Deliberazione di Giunta Regionale n. 1191 del 24 luglio 2007

storage.provincia.re.it

Deliberazione di Giunta Regionale n. 1191 del 24 luglio 2007

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Prot. n. (PRN/07/194002)__________________________________________________________Premesso che:LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA• al fine di conservare gli elementi della biodiversità piùsignificativi l'Unione Europea sin dal 1992, con laConferenza Mondiale sulla Biodiversità di Rio de Janeiro,si è posta l'obiettivo di creare una rete di aree naturaliricadenti sul suo territorio, denominata Rete Natura 2000;• per realizzare tale obiettivo strategico il ParlamentoEuropeo, il 21 maggio 1992, ha approvato la Direttiva“Habitat” n.92/43/CEE, relativa alla “Conservazione deglihabitat naturali e seminaturali e della flora e dellafauna selvatiche” attraverso la quale è stato definitol'iter per l’individuazione, su tutto il territorioeuropeo, di una rete ecologica europea di Zone Speciali diConservazione (ZSC), comprendente anche le Zone diProtezione Speciale (ZPS), queste ultime già previstedalla Direttiva Uccelli n.79/409/CEE concernente la“Conservazione degli uccelli selvatici”;• attraverso le citate Direttive "Habitat" ed "Uccelli"l'Unione Europea ha richiesto agli Stati membri, non solodi individuare all'interno del proprio territorio le Zonedi Protezione Speciale (ZPS) per la tutela gli uccelliselvatici ed i Siti di Importanza Comunitaria (SIC) per laconservazione degli habitat e le specie animali evegetali, ma anche di impegnarsi a gestire e monitoraretale patrimonio naturalistico;• lo Stato italiano ha recepito la Direttiva Habitatattraverso il D.P.R. 8 settembre 1997, n.357,successivamente modificato e integrato, dal D.P.R. 12marzo 2003, n.120, con il quale è stato affidato alleRegioni ed alle Province autonome di Trento e di Bolzanoil compito di adottare le misure di conservazionenecessarie a salvaguardare e tutelare i siti della stessaRete Natura 2000;• relativamente alla gestione dei siti Natura 2000, ilMinistero dell'Ambiente e Tutela del Territorio, in data 3settembre 2002, ha emanato apposito Decreto, contenente leLinee Guida per la gestione dei siti Natura 2000, quale1


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.riferimento metodologico e procedurale per la definizionedelle misure di conservazione e dei piani di gestione deisiti della Rete Natura 2000;Considerato che:• tra le misure necessarie a salvaguardare i siti, lo stessoD.P.R. n.357/97 come modificato dal D.P.R. n.120/03,riportando quanto già contenuto nell’art.6 della DirettivaHabitat, ha previsto l’obbligatorietà della valutazione diincidenza di piani, progetti ed interventi, quale mezzoatto ad esaminare le interferenze di questi con glihabitat e le specie animali e vegetali di interessecomunitario presenti nei siti Natura 2000;• il D.P.R. n.357/97 e ss. mm. e ii., ha affidato alleRegioni e Province autonome di Trento e di Bolzano ilcompito di regolamentare le procedure per l’effettuazionedella valutazione di incidenza;• nel recepimento della legislazione comunitaria enazionale, la Regione Emilia-Romagna si è attivatadisciplinando la materia attraverso la Legge Regionale 14aprile 2004, n.7, contenente “Disposizioni in materiaambientale”, nel cui Titolo I - artt.3-7, sono statidefiniti i compiti e le funzioni dei vari Enti in ordinesia alla predisposizioni delle misure di conservazione chealle procedure per l’effettuazione delle valutazioni diincidenza, demandando (art.2, comma 2) ad appositadirettiva l'adozione dei criteri indicanti nellospecifico: il procedimento di individuazione dei SIC edelle ZPS, gli indirizzi per la gestione, la conservazioneed il monitoraggio degli stessi, nonché la metodologia perl'effettuazione della valutazione di incidenza;Dato atto che, al fine di poter ottemperare a quantocontenuto nel citato art. 2, comma 2 della L.R. n.7/04, condeterminazione del Direttore Generale Ambiente e Difesa delSuolo e della Costa n.7247 del 31.05.2004, successivamentemodificata dalla determinazione dello stesso Direttoren.17769 del 24.11.05, è stato costituito un apposito Gruppodi lavoro, composto da diversi tecnici e funzionari, inrappresentanza non solo della varie Direzioni Generali dellaRegione coinvolte, ma anche degli altri Enti territorialiinteressati: Province, Comunità Montane, Comuni e deglistessi Enti gestori delle aree naturali protette;2


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Ravvisato che, a tal proposito, è stata elaborata dalGruppo di lavoro, successivamente perfezionata dal Serviziocompetente in materia, la suddetta Direttiva, la quale,facendo proprio l'intento della norma regionale, ha definitoi suddetti criteri d'indirizzo contenenti tra l'altrol’ambito d'applicazione, le modalità di presentazione deglistudi d'incidenza, nonché la tempistica relativa all'iterprocedimentale;Considerato che la summenzionata Direttiva, al fine diessere condivisa, è stata portata a conoscenza delle particoinvolte e/o interessate (Enti locali, Direzioni regionali,Rappresentanti di categorie, ecc.);Esaminate le osservazioni e le proposte di modifica edintegrazioni inoltrate e, in molti casi, discusse con i sopramenzionati soggetti;Valutate le osservazioni e le proposte avanzate dalla CRALnella seduta del 10.07.2007;Visti, altresì:• il documento pubblicato nell'anno 2000 dall'Ufficiopubblicazioni della Comunità Europea, denominato “Lagestione dei siti della Rete Natura 2000 - guidaall'interpretazione dell'art. 6 della Direttiva Habitat”,predisposto dalla Commissione Europea per sostenere gliStati membri nella politica di attuazione della medesimaDirettiva;• la decisione della Commissione Europea 2004/798/CE del 7dicembre 2004, recante l'adozione dell'elenco dei SIC perla regione biogeografica continentale;• il Decreto del Ministero dell'Ambiente e della Tutela delTerritorio 25 marzo 2005, pubblicato sulla G.U. n. 156 del7.7.2005, con il quale è stato definito l'elenco dei SICper la Regione biogeografica continentale in Italia, aisensi della Direttiva 92/43/CEE;• il Decreto del Ministero dell'Ambiente e della Tutela delTerritorio 25 marzo 2005, pubblicato sulla G.U. n.168 del21.07.2005, con il quale è stato pubblicato l'elenco delleZPS classificate ai sensi della Direttiva 79/409/CEE;• le deliberazioni regionali n.167 del 13.02.06 e n.456 del03.04.06, con le quali sono state identificate, modificateed integrate le aree classificate come SIC e ZPS;3


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.• la deliberazione regionale n.1435 del 17.10.06,successivamente modificata con deliberazione n.1935 del29.12.06, con la quale si è provveduto a adottare lemisure generali di conservazione per le ZPS;• la Legge Regionale n.6/05 denominata “Disciplina dellaformazione e della gestione del sistema regionale dellearee naturali protette e dei siti della Rete Natura 2000”e successive modifiche ed integrazioni;• la Legge Regionale n.9/06 denominata “Norme per laconservazione e valorizzazione della geodiversitàdell'Emilia-Romagna e delle attività ad essa collegate”;• la Legge Regionale n.15/06 denominata "Disposizioni per latutela della fauna minore in Emilia-Romagna";Rilevato, inoltre, per quanto concerne la valutazione diincidenza che la Regione, con la Legge Regionale 6 marzo2007, n.4 (art.35, comma 2), ha previsto una misurasanzionatoria per le violazioni conseguenti “alla mancataeffettuazione della valutazione di incidenza” ovvero “percomportamenti difformi da quanto nella medesima previsto pergli habitat naturali e seminaturali e gli habitat di specieanimali e vegetali protette ai sensi della Direttiva n.92/43/CEE”, che va ad aggiungersi (comma 2 - lett. e/bis),aggiornandola, alla catalogazione delle sanzioniamministrative pecuniarie, nascenti dall'inosservanza delleprescrizioni in materia di aree naturali protette e dei sitidi Rete Natura 2000, di cui all'art.60 della Legge Regionale18 febbraio 2005, n.6;Ritenuto, pertanto, opportuno procedere all'approvazionedell'allegata Direttiva, al fine di rendere applicativequanto previsto nell'art.2 - comma 2 - della L.R. n.7/04;Preso atto del parere favorevole espresso dallaCommissione regionale Territorio, Ambiente, Mobilità nellaseduta del 24.7.07 (Prot. n.13758);Tenuto conto che, per quanto riguarda la Regione Emilia-Romagna la competenza e la responsabilità preminentinell’individuazione e nella conservazione delle aree dellacostituenda Rete Natura 2000, spettano alla DirezioneGenerale Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa;Dato atto del parere di regolarità amministrativaespresso dal Direttore Generale Ambiente, Difesa del Suolo edella Costa, Ing. Giuseppe Bortone, ai sensi dell’art.37 -4


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.comma 4, della Legge Regionale n.43/01 e di quanto prescrittodalla propria deliberazione n.450/07;su proposta dell’Assessore competente per materia;a voti unanimi e palesi:DELIBERA1. di approvare, per le motivazioni espresse in premessa,l'allegata Direttiva, facente parte integrante esostanziale del presente provvedimento, costituita daquattro allegati (A, B, C e D), rispettivamentecontenenti:- "Indirizzi per la predisposizione delle misure diconservazione e dei piani di gestione dei siti dellaRete Natura 2000";- "Linee Guida per la presentazione dello studiod'incidenza e lo svolgimento della valutazioned'incidenza di piani, progetti ed interventi";- “Indirizzi procedurali per l’individuazione dei nuoviSiti di Importanza Comunitaria (SIC) e delle Zone diProtezione Speciale (ZPS), l’aggiornamento della bancadatied il recepimento della Rete Natura 2000 neglistrumenti di pianificazione generali e di settore”;- “Indirizzi per lo svolgimento del monitoraggio dellevalutazioni d'incidenza effettuate;2. di stabilire che, con l’approvazione della presenteDirettiva, ha termine la fase transitoria di cui all’art.8, comma 1, della L.R. n.7/04 e, pertanto, in particolare,la valutazione d'incidenza di piani, progetti edinterventi dovrà essere effettuata da tutte le autoritàcompetenti e previste al Capo III della Legge regionalesopraccitata e dalla presente Direttiva;3. di stabilire che la presente Direttiva verrà pubblicatasul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna edentrerà in vigore dal 30 settembre 2007.5


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Allegato AINDIRIZZI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISUREDI CONSERVAZIONE E DEI PIANI DI GESTIONE DEISITI DELLA RETE NATURA 20001. Concetti generaliLe misure di conservazione, nonché i piani di gestione, deisiti della Rete Natura 2000, così come definiti dagli artt.4e 6 del DPR n.357/97 e ss. mm. e ii., sono prioritariamentefinalizzati ad evitare il degrado degli habitat naturali e laperturbazione delle specie animali e vegetali d'interessecomunitario presenti nei siti, nonché a promuovere ilripristino degli stessi habitat ed il miglioramento dellecondizioni ambientali più favorevoli alle popolazioni dellespecie da tutelare, sulla presenza dei quali si è basatal’individuazione dei siti stessi.Le misure di conservazione, nonché i piani di gestione, deisiti della Rete Natura 2000, devono, inoltre, garantire l'usosostenibile delle risorse naturali presenti, tenendo contodella necessità di instaurare un rapporto equilibrato tra leesigenze di conservazione dell’ambiente e quelle socioeconomiche.A tale scopo è opportuno promuovere ed incentivare,sostenendole, anche con finanziamenti pubblici, le specificheazioni in grado di migliorare le condizioni ambientali ditali aree e, in particolare, le azioni previste nelle misuredi conservazione o nei piani di gestione, anche attraversoun’indicazione di priorità nell’assegnazione deifinanziamenti pubblici.Le misure di conservazione delle ZPS e dei SIC si articolanoin:• misure generali di conservazione, valide per tutti i sitiNatura 2000, la cui approvazione è di competenzaregionale.• misure specifiche di conservazione, articolate per ognisingolo sito Natura 2000, la cui approvazione competealle Province o agli Enti di gestione delle aree naturaliprotette. Tali misure di conservazione, costituite damisure regolamentari, amministrative e contrattuali,6


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.possono, all'occorrenza, anche implicare l’adozione dipiani di gestione, specifici o integrati ad altri pianidi natura territoriale, urbanistica, paesaggistica,faunistico-venatoria ed ambientale.In particolare, le misure di conservazione, generali ospecifiche, delle ZPS, al fine di garantirne il mantenimentoin uno stato di conservazione soddisfacente, devonoconsiderare:• i criteri ornitologici individuati dall'art.4, par. 1) e2), della Direttiva comunitaria n.79/409/CEE, per quantoriguarda la conservazione degli habitat, la sopravvivenzae la riproduzione delle specie nella loro area didistribuzione;• gli habitat esterni alle ZPS, qualora ad essefunzionalmente connessi, interessando, quando risultinecessario, anche i territori esterni ai siti della ReteNatura 2000 e, all’occorrenza, l’intero territorioregionale;• le misure generali di conservazione delle ZPS definitecon la DGR n.1435 del 17.10.06, “Misure di conservazioneper la gestione delle Zone di Protezione Speciale (ZPS),ai sensi delle Direttive n.79/409/CEE, n.92/43/CEE e DPR357/97 e ss.mm.”, modificata con deliberazione regionalen.1935 del 29.12.06;• i criteri minimi uniformi che dovranno essere definiticon apposito decreto del Ministero dell’Ambiente e dellaTutela del Territorio e del Mare, ai sensi dell’art. 1 -comma 1226 della legge 27 dicembre 2006, n.296concernente “Disposizioni per la formazione del bilancioannuale e pluriennale dello Stato” (Legge Finanziariastatale 2007).In particolare, le misure di conservazione, generali ospecifiche, dei SIC, al fine di garantirne il mantenimento inuno stato di conservazione soddisfacente, devono considerare,tra l’altro:• le norme per il mantenimento dei terreni in buonecondizioni agronomiche ed ambientali di cui all’art.5 edall’allegato IV del Regolamento (CE) n.1782/03(condizionalità) definite con provvedimenti d'attuazionenazionali e regionali;• le norme di gestione per lo sfruttamento sostenibiledelle risorse della pesca nel Mar Mediterraneo di cuiall’art.4 del Regolamento (CE) n.1967/06;7


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.• le norme per la gestione sostenibile delle foreste di cuial processo Paneuropeo delle conferenze ministerialisulla protezione delle foreste in Europa “MCPFE” attuatecon le linee guida di programmazione forestale ai sensidel Decreto Legislativo n.227/01;• i criteri minimi uniformi che dovranno essere definiticon apposito decreto del Ministero dell’Ambiente e dellaTutela del Territorio e del Mare, ai sensi dell’art. 1 -comma 1226 della legge 27 dicembre 2006, n.296concernente “Disposizioni per la formazione del bilancioannuale e pluriennale dello Stato” (Legge Finanziariastatale 2007);• le misure generali di conservazione dei SIC, che laRegione deve approvare entro 180 giorni dall’entrata invigore della presente direttiva.Le misure generali di conservazione delle ZPS e dei SIC,prevalgono, ove più restrittive, rispetto alle norme ditutela, di gestione e di pianificazione territoriale,urbanistica e paesistica esistenti o alle previsioninormative definite dai rispettivi strumenti di pianificazionee regolamentari vigenti.Le misure di conservazione, generali e specifiche ed i pianidi gestione dei siti Natura 2000 sono approvaterispettivamente dalla Regione e dagli Enti gestori dei sitistessi (Province ed Enti gestori delle aree naturali protette), previaconsultazione degli Enti locali interessati e delleprincipali Associazioni di categoria che rappresentano isoggetti portatori d'interesse.Gli stessi Enti gestori dei siti, avvalendosi di procedurepartecipative ispirate al principio di massima trasparenza ecircolazione delle informazioni, al fine di garantireun’effettiva partecipazione ai soggetti portatori d'interessipubblici o privati, nonché ai portatori d'interessi diffusi,cui possa derivare un pregiudizio del provvedimento,predispongono adeguate iniziative per dare concretaattuazione a quanto suddetto.Dei risultati di tale consultazione gli Enti gestori dei sitiné danno atto nel provvedimento d'approvazione delle misurespecifiche di conservazione o dei piani di gestione dei sitistessi.8


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.2. Misure generali di conservazione dei siti Natura2000Allo scopo di garantire omogeneità in ordine alla tuteladell'intero territorio regionale, la competenza riguardoall’elaborazione ed all’approvazione delle misure generali diconservazione delle ZPS e dei SIC, nell’attuazione deicontenuti delle Direttive comunitarie n.79/409/CEE en.92/43/CEE e degli artt.4 e 6 del DPR n.357/97, è riservataalla Regione.Le misure generali di conservazione delle ZPS e dei SIC, sonodefinite sulla base del Quadro conoscitivo regionale epotranno, di norma, essere aggiornate prevedendole nelProgramma regionale di cui all’art.12 della LR n.6/05,tenendo prioritariamente conto degli obiettivi diconservazione dei siti e dei risultati del monitoraggioeffettuato circa lo stato di conservazione degli habitat edelle specie tutelate dalle Direttive comunitarien.79/409/CEE e n.92/43/CEE.Le misure generali di conservazione delle ZPS e dei SICterranno, altresì, conto dei contenuti del DecretoMinisteriale che dovrà essere emanato ai sensi del comma1226, art.1 della Legge 27 dicembre 2006, n.296.Tali misure generali, tra le quali rientrano quelle giàassunte con atto deliberativo della Giunta Regionalen.1435/2006, possono riguardare tutti i siti o loro gruppi,individuati per tipologie omogenee. Ad esse, in ogni modo,gli enti gestori dei siti non potranno derogare.La competenza ad approvare le misure generali diconservazione per i siti della Rete Natura 2000 è dellaRegione Emilia-Romagna anche dopo l’entrata in vigore dellapresente Direttiva, con la quale viene perfezionato iltrasferimento delle competenze gestionali in materia di ReteNatura 2000 alle Province ed agli Enti gestori delle areenaturali protette.3. Misure specifiche di conservazione e Piani digestione dei siti Natura 2000Le misure specifiche di conservazione d'ogni ZPS o SIC e glieventuali piani di gestione, definiscono nel dettagliol’insieme organico delle tutele necessarie per garantire il9


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.mantenimento in un soddisfacente stato di conservazione deglihabitat e delle specie animali e vegetali di cui alleDirettive comunitarie n.79/409/CEE e n.92/43/CEE, nonché illoro risanamento e, possibilmente, miglioramento.Nella definizione delle misure specifiche di conservazione edegli eventuali piani di gestione, gli Enti gestori dei sitidevono tenere conto delle misure generali di conservazionedelle ZPS e dei SIC approvate dalla Regione, dei contenutidel Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela delTerritorio del 3 settembre 2002 “Linee guida per la gestionedei siti Natura 2000”, delle disposizioni che sarannoadottate con DM da parte del Ministero dell’Ambiente e dellaTutela del Territorio e del Mare secondo le previsioni di cuial comma 1226 dell’art.1 della legge 27 dicembre 2006, n.296.Le misure specifiche di conservazione ed i piani di gestioneindividuano le attività antropiche ammissibili e quelleeventualmente non ammissibili all’interno dei siti della ReteNatura 2000, nonché le relative regolamentazioni.Gli Enti preposti alla gestione dei siti Natura 2000 sonotenuti ad adottare le misure specifiche di conservazione deisiti di propria pertinenza, entro il termine temporale di 1anno dalla entrata in vigore della presente Direttivaregionale, fatte salve eventuali proroghe concesse dallaRegione dietro richieste adeguatamente motivate.Qualora gli Enti gestori dei siti Natura 2000 non adottino lesuddette misure nei termini previsti, la Giunta regionaleassegna all’Ente inadempiente un termine per provvedere noninferiore ai 30 giorni.Decorso tale termine e sentito l’Ente interessato, la Giuntaregionale, provvede in via sostitutiva, secondo le modalitàpreviste dall'art.30 della L.R. n.6/04.Ai fini dell’approvazione delle misure specifiche diconservazione e degli eventuali piani di gestione delle ZPS edei SIC che prevedano vincoli e limiti alle condizioni d’usoed alla trasformazione del territorio, le Province seguono ilprocedimento per l’approvazione del Piano Territoriale diCoordinamento Provinciale (PTCP) di cui all’art.27 della L.R.n.20/00 “Disciplina generale sulla tutela e l’uso delterritorio”, i Parchi regionali utilizzano le procedurepreviste dagli artt.28, 29, 30, 31 e 32 della L.R. n.6/05, leRiserve naturali regionali seguono le procedure di cui10


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.all’art.44 della L.R. n.6/05, mentre i Parchi nazionaliutilizzano le procedure della Legge 6 dicembre 1991, n.394.Nel caso in cui le misure specifiche di conservazione e glieventuali piani di gestione delle ZPS e dei SIC non debbanocomportare vincoli o limiti alle condizioni d’uso ed allatrasformazione del territorio, l’Ente di gestione competenteprovvede alla relativa approvazione con proprio attodeliberativo.Alle misure specifiche di conservazione ed agli eventualipiani di gestione dei siti della Rete Natura 2000 di cuisopra, la Regione si riserva la facoltà di proporre modifichee/o integrazioni dei loro contenuti, nell’ambito dell’iterprocedurale previsto dalla L.R. n.20/00 per l’approvazionedel PTCP, previa verifica, in particolare, della coerenzarispetto alla presente Direttiva, degli obiettivi diconservazione del sito e delle misure generali diconservazione approvate dalla Regione.Per le misure di conservazione, nonché per gli eventualipiani di gestione dei siti della Rete Natura 2000, che noncomportino vincoli o limiti alle condizioni d’uso ed allatrasformazione del territorio, la Giunta regionale si riservala facoltà di proporre modifiche e/o integrazioni agli attidi approvazione entro 90 giorni dal ricevimento dell’attostesso, previa verifica, in particolare, della coerenzarispetto alle norme contenute nella presente Direttiva, agliobiettivi di conservazione del sito ed alle misure generalidi conservazione di competenza regionale.Decorso tale termine le misure specifiche di conservazione oi piani di gestione dei siti della Rete Natura 2000 approvatie/o adottati acquistano efficacia, previo inserimento delleeventuali modifiche e/o integrazioni proposte dalla Regione.L’eventuale mancato recepimento delle proposte d'integrazionee/o modifica avanzate dalla Regione, in sede d'approvazionedel provvedimento definitivo, deve, in ogni caso, essereespressamente motivato ed in modo puntuale e circostanziato.Nel caso in cui le ZPS o i SIC ricadano nel territorio di piùEnti gestori, l’Ente il cui territorio è maggiormenteinteressato per estensione dal sito promuove l’intesa con glialtri Enti per l’approvazione delle misure specifiche diconservazione o degli eventuali piani di gestione del sitostesso, seguendo le procedure sopra indicate.11


