Relazione tecnica - Comune di Messina

comune.messina.it

Relazione tecnica - Comune di Messina

REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 1

RELAZIONE

PROGETTO DEFIINTIVO

Comune di Messina

Ufficio Programmi Complessi

Staff di coordinamento e progettazione:

RuP: Arch. Massimo La Spada

Progettisti:

Arch. Amelia Leotta

Ing. Vito Leotta

Arch. Giovanni Scipilliti

VISTO

IL DIRIGENTE (Ing. G. Caminiti)

Strutture:

Ing. Massimo Pistorino

Ing. Nunzio Santoro


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 2

INDICE

PREMESSE ....................................................................................................................... 4

CENNI STORICI ................................................................................................................. 4

LO STATO DI FATTO ......................................................................................................... 4

IL PROGETTO.................................................................................................................... 7

CAP. 1 ............................................................................................................................. 11

PADIGLIONE 1 E 2 ......................................................................................................... 11

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 11

IL PROGETTO DI RECUPERO ......................................................................................... 11

ATTIVITA': LABORATORI E UFFICI ................................................................................... 13

CAP. 2 ............................................................................................................................. 14

PADIGLIONE 3 ................................................................................................................ 14

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 14

IL PROGETTO.................................................................................................................. 14

ATTIVITA': TURISMO SOCIALE ........................................................................................ 15

CAP. 3 ............................................................................................................................. 16

CHIESA – CASA DEL CUSTODE – PUNTO DI INFORMAZIONE DELLA RISERVA ............... 16

LA CHIESA ...................................................................................................................... 16

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 16

IL PROGETTO DI RECUPERO .......................................................................................... 17

LA CASA DEL CUSTODE ................................................................................................. 18

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 18

IL PROGETTO DI RECUPERO .......................................................................................... 18

ATTIVITA’: ALLOGGIO DEL CUSTODE - SERVIZI IGIENICI PUBBLICI ............................... 19

PUNTO DI INFORMAZIONE DELLA RISERVA ................................................................... 19

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 19


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 3

IL PROGETTO DI RECUPERO .......................................................................................... 20

LE ATTIVITA’: PUNTO DI INFORMAZIONE DELLA RISERVA ............................................. 20

CAP. 4 ............................................................................................................................. 21

PADIGLIONE 5 ................................................................................................................ 21

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 21

IL PROGETTO DI COMPLETAMENTO ............................................................................... 21

ATTIVITA’: MENSA-CUCINA E BAR .................................................................................. 22

CAP. 5 ............................................................................................................................. 23

PADIGLIONE 6 ................................................................................................................ 23

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 23

IL PROGETTO DI RECUPERO .......................................................................................... 23

ATTIVITA’: ASILO NIDO ................................................................................................... 24

CAP. 6 ............................................................................................................................. 25

PADIGLIONE 7 ................................................................................................................ 25

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 25

IL RECUPERO ................................................................................................................. 26

L’ATTIVITA’: CENTRO DI ATTIVITA’ MOTORIE .................................................................. 26

CAP. 7 ............................................................................................................................. 28

PADIGLIONE 8 ................................................................................................................ 28

LO STATO DI FATTO ....................................................................................................... 28

L’ALLESTIMENTO ............................................................................................................ 29

L’ATTIVITA’: IL TURISMO SOCIALE .................................................................................. 29

SPAZI ESTERNI ............................................................................................................... 30

PREVENZIONE INCENDI ................................................................................................. 33

DOCUMENTI PROGETTUALI ............................................................................................ 33


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 4

PREMESSE

La redazione della presente relazione descrive il progetto definitivo per il recupero e la

rifunzionalizzazione del complesso residenziale dell’Istituto Marino, progetto mirato al

recupero del patrimonio edilizio preesistente e delle aree esterne di pertinenza con l’obiettivo

di attivare servizi socio-assistenziali e/o educativi. L’obiettivo è la realizzazione di un

intervento di qualità e tecnicamente valido coerente con il lascito dell’Opera Pia Istituto

Marino di Mortelle “Adriana Bosurgi Caneva” a favore del Comune di Messina, per

perseguire ed assicurare attività benefiche e di assistenza alle fasce disagiate della

popolazione. Nell’ottica di un’integrale analisi di recupero, all’interno del capitolo 7, sono

esaminati anche gli spazi esterni, per i quali sono stati indicati gli interventi complessivi da

effettuarsi al fine di rendere fruibile l’intera area d’intervento, ma solo una parte di essi è

stata computata, nello specifico solo gli spazi strettamente funzionali alle attività connesse

ad alcuni corpi di fabbrica e quelle per garantire la corretta accessibilità viaria.

CENNI STORICI

L'Istituto Marino di Mortelle fu

fondato negli anni '20 per iniziativa

della famiglia Bosurgi.

Originariamente (1918), su

richiesta della Croce Rossa

Americana, Giuseppe Bosurgi

fondò l’Ospizio Marino utilizzando

padiglioni e tende allestiti sulla

spiaggia per i militari

convalescenti, dando origine alla

costituzione di un istituto di

profilassi dove i bambini rachitici, tisici e malnutriti potessero trovare ricovero, cure

adeguate come l’elioterapia e un’alimentazione sana e calorica. Nel 1927, visti i risultati

positivi raggiunti, Bosurgi intraprese la costruzione in muratura che venne inaugurata il 6

Gennaio del 1929.

Il Nuovo Istituto venne intitolato a Benito Mussolini e in seguito fu

realizzato anche all’ampliamento aggiungendo alle attività sanitarie quella di colonia marina.

In data 8/3/94, con Decreto della Regione Siciliana, l'Opera Pia fu estinta e il relativo

patrimonio fu devoluto al Comune di Messina, perchè lo destinasse a fini assistenziali.

LO STATO DI FATTO

La sede dell'Istituto, edificata dopo la guerra ’15 -‘18, è ubicata in un'area di circa 20.000

m², in zona destinata dal P.R.G. a redazione e approvazione di un piano esecutivo. Secondo


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 5

le prescrizioni degli strumenti urbanistici vigenti in tale zona è possibile eseguire interventi

edilizi di recupero dell’esistente. L’Istituto è costituito da un complesso edilizio, formato da

più corpi disposti a padiglioni isolati, con una superficie coperta di circa 4.500 m² ed un

volume complessivo di quasi 22.500 m 3 .

Dal punto di vista ambientale e paesaggistico il sito gode di una posizione unica nel

territorio messinese in quanto ricade a ridosso della riserva naturale orientata di Capo

Peloro, in prossimità del Lago Faro, oggetto nel 2008 di un intervento di rinaturalizzazione

delle sponde e di riqualificazione dei percorsi pedonali, e affaccia a nord sul mare Tirreno

direttamente sull’arenile demaniale.

Nel vigente “P I A N O P A E S A G G I S T I C O A M B I T O 9”, l’area d’intervento è

soggetta all’art. 9 “Bene isolato caratterizzante” (art. 134, lett. C –D. lgs 42/2004, aree da

recuperare) della normativa di piano; pertanto l’azione di recupero prevista dal progetto sarà

attuata nel rispetto della disciplina della

Tutela di Livello 2.

