Giornale dei Navigli n. 31 - 11 settembre 2020

digitalGiDiEnne
  • No tags were found...

Giornale dei Navigli n. 31 - 11 settembre 2020

Anno 8 •numero 27 • 11 Settembre 2020

gior naledeinavigli.it

䘀 䄀 䌀 䌀 䔀

䐀 䔀 䰀 䰀 䄀 匀 吀 䔀 匀 匀 䄀

䴀 䔀 䐀 䄀 䜀 䰀 䤀 䄀

吀 䄀 刀 伀 䌀 䌀 䄀

匀 攀 爀 瘀 椀 稀 椀 愀 瀀 愀 最 ⸀アパート

Le nostre sedi e i nostri orari

FARMACIA COMUNALE 1

Via Caboto 3 02.45100179

SEMPRE APERTA 365G/24H

APERTE TUTTO AGOSTO

FARMACIA COMUNALE 3

Via Cavour 94 02.4470724

LUN-VEN 8,30-12,30 15,30-19,30

SAB 8,30-12,30

FARMACIA COMUNALE 2

Via Curiel 2/H 02.4582945

LUN-VEN 8,30-12,30 15,30-19,30

CHIUSE DALL’8 AL 30 AGOSTO

RIAPERTURA LUNEDÌ 31 AGOSTO

FARMACIA COMUNALE 4

Via Magellano 5 02.4405148

LUN-VEN 8,30-12,30 15,30-19,30

v


2

Venerdì 11 Settembre 2020

OLTRE IL 65% INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE

FORMULA SENZA CEREALI - GRAIN FREE

FONTI DI CARBOIDRATI ALTERNATIVE

PISELLI, PATATE, TAPIOCA

NO CRUELTY TEST

SOLO NEI PET SHOP E NEGOZI SPECIALIZZATI

v


Venerdì 11 Settembre 2020 LA TERZA 3

SPUNTI DI RIFLESSIONE

«L'omicidio di Willy? Il prodotto dell'incultura dei social network»

(dad) (leggiamo e condividiamo) Calci e

pugni. Willy Monteiro Duarte è stato

ucciso di botte in 20 minuti. Il 21enne

aveva provato a difendere un amico e

per questo è stato massacrato in pieno

centro a Colleferro, nella zona a sud di

Roma. Gli omicidi sono Mario Pincarelli

di 22 anni, Francesco Belleggia

di anni 23, i fratelli Marco e Gabriele

Bianchi, rispettivamente di 24 e 26

anni. A scatenare la violenza? Non

sembrerebbero esserci alcun motivo,

né razziale né ideologico. Un caso di

cronaca che colpisce proprio per questo:

la totole insensatezza dell'azione

criminale. Ne abbiamo parlato con il

s ociologo Marco Revelli.

Appena dopo i fatti di Colleferro,

essendo Willy di origine capoverdiana,

si è subito parlato di

razzismo. Si è poi scoperto che il

giovane era in realtà intervenuto

per difendere un amico italiano

da un'aggressione...

Infatti siamo di fronte a qualcosa di

persino più radicale e profondo del

razz i s m o.

Il problema è proprio a cosa siamo

di fronte...

Credo che siano due universi esistenziali

e morali opposti che si sono

purtroppo sciaguratamente incrociati

producendo questa morte per certi

versi esemplare. Willy è stato un

agnello sacrificale. Nella morte di

questo ragazzo generoso e altruista

c'è l'incontro con la violenza pura

materializzata in corpi costruiti come

armi. Sono due antropologie, due

modi di stare al mondo opposti. Uno

è il positivo e l'altro è il negativo. Solo

che il negativo, che oggi è un caso

estremo, non è così delimitato e confinato.

È un modo di stare al mondo,

quello di quel branco, che non è

un'eccezione. I due fratelli è vero che,

concentrando in sé stessi tutto il peggio,

sono unici in questo. Ma pezzi

della loro incultura sono in realtà

molto diffusi: la costruzione del proprio

corpo come arma, la pratica

costante dell'offesa e della prevaricazione,

l'atteggiamento minaccioso

verso gli altri

Ma questa incultura da dove nas

ce?

Da un sentimento diffuso nel quale

l'arroganza, la prevaricazione e la

prepotenza non sono considerati disvalori

da mettere al bando ma tollerati

come parte dello stato delle

cose. Da parte, mi sento di aggiungere,

da parte della legge, che chiude

gli occhi davanti a questi comportamenti.

Oggi sono modus operandi

accettati e sdoganati persino da un

pezzo della politica che flirta con

questi atteggiamenti e con chi si renda

protagonista di questi atteggiamenti.

Questa antropologia “incor -

p orata”, fondata sull'esibizione di

pettorali e addominali, dei bicipiti,

dei tatuaggi aggressivi, dello sguardo

tr uce

Si è anche parlato di fascismo. Ma

non sembra esserci traccia neanche

di ideologia, che ne pensa?

Non c'è pensiero. Siamo di fronte a

un grado di cultura zero. Siamo di

fronte ad una costruzione narcisistica

E D I TO R I A L E

Non ce n’è coviddi

CORSICO (dad) Dopo aver ascoltato le

parole dei manifestanti scesi in piazza

a Roma lo scorso week end (pochi

partecipanti, va detto come “ultima

rat i o” verso una speranza nel futuro),

devo ammettere che sto vivendo in

generale una profonda fase di scoramento.

Mentre posso anche (quasi)

sorridere di fronte a duemila persone

che farneticano cose senza senso riguardo

la (non, secondo loro) pandemia

in corso, sorrido decisamente

meno quando osservo intorno a me

che un po’di “neg azionista”c’è in tutti

noi. Anzi, specifichiamo, in molti di

v oi.

autoreferenziale che si evince ancora

una volta dalla loro corporeità che

sembrerebbe sostituire la parola. Non

hanno bisogno di parlare per comunicare

il proprio messaggio di

paura. Costoro non ne sarebbero forse

capaci, e forse articolerebbero dei

discorsi mozzi, ma non hanno alcun

motivo di parlare per comunicare con

gli altri. La costruzione di sé stessi in

funzione di produrre nell'altro timore

e quindi sottomissione. La piena libertà

di quel corpo di fare ciò che gli

pa re.

Sentita così sembra esattamente

l'evoluzione dei social network.

La regressione della comunicazione

è speculare all'evoluzione

dei social media. Dalla parola di

Facebook e Twitter all'immagine

di Instagram e Tik Tok. È così?

Esattamente, stiamo tornando alla

comunicazione tribale. Tu sei la tua

tartaruga addominale, il tuo pettorale,

il tuo tatuaggio, la tua espressione.

Tu sei quello che mangi, anche.

Pensiamo all'esibizione del cibo trash

o delle diete estreme.

Qui però manca un grande tassello:

le agenzie educative. Che

fine hanno fatto?

Hanno fatto default da tempo

Molti stanno colpevolizzando le

arti marziali miste. E poi i cattivi

maestri. Ma qui sembra che siamo

oltre. Non ci sono proprio i

maestri, neanche quelli cattivi.

Com'è possibile?

Non c'è dubbio che ci sia stato il

collasso delle funzioni pedagogiche

Qualche esempio?

Entro in panetteria, siamo due persone,

ne entra una terza e poi una

quarta. E già non ci siamo. Il distanziamento

non è garantito. Mi serve

una commessa che arriva dal retro e

che, a differenza degli altri due di

mascherina muniti, non fa neanche

finta portandola sotto il naso o al

braccio. Secondo esempio: incontro

persone, non portano la mascherina e

mi parlano tranquillamente a voce

sostenuta a 40-50 cm di distanza. “Oi,

io ho la chirurgica, proteggo te da me,

ma chi protegge me da te?” Terzo e

ultimo esempio, ma potrei farne altri

mille. Mi sposto in bici nel tragitto

casa-lavoro-casa. Quei tavolini fuori

dai locali, che avevano avuto un’ap -

parenza almeno simbolica di distanziamento,

sono tornati al loro posto:

molto “vicini vicini”. Ora, io posso

decidere di evitare certi posti, posso

pensare: “cavoli loro, che si infettino

della società e degli individui. Questa

evaporazione dei processi educativi,

di quei processi di controllo delle

proprie pulsioni e di riconoscimento

degli altri, è da tempo venuta meno.

La prima resa è avvenuta in famiglia.

Basti pensare che alcuni testimoni

hanno sentito dire a qualcuno dei

genitori degli aggressori di Willy una

frase come«in fin dei conti cos’ha n n o

fatto? Niente. Hanno solo ucciso un

extracomunitario». Speriamo non sia

vera. Ma anche se venisse smentita

questa indiscrezione, rimane l'assoluto

non protagonismo delle famiglie

in questa vicenda. C'è poi la scuola

che è stata ormai ridotta a mero

produttore di funzioni, con un approccio

aziendalista. E infine i media,

che non selezionano più i cattivi maestri

e anzi molto spesso li accreditano

e valorizzano. Basti pensare a uno

come Briatore. Dal sistema media poi

queste figure passano nella testa delle

pers one.

In tutto questo si sta parlando di

apertura della scuola...

Sì, forse se invece di focalizzare

tutta l'attenzione sui banchi o sulle

rotelle delle sedie, come sta facendo

molta stampa, ci concentrassimo sui

contenuti da comunicare. Sin da subito,

a caldo, con gli insegnamenti del

Coronavirus che sono ancora freschi.

Si potrebbe fare una bella riflessione

su quanto fossimo malati prima ancora

dell'arrivo del morbo. Forse questa

sarebbe una bella apertura dell'anno

scolastico.

Lorenzo Maria Alvaro su vita.it

tra loro”. Poi però i “p assaggi” tra le

persone sono davvero tanti e chi magari

agisce con i sacri crismi si trova

fregato per leggerezza di altri. Io in

casa non mi chiudo, e non vorrei

doverlo fare per mini lockdown o mini

zone rosse (giustamente) imposte se la

situazione degenerasse.

Usiamo la testa, per cortesia, e magari

anche la mascherina.

Andrea Demarchi

v


4

Venerdì 11 Settembre 2020

Per partecipare attivamente alla rubrica scrivi a: renato.comunicazione@gmail.com

CRONISTA IN LIBERTÀ

Con Serena ai “confini della realtà”, tra regole e regolamenti

(rec) L’incontro e il racconto

della nuova generazione, benevolmente

pronta a ribaltare

e a ribaltarsi con il mondo:

Gente di Carattere. È uno

sguardo nuovo su persone

desiderose di partecipare ed

essere partecipi nella vita, da

protagonisti. Passionali, vivaci,

frizzanti, allegri e pieni

di baldanza, vivono in azione

dentro e fuori la fatica del

quotidiano, con il desiderio

di riconquistare quello che i

loro nonni hanno lasciato in

eredità, ciò per cui vale la

pena vivere.

