26.11.2012 Views

Cassina - Bosoni Ranza Associati

Cassina - Bosoni Ranza Associati

Cassina - Bosoni Ranza Associati

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Rileggere gli eventi, gli oggetti, i pensieri che hanno dato vita, formato e svi-<br />

luppato un percorso produttivo, progettuale e culturale come quello della<br />

<strong>Cassina</strong> significa riflettere sul peso e sul valore di una serie di passaggi at-<br />

traverso i quali si è costruita una specifica eccellenza del “pensare” e del<br />

“fare” il design del mobile in Italia.<br />

Rispetto al valore generale di questa grande esperienza costruita in ottan-<br />

t’anni, si è voluto affrontare, in questo volume, la ricostruzione di tale per-<br />

corso mettendo in fila quella serie di “incontri”, tra l’azienda e i designer,<br />

che sono stati l’occasione per offrire delle “visioni”, che hanno segnato pro-<br />

fondamente l’evoluzione della <strong>Cassina</strong> e del design internazionale.<br />

€ 60,00<br />

<strong>Cassina</strong><br />

made in<br />

Skira<br />

<strong>Cassina</strong><br />

made in<br />

a cura di Giampiero <strong>Bosoni</strong>


Giampiero <strong>Bosoni</strong><br />

Design made<br />

in <strong>Cassina</strong><br />

Pensieri, oggetti, valori,<br />

incontri, visioni.<br />

Un percorso di “incontri”<br />

e “visioni” per il futuro<br />

Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

Rileggere gli eventi, gli oggetti, i pensieri che hanno dato vita, formato<br />

e sviluppato un percorso produttivo, progettuale e culturale come quello<br />

della <strong>Cassina</strong>, significa riflettere sul peso e sul valore di una serie<br />

di passaggi attraverso i quali si è costruita una specifica eccellenza del<br />

“pensare” e del “fare” il design del mobile in Italia. Ma più in generale<br />

è anche l’occasione per leggere sequenze insieme culturali, ideologiche<br />

e tecnico-produttive emblematiche della storia del design<br />

italiano, il quale, per tutti questi fattori, è ancora oggi considerato un<br />

indiscutibile modello di riferimento internazionale.<br />

Buona parte dei pezzi della collezione <strong>Cassina</strong> scandiscono regolarmente molti passaggi<br />

chiave delle numerose pubblicazioni internazionali dedicate alla storia del design, e tutti i musei<br />

al mondo, vecchi e nuovi, che sono stati dedicati al design non possono prescindere dall’avere<br />

in collezione alcuni dei suoi “capolavori”. Ma il percorso tracciato dalla <strong>Cassina</strong> è<br />

qualcosa di più di un elenco di pezzi di eccellenza figurativa, simbolica o produttiva: il suo valore<br />

cresce maggiormente, e si fa più interessante, se si cerca di leggere in filigrana quel mondo,<br />

che è stato ed è tuttora, il laboratorio progettuale-produttivo della <strong>Cassina</strong> che ha forgiato<br />

in ottant’anni, giorno per giorno, tantissime esperienze, sempre di alto livello, alcune delle<br />

quali hanno raggiunto gli allori e altre no, per quanto a volte, non meno meritevoli. Un piccolo-grande<br />

laboratorio dove, se da una parte si sono affinate ricerche sui materiali, antichi<br />

come il legno, o innovativi come i poliuretani espansi, dall’altra si sono confrontate idee ed<br />

esperienze diverse, tese sempre a cercare una qualità superiore, tanto nella perizia della costruzione,<br />

quanto nella originalità della sua espressione.<br />

Per questo si è voluto fare un libro che cerca di sfuggire alla strette regole della semplice<br />

ricostruzione storica (per quanto si è consapevoli di dovere un contributo importante anche<br />

in questa direzione, comunque già ben tracciata da Pier Carlo Santini nel suo bel libro del 1981 1 ),<br />

e si pone piuttosto un duplice obbiettivo: da una parte quello di riflettere, con diversi punti di<br />

vista, sul senso di questa esperienza, e dall’altra quello di fare emergere la vitalità ancora oggi<br />

sensibile di questa densa esperienza lì riposta. Un deposito di esperienze e di ricerche che<br />

affiora (grazie alla lungimirante responsabilità culturale di questa azienda che ha conservato<br />

buona parte della sua collezione storica), per consegnarci un quadro di riferimento che ci serve<br />

per fermarci e riflettere sul passato e sul futuro: ragionare su ciò che sono state magnifiche<br />

stagioni appartenenti al loro tempo, prendere la necessaria distanza critica e ragionare su<br />

quelli che possono essere oggi gli orientamenti più affini a questa esperienza rispetto ai linguaggi,<br />

ai sistemi, alle reti, ai mercati del nostro attuale “mondo-villaggio globale” in continua<br />

trasformazione.<br />

In tal senso, dopo un primo inquadramento culturale, con diversi punti di vista, rispetto<br />

al valore generale di questa grande esperienza costruita in ottant’anni, si è voluto affrontare,<br />

in questo libro, la ricostruzione di tale percorso mettendo in fila quella serie di “incontri”, tra<br />

2 3


Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

l’azienda e i designer, che sono stati l’occasione per offrire delle “visioni” (in altri ambienti le<br />

chiamerebbero, erroneamente rispetto a questo caso, “strategie”), che hanno segnato profondamente<br />

l’evoluzione di questa azienda. Grazie alla capacità di intercettare, con grande sensibilità<br />

certi autori, <strong>Cassina</strong> ha saputo coltivare nel suo laboratorio-vivaio queste possibili<br />

