Capitolato speciale d'appalto - Comune di Messina

comune.messina.it

Capitolato speciale d'appalto - Comune di Messina

REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINATITOLO I GENERALITA’DATASett. 2011Pag. 2ART.1 OGGETTO DELL'APPALTOL'appalto ha per oggetto la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori di recupero,rifunzionalizzazione ed adeguamento tecnologico dell’Istituto Marino di Mortelle (Messina).Le lavorazioni principali sono così sinteticamente elencate:• Sistemazione aree esterne con pavimentazione e abbattimento barriere architettoniche;• Risanamento e consolidamento strutture con realizzazione di nuove coperture;• Rifacimento intonaci, pavimenti e infissi interni e esterni;• Servizi igienici e impianto di smaltimento acque meteoriche e reflue;• Impiantistica elettrica e illuminazione;• Impianti speciali: LAN, antintrusione e TVCC;• Impianti di riscaldamento e climatizzazione;• Impianti di produzione ad energia rinnovabile: fotovoltaico e solare termico.La redazione del progetto esecutivo delle opere in appalto è a carico dell’Appaltatore, pertanto è oneredello stesso Appaltatore provvedere anche alla predisposizione del “Piano di manutenzione” così comeprevisto dalla vigente normativa in materia di contratti pubblici (D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii., DPR554/1999, DPR 207/2010).La redazione del “Piano di sicurezza e coordinamento” è espletata dall’Amministrazione appaltante.Il progetto esecutivo deve essere redatto secondo le modalità di cui al Titolo II Sezione IV del DPR207/2010 e secondo la prescrizioni di cui all’articolo del presente CSA.Sono inoltre a carico dell’Appaltatore: le indagini per l’approfondimento in situ della caratterizzazionegeologica del sottosuolo, tutte le procedure e gli oneri per l’acquisizione di permessi, autorizzazioni, enulla osta da produrre all’atto della redazione del progetto esecutivo ed ogni altro onere connesso alleopere da espletare in nome e per conto della Stazione Appaltante.Il progetto prevede la seguente destinazione d’uso dei corpi di fabbrica presenti nel complessodenominato Istituto Marino di Mortelle:CORPO 1: Laboratori multimediali e artigianali;CORPO 2: Formazione e Uffici;CORPO 3: Turismo sociale con 17 posti letto;CORPO 4: Accoglienza sociale, Sala congressi, Museo dei laghi (edificio già completato conprecedente intervento);CHIESETTA;CASA del custode adibita a residenza;CORPO 5: Sala Mensa, Cucina e Bar (edificio da completare rispetto all’intervento parziale giàeseguito);CORPO 6: Asilo Nido per 30 unità;CORPO 7: Centro attività motorie e benessere (locali accessori al turismo sociale corpo 8);CORPO 8: Turismo sociali con 30 posti letto;- 2 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 4I lavori relativi agli impianti interni elettrici, telefonici, trasmissione dati TVCC e antintrusionedovranno essere certificati ai sensi del DM 37/2008; pertanto il concorrente dovrà possedere la relativaabilitazione.L’importo totale a base d’asta è compensato a corpo e rimane fisso e invariabile.L'importo del compenso relativo alla sicurezza in cantiere non è soggetto al ribasso d'astaPer l’espletamento dei servizi di progettazione e indagini geognostiche il soggetto deve possedere, aisensi del comma 3 dell’art. 53 D.lgs 163/2006, i requisiti prescritti per i progettisti, ovvero avvalersi diprogettisti qualificati, da indicare nell'offerta, o partecipare in raggruppamento con soggetti qualificatiper la progettazione (come da articolo 90 del D.Lgs. 163/2006).La determinazione delle spese per la progettazione esecutiva è di seguito riportato:ProgettoESECUTIVOimporticategorieD.M.04/04/2001percentualiRelazione generale e specialistiche.Elaborati grafici. Calcoli esecutivi.Particolari costruttivi e decorativi.Piano di ManutenzioneimportiparcellaIdeazione e coordinamento 3.716.202,50 Id 6,73277% 0,180 45.036,61OPERE EDILI DI RESTAURO 2.260.189,63 Id 7,38729% 0,060 10.018,01OPERE IMPIANTI TECNOLOGICI 1.456.012,87 IIIa 5,02962% 0,280 20.504,94Onorario per progettazione esecutiva Totale 75.559,56Spese per indagini geognostiche (subappaltabili ex art.91 c.3 D.lgs. 163/06)) da computo specifico 19.820,05Totale quota servizi TOTALE 95.379,61ART.3 DESIGNAZIONE E FORMA DELLE OPERELa forma e le principali dimensioni delle opere che formano oggetto dell’appalto, risultano dai disegnidi progetto, nonché dal computo metrico e dalla Relazione Tecnica Generale, salvo quanto potrà esseremeglio precisato all’atto esecutivo dalla Direzione dei Lavori, fermo restando che l’indicazione dellevoci e quantità indicate nel computo metrico non ha effetto sull’importo complessivo dell’offerta cheresta fisso ed invariabile, essendo il prezzo determinato a corpo ai sensi dell’art. 53 comma 4 delD.Lgs. 163/2006.Per la parte geognostica e geologica si deve fare riferimento ai relativi elaborati tecnici.ART.4 STRUTTURA TECNICA DELL’APPALTATOREL’esecuzione dell’appalto richiede la presenza sul posto di una struttura tecnica minima, in gradoanche di gestire con continuità ed efficienza i rapporti con la Stazione Appaltante.L’Appaltatore pertanto, oltre al personale, ai mezzi ed alle strutture necessarie perl’esecuzione dei lavori, dovrà disporre, della seguente dotazione minima di personale e strutture:1) Reperibilità telefonica tutti i giorni lavorativi dalle ore 8,00 alle 18,00 ed il sabato dalle 8,00 alle13,00.2) Mezzi di trasporto in numero e di caratteristiche idonee per consentire i necessari spostamenti alpersonale.- 4 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 53) Personale: un Tecnico diplomato per l’esecuzione dei lavori e un addetto al centralino telefonicopresso la sede di cui sopra per tutte le fasi dell’appalto.4) L'appaltatore dovrà provvedere alla condotta ed esecuzione effettiva dei lavori con personaletecnico idoneo di provata capacità e moralità ed adeguato, numericamente e qualitativamente, inrelazione agli obblighi assunti con la accettazione del cronoprogramma e con la redazione delprogramma dettagliato di esecuzione dei lavori presentato dallo stesso appaltatore. L'appaltatorerisponde delle idoneità dei dirigenti del cantiere ed in genere di tutto il personale addetto almedesimo. Detto personale dovrà essere di gradimento della D.L. la quale, ai sensi dell'art. 6 delC.G.A. D.M. n.145 del 19/04/00, ha diritto di ottenere l'allontanamento dal cantiere di qualunqueaddetto ai lavori.ART.5 CAUZIONII DEPOSITI CAUZIONALI PROVVISORIO E DEFINITIVO.Ai sensi dell’art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006, per partecipare alla gara, a corredo dell’offerta è richiestauna cauzione provvisoria pari al 2% dell’importo totale dei lavori da appaltare, come disciplinato nelbando di gara.Ai sensi dell’articolo 113 del D.L. 163/2006 e s.m. e i., prima della stipula del contratto, l’impresa èobbligata a costituire una garanzia fideiussoria del dieci per cento (10% pari ad un decimo)dell’importo contrattuale.In caso di aggiudicazione con ribasso d'asta superiore al 10 per cento, la garanzia fideiussoria èaumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10 per cento; ove il ribasso siasuperiore al 20 per cento, l'aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20per cento; ai sensi dell’articolo 7 comma 2 della L.R. 12/2011, la quota in aumento deve esserecostituita per almeno la metà del suo ammontare con le modalità previste dall’articolo 75 comma 2 delD.Lgs 163/2006 o con fidejussione bancaria.La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell’affidamento e l’acquisizione dellacauzione provvisoria da parte della Stazione Appaltante, che aggiudica l’appalto al concorrente chesegue nella graduatoria. La garanzia copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e cessa diaver effetto solo alla data di emissione del certificato di collaudo ovvero del certificato di regolareesecuzione.La cauzione sta a garanzia dell’adempimento di tutte le obbligazioni del contratto, del risarcimento didanni derivato dall’inadempimento delle obbligazioni stesse, nonché del rimborso delle somme che laStazione Appaltante avesse eventualmente pagato in più durante l’appalto in confronto del creditodell’appaltatore, risultante dalla liquidazione finale, salvo l’esperimento di ogni altra azione nel caso incui la cauzione risultasse insufficiente.L’Appaltatore sarà tenuto a reintegrare la cauzione di cui la Stazione Appaltante abbia dovuto valersi,in tutto o in parte, durante l’esecuzione del contratto.La presentazione della garanzia non limita l’obbligo dell’Appaltatore di provvedere all’integralerisarcimento del danno indipendentemente dal suo ammontare, ed anche superiore all’importo dellacauzione.