31.05.2013 Views

leguminose da granella - Università degli Studi della Tuscia

leguminose da granella - Università degli Studi della Tuscia

leguminose da granella - Università degli Studi della Tuscia

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

Corso di ”Sistemi colturali ”<br />

- Viterbo, AA 2002 -2003<br />

Colture erbacee:<br />

• <strong>leguminose</strong> <strong>da</strong> <strong>granella</strong><br />

Dott. Raffaele Casa,<br />

Dipartimento di Produzione Vegetale,<br />

<strong>Università</strong> <strong>della</strong> <strong>Tuscia</strong>, Viterbo


Leguminose <strong>da</strong> <strong>granella</strong> (proteaginose)<br />

• Caratteristiche generali<br />

•famiglia <strong>leguminose</strong><br />

•germinazione:<br />

• epigea: di solito macroterme a semina primaverile (es. fagiolo,<br />

soia)<br />

• ipogea: microterme a semina anche autunnale (es. fava,<br />

pisello, cece, lenticchia)<br />

•azotofissazione (- costo metabolico)<br />

•elevata percentuale di proteine (ma carenza aminoacidi solforati<br />

metionina e cistina)- complementarietà con cereali (carenti in lisina<br />

e triptofano)<br />

•consumo secco o fresco<br />

•problemi: fattori antinutrizionali, resistenza alla cottura, etc.<br />

•calo superfici: in Italia negli anni ‘50 1.2 milioni ha, nel 1997-99<br />

solo 78.000.<br />

•in Italia forte deficit commerciale<br />

•Colture miglioratrici (<strong>da</strong> rinnovo o maggesate)


Leguminose <strong>da</strong> <strong>granella</strong>: specie<br />

• Fava (Vicia faba)<br />

•maior: a semi grossi (alimentazione umana. Semi freschi o secchi)<br />

•equina: ”favetta” a semi intermedi (alimentazione zootecnica, es.cavalli)<br />

•minor: “favino” a semi piccoli (soprattutto per erbai e sovesci e come concentrati<br />

proteici per alimentazione bestiame)<br />

Semina: centro-sud autunnale (ott-nov.), nord metà marzo<br />

Raccolta: semi freschi = maggio; <strong>granella</strong> secca=giugno(centro)-luglio(Nord)<br />

• Cece (Cicer arietinum)<br />

•a seme grosso (Kabuli): Italia, Spagna<br />

•a seme piccolo (Desi): medio Oriente, India<br />

In Italia semina: autunno (Sud) fine inverno (marzo) Centro. Raccolta maggio-giugno<br />

• Lenticchia (Lens culinaris)<br />

In Italia semina: novembre in pianura, marzo aprile collina. Raccolta maggio-giugno


Leguminose <strong>da</strong> <strong>granella</strong>: specie<br />

Lupino (Lupinus spp.)<br />

•lupino bianco (Lupinus albus): il più diffuso in Italia: tollera il gelo e terreni<br />

moderatamente acidi anche limosi.<br />

•giallo (Lupinus luteus): sensibile al freddo (ciclo primaverile in Europa centronord),<br />

vuole terreni acidi e sabbiosi.<br />

•azzurro (Lupinus angustifolius): sensibile al freddo, vuole terreni acidi<br />

Da <strong>granella</strong>, <strong>da</strong> foraggio o <strong>da</strong> sovescio.<br />

Semina (l.bianco): ottobre-novembre. Raccolta: giugno-luglio<br />

• Fagiolo (Phaseolus spp.)<br />

•fagiolo comune (Phaseolus vulgaris): diffuso in Italia<br />

•fagiolo di Spagna (Phaseolus coccineus): semi bianchi molto grandi. In Europa<br />

solo tipi brevidiurni<br />

•fagiolo di Lima (Phaseolus lunatus): solo in climi tropicali<br />

•Phaseolus acutifolius:: climi aridi e tropicali<br />

Produzione: semi secchi, semi immaturi, baccelli interi verdi (fagiolini).<br />

Semina (fagiolo comune): <strong>da</strong> aprile a fine luglio. Raccolta: luglio-ottobre, dipende <strong>da</strong>lla<br />

destinazione e varietà.<br />

• Pisello (Pisum sativum)<br />

• Semina: ott-nov. Centro sud, febbraio Nord, scalare per l’industria. Raccolta: fresco<br />

primaticcio <strong>da</strong> dicembre (Sicilia e Sardegna) a marzo (Campani). Da industria maggiogiugno.<br />

Granella secca giugno-luglio.