“pre-visioni” sino a farle maturare in nuovi scenari dell’abitare, rappresentati ogni volta da<br />

una famiglia di prodotti compiuti, innovativi, ma al contempo reali e molto spesso vincenti<br />

anche sul mercato, per quanto evidentemente non è stata solo questa la motivazione alla base<br />

di questa particolare “strategia” industriale.<br />

A questo punto, per entrare un po’ di più nel tema, viene spontaneo partire da ciò che ci<br />

hanno insegnato gli antichi e ci ricordano spesso i bravi maestri: dietro ogni buon progetto ci<br />

sono sempre un padre e una madre, il progettista e il committente-produttore. Da questo incontro,<br />

se felice, nasce il buon progetto e il buon prodotto, sia che si tratti di una architettura,<br />

sia che si tratti di un oggetto d’uso, soprattutto se prodotto industrialmente. La <strong>Cassina</strong> è<br />

stata certamente sempre una buona madre feconda e attenta alla crescita dei propri figli nati<br />

dal concepimento di un incontro cercato, voluto e vissuto con intensità. L’incontro con l’architetto<br />

o il designer non è mai stato casuale. Per lo meno si è trattato sempre di un incontro<br />

che ha potuto concretizzarsi realmente solo dopo una serie di verifiche su quelle che corrispondevano<br />

di fatto alle loro affinità elettive. Qualcuno ha scritto che compito del progettista<br />

è quello di qualificare la domanda progettuale, e tanto più la domanda è ben posta, tanto più<br />

il progettista alza il livello della propria risposta qualitativa e al contempo si può riconoscere<br />

all’imprenditore il ruolo di progettista “primo”, in quanto ispiratore di una chiara idea progettuale.<br />

Questo ideale incontro (di vero amore, sostiene Philippe Starck nell’intervista che abbiamo<br />

raccolto per questo libro) si è realizzato più volte durante il processo evolutivo condotto<br />

in ottant’anni dalla <strong>Cassina</strong>. Questo libro vuole essere quindi l’occasione per riflettere sul processo<br />

creativo e produttivo che la <strong>Cassina</strong> ha negli anni sviluppato, dove si sono intrecciati mirabilmente<br />

l’artigianato-evoluto e l’industria-flessibile. Un percorso virtuoso e innovativo che<br />

ha fatto e continua a fare scuola nel suo settore produttivo, ma non solo, e che, pur con i differenti<br />

livelli di scala e di prodotti, si pone sullo stesso piano di altri casi mitici, anche molto<br />

differenti fra loro, come sono stati, per esempio in Italia, la Olivetti o la Ferrari.<br />

I molti approfondimenti raccolti nei diversi saggi, alcuni dei quali posti ad apertura del libro,<br />

e altri disposti più avanti nello sviluppo delle puntuali vicende narrate (con altri saggi,<br />

documenti e interviste), relativi agli “incontri” dei progettisti con l’azienda, se letti insieme ci<br />

restituiscono un grande affresco pieno di colori, di scene e di dettagli, dal quale traspare un<br />

certa forza e un particolare valore del solco tracciato dalla <strong>Cassina</strong>.<br />

Qui proviamo ora a sintetizzare per fasi e cicli salienti questo percorso, rimandando naturalmente<br />

per più specifiche letture ai numerosi e puntuali contribuiti di valore che abbiamo<br />

scelto per comporre questa ricostruzione riflessiva sui passaggi culturali e imprenditoriali affrontati<br />

negli anni dall’azienda.<br />

Tutto ha inizio in un preciso territorio che da secoli esprime la particolare vocazione di<br />

costruire mobili: la Brianza. Dello spirito passato e presente di questo distretto, divenuto ormai<br />

torre di controllo di una piattaforma produttiva anche molto più estesa, ce ne parla diffusamente<br />

nel suo saggio Aldo Bonomi. In questa area produttiva spicca fra le altre cittadine,<br />

Meda, nodo nevralgico di questo tessuto, località storicamente nota per la produzione di sedie.<br />

In questo contesto il nome <strong>Cassina</strong> appare per la prima volta sotto la denominazione di<br />

“legnamari in Meda”, in un documento settecentesco. La nascita dell’azienda nel 1927 con la<br />

denominazione “<strong>Cassina</strong> Amedeo – Fabbrica Tavolini” e i suoi sviluppi sino ai primissimi anni<br />

dopo la seconda guerra mondiale, vengono ben delineati da Barbara Lehmann nel capitolo<br />

Le origini. Qui ci interessa soffermarci sulla entrata in scena di quelli che, secondo un certo<br />

principio, abbiamo già definito all’inizio di questo testo, i cosiddetti “progettisti primi”, i qua-<br />

Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

li in questa storia e per tutto ciò che ne è conseguito sono: Umberto <strong>Cassina</strong> (1901) e Cesare<br />

<strong>Cassina</strong> (1909-1979). È chiaro che questi personaggi non sono da ricordarsi solo come i fondatori<br />

dell’azienda, ma piuttosto meritano la massima considerazione per essere stati tra gli<br />

interpreti più sagaci e attenti, nel loro ambiente e non solo, delle continue trasformazioni del<br />

modo di “pensare”, di “fare” e di vivere le “cose” del proprio tempo: un’acutezza e una sensibilità<br />

la loro che ha permesso a questa azienda di divenire leader mondiale nel proprio settore<br />

e di affermarsi anche come modello di riferimento per molti altri indirizzi produttivi. È<br />

già stato scritto più volte della loro complementarietà: Umberto, fratello maggiore, più concreto<br />

e attento all’amministrazione (ma ricordiamolo anche per molti anni unico “disegnatore”<br />

dell’azienda, con risultati, a ben vedere, di un certo interesse), Cesare, formatosi, per volere<br />

di Umberto, ancor giovanissimo a Milano nel mestiere specialissimo della tappezzeria (il primo<br />

“tappezziere finito” di Meda), esprime subito un’indole più “leggera” rispetto alla cultura<br />

brianzola, uno spirito estremamente curioso portato a osservare con attenzione i mutamenti<br />

degli stili di vita e di conseguenza dei linguaggi e dei simboli di quelli che saranno poi i loro<br />

modelli sociali di riferimento: l’alta e la media borghesia. La storia, a volte un po’ troppo aneddotica,<br />

ci ha consegnato Cesare <strong>Cassina</strong> come l’autentica, e pressoché unica, anima creativa<br />

