04.06.2016 Views

Kitesoul Magazine #12 Italian Edition

In questo numero: Pre-evento Triple S, IKA Kiteboarding World Championship, RC: Colleen Carroll, Europei Kitefoil, Trip: RRD Città del Capo, Australia, Turks & Caicos, ITW: Mikaili Sol, Julien Leleu, Patri McLaughlin a Jaws, Shape Wave: Sky Solbach, Pre-evento Kite Babes, F-one Hydrofoil, Focus prodotti, Pozziteddu Wave Contest.

In questo numero: Pre-evento Triple S, IKA Kiteboarding World Championship, RC: Colleen Carroll, Europei Kitefoil, Trip: RRD Città del Capo, Australia, Turks & Caicos, ITW: Mikaili Sol, Julien Leleu, Patri McLaughlin a Jaws, Shape Wave: Sky Solbach, Pre-evento Kite Babes, F-one Hydrofoil, Focus prodotti, Pozziteddu Wave Contest.

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

WWW.KITESOUL.COM<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational<br />

ITW<br />

Mikaili Sol | Julien Leleu<br />

TRIP<br />

Australia – way out West


R I D E R : T O M H E B E R T / P H O T O : T O B Y B R O M W I C H<br />

WHATEVER THE CONDITIONS<br />

SEIZE THE MOMENT<br />

T H E N E W E V O<br />

T R U E K I T E B O A R D I N G


F R E E R I D E / F R E E S T Y L E / W A V E<br />

R E L A T E D P R O D U C T S<br />

J A I M E<br />

SELECT<br />

W A M<br />

S I Z E S 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14<br />

P R O G R E S S I O N Q<br />

Quality commitment in every detail.<br />

WWW.NORTHKITEBOARDING.COM


ider: Jerrie van de kop - Alex neto Photo: Lightbros<br />

FREERIDE / BIG AIR<br />

PASSION MK8<br />

Excellence through Passion; the definition of the new Passion MK8.<br />

The MK8 delivers pure, predictable power, paired with amazing stability. The ‘new best thing’ is a fantastic kite for allround<br />

freeride, big air, and freestyle progression that provides a perfect blend of turning speed, handling, and jumping<br />

ability. Expect incredible performance from this kite due to the changes made to the profile shape and aspect ratio.<br />

The MK8 is re-designed, refined, and has redefined the durability of its predecessor, the Passion MK7. One of the largest<br />

differences is that the new Passion MK8 now has 3 struts instead of 5. The reduction of two struts translates into a lighter<br />

kite with increased low-end.<br />

The MK8 is especially easy to relaunch, even in low wind conditions. Furthermore, the gradually changing power while<br />

sheeting is coupled with consistent bar pressure. Thus aiding in the MK8’s predictability. Boosting huge airs is a blast on<br />

this kite because the kite is smoother and more stable in gusty conditions with increased turning speed.


FOLLOW US ON:<br />

www.robertoriccidesigns.com<br />

SIZES<br />

3 - 5 - 7 - 9 - 11 - 13 - 15 - 17<br />

orange-gray<br />

SPECIAL FEATURES:<br />

• New 3-strut construction with additional<br />

reinforcements<br />

• Leading edge seam protection<br />

• Quick air flow valve with protection cap<br />

• 45degrees Leading edge reinforcements panels<br />

• Bridle anti-tangle device<br />

• Radial reinforcements<br />

• 3m version for schools<br />

CYAN - RED<br />

PURPLE - PINK<br />

3 M


SURF. PLAY. SHRED.<br />

Hang loose and ride knee highs like they‘re overheads. Test your limits on those really big days. Or, just chill<br />

and cruise on your trusty surfboard, twintip or skimboard. Without fussing about your kite or the wind. Because<br />

you know the new CORE Free is there for you.<br />

With its mad surf skills, smooth air-style, and signature CORE ride-ability,<br />

you may suspect your new kite has super powers. And we think so too.<br />

Photo: Harry Winnington<br />

FOLLOW CORE KITEBOARDING:<br />

corekites.com facebook.com/corekites instagram.com/corekites twitter.com/corekites #SurfPlayShred


CORE Kiteboarding – a Hiss-Tec brand // Fehmarn, Germany<br />

T. +49 (0)4371-88934-0 // info@corekites.com // 54.445874 N : 11.191058 O<br />

EXOTEX<br />

CORETEX<br />

3 STRUT LIGHT FRAME<br />

ULTRA SHORT BRIDLE SYSTEM<br />

SPEED PUMP SYSTEM<br />

SIZES 4.0<br />

5.0<br />

6.0<br />

7.0<br />

8.0<br />

9.0<br />

10.0<br />

11.0<br />

12.0<br />

13.5<br />

15.0 LW<br />

17.0 LW<br />

Check out the new ExoTex equipped Free and Free LW at you local CORE retailer now.<br />

corekites.com/retailer<br />

NEW!


THIS IS YOUR MOMENT...<br />

PIVOT<br />

FREERIDE/WAVE<br />

SIZES<br />

5 6 7 8 9 10 11 12 14<br />

Predictable power development, direct bar feel and intuitive steering put riders in complete control,<br />

while the medium aspect ratio supports substantial low-end power for easy jumping, great upwind<br />

performance and that sought-after “sheet-in-and-go” feel. Pivoting quickly and easily on a small axis<br />

of rotation—with minimal power increase through turns—the 2016 Pivot is ideal for fine-tuning jumps,<br />

charging the next big swell or anything in between.


EXPAND YOUR HORIZONS.<br />

Photos: Q. Dein, Riders: Robby Naish(Left), Jesse Richman(Above)<br />

PARK HD<br />

FREERIDE/FREESTYLE<br />

SIZES<br />

5 6 7 8 9 10 11 12 14<br />

Designed for aggressive freeride and freestyle riders, the all new Park HD is now in High Definition<br />

thanks to its open arc and high aspect ratio of 4.6. It fuses high performance with easy handling for an<br />

incredibly forgiving ride in nearly every condition. The static bridle platform provides great acceleration<br />

through turns, crisp bar feel and ensures stability—even in extreme conditions. Unhooked, the Park HD<br />

delivers a great “pop and slack” combination, which helps riders nail their next big trick. While hookedin,<br />

riders will appreciate the instant power and lift generated when jumping.<br />

Agenzia per l’Italia: Ocean Avenue . info@oceanavenue.it . +39 328 6442519<br />

NaishKites.com<br />

NaishKiteboarding<br />

Naish_Kiteboarding


Direttore Responsabile<br />

Roberta Pala<br />

roberta.pala@kitesoul.com<br />

Redattore tecnico wave<br />

Mitu Monteiro<br />

Redattore tecnico freestyle<br />

Alberto Rondina<br />

Tecnica<br />

Renato Casati<br />

Photo & Video<br />

Maurizio Cinti<br />

Grafica<br />

Giuseppe Esposito<br />

Testi<br />

Keahi de Aboitiz, Colleen Carroll, Lasse<br />

Girolstein, Abel Lago, Patri McLaughlin,<br />

Axel Reese, Alberto Rondina, Kari<br />

Schibevaag, Alex Vliege, Brian Wheeler,<br />

Jessica Winkler<br />

GIUGNO 2016 - LUGLIO 2016<br />

BIMESTRALE<br />

Immagini<br />

Erik Aeder, Airvuz, Alexandru<br />

Baranescu, Christian Black, James<br />

Boulding, Toby Bromwich, Andrea<br />

D'Antoni, Quincy Dein, Giuseppe<br />

Esposito, Roberto Foresti, Ludovic<br />

Franco, Taylor Höll, Marion Rohe Kaufer,<br />

Laci Kobulsky, Lance Koudele, Light<br />

Bros, mediahouse.one, Axel Reese,<br />

Svetlana Romantsova, WhiteSpace3.ca,<br />

Jessica Winkler, Jason Wolcott<br />

Cover:<br />

Rider: Philipp Zach<br />

Photo: mediahouse.one<br />

Editore e pubblicità<br />

VISU Media<br />

Via Cavour, 20<br />

24030 Ambivere (BG)<br />

Amministratore Unico<br />

Federico Sugoni<br />

fs@kitesoul.com<br />

Registrazione Tribunale<br />

di Bergamo n°10/2014<br />

del 15/04/2014.<br />

Copyright <strong>Kitesoul</strong> <strong>Magazine</strong><br />

La VISU Media è titolare esclusiva della<br />

testata <strong>Kitesoul</strong> <strong>Magazine</strong> e di tutti i diritti di<br />

pubblicazione e diffusione in Italia. L’utilizzo<br />

da parte di terzi di testi, fotografie e disegni,<br />

anche parziale, è vietato. L’Editore si dichiara<br />

pienamente disponibile a valutare - e se del<br />

caso regolare le eventuali spettanze di terzi<br />

per la pubblicazione di immagini di cui non<br />

sia stato eventualmente possibile reperire la<br />

fonte. Informativa e Consenso in materia di<br />

trattamento dei dati personali (Codice Privacy<br />

d.lgs. 196/03). Nel vigore del D.Lgs 196/03 il<br />

Titolare del trattamento dei dati personali, ex<br />

art. 28 D.Lgs. 196/03, è VISU Media, con sede<br />

legale in Ambivere (BG), via Cavour, 20. La stessa<br />

La informa che i Suoi dati, eventualmente da<br />

Lei trasmessi alla VISU Media, verranno raccolti,<br />

trattati e conservati nel rispetto del decreto<br />

legislativo ora enunciato anche per attività<br />

connesse all’azienda.<br />

La lettura della presente informativa deve<br />

intendersi quale presa visione dell’Informativa<br />

ex art. 13 D.Lgs. 196/03 e l’invio dei Suoi dati<br />

personali alla VISU Media varrà quale consenso<br />

espresso al trattamento dei dati personali<br />

secondo quanto sopra specificato. L’invio di<br />

materiale (testi, fotografie, disegni, etc.) alla<br />

VISU Media deve intendersi quale espressa<br />

autorizzazione alla loro libera utilizzazione da<br />

parte di VISU Media per qualsiasi fine e a titolo<br />

gratuito, e comunque, a titolo di esempio, alla<br />

pubblicazione gratuita su qualsiasi supporto<br />

cartaceo e non, su qualsiasi pubblicazione<br />

(anche non della VISU Media), in qualsiasi canale<br />

di vendita e Paese del mondo.<br />

FEDERICO SUGONI<br />

Editore<br />

Manager d’Azienda<br />

ed Imprenditore, si appassiona al<br />

surf da giovanissimo, ma scopre<br />

l’amore per il Kitesurf da grande<br />

durante un viaggio alle Hawaii.<br />

Il kite è la sua più grande<br />

passione dopo sua figlia. Nel 2014<br />

fonda <strong>Kitesoul</strong> <strong>Magazine</strong>.<br />

GIUSEPPE ESPOSITO<br />

Direttore creativo<br />

Kiter sin da piccolo, rider per RRD<br />

Italia, laureato in Design della<br />

Comunciazione al Politecnico di<br />

Milano. Con questo incarico ha<br />

potuto finalmente unire le sue due<br />

passioni: il kite ed il design.<br />

ROBERTA PALA<br />

Direttore responsabile<br />

Fotografo sportivo dal 1997.<br />

Kitesurfer dal 2001, negli ultimi 15<br />

anni responsabile delle principali<br />

testate di kitesurf. Spirito libero,<br />

ha mollato tutto per una vita<br />

a contatto della Natura e dello<br />

sport. Vive a Capo Mannu, in<br />

Sardegna, l’onda più bella<br />

del Mediterraneo…<br />

MAURIZIO CINTI<br />

Videomaker<br />

Appassionato di cinema<br />

e fotografia. Skater, Snowboarder<br />

e Wakeboarder, appena ha<br />

conosciuto il kitesurf, tutto il resto<br />

è diventato un ricordo, inizia con<br />

il freestyle,ma ora ama le onde<br />

grandi e potenti. La ricerca dello<br />

swell perfetto è la sua passione.


KITESOUL MAGAZINE<br />

Feel The Flow<br />

RENATO “DR. KITE” CASATI<br />

Direttore tecnico<br />

Wave team rider RRD. Kitesurfer<br />

dal 2000, è stato giudice ed<br />

atleta PKRA e KPWT. Ha scritto<br />

continuativamente per diverse<br />

riviste di settore<br />

negli ultimi 12 anni.Vive fra lago di<br />

Como e Sardegna, ma sverna fra<br />

le onde Capoverdiane.<br />

MITU MONTEIRO<br />

Redattore tecnico wave<br />

Capoverdiano di Sal, Rider<br />

Ufficiale F-One, Manera. Campione<br />

Mondiale wave KPWT nel 2008 e<br />

tre volte Vice Campione Mondiale.<br />

Inizia giovanissimo con il Surf<br />

e con il Windsurf, dopo<br />

poco scopre il Kitesurf<br />

e diventa amore puro.<br />

ALBERTO RONDINA<br />

Redattore tecnico freestyle<br />

È il miglior esponente del<br />

Kite <strong>Italian</strong>o nel mondo delle<br />

competizioni, Rider Ufficiale<br />

per Cabrinha Kites, Neil Pryde e<br />

GoPro. Quattro volte Campione<br />

<strong>Italian</strong>o, Campione Europeo 2010 e<br />

terzo classificato nel Campionato<br />

Mondiale PKRA 2012.<br />

DANIELA MELONI<br />

Traduttore professionista<br />

Daniela ha vissuto principalmente<br />

all’estero, dove ha conseguito<br />

la laurea in Giurisprudenza e<br />

iniziato la sua carriera. Capisce di<br />

avere una passione per gli sport<br />

acquatici nel 2007 quando si<br />

ritrasferisce nella costa ovest della<br />

Sardegna e incontra suo marito,<br />

il kitesurfer Enrico Giordano.<br />

Dal 2009 è una traduttrice<br />

professionista. Amante del SUP e<br />

fotografa amatoriale non manca<br />

mai di fotografare o riprendere<br />

una sessione wave di kite o SUP.


EDITORIALE<br />

Rider Bertrand Fleury | Photo Jason Wolcott<br />

Siamo a metà dell’anno, Giugno è uno dei mesi<br />

più “caldi” del panorama kiteboarding, con l’evento<br />

che più di tutti ha segnato una nuova era nello<br />

sport, il Triple-S di Cape Hatteras, North Carolina,<br />

USA. Grazie alle parole dei riders che hanno<br />

fatto grande l’evento, Colleen Carroll, Sam Light<br />

e Brandon Scheid, entriamo nella dimensione<br />

del riding nel park, con i suoi rails, i suoi Kickers,<br />

e le aspettative degli atleti per un evento che,<br />

quest’anno, si preannuncia ancora più grandioso,<br />

il Wind Voyager Triple-S!<br />

E il nuovo neonato circuito freestyle WKT, sotto<br />

l’Egida dell’IKA, ha in serbo grandi novità<br />

quest’anno, abbiamo parlato delle prime due tappe<br />

e del rapporto IKA – KRU con il presidente IKA<br />

Mirco Babini e Karolina Winkowska. Ci sono grandi<br />

aspettative per le prossime tappe del circuito<br />

mondiale, e moltissime new entry nelle location<br />

per le prossime tappe, restate in contatto…<br />

Mentre si svolgeva il campionato Europeo Kitefoil<br />

a Cagliari, dominato dal rider F-One Maxime Nocher,<br />

contemporaneamente era in atto il meeting<br />

RRD internazionale a Talamone, vi presenteremo<br />

nel prossimo numero le novità del marchio 100%<br />

made in Italy! In questa uscita, l’Inverno del team<br />

RRD in Sud Africa, il posto dove la family si riunisce<br />

ogni anno, per testare al massimo tutti i nuovi<br />

prodotti.


Ci sono i personaggi della scena mondiale in questo<br />

numero, come la due volte campionessa del<br />

mondo juniores Mikaili Sol, 11 anni di potenza e<br />

determinazione, e Julien Leleu, rider freestyle<br />

potente, ma anche video produttore di pregiata<br />

qualità.<br />

E poi i viaggi nei posti che fanno sognare… come<br />

gli spot sconosciuti dell’Australia o le trasparenti<br />

acque di Turks and Caicos, che qualcuno, come<br />

Jessica Winkler, ha la fortuna di poter chiamare<br />

casa.<br />

Noi di <strong>Kitesoul</strong>, sogniamo sempre, questo è vero,<br />

ma non trascuriamo di certo la parte tecnica del<br />

nostro sport, sia grazie alle sequenze degli esperti<br />

di freestyle, come Alberto Rondina, e dei maghi<br />

del freestyle strapless come Keahi de Aboitiz. Poi<br />

ci sono gli articoli che ci spiegano come poter affilare<br />

al meglio le nostre armi per andare in acqua,<br />

e ci fanno capire come riuscire a scegliere la<br />

nostra tavola perfetta! E i focus, per scoprire cosa<br />

i marchi offrono per questo mercato così ricco di<br />

opportunità di scelta.<br />

Anche questa volta, duecento pagine di immagini,<br />

di sogni e di informazioni… per nutrire l’anima<br />

del kiteboarder…<br />

Roberta Pala


SOMMARIO<br />

PRE - EVENTO<br />

SPOT GUIDE<br />

34<br />

94<br />

20<br />

Portfolio<br />

Wind Voyager<br />

Triple-S Invitational<br />

EVENTI<br />

46<br />

TRIP & PHOTOSHOOT<br />

64<br />

RRD Scarborough,<br />

Città del Capo<br />

Australia<br />

out West<br />

ITW<br />

112<br />

RIDERS COLUMN<br />

32<br />

Colleen Carroll<br />

IKA Kiteboarding<br />

World Championships<br />

2016<br />

COMING SOON<br />

56<br />

Europei di Kitefoil<br />

ITW<br />

80<br />

Mikaili Sol<br />

STORIA<br />

Julien Lele<br />

TRIP<br />

126<br />

Un paradi<br />

chiamato<br />

90<br />

Patri McLaughlin<br />

guarda nelle fauci<br />

di Jaws!


TECH<br />

146<br />

- Way<br />

u<br />

TECH<br />

134<br />

Sky Solbach -<br />

Shape delle tavole<br />

wave<br />

PRE-EVENTO<br />

144<br />

Kite Babes<br />

Scegli la tua<br />

tavola<br />

PRODUCT FOCUS<br />

154<br />

F-One Hydrofoil<br />

2016<br />

STRAPLESS MOVES<br />

PRODUCT FOCUS<br />

176<br />

Mute Manera<br />

Mute e Trapezi RRD<br />

Core Free<br />

RRD Obsession Pro MKIII<br />

RRD Juice v3<br />

RRD Pop LTD<br />

FREESTYLE MOVES<br />

192<br />

Back to toeside<br />

Back to blind<br />

so<br />

casa<br />

158<br />

Bigspin<br />

Frontroll<br />

TRIP EVENTI<br />

196<br />

STORY<br />

166<br />

Puzziteddu wave<br />

contest<br />

Jürgen May –<br />

ION Line Manager


20 PORTFOLIO<br />

Kevin Langeree<br />

RIDER: Kevin Langeree<br />

FOTO: Quincy Dein


22<br />

PORTFOLIO<br />

Sam Medysky<br />

RIDER: Sam Medysky<br />

FOTO: WhiteSpace3.ca


24<br />

PORTFOLIO<br />

Kari Schibevaag<br />

RIDER: Kari Schibevaag<br />

FOTO: Svetlana Romantsova


26<br />

PORTFOLIO<br />

Luis Brito<br />

RIDER: Luis Brito<br />

FOTO: Andrea d'Antoni/cabocreativelab


28<br />

PORTFOLIO<br />

Willow-River Tonkin<br />

RIDER: Willow-River Tonkin<br />

FOTO: Taylor Höll


WWW.KITEWORLDSHOP.COM<br />

IL GRANDE<br />

KITESURF SHOP<br />

EUROPEO<br />

KITEWORLDSHOP.COM è lo store on-line definitivo per<br />

gli appassionati degli sport della tavola che vogliono il<br />

meglio per la propria passione.<br />

Un catalogo in continua crescita che comprende:<br />

Kitesurf, Kiteboards, Surfboards, SUP, Mute,<br />

Abbigliamento e Accessori originali delle migliori<br />

marche al miglior prezzo, sempre disponibili 24/7 365<br />

giorni all’anno.<br />

Grande offerta, facilità di acquisto, sicurezza nelle<br />

transazioni, garanzia del miglior prezzo, diritto di reso<br />

esteso a 30 giorni, spedizioni veloci ed un Servizio<br />

Clienti sempre pronto ad accontentarti e ad aiutarti<br />

nella scelta, fanno di KITEWORLDSHOP.COM il tuo<br />

compagno ideale per acquistare in assoluta tranquillità.


Photo: Alanvan Gysen – Courtesy Cabrinha<br />

HOT LINE: +39 02 400 30 467<br />

RIVENDITORE UFFICIALE


32<br />

RIDERS COLUMN<br />

Colleen Carroll<br />

RIDERS COLUMN<br />

× Colleen Carroll ×<br />

Testo Colleen Carroll<br />

Foto Toby Bromwich


Un altro anno è arrivato e<br />

passato e sono qui, seduta con<br />

i miei compagni di avventura<br />

di North Kiteboarding, a Cape<br />

Hatteras, affaciati sul Pamilco<br />

Sound. Il solito rumore di fondo<br />

riempie l’aria mentre la crew<br />

sfoglia le ultime uscite video di<br />

action sport, mentre altri amici<br />

passano per dire ciao e scambiare<br />

battute. C’è un mormorio<br />

costante per le previsioni di ciò<br />

che accadrà nei prossimi giorni,<br />

e attendiamo con impazienza i<br />

venti da Sud Ovest… è la settimana<br />

prima del Triple-S invita-<br />

tional-<br />

Negli ultimi quattro anni, ho<br />

viaggiato verso la piccola catena<br />

di isole che si trovano al<br />

largo della costa della Carolina<br />

del Nord, per partecipare al più<br />

prestigioso evento kiteboarding<br />

del Nord America. È una delle<br />

settimane che aspetto per<br />

tutto l'anno. Gli amici, le feste,<br />

il kite... un dolce mix di stile di<br />

vita e di azione, proprio come<br />

piace a me. E anche se io ora<br />

sono ormai considerata come<br />

un 'veterano' della manifestazione,<br />

avendo gareggiato e<br />

conquistato il primo posto del<br />

negli ultimi quattro anni, vengo<br />

sempre qui con l'aspettativa di<br />

essere sorpresa da una sorta di<br />

cambiamento significativo per<br />

l'evento. Quando ho gareggiato<br />

nel 2012, c’è stata una jam<br />

session di 45 minuti, dove oltre<br />

20 riders per heat erano insieme<br />

nelle slick, rails e surf. Alla<br />

fine della settimana davi il tuo<br />

voto per il tuo preferito in ogni<br />

categoria e ho festeggiato la<br />

prima vittoria. Poi, nel 2013, il<br />

montepremi ha raggiunto quota<br />

40K ed è arrivata una giuria per<br />

giudicare nelle stesse categorie<br />

prima menzionate. Poi il 2014<br />

ha preso una svolta 'wakestyle',<br />

eliminando i riders di surf dalla<br />

lista degli invitati e ospitando<br />

la terza disciplina nel mare, ma<br />

con onde come kicker e riders<br />

con twintips invece delle tavole<br />

direzionali.<br />

L'evento dell'anno scorso ha<br />

visto senza dubbio il più grande<br />

cambiamento, eliminando completamente<br />

tutte le discipline<br />

freestyle e onda e andando solo<br />

su Sliders, un drastico cambiamento,<br />

ma accolto calorosamente<br />

dalla maggior parte<br />

dei partecipanti. Così che cosa<br />

s’inventeranno quelli di Real<br />

Watersport quest'anno? Già,<br />

con l'annuncio per l'evento 2016<br />

abbiamo visto la lista dei rider<br />

invitati accorciarsi da 32 uomini<br />

e 12 donne a 16 uomini e 4 donne<br />

dall’ultimo evento con quattro<br />

inviti supplementari. Ma sarà<br />

solo questo il grande cambiamento<br />

per l'evento di quest'anno<br />

o l'evento continuerà ad<br />

evolvere? Secondo il giudice<br />

arbitro Brian Wheeler, "La configurazione<br />

park e il format sarà<br />

simile a quello che avevamo nel<br />

2015... Per il Wind Voyager Triple-S<br />

Invitational 2016, come lo<br />

scorso anno, il parco sarà diviso<br />

in tre zone, in cui ogni gruppo di<br />

riders farà due o tre tentativi in<br />

ciascuna delle strutture di ogni<br />

zona, cercando di ottenere il<br />

massimo punteggio. Tutti i concorrenti<br />

andranno alla zona uno,<br />

poi per tutta la zona due, ecc Il<br />

punteggio di ciascun riders sarà<br />

la somma dei punteggi migliori<br />

di ciascuna delle cinque strutture.<br />

"<br />

Oltre a confermare che il formato<br />

generale rimarrà costante<br />

rispetto allo scorso anno, Wheeler<br />

ha anche detto che ci sarà<br />

un'altra sorpresa. Per il 2016,<br />

vedremo l'introduzione del Wind<br />

Voyager Triple-S Challenge<br />

Series. Essendo nello spirito storico<br />

della manifestazione spingere<br />

la progressione del rider, ci<br />

saranno in palio tre premi supplementari<br />

in denaro. Per la prima<br />

donna a fare un 720 in gara,<br />

ci saranno 720 usd, per la prima<br />

persona a fare un 900, ci saranno<br />

900 usd e se qualcuno sarà<br />

in grado di atterrare un 1080 nel<br />

corso di una heat, riceverà un<br />

premio di 1080 usd aggiuntivo.<br />

Se una delle sfide non sarà portata<br />

a termine per quest'anno, i<br />

soldi andranno a raddoppiare il<br />

montepremi del prossimo anno.<br />

Quindi la vera domanda è: chi<br />

farà un passo all'altezza della<br />

sfida? Sappiamo che alcuni 900<br />

sono stati fatti e mi aspetto di<br />

vederli, ma una delle donne riuscirà<br />

a tirar fuori un 720? E chi<br />

potrà chiudere un 1080? Queste<br />

manovre hanno fatto la storia in<br />

altri Boardsports e forse è ora<br />

il tempo che arrivino al kiteboarding<br />

e lo portino a un livello<br />

successivo. O forse questo sarà<br />

un modo per cambiare la tendenza<br />

e 'girare per vincere'... Io<br />

immagino che dovremo solo<br />

aspettare e vedere.


34<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational<br />

Nei loro<br />

pensieri...<br />

I Regnanti del Triple-S parlano<br />

del prossimo Wind Voyager<br />

Triple-S Invitational<br />

È di nuovo tempo di Triple-S. I migliori riders di park<br />

del mondo presto affolleranno Cape Hatteras, North<br />

Carolina, USA, dal 4 al 10 Giugno, per una spettacolare<br />

settimana di riding wave, musica e feste. Quest’anno<br />

ci sarà una novità, un nuovo nome, grazie allo sponsor<br />

Wind Voyager, una nuova società di catamarani di lusso.<br />

Testo e ITW Brian Wheeler<br />

Foto Toby Bromwich,<br />

Lance Koudele


36<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational<br />

Ho raggiunto alcuni dei riders che<br />

gareggeranno quest’anno, il tre volte<br />

campione Sam Light e il top contender<br />

Brandon Scheid, che lotta sempre<br />

testa a testa con Light, e la quattro<br />

volte campionessa, detentrice del titolo,<br />

Colleen Carrol, che ha vinto più<br />

eventi consecutivi di chiunque altro<br />

nella storia della manifestazione.


BW_Che cosa significa l'evento per te?<br />

Sam Light: Il Triple-S è il più<br />

grande evento dell'anno, è il<br />

mio “bread and butter”. Alcuni<br />

anni fa ho deciso di dedicare<br />

tutto il mio tempo allo "stile<br />

wake" e agli eventi park e il<br />

Triple-S è il più grande evento<br />

park del mondo. Ha anche il più<br />

grande montepremi e quindi ci<br />

sono un po' di soldi seri in palio!<br />

L'evento ha più peso rispetto ad<br />

altri perché è ormai presente da<br />

anni e sempre al vertice degli<br />

eventi park.<br />

Colleen Carroll: Questo evento<br />

significa un paio di cose diverse<br />

per me. In primo luogo, mi<br />

sento come se fosse stato un<br />

enorme trampolino di lancio per<br />

la mia carriera professionale nel<br />

kiteboarding. Quando ho vinto<br />

la wildcard nel 2012 e sono arrivata<br />

2° assoluta, ero appena<br />

arrivata nella scena del kiteboarding.<br />

L’anno successivo, North<br />

Kiteboarding mi prese nella<br />

squadra internazionale. Non<br />

posso attribuire che questo sia<br />

successo esclusivamente alla<br />

mia partecipazione al Triple-S<br />

Invitational, ma di sicuro non ha<br />

fatto male!<br />

Oltre ad essere una pietra miliare<br />

nella mia carriera professionale,<br />

è una settimana molto importante<br />

per me socialmente. E<br />

non solo lo dico perché mi piace<br />

far festa! E la settimana all'anno<br />

in cui la maggior parte dei<br />

miei amici più stretti del settore<br />

è in un unico posto. Facciamo<br />

kite insieme, viviamo insieme,<br />

navighiamo insieme e godiamo<br />

della reciproca compagnia. È<br />

veramente la settimana più divertente<br />

dell'anno!<br />

Brandon Scheid: Il Triple-S è<br />

stato il mio primo evento al<br />

quale abbia partecipato e ha<br />

sempre avuto un posto speciale<br />

nel mio cuore. Non solo è<br />

uno degli eventi più prestigiosi<br />

del kiteboarding, è anche uno<br />

dei più divertenti. Trascorro una<br />

settimana in acqua in perfette<br />

condizioni, con tutti i miei amici<br />

provenienti da tutto il mondo.<br />

È il momento clou del mio<br />

anno competitivo lo attendo<br />

con impazienza ogni stagione.<br />

Ho sempre guardato i ragazzi<br />

che vi partecipavano, ed è stato<br />

un sogno che si avvera quello di<br />

unirsi a loro. Non potrei essere<br />

più entusiasta di partecipare al<br />

mio 9 ° Triple-S!