Dati FAO 1997<br />

Soia: diffusione nel mondo ed in Italia<br />

Tendenza in Italia


Stadi di sviluppo


La soia: le radici<br />

• Apparato radicale fittonante: radice principale -> radici secon<strong>da</strong>rie<br />

(maggior parte dell’apparato radicale) + radici avventizie<br />

• può raggiungere 1.5 m<br />

• noduli radicali (simbiosi con Bradyrhizobium japonicum) visibili a<br />

partire <strong>da</strong> 7-9 gg dopo l’emergenza.


Ia soia: le foglie<br />

• cotiledoni<br />

• foglie unfoliate<br />

• foglie trifoliate<br />

• le foglie si seccano e cadono poco<br />

prima che i semi hanno raggiunto la<br />

piena maturazione


Il fusto ed il portamento<br />

• Nodi ed internodi<br />

• Ramificazioni<br />

• Portamento + o - cespuglioso<br />

• Foglie alterne<br />

• Varietà a sviluppo determinato: a<strong>da</strong>tte ad ambienti caldi. Fioritura <strong>da</strong>ll’alto<br />

verso il basso. Periodo di fioritura breve. Fusto principale che termina con<br />

un’infiorescenza.<br />

• Varietà a sviluppo indeterminato (coltivate in Italia): a<strong>da</strong>tte ad ambienti<br />

temperati con stagione + corta. Fioritura <strong>da</strong>l basso verso l’alto. La fioritura si<br />

prolunga per diverse settimane. Non vi è un infiorescenza terminale.


Fiori<br />

fiori ermafroditi piccoli bianchi o<br />

rosa<br />

• infiorescenza: racemo ascellare<br />

• presenti su tutti i nodi tranne<br />

quelli più bassi<br />

• la maggior parte dei fiori (<strong>da</strong> 2/3 a<br />

3/4) abortisce<br />

• fecon<strong>da</strong>zione autogama


Frutto<br />

•Baccello contenente 2-4 semi<br />

Il frutto (baccello) ed il seme<br />

Parti del seme<br />

• ilo: attaccatura al baccello<br />

Seme<br />

• Involucri: tegumento seminale<br />

• Sostanze di riserva: nei cotiledoni.<br />

• Composizione: 18-21% olio, 38-41% proteina grezza (proteo-oleaginosa)


Stadi di sviluppo: germinazione ed emergenza: VE<br />

• Germinazione epigea


La soia : componenti <strong>della</strong> produzione<br />

Produzione<br />

<strong>granella</strong> (g m -2 )<br />

N° piante<br />

per m 2<br />

X<br />

Peso semi<br />

(g)<br />

X<br />

N° semi<br />

per<br />

pianta<br />

N° semi per<br />

m 2<br />

(densità di<br />

semina)<br />

X<br />

% di<br />

emergenza<br />

N° baccelli<br />

per pianta<br />

X<br />

N° semi<br />

per<br />

baccello<br />

N° fiori per<br />

pianta<br />

% di<br />

allegagione


TLmin = minimo letale<br />

TLmax = massimo letale<br />

Tmin = Tmax = zero<br />

vegetazione<br />

Topt = temperatura ottimale<br />

• vuole temperature un po’ più alte<br />

del mais.<br />

• Particolarmente esigente durante<br />

germinazione e maturazione<br />

Esigenze termiche<br />

• Alla fioritura temperature troppo<br />

elevate (>32°C) o troppo basse (<<br />

15°) causano cattiva allegagione<br />

• germinazione-emergenza<br />

TLmin=0 °C<br />

Tmin=12 °C<br />

Topt = 25 °C<br />

•accrescimento vegetativo<br />

Tlmin=-2°C<br />

Tmin=18 °C<br />

Topt = 22-25 °C<br />

Tmax=30°C<br />

•fioritura<br />

Tmin=10 °C<br />

Topt = 24-26 °C<br />

•maturazione<br />

Tmin=15 °C<br />

Topt = 23-24 °C


Esigenze ambientali<br />

• Luce<br />

brevidiurna, ma in varietà tardive bastano 7 ore di<br />

buio per fiorire (a<strong>da</strong>tte all’ambiente del Nord Italia).<br />

• Acqua<br />

abbastanza arido-resistente: ma necessari 400-500<br />

mm<br />

suscettibile agli eccessi all’emergenza<br />

differenti esigenze nelle varie fasi (sensibile<br />

soprattutto durante fioritura e formazione baccelli)<br />

in Italia necessaria quasi sempre l’irrigazione<br />

• Terreno<br />

molto a<strong>da</strong>ttabile (quasi tutti i tipi di terreno)<br />

tollera l’acidità (pH ottimale 6-6.5)<br />

più a<strong>da</strong>tta a terreni poveri del mais<br />

tollerante salinità (resa al 100% a 5 mS cm -1 )


