pof 09_10.pdf

busch.paul46

pof 09_10.pdf

ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Prot. N° 7689

del 30/11/2009

Piano

Offerta

ISTITUTO STATALE D’ARTE

DIEGO BIANCA AMATO

Via del III millennio c/da Pisciotto

90015 CEFALU’ ( PA)

Centralino/ Presidenza 0921. 421142

Fax 0921. 420056

sito internet: www.isadbamato.it

email : PASD01000C@istruzione.it

Cod.Fisc. 82000250827

Formativa

Anno Scolastico 2009/2010

Approvazione del 03/11/2008

Revisione del 30/11/2009

Questo documento è soggetto al Servizio di Aggiornamento da parte della Funzione Strumentale dell’Area 1

Prof.ssa Cancilla Francesca

Firma F.S.

Data Delibera C.d.D. Data Delibera C.I. Approvazione D.S.

03/11/2008 03/11/2008 Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

20/11/2009 30/11/2009 Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

2


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Sommario

Premessa .......................................................................................................................................................... 6

1. DATI IDENTIFICATIVI ISTITUTO AMBITO NORMATIVO DI RIFERIMENTO .......................................... 7

1.1. Dati generali identificativi dell’Istituto ...................................................................................................... 7

1.2 Dati normativi ........................................................................................................................................... 8

1.2.1 L’Istruzione artistica .......................................................................................................................... 8

1.2.2 Fonti normative ................................................................................................................................. 8

1.2.3 Norme/Leggi ..................................................................................................................................... 8

2. AREA DEL CONTESTO ............................................................................................................................. 10

2.1 Presentazione della Scuola ................................................................................................................... 10

2.1.1 Ubicazione ...................................................................................................................................... 10

2.1.2 La Scuola nel territorio: cenni storico-geografici ........................................................................... 10

2.1.3 Struttura dell’Istituto ........................................................................................................................ 11

2.1.4 Risorse strutturali ............................................................................................................................ 11

2. 1.5 I soggetti dell’intervento educativo ................................................................................................ 12

2.1.5.1 Gli Studenti/Le classi .............................................................................................................. 12

2.1.5.2 Risorse umane e professionali interne ................................................................................... 13

2.2 Il percorso formativo ............................................................................................................................. 15

2.2.1 Indirizzi ............................................................................................................................................ 15

2.2.2 Quadro dei corsi di studi e campi di accessibilità professionale ................................................ 16

2.2.3 Obiettivi generali dell’Istituto d’Arte di Cefalù ................................................................................ 16

2.2.4 Obiettivi educative e relazionali ...................................................................................................... 17

2.2.5 Principali obiettivi formativi dei diversi indirizzi dell’Istituto ............................................................. 18

2.2.6 Quadro orario dei corsi ordinamentali e dei corsi sperimentali ...................................................... 22

2.2.7 I programmi ..................................................................................................................................... 23

2.3 ANALISI SOCIO-ECONOMICO-CULTURALE DEL TERRITORIO ...................................................... 24

2.3.1 Dati socio-economici ...................................................................................................................... 24

2.3.2 Domanda formativa ........................................................................................................................ 24

2.3.3 Gli allievi ......................................................................................................................................... 24

2.3.4 Offerta formative territoriale ............................................................................................................ 25

2.3.5 Bisogni formativi degli studenti ....................................................................................................... 25

2.3.6 Attività dell’anno precedente .......................................................................................................... 25

2.3.7 Collaborazione scuola-famiglie ....................................................................................................... 26

2.4 Il processo di autodiagnosi/ diagnosi dell’ I.S.A. Diego Bianca Amato: ambiti/procedure/ punti di

criticità del sistema scuola e del territorio .................................................................................................... 27

2.4.1 Analisi giudizio INVALSI ................................................................................................................. 27

2.4.1.1 Scheda di autodiagnosi INValSI e risultati ........................................................................ 27

2.4.1.2 Altre fonti per l’analisi diagnostica .......................................................................................... 33

2.4.2 Audit interno .................................................................................................................................... 36

2.4.3 Autodiagnosi: i problemi del territorio/I problemi della Scuola/ Criticità e opportunità all’interno e

all’esterno della scuola/ Punti di forza e punti di debolezza .................................................................... 36

3. MISSION ...................................................................................................................................................... 40

3.1 Finalità ................................................................................................................................................... 40

3.1.1 Finalità istituzionali.......................................................................................................................... 40

3.1.2 Finalità specifiche ........................................................................................................................... 41

3.1.2.1 Finalità educative .................................................................................................................... 41

3.1.2.2 Finalità formative .................................................................................................................... 41

3.2 La mission specifica dell’Istituto ............................................................................................................ 42

3


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

4 QUADRO FUNZIONALE POF ..................................................................................................................... 44

5. LINEE PROGRAMMATICHE ...................................................................................................................... 45

5.1 Piano programmatico sugli obiettivi di miglioramento ........................................................................... 45

5.1.1 Griglia progetti Tab. A1 e Tab. A2 .................................................................................................. 46

5.1.2 Piano di intervento, finalità e modalità di attuazione ...................................................................... 49

6. MODELLO EDUCATIVO-DIDATTICO ........................................................................................................ 52

6.1 Scelte educativo- didattiche ................................................................................................................... 52

6.1.1 Progettazione dell’attività didattica ................................................................................................. 52

6.1.2 Modalità e strategie didattico-formative .......................................................................................... 54

6.1.2.1 Diritto al successo scolastico-formativo ................................................................................. 54

6.1.2.2 Attività di orientamento in entrata ed accoglienza allievi nelle prime classi ........................... 54

6.1.2.3 Attività e progetti per la realizzazione dell’elevamento dell’obbligo scolastico e del successo

formativo ............................................................................................................................................. 56

6.1.2.4 Piano interventi di potenziamento e recupero A.S. 2009-2010 .............................................. 56

6.1.2.5 Integrazione di alunni in situazione di handicap ..................................................................... 58

6.1.3 La valutazione ................................................................................................................................. 59

6.1.3.1 Modalità e criteri di valutazione degli alunni ........................................................................... 59

6.1.3.2 Criteri di ammissione alla classe successiva ......................................................................... 61

6.1.3.3 Criteri per l’attribuzione del credito scolastico e del credito formativo .............................. 61

6.1.3.4 Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale ..................................................... 64

6.1.3.5 Tipologia degli strumenti di verifica utilizzati .......................................................................... 64

6.1.4 Strumenti generali della pianificazione del lavoro didattico ............................................................ 65

7. MODELLO ORGANIZZATIVO .................................................................................................................... 66

7.1 Scelte organizzativo–gestionali ............................................................................................................. 66

7.2 Organigramma funzionale come da seguente diagramma ................................................................... 66

7.3 Organigramma nominale ....................................................................................................................... 67

7.4 Organizzazione finalizzata alla formazione ........................................................................................... 67

7.5 Organizzazione finalizzata alla gestione ............................................................................................... 83

7.6 Organizzazione finalizzata all’amministrazione ..................................................................................... 85

7.7 Richiami su: profili, funzioni, compiti e responsabilità delle figure e organi del sistema scolastico ...... 85

7.8 Formazione delle classi ......................................................................................................................... 92

7.9 Criteri per l’assegnazione delle classi ai singoli docenti........................................................................ 93

7.10 Completamento dell’orario di cattedra dei docenti .............................................................................. 93

7.11 Attribuzione delle ore residue .............................................................................................................. 93

7.12 Attività alternative all’insegnamento della religione ............................................................................. 93

7.13 Insegnamento Educazione fisica ......................................................................................................... 94

7.14 Tutors docenti in anno di prova ........................................................................................................... 94

7.15 Criteri per la formazione di corsi e/o di attività di recupero ................................................................. 94

7.16 Durata oraria delle lezioni .................................................................................................................... 94

7.17 Informazioni generali ........................................................................................................................... 95

7.17.1 Calendario scolastico 2009/2010 ................................................................................................. 95

7.17.2 ORARI DI RICEVIMENTO ............................................................................................................ 98

7.17.3 Orari /Biblioteca .......................................................................................................................... 101

8. PIANIFICAZIONE ATTIVITA’ ................................................................................................................... 102

8.1 Portfolio Progetti extracurriculari ......................................................................................................... 102

4


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

8.1.1. Protocolli d’intesa......................................................................................................................... 107

8.2 Piano integrato degli interventi ............................................................................................................ 108

9. MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL POF ....................................................................................... 121

9.1 Misurazione, analisi e miglioramento .................................................................................................. 121

9.1.1 Generalità ..................................................................................................................................... 121

9.1.2 Monitoraggi e misurazioni ............................................................................................................. 121

9.1.3 Analisi dei dati ............................................................................................................................... 121

9.1.4 Ipotesi di Aree di osservazione per il 2009/2010 .......................................................................... 122

5


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Premessa

Il Piano dell’Offerta Formativa che l’I.S.A. “Diego Bianca Amato” ha predisposto per il 2009/2010, rispecchia l’identità

culturale della nostra scuola,coerentemente con gli obiettivi generali ed educativi degli indirizzi di studi determinati a

livello nazionale ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che la Scuola

adotta nell'ambito della sua autonomia.

Il presente documento pluriennale si configura come una sintesi dinamica del lavoro svolto e da svolgere negli anni

dagli insegnanti dell’Istituto nella loro interazione con le altre componenti e deve essere inteso come uno strumento di

lavoro aperto, che in uno sforzo di rielaborazione critica delle esperienze e grazie alla disponibilità al cambiamento di

tutti i soggetti coinvolti attivamente nel progetto, intende fare il punto sulle attività da proseguire od avviare, individua le

priorità e stimola l’avvio di nuovi percorsi.

Oggi l’Istituto, percependo le forti spinte verso la formazione ed il cambiamento che dal sistema economico confluiscono

nei confronti sia della scuola formale che informale, sempre più consapevole di essere il luogo di formazione culturale,

agendo in un contesto di complessità crescente, si prefigge di specializzare la formulazione di una domanda formativa

più esigente e di creare un dinamico equilibrio tra domanda ed offerta, che sarà determinata dall’articolazione e dalla

qualità di quest’ultima, in un’unitarietà di Progetto per dare risposte “autonome” ai problemi emergenti all’interno ed

all’esterno dell’Istituto.

Pertanto la Scuola, a partire dalle esperienze realizzate, sulla base di un'analisi continua che tiene in considerazione gli

aspetti relativi a:

• analisi della situazione nella quale l'organizzazione opera (area geografica, bisogni socio-culturali, sbocchi

professionali successivi al periodo di formazione, ecc.)

• analisi delle risorse a disposizione dell'istituto, con le quali si intende procedere all'erogazione delle attività

di formazione (strutture, laboratori, personale, sussidi didattici, attività formative integrative, etc…).

• analisi degli obiettivi didattico-educativi e disciplinari

• analisi della metodologia e dei criteri di valutazione, attraverso la quale si intende procedere alla

erogazione e verifica delle attività svolte e del grado di raggiungimento degli obiettivi definiti

• analisi di progetti formativi extracurricolari tende a mettere strettamente in armonia con il territorio e le sue

esigenze le linee di intervento.

Di qui nascono le finalità che costituiscono la mission della Scuola, il motivo per cui opera e le conseguenti azioni e

scelte di intervento sulla dimensione didattica, organizzativa e gestionale, i percorsi innovativi da intraprendere, facendo

proprie le priorità suggerite dalle direttive ministeriali, tenendo conto della programmazione territoriale dell'offerta

formativa, assecondando le caratteristiche e le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale

in cui opera.

Il Piano dell'offerta formativa dell’I.S.A. “Diego Bianca Amato” è elaborato dal Collegio dei Docenti in coerenza con gli

indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio di

Istituto, tenuto conto altresì delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei

genitori e degli studenti. Il Piano è adottato dal Consiglio di Istituto.

6


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Capitolo 1

1. DATI IDENTIFICATIVI ISTITUTO AMBITO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

1.1. Dati generali identificativi dell’Istituto

• SCUOLA SECONDARIA DI 2° GRADO

• DENOMINAZIONE

ISTITUTO STATALE D’ARTE “DIEGO BIANCA AMATO “

• VIA: Via del III millennio c.da Pisciotto

• CAP: 90015 – CEFALU’ (PA)

• C.F.: 82000250827

• Cod. Min.: PASD01000C

• Centralino-Presidenza: 0921.421142 - Fax: 0921.420056

• Sito Web: www.isadbamato.it

• E-mail: isacefalu@libero.it

DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

• NUMERO CLASSI: 23 ( Articolate 10)

• NUMERO ALLIEVI: 452 (M: 155 ; F: 297)

• NUMERO DOCENTI CURRICULARI: 70

• NUMERO DOCENTI AREA SOSTEGNO: 11

• NUMERO UNITÀ PERSONALE ATA: 20 di cui

D.S.G.A.: 1

Assistenti Amministrativi: 5

Assistenti Tecnici: 5

Collaboratori Scolastici: 9

Addetto Biblioteca 1

7


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

1.2 Dati normativi

1.2.1 L’Istruzione artistica

L'istruzione artistica è nata e si è sviluppata per rispondere a precise esigenze della realtà produttiva italiana nel campo

del commercio, del turismo, dell'industria, delle costruzioni, delle attività a carattere sociale e nel più ampio ambito

dell’artigianato locale.

Ha svolto e svolge la funzione di formare quadri intermedi per ambiti professionali consolidati e socialmente rilevanti

(maestro d’arte applicata in: arte dei metalli,della ceramica, del merletto e del ricamo, disegnatore di architettura e

dell’arredamento). Tale compito l'ha resa sempre particolarmente sensibile alle modifiche sviluppatesi nelle attività

produttive permettendo di far evolvere la sua offerta formativa in termini qualitativi e quantitativi.

Le domande di professionalità nuove, che pervenivano alla scuola dal modo del lavoro, e che richiedevano, oltre alle

tradizionali competenze di tipo specialistico, competenze relazionali, linguistiche ed informatiche, hanno trovato negli

anni risposte con la promozione di percorsi sperimentali.

Oggi l'istruzione artistica si connota per un numero elevato di indirizzi e per il loro diverso livello di specializzazione,

ciascuno dei quali consente di accedere al mondo del lavoro, in tutti i suoi molteplici aspetti, e all'Università.

1.2.2 Fonti normative

Il presente POF ha come riferimento principale le seguenti fonti di informazione e aggiornamento selezionate relative alle

leggi e regolamenti cogenti:

• Costituzione

• Leggi ordinarie. Decreti Legislativi e Decreti Legge

• Regolamenti e Direttive Comunitarie

• Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

• Regione Sicilia

• USP di PA

• G.U.R.I

1.2.3 Norme/Leggi

Sono documenti ricevuti dall’esterno, che generalmente standardizzano e/o comunque rendono uniformi nell’Istituto le

attività inerenti i servizi all'interno dell’Organizzazione.

Tra le tante essenziali si ritiene opportuno citare le seguenti:

Legge quadro

104/92

D.Lg.vo

297/94

Legge-quadro per l'assistenza e per l'integrazione sociale e i diritti delle persone

handicappate

8

1992

Testo Unico 1994

D.Lgs. 626/94 Sicurezza 1994

DPR 24/02/94

Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle unità sanitarie locali in materia di

alunni portatori di handicap

1994


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Legge 273

del 11/07/95

DPR 275/99

DPR

04/08/2001

Misure urgenti per la semplificazione dei procedimenti amministrativi e per il miglioramento

dell'efficienza delle Pubbliche Amministrazioni

Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche ai sensi

dell'art. 21 15 Marzo 1997 N° 59

Regolamento recante modifiche ed integrazioni al DPR 275 del 1999 in materia di

autonomia delle istituzioni scolastiche

D.l. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali 2003

G.U.

14/08/2003

Legge

53/2003

D. Lg.vo

286/04

D. Lg.vo

76/2005

D. Lg.vo

226/05

D.M.

28/12/2005

Legge

11/01/07

D.M.

139/07

9

1995

1999

2001

CCNL 2003

Norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di

istruzione e formazione professionale

Istituzione del sistema nazionale di valutazione del sistema educativa di istruzione e

formazione

2003

2004

Norme generali sul diritto all’istruzione e alla formazione 2005

Norme generali e livelli essenziali delle prestazione del II° ciclo 2005

Monte ore annuale riservato alla istituzioni scolastiche del II° ciclo 2005

Disposizione in materia di Esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione

secondaria superiore e delega al Governo in materia di raccordo tra la scuola e le

università

2007

Obbligo di istruzione nuove modalità di assolvimento 2007

G.U. CCNL 2007

O.M. n°74

del

05/05/2009

Calendario scolastico nazionale e regionale a.s. 2009-10 2009


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2. AREA DEL CONTESTO

2.1 Presentazione della Scuola

2.1.1 Ubicazione

Capitolo 2

Il complesso scolastico, situato in contrada Pisciotto, è inserito in un ampia area soprastante il centro storico di Cefalù,

in prossimità della stazione ferroviaria, ed è servito dalle linee urbane ed extraurbane. Vi si accede da Via del III

Millennio, che costituisce la circonvallazione di Cefalù.

2.1.2 La Scuola nel territorio: cenni storico-geografici

L’Istituto Statale d’Arte riconosce le proprie origini nella “Scuola serale di disegno” la cui costituzione venne deliberata il

5 giugno 1905 nell’ambito di una riunione di artigiani di Cefalù che, sotto la spinta del responsabile del circolo “Religione

e Patria” dell’Azione Cattolica giovanile, Don Luigi Brocato Zito, avevano compreso l’importanza di una scuola che

potesse affinare professionalmente gli artigiani e i giovani apprendisti, relativamente ai diversi mestieri.

L’ebanista, intagliatore e liutaio Diego Bianca Amato, che era un’autorità nell’ambito dell’artigianato locale, accolse con

entusiasmo l’idea di aprire una scuola di Disegno, disciplina fondamentale per la formazione degli artigiani.

I locali inizialmente furono quelli del circolo Cattolico “Religione e Patria”; poi il Comune concesse i locali dell’ex

convento della Mercede e, a partire dal 1909, quelli dell’ex convento dell’Itria. Don Diego fu per anni il Direttore e l’unico

insegnante della scuola e le discipline che si insegnavano erano, al primo anno: Disegno, Aritmetica, Geometria, Diritti e

doveri; nei due consecutivi: Disegno e applicazione pratica.

Il 24 febbraio 1918 la Scuola Serale di Disegno divenne “Regia Scuola di Disegno professionale”; l’insegnamento era

sempre serale e il corso ancora triennale. Le discipline erano: Cultura generale (Italiano, Storia, Geografia, Diritti e

doveri), Aritmetica, Disegno ornato e geometrico, Elementi di Prospettiva, Pittura decorativa, Plastica e Scultura del

legno e della pietra.

Con Decreto Reale del 6 maggio 1926, la scuola assumeva la denominazione di “Regia Scuola Professionale di Disegno

Regina Margherita”, come aveva deliberato pochi mesi prima il Consiglio di amministrazione.

Nel 1928 il Direttore Diego Bianca Amato veniva collocato a riposo per raggiunti limiti di età; gli successero il prof.

Giacomo Cusumano e, successivamente, nel 1937, lo scultore Girolamo Coco.

La scuola divenne Istituto Statale d’Arte con D.P.R del 12 settembre1967; nell’anno scolastico 1969/70 furono introdotti i

corsi biennali di perfezionamento da frequentare dopo il conseguimento, alla fine del triennio, del Diploma di Maestro

d’Arte. Nell’anno scolastico 1994/95 sono stati introdotti i corsi sperimentali del Progetto Michelangelo.

L’Istituto è inserito in un territorio molto vario sia dal punto di vista geografico che culturale, trovandosi in una città che

costituisce un punto di riferimento fondamentale per tutti i paesi inseriti nel contesto delle Madonie.

Tutto il territorio vanta una ricca e varia attività artigianale ed espressioni culturali e artistiche di altissimo livello. Le

tradizioni artigianali e artistiche sono ancora più importanti in quanto non chiuse in ambiti ristretti, ma inserite in un

contesto di tipo “internazionale”, vista la vocazione turistica della città di Cefalù.

10


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2.1.3 Struttura dell’Istituto

L’edificio, di recente costruzione, è stato realizzato dalla Provincia Regionale di Palermo su progetto dell’architetto M.

Panzarella, ed è articolato come un blocco monolitico seminterrato, dotato di un ampio terrazzo panoramico sulla città di

Cefalù .L’edificio, conforme alla normativa vigente e privo di barriere architettoniche, è dotato da due ascensori.

Il complesso comprende una grande palestra attrezzata con campo di pallacanestro, tre piani con aule ordinarie ed aule

laboratorio attrezzate per metalli, oreficeria, ceramica, tessuto, legno, informatica, disegno computerizzato. Le aule sono

disimpegnante da un ampio spazio connettivo, che al primo piano confina con il terrazzo, spazio destinato alla mostra

permanente degli oggetti d’arte prodotti dagli studenti o a mostre temporanee. Un ampio parcheggio occupa l’area che

fronteggia la strada.

2.1.4 Risorse strutturali

L’Istituto è dotato di:

Ufficio Dirigente Scolastico

Ufficio Vice-Presidenza

Ufficio D.S.G.A.

Ufficio Segreteria settore Contabilità e settore del Personale

N° 11 aule per Attività Didattiche

N° 6 aule di Disegno Tecnico

N° 3 Laboratori informatici

N° 1 Laboratorio linguistico

N° 1 Laboratorio (in simulazione virtuale) di Chimica/Scienza

N° 1 Laboratorio di Fisica

N° 1 Laboratorio di Ebanisteria

N° 1 Laboratorio di Modellistica

N° 1 Laboratorio di Microfusione

N° 1 Laboratorio di Tiratura e Forgiatura

N° 1 Laboratorio di Ceramica articolato in Lab. di formatura e Lab. di decorazione

N° 1 Laboratorio di Tessuti

N° 2 Laboratorio di Discipline Plastiche

N° 2 Laboratorio di Discipline Pittoriche

N° 1 Palestra coperta

11


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2. 1.5 I soggetti dell’intervento educativo

2.1.5.1 Gli Studenti/Le classi

CORSI ORDINAMENTALI E SPERIMENTALI

Classi

I classi

Sezione Alunni

per

classe

M F

I A

Merletto e ricamo

Disegno arch. arredamento

12

8

0

2

12

6

I B Disegno arch. Arredamento 24 13 11

I C Metalli 23 11 12

I D Ceramica 22 6 16

I S Sperimentale 23 7 16

II classi

Totale 112 39 73

II A

Merletto e ricamo

Metalli

3

17

0

2

3

15

II B Disegno arch. arredamento 23 15 8

II D Ceramica 16 1 15

II S Sperimentale 22 7 15

III classi

Totale 81 25 56

III A

Merletto e ricamo

Metalli

8

5

0

2

8

3

III B Disegno arch. arredamento 20 11 9

III D

Disegno arch. arredamento

Ceramica

10

13

4

5

6

8

III S

Disegno arch. Arredamento

Disegno Industriale

15

6

4

1

11

5

IV classi

Totale 77 27 50

IV A

Merletto e ricamo.

Metalli

9

13

0

7

9

6

IV B Disegno arch. arredamento 19 10 9

IV D

Ceramica

Disegno arch. arredamento

IV S Disegno arch. arredamento 20 10 10

IV T

Disegno arch. arredamento

Disegno industriale

11

13

3

1

8

12

V classi

Totale 104 38 66

V A

Merletto e ricamo

Disegno arch. arredamento

6

8

0

3

6

5

V B

Disegno arch. arredamento

Ceramica

14

3

9

1

5

2

V C Metalli 16 8 8

V S Disegno arch. arredamento 18 0 18

V T Disegno industriale 13 5 8

Totale 78 26 52

13

6

Totale sezione 452 155 297

4

3

12

9

3


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2.1.5.2 Risorse umane e professionali interne

Il nostro istituto è una realtà culturale d’eccellenza nel territorio per la molteplicità di risorse umane che la costituiscono.

Soggetti di grande spessore culturale operano da anni con successo ed impegno nel campo umanistico ed artistico della

scultura, pittura, del tessuto, del gioiello, del ferro, del design, dell’arredamento, dell’ebanisteria, della grafica e della

comunicazione.

E’ auspicabile ottimizzare e valorizzare queste risorse umane che, oltre ad operare singolarmente nell’ambito della

propria disciplina, convergano anche su progetti comuni.

Elenco Docenti

Dirigente Scolastico Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

ord. COGNOME NOME COGNOME NOME

1 AGLIOLO GALLITTO NICOLO` 28 DI SIMONE ERNESTO

2 ARCIDIACONO CARLO 29 DI VINCENZO DANIELA

3 ARSENA SERGIO 30 DISPENZA ROSARIO

4 BADAGLIACCA PIETRO 31 FERRANTE GAETANO ANTONIO

5 BALLISTRERI GIOVANNI 32 FIDUCCIA ANTONINA

6 BARBERA GIACINTO 33 FIDUCCIA ROSARIA

7 BARRECA ANTONINO 34 GALLA' ROSALBA

8 BERNARD MARIACHIARA 35 GIORDANO RITA

9 BONOMO AGATA 36 GLORIOSO NADIA MARIA

10 BONOMO PIETRO LUCIO 37 GRISTINA GIORGIO

11 BUFFA MARCELLO 38 GUGLIUZZA SALVATORE

12 CANCILLA FRANCESCA 39 GULINO ANNUNZIATA

13 CANNIZZARO GIOACCHINO 40 LICATA ANDREA

14 CASCIO GIOVANNA 41 LOMBARDO CATERINA

15 CASTIGLIA GIOVANNI 42 LUPARELLO FORTUNATA

16 CATANIA SEBASTIANO 43 LUPO

MAGRO (sost.

ANNALISA

17 CHIOVARI MARIA GIUSEPPA 44 GRISANT Elisa) RITA

18 CICIO GIUSEPPE 45 MALFATTORE CARMEN

19 CINCOTTA NUNZIA 46 MARANDANO ROSARIO

20 COFFARO GIANCARLO 47 MARANZANO NICOLETTA

21 COLLERA` MARCELLO 48 MAZZOLA DOMENICA MARIA

22 CONTE MAURO 49 MILONE ANTONIA

23 DI FATTA PATRIZIA CONCETTA 50 MOAVERO MARCELLA

24 DI FATTA ELVIRA MARIA 51 MOLICA NARDO FRANCO

25 DI GALBO MARIA 52 MORANA LUCREZIA

26 DI GALBO PIETRO 53 MOSCATO ROSARIO SALVATORE

27 DI LORENZO SERGIO 54 NASELLI VERA

55 OLIVA ARTURO 69 RINELLA GIANFRANCO

56 OLLA' LOREDANA 70 RIZZO GIUSEPPA

57 ORIFICI GIUSEPPE 71 RUBBINO GAETANO

13


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

58 PACE GIOVANNELLA 72 RUSSO GERMANA

59 PALUMBO CARMEN 73 SANFILIPPO MASSIMILIANO

60 PIAZZA MARIA ANTONIETTA

SALVATORE

74 SERIO GIOVANNI

61 PIAZZA

CARMELO 75 SPORTARO CARMELA

62 PILATO PATRIZIA 76 STEPKOVA HANA

63 POLIZZANO MARIA RITA 77 TABONE MARIA ANNUNZIATA

64 PRIA SALVINA 78 TERRANOVA ROSA

65 QUADRIO ARIANNA 79 TRIOLO EMILIO

66 RANDISI VELIA

GESUALDO

80 TUMMINELLI ANTONINO

67 RASO

LEONARDO 81 VIZZINI ROSARIO

68 RIMI ELENA

• Elenco Personale ATA

RESPONSABILE AMMINISTRATIVO

1. Ranzino Maria Teresa

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI

1. Cangelosi Salvatrice

2. Cusimano Anna

3. Faulisi Concetta

4. Mastrandrea Anita

5. Perrini Rosa

ASSISTENTI TECNICI

6. Coco Fortunato

7. Di Novo Cosimo

8. Dinolfo Giuseppe

9. Ferrante Maurizio

10. Salamone Maria

COLLABORATORI SCOLASTICI

11. Calabrese Renato

12. Cimento Salvatore

13. Cortina Lelio

14. Di Chiara Silvna

15. Fiduccia Rosaria

16. Greco Giuseppe

17. Piratino Rosa

18. Rinaudo Giuseppina

19. Schillaci Antonio

ADDETTA BIBLIOTECA

20. Rotondo Illuminata

14


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2.2 Il percorso formativo

2.2.1 Indirizzi

La scuola è il luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l’acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della

coscienza critica.

La scuola è una comunità di dialogo,di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volti alla crescita

della persona in tutte le sue dimensioni.

In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la

realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo della potenzialità di ciascuno ed il recupero delle situazione di svantaggio,

in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia fatta a New

York il 20novembre 1989 e con i principi generali dell’ordinamento italiano.

La comunità scolastica, interagendo con la più ampia comunità civile e sociale di cui fa parte, fonda il suo progetto e la

sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo della personalità dei

giovani, anche attraverso l’educazione alla consapevolezza e alla valorizzazione dell’identità di genere, del loro senso di

responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali

adeguati all’evoluzione delle conoscenze e all’inserimento nella vita attiva.

La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione di pensiero, di coscienza e di religione, sul rispetto

reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera

ideologica, sociale e culturale.

( dall’art.1 dello Statuto degli studenti e delle studentesse)

L’istituto, ad oggi, offre agli studenti la possibilità di scegliere tra un corso ordinamentale articolato in 4 sezioni ed un

corso sperimentale articolato anch’esso in 4 sezioni per specializzarsi e conseguire un titolo di studio:

• IN TRE ANNI: DIPLOMA DI MAESTRO D’ARTE

ARTE DEI METALLI

ARTE DELLA CERAMICA

ARTE DEL MERLETTO E DEL RICAMO

DISEGNATORI DI ARCHITETTURA E ARREDAMENTO

Corsi ordinamentali

• IN CINQUE ANNI: DIPLOMA DI MATURITA’ D’ARTE APPLICATA:

ARTE DEI METALLI

ARTE DELLA CERAMICA

ARTE DEL MERLETTO E DEL RICAMO

DISEGNATORI DI ARCHITETTURA E ARREDAMENTO

ARCHITETTURA E ARREDO

ARTE E RESTAURO DEL TESSUTO E DEL RICAMO

DISEGNO INDUSTRIALE

Corsi ordinamentali

Corsi sperimentali

15


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• CORSI DI FORMAZIONE E SPECIALIZZAZIONE IN:

- Informatica di base;

- Patentino ECDL

• ATTIVITÀ INTEGRATIVE DELLA DIDATTICA

- Sportello counsiling

- Sportello didattico

- Incontri con esperti e lezioni di approfondimento;

- Scambi culturali Viaggi di istruzione;

- Visite guidate a mostre e beni culturali;

- Gruppi sportivi;

- Gruppi di lavoro su progetti specifici;

- Mostre, convegni e pubblicazioni.

2.2.2 Quadro dei corsi di studi e campi di accessibilità professionale

Periodo di studio

tre anni maestro d’arte

esperienza acquisita di

Ceramista

Decoratore

Disegnatore Cesellatore Disegnatore

Architettura

Disegnatore Orafo

Disegnatore Stoffe

Disegnatore Tessuti

cinque anni maturità di arte applicata

esperienza acquisita di

Ceramista

Ebanista

Grafico - Pubblicitario Illustratore

Orafo Progettista

Modellista

Tecnico di Laboratorio

2.2.3 Obiettivi generali dell’Istituto d’Arte di Cefalù

L’Istituto Statale D’arte prepara i giovani alla produzione artistica e progettuale, fornendo la necessaria culturale generale

utile a formare i cittadini ed operatori artistici consapevoli del proprio ruolo.

16

CAMPI DI ATTIVITA’ PROFESSIONALE

Titolo di studio Accessibilità conseguita

impresa artigiana autonoma

concorsi pubblici per titoli triennali

proseguimento degli studi per il diploma

d’arte applicata

tutte le facoltà universitarie

accademia di belle arti

impresa artigiana autonoma

impiego pubblico o privato


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

L’obiettivo specifico è quello di fornire strumenti, metodi e contenuti tesi a sviluppare nell’allievo un’attitudine alla

creatività, alla progettualità, intese innanzitutto come modalità cognitive, strutture mentali che sviluppano un rapporto

sinergico tra intellettualità, manualità e operatività.

La creatività deve essere intesa come aspetto preminente dell’intelligenza, sintesi di sapere e di saper fare: la

progettualità si evolve come complesso percorso di ideazione che si realizza attraverso l’utilizzo programmatico di

strumenti esecutivi e si basa sulla conoscenza approfondita dei materiale e delle tecniche.

Per questo si è sviluppata un’ampia attività di laboratorio inteso, non come luogo di addestramento e di pura esecutività,

ma come uno spazio fisico e mentale in cui nascono, si affinano e si verificano le idee, lo spazio della formazione

operativa e critica, all’interno di un processo di apprendimento attivo che ha rappresentato e continua a rappresentare il

riferimento di pensiero cui ogni azione quotidiana viene ricondotta .L’interazione tra i vari linguaggi della comunicazione

e dell’espressione artistica, la multimedialità, l’azione sinergica delle arti plastiche e pittoriche e del design, hanno

condotte questa scuola a caratterizzarsi come luogo della ricerca e della sperimentazione.

Alla formazione educativa e culturale degli allievi, concorrono tutte le discipline volte a sviluppare e a fare acquisire

conoscenza, competenze e capacità relative al saper linguistico, al saper storico, al sapere scientifico e all’espressività

psicomotoria.

Il collegio a tal fine si impegna ad orientare le proprie risorse umane e strumentali per valorizzare i prodotti

dell’artigianato locale con la sinergia di tutti gli indirizzi ordinamentali e sperimentali di cui è dotato e con il pieno

utilizzo e potenziamento di tutti i laboratori, avviando la sperimentazione e la ricerca per un nuovo modello di sviluppo

che prevede il posizionamento del corpo docente quale cerniera fra tessuto economico e studenti.

L’Istituto d’arte di Cefalù, vuole così ampliare il ruolo di motore dell’innovazione e della crescita culturale ed economica

del settore dell’artigianato e dell’industria in cui si vengono ad inserire di diritto gli studenti ed il corpo docente,

valorizzando la produzione di manufatti e di prototipi realizzati nell’ambito di una didattica ordinaria ed interdisciplinare.

L’istituto Statale d’arte di Cefalù assume l’impegno verso il territorio delle Madonie di:

a) promuovere e valorizzare l’artigianato di qualità e le attività economiche del territorio attraverso la ricerca e la

sperimentazione fondata sulla conoscenza delle risorse culturali delle Madonie;

b) implementare sempre attraverso la ricerca, il ruolo e le capacità degli studenti nel settore artigianale ed industriale per

facilitarne l’inserimento già durante il percorso didattico e poi favorire, a completamento del percorso l’inserimento

lavorativo nel tessuto economico e sociale;

c) favorire e promuovere la formazione di micro-imprese per la salvaguardia e la valorizzazione del territorio nei settori

d’indirizzo dell’Istituito arredamento, metalli, tessuto, oreficeria , ceramica;

d) proteggere, sostenere e valorizzare l’integrità del patrimonio naturalistico e paesaggistico delle Madonie;

e) orientare la didattica verso una più ampia formazione di livello superiore .

Questo programma presuppone il coinvolgimento del corpo docente in un unico team interdisciplinare dove arte,

discipline e laboratori possano interagire nell’ambito di progetti comuni e condivisi .

2.2.4 Obiettivi educative e relazionali

Sono stati individuati i seguenti obiettivi educative e relazionali, comuni a tutti le aree, per consentire uno sviluppo

armonico della sfera emotiva, affettiva e relazionale degli allievi:

• Saper cogliere in modo autonomo i tempi, i metodi e gli strumenti appropriati al contesto in cui si opera;

• Capacità di collaborare con gli altri e di rispettare un ruolo adeguato alla circostanza;

• Educare al rispetto dell’altro, alla solidarietà e al lavoro di gruppo e all’impegno nello studio.;

17


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• Favorire il concetto di “ gruppo classe”;

• Educare al rispetto dell’ambiente, del patrimonio comune ed individuale, delle persone, dei luoghi , ambienti e

strumenti, con attenzione alle norme di sicurezza e alla salute;

• Saper sviluppare capacità di autocritica e autovalutazione del proprio operato.

2.2.5 Principali obiettivi formativi dei diversi indirizzi dell’Istituto

L'esigenza, sempre più attuale, di un'istruzione che miri all'acquisizione di una mentalità progettuale e versatile, aperta a

tutti gli ambiti della comunicazione, dell'immagine, della creatività e della produzione, con attenzione ai processi storici,

a quelli contemporanei e in evoluzione, nasce, per l'Istituto statale d'Arte di Cefalù dalle antiche ragioni della sua stessa

fondazione.

Gli indirizzi della scuola, sia ordinamentali che sperimentali, sono volti alla formazione di figure professionali attraverso

un percorso che, partendo dalle conoscenze, costruisca abilità e conduca all’acquisizione di competenze.

L’alunno alla fine dei corsi di studi relativi a tutti gli indirizzi, dovrà sapere, saper fare e saper cosa fare, in riferimento al

contesto in cui opera, acquisendo anche la capacità di trovare soluzioni autonome, originali e creative.

Arte dei metalli

Alla fine del triennio ordinamentale, gli alunni saranno pronti alla pratica del mestiere artistico, attraverso le esperienze

tecniche e l’acquisizione di abilità tecnico-operative.

Essi saranno in grado di:

• sbalzare e cesellare motivi decorativi e figurativi, sia su superfici piane che su oggetti in forma;

• traforare, limare e tirare a martello i metalli più usati (rame, ottone) per la fabbricazione di manufatti d’arte;

• saldare elettricamente e usare la saldatura autogena e microsaldatura;

• smaltare su superfici piane e su oggetti in forma usando le tecniche champlevè, cloisonnè, a mascherina e a giorno;

• costruire manualmente e con l’ausilio di macchine un oggetto di oreficeria;

• fondere i metalli per ottenere gioielli attraverso la tecnica all’osso di seppia e a cera persa a getto centrifugo.