Oggi incontriamo S erena

Marche si, 29 anni laureata

in psicologia e laureanda in

psicoterap ia.

Serena ha una

voce pacata e

lieta, si capisce

che non è

per mestiere

ma per quel

di più che

c e rch e re m o

di scoprire.

Già così impegnata

nella

vita, cerchiamo

di scoprire

di Serena vissuta nel suo

mondo, nella sua professione:

il mondo delle dipendenze

dalle droghe, alcool,

e altro ancora… non

l’ennesima analisi sociologica

che lascia il tempo che

trova e in cui spesso per

ogni parola in più peggiora

la “l e ttu ra”. Cerchiamo di

scoprire Serena e la sua

voglia di giocarsi la vita in

un lavoro duro e severo.

Ciao Serena, Marta (con

un sorriso che lasciava

intravedere che c’era un

mondo da scoprire in te)

mi ha raccontato della

complicità amicale

a l l’università. Ma cosa

succede dopo l’univ ers

i tà ?

Cosa succede dopo l’u n i-

versità? Succede che ti ritrovi

con una bella laurea di

cui tu, parenti e amici siete

fieri, ma ben presto scopri

che quel pezzo di carta ti

serve forse ad attraversare

la strada curandoti di guardare

da entrambi i lati. Certo,

l’istruzione è una fortuna

che mi è stata permessa

nella vita […] ancor

di più il valore delle persone

che ho incontrato, le storie

che ho ascoltato, nelle

“esper ienze” p rovate

n e l l’incontro con il diverso,

lo sconosciuto…

Oggi lavori in una comunità

terapeutica per

tossico dip endenti…c o sa

significa per la tua vita

?

“Tossico dip endente”,

“A l c o l i st a”. Parole che nella

vita avevo sentito miliardi di

volte, eppure sembravano

così lontane dal mio mondo.

Entrai in comunità in

punta di piedi, un po’ sp a-

ventata e timorosa di guardare

negli occhi le persone

che avevo davanti. […] Lavoro

in questo ambiente da

quattro anni […] Da buona

scolaretta iniziai un periodo

di ricerca sui libri, articoli,

manuali, qualsiasi cosa potesse

farmi sentire più sicura

sull’argomento e darmi

degli spunti su come

lavorare […] Non fraintendetemi,

l’istruzione è una

delle fortune più preziose

che mi sia stata permessa

nella vita ma vorrei dire che

forse, più ancora dei libri, il

valore sta nelle persone che

ho incontrato, nelle storie

che ho ascoltato, nelle esperienze

provate, nell’i n c o n-

tro con il diverso, lo sconosciuto,

la curiosità. Iniziai

a conoscere gli ospiti,

ad ascoltare le loro vite, le

loro sofferenze, le storie che

li avevano portati in comunità,

a sperimentare il

valore della relazione. Scoprii

anche un sistema educativo

fatto di regole, principi,

punizioni, bonus, disciplina.

Un sistema che facevo

fatica a comprendere e

che a tratti mi risultava molto

stretto. Ma la cosa divertente

era che a volte

sembrava che fosse più

stretto per me che per gli

ospiti, che invece di comunità

ne avevano girate

tante e sapevano benissimo

come funzionano questi

servizi e come si organizza

il sistema. […] dovetti affrontare

il tema della “c ronicità”.

Cosa vuol dire avere una

malattia cronica? Cosa

implica per chi ce l’ha e

per chi gli sta intorno?

Che valore ha, quali significati

assume all’i n-

terno della società?

Sono riflessioni aperte,

che non implicano risposte

ma che ritengo doverose

per chi pretende di usare

termini come questo, che

sembrano congelare la realtà,

bloccare l’e volu zione,

mettere un sigillo su una

condizione che così è, perché

qualcuno lo ha decretato

e forse perchè fa meno

paura pensarla così.

L’intervista completa

su giornaledeinavigli.it

C ro n i s t a I N L i b e rt à

a cura di Renato Caporale

v


Venerdì 11 Settembre 2020 C RO N AC A 5

EMERGENZA CORONAVIRUS Il nuovo decreto sarà in vigore fino al prossimo 7 ottobre

Conte firma il nuovo Dpcm: LE MISURE

(dad) Il nuovo Dpcm, firmato dal

presidente del Consiglio Gius eppe

C o nte , proroga di altri 30 giorni, e

dunque fino al 7 ottobre, le norme

anti-Covid. Un documento di 5 pagine

con un allegato di 55 pagine la

cui data di "scadenza", viene spiegato,

è stata così fissata perché non è

possibile un prolungamento di oltre

un mese.

Norme confermate fino al 7 ottobre

"Nel Dpcm le norme sono tutte

confermate, anche quelle che riguardano

il ballo. Sono semplicemente

prorogate. Sono vigenti dal

16 agosto e le prorogheremo per

altri 30 giorni" conferma il ministro

della Salute, Roberto Speranza.

Alcune novità sull’ingresso in Italia

Tra le poche novità rispetto al

Dpcm del 7 agosto scorso, l'autocertificazione

per l'ingresso in Italia

di persone provenienti da Paesi

finora 'off limits' per attestare che si

risiederà presso una persona, "anche

non convivente", con la quale

"vi sia una stabile relazione affettiva".

L'autocertificazione servirà

anche per la comunicazione alla Asl

e sarà obbligatoria una quarantena

di 14 giorni.

Gli Stati da cui era vietato l'ingresso

in Italia sono: Armenia,

Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia

Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia

del nord, Moldova, Oman,

Panama, Perù, Repubblica Dominicana,

Kosovo, Montenegro, Serbia

e Colombia. Per tutti gli altri Stati

valgono le regole già in vigore: chi

arriva da Croazia, Grecia, Malta e

Spagna deve fare obbligatoriamente

il tampone. Chi arriva da Romania e

Bulgaria deve stare in quarantena.

Isolamento fiduciario anche per chi

proviene da Australia, Canada,

Georgia, Giappone, Nuova Zelanda,

Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia,

Tunisia, Uruguay.

Restano chiusi gli stadi con le prime

giornate di campionato di Serie A che

si giocheranno senza pubblico, come

al termine della stagione precedente

Permane anche la chiusura delle discoteche,

fermate in tutta Italia dopo

Ferragosto, tra le polemiche delle parti

coinvolte, in seguito all'aumento dei

contagi

A proposito del ballo, il ministro della

Salute Roberto Speranza ha precisato:

"Il Governo nazionale non ha mai riaperto

le discoteche, lo hanno fatto alcune

Regioni che ne avevano la facoltà

ma noi siamo intervenuti per richiuderle”

Poche le novità, tra cui, come già illustrato,

la possibilità di ricongiungimento

per le coppie internazionali,

con l'autocertificazione di chi viene da

Paesi finora 'off limits'

MILANO È

VIVA

Confermato anche che chi proviene da

Croazia, Grecia, Malta e Spagna deve

fare obbligatoriamente il tampone. Chi

arriva da Romania e Bulgaria deve stare

in quarantena.

Resta confermato anche il divieto di

assembramento. Nel Dpcm anche il limite

di capienza all'80 per cento per i

trasporti pubblici.

AD

Restano in vigore le norme sulle mascherine:

I dispositivi di protezione

per coprirsi bocca e naso rimangono

obbligatori nei luoghi chiusi.

Le mascherine andranno indossate anche

all'aperto dove non si può mantenere

il distanziamento.

www.vivafm.it

800 904290

v


6

EVENTI Venerdì 11 Settembre 2020

TREZZANO SUL NAVIGLIO

L’Autunno Trezzanese compie 50 anni!

Immagini di repertorio

TREZZANO SUL NAVIGLIO (ces)

Un ’edizione speciale, la

cinquantesima, dell’Au tu n-

no Trezzanese, la tradizionale

rassegna di eventi organizzata

ogni anno dalla

Pro Loco di Trezzano sul

Naviglio: da venerdì 11 a

domenica 20 settembre i

quartieri della città saranno

animati da eventi, feste,

presentazioni di libri, musica,

arte e street food, con

la necessità e l’obbligo per

tutti i partecipanti di r i-

spettare le norme anti Cov

id (distanze, mascherina,

frequente igiene delle mani).

“Siamo particolarmente

orgogliosi – spiega il sindaco

Fabio Bottero – di

poter ospitare anche quest

’anno l’Autunno Trezzanese

e ringraziamo la Pro

Loco che, nonostante le

tante difficoltà degli ultimi

mesi, è riuscita a portare

avanti l’organizzazione di

una manifestazione che caratterizza

la nostra città da

ormai cinquant’anni. È un

importante segnale di ripartenza

che abbiamo fortemente

voluto: vogliamo

vivere tutti gli eventi con

serenità e per farlo occorre

da parte di tutti noi un

grande senso di responsabilità

e il rispetto delle necessarie

distanze e delle reg

ole”.

“Vivremo insieme dieci

giorni con eventi di grande

qualità –continua il sindaco

– come il Treciano Medioevo

Festival, un appuntamento

che quest’anno si

trasferisce al Parco del Centenario

per l’intera giornata

di domenica 13 settembre,

mentre dal 18 al 20 settembre

festeggeremo insieme

proprio il nostro parco

più grande e amato che con

l’associazione Salvambiente

compie 20 anni. Ringrazio

di cuore tutti coloro

che hanno lavorato per organizzare

la manifestazione

e che assicureranno a tutti

noi una festa in sicurezza:

dalle associazioni ai nostri

uffici, in particolare la nostra

Polizia Locale e l’Uf f i c i o

Cultura, l’Associazione Nazionale

Carabinieri sez. Salvatore

Nuvoletta, la Croce

Verde Trezzano e la Protezione

Civile”.

IL PROGRAMMA DELL’AU -

TUNNO TREZZANESE

Venerdì 11 settembre

Comitato Quartiere TR1

(via Di Vittorio) – ore 20

SERATA COUNTRY

Esibizioni e stage con i

maestri di ASD Maury’s

Dance. Informazioni Q.re

TR1 tel. 339 6806141

Sabato 12 settembre

Parcheggio Stazione (via

Curiel) – dalle 14

TREZZ ANO…IN FESTA -

RIPARTIAMO INSIEME

ore 14 – Apertura area

feste con street food

ore 19 – Esibizione delle

“Stelle per Sognar” e solisti

del territorio. Ringraziamenti

ai partecipanti alle

iniziative della S cuola

Creativa Virtuale ( Gi o st ra

Cooperativa Sociale Onlus)

ore 20.30 – Spettacolo di

cabaret con Davide Magagnino,

Aurelio Cammarata,

Eugenio Chiocchi, Rino

C e ro nte e le “non solo

m i s s”, Marco Di Biase, Michele

Giunta

ore 22 – Esibizione musicale,

con I Mama in concerto.

