WIR 02/2021 [IT]

doppelmayr

La rivista per i clienti del Gruppo Doppelmayr Edizione 3/2021 Anno 46/no. 214

Carbon footprint

trasparente

Nuovo calcolo LCA

Cablebús

conquista Città

del Messico

Distanze ridotte per 600.000 abitanti

Offerta di

formazione in

tutto il mondo

I formatori diffondono

le conoscenze sul posto

10-MGD Cablebús Línea 1, Città del Messico (MEX)


2 Indice

15

Progetto faro per il turismo

In Alto Adige, Olang 1+2 è una potente e moderna cabinovia a 10 posti che è

anche un‘assoluta attrattiva architettonica.

18

19

La funivia più lunga della Norvegia

La nuova funivia di Åndalsnes offre una vista mozzafi ato sui gioielli naturali

delle montagne norvegesi.

Mobilità verde per Floriade

Expo 2022

La cabinovia offre ai visitatori dell‘Esposizione Internazionale

dei giardini nei Paesi Bassi una fantastica

vista dello spettacolo fl oreale.


Premessa

3

Cosa proviamo

17

Le cose straordinarie vengono ricordate. Salviamo le belle esperienze e le raccontiamo

agli altri - su luoghi speciali, persone emozionanti o cose sorprendenti.

Siamo in una posizione unica e la nostra attività - l‘industria degli impianti a

fune - è caratterizzata proprio da questo.

Lenzerheide va in bicicletta

La regione turistica svizzera di Lenzerheide sta migliorando

la sua offerta per gli appassionati di mountain bike. Questo

include la conversione della seggiovia a 6 posti „Weisshorn

Speed“ al trasporto di biciclette.

26

Conosciamo costantemente personalità interessanti che ci ispirano e ci sfidano

con le loro idee. È così che le nostre funivie nascono in luoghi che a loro modo

sono unici.

In un parco acquatico cinese, in mezzo ai fiordi norvegesi, in una metropoli

pulsante o sulle montagne innevate sono state recentemente realizzate nuove

funivie per entusiasmare i loro ospiti. I nostri clienti hanno l‘occhio giusto per

questo. Prendono decisioni economiche con la necessaria quantità di emotività

e coraggio. Sviluppiamo le soluzioni giuste per le loro esigenze, che entusiasmano

con le loro funzioni e trasformano le idee in qualcosa di straordinario.

Siamo felici di trasmettere le nostre conoscenze. I nuovi apprendisti hanno

iniziato la loro formazione presso il gruppo Doppelmayr in autunno e contribuiranno

anche in futuro a fare esperienze che verranno raccontate volentieri.

Trasmettiamo le nostre conoscenze anche ai nostri clienti e ai loro staff, che

gestiscono gli impianti a fune e sono responsabili affinché i loro passeggeri

arrivino a destinazione in modo sicuro e confortevole. Il nostro programma di

formazione completo ed internazionale fornisce loro un supporto ottimale.

Siamo orgogliosi di contribuire con il nostro lavoro, in modi diversi, a creare bei

ricordi che la gente ama raccontare.

Una posizione con molti vantaggi

Alla Doppelmayr USA vengono realizzati progetti unici

di impianti a fune.

Thomas Pichler

István Szalai

Amministratori delegati Doppelmayr Holding SE


4 Numeri e fatti

21 nuovi apprendisti Doppelmayr

21nuovi

apprendisti

108


apprendisti

a Wolfurt

5 corsi di apprendistato

Costruzioni in acciaio

• metalmeccanica

• meccanica

• meccatronica

• elettrotecnica

Il 1° settembre hanno iniziato la loro formazione

alla Doppelmayr 21 nuovi apprendisti. Stanno

compiendo il loro apprendistato nei campi della

metalmeccanica, elettrotecnica, meccatronica,

meccanica. Come parte della loro formazione,

gli aspiranti specialisti collaborano all’esecuzione

di commesse internazionali di trasporto a

fune. L’ampio programma di formazione include

l‘insegnamento delle competenze di base nel

laboratorio di formazione, come anche l‘uso di

utensili e seghe. In produzione, si costruiscono

strutture in acciaio di diverse tonnellate e nel

reparto elettrico la formazione si concentra

su elettrotecnica e sistemi di controllo. Con

l’obbiettivo di una formazione professionale

completa, oltre ai contenuti specialistici sono

previste anche materie umanistiche come corsi

per lo sviluppo della personalità. Doppelmayr impiega

attualmente un totale di 108 apprendisti

(9 donne, 99 uomini) nella sede di Wolfurt.

Esercizio 2020/21: Doppelmayr Holding SE

ottimista nonostante il calo del fatturato

Doppelmayr Holding SE nell‘esercizio 2020/21

ha registrato un fatturato di 763 milioni di euro,

con un calo del 12,5% rispetto all‘anno precedente.

Il valore della produzione è diminuito

del 30% portandosi a 669 milioni di euro.

Entrambe le riduzioni sono una conseguenza

della pandemia globale da Coronavirus, che ha

colpito in modo particolarmente duro il settore

principale dell‘azienda – gli impianti a fune per

uso turistico nelle Alpi. Anche se i prossimi anni

saranno ancora accompagnati dal Covid-19,

Doppelmayr è ottimista. I progetti completati

nell‘esercizio fiscale 2020/21 comprendono

grandi progetti come gli impianti a fune per le

Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino, la

modernissima cabinovia 3S Eiger Express a

Grindelwald e la più grande soluzione di magazzini

automatici nella storia dell‘azienda.

Il Gruppo Doppelmayr si sta organizzando per il

futuro con numerose innovazioni tecnologiche

per gli impianti a fune. La digitalizzazione è un

elemento importante in questo processo. Con la

cabinovia Kumme a Zermatt, Doppelmayr ha

introdotto AURO, un nuovo tipo di impianto a

fune ad elevata automazione. Funziona senza

sorveglianza ed è dotato della più recente tecnologia

di rete. Un’altra tendenza che si osserva

da qualche tempo è la trasformazione dei comprensori

dedicati agli sport invernali in mondi di

avventura per tutto l‘anno. Per incentivare queste

attività, Doppelmayr ha ampliato la sua offerta

realizzando diversi supporti per trasportare

attrezzature sportive, ad esempio biciclette,

attrezzature per piste o interi parchi. L‘ultimo

Esercizio 2020/21:

3.192

Dipendenti in

tutto il mondo

1.617

Dipendenti

in Austria

Asia

CSI

Resto

d‘Europa

America latina

15%

7%

prodotto in quest’ottica è il Bike Cab per cabinovie.

Permette un‘alta portata oraria e grande

comfort per gli ospiti. Con l‘attuale organico di

3.192 persone, Doppelmayr è in una situazione

stabile dopo il primo anno di pandemia. Proprio

adesso, un investimento chiave per il futuro è la

formazione e specializzazione dei dipendenti –

dai lavoratori esperti fi no agli oltre 100 apprendisti

attualmente assunti.

5% 19%

Resto del mondo

763 milioni di euro

Fatturato

13%

USA,

Canada

25%

Svizzera,

Francia,

Italia

Austria,

Germania

16%

Maggiori

informazioni su:


Numeri e fatti

5

Spettacolare assemblaggio di piloni a traliccio

57 metri - questa è l‘altezza del sostegno più

alto della nuova funivia Valisera, attualmente

in costruzione nel comprensorio sciistico di

Silvretta Montafon. Il montaggio dei tre piloni

tralicciati è stato effettuato con l’elicottero. Oltre

all‘equipaggio della Heliswiss, sono stati coinvolti

anche i dipendenti della Silvretta Montafon

e sei montatori della Garaventa.

3 nuovi piloni

a traliccio

57,10 metri

pilone più alto

dell’impianto

La nuova funivia Valisera entrerà in funzione il

prossimo inverno – quando gli appassionati

di funivie e di sport invernali potranno ammirare

il nuovo impianto AURO, con i suoi piloni

a traliccio.

20 anni di tecnologia RopeCon ®

Il RopeCon ® è una combinazione innovativa di

trasportatore a nastro e tecnologia a fune. Nel

2021 questa tecnologia festeggia il suo anniversario:

Doppelmayr ha utilizzato RopeCon ® per la

prima volta 20 anni fa durante la costruzione

della galleria dello Strenger in Tirolo. All‘epoca,

più di 600 tonnellate per ora di materiale di

smarino del tunnel sono state trasportate alla

discarica attraversando la Rosanna, la linea

Arlberg-Westbahn e la strada federale dell‘Arlberg.

Sono stati risparmiati circa 115.000 viaggi

in camion - il che rende RopeCon ® un modello

di successo anche dal punto di vista ambientale.

RopeCon ® è in uso in questi paesi:

Svizzera

Giamaica

Messico

Austria

Sudan

Papua Nuova

Guinea

Nel frattempo, la tecnologia RopeCon ® è in

uso in quattro continenti: dal trasporto del minerale

d‘oro in Papua Nuova Guinea al calcare

in Guatemala e al cippato in Austria. Il grande

vantaggio dei sistemi RopeCon ® è che superano

facilmente ostacoli di ogni tipo e richiedono

poco spazio a terra.

Guatemala

Sudafrica

20 anni di RopeCon ® in cifre:

Sommatoria della distanza totale: 28 km

Sommatoria delle funi di sospensione: 177 km

Sommatoria dei nastri:

57 km

Numero di rulli di plastica: 17.700


La prima carbon footprint

trasparente per gli impianti

a fune

Guardare solo le emissioni non è suffi ciente per valutare la sostenibilità di un sistema. Ecco

perché il gruppo Doppelmayr è il primo fornitore al mondo di soluzioni di mobilità a presentare

una valutazione olistica del ciclo di vita dei suoi sistemi a fune dalla nascita alla demolizione.

