritta secondo le capacità individuali: Federico traccerà <strong>la</strong> F <strong>per</strong>ché<br />

è bravo con le F, Matteo si cimenterà con <strong>la</strong> E e <strong>la</strong> R, Filippo con <strong>la</strong><br />

M e così via. Tutto viene deciso collegialmente ed ogni traccia viene<br />

commentata dal gruppo e rie<strong>la</strong>borata secondo i consigli di ognuno.<br />

Partecipo ad una es<strong>per</strong>ienza straordinaria: assisto ad una modalità<br />

di <strong>la</strong>voro veramente di gruppo, dove ognuno è valorizzato <strong>per</strong> le<br />

sue specifiche abilità. A poco a poco, tra commenti, cancel<strong>la</strong>ture e<br />

riprese, <strong>la</strong> scritta prende forma e corpo. Dopo <strong>la</strong> traccia bianca si<br />

ripassa con una traccia gial<strong>la</strong>; sempre con il giallo si riempiono gli<br />

spazi vuoti e gli occhielli tra le lettere.<br />

Intanto a sinistra, sull’altra porzione di muro, Filippo inizia a tracciare<br />

<strong>la</strong> scritta “liceo scientifico”; anche <strong>qui</strong>, le varie lettere sono scritte da<br />

uno o l’altro secondo le abilità. Se qualche traccia è considerata poco<br />

riuscita si cancel<strong>la</strong> e ridisegna in un’atmosfera di coralità veramente<br />

ammirevole.<br />

Viene campito lo sfondo giallo su<strong>per</strong>iore - le bande di nastro adesivo<br />

delimitano tre diverse tonalità di giallo usate come sfondo - e questo<br />

<strong>la</strong>voro viene affidato con naturalezza ai meno es<strong>per</strong>ti.<br />

BrochureFermi2.indd 26 27-05-2009 15:45:46


Anche oggi piove<br />

Trovo che su entrambe le porzioni di muro sono state dipinte delle<br />

strisce sinuose (celeste - azzurro - verde chiaro) che partono da un<br />

punto a sinistra e si aprono a ventaglio verso destra e viceversa<br />

specu<strong>la</strong>rmente: l’effetto di colore sul giallo di fondo è vivace e<br />

l’andamento sinuoso conferisce movimento all’insieme.<br />

Entra in azione Matteo e ridelinea le lettere del<strong>la</strong> scritta “Fermi”<br />

con <strong>la</strong> bomboletta blu; poi le campisce sempre di blu e le sfuma<br />

in verde. Matteo <strong>la</strong>vora con mano sicura: il suo gesto è preciso ed<br />

efficace. Imparo come si ottengono le sfumature con le bombolette:<br />

erogando il colore da sfumare con direzione non ortogonale al muro,<br />

ma radente. Matteo è abile e vederlo <strong>la</strong>vorare mi riempie di gioia. A<br />

tratti piove abbondantemente e i ragazzi si riparano con l’ombrello.<br />

Ogni tanto bisogna anche interrom<strong>per</strong>e il <strong>la</strong>voro <strong>per</strong>ché sul muro<br />

bagnato il colore non fa presa. Durante gli intervalli tra le ore di<br />

lezione, prima che gli alunni scendano in cortile, si raccolgono i<br />

materiali e si interrompe il <strong>la</strong>voro.<br />

“È da paura…!”<br />

Tutti i ragazzi del Fermi si interessano all’avvenimento con commenti<br />

che giungono dalle finestre e con visite direttamente sul posto.<br />

“... È da paura!” Frase sul<strong>la</strong> bocca di tutti, che indica l’alto indice<br />

di gradimento, nel gergo dei ragazzi che mi diverto ad ascoltare<br />

sintonizzandomi allo stesso tempo con le dinamiche del gruppo.<br />

BrochureFermi2.indd 27 27-05-2009 15:45:46


Una valutazione al rovescio<br />

È una grande lezione <strong>per</strong> me: ogni avanzamento del <strong>la</strong>voro è valutato<br />