Informazioni Pro Loco

tel. 338 2222833 / 327

9508 237 — email proloc

o t rezz a n o @ g ma i l . c o m

Domenica 13 settembre

Parco del Centenario

(Strada per Baggio)

伀 䐀 伀 一 吀 伀 䤀 䄀 吀 刀 䤀 䄀 ㈀

TRECIANO MEDIOEVO

FESTIVAL 2020

dalle 10.30 alle 19 – Ac -

campamenti militari medievali.

Dimostrazioni di

scherma medievale.

Musica e danze medievali.

Spettacoli di falconeria.

Storytelling tour (percorsi

divulgativi teatralizzati)

Dalle ore 19 – Pic nic

sotto le stelle e spettacolo

teatrale “Il servo cavaliere”

Prenotazione pic-nic serale

tel. 329 6180717 – e ma i l

info@R istoraMente.com

Informazioni Pro Loco

email: prolocotrezzan

o @ g ma i l . c o m

Venerdì 18 settembre

Centro Socio Culturale C.

A. Dalla Chiesa (via Manzoni

12) – ore 21

Rassegna OLTRE I PRE-

GIUDIZ I. Andare OLTRE

per vedere meglio Ma u ra

Gan c itan o e Andrea Calame

dici, ideatori del progetto

Tlon, inaugurano la

rassegna con la presentazione

del loro libro “L iberati

della brava bambina”.

Informazioni: Biblioteca

“O. Bego” – email: begobibliote

ca@comune.trezzan

o su l - nav ig l i o. m i . i t

INGRESSO LIBERO FINO

AD ESAURIMENTO POSTI

Da venerdì 18 a domenica

20 settembre

Parco del Centenario

(Strada per Baggio)

BUON COMPLEANNO

CARO PARCO DEL CEN-

TENARIO - 20 ANNI DI

SALVAMBIE NTE

Venerdì 18 settembre

ore 20.30 – Proiezione “Il

cielo in autunno, i miti

d e l l’antichità e la scienza

吀 甀 琀 攀 氀 攀 瀀 爀 攀 猀 琀 愀 稀 椀 漀 渀 椀

瀀 漀 猀 猀 漀 渀 漀 攀 猀 猀 攀 爀 攀 猀 瘀 漀 氀 琀 攀

椀 渀 愀 渀 愀 氀 最 攀 猀 椀 愀 猀 攀 搀 愀 琀 椀 瘀 愀

挀 漀 渀 洀 愀 猀 挀 栀 攀 爀 椀 渀 愀 ⸀

伀 爀 琀 漀 搀 漀 渀 稀 椀 愀 搀 椀 焀 甀 愀 氀 椀 琀

瀀 攀 爀 琀 甀 琀 攀 氀 攀 攀 琀 ⸀

䤀 䰀 䐀 刀 ⸀ 䐀 伀 䴀 䔀 一 䤀 䌀 伀 刀 䤀 一 䐀 伀 一 䔀 䔀 匀 䔀 刀 䌀 䤀 吀 䄀 䰀 䄀 匀 唀 䄀 䄀 吀 䤀 嘀 䤀 吀 쀀 䐀 䄀 儀 唀 䄀 匀 䤀 㐀 䄀 一 䤀 Ⰰ 伀 倀 䔀 刀 䄀 䤀 一 䈀 唀 䌀 䤀 一 䄀 匀 䌀 伀 䐀 䄀 䰀 㤀 㠀 Ⰰ 䠀 䄀 䐀 䤀 刀 䔀 吀 伀 ㈀ 䌀 䔀 一 吀 刀 䤀 伀 䐀 伀 一 吀 伀 䤀 䄀 吀 刀 䤀 䌀 䤀 Ⰰ 䠀 䄀 倀 刀 䔀 匀 吀 䄀 吀 伀 䰀 䄀 匀 唀 䄀 伀 倀 䔀 刀 䄀

䄀 䰀 ᤠ 䤀 匀 吀 䤀 吀 唀 吀 伀 匀 吀 伀 䴀 䄀 吀 伀 䰀 伀 䜀 䤀 䌀 伀 䤀 吀 䄀 䰀 䤀 䄀 一 伀 䔀 一 䔀 䰀 刀 䔀 倀 䄀 刀 吀 伀 䐀 䤀 伀 䐀 伀 一 吀 伀 䤀 䄀 吀 刀 䤀 䄀 䐀 䔀 䰀 ᤠ 伀 匀 倀 䔀 䐀 䄀 䰀 䔀 匀 䄀 一 倀 䄀 伀 䰀 伀 䐀 䤀 䴀 䤀 䰀 䄀 一 伀 Ⰰ 䠀 䄀 倀 䄀 刀 吀 䔀 䌀 䤀 倀 䄀 吀 伀 䄀 倀 刀 伀 䜀 刀 䄀 䴀 䴀 䤀 䐀 䤀 䄀 匀 䤀 匀 吀 䔀 一 娀 䄀

伀 䐀 伀 一 吀 伀 䤀 䄀 吀 刀 䤀 䌀 䄀 倀 䔀 刀 䈀 䔀 一 䔀 䘀 䤀 䌀 䔀 一 娀 䄀 ⸀


嘀 䤀 匀 䤀 吀 䄀 Ⰰ 倀 刀 䔀 嘀 䔀 一 吀 䤀 嘀 䤀 Ⰰ 嘀 䤀 匀 䤀 吀 䔀 䐀 䤀 䌀 伀 一 吀 刀 伀 䰀 伀 䔀 刀 䄀 䐀 䤀 伀 䜀 刀 䄀 䘀 䤀 䔀 䔀 一 䐀 伀 刀 䄀 䰀 䤀 䜀 刀 䄀 吀 唀 䤀 吀 䔀

䄀 䐀 伀 䜀 一 䤀 倀 䄀 娀 䤀 䔀 一 吀 䔀 匀 䄀 刀 쀀 䌀 伀 一 匀 䔀 䜀 一 䄀 吀 䄀 䰀 䄀 䐀 䔀 一 吀 䄀 䰀 䌀 䄀 刀 䐀 䌀 䠀 䔀 䐀 䄀 刀 쀀 䐀 䤀 刀 䤀 吀 伀 䄀 䈀 䔀 一 䔀 䘀 䤀 吀

匀 吀 唀 䐀 䤀 伀 䤀 一 䈀 唀 䌀 䤀 一 䄀 匀 䌀 伀 ⠀ 䴀 䤀 ⤀ 嘀 䤀 䄀 䔀 䴀 䤀 䰀 䤀 䄀 Ⰰ 㔀 ⴀ 吀 䔀 䰀 ⸀ ㈀ 㐀 㠀 アパート 㐀 㤀 アパート

mo derna” con il Circ olo

Astrofil i Trezzano sul Nav

ig l i o

Sabato 19 settembre

ore 10 – Green yoga con

Alessandra Brunello

dalle 15 alle 19 – Artisti e

musicisti al parco con la

presenza di Arte & Arti

ore 15.30 – Pass eggiata

nel parco: imparare a conoscere

gli alberi

Domenica 20 settembre

dalle 9 alle 12 –Artisti e

musicisti al parco con la

presenza di Arte & Arti

ore 12.30 – Buon compleanno

Salvambiente

dalle 10 alle 12 e dalle 15

alle 19 – Esibizione e prove

di tiro con l’a rc o

ore 17.30 – L ezione

a l l’apiario del parco con

Roberto Cagnoli

Informazioni Salvambiente

tel. 366 1591748 –

email salvambiente@yaho

o.it

Domenica 20 settembre

Sede Avis sez. Trezzano

s/N (via B. Croce) –dalle 8

alle 11 Donazione di sangue.

Recarsi presso la sede

in via B. Croce. A cura di

AVIS sez. Trezzano s/N. &

Cusago. Informazioni tel.

334 8458151 – email avistrezzanosn@inw

ind.it

Centro Socio Culturale C.

A. Dalla Chiesa (via Manzoni

12) – ore 17

Rassegna TEATRO D’AU -

T ORE

Spettacolo di cabaret con

Roberto Brivio

Informazioni Biblioteca

“O. Bego” – email: begobibliote

ca@comune.trezzan

o su l - nav ig l i o. m i . i t

INGRESSO LIBERO FINO

AD ESAURIMENTO POSTI

䐀 䔀 一 吀 䤀 匀 吀 䄀 匀 倀 䔀 䌀 䤀 䄀 䰀 䤀 匀 吀 䄀 䐀 刀 ⸀ 䐀 伀 䴀 䔀 一 䤀 䌀 伀 刀 䤀 一 䐀 伀 一 䔀

匀 倀 䔀 䌀 䤀 䄀 䰀 䤀 匀 吀 䄀 䤀 一 伀 䐀 伀 一 吀 伀 匀 吀 伀 䴀 䄀 吀 伀 䰀 伀 䜀 䤀 䄀 Ⰰ 䌀 䠀 䤀 刀 唀 刀 䜀 䤀 䄀 䴀 䄀 堀 䤀 䰀 䰀 伀 ⴀ 䘀 䄀 䌀 䌀 䤀 䄀 䰀 䔀 䔀 䐀 䔀 匀 吀 䔀 吀 䤀 䌀 䄀

嘀 䤀 匀 伀

刀 䄀 䐀 䤀 伀 䘀 刀 䔀 儀 唀 䔀 一 娀 䄀

䰀 ᤠ 攀 渀 攀 爀 最 椀 愀 搀 攀 氀 挀 愀 氀 漀 爀 攀

瀀 攀 爀 甀 渀 攀 昀 攀 琀 漀 最 椀 漀 瘀 椀 渀 攀 稀 稀 愀 ⸀

䰀 ᤠ 甀 琀 椀 氀 椀 稀 稀 漀 搀 攀 氀 愀 爀 愀 搀 椀 漀 昀 爀 攀 焀 甀 攀 渀 稀 愀

最 愀 爀 愀 渀 琀 椀 猀 挀 攀 甀 渀 愀 洀 愀 最 椀 漀 爀 攀

挀 漀 渀 猀 椀 琀 攀 渀 稀 愀 攀 甀 渀 搀 甀 爀 愀 琀 甀 爀 漀 攀 昀 攀 琀 漀

琀 攀 渀 猀 漀 爀 椀 漀 搀 攀 氀 愀 瀀 攀 氀 攀

v


v

Venerdì 11 Settembre 2020 7


8

Venerdì 11 Settembre 2020

questo Piccolo grande schermo

Fermi tutti! Andiamo a Venezia, almeno virtualmente

C

ome consuetudine ogni anno, ci tocca una pausa

forzata per raccontarvi la Mostra del Cinema di

Venezia, quest’anno in programma dal 2 al 12 settembre.

