Il perché per una Geriatria territoriale… - Associazione Geriatri ...

associazionegeriatri.it

Il perché per una Geriatria territoriale… - Associazione Geriatri ...

Il perché per una Geriatria territoriale…

Il perché per una Geriatria territoriale…

S. Putignano

6 marzo 2013 Hotel Ramada Napoli


30

%

20

10

0

Popolazione italiana >65aa

Variazioni 2001-2011

>65aa >75aa >85aa

2001

2011

Elaborazione su dati Istat


Soggetti con età >100aa./100.000

30

20

10

0

• Lombardia (2.391, 15,9%),

• Emilia-Romagna (1.533, 10,2%)

• Veneto (1.305, 8,6%).

2001 2011

Elaborazione su dati Istat


Dati Istat – Censimento 2011

Indicatori strutturali di

popolazione residente


Più di una donna su due e più di un

uomo su tre raggiungono 85 anni.

Tredici donne su 100 raggiungono i 95

anni.

25

20

15

10

5

Speranza di vita a 65 anni

In Italia ci sono 2,5 milioni di Anziani non

autosufficienti (3,9% della popolazione)

0

1950 2008

Femmine Maschi


Strutture sanitarie residenziali – Posti letto/Anziani

anno 2009

Elaborazione su dati Ministero della Salute (2012)


Soggetti con età>65aa in residenza / ADI

7

6

5

4

3

2

1

0

RS/RSA ADI

Italia

Europa

Guaita 2011


Nel 73,5% dei casi i caregiver sono i familiari e

nel 29,3% (un caso su tre) il carico

assistenziale è interamente della famiglia


Incidenza di povertà relativa per età

Anni 2009-2010


La domanda di servizi socio-sanitari e la relativa

spesa pubblica e privata sono destinate ad

aumentare in modo considerevole, specie per

quanto riguarda l’assistenza continuativa (long

term care).


Carenza supporti

domiciliari

Elaborazione su dati Istat 2011

DRG (Diagnosis Related Groups)

gg

• Ricoveri impropri (cronicità)

• Ricoveri incongrui (motivi sociali)

15

10

5

0

1990 2000


“come e dove”

curare gli Anziani fragili…..


Dove….

Gli Anziani fragili

Sono vecchi, malati, spesso a casa propria,

e chiedono aiuto (consensi informati, contenzione,

accanimento terapeutico, disposizioni anticipate di trattamento,

burocrazia (ticket, invalidità, modulistica di accesso…),

l’autoreferenzialità di svariate sigle (UVI, UVM, UVD….))


Ospedale

Aumento Long-term care

Territorio

Sanitario

Sociale


Occorre un contatto diretto con gli Anziani sul

campo già durante i primi anni di studio, e non solo

negli ospedali, ma anche nelle abitazioni, nelle

RSA……..


Come….

Come….

Il Geriatra territoriale non deve fare altro

che il Geriatra (esattamente come fa il

Geriatra universitario e ospedaliero)

Ma allora qual è il valore aggiunto?

Il valore aggiunto è rappresentato dal

territorio


30

20

Prevalenza fragilità

Cardiovascular Health Study

(CHS)

% 0

10

0

>65aa >80aa

Fragilità

%

Women’s Health and Aging Study

30

25

20

15

10

5

• cadute

Donne

• ospedalizzazione

(WHAS)

• istituzionalizzazione

• peggioramento della mobilità

• disabilità

• mortalità


E’ necessario

• che la “fragilità” sia riconosciuta come grande sindrome

geriatrica.

• descrivere i criteri diagnostici di “fragilità”

• intercettare il “frail elderly” ovunque si trovi


La Valutazione MultiDimensionale in Geriatria, il

“vero” fonendoscopio del Geriatra ???…:

ovvero il modello del fai da te …

SVaMA,

eccetera, eccetera, eccetera, …

Alberto Cester


Obama administration presents national plan to fight Alzheimer’s disease

HHS Secretary Sebelius outlines research funding, tools for health care providers,

awareness campaign and new website

Health and Human Services Secretary Kathleen Sebelius today released an ambitious

national plan to fight Alzheimer’s disease. The plan was called for in the National

Alzheimer’s Project Act (NAPA), which President Obama signed into law in January

2011. The National Plan to Address Alzheimer’s Disease sets forth five goals, including

the development of effective prevention and treatment approaches for Alzheimer’s

disease and related dementias by 2025.


E noi parliamo ancora della specificità

della Geriatria, della VMG….....


Il percorso della Geriatria…..

La medicina tradizionale

(Visita, diagnosi, cura, guarigione)

La complessità

(Le sindromi geriatriche)

Spending rewiew

(tagli alla Geriatria!!!!)

inadeguatezza

Invecchiamento popolazione

(aumento cronicità, polipatologie)

Geriatria

VMG

(miglioramento condizioni di vita

degli anziani fragili)

La Geriatria che vorrei…..

Senza la Geriatria il Sistema non reggerà all’impatto dell’invecchiamento


L’invecchiamento, al contrario di quello che si pensava, non sembra fermarsi!

…finalmente, oggi, il territorio sta ottenendo il

riconoscimento di pari dignità…

(settore scientifico disciplinare sigg)

Il Geriatra del territorio: un Geriatra in trincea!!!!


E io sono un nostalgico….

Paziente geriatrico

Problematiche

o Diagnostiche

o Terapeutiche

o Assistenziali


www.sigg.it

www.sigg.it


Riflessioni

. Geriatria ed empatia. (R. Conforti)

. Alcuni problemi aperti della Geriatria (A. Bordin)

GERIATRIA NEL TERRITORIO

Un metodo per i vecchi, per i medici e per il futuro….