e commentato da tutti i ragazzi, e le decisioni definitive sono prese<br />

coralmente; non vedo gelosie o atteggiamenti offesi di rivalsa.<br />

Anche se <strong>la</strong> maggiore abilità di alcuni è chiaramente considerata ed<br />

apprezzata, il <strong>la</strong>voro è o<strong>per</strong>a di tutti.<br />

Tra un acquazzone e l’altro a fine mattina <strong>la</strong> scritta “Fermi” appare<br />

campita e sfumata e anche gli sfondi sono completati. La scritta “liceo<br />

scientifico” procede a sua volta.<br />

Presidi d’accordo...<br />

Arrivo presto. I ragazzi sono già al <strong>la</strong>voro ed il gruppo si è arricchito di<br />

Nicolò, un amico di Matteo. Nicolò ha avuto il <strong>per</strong>messo dal preside<br />

del<strong>la</strong> sua scuo<strong>la</strong>, in accordo con il preside del Fermi, <strong>per</strong> venire a<br />

col<strong>la</strong>borare al<strong>la</strong> ultimazione del graffito.<br />

Ogni lettera del<strong>la</strong> scritta ”Fermi” viene contornata di nero, mentre<br />

Nicolò esegue tutt’intorno al<strong>la</strong> scritta un <strong>per</strong>imetro bianco che<br />

decidiamo di comune accordo debba essere rilevante.<br />

Tutti i componenti del gruppo <strong>la</strong>vorano a<strong>la</strong>cremente <strong>per</strong>ché si è<br />

deciso di finire tassativamente entro <strong>la</strong> mattinata. Matteo, Nicolò<br />

e Filippo sono i più impegnati, ma tutti i ragazzi si rendono utili<br />

secondo le loro capacità.<br />

Ragazzi sovreccitati<br />

Durante gli intervalli piombano in cortile ragazzi sovreccitati<br />

dall’imminente fine delle lezioni: fanno ressa davanti al <strong>la</strong>voro dei<br />

“writers” con commenti di apprezzamento, mi chiedono di essere<br />

fotografati insieme agli artefici del<strong>la</strong> scritta. L’atmosfera è elettrica<br />

e gioiosa. Matteo, Filippo e il nuovo arrivato sono impegnatissimi e<br />

desiderano finire entro <strong>la</strong> mattina.<br />

BrochureFermi2.indd 28 27-05-2009 15:45:47


Una professoressa a lezione<br />

Mi sembra impossibile che ci riescano, ma in questi giorni ho imparato che se i loro criteri e le loro<br />

modalità sono diversi dai miei, non <strong>per</strong> questo, sono meno efficaci.<br />

Vengono tolti i nastri adesivi e lo spazio da loro occupato, viene ridefinito da altri nastri e poi dipinto di<br />

rosso. L’aggiunta del rosso dà risalto a tutti i colori precedentemente stesi. Le quattro strisce rosse così<br />

ottenute saranno oggetto di altre rifiniture che le interrom<strong>per</strong>anno ad arte sugli sfondi o sulle lettere.<br />

Il “gruppo graffiti”<br />

Verso le tredici e trenta il <strong>la</strong>voro è quasi ultimato, mancano solo alcuni dettagli.<br />

L’ultima campanel<strong>la</strong> è suonata, <strong>la</strong> gioiosa confusione generale è somma e decido di fotografare il “gruppo<br />

writers”. Faccio due foto e poi un allievo che non ha partecipato al <strong>la</strong>voro si offre <strong>per</strong> fare una foto al<br />

gruppo, sotto <strong>la</strong> scritta Fermi, me compresa. Ci siamo messi in posa e lo studente ha scattato <strong>la</strong> foto, che<br />

ha sancito il mio far parte del gruppo. Sono stata promossa sul campo!<br />

La lezione che ne ho tratto è che ero io a scuo<strong>la</strong>, una professoressa a scuo<strong>la</strong>, ad imparare dal<strong>la</strong> passione<br />

