20.05.2013 Views

qui - Istituto del Nastro Azzurro

qui - Istituto del Nastro Azzurro

qui - Istituto del Nastro Azzurro

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

1) Distintivi con decorazione e Dame Patronesse: € 7<br />

2) Distintivi dorati: piccoli: € 3, medi: € 3,50 grandi: € 4<br />

3) Portachiavi: smaltato: € 7,50<br />

4) Orologio: € 30<br />

5) Crest grande: € 25<br />

6 Labaretto: € 10<br />

7) Emblema Araldico: € 20<br />

8) Cartolina: € 0,30, cartoncino doppio: € 0,50, busta: € 0,10<br />

9) Fermacarte in onice: € 9,50<br />

10) Posacenere: € 9<br />

11) Attestato di Benemerenza: € 20<br />

12) Cravatta: lana: € 12 seta: € 15<br />

13) Foulards in seta: € 28<br />

14) Mug.: € 7,00<br />

15) Calendario: € 4,00<br />

Tutta l’oggettistica è in vendita presso le Federazioni che in caso di carenza di materiale possono richiederlo alla Presidenza Nazionale<br />

<strong>del</strong>l’Istituo. Le spese di spedizione saranno a carico <strong>del</strong>le Federazioni ed aggiunte al costo <strong>del</strong> materiale.


PERIODICO<br />

NAZIONALE<br />

DELL’ISTITUTO<br />

DEL NASTRO<br />

AZZURRO FRA<br />

COMBATTENTI<br />

DECORATI<br />

AL VALORE<br />

MILITARE<br />

ANNO XLVIII - N. 4 - LUG./AGO. 2009 - Bimestrale - Poste Ital. S.p.A. Sped. in abb. postale D.L. n. 353/2003 (Conv. in L. 27/2/2004 n. 46) Art. 1 comma 2, DCB Roma


DONIAMO IL 5 PER MILLE AL NOSTRO ISTITUTO<br />

Anche quest’anno è consentito, sia con il Mod. UNICO che<br />

con il 730, destinare il “5 per mille” <strong>del</strong>l’IRPEF a sostegno<br />

<strong>del</strong>le attività <strong>del</strong>ll’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> fra<br />

Decorati al Valor Militare, come Associazione riconosciuta<br />

che opera nei settori di cui all’art.10, comma 1, lettera<br />

a, <strong>del</strong> D.Lgs. n.460/97. Pertanto, vi invitiamo ad utilizzare<br />

questo strumento per sostenere gli impegni che il<br />

nostro <strong>Istituto</strong> si è assunto per diffondere, in particolare<br />

tra le giovani generazioni, il rispetto e l’amore per la Patria<br />

e la conoscenza dei doveri verso questa; assistere gli iscritti<br />

e salvaguardare gli interessi morali e materiali <strong>del</strong>la categoria;<br />

mantenere vivi i contatti con le Forze Armate e con<br />

le Associazioni Combattentistiche e d’Arma.<br />

La scelta si può esprimere apponendo, nell’apposito spazio,<br />

la propria firma ed inserendo il Codice Fiscale<br />

<strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> 80226830588.<br />

* * *<br />

INFORMAZIONI UTILI PER I PARTECIPANTI<br />

AL CONGRESSO DI BOLOGNA<br />

Come già anticipato a pag. 3 <strong>del</strong>lo scorso n.° 3/2009 de “Il<br />

<strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>”, in calce al programma provvisorio <strong>del</strong><br />

Congresso (che per ora non ha subito variazioni), alcuni<br />

alberghi di Bologna sono stati convenzionati per fornire, a<br />

condizioni particolarmente favorevoli, alloggio ai partecipanti<br />

al Congresso Nazionale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>, che si<br />

terrà nella città felsinea dal 16 al 18 ottobre 2009. Di seguito<br />

si pubblica il loro elenco con i rispettivi recapiti:<br />

Hotel Metropolitan *** - Via <strong>del</strong>l’Orso n. 6 - Bologna - tel.<br />

051 224602<br />

Hotel Regina*** -Via Indipendenza n. 51 - Bologna - tel.<br />

051 248952<br />

Hotel Trevecchi ****-Via Indipendenza n. 47 - Bologna -<br />

tel. 051 231991<br />

Hotel II Canale *** - Via Bertiera n. 2 - Bologna - tel. 051<br />

222098<br />

Invitiamo tutti i soci intenzionati a partecipare al Congresso<br />

a provvedere per tempo alle prenotazioni onde evitare che<br />

la disponibilità di camere risulti alla fine esaurita.<br />

Si rende noto altresì che la S. Messa sarà officiata domenica<br />

18 dal Vescovo ausiliare di Bologna, S.E. Ernesto Vecchi. Per<br />

motivi sia di economia che di spazio, la Cena di gala di sabato<br />

17 sarà su invito: i partecipanti vestiranno l’abito scuro.<br />

• Comunicazioni Pag. 2<br />

• Il <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> continuerà “” 3<br />

• Bologna, la città <strong>del</strong> Congresso “” 3<br />

• Lettere al Direttore “” 4<br />

• 2 giugno 2009:<br />

63° Anniversario <strong>del</strong>la Repubblica “” 6<br />

• A 63 anni di distanza i valori di sempre “” 8<br />

• La giornata <strong>del</strong> decorato “” 10<br />

• 157° Anniversario <strong>del</strong>la Polizia di Stato “” 11<br />

• L’Esercito Italiano ha festaggiato<br />

il 148°Anniversario “” 12<br />

• 2009 - La NATO compie sessant’anni “” 14<br />

• Medaglie d’oro eccellenti: Primo Longobardo “” 16<br />

• La Regia Aeronautica sul fronte russo<br />

nel secondo conflitto mondiale “” 18<br />

• Raimondo Mazzola: il “miracolato”<strong>del</strong>lo Scirè “” 22<br />

• Detto fra noi “” 24<br />

• Notizie in <strong>Azzurro</strong> “” 25<br />

• Le colovare “” 26<br />

• Il colonnello Antonino Frasconà M.A.V.M e<br />

M.B.V.M. (sul campo) “” 30<br />

• Estate 1941: abbattuto aereo <strong>del</strong>la R.A.F.<br />

su Lampedusa “” 31<br />

• Dal foglio matricolare <strong>del</strong> colonnello Frasconà “” 33<br />

• Il Comandante Francesco Acton: uno stabiese<br />

pluridecorato <strong>del</strong>la seconda guerra mondiale “” 34<br />

• Giovanni Maltese, l’eroe di Cefalonia “” 37<br />

• I kappenabzeichen “” 38<br />

• Cronache <strong>del</strong>le Federazioni “” 40<br />

• Consigli Direttivi “” 46<br />

• Recensioni “” 47<br />

• Oggettistica <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> “” 48<br />

In copertina:<br />

2 giugno 2009:<br />

63° Anniversario <strong>del</strong>la Repubblica Italiana<br />

“IL NASTRO AZZURRO”<br />

Ha iniziato le pubblicazioni a Roma il 26 marzo 1924<br />

(La pubblicazione fu sospesa per le vicende connesse al secondo conflitto mondiale e riprese nel 1951)<br />

Direz. e Amm.: Roma 00161 - p.zza Galeno, 1 - tel. 064402676 - fax 0644266814 - Sito internet: www.istitutonastroazzurro.org<br />

- E-mail: redaz.nastroazzurro@libero.it - Direttore Editoriale: Giorgio Zanardi - Presidente Nazionale <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> - Direttore<br />

Responsabile: Antonio Daniele - Comitato di Redazione: Giorgio Zanardi, Antonio Daniele, Carlo Maria Magnani, Giuseppe<br />

Picca, Bruno Stegagnini, Antonio Teja, Antonino Zuco - Segretaria di Redazione: Barbara Coiante - Autorizzazione <strong>del</strong><br />

Tribunale Civile e Penale di Roma con decreto n.° 12568 <strong>del</strong> 1969 - Progetto Grafico e stampa: Arti Grafiche San Marcello<br />

s.r.l. - v.le Regina Margherita, 176 - 00198 Roma - Finito di stampare: giugno 2009<br />

Per abbonarsi i versamenti possono essere effettuati su C/C Postale n. 25938002 intestato a “<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>”, oppure<br />

su C/C Bancario CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA - Filiale di Roma - P.zza Madonna Loreto, 24 - c/c n. 0722122-3 - CIN IT “A” -<br />

ABI 06155 - CAB 03200 - IBAN: IT69A0615503200000000002122 - C.F. 80226830588<br />

Abbonamento ordinario: 20 Euro; sostenitore: 25 Euro; benemerito: 30 Euro e oltre.<br />

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana


IL NASTRO AZZURRO CONTINUERÀ<br />

Azzurri carissimi,<br />

nessuno come noi Azzurri<br />

sa valutare i sacrifici, le sofferenze<br />

e il merito dei profughi<br />

<strong>del</strong>l’Istria che hanno<br />

dovuto lasciare o hanno<br />

voluto lasciare case e beni<br />

per rimanere, nel 1945 e<br />

dopo la fine <strong>del</strong>la 2^ guerra<br />

mondiale, ancora italiani.<br />

Nessuno più di loro merita<br />

l’onore di far parte <strong>del</strong>le<br />

nostre file. L’iscriverli al nostro<br />

<strong>Istituto</strong> rende omaggio anche a<br />

quei giuliani (20.000 e più) di<br />

cui non abbiamo saputo più<br />

nulla perché scaraventati nelle<br />

foibe.<br />

Vi invito anche a rivolgere<br />

la vostra attenzione a quei<br />

vostri concittadini iscritti<br />

all’Avis, perché donatori di sangue,<br />

che sono altrettanto<br />

benemeriti <strong>del</strong>la Patria.<br />

Cercate <strong>qui</strong>ndi di invitare<br />

anche loro a divenire nostri<br />

…NESSUNO COME NOI AZZURRI<br />

SA VALUTARE I SACRIFICI, LE<br />

SOFFERENZE E IL MERITO DEI<br />

PROFUGHI DELL’ISTRIA CHE<br />

HANNO DOVUTO O HANNO<br />

VOLUTO LASCIARE CASE E BENI<br />

PER RIMANERE, NEL 1945 E DOPO<br />

LA FINE DELLA SECONDA<br />

GUERRA MONDIALE, ANCORA<br />

ITALIANI...<br />

BOLOGNA, LA CITTÀ DEL CONGRESSO<br />

Soci simpatizzanti; è anche questo un modo giusto<br />

di servire la Patria.<br />

Con questo ulteriore accrescimento <strong>del</strong>le nostre<br />

schiere rafforzeremo ulteriormente il nostro <strong>Istituto</strong><br />

nell’imminenza <strong>del</strong> rinnovo <strong>del</strong>le cariche sociali e<br />

<strong>del</strong>le modifiche <strong>del</strong> nostro Statuto che ci ripromettiamo<br />

di <strong>del</strong>iberare a Bologna in occasione <strong>del</strong><br />

nostro XXVIII Congresso Nazionale.<br />

Quanto ha già fatto l’ANMIG creando la fondazione<br />

che ne assicura la continuità nel tempo e<br />

quanto stanno decidendo di fare i partigiani iscritti<br />

all’ANPI per evitare di concludere la sua storia con la<br />

loro inevitabile fine per via <strong>del</strong>-<br />

l’anagrafe, ci stimola a ribadire<br />

l’assoluta necessità di continuare<br />

a mantenere in vita il<br />

nostro <strong>Istituto</strong> e a combattere<br />

la tentazione di quei pochi che<br />

per mantenerne integro il<br />

ricordo preferirebbero che con<br />

la fine dei Decorati finisse<br />

l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>.<br />

Con animo sempre più<br />

grato vi abbraccia il Vostro<br />

Presidente.<br />

Giorgio Zanardi<br />

L’area metropolitana di Bologna conta una popolazione di oltre 750.000 abitanti, mentre la sua influenza economica,<br />

culturale e come polo d’attrazione supera ampiamente l’area urbana propriamente detta, estendendosi da Parma fino<br />

alle Marche lungo l’asse <strong>del</strong>la via Emilia; si tratta di una sorta di “nebulosa urbana” con oltre 3,5 milioni di abitanti, la<br />

cui essenza è stata colta dallo scrittore Carlo Lucarelli, nel suo romanzo Almost Blue, quando fa dire ad uno dei<br />

personaggi “Quella che lei chiama Bologna, è un cosa grande, che va da Parma fino a Cattolica ... dove davvero la<br />

gente vive a Modena, lavora a Bologna e la sera va a ballare a Rimini ... è una strana metropoli ... che s’allarga a<br />

macchia d’olio tra il mare e gli Appennini”.<br />

Inoltre, ormai si va profilando la fusione con l’area urbana di Modena (dalla quale la separano solo pochissimi<br />

chilometri lungo gli assi <strong>del</strong>la via Emilia e <strong>del</strong>la via Bazzanese); lo stesso Aeroporto di Bologna è al servizio diretto<br />

<strong>del</strong>l’intera provincia modenese e dei suoi poli produttivi tessile (Carpi), <strong>del</strong>le ceramiche (Sassuolo) e <strong>del</strong> biomedicale<br />

(Mirandola).<br />

La città e la sua area metropolitana, parametrate anche su scala economica, culturale, commerciale, industriale,<br />

congressuale, fieristica, finanziaria e sociale, rivestono <strong>qui</strong>ndi un’importanza, in ambito nazionale ed europeo, assai<br />

superiore a quanto espresso dal semplice parametro demografico (men che meno a quello <strong>del</strong>la popolazione<br />

ufficialmente residente nel ristretto ambito comunale). La conferma di questo arriva da un interessante studio<br />

francese condotto nel 1989 dal gruppo Reclus di Montpellier e commissionato <strong>del</strong>la DATAR (Délégation à<br />

l’Amenagement du Territoire et à l’Action Régionale), studio nel quale si formula una classificazione per grado<br />

d’importanza <strong>del</strong>le città con più di 200.000 abitanti di 14 Stati <strong>del</strong>l’Europa Occidentale e mediterranea: Bologna, invero<br />

con Firenze e Venezia, si situa allo stesso livello assieme a metropoli assai più popolose (ad esempio Glasgow,<br />

Edimburgo, Birmingham, Oslo, Helsinki, L’Aia, Dusseldorf, Colonia, Vienna, Lisbona, Marsiglia, Siviglia, Valencia, le<br />

stesse Napoli, Genova e la conurbazione Firenze - Prato, in Italia, ecc.); addirittura ad un rango superiore a quello in<br />

cui sono collocate altre città più popolose, quali Dublino, Leeds, Liverpool, Lilla, Norimberga, Essen, Dortmund, Brema,<br />

Hannover, Saragozza, Malaga, Bilbao, Salonicco, in Italia la stessa Palermo, ecc.<br />

Nonostante l’esigua popolazione comunale, Bologna è stata anche inserita, dal gruppo di studio GaWC, tra il centinaio<br />

di Città globali (o Città <strong>del</strong> Mondo), in virtù <strong>del</strong>la sua importanza culturale ed economica (invero in categoria D, cioè<br />

città globali in formazione, con scarsa evidenza).<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

3


Egregio Direttore,<br />

Gentile signora,<br />

LETTERE AL DIRETTORE<br />

La ringrazio infinitamente <strong>del</strong>l’attenzione che ha dato alla mia precedente lettera, non mi sento sola se persone<br />

come Lei mi sono vicine per idee e sentimenti.<br />

Da pochi mesi sono stata eletta presidente <strong>del</strong>la sezione A.N.M.I.G. di Fabriano. Nella prima riunione <strong>del</strong><br />

Consiglio Direttivo ho messo al primo punto l’ac<strong>qui</strong>sto di una nuova bandiera per sostituire l’altra mal ridotta dal tempo<br />

e dall’incuria. Ho anche proposto che ora sarà presente alle onoranze funebri degli iscritti qualora ne dessero notizia.<br />

Tutti hanno approvato, perché se hanno combattuto sotto questo vessillo donando i loro anni migliori è giusto che li<br />

accompagni nel loro ultimo viaggio.<br />

Nella ricorrenza <strong>del</strong> 4 novembre (vergognosamente spostata) io stessa ho portato il nostro labaro, e con orgoglio<br />

non avendo ancora l’alfiere, ho patito invece quando ho visto il Sindaco indossare la fascia tricolore portatagli, con gesti<br />

frettolosi e quasi scomposti prima che cominciasse il rito religioso. Poveri eroi! Povera Italia, come avrebbe detto mio<br />

padre se fosse ancora vivo!<br />

Sto cercando simpatizzanti e sarebbe il mio sogno ricostruire una Sezione come fece a suo tempo mio marito;<br />

ho già alcuni nominativi, ma credo che debbano avere il consenso <strong>del</strong>la Federazione di Ancona.<br />

Ho quasi terminato il diario molto documentato: “Il mio cammino con un <strong>Azzurro</strong>”; ho rivissuto con Lui il<br />

dolore <strong>del</strong>la disfatta, il disagio <strong>del</strong>la prigionia, la sua gioia appena toccato il suolo italiano dopo otto anni di lontananza<br />

(Africa Settentrionale, India), la nostra vita che è stata un mix di difficoltà, di dolore, ma anche di gioia, il tutto pervaso<br />

da grande dolcezza che Lui ha saputo donarmi.<br />

I miei più vivi ringraziamenti anche per la pazienza che avrà nel leggermi e tanti cordiali saluti.<br />

Mi creda<br />

i Suoi sentimenti traspaiono dai Suoi scritti con una purezza ed una forza degne <strong>del</strong>la più alta considerazione.<br />

Rimango sempre affascinato dalla pura bellezza <strong>del</strong>le espressioni di amore per quanto di più profondo ci sia<br />

stato trasmesso dai nostri predecessori. Tali espressioni trovano in Lei un’interprete d’eccezione.<br />

Ammiro profondamente la Sua capacità di ricordare senza acredine un passato che pure è stato foriero di<br />

prove tremende, come apprezzo la capacità di indignarsi che Lei dimostra per quel sindaco che indossa la fascia<br />

tricolore, simbolo <strong>del</strong>l’istituzione da lui impersonata, “…con gesti frettolosi, quasi scomposti…”. Mi viene da<br />

pensare se, durante la sua campagna elettorale, quella persona avesse pensato, anche solo per un momento,<br />

che, in caso di vittoria alle elezioni, gli sarebbe toccato (è proprio il caso di dire così) di dover indossare la fascia<br />

tricolore alle manifestazioni istituzionali. Probabilmente non lo aveva mai considerato.<br />

Forse anche i parlamentari che, nel lontano 1977, hanno abolito il 4 novembre, pur mantenendo “ipocritamente”<br />

la “Festa <strong>del</strong>le forze Armate”, e non più <strong>del</strong>la “Vittoria”, nella “prima domenica di novembre”, non si<br />

rendevano conto di quale importante ufficio avrebbe rivestito il loro impegno istituzionale, mentre svolgevano<br />

i comizi <strong>del</strong>la rispettiva campagna elettorale.<br />

Non voglio <strong>qui</strong> indulgere a facili luoghi comuni, ma vorrei esprimere un punto di vista su un particolare tipo<br />

di onestà che, sovente, sembra latitare dagli animi di chi ai tempi attuali si candida e viene eletto ad un incarico<br />

istituzionale: l’onestà intellettuale.<br />

Mi spiego meglio: se qualcuno non crede in alcune forme istituzionali, come per esempio gli “Onori alla<br />

Bandiera”, la “Fascia Tricolore”, l’“Inno di Mameli” e altre forme con cui si rende esplicita l’appartenenza alle<br />

istituzioni <strong>del</strong>la nostra nazione, perché si candida per un incarico istituzionale? Mica glielo ha ordinato il dottore<br />

di dover fare il sindaco di un comune o l’assessore provinciale o ancora il deputato o il senatore. Per accedere<br />

a tali cariche bisogna avere un altissimo senso <strong>del</strong>lo stato ed un profondo amore per la nostra Patria. Senza<br />

tali premesse, l’incarico si svuota di significato e diventa solo il mezzo per fini molto meno nobili. Fermo restando<br />

il male fatto ai propri elettori che… si sono sbagliati.<br />

Mi perdoni se, cogliendo l’occasione <strong>del</strong>la sua bellissima lettera, ho preso la via <strong>del</strong>l’invettiva (intesa nel<br />

senso “latino” <strong>del</strong> termine) e ho voluto sottolineare il gravissimo danno sociale determinato dalla perdita di<br />

valore dei sentimenti profondi di appartenenza nazionale <strong>del</strong> nostro popolo.<br />

Quanto sono, invece, più elevati, più puri, più amorevoli, i sentimenti che traspaiono dalla sua lettera, breve,<br />

ma intensa e piena di significato!<br />

Con la più profonda stima e ammirazione.<br />

Antonio Daniele<br />

4 IL NASTRO AZZURRO<br />

Lucia Polidori Giorgetti


Caro Direttore,<br />

ho ricevuto il n. 2/2009 de “Il <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>” e, dopo averlo letto …, sono tornato alle pagg. 4 e 5 per rileggere<br />

con la massima attenzione le lettere <strong>del</strong>la Signora Del Din e <strong>del</strong> Signor Bellezza e le Sue garbate ma precise ed<br />

esaurienti risposte. In merito alla affermazione, di cui al secondo capoverso <strong>del</strong>la mia <strong>del</strong> 25.03.08, da Lei non<br />

condivisa (la “vulgata” <strong>del</strong>la “Repubblica nata dalla Resistenza”), senza voler fare <strong>del</strong>la inutile polemica, vorrei<br />

richiamare la definizione che <strong>del</strong>la parola “vulgata” si può trovare sia sul Grande Dizionario Garzanti <strong>del</strong>la lingua<br />

italiana e sia sul Dizionario Enciclopedico Italiano <strong>del</strong>la Treccani. Il primo la definisce: a – “versione latina <strong>del</strong>la Bibbia<br />

in gran parte opera di San Girolamo ed adottata come testo ufficiale <strong>del</strong>la Chiesa cattolica romana”; b – “il testo<br />

corrente di un’opera nella forma trasmessa dalla tradizione”… Avuta presente la valenza <strong>del</strong>la parola “vulgata”, se i<br />

vincitori …avessero detto, nello scrivere la cronaca di quegli anni …“la Repubblica nata dopo la vittoria degli eserciti<br />

alleati e con il contributo <strong>del</strong>la Resistenza e dei ricostituiti Partiti politici” non vi sarebbe stato, negli anni, alcun<br />

bisogno di far baccano per farsi conoscere e ricordare e non si sarebbero disturbati i molti distratti.<br />

Chiusa la parentesi filologica, …mi permetto solo di puntualizzare … che Benedetto Croce il 24 luglio 1947, in<br />

occasione <strong>del</strong>la presentazione all’Assemblea Costituente per la ratifica (cosa che il Giappone si rifiutò di fare) <strong>del</strong><br />

Trattato di Pace, ebbe a dire “...io non pensavo che la sorte mi avrebbe, negli ultimi miei anni, riservato un cosi<br />

trafiggente dolore ... Noi italiani abbiamo perduto una guerra e l’abbiamo perduta tutti, .... Ciò è pacifico quanto<br />

evidente...” Egli non voleva che il Dictat, come ebbe a chiamarlo, fosse approvato ma solo “subito” … E la sera <strong>del</strong> 15<br />

settembre 1947, quando il trattato entrò in vigore, Alcide De Gasperi, alla radio, disse fra l’altro: “...scende la notte su<br />

una <strong>del</strong>le più tristi giornate <strong>del</strong>la nostra Storia...”. Sulle premesse <strong>del</strong> Trattato di Pace, si può anche ricordare che l’8<br />

settembre 1943 fu reso noto solo il così detto “armistizio corto” … (Vittorio Emanuele III, l’8 settembre alle ore 13,<br />

aveva assicurato sul proprio onore all’Ambasciatore tedesco - come <strong>del</strong> resto già fatto alcuni giorni prima da Badoglio -<br />

la piena lealtà, all’alleato e la prosecuzione <strong>del</strong>la guerra) … mentre la seconda parte, firmata a Malta da Badoglio sulla<br />

corazzata Nelson (“armistizio lungo” contenente le clausole <strong>del</strong>la resa senza condizioni ed il più che discutibile art.<br />

16), fu segretata fino al 6 novembre 1945 anche per disorientare i comandi militari e soprattutto la Marina, con la flotta<br />

quasi ancora intatta, che era il grosso bottino che gli anglo-americani volevano incamerare come preda bellica.<br />

Concludo questa mia chiacchierata, … ricordando che … Giorgio Bocca nel suo libro “Storia <strong>del</strong>l’Italia partigiana”<br />

… che il 18 settembre 1943 i partigiani erano appena mille e cinquecento dei quali, peraltro, un migliaio risultava essere<br />

rappresentato da militari sbandati e che solo nei giorni <strong>del</strong>la insurrezione di cui al famigerato “Piano E 27”, ovvero a<br />

cose fatte, se ne contarono da 250 a 300 mila!<br />

La ringrazio vivamente per l’attenzione … e, non senza scusarmi per la lunghezza, mi rimane gradito inviarLe i più<br />

cordiali saluti.<br />

Giuseppe Cigliana<br />

Caro Cigliana,<br />

innanzitutto devo pubblicamente scusarmi per aver dovuto ridurre notevolmente la Sua interessante, ma lunghissima<br />

lettera. Spero di essere riuscito comunque a mantenerne inalterato il senso generale.<br />

Devo dire che, ancora una volta, mi dichiaro completamente d’accordo con Lei, a meno <strong>del</strong>l’affermazione<br />

sulla “vulgata” <strong>del</strong>la Repubblica nata dalla Resistenza. La ringrazio per i chiarimenti filologici sul significato<br />

<strong>del</strong>la parola “vulgata” e credo che essi mi rafforzino nella mia opinione che… assolutamente non si tratti di<br />

una “vulgata”! La Resistenza è stata la premessa storica e sociale vera e reale che, dopo averne promosso l’esigenza,<br />

ha condotto il popolo italiano al referendum istituzionale <strong>del</strong> 2 giugno 1946 col quale si è scelto di trasformare<br />

lo stato da Monarchia in Repubblica. Se ciò non fosse avvenuto, gli atti <strong>del</strong> Re Vittorio Emanuele III e<br />

gli eventi conseguenti, ritenuti di grave nocumento alla nazione (ventennio fascista, entrata in guerra, pessima<br />

gestione <strong>del</strong>l’armistizio, ecc…), sarebbero stati riparati a sufficienza con la sua abdicazione. Il referendum, promosso<br />

per “riparare” ai predetti danni, ha avuto in realtà lo scopo di portare alle urne il popolo proprio all’indomani<br />

<strong>del</strong>la disastrosa guerra perduta, cioè nel momento di minore lucidità nella materia proposta dal referendum.<br />

Chi ha voluto questo? Proprio i “capi” <strong>del</strong>la Resistenza, mentre diventavano i leader politici <strong>del</strong>la<br />

appena tornata democrazia. Per questo ho espresso parere diverso relativamente alla “vulgata”… Perché ritengo<br />

che non sia affatto una “vulgata”, cioè una versione “tradizionale”, ma non per questo esatta, di ciò che<br />

accadde, ma si sia trattato di un’azione politica premeditata e gestita con estrema attenzione e determinazione<br />

in un momento storico particolarmente favorevole a tale cambiamento.<br />

Spero di aver chiarito completamente il mio pensiero in materia e La ringrazio per l’attenzione e la partecipazione<br />

con cui legge “Il <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>”. Mi creda, i lettori come Lei che contribuiscono su queste pagine ad<br />

aprire ed approfondire (entro i limiti degli spazi disponibili) il dibattito sulle vicende <strong>del</strong>la nostra Patria, sono<br />

davvero encomiabili ed apprezzabili.<br />

Con viva cordialità.<br />

Antonio Daniele<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

5


2 GIUGNO 2009:<br />

63 o ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA<br />

Di anno in anno, la celebrazione <strong>del</strong> compleanno<br />

<strong>del</strong>la nostra Repubblica registra una costante riduzione<br />

degli uomini e dei mezzi<br />

che sfilano in parata: quest’anno circa<br />

6.000 uomini e donne (ottocento in<br />

meno <strong>del</strong>lo scorso anno), tra militari e<br />

appartenenti ai Corpi assimilati alle<br />

Forze Armate. Anche i supporti logistici<br />

sono stati ridotti, le tribune sono<br />

state ridimensionate; il tutto ha portato<br />

ad un risparmio complessivo di<br />

un milione di Euro che il Governo ha<br />

destinato agli aiuti per le zone terremotate<br />

d’Abruzzo.<br />

Come da copione, l’arrivo <strong>del</strong><br />

Capo <strong>del</strong>lo Stato, On. Sen. Giorgio<br />

Napolitano, ha dato il via alla parata.<br />

Presenti pressoché tutte le autorità<br />

istituzionali: i presidenti <strong>del</strong> Senato,<br />

sen. Renato Schifani, e <strong>del</strong>la Camera<br />

on. Gianfranco Fini, il Presidente <strong>del</strong><br />

Consiglio dei Ministri, on. Silvio<br />

Berlusconi (giunto in lieve ritardo), il<br />

Ministro <strong>del</strong>la Difesa, on. Ignazio La<br />

Russa, il Sottosegretario alla<br />

Protezione Civile, dott. Guido<br />

Bertolaso, e di numerose autorità isti-<br />

6 IL NASTRO AZZURRO<br />

tuzionali tra le quali il sindaco di Roma Gianni Alemanno,<br />

con la fascia tricolore, alle quali si aggiungono autorità<br />

civili, religiose e militari (il Capo di<br />

Stato Maggiore <strong>del</strong>la Difesa generale<br />

Vincenzo Camporini, i Capi di Stato<br />

Maggiore <strong>del</strong>le Forze Armate, ecc).<br />

Proprio l’impegno in Abruzzo<br />

<strong>del</strong>le Forze Armate, <strong>del</strong>la Protezione<br />

Civile, <strong>del</strong>la Croce Rossa Italiana e dei<br />

Corpi Armati <strong>del</strong>lo Stato è stato il leit<br />

motiv <strong>del</strong>la sfilata 2009 che ha visto<br />

un Guido Bertolaso particolarmente<br />

attento al passaggio dei “suoi” operatori<br />

molto apprezzati per la meritoria<br />

opera tutt’ora in svolgimento<br />

nelle zone martoriate dal terremoto.<br />

Sempre più numerose le donne presenti<br />

nei Reparti che hanno sfilato,<br />

non più novità, ma ormai normalità<br />

nelle Forze Armate.<br />

Nella sua scenografia esecutiva, la<br />

parata 2009, aperta dalla tradizionale<br />

ostensione da parte dei Vigili <strong>del</strong><br />

Fuoco <strong>del</strong> Tricolore sulla facciata <strong>del</strong><br />

Colosseo, è stata divisa in otto settori.<br />

Nel primo, <strong>del</strong>le Istituzioni, hanno sfilato<br />

le Bandiere <strong>del</strong>le quattro Forze


Il Presidente <strong>del</strong>la Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato al Ministro <strong>del</strong>la Difesa, on.<br />