(per certi versi anche produttiva) di questa vicenda, ma a detta di molti che hanno conosciuto<br />

tali protagonisti in piena attività, tutto ciò che ha potuto esprimere e fare Cesare <strong>Cassina</strong>,<br />

non si sarebbe concretizzato se non ci fosse stato lo stimatissimo fratello Umberto a vigilare<br />

e a sostenere le sfide, a volte azzardate, suggerite con grande fiuto da Cesare.<br />

A partire dal nuovo e insolito nome adottato nel 1935, “figli di Amedeo <strong>Cassina</strong>”, alle commesse<br />

per forniture alle Colonie d’Oltremare, dai primi contatti con gli architetti arredatori,<br />

Luigi Vietti (Novara, 1903; Milano, 1998) e Paolo Buffa (Milano, 1903-1970), per la realizzazioni<br />

di poltrone, divani o interi ambienti assemblati, sino alle rivoluzionarie commesse navali,<br />

sicuramente le intuizioni di Cesare sono state sempre tra le prime scintille che hanno<br />

innescato tali processi virtuosi. Grazie all’intreccio di questi caratteri, va riconosciuta, in que-<br />

4 5


Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

6<br />

sto periodo, la capacità dell’ancor piccola azienda <strong>Cassina</strong> di saper uscire dallo schema di semplici<br />

“intagliatori” di fusti per seggiole, per divenire realizzatori di sistemi completi di arredo,<br />

questo anche grazie all’acquisita esperienza di Cesare come tappezziere. Si nota nei diversi cataloghi<br />

dell’epoca una sempre maggiore aggiornamento intorno alle forme e agli stili emergenti:<br />

il futurismo stemperato di Depero e Prampolini apparentemente incrociato con dei<br />

riflessi cubisti, un certo razionalismo per quanto ingessato in una più rassicurante solida linea<br />

novecentista, qualche vago tema d’avanguardia intinto nell’imperante e diluito gusto art<br />

déco, tipico di quegli anni; comunque mai disegni di impronta pesantemente monumentale,<br />

ridondante o retorica.<br />

Si arriva così al dopoguerra, quando la ricostruzione e le nuove condizioni di libertà di<br />

pensiero e di mercato, sollecitano da una parte alla risposta più immediata rispetto all’urgenza<br />

di una domanda di arredi pratici ed economici per una società che deve ripartire, ma su<br />

un altro piano si sente anche il bisogno di rispondere a un’altra domanda emergente, per molto<br />

tempo repressa, di una rappresentazione libera e spigliata della nuova classe borghese intenzionata<br />

a collegarsi con i modelli più avanzati dell’Occidente, quello americano in testa. I<br />

fratelli <strong>Cassina</strong>, come era già stato nella loro capacità di sintonizzarsi con i segnali più immediati<br />

del loro tempo, iniziano a costruire quella sequenza di incontri che diventeranno via<br />

via i nodi di una rete che costituirà la trama e l’ordito della <strong>Cassina</strong> futura. Per un verso è significativo<br />

l’incontro nel 1946, forse prematuro, con Franco Albini, che purtroppo non diede<br />

per diversi motivi (si legga in proposito la bella testimonianza di Marco Albini) gli esiti che<br />

avrebbe potuto dare solo qualche anno più tardi, ma che tuttavia aprì la strada maestra nella<br />

direzione di quella che sarà poi la questione design in <strong>Cassina</strong>. Ricordiamo che in questo<br />

periodo inizia a lavorare in azienda il figlio di Umberto, Franco <strong>Cassina</strong> che avrà via via un<br />

ruolo sempre più autorevole sino a diventarne presidente dal 1982 al 2005. Su un altro piano,<br />

che si rivelerà estremamente importante per l’azienda, negli anni del dopoguerra inizia<br />

anche la grande scommessa delle forniture navali che fecero conoscere alla <strong>Cassina</strong> le possibilità<br />

di svilupparsi industrialmente attraverso un approccio progettuale e produttivo che di<br />

fatto ha significato l’ingresso dell’industrial design in azienda. In questo caso entrano in scena<br />

altri progettisti che porteranno le loro visioni maturate da questa particolare esperienza di<br />

ambiente domestico in movimento sul mare (ci avvaliamo in questo caso dell’espertissima lettura<br />

di Paolo Piccione nel suo saggio sul tema), per certi versi anche simbolico di nuove e stimolanti<br />

dimensioni dell’abitare: questi personaggi sono Nino Zoncada, Gustavo Pulitzer e<br />

soprattutto Gio Ponti. Con Ponti, personalità forte, brillante e dinamica, a suo modo anche in<br />

prospettiva imprenditoriale, i tempi sono maturi per intraprendere con vigore e scaltrezza quella<br />

strada che Albini aveva segnato forse con un programma troppo rigoroso rispetto a una sua<br />

visione etica del progetto. Per il binomio <strong>Cassina</strong>-Ponti si aprono grandi possibilità rispetto alla<br />

crescita economica del paese e di conseguenza alla domanda di una visione coraggiosa e<br />

spregiudicata della propria affermazione di paese intenzionato a riscattare il grande ritardo<br />

accumulato. Il ciclo pontiano in <strong>Cassina</strong> (brillantemente analizzato da Marco Romanelli con<br />

il suo saggio sul libro) è tanto intenso quanto ricco di eccezionali prodotti, alcuni dei quali veri<br />

e propri capolavori, come la sequenza di varianti sul tema della sedia da cui prenderà vita<br />

il solido modello denominato Leggera (1951), che arriverà a concludersi nella ancor più famosa<br />

e sintetica Superleggera (1957), oppure tutte le varianti sul tema della poltrona, dai modelli<br />