Alla fine del quinquennio, gli studenti, sulla base delle tecniche studiate ed acquisite nel triennio, sapranno impostare,

eseguire e risolvere autonomamente i manufatti progettati, siano essi pensati come pezzo unico che come prodotto

seriale.

Arte della ceramica

La sezione di Arte della Ceramica, istituita nell’a.s. 2005-06, si pone l’obiettivo primario di formare qualificati

professionisti per la produzione di manufatti artigianali e artistici.

L’allievo ha la possibilità di approfondire lo studio delle discipline grafico-decorative finalizzate alla preparazione di tecnici

esperti nelle attività progettuali, plastiche e decorative, nella preparazione realizzazione di pezzi unici e nella

realizzazione di modelli e stampi per produzioni seriali e nell’uso sapiente dei diversi tipi di rivestimento, quali smalti,

colori, ingobbi, cristalline, lustri.

18


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Si propone inoltre, al termine del corso di studio, il raggiungimento di una spiccata professionalità attraverso un iter

progettuale capace di padroneggiare nel settore a livello artistico, artigianale e industriale, attraverso il coordinamento

tra la progettazione e i laboratori.

E’ possibile realizzare oggetti di uso comune, manufatti ceramici per l’arredo con aspetti funzionali e decorativi, elementi

ceramici per l’ambiente architettonico esterno ed interno, creazione di prodotti per gli arredi e gli accessori degli spazi

domestici, strutture ceramiche modulari per l’arredo urbano.

Le discipline caratterizzanti la sezione sono: Disegno Professionale (nel triennio), Progettazione (nel biennio),

Tecnologia ceramica (nel triennio) ed Esercitazioni di Laboratorio. Queste ultime si svolgono nell’ambito dei Laboratori di

Formatura e Foggiatura e di Decorazione e cottura.

Al termine del triennio lo studente sarà in grado:

1. di utilizzare correttamente gli strumenti grafici;

2. di individuare e rappresentare graficamente e maniera corretta le diverse tipologie di manufatti;

3. di progettare oggetti in ceramica e decorazioni e di realizzarli nei laboratori con le tecniche e i materiali

adeguati.

Il ciclo del triennio si conclude con il conseguimento, previo esame, del Diploma di Maestro d’Arte, con il quale potrà

frequentare il successivo Biennio o indirizzarsi verso il mondo del lavoro.

Alla fine del quinquennio l’alunno sarà in grado di:

• analizzare i diversi fattori di tipo estetico – funzionale, culturali, tecnologici ed economici;

• effettuare una lettura storica dell’oggetto e del suo modo di porsi nel confronto del fruitore;

• effettuare una corretta scomposizione delle forme nelle figure geometriche piane e nei solidi generatrici;

• definire la superficie, gli spazi, i volumi, attraverso le linee, le forme, i colori;

• conferire all’oggetto una precisa impronta personale dal punto di vista della creatività, della fantasia applicata

all’idea progettuale ed alla tecnica grafica;

• fornire precise informazioni su ogni dettaglio della struttura dell’oggetto da rappresentare;

• disegnare a mano libera e produrre segni grafici per definire i componenti dell’oggetto e del colore, per dare

corpo alle forme e quindi evidenziarne i volumi;

• saper predisporre i progetti nelle dimensioni dei pezzi finiti.

Arte del merletto e del ricamo

Alla fine del triennio ordinamentale, gli studenti avranno acquisito un’adeguata capacità creativa e una corretta

metodologia grafico-cromatica che consenta possibilità applicative nel campo della moda e dello arredamento

(decorazione di abiti e accessori; decorazione di manufatti destinati all’arredo di interni). Inoltre, saranno in grado, per le

acquisite capacità operative, di eseguire manualmente gli elaborati da loro creati, con la tecnica del ricamo a vari punti,

detti “punti di fondo a fili contati”, con adeguata conoscenza di vari tessuti, filati e attrezzi di lavoro.

• Nella prima classe gli alunni saranno avviati alla conoscenza degli attrezzi, dei filati e dei tessuti. Si passerà, quindi,

alle prime esperienze esecutive dei vari punti e delle diverse tecniche per la realizzazione delle relative

campionature.

• Nella seconda classe, in relazione al disegno professionale, gli alunni svilupperanno in laboratorio le tecniche

stabilite. Verranno, inoltre, avviati alla pittura su stoffa e alla tessitura.

• Nella terza classe, ampliando le conoscenze degli anni precedenti, gli alunni saranno avviati allo studio più

approfondito della stampa serigrafica, del batik e della tessitura.

19


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Alla fine del quinquennio gli alunni avranno consolidato le capacità creative e tecnico-operative, avranno approfondito le

conoscenze grafiche, perfezionato il loro stile, sviluppato la loro creatività attraverso esperienze esecutive, quali merletti,

ricami (sfilato siciliano), esempi di tessitura e stampa con varie tecniche.

Disegnatori di Architettura e arredamento

In questa sezione, attraverso la conoscenza tecnologica dei materiali, dell’uso delle attrezzature, è possibile sviluppare e

realizzare varie ipotesi “architettonico-compositive”, modelli e prototipi, oggetti per l’arredamento e strutture

complementari all’architettura.

Alla fine del triennio ordinamentale, gli alunni sapranno:

• leggere ed analizzare manufatti;

• ridisegnare in scala;

• utilizzare gli strumenti del disegno;

• conosceranno le convenzioni grafiche e lo sviluppo modulare e

• acquisire la capacità di rappresentare elementi costruttivi e di ambienti riferiti a un’opera di architettura

contemporanea.

Alla fine del quinquennio, gli alunni sapranno:

• applicare le conoscenze teoriche nei problemi di rappresentazione;

• sintetizzare le operazioni proiettive;

• analizzare scientificamente la rappresentazione;

• applicare la metodologia progettuale e rappresentare le varie parti del progetto;

• analizzare e sintetizzare le conoscenze acquisite nelle esperienze precedenti.

I corsi sperimentali Progetto Michelangelo

Architettura e arredo

L’indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione intermedia di carattere teorico-pratico nel settore del disegno

architettonico e dell’arredo, nonché al proseguimento degli studi medesimi negli istituti di alta cultura. I piani di studio

dell’indirizzo sono orientati a fornire allo alunno un’ampia cultura, con partitolare approfondimento delle arti visive, come

adeguato e coerente presupposto per consentirgli di esprimere e sviluppare compiutamente le sue doti di creatività, con

una specifica acquisizione delle tecniche operative del disegno architettonico e dello arredo.

L’insegnamento della Progettazione si propone il corretto sviluppo delle capacità progettuali dello alunno, favorendone

l‘affinamento attraverso l’acquisizione delle abilità di rappresentazione grafica.

Al termine del triennio gli alunni sapranno:

• saper analizzare e rappresentare caratteristiche formali e costruttive che definiscano un ambiente e un manufatto;

• saper controllare la fase comunicativa del progetto;

• saper padroneggiare uno specifico linguaggio per la lettura del processo progettuale e del suo prodotto.

20


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

L’insegnamento della Geometria descrittiva è finalizzata alla conoscenza complessiva dei metodi di rappresentazione

per consentire convenienti supporti all’area progettuale. L’obiettivo è la padronanza dei procedimenti geometrici

finalizzati alla lettura e alla produzione di immagini e progetti attraverso sistemi di rappresentazione razionale.

Per quel che riguarda le Esercitazioni di laboratorio, al termine degli studi, lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito

le capacità di uso degli strumenti, dei procedimenti tecnici e dei materiali relativi all’indirizzo.

Disegno industriale

L’indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione intermedia di carattere teorico-pratico nel settore del design,

nonché al proseguimento degli studi medesimi negli istituti di alta cultura. I piani di studio dell’indirizzo sono orientati a

fornire all’alunno un’ampia base culturale, con particolare approfondimento delle arti visive, come adeguato e coerente

presupposto per consentirgli di esprimere e sviluppare compiutamente le sue doti di creatività con una specifica

acquisizione delle tecniche di disegno industriale.

L’insegnamento/apprendimento della Progettazione ha la finalità di condurre l’alunno al raggiungimento di una

conoscenza pienamente consapevole sulle tecniche di ideazione degli oggetti.

Al termine degli studi gli alunni avranno acquisito:

• capacità di analisi, di comprensione e di valutazione dei prodotti di design;

• sensibilità progettuale esplicitata attraverso la conoscenza dei linguaggi specifici;

• capacità di controllo della fase comunicativa;

• metodologia progettuale che congiunga coerentemente aspetti legati alla presenza storica degli oggetti di piccola e

grande serie con aspetti dei materiali e delle tecnologie;

• capacità di unire la ricerca formale ai fattori umani e tecnologici attraverso operazioni di tipo scientifico.

Relativamente alle esercitazioni di laboratorio, alla fine del corso, lo studente avrà acquisito:

• le capacità d’uso degli strumenti e dei procedimenti tecnici del Disegno industriale.

Arte e Restauro del tessuto e del ricamo

L’indirizzo ha come fine l’acquisizione, a livello professionale intermedio, di competenze teoriche e operative per la

realizzazione di opere e manufatti elaborati con i materiali e con le tecniche del tessuto e del ricamo; l’acquisizione, a

livello professionale intermedio, di competenze teoriche e pratiche per la conservazione e il restauro di opere e manufatti

realizzati con il tessuto e con il ricamo; il proseguimento degli studi nelle istituzioni di alta cultura.

I piani di studio prevedono una formazione di una cultura ampia e organica, contraddistinta da particolari

approfondimenti nel campo delle arti visive, come adeguato e coerente presupposto per un consapevole sviluppo delle

doto creative e delle capacità esecutive.

L’insegnamento di Progettazione si propone il conseguimento di una formazione di base nel campo delle arti visive e del

design di tessuto e una cultura specifica nell’ambito delle arti plastiche e pittoriche.

Lo studente dovrà acquisire i codici linguistici e le metodologie operative attinenti alla progettazione e all’esecuzione di

opere e manufatti propri del tessuto, del ricamo e del merletto.

Al termine del triennio gli alunni:

• saranno in grado di conoscere, con fondamento critico, le tecniche e le metodologie attinenti alla realizzazione di

opere e manufatti in tessuto, in ricamo e in merletto;

• sapranno mettere in relazione le fasi ideative con le fasi esecutive dei progetti; stilare, con adeguata

strumentazione progettuale, relazioni tecniche in merito ai progetti definiti.

21


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Relativamente alle esercitazioni di laboratorio, alla fine del triennio lo studente:

• avrà acquisito la capacità d’uso degli strumenti, dei procedimenti tecnici e dei materiali relativi all’indirizzo.

Per ciò che riguarda la sezione Arte e restauro del tessuto e del ricamo, nell’ambito del Progetto Michelangelo,

l’insegnamento della disciplina “Restauro” verrà attribuito ad esperto esterno, con le procedure previste dalla normativa

vigente. L’insegnamento di Restauro dovrà tener conto del rapporto di stretta correlazione fra il progetto e l’effettiva

messa in opera di un restauro. Di qui l’esigenza della collaborazione continua e programmata fra i docenti di

Progettazione, Esercitazione di laboratorio, Geometria descrittiva e Restauro, nonché la necessità del supporto di

conoscenze relative alla Storia dell’arte e alla Chimica.

2.2.6 Quadro orario dei corsi ordinamentali e dei corsi sperimentali

Corso Ordinamentale

DISCIPLINE TRIENNIO BIENNIO

I II III IV V

Religione o attività alternative 1 1 1 1 1

Lettere italiane, Storia ed Educ. Civica 4 4 4 6 6

Storia dell'arte e delle arti applicate 2 2 2

Storia delle arti visive 4 4

Scienze naturali, chimica e geografia 2 2 2

Matematica, fisica e contabilità 3 3 3

Matematica e fisica 5 5

Tecnologia 1 1 1

Chimica e laboratorio tecnologico 4 4

Disegno geometrico ed architettonico 4 4 4

Teoria ed applicazione di geom. Descrittiva 4 4

Disegno dal vero 4 4 4

Ed. Visiva 2 2

Plastica 4 4 4

Disegno professionale 6 6

Elementi di economia e sociologia 1 1 1

Esercitazione di laboratorio 8 8 8 4 4

Educazione fisica 2 2 2 2 2

Triennio Biennio

TOTALE ORE SETTIMANALI 39 39 39 39 39

22


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Corso Sperimentale

DISCIPLINE BIENNIO TRIENNIO

I II III IV V

Italiano 5 5 3 3 3

Storia 2 2 2 2 2

Lingua straniera ( Inglese) 3 3 3 3 3

Filosofia 2 2 2

Diritto ed economia 2 2

Matematica ed informatica 4 4

Matematica 3 3 3

Fisica 2 2 2

Scienza della terra 3 3

Biologia

Ed. Fisica 2 2 2 2 2

Religione o attività alternative 1 1 1 1 1

Discipline plastiche 4 4

Discipline pittoriche 4 4

Discipline geometriche 4 4

Storia dell'arte 3 3 3 3 3

Chimica e lab. Tecnologico 3 3

Esercitazione di laboratorio 3 3

Indirizzo Architettura ed Arredo

Progettazione 6 6 6

Geometria descrittiva 2 2 2

Esercitazione di laboratorio 8 11 11

Indirizzo Disegno industriale

Progettazione 6 6 6

Geometria descrittiva 2 2 2

Esercitazione di laboratorio 8 11 11

Indirizzo Arte e restauro del tessuto e del ricamo

Progettazione 6 5 6

Geometria descrittiva 2 2 2

Chimica e lab. Tecnologico 3

Esercitazione di laboratorio 6 5 5

Restauro 2 4 4

Biennio Triennio

TOTALE ORE SETTIMANALI 40 40 40 40 40

2.2.7 I programmi

I programmi di studio presenti nel progetto tracciano una proposta d’itinerario didattico che gli OO.CC., definendo la

cornice entro cui si svolge il lavoro del singolo docente, possono rielaborare per adattarla alle concrete situazioni delle

classi e garantirne l’efficacia.

23


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2.3 ANALISI SOCIO-ECONOMICO-CULTURALE DEL TERRITORIO

2.3.1 Dati socio-economici

Il contesto socio-economico in cui l’Istituto opera è caratterizzato dalla presenza di piccole e medie imprese

prevalentemente a conduzione familiare ed a carattere artigianale.

Nei comuni dell’entroterra sono presenti alcune realtà agricole e pastorizie, legate essenzialmente all’attività

agroalimentare caratterizzate dalla vendita di prodotti di nicchia a coltivazione biologica.

L’economia della cittadina di Cefalù ruota essenzialmente intorno al settore terziario, anche se ancora pochi nuclei

familiari sono dediti alla pesca.

Di fondamentale importanza sono le evidenti e riconosciute potenzialità turistiche della zona: le preziose risorse naturali

e paesaggistiche ( la passeggiata a mare, opera del cefaludese Prof .Pasquale Culotta che riprende il tracciato delle

mura antiche ), i luoghi di interesse archeologico e architettonico (La “ Rocca”, la Corte delle Stelle, il Museo

Mandralisca, etc… ) e religioso (Cattedrale e Palazzo della Curia Vescovile, la Chiesa del Purgatorio con annessa

piazza), realtà pienamente valorizzate. Non di minore pregio artistico-architettonico risultano i paesi viciniori, ricchi di

testimonianze storiche quali Castelbuono, Gangi, le Petralie, Polizzi, Caccamo,Travia, etc……..

Cefalù rappresenta per il territorio circostante il punto di riferimento socio-culturale per la presenza di numerosi servizi e

uffici di interesse generale, tra i quali la Curia Vescovile, la Pretura, l’Ufficio delle Entrate, il Commissariato di Polizia di

Stato, Compagnia dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Distretto Forestale, ASL, Ospedale fondazione “San Raffaele -

Giglio” .

Relativamente all’istruzione secondaria sono presenti tre Istituti Statali di Istruzione Scolastica Superiore ( Liceo

Classico, Istituto Alberghiero, Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri), un Istituto Provinciale di Istruzione

Scolastica Superiore ( Liceo Linguistico), un Istituto Parificato ( Liceo Socio-psicopedagogico e Liceo Scientifico).

2.3.2 Domanda formativa

La domanda formativa è l’insieme delle azioni didattico-educative volte ad acquisire – tramite attività di analisi

conoscitiva (accoglienza, prove di ingresso, indagini conoscitive istruite dagli Organismi esterni deputati all’osservazione

del fenomeno della dispersione scolastica, progetti specifici di monitoraggio, etc..) – le informazioni necessarie sulle

aspettative dell’utenza e sulle modalità del percorso da proseguire.

Il nostro sistema scolastico sta vivendo una fase di incisive trasformazioni e, passando attraverso processi complessi,

deve conciliare quantità e qualità dell’offerta formativa, alla luce delle esigenze di un’utenza che esprime capacità,

motivazioni, bisogni estremamente differenziati.

2.3.3 Gli allievi

Il bacino di utenza dell’Istituto abbraccia diversi comuni ed è composto da alunni di varia estrazione sociale.

Il 70% circa degli alunni provengono da centri del comprensorio madonita (Caltavuturo, Castelbuono, Castellana Sicula,

Cerda, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana e Sottana, Polizzi

Generosa, Pollina, S. Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Valledolmo) e da diversi centri litoranei

(Campofelice di Roccella, Lascari, Termini Imerese, Trabia) ricadenti sia nella provincia di Palermo che nella limitrofa

provincia di Messina (Capo d’Orlando, Castel di Lucio, Pettineo, S. Stefano di Camastra, Tusa).

I tempi di percorrenza sono vari e oscillano dai 15 ai 90 minuti circa.

La pendolarità della maggioranza degli alunni si pone come occasione di arricchimento e di incontro tra realtà e vissuti

diversi, essendo gli alunni portatori e comunicatori di esperienze sociali, economiche, culturali, diverse.

24


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2.3.4 Offerta formative territoriale

Nel territorio, vi è scarsa attitudine al rischio d’impresa ed alla innovazione creativa. Sono presenti imprese artigiane di

piccole e medie dimensioni nel settore della ceramica, (Collesano e Santo Stefano di Camastra), in quello della

lavorazione dei metalli e del legno allocate in tutto il territorio che afferisce alla scuola e una cooperativa di arte del

ricamo (Isnello), e la cooperativa Ricamarte ( Cefalù).

In questo contesto la possibilità di reperire opportunità formative non è molto semplice, ma ragionando in termini di

valorizzazione delle risorse esistenti, l’attivazione di tirocini formativi determinerebbe un arricchimento reciproco della

scuola e delle imprese.

Nel territorio sono presenti risorse umane di elevato e comprovato spessore artistico e culturale che potrebbero dare un

notevole contributo alla formazione degli studenti che manifestano capacità artistiche e creative al fine di formare delle

vere e proprie botteghe d’arte.

2.3.5 Bisogni formativi degli studenti

Tra i molteplici e variegati bisogni formativi degli studenti del nostro istituto si focalizzano i seguenti:

• apprendere valori e comportamenti coerenti con i principi della Costituzione per un coinvolgimento responsabile

nella vita sociale;

• avere garantita un’attività scolastica regolare e ben organizzata, gestita in funzione dei propri bisogni di formazione

ed istruzione;

• vivere in un clima di lavoro positivo;

• fruire di una informazione chiara, trasparente e completa sul Piano dell’Offerta Formativa, sul funzionamento della

Scuola, sugli obiettivi didattici e formativi, sul percorso per raggiungerli (frequenza regolare, impegno e

partecipazione attiva, valutazione formativa dell’acquisizione dei contenuti), sui programmi, sui contenuti dei singoli

insegnamenti, sulle fasi del curricolo, sulle strategie, criteri e strumenti della valutazione;

• ricevere sostegno nell’orientamento, anche attraverso specifici servizi;

• sviluppare un atteggiamento critico di fronte alla realtà;

• ricevere, da parte dell’Istituto e dei singoli docenti, la progettazione e la realizzazione di interventi di recupero,

sostegno, potenziamento;

• acquisire buone conoscenze di base in tutte le discipline;

• acquisire conoscenze utili alla prosecuzione degli studi ed all’inserimento professionale;

• imparare un metodo di studio;

• rendersi autonomi e responsabili;

• sviluppare le capacità logiche, cognitive, relazionali e la creatività;

• avere assicurato un insegnamento efficace, coerente con lo sviluppo di ciascuno;

• avere garantita la valorizzazione delle doti di tutti, nel rispetto della personalità e delle doti di ciascuno;

• essere valutati con equità, nel contempo, con la valorizzazione dell’impegno individuale.

• sviluppare il senso di appartenenza al tessuto sociale in cui si vive anche attraverso l’esperienza diretta dei tirocini

formativi

2.3.6 Attività dell’anno precedente

Lo scorso anno sono stati attivati e realizzati i seguenti progetti ed attività:

1. Progetto LO SGABELLO E L’ARTIGIANO che ha avuto come obiettivo specifico la valorizzare e la formazione

professionale degli allievi al fine di realizzare prototipi virtuali e materiali di sgabelli da lavoro;

2. Progetto CHIARE, FRESCE E DOLCI ACQUE che ha avuto come oggetto lo sviluppo negli allievi di una

coscienza ecologica e la promozione dell’interesse verso il patrimonio ambientale comune;

3. Progetto MOSTRA ITINERANTE che ha permesso di dare visibilità al percorso formativo dell’Istituto nel territorio e

nelle famiglie;

4. Progetto UN TEATRO PER LA SCUOLA che ha avuto come obiettivo specifico la formazione degli allievi alla

cultura teatrale e cinematografica;

5. Progetto ANCHE L’OCCHO VUOLE LA SUA PARTE che ha fatto acquisire agli alunni conoscenze e competenze

professionali attraverso la progettazione assistita e l’esecuzione di manufatti ( tessili, metallici e lignei);

25


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

6. Progetto CREIAMO INSIEME 4 che ha diffuso l’immagine dell’Istituto presso le scuole medie del territorio e le

famiglie;

7. Progetto VELO OMERALE che ha permesso di rendere visibile un impegnativo lavoro di restauro conservativo di

un prezioso paramento sacro;

8. Progetto VECCHI MESTIERI che ha permesso agli alunni di conoscere la cultura, il valore e le tradizioni di vecchi

mestieri attraverso l’arte figurativa;

9. Adesione della Scuola al progetto F.A.R.O. in rete di scuole della Regione ;

10. Adesione e Partecipazione al progetto Spazio 22 Sicilia ;

11. Adesione al Progetto AMICO LIBRO ed invio dei prodotti finali ( reinterpretazione del V° Canto dell’inferno dantesco

e relativo cortometraggio).

12. Adesione e Partecipazione al Concorso Play Energy (Energia in gioco);

13. Adesione alla Rassegna Teatrale che si è svolta nel Teatro di Pollina;

14. Adesione ed attivazione del Progetto di educazione ambientale;

15. Adesione al progetto “Promozione del Volontariato Giovanile” con il C.E.S.VO.P. ( Centro di Servizi per il

Volontariato di Palermo), al fine di formare giovani alla cultura del volontariato;

16. Adesione e partecipazione al Progetto “Scuole Aperte” promosso dal Ministero Pubblica Istruzione con l’attivazione

del progetto MUSICA ….OLTRE LE BARRIERE che ha consentito un efficace processo di integrazione tra gli allievi

dell’Istituto attraverso la valorizzazione delle diversità;

17. Attivazione di progetti di Alternanza scuola- lavoro finanziati dall’U.S.R.S., come strumento di contrasto dei

fenomeni di abbandono scolastico e di disagio giovanile;

18. Attivazione per l’accreditamento della scuola come ente certificatore del Trinity;

19. Partecipazione attiva alla Manifestazione “ La magia del Presepe 2008” che si è tenuta a Termini Imerese;

20. Partecipazione al Workshop di progettazione;

21. Partecipazione alla “Giornata dell’Arte” che si è svolta a Cefalù;

22. Partecipazione alle Olimpiadi di Matematica senza frontiere 2008-09;

23. Accordo con il C.O.T. ( Centro di Orientamento e Tutoraggio) per attivare uno Sportello di Orientamento

Universitario .

L’I.S.A.” Diego Bianca Amato “ ha stipulato lo scorso ’anno scolastico i seguenti protocolli d’intesa:

• Protocollo d’ intesa tra l’Istituto ed il Comune dei Collesano, l’Ente Parco delle Madonie, Fondazione Culturale

Mandralisca, Associazione Ceramisti Collesano, Identità Madonita, Azienda Borgo Bagherino, Promo Madonne,

S.a.S. di G. Dolce, Compagnia Teatro Collesano, Compagnia Teatrale “Casale” per l’attuazione del progetto

“Riqualificazione centro storico Borgo Medievale Bagherino”;

• Protocollo d’ intesa tra l’Istituto e la Provincia Regionale di Palermo per la gestione comune di iniziative e progetti

nel campo della formazione professionali.

2.3.7 Collaborazione scuola-famiglie

L’I.S.A. Diego Bianca Amato, considera il processo educativo strumento fondamentale per consentire lo sviluppo

armonico della personalità degli studenti e ritiene che la collaborazione con i genitori sia una condizione indispensabile

per raggiungere con successo le finalità della propria mission .

26


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

A tal proposito ha calendarizzato, oltre agli incontri con i singoli docenti che avverranno per un’ora l’ultima settimana di

ogni mese (secondo la disponibilità di ciascun docente che sarà resa nota tramite gli allievi con apposita circolare)

ricevimenti collegiali, due volte nel corso dell’anno scolastico in orario post-meridiano, come riportato nel capitolo ORARI

DI RICEVIMENTO, durante i quali è possibile per i genitori acquisire dai docenti informazioni sull’andamento didattico e

disciplinare dei propri figli.

Inoltre l’Istituto, cercando di operare in sintonia con le famiglie degli alunni, interagendo in collaborazione operativa con

le stesse, si impegna costantemente a promuovere la partecipazione reale, oltre quella formale, dei genitori a tutti i

momenti decisivi della loro attività. Si cerca di creare un dialogo sinergico tra i genitori e l’Istituto, ossia un’interazione

scuola-famiglia continua, un tempestivo e fluido scambio di informazioni riguardanti particolari situazioni degli studenti,

assenze numerose, ritardi frequenti, scarso profitto, iniziative non autorizzate, etc, etc

Per coadiuvare e sostenere l’opera educativa della Scuola e per poter raggiungere gli obiettivi comuni è comunque

necessario che i genitori operino con regolarità:

la verifica delle comunicazioni della Scuola e del libretto delle giustificazioni;

il controllo dell’impegno e dell’adempimento del lavoro scolastico dei figli;

la verifica delle schede di informazione consegnate dalla scuola;

la verifica delle comunicazioni sui corsi di recupero e sul giudizio sospeso;

il dialogo regolare con docenti e Dirigente Scolastico;

vigilanza sul fenomeno di sciopero “senza valida motivazione”

2.4 Il processo di autodiagnosi/ diagnosi dell’ I.S.A. Diego Bianca Amato: ambiti/procedure/ punti di

criticità del sistema scuola e del territorio

2.4.1 Analisi giudizio INVALSI

2.4.1.1 Scheda di autodiagnosi INValSI e risultati

La scheda di autodiagnosi è uno strumento realizzato per supportare le scuole nel processo di analisi dei punti di forza e

di debolezza; tale processo richiede una condivisione all’interno dell’istituto e quindi si consiglia di arrivare alla

compilazione della scheda attraverso un confronto tra le diverse componenti scolastiche.

La scheda è articolata su quattro aree: personale scolastico, studenti, strutture e infrastrutture, rapporti della scuola con

le famiglie e il territorio.

Per ciascuna area si richiede di:

• indicare in che misura una serie di fattori sono ritenuti punti di forza o punti di debolezza per la scuola

• segnalare tre fattori - possono essere sia punti di debolezza che di forza - su cui la scuola dovrebbe

maggiormente investire.

Nel valutare i singoli fattori proposti occorre tenere conto di tutte le varie realtà presenti nell’istituzione scolastica (sedi,

sezioni staccate, diversi indirizzi, ecc.).

Codice meccanografico: PASD01000C

Denominazione della scuola: ISTITUTO STATALE D’ARTE “ DIEGO BIANCA AMATO"

IL PERSONALE SCOLASTICO

Per ciascuno dei seguenti fattori che riguardano il personale scolastico, indicare se costituisce un punto di

forza o di debolezza per la scuola e se rappresenta al contempo una priorità di intervento.

27


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Per l’individuazione dei “punti di forza e di debolezza”, Selezionare un punteggio per ciascun fattore tra i valori da 1 a 5,

dove il valore 1 segnala che un fattore è particolarmente debole, il valore 5 che un fattore è particolarmente forte. Per

l’individuazione delle “priorità”, possono essere selezionati un massimo di tre fattori tra quelli presenti nella scheda e a

ciascun fattore tra i tre selezionati deve essere attribuito un valore di priorità da 1(massima priorità) a 3 (minima priorità).

28

è un punto di

debolezza

è un

punto di

forza

1. Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento della lingua

italiana.

1 X 3 4 5

2. Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti

in lingua italiana.

1 2 X 4 5

3. Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento della

matematica.

1 X 3 4 5

2

4. Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti

in matematica.

1 2 X 4 5

5. Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento delle

scienze.

1 2 X 4 5

6. Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti

in scienze.

1 X 3 4 5

7. Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento della lingua

straniera.

1 X 3 4 5 3

8. Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti

in lingua straniera.

1 X 3 4 5

9. Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento delle materie

di indirizzo e/o professionalizzanti

1 2 X 4 5

10. Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti

nelle materie di indirizzo e/o professionalizzanti

1 2 X 4 5

11. Utilizzo delle tecnologie informatiche e della comunicazione (TIC)

nella pratica didattica.

1 2 X 4 5

12. Attività per lo sviluppo delle capacità espressive e creative (ad.

laboratorio musicale, laboratorio teatrale, ecc.).

1 2 X 4 5

1

13. Attività su tematiche trasversali (ad es. educazione alla

cittadinanza, alla interculturalità, al patrimonio culturale e/o

ambientale, ecc.).

1 2 3 X 5

14. Attività di orientamento degli studenti in ingresso (ad es. Azioni

congiunte con insegnanti dell’ordine di scuola precedente, attività

di tutoraggio, consolidamento delle conoscenze pregresse, ecc.).

15. Attività di orientamento degli studenti in uscita (ad es. supporto

1 2 3 X 5

alla autovalutazione delle attitudini e degli interessi, informazione

sulla realtà lavorativa del territorio, ecc.).

1 2 3 X 5

16. Attività di recupero metodologico e delle abilità di base. 1 2 X 4 5

17. Attività di potenziamento per valorizzare le eccellenze. 1 X 3 4 5

18. Attività di prevenzione del disagio e di recupero dello svantaggio

culturale.

1 X 3 4 5

19. Attività per prevenire le diverse forme di discriminazione (ad es.

culturale, di genere, fisica, ecc.).

1 2 X 4 5

20. Attività per la valutazione d’istituto: strumenti e strategie per

verificare la qualità dell’offerta formativa.

1 X 3 4 5

21. Adozione di prove di verifica comuni per la valutazione dei livelli di

apprendimento.

X 2 3 4 5

22. Monitoraggio del grado di soddisfazione del personale scolastico. X 2 3 4 5

23. Monitoraggio del grado di soddisfazione di genitori e studenti. X 2 3 4 5

24. Interventi innovativi legati all’attuazione delle riforme e

dell’autonomia scolastica.

1 X 3 4 5

25. Utilizzo da parte del personale non docente delle nuove tecnologie

informatiche e della comunicazione (TIC).

1 2 X 4 5

26. Comunicazione dei servizi amministrativi con l’utenza. 1 2 X 4 5

27. Efficacia e trasparenza delle procedure adottate dai servizi

amministrativi.

1 2 3 X 5

28. Partecipazione degli insegnanti ad attività di formazione nelle 1 X 3 4 5

Fatt

ore/

prio

rità


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

metodologie didattiche.

29. Partecipazione degli insegnanti ad attività di studio e ricerca. X 2 3 4 5

30. Consuetudine degli insegnanti a lavorare in gruppo. X 2 3 4 5

Totale Fattore

Totale Fattore

Punti di debolezza

Punti di forza

58 16

29


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

GLI STUDENTI

Per ciascuno dei seguenti fattori riguardanti gli studenti, indicare se costituisce un punto di forza o di

debolezza per la scuola.

Per l’individuazione dei “punti di forza e di debolezza”, Selezionare un punteggio per ciascun fattore tra i valori da 1 a 5,

dove il valore 1 segnala che un fattore è particolarmente debole, il valore 5 che un fattore è particolarmente forte.

Per l’individuazione delle “priorità”, possono essere selezionati un massimo di tre fattori tra quelli presenti nella scheda e

a ciascun fattore tra i tre selezionati deve essere attribuito un valore di priorità da 1(massima priorità) a 3 (minima

priorità).

30

è un punto di

debolezza

è un punto di

forza

1. Livelli di apprendimento nella lingua italiana. X 2 3 4 5

2. Livelli di apprendimento in matematica. X 2 3 4 5 1

3. Livelli di apprendimento in scienze. 1 X 3 4 5

4. Livelli di apprendimento nella lingua straniera. X 2 3 4 5 3

5. Livelli di apprendimento nelle materie di indirizzo e/o

professionalizzanti

6. Capacità di trasferire in altri contesti le conoscenze

acquisite in ambito disciplinare.

7. Conoscenza del patrimonio culturale locale,

nazionale e internazionale.

8. Competenze digitali (ad es. uso del computer e della

rete per ricerche, presentazioni, scambio e

condivisione d’informazioni, ecc.).

9. Competenze relazionali e sociali (ad es. capacità di

lavorare in gruppo, comunicare in modo costruttivo,

ecc.).

10. Competenze civiche (ad es. conoscenza dei principi

democratici, comprensione delle differenti culture,

ecc.).

11. Capacità espressive e creative attraverso i diversi

linguaggi (ad es. musicale, teatrale, letterario, ecc.

12. Capacità di orientarsi nella scelta dei successivi

percorsi di studio e lavoro

13. Capacità di pianificare, organizzare e gestire attività

per raggiungere obiettivi.

1 2 X 4 5

1 X 3 4 5

1 2 X 4 5

1 X 3 4 5

1 2 3 X 5

1 2 3 X 5

1 2 X 4 5

1 X 3 4 5

1 2 X 4 5

Totale Fattore

Totale Fattore

Punti di debolezza

Punti di forza

23 8

Fatto

re/pri

orità

2


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

LE STRUTTURE E LE INFRASTRUTTURE

Per l’individuazione dei “punti di forza e di debolezza”, Selezionare un punteggio per ciascun fattore tra i valori da 1 a 5,

dove il valore 1 segnala che un fattore è particolarmente debole, il valore 5 che un fattore è particolarmente forte. Per

l’individuazione delle “priorità”, possono essere selezionati un massimo di tre fattori tra quelli presenti nella scheda e a

ciascun fattore tra i tre selezionati deve essere attribuito un valore di priorità da 1(massima priorità) a 3 (minima priorità).

31

è un punto di

debolezza

è un punto di

forza

1. Patrimonio librario della biblioteca. 1 2 X 4 5

2. Uso della biblioteca. 1 2 X 4 5

3. Numero dei laboratori. 1 2 X 4 5

4. Dotazioni dei laboratori di scienze. 1 X 3 4 5

5. Uso dei laboratori di scienze. 1 X 3 4 5

6. Dotazioni dei laboratori di lingua straniera. 1 X 3 4 5

7. Uso dei laboratori di lingua straniera. X 2 3 4 5

8. Dotazioni dei laboratori specifici di indirizzo 1 X 3 4 5

9. Uso dei laboratori specifici di indirizzo 1 2 X 4 5

10. Dotazioni dei laboratori multimediali/informatica. 1 2 3 X 5

11. Uso dei laboratori multimediali/informatica. 1 2 3 4 X 2

12. Spazi per attività artistico-espressive (ad es. laboratori

teatrali, laboratori musicali, ecc.).

13. Spazi attrezzati per l’attività motoria (ad es. palestra,

campi sportivi, ecc.).

14. Accesso alle strutture della scuola per gli studenti

diversamente abili.

1 X 3 4 5

1 2 3 4 X

1 2 3 X 5

15. Ambienti di lavoro per gli insegnanti. 1 X 3 4 5

16. Ambienti di lavoro per il personale non docente. 1 2 X 4 5

17. Spazi attrezzati per attività di formazione e aggiornamento

del personale.

18. Dotazioni degli ambienti di lavoro per il personale (ad es.

computer, collegamento in rete, ecc.).

19. Misure per il risparmio energetico (ad es. doppi vetri,

pannelli solari, ecc.).

20. Misure per la tutela dell’ambiente (ad es. raccolta

differenziata, uso regolato dell’acqua, ecc.).

1 X 3 4 5

1 2 X 4 5

1 2 X 4 5

1 X 3 4 5

21. Numero delle aule. 1 X 3 4 5

22. Dimensioni e luminosità delle aule. 1 2 X 4 5

23. Dotazioni delle aule (ad es. banchi, sedie, ecc.). 1 2 X 4 5

24. Condizioni igienico-sanitarie degli ambienti. 1 2 3 X 5

25. Condizioni degli impianti elettrici. 1 2 3 X 5

26. Condizioni degli impianti di riscaldamento e aerazione. 1 2 3 X 5

27. Agibilità statica degli edifici. 1 2 3 4 X

28. Condizioni di sicurezza (ad es. applicazione delle norme

anti-infortuni, uscite di sicurezza, ecc.).

1 2 3 4 X

Fattore

/priorit

à

3

1


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Totale Fattore

Totale Fattore

Punti di debolezza

Punti di forza

40 46

I RAPPORTI DELLA SCUOLA CON LE FAMIGLIE E IL TERRITORIO

Per ciascuno dei seguenti fattori riguardanti i rapporti della scuola con le famiglie e il territorio, indicare se

costituisce un punto di forza o di debolezza per la scuola.

Per l’individuazione dei “punti di forza e di debolezza”, Selezionare un punteggio per ciascun fattore tra i valori da 1 a 5,

dove il valore 1 segnala che un fattore è particolarmente debole, il valore 5 che un fattore è particolarmente forte. Per

l’individuazione delle “priorità”, possono essere selezionati un massimo di tre fattori tra quelli presenti nella scheda e a

ciascun fattore tra i tre selezionati deve essere attribuito un valore di priorità da 1(massima priorità) a 3 (minima priorità).