Questo si ottiene grazie a un sofi sticato calcolatore di CO 2 basato su database. Ciò consente

di effettuare valutazioni del ciclo di vita complete e specifi che per i progetti di impianti a fune

urbani, che permettono di fare confronti con altre soluzioni di trasporto.


8 Rapporto

L

a mobilità è un bisogno fondamentale.

Le persone vogliono andare al lavoro,

fare shopping, andare a scuola, visitare

amici e familiari o semplicemente scoprire

il mondo - niente di tutto questo è possibile

senza la mobilità. Tuttavia, il trasporto porta

anche delle sfide per la nostra società, soprattutto

da un punto di vista ecologico. Con

il Green Deal dell‘UE, per esempio, l‘Unione

europea prevede di ridurre le emissioni di gas

serra legate ai trasporti del 90% entro il 2050.

Nella ricerca di un modo per migliorare la mobilità

senza danneggiare l‘ambiente, il trasporto

pubblico ha un ruolo speciale da svolgere. La

svolta della mobilità dal trasporto individuale

motorizzato al trasporto pubblico locale è l‘obiettivo.

Il trasporto pubblico del futuro deve

essere ecologico, ma anche multimodale e offrire

un buon servizio. Non è un compito facile -

soprattutto perché il rispetto dell‘ambiente non

è sempre così facile e trasparente da valutare.

il processo di costruzione e l‘assemblaggio

devono essere presi in considerazione, così

come le misure a valle, come lo smantellamento

o lo smaltimento. Un esempio: per far

funzionare un autobus o un tram come mezzo

di trasporto, non servono solo gasolio o elettricità,

ma anche strade, depositi per la manutenzione,

un deposito o parcheggi per i

tempi morti. Tutto questo è incluso in una valutazione

onesta.

Più di semplici emissioni

A ben guardare, diventa chiaro che guardare

solo alle emissioni non è sufficiente per valutare

un mezzo di trasporto in termini di sostenibilità

ambientale. I processi a monte, come l‘uso

dei materiali, la produzione, la distribuzione o


Rapporto

9

Impronta ecologica di un impianto a fune

Per una valutazione globale del ciclo di vita, l‘impatto ambientale della

funivia dell‘impianto a fune sono valutati in tutte le fasi del suo ciclo di vita.

9. SMONTAGGIO E SMALTIMENTO

1. MATERIA PRIMA E ACQUISTI

8. TRASPORTO

2. TRASPORTO

7. SMONTAGGIO

3. PRODUZIONE

6. ESERCIZIO E MANUTENZIONE

4. TRASPORTO

5. MONTAGGIO

Primo fornitore con carbon footprint globale

Doppelmayr è il primo fornitore al mondo di

soluzioni di mobilità con impianti a fune a presentare

in modo trasparente l’impronta olistica

di CO 2 secondo la norma ISO 14040/44 e quindi

l’impatto ecologico complessivo dei suoi sistemi

a fune. I clienti ottengono così una visione

completa delle emissioni dei rispettivi cicli di

vita delle soluzioni funiviarie più comuni. Questo

è reso possibile da un calcolatore di CO 2 basato

su un database. Il calcolatore utilizza una

metodologia di calcolo verificata sviluppata da

Doppelmayr in collaborazione con myclimate.

Si basa sul database ECOINVENT ed è controllato

da un istituto indipendente secondo la

norma ISO 14040/44.

Valutazioni del ciclo di vita complete

e comparabili

Lo strumento permette di redigere valutazioni

del ciclo di vita specifiche per il progetto - conosciute

anche come valutazioni del ciclo di

vita, o LCA in breve - per i tipi più comuni di

funivia in uso urbano. In questa LCA, gli impatti

ambientali della funivia sono valutati su tutte le

fasi del ciclo di vita - “dalla culla alla tomba”.

Per la valutazione, i parametri specifici del

progetto sono adattati al progetto concreto di

mobilità, come le aree da sviluppare e le prestazioni

di trasporto richieste, così come gli

scenari di utilizzo. Vengono presi in considerazione

anche i tempi di funzionamento, la durata

di vita tecnica e le infrastrutture complementari.

Tutti questi fattori si traducono in unità funzionali

che permettono un confronto trasparente e

affidabile relativo a un progetto concreto. Sulla

base dell’unità funzionale formulata, le soluzioni

alternative di altri mezzi di trasporto possono

ora essere confrontate e contrastate.

Impatto ambientale e risparmi potenziali

Una volta che tutti questi dati sono stati raccolti,

il calcolatore di CO 2 determina una valutazione

del ciclo di vita su misura per il progetto per

una comunicazione trasparente dell’impatto

ambientale della funivia pianificata. La LCA

mostra in dettaglio gli impatti ambientali divisi

in fasi: materia prima, produzione, distribuzione,

montaggio, funzionamento, manutenzione,

smontaggio e smaltimento. Include anche una

ripartizione delle emissioni secondo i luoghi di

origine in cui i gas a effetto serra si verificano

nella catena del valore, e informazioni su quanto

gas a effetto serra potrebbe essere risparmiato

durante il funzionamento attraverso l’uso di

energia rinnovabile.

Il futuro è sostenibile

Il gruppo Doppelmayr osserva che gli utenti

(degli impianti a fune), i partner di progetto e i

clienti richiedono sempre più soluzioni di trasporto

ecologiche. Anche gli sforzi politici si

stanno chiaramente muovendo in questa direzione.

Oltre alla tariffazione del CO 2 e alle tariffe

delle infrastrutture, l’introduzione di “zone di

aria pulita” è in discussione anche nell’Unione

europea. Questo significa che in certe zone

(specialmente nelle città) non si possono superare

certi valori di CO 2 . Anche i “budget di

CO 2 ” per i progetti infrastrutturali sono in discussione.

Il gruppo Doppelmayr vuole quindi

fissare già ora degli impulsi chiari. Come

azienda, è importante essere consapevole

della realtà dei costi e dell’impatto ambientale

dei suoi prodotti e sostenere clienti e partner

nella valutazione dei loro progetti di mobilità

nel miglior modo possibile.

Per ulteriori informazioni e domande, si

prega di contattare gli esperti Doppelmayr

in International Business Development

all‘indirizzo mobility@doppelmayr.com.


10 Tecnologia e innovazione

Produzione di

morse: efficienza

attraverso la precisione

e la digitalizzazione

Alla Doppelmayr di Wolfurt si producono annualmente circa 5.500 morse

per diversi impianti a fune. Un processo di produzione digitalizzato e

messo a punto nei minimi dettagli assicura la massima efficienza nella

fabbricazione di questi componenti.


Tecnologia e innovazione

11

L

a morsa è uno dei componenti più importanti

degli impianti a fune. È l‘elemento di

collegamento tra il veicolo e la fune. La sicurezza

ha la massima priorità per questo componente,

ed è per questo che è richiesta la massima

precisione nella sua produzione. La base

per questo è costituita da metodi di produzione

moderni ed efficienti. I clienti di Doppelmayr

beneficiano di decenni di esperienza e knowhow

nello sviluppo e nella produzione di morse.

Montaggio efficiente

La linea di produzione di morse completamente

automatizzata è dotata di una tecnologia all’avanguardia

e di molte funzioni digitalizzate. Le

fasi di lavoro sono coordinate con precisione e

ogni dipendente ha la sua area di lavoro definita.

Nella prima fase, i componenti della morsa

parzialmente semilavorati - per esempio, gruppi

di molle, leve della ganascia, supporti così

come perni e bulloni - sono assemblati da un

dipendente. Durante questo processo, vengono

registrati dati completi per ogni singolo

gruppo di morse - tutte le coppie di serraggio

delle viti vengono automaticamente documentate

elettronicamente con una speciale chiave

dinamometrica tramite trasmissione Wifi. Dopo

l’assemblaggio, il controllo di qualità avviene in

due fasi: in primo luogo, un robot industriale

scansiona l’intera morsa fino all’ultimo dettaglio

ed esegue il primo test di funzionamento sotto

supervisione elettronica. Durante l’ispezione finale,

un dipendente esegue nuovamente tutte

le fasi dell’ispezione e le memorizza elettronicamente.

Nel corso di questo, viene effettuato

anche un secondo test di funzionamento finale.

Trasparenza e tracciabilità completa

La digitalizzazione e la registrazione completa

di tutti i dati portano molti vantaggi: per esempio,

vengono fornite informazioni preziose per la

manutenzione predittiva delle morse - per tutta

la loro vita tecnica. Chiarezza, brevi distanze,

disponibilità di tutte le parti, tracciabilità e fornitura

di tutte le informazioni rilevanti sono importanti

prerequisiti per un processo di produzione

sostenibile ed efficiente - anche sulla linea di

produzione delle morse.


Il Cablebús conquista Città del Messico

10-MGD Cablebús Línea 1 | Città del Messico (MEX)

Gobierno de la Ciudad de México

377 6 Stazioni Linea principale: 7,5 km 66 m 4.000 pphpd 6,0 m/s 26 min

Linea parziale: 1,7 km 158 m 1.000 pphpd 5,0 m/s 7 min D-Line

La Cablebús Línea 1, un collegamento funiviario

urbano di quasi dieci chilometri a Città

del Messico, fornisce un accesso diretto al

trasporto pubblico per 600.000 residenti del

quartiere di Cuautepec.