Distex alle avvolgenti o sfaccettate e oggi attualissime Loto, e Mariposa. Ponti assume in<br />

questo periodo quasi il ruolo di un art director in pectore, tanto è forte la sua impronta nella<br />

produzione dei primi anni cinquanta, non solo con i suoi pezzi, ma anche con l’ingresso di<br />

tutta una serie di suoi validissimi e diversi colleghi ai quali è molto legato, come Ico Parisi,<br />

Carlo De Carli, Alberto Rosselli e Gianfranco Frattini, per i quali i saggi di Flaminio Gualdoni,<br />

Gianno Ottolini e Francesco Scullica, presenti nel volume, ci restituisco un interessante pia-<br />

Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

no di lettura. Di questo periodo sono anche i puntuali contributi progettuali di Sergio Asti per<br />

una sedia girevole, Eleonora Peduzzi Riva per una poltrona con struttura metallica a vista e<br />

imbottitura capitonné, e un sistema di tavolini bassi di M.per esteso? Casalucci. Si può dire<br />

che pure su questo aspetto l’incontro tra la <strong>Cassina</strong> e Ponti si dimostrò lungimirante, vale a<br />

dire sul fatto di introdurre una visione aperta dei linguaggi e delle espressioni, non limitata a<br />

una sola risorsa per quanto ricca, quale poteva essere quella irrefrenabile di Ponti. L’umanesimo<br />

organico di De Carli, la sperimentazione figurativa di Parisi, la ricerca tecnologica di Alberto<br />

Rosselli, e la pacata razionalità di Frattini sono insieme allo “sfaccettato” modernismo<br />

di Ponti di quegli anni, il segno di un rinnovamento culturale e produttivo che ben si racconta<br />

nello splendido catalogo di produzione preparato nel 1958 da Ilio Negri e Giulio Confalonieri.<br />

A questa immagine si accompagna inoltre l’innovativo marchio (la C maiuscola che<br />

contiene una a minuscola) disegnato nel 1953 dall’architetto Giancarlo Pozzi, collaboratore<br />

storico di Gio Ponti e in quel momento anche redattore della rivista “Stile Industria” diretta<br />

dall’amico Alberto Rosselli. Sono questi gli anni del “boom economico” italiano, e la spinta<br />

rigenerativa partita dal basso accompagnata dagli aiuti economici e organizzativi del piano<br />

Marshall, porta il nostro paese a conoscere in breve tempo risultati impensabili solo qualche<br />

anno prima, sia sul piano del mercato interno, ma ancor più rispetto alla domanda dall’estero<br />

del prodotto italiano. Inizia a diffondersi in quel periodo la rinomata etichetta Made in Italy<br />

e la <strong>Cassina</strong> intuisce immediatamente l’occasione da non perdere. Sono anche gli anni di un<br />

accesissimo fermento creativo e culturale che si confronta con i forti piani ideologici che si<br />

scontrano nei salotti artistici e letterari, come nelle piazze politiche, nella vivacissima produzione<br />

cinematografica come, per certi versi, anche negli ambiti produttivi dell’intera penisola.<br />

Su questi importanti risvolti relativi al rapporto produzione-ideologie abbiamo raccolto<br />

l’importante saggio di Carlo Arturo Quintavalle che ci accompagna nella lettura di questo fondamentale<br />

aspetto problematico di alcune fasi centrali, anche molto recenti, della storia del<br />

design italiano.<br />

Alla fine degli anni cinquanta il mondo <strong>Cassina</strong> incontra l’architetto Vico Magistretti, il quale,<br />

portatore di una visione decisamente al passo con i tempi, spregiudicata, colta ed elegante<br />

insieme, diviene presto, per Cesare <strong>Cassina</strong> in particolare, il degno sostituto della figura di<br />

Ponti, per lo meno in quanto punto di riferimento rispetto a una nuova prospettiva verso cui<br />

indirizzare la <strong>Cassina</strong>. Questa eccezionale figura di architetto-designer ci viene ben inquadrata<br />

dalla verve dialettica di Beppe Finessi che nel suo saggio delinea la sua più autentica immagine<br />

di noblesse oblige del design italiano. Anche il contributo per questo libro della storica<br />

del design Penny Sparke ci offre un punto di vista molto interessante per apprezzare il grande<br />

impatto che ebbero le invenzioni di Magistretti a livello internazionale: dalla serie di sedute<br />

Carimate (nelle quali da una parte si rivisita con grande sapienza la tradizione della sedia<br />

impagliata, e dall’altra, utilizzando colori forti e brillanti, se ne amplifica l’immagine con un<br />

carattere decisamente pop), all’ovvietà spiazzante della libreria Nuvola Rossa, dalla fondamentale<br />

poltrona Maralunga, sino al divano Sinbdad, con la famosa coperta da cavallo, per<br />

citarne solo alcuni. Il percorso di Magistretti in <strong>Cassina</strong> è stato molto lungo, certo grazie anche<br />

alla particolare affinità elettiva che aveva con Cesare <strong>Cassina</strong>. Per più di vent’anni lo stile<br />

Magistretti è stato il modello di riferimento più forte di quella impronta tipicamente <strong>Cassina</strong>,<br />

fatta di prodotti eleganti e disinvolti al contempo: prova ne è la presenza in catalogo e il grande<br />

successo ancora oggi riconosciuto ai già citati Maralunga, Nuvola Rossa, e il sistema di poltrone<br />

e divani Veranda.<br />

Se a partire dagli anni sessanta e per tutti gli anni settanta, da una parte Magistretti, insieme<br />

al costante lavoro di Frattini, costituisce l’ala sicura, per così dire “classica” della <strong>Cassina</strong>,<br />

in quello stesso periodo, denso di promesse e di affascinanti proiezioni sociali e culturali,<br />

si registra, su un altro piano, una grande ventata di novità che fa entrare nel mondo <strong>Cassina</strong><br />

7


Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

altri progettisti, con diverse personalità portatrici di nuove visioni, per certi versi anche rivoluzionarie.<br />