1 Coinvolgimento delle famiglie attraverso attività di informazione

e di confronto.

32

è un punto di

debolezza

è un punto di

forza

1 2 X 4 5

2 Partecipazione delle famiglie ai processi educativi e formativi. 1 X 3 4 5

3 Apertura della scuola per attività rivolte alle famiglie e al

territorio.

1 X 3 4 5

4 Attività in rete con altre istituzioni scolastiche. X 2 3 4 5 1

5 Attività in collaborazione con le ASL (ad es. educazione alla

salute, supporto psicologico, controlli sanitari ecc.).

6 Attività in collaborazione con Università, Enti di ricerca e di

formazione.

7 Attività in collaborazione con Regione, Provincia, Comune (ad

es. iniziative ambientali, progetti di educazione stradale, ecc.).

8 Attività in collaborazione con il mondo del lavoro (ad es. stage,

tirocini, ecc.)

9 Attività in collaborazione con le associazioni culturali e sportive

(ad es. progetti di educazione motoria, musicale, ecc.).

10 Interventi in collaborazione con gli enti locali per il diritto allo

studio (ad es. borse di studio, buoni libro, trasporti, mensa,

ecc.).

11 Accordi con le aziende di trasporto per il potenziamento dei

servizi (ad es. orari, percorsi, ecc.).

Totale Fattore

Totale Fattore

Punti di debolezza

Punti di forza

19 8

Composizione del gruppo di stesura della scheda di autodiagnosi :

Dirigente scolastico 1

Dsga 1

Docenti 2

Data e numero della delibera del Collegio dei docenti : n.° 170 del 20/05/2009

Scheda convalidata il 29/05/2009

1 2 X 4 5

Fatt

ore/

prior

ità

1 X 3 4 5 2

1 2 3 X 5

1 X 3 4 5

1 2 3 X 5

1 X 3 4 5

1 X 3 4 5

3


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2.4.1.2 Altre fonti per l’analisi diagnostica

Risultati OCSE/Pisa 2006

Si fa riferimento ai risultati OCSE/Pisa 2006, un primo sguardo d’insieme nella seguente sintesi:

Si tratta di dati che suggeriscono l’immagine di una scuola che da un lato continua a non riuscire a coltivare le

eccellenze, dall’altro assiste ad uno slittamento verso il basso del livello medio di prestazione degli studenti.

• Descrizione sintetica dei sei livelli di rendimento sulla scala complessiva di scienze - Livello

Percentuale di studenti a ciascun livello (media OCSE) -

Come leggere i dati

Il campione italiano di PISA 2006 è rappresentativo degli studenti quindicenni. Il campione è stratificato per macroaree

geografiche e per tipo di scuola.

- Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello 6

1,3% degli studenti dei paesi OCSE è in grado di rispondere correttamente ai quesiti che si trovano al livello 6 della scala

Al livello 6, uno studente sa individuare, spiegare e applicare in modo coerente conoscenze scientifiche e conoscenza

sulla scienza in una pluralità di situazioni di vita complesse. È in grado di mettere in relazione fra loro fonti d’informazione

e spiegazioni distinte e di servirsi scientificamente delle prove raccolte attraverso tali fonti per giustificare le proprie

decisioni. Dimostra in modo chiaro e coerente capacità di pensiero e di ragionamento scientifico ed è pronto a ricorrere

alla propria conoscenza scientifica per risolvere situazioni scientifiche e tecnologiche non familiari. Uno studente, a

questo livello, è capace di utilizzare conoscenze scientifiche e di sviluppare argomentazioni a sostegno di indicazioni e

decisioni che si riferiscono a situazioni personali, sociali o globali.

- Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello 5

9,1% degli studenti dei paesi OCSE è in grado di rispondere correttamente a quesiti che si trovano al livello 5 della scala

Al livello 5, uno studente sa individuare gli aspetti scientifici di molte situazioni di vita complesse, sa applicare sia i

concetti scientifici sia la conoscenza sulla scienza a tali situazioni e sa anche mettere a confronto, scegliere e valutare

prove fondate su dati scientifici adeguate alle situazioni di vita reale. Uno studente, a questo livello, è in grado di servirsi

di capacità d’indagine ben sviluppate, di creare connessioni appropriate fra le proprie conoscenze e di apportare un

punto di vista critico. È capace di costruire spiegazioni fondate su prove scientifiche e argomentazioni basate sulla

propria analisi critica.

- Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello 4

29,4% degli studenti dei paesi OCSE è in grado di rispondere correttamente a quesiti che si trovano al livello 4 della

scala

Al livello 4, uno studente sa destreggiarsi in modo efficace con situazioni e problemi che coinvolgono fenomeni

esplicitamente descritti che gli richiedono di fare inferenze sul ruolo della scienza e della tecnologia. È in grado di

scegliere e integrare fra di loro spiegazioni che provengono da diverse discipline scientifiche o tecnologiche e di mettere

in relazione tali spiegazioni direttamente all’uno o all’altro aspetto di una situazione di vita reale. Uno studente, a questo

livello, è capace di riflettere sulle proprie azioni e di comunicare le decisioni prese ricorrendo a conoscenze e prove di

carattere scientifico.

- Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello 3

56,8% degli studenti dei paesi OCSE è in grado di rispondere correttamente a quesiti che si trovano al livello 3 della

scala

Al livello 3, uno studente sa individuare problemi scientifici descritti con chiarezza in un numero limitato di contesti. È in

grado di selezionare i fatti e le conoscenze necessarie a spiegare i vari fenomeni e di applicare semplici modelli o

strategie di ricerca. Uno studente, a questo livello, è capace di interpretare e di utilizzare concetti scientifici di diverse

33


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

discipline e di applicarli direttamente. È in grado di usare i fatti per sviluppare brevi argomentazioni e di prendere

decisioni fondate su conoscenze scientifiche.

- Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello 2

80,9% degli studenti dei paesi OCSE è in grado di rispondere correttamente a quesiti che si trovano al livello 2 della

scala

Al livello 2, uno studente possiede conoscenze scientifiche sufficienti a fornire possibili spiegazioni in contesti familiari o

a trarre conclusioni basandosi su indagini semplici. È capace di ragionare in modo lineare e di interpretare in maniera

letterale i risultati di indagini di carattere scientifico e le soluzioni a problemi di tipo tecnologico.

- Che cosa sono in grado di fare gli studenti a ciascun livello 1

94,9% degli studenti dei paesi OCSE è in grado di rispondere correttamente a quesiti che si trovano al livello 1 della

scala

Al livello 1, uno studente possiede conoscenze scientifiche tanto limitate da poter essere applicate soltanto in poche

situazioni a lui familiari. È in grado di esporre spiegazioni di carattere scientifico che siano ovvie e procedano

direttamente dalle prove fornite.

• L’Italia nel contesto internazionale

I risultati in scienze

Il punteggio medio degli studenti italiani nella scala complessiva di scienze è pari a 475 (DS 96), contro una media

OCSE pari a 500 (DS 95).

La media dei 25 paesi dell’Unione Europea partecipanti a PISA 2006 è pari a 497.

Per quanto riguarda la distribuzione degli studenti ai diversi livelli della scala complessiva di scienze, in Italia:

• il 7,3% degli studenti si colloca sotto il livello 1 (media OCSE 5,2);

• il 18% degli studenti si colloca al livello 1 (media OCSE 14,1);

• il 27,6% degli studenti si colloca al livello 2 (media OCSE 24,0);

• il 27,4% degli studenti si colloca al livello 3 (media OCSE 27,4);

• il 15,1% degli studenti si colloca al livello 4 (media OCSE 20,3);

• il 4,2% degli studenti si colloca al livello 5 (media OCSE 7,7);

• lo 0,4% degli studenti si colloca al livello 6 (media OCSE 1,3).

Complessivamente, in Italia il 25,3% degli studenti si colloca al di sotto del livello 2, che è stato individuato in PISA 2006

come il livello al quale gli studenti dimostrano il livello base di competenza scientifica in grado di consentire loro di

confrontarsi in modo efficace con situazioni in cui siano chiamate in causa scienza e tecnologia (media OCSE 23,2).

Meno del 5% degli studenti si colloca nei due livelli più elevati della scala complessiva di scienze (media OCSE 8,8).

I risultati in matematica

Il punteggio medio degli studenti italiani nella scala complessiva di matematica è pari a 462 (DS 96), contro una media

OCSE pari a 498 (DS 92).

I livelli di competenza sulla scala di matematica sono 6. Il primo livello rappresenta quello più basso, mentre il sesto

livello quello più alto.

Per quanto riguarda l’Italia:

• il 13,5% degli studenti si colloca sotto il livello 1 (media OCSE 7,7);

• il 19,3% degli studenti si colloca al livello 1 (media OCSE 13,6);

• il 25,5% degli studenti si colloca al livello 2 (media OCSE 21,9);

• il 22,1% degli studenti si colloca al livello 3 (media OCSE 24,3);

• il 13,3% degli studenti si colloca al livello 4 (media OCSE 19,1);

• il 5,0% degli studenti si colloca al livello 5 (media OCSE 10,0);

• lo 1,3% degli studenti si colloca al livello 6 (media OCSE 3,3).

I dati riportati sono approssimati al primo decimale.

34


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Complessivamente, in Italia il 32,8% degli studenti si colloca al di sotto del livello 2, che è stato individuato in PISA come

il livello al quale gli studenti dimostrano il livello base di competenza matematica in grado di consentire loro di

confrontarsi in modo efficace con situazioni in cui sia chiamata in causa la matematica (media OCSE 21,3). Il 6,3% degli

studenti si colloca nei due livelli più elevati della scala complessiva di matematica (media OCSE 13,3).

Ai livelli intermedi - 3 e 4 - in media nei paesi dell’OCSE vi è una percentuale del 43% di studenti. In Italia, per i questi

stessi livelli, la percentuale è pari al 35%.

I risultati in lettura

Il punteggio medio degli studenti italiani nella scala di competenza in lettura è pari a 469 (DS 109), contro una media

OCSE pari a 492 (DS 99).

I livelli di competenza sulla scala di competenza in lettura sono 5. Il primo livello rappresenta quello più basso, mentre il

quinto livello quello più alto.

Per quanto riguarda l’Italia:

• l’11,4% degli studenti si colloca sotto il livello 1 (media OCSE 7,4);

• il 15,0% degli studenti si colloca al livello 1 (media OCSE 12,7);

• il 24,5% degli studenti si colloca al livello 2 (media OCSE 22,7);

• il 26,4% degli studenti si colloca al livello 3 (media OCSE 27,8);

• il 17,5% degli studenti si colloca al livello 4 (media OCSE 20,7);

• il 5,2% degli studenti si colloca al livello 5 (media OCSE 8,6).

Complessivamente, in Italia il 50,9% degli studenti si colloca al di sotto del livello 3, che è stato individuato in PISA come

il livello al quale gli studenti dimostrano il livello base di competenza in lettura tale consentire loro di confrontarsi in modo

efficace con contesti e situazioni di vita quotidiana che richiedono l’esercizio di tale competenza (media OCSE 42,8).

Il 5,2% degli studenti si colloca nel livello più elevato della scala complessiva di lettura (media OCSE 8,6).

Ai livelli intermedi - 3 e 4 - in media nei paesi dell’OCSE vi è una percentuale del 48,5% di studenti mentre in Italia, per

questi stessi livelli, la percentuale è pari al 43,9%.

• Le differenze interne al sistema scolastico italiano

I risultati in scienze

Il punteggio medio degli studenti italiani nella scala complessiva di scienze è pari a 475 (ES 2,0). La deviazione standard

è pari a 96 (ES 1,3).

Se si osservano le differenze tra macroaree geografiche relativamente agli studenti degli istituti tecnici, è possibile

rilevare le seguenti differenze:

• il punteggio medio conseguito dagli studenti varia dal Nord al Sud del paese: Nord Ovest 501, Nord Est 520,

Centro 486, Sud 448, Sud Isole 432;

• gli studenti del Nord Est si collocano al di sopra della media OCSE, quelli del Nord Ovest al livello della media

OCSE, quelli del Centro leggermente al di sotto di questa media, quelli del Sud e del Sud Isole si collocano nettamente

al di sotto della media OCSE.

I risultati in matematica

Percentuali di studenti italiani appartenenti alle diverse macroaree, per ciascun livello della scala di competenza

matematica. La macroarea con la più alta percentuale di studenti a livello 5 e 6 è il Nord Est, con il 13,4%,

sostanzialmente uguale a quella della media OCSE. Il Centro, il Sud e il Sud Isole hanno una percentuale di studenti, a

questi due livelli, inferiore alla media nazionale che è pari al 6,3%.

Per quanto riguarda i livelli intermedi, il livello 3 e il livello 4, il Nord Est e il Nord Ovest hanno

percentuali superiori alla media nazionale (45-47% rispetto al 35% circa), mentre il Centro ha circa la stessa percentuale

e il Sud e il Sud Isole percentuali inferiori.

35


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

I risultati in lettura

I risultati nella scala complessiva di lettura non si discostano da quelli in scienze e in matematica.

Tra gli studenti degli istituti tecnici, quelli del Nord Est si collocano al di sopra della media OCSE, quelli del Nord Ovest al

livello di tale media.

Nel Sud le competenze degli studenti sono fortemente sfavorite dal contesto territoriale peggiore rispetto al

Nord e al Centro

Dati 2007 relativi all’Italia - da Libro Bianco sulla scuola:

• 22 % della popolazione 18-24 anni con al più la licenza media, che non ha concluso un corso di formazione

professionale e che non frequenta scuola/formazione – Anno 2006 – Fonte: Eurostat/Forze di lavoro

• 21 % di studenti 15-enni con competenze matematiche tali da risolvere problemi complessi – Anno 2003 –

Fonte: OCSE-PISA

• 13 % di studenti 15-enni con competenze matematiche inferiori al 1° livello – Anno 2003 – Fonte: OCSE-PISA

• 9 % di studenti 15-enni con competenze in lettura inferiori al 1° livello – Anno 2003 – Fonte: OCSE-PISA

• Grave divario fra Nord, Centro e Sud:

- Percentuale di studenti 15-enni con competenze matematiche inferiori al 1° livello: Nord 5 %; Centro

8%; Sud 22 % ( media OCSE 8,2%) – Anno 2003 – Fonte: OCSE-PISA

- Percentuale di studenti 15-enni con competenze in lettura inferiori al 1° livello: Nord 4 %; Centro 6 %;

Sud 14 % ( media OCSE 6,7 %) – Anno 2003 – Fonte: OCSE-PISA

2.4.2 Audit interno

Vengono riportati nella seguente tabella i risultati degli alunni nell’ultimo biennio.

Anno

Scolastico

2007-08

2008-09

Totale

Alunni

Iscritti

494

487

Totale

Alunni

Scrutinati

398

322

Totali

alunni

promossi

347

393

Totale

alunni

con

giudizio

sospeso

94

122

Percentuale

promossi

%

36

85,21

Percentuale

giudizio

sospeso

%

17,70

Percentuale

bocciati

%

2.4.3 Autodiagnosi: i problemi del territorio/I problemi della Scuola/ Criticità e opportunità all’interno e

all’esterno della scuola/ Punti di forza e punti di debolezza

Sintesi dei nostri punti di debolezza

82,39

Dalla scheda INVALSI

24,95

14,79

17,61


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• IL PERSONALE SCOLASTICO

• Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento della lingua italiana

• Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti in lingua italiana.

• Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento della matematica

• Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti in matematica.

• Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento delle scienze

• Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti in scienze.

• Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento della lingua straniera

• Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti in lingua straniera.

• Metodologie didattiche a supporto dell’insegnamento nelle materie di indirizzo e/o professionalizzanti

• Adozione di criteri condivisi per la valutazione degli apprendimenti nelle materie di indirizzo e/o

professionalizzanti

• Utilizzo delle tecnologie informatiche e della comunicazione (TIC) nella pratica didattica

• Attività per lo sviluppo delle capacità espressive e creative ( ad es. laboratori teatrali, lab. Musicali,

ecc..)

• Attività di recupero metodologiche delle attività di base

• Attività di potenziamento per valorizzare le eccellenze.

• Attività di prevenzione del disagio e di recupero dello svantaggio culturale.

• Attività per prevenire le diverse forme di discriminazioni ( ad es. culturali, di genere, fisica,ecc..)

• Attività per la valutazione di istituto: strumenti e strategie per verificare la qualità dell’offerta formativa

• Adozione di prove di verifica comuni per la valutazione dei livelli di apprendimento.

• Monitoraggio del grado di soddisfazione del personale scolastico

• Monitoraggio del grado di soddisfazione dei genitori e degli studenti

• Interventi innovativi legati all’attuazione delle riforme e dell’autonomia scolastica

• Utilizzo da parte del personale non docente delle nuove tecnologie informatiche e della comunicazione

• Comunicazione dei servizi amministrativi con l’utenza

• Partecipazione degli insegnanti ad attività di formazione nelle metodologie didattiche

• Partecipazione degli insegnanti ad attività di studio e di ricerca

• Consuetudine degli insegnanti a lavorare in gruppo

• GLI STUDENTI

• Livelli di apprendimento nella lingua italiana

• Livelli di apprendimento in matematica

• Livelli di apprendimento in scienze.

• Livelli di apprendimento nella lingua straniera

• Livelli di apprendimento nelle materie di indirizzo e/o professionalizzanti

• Capacità di trasferire in altri contesti le conoscenze acquisite in ambito disciplinare.

• Conoscenza del patrimonio culturale locale, nazionale e internazionale.

• Competenze digitali (ad es. uso del computer e della rete per ricerche, presentazioni, scambio e condivisione

d’informazioni, ecc.).

• Capacità espressive e creative attraverso i diversi linguaggi (ad es. musicale, teatrale, letterario, ecc.)

• Capacità di orientarsi nella scelta dei successivi percorsi di studio e lavoro

• Capacità di pianificare, organizzare e gestire attività per raggiungere obiettivi.

• LE STRUTTURE E LE INFRASTRUTTURE

• Patrimonio librario

• Uso della biblioteca

• Numero dei laboratori

• Dotazioni dei laboratori di scienze

• Uso dei laboratori di scienze

• Dotazioni dei laboratori di lingua straniera

• Uso dei laboratori di lingua straniera

• Dotazioni dei laboratori specifici di indirizzo

• Uso dei laboratori specifici di indirizzo

37


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• Spazi per attività artistico-espressive ( ad es. laboratori teatrali, lab. Musicali, ecc..)

• Ambienti di lavoro per gli insegnanti

• Ambienti di lavoro per il personale non docente

• Spazi attrezzati per attività di formazione e aggiornamento del personale.

• Dotazioni degli ambienti di lavoro per il personale (ad es. computer, collegamento in rete, ecc.).

• Misure per il risparmio energetico (ad es. doppi vetri, pannelli solari, ecc.).

• Misure per la tutela dell’ambiente (ad es. raccolta differenziata, uso regolato dell’acqua, ecc.).

• Numero delle aule

• Dimensione e luminosità delle aule

• Dotazione delle aule ( ad es. banchi, sedie,ecc..)

• I RAPPORTI DELLA SCUOLA CON LE FAMIGLIE E IL TERRITORIO

• Coinvolgimento delle famiglie attraverso attività di informazione e di controllo

• Partecipazione delle famiglie ai processi educativi e formativi

• Apertura della scuola per attività rivolte alle famiglie ed al territorio

• Attività in rete con le altre istituzioni scolastiche

• Attività in collaborazione con le ASL (ad es. educazione alla salute, supporto psicologico, controlli sanitari

ecc.).

• Attività in collaborazione con Università, Enti di ricerca e di formazione.

• Attività in collaborazione con Regione, Provincia, Comune (ad es. iniziative ambientali, progetti di educazione

stradale, ecc.).

• Attività in collaborazione con il mondo del lavoro (ad es. stage, tirocini, ecc.)

• Interventi in collaborazione con gli enti locali per il diritto allo studio (ad es. borse di studio, buoni libro, trasporti,

mensa, ecc.).

• Accordi con le aziende di trasporto per il potenziamento dei servizi (ad es. orari, percorsi, ecc.).

Da attività di audit interno

Riguardo ancora al contesto culturale e formativo del territorio, da analisi effettuate sul sistema educativo dell’hinterland,

scaturisce la visione panoramica di un territorio che presenta una qualificazione delle risorse umane ancora in forte

ritardo rispetto alle esigenze del mercato, alto tasso di dispersione scolastica, sistema della formazione professionale

scarsamente collegato con il sistema scolastico da un lato e con il mondo produttivo dall’altro.

In sintesi:

• Delivellamento della quantità e della qualità dell’apprendimento

• Mancato raggiungimento, da parte di molti, di una formazione di base efficace e qualificata

• Carenza di mobilità formativa e lavorativa di giovani all'interno del paese e dell'U.E. nonché lo sviluppo delle

capacità imprenditoriali.

• Formazione dei docenti

• Carenze di infrastrutture tecniche di rete

• Sistema di formazione a distanza attraverso prodotti multimediali

• Apprendimento e uso consapevole, da parte dei giovani, della cultura e delle tecnologie della società della

conoscenza e dell'informazione

• Mancanza di una adeguata educazione generale ai temi ambientali: sviluppo sostenibile, rispetto degli ecosistemi,

clima, biodiversità, rifiuti

• Carenze nella diffusione della cultura scientifica e tecnologica

• Fenomeni persistenti di abbandono scolastico ed esclusione sociale

38


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• Carenza dell'offerta formativa su un territorio dove esiste la necessità di interventi integrati .

Sintesi dei nostri punti di forza

• IL PERSONALE SCOLASTICO

• STUDENTI

Dalla scheda di INVALSI

o Attività su tematiche trasversali

o Attività di orientamento degli studenti in ingresso

o Attività di orientamento degli studenti in uscita

o Efficacia e trasparenza delle procedure adottate dai servizi amministrativi

o Competenze relazionali e sociali

o Competenze civiche ( ad es. conoscenze dei principi democratici, comprensione delle differenti

culture,ecc.)

• STRUTTURE ED INFRASTRUTTURE

o Dotazione di laboratori multimediali/informatica

o Uso dei laboratori multimediali/informatica

o Spazi attrezzati per l’attività motoria

o Accesso alle strutture della scuola per gli studenti diversamente abili

o Condizione igienico sanitarie degli ambienti

o Condizioni degli impianti elettrici

o Condizioni degli impianti di riscaldamento e aerazione

o Agibilità statica dell’edifici

o Condizione di sicurezza

o Attività in collaborazione con Regione, Provincia e Comuni

o Attività in collaborazione con le associazioni culturali e sportive

Da attività di audit interno

• Profonda attenzione verso i profondi cambiamenti socio-economici e culturali

• Professionalità dei docenti e ricca esperienza di una istituzione che ormai fa parte della cultura e dell'identità del

territorio.

• Punto primario di riferimento socio-culturale per la cittadina ed il territorio

• Potenziamento dei laboratori di informatica,

• Potenziamento della palestra coperta

• Una discreta offerta di indirizzi, in modo da offrire un percorso per gli studenti che si accorgono di aver fatto una

scelta sbagliata, non consona alle proprie attitudini; in questo caso avranno la possibilità di cambiare indirizzo

senza perdere l'intero anno scolastico

• Iniziative di recupero e sostegno in tutto l'arco dell'anno scolastico, rivolte in particolare, agli studenti in difficoltà.

• Intensa sensibilità alla domanda formativa da parte del territorio

• Possesso di solide competenze in tema di azione educativo-formativa

• Promozione e rafforzamento della vitalità di una nuova soggettualità sociale, a carattere embrionale, capace anche

di progettare e gestire interventi incisivi sul territorio, attivando un processo innovativo finalizzato alla crescita della

cultura d’impresa e sviluppando capacità organizzative di natura tecnico-operativa.

39


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

3. MISSION

Capitolo 3

La mission è la risultante delle finalità istituzionali e delle finalità che rispondono a tutte le scelte didattico-formative ed

organizzative della Scuola.

La Scuola, alla luce della vocazione per cui è nata, ossia garantire il godimento dei diritti di cittadinanza

costituzionalmente sanciti fa proprie le finalità e gli obiettivi generali del sistema di istruzione nel rispetto della libertà di

insegnamento, della libertà di scelta educativa delle famiglie e delle finalità generali del sistema, concretizzando gli

obiettivi nazionali in percorsi formativi funzionali alla realizzazione del diritto ad apprendere e alla crescita educativa di

tutti gli alunni e riconosce e valorizza le diversità, promuove le potenzialità di ciascuno adottando tutte le iniziative utili al

raggiungimento del successo formativo nel rispetto dell’autonomia.

3.1 Finalità

Finalità

istituzionali,

proprie della

scuola secondaria

di d d

3.1.1 Finalità istituzionali

Mission

Finalità

specifiche della

Scuola: ne

costituiscono la

mission specifica

Il nostro istituto pone come finalità generali della propria attività quanto enunciato dagli artt. 3, 21, 33 e 34 della

Costituzione e come fonte legislativa principale il Decreto Presidenza del Consiglio dei Ministri D.P.C.M. del 7/06/95 e

nel rispetto dei principi di uguaglianza e libertà di insegnamento e della normativa vigente, alla luce delle risorse a

disposizione, cerca di assicurarne l’attuazione nel contesto in cui opera.

L’attenzione condivisa individua fondamentali, essenziali tra i tanti, i seguenti principi ispiratori dell’intervento educativo:

• la centralità dell'alunno, mediante un’ adeguata sinergia tra scuola e famiglie;

• la crescita e la valorizzazione della persona umana, nel rispetto dello sviluppo cognitiva, delle vocazioni, delle

differenze e della identità di ciascuno;

• la scuola intesa come comunità educativa;

• la declinazione dell’offerta formativa secondo la domanda del territorio;

• equità ed eccellenza;

• contrasto della dispersione.

Le attività della Scuola convergono tutte nelle direzioni sopra enunciate in un’opera di consolidamento e miglioramento

continuo dei processi.

40


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

3.1.2 Finalità specifiche

L’I.S.A. di Cefalù, in quest’ epoca caratterizzata da frequenti e veloci cambiamenti, si prefigge la realizzazione di

un’offerta formativa di alto e qualificato livello, in grado di corrispondere alle attese ed ai bisogni individuali e alle

esigenze complessive di sviluppo del contesto in cui opera.

Gli obiettivi che seguono mirano a fare dell’Istituto una scuola prestigiosa e di riferimento, un interlocutore credibile ed

affidabile per tutto il territorio.

3.1.2.1 Finalità educative

Rispondono a finalità educative tutte quelle scelte formative, didattiche, organizzative che concorrono allo sviluppo delle

energie potenziali dello studente, guidandolo alla piena realizzazione della propria personalità ed a prepararlo a

compiere nel miglior modo le proprie funzioni nell’ambiente sociale.

Le scelte caratterizzanti la proposta educativa dell’Istituto ruotano attorno allo status dello studente:

• soddisfatto di sé e dell’ambiente in cui cresce;

• informato ed al passo con i tempi;

• consapevole della realtà lavorativa e proteso verso un mondo esterno dai confini sempre più ampi;

• in grado di comunicare, progettare il futuro.

La Scuola, nel porsi al servizio della personalità in formazione dello studente ed interpretandone i molteplici e variegati

bisogni formativi, si prefigge lo scopo di progettare, nel rispetto dell’identità personale dello studente, una formazione

della personalità sia nell’area cognitiva che di quella socio-affettiva, impegnandosi a:

3.1.2.2 Finalità formative

• garantire un’attività scolastica regolare e ben organizzata, gestita in funzione dei bisogni di

formazione ed istruzione

• assicurare una informazione chiara, trasparente e completa sul Piano dell’Offerta Formativa, sul

funzionamento della Scuola, sugli obiettivi didattici e formativi, sul percorso per raggiungerli

(frequenza regolare, impegno e partecipazione attiva, valutazione formativa dell’acquisizione dei

contenuti), sui programmi, sui contenuti dei singoli insegnamenti, sulle fasi del curricolo, sulle

strategie, criteri e strumenti della valutazione

• garantire sostegno nell’orientamento, anche attraverso specifici servizi

• assicurare la progettazione e la realizzazione di interventi di recupero, sostegno, potenziamento al

fine di superare gli eventuali svantaggi

• garantire un clima di lavoro positivo

• assicurare un insegnamento efficace, coerente con lo sviluppo di ciascuno

• garantire la valorizzazione delle doti di tutti, nel rispetto della personalità e delle doti di ciascuno

• valutare con equità, con la valorizzazione dell’impegno individuale

• progettare e sviluppare un percorso formativo atto a determinare conoscenze, competenze ed abilità

fondamentali nella vita professionale ed universitaria dello studente

• corrispondere alle attese e ai bisogni individuali dell’utenza nel rispetto del diritto di tutti all'istruzione e

alla formazione

• corrispondere alle esigenze complessive di sviluppo del territorio

• ricercare e sperimentare forme flessibili di organizzazione e di progettualità proporzionali ai bisogni

dell’utenza e del territorio ed in coerenza con i principi della scuola dell’Autonomia

• monitorare per un miglioramento continuo il livello qualitativo dei servizi formativi e delle modalità di

funzionamento del sistema scolastico

• promuovere la diffusione delle esperienze e delle buone prassi realizzate all’utenza ed al territorio.

Le scelte formative adottate dalla Scuola Diego Bianca Amato perseguono le seguenti finalità:

• educare ai più importanti valori individuali e sociali;

• educare a valori e comportamenti coerenti con i principi della Costituzione per un coinvolgimento

responsabile nella vita sociale;

• fornire una buona formazione culturale generale;

41


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• individuazione in ciascuna disciplina degli aspetti che caratterizzano le procedure e le finalità dell’Istituto;

• le linee di una metodologia didattica e di un tessuto di tematiche le più possibili omogenee tra tutte le

discipline od entro gruppi di discipline affini;

• fare acquisire un corretto metodo di studio;

• sviluppare le capacità logiche, cognitive, relazionali e la creatività;

• favorire la formazione di una personalità responsabile, critica ed autonoma di fronte alla realtà;

• fare acquisire buone conoscenze di base in tutte le discipline;

• fornire una buona preparazione tecnico-professionale per formare figure professionalmente preparate, in

possesso di quelle capacità linguistico-espressive e logico-interpretative indispensabili in qualsiasi realtà

lavorativa;

• fare acquisire conoscenze utili alla prosecuzione degli studi ed all’inserimento professionale;

• recuperare e potenziare l’interesse alla riflessione e allo studio;

• rimotivare gli allievi in difficoltà favorendone la prosecuzione nel percorso formativo

3.2 La mission specifica dell’Istituto

L’I.S.A. di Cefalù, focalizzando così la propria mission nelle finalità generali che la costituiscono, ponendo attenzione sui

servizi prioritari, struttura il proprio piano di lavoro uniformandolo al curricolo nazionale, ma personalizzandolo sulla base

dell’analisi della realtà in cui opera e della dinamica evolutiva dei processi caratterizzanti il servizio scolastico,

pervenendo alla definizione delle modalità e delle strategie della politica della propria offerta formativa.

Da quanto emerso dalla disamina effettuata delle criticità presenti nella Scuola e/o del territorio,con cui essa interagisce

in stretta sinergia, scaturisce quanto segue:

Obiettivi di Istituto ritenuti prioritari per il 2009/2010:

• Migliorare le competenze del personale della scuola e dei docenti

• Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

• Promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l'inclusione sociale

Obiettivi formativi ritenuti prioritari per il 2009/2010:

• Accrescere le competenze del personale con interventi innovativi;

• Migliorare i livelli di competenza dei giovani soprattutto per quel che riguarda le competenze delle discipline

caratterizzanti il corso di studio;

• Recuperare competitività per promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale,

favorendo la partecipazione attiva del le famiglie degli alunni, presupposto ritenuto indispensabile per una fattiva

collaborazione con l’istituzione scolastica.

42


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Criticità Obiettivi di istituto Obiettivi formativi Priorità di intervento

Elevato

numero di

insufficienze

che si

registrano

agli scrutini

finali

Rapporti con

le famiglie

Scuolalavoro

soprattutto

in relazione

alla realtà

del territorio

Livellamento

dei saperi

Migliorare le

competenze del

personale della

scuola e dei

docenti

Migliorare i livelli di

conoscenza e

competenza dei

giovani

Promuovere il

successo

scolastico, le pari

opportunità e

l'inclusione sociale

Accrescere le competenze del

personale con interventi innovativi per

la promozione delle competenze

chiave, in particolare per l’inglese

Migliorare i livelli di competenza dei

giovani soprattutto per quel che

riguarda le competenze chiave

(comunicazione nelle lingue straniere,

competenza matematica e tecnoscientifica)

Recuperare competitività per

promuovere il successo scolastico, le

pari opportunità e l’inclusione sociale

Miglioramento delle competenze degli

studenti specialmente nelle discipline

di indirizzo con tirocini e stage

Promozione delle eccellenze

43

Interventi innovativi per la

promozione delle

competenze chiave rivolto ai

docenti

Interventi per lo sviluppo delle

competenze chiave negli

studenti (comunicazione nella

lingua straniera, competenza

matematica, lingua madre,

scienze e tecnologia)

Recuperare competitività per

promuovere il successo

scolastico, le pari opportunità

e l’inclusione sociale

Il Collegio dei Docenti si

riserva di deliberare in merito

successivamente

Il Collegio dei Docenti si

riserva di deliberare in merito

successivamente


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

4 QUADRO FUNZIONALE POF

Analisi del contesto

•Presentazione della scuola

•Analisi socio-economicoculturale

del territorio

TEMI E AMBIENTI DI

RIFERIMENTO PER LA

PROGETTUALITA’

Attività didattiche secondo a loro

maggiore o minore idoneità funzionale

Capitolo 4

QUADRO

IDENTIFICATIVO

ISTITUTO

QUADRO

NORMATIVO

Mission

Gerarchie priorità

programmatiche

Individuazione

degli obiettivi

DEFINIZIONE DEI

RISULTATI DA

RAGGIUNGERE E

Piano integrato di

intervento

44

Punti di criticità del

Sistema scuola

e del territorio

•Analisi giudizio FARO

Elaborazione

Modello

Educativo,didatt

PORTFOLIO PROGETTI

Gerarchia dei progetti e attività

didattiche

secondo la loro maggiore o

minore

idoneità funzionale

MONITORA

GGIO POF

RAPPORTI

MONITORAGGIO

P.I.


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

5. LINEE PROGRAMMATICHE

Capitolo 5

Le linee programmatiche che, dalla disamina delle priorità, l’I.S.A. Diego Bianca Amato ha individuato come piano di

interventi di miglioramento per dare una risposta concreta ai bisogni latenti, impliciti ed espliciti più urgenti del bacino

d’utenza in cui opera riguardano:

• Promozione del successo scolastico, pari opportunità e inclusione sociale mediante interventi mirati

• Promozione del successo scolastico mediante il miglioramento dei livelli di conoscenza e competenza dei

giovani mediante interventi per lo sviluppo delle competenze chiave (comunicazione nella lingua italiana,

comunicazione nella lingua straniera, competenza matematica, competenze laboratoriali e progettuali

competenza digitale, imparare ad apprendere, competenze sociali)

• Miglioramento delle competenze del personale della scuola e dei docenti mediante Interventi innovativi per la

promozione delle competenze chiave, in particolare sulle discipline tecnico-scientifiche, matematica, lingua

italiana, lingua straniera

5.1 Piano programmatico sugli obiettivi di miglioramento

Nelle pagine successive:

• tab. A1 in cui si riporta il piano programmatico sugli obiettivi di miglioramento con griglia progetti autonomistici le

cui attività saranno attuate compatibilmente con la disponibilità di risorse finanziarie da parte della Scuola

• tab. A2 in cui si riporta il piano programmatico sugli obiettivi di miglioramento con griglia progetti finanziati con

fondi di enti diversi ( regione, Provincia, U.S.P.etc…);

• tab. B in cui si riporta il piano di intervento, le finalità e modalità di attuazione

• tab. C in cui si riporta il piano di formazione/aggiornamento del personale docente e non docente elaborato per

il miglioramento dell’area di pertinenza

45


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

5.1.1 Griglia progetti Tab. A1 e Tab. A2

1.

2..

3.

Titolo del

progetto

PROGETTO

PAESE 2009

CREIAMO

ARTE

CITTADINO…

….di un

mondo che

cambia. Per

una didattica

del BEN-

ESSERE

Obiettivo/i

prioritario/i

SUCCESSO

SCOLASTICO

STRUMENTI A

SUPPORTO DELLA

DIDATTICA

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

SUCCESSO

SCOLASTICO

STRUMENTI A

SUPPORTO DELLA

DIDATTICA

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

SUCCESSO

SCOLASTICO

STRUMENTI A

SUPPORTO DELLA

DIDATTICA

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

TAB. A1

PROGETTI FINANZIATI CON IL FONDO DI ISTITUTO

Obiettivo/i

specifico/i

Acquisizione di

elementi necessari

alla progettazione di

arredo urbano per

migliorare l’aspetto

estetico, urbanistico e

artistico della

comunità di

Sant’Ambrogio (

Cefalù)

Acquisizione delle

conoscenze

necessarie per

realizzazione di

manufatti tessili con

l’uso di varie tecniche

da parte degli alunni

della scuola media

con la collaborazione

degli alunni dell’I.S.A.

al fine di rendere i

prodotti visibili in

mostre e sul sito web

dell’istituto

Sviluppare la cultura

del benessere

attraverso la

conoscenza

delle strutture

sanitarie del territorio

e della loro attività di

prevenzione.

Area di

intervento

Studenti

Rapporti della

Scuola con il

territorio e

l’istituzioni

Studenti della

scuola media e

di tutte le classi

sperimentali e

ordinamentali

dell’I.S.A.