Pur con le ovvie difficoltà legate alla pandemia in

corso, anche l’edizione 2020 presenta un cartellone ricco

di numerosi film interessanti, proposti nelle varie sezioni.

Vi presentiamo i quattro film italiani in concorso e alcuni

titoli tra i più attesi e da gustare non appena usciranno (non

sappiamo bene in che modalità, ma ci auguriamo vivamente

nelle sale).

PADRENOSTRO

Il primo a scendere in gara è stato Padrenostro, con un

Pierfrancesco Favino dicono (al solito) strepitoso. È una

storia autobiografica. Ci fa tornare agli Anni 80. C’è il terrorismo

raccontato attraverso gli occhi di un ragazzino.

Che, cresciuto, è diventato il regista del film.

MISS MARX

Susanna Nicchiarelli firma un altro progetto a cui non

mancano coraggio e ambizione. Un nuovo biopic, che vede

questa volta al centro Eleanor Marx, figlia più piccola del

celebre filosofo e importante militante socialista, particolarmente

attiva nell’affermare i diritti delle donne. La protagonista

avrà il volto di Romola Garai.

NOTTURNO

Per molti il film più atteso della Mostra non può che essere

il nuovo lavoro di Gianfranco Rosi. Girato nel corso di tre

anni in Medio Oriente sui confini fra Iraq, Kurdistan, Siria

e Libano, il film racconta la quotidianità che sta dietro

la tragedia senza fine di guerre civili, dittature feroci, sino

all’apocalisse omicida dell’ISIS.

LE SORELLE MACALUSO

Emma Dante firma un nuovo lungometraggio e arriva ancora

in concorso al Lido con la sua opera seconda. Le sorelle

Macaluso è tratto naturalmente dalla pièce omonima

della nota artista siciliana e potrebbe essere una delle più

grandi sorprese del concorso veneziano.

NOMADLAND

Dopo il sorprendente

The Rider, la regista

Chloé Zhao (nata in

Cina ma cresciuta professionalmente

negli

Stati Uniti) è pronta a

Cate Blanchett, la presidente

di giuria di Venezia 2020.

stupire ancora con il suo

terzo lungometraggio.

Protagonista è Frances

McDormand nei panni

di una donna che, dopo

il collasso economico

di una cittadina rurale

nel Nevada, fa i bagagli e parte con il suo van per provare

la vita on-the-road, fuori dalla società convenzionale, da

moderna nomade.

Per domande

e suggerimenti:

digital@keydea.net

CITY HALL

Frederick Wiseman, uno dei più grandi documentaristi della

storia del cinema, torna ancora una volta a Venezia per presentare

un suo lavoro. Ha compiuto novant’anni lo scorso 1°

gennaio il regista americano, che ha scelto di girare all’interno

della Boston City Hall un film che si preannuncia come

un nuovo tassello del suo notevolissimo mosaico. La location

di partenza sarà solo una base per parlare di politica,

razzismo e dinamiche inerenti all’America contemporanea.

CARI COMPAGNI!

Altro grande autore in cartellone al Lido è il cineasta russo

Andrey Konchalovsky. Al centro della pellicola c’è un

fatto storico accaduto nel 1962: un massacro subito da un

gruppo di operai rimasto insabbiato fino agli anni Novanta.

Sicuramente sarà una delle pellicole più impegnate della

kermesse.

LACCI

Daniele Luchetti ha firmato il

film d’apertura della Mostra: tra

i protagonisti Luigi Lo Cascio e

Alba Rohrwacher. Ispirato dal

romanzo omonimo di Domenico

Starnone, è un film che viene

definito come un “giallo sui sentimenti”,

con al centro un matrimonio

che prosegue nonostante

gravi difficoltà e tradimenti.

WIFE OF A SPY

Noto per film ad alta tensione

come Cure e Pulse, il regista giapponese Kiyoshi Kurosawa

ha firmato nel corso degli anni anche diversi drammi.

Buone aspettative per il suo nuovo film, un dramma storico

con al centro un commerciante nipponico che lascia la moglie

per recarsi in Manciuria. Qui assisterà a qualcosa che

potrebbe cambiare completamente la sua vita.

Andrea Demarchi

Raffaello emoziona il cinema

Nell’anno in cui ricorre lo speciale anniversario

della morte di Raffaello Sanzio (1520-2020), il

cinema teatro Cristallo di Cesano Boscone ha

messo in calendario una proiezione speciale

giovedì 17 settembre (ore 21.15) con il film

“You. Story and glory of a masterpiece” del

regista Nicola Abbatangelo, sulla storia e sul

significato del quadro La Madonna Sistina di

Raffaello, dipinto nel 1513. L’originalità del film

è quella di affrontare il significato del capolavoro

di Raffaello attraverso lo sguardo dell’autore

russo Vasilij Grossman, che dedicò al quadro

un breve ma significativo racconto.

La prima proiezione si è tenuta al Museo

Nazionale del Cinema di Torino, lo scorso

16 luglio. “Vedo una giovane madre con un

bambino in braccio», scrive Grossman e Maria

diventa per Grossman l’immagine di tutte le

madri che morirono e videro morire i loro figli

a Treblinka, ma è anche il simbolo delle madri

dei soldati russi, e di tutti coloro che hanno sofferto

durante lo stalinismo.

Tra i partner ufficiali del film ci sono anche la

diocesi di Piacenza-Bobbio e la Fondazione

di Piacenza e Vigevano, che in primavera organizzeranno

una mostra con proiezione del

film nel complesso monastico di San Sisto,

luogo per il quale l’opera fu commissionata.

Al Cristallo è previsto un cineforum

straordinario a cura di Fabio

Bressan, con un ingresso simbolico

valido per tutti: € 3,00. Prodotto

da Moolmore Films con RAI Cinema,

il film è in lingua originale

con sottotitoli in italiano. Saranno

presenti ospiti in sala. La data della

proiezione è inserita nella rassegna

Milano Movie Week, cui il

Cristallo aderisce per il terzo anno consecutivo.

v


Venerdì 11 Settembre 2020 9

Luigi Rapetti: un mondo di “passioni da vivere con interesse”

“N

ella vita, la fortuna è incontrare una

passione da vivere con interesse”.

Questo è quello che io sono e che

desidero per le mie figlie, ma non solo”. Incontro

con Luigi Rapetti protagonista d’impresa nel Sud

Ovest Milanese. Nel suo ufficio Immobilare.com

in Buccinasco zona Chiesetta la chiacchierata è a

tutto tondo: si parla di famiglia, di figli, della crisi

immobiliare, di politica di socialità… Ecco una

persona a cui non manca la passione e la voglia

di partecipare come protagonista della ripresa

economica del territorio.

Da dove nasce il mondo del lavoro di Luigi

Rapetti?

Ho iniziato come operaio alla Standa di Cusago.

Un lavoro che mi andava stretto, avevo bisogno di

gestirmi il tempo, di intraprendere una mia libertà

professionale e fu così che mi ritrovai tassista, un

lavoro che mi permetteva di incontrare la gente e

restare a contatto con la gente, cosa che a me piace

molto. In quel periodo amavo leggere i quotidiani,

restare informato su tutto, conoscere quello che

succedeva sia intorno a me che in giro per il mondo...

Nel frattempo nel 1997 “firmavo” il contratto

più importante della mia vita: sposavo Lucia, che

mi ha fatto dono di due splendide figlie, Viviana e

Veronica, rispettivamente di 11 e 16 anni.

Rapetti a un certo punto entra nel mercato

immobiliare

La passione nasce nel 2000. In quel periodo ho

iniziato a comprare una casa, ristrutturarla e rivenderla.

Poi un’altra ancora e la cosa funzionava,

mi sono reso conto di essere predisposto; mi

piaceva mettere mano a ristrutturare e, non lo

nascondo, si guadagnava bene. Un lavoro dinamico,

attivo e veloce, mi sono riscoperto creativo

con una buona dose di mestiere. Da questo nasce

la prima agenzia immobiliare e, nel giro di poco

tempo, diventano due, tre quattro... otto.

Anno 2007. L’inizio della grande crisi. Cosa

succede a Rapetti?

È stato veramente un momento difficile della

mia vita. Da quel fallimento delle banche al

blocco totale del mercato immobiliare. Non ci

siamo accorti dello tsunami che era arrivato. Si

pensava ad una crisi che potesse passare nel giro

di poco, invece ci ha colpiti duramente per diversi

anni. Mi ha messo, in ginocchio, ho dovuto

ricominciare da zero. Nel 2007 avevo 8 agenzie

immobiliari della “Pirelli Re”, con un gruppo di

60 persone. Ci siamo trovati nel 2013 veramente

annientati. Si sbarcava il lunario e ho dovuto ricominciare

completamente da zero. Quello che

mi ha salvato è stata la forte conoscenza del mio

lavoro e quindi gomiti a terra, con enormi sacrifici,

e la passione che non mi aveva mai abbandonato.

Solo nel 2016 si è ricominciato a vedere

una prospettiva immobiliare che, con un allontanamento

degli improvvisati, ripartiva con i pochi

rimasti e dove l’esperienza ha retto all’urto della

crisi. Oggi, per quanto mi riguarda e nonostante

il periodo tremendo del coronavirus, stiamo

andando bene. Solo un esempio: dal 2018, nel

mercato immobiliare di Milano, capace di coinvolgere

anche il nostro territorio, si vendeva un

appartamento ogni anno. Oggi la media è di un

appartamento ogni tre mesi.

Rapetti, marito di Lucia e padre di Viviana e

Veronica. Che mi dici?

Ho sempre tentato di conciliare ogni cosa ma non

sempre ci sono riuscito e il tempo che dedico alla

mia famiglia è poco. La passione per il mio lavoro

mi è costato del tempo sottratto alle mie figlie. Nel

frattempo mia moglie è venuta a lavorare con me,

questo è stata una scelta importante perché mi

permette di viverla molto più di prima.

Rapetti intraprendente e con la voglia di vincere

Certo, di vincere ma in maniera sportiva, con il

massimo dell’impegno perché il mio lavoro resta

il mio sport preferito e quindi mi approccio dal

punto di vista agonistico: allenandomi e cercando

di essere il migliore, non tanto per il premio

ma perché mi piace giocare bene. E vincere.