Ignazio La Russa, il seguente messaggio:<br />

“Al termine <strong>del</strong>la odierna Rivista militare, in occasione <strong>del</strong> sessantatreesimo anniversario<br />

<strong>del</strong>la proclamazione <strong>del</strong>la Repubblica italiana, desidero esprimerle il mio personale<br />

compiacimento per la piena riuscita <strong>del</strong>la manifestazione.<br />

Ho altresì molto apprezzato come, nella difficile contingenza che il Paese sta<br />

attraversando, ella abbia voluto adottare misure atte a conferire all’evento toni di sobrietà<br />

e rigore, senza nulla togliere alla celebrazione, e contribuire al conferimento di risorse per<br />

l’assistenza e la ricostruzione in Abruzzo.<br />

Nella solennità <strong>del</strong>la circostanza, i reparti hanno sfilato in maniera impeccabile, con una<br />

impostazione formale, un portamento ed un entusiasmo che testimoniano elevatissimo<br />

livello addestrativo e consapevolezza <strong>del</strong> ruolo e <strong>del</strong>la dignità di quanti prestano servizio<br />

nelle Forze Armate nell’interesse <strong>del</strong> Paese e <strong>del</strong>la comunità internazionale.<br />

Il rilancio su nuove e più costruttive basi <strong>del</strong>la cooperazione tra gli Stati ed il<br />

superamento <strong>del</strong>la grave crisi economica che, in questo periodo, colpisce l’Italia ed il resto<br />

<strong>del</strong> mondo non possono infatti prescindere dal contributo che lo strumento militare italiano<br />

garantisce per il mantenimento di adeguate condizioni di sicurezza su scala globale e per la<br />

stabilizzazione <strong>del</strong>le aree di crisi.<br />

L’affetto e l’ammirazione con cui i tantissimi cittadini accorsi quest’oggi nello splendido<br />

scenario dei Fori Imperiali hanno festeggiato le Forze Armate sono segni ine<strong>qui</strong>vocabili di<br />

quale e quanta considerazione il Paese abbia per le nostre istituzioni militari.<br />

Con questi sentimenti, le chiedo, signor Ministro, di far pervenire il mio apprezzamento e<br />

quello <strong>del</strong>le istituzioni democratiche per l’eccellente lavoro svolto e l’impegno altamente<br />

professionale profuso a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare l’odierna<br />

celebrazione.”<br />

Armate e <strong>del</strong>la G.d.F., seguite dai gonfaloni <strong>del</strong>le Regioni<br />

italiane e dai labari <strong>del</strong>le Associazioni Combattentistiche<br />

e d’Arma (tra cui il Labaro <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong><br />

fra Combattenti Decorati al Valor Militare), seguiti da un<br />

sottosettore relativo all’attività internazionale a supporto<br />

<strong>del</strong>la politica estera, in cui hanno sfilato le rappresentanze<br />

dei reparti italiani e <strong>del</strong>le nazioni alleate impegnate<br />

insieme nei medesimi teatri operativi fuori area nell’ambito<br />

di missioni NATO e ONU (coreografici i greci con<br />

le loro uniformi caratteristiche).<br />

I quattro settori successivi, relativi all’Esercito Italiano,<br />

alla Marina Militare, all’Aeronautica Militare ed all’Arma<br />

dei Carabinieri, hanno seguito tutti il medesimo copione:<br />

sono stati aperti dalla rispettiva Banda militare cui hanno<br />

fatto seguito una compagnia di formazione <strong>del</strong>le rispettive<br />

scuole militari (Accademia, Scuola Sottufficiali,<br />

Scuola Volontari di truppa, ecc…), la formazione <strong>del</strong>le<br />

Bandiere di Guerra dei Reparti e una o più Compagnie di<br />

Reparti scelti o di rappresentanze di Reparti.<br />

Il sesto settore, relativo ai Corpi armati ed ausiliari<br />

<strong>del</strong>lo Stato, è stato aperto dalla Guardia di Finanza, che<br />

ha sfilato con le stesse modalità <strong>del</strong>le altre Forze Armate,<br />

e completato dalla Croce Rossa Italiana e dal Sovrano<br />

Militare Ordine di Malta.<br />

Il settimo, relativo alla Protezione Civile, è stato aperto<br />

dalla Banda Nazionale dei Vigili <strong>del</strong> Fuoco e da una<br />

loro rappresentanza, seguiti dalla Polizia di Stato, con la<br />

medesima formula <strong>del</strong>le Forze Armate (Compagnia di<br />

formazione <strong>del</strong>le Scuole, Compagnia Specialità varie,<br />

automezzi, tra cui la “Lamborghini”), la Polizia<br />

Penitenziaria, il Corpo Forestale <strong>del</strong>lo Stato e poi di<br />

Roma, 2 giugno 2009<br />

nuovo i Vigili <strong>del</strong> Fuoco con i propri mezzi speciali su uno<br />

dei quali campeggiava la scritta : “L’Abruzzo nel cuore –<br />

L’A<strong>qui</strong>la 2 aprile 2009”. La commozione di tutti, autorità<br />

e semplice pubblico, è stata fortissima al passaggio. E<br />

ancora molti mezzi utilizzati da tutte le forze <strong>del</strong>lo Stato<br />

intervenute in Abruzzo. Il settore è stato chiuso dal reparto<br />

motociclistico <strong>del</strong>la Polizia Municipale di Roma, in rappresentanza<br />

di quelli di tutti i comuni d’Italia.<br />

L’ottavo e ultimo settore in cui Lancieri di Montebello,<br />

Carabinieri, Polizia di Stato, Corpo Forestale e Guardia di<br />

Finanza, hanno sfilato a cavallo a chiusura di una parata<br />

che, seppure organizzata al risparmio, è stata molto bella<br />

e suggestiva. Gli onori finali al Presidente <strong>del</strong>la<br />

Repubblica da parte dei Corazzieri a Cavallo e il sorvolo<br />

tricolore <strong>del</strong>la Pattuglia Acrobatica Nazionale hanno<br />

chiuso come sempre la manifestazione.<br />

Grande la partecipazione <strong>del</strong> pubblico, con applausi,<br />

attenzione e evidente partecipazione alla parata di questo<br />

2 giugno. Grande l’apprezzamento per l’opera svolta<br />

dalle Forze Armate e, soprattutto quest’anno, dalla<br />

Protezione Civile, che ha riscosso applausi e commossa<br />

partecipazione per l’eccellente impegno sin <strong>qui</strong> dimostrato<br />

a L’A<strong>qui</strong>la e dintorni.<br />

Gli italiani hanno come sempre evidenziato un sentimento<br />

di forte attaccamento alle istituzioni che si è manifestato<br />

proprio col gradimento e con l’intensa partecipazione<br />

alla parata, tradizionale appuntamento tra le Forze<br />

Armate e il popolo italiano in occasione <strong>del</strong>la Festa <strong>del</strong>la<br />

Repubblica.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

Antonio DANIELE<br />

7


A 63 ANNI DI DISTANZA I VALORI DI SEMPRE<br />

Sono passati sessantatrè<br />

anni da quando, il<br />

2 giugno 1946, il<br />

popolo italiano venne chiamato<br />

alle urne per decidere,<br />

col primo referendum<br />

istituzionale <strong>del</strong>la storia<br />

<strong>del</strong> Paese, quale forma di<br />

stato esso avrebbe dovuto<br />

avere in futuro, scegliendo<br />

tra la continuazione <strong>del</strong>la<br />

Monarchia o l’istituzione<br />

<strong>del</strong>la Repubblica.<br />

Il travagliato secondo<br />

conflitto mondiale aveva<br />

portato con sé, oltre a<br />

distruzioni, lutti ed abbrutimenti,<br />

anche una profonda spaccatura nelle<br />

coscienze degli italiani; una spaccatura esemplificata<br />

da quasi due anni di guerra civile,<br />

dalla nascita al nord <strong>del</strong>la Repubblica Sociale<br />

8 IL NASTRO AZZURRO<br />

Italiana contrapposta al<br />

legittimo governo <strong>del</strong> sud<br />

impersonato dal Re<br />

Vittorio Emanuele III°,<br />

dalla Resistenza contro il<br />

nazifascismo impersonato<br />

dall’esercito tedesco presente<br />

sul suolo italiano e<br />

trasformatosi di colpo,<br />

dopo l’8 settembre 1943,<br />

da alleato ad invasore.<br />

Molte, troppe le colpe<br />

che gran parte <strong>del</strong> popolo<br />

italiano addossava alla<br />

corona sabauda: vent’anni<br />

di dittatura fascista, l’entrata<br />

in una guerra rovinosa<br />

senza un’adeguata preparazione e senza<br />

neppure un disegno politico e strategico che<br />

la giustificasse, la conduzione <strong>del</strong>la <strong>del</strong>icata<br />

fase <strong>del</strong>l’armistizio con gli alleati in un modo<br />

Il Presidente <strong>del</strong>la Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione <strong>del</strong> 2 giugno, Festa Nazionale <strong>del</strong>la<br />

Repubblica, ha inviato al Capo di Stato Maggiore <strong>del</strong>la Difesa, Generale Vincenzo Camporini, il seguente<br />

messaggio:<br />

“Il 2 giugno si celebra la proclamazione <strong>del</strong>la Repubblica, passaggio decisivo nel lungo e travagliato<br />

cammino storico che l’Italia ha dovuto percorrere per poter fare definitivamente propri i principi di<br />

democrazia, libertà, eguaglianza e giustizia sui quali si fonda la nostra Carta Costituzionale.<br />

In questa giornata, il nostro deferente omaggio e la nostra riconoscenza vanno a tutti gli italiani che<br />

persero la vita in spirito di fe<strong>del</strong>tà alla Patria nella guerra voluta dal fascismo ed a coloro che, animati da<br />

un nuovo senso <strong>del</strong>l’interesse nazionale, caddero successivamente per far sì che l’Italia ricon<strong>qui</strong>stasse<br />

libertà, indipendenza e unità.<br />

Sono trascorsi sessantatre anni da quel 2 giugno 1946. Ma quei valori, divenuti principi <strong>del</strong>la<br />

Costituzione repubblicana, sono oggi ancora e più che mai condizione e guida per la costruzione di<br />

un’Italia coesa, prospera, solidale; per un’Italia che sia sempre più elemento propulsivo di un’Europa<br />

finalmente unita, ancora una volta protagonista <strong>del</strong>lo sviluppo economico e <strong>del</strong> progresso sociale, civile e<br />

culturale <strong>del</strong>la comunità internazionale.<br />

Nel grande scenario di un mondo sempre più interconnesso, nel quale i paesi democratici sono ormai<br />

affratellati da comuni principi ed obiettivi di sviluppo, le Forze Armate non sono più concepite al servizio<br />

di pretese nazionalistiche e disegni di aggressione, ma come strumento di cooperazione per la<br />

costruzione ed il mantenimento <strong>del</strong>la pace e <strong>del</strong>la sicurezza collettiva.<br />

Le Forze Armate italiane sono da anni in prima linea nei tanti teatri di crisi ove viene minacciato il<br />

progresso civile ed economico <strong>del</strong>l’umanità e sono offesi i più elementari diritti <strong>del</strong>l’uomo. Oggi, custodi e<br />

garanti <strong>del</strong>la Costituzione e <strong>del</strong>la sicurezza <strong>del</strong> Paese, in prima linea anche al fianco <strong>del</strong>le genti d’Abruzzo<br />

colpite da un disastroso sisma, raccolgono, in questa giornata di festa, l’affetto e la riconoscenza dei<br />

cittadini e <strong>del</strong>le istituzioni democratiche.<br />

Ad esse, a nome di tutti gli italiani, esprimo la mia gratitudine e formulo il più fervido augurio.<br />

Viva le Forze Armate, viva l’Italia!”<br />

Roma, 2 giugno 2009


così approssimativo e pasticciato da provocare<br />

la “liquefazione” <strong>del</strong>le Forze Armate proprio<br />

nel momento in cui si aveva il massimo<br />

bisogno <strong>del</strong>la loro vigorosa e decisa capacità<br />

di fronteggiare con energia e idee ben chiare<br />

la nuova situazione. Tutto questo portò ad un<br />

risultato praticamente scontato: vinse la<br />

Repubblica.<br />

Eppure, nonostante col senno <strong>del</strong> poi si<br />

possa sostenere appunto che il risultato <strong>del</strong><br />

referendum fosse praticamente scontato, in<br />

realtà non lo fu così sicuramente fino alla fine<br />

<strong>del</strong>lo spoglio <strong>del</strong>le schede, né la vittoria <strong>del</strong>la<br />

Repubblica, pur netta, poté mai essere paragonata<br />

ad un plebiscito. Ciò potrebbe superficialmente<br />

ascriversi al dato storico che fu<br />

proprio Casa Savoia l’artefice <strong>del</strong>l’Unità<br />

d’Italia e che il periodo risorgimentale era<br />

ancora molto vicino (circa un secolo) e molto<br />

sentito quando si svolse la consultazione<br />

popolare che, per inciso, fu anche, per la<br />

prima volta, estesa alle donne.<br />

In realtà, il referendum istituzionale fu<br />

tenacemente voluto e perseguito dai partiti<br />

di sinistra <strong>del</strong> CLN i quali iniziarono con l’addossare<br />

a Vittorio Emanuele III° le gravi<br />

responsabilità inerenti le disgrazie d’Italia<br />

(cosa ampiamente condivisibile), per poi continuare<br />

estendendo tali responsabilità alla<br />

corona come istituzione (e <strong>qui</strong> diventava<br />

meno scontato condividerlo). Il ragionamento<br />

portava dritto, dritto a mettere in discussione<br />

la Monarchia come istituzione, indipendentemente<br />

dai tentativi di Umberto II° di<br />

prendere le distanze dalla politica perseguita<br />

dal padre: anzi, egli apparve, a tratti, persino<br />

penosamente goffo nel cercare di rimediare,<br />

nel breve mese <strong>del</strong> suo regno, ad una situazione<br />

ormai perduta.<br />

Oggi sono trascorsi sessantatré anni dalla<br />

proclamazione <strong>del</strong>la Repubblica. Dopo lo<br />

scossone istituzionale che le inchieste di “tangentopoli”<br />

hanno provocato all’inizio <strong>del</strong>lo<br />

scorso decennio, si usa dire che siamo nella<br />

“seconda repubblica”, ma ciò, in punta di<br />

diritto, non è propriamente corretto. Infatti,<br />

la Costituzione repubblicana, entrata in vigore<br />

il 1 gennaio 1948 a seguito <strong>del</strong> lavoro<br />

<strong>del</strong>l’Assemblea Costituente, istituita proprio<br />

col medesimo referendum <strong>del</strong> 2 giugno 1946,<br />

non è stata modificata. Ciò che è cambiato<br />

non riguarda la forma di stato, ma come i cittadini<br />

lo percepiscono: i partiti usciti dalla<br />

seconda guerra mondiale, quelli cioè che<br />

hanno fondato la Repubblica, non esistono<br />

più; la legge elettorale è stata più volte modificata;<br />

il premier viene indicato agli elettori<br />

come se essi, col loro voto, potessero<br />

deciderlo. È proprio quest’ultima<br />

affermazione che <strong>del</strong>imita la differenza<br />

tra una seconda repubblica<br />

“effettiva” e quella “percepita”. La<br />

nostra Costituzione, ancora oggi,<br />

prevede che sia il Presidente <strong>del</strong>la<br />

Repubblica, e non il corpo elettorale,<br />

a designare chi ha il compito di<br />

formare (e poi presiedere) il<br />

Governo. Quindi, la presentazione<br />

alle elezioni politiche di “candidati<br />

premier” da parte dei partiti politici,<br />

non essendo in linea con la<br />

Costituzione, di fatto non la rispetta…<br />

Eppure, proprio su questa<br />

prassi, consolidatasi negli ultimi<br />

anni, si basa la convinzione di essere<br />

nella “seconda repubblica”. Una convinzione<br />

smentita anche dal Quirinale che, finora,<br />

ha sempre “rispettato” la volontà espressa<br />

dal popolo alle urne. Infatti, non vi è alcun<br />

vincolo costituzionale a farlo, se non una<br />

generica necessità di “...tenere conto <strong>del</strong>le<br />

indicazioni dei partiti, ecc…”.<br />

Tutto ciò, forse, perché nonostante i sessantatré<br />

anni trascorsi, la nostra Costituzione<br />

repubblicana rimane sempre attuale ed interpreta<br />

sempre in modo ottimale le esigenze<br />

<strong>del</strong>la nostra società.<br />

A.D.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

9


La “Giornata <strong>del</strong> Decorato” è divenuta una ricorrenza<br />

simbolica alla quale i rappresentanti <strong>del</strong>le<br />

Federazioni provinciali <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong> fra Combattenti Decorati al Valor Militare partecipano<br />

con rinnovato amore di Patria insieme al<br />

“Gruppo Medaglie d’Oro d’Italia”, il<br />

tutto sotto la supervisione di<br />

“Assoarma”. Quest’anno, per disposizione<br />

<strong>del</strong> Gabinetto <strong>del</strong>la Difesa,<br />

l’evento è stato programmato per il<br />

lunedì 25 maggio: il 24 maggio, vera<br />

data <strong>del</strong>la ricorrenza, è caduto di<br />

domenica, giorno in cui, per contenere<br />

le spese, il Ministero <strong>del</strong>la<br />

Difesa non da disponibili i picchetti<br />

d’onore per le cerimonie ufficiali.<br />

L’Altare <strong>del</strong>la Patria, alle nove di<br />

mattina, era adornato soprattutto<br />

<strong>del</strong>l’azzurro dei Labari <strong>del</strong>le<br />

Federazioni Provinciali <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong>, ma i soci di entrambe le<br />

associazioni accorsi all’appello<br />

erano numerosi. Nella cornice di un<br />

servizio d’onore impeccabile, sono<br />

state contemporaneamente deposte<br />

al sacello <strong>del</strong> Milite Ignoto tre coro-<br />

10 IL NASTRO AZZURRO<br />

LA GIORNATA DEL DECORATO<br />

ne d’alloro, una da parte <strong>del</strong>l’“<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong>”, una da parte <strong>del</strong> “Gruppo Medaglie d’Oro”<br />

e una da parte di “Assoarma”.<br />

Terminata la cerimonia, il Presidente Nazionale<br />

<strong>del</strong>l’“<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>”, Comandante Giorgio<br />

Zanardi, ha voluto esprimere un<br />

pensiero al ricordo di quanti, nonostante<br />

le difficoltà <strong>del</strong>l’Italia di allora,<br />

hanno aderito all’irredentismo<br />

ed hanno manifestato affinché nel<br />

1915 l’Italia intervenisse nella<br />

Grande Guerra contro gli Imperi<br />

Centrali e potesse riscattare così la<br />

libertà di Trento e Trieste. “Quelli<br />

erano Italiani D.O.C.” ha detto<br />

Zanardi “come oggi si sono dimostrati<br />

italiani D.O.C. gli abruzzesi<br />

che, nonostante la tragedia che li ha<br />

colpiti, hanno evidenziato doti di<br />

tenacia e di dignità encomiabili”.<br />

Terminato l’evento, i partecipanti,<br />

provenienti da ogni parte d’Italia,<br />

hanno a lungo indugiato all’Altare<br />

<strong>del</strong>la Patria scattandosi reciprocamente<br />

foto ricordo.<br />

A.D.


157 o ANNIVERSARIO DELLA POLIZIA DI STATO<br />

“C’è più<br />

sicurezza insieme”: è<br />

questo lo slogan che ha accom-<br />

pagnato l’8 maggio 2009 in<br />

piazza <strong>del</strong> Popolo la cerimonia per il<br />

157esimo anniversario <strong>del</strong>la Polizia di Stato,<br />

alla presenza tra gli altri <strong>del</strong> presidente <strong>del</strong>la<br />

Repubblica, Giorgio<br />

Napolitano, <strong>del</strong> ministro<br />

<strong>del</strong>l’Interno, Roberto<br />

Maroni, <strong>del</strong> capo <strong>del</strong>la<br />

polizia, Antonio<br />

Manganelli.<br />

Il 9 maggio ogni questura<br />

ha organizzato iniziative<br />

locali e un evento<br />

speciale è stato celebrato<br />

a L’A<strong>qui</strong>la per ricordare<br />

le vittime <strong>del</strong> terremoto<br />

e l’impegno dei poliziotti<br />

che hanno garantito assistenza<br />

in situazioni di<br />

emergenza.<br />

All’apertura <strong>del</strong>la cerimonia<br />

ufficiale, le autorità<br />

hanno assistito nella<br />

piazza allo schieramento<br />

dei principali reparti<br />

<strong>del</strong>la Polizia di Stato,<br />

passati in rassegna, cui è<br />

seguita l’esibizione dei<br />

motociclisti <strong>del</strong>la polizia<br />

stradale e la successiva<br />

visita <strong>del</strong> presidente<br />

Napolitano agli spazi<br />

espositivi. «Il livello di<br />

attenzione - ha detto il<br />

capo <strong>del</strong>lo Stato - dovrà<br />

essere mantenuto sempre<br />

alto in quanto esiste<br />

il rischio che le organizzazioni<br />

di stampo mafioso<br />

possano approfittare<br />

<strong>del</strong>l’attuale crisi per<br />

ac<strong>qui</strong>sire il controllo di<br />

aziende in difficoltà».<br />

Per 3 giorni si sono<br />

alternati nello spazio<br />

<strong>del</strong>la piazza i cinofili, gli<br />

atleti <strong>del</strong>le Fiamme Oro e<br />

i sommozzatori <strong>del</strong> CNES.<br />

Particolarmente apprezzate dal pubblico,<br />

soprattutto giovane, le dimostrazioni <strong>del</strong>la<br />

polizia scientifica e le tecniche di guida dei<br />

veicoli <strong>del</strong>la polizia.<br />

Le celebrazioni si sono concluse la sera <strong>del</strong><br />

10 maggio.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

11


L’ESERCITO ITALIANO HA FESTEGGIATO<br />

IL 148 o ANNIVERSARIO<br />

La storia <strong>del</strong>l’Esercito<br />

Italiano ha radici<br />

molto lontane: ricordiamo<br />

la data <strong>del</strong> 18<br />

aprile 1659, quando il<br />

duca Carlo Emanuele II di<br />

Savoia, volendo disporre<br />

di militari addestrati e<br />

pronti all’impiego, indisse<br />

un bando per il reclutamento<br />

di 1.200 uomini<br />

da inquadrare in un reggimento<br />

detto “<strong>del</strong>le<br />

Guardie”. Questo evento segnò il<br />

passaggio dalle milizie di ventura<br />

alle unità permanenti, organismi<br />

propri <strong>del</strong>lo Stato. Il reggimento<br />

“<strong>del</strong>le Guardie” fu, dunque, il primo<br />

reparto permanente d’Europa, precursore<br />

<strong>del</strong>l’attuale Esercito di professionisti.<br />

Due secoli dopo, appena<br />

all’indomani <strong>del</strong>l’Unità d’Italia, cioè<br />

il 4 maggio 1861, un provvedimento<br />

<strong>del</strong> Ministro <strong>del</strong>la Guerra Manfredo<br />

Fanti decretava la fine <strong>del</strong>l’Armata<br />

Sarda e la nascita <strong>del</strong>l’Esercito<br />

Italiano. “Vista la legge in data 17<br />

marzo 1861, con la quale S.M. ha<br />

assunto il titolo di Re d’Italia, il sottoscritto<br />

rende noto a tutte le<br />

Autorità, Corpi ed Uffici militari che<br />

d’ora in poi il Regio Esercito dovrà<br />

prendere il nome di Esercito Italiano, rimanendo<br />

abolita l’antica denominazione di Armata<br />

Sarda.” Firmato Manfredo Fanti, Ministro <strong>del</strong>la<br />

Guerra.<br />

148 anni più tardi, il 7<br />

maggio 2009, si è tenuta<br />

a Roma, presso il<br />

Comando <strong>del</strong>la Brigata<br />

Granatieri, alla presenza<br />

<strong>del</strong> presidente <strong>del</strong>la<br />

Repubblica, on. Sen.<br />

Giorgio Napolitano, <strong>del</strong><br />

ministro <strong>del</strong>la Difesa, on.<br />

Ignazio La Russa, e <strong>del</strong><br />

capo di Stato Maggiore<br />

<strong>del</strong>la Difesa, generale<br />

Vincenzo Camporini, la<br />

12 IL NASTRO AZZURRO<br />

cerimonia <strong>del</strong>l’anniversario <strong>del</strong>la fondazione<br />

<strong>del</strong>l’Esercito Italiano.<br />

Il capo di Stato Maggiore <strong>del</strong>l’Esercito, generale<br />

di Corpo d’Armata Fabrizio Castagnetti,<br />

nel suo intervento ha sottolineato come<br />

“l’Esercito, istituzione sana, efficiente, ricca di<br />

valori… sia, già da molti anni, lo strumento più<br />

diffusamente utilizzato nel nostro paese, in<br />

virtù <strong>del</strong>le riconosciute e sperimentate capacità<br />

in termini di esperienza, rapidità di intervento<br />

e proiettabilità”.<br />

L’integrazione di emigranti extracomunitari<br />

che, negli ultimi due decenni, si stanno stabi-<br />

lendo numerosi in Italia, fa sentire i suoi effetti<br />

anche nell’Esercito Italiano. Infatti, il generale<br />

Castagnetti ha voluto indirizzare un particolare<br />

saluto ad una rappresentanza di “ufficiali, sot-


tufficiali e militari di truppa per i quali l’Italia<br />

costituisce da tempo la patria adottiva, essendo<br />

nati in altre parti <strong>del</strong> mondo”.<br />

La celebrazione è stata anche occasione di<br />

bilanci. È stato rilevato, non senza adeguata<br />

soddisfazione, che gli uomini e alle donne <strong>del</strong>la<br />

Forza Armata continuano a dimostrare, in un<br />

momento di necessaria trasformazione una<br />

grande capacità di adattamento e una ancor<br />

maggiore efficienza.<br />

Le sempre più pressanti istanze di sicurezza<br />

interna ed esterna, hanno portato l’impegno<br />

<strong>del</strong>la Forza armata a livelli mai toccati dalla<br />

fine <strong>del</strong> secondo conflitto mondiale. Esempi<br />

chiari di quest’impegno sono gli oltre 10.000<br />

uomini dislocati tra Afghanistan, Libano,<br />

Kosovo e in Italia nell’ambito <strong>del</strong>le operazioni<br />

“strade sicure” e “strade pulite”. Il<br />

tutto senza peraltro dimenticare gli<br />

uomini e le donne che, lontano<br />

dagli onori <strong>del</strong>la cronaca, svolgono<br />

quotidianamente un prezioso lavoro<br />

per la formazione, la preparazione<br />

ed il sostegno <strong>del</strong>le unità schierate<br />

sul terreno.<br />

I traguardi fin <strong>qui</strong> ottenuti hanno<br />

permesso di guadagnare il rispetto e<br />

la stima dei paesi amici e alleati e,<br />

soprattutto, hanno fatto sì che gli<br />

italiani potessero apprezzare appieno<br />

le qualità che l’Esercito esprime<br />

ogni giorno: professionalità, impegno<br />

ed umanità. Apprezzamento<br />

che viene quotidianamente dimo-<br />

strato attraverso la partecipazione ai<br />

concorsi di reclutamento. I dati evidenziano,<br />

infatti, un trend favorevole<br />

nel rapporto di selezione che rimane<br />

ampiamente adeguato alle esigenze;<br />

basti pensare, alle domande<br />

d’ammissione per l’Accademia di<br />

Modena, che sono state 52 per ciascun<br />

posto disponibile, e a quelle per<br />

la Scuola Sottufficiali Esercito che<br />

sono state ben 178 per ciascun posto.<br />

Positivo anche il trend degli<br />

arruolamenti dei volontari di truppa<br />

che vedono il 71% <strong>del</strong>le domande<br />

provenienti dal sud Italia, il 18% dal<br />

centro e l’11% dal nord.<br />

In un momento in cui si profila<br />

un’ulteriore riduzione di risorse finanziarie,<br />

a fronte di impegni che, al contrario,<br />

non danno cenno di contrazione,<br />

l’Esercito è chiamato a gestire quanto nella<br />

sua disponibilità per svolgere con dignità i compiti<br />

che il Paese gli assegna. In questo senso<br />

l’Esercito è oggi fortemente impegnato nell’individuare<br />

e proporre le necessarie misure di<br />

razionalizzazione e, nel contempo, è consapevole<br />

di dovere indicare alle Istituzioni, con coerenza,<br />

trasparenza e lealtà le esigenze e le risorse<br />

necessarie per far fronte agli impegni assegnati<br />

alla Forza Armata.<br />

La cerimonia si è conclusa con la consegna di<br />

importanti onorificenze a militari che negli ultimi<br />

anni si sono distinti nell’adempimento <strong>del</strong><br />

proprio dovere.<br />

(Liberamente tratto dal sito web <strong>del</strong>l’Esercito Italiano)<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

13


Il sessantesimo anniversario <strong>del</strong>la NATO è stato celebrato a<br />

Roma, presso il Senato <strong>del</strong>la Repubblica, con una solenne<br />

rievocazione alla quale hanno partecipato tutti i rappresentanti<br />

dei paesi <strong>del</strong>la sponda europea aderenti al Trattato,<br />

sia quelli <strong>del</strong>la prima ora, che lo firmarono il 4 aprile 1949,<br />

sia quelli entrati a farne parte dopo il dissolvimento <strong>del</strong><br />

