12.12.2014 Views

V

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

9 DICEMBRE 2014<br />

Anno XXVII N. 50<br />

WWW.DONNAMODERNA.COM<br />

il settimanale che ti facilita la vita<br />

DAI pACChEttI<br />

AI DECORI<br />

guida al natale<br />

fai-da-te<br />

noi ci mettiamo<br />

in cooperativa<br />

sempre più giovani<br />

si uniscono.<br />

e lavorano<br />

«mia madre<br />

mi ha detto»<br />

le confessioni<br />

beauty<br />

dell’attrice<br />

Valentina Corti<br />

il tartan giallo<br />

i capi di panno<br />

i tessuti trapunta<br />

e altre cose di moda<br />

che fanno inverno<br />

per il mio<br />

BamBino vorrei<br />

> un look<br />

a prova di feste<br />

> un dolce da<br />

cucinare insieme<br />

>un regalo che<br />

gli faccia brillare<br />

gli occhi<br />

a1,50<br />

Poste Italiane spa - Sped. in A.P. D.L. 353/03 art. 1, comma 1, DCB Verona<br />

AUSTRIA B 4,00 - BELGIO B 3,70 - CAnADA CAD 7,50 - CAnTOn TICInO Chf B 4,70<br />

fRAnCIA B 3,90 - GERMAnIA B 4,50 - LUSSEMBURGO B 4,00 - PORTOGALLO (COnT.) B 4,00<br />

SPAGnA B 4,00 - SVIZZERA Chf 4,90 - UK GBP 3,40 - USA $ 6,90<br />

buoni esempi<br />

# Le scuoLe che<br />

combattono<br />

La discriminazione<br />

# i comuni che<br />

sfidano L’aLLuvione<br />

sai riconoscere<br />

il vero<br />

made in italy?<br />

punta<br />

sull’effetto<br />

la strategia che tonifica<br />

collo e contorno del viso<br />

V


appunti<br />

in questo<br />

numero<br />

9 dicembre 2014<br />

scrivimi a annalisa.monfreda@mondadori.it<br />

seguimi su @A_Monfreda<br />

@<br />

AnnAlisA<br />

MonfredA<br />

Avevo iniziato a scrivere<br />

appunti sparsi sul tema<br />

della parità uomo-donna<br />

quando mi è arrivata questa email. È di una ragazza di soli<br />

25 anni, Serena Distefano. parla di un pub e di uomini che<br />

chiamano le cameriere schioccando le dita. io ci ho letto una<br />

grande lezione su come si combattono gli stereotipi e su<br />

come si innesca il cambiamento. per cui abbandono volentieri<br />

i miei appunti e do voce alla sua storia. State un po’ a sentire.<br />

«Mi sono diplomata al liceo scientifico e ho fatto la cameriera.<br />

Stop. a 13 anni in un bar, a 17 in un ristorante e a 22 in<br />

un pub, dove ho imparato tanto. in quel pub ho trovato un<br />

capo preoccupato per i conti, cameriere e barman<br />

svogliati e clienti non troppo soddisfatti. Mi dispiaceva e ho<br />

provato a cambiare qualcosa. La mia ottica, prima di tutto.<br />

Sono uscita dallo stereotipo che vede la cameriera sottomessa<br />

e, a differenza delle mie colleghe che lo ritenevano un lavoro<br />

svilente, ho sposato il ruolo della cameriera amorevole,<br />

portando sempre molto rispetto a chiunque mi fosse davanti.<br />

a prescindere dal sesso, dall’età, dalla nazionalità e dal<br />

ceto sociale. Ho provato a cambiare qualcosa in me, nel mio<br />

atteggiamento e qualcosa è cambiato anche fuori.<br />

Mentre le mie colleghe ignoravano o trattavano con sufficienza<br />

i clienti che schioccavano le dita per chiamarci, io<br />

riservavo loro più gentilezza, più sorrisi, più attenzioni. Questo<br />

atteggiamento mi ha portato in poco tempo vari risultati<br />

inaspettati: non mi arrabbiavo più, ottenevo più mance e, cosa<br />

più importante, i clienti ritornavano e, volta dopo volta,<br />

mi trattavano sempre meglio e con più rispetto. Gli schiocchi<br />

di dita diminuivano e le mie vittorie personali<br />

aumentavano. nel giro di pochissimo tempo mi sono state<br />

date più responsabilità e ho imparato che la comunicazione<br />

e l’atteggiamento verso il prossimo sono gli unici strumenti<br />

in nostro potere per far cambiare concretamente le cose».<br />

Grazie Serena, me ne ricorderò!<br />

Leggi il blog di Annalisa Monfreda su<br />

GIORNIMODERNI.<br />

DONNAMODERNA.COM<br />

50<br />

57<br />

59<br />

63<br />

92<br />

106<br />

117<br />

132<br />

142<br />

148<br />

203<br />

in copertina<br />

Noi ci mettiamo in cooperativa.<br />

Sempre più giovani<br />

si uniscono e lavorano.<br />

Sai riconoscere il vero<br />

Made in Italy?<br />

Buoni esempi. Le scuole che<br />

combattono<br />

I Comuni che sfidano l’alluvione<br />

Il tartan giallo, i capi di panno,<br />

i tessuti trapunta e<br />

altre cose che fanno inverno<br />

«Mia madre mi ha detto».<br />

Le confessioni beauty<br />

dell’attrice Valentina Corti<br />

Punta sull’effetto V.<br />

La strategia che tonifica collo<br />

e contorno del viso<br />

Per il mio bambino vorrei un look<br />

a prova di feste<br />

Un dolce da cucinare insieme<br />

Un regalo che fa brillare gli occhi<br />

Dai pacchetti ai decori.<br />

Guida al Natale fai-da-te<br />

74<br />

Colin Firth, l’attore<br />

che ama tutto<br />

dell’Italia. Persino<br />

le parolacce.


TRENTA<br />

ANNI<br />

1984•2014


Poste Italiane spa - Sped. in A.P. D.L. 353/03 art. 1, comma 1, DCB Verona<br />

AUSTRIA B 4,00 - BELGIO B 3,70 - CAnADA CAD 7,50 - CAnTOn TICInO Chf B 4,70<br />

fRAnCIA B 3,90 - GERMAnIA B 4,50 - LUSSEMBURGO B 4,00 - PORTOGALLO (COnT.) B 4,00<br />

SPAGnA B 4,00 - SVIZZERA Chf 4,90 - UK GBP 3,40 - USA $ 6,90<br />

c_DM 50 COVER(a).indd 1 27/11/14 16.21<br />

in questo numero<br />

AttuAlità<br />

35 le voglio 7 cose che ti facilitano<br />

37 flash emozioni della settimana<br />

39 come noi Pensano prima di<br />

comprare<br />

41 Parliamone È giusto porre un<br />

limite d’età per il carcere?<br />

42 donne moderne marilina Betrò<br />

45 faTTi Ti presento francesca,<br />

la signora Telethon. siamo un popolo<br />

di voltagabbana? come cambia<br />

la nostra idea di sexy<br />

50 inchiesTa giovani, professionisti<br />

e... in cooperativa<br />

55 isPirazioni ragazze che vanno<br />

pazze per le stelle<br />

57 domande ma tu sai riconoscere il<br />

made in italy?<br />

59 Buoni esemPi/1 in queste scuole<br />

si fa lezione contro...<br />

63 Buoni esemPi/2 ecco i comuni<br />

che sfidano l’alluvione<br />

65 culTura la grammatica diventa<br />

un giallo<br />

67 fenomeni uomini che allenano le<br />

donne<br />

68 Tendenze com’è pop l’arte<br />

contemporanea<br />

71 sTorie l’ictus mi ha insegnato a<br />

volare<br />

74 inconTri colin firth<br />

zApping<br />

77 TuTTo ciò che amerai quesTa<br />

seTTimana libri, cinema, musica, tv<br />

MODA<br />

84 Pezzi forTi ecopellicce superstar<br />

91 succede che... news di moda<br />

92 Tendenze 10 idee che fanno<br />

inverno<br />

97 mix vincenTi sette pezzi per<br />

cinque look<br />

101 curvy cluB la pagina delle<br />

donne con le curve<br />

102 domande & risPosTe<br />

BellezzA<br />

106 make uP + moda quel tocco di<br />

luce<br />

115 succede che... Beauty news<br />

117 viso scopri l’effetto v<br />

123 cosmeTici hai 1 minuto?<br />

124 TesT segui la scia<br />

126 domande & risPosTe<br />

9 DICEMBRE 2014<br />

Anno XXV I N. 50<br />

WWW.DONNAMODERNA.COM<br />

il settimanale che ti facilita la vita<br />

DAI pACChEttI<br />

AI DECORI<br />

guida al natale<br />

fai-da-te<br />

noi ci mettiamo<br />

in cooperativa<br />

sempre più giovani<br />

si uniscono.<br />

e lavorano<br />

per il mio<br />

BamBino vorrei<br />

> un look<br />

a prova di feste<br />

> un dolce da<br />

cucinare insieme<br />

>un regalo che<br />

gli faccia brillare<br />

gli occhi<br />

a1,50<br />

Elena Micaela Basile,<br />

23 anni, studentessa<br />

il tartan giallo<br />

i capi di panno<br />

i tessuti trapunta<br />

e altre cose di moda<br />

che fanno inverno<br />

LA NOSTRA MODELLA<br />

PER UN GIORNO<br />

L’hai riconosciuta? È la ragazza che posa nel servizio moda. si chiama<br />

elena micaela Basile, studia economia e commercio a milano, adora la<br />

musica rock e i gioielli d’argento. nella cover indossa giubbotto siste’s,<br />

felpa original marines, pantaloni nioi, collana Pepper Chocolate, anelli<br />

Giulia Barela, borsa Cafènoir. servizio di eva Pini. Foto di Jan rickers.<br />

Diventa anche tu<br />

protagonista di un nostro<br />

servizio di moda.<br />

Carica le tue foto su<br />

www.casting.donnamoderna.com<br />

oppure vieni a trovarci su<br />

il calendario dei casting sul treno è a pag. 181<br />

«mia madre<br />

mi ha detto»<br />

le confessioni<br />

beauty<br />

dell’attrice<br />

Valentina Corti<br />

buoni esempi<br />

# Le scuoLe che<br />

combattono<br />

La discriminazione<br />

# i comuni che<br />

sfidano L’aLLuvione<br />

sai riconoscere<br />

il vero<br />

made in italy?<br />

punta<br />

V<br />

collo e contorno del viso<br />

sull’effetto<br />

la strategia che tonifica<br />

colnaghi@mondadori.it<br />

TI SVELIAMO IL TRUCCO<br />

Vuoi avere uno sguardo magnetico come quello<br />

della nostra attrice? Prova miss manga Black<br />

Angel di L’oréal Paris (10,49 euro), un mascara<br />

che intensifica il colore delle ciglia.<br />

L’attrice Valentina Corti indossa gilet Avant-Toi,<br />

camicia Equipment. Servizio di Cristina Nava.<br />

Foto di Sevim Aslan. Trucco L’Oréal Paris<br />

Brow Artist Plumper. Simone Belli. Pettinature<br />

Michele Di Bisceglie per L’Oréal Paris.<br />

www.donnamoderna.com 7


in questo numero<br />

225<br />

Se ti interessa l’architettura<br />

contemporanea, Varsavia<br />

ti darà grandi soddisfazioni.<br />

LEGGICI SUL TABLET<br />

Se sei abbonata alla versione cartacea,<br />

inserisci il tuo codice abbonato e leggi la rivista<br />

gratis. Se sei una nuova lettrice, vai<br />

sull’app store: la copia singola costa 0,99 euro;<br />

l’abbonamento per una settimana<br />

0,89 euro, per un mese 2,69 euro, per tre mesi<br />

6,99 euro e per un anno 28,99 euro.<br />

speciale bambino<br />

132 moda aspettando Babbo natale<br />

142 cucina renne, pinguini, orsetti<br />

dolcissimi<br />

148 reGaLi un regalo che fa brillare<br />

gli occhi<br />

167 ZaPPinG Tutto ciò che ameranno<br />

in queste vacanze<br />

in pRiVaTo<br />

171 coPPia L’amore?<br />

Te lo trovano gli amici<br />

174 fiGLi Giocare li fa crescere<br />

177 SeLf HeLP Sei in difficoltà?<br />

copia i trucchi dei venditori<br />

179 SeSSo anche tu usi le paroline<br />

dolci?<br />

180 uomini ragazzi con la valigia<br />

8 www.donnamoderna.com<br />

132<br />

Un tubino d’oro, un vestitino d’argento, una<br />

camicia elegante. I bambini si vestono a festa.<br />

210<br />

Gli aperitivi, oggi, si<br />

servono con la birra<br />

in FoRma<br />

185 BeneSSere con la ninna nanna<br />

migliori la salute del tuo bambino<br />

186 SaLuTe un inverno senza asma<br />

189 aLimenTaZione miracolosa<br />

curcuma<br />

191 fiTneSS Hai mai provato<br />

il superset?<br />

195 GinecoLoGia i nuovi esami<br />

per chi aspetta un bambino<br />

196 Guarda coSa manGi<br />

a casa<br />

203 feSTe incarta, regala, stupisci<br />

207 arredi Bagliori metallici<br />

209 cucina Qui ci vuole il taglio<br />

perfetto<br />

210 TendenZe Birra e stuzzichini<br />

213 doLci che dessert!<br />

215 riceTTe i pistacchi vanno con<br />

tutto<br />

217 a TavoLa Tutte le novità<br />

218 animaLi orosco-pet 2015<br />

in libeRTà<br />

221 aLBerGHi dormire strano<br />

222 QuarTieri c’è un’isola a milano<br />

225 caPiTaLi È il momento di<br />

varsavia<br />

in pRaTica<br />

231 naTaLe fai-da-Te La tua arma<br />

anti-crisi è la creatività<br />

237 ecoLoGia e tu, sei davvero<br />

green?<br />

241 HiTecH Tagli mini per i nuovi<br />

antifurti<br />

242 SoLdi L’hotel giusto? Lo trovi<br />

così<br />

in TuTTi i numeRi<br />

8 STaff<br />

11 QueSTa SeTTimana Su<br />

donnamoderna.com<br />

21 di’ La Tua Le vostre lettere<br />

25 occaSioni Le offerte della<br />

settimana<br />

27 daLLa Tua ParTe fai valere i tuoi<br />

diritti con il nostro aiuto<br />

30 SPorTeLLo dei SoGni vorrei<br />

usare una stampante 3d<br />

247 aSTrocoacH L’oroscopo che fa<br />

lavorare le stelle per te<br />

249 PoSTa deL cuore chiara<br />

Gamberale risponde alle vostre lettere<br />

252 indiriZZi<br />

254 uLTima PaGina


la redazione<br />

che cosa abbiamo<br />

scoperto lavorando<br />

a questo numero<br />

myrIAm: «Nei noir ora<br />

i killer fanno errori di<br />

ortografia e le vittime<br />

sbagliano i congiuntivi.<br />

Che divertenti gli<br />

strafalcioni con suspence!».<br />

pAg. 65<br />

ALESSANDrA: «Mai<br />

e poi mai avrei<br />

pensato che Varsavia<br />

potesse essere<br />

così fascinosa. Partirei<br />

subito!». pAg. 225<br />

pAoLA: «La mia Zeta,<br />

che è della Vergine, sarà<br />

un po’ suscettibile fino<br />

all’estate: lo dice<br />

l’oroscopo 2015 dei pet!».<br />

pAg. 218<br />

mArA: «L’arte<br />

contemporanea si vende a<br />

prezzi abbordabili:<br />

evviva! Possedere opere<br />

d’autore è il mio sogno».<br />

pAg. 68<br />

direttore responsabile<br />

Annalisa monfreda annalisa.monfreda@mondadori.it<br />

vicedirettori<br />

Susanna Barbaglia (moda e bellezza) susanna.barbaglia@mondadori.it<br />

monica Triglia triglia@mondadori.it<br />

art director<br />

roberto porta porta@mondadori.it<br />

capiredattori ufficio centrale<br />

Liliana di Donato (attualità e zapping) liliana.didonato@mondadori.it<br />

marina D’Incerti (moda, bellezza, a casa, in libertà) dincerti@mondadori.it<br />

Donatella gianforma (in privato, in forma, in pratica) donatella.gianforma@mondadori.it<br />

attualità e zapping<br />

myriam Defilippi caposervizio myriam.defilippi@mondadori.it<br />

Isabella Fava caposervizio isabella.fava@mondadori.it<br />

giusy Cascio vicecaposervizio giusy.cascio@mondadori.it maurizio Dalla palma dpalma@<br />

mondadori.it Lavinia rittatore lavritt@mondadori.it Antonella Trentin trentin@mondadori.it<br />

Elisa Venco elisa.venco@mondadori.it<br />

moda<br />

orsina Baroldi caporedattore baroldi@mondadori.it<br />

Sara peggion vicecaporedattore peggion@mondadori.it<br />

Cristina Nava caposervizio cristina.nava@mondadori.it<br />

Viviana olivieri vicecaposervizio olivieri@mondadori.it<br />

Bruno Dall’Arche redattore esperto dallarc@mondadori.it<br />

miriam Colnaghi casting e produzione colnaghi@mondadori.it<br />

bellezza<br />

Alberta pianon vicecaporedattore alberta.pianon@mondadori.it<br />

marta Bonini caposervizio marta.bonini@mondadori.it<br />

in privato, in forma, in pratica<br />

Anna Scarano vicecaporedattore scarano@mondadori.it Annaleni pozzoli vicecaposervizio<br />

apozzoli@mondadori.it Silvia Calvi scalvi@mondadori.it<br />

Barbara rachetti rachetti@mondadori.it Silvio jr. Suppa silvio.suppa@mondadori.it<br />

a casa, in libertà, il bambino<br />

Alessandra Cipelli caporedattore cipelli@mondadori.it<br />

Stefania Carlevaro caposervizio carleva@mondadori.it<br />

Alessia Cogliati vicecaposervizio alessia.cogliati@mondadori.it<br />

paola Nardi paola.nardi@mondadori.it<br />

ufficio grafico<br />

Valeria Vaselli caporedattore vaselli@mondadori.it<br />

Fabrizio grassi caposervizio fgrassi@mondadori.it<br />

maria grazia Spinelli caposervizio spinelli@mondadori.it<br />

monica Carpanelli carpanel@mondadori.it roberta Diliddo diliddo@mondadori.it<br />

Federica Esti esti@mondadori.it Isabella gargiuolo isabella.gargiuolo@mondadori.it<br />

Valentina Scarduelli scarduel@mondadori.it Claudia Valeriani cvaleria@mondadori.it<br />

ufficio fotografico<br />

roberta Lancia photoeditor lancia@mondadori.it<br />

Laura maresti maresti@mondadori.it mara minoia minoia@mondadori.it<br />

Samantha pascotto samantha.pascotto@mondadori.it<br />

segreteria di redazione<br />

Sarah Bombelli sarah.bombelli@mondadori.it<br />

raffaella magazzino raffaella.magazzino@mondadori.it gaia recalcati gaia.recalcati@mondadori.it<br />

collaboratori<br />

elena Banfi, chicca Belloni, Teresa Bergamasco, alice capiaghi, elena cattaneo, elisabetta colangelo,<br />

Valeria colavecchio, cristina colli, cristina conti, Lucia corna, Irma d’aria, Laura d’orsi,<br />

maria adele de Francisci, Stefania del Principe, Federica Farini, Sara Ferrari, marta Ghelma, camilla<br />

Ghirardato, alessandra Leoni, daniela malavasi, monica marelli, Simona marzoli,<br />

rossella mazzali, Francesca romana mezzadri, Luigi mondo, elisa musso, Giorgia nardelli, Ilaria Prada,<br />

annalisa Piersigilli, eva Pini, elena rota, cristina Sarto, arianna Scotti, donatella Sgroj, eugenio<br />

Spagnuolo, cinzia Testa, Jessica Ventrella, Paola Volpari<br />

Per comunIcare con Donna MoDerna<br />

PoSTa donna moderna, mondadori, 20090 Segrate (milano), specificando<br />

sulla busta la rubrica che vi interessa<br />

reDaZIone Telefono: 0275423022; fax: 0275423118.<br />

InForMaZIonI sui concorsi e sui prodotti in vendita con donna moderna<br />

(borse, indossati, libri, dvd, cd) telefono: 199111999.<br />

aBBonaMenTI Telefono: 199.111.999 (lun-ven dalle 9.00 alle 19.00;<br />

costo massimo della telefonata 0.12 + IVa al minuto senza scatto<br />

alla risposta, per cellulari costi in funzione dell’operatore);<br />

per chiamate dall’estero: +39.041.509.90.49; fax 030.7772387;<br />

e-mail: abbonamenti@mondadori.it; internet: www.abbonamenti.it<br />

arreTraTI Telefono: 199162171; fax: 0295970342; e-mail: collez@mondadori.it<br />

PUBBLICITÀ mediamond Spa,<br />

telefono: 0275421; fax: 0275422302.<br />

ANNALENI: «La<br />

curcuma è un vero<br />

toccasana: voglio<br />

proprio provare le<br />

ricette a base di<br />

questa spezia».<br />

pAg. 189<br />

© 2014 arnoldo mondadori editore<br />

S.p.a. milano. Tutti i diritti<br />

di proprietà letteraria e artistica<br />

riservati. ISSn 1120-5024.<br />

Questo periodico è iscritto<br />

alla Federazione Italiana<br />

editori Giornali.<br />

numero del certificato:<br />

7778; data del rilascio:<br />

18.12.2013<br />

Stampa: eLcoGraF S.p.a.,<br />

via mondadori, 15, - Verona<br />

Pubblicazione registrata Trib. di<br />

milano, n. 849 del 18.12.1987.<br />

distribuzione a cura di Press - di S.r.l.<br />

10 www.donnamoderna.com


INDOSSA<br />

IL COMFORT<br />

SENZA FINE


in edicola<br />

LA prOssImA sETTImANA CON DONNA mODErNA<br />

l sTArBENE<br />

La prossima settimana insieme a Donna<br />

Moderna esce Starbene, il settimanale<br />

dedicato al benessere. Troverai tante notizie<br />

di attualità, alimentazione, salute<br />

psico-fisica e sport. Per imparare a vivere<br />

meglio e sentirti in forma.<br />

Le due riviste insieme costano 2,50 euro.<br />

NATALE<br />

A DOWNTON<br />

ABBEY<br />

In un doppio cd trovi 43 brani in versione<br />

originale e interpretati<br />

dagli attori del cast che ti faranno rivivere<br />

la magnifica atmosfera natalizia<br />

di Downton Abbey. In edicola insieme<br />

a Donna Moderna e Tv Sorrisi e<br />

Canzoni a 12,90 euro, rivista esclusa.<br />

l IL ’900<br />

ITALIANO DA<br />

COLLEZIONE<br />

continua la raccolta<br />

dedicata ai romanzi italiani<br />

del novecento con un<br />

classico imperdibile della<br />

letteratura. dal 5 dicembre<br />

è in edicola Fontamara,<br />

di Ignazio Silone. Insieme<br />

a Donna Moderna, Tu<br />

Style, Grazia, Chi, Panorama<br />

e Tv Sorrisi e Canzoni,<br />

a soli 7,90 euro oltre<br />

il prezzo della rivista.<br />

LEggi qui primA Di scrivErci<br />

InformatIva sulla prIvacy aI sensI dell’art. 13 d.lgs. 196/03<br />

L’invio delle lettere e delle foto implica l’autorizzazione alla pubblicazione dei<br />

testi e delle foto spediti, nonché la pubblicazione dei dati personali in essi contenuti,<br />

compresi il nome e il cognome del mittente, che in caso non volesse essere<br />

riconosciuto potrà utilizzare un nickname o solo il nome di battesimo. L’invio<br />

delle foto dei minori implica l’autorizzazione alla pubblicazione delle immagini e<br />

dei dati, da parte dei soggetti esercenti la patria potestà, anche sul sito di Donna<br />

Moderna. I minorenni devono chiedere l’autorizzazione dei genitori, mostrando<br />

loro le immagini prima dell’invio. Non saranno pubblicate foto di minori di 13 anni.<br />

Sarà a discrezione della redazione la scelta delle lettere e delle foto da pubblicare<br />

e la rielaborazione dei testi per esigenze giornalistiche e di riservatezza dei soggetti<br />

coinvolti. Le lettere e le foto sono testimonianza spontanea delle lettrici che si<br />

assumono ogni responsabilità rispetto alla verità e liceità dei contenuti riportati.<br />

A. Mondadori Editore Spa, titolare del trattamento, informa che i dati personali, le<br />

foto e le lettere che Voi spontaneamente invierete saranno utilizzati, manualmente<br />

o elettronicamente, esclusivamente per le finalità relative a tutte le rubriche<br />

presenti su Donna Moderna cui Voi lettrici chiederete di partecipare e che richiedano<br />

l’invio di lettere, foto o dati personali per la loro pubblicazione. Le foto potranno<br />

essere pubblicate sul sito www.donnamoderna.com, secondo le modalità ivi<br />

12 www.donnamoderna.com<br />

indicate. Il conferimento dei dati è spontaneo e non obbligatorio e l’eventuale rifiuto<br />

di fornire tali dati potrebbe comportare in alcuni casi la mancata pubblicazione<br />

di quanto inviato. I dati non saranno comunicati ad altri soggetti fatta eccezione<br />

per la rubrica “provato dalle lettrici” cui potrai partecipare richiedendo di<br />

diventare “tester”: in tale caso se invierai spontaneamente la mail per diventare<br />

tester ci autorizzi a comunicare i tuoi dati (nome, cognome, email) alle aziende<br />

nostre partner (responsabili del trattamento dei dati) al fine di consentire alle<br />

stesse di fornirti di volta in volta i prodotti che tu dovrai testare. Per tale rubrica,<br />

se sarai selezionata tester, dovrai utilizzare con cura il prodotto da testare che non<br />

sarà di tua proprietà (salvo diversi accordi che ti saranno comunicati) e dovrai<br />

impegnarti a inviare a Mondadori la tua opinione via mail sul prodotto testato o a<br />

rilasciare una intervista telefonica sul prodotto testato che saranno pubblicate sia<br />

sulla rivista sia sul sito. Esaurite le finalità delle rubriche, i dati forniti, le lettere e<br />

le foto saranno distrutti. Le foto pubblicate sul sito potranno restare presenti fino<br />

a richiesta di rimozione. Incaricati del trattamento sono gli addetti alla ricezione<br />

delle lettere e delle foto presso la redazione di Donna Moderna. Le lettrici interessate<br />

potranno esercitare i diritti di cui all’art. 7 D.Lgs. 196/03 e conoscere l’elenco<br />

dei responsabili scrivendo alla redazione di Donna Moderna.


QUESTA SETTIMANA SU<br />

.com<br />

bLog<br />

coaching<br />

caffè<br />

Una tazza di felicità<br />

con la life coach<br />

chiara grandin. blog.<br />

donnamoderna.com/<br />

coaching-caffe<br />

cUcIna<br />

Regali golosi<br />

fai Da te<br />

tante idee per un dono<br />

creativo e al risparmio.<br />

donnamoderna.com/<br />

cucina<br />

Seguici su Twitter<br />

Il contenuto più ritwittato dai nostri<br />

244.000 follower la scorsa settimana?<br />

Schiaffi o sculacciate ai tuoi figli:<br />

sì o no? twitter.com/DonnaModerna<br />

web SerIe<br />

Pilates<br />

fitness<br />

I video tutorial<br />

con gli esercizi<br />

da fare a casa.<br />

Donnamoderna.tv<br />

GIORNIMODERNI<br />

il blog di donna moderna<br />

Questa settimana<br />

ti consigliamo di leggere<br />

il post 10 cose<br />

ladylike nella mia<br />

vita quotidiana.<br />

giornimoderni.donnamoderna.com<br />

donne<br />

di gIUSY caScIo<br />

Si parla di<br />

aLeSSandra morettI -<br />

geStI poLItIcI<br />

caStIng Un bacio a…<br />

mandaci la foto del bacio più bello!<br />

casting.donnamoderna.com<br />

«Spopola la politica ladylike:<br />

in Veneto alessandra<br />

moretti vince le primarie<br />

e sarà la candidata<br />

del centrosinistra alla guida<br />

della regione. dunque<br />

aveva ragione lei? Fa bene<br />

a incarnare il modello<br />

di donna politica bella,<br />

brava, curata, brillante?».<br />

corbis (2)<br />

14 www.donnamoderna.com


hai già cliccato<br />

su<br />

GIORNIMODERNI.<br />

DONNAMODERNA.COM<br />

giornimoderni.donnamoderna.com<br />

?<br />

PAOLA GIANOTTI E<br />

IL SUO (DOPPIO)<br />

RECORD DEL MONDO<br />

Un’italiana, Paola Gianotti,<br />

entra nel Guinness dei<br />

primati per aver fatto il giro<br />

del mondo in<br />

bici. Ma la sua<br />

vittoria più bella<br />

è aver superato<br />

un terribile<br />

incidente.<br />

di Myriam Defilippi<br />

LE EMOZIONI<br />

DEL GIORNO<br />

Ogni mattina,<br />

le 5 foto che<br />

raccontano le<br />

ultime 24 ore<br />

meglio di ogni<br />

parola.<br />

LA MAMMA CHE<br />

HA RIVOLUZIONATO<br />

IL FAST FOOD<br />

A chi poteva venire in<br />

mente di proporre<br />

un luogo dove mangiare<br />

velocemente ma in<br />

modo del tutto genuino?<br />

A una mamma, ovvio.<br />

È la triestina Giovanna<br />

de Gavardo che, per<br />

realizzarlo, si è affidata<br />

a un team<br />

speciale:<br />

quello che<br />

aveva già in<br />

casa.<br />

di Donatella<br />

gianforma<br />

I 7 EPISODI DELLA<br />

DOCU-FICTION<br />

B&B LE<br />

APPRENDISTE<br />

Le nostre giornaliste<br />

provano i vecchi<br />

lavori che diventano<br />

professioni del futuro.<br />

GIOSETTA<br />

FIORONI E GLI<br />

ALTRI, STORIE<br />

DEI GRANDI<br />

D’ITALIA<br />

La pittrice Giosetta Fioroni<br />

e altri uomini e donne<br />

che incarnano impegno<br />

e ottimismo: li incontriamo<br />

nel nuovo documentario<br />

Grand’Italia, in onda su<br />

RaiStoria. Da vedere<br />

per ritrovare la fiducia in<br />

questo Paese.<br />

di Roberto Moliterni<br />

ASHLEy, CHE HA<br />

DAVVERO UNA MARCIA<br />

IN PIù<br />

Raccontiamo una storia<br />

di caparbietà speciale:<br />

quella della 24enne<br />

americana Ashley Fiolek che, sordomuta<br />

dalla nascita, è riuscita a diventare<br />

campionessa di motociclismo.<br />

di liliana di Donato<br />

LE VIGNETTE DI<br />

LUCREZIA<br />

Tutti i mercoledì le<br />

nuove avventure del<br />

personaggio creato<br />

da Silvia Ziche. In più,<br />

l’archivio delle vignette<br />

precedenti.


di’ la tua<br />

@<br />

scrivi a dilatua@mondadori.it<br />

quanta rabbia verso gli zingari<br />

Ho l’impressione che nel vostro articolo sul n. 48<br />

volevate trovare la vena romantica dei rom. ma gli zingari<br />

sono altri. io lavoro in un discount e giornalmente devo<br />

discutere con le zingare, quelle sporche, che rubano, che<br />

chiedono l’elemosina appoggiate ai carrelli. renata<br />

nel mio paese c’è un campo rom. ai loro bambini viene<br />

riservato un posto gratis negli asili e al nido comunale.<br />

non pagano tasse né bollette e usufruiscono di<br />

agevolazioni statali e comunali. nessuno di loro lavora,<br />

ma nonostante ciò sfrecciano per le strade con<br />

bolidi Bmw e Porsche. valentina<br />

Nessuno di loro<br />

lavora. Ma,<br />

nonostante ciò,<br />

sfrecciano nel<br />

paese con le loro<br />

Bmw e Porsche<br />

valentina<br />

donnamoderna.com<br />

la domanda<br />

Secondo te<br />

i vaccini sono<br />

pericolosi?<br />

60%<br />

no<br />

ma dove vivete? avete mai avuto la casa devastata<br />

dai cosiddetti rom? avete mai ricevuto minacce<br />

e maledizioni (se non peggio) quando non date<br />

l’elemosina? loredana<br />

avete usato il termine eufemistico “riciclo” del rame,<br />

tanto ipocrita da fingere di non sapere che gli zingari<br />

“riciclano” il rame dopo averlo rubato. nicoletta<br />

Risponde il direttore Annalisa Monfreda: «Care Renata,<br />

Valentina, Loredana e Nicoletta, nessuno, qui a Donna Moderna,<br />

ha mai pensato di assolvere chi si macchia dei reati di cui<br />

parlate. Il nostro intento è solo estirpare il pensiero<br />

discriminante. Quello che attribuisce un certo comportamento<br />

non a uno specifico individuo, ma addirittura a un popolo. Potrei<br />

elencarvi storie di rom e sinti integrati, che lavorano e pagano<br />

le tasse, e che contribuiscono a migliorare il nostro Paese. Ma<br />

preferisco ricordare i dati di un’inchiesta pubblicata dal nostro<br />

giornale un anno fa: negli ultimi 10 anni sono stati investiti 100<br />

milioni di euro per risolvere l’emergenza rom. La maggior parte<br />

è servita a sgomberare i campi. Invece, lì dove sono stati spesi<br />

bene, e cioè per l’integrazione, le cose sono migliorate».<br />

avete fatto poco<br />

Per la violenza contro le donne<br />

compro ogni settimana la vostra rivista, però questa<br />

volta sono rimasta davvero delusa. il 25 novembre è<br />

una data importantissima: si celebra la giornata<br />

contro la violenza sulle donne, ma il tutto è stato<br />

ridotto a una pagina sul n. 48. sono molto<br />

addolorata: mi aspettavo di più da un giornale fatto<br />

dalle donne per le donne. s.<br />

Cara S., quel giorno ci siamo state anche noi con una<br />

pagina sul giornale e con tante storie sul blogazine Giorni<br />

Moderni, tra cui quella di Julia, cugina della nostra<br />

▲<br />

www.donnamoderna.com 21


donnamoderna.com<br />

Susanna Barbaglia, uccisa a 16 anni. La differenza rispetto<br />

agli altri media è che noi ci siamo sempre. Non<br />

abbiamo bisogno del 25 novembre per ricordarcene<br />

e per combattere. L’azione continua vale molto<br />

di più di quella concentrata in una singola giornata.<br />

non siamo macedonie<br />

cara Donna Moderna, aiuto! Tra donne a pera, mela,<br />

rettangoli, triangoli, non riesco più a capire se siamo<br />

macedonie o geometrie... Perché invece non scrivete<br />

un articolo dove spiegate le varie fisionomie e come<br />

valorizzare i pregi e nascondere i difetti? giada<br />

Risponde Marina D’Incerti, caporedattore moda: «Cara Giada,<br />

non credi sia più simpatico dire che una donna è a forma di<br />

pera piuttosto che “ha il seno piccolo e i fianchi larghi”?<br />

Comunque, scherzi a parte, noi quello che ci chiedi lo<br />

facciamo già: in ogni servizio di moda diamo consigli su<br />

come valorizzarsi a seconda della propria fisionomia, senza<br />

rinunciare a essere belle e stilose».<br />

la finlandia è a Torino<br />

Ho appena letto l’articolo su Helsinki e la Lapponia<br />

(n. 49). oltre a farvi i complimenti vorrei segnalarvi<br />

un negozio a Torino, di un ragazzo finlandese che<br />

importa giocattoli dal suo Paese e che a natale<br />

trasforma il negozio in un luogo da fiaba e spedisce<br />

le letterine per Babbo natale in Lapponia. giorgia.<br />

Cara Giorgia, è forse la cartoleria Paperi from Finland in<br />

corso Casale?<br />

● prima di scriverci, leggi l’informativa<br />

sulla privacy a pag. 12.<br />

Rispettami<br />

perché<br />

sono una<br />

persona<br />

come temaria rosaria Paone<br />

È uno dei contributi che abbiamo raccolto<br />

su rispettamiperche.donnamoderna.com,<br />

Twitter e Instagram.<br />

#rispettami<br />

perché<br />

in tantissimi ci avete raccontato cos’è per voi il<br />

rispetto. i messaggi migliori entreranno a far<br />

parte del LibroSolidale 2014, il volume che<br />

l’associazione Xmas Project realizza ogni anno<br />

per natale e vende sul sito xmasproject.it per<br />

finanziare i suoi progetti benefici.<br />

GIORNIMODERNI<br />

@poschina La Barbie deve<br />

essere figa, non è reale: è un<br />

gioco.<br />

@plumage Lasciamo la<br />

Barbie così com’è. Abbiamo già<br />

problemi coi nostri brufoletti,<br />

senza dover pensare di<br />

attaccarli alla bambola<br />

in corrispondenza dei giorni<br />

prima del ciclo.<br />

22 www.donnamoderna.com<br />

@sorairo È triste che<br />

serva una bambola, dopo la<br />

Barbie incinta e quella che<br />

allatta, ad aprire fantasia<br />

e ragionamenti. Meglio<br />

piuttosto seguire i figli e<br />

rispondere a ogni loro<br />

domanda.<br />

●<br />

i migliori commenti al post<br />

perché dico no alla barbie normale di giusy cascio<br />

giornimoderni.donnamoderna.com<br />

@stefania Io la Barbie l’ho<br />

sempre odiata. Non ne<br />

ho mai voluta una, mi faceva<br />

schifo. E continuo a trovarla<br />

insopportabile.<br />

@daniela Con tre figlie<br />

femmine, Barbie tutta<br />

la vita! Ma che siano Barbie<br />

tradizionali.<br />

@elisabetta Con la<br />

Barbie ho imparato a cucire,<br />

perché le facevo i vestitini.<br />

Ma più della versione “glamour”<br />

mi piaceva quella che<br />

faceva vita all’aria aperta e<br />

dormiva nel sacco a pelo.


Nickel Tested**<br />

SENZA<br />

Conservanti<br />

Profumo<br />

Glutine*<br />

*Non contiene glutine o i suoi derivati. L’indicazione consente una decisione informata ai soggetti con “Sensibilità al glutine non-celiaca (Gluten Sensitivity)”. **Anche contenuti residuali di<br />

nickel possono creare, in particolare nei soggetti predisposti, reazioni allergiche o sensibilizzazioni. Quindi ogni lotto è analizzato per garantire un contenuto di nickel inferiore a 0,00001%.<br />

Dalla scienza BioNike,<br />

l’innovativo Rejuvenate SGF<br />

che stimolando i fi siologici<br />

fattori di crescita cutanei:<br />

• migliora le proprietà<br />

meccaniche ed elastiche della pelle<br />

• riduce la profondità delle rughe<br />

• rende la pelle più levigata<br />

e luminosa<br />

DEFENCE XAGE<br />

SPIETATA CON I SEGNI DEL TEMPO,<br />

SENSIBILE CON LA PELLE.<br />

BIONIKE<br />

PER IL BENE DELLA<br />

PELLE SENSIBILE<br />

In Farmacia


occasioni<br />

le offerte della settimana in esClusiVa per le lettriCi<br />

l l’arriCCiaCapelli super<br />

Hai le chiome lisce ma le vorresti mosse e<br />

vaporose? conic 25 di uki International crea onde<br />

e boccoli con effetto naturale. e se lo compri entro<br />

il 17 dicembre, questo arricciacapelli costerà 89<br />

euro anziché 108. Scrivi a info@ukiinternational.com,<br />

specificando nell’oggetto “promo Donna Moderna”.<br />

l il weekend alle terme<br />

tra mercatini in città e relax alle terme, la<br />

slovenia a natale è bellissima. e se leggi<br />

Donna Moderna conviene: fino al 31<br />

dicembre al Grand Hotel sava di rogaška<br />

slatina, 3 notti per 2 persone a mezza<br />

pensione, con piscina, sauna, palestra e<br />

il 10% di sconto sui beauty trattamenti<br />

della spa costano solo 293,60 euro.<br />

Scrivi a info@hotel-sava-rogaska.si.<br />

l la VaCanza In montaGna<br />

se hai bisogno di ricaricarti nella natura,<br />

dall’11 al 14 dicembre, all’hotel adler dolomiti<br />

di ortisei (Bz) paghi il soggiorno solo 502 euro<br />

anziché 602 a persona in doppia superior.<br />

sono inclusi colazione, merenda e cena, un<br />

ingresso alle grotte saline e il 25% di sconto<br />

sugli skipass plurigiornalieri. chiama lo<br />

0471775001 e di’ che leggi Donna Moderna.<br />

Per informazioni, adler-dolomiti.com.<br />

l la borsa<br />

per lo sHoppInG<br />

e1 Hopi Black di reisenthel è<br />

una shopper chic e capiente.<br />

Fino al 15 dicembre, su<br />

giftcompany.it a un prezzo<br />

speciale le lettrici di Donna<br />

Moderna possono acquistarla<br />

a soli 18,50 euro anziché<br />

21,20 (codice 5rBQpl22).<br />

e se ne prendi due le paghi<br />

35 euro (codice 6rIe2lls).<br />

la spedizione è gratuita.<br />

e in più<br />

Cercasi app sul mangiar sano<br />

Sei under 30 e hai creato una app per<br />

smartphone che insegni l’importanza della<br />

sana alimentazione ai giovani? Concorri<br />

al Call4idea di Rise2Up e Siseco entro il<br />

29 gennaio: in palio per la migliore<br />

1.000 euro e un aiuto per implementarla.<br />

Info: siseco.com/expo-app.htm.<br />

Vinci il corredo per la cucina<br />

Se sei convinta di essere una brava cuoca,<br />

mettiti alla prova con il test del concorso<br />

Sambonet, lanciato da Donna Moderna e<br />

Sale&Pepe. Entro il 10 dicembre, registrati<br />

su sambonet.donnamoderna.com e<br />

rispondi esattamente a tutte le domande:<br />

puoi vincere utili corredi per la tua cucina.<br />

Canta le canzoni dei cartoon<br />

È ora di mostrare il talento di famiglia.<br />

Scarica testo e base delle sigle di Barbie,<br />

Monster High o Ever After High dal minisito<br />

di Mattel (lascatoladeigiocattoli.it/boxstar),<br />

registra un video mentre tu e i bambini<br />

interpretate le canzoni e caricalo. La<br />

migliore performance diventerà un disco.<br />

www.donnamoderna.com 25


dalla<br />

tua parte<br />

fai valere i tuoi diritti con il nostro aiuto<br />

@<br />

scrivi a dallatuaparte@mondadori.it<br />

maria adele<br />

de francisci<br />

giornalista<br />

intervista gli esperti<br />

per darti le<br />

risposte che cerchi<br />

illustrazione di daniel James Zender<br />

per evitare la coda, le ricette<br />

mediche si ritirano anche in farmacia<br />

«In famiglia sono io a ritirare i farmaci per il mio anziano papà.<br />

Da anni lui segue la stessa terapia così, per evitare ore di attesa<br />

in sala d’aspetto, il medico mi lascia le ricette direttamente<br />

in farmacia. Da qualche settimana, però, il dottore si rifiuta di<br />

farmi questo favore: sostiene che viola la privacy dei<br />

pazienti e rischia multe salate. È vero?». meri, Brindisi<br />

no, cara meri. Per chiarire la questione il Garante per la<br />

privacy ha appena reso nota la lettera inviata al<br />

presidente della federazione italiana medici di base (si<br />

trova su www.garanteprivacy.it). tra le altre cose,<br />

l’autorità ha spiegato che i medici possono lasciare le<br />

ricette presso le farmacie o le sale d’attesa dei propri<br />

studi per consentire ai pazienti di ritirarle senza fare<br />

anticamera. l’importante è che siano in busta chiusa o<br />

il medico rischia l’accusa di violazione della legge sulla<br />

Privacy. Prescrizioni e certificati medici, inoltre, possono<br />

essere ritirati da persone diverse dai diretti interessati<br />

purché abbiano la delega scritta del paziente. «sono<br />

regole di buon senso che permettono di rispettare<br />

la riservatezza delle persone, senza creare difficoltà né<br />

ai medici né ai pazienti» ha spiegato il Garante<br />

antonello soro. dillo al tuo medico.<br />

▲<br />

Se il dottore lascia le<br />

ricette e i certificati<br />

medici in sala d’attesa<br />

o in farmacia non<br />

sta violando la legge<br />

sulla Privacy.<br />

L’importante è che<br />

siano in busta chiusa.<br />

www.donnamoderna.com 27


le spese extra della società di<br />

car sharing saranno rimborsate<br />

«Mio figlio è iscritto al servizio di car sharing Car2Go che gli<br />

addebita le corse sulla prepagata. In pochi giorni però la carta<br />

si è prosciugata: ci siamo accorti che gli hanno messo in<br />

conto viaggi mai fatti. Come mai?». Ludovica Ferrandini, roma<br />

Problema risolto, Ludovica: le spese pazze che hai<br />

trovato sulla prepagata di tuo figlio sono state<br />

annullate. a causare questi addebiti è stato un errore<br />

della daimler, società che gestisce car2Go, il<br />

servizio di noleggio attivo a roma, milano e Firenze. tra<br />

il 10 e il 13 novembre scorso il sistema è andato<br />

in tilt ma ora posso dare una buona notizia a tuo figlio e<br />

agli altri clienti car2Go. La società, che si scusa per<br />

l’inconveniente, ha già iniziato a rimborsare le somme<br />

prelevate. in più riconoscerà 30 minuti di guida<br />

gratuita nella propria città. Per ottenere il bonus non c’è<br />

bisogno di presentare una richiesta: lo si troverà<br />

nel giro di pochi giorni sul proprio account personale.<br />

Per informazioni, servizioclienti@car2go.com.<br />

neL contratto d’aFFitto non serve<br />

l’attestato energetico<br />

«Ho una seconda casa che, da alcuni anni, concedo in affitto. Il<br />

mio commercialista sostiene che il contratto stipulato<br />

può essere invalidato da un momento all’altro dall’Agenzia<br />

delle Entrate perché, al rinnovo, mi sono scordata di<br />

allegare l’Attestato di prestazione energetica. Sono obbligata a<br />

rifare tutto daccapo?». maria teresa FedeLi, torino<br />

no, cara maria teresa. il decreto legge 145 del 2013<br />

ha cambiato le regole sull’ape, l’attestato di<br />

prestazione energetica, che ora non deve più essere<br />

allegato al contratto di affitto. L’obbligo rimane<br />

solo per chi affitta interi edifici. Per essere in regola<br />

basta una semplice dichiarazione con la quale<br />

l’inquilino dà atto di aver ricevuto tutte le informazioni e<br />

la documentazione relativa alla certificazione<br />

energetica dell’appartamento. se la clausola manca si<br />

rischia una sanzione che va da 1.000 a 4.000<br />

euro. chi si trova alle prese con un rinnovo o, come te<br />

maria teresa, con una proroga di un precedente<br />

contratto d’affitto, non è obbligato a inserire questa<br />

dichiarazione. Per saperne di più, si può<br />

consultare il nuovo sito del consiglio nazionale del<br />

notariato all’indirizzo www.notariato.it.<br />

l prima di scriverci, leggi l’informativa<br />

sulla privacy a pag. 12<br />

@<br />

scrivi a dmdirittidigitali@mondadori.it<br />

combatti il bullismo con whatsapp<br />

diritti<br />

digitali<br />

giovanni Ziccardi<br />

docente di<br />

Informatica giuridica<br />

28 www.donnamoderna.com<br />

«Gentile redazione, ultimamente mio figlio di<br />

14 anni riceve su WhatsApp delle “catene”<br />

create dai suoi compagni di classe con<br />

immagini violente o pornografiche e frasi<br />

minacciose. Lo vedo molto a disagio. Come è<br />

meglio comportarsi?». rita bonacini, Pisa<br />

Cara lettrice, strumenti come WhatsApp<br />

permettono di far circolare immediatamente<br />

queste catene, che contano sulla complicità<br />

del gruppo per colpire i compagni più<br />

deboli. Vi suggerisco prima di tutto di<br />

parlarne con gli insegnanti o il dirigente<br />

scolastico: questi comportamenti non sono<br />

semplici scherzi ma possono costituire reato,<br />

soprattutto se i bulli le fanno circolare in<br />

orario scolastico o se le foto e i video<br />

sono stati girati nei locali della scuola. Sarà<br />

compito dei docenti affrontare il tema in<br />

classe o, nel caso si conoscano con certezza<br />

i responsabili, convocare per un colloquio i<br />

loro genitori. Se però da parte della scuola<br />

non si riceve alcun aiuto (potrebbero<br />

sostenere che si tratta di un problema da<br />

risolvere in famiglia) rivolgetevi alla<br />

Polizia postale e denunciate l’accaduto. Le<br />

forze dell’ordine potranno sequestrare<br />

video e immagini e risalire ai responsabili.


Con Millefiori puoi scegliere tra più di 60 fragranze<br />

di alta qualità e scoprire soluzioni dal design unico,<br />

come i suoi diffusori di profumo per ambiente.<br />

millefiorimilano.com


sportello<br />

dei sogni<br />

realizza con noi i tuoi desideri<br />

scrivi a sportellodeisogni@mondadori.it<br />

lo sportello<br />

dei sogni<br />

ha realizzato<br />

i desideri<br />

di 718 lettrici<br />

@<br />

vorrei<br />

usare una staMpante 3d<br />

«Cara Donna Moderna, mio figlio Leonardo, 11 anni, è un<br />

piccolo inventore, così ci ha trascinato alla fiera<br />

Maker Faire di Roma dove ha partecipato ai vari laboratori.<br />

Purtroppo però non è riuscito a vedere dal vivo<br />

come funziona una stampante 3D e a “concretizzare”<br />

il suo progetto: una tazza. Mi aiuti tu?». roberta<br />

donna Moderna ci è riuscita così<br />

cara roberta, Leonardo potrà presto toccare con<br />

mano la sua tazza e mostrarla emozionato a<br />

tutti gli amici. Il suo sogno, infatti, diventerà presto<br />

realtà grazie alla community italiana Stampa 3d<br />

forum (stampa3d-forum.it), che nasce proprio per<br />

permettere agli appassionati di avvicinarsi e restare<br />

aggiornati su questa nuova tecnologia. che ha varie<br />

applicazioni, dalla biologia all’architettura fino alla<br />

gioielleria. Il co-founder alessandro tassinari vi invita<br />

nei loro uffici di rovereto (tn) per mostrare al tuo<br />

piccolo inventore come funzionano gli ultimi modelli<br />

di stampanti 3d. così Leonardo potrà togliersi ogni<br />

dubbio e ammirare come prende vita il suo progetto.<br />

se anche tu sei incuriosito<br />

dalle nuove tecnologie tridimensionali<br />

clicca su 3dhubs.com per trovare la stampante<br />

1 tridimensionale più vicina a casa tua. Una<br />

volta scelta, basta caricare sul sito il tuo progetto<br />

per poi ritirarlo di persona o fartelo spedire.<br />

Sai cos’è un FabLab? È un laboratorio aperto al<br />

2 pubblico equipaggiato con macchine per<br />

la fabbricazione digitale. L’idea nasce nel 2001 al<br />

mit, il massachusetts Institute of technology<br />

di boston, ma oggi ce ne sono vari in tutta Italia:<br />

trovi i loro contatti su makeinitaly.foundation,<br />

il punto di riferimento per i nostri makers.<br />

ecco la stampante 3d più sensazionale:<br />

si chiama Foodini Food 3d printer e crea<br />

3<br />

pietanze vere, pronte da cuocere. Il punto<br />

di partenza sono ingredienti freschi ma allo stato<br />

liquido. Incuriosita? Vai a vedere tutto<br />

il processo di stampa su naturalmachines.com.<br />

a cura di annaLISa pIerSIGILLI<br />

l prima di scriverci, leggi l’informativa<br />

sulla privacy a pag. 12<br />

Getty<br />

30 www.donnamoderna.com


CHANGE. YOU CAN.<br />

www.ice-watch.com<br />

Distributore esclusivo per l’Italia.<br />

T.: +39 02 99 203361


Maria Vicini divide i suoi<br />

interessi tra moda e<br />

decorazione d’interni ma<br />

con un fi lo comune: la<br />

creatività. Dal 2013 il suo<br />

blog Violet Wool è lifestyle<br />

IT Blog di Grazia.it<br />

Nuova SEAT Mii by MANGO<br />

URBAN SHOPPING<br />

SOLUTION<br />

Agile nel traffi co, chic dentro, facile<br />

da parcheggiare: Maria Vicini l’ha provata<br />

per voi.<br />

SEAT Mii by MANGO<br />

grazie al cambio automatico<br />

è il mezzo ideale per<br />

muoversi con agilità anche in<br />

centro città.<br />

1<br />

Una blogger di moda che si rispetti deve<br />

avere fiuto per le novità ed arrivare<br />

tempestivamente sui capi di tendenza.<br />

Diventa perciò fondamentale muoversi<br />

in città con agilità per fare “scouting &<br />

shopping” prima delle altre. A questo<br />

scopo Maria ha trovato nella Nuova SEAT<br />

Mii By MANGO, con gli interni disegnati<br />

dagli stilisti della casa di moda spagnola,<br />

il “capo” ideale da indossare nel traffico:<br />

agile, scattante, sicura. Parcheggiarla<br />

ovunque è un gioco da ragazze grazie<br />

ai sensori, mentre il bagagliaio, con i ganci<br />

per gli shopper, è l’ideale per gli acquisti<br />

e con i motori a benzina o metano per<br />

Maria anche le boutique del centro non<br />

avranno scampo!