Considerato lo stato di abbandono e di

degrado in cui versa attualmente il

complesso, il Comune di Messina, tramite i

fondi URBAN ITALIA “Città di Messina”,

assegnati alla città di Messina con D.M.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 6

07/08/2003, ha eseguito un intervento di ristrutturazione del padiglione centrale n.4

dell’Istituto Marino con allestimento funzionale e tecnologico degli spazi. E' stato all'uopo

eseguito un intervento concluso nel 2007 che dona al complesso una struttura rinnovata

destinata a: Segretariato Sociale con funzioni di information point, Centro di accoglienza

sociale e di formazione-educational, sala polivalente,

spazio attrezzato per mostre permanenti ed un percorso

storico- commemorativo sulle iniziative benefiche

dell’Opera Pia. Per la gestione del Corpo Centrale così

rinnovato è stato attivato un partenariato istituzionale

sociale per l’utilizzo degli spazi e dei servizi. La restante

parte del complesso edilizio che versa in uno stato di

totale abbandono è concepito secondo i criteri antisismici dell'epoca, vale a dire con una

struttura resistente in muratura di mattoni pieni, rinforzata con pilastri e cordoli in c.a., il

tutto poggiante su robuste fondazioni continue in c.a. La copertura è prevalentemente a

tetto con orditura in legno e controsoffitti in canne e gesso. Alcune parti hanno le chiusure

superiori costituite da solai in c.a. I vani di porte e finestre sono rinforzati al contorno

mediante riquadrature in c.a.; nelle murature

sono inseriti inoltre, a mezza altezza, dei

cordoletti orizzontali di incatenamento.

Tutte le membrature di rinforzo in c.a., specie

quelle corrispondenti all'involucro esterno,

risultano degradate per effetto dell'ossidazione

delle armature che, ha creato un aumento di volume

causando il lesionamento del cls. del

copriferro e instaurando una reazione a catena

che ha provocato l'espulsione totale del

copriferro stesso. Gli intonaci esterni ed interni

sono in stato di degrado avanzato e gli infissi in

ferro sono rovinati dalla ruggine.

Le aree esterne sono costituite da spazi a verde

dotati di alberature ad alto fusto di specie

autoctone ed eucalipti con vaste zone incolte

(vedi lato mare). I percorsi di collegamento dei

vari padiglioni appaiono trascurati e dissestati,


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 7

senza un idoneo sistema di raccolta delle acque piovane e un’adeguata illuminazione.

IL PROGETTO

Considerato lo stato di degrado in cui versa l’intero complesso si è programmato un

intervento integrale di recupero e rifunzionalizzazione in coerenza al:

1. Programma URBAN Italia

Attivazione di servizi sociali in coerenza e ad integrazione dell’attuazione delle

iniziative contenute nel Complemento di Programmazione Urban Italia, più

precisamente: Accoglienza Sociale, Segretariato sociale, Modulo incubatore Business

Plan, Centro congressi e formazione, Museo dei laghi; pertanto creazione di un

incubatore urbano come catalizzatore di risorse umane in termini di rapporti sociali,

culturali e scientifici che rappresenta il modello di sviluppo scelto per il

miglioramento della qualità della vita nell'Area interessata.

2. Legge n.328 del 08.11.2000 e vincolo della Donazione

La realizzazione di un intervento complessivo di qualità e tecnicamente valido nel

rispetto della Legge n.328 del

08.11.2000 (L. quadro per la

realizzazione del sistema integrato

di interventi e servizi sociali) e del

lascito dell’Opera Pia Istituto Marino

di Mortelle “Adriana Bosurgi Caneva”

a favore del Comune di Messina, per

perseguire ed assicurare servizi

socialmente utili e attività

benefiche e di assistenza alle

fasce disagiate della popolazione.

Inoltre, la donazione dell’Opera

Pia Istituto Marino di Mortelle

“Adriana Bosurgi Caneva” a favore

del Comune di Messina, avvenuta

con Decreto Presidenziale

dell’Assessore per gli Enti Locali

(On. L. Ordile) nell’anno 1994, ha disposto l’estinzione dell’Opera Pia,


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 8

per destinare il patrimonio a finalità assistenziali. Il progetto in questione rispetta

pienamente la suddetta destinazione e garantisce assistenza ed accoglienza a persone in

situazione di svantaggio.

Nelle foto in basso si mostra lo stato di fatto del padiglione centrale dopo i lavori di recupero

e adeguamento realizzati con i fondi del Programma Urban. Con i fondi Regionali, sempre

all’interno del Programma Urban Italia, si è proceduto alla ristrutturazione del padiglione 8 e

delle strutture esterne del pad. 5.

Accanto alcune foto degli spazi interni

recuperati ed arredati.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 9

Il progetto si pone i seguenti macro obiettivi:

OBIETTIVO 1 – Interventi mirati ai servizi sociali ad alta qualità.

L’intento è quello di realizzare un intervento mirato ad attivare politiche e prestazioni

coordinate nei diversi settori della vita sociale, integrando servizi alla persona e al nucleo

familiare con eventuali misure economiche e definendo dei percorsi attivi volti ad

ottimizzare l’efficacia delle risorse.

I soggetti che hanno priorità sui servizi offerti sono: soggetti in condizioni di povertà o con

limitato reddito o incapacità totale o parziale di provvedere alle proprie esigenze per inabilità

di ordine fisico e psichico.

Interventi previsti dal progetto ai sensi della legge:

• Interventi per soggetti in situazioni di disagio tramite il sostegno e l’inserimento presso

la struttura diurna di accoglienza.

• Misure per il sostegno delle responsabilità familiari (centro per l’infanzia).

• Turismo sociale, attrezzato anche al recupero delle disabilità motorie.

• Interventi per la piena integrazione delle persone disabili.

• Informazione e consulenza alle persone ed alle famiglie per favorire la fruizione dei servizi.

La realizzazione e l’attuazione degli interventi su descritti avrà luogo nel centro socioriabilitativo,

nell’accoglienza sociale, nei laboratori, nell’asilo nido, nei servizi per il turismo

sociale.

OBIETTIVO 2 – Il recupero edilizio e l’allestimento

Il progetto tecnicamente è mirato al massimo rispetto dell'assetto strutturale e architettonico

originario.

L’azione progettuale-architettonica, ha avuto come unico fine la conservazione della materia

antica in modo da lasciare in eredità una testimonianza fisica del passato così come è giunta

a noi, l’assetto compositivo del complesso sarà tutelato interamente: i particolari

architettonici, assieme alla scelta delle finiture e delle tecniche costruttive, saranno

finalizzati al rispetto dell'esistente.

La ristrutturazione sarà operata nel rispetto dei vincoli previsti dal vigente P.R.G e dalla

Soprintendenza di Messina. Pertanto le soluzioni progettuali saranno improntate al più

accurato studio dei dettagli esterni ed interni, nonché alla scelta dei materiali e delle

soluzioni più durevoli e adeguate alle destinazioni insediate (vedi planimetria allegata).


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 10

In particolare, poiché il recupero dei padiglioni sarà legato alla nuova destinazione, per

alcuni di essi si utilizzeranno come riferimento i parametri e gli standard organizzativi

dettati dal Decreto Presidenziale del 29 giugno del 1988.

Non sono previsti volumi aggiuntivi a quanto già edificato ad eccetto dell’installazione di

strutture leggere di collegamento o di fruizione delle aree esterne realizzate con profilati

metallici e tamponamenti trasparenti che evocano la originarie strutture realizzate in stile

liberty per la fruizione del mare all’epoca della costruzione del centro (solarium, gazebi e

giardino d’inverno).

L’intervento, inoltre, prevede il totale rifacimento degli impianti per rendere funzionale

l’intero complesso per l’adeguamento alla regolamentazione e legislazione vigente.

Infine , sarà previsto l’allestimento di tutti i padiglioni, compresa la casa del custode e il

punto d’informazione della riserva, che renderà funzionale i diversi ambienti favorendo la

fruizione pubblica.