degli alunni.<br />

Franca, una professoressa di arte del Fermi<br />

BrochureFermi2.indd 29 27-05-2009 15:45:47


BrochureFermi2.indd 30 27-05-2009 15:45:48


Laboratorio di Poesia e di Paro<strong>la</strong> degli studenti del<br />

Fermi con il poeta Giancarlo Majorino<br />

Gli studenti hanno inventato questo slogan scelto tra altri da Majorino:<br />

“Cinquantanni son trascorsi, al Fermi siamo corsi!”<br />

Domanda: qual è l’autore che più l’ha ispirata?<br />

Majorino: ma direi tanti, non ne ho uno in modo preciso. Se fossi<br />

presuntuoso direi Dante che ho sempre lì sul tavolo che ha questa<br />

grandezza e insieme bellezza.<br />

Però proprio uno no, un po’ qua e là. Anche <strong>la</strong> narrativa mi ha<br />

interessato, non i best seller, ma quelli veri.<br />

Domanda: che cosa prova quando scrive le poesie?<br />

Majorino: sono tutte domande che ci vogliono due o tre mesi <strong>per</strong><br />

rispondere. Come un livello più alto, alzato di intensità, cioè sono nel<strong>la</strong><br />

cosa e mi emoziona, poi come nel caso di certi libri che sono lunghi e<br />

artico<strong>la</strong>ti non c’è quel<strong>la</strong> tensione immediata e si spande.<br />

Però una cosa di grande felicità <strong>per</strong> me quando le faccio, poi dopo i<br />

libri vanno, non si sa dove vadano, nel bene e nel male sono lì come dei<br />

fili staccati che viaggiano.<br />

Domanda: quali temi le piace evidenziare?<br />

Majorino: sì, ho due o tre tematiche: una Mi<strong>la</strong>no, sono nato <strong>qui</strong>,<br />

abito <strong>qui</strong>, sono uno dei pochissimi che dice che Mi<strong>la</strong>no è bel<strong>la</strong>, ci<br />

sono affezionato, poi ormai è da tanti di quegli anni che ci abito che<br />

ogni angolo mi dice cosa avevo fatto lì ventanni prima, <strong>per</strong> esempio<br />

questa scuo<strong>la</strong>.<br />

Mi<strong>la</strong>no è sicura come tematica privilegiata e poi l’idea del rapporto di<br />

sé con gli altri, anche questo mi interessa. Sono queste due tematiche.<br />

E naturalmente una grande città è meglio di una picco<strong>la</strong> <strong>per</strong> chi<br />

voglia avere questi rapporti con tanta gente, con i cambiamenti.<br />

BrochureFermi2.indd 31 27-05-2009 15:45:48


Domanda: quando ha capito di voler fare il poeta e <strong>per</strong>ché proprio<br />

il poeta?<br />

Majorino: credo di averlo capito molto presto, <strong>per</strong>ò come una roba<br />

in più, non come una cosa del<strong>la</strong> mia vita. Infatti ho fatto un sacco di<br />

<strong>la</strong>vori di tipo diverso prima di insegnare. Anzi mi piaceva fare delle<br />

es<strong>per</strong>ienze diverse, di tipo anche strano: il bookmaker, il maestro<br />

di tennis, robe che non c’entravano niente, <strong>per</strong>ò così facevo come<br />

es<strong>per</strong>ienza di tante <strong>per</strong>sone, tanti <strong>la</strong>vori.<br />

Poi pian piano si è consolidato questo desiderio, questa voglia di<br />

scrivere dei versi e ho cominciato.<br />

Domanda: qual è il suo lettore ideale?<br />

Majorino: anche questa è una domanda da centomi<strong>la</strong> dol<strong>la</strong>ri,<br />

boh…! Ma, il lettore ideale è uno possibilmente giovane che capisca<br />

a fondo, che sia interessato davvero. Un volta mi avevano chiesto<br />

di andare al<strong>la</strong> televisione da Costanzo, ma non sono andato <strong>per</strong>ché<br />

dicevo “cosa vado a fare lì?” Lì cercano sempre cose strane, una<br />

volta capita lì una ragazza con tre braccia e tutta <strong>la</strong> sera su quel<strong>la</strong><br />