Rapporti della

Scuola con le

Famiglie e il

territorio

Studenti

Rapporti della

Scuola con le

famiglie, il

territorio e

l’istituzioni

46

Principale

prodotto

Fornire agli

studenti la

possibilità di

creare un

percorso che

dall’ideazione

conduce alla

progettazione/re

alizzazione e

divulgazione dei

prodotti artistici

e oggetti di

design.

Rielaborazione,

progettazione ed

esecuzione del

prototipo con

l’utilizzo di varie

tecniche e di

tutti i laboratori

Partecipazione a

mostre itineranti

Realizzazione di

test,

documentazione

audio-video,

prodotti artisti e

kit del Ben-

Essere sull’area

tematica del

percorso

progettuale.

Motivazione/

Fattori critici

Bisogno di

accrescere negli

alunni le

conoscenze e le

competenze nel

campo della

progettazione di

oggetti di design

funzionali all’arredo

urbano

Scarsa creatività

Disagio nella

socializzazione ed

integrazione

Incremento delle

iscrizioni

Insufficiente

attenzione da parte

dei giovani nei

confronti della

prevenzione di

varie patologie

Risultati

attesi

Orientamento al lavoro

Promozione della

creatività

Sviluppo di una coesione

sinergica tra le varie

sezioni dell’Istituto.

Sviluppo della creatività

Promozione della

socializzazione

dell’integrazione

Diffusione dell’immagine

dell’Istituto presso le

scuole del territorio e le

famiglie

Promuovere un effettivo

cambiamento al fine di

migliorare il proprio stile

di viita.


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

4.

5.

6.

7.

I

PARAMENTI

SACRI

DELLA

TRADIZIONE

MADONITA:

restauro di

uno

stendardo

della cappella

di Sant’Anna

di

Castelbuono

OPEN DAY

PLAY

ENERGY

QUADERNO

D’ ISTITUTO

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

Assicurare ai giovani

una proposta

formativa dal carattere

educativo, culturale e

professionale che

faccia acquisire ad

ogni alunno una

qualifica professionale

spendibile nel campo

del restauro del

tessuto.

Rendere visibili al

territorio e alle

famiglie il ruolo

dell’Istituto d’Arte di

Cefalù quale

principale attore nel

campo dell’arte,

dell’artigianato e del

design.

Sviluppare una

coscienza ecologica

attraverso la

conoscenza scientifica

delle varie fonti

energetiche ecosostenibile.

Rendere visibile

attraverso la

pubblicazione di un

quaderno di Istituto

dei lavori realizzati nel

corso dell’anno

scolastico.

Studenti

Rapporti della

Scuola con il

territorio

Studenti

Rapporti della

scuola con le

famiglie ed il

territorio

Studenti

Rapporti della

scuola con il

territorio e la

famiglia.

Studenti

Rapporti della

scuola con le

famiglie ed il

territorio.

47

Fornire agli

studenti la

conoscenza

degli strumenti

di lavoro e dei

procedimenti

tecnici attinenti

alla

conservazione e

restauro dei

tessili

Realizzazione di

vari prodotti con

la

collaborazione

di tutte le azioni

presenti nella

scuola al fine di

divulgare le

potenzialità

artistiche e

culturali

dell’Istituto.

Realizzazione di

testi,

documentazione

audiovisiva,

prodotti artistici

sull’energia ecosostenibile.

Realizzazione di

una rivista per

divulgare le

potenzialità

artistiche e

culturali e

promuovere il

percorso

formativo e la

creatività

dell’Istituto nel

territorio.

Insufficiente

operatività pratica

nelle tecniche del

restauro

conservativo dei

tessuti

Necessità di far

conoscere le

attività che hanno

contribuito a far

crescere la scuola

nel territorio.

Insufficiente

attenzione verso le

tematiche

ambientali.

Bisogno di non

disperdere le

attività che hanno

contribuito a far

crescere e

conoscere la

scuola sul territorio

Acquisizione delle

competenze e della

capacità tecniche nel

restauro conservativo.

Promozione del percorso

didattico dell’Istituto.

Incrementare il numero

degli iscritti.

Promuovere l’interesse

verso il patrimonio

ambientale comune.

Promuovere la

conoscenza della scuola

e la peculiarità del suo

percorso formativo.


1.

2.

ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

8.

9..

REALIZZAZIO

NE DI UN

GONFALONE

ARTE E

CARNEVALE

a Termini

Imerese

Titolo del

progetto

Art and Eeat

Per una

didattica del

BEN – ESSERE

e del

cambiamento

L’Autonomia

nello Statuto

della Regione

Siciliana

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

DISPERSIONE

SCOLASTICA

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

Obiettivo/i

prioritario/i

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

SUCCESSO

SCOLASTICO

GENITORI

DIALOGO CON IL

TERRITORIO

ARTE/ CREATIVITA’

SOCIALIZZAZIONE

Favorire le capacità di

acquisire competenze

professionali

attraverso la

progettazione assistita

e l’esecuzione di

manufatti tessili

Acquisizione di

elementi necessari

alla progettazione e

alla realizzazione di

maschere

carnascialesche

Studenti

Rapporti della

scuola con il

territorio

Studenti

Rapporti della

Scuola con le

Famiglie e il

territorio

48

Progettazione

ed esecuzione

del gonfalone

con ‘utilizzo

delle varie

tecniche di

decorazione del

tessuto

Fornire agli

studenti

attraverso l’uso

di varie tecniche

artistiche e

della

professionalità

specifica di tutti i

laboratori delle

varie sezioni, la

possibilità di

creare

maschere

carnascialesche

e produrre arte

di qualità

attraverso un

approccio ludico

TAB. A2

PROGETTI FINANZIABILI da altri Enti

Obiettivo/i

specifico/i

Sviluppare la

cultura del

benessere

attraverso la

conoscenza

dell’importanza

nutritiva degli

alimenti .

Acquisizione delle

conoscenze

necessarie per

comprendere il

percorso sociopolitico

che ha

determinato la

nascita

dell’autonomia

statutaria nella

nostra Regione.

Area di

intervento

Studenti

diversabili

Rapporti della

Scuola con la

famiglia, il

territorio e

l’istituzioni

Studenti

Rapporto della

Scuola con le

Istituzioni

Regionali

Principale

prodotto

Realizzazione di

ricette semplici e

acquisizione di regole

alimentare corrette.

Visita fattoria

didattica

Incrementare il livello

di conoscenza e

competenza

sull’organizzazione

amministrativa della

nostra Regione e

sulla sua speciale

autonomia.

Scarsa creatività.

Insufficiente

operatività pratica

nelle tecniche di

decorazione del

tessuto.

Scarsa creatività

Necessità di far

dialogare i

laboratori delle

varie sezioni

Motivazione/

Fattori critici

Insufficiente

attenzione da parte

dei giovani nei

confronti delle

sane abitudini

alimentari

Bisogno di

accrescere il senso

civico ed il rispetto

della legalità

Sviluppo delle creatività.

Diffusione dell’immagine

dell’Istituto nel territorio.

Promuovere la

socializzazione

Sviluppare la creatività

ed i vari mezzi

espressivi.

Risultati attesi

Promuovere un effettivo

cambiamento al fine di

migliorare il proprio stile

di vita.

Avvicinare le nuove

generazioni alle

istituzioni .

Fare acquisire gli

strumenti necessari per

poter contribuire al

miglioramento della

realtà socio-politica della

terra madre.


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

5.1.2 Piano di intervento, finalità e modalità di attuazione

Finalità

specifiche

Successo scolastico

Linee di

intervento

Competitività del curriculo

TAB. B

49

Modalità di intervento

• PROGETTARE E REALIZZARE ATTIVITÀ PER INNALZARE IL SUCCESSO

FORMATIVO

• PUNTARE ALL’INNOVAZIONE DIDATTICA E METODOLOGICA avvalendosi

di:

UTILIZZO DELLE NUOVE TECNOLOGIE INFORMATICHE E MULTIMEDIALI

Il rilievo dato dalla Scuola alle nuove tecnologie per l’insegnamento e l’apprendimento

risulta destinato a facilitare l’azione didattica, a renderla più agile e rispondente agli eventi

culturali ed alle richieste degli alunni e dei docenti, ma anche ad estenderne la portata

oltre lo stretto tempo di lezione, dal momento che è consentito agli alunni di farvi anche

autonomamente ricorso;

STRUTTURAZIONE DEI SAPERI IN MODULI ANCHE PLURIDISCIPLINARI

I programmi delle singole discipline sono integrati fra di loro.

La metodologia di apprendimento risulta quindi, per quanto possibile, interdisciplinare,

almeno come impianto didattico coerente.

Ciò comporta anche il recupero della centralità dei documenti, dei testi, dei problemi

concreti e l’approfondimento dei processi generici.

La centralità che in tutte le discipline assume il testo, o le esperienze di laboratorio per le

discipline tecnico-artisiche, garantisce una sostanziale omogeneità nella proposta

didattica;

SCELTA, ALL’INTERNO DI CIASCUNA DISCIPLINA, DI CONTENUTI DI ATTUALITÀ’ E

VICINI ALL’ESPERIENZA DIRETTA DELL’ALUNNO (REALTÀ’ LOCALE)

Da qui nasce la continua esigenza di raccordi e di collaborazioni, con le Istituzioni

territoriali e le imprese locali, per la promozione e la realizzazione di iniziative formative

che permettano agli allievi esperienze sul campo

PROMUOVERE E FORNIRE OCCASIONI DI SCAMBIO E COLLABORAZIONE TRA

SCUOLE , ENTI ED ASSOCIAZIONI

L’Istituto è consapevole della fondamentale importanza che l’azione sinergica con enti ed

associazioni presenti sul territorio assume nel raggiungimento del dare risposte più

massive ai bisogni rilevati dall’utenza.

COSTRUIRE LE CONDIZIONI PER TENERE APERTE LE SCUOLE ANCHE DI

POMERIGGIO, coinvolgendo le famiglie e gli attori del territorio (enti locali, fondazioni,

imprese): è un modo importante per far crescere la responsabilità dei ragazzi rispetto alla

propria scuola, e per dar loro spazi di incontro e cooperazione.


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Aggiornamento

docenti

Aggiornamento

personale ATA

Metodologie

didattiche

Strumenti a

supporto della

didattica

Competitività orientamento e lavoro

Valorizzazione

delle

competenze

interne

Valorizzazione

delle

competenze

interne

Valorizzazion

e delle

competenze

interne

Potenziamento

e

aggiornamento

delle strutture

La DECLINAZIONE DELL’OFFERTA FORMATIVA secondo i bisogni formativi del

territorio:

• Promuovere e rafforzare la vitalità di una nuova progettualità sociale, a

carattere embrionale, capace anche di progettare e gestire interventi incisivi sul territorio,

attivando un processo innovativo finalizzato alla crescita della cultura d’impresa e

sviluppando capacità organizzative di natura tecnico-operativa.

L’Istituto, dalla sensibilità ai bisogni di un’ utenza che necessita di una formazione duale

e/o dell’alternanza scuola-lavoro, vuole promuovere piccole sperimentazioni di moduli

riguardanti esperienze di formazione assistita attraverso la formula dello stage o del

tirocinio.

• Infittire la rete di rapporti fra la Scuola ed il territorio, a carattere sia formativo

che informativo che consulenziale, per migliorare non solo la qualità dei servizi che la

Scuola offre al territorio, ma anche per offrire nuovi servizi, ovvero per individuare il tipo di

offerta formativa, dinamica e flessibile, che il sistema economico richiede sia a livello

locale (mondo del lavoro ed Enti locali) che nazionale ed europeo.

• Ampliare l’offerta formativa con attività extracurriculari, sollecitare la

motivazione degli studenti offrendo loro l’opportunità di tornare a scuola il pomeriggio,

fornendo loro più occasioni di crescita umana e culturale e mettendo a loro disposizione

professionalità, spazi e strumenti per poterli arricchire in esperienze e competenze,

soprattutto nei settori chiave: Informatica, discipline professionali di indirizzo, Lingue

straniere e Sport.

• Aggiornamento dei contenuti in rapporto alle esigenze professionali

Elaborazione ed attuazione piano specifico

Elaborazione ed attuazione piano specifico

Elaborazione ed attuazione progetti specifici

Elaborazione ed attuazione progetti specifici

50


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Genitori

Destinatario

Personale docente,

DS.

Personale docente,

D.S.

Personale docente,

D.S.

Personale docente,

Personale ATA,

Competitività nei rapporti con le famiglie

Elaborazione ed attuazione progetti specifici

Progettare e realizzare attività di ascolto, consulenza

Proseguire un percorso basato sull’attenzione e sulla sensibilità nei confronti

dell’utenza, considerando l’importanza del ruolo genitoriale, indispensabile per un

armonico sviluppo pisico-fisico dei giovani.

La scuola come comunità

Viene attenzionato il tema dell'inserimento dello studente nella vita della scuola intesa non

solo come veicolo di trasmissione del sapere essenziale e di formazione delle

competenze culturali e professionali necessarie all’inserimento nel mondo del lavoro ma

come comunità in cui si realizzano percorsi di crescita culturale , di espansione umana,

prove concrete di solidarietà e di coesione sociale, esperienze di inclusione ed

integrazione di alto valore civile ed etico.

Piano di formazione /aggiornamento del personale interno

Tab. C

PIANO DI FORMAZIONE/ AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INTERNO

Tipologia del corso

/Attività formativa

Formazione collegiale sull’area

tematica “Cittadinanza e

costituzione

Formazione sul progetto “Europa

dell’Istruzione” ( ex Spazio 22)

Formazione su “Alternanza

scuola-lavoro”

Formazione per la compilazione

delle schede FARO

Personale docente Formazione software ARGO

Personale docente

Personale docente

Formazione software

CONCHIGLIA

Formazione software REGISTRO

ELETTRONICO

51

Obiettivo/i Tempi Motivazione

Promuovere la conoscenza normativa e

applicativa della nuova disciplina

Promuovere la formazione e la ricerca

didattica sui temi di cittadinanza attiva

europea

Promuovere la conoscenza normativa che

disciplina i progetti di alternanza scuola-lavoro

Promuovere l’ aggiornamento sulle modalità di

inserimento dati del software specifico e sulle

finalità del progetto stesso

Promuovere l’ aggiornamento sulle modalità di

inserimento dati del software specifico per la

tabulazione dei dati rilevati agli scrutini

Promuovere l’ aggiornamento sulle modalità di

inserimento dati del software specifico per la

tabulazione dei dati e dei verbali degli esami

di Stato

Promuovere l’ aggiornamento sulle modalità di

utilizzo del software specifico

- 6 ore -

- 20 ore

-

- 20 ore-

– 3 ore-

– 4 ore-

– 4 ore-

– 4 ore-

Bisogni di aggiornamento di

tutto il personale scolastico

sulla modalità di attuazione

della nuova disciplina

Bisogno di sviluppare una

coscienza comune sulle grandi

aree tematiche che

appartengono a tutti i paesi

dell’U.E.

Necessità di conoscere gli

strumenti di contrasto dei

fenomeno di abbandono

scolastico e di disagio

giovanile

Inesatta, e talvolta errata ,

compilazione delle schede di

autoanalisi.

Necessità di conoscenza

specifica del software

Necessità di conoscenza

specifica del software

Necessità di conoscenza

specifica del software


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

6. MODELLO EDUCATIVO-DIDATTICO

6.1 Scelte educativo- didattiche

Capitolo 6

Le scelte didattiche operate dalla Scuola a tutti i livelli organizzativi (C.d.D., CC.d.CC., singoli Docenti) discendono dalle

finalità istituzionali e formative e sono attivate in funzione dell’ottenimento delle scelte educative individuate.

Esse vengono esplicitate e rese note all’utenza attraverso il Piano dell’Offerta Formativa e l’apparato documentale

relativo alla programmazione didattico-educativa elaborato dai singoli docenti e dagli OO.CC. di competenza.

6.1.1 Progettazione dell’attività didattica

All'avvio di ogni anno il Collegio Docenti si riunisce per definire le attività di pianificazione delle attività di progettazione

come da tabella seguente.

PIANO DELLE ATTIVITA'FUNZIONALI ALL'INSEGNAMENTO A.S. 2009 – 2010

Assunzione in servizio di tutti i Docenti.

Adempimenti preliminari volti a garantire il regolare inizio

dell'a.s.2009/2010

01 settembre 2009 ore 08,30

Collegio dei Docenti d'inizio a.s. 2009-2010 01 settembre 2009 ore 9,00 (4 ore)

Riunioni per discipline e materie affini. Martedì 8 settembre 2009 dalle 9,00 alle 12,00 (3 ore)

Riunioni per aree disciplinari. Mercoledì 9 settembre 2009 dalle 9,00 alle 12,00 (3 ore)

Riunioni preliminari dei Consigli di classe (per classi Giovedì 10 settembre 2009:

parallele), intese preliminari su:

8,30 – 9,30: classi 1A-1B-1C-1D-1S

programmazione e metodologie didattiche; criteri di 9,30 – 10,15: classi 2A-2B-2D-2S

valutazione ed ammissione alle classi successive; esami di 10,15 – 11,00: classi 3A-3B-3D-3S

maestro d’arte ed esami conclusivi; attività alternative alla 11,00 – 11,45: classi 4A-4B-4D-4S-4T

religione cattolica; visite guidate e viaggi d’istruzione;

modalità di svolgimento delle attività di recupero e prove di

verifica, attività di recupero e potenziamento in itinere; altro.

11,45-12,30: classi 5A-5B-5C-5S-5T

Riunione Commissione Orario Venerdì 11 settembre 2009 dalle 9,00 alle 12,00 (3 ore)

Riunione Commissione Orario Lunedì 14 settembre 2009 dalle 9,00 alle 12,00 (3 ore)

Collegio dei Docenti. Lunedì 14 settembre 2009 ore 14,30 (3 ore)

Riunione Commissione Orario, Mercoledì 16 settembre 2009 dalle 9,00 alle 12,00 (3 ore)

Collegio dei Docenti. Lunedì 05 ottobre 2009 (3 ore), salvo variazione di data in

relazione alle esigenze organizzative

Consigli di classe per definizione e adozione

Seconda settimana di ottobre 2009

programmazione educativa e didattica coordinata e (martedì 06 - martedì 13)

adempimenti ordinari.

1 ora a Consiglio

Ricevimenti individuali antimeridiani. Quarta settimana di ottobre 2009 (lunedì 19 - sabato 24)

1 ora a docente

Elezioni Rappresentanti degli alunni e dei genitori nei Lunedì 26 ottobre 2009

Consigli di classe.

Ricevimenti individuali antimeridiani. Ultima settimana di novembre 2009 (lunedì 23 - sabato 28)

1 ora a docente

Consigli di classe. Prima settimana di dicembre 2009 1 ora a Consiglio

(lunedì 30 novembre – mercoledì 09dicembre)

Ricevimento collegiale dei genitori. Dicembre 2009 (lunedì 14 - mercoledì 16)

1 ora e 30 minuti per le classi prime, 1 ora per le rimanenti

classi

Ricevimenti individuali antimeridiani. Terza settimana di dicembre 2009 (lunedì 14 - sabato 19)

1 ora a docente

52


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Consigli di classe delle sole classi quinte per proposte di

configurazione Commissioni Esami di Stato.

53

Indicativamente nella seconda o terza decade di gennaio

2010 (fatte salve diverse disposizioni da parte degli

OO.SS.)

Ricevimenti individuali antimeridiani. Ultima settimana di gennaio 2010 (lunedì 25 - sabato 30)

1 ora a docente

Scrutini 1° quadrimestre. Febbraio 2010 (mercoledì 03 – lunedì 15)

1 ora e 30 minuti a Consiglio

Collegio dei Docenti. Venerdì 19 febbraio 2010 (3 / 4 ore)

Ricevimenti individuali antimeridiani. Quarta settimana di febbraio 2010 (lunedì 22 – sabato 27)

1 ora a docente

Consigli di classe. Seconda e terza settimana di marzo2010 (mercoledì 10 –

mercoledì 17) 1 ora a Consiglio

Ricevimenti individuali antimeridiani. Quarta settimana di marzo 2010 (lunedì 22 – sabato 27)

1 ora a docente

Ricevimento collegiale genitori. Aprile 2010 (lunedì 12 - mercoledì 14)

1 ora e 30 minuti per le classi prime, 1 ora per le rimanenti

classi

Ricevimenti individuali antimeridiani. Quarta settimana di aprile 2010 (lunedì 19 – sabato 24)

1 ora a docente

Riunione dei docenti per materia per proposte di adozione

libri di testo ed eventuale organizzazione 3^ prova esami di

Stato.

Mercoledì 28 aprile 2010 (1 ora)

(Fatte salve diverse disposizioni da parte degli OO.SS.)

Ricevimenti individuali antimeridiani. Prima settimana di maggio 2010 (lunedì 3 – sabato 8)

1 ora a docente

Consigli di classe per adozione libri di testo. Seconda settimana di maggio 2010 (lunedì 03 – lunedì 10)

1 ora a Consiglio

Redazione documento finale delle quinte classi. Venerdì 15 maggio 2010 (1 ora)

Collegio dei docenti per adozione libri di testo ed altri

adempimenti.

Seconda decade di maggio 2010 (3 ore)

Eventuali esami preliminari agli Esami di Stato. Inizio: indicativamente seconda decade di maggio 2010,

salvo eventuale anticipo in relazione alla compatibilità degli

impegni dei docenti membri della Commissione d'Esame di

Licenza di Maestro d'Arte, o di altre Commissioni d'esame

presso altri Istituti.

Esami Licenza Maestro d'Arte. Scrutini di ammissione: giovedì 03 giugno 2010 in orario

pomeridiano, salvo modifiche.

Pubblicazione risultati: venerdì 04 giugno 2010 ore 8,30

Insediamento Commissioni: venerdì 04 giugno 2010 in

orario pomeridiano, salvo modifiche.

Prima prova grafica (Disegno geometrico): sabato 05

giugno 2010, salvo modifiche.

(prove orali, prove scritte, grafiche e pratiche in orario

curriculare ed extracurriculare)

Conclusione

modifiche.

esami: sabato 12 giugno 2010, salvo

Scrutini finali: martedì 15 giugno 2010 in orario

Scrutini secondo quadrimestre.

antimeridiano, salvo modifiche.

Giugno 2010, al compimento di 200 giorni effettivi di lezione

di ogni classe (ordinamentale e sperimentale), in orario non

coincidente con quello delle lezioni

(lunedì 14 – giovedì 17) 1 ora e 30 minuti a Consiglio

Pubblicazione scrutini di ammissione delle classi quinte agli

Esami di Stato.

Martedì 15 giugno 2010 ore 8.30. salvo modifiche

Pubblicazione risultati d'Esame di Licenza di Maestro d'Arte. Mercoledì 16 giugno 2010 ore 8.30. salvo modifiche

Pubblicazione scrutini delle classi Prime, seconde, terze Venerdì 18 giugno 2010 ore 8.30. salvo modifiche

sperimentali e quarte.


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Collegio dei docenti per adempimenti di fine anno scolastico

e adempimenti preliminari volti ad assicurare il regolare

inizio dell'a.s. 2010/2011.

6.1.2 Modalità e strategie didattico-formative

54

Venerdì 18 giugno 2010 ore 14,30 ( 4 ore), salvo

anticipazione o rinvio in relazione alla effettiva data di

conclusione di tutti gli scrutini finali

6.1.2.1 Diritto al successo scolastico-formativo

Sono previste iniziative all’interno della scuola per migliorare l’apprendimento ed il recupero degli alunni.

6.1.2.2 Attività di orientamento in entrata ed accoglienza allievi nelle prime classi

Per l’a.s. 2010-11 il Ministero della Pubblica Istruzione ha preannunciato l’entrata in vigore della riforma che investe

l’istruzione superiore italiana, ed in particolare quella artistica. Gli istituti d’arte, assieme ai licei artistici, sono i due tipi di

scuole che subiscono le maggiori trasformazioni in termini di contenuti, di orari, di discipline. È previsto che gli istituti

d’arte confluiscano nei nuovi Licei Artistici.

In attesa dell’emanazione di tali provvedimenti di riforma che, per essere applicati nel prossimo anno scolastico

dovrebbero vedere la luce entro dicembre 2009, l’orientamento e l’informazione da rivolgere agli alunni delle scuole

medie sarà effettuata sull’ordinamento attuale.

Tenendo anche conto di quanto riportato da stampa specializzata e da sindacati del settore scuola, la riforma scolastica

potrebbe slittare e trovare applicazione dall’a.s. 2011-2012 a seguito del mancato rispetto della tempistica dell’iter

approvativo.

ORIENTAMENTO IN ENTRATA

L’orientamento in entrata rivolto agli alunni delle classi terze della scuola media si articolerà nelle seguenti fasi:

- predisposizione elenco scuole del territorio da contattare

- invio inviti per presentare le modalità delle attività di orientamento

- contatti telefonici per la predisposizione di un calendario di incontri

- nomina di un gruppo di docenti per attività di orientamento

- visite e incontri nelle scuole secondo calendario

- predisposizione materiale di informazione

o pieghevoli quadri orario

o estratto POF

o manifesti

o presentazione POF

- aggiornamento sito web dell’istituto

- modulistica iscrizione

MODALITÀ

Per l’effettuazione delle attività di informazione presso le scuole medie sarà individuato un team di docenti

rappresentativo di tutti gli indirizzi che illustreranno tutto l’istituto e forniranno tutte quelle notizie necessarie a dare una

corretta e completa immagine della scuola. Durante l’incontro si farà visionare agli allievi un videoclip di presentazione.

I docenti, inoltre, distribuiranno agli alunni delle scuole medie materiale informativo cartaceo.

SCADENZA ISCRIZIONI

Il MIUR ha fissato, per l’a.s. 2010-11, la scadenza delle iscrizioni al 27 febbraio 2010.

ATTIVITÀ FUNZIONALI ALL’ORIENTAMENTO

Videoclip di presentazione della scuola

Tra i materiali d’informazione e di presentazione dell’Istituto si propone la realizzazione di un video professionale in

cui si esplichi la struttura e i caratteri della scuola.

Progetto “Creiamo Arte”

Il progetto è predisposto dalla prof. P. Di Fatta e riguarda delle attività da sviluppare assieme agli alunni delle scuole

medie, sulla scorta dell’esperienza delle edizioni precedenti.

Per quest’anno le attività saranno estese a tutti gli indirizzi. Le modalità di svolgimento sono contenute nel progetto.

Open day/Scuola aperta


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Si prevede la manifestazione OPEN DAY/SCUOLA APERTA alle famiglie e agli alunni della scuola media, da

tenersi in due date, di domenica, prima e dopo le vacanze natalizie.

Si dovrà allestire un’apposita mostra nei locali scolastici rappresentativa dell’istituto. I laboratori dovranno essere

tutti aperti e dovrà essere garantita la presenza dei docenti e di alunni dell’istituto che faranno da guida e daranno

dimostrazione di quanto appreso nel corso degli anni.

( Referente della Funzione Strumentale 2 Prof. Rosario Vizzini )

L’attività di Accoglienza si estrinseca in una serie di incontri finalizzate a favorire un buon inserimento delle classi

prime, la formazione di un buon gruppo-classe e, in generale, lo «star-bene» a scuola.

Si constata che l’attenzione particolare al momento iniziale del primo anno e, soprattutto, la costruzione del gruppoclasse

sono elementi importanti per garantire lo sviluppo dell’attività didattica in un clima sereno e di reciproca stima.

Per costruire un rapporto collaborativo e costruttivo tra alunni, genitori e docenti, occorre una reciproca conoscenza e un

clima di fiducia che porti al conseguimento degli obiettivi formativi dell’istituzione scolastica.

Per cui, la nostra scuola, si propone di favorire l’inserimento degli studenti nella nuova realtà con un atteggiamento di

disponibilità, ascolto e apertura.

Destinatari: tutti gli alunni delle classi prime

Finalità

1. Accoglienza e inserimento degli studenti nella nuova realtà scolastica

2. Favorire il passaggio dalla scuola “Media” alla scuola “Superiore”

3. Incoraggiare la partecipazione degli alunni alla vita dell’Istituzione

4. Limitare i fenomeni del disagio e della dispersione scolastica

Obiettivi

1. Creare un clima sereno per l'ingresso a scuola e l'avvio di un nuovo ciclo di studi

2. Favorire l'aggregazione in un gruppo-classe di alunni provenienti da realtà diverse

3. Rendere partecipi gli alunni alla vita della scuola

4. Informarli sulle regole e sul funzionamento della stessa

5. Conoscere l'ambiente, gli spazi, le funzioni e i ruoli istituzionali

6. Avviare la conoscenza reciproca degli alunni, dei docenti e di tutto il personale

7. Stimolare gli alunni alla riflessione sulle proprie caratteristiche fisiche e comportamentali

8. Conoscenza e fruizione del territorio

Contenuti

1. Incontro e colloquio con il Dirigente

2. Conoscenza dei docenti delle prime classi

3. Introduzione alla conoscenza del POF, del Regolamento d’Istituto, della Carta dei servizi e delle norme sulla

sicurezza

4. Presentazione delle strutture della scuola: luoghi, figure di riferimento, servizi.

5. Presentazione di ciascun alunno al gruppo classe

6. Visite guidate alla città di Cefalù

Metodologia

1. Conversazione guidata

2. Visite guidate

3. Visita degli spazi della scuola

Tempi: Primi tre giorni dell’anno scolastico

( Referente della Funzione Strumentale 2 Prof. Rosario Vizzini coadiuvato dai coordinatori delle prime classi )

55


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

6.1.2.3 Attività e progetti per la realizzazione dell’elevamento dell’obbligo scolastico e del successo formativo

Obbligo scolastico: La Scuola offre la possibilità di percorsi individualizzati, sulla base di specifiche esigenze rilevate

durante il percorso scolastico ordinario o sulla base di espresse richieste di alunni e/o genitori. I percorsi individualizzati

verranno formulati a seguito di un’analisi accurata e di dettagliate motivazioni espresse dai rispettivi Consigli di Classe.

Successo formativo:

Attraverso l’attività del Counseling la Scuola attiva occasioni di incontro tra alunni e docenti od, in casi specifici,

personale specializzato ( uno psicologo ed un educatore) a supporto di una costruzione armonica del progetto di vita di

ciascun allievo.

Le soluzioni si possono attuare con una doppia prospettiva:

• Il miglioramento della crescita formativa all’interno della scuola;

• la formazione professionale attraverso rapporti concordarti con Enti od Aziende presso i quali gli studenti che

hanno assolto il proprio obbligo scolastico possono continuare la propria crescita fino al raggiungimento dell’obbligo

formativo.

Inoltre attraverso l’attivazione dello sportello didattico, di consulenza e supporto per gli alunni in difficoltà, che sarà

avviato dal 10 Gennaio 2010 in orario extracurriculare, l’Istituto intende offrire delle modalità di “sostegno” finalizzate al

recupero delle carenze disciplinari, quanto al supporto della qualità dell’apprendimento. Nel caso in cui saranno rilevate,

nel corso del colloquio, difficoltà di maggiore rilievo, il docente aiuterà l’alunno ad individuare con chiarezza le sue

difficoltà e suggerirà il modo più idoneo e metodologicamente corretto per avviare un percorso di recupero (studio

domestico, corsi integrativi a scuola, ecc.).

Orientamento in uscita:

L’orientamento, rivolto alle classi terminali, prevede interventi informativi ed esperienze esterne. L’istituto ha firmato un

accordo con il C.O.T. ( Centro di Orientamento e Tutoraggio) per attivare un Osservatorio per il territorio di

orientamento universitario, al fine di permettere agli alunni delle 5° classi scelte consapevoli.

6.1.2.4 Piano interventi di potenziamento e recupero A.S. 2009-2010

Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell’offerta formativa che ogni scuola

predispone.

L’I.S.A. “D.B. Amato” prevede:

Mese di Dicembre e di Febbraio:

Interventi di recupero, approfondimento e valorizzazione delle eccellenze in orario antimeridiano

Gli Interventi Didattici Educativi Integrativi sono mirati al superamento delle difficoltà degli studenti, evitando l’accumulo

delle lacune e limitando il rischio di dispersione scolastica.

Gli interventi, secondo la discrezione dei docenti dei consigli di classe, potranno effettuarsi secondo la strategia

dell’apprendimento cooperativo (gli studenti della fascia di valorizzazione possono aiutare i compagni in difficoltà

nell’eseguire compiti specifici sotto le direttive dell’insegnante) o in gruppi di lavoro da svolgersi:

• nel corso delle lezioni delle singole discipline;

• nel corso delle lezioni in codocenza;

• nel corso delle lezioni a classi aperte eventualmente concordate da due docenti della stessa disciplina

compatibilmente con l’orario di lezione e comunicate al Dirigente scolastico.

56


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Tali interventi si effettueranno nei mesi di dicembre e di febbraio, con la sospensione dell’ordinaria attività didattica della

durata di una settimana, nel rispetto delle deliberazioni assunte dai Consigli di classe.

Dopo gli Scrutini intermedi:

Interventi di recupero per gli studenti che riportano voti di insufficienza negli scrutini intermedi

Il Consiglio di Classe, dopo un’attenta analisi dei bisogni formativi dei singoli alunni e della natura delle difficoltà rilevate

nell’apprendimento delle varie discipline, tenendo conto anche della possibilità degli alunni di raggiungere

autonomamente gli obiettivi formativi previsti dai docenti, segnala le discipline per le quali organizzare gli interventi di

recupero tra quelle “fondanti” nell’ambito delle due Aree disciplinari indicate dalla tabella allegata al Decreto ministeriale

del 18 settembre 1998 n. 358:

• Area linguistico – espressivo - visuale: Italiano, Storia, Filosofia, Storia dell’Arte, Inglese;

• Area scientifico – tecnologico - progettuale: Matematica, Chimica/Tecnologia, Disegno

professionale/Progettazione, Disegno geometrico/Geometria descrittiva;

Le discipline “fondanti”, individuate nell’ambito delle Aree disciplinari, sono quelle nelle quali, alla data odierna, maggiore

è il numero di alunni delle singole classi che rivelano carenze (e pertanto bisogni presumibilmente prioritari).

Ogni Consiglio di Classe stabilisce un ordine delle priorità da assegnare alle suddette discipline individuate dal Collegio

dei Docenti (indipendentemente dall’Area di appartenenza) per gli interventi di recupero da svolgere distintamente in

orario curriculare e in orario extracurriculare aggiuntivo pomeridiano, in relazione all’andamento didattico ed ai bisogni

dei singoli alunni.

Gli interventi avranno inizio, indicativamente, il 22/02/2010 (subito dopo gli scrutini del primo quadrimestre) e si

concluderanno entro il 30/04/2010 con le prove di verifica, secondo un calendario che sarà opportunamente predisposto.

Gli interventi di recupero saranno organizzati secondo le seguenti modalità:

• Interventi di recupero in orario curriculare;

• Interventi di recupero in orario extracurriculare pomeridiano;

• Interventi di recupero in orario curriculare e in orario extracurriculare pomeridiano secondo una “modalità mista”.

Tali interventi saranno effettuati 4 giorni a settimana dalle ore 14,30 alle ore 16,30. Le azioni in cui è articolata l’attività di

recupero avranno una durata di almeno 15 ore, tenuto conto della natura dei bisogni e del numero degli studenti. Le

famiglie verranno informate, a cura del coordinatore, delle carenze dei figli e dei corsi che potranno frequentare a

scuola, e nel caso che non vogliono avvalersi delle iniziative di recupero dovranno dare comunicazione scritta alla

scuola. Inoltre alle famiglie sarà data comunicazione dell’esito delle verifiche. In ogni caso gli studenti hanno l’obbligo di

sottoporsi alle verifiche programmate dal Consiglio di Classe. I consigli di Classe indicheranno le priorità con un minimo

di sei alunni per ciascun corso e un massimo di tredici, da considerarsi anche per classi parallele in caso di numero

esiguo di ammessi.

Gli alunni che nello scrutinio del primo quadrimestre riportano insufficienze in una o più discipline non comprese tra

quelle individuate dai Consigli di Classe, per le quali non si attuano interventi di recupero, sono tenuti a colmare le

carenze in dette discipline mediante lo studio personale svolto autonomamente e con mezzi propri, fermo restando

l’obbligo dei Consigli di Classe e dei singoli docenti di prevedere azioni specifiche commisurate anche ai fabbisogni di

detti studenti,nell’ambito della propria attività ordinaria.

Dopo gli scrutini finali:

Interventi di recupero per gli studenti che riportano voti di insufficienza negli scrutini finali

Il Consiglio di Classe, in sede di scrutinio finale, per gli studenti che presentino in una o più discipline valutazioni

insufficienti, valuta la possibilità che gli stessi studenti raggiungano gli obiettivi formativi della o delle discipline entro il

termine dell’anno scolastico in corso o mediante lo studio personale svolto autonomamente o attraverso la frequenza di

57


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

appositi interventi di recupero. In tal caso, il Consiglio di Classe “sospende” il giudizio finale e non procede

all’approvazione dei voti proposti. Subito dopo le operazioni di scrutinio finale, il Consiglio predispone la lettera da inviare

alle famiglie con la quale comunica le decisioni assunte, le specifiche carenze e i voti proposti nella disciplina o nelle

discipline nelle quali la preparazione dello studente non abbia raggiunto la sufficienza. Contestualmente comunica gli

interventi di recupero, le modalità e i tempi delle relative verifiche.

Dopo lo scrutinio finale, il Dirigente convocherà le famiglie degli alunni che allo scrutinio hanno presentato una o più

discipline con valutazioni insufficienti e sarà loro consegnata lettera con le carenze rilevate per ciascun alunno e

ciascuna disciplina. Contestualmente vengono comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero delle insufficienze

e i tempi delle verifiche. Entro il 24/06/2010 le famiglie dovranno dare comunicazione scritta se non ritengano di avvalersi

delle iniziative di recupero organizzate dalla scuola, fermo restando l’obbligo di sottoporsi alle verifiche previste dal

Decreto N°80.

Tali interventi avranno inizio il 28 giugno e fine il 24 luglio e saranno effettuati 5 giorni alla settimana. Ogni corso di

recupero avrà una durata di almeno 15 ore, tenuto conto della natura dei bisogni e del numero degli studenti.