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Nel caso in cui i territori interessati ricadano nell'ambitodi Parchi nazionali le competenze delle Province sonoesercitate dalla Regione.Qualora i siti della Rete Natura 2000 siano confinanti conaltri siti ricadenti all’interno d'altre regioni, la Regionepromuove tutte le iniziative con le Regioni contermini, voltea predisporre le misure di conservazione e gli eventualipiani di gestione omogenei e/o tra loro coordinati.Gli eventuali piani di gestione dei siti della Rete Natura2000 possono prevedere anche tipologie di progetti ed'interventi che non sono assoggettabili alla procedura divalutazione d'incidenza, poiché non hanno alcun'incidenzanegativa significativa nei confronti degli habitat e dellespecie presenti nei singoli siti.Le misure specifiche di conservazione e gli eventuali pianidi gestione dei siti, per casi particolari, possono, altresì,inserire, tra quelle assoggettabili alla procedura divalutazione di incidenza, tipologie di progetti e diinterventi che con la presente Direttiva sono state ritenutetali da non presentare incidenza negativa significativa.12


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONEDELLO STUDIO D'INCIDENZAE LO SVOLGIMENTODELLA VALUTAZIONE D'INCIDENZADI PIANI, PROGETTI ED INTERVENTI1. PREMESSA1.1 - Definizioni1.2 - Concetti generaliINDICEAllegato B2. ITER PROCEDURALE DELLA VALUTAZIONE D'INCIDENZA DIPIANI, PROGETTI ED INTERVENTI2.1- Iter procedurale: livelli d'approfondimentodella Valutazione d'incidenza2.1.1 - Livello 1: Fase di pre-valutazioneTab. A – Processo d'analisi del progetto odell’intervento nella fase di pre-valutazioneda parte del soggetto pubblico competente allavalutazioneModulo A1 – Modulo di pre-valutazione d'incidenza diprogettiModulo A2 – Formulario di prevalutazione d'incidenzad'interventi2.1.2 - Livello 2: Fase di valutazione di incidenza2.1.3 - Livello 3: Fase di analisi delle soluzionialternative2.1.4 - Livello 4: Fase di definizione delle misure dicompensazioneSchema n. 1: Contenuti dello studio di incidenzaSchema n. 2: Contenuti della valutazione di incidenzaModulo B: Modulo per la trasmissione alMinistero/Commissione Europea di informazioni(art. 6, par. 4, comma 1) o di richiestedi pareri (art. 6, par. 4, comma 2)(Direttiva 92/43/CEE)3. AUTORITÀ COMPETENTI ALLA VALUTAZIONEDELL’INCIDENZA DI PIANI, PROGETTI ED INTERVENTI3.1 - Autorità competenti alla valutazioned'incidenza di un pianoTab. B – Valutazione dell’incidenza di piani: ruolidegli Enti e casistica delle procedure13


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Tab. C – Schema riepilogativo per la valutazioned'incidenza dei piani3.2 - Autorità competenti alla valutazioned'incidenza di un progetto o di uninterventoTab. D – Valutazione dell’incidenza di progetti edinterventi: ruoli degli Enti e casistica delleprocedure4. ASPETTI PROCEDURALI4.1 - Concetti generali4.1.1 - Rapporto tra Piano e Progetto4.1.2 - Rapporto tra Valutazione d'incidenza eprocedura di “silenzio-assenso”4.1.3 - Rapporto tra Valutazione d'incidenza, nullaostae parere espressi dall’Ente gestoredell’area naturale protetta4.2 - Tempistica4.2.1 - Concetti generali4.2.2 - Sospensione dei termini4.3 - Esplicitazione della Valutazioned'incidenza4.4 - Rapporto tra la Valutazione d'Incidenza ela Valutazione d'Impatto Ambientale (VIA)4.5 - Rapporti tra Enti locali, Regione,Ministero dell’Ambiente e della Tutela delTerritorio e del Mare ed Unione Europea4.6 - Fase transitoria: entrate in vigore dellapresente Direttiva5. AMBITO D'APPLICAZIONE5.1 - Piani, progetti ed interventiTab. E - Tipologie di Progetti ed interventi ricadentiall’interno dei siti Natura 2000 che nondeterminano incidenze negative significativesui siti stessiTab. F - Tipologie di Piani, Progetti ed Interventi chepossono determinare incidenze negativesignificative sui siti Natura 2000, anche seubicati all’esterno dei siti stessi,soprattutto se ricadenti nelle loro vicinanze5.2 - Progetti ed interventi che non richiedonol’approvazione da parte di un Ente pubblico14


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.5.3 - Attività che non richiedono lapresentazione di piani o progetti per laloro autorizzazione6. CRITERI PER L’EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONED'INCIDENZA DI PIANI, PROGETTI ED INTERVENTI6.1 - Concetti generaliTab. G – Condizioni affinché un habitat naturale oseminaturale sia considerato d'interessecomunitarioTab. H – Condizioni affinché una specie animale ovegetale sia considerata d'interessecomunitario6.2 - Stato di conservazioneTab. I – Condizioni per l’ottenimento di uno stato diconservazione soddisfacente di un habitatTab. L – Condizioni per l’ottenimento di uno stato diconservazione soddisfacente di specie animalie vegetali6.3 - Degrado degli habitat e perturbazioni dellespecie animali e vegetali d'interessecomunitarioTab. M - Fattori di degrado di un habitatTab. N - Fattori di perturbazione delle specie animalie vegetali6.4 - Significatività dell’incidenzaTab. O - Criteri di valutazione della significativitàdell’incidenza di un piano, di un progetto odi un interventoTab. P – Tipologie degli effetti di un piano, di unprogetto o di un intervento su di un sitoTab. Q – Indicatori per la valutazione dellasignificatività dell’incidenza ambientale6.5 - Soluzioni alternativeTab. R – Criteri d'impostazione di soluzioniprogettuali alternative6.6 - Motivi imperativi di rilevante interessepubblico6.7 - Misure di mitigazioneTab. S – Tipologie delle misure di mitigazioneTab. T– Condizioni per l’applicazione delle misure dimitigazione6.8 - Misure di compensazioneTab. U – Tipologie delle misure di compensazioneTab. V – Requisiti minimi per la definizione dellemisure di compensazione7. SORVEGLIANZA E SANZIONI15


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.8. COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE E TRASPARENZA1. PREMESSA1.1 DefinizioniArea protetta o Area naturale protetta: in questa Direttivail termine Area naturale protetta va inteso per le seguentitipologie: Parchi (nazionali, interregionali e regionali),comprensivi delle loro aree contigue, e Riserve naturali(statali e regionali).Biodiversità: la varietà complessiva della vita sulla Terra.Essa include tutte le specie (animali e vegetali, terrestri edacquatiche), gli ecosistemi ed i processi ecologici cheavvengono tra i suddetti elementi.Conservazione: il complesso di misure necessarie permantenere e/o ripristinare gli habitat naturali e lepopolazioni di specie di fauna e flora selvatiche in unostato soddisfacente.Direttiva Habitat: la Direttiva comunitaria n. 92/43/CEEintitolata: “Conservazione degli habitat naturali eseminaturali e della flora e della fauna selvatiche”.Direttiva Uccelli: la Direttiva comunitaria n. 79/409/CEEintitolata: “Conservazione degli uccelli selvatici”.Ecosistema: l’insieme costituito dagli organismi di unparticolare habitat e dall’ambiente fisico in cui essivivono. Ogni ecosistema è caratterizzato da uno scambiocontinuo d'energia tra organismi viventi e l’ambiente nonvivente e può avere dimensioni grandi o piccole. L’ecosistemapuò essere di tipo temporaneo o permanente.Habitat: le zone terrestri o acquatiche che si distinguonograzie alle loro caratteristiche geografiche, abiotiche ebiotiche. Gli habitat si suddividono in naturali eseminaturali.Habitat di interesse comunitario: si intendono gli habitatnaturali o seminaturali che nel territorio dell’UnioneEuropea:16


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.- rischiano di scomparire nella loro area di distribuzionenaturale;- sono presenti su aree limitate a seguito della regressionedella loro distribuzione naturale o per il fatto che laloro area naturale di distribuzione è intrinsecamenteristretta;- costituiscono esempi tipici di una o più regionibiogeografiche europee.Gli habitat d'interesse comunitario sono gli habitat naturalie seminaturali indicati nell’Allegato I della DirettivaHabitat. Tra questi habitat la Direttiva Habitat indica anchequelli di tipo “prioritario” (contrassegnati da un asterisco: *),per la cui conservazione i Paesi dell’Unione Europea hannouna particolare responsabilità a causa della loro limitataarea di distribuzione naturale nel territorio europeo.Habitat di specie: s'intendono gli ambienti, definiti dafattori abiotici e biotici, in cui vive una certa specie inuna delle sue fasi del suo ciclo biologico.Incidenza negativa: è la sommatoria degli effetti e degliimpatti negativi che un piano, un progetto o un interventopuò produrre sull’integrità ambientale di un sito Natura2000.Incidenza negativa significativa: la significativitàdell’incidenza di un intervento sugli habitat o sulle speciedi interesse comunitario presenti in un sito Natura 2000 vaintesa come la consistenza degli effetti e degli impattinegativi che un piano, un progetto o un intervento possonoprodurre sull’integrità ambientale del sito stesso. Lasignificatività dell’incidenza è, quindi, in strettacorrelazione con la garanzia di mantenimento in uno stato diconservazione soddisfacente gli habitat e le specie animali evegetali presenti nel sito Natura 2000 e per i quali è statoindividuato. Ai fini della valutazione della significativitàdell’incidenza di un intervento si devono utilizzareprincipalmente gli indicatori, i parametri ed i criteriindicati nel paragrafo 6.4 della presente Direttiva.Incidenza positiva: è la sommatoria degli effetti che unpiano, un progetto o un intervento può produrresull’integrità ambientale di un sito Natura 2000, nel caso incui questi siano migliorativi delle condizioni ambientalipresenti in una certa area.17


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Integrità di un sito: è la qualità o la condizione diinterezza e completezza nel senso di “coerenza dellastruttura e della funzione ecologica del sito stesso in tuttala sua superficie o degli habitat e delle specie animali evegetali di interesse comunitario per i quali il sito è statoindividuato”.Misure compensative: sono quelle misure specifiche previsteper un piano, un progetto o un intervento che mirano acontrobilanciarne l’incidenza negativa valutata di rilevanzasignificativa ed a fornire una compensazione proporzionataagli effetti negativi attesi. Costituiscono lo strumento perconiugare gli interventi previsti considerati ad incidenzanegativa significativa con la salvaguardia di un habitat o diuna specie d'elevato pregio naturalistico.Misure di mitigazione: sono quelle precauzioni o soluzioniprogettuali che rendono meno impattante sull’ambiente larealizzazione di un piano, di un progetto o di un intervento,sia durante la fase di cantiere che di gestione ordinaria.Piano: i piani che sono elaborati e/o adottati da un’autoritàpubblica a livello nazionale, regionale o locale, il termine“piano” ha un significato ampio e comprende piani generaliterritoriali e piani di settore: Piani Territoriali diCoordinamento Provinciali, Piani Territoriali dei Parchi,Piani Strutturali Comunali, Piani Urbanistici, Piani deiTrasporti, Piani dei Rifiuti, Piani delle AttivitàEstrattive, Piani Faunistico-Venatori, Piani Ittici, Piani diAssestamento Forestale, ecc.Popolazione: insieme di più individui appartenenti allastessa specie che vivono in una determinata area geografica.Progetto: con il termine di “progetto” s'intende larealizzazione di lavori di costruzione d'opere, manufatti od'altri interventi sul territorio, compresi quelli destinatiallo sfruttamento delle risorse del suolo. Il termine“progetto” va interpretato in senso lato e comprende anchel’insieme dei progetti che sono ricompresi nei Programmi.Rete ecologica: s'intendono gli elementi che, ai diversilivelli d'organizzazione biologica (paesaggi, ecosistemi,comunità, specie), sono in grado di rappresentare e supportarela distribuzione della biodiversità.Una rete ecologica è tipicamente costituita da quattroelementi principali:18


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.- nodi: rappresentano tipi di habitat principali e neassicurano la conservazione;- corridoi e aree di sosta: permettono alle specie dimigrare tra differenti nodi, riducendo così l'isolamento emigliorando la coesione dei sistemi naturali;- zone tampone: proteggono la rete da influenze esternepotenzialmente negative;- aree di riqualificazione ambientale: si aggiungono oingrandiscono i nodi permettendo alla rete di raggiungereuna dimensione ottimale.Rete Natura 2000: costituisce la Rete Ecologica Europea ed ècostituita dall’insieme dei SIC (Siti di Importanza Comunitaria) edelle ZPS (Zone di Protezione Speciale), nei quali sono presentihabitat di interesse comunitario (Allegato I della DirettivaHabitat) e specie animali e vegetali di interesse comunitario(Allegato II della Direttiva Habitat e Allegato I della DirettivaUccelli). Tale rete ha come obiettivo principale quello dicontribuire a salvaguardare la biodiversità mediante ilmantenimento o il ripristino, in uno stato di conservazionesoddisfacente, dei tipi di habitat e di specie d'interessecomunitario individuati.Sito: è un’area geograficamente definita, la cui superficie èchiaramente delimitata.Sito d'Importanza Comunitaria (SIC): è un sito Natura 2000designato ai sensi della Direttiva Habitat che, nella regionebiogeografica cui appartiene, contribuisce in modosignificativo a mantenere o a ripristinare un tipo di habitato una specie d'interesse comunitario, in uno stato diconservazione soddisfacente. Può, inoltre, contribuire allacoerenza della Rete Natura 2000, poiché contribuisce in modosignificativo al mantenimento della diversità biologica nellaregione biogeografica interessata. Per le specie animali cheoccupano ampi territori, i Siti di Importanza Comunitariacorrispondono ai luoghi, all’interno dell’area didistribuzione naturale di tali specie, che presentano glielementi fisici o biologici essenziali alla loro vita ed allariproduzione.Specie: sono una o più popolazioni costituite da individuicapaci di incrociarsi liberamente fra loro, ma non con imembri di popolazioni diverse, in condizioni naturali. Laspecie rappresenta l’unità fondamentale della classificazionenella tassonomia biologica, costituita da una popolazione oda una serie di popolazioni d'organismi strettamente affini e19


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.simili. Ad ogni specie è attribuito un nome scientificoformato da due parti: il genere ed il nome specifico. Speciestrettamente affini fanno parte dello stesso genere, mentrealcune specie sono ulteriormente suddivise in sottospecie.Specie animali e vegetali di interesse comunitario: siintendono le specie animali e vegetali che, nel territoriodell’Unione Europea:- sono in pericolo di estinzione;- sono vulnerabili, vale a dire che il loro passaggio nellacategoria delle specie in pericolo è ritenuto probabile inun prossimo futuro, qualora persistano i fattori negativialla base di tale rischio;- sono rare, vale a dire che le popolazioni sono di piccoledimensioni e che, pur non essendo attualmente, né inpericolo, né vulnerabili, rischiano di diventarlo; talispecie sono localizzate in aree geografiche ristrette odiffuse in modo disomogeneo su una superficie più ampia;- sono endemiche, vale a dire che richiedono una particolareattenzione a causa della specificità del loro habitat e/odelle potenziali incidenze del loro sfruttamento sul lorostato di conservazione.Le specie animali e vegetali di interesse comunitario sonoriportate negli Allegati II, IV e V della Direttiva92/43/CEE. Per le specie ornitiche d'interesse comunitario laDirettiva 92/43/CEE rimanda all’Allegato I della Direttiva79/409/CEE. La Direttiva Habitat indica anche le specieanimali e vegetali di tipo “prioritario” (contrassegnate da unasterisco: *), per la conservazione delle quali i Paesidell’Unione Europea hanno una particolare responsabilità acausa della limitata consistenza delle loro popolazioni nelterritorio europeo.Stato di conservazione di un habitat naturale: è l’effettodella sommatoria dei fattori che influiscono sull’habitat,nonché sulle specie tipiche che in esso si trovano, e chepossono alterare la sua distribuzione naturale nelterritorio, la sua struttura e le sue funzioni, nonché lasopravvivenza delle sue specie tipiche, anche a lungotermine.Stato di conservazione delle specie animali e vegetali: èl’effetto della sommatoria dei fattori che influiscono sullespecie e che possono alterare la distribuzione e l’importanzadelle loro popolazioni, anche a lungo termine.20


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Studio d'incidenza: costituisce il documento di riferimentoper la successiva valutazione d'incidenza ed è elaborato dalsoggetto proponente del piano, del progetto odell’intervento. Deve contenere tutti gli elementi necessaria definire e valutare i possibili impatti del piano, delprogetto o dell’intervento sugli habitat e sulle specieanimali e vegetali d'interesse comunitario presenti nel sitoNatura 2000 interessato. Nello stesso devono essere ancheesaminate le eventuali soluzioni alternative possibili e leeventuali misure di mitigazione e di compensazione che ilsoggetto proponente intende proporre.Zona di Protezione Speciale (ZPS): è un sito Natura 2000designato ai sensi della Direttiva Uccelli, che ospitapopolazioni significative di specie ornitiche d'interessecomunitario e che, nella regione biogeografica cuiappartiene, contribuisce in modo significativo a mantenere oa ripristinare una specie di cui all’Allegato I dellaDirettiva Uccelli in uno stato di conservazionesoddisfacente. Può, inoltre, contribuire alla coerenza dellaRete Natura 2000, giacché contribuisce in modo significativoal mantenimento della diversità biologica nella regionebiogeografica interessata. Per le specie animali che occupanoampi territori, le Zone di Protezione Speciale corrispondonoai luoghi, all’interno dell’area di distribuzione naturale ditali specie, che presentano gli elementi fisici o biologiciessenziali alla loro vita ed alla riproduzione.1.2 Concetti generaliAlfine di tutelare la biodiversità presente sul territorioeuropeo, l’Unione Europea ha emanato la Direttiva Habitat, inmateria di conservazione degli habitat naturali eseminaturali, nonché delle specie animali e vegetali più raree vulnerabili, attraverso la creazione di una Rete EcologicaEuropea, denominata “Rete Natura 2000”, e costituita dai sitiSIC (Siti d'Importanza Comunitaria) e dalle ZPS (Zone diProtezione Speciale).Tale Direttiva richiama anche la Direttiva “Uccelli”, laquale, già dal 1979, indicando quali erano le specieornitiche da considerarsi più a rischio d'estinzione e,quindi, più bisognose di tutela e protezione, avevaprescritto ad ogni Stato membro la necessità di istituire leZPS.21


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Per poter salvaguardare l’integrità dei siti Natura 2000 e,in particolare, degli habitat e delle specie animali evegetali di interesse comunitario in essi presenti, laDirettiva Habitat, oltre a prevedere che per ogni sito sianoobbligatoriamente approvate specifiche Misure diconservazione ed eventualmente anche Piani di gestione e chesiano, altresì, attuate azioni di monitoraggio delledinamiche connesse ai livelli di biodiversità in essipresenti, ha individuato uno specifico procedimentoamministrativo, di carattere preventivo, finalizzato allavalutazione degli effetti delle trasformazioni del territoriosulla conservazione della biodiversità denominato“valutazione di incidenza”.Tale procedimento, al quale è necessario sottoporre qualsiasiPiano generale (territoriale, urbanistico, ecc.) o di settore(piani faunistico-venatori, delle attività estrattive, diassestamento forestale, ittici, agricoli, ecc.), Progetto oIntervento, ad eccezione di quelli che non determinanoun’incidenza negativa significativa sui siti, tra cui quelliindicati nella Tabella E della presente Direttiva, èfinalizzato alla verifica dell’eventualità che gli interventiprevisti, presi singolarmente o congiuntamente ad altri,possano determinare significative incidenze negative su di unsito Natura 2000, tenuto conto degli obiettivi diconservazione del medesimo.Pertanto, nelle fasi di pianificazione territoriale e diprogrammazione degli interventi sul territorio, dovendotenere conto della valenza naturalistica dei siti della ReteNatura 2000, i soggetti proponenti di piani o progetti devonosottoporli alla valutazione d'incidenza, previa elaborazionedi uno specifico “studio d'incidenza”, ad eccezione di quelliper i quali la fase di pre-valutazione si sia conclusapositivamente.Ciò vale per tutti i piani, i progetti o gli interventiricadenti all’interno dei siti Natura 2000 ed anche perquelli che, seppure ubicati all’esterno, possono comportareincidenze negative significative sugli habitat o sulle specieanimali e vegetali d'interesse comunitario presenti nei siti.Nel caso di piani, progetti ed interventi ubicati all’esternodei siti Natura 2000, sono le autorità competenti alla loroapprovazione che valutano l'opportunità o meno di sottoporlia valutazione di incidenza, in funzione delle possibiliincidenze negative significative che gli stessi22