- 5 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 6Resta convenuto che la cauzione rimarrà in tutto od in parte vincolata, a garanzia dei diritti deicreditori che abbiano tempestivamente attivato i rituali atti impeditivi a seguito degli avvisi di cuiall’art. 360 della Legge 20 marzo 1865, n. 2248, Allegato F, qualora la rata di saldo dovutaall’Appaltatore non sia allo scopo sufficiente, a giudizio dell’Amministrazione appaltante.La garanzia deve espressamente prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione deldebitore principale, l’operatività entro quindici giorni a semplice scritta della stazione appaltante e larinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957 c.c.La medesima garanzia cessa di avere effetto soltanto alla data di emissione del certificato di collaudoovvero certificato di regolare esecuzione.Ai sensi e per gli effetti dell’art. 75, comma 7 del D.L. 163/2006 s.m.i., l'importo della garanzia, e delsuo eventuale rinnovo, e' ridotto del cinquanta per cento per gli operatori economici ai quali vengarilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN 45000 e dellaserie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle normeeuropee della serie UNI CEI ISO 9000, ovvero la dichiarazione della presenza di elementi significativie tra loro correlati di tale sistema.In caso di associazioni temporanee di imprese di tipo orizzontale per beneficiare della riduzione di cuial predetto articolo è necessario che ciascuna impresa sia certificata UNI CEI ISO 9000 o sia inpossesso della dichiarazione della presenza di elementi significativi e tra loro correlati del sistema diqualità; mentre, nell’ulteriore ipotesi di riunione o associazione di tipo verticale, la riduzione dellacauzione si applica limitatamente alla quota parte riferibile a quella, tra le imprese riunite, dotate dellacertificazione o dichiarazione comprese eventuali imprese cooptate..ART.6 POLIZZE ASSICURATIVEPOLIZZA DI ASSICURAZIONE PER DANNI E RESPONSABILITA’ CIVILE CONTRO TERZI.L'Appaltatore, prima della consegna dei lavori, è obbligato, ai sensi dell’art.129 comma 1 del codice, astipulare una specifica Polizza assicurativa “All Risk” riportante lo specifico oggetto dell’appalto chetenga indenne la Stazione Appaltante da tutti i rischi di esecuzione da qualsiasi causa determinati, eche preveda anche una garanzia di responsabilità civile per danni a terzi nell'esecuzione dei lavori,comprendente anche incendi, sino alla data di emissione del certificato di collaudo ovvero delcertificato di regolare esecuzione.Tale polizza deve contenere i seguenti valori e massimali:1) Importo assicurato per danni subiti dalla stazione appaltante a causa del danneggiamento o delladistruzione totale o parziale di impianti ed opere anche preesistenti verificatasi nel corsodell’esecuzione dei lavori = IMPORTO NETTO CONTRATTUALE.2) Responsabilità civile verso terzi = € 500.000,00.La polizza R.C.T. dovrà espressamente prevedere l’indicazione che tra i terzi assicurati debbano esserecompresi anche tutti i soggetti che a qualsiasi titolo e/o veste partecipino o presenzino ai lavori ed alleattività di cantiere indipendentemente dalla natura del loro rapporto con l’Appaltatore, tra i qualirientrano, in via meramente esemplificativa e non esaustiva:- 6 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 7• la Direzione dei Lavori, gli amministratori, tutti i dirigenti, il personale dipendente, i preposti, i consulentidella Stazione Appaltante e chiunque, a qualsiasi titolo, intrattenga rapporti con la Stazione Appaltantemedesima;• tutto il personale dipendente dell’Appaltatore, eccezion fatta per il personale soggetto all’obbligo diassicurazione, ai sensi del DPR 30.06.65, n° 1124, per le lesioni corporali da questo subite in occasionedi lavoro o di servizio;• i titolari ed i dipendenti di eventuali subappaltatori, di tutte le Ditte e/o Imprese che partecipino, ancheoccasionalmente, all’esecuzione dei lavori e ad attività di cantiere, nonché delle Ditte fornitrici;• tutto il personale dipendente delle imprese operanti all’interno dell’area, intendendosi con tale dizione leimprese che realizzano opere non comprese nell’oggetto del presente appalto;Le polizze dovranno essere esibite alla Stazione Appaltante almeno 10 giorni prima della consegna deilavori.Per quanto attiene alle garanzie predette e in caso di concorrenti riuniti, si richiama quanto stabilitodall’art. 128 del Regolamento.La mancata produzione della polizza, con le caratteristiche sopra indicate, entro la data prestabilita perla consegna dei lavori, costituisce inadempimento e sarà fatta valere dalla Stazione Appaltante comecausa di risoluzione del contratto d’appalto ai sensi dell’art. 1456 del codice civile; in caso di consegnaanticipata in via d’urgenza nelle more della stipulazione del contratto, tale inadempimento sarà fattovalere come causa di decadenza dall’aggiudicazione.Secondo quanto previsto dall’articolo 111 del D.Lgs. 163/2006, a seguito della comunicazione diapprovazione del progetto esecutivo emessa dal Responsabile del Procedimento, a far datadall’approvazione del progetto esecutivo stesso, il progettista o i progettisti, dovranno presentarepolizza di responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento dell’attività per unmassimale di Euro 370.000,00.POLIZZA DI ASSICURAZIONE INDENNITARIA DECENNALEL’appaltatore è obbligato a stipulare, ai sensi dell’articolo 30, comma 4, della legge regionalen.7/2002 con decorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificatodi regolare esecuzione, una polizza indennitaria decennale a copertura dei rischi di rovina totale oparziale dell’opera ovvero dei rischi derivanti da gravi difetti costruttivi.Il limite di indennizzo della polizza decennale non deve essere inferiore al venti per cento del valoredell’opera realizzata.L’appaltatore e il concessionario sono, altresì, obbligati a stipulare, per i lavori già indicati al primocomma, una polizza di assicurazione per la responsabilità civile per danni causati a terzi, condecorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolareesecuzione, con durata decennale e massimale non inferiore a 500.000 Euro.La liquidazione della rata di saldo è subordinata all’accensione delle due polizze indicate al presentearticolo.- 7 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 8ART.7 REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO. CONSEGNA DEI LAVORI –PROGRAMMA OPERATIVO DEI LAVORI – INIZIO E TERMINE PERL’ESECUZIONE – CONSEGNE PARZIALI – SOSPENSIONI.Ai sensi dell’art.169 del Regolamento DPR 207/2010, dopo la stipulazione del contratto il Rup con ordinedi servizio darà avvio all’esecuzione dei servizi di indagine geognostica e geotecnica e di progettazioneesecutiva al fine dell’approvazione finale del progetto da parte del Comune di Messina.Il Responsabile del Procedimento, qualora ne ravvisi la necessità e l'urgenza, potrà disporre, con appositoordine di servizio, che I'Appaltatore dia immediato inizio alle indagini e alla redazione del progettoesecutivo anche in pendenza della stipulazione del contratto.L’Appaltatore dovrà ultimare la quota servizi dell’appalto e consegnare alla Stazione Appaltante il progettoesecutivo completo di tutti gli elaborati come individuati agli art. 33 e segg. del DPR 207/2010 e art. 93,comma 5 del D.Lgs 163/2006 entro e non oltre gg. 45 dalla data dell’ordine di servizio di cui sopra alnetto dei tempi necessari per l’ottenimento di pareri e autorizzazioni da Enti terzi.Le indagini geognostiche e geotecniche dovranno essere espletate in conformità al Capitolato Prestazionaleallegato al progetto definitivo posto a base di gara.Qualora gli elaborati progettuali esecutivi pervengano oltre i termini su indicati, verrà applicata una penalepecuniaria pari al 10,00 (dieci) per mille del corrispettivo professionale dovuto al netto dell'I.V.A. e delcontributo integrativo per ogni giorno oltre il termine stabilito, da trattenersi direttamente dal compensospettante, fatta salva la facoltà di richiedere il risarcimento del maggiore danno causato.Se la consegna del progetto esecutivo dovesse, per esclusiva colpa del soggetto appaltatore ritardare di unperiodo eccedente la scadenza stabilita di ulteriori giorni 15 (quindici), la Stazione Appaltante si riserva lafacoltà di procedere alla risoluzione del contratto in danno.Il progetto dovrà essere presentato all’Ufficio Programmi Complessi in 2 copie cartacee e in 2 copie susupporto informatico (Autocad), oltre a tutte le copie cartacee necessarie per l’ottenimento, da parte degliEnti preposti, delle seguenti autorizzazioni e approvazioni da acquisire per la validazione del progettoesecutivo:1) Parere igienico sanitario ASP di Messina: presentazione e approvazione degli elaboratidocumentali e grafici accoglienti le prescrizioni introdotte all’atto del rilascio del parere in sede diprogettazione definitiva;2) Parere dell’ARPA sulla compatibilità elettromagnetica della cabina elettrica MT/bt;3) Parere della’ANAS per l’esecuzione della posa del cavo MT di allacciamento alla rete ENEL;4) Elaborazione calcoli strutturali esecutivi con presentazione e deposito al Genio Civile di Messinaper ottenimento autorizzazioni ex art.18 della Legge 64/1974;5) Presentazione degli elaborati grafici e della relazione tecnica del progetto esecutivo accoglienti leprescrizioni introdotte all’atto del rilascio della autorizzazione architettonica e paesaggistica daparte della Sovrintendenza ai BB.CC. di Messina;6) Ulteriori nulla-osta, pareri o autorizzazioni necessari per l’ingegnerizzazione del progetto.Le attuali disposizioni normative di cui al D.Lgs. 163/2006 in materia di attività di progettazione, diresponsabilità del Professionista in caso di errori o di omissioni che pregiudichino, in tutto o in parte, larealizzazione dell’opera ovvero la sua utilizzazione, di limitazioni alle varianti in corso d’opera siintendono recepite dal presente capitolato e assunte come obbligo contrattuale.