DONNAMODERNA per SEAT<br />

3<br />

Un bagagliaio a<br />

prova di shopping<br />

compulsivo: oltre<br />

ad essere spazioso,<br />

è dotato di ganci<br />

che consentono di<br />

appendere con praticità<br />

gli shopper.<br />

2<br />

Il battitacco fi rmato by MANGO,<br />

oltre a impreziosire la SEAT Mii,<br />

impedisce che i tacchi possano<br />

graffi are la carrozzeria.<br />

4<br />

MANGO fi rma lo stile degli interni: sedili in pelle Alcantara<br />

con impunture beige. Stesso rivestimento e look & feel per<br />

volante, pomello del cambio e freno a mano.<br />

Un comodo gancio per la borsa è posizionato sul cassetto porta<br />

oggetti per avere tutto a portata di mano.<br />

5<br />

Il SEAT Portable System, con<br />

navigatore touchscreen e connessione<br />

Bluetooth ® allo smarthphone,<br />

consente anche di gestire telefonate<br />

e playlist musicali.<br />

6<br />

Nella versione Beige Glamour<br />

la SEAT Mii by MANGO<br />

monta cerchi in lega da 15”<br />

grigio titanio, perfettamente<br />

abbinati agli altri dettagli.


dm le voglio<br />

7 cose<br />

che ti facilitano la vita<br />

1<br />

i fiori d’argento<br />

certi bijoux sono perfetti. perché stanno bene a tutte<br />

e a tutte le età. Fanno una gran scena se li<br />

regali. Hanno un prezzo democratico. come questi<br />

orecchini a fiore (daisy, Zoppini, 55 euro).<br />

7<br />

lo smartphone<br />

intelligente Se puoi usarlo<br />

24 ore filate senza che si scarichi,<br />

fare foto perfette, metterci dentro<br />

2 sim e pagarlo solo 139,99 euro, lo<br />

smartphone è geniale. Honor 3c è<br />

dedicato ai nativi digitali (hihonor.com).<br />

2<br />

i macaron<br />

semplicissimi<br />

Sfornare i dolcetti più<br />

scenografici è un gioco.<br />

merito del preparato<br />

in polvere con il quale<br />

farli di tanti bei colori. e<br />

se in cucina non sei un<br />

drago, su decora.it trovi<br />

il tutorial (decora, 10 euro<br />

circa, per 35 dolcetti).<br />

6<br />

il fondotinta<br />

magico lavoro, regali<br />

da fare, serate di festa...<br />

dicembre è duro per le<br />

donne. Serve almeno un<br />

trucco che cancelli la fatica<br />

dal viso. max Factor Skin<br />

luminizer Foundation è un<br />

fondotinta che illumina,<br />

corregge le imperfezioni e<br />

non si vede! (18,99 euro).<br />

3 il regalo per le<br />

teen Se vuoi far felice l’amica<br />

del cuore, vai a colpo sicuro.<br />

Il tenero kit a forma di orsetto<br />

nasconde il make up per<br />

occhi, viso e labbra (pupa Be my<br />

Bear, da 18,10 euro).<br />

a cura di aleSSandra cIpellI<br />

scrivile a cipelli@mondadori.it<br />

5<br />

le bevande<br />

sempre calde<br />

a natale gran tavolate<br />

di parenti e amici? Ti serve<br />

una caraffa termica che<br />

non sfiguri a tavola. così<br />

prepari il caffè in anticipo e<br />

non dovrai alzarti a fine<br />

cena (Bugatti, da 89 euro).<br />

4 la memoria<br />

da polso<br />

Il bracciale con il disegno<br />

a centimetri è cool e<br />

astuto: la fibbia è una<br />

chiavetta usb da 8 giga,<br />

dove archiviare dati,<br />

foto, musica (49 euro).<br />

www.donnamoderna.com 35


dm FLASH<br />

1 rispetto<br />

2 strazio<br />

eemozioni<br />

della<br />

settimana<br />

1 due chiese, un abbraccio Le due Chiese sono<br />

quella cattolica e quella ortodossa, l’abbraccio quello tra Papa<br />

Francesco e il patriarca Bartolomeo. È stato il momento più<br />

toccante del viaggio in Turchia di Bergoglio. Che, anche sul volo<br />

di ritorno, ha ribadito l’importanza del dialogo tra le religioni:<br />

l’unica strada per sconfiggere il terrorismo. 2 chi ha ucciso<br />

loris? «Chi sa qualcosa parli, vi supplico» chiede tra le lacrime<br />

la madre di Loris Andrea Stival, 8 anni, ritrovato senza vita a Santa<br />

Croce Camerina (Rg). Il risultato dell’autopsia è agghiacciante:<br />

il piccolo è stato strangolato e, prima di essere ammazzato, ha<br />

subito violenza sessuale. Da parte di qualcuno che conosceva,<br />

aggiungono gli investigatori. 3 coppia che vince... Non<br />

si cambia. Avranno anche divorziato da anni, ma quando cantano<br />

insieme Al Bano e Romina Power fanno sempre scintille. Lo hanno<br />

appena dimostrato durante un tour fra Mosca, Atlantic City, Bucarest<br />

e Monaco di Baviera (nella foto): in tutte le città sono stati<br />

applauditissimi. 4 attente al lupo Cosa ci fa un gregge di<br />

pecore sotto la torre Eiffel? Sembra un anticipo di presepe. Invece<br />

è la singolare protesta degli allevatori francesi, che chiedono al<br />

governo un piano contro i lupi che stanno decimando gli animali.<br />

5 ebola in italia È ancora in prognosi riservata il medico<br />

di Emergency contagiato da Ebola in Sierra Leone (nella foto,<br />

all’arrivo nel nostro Paese): ricoverato dal 25 novembre all’ospedale<br />

Spallanzani di Roma, viene curato con un trattamento<br />

sperimentale su misura, a base di plasma.<br />

a cura di giusy cascio<br />

▲<br />

Ogni mattina<br />

trovi le<br />

emozioni<br />

del giorno su<br />

GIORNIMODERNI.<br />

DONNAMODERNA.COM<br />

5 inquietudine<br />

ap - La presse / contrasto / olycom / masi / ansa<br />

3 felicità<br />

4 tenerezza<br />

www.donnamoderna.com 37


dm come noi<br />

6<br />

2<br />

1<br />

pensano prima di comPRaRe<br />

Mancano 3 settimane a Natale è già impazza la corsa<br />

ai regali. Quest’anno, secondo il Codacons, le famiglie<br />

italiane spenderanno il 5% in meno rispetto al 2013.<br />

E, complice la crisi, penseranno di più a cosa comprare.<br />

Prima di fare shopping, sono attente alla qualità<br />

degli articoli anche le star. In tema di abiti, per esempio,<br />

l’indecisione la fa da padrona. L’attrice americana<br />

Sarah Jessica Parker (1), in Italia sul set della commedia<br />

romantica Tutte le strade portano a Roma, gira per<br />

mercatini dell’usato. Nel frattempo, in un negozio<br />

milanese, la conduttrice del talent Tú sí que vales Belén<br />

Rodríguez (2) è perplessa davanti a un vestito griffato.<br />

Ilaria Spada (5), invece, cerca il modello di lingerie<br />

perfetto per lei. Le servirà al debutto nel programma<br />

comico Colorado? Non sa se darsi al fucsia o al<br />

nero Filippa Lagerback (3), la modella volto fisso di<br />

Che tempo che fa. È tentata da 2 borse. Ma la più esigente<br />

è la popstar Taylor Swift (4): il suo make up è perfetto.<br />

Tutte pagheremmo per sapere che ombretto sceglie...<br />

3<br />

4<br />

5<br />

Ipa / olycom (4)<br />

a cura di gIusy cascIo<br />

www.donnamoderna.com 39


iopoint.it<br />

Scopri il segreto<br />

per capelli<br />

eternamente giovani<br />

e splendenti.<br />

*Test strumentali in laboratorio, applicazione del Programma completo Seven Ages.<br />

Biopoint. La libertà che hai in testa.<br />

SEVEN AGES<br />

a base di ACIDO IALURONICO e GLYCOLASTIL<br />

Il Nuovo Programma che combatte i 7 segni del tempo*<br />

ROTTURA<br />

DOPPIE PUNTE<br />

EFFETTO CRESPO<br />

ASSOTTIGLIAMENTO<br />

OPACITÀ<br />

SECCHEZZA<br />

CAPELLI GRIGI<br />

In vendita in profumeria.


dm parliamone<br />

José “Pepe” Mujica<br />

guida l’Uruguay<br />

dal 2010.<br />

carlo federico grosso, avvocato e<br />

docente di diritto penale all’università di Torino<br />

l’idea che il carcere<br />

debba essere sempre e solo una<br />

sì«Difendo<br />

soluzione estrema. Esistono<br />

altri strumenti utili a far sì che il condannato<br />

risarcisca la collettività e a prevenire che il<br />

reato venga replicato: lavori sociali, pene<br />

pecuniarie o il divieto di svolgere alcune professioni, come nel<br />

caso di un medico che ha sbagliato».<br />

Per gli anziani ci sono pene alternative «Bisogna seguire<br />

questo principio con chi ha superato i 70 anni. Si tratta di<br />

anziani spesso fragili a livello fisico e psicologico, per loro il<br />

carcere non può essere un percorso di rieducazione. Vedrei<br />

bene il provvedimento proposto da Pepe Mujica di porre il<br />

limite dell’età dei detenuti a 75 anni, anche con delle eccezioni.<br />

Se un giudice stabilisce che una persona è così pericolosa da<br />

dover essere reclusa e isolata, ammetto l’esistenza di deroghe.<br />

Ma l’esperienza mi dice che sarebbero ben poche».<br />

è giusto Porre<br />

un limite<br />

di età per<br />

il carcere?<br />

Il presidente dell’Uruguay lancia<br />

l’idea di evitare la prigione<br />

agli over 75. Un provvedimento<br />

utile o un rischio giudiziario?<br />

Gli esperti si dividono<br />

di adrIano lovera scrivigli a attualita@mondadori.it<br />

giovanna di rosa, magistrato di sorveglianza a Milano<br />

ed ex membro del consiglio superiore della magistratura<br />

proposta del presidente<br />

dell’Uruguay di evitare la<br />

no«La<br />

prigione agli ultra-75enni<br />

è rischiosa. L’età da sola non può escludere<br />

il carcere. Questo principio potrebbe<br />

persino diventare un lasciapassare per la<br />

criminalità, con gli anziani usati per compiere reati. La Corte<br />

costituzionale, in una sentenza del ’96, ha detto che contano le<br />

condizioni fisiche di un condannato, non l’età di per sé».<br />

Bisogna sorvegliare i detenuti pericolosi «Oggi il nostro<br />

sistema prevede una soglia dei 70 anni, oltre i quali si possono<br />

concedere i domiciliari anche a chi è già in prigione. Ma fanno<br />

eccezione i reati sessuali, di mafia e i sequestri di persona.<br />

Nel carcere milanese di San Vittore ci sono 6 anziani detenuti,<br />

di cui uno con più di 80 anni. Lo trovo giusto, quando i soggetti<br />

sono pericolosi e possono ripetere il crimine. Ma dovrebbe<br />

essere il giudice a valutare caso per caso».<br />

corbis / Imagoeconomia (2)<br />

dibattiti.donnamoderna.com<br />

la parola ai lettori<br />

sì Perché... @gio «Si legge sempre<br />

di carceri affollatissime, che non tengono<br />

60%<br />

conto delle condizioni dei detenuti. Questa<br />

proposta mi sembra utile, oltre che umana». @stefy «Il sistema<br />

giudiziario costa troppo? Cominciamo col tagliare queste<br />

spese. Un anziano può scontare la sua pena con gli arresti<br />

domiciliari, pesando economicamente meno sulla società».<br />

40%<br />

no Perché... @rita «Temo che questa<br />

ipotesi possa essere molto rischiosa: siamo<br />

davvero sicuri che uno “sconto” fatto agli<br />

anziani non si ripercuota poi anche su altre categorie di detenuti?».<br />

@ale66 «Chi ha sbagliato deve pagare: mi sembra da sempre<br />

l’unico principio valido, in fatto di leggi e condanne. Perché<br />

bisognerebbe iniziare a fare delle distinzioni anagrafiche?».<br />

www.donnamoderna.com 41


Marilina Betrò, docente<br />

di Egittologia all’università di Pisa.<br />

Sono<br />

un’Indiana Jones<br />

molto social<br />

L’archeologa Marilina Betrò è tra le massime esperte<br />

dell’antico Egitto. E ora ci fa seguire in diretta su<br />

Facebook le sue indagini sui misteri dei faraoni. Che,<br />

sorpresa, erano convinti ambientalisti<br />

di EManuELa zuCCaLà scrivile a attualita@mondadori.it


donne moderne<br />

«Sedevo per terra nella tomba di un sacerdote, chiedendomi<br />

cosa ci fosse sotto di me. Spostando un po’ di sabbia con le dita,<br />

all’improvviso ho toccato una mano: era di una figura umana sul<br />

coperchio di un sarcofago, e sembrava mi dicesse “vieni”. Così<br />

iniziai a esplorare quel sito». Era il 2003 e, da allora, Marilina<br />

Betrò, 60 anni, scava per riportare alla luce gli enigmi sepolti<br />

nella necropoli egizia di Dra Abu el-Naga, sulla riva ovest del<br />

Nilo, di fronte a Luxor, l’antica Tebe.<br />

Professore ordinario di Egittologia all’università di Pisa, tra le<br />

maggiori esperte italiane di faraoni, a chi azzardi il paragone<br />

con Indiana Jones risponde ironica: «Magari! È un personaggio<br />

simpaticissimo, e nel primo episodio, I predatori dell’Arca<br />

perduta, c’era persino qualche fondamento storico». Lei, però,<br />

è piuttosto una “Indiana Jones social”, poiché, novità assoluta<br />

in archeologia, si è inventata un diario su Facebook, giorno per<br />

giorno, della missione che sta conducendo con la sua squadra di<br />

sei esperti. Online si può seguire la loro giornata tipo: la sveglia<br />

prima dell’alba, lo scavo, l’analisi dei reperti, con foto e video<br />

delle scoperte in diretta. L’abbiamo raggiunta in Egitto, per<br />

farci raccontare i particolari più appassionanti della spedizione.<br />

Perché è importante il sito di Dra Abu el-<br />

Naga?<br />

«Perché è l’antenato della Valle dei Re, con le<br />

tombe dei primi faraoni della XVIII dinastia,<br />

che regnò dal 1.550 a. C. al 1.300. Prima dei più<br />

famosi Tutankhamon e Ramsete II, questi<br />

re inaugurarono l’epoca d’oro dell’antico<br />

Egitto, conquistando gran parte del Medio<br />

Oriente e, in Africa, dominando fino all’odierno<br />

Sudan. C’era un’enorme ricchezza,<br />

oltre a fermenti culturali e artistici: i più bei<br />

reperti egizi che oggi vediamo nei musei del<br />

mondo risalgono a questo periodo, l’apogeo<br />

della loro civiltà».<br />

Cosa resta da svelare, di quell’epoca? «Moltissimo dei suoi<br />

inizi! Non è ancora stata trovata la tomba del re Ahmose, il<br />

fondatore della XVIII dinastia che cacciò gli invasori Hyksos. E<br />

sappiamo anche meno della gente comune e dei nobili: stiamo<br />

indagando su un aristocratico vissuto intorno al 1.500 avanti<br />

Cristo, di cui ignoriamo nome e titoli. È l’enigmatico proprietario<br />

della tomba più grande e antica fra quelle in cui scaviamo.<br />

Dalle pitture alle pareti si deduce che fosse influente, ma la sua<br />

tomba, occupata per mille anni, ha subìto molte distruzioni.<br />

Così, dal 2005, ci chiediamo: chi era?».<br />

C’è qualche figura femminile che emerge o era un mondo dominato<br />

dagli uomini? «Ce ne sono varie. È di questo periodo<br />

uno dei pochi faraoni donna, Hatshepsut, costruttrice di un<br />

famoso tempio funerario: regnò per oltre 20 anni e fu una<br />

grande innovatrice. Nella tomba del sacerdote Huy è raffigurata<br />

la regina Ahmose Nefertari, che godeva di un potere enorme<br />

in vita e di una venerazione unica dopo la morte: possedeva<br />

Quella egizia era<br />

una società<br />

avanzata nella<br />

parità di genere:<br />

anche le donne<br />

godevano di libertà<br />

e autorevolezza.<br />

terre, cariche religiose e per secoli è stata amatissima dagli<br />

egiziani. Sua madre vantava persino onorificenze militari. Era<br />

una società avanzata nella parità di genere: anche le donne<br />

comuni godevano di libertà e autorevolezza».<br />

Una storia di queste donne l’ha toccata particolarmente?<br />

«Tra i corpi trovati nelle gallerie sotterranee, ce n’era uno stranamente<br />

non mummificato: una giovane di 20 anni deceduta<br />

al termine della gravidanza, con il bimbo ancora nel ventre.<br />

E accanto ai resti c’erano oggetti insoliti: un letto votivo con<br />

figure di divinità che propiziavano la fertilità e di una madre<br />

con un bimbo. Non erano oggetti funerari, ma quelli messi<br />

nelle case a propiziare i parti. Mi è parso un gesto tenerissimo,<br />

come ad augurare a questa donna di portare a compimento la<br />

gravidanza nell’aldilà. Non l’hanno mummificata proprio per<br />

non rimuovere il bimbo dal suo corpo».<br />

Qual è il personaggio dell’antico Egitto che la affascina di più?<br />

«Il nobile Kenamun, fratello di latte e consigliere del faraone<br />

Amenofi II. La sua mummia e il suo sarcofago, scoperti<br />

nell’Ottocento, erano scomparsi: io ho ritrovato lo scheletro<br />

in uno scatolone abbandonato nel Museo di storia naturale a<br />

Pisa, e il sarcofago nei magazzini del Museo egizio di Firenze.<br />

Di lui si sa che era stato assai importante a corte, ma alla<br />

sua morte gli toccò la “damnatio memoriae”: cancellarne<br />

ogni traccia per relegarlo nell’oblio eterno era la punizione<br />

estrema. Sono curiosa di scoprire perché<br />

fu bersaglio di un simile odio e da parte di<br />

chi: forse lo condannò lo stesso faraone che<br />

lo aveva riempito di ricchezze e con il quale<br />

aveva condotto tante campagne di guerra».<br />

Lei che idea s’è fatta? «A me piace pensare<br />

a intrecci cinematografici: una rivalità in<br />

amore, congiure o intrighi politici. Da piccola<br />

amavo i gialli e qui mi sono ritrovata,<br />

come un detective, a ricucire i fili delle tracce<br />

rimaste».<br />

Fin da bambina sognava di diventare detective<br />

del passato? «In realtà il mio interesse è<br />

nato all’università. Mi ero appassionata ai geroglifici e ho scelto<br />

Archeologia per il bisogno di guardare questa meravigliosa<br />

civiltà da vicino, non solo attraverso i papiri».<br />

Che cosa possono insegnare a noi, oggi, gli antichi egizi? «Il<br />

vivere immersi nella natura, sentendosene parte, invece di<br />

guardarla come un’entità separata dagli uomini. Tale concezione<br />

dava loro un senso profondo di armonia e di equilibrio<br />

con l’ambiente. Al di là dei monumenti straordinari che hanno<br />

lasciato, è questo per me il loro messaggio più importante: il<br />

rispetto per la natura e per tutti gli esseri viventi».<br />

www.donnamoderna.com 43


Acer consiglia Windows.<br />

Display spettacolare.<br />

Straordinaria versatilità.<br />

Produttività dinamica.<br />

Scopri mobilità, libertà e flessibilità con questo dispositivo 2 in 1 da 10,1"<br />

che rende ogni giorno un'avventura.<br />

Ammira Aspire Switch 10 (SW5-012FHD) su acer.it e<br />

Alcune applicazioni sono vendute separatamente e variano in base al mercato.


dm fatti<br />

Francesca Pasinelli,<br />

dal 2009 è direttore<br />

generale di<br />

Fondazione Telethon.<br />

olycom<br />

ti Presento<br />

francesca,<br />

la signora<br />

TeleThon<br />

«L’ho fatto perché volevo dare più senso alla mia vita e a quella<br />

di tutti». Francesca Pasinelli, 54enne bresciana, è direttore generale<br />

di Fondazione Telethon, la realtà non profit dedicata alla<br />

ricerca sulle malattie rare. E descrive così la scelta compiuta alla<br />

fine degli anni ’90, quando molla la posizione di dirigente in una<br />

multinazionale del farmaco per assumere la direzione scientifica<br />

della onlus creata da Susanna Agnelli. «Amici e parenti non<br />

capivano, all’inizio mi guardavano storto». Perché Francesca<br />

lavorava in una signora azienda, in cui «potevi andare alla recita<br />

di Natale di tuo figlio senza inventarti scuse» ricorda lei. Ma, a<br />

un certo punto, arriva la domanda inesorabile su cosa ci stiamo<br />

a fare al mondo. E l’offerta di Telethon.<br />

Una Grande sfida Indagare patologie con pochissimi<br />

casi al mondo rende pressoché impossibile e anti-economica la<br />

ricerca farmaceutica. «Ecco perché, per buttarmi in questa<br />

impresa, ho studiato i metodi delle grandi charities britanniche<br />

e delle agenzie federali americane» spiega. Così Francesca, un<br />

marito (Filippo, suo compagno di liceo) e 2 figli (Laura e Carlo),<br />

organizza un sistema di peer review, una valutazione realizzata<br />

da esperti di pari grado: biologi, biochimici, immunologi che<br />

giudicano i lavori di altrettanti colleghi. In modo da garantire<br />

giudizi imparziali, senza conflitti d’interesse.<br />

Per Grandi risUltati Oggi Telethon si piazza subito<br />

dopo i centri biomedici di ricerca inglesi e statunitensi nelle<br />

classifiche che mettono in rapporto il numero di pubblicazioni<br />

scientifiche e i fondi gestiti. «Per una realtà che si rivolge alla<br />

generosità pubblica, impiegare bene i soldi, 35 milioni lo scorso<br />

anno, è un dovere morale» sottolinea lei, sempre in viaggio per<br />

lavoro, divisa tra gli uffici di Milano (dove vive) e Roma. A volte<br />

è dura, ma ne vale la pena. «La spinta te la danno i malati e le<br />

loro famiglie» dice Francesca. «Mi ricordo quando un giorno, a<br />

un convegno, dopo un gran discutere di scienziati, un padre<br />

s’alzò e, con una forza tranquilla, ci raggelò tutti con una semplice<br />

domanda: “Ecco, ma per mio figlio adesso cosa cambia?”.<br />

In quei pochi secondi ho capito quanto drammatica, e bella,<br />

fosse la nostra missione».<br />

giamPaolo cerri scrivigli a attualita@mondadori.it<br />

le frasi<br />

della settimana<br />

«Se c’è una logica<br />

nell’universo deve<br />

esserci un autore»<br />

n antonino Zichichi, fisico e presidente<br />

della world federation of scientists<br />

«Viaggiare è stato il<br />

mio diploma di laurea»<br />

n hilary Swank, attrice<br />

«Un museo non<br />

si visita, si vive»<br />

n PatriZia aSProni, presidente di confcultura<br />

come si aiUta<br />

la ricerca<br />

dall’8 al 14 dicembre c’è la 25 a<br />

edizione della maratona tv<br />

telethon in collaborazione<br />

con la rai: invia il tuo sms al<br />

45501 per la raccolta fondi. Puoi<br />

sostenere la ricerca scientifica<br />

sulle malattie rare anche<br />

acquistando i cuori di cioccolato<br />

che trovi il 13 e 14 dicembre<br />

in 2.000 piazze (www.telethon.it).<br />

www.donnamoderna.com 45


siamo Un popolo<br />

DI VOLTAGABBANA?<br />

La copertina del nuovo<br />

libro di Bruno Vespa:<br />

Italiani voltagabbana<br />

(Mondadori RaiEri).<br />

Santi, poeti e navigatori. Ma anche gente che cambia casacca politica.<br />

Per opportunismo o per opportunità. Sono gli Italiani voltagabbana,<br />

ritratti fin dal titolo nel nuovo libro di Bruno Vespa (Mondadori<br />

RaiEri). Ne parliamo con l’autore: giornalista e conduttore tv,<br />

dal 1996 al timone di Porta a porta, la trasmissione di Raiuno considerata<br />

da sempre la “terza Camera del Parlamento”.<br />

È un malcostume tipicamente italiano? «I voltagabbana esistono<br />

ovunque, ma noi siamo specialisti. L’abbiamo dimostrato fin dal<br />

’500. Mentre le corone di Francia e di Spagna si sfidavano per la<br />

supremazia in Europa, i principi e i duchi italiani sostenevano l’una<br />

o l’altra per convenienza. Come sintetizza il motto dello scrittore<br />

Francesco Guicciardini, “Franza o Spagna, purché se magna”».<br />

ma un altro proverbio dice che solo gli stupidi non cambiano idea.<br />

«Cambiare idea si può. Voltare gabbana, no. Lo scrivo anche nella<br />

dedica. Come consiglio di vita ai miei figli, Federico e Alessandro».<br />

dov’è la differenza? «Nei toni. Quanti italiani, quando c’era Mussolini,<br />

erano fascisti in modo silenzioso? In tanti, caduto il regime,<br />

hanno cambiato orientamento politico. Ma a dare fastidio sono i<br />

proclami di quelli che dell’antifascismo hanno fatto una bandiera».<br />

nel libro li smaschera tutti: premi nobel come dario Fo, celebri<br />

giornalisti come indro montanelli. «Fino ad arrivare a oggi. In<br />

questa legislatura hanno già fatto il “salto della quaglia” 76 parlamentari.<br />

A destra e a sinistra. Il voltagabbana è bipartisan».<br />

e contagia settori diversi dalla politica? «Certo. Nel saggio, per<br />

esempio, cito un grande artista: il Maestro Riccardo Muti. E<br />

racconto le sue “alterne vicende” al Teatro dell’Opera di Roma».<br />

dica la verità: lei ha mai voltato gabbana? «No. Sono sempre<br />

stato vicino agli sconfitti. Bettino Craxi, quando non era più Craxi.<br />

Giulio Andreotti, quando non era più Andreotti. Ecco perché<br />

ho messo in guardia il premier Matteo Renzi: “Corri! Se cadi ti<br />

molleranno tutti, anche chi prima ti odiava e ora ti appoggia”».<br />

Giusy cascio scrivile a attualita@mondadori.it<br />

DARIO FO<br />

INDRO MONTANELLI<br />

RICCARDO MUTI<br />

dm fatti<br />

Fotogramma / olycom (2)<br />

seguilo su @rimassasonoio<br />

la parola<br />

dizionario del<br />

mondo che cambia<br />

alessandro<br />

rimassa<br />

mobile class<br />

Tutti connessi, specialmente quando siamo<br />

fuori casa. Internet cresce e il 56%<br />

della popolazione, più di 1 italiano su 2,<br />

naviga dallo smartphone, mentre<br />

1 su 5 lo fa dal tablet. Addio computer?<br />

No, certo, ma si sta configurando<br />

una vera e propria nuova classe sociale:<br />

la “mobile class”. Quella che usa i<br />

dispositivi mobili per una serie di scopi e<br />

servizi. Dal controllare se il treno è in<br />

orario al prenotare un taxi. Dallo shopping<br />

alla ricerca di un ristorante. È un business<br />

stratosferico: entro il 2022 telefonini e tablet<br />

connessi tra loro saranno 50 miliardi<br />

e ci offriranno nuove possibilità. Già,<br />

l’online come strumento per far<br />

accadere delle cose vere attorno a noi<br />

grazie alla Rete, dal punto di vista<br />

tecnologico sembra una parola fredda.<br />

Che analizzata sul piano umano<br />

significa, però, relazioni ed empatia.<br />

Evviva la mobile class, quindi.<br />

Perché farne parte significherà scambiarci<br />

un sorriso e darci un aiuto in più.<br />

www.donnamoderna.com 47


dm fatti<br />

come cambia<br />

la nostra idea di sexy<br />

lo spavaldo Correva l’anno<br />

2003, e a Uomini e donne nasceva la<br />

figura che avrebbe cambiato la tv: il<br />

tronista. Prima di prendere la deriva<br />

“tamarra”, l’uomo che tutte le donne<br />

(e le suocere) avrebbero voluto era<br />

Costantino Vitagliano. «Piacevano il<br />

suo sguardo guizzante e il sorriso<br />

mordace» dice l’esperto di linguaggio<br />

del corpo Francesco Padrini. «Va<br />

oltre l’idea di sex symbol: ha un<br />

“graffio” universale» nota Stefania<br />

Carini del Corriere della Sera.<br />

il timido Isola dei famosi, 2004.<br />

Citando Leopardi, per molte<br />

telespettatrici il naufragar è stato<br />

dolce nel mare del vincitore Sergio<br />

Múñiz. Caliente per animo latino ma<br />

ben lontano dagli scandali, è stato<br />

campione di introversione. «Il viso<br />

esprime bisogno di socialità collegato<br />

però a una timidezza infantile» dice<br />

Padrini. «È bello e sensuale in senso<br />

classico, quasi a diventare scontato:<br />

forse per questo in tante ce ne siamo<br />

dimenticate» scherza Stefania Carini.<br />

il tenebroso «Gli occhi<br />

nascosti e pungenti tradiscono il<br />

tratto che lo rende fascinoso: una<br />

certa turbolenza interna, smorzata<br />

però da un’ironia tagliente. È cupo e<br />

sfuggente solo all’apparenza». Così<br />

Padrini descrive il “masterchef ”<br />

Carlo Cracco, cuoco-star dal 2011<br />

(la quarta edizione del talent show<br />

culinario parte il 14 dicembre su<br />

SkyUno). Anche secondo Stefania<br />

Carini «si è ritagliato il personaggio<br />

del duro e puro, ma è decisamente<br />

più buono di quel che sembra» .<br />

l’angelico Volto delle fiction<br />

popolari e dell’edizione 2014 di<br />

Ballando con le stelle, Giulio Berruti<br />

è l’esempio più recente di bravo<br />

ragazzo che mette tutte d’accordo.<br />

«Che dire? È bellissimo. Forse però<br />

deve ancora tirare fuori un po’ di<br />

carattere per essere davvero sexy al<br />

100%» dichiara Stefania Carini del<br />

Corriere. «Ha un volto armonico,<br />

angelico, rivelatore di forte sensibilità<br />

emotiva» sostiene Francesco Padrini.<br />

Chi sarà il prossimo a rubargli il titolo<br />

di ragazzo ideale?<br />

mattia carzaniga<br />

scrivigli a attualita@mondadori.it<br />

Lapresse / ipa / Sgp / webphoto<br />

@<br />

scrivile a vistodamichela@mondadori.it<br />

visto<br />

da michela<br />

michela mUrgia<br />

la polvere ti fa bella<br />

La polvere, incubo di ogni donna con<br />

aspirazioni igieniste, mi perseguita da<br />

sempre con la certezza di non riuscire<br />

mai a liberarmene davvero. Mi è capitato<br />

però fra le mani un libro – l’eminenza<br />

Grigia di Fabio Coccetti per Quodlibet<br />

– che mi ha completamente ribaltato la<br />

prospettiva, rendendomela complice. Chi<br />

è cresciuto convinto che essere ridotti in<br />

polvere equivalesse a scomparire scoprirà<br />

che è vero il contrario: la polvere,<br />

metafora del nostro rimosso, è proprio<br />

quello che non scompare mai, la<br />

memoria eterna della materia. In questo<br />

libro intelligente, anche attraverso<br />

l’analisi dell’arte di Giacometti e<br />

Duchamp, si scopre che polvere non è<br />

solo lo strato che si deposita sullo<br />

specchio opacizzandone la superficie: è<br />

anche l’argento spruzzato sul suo retro,<br />

quel velo di grigio lucente grazie<br />

al quale possiamo specchiarci. La lotta<br />

alla polvere continua, ma con<br />

ben altra consapevolezza.<br />

www.donnamoderna.com 49


giovani,<br />

professionisti e…<br />

in COOPerativa<br />

mettersi insieme per condividere<br />

costi, compensi e competenze.<br />

Lo fanno sempre più spesso gli under<br />

35. e i risultati, in termini di<br />

lavoro e flessibilità, ripagano davvero<br />

di natascia gargano scrivile a attualita@mondadori.it<br />

Non hanno capi, ma soci. Non hanno capitali, ma idee. Non<br />

hanno il pc aziendale, ma l’iPad e Google drive. E non vogliono<br />

fare da soli. Ma vogliono fare insieme, per fare meglio. Sono<br />

i soci delle 12.000 cooperative gestite dagli under 35 in Italia<br />

(dati Unioncamere-Infocamere). Un numero in crescita:<br />

secondo un sondaggio di Swg per Legacoop, altri 700.000<br />

giovani sono intenzionati ad aprirne una nei prossimi anni.<br />

Spinti anche dal fatto che in questo settore l’occupazione è<br />

cresciuta dell’8% persino durante la crisi.<br />

Per chi sono la formula giusta?<br />

«Supponiamo che un gruppo di ragazzi abbia un’idea per un<br />

prodotto tecnologico. Cosa fa? Apre un’azienda, mette l’applicazione<br />

sul mercato, la vende, ci guadagna ed è finita lì. Le<br />

start up innovative, infatti, hanno un tasso di mortalità del<br />

50% nel primo anno e dell’80% nel secondo: quando è esaurito<br />

il business, molte chiudono volontariamente e ricominciano<br />

da altro» dice Matteo Ragnacci, presidente del consorzio di<br />

cooperative Itaca e coordinatore nazionale di Generazioni,<br />

gli under40 di Legacoop. «Chi fonda una cooperativa, invece,<br />

parte con un’idea diversa: ha intenzione di vivere a lungo e di<br />

creare una relazione importante con il territorio in cui ha deciso<br />

di operare e dove ha individuato un nuovo fabbisogno. Faccio<br />

degli esempi: un gruppo di giovani mamme che aprono un nido<br />

per gli altri genitori della zona o dei ragazzi che recuperano<br />

un edificio per farne un ristorante e un luogo di aggregazione.<br />

Quello che distingue le cooperative è l’attenzione al bene<br />

comune oltre che ai bilanci in ordine».<br />

Come si fa ad aprirne una?<br />

«Bastano tre soci, il versamento di una quota minima di<br />

25 euro a testa e il pagamento delle spese del notaio per la<br />

registrazione dell’atto costitutivo e degli altri adempimenti<br />

burocratici, che ammontano a circa 2.000 euro. Per le cooperative<br />

a mutualità prevalente, quelle cioè che operano<br />

50 www.donnamoderna.com<br />

principalmente a favore dei soci, sono inoltre previste delle<br />

agevolazioni fiscali» spiega Ragnacci. «E poi non ci sono<br />

gerarchie. Rispetto a una srl, per esempio, non è il capitale<br />

economico a fare la differenza, ma quello umano. La gestione<br />

è cioè alla pari, indipendentemente dalla quota versata: una<br />

testa vale un voto».<br />

Oggi se ne creano più che nel passato?<br />

«Sì, perché la dimensione del fare insieme è nel dna delle nuove<br />

generazioni, che sono più abituate alla condivisione in molti<br />

ambiti delle loro vite, dalle abitazioni in comune al coworking»<br />

osserva Flaviano Zandonai, sociologo di Euricse, la fondazione<br />

di ricerca sulle cooperative, e segretario di Iris Network, l’associazione<br />

degli istituti di ricerca sull’impresa sociale. «Sempre<br />

più persone collaborano per raggiungere obiettivi comuni. I<br />

giovani si associano in cooperativa per necessità ma anche<br />

per virtù: vogliono dire e fare qualcosa di diverso rispetto alle<br />

organizzazioni tradizionali».<br />


dm INCHIESTA<br />

Lara Gusatto, socia di FpS<br />

Media, mentre registra nella<br />

sala radio della cooperativa.<br />

questi giornalisti<br />

puntano sui nuovi media<br />

apri la porta e trovi un ricercatore dell’università<br />

di amsterdam venuto a milano per “studiarli”.<br />

Loro sono i 10 soci dell’agenzia FpS media<br />

(www.fpsmedia.it), arrivati in città 7 anni fa<br />

per frequentare l’Ifg, la storica scuola di<br />

giornalismo. appena finita, hanno aperto la loro<br />

cooperativa. «Il nostro nome è l’acronimo di<br />

“fuori per servizio”» spiega Gianluca Schinaia,<br />

34 anni, romano. «Fuori, ovvero con l’umiltà di<br />

guardare ciò che ci circonda, ma anche fuori dai<br />

media tradizionali, per offrire qualcosa di<br />

diverso». cioè? «Proponiamo servizi integrati:<br />

scriviamo articoli, però facciamo anche video e<br />

gestiamo piattaforme social. Il mercato ci ha<br />

dato ragione: in questi anni di crisi il lavoro non<br />

ci è mancato». oggi per la Federazione europea<br />

dei giornalisti sono un modello. «Siamo una<br />

rete di giornalisti imprenditori, abbiamo creato<br />

lavoro di qualità per noi e per gli altri. Garantiamo<br />

contratti decorosi, retribuiamo gli stagisti e<br />

stipendiamo i collaboratori prima di noi stessi. In<br />

questa azienda le persone sono al centro».<br />

questi consulenti<br />

fanno crescere le imprese<br />

«Prendi un operatore della grande distribuzione:<br />

noi gli diamo una mano a trovare soluzioni contro<br />

lo spreco alimentare». Spiega così il suo lavoro<br />

Giorgio Fiocchi, 32 anni, milanese. Lui e i suoi<br />

soci di Lama (www.agenzialama.eu) fanno i<br />

consulenti per aziende, imprese non profit e<br />

amministrazioni pubbliche. e sono una<br />

cooperativa: 12 economisti e comunicatori tra i<br />

28 e i 35 anni, affiancati da un team di senior<br />

advisor. «non siamo per la rottamazione»<br />

scherza. «Lavoriamo insieme, ma assumendoci le<br />

responsabilità. Il modello cooperativo non era<br />

diffuso nel nostro settore, però si è rivelato<br />

vincente: ci ha permesso di essere flessibili e<br />

scoprire soluzioni innovative». La società cresce<br />

del 20% ogni anno. Ha una sede principale a<br />

Firenze, dove ha anche aperto un incubatore per<br />

start up, una succursale a milano, e da poco è<br />

sbarcata in cina. «conta la qualità del lavoro»<br />

sottolinea Fiocchi. «Qui ognuno ha potuto<br />

sviluppare i progetti che gli stavano a cuore: in<br />

una realtà tradizionale sarebbe stato più difficile».<br />

Alcuni soci e collaboratori<br />

della cooperativa Lama.<br />

www.donnamoderna.com 51


dm INCHIESTA<br />

I ragazzi della cooperativa Focus durante l’evento Viaggio al<br />

termine della notte realizzato a Milano.<br />

QuEstI arChItEttI<br />

rEndono dIvErtEntI lE CIttà<br />

Immaginate un “guardie e ladri” di dimensioni<br />

enormi per le vie di milano. o incursioni notturne<br />

fra i sassi di matera. matteo Uguzzoni, 33 anni,<br />

architetto emiliano, organizza giochi urbani, cioè<br />

una sorta di videogame nel mondo reale. «Sono<br />

diffusi in europa e negli Usa, ma finora da noi<br />

non c’erano» spiega. «coinvolgono i giovani,<br />

migliorano il tessuto cittadino, rivitalizzano aree<br />

degradate. Insieme al mio socio augusto, mi sono<br />

unito alla cooperativa Focus (www.focuscoop.it)<br />

per accedere a bandi e tradurre l’idea in realtà».<br />

a loro si è aggiunto un gruppo di mamme e<br />

pedagogiste. come raffaella, che con<br />

mammarsupio ha diffuso in Italia il suo progetto<br />

di fasce porta bebè. «rispetto a un’azienda<br />

tradizionale, la cooperativa ha la filosofia della<br />

porta aperta: se arriva qualcuno con un’idea,<br />

può chiedere di partecipare» racconta lei. «Sono<br />

i soci che decidono dove va l’azienda: c’è<br />

molta libertà di fare impresa». anche dal punto di<br />

vista economico. «ci sono stati degli investitori<br />

interessati ai nostri progetti» risponde matteo.<br />

«Lì ci siamo resi conto che non volevamo creare<br />

una start up che portasse i soldi nelle tasche di<br />

altri. non ci interessa arricchire nessuno, ma vivere<br />

del nostro mestiere e migliorare le nostre città».<br />

Che tipo di giovani attraggono?<br />

«Si uniscono in cooperativa perlopiù laureati, di formazione<br />

medio alta, abituati all’uso dei social network, convinti che<br />

le tecnologie possano migliorare la qualità della loro vita e di<br />

quella degli altri» dice il coordinatore nazionale di Generazioni.<br />

«Alla competizione preferiscono la collaborazione, non<br />

si mettono in contrasto ma in contatto e usano gli strumenti<br />

democratici: non prendono decisioni in solitaria ma su mandato<br />

di un’assemblea».<br />

In quali settori si sviluppano?<br />

«Sono in aumento le cooperative agricole: giovani che si<br />

riappropriano delle terre, che riattivano vecchie colture,<br />

che organizzano fattorie didattiche. È un’importante opera<br />

di valorizzazione del territorio, anche in luoghi minori<br />

dell’Italia» spiega Matteo Ragnacci. «Poi c’è il fenomeno<br />

recente delle cooperative tra professionisti: giornalisti,<br />

ingegneri e consulenti sono le categorie più rappresentate.<br />

Secondo gli ultimi dati di Legacoop, queste nuove imprese<br />

sono in tutto circa 500 e contano su 6.500 soci per un giro<br />

di affari da 390 milioni di euro. E da qui al 2017 è prevista<br />

una crescita del 30%».<br />

Perché funzionano?<br />

«Perché collaborare consente di andare oltre la singola partita<br />

iva, di condividere infrastrutture, di puntare su investimenti<br />

che aiutano tutti a crescere. È l’ideale per giovani che non hanno<br />

grandi capitali, ma che hanno idee e competenze da spendere»<br />

52 www.donnamoderna.com<br />

nota Zandonai. «Queste forme societarie hanno più possibilità<br />

di sopravvivenza sul mercato perché riescono ad aggregare l’offerta<br />

di beni e servizi invece di lasciarla frammentata in milioni<br />

di singole unità». «In passato, per esempio, un artigiano che<br />

costruiva sedie non avrebbe dato la sua “ricetta” a un altro» aggiunge<br />

Ragnacci. Ma se oggi resta chiuso in se stesso è a rischio.<br />

Se invece si apre, può associarsi con uno che fa l’impagliatura e<br />

con un altro ancora che gli vende il prodotto finale: il risultato<br />

è migliore della somma dei singoli e ha più chance di successo».<br />

Quali svantaggi hanno?<br />

«Lavorare in gruppo all’università è un conto. Farlo in azienda<br />

è un altro. Non è così semplice specialmente per alcune<br />

professioni abituate a lavorare in proprio» avverte Matteo<br />

Ragnacci. «Pensiamo a un consulente: emette una fattura<br />

da libero professionista, guadagna 5.000 euro e li incassa. In<br />

cooperativa le entrate sono condivise con tutti i soci, e le ore<br />

impiegate nei processi di partecipazione e di condivisione non<br />

sono certo pagate».<br />

E vantaggi?<br />

«In una cooperativa i soci danno il loro contributo in fase di<br />

progettazione, cosa che in altre aziende non è sempre richiesto,<br />

lavorano in base alle loro competenze e ne imparano di nuove<br />

dagli altri, spesso tra loro sono amici oltre che soci, non hanno<br />

un amministratore delegato che dica loro cosa devono fare,<br />

sono liberi di crescere nella loro azienda» conclude Ragnacci.<br />

«E questo, per molti, non ha prezzo».


La cultura dell’espresso<br />

anche in capsula.<br />

www.pellinicaffe.com<br />

Compatibili con macchine Nespresso®*<br />

* Il marchio non è di proprietà di Pellini Caffè S.p.A. né di aziende ad essa collegate.