Patto di Varsavia e <strong>del</strong>l’Unione Sovietica.<br />

In questa sede non si ripeterà la cronaca <strong>del</strong>l’evento,<br />

nota a tutti tramite i resoconti giornalistici e televisivi, la cui<br />

tempestività mette sempre “fuori tempo massimo” la nostra<br />

rivista “bimestrale”. Si tenterà, bensì, di ripercorrere per<br />

sommi capi la storia <strong>del</strong>l’Alleanza e indicarne, per quanto<br />

possibile, il futuro.<br />

La seconda guerra mondiale si era chiusa da solo qualche<br />

anno e già nel mondo, in particolare in Europa, si profilavano<br />

i prodromi di un confronto ancora più totale e prevedibilmente<br />

distruttivo: lo scontro Est – Ovest tra gli Stati Uniti,<br />

con gli alleati europei occidentali, e l’Unione Sovietica con i<br />

suoi paesi satelliti <strong>del</strong>l’Europa orientale. Tale scontro si sarebbe<br />

potuto risolvere già nel corso <strong>del</strong>la seconda guerra mondiale,<br />

ma la sagacia politica di Stalin, insieme all’opportunismo<br />

di Churchill, fecero sì che gli Stati Uniti, pur prevedendo<br />

enormi difficoltà di rapporto con i Sovietici, anch’essi alleati,<br />

rinviassero il redde rationem a tempi successivi.<br />

Si è spesso detto che la causa principale <strong>del</strong>la seconda<br />

guerra mondiale fu l’eccessivo rigore dei trattati di pace stipulati<br />

a conclusione <strong>del</strong>la prima, che erano esageratamente<br />

punitivi nei confronti <strong>del</strong>la Germania e persino <strong>del</strong>l’Italia,<br />

pur sempre una <strong>del</strong>le potenze vincitrici. Niente di più falso:<br />

si trattò di una guerra scaturita da un confronto essenzialmente<br />

ideologico. Le democrazie occidentali a confronto<br />

con le dittature fasciste e comuniste.<br />

La guerra vide le Democrazie Occidentali contro i<br />

Fascismi, ma alleate <strong>del</strong> Comunismo rappresentato<br />

dall’Unione Sovietica, eppure la Democrazia è antitetica ad<br />

entrambi i regimi, poiché entrambi sono regimi dittatoriali,<br />

liberticidi e totalitari. La differenza tra i due consiste solo nel<br />

diverso modo di interpretare il mondo economico: il fasci-<br />

14 IL NASTRO AZZURRO<br />

smo credeva nella proprietà privata, ritenendo però che il<br />

mercato dovesse essere controllato con un forte dirigismo<br />

politico da parte <strong>del</strong>lo stato centralizzato, unico vero depositario<br />

<strong>del</strong>le reali esigenze <strong>del</strong>la società, <strong>qui</strong>ndi si giunse all’aberrazione<br />

<strong>del</strong>le leggi raziali contro la razza ebraica “rea” di<br />

annoverare statisticamente un notevole numero di liberi<br />

imprenditori; il comunismo non credeva nel libero mercato,<br />

non accettava la proprietà privata né il guadagno d’impresa,<br />

e riteneva che un’accurata pianificazione dei bisogni <strong>del</strong>la<br />

società potesse sopperire alla versatilità ed all’elasticità <strong>del</strong><br />

libero mercato senza creare ingiusti accumuli di denaro in<br />

poche mani “fortunate”, <strong>qui</strong>ndi i regimi comunisti nazionalizzarono<br />

tutti i mezzi di produzione e distribuzione.<br />

Gran Bretagna e Stati Uniti si trovarono quasi giocoforza<br />

a doversi alleare con l’Unione Sovietica dopo che la<br />

Germania aveva per prima violato il trattato “Molotov-<br />

Ribbentrop” sulla spartizione <strong>del</strong>la Cecoslovacchia, invadendo<br />

la Polonia nel 1939. Ciò ritardò a dopo la seconda guerra<br />

mondiale il confronto tra Democrazie e Comunismo, quando<br />

esisteva già l’arma nucleare e una nuova guerra, non solo<br />

avrebbe portato ancora altre inimmaginabili distruzioni in<br />

un’Europa già prostrata dal recente terribile conflitto, ma<br />

sarebbe stata combattuta con armi talmente distruttive da<br />

metterne in dubbio perfino l’utilità politica <strong>del</strong>l’esito finale.<br />

Il Trattato <strong>del</strong> Nord Atlantico fu siglato a scopo puramente<br />

difensivo contro un’Unione Sovietica che, unico caso al<br />

mondo, dopo la seconda guerra mondiale non aveva smobilitato<br />

nessuna <strong>del</strong>le armate schierate per combattere e vincere<br />

la Germania Nazista. Una massa imponente di soldati e<br />

di mezzi corazzati premeva lungo la linea di demarcazione<br />

tra i paesi <strong>del</strong>l’area occidentale e quelli orientali <strong>del</strong>la nuova<br />

Europa, tracciata a Yalta nel 1944. Solo la potenza <strong>del</strong>l’alleato<br />

statunitense e <strong>del</strong>le sue armi nucleari poterono dare<br />

abbastanza sicurezza alle democrazie europee vecchie (Gran<br />

Bretagna, Francia, Paesi Bassi, ecc…) e nuove (Germania<br />

Ovest, Italia). Alla NATO, si contrappose presto un’alleanza<br />

contraria, egemonizzata dall’Unione Sovietica: il “Patto di<br />

Varsavia”. Era iniziata la “guerra fredda”.


Per circa quaranta anni, anche se in Europa non fu sparato<br />

un solo colpo di fucile tra le due armate contrapposte,<br />

il clima politico fu sempre teso e spesso vi furono picchi<br />

che fecero temere il passaggio al confronto bellico vero<br />

e proprio.<br />

I momenti di tensione più noti storicamente furono: il<br />

blocco di Berlino <strong>del</strong> 1949, l’invasione <strong>del</strong>l’Ungheria nel<br />

1956, la costruzione <strong>del</strong> muro di Berlino nel 1961, la crisi di<br />

Cuba nel 1962, la “Primavera di Praga” nel 1968, lo schieramento<br />

dei missili SS-20 nei primi anni ottanta. Come si può<br />

osservare, tali eventi configurarono tutti dei tentativi, più o<br />

meno evidenti, da parte <strong>del</strong>l’Unione Sovietica, di forzare la<br />

mano alla NATO per tradurre il confronto virtuale in confronto<br />

reale oppure di mantenere ben saldo, di fronte al<br />

mondo, il proprio potere sul territorio che si era auto assegnata<br />

a Yalta nel 1944. La NATO, sotto l’accorta guida statunitense,<br />

riuscì sempre ad evitare lo scontro a fuoco, pur contenendo<br />

entro limiti accettabili i colpi d’ariete <strong>del</strong>l’Unione<br />

Sovietica.<br />

La dottrina <strong>del</strong>la NATO, pur evolvendosi notevolmente<br />

per tutta la “guerra fredda”, ebbe sempre un comune denominatore:<br />

la “dissuasione” <strong>del</strong> potenziale nemico dall’attaccare<br />

militarmente, perché la reazione <strong>del</strong>la NATO sarebbe<br />

stata così potente e violenta da creare danni molto superiori<br />

ai vantaggi che un’eventuale vittoria sovietica avrebbe<br />

portato con se. Si arrivò persino ad ipotizzare la “mutua<br />

distruzione assicurata”.<br />

La dissoluzione <strong>del</strong> Patto di Varsavia prima e <strong>del</strong>l’Unione<br />

Sovietica poi, avvenuta all’inizio degli anni novanta, hanno<br />

fatto ipotizzare anche lo scioglimento <strong>del</strong>la NATO poiché<br />

veniva a mancare la sua principale ragion d’essere. L’errore<br />

di tale valutazione fu evidente all’indomani <strong>del</strong>lo scioglimento<br />

<strong>del</strong> Patto di Varsavia, quando tutti i paesi che ne avevano<br />

fatto parte “fecero letteralmente la fila” per entrare<br />

nella NATO. Il Presidente <strong>del</strong>la stessa Russia (l’Unione<br />

Sovietica non esisteva più), Vladimir Putin, nel 2002 ha firmato<br />

un trattato di mutua cooperazione NATO – Russia proprio<br />

in Italia, nella base aerea di Pratica di Mare. L’attualità <strong>del</strong>la<br />

NATO è dimostrata dalla recente decisione <strong>del</strong> Governo francese<br />

di rientrarvi a pieno titolo, dopo la clamorosa uscita <strong>del</strong><br />

1962 a opera di De Gaulle che, nell’occasione, chiese: “Gli<br />

Stati Uniti rischieranno New York per salvare Parigi?”.<br />

In occasione <strong>del</strong> 60° anniversario <strong>del</strong>l’Alleanza, il 4 aprile<br />

2009, le ultime due adesioni: Albania e Croazia.<br />

Nell’ultimo ventennio, <strong>qui</strong>ndi, la NATO, ben lungi dall’apparire<br />

sopravvissuta a sé stessa, è più volte stata il punto<br />

di riferimento politico militare per dirimere e risolvere controversie<br />

internazionali per troppo tempo tenute sospese dal<br />

grande confronto est – ovest <strong>del</strong>la guerra fredda. Interventi<br />

in ex Jugoslavia (Kosovo) o a Timor Est hanno creato le premesse<br />

affinché la NATO divenisse la principale alleanza politico<br />

militare mondiale, operante non più nell’angusto scacchiere<br />

europeo, ma in grado di proiettarsi rapidamente ed<br />

efficacemente, dove è necessario, sull’intero pianeta, qualificadosi<br />

altresì come l’organizzazione più efficace ed efficiente<br />

nelle operazioni di “Peace Keeping” e “Peace Enforcing”<br />

nell’ambito <strong>del</strong>le Nazioni Unite.<br />

Antonio Daniele<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

15


16 IL NASTRO AZZURRO<br />

MEDAGLIE D’ORO ECCELLENTI:<br />

PRIMO LONGOBARDO<br />

Tra le figure di eroi che La Maddalena vanta, fra i<br />

suoi figli, quella di Primo Longobardo è certamente<br />

una <strong>del</strong>le più fulgide. La sua è la storia di un<br />

uomo nato sul mare e strettamente legato ad esso fino<br />

alla fatale conclusione avvenuta sotto le stelle dei Tropici<br />

in quella notte <strong>del</strong> 14 luglio 1942 in cui fu scritta una<br />

<strong>del</strong>le più belle pagine <strong>del</strong>la storia <strong>del</strong>la nostra Marina.<br />

Molti vecchi maddalenini, ormai quasi tutti scomparsi, lo<br />

ricordavano negli anni <strong>del</strong>la Cina, quando era imbarcato<br />

sul Caboto, o a Pola, durante il<br />

suo incarico a terra al Comando<br />

<strong>del</strong>la Scuola Sommergibili. Un<br />

uomo alto, imponente, dalla voce<br />

tonante, che riusciva a trascinare<br />

gli uomini nel suo entusiasmo<br />

verso il mare; un gigante buono,<br />

la cui figura ispirava nei marinai<br />

ammirazione, simpatia e rispetto.<br />

Longobardo nacque a La<br />

Maddalena il 19 ottobre 1901, da<br />

Vincenzo ed Ersilia Culiolo; entrato<br />

in Marina giovanissimo, dopo<br />

gli anni di accademia e gli imbarchi<br />

prima sul Vespucci e poi sul Da<br />

Recco, nel 1929 fu destinato a<br />

Tienstin sul Caboto quale vice<br />

comandante <strong>del</strong> battaglione italiano<br />

in Cina. Fu <strong>qui</strong> che tra gli<br />

uomini dei contingenti internazionali<br />

che mantenevano la pace<br />

in Cina, conobbe l’ufficiale inglese<br />

J. S. Dalison col quale strinse rapporti<br />

di fraterna amicizia; questi,<br />

fatalmente, sarebbe stato poi il<br />

nemico <strong>del</strong>la sua ultima battaglia.<br />

La grande passione di<br />

Longobardo furono i mezzi subaquei; imbarcato sul F.lli<br />

Bandiera, nel 1936 passò poi sul Galileo, di seguito sul<br />

Calvi, sull’Otaria, il Dessiè, l’Alagi e l’Adua, poi sul<br />

Bragadin, l’Ametista, il Capponi, il Mameli, il Toti ed infine<br />

sullo Jalea. La sua conoscenza dei diversi tipi di sommergibile<br />

era completa e l’esperienza ac<strong>qui</strong>sita nei lunghi<br />

anni di navigazione sui mezzi subacquei avevano fatto di<br />

lui un vero comandante; non c’era sommergibilista che<br />

non lo conoscesse e che non sentisse il suo carisma.<br />

Nel 1941, ormai quarantenne, fu destinato alla Scuola<br />

Sommergibili di Pola, incarico di grande prestigio, ma pur<br />

sempre un incarico a terra. Era iniziata la guerra e i nostri<br />

mezzi subacquei erano già in piena attività in Atlantico;<br />

in Italia, sia pur gonfiate dalla propaganda, arrivavano le<br />

notizie di imprese eroiche che acuivano la sua insofferenza.<br />

Il suo comando a terra, oltre a farlo sentire tagliato<br />

fuori dalla vita sul mare, gli dava il rimpianto di non poter<br />

dare alla Patria tutto se stesso e non si dette pace fintanto<br />

che non riuscì, malgrado l’età’, ad avere un imbarco.<br />

“In Atlantico c’è gloria per tutti”, diceva, ed ottenuto il<br />

comando <strong>del</strong> Torelli diede subito prova <strong>del</strong>le sue capacità<br />

sperimentando una nuova ardita tattica di attacco in<br />

superficie con la quale coglieva il nemico di sorpresa<br />

infliggendo gravi perdite ai mezzi di scorta ed ai convogli.<br />

Nel giro di poco tempo aveva già affondato quattro<br />

navi, ma ben presto l’esigenza di impiegare nei comandi<br />

di unità subacquee giovani ufficiali e la necessità di avere<br />

ai vertici uomini di grande esperienza determinò il suo<br />

richiamo a Roma alle dirette dipendenze <strong>del</strong><br />

Comandante in Capo <strong>del</strong>la Squadra Sommergibili.<br />

Cominciò per lui un’altro periodo di insofferenze; la<br />

sua vita era sul mare ed era lì che lui voleva a tutti i costi<br />

tornare. Pochi pensavano che<br />

potesse riuscirci poiché i giovani<br />

ufficiali erano certamente più idonei<br />

a sostenere il notevole impegno<br />

fisico necessario per il comando<br />

di un sommergibile in attività<br />

di guerra. Infine l’ebbe vinta; in<br />

un momento in cui si era a corto<br />

di ufficiali la sua domanda fu<br />

accettata. Raggiunta la base di<br />

Betasom a Bordeaux gli fu affidato<br />

il comando <strong>del</strong> Calvi col quale si<br />

diresse in Atlantico per intercettare<br />

un convoglio inglese scortato<br />

da cinque corvette.<br />

Sognava di ritornare da quella<br />

missione con molte bandierine<br />

azzurre e rosse issate sulla cima<br />

<strong>del</strong> periscopio. Le rosse indicavano<br />

l’affondamento di navi da carico,<br />

le azzurre più rare ma più gloriose,<br />

la distruzione di navi da guerra.<br />

La palma, come scrive Luigi<br />

Rinaldi era “... fino a quel<br />

momento tenuta dal capitano<br />

Carlo Fecia di Cossato, soprannominato<br />

“L’affondatore”, insonne<br />

ed implacabile comandante <strong>del</strong> gloriosissimo Tazzoli”.<br />

Avvistato il convoglio nemico fra Madera e le Azzorre,<br />

Longobardo fu subito intercettato dalla silurante britannica<br />

”Lulworth” che costrinse il Calvi, ormai scoperto, ad<br />

una rapida immersione; ma la “Lulworth”, dotata di<br />

moderni mezzi tecnologici per l’individuazione <strong>del</strong>le<br />

unità in immersione, diresse contro il nostro sommergibile<br />

due salve di bombe di profondità che causarono danni<br />

irreparabili.<br />

Longobardo, deciso a non morire sul fondo senza<br />

aver dato battaglia ordinò immediatamente l’emersione;<br />

il suo mezzo, malgrado le grandi avarie, era uno dei più<br />

bei sommergibili italiani armato di due cannoni da 120,<br />

quattro mitragliatrici e otto tubi di lancio.<br />

Non appena emersa l’unità nemica lo fece subito<br />

segno al tiro <strong>del</strong>la sua artiglieria mentre i bengala e i<br />

riflettori illuminavano il mare rendendo vano ogni tentativo<br />

di sfuggire all’attacco.<br />

Più volte la nave britannica tentò lo speronamento,<br />

ma Longobardo, perfettamente padrone <strong>del</strong> suo mezzo,<br />

riuscì ogni volta a manovrare e ad evitare il contatto.<br />

Mentre il tiro <strong>del</strong>la nave nemica falciava gli uomini<br />

che si alternavano ai pezzi, Longobardo fece un ultimo


Motivazione <strong>del</strong>la medaglia d’Oro al Valor Militare concessa alla “memoria” <strong>del</strong> Capitano di<br />

Fregata Primo Longobardo, comandante <strong>del</strong> sommergibile “Calvi”<br />

Ufficiale superiore animato di purissima fede e ardente passione patriottica, sollecitava più volte ed<br />

otteneva infine di riprendere il comando di sommergibile oceanico che aveva dovuto lasciare per altro<br />

incarico direttivo a terra. Raggiunta la nuova base di guerra, assumeva volontariamente il comando di<br />

unità pronta per importante missione offensiva, nel corso <strong>del</strong>la quale mentre manovrava per attaccare un<br />

convoglio fortemente scortato, scoperto da corvetta, con somma perizia cercava di sottrarsi alla<br />

violentissima caccia. Colpita l’unità in modo irreparabile, ordinava l’emersione ed affrontava con impavida<br />

serenità le unità avversarie accettando l’impari combattimento in superficie. Lanciata una salva di siluri,<br />

reagiva al violento tiro d’artiglieria con tutte le armi di bordo. Col sommergibile crivellato di colpi e già<br />

menomato nella sua efficienza, visti uccisi e feriti i propri dipendenti destinati alle armi, ordinava<br />

l’abbandono <strong>del</strong>la nave e ne preparava l’autoaffondamento quando, mortalmente colpito al posto di<br />

comando, immolava la propria esistenza alla Patria, dopo aver compiuto il proprio dovere oltre ogni<br />

umana possibilità.<br />

Oceano Atlantico, 14 luglio 1942<br />

tentativo con il lancio di due siluri che la “Lulwort” riuscì<br />

ad evitare. Vistosi perduto, ordinò che il sommergibile<br />

fosse predisposto per l’auto affondamento e subito dopo<br />

cadde anch’egli colpito da una raffica. Il suo ufficiale di<br />

rotta, Capitano Aristide Russo, che aveva assunto il<br />

comando, accortosi <strong>del</strong>l’avvicinarsi di un battello nemico<br />

messo in mare con l’evidente intenzione di catturare l’unità<br />

ormai priva di e<strong>qui</strong>paggio, aiutato nell’operazione<br />

dal secondo capo silurista Pietro Bini, né accellerò l’autoaffondamento<br />

ordinando agli uomini l’abbandono<br />

<strong>del</strong>la nave. La scialuppa inglese riuscì tuttavia ad abbordare<br />

la nostra unità e il tenente di vascello North, già salito<br />

a bordo nell’estremo tentativo di salvarla, venne disperatamente<br />

fermato dal Capitano Russo che, con un violento<br />

corpo a corpo, gli impedì di portare a compimento<br />

la cattura <strong>del</strong> battello: i due scomparvero in mare. Per<br />

questa azione il Capitano Russo è stato decorato di<br />

M.A.V.M. alla memoria (i dettagli sono stati pubblicati nel<br />

N. 3/2007 <strong>del</strong> “<strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>”).<br />

Mentre il Calvi scendeva negli abissi ed il battello<br />

inglese si apprestava a raccogliere i superstiti apparve<br />

sulla scena <strong>del</strong>lo scontro il sommergibile tedesco U130. La<br />

“Lulwort” , dopo aver evitato un siluro, si lanciò all’inseguimento<br />

<strong>del</strong>l’unità nemica abbandonando così i naufraghi<br />

e la scialuppa sulla quale stavano per essere raccolti.<br />

Fallito l’inseguimento, dopo quattro ore la “Lulwort”<br />

fece ritorno per riprendere i suoi uomini e raccogliere i<br />

naufraghi <strong>del</strong> Calvi. La notizia era frattanto rimbalzata<br />

via radio sull’unità capo flottiglia “Londonderry” sulla<br />

quale vennero poi trasbordati i superstiti. I nostri marinai,<br />

subito interrogati, dichiararono il nome <strong>del</strong>la loro unità e<br />

quello <strong>del</strong> suo comandante; furono trattati con estrema<br />

cortesia dal comandante <strong>del</strong>la “Lulwort”, che appariva<br />

profondamente turbato; egli offrì agli uomini da fumare<br />

aprendo un portasigarette d’argento all’interno <strong>del</strong><br />

quale era inciso “Con fraterna amicizia Primo<br />

Longobardo”.<br />

Si trattava <strong>del</strong>l’ufficiale inglese J.S. Dalison che tanti<br />

anni prima, nella lontana Cina, aveva ricevuto in dono da<br />

Longobardo quel prezioso portasigarette. Avuta conferma<br />

<strong>del</strong>l’espressione quasi incredula dei marinai italiani,<br />

che alla vista di quel portasigarette erano impalliditi, di<br />

aver combattuto quella battaglia contro il suo amico di<br />

un tempo, ripose il portasigarette e voltò lentamente le<br />

spalle ai nostri uomini per nascondere loro i suoi occhi<br />

lucidi di pianto.<br />

L’epilogo fatale <strong>del</strong>la storia di questi due nobili uomini<br />

di mare, amici in pace e nemici in guerra, avrà la sua<br />

conclusione in Canada, nel 1949, nei pressi di Renfrew.<br />

Il comandante Dalison portava ancora con se, quasi<br />

come un talismano, il dono di Longobardo, un oggetto<br />

dal quale non aveva mai voluto separarsi ed al quale<br />

erano legati i suoi più cari ricordi. Durante<br />

una partita di pesca il prezioso portasigarette<br />

gli sfuggi di mano e scomparve nelle<br />

acque limacciose <strong>del</strong> lago. Dalison rimase<br />

profondamente scosso da quella perdita,<br />

con il volto teso lasciò i compagni di pesca e<br />

ripartì alla guida <strong>del</strong>la sua automobile. Fu<br />

ritrovato qualche ora dopo nell’auto schiantata<br />

contro un albero.<br />

Scrive l’ammiraglio Blaslini sull’episodio<br />

“Dalison è morto sul colpo al momento <strong>del</strong>l’impatto.<br />

L’amico che l’aveva visto l’ultima<br />

volta da vivo, lì accanto al lago, notò che ora,<br />

dopo la morte, il suo volto appariva rasserenato<br />

e disteso. Quasi avesse finalmente ritrovato<br />

qualcuno o qualcosa che aveva cercato<br />

per molto tempo”.<br />

Augusto Zedda<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

17


LA REGIA AERONAUTICA SUL FRONTE RUSSO<br />

NEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE<br />

Poche pubblicazioni di F.A. parlano <strong>del</strong>le operazioni<br />

<strong>del</strong>la Regia Aeronautica sul fronte<br />

russo (alle quali dal 7 agosto 1941 prese<br />

parte anche mio padre (1), all’epoca Sergente<br />

Maggiore, con il 22° Gruppo Caccia), forse perché<br />

vi schierò solo pochi velivoli (i Tedeschi vi avevano<br />

destinato 1.160 bombardieri, 720 caccia, 120 ricognitori<br />

e 1.900 aerei di supporto tattico, trasporto<br />

e collegamento, contro i 4.600 velivoli di cui<br />

1.800 da bombardamento, 200 da caccia ed 800<br />

da ricognizione schierati dai Russi). La Regia<br />

Aeronautica aveva inviato in Russia il 22° Gruppo<br />

Caccia con cinquantuno Macchi 200, il 61° Gruppo<br />

da Osservazione con trentadue bimotori Ca.311<br />

ed una Squadriglia da trasporto logistico<br />

con una <strong>qui</strong>ndicina di velivoli<br />

(Ca.133, SM.81, Ca.164).<br />

Il 28 agosto, i Macchi 200 <strong>del</strong> 22°<br />

Gruppo Caccia, giunti solo il giorno<br />

prima sul campo di Krivoj-Rog, si scontravano<br />

con velivoli sovietici e ne<br />

abbattevano otto, di cui sei bombardieri<br />

e due caccia di scorta. Quando a<br />

settembre era ripresa l’avanzata, i<br />

Macchi 200 dovevano assicurare la<br />

copertura aerea <strong>del</strong>le colonne avanzanti<br />

ed attaccare con spezzoni i centri<br />

di resistenza nemici: sembrava che<br />

tutto andasse bene e il Generale Messe<br />

(2) tributava, nella circostanza, un<br />

“elogio” al piccolo contingente aereo<br />

nazionale. L’allungamento <strong>del</strong>le linee<br />

di rifornimento aveva richiesto l’intervento<br />

dei trasporti aerei che erano<br />

sempre più oberati di lavoro e i vecchi<br />

18 IL NASTRO AZZURRO<br />

SM.81 avevano fatto miracoli collegando<br />

la madrepatria con Bucarest<br />

(Romania) e con la zona <strong>del</strong> Donetz.<br />

In ottobre il 22° Gruppo Caccia era<br />

trasferito a Saporoschje unitamente<br />

alla 128 a Squadriglia da Osservazione,<br />

il 29 dicembre il Comandante <strong>del</strong>la<br />

369 a Squadriglia <strong>del</strong> 22° Gruppo<br />

Caccia, Capitano Giorgio Jannicelli (3),<br />

durante un combattimento con <strong>qui</strong>ndici<br />

bombardieri nemici scortati da caccia,<br />

pur trovandosi in condizione di<br />

schiacciante inferiorità numerica, era<br />

riuscito ad abbattere un bombardiere<br />

e ad impegnare fortemente la caccia<br />

ma, preso fra due fuochi, era stato colpito<br />

a morte ed era precipitato al<br />

suolo. Il suo sacrificio gli varrà la concessione<br />

alla “memoria” <strong>del</strong>la M.O.V.M.. Al<br />

Comando <strong>del</strong> Gruppo sarà conferita la M.A.V.M..<br />

Sopravvenute le piogge ed il fango <strong>del</strong>l’inverno,<br />

l’opera degli SM.81 era divenuta infaticabile<br />

ed insostituibile; per sbloccare la situazione <strong>del</strong>le<br />

nostre truppe nel bacino <strong>del</strong> Donetz, veniva inviata<br />

in Russia anche la 146 a Squadriglia Trasporti<br />

SM.81. Il 5 febbraio, nel corso di un mitragliamento<br />

sull’aeroporto di Krasnjy Liman, venivano<br />

distrutti dieci velivoli al suolo e cinque in volo.<br />

Con la primavera 1942 le operazioni riprendevano<br />

a pieno ritmo e nell’estate successiva il 22°<br />

Gruppo Caccia veniva avvicendato dal personale<br />

<strong>del</strong> 21° Gruppo Caccia, che aveva rilevato i Macchi


200 nel frattempo ridotti a quarantuno unità, ma<br />

i Russi erano armati di velivoli molto più moderni<br />

e validi dei nostri Macchi 200 tanto da indurre il<br />

Generale di Brigata Aerea Enrico Pezzi (4) a chiedere<br />

velivoli più competitivi: era stata allora trasferita<br />

in Russia anche la 361 a Squadriglia Caccia,<br />

dotata di Macchi 202.<br />

Il 18 novembre 1942 l’Armata Rossa iniziava<br />

l’offensiva contro Stalingrado, due settimane<br />

dopo anche i settori adiacenti erano coinvolti dall’offensiva<br />

e l’8 a Armata Italiana, dopo una stre-<br />

nua resistenza, iniziava la ritirata nelle pianure<br />

innevate <strong>del</strong>l’Ucraina, mentre la pressione sovietica<br />

si faceva sempre più forte: 90.000 soldati perdevano<br />

la vita e 45.000 erano feriti o colpiti da<br />

congelamento. Anche l’aviazione aveva subito<br />

gravi perdite in quanto doveva fare fronte ad una<br />

forza nemica calcolata in 350 velivoli, molti dei<br />

quali di provenienza inglese ed americana (5). I<br />

nostri velivoli da caccia (una quarantina fra<br />

Macchi 200 e Macchi 202, schierati sull’aeroporto<br />

di Voloscilovgrad) avevano cercato di fornire<br />

Medaglia d’Oro alla “memoria” <strong>del</strong> Capitano Giorgio Jannicelli:<br />

“Intrepido pilota da caccia, già distintosi per altissime doti di comandante e di soldato, non esitava, nonostante la proibitiva<br />

temperatura e le disperate condizioni di tempo e di ambiente, per cui solo tre apparecchi potevano mettersi in moto, a partire in<br />

volo alla testa dei pochi gregari per compiere l’ardua missione di proteggere ad ogni costo le nostre linee. Avvistata una<br />

formazione di bombardieri avversari scortata da 15 caccia, incurante <strong>del</strong>la schiacciante superiorità numerica <strong>del</strong> nemico,<br />

impegnava con superbo ardimento l’asperrima lotta, riuscendo nello scopo affidatogli ed abbattendo un bombardiere. Persisteva<br />

nell’arduo e impari combattimento fino a quando, colpito a morte, precipitava in fiamme, immolando così nella luce <strong>del</strong>la gloria,<br />

la balda giovinezza tutta dedita alla lontana Patria immortale.”<br />

Cielo di Russia, ottobre-dicembre 1941.<br />

Medaglia d’Argento al Valor Militare conferita Al Comando <strong>del</strong> Gruppo:<br />