38<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational<br />

BW_Cosa ne pensi dell’inclusione del Wind<br />

Voyager Triple-S Invitational 2016 nel formato<br />

del recente Kite Park League (KPL)? E del KPL<br />

in generale?<br />

Sam Light: penso che il KPL sia<br />

un grande passo nella giusta direzione<br />

per il riding nel park. È<br />

stato creato molto lealmente e<br />

democraticamente il che significa<br />

che tutte le persone giuste<br />

hanno i ruoli giusti e sono appassionati<br />

di questo sport che<br />

va nella giusta direzione. Credo<br />

che la KPL migliorerà le gare e<br />

aiuterà a stabilire uno standard.<br />

Incoraggerà ad avere più gare<br />

per raggiungere alcuni determinati<br />

criteri da includere nel tour.<br />

Sarà anche più attraente per gli<br />

sponsor dentro e fuori dell'industria.<br />

Colleen Carroll: Penso che il Triple-S<br />

sia parte integrante del<br />

KPL e della scaletta degli eventi.<br />

Il Triple-S ha messo lo standard<br />

per gli eventi del park ed è considerato<br />

come il più prestigioso<br />

e competitivo nel settore, quindi<br />

la decisione, tra gli atleti, di<br />

includere i risultati tra il ranking<br />

overall, è stata unanime.<br />

In generale, penso che la KPL<br />

sarà veramente ottimale per le<br />

gare nel park e per gli atleti che<br />

stanno spingendo questa parte<br />

di questo sport. Non stiamo cercando<br />

di fare qualcosa di troppo<br />

folle in questo primo anno, ma<br />

ci siamo organizzati per votare<br />

e abbiamo deciso quali eventi<br />

conteranno per la classifica<br />

generale. Stiamo ancora avendo<br />

discussioni su quale direzione<br />

prenderà la League e le fasi<br />

successive, ma finora abbiamo<br />

avuto una risposta molto positiva<br />

da parte dell'industria e posso<br />

solo immaginare che porterà<br />

cose buone.


Brandon Scheid: includere l'evento<br />

di stile park nella classifica<br />

mondiale era ovvio per noi.<br />

Sono felice di vedere che il Triple-S,<br />

da essere un unico evento<br />

del settore, ha ispirato, con il<br />

suo successo, gli altri a spingere<br />

gli eventi park nelle loro regioni.<br />

E così è giunto il momento che<br />

tutti insieme ci siamo riuniti e<br />

abbiamo redatto una classifica<br />

mondiale per la nostra parte di<br />

questo sport. Sono lieto di vedere<br />

che è nelle mani del popolo<br />

spingere la nostra disciplina,<br />

e non è controllato da qualcuno<br />

che non ha alcun interesse nel<br />

riding nei park. Spero che, creare<br />

una classifica generale, possa<br />

contribuire a ispirare un'altra<br />

generazione di kiters al riding<br />

nei park e a far crescere questo<br />

aspetto del nostro sport.<br />

La scena dei park non è mai<br />

stata così forte, per quanto mi<br />

riguarda. Con piccoli e grandi<br />

eventi che sempre più dilagano<br />

in tutto il mondo, la nostra parte<br />

di questo sport sta guadagnando<br />

in popolarità. Ero da poco in<br />

Argentina, per lo più in Patagonia<br />

e siamo rimasti davvero<br />

sorpresi di vedere rails e spot<br />

dedicati, anche nel bel mezzo<br />

del nulla. Sono sicuro nel dire<br />

che l’aspetto park del nostro<br />

sport sta prendendo piede. Per<br />

quanto riguarda la KPL, noi, i riders,<br />

abbiamo voluto assicurarci<br />

che il nostro lato dello sport<br />

fosse gestito e controllato dalle<br />

persone giuste. Così abbiamo<br />

portato tutto nelle nostre mani<br />

per fare in modo di essere adeguatamente<br />

rappresentati sulla<br />

scena mondiale.


40<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational


BW_Come vi siete preparati per questo evento<br />

2016 del Wind Voyager Triple-S Invitational?<br />

Sam Light: ho avuto un intervento<br />

alla caviglia poco più di<br />

due mesi fa, quindi ho fatto un<br />

po' di riabilitazione intensiva per<br />

cercare tornare in forma pur facendo<br />

attenzione alla caviglia.<br />

Sono stato in grado di iniziare a<br />

navigare di nuovo solo circa un<br />

mese fa, ma mi sento bene, tutto<br />

ha funzionato al meglio. Sono<br />

stato in Inghilterra al cable e ho<br />

fatto kite il più possibile, assieme<br />

ad alcuni lavori specifici sulla<br />

caviglia con la mia fisioterapista.<br />

Colleen Carroll: già dall’anno<br />

scorso ho cercato di passare più<br />

tempo possibile nel park, sia in<br />

kite sia al cable. Dopo il Triple-S<br />

del 2015, sono volata direttamente<br />

a Hood River, allenandomi<br />

allo Slider Project Park tutti<br />

i giorni che ho potuto. Insieme<br />

con Rich Sabo, Brandon Scheid<br />

e Craig Cunningham abbiamo<br />

ospitato un piccolo evento<br />

(l’Hood River Slider Jam), verso<br />

la fine dell'estate. Più tardi, in<br />

Inverno, siamo andati nelle Filippine<br />

dove abbiamo fatto una<br />

breve sosta di riscaldamento al<br />

cable park CWC e poi abbiamo<br />

partecipato al nuovo evento<br />

al Blue Palawan. Dal Blue Palawan,<br />

non sono riuscita ad allenarmi<br />

sul park fino a questo<br />

ultimo mese, quando ho avuto<br />

la fortuna di partecipare ad una<br />

campagna promozionale di Mercedes-Benz<br />

in Germania. Essere<br />

parte di questa campagna<br />

mi ha dato la libertà e il mezzo<br />

per andare ovunque volessi, in<br />

giro per la Germania. Così, Craig<br />

Cunningham ed io, abbiamo visitato<br />

sette diversi cable park in<br />

Germania e in Belgio nel corso<br />

delle ultime settimane, tenendo<br />

sempre presente la prossima<br />

manovra da ripetere in kite!<br />

Brandon Scheid: il Triple-S è<br />

profondamente dentro di noi e<br />

ci sentiamo sempre in subbuglio,<br />

per preparare al meglio l'evento.<br />

Ho iniziato ad allenarmi<br />

al park in Hood River ad Aprile.<br />

Bisogna passare un po’ di tempo<br />

in un cable park, per staccare<br />

la ruggine dell'Inverno. Il cable<br />

aiuta sempre per prepararti, fisicamente<br />

e mentalmente, per<br />

l'evento. Quest'anno ho trascorso<br />

una settimana al Terminus<br />

Wake park (in Georgia, Stati Uniti<br />

d'America), andando in acqua<br />

ogni giorno e cercando di ottenere<br />

una certa consistenza nel<br />

mio riding. Infine, sono arrivato<br />

a Cape Hatteras un paio di settimane<br />

fa, per cercare di provare<br />

alcune session, prima dell'inizio<br />

della manifestazione. Alla fine,<br />

non ci si sente mai veramente<br />

preparati, quindi questo è il meglio<br />

che posso fare.


42<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational<br />

BW_Quali sono i vostri pensieri sul prossimo<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational?<br />

Sam Light: io sono sempre molto<br />

entusiasta del REAL Watersports.<br />

Sto lì due settimane e<br />

affitto una casa con vasca idromassaggio.<br />

È bello uscire con<br />

tutti i miei compagni e c'è sempre<br />

qualche buon party! Non<br />

vedo l'ora. Spero solo che ci siano<br />

buone condizioni in modo<br />

che tutti possano spingere i<br />

propri limiti! Spero anche che la<br />

mia caviglia regga...<br />

Colleen Carroll: Sono curiosa di<br />

vedere cosa ha in serbo per noi<br />

il comitato direttivo. Da quando<br />

ho iniziato a partecipare alla manifestazione,<br />

non ci sono stati<br />

due anni uguali. Forse il grande<br />

cambiamento per quest'anno è<br />

stato mescolare l'elenco dei riders,<br />

ma forse c'è di più... non si<br />

sa mai fino a quando non si inizia,<br />

ma a parte la mia curiosità,<br />

sono emozionata e impaziente.<br />

Brandon Scheid: l'arrivo del Triple-S<br />

è sempre qualcosa che<br />

mi rende entusiasta. Quest'anno<br />

sarà la mia nona apparizione<br />

al Triple-S e sono sempre<br />

nervoso quando sto per iniziare.<br />

Quest'anno continueremo<br />

la variazione solo park, dopo<br />

il successo dello scorso anno.<br />

Credo che il movimento sliders<br />

debba molto al Triple-S e a tutto<br />

il lavoro fatto negli anni a Cape<br />

Hatteras. Real Watersports è<br />

sempre stato al centro del movimento<br />

rails, sono stati impegnati<br />

a costruire e mantenere<br />

un alto livello per anni. Grazie ai<br />

pionieri come Jason Slezak, André<br />

Phillip, Moe Goold, e Mauricio<br />

Abreu la scena park è viva<br />

e vegeta. Credo che senza il<br />

Triple-S, il movimento avrebbe<br />

perso la scintilla che ha appiccato<br />

il fuoco.


44<br />

PRE EVENTO<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational<br />

BW_Quali sono i vostri pensieri sul prossimo<br />

Wind Voyager Triple-S Invitational?<br />

Sam Light: ogni anno la competizione<br />

diventa molto più difficile,<br />

il livello aumenta in modo<br />

esponenziale. Qualche anno fa<br />

c’erano solo un paio di ragazzi<br />

meglio degli altri, ma ora chiunque<br />

è in grado di fare molto<br />

bene. Dipende solo dalla giornata.<br />

Siccome il premio in denaro<br />

è considerevole, molte persone<br />

cercano il titolo, è molto<br />

più di una gara formale, e tutti<br />

lo prendono più sul serio. Per i<br />

video hanno fatto una selezione<br />

più serrata, riducendo il numero<br />

dei partecipanti e credo sia una<br />

buona cosa, significa che potremmo<br />

vedere dei video davvero<br />

fantastici delle wildcard<br />

che non abbiano subito questi<br />

tagli.<br />

Colleen Carroll: credo sarà dura<br />

quest'anno, questo è sicuro! Ci<br />

sono alcuni nuovi arrivati veramente<br />

motivati ​quest’anno così<br />

come i riders abituali, poi alcune<br />

donne che sono nella open<br />

stanno davvero puntando tutto<br />

su questo evento, e credo daranno<br />

tutto ciò che hanno per<br />

fare del loro meglio! Oltre alla<br />

maggiore concorrenza sono<br />

davvero motivata a mostrare la<br />

mia migliore performance. All'inizio<br />

dell'anno, all'evento Blu<br />

Palawan, ho fatto diversi errori<br />

e non sono riuscita ad atterrare<br />

alcune manovre nelle manches,<br />

per le condizioni di vento leggero,<br />

e sono rimasta molto delusa<br />

della mia prestazione. È difficile<br />

perdere, ma ho cercato di vedere<br />

un lato positivo, tutto questo<br />

mi ha veramente motivato a<br />

dare tutto quello che posso per<br />

il Triple-S e non fare gli stessi<br />

errori due volte. E non importa<br />

quello che succederà, so che<br />

sarà un bello spettacolo e io<br />

sono entusiasta di gareggiare<br />

insieme a tante donne competitive.<br />

Brandon Scheid: Ogni anno<br />

sembra che la sfida sia sempre<br />

più serrata. In principio ci sono<br />

stati in realtà solo un paio di<br />

standouts, tuttavia, quest'anno<br />

la vittoria potrebbe andare a<br />

qualsiasi riders sulla lista degli<br />

invitati. Credo che il successo<br />

della manifestazione nel corso<br />

degli anni abbia ispirato un'intera<br />

generazione di riders che<br />

cercano di competere per guadagnare<br />

l’ambito invito per l'evento.<br />

Ho veramente voglia di<br />

vedere come sarà quest'anno,<br />

perché credo sarà l’edizione più<br />

competitiva e più stressante<br />

che mai.


46<br />

EVENTS<br />

IKA Kiteboarding World Championships 2016<br />

Testo Roberta Pala, Mirco Babini<br />

ITW Roberta Pala<br />

Foto Giuseppe Esposito, Toby Bromwich, Christian Black


Prime due tappe del nuovo circuito freestyle.<br />

Quest’anno l'IKA ha dato vita al nuovo circuito<br />

mondiale, WKT (World Kite Tour).<br />

Nella prima tappa della stagione, il protagonista<br />

è stato l’Egitto, grande assente, per infortunio,<br />

il campione del mondo VKWC 2015 Liam<br />

Whaley. La vittoria è andata al brasiliano Carlos<br />

Mario, il campione del mondo 2015 IKA.<br />

IKA KITEBOARDING<br />

WORLD CHAMPIONSHIPS 2016<br />

El Gouna | Leucate


48<br />

EVENTS<br />

IKA Kiteboarding World Championships 2016<br />

Due le tappe finora disputate, El Gouna e Leucate.<br />

La tappa di El Gouna, prima della nuova stagione,<br />

è stata nelle acque egiziane dove si allena Karolina<br />

Winkowska, è a lei che abbiamo fatto qualche<br />

domanda sul nuovo circuito, la nuova stagione<br />

appena iniziata…<br />

KS_Ciao Karolina, puoi dirci qualcosa di più sugli<br />

avvenimenti che hanno portato al nuovo WKT?<br />

KW_È davvero difficile dire che cosa sta succedendo<br />

con il Freestyle World Tour al momento. Ci<br />

sono così tante organizzazioni che affermano di<br />

essere l'organizzatore di eventi del Tour Mondiale.<br />

Quello che so è che l’IKA è l'unica organizzazione,<br />

sancita da World Sailing (ex ISAF) che può dare i<br />

titoli 'ufficiali' del tour mondiale. Così, se l'evento<br />

non è sanzionato dalla IKA, allora non vi è alcun<br />

titolo ufficiale mondiale.<br />

KS_È cambiato qualcosa in termini di giudizi e<br />

punteggi?<br />

KW_Durante i primi due eventi organizzati dalla<br />

IKA, il giudizio è stato davvero buono, tutti i giudici<br />

erano kiteboarders. Ewan Jaspan, Eric Reinstra,<br />

Mads Wollesen, solo per citarne alcuni. Tutti<br />

praticano freestyle, e sanno le difficoltà e le differenze<br />

tra le manovre. Per me un buon giudizio è<br />

l'elemento principale necessario per l'esecuzione<br />

di una buona gara, tutto il resto è un bonus.<br />

KS_Prima tappa in Egitto, un po’ a casa tua…<br />

quali sono le caratteristiche dello spot di El Gouna?<br />

KW_Sì, ho fatto kite per un bel po’ in Egitto. El<br />

Gouna è uno dei miei spot preferiti. Il vento è<br />

molto consistente, e l'acqua piuttosto piatta e


50<br />

EVENTS<br />

IKA Kiteboarding World Championships 2016<br />

Men:<br />

1. Carlos Mario (BRA, Slingshot)<br />

2. Youri Zoone (NED, Slingshot)<br />

3. Alex Pastor (ESP, Airush)<br />

Women:<br />

1. Karolina Winkowska (POL, Slingshot)<br />

2. Bruna Kayija (BRA, Airush)<br />

3. Annabel van Westerop (ARU)


trasparente. Inoltre il wake park e le escursioni<br />

subacquee, sono buona aggiunta ai giorni senza<br />

vento.<br />

KS_Com’è la situazione sul fronte sicurezza in<br />

Egitto?<br />

KW_Per me l'Egitto è un paese incredibile, dove<br />

ritorno tutte le volte che posso. I recenti incidenti<br />

sono una cosa pessima per l'economia in Egitto,<br />

che è prevalentemente incentrata sul turismo. È<br />

per questo motivo che gli egiziani stanno facendo<br />

del loro meglio per mantenere i loro villaggi sicuri.<br />

Non sono mai sentita in pericolo lì… non posso<br />

dire lo stesso per alcuni posti in UE.<br />

KS_Com è stata la gara? Ci sono state sorprese<br />

nelle prime heat della stagione? Qualche riders<br />

che ha fatto exploit inaspettati?<br />

KW_L'evento di El Gouna è stato molto emozionante,<br />

come sempre il primo evento ha un fascino<br />

speciale. La sorpresa più grande è stata l'assenza<br />

di Gisela Pulido, che non aveva una ragione reale<br />

per non venire. Tutte le altre ragazze erano in<br />

forma super buona dopo l'allenamento invernale,<br />

ma ancora Bruna Kajia è stata la mia più grande<br />

avversaria!<br />

KS_Pensi che El Gouna possa essere inserita a<br />

pieno titolo tra le tappe fisse dei prossimi anni?<br />

KW_Di sicuro, El Gouna è il paradiso per il kitesurf,<br />

è caldo, ventoso e perfetto per il freestyle.<br />

Inoltre è solo a 4-5 ore di volo dall'Europa e ciò la<br />

rende molto accessibile per i nuovi riders del tour.<br />

KS_Seconda gara della stagione, a Leucate, ormai<br />

tappa storica del circuito mondiale, vento


52<br />

EVENTS<br />

IKA Kiteboarding World Championships 2016<br />

forte e rafficato, con condizioni spesso difficili,<br />

che si sono riflettute sul pari merito a sei del podio<br />

femminile, come mai non eri presente?<br />

KW_Ci sono un sacco di motivi per cui non sono<br />

andata a Leucate. È stata una decisione difficile<br />

per me, gli eventi del tour mondiale sono parte<br />

della mia vita. Tuttavia ho preso la decisione<br />

giusta e non mi dispiace aver rinunciato a quella<br />

tappa.<br />

KS_Quali sono le prossime tappe e cosa ti aspetti<br />

dalla stagione in corso?<br />

KW_Non sono davvero sicura di quello che stia<br />

accadendo per quanto riguarda gli eventi del tour<br />

mondiale di freestyle e le regolamentazioni ufficiali,<br />

è un disastro totale, quindi per ora ho deciso<br />

di partecipare al tour di kicker/sliders (KPL Kite<br />

Park League). Il circuito include il Blue Kiteboarding<br />

nelle Filippine, il Triple-S negli Stati Uniti d'America,<br />

e lo Slider Project Usa e il Rhosneigr Park<br />

Jam in UK. Per me questo è qualcosa di nuovo e<br />

progressivo dove posso ottenere risultati. Ognuno<br />

è lì per stare bene e fare del suo meglio, siamo<br />

tutti grati che ci siano persone là fuori che mettano<br />

insieme questi eventi e nessuno si aspetta di<br />

diventare ricco e famoso. È un'esperienza davvero<br />

unica andare a questi eventi e per me questo<br />

è quello che dovrebbe essere sempre, voglio dire,<br />

se non ci si diverte, allora cosa resta?


Men:<br />

1. Zoon (NED, Slingshot)<br />

Pastor (ESP, Airush)<br />

Spiessberger (AUT, North)<br />

Mario (BRA, Slingshot)<br />

5. Whaley (ESP, Cabrinha)<br />

Tonijuan (ESP, F-One)<br />

Serin (FRA, Naish)<br />

Martinez (DOM, Da Silva)<br />

Women:<br />

1. van Westerop (ARU)<br />

Kajiya (BRA, Airush)<br />

Novotna (CZE, North)<br />

Whiteley (GBR, Best)<br />

Rosa (BRA, Cabrinha)<br />

Valesa (FRA, F-One)<br />

7. Vieira (BRA, Gin)<br />

Bagnoli (ITA, North)


54<br />

EVENTS<br />

IKA Kiteboarding World Championships 2016<br />

Mirco Babini – Presidente IKA<br />

È un dovere dell’IKA di prendere in mano i campionati<br />

del freestyle e big air dopo il disastro nel<br />

2015, così abbiamo iniziato a lavorare sodo per<br />

organizzare eventi e pianificare il campionato del<br />

mondo in toto.<br />

Durante l'inverno lo staff dei giudici ha lavorato<br />

duramente per avere il nuovo sistema di giudizio<br />

e il software funziona correttamente, abbiamo<br />

lavorato tutti insieme per implementare nuove<br />

regole e organizzare una copertura da parte dei<br />

media, un nuovo sito web, una nuova tappa del<br />

tour e così via.<br />

Il primo stop è stato a El Gouna ed è andato molto<br />

bene e tutti i riders ci ha dato un riscontro incredibile,<br />

la posizione e il team coinvolto ha fatto<br />

un bel lavoro.<br />

La tappa iconica di Leucate è andata anch’essa<br />

bene, con più di 60 riders ed è stato un successo.<br />

Siamo vicini ad annunciare alcune altre gare<br />

in tutto il mondo e siamo entusiasti di avere il<br />

campionato del mondo e di gestirlo con il miglior<br />

team di sempre.<br />

Ika dà a tutti i riders e gli organizzatori, la prova<br />

di come gestire correttamente il lato sportivo<br />

della competizione, cosa che nessuno è riuscito a<br />

fare in passato. Siamo stati felici di conoscere e<br />

incontrare i riders riuniti (KRU) e diamo loro tutto<br />

il supporto. Abbiamo aperto la porta e firmato un<br />

m.o.u. (Memorandum d'intesa) e concordato con<br />

loro di fornire un contratto e far loro gestire i diritti<br />

commerciali. Purtroppo, la visione da alcuni<br />

di loro non è in linea, riteniamo ancora che capiranno<br />

e li stiamo aiutando il più possibile. Siamo<br />

in contatto con molti riders che ci aiutano molto<br />

per fornire a loro tutto ciò di cui hanno bisogno.<br />

Il nostro obiettivo è quello di realizzare i migliori<br />

eventi e annunciare il campione del mondo Freestyle<br />

& Big Air IKA alla fine della stagione.<br />

Restate in contatto perché tra poco ci sarà una<br />

grande notizia…


D A I L Y<br />

W O R K<br />

W E A R<br />

ONYX SERIES<br />

AIRTON COZZOLINO´S DAILY WORKWEAR<br />

SURFING ELEMENTS<br />

ION-PRODUCTS.COM


56<br />

COMING SOON<br />

Nocher e Kalinina sono i primi Campioni Europei di Kitefoil


Nocher e Kalinina<br />

sono i primi Campioni<br />

Europei di Kitefoil<br />

Photo Roberta Pala and Courtesy IKA


58<br />

COMING SOON<br />

Nocher e Kalinina sono i primi Campioni Europei di Kitefoil


60<br />

COMING SOON<br />

Nocher e Kalinina sono i primi Campioni Europei di Kitefoil


62<br />

COMING SOON<br />

Nocher e Kalinina sono i primi Campioni Europei di Kitefoil<br />

U 18<br />

1. Toni Vodisek (SLO)<br />

2. Martin Dolenc (CRO)<br />

3. Tomasz Glazik (POL)<br />

U 21<br />

1. Olly Bridge (GBR)<br />

2. Toni Vodisek (SLO)<br />

3. Martin Dolenc (CRO)<br />

MASTER<br />

1. Marvin Baumeister (GER)<br />

2. Ivan Doronin (RUS)<br />

3. James Johnsen (DEN)<br />

GRANDMASTER<br />

1. Enrico Tonon (ITA)<br />

2. Dario Piras (ITA)<br />

3. Marco Calbucci (ITA)<br />

KITEFOIL WOMEN OVERALL<br />

1. Elena Kalinina (RUS)<br />

2. Steph Bridge (GBR)<br />

3. Gina Hewson (AUS)<br />

FORMULA KITE WOMEN OVE-<br />

RALL<br />

1. Elena Kalinina (RUS)<br />

2. Steph Bridge (GBR)<br />

3. Jade O'Connor (IRL)<br />

FORMULA KITE & KITEFOIL MEN<br />

OVERALL<br />

1. Maxime Nocher (MON)<br />

2. Olly Bridge (GBR)<br />

3. Florian Trittel (ESP)


64<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016<br />

testo Kari Schibevaag | foto Svetlana Romantsova


RRD SCARBOROUGH,<br />

» CITTÀ DEL CAPO 2016<br />

Il sole ha appena iniziato a fare capolino oltre le montagne<br />

dietro di me, gettando la sua calda luce arancione<br />

e gialla sul mare. Caffè caldo in mano, il vento fresco<br />

soffia sul balcone, dove mi siedo. L'acqua turchese<br />

dell'Oceano Atlantico è così chiara che si può quasi vedere<br />

che cosa si muove tra le onde. Città del Capo è conosciuta<br />

per i suoi squali, ma sto cercando di non pensarci<br />

troppo. C'è una grande varietà di vita marina qui,<br />

ma cerco di mantenere la concentrazione sulle buone<br />

condizioni per il kite, non sugli animali che saranno in<br />

acqua assieme a noi.


66<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016<br />

Sono a Scarborough, che si trova a sud di Città<br />

del Capo, Sud Africa. Scarborough è un piccolo<br />

villaggio che ha tutto ciò che amo. La spiaggia<br />

di sabbia bianca, l'acqua limpida e le onde spettacolari.<br />

Situati a ridosso della spiaggia ci sono<br />

dei cottages, una piccola caffetteria, un ristorante,<br />

una panetteria e le persone sono generose<br />

di sorrisi e storie. Guardando fuori nello zaffiro<br />

dell’oceano infinito, sembra che le navi siano in<br />

equilibrio sul bordo della terra. Qui siamo circondati<br />

dalle montagne che sembrano abbracciare<br />

Scarborough. Questo ci dà l'impressione di essere<br />

le uniche persone in tutto il mondo. La base<br />

delle montagne, verdi e lussureggianti, è in netto<br />

contrasto con la metà superiore, grigio cenere, un<br />

promemoria dei fuochi che sono divampati qui,<br />

solo un mese fa. La sua tranquillità e la natura mi<br />

ricordano un po' casa…<br />

L'odore del panificio locale mi sta facendo venire<br />

l'acquolina in bocca, ricordo a me stessa di prendere<br />

un po' di pane appena sfornato prima di infilarmi<br />

la muta e prendere il kite per una session<br />

in mare.<br />

Abel Lago, Svetlana Romantsova, Alex Vliege e<br />

Roberto Ricci sono ormai svegli e siamo tutti seduti<br />

a parlare, controllando le condizioni dal tavolo<br />

della colazione. Condividere frutta fresca,<br />

muesli di produzione locale, e una tazza di tè rooibos.<br />

Tutti e cinque siamo quasi agitati, mentre<br />

siamo seduti ancora a tavola, eccitati di non perdere<br />

queste condizioni. Le onde stanno rompendo<br />

sempre meglio e il sole sta lentamente salendo.<br />

La prima colazione è buttata giù in un attimo,<br />

siamo pronti!<br />

Vlora, Anna, Rocco e Nora sono svegli. I bambini<br />

sono così felici di essere a Scarborough per l'Inverno<br />

dove poter vivere in questa sorta di fattoria<br />

didattica. Rocco e Nora sono i figli di Roberto<br />

e Vlora e ci mantengono giovani e felici, quando<br />

siamo a città del Capo. Anna è Australiana ed<br />

è una super tata. È giorno di scuola e i bambini<br />

sono felici, non capita spesso di vedere bimbi così<br />

felici di andare a scuola… e noi siamo felici di andare<br />

in acqua…<br />

Le mute sono appese in giardino, dopo la session<br />

di ieri sera al tramonto. Le immagini sono ancora<br />

nella mia testa. Avevo i pinguini che nuotavano<br />

attorno alla mia tavola mentre il sole tramontava<br />

sopra l'oceano. È così raro vedere i pinguini così<br />

vicino, soprattutto quando i pinguini sono molto,<br />

molto lontano da casa loro, sulla punta dell'Africa.<br />

I pinguini hanno formato una piccola colonia<br />

su Boulders Beach, non troppo lontano da Scarborough.<br />

Questi animali sanno che questo è un<br />

posto molto speciale...<br />

Facciamo scorrere le nostre mute ancora umide<br />

su di noi, afferriamo i piccoli aquiloni, le nostre<br />

tavole, e corriamo verso la spiaggia. L'odore di<br />

crema solare e il sale, il vento tra i capelli, le im-


68<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016


pronte dei piedi nella sabbia... l'eccitazione bolle<br />

dentro di me per la giornata che ci aspetta.<br />

Passiamo tutto il giorno in spiaggia, ad eccezione<br />

di brevi intervalli per il pranzo di pasta che Anna e<br />

Vlora hanno fatto per noi, un espresso veloce e un<br />

po' di crema solare. Veniamo a casa solo quando<br />

il grande disco d’oro tramonta oltre il bordo del<br />

mare. Il Sud Africa è conosciuto per i suoi splendidi<br />

tramonti, le montagne e l'oceano sono come<br />

una cornice per questo capolavoro quotidiano,<br />

ma devo dire che il suo “off shore” è ancora più<br />

epico, nell’acqua fredda con un aquilone colorato<br />

in mano…<br />

L'estate scorsa Roberto e Vlora hanno ristrutturato<br />

una vecchia casa di legno con una vista<br />

perfetta. Stando al balcone, si può vedere a poche<br />

centinaia di metri la terra rossa di un piccolo<br />

parcheggio, cespugli verdi e secchi, in contrasto<br />

contro una vasta striscia di sabbia bianca, poi l'oceano<br />

apparentemente infinito, perfettamente<br />

tutto parallelo tra loro. A sinistra della casa, c’è un<br />

parco nazionale di montagna, dove è possibile incontrare<br />

molti animali. A destra, la metà bruciata<br />

delle montagne che quasi tutti i giorni producono<br />

una foschia magica. La nebbia inizia con basse<br />

nuvole sopra la cima della montagna, fino al freddo,<br />

blu oceano sottostante. Svetlana è d’accordo<br />

con me, siamo in Paradiso. Dopo aver silenziosamente<br />

guardato le onde, memori del paesaggio<br />

intorno a noi, nessuno di noi può capire fino in<br />

fondo, quanto siamo fortunati...<br />

Svetlana sta afferrando il suo "bambino" (la macchina<br />

fotografica). È arrivata solo tre giorni fa dal<br />

gelido inverno russo, si sta ancora acclimatando.<br />

Proprio come ho fatto io solo una settimana fa,<br />

seduta con lei sul balcone, posso vedere nei suoi<br />

occhi che è amore a prima vista.