dm ISPIRAZIONI<br />

Tre scienziate italiane. Sotto da sinistra,<br />

Monica Rainer e Simonetta Di Pippo. Qui a<br />

fianco, Maria Grazia Bernardini.<br />

ansa<br />

raGaZZe che<br />

Vanno PaZZe<br />

PER LE STELLE<br />

non solo Samantha. Sono sempre di<br />

più le italiane stregate dal fascino dello<br />

spazio. che fanno ricerca e studiano.<br />

Per scoprire cosa c’è nell’universo<br />

di aleSSandra geSuelli scrivile a attualita@mondadori.it<br />

Samantha Cristoforetti, la prima<br />

astronauta italiana ora in<br />

missione sulla Stazione spaziale<br />

internazionale, dove resterà per<br />

circa 6 mesi.<br />

Su nello spazio ora c’è lei: Samantha Cristoforetti.<br />

A 37 anni è diventata un’ispirazione per le donne<br />

italiane che da bambine hanno detto almeno una<br />

volta: «Voglio fare l’astronauta». Ma per arrivare<br />

a ottenere i risultati di Samantha servono anni di<br />

studio, preparazione e tanta passione. La stessa<br />

che abbiamo ritrovato in una nuova generazione di<br />

astrofisiche e scienziate. Cugine, a modo loro, di @<br />

AstroSamantha (così la Cristoforetti si chiama sul suo<br />

seguitissimo account Twitter) non fosse che per il<br />

desiderio di esplorare l’universo. Eccone alcune:<br />

simonetta che collabora con l’onu<br />

L’astrofisica Simonetta Di Pippo, classe 1959, da<br />

marzo è a capo dello United Nations Office for<br />

Outer Space Affairs (Unoosa), il programma Onu<br />

di promozione della cooperazione internazionale<br />

spaziale. È entrata all’Asi-Agenzia spaziale<br />

italiana fin dalla fondazione nel 1988, e il suo<br />

curriculum fa invidia: è stata direttrice del volo<br />

umano presso l’Agenzia spaziale europea ed<br />

è l’attuale responsabile dell’osservatorio per<br />

la politica spaziale europea per l’Asi. Non solo:<br />

è presidente co-fondatrice dell’associazione<br />

internazionale Women in aerospace Europe.<br />

Insomma, a guardare lei sembra che le donne<br />

volino alto davvero. E non solo come astronaute.<br />

maria e monica che “lanciano” satelliti<br />

«Da piccola guardavo i film sullo spazio e mi sono<br />

sempre immaginata dietro agli schermi nella sala di<br />

controllo». Ora Maria Grazia Bernardini, 35 anni, lo<br />

fa: collabora con la missione spaziale Swift, il satellite<br />

Nasa a partecipazione italiana, come ricercatrice<br />

dell’Osservatorio astronomico di Brera a Milano.<br />

Studia i raggi gamma (gamma ray burst), tra le<br />

esplosioni più violente dell’universo. E ha imparato,<br />

come Monica Rainer, astrofisica di 40 anni, che<br />

l’esplorazione del cielo si può fare in tanti modi, anche<br />

senza una tuta spaziale addosso. «Ogni giorno vado<br />

nello spazio... con i calcoli e l’osservazione» dice lei<br />

che, sempre per l’Osservatorio di Brera, ricerca i<br />

sistemi planetari extrasolari per il programma Gaps<br />

(Global Architecture of Planetary Systems). Maria<br />

Grazia e Monica non sono da sole.<br />

marica che sfida i buchi neri<br />

L’astrofisica Marica Branchesi, 37 anni, è rientrata in<br />

Italia dagli Usa spinta dalla passione per i fenomeni<br />

più misteriosi dell’universo. Adesso lavora a Urbino,<br />

con altri 8 studiosi, a un importante progetto<br />

interuniversitario sulla fisica delle stelle, dei neutroni<br />

e dei buchi neri. Come le colleghe, ha scelto di stare<br />

coi piedi per terra e la mente proiettata verso il cielo.<br />

Perché lassù, dice, c’è ancora tanto da scoprire.<br />

www.donnamoderna.com 55


dm domande<br />

ma tu<br />

sai riconoscere<br />

il made in italy?<br />

L’etichetta da sola non basta. abbiamo chiesto<br />

agli esperti quando si può dire che un prodotto è<br />

veramente “italiano”. e le sorprese non mancano<br />

di francesco magnani scrivigli a attualita@mondadori.it<br />

Alcuni simboli del made in Italy riconosciuti<br />

in tutto il mondo: una borsa di Prada, una forma di<br />

Parmigiano reggiano, una Ferrari.<br />

contrasto / corbis / ipa<br />

Dopo Coca-Cola e Visa, il made in Italy è il marchio più conosciuto<br />

nel mondo. Eppure non è sempre facile sapere cosa indica la<br />

dicitura di “fatto in Italia”. La recente inchiesta del programma<br />

tv Report ha evidenziato quanto sia diffusa la pratica di portare<br />

all’estero segmenti di produzione di alcune famose griffe italiane.<br />

Come si riconosce un prodotto italiano?<br />

«Il cartellino non ci dice nulla sull’origine di una merce e<br />

delle materie prime che la compongono» spiega Paola Morelli,<br />

ordinario di Geografia del made in Italy all’università<br />

La Sapienza di Roma. «Il made in Italy è solo un marchio che<br />

viene sempre di più ceduto ad aziende estere». Non solo. «A<br />

differenza di quanto succede nel settore agroalimentare, sulla<br />

provenienza delle merci industriali, come l’abbigliamento e<br />

l’arredamento, non c’è l’obbligo di tracciabilità completa»<br />

osserva Stefania Saviolo, docente di Management delle imprese<br />

di moda all’università Bocconi di Milano. «Abbiamo la<br />

certezza che un prodotto sia realizzato interamente in Italia<br />

solo se sulla sua etichetta c’è scritto “100% made in Italy”».<br />

Se un prodotto è fatto in un altro Paese può essere<br />

venduto come made in Italy?<br />

«Per la legge del 2010, che l’Europa ci contesta, basta che due<br />

passaggi della produzione siano fatti in Italia per poter mettere<br />

l’etichetta made in Italy» risponde Morelli. «Ci sono aziende<br />

che producono all’estero e ottengono il marchio made in Italy<br />

perché realizzano l’imballaggio e l’applicazione dell’etichetta<br />

in Italia». Puntualizza Saviolo: «In epoca di globalizzazione<br />

non possiamo pensare che un bene di fascia media o bassa sia<br />

interamente realizzato in Italia. Credo sia più importante avere<br />

la garanzia sulla sua qualità».<br />

Chi fa made in Italy può avere sede legale all’estero?<br />

«Da un punto di vista etico non dovrebbe. Ed è giusto che il<br />

consumatore sappia in quale Paese l’azienda paga le tasse»<br />

osserva Morelli. «Ma in un mondo a concorrenza globale, se<br />

è indifferente dove un’impresa sposta buona parte del ciclo<br />

produttivo, deve essere indifferente anche dove sceglie la sede<br />

legale per ragioni fiscali».<br />

Il falso è sempre un danno?<br />

«Sì» spiega Saviolo. «Chi crede che il “tarocco” aiuti la diffusione<br />

di un brand non capisce che il valore di un marchio, soprattutto<br />

nella moda, sta nel suo essere esclusivo. Mi auguro che oltre a<br />

regole più severe contro la contraffazione si arrivi a una tracciabilità<br />

completa dei prodotti del made in Italy».<br />

Se il made in Italy è così ambiguo come difenderlo?<br />

«Si tratta di un valore simbolico» conclude Morelli. «La bellezza<br />

del nostro Paese viene trasferita emozionalmente nel prodotto.<br />

Io credo che il vero made in Italy su cui investire sia il nostro<br />

territorio, l’unico bene non trasferibile capace di far rinascere<br />

l’identità italiana e renderci competitivi su scala mondiale».<br />

Premi a chi promuove i nostri talenti<br />

anche i giornalisti possono dare una mano a valorizzare il<br />

made in italy, parlando dei talenti e delle eccellenze<br />

produttive del nostro Paese. Per questo è nato il Premio<br />

giornalistico internazionale ita-italian Talent award.<br />

Promotrice dell’iniziativa e dell’omonima associazione è<br />

l’onorevole sandra cioffi che, il 2 dicembre alla camera,<br />

ha premiato tra gli altri il direttore di Interni gilda Boiardi,<br />

per il settore design casa lifestyle, e il giornalista Bruno<br />

gambacorta per la sezione radio-tv enogastronomia.<br />

www.donnamoderna.com 57


dm BUONI ESEMPI/1<br />

in queste<br />

scuole<br />

si fa lezione<br />

contro…<br />

Alcune delle riflessioni scritte dagli<br />

studenti che hanno partecipato al<br />

progetto Salute, cultura e discriminazione.<br />

oggi in classe si impara la materia più importante: il rispetto. abbiamo girato l’Italia<br />

per scoprire i progetti più efficaci in materia di bullismo e violenza. Seguici<br />

di roSSana campISI scrivile a attualita@mondadori.it<br />

La cronaca ci ha abituato a fare i conti con episodi di grave intolleranza<br />

nelle scuole. A Perugia un professore picchia un alunno<br />

che reagisce a un insulto omofobo; a Casal di Principe (Caserta)<br />

un 14enne di colore viene aggredito da due minorenni; a Bari un<br />

bambino di 7 anni è maltrattato dai compagni bulli. In questo clima<br />

non stupiscono i dati sconfortanti diffusi dalla campagna Indifesa<br />

di Terre des Hommes: per 1 studente su 2 la violenza sulle donne<br />

è un fenomeno «marginale», cose normali, da risolvere in famiglia<br />

o tra marito e moglie, casi «ingigantiti dai media». Eppure c’è chi si<br />

batte per cambiare la mentalità. Docenti e ragazzi che tra i banchi<br />

riflettono su una nuova idea di convivenza. Come? Con foto, video,<br />

quadri si fa lezione di “antidiscriminazione”.<br />

… IL RAZZISMO «Crescere significa stanare i pregiudizi»<br />

dice Chiara Sacchegiani, docente di Lettere alle medie in<br />

una delle scuole piemontesi coinvolte nel progetto Salute, cultura<br />

e discriminazione. «Ho invitato i miei allievi a spiegare cosa vuol<br />

dire per loro “discriminazione”. E a quasi tutti è venuto in mente<br />

di scrivere una storia di razzismo. I ragazzi si sono immedesimati<br />

negli immigrati per immaginare le loro emozioni<br />

e riportarle nero su bianco». Chi pensa che laboratori del<br />

genere siano solo una pausa tra le interrogazioni si sbaglia.<br />

«Abbiamo partecipato in 350 e 70 di noi hanno<br />

deciso di fare delle video-interviste» racconta Jasmine,<br />

un’alunna di Torino. «Io non potevo tirarmi indietro:<br />

sono straniera e una volta mi hanno insultato sull’autobus.<br />

Quello che ho detto davanti alla telecamera è che non<br />

bisogna aver paura delle diversità».<br />

… IL buLLISMO «Se in classe qualcuno inizia<br />

a prenderti in giro perché sei “cicciona”, è fondamentale<br />

chiedere subito aiuto a un prof o a un compagno, senza<br />

vergognarsi: così non ci si sente soli». Ne è convinta Claudia,<br />

17 anni, una studentessa che ha seguito gli incontro di<br />

“SOSpeso”, un progetto che coinvolge tante scuole superiori<br />

di Latina. Si tratta di laboratori organizzati dalla onlus Dia-<br />

▲<br />

www.donnamoderna.com 59


dm BUONI ESEMPI/1<br />

mole peso, in cui è invitata una classe per volta. Sono poi i<br />

ragazzi stessi a trasmettere ai coetanei delle altre sezioni<br />

quello che hanno imparato. È il metodo della peer education,<br />

l’educazione tra pari. Ciascuno rielaborerà attraverso<br />

un’immagine le lezioni. Le foto partecipano a un<br />

concorso e lo scatto migliore illustrerà il volantino<br />

di una campagna contro i bulli. «Anch’io ho raccontato<br />

la mia storia di ex obesa. Venivo presa di mira da alcune<br />

amiche: non mi portavano in giro in moto perché temevano<br />

che con me al seguito non avrebbero rimorchiato» svela<br />

Chiara De Nardis, insegnante e presidente della onlus. «Una<br />

bella sfida. Funziona e coinvolge. Lo vedo da quante richieste<br />

di amicizia su Facebook mi arrivano dagli studenti».<br />

… L’omofobia Sì, nella condivisione di esperienze,<br />

spesso molto dolorose, ci credono pure Giulia e le<br />

altre 15 studentesse del liceo classico Govone di Alba (Cn).<br />

«Abbiamo proposto al consiglio d’istituto il progetto “Grup-<br />

tante proposte<br />

da rEalIzzarE IN claSSE<br />

La piattaforma del miur (Indire), che si occupa<br />

di didattica e progetti europei, mostra che<br />

negli ultimi sette anni 30 iniziative sono state<br />

incentrate sul bullismo, 362 avevano<br />

come tema la tolleranza e 104 la violenza.<br />

e utili riferimenti per organizzare<br />

attività simili si trovano sul sito www.indire.it.<br />

“Le cose cambiano” è invece una raccolta<br />

di progetti contro l’omofobia: ha coinvolto circa<br />

4.000 studenti e offre anche uno spazio<br />

per condividere la propria storia e per chiedere<br />

aiuto (www.lecose cambiano.org).<br />

L’Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali,<br />

www.unar.it) promuove iniziative contro il<br />

razzismo: tra queste, l’idea di portare il rap nelle<br />

scuole del centro e del Sud con incontri tenuti<br />

da rapper per l’occasione in veste di insegnanti.<br />

Un video girato dagli studenti di Alba (Cn) contro l’omofobia.<br />

po InContrO” (Insieme Contro l’Omofobia). Ce l’hanno<br />

accettato all’unanimità, ma non è stato facile: al classico tutti<br />

fanno le cose perché “fa figo”. Ma in molti ancora credono<br />

che la discriminazione per l’orientamento sessuale non<br />

esista» fa notare Giulia. Lei e le sue compagne sono<br />

il primo esempio italiano di gay-straight alliance:<br />

gruppi di studenti etero e/o LGbT (lesbiche, gay,<br />

bisex e transgender) che combattono l’omofobia,<br />

molto diffusi negli Usa. «Abbiamo già realizzato un<br />

video che si può vedere su YouTube per parlare di questi<br />

temi. E presto ne gireremo ancora. Ci riuniamo il sabato pomeriggio<br />

e ai nostri incontri qualcuno ha trovato il coraggio<br />

di fare coming out. Vogliamo andare avanti, trovare fondi.<br />

Stiamo lavorando anche per creare oggetti da vendere per<br />

pagare il viaggio a qualche ospite che vogliamo invitare». In<br />

città questa iniziativa avrebbe potuto dare scandalo. Invece<br />

è stato bellissimo vedere l’assoluta calma con cui le ragazze<br />

hanno smosso le acque. A scuola e non solo» commenta<br />

Giuseppe Farinetti, prof di Storia e filosofia. «L’idea è stata<br />

realizzata nel segno della gentilezza da giovani donne che<br />

devono essere liberate dai lacci dei pregiudizi. Sono convinto<br />

che in futuro potrebbero regalarci una migliore civiltà».<br />

… La vioLenza SULLe donne<br />

Il percorso di educazione all’affettività e alle differenze<br />

di genere “Di pari passo” ha una testimonial d’eccezione:<br />

60 www.donnamoderna.com<br />

Valentina Pitzalis, la donna sfregiata dal marito che le ha dato fuoco.<br />

«Alcuni ragazzi che l’hanno incontrata erano turbati. Uno di loro le<br />

ha regalato una mano di carta per rimpiazzare simbolicamente la sua<br />

amputata. Fare un buon lavoro di prevenzione contro la violenza di<br />

genere non è facile» confessa Giusy Laganà, insegnante e volontaria<br />

di Fare per bene onlus. «Tutto inizia a casa con l’idea che<br />

i ragazzi elaborano dei ruoli. Sa cosa vogliono fare da<br />

grande tutti? il lavoro del papà, lui viaggia e si diverte.<br />

mamma lavora solo per pagare il mutuo». Oltre agli incontri<br />

in classe (gratuiti), c’è anche spazio per l’ispirazione: gli studenti<br />

di uno degli istituti coinvolti nel progetto (il Rosa Luxemburg di<br />

Milano) hanno rappresentato l’odio che porta alla violenza contro<br />

la donna sulle tele poi esposte nei corridoi. «Io ricevevo ogni giorno<br />

30 messaggi su Whatsapp pieni di offese: da bimbominchia a<br />

secchiona a femmina inutile» racconta una timidissima ragazza<br />

che ha scelto il nome di Chiara. «Durante gli incontri del progetto<br />

ho raccontato tutto e ho capito che potevo farlo anche prima in<br />

classe. Ho iniziato ad aiutare qualche compagno, ho riso di più. I<br />

messaggi sono finiti, bastava parlare».<br />

▲<br />

del progetto di amnesty<br />

international contro<br />

l’omofobia tra i ragazzi<br />

parla monica Triglia su<br />

GIORNIMODERNI.<br />

DONNAMODERNA.COM


La cultura dell’espresso anche in capsula.<br />

www.pellinicaffe.com<br />

Compatibili con macchine Nespresso®*<br />

* Il marchio non è di proprietà di Pellini Caffè S.p.A. né di aziende ad essa collegate.


▲<br />

dm BUONI ESEMPI/2<br />

AVENZA (CARRARA)<br />

L’esondazione, a novembre,<br />

del torrente Carrione:<br />

è la quarta in 11 anni.<br />

MARiNA PiCCoLA, CAPRi<br />

(NAPoLi) Un’immagine della<br />

frana del 23 novembre.<br />

ecco i comuni<br />

CHE SFIDANO L’ALLUVIONE<br />

Perché non si ripeta quello che<br />

le “bombe d’acqua” hanno provocato<br />

nelle scorse settimane, i sindaci<br />

si rimboccano le maniche. mettendosi<br />

dalla parte della natura e dei cittadini<br />

di sara scheggia scrivile a attualita@mondadori.it<br />

a oggi abbiamo costruito canaloni per la raccolta dell’acqua<br />

e rinforzato le pareti delle colline» dice Caterina<br />

Furfaro, sindaco di Agnana Calabra (Reggio Calabria).<br />

«Vogliamo tutelare l’ambiente anche per far rinascere il<br />

paese, da dove i giovani fuggono. I soldi spesso ci sono,<br />

ma la burocrazia rallenta tutto».<br />

ansa / olycom<br />

Cosa bisogna ancora fare contro il pericolo alluvioni? Quanti fondi<br />

servirebbero per evitare ulteriori catastrofi? Sono alcune delle<br />

domande sollevate dalle piogge che di recente hanno flagellato<br />

il Centro Nord, provocando morti e dispersi. C’è però un’Italia<br />

che, tra mille difficoltà, cerca di resistere alle “bombe d’acqua”:<br />

piccoli Comuni che si danno da fare per evitare nuovi disastri.<br />

qui il fiume ha il suo spazio L’ultima alluvione in provincia<br />

di Nuoro, in Sardegna, è del 2013 e ha fatto 20 milioni di<br />

danni. Ora, nei luoghi devastati dalle piene, è nato il parco fluviale<br />

Tepilora. È il Comune di Posada che ha promosso il progetto insieme<br />

a quelli vicini di Bitti, Torpè e Lodè. «Molti cittadini erano<br />

contrari, perché avrebbe significato una rinuncia a costruire»<br />

racconta Roberto Tola, sindaco di Posada. «Dopo l’emergenza<br />

dell’anno scorso, tutti però si sono convinti. La Regione ci ha<br />

dato 250.000 euro e ne metterà poi 100.000 all’anno. Servono<br />

anche lavori più costosi, ma intanto restituiamo spazio al fiume,<br />

che così potrà esondare in sicurezza».<br />

qui si rinforzano le colline Calenzano, in provincia di<br />

Firenze, guida la classifica dei Comuni più virtuosi d’Italia stilata<br />

nel report Ecosistema rischio di Legambiente. «Sono stati rafforzati<br />

gli argini dei fiumi e riportati alla luce tratti che scorrevano sotto<br />

terra. E i cittadini hanno un filo diretto col Comune per sapere<br />

come comportarsi in caso di maltempo» osserva Francesca Ottaviani,<br />

responsabile della protezione civile di Legambiente. I<br />

lavori sono costati 12 milioni di euro: 5 li ha messi il Comune,<br />

gli altri Provincia, Regione e Consorzio di bonifica dell’Arno.<br />

Un esempio positivo viene anche da un piccolo centro della<br />

Locride, in Calabria. «Grazie a 2,5 milioni del Cipe, il Comitato<br />

interministeriale per la programmazione economica, dal 2000<br />

qui i soccorsi arrivano in tempo In Campania,<br />

grazie all’intesa fra Regione e associazioni di geologi e<br />

ingegneri, sono nati i “presìdi territoriali”, gruppi di tecnici<br />

volontari che sorvegliano i corsi d’acqua e si coordinano<br />

con la Protezione civile durante le allerte. «I primi 100<br />

cominceranno a lavorare a breve nelle zone più a rischio,<br />

come quelle intorno al Vesuvio» spiega Francesco Peduto,<br />

presidente dell’Ordine dei geologi campani. «Il progetto è<br />

unico in Italia, finanziato con 14 milioni di fondi europei:<br />

porterà ad avere 1.000 esperti che indicheranno in tempo<br />

reale se evacuare la zona o togliere i tronchi che, ostruendo<br />

il passaggio delle piene, causano l’esondazione».<br />

qui si costruisce meno «Alcuni Comuni stanno<br />

vietando nuovi fabbricati e cambiando i piani urbanistici:<br />

in Italia finora si è costruito troppo, anche in punti<br />

pericolosi» prosegue Ottaviani. Monasterolo Bormida<br />

(Asti) è citato nel report di Legambiente come modello<br />

da imitare. E anche Senigallia, nelle Marche, colpita dalle<br />

alluvioni la scorsa primavera: in attesa di fondi per lavori<br />

idraulici, l’Amministrazione ha convinto 165 proprietari<br />

a convertire 100 ettari di terreni edificabili in aree verdi.<br />

Di emergenza<br />

alluvioni parlano<br />

anche Isabella<br />

Fava e Roberta<br />

Diliddo su<br />

GIORNIMODERNI.<br />

DONNAMODERNA.COM<br />

www.donnamoderna.com 63


dm cultura<br />

1<br />

Dal 4 all’8 dicembre<br />

al Palazzo dei Congressi di<br />

Roma c’è Più libri<br />

più liberi, la Fiera della piccola<br />

e media editoria. Con<br />

centinaia di ospiti italiani e<br />

stranieri. Dallo scrittore<br />

Andrea Camilleri alle star del<br />

fumetto Zerocalcare,<br />

Makkox e Gipi (www.plpl.it).<br />

2<br />

3<br />

LA GRAmmATICA<br />

DIVENTA uN GIALLO<br />

c’è l’assassino che fa errori di ortografia. e la vittima che sbaglia i congiuntivi. nei<br />

noir (divertentissimi) dei piccoli editori presenti alla Fiera di roma, la vera<br />

protagonista è la lingua italiana. non indagare certi strafalcioni sarebbe un delitto<br />

di annarita briganti scrivile a attualita@mondadori.it<br />

4<br />

L’ortografia? Ora non s’impara più solo sui banchi di scuola,<br />

ma anche con romanzi noir o manuali esilaranti, che<br />

insegnano a cavarsela in ogni conversazione. La tendenza<br />

arriva da Più libri più liberi, la Fiera della piccola e media<br />

editoria di Roma, dove c’è un boom di libri “sgrammaticati”,<br />

che violano (ironicamente) le regole della lingua<br />

per affermare il contrario: salviamo l’italiano! Il capofila è<br />

un giallo: La strage dei congiuntivi di massimo Roscia,<br />

edito da Exòrma (1). L’autore ha scritto un thriller per potersi<br />

“vendicare” dello strazio quotidiano degli strafalcioni.<br />

«La prima vittima del mio romanzo è un assessore alla cultura,<br />

ispirato a quei personaggi a cui scappa di dire “legge<br />

del contrabbasso” anziché del contrappasso. E che mi<br />

provocano orticaria» racconta Roscia. Il solito bacchettone<br />

che tornerebbe a un italiano manzoniano? «Non sono<br />

un integralista» risponde l’autore. «Mi basterebbe il minimo<br />

sindacale: non sbagliare tempi e modi verbali. “Se io sarei”<br />

è reato. “A me mi” al bar tra amici lo tollero. Ma prenderei<br />

a randellate chi usa “briffare” oppure “efficientare”».<br />

Dagli errori all’horror il passo è breve. Come succede nel libro<br />

L’assassino non sa scrivere di Stefano Piedimonte<br />

pubblicato da Guanda (2). «Il protagonista vorrebbe apparire<br />

inquietante come i serial killer dei film, ma non ci riesce<br />

perché non conosce l’ortografia. E sul luogo del delitto si<br />

firma “serial ciller”. Il messaggio è chiaro: una stessa frase<br />

può mettere paura o farci morire dal ridere» spiega l’autore.<br />

«Ciò non significa che dobbiamo essere rigorosi a ogni<br />

costo. Chi scrive e vuol trovare un suo stile può prendersi<br />

delle licenze poetiche. Altrimenti saremmo tutti uguali».<br />

Certo, ci sono parole e parole. Alcune raccolgono applausi,<br />

altre si trasformano in gaffe. Se ne discute in Quant’altro<br />

di Claudio Nutrito, appena uscito per Novecento (3).<br />

«Con espressioni come “chilometro zero”, “strapotere”, “fare<br />

sistema” non si sbaglia mai» scherza Nutrito. «Sembriamo<br />

brillanti ed esperti anche se non sappiamo di cosa parliamo.<br />

Invece dire a una donna che è “bella dentro” o mimare<br />

troppo spesso il gesto “tra virgolette” rendono ridicoli».<br />

C’è una logica in tutto questo. Analisi logica. Lo scopri<br />

nel Manuale di autodifesa verbale di Francesco Rende delle<br />

edizioni Newton Compton (4). «Iniziare un discorso<br />

con “Gli italiani non arrivano a fine mese” è diventato un<br />

passepartout. Lo senti ovunque, dai talk show politici<br />

al supermercato: è una vera e propria tecnica retorica che<br />

aiuta a ottenere consensi» nota Rende. «Chi non ci darebbe<br />

ragione, a prescindere dalle argomentazioni? Ed è ufficiale: ha<br />

soppiantato il vecchio “Non esistono più le mezze stagioni”».<br />

www.donnamoderna.com 65


“L’ingrediente segreto del mio pollo<br />

alla cacciatora? Mi spiace, non te lo dico.<br />

E un segreto per ottenere prestazioni<br />

migliori dal motore? Semplice:<br />

Esso Supreme Diesel.”<br />

Te lo consiglia Marco. Provalo subito.<br />

Il nuovo Esso Supreme Diesel usato con regolarità<br />

aiuta a pulire i componenti chiave del motore della<br />

tua auto riducendo i consumi. Cerca le stazioni Esso<br />

con Supreme Diesel su carburanti.esso.it<br />

Marco Vaccaro è un meccanico di professione. Il gasolio Esso Supreme Diesel contiene un additivo detergente, rispetto al gasolio standard commercializzato dalla Esso<br />

in Italia, che contribuisce a pulire gli iniettori del motore diesel. Affermazioni basate su prove motori condotte internamente o da terze parti, e/o letteratura scientifica o di<br />

settore. La tipologia di motore, il comportamento di guida e altri fattori incidono sulla performance del veicolo e del gasolio e sulla misura dell’effettiva riduzione delle<br />

emissioni rispetto al gasolio standard Esso.


dm fenomeni<br />

uomini<br />

che allenano<br />

le donne<br />

nel calcio e nella pallavolo, le<br />

squadre femminili si affidano ai mister.<br />

che scoprono così il loro lato<br />

più passionale. ma anche strategie di<br />

gioco a cui non avevano mai pensato<br />

di flora caSalInUoVo scrivile a attualita@mondadori.it<br />

Ipp/Sgp<br />

«Le donne? Sono più toste, attente e precise.<br />

Sì, vanno meglio degli uomini». Avviso per le lettrici: quello<br />

che state per leggere non è il solito articolo sull’eterna<br />

rivalità tra femmine e maschi, ma su chi, certe differenze,<br />

vuole cancellarle. A parlare è Antonio Cabrini, uno dei<br />

giocatori più famosi al mondo. Che oggi allena la Nazionale<br />

femminile di calcio. E sta facendo benissimo: la sua squadra<br />

è arrivata a un soffio dalla qualificazione per i Mondiali 2015.<br />

«Questo sport, come il Paese intero, è molto maschilista:<br />

non accetta ancora che una ragazza corra dietro al pallone»<br />

spiega il Mister. «Ma con i risultati zittiamo risatine e<br />

pregiudizi». E anche lui, che in campo ha trascorso una<br />

vita, sta imparando qualcosa, soprattutto sulla psicologia<br />

femminile: «Le donne devono essere motivate con<br />

gli strumenti giusti. Non basta buttarla su grinta e<br />

orgoglio, bisogna trovare ogni volta l’atteggiamento<br />

vincente diverso, approfondire, analizzare e sviscerare<br />

il motivo di tattiche e situazioni. Ed è positivo: denota<br />

serietà e consapevolezza». Ma come la mettiamo con il<br />

gioco di squadra, storico tallone d’Achille dell’universo<br />

Marco Bonitta, 51 anni. È il commissario tecnico della<br />

Nazionale femminile di pallavolo.<br />

Antonio Cabrini, 57 anni, ex terzino e campione del Mondo nel<br />

1982, oggi allena la Nazionale femminile di calcio.<br />

femminile? «Se c’è passione e si condivide uno scopo<br />

comune, gli individualismi passano in secondo<br />

piano» nota Cabrini. «Anzi, di uno spogliatoio<br />

“rosa” colpiscono l’empatia e la sorellanza.<br />

In squadra non ci sono vip e regine, ma tante<br />

operaie. Forse perché le donne sono preparate<br />

anche nella vita a faticare il doppio per ottenere<br />

qualcosa». Un altro abituato ad allenare le signore è<br />

Marco Bonitta, il commissario tecnico che lo scorso<br />

ottobre ha portato le nostre pallavoliste a un passo<br />

dalla medaglia ai Mondiali. E ha fatto sognare l’Italia.<br />

«Questa disciplina rispecchia la società» dice.<br />

«All’inizio della mia esperienza, quasi 20 anni fa,<br />

le atlete sembravano più timide, indietreggiavano<br />

davanti al paragone con i colleghi. Oggi non hanno<br />

paura di mostrare la propria grinta. Insomma, le<br />

ragazze dello sport si sono “mascolinizzate”<br />

mentre gli uomini diventano più sensibili. Ed<br />

è un bene: rivalità e stereotipi vanno archiviati.<br />

In campo e fuori, contano la professionalità, la voglia<br />

di crescere e di farlo con il sorriso. Certo, con le<br />

ragazze serve un altro approccio. Per un uomo va<br />

bene il rimprovero plateale, l’atteggiamento di sfida.<br />

Con una donna, invece, è meglio discutere faccia a<br />

faccia, usando toni sciolti e colloquiali. E mentre noi<br />

maschi separiamo sempre lavoro e privato,<br />

voi mischiate tutto. Portare gioie e dolori anche<br />

in palestra non è negativo, anzi<br />

crea coinvolgimento e vicinanza. E alla fine<br />

lo scambio è più intenso e proficuo.<br />

Tanto che tempo fa, in un’intervista, ho parlato<br />

di me al femminile! Ma al di là dei lapsus, ho<br />

davvero cambiato il mio sguardo, il modo di<br />

vedere le gare e non solo: faccio più attenzione ai<br />

dettagli e ci metto maggiore serenità».<br />

www.donnamoderna.com 67


dm XXXX<br />

Grande pubblico all’ultima<br />

edizione italiana di Affordable<br />

Art Fair, la mostra-mercato<br />

nata a Londra nel 1999.<br />

«Credo nell’arte di giocare con l’arte» è<br />

il motto di Pierugo Giorgini, noto come Yux,<br />

uno degli artisti presentati alla Affordable<br />

Art Fair. Qui sotto, la sua tela Lolly Queen.<br />

com’è pop<br />

l’arte<br />

contemporanea<br />

Le mostre sono un successo, le fiere<br />

un rito collettivo e le trasmissioni<br />

tv sempre più numerose. È così che le<br />

tele e le sculture di artisti viventi<br />

escono dalla nicchia ed entrano nelle<br />

nostre case. Anatomia di un fenomeno<br />

di MATTIA CARZANIGA scrivigli a attualita@mondadori.it<br />

«Perché la gente si interessa all’arte?». «Perché è un business».<br />

«No: perché è la sola traccia del nostro passaggio sulla Terra».<br />

Questo dialogo semi-filosofico è tratto dal film francese<br />

campione di incassi Quasi amici. A porre la domanda è il ricco<br />

intellettuale, a rispondere il suo improbabile amico, meno<br />

acculturato di lui. È l’introduzione perfetta a una tendenza<br />

che sembra inarrestabile: l’arte contemporanea ha contagiato<br />

il grande pubblico, oggi sempre più interessato all’argomento<br />

e pronto a sfatare i pregiudizi del passato. I più diffusi: che sia<br />

incomprensibile e spesso economicamente inavvicinabile. Le<br />

mostre che espongono gli artisti già illustri del nostro tempo<br />

registrano il tutto esaurito: in queste settimane si fa la coda<br />

per Yves Klein/Lucio Fontana, dialogo tra i due grandi colleghi<br />

(al Museo del Novecento di Milano fino al 15 marzo), e American<br />

chronicles, sull’opera del fotografo americano Norman<br />

Rockwell (alla Fondazione Roma Museo fino all’8 febbraio).<br />

Saloni e mercati dedicati ai nuovi nomi della scena mondiale<br />

non sono più destinati solo agli addetti ai lavori: la Fiera internazionale<br />

dell’arte contemporanea di Bologna (dal 23 al 26<br />

gennaio) cercherà di superare il record delle 50.000 presenze<br />

della scorsa edizione.<br />

è diventata social «L’interesse si è ampliato e, insieme,<br />

anche il mercato» spiega Giovanna Segre, docente di Economia<br />

della cultura all’università Iuav di Venezia e autrice del saggio Il<br />

mercato mancante, contenuto nel volume I pubblici della cultura<br />

(Franco Angeli Editore). «È cominciato tutto dal basso, dalla<br />

spinta di appassionati completamente slegati dagli ambienti<br />

istituzionali. Penso all’esperienza di Paratissima, che si è appena<br />

svolta a Torino: lanciata da un gruppo di ragazzi col pallino<br />

dell’arte, oggi è diventata una manifestazione molto seguita che<br />

raccoglie giovani artisti. Gli ultimi anni hanno dimostrato che<br />

la fruizione dell’arte è fortemente cambiata. Il proliferare di<br />

eventi aperti al grande pubblico sottolinea che interessarsi<br />

alla materia non significa più riconoscersi in<br />

una nicchia, ma prendere parte a un rito collettivo e molto<br />

social, facilmente condivisibile».<br />

permette una relazione con l’artista «Me<br />

l’hanno detto i collezionisti stessi: l’arte dev’essere un colpo di


dm tendenze<br />

Fiere come quella internazionale di arte<br />

contemporanea a Bologna mostrano al grande<br />

pubblico opere di artisti di tutto il mondo. Tra<br />

queste, Just emptiness dell’azero Faig Ahmed.<br />

La fotografia d’autore è uno dei settori in crescita<br />

nel mercato dell’arte. Questo scatto di Enrico<br />

Pescantini si intitola In Tel Aviv life is a beach.<br />

fulmine, come quando ti innamori di qualcuno. Oggi è molto cool<br />

e supera i confini che prima imponevano accademie e gallerie»<br />

dice Sabrina Donadel, autrice e conduttrice del programma di<br />

Sky Arte Private collection. «La mia idea è stata quella di aprire<br />

a tutti le case di persone che acquistano grandi opere di artisti<br />

di oggi. Confesso che anch’io avevo il pregiudizio che dietro ci<br />

fosse principalmente il business. Ma mi sono dovuta ricredere:<br />

a muovere tutto è la passione». La stessa che coinvolge anche<br />

gente meno esperta. «L’arte classica è data per assodata,<br />

chiusa dentro le teche dei musei. Quella contemporanea<br />

invece è a portata di mano: permette di creare<br />

un rapporto diretto con molti artisti. Questo la rende<br />

interattiva, meno ingessata. Ecco perché oggi, come si dice<br />

nei talent show musicali, “arriva” a tanti: è diventata più una<br />

questione di pancia che di testa».<br />

spinge molti a “studiare” Su canali come Sky Arte cresce<br />

l’audience di trasmissioni che spiegano in modo “pop” quadri e<br />

sculture, una volta appannaggio esclusivo di persone già iniziate<br />

al tema. Ma anche il web avvicina alla materia. «Da gallerista,<br />

non potevo più fare a meno di considerare quanto si sia ampliata<br />

Sta per partire su Sky Arte Private<br />

collection: ideato e condotto<br />

da Sabrina Donadel, apre le case<br />

dei grandi collezionisti.<br />

l’attenzione del pubblico» racconta Sergio Mandelli. Dopo anni<br />

di galleria tradizionale, oggi la sua Mandelli Arte è un sito (www.<br />

mandelliarte.com) con una missione principale: la divulgazione.<br />

«Ho ideato una videorubrica sugli artisti moderni e contemporanei<br />

che ho chiamato Praline. Prelibatezze dal mondo dell’arte, “praline”<br />

come dei cioccolatini da gustare, ricche di informazioni. In Rete<br />

ci sono tante proposte di acquisto, ma quello che mi sono riproposto<br />

di fare è il lavoro del gallerista, ossia di essere il tramite tra<br />

l’universo dell’autore e la voglia del pubblico di scoprirlo. Sempre<br />

più persone hanno sete di capire cosa si cela dietro<br />

un’opera. La crescita di questa passione collettiva è<br />

una bella occasione per tornare davvero a fare cultura».<br />

propone prezzi abbordabili «All’inizio i puristi hanno<br />

storto il naso: vendevamo opere d’arte come se fossero oggetti<br />

d’arredamento, con tanto di cartellino col prezzo messo a fianco.<br />

Per molti una vera e propria eresia!» osserva Nina Stricker,<br />

direttore dell’edizione italiana di Affordable Art Fair: la prossima<br />

si svolgerà a Milano dal 19 al 22 marzo 2015 (affordableartfair.<br />

com/milano). «Il format inglese di questa mostra-mercato internazionale,<br />

con prodotti che non possono superare il tetto<br />

dei 5.000 euro, ha contribuito al processo di democratizzazione<br />

dell’arte contemporanea, soprattutto in Italia. Le nostre ricerche<br />

rivelano che un quinto dei clienti di Affordable Art Fair acquista la<br />

sua prima opera proprio qui. È un pubblico spesso lontano<br />

dai circuiti istituzionali, animato dalla curiosità. Tra<br />

i pezzi molto amati oggi ci sono le fotografie d’autore:<br />

molte hanno prezzi più abbordabili di una tela». Aggiunge<br />

Giovanna Segre, docente di Economia della cultura: «Anche il<br />

mercato deve metterselo in testa: l’era di Internet è quella delle<br />

grandi quantità a piccoli prezzi, non il contrario come accadeva<br />

un tempo. Ora acquistare un “pezzo” non equivale più solo a fare<br />

un investimento, ma risponde al bisogno immediato di soddisfare<br />

il proprio gusto personale».<br />

www.donnamoderna.com 69


dm storie<br />

l’ictus mi ha<br />

insegnato a volare<br />

mentre le ali di Icaro si bruciano perché<br />

lui va troppo vicino al sole, quelle di<br />

antonietta mollica si sono «sciolte» dopo<br />

«il buio che le ha colpito il cervello».<br />

Lei lo racconta in queste pagine e in uno<br />

spettacolo a teatro. che stravolge<br />

il mito e i pregiudizi sulla sua malattia<br />

di marIeLLa boercI scrivile a attualita@mondadori.it<br />

«Io non ho mai pensato di non potercela fare. Nemmeno<br />

dentro a quel buio che pareva senza risalita. Io volevo<br />

tornare a essere la donna che ero prima. A tutti i costi».<br />

E che donna era? «In cima al mondo, nell’Olimpo:<br />

ero Icaro, un semidio». Antonietta Mollica, 42 anni, viso<br />

da cinema e lunghi capelli ramati, top manager del<br />

Monte dei Paschi di Siena, si è sempre piaciuta un sacco<br />

e lo racconta in tono quasi spavaldo: «Mi piacevo,<br />

mi piaceva quello che facevo». Fino al momento in cui<br />

un ictus (l’invidia degli dei?) le ha sciolto le ali,<br />

lasciandola semiparalizzata tra la vita e la morte dopo<br />

una giornata felice sulle piste da sci. «Cantavo sotto<br />

la doccia. Il buio mi ha inghiottita di colpo». Era il 24<br />

febbraio 2006. Antonietta aveva 34 anni e, per<br />

i medici, non sarebbe arrivata al giorno successivo:<br />

«Salutatela adesso» avevano raccomandato<br />

ai genitori in lacrime. Invece è ancora qui. È un’altra<br />

donna, ma è qui. Lo deve alla rabbia ma anche, dice,<br />

all’amore che ha sempre avuto per se stessa: «Mi è servito<br />

a riprendermi la mia vita, centimetro dopo centimetro».<br />

Non è stato facile e lo si capisce. Non lo è nascere, figurarsi<br />

rinascere. Per questo, a un certo punto, ha deciso<br />

di condividere con gli altri questa esperienza. E lo ha fatto<br />

in modo imprevedibile, con lo spettacolo Icaro (Reloaded),<br />

scritto, interpretato e ballato da lei in alcune città italiane.<br />

▲<br />

Antonietta Mollica, 42 anni, ha<br />

avuto un ictus nel 2006. E racconta<br />

questa esperienza nello<br />

spettacolo teatrale Icaro (Reloaded),<br />

scritto e interpretato da lei.<br />

www.donnamoderna.com 71


dm storie<br />

Lei, sempre al centro del palco. Imprigionata dentro<br />

una sedia a rotelle. Accartocciata sotto la doccia. Con la<br />

faccia storta. Con il bastone o stesa su una barella. Una<br />

sfida. Soprattutto per una ragione: per portarla<br />

in scena, lei prima ha dovuto «amare questa Antonietta<br />

imperfetta»; ha dovuto «imparare ad accettarla e<br />

a volerle bene». Ci ha messo mesi. «Provavo una gran<br />

rabbia verso la nuova me stessa» ricorda.<br />

«Volevo assolutamente ritrovare quella di prima».<br />

Ci è riuscita? Antonietta scuote i capelli: «No, e forse<br />

non è neanche un male. L’ictus (e non vorrei<br />

che suonasse come una bestemmia) mi ha<br />

dato l’opportunità di andare oltre il mio<br />

ego sfrenato, di incontrare gli altri, di vedere<br />

per la prima volta il mondo dal basso.<br />

Da disabile». L’ha detto: “disabile”. Prima una parola<br />

del genere non avrebbe neanche sfiorato i<br />

suoi pensieri. Disabile? E quanti saranno mai? Perché<br />

tutti quei posti “riservati” per l’automobile?<br />

E le barriere? Figurarsi, lei non vedeva le persone,<br />

come poteva accorgersi delle barriere? Già.<br />

Poi l’ha provato sulla pelle. E una delle cose che più<br />

l’hanno fatta soffrire è stata proprio la mancanza<br />

di sguardo. «Il modo in cui i “normodotati” mettono<br />

l’accento sul problema, soffermandosi sul piedino<br />

storto o sul braccio morto, con gli occhi che dicono<br />

“poverino”. Mentre in realtà non gliene frega nulla».<br />

Antonietta Mollica non ha problemi di barriere.<br />

È una donna ancora giovane, bella. Profonda come<br />

il suo sguardo, che in certi momenti riesce a<br />

mettere i brividi anche dal palcoscenico. Quando<br />

ripercorre la sua «Hiroshima»: gli episodi più<br />

dolorosi. Per esempio, il momento in cui hanno<br />

cercato a forza di rimetterla in piedi un paio<br />

di mesi dopo l’incidente. E il suo corpo era come<br />

quello di un’altra: «Mi tenevano in due, ma<br />

n Cos’è l’ictus? L’ictus, nella maggior parte dei<br />

casi, è l’infarto cerebrale, causato da un trombo<br />

che determina l’occlusione improvvisa di una<br />

arteria del cervello o di una arteria che vi porta il<br />

sangue. negli altri casi è provocato da un embolo che<br />

si è formato altrove, nelle carotidi o nel cuore.<br />

n Chi colpisce? contrariamente a quanto si pensa,<br />

non solo persone anziane ma anche giovani:<br />

su 100 persone, 15 hanno meno di 45 anni. Quando<br />

non causa morti premature, l’ictus può<br />

lasciare conseguenze molto gravi, che si ripercuotono<br />

sul paziente, sulla famiglia, sulla società.<br />

n Come si previene? L’ictus può essere curato,<br />

diagnosticato presto e soprattutto evitato, almeno in<br />

1 caso su 3, modificando lo stile di vita.<br />

Tre regole? Smettere di fumare, adottare una dieta<br />

sana e fare attività fisica. Per saperne<br />

di più, www.trombosi.org, tel. 0258235028.<br />

72 www.donnamoderna.com<br />

3 domande<br />

per capire<br />

Una scena di Icaro<br />

(Reloaded), in<br />

cui Antonietta Mollica è<br />

sulla sedia a rotelle.<br />

L’attrice, manager del<br />

Monte dei Paschi,<br />

porterà in tournée lo<br />

spettacolo in varie città<br />

italiane con il sostegno<br />

della banca.<br />

niente... I muscoli non rispondevano: indifferenti<br />

ai miei comandi, sordi alle mie sollecitazioni. Ho pianto».<br />

È stato lì che, ricordando ciò che era nella sua prima vita<br />

(«Non stavo ferma un minuto!»), Antonietta ha deciso che,<br />

su quella sedia, non ci sarebbe rimasta un minuto di più.<br />

«O in piedi, o morta». Ma rialzarsi ha voluto dire 20<br />

mesi di calvario. In giro per il mondo da sola,<br />

contro ogni parere. Prima a Chicago. Poi a Roma,<br />

in Svizzera, a Venezia, a Milano: «Sono partita su<br />

una sedia a rotelle e sono tornata con le mie gambe».<br />

Ma l’ombra dello “sfregio” è rimasta ancora nella mano di<br />

Antonietta, che non ha riacquistato del tutto la funzionalità.<br />

E, a tratti, nel volto. Lei sdrammatizza: «L’ictus?<br />

In fondo mi ha portato via anche le rughe. Vede? Almeno<br />

sul lato colpito dalla paralisi, il sinistro, ne ho molte<br />

di meno». Ride e, d’istinto, si copre la bocca: «È un riflesso<br />

condizionato» si scusa. «Per anni, quando mi capitava<br />

di ridere, lo facevo perché non si vedesse che era storta».<br />

Oggi il viso di Antonietta è simmetrico. Però,<br />

sovrappensiero, ogni tanto quel gesto le sfugge ancora.<br />

Nei suoi progetti, oltre alla ripresa dello spettacolo<br />

nella prossima stagione teatrale, c’è un libro autobiografico.<br />

Ha già scritto molte pagine, ma i «neuroncini» dice,<br />

non sono più quelli di prima: «La lesione è stata importante,<br />

l’ictus ne ha bruciati il 20%». E lei fa qualche fatica in più<br />

a mettere in ordine il cervello, che peraltro va a meraviglia.<br />

Gli inciampi, del resto, non l’hanno mai fermata.<br />

Anche quelli più dolorosi, come il melanoma che, lo scorso<br />

gennaio, l’ha riportata in sala operatoria: «Sembra<br />

che Dio non voglia proprio farmi mancare niente» sospira.<br />

È Dio che l’aiuta? «Sto cercando di capirlo, ma mi<br />

pare eccessivo». Con Dio i rapporti di Antonietta sono<br />

solo monologhi rabbiosi («Perché io?»). Lei non<br />

ha memoria di dialoghi con Lui: «Conoscendomi, penso<br />

di non averne avuti». E, adesso che ha ritrovato<br />

le ali «più forti di prima», ha ripreso felice a volare. Senza<br />

dimenticare di guardare giù, anche verso la Terra.


The Ad Store Italia<br />

PARMA DAL 1974


dm INCONTRI<br />

adoro fare<br />

una<br />

“figuraccia”<br />

o anche una “brutta figura”. È<br />

un’espressione che nella<br />

lingua dell’inglese colin Firth non<br />

esiste. ma l’attore protagonista<br />

del nuovo film di woody allen la ama,<br />

perché ha sposato un’italiana.<br />

che gli ha insegnato anche a dire<br />

le parolacce...<br />

di lavinia riTTaTore scrivile a attualita@mondadori.it<br />

74 www.donnamoderna.com


dm INCONTRI<br />

Trunk - contrasto / mondadori Portfolio<br />

Sembra incredibile, ma tutti gli attori, premi Oscar compresi,<br />

entrano in un simil-panico al debutto su un set di<br />

Woody Allen. Non fa eccezione Colin Firth, 54 anni, navigato<br />

protagonista del grande schermo (e indimenticabile<br />

Mr Darcy nella serie tv della BBC Orgoglio e pregiudizio). Nel<br />

nuovo film del regista americano, Magic in the moonlight,<br />

lui è Stanley Crawford, famoso prestigiatore che negli anni ’20<br />

del Novecento taglia le donne in due, fa sparire elefanti<br />

e persone, mandando in visibilio le platee di tutta Europa.<br />

«Quando sono stato contattato mi è venuto un colpo.<br />

Su Woody Allen circolano moltissime leggende: che<br />

non fa prove, che non ti dirige, che non ti spiega<br />

cosa vuole. Mi ha preso il terrore di essere il primo<br />

attore che avrebbe fallito su un suo set. Così mi<br />

sono preparato come un pazzo. E quando sono arrivato<br />

nel Sud della Francia, in quel paesaggio da sogno, mi sono<br />

ritrovato in una location talmente paradisiaca che tutta l’ansia<br />

è svanita» (ride). Il film è ambientato in Costa Azzurra,<br />

dove Stanley, nella vita un irriducibile scettico, viene chiamato<br />

in aiuto dall’amico Howard (Simon McBurney), perché<br />

la deliziosa Sophie Baker (una luminosissima Emma Stone),<br />

medium eccezionale, sta abbagliando le famiglie<br />

più ricche della zona. Il compito del prestigiatore è quello di<br />

smascherarla. «Il mio personaggio è tutto di un pezzo,<br />

troppo. Non crede in nulla che non sia<br />

assolutamente visibile e verificabile»<br />

commenta Firth. Lo incontro a Parigi ed è<br />

elegantissimo dall’alto del suo metro e 88, in<br />

giacca e camicia scura, stessi (o quasi)<br />

occhiali che indossava in A single man. «Io non<br />

sono come Stanley: non credo che<br />

tutto quello che ha a che vedere con<br />

il soprannaturale sia soltanto<br />

superstizione. Sono più possibilista.<br />

E comunque che cosa c’è di più<br />

inspiegabile e magico dell’amore?<br />

Perché ci si innamora perdutamente di un’altra persona?<br />

Anche Stanley si innamora, ed è una cosa che sfugge al suo<br />

controllo. Questa sì che è vera magia». Ma le leggende che<br />

circolano sul regista, quindi, sono vere o false? «Confermo<br />

che parla pochissimo con noi attori, e tu capisci se la scena che<br />

hai girato è andata bene solo dal rumore che fa la troupe nel<br />

mettere via gli attrezzi per andare a preparare un altro ciak<br />

(ride di nuovo). Lavorare con Woody è sempre un privilegio,<br />

nonostante le sue piccole manie. Per esempio, mi ha fatto<br />

avere la sceneggiatura quando ero in vacanza in Italia con mia<br />

moglie (Livia Giuggioli, ndr) e i nostri figli Luca e Matteo. È<br />

arrivato un suo “emissario” con una busta: lui non usa le email,<br />

Io e mia moglie<br />

Livia ci siamo<br />

conosciuti su un<br />

set ed è<br />

subito scattato<br />

l’incantesimo<br />

Colin Firth ed Emma Stone nei panni<br />

del prestigiatore Stanley e della medium Sophie<br />

nell’ultimo film di Woody Allen:<br />

Magic in the moonlight, adesso nelle sale italiane.<br />

teme che i suoi progetti possano essere intercettati e<br />

copiati». Colin Firth ci ha pensato un po’, prima di<br />

accettare il ruolo. «Perché Stanley a tratti è molto<br />

intollerante, antipatico nel suo rigore» nota l’attore. E<br />

mentre lo fa gli passa accanto la collega Emma Stone.<br />

Che dice: «Tu, caro Colin, non sei uno<br />

stronzo come lui. Per fortuna». E Firth<br />

ribatte: «In effetti questa<br />

caratteristica mi manca, ma in<br />

italiano “stronzo”<br />

è una delle parole che più mi<br />

divertono». E l’attore la ripete in<br />

continuazione, senza perdere un<br />

millimetro della sua classe. Quella che<br />

(oltre alla bravura) l’ha portato dritto<br />

dritto all’Oscar per Il discorso del re.<br />

Colin parla un italiano quasi perfetto.<br />

«Non potrei mai fare un film in Italia, però. A meno<br />

che non interpreti un inglese» spiega. «Il vostro è un<br />

Paese che amo moltissimo. Mi ha dato mia<br />

moglie. I figli che abbiamo avuto sono nati a<br />

Roma e hanno nomi italiani. Adoro la vostra<br />

storia, la vostra lingua. C’è un’altra parola che mi piace<br />

molto e che in inglese non esiste: figura. Fare “bella<br />

figura”, fare “brutta figura”, fare una “figuraccia”...<br />

Queste sfumature mi incantano». Che Colin sia<br />

innamorato perso della moglie italiana è evidente: fra<br />

tutti quelli che ho incontrato, è l’unico attore sposato<br />

che esibisca con orgoglio la fede all’anulare sinistro.<br />

«Io e Livia ci siamo conosciuti sul set della serie tv<br />

Nostromo» rivela Firth. «Lei faceva l’assistente alla<br />

produzione. Era il 1996, ci siamo sposati l’anno dopo.<br />

Direi che tra noi è scoppiato un incantesimo.<br />

Proprio come succede in Magic in the moonlight».<br />

www.donnamoderna.com 75


zapping<br />

TuTTo ciò che amerai quesTa seTTimana<br />

Il cast di Downton Abbey.<br />

La quinta stagione,<br />

trasmessa negli Usa a<br />

gennaio, avrà una<br />

new entry speciale:<br />

George Clooney.<br />

televisione indovina cosa fanno nella quarta stagione<br />

le eroine di downton abbey<br />

webphoto<br />

Preparate i fazzoletti (meglio se ricamati a mano). Torna<br />

su Rete 4 dall’11 dicembre in prima serata Downton Abbey,<br />

la serie che racconta un’aristocratica famiglia inglese del<br />

secolo scorso e fa sospirare perfino i veri reali di oggi:<br />

William e Kate hanno dichiarato di non perdere una puntata.<br />

La quarta stagione promette nuovi amori e passioni sullo<br />

sfondo di Highclere Castle. Tutti al femminile.<br />

il dramma di lady mary La bella contessina<br />

col volto di Michelle Dockery è a lutto per la morte del<br />

marito Matthew. Ma tranquille, ci delizierà con due<br />

nuovi pretendenti: Lord Gillingham e Charles Blake. «È<br />

addolorata, però decisa a rimettere in piedi la sua vita» rivela<br />

il creatore della serie Julian Fellowes.<br />

la rivincita di lady edith Finalmente<br />

è arrivato il momento della secondogenita del casato. La<br />

scopriremo indipendente e, soprattutto, innamorata del suo<br />

editore, l’affascinante Michael Gregson. Con conseguenze<br />

davvero complicate. «All’inizio della serie, Edith era ingenua<br />

e immatura» racconta Laura Carmichael, che la interpreta.<br />

«Ora invece ha un fortissimo desiderio di scrivere,<br />

impegnarsi, crescere».<br />

l’arrivo di lady rose La giovane e<br />

anticonformista nipote della famiglia Crawley si trasferisce<br />

definitivamente a Downton Abbey, dopo che i suoi genitori<br />

sono partiti per l’India. Da tenere d’occhio la 25enne<br />

Lily James, che veste i suoi panni: sarà lei Cenerentola<br />

nell’attesissimo film omonimo diretto da Kenneth Branagh<br />

(nelle sale il prossimo marzo), accanto alla matrigna cattiva<br />

Cate Blanchett.<br />

elisabetta colangelo<br />

www.donnamoderna.com 77


zapping<br />

Paolo Nutini, 27 anni,<br />

il suo nuovo album<br />

si intitola Caustic love.<br />

musica lo scozzese Paolo nutini<br />

l’Ultimo dei<br />

romantici<br />

Paolo nutini, l’autore di Candy, amatissimo dalle donne,<br />

non è uno che parla facilmente di sé. Metà scozzese, metà<br />

italiano (il papà è di Barga, vicino a lucca), a soli 27 anni<br />

ha già una carriera decennale ed è salito sui palchi più<br />

famosi. l’abbiamo incontrato a Milano, dove ha tenuto un<br />

concerto per presentare il suo ultimo album Caustic love.<br />

«scozzesi e italiani sono più simili di quanto non si pensi»<br />

esordisce. «ci piace la buona tavola e siamo romantici».<br />

Looking for something, uno dei brani di Caustic love, è<br />

dedicato a tua madre linda. «sì, è lei che a 16 anni mi ha<br />

detto di seguire la mia strada, e di farlo con onestà, perché<br />

solo così sarei riuscito ad andare lontano. Molto devo<br />

anche a nonno Jackie, il musicista di casa. le arie di Verdi,<br />

la voce di caruso, il piano di Fats domino li ho scoperti sul<br />

suo giradischi. oltre a suonare il piano, Jackie era uno<br />

spirito libero, eccentrico: sono queste sue caratteristiche<br />

ad avermi influenzato di più».<br />

Dalla prima fiamma teri Brogan alla veejay di Mtv laura<br />

Whitmore, fino a amber anderson, conosciuta sul set del<br />

video di Diana, si parla tanto delle tue fidanzate. «sì lo so, è<br />

colpa dei media... io però vorrei fare la mia vita. Perché,<br />

anche se sono abituato a stare in mezzo alla gente, sul<br />

palco cerco di proteggere le persone a cui voglio bene».<br />

Innamorato? «e spiazzato: non pensavo che l’amore, quello<br />

vero, potesse far provare il più grosso dolore di questo<br />

mondo e il più intenso piacere possibile».<br />

non ti dà fastidio essere apprezzato perché sei bello<br />

piuttosto che per la musica? «no, anzi. Ma spero<br />

che le ragazze poi scoprano che le mie canzoni sono più<br />

belle del mio aspetto fisico».<br />

Stai preparando qualcosa di nuovo? «ora lavoro a un<br />

fumetto. Mi piacerebbe dare una forma visuale alle<br />

storie dell’album che registrerò tra gennaio e febbraio».<br />

andrea sPinelli<br />

fenomeni Perché<br />

tutti Parlano<br />

della scrittrice<br />

elena ferrante<br />

la scrittrice dell’anno, elena Ferrante,<br />

non ha volto, non è mai apparsa in tv né<br />

sui social. Però è un caso internazionale.<br />

autrice della saga dell’Amica geniale, di<br />

cui è appena uscito il quarto romanzo<br />

Storia della bambina perduta (e/o), ha<br />

venduto 130.000 copie negli usa e<br />

180.000 da noi. È stata nominata dal<br />

Foreign Policy’s tra i 100 pensatori<br />

dell’anno, e Fandango con la rai produrrà<br />

una fiction tratta dai suoi libri.<br />

Chi è davvero? nessuno sa chi si<br />

nasconde dietro lo pseudonimo, se sia<br />

una donna o un uomo. il principale<br />

indiziato è lo scrittore domenico<br />

starnone, che un po’ ci gioca. si è<br />

parlato anche del critico Goffredo Fofi,<br />

degli autori alessandro Baricco e sandro<br />

Veronesi, perfino di sandra ozzola,<br />

moglie di sandro Ferri, editore di e/o.<br />

«sandra è quotidianamente in contatto<br />

con elena, l’ha aiutata a superare un<br />

blocco dopo I giorni dell’abbandono»<br />

rivela Ferri. «Ma non c’è nessun patto<br />

segreto per (non) svelare la sua identità».<br />

Chi sono i suoi fan? l’attrice anna<br />

Bonaiuto, i registi Mario Martone e<br />

roberto Faenza, che hanno girato<br />

pellicole ispirate ai suoi libri. tra gli<br />

stranieri, Jhumpa lahiri, nick hornby e il<br />

premio Pulitzer elizabeth strout. i critici la<br />

considerano l’erede di Jane austen.<br />

Perché ha successo? «ha una voce<br />

schietta, sincera» dice il suo editore.<br />

nella quadrilogia racconta l’amicizia tra<br />

due donne nella napoli popolare dagli<br />

anni ’50 agli anni ’80. «e parla degli<br />

ostacoli della vita, senza mai perdere la<br />

voglia di reagire». annarita BriGanti


zapping<br />

Il presidente degli Usa Obama ritratto dallo street artist<br />

Shepard Fairey. È una delle 60 opere della mostra #Obey, dal 6<br />

dicembre al Pan di Napoli (www.palazzoartinapoli.net)<br />

mostre l’Andy wARhol di oGGi<br />

È ShePARd FAiRey, l’ARtiStA che RitRAe<br />

Obama super pOp<br />

Ricordi il manifesto simbolo della campagna del presidente degli<br />

Stati Uniti con la scritta hope, change, Progress? la firma Shepard<br />

Fairey, protagonista della mostra #Obey (dal 6 dicembre al Pan,<br />

Palazzo delle Arti di napoli). Un artista che vale la pena di conoscere.<br />

È un maestro della provocazione con Banksy, Shepard Fairey è tra i<br />

maggiori street artist al mondo, grazie alle sue opere<br />

attualissime e provocatorie. come Obey the giant, l’adesivo con il<br />

faccione di un famoso wrestler. «non ha significato» ha detto<br />

l’artista. «esiste per spingere le persone a dargliene uno». Secondo<br />

Peter Schjeldahl, noto critico d’arte del New Yorker, Fairey «ha<br />

trasformato obama in un’icona pop come Andy warhol ha fatto<br />

con Marilyn Monroe e la zuppa campbell. e ha realizzato la<br />

più efficace illustrazione politica americana dai tempi dello Zio Sam».<br />

la sua opera più attesa Si chiama Capitol hill, ed è una enorme tela,<br />

finora mai esposta, realizzata per la città di venezia. in mostra, in<br />

tutto, ci sono oltre 60 lavori provenienti da musei e collezioni private.<br />

vAleRiA colAvecchio<br />

racconti le voci di<br />

26 donne<br />

coraggiose<br />

Altro che sesso debole. Anche se<br />

guadagniamo il 16% in meno rispetto agli<br />

uomini e solo il 46% di noi lavora, contro<br />

il 64% dei maschi, siamo in grado di uscire<br />

dalle situazioni più terribili. È il messaggio<br />

di speranza che dà la giornalista, scrittrice e<br />

regista di documentari emanuela Zuccalà<br />

nel nuovo libro Donne che vorresti conoscere<br />

(infinito edizioni), con postfazione della<br />

fotografa Simona Ghizzoni.<br />

Un viaggio intorno al mondo È un’antologia<br />

di ritratti femminili con 26 storie vere,<br />

raccolti dall’autrice nei suoi reportage. Parla<br />

delle donne del congo, della cambogia,<br />

della Romania... Ma c’è anche una voce da<br />

un carcere milanese: «Patrizia, protagonista<br />

del capitolo finale, mi ha scritto e ha messo<br />

la sua vita nelle mie mani» dice l’autrice.<br />

«credeva di essere stata abbandonata dalla<br />

madre, che invece ha problemi con la<br />

giustizia. Quando l’ha ritrovata, ha scelto di<br />

aiutarla». Poi ci sono l’ex prostituta nigeriana,<br />

la clochard che s’innamora, una vittima di<br />

stupro che porta avanti la gravidanza.<br />

dove si trova questa forza? «chiedendo aiuto,<br />

non stando da sole» conclude emanuela<br />

Zuccalà. «Smettendo di dimostrare a ogni<br />

costo che siamo brave. Penso alle africane,<br />

che intrecciano cestini e li vendono<br />

al mercato: sono poverissime ma felici». A.B.<br />

Il nuovo libro della<br />

giornalista<br />

Emanuela Zuccalà,<br />

Donne che vorresti<br />

conoscere<br />

(Infinito edizioni).<br />

amichedisalvataggio.donnamoderna.com<br />

amiche di<br />

salVataggio<br />

alessandra<br />

appiano<br />

con un romanzo riscopri Dante<br />

Ci sono vari modi per rimettersi a studiare.<br />

Uno dei più appassionanti è quello suggerito<br />

da Loredana. «Se mi avessero detto che avrei<br />

finalmente apprezzato Dante, non ci avrei<br />

creduto: eppure, dopo aver letto La sindone<br />

del diavolo di Giulio Leoni (Nord), sono<br />

andata a cercare in soffitta i libri del liceo!<br />

Nella Venezia misteriosa e inquietante<br />

dell’estate del 1313, si aggira il sommo poeta.<br />

Deve rintracciare Nazeeh Al Bashra,<br />

uno speziale saraceno dalla fama sinistra. Lui<br />

è l’unico che può curare l’imperatore Arrigo<br />

VII, il protettore che aiuterà Dante a rientrare<br />

a Firenze. Nel corso di questa strana<br />

missione il poeta incontra via via oscuri<br />

personaggi che sembrano sapere tutto<br />

dell’opera che sta ancora scrivendo e che<br />

dicono di avere visto il diavolo aggirarsi per<br />

calli e canali... Ami volare con la fantasia<br />

anche tu? Scrivimi a:<br />

Loredana.carrisi50@gmail.<br />

com».<br />

Vuoi condividere un film, un<br />

libro, una trasmissione tv<br />

che ti ha emozionato? scrivi a<br />

amichedisalvataggio@<br />

mondadori.it.