“Reduce dal fronte di guerra dove aveva guadagnato titolo e onore, con impeto pari alla sua reputazione si gettava<br />

nella battaglia per il forzamento <strong>del</strong> Nipro, imponendo dovunque all’avversario la superiorità <strong>del</strong>la sua bravura<br />

tecnica e l’ardente audacia <strong>del</strong>le sue armi e dei suoi e<strong>qui</strong>paggi. Addossandosi con entusiastica generosità e spavalda<br />

sagacia compiti e rischi <strong>del</strong> più alto impegno e sacrificio, contribuiva, anche con azioni di caccia libera e mitragliamento<br />

al suolo, alla tutela <strong>del</strong> fronte <strong>del</strong>le operazioni, trionfando in ogni difficoltà e pericolo pur nelle avverse condizioni<br />

climatiche di un inverno eccezionalmente ostile, riaffermando con superba valentia, rispetto a scelte unità alleate, il<br />

prestigio <strong>del</strong>l’Ala d’Italia.”<br />

Fronte Russo, agosto 1941-maggio 1942.<br />

Medaglia d’Oro al Valor Militare alla “memoria” <strong>del</strong> Generale Enrico Pezzi:<br />

“Veterano di quattro guerre dove ha sempre saputo strappare al cielo lembi di azzurro per onorarsene il petto. In terra di Russia<br />

ha scolpito con la sua audacia, l’esempio e la sicurezza di fronte al pericolo, in lettere d’oro, la traccia <strong>del</strong>l’Ala italiana. In<br />

sublime rischiosa offerta per salvare camerati italiani chiusi in cerchi di fuoco, immolava la giovane vita salendo col sorriso dei forti<br />

nel cielo degli eroi.”<br />

Fronte Russo, 29 dicembre 1942<br />

Medaglia d’Argento al Valor Militare al 61° Gruppo O.A.:<br />

“Fe<strong>del</strong>e alla virtù di audacia e spirito di ardimento e sacrificio dei pionieri <strong>del</strong>l’ala da ricognizione, durante 10 mesi di missioni di<br />

guerra effettuate nelle più difficili condizioni di clima, di ambiente e di mezzi., dava testimonianza <strong>del</strong>la solida omogeneità tecnica<br />

e <strong>del</strong>la generosa bravura dei suoi instancabili e<strong>qui</strong>paggi. Monito e sfida per l’avversario, il rombo dei suoi motori ha vibrato<br />

ovunque vittoriosamente nei cieli <strong>del</strong>le battaglie dilagando dal Nipro al Donez con la supremazia <strong>del</strong>la perizia e <strong>del</strong>la temerarietà<br />

fino sulle basi più occulte ed insidiose <strong>del</strong>l’aviazione bolscevica ed assicurando ai combattenti di terra anche nelle più avverse<br />

situazioni di un aspro inverno contributo efficace e fecondo per forza di sentimenti e abilità di azione.”<br />

Fronte Russo, agosto 1941 – maggio 1942<br />

Medaglia d’Argento al Valor Militare al 71° Gruppo O.A.:<br />

“Infaticabile, silenzioso, eroico, portava nei cieli di Russia le ali ed i cuori a sorvegliare con costante accanimento il dispositivo<br />

nemico sottoponendone ad offesa i capisaldi. Dava ai comandi valido aiuto <strong>del</strong>le preziose notizie ed alle truppe combattenti il suo<br />

conforto <strong>del</strong>la sua vigile protezione, segnando col sangue dei suoi eroici volatori le vie già luminose <strong>del</strong>la ricognizione aerea<br />

italiana.”<br />

Cielo di Russia, maggio 1942 – aprile 1943<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

19


appoggio di fuoco ai fanti, ai bersaglieri<br />

ed agli alpini usando anche i<br />

campi avanzati come Staroblelsk e<br />

Mirelovo.<br />

I velivoli da trasporto avevano fatto<br />

miracoli per rifornire i reparti isolati e<br />

per evacuare i feriti; la situazione<br />

aerea dall’inizio <strong>del</strong>la ritirata si era letteralmente<br />

capovolta; i velivoli italiani<br />

da inseguitori ora erano gli inseguiti;<br />

cinque SM.81 venivano distrutti al<br />

suolo, due abbattuti dal tiro contraereo<br />

nemico ed altri ancora colpiti, con<br />

feriti e morti a bordo. Il 29 dicembre,<br />

lo stesso Generale Enrico Pezzi si era<br />

recato con un SM.81 nella zona di<br />

Certkovo dove una massa di feriti e di<br />

congelati sperava solo negli aerei italiani<br />

per potersi salvare; partito da<br />

Voloscilovgrad, dopo aver sorvolato le colonne in<br />

ritirata, era sparito nel nulla. Le ricerche successive,<br />

portate avanti anche dopo la fine <strong>del</strong>la guerra,<br />

non avevano dato alcun risultato. Con Decreto<br />

<strong>del</strong> Capo Provvisorio <strong>del</strong>lo Stato <strong>del</strong> 30 dicembre<br />

1947 gli sarà conferita la Medaglia d’Oro al Valor<br />

Militare alla “memoria”.<br />

Gli italiani circondati dai Russi nella sacca di<br />

Certkovo, dopo venti giorni di assedio, riuscivano<br />

a rompere l’accerchiamento e ad allontanarsi con<br />

la protezione dei velivoli italiani e tedeschi.<br />

L’opera svolta dai trasporti aerei per alimentare<br />

dal cielo la sacca di Certkovo e per evacuare i feriti<br />

era, però, costata la perdita di sette velivoli<br />

SM.81. La campagna di Russia era finita in tragedia,<br />

il Comando <strong>del</strong>l’Aeronautica sul Fronte<br />

Orientale si era aggiudicato l’abbattimento di 88<br />

velivoli russi contro la perdita di 15 aeroplani in<br />

volo e di oltre 50 a terra (6).<br />

Sul fronte Russo era stato inviato anche il 61°<br />

Gruppo Osservazione Aerea (7), che aveva avuto<br />

origine poco dopo la costituzione <strong>del</strong>la Regia<br />

Aeronautica (23 marzo 1923) e, nel secondo conflitto,<br />

aveva combattuto già su quasi tutti i fronti. Fu<br />

schierato in un primo momento a Tudora e successivamente,<br />

il 26 settembre 1941, a Crivojrog. Nel<br />

1942, il 61° Gruppo, con la 128 a Squadriglia, era<br />

dislocato a Saporoshje, mentre la 119 a era a Stalino.<br />

Nel maggio 1942 il Gruppo veniva rimpatriato, dal<br />

19 agosto 1941 al 31 marzo 1942 aveva svolto un’eroica,<br />

intensa attività per la quale gli era stata conferita<br />

la Medaglia d’Argento al Valor Militare.<br />

Altro Reparto <strong>del</strong>la Regia Aeronautica inviato<br />

sul fronte Russo era stato il 71° Gruppo O. A. (8),<br />

che dopo aver operato sul fronte occidentale e su<br />

quello jugoslavo, il 2 dicembre 1941 era stato prescelto<br />

per avvicendare il 61° Gruppo O.A. operante<br />

sul fronte russo, come Reparto Autonomo. Il<br />

trasferimento era, però, iniziato solo il 4 maggio<br />

20 IL NASTRO AZZURRO<br />

1942 per l’impossibilità di atterrare sugli aeroporti<br />

lungo la rotta, a causa <strong>del</strong> gelo. Il Comando di<br />

Gruppo e la dipendente 38 a Squadriglia erano<br />

giunti a Stalino il 13 maggio, la 116 a Squadriglia<br />

aveva raggiunto il fronte Russo il 27 maggio ed<br />

era stata dislocata sull’Aeroporto di Saporoschje.<br />

Nel periodo trascorso in quel settore operativo, il<br />

71° Gruppo O.A. dipendeva, per l’impiego, direttamente<br />

<strong>del</strong> Corpo di Spedizione Italiano in<br />

Russia (C.S.I.R.). Gli e<strong>qui</strong>paggi <strong>del</strong> Reparto avevano<br />

immediatamente dimostrato il loro spirito<br />

combattivo e la loro abnegazione, operando<br />

spesso in condizioni atmosferiche molto avverse.<br />

Nel luglio 1942, dopo aver ricevuto per la sua<br />

attività un elogio da parte <strong>del</strong> Comando <strong>del</strong><br />

C.S.I.R., il 71° Gruppo era passato alle dipendenze<br />

<strong>del</strong> “Comando Aeronautico Fronte Orientale”,<br />

nuova denominazione <strong>del</strong>l’Aeronautica <strong>del</strong><br />

C.S.I.R., a disposizione <strong>del</strong>l’8 a Armata. L’attività<br />

<strong>del</strong> Gruppo era stata particolarmente intensa e<br />

quanto mai proficua, per i Comandi operanti,<br />

costantemente informati sulle operazioni che<br />

avevano portato le nostre truppe sulle rive <strong>del</strong><br />

Don. Gli e<strong>qui</strong>paggi, non più assistiti dalla scorta<br />

<strong>del</strong>la caccia, sia perché impegnati in altri compiti,<br />

sia perché le missioni erano effettuate oltre il<br />

limite <strong>del</strong>la loro autonomia, si prodigavano in<br />

ogni modo, portandosi a quote bassissime, per<br />

meglio accertare la consistenza <strong>del</strong>le retroguardie,<br />

rientrando più volte dopo essere stati colpiti<br />

dalla reazione avversaria.<br />

Il 2 agosto 1942 il Comando di Gruppo, con le<br />

Squadriglie dipendenti, veniva trasferito<br />

sull’Aeroporto di Voroschilovgrad e da quella<br />

base iniziava la realizzazione di un vasto programma<br />

di rilevamenti aero-foto-planimetrici <strong>del</strong><br />

fiume Don, effettuati per uno sviluppo di 350<br />

Kmq ed interessanti tutto il fronte <strong>del</strong>l’8 a Armata.<br />

Un “mosaico”, eseguito per il Comando tedesco


<strong>del</strong>la “Luftwaffe Don”, di grande ausilio per i<br />

Comandi <strong>del</strong>le Grandi Unità ai fini <strong>del</strong>lo studio<br />

analitico <strong>del</strong> terreno e per la determinazione precisa<br />

<strong>del</strong>la ubicazione e natura <strong>del</strong>le opere difensi-<br />

ve avversarie. Nello stesso mese di agosto aveva<br />

inizio la dotazione al Reparto di velivoli Br.20, che<br />

avrebbero consentito la effettuazione <strong>del</strong>le<br />

esplorazioni a largo raggio, in campo strategico.<br />

Anche il “passaggio” sul nuovo aereo veniva<br />

effettuato a tempo di record, tanto da rendere<br />

possibile, un suo quasi immediato impiego bellico.<br />

Il 22 agosto una Sezione <strong>del</strong>la 116 a<br />

Squadriglia, dotata di velivoli Ca.311, era schierata<br />

sul Campo di fortuna di Karginsskaja, alle<br />

dipendenze operative <strong>del</strong> 35° Corpo d’Armata<br />

(C.S.I.R.), per poter esercitare un più assiduo controllo<br />

sull’attività nemica, particolarmente<br />

aggressiva in quel settore. Il 16 ottobre la suddetta<br />

Sezione, che aveva svolto una brillante ed<br />

apprezzata attività, veniva avvicendata da una<br />

Sezione <strong>del</strong>la 38 a Squadriglia, armata con velivoli<br />

Br.20. L’attività <strong>del</strong>la Sezione, ricognizione e, successivamente,<br />

bombardamenti sui principali centri<br />

di rifornimento, sarà sempre intensa ed efficace.<br />

Nel contempo dalla base di<br />

Voroschilovgrad continuavano le esplorazioni<br />

a largo raggio ed iniziavano le azioni<br />

di bombardamento sui ponti gettati<br />

dal nemico sul Don, sui settori più critici<br />

<strong>del</strong>lo schieramento e su altri centri di<br />

rifornimento <strong>del</strong>l’avversario. E<strong>qui</strong>paggi e<br />

singoli aviatori <strong>del</strong> 71° Gruppo, saranno<br />

spesso portati ad esempio dei combattenti.<br />

L’attività <strong>del</strong> 71° Gruppo, nonostante le<br />

difficili condizioni atmosferiche, continuava<br />

ininterrotta fino al dicembre <strong>del</strong><br />

1942 e durante il ripiegamento seguito<br />

all’offensiva iniziata dai russi l’11 dicembre.<br />

L’attività dei velivoli <strong>del</strong> Gruppo in<br />

questo periodo si svolgeva anche nel settore tedesco<br />

fra Millerovo, Kamensk e Morosowski dove<br />

veniva eseguita anche qualche azione di bombardamento<br />

in cui erano stati perduti tre apparecchi<br />

Br.20. Nel gennaio 1943 il Gruppo era costretto ad<br />

abbandonare Voroschilovgrad ed iniziava il suo<br />

trasferimento a Stalino, <strong>qui</strong>ndi a Odessa e il 19<br />

febbraio 1943 a Saporoschje, il 5 marzo si trasferiva<br />

nuovamente a Odessa e nell’aprile iniziava le<br />

operazioni per il rimpatrio.<br />

Per la sua partecipazione alla “campagna di<br />

Russia”, al 71° Gruppo O.A. è stata conferita la<br />

Medaglia d’Argento al Valor Militare.<br />

Col. A. A. Giovanni Battista Cersòsimo<br />

(Socio aderente <strong>del</strong>la Federazione di Bari)<br />

(1) Vincenzo Cersòsimo, nato a Cassano allo Jonio (Cosenza) il 27 gennaio 1907, nella Regia Aeronautica dal 9 febbraio 1927,<br />

deceduto il 23 giugno 1957 sull’aeroporto di Palermo Boccadifalco mentre partecipava al IX Giro Aereo Internazionale <strong>del</strong>la<br />

Sicilia (vds “IL Giro Aereo <strong>del</strong>la Sicilia”, a cura <strong>del</strong>l’autore, pubblicato da “Il Corriere <strong>del</strong>l’Aviatore” Rivista <strong>del</strong>l’Associazione<br />

Nazionale Ufficiali <strong>del</strong>l’Aeronautica, Roma N. 10/2004, pagg. 8/10) con il collega Emilio Dotoli <strong>del</strong> C.A.V. <strong>del</strong>la IV Z.A.T. di Bari,<br />

a seguito di un’avaria al motore in fase di atterraggio (Salvo Di Marco: “Boccadifalco, piccola storia di un grande aeroporto”,<br />

Edizioni fotograf, Palermo Novembre 2007, pag. 182), triste epilogo per un “aviatore” che aveva partecipato ad operazioni<br />

di guerra:<br />

– sul Fronte Alpino Occidentale dall’11.06.1940 al 25.06.1940;<br />

– sul Fronte Russo dal 7.08.1941 al 16.02.1942 per il quale era stato decorato <strong>del</strong>la Medaglia Germanica per la Campagna<br />

d’Inverno 1941-1942 (Dispaccio N. 1232/04 <strong>del</strong> 16.01.1942);<br />

– sul Fronte <strong>del</strong>la Madre Patria dal 15.06.1943 all’8.09.1943;<br />

– sul territorio <strong>del</strong>la Penisola dal 9.09.1943 all8.05.1945.<br />

(2) Comandante <strong>del</strong> Corpo di Spedizione Italiano in Russia (1941-1942).<br />

(3) Nato il 26.06.1912 a Roma - deceduto nel cielo di Bowolin (Russia) il 29.12.1941 in combattimento aereo.<br />

(4) Nato il 22.05.1897 a Collevecchio (Rieti), era il Comandante <strong>del</strong>l’Aeronautica sul Fronte Orientale (C.A.F.O.)<br />

(5) Cfr. “Il Programma Affitti e prestiti per l’U.R.S.S.” di Giuseppe Pesce, pubblicato da “Il Corriere <strong>del</strong>l’Aviatore” N.10/2007,<br />

pagg. 9/11.<br />

(6) Cfr. “L’Aeronautica Italiana, storia di uomini e macchine” a cura di Arrigo Pecchioli, testi di Angelo Lodi, Ovidio Ferrante,<br />

Giuseppe Pesce, Igino Goggi, Editalia, Roma 1986 - “Dalla II Guerra Mondiale ai giorni nostri” di Giuseppe Pesce, Russia 1942,<br />

estratto <strong>del</strong>le pagg. 162, 165, 166, 167.<br />

(7) Cfr. Stato Maggiore Aeronautica: “I Reparti <strong>del</strong>l’Aeronautica Militare Italiana, Cenni storici, I Reparti decorati”, Stilgrafica<br />

Roma, ristampa 1977, pagg. 231/235.<br />

(8) Cfr. Stato Maggiore Aeronautica: “I Reparti <strong>del</strong>l’Aeronautica Militare Italiana, Cenni storici, I Reparti decorati”, Stilgrafica<br />

Roma, ristampa 1977, pagg. 239/243.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

21


Raimondo Mazzola, un “giovane” di 87 anni o<br />

giù di lì, nacque il 10 ottobre <strong>del</strong> 1922 dal<br />

matrimonio tra Albino e Seconda Madussi,<br />

una ragazza dalle origini friulane. Il padre di<br />

Raimondo svolgeva la professione di carrettiere per<br />

conto dei Castagnari, prima di andare a fare il custode<br />

presso lo Stabilimento Maggini e <strong>qui</strong>ndi il dipendente<br />

<strong>del</strong>l’Ospedale di Recanati. Il piccolo Raimondo<br />

dopo le elementari (aveva evitato la prima per via<br />

dei geloni) ed il primo anno<br />

di avviamento, si mette<br />

subito a lavorare come operaio<br />

presso il Mobilificio<br />

Maggini a Castelnuovo. Ha<br />

appena 13 anni questo<br />

ragazzino che preferisce<br />

lavorare piuttosto che studiare<br />

e che, per quattro<br />

anni, resterà alle dipendenze<br />

dei Maggini sino a quando,<br />

ormai diciassettenne, si<br />

vede cambiare la vita da un<br />

incontro casuale. Dal<br />

nonno, che faceva il bottaio<br />

ed era anche molto bravo,<br />

un bel giorno si presentano<br />

Benedetto Gurini ed un suo<br />

amico, Giuseppe Vecchioli,<br />

dicendo che entrambi<br />

sarebbero ben presto partiti<br />

volontari per entrare nella<br />

Marina Militare italiana.<br />

Infatti, il Gurini partirà nel<br />

1937 per La Spezia destinato<br />

al sommergibile Scirè,<br />

mentre Vecchioli si imbarca<br />

sul cacciatorpediniere<br />

“Nullo” dislocato a<br />

Massaua, in Somalia.<br />

Ricorda oggi Raimondo Mazzola che, sentendo<br />

parlare i due giovani, egli comincia a pensare seriamente<br />

di seguirne l’esempio; si entusiasma pensando<br />

a come potrebbe essere la vita in marina alla<br />

quale pensava sin da piccolo, poiché nei pressi <strong>del</strong>la<br />

sua abitazione di Monte Volpino c’era quella <strong>del</strong><br />

comandante Luigi Mattioli presso il quale lavorava<br />

la nonna e dove aveva visto tanti libri proprio sulla<br />

Marina. L’entusiasmo di Raimondo cresce quando si<br />

trova a leggere dei testi sulla tecnologia <strong>del</strong> siluro,<br />

dei piccoli volumi che ne descrivono perfettamente<br />

il funzionamento.<br />

È il 3 settembre 1939, quando Raimondo, appena<br />

17 anni, chiede alla famiglia un consiglio: i suoi lo<br />

22 IL NASTRO AZZURRO<br />

RAIMONDO MAZZOLA:<br />

IL “MIRACOLATO” DELLO SCIRÈ<br />

lasciano libero di decidere e così anche lui lascia<br />

Recanati per andarsene a La Spezia dove entrerà<br />

nella Scuola per Silurista dalla quale uscirà il 28 maggio<br />

<strong>del</strong>l’anno successivo. È <strong>qui</strong> che riceve l’elenco<br />

degli imbarchi, tutti con destinazione verso i sommergibili.<br />

Con lui c’è anche un altro recanatese,<br />

Orlando Monteverde.<br />

La sera <strong>del</strong> 28 maggio il Mazzola ha preso la decisione<br />

e si imbarca sullo Scirè, sulla casermetta, mentre<br />

solo raramente entrerà<br />

all’interno <strong>del</strong> sottomarino.<br />

La scelta di Raimondo si<br />

spiega facilmente avendo<br />

conosciuto il Gurini che era<br />

destinato ai tubi di lancio di<br />

prua. Il 9 giugno <strong>del</strong> 1940 la<br />

prima missione per effettuare<br />

la sorveglianza tra la<br />

Francia e l’Italia, e<br />

Raimondo ricorda: “Si stava<br />

sotto di almeno 30 metri e si<br />

ascoltavano le navi in superficie<br />

sino a quando, un giorno,<br />

dopo un temporale, nell’operazione<br />

di immersione,<br />

il nostro sommergibile<br />

Scirè, avverte chiaramente<br />

le bombe di profondità.<br />

Siamo scesi ancora sino alla<br />

profondità di 80-90 metri<br />

con il battello che va giù di<br />

prua, non tenta di rialzarsi e<br />

scende ancora. Il capo meccanico<br />

Pavera, presa la leva<br />

<strong>del</strong>la rapida, l’ha tirata al<br />

massimo. È cominciata così<br />

la risalita in superficie, in<br />

maniera però troppo rapida,<br />

e ci si è accorti che nei pressi c’erano dei Mas italiani.<br />

La corrente aveva portato lo Scirè fuori zona.<br />

Dopo questa missione siamo rimasti fermi per 12<br />

giorni prima di trasferirci alla Maddalena, col<br />

comando affidato al tenente di vascello Adriano Pini<br />

che aveva sostituito il comandante. Durante le operazioni<br />

di sorveglianza tra la Spagna e la Sardegna<br />

avvenne l’incontro con un piroscafo. Lo Scirè risale<br />

in superficie per chiedere i segnali di riconoscimento,<br />

il piroscafo si rifiuta di rispondere ed il comandante<br />

Pini, ritenendo potesse essere una nave civetta,<br />

fa lanciare immediatamente un siluro e l’affonda.<br />

sono solamente in sei a salvarsi <strong>del</strong>l’e<strong>qui</strong>paggio<br />

<strong>del</strong> piroscafo, e tutti vengono raccolti proprio dal


sottomarino. Rientrato alla Maddalena Raimondo<br />

chiede ad uno dei naufraghi se avesse desiderato<br />

venire a vivere in Italia e per tutta risposta si sente<br />

dire: “Meglio la Martinica”, luogo celebre per il<br />

durissimo bagno penale che ospitava. Nonostante si<br />

trovino sullo stesso sottomarino, i due recanatesi,<br />

Gurini e Mazzola, hanno ben poche possibilità di<br />

vedersi e tantomeno scambiare qualche parola. Nel<br />

settembre <strong>del</strong> 1940 lo Scirè rientra a La Spezia e ne<br />

assume il comando Junio Valerio Borghese. Sullo<br />

scafo si imbarcano i tre serbatoi che portano i mezzi<br />

di assalto e si fanno le prove di assetto; poi le uscite<br />

in mare e <strong>qui</strong>ndi la partenza per la prima missione<br />

con destinazione Gibilterra. Lo Scirè attraversa lo<br />

Stretto il 25 settembre e poi riceve l’ordine di rien-<br />

trare a La Spezia perché le navi nemiche non ci sono<br />

più. Circa 30-40 ore di immersione continua ad una<br />

profondità di almeno 60 70 metri per evitare le navi<br />

inglesi che passano sopra lo scafo. Dal porto di La<br />

Spezia, nella metà di ottobre, nuova partenza alla<br />

volta di Gibilterra, una immersione prolungata e<br />

Raimondo che si ammala improvvisamente. È<br />

costretto a dormire nella cuccetta in basso perché il<br />

più piccolo di statura e, ad un tratto, comincia a<br />

mancargli l’aria (la prova viene fatta con l’accensione<br />

<strong>del</strong> fiammifero) e sente salirgli la febbre. Viene<br />

alimentato solo con latte condensato in scatola<br />

mentre deve fare a meno <strong>del</strong>l’assistenza medica poiché<br />

non è prevista la presenza di tali figure a bordo;<br />

una situazione che si protrae per circa una settimana<br />

sino alla sosta di Cagliari per fare il rifornimento<br />

<strong>del</strong> gasolio. Qui il comandante gli chiede se intende<br />

sbarcare oppure ce la fa a continuare: il Mazzola<br />

non si tira indietro e rifiuta di scendere a terra. Si<br />

arriva così a La Spezia a notte inoltrata e, il mattino<br />

successivo, il comandante Borghese invita Raimondo<br />

ad alzarsi e lo accompagna in infermeria, dove un<br />

medico gli diagnostica subito una pleurite e dispone<br />

l’immediato trasferimento all’ospedale di Marina di<br />

Massa. “Giorni tristi”, ci dice oggi un Mazzola che<br />

parlerebbe per ore di quanto gli è accaduto in guerra,<br />

“durante i quali però mi sono ripreso grazie a<br />

Suor Caterina, una religiosa piuttosto giovane che<br />

ogni manina si recava al mio capezzale per scoprirmi<br />

<strong>del</strong>le coperte e farmi respirare l’aria buona. Una<br />

volta mi e capitato di tirarle contro un guanciale e di<br />

colpirla al volto facendole cadere il velo: invece di<br />

arrabbiarsi, da allora mi ha cominciato a portare<br />

ogni ben di Dio e ad affezionarsi a me tanto che,<br />

appena dimesso, nel corso <strong>del</strong>la visita per valutare la<br />

mia idoneità per rientrare nel sommergibile Scirè,<br />

Suor Caterina mi ha strappato di mano il foglio <strong>del</strong>la<br />

visita e se ne è andata dall’ufficiale medico che mi<br />

ha dichiarato “non idoneo” facendomi così imbarcare<br />

sulla nave di superficie Attilio Regolo.<br />

“Avevo evitato lo Scirè e con esso anche la sua<br />

drammatica fine. Il 10 novembre <strong>del</strong> 1942 un siluro<br />

si porta via la prua <strong>del</strong>la nave, alle ore 10.27, ed io<br />

che ero stato di guardia sino a pochi minuti prima,<br />

all’improvviso mi vedo passare a meno di un metro<br />

il pericolosissimo oggetto. La nave viene poi rimorchiata<br />

e torna a Palermo con l’e<strong>qui</strong>paggio che il<br />

giorno successivo va in pellegrinaggio a Santa<br />

Rosalia per ringraziarla <strong>del</strong>lo scampato pericolo”.<br />

Si arriva così alla metà di agosto <strong>del</strong> 1943 quando<br />

il nostro viene mandato in licenza a Merano e l’8<br />

settembre viene preso dai tedeschi per cui sarà<br />

costretto a farsi due anni di prigionia.<br />

La sua avventura in guerra finisce praticamente<br />

<strong>qui</strong> ma nella mente di Raimondo Mazzola c’è vivo il<br />

ricordo degli amici scomparsi con lo Scirè dove, ci ha<br />

detto, si conduceva una vita diversa rispetto ad altri<br />

scafi perché <strong>qui</strong> si potevano mangiare uova, aragoste<br />

e bere i vini migliori.<br />

Gabriele Magagnimi<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

23


24 IL NASTRO AZZURRO<br />

la festa <strong>del</strong> 2 giugno<br />

(dedicato specialmente alle Socie)<br />

Anche quest’anno il risalto dato dai media alla Festa <strong>del</strong>la Repubblica, che il 2 giugno ha celebrato<br />

l’anniversario <strong>del</strong>la sua nascita, ha fatto relegare in secondo piano, se non dimenticare <strong>del</strong><br />

tutto, un altro avvenimento importante anch’esso legato alla stessa data. In quel lontano 2 giugno<br />

1946, per fa prima volta le donne italiane esercitarono il diritto di voto (le immagini più significative,<br />

apparse sulla stampa <strong>del</strong>l’epoca, sono quelle di lunghe file di donne, con i figli piccoli per<br />

mano, in paziente attesa sin dal mattino presto <strong>del</strong>l’apertura dei seggi elettorali) e per la prima<br />

volta Esse furono elette a far parte di un organo <strong>del</strong>lo Stato: l’Assemblea Costituente. La loro fu<br />

una rappresentanza sparuta e fortemente minoritaria, ma sicuramente molto importante.<br />

Come già accennato, su un totale di 556 “Costituenti” le donne elette furono solo 21 (appena<br />

il 3,6%): 9 democristiane, 9 comuniste, 2 socialiste e 1 <strong>del</strong>l’Uomo Qualunque. I giornali diedero<br />

giusto risalto all’avvenimento, e la Domenica <strong>del</strong> Corriere così descrisse la pattuglia femminile<br />

in seno alla Costituente:<br />

“Laureate, lavoratrici, tutte hanno cooperato con slancio al movimento femminile, alla<br />

Resistenza e alla lotta clandestina, e giungono in Parlamento con una esperienza di problemi<br />

sociali che renderà particolarmente interessante la loro attività alla Costituente. Non fumano, in<br />

genere, e in maggioranza non si truccano e vestono con la più grande semplicità”.<br />

Se il loro numero fu esiguo, grande fu il loro impegno nella discussione di alcuni principi che<br />

stanno alla base <strong>del</strong>la Costituzione: in particolare i rapporti etico sociali. Gli uni e gli altri hanno<br />

trovato collocazione negli articoli:<br />

- 29, 30 e 31 che sanciscono i diritti relativi alla famiglia e alla protezione dei figli;<br />

- 32 che garantisce il diritto alla salute;<br />

- 33 e 34 che stabiliscono la libertà <strong>del</strong>la scienza e <strong>del</strong>l’insegnamento, l’elevamento <strong>del</strong>l’età<br />

<strong>del</strong>l’obbligo scolastico e l’importanza <strong>del</strong>l’istruzione, che fu garantita per tutti.<br />

Molte <strong>del</strong>le 21 donne elette alla Costituente furono rielette nelle legislazioni successive e<br />

seppero distinguersi per la vocazione e la passione con cui si impegnarono per le realizzazioni<br />

legislative dei diritti sanciti nella Costituzione.<br />

Oggi, dopo oltre 60 anni, i loro risultati appaiono non solo innovativi e profetici ma ancora<br />

attuali.<br />

Gen. Giuseppe Picca<br />

(Presidente <strong>del</strong>la Federazione di Bari)<br />

LO STATO DI SALUTE DEI “MIEI”<br />

ULTRA NOVANTENNI<br />

Il 30 Giugno, ho fatto gli auguri per i suoi primi novanta cinque anni, al Maggiore Gian Maria<br />