Dall’inizio di luglio, la tanto attesa funivia urbana

Cablebús Línea 1 di Città del Messico

ha migliorato la mobilità e l’accessibilità a

Cuautepec e dintorni. Con questa moderna

cabinovia a 10 posti della generazione D-Line,

Doppelmayr sta ampliando il sistema di trasporto

urbano della metropoli di 22 milioni di

abitanti. La linea, lunga circa dieci chilometri,

porta i suoi passeggeri direttamente a uno

dei più grandi snodi di trasporto della città,

Indios Verdes, dove possono facilmente trasferirsi

agli autobus e alla metropolitana.

Percorsi accorciati

Alti volumi di traffi co e ingorghi di ore caratterizzano

normalmente la rete di trasporto della capitale

messicana. La prima linea del Cablebús

accorcia il tempo di viaggio per molti pendolari

di più della metà, il che aumenta l’attrattiva del

trasporto pubblico e allevia la congestione.

Molti percorsi sono ora più facili da pianifi care,

affi dabili e senza stress. Nelle comode e sicure

cabine a 10 posti, i passeggeri viaggiano sopra

strade congestionate e percorsi diffi cili con la

migliore vista e il comfort più moderno.

Migliorare l’equilibrio sociale

La nuova funivia Doppelmayr è più di un semplice

progetto di mobilità. La moderna cabinovia

a 10 posti è senza barriere architettoniche

ed è un mezzo di trasporto per tutti, poveri o

ricchi, giovani o vecchi, sportivi o disabili.

Doppelmayr sta quindi dando un importante

contributo all’inclusione e all’equilibrio sociale

della città. Cablebús Línea 1 crea anche 300

nuovi posti di lavoro diretti per Città del Messico.

Per noi, la funivia non è solo un progetto di

mobilità, ma anche un progetto sociale. Vogliamo

offrire il miglior trasporto pubblico alla

gente della nostra città e stiamo affrontando

dove il miglioramento è urgentemente necessario.

Dr. Claudia Sheinbaum Pardo, sindaco

di Città del Messico


Progetti internazionali

13

Nuovo impulso al turismo per la Corea del Sud

8-MGD Samaksan Cable Car | Chuncheon-si, Gangwon-do (KOR)

Daemyung Sono Group

3.619 m 350 m 1.200 p/h 5,0 m/s 13,17 min 66 cabine da 8 persone 10/2021

Una nuova cabinovia rende Samaksan la

meta perfetta per una gita in montagna per i

visitatori di Seoul.

Chuncheon-si si trova a soli 80 chilometri dalla

capitale della Corea del Sud, Seoul, ed è

un’apprezzata meta di escursioni, che i visitatori

possono raggiungere comodamente e rapidamente

in treno o in macchina. La città si

trova presso il monte Samaksan, alto 654 metri,

che colpisce per la sua magnifi ca natura. Fino

ad ora, i turisti potevano raggiungere il pittoresco

ambiente montano solo a piedi, ma

dall‘autunno 2021 si arriva in cima anche con

una moderna cabinovia. Con una lunghezza di

più di tre chilometri e mezzo, la cabinovia di

Samaksan è uno dei più lunghi impianti utilizzati

dai turisti in Corea del Sud. Il cliente, gruppo

Daemyung Sono, spera di dare così un nuovo

impulso al turismo nella regione.

Ingegno nella costruzione

Il viaggio in cabinovia di circa 13 minuti offre

una prospettiva completamente nuova: da

Chuncheon-si si supera un ampio fiume, poi

colline e ruscelli fino a Samaksan. L’ambiente

bellissimo ha però anche presentato delle problematiche

al team di Doppelmayr e al cliente

gruppo Daemyung Sono. Poiché non c’è un

collegamento stradale fino alla stazione a

monte, la maggior parte dei materiali e componenti

è stato trasportato con una teleferica.

E questa non è l’unica particolarità: uno dei

sostegni della nuova cabinovia si trova in

mezzo al fiume, e quindi sono state usate persino

delle barche.

Magazzino a forma di ventaglio

Con la loro insolita architettura, le nuove stazioni

si inseriscono nel paesaggio come vere

e proprie attrazioni. Il design a forma di ventaglio

ha persino influenzato la costruzione della

cabinovia ed il magazzino per le cabine è

stato adattato con precisione alla linea leggermente

curva della stazione. Anche sotto altri

aspetti Doppelmayr ha rispettato perfettamente

i desideri del cliente. Ad esempio, l’impianto è

dotato dell’innovativo sistema di azionamento

Doppelmayr Direct Drive, presenta un sistema

di soccorso ed ha tre cabine per il trasporto

di materiali.

La cabinovia sul Samaksan è stato il nostro

primo progetto con Doppelmayr. La

collaborazione ha funzionato così bene,

che stiamo già pensando

a nuovi progetti turistici da

realizzare insieme.

Min Byung So,

Vicepresidente di gruppo

Daemyung Sono


Cabinovia nel parco acquatico

Cabinovia 8-MGD Snow Peak | Danzhou City, Hainan (CHN)

Hainan Heng Qian Material Equipment Co., Ltd.

166 m 28 m 1.000 p/h 4,0 m/s 1,6 min 7 cabine da 8 persone 07/2021

La Snow Peak Ropeway nella città di

Danzhou offre il vero fascino alpino nel parco

acquatico „Fairyland Water Kingdom“.

Ocean Flower Island è un’isola di avventura

nella città di Danzhou, nella provincia di Hainan,

in Cina. Gli ospiti vengono accolti con una

serie di attrazioni per il tempo libero, hotel e

opportunità di shopping. 110.000 m 2 di questa

isola straordinaria sono occupati dal parco

acquatico “Fairyland Water Kingdom”. Il tema

del parco sono le montagne innevate - e naturalmente

non poteva mancare una funivia. La

cabinovia Snow Peak Ropeway di Doppelmayr

è una vera attrazione in mezzo a scivoli, piscine

e sedie a sdraio. Quindi non solo un mezzo di

trasporto, ma un’attrazione di per sè.

Cabinovia invece di scivolo

Sette comode cabine CWA portano i passeggeri

rapidamente e comodamente in cima alla

“Snow Mountain” per il suo punto panoramico

sul parco acquatico o per cenare nel ristorante.

Poi si ritorna giù su uno dei tanti scivoli avventurosi.

La cabinovia è però anche una buona

opzione per coloro che non vogliono usare gli

scivoli. Soprattutto le persone anziane o con

disabilità preferiscono usare la cabinovia per

la discesa, che dopo tutto è assolutamente

senza barriere. A causa della distanza relativamente

breve, la fune è sottoposta a più sollecitazioni.

Per questo motivo Doppelmayr ha

fornito per questa cabinovia la fune Performa

di Fatzer, che è particolarmente resistente con

carichi elevati ed è anche molto silenziosa

durante l’esercizio.

L’esperienza facilita la collaborazione

Per Doppelmayr, la Snow Peak Ropeway è la

prima cabinovia in un parco divertimenti nella

Cina continentale. Molte aziende internazionali

sono state coinvolte nella costruzione della cabinovia.

Questo, così come il fatto che il parco

divertimenti era in piena attività durante la costruzione

della cabinovia, ha richiesto molta

pazienza e flessibilità da parte delle squadre

operative. L’organizzazione professionale del

tempo e lo stretto coordinamento di tutte le

parti coinvolte sono stati cruciali per il successo

del progetto.


Progetti internazionali

15

Un grande gioiello architettonico in Alto Adige

10-MGD Olang 1 + 2 | Plan de Corones, Alto Adige (ITA)

Funivie Valdaora SpA

3.021 m (Olang 1), 1.050 m (Olang 2) 909 m (Olang 1), 200 m (Olang 2) 3.900 p/h 6,5 m/s

9,74 min (Olang 1), 4,2 min (Olang 2) 182 cabine per 10 persone ciascuna D-Line

La nuova cabinovia a 10 posti Olang 1+2

non è solo potente e moderna, ma anche un

gioiello architettonico.

Nonostante la difficile situazione del Covid-19,

il comprensorio sciistico di Plan de Corones in

Alto Adige ha deciso consapevolmente di proseguire

con la prevista costruzione della sua

ambiziosa cabinovia a 10 posti Valdaora 1+2

con Doppelmayr dall’estate 2020. L’impianto,

che è eccezionale sia visivamente che tecnicamente,

ha due tronchi e rappresenta un progetto

faro per il turismo di tutta la regione. In

inverno e in estate, il nuovo impianto di risalita

servirà come arroccamento principale nel bacino

di utenza di Valdaora, Rasen-Anterselva

e Alta Pusteria.

Un tocco di Amburgo

La prima cosa che cattura l’occhio è l’imponente

architettura degli edifici della stazione. Il

sorprendente design a onda e un insolito tetto

fatto di un telo trasparente sono il risultato di

un concorso architettonico vinto dall’innovativo

studio di architettura di Amburgo “studio

schlotthauer matthiessen architecturemade”.

In soli cinque mesi sono stati costruiti tre imponenti

edifici di stazione a 1.164, 2.073 e

2.274 metri di altitudine. La costruzione del

tetto che sovrasta i macchinari è trasparente e

permette ai visitatori di osservare la meccanica

in azione. La stazione inferiore ospita la

zona delle informazioni e della biglietteria,

così come gli uffici, che sono accessibili

dall’interno. La nuova stazione intermedia

ospita il magazzino cabine, che nella precedente

cabinovia si trovava nella stazione a

valle. Inoltre, offre anche spazio per parcheggiare

mezzi battipista.