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.determinerebbero nei siti Natura 2000 limitrofi alle areeoggetto di intervento.Le valutazioni di incidenza di piani, progetti ed interventidevono essere effettuate nel rispetto della normativacomunitaria, nazionale e regionale, delle misure generali especifiche di conservazione delle ZPS e dei SIC, nonché dellenorme contenute negli eventuali piani di gestione dei sitidella Rete Natura 2000 vigenti, tenendo conto degli obiettividi conservazione del sito stesso.La valutazione d'incidenza ha, quindi, lo scopo di verificarela compatibilità ambientale d'ogni trasformazione delterritorio attraverso l’analisi delle possibili conseguenzenegative sugli habitat e sulle specie animali e vegetalid'interesse comunitario derivanti dalla realizzazione delleopere previste dai piani, dai progetti o dagli interventi.Il percorso logico della valutazione d'incidenza è daconsiderarsi un procedimento strutturato attraverso leseguenti fasi:1. Fase della pre-valutazione;2. Fase della valutazione d'incidenza;3. Fase della valutazione dell’incidenza d'eventualisoluzioni alternative;4. Fase d'individuazione delle misure di compensazione.Il passaggio da una fase a quella successiva non èobbligatorio, bensì consequenziale ai risultati ottenutinella fase precedente.Qualora il piano, il progetto o l’intervento sia valutatocome incidente in maniera negativa, ma non in misurasignificativa, è sufficiente prevedere la realizzazioned'idonee misure di mitigazione, mentre nel caso in cuil’incidenza negativa del piano, del progetto odell’intervento su di un sito sia ritenuta significativa, èobbligatorio che siano programmate e realizzate anchespecifiche ed idonee misure di compensazione.Le conclusioni alle quali l’autorità competente in materia divalutazione di incidenza giunge al termine della medesimavalutazione devono essere, sempre, espressamente motivate eformalizzate al soggetto proponente.Le autorità competenti all’effettuazione della valutazioned'incidenza, così come previsto dagli artt.5, 6 e 7 della23


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.L.R. n.7/04, sono differenti in relazione all’ubicazione delpiano, del progetto o dell’intervento e, secondo i casi,occorre anche acquisire il relativo parere da parted'ulteriori Enti.Affinché la valutazione di incidenza sia effettuata nel modopiù obiettivo e trasparente possibile, nella presenteDirettiva vengono anche forniti gli elementi necessari adefinire meglio sia lo stato di conservazione di habitat especie, sia i fattori che possono contribuire al degradodegli stessi habitat ed alla perturbazione delle medesimespecie, nonché i criteri per la definizione dellasignificatività dell’incidenza di un piano, di un progetto odi un intervento.Infine, la Direttiva Habitat, nel costituire la Rete Natura2000, oltre ad avere previsto l’istituzione dei siti ed averintrodotto la procedura della valutazione d'incidenza ha,altresì, posto particolare attenzione ai seguenti temi:- corretta gestione dei siti stessi, attraverso le misure diconservazione ed i piani di gestione;- esauriente informazione ai soggetti interessati delleprocedure adottate dalle autorità competenti;- sorveglianza del rispetto delle norme, di quanto previstonelle misure di conservazione e nei piani di gestione, edelle prescrizioni contenute nelle eventuali misure dimitigazione e di compensazione approvate;- monitoraggio dei siti Natura 2000, al fine di poterverificare l’eventuale presenza di dinamiche ambientali chepossono modificare, sia in senso positivo che negativo, lostato di conservazione degli habitat e delle specie animalie vegetali di interesse comunitario presenti nei siti.24


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.2. ITER PROCEDURALE DELLA VALUTAZIONE D'INCIDENZADI PIANI, PROGETTI ED INTERVENTI2.1 - Iter procedurale: livelli d'approfondimentodella Valutazione d'incidenzaTutti i Piani, sia generali che di settore, ivi comprese leloro varianti, tutti i Progetti con le loro varianti, nonchétutti gli Interventi che riguardino aree al cui internoricadono, interamente o parzialmente, dei siti Natura 2000,sono soggetti alla Valutazione di incidenza.Sono, altresì, soggetti a valutazione di incidenza queipiani, progetti ed interventi che, pur interessando areeimmediatamente esterne ai SIC o alle ZPS, possono determinareincidenze negative significative sugli habitat o sulle specieanimali e vegetali di interesse comunitario presenti nei sitiad esse limitrofi.Possono, inoltre, essere assoggettati alla procedura divalutazione di incidenza quei piani, progetti o interventiche, pur riguardando aree molto distanti dai siti Natura2000, per la loro particolare natura possono determinareincidenze negative significative sugli habitat o sulle speciedi interesse comunitario presente nei siti stessi.L’iter procedurale relativo alla valutazione di incidenza èdi tipo progressivo e prevede 4 fasi o livelli, ma ilprocedimento può concludersi anche al compimento di una dellefasi intermedie, in quanto il passaggio da una fase a quellasuccessiva non è obbligatorio, bensì consequenziale airisultati ottenuti nella fase precedente.1. Fase della pre-valutazione;2. Fase della valutazione d'incidenza;3. Fase della valutazione dell’incidenza d'eventualisoluzioni alternative;4. Fase d'individuazione delle misure di compensazione.Sono esclusi dalla procedura di pre-valutazione e divalutazione d'incidenza:- i piani di gestione dei siti stessi,- i progetti e gli interventi attuativi dei piani digestione,- gli interventi indicati nella Tabella E della presenteDirettiva, in quanto, in base alle attuali conoscenze25


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.tecnico-scientifiche, alla loro modesta entità o alla loroubicazione in aree già antropizzate, non si ritiene che taliinterventi indicati incidano in maniera negativa esignificativa sui siti della Rete Natura 2000, salvo non siadisposto diversamente dalle misure specifiche diconservazione o dai piani di gestione dei siti,- i progetti e gli interventi individuati dal piano digestione vigente come privi d'incidenza negativasignificativa sull’integrità/conservazione del sito e deirelativi habitat o specie.L’iter procedurale della valutazione di incidenza è di tipoprogressivo e consequenziale, in quanto sono previste 4 fasio livelli, ma l’iter può terminare anche alla conclusione diuna delle singole fasi intermedie.Criteri generaliL’esito della Valutazione di incidenza deve essere sempreesplicitato nell’atto di autorizzazione delpiano/progetto/intervento ed il soggetto proponente è tenutoad osservare quanto previsto nella fase di pre-valutazione odi valutazione di incidenza, ivi comprese le prescrizionicontenute nelle eventuali misure di mitigazione e dicompensazione approvate, in quanto la valutazione diincidenza ha valore vincolante, sia per il soggettoproponente, sia per l’autorità competente all’approvazionedel piano, del progetto o dell’intervento.Al fine di rafforzare il principio di trasparenza dell'azioneamministrativa e nell'ottica di ridurre il contenzioso tracittadini e pubblica amministrazione, nei procedimenti adistanza di parte l'autorità competente, prima della formaleadozione di un provvedimento negativo è tenuto a comunicareal soggetto proponente i motivi ostativi all’accoglimentodella domanda (art. 10 bis Legge n. 241/90).Nel successivo capitolo 6 sono contenuti criteri, parametried indicatori di riferimento per le autorità competenti perl’effettuazione della valutazione di incidenza o il rilasciodi pareri.Tali indicazioni metodologiche devono essere tenute comeriferimento in tutte le fasi della procedura di valutazioned'incidenza di un piano, di un progetto o di un intervento.26


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Le autorità che approvano il piano, il progetto ol’intervento e le autorità competenti all’effettuazione dellavalutazione d'incidenza, ognuno negli ambiti di propriacompetenza, sono tenuti alla verifica della correttaesecuzione di quanto previsto nella valutazione d'incidenza,compresa l’osservanza di quanto previsto nelle eventualimisure di mitigazione e di compensazione approvate.2.1.1 - Livello 1: Fase di pre-valutazioneE’ la fase preliminare che individua le possibili incidenzesu di un sito Natura 2000 di un progetto o di un intervento,considerato singolarmente o congiuntamente ad altri progettio interventi, e che determina la decisione di procedere omeno alla successiva fase di valutazione d'incidenza, qualorale possibili incidenze negative risultino significative inrelazione agli obiettivi di conservazione del sito stesso(Tab. A).La fase di pre-valutazione non si applica ai piani e per essila procedura di valutazione di incidenza ha inizio con lasuccessiva fase 2 indicata nella presente Direttiva.Nella fase di pre-valutazione l’autorità competente può ancheprescrivere idonee misure di mitigazione.La fase di pre-valutazione di incidenza è da considerarsi apieno titolo una fase dell’intera procedura di valutazione diincidenza, per quanto concerne la decorrenza dei termini, icriteri per la sua effettuazione, gli ambiti di applicazione,ecc. ed è diretta all’analisi dei progetti e degli interventipiù semplici e di minore rilevanza ambientale.Il soggetto proponente, oltre ad inoltrare all’autoritàcompetente il progetto o la domanda d'autorizzazione secondoi casi, in questa fase può limitarsi alla compilazione delmodulo di pre-valutazione (Modulo A1 nel caso di progetti o ModuloA2 qualora si tratti d'interventi) che prevede la descrizione delprogetto o dell’intervento e dell’area su cui dovrebberoessere realizzate le opere stesse.In tale fase si possono presentare tre diversi casi:A- Il progetto o l’intervento è necessario alla correttagestione del sito ed è stato presentato unicamente a scopodi conservazione della natura. In questo caso l’interventoha un’incidenza positiva e, quindi, può essere27


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.autorizzato. L’iter procedurale ha termine in questa fasedi pre-valutazione.B- Il progetto o l’intervento, pur risultando avereun’incidenza negativa, questa sia valutata nonsignificativa dall’autorità competente alla valutazione.In questo caso l’autorità competente alla sua approvazionepuò autorizzare l’intervento e l’iter procedurale hatermine in questa fase di pre-valutazione.C- Il progetto o l’intervento comporta un'incidenza negativanei confronti di un sito Natura 2000 e questa vienevalutata significativa dall’autorità competente allavalutazione o se la stessa ritenga opportuno approfondirel’analisi e, quindi, procedere con la successiva fase 2,che prevede l'effettuazione della valutazione diincidenza, sulla base di uno specifico Studio di incidenzapredisposto dal soggetto proponente.Lo stesso dicasi nel caso in cui l’attuazione del progettoo dell’intervento, pur essendo finalizzato almiglioramento del livello di conservazione dellabiodiversità di un habitat o di una specie, possacomportare delle incidenze negative significative su di unaltro habitat o specie di interesse comunitario.Anche in questo caso è necessario procedere con lavalutazione d'incidenza per verificarne le eventualiinterferenze negative in modo complessivo.L’istituto del silenzio-assenso non si applica in alcunadelle fasi previste per la valutazione di incidenza, per cuil’autorità competente all’approvazione del progetto odell’intervento, anche nel caso in cui l’esito della prevalutazionesia positivo, è sempre tenuta a comunicareformalmente l’esito della pre-valutazione al soggettoproponente, esplicitando le motivazioni che hanno determinatola decisione finale.Nello stesso tempo, l’autorità competente può ancheprescrivere idonee misure di mitigazione, tenendo anche contodei criteri indicati nelle Tabelle S e T, al fine dimigliorare ulteriormente l’inserimento ambientale degliinterventi previsti, riducendo l’incidenza del progetto odell’intervento sul sito stesso.Di norma, nel caso di piani, progetti o interventi ubicatiall’esterno di siti Natura 2000 la fase di pre-valutazionenon va svolta, né va comunicato formalmente alcunché al28


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.soggetto proponente e l’intervento può essere regolarmenteautorizzato.Al contrario, qualora l’autorità competente perl’approvazione del piano, del progetto o dell’interventoritenga che, seppure le opere previste ricadano all’esternodel sito Natura 2000, le stesse possano determinareun’incidenza negativa significativa, l’autorità richiederà alsoggetto proponente la presentazione di uno specifico studiod'incidenza e, di conseguenza, si attiverà la proceduraordinaria di valutazione.Tab. A – Processo d'analisi del progetto o dell’interventonella fase di pre-valutazione da parte del soggetto pubblicocompetente alla valutazione1. Determinare se il progetto o l’intervento sia direttamenteconnesso o necessario alla corretta gestione del sitoNatura 2000 unicamente a scopo di conservazione dellanatura2. Verificare l’esistenza d'altri progetti o interventi chepossono incidere cumulativamente in modo negativo sul sito3. Individuare le peculiarità ambientali dell’area oggettod'intervento (presenza di habitat o di specie animali e vegetalid'interesse comunitario) e gli obiettivi di conservazione delsito Natura 20004. Analizzare le ipotesi d'intervento indicate dal progetto ointervento5. Verificare le possibili interferenze del progetto odell’intervento con gli habitat e le specie presenti6. Valutare la significatività di tale incidenza sul sitoNatura 20007. Individuare le eventuali misure di mitigazione8. Concludere la fase di pre-valutazione, autorizzandonel’attuazione o rinviando la verifica dell’incidenzaambientale alla successiva fase di valutazione d'incidenza29


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Modulo A1MODULO DI PRE-VALUTAZIONE D'INCIDENZA DAALLEGARE AL PROGETTOIl sottoscritto/aResidente a Via n.Sede legaleCodice fiscalein qualità di Tecnico incaricato di elaborare il progetto per conto del Sig.:Proprietario Legale rappresentante Altro (specificare)ai sensi della LR 7/04, allega il presente modulo, debitamente compilato, al progetto relativoall’area ubicata nel Comune di: ........................................................................ (......) perconsentire lo svolgimento della procedura di pre-valutazione di incidenza (Fase 1)Caratteristiche del progettoDescrizione delle tipologiedelle azioni/opereDescrizione delle dimensioni/ambito di riferimentoUso delle risorse naturaliProduzione di rifiutiInquinamento e disturbiambientali prodottiRischio d'incidenti (sostanzee tecnologie utilizzate)Elementi naturali presentiNessunoBoschi o boschettiPrati permanenti o pascoliDescrizione dell’area oggetto di interventoZone umide d'acqua dolceo salmastra, prati umidi,corsi d’acquaAlberi isolati, in gruppoin filare, siepiAltro (ambienti rocciosi,grotte, dune, ecc.)Eventuale descrizione dell’area d'intervento:Maceri, stagni,laghetti, risorgive o fontaniliArbustetiArea agricolaArea vasta d'influenza del progetto – Interferenza con il sistema ambientaleInterferenze con le componentiabioticheInterferenze con componentibiotiche30


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Connessioni ecologicheinteressatePertanto, viste:- le caratteristiche del progetto e dell’area interessata,- le possibili interferenze con il sistema ambientale,- la conformità con le misure di conservazione ed il piano di gestione vigentiDICHIARA che gli interventi proposti hanno un’incidenza negativa significativa sui sitidella Rete Natura 2000 interessatiNulla Bassa Media AltaData:Firma del Tecnico progettistaNote esplicative:1 – Qualora alcune delle informazioni richieste siano giàcontenute nel progetto, nel presente modulo vanno richiamatele parti dello stesso dove sono indicate le relativeinformazioni e vanno compilate solo le restanti voci.2 – Nelle voci “interferenze con il sistema ambientale” vannoindicate le possibili interrelazioni tra le opere e lecomponenti abiotiche (suolo, acqua, aria, ecc.), le componentibiotiche (specie animali, vegetali, habitat, ecc.) e le connessioniecologiche eventualmente presenti (limitatamente a quelleeventualmente indicate negli strumenti di pianificazione vigenti).3 – Al presente modulo va allegata idonea cartografia, conl’indicazione dell’area oggetto di intervento, qualora nonsia già compresa nel progetto da presentare all’autoritàcompetente.4 - Il presente modulo va firmato dal tecnico progettista oda altro tecnico incaricato dal soggetto proponente(proprietario/legale rappresentante).5 - Tutela dei dati personali - Ai sensi dell’art. 13 delD.Lgs. n.196/03 - “Codice in materia di protezione dei datipersonali” (di seguito denominato “Codice”), l’Entecompetente è tenuto a fornire ai soggetti proponenti idoneainformativa in merito all’utilizzo dei dati personali.31


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Modulo A2MODULO DI PRE-VALUTAZIONE D'INCIDENZAD'INTERVENTIDichiarazione sostitutiva di certificazione/atto di notorietà(D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445)Richiedente:Il/la sottoscritto/aResidente a Via n.Codice fiscaleProponente dell’intervento in qualità di:Proprietario Legale rappresentante Altro (specificare)Sede legaleChiede, ai sensi della LR 7/04, di sottoporre il presente intervento ubicato nel Comune di:............................................................................. (......) alla procedura di Valutazione diincidenza (Fase 1)A tal fine, valendosi delle disposizioni di cui agli artt.46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445,consapevole delle sanzioni previste dall'art. 76 della normativa su indicata per le ipotesi di falsità in atti edichiarazioni mendaci nonché delle conseguenze di cui all'art. 75, comma 1, del medesimo D.P.R., dichiarasotto la sua personale responsabilitàCaratteristiche dell’interventoDescrizione delle tipologiedelle azioni/opereDescrizione delle dimensioni/ambito di riferimentoUso delle risorse naturaliProduzione di rifiutiInquinamento e disturbiambientali prodottiRischio d'incidenti (sostanzee tecnologie utilizzate)Elementi naturali presentiNessunoBoschi o boschettiPrati permanenti o pascoliDescrizione dell’area oggetto di interventoZone umide d'acqua dolceo salmastra, prati umidi,corsi d’acquaAlberi isolati, in gruppoin filare, siepiAltro (ambienti rocciosi,grotte, dune, ecc.)Maceri, stagni,laghetti, risorgive o fontaniliArbustetiArea agricola32


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Eventuale descrizione dell’area d'intervento:Il/la sottoscritto/a è, inoltre, consapevole che l'amministrazione competente provvederà ad effettuare controllisulla veridicità delle dichiarazioni rese. Qualora dal controllo emergesse la non veridicità del contenuto delledichiarazioni, il proponente - posta la responsabilità penale a suo carico ai sensi dell'art. 76 del D.P.R. 445/00 -decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle medesimeData:Firma del Soggetto proponente/Legale rappresentanteNote esplicative:1 – Qualora alcune delle informazioni richieste siano giàcontenute nell’eventuale domanda, nel presente modulo vannorichiamate le parti della stessa dove sono indicate lerelative informazioni e vanno compilate solo le restantivoci.2 – Al presente modulo va allegata idonea cartografia, conl’indicazione dell’area oggetto di intervento, qualora nonsia già compresa nell’eventuale domanda da presentareall’autorità competente.3 – Le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto dinotorietà da produrre ad organi dell'amministrazione pubblicao ai gestori o esercenti di pubblici servizi sonosottoscritte dall'interessato alla presenza del dipendenteaddetto ovvero sottoscritte ed inoltrate, unitamente allacopia fotostatica non autenticata di un documento di identitàdel sottoscrittore. Le istanze e la copia del documentod'identità possono essere inviate per via telematica. Ilpresente modulo va, quindi, firmato dal soggetto proponente(proprietario/legale rappresentante), giacché non trattandosidi un progetto, non si rende necessaria la firma di untecnico progettista.4 - Tutela dei dati personali - Ai sensi dell’art. 13 delD.Lgs. n.196/03 - “Codice in materia di protezione dei datipersonali” (di seguito denominato “Codice”), l’Entecompetente è tenuto a fornire ai soggetti proponenti idoneainformativa in merito all’utilizzo dei dati personali.33


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.2.1.2 - Livello 2: Fase di valutazione di incidenzaTrattasi dell’analisi dell'incidenza del piano, del progettoo dell’intervento sul sito, analizzato singolarmente ocongiuntamente ad altri piani, progetti o interventi, nelrispetto della struttura e della funzionalità del sito e deisuoi obiettivi di conservazione.Tale analisi deve essere effettuata sulla base dello Studiod'incidenza predisposto dal soggetto proponente.Lo Schema n. 1 costituisce il modello di riferimento alivello regionale per l’elaborazione dello studio d'incidenzae tiene conto di quanto previsto nell’allegato G del DPR n.357/97.Qualora lo studio d'incidenza non sia già contenuto nelpiano, progetto o domanda originari, l’autorità competentealla valutazione d'incidenza è tenuta a richiedere alsoggetto proponente la trasmissione di tale specifico studio.L’autorità competente può, altresì, acquisire ulterioriinformazioni da enti, esperti, associazioni, portatorid'interesse, ecc., al fine di ottenere un quadro più completodella situazione e poter meglio valutare le eventualiinterferenze tra il piano, il progetto o l’intervento ed ilsito della Rete Natura 2000.La Valutazione di incidenza deve essere effettuatadall’autorità competente, secondo quanto indicato allo Scheman. 2 e delle presenti Linee guida regionali.A- Al termine dell’analisi dello studio d'incidenza, qualoral'incidenza risulti negativa, ma non significativa,tenendo anche conto dei criteri indicati nella Tabella O edegli indicatori di cui alla Tabella Q, l’intervento puòessere autorizzato.Anche in questo caso, il silenzio-assenso non può essereapplicato e, quindi, l’autorità competenteall’approvazione del piano, del progetto odell’intervento, nel caso in cui l’esito della valutazioned'incidenza sia stato positivo, è sempre tenuta acomunicare formalmente l’esito del procedimento alsoggetto proponente, rendendo esplicite le motivazioni chehanno determinato la decisione finale.Nello stesso tempo, l’autorità competente può ancheintegrare il piano o il progetto prescrivendo idonee34


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.misure di mitigazione, tenendo anche conto dei criteriindicati nelle Tabelle S e T, al fine di migliorareulteriormente l’inserimento ambientale degli interventiprevisti, riducendo l’incidenza del piano, del progetto odell’intervento sul sito Natura 2000.L’iter procedurale ha termine in questa fase.B- Qualora, invece, l'incidenza risulti negativa esignificativa, è necessario procedere con la successivafase 3 che prevede l'effettuazione della valutazione diincidenza di eventuali soluzioni progettuali alternative,anch’esse corredate da specifici studi di incidenza.Nel caso in cui il piano, il progetto o l’interventooriginario contempli già le eventuali soluzionialternative pianificatorie o progettuali, oppure in casodi mancanza di ipotesi progettuali alternative, l’autoritàcompetente può evitare l’effettuazione della fase 3 eaddivenire subito alla fase 4.In questi casi è, in ogni modo, necessario che nelprovvedimento finale sia esplicitato il fatto che si sonovalutate anche le ipotesi alternative o, al contrario, lemotivazioni per le quali non si sono potute esaminaresoluzioni progettuali alternative.2.1.3 - Livello 3: Fase di analisi delle soluzionialternativeRiguarda l’analisi dell'incidenza d'eventuali soluzionialternative che consentano di raggiungere gli obiettivi delpiano, del progetto o dell’intervento, evitando nello stessotempo, il verificarsi d'incidenze negative significative sulsito Natura 2000.Tra le ipotesi alternative possibili, oltre a tenere contodei criteri indicati nella Tabella R, va anche consideratal’ipotesi di non realizzare gli interventi previsti dalpiano, dal progetto o dall’intervento nella specifica areaindicata e con le stesse modalità previste nel piano o nelprogetto originario.Qualora le soluzioni alternative non siano già comprese nelpiano o nel progetto, è facoltà dell’autorità competenterichiedere al soggetto proponente la presentazione dellestesse, con allegato il relativo studio d'incidenza.A- Al termine dell’analisi dello studio d'incidenza delleipotesi progettuali alternative presentate dal soggetto35