Salvagni, Croce di Guerra al Valore, per lungo tempo dirigente <strong>del</strong>la nostra Unione Industriali.<br />

Avevo cominciato la tornata in Gennaio con il Ten. Col. professor Vincenzo Saputo, anni 97, noto<br />

e apprezzato cattedratico, che in gioventù, come Ufficiale Medico, partecipò alla Campagna di<br />

Russia e in seguito avviò e diresse numerosi Ospedali Militari tra cui il nostro. Nel Marzo scorso<br />

mi ero complimentato con il Ten. Col. R. O, Luigi Gnecchi, due M.A.V.M., anche lui novantacinquenne,<br />

mentre, poco prima, il 28 Febbraio, gli auguri spettarono al Ten. R. O. Giuseppe<br />

Faccinetto. Il prossimo 11 Luglio il Cap. Alessandro Galeazzi M.A.V.M. “sul campo”, Fronte russo,<br />

taglierà il traguardo <strong>del</strong>le cento can<strong>del</strong>ine.<br />

Nell’attesa di completare il “secolo” che, a Dio piacendo, gli ultra novantenni si augurano di<br />

festeggiare con lui, e che elenco insieme con quelli già ricordati: il Ten. professor Riccardo Zelioli<br />

(vice decano), il Ten. Col. T. O. A<strong>del</strong>io Conca, il Ten. Col. R. O. Enzo Curti, il Ten. Conte Carlo<br />

Prinetti Castelletti, e il Capitano Aurelio Sterco. Attraverso il nostro giornale, dedico loro un piccolo<br />

ricordo.<br />

Non sono con noi il T. V. ing. Piero Stabilini e il Ten. Col. Aldo Ongini, recentemente scomparsi,<br />

che ricorderemo, se tutti presenti, alla prossima ricorrenza per il secolo di Galeazzi.<br />

Si tratta di un gruppo validissimo di uomini che fecero il loro dovere in passato e che continuano<br />

a indicarci la strada da percorrere, forti <strong>del</strong>le loro esperienze e impegnati, anche se qualcuno<br />

li ritiene “fuori quota”.<br />

Giovanni Bartolozzi<br />

(Vicepresidente <strong>del</strong>la Federazione di Lecco)


NOTIZIE IN AZZURRO - NOTIZIE IN<br />

AZZURRO - NOTIZIE IN AZZURRO<br />

IL 72° STORMO, IN OCCASIONE DELLA CONSEGNA DEI DISTINTIVI<br />

DI PILOTA DI ELICOTTERO, RINNOVA LA TOPONOMASTICA<br />

Martedì 9 settembre 2008 si è svolta presso il 72° Stormo di Frosinone la cerimonia di consegna degli attestati di<br />

brevetto e dei distintivi di pilota di elicottero a dieci frequentatori <strong>del</strong>l’Esercito Italiano, uno <strong>del</strong>la Polizia di Stato, due<br />

dei Vigili <strong>del</strong> Fuoco e a due Ufficiali <strong>del</strong>le Forze Armate Albanesi. Nell’occasione ha avuto luogo anche l’intitolazione<br />

<strong>del</strong>l’hangar Linea Volo al Magg. Secondino Pagano, Medaglia d’Argento al Valor Militare, <strong>del</strong> piazzale Linea Volo al<br />

Cap. Giovanni Zanelli, Medaglia d’Argento al Valor Militare, e <strong>del</strong> Viale principale <strong>del</strong>l’Aeroporto al Cap. Fabio Avella,<br />

Medaglia di Bronzo al Valore Aeronautico. Una cerimonia che ha risaldato quel legame ideale tra passato e presente:<br />

giovani piloti che raggiungono il loro sogno nel ricordo di coloro che hanno sacrificato il bene più prezioso nello<br />

svolgimento <strong>del</strong> proprio lavoro al servizio <strong>del</strong>le Istituzioni.<br />

Alla cerimonia, presieduta dal generale di brigata aerea Settimo Caputo, Comandante <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> di Scienze<br />

Militari Aeronautiche di Firenze, accompagnato dal comandante <strong>del</strong> 72° Stormo, colonnello Pasquale Merola, hanno<br />

partecipato numerose Autorità locali, i familiari dei neo brevettati, i Gonfaloni dei Comuni viciniori, tra cui quello di<br />

Cassino insignito <strong>del</strong>la Medaglia d’Oro al Valor Militare e i Labari <strong>del</strong>le Associazioni d’Arma e Combattentistiche.<br />

Dopo la S. Messa, celebrata dal Vicario Generale <strong>del</strong>la Diocesi di Frosinone, Mons. Luigi Di Massa, si è proceduto alla<br />

benedizione <strong>del</strong>le targhe intitolate agli Ufficiali Piloti insigniti <strong>del</strong>le Medaglie al Valore, alla presenza dei loro familiari<br />

tra i quali il Colonnello Luciano Zanelli, figlio di uno di essi.<br />

BELLARIA, 27 E 28 SETTEMBRE 2008 55° RADUNO NAZIONALE DEI DALMATI<br />

Il 27 e 28 settembre 2008 al Palazzo <strong>del</strong> Turismo di Via Da Vinci a Bellaria, la cittadina adriatica situata a pochi chilometri<br />

da Rimini, si è svolto il “55° Raduno Nazionale dei Dalmati”. Il Raduno si è aperto alle ore 10 di sabato 27 con<br />

l’“Incontro con la Cultura Dalmata”, giunto alla quattordicesima edizione, curato da Chiara Motka, in cui sono state<br />

presentate le pubblicazioni di argomento dalmata edite nell’ultimo anno: oltre una settantina di testi, presenti alcuni<br />

degli autori. Nel pomeriggio, il meeting con la stampa intitolato “Il futuro <strong>del</strong>la Cultura Dalmata nelle due sponde<br />

<strong>del</strong>l’Adriatico” con la partecipazione di giornalisti di testate nazionali. Nella serata la relazione e concerto di<br />

Chiara Bertoglio “...Sì bella e perduta...”, ispirato al significato e alla dimensione <strong>del</strong> “Va pensiero” nell’esperienza<br />

<strong>del</strong>l’esilio istriano, fiumano e dalmata. Domenica mattina alle 9 è stata celebrata la S. Messa a ricordo di tutti coloro<br />

che non ci sono più nella chiesa <strong>del</strong> “Sacro Cuore di Gesù”; nel corso <strong>del</strong>la successiva Assemblea Generale è stato consegnato<br />

il “Premio Tommaseo 2008”.<br />

I^ Edizione <strong>del</strong> BLU FILM FESTIVAL 2008<br />

RASSEGNA CINEMATOGRAFICA EUROPEA DEDICATA ALL’ACQUA<br />

Dal 10 all’11 ottobre 2008, nella splendida e suggestiva cornice <strong>del</strong> Museo Storico <strong>del</strong>l’Aeronautica di Vigna di<br />

Valle (Lago di Bracciano), l’Associazione Dimensione Europea ha promosso la prima edizione <strong>del</strong> Blu Film Festival:<br />

Rassegna Cinematografica Europea dedicata all’Acqua. Nell’arco di due giornate, sono stati proiettati i migliori film<br />

premiati dalla Giuria e dal pubblico nell’ambito <strong>del</strong> Festival Internazionale <strong>del</strong> Cinema Naturalistico e Ambientale, che<br />

si svolge annualmente nelle aree dei Parchi Nazionali d’Abruzzo. Dibattiti, spettacoli, e tanto cinema con protagonista<br />

l’acqua: via di trasporto, fonte di energia, ambiente di lavoro e, soprattutto ambiente di vita umana, animale e<br />

vegetale. Le proiezioni si alterneranno a “incontri con l’Autore” che vedranno registi e sceneggiatori dialogare con<br />

il pubblico.<br />

La manifestazione è stata ufficialmente aperta venerdì 10 ottobre, alle 10,30, alla presenza di autorità e rappresentanti<br />

<strong>del</strong>le Istituzioni, civili, militari e religiose, dal Presidente di Dimensione Europea, Stefano Loparco e da<br />

Antonio Baldassarre, Presidente onorario di Dimensione europea e Presidente emerito <strong>del</strong>la Corte Costituzionale. È<br />

intervenuto il Ministro <strong>del</strong>l’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, il sottosegretario agli esteri Vincenzo Scotti e l’assessore<br />

alla cultura di Roma Umberto Croppi. Sabato 11 ottobre, ore 18.00, ha avuto luogo la serata conclusiva con il<br />

recital di Marco Danè, autore e conduttore di programmi Rai.<br />

Questa prima rassegna ci ha dato modo di conoscere l’acqua in molte <strong>del</strong>le sue funzioni che non sono soltanto<br />

quelle legate alle nostre necessità quotidiane e personali.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

Angela Verde<br />

25


Èandata via per sempre, con l’esodo, la gioventù<br />

<strong>del</strong>la parte settentrionale di Borgo<br />

Erizzo. La bella gioventù che d’estate faceva i<br />

bagni alla “Fontana” e alla sera, dopo cena, si radunava,<br />

là vicino, su un basso muro di protezione <strong>del</strong><br />

lungomare <strong>del</strong>le Colovare. Accanto allo sciabordio<br />

<strong>del</strong> mare, dopo un po’ di conversazione e barzellette,<br />

si intonavano cori accompagnati da virtuosi <strong>del</strong>la<br />

armonica a bocca.<br />

“Colovare, voi siete ora il silenzio d’un mondo<br />

perduto”. Da allora quanti di loro, sparsi un po’ dappertutto,<br />

non hanno più riudito le canzoni <strong>del</strong><br />

nostro folclore che il coro intonava sotto il cielo stellato.<br />

Intonavano anche una canzone allora in voga<br />

che è <strong>del</strong> tutto scomparsa dal repertorio ma per<br />

tanti è un ricordo di lontani sogni d’amore.<br />

Quando venne a Zara la celebre soubrette Lillì<br />

Fiamma venivano cantati brani <strong>del</strong>l’operetta “Il<br />

canto <strong>del</strong>le sirene” che non ho più risentito da allora;<br />

il “Tango <strong>del</strong>le capinere” veniva parodiato:<br />

A mezzogiorno va i muli dalla scola<br />

e un piatto de fasoi la mamma porta in tola.<br />

Nel gruppo c’era anche un appassionato di musica<br />

lirica che aveva studiato canto come tenore.<br />

Cantava da solista due brani di operette che recitò<br />

poi in teatro.<br />

Il coro si assottigliò sempre più quando in tutta<br />

Zara si cominciò a cantare l’allegra marcetta con la<br />

quale i giovani di Zara si preparavano a partire per i<br />

fronti <strong>del</strong>la guerra.<br />

Lo storico Tullio Erber, che nel 1883 pubblicò a<br />

Ragusa la prima edizione <strong>del</strong>la sua storia di Borgo<br />

Erizzo (La colonia albanese di Borgo Erizzo presso<br />

Zara), ha scritto testualmente: “Se attraversate la<br />

26 IL NASTRO AZZURRO<br />

LE COLOVARE<br />

villa di Borgo Erizzo di sera dopo finito il<br />

lavoro o in giorno di festa, sentite lieti<br />

canti risuonare da ogni parte... Essi (i<br />

borgherizzani) hanno un udito veramente<br />

raro per la musica e i loro cori sono<br />

veramente stupendi. È incredibile come<br />

sappiano alternare sì bene le voci basse e<br />

le voci alte, i primi e i secondi. Ecc.ecc.”<br />

Questa caratteristica dei borgherizzani<br />

permane tuttora.<br />

La parte bella di Borgo Erizzo era il<br />

lungomare <strong>del</strong>le Colovare che i borgherizzani<br />

chiamavano in albanese<br />

“Karma”. Nella parte a Sud <strong>del</strong>la<br />

Fontana non c’erano abitazioni e le<br />

Colovare conservavano intatta la bellezza<br />

naturale romantica. Per coloro che<br />

abitavano nelle vicinanze era un luogo<br />

di passeggiate, di bagni al mare, di<br />

incontri amorosi, di cori dopo cena nelle<br />

notti estive, di pesca notturna con la fiocina<br />

alla luce di grandi lampade. Nelle<br />

notti d’estate apparivano sciami di lucciole dalle<br />

siepi che affiancavano la strada. Piccole luci fosforescenti<br />

apparivano anche nel mare quando i giovani,<br />

nelle notti più calde, facevano i bagni.<br />

I punti di riferimento <strong>del</strong>le Colovare erano la<br />

“Fontana”, i “primi pini”, i “secondi pini” (due piccoli<br />

filari di pini marittimi, sulle punte avanzate <strong>del</strong><br />

lungomare) ed il Bersaglio, che concludeva il lungomare<br />

in un lungo e stretto promontorio roccioso<br />

adibito a poligono per il tiro a segno con armi leggere.<br />

Il promontorio, lungo circa 700 metri, iniziava<br />

con il costone roccioso a strapiombo sul mare, alto<br />

una decina di metri, e decresceva dolcemente. Così<br />

gli appassionati dei tuffi potevano allenarsi a tutte<br />

le altezze. Taluni, nella parte più alta facevano<br />

anche scuola di roccia.<br />

La “Fontana”, chiamata “Funtona” dai borgherizzani,<br />

fu costruita dai veneziani nel 1546, sul<br />

posto dove emergevano le risorgive di un piccolo<br />

corso d’acqua ipogeo, per offrire un ormeggio temporaneo<br />

e il rifornimento di acqua potabile ai naviganti.<br />

Era l’emblema <strong>del</strong>le romantiche Colovare e<br />

uno dei posti più caratteristici <strong>del</strong>la città con il suo<br />

molo in pietra e il grande pozzo attorniato da un<br />

alto colonnato sul quale poggiava la cupola. Aveva<br />

preso il nome di “Fontana <strong>del</strong>l’Imperatore” perché<br />

si riteneva che l’acqua ipogea provenisse dall’antico<br />

acquedotto costruito all’epoca <strong>del</strong>l’Imperatore<br />

Traiano. Era anche detta “Fontana di Napoleone”<br />

per una riparazione effettuata nel 1806 dai francesi<br />

<strong>del</strong>l’esercito napoleonico. Nell’interno <strong>del</strong>la cupola<br />

una lapide porta incisa una poetica iscrizione in<br />

latino:<br />

FONTE HOC IN VITREO LUDIT<br />

NUNC CANDIDA NAIS<br />

IN QUO LUDEBAT DORIS


AMARA PRIUS<br />

ERGO HAUSTUM LATICES<br />

SITIBUNDUS CIVIS ET HOSPES<br />

HUC VENIAT QUISQUIS<br />

PER MARE CARPIT ITER<br />

ET MERITA CELEBRET<br />

PRAEFECTUM LAUDE CANALEM<br />

HOC TAM QUI CUNCTIS<br />

UTILE FECIT OPUS<br />

- - - - - - - - - - - - - - -<br />

MCCCCXLVI<br />

Ai tempi dei miei ricordi, l’acqua <strong>del</strong>la fonte<br />

non era più potabile ma soltanto molto fresca.<br />

Anche le funzioni di molo di ormeggio temporaneo<br />

erano molto rare, limitate ogni tanto a qualche<br />

barca di scoiani (isolani) sorpresa dal temporale<br />

o a brevi soste di barche da diporto degli abitanti<br />

dei paraggi per far salire o scendere qualche<br />

ospite. La funzione prevalente era quella di stabilimento<br />

balneare e d’inverno punto di incontro o di<br />

sosta nelle passeggiate. Le Colovare erano il percorso<br />

ideale per le passeggiate romantiche. Nelle<br />

lunghe e calde estati dalmate il molo era affollato<br />

esclusivamente da giovani e da ragazze. Per una<br />

tradizione che non consentiva deroghe, soltanto la<br />

gioventù poteva fare i bagni alla Fontana. La “candida<br />

najade che giocava nella vitrea fonte” non<br />

gradiva vecchi e bambini che dovevano accontentarsi<br />

di fare i bagni nei posti accanto.<br />

Notevole era il numero di belle ragazze borgherizzane<br />

e dei loro matrimoni con i “regnicoli” (italiani<br />

<strong>del</strong>la penisola) che venivano a Zara a prestare il<br />

servizio militare. Ci fu un anno, quando ero adolescente,<br />

nel quale un tenore in servizio di leva veniva<br />

di sera a cantare serenate a una nostra graziosa<br />

dirimpettaia e gli abitanti <strong>del</strong>le case vicine aspettavano<br />

alle finestre il suo arrivo.<br />

Con le Colovare si apre il mio primo album di<br />

fotografie. Quello che conserva le memorie più care<br />

<strong>del</strong>l’infanzia, adolescenza e giovinezza, dei miei<br />

famigliari, <strong>del</strong>la mia casa, dei parenti e amici che<br />

abitavano vicino, fino all’ultimo periodo trascorso a<br />

Zara prima <strong>del</strong>l’esodo.<br />

Nella prima pagina <strong>del</strong>l’album c’è la fotografia<br />

che mi ritrae da bambino all’ombra dei “Primi pini”<br />

insieme a mio padre e a mia sorella Lydia, che una<br />

prematura morte a 19 anni ha reso sempre giovane e<br />

sorridente nel ricordo. Il noto linguista prof.Carlo<br />

Tagliavini le ha dedicato una sua opera sul dialetto<br />

albanese parlato a Borgo Erizzo, quale segno di gratitudine<br />

per la collaborazione ricevuta nelle ricerche.<br />

Come un nome magico, le Colovare mi ricordano<br />

i bagni infantili e gli schiamazzi festosi con i coetanei,<br />

le prime passeggiate con i famigliari e la suggestione<br />

che provavo passando davanti all’antico cimitero<br />

abbandonato. Mi ricordano le corse in bicicletta<br />

inseguito dal cane Febo, i giochi di ragazzi che<br />

avevano a disposizione i campi attigui alle Colovare<br />

con alberi da frutto, cespugli per il gioco a nascondi-<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

27


no, battaglie con i fichi, terreni su cui scavare piste<br />

per le gare con le palline di vetro, il mare per i bagni<br />

e le gite in barca.<br />

Mi ricordano le variazioni infinite <strong>del</strong> mare e <strong>del</strong><br />

cielo, la scansione <strong>del</strong>le stagioni sulle fronde degli<br />

alberi da frutto. Quando più intenso si fece lo studio<br />

e più incisiva la riduzione degli svaghi, le pause<br />

erano consumate alla finestra a guardare il mare e le<br />

isole. Lo spettacolo diventava ancora più suggestivo<br />

quando infuriava il temporale. Mi sono rimasti incisi<br />

nella memoria la bellezza dei tramonti e dei pleniluni.<br />

Nelle notti <strong>del</strong>la bella stagione mi addormentavo<br />

con la finestra aperta guardando il cielo stellato.<br />

Spesso giungeva l’eco <strong>del</strong>la bella voce tenorile <strong>del</strong>l’anziano<br />

Marsan che nel repertorio introduceva<br />

sempre il suo appassionato canto a Venezia.<br />

Quando ho rivisto le Colovare, più di vent’anni<br />

dopo l’esodo, ho provato tanta tristezza che persino<br />

le fotografie fatte in quella occasione ne sono rimaste<br />

impregnate. Ritraggono le Colovare completamente<br />

deserte nell’ultimo bagliore <strong>del</strong> tramonto<br />

con le ombre lunghe e malinconiche.<br />

Una bella poesia,di CASIMIRO (Mario Castellucci),<br />

dal titolo “Le Colovare”, si conclude con i versi:<br />

..................................<br />

L’esilio ricopre d’un manto<br />

d’incerto le immagini care.<br />

Voi pure così, Colovare<br />

<strong>del</strong> passo leggero, <strong>del</strong> canto<br />

sommesso, voi siete l’enorme<br />

silenzio d’un mondo perduto:<br />

voi siete, sul grigio velluto<br />

<strong>del</strong>l’alghe, la strada che dorme<br />

da sempre, la magica via<br />

su cui non soltanto l’amore,<br />

ma ognuno, ogni cosa, ogni cuore<br />

si veste di malinconia.<br />

28 IL NASTRO AZZURRO<br />

L’ultima volta che ho sentito un coro alle<br />

Colovare era di giorno ed era cantato da un piccolo<br />

gruppo di ragazzi e ragazze che ritornavano dalla<br />

scuola di San Grisogono, dove gli jugoslavi, prima<br />

<strong>del</strong>l’esodo con le opzioni, sotto il nome di Ginnasio<br />

Italiano, avevano collocato tutti gli studenti italiani<br />

di tutte le scuole medie preesistenti.<br />

Quell’arrangiato Ginnasio Italiano ha dato l’addio<br />

a Zara con la rivincita morale <strong>del</strong>l’ardimento<br />

che ha dimostrato e con uno spettacolo, straordinariamente<br />

ben riuscito, che aveva chiari sottintesi<br />

patriottici e che ha avuto luogo al Teatro Popolare<br />

(ex Teatro Nazionale). Fu uno spettacolo con balletti<br />

classici, canzoni, parodie umoristiche <strong>del</strong>la guerra<br />

di Troia, che riscosse nutriti applausi anche dal<br />

pubblico slavo. Nella piccola comunità di zaratini<br />

rimasti dopo l’inizio dei bombardamenti (circa<br />

7000) un considerevole numero di studenti erano<br />

borgherizzani.<br />

Gli studenti <strong>del</strong> Ginnasio Italiano avevano adottato<br />

la consuetudine di uscire dalla scuola, al termine<br />

<strong>del</strong>le lezioni, cantando il ritornello di una vecchia<br />

canzone. Negli ultimi due versi il ritornello veniva<br />

cantato come fosse la “Marsigliese”. Era divenuto<br />

l’inno <strong>del</strong> Ginnasio Italiano. Continuarono a cantare<br />

la loro canzone anche quando uno di essi, appena<br />

adolescente, fu arrestato per tentata fuga in Italia<br />

con la barca a remi e trattenuto in carcere per molto<br />

tempo. Anche quando il regime scrisse in grandi<br />

caratteri sui muri <strong>del</strong>la città il nome di due insegnanti<br />

accusandoli di essere reazionari.<br />

Il gruppetto di studenti aveva imboccato le<br />

Colovare proveniente dalla Piazza d’Armi e cantava<br />

l’inno <strong>del</strong>la loro coraggiosa scuola:


Cielo color di stelle, color <strong>del</strong><br />

mare<br />

tu sei lo stesso cielo <strong>del</strong> mio<br />

casolare.<br />

Portami in sogno verso la<br />

Patria mia<br />

portale un cuor che muore di<br />

nostalgia.<br />

Con la fine <strong>del</strong>la guerra i<br />

giovani di Zara, ritornati dai<br />

fronti e dalla prigionia, erano<br />

rimasti in Italia. Zara era al di là<br />

<strong>del</strong>la “cortina di ferro”. Nella<br />

zona <strong>del</strong>la Fontana c’erano<br />

due che erano ritornati dopo<br />

l’8 settembre 1943 ed entrambi,<br />

arrestati per tentativo di<br />

fuga in Italia con la barca, trascorsero<br />

molti mesi in carcere.<br />

Nel novembre 1946 una ragazza<br />

che abitava vicino alla<br />

Fontana fu arrestata per aver<br />

deposto dei fiori sull’ossario<br />

dei soldati italiani nel giorno <strong>del</strong>la commemorazione<br />

dei defunti.<br />

La Fontana restò completamente deserta. Era l’immagine<br />

<strong>del</strong>la desolazione. Neppure le poche ragazze<br />

rimaste la frequentarono. Degli incontri estivi dopo<br />

cena e dei cori sul muretto vicino<br />

alla Fontana, dove scende la<br />

strada dalla Manifattura<br />

Tabacchi, neanche a parlare.<br />

Il Ginnasio Italiano fu soppresso<br />

con l’esodo degli optanti.<br />

Con lo stesso esodo è andata<br />

via per sempre anche ciò che<br />

restava <strong>del</strong>la popolazione <strong>del</strong>la<br />

parte settentrionale di Borgo<br />

Erizzo. È andata via per sempre<br />

la gioventù <strong>del</strong>la Fontana. Si è<br />

dispersa ovunque, in Italia,<br />

nelle due Americhe, Australia,<br />

persino in Giappone.<br />

“Colovare, voi siete ora il<br />

silenzio di un mondo perduto.”<br />

Colovare: nel pomeriggio<br />

precedente alla partenza <strong>del</strong>l’esodo,<br />

ho raccolto in riva al<br />

mare un pugno di pietre. È il<br />

ricordo che conservo <strong>del</strong>la mia<br />

terra natale, <strong>del</strong>l’infanzia, adolescenza e giovinezza,<br />

di giochi, di bagni, di amicizie, di amori, <strong>del</strong>la mia<br />

gente. È anche il ricordo di una ragazza che ha pianto<br />

la mia partenza.<br />

Pino Vuxani<br />

(Presidente <strong>del</strong>la Federazione di Trieste)<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

29


IL COLONNELLO ANTONINO FRASCONÀ<br />

M.A.V.M. E M.B.V.M. (SUL CAMPO)<br />

Antonino Frasconà nasce a<br />

Palermo il 16 febbraio 1893,<br />

segue gli studi classici presso il<br />

Liceo Vittorio Emanuele II di Palermo e si<br />

iscrive alla Facoltà di giurisprudenza<br />

presso la locale Università. Il 3 gennaio<br />

1915 viene nominato sottotenente di<br />

Fanteria per prestare servizio di prima<br />

nomina nel battaglione di “Milizia<br />

Territoriale”. Poiché gli eventi bellici<br />

evolvevano rapidamente, il 19 giugno<br />

1915, viene inviato in territorio dichiarato<br />

in stato di guerra. L’11 maggio 1916<br />

viene nominato Tenente ed assegnato al<br />

55° Reggimento di Fanteria brigata<br />

Marche; prende parte alle operazioni<br />

belliche su tutti i settori italiani. Il 10<br />

marzo 1917 viene trasferito al 253°<br />

Reggimento di Fanteria <strong>del</strong>la neo costituita<br />

brigata Porto Maurizio e partecipa<br />

alle operazioni sull’altopiano di Asiago e<br />

ad est di Gorizia. Il 31 ottobre 1917,<br />

nominato Capitano, viene comandato<br />

nel 254° Fanteria <strong>del</strong>la brigata Porto<br />

Maurizio, nel territorio a ridosso <strong>del</strong><br />

Piave. Sempre primo in ogni azione<br />

offensiva, tenne per ben due giorni<br />

un’importante posizione priva di ogni<br />

difesa, sotto il fuoco violento di mitragliatrici<br />

e artiglieria nemica, condusse<br />

poi la propria compagnia alla con<strong>qui</strong>sta<br />

di Nervesa (oggi <strong>del</strong>la Battaglia), dimostrando<br />

slancio ed entrando fra i primi,<br />

come ricorda la motivazione <strong>del</strong>la<br />

Medaglia d’Argento al Valor Militare, 23<br />

giugno 1918.<br />

A seguito di ulteriori violenti combattimenti,<br />

avendo riportato varie ferite, il<br />

25 settembre 1918 venne ricoverato nell’ospedale<br />

da campo n.° 0186 e lascia il<br />

territorio dichiarato in stato di guerra per essere<br />

ricoverato all’ospedale territoriale Scuole Vecchie di<br />

Voghera il 13 ottobre 1918. Stante lo stato <strong>del</strong>le ferite<br />

(Regione temporale sinistra e braccio e spalla<br />

destra), viene trasferito all’ospedale Regina Elena di<br />

Palermo; gli vengono assegnati trenta giorni di convalescenza<br />

con assegni. Il 9 dicembre 1918, giunge in<br />

territorio dichiarato in stato di guerra, destinato al<br />

deposito <strong>del</strong> 97° Reggimento di Fanteria, Brigata<br />

Genova. Per disposizioni <strong>del</strong> Comando Supremo e<br />

fino al 7 febbraio 1919, è assegnato al 5° reggimento<br />

d’assalto e al XVIII reparto d’assalto. Sciolti i<br />

reparti d’assalto (compagnie di arditi), il 14 maggio<br />

1919 giunge in territorio dichiarato in stato di guerra<br />

(zona d’armistizio) in quanto trasferito al 202°<br />

30 IL NASTRO AZZURRO<br />

Reggimento di Fanteria brigata Sesia, dislocato a<br />

Fiume, al comando <strong>del</strong>la 1586^ compagnia mitragliatrici.<br />

Partecipa alla marcia di Ronchi per l’occupazione<br />

di Fiume con Gabriele d’Annunzio, inquadrato<br />

nel 2° battaglione <strong>del</strong> 202° fanteria. Partecipa<br />

attivamente alle operazioni durante la “Reggenza<br />

Italiana <strong>del</strong> Carnaro” e poco prima <strong>del</strong> trattato di<br />

Rapallo (12 novembre 1920), rientra al deposito <strong>del</strong><br />

23° Reggimento Fanteria, Brigata Como. Viene collocalo<br />

in congedo il 20 luglio 1921.<br />

Con decreto ministeriale 16 aprile 1922, viene<br />

trasferito dal Ministero <strong>del</strong>la Guerra al Ministero di<br />

Grazia e Giustizia, prende servizio nella procura di<br />

Treviso e fa parte <strong>del</strong>la forza in congedo <strong>del</strong><br />

Distretto Militare di quella città. Con decreto ministeriale<br />

24 luglio 1924, viene trasferito al Tribunale


Il 31 ottobre 1929, viene promosso 1 ° Capitano.<br />

ESTATE 1941: ABBATTUTO AEREO DELLA R.A.F. SU LAMPEDUSA<br />

Per tutta la prima parte <strong>del</strong>la seconda guerra mondiale l’isola di Lampedusa venne fatta segno a continui<br />

bombardamenti da parte degli aerei <strong>del</strong>la R.A.F. che, provenienti da Malta, la avevano a breve distanza dalle<br />

loro basi.<br />

Il colonnello Antonino Frasconà - mio zio - allora ancora Maggiore, era il Comandante <strong>del</strong>l’aeroporto e si era<br />

prodigato all’organizzazione difensiva <strong>del</strong>l’isola a mezzo di batterie contraeree e costiere. Una notte <strong>del</strong>l’estate<br />

