RIVISTA UFFICIALE DEL CLUB ITALIANO ALLEVATORI AGAPORNIS

walter.amelie25

RIVISTA UFFICIALE DEL CLUB ITALIANO ALLEVATORI AGAPORNIS

Paolo Bernardi vengo a sapere che i taranta

sono veramente silenziosi, ed i canus forse

ancor di più.

Occorreva trovare una soluzione. Detto fat-

to. Ho comprato una coppia di taranta pro-

prio da lui, seguita da due coppie di canus,

che Paolo mi ha portato dall’Olanda.

I taranta, effettivamente, sono proprio tran-

quilli. Confidenti, silenziosi, simpatici. I ca-

nus, piccole adorabili canaglie, decisamente

meno. All’inizio infatti sono timidi ma poi,

prese le misure della gabbia e dell’allevatore,

si dilettano di urletti, gridolini ed altre acute

performances che hanno spezzato il mio cuo-

re e stanno logorando lentamente i nervi di

mia moglie. Per fortuna non sono molto…

potenti, quindi al momento risultano ancora

gestibili.

Bene. Deciso di allevare queste due bellissi-

me ed ancora non molto diffuse specie, oc-

correva affrontare il tema dell’alimentazione.

Una delle cose che più mi diverte è sicura-

mente la sperimentazione. Con cautela,ma

sono convinto che bisogna provare.

Per questo ho deciso di fornire sin da subito ai

miei pappagalli alimenti pellettati. Questo nel-

la convinzione (tutta da dimostrare) che per

loro sia meglio e che renda anche più gestibi-

le l’allevamento. Non entro nel merito della

distinzione fra pellettati ed estrusi, legata alla

differente temperatura di preparazione ed

alla composizione, con relativi pro e contro,

perché quello che mi premeva era indirizzar-

mi su di un alimento bilanciato, a prescindere

5

Per un pugno di pellet

dal suo processo produttivo.

Ho iniziato così a studiarmi un po’ tutti i pro-

dotti in circolazione in costante ricerca del

punto di equilibrio fra qualità e costi.

Il più caro, fra quelli che ho provato, è senz’al-

tro l’Harrison’s. Siamo sui 23/24 euro al kg (le

confezioni proposte sono da 450 grammi, da

2,27 kg e, se intendete stipulare un mutuo, da

11,34 kg). Praticamente per un allevamento

di dimensioni medio grandi bisogna vendersi

un rene o la cornea. Ogni volta che cade un

chicco per terra ti assale una sgradevole sen-

sazione di ineluttabile impoverimento…

Ho poi provato diversi altri prodotti, alcuni di

facile reperibilità e più o meno economici. Fra

questi ho testato il Nutribird B14 della Verse-

le Laga (siamo sui 4.5 Euro al Kg per confe-

zioni da 4 Kg.), e lo Zupreem (siamo sopra i

5 euro al Kg.). Li ho proposti ai pennuti nella

loro versione aromatica e colorata, ma non

mi sembra ne siano rimasti particolarmente

colpiti.

Alla fine mi sono, almeno per ora, posizionato

sui Roudybush. Si tratta di un prodotto ame-

ricano di non facilissima reperibilità ma che

ho notato essere gradito dai miei uccelli e che

pur non essendo particolarmente economi-

co (siamo di poco sotto i 5 euro al chilo per

confezioni da 11.34 kg.) non raggiunge i costi,

come altre marche, di una fiorentina o del

gamberone rosso di Ponza. Emana un buon

odore di biscotto, non è colorato e viene

proposto, come altri pellettati, nella versione

mantenimento ed in quella allevamento, adat-

More magazines by this user
Similar magazines