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.proponente, l’autorità competente può autorizzarel’ipotesi di piano, di progetto o d'intervento la cuiincidenza risulti negativa, ma non significativa.E’ facoltà dell’autorità competente per la valutazione diincidenza indicare e valutare soluzioni alternativediverse da quelle presentate dal soggetto proponente ilpiano, il progetto o l’intervento.Le stesse dovranno tenere conto in primo luogo dellariduzione dell’incidenza ambientale e, contemporaneamente,considerare anche la sostenibilità economica e sociale daparte del soggetto proponente.L’autorità competente alla sua approvazione è tenuta acomunicare al soggetto proponente l’esito positivo dellafase di valutazione, autorizzando l’ipotesi progettuale apiù bassa incidenza ambientale, purché economicamentesostenibile e valutata tenendo conto del rapportocosti/benefici e del contesto ambientale nonché socioeconomiconel quale s'inserisce, rendendo esplicite lemotivazioni che hanno determinato la decisione finale.Nello stesso tempo l’autorità competente può integrare ilpiano o il progetto prescrivendo idonee misure dimitigazione, tenendo anche conto dei criteri indicatinelle Tabelle S e T, al fine di ridurre ulteriormentel’incidenza del piano, del progetto o dell’intervento sulsito.L’iter procedurale ha termine in questa fase.B- Qualora, invece, anche l'incidenza delle ipotesiprogettuali alternative risulti negativa e significativa,è necessario procedere con la successiva fase 4 cheprevede la valutazione delle motivazioni che hanno portatoalla proposta del piano, del progetto o dell’intervento.La fase 4 si concentrerà sull’ipotesi progettuale,originaria o alternativa, che è stata valutata a minoreincidenza ambientale, tenendo anche conto dellasostenibilità economica e sociale del soggetto proponente.2.1.4 - Livello 4: Fase di individuazione delle misure dicompensazioneTrattasi della fase in cui l’autorità competente procedeall’analisi delle motivazioni del piano, del progetto odell’intervento finalizzata alla verifica della lororilevanza.36


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.In tale fase devono essere individuate le azioni daintraprendere, anche preventive, in grado di bilanciare inmodo proporzionato le incidenze negative previste.Qualora alla base della proposta di piano, progetto ointervento, nonostante le conclusioni negative dellavalutazione di incidenza ed in mancanza di soluzionialternative possibili, sussistano motivi imperativi dirilevante interesse pubblico, o di natura sociale oeconomica, prima di procedere con l’eventuale autorizzazione,è obbligatorio individuare le idonee misure di compensazione,al fine di ridurne il più possibile l’impatto sull’ambiente.Questa fase del procedimento risulta essere la piùarticolata, perché l’autorità competente alla valutazioned'incidenza del piano, del progetto o dell’intervento non silimita a ponderare i rapporti causa-effetto tra operepreviste ed ecosistemi interessati, ma deve entrare nelmerito delle motivazioni che stanno alla base delle sceltepianificatorie o progettuali in esame.In tale fase l’autorità competente in ordine alla valutazionedeve, quindi, verificare se sussistano motivi imperativi dirilevante interesse pubblico, o di natura sociale o economicatali da giustificare il degrado di uno o più habitat o laperturbazione di specie animali o vegetali di interessecomunitario, tenendo anche conto dei criteri indicati nelleTabelle M e N.Nello specifico, si possono verificare i seguenti casi:A- Piano, progetto o intervento la cui realizzazionedetermini, o possa determinare, anche a lungo termine,un’incidenza negativa significativa e non sussistanomotivazioni di rilevante interesse pubblico, o di naturasociale o economica.In questo caso la valutazione d'incidenza si concluderànegativamente e, di conseguenza, l’autorizzazione nonpotrà essere rilasciata.L’autorità competente è tenuta a comunicare al soggettoproponente l’esito negativo della valutazione, rendendoesplicite le motivazioni che hanno determinato ladecisione finale.L’iter procedurale ha termine in questa fase.B - Piano, progetto o intervento la cui realizzazionedetermini o possa determinare, anche a lungo termine,37


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.un’incidenza negativa significativa, ma sussistano motiviimperativi di rilevante interesse pubblico o di naturasociale o economica.La valutazione d'incidenza si concluderà positivamente e,di conseguenza, l’autorizzazione potrà essere rilasciata,previa presentazione di una specifica nota informativa, alMinistero competente (Ministero dell’Ambiente e dellaTutela del Territorio e del Mare) redatta sulla basedell’allegato Formulario (Modulo B).In questo caso, l’autorità competente alla suaapprovazione è tenuta all’invio, per conoscenza, di copiadi tutta la documentazione (modulo B, piano o progetto, studiod'incidenza e valutazione d'incidenza) anche alla RegioneEmilia-Romagna.L’autorità competente è obbligata ad individuare anche leopportune misure di compensazione in grado di ridurre ilpiù possibile l’incidenza del piano, del progetto odell’intervento sugli habitat e sulle specie di interessecomunitario presenti nel sito, tenendo anche conto deicriteri indicati nelle Tabelle U e V.L’autorità competente è tenuta, altresì, a comunicare alsoggetto proponente l’esito positivo della valutazione,rendendo esplicite le motivazioni che hanno determinato ladecisione finale ed indicando le specifiche misure dicompensazione adottate e le eventuali misure dimitigazione che devono essere realizzate, al fine diridurre ulteriormente l’incidenza del piano, del progettoo dell’intervento sul sito.L’iter procedurale ha termine in questa fase.C- Piano, progetto o intervento la cui realizzazione comportiun’incidenza negativa significativa nei confronti di uno opiù habitat o di specie animali o vegetali di interessecomunitario di tipo prioritario.La procedura da adottare, come indicato nel medesimodocumento pubblicato nell'anno 2000 dall'Ufficiopubblicazioni della Comunità Europea, denominato “Lagestione dei siti della Rete Natura 2000 - Guidaall'interpretazione dell'art.6 della Direttiva Habitat”,(cap.5), è la seguente:C1 - Se le motivazioni che giustificano l’intervento conincidenza negativa significativa, sono riconducibilialla sicurezza pubblica, alla salute umana o anche adimportanti benefici per l’ambiente, la valutazioned'incidenza si concluderà positivamente e, diconseguenza, l’autorizzazione da parte dell’autorità38


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.competente potrà essere rilasciata, previatrasmissione di una specifica nota informativa alMinistero competente (Ministero dell’Ambiente e della Tuteladel Territorio e del Mare), redatta sulla basedell’allegato Formulario (Modulo B).L’autorità competente alla sua approvazione è tenutaall’invio, per conoscenza, di copia di tutta ladocumentazione (modulo B, piano o progetto, studiod'incidenza e valutazione d'incidenza) anche alla RegioneEmilia-Romagna.Anche in questo caso l’autorità competente è obbligataad individuare le opportune misure di compensazione ingrado di ridurre il più possibile l’incidenza delpiano, del progetto o dell’intervento sugli habitat esulle specie d'interesse comunitario presenti nelsito.L’autorità competente alla sua approvazione è tenuta,infine, a comunicare al soggetto proponente l’esitopositivo della valutazione, rendendo esplicite lemotivazioni che hanno determinato la decisione finale,indicando le specifiche misure di compensazioneadottate e le eventuali misure di mitigazione chedevono essere realizzate, al fine di ridurreulteriormente l’incidenza del piano o del progetto sulsito.L’iter procedurale ha termine in questa fase.C2 - Se, invece, le motivazioni che giustificanol’intervento con incidenza negativa significativa nonsiano riconducibili alla sicurezza pubblica, allasalute umana o ad importanti benefici per l’ambiente,ma siano piuttosto riconducibili a motivi imperatividi rilevante interesse pubblico o di natura sociale oeconomica, è necessario che l’autorità competenterichieda uno specifico parere all’Unione Europea, peril tramite del Ministero competente (Ministerodell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), primadi concludere la procedura di valutazione di incidenzapositivamente o negativamente e, di conseguenza,approvare o negare l’autorizzazione del piano, delprogetto o dell’intervento.Il suddetto parere va richiesto sulla basedell’allegato Formulario (Modulo B).Anche in questo caso, l’autorità competente alla suaapprovazione è tenuta all’invio, per conoscenza, dicopia di tutta la documentazione (modulo B, piano o39


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.progetto, studio d'incidenza e valutazione d'incidenza) allaRegione Emilia-Romagna.Il parere dell’Unione Europea, che si fondasull’analisi del piano o del progetto e delle sueeventuali alternative, sull’incidenza prevista neiconfronti di habitat e di specie, sulle suemotivazioni, nonché sulle misure di mitigazione e dicompensazione previste, non è vincolante; pertanto,l’autorità competente può anche decidere di non tenereconto di quanto espresso dall’Unione Europea,motivando in modo esplicito, puntuale e circostanziatotale decisione.All’Unione Europea, qualora lo ritenga opportuno, èdata facoltà, però, di avviare un’azione legale controla decisione presa dall’autorità competente.Anche in questo caso l’autorità competente perl’effettuazione della valutazione d'incidenza èobbligata ad individuare le opportune misure dicompensazione in grado di ridurre il più possibilel’incidenza del piano, del progetto o dell’interventosugli habitat e sulle specie d'interesse comunitario.L’autorità competente alla sua approvazione, ricevutoil parere, positivo o negativo, da parte dell’UnioneEuropea è tenuta, infine, a comunicare al soggettoproponente l’esito positivo o negativo della fase divalutazione, rendendo esplicite le motivazioni chehanno determinato la decisione finale; qualora l’esitosia stato positivo, il soggetto competente allavalutazione indica anche le specifiche misure dicompensazione adottate e le eventuali misure dimitigazione che devono essere realizzate, al fine diridurre ulteriormente l’incidenza del piano o delprogetto sul sito.L’iter procedurale ha termine in questa fase.C3 - Piano, progetto o intervento la cui realizzazionedetermini o possa determinare, anche a lungo termine,un’incidenza negativa significativa su habitat ospecie d'interesse comunitario di tipo prioritario, manon sussistano motivi imperativi di rilevanteinteresse pubblico o di natura sociale o economica.Analogamente al caso indicato in precedenza, lavalutazione d'incidenza si concluderà negativamente e,di conseguenza, l’autorizzazione non potrà essererilasciata.In questo caso l’autorità competente alla suaapprovazione è tenuta a comunicare al soggetto40


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.proponente l’esito negativo della valutazione,rendendo manifeste le motivazioni che hannodeterminato la decisione finale.L’iter procedurale ha termine in questa fase.41


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Schema n. 1CONTENUTI DELLO STUDIO D'INCIDENZA(l’analisi si riferisce al piano, al progetto oall’intervento ed alle sue ipotesi alternative)Dati generali del piano/progetto• Titolo del piano/progetto• Provincia, Comune e Località in cui è situata l’aread'intervento• Soggetto proponenteMotivazioni del piano/progetto• Inquadramento del piano/progetto negli strumenti diprogrammazione e pianificazione vigenti• Finalità del piano/progetto• Livello d'interesse (locale, provinciale, regionale, nazionale ocomunitario)• Tipologia d'interesse (privato, pubblico, con motivi imperatividi rilevante interesse pubblico, inclusi motivi di natura sociale oeconomica)• Indicazione d'eventuali esigenze di realizzazione delpiano/progetto connesse alla salute dell’uomo, allasicurezza pubblica o di primaria importanza per l’ambiente• Piano soggetto a VALSAT• Progetto soggetto a VIARelazione tecnica descrittiva degli interventiLe voci sotto elencate si dovranno riferire a tutte le fasipreviste nel progetto (fase di cantiere, fase gestionale edeventuale fase di ripristino, compresi gli eventuali servizi aggiuntivinecessari alla realizzazione del progetto)• Area interessata dalle opere (località, dimensione, superficie)• Tipologie delle principali opere previste• Dimensioni delle principali opere previste• Tempi e Periodicità delle attività previste• Modalità di realizzazione delle opere• Durata della fase di cantiere• Complementarietà con altri piani/progetti e lorocaratteristiche principaliRelazione tecnica descrittiva dell’area d'intervento e delsito42


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.• Indicazione del sito Natura 2000 (SIC e/o ZPS) interessato(denominazione, codice), con indicazione se l'opera prevista èinterna o esterna al sito stesso• Indicazione dell’eventuale presenza d'Aree protette• Indicazione dell’eventuale presenza d'elementi naturali(boschi, arbusteti, zone umide, prati, grotte, corsi d’acqua, paretirocciose, ecc.) nell'area d'intervento• Inquadramento generale dell’area d'intervento e del sito(*)• Indicazione dell’eventuale presenza di habitat o di specieanimali e vegetali d'interesse comunitario nell’aread'intervento, con particolare riferimento a quelliprioritari (*)• Indicazione dell’eventuale presenza di connessioniecologiche (art. 7 L.R. 6/05) (*)Le informazioni inerenti al sito della Rete Natura 2000 sonodesumibili principalmente dalla scheda Natura 2000 edall’eventuale piano di gestione del sito(*) Le voci contrassegnate dall’asterisco devono essere reseesplicite in maniera puntuale e completa per tutti i piani eper i progetti soggetti a VIA.Descrizione delle interferenze tra opere/attività previste edil sistema ambientale (habitat e specie animali e vegetali presentinel sito)L’incidenza deve essere descritta relativamente a tutte lediverse fasi d'intervento (fase di cantiere, fase gestionale edeventuale fase di ripristino)• Uso di risorse naturali (presenti nel sito): prelievo di materiali (acqua, terreno, materiali litoidi,piante, animali, ecc.) taglio della vegetazione (arborea, arbustiva, erbacea) altro• Fattori d'alterazione morfologica del territorio e delpaesaggio: consumo, occupazione, alterazione, impermeabilizzazionedel suolo, costipamento del terreno escavazione alterazione di pareti rocciose, grotte, ecc. interferenza con il deflusso idrico (superficiale e/osotterraneo) intercettazione e modifica delle correnti marine trasformazione di zone umide modifica delle pratiche colturali inserimento/immissione di specie animali o vegetalialloctone uso del suolo post intervento43


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04. altro• Fattori d'inquinamento e di disturbo ambientale: inquinamento del suolo inquinamento dell’acqua (superficiale e/o sotterraneo) inquinamento dell’aria (emissioni di gas, polveri e odori) inquinamento acustico (produzione di rumore/disturbo/vibrazioni) inquinamento elettromagnetico/radiazioni (ionizzanti o nonionizzanti) inquinamento termico inquinamento luminoso inquinamento genetico (immissione di specie vegetali o animaliautoctone con provenienze geneticamente non idonee) produzione di rifiuti e scorie altro• Rischio d'incidenti: sostanze e tecnologie impiegate (esplosioni, incendi, rilasciodi sostanze tossiche, incidenti stradali, ecc.)Valutazione della significatività dell’incidenza ambientaledel piano/progetto (rapporto tra le opere/attività previste e lecomponenti biotiche, abiotiche e le connessioni ecologiche presentinell’area e nel sito)• Rapporto tra opere/attività previste ed habitatd'interesse comunitario presenti nell’area e nel sito, conparticolare riferimento a quelli prioritari (riduzione,trasformazione o frammentazione habitat, ecc.)• Rapporto tra opere/attività previste e specie animali diinteresse comunitario presenti nell’area e nel sito conparticolare riferimento a quelle prioritarie (riduzione dellepopolazioni, alterazione habitat di riproduzione, di alimentazione, disvernamento, ecc.)• Rapporto tra opere/attività previste e specie vegetali diinteresse comunitario presenti nell’area e nel sito conparticolare riferimento a quelle prioritarie (riduzione dellepopolazioni, alterazione habitat di riproduzione, substrato, ecc.)Indicazione d'eventuali ipotesi progettuali alternativeAspetti migliorativi e peggiorativi (ambientali, economici,sociali, ecc.) delle diverse soluzioni analizzateIndicazione d'eventuali misure di mitigazione dell’incidenzadelle opere/attività previsteAspetti tecnici, economici, sociali ed ambientali dellemisure di mitigazione proposteIndicazione d'eventuali misure di compensazioneAspetti tecnici, economici, sociali ed ambientali dellemisure di compensazione proposte44


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Conclusioni• Incidenza positiva• Incidenza negativa, ma non significativa• Incidenza negativa e significativaAllegati tecnici• Elaborati cartografici, a scala adeguata, dell’area diintervento (CTR) ed eventuale carta catastale con indicatigli interventi previsti ed i confini del sito Natura 2000interessato (se disponibile anche la localizzazione deglihabitat di interesse comunitario presenti nell’area oggettodi intervento e delle zone limitrofe)• Disegni delle opere in progetto• Documentazione fotografica dell’area d'intervento• Indicazione della provenienza dei dati utilizzati (fonte,modalità di consultazione dei dati utilizzati, ecc.)45


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Schema n. 2CONTENUTI DELLA VALUTAZIONE D'INCIDENZA(l’analisi si riferisce al piano, al progetto oall’intervento ed alle sue ipotesi alternative)Dati generali del piano/progetto• Titolo del piano/progetto• Provincia, Comune e Località in cui è situata l’aread'intervento• Soggetto proponenteMotivazioni del piano/progetto• Inquadramento del piano/progetto negli strumenti diprogrammazione e pianificazione vigenti• Finalità del piano/progetto• Livello d'interesse (locale, provinciale, regionale, nazionale ocomunitario)• Tipologia d'interesse (privato, pubblico, con motivi imperatividi rilevante interesse pubblico, inclusi motivi di natura sociale oeconomica)• Indicazione d'eventuali esigenze di realizzazione delpiano/progetto connesse alla salute dell’uomo, allasicurezza pubblica o di primaria importanza per l’ambiente• Piano soggetto a VALSAT• Progetto soggetto a VIARelazione tecnica descrittiva degli interventiLe voci sotto elencate si dovranno riferire a tutte le fasipreviste nel progetto (fase di cantiere, fase gestionale edeventuale fase di ripristino, compresi gli eventuali servizi aggiuntivinecessari alla realizzazione del progetto)• Area interessata dalle opere (località, dimensione superficie)• Tipologie delle principali opere previste• Dimensioni delle principali opere previste• Tempi e Periodicità delle attività previste• Modalità di realizzazione delle opere• Durata della fase di cantiere• Complementarietà con altri piani/progetti e lorocaratteristiche principaliRelazione tecnica descrittiva dell’area d'intervento e delsito• Indicazione del sito Natura 2000 (SIC e/o ZPS) interessato(denominazione, codice), con indicazione se l'opera prevista èinterna o esterna al sito46


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.• Indicazione dell’eventuale presenza d'Aree protette• Indicazione dell’eventuale presenza d'elementi naturali(boschi, arbusteti, zone umide, prati, grotte, corsi d’acqua, paretirocciose, ecc.) nell'area d'intervento• Inquadramento generale dell’area d'intervento e del sito• Indicazione dell’eventuale presenza di habitat o di specieanimali e vegetali d'interesse comunitario nell’aread'intervento, con particolare riferimento a quelliprioritari• Indicazione dell’eventuale presenza di connessioniecologiche (art. 7 L.R. 6/05)Le informazioni inerenti al sito della Rete Natura 2000 sonodesumibili principalmente dalla scheda Natura 2000,dall’eventuale piano di gestione del sito, in altre paroledal quadro conoscitivo che le amministrazioni pubbliche hannoprovveduto ad implementare.Descrizione delle interferenze tra opere/attività previste edil sistema ambientale (habitat e specie animali e vegetali presentinel sito)L’incidenza deve essere descritta relativamente a tutte lediverse fasi d'intervento (fase di cantiere, fase gestionaleed eventuale fase di ripristino)• Uso di risorse naturali (presenti nel sito): prelievo di materiali (acqua, terreno, materiali litoidi,piante, animali, ecc.) taglio della vegetazione (arborea, arbustiva, erbacea) altro• Fattori d'alterazione morfologica del territorio e delpaesaggio: consumo, occupazione, alterazione, impermeabilizzazionedel suolo, costipamento del terreno escavazione alterazione di pareti rocciose, grotte, ecc. interferenza con il deflusso idrico (superficiale e/osotterraneo) intercettazione e modifica delle correnti marine trasformazione di zone umide modifica delle pratiche colturali inserimento/immissione di specie animali o vegetalialloctone uso del suolo post intervento altro• Fattori d'inquinamento e di disturbo ambientale: inquinamento del suolo inquinamento dell’acqua (superficiale e/o sotterraneo)47


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04. inquinamento dell’aria (emissioni di gas, polveri e odori) inquinamento acustico (produzione di rumore/disturbo/vibrazioni) inquinamento elettromagnetico/radiazioni (ionizzanti o nonionizzanti) inquinamento termico inquinamento luminoso inquinamento genetico (immissione di specie vegetali o animaliautoctone con provenienze geneticamente non idonee) produzione di rifiuti e scorie altro• Rischio d'incidenti: sostanze e tecnologie impiegate (esplosioni, incendi, rilasciodi sostanze tossiche, incidenti stradali, ecc.)Congruità delle opere/attività previste con le normegestionali previste nelle misure di conservazione onell’eventuale Piano di gestione del sitoValutazione della significatività dell’incidenza ambientaledel piano/progetto e delle eventuali ipotesi alternative(rapporto tra le opere/attività previste e le componenti biotiche,abiotiche e le connessioni ecologiche presenti nell’area e nel sito)• Rapporto tra opere/attività previste ed habitatd'interesse comunitario presenti nell’area e nel sito, conparticolare riferimento a quelli prioritari (riduzione,trasformazione o frammentazione habitat, ecc.)• Rapporto tra opere/attività previste e specie animali diinteresse comunitario presenti nell’area e nel sito conparticolare riferimento a quelle prioritarie (riduzione dellepopolazioni, alterazione habitat di riproduzione, di alimentazione, disvernamento, ecc.)• Rapporto tra opere/attività previste e specie vegetali diinteresse comunitario presenti nell’area e nel sito conparticolare riferimento a quelle prioritarie (riduzione dellepopolazioni, alterazione habitat di riproduzione, substrato, ecc.)• Valutazione dell’incidenza su habitat e specie in funzionedel loro livello di rarità a livello locale, regionale,nazionale o comunitario• Confronto tra le incidenze ambientali delle eventualiipotesi alternative proposteCONCLUSIONIEsplicitazione dell’esito della valutazione d'incidenza edella relativa motivazione:• Incidenza positiva• Incidenza negativa, ma non significativa• Incidenza negativa e significativa48