Torniamo alla famiglia e, nel particolare, alle

figlie. Cosa desideri per loro?

Mi sono accorto che quello che ho fatto, senza

accorgermi e senza saperlo, me l’ha insegnato

mia madre che, da sola (non avevo più un padre)

riusciva dopo il lavoro del negozio a venire

a casa a prepararci da mangiare, farci trovare la

casa pulita. Faceva tutto da sola e io non me ne

accorgevo, tutto con amore e in maniera impeccabile.

Credo che i figli seguano la traccia dei

genitori e il patrimonio che lasci lo riscoprono

nel tempo come valore. Questo mi sprona a fare

bene le cose al meglio. Per loro desidero che

possano vivere con passione e interesse la vita,

questo li renderà grandi, umanamente grandi!

Rapetti protagonista d’impresa a un certo

punto decide di impegnarsi in politica. Perché

questa scelta?

All’inizio è stata una cosa fortuita, quasi uno

sbocco naturale di chi pensa di poter dare un

contributo di esperienza all’azione politica, spinto

dai tanti rapporti che il mio lavoro mi faceva

vivere. Nel tempo è stata una decisione non facile

da mantenere perché il mondo che ci circonda

vede l’imprenditore che entra in politica come

un intruso e non pensa che l’impegno è per difendere

le cose in cui crede, che sperimenta ogni

giorno rischiando del proprio. Porta istanze e bisogni

a cui dare risposte concrete, per sé stesso e

per gli altri. Difendere i propri interessi quando

non lo fa nessuno è assolutamente necessario.

Parlavo prima di passione ed interesse. Ecco,

partecipare in modo diretto a migliorare un paese,

una città a me questo entusiasma! L’interesse

non può essere sempre considerato un puro fatto

economico, ma il desiderio di incidere sulla realtà

creando luoghi e spazi e risposte ai bisogni,

credetemi ,questo è un valore, da lasciare ai nostri

figli. Molto interessante!

Il dialogo continua con un misto di racconti di

una realtà lavorativa e professionale in continua

evoluzione. Si è tornato a parlare di famiglia,

figli e di amici di associazionismo d’impresa,

della socialità dei nostri paesi che sembra sempre

più portatrice del “nulla”. Rapetti si racconta

con l’entusiasmo di sempre. Che dire, è

Luigi Rapetti protagonista d’impresa nel sud

ovest milanese, ripartito con forza, grazie al suo

sempre vivo entusiasmo che non possiamo che

considerare appassionato, vivace e molto interessato

alla comunità.

Jedy

Pubblicità elettorale a pagamento - Comm. il Candidato, art. 3 legge 515 del 10/12/1993

v


10

Venerdì 11 Settembre 2020

ACCADEVA OGGI...

12 SETTEMBRE 2015

G

aggiano, Trezzano e Corsico hanno visto la loro

prosperità crescere nei secoli grazie alla presenza

del Naviglio Grande. Questo corso d’acqua che

attraversa il nostro territorio ne ha sicuramente determinato

il suo sviluppo, ma ha anche consentito agli abitanti svariate

possibilità sportive e di svago. Società sportive dedite

al nuoto e al canottaggio, gare di pesca, di nuoto e gite

lungo il suo corso sono una caratteristica costante del Naviglio

e dei centri abitati

che vi si affacciano.

Una interessante manifestazione

tipica di Corsico

è “l’albero della cuccagna”.

Si tratta di una

manifestazione ricorrente

in alcune feste paesane.

La sua origine si fa

addirittura risalire all’epoca

dei Celti quando si

celebravano le “feste di Palo della cuccagna sul Naviglio, 2015.

maggio” dove l’albero

assurgeva a simbolo della fertilità. La sacralità degli alberi

presente nella mitologia di numerose religioni nel tempo,

con l’estinguersi, almeno nella nostra cultura di una “civiltà

contadina”, ha perso la sua importanza e alcuni di questi

riti si sono trasformati in giochi e uno di questi è appunto

l’albero della cuccagna. Simbologia e immagine legata

anche al “paese di Cuccagna” ricordato in numerosi testi

come luogo di abbondanza e di benessere.

L’albero in questione è un palo da cui penzolano alcuni generi

alimentari, come salumi o leccornie. Il gioco consiste

L’albero della cuccagna di Corsico

nel riuscire ad arrampicarsi sul palo sino a raggiungere e

strappare dalla cima qualcosa che vi è appeso. Ovviamente

il tutto è reso più difficile spalmando il “palo” con del grasso

che fa scivolare i concorrenti.

Forse non tutti sanno che questa disciplina è anche iscritta

al CONI come sport, con categorie in base alla lunghezza

dell’albero.

A Corsico il Naviglio permetteva

una variante del gioco. Il palo

era posto in orizzontale, lungo

il corso del Naviglio, e le cadute

dei concorrenti erano meno traumatiche,

perché il tutto si risolveva

con un bagno nelle sue acque.

Non sappiamo quando abbia

avuto inizio in Corsico questa

iniziativa inserita nel programma

della Sagra cittadina, ma sappiamo

con certezza che l’ultima

risale al 2016. La più antica testimonianza

ritrovata, che riporta un programma di festeggiamenti

per la festa, è quella del 1911, raccontata dalla

Gazzetta dello Sport di sabato 19 agosto 1911 che riferisce

delle iniziative del giorno seguente a Corsico:

“Nella vicina Corsico ricorre domenica la festa patronale

del paese e la locale società sportiva indirrà per l’occasione

una polisportiva. Infatti il programma comprende:

Gara ciclistica sul percorso: Corsico, Rozzano, Binasco,

Casorate, Motta Visconti, Abbiategrasso, Corsico due giri,

totale km. 100 (partenza ore 8.30). Corsa podistica sul

A cura di Noi di Corsico - Via L. Salma 37

20094 Corsico - noidicorsico@yahoo.it

percorso Corsico-Trezzano, giro dei due ponti km. 6 (partenza

ore 14). Gara di nuoto metri 300 (partenza ore 18).

Gara di football sul campo dell’Audace F.C. (inizio ore

16). Gare di tiro alla fune fra squadre di cinque persone

(ore 17). Corsa delle uova, giro del paese (ore 17.30). Gara

di tiro alla quaglia per il Gran Premio Corsico, di L.

4.000. Tutte le gare saranno dotate di ricchi premi in denaro,

medaglie, targhe ed altri premi speciali donati dagli

abitanti di Corsico. La manifestazione della polisportiva

Corsico ha già raccolto le adesioni di tutti i migliori sportman

della regione. Previsto anche l’intervento della Canottieri

Milano. Alla polisportiva non potrà che arridere

il migliore successo”.

Nell’articolo non è citato l’albero della cuccagna, ma il

Naviglio, come da programma, era sicuramente un luogo

importante con una gara di nuoto e il previsto intervento

della Canottieri Milano.

Per decenni durante la festa questa iniziativa è stata, insieme

ai “fuochi artificiali”, la maggiore attrattiva della sagra

Corsichese. Lo spostamento della festa, nella seconda

domenica di settembre, ha impedito il ripetersi della manifestazione,

perché in quel periodo il corso d’acqua resta

asciutto per la manutenzione autunnale.

Nel 2015 in occasione dell’EXPO il Naviglio non ha eseguito

l’asciutta autunnale posticipandola, permettendo

così, dopo decenni, a una grande folla di rivedere con nostalgia

ciò che per tanti era un ricordo della giovinezza.

Tarcisio Sanzani

Ci trovate in Strada Lotelli n.3

46042 Castel Goffredo – MN

Tel. 0376-779310

Fax 0376-788109

info@brunettigeneratori.it

www.brunettigeneratori.com

- Gruppi elettrogeni insonorizzati fino ad oltre 3.000 kva

- Gruppi elettrogeni e bigruppi supersilenziati

- Noleggio di trasformatori ed autotrasformatori

REPERIBILITÀ

- Diverse tipologie di torri faro

TUTTI I GIORNI

- Noleggio di materiale elettrico

H 24/24

- Generatori di aria calda

- Trasporto e posizionamento

v


Venerdì 11 Settembre 2020 11

CORSICO 15 anni dopo…. Ripercorriamo la storia di ieri e di oggi.

L’Antica Stazione di posta a cavallo

Era il 5 settembre del 2005: veniva consegnato al popolo per il suo utilizzo un pezzo di storia della

città. Una cascina che fu, nel tempo dei trasporti in Italia, un’importante stazione di posta a cavallo.

CORSICO (jed) Nei secoli le stazioni

di posta furono luoghi di scambio

non soltanto di merci e servizi,

ma anche d’idee, di notizie,

d’esperienze. Perchè, allora ha

pensato Renato Caporale, presidente

della Staff srl di Buccinasco

e ispiratore dell’i n i z iat i va,

“non far rivivere la ritrovata Stazione

di Posta di Corsico di nuovo

come luogo di scambio di idee e

di esperienze, adeguato al tempo

in cui viviamo? Una scelta dettata

da una volontà di servizio cui

sono del tutto estranee motivazioni

di tipo speculativo, tanto è

vero che l’immobile è soltanto

preso in affitto (da un privato) a

lungo termine per ristrutturarlo e

farne, appunto, un luogo d’i n-

c o nt ro.

L’ANTICA STAZIONE

DI POSTA DI CORSICO

Nel gennaio 1853 le Poste del

Lombardo-Veneto ricevono da

Vienna il loro regolamento definitivo,

cui segue il primo atto

nazionale con la Convenzione

Austrotoscana (la cosiddetta Legge

postale composta da 43 articoli,

che per la prima volta

prevede l’introduzione del francobollo).

In quegli anni in Lombardia

esistono 147 stazioni di

posta che coprono ogni punto più

o meno importante del regno, e

una miriade di piccole imprese di

privati per la loro gestione.

Una di esse è appunto Corsico,

in piazza al Ponte. Qui sorge

un’osteria con stalla annessa per

il cambio dei cavalli: un nuovo

punto di sosta sulla tratta Vigevano-Milano.

Su questo percorso,

il 29 maggio 1884, viene

inaugurata la tramvia a cavalli,

detta l’Imperiale, che istituisce la

linea Milano-Corsico-Milano. Il

percorso fa capolinea in piazza al

Ponte e ferma a Ronchetto e a San

Cristoforo, per arrivare alla piazzetta

mercato di porta Ticinese.

La locanda Leon d’Oro di Corsico

diventa il punto di riposo per i

conducenti e i passeggeri, oltre

che di cambio cavalli, grazie alla

stazione di

posta che

ora è rinata

a nuova vita.

Il catasto

napole onico

vede la

luce nel

1809 e consente

di fare

un confronto

con il

passato evid

e n z ia n d o

la crescita in

pochi anni

del l’abit ato

di Corsico.