- 8 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 9Il progetto esecutivo sarà oggetto di validazione da parte del RuP della Stazione Appaltante. L’Appaltatoresarà pertanto tenuto ad apportare al progetto tutte le modifiche che verranno richieste dalla StazioneAppaltante che siano giustificate da oggettive e riconoscibili esigenze tecniche o normative, senza ulteriorioneri e nel rispetto dei termini di esecuzione di cui sopra.Eventuali integrazioni o chiarimenti richiesti dai vari Enti preposti al controllo per l’emissione delledeterminazioni di competenza, sono comprese negli onorari spettanti all’Appaltatore per la prestazioneoriginaria.Eventuali varianti rese necessarie da errori od omissioni del progetto daranno diritto all’Amministrazionedi richiedere la correzione delle omissioni e degli errori commessi a spese dell’Appaltatore, salvo ilrisarcimento di tutti i danni.La consegna dei lavori avverrà successivamente all’approvazione del progetto esecutivo e previaconvocazione della Stazione Appaltante.La durata dei lavori è prevista in 480 giorni naturali e consecutivi.Tutte le eventuali varianti derivanti da prescrizioni imposte dagli enti competenti, dovranno essereintrodotte nel progetto esecutivo o in fase realizzativa senza ulteriori costi ed oneri a carico della StazioneAppaltante.Il DL accerterà con apposito verbale, il completamento di tali lavori ai fini della presa in consegnaanticipata da parte della Stazione Appaltante.L’Appaltatore è tenuto a trasmettere alla Stazione Appaltante, prima dell’effettivo inizio dei lavori, ladocumentazione dell’avvenuta denunzia agli Enti previdenziali (inclusa la Cassa Edile se dovuta) ai finiassicurativi ed infortunistici, comprensiva della valutazione dell’Appaltatore circa il numero giornalierominimo e massimo di personale che si prevede di impiegare nell’appalto.Lo stesso obbligo fa carico all’Appaltatore, per quanto concerne la trasmissione della documentazione dicui sopra da parte delle proprie imprese subappaltatrici, cosa che dovrà avvenire prima dell’effettivo iniziodei lavori e comunque non oltre dieci giorni dalla data dell’autorizzazione, da parte della StazioneAppaltante, del subappalto o cottimo.L’Appaltatore dovrà comunque dare inizio ai lavori entro il termine improrogabile di 10 (dieci) giorni dalladata del verbale di consegna, fermo restando il rispetto del termine di cui al successivo paragrafo per lapresentazione del programma operativo dei lavori.L’Appaltatore è tenuto a predisporre, unitamente al progetto esecutivo, una proposta di programmaoperativo (cronoprogramma) dettagliato per l’esecuzione delle opere, che dovrà essere redatto tenendoconto del tempo concesso per dare le opere ultimate entro il termine fissato dal presente Capitolato.La proposta approvata sarà impegnativa per l’Impresa, la quale rispetterà i termini di avanzamento mensilied ogni altra modalità proposta, salvo modifiche al programma operativo in corso di attuazione, percomprovate esigenze non prevedibili che dovranno essere approvate od ordinate dalla Direzione dei Lavori.L’Appaltatore deve altresì tenere conto, nella redazione del programma:- delle particolari condizioni dell’accesso al cantiere;- della riduzione o sospensione delle attività di cantiere per festività o godimento di ferie degli addetti ailavori;- delle eventuali difficoltà di esecuzione di alcuni lavori in relazione alla specificità dell’intervento e alperiodo stagionale in cui vanno a ricadere;- 9 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 10- dell’eventuale obbligo contrattuale di ultimazione anticipata di alcune parti laddove previsto.Nel caso di sospensione dei lavori, parziale o totale, per cause non attribuibili a responsabilitàdell’Appaltatore, il programma dei lavori viene aggiornato in relazione all’eventuale incremento dellascadenza contrattuale.Eventuali aggiornamenti del programma, legati a motivate esigenze organizzative dell’Impresa appaltatricee che non comportino modifica delle scadenze contrattuali, sono approvate dal Direttore dei lavori,subordinatamente alla verifica della loro effettiva necessità ed attendibilità per il pieno rispetto dellescadenze contrattuali.L’Appaltatore dovrà comunicare per iscritto alla Direzione dei Lavori l’ultimazione dei lavori non appenaavvenuta.La Stazione Appaltante di riserva di procedere a consegne parziali dei locali oggetto dei lavori. In caso diconsegne parziali, l’Appaltatore è tenuto a predisporre il programma operativo dei lavori, in modo daprevedere l’esecuzione prioritaria dei lavori nell’ambito delle zone disponibili e ad indicare, nello stessoprogramma, la durata delle opere ricadenti nelle zone non consegnate e, di conseguenza, il terminemassimo entro il quale, per il rispetto della scadenza contrattuale, tali zone debbano essere consegnate. Ladata legale della consegna dei lavori, per tutti gli effetti di legge e regolamenti, sarà quella del primoverbale di consegna parziale.ART.8 OSSERVANZA DEL PIANO DI SICUREZZAL’appaltatore è tenuto ad attuare quanto previsto nel Piano di Sicurezza fornito dalla StazioneAppaltante e, in generale, dovrà osservare le disposizioni sulla sicurezza ed igiene del lavoro vigenti almomento dell’esecuzione delle opere (sia per quanto riguarda il personale dell’impresa stessa, che dieventuali subappaltatori, cottimisti e lavoratori autonomi), con specifico riferimento al D.Lgs 81/08.L’appaltatore è inoltre tenuto alla redazione del piano operativo di sicurezza che deve esseresviluppato secondo i contenuti previsti nel Titolo IV - allegato XV del Testo unico sulla sicurezzaD.Lgs. 81/08 - articoli 17 e 28 - per le attività che si prevede di eseguire in cantiere.Il piano operativo di sicurezza dovrà essere consegnato alla stazione appaltante prima dell’inizio deilavori all’atto della consegna del progetto esecutivo.Qualsiasi modifica all’allestimento dei cantieri dovesse rendersi necessaria per assicurare lacompatibilità delle attività lavorative con le attività sociali che dovrà essere approvata dal coordinatoreper la sicurezza in fase esecutiva, non potrà in nessun caso essere motivo per la corresponsione dimaggiori compensi all’appaltatore, dovendosi intendere il prezzo dell’appalto, ed in particolare la vocerelativa agli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza, esclusa dall’applicazione del ribasso d’asta,tra i cui oggetti rientra la gestione dei rapporti con l’istituzione, come comprensivo degli oneri per taliattività.L'Appaltatore si assoggetta, rendendone indenne la Stazione Appaltante, a tutti gli oneri conseguentiall’eventuale contemporanea presenza, nel cantiere dei lavori, di più imprese o ditte costruttrici, inquanto anch’essi compresi nell’importo degli oneri per la sicurezza di cui sopra.- 10 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 11ART.9 OSSERVANZA DEL CAPITOLATO GENERALE, DI LEGGI E REGOLAMENTIL'appalto è soggetto, per quanto riguarda l’esecuzione dei lavori, all'osservanza di tutte le condizionistabilite nel Capitolato Generale per gli appalti delle opere dipendenti dal Ministero dei LL.PP.,approvato con decreto ministeriale n° 145 del 19/04/2000 e del Regolamento del Codice dei ContrattiPubblici emesso con DPR n.207/2010.E' pure tenuto all'osservanza di tutti i Regolamenti, norme e leggi in materia di opere pubbliche. Lasottoscrizione del contratto e del presente Capitolato da parte dell'Appaltatore equivale a dichiarazionedi perfetta conoscenza delle leggi, regolamenti e capitolato generale e di incondizionata loroaccettazione. Ove il presente Capitolato Speciale o il Capitolato Tecnico non prevedano espressamentele caratteristiche per l'accettazione dei materiali a piè d'opera, o per le modalità di esecuzione dellelavorazioni, si stabilisce che, in caso di controversia, saranno osservate le norme relative ai lavoricompresi nel presente appalto, emanate dal C.N.R., le norme U.N.I., le norme U.N.I.-C.I.G., le normeC.E.I. le tabelle C.E.I.