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.PRESCRIZIONIIndicazione d'eventuali misure di mitigazione dell’incidenzadelle opere/attività previsteAspetti tecnici, economici, sociali ed ambientali dellemisure di mitigazione proposte (prescrizioni progettuali, modalitàesecutive dei lavori, modalità gestionali dell’area, ecc.)Indicazione d'eventuali misure di compensazioneAspetti tecnici, economici, sociali ed ambientali dellemisure di compensazione proposteALLEGATIEventuale cartografia, in scala (adeguata), delle areeoggetto delle opportune misure di mitigazione e/o dicompensazione49


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Modulo BFORMULARIO PER LA TRASMISSIONE ALMINISTERO/COMMISSIONE EUROPEADI INFORMAZIONI (art. 6, par. 4, comma 1)O DI RICHIESTE DI PARERI (art. 6, par. 4, comma 2)(Direttiva 92/43/CEE)Stato membro:Data:Documentazione inviata per: Informazione (articolo 6, paragrafo 4, comma 1) Parere (articolo 6, paragrafo 4, comma 2)Autorità nazionale competente:Indirizzo:Persona di contatto:Tel.: Fax: E-mail:Autorità regionale competente:Indirizzo:Persona di contatto:Tel.: Fax: E-mail:Autorità locale competente:Indirizzo:Persona di contatto:Tel.: Fax: E-mail:1. Piano o progettoNome e codice del sito Natura 2000 interessato: SIC ZPS SIC-ZPSHabitat o specie animali e vegetali d'interessecomunitarioHabitat o specie animali e vegetali d'interessecomunitario prioritariRiassunto del piano o progetto con un’incidenza negativasignificativa sul sito:50


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.2. Incidenze negativeRiassunto della valutazione delle incidenze negative sulsito: (indicare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie per iquali il sito è stato istituito, descrivere le misure di mitigazionepreviste ed includere la cartografia di riferimento)3. Soluzioni alternativeRiassunto delle soluzioni alternative esaminate dall’autoritàcompetente: (indicare le motivazioni per cui le autorità competentihanno concluso che non esistono soluzioni alternative)4. Motivi imperativiMotivi che giustificano comunque la realizzazione del piano oprogetto: (descriverli sinteticamente) Motivi imperativi di rilevante interesse pubblico, inclusiquelli di natura sociale o economica Salute umana/Sanità pubblica Sicurezza pubblica51


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Conseguenze positive di primaria importanza per l’ambienteAltri motivi imperativi di rilevante interesse pubblicoBreve descrizione dei motivi:5. Misure compensativeMisure compensative previste e tempi di realizzazione:(descrivere le misure di compensazione previste e il relativocronoprogramma)Firma dell’Ente:52


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.3. AUTORITÀ COMPETENTI ALLA VALUTAZIONE D'INCIDENZADI PIANI, PROGETTI ED INTERVENTI3.1 - Autorità competenti alla valutazioned'incidenza di un pianoAi sensi, di quanto prescritto dagli artt. 6 e 7 della L.R.n. 7/04, contenente “Disposizioni in materia ambientale”,l’autorità competente alla valutazione d'incidenza di unpiano nei confronti di un sito della Rete Natura 2000, è lostesso soggetto pubblico cui compete l’approvazione delpiano.Nel caso in cui il piano riguardi un sito interamente oparzialmente ricadente in un’area protetta (Parco o Riservanaturale, nazionale o regionale), l’autorità che deve approvare ilpiano deve acquisire preventivamente il relativo parere diconformità dell’Ente gestore dell’area naturale protettaprevisto dalla normativa vigente in materia d'aree naturaliprotette (L.R. n.6/05) o, nel caso di parchi nazionali, delrelativo nulla-osta.La valutazione d'incidenza è effettuata nell’ambito dellaValutazione di Sostenibilità Ambientale e Territoriale(VALSAT) e dovrà tenere conto anche delle eventuali modificheapportate durante la fase d'osservazioni e controdeduzionidel piano stesso.La Provincia o la Regione esprimono le rispettive valutazioniin merito all’incidenza del piano sul sito Natura 2000nell’ambito della loro partecipazione al relativoprocedimento di approvazione.In tali casi l’autorità competente all’approvazione del pianolo può adeguare agli eventuali rilievi formulati dallaProvincia o dalla Regione o, in caso di mancato recepimento,si esprime sugli stessi con motivazioni esplicite, puntuali ecircostanziate.La tempistica per l’effettuazione della fase di valutazioned'incidenza è, di norma, di 60 giorni, salvo i casi in cui ilprocedimento d'approvazione del piano stesso non prevedatempi diversi.53


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Di conseguenza, si possono verificare diversi casi di seguitoindicati (Tab. B).Tab. B – Valutazione dell’incidenza di piani:ruoli degli Enti e casistica delle procedureUbicazionedel pianorispettoal sitoNatura2000Autorità competentealla pre-valutazioneIncidenzanegativasignificativaAutorità competentealla valutazioned'incidenzaSito interamente esterno ad un’area naturaleprotettaEsterna Ente che approva Assente Nessunail pianoEsterna Ente che approva Presente Ente che approva ilil pianopianoInterna - - Ente che approva ilpianoSito interamente o parzialmente interno ad un’areanaturale protettaEsterna Ente che approva Assente Nessunail pianoEsterna Ente che approva Presente Ente che approva ilil pianopianoInterna - - Ente che approva ilpiano,previaacquisizione delparere di conformitào del nulla-ostadell’Ente gestoredell’area naturaleprotettaNote esplicative:La fase di pre-valutazione di un piano interno al sito Natura2000 non si effettua, poiché tutti i piani che coinvolgonodirettamente un sito Natura 2000 devono essere sottopostialla procedura di valutazione d'incidenza.L’autorità che deve approvare il piano è tenuta a chiedere ilparere all’Ente gestore dell’area naturale protetta, qualorail piano interessi direttamente un’area ricadente in un sitoNatura 2000 e, contemporaneamente, interessi un’area naturaleprotetta, indipendentemente dalla significatività54


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.dell’eventuale incidenza negativa del piano in esame, sia perla parte interna all’area naturale protetta, sia perl’eventuale parte del sito Natura 2000 ad essa esterna.La fase di pre-valutazione di un piano esterno al sito Natura2000 non si effettua attraverso la predisposizione del ModuloA1 o A2, ma compete all’autorità che lo approva valutare seapprofondire l’esame attraverso la valutazione d'incidenza,oppure no.Al fine di meglio evidenziare le possibili casistiche ed ilrelativo iter procedurale della valutazione d'incidenza deipiani in funzione del loro livello, nella Tabella C siriassumono i possibili casi.Tab. C - Schema riepilogativo per la valutazioned'incidenza dei pianiValutazione d'incidenza dei piani di livello nazionaleIl Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio edel Mare, ai sensi dell'art. 5, comma 2, e dell’art. 6 delDPR n. 357/97, effettua la valutazione di incidenza dei pianidi livello nazionale, generali e di settore, aventi valenzaterritoriale, urbanistica, paesaggistica ed ambientale, cheinteressino, anche parzialmente, le ZPS o i SIC, nonché leloro varianti.Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio edel Mare, nell'effettuazione della valutazione d'incidenza,acquisisce il parere degli Enti di gestione delle areenaturali protette nazionali interessate territorialmentedagli effetti che le previsioni del piano possono produrrenei confronti dei siti della Rete Natura 2000.Valutazione d'incidenza dei piani di livello interregionale,regionale o interprovincialeLa Regione, ai sensi dell'art. 5, comma 2, e dell’art. 6 delDPR n.357/97, effettua la valutazione di incidenza dei pianiregionali, interprovinciali, generali e di settore, aventivalenza territoriale, urbanistica, paesaggistica edambientale che interessino, anche parzialmente, le ZPS o iSIC, nonché le loro varianti.La Regione, nel caso di Piani di livello nazionale ointerregionale, concorre all’effettuazione delle valutazionid'incidenza, collaborando con l’autorità competente.La Regione, nell'effettuazione della valutazione d'incidenza,acquisisce il parere degli Enti di gestione dei Parchinazionali territorialmente interessati dagli effetti che leprevisioni del piano possono produrre nei confronti dei siti55


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.della Rete Natura 2000.La Regione può recepire le eventuali integrazioni e/omodifiche proposte; dell’eventuale mancato recepimento deveessere data motivazione esplicita, puntuale e circostanziatain sede d'approvazione del provvedimento definitivo.Valutazione d'incidenza dei piani di livello provincialeLe Province effettuano la valutazione d'incidenza dei pianiprovinciali, generali e di settore, aventi valenzaterritoriale, urbanistica, paesaggistica ed ambientale,compresi i piani agricoli, i piani faunistico-venatori,nonché i piani delle aree naturali protette di livelloregionale, interprovinciale o provinciale che interessino,anche parzialmente, le ZPS o i SIC, nonché le loro varianti.Le Province, nell'effettuazione della valutazioned'incidenza, acquisiscono il parere degli Enti di gestionedelle aree naturali protette di livello nazionale e regionaleterritorialmente interessati dagli effetti che le previsionidel piano possono produrre nei confronti dei siti della ReteNatura 2000.Le Province possono recepire le eventuali integrazioni e/omodifiche proposte; dell’eventuale mancato recepimento deveessere data motivazione esplicita, puntuale e circostanziatain sede di approvazione del provvedimento definitivo.La Regione esprime le proprie valutazioni in meritoall’incidenza dei piani di livello provinciale nei confrontidei siti della Rete Natura 2000, nell’ambito della suapartecipazione al relativo procedimento d'approvazione,tenendo conto, in particolare, delle misure di conservazionee degli eventuali piani di gestione dei siti.Le Province possono adeguare i piani ai rilievi formulatidalla Regione; dell’eventuale mancato recepimento deve esseredata motivazione esplicita, puntuale e circostanziata in sededi approvazione del provvedimento definitivo.Le Province, nell'effettuazione delle valutazioni d'incidenzadei piani inerenti ai Parchi regionali e agli strumenti diprogrammazione e di gestione delle Riserve naturaliregionali, qualora interessino territori ricadenti in piùprovince, sono coordinate dalla Regione, al fine di pervenirea conclusioni omogenee.Valutazione d'incidenza dei piani di livello infraprovincialeLe Comunità Montane, laddove esistenti e per le competenze adesse attribuite, i Comuni, o loro forme associativenell’ambito delle loro competenze, effettuano le valutazionidi incidenza dei piani di livello infraprovinciale, generalie di settore, aventi valenza territoriale, urbanistica,paesaggistica ed ambientale, che interessino, ancheparzialmente, le ZPS o i SIC, nonché le loro varianti.56


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Le Comunità Montane, i Comuni, o loro forme associative,nell'effettuazione delle valutazioni d'incidenza,acquisiscono il parere degli Enti di gestione delle areenaturali protette di livello nazionale e regionaleterritorialmente interessati dagli effetti che le previsionidel piano possono produrre nei confronti dei siti della ReteNatura 2000.Le Comunità Montane, i Comuni, o loro forme associativepossono recepire le eventuali integrazioni e/o modificheproposte; dell’eventuale mancato recepimento deve essere datamotivazione esplicita, puntuale e circostanziata in sede diapprovazione del provvedimento definitivo.La Regione e le Province esprimono le proprie valutazioni inmerito all’incidenza dei piani di livello infraprovincialenei confronti dei siti della Rete Natura 2000, nell’ambitodella loro partecipazione al relativo procedimentod'approvazione, tenendo conto, in particolare, delle misuredi conservazione e egli eventuali piani di gestione dei siti.Le Comunità Montane, i Comuni, o loro forme associative,possono adeguare i piani ai rilievi formulati dalla Regione edalle Province; dell’eventuale mancato recepimento deveessere data motivazione esplicita, puntuale e circostanziatain sede di approvazione del provvedimento definitivo.3.2 - Autorità competenti alla valutazioned'incidenza di un progetto o di un interventoL’autorità competente all’effettuazione della valutazioned'incidenza di un progetto o di un intervento nei confrontidi un sito della Rete Natura 2000, ai sensi della L.R. 7/04,“Disposizioni in materia ambientale”, artt. 6 e 7, è lostesso soggetto pubblico cui compete l’approvazione delprogetto o dell’intervento, salvo che l’intervento non ricadaall’interno di un’area naturale protetta (Parco o Riservanaturale, nazionale o regionale), nel qual caso è l’Ente gestoredell’area naturale protetta a dover svolgere la valutazioned'incidenza, fatto salvo l'onere da parte di quest'ultimo diinformare l’autorità cui spetta approvare il progetto, circal’esito della procedura.Un ulteriore caso si presenta quando il progetto coinvolge unsito che non è interamente compreso all’interno dell’areanaturale protetta, ma lo è solo parzialmente, qualora ilprogetto ricada nella porzione di sito esterna all’areanaturale protetta.57


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.In tal caso, al fine di consentire una gestione omogenea delsito, l’art. 7 della L.R. n. 7/04, prevede che l’autoritàcompetente all’approvazione del progetto o dell’interventoeffettui la valutazione d'incidenza, previa acquisizione delparere dell’Ente gestore dell’area naturale protetta.Ai sensi di quanto indicato nell’art. 6, comma 3, della L.R.n. 7/04, l’autorità competente alla valutazione di incidenza,può avvalersi, previa convenzione, della Provincia perl’espletamento delle valutazioni di incidenza dei progetti odegli interventi ricadenti all’esterno delle aree naturaliprotette.In sintesi, si possono verificare diversi casi e per ognunodi essi viene definita la casistica possibile (Tab. D).Tab. D – Valutazione dell’incidenza di progetti edinterventi: ruoli degli Enti e casistica delleprocedureUbicazione delprogettorispetto alsito Natura2000Autoritàcompetente allapre-valutazioneIncidenzanegativasignificativaAutoritàcompetente allavalutazioned'incidenzaSito interamente esterno ad un’area naturale protettaEsterna Ente che approva Assente (A) Nessunail progettoEsternaInternaInternaEsterna(senza modulo dipre-valutazione)Ente che approvail progetto(senza modulo dipre-valutazione)Ente che approvail progetto (conmodulo di prevalutazione)Presente(A)Ente che approvail progetto (constudio d'incidenza)Assente (B) Nessuna (iter giàconcluso con la prevalutazione)Ente che approva Presente(B)il progetto (conmodulo di prevalutazione)Sito interamente interno ad un’area naturaleprotettaEnte che approva Assente (A)il progetto(senza modulo dipre-valutazione)Ente che approvail progetto (constudio d'incidenza)Nessuna58


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Esterna Ente che approva Presente Ente che approvail progetto(A)il progetto (con(senza modulo distudio d'incidenza)pre-valutazione)Interna Ente gestore Assente (C) Nessuna (iter giàdell’areanaturaleconcluso con la prevalutazione)protetta (conmodulo di prevalutazione)Interna Ente gestore Presente Ente gestoredell’area(C)dell’areanaturalenaturale protettaprotetta (con(constudiomodulo di prevalutazione)d'incidenza)Sito parzialmente interno ad un’area naturaleprotettaEsterna Ente che approva Assente (A) Nessunail progetto(senza modulo dipre-valutazione)Esterna Ente che approva Presente Ente che approvail progetto(A)il progetto (con(senza modulo distudio d'incidenza)pre-valutazione)Interna al Ente gestore Assente (C) Nessuna (iter giàsito ed dell’areaconcluso con la prevalutazione)all’area naturalenaturale protetta (conprotetta modulo di pre-Internasitoall’areanaturaleprotettaInternasito,esternaall’areanaturaleprotettaaledalmavalutazione)Ente gestoredell’areanaturaleprotetta (conmodulo di prevalutazione)Ente che approvail progetto (conmodulo di prevalutazione),previaacquisizione delparere dell’Entegestoredell’areanaturalePresente(C)Ente gestoredell’areanaturale protetta(constudiod'incidenza)Assente (D) Nessuna (iter giàconcluso con la prevalutazione)59


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Internasito,esternaall’areanaturaleprotettaalmaprotettaEnte che approvail progetto (conmodulo di prevalutazione)Presente(D)Ente che approvail progetto (constudio d'incidenza),previaacquisizione delparere dell’Entegestore dell’areanaturale protettaNote esplicative:(A)Nel caso di un progetto o di un intervento ubicatoall’esterno di un sito della Rete Natura 2000, l’autoritàche approva il progetto valuterà l’iter procedurale daadottare e, quindi, se procedere o no con la valutazioned'incidenza. Per i progetti o gli interventi ubicatiall’esterno non va compilato il modulo di pre-valutazionedi incidenza (Modulo A1 o A2), in quanto se l’autoritàcompetente all’approvazione del progetto o dell’interventoritiene opportuno l’avvio della procedura di incidenza siinizia direttamente con la fase 2.(B)Nel caso di un progetto ubicato all’interno di un sitodella Rete Natura 2000, ma non in un’area naturaleprotetta, la fase di pre-valutazione compete sempreall'autorità che approva il progetto, la quale valuteràl’iter procedurale da adottare e, quindi, se procedere o nocon la successiva fase di valutazione d'incidenza.(C)(D)Nel caso di un progetto ubicato all’interno di un sitodella Rete Natura 2000, se il progetto ricadecontestualmente in un’area naturale protetta, la fase dipre-valutazione compete all'Ente gestore della medesima,che valuterà l’iter procedurale da adottare e, quindi, seprocedere o no con la successiva fase di valutazioned'incidenza.Nel caso di siti parzialmente ricadenti all’interno d'areenaturali protette, qualora il progetto ricada nellaporzione di sito Natura 2000 esterna all’area naturaleprotetta. L'autorità che approva il progetto valuteràl’iter procedurale da adottare e, quindi, se procedere omeno con la successiva fase di valutazione d'incidenza,previa acquisizione del parere dell’Ente gestore dell’areanaturale protetta.60


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.4. ASPETTI PROCEDURALI4.1 – Concetti generali4.1.1 – Rapporto tra Piano, Progetto e relativa Valutazioned'incidenzaIl fatto che un progetto o un intervento sia stato giàprevisto nell’ambito di un piano, per il quale sia già stataelaborata ed approvata la relativa valutazione di incidenza equest’ultima non sia risultata negativa e significativa, dinorma non solleva né il soggetto proponente, né l’autoritàcompetente all’effettuazione della valutazione di incidenza,dallo svolgimento della procedura ordinaria.Occorre, quindi, che sia svolta anche la valutazioned'incidenza del singolo progetto o dell’intervento, poiché illivello di dettaglio di un progetto costituisce una fonted'informazioni più puntuale e precisa, che consenteall’autorità competente per la valutazione d'incidenza dieseguire l’istruttoria in modo più puntuale e che analizzarecon maggiore precisione le possibili conseguenze ambientalidella realizzazione del progetto, così da individuare megliole eventuali misure di mitigazione da prevedere per ridurreulteriormente l’incidenza del progetto sul sito stesso.Una deroga a quanto sopra esposto è rappresentata daiseguenti casi:- Interventi attuativi previsti dal Piano d'AssestamentoForestale, purché la valutazione d'incidenza del Pianoabbia avuto esito positivo,- Interventi previsti dal Piano Urbanistico Attuativo (PUA),purché la valutazione d'incidenza del PUA abbia avutoesito positivo,- Interventi attuativi previsti nel Piano di gestione delsito Natura 2000,- Interventi attuativi previsti nelle Misure contenutenell’Asse 2 del Programma Regionale di Sviluppo Rurale2007-2013, ad esclusione degli interventi attuativi dellaMisura 221 “Imboschimento dei terreni agricoli”.La ragione di tali deroghe è determinata dal fatto che illivello di dettaglio dei piani sopra elencati o la naturadelle varie tipologie degli interventi previsti sono tali che61


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.l’autorità competente alla valutazione d'incidenza del pianoè già stata in grado di valutare l’eventuale presenzad'incidenze negative significative sui siti Natura 2000interessati e, quindi, di prevedere le eventuali misure dimitigazione o di compensazione da adottare.In questi casi, quindi, i progetti derivantidall’applicazione del piano di riferimento possono anche nonessere sottoposti a valutazione di incidenza, in quanto ilpiano, già valutato positivamente, ha anche evidenziato lepotenziali interferenze tra le opere da realizzare e glihabitat e le specie di interesse comunitario presenti neisiti Natura 2000 e ha già escluso la possibilità di incidenzenegative significative.Gli Enti gestori dei siti Natura 2000, attraverso i piani digestione dei singoli siti sulla base del livellod'approfondimento degli atti di pianificazione che gli Entiterritoriali hanno approvato, possono individuare qualiprogetti, interventi e/o previsioni di piano siano o menosoggetti alla procedura di valutazione d'incidenza, acondizione che la valutazione d'incidenza dei suddetti attidi pianificazione abbia dato esito positivo.Qualora si tratti di un piano vigente ed approvato senza larelativa valutazione d'incidenza, l’autorità competente allasua approvazione può, in ogni modo, sottoporlo allavalutazione d'incidenza, al fine di renderlo conforme allaspecifica normativa in oggetto.Nel caso in cui il piano non sia mai stato sottoposto avalutazione d'incidenza, la verifica della compatibilitàambientale dei singoli interventi attuativi è sempresubordinata alla loro valutazione d'incidenza.4.1.2 – Rapporto tra Valutazione d'incidenza e l’istituto del“silenzio-assenso”Qualora la normativa relativa all’approvazione di un progettoo di un intervento preveda l’istituto del silenzio-assenso,si possono presentare le seguenti casistiche:- piani, progetti o interventi ubicati al di fuori dei sitiNatura 2000: qualora l’autorità competenteall’approvazione del piano, del progetto, odell’intervento non ravvisi alcuna incidenza negativasignificativa sul sito, l’istituto del silenzio-assensorimane valido ed invariato;62