Potente e da record

I dati di performance di questo impianto sono

notevoli. Rispetto alla precedente cabinovia a

6 posti costruita nel 1989, la capacità di trasporto

è stata quasi raddoppiata. La sua velocità

di corsa di 6,5 metri al secondo, la fune

con un diametro di 64 mm e la potenza di

azionamento di 2.130 kW sono uniche in Italia

e senza rivali tra le cabinovie in Europa. La

sicurezza dei passeggeri è garantita da un sistema

high-tech per il monitoraggio continuo

della posizione della corda: Il sistema RPD

Nexo viene utilizzato per la prima volta in Italia.

Le eleganti cabine OMEGA V con sedili riscaldati

offrono un livello speciale di comfort.

I visitatori di Plan de Corones possono aspettarsi

un’esperienza straordinaria con la funivia

Olang 1+2.

Con questo impianto vogliamo essere un

esempio per l‘intera regione e forse anche

incoraggiare altre aree

turistiche a fare lo stesso e

arrivare forti insieme.

Matthias Prugger,

presidente di

Funivie Valdaora


16 Progetti internazionali

Teleferica bifune per una maggiore efficienza

nel trasporto del materiale

BGD-M Buriticá | Buriticá, Dipartimento di Antioquia (COL)

Zijin-Continental Gold Limited Sucursal Colombia

1,4 km 646 m 175 t/h 6,0 m/s 20 Veicoli 1 02/2021

Nella zona di estrazione dell‘oro di Buriticá

in Colombia, una nuova teleferica per materiali

assicura una capacità di trasporto di 175 tonnellate

all‘ora.

Nel nord-ovest della Colombia, a Buriticá,

Doppelmayr ha installato una nuova teleferica

per materiali. La regione si trova a 72 chilometri

dalla città di Medellín ed è una zona di

estrazione dell’oro. Per trasportare in miniera il

materiale di riempimento, si devono superare

646 metri di altitudine in salita. L’uso dei camion

è una grande sfi da nella regione montuosa e

causa alte emissioni. Finora, la rimozione dei

residui riciclabili era gestita da camion ad

un’altitudine di circa 646 metri. La nuova teleferica

è stata messa in funzione nel febbraio

2021. Con essa, il trasporto può essere gestito

in modo rapido ed efficiente.

Sistema intelligente di carico e scarico

Per garantire che la teleferica possa funzionare

a una velocità costante, i veicoli del materiale

vengono automaticamente disammorsati e frenati

nelle stazioni. Vengono poi riempiti tramite

una tramoggia e, prima di lasciare la stazione,

accelerati alla velocità della fune traente e

riammorsati ad essa. Una volta alla stazione di

scarico, i veicoli vengono nuovamente disammorsati.

Un meccanismo rilascia il blocco di

chiusura della benna e inizia il processo di

scarico automatico. Una volta completato il

processo, il veicolo viene ammorsato nuovamente

per tornare a valle.

Sistema bifune per una maggiore efficienza

Per il progetto, gli ingegneri della Doppelmayr

hanno rielaborato da zero la tecnologia degli

impianti bifuni e l’hanno ottimizzata per il trasporto

di materiale in benne. Come risultato, la

teleferica lunga circa 1,4 chilometri può trasportare

fi no a 175 tonnellate all’ora. L’impianto

ha funi portanti ad ancoraggio fisso su cui i

veicoli si spostano appesi a carrelli. Sono

mossi da un anello di fune traente a cui si

ammorsano in modo automatico.


Progetti internazionali

17

„Weisshorn Speed“ diventa un impianto per ciclisti

6-CLD-B Scharmoin–Stivetta (velocità Weisshorn) | Lenzerheide (CHE)

Lenzerheide Bergbahnen AG

2.279 m 741 m 605 p/h 1.730 p/h 3,5 m/s 5 m/s 11 min 8 min

38 seggiole (6 persone ciascuna) e 38 portabici (quattro biciclette ciascuna) 1999

La seggiovia Weisshorn Speed a Lenzerheide,

in Svizzera, è stata equipaggiata quest‘estate

con 38 portabici. I ciclisti possono ora raggiungere

il loro divertimento in discesa rapidamente

e comodamente.

Il Bike Kingdom Lenzerheide è un paradiso

per gli appassionati di sport. L‘area offre una

vasta gamma di attività e i motociclisti si divertiranno

a cavalcare le loro bici da downhill coraggiosamente

lungo gli spettacolari sentieri

su innumerevoli salti e ripide curve. I nomi

altisonanti e allo stesso tempo impressionanti

dei percorsi come „The Pipe“, „Motta Express“

o „The Great White“, aperti di recente questa

estate, promettono esperienze adrenaliniche

mozzafiato.

In sintonia con la nuova pista, anche l’impianto

è stato migliorato e convertito dal funzionamento

solo invernale all‘uso sull’intero anno:

la seggiovia Weisshorn Speed, costruita nel

1999, è stata dotata di un nuovo sistema di

controllo, 76 nuove seggiole con cupole e

38 nuovi veicoli di trasporto, i cosiddetti Bike

Carrier. Come risultato, i ciclisti possono raggiungere

i loro sentieri ancora più velocemente

e comodamente e sono possibili più

discese - perché prima dovevano salire sulla

montagna con le loro biciclette. Tuttavia, il

funzionamento estivo della Weisshorn Speed

non fa battere il cuore solo ai biker. Grazie

alla possibilità di salire o scendere, la seggiovia

tra il Parpaner Rothorn e l‘Urdenfürggli

completa perfettamente l‘area escursionistica

di Arosa Lenzerheide.

Facile gestione

I portabici sono dotati di Bike Clips. La gestione

è molto semplice: i ciclisti appendono le loro

bici da soli e salgono dopo la loro bici con la

seggiola seguente. Grazie alla velocità rallentata

della stazione di valle ed al pratico bike

Clip, appendere le bici è particolarmente comodo.

Alla stazione di monte, le biciclette vengono

nuovamente rimosse con un semplice

movimento della mano. Quattro biciclette possono

essere trasportate per ogni portabici.

Oltre ai 38 portabici, la Weisshorn Speed ha

38 seggiole in estate e 76 sedie in inverno per

il trasporto di passeggeri. Per l’operatore, questo

si traduce in un utilizzo ideale dell’impianto

e in un’elevata capacità di trasporto.

L’impianto è stato modificato la scorsa primavera.

Nel corso di questo, Garaventa ha effettuato

varie revisioni e rinnovato il sistema di

azionamento della funivia, che ora ha una modalità

estiva e una invernale: per la stagione

invernale, il sistema di controllo della funivia

viene semplicemente commutato, e i portabici

vengono conservati nel magazzino convertito

in modo che siano protetti dalle intemperie.

Con la conversione del Weisshorn Speed,

l’attrattiva del Bike Kingdom Lenzerheide è

stata portata a un nuovo livello. I ciclisti saranno

contenti, perché ora ne ricaveranno

ancora di più.

BIKE CARRIER

Adatto a biciclette con le seguenti caratteristiche:

Peso fi no a 25 kg

Dimensioni delle ruote tra 24 pollici e 29 pollici

Larghezza degli pneumatici fi no a 12 cm

Parafango Marsh Guard possibile

Vantaggi:

Trasporto di un massimo di cinque biciclette

Alta capacità di trasporto

Velocità fi no a 6 m/s

Lunga vita di servizio

Adatto per impianti con grande pendenza

della linea

I nuovi Bike Carrier e la modalità di controllo

appositamente progettata per il trasporto di

biciclette sono una vera innovazione

e unica in Svizzera in

questa combinazione“, dice

un felice Thomas Küng, CEO

di Lenzerheide

Bergbahnen AG.

© Nicole Trucksees

© Nicole Trucksees


LA FUNIVIA

PIÙ LUNGA DELLA

NORVEGIA

© Romsdalen

La funivia più lunga della Norvegia

45-ATW Romsdalsgondolen | Åndalsnes, Møre og Romsdal (NOR)

Romsdalsgondolen

1.676 m 692 m 495 p/h 10,0 m/s 2 cabine per 45 persone ciascuna 05/2021

Con una lunghezza di 1.676 metri, la nuova

funivia Romsdalsgondolen che sale sulla famosa

montagna escursionistica Nesaksla è

la funivia più lunga della Norvegia.

© Romsdalen

Circondata da fi ordi pittoreschi e circondata da

paesaggi di montagna scandinavi, Åndalsnes

è una destinazione popolare per i turisti attivi.

Il monte Nesaksla in particolare è un vero gioiello

naturale. Finora, tuttavia, la cima poteva

essere raggiunta solo con un’impegnativa

escursione di due ore. Questo è cambiato con

la costruzione del Romsdalsgondolen: la funivia

più lunga della Norvegia è stata costruita

in soli 13 mesi. La funivia porta i visitatori in

cima in soli quattro minuti, con una capacità di

trasporto di quasi 500 persone all’ora. Le vetrature

panoramiche creano una vista unica

dal fiordo all’alta montagna durante il viaggio.

Convenientemente accessibile

Durante la progettazione della funivia, l’attenzione

era rivolta alla facile accessibilità per tutti

i passeggeri. Ecco perché la stazione inferiore

si trova proprio accanto al porto e alla stazione

ferroviaria. Sia con i mezzi pubblici che con

una nave da crociera, gli ospiti possono raggiungere

comodamente la nuova funivia senza

una lunga camminata o un lungo viaggio. È

stato previsto un accesso senza barriere per i

passeggeri con passeggini o in sedia a rotelle.

La Romsdalsgondolen è anche certificato con

il sigillo ambientale “Green Key”.