zaPPing<br />

Ben Affleck e Rosamund Pike sono i<br />

protagonisti di L’amore bugiardo - Gone girl.<br />

Il film arriverà nelle sale italiane il 18 dicembre<br />

distribuito dalla 20th Century Fox.<br />

appuntamenti la riViSta<br />

iNtERNi FeSteggia con un liBro<br />

60 anni di design<br />

made in iTaly<br />

dalla prima calcolatrice olivetti alla sedia in<br />

plastica trasparente di Kartell, fino alla recente<br />

poltrona-guscio di moroso da agganciare al soffitto:<br />

la storia del design made in italy dal 1954 a oggi te<br />

la racconta 60 anni years interni (mondadori<br />

electa), lo speciale volume monografico realizzato<br />

dalla rivista per festeggiare i suoi 60 anni.<br />

non solo mobili «attraverso immagini di pezzi cult,<br />

campagne pubblicitarie d’epoca, articoli e<br />

approfondimenti, il libro ripercorre l’evoluzione<br />

della società e del nostro stile di vita, che<br />

si riflette nelle case» spiega il direttore gilda Bojardi.<br />

un esempio? «negli anni ’50, col boom<br />

economico, è arrivata la zona living, mentre oggi,<br />

con l’enfasi che si dà alla bellezza e alla cura di sé,<br />

il bagno si è trasformato in salotto».<br />

la chicca per i 60 anni di interni è stato inaugurato<br />

il nuovo sito: www.internimagazine.it, con<br />

videointerviste ad architetti e designer. lì puoi<br />

anche sfogliare il volume. Valeria colaVecchio<br />

cinema DONNA MODERNA<br />

ti porta all’anteprima di<br />

L’amore bugiardo<br />

- gone girL<br />

Quali segreti si celano dietro a un matrimonio? Sei<br />

sicura di conoscere la persona che hai accanto?<br />

Sono alcune delle domande a cui ti conduce<br />

L’amore bugiardo - Gone girl, l’ultimo capolavoro<br />

di david Fincher (il regista di The social network).<br />

racconta la storia di nick dunne (ben affleck) e<br />

della moglie amy (rosamund Pike), coppia affiatata<br />

e all’apparenza perfetta. Finché lei, nel giorno del<br />

quinto anniversario di nozze, scompare nel nulla.<br />

Che si tratti di omicidio? i principali sospetti<br />

ricadono proprio sul marito…<br />

È tratto da un romanzo cult il film è basato<br />

sull’omonimo bestseller di gillian Flynn (rizzoli). «Ho<br />

voluto che la versione cinematografica de<br />

L’amore bugiardo fosse il più possibile fedele al<br />

libro» rivela l’autrice, che ha scritto anche la<br />

sceneggiatura. «ma mi sono divertita ad aggiungere<br />

dettagli che sulla carta non c’erano».<br />

Ha due protagonisti eccezionali ben affleck<br />

nel ruolo di nick prenota una nomination ai<br />

prossimi oscar. «È stato difficile vestire i panni di un<br />

uomo che all’improvviso comincia a essere detestato<br />

da tutti» confessa. «La parte di amy, la moglie, era una<br />

sfida» dice rosamund Pike. «nasconde un lato dark, io<br />

invece sul set ero incinta e per questo raggiante!».<br />

Tiene col fiato sospeso «È un thriller dalle<br />

sfumature mélo che ti rapisce dalla prima all’ultima<br />

inquadratura» ha scritto la rivista di cinema<br />

americana Hollywood Reporter. mattia carzaniga<br />

n Vuoi venire all’anteprima di L’amore bugiardo -<br />

Gone girl? per aggiudicarti uno dei 2.300 biglietti messi in<br />

palio da Donna Moderna e 20th century Fox, registrati dal 3 al 5<br />

dicembre su www.amorebugiardo-gonegirl.it. le proiezioni sono il<br />

10 dicembre alle 20.30 a roma, milano, napoli, torino, Firenze,<br />

Bologna, genova, rozzano, trieste, Salerno, Bari e Verona.<br />

Lo speciale volume del magazine Interni<br />

dedicato ai 60 anni di design made in Italy è in edicola<br />

dal 3 dicembre a 10 euro, rivista inclusa.<br />

82 www.donnamoderna.com


il modello a pelo lungo<br />

dall’aria bohemien<br />

Abbinalo alle stampe micro: ne<br />

ridurrai l’effetto “allargante”.<br />

n Giaccone in finta volpe verde<br />

militare (H&M Studio, 79,99 euro,<br />

tg. XS-M), abito con arricciatura<br />

anteriore (Nice Things, 115 euro,<br />

tg. 34-44). Collana Claire’s, orecchini<br />

Dudu Pret à porter,<br />

anelli H&M, stivali Tory Burch.<br />

ecopellicce<br />

superstar<br />

Saranno anche finte, ma tengono caldo come<br />

quelle vere. E poi sono a prova di senso di colpa.<br />

Maxi o corte, supercolorate o in tinte naturali:<br />

guardale, l’effetto è tutt’altro che cheap<br />

di Eva PiNi ha collaborato alESSaNDra lEoNi foto di JaN riCkErS testi di lUCia CorNa


moda<br />

Il gIlet In sImIlvolpe<br />

argentata<br />

Bello da sovrapporre (invece<br />

del cardigan) o da mettere<br />

sotto al cappotto quando fa<br />

davvero freddo.<br />

n Giacchino senza maniche con<br />

profili in ecopelle (169 euro,<br />

tg. 38-48), pull con stampa<br />

animalier (119 euro, tg. 38-48).<br />

Tutto Pennyblack. Pantalone<br />

a vita alta (Stella Jean, 338 euro,<br />

tg. 38-46). cintura cafènoir,<br />

bracciale e orecchini Sodini,<br />

occhiali carrera, tracollina diane<br />

Von Furstenberg.<br />

Elena Micaela Basile,<br />

23 anni, studentessa<br />

di Economia a Milano.<br />

www.donnamoderna.com 85


moda<br />

il bomber colorato<br />

a pelo raSo<br />

al posto della giacca, è quello<br />

che ci vuole per dare una virata<br />

fashion al classico stile<br />

gonna + camicia.<br />

n Giubbino con cerniera e bordi in<br />

tessuto (Co/te, 675 euro,<br />

tg. 38-44), camicia in cotone<br />

(NaraCamicie, 75 euro, tg. I-V),<br />

gonna a quadretti (Massimo<br />

Rebecchi, prezzo su richiesta).<br />

Cappello con veletta<br />

2Maggio, collana Swarovski,<br />

pochette Carpisa.<br />

86 www.doNNaModeRNa.CoM


moda<br />

il finto astrakan<br />

in formato chiodo<br />

Elegante e poco voluminoso,<br />

in questa versione moderna<br />

perde tutta la sua aria<br />

da pelliccia d’antan.<br />

n Giubbotto in finto agnellino<br />

persiano (Siste’s, 253,50 euro,<br />

tg. XS-L), felpa a fiori (original<br />

marines, 29,99 euro, tg. XS-XL),<br />

pantalone in pelle (nioi, da 110<br />

euro, tg. S-XL). collana Pepper<br />

chocolate, anelli Giulia Barela,<br />

Borsa in ecopelle cafènoir.<br />

www.donnamoderna.com 87


il ViSONE dalla tiNta<br />

ribEllE<br />

Con una maxigonna la più<br />

classica delle pellicce<br />

diventa il pezzo forte di un<br />

look neogipsy.<br />

n Giaccone effetto visone<br />

(max&co., 299 euro, tg. 38-48),<br />

camicia in seta (alviero martini<br />

1 a classe, 190 euro, tg. S-L),<br />

gonna in seta stampata (alysi, 173<br />

euro, tg. 38-48). Stivali<br />

Gianmarco Lorenzi, bijoux Sodini.<br />

88 www.donnamoderna.com


il giacchino corto<br />

in castoro alternativo<br />

Per ravvivare un taglio così<br />

pulito e lineare punta su una<br />

camicia o una felpa fantasia.<br />

n Giacchino nero (Caractère, 239<br />

euro, tg. 38-50), blusa in viscosa<br />

(Peak Performance, 135 euro,<br />

tg. XS-XL), pantalone grigio<br />

(Stefanel, 142 euro, tg. XS-XL).<br />

Occhiali Mykita,<br />

collana Ayala, cintura Gap.<br />

trucco e capelli Francesca Angelone @<br />

MKS-Milano using Fudge<br />

indirizzi a pag. 252


moda<br />

succede<br />

che...<br />

il braccialetto<br />

sostiene la ricerca<br />

In pizzo e lurex, puoi sceglierlo tra sette<br />

colori e, se ne compri uno, aiuti<br />

l’Associazione italiana contro le leucemielinfomi.<br />

Costa 10 euro e lo trovi<br />

su www.ail.it, sul sito crucianic.com/it<br />

e in tutte le boutique Cruciani.<br />

le ballerine<br />

si portano dorate<br />

Sarà che un tocco d’oro fa subito festa. Ma se vuoi<br />

un accessorio davvero passepartout, da adesso fino<br />

alla primavera (e anche oltre), sceglilo gold. Come<br />

queste ballerine tipo baby, con cinturino alla<br />

caviglia: fanno parte di una mini collezione flash di<br />

Castañer, tutta bagliori e riflessi metal (175 euro).<br />

il collant<br />

diventa una<br />

seconda pelle<br />

Addio calze che strizzano<br />

i polpacci e la vita come<br />

lacci emostatici. Adesso<br />

ci sono i Collant Senza<br />

Cuciture di Golden lady,<br />

una nuova linea pensata<br />

mettendo comfort e<br />

vestibilità al primo posto.<br />

E se ci stanno perfino<br />

sotto i micro shorts di<br />

Miley Cyrus, testimonial<br />

superstar, devono<br />

essere davvero comodi.<br />

indirizzi a pag. 252<br />

l’abito si misura<br />

sulla silhouette<br />

Il concetto di taglia ormai è sempre più relativo:<br />

c’è chi porta la 42 di pantaloni ma veste una<br />

44 di abito, o viceversa. Per questo Motivi ha<br />

pensato a Made On Me, una capsule collection<br />

in cui lo stesso modello viene proposto in<br />

tre forme diverse: Diamante (per chi ha fianchi<br />

importanti), Perla (per chi ha la vita più<br />

arrotondata) e Sirena (per fisici a clessidra).<br />

a cura di OrSInA bArOlDI scrivile su baroldi@mondadori.it


moda<br />

10<br />

idee che fanno<br />

inverno<br />

Ti basta un dettaglio morbido, caldo, a<br />

effetto coccola per affrontare<br />

la stagione stagione più fredda<br />

servizio di rossella mazzali testi di marina d’incerTi<br />

Borsa a mano con inserti di<br />

lapin (Max&Co, 289 euro).<br />

N° 21<br />

Girocollo di<br />

cristalli colorati<br />

(Reminiscence,<br />

1.150 euro).<br />

1la borsa pelosa<br />

a mano<br />

Piccola o maxi,<br />

la clutch più azzeccata<br />

è pIacevole da<br />

Impugnare perché è<br />

morbida e ti scalda la<br />

mano. Se sei un’animalista<br />

convinta, guarda<br />

l’etichetta: i dettagli di pelo<br />

vero, a volte, non costano<br />

molto più di quelli eco.<br />

Orecchini di<br />

cristalli e tessuto<br />

(Radà, 156 euro).<br />

2<br />

Il gIoIello<br />

apparIscente<br />

Sarà l’onda lunga del successo<br />

della serie tv Trono di Spade, ma<br />

in passerella si sono viste mise<br />

da sovrana fantasy, coperta di pelli<br />

selvagge e cristalli favolosi. Un look<br />

come quello proposto da Ermanno<br />

Scervino è un ottImo spunto<br />

per una sera sfarzosa.<br />

Ermanno Scervino<br />

92 www.donnamoderna.com


3<br />

Il panno chIc<br />

Sei abituata ad<br />

associarlo a pantofole,<br />

zainetti e giacche<br />

stile tirolese? Cambia<br />

prospettiva perché ora<br />

sI usa per I capI<br />

elegantI come la<br />

giacca di Dries van<br />

Noten. Se possiedi un<br />

pezzo tradizionale<br />

e vuoi metterlo<br />

ancora, non abbinarlo<br />

in chiave folk.<br />

5<br />

le scarpe dI<br />

pellIccIa<br />

Il doposci bordato è un<br />

classico. Ma il trend ha<br />

preso piede a tal punto<br />

che ora le calzature<br />

pelose sono sIa da<br />

gIorno sIa da sera.<br />

E le soffici applicazioni<br />

decorano non solo<br />

gli stivali ma anche le<br />

vezzose décolletées.<br />

Ballerine con dettaglio<br />

di pelliccia (Anna<br />

Baiguera, 320 euro).<br />

Boots di lapin con fibbie<br />

(Mou, da 485 euro).<br />

Clutch effetto lana<br />

cotta (&Other<br />

Stories 45 euro).<br />

Dries Van Noten<br />

Mondadori Photo (4)<br />

Il montone grIgIo<br />

Le passerelle lo avevano<br />

anticipato: con l’arrivo<br />

del freddo, torna il<br />

montone. Più selvaggio<br />

della pelliccia, piacerà su<br />

cappotti importanti e<br />

colorati. Se non te la senti<br />

di partire in quarta, non ti<br />

preoccupare: va dI moda<br />

anche sobrIo e solo<br />

come accessorio.<br />

4<br />

Sandali con interno<br />

caldo (Birkenstock, da<br />

143 euro).<br />

Muffole di montone<br />

(Brekka, 59,90 euro).<br />

6<br />

Il cappello+scIarpa<br />

Borsalino, cappuccio o berretto?<br />

Tutto insieme se copi la soluzione<br />

multistrato firmata Kenneth Cole.<br />

L’idea è coprire il capo con uno<br />

sciarpone e aggiungere un cappello di<br />

feltro. Il risultato rIcorda le<br />

donne bolIvIane. Ma non è di gusto<br />

etnico per via della tinta unita.<br />

Kenneth Cole


moda<br />

7<br />

i motivi stile renna<br />

Niente doppi sensi: le corna di cervi, alci<br />

& Co fanno pensare alla natura<br />

fiabesca dei paesi nordici e alle feste<br />

natalizie. Indossa (senza malizia) questo<br />

motivo con capi di lana e di panno.<br />

E, questa volta, sì agli abbinamenti folk.<br />

Papillon soffice<br />

(Untitled, 64 euro).<br />

Gonna di tessuto<br />

imbottito (Bogner,<br />

199 euro, tg. 38-46).<br />

Bracciale di<br />

metallo (&Other<br />

Stories, 35<br />

euro).<br />

Abito di angora con stampa (Supertrash,<br />

180 euro, tg. S-L).<br />

Borsone di lana con<br />

profili di pelle (Church’s,<br />

prezzo su richiesta).<br />

8<br />

il tessuto tipo<br />

coperta<br />

Può ispirarsi a una<br />

fantasia etnica da<br />

tappeto, come quella<br />

scelta da Emilio<br />

Pucci. Oppure allo<br />

stile equestre, vedi<br />

Burberry e Church’s.<br />

Il pattern da plaid È<br />

adatto ai ponchos<br />

e anche alle<br />

borse. Il modo più<br />

facile per portarli<br />

è con un jeans e<br />

camperos<br />

in chiave country.<br />

94 www.donnamoderna.com<br />

Emilio Pucci<br />

Borsa trapuntata<br />

(Max&Co, 99 euro).<br />

9<br />

il total look imbottito<br />

Rubato alle piste da sci, l’abbigliamento<br />

trapuntato crea uno stile che sta a metà<br />

tra il tecnico-sportivo e il pratico-giocoso.<br />

A vedere la sfilata di Dior sembra<br />

un’esclusiva per le magrissime. e<br />

invece no. Se scegli capi dalla linea<br />

semplice e dritta non sembrerai<br />

la controfigura dell’omino Michelin.<br />

Anfibi di cuoio<br />

con gamba<br />

di lana (Bata,<br />

99,99 euro).<br />

Shopper di pelle,<br />

camoscio e lana (Hilfiger<br />

Collection, 650 euro).<br />

indirizzi a pag. 252<br />

10<br />

il tartan giallo<br />

Se il rosso è da bambina e il<br />

blu è da maschi,<br />

questa È la versione più<br />

femminile dello<br />

scozzese. Chi ha coraggio<br />

indossi un cappotto o dei<br />

pantaloni. Alle altre basterà<br />

un accessorio, da<br />

abbinare al verde o al grigio.<br />

Orologio di plastica e silicone<br />

(Swatch, 55 euro).<br />

Dior<br />

mondadori Photo (2)


moda<br />

Pullover Girocollo stretch di<br />

viscosa a fasce multicolor<br />

(m missoni, 377 euro, tg. 38-48).<br />

Coprispalle di lurex dorato con<br />

drappeggi sul davanti (atelier Kore<br />

di chiara Vitale, 180 euro, tg. S-L).<br />

Giacca Tempestata di paillettes e<br />

chiusa da un gancetto metallico<br />

(no.nu., 405 euro, tg. 38-50).<br />

Cappotto monopetto di<br />

lana e poliestere<br />

laminato (roy roger’s,<br />

348 euro, tg. 38-46).<br />

sette pezzi<br />

cinque<br />

per<br />

look<br />

Prevedi un dicembre ricco di occasioni<br />

mondane? Seleziona pochi elementi che<br />

stanno bene tra loro. Potrai vestirti in<br />

modo diverso in ogni occasione. come ti<br />

dimostriamo nella pagina seguente<br />

servizio di Bruno daLL’arcHe foto di Lorenzo nardi still life di GuendaLina raVazzoni<br />

e andrea arGaTi testi di marina d’incerTi scrivile a dincerti@mondadori.it<br />

Abito Tagliato a sacchetto e<br />

ricoperto di paillettes (P.a.r.o.S.H.,<br />

778 euro, tg. XS-XL).<br />

Gonna corta, a palloncino, di<br />

poliestere multicolore<br />

(P.a.r.o.S.H., 342 euro, tg. XS-XL).<br />

Pantaloni al polpaccio, di cotone e<br />

tessuti sintetici luccicanti<br />

(m missoni, 330 euro, tg. 38-50).<br />

www.donnamoderna.com 97


moda<br />

gonna + pull<br />

Non lasciarti intimorire<br />

dalle fantasie multicolor<br />

e sovrapponi il pull<br />

alla gonna. Insisti ancora di<br />

più e calza scarpe da sera<br />

stile Arlecchino. Il risultato<br />

è spericolato ma festoso.<br />

va bene per un<br />

brindisi con amici.<br />

coprispalle+<br />

abito<br />

Sottolinea le dimensioni<br />

mini dell’abito con<br />

una cintura dorata e con il<br />

cardigan cortissimo.<br />

Otterrai un look giovane<br />

stile disco.<br />

è ok se dopo<br />

mezzanotte si balla.<br />

abito +<br />

cappotto<br />

Il miniabito luccicante è un<br />

passepartout per le feste.<br />

A seconda dell’abbinamento<br />

puoi ottenere un look più o<br />

meno sfarzoso: con il cappotto<br />

d’oro alzi il tasso di lusso.<br />

osalo sei vai a una<br />

festa importante.<br />

giacca +<br />

pantaloni<br />

Il completo classico diventa<br />

speciale se i materiali<br />

sono scintillanti. Il nudo<br />

funziona se hai un décolleté<br />

minimo. Altrimenti,<br />

vai di lingerie strategica.<br />

provalo per una<br />

cena tra colleghi.<br />

giacca + gonna<br />

La gonna multicolor si<br />

unisce alla giacca<br />

tutta paillettes in un mix<br />

appariscente. Con i capi<br />

luccicanti è sempre meglio<br />

evitare i gioielli: il collo<br />

di pelliccia è un’alternativa<br />

divertente al collier.<br />

tienilo presente per<br />

capodanno.<br />

Scarpe rené caovilla, pochette grande Sodini, bijoux<br />

Giovanni raspini.<br />

Trucco e pettinature di fabio cicerale using Paul mitchell<br />

98 www.donnamoderna.com<br />

indirizzi a pag. 252


LA gIAccA<br />

Sceglila corta, che si<br />

appoggi appena sui<br />

fianchi e con piccoli<br />

revers (altrimenti<br />

ingoffano). Portala<br />

stretta in vita ma<br />

leggermente aperta<br />

sul seno.<br />

curvy<br />

club<br />

LA bLOggEr dEL mEsE<br />

moda<br />

● chi è Tanesha Awasthi. È una blogger plus size californiana<br />

con origini indiane, 32 anni, sposata, colleziona borse vintage.<br />

● Il suo sito Si chiama Girls with curves (girlwithcurves.com) e<br />

nel 2012 è stato premiato come miglior curvy blog dell’anno. È<br />

nato per caso, per sfuggire a un lavoro da informatica.<br />

● Il suo stile Ama le stampe (tappezzerie e animalier le sue<br />

preferite) e i colori accesi (blu cobalto e arancio i suoi must).<br />

1<br />

LE scArpE<br />

I sandali con i<br />

listini sottili sfilano<br />

il piede e la<br />

caviglia. Guarda<br />

che siano aderenti<br />

e molto sottili.<br />

LA gONNA<br />

La stampa<br />

optical è trendy.<br />

Per non<br />

sbagliare<br />

indossane una<br />

bianca e nera e<br />

osa i disegni<br />

grandi.<br />

3<br />

2<br />

4<br />

cOpIA IL LOOk<br />

1. Giacca di eco pelle con<br />

taglio in vita (Marella, 189<br />

euro, tg. 38-50). 2. Orecchini<br />

di acciaio con perle naturali<br />

e stellina (Morellato, 49<br />

euro). 3. Sandali a listini<br />

sottili con dettagli dorati<br />

(Cinti, 129 euro). 4. Gonna<br />

di tessuto di maglia stampa<br />

optical e inserti di lurex<br />

(Kaos, 84 euro, tg. XS-L).<br />

indirizzi a pag. 252<br />

Olycom<br />

BELLE SCOPERTE<br />

IL TALENTO dI EmmA<br />

Si chiama (e si fa<br />

chiamare) “The larger<br />

lady”, pesa 98 chili, ma<br />

quando fa le acrobazie<br />

sul palo sembra un<br />

fuscello. Emma<br />

Haslam, la ballerina di<br />

pole dance che ha<br />

stregato il pubblico e la<br />

giuria del concorso<br />

Britain’s Got Talent<br />

2014. È inglese, ha 27<br />

anni e la sua taglia<br />

(una 54) non è mai<br />

stata un problema. «Il<br />

peso? Non conta. Nella<br />

pole dance servono<br />

equilibrio e forza» dice.<br />

shOppINg bENEFIcO<br />

Il bracciale contro i disturbi alimentari<br />

Il bangle Oops!trésor di Opsobject aiuta l’Aba,<br />

Associazione per lo studio e la ricerca<br />

sull’anoressia, la bulimia e le patolgie legate al cibo. Ecco<br />

i buoni motivi per non lasciarselo sfuggire.<br />

✔ Costa 44 euro e<br />

parte del ricavato sostiene la<br />

campagna di Aba “Io non<br />

sono il mio peso”.<br />

✔ È di un colore allegro e<br />

chic, il turchese Tiffany.<br />

✔ È leggerissimo e si<br />

allaccia facilmente: al posto<br />

del moschettone ha la<br />

chiusura “a bacchetta”.<br />

✔ È di silicone, non si rovina<br />

e non sbiadisce mai.<br />

di MARTA BONINI scrivile a marta.bonini@mondadori.it<br />

ha collaborato ROSSELLA MAZZALI


moda<br />

Nella borsina<br />

con tracolla ci sta<br />

solo il telefonino<br />

(Touscè, 199 euro).<br />

scrivi a dmmoda@mondadori.it<br />

@<br />

La custodia per<br />

smartphone si chiude<br />

a portafoglio<br />

(Cath Kidson su Asos.<br />

com, 35,55 euro).<br />

D+R<br />

domande e<br />

risposte<br />

Nel borsellino c’è uno<br />

scomparto porta-iPhone 5<br />

(Piquadro, 125 euro).<br />

La minibag di vernice<br />

è a misura di telefono<br />

(Carpisa, 9,90 euro).<br />

c’è un Porta-smartPhoNe<br />

glamour?<br />

Cara DM, mi piacerebbe trovare una custodia per il mio<br />

telefonino carina, pratica e protettiva. Non il solito guscio<br />

ma un accessorio tipo portafogli o tracollina dove ci stia lo<br />

stretto indispensabile. Grazie per i consigli. Giulia<br />

cara Giulia, il sucesso delle micro borse nasce proprio<br />

dal desiderio sempre più diffuso di portare con<br />

sé soltanto il telefono, un documento, il bancomat e<br />

basta. Tra le proposte che abbiamo trovato per te<br />

c’è la mini borsetta, il portafogli con lo scomparto per<br />

lo smartphone, e alcune custodie che “vestono”<br />

più del guscio protettivo e dove, magari, puoi infilare<br />

anche una tessera o una banconota. sono tutte<br />

pratiche, carine e, soprattutto, a ingombro zero.<br />

Carica la tua foto con un commento su<br />

comemivesto.donnamoderna.com o su Twitter<br />

e Instagram con #comemivesto<br />

oggi mi<br />

vesto così<br />

Sono nel mio periodo “black”<br />

19azzu87<br />

comemivesto.donnamoderna.com<br />

@<br />

dovelotrovo@mondadori.it<br />

dove lo trovo?<br />

la t-shirt di favino<br />

Ho visto in Internet questa foto del mio attore<br />

preferito e voglio assolutamente la T-shirt uguale<br />

alla sua! Sapete darmi qualche info? iris<br />

La T-shirt dell’ultimo film<br />

di Pierfrancesco Favino<br />

(a destra) costa 29 euro.<br />

102 www.donnamoderna.com<br />

indirizzi a pag. 252<br />

Pierfrancesco favino ha avuto l’idea di lanciare<br />

una T-shirt per promuovere il suo ultimo film<br />

Senza Nessuna Pietà. risultato: ha spopolato sui<br />

social di tante celeb che hanno postato le loro<br />

foto con la maglietta. vuoi unirti a loro?<br />

cercala online su www.shophappiness.com, nelle<br />

misure sia da donna sia da uomo.


ellezza<br />

«Mia madre mi<br />

ha detto... Olio di<br />

ricino sulle<br />

sopracciglia!»lquel<br />

Ha grandi occhi blu magnetici e si è già<br />

guadagnata il soprannome di liz Taylor<br />

italiana. Ma i capricci da diva non li fa.<br />

anzi, quando la incontri, di lei ti colpiscono<br />

i modi garbati. Valentina Corti, 29 anni, per<br />

il pubblico televisivo è Sara levi, uno dei<br />

personaggi più amati di Un medico in famiglia<br />

9. Un ruolo che le ha dato grande notorietà:<br />

non a caso a settembre è stata votata on<br />

line dal pubblico e ha vinto il Premio l’Oréal<br />

Paris per il Cinema, assegnato da 7 anni a<br />

questa parte a una giovane attrice durante il<br />

Festival del cinema di Venezia.<br />

Come è stato il tuo primo red carpet in<br />

Laguna?<br />

«Magico. Quando sei sul tappeto rosso sembra<br />

che il tempo non scorra mai: in realtà il<br />

passaggio è così rapido che una volta finita la<br />

passerella vorresti subito fare il bis!».<br />

Sei l’attrice emergente del momento. Dove<br />

ti vedremo?<br />

«l’anno prossimo sarò al cinema con la<br />

commedia A Napoli non piove mai di Sergio<br />

assisi. Ora sto lavorando a una coproduzione<br />

internazionale. abbiamo girato a Roma e<br />

Vienna. e poi los angeles. Che emozione:<br />

Hollywood per un’attrice è la Mecca».<br />

E poi c’è la nuova stagione di Un medico<br />

in famiglia. Qualche anticipazione?<br />

«Chissà, magari è la volta che resto incinta!».<br />

Fare l’attrice significa lavorare con le<br />

emozioni. È faticoso?<br />

«Molto. Ogni personaggio smuove delle corde,<br />

scava nel profondo. I primi tempi a fine<br />

t<br />

tocco<br />

di<br />

luce<br />

COlORI SQUIllanTI,<br />

TeSSUTI PRezIOSI, OMbReTTI<br />

IRIdeSCenTI. SOnO<br />

I SegReTI dI STIle e dI<br />

Make UP PeR IllUMInaRe Il<br />

lOOk. Ce lI Ha SVelaTI<br />

l’aTTRICe ValenTIna CORTI<br />

servizio di cristina nava foto di sevim aslan ha collaborato arianna scotti<br />

intervista di alberta Pianon scrivile a dm bellezza@mondadori.it


il pull giallo limone<br />

È un concentrato di luce e<br />

allegria. Se vuoi evitare l’effetto<br />

flash sparato direttamente sul<br />

viso indossa una camicia<br />

bianca: il colletto ti riparerà.<br />

n maxipull dolcevita di angora<br />

Boglioli, jeans strappato<br />

(reiko, 156 euro, tg. 24-32).<br />

www.donnamoderna.com 107


l’abito di velluto<br />

liscio<br />

Sotto la luce artificiale risulta<br />

leggermente cangiante e ti<br />

illumina anche se è blu notte<br />

oppure nero. Indossalo<br />

di sera e abbinalo a un trucco<br />

smokey eyes glitterato.<br />

n abito di velluto a uovo<br />

(Gianluca capannolo, 1.009 euro,<br />

tg. S-L), ciondolo<br />

radà, sandali Ballin.<br />

giornata mi portavo dietro un bel carico. Ora<br />

va meglio, l’esperienza aiuta».<br />

Un pregio e un difetto del tuo carattere.<br />

«Sono un’inguaribile ottimista, vedo sempre<br />

il lato positivo della situazione. Difetto: sono<br />

irascibile, almeno così dicono. In effetti mi<br />

infiammo facilmente. Ma il mio segno è il<br />

Sagittario, un segno di fuoco».<br />

Quando sei sul set, tutti i giorni fai trucco<br />

e parrucco. Ti pesa?<br />

«No, non mi annoio mai. Anzi, vivo le sedute<br />

come parentesi di relax. Tra truccatore<br />

e attore si crea una sorta di piacevole<br />

complicità. È un momento intimo: si chiude<br />

la porta e guai a chi disturba».<br />

Fuori dal set dedichi molto tempo a te<br />

stessa?<br />

«Sì, sono vanitosa e mi piace essere sempre<br />

in ordine. E adoro il trucco. Da piccola rubavo<br />

i prodotti alla mamma. Ora compro di tutto:<br />

mi entusiasma sperimentare».<br />

Qual è la tua beauty routine?<br />

«Mi ci dedico soprattutto la sera. Mi strucco<br />

sempre con latte detergente e tonico: se non<br />

pulisco la pelle non dormo bene. Poi crema<br />

idratante e qualche goccia di olio di argan.<br />

Sono un soldatino, non sgarro mai. Mia<br />

madre da giovane faceva la visagista e mi ha<br />

trasmesso l’importanza della cura della pelle<br />

fin da giovani».<br />

Una dritta della mamma?<br />

«Olio di ricino per le ciglia. Ne metti qualche<br />

goccia sui polpastrelli e poi massaggi le ciglia<br />

prima di andare a dormire. Dopo qualche<br />

giorno vedi il risultato: ciglia più folte, più<br />

scure e lucidissime».<br />

t<br />

108 www.donnamoderna.com


la camicia di seta<br />

Tra i capi “illuminanti” la<br />

camicia di seta è il più discreto.<br />

Se vuoi “accenderla” di più<br />

sceglila in raso. Oppure<br />

con piccoli strass sul colletto.<br />

n Gilet di mongolia (Avant Toi,<br />

1.200 euro circa, tg. XS-XL),<br />

camicia di seta (Equipment, 348<br />

euro, tg. XS-L).<br />

www.donnAmodErnA.com 109


Di sicuro hai altri trucchi per valorizzare gli<br />

occhi: sono il tuo punto forte.<br />

«Mi piace lo smokey eyes. E sono diventata<br />

piuttosto brava a realizzarlo anche da<br />

sola: durante le sedute di trucco rubo<br />

spudoratamente le tecniche ai make up<br />

artist. In questo momento vado matta per le<br />

sfumature non troppo definite sui toni<br />

del nero, del viola e del bordeaux».<br />

Il cosmetico a cui non rinunci mai?<br />

«Mascara, non esco di casa senza».<br />

Sono tante le colleghe che dopo i 40 anni<br />

cedono al ritocchino, tu cosa ne pensi?<br />

«Le attrici sono una categoria a parte,<br />

l’espressività del viso ma anche la bellezza<br />

fanno parte del curriculum. Per ora penso di<br />

volermi tenere tutte le rughe che verranno».<br />

Fai qualche attività fisica?<br />

«Almeno tre volte la settimana. Correre,<br />

andare in piscina, fare esercizi in palestra:<br />

l’importante è muoversi. È una cosa mentale:<br />

ci tengo perché mi dà serenità».<br />

Il tuo segreto antistress dopo una<br />

giornata di lavoro?<br />

«Musica a palla, possibilmente rock: l’unica<br />

cosa che mi scarica veramente. E poi una<br />

coccola culinaria. Un bicchiere di vino rosso<br />

in compagnia, un dolcetto».<br />

Hai una pagina su Facebook?<br />

«Sì e ci tengo a curarla in prima persona. Mi<br />

piace moltissimo questo filo diretto con i<br />

miei fan. Scrivetemi: non riesco a rispondere<br />

a tutti i messaggi, ma mi impegno davvero».<br />

lo chemisier di perline<br />

Indossare capi ricamati con<br />

applicazioni luccicanti equivale<br />

a vestirsi di gioielli.<br />

Per scongiurare l’effetto albero<br />

di Natale, evita<br />

orecchini, collane e & Co.<br />

n abito chemisier di<br />

chiffon di seta ricamato di perline<br />

d’oro emilio Pucci.<br />

110 www.donnamoderna.com


il giubbotto con le<br />

borchie<br />

La pelle nera è meno<br />

tenebrosa se trapuntata di<br />

borchiette metalliche,<br />

come un cielo stellato.<br />

n chiodo di suède di pelle con<br />

borchie (HTc Hollywood Trading<br />

company, 875 euro, tg. XS-L),<br />

T-shirt di cashmere (Smiley!, 385<br />

euro, tg. S-L), pantaloni di pelle<br />

(J Brand, 1025 euro, tg. 24-32)<br />

anelli nardelli, occhiali Leisure<br />

Society by Shame Baum.<br />

www.donnamoderna.com 111


il chiodo di pelle<br />

rossa<br />

Liscio e lucido, ha lo stesso<br />

effetto “segnaletico”<br />

e seduttivo di un rossetto<br />

super sexy.<br />

n Chiodo di pelle (Tru Trussardi,<br />

440 euro, tg. 38-46).<br />

il vestito di chiffon<br />

È il tessuto ideale per<br />

abiti da fata, soprattutto<br />

nelle tonalità eteree del bianco<br />

e del polvere. Per<br />

potenziarne l’effetto-luce ci<br />

vuole un incarnato uniforme.<br />

n Abito lungo di chiffon di seta<br />

con decorazioni in pizzo<br />

(Alberta Ferretti, 3.780 euro, tg.<br />

40-44), décolletées Mambrini.<br />

Trucco L’Oréal Paris Brow Artist Plumper.<br />

Simone Belli. Pettinature Michele<br />

Di Bisceglie per L’Oréal Paris<br />

indirizzi a pag. 252<br />

112 www.DOnnAMODernA.COM


1<br />

Il rossetto scuro e lucIdo<br />

Per un effetto diva fai come Valentina e<br />

punta sulle labbra. «Lascia stare il classico<br />

rosso» suggerisce Simone Belli, international<br />

make up L’Oréal Paris. «Rendi più attuale il<br />

look con il bordeaux: crea un contrasto<br />

raffinato e accentua la luminosità della pelle<br />

chiara. Ti piace osare? Scegli una nuance<br />

ancora più scura, come melanzana<br />

o rouge noir». Occhio al trucco, però:<br />

quando la bocca comanda, il resto del viso<br />

va lasciato naturale. «Al massimo puoi<br />

creare una leggera ombreggiatura sulle<br />

palpebre» dice il truccatore.<br />

lo smokey eyes satInato<br />

Se ti piace un trucco femminile ma grintoso<br />

concentrati soprattutto sullo sguardo<br />

con uno smokey eyes rivisto e corretto,<br />

realizzato con ombretti di diversi colori, alcuni<br />

anche iridescenti. «Per Valentina ho giocato con<br />

tante nuance» spiega Belli. «Marroni caldi, freddi<br />

(con un tocco di tortora) e poi il vinaccia e un<br />

bronzo». Anche le texture diverse aiutano:<br />

utilizza quelle mat per dare intensità<br />

all’attaccatura delle ciglia e quelle satinate<br />

sul resto della palpebra. «Una regola<br />

importante: evita i contorni netti e precisi»<br />

conclude il nostro esperto.<br />

2<br />

1. Colora le labbra di bordeaux intenso<br />

il rossetto Rouge Noir Letizia della<br />

Collection Exclusive Pur Rouge by Color<br />

Riche di L’Oréal Paris (17,90 euro).<br />

2. Illumina viso e décolleté Polvere<br />

di Luce Parisian Lights di Lancôme<br />

(48,50 euro), in edizione limitata.<br />

3. Matita Sopracciglia di Diego dalla<br />

Palma (18,90 euro) nella nuance<br />

103 More riempie i vuoti dell’arcata<br />

e dà intensità allo sguardo.<br />

1<br />

2<br />

1. Perfetto per uno smokey eyes<br />

dall’effetto iridescente l’ombretto<br />

Ombre Matte di Clarins (20 euro) nella<br />

nuance 05 Sparkle Grey 2. Con il<br />

nuovo scovolino a doppia ala, il<br />

mascara Ciglia Fonte Farfalla Intenza<br />

di L’Oréal Paris (17,45 euro) allunga e<br />

volumizza le ciglia. 3. BB Cream 5 in 1<br />

Perfezionatrice Istantanea di L’Oréal<br />

Paris (14,49 euro) idrata la pelle e<br />

uniforma il colorito.<br />

3<br />

3<br />

www.donnamoderna.com 113


DONNAMODERNA Promotion<br />

Il nuovo<br />

Trend<br />

SIMPLY CHIC<br />

Lo styling casual evidenzia la<br />

luminosità naturale dei capelli.<br />

Segui gli step giusti e prova<br />

subito l’acconciatura più easy<br />

Ci sono tanti modi di portare i capelli lisci.<br />

La tendenza 2015 è il free-flowing style<br />

ovvero il liscio sciolto e casual, dal mood<br />

giovane e naturale. Prova con i consigli di Ben<br />

Cooke, hair stylist Herbal Essences, che ti<br />

svela gli step giusti per un risultato d’effetto.<br />

1. Per questo hair-look i capelli hanno bisogno<br />

di essere nelle migliori condizioni possibili:<br />

utilizza Shampoo e Balsamo Herbal Essences<br />

Nude Linea Idratante con estratti di infuso di<br />

menta, per una pulizia delicata e un finishing<br />

“gloss”.<br />

2. Asciuga naturalmente con il phon,<br />

pettinando i capelli all’indietro o su un lato. In<br />

questo modo i capelli saranno semplicemente<br />

irresistibili.<br />

3. Per fare emergere una luminosità<br />

straordinaria, passa le dita alle radici e lascia<br />

che i capelli si sistemino spontaneamente<br />

secondo il tuo modo di portarli. Goditi<br />

l’acconciatura e il profumo!<br />

Nuova linea Herbal Essences Nude<br />

Idratante.Un’esperienza ravvivante per<br />

capelli in cerca di vitalità.<br />

Herbal Essences Nude<br />

Shampoo Idratante regala<br />

un’esperienza naturalmente<br />

rinfrescante grazie al profumo<br />

travolgente degli estratti di<br />

pompelmo bianco e menta.<br />

La sua formula leggera e<br />

idratante dona ai tuoi capelli<br />

una straordinaria sensualità,<br />

insieme a Nude Balsamo<br />

Idratante, che idrata a fondo<br />

i capelli lasciandoli leggeri<br />

e naturalmente irresistibili.<br />

Lasciati inebriare dalla fresca<br />

profumazione long lasting.<br />

Herbal Essences Nude è<br />

una linea 0% parabeni, 0%<br />

coloranti, 0% siliconi*.<br />

#getnude<br />

* Nello shampoo


ellezza<br />

succede<br />

che...<br />

lo smalto è sParkly<br />

Le feste di natale sono il momento<br />

dell’anno in cui amiamo aggiungere qualche<br />

riflesso metallico al nostro make up:<br />

ombretti scintillanti, lipstick 24 K e polveri<br />

illuminanti dall’effetto luminoso. Per<br />

completare questo look, orly propone la<br />

collezione Sparkle Holiday<br />

che comprende 6 smalti glitter (15 euro).<br />

L’OLIO È ProVenZaLe<br />

Conosci i quadri intitolati<br />

L’Arlésienne di Van Gogh e Picasso?<br />

Si ispirano al fascino delle<br />

donne del Sud della Francia. Ora lo<br />

fa anche il brand L’Occitane<br />

con un’intera gamma di prodotti<br />

sensuali, coloratissimi e super<br />

profumati (Huile de Soin, 28 euro).<br />

la crema è<br />

una star<br />

eight Hour Cream, il cosmetico-leggenda di<br />

elizabeth arden, oltre ad avere conquistato<br />

la trousse di molte celebrities, come<br />

Gwyneth Paltrow, lilly allen ed eva longoria,<br />

si è aggiudicata, dal 2000 a oggi, oltre 115<br />

premi scientifici. Per festeggiare il successo<br />

di questa star della bellezza, numerosi<br />

artisti le hanno fatto il ritratto nell’edizione<br />

limitata tutta d’oro di Natale (19,90 euro).<br />

il mascara è<br />

uN amore<br />

Green (contiene aloe<br />

vera), volumizzante e<br />

waterproof: il mascara<br />

natural&Young di Planter’s<br />

racchiude tutte queste<br />

caratteristiche in un pack<br />

irresistibile. L’edizione è<br />

limitata ma il prezzo davvero<br />

accattivante (10 euro).<br />

a cura di marTa BonInI scrivile a marta.bonini@mondadori.it<br />

www.donnamoderna.com 115


ellezza<br />

scopri l’effetto<br />

c’è una linea<br />

immaginaria che<br />

parte dal mento e<br />

arriva alle tempie.<br />

Se disegna un<br />

triangolo il viso è<br />

tonico e giovane.<br />

ecco come<br />

prendertene cura<br />

servizio di LaUra d’orSI<br />

scrivile a dmbellezza@mondadori.it<br />

v<br />

Trunk/contrasto (2)<br />

le creMe aNtiGraVitÀ<br />

Per risollevare i contorni del viso servono cosmetici ad hoc. «Di<br />

solito questi prodotti agiscono su due fronti: da una parte<br />

rimpolpano la pelle grazie a fitoestrogeni estratti da soia, kigelia<br />

africana, trifoglio, riso e salvia, che stimolano la produzione di<br />

collagene ed elastina» spiega il cosmetologo Umberto Borellini.<br />

Dall’altra, hanno una capacità di lifting immediato che<br />

ottengono con bio-peptidi, dall'effetto tensore. Formano cioè<br />

una specie di reticolo sulla superficie del viso che lo rende subito<br />

più sodo e giovane. Applica il cosmetico con i palmi aperti,<br />

partendo dalla mandibola e risalendo verso l’alto, come per<br />

“stirare” la pelle e disegnare una V perfetta.<br />

t<br />

www.donnamoderna.com 117


1<br />

bellezza<br />

2<br />

PER IL COLLO<br />

1. Maschera Multi-Perfezione Viso e Collo Perfecta Plus di<br />

Collistar (36 euro) la lasci in posa dieci minuti per un<br />

effetto lifting immediato. 2. Con acido ialuronico, riduce le<br />

rughe di collo e décolleté Liftissime Cou di Lierac (60,50<br />

euro, in farmacia). 3. È a effetto tensore la maschera<br />

monouso in tessuto Bio Mask Collo e Mento Lift di<br />

IncaRose (4,50 euro, in farmacia). 4. Rassoda e previene il<br />

rilassamento della pelle del collo Benefiance Concentrated<br />

Neck Contour Treatment di Shiseido (84 euro).<br />

3<br />

4<br />

la RaDIOFReQUeNza<br />

PeR l’OVale<br />

Si chiama Maximus il nuovo trattamento per ridisegnare i<br />

contorni del viso. «Sfrutta una radiofrequenza super<br />

potente che fa contrarre le fibre di collagene e distende<br />

immediatamente la pelle» spiega Dvora Ancona,<br />

medico estetico. «Inoltre, il calore velocizza la produzione<br />

di fibre elastiche. Ma la vera novità è che gli impulsi<br />

arrivano fino al muscolo e, come una ginnastica passiva, lo<br />

stimolano e lo rinforzano. In genere si consigliano<br />

quattro sedute da fare una volta alla settimana, e come<br />

mantenimento una seduta una volta al mese. Un pacchetto<br />

di quattro trattamenti costa circa 240 euro.<br />

✱LA GYM POP-UP<br />

Per mantenere tonica la pelle di guance e zigomi, fai<br />

questo semplice esercizio: pronuncia in modo<br />

molto accentuato le vocali. Per un’azione più mirata,<br />

metti negli angoli della bocca la punta degli<br />

indici, tirandoli verso l’esterno e opponi resistenza<br />

cercando di chiudere la bocca. Poi cerca<br />

di dire “O” facendo aderire il labbro superiore<br />

ai denti. Se invece vuoi rassodare il collo,<br />

quando sei distesa a letto alza lentamente la testa<br />

di qualche centimetro e poi riabbassala, ripeti<br />

25 volte. Poi ruotala lentamente a destra e a sinistra<br />

senza appoggiarla, provaci 10 volte per lato.<br />

L’INTERVENTO PIÙ RICHIESTO<br />

Dilaga la mania degli autoscatti e, secondo<br />

l’american academy of facial plastic and<br />

reconstructive surgery, nell’ultimo anno questa moda<br />

ha creato una maggiore richiesta (circa il 10 per<br />

cento in più) di interventi estetici. «Il selfie di solito<br />

mette in risalto i difetti e così molti decidono per il<br />

ritocchino» spiega il professor Giulio basoccu,<br />

chirurgo plastico. l’intervento più richiesto per venire<br />

bene in foto? Quello che riduce il doppio mento<br />

sfilando l’ovale. «Si può effettuare con sedute di<br />

carbossiterapia, microiniezioni di anidride carbonica<br />

oppure con la mentoplastica additiva. Viene inserita<br />

una piccola protesi di silicone da un’incisione<br />

effettuata all’interno della cavità orale» dice basoccu.<br />

PER IL VISO<br />

1. A base di estratti vegetali,<br />

Lift-Affine Visage di Clarins<br />

(69 euro) rimodella i contorni<br />

del viso. 2. Combatte la<br />

perdita di tonicità e previene<br />

le rughe Revitalift Viso,<br />

Contorni e Collo di L’Oréal<br />

Paris (12,70 euro).<br />

3. Lift Effect 45+ Rigenerante<br />

Notte di Somatoline Cosmetic<br />

(37 euro, in farmacia)<br />

mantiene soda la pelle del<br />

volto. 4. Affina l’ovale il<br />

fondotinta Instant V-Lift<br />

Sculping Foundation di Helena<br />

Rubinstein (61 euro).<br />

1<br />

2<br />

4<br />

3


ellezza<br />

I RIMeDI PeR le<br />

COllaNe DI VeNeRe<br />

Il collo tradisce (ed è la prima parte che cede):<br />

visi liscissimi dalla fronte al mento ma appena<br />

più sotto... rughe, grinze e pelle poco tonica. Una<br />

recente ricerca americana ha dimostrato che<br />

nell’era di smartphone e tablet, che ci<br />

costringono ad abbassare spesso il capo, i segni<br />

sul collo appaiono più precocemente, già a 35<br />

anni. Se anche tu cominci a vedere una serie di<br />

anelli, dedica a questa zona un trattamento<br />

speciale. Dopo avere massaggiato il latte<br />

detergente con i polpastrelli, dalla base del<br />

décolleté fino al viso, tampona con un telo<br />

morbido senza strofinare, e applica una fiala di<br />

fluido a effetto tensore. Picchietta il prodotto<br />

dal basso verso l’alto, dal centro verso i lati del<br />

collo, fino al mento.<br />

I MICROaGHI D’ORO<br />

Il collo, fino a qualche tempo fa, era una zona difficile da trattare perché i risultati erano poco<br />

soddisfacenti e per niente naturali. Ma da oggi è possibile restituire compattezza e turgore alla cute.<br />