1941, durante un violento bombardamento, il Sottotenente di Fanteria Gottardo Olivo, con il fuoco <strong>del</strong>la sua<br />

mitragliera intercettò un cacciabombardiere britannico che si era avventurato a mitragliare a bassa quote gli<br />

impianti difensivi, abbattendolo al suolo.<br />

Stante la continua, incessante azione di bombardamento e le tenebre non si poté rilevare né il luogo di caduta<br />

<strong>del</strong>l’aereo, né se vi fossero stati superstiti. Alle prime luci <strong>del</strong>l’alba il comandante Frasconà in collaborazione<br />

col sottotenente Olivo, col tenente Lucio Scalone <strong>del</strong> Plotone misto Genio e con la truppa, iniziarono le<br />

ricerche, che si concretizzarono nel ritrovamento <strong>del</strong> velivolo nemico. L’aereo, il cui e<strong>qui</strong>paggio comprendeva<br />

due ufficiali <strong>del</strong>la R.A.F., non si era incendiato con l’impatto al suolo, uno dei componenti l’e<strong>qui</strong>paggio era<br />

deceduto colpito dalla raffica e l’altro aveva subito una lieve ferita alla testa provocata dalla caduta. All’ufficiale<br />

caduto vennero resi gli onori militari e fu sepolto nel locale cimitero. Il prigioniero, dopo aver ricevuto le cure<br />

<strong>del</strong> caso, venne interrogato. Si doveva inoltre provvedere per la relativa custodia. I pareri furono diversi:<br />

associarlo alle locali carceri giudiziarie o custodirlo nella camera di sicurezza <strong>del</strong>la locale stazione dei<br />

Carabinieri Reali.<br />

Il comandante Frasconà, riuniti gli Ufficiati <strong>del</strong> Presidio, dichiarò che assumeva personalmente la<br />

responsabilità <strong>del</strong>la custodia <strong>del</strong>l’ufficiale prigioniero e cavallerescamente decise che lo stesso avrebbe<br />

consumato i pasti nella mensa ufficiali e avrebbe trascorso le notti in una stanza priva di aperture, alla quale si<br />

accedeva dalla sua camera da letto, la chiave <strong>del</strong>la serratura sarebbe stata custodita da lui medesimo.<br />

Bisogna rilevare che l’ufficiale britannico prigioniero, <strong>del</strong> quale non ho potuto reperire le generalità nei diari<br />

<strong>del</strong> Colonnello, per il breve periodo che trascorse nell’isola si comportò con estrema serenità e con grande<br />

rispetto nei confronti di tutto il personale militare che era addetto alla sua custodia.<br />

La cronaca <strong>del</strong>l’avvenimento mi è stata riferita direttamente da mio zio, il colonnello Antonino Frasconà, e dal<br />

sotto tenente Gottardo Olivo, oggi scomparso - Avvocato e direttore <strong>del</strong>la “Nuova Rivista Tributaria”,<br />

collaboratore <strong>del</strong>la rivista Oggi per la rubrica “I rapporti con il fisco” - il quale, quando si recava a Palermo,<br />

era sempre ospite a casa nostra e non mancava di rispondere alle mie domande e ad illustrarmi i particolari<br />

<strong>del</strong>la sua “avventura di guerra”.<br />

Ugo Frasconà<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

31


di Palermo, dove rimane fino all’agosto 1926. Con<br />

decreto ministeriale 8 agosto 1926, viene messo a<br />

disposizione <strong>del</strong> Ministero <strong>del</strong>le Colonie e trasferito<br />

al Tribunale di Asmara (Eritrea) con incarichi speciali:<br />

Notaio Sostituto e Conservatore <strong>del</strong>le Ipoteche.<br />

Il 31 ottobre 1929, viene promosso 1 ° Capitano.<br />

Con decreto ministeriale 21 novembre 1932,<br />

cessa di essere a disposizione <strong>del</strong> Ministero <strong>del</strong>le<br />

Colonie e rientra in Italia destinato alla Pretura di<br />

Camerino (Macerata) con funzioni direttive e<br />

viene iscritto nel ruolo degli ufficiali in congedo<br />

<strong>del</strong> Distretto Miliare di Macerata, con D.M. 25 giugno<br />

1933. Con D.M. 25 gennaio 1935, viene trasferito<br />

al Tribunale di Palermo. Con D.M. 25 luglio<br />

1937, è trasferito, con funzioni direttive, nella<br />

Pretura di Monreale, e viene iscritto nel ruolo ufficiali<br />

<strong>del</strong> Distretto Militare di Palermo, con D.M. 27<br />

ottobre 1935.<br />

Con Regio Decreto 3 Maggio 1937, è promosso<br />

Maggiore a scelta ordinaria, con anzianità 15 gennaio<br />

1937 - Comando zona militare di Palermo. Con<br />

32 IL NASTRO AZZURRO<br />

D.M. 7 maggio 1938 viene trasferito alla<br />

Pretura di Palermo.<br />

Richiamato alle armi dal 16 novembre<br />

1939 al 12 dicembre 1939, alla Scuola<br />

Centrale di Civitavecchia (scuola di guerra),<br />

e dal 14 dicembre 1939 al 13 gennaio<br />

1940, a Palermo presso il 6° reggimento<br />

fanteria <strong>del</strong>la Brigata Aosta. Il 7 gennaio<br />

1941 è richiamato in servizio presso il<br />

Comando Truppe Regio esercito di<br />

Lampedusa (deposito <strong>del</strong> 5° reggimento<br />

fanteria Trapani) nel periodo di detto<br />

comando, viene promosso Tenente<br />

Colonnello, con anzianità 1 gennaio<br />

1941. Durante tutto il periodo di comando,<br />

si prodigava nel potenziamento <strong>del</strong>l’isola<br />

di Lampedusa, si disimpegnava<br />

ottimamente nei frequenti allarmi e<br />

nella cattura di aerei nemici ammarati<br />

presso l’isola. Lampedusa veniva sottoposta<br />

a frequenti bombardamenti aerei<br />

da parte di velivoli britannici, e durante<br />

un’incursione, la contraerea abbatté un<br />

aereo nemico; il pilota; un ufficiale <strong>del</strong>la<br />

R.A.F. venne fatto prigioniero e Frasconà<br />

lo prese sotto la sua custodia personale<br />

(vds. riquadro).<br />

Il 18 agosto 1941, durante l’attacco di<br />

un aereo nemico, che colpiva un piroscafo<br />

carico di munizioni e di carburante,<br />

accorreva prontamente presso la zona e,<br />

malgrado le continue esplosioni <strong>del</strong> carico,<br />

dirigeva alla testa dei suoi fanti, le<br />

operazioni di soffocamento dei focolai<br />

d’incendio che minacciavano di estendersi<br />

al deposito munizioni, mentre con sereno<br />

coraggio e audacia riusciva ad arginare<br />

le fiamme, provvedeva all’opera di salvataggio<br />

dei naufraghi, cooperando a<br />

trarre in salvo numerose vite umane.<br />

Su proposta <strong>del</strong> Ministro <strong>del</strong>la Marina, gli veniva<br />

conferita la Medaglia di Bronzo al Valor Militare<br />

“sul campo”. Il 5 maggio 1942 viene collocato in<br />

congedo in seguito a telegramma <strong>del</strong> XII Corpo<br />

d’Armata.<br />

A seguito dei rapporti personali dei comandanti<br />

<strong>del</strong> XII Corpo d’Armata, Gen. C.A. Gr. Uff. Angelo<br />

Rossi e Gen. C.A. Gr. Uff. Mario Arisio, il Ten.<br />

Colonnello Antonino Frasconà è stato oggetto di<br />

due encomi.<br />

Rientra, quale Dirigente, nella Pretura unificata<br />

di Palermo nel giugno <strong>del</strong> 1942.<br />

Dopo il 1946, in seguito alla mutazione <strong>del</strong>la<br />

forma istituzionale <strong>del</strong>lo Stato, presta giuramento di<br />

fe<strong>del</strong>tà alla Repubblica, come prescritto per i dipendenti<br />

<strong>del</strong>la Pubblica Amministrazione, presso la<br />

quale ha riportalo sempre la qualifica di “ottimo”,<br />

dal 1924 al 1949. Muore in servizio, in seguito a<br />

malattia incurabile, il 28 dicembre 1950.<br />

Ugo Frasconà


DAL FOGLIO MATRICOLARE DEL COLONNELLO FRASCONÀ<br />

Il Ministero <strong>del</strong>la Difesa con Decreto Ministeriale N° 000627 - UE - 325 in data 21 luglio 1998, gli ha conferito il<br />

grado di Colonnello ai sensi <strong>del</strong>la Legge 6 novembre 1990 n.° 325.<br />

Il Col. Antonino Frasconà si fregiava <strong>del</strong>le seguenti decorazioni:<br />

1) Medaglia d’Argento al Valor Militare<br />

2) Medaglia di Bronzo al Valor Militare “sul campo”<br />

3) Croce ai Merito di Guerra (prima guerra mondiale)<br />

4) Croce al Merito di Guerra (seconda guerra mondiale)<br />

5) Medaglia commemorativa Nazionale <strong>del</strong>la guerra 1915 - 1918, con apposte sul nastro quattro fascette relative<br />

agli anni, 1915-16-17-18<br />

6) Medaglia Nazionale commemorativa <strong>del</strong>l’Unità d’Italia<br />

7) Medaglia interalleata <strong>del</strong>la Vittoria 1914-18<br />

8) Medaglia commemorativa <strong>del</strong>la Marcia di Ronchi (Impresa di Fiume )<br />

9) Medaglia commemorativa <strong>del</strong>le Campagne d’Africa per i servizi speciali prestati nella Colonia Eritrea, quale<br />

Notaio e Conservatore <strong>del</strong>le Ipoteche<br />

10)Croce di Cavaliere <strong>del</strong>l’Ordine cavalleresco <strong>del</strong>la Corona d’Italia<br />

11) Medaglia commemorativa Nazionale <strong>del</strong>le guerra 1940-43, con apposte sul nastro due fascette per gli anni<br />

1941 -42.<br />

RAPPORTO PERSONALE a mente <strong>del</strong> n. 15 lett. B <strong>del</strong> regolamento<br />

Periodo 14 gennaio 1941 - 20 agosto 1941<br />

Il Maggiore di Fanteria Frasconà Antonino si è dimostrato perfettamente all’altezza <strong>del</strong> <strong>del</strong>icato e difficile compito<br />

di comandare Truppe R.E. di presidio a Lampedusa.<br />

Ha lavorato con intelligenza, senso pratico, capacità professionale all’organizzazione difensiva <strong>del</strong>l’isola, da lui<br />

presa allo stato embrionale. Ha curato la preparazione morale e l’addestramento dei suoi dipendenti sui quali gode<br />

notevole ascendente, con l’esempio costante. Si è disimpegnato ottimamente nei frequenti allarmi e nella cattura di<br />

apparecchi nemici ammarati presso l’isola. Ha sempre fornito relazioni e studi ben fatti, completi.<br />

Encomio: per l’ottimo rendimento e la fattiva collaborazione da lui data in condizioni difficili di vita, di<br />

rifornimento, di isolamento,<br />

Il Gen. di Corpo d’Armata<br />

Comandante <strong>del</strong> XII C. d’Armata<br />

f.to Gr. Uff. Angelo Rossi<br />

RAPPORTO PERSONALE per il Sig. Tenente Colonnello Frasconà Antonino, Comandante Truppe R. E.<br />

Lampedusa compilato per il periodo dal 21-8-1941 al 30-4-1942:<br />

Dotato di animo generoso, di molto buon senso, di sana iniziativa, di fervido attaccamento al servizio, il T. Col.<br />

Frasconà ha spiegato opera solerte, intelligente e fattiva nel potenziamento <strong>del</strong>l’isola di Lampedusa, sormontando<br />

notevoli difficoltà e conseguendo notevoli risultati.<br />

Per il complesso <strong>del</strong>le sue qualità e per lo spirito di sacrificio col quale ha assolto i suoi non facili compiti, egli si è<br />

rivelato ufficiale superiore di complemento di non comune valore che spicca sulla massa dei colleghi.<br />

Il Gen. di Corpo d’Armata<br />

Comandante <strong>del</strong> XII C. d’Armata<br />

f.to Gr. Uff. Mario Arisio<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

33


IL COMANDANTE FRANCESCO ACTON:<br />

UNO STABIESE PLURIDECORATO<br />

DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE<br />

Il barone Francesco Eduardo Acton nacque<br />

a Castellammare di Stabia il 24 agosto<br />

1910. Appartenente alla dinastia Acton,<br />

discendente <strong>del</strong> fondatore <strong>del</strong> cantiere navale<br />

di Castellammare di Stabia era figlio <strong>del</strong>l’<br />

Ammiraglio di Armata Alfredo, Ministro di<br />

Stato e Senatore <strong>del</strong> Regno, Capo di Stato<br />

Maggiore <strong>del</strong>la Regia Marina e già<br />

Comandante in Capo <strong>del</strong>le Forze Navali, e da<br />

Donna Livia Giudice Caracciolo dei principi di<br />

Villa e Cellamare, Ispettrice Onoraria e<br />

Medaglia d’Oro <strong>del</strong>la C.R.I.<br />

Seguendo le tradizioni familiari, Francesco<br />

Acton frequentò l’Accademia Navale di<br />

Livorno, divenendo ufficiale <strong>del</strong>la Regia<br />

Marina nel 1931 col grado di Guardiamarina.<br />

Subito dopo venne inviato su naviglio sottile<br />

e d’assalto e, dopo un periodo di tirocinio,<br />

venne destinato ad unità siluranti.<br />

Combatte <strong>qui</strong>ndi, valorosamente, durante<br />

la Campagna d’Etiopia, la Campagna di<br />

Spagna e il Secondo Conflitto Mondiale; a<br />

riprova <strong>del</strong> suo valore, le sue gesta, al comando<br />

di siluranti e sommergibili, vengono citate<br />

ben due volte sul bollettino di guerra <strong>del</strong><br />

Comando Supremo.<br />

Con il grado di Tenente di Vascello, al<br />

34 IL NASTRO AZZURRO<br />

comando <strong>del</strong>la Torpediniere Pegaso, fu insignito<br />

di numerose onorificenze.<br />

Una Medaglia d’Argento al Valor Militare<br />

la meritò abbattendo, con le mitraglie <strong>del</strong>la


sua unità, 4 aerei avversari. La motivazione<br />

<strong>del</strong> conferimento fu la seguente:<br />

“Comandante di torpediniera in servizio di<br />

scorta a convoglio, fatto segno a ripetuti violenti<br />

attacchi aerei, con efficace reazione di<br />

fuoco riusciva ad abbattere quattro apparecchi<br />

attaccanti.<br />

Con elevata perizia professionale e con<br />

sereno ardimento, in avverse condizioni<br />

atmosferiche, prestava assidua opera di assistenza<br />

ai piroscafi colpiti che potevano raggiungere<br />

con mezzi propri il porto di destinazione.<br />

Durante l’intero episodio bellico dava<br />

prova di cospicue doti militari e marinaresche”.<br />

(Mediterraneo Centrale, 8 novembre 1941<br />

La torpediniera Pegaso al suo comando<br />

effettuò numerose e rischiose operazioni,<br />

tanto da meritarsi anch’essa una Medaglia<br />

d’Argento al Valor Militare in quanto: “È l’unità<br />

<strong>del</strong>la Regia Marina che ha al suo attivo il<br />

maggior numero di sommergibili affondati,<br />

avendone distrutti tre certamente ed un<br />

quanto assai probabilmente”.<br />

La nave, il 12 maggio 1941 intercettò al<br />

largo di Tripoli il sommergibile inglese HMS<br />

Undaunter, salpato da Malta per pattugliare<br />

le coste libiche e,<br />

attaccandolo con<br />

bombe di profondità,<br />

riuscì ad affondarlo.<br />

L’unità partecipò il<br />

24 maggio 1941 alla<br />

scorta <strong>del</strong> convoglio<br />

di cui fu affondato il<br />

transatlantico Conte<br />

Rosso, carico di truppe.<br />

Il 14 aprile 1942<br />

riuscì ad affondare il<br />

famoso sommergibile<br />

Upholder, comandato<br />

da uno dei<br />

migliori sommergibilisti britannici, il<br />

Comandante David Wanklyn.<br />

Il Comandante Wanklyn aveva affondato in<br />

16 mesi di guerra, bel 100 mila tonnellate di<br />

naviglio iatlo-tedesco ed era considerato un<br />

personaggio leggendario. La Royal Navy mantenne<br />

segreta la sua comparsa e quello <strong>del</strong>l’e<strong>qui</strong>paggio<br />

<strong>del</strong>l’Upholder per ben quattro mesi.<br />

A metà giugno la nave partecipò ad diversi<br />

attacchi contro convogli inglesi. Uno in particolare,<br />

composto da 6 mercantili con una<br />

scorta ravvicinata di una corazzata, due portaerei<br />

e 8 caccia, prese il largo da Gibilterra<br />

per raggiungere Malta. La squadra italiana,<br />

tra cui anche il Pegaso, si schierò vicino a<br />

Pantelleria ed inviò le unità leggere, supportate<br />

da forze aeree e incrociatori, contro il<br />

convoglio. Solamente 2 mercantili inglesi<br />

sopravvissero all’attacco e riuscirono a portare<br />

i loro materiali a Malta.<br />

Per il suo eroico comportamento<br />

Francesco Acton fu insignito di altre 4<br />

Medaglie di Bronzo al Valor Militare “ sul<br />

campo” quale:<br />

“Comandante di torpediniera, di scorta a<br />

convoglio in zone fortemente insidiate,<br />

segnalato all’ecogoniometro un sommergibile<br />

nemico, si portava con audace e serena<br />

manovra all’attacco, effettuando una decisa<br />

azione di caccia con intenso lancio di bombe<br />

di profondità, finché da indubbi segni ne<br />

poteva constare l’affondamento”.<br />

(Mediterraneo Centrale, 2 luglio 1942)<br />

II concessione<br />

“Comandante di torpediniera, in servizio<br />

di scorta a convoglio, con abile e pronta<br />

manovra riusciva a sventare l’agguato di un<br />

sommergibile nemico e, accertatane all’ecogoniometro<br />

l’ubicazione effettuava con sereno<br />

ardimento un’intensa ed efficace azione<br />

di caccia finché da indubbi segni constatava<br />

l’affondamento <strong>del</strong>l’unità avversaria”.<br />

(Mediterraneo Centrale, 4 luglio 1942).<br />

III concessione<br />

“Al comando di unità sottile, in servizio di<br />

scorta a convogli, durante un lungo periodo<br />

di dura e silenziosa attività, eseguiva numerose<br />

missioni in acque fortemente insidiate.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

35


Più volte attaccato da<br />

mezzi aerei e subacquei, reagiva<br />

con decisione, perizia e<br />

coraggio, confermando le<br />

ottime doti di cui aveva già<br />

dato ripetutamente prova”.<br />

(Mediterraneo Centrale,<br />

giugno 1941-giugno 1942)<br />

IV concessione<br />

“Comandante di torpediniera,<br />

di scorta a convogli,<br />

assolveva il suo compito con<br />

capacità e sereno coraggio,<br />

portando l’unità e i suoi<br />

uomini ad alto grado di efficienza.<br />

Attaccato il convoglio da<br />

sommergibile nemico, dirigeva<br />

con ardimento e perizia<br />

sull’unità avversaria, che sottoponeva ad<br />

intensa ed efficace azione di caccia, finché<br />

da indubbi segni ne accertava l’affondamento”.<br />

(Mediterraneo Centrale, 9 maggio 1942)<br />

Alle Medaglie al Valore si aggiungono<br />

altri attestati e riconoscimenti quali:<br />

– Cavaliere di Onore e Devozione <strong>del</strong><br />

Sovrano Militare Ordine di Malta;<br />

– Cavaliere di Gran Croce di Giustizia e<br />

Deputato <strong>del</strong>la Reale Deputazione <strong>del</strong><br />

Sovrano Militare Ordine Costantiniano di San<br />

Giorgio;<br />

– 3 Croci di Guerra al Valor Militare;<br />

– Medalla de la Campana Spagnola;<br />

– Croce di Ferro di seconda classe;<br />

– Cavaliere <strong>del</strong>l’Ordine <strong>del</strong>la Corona<br />

d’Italia e <strong>del</strong>la Stella Coloniale.<br />

36 IL NASTRO AZZURRO<br />

Al termine <strong>del</strong>la guerra<br />

Francesco Acton lasciò la<br />

Marina con il grado di<br />

Capitano di Fregata e, successivamente<br />

venne promosso<br />

Capitano di Vascello nella<br />

riserva.<br />

Per oltre quarantanni si<br />

dedicò, quale Direttore, al<br />

ripristino ed miglioramento<br />

<strong>del</strong> Museo Filangieri di Napoli<br />

incrementando le opere ivi<br />

contenute con sue personali<br />

donazioni.<br />

Continua nella società<br />

l’impegno e la dedizione<br />

profuse in guerra, adoperandosi<br />

per l’assegnazione di<br />

borse di studio agli studenti<br />

più meritevoli. Negli anni<br />

’60, in memoria <strong>del</strong> figlio Alfredo scomparso<br />

in giovane età, istituì una specifica borsa<br />

di studio.<br />

Dopo il sisma <strong>del</strong> 1980, si adoperò per la<br />

sistemazione statica <strong>del</strong> fabbricato che ospita<br />

il prestigioso museo. Morì a Napoli il 12<br />

novembre 1997.<br />

La nave con la quale compì le sue imprese<br />

era un “Avviso Scorta” appartenente alla<br />

classe Orsa (4 unità: Orsa, Pegaso, Orione,<br />

Procione), fu varato nel 1936 dalla società<br />

Bacini e Scali di Napoli e classificato torpediniera<br />

nel 1938. Il suo dislocamento era di<br />

1600 tonnellate, aveva una lunghezza di 89,3<br />

metri, una larghezza di 9,7 un’immersione di<br />

3,1 metri. Il suo apparato motore, composto<br />

da due caldaie e due turbine, sviluppava una<br />

potenza di 16.000 cavalli sulle due eliche ed<br />

una velocità di 28 nodi.<br />

L’armamento era costituito da 2<br />

cannoni da 100/47 mm., 4 mitragliere<br />

da 13,2 mm., 4 tubi lanciasiluri<br />

da 450 mm., 4 lancia bombe di<br />

profondità e mine. Durante la<br />

guerra ebbe modificato l’armamento<br />

antiaereo con l’installazione<br />

di 11 mitragliatrici da 20 mm. Il suo<br />

e<strong>qui</strong>paggio era composto da 154<br />

uomini.<br />

Antonio Cimmino<br />

(Componente Collegio Sindacale<br />

<strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> Federazione di<br />

Napoli)


GIOVANNI MALTESE, L’EROE DI CEFALONIA<br />

Il tenente colonnello Giovanni Maltese,<br />

nato a Palermo il 29 novembre 1895,<br />

Cavaliere <strong>del</strong>l’Ordine <strong>del</strong>la Corona d’Italia,<br />

è combattente nella prima guerra mondiale<br />

durante la quale fu ferito per ben due volte.<br />

Quale veterano, allo scoppio <strong>del</strong>la seconda<br />

guerra mondiale è inviato sul fronte<br />

Greco Albanese con il 17° Reggimento<br />

Fanteria “Ac<strong>qui</strong>”. L’armistizio <strong>del</strong>l’8 settembre<br />

1943 lo coglie sull’isola di Cefalonia<br />

dov’era convalescente all’ospedale militare.<br />

Il 15 settembre, con profondo senso <strong>del</strong><br />

dovere pur non essendo ancora guarito,<br />

abbandonò l’ospedale per accorrere tra i<br />

suoi fanti impegnati nella battaglia di Cima<br />

<strong>del</strong> Telegrafo.<br />

Egli ordina di iniziare l’attacco alle ore<br />

GIOVANNI MALTESE<br />

19, quando gli ultimi Stuka tedeschi scompaiono<br />

nel cielo <strong>del</strong>l’isola. Puntualmente le<br />

compagnie <strong>del</strong> III/17° Fanteria scattano<br />

all’assalto, le artiglierie allungano il tiro su q.<br />

40 dove vengono avvistati agglomerati di<br />

truppe tedesche, i quali rispondono al fuoco<br />

disperatamente, ma i nostri mortai da 45 e<br />

da 81 costringono i tedeschi a spostarsi continuamente.<br />

La 10^ compagnia avanza energicamente<br />

verso quota Cima Telegrafo. La<br />

quota dista meno di 100 metri, ma nuclei di<br />

tedeschi trincerati oppongono una dura resistenza,<br />

in questo momento i fanti si impongono<br />

un crescendo di atti di eroismo che culminano<br />

con il sacrificio <strong>del</strong>la vita. L’attacco<br />

continua travolgente e finalmente Cima<br />

Telegrafo è con<strong>qui</strong>stata.<br />

Cadono nelle nostre mani oltre 500 prigionieri, una<br />

batteria di semoventi, 40 automezzi e grandi quantità di<br />

materiali. Il III/17° Fanteria rioccupa le precedenti posizioni<br />

in difesa costiera, ma all’alba <strong>del</strong> 22 settembre 1943 si<br />

riaccendono aspri combattimenti contro due colonne<br />

tedesche procedenti verso Kardakata-Agrostoli e verso<br />

Dilimata-Razata. La lotta furibonda ed accanita durò<br />

qualche ora, ufficiali e soldati ripetevano le loro gesta di<br />

eroismo, i tedeschi irrompono da ogni parte compiendo<br />

continui atti di barbarie sui feriti e sui prigionieri.<br />

Il Ten.Col Maltese ed altri 17 Ufficiali superstiti, dopo<br />

aver resistito fino all’estremo di ogni umana possibilità,<br />

schiacciati da forze di gran lunga preponderanti, vengono<br />

fatti prigionieri verso le ore 11,00. Neppure mezz’ora<br />

dopo la cattura venivano separati dai soldati e trucidati a<br />

colpi di moschetto e di pistola nel Vallone di S. Barbara.<br />

Alle loro seguirono altre fucilazioni sommarie.<br />

Alla Memoria <strong>del</strong> Ten.Col Giovanni Maltese, il<br />

Presidente <strong>del</strong>la Repubblica concesse nel 1977 la<br />

Medaglia d’Oro al VM.<br />

Stefano Mangiavacchi<br />

(Presidente <strong>del</strong>la Federazione di Arezzo)<br />

Nato il 29 novembre 1895 a Palermo, Tenente Colonnello - Medaglia d’Oro al Valor Militare (alla<br />

memoria)<br />

“Comandante di battaglione, degente in Ospedale da Campo per grave infermità, al profilarsi <strong>del</strong>la lotta<br />

di liberazione contro i tedeschi lasciava il luogo di cura per riassumere il comando <strong>del</strong> Reparto.<br />

Animatore instancabile e trascinatore saldo e sicuro, con insigne coraggio, nell’infuriare <strong>del</strong> fuoco<br />

terrestre e aereo, conduceva i suoi fanti al combattimento, infliggendo al nemico gravi perdite,<br />

catturando numerosi prigionieri, destando l’ammirazione dei dipendenti per le sue eccezionali doti di<br />

comandante e combattente di saldissima tempra. Travolti i suoi reparti nell’impari lotta, veniva catturato<br />

allo spegnersi <strong>del</strong>la disperata resistenza. Sottoposto ad esecuzione sommaria, affrontava la fucilazione<br />

sul campo con la fierezza di valorosissimo soldato”.<br />

Cefalonia, 15 settembre - 22 settembre 1943.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