Viste dei gioielli della natura

Alla stazione di monte, la grande area escursionistica

di Nesaksla attende i visitatori. I

sentieri facilmente percorribili portano a diversi

punti di vista. Da lì, la vista è libera sulle imponenti

montagne di Romsdalshorn e Vengetindene,

sulle valli lussureggianti o sul fiume

Rauma verde smeraldo. E coloro che preferiscono

semplicemente divertirsi invece di fare

escursioni, possono farlo nel nuovo ristorante

in cima, che offre anche una vista mozzafiato.

La funivia funziona tutto l’anno.

Siamo felici di poter portare i nostri visitatori

direttamente sul Nesaksla con la nuova

funivia, perché il nostro bel

mondo delle montagne ha

qualcosa per tutti.

Pål R. Amundsen,

direttore generale

Romsdalsgondolen


Progetti internazionali

19

Mobilità verde per Floriade Expo 2022

10-MGD Floriade Almere | Almere, Flevoland (NLD)

Floriade Expo 2022 B.V.

850 m 35 m 2.250 p/h 5,0 m/s 4,6 min 34 cabine per 10 persone ciascuna 07/2021

© Fotolinie Almere

Con la nuova cabinovia, numerose persone

interessate hanno già visto crescere Floriade

Expo 2022 prima dell‘inizio della fi era.

La mostra internazionale dei giardini Floriade

si svolge ogni dieci anni nei Paesi Bassi. Nel

2022 si terrà di nuovo - questa volta nella città

di Almere. In linea con il motto “Growing Green

Cities”, gli organizzatori hanno scelto una funivia

Doppelmayr come mezzo di trasporto

sostenibile per il sito espositivo. Durante il

viaggio di 5 minuti, gli ospiti godono di una

fantastica vista dello spettacolo unico: l’arboreto

con alberi, piante, arbusti e campi di fiori

e le altre attrazioni, come la bella architettura

dei vari edifici, possono essere ammirati da

una prospettiva completamente nuova, dall’alto.

La funivia collega le parti nord e sud del sito

e attraversa l’autostrada A6 - rendendola la

prima funivia nei Paesi Bassi a passare sopra

un’autostrada.

Mezzi di trasporto sostenibili

Durante la mostra, Floriade presenterà altre

soluzioni di mobilità verde, come le barche da

canale alimentate elettricamente. L’elemento

centrale, tuttavia, è la cabinovia - una buona

occasione per sperimentare in prima persona

il potenziale delle funivie urbane: con il suo

motore elettrico alloggiato nella stazione, non

produce fumi di scarico o polveri sottili durante

il funzionamento ed è molto silenziosa. Con

solo due stazioni e sette sostegni, la funivia

occupa anche poco spazio. Dopo l’esposizione,

la funivia verrà smontata e utilizzata nuovamente

in un altro luogo.

Piacere pre-esposizione

Coloro che non volevano aspettare l’apertura

dell’Expo il 14 aprile 2022 hanno già avuto

l’opportunità di sperimentare la funivia in anticipo

la scorsa estate 2021. La cabinovia è stata

aperta al pubblico in una speciale “Anteprima

Floriade”. I visitatori interessati hanno così

potuto godere dei primi sguardi della Floriade e

allo stesso tempo sperimentare la sensazione

urbana di questa comoda funivia.

La funivia si adatta perfettamente al tema

‚Growing Green Cities‘, poiché è un mezzo

di trasporto sostenibile e

quindi un‘aggiunta perfetta

alla varietà dei mezzi di

trasporto nelle moderne

città verdi.

Hans Bakker, Chief

Executive Officer Floriade


20 Progetti internazionali

Nuova esperienza di viaggio con

la cabinovia Cloudsplitter

8-MGD Cloudsplitter Gondola | Wilmington, New York (USA)

Whiteface Mountain

2.587 m 741 m 2.000 p/h 6,0 m/s 60 cabine da 8 persone 05/2021

La modernizzazione della cabinovia Cloudsplitter

di Whiteface Mountain offre maggiore

comfort e maggiore portata oraria.

Doppelmayr ha modernizzato la cabinovia

Cloudsplitter, a Whiteface Mountain nello Stato

di New York, in due fasi. Dall'inizio di luglio

2021, i visitatori del comprensorio dedicato a

tempo libero e avventura Whiteface vengono

accolti con una nuova e confortevole esperienza:

durante i 15 minuti di viaggio fino ad una

quota di 1.120 metri, i passeggeri hanno una

vista unica su un paesaggio naturale mozzafiato

e sul Lake Placid grazie alle finestre panoramiche

delle cabine OMEGA IV. Nel 1980,

durante le Olimpiadi invernali di Lake Placid,

Whiteface Mountain è stata la sede delle gare

di sci alpino (discesa, slalom, slalom gigante e

combinata). Oggi Whiteface offre ai visitatori

tante attività durante tutto l'anno, dalle escursioni

e trekking in estate, allo sci in inverno.

Fiducia grazie ad una partnership

di lunga data

La partnership tra ORDA (Olympic Regional

Development Authority) e Doppelmayr risale a

più di 40 anni fa. In fase di preparazione dei

giochi olimpici del 1980, sono stati costruiti

insieme diversi impianti di risalita. Oggi, ORDA

gestisce quattro comprensori sciistici nello

Stato di New York, che utilizzano un totale di

13 impianti di risalita Doppelmayr. Fra questi

anche la cabinovia Cloudsplitter costruita nel

1999. Come partner di fiducia, Doppelmayr

USA è stata incaricata della modernizzazione

dell'impianto.

Nel corso di questa modernizzazione, la cabinovia

Cloudsplitter è stata aggiornata elettromeccanicamente

e dotata del sistema di comando

e controllo Doppelmayr Connect. Le nuove cabine

OMEGA IV permettono a tutti i passeggeri

di salire e scendere facilmente e senza barriere.

Ora, con una portata di 2.000 passeggeri

all'ora, più passeggeri possono essere portati

a monte anche nelle ore di punta, evitando

tempi di attesa. Con la modernizzazione della

cabinovia Cloudsplitter, Whiteface ha guadagnato

notevolmente in qualità.

Le tecnologie cambiano. Con

l‘ammodernamento della cabinovia

Cloudsplitter, siamo aggiornati

all’ultima evoluzione e

siamo anche in linea con i

tempi. Aaron Kellett,

direttore generale,

Whiteface Mountain


Comodi come non mai sull‘Hochsiedel

6-CLD-B Hochsiedel | Oberstaufen, Baviera (DEU)

Hündle GmbH & Co KG

606 m 202 m 2.200 p/h 5,0 m/s 2,61 min 12/2020 D-Line

volta in cima, agli ospiti si presenta il meglio

del comprensorio sciistico.

Un accesso facile e una salita sicura

Il nuovo impianto è progettato per soddisfare in

particolare le esigenze delle famiglie con bambini:

il nastro trasportatore sollevabile ha un sistema

di rilevamento dell’altezza delle persone

e aiuta i piccoli passeggeri, quando salgono

sulle seggiole. Il sistema Autolock con bloccaggio

automatico della barra anticaduta garantisce

la massima sicurezza durante la corsa.

Questa nuova seggiovia – con tutte le sue

caratteristiche, dal riscaldamento dei sedili

al tappeto di imbarco, fino alle cupole

di protezione dalle intemperie - rende

il nostro comprensorio

sciistico ancora più

attraente, soprattutto per

le famiglie. Thomas Lingg,

amministratore delegato,

Hündle GmbH & Co KG

La prima seggiovia D-Line è stata inaugurata

nella regione sciistica di Oberstaufen.

L’impianto vanta molte caratteristiche tecniche

particolari.

La nuova seggiovia a 6 posti Hochsiedel nell’area

sciistica di Hündle sostituisce due vecchie

sciovie ed è la prima D-Line di Oberstaufen.

Colpisce per il grande comfort: le cupole di

protezione delle seggiole proteggono i passeggeri

da neve, pioggia e vento. I sedili riscaldati

tengono al caldo gli amanti degli sport

invernali mentre si godono il magnifico panorama

sul lago Alpsee durante la salita. Una

Tecnicamente al top

Ma non sono solo i passeggeri a benefi ciare

delle moderne attrezzature dell’impianto: il

sistema di controllo Doppelmayr Connect

Ropeway rende il funzionamento semplice ed

efficiente. L’impianto è azionato dal collaudato

Doppelmayr Sector Drive (DSD). Presso la

stazione a valle, l’impianto ha anche di un dispositivo

semi-automatico di smontaggio delle

morse - questo assicura una manutenzione più

facile e veloce. Per la funivia è stato scelto un

design classico ed elegante: le seggiole e la

stazione a monte sono in rosso e nero. Il rivestimento

in tessuto sul retro degli schienali

invita per la stagione calda - perché è qui che

si promuovono le offerte estive della zona.


Nuovo splendore per la funivia

Meiringen-Hasliberg Reuti

80-ATW Meiringen-Hasliberg Reuti funivia | Meiringen-Hasliberg, Cantone di Berna (CHE)

Bergbahnen Meiringen-Hasliberg AG

1.476 m 440 m 900 p/h 8,0 m/s 2 cabine per 80 passeggeri ciascuna 07/2021

Insieme a Garaventa, Bergbahnen Meiringen-

Hasliberg ha effettuato una profonda revisione

con una importante modernizzazione della

funivia sull‘Hasliberg.

La funivia Meiringen-Hasliberg Reuti è stata un

popolare mezzo di trasporto per gli ospiti e la

gente del posto sin dalla sua apertura, nel

1973. Non solo porta i visitatori alla popolare

località turistica di Hasliberg, ma è anche il collegamento

più breve per i residenti di Hasliberg

fi no alla valle ed è usato quotidianamente da

pendolari, scolari e gitanti. Dopo la prima revisione

già avvenuta nel 1998, l’impianto ha ora

ricevuto un secondo revamping tecnico ed

estetico dopo quasi 50 anni di funzionamento.