OBIETTIVO 3 – Il recupero delle aree esterne.

La nuova sistemazione esterna del complesso contemplerà percorsi, esenti da barriere

architettoniche e tre ingressi carrabili. La zona antistante al mare sarà, in futuro, attrezzata

per varie attività ludico-ricreative, oltre che per la fruizione dello stesso.

Si aggiunge il recupero del rudere e del terreno antistante l’ingresso dell’Istituto Marino,

posizionato lungo la sponda del Lago Faro, per allestire un info point dedicato alle

informazioni per la fruizione del centro e della riserva naturale orientata di Capo Peloro.

Le quote altimetriche sono state revisionate in modo da ricondurle a livello con i singoli

padiglioni.

OBIETTIVO 4 – Sfruttamento delle fonti di energie rinnovabili

Il progetto contiene la realizzazione di impianti di sfruttamento dell’energia solare

(fotovoltaico ad elevata integrazione architettonica sulle coperture inclinate e solare termico

sulle terrazze piane) con lo scopo di migliorare l’efficienza energetica dell’intero complesso.

In particolare sono previsti tre campi fotovoltaici per una produzione complessiva di ca. 16

kw di picco con unico punto di connessione alla rete, due sistemi a pannelli solari per la

produzione di acqua calda sanitaria e un sistema centralizzato di controllo dell’efficienza

energetica con modulazione del livello di illuminazione (vedi relazione specialistica).


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 11

CAP. 1

PADIGLIONE 1 E 2

LO STATO DI FATTO

I padiglioni versano in uno stato di avanzato

degrado ed abbandono: la struttura portante

collaborante in c.a. e muratura portante a

due teste, è in precarie condizioni di stabilità,

gli intonaci sono scrostati, distaccati e

pericolanti, i pavimenti divelti e deteriorati, gli

infissi in ferro arrugginiti e dissestati con i

vetri rotti, la copertura a falde, vetusta e

danneggiata, è in parte coperta all’interno da un controsoffitto in canne e gesso in

dacadimento . L’intero paramento esterno è soggetto ad umididi risalita capillare a causa

della mancanza di sistemi di raccolta dell’acqua piovana nei percorsi esterni e di

un’adeguata ventilazione dei solai, che hanno innescato dei fenomeni fisico-chimici tali da

provocare una lieve perdita di resistenza meccanica delle murature portanti ed il

disgregamento degli intonaci.

IL PROGETTO DI RECUPERO

Le opere inerenti il recupero dei suddetti padiglioni consistono innanzitutto

nell’adeguamento antisismico della muratura perimetrale tramite l’inserimento di una nuova

struttura interna realizzata in cemento armato a supporto di quella esistente (vedi relazione

strutturale). Inoltre è prevista la demolizione delle tamponature interne, incompatibili con la

nuova destinazione di uso, e la ricostruzione delle stesse per la creazione di spazi adibiti a

laboratori per la produzione artistica e artigianale, la sostituzione degli infissi in ferro con

quelli nuovi in lega leggera termo laccata con coloritura grigio fumo e vetrocamera, pensato

traslucido nei servizi igienici. Nel rispetto dell’originaria tipologia e dimensione dei

serramenti è stato considerato che le sezioni, poco snelle dei profilati in alluminio

attualmente in commercio, non potranno riproporre il disegno a maglie strette degli infissi

originari, realizzabile solo con profilati in ferro, che risultano però sconsigliabili in

prossimità del mare, pertanto si è optato per una soluzione con spartito analogo a quello

esistente in atto, riproducendo il disegno dei nuovi infissi del pad. 4 già recuperato. Per

quanto riguarda gli infissi interni la scelta è stata indirizzata verso porte in legno di linea


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 12

semplice, verniciate con coloriture a scelta della D.L. in congruità alla destinazione d’uso dei

locali. Le dimensioni delle porte sono stabilite con le seguenti larghezze: 70 cm per i locali

secondari; 90 cm per gli ambienti ordinari; 120 cm a due ante per i locali in cui è previsto il

percorso di evacuazione; 160 cm (due ante da 80 cm) per i passaggi principali e le uscite di

sicurezza verso l’esterno. Tutte le porte saranno apribili verso l'esterno, per ragioni di

sicurezza e dotate di maniglioni antipanico se posizionate in percorsi di evacuazione

d’emergenza.

La copertura (tegole marsigliesi, tavolato, piccola orditura e controsoffitto in canne) sarà

smantellata e sarà recuperata la struttura portante in legno, se le condizioni di sicurezza ed

igiene lo permetteranno. Si procederà al recupero delle travi portanti in legno attraverso

cicli di pulitura e disinfestazione delle superfici dalla polvere, detriti, muffe e strati

incoerenti. Quindi sarà effettuata la reintegrazione delle parti incoerenti e sfarinate

ricorrendo ad una impregnazione superficiale e, laddove si dovessero riscontrare della cavità

profonde, si ricorrerà ad iniezioni con prodotti di provata affidabilità di trasparenza,

reversibilità ed inalterabilità cromatica (tipo resine epossidiche), si procederà, infine,

all’applicazione di protettivi a base di cere o resine naturali, oli, ecc..

La struttura in legno ha un particolare valore storico e presenta pregevoli elementi decorativi

(mensole che sorreggono la linea della grondaia) per tal motivo si è scelto di operare

l’intervento di recupero e consolidamento dell’esistente, ma nel caso in cui non ci fossero i

presupposti sunnominati allora si procederà alla sostituzione parziale (e totale nel caso

peggiore) della struttura con travature in legno di castagno trattato, riproponendo le

originarie modanature. La piccola orditura in legno sarà reintegrata, i raccordi del manto al

perimetro saranno realizzati con risvolti in piombo, sormontati da scossaline o da profilati

sigillati ai siliconi. La struttura così recuperata negli ambienti spaziosi rimarrà a vista, nei

restanti locali sarà coperta da controsoffitto in pannelli di classe 1 con caratteristiche di

isolamento tecnico. Il manto sarà realizzato in pannelli prefabbricati isolanti in stile coppi

siciliani.

Le grondaie ed i pluviali saranno in tubi PVC color rame con pozzetto di raccolta a base del

pluviale. La micro-ventilazione sotto-tegola sarà attivata con l'inserimento di pezzi speciali

muniti di presa d'aria. L’armatura del tetto recuperata rimarrà a vista all’interno.

Saranno realizzati nuovi vespai, con il sistema a igloo, al fine di evitare la risalita di umidi

dal terreno sottostante e all’esterno, lungo i percorsi,

raccolta dell’acqua piovana.

verranno realizzati dei sistemi di


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 13

I pavimenti dei locali interni saranno in marmette pressate di cemento e graniglia di marmo

colorati (in linea allo stile in uso agli inizi del secolo scorso), mentre i pavimenti dei servizi ed

i rivestimenti a parete saranno in monocottura di ottima qualità, il tutto a scelta della D.L.

Sulle pareti perimetrali si utilizzeranno intonaci deumidificanti macroporosi, traspiranti, per

la presenza dell’umididi risalita.

L’applicazione del ciclo di deumidificazione garantisce protezione e traspirabilità al supporto,

e un ambiente interno salubre e confortevole.

Con colorazioni studiati appositamente in una miscela di toni mediterranei che fanno

riferimento ai colori originari del complesso edilizio.

Inoltre sono stati previsti nuovi bagni, ai sensi della normativa vigente e un gruppo di uffici.

Gli impianti saranno rinnovati ai sensi della normativa vigente (vedi relazione specialistica).