Anche in

questo documento,

l’angolo tra la via principale

dell’abitato e via Vittorio

Emanuele, risulta essere destinato

a verde. Bisogna attendere il

catasto successivo, quello della

nuova dominazione austriaca durante

il regno Lombardo Veneto,

per vedere comparire nei documenti

l’antica posta con le caratteristiche

poi tramandate fino

ad oggi. Già in questo documento

(siamo nel 1815), la posta di

Corsico si presenta come un complesso

composto da tre edifici

disposti a forma di ‘L’: una stalla e

fienile, un porticato più recente e

completamente aperto e un edificio

più basso, di servizio, usato

principalmente per il ricovero degli

attrezzi e per le attività collaterali

alla stalla. Al centro, già da

allora, un grande albero utilizzato

per legare i cavalli che servivano

alle diligenze di passaggio. E infatti

la destinazione di questo

luogo è sempre stata di cambio

degli animali da traino, come ben

risulta dallo stralcio tratto dal

libro Tre cianum: “Il viaggio era

una tortura per i passeggeri: ogni

minima oscillazione provocata da

sassi e da buche si ripercuoteva

moltiplicata su di loro, perché la

vecchia Vigevanese non conosceva

l’asfalto e la diligenza non

aveva efficaci sospensioni”. La

fermata veniva effettuata a Corsico,

Gaggiano ed Abbiategrasso

osservando ogni volta le medesime

formalità. Nel 1883 Corsico

diventa il capolinea della diligenza

proveniente da Milano e

titolare del servizio Milano-Corsico,

che resterà attivo fino

a l l’inaugurazione del tram elettrico,

nel 1903.

Ristrutturata nel 2004/2005

e inaugurata nel settembre 2005

Il recupero dell’antica cascina,

diventata stazione di posta a cavallo,

doveva nella sua complessità

tenere presente il “p ro t a-

g onista” d e l l’intera storia. Rendere

un luogo storico in chiave

moderna certamente non è stato

facile. Interamente finanziato da

privati, senza nessun intervento

del pubblico, è stato un valore

aggiunto notevole. Una nota da

conoscere per comprendere al

meglio il “valore dell’op era”, che

testimonia la forte volontà sociale

d e l l’iniziativa, è stato il rifiuto del

possibile finanziamento a fondo

perso dell’intervento pubblico

(Regione Lombardia – ma ste r

plain dei Navigli). Giunto positivamente

all’ultimo stadio

d e l l’intera e complessa documentazione

richiesta per il contributo,

era stato fatto “propr io” da l la

politica locale che millantava a

torto il merito di tale operazione.

Cosa che non garbava ai promotori

dell’iniziativa stessa che,

per non destare nessun dubbio

sulla bontà dell’opera e per evitare

equivoci di sorta, rifiutò il

contributo pubblico, previsto nel

60% dell’intero costo di recup

ero.

Il contenuto della

ristrutturazione

In tutto questo, il reale protagonista

dell’intera vicenda si

chiama “questione ideale”. Non è

difficile tornare indietro nel tempo

quando la città si è

risvegliata da un silenzioso

e discreto lavoro di

ristrutturazione, di rivisitazione.

Quel 5 settembre

del 2005, si apriva un

luogo dove ogni angolo

rivisitato rendeva memoria

di una storia rivista in

chiave moderna.

L’Antica Stazione di

Posta a Cavallo, la cui

area resta di proprietà di

Mario Meloni, è un luogo

che Renato Caporale e

i suoi amici hanno voluto

condividere, nel rispetto

delle parti, con una progettualità

dal sapore sociale

e culturale oltre che

economico. L'imponente

ristrutturazione ha generato

una concessione in

affitto calmierato della

struttura che, dal punto

di vista dell’i nve st i m e nto

economico, avrebbe trovato

il suo punto di pareggio

in circa trent’anni.

Oggi l’Antica Posta mantiene

il rapporto con la

proprietà, da parte della

società Perimetro srl di

Francesca Caporale che

ha tra l’altro il compito di

garantire e preservare il

buon utilizzo degli spazi

e la storicità del luogo,

a l l’interno della quale

opera con diligenza e cura

Alfa Event srl (Fab i o

Franz in presid ente)

n e l l’attività ristorativa e

ricreativa , la società Keydea

srl, editrice del settimanale

SìoNo - il Giornale dei

Navigli e, non per ultimo, la società

Perimetro srl.

Una storia che continua, un

luogo che vive i suoi quindici anni

di attività che si aggiungono agli

oltre duecento dalla sua nascita,

in quella vita da sempre osservata,

in tutta la sua imponenza,

dal grande albero che ripete ai

suoi visitatori: “buon paradiso a

tu tt i ! ”

Promoter Jedy

v


12

CRONACA Venerdì 11 Settembre 2020

Cinema Teatro CRISTALLO

dove il cinema costa meno e il prezzo è dinamico

10-11-12-13 settembre

ore 16.00-21.15

14-15-16 settembre ore 21.15

Tenet

azione, fantascienza - Regia Christopher Nolan - Durata 150 minuti

con John David Washington, Robert Pattinson, Elizabeth Debicki,

Dimple Kapadia , Aaron Taylor-Johnson, Clémence Poésy, Michael

Caine, Kenneth Branagh

GRANDE EVENTO

in PROGRAMMAZIONE

Inserito nella terza edizione di Milano MovieWeek

17 settembre ore 17.00-21.15

CINEFORUM CON DIBATTITO

YOU

Story and glory

of a masterpiece

docu-film - Regia Nicola Abbatangelo

con David Oakes, Sylvester McCoy, Emerald ÒHanrahan

Alla proiezione delle 21.15 sarà presente il Rettore della Fondazione Gassman

prof.ssa PAGGI Raffaela

Ingresso o 3,00

LA GRANDE ARTE AL CINEMA

UNA NOTTE AL LOUVRE

LEONARDO DA VINCI

documentario - Regia Pierre-Hubert Martin - Durata 90 minuti

23 settembre

ore 17.30-21.15 Ingresso o 10,00

PRENOTAZIONI E ACQUISTI ON LINE SUL SITO www.cristallo.net

Prenotazioni telefoniche e info:

Call Center 199 208002

tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 21.00

Via Mons. Pogliani CESANO B. - Tel. 02 4580242

EMERGENZA COVID

Crescono i contagi nel Sud Milano:

la situazione comune per comune

SUD MILANO (dfg) Salgono i contagi e

la preoccupazione dei sindaci del

territorio che richiamano i cittadini,

ancora una volta, al senso di responsabilità.

La situazione più critica

si avverte a Buccinas co, con un

totale di 21 persone risultate positive

nell’ultimo resoconto. Si tratta

di persone giovani e giovanissime,

per lo più di ritorno dalle vacanze.

Tra queste, due sono ricoverate in

ospedale. “i casi aumentano di giorno

in giorno –commenta Pruiti –,

con e senza sintomi. Non posso

nascondere la mia preoccupazione.

Ho convocato riunioni con il Centro

Operativo Comunale per valutare la

situazione. Non escludo la possibilità

di ordinare misure restrittive

per la nostra cittadinanza, in modo

da scongiurare l’aumento dei contagi

e tutelare soprattutto le persone

più fragili”. Situazione preoccupante,

ma per fortuna sotto controllo,

anche a Cesano Boscone. Qui sono

stati registrati 5 nuovi casi, tra cui un

bambino di 9 anni e un ragazzo di

18. Altri tre casi positivi, dopo il

decorso della malattia, attendono

ora il doppio tampone negativo.

“Numeri contenuti e casi con sintomi

lievi: sono tutti a domicilio –

spiega il sindaco Simone Negri –.

Invito comunque a non abbassare la

guardia. Rilevo sul territorio un atteggiamento

responsabile e mi fa

piacere: a seguito dell’appello lanciato

con circa 80 sindaci della Città

metropolitana, sono diversi, soprattutto

ragazzi, che mi scrivono informandomi

che a seguito del rientro

dalle ferie si sono sottoposti a

test/tamponi per accertarsi di non

essere venuti a contatto con il virus e

noto che la gran parte delle persone

che vedo rispetta le precauzioni di

distanziamento sociale e utilizza dispositivi

di protezione individuale.

Puntualmente – prosegue – l’Amministrazione

ha ripreso i controlli

sui casi in quarantena e sugli esercizi

pubblici. Anche le istituzioni,

dalle sanitarie a quelle locali, devono

far tesoro della terribile esperienza

dei mesi scorsi ed essere

efficaci e tempestive nelle risposte.

Non diamo retta a quelli che ci

raccontano di un virus morto o

indebolito: siamo noi che dobbiamo

essere più forti del virus. Ora abbiamo

gli strumenti, il primo dei

Giorgio Donegani, tecnologo

alimentare, ha stilato

insieme a Bord Bia, ente governativo

per la promozione

del food&beverage irlandese,

le regole sul consumo della

carne bovina, i suoi valorinutrizionali

e i benefici per la

salute.

“Per prima cosa la carne bovina

presenta un alto valore

nutritivo ed è un alimento

prezioso: il manzo contiene

oltre il 20% di proteine di

alto valore biologico e fornisce

ferro in elevata quantità”,

afferma Donegani. Anche

quali è il nostro senso di responsab

i l i t à ”. Richiama al senso di responsabilità

anche il sindaco di

Trezz ano, Fabio Bottero, che ha

comunicato nei giorni scorsi un aumento

dei casi. I positivi attualmente

sono sei, a casa e in isolamento.

Dodici cittadini sono in

quarantena perché a stretto contatto

con i contagiati. “L’emergenza non è

finita, manteniamo alta la guardia”,

lancia l’appello il primo cittadino.

Brutte notizie anche a Cusag o ch e

per mesi è stata covid-free. Qui i casi

accertati sono tre: “Numeri contenuti,

ma bisogna continuare a seguire

le direttive –dichiara il sindaco

Gianni Triulzi –. Uso della mascherina,

distanziamento e pulizia delle

mani. Norme di sicurezza basilari

che dovranno accompagnare per

lungo tempo i nostri comportamenti,

per evitare che i numeri possano

tornare a essere preoccupanti”. A

Rozz ano il numero di positivi sale a

16 ma aumenta anche il dato sui

guariti (+10): “Continuiamo a monitorare

la situazione e verificare i

dati sui contagi e sui ricoveri in

ospedale. Ai cittadini chiedo ancora

massimo rispetto delle regole”,

commenta il sindaco Gianni Ferretti.