70<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016<br />

Ha tante idee, ispirata dalla bellezza naturale che<br />

scoppia attorno. Per i fotografi è un sogno qui,<br />

luce perfetta, onde perfette, scenario perfetto. La<br />

sfida, per lei, è quella di organizzare i quattro rider.<br />

Roberto, Abel, Alex ed io eravamo in acqua,<br />

a saltare e cavalcare le onde. Mentre siamo troppo<br />

occupati a divertirci, mentre Svetlana era sulla<br />

sabbia e dietro gli alberi a scattare foto! Fortunatamente<br />

per noi Svetlana ottiene sempre i migliori<br />

scatti, in qualche modo ci ha ripreso sempre<br />

col miglior timing. Poco dopo, vediamo alcuni<br />

aquiloni dai colori vivaci sulla spiaggia, sono gli<br />

altri riders del team RRD! Riconosco Tony, Danny,<br />

Lyde e Collin. Tutti noi, surfando onda dopo onda,<br />

una grande famiglia felice in acqua.<br />

Werther Castelletti, il grande cervello per RRD<br />

quando si tratta di aquiloni e tavole TT, è arrivato<br />

all'aeroporto di CPT dall’Italia. È l'uomo incredibilmente<br />

di talento dietro il design di RRD negli ultimi<br />

anni. Dopo che è arrivato al marchio, la nostra<br />

produzione di aquiloni e la popolarità è cresciuta<br />

in modo veloce, ogni anno. Abel e Werther sono i<br />

principali tester e ora è tempo per le prove finali<br />

prima della produzione della nuova linea.<br />

In RRD si mettono alla prova tutte le misure di kite<br />

di ogni modello. Werther, Abel e testano sempre<br />

tutte le misure e modelli per rendere ogni aquilone<br />

unico. Questo significa che si assicurano la<br />

forma ottimale che funzioni perfettamente sulla<br />

12 mq, come sulla 4 mq. Questo è il motivo per cui<br />

testano tutti gli aquiloni e spendono un sacco di<br />

tempo e denaro per farlo. Questo è il motivo per<br />

cui siamo a Città del Capo, per allenarci e testare<br />

i prodotti nelle dure condizioni sudafricane.<br />

Abbiamo lavorato molto, dovevamo trovare il<br />

vento per la 17 mq Emotion e per il 4 mq Religion.


Può anche succedere che il nuovo kite da onda,<br />

funzioni in modo sorprendente in Sud Africa, con<br />

vento forte e side, e che quando si arrivi in Europa,<br />

con vento leggero e onshore, la stessa forma<br />

non sia abbastanza veloce o che non si abbia abbastanza<br />

depower. Per questo il team RRD testa<br />

le ali in viaggi in tutto il mondo, per essere perfette<br />

in ogni condizione.<br />

Questa è l'ultima fase dei test e Abel è davvero<br />

felice di vedere Werther con i nuovi bambini<br />

(aquiloni). Abel e tutti noi vogliamo testarli in queste<br />

condizioni. Poco prima di Città del Capo, ho<br />

avuto la fortuna di unirmi a loro a Fuerteventura<br />

per una sneak peak. Adesso era il momento della<br />

prova finale, per vedere se erano perfetti come mi<br />

ricordavo…<br />

Abel e Werther hanno gonfiato tutte le vele per<br />

noi sulla spiaggia (come sempre) e devo dire che<br />

tutto aveva un aspetto magnifico. Tutti i riders<br />

avevano voglia di provare i nuovi aquiloni sulle<br />

onde. Per me c’era il Religion 4 mq, rosa e turchese,<br />

è bello vedere come Roberto e Werther<br />

abbiano pensato a un design femminile, è davvero<br />

bello, e sono orgogliosa di poter cavalcare le<br />

onde con questa vela…<br />

Io non smetto di sorridere, Roberto è a mille,<br />

Lyde, Alex, David e Collin stanno facendo super<br />

session, Abel è potente e Svetlana è entusiasta<br />

dei suoi scatti. Siamo tutti esausti, era incredibile<br />

vedere tutti gli aquiloni RRD in cielo. Werther faceva<br />

i salti di gioia sulla spiaggia e io non riuscivo<br />

a smettere di stare in acqua.<br />

Roberto scompare dalla vista, si dirige verso le<br />

rocce, appena oltre le rocce c’è una piccola spiaggia,<br />

che abbiamo ribattezzato “la spiaggia di Roberto”,<br />

si è rifiutato di usare il leash per la tavola,<br />

e finisce regolarmente in quella spiaggetta. Lo<br />

vediamo tornare sorridente dalla spiaggia, dandoci<br />

un cenno, come a sapere che cosa stiamo<br />

pensando tutti “il leash!”.<br />

Gli ultimi raggi di sole scompaiono all’orizzonte,<br />

siamo tutti entusiasti, so che non dimenticherò<br />

mai questa giornata, una session perfetta con i<br />

miei compagni, è per questo che amo tanto il kite.<br />

Le nostre membra stanche in qualche modo riescono<br />

prendere tutta la nostra attrezzatura sulla<br />

spiaggia, grazie agli ultimi bagliori di luce. Ancora<br />

nelle nostre mute umide con le mani e piedi freddi,<br />

ci tuffiamo in piscina. L'acqua calda scongela<br />

lentamente nostre estremità, le stelle che brillano<br />

nel cielo, in silenzio riviviamo la giornata appena<br />

trascorsa. Ci togliamo le nostre mute e le appendiamo<br />

negli alberi del giardino, sperando invano<br />

che si asciugheranno entro la mattina. Litighiamo


72<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016


su chi debba entrare prima in doccia. Corro a godere<br />

di una bella doccia bollente per togliere di<br />

dosso i residui di sabbia e sale. Vestiti e pronti,<br />

andiamo a cena in paese.<br />

The Hub è un bellissimo edificio a due piani, recentemente<br />

rinnovato, per onorare il fiore di Protea<br />

che cresce qui. Al piano inferiore c’è un piccolo<br />

bar e una piccola drogheria in cui è sempre possibile<br />

trovare prodotti freschi e locali, e biologici.<br />

Il ristorante è un riflesso di quest’atteggiamento.<br />

Stasera c’è pizza, e anche gli italiani concordano<br />

che sia molto speciale, buonissima! La qualità<br />

del cibo qui è incredibile, una testimonianza della<br />

qualità dei prodotti locali. Home made e coltivazioni<br />

casalinghe sono un atteggiamento molto<br />

“Scarberian”, tutti sembrano molto consapevoli<br />

della loro impronta ecologica. È fantastico vedere<br />

una città che è così avanzata nella consapevolezza<br />

ambientale. Se andrete a Scarborough, dovrete<br />

visitare questo posto molto speciale.<br />

Mi infilo sotto le lenzuola, il mio corpo è stanco<br />

dai giorni di avventure, non posso fare a meno<br />

di provare un senso di appagamento. Svetlana è<br />

soddisfatta del suo lavoro, io sono davvero felice<br />

di quello che ho fatto in acqua, Abel e Werther<br />

sono sollevati che gli aquiloni abbiano superato il<br />

loro esame finale e Roberto, beh Roberto sorride<br />

come sempre e ci dice ancora una volta che siamo<br />

in un posto perfetto, con session perfette. Mi<br />

sento così grata per far parte della famiglia RRD.<br />

Eravamo in attesa della finale della Red Bull King<br />

Of The Air. Uno dei nostri piloti del team, Jerry, è<br />

andato molto bene in gara, finendo anche sulla<br />

prima pagina del Cape Argus. Siamo così orgogliosi<br />

di lui e così andiamo verso Big Bay, a tifare<br />

per lui. Le previsioni per oggi pomeriggio sono<br />

folli, grandi onde, vento forte e grandi manovre!<br />

Guidiamo su Ou Karksavvag, e siamo benedetti<br />

con la più bella vista della montagna. Città del<br />

Capo è bella, gli edifici alti sono sminuiti dalla maestosa<br />

Table Mountain. Il mare è di un color zaffiro<br />

frizzante infinito, punteggiato da navi enormi,<br />

in attesa di entrare in porto.<br />

L’ultima mezz'ora è trascorsa guidando attraverso<br />

grandi contrasti, questa è una delle cose<br />

che rende Città del Capo e il Sud Africa così unici.<br />

Guardando fuori dalla finestra ci sono enormi<br />

case bianche con prati curati, architettura elegante<br />

e alta, recinzioni. Al semaforo c’è un uomo<br />

con abiti laceri, sporchi, la pelle scura, chino su un<br />

cartello di cartone con la scritta "Ho bisogno di<br />

soldi per sfamare i miei figli". Un volto che sembra<br />

aver visto migliaia tramonti caldi, profondamente<br />

rugoso, ma sfortunatamente, un volto sconosciuto,<br />

ma che spesso vediamo sulla strada…<br />

Siamo quasi a Big Bay, una spiaggia che è nor-


74<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016<br />

malmente piena di aquiloni di ogni colore, oggi<br />

è invasa di automobili. Camminando verso la<br />

spiaggia siamo in grado di sentire gli altoparlanti<br />

che pompano musica a tutto volume, l'atmosfera<br />

è elettrica. Nessuno di noi ha mai visto così tante<br />

persone qui. Lo speaker conferma le pazzesche<br />

condizioni, e che questo è il più grande evento<br />

KOTA finora. Vedo in giro un sacco di facce familiari,<br />

ma posso dire che vi è una parte enorme<br />

della folla che non ha mai fatto kite. Questa è la<br />

cosa migliore del Kota, tutti e di tutte le età possono<br />

godere dello spettacolo di questo sport!<br />

Troviamo miracolosamente un tavolo da Mojo, un<br />

ristorante che celebra l'Africa. Questo si riflette<br />

nel menu, con carne di struzzo e persino coccodrillo,<br />

ma anche nella decorazione. Le cameriere<br />

vanno in giro con belle piume rosa sulla testa, i<br />

camerieri in abiti tradizionali. C'è una cameriera<br />

con eleganti puntini bianchi pitturati in viso. Dal<br />

nostro tavolo si può vedere un prato enorme, pieno<br />

di gente e bambini che cercano il posto migliore<br />

per la gara.<br />

La musica è sempre più forte e la folla più eccitata,<br />

gli ultimi kiters escono dall'acqua. La folla<br />

sembra essere ancora di più, ci facciamo strada<br />

verso la sabbia. Incontriamo il resto del nostro<br />

team in spiaggia. Ci incontriamo con Colin, Lyde,<br />

Alex e sembra davvero che tutto il mondo kite si<br />

sia dato appuntamento qui.<br />

Le condizioni sono davvero perfette, le bandie-


e salgono per i quattro riders che stanno combattendo<br />

in questa heat. Ogni volta, megaloop<br />

dopo megaloop, la folla esulta per questi atleti<br />

che hanno messo su un grande spettacolo. A<br />

uno a uno sono eliminati fino a quando solo uno<br />

passerà al turno successivo. È la semi finale, con<br />

otto riders, uno di loro è il nostro Jerry! È il rider<br />

più alto in assoluto al mondo, essendo più di due<br />

metri. Le vele RRD sono alte e orgogliose in cielo.<br />

Noi tutti urliamo di entusiasmo per lui. Questi<br />

otto atleti sono assolutamente fantastici, spingendo<br />

i loro limiti per tutto il tempo. Mega loop<br />

dopo megaloop, cercano di ottenere le migliori<br />

onde per avere il punteggio più alto. Jerry fa un<br />

aereal enorme, che sembra andare fino in fondo<br />

al mare! La folla esulta, c’è tantissima adrenalina.<br />

Lewis fa un aereal enorme, però, è troppo<br />

veloce, troppo duro, colpisce l'acqua, si fa male.<br />

Non possiamo vedere cosa sta succedendo, ma<br />

gli altri riders vanno a salvarlo. Non possiamo vedere<br />

cosa sta succedendo, ma un silenzio cade<br />

sulla folla. È devastante vedere qualcuno che si<br />

fa male, mentre pratica uno sport che tutti noi<br />

adoriamo. La gara è fermata a lungo, ed è giusto<br />

così, andiamo a fare un giro qualche ora, tenendo<br />

le dita incrociate per Lewis. Jerry non è in finale,<br />

ma siamo felici che sia sano e salvo! Ci congratuliamo<br />

tutti con lui per la bellissima performance!<br />

La competizione ricomincia, e siamo tutti pronti,<br />

che spettacolo è stato! Grandi complimenti al vin-


76<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016<br />

citore, Aaron Hadlow!<br />

È stata una lunga giornata, il Kota è sempre uno<br />

dei migliori eventi dell'estate. L'unico modo per<br />

porre fine a questa giornata è con un po' di sushi<br />

da Blowfish. Tutti noi, con le guance rosa per<br />

non aver usato abbastanza creme solari, alcuni di<br />

noi sono più rosa del salmone crudo che stiamo<br />

mangiando…<br />

Torniamo verso casa, le luci di Città del Capo città<br />

scompaiono dietro di noi, l'infinito nero d'inchiostro<br />

del mare, e le stelle che brillano.<br />

Ispirati dalla gara ci stiamo dirigendo verso Carmers<br />

a cavalcare qualche onda e fare un po' di<br />

freestyle. Alex e Jerry si sono uniti a noi. È così<br />

bello essere di nuovo in acqua, il sale sulla mia<br />

faccia e il vento tra i capelli. Siamo tutti spingendo<br />

al massimo, oggi ci concentriamo sul freestyle,<br />

le condizioni sono così perfette, si può sempre<br />

trovare vento e onde a Città del Capo! Saltiamo<br />

fuori dall'acqua a prendere un panino. Ci incontriamo<br />

con Grant che si occupa delle vele RRD<br />

qui, lui ha il negozio vicino a dove stiamo mangiando.<br />

C'è una linea massiccia di RRD stand up<br />

paddle fuori il negozio. I colori vivaci delle mute<br />

RRD solo all'interno del negozio e catturano la<br />

mia attenzione subito… ma per ora, dobbiamo<br />

tornare in acqua.<br />

Siamo di nuovo in acqua al tramonto, sono sulla<br />

mia tavola da surf godendomi il tramonto insieme<br />

a un sacco di gente. Improvvisamente un aquilone<br />

è finito sul mio viso e ha colpito il mio naso.<br />

È stata la LE che ha colpito la mia faccia a gran<br />

velocità. Ero un po' persa per qualche secondo e<br />

non capivo cosa stesse succedendo. Ho provato<br />

a toccare il naso con la mano e ho sentito un osso<br />

e un sacco di sangue sulla mia faccia. Il team RRD<br />

mi ha portato all'ospedale di Bloouberg. Ho avuto<br />

aiuto, dopo aver dato una carta di credito, ovviamente.<br />

Dopo alcuni giorni in ospedale stavo<br />

meglio, il dottore era un po' sotto shock per aver<br />

visto il danno che un aquilone può fare a un naso,<br />

ho rotto due ossa del naso. Io volevo solo tornare<br />

in acqua...<br />

Tornata a Scarborough, ero solo felice di essere di<br />

nuovo in casa RRD e vedere l'oceano e la gente.<br />

Stavo seduta al balcone a guardare le onde per-


78<br />

TRIP E PHOTOSHOOT<br />

RRD Scarborough, Città del Capo 2016<br />

fette là fuori. Ho visto persone che navigavano e<br />

si divertivano, ma sapevo che dovevo solo essere<br />

paziente e stare lontano dal sole e dall'acqua per<br />

alcune settimane.<br />

I giorni sono volati anche con il naso rotto, ero<br />

così felice ed energica. Volevo solo iniziare a navigare<br />

di nuovo, ma ogni volta che toccavo il naso<br />

mi ricordavo che non potevo ancora. Ho aiutato<br />

i ragazzi per quel che potevo, è stato divertente,<br />

ma mi mancava troppo entrare in acqua con loto.<br />

Siamo andati a Langebaan, a un ora e mezza da<br />

Città del Capo, il posto che tutti i freestyler amano.<br />

È come una grande laguna piena di gente che<br />

fa freestyle. Ero seduta sulla spiaggia guardando<br />

Alex, Abel e il nuovo rider del team Julien. Abel<br />

stava facendo i suoi salti oldschool che io chiamo<br />

da ballerina. Abel ha anche cercato alcuni handlepasses<br />

e saltava solo per farsi vedere da Alex<br />

e Julian. È stato divertente vedere il sorriso e le<br />

loro facce. Sono andata alla macchina a prendere<br />

una muta, avevo voglia di fare un giro, l’acqua era<br />

piatta e c’era vento costante. Che cosa sarebbe<br />

potuto accadere? Sapevo che il medico mi avrebbe<br />

ucciso se mi avesse visto, ma volevo divertirmi<br />

ancora un po’ perché i miei giorni a Cape Town<br />

stavano ormai volgendo a termine. Tutti erano<br />

contenti di vedermi divertire, ma erano anche un<br />

po’ spaventati. Credo che Svetlana fosse quella<br />

più preoccupata.<br />

Che posto incredibile. Grazie a Roberto e alla sua<br />

famiglia, mi trovo a Città del Capo ogni anno. E<br />

devo dire che ogni anno è sempre meglio. Arrivederci<br />

al prossimo anno con ancora più azione e<br />

con la grande famiglia RRD!


Hotels da Sogno<br />

e Vento Costante<br />

Lasciati<br />

sorpendere<br />

da questo<br />

Brasile<br />

members of egroup.net.br<br />

Visita i nostri site e prenota il tuo prossimo kite trip<br />

JERICOACOARA • CEARÁ • BRASIL PREÁ • CEARÁ • BRASIL vilakalango.com.br • ranchodopeixe.com.br


80<br />

ITW<br />

Mikaili Sol<br />

Mikaili<br />

So<br />

Nome: Mikaili Sol<br />

Data di nascita: 30 ottobre 2004<br />

Home spot: Prea (Brasile)<br />

Sponsor: F-One, Vila Bela Vista Prea, KitesSista, Kurtis Surf<br />

Goggles, Guilla<br />

Anni di kite: 2.5<br />

Best spot: Prea, Brasile<br />

Miglior risultato: Campione del Mondo 2016 ragazze under 16<br />

(Francia), Campione del Mondo 2015 ragazze under 17 (Spagna)


l<br />

ITW Roberta Pala<br />

Foto Ludovic Franco e courtesy Vila Bela Vista Prea


82<br />

ITW<br />

Mikaili Sol<br />

KS_Raccontaci qualcosa di te... dove vivi, di dove<br />

sei, quando hai iniziato il kiteboarding e qualcosa<br />

dello spot dove ti alleni…<br />

MS_Mi chiamo Mikaili Sol, ho 11 anni e vivo a Prea,<br />

in Brasile. Parlo sia portoghese sia inglese, perché<br />

mia mamma è americana e mio padre è brasiliano.<br />

Ho sempre vissuto in Brasile. Ho iniziato a<br />

fare kitesurf quando avevo 8 anni e mezzo. I miei<br />

genitori praticano entrambi KiteSurf quindi li ho<br />

sempre implorati di lasciarmi l’aquilone. Hanno<br />

sempre pensato che fossi troppo giovane e che<br />

fosse troppo pericoloso perché entrambi hanno<br />

cominciato a fare kite quando gli aquiloni non<br />

erano così sicuri. Quando finalmente li ho convinti<br />

a farmi iniziare, sono stata rapita!<br />

scuole American International. Poi ha comprato<br />

una moto da enduro e ha viaggiato da sola per<br />

tutto il Sud America per due anni con la sua tenda!<br />

E così ha incontrato mio padre a Sao Luis,<br />

Maranhão. Sei anni più tardi, sono nata io! Mia<br />

madre era una windsurfista e quando è venuta<br />

a Jericoacoara, ha iniziato con il kitesurf. anche<br />

mio padre pratica kite e anche mio fratello di<br />

nove anni, Kaiki Mar, è un kitesurfer ed è davvero<br />

bravo. Sono molto grata di avere genitori che mi<br />

supportino così. Fanno un sacco di sacrifici per<br />

me. Sono molto fortunata a vivere sulla spiaggia,<br />

dove c'è sempre vento, anche se, a volte, è molto<br />

forte! Mia mamma passa un sacco di tempo sulla<br />

spiaggia con me aiutandomi con le manovre.<br />

KS_La tua famiglia, e la decisione di vivere in<br />

Brasile... Come ti supporta la famiglia in quello<br />

che fai?<br />

MS_Mio padre è brasiliano. Mia madre era un’insegnante<br />

che arrivava da Hood River, negli Stati<br />

Uniti. Ha preso una pausa per insegnare nelle<br />

KS_I tuoi sponsors?<br />

MS_Sono sponsorizzata da F-ONE, Manera, Kite-<br />

Sista (che gestiscono il mio sito web), Vila Bela<br />

Vista Prea (l’albergo dei miei genitori) Kurtis Surf<br />

Goggles (niente occhi bruciati!) Guilla (surfsuits).


KS_La tua attrezzatura perfetta...<br />

MS_Amo la mia tavola F-ONE Next Generation<br />

Acid board 127 x 37, e le mie Bandit! Li amo tutti!<br />

La mia preferita è la 7 mq, ma possiedo anche la<br />

3 perché mi alleno con vento forte!<br />

KS_Sei molto giovane ma hai già raggiunto alcuni<br />

obiettivi molti importanti, qual è il prossimo?<br />

MS_Il mio prossimo obiettivo è quello di allenarmi<br />

per un anno o forse due e poi unirmi al World<br />

Tour quando avrò 13 anni!<br />

KS_Secondo te, quanto è importante il freestyle<br />

per i giovani?<br />

MS_Il kitesurf per i giovani è solo all'inizio! Credo<br />

che la maggior parte dei genitori creda che il<br />

kitesurf sia pericoloso e non incoraggi i loro figli<br />

a fare kite. Oggi, con i nuovi aquiloni, il kitesurf è<br />

davvero molto sicura. Credo che i ragazzi inizieranno<br />

a fare più freestyle, perché è eccitante!<br />

KS_Hai una fonte d’ispirazione per il tuo riding?<br />

Come definiresti il tuo stile?<br />

MS_La mia fonte d’ispirazione per il Kitesurf è la<br />

libertà, la sensazione di essere in grado di fare<br />

quello che vuoi e quando vuoi mentre sei in acqua.<br />

Siamo solo io e l'oceano là fuori insieme.<br />

Penso di avere un bello stile perché mi sento a<br />

mio agio in tutte le condizioni e sono rilassata in<br />

acqua. Appartengo all’acqua, con il mio kite. L’Oceano,<br />

il kite, io… in realtà siamo una cosa sola…<br />

KS_Cosa fai quando non pratichi kite? Raccontaci<br />

qualcosa della tua famiglia, gli amici. Come<br />

passi il tuo tempo libero? Hai degli amici che fanno<br />

kite con te?<br />

MS_Di solito, se non sono in kite, sto studiando!<br />

Se non studio, mi piace cavalcare sulla spiaggia<br />

tra le dune con il mio cavallo, anche andare in<br />

bicicletta tra le dune, o stare nella nostra piscina.


84<br />

ITW<br />

Mikaili Sol


KS _Due volte campione del mondo juniores... E<br />

per quanto riguarda l’esperienza nel WKT a Leucate?<br />

MS_È molto eccitante essere due volte campione<br />

del mondo Jr. Girls! Era già stato fenomenale<br />

vincere il campionato Jr. ragazze per le under 17<br />

quando avevo 10 anni il primo anno. Ed è stata<br />

un'altra cosa fatntastica ottenere il titolo del secondo<br />

anno a 11! Ora sono l'obiettivo di tutti! Tutti<br />

mi vogliono battere, credo di aver impostato un<br />

nuovo livello di kite per le ragazze, quando ho vinto<br />

il primo anno! Ho fatto una gran varietà di manovre<br />

con passaggio di barra che nessuno stava<br />

facendo in quel momento ed ero la più giovane di<br />

tutti. Ora sto perfezionando i miei passaggi con<br />

più potenza, ma ancora non abbastanza per i Big<br />

Girls. Di sicuro, crescendo, avrò più forza e più potenza.<br />

A Leucate, è stata una bella esperienza, ho imparato<br />

che nel circuito pro è necessario fare le<br />

manovre con acquilone più basso e con più potenza.<br />

Sono davvero ansiosa si allenarmi in modo<br />

da poter dire la mia tra un anno o due. Mentre<br />

rientravo a casa, dopo questa magnifica opportunità,<br />

ho cominciato a pensare a quello che avevo<br />

imparato e ho iniziato a incorporare altre cose nel<br />

mio allenamento.<br />

KS_Tu studi a casa, come riesci a gestire gli esami?<br />

MS_I realtà non ho esami tradizionali. Il mio insegnante<br />

segue i miei progressi e mantiene un<br />

porfolio con i miei risultati e il mio livello. Sono veramente<br />

brava a scuola, e mi piace molto leggere.


86<br />

ITW<br />

Mikaili Sol<br />

KS_Il tuo "giorno perfetto" in acqua...<br />

MS_Il mio giorno perfetto è con il mio 7 mq, chiudendo<br />

tutte le mie manovre… è quella giornata in<br />

cui tutto va come deve andare e atterro morbidamente.<br />

E se posso fare tutto questo al tramonto…<br />

allora è ancora meglio!<br />

KS_Parlaci del tuo "home spot"…<br />

MS_Il mio home spot è sorprendente perché abbiamo<br />

due stagioni... Una con venti forti e chop e<br />

poi venti leggeri e poco chop! Da Luglio a Dicembre,<br />

a Prea c’è molto vento. Io di solito esco con<br />

un 5 mq. Si tratta di condizioni molto dure con<br />

vento e onde, ma sono abituata e non mi spaventa<br />

provare le manovre in queste condizioni.<br />

Da Gennaio a Giugno, quando tutti i turisti sono<br />

andati via, ho la spiaggia tutta è per me. È considerata<br />

la nostra "stagione delle piogge", ma non<br />

c'è pioggia! E se capita, di solito è solo una pioggia<br />

tropicale e nel giro di un'ora, il sole è di nuovo<br />

fuori e il vento risale! Non si può fare kite proprio<br />

ogni giorno, ma almeno cinque volte la settimana<br />

per un paio d’ore ed è perfetto per il freestyle. Di<br />

solito uso dalla 7 alla 10 mq in questo periodo, ed<br />

è anche il momento in cui imparo tutte le manovre.<br />

Non capisco perché la gente non viene qui in<br />

questo periodo dell’anno! Forse questo è il nostro<br />

segreto meglio custodito…


88<br />

ITW<br />

Mikaili Sol<br />

KS_Quali manovre stai provando?<br />

MS_Sto lavorando sul mio Blind Judge 3, Heart<br />

Attack, Back Mobe e altro ancora. Ho fatto già<br />

tutte queste manovre, ma non ancora abbastanza<br />

consistenti e potenti. A volte il mio aquilone è<br />

ancora troppo alto, ho imparato da Leucate che<br />

la potenza è ciò che cercano i giudici. Faccio già<br />

bene Blind Judge, Back to Blind air pass, double<br />

S-bend to blind, Slim Chance, S-mobe. Ieri ho ho<br />

fatto un triplo s-bend to blind! Ero sovra rotata<br />

per il doppio e così ho pensato di fare un altro<br />

giro!<br />

KS_La nostra rivista si chiama <strong>Kitesoul</strong>, perché<br />

crediamo che la nostra anima sia legata solidamente<br />

a questo sport. Che provi mentre sei in<br />

mare, che si tratti di una gara o durante una session<br />

di freeride al tramonto?<br />

MS_Quando faccio kite mi sento come se non ci<br />

fossero limiti e che sono in grado di fare quello<br />

che voglio. Quando sono in acqua ci sono io, l’aquilone<br />

e il vasto oceano, mi sento indipendente,<br />

sicura… e libera.