«Funziona molto bene Golden Lift, un nuovissimo apparecchio che associa microaghi d’oro<br />

e radiofrequenza. Le piccole punte attraversano l’epidermide arrivando fino a 3,5 millimetri di<br />

profondità e, insieme alle onde elettromagnetiche, stimolano la pelle a rigenerarsi» spiega la<br />

dottoressa Ancona. «Nella stessa seduta si può abbinare il laser CO2 frazionato che, grazie ai forellini<br />

creati dagli aghi, penetra e agisce meglio». Il trattamento (radiofrequenza con aghi + laser) prevede<br />

una seduta al mese per tre volte e il costo di ciascuna è di 800 euro.<br />

MINIGUIDA AI PULL STRATEGICI<br />

A CRATERE Allunga e<br />

slancia il collo<br />

(Persico, 245 euro,<br />

tg. 38-45).<br />

ALTO Nasconde il<br />

doppio mento e lo<br />

"sostiene" (Cos,<br />

125 euro, tg. XS-L).<br />

MONTANTE Mimetizza<br />

le collane<br />

di Venere (Pinko,<br />

prezzo su richiesta).<br />

AD ANELLO Valorizza<br />

una V-shape tonica<br />

(Zara, 49,95 euro,<br />

tg. S-M).<br />

A sCiARpA Distoglie lo<br />

sguardo dal collo e lo porta<br />

sul seno (Marella Sport,<br />

149 euro, tg. S-XXL).<br />

120 www.donnamoderna.com


LA CREMA<br />

MULTIUSO<br />

La usi come crema idratante,<br />

maschera express<br />

anti-stanchezza e, dopo averla<br />

lasciata in frigo tutta<br />

la notte, lifting immediato per<br />

il contorno occhi. È 3 in 1<br />

Perfetta in 1 Minuto di Pupa<br />

(16,90 euro).<br />

bellezza<br />

hai 1 minuto ?<br />

È quello che ti basta per essere perfetta.<br />

dalla maschera allo smalto. orologio alla mano,<br />

non ti resta che provare<br />

di aLIce caPIaGHI scrivile a dmbellezza@mondadori.it<br />

LA BASE ILLUMINANTE<br />

Se sei di fretta, prova Éclat Minute Base<br />

Illuminatrice de Teint di Clarins (29,50 euro). Con<br />

un solo gesto (e in una manciata di<br />

secondi) correggi le piccole imperfezioni, idrati<br />

la pelle e dai luce all’incarnato.<br />

LO SCRUB DOLCE<br />

Gommage Mains Minute di<br />

L’Occitane (15 euro) rende<br />

subito le mani morbide grazie<br />

agli zuccheri biologici che<br />

eliminano cuticole e cellule<br />

morte e agli oli di karité,<br />

mandorla e semi d’uva<br />

che nutrono la pelle.<br />

IL BLUR<br />

LEVIGANTE<br />

Applicato prima del<br />

fondotinta, Visionnaire<br />

[1 Minute Blur] di Lancôme<br />

(55,50 euro) minimizza<br />

all’istante i pori e le<br />

irregolarità della pelle. Così<br />

l’incarnato è subito perfetto<br />

e il make up dura di più.<br />

IL TRATTAMENTO<br />

EFFETTO PIOMBO<br />

Hydra Liss 72H Fructis di<br />

Garnier (5,50 euro) è una<br />

maschera speedy: la lasci in<br />

posa un minuto e l’effetto<br />

liscio dura fino a tre giorni.<br />

Contiene phyto-cheratina per<br />

rinforzare la fibra capillare e<br />

olio di argan per nutrire.<br />

L’OLIO<br />

LUCIDANTE<br />

L’ideale per una manicure<br />

veloce è Huile Séchage<br />

Express di Sephora (9,50<br />

euro). Ne bastano poche<br />

gocce sulle unghie per fare<br />

asciugare e rendere brillante<br />

qualsiasi smalto.<br />

LA VERNICE ROCK<br />

È firmata dalla cantante Rita Ora la nuance White<br />

Hot Love #703 della linea 60 Seconds Colour Rush<br />

di Rimmel (4,90 euro). Hai un effetto coprente con<br />

una sola passata e l’asciugatura è ultra rapida.<br />

www.donnamoderna.com 123


la<br />

segui<br />

scia<br />

Con questo test trovare il profumo giusto è un<br />

gioco. Rispondi alle domande, rincorri le frecce e scopri<br />

la fragranza che fa per te. Buon divertimento!<br />

di moniCa maRelli scrivile a dmbellezza@mondadori.it<br />

parti da qui<br />

naturali<br />

hai i capelli<br />

naturali o<br />

con le<br />

mèches?<br />

occhi<br />

per il make up<br />

punti sugli<br />

occhi o sulle<br />

labbra?<br />

mèches<br />

sulle<br />

unghie nail<br />

art o<br />

french?<br />

nail art<br />

caffè<br />

verde<br />

a colazione,<br />

caffè<br />

verde o tè bio?<br />

tè bio<br />

french<br />

campagna<br />

nel weekend,<br />

campagna<br />

o città<br />

straniera?<br />

città<br />

straniera<br />

ti piace di<br />

più parigi<br />

o tokYo?<br />

Parigi<br />

sei un tipo sofisticato<br />

la classe con cui ti vesti, gli abbinamenti moda che indossi e<br />

il portamento regale che hai sono gli “ingredienti”<br />

che ti rendono chic ed elegante. le amiche ti copiano, te ne<br />

sei mai accorta? Chissà se ti ruberanno anche<br />

il tuo profumo ideale: fiorito e sofisticato. Come Gucci<br />

Première che miscela i fiori bianchi (fresia,<br />

gelsomino, rosa bulgara) e note intense di patchouli.<br />

Gucci première Eau de toilette (da 60 euro).<br />

Tokyo


sei un tipo SporTivo<br />

Vivi il tempo libero con energia e vitalità: l’importante è<br />

muoversi, tonificare il corpo e respirare aria fresca. ami<br />

l’abbigliamento comodo e pratico, la spontaneità e quel<br />

tocco di semplicità di chi non si fa troppi problemi. Le note<br />

giuste per te sono quelle fresche dei profumi agrumati.<br />

come Sporty citrus che sa di mandarino e arancia mescolati<br />

a fiori bianchi. Sporty Citrus di Michael Kors (da 49 euro).<br />

bellezza<br />

labbra<br />

GiorGio ArMANi<br />

meglio<br />

giorgia o lady<br />

gaga?<br />

grande stilista<br />

copi il look<br />

di un giovane<br />

designer o<br />

di un grande<br />

stilista?<br />

Giorgia<br />

STELLA JEAN<br />

ti senti meglio<br />

con un abito<br />

tinta unita o<br />

uno stampato?<br />

tinta unita<br />

giovane designer<br />

DArLiNG<br />

stampato<br />

p.A.r.o.S.h.<br />

sei un tipo<br />

roMANTiCo<br />

In un mondo frenetico e super<br />

tecnologico, tu ami sognare.<br />

Sia un fidanzato, un posto di<br />

lavoro o una vacanza, vedi tutto<br />

con lenti rosa. La dolcezza con<br />

cui vivi ogni momento, ti rende<br />

affascinante come la fata delle<br />

favole. La tua fragranza? È<br />

leggermente speziata. come<br />

Paris, che contiene bergamotto,<br />

pepe rosa e inaspettate<br />

note di foglie di pomodoro.<br />

paris rebel Collector di Yves Saint<br />

Laurent (131 euro, ed. limitata).<br />

Lady Gaga<br />

Jessica Chastain<br />

la tua icona è<br />

l’attrice<br />

chastain o la<br />

top kate moss?<br />

Kate Moss<br />

guardare un film<br />

GUESS FooTWEAr<br />

tacchi<br />

MASSiMo DUTTi<br />

nel tempo<br />

libero ami<br />

leggere o<br />

guardare<br />

un film?<br />

leggere<br />

nella tua<br />

scarpiera ci<br />

sono più<br />

tacchi alti o<br />

stivaletti?<br />

stivaletti<br />

sei un tipo<br />

SENSUALE<br />

mostri la tua femminilità in ogni<br />

occasione: che sia la spesa al<br />

supermercato o la cena con gli amici,<br />

hai sempre un dettaglio che dice:<br />

«mi piace sedurre». La naturalezza<br />

con cui dimostri di essere<br />

fiera delle tue curve ti fa ammirare<br />

anche dalle donne. Il profumo ideale<br />

per te è dolce e goloso. come<br />

Justgold, con note di nocciola e<br />

mandarino che si fondono nel cuore<br />

di gelsomino e marshmellow.<br />

Justgold di JustCavalli (da 49,50 euro).<br />

sei un tipo<br />

FAShioN<br />

ami indossare i trend del<br />

momento ma senza diventare<br />

fashion victim. Le tue amiche<br />

spesso si rivolgono a te per<br />

un consiglio: hai mai pensato<br />

di fare la personal shopper?<br />

La tua fragranza è inebriante<br />

e fruttata. come The one, una<br />

combinazione frizzante di<br />

bergamotto e mandarino con<br />

tocchi succosi di pesca.<br />

The one Collector’s Edition di<br />

Dolce&Gabbana (da 87 euro).<br />

www.donnamoderna.com 125


ellezza<br />

D+R<br />

domande e<br />

risposte<br />

scrivi a dmbellezza@mondadori.it<br />

@<br />

Sopra, Make Me<br />

Perfect Correttore e<br />

Illuminante di Debby<br />

(4,90 euro). Sotto,<br />

Le Crayon Correcteur<br />

Accord Parfait di<br />

L’Oréal (14,59 euro).<br />

Cosa METTo priMa:<br />

il correttore o il fondotinta?<br />

Cara Donna Moderna, mi capita di dover coprire piccole<br />

imperfezioni o, se dormo poco, le occhiaie. Però ho un<br />

dubbio: quali cosmetici devo usare e in che ordine? Maria<br />

ciao Maria, di solito è meglio stendere prima il<br />

fondotinta per uniformare l’incarnato e poi il correttore,<br />

solo nelle zone dove serve. Se vuoi mascherare<br />

piccoli arrossamenti, scegline uno verde. Se invece<br />

devi nascondere i cerchi bluastri sotto gli<br />

occhi, applica uno stick arancione. Unica eccezione:<br />

se al fondotinta liquido ne preferisci uno<br />

compatto, devi mettere prima il correttore, altrimenti<br />

rischi che le texture non si fondano bene<br />

e la pelle risulti disomogenea e poco luminosa.<br />

Carica la tua foto con un commento<br />

su cambiotesta.donnamoderna.com o su Twitter<br />

e Instagram con #cambiotesta<br />

oggi Mi<br />

pETTino Così<br />

Piccolo anticipo x stasera<br />

BocoloMBo<br />

cambiotesta.donnamoderna.com<br />

@<br />

dovelotrovo@mondadori.it<br />

come lo copio<br />

iL nUoVo LooK dell’attrice<br />

Scarlett Johansson si è tagliata i capelli? Mi piacerebbe<br />

molto averli come lei. Consigli? Giada_90<br />

cortissimi sotto e più lunghi sopra. da portare come<br />

fa lei, con la riga da una parte e il ciuffo dall’altra.<br />

attenzione, però, per avere un taglio alla Scarlett ci<br />

vuole un viso armonioso e un collo sottile.<br />

Sconsigliato anche se hai orecchie imperfette: sono<br />

in primissimo piano.<br />

A sinistra, scarlett<br />

Johansson. Sopra, App<br />

Textifix Pasta Modellante<br />

di Creattiva Professional<br />

(15 euro, in salone)<br />

per styling strutturati.<br />

126 www.donnaModerna.coM


Quest’anno i regali di Natale li facciamo insieme


Quest’anno il Natale<br />

sarà dolce con i<br />

regali fatti in casa!<br />

È il pensiero che conta! E allora perché non preparare regali di<br />

Natale fatti in casa? È facile, basta un poco di zucchero, burro,<br />

farina, uova. A darti gli strumenti giusti ci pensiamo noi.<br />

Tagliabiscotti<br />

Il set da 8 pezzi costa € 5,90 - l’articolo ha il codice 630912<br />

Dopo aver preparato la frolla ricava<br />

i cerchi con la formina liscia o ondulata.<br />

Crea il foro centrale. Sovrapponi<br />

e riempi con marmellata.<br />

Provato per te:<br />

Lavora velocemente la pasta frolla per non<br />

scaldare il burro, l’impasto sarà più semplice da tagliare.<br />

Metti il panetto almeno mezz’ora in frigorifero: ti renderà più facile<br />

la preparazione.<br />

Se desideri preparare grandi quantità di biscotti da regalare ma non<br />

hai molto tempo a disposizione, ricorda che la pasta frolla può essere<br />

conservata per un paio di giorni in frigorifero, o anche più a lungo in<br />

freezer, così puoi suddividere il lavoro.<br />

Curiosità:<br />

Riempi di biscotti dei vasetti con tappo a tenuta ermetica e confezionali con<br />

nastri colorati. In questo modo i dolcetti si conserveranno meglio e più a<br />

lungo che se riposti nei sacchetti trasparenti. Inoltre, quando i biscotti saranno<br />

terminati, il barattolo potrà essere riutilizzato.


Tagliabiscotti doppio taglio<br />

L’omino ha il codice 630867 (2 tagliabiscotti, 4 misure)<br />

L’albero ha il codice 630865 (2 tagliabiscotti, 4 misure)<br />

La stella ha il codice 630864 (3 tagliabiscotti, 6 misure)<br />

Ogni set di tagliabiscotti costa € 5,90<br />

Scegli la forma che<br />

preferisci e divertiti<br />

a realizzare i tuoi<br />

biscotti in varie<br />

misure.<br />

Biscotti<br />

di pasta frolla<br />

Il barattolo<br />

ha il codice 894620<br />

FATTI AIUTARE<br />

DAI TUOI BIMBI<br />

per fare un dolce regalo<br />

ai nonni preparalo<br />

con le tue mani...<br />

e con il cuore!<br />

Ingredienti<br />

per 40 biscotti:<br />

250 g di farina tipo 00<br />

125 g di burro morbido<br />

100 g di zucchero a velo<br />

1 uovo<br />

1 bustina di vanillina<br />

Procedimento:<br />

Amalgama tutti gli ingredienti fino<br />

ad ottenere un impasto omogeneo.<br />

Forma una palla liscia e compatta e<br />

trasferiscila nella pellicola per alimenti.<br />

Lascia riposare in frigorifero per<br />

almeno due ore, quindi toglila dal<br />

frigo e stendila con il matterello fino<br />

ad ottenere uno spessore di circa 4<br />

mm. Ritaglia i biscotti e adagiali su<br />

una teglia rivestita con carta forno<br />

distanziandoli uno dall’altro. Cuoci in<br />

forno preriscaldato a 180 °C per circa<br />

10 minuti, fino a doratura.


Per creare un capolavoro.<br />

forma biscotti<br />

DELÍCIA<br />

art. 630534<br />

SHOP<br />

www.tescoma.it<br />

Vuoi preparare biscotti come quelli comprati in pasticceria? Ti serve una pistola sparabiscotti! La riempi con<br />

l’impasto e lo “spari” direttamente sulla teglia antiaderente, senza imburrarla e senza usare carta forno. Ha<br />

10 diverse trafile per ottenere frolle di qualsiasi forma e 6 bocchette per utilizzarla come pistola decoratrice.


mbo<br />

<br />

✱<br />

✱<br />

✱<br />

✱<br />

Rosso, bianco e...<br />

16 look da<br />

indossare a Natale<br />

(ma anche<br />

tutto l’inverno)<br />

pag. 132<br />

Orsi di meringa<br />

e pinguini di<br />

zucchero. 6 ricette<br />

dolcissime<br />

pag. 142<br />

Sotto l’albero<br />

84 regali<br />

su misura da<br />

0 a 14 anni<br />

pag. 148<br />

Cinema, teatro<br />

& Co.: 8 cose<br />

da fare nei giorni<br />

di vacanza<br />

pag. 167


✱speciale bambino<br />

Fuori nevica? Quando si esce<br />

bisogna tenere<br />

i piedi al caldo. Con un paio<br />

di scarponcini<br />

invernali.<br />

n Per la bambina più piccola.<br />

Abitino quadrettato con cintura<br />

(Mayoral, 49,95 euro, tg. 2-9 anni).<br />

Collant Chicco. Stivali Falcotto.<br />

Per la ragazzina. Giacca<br />

con cappuccio (da 104 euro, tg. 2-4<br />

anni), maglia con stella<br />

di paillettes (da 65 euro, tg. 2-14<br />

anni). Tutto Viaelisa. Pantaloni<br />

di velluto a coste (Zgeneration by<br />

negozi Z, da 19,99 euro,<br />

tg. 2-14 anni). Scarponcini Primigi.<br />

Cuscino Croff by Coin.<br />

132 www.donnAModernA.CoM


aspettando<br />

babbo<br />

natale<br />

Un vestito speciale per la<br />

sera della vigilia.<br />

Un pigiama buffo per la notte<br />

più lunga. E un albero<br />

(decorato dai piccoli) dove<br />

ritrovarsi tutti insieme<br />

la mattina del 25 dicembre!<br />

servizio di SImona marZoLI e orneLLa roTa a cura di crISTIna naVa<br />

foto di LorenZo nardI testi di camILLa GhIrardaTo<br />

La gonnellina di<br />

tulle effetto tutù<br />

è deliziosa. e trasforma le<br />

bambine in fate. o ballerine.<br />

n cappottino con lurex e paillettes<br />

(da 54,90 euto, tg. 4-10 anni),<br />

gonna di tulle cipria (27,90 euro,<br />

tg. 1-2 anni). Tutto Primigi.<br />

calze Gusella. Stringate Primigi.<br />

Pecorella di cartone<br />

davide Paganotti design.<br />

www.donnamoderna.com 133


✱speciale bambino<br />

Per sentirsi grandi<br />

alle ragazzine basta un<br />

vestitino di<br />

broccato, ai maschietti<br />

una giacca di lana,.<br />

n Per la bambina. abito di<br />

broccato (Quis Quis, 225 euro,<br />

tg. 2-14 anni). calze<br />

chicco. Polacchini Grünland Junior.<br />

Per il bambino. Giacca grigia<br />

con fodera rossa (H&m, 29,99<br />

euro, tg. 1-8 anni), pull a righe (Paul<br />

Smith Junior, da 100 euro,<br />

tg. 2-16 anni), pantaloni bordeaux<br />

(H&m, 9,99 euro, tg. 1-8 anni).<br />

Scarponcini canguro.<br />

134 www.donnamoderna.com


Volete costruire delle stelle di<br />

Natale molto particolari?<br />

Procuratevi 5 bastoncini, una<br />

pistola di colla a caldo e del filo<br />

di lana o un cordoncino colorato.<br />

Spezzate i bastoncini (i più piccoli<br />

si faranno aiutare dalla mamma)<br />

in modo che siano della stessa<br />

lunghezza. Seguendo il modello della<br />

foto in basso, unite i bastoncini<br />

e incollate il punto in cui si<br />

incrociano. Lasciate asciugare bene<br />

e coprite le parti incollate con<br />

la lana o il cordoncino. Ecco pronta<br />

una bella stella di Natale da<br />

regalare alla mamma perché l’appenda<br />

fuori dalla porta di casa. Oppure<br />

da sistemare in cima all’albero.<br />

www.donnamoderna.com 135


136 www.donnamoderna.com<br />

anche i giovanissimi, la<br />

sera più importante<br />

dell’anno, si divertono a<br />

indossare qualcosa<br />

di scintillante. come un<br />

abito d’oro<br />

o d’argento.<br />

n Per la bambina più piccola.<br />

abitino di broccato<br />

panna e oro (chicco, 119,90 euro,<br />

tg. 3-24 mesi). calze H&m.<br />

Scarpe chicco. Per la ragazzina.<br />

abito a mezze maniche<br />

(Kenzo Kids, da 157 euro, tg. 2-16<br />

anni). calze H&m. Ballerine<br />

melania. Pupazzi Sebra da Le<br />

civette sul comò. Sacco<br />

rosso essent’ial. albero Viridea.


I biscotti e il latte per Babbo<br />

Natale sotto l’albero.<br />

Le luci spente. Ora si va<br />

a nanna con un pigiama<br />

di flanella<br />

(sperando che la notte voli!).<br />

n Per la bambina a sinistra.<br />

Giaccone di lana (109 euro, tg.<br />

8-14) e maglia girocollo<br />

(99 euro, tg. 8-14 anni). Tutto Liu Jo<br />

Junior. Pigiama (Sottocoperta,<br />

da 54 euro, tg. 2-16 anni). Per la<br />

bambina al centro. Pigiama<br />

scozzese (Du Pareil au Même, da<br />

20,95 euro, tg. 2-14 anni).<br />

Per il bambino. Pigiama di cotone<br />

(Sottocoperta, da 54 euro, tg.<br />

2-16 anni). Pantofole De Fonseca.<br />

Lenzuola La Fabbrica del Lino.<br />

Coperta Bynord da Jannelli&Volpi.<br />

Tavolino Vitra. Lampada Danese.<br />

speciale bambino ✱


✱speciale bambino<br />

Di che colore è il Natale?<br />

rosso! Le piccoline,<br />

come folletti di Babbo<br />

Natale, stanno bene con un<br />

total look. Per le<br />

grandicelle, meglio un solo<br />

capo scarlatto.<br />

n Per la bambina più piccola.<br />

Abitino di velluto (Iana, 45 euro,<br />

tg. 6-30 mesi). Calzine La Perla<br />

Baby. Scarponcini Canguro.<br />

Per la ragazzina. Maglia con scollo<br />

a V (27 euro, tg. 2-12 anni)<br />

e gonna di tulle (25 euro, tg. 2-12<br />

anni). Tutto di Iana. Calze<br />

Calzedonia. Scarponcini Grünland<br />

Junior. Tavolino e sedia<br />

Studio delle Alpi da UnDueTreStella.<br />

Decorazioni natalizie<br />

Viridea. Materiale di cartoleria Tiger<br />

ed Essent’ial.<br />

138 www.DoNNAMoDErNA.CoM


Arricchire l’albero di belle<br />

decorazioni è semplicissimo.<br />

Servono un cartoncino,<br />

del panno e del nastrino colorati,<br />

matitona, righello, forbici,<br />

colla. Cominciate disegnando sul<br />

cartoncino una sagoma a scelta<br />

(albero, cuore o stella).<br />

Appoggiate la formina sul panno e<br />

tratteggiate i contorni con<br />

una matita. Con l’aiuto di un adulto<br />

ritagliate le sagome, poi<br />

prendete un nastrino (è più<br />

divertente se di colore diverso<br />

dal panno) e incollate le<br />

decorazioni. Lasciatele asciugare e<br />

appendetele ai rami dell’albero.<br />

www.donnamoderna.com 139


È il momento del<br />

maxi golf. Se poi è<br />

bianco e assomiglia<br />

a quello che papà usa in<br />

montagna, sarà super.<br />

n maglione tricottato (original<br />

marines, da 37,99 euro, tg. 2-10<br />

anni), camicia scozzese (Piazza<br />

Italia, 19,95 euro, tg. 3-12 anni),<br />

pantaloni a 5 tasche (Kiabi,<br />

12,99 euro, tg. 4-14 anni).<br />

albero e lucine di Viridea.<br />

140 www.donnamoderna.com


speciale bambino ✱<br />

che delizia la<br />

gonnellina tartan,<br />

sui toni del rosso. adesso,<br />

con una camicetta, è<br />

perfetto per le feste. Poi, con<br />

un golf, lo sarà per la scuola.<br />

n cappottino di panno con<br />

fiocchetti (United colors of<br />

Benetton, 59,95 euro, tg. 0-XL),<br />

gonna di lana scozzese (Petit<br />

Bateau, 52 euro, tg. 3-12 anni).<br />

cuffie United colors of Benetton.<br />

calze chicco. Stringate naturino.<br />

Lucine e coniglio di Seletti.<br />

indirizzi a pag. 252<br />

www.donnamoderna.com 141


✱speciale bambino<br />

Nel soffice igloo<br />

iNgredieNti per 6 2 dischi di pan di Spagna,<br />

150 g di frutta sciroppata a dadini scolata, 3 cucchiai<br />

di zucchero, 1 dl di panna, 150 g di ricotta, 100 g<br />

di mascarpone, gelatina di albicocche, 200 g di pasta di<br />

zucchero bianca, 8 g di gelatina in fogli, zucchero a velo.<br />

preparazioNe Fodera uno stampo per zuccotto da<br />

15 cm con carta forno bagnata e strizzata, rivestilo<br />

con il pan di Spagna diviso a spicchi e spennellalo con<br />

poco sciroppo della frutta. monta la panna, incorpora<br />

il mascarpone, la ricotta mescolata con lo zucchero<br />

e la frutta sgocciolata. Sciogli la gelatina ammollata e<br />

strizzata in 2 cucchiai di sciroppo caldo, mescolala<br />

tiepida al composto, riempi lo stampo, coprilo con un<br />

disco di pan di Spagna di 16 cm e metti in frigo 4 ore.<br />

Sforma il dolce, spennellalo di gelatina di albicocche,<br />

rivestilo di pasta di zucchero e spolverizzalo di<br />

zucchero a velo. Guarnisci con pinguini di zucchero.<br />

Renne,<br />

pinguini,<br />

orsetti...<br />

dolcissimi<br />

Le feste d’inverno sono come una fiaba. Da raccontare preparando insieme<br />

torte da sogno, cuccioli di zucchero e cioccolato, panna che sembra neve<br />

a cura di STEFANIA CARLEVARO ricette di dANIELA mALAVASI scrivi a dmbambino@mondadori.it


4 passi al polo<br />

ingredienti per 6 330 g di farina, 1 uovo, 50 g di<br />

zucchero, 1 bustina di lievito, latte, 1 cucchiaio di scorza di<br />

limone grattugiata, 80 g di burro, 150 g di marzapane,<br />

200 g di crema di cioccolato alle nocciole, zucchero a velo.<br />

preparazione Impasta 300 g di farina con l’uovo,<br />

lo zucchero, 60 g di burro morbido a pezzetti,<br />

la scorza di limone e il lievito, aggiungendo a poco a<br />

poco il latte tiepido necessario per ottenere un<br />

impasto morbido e omogeneo. Imburra e infarina una<br />

tortiera antiaderente, versa il composto, cuoci<br />

in forno a 180° per 45 minuti e fai raffreddare. dividi<br />

la torta a metà, farciscila con la crema al<br />

cioccolato. ricomponi il dolce, copri la superficie<br />

con il marzapane che avrai tirato a sfoglia e ritagliato<br />

dandogli la forma di neve che cola. Spolverizzalo<br />

con lo zucchero a velo e decora con orsetti giocattolo.<br />

masi - mondadori Portfolio (6)<br />

L’omino di ghiaccio<br />

ingredienti per 6 120 g di cioccolato<br />

fondente, 100 g di farina, 50 g<br />

di farina di mandorle, 5 uova, 240 g di<br />

zucchero, 140 g di burro, 250 g<br />

di pasta di zucchero bianca, 70 g di<br />

pasta di zucchero colorata, sale.<br />

preparazione monta i tuorli con lo<br />

zucchero, aggiungi 125 g di burro<br />

morbido a pezzetti, il cioccolato<br />

grattugiato e le due farine setacciate.<br />

alla fine incorpora gli albumi montati<br />

a neve con un pizzico di sale. Versa<br />

l’impasto in una tortiera antiaderente<br />

di 24 cm foderata di carta forno<br />

imburrata, livella la superficie e cuoci<br />

a 180° per 40 minuti. ritaglia la<br />

torta fredda in 2 dischi da 16 cm e<br />

uno da 4, riduci uno dei dischi<br />

a 8 cm e componi il pupazzo sul<br />

piatto con il disco da 16 e quello<br />

da 8. Stendi la pasta di zucchero,<br />

rivesti il dolce, crea il cappello<br />

con la tortina piccola e decoralo con<br />

la pasta di zucchero colorata.<br />

www.donnamoderna.com 143


✱speciale bambino<br />

Un tuffo sottozero<br />

ingredienti per 6 1 l di latte, 6 cucchiai<br />

di amido di frumento, 6 cucchiai di cacao<br />

amaro, 10 cucchiai di zucchero, 3 dl di panna.<br />

preparazione Setaccia in una piccola<br />

casseruola l’amido e il cacao, aggiungi<br />

all’impasto 8 cucchiai di zucchero e<br />

incorpora a poco a poco il latte mescolando<br />

con la frusta. metti il tutto in una<br />

casseruola sul fuoco e cuoci a fiamma molto<br />

dolce, sempre girando, per 3-4 minuti<br />

dall’ebollizione. Versa la crema in una<br />

terrina di vetro, falla raffreddare e<br />

trasferiscila in frigorifero per 4 ore. al momento<br />

di servire il dolce, copri il composto<br />

con la panna che avrai montato con lo zucchero<br />

rimasto, fai un buco al centro con il<br />

dorso del cucchiaio e sistemaci una fochina<br />

giocattolo o di pasta di zucchero.<br />

Sorrisi tenerissimi<br />

ingredienti per 6 340 g di cioccolato al latte,<br />

120 g di cioccolato fondente, 60 g di burro,<br />

4 uova piccole, 150 g di zucchero semolato, 3/4 di<br />

bustina di lievito per dolci, 380 g di farina,<br />

25 g di cacao amaro, pastiglie di cioccolato, bastoncini<br />

dolci di sfoglia, glassa pronta, sale.<br />

preparazione monta le uova con lo zucchero<br />

semolato e incorpora il cioccolato al latte,<br />

fuso a bagnomaria e tiepido. aggiungi la farina<br />

setacciata con il lievito e il cacao, un pizzico<br />

di sale, il cioccolato fondente grattugiato e il burro<br />

morbido. Versa in una tortiera rettangolare<br />

di 24x30 cm foderata di carta forno bagnata e<br />

strizzata e fai cuocere a 180° per 30 minuti circa.<br />

ritaglia la torta per ottenere un disco di<br />

14 cm per il muso, un ovale grande per la testa<br />

e un piccolo ovale per il naso. Forma la<br />

renna, decora la torta con la glassa e le pastiglie<br />

e disegna le corna con i bastoncini.<br />

144 www.donnamoderna.com


✱speciale bambino<br />

Gli orsacchiotti squisiti<br />

INGredIeNtI Per 6 200 g di albumi, 200 g di zucchero a velo,<br />

200 g di zucchero semolato, gocce di cioccolato, burro, sale.<br />

PreParazIoNe mescola i due tipi di zucchero. Inizia<br />

a montare a neve soda gli albumi con un pizzico di sale<br />

e metà dello zucchero e aggiungi il resto verso la fine.<br />

Fodera la placca con un foglio di carta forno imburrato,<br />

metti la meringa in una tasca da pasticciere a bocchetta<br />

liscia e disegna, direttamente sulla placca, 6 orsetti<br />

ben distanziati. Forma un primo disco per il corpo,<br />

accostane uno più piccolo per la testa e due ciuffetti per<br />

le orecchie. concludi con le zampe, poi fai occhi e naso<br />

con le gocce di cioccolato. Inforna a 80° e cuoci per 2 ore:<br />

gli orsetti devono asciugare, non dorare (semmai abbassa<br />

la temperatura e lascia socchiuso lo sportello del forno).<br />

mini delizie<br />

1 Un impasto leggero guarnito da una glassa alla<br />

Nocciola Piemonte: la ricetta storica del<br />

panettone Galup per i bambini è irresistibile<br />

(750 g, 25,50 euro nella scatola a cappelliera).<br />

2 Biscotti, torte, pizzette: con Le merende<br />

di mamma papera (Malvaorsa, 14,90 euro) si fa<br />

tutto in casa. 3 Per far ridere i piccolini,<br />

metti in tavola il divertente portauovo di Babbo<br />

Natale (Wmf, 9,95 euro).<br />

1<br />

3<br />

2<br />

@<br />

scrivi a dmbambino@mondadori.it<br />

in cucina<br />

con papà<br />

mariano sabatini<br />

il pesce finto della vigilia<br />

non c’è natale senza “pesce finto”. Per le<br />

mie figlie, Flavia e Sofia, è il segnale della<br />

festa: lo prepariamo sempre insieme, nei<br />

lunghi pomeriggi della Vigilia in attesa del<br />

cenone. Il momento più bello resta quello<br />

della decorazione: via libera alla fantasia.<br />

INGredIeNtI Per 6 500 g di tonno sott’olio,<br />

600 g di patate, 2 zucchine, 3 carote grandi,<br />

cetriolini sott’aceto, maionese, capperi, sale.<br />

PreParazIoNe Lessa le patate, con le<br />

zucchine e le carote, tenendo una di queste<br />

per la decorazione. Sbucciale, schiacciale<br />

bene e sala. Frulla il tonno sgocciolato nel<br />

mixer e uniscilo alla purea, amalgamando con<br />

le mani. confeziona un impasto a forma<br />

di pesce oppure usa uno stampo. Proteggilo<br />

con pellicola trasparente e fallo insaporire<br />

in frigo per un paio d’ore. ricoprilo di<br />

maionese e decora: i capperi dissalati<br />

serviranno come occhi, la carota, affettata<br />

sottile con la mandolina, potrà ornare<br />

la pinna della coda, mentre con lo stesso<br />

attrezzo otterrai tante rondelle di cetriolini,<br />

che userai per riprodurre le squame.<br />

146 www.donnamoderna.com


un regalo<br />

che fa brillare gli occhi<br />

Devi ancora decidere cosa mettere sotto l’albero? In queste<br />

pagine trovi 84 suggerimenti divisi per età.<br />

I piccoli saranno felici. E Natale resterà nel loro cuore<br />

a cura di aLeSSandra cIPeLLI e LucIa corna hanno collaborato marTa BonInI, STeFanIa carLeVaro, ISaBeLLa FaVa, camILLa<br />

GHIrardaTo, crISTIna naVa, donaTeLLa SGroJ scrivi a dmbambino@mondadori.it<br />

lei<br />

&<br />

lui<br />

da 0 a 2<br />

anni<br />

l’aerosol<br />

con questo modello a forma<br />

d’ippopotamo, buffo come un cartone<br />

animato, fare le inalazioni sarà<br />

un gioco (mrHippo Pic, 73,90 euro).<br />

il poncho<br />

Per la sua prima uscita importante: un<br />

capo caldo e stellato come la<br />

notte di natale (Ikks, 97,50 euro).<br />

il cappellino<br />

Sembra una piccola renna ma è<br />

un berretto di pile con i laccetti di lana.<br />

Sulla sua testolina starà una<br />

meraviglia (chicco, 17,90 euro).<br />

la poltrona<br />

un drago? no, un pouf di peluche<br />

dove rilassarsi<br />

dopo le “fatiche” dell’asilo<br />

(noukie’s, 79,90 euro).<br />

148 www.donnamoderna.com<br />

il trenino<br />

ecco Thomas, la locomotiva da costruire<br />

con i mattoncini e che, con i suoi vagoni,<br />

aiuta a prendere confidenza con i numeri<br />

(Thomas & Friends, 16,99 euro).


speciale bambino ✱<br />

il carillon<br />

Grazie al coniglietto che<br />

suona la ninnananna,<br />

sarà facile fare sogni d’oro<br />

(Soft Cuddles Chicco,<br />

19,90 euro).<br />

il peluche<br />

Troppo piccolo per avere un<br />

cane? Può cominciare a<br />

esercitarsi con Pluto, che si<br />

muove e abbaia come un<br />

cucciolo vero (MacDue per<br />

Disney, 39,99 euro).<br />

il set<br />

Confezione regalo per bebè<br />

(c’è anche in azzurro)<br />

con biberon, succhietto e<br />

clip, così il ciuccio non<br />

cade a terra (Nascita Liberty<br />

Suavinex, 18,50 euro).<br />

la tuta<br />

È di lana grigia e ha il<br />

musetto di un cucciolo:<br />

non se la vorrà più<br />

togliere (United Colors of<br />

Benetton, 25,95 euro).<br />

i boots<br />

Sembrano quelli dei<br />

grandi, ma hanno<br />

la punta rinforzata, la<br />

chiusura di velcro<br />

e sono morbidissimi<br />

(Falcotto, 82 euro).<br />

l’abitino<br />

Tutto di lana rossa e con le<br />

maniche a palloncino: in queste<br />

feste la più elegante sarà lei<br />

(Original Marines, 22,90 euro).<br />

il bavaglino<br />

È il suo primo Natale,<br />

un’occasione speciale da<br />

festeggiare con un ricamo in<br />

tema (Ellepi, 4,90 euro).<br />

le costruzioni<br />

Non si stanca mai di creare, aggiustare<br />

e modellare? Ecco 60 pezzi per inventare<br />

di tutto, dalle torri agli animali<br />

(Mega Bloks First Builders, 17,99 euro)<br />

la carrozzina<br />

Diventa anche ovetto per<br />

l’auto e passeggino,<br />

ma soprattutto fa felici e i<br />

genitori patiti di design:<br />

la sua struttura si ispira ai<br />

lavori dei mitici architetti<br />

Charles & Ray Eames (Priam<br />

Cybex, prezzo su richiesta).


lei<br />

da 3<br />

a 5 anni<br />

speciale bambino ✱<br />

la collana<br />

Una catenina sottile e,<br />

come charm, la gattina più<br />

amata dalle bambine di<br />

ogni età (Hello Kitty apple<br />

Swarovski, 69 euro).<br />

il labirinto<br />

Un passatempo<br />

sempre divertente<br />

e intelligente.<br />

Protagonisti, i<br />

chiodini da far girare<br />

su spericolati e<br />

fantasiosi percorsi<br />

(Puzzle Labirinto<br />

Quercetti,<br />

19,90 euro).<br />

il multigame<br />

allena la manualità, ma anche la<br />

mira: in questo gioco vince<br />

chi modella più palline di pasta e<br />

fa centro nel mini bidone<br />

(Il gioco del barattolo matto,<br />

Play-doh, da 29,90 euro).<br />

la fragranza d’ambiente<br />

Basta uno spruzzo per<br />

profumare di buono la sua<br />

cameretta e gli abitini. Senza<br />

alcol (KidSpace, 39 euro).<br />

il pupazzo<br />

riconosce la voce, fa<br />

versi buffi, gattona e<br />

vuole la pappa: il<br />

piccolo panda è<br />

dedicato alle bambine<br />

che amano i cuccioli<br />

(Furreal Friends,<br />

da 69,90 euro).<br />

il libro<br />

Perché la scimmia può fare le<br />

boccacce e io no? La risposta<br />

in Perché io no?, un racconto<br />

divertentissimo di Thierry<br />

robberecht (Piemme, 12 euro).<br />

la minigonna<br />

Imbottita come un piumino, è<br />

l’ideale per la montagna<br />

e per le giornate più fredde<br />

(oVS Kids, 12,99 euro).<br />

la bicicletta<br />

Ha le rotelle di<br />

supporto e il cestino<br />

per la merenda. ma<br />

soprattutto, questa<br />

due ruote è decorata<br />

con le immagini<br />

del film Frozen<br />

(denver Bike per<br />

disney, 89,90 euro).<br />

lo scamiciato<br />

Scozzese, con gonna<br />

arricciata e, in vita, un<br />

grande fiocco di raso blu:<br />

ecco il vestito che fa subito<br />

festa (H&m, 17,99 euro).<br />

l’unicorno<br />

Princess cadance è una delle<br />

ultime arrivate nella serie tv dei<br />

My Little Pony. Parla, illumina le ali<br />

e ha una splendida criniera da<br />

pettinare (Hasbro, da 38,90 euro).<br />

www.donnamoderna.com 151


lui<br />

da 3<br />

a 5 anni<br />

il tablet<br />

Se gli regali il modello adatto,<br />

con i contenuti divisi<br />

per fasce d’età e a prova di<br />

urto, smetterà di giocare<br />

con il tuo! (Happy Tab chicco,<br />

129 euro).<br />

speciale bambino ✱<br />

la camicia<br />

di cotone a pois e con<br />

il papillon: per i piccoli<br />

che tengono all’eleganza<br />

(H&m, 14,90 euro).<br />

le sneakers<br />

Tutte di pelle scamosciata<br />

e con dettagli metal, piaceranno<br />

ai maschietti! (diadora<br />

Heritage, 99 euro).<br />

il gioco<br />

I bambini si divertiranno e<br />

correranno parecchio<br />

per acchiappare le farfalle<br />

luminose che<br />

l’elefante lancia dalla sua<br />

proboscide azzurra<br />

(elefun Hasbro, da<br />

31,50 euro).<br />

Il quattroruote<br />

con il quad a batteria che ha<br />

un pedale per accelerare,<br />

uno per frenare e la batteria<br />

chi lo fermerà più? (Quad<br />

Ferrari Feber, 89,90 euro).<br />

il divertimento<br />

Quanti danni ha già combinato<br />

con il pallone? regalagli questa<br />

porta: ogni volta che fa goal con<br />

la palla morbidissima, suona!<br />

(chicco Goal League, 44,90 euro).<br />

il libro<br />

Sono il più grande di Stephanie<br />

Blake racconta le vicende<br />

di Simone e del suo fratellino<br />

Pappamolla nella sfida<br />

più dura di sempre: quella<br />

di crescere. completo<br />

di metro da appendere<br />

(Babalibri, 12,50 euro).<br />

le pantofole<br />

morbide e calde,<br />

mettono Thor,<br />

l’incredibile Hulk e Iron<br />

man ai suoi piedi.<br />

Letteralmente! (de<br />

Fonseca, 26,90 euro).<br />

il pigiama<br />

Spada, stivali e teschio<br />

sono stampati: così,<br />

anche sotto le coperte, si<br />

sentirà un eroe dei cartoni<br />

animati di Jake e i pirati<br />

dell’isola che non c’è<br />

(disney Store, 18 euro).<br />

www.donnamoderna.com 153


lei<br />

da 6<br />

a 8 anni<br />

speciale bambino ✱<br />

il bauletto<br />

Vuole essere carina in questi giorni<br />

di festa? Il set con profumo, glitter gel<br />

per il corpo e spugna, è quello<br />

che ci vuole per lei (Admiranda<br />

per Disney, 15,70 euro).<br />

l’abitino<br />

Con questo modello<br />

di broccato, che ha<br />

persino la sottogonna<br />

di tulle, sembrerà una<br />

fatina (Laura Biagiotti<br />

Dolls, 190 euro).<br />

il libro<br />

Se ama gli animali,<br />

regalale Mauro e il<br />

leone di Pinin Carpi.<br />

Racconta l’amicizia<br />

tra un bambino<br />

e il re della savana.<br />

Con tante avventure<br />

straordinarie<br />

(Il Battello a Vapore,<br />

16 euro).<br />

il tablet<br />

Ha più di 100 applicazioni<br />

ed è diviso in due<br />

sezioni: una per lei e una<br />

per i genitori, protetta<br />

da una password (Mio<br />

Tab Family Lisciani,<br />

119,99 euro).<br />

il peluche<br />

Riconosce il suo nome<br />

e quello della sua<br />

“padroncina”, parla,<br />

dorme, impara. Non<br />

affezionarsi al nuovo<br />

Furby è una missione<br />

impossibile (Furby<br />

Boom, da 89,90 euro).<br />

la favola<br />

A scuola si prepara<br />

uno spettacolo ma<br />

tutto sembra andare<br />

storto: riuscirà la<br />

gattina a sistemare le<br />

cose? La piccola<br />

lettrice lo scoprirà solo<br />

alla fine di Hello Kitty e<br />

i suoi amici (Il Battello<br />

a Vapore, 12 euro).<br />

gli stivaletti<br />

I boots di pelle<br />

scamosciata hanno<br />

una marcia in<br />

più: tanti strass<br />

che brillano a<br />

ogni passo (Primigi,<br />

69,90 euro).<br />

l’infermeria<br />

Da grande vuole<br />

diventare come la<br />

Dottoressa Peluche?<br />

Può cominciare a<br />

“esercitare” con<br />

questo studio (alto<br />

quasi un metro) che<br />

ha tutti gli strumenti<br />

del veterinario<br />

(Giochi Preziosi,<br />

124,99 euro).<br />

lo scrigno<br />

Appassionata delle Winx? Per<br />

lei c’è solo un regalo: il cofanetto di<br />

baby trucchi firmato dalle fatine<br />

(Specchio degli Abissi, 29,90 euro).


lui<br />

da 6<br />

a 8 anni<br />

speciale bambino ✱<br />

la stazione di polizia<br />

Un galeotto sta scappando dalla<br />

finestra, un altro fugge da una<br />

botola sul tetto, aiuto! Più che una<br />

costruzione, è un’avventura da<br />

vivere, mattoncino dopo mattoncino<br />

(Lego city, 99,99 euro).<br />

il pupazzo interattivo<br />

Se ha già una wii U resterà<br />

estasiato dai personaggi amiibo,<br />

che interagiscono con i giochi<br />

grazie a un chip letto dalla<br />

consolle (nintendo, 12,99 euro<br />

il set da 12 statuette).<br />

la supercar<br />

non un’auto qualunque, ma la<br />

famosa Batmobile che, di<br />

fronte ai nemici, si trasforma<br />

in carro armato con tanto<br />

di artigli (mattel, 28,50 euro).<br />

il libro<br />

Lindbergh di Torben Kuhlmann è la storia<br />

di un topo di biblioteca che diventa<br />

un leggendario aviatore. dedicato ai<br />

piccoli con la testa tra le nuvole<br />

(orecchio acerbo editore, 19,50 euro).<br />

il pull<br />

con tanti colori e con la zip. ora<br />

lo usa come golf, in primavera lo<br />

indosserà come giubbino (United<br />

colors of Benetton, 19,95 euro).<br />

i pattini<br />

Per sfrecciare come il mitico<br />

dusty (l’aeroplanino protagonista<br />

di Planes) non servono le ali,<br />

bastano le rotelle (Pattini Planes<br />

mondo, 39,90 euro).<br />

i pantaloni<br />

Sono di lana tartan ma<br />

soffice: persino il bambino<br />

che fa sempre il difficile<br />

li troverà perfetti (replay<br />

and Sons, 9 euro).<br />

il modellino<br />

Costruisci il tuo T. Rex<br />

piacerà al fan di dinosauri:<br />

il risultato sarà un<br />

“esemplare” alto ben<br />

75 centimetri (editoriale<br />

Scienza, 19,90 euro).<br />

lo zainetto<br />

Per andare a dormire<br />

dai nonni o dall’amichetto<br />

del cuore c’è la sacca<br />

a forma di pupazzo<br />

(Kipling, 49,90 euro).<br />

www.donnamoderna.com 157


speciale bambino ✱<br />

lei<br />

da 9<br />

a 11 anni<br />

il braccialetto<br />

color oro rosa, con tanti fiorellini e<br />

lunghezza regolabile, è il bijou da<br />

regalare alle bambine che amano tutto<br />

ciò che luccica (morellato, 49 euro).<br />

la chitarra<br />

elettrica<br />

Se sogna di<br />

diventare una<br />

popstar, lascia che si<br />

eserciti sullo<br />

strumento firmato<br />

Violetta (Lexibook,<br />

prezzo su richiesta).<br />

il gioco da tavolo<br />

La nuova versione di<br />

monopoli ha tanto di app e<br />

sito web per personalizzare<br />

tutto, dai nomi delle<br />

proprietà alle carte degli<br />

Imprevisti (my monopoly,<br />

da 46,90 euro).<br />

il libro<br />

non si è persa una<br />

puntata di Junior<br />

masterchef Italia?<br />

Con Lo chef sono io!<br />

rivivrà l’emozione<br />

della famosa<br />

trasmissione. e ti<br />

cucinerà ottimi<br />

manicaretti (nord-Sud<br />

edizioni, 27,90 euro).<br />

la Barbie<br />

abito da sera rosso<br />

e oro, più gli<br />

immancabili boccoli:<br />

la mitica bambola<br />

in versione glamour<br />

farà impazzire le sue<br />

fan (Barbie magia<br />

delle Feste, mattel,<br />

54,99 euro).<br />

il cinema pop up<br />

Se i video sono già la sua passione,<br />

questo mini studio di animazione<br />

gli permetterà di creare un set dove<br />

girare, con lo smartphone,<br />

i suoi primi film da regista (editoriale<br />

Scienza, 19,90 euro).<br />

il videogame<br />

Suckboy e i buffi eroi<br />

fatti a maglia di Little<br />

Big Planet 3 sono<br />

tornati e hanno<br />

molte abilità in più.<br />

Per sfidarsi, anche<br />

sui social, grazie<br />

alle nuove funzioni<br />

della Play Station 4<br />

(Sony, 149,99 euro).<br />

la trousse<br />

Sembra una bambolina, ma nasconde<br />

gloss, ombretti, fard, matita, specchietto<br />

e molto altro. Per il suo primo make up<br />

(deborina di deborah, 19,90 euro).<br />

i contenitori<br />

da riempire di giocattoli, ma anche di<br />

biscotti e caramelle: queste<br />

scatole sono prive di Pvc e Bpa (Lego,<br />

da babybottega.com, 26,50 euro).<br />

il vestitino<br />

adora i gatti? allora<br />

questo tubino di lana,<br />

con un micio nero che<br />

fa capolino, sembra<br />

fatto per lei (Kiabi,<br />

14,90 euro circa).<br />

www.donnamoderna.com 159


lui<br />

da 9<br />

a 11 anni<br />

il bagnoschiuma<br />

captain america contiene un sapone<br />

profumato. Per giocare al supereroe<br />

nella vasca o sotto la doccia<br />

(admiranda per marvel, 14,90 euro).<br />

speciale bambino ✱<br />

il giaccone<br />

Fuori di lana, dentro<br />

di felpa: proprio quello che<br />

ci vuole per correre ai<br />

giardinetti dopo la scuola<br />

(Silvian Heach Kids,<br />

49,95 euro).<br />

il “phablet”<br />

metà telefonino, metà tablet.<br />

con un maxi display da<br />

6 pollici permette di giocare,<br />

imparare e navigare,<br />

in tutta sicurezza, grazie a uno<br />

speciale software (Paquito mix<br />

Imaginarium, 149 euro).<br />

le costruzioni<br />

Se ama impilare mattoncini e creare<br />

mostri con artigli di fuoco<br />

ed enormi mascelle, questo è il suo<br />

regalo (chima Leone di<br />

Fuoco Lego, 49,99 euro).<br />

la camicia<br />

Bianca e con la cravatta, è<br />

uguale a quella che usa<br />

papà in ufficio. Per i piccoli<br />

che si sentono già grandi<br />

(oVS Kids, 16,99 euro).<br />

i polacchini<br />

con la suola di gomma e un<br />

colore squillante, isolano<br />

dal freddo e mettono allegria<br />

(Frau Junior, 65 euro).<br />

il videogioco<br />

In questa puntata degli<br />

Invizimals Gli Invincibili si<br />

combatte per salvare<br />

il leader dell’alleanza e<br />

ristabilire la pace<br />

nell’universo (Sony per<br />

Play Station Vita,<br />

29,99 euro).<br />

le tazze<br />

arrivano da una galassia<br />

molto lontana le buffe<br />

mug-scultura che riproducono i<br />

personaggi dell’intramontabile<br />

saga di Star Wars (disney<br />

Store, 15 euro l’una).<br />

www.donnamoderna.com 161


Concorso promosso da Ferrero S.p.A., valido dal 15 ottobre al 19 dicembre 2014. Montepremi complessivo: n. 6.600 casette di cartone: Euro 297.000,00 (IVA inclusa), n. 10 Frigoriferi:<br />