ATTIVITA': LABORATORI E UFFICI

I corpi 1 e 2 saranno dedicati alla sistemazione dei laboratori e del centro formazione.

L'obiettivo è quello di integrare l'offerta dei servizi socialmente utili con uno spazio dedicato

a varie attività tra cui: espressione artistica, danzaterapia e teatro, attività manuali ( pittura,

scultura) e artigianali con particolare riguardo alle attività che offrono a bambini, ragazzi

disabili e anziani la possibilità di scoprire nuove opportunità espressive, maggior

consapevolezza di sé e delle proprie risorse, spazio di confronto in gruppo dove poter

condividere storia e difficoltà e ripensare le proprie esigenze.

Il corpo 1 sarà inoltre adibito a sale formazione in funzione della richiesta anche esterna (in

tal caso il centro aggiunge il servizio mensa e bar, convegni e residenza in un contesto

naturale e ambientale di primo piano).

Il laboratorio sarà fruibile dagli utenti del turismo sociale, della casa di accoglienza e da

eventuali gruppi esterni (scolaresche, anziani) collegati con il servizio di accoglienza sociale

diurna. La formazione sarà destinata anche a gruppi esterni.

Nello specifico il laboratorio promuove creatività, espressione, integrazione e produzione

artistica attraverso attività di colore, pittura, animazione e realizzazione di lavori di gruppo

rappresentativi dell’integrazione fra i partecipanti.

La produzione artistica e artigianale può trovare occasione di esposizione all'interno del

museo dei laghi.

La formazione è particolarmente mirata all'integrazione di persone svantaggiate nel mondo

del lavoro.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 14

CAP. 2

PADIGLIONE 3

LO STATO DI FATTO

Questo padiglione è in uno stato di

degrado molto avanzato, è costituito da

due livelli f.t., con un corpo aggiunto lato

mare e con infissi, pavimenti e

rivestimenti, intonaci e copertura in uno

stato di deterioramento e abbandono

totale.

Gli impianti sono inesistenti e le

tramezzature interne pericolanti. Tutte le

membrature di rinforzo in c.a., specie quelle corrispondenti all'involucro esterno, risultano

degradate per effetto dell'ossidazione delle armature che, avvenendo con aumento di volume,

ha causato il lesionamento del cls. di copriferro, instaurando una reazione a catena, la quale

ha provocato frequentemente l'espulsione totale del copriferro stesso. Questo deterioramento

si è verificato non solo nei pilastri e nei cordoli, ma anche nei riquadri dei vani e negli

incatenamenti. La perdita di resistenza meccanica delle murature portanti e di quelle in

cemento armato necessita di un intervento integrale di ripristino (vedi relazione strutturale).

La copertura è prevalentemente a tetto con orditura in legno e controsoffitti in canne e gesso

fatiscenti.

IL PROGETTO

Alla luce delle indagini preliminari effettuate sul manufatto, che hanno evidenziato uno

stato di consistenza con seri problemi di natura strutturale, è stato scelto di demolire

l’intero fabbricato operando la ricostruzione dello stesso nel rispetto della cubatura e della

tipologia originaria.

Il solaio di interpiano sarà realizzato con struttura mista in cemento armato e laterizi e

quello di chiusura dal tetto sarà del tipo a struttura mista in cemento ed elementi tipo

Plastbau al fine di garantire una buona coibentazione all’interno dei vani. Nuovi

controsoffitti saranno realizzati all’interno delle stanze utilizzando pannelli tipo legno classe

1. Una scala in cemento armato collegherà i due piani


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 15

Per quanto riguarda le finiture e gli infissi si procederà come è stato descritto nel precedente

capitolo, mentre per le tamponature interne è prevista la demolizione e la ricostruzione per

adeguare gli spazi interni alla nuova destinazione d’uso. Inoltre saranno realizzati nuovi

bagni ed una scala interna che porterà al piano soprastante. L’intonaco sarà del tipo

classico e le finiture saranno con finitura a base di gesso scagliola (per garantire protezione

e traspirabilità del supporto) e le colorazioni faranno riferimento ai colori originari del

complesso edilizio. Si rimanda alla relazione strutturale per le relative specifiche.

Gli impianti saranno rifatti ai sensi della normativa vigente(vedi relazione specialistica)

ATTIVITA': TURISMO SOCIALE

Le attività legate al Turismo Sociale sono mirate ad offrire soggiorni vacanze finalizzati alla

fruizione del mare ed alla creazione di opportunità ricreative e socializzanti per soggetti in

situazione di svantaggio e non. Il turismo sociale oggi non rappresenta più, esclusivamente,

il turismo dei soggetti più deboli e delle categorie socialmente svantaggiate, ed è rivolto a

tutti i cittadini: anziani autosufficienti e non prevalentemente soli e a basso reddito; adulti

disabili, anche temporaneamente, a prevalentemente basso reddito; soggetti psichiatrici e

tutti i cittadini che rientrano nelle fasce di utenza sopra elencate con redditi superiori, che

pagheranno personalmente il costo del servizio (Gli ospiti del centro avranno un contributo

dal Comune o Ente di provenienza per la copertura delle spese) e che potranno fruire di

spazi ad alto valore ambientale e culturale. Il turismo sociale si qualifica come fattore di

coesione sociale che, volendo garantire a tutti l’accesso alla vacanza, lotta contro le

diseguaglianze e contro l’esclusione di chi appartiene ad una cultura diversa, dispone di

minori mezzi finanziari, ha capacità fisiche ridotte o vive in un area in via di sviluppo. Il

servizio, inoltre è offerto sia ad utenti autosufficienti che accompagnati. Oltre al servizio

residenziale continuativo ed alla partecipazione alle attività ricreative del centro di

accoglienza, è prevista la possibilità di usufruire del centro di riabilitazione fisica attrezzato

con palestra e vasca riabilitativa, presente nei corpi 7-8, che consente di estendere il servizio

a utenti affetti da patologie degenerative e immobilizzanti e ai temporaneamente disabili per

patologie ortopediche.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

CAP. 3

DATA

10/03/2010

Pag. 16

CHIESA – CASA DEL CUSTODE – PUNTO DI INFORMAZIONE DELLA RISERVA

LA CHIESA

LO STATO DI FATTO

La piccola chiesetta, situata all’interno

del complesso edilizio, presenta uno

stato di conservazione pre-intervento che

rileva un degrado diffuso degli intonaci

che si manifesta con esfoliazioni,

disgregazioni e minute fessurazioni, con

locali mancanze di materiale e presenza

di efflorescenze saline, sbiancamenti ed

alterazioni cromatiche. Inoltre la copertura, con tipologia a terrazza, è in uno stato di totale

abbandono, con infiltrazioni di acqua e con carenze di sistemi di convogliamento dall’acqua

piovana.

All’interno la chiesa presenta un assetto compositivo lineare, a pianta rettangolare ad unica

navata con un piccolo altare in marmo ed una pavimentazione scadente in monocottura.

Unici elementi di elevato interesse storico sono il portale in marmo rosa dalle modanature

semplici ma dal disegno ricercato, il portone in legno e l’icona in bronzo a rilievo della

Madonna (posta sul portone).