90<br />

STORIA<br />

Patri McLaughlin guarda nelle fauci di Jaws!<br />

STORIA<br />

Patri McLaughlin<br />

guarda nelle fauci di Jaws!<br />

"Giusto poco prima di quest’onda, avevo fatto<br />

davvero un bel tubo a Pehai (Jaws, sulla North<br />

Shore di Maui). È stato il mio primo tubo pulito<br />

e mi ha dato una sensazione indescrivibile… Mi<br />

ha creato una sorta di dipendenza, ne volevo fare<br />

un altro… uno più grande! Quindi, cinque minuti<br />

dopo, ho preso l'onda della foto. Mi sono lasciato<br />

cadere nell’onda dal picco, ero davvero profondo.<br />

Non appena l’onda ha cominciato a colpire il reef,<br />

ho capito che stava per scavare bene e fare un<br />

grosso tubo.<br />

Ho controllato l'aquilone un'ultima volta per assicurarmi<br />

di essere abbastanza in profondità. Subito<br />

dopo il mio aquilone si è trovato senza vento<br />

e ha perso la tensione e lo sterzo. Quando ho cominciato<br />

il bottom, ho subito capito che era troppo<br />

profondo e che stava per succedere qualcosa<br />

di non buono. Ho voluto fare in modo di non esse-<br />

testo Patri McLaughlin | foto Erik Aeder coordinato da reemedia.de


e colpito dal lip dell'onda così ho cercato di stringere<br />

il turn più veloce possibile per cercare di colpire<br />

l’onda in un punto migliore. Proprio mentre<br />

ero sotto il lip dentro il tubo, un chop enorme mi<br />

ha fatto perdere il controllo della tavola, è stato<br />

di gran lunga il più enorme tubo che abbia mai visto<br />

da dentro… e uno dei momenti più spaventosi<br />

della mia vita! Purtroppo ho potuto guardare solo<br />

un istante il lip che si chiudeva sulla mia testa,<br />

sentendo una stretta allo stomaco, sapevo che<br />

sarei andato giù in maniera pesante. Non appena<br />

mi sono trovato surfando col corpo nell’oblio, ho<br />

lasciato il kite e ho pregato. Per fortuna il kite ha<br />

ripreso il controllo e mi ha sparato fuori verso il<br />

cielo, nella parte posteriore dell’onda.<br />

La mia tavola? Sulle rocce rotta in due! La mia<br />

session era finita, ma sono ritornato indenne a<br />

riva…”


94<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

testo Axel Reese, Lasse Girolstein | Foto Axel Reese/Reemedia.de/liquideye


Australia<br />

–Way out West–<br />

Finalmente! Siamo arrivati ​a<br />

Perth dopo un lungo volo da<br />

Dubai. La città, con 1,5 milioni di<br />

abitanti, è stato il nostro punto<br />

di partenza per il nostro viaggio<br />

attraverso l'Australia Occidentale.<br />

Non volevamo limitarci<br />

solo ai luoghi famosi come Margaret<br />

River e abbiamo voluto<br />

esplorare nuove baie e onde. Il<br />

nostro alloggio è costituito da<br />

un lungo camper di 7,70 metri,<br />

per permetterci completa libertà<br />

di movimento. Dopo il lungo<br />

viaggio vogliamo solo entrare in<br />

acqua, e Perth offre un sacco di<br />

buoni spot!


96<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

Pelican Point<br />

Il fiume Swan si snoda attraverso Perth e offre l’opportunità di fare<br />

vela, jet-ski, stand up paddle e kitesurf. Al Pelican Point la brezza<br />

del mare, con un angolo più a sud, ha davvero buone condizioni di<br />

acqua piatta.


Leighton Beach<br />

Quasi alla foce del fiume, questo spot in città offre buone condizioni<br />

per abituarsi alle onde. L'ampia spiaggia di sabbia è visitata<br />

soprattutto da australiani e l'acqua e le aree di parcheggio adiacenti<br />

possono essere davvero affollate durante il fine settimana.<br />

Altri spot a Perth sono Pinnaroo Point, Scarborough e Crazy Waves<br />

e, ultimo ma non ultimo, il famoso Woodmans Point. Woodmans<br />

Point offre tutto, dalle condizioni di vento onshore con le onde increspate<br />

ad acqua piatta e vento off-shore. Tutti gli spot della città<br />

condividono le stesse condizioni di pericolo.


98<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

Safety Bay<br />

Lasse Girolstein, Pro-Kiter:<br />

Questo spot si trova a mezz'ora di distanza da Perth e attira un<br />

sacco di gente da Perth e da tutta l'area circostante. Professionisti<br />

come Alex Pastor e Karolina Winkowska, che hanno passato qui tre<br />

mesi allenandosi, si trovano in acqua con rider intermedi e principianti<br />

delle scuole kite. Come Alex e Karolina hanno scoperto, questo<br />

è un luogo spettacolare con piatta, l'ideale per l'allenamento.


Tuttavia, lo spot diventa molto affollato in alta stagione. Nonostante<br />

questo abbiamo trascorso un paio di giorni qui per perfezionare<br />

le manovre freestyle.<br />

Ci siamo detti che sulla strada per Margaret River, a circa tre ore<br />

e mezza di macchina, ci sarebbero dovuti essere un paio di buoni<br />

spot. Grazie a Google Earth abbiamo trovato Bunburry, una città<br />

situata proprio sulla costa con una diga verso l'interno sul lato opposto.<br />

Ci ha stupito!


100<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

Bunburry<br />

Lasse Girolstein:<br />

Uno spot super-nascosto, con l'acqua che non è totalmente liscia,<br />

ma ancora super divertente per il Kite. Con un paio d’isole e la zona<br />

che non è mai troppo piena di gente, invita all’esplorazione. Un<br />

vero gioiello, e non menzionato nelle mappe!<br />

Dopo tre ore in acqua un autobus si ferma nel parcheggio e un'orda<br />

di riders arriva sullo spot. Bene è la famiglia kite per eccellenza,<br />

con mamma Steph, e papà Eric Bridge e con Tom, Guy e Olly. Ci<br />

salutiamo, scambiamo due parole, mentre i giovani kiters sono già<br />

scomparsi in acqua…<br />

Proseguiamo con il nostro viaggio verso il sud. Dopo altre due ore<br />

in auto si raggiunge lo spot di big waves di fama mondiale, Margaret<br />

River. La nostra prima tappa in questa rilassata città è a casa<br />

di Gabi Steindl, che vive lì da sei anni. "Kitegabi" è la guida perfetta<br />

per i nostri prossimi giorni.<br />

La nostra prima tappa, ovviamente, è "Mainbreak", che offre grandi<br />

onde durante tutto l'anno. Il risultato è una moltitudine di surfisti,<br />

di windsurfisti, come l’ex-campione del mondo Scott McKercher e<br />

di kite surfers come Gabi Steindl.


102<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West


Margaret River, Main Break<br />

Lasse Girolstein:<br />

Ero eccitato dal posto, dalla gente e dalle onde. Dal terrapieno erboso<br />

di fronte al parcheggio si dispone di un punto di osservazione<br />

ideale per verificare lo spot e i suoi dintorni, e questo è esattamente<br />

ciò che fanno più persone. Si incontrano qui Hippies, vecchi<br />

navigatori, viaggiatori, gente in viaggio di nozze, ecc Allo stesso<br />

tempo, è possibile guardare migliori kiters, surfisti e windsurfisti<br />

di tutto il mondo in questo posto unico. Assolutamente fantastico.<br />

L’ngresso per i kiters e windsurfers è difficile perché si deve entrare<br />

attraverso un piccolo canale per evitare la barriera corallina. Le<br />

onde là fuori valgono totalmente la pena, sicuramente alcune delle<br />

migliori onde che io abbia mai surfato.<br />

Continuavamo a essere curiosi di esplorare spot sconosciuti e nascosti…


104<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

Redgate Beach<br />

Lasse Girolstein<br />

Situato lungo la strada da Margaret River si trova Red Gate Beach.<br />

Questa spiaggia ci è stata mostrata da Kitegabi. È una chicca che<br />

funziona solo nelle giuste condizioni, ma se state cercando uno<br />

spot d'onda vuoto e impressionante con onda perfetta dopo onda<br />

perfetta, questo è Red Gate Beach. Findali pazzeschi, acqua turchese<br />

e un tramonto mozzafiato! Siete in Australia, non dimenticate<br />

mai dove state mettendo i piedi! Oltre a varani giganti, ci siamo<br />

anche imbattuti in un serpente velenoso sulla strada per lo spot!


Augusta<br />

Lasse Girolstein:<br />

Questo spot varrà sicuramente la pena, se vi piace l’acqua piatta.<br />

E poter utilizzare tutto lo spazio a vostra disposizione. È uno<br />

dei migliori spot freestyle disponibili con vento costante e acqua<br />

super piatta, e ancora non è stato invaso. Sicuramente è stata la<br />

mia migliore session in acqua piatta. Le condizioni sono perfette,<br />

superbe, qui potrete provare qualsiasi manovra, è come un grande<br />

parco giochi.<br />

Dopo il nostro viaggio a sud, ora stiamo andando verso nord. La<br />

nostra missione rimane di esplorare gli angoli meno conosciuti e<br />

nascosti...


106<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West


Sharkbay e dintorni<br />

Lasse Girolstein:<br />

Insolitamente per l'Australia, questo spot ha una grande varietà<br />

di altri spot nelle immediate vicinanze. Piccoli squali, mante, razze<br />

e delfini, qui li potete vedere tutti, anche se avete solo un paio di<br />

giorni. Noi siamo stati solo un giorno, con vento inferiore ai 20 nodi.<br />

Il vento può soffiare qui tra i 35 ei 40 nodi. Portate le vele piccole e<br />

potrete godere di session quasi in totale solitudine!


108<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

Coronation, a nord di Geraldton<br />

Lasse Girolstein:<br />

Uno spot che non mi è piaciuto a prima vista, ma che ben presto ho<br />

imparato ad amare. Durante la nostra prima visita siamo arrivati ​in<br />

assenza di vento. Dopo qualche mio mugugno, abbiamo continuato<br />

verso Sharkbay. I miei compagni, Axel e Steve, mi hanno convinto<br />

a tornare… grazie a Dio! Lo spot era pieno di Windsurf e kite<br />

surfers che passano qui tantissimo tempo, nonostante la mancanza<br />

di energia elettrica nel campeggio. Questo è uno spot di acqua<br />

piatta, così come con condizioni d'onda di medie dimensioni per chi<br />

vuole imparare il wave riding. Ho passato metà della mia giornata<br />

in windsurf e l'altra metà kite, e avrei ripetuto tutto all’infinito!


110<br />

SPOT GUIDE<br />

Australia - Way out West<br />

BUONO A SAPERSI:<br />

Arrivo:<br />

Buoni collegamenti aerei sia<br />

con Emirates e Singapore Airlines.<br />

Entrambe le compagnie<br />

aeree consentono una sola fermata<br />

a Perth.<br />

Auto e camper a noleggio:<br />

www.britz.com.au<br />

SUGGERIMENTI WEB:<br />

Negozi di windsurf / noleggio:<br />

www.2ndwind.com.au<br />

www.windsurfingperth.com.au<br />

www.sossurf.com.au<br />

I migliori siti per le previsioni del<br />

vento, la temperatura, ecc:<br />

www.seabreeze.com.au<br />

I migliori siti web per le previsioni<br />

delle onde:<br />

www.buoyweather.com<br />

www.fnmoc.navy.mil


112<br />

ITW<br />

Julien Leleu<br />

ITW Roberta Pala<br />

Foto Svetlana Romantsova, Alexandru Baranescu e Courtesy Light Bros


Julien Leleu


114<br />

ITW<br />

Julien Leleu


Nome: Julien Leleu<br />

Data di nascita: 30/08/1994<br />

Home spot: Wissant<br />

Sponsor: RRD / OSSUR CTI / Kitaddict<br />

Anni di kite: 6<br />

Best Spot: Tarifa<br />

Altri sport: wakeboard, surf, skateboard, e tutti gli altri sport.


116<br />

ITW<br />

Julien Leleu


KS_Ciao Julien, raccontaci qualcosa di te ...<br />

JL_Sono francese, ma mi considero un cittadino del mondo. Ho 21<br />

anni e sono un kitesurfer professionista e un video producer.<br />

KS_Com’è nata la tua passione per il kiteboarding?<br />

JL_Ho iniziato grazie a mio padre. Ho sempre vissuto le buone vibrazioni<br />

della spiaggia fin da piccolo, mentre guardavo mio padre<br />

in windsurf o kitesurf ed è diventata una passione nel corso degli<br />

anni.<br />

KS_Dopo l’infortunio, com’è andato il recupero e come stai adesso?<br />

JL_Sfortunatamente ho subito un intervento chirurgico al ginocchio<br />

nel Luglio 2015. Grazie alla federazione francese sono stato in<br />

grado di fare la miglior riabilitazione possibile e di andare in diversi<br />

centri di rieducazione. Dopo 7 mesi di duro lavoro, sono finalmente<br />

tornato in acqua. È stata la sensazione più bella che io abbia mai<br />

provato. Sentirsi di nuovo libero, e più motivato che mai. È stato<br />

difficile mentalmente all'inizio, avevo ancora un sacco di paura, ma<br />

lentamente, un passo alla volta sto tornando come prima. Recentemente<br />

ho ri-trovato alcune buone sensazioni in acqua e sono<br />

pronto ad andare ancora più forte.<br />

KS_Come è stata la gara di Leucate? Sei a tuo agio durante le<br />

competizioni o preferisci le soul sessions?<br />

JL_Tornare alle competizioni dopo infortuni così pesanti è sempre<br />

un po' difficile. Sono tornato alle competizioni subito dopo la riabilitazione<br />

per mettermi anche a confronto con gli altri riders. Ancora<br />

non mi sento al 100% durante le gare per via dell'intervento<br />

chirurgico, ma sono fiducioso poiché il mio ginocchio sta reagendo<br />

bene e sono sicuro che tutto andrà a posto se continuo a lavorare<br />

nel modo giusto. Ma, come tutti sapete, stiamo avendo un sacco<br />

di cambiamenti nel tour di e mi sto anche concentrando su altri<br />

progetti. Ho come obiettivo quello di fare un grande 2017 a livello<br />

di competizioni!<br />

KS_I tuoi sponsor? Com’è cominciato il tuo rapporto con RRD?<br />

JL_Sono davvero molto soddisfatto del mio recente trasferimento<br />

alla famiglia RRD. Tutto è cominciato con un po'di chiamate Skype<br />

con il mio amico Alex Vliege che è il nuovo RRD Team manager.<br />

Dopo la mia riabilitazione volevo trovare uno sponsor che appoggiasse<br />

i miei due progetti come rider, ma soprattutto come produttore<br />

di video. E ho trovato quest’opportunità di firmare con RRD<br />

insieme al mio fratello e socio Forest Bakker.


118<br />

ITW<br />

Julien Leleu<br />

KS_Il tuo amore è il freestyle, ma anche il wave riding, cosa scegli<br />

per le due specialità? Quali sono le caratteristiche che ami dei tuoi<br />

materiali RRD?<br />

JL_Mi piacciono molto le session di freestyle e megaloop anche<br />

un po’ di wave riding su piccole onde è sempre gratificante! Penso<br />

che sia importante essere polivalente e provare nuove sensazioni,<br />

quando si è in acqua. La mia attrezzatura preferita è la Obsession<br />

Pro e la Juice per il freestyle e il Religion per le mie sessions wave!<br />

Quello che mi piace dei materiali RRD è che sono fatti per tutti. A<br />

seconda del livello, del tuo modo di guida, se sei un wave rider, o un<br />

appassionato di big air, un puro freestyler , o anche tutto insieme,<br />

troverete sempre la scelta migliore nei materiali della famiglia RRD.<br />

KS_Qual è il tuo rapporto con gli altri top rider in famiglia RRD? E<br />

cosa ne pensi del "grande capo" Roberto?<br />

JL_Sto davvero bene con i miei compagni di squadra. Tutte le vibrazioni<br />

sono sempre positive e tutti condividono la stessa passione.<br />

In primo luogo il mio migliore amico Forest Bakker, non potrei


essere più felice che sia entrato nel team e di essere in grado di<br />

realizzare progetti insieme con la Light Bros Production. Quindi il<br />

nostro Alex Neto, sempre fortissimo e motivato, e Jerrie Van de Kop<br />

noto per gli enormi megaloops, Abel lago è sempre lì con il sorriso<br />

a dare sempre il massimo in ogni session. È davvero stimolante<br />

lavorare con un uomo così appassionato come Roberto. Quello che<br />

ha raggiunto e il suo team con lui, è semplicemente incredibile. Si<br />

può vedere quando esce con una nuova idea che ha le stelle che<br />

brillano negli occhi e questo ci spinge a fare il meglio che possiamo<br />

per il marchio. È un po' un artista, che ama veramente quello<br />

che sta facendo e questo lo si può sentire quando si provano i suoi<br />

prodotti. Mi hanno accolto nella squadra nel miglior modo possibile<br />

e l’ho apprezzato tantissimo!<br />

KS_Sei giovane, ma quali sono i tuoi progetti per il futuro?<br />

JL_Desidero continuare a competere per alcuni anni e allo stesso<br />

tempo sviluppare la produzione video. Entrambi i progetti sono<br />

perfettamente compatibili e non potrei essere più felice di fare ciò


120<br />

ITW<br />

Julien Leleu<br />

che amo. Light Bros Creative sta crescendo molto bene e in modo<br />

veloce e voglio continuare a fare tutto il possibile per continuare a<br />

far sognare. Sempre cercando di migliorare le mie capacità di produzione<br />

attraverso i nuovi progetti e le diverse esperienze che viviamo.<br />

Sta andando abbastanza bene in questo momento e voglio<br />

continuare ad andare avanti, fino a quando sarà possibile.<br />

KS_Raccontaci di www.lightbroscreative.com con il tuo "bro" Forest<br />

Bakker.<br />

JL_Per me tutto è cominciato tre anni fa quando sono venuto a<br />

vivere a Tarifa con Forest. Ho iniziato a lavorare con lui su diversi<br />

progetti e amato l'idea di avere una comunità di artisti che lavorano<br />

insieme che possano essere anche migliori amici. Ho imparato<br />

molto da Forest, lavorando sempre con lui e ora ci conosciamo così<br />

bene e mi sento felice di lavorare con lui. Ora abbiamo un sacco<br />

di progetti e continuiamo a migliorare e crescere, dando sempre il<br />

meglio di ciò che abbiamo da offrire.<br />

KS_Il viaggio dei tuoi sogni... e perché...<br />

JL_Un viaggio infinito in barca a vela. Perché amo il mare e mi piace<br />

il contatto con la natura allo stato puro. Non c’è niente di meglio<br />

che svegliarsi con la luce di una bella alba in mezzo al mare, ascoltando<br />

le onde e sentendo il vento.<br />

KS_L'importanza della tua famiglia e degli amici in quello che fai...<br />

JL_La famiglia e gli amici sono molto importanti nella mia vita. Soprattutto<br />

nei momenti difficili come gli infortuni, per esempio, sono


122<br />

ITW<br />

Julien Leleu<br />

prattutto nei momenti difficili come gli infortuni, per esempio, sono<br />

sempre lì per controllare che tutto stia andando bene e che tu stia<br />

recuperando presto. Mi hanno sempre aiutato a rimettermi di nuovo<br />

in pista ogni volta che ne ho avuto bisogno e non potrò mai<br />

ringraziarli abbastanza per questo.<br />

KS_Com’è la tua vita al di fuori del kiteboarding, come trascorri le<br />

giornate quando non sei in acqua, ma anche com’è un tuo giorno<br />

di allenamento?<br />

JL_Di solito cerco di andare almeno due ore al giorno in acqua. Se<br />

non è per fare kite, faccio surf o wakeboard. Se no mi trovo a fare<br />

lavoro di produzione. Una tipica giornata di allenamento prevede<br />

la palestra al mattino per continuare a lavorare sul mio ginocchio,<br />

una session nel pomeriggio (in un bel tramonto se sono fortunato)<br />

e un po' di post-produzione durante la notte.<br />

KS_La nostra rivista si chiama <strong>Kitesoul</strong>, perché crediamo che la<br />

nostra anima abbia un solido legame con questo sport. Come ti<br />

senti mentre sei in mare, sia durante una gara o in una session di<br />

freeride al tramonto?<br />

JL_Quando sono in acqua mi sento come se fossi nel mio ambiente,<br />

mi sento libero e mi godo ogni piccolo momento. Durante le<br />

gare cerco di stare concentrato e di divertirmi in acqua, perché è<br />

così che penso di dare il meglio. Una session al tramonto è sempre<br />

magica, ancora di più se è condivisa con gli amici. Questi sono i<br />

momenti in cui ti rendi conto di quanto sei fortunato a vivere la vita<br />

al massimo!


ONE<br />

INFLATABLE<br />

ALL-AROUND/RACING<br />

GLIDE<br />

INFLATABLE/CROSSOVER<br />

ALL-AROUND/TOURING<br />

NALU<br />

INFLATABLE/CROSSOVER<br />

ALL-AROUND/CRUISING<br />

MANA<br />

INFLATABLE/CROSSOVER<br />

ALL-AROUND/WAVE<br />

ALANA<br />

INFLATABLE<br />

ALL-AROUND/WOMEN’S<br />

2016 INFLATABLE SERIES<br />

If variety is the spice of life, Naish makes things extra tasty. With collections for<br />

touring, racing, wave, fitness, inflatables, crossovers and everything in between, there<br />

are plenty of options to fit whatever the conditions call for. Each offered in a variety of<br />

sizes and constructions, Naish boards are engineered to the highest standards with<br />

quality that is built to last. Look through the line-up to find why so many choose Naish<br />

to fill their quiver. For more details on sizes and technical specs, visit NaishSUP.com.


Photo: frankiebees.com, Riders: C. Patterson, M. Schweiger, A. Reickert, A. Baxter, J. Langeree<br />

THIS IS YOUR MOMENT...<br />

SPICE IT UP!<br />

Agenzia per l’Italia: Ocean Avenue . info@oceanavenue.it . +39 328 6442519 NaishStandUpPaddling NaishSUP


126<br />

TRIP<br />

Un paradiso chiamato casa<br />

testo Jessica Winkler | foto WhiteSpace3.ca, Marion Rohe Kaufer, Airvuz, Jessica Winkler


Un paradiso<br />

chiamato casa<br />

Recentemente mi sono trovata<br />

a vivere ancora una<br />

volta su una piccola isola<br />

dei Caraibi, ma questa<br />

volta mi è stato offerto un<br />

lavoro a tempo pieno che<br />

mi ha consentito di ottenere<br />

un permesso di lavoro.<br />

La mia vita è viaggiare in<br />

tutto il mondo, lavorando<br />

nell’insegnamento del kitesurf,<br />

e cercando sempre<br />

il prossimo posto dove andare,<br />

è una cosa divertente,<br />

ma dopo tanti anni si<br />

comincia a sentire voglia<br />

di possedere una casa.<br />

Ho viaggiato in questo<br />

modo per nove anni e mai<br />

mi ero sentita pronta per<br />

l'acquisto di qualcosa che<br />

non potesse entrare in una<br />

sacca kite... Quando mi è<br />

stato offerto un lavoro in<br />

Turks e Caicos, con tanto<br />

di permesso di soggiorno,<br />

ho visto questo come la<br />

mia possibilità di avere<br />

una casa.