Captatore instancabile di queste nuove tensioni culturali, progettuali, artistiche e<br />

produttive è sempre Cesare <strong>Cassina</strong> che grazie al suo fiuto per il talento in nuce, e alla sua capacità<br />

di costruire incontri virtuosi, intercetta nel giro di pochi anni: Francesco Binfaré, (definito<br />

da Cesare <strong>Cassina</strong> il “designer dei designer”), arrivato nel 1961 in azienda senza un chiaro<br />

compito, ma tanta voglia di fare ricerca, che diventerà il fondamentale coordinatore del “mitico”<br />

Centro Ricerche (che poi lo porterà a svolgere il ruolo di art director per la <strong>Cassina</strong> dal<br />

1969 sino al 1991); Afra e Tobia Scarpa, conosciuti grazie al prezioso incontro con un’altra<br />

eccezionale figura di imprenditore di questi anni, Dino Gavina; Mario Bellini, incrociato proprio<br />

sul nascere dell’importante rapporto che l’allora giovanissimo designer stava costruendo<br />

con la Olivetti; Gaetano Pesce, che dalle sue prime ricerche nel mondo dell’arte si trasferisce<br />

totalmente sul fronte del prodotto industriale attraverso la particolare empatia creatasi con Cesare<br />

<strong>Cassina</strong>; il gruppo radical Archizoom, e in particolare la personalità di Paolo Deganello,<br />

il quale introduce (come Pesce, per quanto in maniera diversa) tematiche fortemente ideologiche<br />

che trovano tuttavia da parte di <strong>Cassina</strong>, affiancato in tal senso da Binfaré, un’apertura<br />

d’incontro fattivo e problematico che saprà dar vita a delle proposte sotto tutti i punti di vista<br />

innovative e vincenti. Forse più di altri questo passaggio storico è il momento giusto per<br />

rimandare i lettori all’interessante inquadramento sul rapporto trasversale arte e design, riflesso<br />

per certi aspetti in <strong>Cassina</strong>, offertoci dallo storico dell’arte contemporanea Marco Meneguzzo<br />

nel suo saggio. Alcune di queste nuove visioni dello scenario in forte mutazione di<br />

Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse di sale di lettura,<br />

di bar, o di ristoranti, fu l’esplosione di<br />

vitalità che caratterizzò gli anni.<br />

quegli anni vengono affrontate in questo libro con approfondite interviste ai designer protagonisti<br />

di questa storia, i quali raccontano puntualmente le ricerche compiute per tutti i principali<br />

progetti. Risulterebbe per tanto inutilmente prolisso nominare anche in questa introduzione<br />

generale il lungo elenco di pezzi eccezionali creati in quegli anni. Ricordiamo che oltre ai celebri<br />

protagonisti già citati, daranno il loro contributo altri designer che in maniera puntuale<br />

hanno lasciato un prezioso segno della loro attività, quali il Gruppo A.R.D.I.T.I., Theodore Waddell,<br />

e altre interessanti ricerche, rimaste a livello di prototipi o di preserie, dove si incrociano<br />

anche autori del calibro di Angelo Mangiarotti, Marco Zanuso e Achille e Pier Giacomo<br />

Castiglioni.<br />

Ma gli anni sessanta sono anche un periodo di grandi innovazioni tecnologiche, che la <strong>Cassina</strong><br />

per quanto fortemente legata alla lavorazione del legno (dove detiene un indiscusso primato),<br />

non si lascia sfuggire, anzi affronta con grande decisione e coraggio. È difficile descrivere<br />

per parti separate l’intreccio di esperienze progettuali e produttive, apparentemente diverse<br />

fra loro, che si addensano in <strong>Cassina</strong> tra il 1961 e il 1969. Nel 1961 la <strong>Cassina</strong> decide di produrre<br />

con un’innovativa tecnologia industriale la scocca in polistirolo espanso della poltroncina<br />

Finlandese 1106/3 disegnata da Olli Mannermaa (l’ingresso di Binfaré in <strong>Cassina</strong> si lega<br />

in parte a questo episodio); nei primi anni sessanta Cesare <strong>Cassina</strong> inizia un intenso rapporto<br />

di scambio di vedute con alcuni imprenditori in sintonia con il suo stile, quali Roberto Poggi,<br />

Sergio Camilli di Poltronova, ma sarà soprattutto l’incontro con Dino Gavina che lo stimolerà<br />

particolarmente nella ricerca di nuove strade: fra le altre cose con lui parteciperà, anche finanziariamente,<br />

alla nascita della Flos, ma sicuramente molto importante fu per Cesare <strong>Cassina</strong><br />

scoprire il patrimonio del design lasciato dai maestri del Movimento Moderno, dei quali<br />

Gavina si era interessato, tra i primi al mondo, rieditando i più celebri pezzi di Marcel Breuer<br />

del periodo Bauhaus. Questa mossa di Gavina nutre in <strong>Cassina</strong> il forte desiderio di battere questa<br />

strada, e su indicazione di diversi “consiglieri” si indirizza verso un maestro dei maestri,<br />

per lo meno per la scuola di radice europea, vale a dire Le Corbusier, il quale, contattato nel<br />

1964 (data di acquisizione dei diritti), accoglie con grande interesse questa iniziativa. Nel 1965<br />

viene presentata (per fatale coincidenza il maestro viene a mancare pochi giorni prima) la prima<br />

collezione di quattro pezzi che sarà l’iniziale e prezioso tassello di quella che diventerà la<br />

grande collezione “i Maestri” che oggi comprende la riedizione di rinomate opere di autori<br />

del calibro di Gerrit Rietveld (acquisizione diritti 1971, prima produzione 1973), Charles Rennie<br />