Le procedure operative di recupero che si intendono adottare (puliture, consolidamenti del

cemento armato, ripristino del tetto, ecc…) sono state accuratamente selezionate, evitando

qualunque operazione non rigorosamente indispensabile come, ad esempio, opere di

abbellimento che potrebbero stravolgere la tipologia del manufatto.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 17

IL PROGETTO DI RECUPERO

L’azione progettuale-architettonica, ha avuto come unico fine la conservazione della materia

originaria in modo da lasciare in eredità una testimonianza fisica del passato così come ci è

giunta. Le operazioni di recupero sono state mirate al ripristino della copertura esistente con

interposizione dello strato di impermeabilizzazione, il rifacimento delle linee di gronda e dei

pluviali per la raccolta dell’acqua piovana, alla demolizione della pavimentazione interna e la

collocazione di pavimento in cotto siciliano eseguito a mano, alla sostituzione degli infissi

esterni con nuovi in ferro zincato a caldo. Si procederà, inoltre, alla tinteggiatura delle pareti

interne ed esterne. L’impianto elettrico sarà interamente rinnovato ai sensi della normativa

vigente.

E’ previsto il restauro del portone in legno attraverso la raschiatura a caldo delle vernici

esistenti, eliminazione delle varie superfetazioni, l’integrazione di piccole porzioni di legno

con analoga essenza a perfetto incastro ove necessario e consolidamento di parti instabili o

degradate, disinfezione e trattamento a cera con più mani per riportare il portale


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 18

all'originario colore del legno, con successiva applicazione della protezione finale, oltre alla

pulitura e riparazione di cerniere e ferramenta di chiusura.

Oltre al portone, sarà sottoposto ad intervento di restauro conservativo anche il portale in

marmo.

Tutta la superficie lapidea denuncia depositi superficiali incoerenti di limitata adesione e

locali depositi parzialmente aderenti che hanno mediamente attenuato i colori naturali della

pietra. La parte basamentale, in particolare, presenta depositi di sostanze sopramesse e

incrostazioni più o meno coerenti. Pertanto su tutta la superficie lapidea saranno eseguite

operazioni di pulitura sia a secco, con pennelli a setola morbida e aspiratori a bassa

pressione, per la rimozione dei depositi incoerenti, sia ad umido (tamponi ed impacchi a

base di Carbonato di Ammonio); i depositi più aderenti al substrato lapideo saranno rimossi

utilizzando pietra pomice seguita da risciacquo con acqua deionizzata o mediante

spruzzatura di acqua a bassa pressione, oppure con micro sabbiatura.

L’icona della Madonna sarà smontata, per agevolare il lavoro di restauro del portale, e

trattata con sistemi di pulitura e impregnanti per la protezione delle superfici.

LA CASA DEL CUSTODE

LO STATO DI FATTO

L’immobile, allo stato, è in condizioni di totale

abbandono ed incuria, i muri perimetrali

necessitano di un intervento strutturale con

interventi di risanamento statico e di rinforzo,

le tramezzature interne sono danneggiate e gli

infissi, dotati di persiane, sono

irrecuperabili.. La copertura a falde in

coppi siciliani, si presenta deteriorata e

le finiture (pavimenti, intonaci..) sono

degradate.

IL PROGETTO DI RECUPERO

L’intervento sarà mirato al ripristino del

manufatto con interventi strutturali, nel

pieno rispetto della sagoma esterna.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 19

Gli intonaci saranno sostituiti con quelli deumidificanti e quelli isolanti, si monteranno

infissi in lega leggera termo laccata con coloritura grigio fumo.

(vedi caratteristiche al cap.1)

La copertura sarà totalmente rinnovata, comprenderà lo smantellamento dello strato di

tegole con il recupero di quelle riutilizzabili, il montaggio dello strato di

impermeabilizzazione, delle nuove linee di gronda e la sostituzione dei pluviali.

Gli infissi esterni e quelli interni avranno le stesse caratteristiche degli altri padiglioni (vedi

cap.1) ma saranno dotati di persiane al fine di tutelare la privaci di chi alloggerà all’interno.

La pavimentazione ed i rivestimenti dei servizi saranno realizzati in piastrelle di

monocottura di ottima qualità. Gli impianti saranno rifatti a norma.

ATTIVITA’: ALLOGGIO DEL CUSTODE - SERVIZI IGIENICI PUBBLICI

I locali saranno destinati, una parte ad alloggio del custode del complesso edilizio al fine di

restituirne la loro funzione originaria, sarà costituito da 3 vani, una cucina abitabile ed un

servizio igienico. L’altra parte (lato chiesa) sarà destinata a servizi igienici pubblici, divisi per

sesso e accessibili a persone portatori di handicap.

PUNTO DI INFORMAZIONE DELLA RISERVA

LO STATO DI FATTO

Lo stato di abbandono ed

incuria che incombe su

questo immobile è

assoluto. Come si nota

dalle foto la copertura è

inesistente e le pareti

perimetrali sono talmente

consumate che la

muratura, costituita in

pietrame e mattoni pieni,,

mostra in molte parti

l’assenza dell’intonaco e perfino della

malta di coesione. Gli infissi esterni sono

in legno ma talmente deteriorati e

sconnessi. Gli interni non esistono più.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 20

IL PROGETTO DI RECUPERO

Il fabbricato in questione è localizzato sulla sponda nord del Lago Piccolo di Faro, all’interno

della riserva naturale orientata Laguna di Capo Peloro, zona “A”, pertanto qualsiasi

intervento è soggetto ai vincoli dettati dal D. A. 21/06/01 ed alla L.R. 71/78. Quindi si è

scelto di operare un recupero totale dell’immobile adeguando, innanzitutto, la muratura

perimetrale alla normativa antisismica tramite l’inserimento di una nuova struttura interna

realizzata in cemento armato a supporto di quella esistente (vedi relazione strutturale),

ricostruendo la copertura con struttura portante in legno e manto di copertura a falde in

coppi siciliani. Inoltre saranno ricostruite le tramezzature interne, saranno montati nuovi

infissi in lega leggera e legno con retrocamera e persiane in legno. Gli impianti saranno a

norma (vedi relaz. special.) e le rifiniture (pavimentazioni, intonaci, ecc) avranno le

medesime caratteristiche degli altri padiglioni, tutelando la tipologia originaria.

LE ATTIVITA’: PUNTO DI INFORMAZIONE DELLA RISERVA

L’obiettivo cardine di tutto il progetto è l’attivazione di un incubatore urbano che preveda

inizialmente il recupero edilizio e funzionale dei padiglioni componenti il complesso edilizio,

e successivamente la programmazione e gestione delle diverse attività mirate alla

valorizzazione e la promozione turistica delle risorse naturali e il coinvolgimento attivo delle

classi sociali più disagiate nei processi aggregativi, formativi e culturali.

La creazione di questo contenitore ad alto contenuto mediatico consentirà il facile accesso

ad un set di informazioni, secondo diversi livelli di approfondimento, a qualsiasi tipo di

utenza, tale da poter sviluppare percorsi turistici di fruizione della riserva naturale e

formativi sociali. Alla luce delle finalità succitate, all’interno dell’immobile in questione, si

prevede pertanto la realizzazione di un punto di informazione e distribuzione di materiale

(depliant, volantini, note informative) inerenti la riserva con la possibilità di prendere parte

alle attività di fruizione

della stessa organizzate a

fasce orarie differenziate,

inoltre, all’interno della

saletta audiovisi, si avrà

l’opportunità di prendere

visione di filmati,

diapositive e foto della

flora e della fauna

presente nella riserva.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 21

CAP. 4

PADIGLIONE 5

LO STATO DI FATTO

Il manufatto in questione è stato in buona

parte oggetto di un recupero finanziato con

fondi Regionali, che ha permesso

l’intervento di risanamento statico e di

rinforzo delle strutture esistenti, le opere di

finitura all’esterno, la copertura e la

predisposizione degli impianti.