128<br />

TRIP<br />

Un paradiso chiamato casa<br />

Q<br />

uando ho messo<br />

piede sulla spiaggia<br />

kite, sono stata<br />

rapita dal colore stupefacente<br />

dell'acqua. Un un<br />

turchese così vibrante che<br />

non sembrava vero. Anche<br />

la parte inferiore delle poche<br />

nuvole riflette il colore<br />

del mare, facendomi<br />

dare una seconda occhiata<br />

per assicurarmi che fosse<br />

vero ciò che i miei occhi<br />

stanno vedendo. La spiaggia<br />

era lunga di sabbia<br />

bianca, con solo le impronte<br />

delle persone pronte a<br />

uscire con i loro aquiloni.<br />

Appena sono uscita per la<br />

mia prima lezione ho scoperto<br />

che il fondo dell'oceano<br />

era 100% solo soffice<br />

sabbia bianca. Non ho<br />

mai visto nulla di simile<br />

in vita mia, era tutto perfetto.<br />

L'acqua, con la bassa<br />

marea, arriva appena<br />

sopra il ginocchio e con<br />

l'alta marea fino alla mia<br />

spalla. Dopo aver completato<br />

il mio primo giorno di<br />

lavoro, ho deciso che questo<br />

era il posto per me.<br />

Cercare di trovare una<br />

casa in affitto a lungo termine<br />

è un po' impegnativo.<br />

L'isola è abitata solo<br />

da 33 mila persone e non<br />

è molto sviluppata. La<br />

maggior parte delle case<br />

sono affittate per notte o<br />

settimanalmente per i turisti.<br />

Così, quando un amico<br />

mi ha detto di una casa<br />

sul porto turistico quella<br />

mattina, ho chiamato e<br />

l’ho presa immediatamente.<br />

Non importava nulla<br />

di come potesse essere,<br />

era importante che potessi<br />

permettermelo. Quando<br />

ho visto il mio nuovo<br />

appartamento per la prima<br />

volta ho quasi pianto.<br />

Avevo una bella camera da<br />

letto nell’appartamento al<br />

piano terra, proprio sulla<br />

marina. C’erano due catamarani<br />

ormeggiati, un ristorante<br />

italiano e un pub.<br />

Voglio dire, chi potrebbe<br />

chiedere di più! La mattina,<br />

quando mi siedo fuori<br />

e bevo il mio caffé, guardo<br />

i turisti eccitati, salire a<br />

bordo del catamarano per<br />

una gita di un giorno. Di<br />

notte mi siedo con un bicchiere<br />

di vino e ascolto la<br />

band che suona al pub e<br />

guardo la gente che balla.<br />

È un ottimo modo per vi-<br />

vere e non ci si sente soli.<br />

La cosa migliore di Turks<br />

e Caicos è la gente. Tutti<br />

sono così cordiali e ho<br />

trovato molti amici qui,<br />

e sento che sono davvero<br />

felici di passare del tempo<br />

con me. Trovo che nessuno<br />

abbia un atteggiamento<br />

come se fosse meglio<br />

di chiunque altro, sanno<br />

semplicemente godersi la<br />

vita dell'isola beata. Recentemente<br />

ho fatto amicizia<br />

con i ragazzi del wakeboarding<br />

(http://www.<br />

nautiquesports.com/) che<br />

mi hanno gentilmente invitato<br />

a varie escursioni<br />

in barca. Il wakeboard è<br />

il miglior complemento al<br />

kiteboarding qui sull'isola.<br />

Nei giorni di non vento<br />

l'oceano è piattissimo,<br />

poco profondo e limpido.<br />

È una sensazione incredibile<br />

poter scivolare<br />

sull'acqua e vedere una<br />

tartaruga o una razza sotto<br />

di voi, mentre si passa<br />

tra le mangrovie.<br />

Negli altri giorni di non<br />

vento ci piace andare in<br />

stand up paddle attraverso<br />

le mangrovie dell'isola.<br />

Sono andata un paio


130<br />

TRIP<br />

Un paradiso chiamato casa<br />

di volte con i ragazzi di<br />

SUP Provo (http://supprovo.com/)<br />

e imparato tutto<br />

circa l'importanza delle<br />

mangrovie e di come siano<br />

importanti per i pesci.<br />

Mi piace andare quando<br />

la marea è bassa perché<br />

si possono vedere tanti diversi<br />

tipi di pesce, cuccioli<br />

di squalo e tartarughe.<br />

È una cosa da fare con gli<br />

amici quando ti vengono a<br />

trovare... C'è anche un'altra<br />

area chiamata Chalk<br />

Sound. Si tratta di una laguna<br />

naturale libera dalle<br />

alghe, l'acqua è perfetta,<br />

la vedrete quando si arriva<br />

in aereo perché si trova<br />

vicino all'aeroporto. Nessun<br />

mezzo a motore è permesso<br />

in questa zona, per<br />

cui non resta che prendere<br />

da bere ed esplorare…<br />

Le isole Turks e Caicos<br />

sono costituite da quaranta<br />

diverse isole, quelle abitate<br />

sono solo otto. Questo<br />

fa sì che ci siano ancora<br />

molte zone inesplorate per<br />

il kite, e si possono scoprire<br />

viaggiando su un hovercraft.<br />

Recentemente TCI ha<br />

un nuovo business chiamato<br />

Hover TCI. Ho avuto<br />

la fortuna di uscire con<br />

John, il pilota, per un test<br />

drive attraverso le mangrovie<br />

e vedere quali aree<br />

abbiamo potuto raggiungere<br />

che potessero essere<br />

adatte al kiteboarding.<br />

Poiché la maggior parte<br />

delle isole è circondata da<br />

acqua poco profonda, tali<br />

imbarcazioni sono le uniche<br />

in grado di navigare<br />

e l’hovercraft è un mezzo<br />

interessante per scoprire<br />

nuovi spot. Stiamo ancora<br />

lavorando sulla ricerca di<br />

queste baie e non vedo l’ora<br />

di uscire di nuovo alla


scoperta di nuovi spot.<br />

L'unica cosa che ho imparato<br />

subito di TCI è come<br />

imprevedibile possa essere<br />

il vento. Il vento circonda<br />

l'isola come a Mauritius.<br />

Quando proviene<br />

da NNE - SE possiamo fare<br />

kite a Long Bay, dove ci<br />

sono le scuole. Quando è<br />

NO o N possiamo andare<br />

verso la barriera corallina<br />

e giocare con le onde,<br />

per cui vi sono un sacco<br />

di opportunità per il kitesurf.<br />

La cosa interessante<br />

è che non si sa mai che dimensione<br />

di vela portare<br />

in spiaggia. Si può usare<br />

dalla 17 mq fino a una 9<br />

mq nella stessa giornata.<br />

Personalmente ho solo un<br />

7 mq e un 10.5 mq Così<br />

ho iniziato a imparare ad<br />

usare il foil nei giorni di<br />

vento leggero. È una grande<br />

alternativa al doversi<br />

portar dietro un gigantesco<br />

aquilone. Uno degli<br />

istruttori che lavora con<br />

me al KiteProvo (http://kiteprovo.com/)<br />

è veramente<br />

bravo con il foil, è divertente<br />

da guardare e per<br />

prendere ispirazione. È<br />

bello lavorare a Long Bay,<br />

ci sono cinque pro riders<br />

che insegnano qui e molti<br />

altri vengono spesso a trovarci.<br />

Ci sono anche molte<br />

donne e così l'atmosfera è<br />

divertente, positiva e motivante.<br />

Sono così fortunata a lavorare<br />

con una grande<br />

squadra, e facciamo molte<br />

altre cose assieme, come<br />

giocare a pallavolo, fare<br />

snorkeling o andare a pesca.<br />

Ho scoperto che amo<br />

la pesca! È così divertente<br />

uscire su una barca dalla<br />

quale si può ammirare l'isola<br />

da una certa distanza


132<br />

TRIP<br />

Un paradiso chiamato casa<br />

e spesso vedere delfini,<br />

balene e altri grandi pesci.<br />

Qui c’è un famoso delfino<br />

chiamato Jojo, è molto<br />

interattivo con la gente<br />

e ama nuotare fino alla<br />

vostra barca e farsi vedere.<br />

Alcune volte si avvicina<br />

un po' troppo all’elica<br />

e, infatti, sul suo corpo<br />

c’è una piccola cicatrice,<br />

ma il suo atteggiamento è<br />

come tutti qui, giocoso e<br />

felice. Appena a sinistra<br />

del parco giochi di Jojo,<br />

c’è un posto ottimo per la<br />

pesca del dentice. Un giorno<br />

ne ho presi quattro ed<br />

ero così eccitata che volevo<br />

subito andare a fare<br />

un’uscita di pesca d’altura,<br />

così ho chiamato il capitano<br />

Levardo, per uscire<br />

con Talbots Adventures


(http://talbotsadventures.<br />

com/). Levardo è un vero<br />

pescatore, ha vinto numerosi<br />

derby di pesca qui<br />

sull'isola ed è ben noto per<br />

la cattura del blu marlin,<br />

pesce vela, tonno pinna<br />

gialla, mahi mahi, wahoo<br />

e ricciole. Purtroppo non<br />

ho ancora preso un pesce<br />

grosso, ma ho intenzione<br />

di continuare a provare.<br />

Turks e Caicos è il luogo<br />

ideale per una persona<br />

che ama l'acqua, per vivere<br />

ogni giorno godendo dei<br />

doni della natura. Non c'è<br />

posto migliore da chiamare<br />

casa e v’invito a venire<br />

a trovarmi, per condividere<br />

con me tutto questo! :)


134<br />

TECH<br />

Sky Solbach - Shape delle tavole wave<br />

SKY SOLBACH<br />

Shape delle tavole wave<br />

ITW e foto Axel Reese/reemedia.de/liquideye


136<br />

TECH<br />

Sky Solbach - Shape delle tavole wave<br />

Smallow Tail<br />

Square Tail<br />

AR_Sky, quali tipi di outline e poppa esistono?<br />

Sky Solbach_Ci sono un sacco di diverse outline<br />

e forme della poppa che è possibile utilizzare<br />

per creare una tavola con le caratteristiche di<br />

prestazioni desiderate. In generale, più una outline<br />

è dritta e lunga, più bloccata e orientata al<br />

controllo, sarà la tavola. Viceversa, più curva ci<br />

sarà nella outline, più la tavola sarà facile e veloce<br />

da far girare. Ovviamente, si deve anche trovare<br />

l'equilibrio tra outline, rocker, forma del rail e<br />

posizione delle pinne per mettere a punto il tipo<br />

di sensazione che si vuole raggiungere. Un pintail,<br />

ad esempio, si presta bene a una tavola con<br />

una outline lunga e retta, dove non si cerca molta<br />

superficie sulla poppa, quindi l’ideale per il controllo<br />

della velocità, piuttosto che per crearla, ed<br />

è il tipo di poppa che si vede nelle grandi tavole<br />

wave. Lo squash tail, d’altra parte, consente un<br />

sacco di larghezza nella poppa, che aiuta il rider a<br />

creare velocità nelle onde piccole e meno potenti.<br />

Questi sono solo due esempi, le combinazioni<br />

sono infinite! (Guardate gli scatti con gli esempi,<br />

ndr).<br />

Rounded Tail<br />

Squash Tail


AR_Quali lunghezze, per quali kiters e quale<br />

campo di applicazione?<br />

Sky Solbach_A seconda del tipo di disegno di cui<br />

stiamo parlando, ci sono molte lunghezze e dimensioni<br />

delle tavole... Per una shortboard "standard"<br />

(con prua a punta), io di solito consiglio alle<br />

persone di iniziare con una tavola che sia più o<br />

meno alta come il rider. Per i disegni CSC, il punto<br />

di partenza va tenuto circa 6 a 8 pollici in meno.<br />

Sky Solbach_La forma della parte inferiore svolge<br />

un ruolo cruciale in termini di prestazioni di<br />

una tavola. Un tipico concavo singolo essenzialmente<br />

consente di appiattire la curva attraverso<br />

la linea centrale della tavola, mantenendo più<br />

curva sopra il rail. Il risultato è, ovviamente, che<br />

quando si affronta un bottom, la tavola avrà un<br />

raggio di curvatura più stretto. Cerco di adottare<br />

un approccio molto logico nel realizzare il profilo<br />

del bottom, semplicemente pensando a quello<br />

che sto cercando di realizzare e più s’inizia a visualizzare<br />

come una tavola gira e funziona quanto<br />

più il profilo assume un senso. Il Nugget è un<br />

grande esempio di una tavola con un profilo del<br />

bottom complesso e un approccio progettuale<br />

molto logico. Ha la prua e la poppa a forma<br />

di V, che sostanzialmente conferisce più nose e<br />

tail rocker sopra la linea del rail (è più veloce, più<br />

sensibile nel turn). Allo stesso tempo, ha anche<br />

un super profondo doppio concavo che parte dal<br />

centro e canalizza l’acqua verso le pinne (e questo<br />

dà alla tavola, controllo e aderenza). Grazie a<br />

questo doppio concavo, che aggiunge così tanto<br />

grip e controllo, posso incorporare un sacco di<br />

curva nell’outline, che lavora in simmetria con il<br />

rail rocker aggiunto, per aiutare la tavola a girare<br />

in modo strettissimo. (Guardate gli scatti con gli<br />

esempi, ndr).


138<br />

TECH<br />

Sky Solbach - Shape delle tavole wave<br />

AR_Scoop-Rocker-line?<br />

Sky Solbach_Ho sempre pensato al rocker come<br />

curve multiple. C’è la center line rocker, il rocker<br />

del rail, e si ha il rocker in mezzo. Paragono sempre<br />

come i miei profili del bottom (V, concavo,<br />

convesso, ecc) lavorano con le mie linee rocker<br />

sul rail, centro e tra le due. È inoltre necessario<br />

trovare il giusto equilibrio tra rocker e curvatura<br />

della outline, e questo può essere un compito<br />

molto noioso quando si sviluppa un nuovo design.<br />

Non si può semplicemente prendere qualsiasi<br />

rocker e applicarlo a un nuovo profilo. Semplicemente<br />

non funziona. È necessario sviluppare<br />

il rocker in modo che corrisponda alla outline e<br />

viceversa. Questo include tener conto del bottom<br />

shape. Tutto deve lavorare in armonia. (Guardate<br />

gli scatti con gli esempi, ndr).<br />

AR_Rails?<br />

Sky Solbach_Generalmente, i rail più rotondi,<br />

sono più tolleranti e quelli meno rotondi creano<br />

più aderenza. Questa è la ragione per cui si vedono<br />

tails/poppe di tavole da surf con bordi quadrati<br />

e delle prue totalmente tonde, 50/50 rails.<br />

Anche lo spessore del rail e l’apice del rail svolgono<br />

un ruolo importante in termini di prestazioni di<br />

una tavola. Rails più spessi hanno più deflessione<br />

(rimbalzano via l'acqua) rispetto a rails più sottili,<br />

che sono ottimali per la creazione di velocità in<br />

piccole onde, ma che non vorrei mai su una grande<br />

tavola wave in cui si abbia bisogno di controllare<br />

la velocità. Spostando l’apice del rail verso<br />

l'alto o verso il basso (rail alto / rail basso) è anche<br />

possibile regolare con precisione come si gestirà<br />

la tavola. I rail sono come "antenne" in acqua e<br />

quando progetto una tavola, cerco di visualizzare<br />

come la forma del rail influisce sulle prestazioni e<br />

progetto la forma del rail per adattarla ogni modello.<br />

(Guardate gli scatti con gli esempi, ndr).


140<br />

TECH<br />

Sky Solbach - Shape delle tavole wave<br />

AR_Pinne?<br />

Sky Solbach_Il posizionamento delle pinne è un<br />

aspetto cruciale ma spesso trascurato del design<br />

tavola da surf. Ci sono un numero infinito di configurazioni<br />

che offrono una vasta gamma di feeling<br />

e prestazioni. Di seguito sono riportati alcuni<br />

esempi di diverse configurazioni e dei loro effetti<br />

sulle prestazioni.<br />

Thruster (3 pinne):<br />

Lo spostamento delle scasse delle pinne più vicine<br />

tra loro, si traduce in un raggio di curvatura più<br />

stretto e una sensazione più sciolta.<br />

Allontanandoli, si ha un maggior impulso e tenuta<br />

quindi un più ampio raggio di sterzata.<br />

Le pinne più vicine alla poppa, danno più presa,<br />

messe più in avanti, danno la sensazione di essere<br />

meno collegati.<br />

Quad (4 pinne):<br />

Il quad più vicino al rail offre una guida più veloce<br />

con più grip/accelerazione quando si è sul rail,<br />

ma meno sensazione di essere connessi, quando<br />

si è in velocità.<br />

Spostare il quad più vicino alla linea centrale ti dà<br />

una sensazione di essere più connessi e più lenta,<br />

simile al thruster.<br />

AR_Introdurre un angolo più sopraelevato<br />

(con pinne inclinate verso rail)?<br />

Sky Solbach_In questo modo si è più sciolto e<br />

“draggy” ad alta velocità, ma offre una risposta<br />

diretta alle velocità più basse e quando si pompa<br />

per generare velocità (ed è buono per piccole<br />

onde). Più toe angle (la parte davanti delle pinne<br />

è inclinata verso la linea centrale della tavola)<br />

consente alle pinne di operare con un angolo<br />

maggiore di attacco, che rende meglio per generare<br />

velocità in piccole onde.<br />

Lo sviluppo delle tavole richiede continui test e<br />

le pinne sono solo una delle molte variabili che<br />

contribuiscono a creare una tavola ad alte prestazioni.<br />

Comprendere gli effetti che le differenti<br />

posizioni delle pinne hanno sulle prestazioni è la<br />

chiave per raggiungere il giusto equilibrio tra tavola<br />

e pinne.


AR_Quali pinne utilizzi specificamente<br />

per il kitesurf?<br />

Sky Solbach_Io, di solito, uso una pinna rigida<br />

con un po' di rake. Mi piace una pinna che ha un<br />

aspetto molto positivo e prevedibile. Non mi sono<br />

mai piaciute molto le pinne che sono veramente<br />

scattanti e si perdono facilmente. Penso che<br />

nel kitesurfing generalmente surfiamo in modo<br />

piuttosto veloce, quindi è bello avere una pinna in<br />

grado di tenere il passo con quello stile.<br />

AR_Quanto è importante il materiale<br />

della pinna?<br />

Sky Solbach_Il materiale è super importante per<br />

i diversi flex possibili. Una pinna di plastica non<br />

sarà mai paragonabile, in termini di prestazioni,<br />

a una pinna in fibra di vetro, perché si piega e<br />

twista, ed è la pinna che in assoluto da il feeling<br />

meno immediato quando la usi. Le pinne in carbonio<br />

possono essere veramente ottime e reattive<br />

se sono fatte correttamente e il carbonio è utilizzato<br />

in combinazione con fibre di vetro. Quelle<br />

in G-10 o le pinne in fibra di vetro sono ottime per<br />

il kitesurf, perché hanno un grande mix di rigidità<br />

e flex reattivo. Le mie preferite sono di solito in<br />

fibra di vetro. Le Resin Transfer Molded fins (RTM)<br />

sono ottime per le prestazioni di medio utilizzo.


142<br />

TECH<br />

Sky Solbach - Shape delle tavole wave<br />

AR_Paraffina?<br />

Sky Solbach_Mi piace surfare con la paraffina. Ha<br />

una certa morbidezza e viscosità che è confortevole<br />

e prevedibile. Può essere difficile a volte,<br />

soprattutto quando si viaggia in luoghi con temperature<br />

diverse, ma quando si ha la paraffina<br />

giusta, ci si sente veramente bene.<br />

AR_Footpads?<br />

Sky Solbach_Usare i footpads è certo più facile<br />

della paraffina, senza dubbio ottimo per il riding<br />

strapped dove non si ha bisogno di muovere i<br />

piedi un sacco. Bisogna però considerare che stai<br />

aggiungendo peso alla tavola e devi avere un pad<br />

che copre l’intera tavola, per il surf strapless, è un<br />

po’ eccessivo secondo me. Conosco comunque<br />

persone che amano surfare con i rilievi del pad.


SKY SOLBACH<br />

Shape delle tavole wave


144<br />

PRE EVENTO<br />

Kite Babes - Kite camp solo per donne<br />

KiTE Babes<br />

KITE CAMP SOLO PER DONNE<br />

testo e foto Courtesy Hang Loose Beach<br />

Kite Babes è giunto alla sua quarta edizione. Il<br />

kite camp dedicato alle riders femminili, sarà a<br />

Gizzeria, dal 1 al 7 Agosto, presso il famoso HangLooseBeach.<br />

Per coloro che ancora non hanno<br />

familiarità con questo formato, che è già un appuntamento<br />

fisso a Hang Loose Beach, si tratta<br />

di un camp che coinvolge le partecipanti per<br />

un'intera settimana, ed è aperto a tutti i livelli di<br />

abilità: principiante, intermedio e avanzato. Questa<br />

combinazione ha dimostrato, nel corso degli<br />

anni, di essere un grande successo, confermato<br />

dalla registrazione di un gran numero di ragazze<br />

provenienti da tutta Europa, e confermato dai risultati<br />

ottenuti nel camp, con la sua grande capacità<br />

di riunire donne di diverse età e nazionalità,<br />

permettendo loro di condividere, imparare e migliorare,<br />

la bellissima disciplina del kitesurf.<br />

Kite Babes non è solo sport!<br />

Infatti, nelle tre edizioni già svolte, abbiamo visto<br />

nascere e crescere amicizie, abbiamo visto sorrisi<br />

e momenti di relax e convivialità tra le donne e le<br />

ragazze provenienti da mondi diversi e tradizioni


condivise.<br />

La didattica è affidata ai top rider della scena internazionale<br />

del Kitesurf. Quest'anno tocca alla<br />

Campionessa del Mondo wave, Jalou Langeree,<br />

avere il compito di insegnare alle ragazze questo<br />

meraviglioso sport. Per supportare gli atleti,<br />

l'intero HangLooseBeach, Scuola Kitesurf internazionale,<br />

si compone di 6 istruttori FIV, 5 nuove<br />

barche e le più moderne attrezzature RRD a<br />

disposizione.<br />

Questo bel progetto è ovviamente reso possibile<br />

dalla probabilità di vento che è garantita a Gizzeria.<br />

C'è un vento termico tra i 14 e i 16 nodi che<br />

consente al 90% delle ragazze di raggiungere gli<br />

obiettivi che volevamo ottenere quando si sono<br />

registrate per il camp.<br />

Aspettiamo le iscrizioni per la prossima stagione,<br />

anche tu puoi partecipare all’avventura!


146<br />

TECH<br />

Scegli la tua tavola<br />

Scegli<br />

la tua tavola<br />

Che cosa decidi di mettere tra te e l'acqua?<br />

La scelta effettuata contribuirà notevolmente<br />

al successo o al fallimento e può fare la<br />

differenza tra una buona session e una<br />

magnifica. Utilizzare lo strumento giusto è<br />

indispensabile quando si tratta di progredire!


testo Alex Vliege | foto Svetlana Romantsova


148<br />

TECH<br />

Scegli la tua tavola<br />

La scelta di una tavola può essere un compito<br />

arduo. Ci sono così tante proposte sul mercato<br />

oggi, per cui come si può sapere che la decisione<br />

è quella giusta? La chiave è di trovare ciò che<br />

funziona meglio per voi, allora potete farvi alcune<br />

semplici domande.<br />

Perché il kitesurf? Qual è il tuo obiettivo in questo<br />

sport? Vuoi cavalcare nel tramonto? Sei dipendente<br />

dalla velocità e vuoi correre? Sei interessato<br />

solo a saltare sulla luna? Vuoi rigorosamente<br />

solo cavalcare le onde? O speri di competere nel<br />

tour mondiale freestyle? Forse un po' di tutto?<br />

Sapere perché si fa kite e che cosa vi ha portato<br />

in questo sport determinerà quale disciplina sarà<br />

la migliore per voi. Capire la disciplina di scelta<br />

influenza notevolmente quale tavola si desidera<br />

scegliere. La maggior parte dei kiters ha interessi<br />

multipli in diversi aspetti di questo sport per cui è<br />

importante avere la tavola giusta per le condizioni<br />

giuste. Proprio come abbiamo bisogno di una<br />

gamma di aquiloni per le condizioni in continuo<br />

cambiamento, è anche consigliabile avere una<br />

scelta di tavole.<br />

Alcune scelte sono più evidenti di altre. Per esempio,<br />

se si vuole aggredire le strutture del park,<br />

come kicker e cursori, una tavola da surf non è<br />

certo la scelta giusta per voi. A differenza dell'esempio,<br />

la maggior parte delle opzioni non sono<br />

così evidenti. Vediamo alcune discipline e le caratteristiche<br />

associate delle tavole.<br />

Freeride<br />

Cruising. Si resta in acqua. Alcuni piccoli salti, carving<br />

solido. Tipicamente, le tavole orientate verso<br />

questa disciplina sono più morbide. Davvero<br />

comode da guidare in condizioni choppy grazie<br />

al morbido flex. L'obiettivo è di rendere il più piacevole<br />

possibile la vostra uscita.<br />

All-round<br />

Un po' di tutto, una tavola tutto fare. Decente


a tutto, ma non fenomenale in una direzione o<br />

nell'altra. Flex medio.<br />

Freestyle<br />

Di solito il più ricco di variazioni, con materiali di<br />

fascia alta utilizzati nella tavola come la fibra di<br />

carbonio. Offre il massimo delle prestazioni ed è<br />

fatta per fornire buon pop. A volte il riding con<br />

queste tavole può essere un po’ più “ruvido” perché<br />

sono fatte per le massime prestazioni. Non è<br />

il massimo del comfort.


150<br />

TECH<br />

Scegli la tua tavola<br />

Wakestyle<br />

Tavole con molto rocker. Fatte per colpire le strutture.<br />

In genere più spesse e pesanti, perché, nella<br />

costruzione dei wakeboard il carico viene messo<br />

sulla tavola quando si indossano i boots, si va sui<br />

rail, o si colpiscono i kickers.<br />

Surf<br />

C’è una quantità folle di forme di tavole e di dimensioni<br />

per le onde, ma sono tutte cose importanti.<br />

Le condizioni in cui si surfa, sono fondamentali<br />

quando si tratta di tavola da surf. È necessario<br />

immergersi ancora di più nella classificazione di<br />

queste tavole, per capire quale forma e dimensione<br />

vada bene per voi.


Ora che è possibile individuare quale tipo di tavola<br />

si dovrebbe avere per la disciplina desiderata,<br />

è tempo di prendere in considerazione un’altra<br />

componente chiave. Le condizioni. Che tipo di<br />

condizioni avrete nelle vostre normali sessions? È<br />

fondamentale prendere in considerazione questo<br />

perché anche se si è un rider freestyle e si beneficia<br />

dalla tavola più rigida sul mercato con il più<br />

grande pop, se le condizioni normali di riding non<br />

sono di acqua extra piatta per tutto il tempo, la<br />

tavola sarà tutt'altro che ideale per essere cavalcata.<br />

Dovrete continuamente combattere e il vostro<br />

progresso potrebbe soffrire della sua natura,<br />

e sentirvi sempre a disagio. In questo esempio,<br />

sarebbe saggio avere una tavola più morbida, più<br />

tollerante, una tavola freestyle. Anche se il pop<br />

non può essere il migliore sul mercato, in quanto<br />

la tavola sarà l'ideale per le vostre condizioni, i<br />

progressi si faranno sulla corretta tavola più velocemente<br />

e in modo più consistente rispetto a<br />

quelli che si farebbero con una tavola rigida, che<br />

sarebbe terribile da condurre nelle condizioni non<br />

adatte.<br />

Infine, una volta che avete capito che tipo di tavola<br />

e le condizioni sarete a cavallo, allora si dovrà<br />

capire anche quale dimensione scegliere. Le<br />

condizioni giocheranno un ruolo anche in questo.<br />

Se ci si trova in una zona di vento leggero, allora<br />

si avrà bisogno di una superficie più grande su<br />

cui stare e quindi una tavola più grande. Il peso e


152<br />

TECH<br />

Scegli la tua tavola<br />

l'uso desiderato della tavola, determinerà anche<br />

la vostra scelta. Se siete un rider grande e pesante,<br />

avrete bisogno di una tavola più grande che<br />

possa sostenere il peso aggiunto, se siete molto<br />

leggeri e/o piccoli, servirà una tavola più piccola.<br />

Se sei un piccolo cavaliere di wakestyle, si può<br />

decidere che si desideri una superficie più grande<br />

per atterrare. Se si è focalizzati sul big air, si cercherà<br />

una tavola piccola e un grande aquilone.<br />

Considerate tutto questo e fate la scelta migliore.<br />

Una volta che avete capito questi fattori determinanti,<br />

è il momento di iniziare lo shopping. Trovate<br />

un paio di tavole all'interno del vostro budget<br />

che si adattino ai parametri di cui sopra e assicuratevi<br />

di fare una ricerca accurata delle tavole!<br />

Leggete le recensioni online, i test delle riviste,<br />

e rivolgetevi al negozio locale per determinare<br />

quale scelta funzioni meglio per voi.<br />

Se ci si prende il tempo giusto e ci si mette un po’<br />

di sforzo per determinare qual è la tavola giusta<br />

per voi, sarete ricompensati con una straordinaria<br />

esperienza, il maggior potenziale e una progressione<br />

di successo e, soprattutto, otterrete il<br />

massimo divertimento dalle vostre uscite!


KITE BEACH SCHOOL<br />

LOUNGE BAR & RESTAUTANT<br />

A paradise for kitesurfers , an oasi in the desert<br />

Services available at the center :<br />

lessons for all levels | rental & storage | kids area | sunbeds area<br />

professional potographer | lounge bar & restaurant<br />

More info at:<br />

www.mitudjokiteschoolcaboverde.com - kiteschoolcaboverde@gmail.com


154<br />

PRODUCT FOCUS<br />

F-One Hydrofoil 2016<br />

Product focus<br />

F-One Hydrofoil 2016<br />

testo e foto courtesy F-One<br />

www.f-onekites.com<br />

Dopo anni di sviluppi e una promettente<br />

prima stagione nel<br />

mondo Foil, F-One ha presentato<br />

la nuova gamma di hydrofoil<br />

per il 2016!<br />

4 hydrofoil completi, 2 famiglie:<br />

KITEFOIL FREERIDE 800 HY-<br />

BRID (alluminio / carbonio)<br />

KITEFOIL FREERIDE 600 HY-<br />

BRID (alluminio / carbonio)<br />

KITEFOIL FREERIDE 600 CAR-<br />

BON<br />

KITEFOIL RACE GRAND PRIX<br />

CARBON<br />

Accessibile e realmente progressivo,<br />

il KITEFOIL F-ONE è la<br />

nuova arma, non solo per navigare,<br />

ma veramente per volare<br />

sopra l'acqua.<br />

Il Foiling è più di una nuova disciplina,<br />

è un mondo completamente<br />

nuovo. Il kitefoil F-ONE è<br />

stato sviluppato con i riders più<br />

esperti di foil e ogni elemento<br />

della lamina è stato progettato<br />

per offrire la migliore esperienza<br />

che si possa immaginare in<br />

acqua sia che si stia per iniziare<br />

o se si è già in grado di padroneggiare<br />

la magia del foilboard.<br />

Con l'innovazione profondamente<br />

radicata nel suo DNA, il<br />

team di F-ONE ha lavorato instancabilmente<br />

per la progettazione,<br />

l’ingegneria, i test e<br />

l’ottimizzazione di questo nuovo<br />

importante elemento dell’attrezzatura.<br />

Le forme e i profili<br />

sono stati accuratamente selezionati<br />

e ottimizzati da un designer<br />

navale che lavora in F-ONE<br />

e il concetto di montaggio della<br />

lamina è stato completamente<br />

ripensato a favore della facilità<br />

d'uso.<br />

Tutti gli hydrofoil di F-One sono<br />

dotati di:<br />

- Dispositivo di connessione veloce<br />

(in attesa del brevetto monovite,<br />

sistema di facile montaggio)<br />

- Bottom Full carbon: ala + fusoliera<br />

+ stabilizzatore<br />

I Kitefoil hybrid freeride sono<br />

realizzati con albero in alluminio<br />

e carbonio nella parte inferiore<br />

(ala / fusoliera / stab). Siamo<br />

l'unico marchio a offrire questa<br />

combinazione. Ci dà un reale<br />

vantaggio: la costruzione di<br />

alta qualità, e i materiali di alta<br />

qualità per prestazioni impressionanti.<br />

La lamina Freeride è<br />

costruita in alluminio e carbonio<br />

ed è super accessibile per godere<br />

di tutte le sensazioni del foil<br />

qualunque sia il vostro livello.


Hybrid Aluminium/Carbon<br />

Freeride 600<br />

Programma: allround freeride<br />

Mast in alluminio 90cm - Alettone anteriore in<br />

carbonio Freeride 600 - fusoliera SST carbonio<br />

Freeride 42cm - stabilizzatore Carbon Freeride<br />

300cm² - KF-Box<br />

Facile da usare, offre grandi prestazioni allround<br />

freeride.<br />

Hybrid Aluminium/Carbon<br />

Freeride 800<br />

Programma: Principiante / scuola / freeride<br />

Mast in alluminio 90cm - Alettone anteriore in<br />

carbonio Freeride 800 - fusoliera SST carbonio<br />

Freeride 42cm - stabilizzatore Carbon Freeride<br />

300cm² - KF-Box<br />

Per divertirsi, qualsiasi livello si abbia.