Carattere conservato

L’ampia revisione effettuata da parte di Bergbahnen

Meiringen-Hasliberg ha dato alla funivia

un nuovo splendore senza interferire con il

suo aspetto caratteristico. Invece di sostituire

le due cabine, la CWA ha messo molto cuore e

anima nella revisione delle stesse. Le grandi

cabine sono state create a Olten più di 20 anni

fa. Ora sono tornate alla fabbrica CWA e hanno

ricevuto nuovi pavimenti e vetrate, un aggiornamento

tecnico ed una nuova verniciatura in

rosso lucente. Il cambiamento che più colpisce

visivamente, oltre alle cabine, è la modernizzazione

delle stazioni. La facciata e la scala di

accesso alla stazione superiore brillano in un

nuovo splendore, ed i visitatori della stazione

inferiore possono ora godere di un accesso

senza barriere alla biglietteria e alla funivia

dopo la completa ristrutturazione.

Funi portanti sostituite

Tuttavia, la grande revisione non ha riguardato

solo i “valori esterni” della funivia. Frey AG

Stans ha sostituito l’intero sistema di controllo

dell’azionamento. Con lo spazio a disposizione

e un programma che doveva essere adattato

alle attività di costruzione, anche la sostituzione

delle funi portanti è stata una sfi da. Infi ne,

ma non meno importante, Garaventa ha controllato

tutti i sistemi per la funzionalità e la

sicurezza, con estesi test dei freni e corse di

prova. Poiché la funivia è integrata nella rete

dei trasporti pubblici, è stato necessario rispettare

un programma molto stretto per fornire

ai residenti di nuovo la loro ferrovia il più

rapidamente possibile. Grazie a un buon

lavoro di squadra, Bergbahnen Meiringen-

Hasliberg, Garaventa e tutte le altre parti coinvolte

hanno completato la grossa revisione in

sole 13 settimane.

La nostra funivia è ora di nuovo tecnicamente

all’avanguardia e, in combinazione con le

stazioni ristrutturate, ha mantenuto il suo

carattere unico.

Hanspeter Wenger,

presidente del consiglio

di amministrazione di

Bergbahnen Meiringen-

Hasliberg AG

Siete curiosi di sapere come

funziona una revisione

così importante?

Di più sul canale YouTube

di Bergbahnen

Meiringen-Hasliberg:


Progetti internazionali

23

Ancora più divertimento sulle piste nella più

grande stazione sciistica dell‘Ucraina

6-CLD Bukovel Lift 3 | Bukovel, Oblast Iwano-Frankiwsk (UKR)

Bukovel GmbH

818 m 223 m 3.000 p/h 5,0 m/s 3,14 min 53 seggiole per 6 persone ciascuna 12/2020 D-Line

Nella stazione sciistica di Bukovel, la

prima D-Line in Ucraina apre nuove piste e

offre più opportunità agli appassionati di

sport invernali.

A Bukovel, la prima D-Line in Ucraina è entrata

in funzione lo scorso inverno come seggiovia a

6 posti Lift 3. La stazione sciistica si trova

nell’oblast di Ivano-Frankivsk nei Carpazi ed è

stata aperta nel 2000. Con oltre un milione di

pernottamenti all’anno, Bukovel è la più grande

stazione sciistica dell’Ucraina. Ci sono più

di 68 chilometri di piste di tutti i livelli di difficoltà

per sciatori e snowboarder, un’area per

bambini, diverse aree di pratica, uno snowpark

e una vasta scelta di ristoranti. Il nuovo impianto

aprirà anche un’altra parte del comprensorio

sciistico.

Alta capacità

Un gran numero di appassionati di sport invernali

può ora utilizzare il nuovo impianto di risalita

per risalite veloci e sicure sulla montagna.

La moderna seggiovia può anche far fronte

facilmente all’alta frequenza di visitatori: è

mossa da un azionamento a corrente alternata

e assicura il massimo rendimento con una

capacità di trasporto di 3.000 persone all’ora.

Un tappeto di imbarco nella stazione inferiore

facilita la salita di grandi e piccini. Il viaggio

nelle comode seggiole esaposto su 818 metri

dura solo pochi minuti.

Stazioni di monte e valle come

eye-catcher visivi

La seggiovia utilizza il sistema di controllo

Doppelmayr Connect, che rende il funzionamento

particolarmente piacevole e facile per

gli operatori. Uno spazioso edificio della stazione

superiore ha un piccolo deposito con

una piattaforma di ispezione con spazio per tre

seggiole. Una grande sala di pausa offre

anche un sacco di comfort per gli operatori

della funivia. La stazione inferiore rossa e la

stazione superiore blu, che riflettono i colori

della zona sciistica, forniscono un’attrazione

visiva speciale.

Con la nuova seggiovia possiamo trasportare

gli sciatori e gli snowboarder in cima alla

montagna rapidamente e senza attese. Allo

stesso tempo, stiamo espandendo la nostra

area sciistica con una nuova

zona e possiamo offrire ai

nostri ospiti ancora più divertimento

negli sport invernali.

Oleksandr Shevchenko,

Bukovel GmbH


24 Attualità dal mondo

Funivia urbana per la grande area di Parigi:

un nuovo modo di collegare i trasporti

Con „Câble A“, l‘Île-de-France si affida a

una funivia come mezzo di trasporto pubblico

e crea così nuovi collegamenti.

Spostarsi semplicemente sopra gli ostacoli -

questo sogno diventerà presto realtà per gli

abitanti dell’Île-de-France nell’area metropolitana

di Parigi: Doppelmayr ha vinto l’appalto

per costruire una soluzione urbana a fune

nell’aprile 2021. La cabinovia “Câble A” dovrebbe

entrare in funzione nel 2025. È previsto

un collegamento funiviario di 4,5 chilometri con

cinque stazioni. Come nuovo collegamento nel

sistema di trasporto pubblico, riunirà diverse

fermate della metropolitana e degli autobus,

oltre a collegare meglio i nuovi bacini di utenza

con i servizi di trasporto pubblico. Questo farà

risparmiare tempo e fornirà un’ulteriore offerta

di mobilità per i 20.000 abitanti e i 6.000 posti

di lavoro nel bacino di utenza del collegamento.

Il tempo di viaggio da un capolinea all’altro

sarà di soli 17 minuti - e completamente indipendente

dal volume di traffi co sulla strada.

Con le sue caratteristiche tecniche e il suo

funzionamento affidabile, la D-Line soddisfa

perfettamente i requisiti per l’uso come mezzo

di trasporto urbano. L’accessibilità implementata

in modo coerente è una questione ovvia,

perché solo in questo modo la cabinovia offrirà

il massimo livello di comfort come mezzo di

trasporto pubblico per tutti i passeggeri.

Il progetto è attualmente in fase di progettazione.

Per la costruzione di un collegamento in una

rete di trasporti così complessa come quella di

Parigi, sono necessari esperti in infrastrutture,

progettazione del paesaggio, ingegneria civile

e architettura che lavorino insieme nel team

intorno agli specialisti di Doppelmayr. L’inizio

dei lavori di costruzione è previsto per il 2023.

Rinaturalizzazione in cava con

una soluzione su fune

Meno emissioni di CO 2 grazie al sistema

RopeCon ® a Bardon Hill Quarry.

La rinaturalizzazione delle vecchie aree di

estrazione è un fattore importante nelle cave

moderne. Questo comporta, per esempio, la

reintroduzione di materiale di scavo dalle

aree attive per ripristinare il paesaggio. Questo

viene fatto anche a Bardon Hill Quarry,

una delle più antiche cave attive ininterrottamente

nel Regno Unito. Per rendere questa

rinaturalizzazione il più possibile ecologica, i

responsabili di Aggregate Industries UK Ltd.

hanno optato per un sistema RopeCon ® di

Doppelmayr. In futuro, una combinazione di

tecnologia funiviaria con la tecnologia dei nastri

trasportatori porterà il materiale per la rinaturalizzazione

della cava nel Leicestershire.

Questa soluzione produce meno emissioni di

CO 2 ed ha un minore impatto sull‘ambiente

rispetto al trasporto su camion o con un sistema

convenzionale di nastri trasportatori

installati a terra.

Estrazione e rinaturalizzazione allo

stesso tempo

L’area di scavo è completamente attraversata

da funi portanti. Su queste funi in acciaio si

muove il nastro su cui viene trasportato il materiale.

Direttamente nella campata fra un sostegno

e l’altro, il materiale può essere trasferito su

un secondo nastro, che può essere azionato

in entrambe le direzioni di trasporto, permettendo

contemporaneamente sia l’estrazione

che la rinaturalizzazione. Il sistema RopeCon ®

offre anche la possibilità di controllare l‘altezza

di scarico – in modo da minimizzare la quantità

di polvere e rumore durante il funzionamento.

La struttura è attualmente in costruzione e sarà

la prima installazione di questo tipo nel Regno

Unito. Trasferirà circa 1.000 tonnellate all‘ora di

materiale di riporto.


Attualità dal mondo

25

Si espande il piacere dello sci

a Lech Zürs am Arlberg

I nuovi impianti di risalita dello Zugerberg

e del Madloch offrono un valore aggiunto

per gli appassionati di sport invernali e per

il paesaggio.

avranno quindi la possibilità di completare i leggendari

giri di sci alpino Weißer Ring o RUN of

FAME. I lavori di costruzione saranno completati

all’inizio della stagione invernale 2021/22.