Euro 19.000,00 (IVA inclusa), n.1 ristrutturazione: Euro 50.000,00 (IVA inclusa). Regolamento completo sul sito www.lacasachevuoi.it. Le immagini dei premi hanno carattere puramente illustrativo.<br />

“stamattina<br />

invece di rifare<br />

il letto, rifacciamo<br />

tutta la casa.”<br />

vinci la ristrutturazione di casa tua, firmata da andrea castrignano!<br />

acquista Kinder fetta al latte, Kinder Pingui e le altre merendine fresche Kinder<br />

e digita su lacasachevuoi.it il codice che trovi sulle confezioni. ParteciPerai<br />

all’ estrazione e Potrai vincere la ristrutturazione di casa tua del valore<br />

massimo di 50.000 euro. e in Piu, in Palio ogni giorno 100 sPlendide casette<br />

di cartone da colorare insieme ai tuoi BamBini.


lei<br />

da 12<br />

a 14 anni<br />

speciale bambino ✱<br />

il portachiavi<br />

È ricoperto di cristalli Swarovski<br />

questo gattino, disegnato niente<br />

meno che da Katy Perry. In edizione<br />

limitata (claire’s, 34,99 euro).<br />

la pochette<br />

Tutta di paillettes,<br />

da usare come<br />

mini borsa o per i<br />

primi trucchi (Sisley,<br />

19,95 euro).<br />

il film<br />

Se non l’ha visto<br />

al cinema, eccolo in<br />

dvd: Maleficent,<br />

ossia la storia della<br />

Bella addormentata<br />

vista con gli occhi<br />

della matrigna<br />

cattiva-angelina Jolie<br />

(disney, 17,99 euro).<br />

l’abito<br />

ormai è grande,<br />

e con questo<br />

modello di raso,<br />

tulle e fiori<br />

applicati sembrerà<br />

una piccola<br />

donna (Liu Jo<br />

Junior, 169 euro).<br />

il beauty kit<br />

Una trousse con bagnoschiuma,<br />

latte corpo e spugna. o i cuoricini<br />

per profumare l’acqua del bagno.<br />

due regali deliziosi (Sephora,<br />

Trousse edition Limitée, 16,90 euro;<br />

Bath Pearls, 5 euro).<br />

gli orecchini<br />

Ha avuto il permesso<br />

di farsi forare le<br />

orecchie? Un bijou così<br />

non può mancare sotto<br />

l’albero (Jack & co.,<br />

29 euro).<br />

il profumo<br />

La fan degli one<br />

direction esploderà di<br />

gioia quando, nel<br />

suo pacchetto, troverà<br />

l’ultima fragranza<br />

creata dalla famosa<br />

band (You & I,<br />

da 29,90 euro).<br />

il cardigan<br />

Se è di lana,<br />

tempestato di perline<br />

e strass, vai a colpo<br />

sicuro: il golf le<br />

piacerà tantissimo<br />

(Tobetoo, 60 euro).<br />

il videogioco<br />

arriva la sesta edizione del game<br />

per ballare con gli amici, divertirsi<br />

molto e allenarsi parecchio (Just<br />

dance 2015 per wii, 40 euro).<br />

www.donnamoderna.com 163


✱speciale bambino<br />

lui<br />

da 12<br />

a 14 anni<br />

il maxi pull<br />

In classico stile norvegese,<br />

di lana tricot e con<br />

lo scollo sciallato. Questo<br />

maglione è per veri “duri”<br />

(Piazza Italia, 19,95 euro).<br />

il gel<br />

ora i capelli li vuole<br />

“strutturati”. Tu regalagli<br />

un bel gel effetto<br />

bagnato (Gel Ficky<br />

mediterranea Kids,<br />

4,30 euro).<br />

il videogioco<br />

Se è stufo dei spara-spara, con<br />

questo game si divertirà a occuparsi<br />

dei mii, simpatici esserini che<br />

insegnano a prendersi cura degli altri<br />

(Tomodachi Life, per<br />

nintendo 3dS, 39,90 euro).<br />

l’altoparlante<br />

È di ceramica, non ha bisogno<br />

di cavi o batterie, amplifica la<br />

musica che ha sull’iPhone.<br />

In tanti colori divertenti (mickey<br />

Sound egan per disney,<br />

39,90 euro).<br />

lo smartphone<br />

Lo aspettava da tanto<br />

tempo e finalmente Babbo<br />

natale lo fa felice: questo<br />

modello naviga a razzo e<br />

ha lo schermo XXL. In vari<br />

colori (Birdy 4G wiko,<br />

139,90 euro).<br />

164 www.donnamoderna.com<br />

indirizzi a pag. 252


speciale bambino ✱<br />

zapping<br />

i pinguini<br />

di Madagascar<br />

1l i film Di natalE<br />

i pinguini di Madagascar<br />

altro che il leone alex, la giraffa melman e<br />

l’ippopotamo gloria del film Madagascar! i veri<br />

divi del famoso cartoon di Dreamworks sono<br />

loro, i pinguini. tanto da meritarsi prima una<br />

serie in tv e, adesso, un’avventura al cinema.<br />

Dove, trasformati in superspie, devono salvare<br />

il mondo. Divertentissimo. Ora nelle sale.<br />

big hero 6 È ambientato nel futuro<br />

l’ultimo film della Disney. in una città chiamata<br />

San Fransokyo, l’enfant prodige Hiro,<br />

esperto di robot, trasforma i suoi amici in una<br />

super squadra tecnologica per risolvere<br />

un mistero. Visionario. Dal 18 dicembre.<br />

terre des ours girato nel<br />

Kamchatka, in russia, il documentario di<br />

guillaume Vincent segue le avventure<br />

di 5 orsi. Emozionante. Dal 7 dicembre. i.F.<br />

big hero 6<br />

terre des ours<br />

2 l TeaTro<br />

qui lE StoriE<br />

sono anche in inglese<br />

imparare le lingue a teatro? Si può. la compagnia<br />

Extrateatro (www.extrateatro.it) porta in scena a roma, dal<br />

13 dicembre al 6 gennaio, spettacoli in italiano<br />

e inglese per i bambini. il primo è Magic Songs e la<br />

protagonista è una maga che, per un incantesimo, si<br />

ritrova dall’altra parte del mondo. così, grazie<br />

a battute e canzoni, l’inglese diventa divertente. c.c.<br />

l TV programmi cult<br />

3per piccoli e grandi<br />

BarBie per la gioia delle fan, dicembre porterà ogni<br />

giorno una storia diversa della super bambola: dal lunedì<br />

al venerdì, alle 14,10 su Boing, va in onda un cartoon<br />

in cui Barbie è fata, ballerina o principessa. E fa vivere alle<br />

bambine avventure emozionanti. a tuttO tinO per i più<br />

piccoli, su DeaJunior, dal lunedì al venerdì alle 20,<br />

appuntamento con lo show del pupazzo verde tino. amato<br />

anche da mamma e papà perché ricorda i muppets. E.c.<br />

barbie<br />

a tutto tino


Grazie a:<br />

ArisA<br />

Al BAno<br />

ilAry BlAsi<br />

rAffAellA<br />

cArrà<br />

MArco cArtA<br />

BArBArA<br />

D’Urso<br />

DeAr JAck<br />

fiorello<br />

eMis killA<br />

VAnessA<br />

incontrADA<br />

flAVio<br />

insinnA<br />

MikA<br />

GiAnni<br />

MorAnDi<br />

MAssiMo<br />

rAnieri<br />

frAncesco<br />

renGA<br />

elenA sofiA<br />

ricci<br />

VAsco rossi<br />

teleGAtto<br />

frAncesco<br />

totti<br />

Questo Nat<br />

con gli A<br />

A Natale scopri gli auguri<br />

più esclusivi delle feste:<br />

Sorrisi ha realizzato una serie di<br />

19 cartoline originali disegnate<br />

dagli artisti più amati del mondo<br />

dello spettacolo, per sostenere<br />

un importante progetto di solidarietà<br />

a cui puoi partecipare anche tu!<br />

TV Sorrisi e Canzoni<br />

devolverà tutti i proventi<br />

dell’iniziativa a favore di<br />

A.R.E.C.O. Associazione per la Ricerca Europea in Chirurgia<br />

Oncologica - ONLUS. L’Associazione ha carattere volontario<br />

e non ha scopi di lucro. Obiettivo: in Italia e all’estero<br />

la realizzazione e la promozione di studi chirurgici e non,<br />

in particolare in oncologia colo-rettale, finalizzati<br />

alla cura dei tumori nel rispetto della qualità<br />

di vita dell’uomo.


ale fai del bene<br />

uguri d’Artista!<br />

1. Scegli la tua cartolina<br />

in regalo<br />

con Tv Sorrisi e Canzoni<br />

il 9 dicembre in edicola!<br />

2. acquista la collezione<br />

delle 19 cartoline su<br />

www.shopforyou.it<br />

per i tuoi auguri natalizi<br />

3. Scopri l’asta<br />

on line dei disegni<br />

originali su<br />

www.charitystars.com


dm in privato<br />

L’amore?<br />

Te lo trovano<br />

gLi amici<br />

chi non ha fiducia negli<br />

incontri combinati deve<br />

ricredersi. Spesso<br />

funzionano. Tutto merito di<br />

un cupido che intuisce la<br />

combinazione vincente<br />

di TereSa berGamaSco<br />

scrivile a dminprivato@mondadori.it<br />

«Ho un ragazzo carino da presentarti». Quando<br />

sei single, c’è sempre un’amica che vorrebbe<br />

improvvisarsi Cupido. Ma nell’era dei social<br />

network e del dating on line hanno ancora senso gli<br />

appuntamenti combinati? Le statistiche dicono<br />

di sì. Secondo un’indagine condotta dal sito Meetic<br />

su10mila single europei, la cerchia di amici è<br />

il canale migliore per trovare l’amore (57%).<br />

«Di sicuro è il più affidabile perché non si ha di fronte<br />

uno sconosciuto intercettato via chat» spiega<br />

Gloria Rossi, psicoterapeuta di coppia. «La selezione,<br />

poi, non è avvenuta attraverso gli algoritmi di un<br />

computer, ma è opera di una persona amica. Quanto al<br />

successo dell’incontro, dipende dalla confidenza che<br />

c’è fra chi si mette nei panni di Cupido e la persona<br />

a cui vengono sottoposti i pretendenti ». Come<br />

dimostrano le tre storie che ti raccontiamo.<br />

Getty<br />

t<br />

www.donnamoderna.com 171


dm in privato<br />

Che sorpresa conoscere<br />

l’uomo che fa per me<br />

eLISa, 32 anni, Trento<br />

«Marta è la mia migliore amica: sa tutto di me e che non<br />

mi piacciono gli incontri combinati. Così, quando tre<br />

anni fa mi ha invitato a cena per farmi conoscere Enrico,<br />

il suo nuovo ragazzo, mi ha detto semplicemente che<br />

saremmo stati in quattro. E non ho avuto sospetti, tanto<br />

più che conoscevo tutti quelli del suo giro. In effetti c’era<br />

Daniele, un suo compagno di studi di cui avevo sentito<br />

parlare ma non avevo mai visto. L’ho trovato subito<br />

carino, dolce, intelligente. Più parlava di sé, dei suoi<br />

interessi, del sogno di fare l’agricoltore<br />

più mi piaceva. Marta me lo ha letto in faccia. E quando<br />

è rimasta sola con lui, ha detto: “Carina Eli, vero?<br />

Vi rivedrete?”. Lui ha preso tempo, ma lei<br />

non ha mollato e dopo un po’ lo ha invitato di nuovo.<br />

Da quella volta non ci siamo più lasciati».<br />

perchÉ ha funzionato «Marta ha fatto in modo che<br />

sembrasse un incontro casuale e questo mi ha permesso<br />

di essere spontanea, altrimenti mi sarei bloccata. Il fatto<br />

che lei lo stimasse è stato per me un ottimo biglietto<br />

da visita e credo che alla fine abbia giocato a favore il<br />

fatto che tutti e tre abbiamo sogni e valori simili».<br />

Speravo mi piacesse<br />

e sono rimasta delusa<br />

FederIca, 28 anni, roma<br />

«Quest’estate Alberto, un mio amico, si era messo<br />

in testa di presentarmi “il tipo ideale per te”. Era<br />

così convinto che potesse funzionare che alla fine<br />

ho accettato di incontrarlo, durante una cena<br />

informale con altre persone. Ci abbiamo messo due<br />

mesi per trovare una data che andasse bene a tutti.<br />

E quell’attesa ha fatto lievitare le mie aspettative.<br />

Sono arrivata al ristorante con tanta curiosità e un<br />

pizzico di speranza. In pochi minuti avevo perso ogni<br />

entusiasmo. Il “mio uomo ideale” in realtà era un<br />

ragazzino tutto palestra e calcio. Sono tornata<br />

a casa delusa. Quando il mio amico mi ha chiesto un<br />

feedback, gli ho detto di lasciar perdere.<br />

Mai fidarsi dell’intuito degli uomini».<br />

perchÉ non ha funzionato «Alberto lo<br />

frequento spesso, però non abbiamo confidenza. Con<br />

lui non avevo mai parlato di quello che mi piace in un<br />

uomo ed è stato presuntuoso a credere di indovinarlo.<br />

La cosa più assurda? Io mi sento molto più simile a lui<br />

che non al candidato che mi ha presentato».<br />

Abbiamo scoperto le nostre<br />

affinità davanti a un caffè<br />

cHIara, 40 anni, cremona<br />

«Ilaria me l’ha ripetuto per settimane, cercando di convincermi a<br />

incontrare il migliore amico del marito: “Tu e Luca siete<br />

fatti l’uno per l’altra”. E io, declinando gli inviti , rispondevo:<br />

“Sto bene così” . Luca, il candidato in questione, non era più<br />

flessibile di me e le diceva : “Se a 30 anni la tua collega è sola, un<br />

motivo ci sarà”. Così il mio Cupido ha cambiato strategia. Ha<br />

inviato una mail a entrambi: “Ciao Chiara, questo è Luca. Ciao<br />

Luca, questa è Chiara. Perché non bevete un caffè insieme per<br />

conoscervi? Appuntamento alle 8.30, nel bar sotto il nostro<br />

ufficio”. Voleva stuzzicarci prendendoci alla sprovvista. E ci è<br />

riuscita. Luca non si è tirato indietro, anche perché il caffè al volo<br />

era per lui meno impegnativo di un invito a cena. Mi ha scritto<br />

una mail divertente e la mattina dopo ero al bar ad aspettare.<br />

Quando l’ho visto, mi sono detta: “Non sarò così fortunata”.<br />

Invece lo ero. Quel caffè è durato parecchio: abbiamo parlato<br />

delle nostre passioni in comune, dalle moto agli Stati Uniti.<br />

Dopo un paio di settimane lui si trasferiva a casa mia, nel giro di<br />

un anno sono arrivate le nozze e Mia, la nostra bimba».<br />

perchÉ ha funzionato «Ilaria ha azzeccato la<br />

strategia, perché sapeva che io e Luca amiamo le sfide. E con<br />

l’escamotage del caffè ha aggirato la nostra diffidenza. Lei<br />

poi sapeva che avevamo molte passioni in comune. Basta<br />

vedere la nostra casa, un mix tra design e gadget Usa come la<br />

bandiera, il biliardino... Chi entra, dopo un po’, dice:<br />

“Certo che si vede che siete fatti l’uno per l’altra”».<br />

consigli per<br />

un incontro a<br />

prova di gaffe<br />

se un’amica ti vuole<br />

presentare qualcuno<br />

● prendila con leggerezza Più hai<br />

delle aspettative sull’incontro,<br />

più sale l’ansia e il rischio che<br />

tutto vada storto. Vivi l’appuntamento come un gioco.<br />

e, per essere sciolta, parla di argomenti<br />

che ti piacciono e che conosci bene.<br />

● non barare Se non vuoi rovinare i rapporti, sii<br />

sincera. Se è un “no”, fallo capire. Se invece ti piace,<br />

ma non si fa avanti, inventa una scusa per<br />

lasciargli la tua mail o il cellulare.<br />

se vuoi presentare qualcuno a un’amica<br />

● non fare nulla di insolito al momento dell’incontro,<br />

cerca di essere te stessa e non troppo sopra le<br />

righe. ogni cambiamento nel tuo solito modo di agire<br />

potrebbe confondere l’amica e renderla impacciata.<br />

● tirati indietro Quando vedi che i due si parlano, non ti<br />

immischiare. Lo scoccare della scintilla è un momento<br />

delicato: ogni invasione può essere un ostacolo.<br />

corbis<br />

172 www.donnamoderna.com


dm in privato<br />

giocare<br />

li fa<br />

crescere<br />

esplorare il mondo, se stessi e gli altri.<br />

ma anche costruire e cercare soluzioni.<br />

È così che un bambino diventa<br />

grande. due esperti spiegano perché<br />

di silvia calvi scrivile a scalvi@mondadori.it<br />

«Un minore che è stato amato, rispettato, ascoltato e che ha giocato<br />

diventerà un adulto maturo». Esordisce così, parafrasando il<br />

neuropsichiatra infantile Giovanni Bollea, la psicologa Maria Rita<br />

Parsi, presidente della Fondazione movimento bambino. Una Onlus<br />

che, in collaborazione con il Moige (Movimento italiano genitori), i<br />

Musei dei bambini di Milano, Roma e Napoli e Kinder Sorpresa (che<br />

festeggia i 40 anni) ha promosso gli incontri Giochiamo insieme<br />

tutta la vita. «Trovare ogni giorno un momento per sedersi con i<br />

figli a fare un disegno, una costruzione o le coccole alla bambola<br />

vuol dire condividere un’esperienza piccola ma preziosa.<br />

Che contribuisce alla costruzione della relazione genitorifigli»<br />

spiega l’esperta. «Da una nostra indagine invece risulta che<br />

solo 4 adulti su 10 giocano con i loro bambini. Gli altri<br />

li spingono a divertirsi da soli o insieme ai nonni o alla<br />

babysitter». Con l’aiuto di Maria Rita Parsi e di Daniele Novara,<br />

pedagogista e consulente familiare del Centro piscopedagogico<br />

di Piacenza (www.cppp.it) riflettiamo allora sulle buone regole da<br />

conoscere perché questa esperienza diventi più bella e formativa.<br />

«Alla base dell’apprendimento infantile<br />

c’è sempre l’attività ludica» spiega Daniele<br />

Novara. «Per il bambino l’esplorazione del mondo e<br />

di se stesso non può che avvenire in forma spontanea<br />

e senza secondi fini, nella logica di una continua<br />

scoperta e sorpresa. È questa l’essenza del gioco.<br />

Tutto comincia dai primi mesi di vita, quando il<br />

neonato scopre il corpo della madre, poi le proprie<br />

mani e, via via che diventa grande, gli oggetti che<br />

lo circondano, la casa e, infine, i coetanei. Per lui<br />

queste azioni non sono altro che una fonte di piacere<br />

continuo». E mamma e papà le possono condividere.<br />

Sopra, grandi e piccoli impegnati nei<br />

laboratori-gioco organizzati da<br />

Movimento Bambino e Kinder<br />

Sorpresa durante Giochiamo insieme.<br />

174 www.donnamoderna.com


Soprattutto man mano che il bambino cresce. Per<br />

esempio, a 6-8 mesi, quando il piccolo riesce a stare<br />

seduto, la mamma può mettergli a disposizione un<br />

“cestino dei tesori”, dal quale il bimbo può prendere,<br />

toccare e portare alla bocca oggetti in materiale<br />

diverso, come una bottiglia di plastica con dentro del<br />

riso che fa rumore, un pezzo di stoffa, un<br />

cucchiaio di legno e così via. Nasce in questo modo<br />

una primissima forma di gioco a due.<br />

«mamma e papà non possono essere<br />

i principali compagni di divertimento»<br />

precisa Daniele Novara. «Perché noi adulti non<br />

abbiamo lo stesso concetto di gioco di un bambino<br />

che, fino a 8-9 anni, è nel pieno dell’età in cui<br />

crede a Babbo Natale, dà un nome e una personalità<br />

agli oggetti, può parlare con un amico invisibile e<br />

così via. Noi grandi, invece, per giocare con lui siamo<br />

costretti a “fare finta”. Non è la stessa cosa».<br />

L’ideale, quindi, è creare la cucciolata di bambini<br />

(con amici, fratelli, cuginetti) e lasciare che giochino<br />

tra loro. E poi, durante la giornata, ritagliarsi qualche<br />

momento condiviso, quelli che noi chiamiamo<br />

“delle coccole”, in cui mamma e papà possono<br />

divertirsi con la palla, una bambola o le fiabe».<br />

«anche la scelta del giocattolo è<br />

importante» aggiunge Maria Rita Parsi. «I<br />

genitori dovrebbero privilegiare tutti quelli poco<br />

“strutturati”, cioè non troppo connotati e che,<br />

quindi, possono essere facilmente trasformati con la<br />

fantasia in questo o quell’altro personaggio. Oppure<br />

giocattoli da smontare e rimontare, come un camion,<br />

o da travestire, quindi una bambola o una<br />

marionetta. Più un bambino ha la possibilità di<br />

maneggiare oggetti semplici, più riuscirà a<br />

liberare fantasia, emozioni e perfino paure. Cosa che,<br />

invece, non può accadere davanti a uno schermo:<br />

videogiochi e tivù non sono da demonizzare, ma<br />

propongono un tipo di passatempo che non lascia<br />

spazio né all’immaginazione né alla socializzazione».<br />

«Sì anche a tutte le occasioni di gioco<br />

collettivo, come quelle proposte,<br />

sottoforma di laboratori di diverso tipo,<br />

nei vari Musei del bambino che sono nati nel nostro<br />

Paese» continua Maria Rita Parsi. «Permettono<br />

di conoscere altri coetanei e di condividere con<br />

mamma e papà un’esperienza fuori dall’ordinario,<br />

nella quale ci si diverte e, allo stesso tempo, si<br />

possono imparare cose nuove. Per esempio, a<br />

costruire con le proprie mani un giocattolo partendo<br />

da una scatola di cartone, una bottiglia, dei bottoni<br />

e così via. Come noi grandi, anche i bambini<br />

imparano molto di più quando si divertono. Succede<br />

perché, in un clima gioioso, si assapora tutto il<br />

piacere del sapere senza la paura di essere giudicati».<br />

Xxxxxxxxxxx<br />

un appuntamento<br />

(GRatuIto) peR le famIGlIe<br />

Sabato 6 e domenica 7 dicembre, al<br />

MUBA di Milano, i bambini sono invitati a<br />

partecipare al laboratorio d’artista Cartefatto<br />

di Daniele Papuli. È l’ultimo incontro di un<br />

ciclo di cinque eventi all’interno del progetto<br />

Giochiamo Insieme, in collaborazione con<br />

Kinder Sorpresa. Genitori e figli potranno<br />

realizzare una scatola per custodire<br />

i colori e le forme “dello stare insieme”.<br />

Un magico contenitore che sarà bello<br />

portare a casa. Per informazioni e prenotazioni<br />

tel. 0243980402 (www.muba.it).<br />

«uno dei luoghi che, più di tutti, offre<br />

infinite occasioni di divertimento e<br />

scoperta è l’ambiente naturale» aggiunge<br />

Daniele Novara. «Ecco perché è un errore chiudere i<br />

bambini in casa quando arriva l’inverno. Perfino una<br />

semplice passeggiata nel parco sotto casa, se non si<br />

ha la fortuna di vivere in campagna, può trasformarsi<br />

in un’avventura piena di sorprese. Il bambino potrà<br />

saltare nelle pozzanghere, divertirsi a vedere come la<br />

nebbia o la neve trasformano il paesaggio. Un piacere<br />

che è molto bello condividere con i grandi: mamma<br />

e papà saranno lì a rispondere a tutte le sue curiosità<br />

o a inventare con lui una storia ambientata nella<br />

natura». E ne scaturirà un gioco indimenticabile


dm in privato<br />

a Lezione<br />

dai venditori<br />

non interrompere, scandire bene<br />

le parole, stare attenta alla<br />

postura. Le strategie di chi convince<br />

gli altri per professione<br />

possono tirarti fuori dai guai<br />

di GIorGIa nardeLLI con la consulenza di Vittorio Galgano, coach<br />

scrivile a dminprivato@mondadori.it<br />

Getty<br />

Devi sostenere un colloquio<br />

In vista c’è un appuntamento professionale importante o vuoi<br />

proporre un tuo progetto e ci tieni a fare buona impressione.<br />

La tattica giusta Prepara un discorso fatto di frasi<br />

brevi e ripetilo più volte a casa. Pronuncialo con calma. Così<br />

darai all’interlocutore il tempo di elaborare le informazioni<br />

e lo predisporrai in modo positivo. Sorridi, anche<br />

solo con la mente: questo renderà più piacevole la tua voce.<br />

L’errore da evitare Farti prendere dalla fretta.<br />

Quando pronunci il tuo nome, scandisci bene le sillabe,<br />

così da farlo suonare ben chiaro.<br />

Devi persuadere chi non la<br />

pensa come te<br />

È la tipica situazione in cui devi convincere l’altro a<br />

cambiare idea. Per esempio, il tuo capo vuole<br />

affidarti un incarico sgradito o tuo marito vuole andare al<br />

mare, mentre tu preferisci la montagna.<br />

La tattica giusta Ascolta quello che ha da dire il tuo<br />

interlocutore senza interromperlo. Fai cenno di sì<br />

con la testa: mostrerai di comprendere il suo punto di vista.<br />

Il messaggio da dare è: la tua idea non è sbagliata, ma<br />

non hai preso in considerazione alcuni dettagli. Nel caso<br />

della vacanza, al momento di esporre le tue argomentazioni<br />

puoi dire: «Hai ragione, ma il pediatra sostiene che per il<br />

bambino sia meglio la montagna».<br />

L’errore da evitare Attenta al linguaggio del corpo.<br />

Metterti di fronte all’altro, faccia a faccia, è come dichiarargli<br />

guerra. Scegli una posizione di lato, ma protesa verso di lui.<br />

Devi incontrare un interlocutore<br />

maldisposto<br />

Ti capita, ad esempio, quando hai bisogno di rendere più<br />

conciliante l’inquilino del piano di sotto che si lamenta per i<br />

rumori. O il prof che tuo figlio ha fatto indispettire.<br />

Vuoi chiedere a qualcuno di uscire con te,<br />

ma hai paura di un rifiuto? Proponi sempre<br />

due alternative: «Ci vediamo domani a<br />

pranzo o dopodomani al cinema?».<br />

La tattica giusta Mostra di apprezzare quello che<br />

l’altro fa: ringrazia il condomino per la pazienza avuta a<br />

causa del disturbo arrecato o il docente impegnato a seguire<br />

tuo figlio. Mantieni il contatto visivo e chiedi conferma<br />

di aver ben compreso cosa ti viene detto: «Se ho capito bene,<br />

il ragazzo le manca spesso di rispetto...». Così guadagni<br />

tempo per la risposta e incoraggi l’altro a “confidarsi”.<br />

L’errore da evitare Agire d’impulso. Anche se non<br />

sei certa che l’altro abbia ragione, spiegagli ciò che<br />

farai per risolvere la questione: «Appena sarò a casa parlerò<br />

con il ragazzo di questa situazione».<br />

Devi porre rimedio a uno sbaglio<br />

Hai fatto un pasticcio e adesso i nodi vengono al pettine.<br />

La tattica giusta Riconosci i tuoi errori senza<br />

giri di parole. Qui entra in gioco il tono, che deve essere<br />

rammaricato e mai aggressivo. Spiega perché hai<br />

commesso lo sbaglio, senza scaricare colpe su altri.<br />

L’errore da evitare Giustificarti con frasi tipo «Avevo<br />

troppo da fare»: sminuisce il resto dei compiti che hai<br />

portato bene a termine. O dire «Non si preoccupi»: suona<br />

falso. Meglio chiudere con «Farò il possibile per rimediare».<br />

www.donnamoderna.com 177


anche tu usi le<br />

paroline dolci?<br />

“Micio”, “amorino”, “topolino”. Sono molte le donne che<br />

hanno l’abitudine di chiamare il partner (a volte anche<br />

in pubblico) con un nomignolo sdolcinato. Non tutti<br />

gradiscono ma, ora, sappiamo che è una questione di chimica.<br />

Lo rivela un’indagine condotta dall’équipe della psicologa<br />

Jean Berko Gleason all’Università di Boston. Secondo<br />

i ricercatori americani, usare queste paroline fa<br />

impennare i livelli di dopamina, l’ormone del<br />

piacere. Il motivo? Sono simili a quelle che i nostri genitori<br />

usavano con noi quando eravamo bambini. E che,<br />

quindi, associamo istintivamente a una sensazione di calore,<br />

accoglienza e intimità. Per questo riaffiorano quando<br />

siamo innamorate. Peccato che, come ci spiega la<br />

sessuologa Marinella Cozzolino, non sempre cedere a questo<br />

piacere faccia bene alla coppia. Soprattutto a letto.<br />

QUANDO FUNZIONANO<br />

Erotismo e linguaggio infantile non vanno d’accordo.<br />

«Prima di tutto per una questione di associazioni: sentirsi<br />

chiamare “orsacchiottino” spegnerebbe anche il più bollente<br />

degli spiriti» commenta Marinella Cozzolino, presidente<br />

dell’Associazione italiana di sessuologia clinica. «Ma c’è anche<br />

una ragione più profonda: il nomignolo richiama<br />

l’idea di un legame rassicurante, casalingo,<br />

prevedibile. Il desiderio, invece, si nutre di un giusto mix<br />

di mistero, sana aggressività e trasgressione. Le frasi<br />

eccitanti, in genere, sono di ben altro tenore: “ti distruggo”<br />

o “ti mangio”, per esempio». Insomma, sì al gusto<br />

piccante del pepe, no a quello dolce del miele.<br />

Tra i nomignoli più usati, al<br />

primo posto sono quelli legati al<br />

mondo animale, al secondo<br />

quelli di ispirazione alimentare,<br />

da cipollina a patatina.<br />

dm in privato<br />

QUANDO NON FUNZIONANO<br />

C’è un caso particolare in cui ricorrere a un linguaggio<br />

tenero fa bene al rapporto. «Succede nella coppie in cui uno<br />

dei due non riesce a lasciarsi del tutto andare perché manca<br />

una vera parità. Può capitare perché il partner è più grande<br />

d’età oppure è maggiormente affermato nella professione e<br />

quindi più “forte”» spiega la sessuologa. «In questi casi, un<br />

nomignolo dolce o buffo ha l’effetto di ridimensionare<br />

l’immagine “ingombrante” del compagno o della compagna.<br />

E così sarà più facile vivere il sesso ad armi pari».<br />

cristina sarto<br />

Getty<br />

@<br />

scrivi a acasadisandra@mondadori.it<br />

a casa<br />

di sandra<br />

sandra Bonzi<br />

scrittrice<br />

mai prendere Carrie alla lettera<br />

So di essere una voce fuori dal coro, ma<br />

confesso di pensare che Carrie,<br />

Charlotte, Miranda e Samantha abbiano<br />

fatto notevoli disastri. La mia vicina di<br />

casa, una simpatica caciarona di 45 anni,<br />

insegnante di matematica, tre figli e un<br />

marito filosofo, due cani, un gatto e un<br />

pesce rosso, calabrese e cuoca sopraffina,<br />

non si è mai più ripresa dalla visione di<br />

tutte (tutte!) le puntate di sex and the<br />

city. Ha praticamente subito una<br />

trasformazione (quasi) genetica. Da un<br />

giorno all’altro è diventata biondo<br />

platino e ha sostituito le Birkenstock con<br />

vertiginosi tacchi stiletto. Ha poi<br />

cancellato dal menù capocollo, salsiccia e<br />

maccheroni al ragù di maiale e dirottato<br />

tutta la sua creatività ai sex toys fai-da-te.<br />

Passino il braccetto della doccia e le<br />

candele ustionanti, le collane di perle e le<br />

cravatte di seta, ma siamo proprio<br />

sicure che MyVibe, l’applicazione sexy di<br />

iPhone, sia un passo avanti verso una<br />

sessualità libera e consapevole?<br />

www.donnamoderna.com 179


dm in privato<br />

nella testa di lui<br />

ragazzi con<br />

la valigia<br />

Il tormentato Robert<br />

Pattinson ha l’aria seria e<br />

pensierosa mentre trasporta<br />

un valigione appena acquistato.<br />

Che gli serva per trasferirsi<br />

dalla sua nuova fidanzata, la<br />

cantante FKA Twigs? «Lo<br />

sguardo basso e le labbra<br />

serrate rivelano che, per lui,<br />

questo dev’essere un momento<br />

di grande travaglio» commenta<br />

Francesco Padrini. «Tipico<br />

dei momenti delle decisioni<br />

difficili, come quella di andare a<br />

vivere insieme. Immerso nei<br />

suoi pensieri, cammina con lo<br />

sguardo rivolto verso il basso».<br />

di silvia calvi, con la<br />

consulenza di<br />

Francesco Padrini,<br />

psicoterapeuta esperto di<br />

linguaggio del corpo.<br />

L’attore inglese<br />

Robert Pattinson a<br />

spasso per Londra.<br />

Il calciatore<br />

Kevin-Prince<br />

Boateng, al ritorno<br />

da un viaggio.<br />

L’entusiasta Avanza baldanzoso e pieno di<br />

energia il calciatore Boateng, con due valigie al<br />

seguito. «Il viso aperto, solare, e lo sguardo vivace<br />

parlano di un uomo dal carattere passionale e<br />

pragmatico, che nella vita non ha incertezze» dice il<br />

nostro esperto. «Non sappiamo se stia partendo<br />

oppure rientrando ma, in ogni caso, sembra molto<br />

soddisfatto di quello che lo attende». Merito<br />

della compagna Melissa Satta e del loro bambino?<br />

@<br />

scrivi a diariodipapà@mondadori.it<br />

il senso di colpa è un tranello<br />

diario<br />

di papà<br />

paolo Federici<br />

giornalista<br />

«Paolo, sono a pezzi: stanotte non ho<br />

chiuso occhio» dice Ludovica, che ha<br />

davvero una faccia provata. In me, senza<br />

nostalgia, riaffiorano i ricordi di una fase<br />

tra le più impegnative: «Lo so, a 2 anni<br />

certe notti ti fanno impazzire. Colpa<br />

dei denti?». «Ma no, ieri Lea mi ha tirato<br />

scema, alle dieci guardava ancora la<br />

tv e, alla fine, le ho urlato contro: così lei<br />

è filata a letto, ma io mi sono macerata<br />

nei sensi di colpa». Perplessità. Chiedo:<br />

«Sensi di colpa?». «Sì, a 2 anni non puoi<br />

alzare la voce per sgridarli» mi spiega<br />

l’amica. «Ma guarda che loro sono<br />

bravissimi a farti sentire in colpa, anche<br />

da piccoli. “Ci provano”, testano fino a<br />

dove possono arrivare, cercano di<br />

guadagnare dei vantaggi. Urlare è<br />

sbagliato, ma anche crocifiggersi: sono le<br />

prove generali in vista dei 15 anni...»<br />

cerco di rassicurarla, forte della mia<br />

esperienza. Già, se è necessario si deve<br />

imparare ad abbaiare un po’. E iniziare<br />

a mettere qualche paletto. Sentirsi<br />

in colpa non serve a niente (mai). Care<br />

amiche, fidatevi. E chiedete ai<br />

vostri compagni che soffrono di questo<br />

problema un po’ meno di voi...<br />

olycom / click<br />

180 www.donnamoderna.com


IL 7 DICEMBRE TI ASPETTIAMO A MILANO PORTA GARIBALDI<br />

EVENTO<br />

SPECIALE<br />

UN ASSAGGIO DI EXPO MILANO 2015.<br />

TUTTI IN CARROZZA!<br />

“Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”:<br />

è questo il tema di estrema rilevanza<br />

mondiale, che sarà affrontato a Expo<br />

Milano 2015, l’Esposizione Universale<br />

che dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 si<br />

terrà a Milano.<br />

Sono attesi oltre 20 milioni di visitatori<br />

da tutto il mondo nel sito espositivo di<br />

Rho per affrontare il dibattito e proporre<br />

soluzioni concrete per la sostenibilità<br />

alimentare. Expo Milano 2015 è un<br />

evento di portata mondiale che fonda il<br />

suo successo sul coinvolgimento attivo<br />

di tutte le realtà che ne faranno parte,<br />

iniziando dai 147 Partecipanti Ufficiali,<br />

che rappresentano il 93% della popolazione<br />

mondiale, come anche le Organizzazioni<br />

Internazionali, la Società Civile<br />

e le Aziende Private: tutti interlocutori<br />

di primo piano nel dibattito mondiale<br />

sul tema dell’alimentazione.<br />

Per contribuire alla divulgazione dei valori<br />

di Expo Milano 2015 è in viaggio ormai<br />

da diversi mesi ExpoExpress, un treno<br />

mostra molto speciale che fa tappa<br />

nelle principali città italiane.<br />

EXPOEXPRESS<br />

TI ASPETTA<br />

IL 7 DICEMBRE<br />

A MILANO PORTA<br />

GARIBALDI<br />

AL BINARIO 6,<br />

CON INCONTRI,<br />

SHOWCOOKING,<br />

CASTING DI MODA E<br />

TANTE EMOZIONI.<br />

A bordo di ExpoExpress con Donna Moderna tanti appuntamenti<br />

pensati su misura per te!<br />

- Partecipa ai Casting nella Carrozza Live e diventa protagonista<br />

dei servizi moda di Donna Moderna, ti aspettiamo!<br />

- Negli incontri dedicati alle famiglie, Daniele Novara alle<br />

11.50 ci spiegherà come affrontare i conflitti e i litigi,<br />

mentre alle 15.30 Gianfranco Trapani parlerà di come<br />

dosare sport e calorie per una corretta alimentazione dei<br />

più piccoli.<br />

- Nell’appuntamento di Sogni Possibili alle 16.30, Natasha,<br />

designer e architetto, ci racconterà come è nata la<br />

sua prima collezione di moda, completamente green,<br />

che oggi viene venduta in tutta Europa.<br />

Seguici su sognipossibili.donnamoderna.com e vieni a<br />

raccontarci il tuo sogno.<br />

LE PROSSIME TAPPE<br />

• 07/12 MILANO P. GARIBALDI<br />

• 12/12 NAPOLI CENTRALE<br />

• 14/12 REGGIO CALABRIA<br />

Segui tutte le anticipazioni<br />

e i reportage su<br />

expo-express.info<br />

#expoexpress<br />

#unaricettaperlavita<br />

Un evento<br />

promosso da<br />

L’Art du<br />

Champagne<br />

Si ringraziano:<br />

In collaborazione<br />

con Elettrodomestici<br />

Food Partner Food Partner Food Partner Make-Up Partner Solidale Med Partner<br />

Radio Partner


www.specchiasol.it - seguici su:<br />

IN FARMACIA, PARAFARMACIA ED ERBORISTERIA


dm in forma<br />

Con la ninna<br />

nanna<br />

proteggi la<br />

salute del tuo<br />

bambino<br />

Uno studio del Beth Israel medical center<br />

di New York, pubblicato sulla rivista<br />

Pediatrics, afferma che addormentare i<br />

piccoli (anche quelli prematuri) con una<br />

melodia dolce migliora la qualità del<br />

sonno, regolarizza il battito cardiaco e<br />

stimola la funzionalità respiratoria.<br />

Per calmare il bambino, e migliorare le sue<br />

funzioni vitali, l’ideale è che la ninna nanna<br />

venga cantata dai genitori con il figlio in<br />

braccio, aggiungendo alla musicalità<br />

della voce il contatto caldo e protettivo.<br />

Secondo una ricerca finlandese, pubblicata<br />

su Psychology of Music, la melodia che<br />

proviene da un cd o da un registratore,<br />

ottenuta con un mix di strumenti musicali,<br />

rischia invece di stimolare troppo il bebè.<br />

chicca belloni<br />

Shutterstock<br />

www.donnamoderna.com 185


dm in forma<br />

Durante il giorno bevi almeno<br />

tre tazze di un mix di<br />

acqua calda, limone e un<br />

cucchiaio di miele: aiuti<br />

a contrastare l’infiammazione<br />

e gli attacchi di tosse.<br />

un inverno<br />

senza asma<br />

ne soffrono quattro donne su dieci. e la malattia può<br />

peggiorare con la brutta stagione. Qui tutti<br />

i consigli per scongiurare gli attacchi e respirare meglio<br />

di cinzia testa scrivile a dminforma@mondadori.it<br />

L’asma è un problema sempre più spesso in rosa. Ma la bella<br />

notizia è che ora gli specialisti hanno messo a punto delle<br />

regole su misura per noi donne. «L’organismo femminile è<br />

maggiormente predisposto al disturbo. Di sicuro, giocano<br />

un ruolo importante gli ormoni e in particolare gli<br />

estrogeni» spiega il professor Walter G. Canonica, direttore<br />

della clinica di malattie respiratorie dell’università degli Studi<br />

di Genova. Questo spiegherebbe peraltro come mai in certi<br />

186 www.donnamoderna.com<br />

momenti della vita, per esempio durante la gravidanza, si<br />

possa verificare un peggioramento della malattia asmatica».<br />

Per fortuna le donne sono brave a tenere sotto<br />

controllo la fame d’aria, come è emerso da una<br />

recente ricerca. Perché sanno cogliere i primi segnali di un<br />

attacco, chiedono aiuto al medico in caso di dubbi e seguono<br />

scrupolosamente le terapie farmacologiche. Ma si può fare di<br />

meglio. Vediamo come, con i consigli dei nostri esperti.


parla con gli esperti anche su<br />

aGF / marta carenzi - mondadori Portfolio<br />

1Apri la finestra in cucina Il rischio<br />

di avere una crisi d’asma può addirittura raddoppiare<br />

mentre cuciniamo. Spadellando si producono polveri<br />

sottili, le stesse che troviamo per strada nelle giornate di<br />

grande smog. Sono le più pericolose perché si insinuano<br />

nell’apparato respiratorio, con un aumento dello stato di<br />

infiammazione anche nelle zone più profonde. Al top ci<br />

sono la frittura e le cotture alla piastra e alla griglia, che<br />

sprigionano quantità elevatissime di polveri. Quando scegli<br />

queste cotture, tieni presente che la cappa aspirante non è<br />

sufficiente. Devi cambiare l’aria, tenendo aperta la finestra<br />

per 20 minuti. E sistemare sul piano di lavoro una pianta di<br />

bamboo: è efficace nell’assorbire le sostanze inquinanti.<br />

2Cura bene l’influenza Sei ancora in<br />

tempo per la vaccinazione antinfluenzale. «Anche<br />

quando si fa tutto il necessario per tenere sotto<br />

controllo la malattia, l’influenza può riacutizzare i sintomi<br />

dell’asma» dice l’esperto. «Inoltre, è maggiore il rischio di<br />

broncopolmoniti». Se ti sei già ammalato, è importante<br />

curare bene il malanno di stagione. «Vanno sicuramente<br />

presi i soliti antinfiammatori e antipiretici in caso di<br />

febbre» consiglia il professor Canonica. «In più, occorre<br />

aumentare il dosaggio degli antiasmatici per spegnere<br />

l’infiammazione». Perfetti anche i suffumigi che aiutano a<br />

sciogliere il muco. Usa però soltanto acqua e un cucchiaino<br />

di bicarbonato. Evita invece le piante officinali come abete<br />

rosso e pino: se si soffre d’asma possono peggiorare gli<br />

spasmi bronchiali.<br />

strateGie anticrisi<br />

24 ore su 24<br />

i dati dicono che oltre la metà degli attacchi<br />

d’asma si scatenano di notte oppure<br />

all’alba. Se è anche il tuo caso, parlane col<br />

medico. Forse la cura che stai seguendo<br />

non basta a garantirti una protezione per<br />

tutto l’arco delle 24 ore. in parallelo, fai una<br />

revisione alla camera da letto.<br />

sostituisci i cuscini, se non sono<br />

anallergici, e sistema sul<br />

materasso una copertura antiacaro.<br />

tieni sempre il farmaco per le crisi acute<br />

sul comodino: devi poterlo afferrare mentre sei<br />

sdraiata, senza il rischio di farlo cadere.<br />

accendi la luce se è notte. il buio scatena un<br />

senso di angoscia. e potenzia i sintomi.<br />

mettiti seduta con i piedi ben appoggiati a<br />

terra, le spalle rilassate, la testa ben<br />

diritta. in questo modo, aiuti la respirazione.<br />

assumi il farmaco e rimani ferma, così<br />

risparmi ossigeno.<br />

donna<br />

moderna<br />

.com/<br />

salute/<br />

vivere-meGlio<br />

e tablet<br />

l il mese della Prevenzione<br />

donna moderna dedica dicembre alla prevenzione<br />

dell’asma in collaborazione con l’équipe della<br />

clinica di malattie respiratorie dell’università degli<br />

Studi di Genova, diretta dal professor walter G.<br />

canonica. Gli esperti rispondono mercoledì 3 e<br />

giovedì 4, dalle 18 alle 21, e domenica 7, dalle 11<br />

alle 14, al 3661583700. negli stessi giorni e orari<br />

puoi chattare con loro collegandoti a donnamoderna.<br />

com/mese-prevenzione. oppure puoi mandare<br />

un’email all’indirizzo: genovaclinica@gmail.com.<br />

3Varia le dosi prima del ciclo Se ti<br />

sembra che i disturbi peggiorino una settimana prima<br />

delle mestruazioni. Si tratta di “asma premestruale”. A<br />

provocarla è la caduta dei livelli dell’ormone progestinico e il<br />

picco degli estrogeni. Questi sbalzi aumentano la sensibilità<br />

dell’organismo ai fattori che scatenano le crisi. Per tenerla<br />

sotto controllo, parlane con il medico che ti suggerirà come<br />

dosare i tuoi soliti farmaci antiasma. Ma solo nel periodo<br />

premestruale. Nel resto del mese, mantieni la posologia<br />

abituale. «I cambiamenti dell’assetto ormonale sono anche i<br />

responsabili dell’aumento degli attacchi in gravidanza» dice<br />

l’esperto. «Certo, nei nove mesi bisogna andare cauti con le<br />

medicine, però sono necessarie. Le crisi “tagliano” l’apporto<br />

di ossigeno al feto e aumentano il rischio di parto prematuro<br />

e di basso peso alla nascita». Iscriviti a un corso di yoga. È un<br />

supporto “dolce” che aiuta a respirare meglio.<br />

4Usa correttamente i farmaci In<br />

cinque casi su dieci la fame d’aria non migliora perché<br />

si commettono degli errori con i farmaci anticrisi. Si<br />

tratta di principi attivi in spray che agiscono rapidamente<br />

sulle vie aeree, dando un sollievo immediato. A volte, però,<br />

senza rendersene conto, si usa male l’inalatore e non si fa<br />

arrivare la giusta quantità di medicinale nei bronchi. Come<br />

accorgersene? Se la confezione ti dura meno di un mese,<br />

significa che sbagli qualcosa nell’assunzione e parte del<br />

farmaco si perde per strada. In questo caso, clicca sul sito<br />

www.aderenza3c.it: troverai l’elenco delle farmacie dotate di<br />

infermieri specializzati nella gestione dell’asma che possono<br />

insegnarti a usare correttamente l’inalatore.<br />

www.donnamoderna.com 187


TISANA DIFESA<br />

BONOMELLI.<br />

ML&Partners<br />

SENTIRSI<br />

RAFFORZATI<br />

È UN VERO<br />

PIACERE.<br />

Dall’esperienza erboristica Bonomelli,<br />

le nuove tisane dedicate a te, ognuna con una specifica funzione benefica.<br />

Bonomelli da oltre 100 anni per il tuo benessere.<br />

Scopri l’intera gamma e le novità create per te su<br />

www.tisanebonomelli.it


dm in forma<br />

miracolosa<br />

curcuma<br />

È uno degli ingredienti del curry, ma non si limita a dare sapore ai tuoi piatti:<br />

grazie alla sua azione antinfiammatoria è in grado di alleviare più di un disturbo<br />

luigi mondo e Stefania del principe scrivigli a dminforma@mondadori.it<br />

Ormai è certo: la curcuma, la famosa<br />

spezia orientale giallo oro, non<br />

può proprio mancare nella dispensa.<br />

Perché gli studi scientifici che<br />

provano i suoi miracolosi effetti nella<br />

cura e nella prevenzione di<br />

molti disturbi non si contano più.<br />

TuTTi i benefici Non è un semplice<br />

insaporitore di cibi: contiene<br />

curcumina che, oltre a dare alla spezia<br />

il colore giallo, è stata oggetto<br />

di tantissime ricerche. Da queste è<br />

emerso che ha una potente azione<br />

antiossidante e antinfiammatoria<br />

(addirittura paragonabile,<br />

secondo alcuni studi, a quella del<br />

cortisone). Non è tutto: una recente<br />

ricerca dell’Università di Louisville,<br />

pubblicato sulla rivista Cancer<br />

prevention research, ha dimostrato che<br />

è in grado di inibire la riproduzione<br />

delle cellule tumorali nella mammella.<br />

Come utilizzarla per sfruttare tutte le<br />

sue proprietà benefiche? Ecco quattro<br />

ricette suggerite dal dottor<br />

Bartolomeo Olivero, medico esperto<br />

in nutrizione a Torino.<br />

l’inTegraTore che combaTTe<br />

la depressione<br />

uno studio del 2013, pubblicato<br />

su Phytotherapy research,<br />

ha dimostrato che la curcumina può<br />

aiutare a curare la depressione.<br />

la dose? 900-1.000 mg al giorno,<br />

dice la ricerca. per arrivare a<br />

questo dosaggio, non basta usarla<br />

come spezia, ma<br />

occorre assumerla sotto forma<br />

di integratore alimentare.<br />

il colluTorio per<br />

dare sollievo alle gengive<br />

Sciogli in mezzo bicchiere d’acqua<br />

una punta di cucchiaino di curcuma,<br />

un pizzico di sale integrale e un pizzico<br />

di polvere di chiodi di garofano. avrai<br />

un collutorio disinfettante, perfetto per<br />

ridurre la placca, spegnere i bruciori<br />

e ridurre i gonfiori in caso di<br />

gengivite. fai degli sciacqui dopo aver<br />

lavato i denti, la sera.<br />

Stockfood<br />

l’olio che conTrasTa la psoriasi<br />

lo ha riconosciuto la national psoriasis<br />

foundation francese: la curcuma<br />

è un rimedio efficace contro la psoriasi<br />

e le infiammazioni della pelle. per<br />

sfruttarne a fondo le proprietà prepara un olio<br />

medicato: miscela un cucchiaino di<br />

curcuma in polvere a 100 ml di olio di enotera.<br />

applicalo sulle zone interessate con un<br />

leggero massaggio e poi copri con una garza.<br />

l’olio colorerà di giallo la tua<br />

pelle, ma dopo un po’ andrà via.<br />

Se soffri di calcoli biliari o prendi<br />

farmaci anticoagulanti non assumere<br />

integratori a base di curcuma e usala<br />

con moderazione in cucina.<br />

l’impacco conTro l’acne<br />

Se vuoi un efficace rimedio<br />

locale contro i foruncoli, miscela un<br />

quarto di cucchiaino<br />

di curcuma in polvere con un paio<br />

di gocce di olio essenziale di<br />

limone (ha un effetto antibatterico)<br />

e un cucchiaio di argilla<br />

ventilata. aggiungi un po’ d’acqua<br />

fino a ottenere una pasta<br />

densa. applicala sui brufoli e lascia<br />

in posa fino a che non<br />

si è seccata. poi rimuovila.<br />

www.donnamoderna.com 189


dm in forma<br />

hai mai<br />

provato il<br />

superset?<br />

Si tratta di eseguire coppie di esercizi, uno dopo l’altro, senza quasi<br />

fermarsi. Il risultato? Un fisico snello e tonico prima delle feste<br />

di eUgenIo SpagnUolo scrivigli a dminforma@mondadori.it<br />

Se cerchi un programma intensivo per rassodare il fisico e bruciare<br />

le calorie, prova il superset. È una tecnica che si usa molto<br />

in palestra e consiste nell’allenare i muscoli abbinando<br />

due esercizi da svolgere in rapida successione, senza<br />

pausa tra l’uno e l’altro. I vantaggi? Secondo uno studio<br />

pubblicato su The journal of strength and conditioning research,<br />

in questo modo bruci più calorie rispetto a una normale sessione.<br />

«Il risultato dipende dal numero di ripetizioni che, senza<br />

pausa, richiedono un maggiore dispendio energetico,<br />

migliorando così la resistenza muscolare» spiega il<br />

personal trainer Alessio Rinelli (www.alessiorinelli.it). Qui<br />

sotto trovi tre coppie di esercizi scelti tra i più efficaci per rassodare<br />

gambe, addominali e braccia. Di ognuna esegui il primo,<br />

con 10 ripetizioni, poi passa al secondo, quindi fai una pausa di<br />

1 e 2 minuti prima di ricominciare. Ripeti ogni minisequenza<br />

due o tre volte, poi passa a quella successiva.<br />

Gli affondi<br />

in piedi, gambe unite, porta le mani sui<br />

fianchi e fa’ un passo avanti con la<br />

gamba destra, cercando di piegarla a<br />

45°. intanto fletti il ginocchio sinistro,<br />

fino a fargli quasi toccare il pavimento.<br />

Torna alla posizione di partenza e<br />

rifai il movimento con l’altra gamba.<br />

Esegui 10 ripetizioni. È un esercizio che<br />

tonifica i muscoli anteriori delle<br />

gambe e i glutei.<br />

gambE<br />

+<br />

disegni angela Bornia<br />

Gli squat a corpo libero<br />

in piedi, con le gambe divaricate alla larghezza delle<br />

spalle, porta indietro i fianchi, piega le ginocchia<br />

e abbassati cercando di tenere il busto dritto senza<br />

flettere la schiena. Torna alla posizione di partenza.<br />

Esegui 10 ripetizioni. Utile per rassodare la parte<br />

inferiore del corpo: gambe, glutei, muscoli dorsali.<br />

t<br />

www.donnamoderna.com 191


dm in forma<br />

Il plank<br />

Sdraiata a pancia in giù, appoggiati sugli<br />

avambracci, con i gomiti perpendicolari<br />

alle spalle e il corpo in linea retta dalla testa<br />

ai piedi. contrai gli addominali e resisti<br />

in questa posizione più a lungo possibile<br />

(puoi arrivare fino a un minuto) quindi<br />

passa ai crunch. Esegui 10 ripetizioni.<br />

Oltre a tonificare gli addominali, il plank<br />

potenzia la parte centrale del corpo.<br />

addominali<br />

+<br />

I crunch<br />

in posizione supina, con le gambe leggermente piegate;<br />

solleva il busto senza muovere il bacino. Tieni le<br />

braccia lungo i fianchi, sul petto o dietro la testa. non<br />

sollevare le scapole più di 30/40°. ritorna alla posizione<br />

di partenza e ripeti 10 volte. È uno degli esercizi<br />

più efficaci per rendere tonico e snello il punto vita.<br />

dAI UNA mARCIA IN PIù ALL’ALLeNAmeNtO<br />

Se vuoi intensificare le sedute, prova a utilizzare questi attrezzi. Servono a creare<br />

instabilità durante l’esercizio, costringendo i muscoli a lavorare per mantenere l’equilibrio.<br />