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.- piani, progetti o interventi ubicati al di fuori dei sitiNatura 2000: qualora l’autorità competenteall’approvazione del piano, del progetto, odell’intervento ravvisi una probabile incidenza negativasignificativa sul sito, essa è tenuta, tra l’altro, acomunicare al soggetto proponente che l’istituto delsilenzio-assenso non è applicabile e che, quindi, ilavori previsti non possono avere inizio fino alricevimento di una comunicazione positiva da partedell’autorità stessa, anche qualora i termini temporaliordinari nel frattempo scadessero, in quanto si dovràprima concludere la procedura di pre-valutazione o divalutazione di incidenza;- piani, progetti o interventi ubicati all’interno dei sitiNatura 2000: l’autorità competente all’approvazione delpiano, del progetto, o dell’intervento è tenuta, tral’altro, a comunicare al soggetto proponente che il“silenzio-assenso” non è applicabile, e che, quindi, ilavori previsti non possono avere inizio fino alricevimento di una comunicazione positiva da partedell’autorità stessa, anche qualora i termini temporaliordinari nel frattempo scadessero, in quanto si dovràprima concludere la procedura di pre-valutazione o divalutazione di incidenza effettuata dall’autorità stessao dall’Ente gestore dell’area naturale protetta, nei casiin cui l’intervento ricada anche all’interno delterritorio di un’area naturale protetta.Non essendo previsto l’istituto del silenzio-assenso nellavalutazione d'incidenza, qualora le autorità competenti nonriuscissero a rispettare i termini indicati per laconclusione della procedura, il soggetto proponente è tenutoad attendere il pronunciamento formale finale prima diprocedere all’inizio dei lavori.4.1.3 - Rapporto tra Valutazione d'incidenza, nulla-osta eparere espressi dall’Ente gestore dell’area naturaleprotettaL’Ente gestore dell’area naturale protetta deve tendere adesprimere l’esito della pre-valutazione o della valutazioned'incidenza congiuntamente al provvedimento di nulla-ostaprevisto dalla normativa vigente in materia d'aree naturaliprotette.63


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Il parere espresso dall’Ente gestore dell’area naturaleprotetta, a seguito di richiesta dell’autorità competenteall’approvazione di un piano, di un progetto o di unintervento è di natura obbligatoria, in quanto dovuto aisensi dell’art. 7 della L.R. n. 7/04, ma non vincolante.Pertanto, l’autorità che approva il progetto può anche nonaccogliere le indicazioni contenute nel suddetto parere, madovrà, in sede d'approvazione del provvedimento definitivo,esprimere in modo esplicito, puntuale e circostanziato lemotivazioni dell’eventuale mancato recepimento delle proposted'integrazione e/o modifica, nonché delle eventualiprescrizioni, contenute nel parere stesso.4.2 - Tempistica4.2.1 – Concetti generaliQualora la procedura di valutazione d'incidenza di un piano,di un progetto o di un intervento, compresa la fase di prevalutazione,costituisca una fase endoprocedimentale di unprocedimento autorizzativo, la stessa viene ad assumere itempi del procedimento autorizzativo stesso.Qualora, invece, la procedura di valutazione d'incidenza nonsia ricompresa all’interno di un procedimento autorizzativo,l’autorità competente è tenuta ad approvare la valutazioned'incidenza, compresa la fase di pre-valutazione, entro 60giorni dal ricevimento della documentazione.La tempistica da rispettare indicata nella presente Direttivaè da applicarsi anche nel caso in cui l’autorità competenteall’approvazione del progetto o dell’intervento abbiastipulato una convenzione con la Provincia per lo svolgimentodella valutazione d'incidenza, come previsto dall’art. 6della L.R. n. 7/04.4.2.2 - Sospensione dei terminiNel caso in cui la documentazione presentata dal soggettoproponente sia carente ed incompleta, l’autorità competentealla valutazione d'incidenza può richiedere la documentazioneintegrativa al soggetto proponente e, quindi, procedere conla sospensione dei termini d'istruttoria.64


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.La sospensione decorre, quindi, dalla data di richiesta, daparte dell’autorità competente, della documentazioneintegrativa fino alla data di ricevimento da parte dellamedesima della documentazione richiesta.L’autorità competente all’effettuazione della valutazione diincidenza può richiedere una sola volta al soggettoproponente le integrazioni allo studio di incidenza, ai sensidell’art. 6, comma 6, del DPR n. 120/03.4.3 - Esplicitazione della Valutazione d'incidenzaIn qualunque fase si concluda l’iter procedurale dellavalutazione d'incidenza, compresa la fase di pre-valutazione,l’autorità competente all’effettuazione della medesima deveformalizzare le proprie conclusioni con un apposito atto,documento o con uno specifico capitolo contenuto all’internodel provvedimento autorizzativo.4.4 - Rapporto tra la Valutazione d'Incidenza e laValutazione d'Impatto Ambientale (VIA)La Valutazione d'Incidenza e la Valutazione d'ImpattoAmbientale sono procedure concettualmente diverse fra loro,ma, nel caso di progetti sottoposti anche a VIA, lavalutazione d'incidenza è ricompresa nell’ambito della stessaVIA, ai sensi dell’art. 17 della L.R. n. 9/99, tramite losvolgimento della Conferenza di Servizi, prevista dalla Leggen. 241/90.La procedura di VIA di un progetto deve tenere conto anchedelle conclusioni cui è giunta l’autorità competente inmateria di valutazione d'incidenza.Qualora un progetto soggetto a valutazione d'incidenza siaanche assoggettato alla procedura di VIA, lo Studiod'incidenza può costituire un documento a sé stante rispettoallo Studio d'Impatto Ambientale (SIA), oppure costituirneparte integrante, purché ne costituisca un capitolo autonomoe completo.Analogamente, la valutazione d'incidenza deve esseremanifestata attraverso un provvedimento individuabileall’interno dell’atto d'approvazione della VIA.65


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Tutti i progetti che, ai sensi della L.R. n. 9/99 “Disciplinadelle procedure di valutazione di impatto ambientale” esuccessive modificazioni, sono indicati negli allegati A.1,A.2, A.3, B.1, B.2, B.3 della suddetta legge, qualoraricadano interamente o parzialmente all’interno dei sitiNatura 2000, non possono essere valutati limitandosi allasola fase 1 della sopra citata procedura di pre-valutazionedi incidenza (fase 1), ma è obbligatorio lo svolgimento dellavalutazione di incidenza (fase 2 ed eventuali fasi 3 e 4).Per tutti i progetti soggetti alle procedure di cui alla L.R.n. 9/99 (VIA) ubicati completamente all’esterno dei sitiNatura 2000, l’autorità competente alla loro approvazionedeve mostrare, esplicitandolo, di avere svolto la prevalutazioned'incidenza o la valutazione d'incidenza, neiconfronti dei siti limitrofi all’area d'intervento.4.5 - Rapporti tra Enti locali, Regione, Ministerodell’Ambiente e della Tutela del Territorio edel Mare ed Unione EuropeaQualora l’autorità competente all’approvazione dellavalutazione dell’incidenza di un piano, di un progetto o diun intervento ritenga l’incidenza del piano o del progettonegativa e significativa, in base a quanto indicato nelprecedente capitolo 2 sull’iter procedurale, possonoverificarsi dei casi in cui l’autorità competenteall’approvazione del piano, del progetto o dell’interventointenda procedere, comunque, alla sua approvazione econsentire la sua successiva attuazione.In tali casi, in funzione delle motivazioni che stanno allabase del piano, del progetto o dell’intervento, si renderànecessario procedere all’invio di una nota informativa alMinistero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e delMare, oppure all’invio di una richiesta di parere all’UnioneEuropea, per il tramite del Ministero competente, redattesulla base del Modulo B, ai sensi dell’art.6, commi 9 e 10,del DPR n.120/03.Copia di tutta la documentazione (modulo B, piano o progetto,studio d'incidenza e valutazione d'incidenza) inviata al Ministerocompetente dovrà essere inviata, per conoscenza, anche allaRegione Emilia-Romagna.66


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Qualora l’autorità competente all’approvazione dellavalutazione dell’incidenza di un piano, di un progetto o diun intervento non sia la stessa autorità competente alla suaapprovazione, in caso di valutazione d'incidenza negativasignificativa, compete all’autorità preposta all’approvazionedel piano o del progetto predisporre la documentazione dainviare al Ministero competente, come informativa, o comerichiesta di parere all’Unione Europea.Anche in questo caso l’autorità competente all’approvazionedel piano o del progetto è tenuta all’invio, per conoscenza,di copia di tutta la documentazione (modulo B, piano o progetto,studio d'incidenza e valutazione d'incidenza) anche alla RegioneEmilia-Romagna.Nel caso l’Unione Europea ritenga opportuno avviare unaprocedura d'infrazione nei confronti di un Ente in merito aduna procedura di valutazione d'incidenza ritenuta noncorretta, sia per quanto concerne gli aspetti formali eprocedurali, sia per quanto riguarda quanto connesso allacorretta gestione del sito Natura 2000, la Regione Emilia-Romagna si riserva di rivalersi sulla medesima autorità nelcaso fosse chiamata a pagare delle sanzioni o a dovereprocedere al risarcimento del danno ambientale o alripristino dei luoghi.4.6 – Fase transitoria: entrata in vigore dellapresente DirettivaLa presente Direttiva entra in vigore dal 30 settembre 2007,giorno in cui ha termine la fase transitoria di cui all’art 8della L.R. n.7/04 per quanto concerne, tra l’altro, lavalutazione di incidenza di piani, progetti o interventi.Pertanto, da tale data, le richieste di valutazioned'incidenza dovranno essere inviate dai soggetti proponentidirettamente alle autorità competenti per territorio.Per quanto concerne le eventuali richieste di valutazioned'incidenza giacenti a quella data presso la Regione Emilia-Romagna, le stesse saranno trasmesse dalla Regione Emilia-Romagna alle rispettive autorità competenti per territorio.67


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.5. AMBITO D'APPLICAZIONE5.1 - Piani, progetti ed interventiL’ambito d'applicazione della valutazione d'incidenza ècostituito da tutti i piani, i progetti e gli interventi chepossono avere un’incidenza significativa su habitat o suspecie animali e vegetali d'interesse comunitario.Pertanto, anche interventi non ricompresi in veri e propripiani o progetti, ma che possono avere un’incidenzasignificativa su habitat o specie animali e vegetali, quindi,devono anch’essi essere valutati al fine di verificarne lacompatibilità con la corretta gestione dei siti della ReteNatura 2000.Il termine di progetto deve, perciò, essere interpretato insenso lato, in modo da comprendere tutti gli interventi chepossono avere interferenze sul territorio, compresi anche iprogetti inseriti in programmi, così come il termine di pianova inteso in senso lato e comprendere sia i piani a caratteregenerale, sia i piani di settore.L’attivazione della procedura di valutazione d'incidenza diun piano, di un progetto o di un intervento non dipende dallacertezza della presenza di un’incidenza negativasignificativa su di un sito, ma dalla probabilità che sidetermini un’incidenza negativa significativa.Possono essere esclusi da tale procedura solo i piani ed iprogetti strettamente connessi con la conservazione del sito,vale a dire i Piani di gestione dei siti della Rete Natura2000 ed i loro interventi attuativi, nonché quegli interventiche non determinano un’incidenza negativa significativa suisiti Natura 2000, in base alle attuali conoscenze tecnicoscientifiche,alla loro modesta entità o alla loro ubicazionein aree già antropizzate.Di conseguenza, nella Tabella E sono indicati gli interventiche, avendo le caratteristiche di cui al precedentecapoverso, non sono assoggettabili né alla procedura di prevalutazione,né a quella di valutazione d'incidenza, salvoche le misure di conservazione specifiche o i piani digestione dei singoli siti Natura 2000 non lo prevedanoespressamente.68


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Negli altri casi, invece, si giustifica la necessità diaddivenire ad una quantificazione dell’incidenza proprioattraverso l’effettuazione della procedura valutazioned'incidenza che consente di verificare la reale portata degliinterventi previsti, valutare l’esistenza o menodell’incidenza, verificare le loro interferenze con glihabitat e le specie animali e vegetali presenti nei sitiNatura 2000 e, infine, individuare la necessità d'eventualiprescrizioni.Per quanto concerne gli interventi periodici e ricorrenti cherientrano in progetti di manutenzione ordinaria, come quellirelativi alla manutenzione dei fiumi, dei canali o deisentieri, realizzati al fine di mantenere i corsi d’acqua ola rete sentieristica in efficienza dovendo anch’essi esserecompatibili con la corretta gestione dei siti Natura 2000attraversati, devono essere conformi a quanto indicato nellemisure di conservazione o nell’eventuale piano di gestionedel sito.Qualora tali strumenti normativi non siano ancora statipredisposti, è opportuno che i soggetti competenti per lagestione dei corsi d’acqua e dei canali o dei sentierielaborino specifici “disciplinari tecnici” di manutenzione,che tengano conto delle peculiarità dei singoli siti dellaRete Natura 2000 interessati periodicamente da taliinterventi.Tali documenti tecnici dovranno essere sottoposti allavalutazione d'incidenza da parte della Regione Emilia-Romagna, anche successivamente al trasferimento dellecompetenze effettuato con la presente direttiva.Tutti i progetti o gli interventi che si atterranno alledisposizioni tecniche ed alle modalità d'esecuzione previstenei disciplinari tecnici che avranno acquisito la valutazioned'incidenza positiva non dovranno essere più soggetti adulteriori valutazioni d'incidenza.La Regione ha la facoltà di estendere la procedura deidisciplinari tecnici sopra citati anche ad altre categorie diprogetti o interventi, anche elaborando direttamente talidocumenti.Tutti i restanti interventi di difesa del suolo, ad eccezionedi quelli classificati di somma urgenza o di pronto69


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.intervento, dovranno essere sottoposti all’ordinariaprocedura e, quindi, a specifiche valutazioni d'incidenza.Nelle particolari circostanze denominate di somma urgenza odi pronto intervento è necessario che il soggetto proponentecomunichi d'inizio lavori all’Ente gestore del sito Natura2000 e poi si proceda attraverso la procedura di valutazioned'incidenza ex-post, al fine di verificare la necessità diprevedere eventuali misure di mitigazione e/o dicompensazione.Anche le Province e gli Enti di gestione delle aree naturaliprotette, in qualità d'Enti gestori dei siti, hanno lafacoltà di adottare Disciplinari tecnici per materiestandardizzabili che consentano una semplificazione delleprocedure amministrative d'altre categorie d'interventi, acondizione che tali disciplinari siano previsti dalle misuredi conservazione o dai piani di gestione dei siti e che sianosottoposti alla procedura di valutazione d'incidenza.Sono, in ogni modo, fatte salve le norme contenute nellemisure generali di conservazione approvate dalla Regione.Tab. E – Tipologie di progetti ed interventiricadenti all’interno dei siti Natura 2000 che nondeterminano incidenze negative significative suisiti stessi1. Interventi edilizi classificati di manutenzione ordinaria(art.4 lett. a) e b) della L.R. n.31/02) e gli interventiedilizi riguardanti opere interne2. Interventi edilizi classificati di manutenzionestraordinaria, di restauro scientifico, di restauro erisanamento conservativo, di ripristino tipologico e diristrutturazione edilizia (art. 8 lett. a), b) c), d), e), f),i) e l) della L.R. n. 31/02) che non comportino un mutamentodi destinazione d’uso o un aumento di volumetria o disuperficie superiore del 20%.Rientrano in questa tipologia di interventi esenti dallaprocedura di valutazione di incidenza anche quellirelativi agli immobili di proprietà di aziende agricole,nel caso in cui, pur modificandone la destinazione d'uso,possono essere ancora classificati come beni strumentalidell'azienda stessa e quelli di cui all’art.26, commi 6 e7, della L.R. n.31/023. Interventi edilizi d'altra tipologia, già previsti neiPiani Urbanistici Attuativi (PUA) a condizione che la70


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.valutazione d'incidenza dei suddetti piani non abbiaevidenziato incidenze negative significative4. Interventi edilizi da considerarsi variazioni minori incorso d’opera comunicate a conclusione lavori all’Ente cheha approvato il progetto5. Interventi di manutenzione ordinaria delle infrastruttureviarie o ferroviarie, delle reti infrastrutturali di tipolineare (acquedotti, fognature, ecc.), delle infrastrutturelineari energetiche (linee elettriche, gasdotti, oleodotti,ecc.), degli impianti di telefonia fissa e mobile, nonchédegli impianti per l’emittenza radiotelevisiva, acondizione che non comportino modifiche significative ditracciato o d'ubicazione6. Interventi d'utilizzazione e miglioramento dei boschi, acondizione che interessino superfici inferiori a 1,00 ha,che siano situati nei territori di collina e montagna(come definite dal Piano forestale regionale) e che siano giàassoggettati alle Prescrizioni di Massima e di PoliziaForestale (PMPF)7. Interventi di conversione di boschi cedui che interessinosuperfici inferiori ai 3 ha8. Interventi già previsti nei Piani d'AssestamentoForestale, purché la valutazione d'incidenza dei suddettipiani non abbia evidenziato incidenze negativesignificative9. Interventi di difesa del suolo, dichiarati di sommaurgenza o di pronto intervento e quelli di protezionecivile, dichiarati indifferibili ed urgenti ai sensidell’art. 10 della L.R. n. 1/05, previa comunicazioned'inizio lavori all’Ente gestore del sito Natura 2000, ilquale potrà proporre specifiche misure di mitigazione edeffettuerà la valutazione d'incidenza ex-post10. Interventi già normati con specifici disciplinaritecnici di cui al paragrafo 5.1 della presente direttiva,a condizione che la valutazione d'incidenza deldisciplinare tecnico di riferimento abbia avuto esitopositivo11. Interventi attuativi delle Misure previste nell’Asse 2del Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013(valutazione di incidenza del PRSR già effettuata con Determinazioneregionale n. 17225 del 1/12/06), ad esclusione degli interventiattuativi della Misura 221 “Imboschimento dei terreniagricoli”12. Pratiche agricole e zootecniche ricorrenti, compresigli interventi su aree coltivate, orti, vigneti e fruttetiesistenti, purché non comportino l’eliminazione d'elementi71


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.naturali e seminaturali presenti in loco (siepi, boschetti,arbusteti, prati, pascoli, maceri, zone umide, ecc.)13. L’attività venatoria, purché la valutazione d'incidenzadel Piano Faunistico-Venatorio abbia dato esito positivo14. L’attività di raccolta di funghi, tartufi e prodottidel sottobosco15. Interventi previsti espressamente dalle misure diconservazione o dai piani di gestione dei siti edindividuati come direttamente connessi e necessari almantenimento in uno stato di conservazione soddisfacentedelle specie e degli habitat presenti nei siti stessi, acondizione che n'osservino le modalità di realizzazioneindicate nelle misure di conservazione o nei piani digestione16. Tipologie d'interventi vari, purché il piano digestione del sito Natura 2000 le indichi tra quelle chenon determinano incidenze negative significative sul sitostessoPer gli interventi indicati nella Tabella E non si applicanoné la pre-valutazione, né la valutazione d'incidenza.I soggetti gestori dei siti Natura 2000 possono escludere, omodificare in senso più restrittivo, le tipologied'intervento indicate nella Tabella E, attraverso le misurespecifiche di conservazione o l’eventuale piano di gestionedel singolo sito Natura 2000.Parimenti, i soggetti gestori dei siti possono ampliare letipologie d'intervento indicate nella Tabella E o individuareulteriori tipologie d'interventi da esentare dalla proceduradi pre-valutazione e di valutazione d'incidenza, a condizioneche ciò sia stabilito ed adeguatamente motivato nel piano digestione del singolo sito Natura 2000, approvato secondo leprocedure di cui all’art.3 della L.R. 14 aprile 2004, n.7.Gli Enti gestori dei siti Natura 2000, attraverso i piani digestione dei singoli siti, sulla base del livellod'approfondimento degli atti di pianificazione che gli Entiterritoriali hanno approvato, possono, altresì, individuarequali progetti, interventi e/o previsioni di piano siano omeno soggetti alla procedura di valutazione d'incidenza, acondizione che la valutazione d'incidenza dei suddetti attidi pianificazione abbia dato esito positivo.Piani, progetti e interventi ricadenti all’esterno dei sitiNatura 200072


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Il campo d'applicazione della valutazione d'incidenza non èlimitato ai soli piani, progetti o interventi che ricadonoall’interno dell’area di un sito Natura 2000, ma devonoessere presi in considerazione anche quelli ubicatiall’esterno del sito, qualora l’autorità competente alla loroapprovazione ritenga probabile una loro incidenza negativasignificativa all’interno del sito stesso.A tal proposito, s'individuano le tipologie di piani,progetti ed interventi che possono avere potenziali incidenzenegative significative poiché, seppure ubicati all’esternodei siti Natura 2000, possono costituire una minaccia ai finidella conservazione dei siti stessi, soprattutto se ricadentinelle loro vicinanze (Tab. F).Tab. F – Tipologie di Piani, Progetti ed Interventiche possono determinare incidenze negativesignificative sui siti Natura 2000, anche seubicati all’esterno dei siti stessi, soprattutto sericadenti nelle loro vicinanze1. Piani, progetti o interventi che riguardano corsi d’acquadirettamente connessi ai siti della Rete Natura 2000 inquanto li attraversano2. Piani, progetti o interventi che interessano parti dellarete ecologica, laddove individuata a livello provincialeo comunale (art. 7 L.R. n.6/05)3. Piani, progetti o interventi ricadenti vicino al confinedei siti, ad eccezione degli interventi riguardanti areeurbanizzate già esistenti. Tale eccezione non ha valoreper i siti designati per la conservazione dei Chirotteriche frequentano edifici, per i quali la valutazione diincidenza può essere necessaria anche per gli interventiprevisti in aree urbane situate sia all’interno cheall’esterno dei siti4. Piani, progetti o interventi ricadenti tra due siti,qualora di dimensioni e tipologia tali da costituire unapotenziale interruzione di rotte migratorie degli uccelli(linee elettriche, impianti eolici, ecc.) o di connessioniecologiche esistenti (art. 7 L.R. n. 6/05)5. Piani, progetti o interventi ricadenti tra due sitidesignati per la conservazione di alcune specie diparticolare interesse conservazionistico (es. lupo, aquila)6. Progetti soggetti a Valutazione d'Impatto Ambientale (VIA)di qualsiasi livello (comunale, provinciale, regionale,interregionale o nazionale)73