Nella destinazione di sport invernali dell’Austria

occidentale, Lech Zürs am Arlberg, due nuovi

impianti di risalita creano un grande valore aggiunto

per tutti gli appassionati di sci. Le popolari

seggiovie Zugerberg e Madloch vanno

in meritata pensione dopo più di 50 anni e

vengono sostituite da due impianti di risalita

all’avanguardia. In futuro, gli sciatori potranno

salire sulla montagna ancora più velocemente,

più comodamente e senza dover aspettare, e

Nuova Zugerbergbahn

La nuova Zugerbergbahn sarà una cabinovia

a 10 posti con vetrature panoramiche. La stazione

superiore e il magazzino della stazione

inferiore saranno costruite sottoterra, il che

porta molti vantaggi per il paesaggio unico

e per la conservazione della natura. Inoltre,

si sta costruendo un edificio residenziale per

36 dipendenti della funivia direttamente sopra

la stazione interrata.

© 3D.Manufaktur Visualisierung

Nuova Madlochbahn

Dopo più di 12,5 milioni di corse, la seggiovia

Madloch sarà sostituita da una comoda seggiovia

a 6 posti con sedili riscaldati e cupole di

protezione dalle intemperie. La Madlochbahn

è un importante impianto di collegamento tra

le stazioni sciistiche di Zürs e Lech. Oltre all’aspetto

ultramoderno, anche la sicurezza gioca

un ruolo importante nella costruzione delle

nuove stazioni - con lo spostamento della

stazione inferiore, l’accesso è reso molto più

facile, e allo stesso tempo la protezione dalle

valanghe nella zona della stazione superiore è

ulteriormente ampliata.

Modernizzata la funicolare per la Torre

Olimpica di Montréal

Nell‘ambito della ristrutturazione completa

della Torre Olimpica di Montréal, in Canada,

anche la funicolare viene profondamente modernizzata.

La Torre Olimpica di Montréal è una delle attrazioni

turistiche più attraenti della provincia del

Québec con la sua insolita architettura inclinata.

L‘intero Parc Olympique che lo circonda e la

torre stanno ora ricevendo un rinnovamento a

tutto tondo come parte di un progetto globale

per promuovere l‘est di Montréal. Questo include

anche la funicolare, aperta nel 1987, che

porta all‘osservatorio della torre inclinata più

grande del mondo. Il gruppo Doppelmayr si è

aggiudicato il contratto per modernizzare la funicolare,

la cui riapertura è prevista per il 2023.

Design unico

Visivamente, la funicolare sarà straordinaria

come la Torre Olimpica: la nuova cabina

avrà un aspetto moderno con curve ampie

che ricordano il Parc Olympique. Oltre a un

nuovo design, la funicolare sarà dotata di un

nuovo argano ed un azionamento moderno.

La ristrutturazione dell’impianto è un progetto

comune del gruppo Doppelmayr: Garaventa,

Frey AG Stans, CWA e Doppelmayr Canada

stanno lavorando insieme per creare una funicolare

unica.

Per Doppelmayr Canada, sarà quasi una „partita

in casa“, dato che l‘Olympic Tower si trova

a soli 50 minuti dal sito produttivo canadese

di Saint-Jérôme.


Doppelmayr USA:

vicinanza al cliente e

progetti straordinari

Le innovazioni degli impianti a fune per il mercato statunitense vengono create su

85.000 metri quadrati a Salt Lake City. L‘area intorno alle Montagne Rocciose è una

delle regioni di sport invernali più popolari degli Stati Uniti. La filiale nordamericana

del gruppo Doppelmayr a Salt Lake City sta realizzando progetti unici di impianti a

fune in molte stazioni sciistiche nelle immediate vicinanze.

Doppelmayr USA è stata fondata nel

1982 nello stato del Colorado. Dopo la

fusione con Garaventa/CTEC nel 2002,

l‘azienda si è trasferita nella sua sede attuale

a Salt Lake City, Utah. Dal 2008, la filiale opera

con il nome di Doppelmayr USA e attualmente

impiega 192 persone. Katharina Schmitz gestisce

la filiale nordamericana dal 2020. Il sito

di Salt Lake City copre 85.000 metri quadrati,

che comprendono uffici, magazzini ed edifici

di fabbrica, aree per l‘assemblaggio elettrico,

spedizioni e archivi funiviari risalenti agli anni 70.

C‘è anche un impianto di formazione all‘avanguardia

di circa 4.200 metri quadrati per la formazione

professionale in tutti gli aspetti della

tecnologia degli impianti a fune.

Vicinanza a molte aree sciistiche

La posizione del sito è un grande vantaggio

sia per l’azienda che per i suoi clienti. Dopo

tutto, la parte occidentale della catena delle

Montagne Rocciose ospita le più grandi stazioni

di sport invernali del Nord America, come

Aspen, Beaver Creek o Vail Resorts, ma anche

molte aree sciistiche più piccole - una posizione

perfetta per servirle. Alcuni di questi, tra cui

Deer Valley o Park City, possono essere raggiunti

in soli 35 minuti dall’impianto. La posizione

centrale significa anche che gli esperti

possono essere sul posto più velocemente, le

riunioni fisiche facilitano la collaborazione e un

facile accesso alla formazione.

Progetti speciali

I clienti di Doppelmayr USA sono molto innovativi

e aperti a prodotti e soluzioni completamente

nuovi. Negli anni ‘80, per esempio,

la prima seggiovia quadriposto ad ammorsamento

automatico al mondo o la prima


Gruppo Doppelmayr

27

Estratto del progetto Doppelmayr USA

1981

Prima seggiovia automatica

a 4 posti al mondo,

Ski Corporation

Breckenridge, Colorado

1999

Mandalay Bay Tram (Cable Liner),

Las Vegas, Nevada

2014

Oakland Airport

Connector

(Cable Liner),

Aeroporto di Oakland,

Oakland, California

2018

Ramcharger 8

(seggiovia, D-Line),

Big Sky Resort, Montana

Prima cabinovia monofune

8 posti del mondo,

Steamboat, Colorado

1986

Marquam Hill (Cable Liner),

Portland, Oregon

2006

Hogwarts Express (Funicolare),

Universal Studios Theme Park

Orlando, Florida

2014

© 2014 Universal Orlando Resort. All rights reserved.

HARRY POTTER, characters, names and related indicia

are trademarks of and © Warner Bros. Entertainment Inc.

Harry Potter Publishing Rights © JKR. (s14)

www.universalorlando.com

Doppelmayr USA

Fondato: 1982

Località: Salt Lake City, Utah

Dipendenti: 192

Mercato principale: USA

Compiti: Pianifi cazione del progetto,

vendite, produzione, montaggio, messa

in servizio, servizio clienti, formazione

cabinovia a 8 posti al mondo sono state realizzate

nelle stazioni sciistiche del Colorado.

A Las Vegas, il Mandalay Bay Tram ha aperto

nel 1999, collegando i famosi hotel Excalibur,

Luxor e Mandalay Bay. Il design futuristico e la

vista panoramica di Las Vegas Strip rendono il

viaggio un’esperienza unica.

Un altro progetto Cable Liner di successo è

stato realizzato all’aeroporto internazionale di

Oakland. L’Oakland Airport Connector collega

l’aeroporto con la rete di trasporto pubblico

“BART” in soli 8,5 minuti. Dal 2014, il Cable

Liner ha trasportato diverse migliaia di passeggeri

in 20 ore di funzionamento al giorno. Nello

stesso anno è stato realizzato un altro entusiasmante

progetto che da allora ha fatto battere

il cuore dei fan di Harry Potter: agli Universal

Studios di Orlando, in Florida, è stato ricostruito

come funicolare l’”Hogwarts Express”, una

replica fedele del famoso treno a vapore.

Gli impianti D-Line si trovano anche negli Stati

Uniti. Nel 2018, per esempio, il Ramcharger, la

prima seggiovia a 8 posti del Nord America, è

stata costruita al Big Sky Resort in Montana.

Come pioniera del turismo invernale, Boyne

Resorts investe in innovazioni che migliorano

continuamente l’esperienza degli ospiti. Insieme

ai suoi clienti, Doppelmayr USA continuerà a

realizzare molti altri progetti interessanti e innovativi

in futuro.

Molte delle stazioni sciistiche più popolari

degli Stati Uniti si trovano nelle immediate

vicinanze della nostra sede di Salt Lake City

- un grande vantaggio per i nostri clienti.

Con il nostro know-how e le nostre attrezzature

tecniche, possiamo

essere sul posto così rapidamente

e portare avanti molti

progetti innovativi.

Katharina Schmitz,

CEO di Doppelmayr USA


Formazione in loco,

presso i clienti

Il gruppo Doppelmayr offre un programma di formazione articolato

per i clienti di tutto il mondo direttamente in loco.

Doppelmayr ha un grande centro di formazione

all‘avanguardia a Dornbirn e

offre anche corsi di formazione presso

le sue filiali. Ma poiché non tutti gli operatori

del settore funiviario hanno la possibilità di

recarsi in Austria o nella filiale più vicina, l‘azienda

offre un‘alternativa pratica: la formazione

in loco, cioè direttamente presso il cliente. Per

l‘addestramento degli esperti, viene utilizzato

un laboratorio in un container, che viene equipaggiato

individualmente a seconda delle esigenze.

Qui si possono simulare i problemi, che

vengono risolti sotto la guida degli insegnanti.

Il cliente è quindi attivamente coinvolto nel processo

di soluzione, senza disturbare il normale

esercizio degli impianti a fune.