Al contrario, i lavori di ristrutturazione

inerenti le aree esterne di

pertinenza ed i locali interni,

non si sono potuti ultimare a

causa dell’insufficienza dei

fondi. Pertanto all’interno sono

assenti le pavimentazioni ed i

rivestimenti dei servizi ed i

relativi arredi, gli impianti, gli

intonaci e le porte, mentre

l’esterno si presenta fatiscente

e trascurato.

IL PROGETTO DI COMPLETAMENTO

L’intervento di completamento interesserà esclusivamente i locali interni non ancora

ultimati, mirando all’adeguamento e funzionalizzazione degli spazi per il futuro utilizzo a

sala mensa, cucina e bar. Saranno costruite nuove tramezzature e si procederà alla messa

in opera delle finiture interne (pavimentazione, intonaci, infissi interni, corpi luce) per

rendere accogliente la sala mensa ed il bar e funzionale la cucina ed i servizi igienici.

Successivamente si avvierà l’allestimento della sala mensa, che avrà una capienza di circa

cento posti a sedere, e del bar con arredi e accessori di linea moderna. Una saletta sarà

attrezzata con un banco self-service, al fine di consentire all’utente un’ampia possibilità di


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 22

scelta nella composizione del pasto, la zona è stata concepita come un'unica sala, in cui il

commensale si muove liberamente, spostandosi di volta in volta in funzione delle scelte

effettuate.

La cucina, progettata ai sensi della Circolare 07/01/1997 n. 907 “Linee guida per i requisiti

minimi dei pubblici esercizi..” della Regione Siciliana, sarà attrezzata con arredi

professionali di ottima qualità, robustezza e finitura. Le necessarie attrezzature: banconi,

scaffali, vasche per il lavaggio, cucine, celle frigo ecc. e gli impianti saranno dislocati

secondo uno schema continuo, evitando interruzioni, all’interno degli spazi così costituiti

(tendendo conto dei cicli di lavorazione): zona calda, zona fredda, dispense e stoccaggio. La

disposizione delle attrezzature, assicurerà un adeguato spazio per la gestione degli impianti

e la circolazione del personale, nonché per le pulizie dell’ambiente. Le pareti saranno

rivestite a tutta altezza da mattonelle smaltate e raccordate ad angolo smusso con i

pavimenti (in gres porcellanato), senza fessure o zone non aggredibili alle operazioni di

pulizia. Un’area adiacente alla sala mensa sarà destinata al servizio bar. Tale servizio verrà

svolto con l’utilizzo di un bancone, ad andamento lineare, dotato di retrobanchi attrezzati.

Nell’area di fronte al bancone saranno collocati dei tavolini con quattro posti a sedere per

ognuno, al fine di creare un punto di ristoro comodo ed accogliente.

ATTIVITA’: MENSA-CUCINA E BAR

La mensa fornisce i pasti agli utenti dell'asilo, del turismo sociale, della casa di accoglienza e

ad eventuali gruppi esterni (scolaresche, gruppi di turisti e anziani) collegati con il servizio

di accoglienza sociale diurna. Il bar è dedicato agli utenti interni ed ai visitatori, come punto

di ristorazione ed incontro.

Il servizio offerto è quello dei due pasti giornalieri più colazione per gli ospiti del centro con

ulteriore possibilità di ristorazione per i visitatori esterni. Queste attività determineranno un

ciclo economico e gestionale delle strutture, a regime, autosostenibile, sviluppando processi

economici da inserire in particolar modo nelle fasce di mercato "inesplorate".


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 23

CAP. 5

PADIGLIONE 6

LO STATO DI FATTO

Questo padiglione è stato

oggetto, qualche tempo fa, di un

atto di vandalismo: ignoti hanno

incendiato i locali interni,

originariamente destinati a

lavanderia e stireria del

complesso edilizio.

All’interno dei locali si trovavano

ancora dei vecchi indumenti e

della biancheria deteriorata che

hanno agevolato il diffondersi

delle fiamme. Pertanto l’intero fabbricato, già danneggiato dal tempo e dall’incuria, è stato

ulteriormente devastato.

IL PROGETTO DI RECUPERO

Conservando

l’aspetto

architettonico esterno del

manufatto, le opere di recupero

sono state orientate

all’adeguamento staticostrutturale,

al rifacimento degli

intonaci interni ed esterni, delle

finiture, degli impianti e del

solaio di copertura (vedi caratteristiche al cap. 1), nel pieno rispetto dell’assetto compositivo

e architettonico del manufatto. Le soluzioni distributive degli spazi interni sono state

progettate ai sensi del Decreto Presidenziale del 29/06/88 “Standard strutturali ed

organizzativi dei servizi socio-assistenziali” , per l’organizzazione di un asilo nido. L’unità

funzionale, destinata esclusivamente a servizi per l’infanzia, è stata dimensionata creando

due ambienti distinti: area per divezzi ed area per lattanti atti ad ospitare circa trenta


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 24

bambini, oltre a spazi destinati ad uffici, guardaroba e servizi igienici. Particolare attenzione

è stata data alla scelta dei materiali ed all’allestimento:

- La pavimentazione ed i rivestimenti a parete (zoccolatura e servizi igienici) saranno del

tipo antisdrucciolevole e colorati,” in particolare nelle zone destinate al gioco saranno

montati pavimenti soffici e “caldi”.

- Le porte saranno sicure e facili da manovrare;

- Gli infissi esterni saranno munite di tende per attutire o regolare l’illuminazione, o

durante le ore di riposo e/o di gioco.

- I wc verranno disposti in fila ad un altezza da terra non sup. ai 30 cm.

- Le occupazioni libere e le attività di gruppo saranno organizzate in un unico ambiente,

articolato e differenziato con arredi colorati o piccole pareti mobili che possano

consentire un’ampia flessibilità nella creazione di spazi atti allo sviluppo del linguaggio,

alla conoscenza della natura, allo sviluppo delle attività motorie e della socializzazione.

- Saranno previste pareti rivestite con materiale adeguato su cui i bambini potranno

disegnare, attaccare o mostrare.

- Gli arredi avranno caratteristiche di funzionamento, semplicità e fruibilità tali da

ridurre al massimo i rischi di urti e di lesioni.

Il servizio di lavanderia e cucina per divezzi sono previsti all’esterno.

Gli spazi esterni limitrofi il padiglione saranno attrezzati per la continuità all’esterno dei

programmi di attività. Saranno realizzati spazi coperti con pensiline, per garantire una zona

di ombra quando fa caldo, e spazi in parte pavimentati, con materiali morbidi per la

sicurezza e l’igiene, ed in parte destinati a prato per il gioco libero. Considerando che l’area

attrezzata all’aperto deve intendersi come una naturale proiezione dell’interno e come un

campo diverso di esercitazione, dove il bambino potrà andare ma opportunatamente guidato.