37


Cosa sono e a cosa servirono<br />

I Kappenabzeichen sono distintivi metallici, muniti<br />

nella parte posteriore di un sistema di attacco con cui<br />

potevano essere appuntati, da militari e civili austroungarici,<br />

sul vestito o sull’uniforme (i militari preferibilmente<br />

sul berretto). Durante la Grande Guerra se ne<br />

vendettero un numero incalcolabile di esemplari allo<br />

scopo di finanziare l’assistenza alle vedove, agli orfani,<br />

ai profughi e agli invalidi. I distintivi da berretto ebbero<br />

anche lo scopo, attraverso l’appello alla difesa <strong>del</strong>la<br />

patria e alla fe<strong>del</strong>tà all’imperatore, di stimolare il consenso<br />

alle ragioni <strong>del</strong> conflitto, il sentimento patriottico<br />

nella popolazione civile e lo spirito di corpo in reparti<br />

spesso molto compositi sul piano linguistico.<br />

All’interno di grandi unità (gruppi d’esercito, armate,<br />

ecc.), inoltre, un distintivo poteva permettere a<br />

reparti fino a quel momento mai entrati in<br />

contatto, di riconoscersi nella nuova formazione.<br />

I Kappenabzeichen non costituivano<br />

parte integrante <strong>del</strong>l’uniforme, a differenza<br />

dei distintivi relativi alle unità o alle specialità,<br />

e comparvero certamente prima che<br />

qualunque decreto ne regolamentasse<br />

l’impiego. I primi documenti relativi all’uso<br />

risalgono alla fine <strong>del</strong> 1916 e prevedono<br />

che in zona di operazioni i distintivi possano<br />

essere portati, in servizio e fuori, “solo<br />

sul lato destro <strong>del</strong> berretto”. È documentato<br />

che i distintivi erano portati a tutti i<br />

livelli di grado e che lo stesso imperatore<br />

38 IL NASTRO AZZURRO<br />

I KAPPENABZEICHEN<br />

Carlo I, in visita ai reparti al fronte, non<br />

dimenticava mai di indossare il distintivo<br />

<strong>del</strong>le unità con cui si intratteneva. La documentazione<br />

fotografica testimonia, per<br />

altro, una capillare diffusione dei distintivi<br />

tra i militari di grado inferiore.<br />

Col tempo, quelle piccole placche metalliche<br />

diventarono un “medagliere ricordo”<br />

dei fronti dove il militare aveva combattuto<br />

o dei reparti di cui aveva fatto parte.<br />

Ricordiamo che alla loro realizzazione<br />

collaborarono pittori e scultori “di guerra”,<br />

tra i quali artisti di grande levatura come<br />

Egon Schiele e Albin Egger Lienz. Ad essi<br />

venne chiesto di rendere comprensibile a<br />

chi viveva lontano dal fronte e di condividere<br />

quanto vi stava accadendo, fissando il<br />

ricordo <strong>del</strong>le vicende belliche in quadri,<br />

disegni e sculture, riproducibili in varie<br />

modalità tra le quali, appunto, i distintivi<br />

da berretto.<br />

Appartenenza e distinzione<br />

Nel corso <strong>del</strong>la Grande Guerra risultò evidente a<br />

tutti i governi che la guerra combattuta nelle trincee e<br />

nel fango avrebbe avuto successo solo se accompagnata<br />

da un’altra guerra, condotta con le armi <strong>del</strong>la persuasione<br />

e finalizzata a convincere i soldati, i cittadini e<br />

la società tutta a sostenere il conflitto. La propaganda<br />

divenne uno strumento fondamentale per controllare<br />

l’opinione pubblica ed ottenere il consenso nei confronti<br />

di una guerra che, giorno dopo giorno, si dimostrava<br />

sempre più violenta e costosa. Ogni stato mise in<br />

atto numerose iniziative: vennero realizzati manifesti e<br />

locandine, milioni di volantini e cartoline illustrate vennero<br />

distribuite nelle trincee, nelle città vennero organizzate<br />

manifestazioni e raccolte di fondi.<br />

Contemporaneamente si aggravò la repressione di ogni<br />

forma di dissenso al fronte e all’interno; la società civile<br />

venne assoggettata ad un mo<strong>del</strong>lo militare, che com-


portava una restrizione dei diritti e l’eliminazione di<br />

ogni atteggiamento critico.<br />

I distintivi militari austro-ungarici rientrano nell’ampio<br />

quadro <strong>del</strong>la produzione propagandistica. La<br />

consuetudine di portare sul berretto da campo distintivi<br />

propagandistici e commemorativi fu una peculiarità<br />

<strong>del</strong>le truppe austro-ungariche. Questi distintivi<br />

non regolamentari erano coniati per ricordare i successi<br />

dei reparti e mantenerne vivo lo spirito di corpo,<br />

infondere nei soldati la convinzione <strong>del</strong>la<br />

loro superiorità sull’avversario, celebrare<br />

le alleanze e l’unità <strong>del</strong>l’Impero, incitare<br />

l’esercito e la popolazione civile all’odio<br />

per i nemici ed in particolare per l’Italia<br />

traditrice. L’appuntare sul proprio berretto<br />

un distintivo che celebrava una battaglia<br />

o un’azione rappresentava per il soldato<br />

un motivo d’orgoglio, la dimostrazione<br />

<strong>del</strong>l’appartenenza a reparti gloriosi<br />

e <strong>del</strong>la partecipazione a scontri entrati<br />

nella memoria collettiva.<br />

Se per i soldati prevaleva la funzione<br />

simbolica, il senso di appartenenza e, perché<br />

no, forse anche il ruolo di amuleto e<br />

portafortuna che questi distintivi potevano<br />

ricoprire, oggi non possiamo non apprezzare<br />

la qualità formale di molti di questi<br />

materiali; molto spesso si tratta di piccoli capolavori<br />

realizzati dai bozzetti prodotti da artisti di guerra, di<br />

cui l’esercito austro-ungarico aveva ben compreso il<br />

fondamentale compito. Già nel 1914 venne creato un<br />

“gruppo artistico” aggregato al Quartier Generale<br />

<strong>del</strong>la stampa di guerra. A partire dal 1915 gli artisti al<br />

fronte vennero definiti Kriegsmaler (pittori di guerra) o<br />

Kriegsbildhauer (Scultori di guerra); le loro opere,<br />

esposte in “Esposizioni di immagini di guerra”<br />

(Kriegsbilderausstellung) avevano il compito di rendere<br />

comprensibile ciò che stava accadendo al fronte e fissare<br />

il ricordo di tali esperienze.<br />

I soggetti presenti sui distintivi sono numerosi:<br />

ritratti, paesaggi in miniatura, armi, stemmi araldici,<br />

simboli. Si riconoscono il profilo <strong>del</strong> Col di Lana, le Cime<br />

di Lavaredo, Gorizia, ma anche Trento, il Pasubio e il<br />

monte Zugna. Il soldato austro-ungarico è spesso rappresentato<br />

nel ruolo <strong>del</strong>la vedetta solitaria o <strong>del</strong> valoroso<br />

Kaiserjàger che sconfigge il nemico; ricorrente l’esaltazione<br />

<strong>del</strong> corpo vigoroso <strong>del</strong> difensore <strong>del</strong>la Patria,<br />

armato di gladio. Tra i soggetti ricorrenti, l’Italia traditrice,<br />

rappresentata sotto forma di serpe che il soldato<br />

austro-ungarico è pronto a schiacciare. Frequenti anche<br />

i richiami classici (Atena) o religiosi (Santa Barbara,<br />

figure angeliche). Sui distintivi non mancano però<br />

anche immagini meste e intime: il ferito o l’invalido, il<br />

soldato in atteggiamento di preghiera ai piedi di un<br />

crocifisso, il reduce circondato dalla famiglia.<br />

La particolare fortuna dei Kappenabzeichen e la<br />

loro circolazione nell’Impero austro-ungarico non si<br />

spiega solo con la campagna di raccolta fondi, ma attesta<br />

una disponibilità diffusa ad ac<strong>qui</strong>stare e portare i<br />

messaggi patriottici <strong>del</strong>la propaganda di guerra, veicolati<br />

da parole e da raffigurazioni naturalistiche o allegoriche<br />

dall’immediata presa e facilmente decodifica<br />

bili, entro un sistema comunicativo in cui possiamo riconoscere<br />

committenti e destinatari, disegnatori e produttori,<br />

venditori ed ac<strong>qui</strong>renti.<br />

I distintivi rappresentano un sistema di segni parallelo<br />

alle onorificenze conferite dall’autorità militare<br />

per particolari atti compiuti, per meriti ac<strong>qui</strong>siti, per<br />

capacità dimostrate. A differenza <strong>del</strong>l’onorificenza,<br />

infatti, che si propone di “distinguere” tra un soldato e<br />

l’altro, il distintivo da berretto distingue il soldato dal<br />

non-soldato, ne sottolinea - e ne evidenzia – l’appartenenza<br />

ad un mondo diverso, con una propria geografia<br />

(fatta di nomi di località simboliche e di luoghi di battaglie)<br />

e una propria cronologia (scandita da anni di<br />

guerra e date di anniversari).<br />

Camillo Zadra<br />

(Per chi volesse saperne di più, Alberto Lembo ha pubblicato<br />

un interessante saggio dal titolo<br />

Kappenabzeichen recensito su “Il <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>” n.°<br />

5/2008)<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

39


CRONACHE DELLE FEDERAZIONI<br />

ALESSANDRIA<br />

La Federazione di Alessandria, per il bimestre in riferimento,<br />

ci ha comunicato la partecipazione alle seguenti cerimonie:<br />

– col patrocinio <strong>del</strong>la Provincia e dei Comuni di Alessandria<br />

e Solero, la Federazione Provinciale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong><br />

ha organizzato, in collaborazione con 15 Associazioni<br />

d’Arma riunite in Comitato, e celebrato le tre “Cerimonie<br />

<strong>del</strong> Ricordo”. La prima si è svolta sabato 31 gennaio<br />

2009, in onore <strong>del</strong>la Medaglia d’Oro al Valor Militare<br />

Capitano Bruno Pasino e degli altri tre Partigiani<br />

Giacomo Colonna, Osvaldo Caldana e Maurizio Guichard<br />

trucidati alle porte di Casalbagliano (AL) la notte <strong>del</strong> 30<br />

gennaio 1945, e ha avuto inizio nella Sala Giunta <strong>del</strong><br />

Comune di Alessandria dove il Sindaco, dott. Piercarlo<br />

Fabbio, dopo aver ricevuto i partecipanti, le autorità, la<br />

vedova <strong>del</strong>la M.O. Pasino, Signora Rosa, e le Associazioni<br />

<strong>del</strong> Comitato con le rispettive insegne, ha tracciato la<br />

vicenda <strong>del</strong>la M.O. Pasino e la sua tragica fine. Sono<br />

seguiti gli “Onori ai Caduti” e la deposizione <strong>del</strong>le corone<br />

presso la stele di Casalbagliano. Si è proseguito per<br />

Solero, luogo di nascita <strong>del</strong>la M.O. Pasino, dove, ricevuti<br />

nella Sala Comunale dal Sindaco, dott.ssa Maria Grazia<br />

Guaschino, alla presenza di numerose autorità civili e<br />

militari, il Presidente <strong>del</strong>la Provincia ha pronunciato l’orazione<br />

ufficiale sulla “Pace”. La Maestra Fiduciaria,<br />

Marita Cairo, ha <strong>qui</strong>ndi illustrato l’organizzazione <strong>del</strong>la<br />

“Mostra” di disegni su “La Pace” (esposta nella Sala<br />

Consiliare <strong>del</strong> Comune) indetta dalla Federazione ed ha<br />

presentato gli oltre cinquanta studenti partecipanti al<br />

“Concorso”. I primi tre classificati hanno letto le loro<br />

opere, a tutti sono state consegnate coccarde tricolori e<br />

alla Dirigente Scolastica, dott.ssa Cristina Trotta, una<br />

“Borsa di Studio collettiva”. Dopo, nella bella Chiesa<br />

Parrocchiale, don Mario Bianchi ha celebrato la S. Messa<br />

in suffragio <strong>del</strong> Caduti. La manifestazione si è conclusa<br />

presso la Casa <strong>del</strong>la Gioventù dove i familiari <strong>del</strong>la M.O.<br />

Pasino hanno incontrato i partecipanti;<br />

Alessandria: consegna dei premi ai partecipanti al<br />

Concorso<br />

– il 15 febbraio 2009 la seconda “Cerimonia <strong>del</strong> ricordo”,<br />

in onore <strong>del</strong>l’Aviere Partigiano Combattente MOVM<br />

Arduino Bizzarro, si è svolta a Madonnina di Crea, luogo<br />

dove egli aveva difeso lo sganciamento dei compagni<br />

d’arme, sacrificando la propria vita. La S. Messa di suffragio<br />

ha aperto la manifestazione che è proseguita col cor-<br />

40 IL NASTRO AZZURRO<br />

teo e la resa degli Onori sul luogo <strong>del</strong> sacrificio, dove il<br />

Presidente <strong>del</strong>la Provincia, dottor Paolo Filippi, ha pronunciato<br />

l’orazione ufficiale, seguita dall’intervento <strong>del</strong><br />

Presidente <strong>del</strong>la Federazione Provinciale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong> gen. Luigi Turchi e <strong>del</strong> Presidente <strong>del</strong>la Sezione<br />

di Casale Monferrato <strong>del</strong>l’A.N.P.I. Erano presenti il fratello<br />

<strong>del</strong>la Medaglia d’Oro, cav. Arduino Bizzarro con<br />

Signora, le massime Autorità locali, tra cui i Sindaci di<br />

Casale Monferrato, Cerrina e Serralunga, e le<br />

Associazioni Combattentistiche e d’Arma;<br />

– il 21 Febbario a Quargnento, la terza “Cerimonia <strong>del</strong><br />

Ricordo” in onore <strong>del</strong>la M.O.V.M, Cap. Ferraris ha visto<br />

protagonisti gli alunni <strong>del</strong>le Scuole Primarie locali che<br />

hanno partecipato alla “mostra” di disegni e al<br />

“Concorso” sulla Pace. I vincitori hanno presentato i loro<br />

lavori e recitato una composizione collettiva molto<br />

applaudita. A tutti, come premio, è stata consegnata una<br />

medaglia <strong>del</strong>la Federazione <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> e alla<br />

scuola “Silvio Pellico” una “Borsa Collettiva” (giunta alla<br />

nona edizione) ritirata dalla maestra Patrizia Ba<strong>del</strong>la.<br />

Successivamente, presso il monumento alla Medaglia<br />

d’Oro sono stati resi gli onori ai Caduti. Nella Basilica<br />

Minore di San Dalmazzo, Chiesa Parrocchiale, mons.<br />

Piero Gosio ha celebrato la S. Messa di suffragio. Al termine,<br />

il Sindaco ing. Luigi Benzi ha ricevuto in Municipio<br />

i convenuti per un vino d’onore, presenti i Presidenti e i<br />

Soci <strong>del</strong>le Associazioni d’Arma con le insegne.<br />

Alessandria: Cerimonia <strong>del</strong> Ricordo<br />

AREZZO<br />

Nel bimestre, la Federazione di Arezzo ci ha comunicato<br />

la partecipazione alle seguenti manifestazioni:<br />

– il Presidente <strong>del</strong>la Federazione <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> di<br />

Arezzo Stefano Mangiavacchi unitamente ai soci<br />

Mario Rondoni e Carlo Caporaso, ha presenziato presso<br />

il Circolo Rosselli di Firenze alla presentazione <strong>del</strong> libro<br />

di Elena Mollica “Kindu: una missione senza ritorno”,<br />

volume che raccoglie le memorie <strong>del</strong> sacrificio dei tredici<br />

aviatori <strong>del</strong>la 46^ Aerobrigata di Pisa trucidati nel 1961 a<br />

Kindu durante una missione sotto l’egida <strong>del</strong>le Nazioni<br />

Unite. Presenti gli Onorevoli Valdo Spini e Marco Boato,<br />

il Sindaco di Montevarchi Giorgio Valentini, il Generale di<br />

Divisione Aerea Nino Pasquali, il Comandante <strong>del</strong>la 46^<br />

Brigata Aerea di Pisa gen. B.A. Vitantonio Cormio e<br />

numerosi familiari dei Caduti;<br />

– sabato 31 gennaio nei saloni <strong>del</strong>la Bartolea di


Montevarchi è stato presentato, in occasione <strong>del</strong>le celebrazioni<br />

<strong>del</strong> “Giorno <strong>del</strong>la Memoria” il volume “Non raggiunsero<br />

la libertà”, realizzato dal Comune di<br />

Montevarchi e dalla Federazione <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> di<br />

Arezzo e curato da Gianluca Monicolini, Presidente <strong>del</strong><br />

Consiglio Comunale di Montevarchi. Il libro tratta <strong>del</strong>la<br />

deportazione e <strong>del</strong>la prigionia nei campi di concentramento<br />

tedeschi durante la seconda guerra mondiale, tramite<br />

le vicende di due civili e nove militari che vi trovarono<br />

la morte dopo atroci sofferenze. Dopo il saluto <strong>del</strong><br />

Presidente <strong>del</strong>la Federazione Stefano Mangiavacchi,<br />

che ha letto la motivazione <strong>del</strong>la MOVM concessa alla<br />

memoria <strong>del</strong>l’Internato Ignoto, sono intervenuti il<br />

Sindaco Giorgio Valentini, il Prof. Ivo Biagianti<br />

<strong>del</strong>l’Università di Siena, ed il curatore <strong>del</strong> volume<br />

Gianluca Monicolini. AI termine sono stati consegnati<br />

attestati alla memoria ai familiari dei Caduti ed alla<br />

Sezione <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> di Montevarchi rappresentata<br />

dal Socio Alberto Romanelli;<br />

– Domenica 8 febbraio è stata celebrata la “Giornata <strong>del</strong><br />

Ricordo” in memoria <strong>del</strong>le vittime <strong>del</strong>le foibe e <strong>del</strong>l’esodo<br />

<strong>del</strong>le popolazioni di Istria, Dalmazia e Fiume, la<br />

Federazione <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> di Arezzo ed il Comune<br />

di Montevarchi hanno organizzato una solenne cerimonia<br />

che si è svolta al Monumento ai “Caduti senza<br />

Croce” nel cui basamento è custodita terra <strong>del</strong>la Foiba di<br />

Basovizza. Dopo l’alzabandiera e la Preghiera in suffragio<br />

dei Caduti è stata deposta una corona di alloro al<br />

monumento. Presente il Labaro <strong>del</strong>la Federazione con<br />

un numeroso gruppo di soci, unitamente alle Autorità<br />

civili e militari e alle rappresentanze <strong>del</strong>le associazioni.<br />

Inoltre sono state distribuite a tutti gli studenti <strong>del</strong>la<br />

città cartoline celebrative <strong>del</strong>la Giornata <strong>del</strong> Ricordo<br />

(foto in alto).<br />

BIELLA<br />

Nel bimestre, la Federazione di Biella e Vercelli ci ha<br />

comunicato la partecipazione alle seguenti cerimonie:<br />

– alla presenza <strong>del</strong> Generale CA Bonifazio Incisa di<br />

Camerana, già Capo di SME e <strong>del</strong> Generale CA Rocco<br />

Panunzi, Comandante dei Supporti <strong>del</strong>le Forze Operative<br />

Terrestri, il 19 dicembre 2008 il Colonnello Antonio<br />

Zuppardo, 60° Comandante <strong>del</strong> 52° Reggimento di<br />

Artiglieria Terrestre “Torino” (Caserma MOVM Aldo<br />

Scalise, Vercelli), ha ceduto il Comando <strong>del</strong> Reggimento<br />

al Colonnello Massimo Guasoni, 61° Comandante.<br />

Durante la cerimonia il Presidente <strong>del</strong>la Federazione<br />

Provinciale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> di Biella e Vercelli, dottor<br />

Tomaso Vialardi di Sandigliano, ha consegnato al<br />

Colonnello Zuppardo il crest d’Onore <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>;<br />

Biella: la Brigata Sassari ricorda la battaglia <strong>del</strong><br />

Colrosso<br />

– Il 28 gennaio, anniversario <strong>del</strong>la battaglia di Col <strong>del</strong><br />

Rosso (28 gennaio 1918), i Sassarini Biellesi <strong>del</strong> Circolo<br />

Sardo “Su Nuraghe” si sono riuniti nell’area monumentale<br />

<strong>del</strong> Nuraghe Chervu per celebrare le decorazioni al<br />

Valor Militare alle Bandiere dei Reggimenti <strong>del</strong>la Brigata<br />

Sassari (151° e 152° Fanteria). Il Presidente <strong>del</strong>la<br />

Federazione di Biella e Vercelli, dottor Tomaso Vialardi<br />

di Sandigliano, dopo aver letto le motivazioni <strong>del</strong>le<br />

Decorazioni (Ordine Militare di Savoia, 2 Medaglie d’Oro<br />

al V.M.), ha depositato, con il Sindaco di Biella e il<br />

Presidente <strong>del</strong> Circolo Sardo “Su Nuraghe” Battista Saiu,<br />

una corona di alloro in memoria dei Caduti Sassarini<br />

<strong>del</strong>la Grande Guerra;<br />

BOLOGNA<br />

Bologna: Galà di beneficenza organizzato dalle Dame<br />

Patronesse<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

41


Nelle sontuose sale <strong>del</strong> Circolo Ufficiali <strong>del</strong>l’Esercito<br />

di Bologna si è svolta sabato 7 febbraio l’annuale galà di<br />

beneficenza promosso e organizzato dal Comitato Dame<br />

Patronesse <strong>del</strong>la Federazione bolognese <strong>del</strong> NA. Presenti<br />

alte autorità civili e militari nazionali e locali, accolte dal<br />

presidente Rag. Giorgio Bulgarelli. Tra gli intervenuti,<br />

il vice prefetto vicario dott. Matteo Piantedosi, il comandante<br />

militare Emilia-Romagna col. (i.g.s.) Giovanni de<br />

Cicco, il comandante <strong>del</strong> 2° Reggimento Sostegno<br />

“Orione”, col. Ludovico Avitabile, i parlamentari Filippo<br />

Berselli ed Enzo Raisi, il presidente <strong>del</strong>la Commissione<br />

Comunale Bilancio Avv. Galeazzo Bignami. Alla cena è<br />

seguita un’apprezzata esibizione musicale di cantanti<br />

lirici, <strong>qui</strong>ndi l’estrazione dei biglietti <strong>del</strong>la lotteria (abbinati<br />

a prestigiosi premi offerti da sponsor e amici<br />

<strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong>) condotta con classe e brio da un presentatore<br />

d’eccezione, il presidente <strong>del</strong> Consiglio provinciale<br />

di Bologna Maurizio Cevenini. Con la raccolta dei fondi,<br />

la Federazione petroniana darà il proprio contributo ad<br />

attività caritative e assistenziali particolarmente significative<br />

sul territorio.<br />

BRINDISI<br />

Il 20 febbraio 2009 si è svolta, presso la sede<br />

<strong>del</strong>l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Brindisi,<br />

la prima Assemblea Ordinaria annuale per l’approvazione<br />

<strong>del</strong> bilancio consuntivo 2008 e di quello preventivo<br />

2009. Come è noto, a seguito <strong>del</strong>la segnalazione <strong>del</strong><br />

Presidente Nazionale, Comandante Giorgio Zanardi, il<br />

28 settembre 2007, il Comandante Comm. Vincenzo<br />

Cafaro è stato nominato Commissario per la ricostituzione<br />

a Brindisi <strong>del</strong>la Federazione Provinciale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong>. La città ha risposto molto favorevolmente all’iniziativa<br />

<strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> con un numero<br />

di iscritti sempre in aumento e il 4 giugno 2008 il<br />

Comandante Cafaro è stato eletto Presidente <strong>del</strong>la<br />

Federazione Provinciale di Brindisi che, al 31 dicembre<br />

2008 contava 88 Soci così suddivisi: Onorari n. 1; Effettivi<br />

n. 9; Aderenti n. 6; Simpatizzanti n. 72. Il generale<br />

Giuseppe Chiriatti, eletto Presidente <strong>del</strong>l’Assemblea, la<br />

ha condotta in maniera encomiabile, esaltando l’attività<br />

<strong>del</strong> Presidente Cafaro e la sua relazione morale approvata<br />

all’unanimità. In un clima festoso, tutti i Soci hanno<br />

potuto rinnovare l’impegno all’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong>.<br />

FERRARA<br />

Nel bimestre, la Federazione di Ferrara ci ha comunicato<br />

la partecipazione alle seguenti cerimonie:<br />

– martedì 16 dicembre alle ore 10.30 presso la sede di<br />

Corso Giovecca n. 165, presieduta dal presidente provinciale<br />

Avv. Giorgio Anselmi, si è svolta<br />

l’Assemblea Annuale degli iscritti alla Federazione di<br />

Ferrara <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>, che conta 200 iscritti (di<br />

cui 30 decorati, 100 simpatizzanti e 70 famigliari di<br />

Decorati). Fatto il bilancio <strong>del</strong>le attività svolte durante<br />

l’anno, sono stati conferiti gli attestati ai soci<br />

decorati iscritti da più di trent’anni (Sigg. Bolognesi,<br />

Buzzola, Poletti, Fogli, Verziasi), si è auspicata una<br />

collaborazione con la Società Dante Alighieri per far<br />

conoscere meglio le gesta eroiche e patriottiche <strong>del</strong><br />

nostro passato. Per il presidente Anselmi oggi è un<br />

giorno particolare, infatti il 16 dicembre 1943, col 67°<br />

Reggimento Fanteria, al comando <strong>del</strong> 2° Battaglione,<br />

42 IL NASTRO AZZURRO<br />

prese parte, a fianco <strong>del</strong>le forze Alleate, alla vittoriosa<br />

Battaglia di Montelungo che gli valse il conferimento<br />

<strong>del</strong>la seconda Medaglia di Bronzo al Valor<br />

Militare. Al termine un ricco buffet dove gli intervenuti<br />

si sono scambiati gli auguri di buone feste;<br />

Ferrara: assemblea di fine anno<br />

– la Federazione di Ferrara <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> ed il<br />

Comitato cittadino <strong>del</strong>la Società Dante Alighieri<br />

hanno organizzato, ospiti <strong>del</strong> ridotto <strong>del</strong> teatro<br />

comunale, una “Lectura Danctis” a cura dal Prof.<br />

Pierluigi Montanari con tema il 6° Canto <strong>del</strong><br />

Purgatorio “Ahi serva Italia ...” seguita da un breve<br />

concerto di musiche inglesi <strong>del</strong>l’otto-novecento per<br />

viola e pianoforte, eseguito dal giovanissimo duo<br />

Giulia Capuzzo e Marco Belluzzi. L’iniziativa ha<br />

riscosso un grande successo con una notevole partecipazione<br />

di pubblico;<br />

– quando, con un’unica cerimonia, si ricorderanno<br />

tutte le vittime dei soprusi allora avremo veramente<br />

raggiunto un grande obiettivo”. Il Vice Sindaco Rita<br />

Tagliani ha sottolineato così l’inaugurazione <strong>del</strong>la<br />

lapide sul muro esterno <strong>del</strong>l’istituto “0rio Vergani”<br />

tenutasi il 2 aprile alla presenza <strong>del</strong>le Autorità militari,<br />

a ricordo <strong>del</strong>l’ospitalità che Ferrara si sentì in<br />

dovere di offrire ad alcune centinaia di esuli giuliani<br />

e dalmati, che avevano dovuto abbandonare le proprie<br />

case perché desideravano ardentemente rimanere<br />

italiani. Il presidente <strong>del</strong>la Provincia Piergiorgio<br />

Dall’Acqua ha affermato: “Per troppo tempo abbiamo<br />

dimenticato i patimenti di tante persone provenienti<br />

dall’Istria molte <strong>del</strong>le quali furono ospitate a<br />

Ferrara proprio in questa sede”. Flavio Rabal (responsabile<br />

<strong>del</strong>l’Associazione Venezia Giulia e Dalmazia a<br />

Ferrara e promotore <strong>del</strong>l’iniziativa) ha ricordato:<br />

“Ferrara mise a disposizione le scuole di via De Romei<br />

dove trovarono un tetto fino a 414 persone suddivise<br />

nelle varie aule. Io ero uno di loro; poi nel 1949 ci<br />

spostarono in zona Boschino e gradualmente si verificò<br />

un pieno inserimento nella società ferrarese”. A<br />

conclusione <strong>del</strong>la cerimonia il Comandante Giorgio<br />

Zanardi, presidente nazionale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>,<br />

nel ricordare la grande dignità con la quale gli esuli<br />

e profughi <strong>del</strong>l’Istria e Dalmazia hanno vissuto la<br />

loro tragedia, senza recriminazioni, chiedendo il<br />

minimo contributo allo Stato ed inserendosi, poi,<br />

egregiamente nel tessuto sociale cittadino e nazionale,<br />

ha riconosciuto come loro meritino appieno di far<br />

parte <strong>del</strong>la nostra Famiglia Azzurra;


Ferrara: l’intervento <strong>del</strong> Presidente Nazionale<br />

– “Grazie per essere stato costantemente presente nell’arco<br />

dei due mandati amministrativi a tutte le manifestazioni<br />

patriottiche <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> e <strong>del</strong>le<br />

associazioni combattentistiche”. Con queste parole il<br />

presidente nazionale <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>,<br />

Giorgio Zanardi, e il presidente <strong>del</strong>la federazione di<br />

Ferrara <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong>, Giorgio Anselmi, hanno donato<br />

in segno di riconoscenza al presidente <strong>del</strong>la<br />

Provincia, Pier Giorgio Dall’Acqua, una targa che<br />

ricorda “gli eroi di Ferrara e provincia”, ossia le 31<br />

Medaglie d’Oro ferraresi al Valor Militare. “Un segno<br />

di gratitudine - ha continuato il comandante<br />

Zanardi - per ricordare tutti i ferraresi che hanno<br />

onorato la Patria, affinché il loro ricordo trovi posto<br />

nella sede istituzionale <strong>del</strong>la Provincia di Ferrara”.<br />

Unitamente alla targa, Giorgio Anselmi ha fatto<br />

omaggio al presidente Dall’Acqua <strong>del</strong>l’Albo d’Oro<br />

<strong>del</strong>la provincia di Ferrara. “Un riconoscimento - ha<br />

ringraziato Dall’Acqua - che mi onora profondamente”.<br />

Presenti anche i soci Dante Leoni, Francesco<br />

Mascellani, e Italo Obrizzi;<br />

– il Presidente <strong>del</strong>la Federazione Provinciale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong> e Presidente Onorario <strong>del</strong>la Sezione UNUCI,<br />

il T.Col. Giorgio Anselmi, intervenendo in rappresentanza<br />

<strong>del</strong>le Associazioni Combattentistiche e<br />

d’Arma alla celebrazione <strong>del</strong>la Liberazione a Ferrara,<br />

nell’esprimere la propria gratitudine al Presidente<br />

<strong>del</strong>la Repubblica per aver voluto celebrare la ricorrenza<br />

a Mignano Monte Lungo, luogo <strong>del</strong> primo<br />

impiego nella Guerra di Liberazione <strong>del</strong> rinato<br />

Esercito Italiano, ha evidenziato come questo gesto<br />

abbia avuto una eccezionale valenza per lui, partecipe<br />

in prima persona degli eventi. Giorgio Anselmi<br />

ha ricordato il grande contributo <strong>del</strong>le nostre Forze<br />

Armate, ed in particolare <strong>del</strong>l’Esercito regolare, alla<br />

guerra di Liberazione (400.000 soldati): 1.816 caduti<br />

e 5.127 feriti; e, in particolare i “suoi fanti <strong>del</strong> 67°<br />

Reggimento” che a Monte Lungo riposano nel<br />

Sacrario, molti dei quali decorati al Valore. Nel 1943<br />

Anselmi era Aiutante Maggiore in Prima <strong>del</strong> 67°<br />

Reggimento Fanteria, col grado di Capitano. Il 16<br />

dicembre 1943, giorno <strong>del</strong> secondo e vittorioso attacco<br />

alle postazioni nemiche, volontariamente si offri<br />

per prendere il comando <strong>del</strong> II° Battaglione, rimasto<br />

vacante e, per il suo eroismo, ottenne la seconda<br />

medaglia di bronzo.<br />

Ferrara: il Presidente Anselmi parla alla cerimonia <strong>del</strong><br />

25 aprile<br />

IMPERIA<br />

Imperia: 66° anniversario <strong>del</strong>la Campagna di Russia<br />

Il 25 gennaio 2009, 66° anniversario <strong>del</strong>la Campagna di<br />

Russia, è stata celebrata la “Giornata <strong>del</strong> Ricordo” nel cimitero<br />

di Imperia Oneglia. Presenti le massime autorità civili<br />

e militari, il Vice Prefetto dott.ssa Simona Saracino, il<br />

Questore dott. Luigi Mauriello e, in rappresentanza<br />

<strong>del</strong>l’Amministrazione provinciale e <strong>del</strong> Comune di Imperia,<br />

gli Assessori Sig. Sergio Lanteri e Dott. Giovanni Amoretti,<br />

le Crocerossine, i rappresentanti <strong>del</strong>le Associazioni<br />

Combattentistiche e d’Arma, <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> e <strong>del</strong>la<br />