La soia : itinerario tecnico<br />

• Posto nell’avvicen<strong>da</strong>mento<br />

• Scelta <strong>della</strong> varietà<br />

• Preparazione del terreno per la semina<br />

• Concimazione<br />

• Semina<br />

• Irrigazione<br />

• Lotta contro infestanti e patogeni<br />

• Raccolta


Posto nell’avvicen<strong>da</strong>mento<br />

• Coltura miglioratrice (pianta <strong>da</strong> rinnovo)<br />

• Lascia sostanza organica ed azoto residui<br />

• Possibili precessioni:


Scelta varietà<br />

• Varietà classificate in 13 gruppi di precocità decrescente:<br />

• 000, 00, 0, I, II, III …X<br />

• tra un gruppo e l’altro differenza di circa 10-15 gg<br />

• le varietà più precoci (000, 00, 0) sono a<strong>da</strong>tte a latitudini<br />

elevate<br />

• Nel Nord Italia buoni risultati con varietà dei gruppi <strong>da</strong> 0 a II


La soia : preparazione terreno<br />

• Lavorazioni convenzionali 25-30 cm<br />

• Lavorazioni ridotte (10-15 cm) = minima<br />

lavorazione = minimum tillage<br />

• Semina su sodo<br />

• Ridge tillage (porche permanenti)


La soia : inoculazione del seme<br />

• Essenziale dove non è mai stata coltivata prima la soia, ma<br />

sempre consigliabile<br />

• Preparati in polvere (Bradyrhizobium japonicum misto a torba)<br />

o anche liquidi o granulari<br />

• Seme inumidito e rimescolato<br />

• terreno deve rimanere umido finché non si sviluppano le<br />

radici ed avviene l’infezione


Semina<br />

semi(<br />

n°<br />

⋅m<br />

−2<br />

n°<br />

piante⋅<br />

m ( obiettivo)<br />

) =<br />

⋅100%<br />

100%<br />

−%<br />

perdite_<br />

probabili<br />

• Epoca: temperatura del terreno almeno 13°C: pochi giorni dopo la<br />

semina del mais<br />

• Densità:<br />

• obiettivo: 35-45 piante m -2<br />

• leggera compensazione con ramificazione<br />

• Quantità : peso 1000 semi 130-180 g -> circa 50-80 kg ha -1 ;<br />

• profondità: 3 cm terreni pesanti 4-5 cm terreni sciolti<br />

• Mo<strong>da</strong>lità: semina a righe con seminatrice pneumatica (di precisione)<br />

(interfila 45-60 cm, distanza sulla fila 5-6 cm). Interfila più stretto con<br />

varietà più precoci<br />

• attenzione alla crosta superficiale<br />

−2<br />

Quantità_<br />

seme(<br />

g ⋅m<br />

−2<br />

n°<br />

semi⋅<br />

m<br />

) =<br />

−2<br />

⋅ peso_<br />

1000 _ semi(<br />

g)<br />

100


Fertilizzazioni<br />

• Asportazioni: x 100 kg ha -1 di <strong>granella</strong><br />

(compresi residui) ci vogliono circa<br />

6 kg N<br />

2 kg P 2 O 5<br />

3.5 kg K 2 O<br />

Fabbisogni per 3.5 t ha -1<br />

• La soia riesce a fissare 60-<br />

170 kg N ha -1 per stagione<br />

• non si effettua concimazione<br />

azotata


Soia: irrigazione<br />

• Consumo idrico stagionale 500-600 mm<br />

• Periodo critico: non così marcato come il mais, ma sensibile<br />

durante fioritura e fruttificazione<br />

• Intervenire quando rimane il 40-50% dell’acqua disponibile<br />

• Metodo irriguo:<br />

• per aspersione (a pioggia): pivot, semoventi a condotta<br />

avvolgibile<br />

• per infiltrazione laterale


Soia: coefficienti colturali<br />

Soia:<br />

Kc ini =0.4; Kc mid =1.15; Kc end =0.5


Raccolta<br />

• Epoca:<br />

• quando tutte le foglie sono cadute e la pianta è completamente secca<br />

• umidità <strong>granella</strong> sotto il 20%, ma notevole scalarità (se umidità > 13%<br />

va essiccata)<br />

• In Italia settembre<br />

• Macchine:<br />

• Mietitrebbiatrici <strong>da</strong> frumento a<strong>da</strong>ttata: barra falciante + bassa<br />

• Rese:<br />

• Massime 6-7 t ha -1 , ma in Italia buone produzioni 4 t ha -1

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!