156<br />

PRODUCT FOCUS<br />

F-One Hydrofoil 2016<br />

Carbon Freeride 600<br />

Programma: prestazioni Freeride<br />

- Albero in carbonio 95cm - Alettone anteriore in<br />

carbonio Freeride 600 - fusoliera SST carbonio<br />

Freeride 42cm - stabilizzatore Carbon Freeride<br />

300cm² - KF-Box<br />

Con gli stessi componenti della ALUMINIUM FRE-<br />

ERIDE 600 ma con un albero in carbonio più lungo,<br />

questa combinazione porta al passo successivo<br />

e offre prestazioni elevate senza richiedere<br />

competenze da pro.<br />

Carbon Race Grand Prix<br />

Programma: Pro<br />

- Mast Full Carbon Race 105cm - Front Wing Carbon<br />

Race 510 - fusoliera SST Carbon 38cm - stabilizzatore<br />

Carbon Race 210cm² - KF-Box<br />

Componenti aggiuntivi Foil:


F-ONE FOIL, punti chiave extra:<br />

Tutti i nostri componenti foils sono intercambiabili<br />

e compatibili con gli attuali full carbon freeride<br />

hydrofoil. Contrariamente, per il nostro modello<br />

corrente, al momento, lo stabilizzatore e la fusoliera<br />

possono essere presi a parte e connessi grazie<br />

a due viti.<br />

CARVING 600 wing:<br />

Ideale per grandi manovre carving e waveriding<br />

stab freeride<br />

stab race<br />

wings F600<br />

wings F800<br />

wings C600<br />

wings R510


BIGSPIN<br />

158<br />

STRAPLESS MOVES<br />

BIGSPIN<br />

Se hai imparato il 180 e 360 ​shove it, il prossimo<br />

passo dovrebbe essere quello di passare a un<br />

Bigspin. Anche se sembra abbastanza semplice,<br />

può essere po' difficile da capire in un primo momento,<br />

ma è una buona variante per progredire.<br />

Anche se è abbastanza semplice, è ancora necessario<br />

avere ben saldi i principi fondamentali.<br />

Idealmente, ormai, essere tranquilli nel riding<br />

straplesse e aver imparato il 180 e la 360 shove<br />

it. Avere un po' di background di freestyle può<br />

Testo Keahi de Aboitiz | Foto James Boulding


DI Keahi De Aboitiz<br />

essere utile per l'ultima parte della rotazione.<br />

Anche se, per la maggior parte delle manovre<br />

strapless, più vento c’è meglio è, con qualsiasi<br />

tipo di variazione dello shoveit, il vento leggero,<br />

in realtà, può essere un vantaggio, e una<br />

tavola leggermente più pesante, può anche<br />

essere utile quando s’impara questa manovra.<br />

Poiché si è staccati dalla tavola,<br />

più forte il vento più rischiate che la<br />

tavola voli via.


160<br />

STRAPLESS MOVES<br />

BIGSPIN<br />

BIGSPIN - KEAH<br />

Step 1: Cercare il giusto decollo<br />

Anche se un Bigspin può essere<br />

eseguito praticamente ovunque,<br />

per i vostri primi tentativi, vi<br />

consiglio di farlo in acqua piatta<br />

o con un piccolo chop. Anche se<br />

sarà difficile poppare in acqua<br />

piatta, l’atterraggio sarà molto<br />

più facile.<br />

Step 2: Stacco<br />

Per questa particolare manovra,<br />

non si ha realmente bisogno<br />

di altezza, ma è necessario un<br />

pop decente. Andate a velocità<br />

media, con il vostro aquilone a<br />

ore 11:00. È possibile muovere<br />

l'aquilone un po' per rendere<br />

più facile il pop, ma assicuratevi<br />

che non attraversi le ore 12:00.<br />

Orzata decisa e pressione sul<br />

piede posteriore, per ottenere<br />

un buon pop. A me piace tenere<br />

la mano staccata dalla barra,<br />

per aiutarmi con l’equilibrio.<br />

Step 3: Avvio della rotazione<br />

Se avete imparato il 180 shove<br />

it, allora avete una buona idea<br />

di come funzioni la rotazione.<br />

Dopo che vi siete staccati<br />

dall’acqua, cercare di mantenere<br />

la vostra tavola con un<br />

angolo di 45 gradi e con il piede<br />

posteriore, calciatela di lato<br />

e nel vento. A volte mi piace<br />

cercare di afferrare il lato della<br />

tavola o il lato del calcio con le<br />

dita dei piedi, in modo da aiutare<br />

la tavola a girare. Prova a<br />

girare la tavola su un asse di 45<br />

gradi con la superficie inferiore<br />

costantemente fronte al vento.<br />

Non è necessario calciare troppo<br />

duramente o in alto, la tavola<br />

ha solo bisogno di girare di 180<br />

gradi.<br />

Step 4: Rifinitura dello shoveit<br />

Una volta che calci la tavola,<br />

cerca di tenere le ginocchia<br />

piegate con i piedi in attesa di<br />

vedere come reagisce la tavola.<br />

Poiché la tavola ruota attorno,<br />

estendere le gambe indietro per<br />

prenderla mentre sta scendendo.<br />

Io raccomando di far atter-


I DE ABOITIZ<br />

rare prima le pinne e poi di finire<br />

la rotazione. Quando stai atterrando,<br />

tieni le ginocchia pronte<br />

all’impatto e cerca subito il<br />

giusto stance per avere subito<br />

controllo, cerca di stare centrato<br />

il più possibile, per rendere la<br />

rotazione più semplice.<br />

Step 5: Spinning out<br />

Naturalmente quando si atterrano<br />

prima le pinne, si deve<br />

cercare di finire la rotazione prima<br />

che le pinne stesse facciano<br />

troppa presa sull’acqua, per<br />

cui potrebbe essere necessario<br />

dare più input per farla girare<br />

nel modo giusto. Provate a riorientare<br />

la coda leggermente<br />

sottovento in modo che il naso<br />

giri controvento sull'acqua. Una<br />

volta che le pinne faranno presa<br />

sull’acqua tutto accadrà molto<br />

rapidamente, siate pronti per<br />

la rotazione e sicuri di avere un<br />

buon equilibrio sulla tavola.<br />

Quando iniziate a ruotare, portate<br />

lo sguardo sopra la spalla<br />

indietro per aiutare la rotazione<br />

e fate un olay con la barra intorno<br />

alla testa, spingendo la<br />

mano di fronte lontano da voi.<br />

Cercate di mantenere il kite depotenziato.<br />

Al completamento<br />

della rotazione, tirate la barra,<br />

per riguadagnare velocità e ricominciare<br />

a navigare toeside.<br />

Possibili pericoli:<br />

Anche se questa manovra è<br />

abbastanza semplice, è necessario<br />

essere molto attenti alle<br />

pinne. Quando imparate, può<br />

essere difficile capire la rotazione<br />

e il vento può capovolgere la<br />

tavola abbastanza facilmente<br />

causando atterraggi sulle pinne.<br />

Considerate l'utilizzo di pinne<br />

di plastica meno affilate e<br />

siate sempre pronti ad alzare i<br />

piedi e muovere il kite per atterrare<br />

lontano dalla tavola, qualora<br />

fosse necessario.


FRONT R<br />

162<br />

STRAPLESS MOVES<br />

Front Roll<br />

Ricordo di aver visto un video di Ian Alldredge<br />

pochi anni fa, mentre faceva questa manovra, e<br />

di essere rimasto senza parole. Non mi sembrava<br />

possibile o reale. Credo che siano stati i front roll<br />

in quella clip che hanno dato inizio a tutto e oggi<br />

è bello vedere quante persone possono fare le<br />

stesse cose. Mi ricordo che imparare il mio primo<br />

front roll strapless è stato un grande traguardo<br />

per me. È una di quelle manovre che sembra così<br />

difficile, ma tutto a un tratto diventa facile. Anche<br />

se lo sport è progredito tanto, chiudere un<br />

bel front roll, fa sentire ancora la sua magia.<br />

Anche se non è del tutto necessario, se si hanno<br />

un po' di basi di freestyle, queste renderanno la<br />

manovra, più facile. Idealmente è buona cosa sapere<br />

come fare un front roll con le straps e avere<br />

una certa comprensione delle rotazioni di base.<br />

Testo Keahi de Aboitiz | Foto James Boulding


OLLDI Keahi<br />

De Aboitiz<br />

Anche se la rotazione è diversa, più freestyle si<br />

ha nel proprio bagaglio, più facile sarà fare la manovra.<br />

A questo punto, è necessario avere alcune<br />

manovre di base strapless in cantiere, e saper<br />

fare un buon pop senza usare troppo l’aquilone.<br />

Questa è una manovra in cui è meglio avere vento<br />

forte. Più vento c’è, più facile sarà mantenere<br />

la tavola attaccata ai piedi, tenendo la carena<br />

costantemente fronte al vento. Consiglio anche<br />

di usare un aquilone con buon depower, poiché<br />

contribuirà al controllo della rotazione.<br />

Se si guardano i front roll dei diversi riders, si<br />

noterà che lo fanno tutti in modo leggermente<br />

diverso, quindi non abbiate paura di provare<br />

qualcosa di diverso, per trovare quale metodo sia<br />

meglio per voi. Qui di seguito vi spiegherò la mia<br />

tecnica.


164<br />

STRAPLESS MOVES<br />

Front Roll<br />

FRONT ROLL - KE<br />

Step 1: Cercare il giusto decollo.<br />

Questa è un’altra manovra dove<br />

avrete bisogno di un bel decollo<br />

solido. Anche se può essere fatta<br />

in acqua piatta, è molto più<br />

facile con un chop o un'onda.<br />

Personalmente, mi piace farla<br />

con un bel chop, ma per un sacco<br />

di gente sarà probabilmente<br />

più facile con una piccola onda.<br />

Vi consiglio di provare e vedere<br />

cosa funziona meglio per voi.<br />

Step 2: Stacco<br />

Approcciate la rampa con velocità<br />

e il vostro aquilone a ore<br />

10:00. Mettete la mano davanti<br />

al centro della barra per ridurre<br />

al minimo i movimenti dell'aquilone<br />

verso il basso. Non attraversate<br />

le ore 12:00, ma cercare<br />

di guidare tra le 10:00 e le 12:00<br />

per guadagnare un po' di altezza.<br />

Cercate di assicurarvi che<br />

non attraversi la finestra finestra<br />

o verrete strappati via dalla<br />

tavola o affonderete. Orzata<br />

decisa e pressione sul piede<br />

posteriore per ottenere più altezza.<br />

Usate la mano dietro per<br />

l'equilibrio e per aiutarvi con la<br />

rotazione non appena si lascia<br />

l'acqua.<br />

Step 3: Avviare la rotazione<br />

Non appena ci si stacca dall’acqua,<br />

spostare il peso in avanti, e<br />

guardate oltre la spalla mentre<br />

portate tutto il braccio verso il<br />

vento per iniziare la rotazione.<br />

Provate spingendo la barra lontano<br />

una volta che siete in aria,<br />

questo vi permetterà di avere<br />

il maggior controllo possibile.<br />

Piegate le ginocchia e portatele<br />

fino al petto per rendervi più<br />

compatti per aiutare con la rotazione.<br />

Questo può anche consentire<br />

piccoli aggiustamenti<br />

per mantenere la tavola ai piedi.<br />

A me piace provare a mantenere<br />

la tavola abbastanza piatta<br />

per la prima metà della rotazione.<br />

In questo modo sembra<br />

che sia possibile ruotare più velocemente<br />

e permette di girare<br />

abbastanza velocemente anche<br />

nella seconda metà della rotazione.<br />

Step 4: Rifinitura della rotazione<br />

Il passo successivo è impegnativo.<br />

Anche se potrebbe non


AHI DE ABOITIZ<br />

farvi sentire bene in un primo<br />

momento, guardate veramente<br />

in modo deciso dietro le spalle<br />

e buttate tutto il lato destro del<br />

corpo nella rotazione. Ovunque<br />

la testa andrà, il vostro corpo la<br />

seguirà in modo da cercare l'atterraggio<br />

sul lato opposto. Poi,<br />

piegate la gamba anteriore ed<br />

estendete un po’ la gamba dietro.<br />

Questo farà sì che la vostra<br />

tavola ruoti di più su un asse<br />

verticale e aiuta a mantenerla ai<br />

piedi, soprattutto se c'è vento.<br />

Step 5: Atterraggio<br />

Cercate il vostro atterraggio e<br />

provate a mantenere le ginocchia<br />

piegate fino ad arrivare<br />

vicino all'acqua. Appena prima<br />

di atterrare, estendete le gambe<br />

per mantenere la tavola attaccata<br />

ai vostri piedi. Come si<br />

atterra, piegate le ginocchia di<br />

nuovo per assorbire l'impatto.<br />

Ora riprovate subito, per non dimenticare!<br />

Possibili pericoli:<br />

Anche se questa manovra è relativamente<br />

sicura, è sempre<br />

necessario essere consapevoli<br />

dei pericoli.<br />

Come sempre, in ogni trick<br />

strapless, può essere molto facile<br />

che la tavola voli via in atterraggio<br />

a testa in giù. Attenti<br />

alle pinne!


166<br />

STORY<br />

Jürgen May – ION Line Manager<br />

JÜRGEN MAY<br />

ION Line Manager<br />

"Sei pronto a prendere il trapezio<br />

con la nuova Select-Construction<br />

per un'altra session?",<br />

Jürgen May afferra il nuovo<br />

trapezio senza aspettare una<br />

risposta e lo porge verso il kitesurfer<br />

per un test - ride. Jürgen<br />

non è alla ricerca di un "Sì, è un<br />

grande trapezio", ma piuttosto<br />

del "come si sente veramente<br />

il trapezio addosso... soprattutto<br />

la distribuzione del carico in<br />

situazioni specifiche in acqua..."<br />

E così via. È particolarmente interessato<br />

al parere del kitesurfer<br />

ricreativo e ci dice piuttosto<br />

semplicemente perché "posso<br />

davvero fidarmi del loro feedback,<br />

i professionisti possono<br />

essere un po' troppo egoisti, a<br />

volte".<br />

Jürgen May? Quasi nessun kitesurfer<br />

o windsurfer ha sentito<br />

parlare di lui. Eppure quasi tutti<br />

i kitesurfer o windsurfer stanno<br />

utilizzando un prodotto sul<br />

quale Jürgen ha avuto qualche<br />

influenza significativa sulla realizzazione,<br />

in un modo o in un<br />

altro. Ecco una panoramica su<br />

Jürgen May, Responsabile della<br />

Linea di ION, specialista in neoprene<br />

e trapezi:<br />

Come Responsabile della linea<br />

leader di mercato ION, Jürgen<br />

è responsabile per la progettazione<br />

e la fabbricazione dei<br />

prodotti del marchio. Presso<br />

la sede della società a Oberhaching/Germania,<br />

i prodotti<br />

sono continuamente sviluppati<br />

e raffinati. Sono poi testati<br />

a fondo da sportivi ricreativi e<br />

professionisti in tutto il mondo,<br />

come l'ex campione del mondo<br />

Aaron Hadlow. Jürgen sottolinea<br />

"Il nuovo Wire-Tec nei trapezi,<br />

distribuisce il carico dei punti<br />

di attacco laterali in modo uniforme<br />

su tutta la schiena". Inoltre<br />

spiega che l'origine di questo<br />

sviluppo è un adattamento di<br />

tecniche d’ingegneria utilizzate<br />

nella progettazione di ponti.<br />

"Abbiamo lavorato meticolosamente<br />

su questo", Jürgen è tutto<br />

un sorriso. Ha la reputazione


di essere forse la persona con<br />

il maggior bagaglio tecnico nel<br />

settore e possiamo capire perché.<br />

Dopo alcune osservazioni<br />

circa la progettazione Wire-Tec<br />

si passa allo sviluppo del gancio<br />

del trapezio. A questo punto<br />

troviamo sempre più difficile<br />

continuare a seguire le sue<br />

spiegazioni. Ci rassicura che<br />

non ci dobbiamo preoccupare,<br />

suggerendo "Succede ogni tanto<br />

che sviluppiamo troppo un<br />

prodotto e che forse finisca per<br />

avere un po' troppe caratteristiche".<br />

Non vi è alcun dubbio che<br />

il brand manager è anche un visionario.<br />

Eppure Jürgen rileva<br />

che lui non è l'unica forza trainante<br />

dietro le innovazioni del<br />

marchio. Jürgen lavora a stretto<br />

contatto con il team R&D di ION<br />

che si compone di sei persone,<br />

dando loro una buona dose di<br />

autonomia. "Quando la squadra<br />

presenta una soluzione di progettazione<br />

promettente, do loro<br />

la libertà di seguire quella strada".<br />

Non è sempre amore, pace<br />

e armonia in ufficio... "Quando<br />

io non sono convinto dai fatti e<br />

ragionamenti alla base di una<br />

proposta, ne segue un chiaro<br />

No!", afferma nel suo modo tipicamente<br />

calmo e un po' riservato,<br />

ma piuttosto estroverso.<br />

Essendo il capo, si considera<br />

prima di tutto un giocatore di<br />

squadra ed è veramente entusiasta<br />

per la crescita della<br />

sua squadra negli ultimi anni.<br />

Questa esigenza di manodopera<br />

supplementare era in primo<br />

luogo necessaria poiché la<br />

gamma di prodotti ION è cresciuta<br />

notevolmente. Anche la<br />

complessità dei prodotti è aumentata<br />

significativamente (15<br />

anni fa, per esempio, un trapezio<br />

era costituito da circa 20<br />

parti, oggi è di circa 100).<br />

Jürgen conclude l'argomento<br />

con "Siamo sempre sul mercato<br />

con le nuove innovazioni che<br />

il mio team ed io sviluppiamo".<br />

In termini semplici: ogni muta<br />

o trapezio che è venduto in Germania<br />

è "Made by ION".<br />

Rispetto!<br />

ITW, testo e photo Axel Reese/reemedia.de/liquideye


168<br />

STORY<br />

Jürgen May – ION Line Manager<br />

PORTIAMO INDIETRO L’OROLOGIO...<br />

Dopo la laurea in ingegneria<br />

meccanica, all'età di 24 anni,<br />

Jürgen accetta un lavoro presso<br />

il Lago di Garda come istruttore<br />

di windsurf e responsabile<br />

di tre windsurf centers di Torbole.<br />

Un anno dopo riceve una<br />

telefonata da Fanatic, che gli<br />

offre l'opportunità di lavorare<br />

con un marchio di tavole. Poco<br />

dopo si unisce all'azienda ed è<br />

incaricato della gestione delle<br />

tavole Fanatic, e poco dopo, anche<br />

per le vele ART, con sede a<br />

Ransbach-Baumbach, in Germania.<br />

Nel corso degli anni<br />

Jürgen guadagna una grande<br />

quantità di know-how tecnico<br />

per la fabbricazione di tavole.<br />

"Quasi nessuo altro nel settore<br />

windsurf sa tanto di materiali e<br />

di produzione come Jürgen", ci<br />

dice lo shaper delle tavole windsurf<br />

Fanatic, Sebastian Wenzel.<br />

Dopo vari passaggi di proprietà,<br />

Fanatic alla fine è presa sotto<br />

l'ala del gruppo Boards & More,<br />

alla fine degli anni '90. A questo<br />

punto la costruzione sandwich<br />

board sta diventando sempre<br />

più popolare. Di conseguenza,<br />

la produzione di tavole Fanatic<br />

è trasferita in Thailandia. Jürgen<br />

May continua come Product<br />

Manager del marchio e vive<br />

per diversi anni tra la Germania<br />

e la Thailandia. Contribuisce<br />

in modo rilevante al successo<br />

di Fanatic come marchio, così<br />

come ha un ruolo decisivo nel<br />

perfezionare la costruzione<br />

sandwich per le tavole da windsurf.<br />

Il suo successo e l'impegno<br />

non passa inosservato. Nel<br />

2010 Boards & More nomina<br />

Jürgen Product Manager anche<br />

di trapezi e accessori e nel 2013<br />

diventa il responsabile della linea<br />

per la sezione sport acquatici<br />

di ION, un marchio che ha<br />

contribuito in maniera considerevole<br />

al successo dell'azienda<br />

negli ultimi anni.


ION MILESTONE<br />

2008<br />

2010<br />

2013<br />

2015<br />

ION approda al Wakeboarding<br />

SUP<br />

Mountainbike<br />

Surf<br />

LA STORIA DI ION<br />

Congratulazioni per il decimo<br />

anniversario!<br />

"ION" nasce nel 2006 sotto la<br />

direzione di Till Eberle, CEO di<br />

Boards & More. Il nuovo marchio<br />

ha aggiunto un plus di<br />

prestigio nelle brands di sport<br />

acquatici. "Till è il papà di ION",<br />

dice Jürgen rispettosamente<br />

con un occhiolino... La ricchezza<br />

di esperienza del gruppo<br />

Boards & More nella produzione<br />

di hardware permette a ION<br />

di utilizzare i più alti standard<br />

nei processi di progettazione<br />

e produzione. Inoltre permette<br />

loro l'accesso a materiali di prima<br />

qualità. Il risultato finale<br />

degli sforzi di ION è "l’abbiglia-<br />

mento da lavoro" per surfisti di<br />

tutti i livelli, dai principianti ai<br />

professionisti, che si distingue<br />

per la sua durata, prestazioni,<br />

e vestibilità ottimale. L'obiettivo<br />

del marchio, senza perdere<br />

il contatto con le radici negli<br />

sport acqua-vento, è stato quello<br />

di estendersi gradualmente<br />

anche ad altri sport acquatici.<br />

Adesso ION lavora con kiteboard,<br />

wakeboard, windsurf,<br />

SUP e surf. Inoltre, la ION Bike<br />

è stata fondata nel 2013. La divisione<br />

bicicletta comprende<br />

principalmente le discipline<br />

mountain bike downhill ed enduro.


170<br />

STORY<br />

Jürgen May – ION Line Manager<br />

ION PRODOTTI - MILESTONE<br />

2011<br />

2012<br />

2013<br />

2015<br />

2016<br />

2016<br />

“"Sanitized" Technology for Wetsuits<br />

“"Memory Foam" for Harnesses<br />

“"Nexkin" for Wetsuits<br />

SPECTRE Harness construction<br />

“WIRE-TEC Harness construction<br />

“No-Zip Wetsuit construction<br />

AR_Ogni secondo una muta<br />

e trapezio che è venduto in<br />

Germania è prodotto da ION.<br />

Il successo del "tuo" marchio<br />

non ti fa, a volte, un po’ paura?<br />

JM_Non proprio. Stiamo<br />

perseguendo una strategia di<br />

crescita continua, il che significa<br />

che puntiamo a crescere<br />

in modo sostanziale di anno in<br />

anno in misura controllata.<br />

AR_"Crescere in misura controllata".<br />

A completare le cose,<br />

i risultati del sondaggio tra i<br />

lettori tedeschi (di windsurf)<br />

nel Maggio 2015 mostrano<br />

che il 75% dei lettori ha scelto<br />

"ION" in risposta alla domanda<br />

"Che muta siete più propensi<br />

ad acquistare? Questo è<br />

veramente impressionante!<br />

JM_Sì, ION è anche diventato<br />

molto popolare ultimamente<br />

tra i kitesurfer o windsurfer più<br />

conservativi. In questo target,<br />

le richieste e i comportamenti<br />

di mercato stanno cambiando e<br />

i riders sono alla ricerca di nuovi<br />

prodotti più innovativi, piuttosto<br />

di com’era in passato, in<br />

cui si sceglieva il più popolare.<br />

AR_È possibile che questo<br />

tipo di successo, alla fine,<br />

possa diventare "troppo" per<br />

un marchio?<br />

JM_Con l'aumento della quota<br />

di mercato, dobbiamo fare in<br />

modo di rimanere moderni e innovativi,<br />

al fine di mantenere il<br />

nostro livello. Non c'è niente di<br />

peggio che perdere la posizione<br />

di mercato, se il marchio fosse<br />

considerato "noioso".<br />

AR_Pensi che la struttura<br />

aziendale con gli investitori<br />

da un fondo di privati, porti a<br />

una maggiore pressione rispetto<br />

a quando era gestita dai<br />

proprietari?<br />

JM_Può essere molto utile<br />

avere dietro un investitore ben<br />

organizzato. Gli investitori possono<br />

essere convinti da fattori<br />

economici pesanti ed è difficile


prendere le misure necessarie<br />

per lo sviluppo della società nel<br />

mercato. In passato, abbiamo<br />

lavorato con i proprietari sul<br />

business, ma spesso ciò porta<br />

il tutto a un livello leggermente<br />

troppo emotivo.<br />

AR_Emozioni a parte, quanti<br />

brevetti sono depositati adesso<br />

col nome Fanatic-ION?<br />

JM_Non posso rispondere perfettamente<br />

poiché vi sono ancora<br />

alcuni brevetti in corso<br />

con Fanatic. Con ION, abbiamo<br />

presentato ben cinque brevetti<br />

solo nell'ultimo anno.<br />

AR_In quale settore c’è ancora<br />

un potenziale di crescita per il<br />

leader di mercato ION?<br />

JM_Nel settore sportivo vento-acqua<br />

(windsurf/kitesurf), al<br />

di fuori dell'Europa, così come<br />

nel wakeboard. L'industria del<br />

wakeboard è particolarmente<br />

interessante, poiché ci sono<br />

sempre più parchi wakeboard<br />

che dilagano in tutta Europa<br />

e negli Stati Uniti. Con questi,<br />

i mercati si stanno aprendo.<br />

Anche il surf tradizionale è un<br />

enorme potenziale di crescita<br />

per noi a livello internazionale.<br />

L'industria del surf è più di 10<br />

volte quella degli sport vento-acqua.<br />

Entrambi, wakeboard<br />

così come il surf, sono in crescita<br />

e le loro immagini si adattano<br />

perfettamente con ciò che<br />

ION rappresenta.<br />

AR_Perché un windsurfer sceglie<br />

una muta ION e in cosa<br />

ION si distingue?<br />

JM_Design, stile, look, vestibilità,<br />

immagine, il gusto...<br />

AR_"Servizio", quali sono le<br />

parole chiave?<br />

JM_Il nostro magazzino per<br />

l'Europa è a Molln / Austria e i<br />

distributori hanno accesso online<br />

al magazzino. Così gli utenti<br />

finali possono ricevere gli articoli<br />

ordinati entro 24 ore.<br />

AR_Tutti i trapezi sono testati<br />

da riders professionisti? Oppure<br />

si cercano anche le valutazioni<br />

di riders ricreativi?<br />

JM_Dipende dal tipo. Quelli collaudati<br />

dai professionisti sono<br />

sviluppati per una specifica<br />

gamma di utilizzo. Per quelli<br />

che sono sviluppati per una<br />

vasta gamma di utilizzi, prestiamo<br />

molta attenzione anche<br />

al feedback dei riders ricreativi!<br />

AR_Quale modello di trapezio<br />

è il tuo best seller?<br />

JM_Senza dubbio, l'Apex e Apex<br />

Select.<br />

AR_E perché?<br />

JM_Credo che questi trapezi<br />

siano semplicemente la soluzione<br />

migliore per la maggior<br />

parte degli utenti finali. Il feedback<br />

dal mercato lo sta costantemente<br />

dimostrando.