Mese di Settembre 2010:

Entro le prime due settimane di settembre 2010 tutti gli alunni che hanno evidenziato insufficienze tali da determinare la

sospensione del giudizio saranno sottoposti a verifiche.

La preparazione delle verifiche e la valutazione finale spettano al docente titolare della classe, che può non coincidere

con il docente che tiene il corso di recupero. Le operazioni di verifica sono organizzate dal Consiglio di Classe e sono

condotte dal docente titolare con l’assistenza di altri docenti del medesimo Consiglio,

Dopo le prove di verifica avrà luogo l’integrazione dello scrutinio finale: il Consiglio di Classe procede ad una valutazione

complessiva sella preparazione dello studente e alla attribuzione dei voti sulla base degli obiettivi conseguiti dagli alunni,

delle conoscenze acquisite, delle abilità conseguite, dell’interesse, dell’impegno, della partecipazione alle varie attività

didattiche e dei progressi raggiunti rispetto alla situazione di partenza. In questa sede il Consiglio di Classe tiene conto

anche dell’esito delle verifiche relative ad eventuali iniziative di sostegno e ad interventi di recupero precedentemente

effettuati. In caso di esito positivo, lo studente è ammesso alla classe successiva; in caso di esito negativo, lo studente

ripete l’anno.

6.1.2.5 Integrazione di alunni in situazione di handicap

L'integrazione degli alunni con disabilità nella scuola ha costituito una svolta importante nella cultura pedagogica del

nostro Paese.

In essa, infatti, risiede la prospettiva di fare della scuola un luogo in cui esercitare la cittadinanza, intesa come diritto

dell'alunno ad apprendere e a fare esperienze sociali accoglienti, a prescindere dalle condizioni sociali, culturali o

funzionali che gli appartengono.

In tale prospettiva, la scuola è andata a configurarsi come strumento di integrazione sociale e di ridimensionamento degli

svantaggi ovvero come comunità educativa accogliente, nella quale le competenze professionali potessero ridefinire le

pratiche quotidiane, didattiche ed organizzative, per consentire agli alunni l'apprendimento e la costruzione della propria

identità.

Si può ottenere ciò, solo se mossi da una cultura che valorizzi la fiducia negli altri e nelle istituzioni, il rispetto delle regole

di convivenza, la disponibilità a lavorare e a prendere decisioni condivise, senza alcuna discriminazione.

Legge quadro 104/92 ha recepito tale orientamento sancendo il diritto soggettivo alla piena integrazione scolastica

dell'alunno con disabilità, attraverso lo sviluppo delle sue potenzialità nell'apprendimento, nella comunicazione, nelle

relazioni e nella socializzazione utilizzando tutte le risorse disponibili al fine del raggiungimento dell'autonomia.

E' dunque necessario concepire l'integrazione scolastica in una logica sistemica e globale che intenda, in un'ottica

dell'autonomia come risorsa, la scuola come una istituzione dialogante e collaborativa con i contesti locali, al fine di

58


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

raggiungere gli obiettivi previsti dalla normativa vigente. L'autonomia progettuale, organizzativa e didattica dell’I.S.A.di

Cefalù rappresenta una risorsa importante a favore degli alunni disabili perché consente un approccio sistemico e

integrato anche a livello d'istituto; infatti la scuola assicura una dimensione partecipativa di tutto il personale scolastico

responsabile del processo di integrazione, garantendo altresì il servizio gratuito di trasporto e l’assistenza igienicosanitario,di

competenza provinciale. In questo senso, ogni cambiamento e ogni reale integrazione trovano nel personale

scolastico la sua leva e la sua forza. Sono, infatti, i docenti e gli operatori della scuola che, agendo come comunità

adeguatamente formata e dichiaratamente corresponsabile, costruiscono le condizioni perché l'integrazione scolastica

divenga reale sviluppo delle potenzialità dell'alunno con disabilità e fonte di ricchezza di tutta la comunità scolastica.

A conferma di quanto detto, si elencano gli obiettivi prioritari presenti nell' "Atto di indirizzo" per l'anno 2008 dell Ministro:

• l'acquisizione dei saperi e delle competenze essenziali per un consapevole esercizio dei diritti di

cittadinanza;

• lo sviluppo della metodologia dell'alternanza scuola-lavoro quale strumento di innovazione

didattica ed organizzativa;

• la diffusione delle tecnologie informatiche nell'ambito delle attività didattiche rivolte agli alunni con

disabilità;

• la valorizzazione dell'autonomia scolastica, al fine, fra l'altro, di promuovere l'aggiornamento dei

docenti e la loro corresponsabilità nella realizzazione del progetto pedagogico elaborato

dall'istituzione scolastica.

Obiettivi prioritari dell’Istituto sono pertanto tutte le iniziative specifiche per l’integrazione di alunni in situazione di

handicap attraverso didattiche e curricoli individualizzati e strumentazioni specifiche.

Il progetto di integrazione prevede altresì un lavoro comune con strutture socio-sanitarie, interventi coordinati con

associazioni e volontariato e progetti di orientamento scuola-lavoro.

6.1.3 La valutazione

6.1.3.1 Modalità e criteri di valutazione degli alunni

Ferma restando la libertà d’insegnamento e l’autonomia del docente per un percorso che riduca, se non addirittura

cancelli, possibili sperequazioni tra un corso ed un altro o tra una classe e l’altra, il Collegio dei Docenti definisce gli

standard di apprendimento per classi parallele validi a livello di Istituto.

I docenti della stessa disciplina i criteri di valutazione ed eventuali prove di verifica comuni.

I criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di conoscenza e abilità sono rappresentati nella tabella di

valutazione adottata dal Collegio dei Docenti e

59


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Voto

10

9

8

7

6

5

4

L’alunno

a) Ha una conoscenza completa e approfondita dei contenuti e una comprensione profonda e articolata

degli stessi

b) Rielabora in modo personale, critico e originale i contenuti appresi utilizzando correttamente il

linguaggio specifico

c) Sa analizzare in modo autonomo e critico gli elementi e le relazioni interne ad un sistema

d) Mostra notevole costanza ed impegno nello studio, svolgendo in maniera completa e puntuale ogni

compito assegnato

e) Partecipa in maniera consapevole con interventi pertinenti, interagendo costruttivamente con

compagni e docenti

a) Ha una conoscenza completa e approfondita dei contenuti e una comprensione articolata degli stessi

b) Rielabora in modo personale i contenuti appresi utilizzando il linguaggio specifico

c) Sa analizzare in modo autonomo e critico gli elementi e le relazioni interne ad un sistema

d) Mostra costanza ed impegno nello studio

e) Partecipa in maniera consapevole con interventi pertinenti, interagendo positivamente con compagni e

docenti

a) Ha una conoscenza ampia dei contenuti

b) Rielabora in modo personale i contenuti appresi utilizzando il linguaggio specifico

c) Lavora abitualmente in modo autonomo orientandosi all’interno di un sistema

d) Mostra costanza ed impegno nello studio

e) Partecipa attivamente e in maniera costruttiva

a) Mostra di conoscere, comprendere e sapere analizzare i contenuti

b) Sa fare valutazioni autonome se pur non approfondite

c) E’ generalmente autonomo nel portare a termine il lavoro scolastico

d) Mostra costanza ed impegno nello studio

e) Presta attenzione e interviene autonomamente

a) Mostra di conoscere e comprendere i nuclei fondamentali della disciplina

b) Riferisce in maniera generalmente corretta i contenuti appresi pur con qualche difficoltà nell’uso della

terminologia specifica

c) E’ generalmente autonomo nel lavoro scolastico, anche se talvolta ricorre all’aiuto degli altri

d) Mostra costanza nello studio

e) Partecipa al dialogo educativo

a) Ha una conoscenza parziale e una comprensione non completa degli argomenti

b) Riferisce gli stessi senza rielaborazione personale

c) Mostra una modesta autonomia e necessita di continui controlli

d) E’ poco costante nello studio

e) Interviene se guidato opportunamente

a) Ha una conoscenza frammentaria e superficiale

b) Riferisce in modo approssimativo i contenuti appresi, con difficoltà nel linguaggio verbale e non

verbale

c) E’scarsamente autonomo nel lavoro scolastico

d) Studia in maniera discontinua e con modesto impegno

e) Tende a distrarsi e non interviene autonomamente

60


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

3

2

a) Ha una scarsa conoscenza della disciplina

b) Riferisce con difficoltà usando una terminologia approssimativa

c) Ha una scarsa autonomia nel lavoro scolastico

d) Trascura lo studio e non mostra alcun impegno

e) Non interviene per scarso interesse

a) Ha una conoscenza molto scarsa della disciplina

b) Riferisce con notevole difficoltà

c) Non ha autonomia nel lavoro scolastico

d) Non mostra alcun impegno nello studio

e) Non partecipa al dialogo educativo

1 Rifiuta la verifica

6.1.3.2 Criteri di ammissione alla classe successiva

Per quel che riguarda i criteri di ammissione alla classe successiva, il Collegio dei Docenti ha deliberato quanto segue:

l’alunno, che presenta delle insufficienze tali da determinare la sospensione del giudizio, potrà essere ammesso alla

classe successiva quando il Consiglio di Classe lo riterrà, per le sue capacità, nelle condizioni di poter recuperare e

quando l’insufficienza è presente in tre materie con livello minimo di valutazione 5-4-4.

Per l’ammissione agli Esami di Maestro d’Arte delle terze ordinamentali, gli alunni dovranno conseguire, allo scrutinio del

secondo quadrimestre, una valutazioni che preveda come livello minimo la presenza della sufficienza in tutte le materie.

Sono ammessi agli Esami di Stato, per l’a.s. 2009/10, gli alunni che abbiano frequentato l’ultimo anno di corso e siano

stati valutati sufficientemente in tutte le discipline dal Consiglio di classe, in sede di scrutinio finale, così come previsto

dall’art.4 del D.P.R. n.122 del 22 giugno 2009.

Per quel che riguarda l’iscrizione di un alunno per la terza volta consecutiva alla stessa classe, essa è possibile solo in

casi eccezionali, previo parere favorevole del Collegio dei docenti.

6.1.3.3 Criteri per l’attribuzione del credito scolastico e del credito formativo

I criteri per l’attribuzione del credito scolastico e del credito formativo per l’anno scolastico 2009/2010 sono i seguenti :

Credito scolastico candidati interni

Il Consiglio di classe attribuisce ad ogni singolo alunno che ne sia meritevole, nello scrutinio finale di ciascuno dei tre

anni del quinquennio, un apposito punteggio per l’andamento degli studi, ai sensi del D.M. n°42 del 22 Maggio 2007

tab. A.

La somma dei punteggi ottenuti nei tre anni costituisce il credito scolastico, che si aggiunge ai punteggi riportati dai

candidati nelle prove scritte e orali dell’esame di Stato.

61


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

TAB. A

( sostituisce la tabella prevista dall’art.11 , comma 2 del D.P.R. 23 Luglio 1998, n. 323)

MEDIA DEI VOTI CREDITO SCLASTICO ( Punti)

I° anno II° anno III° anno

M= 6 3-4 3-4 4-5

6< M < 7 4-5 4-5 5-6

7< M < 8 5-6 5-6 6-7

8< M < 10 6-8 6-8 7-9

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini

dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun

voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico

voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame

conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di

comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con

l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in

sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico.

Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in

numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica,

l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali

crediti formativi.

Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di

oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

Per la terza classe degli istituti professionali M è rappresentato dal voto conseguito agli esami di qualifica, espresso in

decimi (ad esempio al voto di esami di qualifica di 65/centesimi corrisponde M = 6,5).

Il credito formativo consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze

coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l’esame di Stato; la coerenza, che può essere individuata nell’omogeneità con i

contenuti tematici del corso, nel loro approfondimento, nel loro ampliamento, nella loro completa attuazione, è accertata

per i candidati interni dai consigli di classe, in base al D.M. n. 49 del 24.02.2000.

La relativa certificazione deve pervenire alla Segreteria didattica entro e non oltre il 15 Maggio 2010 per consentire

l’esame e la valutazione da parte degli organi competenti. E’ ammessa l’autocertificazione ai sensi e con le modalità di

cui al D.P.R. n.445 del 2000, nei casi di attività svolte presso pubbliche amministrazioni.

Religione e attività alternative

Secondo quanto disposto all’art. 8 comma 13 dell’O.M. n. 26 del 15 marzo 2007, i docenti che svolgono l’insegnamento

della religione cattolica partecipano a pieno titolo alle deliberazioni del consiglio di classe concernenti l’attribuzione del

credito scolastico agli alunni che si avvalgono di tale insegnamento. Analoga posizione compete, in sede di attribuzione

del credito scolastico, ai docenti delle attività didattiche e formative alternative all’insegnamento della religione cattolica,

limitatamente agli alunni che abbiano seguito le attività medesime. Inoltre il comma 14 del suddetto articolo precisa che

l’attribuzione del punteggio, nell’ambito della banda di oscillazione, tiene conto, oltre che degli elementi di cui all’art.11,

comma 2, del DPR n.323 del 23.7.1998, del giudizio formulato dai docenti di cui al precedente comma 13

riguardante l’interesse con il quale l’alunno ha seguito l’insegnamento della religione cattolica ovvero l’attività alternativa

62


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

e il profitto che ne ha tratto, ovvero di altre attività, ivi compreso lo studio individuale che si sia tradotto in un

arricchimento culturale o disciplinare specifico, purché certificato e valutato dalla scuola secondo modalità deliberate

dalla istituzione scolastica medesima. Nel caso in cui l’alunno abbia scelto di assentarsi dalla scuola per partecipare ad

iniziative formative in ambito extrascolastico, potrà far valere tali attività come crediti formativi se presentino i requisiti

previsti dal D.M. n. 49 del 24-2-2000.

Nel rispetto della normativa nazionale vigente, viene adottata la seguente tabella di valutazione relativamente

all’insegnamento della Religione cattolica

Livello di conoscenza Livello di abilità Valutazione

Padroneggia tutti gli argomenti

senza errori

Padroneggia tutti gli argomenti

senza errori

Conosce e sa applicare i contenuti

Conoscenza degli argomenti

fondamentali

Ha conoscenza degli argomenti

e/o conoscenza superficiale e

frammentaria

Organizza e valuta criticamente contenuti e procedure,

usa il linguaggio specifico in modo attento e corretto Ottimo

Organizza autonomamente le conoscenze in situazioni

nuove

Dimostra abilità nelle procedure, pur con qualche

imprecisione

63

Distinto

Buono

Abilità nel risolvere problemi semplici Sufficiente

Non ha conseguito le abilità richieste o utilizza qualche

abilità con incertezza

Non sufficiente


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

6.1.3.4 Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale

6.1.3.5 Tipologia degli strumenti di verifica utilizzati

Le tipologie degli strumenti valutativi utilizzati variano in base al momento (controllo in itinere del processo di

apprendimento ovvero controllo del profitto scolastico ai fini della classificazione) ed alle specifiche esigenze di ciascuna

materia.

La valutazione si avvale di un ampio ventaglio di prove che si integrano tra di loro.

PER LA VERIFICA FORMATIVA

Interesse

Partecipazione all’attività didattica

Impegno

Situazione personale

Metodo di studio

Progressione

Livello della classe

Altro

(controllo in itinere del processo di apprendimento)

Gli strumenti utilizzati

Interrogazione lunga

Interrogazione breve

Tema o problema

Prove strutturate

Prove semistrutturate

Prove scritto-grafiche e laboratoriali

Questionario

Relazione

Esercizi

64

PER LA VERIFICA SOMMATIVA

(controllo del profitto scolastico ai fini della

classificazione)


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

6.1.4 Strumenti generali della pianificazione del lavoro didattico

Sono strumenti generali della pianificazione del lavoro didattico:

• La stesura, durante il Consiglio di classe, di una Programmazione delle attività didattico-educative in cui

vengono evidenziati i seguenti aspetti:

• profilo della classe (n° alunni iscritti, informazioni sul curriculum di ciascun studente e regolarità del ciclo di

studi, alunni provenienti da altre scuole, alunni H, alunni stranieri, esito di prove di ingresso, bisogni rilevati,

casi particolari, patto di corresponsabilità );

• comportamenti comuni da assumere nei confronti della classe;

• programmazione di classe (obiettivi trasversali, strategie da mettere in atto per il loro conseguimento, moduli

interdisciplinari o codocenze, organizzazione degli interventi di recupero e di sostegno con modalità e tempi,

organizzazione degli interventi di approfondimento, progetti da attivarsi, attività integrative previste e coerenti

con il POF, visite di istruzione proposte, definizione dei carichi massimi di lavoro settimanale domestico,

definizione numero massimo prove sommative settimanali e giornaliere, strumenti di verifica formativa e

sommativa, valutazione e criteri comuni di valutazione e fattori che concorrono alla valutazione periodica e

finale);

• La definizione per ogni classe, tramite specifico piano di lavoro del docente, di quanto segue:

• profilo della classe (n° alunni iscritti, situazione di partenza con esito prove di ingresso, debiti formativi, alunni H,

alunni stranieri);

o bisogni rilevati;

o libri di testo;

o obiettivi trasversali individuati dal C.d.C.;

o traguardi formativi definiti, con obiettivi minimi didattici;

o programmazione modulare con obiettivi disciplinari, contenuti, strumenti, metodologie, tipologia di

verifiche, scansione temporale dei moduli ed U.D.;

o moduli interdisciplinari o codocenze

o eventuale programmazione individualizzata per gli alunni diversamente abili.

65


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7. MODELLO ORGANIZZATIVO

7.1 Scelte organizzativo–gestionali

Capitolo 7

L’Istituto, nell’ambito della propria strategia di rafforzamento e crescita, considera di primaria importanza la qualità del

servizio offerto e, per garantire un’attività scolastica regolare e ben organizzata, ritiene necessario definire al proprio

interno regole organizzativo-gestionali che indirizzino le attività del complesso dell’Istituto verso la massima

soddisfazione dei propri utenti.

7.2 Organigramma funzionale come da seguente diagramma

RSPP

Segreteria degli

Studenti

Segreteria

Amministrativa

Responsabili di

Laboratorio

Funzione

Amministrativa

Segreteria del

Personale

DSGA

Assistenti Tecnici

N.2 Collaboratori

Dirigente

Scolastico

Collaboratori

Scolastici

Dirigente

Scolastico

Responsabile

Qualità

66

Consiglio d’Istituto

Comitato di

Garanzia

Giunta Esecutiva

Funzioni

Strumentali

Comitato

valutazione servizio

Collegio Docenti

Responsabili

Progetto

Commissioni

Consiglio di Classe


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7.3 Organigramma nominale

ORGANIGRAMMA NOMINALE PERSONALE DIRIGENTE E DOCENTE

Funzione Area Nominativo

Dirigente Scolastico Giuseppina Battaglia

Collaboratore D.S. Orifici Giuseppe- Coffaro Giancarlo

RSPP Orifici Giuseppe

Responsabile privacy Giuseppina Battaglia

DSGA Ranzino Maria Teresa

Funzione 1

Cancilla Francesca

Funzioni Strumentali

Funzione 2

Funzione 3

Funzione 4

Funzione 5

Funzione 6

Vizzini Rosario

Castiglia Giovanni

Dispensa Rosario

Lombardo Caterina

Pilato Patrizia

Funzione 7 Moavero Marcella

Responsabili Progetti

Comitato valutazione

Progetti P.O.N. Orifici Giuseppe

servizio

Gallà R.- Di Galbo P- Cicio G. – Catania S.

Cicio Giuseppe – Piazza Salvatore ( Comp. Docenti)

Organo di Garanzia

Cangelosi Salvatrice ( Comp.Ata)

7.4 Organizzazione finalizzata alla formazione

(Per funzioni, responsabilità, compiti, profili professionali delle figure ed organi sotto elencati vedi paragrafo specifico)

DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

STAFF DI PRESIDENZA:

(Art.31 CCNL 24/07/2003)

1° Collaboratore Vicario Prof. Giuseppe Orifici

2° Collaboratore Prof. Giancarlo Coffaro

COLLEGIO DEI DOCENTI

FUNZIONI STRUMENTALI

Funzione 1 – Gestione del Piano dell’Offerta formativa (Prof.ssa Francesca Cancilla)

Funzione 2 – Assistenza ed orientamento agli studenti (Prof. Rosario Vizzini)

Funzione 3 – Interventi finalizzati alla formazione degli studenti (Prof. Giovanni Castiglia)

Funzione 4 – Sostegno al lavoro dei docenti (Prof. Rosario Dispenza)

Funzione 5 – Progettazione europea e monitoraggio dei progetti d’Istituto

(Prof. ssa Caterina Lombardo)

67


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Funzione 6 – Autoanalisi e autovalutazione d’Istituto (Prof.ssa Patrizia Pilato)

Funzione 7 – Gestione del sito Web e pubblicizzazione delle attività d’Istituto (Prof.ssa Marcella Moavero)

CONSIGLI DI CLASSE

DOCENTI

RESPONSABILI DI STRUTTURE E SERVIZI: FUNZIONIGRAMMA /NOMINIGRAMMA

RESPONSABILI STRUTTURE E SERVIZI

• Datore di lavoro (art. 2 comma 1b):

Dirigente Scolastico

Prof.ssa Giuseppina Battaglia

• Organigramma SICUREZZA

• Personale docente: • Personale non docente: • SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

- Orifici Giuseppe - Ranzino Maria Teresa - Responsabile

- Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

- Barreca Antonino

- Coffaro Giancarlo

- Licata Andrea

- Ed.Fisica e Sostegno e

Docenti d’ Istituto disponibili

- Dinolfo Giuseppe

- Chimento Salvatore

- Tutti i collaboratori scolastici

in servizio

- Ranzino Maria Teresa

- Tutti i collaboratori scolastici

in servizio

- Tutti gli assistenti tecnici in

servizio

• Personale docente:

Ferrante Gaetano ( Presidente)

Fiduccia Rosaria ( Componente)

• Personale Ata

Cangelosi Salvatrice

• Personale docente:

Ballistreri G. – Cannizzaro G. -Cicio G.- Cincotta N.- Gallà

R. – Sanfilippo M.- Vizzini R.-

• Personale Ata

da nominare

• Personale docente:

. Lombardo C. ( Referente)

Cincotta N. ( Componente)

• Personale docente: Di Galbo P. – Barreca A.

• Personale Ata: Mastrandrea A

• Personale docente: Di Galbo P. – Mazzola D.

• Personale Ata: Mastrandrea A

• Personale docente: Di Galbo P. – Barreca A.- Coffaro

G. – Orifici G. – R. Vizzini

68

- Addettii all’attuazione delle misure di prevenzione ,

incendi e lotta antiincendio

- Addetti all’attuazione delle misure di evacuazione in

caso di pericolo grave ed immediato e comunque di

emergenza

- Addetti alle misure di salvataggio e primo soccorso

COMMISSIONE ELETTORALE

COMMISSIONE EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’

COMMISSIONE ORIENTAMENTO IN USCITA

COMMISSIONE FORMAZIONE CLASSI

COMMISSIONE GRADUATORIE

COMMISSIONE RIFORMA DEI LICEI

• Personale docente: Bernard M. Chiara REFERENTE EDCAZIONE ALLA SALUTE E SERVIZIO

CIC


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• Personale docente: Stepkova H. ( coadiuvato dalla F.S. 5

Lombardo C.)

REFERENTE COORDINAMENTO VISITE GUIDATE

• Personale Ata: A. Cusimano

• Personale docente: Pilato P. REFERENTE COORDINAMENTO POF

• Personale docente: Glorioso N. REFERENTE TRINITY

• Personale docente: Fiduccia Antonina REFERENTE GRUPPO H

• Personale docente:

Dispensa R. ( coadiuvato F.S. 3 Castiglia G.)

COORDINATORI CONSIGLI DI CLASSE

Criteri di nomina dei Coordinatori di Classe da parte del Dirigente Scolastico:

1. Continuità nella stessa classe

2. Disponibilità del docente.

DOCENTI VERBALIZZANTI

Criteri di nomina dei Docenti Verbalizzanti da parte del Dirigente Scolastico:

1. Continuità nella stessa classe

2. Disponibilità del docente.

CLASSE

69

ESPERTO FORMATORE CONDUZIONE DEI CORSI

“PATENTINO”

DOCENTI COORDINATORI/DOCENTI VERBALIZZANTI CONSIGLI DI CLASSE

COORDINATORE C.d.C.

SEGRETARIO VERBALIZZANTE

I A Moscato Rosario Salvatore Piazza Maria Antonietta

II A Dispensa Rosario Tumminelli Antonino

III A Chiovari Maria Mazzola Domenica

IV A Cicio Giuseppe Randisi Velia

V A Cincotta Nunzia Fiduccia Antonina

I B Barreca Antonino Morana Lucrezia

II B Castiglia Giovanni Molica Nardo Franco

III B Barbera Giacinto Naselli Vera

IV B Gugliuzza Salvatore Moavero Marcella

V B Di Fatta Elvira Seri Giovanni

I C Pria Salvina Collerà Marcello Bonomo Pietro Rizzo Giuseppina

V C Gulino Annunziata Rinella Gianfranco

I D Oliva Arturo Di Lorenzo Sergio

II D Lombardo Caterina Sanfilippo Massimiliano

III D Vizzini Rosario Milone Atonia

IV D Coffaro Giancarlo Ferrante Gaetano

I S Glorioso Nadia Rubbino Gaetano

II S Gristina Giorgio Cannizzaro Gioacchino

III S Gallà Rosalba Sportaro Carmela

IV S Cascio Giovanna Fiduccia Rosaria

V S Orifici Giuseppe Bernard M. Chiara

IV T Pace Giovanella Pilato Patrizia

V T Arcidiacono Collerà Marcello


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

DOCENTI IN SERVIZIO PER MATERIA D’INSEGNAMENTO

Anno scolastico 2009-2010

COGNOME NOME

CLASSE DI

Concorso

1 AGLIOLO GALLITTO NICOLO` A022

2 ARCIDIACONO CARLO A010

3 ARSENA SERGIO D618

4 BADAGLIACCA PIETRO D616

5 BALLISTRERI GIOVANNI A021

6 BARBERA GIACINTO A018

7 BARRECA ANTONINO A050

8 BERNARD MARIACHIARA A029

9 BONOMO AGATA A050

10 BONOMO PIETRO LUCIO A049

11 BUFFA MARCELLO D616

12 CANCILLA FRANCESCA EH - AD03

13 CANNIZZARO GIOACCHINO A019

14 CASCIO GIOVANNA A013

15 CASTIGLIA GIOVANNI D616

16 CATANIA SEBASTIANO D602

17 CHIOVARI MARIA GIUSEPPA A060

18 CICIO GIUSEPPE A021

19 CINCOTTA NUNZIA A050

20 COFFARO GIANCARLO A061

21 COLLERA` MARCELLO D601

22 CONTE MAURO A018

23 DI FATTA PATRIZIA CONCETTA A004

24 DI FATTA ELVIRA MARIA A049

25 DI GALBO MARIA D618

26 DI GALBO PIETRO A050

27 DI LORENZO SERGIO A013

28 DI SIMONE ERNESTO D608

29 DI VINCENZO DANIELA A346

30 DISPENZA ROSARIO RELIGIONE

31 FERRANTE GAETANO ANTONIO A049

32 FIDUCCIA ANTONINA EH - AD03

33 FIDUCCIA ROSARIA A049

34 GALLA' ROSALBA A050

35 GIORDANO RITA A018

36 GLORIOSO NADIA MARIA A346

37 GRISTINA GIORGIO A018

38 GUGLIUZZA SALVATORE A018

39 GULINO ANNUNZIATA A010+D616

40 LICATA ANDREA D618

41 LOMBARDO CATERINA A050

70


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

42 LUPARELLO FORTUNATA EH - AD03

43 LUPO ANNALISA EH - AD02

44 MAGRO RITA A037

45 MALFATTORE CARMEN A029

46 MARANDANO ROSARIO RELIGIONE

47 MARANZANO NICOLETTA EH - AD04

48 MAZZOLA DOMENICA MARIA D605

49 MILONE ANTONIA A049

50 MOAVERO MARCELLA A061

51 MOLICA NARDO FRANCO A029

52 MORANA LUCREZIA EH - AD03

53 MOSCATO ROSARIO SALVATORE A050

54 NASELLI VERA A021

55 OLIVA ARTURO A018

56 OLLA' LOREDANA A050

57 ORIFICI GIUSEPPE A018

58 PACE GIOVANNELLA A049

59 PALUMBO CARMEN EH - AD01

60 PIAZZA MARIA ANTONIETTA A004

61 PIAZZA SALVATORE CARMELO A022

62 PILATO PATRIZIA EH - AD03

63 POLIZZANO MARIA RITA D605

64 PRIA SALVINA A010

65 QUADRIO ARIANNA A061

66 RANDISI VELIA EH - AD03

67 RASO GESUALDO LEONARDO A019

68 RIMI ELENA A060

69 RINELLA GIANFRANCO EH - AD03

70 RIZZO GIUSEPPA D602

71 RUBBINO GAETANO A061

72 RUSSO GERMANA A018

73 SANFILIPPO MASSIMILIANO D609

74 SERIO GIOVANNI EH - AD03

75 SPORTARO CARMELA A013

76 STEPKOVA HANA A018

77 TABONE MARIA ANNUNZIATA A006

78 TERRANOVA ROSA A022

79 TRIOLO EMILIO D601

80 TUMMINELLI ANTONINO A061

81 VIZZINI ROSARIO A006

1 GRISANTI

DOCENTI SUPPLENTI IN SOSTITUZIONE PERSONALE TITOLARE

ELISA (sost. Magro Rita) A037

71


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

I Consigli di Classe per l’a. s. 2009/ 10 sono così costituiti:

CONSIGLIO DI CLASSE - 1^ A (MERLETTO E RICAMO +DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA D’INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTE

LETTERE ITALIANE E STORIA MOSCATO SALVATORE

MATEMATICA DI FATTA ELVIRA

SCIENZE CHIOVARI MARIA GIUSEPPA

STORIA DELLE ARTI VISIVE TUMINELLI ANTONINO

DISCIPLINE PITTORICHE NASELLI VERA

DISCIPLINE PLASTICHE AGLIOLO GALLITTO NICOLO’

DISEGNO PROFESS. MERLETTO E RICAMO PIAZZA M. ANTONIETTA

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO MAZZOLA DOMENICA

DISEGNO GEOMETRICO RUSSO GERMANA

DISEGNO PROFESS. ARCHITETTURA GIORDANO MARIA RITA

LABORATORIO MODELLISTICA BADAGLIACCA PIETRO

LABORATORIO EBANISTERIA DI GALBO MARIA

TECNOLOGIA MERLETTO E RICAMO CASCIO GIOVANNA

TECNOLOGIA ARCHITETTURA SPORTARO CARMELA

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

CONSIGLIO DI CLASSE - 2^ A (MERLETTO E RICAMO +METALLI)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA MOSCATO SALVATORE

MATEMATICA E FISICA FIDUCCIA ROSARIA

SCIENZE CHIOVARI MARIA GIUSEPPA

STORIA DELLE ARTI VISIVE TUMMINELLI ANTONINO

DISCIPLINE PITTORICHE CICIO GIUSEPPE

DISCIPLINE PLASTICHE AGLIOLO GALLITTO NICOLO’

DISEGNO PROFESS. MERLETTO E RICAMO PIAZZA MARIA ANTONIETTA

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO POLIZZANO MARIA RITA

DISEGNO PROFESS. METALLI PRIA SALVINA

LABORATORIO CESELLO E SBALZO COLLERA’ MARCELLO

LABORATORIO MICROFUSIONE RIZZO GIUSEPPINA

TECNOLOGIA MERLETTO E RICAMO SPORTARO CARMELA

TECNOLOGIA METALLI CASCIO GIOVANNA

DISEGNO GEOMETRICO RUSSO GERMANA

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

72


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 3^ A (MERLETTO E RICAMO +METALLI)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA MOSCATO SALVATORE

MATEMATICA E FISICA FERRANTE GAETANO

SCIENZE CHIOVARI MARIA GIUSEPPA

STORIA DELLE ARTI VISIVE TUMINELLI ANTONINO

DISCIPLINE PITTORICHE CICIO GIUSEPPE

DISCIPLINE PLASTICHE AGLIOLO GALLITTO NICOLO’

DIS. PROFESSIONALE MERLETTO E RICAMO DI FATTA PATRIZIA

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO MAZZOLA DOMENICA

DISEGNO PROFESSIONALE METALLI GULINO ANNUNZIATA

LABORATORIO CESELLO E SBALZO TRIOLO EMILIO

LABORATORIO MICROFUSIONE CATANIA SEBASTIANO

TECNOLOGIA MERLETTO E RICAMO CASCIO GIOVANNA

TECNOLOGIA METALLI SPORTARO CARMELA

DISEGNO GEOMETRICO RUSSO GERMANA

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

CONSIGLIO DI CLASSE - 4^ A (MERLETTO E RICAMO+METALLI)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO MOSCATO SALVATORE

PROGETTAZIONE METALLI PRIA SALVINA

MATEMATICA E FISICA DI FATTA ELVIRA

CHIMICA CASCIO GIOVANNA

STORIA DELL’ARTE TUMINELLI ANTONINO

EDUCAZIONE VISIVA CICIO GIUSEPPE

PROGETTAZIONE MERLETTO E RICAMO DI FATTA PATRIZIA

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO POLIZZANO MARIA RITA

LABORATORIO METALLI COLLERA’ MARCELLO

LABORATORIO METALLI CATANIA SEBASTIANO

GEOMETRIA DESCRITTIVA GRISTINA GIORGIO

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE MARANDANO ROSARIO

DIRITTO ED ECONOMIA RASO GESUALDO

SOSTEGNO RANDISI VELIA

SOSTEGNO PILATO PATRIZIA

73


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 5^ A (MERLETTO E RICAMO + DIS ARCH)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA CINCOTTA NUNZIA

MATEMATICA E FISICA FERRANTE GAETANO

CHIMICA CASCIO GIOVANNA

STORIA DELL’ARTE TUMINELLI

EDUCAZIONE VISIVA AGLIOLO GALLITTO NICOLO’

PROGETTAZIONE MERLETTO E RICAMO PIAZZA MARIA ANONIETTA

PROGETTAZIONE ARCH. GRISTINA GIORGIO

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO POLIZZANO MARIA RITA

GEOMETRIA DESCRITTIVA GIORDANO RITA

DIRITTO-ECONOMIA RASO GESUALDO

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

LAB. MODELLISTICA BADAGLIACCA PIETRO

LAB. EBANISTERIA DI GALBO MARIA

RELIGIONE MARANDANO ROSARIO

SOSTEGNO FIDUCCIA ANTONINA

CONSIGLIO DI CLASSE - 1^ B (DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA BARRECA ANTONINO

MATEMATICA MILONE ANTONINA

SCIENZE CHIOVARI M. GIUSEPPA

STORIA DELLE ARTI VISIVE RUBBINO GAETANO

DISCIPLINE PITTORICHE BALLISTRERI GIOVANNI

DISCIPLINE PLASTICHE PIAZZA SALVATORE

DISEGNO PROFESS. ARCHITETTURA STEPKOVA HANA

LABORATORIO MODELLISTICA CASTIGLIA GIOVANNI

LABORATORIO EBANISTERIA ARSENA SERGIO

DISEGNO GEOMETRICO DI BENEDETTO

TECNOLOGIA DI LORENZO SERGIO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

74


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 2^ B (DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA CINCOTTA NUNZIA

MATEMATICA E FISICA MILONE ANTONINA

SCIENZE CHIOVARI M. GIUSEPPA

STORIA DELLE ARTI VISIVE MOAVERO MARCELLA

DISCIPLINE PITTORICHE BALLISTRERI GIOVANNI

DISCIPLINE PLASTICHE PIAZZA SALVATORE

DISEGNO PROFESS. ARCHITETTURA STEPKOVA HANA

LABORATORIO MODELLISTICA CASTIGLIA GIOVANNI

LABORATORIO EBANISTERIA ARSENA SERGIO

DISEGNO GEOMETRICO GUGLIUZZA SALVATORE

TECNOLOGIA DI LORENZO SERGIO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

SOSTEGNO MORANA LUCREZIA

SOSTEGNO FIDUCCIA ANTONINA

CONSIGLIO DI CLASSE - 3^ B (DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA OLLA’ LOREDANA

MATEMATICA E FISICA MILONE ANTONINA

SCIENZE CHIOVARI M. GIUSEPPA

STORIA DELLE ARTI VISIVE MOAVERO MARCELLA

DISCIPLINE PITTORICHE NASELLI VERA

DISCIPLINE PLASTICHE PIAZZA SALVATORE

DISEGNO PROFESS. ARCHITETTURA BARBERA GIACINTO

LABORATORIO MODELLISTICA CASTIGLIA GIOVANNI

LABORATORIO EBANISTERIA ARSENA SERGIO

DISEGNO GEOMETRICO GUGLIUZZA SALVATORE

TECNOLOGIA DI LORENZO SERGIO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

75


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE – 4^ B ( DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA CINCOTTA NUNZIA

MATEMATICA E FISICA FIDUCCIA ROSARIA

CHIMICA DI LORENZO SERGIO

STORIA DELL’ARTE MOAVERO MARCELLA

EDUCAZIONE VISIVA BALLISTRERI GIOVANNI

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA BARBERA GIACINTO

LABORATORIO MODELLISTICA CASTIGLIA GIOVANNI

LABORATORIO EBANISTERIA ARSENA SERGIO

GEOMETRIA DESCRITTIVA GUGLIUZZA SALVATORE

DIRITTO – ECONOMIA RASO GESUALDO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

CONSIGLIO DI CLASSE – 5^B (DIS. ARCHITETTURA + CER.)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA GALLA’ ROSALBA

MATEMATICA E FISICA DI FATTA ELVIRA

CHIMICA DI LORENZO SERGIO

STORIA DELL’ARTE MOAVERO MARCELLA

EDUCAZIONE VISIVA BALLISTRERI GIOVANNI

GEOMETRIA DESCRITTIVA GUGLIUZZA SALVATORE

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA BARBERA GIACINTO

LABORATORIO MODELLISTICA GULINO ANNUNZIATA

LABORATORIO EBANISTERIA ARSENA SERGIO

DIRITTO-ECONOMIA CANNIZZARO GIOACCHINO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

