Views
2 months ago

MODULO 5 PARTE 1.pptx (1)

Corso di consulente

Corso di consulente tecnico ambientale 2018 1. VERIFICARE CHE SIANO RISPETTATI TUTTI I QUATTRO ELEMENTI RICHIESTI DALL’ART.184-TER 2. CREARE UN FASCICOLO NEL QUALE INSERIRE ATTI E DOCUMENTI A PROVA DI CIÒ’ 3. VERIFICARE CHE ESISTANO I CONTRATTI TRA LE PARTI DELLA TRANSAZIONE (PRODUTTORE, TRASPORTATORE, DESTINATARIO ED EVENTUALE INTERMEDIARIO) DA CUI SI EVINCA CHE L’IMPIEGO DEL SOTTOPRODOTTO SIA CERTO E PREVENTIVAMENTE INDIVIDUATO E DEFINITO 4. LE MERE DICHIARAZIONI TESTUALI DEI DIPENDENTI NON VALGONO COME PROVA

Corso di consulente tecnico ambientale 2018 ..SE VUOLE DIMOSTRARE CHE L’OGGETTO DELLA PROPRIA ATTIVITÀ È MPS?? • L’ART. 216 DEL DLGS 152/06 PREVEDE CHE PURCHÉ SIANO RISPETTATE LE NORME TECNICHE E PRESCRIZIONI SPECIFICHE DI CUI ALL’ART. 214, COMMA 1, 2 E 3, L’ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI RECUPERO DEI RIFIUTI PUÒ’ ESSERE INTRAPRESO DECORSI 90 GG DALLA COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ ALLA PROVINCIA TERRITORIALMENTE COMPETENTE • OCCORRE LA DESTINAZIONE ATTUALE, EFFETTIVA ED OGGETTIVA AL REIMPIEGO PRODUTTIVO DEI RIFIUTI E NON È SUFFICIENTE LA MERA IDONEITÀ DEL MATERIALE A TALE TRATTAMENTO • VERIFICARE CHE IL RIUTILIZZO RISPETTI PROVENIENZE E DESTINAZIONI INDIVIDUATE DALLA NORMATIVA TECNICA • L’ONERE DELLE PROVE INCOMBE SU CHI INVOCA IL REGIME DIFFERENZIATO

Formazione per incaricati della privacy
Regolamento e codice Privacy
RIAD K Welcome