-U.N.E.L. anche se non espressamente richiamate.Qualora nel corso dell'esecuzione dell'appalto venissero emanate disposizioni modificative osostitutive delle norme vigenti, l'Appaltatore è obbligato ad uniformarvisi.ART.10 MODALITA’ DI STIPULA E DOCUM. CHE FANNO PARTE DEL CONTRATTOIl contratto è stipulato “a corpo” ai sensi degli articoli n.119 comma 5 e n.118 comma 2 delregolamento generale D.P.R. 207/2010 e dell’art. 53, comma 4, del D.Lgs. 163/2006.L’importo contrattuale per i lavori a corpo, come determinato in seguito all’applicazione del ribassoofferto dall’aggiudicatario all’importo posto a base di gara, resta fisso ed invariabile, senza che possaessere invocata da alcuna delle parti contraenti alcuna successiva verificazione sulla misura o sulvalore attribuito alla quantità o alla qualità della prestazioneLa stipula del contratto avverrà entro 60 giorni dall’intervenuta efficacia dell’aggiudicazione.Fanno parte integrante e sostanziale del contratto d’appalto i seguenti documenti ed elaborati relativi ailavori in oggetto, ancorché non materialmente allegati:- il presente Capitolato speciale d’appalto;- gli elaborati grafici progettuali e i documenti del progetto definitivo;- l’offerta economica presentata dall’Appaltatore in sede di gara;- il Capitolato generale d’appalto approvato con D.M. 19 aprile 2000, n. 145;- il Piano di sicurezza e di coordinamento di cui all’articolo 100, del D.Lgs. 81/2008 e le proposteintegrative al predetto piano esibite in fase di progettazione esecutiva;- il piano operativo di sicurezza di cui all’articolo 131, comma 2, lettera c) del D.Lgs.163/2006, redattodall’Appaltatore;- il cronoprogramma di cui all’articolo 40 del Regolamento di cui al DPR 20/2010.- la dichiarazione d'obbligo richiesta nel Bando di Gara.Sono contrattualmente vincolanti tutte le leggi e le norme vigenti in materia di lavori pubblici e inparticolare:- il D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e s.m.i.;- il D.P.R. del 25/1/2000 n° 34, per quanto applicabile e ss.mm.ii.;- 11 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 12- il DPR 207/2010, “Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs. 163/2006”.ART.11 SUBAPPALTO DEI LAVORIL’affidamento in subappalto di parte delle opere e dei lavori deve essere sempre autorizzato dallaStazione Appaltante ed è subordinato al rispetto delle disposizioni di cui all’art. 118 D. Lgs.163/2006 esuccessive modifiche ed integrazioni, tenendo presente che la quota subappaltabile della categoriaprevalente non può essere superiore al 30%.In particolare, ai sensi dell’art. 118 sopra richiamato, l’impresa è tenuta ai seguenti adempimenti di cuiai punti 1-4 del comma 2.Eventuali subappalti o cottimi sono altresì soggetti alle seguenti ulteriori condizioni:1) che dal contratto di subappalto risulti che l’impresa appaltatrice ha praticato, per i lavori e le opereaffidate in subappalto, gli stessi prezzi unitari risultanti dall’aggiudicazione, con ribasso non superioreal venti per cento; l’affidatario corrisponde gli oneri della sicurezza, relativi alle prestazioni affidate insubappalto, alle imprese subappaltatrici senza alcun ribasso.2) che i soggetti aggiudicatari trasmettano, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamentoeffettuato nei loro confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da essi aggiudicatarivia via corrisposti al subappaltatore o cottimista, con l’indicazione delle ritenute di garanzia effettuate;3) che l’impresa che si avvale del subappalto o del cottimo alleghi alla copia autentica del contratto, datrasmettere entro il termine di cui al precedente punto b) la dichiarazione circa la sussistenza o meno dieventuali forme di controllo o di collegamento a norma dell’art. 2359 C.C. con l’impresa affidatariadel subappalto o del cottimo. Analoga dichiarazione deve essere effettuata da ciascuna delle impresepartecipanti nel caso di associazione temporanea, società o consorzio;4) prima dell’effettivo inizio dei lavori oggetto di subappalto o di cottimo e comunque non oltre diecigiorni dall’autorizzazione da parte della Stazione Appaltante, l’Appaltatore dovrà far pervenire, allaStazione Appaltante stessa, la documentazione dell’avvenuta denunzia, da parte del subappaltatore,agli Enti Previdenziali (incluse le Casse Edili), assicurativi e infortunistici;5) l’Appaltatore resta in ogni caso l’unico responsabile nei confronti della Stazione Appaltante perl’esecuzione delle opere oggetto di subappalto, sollevando quest’ultima da qualsiasi eventuale pretesadelle imprese subappaltatrici o da richieste di risarcimento danni eventualmente avanzate da terzi inconseguenza anche delle opere subappaltate. Ai sensi dell’art. 118, comma 8 D.Lgs. 163/2006 e s.m. ei., la Stazione Appaltante provvede al rilascio dell’autorizzazione al subappalto entro 30 gg. dellarelativa richiesta. Il termine di 30 gg. può essere prorogato una sola volta, ove ricorrano giustificatimotivi.Trascorso tale termine senza che si sia provveduto, l’autorizzazione si intende concessa.L’Appaltatore dovrà far redigere al subappaltatore il proprio Piano Operativo della Sicurezza nelrispetto del Piano di Sicurezza e coordinamento redatto dal Coordinatore della sicurezza ai sensi delD.Lgs. 81/2008 e del Piano Operativo redatto dall’Appaltatore.- 12 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 13L’Appaltatore è comunque responsabile della verifica dell’idoneità tecnica professionale delle impresesubappaltatrici e dei lavoratori autonomi e deve promuovere la collaborazione ed il coordinamento trale imprese subappaltatrici e lavoratori autonomi per l’esecuzione dei lavori oggetto di subappalto.I lavoratori autonomi sono tenuti all’osservanza del Piano di Sicurezza e Coordinamento e del PianoOperativo di Sicurezza e a fornire al Coordinatore un piano complementare di dettaglio, comprensivodella valutazione dei rischi per quanto riguarda le scelte di loro competenza.In assenza del piano complementare di dettaglio di cui al comma precedente non sarà dato inizio allerispettive lavorazioni.Si richiama, inoltre, quanto stabilito dall’art. 170 del DPR 207/2010.TITOLO II ESECUZIONE DEI LAVORIART.12 SOPRALLUOGHI, ACCERTAMENTI PRELIMINARI, ONERI VARIPrima di redigere il progetto esecutivo e prima di eseguire gli interventi, l’Appaltatore ha l’obbligo difare tutte le ispezioni necessarie per definire esattamente il tipo di intervento da fare, i materiali dausare, tenendo conto delle direttive di standardizzazione, le tecnologie da utilizzare, la situazione deiluoghi che imponga operazioni preliminari di cantiere, compreso eventuali sezionamenti di energia egas, la necessità di coordinamento con terzi che siano interessati ai lavori e che debbano coordinare laloro attività con quella dell’Appaltatore e quant’altro serva per iniziare i lavori in sicurezza, compresol’accertamento di situazioni particolari pericolose, come la presenza di linee aeree, che dovrannoessere eliminate prima di iniziare i lavori.L’Appaltatore dovrà prendere visione e dovrà assumere tutte le informazioni necessarie in merito agliinterventi da realizzare, e, oltre agli oneri di cui al C.G.A. emanato col D.M. n.145/2000, allaSEZIONE III del Regolamento emanato con DPR 207/2010 e agli altri specificati nel presenteCapitolato speciale, saranno a carico dell'appaltatore gli oneri ed obblighi seguenti:1. la formazione ed il mantenimento dei cantieri mobili, compresa ogni attrezzatura necessaria peruna piena e perfetta esecuzione degli interventi appaltati compreso il rilievo, l'allontanamento oaccantonamento di recinzioni esistenti, di alberi, arbusti, materiali, tettoie, lo sbancamento e lospianamento del terreno e quant'altro necessario per sgomberare l'area da utilizzare;2. la recinzione del cantiere, nonchè qualunque spostamento della recinzione stessa durante losvolgimento degli interventi; la fornitura e manutenzione di cartelli di avviso, di fanali disegnalazione notturna dove prescritto o richiesto dalla sicurezza per il transito veicolare epedonale;3. lo spostamento e la rimessa in funzione di linee elettriche interessanti l'area di cantiere, o la messain atto di tutti gli accorgimenti per lavorare in sicurezza, nonché lo spostamento di canalizzazioni elinee di servizio sotterranee, condotte di scarichi fognari o altri sottoservizi che costituiscanoimpedimenti all'impianto di cantiere e/o del normale svolgimento dei lavori, salvo che tali oneri- 13 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 14non rientrino negli obblighi degli erogatori di sottoservizi. In tale caso sarà obbligodell’Appaltatore curare il coordinamento degli interventi con detti erogatori;4. ogni onere per evitare eventuali infiltrazioni di acque meteoriche in conseguenza o durante o nellepause dei lavori;5. tutte le opere provvisionali, come ponti, assiti, steccati per recingere provvisoriamente il terreno,lumi, pedaggi, tasse e licenze relative, armature, centine, casseri, sagome, puntelli, taglie, attrezzied utensili e tutto quanto può occorrere per dare compiuta e perfezionata l'opera. Saranno del pari acarico dell’Appaltatore tutte