PROGETTAZIONE CERAMICA VIZZINI ROSARIO

LAB. CERAMICA FOGGIATURA SANFILIPPO MASSIMILIANO

LAB. CERAMICA DECORAZIONE DI SIMONE ERNESTO

SOSTEGNO SERIO GIOVANNI

SOSTEGNO PALUMBO CARMEN

76


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE – 1^C (METALLI)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA BARRECA ANTONINO

MATEMATICA E FISICA BONOMO AGATA

SCIENZE RIMI ELENA

STORIA DELLE ARTI VISIVE QUADRIO ARIANNA

DISCIPLINE PITTORICHE NASELLI VERA

DISCIPLINE PLASTICHE TERRANOVA ROSA

DISEGNO PROFESS. METALLI PRIA SALVINA

LABORATORIO CESELLO E SBALZO TRIOLO EMILIO

LABORATORIO MICROFUSIONE RIZZO GIUSEPPINA

DISEGNO GEOMETRICO GIORDANO RITA

TECNOLOGIA METALLI CASCIO GIOVANNA

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE MARANDANO ROSARIO

SOSTEGNO SERIO GIOVANNI

CONSIGLIO DI CLASSE – 5 ^C (METALLI)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA LOMBARDO CATERINA

MATEMATICA E FISICA FERRANTE GAETANO

CHIMICA SPORTARO CARMELA

STORIA DELL’ARTE TUMINELLI ANTONINO

ED VISIVA TERRANOVA ROSA

GEOMETRIA DESCRITTIVA GIORDANO RITA

PROGETTAZIONE METALLI GULINO ANNUNZIATA

LABORATORIO CESELLO E SBALZO COLLERA’ MARCELLO

LABORATORIO MICROFUSIONE CATANIA SEBASTIANO

DIRITTO-ECONOMIA RASO GESUALDO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

SOSTEGNO RINELLA GIANFRANCO

77


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 1^D (CERAMICA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA LOMBARDO CATERINA

MATEMATICA MILONE ANTONINA

SCIENZE RIMI ELENA

STORIA DELLE ARTI VISIVE ARCIDIACONO CARLO

DISCIPLINE PITTORICHE BALLISTRERI GIOVANNI

DISCIPLINE PLASTICHE TERRANOVA ROSA

DISEGNO PROFESS. CERAMICA TABONE MARIA

LABORATORIO DECORAZIONE CERAMICA DI SIMONE ERNESTO

LABORATORIO FORM. E FOGG. CERAMICA SANFILIPPO MASSIMILIANO

DISEGNO GEOMETRICO OLIVA ARTURO

TECNOLOGIA CERAMICA DI LORENZO SERGIO

EDUCAZIONE FISICA MALFATTORE CARMEN

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

SOSTEGNO MORANA LUCREZIA

SOSTEGNO LUPARELLO FORTUNATA

SOSTEGNO RANDISI VELIA

CONSIGLIO DI CLASSE - 2^D (CERAMICA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA LOMBARDO CATERINA

MATEMATICA E FISICA MILONE ANTONIA

SCIENZE RIMI ELENA

STORIA DELLE ARTI VISIVE COFFARO GIANCARLO

DISCIPLINE PITTORICHE NASELLI VERA

DISCIPLINE PLASTICHE TERRANOVA ROSA

DISEGNO PROFESS. CERAMICA TEBONE MARIA

LABORATORIO DECORAZIONE CERAMICA DI SIMONE ERNESTO

LABORATORIO FORM. E FOGG. CERAMICA SANFILIPPO MASSIMILIANO

DISEGNO GEOMETRICO CONTE MAURO

TECNOLOGIA CERAMICA DI LORENZO SERGIO

EDUCAZIONE FISICA MALFATTORE CARMEN

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

SOSTEGNO CANCILLA FRANCESCA

SOSTEGNO LUPO ANNALISA

78


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 3^D (CERAMICA + DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

LETTERE ITALIANE E STORIA LOMBARDO CATERINA

MATEMATICA E FISICA MILONE ANTONINA

SCIENZE RIMI ELENA

STORIA DELLE ARTI VISIVE QUADRIO ARIANNA

DISCIPLINE PITTORICHE BALLISTRERI GIOVANNI

DISCIPLINE PLASTICHE TERRANOVA ROSA

DISEGNO PROFESS. CERAMICA VIZZINI ROSARIO

LABORATORIO DECORAZIONE CERAMICA DI SIMONE ERNESTO

LABORATORIO FORM. E FOGG. CERAMICA SANFILIPPO MASSIMILIANO

DISEGNO PROFESS. ARCHITETTURA OLIVA ARTURO

LABORATORIO MODELLISTICA CASTIGLIA GIOVANNI

LABORATORIO EBANISTERIA DI GALBO MARIA

DISEGNO GEOMETRICO DI BENEDETTO GIUSEPPE

TECNOLOGIA CERAMICA DI LORENZO SERGIO

TECNOLOGIA ARCHITETTURA SPORTARO CARMELA

EDUCAZIONE FISICA MALFATTORE CARMEN

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

SOSTEGNO MARANZANO NICOLETTA

CONSIGLIO DI CLASSE - 4^ D (CE + DIS. ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA DI GALBO PIETRO

MATEMATICA E FISICA FERRANTE GAETANO

DIRITTO RASO GESUALDO

PROGETTAZIONE CERAMICA VIZZINI ROSARIO

STORIA DELL’ARTE COFFARO GIANCARLO

ED. VISIVA NASELLI VERA

CHIMICA DI LORENZO SERGIO

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA RUSSO GERMANA

DISCIPLINE GEOMETRICHE CONTE MAURO

LABORATORIO MODELLISTICA BADAGLIACCA PIETRO

LABORATORIO EBANISTERIA ARSENA SERGIO

LABORATORIO DECORAZIONE CERAMICA DI SIMONE ERNESTO

LABORATORIO FORM. E FOGG. CERAMICA SANFILIPPO MASSIMILIANO

79


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

SOSTEGNO RINELLA GIANFRANCO

SOSTEGNO MARANZANO NICOLETTA

CONSIGLIO DI CLASSE – 1^S

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA GALLA’ ROSALBA

MATEMATICA E INFORMATICA PACE GIOVANNELLA

INGLESE GLORIOSO NADIA

STORIA DELL’ARTE RUBBINO GAETANO

SCIENZE CHIOVARI M. GIUSEPPA

DIRITTO ED ECONOMIA CANNIZZARO GIOACCHINO

DISCIPLINE PITTORICHE CICIO GIUSEPPE

DISCIPLINE PLASTICHE PIAZZA SALVATORE

DISEGNO GEOMETRICO STEPKOVA HANA

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO POLIZZANO MARIA RITA

LABORATORIO ARCHITETTURA DI GALBO MARIA

LABORATORIO METALLI TRIOLO EMILIO

EDUCAZIONE FISICA MALFATTORE CARMEN

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

CONSIGLIO DI CLASSE - 2^ S

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA DI GALBO PIETRO

MATEMATICA E INFORMATICA PACE GIOVANNELLA

INGLESE GLORIOSO NADIA

STORIA DELL’ARTE COFFARO GIANCARLO

SCIENZE CHIOVARI MARIA GIUSEPPA

DIRITTO ED ECONOMIA CANNIZZARO GIOACCHINO

DISCIPLINE PITTORICHE CICIO GIUSEPPE

DISCIPLINE PLASTICHE AGLIOLO GALLITTO NICOLO’

DISEGNO GEOMETRICO GRISTINA GIORGIO

LABORATORIO MERLETTO E RICAMO POLIZZANO MARIA RITA

LABORATORIO ARCHITETTURA BADAGLIACCA PIETRO

LABORATORIO METALLI CATANIA SEBASTIANO

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

80


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

CONSIGLIO DI CLASSE - 3^ S (ARCHITETTURA + DIS IND.)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA GALLA’ ROSALBA

MATEMATICA E FISICA FIDUCCIA ROSARIA

INGLESE GLORIOSO NADIA

STORIA DELL’ARTE COFFARO GIANCARLO

CHIMICA SPORTARO CARMELA

FILOSOFIA GRISANTI ELENA

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA ORIFICI GIUSEPPE

PROGETTAZIONE METALLI ARCIDIACONO CARLO

LABORATORIO MODELLISTICA GULINO ANNUNZIATA

LABORATORIO EBANISTERIA LICATA ANDREA

GEOMETRIA DESCRITTIVA GRISTINA GIORGIO

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

LABORATORIO CESELLO E SBALZO TRIOLO EMILIO

LABORATORIO MICROFUSIONE RIZZO GIUSEPPINA

CONSIGLIO DI CLASSE - 4^ S (ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA DI GALBO PIETRO

MATEMATICA E FISICA FIDUCCIA ROSARIA

INGLESE GLORIOSO NADIA

STORIA DELL’ARTE COFFARO GIANCARLO

CHIMICA CASCIO GIOVANNA

FILOSOFIA GRISANTI ELENA

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA ORIFICI GIUSEPPE

LABORATORIO MODELLISTICA BUFFA MARCELLO

LABORATORIO EBANISTERIA LICATA ANDREA

GEOMETRIA DESCRITTIVA GUGLIUZZA SALVATORE

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

81


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 5^ S (ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA BARRECA ANTONINO

MATEMATICA E FISICA DI FATTA ELVIRA

INGLESE GLORIOSO NADIA

STORIA DELL’ARTE COFFARO GIANCARLO

FILOSOFIA GRISANTI ELENA

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA ORIFICI GIUSEPPE

LABORATORIO MODELLISTICA BUFFA MARCELLO

LABORATORIO EBANISTERIA LICATA ANDREA

GEOMETRIA DESCRITTIVA STEPKOVA HANA

EDUCAZIONE FISICA BERNARD MARIA CHIARA

RELIGIONE DISPENZA ROSARIO

CONSIGLIO DI CLASSE - 4^ T (DISEGNO INDUSTRIALE)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

STORIA CINCOTTA NUNZIA

ITALIANO BONOMO AGATA

MATEMATICA E FISICA PACE GIOVANNELLA

INGLESE DI VINCENZO DANIELA

STORIA DELL’ARTE MOAVERO MARCELLA

CHIMICA CASCIO GIOVANNA

FILOSOFIA GRISANTI ELENA

PROGETTAZIONE DISEGNO INDUSTRIALE ARCIDIACONO CARLO

LABORATORIO CESELLO E SBALZO COLLERA’ MARCELLO

LABORATORIO MICROFUSIONE CATANIA SEBASTIANO

GEOMETRIA DESCRITTIVA OLIVA ARTURO

DIS. GEOMETRICO GRISTINA GIORGIO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

LAB. MODELLISTICA BADAGLIACCA PIETRO

LAB. EBANISTERIA LICATA ANDREA

RELIGIONE MARANDANO ROSARIO

SOSTEGNO PILATO PATRIZIA

82


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO DI CLASSE - 5^ T (ARCHITETTURA)

MATERIA DI INSEGNAMENTO NOMINATIVO DOCENTI

ITALIANO E STORIA BARRECA ANTONINO

MATEMATICA E FISICA PACE GIOVANNA

INGLESE GLORIOSO NADIA

STORIA DELL’ARTE MOAVERO MARCELLA

FILOSOFIA GRISANTI ELENA

PROGETTAZIONE METALLI ARCIDIACONO CARLO

LABORATORIO METALLI COLLERA’ MARCELLO

LABORATORIO METALLI CATANIA SEBASTIANO

GEOMETRIA DESCRITTIVA OLIVA ARTURO

EDUCAZIONE FISICA MOLICA NARDO FRANCO

RELIGIONE MARANDANO ROSARIO

SOSTEGNO CANCILLA FRANCESCA

DOCENTI REFERENTI DEI PROGETTI

( vedi NOMINIGRAMMA nel capitolo AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA)

ORGANO DI GARANZIA

Componenti:


Dirigente Scolastico Prof.ssa Giuseppina Battaglia

2 Docenti Proff.: Cicio Giuseppe- Piazza Salvatore

-

7.5 Organizzazione finalizzata alla gestione

(Per funzioni, responsabilità, compiti, profili professionali delle figure ed organi sotto elencati vedi capitolo specifico)

DIRIGENTE SCOLASTICO:

Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

DIRETTRICE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI:

Dott.ssa Maria Teresa Ranzino

GIUNTA ESECUTIVA

Componenti:

PRESIDENTE: D.S. Giuseppina Battaglia

DIRETTORE D.S.G.A.: Maria Teresa Ranzino

DOCENTI: Orifici Giuseppe

NON DOCENTI: Calabrese Renato

GENITORI:

ALUNNI:

83


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO D’ISTITUTO

Componenti: Giuseppina Battaglia (Dirigente Scolastico)

Componente Docenti

Dispenza Rosario

Arcidiacono Carlo

Orifici Giuseppe ( Segretario)

Cicio Giuseppe

Gristina Giorgio

Componente Personale ATA Ranzino Maria Teresa

Componente Genitori

Componente Alunni

RSU

Barreca Antonino

Castiglia Giovanni ( Presidente)

Calabrese Renato

Lapunzina Gaetano

Di Maio Francesco

Mocciaro Riccardo

84


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7.6 Organizzazione finalizzata all’amministrazione

(Per funzioni, responsabilità, compiti, profili professionali delle figure ed organi sotto elencati vedi capitolo specifico)

DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI:

Sig.ra Ranzino Maria Teresa

SEGRETERIA

Settori:

- GESTIONE AMMINISTRATIVO-CONTABILE

- ALUNNI

- PERSONALE

7.7 Richiami su: profili, funzioni, compiti e responsabilità delle figure e organi del sistema scolastico

DIRIGENTE SCOLASTICO

“Si richiamano, risultando impossibile, anche per la sinteticità imposta dalla natura della presente trattazione, analizzare

con sufficiente dettaglio le connotazioni e le implicazioni giuridico-amministrative delle funzioni e delle responsabilità

intestate al dirigente della scuola, i contorni generali della figura dirigenziale. Essi portano in risalto, in relazione a quanto

la normativa (primaria, regolamentare e contrattuale) ha voluto espressamente disciplinare, le seguenti attribuzioni:

– la legale rappresentanza dell’istituzione scolastica;

– la titolarità delle relazioni sindacali interne;

– il compito di curare la "…gestione unitaria" ed il "...funzionamento generale" dell’istituzione scolastica, in tutte le

sue esplicazioni funzionali, finali o strumentali, di tipo organizzativo, didattico, amministrativo e contabile;

– l’esercizio di poteri di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane, da svolgere "…nel rispetto

delle competenze degli organi collegiali";

– il potere di adottare provvedimenti amministrativi di gestione delle risorse e del personale, con connessa "…

responsabilità della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio"

– il compito di predisporre "… gli strumenti attuativi del piano dell’offerta formativa";

– il compito di "…attivare i necessari rapporti con gli enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali

ed economiche operanti sul territorio" per l’attuazione del Piano dell’offerta formativa;

– l’obbligo di relazionare periodicamente al consiglio di circolo o al consiglio di istituto sulla direzione e il

coordinamento dell’attività formativa, organizzativa e amministrativa "…al fine di garantire la più ampia

informazione e un efficace raccordo per l’esercizio delle competenze degli organi della istituzione scolastica".

COLLEGIO DEI DOCENTI

“È il più importante tra gli organi collegiali della scuola, responsabile, dell’impostazione didattico-educativa, in rapporto

alle particolari esigenze dell’istituzione scolastica e in armonia con le decisioni del consiglio di circolo o di istituto. Se,

infatti, il consiglio di circolo o di istituto ha competenza in materia economica (approvazione del bilancio preventivo e del

conto consuntivo) e sui criteri per l’impiego dei mezzi finanziari e per l’organizzazione generale del servizio scolastico, il

collegio dei docenti ha l’esclusiva per quanto attiene agli aspetti pedagogico-formativi e all’organizzazione didattica e,

comunque, delibera autonomamente in merito alle attività di progettazione a livello d’istituto e di programmazione

educativa e didattica. Al collegio dei docenti competono:

– l’elaborazione del Piano dell’offerta formativa (P.O.F.);

– le deliberazioni su: programmazione educativa; adeguamento dei programmi d’insegnamento alle particolari

esigenze del territorio e del coordinamento disciplinare; iniziative per il sostegno di alunni handicappati e di figli

di lavoratori stranieri; innovazioni sperimentali di autonomia relative agli aspetti didattici dell’organizzazione

scolastica; piano annuale delle attività di aggiornamento e formazione;

– la scansione temporale ai fini della valutazione degli alunni

– l’adozione dei libri di testo, su proposta dei consigli di interclasse o di classe e scelta dei sussidi didattici;

– l’approvazione, quanto agli aspetti didattici, degli accordi con reti di scuole

85


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

– la valutazione periodica dell’andamento complessivo dell’azione didattica;

– le proposte per la formazione delle classi, assegnazione dei docenti e orario di lezioni;

– lo studio delle soluzioni dei casi di scarso profitto o di irregolare comportamento degli alunni, in collaborazione

con gli specialisti;

– i pareri sulla sospensione dal servizio di docenti;

– i pareri su iniziative per l’educazione alla salute e contro le tossicodipendenze;

– l’esercizio delle competenze in materia elettorale fino alla costituzione del consiglio di istituto;

– l’elezione dei propri rappresentanti nel consiglio di circolo o di istituto;

– l’elezione dei docenti che compongono il comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti;

– l’identificazione e attribuzione di funzioni strumentali al P.O.F.;

– la valutazione dello stato di attuazione dei progetti per le scuole situate nelle zone a rischio.

La c.m. n. 205/2000 ha precisato che al collegio docenti non spettano più competenze "gestionali" in senso stretto, ma

solo quelle riferibili a compiti connessi all’attività educativo-didattica.

Il collegio dei docenti è composto da tutti i docenti, in servizio nell’istituto, ed è presieduto dal capo di istituto; uno dei

collaboratori del capo di istituto, da lui designato, funge da segretario. Vi partecipano anche i supplenti temporanei,

limitatamente alla durata della supplenza, nonché i docenti di sostegno che assumono la contitolarità delle sezioni o

delle classi in cui operano. Nel caso di aggregazioni di più scuole secondarie superiori di diverso ordine e tipo, di sezioni

staccate e di sedi coordinate, viene costituito un unico collegio articolato in tante sezioni quante sono le scuole presenti

nella nuova istituzione.

Il collegio si riunisce ogni volta che il capo di istituto lo ritenga necessario o quando un terzo dei componenti ne faccia

richiesta, e comunque, una volta per ogni trimestre o quadrimestre. Per la validità delle adunanze è necessaria la

presenza della metà più uno dei componenti; le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta dei voti (in caso di

parità prevale il voto del presidente)”.

FUNZIONI STRUMENTALI

Ai sensi dell’art. 30 del CCNL 2002-2005, che prevede l’istituzione delle funzioni strumentali in sostituzione delle

FF.OO., il Collegio ha deliberato di istituire le seguenti n° 7 Funzioni Strumentali (compito della Commissione

all’uopo delegata è la definizione delle aree e competenze di ciascuna di esse).

Funzione 1 – Gestione del Piano dell’Offerta formativa

- Coordinamento delle attività del POF;

- Coordinamento della progettazione curricolare;

- Valutazione delle attività del piano;

- Supporto al Capo d’Istituto.

Funzione 2 – Assistenza ed orientamento agli studenti

- Accoglienza nuovi studenti;

- Coordinamento e gestione delle attività di continuità di orientamento e tutoraggio;

- Coordinamento dei rapporti tra scuola e famiglia;

- Educazione alla salute;

- Coordinamento delle attività di scuola-lavoro e di stage formativi;

- Coordinamento delle attività con la formazione professionale;

- Supporto al Capo d’Istituto.

Funzione 3 –Interventi finalizzati alla formazione degli studenti

- Coordinamento delle attività di compensazione, integrazione e recupero;

- Adempimenti obbligo formativo, monitoraggio della frequenza e del successo formativo;

- Interventi didattici educativi integrativi;

- Coordinamento delle attività di progettazione europea;

- Organizzazione dei corsi di patentino ed educazione stradale;

- Coordinamento sportello di consulenza e supporto agli alunni in difficoltà

- Supporto al Capo d’Istituto.

Funzione 4 – Sostegno al lavoro dei docenti

- Raccordo coordinatori dei Consigli di Classe;

- Raccolta e sistemazione della documentazione prodotta dai Consigli di Classe;

- Divulgazione regolamento di istituto – proposte, verifiche rispetto e rettifiche;

- Supporto nell’utilizzo delle nuove tecnologie;

- Ricerca documentaria e arricchimento modulistica d’Istituto;

- Supporto al Capo d’Istituto.

86


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Funzione 5 – Progettazione europea e monitoraggio dei progetti d’Istituto

- Supporta il DS e gli OOCC della scuola in tutte le iniziative che possano favorire un’ efficace ed

efficiente implementazione sul territorio delle opportunità offerte dalla cooperazione transnazionale, sia

sul campo dell’aggiornamento e della formazione del personale sia nella progettazione di interventi

destinati agli studenti;

- Funzione di consulenza organizzativa e gestionale per l’aggiornamento e la formazione del personale

docente sui temi della cittadinanza nazionale e transnazionale ( anche in chiave comparativa di sistemi

e di sottostimi didattico-organizzativi);

- Creazione di uno spazio (fisico o sul web ) e di occasioni di informazioni sui progetti dell’UE nella

prospettiva del Long life learning;

- Funzione di promozione e di consulenza sulla progettazione europea e sulle modalità e tempi di

accesso ai relativi finanziamenti;

- Rapporti con il territorio in tema di tutela e fruizione dei beni culturali e ambientali;

- Supporto alla commissione viaggi nella progettazione di stages e visite a Paesi dell’Unione Europea

e/o dell’area mediterranea;

- Curare l’avvio di eventuali rapporti esterni con Organismi Ufficiali pubblici e/o privati per la costruzione

di reti di collaborazione interistituzionali che favoriscono la condivisione di percorsi progettuali e lo

scambio delle esperienze pedagogiche didattiche e organizzative tra scuole di paesi che si affacciano

sul Mediterraneo;

Funzione 6 – Autoanalisi e Autovalutazione d’Istituto

- Predisposizione e somministrazione di strumenti per l’autoanalisi d’Istituto;

- Acquisizione e tabulazione delle informazioni;

- Diffusione dei risultati;

- Promozione e diffusione di norme e procedure finalizzate all’autoanalisi/autovalutazione d’Istituto;

- Supporto al Capo d’Istituto.

Funzione 7 – Gestione del sito WEB e pubblicizzazione dell’attività d’Istituto

- Aggiornamento periodico del sito web con informazioni relative a docenti, alunni e famiglie;

- Pubblicizzazione delle attività dell’Istituto;

- Contatti con i media;

- Redazioni di articoli;

- Rapporti con il provider di servizi ( anche per il rinnovo dell’affiliazione );

- Supporto al Capo d’Istituto;

CONSIGLI DI CLASSE

Programmazione didattico-educativa; verifiche e valutazioni in ingresso/itinere/finali; comunicazione con le famiglie;

organizzazione delle attività parascolastiche

DOCENTI: Area e funzioni

1. “La funzione docente si fonda sull’autonomia culturale e professionale dei docenti; essa si esplica nelle attività

individuali e collegiali e nella partecipazione alle attività di aggiornamento e formazione in servizio.”

2. “In attuazione dell’autonomia scolastica i docenti, nelle attività collegiali, elaborano, attuano e verificano, per gli

aspetti pedagogico – didattici, il piano dell’offerta formativa, adattandone l’articolazione alle differenziate esigenze

degli alunni e tenendo conto del contesto socio - economico di riferimento.”

3. “Il profilo professionale dei docenti è costituito da competenze disciplinari, pedagogiche, metodologico –

didattiche, organizzativo– relazionali e di ricerca, tra loro correlate ed interagenti, che si sviluppano col maturare

dell'esperienza didattica, l'attività di studio e di sistematizzazione della pratica didattica. I contenuti della

prestazione professionale del personale docente si definiscono nel quadro degli obiettivi generali perseguiti dal

sistema nazionale di istruzione e nel rispetto degli indirizzi delineati nel piano dell’offerta formativa della scuola."

RESPONSABILI DI STRUTTURE E SERVIZI

Hanno la responsabilità dei laboratori, delle attrezzature e strumentazioni in esse contenute; segnalano tutte le necessità

in ordine alla manutenzione ed all’acquisto dei materiali; segnalano gli interventi tecnici, di adeguamento e di

manutenzione ritenuti necessari a salvaguardare gli studenti e tutti gli operatori della Scuola.

87


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

COORDINATORI CONSIGLI DI CLASSE

Costituiscono il punto di riferimento della classe, per docenti e studenti. Curano l’azione formativa e culturale, la

realizzazione delle attività curriculari e verificano la congruenza didattica delle attività proposte (curriculari ed extracurriculari)

nel contesto della classe, segnalano eventuali problemi e/o disfunzioni, controllano la frequenza degli allievi

alle lezioni, informando, se necessario, le famiglie.

Sintesi dei compiti del Coordinatore:

1. Presiede, se delegato, i Consigli di Classe

2. Controlla mensilmente le assenze degli allievi e le annota sugli appositi modelli, segnalando al docente F.S.

incaricato di accertare l’assolvimento dell’obbligo scolastico e formativo, le ripetute assenze e, soprattutto, gli

abbandoni.

3. Riceve dai docenti le segnalazioni relative ai ritardi, assenze, mancate giustificazioni ed altri problemi riguardanti

singoli alunni o l’intera classe e prende gli opportuni provvedimenti (segnalazione alla famiglia, al docente funzionestrumentale

per i servizi agli allievi, al referente CIC, etc… Nei casi più rilevanti andrà coinvolto l’Ufficio di

Presidenza).

4. Raccoglie, custodisce e consegna in Vicepresidenza, alla fine dell’anno scolastico, la documentazione educativa

relativa alla classe: programmazione di classe, piani di lavoro individuali, relazioni finali, programmi svolti, griglie di

valutazione, etc….

5. Cura, con l’aiuto dei colleghi, la compilazione dei pagellini infraquadrimestrali e dei tabelloni dei voti quadrimestrali.

Consegna ai genitori i risultati periodici, durante gli specifici incontri.

6. Cura i rapporti con le famiglie degli alunni.

7. Coordina la predisposizione della documentazione relativa agli Esami di Stato.

8. Coordina la rilevazione delle situazioni di carenze, l’organizzazione degli interventi di potenziamento e recupero e la

relativa articolazione oraria, in raccordo con la Vicepresidenza.

9. Raccoglie i prospetti, raccordandosi con gli altri coordinatori.

10. Promuove e coordina, sentiti i colleghi coordinatori del corso, eventuali iniziative educative (visite guidate, viaggi di

istruzione, etc…) curandone, se necessario, gli aspetti organizzativi. .

11. Sensibilizza, unitamente agli altri docenti, gli allievi al rispetto delle regole comportamentali.

12. Supervisiona la compilazione e cura la corretta tenuta del registro dei verbali del Consiglio di Classe: è responsabile

rispetto alla correttezza formale e sostanziale del contenuto del verbale, controlla la presenza dei componenti del

Consiglio di Classe e segnala gli eventuali assenti, controlla le firme e provvede ad allegare gli eventuali documenti

citati a verbale.

In caso di assenza o impedimento del docente coordinatore le funzioni di quest’ultimo saranno assunte dal docente del

consiglio nominato dal dirigente scolastico

DOCENTI VERBALIZZANTI

Sintesi dei compiti del Segretario verbalizzante:

1. Redige il verbale in modo chiaro e ordinato.

2. Collabora con il Coordinatore ogniqualvolta sia necessario, in relazione alla redazione del verbale ed alla sua

completezza anche riguardo ai documenti da allegare, avendo cura, alla fine dell’anno scolastico, di sbarrare le

pagine del registro non utilizzate.

In caso di assenza o impedimento del docente verbalizzante le funzioni di quest’ultimo saranno svolte da altro dal

docente del consiglio nominato dal coordinatore.

DOCENTI REFERENTI DEI PROGETTI

Curano la realizzazione dei progetti e sono referenti dei rispettivi gruppi di lavoro.

Essi, oltre a curare le differenti fasi di avanzamento, predispongono le relazioni in itinere e finali sui rispettivi progetti ed

attività, curando, nel contempo, la compilazione delle schede di monitoraggio iniziale, in itinere e finale di loro pertinenza

per la valutazione finale da parte del Dirigente Scolastico e degli OO.CC.

ORGANO DI GARANZIA

Esamina i ricorsi in tema di sanzioni disciplinari.

88


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

E’ responsabile dei servizi di Segreteria, del personale ATA, dell’archivio degli atti, dell’inventario.

“Svolge attività lavorativa di rilevante complessità ed avente rilevanza esterna. Sovrintende, con autonomia operativa, ai

servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l’organizzazione svolgendo funzioni di coordinamento, promozione

delle attività e verifica dei risultati conseguiti, rispetto agli obiettivi assegnati ed agli indirizzi impartiti, dal personale ATA,

posto alle sue dirette dipendenze. Ha autonomia operativa e responsabilità diretta nella definizione e nell’esecuzione

degli atti a carattere amministrativo-contabile, di ragioneria e di economato, che assumono nei casi previsti rilevanza

anche esterna. Firma tutti gli atti di sua competenza*. L’espletamento delle funzioni sarà volto ad assicurare l’unitarietà

della gestione dei servizi amministrativi e generali della scuola in coerenza e strumentalmente rispetto alle finalità ed

obiettivi dell’istituzione scolastica, in particolare del piano dell’offerta formativa”.

* Dal CCNL 24 luglio 2003: “Nel profilo professionale del DSGA è scomparsa la responsabilità di "firma degli atti di

competenza" che comunque permane in ragione della rilevanza esterna delle funzioni attribuite alla figura. Al DSGA

infatti continua a competere la firma degli atti a carattere vincolato che non comportano valutazioni discrezionali

(certificati, attestati, dichiarazioni, ecc.). Compete inoltre la firma degli atti eventualmente delegati dal Dirigente

Scolastico.”

GIUNTA ESECUTIVA

1. “La giunta esecutiva predispone il bilancio preventivo e il conto consuntivo; prepara i lavori del consiglio di istituto,

fermo restando il diritto di iniziativa del consiglio stesso, e cura l'esecuzione delle relative delibere”.

2. “La giunta esecutiva ha altresì competenza per i provvedimenti disciplinari a carico degli alunni. Le deliberazioni

sono adottate su proposta del rispettivo consiglio di classe”.

3. “Contro le decisioni in materia disciplinare della giunta esecutiva è ammesso ricorso al provveditore agli studi che

decide in via definitiva sentita la sezione del consiglio scolastico provinciale avente competenza per il grado di scuola a

cui appartiene l'alunno”.

89


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CONSIGLIO D’ISTITUTO

1. “Il consiglio di istituto elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le forme di autofinanziamento”.

2. “Esso delibera il bilancio preventivo e il conto consuntivo e dispone in ordine all'impiego dei mezzi finanziari per

quanto concerne il funzionamento amministrativo e didattico dell'istituto”.

3. “Il consiglio di istituto, fatte salve le competenze del collegio dei docenti e dei consigli di intersezione, di

interclasse, e di classe, ha potere deliberante, su proposta della giunta, per quanto concerne l'organizzazione e la

programmazione della vita e dell'attività della scuola, nei limiti delle disponibilità di bilancio, nelle seguenti materie:

4. adozione del regolamento interno del circolo o dell'istituto che deve fra l'altro, stabilire le modalità per il

funzionamento della biblioteca e per l'uso delle attrezzature culturali, didattiche e sportive, per la vigilanza degli

alunni durante l'ingresso e la permanenza nella scuola nonché durante l'uscita dalla medesima, per la

partecipazione del pubblico alle sedute del consiglio;

5. acquisto, rinnovo e conservazione delle attrezzature tecnico-scientifiche e dei sussidi didattici, compresi quelli

audio-televisivi e le dotazioni librarie, e acquisto dei materiali di consumo occorrenti per le esercitazioni;

6. adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali;

7. criteri generali per la programmazione educativa;

8. criteri per la programmazione e l'attuazione delle attività parascolastiche, interscolastiche, extrascolastiche, con

particolare riguardo ai corsi di recupero e di sostegno, alle libere attività complementari, alle visite guidate e ai viaggi

di istruzione;

9. promozione di contatti con altre scuole o istituti al fine di realizzare scambi di informazioni e di esperienze e di

intraprendere eventuali iniziative di collaborazione;

10. partecipazione dell'istituto ad attività culturali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo;

11. forme e modalità per lo svolgimento di iniziative assistenziali che possono essere assunte dal circolo o

dall'istituto”.

12. “Il consiglio di istituto indica, altresì, i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all'assegnazione ad

esse dei singoli docenti, all'adattamento dell'orario delle lezioni e delle altre attività scolastiche alle condizioni

ambientali e al coordinamento organizzativo dei consigli di intersezione, di interclasse o di classe; esprime parere

sull'andamento generale, didattico ed amministrativo, dell'istituto, e stabilisce i criteri per l'espletamento dei servizi

amministrativi”.

13. “Esercita le funzioni in materia di sperimentazione ed aggiornamento”.

14. “Esercita le competenze in materia di uso delle attrezzature e degli edifici scolastici”.

15. “Delibera, sentito per gli aspetti didattici il collegio dei docenti, le iniziative dirette all’educazione della salute e

alla prevenzione delle tossicodipendenze”.

16. “Si pronuncia su ogni altro argomento attribuito dal testo unico, dalle leggi e dai regolamenti, alla sua

competenza”.

17. “Sulle materie devolute alla sua competenza, esso invia annualmente una relazione al provveditore agli studi e

al consiglio scolastico provinciale”.

Assistente amministrativo: Profilo professionale, funzioni

“Esegue attività lavorativa richiedente specifica preparazione professionale e capacità di esecuzione delle procedure

anche con l’utilizzazione di strumenti di tipo informatico. Ha autonomia operativa con margini valutativi nella

predisposizione, istruzione e redazione degli atti amministrativo-contabili dell’istituzione scolastica ed educativa,

nell’ambito delle direttive e delle istruzioni ricevute. Svolge attività di diretta e immediata collaborazione con il

responsabile amministrativo coadiuvandolo nelle attività e sostituendolo nei casi di assenza. Ha competenza diretta della

tenuta dell’archivio e del protocollo. Ha rapporti con l’utenza ed assolve i servizi esterni connessi con il proprio lavoro.

Nelle istituzioni scolastiche ed educative dotate di magazzino è addetto, con responsabilità diretta, alla custodia, alla

verifica, alla registrazione delle entrate e delle uscite del materiale e delle derrate in giacenza. Sull’introduzione di nuove

tecnologie, anche di tipo informatico, partecipa alle iniziative specifiche di formazione e aggiornamento. Può essere

addetto ai servizi di biblioteca e al controllo delle relative giacenze, nonché dello stato di conservazione del materiale

librario. Può svolgere: attività di coordinamento di più addetti inseriti in settori o aree omogenee; attività di supporto

amministrativo alla progettazione e realizzazione di iniziative didattiche, decise dagli organi collegiali”. *

* vedi nota profilo Assistente Tecnico

90


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Assistente tecnico: Profilo professionale, funzioni

“Esegue attività lavorativa, richiedente specifica preparazione professionale, conoscenza di strumenti e tecnologie anche

complessi, con capacità di utilizzazione degli stessi, nonché di esecuzione di procedure tecniche e informatiche. Svolge

attività di supporto tecnico alla funzione docente relativamente delle attività didattiche ed alle connesse relazioni con gli

studenti. Ha autonomia e responsabilità nello svolgimento del lavoro con margini valutativi, nell’ambito delle direttive e

delle istruzioni ricevute. È addetto alla conduzione tecnica dei laboratori, officine o reparti di lavorazione garantendone

l’efficienza e la funzionalità in relazione al progetto annuale di utilizzazione didattica, oppure alla conduzione e alla

manutenzione ordinaria degli autoveicoli utilizzati dall’istituzione scolastica per lo svolgimento di attività connesse alle

finalità formative. In questi ambiti provvede: alla preparazione del materiale e degli strumenti per le esperienze didattiche

e per le esercitazioni pratiche nei laboratori, officine e reparti di lavorazione o nelle aziende agrarie cui è assegnato,

garantendo, l’assistenza tecnica durante lo svolgimento delle stesse; al riordino e alla conservazione del materiale e

delle attrezzature tecniche, garantendo la verifica e l’approvvigionamento periodico del materiale utile alle esercitazioni

didattiche, in rapporto con il magazzino. Svolge attività di diretta e immediata collaborazione con l’Ufficio tecnico o

analoghi organismi anche in relazione agli acquisti di attrezzature tecnico-scientifiche e al loro collaudo. In relazione

all’introduzione di nuove tecnologie, nuove strumentazioni didattiche e progetti sperimentali partecipa alle iniziative

specifiche di formazione e aggiornamento. Può svolgere attività di coordinamento di più addetti operanti in settori,

indirizzi, specializzazioni ed aree omogenee”. *

* Dal CCNL 24 luglio 2003: “L’assistente amministrativo e tecnico vedono ridotte alquanto le loro funzioni perché

scompaiono da entrambi i profili "l’autonomia operativa con margini valutativi nella predisposizione del proprio lavoro", e

per l’assistente amministrativo i "rapporti con l’utenza e servizi esterni e l’attività di supporto amministrativo alla

progettazione e realizzazione di attività didattiche". Come si può ben capire dalle molteplici responsabilità e competenze

introdotte con l’autonomia delle istituzioni scolastiche tali funzioni essenziali non sono certo scomparse per queste

tipologie di operatori. “

Collaboratore scolastico: Profilo professionale e funzioni

“Esegue, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro,

attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono preparazione professionale non specialistica. È addetto ai

servizi generali della scuola con compiti d’accoglienza e di sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico; di

pulizia e di carattere materiale inerenti l’uso dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi; di vigilanza sugli alunni, di

custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici, di collaborazione con i docenti. In particolare svolge le seguenti

mansioni: sorveglianza degli alunni nelle aule, nei laboratori, nelle officine e negli spazi comuni, in occasione di

momentanea assenza degli insegnanti; concorso in accompagnamento degli alunni in occasione del loro trasferimento

dai locali della scuola ad altre sedi anche non scolastiche ivi comprese le visite guidate e i viaggi d’istruzione;

sorveglianza, anche notturna, con servizio di portineria, degli ingressi delle istituzioni scolastiche ed educative con

apertura e chiusura degli stessi, per lo svolgimento delle attività scolastiche e delle altre connesse al funzionamento

della scuola, limitatamente ai periodi di presenza di alunni; svolgimento delle mansioni di custode con concessione

gratuita di idonei locali abitativi; pulizia dei locali scolastici, degli spazi scoperti, degli arredi e relative pertinenze, anche

con l’ausilio di mezzi meccanici; servizi esterni inerenti la qualifica; ausilio materiale agli alunni portatori di handicap

nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche e nell’uscita da esse. In relazione alle esigenze emergenti nel

sistema formativo, con riguardo anche all’integrazione di alunni portatori di handicap e alla prevenzione della dispersione

scolastica, partecipa a specifiche iniziative di formazione e aggiornamento”. *

* Dal CCNL 24 luglio 2003: “Il collaboratore scolastico non trova più nell’elencazione delle proprie competenze "la

sorveglianza degli alunni in caso di momentanea assenza dei docenti", "il concorso in accompagnamento degli alunni in

occasione del loro trasferimento dai locali della scuola in altre sedi", "lo spostamento di suppellettili" ed i "servizi esterni".