A Pieve Emanuele da fine

luglio a inizio settembre sono stati

registrati 7 nuovi casi di cui uno al

momento in isolamento. “R icordiamocelo

sempre: non è finita”, dichiara

il sindaco Paolo Festa. Nuovi

contagi anche a Basig lio, “tutti under

30 –spiega il sindaco Lidia Reale

–, di ritorno dalle vacanze, prevalentemente

dalla Sardegna. Invito

tutti coloro che hanno frequentato

luoghi a rischio di comunicarlo subito

ad Ats per sottoporsi ai test”. A

Basiglio, per fortuna, non ci sono

ricoverati e i casi in isolamento sono

attualmente sei, di cui 4 fuori Basiglio,

tutti asintomatici). A Corsic o

sono stati registrati, da inizio pandemia,

264 casi totali di cui 45

decessi. I ricoverati sono 8, mentre

in quarantena ci sono 19 persone.

Agosto tranquillo con zero segnalazioni

a Binas co, ma a settembre

sono segnalati due cittadini positivi,

molto giovani, con condizioni di

salute buone, “il primo di ritorno

dalle vacanze, l’altro ha contratto il

virus al lavoro, tra colleghi –spiega il

sindaco Riccardo Benvegnù.

La carne rossa è un alimento prezioso, se di qualità:

Giorgio Donegani ci spiega perché

L’esperto nutrizionista svela i benefici del consumo di carne rossa

potassio e magnesio sono

presenti in buona quantità,

così come le vitamine del

gruppo B, come la vitamina B

12 , assente nei vegetali. Inoltre,

continua Donegani, “la

carne del bestiame allevato

al pascolo presenta una quota

di grassi inferiore e fino a

5 volte più Omega 3 rispetto

a quella degli animali allevati

in stalla”. Esattamente

come avviene in Irlanda,

dove gli animali possono

godere di una lunga stagione

al pascolo, alimentandosi

con l’erba fresca che, oltre a

i.p.

dare alla carne un profumo e

un gusto inconfondibili, assicura

anche specifiche qualità

nutrizionali.

La carne rossa poi, è particolarmente

indicata in tutte

le diete (incluse quelle dimagranti):

l’alto apporto

proteico garantisce infatti

alla carne rossa un elevato

potere saziante.

v


Venerdì 11 Settembre 2020 C RO N AC A 13

OFFRO LAVORO

CERCASI

assistente alla poltrona

Con esperienza, per assunzione (oppure prima esperienza con stage),

per Studio Dentistico sito a Corsico.

Tel. 02 45103419

BUCCINASCO

Parchi più puliti e controllati con le

telecamere: il nuovo servizio del Comune

BUCCINASCO (c e s) Presenza di un

operatore di pomeriggio per lo

svuotamento dei cestini dei parchi

principali di Buccinasco. Pulizia e

disinfestazione periodica di panchine,

attrezzature ludiche – u na

volta alla settimana in questo periodo

di emergenza – e cestini. Videosorveglianza

per identificare i

responsabili degli abbandoni di rifiuti.

Utilizzo di strumenti per la

raccolta di rifiuti di dimensioni ridotte,

come i mozziconi (che è vietato

gettare a terra).

www. casefunerariedomuspacis.it

Dall’ 1 settembre è partito il

nuovo servizio di pulizia di

parchi e giardini

Queste le principali novità

del nuovo servizio di

pulizia di parchi e giardini,

avviato a Buccinasco dal 1°

settembre, per rendere gli

spazi verdi attrezzati della

città più belli, puliti e sicuri.

“Si tratta di un ulteriore

sforzo e impegno

da parte della nostra Amministrazione

– spiega il

sindaco Rino Pruiti –p er

mantenere Buccinasco e i

suoi spazi verdi luoghi puliti e sicuri

per vivere. Noi investiamo in risorse

e impegno ma occorre che ognuno

faccia la propria parte e si prenda a

cuore il territorio, un bene comune

da salvaguardare, per sé e per gli

altri. Purtroppo negli ultimi mesi si

sono ripetuti troppi gesti di inciviltà

e atti vandalici, con danneggiamenti

agli arredi e alle piante, l’ab ba n -

dono di rifiuti, gli imbrattamenti

con scritte indecenti sui giochi dei

bambini: noi continueremo a pulire

e sistemare ma i costi sono alti e

ricadono su tutta la cittadinanza”.

CERCO LAVORO

Signora cerca lavoro di pulizia e stiro. za, esperienza in segreteria contabilità

Zona Buccinasco e limitrofi. Serietà e puntualità

e competenza pluriennale. Se interesstrazione,

attualmente impiegata, cer-

e gare appalto con Pubblica Amminisati

contattatemi Lucia, cell 3387548982 ca preferibilmente part time. Cell 334

o mail sdf_79@hotmail.com

3973015 chiamare pomeriggio

Operatore Socio Sanitario (OSS) Impiegata amministrativa esperienza

pluriventennale, ottima conoscenza

italiano offresi per assistenza ad anziani,

malati e disabili. Part-time o notturno,

sia a domicilio che presso strutture ro crediti, banche/cassa, co/ge, offresi

AS400 e Zucchetti, preventivi, recupe-

ospedaliere. Massima serietà.

come aiuto contabile zona Corsico.

Roberto cell. 392 5233213

Daniela cell. 339 2838548

Signora italiana referenziata offresi ITALIANO 52 anni dinamico, sveglio,

come collaboratrice domestica. Cell. serio cerca lavoro part-time o full-time

338 2834015

per pulizie domestiche e stiro (referenziato,

esperto e responsabile presso so-

Sempre tanti vestiti da stirare?

Servizio di stiro con possibilità cietà), imbianchino, lavapiatti, tuttofare.

di ritiro e consegna a domicilio. Zone Disponibile da subito tutti giorni al mattino

(festivi e domenica compresi). Mas-

Assago, Buccinasco, Corsico e limitrofi.

Serietà e puntualità. Competenza pluriennale

Cell.338 7548982 o mail: cell. 351 5920058 - 348 1986819

sima serietà e disponibilità immediata

sdf_79@hotmail.com

Impiegata commerciale 51enne offresi

Impiegata commerciale 52enne cerca

lavoro come addetta al back office. ultraventennale nella gestione ufficio ac-

come addetta al back office. Esperienza

Esperienza ultraventennale nella gestione

ufficio acquisti, centralino, collabora-

tecnico. Bella presenza, automunita, dispoquisti,

centralino, collaborazione con ufficio

zione con ufficio tecnico. Bella presenza,

automunita, disponibilità immediata. Signora con referenze esperta genibilità

immediata. Cell 331 3810837

Cell. 331 3810837

stione bambini disponibile come babysitter

(Assago-Buccinasco-Corsico)

Contabile pluriennale esperienza

banche e tesoreria, adempimenti cell 339 2987799

Iva, Coge fino a bilancio, cerca lavoro 46enne residente a Trezzano s/N,

Corsico e comuni limitrofi. Cell 333 ragioniera con pluriennale esperienza

9457466 Amelia

in ambito contabile, disponibile sia full

Magazziniere 48enne con esperienza

gestione autonoma della logiza

programmi contabilità, seria, abituata

time che part-time (30 ore), conoscenstica,

gestione lotti/scadenze, utilizzo al lavoro in team, prima nota, banche,

muletto e principali gestionali offresi. clienti e fornitori, personale, F24, riconciliazioni.

Cell. 347 7008572 oppure

Cell.347 4332180

52 anni, ex soccorritore 118 attestati scrivere a e.losciale@libero.it.

regionali Areu Milano, Niguarda riqualificazione

urgenza emergenza, compreso defi-

soggiorno, 50 anni, cerca lavoro come

Signora brasiliana con permesso di

brillatore. Antincendio, cerco lavoro anche baby sitter, pulizie. Zona Corsico, Cesano

B, Buccinasco, Assago. Maria cell.

notturno. Patente B, buona conoscenza

Milano e periferia. Cell 347 1410994 350 0247425

Ragazza 30 anni, diplomata, disponibile

da subito, esperienza pluriennale zano sul Naviglio con pluriennale espe-

Impiegata contabile residente a Trez-

nella GDO e addetta al call center front rienza in azienda e studio professionale

end e/o Back Office cerco lavoro, Lucia cerca lavoro full time in zona Corsico,

cell. 348 7967801.

Buccinasco, Assago, Cesano Boscone,

Signora italiana referenziata offresi Trezzano. Cell. 347 7008572 Elisa

come collaboratrice domestica. Cell. Ragioniera con pluridecennale

338.2834015

esperienza in ambito amministrativo e

50enne con referenze, lunga esperienza

coi bambini, disponibile a Buc-

alle scritture di rettifica. Ricerca lavoro

commerciale, dall’emissione di DDT fino

cinasco come baby-sitter. Anche lavori zona Milano sud ovest. Automunita e seria

cell. 340 2902243

domestici. Cell. 388 1281829

Ragioniera 49 anni, bella presen-

IMBIANCATURA A PARTIRE DA 160 EURO A LOCALE (anche 1 solo

locale), materiali inclusi. VERNICIATURE PORTE, INFISSI,

RINGHIERE. SGOMBERI GRATIS. MASSIMA SERIETÀ, Germano 393 6711655

Per le tue inserzioni CERCO/OFFRO LAVORO

segreteria@keydea.net

Esclusivamente per le inserzioni CERCO LAVORO il limite max è stabilito in 25 parole

Aut. Tribunale di Milano n. 478 del 14/09/2011

Fabio Fagnani

direttore responsabile

direttoresiono@hotmail.it

Condirettore

Andrea Demarchi

Direttore sviluppo

Luca Brunello

Editore

Keydea! s.r.l. Tel. 02.83553315

In compagnia della storia

di Fulvio Scova

Pubblicità Commerciale

Andrea Demarchi

cell. 392.9733588

a.demarchi@keydea.net

Stampa

Litosud

Pessano con Bornago (MI)

E’ fatto divieto a chiunque anche ai sensi della legge sul diritto d’autore,

di riprodurre - in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo - le opere

giornalistiche contenute e pubblicate sul presente giornale. La proprietà ed

i diritti di sfruttamento delle opere ivi contenute sono riservate all’editore.

v


14

12

A CURA DI FRANCESCO LEONARDI Venerdì 11 Settembre 2020

ENIGMISTICA E NON SOLO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

22 23

24 25 26 27 28 29

30 31 32 33 34 35 36

37 38 39 40

41 42

43 44

45 46 47

48 49

A B C D E

50

ORIZZONTALI: 1. Sigla di una società petrolifera - 5. Città sul Tirreno (vedi foto A) - 9.