Il gaIn traIner<br />

quando faI glI affondI<br />

durante l’affondo, appoggia il piede<br />

sulla piattaforma instabile. Così,<br />

oltre ai muscoli delle gambe, coinvolgerai<br />

anche gli addominali.<br />

l’aBdo gaIn traIner<br />

per glI addomInalI<br />

per dare una marcia in più ai crunch,<br />

siediti sull’abdo gain, stacca<br />

i piedi dal pavimento e cerca di mantenere<br />

l’equilibrio. per aiutarti, allunga<br />

le braccia in avanti.<br />

le manIglIe push up<br />

per le flessIonI<br />

questi attrezzini hanno due pattini<br />

amovibili che li rendono instabili<br />

e sono adatti agli esercizi a terra.<br />

se li usi per fare le flessioni,<br />

i muscoli lavorano di più.<br />

I curl con i pesetti<br />

in piedi, con le ginocchia leggermente flesse, scapole<br />

chiuse e schiena diritta, tieni le braccia lungo i fianchi. fletti<br />

le braccia, alternandole, e porta i pesetti da 2-3 chili verso le<br />

spalle, senza modificare la posizione del corpo. Puoi anche<br />

muovere un braccio per volta. Esegui 10 ripetizioni per lato.<br />

Con il sollevamento dei pesetti, rassodi i bicipiti.<br />

braccia<br />

+<br />

192 www.donnamoderna.com<br />

Le flessioni<br />

distesa a terra a pancia in giù, mani poggiate<br />

sul pavimento, alzati sulle braccia mantenendo<br />

le gambe tese (il corpo deve formare una<br />

linea retta). Per allenare soprattutto i muscoli delle<br />

braccia, tieni le mani in linea con le spalle.<br />

Se le allarghi un po’ lavorano di più i pettorali,<br />

i muscoli della parte alta della schiena e le spalle.<br />

Esegui 10 ripetizioni. Le flessioni aiutano<br />

a tonificare i pettorali, le spalle e i muscoli<br />

posteriori delle braccia (i tricipiti).<br />

disegni angela Bornia


Rivivi sulla pelle<br />

i profumi e la magia<br />

di paesi lontani.<br />

HAMMAM<br />

Impreziosito con Olio di Argan, il suo profumo<br />

racchiude la sensualità del Gelsomino<br />

Sambac, la freschezza della Clementina e<br />

dei fiori di Arancio, dando vita ad una fragranza<br />

avvolgente ed indimenticabile.<br />

Profumo, Bagno Crema, Doccia Crema e<br />

Crema Corpo aromatici, preziosi per la<br />

pelle, sublimi per i sensi, veri trattamenti di<br />

bellezza da scoprire ed assaporare a casa<br />

propria.<br />

Profumi da sogno


La numero 1 *<br />

* Fonte: Nielsen Market*Track,<br />

mercato camomilla filtri, Italia, at 03/11/13, quota valore.<br />

ML&Partners<br />

Come sai, le camomille non sono tutte uguali.<br />

Filtrofiore Bonomelli contiene tutte le parti del fiore.<br />

I suoi filtri, ricchi della migliore camomilla, sono, da sempre, confezionati a mano con cura.<br />

Bonomelli, grazie a più di 100 anni di esperienza, sa sempre offrirti il meglio per te.<br />

Filtrofiore Bonomelli è unica. E lo senti dal profumo.


dm in forma<br />

i nuovi<br />

esami per<br />

chi aspetta<br />

un bambino<br />

Getty<br />

a disposizione delle future mamme<br />

oggi ci sono tre diverse tecniche<br />

di diagnosi prenatale. ecco quali<br />

di irma d’aria scrivile a dminforma@mondadori.it<br />

La SUPEramnioCEnTESi<br />

Si chiama Next generation prenatal diagnosis ed è stata messa<br />

a punto da un gruppo di ricercatori della Società<br />

scientifica italian college of fetal maternal medicine (Sidip).<br />

Riesce a diagnosticare dal 60 all’80% delle patologie<br />

genetiche del feto contro il 7% dell’esame classico.<br />

«Amniocentesi e villocentesi tradizionali sono in grado di<br />

analizzare solo il numero dei 46 cromosomi» spiega Claudio<br />

Giorlandino, ginecologo e segretario generale della Sidip.<br />

«Questo nuovo esame può escludere, oltre alle anomalie più<br />

comuni, anche le più rare e gravi patologie genetiche, dalle<br />

cardiopatie congenite alle malattie cerebrali, ai nanismi, alle<br />

forme di autismo, fino ai ritardi mentali». Il test si può già<br />

eseguire in una decina di centri in Italia (info: www.ilfeto.it).<br />

Quando si fa. Tra l’undicesima e la dodicesima settimana se si<br />

esegue la villocentesi, non prima della sedicesima<br />

con l’amniocentesi. Per i risultati, servono 8-10 giorni.<br />

Quanto costa. Circa 1.500 euro, il doppio rispetto ai test<br />

convenzionali.<br />

iL Dna fETaLE<br />

Attraverso un semplice prelievo, questo test ricerca il Dna<br />

fetale nel sangue della madre, riuscendo a individuare<br />

il rischio della sindrome di Down e di altre alterazioni<br />

cromosomiche. «Ha una buona affidabilità ma solo sulla<br />

sindrome di Down, mentre per altre anomalie come la<br />

trisomia 13 e 18, ci sono molti falsi positivi. Nel caso il<br />

risultato indichi un alto rischio di malattia genetica, per<br />

confermare la diagnosi è indispensabile l’amniocentesi»<br />

spiega il dottor Giorlandino.<br />

Dei tre nuovi esami,<br />

l’unico che<br />

permette una<br />

diagnosi certa è la<br />

superamniocentesi.<br />

Gli altri valutano<br />

solo il rischio che il<br />

feto abbia<br />

un’anomalia<br />

genetica.<br />

Quando si fa. Si può eseguire dopo la decima, undicesima<br />

settimana e i risultati arrivano tra i 7 e i 10 giorni.<br />

Quanto costa. Circa 500 euro.<br />

iL TEST mULTiPLo<br />

«Unisce l’esame della translucenza nucale, ecografia che<br />

individua i feti a rischio per la sindrome di Down e per la<br />

trisomia 18, all’analisi del Dna fetale nel sangue materno,<br />

offrendo così uno screening più completo» dice l’esperto.<br />

Quando si fa. Si esegue dalla fine della dodicesima alla<br />

quattordicesima settimana. La consegna è<br />

immediata per quanto riguarda il referto ecografico<br />

computerizzato mentre la risposta del<br />

Dna fetale impiega in genere dai 7 ai 10 giorni.<br />

Quanto costa. Circa 700 euro.<br />

www.donnamoderna.com 195


dm in forma<br />

insalata russa<br />

365 calorie<br />

guarda<br />

cosa<br />

mangi<br />

novità in farMacia<br />

arriva la nuova aspirina È 10 volte più piccola<br />

rispetto alla “vecchia” compressa effervescente,<br />

ma è più concentrata e agisce in metà tempo,<br />

garantendo sei ore di efficacia. La nuova Aspirina<br />

dolore e infiammazione è un rimedio perfetto contro<br />

il mal di testa o il mal di schiena, i dolori cervicali o<br />

muscolari. Da Bayer, in formato da 8 o 20 compresse.<br />

il primo bite antistress Se hai il problema di<br />

serrare le mascelle, prova Brux Rilax. È un bite<br />

che t’impedisce di digrignare i denti e consente di<br />

decontrarre i muscoli cervicali e lombari. In<br />

questo modo, proteggi la schiena, rilassi la<br />

muscolatura facciale e riequilibri la postura della<br />

testa e del collo. In farmacia, a 29 euro.<br />

l’antitosse omeopatico Pulsatilla, Bryonia,<br />

Drosera: sono alcuni dei principi attivi di Stodal,<br />

sciroppo omeopatico che riduce l’intensità e la<br />

frequenza di tutti i tipi di tosse. Non contiene sostanze<br />

mucolitiche e sedative, quindi è adatto a ogni età.<br />

scrivi a eadesso@mondadori.it<br />

e adesso?<br />

Mio Marito ha vuoti di<br />

MeMoria e sbalzi d’uMore.<br />

Può avere a che fare con la<br />

cirroSi, di cui Soffre da anni?<br />

Simona, udine<br />

risponde la professoressa erica villa,<br />

direttore dell’unità di gastroenterologia,<br />

azienda ospedaliero-universitaria, modena<br />

insalata capricciosa<br />

300 calorie<br />

in comune, le due insalate hanno la maionese,<br />

principale responsabile del loro valore energetico<br />

(un etto fornisce 600 calorie). La capricciosa,<br />

però, è più leggera perché contiene solo verdure<br />

crude. L’insalata russa, invece, è costituita<br />

per buona parte da piselli e patate che, oltre a<br />

essere più calorici, tendono ad assorbire di<br />

più i grassi. altro punto forte della capricciosa:<br />

costringe a una masticazione più prolungata<br />

che aumenta il senso di sazietà e aiuta<br />

a non esagerare con le dosi. Samantha biale, nutrizionista<br />

Sì, può trattarsi di encefalopatia epatica, sintomo che si<br />

manifesta quando il fegato non riesce a eliminare le<br />

tossine dal sangue (cosa che accade in caso di cirrosi).<br />

Ne parli con lo specialista. Nel frattempo, osservi suo<br />

marito per cogliere altri segnali di questo disturbo,<br />

come muovere le mani in modo incontrollato o svolgere<br />

con difficoltà lavori di precisione. L’encefalopatia epatica<br />

può essere tenuta sotto controllo con la rifaximina,<br />

un antibiotico in grado di “spegnere” l’attività della flora<br />

batterica intestinale, da cui dipendono le sostanze<br />

tossiche più dannose. Oltre alla cura, bisogna poi stare<br />

attenti ai fattori che la scatenano: se suo marito<br />

soffre d’insonnia, dovrà evitare i farmaci a base di<br />

benzodiazepine che possono causare una crisi.<br />

E, per evitare ricadute, è importante anche il<br />

comportamento a tavola: conviene ridurre le proteine<br />

e dare la precedenza a carboidrati e verdure.<br />

mondadori Portfolio (2)<br />

196 www.donnamoderna.com


BestselleR d’autoRe<br />

john g<br />

Romanzi che cattuRano dalla pRima all’ultima Riga: gli<br />

solo<br />

€7.00 *<br />

* Prezzo rivista esclusa<br />

l’avvocato pRotagonista<br />

è una giovane donna...<br />

che ci RiseRveRà paRecchie soRpRese<br />

ti aspetta in liBReRia<br />

il nuovo Romanzo di john gRisham<br />

il socio<br />

per mitchell il futuro non può essere<br />

più promettente: la laurea<br />

ad harvard e un lavoro da favola.<br />

peccato che l’Fbi pretenda da lui<br />

le prove dei loschi affari<br />

del prestigioso studio legale<br />

che l’ha assunto. e peccato<br />

che i soci anziani dello studio<br />

abbiano la pessima abitudine<br />

di eliminare i collaboratori infedeli.<br />

l’appello<br />

1967: greenville. una bomba<br />

distrugge l’ufficio di un avvocato<br />

impegnato nella difesa dei diritti civili.<br />

nessuno dubita del colpevole,<br />

sam cayhall, membro<br />

del Ku-klux-klan. 1988: chicago.<br />

cayhall è ancora recluso nel raggio<br />

della morte senza possibilità<br />

di appello. ma un avvocato<br />

è determinato a salvarlo…<br />

peR sapeRne di piÙ: www.mondadoriperte.it


ad un pRezzo incRediBile!<br />

Risham<br />

intRiganti capolavoRi del maestRo assoluto del legal thRilleR<br />

il BRoKeR<br />

Backman, ex socio di un noto<br />

studio legale, è in carcere<br />

da sei anni per commercio illegale<br />

di software per spionaggio satellitare.<br />

all’improvviso si trova<br />

a bordo di un aereo militare<br />

che lo porterà lontano.<br />

perché così in fretta? non si tratta<br />

certo di un atto di clemenza.<br />

chi lo ha salvato lo vuole morto.<br />

la convocazione<br />

Ray ha ricevuto una lettera dal padre,<br />

gravemente malato, che convoca<br />

lui e il fratello per l’eredità.<br />

ma all’arrivo Ray lo trova morto.<br />

il fratello Forrest ancora<br />

non si è presentato.<br />

mentre Ray lo aspetta, scopre<br />

nello studio del padre una serie<br />

di scatole piene di banconote.<br />

da dove vengono?<br />

la giuRia<br />

una moglie sfida in giudizio<br />

una multinazionale del tabacco<br />

per la morte del marito<br />

causata dal fumo.<br />

l’azienda usa tutti i mezzi<br />

a disposizione per vincere la causa,<br />

ma la sentenza dipende<br />

da un giurato, nicholas easter,<br />

ex studente di legge dal passato<br />

oscuro, che ha in serbo un piano…<br />

in edicola con


dm a casa<br />

1 2 3<br />

Incarta, regala<br />

stupIscI<br />

7 4<br />

c’è un segreto perché un<br />

dono sia indimenticabile:<br />

rendere speciale anche il<br />

pacchetto. ecco come<br />

6<br />

di eLena caTTaneo<br />

1. Se ami lo stile vintage, chiudi il dono con<br />

nastro bianco e scritta rossa e aggiungi<br />

i decori con Babbo Natale (Zara Home,<br />

nastro 6,99 euro, set di 3 decori 6,99 euro).<br />

2. Arrivano dalla Scandinavia le buste a<br />

motivi geometrici per i piccoli regali (Ferm<br />

Living, il set di 12 buste, 7 euro). 3. Se<br />

hai una carta semplice punta su un biglietto<br />

particolare come questi, colorati ad<br />

acquarello (House Doctor, set da 24 pezzi, 11<br />

euro). 4. Idea trendy: una busta di<br />

classica plastica a bolle. Ma colorata (Tiger,<br />

busta 2 euro, nastro 3 euro). 5. Piegare<br />

e avvolgere la carta non è cosa per te?<br />

Usa le scatole, utili anche per trasportare<br />

i regali: queste sono ricoperte con<br />

carte stampate e disponibili in tre misure<br />

(Tassotti, da 30 euro). 6. Scatena la<br />

fantasia: decora i pacchi con nastri adesivi<br />

a tema (Bloomingville, set da 4 rotoli,<br />

13 euro). 7. Per confezionare stampe o<br />

disegni, ecco i tubi di cartone rivestiti con<br />

carte dorate (Ikea, 2,99 al pezzo).<br />

5<br />

t<br />

www.donnamoderna.com 203


I biglietti<br />

sartoriali<br />

Cosa ti serve Cartoncino<br />

bianco, cutter, compasso,<br />

forbici, campioni di<br />

tessuto, colla, perforatrice,<br />

nastro o fettuccia.<br />

● Ritaglia il cartoncino in<br />

modo che sia il doppio<br />

del biglietto che desideri<br />

preparare. Segna la metà<br />

(dopo dovrai piegarlo) e<br />

disegna sulla parte destra la<br />

forma di una palla di<br />

Natale, ricalcando una<br />

sagoma o con il compasso.<br />

● Incidi con il cutter il<br />

disegno della pallina ed<br />

elimina la carta ritagliata.<br />

● Prendi un pezzetto di<br />

tessuto e ritaglialo in modo<br />

che sia alto quanto il<br />

cartoncino (o un poco più<br />

piccolo) e largo la metà.<br />

Applica la colla sul retro del<br />

cartoncino e fai aderire<br />

la stoffa alla parte destra<br />

(quella dove hai<br />

ritagliato la sagoma).<br />

● Piega il cartoncino in modo<br />

che avvolga il tessuto<br />

come un sandwich e premi<br />

forte, aiutandoti con<br />

un pezzo di carta per non<br />

sporcare con le tue<br />

impronte la facciata del<br />

cartoncino. Fora l’angolo in<br />

alto a sinistra del biglietto<br />

e infila un bel nastro.<br />

Usa una sagoma per disegnare la<br />

forma con cui decorare il biglietto.<br />

Ritaglia il tessuto da incollare<br />

sul retro del cartoncino.<br />

Fora il biglietto in un angolo per<br />

infilare il nastro.<br />

Le decorazioni<br />

tie-dye<br />

Cosa ti serve Tinta per<br />

tessuto in polvere, una<br />

ciotola, guanti di gomma,<br />

fogli di carta per acquerello,<br />

cannucce, forbici.<br />

● Versa 3 cucchiai di tinta<br />

per tessuto in una<br />

ciotola e falli sciogliere in<br />

3 tazze d’acqua bollente.<br />

● Indossa i guanti di gomma.<br />

Ripiega più volte il foglio<br />

di carta da decorare,<br />

con pieghe triangolari o<br />

squadrate, in base<br />

ai disegni che vuoi ottenere<br />

e immergilo nel colore.<br />

● Estrai il foglio dalla ciotola<br />

e aprilo. Se vuoi aggiungere<br />

qualche macchia di altri<br />

colori, con una cannuccia<br />

lasciane cadere<br />

qualche goccia sulla carta.<br />

● Stendi bene il foglio<br />

per farlo asciugare. Ritaglialo<br />

della dimensione che<br />

desideri per decorare il<br />

tuo pacchetto.<br />

Piega più volte il foglio di carta in<br />

modo che possa stare<br />

nella ciotola di acqua colorata.<br />

Apri il foglio colorato e fallo<br />

asciugare disteso.


dm a casa<br />

masi(13)<br />

I segnaposto<br />

a caramella<br />

Cosa ti serve carta da<br />

pacchi bianca, forbici, tanti<br />

cilindretti di cartone<br />

quanti saranno i posti (vanno<br />

bene quelli dei rotoli<br />

di carta igienica), nastro<br />

biadesivo, campioni di<br />

tessuto, nastrini, biscotti,<br />

ciondoli o regalini<br />

da inserire come sorprese<br />

nella caramella.<br />

● Taglia dei pezzi di carta<br />

da pacco lunghi quanto la<br />

caramella che vorrai<br />

realizzare. avvolgi bene ogni<br />

cilindretto di cartone<br />

con la carta ritagliata,<br />

sovrapponendo i lembi di<br />

qualche centimetro.<br />

chiudi saldamente la carta<br />

intorno al rotolino<br />

con il nastro biadesivo.<br />

● ritaglia un pezzo di tessuto<br />

a tua scelta nella<br />

stessa lunghezza del cilindro,<br />

avvolgilo intorno alla<br />

carta e fermalo con del<br />

nastro biadesivo.<br />

● Infila nel cilindretto i<br />

regalini: saranno una<br />

sorpresa per i tuoi ospiti.<br />

● chiudi con del nastro la<br />

carta alle due estremità del<br />

cilindro, dandogli la forma di<br />

una grossa caramella.<br />

disponine una su ogni piatto.<br />

Taglia la carta da pacchi in<br />

tanti pezzi quanti saranno<br />

i segnaposto che vorrai ottenere.<br />

avvolgi i cilindri di cartone<br />

prima con la carta,<br />

poi con i campioni di tessuto.<br />

Infila caramelle, cioccolatini o<br />

pensierini di tuo gusto nei<br />

cilindretti di cartone e chiudi le<br />

estremità con i nastri.<br />

I fiori di<br />

cupcakes<br />

Cosa ti serve Pirottini di<br />

carta per cupcakes,<br />

nastro biadesivo, fettuccia<br />

decorata.<br />

● Stendi ogni pirottino<br />

in modo da appiattirlo<br />

completamente.<br />

● Se la carta del pirottino<br />

è colorata solo da un<br />

lato, tieni la parte tinta<br />

all’esterno.<br />

● accartoccia ogni pirottino<br />

in modo da dargli la<br />

forma di una corolla fiorita.<br />

Uniscine 4 o 5 con<br />

il nastro biadesivo per<br />

formare un grosso fiore.<br />

● Quando avrai confezionato<br />

il tuo pacchetto regalo,<br />

avvolgilo con un nastro a<br />

fettuccia e completalo con<br />

questo fiore di carta.<br />

Puoi applicare anche più<br />

corolle lungo lo stesso<br />

nastro, fissandole con del<br />

nastro biadesivo.<br />

Unisci con del nastro biadesivo<br />

4 o 5 formine di carta<br />

stropicciate, per formare<br />

il fiore di cupcakes.<br />

Se vuoi<br />

rendere ancora<br />

più festosa<br />

la tua casa, vai<br />

a pagina 231.<br />

Troverai 6 idee<br />

suggestive<br />

www.donnamoderna.com 205


Indovina,indovinello...<br />

c’è del nuovo e c’è del bello<br />

Ami il dolce o più il salato?<br />

Il fornetto è ben scaldato!<br />

Se poi senti scoppiettare<br />

i pop corn puoi sgranocchiare<br />

Il mattino è più dorato<br />

se il pane è ben tostato...<br />

e se la sete poi ti prende<br />

pronto il succco scende e scende!<br />

Colazione, merenda e spuntino...<br />

non si fanno senza


dm a casa<br />

1<br />

bagliori<br />

metallici<br />

Sono nati negli anni Settanta. ma arredi e accessori<br />

d’acciaio, ottone e rame seducono ancora oggi<br />

di eliSa muSSo scrivile a dmacasa@mondadori.it<br />

2<br />

Negli abbinamenti di<br />

materiali diversi, il rame<br />

fa la parte del leone<br />

(Lampade Void Copper di<br />

Tom Dixon, da 225 euro).<br />

4<br />

3<br />

5<br />

6<br />

7<br />

9 10 11 12<br />

8<br />

1. lennon è un moderno chandelier (made.com, 159 euro). 2. Se ti piace lo stile industriale, ecco la lampada mysterio<br />

(diesel with Foscarini, 230 euro). 3. roulè sono vassoi metal impilabili (discipline, 168 euro). 4. con i tessuti cinema luccica<br />

anche il divano (nya nordiska, 129 euro al metro). 5. la caffettiera ossidiana si porta direttamente in tavola (alessi,<br />

da 40 euro). 6. Plissè è uno specchio che arreda (atipico, 482 euro). 7. l’oliera di rame scintilla (Paderno, da 59,90 euro).<br />

8. Solo ottone per le posate Brass (Ferm living, 42 euro). 9. la cassettiera componibili dà alla casa una nota pop<br />

(Kartell, 160 euro). 10. il tavolino Pic fa anche da comodino (maxdesign, 464 euro). 11. È semplice e lineare la caraffa di<br />

metallo ramato (coincasa, 29,90 euro). 12. la brocca termica em77 mantiene il tè caldo (Stelton, 119 euro).<br />

www.donnamoderna.com 207


Buon N atale.<br />

Il Natale è<br />

davvero più buono<br />

se a tavola c’è il<br />

“re degli Svizzeri”:<br />

l’Emmentaler DOP.<br />

Si può gustare<br />

nei vari mesi<br />

di stagionatura:<br />

dai 4 fino ai 12<br />

mesi del «Grotta»,<br />

chiamato così<br />

perché stagionato<br />

in grotta.<br />

E sulla grotta<br />

a Natale, si sa,<br />

c’è una stella<br />

speciale.


qui ci vuole<br />

il taglio perfetto<br />

a julienne, ad anelli, in polvere o a spaghetto.<br />

con gli attrezzi giusti affetti presto e bene. e poi cucini piatti super<br />

dm a casa<br />

di PaoLa VoLPari scrivile a dmacasa@mondadori.it<br />

Spiral vegetable<br />

slicer di Paderno,<br />

39,50 euro.<br />

+ + =<br />

zucchine e gamberi al curry<br />

Spunta 600 g di zucchine e, con lo slicer, tagliale<br />

a spaghetti. mettili in una terrina con qualche<br />

foglia di menta, un po’ di sale, peperoncino,<br />

4 cucchiai di olio extravergine d’oliva e fai<br />

marinare 30 minuti. cambiando il disco allo<br />

slicer, affetta il cipollotto a rondelle, fallo rosolare<br />

in un tegame con 2 cucchiai di olio, unisci<br />

500 g di gamberi sgusciati, 1 cucchiaino di curry,<br />

sale e cuoci a fuoco vivo per 3 minuti. Spegni,<br />

aggiungi le zucchine, mescola e servi subito.<br />

Affetta verdure<br />

Slice & Go di<br />

Russel Hobbs,<br />

50 euro.<br />

+ + =<br />

linguine, cipolle e bottarga<br />

Sbuccia 500 g di cipolle dorate e, con l’affetta<br />

verdure, tagliale ad anelli. mettile in un tegame<br />

con 80 g di burro e foglioline di maggiorana.<br />

coprile a filo di acqua calda, fai bollire, abbassa<br />

la fiamma e continua la cottura per 35-40<br />

minuti, finché sono quasi del tutto sfatte. Leva<br />

la pellicina a 60 g di bottarga e grattugiala<br />

finemente, uniscila al sugo di cipolle, regola di<br />

sale, aggiungi pepe in abbondanza, mescola e<br />

spegni. cuoci 320 g di linguine in acqua bollente<br />

salata, scola e condisci subito con il sugo.<br />

Grattugia<br />

julienne<br />

a manovella<br />

di Tescoma,<br />

29,90 euro.<br />

+<br />

+<br />

=<br />

flan di carote<br />

Pulisci 600 g di carote e, con la grattugia,<br />

tagliale a julienne. rosolale 5 minuti con 40 g di<br />

burro, sale, pepe ed erba cipollina tagliuzzata<br />

e falle raffreddare. mescola 100 g di ricotta con<br />

100 g di panna, unisci 70 g di grana, un po’ di<br />

scorza di arancia tagliata a julienne sottilissima<br />

e 2 uova. aggiungi le carote e mescola, quindi<br />

versa il composto in una pirofila imburrata.<br />

cospargi con 1 fetta di pancarrè sbriciolato e<br />

mescolato a 1 cucchiaio di grana e termina con<br />

fiocchetti di burro. cuoci a 200° per 30 minuti.<br />

mondadori Portfolio/Stock Food(9)<br />

Mandolina di<br />

Microplane,<br />

34,95 euro.<br />

+<br />

+<br />

=<br />

moka calda al cioccolato<br />

Scalda 1 dl di latte. con la mandolina<br />

grattugia fine 100 g di cioccolato fondente<br />

e 100 g di cioccolato al latte e scioglili a bagno<br />

maria. Poco per volta e mescolando, aggiungi<br />

prima il latte caldo poi 3 dl di caffè bollente poco<br />

zuccherato e 4 cucchiai di whisky. Versa la<br />

bevanda calda in 4 tazze riscaldate, distribuisci<br />

su ognuna un po’ di panna fredda, leggermente<br />

montata, e un pizzico di caffè in polvere. Servi.<br />

www.donnamoderna.com 209


dm a casa<br />

birra<br />

e stuzzichini<br />

Stanca del solito prosecco? e allora accosta le<br />

nostre proposte di finger food alle bionde,<br />

alle bianche e alle rosse che consiglia l’esperto<br />

di FranceSca romana mezzadri scrivile a dmacasa@mondadori.it<br />

uova di quaglia farciTe<br />

rassoda 16 uova di quaglia in acqua per 4 minuti dal<br />

bollore, raffreddale sotto l’acqua corrente, sgusciale e<br />

tagliale a metà. Farciscile alternando ciuffi di<br />

stracchino con rotolini di prosciutto crudo e<br />

rucola; maionese, tonno e dadini di peperoni<br />

in agrodolce; polpa di avocado frullata con<br />

succo di lime, uova di salmone ed erba<br />

cipollina; pâté di olive e dadini di giardiniera<br />

sott’aceto. Servi su cucchiai da finger.<br />

sceGLi unA PiLs. La sua nota amarognola<br />

bilancia il gusto morbido delle<br />

farciture (Pilsner urquell, 1,30 euro).<br />

TarTufi di robiola<br />

alle nocciole<br />

Lavora in una ciotola 200 g di robiola<br />

fresca con 2 cucchiai di olio di<br />

nocciole (oppure extravergine d’oliva),<br />

sale e pepe. Preleva il composto a<br />

piccole porzioni e falle rotolare tra i palmi<br />

delle mani inumiditi, formando palline<br />

grandi quanto una noce. Versa in un<br />

piatto due manciate di<br />

nocciole tostate e tritate e<br />

passaci via via le palline di<br />

formaggio, infilzale con<br />

stecchini di legno e servi.<br />

sceGLi unA LAGeR. È la<br />

classica bionda leggera,<br />

perfetta con il formaggio<br />

fresco e la frutta secca<br />

(menabrea lager, 3 euro).<br />

Servila così La birra sta bene<br />

con tutto. O quasi. Lo conferma Marco<br />

Bolasco, giornalista enogastronomico<br />

esperto di bionde, rosse e scure.<br />

«È difficile scovare un cibo non adatto:<br />

direi no solo ai gelati e ai crudi<br />

di pesce non conditi. A parte questi, i<br />

matrimoni possibili sono infiniti.<br />

A cominciare dalle verdure cotte, anche<br />

amarognole, come carciofi, asparagi,<br />

radicchio». Le lager sono perfette con le<br />

fritture, le pils con le zuppe di legumi,<br />

(ribollita o pasta e fagioli), mentre su una<br />

ricca pasta alla carbonara, dal gusto<br />

rotondo di uova e pancetta, è ideale una<br />

bock. «Importante» sottolinea Bolasco<br />

«servirla nel bicchiere da birra o da vino<br />

a tulipano per esaltarne i profumi.<br />

Occhio alla temperatura: fresca per lager<br />

e pils, ambiente per birre ale<br />

e d’abbazia. Infine, prima di versarla,<br />

ricorda di bagnare il calice per far<br />

scorrere la birra e formare uno strato di<br />

schiuma non più alto di due dita».<br />

mondadori Portfolio (5)<br />

210 www.donnamoderna.com


ToasT croccanTi ai gambEri<br />

Frulla 500 g di gamberetti sgusciati e puliti. Mescolali<br />

con 1 uovo sbattuto, 1 cm di zenzero fresco<br />

grattugiato, 1 cucchiaio di amido di mais, 1 di semi di<br />

sesamo, sale e poco zucchero. Spalma il composto<br />

su 4 fette di pancarré senza crosta e copri con altre<br />

4 fette. Friggi i toast in olio di semi bollente per 1-2<br />

minuti su entrambi i lati. Scolali su carta da cucina,<br />

fai intiepidire e tagliali in quadratini.<br />

SCEGLI UNA ALE. Il gusto delicato di malto<br />

e di luppolo non copre la delicatezza dei gamberi<br />

(Moretti doppio malto, 2,86 euro, 3 bottiglie).<br />

FinTo sushi di morTadElla<br />

Lavora 180 g di crescenza con 100 g di grana grattugiato e<br />

una macinata di pepe. Disponi sul tagliere 2 fette di<br />

mortadella spesse (3-4 mm), sistema al centro di ognuna<br />

metà del composto di crescenza, arrotola, avvolgi nella<br />

pellicola e metti in frigo per 2-3 ore. Taglia i rotoli a tronchetti<br />

e completali con pistacchi tritati e un filo di aceto balsamico.<br />

SCEGLI UNA BOCK. Forte e decisa, è perfetta con la<br />

mortadella, perché accompagna bene la sua parte più grassa<br />

(Birrificio Angelo Poretti, 7 luppoli, 1,89 euro).<br />

Pinzimonio<br />

nElla baguETTE<br />

Ricava da una baguette 4 tronchetti e<br />

dividili a metà in diagonale, per ottenere<br />

8 pezzi. Scava leggermente la mollica dalla<br />

parte obliqua e tostali pochi minuti in<br />

forno a 180°. Frulla 100 g di gorgonzola<br />

con 100 g di mascarpone e una<br />

manciata di foglie tenere di<br />

sedano bianco. Dividi la crema<br />

nei pezzi di pane. Completa con<br />

foglie di radicchio, fettine di pera<br />

e bastoncini di sedano.<br />

SCEGLI UNA WEISS. È una<br />

birra di frumento che<br />

asseconda la cremosità e il gusto<br />

rotondo dei formaggi<br />

(Theresianer wit, 7,60 euro).<br />

l E con la pizza...<br />

Buone notizie per chi ama pizza e birra ma<br />

teme l’effetto gonfiore. Una ricerca<br />

dell’Istituto Doxa per Assobirra svela i<br />

must da rispettare: una buona lievitazione<br />

e una perfetta cottura della pizza.<br />

Quanto alla birra, non bisogna togliere la<br />

schiuma perché riduce la quantità di<br />

anidride carbonica. Gli abbinamenti doc?<br />

Con la margherita bevi la pils, che bilancia<br />

l’acidità del pomodoro e la sapidità<br />

della mozzarella. Con la marinara va la<br />

weiss di frumento, che lega aglio e origano.<br />

E con la napoletana? Una bock.<br />

Perché con i sapori forti ci vuola una<br />

birra di carattere deciso.


dm a casa<br />

che dessert!<br />

Se alla fine di una cena o all’ora del tè vuoi sorprendere gli ospiti con<br />

un dolce dal cuore morbido, prova una di queste delizie<br />

di danIeLa maLaVaSI scrivile a dmacasa@mondadori.it<br />

Coppette ai marroni Spezzetta 4 marrons<br />

glacé e versali nelle ciotole da forno. monta 5 uova con<br />

50 g di zucchero e della vaniglina Incorpora 4 dl di latte<br />

bollente e versa nelle ciotole riempiendole per 2/3.<br />

Trasferisci le coppette in una teglia colma per metà di<br />

acqua tiepida e cuoci in forno a 180° per 1 ora. decora<br />

con 1/2 marrons glacés e con uno spicchio di pera<br />

cotta 10 minuti in uno sciroppo fatto con 2 dl di acqua,<br />

100 g di zucchero e 1 cucchiaino di succo di limone.<br />

Millefoglie di<br />

mele Taglia a quadrati di<br />

10 cm 2 rotoli di pasta<br />

sfoglia, punzecchiali,<br />

spolverizzali di zucchero a<br />

velo e infornali 10 minuti a<br />

200°. rosola 3 mele<br />

a spicchi con 30 g di burro<br />

e 1 cucchiaio di zucchero.<br />

aggiungi del cognac, fai<br />

sfumare e spegni. mescola<br />

a una confezione di crema<br />

pasticcera pronta 2 dl<br />

di panna montata. concludi<br />

alternando a strati le<br />

sfoglie, la crema, le mele e<br />

scaglie di cioccolato al latte.<br />

Frittelle di uvetta<br />

cuoci per 10 minuti 150 g<br />

di semolino in 1 l di latte<br />

bollente e la scorza<br />

grattugiata di 1 limone.<br />

Unisci 80 g di zucchero,<br />

80 g di uvetta, e, quand’è<br />

tiepido, 2 uova e 4 tuorli.<br />

Versa su carta forno, livella<br />

a 1 cm e fai raffreddare.<br />

Taglia a quadrotti, passali<br />

in 2 uova sbattute e<br />

nel pangrattato e friggili.<br />

mondadori Portfolio (4)<br />

Tortini alla menta Fai bollire 1/2 dl di<br />

panna con foglie di menta, frulla, mescola con 100<br />

g di cioccolato bianco spezzettato, fallo sciogliere<br />

poi metti in frigo. Fondi a bagnomaria 80 g di burro<br />

con 80 g di cioccolato fondente tritato, fai intiepidire<br />

e incorpora 70 g di farina, 70 g di zucchero e<br />

3 uova. Versa in 4 stampini imburrati e infarinati,<br />

mettili in frigo 1 ora. Farciscili con una pallina di<br />

composto di menta e inforna a 180° per 10 minuti.<br />

www.donnamoderna.com 213


Scegliamo la qualità,<br />

aspettiamo l’eccellenza.<br />

12 mesi<br />

72 mesi<br />

24 mesi 60 mesi<br />

36 mesi 48 mesi<br />

Raggiunti i 12 mesi di stagionatura si può chiamare Parmigiano Reggiano: il formaggio DOP<br />

con la stagionatura minima più lunga. Da 24 mesi, raggiunge l’equilibrio di sapori e aromi,<br />

poi la stagionatura può continuare e arrivare anche fino a 100 mesi. Sono le scelte di qualità<br />

che facciamo ogni giorno a permettere tempi così lunghi: nessun conservante,<br />

solo alimenti naturali con prevalenza di fieni ed erbe per le nostre vacche,<br />

solo latte di qualità superiore per il Parmigiano Reggiano.<br />

Parmigiano Reggiano. La scelta di qualità.<br />

/parmigianoreggiano @theonlyparmesan #ParmigianoReggiano theonlyparmesan<br />

www.parmigianoreggiano.it


dm a casa<br />

i pistacchi<br />

vanno con tutto<br />

a trasferirli dalla ciotola<br />

degli aperitivi al banco della<br />

cucina ci ha pensato una<br />

famosa chef stellata,<br />

Viviana Varese. risultato:<br />

tre ricette strepitose<br />

di stefanIa carLeVaro scrivile a dmacasa@mondadori.it<br />

Buoni<br />

da scoprire<br />

come tutta la frutta secca,<br />

i pistacchi fanno<br />

benissimo. ecco perché<br />

• Sono ricchi di nutrienti<br />

contengono antiossidanti,<br />

vitamine, proteine, fibre e<br />

tanto potassio, che tiene sotto<br />

controllo la pressione. Inoltre<br />

sono privi di colesterolo.<br />

• Ingrassano poco 30 g<br />

di pistacchi, una cinquantina<br />

circa, hanno 165 calorie.<br />

decisamente sufficienti per<br />

l’aperitivo e meno ingrassanti<br />

di pizzette e focaccine.<br />

• Sono versatili Lo<br />

conferma anche la chef<br />

Viviana Varese, che li usa<br />

spessissimo: a pezzetti<br />

nell’insalata, come granella<br />

per impanare il pesce o interi<br />

per dare un pizzico di sapore<br />

in più al sugo della pasta.<br />

Provali anche frullati con olio<br />

e sale per fare un pesto<br />

da spalmare sui crostini.<br />

i pistacchi ti<br />

fanno gola?<br />

cerca altre ricette<br />

nel post di Stefania<br />

carlevaro su<br />

▲<br />

GIORNIMODERNI.<br />

DONNAMODERNA.COM<br />

1 Spada in croSta<br />

Taglia 400 g di pesce spada in tranci di 5 cm e passali in<br />

un mix di sale, pepe e 100 g di pistacchi tritati.<br />

Frulla 200 g di pomodorini gialli, 1/2 peperone giallo,<br />

1 cipollotto, 50 g di olio, 5 g di aceto bianco, sale, pepe.<br />

In una padella antiaderente scotta i tranci di spada<br />

2 minuti per lato. Servili con qualche cucchiaio di salsa e<br />

decora con insalatina novella e pomodorini a pezzetti.<br />

2 Bouquet di inSalata<br />

Lava 1 cespo di lattuga, 1 di radicchio, 1 mazzetto di<br />

rucola, 1 di crescione e 1 di tarassaco. Scegliendo delle<br />

foglie piccole, impilale una sull’altra (sempre<br />

nello stesso ordine e partendo da quelle più grandi).<br />

Distribuisci su ogni bouquet una crema ottenuta<br />

frullando 125 g di pistacchi, 50 g di olio, 2 g di aceto<br />

bianco e sale. Spolvera con granella di pistacchi<br />

e chiudi ogni bouquet con un nastrino. Taglia le foglie<br />

sporgenti, condisci con qualche goccia di olio<br />

e aceto, decora con fiori commestibili bio e servi.<br />

3 cHeeSe caKe<br />

Riscalda 120 g di panna con 50 g di zucchero senza farla<br />

bollire. Via dal fuoco, aggiungi 300 g di cioccolato<br />

bianco e scioglilo aiutandoti con la frusta. Metti in frigo<br />

per 3 ore. Frulla 150 g di biscotti secchi, 40 g di zucchero,<br />

30 g di pistacchi caramellati e aggiungi 60 g di burro<br />

fuso. Disponi il preparato su una tortiera rotonda di<br />

20 cm di diametro e metti in frigo per mezz’ora. Monta<br />

2 uova e 1 tuorlo fino a ottenere un composto spumoso.<br />

Aggiugi 600 g di ricotta, il succo di 1/2 limone,<br />

20 g di amido di mais, 100 g di panna, 220 g di pistacchi<br />

caramellati. Disponi la crema sulla base nella tortiera<br />

e cuoci in forno a 160° per 30 minuti. Abbassa il forno a<br />

140° per altri 30 minuti. Fai raffreddare. Decora<br />

con la crema di cioccolato bianco e qualche pistacchio.<br />

Si ringrazia American Pistachios (americanpistachios.org)<br />

1<br />

2<br />

3<br />

www.donnamoderna.com 215


DELIZIE DA FORNO<br />

Se le fai tu,<br />

vale di più!<br />

Tante ricette, dolci e salate,<br />

per realizzare le tue delizie da forno<br />

ogni giorno. In più, tutti gli strumenti<br />

pensati da Love Bakery per te.<br />

Speciale Feste: prepara l’albero di Natale<br />

con i cookies e la pasta di zucchero<br />

e utilizza il timbro Christmas allegato<br />

per le tue decorazioni!<br />

Nuova Uscita<br />

a soli 6,99 * €<br />

FASCICOLO<br />

+ STAMPO A TIMBRO CHRISTMAS<br />

+ CUTTER ALBERO DI NATALE<br />

E IN PIÙ L’ANGOLO DI<br />

* PREZZO RIVISTA ESCLUSA<br />

L’Opera è composta da 40 uscite. 1ª uscita € 2,99 (rivista esclusa) - uscite successive € 6,99 (rivista esclusa) salvo variazioni delle aliquote fiscali. - La natura dell’opera si presta ad essere oggetto di nuove serie che, se<br />

realizzate dall’Editore, saranno comunicate nel rispetto del D.LGS.146/2007. L’editore si riserva di modificare l’ordine, la sequenza e/o i prodotti allegati alle singole uscite, comunicando con adeguato anticipo i cambiamenti<br />