stranezza, dico <strong>per</strong> dire … Tu sei lì, sei un poeta, <strong>la</strong>vori a fondo e<br />

diventi una comparsa <strong>per</strong>ché loro sono al<strong>la</strong> ricerca di cose di questo<br />

genere. Quindi un lettore giovane, non lo dico <strong>per</strong> attirare voi, ma<br />

insomma giovane <strong>per</strong>chè ha davanti cose.<br />

Domanda: ha meno es<strong>per</strong>ienza un lettore giovane …<br />

Majorino: esatto, bel<strong>la</strong> seconda risposta. Il rischio è che non abbia<br />

neanche competenza, che non capisca bene <strong>per</strong>ché le poesie sono<br />

così importanti non solo <strong>per</strong> me, <strong>per</strong>ò da giovani si può imparare, da<br />

vecchio quel che c’è c’è, a volte anche da adulto ci si ferma un po’.<br />

Domanda: c’è una figura femminile che l’ha partico<strong>la</strong>rmente<br />

ispirato?<br />

Majorino: sì, tutte. No, non vorrei diventarvi troppo simpatico, ma le<br />

BrochureFermi2.indd 32 27-05-2009 15:45:49


donne mi piacciono tutte molto <strong>per</strong>ché sono così diverse, hanno altre<br />

caratteristiche. Poi, in partico<strong>la</strong>re, c’è <strong>la</strong> mia consorte che conosco da<br />

quando aveva 17 anni, a me piace dire “consorte” invece che moglie,<br />

<strong>la</strong> stessa sorte … Siamo un po’ come cresciuti insieme.<br />

Domanda: <strong>per</strong>ché ha accettato di essere il Direttore artistico di<br />

questo Laboratorio?<br />

Majorino: un po’ <strong>la</strong> storia di prima, io sono sempre in mezzo ai<br />

giovani, insegno da una infinità di anni. Prima ho insegnato <strong>qui</strong> al<br />

liceo Fermi <strong>per</strong> 15 anni e il Laboratorio <strong>per</strong>ché secondo me voi a volte<br />

siete un po’ attirati da cose che non danno <strong>la</strong> felicità, non dico che<br />

tutti dobbiate mettervi a scrivere le poesie o leggere le poesie, <strong>per</strong>ò c’è<br />

anche questo, mettere come degli avvisi anche <strong>per</strong> voi… Ancora una<br />

volta lo si può fare con dei giovani e non con delle <strong>per</strong>sone anziane o<br />

adulti che ormai hanno <strong>la</strong> loro vita precisa e chi si è visto si è visto.<br />

Domanda: cosa ha pensato leggendo i nostri <strong>la</strong>vori?<br />

Majorino: finora ne ho visti mica poi tanti! Ma secondo me c’è<br />

sempre una cosa interessante, cioè mi sembra che voi da questi<br />

BrochureFermi2.indd 33 27-05-2009 15:45:49


incontri abbiate un po’ avuto una specie di carica ulteriore, diciamo<br />

così. Non è una roba da niente, vengo <strong>qui</strong> e bevo un caffè e ce ne<br />

andiamo ognuno <strong>per</strong> <strong>la</strong> sua strada … E <strong>qui</strong>ndi i vostri <strong>la</strong>vori sono <strong>per</strong><br />

me da un <strong>la</strong>to molto semplici, non avete ancora <strong>la</strong> competenza <strong>per</strong><br />

fare delle cose, <strong>per</strong>ò magari siete su una strada di questo tipo dove si<br />

guadagnano pochi soldi, <strong>per</strong>ò i soldi sono importanti, ma non è tutto<br />

lì, se no avremmo i ricchi sempre con dei faccioni che ridono…<br />

Professoressa: c’è qualche altra domanda?<br />

Majorino: lei vuol farmi una domanda indiscreta da adulta?<br />

Professoressa: magari se poteva par<strong>la</strong>re brevemente del<strong>la</strong> sua<br />