ATTIVITA’: ASILO NIDO

L’asilo nido è un ambiente, uno spazio fisico ed emotivo, che consente al bambino piccolo di

fare esperienze che lo aiutino nella crescita intellettuale (sviluppo delle abilità), nella crescita

emotiva (autonomia, capacità di tollerare il distacco dai genitori) e nello sviluppo armonico

della sua personalità. I servizi previsti sono interamente dedicati ai bambini di età fino a tre

anni e si articola in due sezioni: una per lattanti (da 0 a 3/12 mesi) ed una per divezzi (da

8/12 mesi a tre anni), con particolare attenzione ai soggetti socialmente svantaggiati. L'asilo

nido è una unità funzionale completa, che verrà allestito e fornirà una serie di servizi per

l’infanzia destinate alle famiglie del territorio locale, dove la domanda non è stata mai

soddisfatta in termini di strutture private e pubbliche.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 25

CAP. 6

PADIGLIONE 7

LO STATO DI FATTO

Il padiglione in oggetto versa in uno stato di

totale abbandono, a seguito dei numerosi

sopralluoghi effettuati per la verifica della

consistenza del complesso, è risultato che

varie parti strutturali sono distrutte o

pericolanti. La copertura è inesistente ed

il controsoffitto in canne è totalmente

pericolante, le finiture interne ed esterne

gli impianti e gli infissi sono assenti.


REV._1

IL RECUPERO

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 26

Le soluzioni operative di recupero sono state mirate all’adeguamento strutturale in c.a.

valido a creare un’intelaiatura antisismica (vedi cap. 1)ed all’adeguamento funzionale per

destinare l’immobile a centro per le attività motorie. Gli ambienti saranno dotati di

attrezzature ed impianti adeguati alla riabilitazione motoria o al ritrovo del benessere fisico,

pertanto saranno esenti di barriere architettoniche per facilitare e permettere il movimento

autonomo agli utenti che presentano difficoltà motorie. La struttura si sviluppa in diverse

zone: il nucleo piscina con idromassaggio, il nucleo servizi (spogliatoi, docce, wc) ed il nucleo

palestra con attigua saletta massaggi, saletta medica e con la possibilità di utilizzare il

servizio di parrucchiere, quest’ultimo nucleo è localizzato all’interno dell’adiacente padiglione

8, con il quale è collegato tramite un corridoio coperto in metallo e vetro. I locali saranno

arredati con attrezzature e materiali idonei e nel rispetto degli standard di sicurezza.

La piscina installata sarà del tipo “ecologico” con le seguenti caratteristiche: composizione

fino all'80 % di materiali selezionati, riciclati e smistati, struttura alveolare (più isolante

termicamente e più durevole), assenza di scarico dell'acqua nelle falde freatiche e neppure

nelle fognature, riduzione dell'utilizzo di detergenti e di prodotti chimici e risparmio del

consumo energetico. La pavimentazione della sala piscina sarà in parquet resistente

all’acqua e la struttura del tetto sarà realizzata in legno lamellare colorata a tinte pastello e

lasciata a vista, per creare un ambiente gradevole e raffinato.

La palestra sarà pavimentata con parquet di elevata qualità, che possa garantire i migliori

risultati nel campo delle attività sportive ed attrezzata per esercizi di attività motoria e

ginnastica correttiva. I servizi igienici e gli spogliatoi saranno pavimentati e rivestiti con

piastrelle in monocottura di ottima qualità e arredati. La saletta massaggi e quella medica

saranno attrezzate con lettini e strumentazione appropriata.

L’ATTIVITA’: CENTRO DI ATTIVITA’ MOTORIE

Il centro di riabilitazione sarà una struttura diurna accessoria al centro residenziale

"Turismo Sociale", specializzata nell'aiuto a persone disabili autonome e non autonome a

svolgere attività fisica, e rivolta . Nel centro ogni persona, colpita da difficoltà motorie, avrà

garantito un progetto individuale secondo i propri bisogni e le proprie capacità . Potranno

usufruire del servizio anche i non residenti del centro.

Il centro di attività motoria nasce come struttura accessoria al turismo sociale, con

l'obiettivo di migliorarne l'offerta in termini di servizi. Il soggetto gestore potrà valutare in

seguito di convenzionare la struttura con il servizio sanitario nazionale per effettuare

trattamenti specialistici di riabilitazione in ambito ambulatoriale. I trattamenti che si


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 27

possono effettuare sono i seguenti: ginnastica in acqua, percorsi caldo/freddo,

idromassaggi, ginnastica riabilitativa, ginnastica correttiva, vascolare e rieducazione motoria

e posturale, oltre ai massaggi.

La moderna piscina ecologica sarà dotata di ogni servizio per la fruizione da parte dei

disabili. L’obiettivo è quello di erogare prestazioni adottando le tecniche più moderne,

finalizzate al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni fisiche o con

esigenze personali (ricerca del benessere, della forma fisica, ecc..)

personalizzazione ed efficacia.

garantendo equità,


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

CAP. 7

DATA

10/03/2010

Pag. 28

PADIGLIONE 8

LO STATO DI

FATTO

Il padiglione,

individuato al

n.8, è stato in

buona parte

oggetto di un

recupero

precedente

effettuato con

fondi Regionali

ed inserito nel

Programma

Urban Italia

“Città di Messina”. A

causa dei problemi

strutturali insorti

durante l’esecuzione dei

lavori che hanno

richiesto ulteriori spese,

le somme residue non

hanno permesso

l’ultimazione delle opere

esterne di pertinenza.

All’interno, invece, i

locali sono rifiniti e dotati di impianti adeguati.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 29

L’ALLESTIMENTO

Per questo padiglione sarà prevista la fornitura di arredi atti a fornire agli utenti del turismo

sociale unità abitative funzionali ai sensi del Decreto 11/06/2001 dell’Assessorato Regionale

al Turismo, comunicazione e trasporti: camere a due, tre o quattro posti letto complete (con

armadi, comodini, mobile scrittoio, minifrigo, sedie, tv). Inoltre saranno dotati di arredi

anche gli uffici del personale, arredi per i salottini e gli spogliatoi. Inoltre sarà previsto

l’allestimento del bar con cucina scaldavivande annessa e della saletta comune.

L’ATTIVITA’: IL TURISMO SOCIALE

Le attività legate al Turismo Sociale sono mirate ad offrire soggiorni vacanze finalizzati alla

fruizione del mare ed alla creazione di opportunità ricreative e socializzanti per soggetti in

situazione di svantaggio e non.

Il turismo sociale oggi non rappresenta più, esclusivamente, il turismo dei soggetti più deboli

e delle categorie socialmente svantaggiate, ed è rivolto a tutti i cittadini: anziani

autosufficienti e non prevalentemente soli e a basso reddito; adulti disabili, anche

temporaneamente, a prevalentemente basso reddito; soggetti psichiatrici e tutti i cittadini

che rientrano nelle fasce di utenza sopra elencate con redditi superiori, che pagheranno

personalmente il costo del servizio (Gli ospiti del centro avranno un contributo dal Comune o

Ente di provenienza per la copertura delle spese) e che potranno fruire di spazi ad alto valore

ambientale e culturale.

Il turismo sociale si qualifica come fattore di coesione sociale che, volendo garantire a tutti

l’accesso alla vacanza, lotta contro le diseguaglianze e contro l’esclusione di chi appartiene

ad una cultura diversa, dispone di minori mezzi finanziari, ha capacità fisiche ridotte o vive

in un area in via di sviluppo. Il servizio, inoltre è offerto sia ad utenti autosufficienti che

accompagnati. Oltre al servizio residenziale continuativo ed alla partecipazione alle attività

ricreative del centro di accoglienza, è prevista la possibilità di usufruire dell'adiacente centro

per attività motorie attrezzato con palestra e vasca riabilitativa che consente di estendere il

servizio a utenti affetti da patologie degenerative e immobilizzanti e ai temporaneamente

disabili per patologie ortopediche.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 30

SPAZI ESTERNI

L’area a verde si estende all’interno dell’Istituto Marino ed è un importante elemento di

collegamento tra il sistema dei padiglioni, il lago Piccolo di Faro a sud e il mare Tirreno a

nord, un vero e proprio corridoio verde caratterizzato dalla presenza della vegetazione tipica

mediterranea delle zone più basse. La cosiddetta macchia mediterranea si distingue dalle

altre foreste temperate perché è costituita da alberi ed arbusti sempreverdi che conservano

le foglie anche durante la stagione invernale, in particolare in quest’area, si possono notare:

pini marittimi, pini d'Aleppo, lentischio, oleandro e palme di specie diversa. Inoltre sono

presenti diversi alberi di eucalipto.