Esperto e competente

Gli insegnanti del team di formazione sono ingegneri

e tecnici esperti provenienti da diversi

settori del gruppo Doppelmayr, esperti esterni

e esercenti funiviari. Essi si assicurano che il

personale sfrutti tutto il potenziale dei loro impianti

a fune. Una gestione competente degli

impianti riduce anche i costi di esercizio e

ne aumenta l’affidabilità. Il programma di formazione

specifico per i collaboratori dipende

dagli obiettivi e dalle conoscenze pregresse.

È sempre suddiviso in una parte teorica e

una pratica.

Una buona base

Doppelmayr offre corsi a diversi livelli di apprendimento,

che possono essere frequentati individualmente

o anche in serie. Il corso Basic, per

esempio, è rivolto ai nuovi arrivati nel settore.

I partecipanti ricevono una panoramica sugli

impianti funiviari e di tutto ciò che vi è associato,

come i pericoli, l’organizzazione, l’esercizio

pubblico. Lo scopo del corso è quello di comprendere

l’interazione dei singoli componenti

degli impianti a fune e di assimilare i principi di

una corretta manutenzione.


Servizio clienti

29

Supporto operativo per un funzionamento

sicuro

Il corso “Operations Advisory”, che segue il

corso “Basic”, è rivolto al team operativo e

fornisce un supporto tecnico di accompagnamento

– quindi non è un corso di formazione

in senso convenzionale. Esperti caposervizio

del team specialisti di Doppelmayr accompagnano

e istruiscono la squadra degli operatori

degli impianti a fune durante l’esercizio e

la supportano durante i controlli di routine o

le corse di prova. Forniscono anche preziosi

suggerimenti e consigli su questioni organizzative

o normative/legali e insegnano importanti

funzioni e procedure dell’impianto a fune.

Tutto sulla manutenzione

Per una conoscenza più approfondita della

manutenzione degli impianti a fune, c’è l’”Assistenza

al mantenimento”. Questa assistenza

al mantenimento si rivolge specificamente alla

squadra di manutenzione ed è composta da

numerosi moduli, che possono essere combinati

a seconda delle esigenze. Questi includono

le rulliere con i rulli, i lavori di manutenzione nelle

stazioni, la revisione delle morse, gli intervalli

di lubrificazione e molto altro. Il supporto alla

manutenzione è spesso combinato con le attività

del servizio assistenza Doppelmayr. Il loro

obiettivo è quello di sostenere il personale degli

impianti nei lavori di manutenzione ricorrenti.

Nell’ambito dell’assistenza al mantenimento, i

collaboratori eseguono le attività di manutenzione

in modo autonomo in presenza del supervisore.

Il supervisore fornisce supporto in caso di

dubbi, mostra gesti e trucchi e si occupa in dettaglio

degli argomenti richiesti dai dipendenti.

Progetti di formazione in tutto il mondo

L’offerta di formazione in loco è molto apprezzata

dai clienti. Solo nel 2021, Doppelmayr

ha tenuto 22 corsi di formazione all’estero di

una durata compresa tra due e otto settimane.

Grandi progetti di formazione hanno avuto

luogo, per esempio, sulla Cablebús Línea 1

a Città del Messico e sulla funivia Cat Ba 3S

in Vietnam. Quest’autunno è programmata

un’importante campagna di addestramento

anche ad Haifa, Israele. Il progetto di formazione

a Città del Messico è stato di grande

importanza per tutto il gruppo Doppelmayr in

America Latina. Il container-laboratorio utilizzato

rimarrà in Messico per poter offrire anche

in futuro una formazione completa direttamente

in loco. Il container non sarà utilizzato solo

per la formazione dei clienti, ma anche per

l’aggiornamento dei collaboratori Doppelmayr.

Questo è un passo importante nello sviluppo

di un servizio assistenza centrale per le aziende

e i rappresentanti in America Latina. L’azienda

sarà così in grado di offrire consulenza, sviluppo

di progetti, formazione sugli impianti a

fune, nonché servizi di manutenzione e assistenza

in loco. Questo facilita immensamente

la cooperazione in materia di mobilità urbana

e di progetti turistici nella regione.


30 Brevi

AURO vince il premio per l‘innovazione

Doppelmayr ha accettato con orgoglio il premio per l‘innovazione a Wolfurt: (da sinistra a destra)

L‘assessore provinciale all‘economia Marco Tittler, il governatore provinciale Markus Wallner,

il project manager di Doppelmayr AURO Gerd Dür, l‘amministratore delegato di Doppelmayr

Thomas Pichler e il presidente della Camera di Commercio Hans Peter Metzler.

Lo stato del Vorarlberg, insieme alla Camera

di Commercio del Vorarlberg, assegna il premio

annuale per l‘innovazione per le idee eccezionali.

Nel 2021, un totale di sette aziende sono

state premiate. Tra questi c‘era Doppelmayr

per AURO (Autonomous Ropeway Operation).

La giuria ha reso omaggio in particolare all‘interazione

senza soluzione di continuità di una

vasta gamma di innovazioni, che insieme hanno

portato la funivia ad azionamento autonomo ad

essere pronta per il mercato. Anche il potenziale

di risparmio che ne risulta, pur mantenendo

lo stesso livello di comfort, è stato elogiato.

Maggiori informazioni

su AURO:

Un marchio di qualità negli sport invernali

Lo Skiareatest internazionale è uno dei

parametri più importanti nell‘industria delle

funivie in termini di qualità, servizio agli

ospiti e innovazione. Da 25 anni, il team

di Skiareatest esegue controlli di qualità

anonimi nelle stazioni sciistiche e nelle

destinazioni turistiche partecipanti, secondo

categorie collaudate e complete. Il 28

maggio si è svolta a Rattenberg (Tirolo) la

cerimonia di premiazione dei vincitori della

stagione invernale 2020/21 alla presenza

di oltre 230 ospiti del settore funiviario.

I VINCITORI (ESTRATTO)

Stazione sciistica dell‘anno 2021 Oro:

Bergbahnen Destination Gstaad, Svizzera

Montagna dell‘anno 2021:

Lauchernalp Bergbahnen, Svizzera

Rising Star of the Year 2021 Gold: Bergbahnen

Hohe Salve Hopfgarten-Itter, Austria

Best Event Platinum: Audi FIS Ski World

Cup Ladies and Men Slalom, Snow Space

Salzburg, Austria


Brevi

31

Miracolo energetico Schilthornbahn 20XX

Nella stazione sciistica svizzera di

Schilthorn, l‘omonimo esercente funiviario

sta pianificando un nuovo progetto all‘insegna

della sostenibilità. La Schilthornbahn

20XX sarà gestita con un nuovo ed efficiente

sistema di batterie ibride. Grazie all‘energia

di frenata immagazzinata ed al fotovoltaico,

i singoli viaggi in funivia saranno completamente

autosufficienti.

Oltre alla riduzione del consumo di energia,

i costi energetici possono essere ridotti di

circa il 10 per cento con il doppio della capacità

di trasporto. La Schilthornbahn beneficia

della cooperazione e del know-how di

Garaventa e Frey AG nella realizzazione del

concetto energetico.

© Schilthornbahn AG

Serie di webinar sulla mobilità

urbana del futuro

Legenda

Lunghezza inclinata

Dislivello

Numero di sostegni

Stazioni

Capacità di trasporto

Velocità

Durata viaggio

Veicoli

Inaugurazione

D-Line

Servizio estivo

Servizio invernale

Impressum

„Quali sono gli approcci sostenibili alla mobilità

urbana?“, „Dove sta andando il trasporto

pubblico?“, „Cosa sta guidando la pianifi cazione

dei trasporti?“ o „Trasporti e sostenibilità:

una contraddizione?“: Doppelmayr esplora

queste e altre domande nell‘attuale serie di

webinar sulla mobilità urbana del futuro. Per

circa un‘ora, gli esperti offrono intuizioni entusiasmanti

e prospettive interessanti su offerte

e possibilità multimodali e sostenibili migliorate.

La partecipazione al webinar è gratuita.

Tutti i webinar sono anche disponibili per la

visualizzazione in tedesco e inglese.

Ulteriori date e

informazioni possono

essere trovate su:

Titolare dei diritti ed editore: Doppelmayr Seilbahnen GmbH,

Postfach 20, Konrad-Doppelmayr-Straße 1, 6922 Wolfurt, Austria,

dm@doppelmayr.com, doppelmayr.com; Testo e redazione:

ikp Vorarlberg GmbH, ikp.at, Doppelmayr; Grafi ca e impaginazione:

KONZETT BRENNDÖRFER, agenturkb.com; Foto: Doppelmayr;

Stampa: Thurnher, Rankweil; Linea editoriale come da § 25 della

Legge sui media: informazioni aggiornate per clienti, partner e

dipendenti del Gruppo Doppelmayr; Modalità di pubblicazione:

3 volte l'anno. La riproduzione è consentita unicamente con

indicazione della fonte e autorizzazione esplicita per iscritto;

Edizione: settembre 2021; Ai fi ni di una migliore leggibilità,

nella rivista si rinuncia all'uso di formule specifi che per il genere;

fatti salvi eventuali errori di composizione e stampa, si applicano

le condizioni commerciali generali (AGB).

doppelmayr.com


La funivia connessa

Intendiamo l’Information and Communications Technology (ICT) come la messa in rete innovativa di prodotti e servizi. Il sistema

di comando degli impianti a fune Doppelmayr Connect e la nuova generazione di cabine ne costituiscono la base tecnica.

Le funzioni delle cabine come l’illuminazione, la ventilazione, la climatizzazione, così come l’accesso e la citofonia possono

essere controllati facilmente e centralmente tramite Doppelmayr Connect.

doppelmayr.com

ITA

More magazines by this user
Similar magazines