Salvatore Putignano – Alberto Cester – Pietro Gareri

Prefazione (S. Putignano G. Paolisso G. Peperoni)

1. I nuovi assetti demografici e i nuovi bisogni degli Anziani

(C. Tomassini, G. La mura, M. Di Rosa)

2. La qualità di vita nei grandi vecchi: tra perdite e guadagni

(U. Senin, N. H. Nguyen, M. Pigliautile)

3. Il Paziente Geriatrico Complesso e la Sindrome di Fragilità:

Specificità della Geriatria (M. Barbagallo, Ligia J Dominguez)

4. La ricerca genetica nelle demenze degenerative: stato dell’arte

e applicabilità (A.C. Bruni, M. E. Conidi, L. Bernardi)

5. Il delirium: un problema geriatrico di grande rilevanza, ma

poco studiato (G. Bellelli, M. Trabucchi)

6. Le cardiocerebrovasculopatie nell’anziano: nuove realtà

(F. Rengo)

7. La depressione (V. Canonico)

8. Marcatori biologici per la diagnosi clinica di decadimento

cognitivo e Malattia di Alzheimer: indicazioni e limiti

(E. Cavedo, G.B. Frisoni)

9. Diabete e geriatria: outcome e terapia farmacologica

(M. R. Rizzo,G. Paolisso)

10. Lo studio emodinamico in Geriatria: quando e perché

(D. Leosco, G. D. Femminella, F. Rengo)

11. La Fibrillazione atriale nel paziente geriatrico: fisiopatologia,

diagnosi e terapia (P. Abete)


1. Premessa culturale (S. Putignano)

.Premessa storica (S. Putignano)

.La strategia metodologica (R. Lacava, A. Castagna)

.Settings assistenziali (E. Piermatteo, G. De Martino)

2. Il perchè per una Geriatria Territoriale

(A. Cester)

.Il perché per una Geriatria Territoriale (A. Cester)

.La Rete dei Servizi geriatrici (M.C. Bollini; Leoci)

.La Rete dei Servizi ideale (M.B. Baggio)

3. Continuità assistenziale e Paziente geriatrico

(A. Fabbo)

.L’Ambiente come modello di intervento terapeutico nei setting

assistenziali rivolti all’anziano con demenza.

(P. A. Bonati)

.Esiste la continuità assistenziale per il paziente geriatrico? (A. Fabbo,

M. Garulli.)

.Le Strutture Intermedie

(E. Silingardi, D. Lombardi, A. Balotta)

.Le cure domiciliari e l’assistenza domiciliare integrata (ADI). (A.

Fabbo)

.L’unità di valutazione geriatrica. (G. Gelmini)

.La gestione del dolore nella rete dei servizi. (P. Guerzoni)

.Il Centro Diurno: sostegno della domiciliarità delle

persone anziane a supporto dei familiari. (A. Marino)

.Il governo clinico nelle strutture residenziali

(R. Amendolara)

.Cure palliative di fine vita- Hospice: la dignità della cura. (M.Pellati)

.Le dimissioni difficili. (C. D’Anastasio)

.La formazione al lavoro di cura con l’anziano (R. Chattat)

4. Problematiche legali (C. Volpe)

.Argomenti di bioetica

.Direttive anticipate di trattamento

5. Principi e problemi di Farmacologia geriatrica (P.

Gareri, G. De Sarro)

6. L’equipaggiamento del Geriatra territoriale

(A. Giacummo)

.Lo Scompenso Cardiaco Sindrome geriatrica emergente

(A. Giacummo)

.Problemi nutrizionali nel paziente anziano (L. Santarpia,

F. Pasanisi)

.L’insufficienza renale cronica.(A. Corsonello, I. Laino, S. Garasto)

.Disturbi dell’equilibrio idroelettrolitico (S. Garasto, I. Laino,

A. Corsonello)

.La terapia anticoagulante orale in geriatria (B. Castaldo,

D. Castaldo, S. Putignano)

7. I disturbi cognitivi (V. Canonico)

.Mild Cognitive Impairment

.Le demenze

8. I grandi problemi (S. Marino)

.Le cadute (S. Marino)

.Le problematiche reumatologiche nel Paziente anziano (C. Manzo)

.Osteoporosi ed invecchiamento (C. Manzo)

.Le statine e l’Anziano (A. Giacummo)

.Il dolore (L. Iallonardo)

9. Le quotidianità (AM Cotroneo)

.I disturbi del sonno nell’Anziano (AM. Cotroneo)

.La disfunzione erettile nell’Anziano (A. Aversa, R. Bruzziches,

M. Natali, D. Francomano, A. Lenzi)

.La febbre (D. Grassone)

.La sincope (G. Mercadante)

10. Casi clinici (G. Cerqua)

.Talassemia ( G. Cerqua, G. De Rosa)

.Ulcera vascolare? (G. Cerqua, G. De Rosa)

.Nutrizione artificiale domiciliare: età correlata? (G. Cerqua)

.Delirium, demenza ed….infarto miocardio acuto (G. Cerqua)

.Isolamento relazionale. Quale relazione con la demenza?

(C. Postiglione)

.Prepensionamento e depressione (C. Postiglione)

.Un caso di fvFTD ad esordio precoce e decorso atipico

(A. Capasso)


I I programmi programmi si si fanno fanno ma ma devono

devono

confrontarsi confrontarsi con con con le le risorse risorse disponibili.

disponibili.

Ma Ma Ma come come si si si fa fa con con la la crisi crisi crisi e e e se se le le risorse

risorse

sono sono scarse?

scarse?


C’è C’è C’è C’è sempre sempre sempre sempre una una una una soluzione….

soluzione….

soluzione….

soluzione….

Grazie

More magazines by this user
Similar magazines