le spese occorrenti per l'incanalamento e lo smaltimento provvisoriodelle acque e tutto quanto può occorrere per permettere l’esecuzione degli interventi operativiprevisti dal presente capitolato;6. il trasporto di materiali non riutilizzabili di risulta da lavori di escavazioni, demolizioni, rimozioni;l’accantonamento in apposito sito per il successivo recupero a cura della stazione appaltante dieventuali materiali ritenuti riutilizzabili e segnalati in fase esecutiva dalla D.L.;7. la disinfestazione, qualora ritenuta necessaria, tramite ditta specializzata, dei locali oggettod’intervento, prima dell’accesso ai medesimi da parte delle maestranze;8. gli oneri derivanti dalla esecuzione di lavori in straordinario o fuori orario di lavoro;9. interruzioni del lavoro richiesto od imposto da parte di Enti o autorità (ASL, per esempio), nonsaranno considerate cause di forza maggiore, e gli oneri relativi rimarranno a caricodell'Appaltatore;10. sono pure a carico dell’Appaltatore gli spostamenti e ricollocazioni di arredi e attrezzature equant’altro si dovesse spostare per consentire i lavori;11. la modifica ed anche il completo rifacimento, ad esclusivo giudizio del Direttore dei Lavori, diquegli interventi o di parti di essi che venissero giudicati inaccettabili dal Direttore dei Lavoristesso per errori o variazioni arbitrarie commesse dall'Appaltatore;12. al termine dei singoli interventi è necessaria: la rimozione e l'allontanamento dei materiali residui edelle attrezzature di cantiere non appena si siano ultimati i singoli interventi per ciascuna parte a séstante;13. alla fine degli interventi si dovrà provvedere alla pulizia dei luoghi oggetto dell’intervento al finedi riconsegnare i luoghi stessi in perfette condizioni e comunque tali da consentirne l’immediatoutilizzo. A tale scopo non può ritenersi sufficiente la semplice spazzatura del cantiere, ma si dovrà- 14 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 15procedere al lavaggio dei pavimenti e dei rivestimenti, ed alla pulizia dei vetri e degli apparecchisanitari con appositi prodotti detergenti; Analogamente si dovrà procedere per tutti gli spazi,ancorché non oggetto di intervento, comunque utilizzati nell’esecuzione dello stesso;14. E' obbligo dell'Appaltatore di adottare nell'esecuzione dei lavori tutti i provvedimenti e le cautelenecessarie per garantire la vita e l'incolumità degli operai e delle persone addette ai lavori stessi oda terzi, nonchè per evitare danni ai beni pubblici e privati. Resta pertanto inteso che l'appaltatoreassumerà ogni più ampia responsabilità sia civile che penale, nel caso di infortunio, dalla qualeresponsabilità s'intende pertanto sollevata la Stazione Appaltante ed il personale preposto allaDirezione Lavori.15. L'Appaltatore è tenuto all'osservanza scrupolosa delle norme per la prevenzione degli infortuni sullavoro nelle costruzioni a la rispetto del Piano di Sicurezza e Coordinamento e del POS allegato alcontratto.16. L'Appaltatore è tenuto inoltre all'osservanza delle norme vigenti per la previdenza ed assistenzasociali, derivanti sia da legge che da contratti collettivi (invalidità, vecchiaia, disoccupazione,tubercolosi, malattia). L'appaltatore inoltre deve assicurare l'adempimento degli obblighi cheprevedono a favore dei lavoratori, diritti patrimoniali aventi per base il pagamento di contributi daparte del datore di lavoro.17. Nell'esecuzione dei lavori che formano oggetto del presente appalto l'Appaltatore si obbliga adapplicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro per glioperai dipendenti dalle aziende industriali edili ed affini e negli accordi locali integrativi dellostesso contratto in vigore per il tempo e nella località in cui si svolgono i lavori anzidetti.18. L'Appaltatore si obbliga, altresì, ad applicare il contratto e gli accordi medesimi anche dopo lascadenza e fino alla loro sostituzione e, se Cooperative, anche nei rapporti con i soci. I suddettiobblighi vincolano l'Appaltatore anche se non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda daesse indipendentemente dalla natura industriale o artigiana, dalla struttura o dimensionedell'impresa stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica o sindacale.19. L'Appaltatore è responsabile, in rapporto alla stazione appaltante, all'osservanza delle normeanzidette da parte di eventuali subappaltatori nei confronti dei rispettivi loro dipendenti, anche neicasi in cui il contratto collettivo non disciplini l'ipotesi del subappalto. Il fatto che il subappalto nonsia autorizzato, non esime l'Appaltatore dalla responsabilità di cui al comma precedente e ciò senzapregiudizio degli altri diritti della stazione appaltante e di altra conseguenza a caricodell'Appaltatore medesimo. In caso di inottemperanza agli obblighi sopra specificati, accertatadalla stazione appaltante o ad essa segnalata dall'Ispettorato del Lavoro, la stazione appaltantemedesima comunicherà all'Appaltatore e, se del caso, anche all'Ispettorato suddetto, la- 15 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 16inadempienza accertata e procederà ad una detrazione del 20% sui pagamenti in acconto, se i lavorisono in corso di esecuzione, ovvero alla sospensione del pagamento del saldo, se i lavori sonoultimati, destinando le somme così accantonate a garanzia dell'adempimento degli obblighi di cuisopra. Il pagamento all'Appaltatore delle somme accantonate non sarà effettuato sino a quandodall'Ispettorato del Lavoro non sia stato accertato che gli obblighi predetti sono stati integralmenteadempiuti. Per le detrazioni e sospensioni dei pagamenti di cui sopra, l'Appaltatore non puòopporre eccezioni alla stazione appaltante, ne ha titolo a risarcimento di danni.20. Produrre la documentazione di avvenuta denuncia agli Enti previdenziali inclusa la Cassa Edile -assicurativi ed infortunistici che deve essere presentata alla stazione appaltante prima dell'inizio deilavori e comunque entro 30 giorni dalla data del verbale di consegna.21. La trasmissione alla stazione appaltante delle copie dei versamenti contributivi, previdenziali edassicurativi, nonché di quelli dovuti agli organismi paritetici previsti dalla contrattazione collettiva,dovrà essere effettuata con cadenza quadrimestrale. Il D.L. ha, tuttavia, facoltà di procedere allaverifica di tali versamenti in sede di emissione dei certificati di pagamento.22. Nell'ipotesi di associazione temporanea d'impresa o di consorzio, detto obbligo incombeall'impresa mandataria o capogruppo.23. Ai sensi del D.P.C.M. 11/5/1991 n° 187, le società per azioni, in accomandita per azioni, aresponsabilità limitata, le società consortili per azioni o a responsabilità limitata, ivi comprese leconcessionarie e le subappaltatrici, devono comunicare prima della stipula del contratto la propriacomposizione societaria, l'esistenza di diritti reali di godimento o di garanzia sulle azioni condiritto di voto sulla base delle risultanze del libro dei soci, delle comunicazioni ricevute e diqualsiasi altro atto disponibile, nonché le indicazioni dei soggetti muniti di procura irrevocabile cheabbiano esercitato il voto nelle assemblee societarie nell'ultimo anno o che ne abbiano comunquediritto. Se trattasi di consorzio i dati vanno riferiti alle singole società consorziate che comunquepartecipano all'esecuzione dell'opera.24. la comunicazione all'Ufficio, da cui i lavori dipendono, entro i termini prefissi dallo stesso, di tuttele notizie relative all'impiego della mano d'opera;25. L'Appaltatore ha l'obbligo di prestarsi, in ogni tempo, alle prove dei materiali da costruzioneimpiegati o da impiegarsi, provvedendo a tutte le spese di prelevamento ed invio dei campioni agliistituti di prova, indicati dalla Stazione Appaltante, pagando le relative tasse. Dei campioni potràessere ordinata la conservazione negli Uffici della D.L. munendoli di suggelli e firme del D.L. edell'Appaltatore, nei modi più adatti a garantire l'autenticità;- 16 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 1726. La fornitura, senza alcun compenso, del personale occorrente per rilievi e misurazioni relative allaredazione del progetto esecutivo e alle operazioni di consegna e contabilità dei lavori e deglistrumenti metrici e topografici occorrenti per dette operazioni;27. L'esecuzione delle eventuali prove di carico, con l'onere della fornitura del materiale idoneo e delpersonale necessario. In ogni caso le prove di carico dovranno essere eseguite secondo le istruzioniimpartite dalla D.L. e dal Collaudatore statico;28. Esporre nel cantiere e mantenere aggiornate durante tutto il periodo di esecuzione dei lavori n. 1tabella da eseguirsi secondo le indicazioni e le modalità fornite dalla stazione appaltante indicantel'oggetto dei lavori medesimi e la particolarità dell'opera;29. Provvedere alla conservazione delle opere e alla loro guardiania, curando la riparazione di rottureeffettuate da terzi verso cui