Nelle zone costiere mediterranee dove prospera la macchia, il clima è particolarmente mite:

le temperature medie sono alte, l'estate è secca e in questo periodo le precipitazioni sono

scarsissime. Le piante perciò si sono adattate all'ambiente e presentano dispositivi

particolari per limitare al massimo la perdita d'acqua. Gli arbusti sempreverdi, ad esempio,


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 31

sono provvisti di radici molto sviluppate mentre i loro fusti producono un fogliame denso e

persistente. Pertanto, grazie a queste caratteristiche fisiologiche, le specie arboree ed

arbustive presenti all’interno del complesso hanno continuato a proliferare a dispetto dello

degrado incalzante che deturpava gli edifici circostanti, creando una compagine verde di

apprezzabile bellezza.

Il progetto prevederà la sistemazione delle aree a verde focalizzando l’attenzione sulla

valorizzazione del contesto, sulla fruibilità e sulla ridotta manutenzione. Gli spazi aperti

rappresenteranno un aspetto

fondamentale per innalzare la

qualità del complesso edilizio,

nell’ottica di una costante

attenzione ai servizi offerti e nel

rispetto dell’ambiente. Le aree

a verde verranno attrezzate con

arredi, area a gioco per bimbi

(in prossimità dell’asilo nido) ed

impianto di illuminazione. I

percorsi interni, compresi

quelli carrabili, saranno

pavimentati con mattonelle

autobloccanti posati su un

letto di sabbia. Questo sistema

garantirà la permeabilità la

permeabilità del terreno alle

acque pluviali. Sono previsti

dei parcheggi che, per avere un

basso impatto visivo all’interno

del contesto, saranno velati con

l’inserimento di essenze

arboree autoctone. L’ingresso del complesso sarà arricchito da siepi fiorite e arbusti a creare

uno sfondo suggestivo .

Gli spostamenti interni tra padiglioni saranno solo di tipo pedonale ovvero su carrozzine,

atteso il particolare tipo di utenza; il trasferimento di oggetti pesanti avverrà tramite carrelli

o miniveicoli; di conseguenza i dislivelli saranno tutti superabili mediante rampe per di-


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 32

sabili, con totale abbattimento delle barriere

architettoniche. I criteri di adattabilità per il

superamento delle barriere architettoniche

(DM.LL.PP.14/06/1989 n.236) degli spazi

esistenti applicabili al recupero di immobili

vincolati, hanno determinato una proposta per

creare un accesso facilitato a tutti i moduli dei

fabbricati, così come per tutte le uscite di

sicurezza. Le rampe di progetto prevedono una

pendenza dell’ 8% circa e una larghezza utile di

1,50 m.

Tutte le porte e i varchi esterni rispetteranno la

misura minima di 90 cm tranne per alcuni locali

utilizzati solo per servizio o per deposito che

rimarranno con la larghezza del passaggio

originaria.

Nella foto qui accanto si

Nella foto accanto si può notare

l’aspetto scenografico che la

vegetazione spontanea crea

all’ingresso del complesso.


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 33

PREVENZIONE INCENDI

L’attività soggetta al controllo di prevenzione incendi è: quella del museo dei laghi inserito

nei locali del padiglione centrale già oggetto di recupero adeguamento alla normativa

vigente. Per tutte le attività si rimanda alle norme generali di sicurezza sui posti di lavoro

dettate dal D.lgs.81/2008 e dal DM 10 marzo 1998.

Le misure antincendio di riferimento per i locali dove è previsto l’uso di gas metano sono

dettate dal decreto ministeriale del 12/04/1996

DOCUMENTI PROGETTUALI

Il presente progetto è elaborato ad un livello definitivo.

La Ditta esecutrice avrà l’onere di rispettare il capitolato prestazionale per opere di restauro

e il compito di definire insieme alla D.L. i dettagli esecutivi del recupero.

Si riporta qui di seguito l’elenco dei documenti progettuali inerenti il progetto:

TAV. N° TIPO DI ELABORATO SCALA

- Relazione Tecnica- Relazione Barriere Architettoniche – Relazione Normativa

Igienico Sanitaria – Relazione VV.F.

- Relazione geologica

- Relazioni generale impianti e Relazione Cabina Elettrica

- Schemi elettrici e analisi prezzi quadri

- Relazione strutturale

- Capitolato speciale d’appalto

- Capitolato tecnico

- Piano di Sicurezza e Coordinamento

- Cronoprogramma

- Analisi / Elenco Prezzi Unitari

- Computo Metrico Estimativo

- Quadro Incidenza Manodopera

- Quadro economico

SDF1 VINCOLI ED INQUADRAMENTO TERRITORIALE vari

SDF2 PLANIMETRIA GENERALE STATO DI FATTO – Attacco a terra 1:200

SDF3 STATO DI FATTO – Corpo 1 1:100

SDF4 STATO DI FATTO – Corpo 2 1:100

SDF5 STATO DI FATTO – Corpo 3 1:100

SDF6 STATO DI FATTO – alloggio custode 1:100


REV._1

MUNICIPIO DI MESSINA

UFFICO "PROGRAMMI COMPLESSI”

PROGETTO DI RECUPERO EDILIZIO E ARCHITETTONICO E DI

RIFUNZIONALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO MARINO DI MORTELLE-MESSINA

DATA

10/03/2010

Pag. 34

TAV. N° TIPO DI ELABORATO SCALA

SDF7 STATO DI FATTO – corpo 5 1:100

SDF8 STATO DI FATTO – Corpo 6: ex lavanderia 1:100

SDF9 STATO DI FATTO – Corpi 7 e 8: rudere e turismo sociale 1:100

SDF10 STATO DI FATTO – Rudere (Information point ) 1:100

P1

PLANIMETRIA GENERALE DI PROGETTO – Pianta delle coperture 1:200

P2 PLANIMETRIA GENERALE DI PROGETTO – Attacco a terra 1:200

P3 PROGETTO – Corpo 1: laboratori 1:100

P4 PROGETTO – Corpo 2: laboratori e uffici 1:100

P5 PROGETTO – Corpo 3: Turismo sociale 1:100

P6 PROGETTO – Alloggio custode e servizi igienici pubblici 1:100

P7 PROGETTO – Corpo 5: Cucina, mensa e bar 1:100

P8 PROGETTO – Corpo 6: Asilo nido 1:100

P9a PROGETTO – Corpi 7 e 8: Attività motorie e turismo sociale 1:100

P9b PROGETTO – Corpi 7 e 8: Attività motorie e turismo sociale 1:100

P10 PROGETTO – Information point della Riserva di Capo Peloro 1:100

PLANIMETRIA GENERALE DI PROGETTO – Impianti-Pianta delle

1:200

P1-I. coperture

P2-I.E. PLANIMETRIA GENERALE DI PROGETTO- Impianti elettrici 1:200

P2-I.T.I. PLANIMETRIA GENERALE DI PROGETTO- Impianti termoidraulici 1:200

P2-C.E. PROGETTO – Cabina Elettrica MT/bt varie

More magazines by this user
Similar magazines