Associazione Nazionale Familiari Caduti e Dispersi in guerra<br />

con labari, nonché associati, familiari e amici. Come<br />

ogni anno, sono state deposte corone di alloro e resi gli<br />

onori militari alla tomba simbolica, monumento eretto nel<br />

1958 a memoria dei caduti <strong>del</strong> Battaglione “Pieve di Teco”.<br />

Quindi, il Presidente Provinciale <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>,<br />

Cavaliere <strong>del</strong> Lavoro Giacomo Alberti, dopo aver ringraziato<br />

i convenuti, ha ricordato che la cerimonia di gennaio<br />

è da sempre l’unico ricordo <strong>del</strong> sacrificio degli oltre 400<br />

giovani <strong>del</strong>la provincia di Imperia (infatti, nelle città più<br />

importanti <strong>del</strong>la costa ligure non si volle neppure conoscere<br />

il numero esatto di coloro che non sono più ritornati,<br />

dal ché si può dire che i Caduti sul fronte russo sono scomparsi<br />

due volte: la prima quando sono morti e la seconda<br />

perché la società li ha dimenticati). Alberti ha concluso il<br />

suo intervento chiedendo al giovane dottor Paolo Alassio,<br />

figlio di un alpino, pronipote di uno dei dispersi sul fronte<br />

russo e autore <strong>del</strong> libro “La storia <strong>del</strong> Battaglione Pieve di<br />

Teco”, di farsi garante <strong>del</strong>la perpetuazione <strong>del</strong>la<br />

“Cerimonia <strong>del</strong> Ricordo”. Il dottor Alassio, nel suo commovente<br />

discorso, si è detto onorato <strong>del</strong>l’incarico che gli veniva<br />

affidato. La cerimonia si è conclusa con la S. Messa nella<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

43


chiesetta <strong>del</strong> cimitero, officiata da mons. Mario Ruffino,<br />

parroco di Imperia Oneglia, con la partecipazione <strong>del</strong> coro<br />

alpino “Monte Maccarello”.<br />

MACERATA<br />

(Sez.di Recanati)<br />

Un segno tangibile <strong>del</strong>l’importante presenza ebraica<br />

nella città e un’attestazione di stima e attenzione nei confronti<br />

di un prestigioso e affascinante personaggio <strong>del</strong><br />

passato: è con questo spirito che l’Amministrazione comunale,<br />

tramite la presidenza <strong>del</strong> Consiglio comunale, ha<br />

deciso di celebrare la “Giornata <strong>del</strong>la Memoria” intitolando<br />

un piazzale <strong>del</strong>la città al rabbino e cabalista Menahem<br />

da Recanati. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la<br />

Comunità ebraica di Ancona, si è svolta domenica 1° febbraio<br />

alle ore 18 nell’Aula Magna <strong>del</strong> Palazzo Comunale,<br />

alla presenza <strong>del</strong> sindaco, Fabio Corvatta, <strong>del</strong> presidente<br />

<strong>del</strong> Consiglio comunale, Simone Giaconi, <strong>del</strong> consigliere<br />

<strong>del</strong>la comunità ebraica di Ancona Daniele Tagliacozzo e<br />

<strong>del</strong> membro <strong>del</strong> Comitato Scientifico <strong>del</strong> Centro Nazionale<br />

Studi Leopardiani Ermanno Carini. L’evento è stato concluso<br />

con un concerto di musica Klezmer eseguito dal sassofonista<br />

Massimo Mazzoni e dal fisarmonicista Christian<br />

Riganelli. Il Comune di Recanati, negli ultimi due anni, sta<br />

valorizzando l’antico ghetto <strong>del</strong>la città con pannelli illustrativi<br />

e con l’illuminazione <strong>del</strong>le due vie sedi di insediamenti<br />

ebraici, in collaborazione con il Comitato di quartiere<br />

di Porta Marina. Rientra nel progetto la riscoperta <strong>del</strong>la<br />

figura di Menahem, famoso cabalista, rabbino, vissuto a<br />

Recanati alla fine <strong>del</strong> 1200, epoca in cui era fiorente la<br />

comunità ebraica cittadina, e noto, fra l’altro, per il<br />

“Commento alla Genesi” nel quale trovano posto, alternati,<br />

testi mistici tradizionali e loro originali interpretazioni.<br />

Recanati: Cerimonia <strong>del</strong> Ricordo<br />

NAPOLI<br />

I Soci <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> e <strong>del</strong>l’ANlOC -<br />

Federazioni di Napoli hanno effettuato una visita a<br />

Martina Franca, ai Sassi di Matera, ed ai Carnevali di<br />

Massafra e Putignano. Il Presidente, Avv. Gennaro<br />

Perrella, non ha potuto partecipare perché influenzato.<br />

La visita <strong>del</strong>la durata di tre giorni - dal 21 al 23 febbraio -<br />

è stata organizzata e curata dal Preside Pasquale Campo<br />

e dal Maresciallo Pietro Caputo. I partecipanti, ospiti di<br />

un confortevole ed elegante albergo di Massafra, hanno<br />

sempre concluso le loro giornate in armonia e con serate<br />

danzanti. La visita ai vari luoghi è stata di volta in volta<br />

preceduta da una illustrazione storico artistica svolta dal<br />

44 IL NASTRO AZZURRO<br />

Preside Campo durante il trasferimento in pullman. Un<br />

particolare rilievo è stato dato al Carnevale di Putignano,<br />

fra i più antichi d’Europa, risalente al 1390 ed alla sua<br />

maschera “Farinella”, di recente realizzazione. Non è mancata<br />

una breve nota storica sulla Puglia nonché un breve<br />

cenno sulla morfologia e costituzione <strong>del</strong> suolo pugliese<br />

con particolare riferimento alle Murge. Le visite alle cittadine<br />

di Martina Franca e Matera sono state illustrate da<br />

esperte guide locali. Una fortunata coincidenza ha consentito<br />

di visitare l’Oratorio <strong>del</strong>la Confraternita Immacolata<br />

dei Nobili di Martina Franca, particolare gioiello d’arte<br />

non aperto al pubblico. Apprezzata, infine, la possibilità di<br />

conoscere la civiltà rupestre dei “Sassi” di Matera.<br />

ROMA<br />

(Sez. Sabina Romana)<br />

Nel bimestre, la neocostituita Sezione di Sabina<br />

Romana <strong>del</strong>la Federazione di Roma <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong> ci ha segnalato la propria partecipazione a:<br />

– la celebrazione <strong>del</strong> 141° anniversario <strong>del</strong>la battaglia<br />

tra i volontari garibaldini e gli zuavi pontifici, con una<br />

serie di conferenze-dibattito tenute giovedì 16 ottobre<br />

2008, presso le Scuole Medie dal prof. Prisco<br />

Corvino, dirigente scolastico di Montelibretti e<br />

Moricone, dal prof. Francesco Guidotti, Direttore <strong>del</strong><br />

Museo Storico Garibaldino e <strong>del</strong>l’Ara di Mentana, e<br />

dal ricercatore e giornalista storico Col. Giancarlo<br />

Martini, presidente <strong>del</strong>la Sezione Sabina Romana <strong>del</strong><br />

<strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>, alla presenza degli insegnanti e degli<br />

studenti dei rispettivi Plessi. L’evento, si è concluso<br />

domenica 19 ottobre con l’apertura <strong>del</strong>la “Mostra<br />

garibaldina e sul Risorgimento”, allestita presso la<br />

Sala Conferenze <strong>del</strong>la Direzione Didattica, e la cerimonia<br />

al Monumento eretto a Montelibretti a memoria<br />

dei Volontari Garibaldini Caduti nella battaglia <strong>del</strong> 13<br />

ottobre <strong>del</strong> 1867. Presenti Autorità locali, tra cui il<br />

Sindaco Luigi Sergi, soci <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong><br />

<strong>Azzurro</strong>, tra cui il Gen. Antonio Daniele e il Col.<br />

Giancarlo Martini, una rappresentanza <strong>del</strong>l’UNUCI, e<br />

tanti altri cittadini;<br />

Sabina Romana: Mostra su salvo d’Ac<strong>qui</strong>sto<br />

– la cerimonia in omaggio ai soldati caduti per la Patria<br />

e/o in servizio, svoltasi a Mentana sabato 1 novembre,<br />

si è avviata con un corteo per le vie cittadine, che, partito<br />

da piazza Garibaldi, ha raggiunto piazza <strong>del</strong>la<br />

Repubblica. Dopo la deposizione di una Corona di<br />

alloro all’Ara Monumentale ai Caduti, sono state pronunciate<br />

le orazioni in onore dei Caduti: “Fa piacere -<br />

ha detto la signora Miriam Cresta: vedova <strong>del</strong>


Maresciallo capo dei carabinieri Daniele Ghione, caduto<br />

nella strage di Nassirya - che a distanza di cinque<br />

anni ci sia ancora tanta brava gente che ricorda con<br />

affetto mio marito e gli altri caduti di Nassirya”. Il<br />

direttore <strong>del</strong> Museo Garibaldino, prof. Francesco<br />

Guidotti, ha ricordato i 103 anni <strong>del</strong>l’istituzione.<br />

“Questa – ha commentato il sindaco di Mentana<br />

Guido Tabanella - è stata una giornata di ricordo per<br />

tutti coloro che hanno dato la vita per la libertà”.<br />

Presenti, anche molti sindaci dei Comuni di interesse<br />

garibaldino e autoirità istituzionali. Al termine <strong>del</strong>l’evento,<br />

il prof. Francesco Guidotti, colonnello comandante<br />

<strong>del</strong>la Guardia d’Onore Garibaldina, ha consegnato<br />

le nomine ai nuovi “arruolati” tra i quali anche<br />

il Col. Giancarlo Giulio Martini, presidente <strong>del</strong>la<br />

Sezione Sabina Romana <strong>del</strong>la Federazione di Roma<br />

<strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong> <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>;<br />

– le cerimonie <strong>del</strong> 4 novembre a Mentana, Montelibretti<br />

e Palombara ed alle varie cerimonie indette dai<br />

Comandi militari di zona: Cambio <strong>del</strong> Comandante<br />

<strong>del</strong>la Scuola di cavalleria, <strong>del</strong> Ce.Poli.S.E., festa<br />

<strong>del</strong>l’Arma dei Carabinieri, manifestazioni indette dalle<br />

Associazioni militari Unuci, ANSI ed altri Corpi di<br />

Polizia;<br />

– la manifestazione indetta per festeggiare il decennale<br />

<strong>del</strong> primo monumento dedicato a Salvo D’Ac<strong>qui</strong>sto a<br />

Montelibretti (1998), che si è articolata in quattro giornate<br />

di rievocazioni culturali e di manifestazioni promosse<br />

dalla Fondazione Italiana Salvo D’Ac<strong>qui</strong>sto,<br />

Onoranze M.O. e Decorati al V.M. e C., dalla Sezione di<br />

Sabina-Romana <strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>, dall’Assessorato<br />

alla Cultura, dagli eredi <strong>del</strong> Maestro Ezio Latini, dalla<br />

Direzione Didattica <strong>del</strong>la Scuola e dall’UNUCI di Rieti.<br />

Avviato giovedì 13 novembre 2008 con l’apertura <strong>del</strong>la<br />

Mostra storico-fotografico-documentale<br />

sull’“Olocausto di Palidoro” e sull’opera <strong>del</strong>lo scultore<br />

Ezio Latini, il plurimo evento è proseguito venerdì 14<br />

con il seminario, rivolto agli studenti <strong>del</strong>le Scuole elementari<br />

e Medie, sull’insegnamento lasciatoci<br />

dall’Eroe, a cui ha fatto seguito la toccante e suggestiva<br />

rappresentazione teatrale <strong>del</strong>la sua tragedia (replicata<br />

la sera di sabato 15 nella Chiesa <strong>del</strong>la beata<br />

Vergine <strong>del</strong> Carmelo). Nell’aula consiliare, poi, è stata<br />

presentata la seconda edizione <strong>del</strong> Libro “Salvo<br />

D’Ac<strong>qui</strong>sto - La Perla di Palidoro”. A conclusione domenica<br />

16 mattina con la deposizione da parte <strong>del</strong><br />

Sindaco, Luigi Sergi, di una Corona di alloro al Cippo<br />

monumentale a Salvo D’Ac<strong>qui</strong>sto, alla presenza <strong>del</strong>le<br />

rappresentanze militari e civili <strong>del</strong> comprensorio. La<br />

successiva Santa Messa, officiata da don Antonino, si è<br />

conclusa con la “Preghiera all’Eroe”. I numerosissimi<br />

fe<strong>del</strong>i presenti hanno tributato una spontanea ovazione<br />

alla memoria di Salvo d’Ac<strong>qui</strong>sto.<br />

SONDRIO<br />

La Federazione Provinciale negli ultimi mesi ha svolto<br />

le seguenti attività:<br />

– ha partecipato domenica 1 febbraio con il Labaro alla<br />

cerimonia commemorativa <strong>del</strong> 66° anniversario <strong>del</strong>la<br />

Battaglia di Nikolajewka, ove erano presenti il<br />

Presidente Alberto Vido, il Vicepresidente Mario<br />

Rumo, il Segretario Federico Vido, l’Alfiere Arrigo<br />

Mattiussi, il Consigliere Pio Songini, i Soci Filippo<br />

Zotti, Stefano Magagnato, Carlo Plozza, Claudio<br />

Cometti ed, in uniforme, il Sindaco Davide<br />

Ravanetti unitamente al Vice Alfiere Franco Silva,<br />

cui si sono aggiunti i neo-Soci Marco e Massimo<br />

Corrado e Alessandro Negrini;<br />

Sondrio: Cerimonia commemorativa <strong>del</strong>la battaglia di<br />

Nikolajewka<br />

– ha organizzato il 1 dicembre un incontro pubblico in<br />

collaborazione con il Consigliere Regionale <strong>del</strong>la<br />

Provincia di Sondrio Giovanni Bordoni per presentare il<br />

lavoro svolto ed il testo <strong>del</strong>la Legge Regionale n°<br />

28/2008;<br />

Sondrio: presentazione legge regionale n.° 28/2008<br />

– ha visto presenti in servizio ai Ca.S.Ta , quali ufficiali <strong>del</strong><br />

Corpo Militare <strong>del</strong>la Croce Rossa, il Consigliere Fausto<br />

Giugni ed il Sindaco Pierangelo Leoni;<br />

– nel Giorno <strong>del</strong>la Memoria la Federazione ha presenziato<br />

con il Presidente Cav. Alberto Vido, il Segretario<br />

Federico Vido ed il Consigliere Pio Songini alla cerimonia<br />

organizzata dalla Prefettura di Sondrio per la<br />

consegna <strong>del</strong>le Medaglie d’Onore ai deportati ed internati<br />

nei lager nazisti nel corso <strong>del</strong>la seconda guerra<br />

mondiale;<br />

TORINO<br />

Domenica, 25 gennaio; preso la Chiesa di San<br />

Domenico di Torino è stata celebrata una Santa Messa in<br />

suffragio <strong>del</strong> Cappellano Militare degli Arditi, Padre<br />

Reginaldo Giuliani, Medaglia d’Oro al Valor Militare,<br />

seguita da un ricordo <strong>del</strong>la figura <strong>del</strong>l’Eroe. Numerosi i<br />

partecipanti e le autorità religiose, militari e civili nonché<br />

molti Labari <strong>del</strong>le Associazioni combattentistiche tra i<br />

quali il Labaro <strong>del</strong>la Federazione Provinciale di Torino <strong>del</strong><br />

<strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

45


Fed. CHIETI<br />

Presidente: Comm. Biagio ROSSI<br />

Vice Presidente: Sig. Sebastiano DE LAURENTIIS<br />

Consiglieri: Gen. Ettore AIMOLA, Gen. Domenico<br />

BASILE, Gen. Rosario BEVILACQUA, Gen. Franco<br />

CHIRICO’, Gen. Antonio MANCINI, Gen. Giuseppe<br />

PERLOZZI, Gen. Domenico Antonio SANTARELLI,<br />

Gen. Alberto SORIENTE, Gen. Corinto ZOCCHI<br />

Revisori dei Conti: Sig. Michelangelo CERICOLA,<br />

Sig. Achille IEZZI, Sig. Berardino VERMIGLIANO<br />

Fed. FERRARA<br />

Presidente: Avv. Giorgio ANSELMI<br />

Vice Presidente: Col. Claudio BALDINI<br />

Segretario-Tesoriere: Sig.ra Anna Maria GOZZI<br />

Consiglieri: Sig. Lorenzo CARIANI; Avv. Mario<br />

GALLOTTA; Sig. Francesco MASCELLARI; Prof.sa<br />

Gianna VANCINI;<br />

Presidente <strong>del</strong> Collegio provinciale dei Sindaci:<br />

Prof. Paolo STURLA AVOGADRI<br />

Sindaci: Sig. Massimo CAPPELLI; Sig. Maurizia<br />

GIOVANETTI<br />

Fed. LA SPEZIA<br />

Presidente: Cav. Renzo PEDRIGI<br />

Vice Presidente: <strong>Azzurro</strong> Amelio GUERRIERI<br />

Segretario-Tesoriere: Sig. Giovanni GABRIELLI<br />

Consiglieri: Sig.ra Maria BORDONARO, Sig.<br />

Alberto BOSCAGLIA, Dott. Domenico RUSSO,<br />

Sig.ra Francesca FAGGIONI<br />

Fed. LATINA<br />

Presidente: Sig. Luigi CASALVIERI<br />

Vice Presidente: Sig. Giuseppe ROMA<br />

Segretario-Tesoriere: Sig. Gino VENTRESCA<br />

Consiglieri: Sig. Tommaso BARUFFALDI, Sig.<br />

Giuseppe BIASI, Sig. Salvatore CARTA, Sig. Sante<br />

CERRONI<br />

Collegio provinciale dei Sindaci: Sig. Michele<br />

MADDALENA, Sig. Egidio NADDEO, Sig. Luigi<br />

TOSTI<br />

Fed. MANTOVA<br />

Presidente: Cav. Uff. Leonardo SAVI<br />

Vice Presidente: Cav. Uff. Guido FONTANESI<br />

Segretario-Tesoriere: Sig.ra Cesj COLLI RINALDI<br />

Consiglieri: Sig. Carlo CATTANI, Sig.ra Dina<br />

ROMANO LANFREDI, Cav. Diego SACCARDI<br />

Collegio provinciale dei Sindaci: Sig.ra Margherita<br />

FERRIANI TOMMASI, Sig.ra Isabella MARENGHI DE<br />

MARCHI, Sig.ra Giuliana SCARDEONI CONSOLINI<br />

Fed. MILANO – Gruppo di MONZA<br />

Capo Gruppo: <strong>Azzurro</strong> Attilio BARBIERI<br />

46 IL NASTRO AZZURRO<br />

CONSIGLI DIRETTIVI<br />

Fed. PISTOIA<br />

Presidente: Dott. Mario LIVI<br />

Vice Presidente: Sig. Graziano LAMURA<br />

Consiglieri: Sig. Andrea BAGGIANI, Sig. Giuseppe<br />

MAZZEI, Sig. Romolo RICCI<br />

Revisori dei Conti: Sig. Filippo GRECO, Sig. Angelo<br />

PORTORARO, Sig. Ivano PUCCINI<br />

Fed. ROVIGO<br />

Presidente: Geom. Graziano MARON<br />

Vice Presidente: Sig. Paolo Roberto VACCARO<br />

Consiglieri: Sig. Giannino DISSETTE; Dott.sa Cinzia<br />

MAIURI; Sig. Enrico PARTESANI; Prof.sa Graziella<br />

STROPPA;<br />

Presidente <strong>del</strong> Collegio provinciale dei Sindaci:<br />

Sig. Gianluca MUNEGATO<br />

Sindaci: Ing. Placido MALDI; Sig. Aniello PISCOPO;<br />

Fed. SIRACUSA<br />

Presidente: Avv. Francesco ATANASIO<br />

Vice Presidente: Avv. Antonello FORESTIERE<br />

Segretario-Tesoriere: Mar.llo Magg. Luigi BUC-<br />

CHERI<br />

Consiglieri: Cav. Cesare FAILLA; Rag. Ivan GRAN-<br />

CAGNOLO; Cav. Francesco MAIORE; Brig. Paolo<br />

PAGLIARO<br />

Revisori dei Conti: Sig. Luca FAZZINO; Sig. Fabrizio<br />

GRANCAGNOLO; Sig. Mauro LA MESA<br />

Fed. TERNI<br />

Presidente: Dott. Marcello GHIONE<br />

Vice Presidente: Acc. Alberto PIEROTTI<br />

Segretario-Tesoriere: Rag. Roberto QUINTILI<br />

Consiglieri: Dott. Michele BENUCCI, Sig.ra Fulvia<br />

MOSCARDINI RIZZI, Comm. Aristide PROIETTI,<br />

Dott. Michele TATTOLI<br />

Collegio provinciale dei Sindaci: Rag. Vincenzo<br />

LOCCI, Ing. Paolo CELOTTO, Sig. Andrea CORVI<br />

Fed. VERONA<br />

Presidente: Gen. Amos SPIAZZI di CORTE REGIA<br />

Vice Presidente: Amm. Paolo TONEGUTTI<br />

Segretario-Tesoriere: Cav. Luca LAITI<br />

Consiglieri: Dott. Roberto BARBETTA; Gr. Uff.<br />

Luciano BARTOLINI; MMA Sergio CINOTTI; Cav.<br />

Nicola FERRARA; Sig. Giuseppe TOFFANIN<br />

Fed. VICENZA<br />

Presidente: Mons. Dott. Ezio Olivo BUSATO<br />

Vice Presidente: Dott. Alberto LEMBO<br />

Consiglieri: Rag. Guglielmo BENVENUTI, Cav.<br />

Giovanbattista BUSA, Cav. Albertina CAVEGGION<br />

Collegio provinciale dei Sindaci: Cav. Giacomo<br />

BERTI, Col. Giuseppe MAGRIN, Cav. Giulio VESCOVI


SALVO D’ACQUISTO: LA PERLA DI PALIDORO<br />

Di Giancarlo Giulio Martini, pp. 130, 17x23 cm., illustrato,<br />

edizione fuori commercio, si può richiedere direttamente<br />

all’autore, presso la Sezione di Roma - Sabina<br />

Romana <strong>del</strong>la Federazione di Roma <strong>del</strong>l’Itituto <strong>del</strong><br />

<strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong> – via <strong>del</strong>la Libertà, 53 – 00010<br />

Montelibretti (RM) – e-mail: margia42@alice.it, prezzo<br />

10 Euro comprese spese postali (il ricavato sarà devoluto<br />

a favore degli orfani e <strong>del</strong>le vedove dei militari caduti<br />

per servizio).<br />

In occasione <strong>del</strong> decimo anniversario<br />

<strong>del</strong>la inaugurazione <strong>del</strong><br />

monumento eretto dal comune<br />

di Montelibretti in onore di<br />

Salvo D’Ac<strong>qui</strong>sto (in Italia ce ne<br />

sono ben cinquantasei),<br />

Giancarlo Martini, cittadino<br />

montelibrettese, ufficiale dei<br />

carabinieri in congedo, giornalista,<br />

scrittore e presidente <strong>del</strong>la<br />

sezione Sabina Romana <strong>del</strong>la<br />

Federazione di Roma <strong>del</strong>l’<strong>Istituto</strong><br />

<strong>del</strong> <strong>Nastro</strong> <strong>Azzurro</strong>, ha curato la<br />

pubblicazione di questa opera<br />

omnia dedicata all’eroico sottufficiale <strong>del</strong>l’arma che,<br />

per salvare alcune decine di persone da una rappresaglia,<br />

si autodenunciò di un <strong>del</strong>itto mai avvenuto e<br />

venne fucilato dalle SS.<br />

Si tratta di una semplice ma istruttiva antologia, suddivisa<br />

in una parte introduttiva, tre capitoli principali e<br />

un’appendice. Nella parte introduttiva si trovano, oltre<br />

ad una nota introduttiva <strong>del</strong>l’autore, diversi scritti di<br />

autorità e personalità note e meno note ma comunque<br />

tutte in grado di approfondire gli aspetti più salienti<br />

<strong>del</strong> gesto <strong>del</strong>l’eroico carabiniere e <strong>del</strong> suo significato.<br />

Il primo capitolo è interamente dedicato alla figura di<br />

Salvo D’Ac<strong>qui</strong>sto, alla sua storia ed alla situazione in cui<br />

egli maturò la decisione di offrirsi come capro espiatorio<br />

ai nazisti alla ricerca degli autori di un presunto<br />

attentato, rivelatosi poi un semplice incidente dovuto<br />

all’inesperienza di un giovane soldato tedesco.<br />

Il secondo capitolo riguarda il monumento che<br />

Montelibretti ha eretto a Salvo D’Ac<strong>qui</strong>sto nel 1998.<br />

Il terzo capitolo ripercorre rapidamente le tappe salienti<br />

<strong>del</strong>la storia italiana nel periodo fascista (1920-1943)<br />

che è anche, parallelamente, il periodo in cui si svolge<br />

tutta la breve vita di D’Ac<strong>qui</strong>sto.<br />

L’appendice è forse la parte meno agiografica, ma più<br />

interessante <strong>del</strong> libro: vi si trovano poesie, richiami letterari,<br />

recensioni cinematografiche, tutto ciò che l’eroe<br />

di Palidoro ha saputo ispirare col suo nobile gesto, culminato<br />

nell’olocausto <strong>del</strong>la sua giovane vita.<br />

La forma tipografica <strong>del</strong>l’antologia onnicomprensiva<br />

può sembrare di difficile consultazione, ma leggendo<br />

il libro ci si rende conto che si tratta solo di un’impressione,<br />

mentre tale forma consente di concentrare in<br />

sole 130 pagine una mole di notizie e commenti davvero<br />

notevole.<br />

RECENSIONI<br />

DIEDERO FIUME ALLA PATRIA<br />

A cura di Amleto Ballerini, editore “Società di studi fiumani”,<br />

pp. 144, 20,5x29,5 cm., illustrato b/n, edizione fuori<br />

commercio, si può richiedere direttamente alla “Società di<br />

studi fiumani” via Antonio Cippico 00143 ROMA.<br />

La “Società di Studi Fiumani”, col<br />

patrocinio <strong>del</strong>l’associazione<br />

“Libero Comune di Fiume in<br />

Esilio”, ha editato nel 2004 questo<br />

interessante saggio breve che<br />

squarcia con decisione e profondità<br />

il velo di ipocrisia che ha<br />

coperto l’annessione di Fiume<br />

all’Italia contro le clausole dei<br />

trattati di Londra e di Rapallo che<br />

diedero vita alla cosiddetta<br />

“Vittoria Mutilata”.<br />

Finora, si è sentito parlare <strong>del</strong>l’impresa<br />

compiuta da Gabriele<br />

D’Annunzio e dai suoi<br />

“Legionari” come di una specie di “pazzia” che ottenne<br />

il risultato solo perché, quando li presero sul serio era<br />

troppo tardi.<br />

Le cose andarono ben diversamente e finalmente si può<br />

leggere un condensato <strong>del</strong>la vera storia di quei convulsi<br />

avvenimenti. Il Governo Italiano, per non venir meno alle<br />

clausole <strong>del</strong> trattato di pace, fu estremamente intransigente<br />

e si oppose con tutta la sua forza all’annessione di<br />

Fiume, Zara e le altre città <strong>del</strong>l’Istria all’Italia, sebbene<br />

tale annessione fosse richiesta con libere determinazioni<br />

dalla popolazione stessa. D’Annunzio proclamò <strong>qui</strong>ndi la<br />

“Libera Reggenza <strong>del</strong> Carnaro” nell’attesa che la situazione<br />

si sbloccasse.<br />

Invece, la situazione precipitò, il Governo Italiano fortemente<br />

imbarazzato decise di risolvere la faccenda con la<br />

forza e, alla vigilia di Natale <strong>del</strong> 1920, quando i combattimenti<br />

tra i legionari fiumani coadiuvati dalla popolazione<br />

locale e il Regio Esercito italiano raggiunsero l’apice,<br />

D’Annunzio comprese che non poteva lasciar distruggere<br />

la città e far morire i suoi abitanti affinché l’Italia la accogliesse<br />

e si ritirò.<br />

La sua impresa però diede il via a successive rivendicazioni<br />

sostenute soprattutto dal neonato governo fascista<br />

che condussero alla revisione <strong>del</strong> trattato di pace ed<br />

all’annessione di tutta l’Istria e la Dalmazia il 27 gennaio<br />

1924, con l’esclusione di una parte <strong>del</strong> porto di Fiume,<br />

lasciato in territorio slavo come porto <strong>del</strong>la vicina città<br />

di Susak.<br />

Ciò che traspare dalla lettura <strong>del</strong>la breve parte storica<br />

introduttiva, è la totale differenza di comportamento<br />

<strong>del</strong>la popolazione fiumana, tutta, davvero tutta, a favore<br />

<strong>del</strong>l’annessione all’Italia, rispetto a ciò che accadde alla<br />

conclusione <strong>del</strong>la seconda guerra mondiale, quando i<br />

partigiani iugoslavi dovettero applicare la tecnica <strong>del</strong>la<br />

“pulizia etnica” nei confronti <strong>del</strong>la stessa popolazione<br />

italiana che finì nelle foibe o dovette fuggire abbandonando<br />

tutti i propri averi.<br />

La seconda parte <strong>del</strong> volume (più ponderosa) è costituita<br />

da una serie di elenchi nominativi tra i quali spicca<br />

quello lunghissimo (da pag. 35 fino alla fine) dei legionari<br />

fiumani.<br />

IL NASTRO AZZURRO<br />

47

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!