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Di conseguenza, qualora l’autorità competenteall’approvazione di piani, progetti o interventi lo ritengaopportuno, potrà effettuare la valutazione di incidenza diquelli indicati nella Tabella F.Costituiscono un’eccezione i progetti soggetti a VIA di cuial punto 6 della Tabella F, per i quali, seppure ubicatiall’esterno, è sempre obbligatoria la pre-valutazione o lavalutazione di incidenza.Va, infine, sottolineato il fatto che, qualora per un sitoNatura 2000 siano state approvate le idonee misure diconservazione degli habitat e delle specie animali e vegetalipresenti nello stesso o, se ritenuto opportuno, sia statoapprovato il piano di gestione, l’ambito di applicazionedella presente Direttiva troverà certamente maggiori punti diriferimento per poter definire la reale significativitàdell’eventuale incidenza negativa di un piano, di un progettoo di un intervento su quel sito.5.2 - Progetti ed interventi che non richiedonol’approvazione da parte di un Ente pubblicoNel caso di progetti ed interventi che non prevedono ilrilascio di una specifica approvazione da parte di un Entelocale territoriale, o non necessitano di una comunicazionead un Ente locale territoriale, qualora interessino un sitodella Rete Natura 2000, anch’essi devono essere assoggettatialla procedura di valutazione di incidenza.In tali casi la competenza, in ordine alla procedura sullavalutazione d'incidenza, è dell’Ente gestore del sito Natura2000, alla quale si dovrà rivolgere il soggetto proponenteper richiedere l’avvio della procedura di valutazioned'incidenza.5.3 - Attività che non richiedono la presentazionedi piani o progetti per la loro autorizzazionePer quanto concerne le attività che non richiedono lapresentazione di piani o progetti (gare sportive, manifestazionipubbliche, ecc.), caratterizzate dalla loro episodicità elimitatezza nel tempo e che, quindi, non seguono l’iter74


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.procedurale indicato nelle presenti Linee guida, devonoessere, in ogni modo, compatibili nei confronti dellacorretta gestione del sito Natura 2000 eventualmenteinteressato e devono essere conformi a quanto disposto dallemisure di conservazione, generali e specifiche, nonchédall’eventuale piano di gestione del sito stesso.Pertanto, qualora un Ente pubblico sia competente al rilasciodell’autorizzazione di tali attività, prima di rilasciare lasuddetta autorizzazione deve verificarne la compatibilitàambientale tenendo conto degli obiettivi di gestione e tuteladel sito Natura 2000 interessato.L’autorità pubblica, qualora autorizzi l’attività in esame,può anche prescrivere eventuali misure di mitigazione, alfine di ridurre ulteriormente l’incidenza delle attività sulsito.Nel periodo che intercorre dall’entrata in vigore dellapresente Direttiva all’approvazione delle misure specifichedi conservazione o degli eventuali piani di gestione dei sitiNatura 2000, le attività antropiche ricadenti all’interno edall’esterno dei siti Natura 2000 sono ammissibili, salvo chel’autorità competente alla loro autorizzazione non dispongadiversamente.L’autorità competente alla loro autorizzazione, nel suoprovvedimento è tenuta ad esplicitare le motivazioni per cuiha ritenuto l’attività in oggetto compatibile con la correttagestione del sito in uno stato soddisfacente diconservazione.75


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.6. CRITERI PER L’EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONED'INCIDENZA DI PIANI, DI PROGETTI ED INTERVENTI6.1 – Concetti generaliPer “habitat di interesse comunitario” s'intendono queglihabitat naturali o seminaturali indicati nell’allegato A delDPR n.357/97 come integrato e modificato dal DPR n. 120/03,tutelati ai sensi della Direttiva “Habitat” n.92/43/CEE, che,nel territorio dell’Unione Europea, rispondono allecondizioni indicate nella Tabella G:Tab. G – Condizioni affinché un habitat naturale oseminaturale sia considerato d'interesse comunitario1. Habitat che rischiano di scomparire nella loro area didistribuzione naturale;2. Habitat che sono presenti su aree limitate a seguito dellaregressione della loro distribuzione naturale o perché laloro area naturale di distribuzione è intrinsecamenteristretta;3. Habitat che costituiscono esempi tipici di una o piùregioni biogeografiche europee.Per “specie animali e vegetali d'interesse comunitario”s'intendono quelle specie animali e vegetali indicatinell’allegato B del DPR n. 357/97 come integrato e modificatodal DPR n. 120/03, tutelati ai sensi delle Direttiva“Habitat” n. 92/43/CEE e “Uccelli” n. 79/409/CEE che, nelterritorio dell’Unione Europea, rispondono alle condizioniindicate nella Tabella H:Tab. H – Condizioni affinché una specie animale ovegetale sia considerata d'interesse comunitario1. Specie che sono in pericolo d'estinzione;2. Specie che sono vulnerabili, vale a dire che il loropassaggio nella categoria delle specie in pericolo èritenuto probabile in un prossimo futuro, qualorapersistano i fattori alla base di tale rischio;3. Specie che sono rare, vale a dire che le popolazioni sonodi piccole dimensioni e che, pur non essendo attualmente néin pericolo né vulnerabili, rischiano di diventarlo; talispecie sono localizzate in aree geografiche ristrette odiffuse in modo disomogeneo su una superficie più ampia;4. Specie che sono endemiche, vale a dire che richiedono76


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.particolare attenzione a causa della specificità del lorohabitat e/o delle potenziali incidenze del lorosfruttamento sul loro stato di conservazione.6.2 - Stato di conservazioneLo stato di conservazione per un habitat naturale è l’effettodella somma dei fattori che influiscono sull’habitat, nonchésulle specie tipiche che in esso si trovano, e che possonoalterare la sua distribuzione naturale nel territorio, la suastruttura e le sue funzioni, nonché la sopravvivenza dellesue specie tipiche, anche a lungo termine.Per un habitat naturale lo stato di conservazione èsoddisfacente quando si verificano le condizioni indicatenella Tabella I.Tab. I – Condizioni per l’ottenimento di uno statodi conservazione soddisfacente di un habitat1. La sua distribuzione nel territorio e le superficiinteressate sono stabili o in estensione;2. La struttura e le funzioni specifiche necessarie al suomantenimento a lungo termine esistono, e possonocontinuare ad esistere in un futuro prevedibile;3. Lo stato di conservazione delle specie tipiche di quelparticolare habitat è soddisfacente.Lo stato di conservazione per le specie animali e vegetali èl’effetto della somma dei fattori che influiscono sullespecie e che possono alterare la distribuzione e l’importanzadelle loro popolazioni, anche a lungo termine.Per una specie lo stato di conservazione è soddisfacentequando si verificano le condizioni indicate nella Tabella L.Tab. L – Condizioni per l’ottenimento di uno statodi conservazione soddisfacente di specie animali evegetali1. I dati relativi all’andamento delle popolazioni di unaspecie indicano che tale specie continua, e può continuarea lungo termine, ad essere un elemento vitale degli habitatnaturali cui appartiene;2. L’area di ripartizione naturale di tale specie non è indeclino, né rischia di declinare in un futuro prevedibile;3. Esiste, e continuerà probabilmente ad esistere nel tempo,un habitat sufficiente affinché le sue popolazioni si77


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.mantengano a lungo termine.6.3 - Degrado degli habitat e perturbazioni dellespecie animali e vegetali d'interessecomunitarioLe azioni intraprese in un sito devono essere realizzate inmodo da evitare il degrado degli habitat e le perturbazionidelle specie animali e vegetali d'interesse comunitario.Le perturbazioni ed il degrado devono essere valutati nellamisura in cui provocano, o potrebbero probabilmenteprovocare, un cambiamento degli indicatori dello stato diconservazione degli habitat e delle specie, in modo tale daincidere negativamente sul loro stato di conservazione.Il degrado di un habitat è un deterioramento e si ha quandosi verifica una delle condizioni indicate nella Tabella M.Tab. M - Fattori di degrado di un habitat1. Riduzione della sua superficie;2. Alterazione negativa dei fattori necessari per ilmantenimento a lungo termine dell’habitat (riduzione dellastruttura o delle funzioni necessarie al mantenimento dell’habitat);3. Insoddisfacente stato di conservazione delle specie tipichedell’habitat.La perturbazione delle specie animali e vegetali si ha quandosi verifica una delle condizioni indicate nella Tabella N.Tab. N - Fattori di perturbazione delle specieanimali e vegetali1. I dati relativi all’andamento di una specie indicano chetale specie non continua, o non potrà continuare nel lungotermine, ad essere un elemento vitale degli habitatnaturali cui appartiene (qualsiasi evento che contribuisca, anchea lungo termine, al declino di una popolazione, è da considerarsi unaperturbazione significativa);2. L’area di ripartizione naturale della specie è in declino,o rischia di essere in declino in un futuro prevedibile(qualsiasi evento che contribuisca, anche a lungo termine, allariduzione o al rischio di riduzione della gamma di specie nel sito, èda considerarsi una perturbazione significativa);3. L’habitat sufficiente affinché le sue popolazioni simantengano a lungo termine rischia di scomparire (qualsiasievento che contribuisce, anche a lungo termine, alla riduzione delle78


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.dimensioni dell’habitat e delle specie nel sito, è da considerarsi unaperturbazione significativa).6.4 - Significatività dell’incidenzaLa significatività dell’incidenza di un intervento suglihabitat o sulle specie di interesse comunitario presenti inun sito Natura 2000 va intesa come la consistenza deglieffetti e degli impatti che un piano, un progetto o unintervento possono produrre sull’integrità ambientale delsito stesso.La significatività dell’incidenza è, quindi, in strettacorrelazione con la garanzia del mantenimento in uno stato diconservazione soddisfacente degli habitat e delle specieanimali e vegetali presenti nel sito Natura 2000 e per iquali è stato individuato.La significatività dell’incidenza di un intervento suglihabitat o sulle specie animali e vegetali d'interessecomunitario va valutata tenendo conto della struttura delsito Natura 2000 e dei suoi obiettivi di conservazione.La significatività dell’incidenza di un intervento suglihabitat o sulle specie di interesse comunitario dipende dalrapporto tra le tipologie delle opere previste e ladelicatezza delle aree interessate: infatti, non sempre leopere di limitate dimensioni hanno una modesta incidenza e,viceversa, non tutti gli interventi complessi hanno sempreun’incidenza elevata.L’incidenza di un piano, di un progetto o di un intervento vasempre valutata sia singolarmente sia congiuntamente ad altripiani o progetti, poiché singoli piani o progetti possonoavere una certa significatività presi singolarmente, mentrevalutati nel loro globalità possono evidenziare eventuali,potenziali effetti cumulativi che determinano unsignificativo degrado per gli habitat o una significativaperturbazione per le specie animali e vegetali di interessecomunitario presenti nel sito.Va detto che tale approccio ha in sé alcuni elementi dicriticità così riassumibili:• difficoltà nel definire un ambito fisico entro il qualegli effetti cumulativi di due piani o progetti si possonosommare (es. si possono registrare effetti negativi nei confronti diuna specie dovuti a due progetti situati anche a notevole distanza tra79


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.loro, ma che determinano una sommatoria di fattori negativiinsostenibili per quella data specie);• difficoltà nel conoscere l’esistenza di un dato piano,progetto intervento nel momento in cui i soggetticoinvolti appartengono a strutture ed enti diversi;• difficoltà nel definire in modo oggettivo gli impattipotenziali di un singolo intervento nei confronti dihabitat e specie;• difficoltà nel definire le rispettive misure dimitigazione e le eventuali misure di compensazione dei duepiani, progetti o interventi i cui effetti sono daconsiderarsi cumulativi per un unico sito.Nonostante le difficoltà sopra richiamate è compitodell’autorità preposta alla valutazione d'incidenza cercareil più possibile di ponderare gli eventuali effetti negativicumulativi di piani o progetti che ricadono sullo stessosito.La significatività dell’incidenza deve essere valutata insenso lato e cioè, sia per le attività che saranno poste inessere durante la fase di realizzazione degli interventi, siaper le attività da attuarsi durante la fase di gestioneordinaria, sia per quelle relative alle eventuali fasi dismantellamento delle opere o di ripristino dell’area oggettodei lavori.Infine, la significatività deve essere valutata sia per ilbreve sia per il lungo periodo, perciò un piano o un progettoche incida negativamente in maniera significativa nel lungoperiodo è, in ogni modo, da considerare già adesso con lamassima attenzione.Al fine di valutare la significatività dell’incidenza di unpiano o di un progetto su di un sito si deve verificare se lasua realizzazione, potenzialmente, può determinare leconseguenze elencate nella Tabella O.Tab. O - Criteri di valutazione dellasignificatività dell’incidenza di un piano, di unprogetto o di un intervento1. L’attuazione del piano/progetto/intervento può comportareun ritardo nel raggiungimento degli obiettivi diconservazione per i quali è stato individuato il sito2. L’attuazione del piano/progetto/intervento può vanificare oridurre i progressi ottenuti per il raggiungimento degli80


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.obiettivi di conservazione per i quali è stato individuatoil sito3. L’attuazione del piano/progetto/intervento può eliminare oridurre i fattori che contribuiscono a mantenere il sito inuno stato soddisfacente di conservazione4. L’attuazione del piano/progetto/intervento può interferirecon l’equilibrio, la distribuzione e la densità deglihabitat e delle specie principali che rappresentano gliindicatori delle condizioni favorevoli del sito5. L’attuazione del piano/progetto/intervento può provocarecambiamenti negli aspetti caratterizzanti e vitali chedeterminano le funzioni del sito (flussi trofici, sitiriproduttivi, ecc.)6. L’attuazione del piano/progetto/intervento può modificarele dinamiche delle relazioni che determinano lafunzionalità e la struttura del sito (rapporto suolo-acqua,rapporto animali-habitat, ecc.)7. L’attuazione del piano/progetto/intervento può interferirecon le dinamiche naturali degli ecosistemi naturali oseminaturali8. L’attuazione del piano/progetto/intervento può determinarel’interruzione di reti o corridoi ecologici9. L’attuazione del piano/progetto/intervento può determinarela riduzione della superficie degli habitat10. L’attuazione del piano/progetto/intervento puòdeterminare la riduzione delle popolazioni delle specieanimali o vegetali11. L’attuazione del piano/progetto/intervento puòdeterminare la riduzione della biodiversità del sitoAltro fondamentale aspetto da tenere presente nella fase divalutazione della significatività dell’incidenza di un pianoo di un progetto consiste nella verifica della suacompatibilità e congruità con quanto indicato nelle misure diconservazione o nell’eventuale piano di gestione del sito.La significatività dell’incidenza di un piano o di unprogetto su di un sito dipende anche dalle tipologie dei suoieffetti, come indicato nella Tabella P.Tab. P – Tipologie degli effetti di un piano, di unprogetto o di un intervento su di un sito1. Effetti diretti o indiretti2. Effetti certi o probabili3. Effetti a breve o a lungo termine4. Effetti dovuti alla fase di realizzazione del progetto,81


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.alla fase d'operatività ordinaria, alla fase d'eventualesmantellamento o di ripristino dell’area;5. Effetti singoli o cumulativi6. Effetti reversibili (temporanei) o irreversibili (permanenti)Per la quantificazione della significatività dell’incidenzaambientale di un piano o di un progetto possono essereutilizzati indicatori in grado di misurare gli eventualiimpatti sul sito, riportati in Tabella Q.Tab. Q - Indicatori per la valutazione dellasignificatività dell’incidenza ambientale1. Perdita di superfici di habitat (percentuale) (sia nei confrontidi habitat d'interesse comunitario, sia di habitat importanti perspecie animali e vegetali d'interesse comunitario)2. Frammentazione di habitat (temporanea o permanente) (sia neiconfronti di habitat d'interesse comunitario, sia di habitatimportanti per specie animali e vegetali d'interesse comunitario)3. Perturbazione di habitat e specie (temporanea o permanente;livello, tipologia e distanza del disturbo) (sia nei confronti dihabitat d'interesse comunitario, sia di habitat importanti per specieanimali e vegetali d'interesse comunitario)4. Riduzione della densità delle popolazioni animali evegetali d'interesse comunitario (percentuale)5. Livello di rarità dell’habitat o della specie animale ovegetale interessata (livello locale, regionale, nazionale,comunitario)6. Riduzione del livello di biodiversità complessiva del sito7. Trasformazione degli elementi naturali (acqua, aria, suolo,ecc.)8. Modifica della struttura e perdita di funzionalità del sitoPer valutare e quantificare l’incidenza ambientale si possonoutilizzare anche metodi di previsione, quali:• calcolo diretto (es. superficie di habitat completamente oparzialmente distrutta o danneggiata);• calcolo indiretto (es. modelli matematici per la definizione dellemodalità di dispersione degli agenti inquinanti, diagrammi di flusso,sistemi logici, ecc.).6.5 - Soluzioni alternativeLe soluzioni progettuali alternative, tra le quali vaconsiderata anche l’opzione zero, possono essere consideratequalora rispondano ad almeno uno dei criteri indicati nellaTabella R.82


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Tab. R – Criteri d'impostazione di soluzioniprogettuali alternative1. Modifica dell’ubicazione delle opere (es. in altra parte delsito o al di fuori di esso)2. Modifica del dimensionamento delle opere (es. realizzarel’opera riducendone i volumi)3. Modifica delle tipologie costruttive adottate (es. diversimetodi costruttivi, diversi materiali, ecc.)4. Modifica delle modalità gestionali dell’areaLe soluzioni alternative devono essere ispirate a principi dimaggiore salvaguardia dell’ambiente, anche se questocomportasse soluzioni tecniche più onerose dal punto di vistaeconomico o più complesse dal punto di vista organizzativo,purché economicamente sostenibili e valutate tenendo contodel rapporto costi/benefici e del contesto ambientale esocio-economico nel quale si inseriscono.L’autorità competente alla valutazione di incidenza non sideve limitare all’analisi delle soluzioni alternativeproposte dal soggetto proponente, ma può anche esaminarealtre ipotesi progettuali elaborate internamente oesternamente alla struttura.6.6 - Motivi imperativi di rilevante interessepubblicoI motivi imperativi di rilevante interesse pubblico, inclusii motivi di natura sociale o economica, si riferiscono asituazioni dove i piani, i progetti o gli interventi previstirisultano essere indispensabili nel quadro di:• azioni o politiche volte a tutelare valori fondamentaliper la vita dei cittadini (sicurezza, salute, ambiente);• politiche fondamentali per la società;• realizzazione di attività di natura economica o socialerispondenti a specifici obblighi di servizio pubblico.Per giustificare un danno ad un habitat o ad una specied'interesse comunitario non è, quindi, sufficiente il merointeresse pubblico, ma la motivazione della necessità direalizzare un intervento che possa determinare un’incidenzanegativa significativa su di un sito Natura 2000 deve basarsisu un interesse pubblico d'elevato valore, tenendo contoanche degli effetti negativi nel lungo periodo.83


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.6.7 - Misure di mitigazionePer misure di mitigazione s'intendono quelle precauzioni osoluzioni costruttive che rendono meno impattantesull’ambiente la realizzazione di un piano, di un progetto odi un intervento, sia durante la fase di cantiere che digestione ordinaria, e che possono essere ricondotte alletipologie indicate nella Tabella S.Tab. S – Tipologie delle misure di mitigazione1. Limitazioni temporali alla realizzazione delle opere (es.divieto d'esecuzione dei lavori o d'utilizzo dell’opera durante ilperiodo riproduttivo di una o più specie)2. Limitazioni spaziali (es. divieto d'accesso o d'esecuzione deilavori in una certa area giacché molto delicata dal punto di vistaecologico, come i siti di riproduzione di specie animali e vegetali)3. Limitazioni nell’ubicazione e nella gestione del cantiere enell’uso di tipologie di mezzi meccanici e d'attrezzature(es. obbligo d'impiego di un determinato, specifico macchinario,poiché l’utilizzo di un mezzo rispetto ad un altro può comportare unadiversa modalità di cantierizzazione delle opere con conseguentediverso impatto ambientale)4. Modifiche alle tipologie costruttive di un’opera (es.sostituzione d'opere di consolidamento dei versanti in calcestruzzocon opere d'ingegneria naturalistica)5. Obbligo ad inserire ulteriori opere di mitigazioneambientale (es. realizzazione di barriere antirumore, realizzazionedi siepi o filari, ecc.)6. Obbligo di gestire l’area interessata secondo criteri eprescrizioni definite (es. predisporre aree per l’alimentazione ola riproduzione della fauna)7. Obbligo di smantellamento d'opere esistenti, ma in disuso(es. eliminazione di una linea elettrica o di una seggiovia non piùfunzionante) o di nuove opere una volta cessato il loroutilizzo8. Obbligo di ripristino delle aree degradate (es. ripristino delmanto erboso nelle aree interessate da lavori di escavazione o dicantiere) o dell’area in oggetto, una volta cessatol’utilizzo previsto in progettoLe misure di mitigazione devono essere definite durante lafase della valutazione d'incidenza e se ne deve dimostrare lafattibilità, nonché il possibile monitoraggio.Tra le misure di mitigazione possibili, bisognerebbe optarein prima ipotesi per quelle che evitano totalmente o cheriducono il più possibile l’impatto alla fonte, dopodiché84


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.sono da prescrivere quelle che minimizzano gli impatti sulsito.Per le misure di mitigazione, oltre ad essere individuate, ènecessario che siano rispettate le condizioni elencate nellaTabella T.Tab. T – Condizioni per l’applicazione delle misuredi mitigazione1. che siano già previste nel progetto o che siano prescrittedall’autorità competente per la procedura di valutazione diincidenza;2. che siano quantificate;3. che venga garantita la loro realizzazione;4. che sia definita la tempistica della loro realizzazione;5. che sia previsto il loro monitoraggio e le modalità, siatecniche che economiche, per porre rimedio nel caso in cuile misure non dovessero dare l’esito atteso.6.8 - Misure di compensazioneSoltanto il rilevante interesse pubblico degli interventi(sia pubblici sia privati) previsti, può giustificare ildanneggiamento di habitat o specie d'interesse comunitariopresenti nei siti Natura 2000.In tal caso, prima dell’approvazione di un piano, di unprogetto, o di un intervento è obbligatorio prevedere idoneemisure di compensazione.Per misure compensative s'intendono quelle misure specificheper un piano, un progetto o un intervento che mirano acontrobilanciarne l’impatto negativo valutato di rilevanzasignificativa ed a fornire una compensazione proporzionataagli effetti negativi attesi.Esse costituiscono lo strumento per coniugare gli interventiprevisti considerati ad incidenza negativa significativa conla tutela di un habitat o di una specie d'elevato pregionaturalistico.Le misure di compensazione devono essere definite durante lafase della valutazione d'incidenza e se ne deve dimostrare lafattibilità, nonché il possibile monitoraggio.85