che saranno apportati al piano dell’opera.<br />

Nelle prime 20 uscite dell’Opera<br />

troverai uno speciale inserto dedicato<br />

alle ricette di Bake Off Italia.<br />

Segui la nuova stagione<br />

ABBONATI SU: lovebakery.com<br />

SCOPRI LOVE BAKERY SU: facebook.com/lovebakeryofficial<br />

dal 9 dicembre<br />

in edicola con


dm a casa<br />

a tavola<br />

il cocktail<br />

della settimana<br />

cucumber<br />

explosion<br />

per tutti<br />

cosa serve ½ cetriolo, 1 mela Stark<br />

val venosta, 7 foglie di menta.<br />

1,5 cl di succo di lime, 1,5 cl di<br />

orzata. Preparazione È il momento<br />

delle mele Stark. coglilo per<br />

preparare un ottimo cocktail<br />

analcolico e pieno di vitamine per i<br />

party natalizi. frulla gli ingredienti<br />

nel mixer con 1 cucchiaio<br />

di ghiaccio. versa in un<br />

bicchiere alto e decoralo<br />

con menta e fettine<br />

sottili di mela.<br />

il Panettone<br />

con lievito madre<br />

a una fetta non si dice mai di no. Soprattutto se<br />

il dolce di natale è preparato con il lievito madre ed è<br />

farcito con ingredienti speciali e di prima qualità,<br />

dall’uvetta sultanina alle scorzette candite d’arancia<br />

e di cedro (Panettone la Pasqualina, 29 euro al kg).<br />

a cura di Stefania carlevaro<br />

scrivile a carleva@mondadori.it<br />

www.donnamoderna.com 217


dm a casa<br />

consigli di lettura per chi ama i gatti su<br />

donna<br />

moderna<br />

.com/<br />

salute/<br />

vivere-meglio<br />

e tablet<br />

orosco-pet 2015<br />

che anno sarà per il tuo quattrozampe? Te lo<br />

dice l’esperta di astrologia che, su radio<br />

Bau&co, manda in onda lo zodiaco “bestiale”<br />

a cura di Federica Farini scrivile a animali@mondadori.it<br />

Federica Farini<br />

Federica Farini<br />

Astrologia applicata all’universo animale<br />

Con l’astrologia “umanimale”<br />

conosciamo noi stessi<br />

e i nostri amici quattrozampe.<br />

astroBau&<br />

astromiao (Paco<br />

ed., 16 euro) è il<br />

libro di astrologia<br />

scritto da Federica<br />

Farini. i proventi<br />

vanno agli animali<br />

in difficoltà.<br />

ariete<br />

Per i pet di questo segno si apre la stagione<br />

degli amori: avrete tempo fino all’estate per<br />

trovare la compagna o il compagno di zampa<br />

ideale (e ritrovarsi circondati da cuccioli!). Urano<br />

e Giove in Leone danno allegria e buonumore.<br />

con Saturno in Sagittario, poi, i corsi seguiti fino<br />

a giugno daranno grandi risultati.<br />

toro<br />

La vostra pazienza è stata messa alla prova, ma<br />

dall’estate, con Giove che abbandona l’ostico<br />

Leone, sarete più rilassati e meno dispettosi.<br />

Bene anche la salute, con Saturno fuori<br />

dall’opposizione. e da settembre, buone notizie<br />

per i pet senza casa: con Giove nell’amica<br />

Vergine potreste trovare una nuova famiglia.<br />

gemelli<br />

Venere e Urano non fanno mancare il buonumore,<br />

ma il 2015 invita i pet dei Gemelli a maturare<br />

un po’. ci vorrà più impegno soprattutto da<br />

settembre, con Giove in Vergine e Saturno<br />

all’opposto in Sagittario. Potrebbe allargarsi la<br />

famiglia, oppure dovrete cimentarvi in attività<br />

nuove. Per i cani: rinunciate a inutili fughe.<br />

cancro<br />

nella prima parte dell’anno, Saturno e Giove<br />

nell’elemento fuoco affineranno capacità e<br />

intuito, ma il fiuto da vero detective proseguirà<br />

anche i mesi autunnali e invernali. con Urano in<br />

ariete e Plutone in capricorno, però, il pericolo<br />

è in agguato. il consiglio è di evitare le situazioni<br />

rischiose. Gatti, state lontani dai tetti!<br />

leone<br />

dopo tanto impegno e fatica, ecco l’attesa<br />

ricompensa: avete Giove nel segno e Saturno in<br />

aspetto favorevole. anche Venere prima in ariete<br />

poi in Leone invitano a relax, giochi e divertimento.<br />

non siate altezzosi se volete farvi nuovi amici.<br />

Urano è dalla vostra: preparatevi a viaggi e<br />

cambiamenti anche se siete sedentari.<br />

vergine<br />

Saturno quadrato dal Sagittario vi rende un po’<br />

suscettibili: potreste abbaiare troppo o graffiare<br />

per dispetto. Solo dalla seconda metà dell’anno,<br />

con Giove nel segno, sarete più gioiosi. Se<br />

metterete al bando paura e tentennamenti,<br />

potrete dare il via ad avventure entusiasmanti.<br />

nel 2015 rischiare è bello!<br />

bilancia<br />

il 2015 sarà squisito come la vostra crocchetta<br />

preferita. anche se Urano in ariete e Plutone in<br />

capricorno restano ostili, il vostro cielo si<br />

rasserena. con Giove, Venere e Saturno a favore<br />

potreste vincere una gara di bellezza. correre e<br />

saltare non sono il vostro forte? Fatevi coraggio<br />

e provate con l’agility. Zampe in spalla!<br />

scorpione<br />

con Giove in Leone fino all’estate, sarete<br />

concentratissimi: è il momento ideale per<br />

iscriversi a un corso di addestramento. ma da<br />

metà agosto, con l’ingresso di Giove in Vergine<br />

torna l’allegria e potrete tirare il fiato, concedendovi<br />

pause festose con amici e famiglia. Preparatevi<br />

anche a batticuore d’amore!<br />

sagittario<br />

Saturno sosta nel vostro segno per tutto il 2015,<br />

affinando i sensi e la voglia di aiutare gli altri.<br />

Sarete anche affettuosi e di buonumore. non vi<br />

resta che andare alla carica. ci saranno occasioni<br />

d’incontro, viaggi e fortuna, ma anche impegno<br />

e addestramento. Per i quattrozampe più<br />

competitivi, il podio è assicurato.<br />

capricorno<br />

il vostro 2015 sarà irresistibile. dalla più ardita<br />

scalata fino al salto nei cerchi di fuoco, niente<br />

potrebbe spaventarvi. in più, avrete anche voglia<br />

di divertirvi, soprattutto da metà agosto in poi<br />

quando Giove entra in Vergine. Giri di<br />

perlustrazione e sane corse al parco vi terranno<br />

vicini ai vostri proprietari. che bellezza!<br />

acQuario<br />

Finalmente un anno positivo: con Saturno in<br />

sosta nel Sagittario, il morale si risolleva. resta<br />

solo qualche problemino di salute. e chi tra voi<br />

non si è ancora dato una calmata lo farà da<br />

settembre, con lo spostamento di Giove dal<br />

Leone e il suo ingresso in Vergine quando,<br />

finalmente, potrete poltrire sul divano.<br />

pesci<br />

nel 2015 direte addio alla vostra proverbiale<br />

distrazione: Saturno, dal faticoso Sagittario, vi<br />

propone stimoli costanti anche quando<br />

preferireste sonnecchiare. Sarete lucidi e attenti:<br />

è il momento per imparare cose nuove. coraggio,<br />

regole e costanza premieranno chi di voi si<br />

mostrerà più volenteroso e attivo.<br />

Shutterstock<br />

218 www.donnamoderna.com


dm in libertà<br />

Il b&b di Cottonwood, Idaho, è a forma di<br />

beagle: i proprietari vanno pazzi per i cani.<br />

A Oxford, il<br />

castello di<br />

Malmaison era<br />

un carcere,<br />

ora è un<br />

boutique hotel.<br />

All’aeroporto<br />

di Arlanda,<br />

Stoccolma,<br />

dormi in<br />

un vecchio jet.<br />

Aereo, acquario,<br />

prigione...<br />

Pazze idee per<br />

dormire<br />

strAno<br />

Mai passato una notte con la testa tra le<br />

nuvole e i piedi a terra? Prenota una stanza<br />

a bordo di Jumbo Stay, il jet in pensione<br />

all’aeroporto Arlanda di Stoccolma<br />

( jumbostay.com, da 48 euro a persona).<br />

In Inghilterra, invece, il castello Malmaison<br />

di Oxford era una prigione: ora dormi in<br />

una ex cella di design, degna di un boutique<br />

hotel (malmaison.com, da 125 euro a<br />

persona). In Italia il Motel K di Casei Gerola<br />

(Pv) ha 23 indimenticabili stanze a tema,<br />

da quella in stile Maya alla Planetaria,<br />

dove sembra di dormire nello spazio, vista<br />

stelle (motelk.com/it, da 77 euro a persona).<br />

Nel Nord degli Usa, il b&b Dog Bark Inn di<br />

Cottonwood, Idaho, merita una deviazione:<br />

i proprietari, che adorano i cani, hanno<br />

costruito il loro hotel a forma di beagle<br />

gigante (dogbarkparkinn.com, 78 euro una<br />

doppia). Infine, se hai dei bambini, potrai<br />

farli felici con un soggiorno all’Atlantis The<br />

Palm di Dubai: creato intorno a un acquario,<br />

ha 2 suite subacquee immerse tra pesci<br />

tropicali, mante e squaletti (atlantisthepalm.<br />

com, da 317 euro a stanza). annalisa piersigilli<br />

www.donnamoderna.com 221


Via Pastrengo, nel cuore dell’Isola.<br />

Sullo sfondo, il Bosco verticale<br />

che quest’anno ha vinto<br />

l’International Highrise award, come<br />

grattacielo più bello del mondo.<br />

«Sono nata a Milano, anche se la mia città d’adozione, ormai<br />

da tempo, è New York. Quando torno in Italia supero raramente<br />

il cavalcavia Bussa, il ponte che collega il quartiere Isola al<br />

resto della città, e mi rifugio nel mio accogliente showroom<br />

di via Pastrengo 4 (tel. 02.87237979, monicacastiglioni.com).<br />

Non mi serve andare in giro perché qui all’Isola ritrovo alcuni<br />

tra i creativi più in gamba di Milano. Hai mai visto all’opera<br />

Costanza Algranti? Nel suo laboratorio trasforma materiali<br />

poveri e di riciclo in vere e proprie opere d’arte (via Guglielmo<br />

Pepe 20, tel. 02.89053149, costanzaalgranti.it). Tra gli indirizzi<br />

che danno colore alle mie giornate milanesi ci sono anche il<br />

fiorista Numero 9, un talento nel campo del floral design (via<br />

Pastrengo 9, numeronove.it). Per gli abiti easy chic da bambini<br />

(ma non solo) il mio posto di riferimento è Rapadesign (via<br />

Pastrengo 5a, tel. 02.23167868, rapadesign.com). Ogni volta<br />

che ho voglia di mangiare qualcosa di stuzzicante, invece,<br />

scelgo senza esitazioni le tentazioni golose di Les Pommes<br />

Bistrot: dalla colazione al brunch, dal pranzo all’aperitivo,<br />

adoro questo locale pensato per i sognatori dove il buon cibo,<br />

il vino di qualità, i libri, il wifi e le chiacchiere con gli amici<br />

convivono in totale armonia e relax (via Pastrengo 7, tel.<br />

02.87074765, lespommes.it)».<br />

c’è un’ISOLA<br />

222 www.donnamoderna.com<br />

Monica Castiglioni<br />

53 anni, jewel<br />

designer e fotografa<br />

Martina Carnevale<br />

25 anni, barbiere<br />

«Il barber shop Bullfrog, barberia come quelle di un tempo, è<br />

in un cortile delizioso, una nicchia di Isola nascosta in via Thaon<br />

di Revel 3. Da quando ci lavoro (Martina è la prima barbieressa<br />

in Italia) me ne innamoro ogni giorno di più: dove lo scovi, a<br />

Milano, un angolo che racchiude un barbiere, un ritrovo cult<br />

come il Deus Café (tel. 02.83439230, deuscafe.it) e un negozio<br />

vintage tra i migliori in città come il Retrò (tel. 3428410277,<br />

retro-shopping.com)? Passando al cibo, la colazione da non<br />

perdere è in compagnia dei rider che popolano le Officine<br />

Mermaid Cafè (via Arese 20, tel. 02.89691671, officinemermaid.<br />

com) ma, per una pausa pranzo in stile american dinner, niente<br />

di meglio dei bagel (panini morbidi) di Dennis KD House (via<br />

Thaon di Revel 3, tel. 392.0972268, kdstore.it). Ultima dritta,<br />

prima di lasciare il quartiere, ammira i murales di via Pepe<br />

nati dal progetto “Esco ad Isola” (escoadisola.it): cominci a<br />

vederli all’aperto, poi continui nel sottopassaggio».<br />

A MILAnO<br />

Tre insider speciali e la nostra<br />

giornalista ci portano<br />

a spasso in uno dei quartieri più<br />

caratteristici della città.<br />

e, tra vecchie case di ringhiera,<br />

grattacieli avveniristici,<br />

giardini condivisi, ci raccontano<br />

le tante anime di<br />

questo angolo così trendy<br />

di marTa gHelma scrivile a dminliberta@mondadori.it<br />

Bruno Zanzottera/Parallelozero-Ivan lattuada


dm in libertà<br />

Performance di un artista<br />

della Scuola di<br />

arti circensi e Teatrali.<br />

Simona Colombini<br />

48 anni, restauratrice<br />

«Da 11 anni abito in una casa di ringhiera in via de Castillia, ma<br />

è solo da poco tempo che mi sveglio all’ombra del Bosco<br />

verticale, le famose torri che svettano su Porta Nuova: lo skyline<br />

dell’Isola ultimamente è cambiato (meraviglioso!), ma<br />

l’atmosfera è rimasta la stessa. Per la familiarità, che<br />

difficilmente s’incontra altrove, e per le tante attività artigianali<br />

sorte vicino al mio laboratorio di decorazione, riciclo e restauro<br />

(Colombini Manufatti, via Pastrengo 12, tel. 3934270498,<br />

colombinimanufatti.com). Nel quartiere, i miei colleghi<br />

preferiti sono Natsuko Toyofuku, un’artista giapponese che<br />

disegna gioielli simili a sculture (via Angelo della Pergola 8,<br />

tel. 0287396854, natsukotoyofuku.com), lo stilista israeliano<br />

Nir Lagziel, di cui amo i “pezzi unici” lavorati a mano (via<br />

Jacopo dal Verme 12, tel. 02.86454166, nirlagziel.com) e la<br />

slowdesigner Natasha Calandrino Van Kleef, creatrice della<br />

linea di abiti versatili ed ecofriendly Daydoll (via Carmagnola<br />

5, 02.39523868, www.nvkdesign.it). Per incontrare gli amici<br />

senza darsi un appuntamento, poi, scelgo la cucina casalinga<br />

della Cantinetta (piazza Archinto, tel. 02.6081612) e il relax<br />

nel giardino condiviso Isola Pepe Verde. È un’area del comune,<br />

gestita dagli abitanti del quartiere, che l’hanno trasformata in<br />

un orto-giardino con spazi a disposizione per feste o altri eventi<br />

(via Pepe 10, isolapepeverde.wordpress.com)».<br />

La vetrina di dennis Kd House.<br />

Il suo Tropea’s bagel, con salmone<br />

affumicato, tartare di cipolle<br />

rosse di Tropea, songino, bacon e salsa<br />

chili è imbattibile.<br />

Il sottopassaggio<br />

tra la stazione Garibaldi<br />

e l’Isola è decorato<br />

con i murales più belli<br />

di milano.<br />

Marta Ghelma<br />

36 anni, giornalista<br />

freelance<br />

«Vivo all’Isola da più di 4 anni. Qualcuno lo definisce un quartiere<br />

radical chic, ma invece la sua anima popolare è vivissima. Tra i<br />

tavoli della Pizzeria alla Fontana trovi pizze al trancio squisite<br />

e a buon mercato (via Thaon di Revel 28, tel. 02.6684735). Al<br />

Sunday Brunch del Blue Note trascorri la domenica con figli<br />

e amici: mentre le tate intrattengono i bambini, i grandi pranzano<br />

con musica live jazz (forfait famiglia 60 euro, via Pietro Borsieri<br />

37, tel. 02.69016888, bluenotemilano.com). Per fare movimento,<br />

trovi l’Academia de Capoeira fondata dal celebre Mestre<br />

Baixinho (via Angelo della Pergola 15, tel. 02.69018360,<br />

capoeiramilano.com) e la Scuola di Arti Circensi e Teatrali<br />

al Teatro Sassetti (via Sebenico 21, tel. 02.66013484,<br />

maurizioaccattato.org). Il mio shopping preferito? Tra le<br />

magnifiche creazioni dell’atelier UrOburo, un’oreficeria artistica<br />

che offre lavoro anche a ragazzi con un passato difficile alle<br />

spalle (via Thaon di Revel 19, tel. 02.66823658, uroburo.it)».<br />

www.donnamoderna.com 223


FINALMENTE UNA BORSA<br />

CHE FA SALIRE LE BUONE AZIONI.<br />

DAL 30 NOVEMBRE AL 30 DICEMBRE<br />

CHIEDI LA BORSA CRUCIANI PER TELETHON<br />

IN TUTTI I SUPERMERCATI SIMPLY<br />

E TUTTI GLI IPERMERCATI AUCHAN.<br />

Un’azione di grande valore<br />

per sostenere la ricerca sulle malattie<br />

genetiche rare ed essere vicini<br />

ad ogni persona che ne è affetta.


dm in libertà<br />

è il momento<br />

di varsavia<br />

Sotto Natale, la capitale polacca<br />

ha un fascino speciale. Ecco cinque<br />

ragioni per partire subito.<br />

E trascorrere un weekend d’incanto<br />

di ILARIA PRADA scrivile a dminliberta@mondadori.it<br />

1 I saldi cominciano ora<br />

Ufficialmente i ribassi iniziano il 27-28 dicembre, in realtà già a<br />

fine novembre molti negozi mettono in saldo la merce per la<br />

mezza stagione, e a dicembre trovi prezzi stracciatissimi.<br />

Immancabile una tappa al centro commerciale Złote Tarasy<br />

(Złota, 59) che vanta oltre 200 negozi. È un’opera d’arte vera e<br />

propria, che nel 2006 ha ricevuto l’Architectural Review Mipim<br />

Future Project Award. Se d’estate il sole, specchiandosi sulla<br />

superficie riflettente, è uno spettacolo, d’inverno la neve crea<br />

un’atmosfera ancora più suggestiva.<br />

corbis / Ipa (2) / Sime<br />

2 I mercatini sono convenientissimi<br />

I mercatini tipici spesso sono cari: a Varsavia no! Vicino al centro<br />

commerciale Blue City (al.Jerozolimskie 179) trovi bancarelle<br />

gastronomiche con prelibatezze locali a costi competitivi.<br />

Dalle 10 alle 19 fai un giro a plac Wilsona, dove c’è il mercatino<br />

natalizio più tipico: artigianato polacco, come i caratteristici<br />

guanti a muffola, giocattoli di legno e attrazioni per bambini.<br />

Domenica mattina non perdere il mercato dell’usato di Koło (ul<br />

Obozowa, 99): troverai di tutto, antiquariato, abiti vintage e<br />

oggetti storici. Regola d’oro, contrattare sempre. Menzione<br />

d’onore per Hala mirowska (plac Mirowski 1), un antico<br />

mercato dove il tempo sembra essersi fermato.<br />

▲<br />

In alto, un giro per la città su una vecchia carrozza è<br />

una delle attrazioni turistiche più gettonate:<br />

troverai i cocchieri in plac Zamkowy (il prezzo è da<br />

concordare). Qui sopra, lo scenografico interno<br />

del Museo Chopin, che ospita oltre 7 mila pezzi tra<br />

cui manoscritti, lettere private, fotografie, dipinti,<br />

gioielli, disegni e spartiti del grande compositore.<br />

www.donnamoderna.com 225


dm in libertà<br />

Al Centro della Scienza Kopernik i bambini si<br />

divertono nei laboratori di simulazione,<br />

dove possono provare l’impressione di un<br />

terremoto o la forza di un tornado.<br />

Il centro commerciale Złote Tarasy offre un mix<br />

di negozi di marca e piccole boutique polacche.<br />

come muoverti,<br />

dove fermarti<br />

n In molti angoli della città trovi la mappa<br />

gratuita di Varsavia “spotted by locals”<br />

(scovato dagli abitanti): segnala scorci e mete<br />

al di fuori delle solite tappe turistiche,<br />

che solo chi vive a Varsavia può conoscere.<br />

n La compagnia wizzair offre, da diverse città<br />

italiane, voli a tariffe competitive (wizzair.com).<br />

L’incubo navette non esiste: il bus 175<br />

collega l’aeroporto Chopin di Varsavia alla<br />

stazione centrale (in pieno centro) al prezzo di<br />

un normale biglietto urbano (4,40 zloty,<br />

circa 1,10 euro). Il viaggio dura circa mezz’ora.<br />

n Per muoverti in città usa i mezzi<br />

pubblici. molto convenienti le tessere<br />

giornaliere (15 zloty, circa 3,60 euro)<br />

o per il weekend (24 zloty, circa 5,70 euro).<br />

n Per dormire in centro e in una camera<br />

storica c’è l’hotel Bristol (hotelbristolwarsaw.<br />

pl, da 170 euro), che risale al 1901:<br />

fra i suoi fondatori, ci fu il pianista, poi primo<br />

ministro, Ignacy Jan Paderewski. Una<br />

soluzione economica, ma più che decorosa?<br />

L’Hotel mdm, nella bellissima plac<br />

Konstytucji, offre camere ampie e confortevoli<br />

(hotelmdm.com, da 80 euro).<br />

226 www.donnamoderna.com<br />

Il Pałac na Wodzie è al centro di un laghetto artificiale<br />

che, in questa stagione, trovi spesso ghiacciato.<br />

3 Nei giardini innevati c’è aria di fiaba<br />

L’atmosfera del parco reale Łazienki Królewskie, letteralmente<br />

“Bagni Reali”, d’inverno è magica. Neve e brina ammantano gli<br />

oltre 75 ettari, dove svettano il Pałac na Wodzie (Palazzo<br />

sull’acqua), la residenza di re Stanislao II e il teatro costruiti su<br />

di una piccola isola al centro di un lago. Gli scoiattoli,<br />

particolarmente socievoli, si avvicinano senza timore e sono i<br />

beniamini dei più piccoli. Se hai fame non avere dubbi: vai al<br />

ristorante Belvedere (Ul. Agrykoli 1), all’interno del parco, dove<br />

sarai servita da camerieri poliglotti in livrea. L’ambiente è<br />

signorile, i prezzi abbordabili, la zuppa di porcini deliziosa. Non<br />

spaventarti se sugli alberi di Natale che vedi in giro troverai ragni<br />

e ragnatele, in Polonia sono rispettatissimi: secondo la tradizione,<br />

fu un ragno a tessere la coperta di Gesù Bambino.<br />

4 I musei sono accoglienti<br />

A Varsavia d’inverno la temperatura precipita spesso sottozero,<br />

un ottimo pretesto per godersi i numerosi musei della città,<br />

quasi tutti gratuiti per un giorno alla settimana (per sapere<br />

quale basta consultare i rispettivi siti). Imperdibili il museo<br />

Chopin (Okólnik 1, chopin.museum/en), interattivo e in<br />

costante evoluzione, e il centro di arte contemporanea al<br />

castello Ujazdowsky (ul. Jazdów 2, www.art.pl). Se hai bambini<br />

o se sei appassionata di scienze, la tappa d’obbligo è il museo<br />

dedicato all’astronomo polacco Niccolò Copernico (ul.<br />

Wybrzeże Kożciuszkowskie 20, kopernik.org.pl/en), con<br />

installazioni e laboratori interattivi molto divertenti. Poi, a<br />

pochi passi, entra al caffè Kafka (Obożna, 3), dove scaldarti<br />

con un ottimo tè e sfogliare uno dei tanti libri in diverse lingue.<br />

5 Ti ritrovi su un set<br />

Se hai visto il film Il pianista, sarà facile localizzare i tanti scorci<br />

di Varsavia immortalati dal regista Roman Polanski (che ha<br />

origini polacche). Nel reticolo di vie Konopacka, Stalowa e<br />

mała e nel quartiere di Praga-Północ, riconoscerai lo sfondo<br />

di diverse scene reso ancora più suggestivo dal freddo<br />

dell’inverno. Vuoi una vista mozzafiato che abbraccia i luoghi<br />

più significativi del set? Sali sul tetto della biblioteca<br />

dell’Università di Varsavia (ul. Dobra 56/66), troverai un<br />

giardino pensile sulla Vistola, il fiume che attraversa la città.<br />

Preparati allo spettacolo. Meraviglioso.


DONNA MODERNA PROMOTION<br />

Sorridi,<br />

STA PIOVENDO!<br />

Le giorNate di Pioggia<br />

soNo uN CLassiCo deLL’iNverNo.<br />

La Novità 2014/15 è aFFroNtarLe<br />

CoN CoLori e sorrisi,<br />

Per NoN Perdersi NePPure<br />

uN momeNto di gioia<br />

Piove? Finalmente! Non possiamo<br />

cambiare l’inverno, ma possiamo<br />

influenzare il nostro stato d’animo<br />

uscendo con un paio di stivali da pioggia<br />

Havaianas della nuova collezione<br />

Samba in the rain. Colorati e<br />

pratici, ti proteggono e ti invitano<br />

a scherzare con l’acqua come<br />

facevi da bambina. Per fortuna<br />

sono tutt’altro che baby e, anzi,<br />

il gioco divertente è proprio<br />

scegliere il tuo stile: provali in<br />

versione sexy, con mini<br />

e calzettoni, sporty con jeans<br />

o leggings, sorprendenti<br />

con il tubino o il tailleur.<br />

Tinta unita o fantasie moda? Puoi<br />

scegliere tra tanti colori diversi per lui e<br />

per lei. Gli stivali da pioggia Havaianas<br />

sono comodi e tengono i piedi asciutti,<br />

con molto stile e molta allegria<br />

havainas-store.com #sambaintherain


A Natale, il divertimen<br />

con Sorrisi tante sorprese in DvD per u<br />

©Shutterstock<br />

novità<br />

novità<br />

Dal 25 novembre<br />

DvD + calenDario €14,90*<br />

Dal 25 novembre<br />

2 DvD € 9,90*<br />

Dal 2 dicembre<br />

€ 9,90*<br />

novità<br />

SUPER<br />

AntEPRiMA<br />

novità<br />

Dal 12 novembre<br />

€ 9,99*<br />

Dal 2 dicembre<br />

€ 9,90*<br />

Dal 3 dicembre<br />

€19,90*<br />

Dal 9 dicembre<br />

2 film € 12,90*<br />

Cofanetto da Collezione


to è in edicola!<br />

n natale indimenticabile!<br />

novità<br />

Dal 9 dicembre<br />

€ 14,90*<br />

Dal 25 novembre<br />

3 film € 19,90*<br />

Dal 2 dicembre<br />

2 DvD €12,90*<br />

Confezione regalo!<br />

Dal 9 dicembre<br />

2 film €12,90*<br />

Cofanetto da Collezione<br />

novità<br />

novità<br />

* prezzo rivista esclusa<br />

Dal 9 dicembre<br />

€ 9,90*<br />

Dal 2 dicembre<br />

3 film € 19,90*<br />

edizione speCiale!<br />

Dal 9 dicembre<br />

€ 9,90*<br />

Dal 25 novembre<br />

€ 9,90*


dm in pratica<br />

La tua arma<br />

anti-crisi è la<br />

creatività<br />

6 idee per vestire a festa la<br />

casa. Le puoi realizzare<br />

tutte da sola. e risparmiare<br />

di monica cresci e vaLeria coLaveccHio<br />

scrivigli a dminpratica@mondadori.it<br />

Trasformare gli ambienti in un luogo magico<br />

per le prossime Feste, anche solo per una<br />

sera, non è né difficile né costoso. Anzi, può<br />

diventare un vero divertimento. L’importante<br />

è scegliere poche decorazioni e reinterpretarle<br />

con estro e inventiva, acquistando giusto<br />

lo stretto necessario. Ti serve qualche<br />

spunto? Rubalo alla set designer Monica<br />

Cresci, autrice dello styling di questo<br />

servizio, che ha messo a punto sei idee<br />

natalizie perfette anche per le principianti.<br />

Così accoglierai gli amici in una splendida<br />

atmosfera calda e personale!<br />

t<br />

Vuoi fare<br />

degli originali<br />

pacchetti<br />

per le Feste? A<br />

pagina 203 trovi<br />

tante idee da<br />

copiare<br />

PH andrea Baguzzi<br />

In questa foto: stelle e fiocchi di polistirolo<br />

di Rayher, fungo-lampada in vendita<br />

da Le Civette sul Comò. Le spiegazioni di<br />

questa idea sono alla pagina successiva.<br />

www.donnamoderna.com 231


dm in pratica<br />

PH andrea Baguzzi<br />

lA cArtA dA PArAti<br />

con gli Addobbi<br />

Occorrente: carta da parati con<br />

betulle della collezione new<br />

contemporary two, linea Woods (cole<br />

& Son); palline piccole per l’albero<br />

bianche e rosse, etichette autoadesive<br />

rosse da 1,5 cm di diametro (pisotti);<br />

spago decorativo bianco e verde<br />

(rayher); puntine bianche; forbici.<br />

● taglia lo spago bianco e verde<br />

creando dei piccoli ganci per ogni<br />

pallina. chiudi le estremità di ognuna<br />

con un nodo e fermala sulla carta<br />

da parati con una puntina.<br />

● alterna le palline per creare<br />

un’armonia di colori, poi rifinisci<br />

le sfere bianche applicando<br />

qualche etichetta circolare rossa.<br />

● anziché tappezzare l’intera parete,<br />

puoi anche applicare sul muro una<br />

sola striscia di carta da parati,<br />

fissandola con qualche puntina<br />

bianca: otterrai un mini angolo<br />

natalizio di forte impatto.<br />

Nella foto: Panettone Maina,<br />

conigli-lampada in vendita da Le Civette<br />

sul Comò, tappeto Ikea.<br />

lA ghirlAndA<br />

Al nAturAle<br />

Occorrente: ghirlanda<br />

di polistirolo di 23 cm<br />

di diametro, fiocchi<br />

di neve di polistirolo,<br />

pompon bianchi da<br />

38 mm, scaglie di neve<br />

finta (tutto rayher); rametti sbiancati<br />

(ikea); stelline adesive di feltro<br />

(pisotti); un gomitolo di lana bianca;<br />

spago bianco; colla universale<br />

oppure colla a caldo; forbici.<br />

● avvolgi la lana lungo tutta la<br />

ghirlanda, fino a ricoprirla, fermando<br />

le estremità con un nodo nascosto,<br />

e inserisci i rametti sbiancati tra i fili.<br />

● incolla i pompon e i fiocchi alla<br />

ghirlanda, cercando di distribuirli<br />

uniformemente, con la colla universale<br />

o con la pistola per colla a caldo.<br />

● completa applicando le stelline<br />

adesive di feltro, aggiungendo<br />

qualche scaglia di neve finta e<br />

realizzando un gancio con un<br />

pezzetto di spago bianco.<br />

l’Albero<br />

di PomPon<br />

Occorrente: circa<br />

200 pompon rossi<br />

e bianchi da 3 cm e<br />

2 cm di diametro<br />

(rayher); filo di nylon;<br />

ago da lana; puntine<br />

rosse; forbici.<br />

● infila i pompon<br />

sul filo di nylon con l’aiuto dell’ago<br />

da lana, alternandoli per colore<br />

e misura, fino a raggiungere<br />

i due metri di lunghezza.<br />

● Fissa con un doppio nodo le due<br />

estremità, così da bloccare i pompon.<br />

● realizza nello stesso modo un<br />

secondo filo di pari misura. traccia<br />

con una matita leggera la sagoma<br />

dell’albero sulla parete e componi la<br />

figura con i pompon, fissando in più<br />

punti il filo al muro con le puntine.<br />

● La sagoma dovrà risultare tesa e<br />

aderente alla superficie. completa<br />

decorando con fiocchi di polistirolo<br />

(rayher) e una stella per la punta.<br />

Qui sopra: bicchiere con fiocco<br />

di neve di Leonardo.<br />

www.donnamoderna.com 233


dm in pratica<br />

Qui sotto: cuori di feltro<br />

e bottoni a cuore di Rayher.<br />

i Barattoli<br />

décor<br />

Occorrente: 2 barattoli<br />

di vetro per conserve;<br />

pigne decorative, scaglie<br />

di neve finta, pompon<br />

bianchi, spago bianco e verde (tutto<br />

rayher); funghetti decorativi, neve<br />

spray, stelline di feltro adesive (tutto<br />

pisotti); lana bianca; bastoncini<br />

natalizi di zucchero; forbici;<br />

nastro biadesivo.<br />

● applica qualche pezzetto di nastro<br />

biadesivo lungo il bordo del barattolo<br />

e avvolgi su di esso il filo di lana<br />

ben teso, che fisserai con un nodo.<br />

Sovrapponi alcuni giri di spago<br />

decorativo, poi aggiungi i funghetti<br />

e il bastone di zucchero.<br />

● inserisci nel barattolo i pompon<br />

bianchi, la pigna decorativa e due<br />

cucchiai di neve finta.<br />

● rifinisci il bordo del contenitore di<br />

vetro con un po’ di neve spray e<br />

qualche scaglia di neve finta,<br />

terminando con una stellina<br />

decorativa di feltro.<br />

la mensola<br />

d’atmosfera<br />

Occorrente: una<br />

cassetta di legno per<br />

frutta e verdura; scritta<br />

Noel in mdf (Stamperia);<br />

vernice bianca acrilica;<br />

pennello medio a punta<br />

piatta; pistola per colla<br />

a caldo.<br />

● pulisci accuratamente la cassetta<br />

con un panno asciutto, quindi<br />

appoggiala sopra un piano ricoperto<br />

con carta di giornale e dipingila in<br />

più tempi su tutti i lati permettendo<br />

alla vernice di asciugarsi.<br />

● Se necessario, passa una seconda<br />

mano di pittura poco diluita. Vernicia<br />

anche la scritta con il bianco acrilico.<br />

● Lascia asciugare. incolla la scritta<br />

alla cassetta, con la pistola per<br />

colla a caldo, e fissa tutto alla parete<br />

con due piccoli chiodi.<br />

● aggiungi alla piccola mensola<br />

pochi soprammobili leggeri che hai<br />

già in casa, possibilmente bianchi.<br />

In questa foto: sedia bianca e scatoline di<br />

Ikea, palline di Pisotti, panettone di Maina,<br />

stelle e fiocchi di polistirolo di Rayher.<br />

Nella foto: vasetto bianco di Leonardo,<br />

stelle, fiocchi di polistirolo e pompon<br />

bianchi di Rayher, palline rosse di Pisotti.<br />

il festone<br />

romantico<br />

Occorrente: centrini<br />

di carta per dolci<br />

tondi da 10 cm<br />

(pisotti); spago bianco;<br />

ago da lana; forbici.<br />

● per creare il<br />

movimento morbido<br />

del festone, piega singolarmente<br />

ogni centrino di carta, prima<br />

a metà poi nuovamente a metà.<br />

● aprilo e modellane leggermente<br />

con le dita la parte centrale, così<br />

da ottenere un effetto concavo.<br />

● infila lo spago nell’ago da lana,<br />

fora la parte centrale del primo<br />

centrino e ferma con un nodo.<br />

● ripeti inserendo l’ago in un<br />

nuovo centrino di carta, fermando<br />

ancora una volta con un nodo.<br />

● realizza la lunghezza del festone<br />

seguendo il tuo gusto personale. a<br />

questo punto, ferma singolarmente<br />

le due estremità con un doppio nodo.<br />

PH andrea Baguzzi<br />

234 www.donnamoderna.com


Un nuovo anno con<br />

papa Francesco<br />

*Oltre al prezzo de Il Mio Papa € 1. In edicola trovate anche Il Mio Papa senza calendario a 1€<br />

Il Mio Papa, il primo settimanale al mondo<br />

interamente dedicato a Papa Francesco,<br />

ti accompagna tutto l’anno<br />

con il Calendario che raccoglie<br />

le immagini più belle del Santo Padre,<br />

le sue frasi più toccanti, curiosità<br />

sulla sua vita e tante informazioni utili.<br />

Sceglilo per te o regalalo<br />

alle persone che ami come augurio<br />

di un 2015 nel segno della spiritualità.<br />

Calendario<br />

Solo<br />

€ 3,90<br />

in più*<br />

Maxi forMato<br />

35 x 56 cm<br />

Per ragioni di attualità la copertina che troverete<br />

in edicola potrebbe essere diversa.<br />

✔ Indicazioni sul Santo del giorno<br />

✔ Curiosità e aneddoti su Papa Francesco<br />

✔ Spazio per le annotazioni<br />

✔ Appuntamenti del mese<br />

In edicola con


E tu, sei<br />

davvero<br />

green?<br />

Facciamo un check-up delle tue abitudini<br />

quotidiane. Potresti scoprire delle sorprese<br />

di AnnAlisA PiersiGilli scrivile a dminforma@mondadori.it<br />

dm in pratica<br />

Fai la doccia<br />

invece del bagno<br />

«tutto sta<br />

dipende nella durata»<br />

sottolinea andrea poggio, vicedirettore<br />

di Legambiente e curatore del portale<br />

www.viviconstile.org. Se stai sotto la<br />

doccia per cinque minuti, il consumo si<br />

aggira sui 40 litri d’acqua, ma se sfiori<br />

il quarto d’ora può arrivare fino a 130.<br />

cioè molto di più dei circa 80 litri che<br />

servono a riempire la vasca da bagno.<br />

Anna Godeassi (7)<br />

Acquisti cibi sfusi<br />

«Soprattutto perché impari a<br />

GiUStO controllare la tua spesa e a comprare<br />

l’esatta quantità di cibo che ti serve, evitando gli<br />

sprechi» spiega poggio. in più, riduci l’inquinamento<br />

prodotto dagli imballaggi e dal trasporto: nei negozi “alla<br />

spina” puoi acquistare di tutto, dal vino all’olio, fino alla<br />

pasta, portando i contenitori che preferisci da casa. di<br />

conseguenza diminuisci anche la produzione di rifiuti e<br />

aumenti il riciclo. Se poi fai la spesa in un negozio che<br />

offre il servizio del “vuoto a rendere”, sarà il venditore<br />

stesso a occuparsi dello smaltimento dei tuoi rifiuti.<br />

Usi i fornelli<br />

a induzione magnetica<br />

«costano più dei piani di<br />

GiUStO cottura a gas e, in alcuni<br />

casi, richiedono una specifica batteria di pentole,<br />

ma col tempo il risparmio è evidente: c’è meno<br />

dispersione del calore e quindi i cibi cuociono<br />

più velocemente» dice l’esperto. L’acqua per la<br />

pasta, per esempio, bolle in metà tempo rispetto a<br />

quanto accade con un fornello tradizionale. Merito<br />

dell’efficienza dell’induzione: questo sistema sfrutta<br />

fino al 90% dell’energia prodotta, contro il 65% di<br />

una piastra elettrica o il 55% di un fuoco a gas.<br />

www.donnAmodernA.com 237


dm in pratica<br />

Lasci il pc sempre acceso<br />

Se hai l’abitudine di non<br />

SBaGLiatO spegnere mai del tutto il<br />

computer, neanche quando vai a dormire, lo stand-by<br />

può riservare brutte sorprese sia per il portafogli sia per<br />

l’ambiente: può costare fino a 120 euro in più all’anno<br />

in bolletta e aumenta l’inquinamento a causa delle<br />

emissioni di cO 2 (dati avvenia). «il bilancio, poi, peggiora<br />

ulteriormente se non stacchi mai neanche la spina della<br />

macchinetta del caffè, dell’impianto home theatre o<br />

delle varie console di videogiochi di ultima generazione»<br />

precisa andrea poggio. «per evitare lo spreco, basterebbe<br />

acquistare una presa multipla dotata di interruttore e<br />

ricordarsi di spegnerla ogni volta che non si utilizzano<br />

questi apparecchi».<br />

Accendi la lavastoviglie o<br />

la lavatrice solo a pieno carico<br />

indipendentemente da quante pentole<br />

GiUStOo vestiti contengano, questi apparecchi<br />

consumano la stessa quantità d’acqua per ogni ciclo di<br />

funzionamento: da 15 litri per le lavastoviglie eco-friendly<br />

di classe aaa fino a 100 per una lavatrice media. «cerca<br />

quindi di programmare la frequenza dei lavaggi in modo<br />

che gli elettrodomestici siano sempre piuttosto “pieni”»<br />

consiglia poggio. e per le stoviglie, un consiglio in più: «Sei<br />

abituata a fare un prelavaggio dei piatti quando sono molto<br />

sporchi? non eseguirlo a rubinetto aperto, ma sgrassa<br />

piatti e pentole immergendoli qualche secondo in una<br />

bacinella piena d’acqua calda con una goccia di detersivo».<br />

Non hai ancora montato<br />

le valvole termostatiche<br />

anche se hai il riscaldamento<br />

SBaGLiatO condominiale centralizzato,<br />

ti conviene installare sui caloriferi le valvole termostatiche<br />

che ti consentono di gestire in maniera autonoma la<br />

temperatura di ogni stanza. «Sono già obbligatorie in<br />

Lombardia e piemonte, ma dal 2017 lo saranno in tutta<br />

italia: tanto vale montarle al più presto» consiglia poggi.<br />

La spesa per l’installazione va da 50 a 100 euro a<br />

termosifone, ma il risparmio sui consumi è più del 20%.<br />

Spegni l’automobile<br />

al semaforo o in coda<br />

puoi risparmiare tra il 10 e il<br />

dipende20% di benzina, ma solo se al<br />

momento di riaccendere la macchina non premi troppo<br />

l’acceleratore, visto che il motore è già caldo. «L’ideale<br />

è avere un’auto predisposta allo spegnimento e alla<br />

riaccensione automatica quando ci si ferma al rosso»<br />

aggiunge l’esperto. da non sottovalutare nemmeno i pesi<br />

inutili, in particolare durante i percorsi in città: per esempio,<br />

il vano bagagli troppo carico provoca un aumento del<br />

consumo di carburante. Quando invece raggiungi velocità<br />

più elevate, magari in tangenziale, ricorda di chiudere i<br />

finestrini: se sono abbassati, “appesantiscono” la tua corsa<br />

facendo resistenza aerodinamica.<br />

238 www.donnamoderna.com


UN mAGICO ReGALO SOTTO L’ALBeRO<br />

Christmas<br />

Collection<br />

I più emozionanti brani<br />

natalizi di ogni tempo,<br />

interpretati dal Piccolo Coro<br />

dell’Antoniano, diventano<br />

tenere e suggestive<br />

storie animate in cui<br />

chiunque può ritrovare<br />

atmosfere e sensazioni<br />

del proprio Natale.<br />

DVD<br />

solo<br />

e 9,90 *<br />

*prezzo rivista esclusa<br />

13 NUOvI CARTONI<br />

• Buon Natale in allegria<br />

• Anche quest’anno è già Natale<br />

• Tu scendi dalle stelle<br />

• Gioia nel mondo (Joy To The World)<br />

• Santa notte (Stille Nacht)<br />

• Una notte speciale<br />

• Lascia che nevichi (Let It Snow)<br />

• Adeste fideles<br />

• Ginge rock (Jingle Bell Rock)<br />

• Una notte senza età<br />

• Happy Xmas (War Is Over)<br />

• Jingle bells<br />

• Bianco Natale (White Christmas)<br />

Dal 5 dicembre in edicola con<br />

Per saperne di più visita il sito<br />

www.mondadoriperte.it


dm in pratica<br />

taglia mini per i<br />

nuovi antifurti hi-tech<br />

di eugenio spagnuolo scrivigli a dminpratica@mondadori.it<br />

Mini-telecamere, lampadine che si accendono a distanza<br />

o telefonini-spia: con le ultime novità tecnologiche puoi<br />

tenere sotto controllo il tuo appartamento senza costosi<br />

impianti antifurto. Secondo una ricerca di Confabitare,<br />

l’Associazione dei proprietari immobiliari, nei primi sei<br />

mesi del 2014 i furti in appartamento sono aumentati del<br />

30% rispetto allo stesso periodo del 2013. E i periodi<br />

preferiti dai ladri restano l’estate e il Natale.<br />

al posto del campanello si chiama<br />

ring e contiene una telecamera e un<br />

altoparlante. devi installarlo accanto alla<br />

porta d’ingresso, al posto del normale<br />

pulsante per suonare, e scaricare l’app sul<br />

cellulare. a questo punto, se qualcuno<br />

preme il tasto bianco ti viene inviata una<br />

notifica e tu puoi rispondere come a una<br />

telefonata: così chi è dall’altra parte ha<br />

l’impressione che tu sia a casa (175 euro<br />

spedizione compresa, su www.ring.com).<br />

il cellulare intelligente Vuoi<br />

installare un sistema che ti avvisa se<br />

qualcuno entra nel tuo appartamento? Ti<br />

serve solo uno smartphone android, anche<br />

vecchio, da lasciare a casa in tua assenza.<br />

su questo installi l’app Sistema di allarme<br />

mobile (1 euro): quando l’apparecchio<br />

viene mosso, chiama un numero scelto<br />

in precedenza e fa partire una sirena.<br />

Quindi basta, per esempio, sistemarlo<br />

dietro la porta per sapere se viene aperta<br />

(Smartphone LG L Fino, 170 euro).<br />

un occhio sempre aperto Quante<br />

volte, in viaggio, avresti voluto controllare<br />

se nel tuo appartamento era tutto ok?<br />

con questa telecamera ad alta definizione,<br />

puoi farlo ovunque. in pratica, la sistemi<br />

nella stanza che desideri, poi scarichi l’app<br />

gratuita Mydlink sul tuo smartphone e da<br />

lì puoi osservare, anche al buio, il posto<br />

prescelto. e questo dispositivo, se avverte<br />

un movimento o un rumore te lo segnala<br />

con una notifica sul cellulare (Mydlink<br />

Home monitor, 100 euro, www.dlink.com/it).<br />

la lampadina speciale si avvita normalmente al lampadario o<br />

all’abat-jour, ma in più philips Hue dialoga con la rete wi-fi di casa.<br />

in questo modo diventa una luce che puoi controllare a distanza,<br />

attraverso una app dello smartphone (iphone o android): quindi<br />

è l’ideale per far credere che tu sia in casa quando non ci sei.<br />

puoi anche impostare il funzionamento automatico, con timer,<br />

oppure acquistare più di una lampadina e illuminare stanze<br />

diverse in orari diversi (200 euro, www.meethue.com).<br />

sognipossibili.donnamoderna.com<br />

è online la nuova puntata della web serie di donna moderna<br />

I meravigliosi frutti della Città eterna<br />

noci e limoni a Trastevere, melograni nei parchi della garbatella, cachi a Villa<br />

doria pamphili. l’elenco potrebbe continuare all’infinito, perché roma è un<br />

grande frutteto diffuso di cui nessuno si prende cura. È da lì che è partito il<br />

sogno possibile di un piccolo gruppo di studiose che si occupano di paesaggio:<br />

hanno creato il progetto Frutta urbana e chiesto aiuto a tutti i romani per<br />

evitare questo enorme spreco. oggi centinaia di persone partecipano alla<br />

mappatura sul web degli alberi della città, mentre molte mense che aiutano<br />

i più poveri mettono in tavola la buona frutta raccolta nei parchi di roma.<br />

noi di sogni possibili siamo andate a raccogliere melograni con il team<br />

di Frutta urbana. Ve lo raccontiamo su sognipossibili.donnamoderna.com.<br />

www.donnamoderna.com 241


dm in pratica<br />

l’hotel giusto?<br />

lo trovi così<br />

non c’è solo Internet. anzi, a volte<br />

è la soluzione meno indicata per<br />

assicurarsi il meglio a un buon<br />

prezzo. Un esperto ti spiega perché<br />

di marIa adeLe de FrancIScI scrivile a dminpratica@mondadori.it<br />

L’alternativa all’hotel? Affitta<br />

una casa vacanza: ti fa<br />

risparmiare anche il 35%<br />

(dato immobiliare.it).<br />

Jacob Tomsky, ex concierge e autore del bestseller Heads in<br />

beds, sa come ottenere il meglio quando si tratta di prenotare<br />

una stanza per le vacanze. Qui di seguito trovi i suoi consigli. Se<br />

li segui quando prenoti, sarà più facile avere quello che vuoi.<br />

fissa direttamente con l’albergo<br />

Prenotare tramite un’agenzia di viaggi on line è comodo<br />

e veloce. Ma non sempre conveniente: «Tenete presente<br />

che l’hotel deve versare a siti come Booking o Expedia<br />

commissioni che vanno dal 15 al 30 per cento del prezzo<br />

della camera» spiega Tomsky. «La vendita diretta, invece,<br />

è spesso un vantaggio per tutti».<br />

fai presente di cosa hai bisogno<br />

Non dimenticare di segnalare le tue esigenze specifiche.<br />

«Se prenoti direttamente, a differenza delle rigide proposte<br />

online, l’albergo può adeguare l’offerta ai tuoi bisogni»<br />

spiega l’esperto. Un esempio? Invece che in due stanze<br />

doppie, più costose, una famiglia può sistemarsi in una<br />

sola camera a quattro.<br />

non avere paura di contrattare<br />

Un hotel ha sempre interesse a vendere le camere, anche a<br />

un prezzo più basso di quello previsto. «Non farti scrupoli e<br />

chiedi uno sconto: a un buon albergo una camera vuota costa<br />

dai 20 ai 30 euro al giorno tra elettricità, riscaldamento e<br />

pulizie» dice Tomsky. I prezzi che trovi sul sito dell’hotel, poi,<br />

spesso sono leggermente aumentati: «Infatti le agenzie online<br />

impongono una clausola, la cosiddetta “parity rate”, che vieta<br />

agli hotel di pubblicizzare prezzi inferiori a quelli esposti sui<br />

loro siti. Questo rende più facile ottenere uno sconto».<br />

contatta la reception<br />

Hai puntato l’unica camera dotata di caminetto? Ne<br />

vuoi una silenziosa o con una bella vista? «Per qualsiasi<br />

richiesta, la persona chiave è il receptionist e non il direttore<br />

dell’albergo» chiarisce l’autore. La mancia è benvenuta, ma<br />

prima di tutto le buone maniere. «Quando sei ancora<br />

a casa, chiama l’albergo solo nelle ore più tranquille, cioè<br />

tra le 17 e le 19, e mai al mattino. Chiedi subito il nome della<br />

persona con la quale stai parlando e annotatelo, per non<br />

dimenticarlo quando arrivi in albergo».<br />

chiedi di essere pre-registrata<br />

Arrivi a destinazione di buon mattino e non vuoi perdere<br />

neanche un minuto? «Le stanze si liberano tra le 11 e le 15, ma<br />

di solito alcune sono già disponibili perché non utilizzate la<br />

notte precedente o tra le prime a essere riordinate» chiarisce<br />

l’esperto. «Chiama durante il viaggio, alcune ore prima del<br />

tuo arrivo, e chiedi di essere pre-registrata. Con un piccolo<br />

sovrapprezzo, di circa 20 euro, otterrai la stanza in anticipo».<br />

contieni i costi se devi disdire<br />

«Se cambi idea dopo avere prenotato, è meglio disdire<br />

subito: più ti avvicini alla data prevista per il soggiorno, più<br />

il costo della penale sale» consiglia Tomsky. Ma contenere le<br />

spese da cancellazione si può. «Chiama la reception e chiedi<br />

di spostare la prenotazione di una settimana esatta. Avendo<br />

solo cambiato data non dovrai pagare nulla, e guadagnerai<br />

tempo utile per cancellare riducendo al minimo i costi».<br />

Getty<br />

242 www.donnamoderna.com


Opera composta da 50 uscite. 1ª uscita euro 2,99*- uscite successive €euro 5,99* (salvo variazioni delle aliquote<br />

fiscali), *prezzo Tu Style/Donna Moderna escluso. La natura dell’opera si presta ad essere oggetto di nuove serie<br />

che, se realizzate dall’Editore, saranno comunicate nel rispetto del D.LGS.146/2007. L’editore si riserva la facoltà<br />

di variare il numero delle uscite periodiche complessive, nonchè di modificare l’ordine e la sequenza delle singole<br />

uscite, comunicando con adeguato anticipo i cambiamenti che saranno apportati al piano dell’opera.<br />

CONTINUA LA COLLEZIONE<br />

tWEED PER l’iNVERNo<br />

CON CAPI ESCLUSIVI E NUOVI<br />

GOMITOLI IN 4 NUANCES ALLA MODA!<br />

Nella prossima uscita la giacchina couture firmata<br />

dallo stilista Giuliano Marelli, da realizzare con i primi<br />

undici gomitoli della collezione tweed.<br />

In più nel fascicolo: il cardigan asimmetrico,<br />

il coordinato invernale, il pull sportivo,<br />

i punti pizzo e tanto altro ancora!<br />

48 a uscita<br />

fascicolo 24 pag.<br />

+ gomitolo<br />

mosto gr. 50<br />

solo 5,99 *<br />

*oltre al prezzo della rivista<br />

iN EDicola tRoVi aNcHE<br />

il 2° RaccoglitoRE<br />

PER i fascicoli<br />

solo 5,99 *<br />

Vuoi RicEVERE la collEzioNE<br />

comoDamENtE a casa tua?<br />

chiama il 199.152.152<br />

o vai su www.magliaglam.it<br />

o www.mondadoriperte.it<br />

e scopri le nostre offerte.<br />

Visita<br />

le collezioni glam su<br />

Dal 9 dicembre in edicola con


l’iStAntE è tUtto.<br />

è l’AriA CHE rESPiri<br />

“Bisogna guardare la vita<br />

con gli occhi di Caterina.”<br />

MassiMo graMellini<br />

“Grazie per averci insegnato<br />

a vivere respiro dopo respiro.”<br />

Daria BignarDi<br />

libro novità<br />

e 12,90 *<br />

* Prezzo rivista esclusa<br />

“Molti pensano che la malattia, una come la mia specialmente, sia sintomo di tristezza e rassegnazione.<br />

Una sorta di attesa. Invece è tutto il contrario.”<br />

Una storia che tocca l’anima, un libro che arriva al cuore, una vicenda che scuote le coscienze e che ha fatto parlare<br />

giornali, tv, opinionisti e gente comune, scatenando un dibattito sulla ricerca basata sulla sperimentazione animale,<br />

che ha regalato nuova vita alla ventiseienne Caterina, affetta da quattro patologie rare.<br />

Appuntamento in edicola e in libreria


*prezzo rivista esclusa. Opera composta da 60 uscite, prezzo 1° uscita € 2.99*, uscite successive € 5.99*<br />

(salvo variazioni delle aliquote fiscali). La natura dell’opera si presta ad essere oggetto di nuove serie che,<br />

se realizzate dall’Editore, saranno comunicate nel rispetto del D.LGS.146/2007.<br />

Nuovo, facile, creativo!<br />

Continua l’esclusiva collezione di fascicoli,<br />

matassine e tele Aida per realizzare subito piccoli<br />

e grandi capolavori, tutti glam e originali.<br />

glam<br />

In ogni uscita lo speciale<br />

Kit Style Collection<br />

composto da tela Aida<br />

e 4 preziose matassine<br />

mouliné garantite<br />

dal marchio DMC per<br />

creare tanti piccoli<br />

capolavori. Con l’uscita<br />

14 divertiti a ricamare il<br />

quadretto natalizio con<br />

Babbo Natale.<br />

dal 9 dicembre<br />

la 14 a USCITA<br />

FASCICOLO 24 pag<br />

+ TELA AIDA 15X15 cm<br />

+ 4 MATASSINE<br />

solo<br />

E 5, 99*<br />

In più scopri gli schemi<br />

per realizzare i raffinati<br />

asciugamani con gli<br />

auguri. Crea gli originali<br />

segnaposto e il menu<br />

per una tavola natalizia<br />

speciale… e molto<br />

altro ancora!<br />

Abbonarsi<br />

è glam<br />

Scopri le esclusive offerte e prenota<br />

tutta la collezione per non perdere<br />

neanche un numero<br />

www.puntocroceglam.it<br />

oppure chiama il 199.152.152<br />

La<br />

tredicesima<br />

uscita è<br />

ancora in<br />

edicola<br />

In edicola con


astrocoach<br />

fai lavorare le stelle per te<br />

GIOIA<br />

GOTTINI<br />

astrologa<br />

e life coach<br />

@<br />

scrivi a astrocoach@mondadori.it<br />

dal 3 al 9 dicembre<br />

ariete 21/3 l 20/4<br />

Grazie a Urano positivo e ai pianeti<br />

in Sagittario, finalmente avrai una<br />

visione più chiara delle cose e ciò che<br />

ti preoccupava si dissolve come<br />

neve al sole. Prima di prestare fiducia<br />

a una persona, però, pensaci bene:<br />

potrebbe non essere del tutto<br />

disinteressata. rilassati facendo una<br />

breve meditazione ogni sera<br />

e indossa il colore bianco.<br />

toro 21/4 l 21/5<br />

La vita ti sorride: sarà l’atmosfera<br />

natalizia, o un viaggio che stai<br />

progettando, ma ti senti davvero<br />

emozionata come una bambina.<br />

Tutto in famiglia e negli affetti fila<br />

liscio. e il lavoro? Sei stanca e<br />

vorresti staccare un po’. elimina<br />

qualche impegno superfluo, metti<br />

al centro i tuoi obiettivi e goditi<br />

la tua casa e la privacy.<br />

gemelli 22/5 l 21/6<br />

Hai la tentazione (forte) di fuggire dalle<br />

tue responsabilità: sono troppe e ti<br />

spaventano, perché non coinvolgono solo<br />

te, ma anche gli altri. La soluzione?<br />

mercurio ti invita a parlare: dai voce alle<br />

tue paure, confidati con un’amica,<br />

butta fuori quello che non va. Una<br />

relazione sentimentale si fa più seria e<br />

importante. nota di stile: rinnova<br />

il tuo look con una cintura originale.<br />

cancro 22/6 l 22/7<br />

Sarà l’aria frizzantina che precede<br />

le feste, ma ti scopri più ottimista e<br />

allegra del solito. La Luna piena ti spinge<br />

a migliorare: se ti organizzi meglio<br />

avrai anche più tempo per quello che ami,<br />

ossia creatività, sogni e coccole. In<br />

coppia vivi una seconda luna di miele.<br />

e gli amici? I social media non possono<br />

sostituire un incontro di persona:<br />

fai partire qualche invito.<br />

leone 23/7 l 22/8<br />

rifletti bene sul potere delle parole:<br />

questa settimana, fai in modo che le tue<br />

siano utili e costruttive. Sul lavoro<br />

è il momento giusto per colpire<br />

favorevolmente il tuo capo con idee e<br />

strategie brillanti che solo tu sai proporre.<br />

L’amore, con Giove e Venere positivi,<br />

è caldo e avvolgente come un maglione<br />

di lana morbida. esprimi un desiderio<br />

guardando un cielo stellato.<br />

vergine 23/8 l 22/9<br />

mercurio e Urano ti rendono determinata<br />

e fiduciosa: se tu per prima crederai<br />

nelle tue potenzialità, lo faranno anche<br />

gli altri. Sul lavoro è il momento di<br />

fare rete e di intrecciare relazioni utili nel<br />

medio-lungo periodo. nel privato<br />

potrebbero presentarsi clamorosi ritorni<br />

di fiamma: ottimo se sei libera,<br />

altrimenti cautela. Periodo favorevole per<br />

acquisti e regali tecnologici.<br />

bilancia 23/9 l 22/10<br />

La sensazione prevalente è quella<br />

di muoverti nella nebbia alla ricerca<br />

di risposte chiare. e il tuo umore<br />

è parecchio instabile: ti sembra<br />

di essere sempre in attesa di qualcosa,<br />

o qualcuno, e di perdere tempo.<br />

Per fortuna Venere e Giove mettono<br />

sulla tua strada occasioni e progetti<br />

nuovi e fortunati. Invia gli auguri<br />

di natale via posta: è molto chic.<br />

scorpione 23/10 l 21/11<br />

Indecisioni, ripensamenti, qualche<br />

rimpianto: sei pronta a fare piazza pulita<br />

di tutto questo? Il periodo è quello<br />

giusto, con l’anno che volge al termine.<br />

Guarda avanti, datti nuovi obiettivi<br />

e non ascoltare quella vocina interiore<br />

che cerca di smontarti: tu sei una<br />

miniera di idee e tenacia. Plutone e Urano<br />

sconsigliano spostamenti quindi,<br />

se vuoi viaggiare, fallo a tavola.<br />

sagittario 22/11 l 21/12<br />

Ultimamente hai avuto l’impressione che<br />

tutto per te andasse al rallentatore?<br />

ora non più: Urano stimola la tua voglia<br />

di fare. Significa che adesso ti muovi<br />