172<br />

STORY<br />

Jürgen May – ION Line Manager<br />

AR_Provate i prodotti dei<br />

vostri concorrenti?<br />

JM_Sempre! Accade ogni volta<br />

che un marchio tira fuori<br />

un nuovo eccitante prodotto<br />

che vogliamo controllare. Detto<br />

questo vorrei sottolineare che<br />

non abbiamo mai copiato nulla,<br />

sarebbe contro l’etica e le credenze<br />

del marchio.<br />

AR_"Nuovo, innovazioni eccitanti".<br />

Come si sono sviluppate<br />

le mute nel corso degli ultimi<br />

10 anni?<br />

JM_I materiali di base sono<br />

diventati molto più flessibili<br />

e le cuciture più sofisticate e<br />

forti. La laminazione è ora più<br />

funzionale, asciuga più velocemente,<br />

è più forte, più robusta,<br />

più igienica, ecc.<br />

AR_L’innovazione di mute e<br />

materiali è un po’ rallentata<br />

adesso?<br />

JM_Non direi. C'è ancora molto<br />

in cantiere presso ION per<br />

quanto riguarda i nuovi progetti<br />

e l'ulteriore sviluppo di mute<br />

e trapezi. Aspetta e vedrai!<br />

AR_Beh, in questo caso, puoi<br />

dirci un po' di più su quali altre<br />

innovazioni ci potrebbero<br />

essere sul design di mute e<br />

trapezi?<br />

JM_La tendenza generale, nel<br />

windsurf, si sta muovendo verso<br />

mute con zip frontale. Queste<br />

(e lo ammetto, a volte possono<br />

essere un po' difficili da indossare)<br />

offrono molta più libertà<br />

di movimento nella zona superiore<br />

del corpo. Il livello successivo,<br />

per quanto riguarda la<br />

libertà di movimento, sono le<br />

nuove mute NoZip. Sono completamente<br />

senza cerniere e<br />

quindi non vi è alcun compromesso<br />

per quanto riguarda la<br />

libertà di movimento. È un dato<br />

di fatto, al momento stiamo<br />

lavorando su una nuova generazione<br />

di mute NoZip. Questi<br />

sono basate su un concetto<br />

nuovo e diverso per il mercato.<br />

AR_Da dove trai ispirazione<br />

per i nuovi prodotti?<br />

JM_Tutto il mondo di articoli<br />

sportivi può essere una fonte<br />

di ispirazione. Altri settori progressisti<br />

come lo skateboard,<br />

snowboard, sci ecc, ma anche<br />

grandi aziende come per esempio<br />

Nike, che sta riuscendo a<br />

mantenere costantemente l’appeal<br />

del marchio, indipendentemente<br />

dalle loro dimensioni.<br />

È anche fondamentale guardare<br />

completamente fuori dagli<br />

schemi! Ad esempio, le nuove<br />

tendenze dell'architettura,<br />

per forme e design, i materiali<br />

dell’ingegneria automobilistica,<br />

e così via. L'ispirazione può<br />

essere ovunque.<br />

AR_Quali sono i punti salienti<br />

del tuo lavoro? Le tabelle di<br />

Excel che documentano il successo<br />

di ION nei numeri, un


174<br />

STORY<br />

Jürgen May – ION Line Manager<br />

feedback positivo sulla spiaggia,<br />

o forse qualcosa di completamente<br />

diverso?<br />

JM_Rendere le persone felici<br />

con un prodotto e la sua funzionalità,<br />

alla fine della giornata<br />

significa anche rendere felici le<br />

persone che guardano i dati di<br />

vendita della società.<br />

di frequente, quando ci sono<br />

le condizioni, che prendiamo<br />

i nostri giocattoli e andiamo<br />

a giocare tutti assieme. In estate<br />

verso l'acqua, in inverno in<br />

montagna. Nei primi anni della<br />

mia carriera professionale ho<br />

AR_Parlando di divertimento.<br />

Quanto è importante il fattore<br />

divertimento nel tuo lavoro<br />

quotidiano? Saresti felice di<br />

lavorare in un posto di lavoro<br />

in un altro settore, se portasse<br />

a guadagnare di più?<br />

JM_È importante che ti piaccia<br />

quello che fai. In Boards<br />

& More accade abbastanza<br />

lavorato per un certo numero<br />

di aziende nel settore industriale.<br />

Il fattore di divertimento<br />

dipende dall’entusiasmo personale<br />

e interesse per il prodotto<br />

e dall'altro dal luogo di lavoro.<br />

Se mi piacesse tanto, potrei<br />

anche immaginare di lavorare<br />

ancora una volta al di fuori del<br />

settore sportivo.<br />

AR_Ci sono ancora obiettivi<br />

che non hai ancora raggiunto<br />

nel tuo lavoro attuale?<br />

JM_A medio termine voglio afferrare<br />

una piccola fetta di mercato<br />

del surf che, insieme con<br />

gli investimenti di marketing<br />

necessari, rafforzerà ulteriormente<br />

la posizione di ION come<br />

un marchio a lungo termine.<br />

JÜRGEN MAY<br />

ION Line Manager


176<br />

PRODUCT FOCUS<br />

Mute primaverili Manera<br />

Product focus<br />

Mute primaverili Manera<br />

testo e foto Courtesy Manera<br />

L'impegno di Manera nel comfort<br />

delle mute e nel calore è il risultato<br />

di un forte coinvolgimento<br />

dell’ingegneria della muta 3D,<br />

utilizzando strumenti innovativi<br />

ed esclusivi che rendono possibile<br />

la prototipazione virtuale e<br />

affidabile in 3D. Dalle scansioni<br />

del corpo 3D mediante pannelli<br />

in neoprene 2D, Manera ha utilizzato<br />

le più recenti tecnologie<br />

per trasformare ogni disegno<br />

di muta 3D in modelli 2D digitali,<br />

pronti per essere tagliati,<br />

incollati e cuciti. Raggiungere<br />

la massima precisione nel processo<br />

porta MANERA a migliorare<br />

l’efficienza della muta, per<br />

una migliore vestibilità, rispettando<br />

la morfologia del corpo e<br />

per migliorare le prestazioni e la<br />

sensazione in acqua.<br />

La maglia X10D dello strato interno<br />

è il materiale più flessibile<br />

che si può trovare, ti fa sentire<br />

leggero, con una buona sensazione<br />

sulla pelle.<br />

La nostra nuova N-foam è ancora<br />

più calda, più flessibile e più<br />

confortevole della schiuma V.<br />

Sorpassa completamente tutte<br />

le schiume esistenti, e questo è<br />

un miglioramento del 2016.<br />

Meglio della propria pelle. L’esterno<br />

RE-FLEX è veramente<br />

allungabile, liscio, duraturo, resistente<br />

ai raggi UV, migliora i<br />

movimenti e li rende più esplosivi.<br />

Una gamba della muta riempita<br />

di acqua è una questione che<br />

mette a disagio, il Manera Water<br />

Strainer lo impedisce. Il neoprene<br />

traforato drena l'acqua fuori<br />

della gamba immediatamente<br />

per farvi continuare la session<br />

nelle migliori condizioni possibili.


METEOR X10D 3.2 – UOMO<br />

Taglie: S, M, ML, L, XL.<br />

Colori: Ardesia nero/rosso ruggine.<br />

Design in 3D, Tripl3X neoprene, jersey<br />

X10D, N-foam di neoprene, Re-Flex<br />

skin, SD2 tape, Water Strainer.<br />

METEOR SHORTY 2.2 – UOMO<br />

Taglie: S, M, ML, L, XL.<br />

Colori: Ardesia nero/rosso ruggine.<br />

Design in 3D, Tripl3X neoprene, jersey<br />

X10D, N-foam di neoprene, Re-Flex<br />

skin, SD2 tape.<br />

www.manera.com<br />

Il TAPE SD² è il miglior equilibrio<br />

tra stretch, forza e impermeabilità.<br />

Questa tecnologia consiste<br />

nell’incollaggio e cucitura di due<br />

pannelli in neoprene insieme,<br />

poi ricoperte dal nostro nastro<br />

adesivo speciale, ciò rende le<br />

cuciture 100% impermeabili e<br />

migliora notevolmente la durata,<br />

pur mantenendo la cucitura<br />

con il miglior flex possibile.<br />

Manera ha le straps alla caviglia,<br />

le Phantom, progettate per<br />

essere molto sottili in modo che<br />

gli spruzzi d'acqua non possano<br />

toglierle. Sono anche abbastanza<br />

rigide per bloccare l'acqua<br />

in entrata e per un miglior<br />

comfort.<br />

I Sealing Prints rendono le caviglie<br />

e i polsi più rigidi. Hanno un<br />

ruolo congiunto che tiene l'acqua<br />

lontano, e mantiene i pannelli<br />

delle braccia e delle gambe<br />

al loro posto. Sono fatti per<br />

essere abbastanza stirati, per<br />

mettere e togliere la muta facilmente.<br />

Fusion Cut è la fusione della nostra<br />

Re-Flex skin/Square-Flex<br />

skin con il Magma Fleece/X10D<br />

Jersey sulla fine delle braccia<br />

e delle gambe. Questa finitura<br />

estetica aiuta catturando meno<br />

acqua grazie alla sua sottigliezza<br />

alla forma che si adatta al<br />

corpo. È avvolta anche intorno<br />

e protegge il neoprene all'interno.<br />

Alcune aree sono molto sensibili<br />

a frizione, tensioni e strappi.<br />

Tutte le mute Manera sono state<br />

quindi progettate evitando<br />

cuciture nella zona di tensione,<br />

per massimizzare la flessibilità<br />

e la forza. Assicurandosi che le<br />

cuciture siano allungate in verticale<br />

e non in modo orizzon-


178<br />

PRODUCT FOCUS<br />

Mute primaverili Manera<br />

METEOR HYBRID 3.2 – UOMO<br />

Taglie: S, M, ML, L, XL.<br />

Colori: blu inchiostro/bianco. Design<br />

in 3D, Tripl3X neoprene, jersey X10D,<br />

N-foam di neoprene, Re-Flex skin, SD2<br />

tape.<br />

METEOR HYBRID 3.2 – DONNA<br />

Taglie: XS, S, M, L, XL.<br />

Colori: blu metallo/blu ghiaccio. Design<br />

in 3D, Tripl3X neoprene, jersey X10D,<br />

N-foam di neoprene, Re-Flex skin, SD2<br />

tape.<br />

tale. Rimuovendo le cuciture<br />

dalle zone di attrito, il che evita<br />

eruzioni cutanee e aumenta la<br />

capacità di allungamento. Rafforzando<br />

le parti strategiche e<br />

i pannelli proprio dove va fatto.<br />

La maggior parte delle mute<br />

sono spesso messe ad asciugare<br />

sulle grucce, danneggiando<br />

e deformando le parti delle<br />

spalle, una delle porzioni più<br />

importanti della vostra muta.<br />

Le Hanger Tolerance Prints rafforzano<br />

questa zona strategica<br />

per proteggere il materiale in<br />

neoprene e mantenere la giusta<br />

misura in modo durevole. Sono<br />

state progettate per lasciare le<br />

spalle libere e confortevoli durante<br />

il riding.<br />

La linea di METEOR X10D è<br />

come una seconda pelle. Questa<br />

muta frontzip è fatta con<br />

l'X10D Jersey, che è il materiale<br />

più flessibile che si può trovare.<br />

Ti fa sentire leggero, con una<br />

buona sensazione sulla pelle.<br />

Importanti anche i benefici<br />

delle cuciture 100% SD²TAPE.<br />

Questa tecnologia consente un<br />

migliore equilibrio tra flessibilità,<br />

resistenza e impermeabilità.<br />

Le cuciture sono impermeabili<br />

al 100% e migliorano notevolmente<br />

la durata, mantenendo la<br />

migliore elasticità possibile. E,<br />

poiché è davvero scomodo avere<br />

freddo quando fa caldo, abbiamo<br />

sviluppato anche i pantaloncini<br />

X10D, realizzati con gli<br />

stessi materiali.


That’s new for the latest TS V.5:<br />

+ Leading edge circumference seam protection<br />

+ Refined LE segmentation for cleaner profile<br />

+ Added sizes for precision quiver building<br />

+ Dual strut head reinforcements<br />

+ 3D Foam Bridle Deflectors<br />

Bestkiteboarding.com<br />

Fly any TS with the new<br />

Best Red Bar featuring<br />

the original Iron Heart IV<br />

release system<br />

TS<br />

Do<br />

it all<br />

Sizes: 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 12 / 14 / 16<br />

The new Best TS is your choice to push your limits and do it all!<br />

Controllable power meets extreme performance to match the highest<br />

expectations of freestyle, wakestyle, freeride and wave riders<br />

x Grunty pull combined with great depower tocover huge wind range<br />

x 4-line open c kite for unlimited freestyle and freeride performance<br />

x Fastest turning speed for kiteloops and boosting big airs<br />

x Great pop and solid line slack for unhooked tricks<br />

x Highest performance for all riding styles<br />

Blue/mint<br />

Blue/red<br />

Blue/yellow


180<br />

PRODUCT FOCUS<br />

Mute e trapezi RRD<br />

Product focus<br />

Mute e trapezi RRD<br />

www.robertoriccidesigns.com<br />

testo Abel Lago, Kari Schibevaag and Courtesy RRD<br />

foto Svetlana Romantsova and Courtesy RRD<br />

ABEL LAGO<br />

Le mute RRD sono di gran lunga<br />

le migliori del settore, davvero<br />

flessibili e calde con rinforzi in<br />

più sulle gambe e schiena, traforate<br />

per evitare le "zampe di<br />

elefante" e velcro sulle gambe<br />

per fermare l'acqua. Ciò di cui<br />

il kiter ha realmente bisogno è<br />

di sentirsi libero tutto il tempo e<br />

poter utilizzare, possibilmente,<br />

la muta più sottile in ogni condizione<br />

per sentirsi meno pesante,<br />

io apprezzo molto la zip<br />

frontale, che è una grande innovazione<br />

e lascia che la schiena<br />

sia libera.<br />

A proposito di trapezi, ho sempre<br />

avuto problemi perché ho<br />

grande curvatura sulla schiena<br />

e RRD ha creato il Thrive che<br />

si adatta perfettamente al mio<br />

corpo.<br />

Quando si guarda al trapezio è<br />

necessario pensare a ciò che<br />

sarà meglio per il vostro corpo,<br />

e RRD ha tutte le forme di cui<br />

potete avete bisogno, ma è importante<br />

acquistare quello che<br />

si adatta al vostro corpo o al vostro<br />

stile, non è lo stesso per un<br />

rider che usa piccoli aquiloni per<br />

le onde o un freestyler che usa<br />

grandi vele e tanta potenza.<br />

È difficile pensare a qualche<br />

suggerimento per il futuro, ma<br />

di sicuro l’obiettivo è quello di<br />

creare trapezi più flessibili e<br />

anche più sicuri, per lasciare<br />

andar via il kite qualora si fosse<br />

impossibilitati ad azionare la<br />

sicura.<br />

Kari Schibevaag<br />

Le mute di RRD sono perfette,<br />

per le ragazze devono ovviamente<br />

avere la misura giusta… e<br />

anche un bell’aspetto ha la sua<br />

importanza.<br />

Sono davvero flessibili e calde<br />

con rinforzi in più sulle gambe e


schiena, velcro sulle gambe per<br />

fermare l'acqua e una porzione<br />

traforata per farla uscire qualora<br />

entrasse.<br />

Se non avete una buona muta<br />

addosso, qualsiasi livello siate,<br />

potreste non riuscire a stare in<br />

acqua a lungo, è importante che<br />

sia flessibile e che dia la libertà<br />

di muoversi facilmente.<br />

In Inverno è ovviamente importante<br />

avere una buona muta per<br />

non avere freddo, se hai freddo,<br />

la tua session non potrà durare<br />

a lungo. È importante investire<br />

qualche soldino in più per una<br />

muta buona, per potervi godere<br />

più kite…<br />

GLOBAL COLLECTION 2016<br />

La gamma di mute 2016 è il risultato<br />

di un processo di raffinamento<br />

delle due gamme di<br />

prodotti degli anni precedenti.<br />

L’idea delle mute RRD nasce dal<br />

desiderio di usare mute da surf<br />

puro e adattarle con altre specifiche,<br />

per renderle adatte anche<br />

al windsurf, kitesurf e S.U.P.<br />

Nessun altro settore sa meglio<br />

come costruire le mute di qualità<br />

come il settore surf, e quindi<br />

abbiamo combinato i due concetti,<br />

per creare una collezione<br />

unica e completa, che migliorerà<br />

il comfort nel riding, qualsiasi<br />

mezzo tu stia usando…<br />

Il panorama è vastissimo, dalla<br />

muta PRO, allo shorty per il<br />

vostro bambino per i mari caldi,<br />

la Global Collection RRD 2016<br />

è progettata per garantire uno<br />

stile innovativo, con un livello di<br />

prestazioni, comfort e durata,<br />

imbattibili.


182<br />

PRODUCT FOCUS<br />

Mute e trapezi RRD<br />

Mute per la st<br />

Grado Back Zip Overknee S/S<br />

Flatlock 2/2<br />

Dynamic performance<br />

Back zip/Uomo<br />

La miscela perfetta di calore e<br />

prestazioni. Realizzata con Superstretch<br />

limestone neoprene<br />

e pannelli di maglia di neoprene<br />

per la parte superiore e Durastretch<br />

neoprene nella parte<br />

inferiore e nelle gambe. Attenzione<br />

è stata posta sui punti di<br />

sforzo sulla parte interna per<br />

aumentare il comfort e la flessibilità<br />

di movimento, La Grado<br />

back zip offre un ulteriore bonus<br />

grazie ai pannelli sul torace<br />

e zona posteriore, dove la maglia<br />

di neoprene accelera il tempo<br />

di asciugatura al vento. Per<br />

chi preferisce la muta con zip<br />

posteriore.<br />

Spessore: 2/2<br />

Taglie: XS / S / M / MT / L / LT /<br />

XL / XXL / XXX<br />

Colore: arancione / nero<br />

Zero Back Zip S/S Flatlock 3/2<br />

Back zip/Uomo<br />

La muta giusta per coloro che<br />

siano alla ricerca del miglior<br />

rapporto tra calore, prezzo e<br />

prestazioni.<br />

Realizzato con Superstrech neoprene<br />

per la parte superiore<br />

del corpo, in combinazione con<br />

Durastretch neoprene per il resto<br />

della muta.<br />

La Zero offre un ulteriore bonus<br />

grazie ai pannelli sul torace e<br />

zona posteriore, dove la maglia<br />

di neoprene accelera il tempo di<br />

asciugatura al vento.<br />

Spessore: 3/2<br />

Taglie: XS / S / M / MT / L / LT /<br />

XL / XXL / XXXL<br />

Colore: Rosso / Nero<br />

Zero Back Zip Shorty Flatlock<br />

2/2<br />

Back zip/Uomo<br />

La muta giusta per coloro che<br />

siano alla ricerca del miglior<br />

rapporto tra calore, prezzo e<br />

prestazioni.<br />

Realizzato con Superstrech neoprene<br />

per la parte superiore<br />

del corpo, in combinazione con<br />

Durastretch neoprene per il resto<br />

della muta.<br />

La Zero Backzip Shorty offre<br />

anch’essa un ulteriore bonus<br />

grazie ai pannelli sul torace e<br />

zona posteriore, dove la maglia<br />

di neoprene accelera il tempo di<br />

asciugatura al vento.<br />

Spessore: 2/2<br />

Taglie: XS / S / M / MT / L / LT /<br />

XL / XXL / XXXL<br />

Colore: Rosso / Nero


agione estiva<br />

Amazone Back Zip Overknee<br />

S/S Flatlock 2/2<br />

Back Zip/Donna<br />

Completamente realizzata con<br />

superstretch limestone neoprene<br />

e flatlock tecnologia, queste<br />

mute estive sono progettate<br />

per adattarsi come un guanto<br />

per le sessioni in acqua calda e<br />

proteggere dal windchill durante<br />

la session.<br />

Spessore: 2/2<br />

Taglie: 6/8/10/12/14<br />

Colore: Ghiaccio / Nero<br />

Amazone Back Zip Shorty Flatlock<br />

2/2<br />

Back Zip/Donna<br />

Completamente realizzata con<br />

superstretch limestone neoprene<br />

e flatlock tecnologia, queste<br />

mute estive sono progettate<br />

per adattarsi come un guanto<br />

per le sessioni in acqua calda e<br />

proteggere dal windchill durante<br />

la session.<br />

Spessore: 2/2<br />

Taglie: 6/8/10/12/14<br />

Colore: Ghiaccio / Nero<br />

Zero W Back Zip Steamer S/S<br />

Flatlock 2/2<br />

Back Zip/Donna<br />

La muta giusta per quelle ragazze<br />

che cercano il miglior<br />

rapporto tra calore, prezzo e<br />

prestazioni.<br />

Realizzata solo con i pannelli<br />

superiori Superstretch neoprene<br />

e neoprene Durastretch sul<br />

resto della muta. La Shorty<br />

ZERO offre un ulteriore bonus<br />

grazie ai pannelli sul torace e<br />

zona posteriore, dove la maglia<br />

di neoprene accelera il tempo di<br />

asciugatura al vento.<br />

Spessore: 2/2<br />

Taglie: 6/8/10/12/14<br />

Colore: Rosso / Nero


184<br />

PRODUCT FOCUS<br />

Mute e trapezi RRD<br />

Shift Pro<br />

Riding potente e massimo<br />

comfort<br />

Lo Shift Pro è la scelta dei riders<br />

che desiderano un trapezio più<br />

basso per una calzata ergonomica<br />

quando si sviluppa molta<br />

potenza. Fa il suo lavoro quando<br />

l'aquilone è basso. I rinforzi<br />

in fibra di vetro all'interno sono<br />

posizionati in modo da corrispondere<br />

a un basso angolo<br />

dell’aquilone e portare la pressione<br />

nel punto in cui è più comodo.<br />

Il bordo inferiore convesso<br />

('Flexcurve') è più flessibile e<br />

progettato per rimanere in contatto<br />

con il rider durante un'ampia<br />

varietà di manovre.<br />

Questo rende lo Shift Pro versatile.<br />

Ha anche una comoda<br />

protezione per la spreaderbar, il<br />

coltellino, un vano per la chiave<br />

e la maniglia per l’handlepass,<br />

così forte che ci si potrebbe sollevare<br />

una piccola auto.<br />

Taglie: XS-S-M-L-XL<br />

Colori: Nero – Rosso<br />

Thrive<br />

Ergonomico e confortevole<br />

Il Thrive ha più curva nella linea<br />

verticale ed è la scelta per<br />

i riders con una curvatura della<br />

schiena più pronunciata nella<br />

parte inferiore, o per i riders che<br />

desiderano una posizione più<br />

eretta, come i free riders e per il<br />

down the line wave riding.<br />

Taglie: XS-S-M-L-XL<br />

Colore: arancione / rosso, nero<br />

/ bianco<br />

Sense<br />

Elegante e con massimo<br />

comfort<br />

Windsurf / Kitesurf per Donna<br />

Il Sense Harness è un trapezio<br />

convertibile Wind-kitesurf per<br />

le donne con stile dentro e fuori<br />

dall'acqua. Ha un po' più piatta<br />

la sezione della parte bassa della<br />

schiena per gestire comodamente<br />

la potenza ed è dotato di<br />

tutte le funzioni disponibili nella<br />

gamma trapezi di RRD.<br />

Taglie: XS-S-M-L-XL<br />

Colore: Cyan Giallo Viola<br />

Stark<br />

Max flex e libertà<br />

La Stark è un trapezio più flessibile,<br />

morbido e adattabile con<br />

molto comodo<br />

neoprene.<br />

Taglie: XXS-XS-S-M-L-XL-XXL<br />

Colori: arancione / nero, grigio /<br />

nero<br />

Moltissimi altri prodotti su:<br />

www.robertoriccidesigns.com


CELSIUS PRO<br />

CHEST ZIP<br />

“Only a PRO knows why”<br />

FEATURES:<br />

• Internal fabric tape only on seam joint areas<br />

• 360 ultrastretch back panel<br />

• Antiskid deck protection liquid tape on side seams<br />

• Drain holes<br />

• Velcro ankle straps<br />

• Outside-in zipper<br />

Available in: Orange/Black<br />

Thicknesses:<br />

•5/3 - 4/3<br />

Available in: Gray/Black (Razzle Dazzle)<br />

Thicknesses:<br />

•4/3 - 3/2<br />

Sizes:<br />

XS•S•M•MT•L•LT•XL•XXL•XXXL<br />

www.robertoriccidesigns.com<br />

EXTREME flexibility where pattern<br />

design is combined with the best available<br />

neoprenes in the market. Our zippers close<br />

from the out- to the inside, which is better<br />

for the pressure distribution, resulting in<br />

stronger front zips.<br />

The Celsius pro is fully made with<br />

Superstretch limestone neoprene, the most<br />

flexible material available today, the Celsius<br />

Pro is the wetsuit made with the lowest<br />

number of panels in our collection. Less<br />

panels mean more flexibility.<br />

The PRO is pure fabric taped on the inside<br />

only and on the seam joint areas.<br />

This allows even more flex, especially<br />

around the arms. Only a PRO knows what<br />

this means!


186<br />

PRODUCT FOCUS<br />

Core Free| Free LW<br />

Product focus<br />

Core Free| Free LW<br />

WAVE | FREERIDE | FREESTYLE<br />

Misure disponibili:<br />

4 – 5 – 6 – 7 – 8 – 9 – 10 – 11 – 12<br />

13,5 – LW 15 – LW 17 mq<br />

www. corekites.com<br />

Testo Courtesy Core Kites<br />

Foto mediahouse.one<br />

Il Free è la più recente aggiunta<br />

di CORE alla sua leggendaria serie<br />

universal ad alte prestazioni<br />

all-rounders, ma che si sente a<br />

suo agio tra le onde.<br />

Core era occupato a scuotere il<br />

mondo kite nel 2015 con il rilascio<br />

dei suoi bestseller ridisegnati,<br />

il XR4 e il Fusion 2. E con<br />

il lancio di una fascia di attrezzature<br />

specializzate per gli hard<br />

C-kiters e i Waves dipendenti.<br />

Un marchio dedicato, specializzato,<br />

con il Section per le onde,<br />

l’Impact, per il C-Kite hardcore e<br />

il Bolt per il wakestyle.<br />

Con il successo del 2015, si sarebbe<br />

potuto pensare che Core<br />

si sarebbe fermata un po’, ma la<br />

rivoluzione era solo appena iniziata.<br />

Il brand, che si distingue<br />

per i suoi aquiloni caratteristici<br />

bianchi e gialli, ha introdotto un<br />

nuovo aquilone nella leggendaria<br />

serie Universal, per colmare<br />

la lacuna tra la XR e GTS.<br />

IL Free si farà un sacco di nuovi<br />

amici in questa stagione con la<br />

sua eccezionale combinazione<br />

di attributi. "Abbiamo combinato<br />

l'agilità giocosa del nostro<br />

tre Struts presa dai nostri GTS<br />

con la potente forma Delta Bow<br />

del nostro XR.", Spiega Frank Ilfrich,<br />

capo progettista di Core.<br />

La Free ti dà la libertà di navigare,<br />

giocare o imparare. Nelle<br />

onde, o in acqua piatta. Con la<br />

comodità delle scarpe da ginnastica<br />

preferite e la precisione<br />

di un F-15. I freestyler Hooked-in<br />

apprezzeranno senz'altro il suo<br />

hangtime e il rilancio immediato.<br />

I wave riders saranno attratti<br />

dal suo drifting onshore


e bottom turn down looping. E<br />

i nuovi riders apprezzeranno la<br />

facilità di di potenza e depower.<br />

C'è qualcosa per tutti nel nuovo<br />

Free.<br />

Che ruolo giocano XR e GTS<br />

nella Universal Series delle alte<br />

performance allround che si richiedono?<br />

Ogni aquilone della<br />

serie ha una disciplina o con<br />

i "super poteri". La XR ha una<br />

potenza enorme. La GTS è la<br />

padrona nel freestyle. E la Free<br />

eccelle nel wave riding. "Chiaramente,<br />

la XR è la nostra macchina<br />

big air e la GTS è il nostro<br />

ninja unhooked." Spiega il CEO<br />

Core Bernie Hiss, "il che lascia<br />

spazio per il surf al Free". Tre<br />

tuttofare. Tre personaggi unici.<br />

E tutto il divertimento, a loro<br />

modo diverso.<br />

Il Free è arrivato, prendendo tutte<br />

le innovazioni Core compresa<br />

la risposta alta, ultra corta,<br />

briglie, esclusivo triplo ripstop,<br />

materiali, sistema di pompa a<br />

velocità rielaborata con valvole<br />

enormi, e l’Intelligent Arc. Naturalmente,<br />

si consiglia di associare<br />

la Free con la superlativa<br />

Sensor Bar System, più leggera,<br />

più diretta, l’unica barra sul<br />

mercato con no push, no pull<br />

quick release.<br />

Ora è disponibile presso un rivenditore<br />

locale Core in dieci<br />

misure, dalla da 4 alla 13.5 mq.<br />

E il LW, per il vento leggero, nelle<br />

misure 15 e 17 mq. Provatela<br />

presto!