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Di norma, le misure di compensazione devono essere attuateprima che i lavori previsti portino al degrado di un habitato alla perturbazione di una specie, tranne che nei casi incui si riesca a dimostrare che la loro realizzazione anche inuna fase successiva non ne pregiudicherà l’efficacia e che illoro contributo al mantenimento di un soddisfacente stato diconservazione del sito della rete Natura 2000 sarà, in ognimodo, garantito.Le misure di compensazione possono comprendere diversetipologie, come indicato nella Tabella U.Tab. U – Tipologie delle misure di compensazione1. Creazione di un habitat d'interesse comunitario, siaall’interno di un sito della rete Natura 2000, sia in unsito nuovo da inserire nella rete Natura 2000, in manieraproporzionale alla perdita dovuta all’intervento (superficiepari o superiore a quella che sarà alterata dai lavori)2. Miglioramento delle condizioni ecologiche di un habitatricadente su parte del sito o in un altro sito, in manieraproporzionale alla perdita dovuta all’intervento (superficiepari o superiore a quella che sarà alterata dai lavori)3. Recupero biologico di un sito attualmente in uno stato diconservazione non soddisfacente4. Proposta d'istituzione di un nuovo sito nella rete Natura2000, o ampliamento di uno già esistente, a condizione chel’habitat o la specie in oggetto sia già presenteIn tutti questi casi, al fine di poter successivamenteverificare la corretta gestione delle aree oggetto dellemisure di compensazione e di poter monitorare la loroefficacia nel tempo ed il loro contributo alla correttagestione del sito, è di fondamentale importanza cheall’interno della procedura di valutazione d'incidenza sianoespressamente indicati i criteri di gestione di tali aree.Dovendo garantire l’integrità di un sito e mantenere il suocontributo in termini di biodiversità all’interno della reteNatura 2000, la distanza tra l’area dell’intervento ed illuogo d'attuazione delle misure di compensazione non è,quindi, un fattore determinante ai fini della valutazioned'incidenza, anche se è spesso preferibile realizzare lemisure compensative il più vicino possibile all’area deilavori.86


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Le misure di compensazione, oltre ad essere individuate,devono rispondere a certi requisiti minimi indicati nellaTabella V.Tab. V – Requisiti minimi per la definizione dellemisure di compensazione1. che siano rivolte agli habitat ed alle specie su cui pesal’incidenza negativa2. che siano quantificate3. che siano proporzionate all’estensione degli habitat diinteresse comunitario interessati dagli interventi ed allaconsistenza delle popolazioni delle specie animali evegetali coinvolte e quindi alla perdita complessivaprevista derivante dalla realizzazione del piano, delprogetto o dell’intervento4. che siano proporzionate al valore degli habitat e dellespecie interessate5. che siano proporzionate al tempo necessario perripristinare le aree naturali danneggiate6. che venga garantita la loro realizzazione7. che sia definita la tempistica della loro realizzazione8. che siano operative già al momento dell’inizio dei lavoridel piano, del progetto o dell’intervento, salvo che non sidimostri che la loro realizzazione anche in una fasesuccessiva non pregiudicherà la loro efficacia ed il lorocontributo al mantenimento di un soddisfacente stato diconservazione del sito della rete Natura 20009. che sia previsto il monitoraggio delle misure e lemodalità, sia tecniche che economiche, per porre rimedionel caso in cui le misure non dovessero dare l’esito atteso(piano di attuazione)10. che siano indicate le modalità di gestione delle areeinteressate dalle misure di conservazione e le garanzie dimantenimento nel tempo di tali condizioni87


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.7. SORVEGLIANZA E SANZIONIAi sensi dell'art.15 del DPR n.357/97 così come modificatodal successivo DPR n.120/03, la sorveglianza in merito allacorretta gestione dei siti ed all’applicazione delleeventuali misure di mitigazione e di compensazione previsteper piani, progetti, ed interventi è di competenza del CorpoForestale dello Stato e degli altri soggetti cui è affidataper legge la vigilanza ambientale, in particolare gli Entigestori dei siti Natura 2000 (Province ed Enti gestori dellearee naturali protette).Di conseguenza, le autorità competenti in ordine allavalutazione d'incidenza o all’approvazione di piani, progettied interventi, devono fornire tutti gli elementi conoscitivirichiesti dagli organi competenti per la vigilanzaambientale.Nel caso in cui si manifestino comportamenti contrari allacorretta gestione del sito si applicano le sanzioni previstedall’art.60 della L.R. n.6/05 “Disciplina della formazione edella gestione del sistema regionale delle aree naturaliprotette e dei siti della rete Natura 2000”, così comemodificato dall’art.35 della L.R. n.4/07 “Adeguamentinormativi in materia ambientale. Modifiche a leggiregionali”.L’autorità che approva il piano, il progetto o l’intervento equella competente all’effettuazione della valutazione diincidenza è tenuta alla verifica della corretta esecuzione diquanto previsto nella valutazione di incidenza, compreso ilrispetto delle prescrizioni contenute nelle eventuali misuredi mitigazione e di compensazione approvate.88


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.8. COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE E TRASPARENZAAl fine di poter informare in maniera completa il soggettoproponente del piano o del progetto o chiunque siainteressato all’esito della valutazione di incidenza (entipubblici, associazioni, portatori di interesse, ecc.), nello svolgere ilprocedimento della valutazione di incidenza è sempreconsigliabile l'adozione di matrici descrittive cherappresentino, per ciascuna fase, una griglia utile per potersintetizzare in maniera standardizzata i principali dati e leinformazioni, oltre che le motivazioni che hanno portato alledecisioni finali, in modo tale da poter ricostruire ilpercorso svolto e le conclusioni cui si è pervenuti.In particolare, in caso di contenzioso, un Ente sovraordinatoha la facoltà di procedere alla revisione della correttezzadella procedura adottata e l’autorità competente allavalutazione d'incidenza è tenuta all’esplicitazione di tuttele fasi procedurali svolte.Il processo di revisione della valutazione d'incidenzaconsiste in un’analisi dell’intero iter procedurale adottatoe consente, ai vari soggetti coinvolti, di poter verificarese lo studio d'incidenza e la successiva valutazioned'incidenza siano stati elaborati correttamente, sia perquanto concerne i contenuti, sia per quanto riguarda lediverse fasi procedurali, e che le conclusioni siano state lepiù trasparenti ed oggettive possibili.Per addivenire alle conclusioni del processo di revisionedella valutazione d'incidenza è necessario poter ricostruirel’intero iter procedurale e, a tal fine, si può utilizzare lamatrice di cui alla Tabella Z.Tab. Z – Processo di revisione della procedura divalutazione d'incidenza: pacchetto di revisione delledecisioni preseCriterio di revisioneSezione 1 – Caratteristiche del pianoo del progetto1.1 - I fini e gli obiettivi delpiano/progetto/intervento sono statiVotodirevisioneCommenti89


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.illustrati in maniera esaustiva1.2 – Gli elaborati tecnici (cartografia,disegni, fotografie, ecc.) fornitiidentificano in maniera chiaral’ubicazionedelpiano/progetto/intervento proposto1.3 – Le dimensioni e le tipologie deilavori, nonché l’area occupata dalpiano/progetto/intervento sono statidescritti in maniera esaustiva1.4 – E’ stato accluso un calendariodettagliato delle varie attivitàconnesse all’attuazione delpiano/progetto/intervento (comprese ledate di inizio e di fine lavori)1.5 – I cambiamenti di natura fisica ochimica e d'alterazione morfologicadel territorio, che si potrannoverificare nelle varie fasid'attuazionedelpiano/progetto/intervento, sono statiillustrati in modo dettagliato1.6 – Le risorse necessarie per lacostruzione, l’operatività el’eventuale smantellamento delle operepreviste sono state descritte in mododettagliato1,7 – Eventuali fattori d'inquinamentoe di disturbo ambientale o il rischiod'incidenti che coinvolgano ladispersione di sostanze inquinantisono stati descritti in mododettagliato1.8 – Eventuali materiali di scarto oaltri residui sono stati indicati equantificati, comprese le modalità delloro smaltimento, con particolareriferimento a quelli che possonoarrecare danno al sito1.9 – Gli eventuali servizi aggiuntivirichiesti ai fini dell’attuazione delpiano/progetto/intervento(lineeelettriche, linee telefoniche, tubature, ecc.)sono state indicate in modo chiaro,sia per quanto concerne l’ubicazioneche le modalità costruttive e digestione90


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.1.10 – Il progetto deve anche esseresottoposto alla procedura di VIA1.11 – AltroSezione 1: Valutazione complessivaSezione 2 – Effetti cumulativi2.1 – Tutti iprogetti/piani/interventi che incongiunzione con quello in esamepossono incidere negativamente sulsito Natura 2000 sono statiidentificati e analizzati2.2 – Per determinare gli effetticumulativi sono stati fissati eindicati dei confini2.3 – Sono stati definiti deicalendari in relazione agli effetticumulativi identificati2.4 – E’ stato identificato unpotenziale fenomeno cumulativo2.5 – AltroSezione 2: Valutazione complessivaSezione 3 – Descrizione del sitoNatura 20003.1 – La descrizione del sito (uso delsuolo dell’area, tipi di habitat presenti,presenza di specie animali e vegetali)risulta dettagliata3.2 – La descrizione degli obiettividi conservazione del sito, compresi ivalori che contribuiscono al valoredel medesimo, risulta dettagliata3.3 – L’illustrazione delle condizionipreliminari esistenti, delle dinamichenaturali degli ecosistemi, dellacomposizione chimico-fisica e delleprincipali relazioni strutturali efunzionali che contribuiscono alvalore di conservazione del sitostesso è indicata in modo dettagliato3.4 – L’indicazione del valore delsito per la Rete Natura 2000 èdettagliata3.5 – AltroSezione 3: Valutazione complessivaSezione 4 – Pre-valutazione4.1 – Laddove non si preveda91


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.un’incidenza negativa significativasul sito Natura 2000 è statarilasciata una documentazione cheattesti ciò, con allegate lemotivazioni che ne giustificano leconclusioni e con le prescrizionicontenute nelle eventuali misure dimitigazionedelpiano/progetto/intervento approvate4.2- AltroSezione 4: Valutazione complessivaSezione 5 – Valutazione di incidenzaappropriata5.1 – Gli indicatori per lasignificatività della valutazioned'incidenza sono stati utilizzati,quantificati, illustrati e valutati5.2 – Gli effetti delpiano/progetto/interventosugliobiettivi di conservazione del sitosono stati presi in considerazione5.3 – L’incidenza delpiano/progetto/interventosullastruttura e sulla funzionalità delsito è stata valutata5.4 – Eventuali perdite di habitat ola riduzione delle popolazioni dispecie animali e vegetali sono statequantificate e valutate in relazioneagli obiettivi di conservazione delsito5.5 – La valutazione d'incidenza haanalizzato tutte le fasi direalizzazionedelpiano/progetto/intervento, tenendoconto delle conseguenze ambientali siaa breve sia a lungo termine, in mododettagliato5.6 – La congruità degli interventiprevisti rispetto alle misure diconservazione ed all’eventuale pianodi gestione del sito è stataverificata in modo dettagliato5.7 – Laddove non si prevedaun’incidenza negativa significativasul sito Natura 2000 è stata92


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.rilasciata una documentazione cheattesti ciò, con allegate lemotivazioni che ne giustificano leconclusioni e con le prescrizionicontenute nelle eventuali misure dimitigazionedelpiano/progetto/intervento approvate5.8 – Laddove sia previsto dallanormativa è stata inviata unaspecifica informativa sia al Ministerocompetente sia all’Unione Europea inmerito alle decisioni prese5.9 – Laddove sia previsto dallanormativa è stata inviata la richiestadi parere all’Unione Europea in meritoalla possibilità di autorizzare ilpiano/progetto/intervento5.10 – AltroSezione 5: Valutazione complessivaSezione 6 – Misure di mitigazione6.1 – Sono state individuate misure dimitigazionedelpiano/progetto/intervento6.2 - Le misure di mitigazioneadottate sono state quantificate6.3 - Le misure di mitigazione devonoessere fattibili e garantite nel tempo6.4 – E’ stata definita la tempisticad'attuazione delle misure dimitigazione6.5 – E’ previsto il monitoraggiodelle misure di mitigazione e leeventuali azioni correttive6.6 – Le misure di mitigazione sonostate notificate al soggettoproponente6.7 - Le misure di mitigazioneadottate sono da ritenersi appropriate6.8 – AltroSezione 6: Valutazione complessivaSezione 7 – Soluzioni alternative7.1 – Sono state individuate soluzionialternativealpiano/progetto/intervento7.2 – Sono state valutate le soluzionialternative in termini di possibili93


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.incidenze sul sito7.3 – Sono state rese esplicite lemotivazioni che hanno portato adaccettare o escludere le soluzionialternative, compresa l’opzione zero7.4 AltroSezione 7: Valutazione complessivaSezione 8 – Motivazioni delpiano/progetto8.1 – Sono state valutate lemotivazioni alla base della propostadi piano/progetto/intervento8.2 – Le motivazioni sonoriconducibili ai motivi imperativi dirilevante interesse pubblico o dinatura sociale o economica8.3 – Le motivazioni sonoriconducibili alla salute umana, allasicurezza pubblica o ad importantibenefici per l’ambiente8.4 – L’incidenza negativasignificativa è riferita a habitat ospecie animali e vegetali di tipoprioritario8.5 – AltroSezione 8: Valutazione complessivaSezione 9 – Misure di compensazione9.1 – Sono state individuate misure dicompensazionedelpiano/progetto/intervento9.2 - Le misure di compensazioneadottate sono state quantificate9.3 - Le misure di compensazionedevono essere fattibili e garantitenel tempo9.4 – E’ stata definita la tempisticad'attuazione delle misure dicompensazione9.5 – Le misure di compensazione sonoubicate in luoghi idonei e il piùpossibile vicino all’area dei lavori9.6 – Le misure di compensazione sonorivolte agli habitat ed alle specied'interesse comunitario coinvolti dalpiano/progetto/intervento9.7 – Le misure di compensazione sono94


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.proporzionate agli effetti negativiprevisti sul sito9.8 - Le misure di compensazione sonooperative già al momento dell’iniziodei lavori del piano, del progetto odell’intervento9.9 – Sono indicate le modalità digestione delle aree interessate dallemisure di conservazione e le garanziedi mantenimento nel tempo di talicondizioni9.10 – E’ previsto il monitoraggiodelle misure di compensazione e leeventuali azioni correttive (pianod'attuazione)9.11 – Le misure di compensazioneadottate sono da ritenersi appropriate9.12 – Le misure di compensazione sonostate notificate al soggettoproponente9.13 – Laddove si sia valutataun’incidenza negativa significativasul sito Natura 2000 è statarilasciata una documentazione cheattesti ciò, con allegate lemotivazioni che ne giustificano leconclusioni e, nei casi in cui ilpiano/progetto/intervento sia statoautorizzato, con le prescrizionicontenute nelle eventuali misure dimitigazione e di compensazione delpiano/progetto/intervento approvate9.14 – AltroSezione 9: Valutazione complessivaGIUDIZIO COMPLESSIVO DELLA VALUTAZIONED'INCIDENZAConclusioniA – Le informazioni trasmesse sono complete, non vi sono stateomissioni significative e le conclusioni sono da considerarsiragionevolmente ed oggettivamente accettabili;B – Le informazioni trasmesse non sono complete, ma nellecircostanze del caso le conclusioni tratte sono stateragionevolmente ed oggettivamente accettabili;C – Le informazioni trasmesse non sono complete, ci sono stateomissioni significative e si è resa necessaria un’ulteriorechiarificazione su determinati temi prima di poter trarre95


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.conclusioni ragionevolmente ed oggettivamente accettabili;D – Le informazioni trasmesse sono del tutto inadeguate e leconclusioni tratte non sono accettabili.96


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Allegato CINDIRIZZI PROCEDURALI PER L’INDIVIDUAZIONEDI NUOVI SITI D'IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC)E DELLE ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS),L’AGGIORNAMENTO DELLA BANCA-DATIED IL RECEPIMENTO DELLA RETE NATURA 2000NEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONEGENERALI E DI SETTORE1. INDIVIDUAZIONE DI NUOVI SITI DELLA RETE NATURA 2000I siti della rete Natura 2000, denominati i Siti d'ImportanzaComunitaria (SIC) e Zone di Protezione Speciale (ZPS), sonodesignati dalla Regione Emilia-Romagna.La Regione Emilia-Romagna, ai fini dell’individuazione dinuovi siti, si avvale principalmente della collaborazionedelle Province e degli Enti gestori delle aree naturaliprotette, i quali possono segnalare l’opportunitàdell’istituzione di nuovi siti, supportando tali proposte conmotivazioni di tipo tecnico ed informazioni di caratterescientifico.In merito alle proposte d'istituzione di nuovi siti cheintendono presentare alla Regione Emilia-Romagna, le Provincee gli Enti gestori delle aree naturali protette, consultanogli Enti locali interessati e le principali Associazioni dicategoria che rappresentano i soggetti portatori d'interessee, avvalendosi di procedure partecipative ispirate alprincipio di massima trasparenza e circolazione delleinformazioni, al fine di garantire ai cittadini direttamenteinteressati un’effettiva partecipazione, predispongonoadeguate iniziative per dare concreta attuazione a quantosuddetto.Dei risultati di tale consultazione gli Enti gestori dei sitiné danno atto nel provvedimento di proposta d'individuazionedei nuovi siti che inoltrano alla Regione.I provvedimenti degli enti gestori dei siti per ogni ZPS e/oSIC devono contenere in allegato:a) una scheda tecnica informativa, costituita dal formularioNatura 2000 debitamente compilato;97


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.b) una rappresentazione cartografica a scala 1:10.000 o dimaggiore dettaglio.Di norma, la proposta d'individuazione di nuovi siti Natura2000 (SIC e ZPS) avviene nell’ambito e con le modalità delProgramma regionale triennale per il sistema delle areenaturali protette e dei siti della Rete Natura 2000, secondole procedure previste dalla specifica Direttiva regionale dicui all’art. 12 della L.R. n. 6/05, salvo diverse indicazioniimpartite da parte della Regione Emilia-Romagna.La Regione provvede a notificare al Ministero dell'Ambiente,della Tutela del Territorio e del Mare l’elenco aggiornato edapprovato delle ZPS e dei SIC regionali e pubblicizza in modoopportuno tali informazioni.2. AGGIORNAMENTO DELLA BANCA-DATI DELLA RETE NATURA 2000Al fine di aggiornare la Rete Natura esistente la RegioneEmilia-Romagna ha la facoltà di modificare sia la banca-datidei singoli siti, sia i loro perimetri.Pertanto, con la medesima procedura sopra indicata perl’istituzione di nuovi siti, la Regione approva la revisionedei perimetri e delle schede tecniche informative dei sitidella Rete Natura 2000 esistenti.3. RECEPIMENTO DELLA RETE NATURA 2000 NEGLI STRUMENTI DIPIANIFICAZIONE GENERALI E DI SETTOREGli Enti pubblici sono tenuti ad inserire i siti della ReteNatura 2000 ricadenti nel loro territorio nei loro strumentidi pianificazione urbanistica, territoriale, ambientale edeconomica, compresi i relativi piani di settore, nonché arecepire la relativa disciplina.98


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.INDIRIZZI PER LO SVOLGIMENTODEL MONITORAGGIO DELLE VALUTAZIONID'INCIDENZA EFFETTUATEAllegato DAllo scopo di controllare l’evoluzione nel tempo e nellospazio dello stato di conservazione delle specie e deglihabitat d'interesse comunitario, con particolare riguardo aquelli prioritari presenti nei siti della Rete Natura 2000,la Regione, anche sulla base del Decreto Ministerialeprevisto dal comma 2, art. 7 del DPR n. 357/97 e ss. mm. eii., garantisce un adeguato monitoraggio delle ZPS e dei SICricadenti nel proprio territorio, attraverso lacollaborazione degli Enti gestori dei siti Natura 2000 edegli Enti locali, previa definizione delle modalità e dellemetodologie di svolgimento.La Regione approva, altresì, il Quadro conoscitivo regionaledei siti della Rete Natura 2000, aggiornandolo periodicamenteanche attraverso la collaborazione degli Enti gestori deimedesimi.Al fine di poter monitorare nel tempo l’efficacia dellemisure di mitigazione e di compensazione previste nellevalutazioni di incidenza e di poter anche consentireun’analisi dei provvedimenti presi e della corretta gestionedei siti Natura 2000, ogni autorità che approva i piani, iprogetti o gli interventi soggetti a valutazione diincidenza, comprese le pre-valutazioni, è tenuto apredisporre un archivio informatizzato di tutte levalutazioni di incidenza dei piani, progetti ed interventi,approvati o no, garantendone il costante aggiornamento.Tale sistema d'archiviazione deve contenere i datiessenziali, quali: sito Natura 2000 interessato, aree oggettodi intervento, tipologie degli interventi ammessi, habitat especie animali e vegetali di interesse comunitariopotenzialmente interessati dagli interventi, misure dimitigazione e di compensazione adottate, esito dellavalutazione di incidenza.Gli Enti locali sono tenuti a collaborare con la Regione, alfine di fornire i dati utili per l’aggiornamento dellebanche-dati e per le periodiche valutazioni sul livello diattuazione delle Direttive “Uccelli” e “Habitat” in Emilia-99


Deliberazione della Giunta Regionale n. 1191 del 24-07-2007Approvazione Direttiva contenente i criteri di indirizzo per l'individuazione la conservazione la gestione ed il monitoraggio dei SIC edelle ZPS nonché le Linee Guida per l'effettuazione della Valutazione di Incidenza ai sensi dell'art. 2 comma 2 della L.R. n.7/04.Romagna, promosse dall’Unione Europea, dal Ministerodell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare odalla Regione Emilia-Romagna stessa.Pertanto, annualmente, le autorità competentiall’approvazione di piani, progetti ed interventi sono tenutia comunicare apposita sintesi alla Regione ed ai rispettiviEnti gestori dei siti, dei principali contenuti e degli esitidelle valutazioni d'incidenza effettuate ed archiviate comesopra indicato, in conformità ad una metodologia che saràpredisposta dalla Regione Emilia-Romagna, al fine diconcorrere ad acquisire dati utili al monitoraggio dellagestione dei siti della Rete Natura 2000.100

More magazines by this user
Similar magazines