Anche per questo caso nonostante tali competenze siano scomparse gli addetti dovranno comunque continuare a

svolgere tali prestazioni pena la disorganizzazione della scuola e dei vari servizi.”

91


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7.8 Formazione delle classi

I modelli didattico-organizzativi prevedono la ripartizione degli allievi per classi, secondo quanto stabilito dal Collegio

Docenti del 19 Febbraio 2008, in riferimento al Decreto Interministeriale e la Circolare Ministeriale n.° 19 I del 01

febbraio 2008, tenendo altresì in debita considerazione i seguenti criteri di formazione delle classi adottati dal Consiglio

d’Istituto:

distribuire, preliminarmente, gli alunni tra le classi in modo da garantire il mantenimento del numero di classi

indicato in organico di diritto per ogni indirizzo e per ogni sezione;

distribuire gli alunni delle classi prime che hanno prodotto domanda d’iscrizione alla classe prima entro i prescritti

termini tra le sezioni che saranno attivate tenendo conto, nei limiti del possibile, delle preferenze espresse per

quanto riguarda il corso di studi ordinamentale e sperimentale e la sezione d’indirizzo;

confermare, nelle stesse classi di provenienza (se saranno attivate) gli alunni in età dell’obbligo che in sede di

scrutinio finale dovessero risultare non ammessi alla classe successiva, fatta salva l’eventuale possibilità di

passaggio, su richiesta formalmente motivata dagli interessati da una classe all’altra della stessa sezione del

corso di studi già frequentato;

assicurare agli alunni ammessi a sostenere esami d’idoneità o integrativi per il passaggio da una sezione ad altra

di diverso indirizzo e che hanno superato i relativi esami, la possibilità di frequentare la sezione richiesta se i limiti

della consistenza numerica massima per la formazione della classe lo consentono;

operare la distribuzione degli alunni delle classi secondo i ben noti e consolidati criteri di equi-eterogeneità,

assicurando, nei limiti del possibile, in ogni classe: un’equilibrata presenza di alunni ed alunne; la costituzione di

gruppi di alunni tenendo conto della scuola e classe di provenienza; la formazione di un gruppo classe

rappresentato da un equilibrato numero di alunni per ognuna delle tre fasce di livello abitualmente utilizzate;

assegnare d’ufficio ad una o ad altra sezione d’indirizzo gli alunni che nella domanda d’iscrizione non hanno

indicato alcuna sezione o hanno espresso più preferenze, non escludendo tuttavia la possibilità di consentire il

passaggio dell’alunno dalla sezione inizialmente assegnatagli ad altra sezione ordinamentale o sperimentale,

previa verifica dell’effettive capacità ricettive della sezione d’indirizzo indicata successivamente e della

compatibilità con i vincoli di composizione della/e classe/i di detta sezione, in osservanza alla prioritaria esigenza

di garantire il mantenimento del numero di classi indicato in organico di diritto per ogni indirizzo e per ogni sezione;

accogliere, in funzione delle effettive capacità ricettive delle singole classi ed ai vincoli di composizione delle

stesse, nei limiti del possibile, le domande d’iscrizione pervenute tardivamente, assegnando gli alunni interessati

d’ufficio ad una o ad altra sezione d’indirizzo, secondo l’ordine di presentazione delle domande, tenendo conto, nei

limiti del possibile, delle preferenze eventualmente espresse dagli interessati;

ricorrere, nel caso in cui le domande d’iscrizione in una determinata sezione dovessero risultare in esubero o

comunque in numero tale da non consentire in sede dì adeguamento dell’organico di diritto alla situazione di fatto

lo sdoppiamento di una classe o la formazione di un’ulteriore classe nel rispetto della vigente normativa, al

sorteggio pubblico del numero degli alunni che possono essere assegnati alla classe della sezione prescelta,

individuati tra quelli che hanno presentato entro i termini la domanda d’iscrizione con l’indicazione della sezione, e

di assegnare d’ufficio i restanti alunni ad altra sezione in relazione alle disponibilità dei posti, fatta salva la facoltà

degli interessati di richiedere il nulla osta per il trasferimento presso altro istituto;

consentire, eccezionalmente, nella prima settimana delle lezioni del nuovo anno scolastico, agli alunni delle classi

prime ordinamentali che ne faranno richiesta scritta eventuali scambi consensuali, da una classe all’altra della

stessa o di diversa sezione;

consentire agli alunni delle classi seconde del corso sperimentale “Michelangelo” che all’atto della conferma

dell’iscrizione alla classe terza hanno scelto una sezione d’indirizzo che nell’anno scolastico 2007/2008 non sarà

istituita, di riformulare la scelta della sezione ed essere assegnati, compatibilmente con la disponibilità dei posti, ad

altra sezione dello stesso corso sperimentale prevista in Organico, ferma restando anche in questo caso la

92


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

possibilità, per coloro che ne faranno richiesta scritta entro la prima settimana delle lezioni del nuovo anno

scolastico, di consentire “scambi consensuali” da una classe terza al’altra sperimentale. In caso contrario

procedere d’ufficio distribuendo gli alunni in modo da formare classi terze sperimentali numericamente equilibrate,

privilegiando il mantenimento degli alunni nel corso sperimentale di cui hanno già frequentato il biennio;

garantire che l’assegnazione degli allievi in situazione di handicap alle classi avvenga secondo criteri che si

possono sintetizzare nella omogeneizzazione dell’eterogeneità di provenienza degli allievi e nell’equa distribuzione

nelle classi in relazione alle preferenze espresse all’atto dell’iscrizione;

costituire le classi che accolgono alunni in situazione di handicap non particolarmente grave possibilmente con

meno di venticinque iscritti, in relazione all’organizzazione complessiva dell’Istituto ed alla scelta di sezione

d’indirizzo espressa all’atto dell’iscrizione con riguardo alle attività formative previste, sia alla natura dell’handicap

e delle condizioni soggettive del singolo;

costituire le classi che accolgono alunni portatori di handicap in situazione di disagio e difficoltà d’apprendimento

particolarmente gravi, possibilmente con meno di venti iscritti, ove tale esigenza sia adeguatamente motivata nei

piani educativi individualizzati, con riguardo alle condizioni organizzative dell’Istituto.

7.9 Criteri per l’assegnazione delle classi ai singoli docenti

Il Dirigente Scolastico assegna le classi ai singoli docenti, tenuto conto della normativa che impone il completamento

dell’orario di cattedra fino alle diciotto ore, delle richieste pervenute tendenti ad ottenere l’assegnazione delle ore residue

in eccedenza all’orario di cattedra e seguendo, per quanto possibile e con possibilità di deroga, i seguenti criteri:

- conferma dei docenti stabilizzati;

- assegnazione delle classi ai docenti già operanti in questo istituto che facciano richiesta di stabilizzarsi su

cattedre resesi libere;

- assegnazione delle classi rimanenti ai nuovi docenti.

7.10 Completamento dell’orario di cattedra dei docenti

In base alla norma prevista dalla Legge Finanziaria 2002, che impone il completamento dell’orario di cattedra dei

docenti, il Dirigente Scolastico assegna le ore sulla base dei seguenti criteri di massima:

1 continuità nella stessa sezione.

7.11 Attribuzione delle ore residue

Le ore residue vengono attribuite dal Dirigente Scolastico per completamento ai docenti con orario inferiore a 18 ore e,

successivamente, a coloro che abbiano avanzato apposita domanda per le ore eccedenti l’orario di cattedra.

Criteri per l’attribuzione delle supplenze:

1) Ore a completamento cattedra:

- Docente della classe

- Docente del corso

- Docente della disciplina

- Docente a disposizione

2) Ore eccedenti

- Docente della classe

7.12 Attività alternative all’insegnamento della religione

Gli allievi che manifestano la volontà di non avvalersi dell’insegnamento della religione, dovranno essere impegnate in

attività di studio alternative. Il Consiglio di classe, tenuto conto del numero degli alunni che non si avvalgono

93


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

dell’insegnamento della religione, vaglierà la possibilità di scegliere l’attività alternativa (oggetto di valutazione),

compatibilmente con le esigenze didattico-organizzative dell’Istituto.

7.13 Insegnamento Educazione fisica

Il Collegio dei Docenti conferma l’insegnamento per classi.

7.14 Tutors docenti in anno di prova

Sono in anno di prova la Prof.ssa Cancilla Francesca (AD 03 Area Tecnica) che avrà come tutor la Prof.ssa Pilato

Patrizia, la Prof.ssa Luparello Fortunata (AD 03 Area Tecnica) che avrà come tutor la Prof.ssa Moavero Marcella, la

Prof.ssa Lombardo Caterina ( A 050 Lettere) che avrà come tutor il Prof. Barreca Antonino.

7.15 Criteri per la formazione di corsi e/o di attività di recupero

I corsi di recupero pomeridiani e le attività extracurricolari contemplano l’attuazione di gruppi costituiti da allievi

provenienti da classi parallele e/o diverse.

7.16 Durata oraria delle lezioni

Il Collegio, considerato l’alto tasso di pendolarità dell’utenza, considerato che già negli anni passati ripetutamente sono

state rivolte alle aziende di trasporto sollecitazioni, senza alcun esito, perché adeguassero l’orario dei mezzi di trasporto

all’orario scolastico di questo istituto, preso atto dell’impossibilità di conciliare l’ora di 60 minuti con le esigenze dei

numerosissimi studenti che utilizzano i mezzi pubblici, non avendo un’alternativa realisticamente praticabile, delibera di

adottare lo stesso orario dello scorso anno con la riduzione oraria per i quali non sussiste obbligo di recupero da parte

dei docenti, come da comma 5 – art. 3 – del regolamento sui curricoli dell’autonomia e da accordo di interpretazione

autentica del CCNL del 27.7.2000, che ribadisce i contenuti della C.M. 243/79 e 192/80 relativi alle cause di forza

maggiore che non comportano il recupero delle frazioni orarie.

La scansione dell’orario giornaliero è così articolata:

Ora Dalle Alle

I 8:20 9:10

II 9:10 10:00

III 10:00 10:50

IV 10:50 11:40

Pausa Didattica 11:40 12:00

V 12:00 12:50

VI 12:50 13:40

VII 13:40 14:30

VIII 14:30 15:20

IX 15:20 16:10

94


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7.17 Informazioni generali

7.17.1 Calendario scolastico 2009/2010

Data Orario Attività

01/09/08 Ore 9.00 Assunzione in servizio nuovi docenti

03/09/08 Ore 9.00 Collegio dei Docenti

04/09/08

05//09/08

08/09/08

ore 9.00 – 12.00

Gruppi disciplinari e materie affini

10/09/08 ore 9.00 – 12.00 Riunione preliminare dei Consigli di classe

11/09/08 Ore 8.20 Inizio lezioni per le classi III ordinamentali

12/09/2008 ore 9.00 – 12.00 Riunione commissione per la valutazione preliminare dei progetti

16/09/08 ore 14.30 Collegio docenti

17/09/08 08.20 Inizio lezioni per tutte le altre classi

Nel rispetto di quanto disposto dall’art. 74, 3° comma del D. Leg.vo 297 del 1994, relativo allo svolgimento di almeno 200

giorni di lezione, il Collegio dei Docenti delibera il calendario qui di seguito riportato:

Inizio lezioni delle terze classi ordinamentali: 11 Settembre 2009

Inizio lezioni per tutte le altre classi: 18 settembre 2009

Termine delle lezioni: 12 Giugno 2010

I Quadrimestre dal 18 Settembre 2009 al 02 Febbraio 2010 (100 giorni)

II Quadrimestre dal 03 Febbraio al 12 Giugno 2009 (100 giorni)

1. Sospensione dell’attività didattica

2 Novembre 2009

7 Dicembre 2009

dal 21 Dicembre 2009 al 6 Gennaio 2010 (vacanze natalizie)

24 Febbraio 2010

19 Marzo 2010

dal 01 al Aprile 2010 (vacanze pasquali)

1 Maggio 2010

15 Maggio 2010

2 Giugno 2010

95


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

2. Data di convocazione del Collegio Docenti:

Data di convocazione de Consigli di Classe

01 settembre 2009

14 settembre 2009

05 ottobre 2009

19 febbraio 2010

Seconda decade di maggio 2010

18 giugno 2009

Secondo le necessità.

Dal 06 al 13 Ottobre 2009

Dal 30 Novembre 2009 al 09 Dicembre 2009

Seconda o terza decade di gennaio 2010

( quinte classi)

Dal 10 al 17 Marzo 2010

Dal 03 al 10 Maggio 2010

Secondo le necessità.

Data scrutinio I° Quadrimestre

Dal 03 al 15 Febbraio 2010

Data scrutinio II° Quadrimestre

Dal 14 al 17 Giugno 2010

Elezioni scolastiche a. s. 2009/2010 ( giorno 29 Ottobre 2009 ) :

Elezioni per il rinnovo della componente alunni e della componente genitori dei

Consigli di Classe A.S. 2009/2010

Prospetto riassuntivo globale

Classe Rappresentanti alunni Rappresentanti genitori

1A Canciamilla Martina -

Aliberti Maria -

1B Guttilla Sergio Di Maio Giovanni

Testaiuti Silvia Battaglia Giuseppa

1C Fanile Antonio Leggio Margherita

Colombo Denise Anastasio

1D Liberto Elia -

Incognito Salvatore -

1S Palmeri Giovanni Cusimano Maria

Forestieri Arianna -

96


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Classe Rappresentanti alunni Rappresentanti genitori

2A Caruso Laura Urso Rosaria

Turdo Sonia -

2B Mancuso Fabio Traina Vincenza

Bifarella Morgana -

2D Castelli Giorgia Castelli Rosario

Sinitò Irene Culotta Concetta

2S Cipolla Renato -

Maniscalco Federica -

3A Buttadauro Mariangela Vitrano Michela

D’Amico Concetta -

3B Culotta Carmela Maranto Roberto

Lo Bello Dario -

3D Cangialosi Laura Brocato Atonia

Lo Verde Alessandra Galioto Giuseppa

3S Presti Sonia Calabrese Renato

Mazzola Anna -

4A Culotta Diego -

Vaccarino Valentina -

4B Orlando Luca -

Russo Marta -

4D Muscarella Giuseppina -

Bruscemi Gabriella -

4S Bisesi Valentina Calabrese Renato

Collosi Claudio -

4T Messina Concetta Maria De Pasquale

Biondo Monica -

5A Attanzio Pierluigi -

Città Carmela -

5B Gervasi Caterina Tumminello Patrizia

Parasiliti Ennio -

5C Morreale Federica -

Sausa Alessia -

5S Cimino Marialuisa -

Patti Giuliana -

5T Leba Alban Filippone Pino

Manno Mattia -

Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti d’Istituto alla Consulta Provinciale degli Studenti A.S. 2009/2010

Candidati eletti

Messina Concetta

Portera Giuseppe

97


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7.17.2 ORARI DI RICEVIMENTO

Il Dirigente Scolastico riceve:

Alunni

Il pubblico

98

Lunedì

Mercoledì

Venerdì

Martedì

Giovedì

La Vicepresidenza riceve il pubblico tutti i giorni dalle ore 9,30 alle ore 12,30.

La Segreteria riceve:

Alunni

Docenti ed utenza esterna

• INCONTRI SCUOLA – FAMIGLIA ( Collegiali)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Venerdì

Giovedì

Lunedì

Mercoledì

Venerdì

Data Ore Tipologia

09-10-12 Dicembre 2008

06-07-08 Aprile 2009

14,30- 18,00

14,30- 18,00

dalle ore 11,00 alle ore 12,00

dalle ore 10,00 alle ore 12,00

dalle ore 10,50 alle ore 12,00

e

dalle ore 13,40 alle 14,00

dalle ore 10,50 alle 12,00

e

dalle ore 16,10 alle 16,30

dalle ore 9,00 alle ore 11,00

Giovedì dalle ore 14,30 alle 16,00

Consegna pagellini infraquadrimestrali (1° quadr.)

Consegna pagellini infraquadrimestrali ( 2° quadr.)


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• INCONTRI SCUOLA – FAMIGLIA ( Indivuali)

Nei mesi in cui non è previsto alcun incontro collegiale con le famiglie, avrà luogo il ricevimento individuale per

un’ora alla settimana, nei mesi di Dicembre, Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile e Maggio, in orario

antimeridiano, ad opera di ciascun docente come risulta dal seguente calendario comunicato alle famiglie tramite

gli allievi:

Colloqui individuali del personale docente con i genitori degli alunni minorenni e con gli alunni maggiorenni.

Anno Scolastico 2009 – 2010

- terza settimana di dicembre 2009, da lunedì 14 a sabato 19;

- ultima settimana di gennaio 2010, da lunedì 25 a sabato 30;

- quarta settimana di febbraio 2010, da lunedì 22 a sabato 27;

- quarta settimana di marzo 2010, da lunedì 22 a sabato 27;

- quarta settimana di aprile 2010, da lunedì 19 a sabato 24;

- prima settimana di maggio 2010, da lunedì 03 a sabato 08.

N. Elenco Docenti Disponibilità orario

Cognome Nome

• Agliolo Gallitto Nicolò Martedì 3^ ora

• Arcidiacono Carlo Venerdì 3^ ora

• Arsena Sergio Lunedì 3^ ora

• Badagliacca Pietro Martedì 2^ ora

• Ballistreri Giovanni Martedì 3^ ora

• Barbera Giacinto Mercoledì 4^ ora

• Barreca Antonino Mercoledì 3^ ora

• Bernard Maria Chiara Sabato 3^ ora

• Bonomo Agata Sabato 2^ ora

• Bonomo Pietro Giovedì 3^ ora

• Buffa Marcello Sabato 3^ ora

• Cancilla Francesca Venerdì 3^ ora

• Cannizzaro Gioacchino Giovedì 4^ ora

• Cascio Giovanna Sabato 2^ ora

• Castiglia Giovanni Martedì 3^ ora

• Catania Sebastiano Lunedì 3^ ora

• Chiovari Maria Giuseppa Lunedì 2^ ora

• Cicio Giuseppe Mercoledì 3^ ora

• Cincotta Nunzia Lunedì 3 ^ ora

• Coffaro Giancarlo Giovedì 6^ora

• Collerà Marcello Mercoledì 3^ ora

• Conte Mauro Mercoledì 3^ ora

• Di Fatta Elvira Venerdì 3 ^ ora

• Di Fatta Patrizia Martedì 4^ ora

• Di Galbo Maria Sabato 2^ ora

• Di Galbo Pietro Martedì 2^ ora

• Di Simone Ernesto Venerdì 3^ ora

• Di Lorenzo Sergio Sabato 3^ ora

• Dispenza Rosario Sabato 3^ ora

• Di Vincenzo Daniela Giovedì 2^ora

• Ferrante Gaetano Antonio Sabato 2 ^ ora

• Fiducia Antonina Sabato 4 ^ ora

• Fiducia Rosaria Giovedì 3^ora

99


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• Gallà Rosalba Sabato 4 ^ ora

• Giordano Rita Sabato 4 ^ ora

• Glorioso Nadia Venerdì 5^ ora

• Gristina Giorgio Sabato 2^ ora

• Gugliuzza Salvatore Martedì 2^ ora

• Gulino Annunziata Giovedì 5^ora

• Licata Andrea Mercoledì 3^ ora

• Lombardo Caterina Venerdì 2^ ora

• Luparello Fortunata Venerdì 6^ ora

• Lupo Annalisa Giovedì 6^ora


Magro ( sost. Grisanti

Elisa)

Rita Sabato 2^ ora

• Malfattore Carmen Venerdì 3^ ora

• Marandano Rosario Mercoledì 2^ ora

• Maranzano Nicoletta Mercoledì 3^ ora

• Mazzola Domenica Lunedì 3^ ora

• Milone Atonia Sabato 2^ ora

• Moavero Marcello Lunedì 3^ ora

• Molica Franco Giovedì 5^ora

• Morana Lucrezia Lunedì 6^ ora

• Moscato Rosario Salvatore Sabato 5^ ora

• Naselli Vera Venerdì 3^ ora

• Oliva Arturo Martedì 4^ ora

• Ollà Loredana Giovedì 3^ora

• Orifici Giuseppe Mercoledì 5^ ora

• Pace Giovannella Lunedì 3^ ora

• Piazza Maria Antonietta Venerdì 3^ ora

• Piazza Salvatore Giovedì 6^ ora

• Pilato Patrizia Sabato 1 ^ ora

• Polizzano Maria Rita Sabato 5 ^ ora

• Pria Salvina Sabato 3 ^ ora

• Quadrio Arianna Sabato 4 ^ ora

• Raso Gesualdo Mercoledì 4^ ora

• Randisi Velia Martedì 4^ ora

• Rimi Elena Martedì 5^ ora

• Rinella Gianfranco Venerdì 2^ ora

• Rizzo Giuseppina Giovedì 5^ ora

• Rubino Gaetano Venerdì 3^ ora

• Russo Germana Venerdì 3^ ora

• Sanfilippo Massimiliano Lunedì 6^ ora

• Serio Giovanni Venerdì 4^ ora

• Sportaro Carmela Giovedì 2^ ora

• Stepkova Hana Martedì 4^ ora

• Tabone Maria Giovedì 3^ ora

• Terranova Rosa Sabato 4^ ora

• Tumminelli Antonino Giovedì 2^ ora

• Triolo Emilio Giovedì 6^ ora

• Vizzini Rosario Giovedì 3^ ora

100


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

7.17.3 Orari /Biblioteca

Tutti gli allievi ed il personale della Scuola possono usufruire delle pubblicazioni esistenti presso la Biblioteca d’Istituto,

nel rispetto del Regolamento inerente la consultazione e/o il prestito, e secondo il seguente orario:

AULA MAGNA

GIORNO Dalle alle

Lunedì 10,00 13,00

Martedì 09,00 12,00

Mercoledì 10,00 13,00

Giovedì

09,00

14,30

101

12,00

15,30

Venerdì 10,00 13,00

L’uso dell’Aula Magna è autorizzato dalla Vicepresidenza, su richiesta dell’insegnante interessato.


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Capitolo 8

8. PIANIFICAZIONE ATTIVITA’

Le attività scolastiche e quelle di integrazione del curriculum sono orientate verso il raggiungimento di obiettivi comuni e,

quindi, i risultati di entrambe devono essere verificati congiuntamente con cadenza periodica.

Tutto per offrire agli alunni una concreta possibilità di scelta e di sviluppo delle proprie capacità in funzione del cammino

scolastico personale e di eventuali relative difficoltà non soltanto inerenti alla didattica, ma anche di altra natura.

Per la realizzazione di un progetto formativo che risponda al ventaglio dei bisogni formativi, che siano essi impliciti,

espliciti e/o latenti, la Scuola mira all’ampliamento/arricchimento della propria offerta formativa, aumentandone, nel

contempo, l’efficacia e l’efficienza con la qualificazione dei processi didattici, delle metodologie, dell’organizzazione, per

la costruzione di un sempre migliore ambiente di apprendimento e di relazione per gli allievi.

Le sottoelencate attività previste nel Piano Annuale dell’offerta formativa integrativa ed aggiuntiva dell’ I.S.A Diego

Bianco Amato saranno attuate compatibilmente con la disponibilità di risorse finanziarie da parte della Scuola.

L’elenco che segue mostra, in sintesi, il piano annuale dell’offerta formativa integrativa ed aggiuntiva della scuola per

l’anno scolastico 2008/2009, le caratteristiche e gli obiettivi specifici, le classi destinatarie, tempi di realizzazione previsti,

orari, se curriculari od extra-curriculari, tipologia finanziamenti, docenti referenti di ciascun progetto e/o attività.

8.1 Portfolio Progetti extracurriculari

LEGENDA

Per rendere più agevole la individuazione

della classe interessata

OFFERTA FORMATIVA ALLIEVI

Il simbolo B indica destinatarie le classi I e II B

Il simbolo T indica destinatarie le classi III, IV e V T

1 T PROGETTO PAESE 2009

Contenuti: Progettazione di arredo urbana per migliorare l’aspetto artistico e urbanistico della frazione di Sant’Ambrogio

Obiettivi:

1. Produzione di mini progetti sostenibili di arredo urbano

2. Coinvolgimento attivo degli alunni nelle attività disciplinari di indirizzo

3. Costituzione di un team di docenti con competenze trasversali per un contributo fattivo

Destinatari: le classi 4° e 5° dei corsi ordinamentali e sperimentali

Diritto al credito scolastico: si

Tempi: come da progetto – due fasi da ottobre a maggio

Referente: Prof.C. Arcidiacono

2 B/T OPEN DAY

Contenuti: Attività di orientamento per gli alunni delle classi terze delle scuole medie

Obiettivi:

1. Rendere visibile il percorso formativo della scuola alle famiglie e al territorio

2. Valorizzare il ruolo dell’istituto come principale attore formativo nel campo dell’arte, dell’artigianato e del design

3. Realizzazione di una mostra con i manufatti di tutti i laboratori

Destinatari: tutti gli allievi delle scuole medie che afferiscono nel territorio

Tempi: 24 gennaio e 21 febbraio 2010 dalle ore 9,00 alle ore 14,00

Diritto al credito scolastico: no

Referente: prof. Rosario Vizzini

102


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

3 T WORKSHOP

Contenuti: Esperienza formativa didattica attraverso la progettazione

Obiettivi:

Condurre gli studenti verso un ruolo attivo nella progettazione

Sviluppare capacità di analisi di sintesi e di critica nell’ambito della progettazione

Acquisire le strategie necessarie per la riqualificazione di un sito urbano

- Simulazione della seconda prova scritto-grafica dell’Esame di Stato

Destinatari: alunni delle 5° classi

Tempi: come da progetto: marzo 2010 10 ore

Diritto al credito scolastico: sì

Referente: Prof. G. Barbera

4 T UN TEATRO PER LA SCUOLA

Contenuti: Far conoscere attraverso l’attività teatrale e cinematografica l’autore rappresentato

Obiettivi:

1. Creare uno spazio espressivo per promuovere la creatività e la socializzazione attraverso la rappresentazione teatrale e

cinematografica

Destinatari: tutti gli alunni delle 4° e 5°

Tempi: come da progetto - durante tutto l’anno scolastico - orario antimeridiano e pomeridiano

Diritto al credito formativo: sì

Referente: Prof. A. Barreca- Prof. P. Di Galbo

5 B/T CREIAMO ARTE

Contenuti: Realizzazione di manufatti ideati e progettati dagli alunni guidati dai diversi insegnanti di progettazione e di

laboratori per valorizzare le risorse laboratoriali e farle conoscere all’esterno

Obiettivi:

1. Progettare e realizzare un prototipo e saper scegliere la forma e le dimensioni più adatte

2. Favorire la collaborazione con altre utenze e diverse fasce d’età

3. Orientamento in entrare e diminuzione della dispersione scolastica

Destinatari: 1°- 2°- 3°- 4°- 5° ordinamentale

Tempi: come da progetto: h 203 orario antimeridiano e pomeridiano.

Diritto al credito scolastico: no

Referente: Prof.ssa P. Di Fatta

6 B/T SPORT INSIEME

Contenuti

1. Favorire l’interazione degli alunni attraverso i giochi di squadra

Obiettivi:

1. Fare acquisire agli alunni il rispetto delle regole

2. Far superarte eventuali blocchi psicologici

3. Ridurre i fenomeni disgregativi

Destinatari: alunni di tutte le classi

Tempi: come da progetto – da ottobre 2009 a maggio 2010

Diritto al credito formativo: sì

Referente: Prof. F. Molica Nardo

7 B/T SALUTE OGGI...........BENESSERE DOMANI

Contenuti: Promozione della salute psicofisica

Obiettivi:

1. Ridurre il disagio giovanile

2. Decremento dei fenomeni di dipendenza

Destinatari: tutte le classi

Tempi: da definire

Diritto al credito scolastico: sì

Referente: Prof. C.Bernard

103


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

8 B/T PROGETTO PLAY ENERGY

Contenuti: Promuovere l’interesse verso il patrimonio ambientale comune.

Obiettivi:

1. Sviluppare una coscienza ecologica attraverso la conoscenza scientifica delle varie fonti energetiche

2. Stimolare l’attenzione degli alunni verso le tematiche ambientali

3. Acquisire coscienza della crisi eco-sistemica planetaria e delle politiche globali e territoriali

Destinatari: tutte le classi

Tempi: gennaio-maggio 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Caterina Lombardo

9 B/T REALIZZAZIONE DEL GONFALONE DI CASTELBUONO

Contenuti: Progettazione ed esecuzione del gonfalone con l’utilizzo delle varie tecniche di decorazione del tessuto.

Obiettivi:

1 Favorire la capacità di acquisire competenze professionali attraverso la progettazione assistita

2 Sviluppare l’operatività pratica nelle tecniche di decorazione del tessuto

3 Diffusione dell’immagine dell’istituto sul territorio

Destinatari: quinte sezione merletto e ricamo

Tempi: febbraio-maggio 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Domenica Mazzola

10 B/T PROGETTO CARNEVALE

Contenuti: Organizzazione e creazione di un gruppo mascherato per il carnevale termitano,con la realizzazione dei costumi e

delle maschere

Obiettivi:

1 Acquisizione degli elementi necessari alla progettazione e alla realizzazione di maschere carnacialeshe

2 Sviluppo della creatività e della applicazione delle varie tecniche artistiche e dei mezzi espressivi

3 Promuovere arte di qualità con un approccio ludico

Destinatari: tutte le classi

Tempi: dicembre-febbraio 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Marcella Moavero

11 B/T PROGETTO CITTADINO DI UN MONDO CHE CAMBIA…

Contenuti: Sviluppare la cultura del benessere attraverso la conoscenza delle strutture sanitarie del territorio.

Obiettivi:

1 Fare acquisire agli alunni comportamenti corretti e adeguati stili di vita

2 Sensibilizzare gli alunni sulla prevenzione di varie patologie

3 Realizzazione di documentazione audio- video,prodotti artistici e kit del benessere

Destinatari: tutte le classi per la formazione. Partecipazione ai vari step per gruppi di interesse

Tempi: novembre 2009-maggio2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Caterina Lombardo

12 B/T PROGETTO “PARAMENTI SACRI DELLA TRADIZIONE MADONITA

Contenuti: Restauro di uno stendardo della cappella di S. Anna a Castelbuono .

Obiettivi

1 Fornire agli studenti la conoscenza delle tecniche usate per realizzare un lavoro di restauro conservativo

2 Assicurare ai giovani una proposta formativa dal carattere educativo,culturale e professionale che faccia acquisire una

qualifica professionale nel campo del restauro del tessuto

Destinatari: tutte le classi

Tempi: febbraio-maggio 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Domenica Mazzola

104


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

13 T PROGETTO QUADERNI D’ISTITUTO

Contenuti: Produzione e pubblicazione di un “Quaderno d’istituto”in cui saranno inseriti,previa selezione,lavori svolti nel

corso dell’anno scolastico

Obiettivi:

1 Rendere visibile, attraverso la pubblicazione di una rivista annuale, le attività legate alla ricerca e alla didattica svolte in

istituto.

2 Divulgare le potenzialità artistiche e culturali e promuovere il percorso formativo della scuola

3 Bisogno di non disperdere le attività che contribuiscono a far crescere e conoscere la scuola nel territorio

Destinatari: 3B-4B-5B-4T-5T-3D-4D-3S

Tempi: tutto l’arco dell’anno scolastico

Diritto al credito scolastico: no

Referente: Prof.ssa Marcella Moavero

14 B/T PROGETTO VARCHI

Contenuti: Valorizzazione dei siti archeologici locali.

Obiettivi:

1 Favorire l’inclusione sociale delle fasce deboli

2 Individuazione di strategie per favorire la fruizione dei siti archeologici a specifici target groups

3 Diffondere la conoscenza del patrimonio culturale locale per favorire un senso di appartenenza che contrasti I fenomeni

di emarginazione

Destinatari: tutti gli alunni diversamente abili

Tempi: ottobre-novembre-dicembre 2009

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Velia Randisi

15 B/T PROGETTO ART AND EAT

Contenuti: Sviluppare la cultura del benessere attraverso la conoscenza dell’importanza nutritiva degli alimenti.

Obiettivi:

1 Promuovere sane abitudini alimentari

2 Fare acquisire corretti stili di vita

3 Realizzazione di semplici ricette per meglio comprendere il diverso valore nutritivo degli alimenti

Destinatari: tutti gli alunni diversamente abili

Tempi: febbraio-maggio 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa Caterina Lombardo

16 B PROGETTO A SCUOLA DI COSTITUZIONE

Contenuti: Promuovere la conoscenza delle norme costituzionali.

Obiettivi:

1 Esprimere i valori contenuti nella Costituzione attraverso i diversi mezzi espressivi grafico-pittorici e verbali

2 Educare al rispetto delle regole

3 Sviluppare le competenze civiche e percorsi di cittadinanza attiva

Destinatari: 2 S

Tempi: novembre 2009-maggio 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.G.Cannizzaro-Prof.G.Cicio

17 B/T PROGETTO EUCAZIONE ALLA LEGALITA’

Contenuti: Promuovere l’acquisizione del concetto di legge come regola di convivenza e come cultura di un popolo.

.Adesione a due progetti dell’ Associazione “ LIBERA “.

Obiettivi:

1 Educare alla cittadinanza attiva, alla convivenza civile e alla legalità

2 Educare al rispetto delle regole

3 Promuovere la legalità attraverso la conoscenza delle varie realtà istituzionali che operano nella società

Destinatari: partecipazione per gruppi di interesse

Tempi: intero anno scolastico

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof.ssa N. Cincotta - Prof. G. Cannizzaro

105


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

18 B/T PROGETTO COUNSELING

Contenuti: Contribuire ad un armonico sviluppo psico-fisico degli alunni

Obiettivi:

1 Prevenzione del disagio sociale,psicologico e relazionale

2 Acquisizione di modelli comportamentali funzionali all’inserimento scolastico

3 Sostegno per problematiche di vario tipo

Destinatari: tutte le classi

Tempi: dicembre-maggio

Diritto al credito scolastico: no

Referente:

19 B/T PROGETTO SPORTELLO DIDATTICO

Contenuti: Attività di consulenza e di supporto agli alunni.

Obiettivi:

1 Acquisizione di un metodo di studio consapevole da trasferire per la conoscenza dei vari contenuti disciplinari

4. Favorire lo sviluppo cognitivo dell’alunno supportandolo con adeguate strategie che sviluppino la sua motivazione ad

apprendere per garantire il successo scolastico

5. Fornire agli studenti percorsi individualizzati che rispettino gli stili cognitivi ed i personali ritmi di apprendimento

Destinatari: tutte le classi

Tempi: gennaio-aprile 2010

Diritto al credito scolastico: no

Referente: Prof. Giovanni Castiglia

20 B/T PROGETTO L’AUTONOMIA NELLO STATUTO DELLA REGIONE SICILIANA

Contenuti: L’Autonomia nello Statuto della Regione Siciliana

1 Incrementare il livello di conoscenza e competenza sull’organizzazione amministrativa della nostra Regione e sulla sua

speciale autonomia.

Obiettivi:

1 Acquisizione delle conoscenze necessarie per comprendere il percorso socio-politico che ha determinato la nascita

dell’autonomia statutaria nella nostra Regione

Destinatari: tutte le classi

Tempi: gennaio-aprile 2010

Diritto al credito scolastico: si

Referente: Prof. Giancarlo Coffaro

• Adesione della Scuola al progetto F.A.R.O. in rete di scuole della Regione per l’ Autoanalisi d’Istituto

• Adesione al progetto Europa dell’Istituzione ( ex Spazio 22 Sicilia) ,che ha per oggetto lo sviluppo di

azione, di formazione e di ricerca didattica sui temi di cittadinanza attiva ed europea.

• Adesione al corso di formazione Alternanza Scuola-Lavoro , che intende promuovere la conoscenza della

normativa che disciplina i progetti di alternanza scuola-lavoro , come strumento di contrasto di abbandono di

scolastico e di disagio giovanile.

• Adesione al concorso “ Create the future of Sibeg”: potresti essere tu l’artista autore della prossima

bottiglia speciale di Coca-Cola .

• Adesione al Concorso Play Energy (Energia in gioco),iniziativa Energiaper,

• Adesione alla Rassegna Teatrale che si svolgerà nel Teatro di Pollina

• Adesione alla “Giornata dell’Arte”. L’iniziativa tende a rendere visibile nel territorio l’Istituto Statale d’Arte di

Cefalù ed è diretta a far conoscere le peculiarità del percorso formativo della scuola.