La Sacra che annulla i matrimoni - 13. Si contrappose all’illuminismo - 22. Il nemico dei

rossoneri - 24. Resa meno fitta - 27. Mutano via in viola - 28. Insieme di persone che lavorano

per famiglie altolocate - 30. Città presso il Gennargentu (vedi foto B) - 31. Metropoli

della California - 33. Contea inglese - 35. Città ai piedi del Terminillo (vedi foto C) - 36.

Io più voi - 37. Perfettamente puliti - 38. Iraniano - 41. Altopiano calabrese - 42. Porto

di Israele - 43. La città del moscato (vedi foto D) - 44. Forma le cascate di Ripon - 45.

Vulcano della Sicilia - 47. Guglielmo balestriere - 48. Lo uccise San Giorgio - 49. Punzone

della zecca - 50. Tra le dita.

VERTICALI: 1. Affluente del Rodano - 2. Antilope africana - 3. Andato (breve) - 4. Precede

favore - 5. Un principio dei milanesi - 6. Breve assemblea - 7. Star... senza fine - 8. Prima di

Ambrogio... sul calendario - 9. Vino bianco della Renania - 10. Festa degenerata - 11. Concetto

filosofico cinese - 12. Sono in rada - 13. Gracida nello stagno - 14. Modena - 15. Un

temuto Capone - 16. Aloise... in famiglia - 17. Cinematografia e televisione - 18. Arcobaleno

carducciano - 19. Consonanti in savio - 20. Minimo (breve) - 21. Prefisso per orecchio - 23. I

confini del Rio - 24. Non storta - 25. Il regista Kurosawa (iniz.) - 26. Bevanda pomeridiana -

29. Centro del buio - 32. Viene servito a fine pasto - 34. La città con il mausoleo di Cesare

Battisti (vedi voto E) - 35. Involto cilindrico - 39. Extra-terrestre - 40. Tango e valzer - 46.

Africa Orientale Italiana - 48. Capovolto è una mezza idea - 49. Come comincia così.

1 2 3 4 5 6 7 8 9

1 2 3 4 5 6 7

10 11

12

8 9 10 11

12

13 14 15

16

17 18 19

13 14 15 16 17

18 19 20

20

21

21 22

22

23

24

23

25

26

24

27

28

25

26

27

29

30

31

28

29 30

31

32

33

34

32

33

34

35

36

37

35

36

38

39

40

37

38

39

41

42

ORIZZONTALI: 1. Ammenda - 5. Piccolo mammifero marsigliese - 8. La Foscari di Venezia - 10.

Un lusso per gli emiri - 12. L’attuale presidente russo - 13. In mezzo - 14. L’Ave... la invoca - 16.

Matera - 17. Vocali in vena - 18. Gara di atletica - 19. Sigla di un noto tribunale - 20. Tiri - 21. Vede

male - 22. Un famoso galoppatore - 24. Sigla di un ex partito socialista - 25. Bramoso - 26. Uno degli

apostoli - 27. Maniere - 28. Fiume lombardo - 29. Tace finché si tace - 30. Spuntata - 31. Mezzo

cono - 32. Il sodio - 33. Lo è l’occhio di pernice - 34. Il cantautore Cellamare - 35. Capitolò per un

cavallo di legno - 36. Arturo pittore - 37. La fine delle idee - 38. Misura agraria - 39. Magnanimità.

VERTICALI: 1. Con affetto e tenerezza - 2. Si grida dopo gli Hip - 3. Padovani che fu pittrice - 4. Il

Tullio - 6. Capitale dello stato di Samoa - 7. Non mia e nemmeno sua - 8. Il maestro di Giotto - 9. La

scienza di Mantegazza - 11. Vasto giardino - 14. Privo di completezza - 15. La sigla di Salò - 18. Ne

sono ghiotti gli asini - 19. Macinato finemente - 20. Sporco, turpe - 21. Una spiaggia non lontana da

Roma - 23. Chiamare gli spiriti - 24. Può essere gemellare - 26. Un comune uccello nero - 28. Dopo

il Fa - 30. Regione carbonifera della Germania - 31. Gli attori di un film - 33. Controspionaggio USA

(sigla) - 34. Il cantautore Ron - 36. La fine dello scompaginamento.

ORIZZONTALI: 2. Gruppo di famiglie scozzesi - 5. Gli stati Uniti d’America - 8. Codice Procedura

Civile (sigla) - 10. Il Boone della canzone - 12. Al termine dei processi - 13. Un principio di

Caligola - 15. Infastidita - 18. Il via alle corse di trotto - 21. Privi di esperienza - 23. Va in cerca

di indirizzi - 24. Remissione dei peccati - 25. Il popolare imitatore Teocoli - 26. Gli Dei guidati da

Wotan - 28. Una nota centrale - 29. Di poca durata - 32. Un fastidio lungo il cammino - 37. Articolo

spagnolo - 38. L’aurora greca - 39. Ci solo quelli Terra-Aria - 41. Si ottiene da un originale - 42.

Rischio che si corre.

VERTICALI: 1. Si indossano dopo la doccia - 2. Le gemelle in bocca - 3. Appare sulla sinistra - 4.

Il sottomarino ideato da Verne - 6. Dimezzato - 7. Quello greco vale 3,14 - 9. Non coraggiose - 11.

Attrezzi per acrobati - 12. Jean-Paul, filosofo esistenziale - 14. Può essere salato - 16. Risaputi - 17.

Un grado per ufficiali - 19. Sfocia nel golfo di Oristano - 20. Impresa di alpinisti - 22. Metà ieri - 27.

Amenità da burloni - 28. Comuni plantigradi - 29. Si chiede a teatro - 30. Cerchia di candidati - 31.

Sono gonfiate dal vento - 33. Macchia della pelle - 34. Il punto culminante - 35. Iniziali della cantante

Minelli - 36. Questo o quello - 40. L’illinio.

Vuoi sponsorizzare la nostra

PAGINA GIOCHI? Contattaci!

Andrea Demarchi

392 9733588 - a.demarchi@keydea.net

v


Venerdì 11 Settembre 2020 C RO N AC A 15

MILANO

Al via la Scuola di Chirurgia Robotica della Statale all'Ospedale San Paolo

MILANO (ces) Con la ripresa

del nuovo anno accademico

parte anche la Scuola di

Formazione in Chirurgia

Robotica del Dipartimento

di Scienze della Salute

d e l l’Università degli Studi

di Milano presso il Polo

Universitario dell’Ospe dale

San Paolo, punto di riferimento

a livello nazionale

per lo sviluppo, l’e ste n si o n e

e il trasferimento tecnologico

di sistemi innovativi di

robotica applicata alla chir

urgia.

Una virtuosa partnership

tra la Direzione Generale

Ricerca, Innovazione, Università,

Export e Internazionalizzazione

di Regione

Lombardia, e l’Un i ve rsi t à

degli Studi di Milano, ampliando

la collaborazione

con l’ASST Santi Paolo e

Carlo – spiegano dal polo –.

L’obiettivo è quello di sviluppare

un

percorso formativo

altamente

innovativo

attraverso

l’u t i l i z-

zo di un Sistema

Robotico

di ultima

g enerazione,

sviluppare insegnamenti

e

percorsi formativi rivolti

agli studenti, specializzandi

e medici strutturati, incrementare

ricerche e collaborazioni

scientifiche già in

atto con molte Università e

Istituti nazionali e internazionali,

attraverso scambi

con residents o visiting professor

e partecipazioni a

studi multicentrici con impatto

favorevole sulla produzione

scientifica”.

Il corso, diretto da Enric o

Op o cher, Direttore del Dipartimento

di Chirurgia

d e l l’ASST Santi Paolo e Carlo,

si allinea “alle esigenze

formative e chirurgiche ormai

consolidate nel mondo

in merito allo sviluppo

d e l l’insegnamento nell’u t i-

lizzo della macchina robotica

sino al tutoraggio in

sala operatoria per lo

start-up del programma

chirurgico – ancora dall’A s-

st –. Presso il San Paolo

sono state allestite una sala

operatoria integrata con installazione

di sistema robotico

dotato di doppia

consolle (una per il discente

esperto e l’altra per lo studente)

e aule didattiche fornite

di collegamento con la

sala operatoria per la live

surgery e simulatore robot

i c o”. Il progetto è stato finanziato

da Regione Lombardia

per l’importo di

700mila euro per l’a c q u i sto

di parte della strumentazione

necessaria (consolle

chirurgica e simulatore virtuale)

e dall’Università degli

Studi di Milano per il personale

e i costi di allestimento

e di gestione delle

attività didattiche e scient

i f i ch e.

L’evoluzione della chirurgia

laparoscopica è oggi la

chirurgia ad alta complessità

tecnologica, che si avvale

soprattutto dell’i mp i e-

go della robotica: migliora

la visione del campo operatorio

(3D), agevola il chirurgo

durante l’es ecuzione

di interventi di chirurgia

maggiore resi complessi da

problematiche anatomiche

dei pazienti, grazie all’au -

silio di strumenti innovativi

che consentono movimenti

più ampi, precisi e risolutivi,

garantendo lo sviluppo

dei processi tecnologicamente

avanzati nella cura

dei cittadini, riduce l’i nvasività

chirurgica e la degenza

ospedaliera.

"Vogliamo ribadire l'importanza

della collaborazione

tra istituzioni e Università

- ha dichiarato il vicepresidente

di Regione

Lombardia, Fabrizio Sala -

per favorire la conoscenza

degli studenti attraverso un

programma strutturato e integrato

sulla tecnica robotica

interessando tutte le

specialità. Formazione e lavoro

sul campo sono le

priorità di questa collaborazione,

nata proprio per

stimolare la conoscenza degli

studenti attraverso l'utilizzo

di apparecchiature

innovative di

ultima generazione.

La filosofia

della tecnica

robotica è al

centro del nostro

programma

triennale di ricerca

e innovazione

che sosteniamo

con ingenti

risorse e

con la convinzione

di poter

compiere un grosso passo

avanti nel futuro, per una

medicina sempre più di

precisione, in grado di ridurre

l’invasività di un’op e-

raz i o n e" .

“Con questo progetto

l’Università degli Studi di

Milano avvalora i nostri

specialisti in termini di

competenza clinica e tecnologica,

permettendoci di

aumentare l’offerta sanitaria

e specialistica sul territorio,

rendendo fruibile ai

pazienti le migliori tecnologie

- dichiara il Direttore

Generale dell’ASST Santi

Paolo e Carlo, Matteo Stocc

o -. È un vanto per noi far

parte di questa importante

rete formativa che implementa

la vocazione dell’A S-

ST Santi Paolo e Carlo all’i n-

s egnamento”.

v


16

Venerdì 11 Settembre 2020

v

More magazines by this user
Similar magazines