l'Appaltatore avrà autonomo diritto di rivalsa, fino all'approvazionedegli atti di collaudo o la presa in carico delle opere da parte della Stazione Appaltante o dell'EnteCommittente;30. Il rispetto delle prescrizioni fissate dagli enti competenti per la tutela del personale sino dalmontaggio di ponteggi e di attrezzature elettriche e meccaniche relative al cantiere, nonché dellamessa a terra, con il pagamento delle visite di controllo;31. Provvedere a sua cura e spese a fornire tutte le strumentazioni, attrezzature per l’esecuzione deicollaudi statici e collaudi funzionali delle opere strutturali ed impiantistiche, ai sensi dellanormativa vigente che verranno effettuati da tecnico regolarmente abilitato nominato dallaStazione Appaltante o da Ente superiore;32. Denunciare all'Ente appaltante le scoperte che venissero effettuate nel corso dei lavori di tutte lecose di interesse archeologico, storico, artistico, paleontologico, ecc. o soggette comunque allenorme di legge 1 Giugno 1939, n° 1089. L'appaltatore dovrà provvedere alla conservazionetemporanea delle cose scoperte, lasciandole nelle condizioni e nel luogo in cui sono state rinvenutein attesa degli accertamenti della competente Autorità, a loro prelevamento e trasporto, con lenecessarie cautele ed alla loro conservazione e custodia in adatti locali, dopo che la Sovrintendenzacompetente ne avrà autorizzato il trasporto. L'Ente appaltante sarà tenuto al rimborso delle speseverso l'appaltatore a norma del Regolamento.33. Produrre tutte le certificazioni e le dichiarazioni relative alla resistenza la fuoco dei compartimentie dei materiali utilizzati secondo quanto specificato nel DM 4 maggio 1998 atte a comprovare chele strutture, gli impianti, le attrezzature e le opere di finitura sono stati realizzati , installati o postiin opera in conformità alla vigente normativa in materia di sicurezza antincendio complete delleomologazioni ministeriali per la commercializzazione dei materiali alla data di installazione.- 17 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 1834. Sono pure a carico dell’appaltatore tutte le spese inerenti e conseguenti alla partecipazioneall’espletamento della gara, le spese di bollo e registro degli atti contrattuali, dei documenti diprogetto e degli atti di contabilità dei lavori.35. L’allestimento di un locale idoneo destinato unicamente al personale della Direzione Lavoriprovvisto di archivio, scrivania, sedia, attrezzature informatiche (PC portatile, stampante,misuratore laser, fax), telefono;36. Le prove che la D.L., in caso di contestazioni, intenda far eseguire presso istituti da essa incaricati,dei materiali impiegati o da impiegarsi nell’impianto;La sottoscrizione del contratto equivale a tutti gli effetti di legge a dichiarazione da partedell’Appaltatore di aver tenuto conto di tutti gli obblighi ed oneri sopra specificati nello stabilire ilprezzo dei lavori.ART.13 LAVORI EVENTUALI NON PREVISTIPer l'esecuzione di varianti e di lavori non previsti si ricorrerà ai prezzi unitari del Prezziario ufficialedella Regione Siciliana e a quelli compresi nell’EPU allegato al contratto. In mancanza del prezzo diriferimento si procederà alla determinazione dei nuovi prezzi con le norme dell’art. 163 delRegolamento di cui al D.P.R. n. 207/2010. La Stazione Appaltante si riserva comunque la possibilità dichiedere all'appaltatore l'esborso del denaro occorrente per l'esecuzione di opere in economia noncomprese nel contratto, questo seguendo le disposizioni del Capitolato Generale d'Appalto.Nell'eventuale formulazione di nuovi prezzi le spese generali e l'utile d'impresa verranno valutaterispettivamente nelle percentuali del 15+10%. Gli operai per lavori in economia dovranno essereidonei ai lavori da eseguirsi e provvisti dei necessari attrezzi. Le macchine e attrezzi dati a noleggiodovranno essere in perfetto stato di servibilità, provvisti di tutti gli accessori per il loro regolarefunzionamento in sicurezza secondo le vigenti normative. Saranno a carico dell'Appaltatore lamanutenzione degli attrezzi e delle macchine e le eventuali riparazioni, perché, siano sempre in buonostato di servizio. I mezzi di trasporto per i lavori in economia dovranno essere forniti in pieno stato diefficienza. L'Appaltatore ha l'obbligo di consegnare ogni volta lo richieda la D.L., e comunque conscadenza non superiore alla settimana, le liste relative agli operai, mezzi d'opera e provvistesomministrati, su richiesta e indicazione della D.L., per l'esecuzione dei lavori in economia; dette listedevono essere sottoscritte dall'Appaltatore e dalla D.L.. Le somministrazioni, noli e prestazioni noneffettuate dall'Appaltatore nei modi e termini di cui sopra non saranno in alcun modo riconosciute.ART.14 DOCUMENTAZIONE DELLE OPERE ESEGUITEL’Appaltatore dovrà redigere i grafici descrittivi delle opere effettivamente eseguite contenenti anchele eventuali variazioni di tracciato e di percorso realizzate, e preventivamente autorizzate dallaDirezione Lavori.- 18 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 19In particolare dovranno essere prodotti i seguenti elaborati:Documentazione fotografica, su supporto magnetico in formato JPG, progressivamente numerata edatata, delle lavorazioni e dei particolari esecutivi, che per qualsiasi motivo non possano essereispezionate in tempi successivi all’esecuzione o in fase di collaudo. Ciò non avvenendo saràinsindacabile giudizio della D.LL. accettare l’opera o richiederne l’ispezionabilità anche tramite lademolizione di strutture o l’apertura di scavi.Documentazione fotografica in corso d’opera consistente in almeno 20 fotografie per ogni edificiooggetto di intervento, secondo le indicazioni della Direzione Lavori, su supporto magnetico in formatoJPGRilievo dell’impianto elettrico formato DWGRilievo dell’impianto idrico e termico formato DWGRilievo generale formato DWGAl termine dei lavori l’Appaltatore dovrà quindi consegnare alla Stazione Appaltante i disegni as-built(in formato cartaceo e su supporto informatico) delle opere architettoniche ed impiantistiche realizzate,le dichiarazioni di conformità degli impianti realizzati (da consegnare anche ai competenti Ufficicomunali), le certificazioni di conformità relative ai materiali utilizzati, nonché tutte le garanzierelative ai prodotti installati. In specifico, per quanto riguarda gli impianti, dovranno inoltre essereforniti gli schemi dell’impianto, i dettagli costruttivi, le schede dei componenti, nonché tutte leistruzioni, rilasciate dai produttori dei singoli componenti e dall’installatore, utili per le opere dimanutenzione sugli impianti.La sottoscrizione del contratto equivale a tutti gli effetti di legge a dichiarazione da partedell’Appaltatore di aver tenuto conto di tutti gli obblighi ed oneri sopra specificati nello stabilire ilprezzo dei lavori.ART.15 PRESENTAZIONE DEL CAMPIONARIOLa Ditta aggiudicataria, prima dell’inizio dei lavori, deve presentare il campionario di ogniapparecchiatura ed accessorio che intende impiegare. Resta inteso che la presentazione dei campionarinon esime la ditta aggiudicataria dall’obbligo di sostituire, a richiesta della D.L., quei materiali che – ainsindacabile giudizio della D.L. stessa – non risultino rispondenti alle prescrizioni di capitolato.ART.16 QUALITA’ E PROVENIENZA DEI MATERIALITutti gli apparecchi e i materiali dell’impianto devono essere della migliore qualità, ben lavorati erispondenti perfettamente al servizio a cui sono destinati e alle descrizioni contenute nel capitolatospeciale d’appalto e nell’elenco prezzi unitari: possono essere messi in opera solamente dopol’accettazione del Direttore dei Lavori.L’accettazione dei materiali e dei componenti è definitiva solo dopo la loro posa in opera.Il Direttore dei Lavori può rifiutare in qualunque tempo i materiali e i componenti deperiti dopol’introduzione in cantiere o che per qualsiasi causa non fossero conformi alle caratteristiche tecnicherisultanti dai documenti allegati al contratto; in quest’ultimo caso l’appaltatore deve rimuoverli dalcantiere e sostituirli con altri a sue spese.