Mackintosh (acquisizione diritti 1972, prima produzione 1973), Erik Gunnar Asplund (acquisizione<br />

diritti 1981, prima produzione 1983), Frank Lloyd Wright (acquisizione diritti 1985,<br />

prima produzione 1986), Charlotte Perriand (acquisizione diritti 2004, prima produzione 2005)<br />

e che dal 2008 vede l’ingresso del primo “maestro” italiano, Franco Albini. Questo importante<br />

capitolo viene ampiamente raccontato in questo volume da Filippo Alison, che da tanti anni<br />

è il consulente scientifico di questa fondamentale collezione nel catalogo <strong>Cassina</strong>. Su questo<br />

passaggio colgo l’occasione di citare l’importante contributo dello storico del design Bernard<br />

E. Bürdek, il quale nella sua analisi critica interessata all’intreccio dei fenomeni culturali e industriali<br />

del design, dedica particolare attenzione al valore di questa scelta culturale (prima<br />

che imprenditoriale) e ai suoi importanti riflessi internazionali. Una significativa testimonianza<br />

della partenza di questo programma di lavoro sui maestri è ben documentata nel primo<br />

numero (aprile, 1966) della rivista “Ottagono” – trimestrale di architettura, arredamento,<br />

industrial design – che nasce e si sviluppa grazie alla volontà comunicativa di alto livello di<br />

un gruppo di otto aziende, fra le quali non manca l’attivissima <strong>Cassina</strong>.<br />

Riprendendo la sequenza degli avvenimenti più legati alle scelte industriali della <strong>Cassina</strong>,<br />

si arriva al 1966 quando nasce, dall’incontro dei <strong>Cassina</strong> con l’intraprendente Pierino Busnelli,<br />

la C&B (<strong>Cassina</strong> e Busnelli), un nuova entità industriale proiettata decisamente nell’applicazione<br />

di materiali innovativi e di aggiornate tecnologie produttive, e soprattutto rivolta a un<br />

8 9


10<br />

mercato interessato a intercettare modelli di vita e di abitare in divenire. Tutto parte dalla “scoperta”<br />

di poter impiegare un nuovo materiale, il poliuretano espanso, schiumato, iniettato in<br />

stampi, per la fabbricazione in serie di imbottiti di nuova generazione. I <strong>Cassina</strong> intuiscono<br />

subito che quello è il futuro, per quanto evidentemente proiettato in una dimensione molto<br />

diversa da quella fino ad allora rappresentata dalla loro “cultura” di produttori di mobili prevalentemente<br />

in legno. Ma i tempi erano maturi e la tigre va cavalcata. Nel 1969 viene coinvolto<br />

in questa importante sfida industriale, in qualità di manager dedicato soprattutto al<br />

marketing, Rodrigo Rodriquez, già valente manager in una multinazionale americana e marito<br />

di Adele <strong>Cassina</strong>, figlia di Cesare (la sua storia all’interno dell’azienda proseguirà come vicepresidente<br />

e amministratore delegato della <strong>Cassina</strong> dal 1982 al 1991).<br />

L’accelerazione di questa realtà industriale è impressionante, e nel giro di pochi anni il fatturato<br />

della C&B raggiunge il triplo di quello della <strong>Cassina</strong>, che deteneva i due terzi della proprietà<br />

della C&B. Questo risultato certamente positivo crea comunque una certa inquietudine<br />

nella famiglia <strong>Cassina</strong>, che nel contempo vede diminuire gli utili della casa madre e questo,<br />

insieme ad altri intrecci derivati dalle diverse personalità coinvolte in questa intensa esperienza<br />

imprenditoriale, porterà alla scelta sofferta di consentire a Pierino Busnelli di rilevare l’intera<br />

proprietà della C&B, che dal 1973, data di questa separazione, inizierà a chiamarsi B&B,<br />

confermandosi, a fianco della <strong>Cassina</strong> e di pochi altri nomi di prestigio, una delle realtà industriali<br />

più brillanti della storia del design del mobile italiano a livello internazionale.<br />

Altro fronte di questo intreccio di eventi è la nascita del Centro Ricerche che si forma intorno<br />

alla forza propulsiva dell’esperienza C&B, la quale convince Cesare <strong>Cassina</strong>, anche su<br />

insistenza di Binfaré, a costituire dal 1969 un luogo di sperimentazione di design avanzato la<br />

cui conduzione viene affidata appunto a Binfaré. In questo centro (che dopo la chiusura della<br />

C&B, in buona parte si trasferirà nella nuova B&B, ma che per quanto riguarda <strong>Cassina</strong> si evolverà<br />

in altre forme ritornando a gravitare dentro e fuori l’azienda) si sono concentrate in pochi<br />

anni preziosissime ricerche, che sono parte fondamentale del deposito di esperienze raccolte<br />

in <strong>Cassina</strong>, tanto da riscuotere ancora oggi l’attenzione degli esperti del settore, ma anche quella<br />

dei numerosi acquirenti che continuano a chiedere molti dei prodotti nati in questo crogiolo<br />

di ricerca e sperimentazione.<br />

Non si può dimenticare in mezzo a questa eccitante stagione la nascita di un’altra, in questo<br />

caso piccola, realtà produttiva semiautonoma messa in piedi da Cesare <strong>Cassina</strong>, vale a dire<br />

la Bracciodiferro, definita da Gaetano Pesce una “compagnia pensata per andare in<br />

perlustrazione, in avanscoperta”. La storia di questa particolare, ma importante, vicenda, che<br />

ha come protagonisti Cesare <strong>Cassina</strong>, Francesco Binfaré, Gaetano Pesce e Alessandro Mendini<br />

viene approfondita nel libro da Barbara Lehmann. Ricordiamo di questa intensa esperienza<br />

sperimentale oggetti come la grande lampada da terra Moloch, e la serie di sedute Golgotha<br />

ideate da Gaetano Pesce, oppure il Monumentino da casa e la sedia Terra concepite da Alessandro<br />

Mendini.<br />

Il percorso di <strong>Cassina</strong>, dopo il fenomeno propulsivo, ma anche un po’ destabilizzante della<br />