ultima o<strong>per</strong>a, del poema.<br />

Majorino: sì, è un poema e <strong>qui</strong>ndi ha un po’ del romanzo e un po’<br />

del<strong>la</strong> poesia. Anche <strong>per</strong>ché c’è stato un <strong>per</strong>iodo in cui mia mamma<br />

scriveva romanzi e novelle, allora io fin da ragazzo <strong>la</strong> aiutavo, ero<br />

diventato un es<strong>per</strong>tone a 15 anni. E adesso in questo poema, questo<br />

libro enorme ho messo in campo un po’ di cose che sapevo, ma le<br />

o<strong>per</strong>e d’arte servono anche <strong>per</strong> esplorare, <strong>per</strong> capire di più, non è<br />

semplicemente … potrei par<strong>la</strong>re <strong>per</strong> un’oretta, ma non esageriamo.<br />

Domanda: riguardo al<strong>la</strong> domanda sul<strong>la</strong> figura femminile… Ha fatto<br />

mai una poesia dedicata a una <strong>per</strong>sona a lei vicina?<br />

Majorino: certo, una <strong>la</strong> so anche a memoria, rapida <strong>per</strong>ò. Si chiama<br />

Enrica questa <strong>per</strong>sona e le ho detto questa roba <strong>qui</strong>:<br />

Fatica, l’Enrica, a <strong>la</strong>sciare, lo vedo, lo sento,<br />

l’età giovanile,<br />

erba soffice e luminosa carica d’acque<br />

cielo sul capo a sbocco.<br />

Il corpo ancora fulgido non si piega<br />

l’andatura eretta pare una preghiera<br />

alle s<strong>per</strong>anze del mutamento.<br />

BrochureFermi2.indd 34 27-05-2009 15:45:50


Laboratorio DI MUSICA DEGLI STUDENTI DEL FERMI CON IL MAESTRO LUDOVICO<br />

EINAUDI<br />

Gruppo radio E. Fermi: <strong>per</strong>chè ha deciso di suonare il pianoforte e non un altro strumento?<br />

Ludovico Einaudi: mia madre suonava il pianoforte e <strong>qui</strong>ndi è il primo strumento che ho avuto in casa.<br />

Anche se ho suonato <strong>per</strong> molti anni <strong>la</strong> chitarra e mi piace ancora farlo ogni tanto col pianoforte ho trovato<br />

un modo di suonare più artico<strong>la</strong>to e completo con cui riesco meglio ad esprimere le mie idee musicali.<br />

Gruppo radio E. Fermi: quali sono le emozioni che prova quando sale sul palcoscenico?<br />

Ludovico Einaudi: c’è sempre un misto di emozioni: paura, eccitazione, pensieri vari che si<br />

accaval<strong>la</strong>no.<br />

Gruppo radio E. Fermi: <strong>per</strong>chè ha scelto <strong>la</strong> strada musicale e non<br />

quel<strong>la</strong> politica come suo nonno?<br />

Ludovico Einaudi: non ho mai pensato di seguire una strada<br />

politica. La musica mi ha sempre attratto e a un certo punto ho<br />

capito che non avrei potuto starle lontano.<br />

Gruppo radio E. Fermi: da cosa è nata <strong>la</strong> sua idea di questo<br />

progetto Radio nel nostro liceo?<br />

Ludovico Einaudi: l’idea di sviluppare un progetto <strong>per</strong> <strong>la</strong> musica<br />

nel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> è una cosa a cui ho pensato spesso e ne ho par<strong>la</strong>to in<br />

varie occasioni tra cui con il vostro Preside che mi ha poi ricontattato<br />

<strong>per</strong> sviluppare il progetto che stiamo facendo.<br />

BrochureFermi2.indd 35 27-05-2009 15:45:50


<strong>Liceo</strong> <strong>Scientifico</strong> <strong>Paritario</strong> “E. Fermi” - via Alfieri, 12 - Mi<strong>la</strong>no<br />

tel. 02 3315414 - www.liceofermi.com<br />

BrochureFermi2.indd 36 27-05-2009 15:45:50

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!