- 19 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 20Anche dopo l’accettazione e la posa in opera dei materiali e dei componenti da parte dell’appaltatorerestano fermi i diritti e i poteri della stazione appaltante in sede di collaudo.L’appaltatore che nel proprio interesse o di sua iniziativa abbia impiegato materiali o componenti dicaratteristiche superiore a quelle prescritte nei documenti contrattuali o eseguito una lavorazione piùaccurata, non ha diritto ad un aumento dei prezzi e la contabilità è redatta come se i materiali avesserole caratteristiche stabilite.ART.17 DIFETTI DI COSTRUZIONEL’appaltatore deve demolire e rifare a sue spese le lavorazioni che il Direttore dei Lavori accerta senzala necessaria diligenza o con materiali diversi da quelli prescritti contrattualmente o che, dopo la loroaccettazione e messa in opera, abbiano rivelato difetti o inadeguatezze.Se l’appaltatore contesta l’ordine del Direttore dei Lavori, la decisione è rimessa al responsabile delprocedimento; qualora l’appaltatore non ottemperi all’ordine ricevuto si procede d’ufficio a quantonecessario per il rispetto del contratto.ART.18 ORDINI DELLA DIREZIONE LAVORILe risultasse che le opere e le finiture non siano state eseguite a termine di contratto e secondo leregola d'arte, la D.L. ordinerà all'appaltatore i provvedimenti atti e necessari per eliminare leirregolarità, salvo e riservato il riconoscimento all'Ente appaltante dei danni eventuali. L'Appaltatorenon potrà rifiutarsi di dare immediata esecuzione alle disposizioni e agli ordini della D.L., sia cheriguardino il modo di esecuzione dei lavori stessi, sia che riguardino il rifiuto e la sostituzione deimateriali, salva la facoltà di fare le sue osservazioni. Nessuna variante e aggiunta nell'esecuzione deilavori e delle forniture sarà ammessa e riconosciuta se non risulterà ordinata per iscritto dalla D.L..opere e prestazioni, che non fossero esattamente determinate dal progetto e le eventuali variantirispetto al progetto stesso, dovranno essere eseguite secondo gli ordini dati di volta in volta dalla D.L..ART.19 TEMPI UTILI CONTRATTUALI- PENALI PER RITARDO – PENALI PERINADEMPIENZE VARIE - SOSPENSIONI - PROROGHEIl tempo utile contrattuale decorrente dalla data di consegna dei lavori è di giorni 480 giorninaturali e consecutivi.Si fa obbligo all'appaltatore di ultimare le opere, o gruppi di opere, nei termini di tempo previsti nelcronoprogramma approvato dalla Stazione Appaltante e fatto proprio dalla ditta appaltatrice in sede diesecuzione lavori.La penale pecuniaria rimane stabilita nella misura di EURO 1.200,00= (milleduecento/00) per ognigiorno naturale di ritardo.Per eventuali sospensioni dei lavori si applicheranno le disposizioni contenute nell'art. 24 delCapitolato Generale; per le eventuali proroghe si applicheranno quelle contenute nell'art. 26 dellostesso Capitolato Generale D.M. n.145 del 19/04/00.- 20 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 21ART.20 PAGAMENTI IN ACCONTOL'Appaltatore avrà diritto al pagamento in acconto, in corso d'opera, ogni qualvolta il suo creditoraggiunga la cifra di Euro 400.000,00 (quattrocentomila) al netto del ribasso d'asta e delle ritenute dilegge determinate con riferimento al complessivo importo netto dei lavori.ART.21 VALUTAZIONE DEI LAVORI IN CORSO D’OPERAPer determinati manufatti il cui valore è superiore alla spesa per la messa in opera è previstol’accreditamento in contabilità prima della messa in opera in misura non superiore alla metà del prezzodello stesso.All’importo dei lavori eseguiti è aggiunta la metà di quello dei materiali provvisti a piè d’opera,destinati ad essere impiegati in opere definitive facenti parte dell’appalto ed accettati dal Direttore deiLavori, da valutarsi a prezzo di contratto o, in difetto, a prezzi di stima.I materiali e i manufatti portati in contabilità rimangono a rischio e pericolo dell’appaltatore e possonosempre essere rifiutati dal Direttore dei Lavori a’ sensi dell’articolo 18 del C.G.A.ART.22 CONTO FINALEIl conto finale dei lavori sarà compilato e presentato alla firma dell'appaltatore entro 60 giorni dalladata di ultimazione, decorrenti dalla data sotto la quale giunge alla D.L. la comunicazionedell'appaltatore concernente l'avvenuta ultimazione dei lavori.ART.23 MANUTENZIONE DELLE OPERE FINO AL COLLAUDOSino a che non sia intervenuto il collaudo provvisorio delle opere la manutenzione delle stesse deveessere fatta a cura e spese dell'appaltatore.Per tutto il periodo corrente tra l'emissione del certificato di collaudo e l'approvazione dello stesso,Una volta che il collaudo sia divenuto definitivo, e salvo maggiori responsabilità sancite dall'art. 1669del codice civile, l'appaltatore è garante delle opere e delle forniture eseguite, restando a suo esclusivocarico le sostituzioni ed i ripristini che si rendessero necessari derivanti da esecuzione difettosa deilavori. Durante il periodo in cui la manutenzione è a carico dell'appaltatore, la manutenzione stessadovrà essere eseguita tempestivamente e con ogni cautela, provvedendo l'appaltatore stesso, di volta involta, alle riparazioni necessarie senza che occorrano particolari inviti da parte della D.L.. Ove peròl'appaltatore non provvedesse nei termini prescritti dalla D.L. con invito scritto, si procederà d'ufficio ela spesa andrà a debito dell'appaltatore stesso.ART.24 COLLAUDI E PAGAMENTI DEL SALDOAll'ultimazione dei lavori, la D.L. eseguirà il collaudo provvisorio delle opere, provvedendo alleverifiche, prove e constatazioni necessarie per accettare se le singole opere e le loro parti possonoessere prese in consegna, con la facoltà d'uso, pur restando a completo carico dell'appaltatore lamanutenzione delle opere stesse. Entro sei mesi dalla data di ultimazione dei lavori avrà inizio la visitadi collaudo di tutte le opere. Le operazioni di collaudo dovranno concludersi entro un anno dalla datadi ultimazione dei lavori. Il certificato di collaudo sarà approvato entro due mesi dalla predetta- 21 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 22scadenza del termine previsto per l'ultimazione delle operazioni di collaudo. Con l'approvazione delcollaudo definitivo, si procederà alla corresponsione all'appaltatore del saldo risultante dalla relativaliquidazione e alla restituzione della cauzione. In ogni caso i collaudi, anche se favorevoli, nonesonerano l'appaltatore dalle responsabilità sancite dal vigente codice civile.ART.25 DANNI DI FORZA MAGGIOREPer i danni cagionati da forza maggiore, si applicano le disposizioni dell'art. 20 del Capitolato generaledei lavori pubblici D.M. n.145 del 19/04/00, restando peraltro ferme le disposizioni ivi previste perquanto riguarda la negligenza dell'Appaltatore.ART.26 REVISIONE PREZZIPer la revisione prezzi si applica l’articolo 133 del Codice dei Contratti Pubblici.ART.27 DOCUMENTI DI CONTABILITA'La contabilità del lavoro sarà rigorosamente tenuta da parte della Direzione Lavori secondo ledisposizioni del Regolamento di attuazione emanato con DPR n.207/2010.ART.28 RISERVE DELL'APPALTATOREOgni riserva da parte dell'appaltatore dovrà essere formulata nei modi e nei termini prescritti dall'art.190 e 191 del Regolamento di attuazione emanato con DPR 207/2010. L'appaltatore, fatte valere leproprie ragioni durante il corso dei lavori nel modo anzidetto, resta tuttavia tenuto ad uniformarsisempre alle disposizioni della D.L., senza poter sospendere o ritardare l'esecuzione delle opereappaltate od ordinate invocando eventuali divergenze in ordine alla condotta tecnica ed alla contabilitàlavori e ciò sotto pena di rivalsa di tutti i danni che potessero derivare all'Ente Appaltante.ART.29 CONTESTAZIONIIl Direttore dei Lavori o l’appaltatore comunicano al responsabile del procedimento delle contestazioniinsorte circa aspetti tecnici che possono influire sull’esecuzione dei lavori; il responsabile delprocedimento convoca le parti entro quindici giorni dalla comunicazione e promuove in contraddittoriofra loro l’esame della questione al fine di risolvere la controversia. La decisione del responsabile delprocedimento è comunicata all’appaltatore, il quale ha l’obbligo di uniformarvisi, salvo il diritto diiscrivere riserva nel registro di contabilità in occasione della sottoscrizione.ART.30 DEFINIZIONE DELLE CONTROVERSIE E RISOLUZIONE DELCONTRATTOLa definizione delle controversie avverrà ai sensi della sezione IV del Codice dei Contratti Pubblici..E’ esclusa in ogni caso la competenza arbitrale e l’applicazione dell’art.241 del Codice.La Stazione Appaltante ha facoltà di risolvere il contratto mediante semplice lettera raccomandata conmessa in mora di 15 giorni, senza necessità di ulteriori adempimenti, nei seguenti casi:- frode nell'esecuzione dei lavori;- 22 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 23- inadempimento alle disposizioni del Direttore dei lavori riguardo ai tempi di esecuzione o quandorisulti accertato il mancato rispetto delle ingiunzioni o diffide fattegli, nei termini imposti dagli stessiprovvedimenti;- manifesta incapacità o inidoneità, anche solo legale, nell’esecuzione dei lavori;- inadempienza accertata anche a carico dei subappaltatori alle norme di legge sulla prevenzione degliinfortuni, la sicurezza sul lavoro e le assicurazioni obbligatorie del personale nonché alle normeprevidenziali;- sospensione dei lavori o mancata ripresa degli stessi da parte dell’Appaltatore senza giustificatomotivo;- rallentamento dei lavori, senza giustificato motivo, in misura tale da pregiudicare la realizzazione deilavori nei termini previsti dal contratto;- subappalto abusivo, associazione in partecipazione, cessione anche parziale del contratto o violazionedi norme sostanziali regolanti il subappalto;- non rispondenza dei beni forniti alle