C&B, riprende la sua strada con un pezzo d’eccezione quale è il Maralunga (1973) di Vico<br />

Magistretti, risultato della perfetta capacità d’intendersi tra Cesare <strong>Cassina</strong> e Vico Magistretti,<br />

con l’apporto in questo caso anche di Binfaré. Si affianca a Magistretti in questo primo rilancio<br />

della <strong>Cassina</strong> anche Mario Bellini che propone un nuovo tipo di concezione di poltrona,<br />

vuota dentro, che è il modello Le Tentazioni (1973). Bellini intuisce immediatamente il cambio<br />

di clima che si sta determinando dopo la grande passione “rivoluzionaria” espressa in quegli<br />

anni e porta, di riscontro, in <strong>Cassina</strong> quella che è una sua visione aggiornata del modo di<br />

vivere di una nuova area sociale più orientabile verso il tradizionale modello <strong>Cassina</strong>: per questo<br />

mette insieme un ambizioso programma dal titolo, vagamente ironico, Il libro dell’arredamento<br />

secondo Mario Bellini (1976). Omar Calabrese nella lettura complessiva del ruolo svolto<br />

Sale di lettura, di bar, o di ristoranti, fu<br />

l’esplosione di vitalità che caratterizzò<br />

gli anni.<br />

Questi arredi, inoltre, rappresentavano<br />

in modo eloquente cosa s’intendesse<br />

per stile di vita italiano a terra e per<br />

mare. Che si trattasse<br />

dalla produzione <strong>Cassina</strong> nel rappresentare i diversi modelli sociali succedutisi nell’evoluzione<br />

della nostra società, dedica particolare attenzione a questa visone di Bellini. Sotto questo<br />

cappello Bellini organizza un vasto, e totalmente rinnovato, sistema di elementi di arredo, dove<br />

sperimenta, con nuove tecniche e linguaggi ben calibrati, diversi materiali classici, dando<br />

vita a delle collezioni di prodotti di grande successo fra le quali le sedute Break, i tavoli Basiliche,<br />

Colonnato e Rotonda, tutte del 1976, sino a comprendere, anche se in un secondo tempo,<br />

le sedute della serie Cab (1979). In questi periodo ricordiamo anche il lavoro di altri autori<br />

molto attivi in questa fase, per così dire, di “ritorno all’ordine” (dopo l’estrema effervescenza<br />

del periodo a cavallo tra i sessanta e i settanta) quali Piero De Martini, soprattutto con il sistema<br />

di sedute e tavoli La Barca (1975), e Silvio Coppola con il sistema di contenitori della<br />

serie 909 (1980). Continuano comunque, ricche di sorprese e di successi, le ricerche di Gaetano<br />

Pesce (la poltrona Sit down del 1976, il tavolo Sansone e il divano Tramonto a New York<br />

del 1980) e di Paolo Deganello (la poltrona Torso del 1982), ai quali si affiancano per una certa<br />

sintonia sperimentale innanzitutto il designer giapponese Kita, il quale con la seduta Wink<br />

(1980), già sensibilmente postmoderna, apre un’altra stagione di ricerca sulle forme e i gusti<br />

di una società sempre più cablata e nomade; uno spirito nuovo al quale partecipa, con il suo<br />

stile e la sua tipica nonchalance anche il Magistretti della poltrona Sindbad.<br />

Nel 1979 muoiono a distanza di pochi giorni Cesare <strong>Cassina</strong> e Gio Ponti, e con loro scompare<br />

un modo di vedere il mondo e di interpretarlo. Si apre inevitabilmente all’interno della<br />

<strong>Cassina</strong> una fase delicata di assestamento, dove i ruoli di Franco <strong>Cassina</strong> e di Rodrigo Rodri-<br />

11


Sale di lettura, di bar, o di ristoranti, fu<br />

l’esplosione di vitalità che caratterizzò<br />

gli anni. Sale di lettura, di bar, o di<br />

ristoranti, fu l’esplosione di vitalità che<br />

caratterizzò gli anni.<br />

12<br />

quez si compatteranno per condurre in nuovi mercati, soprattutto internazionali, le grandi potenzialità<br />

raccolte nel decennio precedente. A partire dal 1990 circa il 70% del fatturato dell’azienda<br />

proviene dall’esportazione, una percentuale che nel 1971 corrispondeva alla quota<br />

del mercato nazionale.<br />

Anche questa dimensione sempre più internazionale induce l’azienda a fare delle riflessioni<br />

strategiche maggiormente rivolte ai caratteri “fluttuanti” e “trascendenti” della produzione<br />

in epoca postmoderna, come ci spiega molto bene Clino Trini Castelli nel suo saggio<br />

dedicato alla storia dei materiali nell’intera evoluzione del percorso <strong>Cassina</strong>. In questo fluttuante<br />

mondo di valori affettivi e intimisti, troveranno spazio le diverse e molteplici visioni<br />

di un paesaggio domestico totalmente destrutturato come quello proposto da Andrea Branzi<br />

(intervistato per l’occasione), dove gli elementi di arredo vogliono rivendicare un’autonomia<br />

culturale rispetto all’insieme, come presenze carismatiche dotate di una forte personalità. A<br />

questo nuovo paesaggio delineato dal catalogo <strong>Cassina</strong> della fine degli anni ottanta e della prima<br />

metà degli anni novanta partecipano con le loro diverse sensibilità i prodotti disegnati da<br />

Massimo Morozzi, Gaetano Pesce, ma anche quelli proposti da Gianfranco Frattini, Achille Castiglioni,<br />