• Adesione alle Olimpiadi di Matematica senza frontiere 2009-10

• Adesione con le scuole in Rete, che aderiscono alla “ Manifestazione di interesse per la realizzazione di

piani integrati atti a garantire il successo formativo e scolastico degli studenti che si trovano in situazione di

disabilità o a rischio di marginalità sociale”

106


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• Seminario sulle tecniche cinematografiche, rivolto agli alunni delle V° classi e alla IV° del corso

sperimentali, tenuto dal Prof. Domenico Aiello il giorno 10 Ottobre 2009 nell’Aula Magna dell’I.S.A.

• Accordo con il C.O.T. ( Centro di Orientamento e Tutoraggio) per attivare un osservatorio per il territorio di

Orientamento Universitario .

• Accordo con Archeoclub d’Italia d’intesa con il Museo Mandralisca per l’attivazione e partecipazione al

progetto “VARCHI”, avente per oggetto la realizzazione di ceramiche da parte degli alunni diversamente abili

dell’I.S.A. per renderli fruibili ai non cedenti e/o agli ipovedenti, attraverso la percezione aptica.

• Accordo con il Sert per l’attivazione del progetto :”La mia vita la scelgo io”

• Accordo con il Comune di Termini Imerese per partecipare alla manifestazione del Carnevale Termitano

2010 con un gruppo mascherato.

• Accordo con il Comune di Castelbuono per il restauro dello stendardo di S.Anna e per la realizzazione di un

gonfalone

• Accordo con l’Associazione Libera per sviluppare una coscienza civica negli studenti all’interno del percorso

progettuale di Educazione alla legalità.

• Adesione all’osservatorio dell’area sulla dispersione scolastica Distretto di Cefalù: la costituzione della

rete di scuole aderenti all’osservatorio intende costituire una banca dati per arginare il fenomeno della

dispersione scolastica.

8.1.1. Protocolli d’intesa

La realizzazione delle attività formative ha come presupposto una collaborazione fattiva e partecipata degli operatori,

degli esperti e delle istituzioni che operano nel territorio con i quali sono stati firmati i protocolli d’intesa.

L’I.S.A.” Diego Bianca Amato “ ha stipulato per l’anno in corso i seguenti protocolli d’intesa:

• Protocollo d’intesa con la Fondazione San Raffaele Giglio di Cefalù, nella persona del Dott.Pomi, per il

progetto “ Cittadino …….di un mondo che cambia . Per una didattica del BEN-ESSERE”.

• Protocollo d’intesa con l’ Ufficio Scolastico Regionale di Sicilia, nella persona dell’ Ispettore Pulvirenti,

per il progetto “ Cittadino …….di un mondo che cambia . Per una didattica del BEN-ESSERE”.

• Protocollo d’intesa con i LIONS di Cefalù nella persona del Dott. Piscitello , per il progetto “ Cittadino

di un mondo che cambia . Per una didattica del BEN-ESSERE”.

107


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

8.2 Piano integrato degli interventi

Si riporta il documento in versione integrale del piano integrato degli interventi, co-finanziato dal Fondo Sociale Europeo

nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “ Competenze per lo Sviluppo”, protocollo n.6937 del 5-11- 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: C 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Caratteristiche del progetto

Obiettivi:

Acquisizione di competenze e abilità spendibili nel territorio relativamente alle attività laboratoriali mirate all’iniziativa

imprenditoriale, sia al recupero, consolidamento e/o potenziamento delle competenze di base

Titolo richiesta Priorità Data Inizio Data Fine

English, english

every day

ECDL 1° livello

MatHelp 1

Promuovere la

conoscenza

della lingua

italiana

Apro un centro

stampa

Divento

ceramista

L’arte dei metalli

nel periodo

Liberty

Totali Azioni

Totale Obiettivo

3

2

2

1

4

5

6

19/10/09

19/10/09

19/10/09

19/10/09

19/10/09

19/10/09

19/10/09

Riepilogo delle richieste

31/05/09

31/05/09

31/05/09

31/05/09

31/05/09

31/05/09

31/05/09

Ore

Didattica

50

50

50

50

50

50

50

350

350

108

Importo

Base

4.720,00

5.140,00

4.720,00

4.720,00

4.720,00

4.720,00

4.720,00

33.460,00

33.460,00

Spese

Generali

3.708,57

4.038,57

3.708,57

3.708,57

3.708,57

3.708,57

3.708,57

26.289,99

26.289,99

Spese

Ulteriori

3.000,00

2.250,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

5.250,00

5.250,00

Totale

Richiesta

11.428,57

11.428,57

8.428,57

8.428,57

8.428,57

8.428,57

8.428,57

64.999,99

64.999,99


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Comunicazione in lingua straniera - Percorso formativo

Titolo English, english everyday

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 3

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 4.720,00

Importo Spese Generali 3.708,57

Importo Spese Ulteriori 3.000,00

Importo Richiesta 11.428,57

109


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Competenze digitali - Percorso formativo

Titolo ECDL 1° livello

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 2

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 5.140,00

Importo Spese Generali 4.038,57

Importo Spese Ulteriori 2.250,00

Importo Richiesta 11.428,57

110


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Competenze in matematica- Percorso formativo

Titolo MatHelp

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 2

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 4.720,00

Importo Spese Generali 3.708,57

Importo Spese Ulteriori 0,00

Importo Richiesta 8.428,57

111


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Comunicazione in lingua madre- Percorso formativo

Titolo Promuovere la conoscenza della lingua italiana 1

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 1

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 4.720,00

Importo Spese Generali 3.708,57

Importo Spese Ulteriori 0,00

Importo Richiesta 8.428,57

112


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Spirito d’iniziativa e imprenditorialità- Percorso formativo

Titolo Apro un centro stampa

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 4

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 4.720,00

Importo Spese Generali 3.708,57

Importo Spese Ulteriori 0,00

Importo Richiesta 8.428,57

113


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Spirito di iniziativa e imprenditorialità- Percorso formativo

Titolo Divento ceramista

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 5

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 4.720,00

Importo Spese Generali 3.708,57

Importo Spese Ulteriori 0,00

Importo Richiesta 8.428,57

114


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Azione: 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave

Tipologia di proposta Spirito di iniziativa e imprenditorialità- Percorso formativo

Titolo L’arte dei metalli nel periodo Liberty

Beneficiari PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

Tipologia destinatari Alunni

Priorità 6

Pari opportunità

Previsione di categorie svantaggiate

Presenza di elementi di flessibilità negli orari

Presenza di uno specifico modulo formativo

Durata 50

Data inizio 19/10/2009

Data fine 31/05/2010

Importo Base 4.720,00

Importo Spese Generali 3.708,57

Importo Spese Ulteriori 0,00

Importo Richiesta 8.428,57

115


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Riepilogo del Piano relativo al Num. AOODGAI 2096 del 03-04-2009

PASD01000C DIEGO BIANCA AMATO

C/DA PISCIOTTO S.N. Cefalu' 90015 PA

Data della delibera del Collegio dei docenti 20/05/2009

Numero della delibera del Collegio dei docenti 170

Data di Inoltro del Piano 10/06/2009

PIANO INTEGRATO DEGLI INTERVENTI

Proponente: Istituto di Istruzione Secondaria Superiore con numero di alunni inferiore a 600.

In relazione all’analisi di contesto del POF, ai dati inseriti nel Questionario INVALSI e alle criticità e punti di forza

evidenziate nella scheda di Autodiagnosi compilati on line, si individuano le seguenti criticità di riferimento per le linee di

intervento che il nostro Istituto intende perseguire.

CRITICITÀ OBIETTIVI FORMATIVI

Elevato numero di insufficienze che si

registrano agli scrutini finali

Scuola- lavoro soprattutto in relazione

alla realtà del territorio

Migliorare i livelli di competenza dei giovani soprattutto per quel che riguarda le

competenze di base

Miglioramento delle competenze degli studenti specialmente nelle discipline di

indirizzo con tirocini e stage

Il Collegio dei docenti pertanto ha deliberato (delibera n. 170 del 20/05/2009 ) per l’annualità 2009/10, tenuto conto delle

priorità di intervento, di presentare un Piano relativo agli Obiettivi specifici C per far fronte alle più impellenti criticità

presenti nella scuola che ne inficiano la qualità del servizio:

CRITICITA’ OBIETTIVO SPECIFICO / AZIONE

Elevato numero di insufficienze che si registrano agli

scrutini finali

116

C “Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave negli

studenti

Il Collegio dei docenti, considerati i massimali di finanziamento previsti (Euro 64.999,99), tenuto conto della fattibilità dei

progetti entro il termine prefissato del 31Agosto 2010 sulla base di una ponderata temporizzazione degli interventi,

delibera di presentare il seguente piano:

C – n. 7 proposte


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013

FONDO SOCIALE EUROPEO

REGIONE SICILIANA

ASSE IV Capitale Umano

Formulario per la presentazione di:

Progetti per Sostenere Azioni Educative e di Promozione della Legalità e Cittadinanza Attiva

A.1 - Denominazione intervento: max 80 caratteri

( in corso di valutazione)

SEZIONE A: PRESENTAZIONE GENERALE DELL’INTERVENTO

Scuola 3° Millennio: Teatro e Multimedia motori di Cultura, Inclusione, Legalità

Approvato dal Consiglio di Istituto nella seduta del: 13 luglio 2009 n. 302

Coordinatore progetto: ___ORIFICI GIUSEPPE_____________________________________________

A.5 - Azioni di intervento:

⌧A - Migliorare, diffondere e consolidare le competenze in materia di lettura e contrastare e abbattere la dispersione scolastica

B - Migliorare, diffondere e consolidare le competenze matematiche e a contrastare e abbattere la dispersione scolastica

⌧C - Potenziare le attività creative anche attraverso l’uso delle diverse forme artistiche e modalità espressive

A.6 – Durata totale dell’intervento: NOVE.mesi (max 10 mesi)

A.7 – Quadro riepilogativo dell’intervento

AZIONI DURATA IN ORE DURATA IN MESI N. DESTINATARI N. GRUPPI/CLASSI

Azione A 120 3 65 3

Azione B

Azione C 700 6 110 6

Totale 820 9 175 9

A.8 – Azioni di carattere trasversale

AZIONI DURATA IN ORE

⌧azioni per l’educazione alla legalità come pratica di cittadinanza attiva, all’informazione e contrasto alla criminalità

organizzata

120

⌧azioni per l’integrazione delle persone con disabilità 200

⌧promozione di reti di collaborazione territoriale in aree e contesti con carenti infrastrutture sociali e luoghi di aggregazione

azioni per l’educazione alla multiculturalità finalizzata a promuovere ruoli di mediazione tra culture diverse anche con

contatti internazionali, gemellaggi e scambi

80

azioni di sensibilizzazione all’ambiente e attivazione di pratiche per la differenziazione e riduzione dei rifiuti ed

educazione a comportamenti individuali adeguati all’etica sociale

⌧azioni che valorizzino progetti per l’organizzazione di reti territoriali di contrasto alla dispersione e che favoriscano il

potenziamento dei livelli di alfabetizzazione della popolazione tutta del territorio

azioni che comprovino il fattivo e documentato coinvolgimento nelle partnership di associazioni di studenti e famiglie

⌧azioni che valorizzino progetti che garantiscono e promuovono nelle proprie attività laboratoriali l’integrazione degli

alunni e delle persone con disabilità

600

⌧azioni volte al contrasto dell’analfabetismo di ritorno. 80

117

820


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

D.1 – Qualificazione del/i soggetto/i proponente/i (max. 50 righe):

CITTADINANZA ATTIVA

L’azione formativa della scuola si è mossa, da svariati anni, in diverse direzioni, curriculare ed extracurriculare. Nel curricolo è stata inserita la

lettura critica della Dichiarazione dei Diritti Umani e le iniziative a supporto della Solidarietà anche con manifestazioni all’interno della cosiddetta

“Giornata dell’Arte”, manifestazione in cui la scuola si apre al territorio con momenti artistici ispirati anche alla cultura della legalità. Con cadenza

annuale vengono inoltre proposte agli allievi interventi di esperti dell’Arma dei carabinieri sull’uso di sostanze stupefacenti ed abuso di alcool, con

riferimenti non solo agli effetti fisici ma anche alle vigenti disposizioni di legge.

Attività extracurricolari sono:

• l’accordo con Amnesty International per la presenza degli allievi alle loro manifestazioni;

• il progetto “Smile” sulla promozione del volontariato giovanile;

• l’Imprenditoria giovanile nelle Madonie: strumenti legislativi e finanziari, incontro con il dott. Ficile Alessandro;

• Le norme del Parco delle Madonie a tutela del paesaggio e del territorio, a cura del prof. Angelo Aliquò;

• Diritti dei lavoratori e mercato del lavoro, a cura del dott. Giuseppe Guarcello;

• Incontro con Claudio Stassi e Silvestro Nicolacci autori di “Per questo mi chiamo Giovanni” e “La favola di Palermo”;

• Sicurezza sul lavoro, a cura del dott. Lo Bello;

• Sicurezza a scuola, piano di evacuazione e pronto soccorso, a cura del RSPP prof. Giuseppe Orifici;

• Visione di pellicole inerenti il problema mafia (per es. La siciliana ribelle o il Giudice ragazzino);

• Partecipazione al concorso “Salvare Palermo”.

• Richiesta di partecipazione al programma “Giornata di formazione a Montecitorio”.

• Spettacolo Teatrale Itinerante a cura dell’ISA di Cefalù “Canto V Inferno” presentato presso l’ISA di Cefalù, presso l’Arcivescovado di

Cefalù, presso il teatro comunale di Patti, presso il Teatro Pietrarosa di Pollina, presso il Teatro greco di Tindari. In questa manifestazione

“Tindari Teatro Giovani ‘09” ha vinto il premio come miglior scenografia.

Tutti gli esperti coinvolti nelle attività sono stati individuati con particolare attenzione al loro curricolo professionale, alla loro competenza ed

adeguatezza a veicolare i messaggi in modo chiaro e comprensibile per i giovani con età compresa tra i 14 e i 18 anni. Massima cura è stata posta

inoltre nell’accostare agli esperti dei tutor interni con il preciso compito di veicolare in seguito nelle attività giornaliere quanto emerso nei confronti

con le personalità esterne.

All’interno del progetto proposto si prevede di:

a) promuovere conoscenze, abilità e atteggiamenti in grado di sollecitare l’appropriazione di valori quali l’uguaglianza, la tolleranza, la libertà e la

giustizia; b) Promuovere nelle persone la capacità di comprendere, vivere e contribuire positivamente alle comunità a cui appartengono; c) sviluppare

responsabilità di cittadinanza; d) realizzazione di un Convegno, funzionale alla elaborazione culturale ed alla visibilità pubblica della conoscenza

prodotta dall’azione intrapresa; e) Conoscere gli elementi del diritto medievale; f) Comparazione critica tra diritto medievale e diritto contemporaneo;

g) Comprendere l’evoluzione del concetto di cittadinanza.

L’organizzazione prevede, da una parte, l’attivazione contemporanea di tutti i laboratori della scuola con lo scopo di concorrere, ciascuno per la

propria competenza, alla messa in scena dello spettacolo sia verbale-gestuale (teatro) che multimediale (filmato); dall’altra la scelta, sceneggiatura e

recitazione del testo passando attraverso una preparazione degli allievi-attori che non è solo “per parti” ma investe tutti gli aspetti di costruzione dello

spettacolo: dallo studio della dizione alla storia, dalla scenografia alla sceneggiatura, dalla pre-produzione alla rappresentazione dello stesso. Si

prevede di coinvolgere, oltre i docenti di lettere della scuola, anche un regista teatrale, un regista cinematografico, un esperto compositore musicale,

un esperto di dinamiche di gruppo e psicologia, un tecnico di produzione.

Il coordinatore provvederà, di concerto con il gruppo di progetto, i tutor interni e gli esperti esterni, all’integrazione delle fasi successive dettando i

tempi di realizzazione e verifica. L’inizio delle attività è da fissarsi nel mese di ottobre con una conclusione tra maggio e giugno: le rappresentazioni

sono programmate tra giugno e luglio 2010.

D.2 – Qualità e coerenza progettuale (max. 70 righe):

Il progetto proposto “Scuola 3° millennio: Teatro e Multimedia motori di Cultura, Inclusione, Legalità”, si propone di raggiungere gli obiettivi

del piano attraverso il percorso proposta-ricerca-attività-realizzazione dove, se da un canto legalità e cittadinanza sono visti in prospettiva storica,

dall’altro se ne pratica la quotidianità attraverso l’impegno e l’esperienza del lavoro, teorico e pratico. Gli allievi sono coinvolti, anche

individualmente secondo le proprie aspirazioni-inclinazioni-abilità, nella realizzazione di un prodotto complesso, articolato nelle sue parti ma in fondo

elemento unico ed inscindibile, opera realizzata grazie allo sforzo sinergico di tutti. In ciò si ritiene essere la forza interna della proposta: imparare a

partecipare ciascuno con i propri mezzi e collaborare con gli altri per un fine ultimo comune. Il luogo dell’Istituto d’arte è inoltre ideale per la piena

realizzazione del progetto: la contemporanea presenza di docenti di materie culturali, artistiche e di laboratorio permette agli allievi la visione integra

del processo realizzativo, dal cognitivo al pratico. La competenza professionale nei singoli settori (tessuto e moda, ebanisteria, ceramica, metalli

e oreficeria, progettazione e modellistica, grafica e informatica) fa sì che la scuola possa ritenersi centro autonomo di produzione, contando

anche su una sede nuova, attrezzata e capace.

La proposta in sé prende sempre spunto dall’analisi della Divina Commedia, dall’estrapolazione di un brano da sceneggiare in prosa e

cinematograficamente, dalla realizzazione delle scenografie, arredi, costumi previo approfondimento storico. Il comparto Madonita, con le sue

emergenze architettoniche medievali ben si presta a suggerire ambiti di ripresa e scorci suggestivi. Lo studio della storia, dell’arte e architettura, del

diritto, della letteratura italiana, della progettazione e laboratorio sono assolutamente congruenti con le attività di progetto e come tale non può che

esserci una forte ricaduta sul curricolo nel momento in cui gli allievi affrontano un ulteriore approfondimento su quelle che, di fatto, sono le loro

discipline quotidiane.

Durante il lavoro si attueranno momenti di monitoraggio in itinere attraverso momenti di confronto allargato; agli allievi sarà somministrato un test

per raccogliere eventuali suggerimenti per un approccio maggiormente individualizzato. La rappresentazione ed il filmato in sé rappresentano infine il

test maggiormente attendibile, valutato inoltre dal più esigente dei critici: il pubblico.

D.3 – Contributo al raggiungimento degli obiettivi programmati/impatti attesi (max 100 righe):

118


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Descrivere il progetto con particolare attenzione alla coerenza con le esigenze specifiche del territorio, alla rispondenza ai fabbisogni formativi dei

destinatari, alla rilevanza dell’intervento rispetto agli obiettivi S02 e S03 previsti dal Piano d’Azione per gli Obiettivi di Servizio, agli impatti attesi

in termini di raggiungimento dei target della Strategia di Lisbona e all’attendibilità e valore aggiunto apportato dalle analisi/motivazioni a supporto

del progetto, ed eventualmente anche dalla coerenza e dal valore aggiunto in termini di finalizzazione apportati dai partner della rete.

La presenza dell’Istituto d’arte di Cefalù come elemento di formazione a 360° per i giovani dell’area “Parco delle Madonie” e zone limitrofe è da

decenni elemento indiscusso. Formare personalità in grado d’interagire con il territorio sia per la capacità imprenditoriale che per le conoscenze

ambientali e/o artistiche è senz’altro caratteristica spiccata di questa scuola. In un contesto territoriale in cui si alternano economie povere con ristretti

bacini di ricchezza, la risorsa del commercio e del turismo è quella strada che va perseguita per migliorare le condizioni di vita dei cittadini ma anche

utile per perseguire politiche ambientali corrette e di salvaguardia. In quest’ottica il progetto si muove promuovendo abilità che vanno dall’ambito

commerciale-realizzativo a quello dello spettacolo, trasversalmente toccando tutte quelle professionalità necessarie alla creazione di un evento

complesso come il cinema o il teatro, elementi attrattivi per una politica di sviluppo turistico sostenibile.

In questo progetto l’uso della lingua è elemento inscindibile, passando anche attraverso la conoscenza dei dialetti, antichi e moderni, nonché

l’approfondimento degli aspetti letterari viene affiancato da quello dell’oralità, con riferimenti che vanno dall’oratoria alla declamazione; il

riferimento al raggiungimento di una posizione migliorativa in termini di obiettivo S02, come previsto dal Piano d’Azione per gli obiettivi di servizio,

è senz’altro evidente.

( per la cooperativa: Attendibilità e valore aggiunto apportato dalle analisi/motivazioni a supporto del progetto ed eventualmente anche dalla

coerenza e dal valore aggiunto in termini di finalizzazione apportati dai partner della rete)

E d’altronde se gli obiettivi della Strategia di Lisbona sono a) investire in conoscenza ed innovazione b) liberare il potenziale delle imprese c)

occupazione per le categorie prioritarie d) una politica energetica per l'Europa, non può che facilmente convenirsi che il progetto “Scuola

3°Millennio” si fa portatore di conoscenza ed innovazione nel mondo della scuola tradizionale, investendo il proprio patrimonio professionale

nell’acquisizione non solo del sapere ma anche, e soprattutto, nel saper fare, professionalmente e con legalità e rispetto dell’ambiente.

D.4 – Innovazione/Trasferibilità (max. 30 righe):

Come già ampiamente descritto in precedenza già di per sé l’ISA di Cefalù persegue da anni l’innovazione didattica, vuoi con i corsi sperimentali,

vuoi con i progetti d’istituto. In ogni caso la proposta prende la sua forza dal fatto che trasversalmente vengono coinvolte tutte le attività, dalle

teoriche alle pratiche, incentivando l’interesse dei giovani per l’imprenditorialità.

Il valore aggiunto al progetto è che non viene prodotta semplicemente una pièce teatrale, ma anche un video che, montato con altri simili provenienti

da esperienze precedenti o successive può costituire una serie distribuibile dalle sale cinematografiche al web, raggiungendo una quantità di pubblico

difficilmente ottenibile con la sola rappresentazione in strada o in teatro.

Gli allievi sono inoltre coinvolti nella realizzazione della grafica di pubblicizzazione dell’evento, dai manifesti alle locandine, agli inviti, alla pagina

web sul sito della scuola. Le nuove tecnologie vengono sfruttate per veicolare al meglio e capillarmente le informazioni, conseguendo il duplice

obiettivo di formare competenze e raggiungere la massima diffusione dell’evento, permettendone la fruizione anche in tempi e luoghi diversi.

D.5 – Pari opportunità e sviluppo sostenibile (max. 30 righe):

L’attività proposta non può prescindere dall’inclusione di tutte le figure superando differenze di genere ed abilità. I ruoli e le attività logistiche

coinvolgeranno alunni ed alunne, tenendo conto delle loro abilità, della loro età, della loro provenienza, tutti includendo e nessun escluso. La

realizzazione delle scenografie e delle decorazioni pittoriche o plastiche darà modo inoltre agli studenti con disabilità di impiegarsi proficuamente,

creando quell’inclusione che valorizza il lavoro di tutta la scuola.

L’utilizzo infine di varie forme di riciclo (dalla carta di giornale al cartone, dalle lattine alle bottiglie di plastica, dalle parti di elettrodomestici o

mobili dismessi) determina la base per la realizzazione di scene o parti di esse valorizzando i principi del vivere compatibilmente con l’ambiente e

dello sviluppo sostenibile, incrementando ancora i concetti di legalità e cittadinanza attiva.

D.6 - Economicità (max. 20 righe)

La situazione di assoluta autonomia per la realizzazione del progetto è sicuro indice di economicità. Il lavoro dei tutor interni è supportato anche da

quello antimeridiano curricolare in un connubio sinergico che rafforza i risultati senza aggravarne i costi. Al di là delle professionalità esistenti

all’interno della scuola, saranno necessarie le presenze di personale esterno, non tanto a sminuire ciò che può essere realizzato con il personale

interno, quanto per aumentare il confronto di questi con dei professionisti che si occupano preminentemente di un settore specifico (regia teatrale,

cinematografica e musica); pur tuttavia queste presenze verranno compensate, tenendo in considerazione i tempi d’impegno, in modo non dissimile

dai docenti tutor.

D.7 – Priorità (max. 30 righe) :

Proprio per la sua collocazione geografica l’ISA di Cefalù riceve allievi da un hinterland vasto ed eterogeneo, fatto di piccoli centri rurali, borghi

turistico-commerciali, borghi marinari, piccole e medie cittadine, aree di sviluppo industriale. Alcuni di questi centri hanno natalità negativa o

prossima allo zero, oppure redditi pro capite annui bassissimi e spesso, immeritatamente, fuori dal circuito dei centri turisticamente ritenuti degni di

visita. Ordunque è proprio qui che si accentra l’interesse per una rappresentazione itinerante che coinvolga realtà urbane interessanti ma emerginate.

In considerazione poi che oltre il 20% degli allievi proviene da queste realtà esterne alla localizzazione cefaludese, risulta ben chiaro come gli stessi

allievi sono ben orgogliosi di mostrare al loro paese un’attività svolta nella propria scuola.

119


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

ALTRE ATTIVITA' INTEGRATIVE

• VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

Tra i viaggi di istruzione e le visite guidate, intese quali strumenti per collegare l’esperienza scolastica all’ambiente

esterno nei suoi aspetti fisici, paesaggistici, umani, culturali e produttivi, la Scuola, secondo i criteri definiti dal

Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Istituto, tra le attività didattiche ed integrative, prevede di realizzare:

Viaggi di integrazione culturale:

con finalità essenzialmente cognitive di aspetti paesaggistici, monumentali, culturali, folcloristici. Le mete individuate

su delibera del C.d.D. per l’anno scolastico 2009-2010 risultano essere:

- verso uno dei seguenti paesi esteri per le V° classi: Berlino o Praga ( gg. 6 )

- verso una delle seguenti località per le II –III e IV classi:Campania,Puglia,Abruzzo e

Lazio.

- nell’ambito della regione Sicilia per gli alunni delle prime classi.

Viaggi di integrazione della preparazione di indirizzo:

finalizzati all’acquisizione di esperienze tecnico-scientifiche di interesse per il settore di istruzione di appartenenza

(stages, visite in aziende, unità di produzione, partecipazione a mostre od altre esibizioni artistiche, etc…)

Visite guidate :

in base alle programmazioni dei singoli Consigli di Classe come pure da attività previste nei singoli progetti didattici

e/o extradidattici. Esse si effettueranno nell’arco di una sola giornata e saranno organizzate sul territorio regionale

presso attrattive e località di interesse didattico-formativo (musei, località di interesse storico-artistico e scientifico,

parchi naturali, mostre, monumenti, etc...).

BORSE DI STUDIO

Il Lions Club di Cefalù, ogni anno assegna una Borse di studio ad un alunno di ogni Istituto Superiore di Cefalù, che ha

conseguito la maturità con la votazione più alta, come riconoscimento soprattutto morale del merito degli alunni che con

serietà hanno seguito il loro corso di studio .

Nell’anno scolastico 2009-10 l’assegnazione della borsa di studio suddetta, è avvenuta nella ”Sala delle Capriate” del

comune di Cefalù. La premiazione ha avuto luogo il 28 novembre alle ore 18,00 e ha coinvolti gli alunni più meritevoli

delle scuole secondarie di secondo grado della cittadina normanna. .

120


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

CAPITOLO 9

9. MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL POF

Non si può gestire ciò che non si può misurare……

…….e non si può stabilire che cosa misurare se non si fissano gli obiettivi

9.1 Misurazione, analisi e miglioramento

9.1.1 Generalità

L’Organizzazione pianifica ed attua processi di monitoraggio e misurazione al fine di analizzare i risultati e

assicurare:

• la conformità dei propri servizi;

• migliorare in modo continuativo l’efficacia del sistema scolastico.

9.1.2 Monitoraggi e misurazioni

La Scuola ha individuato le modalità per la raccolta delle informazioni sul livello di raggiungimento degli

obiettivi prefissati e ne ha disposto il monitoraggio sistematico.

I risultati di questo monitoraggio vengono presentati in sede di Riesame degli OO.CC. allo scopo di

individuare opportunità di miglioramento per il sistema stesso, secondo le modalità da definirsi nella stessa

sede.

9.1.3 Analisi dei dati

Tutti i dati rilevati dalle attività di monitoraggio e misurazione vengono raccolti ed analizzati al fine di verificare

l’adeguatezza e l’efficacia del sistema scolastico e valutare dove possono essere apportati miglioramenti continui

dell’efficacia del sistema stesso .

L’analisi viene svolta mediante l’utilizzo di:

• Tecniche statistiche per il supporto decisionale

Le tecniche utilizzate a supporto decisionale sono fondamentalmente tecniche di statistica descrittiva; sono costituite

cioè da strumenti di sintesi per facilitare l’interpretazione dei dati.

• Tecniche statistiche per il miglioramento

Sono tecniche che attraverso una rilevazione dell'effetto opportunamente stratificato, guidano alla selezione delle

cause e consentono, attraverso la correlazione dei parametri - variabili di ottimizzare il servizio.

• Tecniche statistiche per la reportistica

Sono tecniche di statistica descrittiva che permettono, nella costituzione di indicatori, di monitorare nel tempo gli aspetti

qualitativi fondamentali per l'attività dell’Istituto.

L’elaborazione dei dati risultanti dalle attività di monitoraggio e misurazione fornisce informazioni in merito a:

• Livello della soddisfazione dell’utenza

• Conformità ai requisiti del servizio scolastico

• Opportunità per l’individuazione di azioni preventive

121


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

9.1.4 Ipotesi di Aree di osservazione per il 2009/2010

Il monitoraggio e la valutazione del POF, come da ipotesi INValSI, sarà orientato sulle seguenti aree:

Rapporti

della Scuola

con le

famiglie ed il

territorio

Personale

scolastico

Strutture e

infrastrutture

La valutazione, attraverso un approccio sistemico e procedure integrate, persegue un articolato ventaglio di obiettivi:

• accertare quanto succede identificando punti forti e punti deboli;

• stabilire se il livello delle risorse disponibili è adeguato e se esse vengono impiegate al meglio;

• valorizzare, coinvolgere e responsabilizzare gli individui, i gruppi ed i sistemi;

• determinare cosa deve essere cambiato e poi verificare se il cambiamento ha prodotto effetti positivi.

Pertanto, l’attività di valutazione considera sia l’efficienza (il rapporto tra costi e risultati), sia l’efficacia (il rapporto tra

obiettivi previsti e risultati raggiunti) dei vari fattori che concorrono a determinare la qualità del servizio.

Scopo della valutazione è fare sì che gli sforzi di tutti gli operatori della Scuola siano consapevoli e realistici,

proprio per avere maggiori probabilità di risultare efficaci rispetto agli obiettivi individuati.

L’individuazione e la misurazione dei risultati degli allievi, degli obiettivi di competenza accanto agli obiettivi di

conoscenza, la valutazione delle proprie prestazioni portano la Scuola in grado di valorizzare e promuovere la

motivazione e l’esercizio effettivo di capacità e competenze, stimolando la collaborazione (tra operatori, tra docenti e

studenti, altri partner esterni) da un semplice esercizio di reciproca tolleranza ad un vero e proprio lavoro di squadra.

I cinque principali ambiti della valutazione del percorso di qualità dell’Istituto risultano oggi essere:

• La valutazione interna del sistema della Scuola

L’approfondimento delle analisi valutative a livello della singola scuola consente di ottenere:

- una maggiore conoscenza della gestione quotidiana dell’attività educativa;

- un maggiore coinvolgimento degli operatori scolastici;

- un indispensabile supporto alle strategie di innovazione.

• La valutazione di sistema a livello nazionale ed internazionale nel suo complesso (INValSI)

Essa individua i punti di forza e di debolezza, facilita l’analisi delle tendenze, i confronti

internazionali con altri paesi

122

Studenti


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

Per valutazione del sistema nel suo complesso si intende la raccolta e l’analisi dei dati relativi ai principali fenomeni che

riguardano l’organizzazione scolastica, in modo da ricostruire una visione di insieme non solo dei risultati ottenuti, ma

anche delle risorse utilizzate e dei principali processi messi in moto.

Allo scopo di facilitare la lettura dei fenomeni ed il loro andamento, i dati per la valutazione sono presentati sotto forma di

indicatori, che permettono confronti più agevoli sia tra i diversi anni, sia tra i diversi sistemi o tra le diverse parti del

sistema. La lettura ed il confronto tra gli indicatori permettono l’individuazione dei punti di forza e di debolezza del

sistema scolastico

• La valutazione interna degli apprendimenti degli studenti

I docenti sono arbitri della valutazione complessiva dei loro studenti ai fini del percorso scolastico.

• La valutazione nazionale ed internazionale degli apprendimenti degli studenti (INValSI)

La valutazione esterna degli apprendimenti degli allievi con prove nazionali standardizzate costituisce uno dei punti forti

di un sistema nazionale di valutazione.

Essa può venir usata a scopi selettivi: ad esempio, per destinare gli studenti a scuole o a programmi particolari, per

concedere un insegnante di sostegno, per identificare i punti forti e d i punti deboli degli studenti, per motivarli, per fornire

informazioni ai genitori, per aiutare i giovani a compiere scelte consapevoli per l’ingresso nel mondo del lavoro o per la

prosecuzione degli studi.

Tipologia degli strumenti utilizzati dalla Scuola per misurare le peculiarità dell’Istituto

Gli strumenti di verifica hanno l’unico scopo di fornire indicazioni d’intervento didattico/formativo sui settori e sui

comportamenti da sviluppare e potenziare, qualora emergessero delle carenze.

Gli indicatori forniscono una guida sul cosa fare, un aiuto per innalzare la qualità della nostra azione educativa.

INDICATORI

Per l’elaborazione dei questionari rilevanti l’indice di gradimento del servizio scolastico l’Istituto si è avvalso dei

seguenti indicatori di qualità:

INDICATORI DI CONTESTO

• Composizione socio-culturale dei nuclei familiari di provenienza;

• estensione del bacino d’utenza;

• pendolarismo;

• problematiche giovanili particolari;

• vincoli e potenzialità sul piano economico e dell’occupazione.

INDICATORI DI INPUT/RISORSE

• STRUTTURE (cura dell’ambiente di apprendimento)

• RISORSE UMANE E MATERIALI DI CUI DISPONE LA SCUOLA

- Edificio (qualità aule, laboratori, biblioteca, impianti sportivi, spazi ove riunirsi, barriere, spazi esterni, etc…,

etc….);

- attrezzature, dotazioni librarie, audiovisivi, mezzi per la duplicazione …..);

- servizi (ristoro, trasporti …….);

- dotazioni professionali;

- numero alunni per classe;

- numero alunni per docente;

- stabilità del corpo docente;

- spese totali per alunno.

INDICATORI DI PROCESSO

• ORGANIZZATIVO/GESTIONALE – INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO

123


ISA Diego Bianca Amato – Cefalù Piano dell’Offerta Formativa 2009

• CARATTERISTICHE DELL’OFFERTA FORMATIVA

- Clima di accoglienza e di valorizzazione degli studenti;

- attività curriculari ed integrative (ampiezza, significatività)

- tasso di vitalità della scuola: volumi della biblioteca prestati per alunno, accesso alle informazioni connesse

al funzionamento della scuola, riunioni OO.CC., frequenza e funzionalità dei rapporti scuola-famiglia ………

- tasso di regolarità negli studi;

- tasso di dispersione delle risorse umane e finanziarie: spese supplenti, assenze degli studenti e dei

docenti, fenomeni di abbandono, di ritiro ……;

- grado di selezione degli utenti più deboli;

- incidenza delle varie discipline nell’insuccesso scolastico;

- coesione e collegialità del personale;

- livello di comunicazione.

INDICATORI DI OUTPUT/PRODOTTO

• RISULTATI LEGATI ALLA QUALITA' DELLE PRESTAZIONI DEGLI STUDENTI

- Rapporto tra tempo dedicato ad una determinata attività e risultati conseguiti;

- percentuale diplomati;

- voto medio agli esami di maturità;

- indici di regolarità del percorso (% degli iscritti maturati dopo cinque anni scolastici);

- regolarità negli studi universitari;

- grado di coerenza dell’occupazione;

- progressione carriera ex allievi.

L’I.S.A. D. Bianca Amato si propone di rimodellarsi costantemente davanti ad ogni nuova esigenza degli alunni,

delle famiglie e, ricco di esperienza, opera una continua e dinamica articolazione del suo piano dell’Offerta

Formativa.

Nel mettere a disposizione degli studenti e delle loro famiglie il presente Piano si invita ad una costruttiva collaborazione

ed alla piena disponibilità di tutte le componenti reali della nostra comunità scolastica.

IL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA PER L’ANNO SCOLASTICO 2009/2010 E’ STATO DELIBERATO DAL

COLLEGIO DEI DOCENTI NELLA SEDUTA DEL 20/11/2009 E DAL CONSIGLIO D'ISTITUTO IN DATA 02/10/2009

Ulteriori integrazioni potranno essere deliberate dagli OO.CC. in corso d’anno in relazione a variazioni delle

condizioni in cui opera l’organizzazione, per inserimento di nuove attività o comunque di qualsiasi elemento -

da sopravvenute esigenze e/od opportunità - che può comportare modifiche alle caratteristiche ed alle modalità

di erogazione dei servizi di formazione.

Allegati al presente documento n° 3:

1. Regolamento d’Istituto

2. Statuto delle studentesse e degli studenti

3. Patto di Corresponsabilità

Cefalù, lì 30/11/2009

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Giuseppina BATTAGLIA

redatto a cura della Prof.ssa Francesca Cancilla

con incarico di Funzione Strumentale

per il coordinamento del P.O.F.

Responsabile: Il Dirigente Scolastico

Prof.ssa Giuseppina Battaglia

124

More magazines by this user
Similar magazines