specifiche di contratto e allo scopo dell’opera;- nel caso di mancato rispetto della normativa sulla sicurezza e la salute dei lavoratori di cui al D.Lgs.81/2008 o ai piani di sicurezza del presente Capitolato speciale, integranti il contratto, e delleingiunzioni fattegli al riguardo dal Direttore dei Lavori, dal Responsabile del procedimento o dalCoordinatore per la sicurezza.Il contratto è altresì risolto in caso di perdita da parte dell'Appaltatore, dei requisiti per l'esecuzione deilavori, quali il fallimento o la irrogazione di misure sanzionatorie o cautelari che inibiscono la capacitàdi contrattare con la pubblica amministrazione.Nei casi di risoluzione del contratto o di esecuzione di ufficio, la comunicazione della decisioneassunta dalla Stazione Appaltante è fatta all'Appaltatore nella forma dell'ordine di servizio o dellaraccomandata con avviso di ricevimento, con la contestuale indicazione della data alla quale avràluogo l'accertamento dello stato di consistenza dei lavori.In relazione a quanto sopra, alla data comunicata dalla Stazione Appaltante si fa luogo, incontraddittorio fra il Direttore dei Lavori e l'Appaltatore o suo rappresentante ovvero, in mancanza diquesti, alla presenza di due testimoni, alla redazione dello stato di consistenza dei lavori, all'inventariodei materiali, delle attrezzature dei e mezzi d’opera esistenti in cantiere, nonché, nel caso di esecuzioned’ufficio, all’accertamento di quali di tali materiali, attrezzature e mezzi d’opera debbano esseremantenuti a disposizione della Stazione Appaltante per l’eventuale riutilizzo e alla determinazione delrelativo costo.Nei casi di risoluzione del contratto e di esecuzione d'ufficio, come pure in caso di fallimentodell'Appaltatore, i rapporti economici con questo o con il curatore sono definiti, con salvezza di ognidiritto e ulteriore azione della Stazione appaltante, nel seguente modo:- ponendo a base d’asta del nuovo appalto l’importo lordo dei lavori di completamento da eseguired’ufficio in danno, risultante dalla differenza tra l’ammontare complessivo lordo dei lavori posti a based’asta nell’appalto originario, eventualmente incrementato per perizie in corso d’opera oggetto diregolare atto di sottomissione o comunque approvate o accettate dalle parti, e l’ammontare lordo deilavori eseguiti dall’Appaltatore inadempiente medesimo;- 23 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 24- ponendo a carico dell’Appaltatore inadempiente:- l’eventuale maggiore costo derivante dalla differenza tra importo netto di aggiudicazione del nuovoappalto per il completamento dei lavori e l’importo netto degli stessi risultante dall’aggiudicazioneeffettuata in origine all’Appaltatore inadempiente;- l’eventuale maggiore costo derivato dalla ripetizione della gara di appalto eventualmente andatadeserta, necessariamente effettuata con importo a base d’asta opportunamente maggiorato;- l’eventuale maggiore onere per la Stazione Appaltante per effetto della tardata ultimazione dei lavori,delle nuove spese di gara e di pubblicità, delle maggiori spese tecniche di direzione, assistenza,contabilità e collaudo dei lavori, dei maggiori interessi per il finanziamento dei lavori, di ognieventuale maggiore e diverso danno documentato, conseguente alla mancata tempestiva utilizzazionedelle opere alla data prevista dal contratto originario.ART.31 DOMICILIO LEGALEPer tutti gli effetti del contratto l'appaltatore elegge il suo domicilio legale presso la sededell'Amministrazione Comunale di Messina, a norma dell'art. 2 del Capitolato Generale dello Stato,D.M. 19/04/2000 n.145.- 24 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINAINDICE DEGLI ARTICOLIDATASett. 2011Pag. 25TITOLO I GENERALITA’ .................................................................................................................................................. 2ART.1 OGGETTO DELL'APPALTO ............................................................................................................................ 2ART.2 AMMONTARE DELL'APPALTO E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ................................................. 3ART.3 DESIGNAZIONE E FORMA DELLE OPERE ................................................................................................. 4ART.4 STRUTTURA TECNICA DELL’APPALTATORE ......................................................................................... 4ART.5 CAUZIONI ............................................................................................................................................................ 5ART.6 POLIZZE ASSICURATIVE ................................................................................................................................ 6ART.7REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO. CONSEGNA DEI LAVORI – PROGRAMMAOPERATIVO DEI LAVORI – INIZIO E TERMINE PER L’ESECUZIONE – CONSEGNE PARZIALI– SOSPENSIONI................................................................................................................................................... 8ART.8 OSSERVANZA DEL PIANO DI SICUREZZA ............................................................................................... 10ART.9 OSSERVANZA DEL CAPITOLATO GENERALE, DI LEGGI E REGOLAMENTI ............................... 11ART.10 MODALITA’ DI STIPULA E DOCUMENTI CHE FANNO PARTE DEL CONTRATTO ...................... 11ART.11 SUBAPPALTO DEI LAVORI ........................................................................................................................... 12TITOLO II ESECUZIONE DEI LAVORI ........................................................................................................................ 13ART.12 SOPRALLUOGHI, ACCERTAMENTI PRELIMINARI, ONERI VARI .................................................... 13ART.13 LAVORI EVENTUALI NON PREVISTI ........................................................................................................ 18ART.14 DOCUMENTAZIONE DELLE OPERE ESEGUITE ..................................................................................... 18ART.15 PRESENTAZIONE DEL CAMPIONARIO .................................................................................................... 19ART.16 QUALITA’ E PROVENIENZA DEI MATERIALI ........................................................................................ 19ART.17 DIFETTI DI COSTRUZIONE .......................................................................................................................... 20ART.18 ORDINI DELLA DIREZIONE LAVORI ........................................................................................................ 20ART.19TEMPI UTILI CONTRATTUALI- PENALI PER RITARDO – PENALI PER INADEMPIENZE VARIE- SOSPENSIONI - PROROGHE ....................................................................................................................... 20ART.20 PAGAMENTI IN ACCONTO ........................................................................................................................... 21ART.21 VALUTAZIONE DEI LAVORI IN CORSO D’OPERA ................................................................................ 21ART.22 CONTO FINALE ................................................................................................................................................ 21- 25 -


REV._2MUNICIPIO DI MESSINAUFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DIRIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINADATASett. 2011Pag. 26ART.23 MANUTENZIONE DELLE OPERE FINO AL COLLAUDO ...................................................................... 21ART.24 COLLAUDI E PAGAMENTI DEL SALDO .................................................................................................... 21ART.25 DANNI DI FORZA MAGGIORE ..................................................................................................................... 22ART.26 REVISIONE PREZZI ........................................................................................................................................ 22ART.27 DOCUMENTI DI CONTABILITA' ................................................................................................................. 22ART.28 RISERVE DELL'APPALTATORE .................................................................................................................. 22ART.29 CONTESTAZIONI ............................................................................................................................................. 22ART.30 DEFINIZIONE DELLE CONTROVERSIE E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO ............................... 22ART.31 DOMICILIO LEGALE ...................................................................................................................................... 24- 26 -

More magazines by this user
Similar magazines