Sottsass <strong>Associati</strong>, Paolo Rizzato, Massimo Josa Ghini (non c’è), Piero De Martini e<br />

molti altri. Anche in questo caso soffermarsi con una descrizione, sia pur breve, sui numerosi<br />

e interessanti pezzi realizzati in questo periodo in <strong>Cassina</strong> risulterebbe troppo lungo per lo<br />

spazio di un saggio introduttivo, e pertanto si rimanda il lettore alle diverse schede preparate<br />

per presentare tutti questi percorsi progettuali. Tuttavia è evidente che oggetti come le poltrone<br />

i Feltri di Pesce, il divano Hilly di Achille Castiglioni oppure il sistema di tavolini Tangram<br />

di Morozzi, costituiscono modelli di riferimento e di tendenza di quegli anni.<br />

Nel frattempo l’azienda, dopo alcuni passaggi in cui si è offuscata una certa dinamicità imprenditoriale<br />

e propositiva, conosce negli anni novanta una fase di stasi legata anche all’ingresso<br />

di una poco animata società di controllo esterna. Dopo questo periodo di conduzione, verrebbe<br />

da dire in apnea, recentemente <strong>Cassina</strong> ha ricevuto un’iniezione ricostituente grazie all’acquisizione<br />

nel gruppo Frau, che di fronte alle sfide dei grandi mercati internazionali si propone di fare<br />

sistema con una pregevole gamma di aziende raccolte in questo gruppo: quali Cappellini, Alias,<br />

Gufram, Thonet, e naturalmente <strong>Cassina</strong> individuata come presenza leader di riferimento.<br />

Sale di lettura, di bar, o di ristoranti, fu<br />

l’esplosione di vitalità che caratterizzò<br />

gli anni.<br />

In un clima incerto e fluido dove nuove realtà produttive estremamente flessibili intercettano<br />

visioni che provengono sempre più spesso da centri di propulsione culturale internazionali,<br />

si conferma che la forza del design italiano è ancora radicata al territorio soprattutto grazie<br />

alla “qualità del fare” contenuta nel percorso evolutivo di alcune società di riferimento, quale<br />

è appunto <strong>Cassina</strong>. Una “qualità del fare”, che non è da leggersi solo nell’aspetto tradizionale,<br />

ancora validissimo, del buon lavoro “a regola d’arte”, ma è soprattutto da riferirsi a quel<br />

valore aggiunto depositato nel condensato di un laboratorio di ricerca teso soprattutto a percepire<br />

i segnali premonitori di nuovi stili di vita, dei quali la <strong>Cassina</strong> è sempre stata interprete<br />

e protagonista. Fra l’altro riemerge sempre più forte quella esperienza di progetto coordinato<br />

e su misura per grandi commesse, che oggi viene compreso sotto la denominazione di “contract”,<br />

che costituisce, con nuove prospettive, uno dei campi di maggior interesse per lo sviluppo<br />

di nuove sinergie tra la produzione di oggetti e le nuove strategie dei grandi sistemi<br />

immobiliari, oppure anche del rilanciatissimo sistema cantieristico-navale. Di questa prospettiva,<br />

ancora molto aperta e tutta da investigare, discute con grande acutezza Andrea Branzi<br />

nel suo saggio dedicato appunto alla nuova visione strategica del furniture design.<br />

Si arriva così alla fine degli anni novanta del XX secolo, sino a comprendere i giorni nostri<br />

del primo decennio del XXI (che qualcuno preferisce già chiamare terzo millennio), quando<br />

nuove generazioni di progettisti vengono a incontrasi con il modello <strong>Cassina</strong>, e si determinano<br />

nuove visioni: l’istrionico e metaprogettuale Philippe Starck, protagonista indiscusso del design<br />

degli anni novanta, individua per il nuovo millennio una serie di questioni centrali legate<br />

alla condizione dell’uomo contemporaneo nel sempre più frammentato e trasversale abitare<br />

domestico-nomadico che contraddistingue in particolare certe fasce di élite sociale; l’essenziale<br />

e rigoroso Piero Lissoni si propone di trovare un punto di equilibrio armonico tra “forma<br />

solidale” e “forma fluttuante” (sempre citando Clino Trini Castelli) in grado di offrire un<br />

paesaggio domestico “aperto”, efficiente e rassicurante, volendo sfuggire a qualsiasi forma di<br />

condizionamento formale preconcetto e limitativo. Per conoscere i pensieri e le pratiche di<br />

questi due autori abbiamo trascritto nel libro i passaggi più interesanti di conversazioni fatte<br />

con ciascuno di loro.<br />

A questo nuovo orizzonte di vedute, aperte sul divenire dello scenario espressivo e culturale<br />

della casa come luogo che contiene polarità in continua mutazione, a seconda dei ritmi<br />

che segnano i tempi di uso e di vita dei diversi spazi e oggetti in essi contenuti, si esercitano,<br />

inoltre, con diverse tecniche e sensibilità, le sintetiche ricerche plastiche di Rodolfo Dordoni,<br />

le fluide forme avvolgenti di Jean Marie Massaud, le tese forme plastiche o geometriche di<br />

Hannes Wettstein, la galassia di oggetti gravitazionali di Patrick Jouin e i corpi compatti e aniconici<br />

di Jehs + Laub.<br />

Il deposito di ricerche ed esperienze praticate in ottant’anni dalla <strong>Cassina</strong>, continua a pulsare<br />

nel suo cuore, ma nuove sfide industriali e commerciali impongono nuovi orizzonti creativi<br />

e produttivi che sappiano anche sciogliere i lacci che a volte la storia, se si fa nostalgia,<br />

rischia di stringere. Per tutto ciò che abbiamo sin qui raccontato vale quindi il discorso che la<br />

storia vive se sa essere letta come uno strumento di progetto, e in quanto tale atto a stimolarci<br />

a guardare al passato come a un “ambiente” vivo con cui continuamente confrontarci,<br />

ma mai a guardarci indietro come a cercare un modello cristallizzato da perpetuare con l’idea<br />

di un mito irraggiungibile.<br />

1 P.C. Santini, Gli anni del design italiano. Ritratto di Cesare <strong>Cassina</strong>, Milano 1981.<br />

13

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!