188<br />

PRODUCT FOCUS<br />

RRD Obsession Pro MKIII<br />

Product focus<br />

RRD Obsession PRO MK3<br />

Freestyle Pro<br />

Misure disponibili:<br />

7 – 9 - 10,5 – 12 - 13,5 – 15 mq<br />

L’Obsession PRO MK3 è il nostro<br />

nuovo purosangue per il<br />

freestyle PRO. Un'evoluzione<br />

della precedente versione, la<br />

Obsession Pro MK3 è stata perfezionata<br />

ed è stata sviluppata<br />

con precisione per il team pro<br />

freestyle. Nessun compromesso<br />

è stato effettuato sulla forma<br />

e le caratteristiche che contraddistinguono<br />

questa vera<br />

e propria macchina freestyle.<br />

L'Obsession Pro è un aquilone<br />

a forma di Ckite puro, a 5 linee,<br />

messo a punto e progettato per<br />

essere preciso, potente, o molto<br />

neutro quando necessario. Non<br />

abbiamo lasciato nulla al caso e<br />

abbiamo messo l'intera struttura<br />

del kite sotto intenso esame.<br />

Ogni dimensione nel range da 7<br />

mq ai 15 mq, presenta un bordo<br />

d'attacco con diametro unico<br />

della LE, che consente la corretta<br />

velocità di rotazione. Il bordo<br />

è progressivamente aumentato<br />

di diametro nelle dimensioni<br />

più piccole per garantire che la<br />

velocità e il movimento di ogni<br />

aquilone siano gli stessi. Ciò è<br />

essenziale per una perfetta esecuzione<br />

di tutte le manovre più<br />

radicali. Gli struts esterni sono<br />

stati spostati verso le estremità<br />

alari per aumentare la potenza<br />

nei kiteloops e aggiungere più<br />

stabilità al nuovo Obsession Pro<br />

MK3.<br />

Ora che freestyle ha raggiunto<br />

livelli incredibili, un aquilone che<br />

sia anche incredibilmente stabile,<br />

è necessario. Gli struts sottili<br />

e una sottile LE non solo offrono<br />

una maggiore stabilità, ma<br />

hanno anche fatto risparmiare<br />

peso, se si confrontano alle versioni<br />

precedenti. L'Obsession<br />

PRO è stato progettato con un


www.robertoriccidesigns.com<br />

testo courtesy RRD | foto Svetlana Romantsova e Courtesy RRD<br />

forma a C con elevato AR che<br />

contribuisce a creare la perfetta<br />

lunghezza del de-power. In<br />

realtà, l'intera gamma di potenza<br />

del kite è a 15-20 cm dal<br />

chicken loop, il che consente di<br />

avere il perfetto controllo della<br />

potenza, senza la necessità di<br />

muovere le braccia in avanti.<br />

Per soddisfare le specifiche preferenze<br />

del freestyler, abbiamo<br />

aggiunto due opzioni di regolazione<br />

per il bordo di entrata in<br />

modo che sia possibile regolare<br />

la pressione della barra. Inoltre,<br />

quando si utilizza il kite completamente<br />

potente, si può facilmente<br />

sganciarsi e ottenere<br />

una sensazione molto neutrale<br />

mantenendo il kite nello stesso<br />

punto. Il design squadrato dei<br />

tips aiuta aumentando la velocità<br />

di rotazione quando necessario<br />

e sviluppa un preciso<br />

e prevedibile comportamento<br />

in aria. Sai sempre dove il kite<br />

sia, senza la necessità di avere<br />

grande pressione sulla barra.<br />

Per finire, ogni forma del canopy<br />

è stata rivista e gli struts esterni<br />

sono stati spostati più vicino<br />

alle estremità alari per migliorare<br />

la velocità di rotazione. È<br />

importante che il canopy del<br />

kite abbia la giusta quantità di<br />

tensione e che gli struts esterni<br />

sostengano l'ala mentre la vela<br />

è sottoposta a carichi pesanti.<br />

Questo kite è in grado di fare loops<br />

stellari e ha un enorme pop<br />

per le manovre estreme eseguite<br />

a piena potenza.<br />

La nuova Obsession bar V7 Pro<br />

è di 7 cm più corta rispetto alla<br />

Global bar standard ed è ora di<br />

48 cm, con linee da 22 metri.<br />

Questo è il kite per le pure sessions<br />

di freestyle!


190<br />

PRODUCT FOCUS<br />

RRD Juice V3/Pop Ltd<br />

Product focus<br />

RRD Juice V3<br />

Wake Style<br />

Misure disponibili:<br />

135 x 40,5 cm | 138 x 42 cm | 143 x 43,5 cm<br />

Per i wakestylers alla ricerca di<br />

una tavola solida che sia consistente<br />

in tutte le condizioni, non<br />

dovranno cercare altro, c’è la<br />

Juice V3. La Juice V3 è il risultato<br />

della ricerca non-stop del team<br />

R&D di RRD, che ha la filosofia<br />

di spingere costantemente lo<br />

sviluppo dei materiali, per cui<br />

abbiamo ridisegnato e integrato<br />

ancora più aggiornamenti e<br />

funzionalità high-tech per rendere<br />

la tavola preferita del nostro<br />

team di wakestyle internazionale,<br />

ancora meglio.<br />

Una maggiore curva della<br />

rockerline per atterraggi più fluidi<br />

e conduzione perfetta in acqua<br />

piatta o chop.<br />

Un flex costante su tutta la tavola<br />

e rails e tips ridisegnati, per<br />

il massimo pop.<br />

Nuovi channel ABS, posizioni<br />

per i boots e pads per ogni esigenza.<br />

Channels sul nose che spingono<br />

l’acqua su tutta l’outline, per<br />

velocità incredibile.<br />

HD fibre biassiali.<br />

www.robertoriccidesigns.com<br />

testo courtesy RRD | foto Svetlana Romantsova e Courtesy RRD


Product focus<br />

RRD POP LTD<br />

Freestyle wave<br />

Misure disponibili:<br />

Volume 34 lts – 39 lts<br />

5’2” x 21” x 2”<br />

5’4” x 21 ½” x 2”<br />

Costruita con un tecnologia leggera<br />

che permette flex e controllo<br />

e precisione. La tavola è<br />

costruita con un nucleo CNC<br />

EPS nucleo di densità 20 kg/m3,<br />

poi laminato con 200 grammi di<br />

fibre di vetro biassiali e finito<br />

con 55 grammi netti di carbonio<br />

su un deck di bambù incollato<br />

a 90 ° rispetto alla lunghezza<br />

trasversale in modo da evitare<br />

rigidità eccessiva sul flex della<br />

tavola. Il longherone è realizzato<br />

in omega glass che consente<br />

di risparmiare fino al 10% del<br />

peso totale, rispetto a uno di legno<br />

classico. Perfetta da usare<br />

quando le condizioni non sono<br />

proprio ideali e si vuole andare<br />

strapless e provare nuove manovre<br />

freestyle su acqua piatta<br />

o fare surf su onde piccole. È<br />

un piacere usare la POP anche<br />

con vento leggero, quando serve<br />

avere qualcosa di più stabile<br />

e voluminoso sotto i piedi per<br />

galleggiare quando non sei proprio<br />

rapidissimo o stai provando<br />

le prime manovre strapless.<br />

L’atterraggio su questa tavola è<br />

morbido, l’ampia outline e il tipo<br />

di costruzione sono sviluppate<br />

per il kitesurf e sono la miglior<br />

risposta per chiudere le manovre<br />

e per divertirsi in acqua. La<br />

tavola permette anche di surfare<br />

piccole onde, con velocità e<br />

aerials. I rail channels aiutano la<br />

tenuta. Progettata con una nuova<br />

outline, con una larga porzione<br />

centrale, prua squadrata,<br />

ispirata alle nuove mini maxi<br />

surfboards, per aumentare la<br />

galleggiabilità su questa tavola<br />

piuttosto corta. E una poppa<br />

swallow/fish, che incrementa il<br />

potenziale del POP per questa<br />

moderna tavola con shape frrestyle/surfboard.<br />

Rocker semplice,<br />

con una scoopline costante,<br />

il perfetto bilanciamento quando<br />

si vuole mescolare il freestyle<br />

con il surf.


192<br />

BASIC FREESTYLE MOVES<br />

Back to toeside<br />

BACK TO TOESIDE<br />

BASIC FREESTYLE MOVES ALBERTO RONDINA<br />

Testo Alberto Rondina | Foto Laci Kobulsky<br />

Il Backroll to Toeside è un back roll con un frontside<br />

180. La cosa bella di questo trick è che è il<br />

movimento di base di molti altri, come il Back to<br />

Wrapped o il Backmobe!<br />

Quindi, una volta che lo avete sicuro al 100%, si<br />

può cominciare a pensare a manovre più difficili!<br />

Con l'aquilone al 45°, orzate decisi e avviate la<br />

rotazione indietro guardando con la testa sopra<br />

la spalla posteriore.<br />

Continuate a spingere con la testa per completare<br />

l'extra 180 e guardate giù verso l'acqua dove si<br />

sta andando ad atterrare.<br />

Piegate le ginocchia per attutire l'atterraggio,<br />

mantenendo la barra vicino alla parte anteriore


dell'anca.<br />

Continuate con la tavola nella direzione del vento,<br />

così il kite non avrà più molta trazione e la barra<br />

sarà leggera.<br />

Ora il passaggio, staccate la mano anteriore e tenete<br />

la barra vicino al corpo.<br />

Non appena si afferra la barra con l'altra mano,<br />

assicuratevi di mettere tutto il peso sulle dita dei<br />

piedi e tenere le ginocchia piegate in modo da<br />

poter girare la tavola e tornare heelside.<br />

SUGGERIMENTI:<br />

- Utilizzando pinne più piccole,<br />

soprattutto nell'ultima parte,<br />

aiuta molto a finire l'ultimo 180°<br />

in cui si gira la tavola sull'acqua.<br />

- Assicuratevi di afferrare la barra<br />

esattamente al centro dopo<br />

il passaggio, in modo che il kite<br />

non si possa muovere molto e ci<br />

si possa concentrare sul movimento<br />

del proprio corpo.


194<br />

BASIC FREESTYLE MOVES<br />

Back to blind<br />

BASIC FREESTYLE MOVES A<br />

BACK TO BLIND<br />

Testo Alberto Rondina | Foto Laci Kobuls<br />

Una volta che siete ben sicuri del vostro atterraggio<br />

in blind, vi si aprirà una vasta gamma di salti<br />

che potrete fare, questo è solo uno di questi, uno<br />

dei trick base che vi insegnerà i fondamentali!<br />

Il back to blind è un backroll con un back side 180.<br />

In sostanza, s’inizia con una rotazione indietro e<br />

poi si inverte e si gira di 180 gradi per atterrare<br />

blind, o toeside se ti stai passando la barra in aria<br />

(Back to Blind con air pass).<br />

Con l'aquilone a 45°, orzate decisi e avviate la rotazione<br />

indietro guardando indietro con la testa<br />

sopra la spalla.<br />

Tenere le braccia strette e vicino al corpo, renderà<br />

le cose molto più facili all'inizio.<br />

Come si sta per finire il backroll, e siete a metà<br />

del salto, fermate la rotazione spostando la barra<br />

verso il vostro fianco anteriore e girate la testa<br />

nella direzione opposta, sopra la spalla posteriore.<br />

Ora è possibile lasciare andare la mano dietro<br />

dalla barra e finire la rotazione di 180° per atterrare<br />

in blind.<br />

Fate in modo si atterrare con la vostra tavola che<br />

va sottovento, questo è il punto chiave della manovra.<br />

Piegate le ginocchia, attutite l'atterraggio e riprendete<br />

a navigare!


LBERTO RONDINA<br />

ky<br />

SUGGERIMENTI:<br />

- Guardando l'acqua dopo il<br />

backroll può dare un'idea di<br />

quanto in alto siete e quanto<br />

tempo è necessario per finire<br />

la rotazione e atterrare in blind.<br />

Assicuratevi di non guardare<br />

troppo a lungo, sempre che non<br />

abbiate abbastanza tempo per<br />

fare un backside 180 ;).<br />

- Tenete sempre la mano davanti<br />

al centro della barra, in<br />

modo che quando si lascia la<br />

mano posteriore, l'aquilone non<br />

è si muova molto e ci si possa<br />

concentrare sulla manovra. Con<br />

un aquilone piccolo, si può anche<br />

mettere una o due dita sul<br />

lato opposto del depower, così<br />

sarete sicuri di avere la mano<br />

proprio al centro della barra.


196<br />

EVENTI<br />

Puzziteddu wave contest<br />

Puzziteddu<br />

WAVE CONTEST<br />

Campionato Nazionale Kiteboard CKI/FIV 2016<br />

Quest’anno, il Campionato Nazionale Kiteboard CKI/FIV ha avuto inizio<br />

nelle acque siciliane di Puzzitteddu. L’associazione Reef e il circolo<br />

Albaria di Palermo, con la guida della famiglia Cappuzzo, hanno fatto<br />

sì che la partecipazione degli atleti fosse numerosa, dopo anni si è, infatti,<br />

visto un tabellone completo! Il format utilizzato, quello del double<br />

dingle, ha causato qualche piccola perplessità tra gli atleti, ma la<br />

gara è stata vivace e corretta e la vittoria è andata al local e padrone<br />

di casa, Francesco Cappuzzo, che non ha deluso i tifosi siciliani.


Testo e ITW Roberta Pala | Foto Roberto Foresti/Canon/CKI/FIV


198<br />

EVENTI<br />

Puzziteddu wave contest<br />

Il vento ha soffiato forte già<br />

dalla mattina, un NW intenso<br />

dai 25 ai 35 nodi, che ha un po’<br />

spianato le onde all’inizio della<br />

giornata, un tabellone di gara<br />

pieno, non sono mancati i nomi<br />

storici del panorama wave italiano,<br />

come Marco Baiocchi, e<br />

qualche new entry nella specialità<br />

come il freestyler Gianmaria<br />

Coccoluto. Dietro la macchina<br />

fotografica, il ritorno alle gare<br />

di Roberto Foresti. Qualche colpo<br />

di scena, come l’uscita dalla<br />

gara dei grandi favoriti, Pisu e<br />

Giordano, nella heat più calda<br />

della giornata, quella che vedeva,<br />

come terzo rider in gara,<br />

il vincitore Cappuzzo. Stefano<br />

Maffezzoni, arriva a combattere<br />

per la finale proprio contro<br />

Francesco Cappuzzo, nell’altra<br />

semifinale, il veterano Baiocchi<br />

sfida il campione in carica, Tony<br />

Ciliberto.<br />

La finale è decisa, il primo e secondo<br />

posto se lo contendono<br />

Baiocchi e Cappuzzo e Ciliberto<br />

e Maffezzoni, combatteranno<br />

per la terza posizione sul podio.<br />

Lo stile radicale e la surfata di<br />

Francesco Cappuzzo conquistano<br />

i punti necessari per la meritata<br />

vittoria, grande ritorno di<br />

Baiocchi in seconda posizione,<br />

terzo il campione in carica 2015<br />

Ciliberto e quarto Maffezzoni.<br />

La prima tappa wave del Campionato<br />

Nazionale <strong>Italian</strong>o CKI,<br />

grazie anche alla famiglia Cappuzzo<br />

e a tutto lo staff della<br />

asd Reef, è stata un successo.<br />

Appuntamento a Torvajanica a<br />

Ottobre per la seconda gara del<br />

circuito wave!<br />

Abbiamo voluto fare qualche<br />

domanda sulla prima tappa e<br />

sul futuro delle competizioni del<br />

wave riding nazionale, al vincitore<br />

Francesco Cappuzzo e al<br />

giudice Stefano Bertini.


200<br />

EVENTI<br />

Puzziteddu wave contest<br />

Francesco Cappuzzo:<br />

KS_Ciao Francesco, inizio della<br />

stagione col botto! Primo nel<br />

kitesurf nel tuo home spot e<br />

secondo nella prima gara wave<br />

di windsurf, che sensazione si<br />

prova?<br />

FC_Ciao a tutti! Inizio strepitoso<br />

per me, anche se era quello per<br />

cui mi sono allenato tutto l’Inverno,<br />

infatti sono super contento<br />

anche se con qualche piccolo<br />

rammarico per il secondo<br />

posto del windsurf poiché avevo<br />

tutte le carte in regola anche<br />

lì per vincere anche se, vuoi per<br />

la stanchezza, vuoi anche per<br />

la bravura di Jacopo Testa, mi<br />

sono dovuto arrendere alla 2°<br />

posizione, ma va bene così abbiamo<br />

ancora altre due tappe<br />

per risalire la classifica!<br />

KS_Cosa ne pensi di come sia<br />

stato strutturato il tabellone<br />

per questa prima gara della<br />

stagione? Pensi ci siano cose<br />

da rivedere e migliorare?<br />

FC_Io penso che la decisone di<br />

usare un tabellone del tipo double<br />

dingle sia ottimale poiché da<br />

una seconda/terza opportunità<br />

a chiunque abbia perso anche<br />

solo per sfortuna o per qualcosa<br />

che sia andato storto. Inoltre<br />

è un format sviluppato dall’IKA


che è un organo internazionale<br />

e che quindi penso ci abbia studiato<br />

un po’ prima di prendere<br />

determinate decisioni, e ad<br />

oggi è il format più completo.<br />

Tuttavia, tra noi atleti, ci siamo<br />

confrontati e qualche dubbio<br />

l’abbiamo avuto, ma siamo tutti<br />

contenti delle decisioni prese<br />

dal comitato di regata.<br />

KS_Qual è stata la heat più difficile?<br />

L’avversario più tosto da<br />

battere?<br />

FC_Premetto che la gara è stata<br />

di altissimo livello, infatti si<br />

sono visti sin dal primo round,<br />

colpi di scena, ma tuttavia ci<br />

sono state alcune heat che ho<br />

affrontato con più timore, soprattutto<br />

subito dopo la sconfitta<br />

con Stefano Maffezzoni al<br />

round 3, ma una delle heat più<br />

difficili, per me, è stata al round<br />

5 contro Enrico Giordano e Sandro<br />

Pisu, una heat in cui ho dovuto<br />

davvero dare il massimo<br />

di me, ed infatti sono riuscito<br />

ad andare avanti sino al round<br />

6, dove ho avuto una seconda<br />

chance contro Maffezzoni, ma<br />

stavolta ho affrontato la heat<br />

con maggiore determinazione<br />

e sono arrivato in finale, dove<br />

ho trovato un Marco Baiocchi in<br />

formissima, ma essendo il mio<br />

home spot, non ho potuto fallire<br />

e non portare a casa il primo<br />

posto!<br />

KS_Come sono state le condizioni<br />

del tuo home spot per<br />

questa prima gara wave CKI/<br />

FIV?<br />

FC_Le condizioni sono state<br />

in mattinata veramente difficili<br />

poiché c’era vento fortissimo<br />

e le onde, anche se di misura,<br />

ancora non erano pulitissime,<br />

ma per fortuna nel pomeriggio<br />

il vento è un po’ calato ed è ruotato<br />

più offshore e le onde sono<br />

migliorate fino a diventare un<br />

vero e proprio spettacolo!<br />

KS_Cosa pensi abbia fatto la<br />

differenza per la tua vittoria rispetto<br />

agli altri riders?<br />

FC_Sicuramente la conoscenza<br />

dello spot, che fa veramente<br />

la differenza! Inoltre, secondo<br />

me, uno degli elementi che mi<br />

ha aiutato tantissimo è la mia<br />

capacità di surfare con il piede<br />

sinistro avanti (e quindi in frontside<br />

essendo una condizione<br />

mure a destra), nonostante io


202<br />

EVENTI<br />

Puzziteddu wave contest<br />

sia destro avanti. Questo, a mio<br />

avviso, mi ha aiutato poiché durante<br />

le prime heat, con vento<br />

forte e onda grossa, ho potuto<br />

surfare in backside e quindi<br />

controllare meglio la tavola in<br />

discesa dall’onda, mentre nelle<br />

ultime heat, quando il vento<br />

era calato, ho surfato principalmente<br />

in frontside, così da<br />

avere maggior controllo della<br />

situazione in cui mi trovavo e<br />

cercare di avere il maggior timing<br />

sull’onda possibile!<br />

KS_Il clima sul parterre di<br />

gara? Rivalità accese? Discussioni<br />

sui giudizi?<br />

FC_Il clima durante la gara è<br />

stato assolutamente ottimo,<br />

un clima di assoluta sportività<br />

e competitività allo stesso momento!<br />

Per fortuna non ci sono<br />

state grandi discussioni tranne<br />

un piccolo diverbio per il risultato<br />

di una heat, ma per quello<br />

che mi riguarda il giudizio dei<br />

giudici è insindacabile, e quello<br />

degli amici invece molto spesso<br />

può essere molto compromesso<br />

e può portare anche a delle<br />

incomprensioni e delusioni.<br />

Quindi qui apro e chiudo una<br />

brevissima parentesi poiché in<br />

questi ultimi giorni se n’è parlato<br />

molto, ma per fortuna tutto è<br />

stato chiarito!<br />

KS_Obiettivi per la stagione, e<br />

il supporto dei tuoi sponsors e<br />

della tua famiglia.<br />

FC_Per questa stagione conto<br />

ovviamente di seguire tutto il<br />

circuito CKI/FIV e dare il massimo<br />

per mantenere la prima posizione,<br />

inoltre cercherò di partecipare<br />

alle prossime tappe di<br />

campionato mondiale IKA wave.<br />

Ovviamente tutto coniugato al<br />

mio programma gare wave e<br />

freestyle di windsurf, insomma<br />

un anno abbastanza intenso<br />

per me! Colgo l’occasione per<br />

ringraziare in primis la mia famiglia<br />

per tutti gli sforzi che hanno<br />

fatto per me in questi anni per<br />

permettermi di allenarmi e partecipare<br />

a tutte le gare, e quindi<br />

se oggi sono qui, è soprattutto<br />

grazie a loro! Ovviamente non<br />

posso non ringraziare i miei<br />

sponsor, che mi permettono di<br />

affrontare le gare con i migliori


materiali che potrei avere ovvero<br />

RRD, MAVERX, AL360, FLY-<br />

MOUNT, ASD REEF.<br />

Stefano Bertini,<br />

Giudice CKI/FIV:<br />

KS_Ciao Stefano, tu sei uno dei<br />

giudici del wave riding, com’è<br />

stato strutturato il campionato<br />

italiano di quest'anno? Quali<br />

saranno le altre tappe?<br />

SB_Quest'anno, sotto l'egida<br />

della CKI, i circoli organizzatori<br />

sono ASD REEF (Sicilia), MARINE<br />

VILLAGE (Lazio) e il CHIA WIN-<br />

DCLUB (Sardegna). Questi circoli<br />

ospiteranno il CAMPIONATO<br />

ITALIANO WAVE 2016, strutturato<br />

su tre tappe, e la finale sarà<br />

alla terza tappa in Sardegna a<br />

Novembre.<br />

KS_Il tabellone della prima<br />

gara ha suscitato qualche perplessità<br />

tra gli atleti, ci vuoi<br />

spiegare come funziona? Pensate<br />

di modificare il tabellone<br />

per le prossime gare?<br />

SB_Per la prima volta in Italia è<br />

stato utilizzato un Double Dingle,<br />

funziona sostanzialmente<br />

così: tutto il primo turno prevede<br />

uno scontro a tre su otto<br />

batterie, dove il vincitore passava<br />

direttamente al 3° round e gli<br />

altri sono incrociati in batterie<br />

diverse nel 2° round. In particolare,<br />

questo format, permette<br />

agli atleti di avere la possibilità<br />

di un doppio ripescaggio, ma sicuramente<br />

dà la certezza che,<br />

per essere out, bisogna perdere<br />

effettivamente due volte. Qualche<br />

atleta ha proposto di avanzare<br />

lo step del ripescaggio nei<br />

round finali ed eventualmente<br />

un round in più, cosa che sarà<br />

valutata e confrontata, il lavoro<br />

di gruppo e i feedback positivi<br />

e costruttivi, portano a<br />

migliorarsi sicuramente in futuro.<br />

Per il prossimo anno, ma<br />

di certo quest'anno, qualora si<br />

decidesse di utilizzare il double<br />

alle gare successive, sarà nello<br />

stesso format.<br />

KS_Il criterio di giudizio delle<br />

gare wave riding CKI/FIV, quali<br />

sono i parametri principali<br />

che valutate? Come funziona<br />

il passaggio dell'atleta al turno


204<br />

EVENTI<br />

Puzziteddu wave contest<br />

successivo? Per maggioranza<br />

o per media? Come sono assegnati<br />

i punteggi?<br />

SB_A questa domanda voglio<br />

rispondere i maniera chiara e<br />

precisa e per non sbagliare ti rispondo<br />

per come è regolamentato<br />

dall'ADDENDUM F WAVE<br />

COMPETITION, gli atleti sono<br />

invitati a capire, leggere e studiare<br />

il regolamento in tutte le<br />

sue specificità:<br />

Judges analyze the following<br />

major elements when scoring<br />

waves:<br />

• Commitment<br />

• Degree of difficulty<br />

• Innovative and progressive<br />

maneuvers<br />

• Combination of major maneuvers<br />

• Variety of functional maneuvers<br />

• Speed, power and flow<br />

Il passaggio dall'atleta al turno<br />

successivo avviene facendo una<br />

media dei punteggi degli UDR.<br />

Ogni UDR assegna un punteggio<br />

che va da 0,1 a 10, ma dovrà<br />

mantenersi in una forbice dettata<br />

dal Race Director, che a sua<br />

volta fa riferimento al Regolamento.<br />

Nel caso di tre giudici, si<br />

utilizzano tutti e tre i punteggi,


oppure, cosa che cercheremo di<br />

fare alla finale, con cinque giudici,<br />

saranno scartati il punteggio<br />

più basso e il più alto.<br />

KS_C'è qualche penalizzazione<br />

di punteggio iniziale prevista<br />

per il riding strapped?<br />

SB_Certo, durante lo Skipper’s<br />

meeting, è ben spiegato come e<br />

quali sono i criteri e soprattutto<br />

cosa comporta surfare con<br />

le straps oppure senza. L'atleta<br />

non è obbligato a dichiararlo<br />

prima, ma è lui che decide di<br />

prender parte all'evento con l'utilizzo<br />

delle straps.<br />

KS_Alla prima tappa siciliana<br />

c'è stata, per la prima volta<br />

dopo tanti anni, una partecipazione<br />

numerosa di atleti, è<br />

stato bello vedere tutto un tabellone<br />

completo. A cosa pensi<br />

sia dovuta questa inversione di<br />

tendenza rispetto, ad esempio,<br />

alla finale dello scorso anno?<br />

SB_Al grande lavoro svolto da<br />

un gruppetto di appassionati<br />

del wave in seno alla Classe,<br />

ma in particolare mi riferisco a<br />

Mirco Babini (Presidente IKA).<br />

La Classe quest'anno ha deciso<br />

di dedicarsi molto a questa disciplina,<br />

avvalendosi anche della<br />

mia persona, ma più di tutto<br />

spendendo nella formazione<br />

degli UDR e nella volontà di far<br />

crescere la disciplina.<br />

KS_Dal punto di vista staff giudici,<br />

quanti siete a oggi i giudici<br />

operanti nel wave riding?<br />

SB_Non siamo molti, soprattutto<br />

vista l'enorme evoluzione<br />

della disciplina, ma la Formazione<br />

è in continua crescita, e<br />

grazie al supporto della Federazione<br />

vi sarà un nuovo corso<br />

entro fine anno per UDR Official<br />

Expression.<br />

KS_Cosa ti aspetti per questa<br />

stagione 2016? Qual è l'obiet-


206<br />

EVENTI<br />

Puzziteddu wave contest<br />

tivo che vorreste raggiungere?<br />

SB_Cosa mi aspetto del 2016?<br />

Sinceramente che vinca lo sport<br />

e la sportività fra gli atleti, e<br />

che tutto il lavoro svolto possa,<br />

in parte almeno, ripagare<br />

con soddisfazione ogni atleta e<br />

chi ci mette soprattutto passione<br />

e buona volontà. L'obiettivo<br />

che vorrei raggiungere? Fare<br />

un buon lavoro per raggiungere<br />

accordi con tutti i brand e poter<br />

ridurre/abbattere, insomma<br />

rendere al minimo possibile le<br />

spese di iscrizione/partecipazione<br />

agli eventi degli atleti. Sicuramente<br />

ci saranno sorprese<br />

per il 2017.<br />

online.<br />

Ringraziamenti:<br />

Circolo Velico Albaria di Palermo,<br />

RRD, RIDE ENGINE ITALIA, a<br />

Paolo Bertini, realizzatore degli<br />

splendidi trofei, e a Eddy Piana<br />

(http://wavexpression.com/<br />

reefpuzziteddu) per il supporto


Classifica Puzziteddu Wave Contest<br />

1_Francesco Cappuzzo<br />

2_Marco Baiocchi<br />

3_Antonio Ciliberto<br />

4_Stefano Maffezzoni<br />

5_Pisu, Guzzo, Castagno, D’Ottavi<br />

9_Giordano, Minutello, Fenu, Coccoluto<br />

13_Di Paola, Forace, Luisi, De Filippo<br />

17_Mirabile, Di Giorgio, Maggiore, Alessi, Puce, De<br />

Rossi, Di Bernardi


KITESOUL È ANCHE SU APP STORE!<br />

SCARICA LA NOSTRA APP E<br />

FEEL THE FLOW<br />

NON non non PeRDete perdete IL il PROSSIMO prossimo il proSSimo NuMeRO numero DICeMBRe Agosto GiuGno - settembre -- GeNNAIO luGlio in IN in uSCita uSCItA uscita il IL 2 il GiuGno 2 DICeMBRe agosto 2016 2016 2015<br />

Per informazioni o suggerimenti contattateci all’indirizzo info@kitesoul.com<br />

Per la pubblicità sul magazine o sul nostro sito adv@kitesoul.com

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!