Statistica Ordinis Fratrum Minorum - OFM

ofm.org

Statistica Ordinis Fratrum Minorum - OFM

ACTA ORDINIS

FRATRUM MINORUM

VEL AD ORDINEM QUOQUO MODO PERTINENTIA

IUSSU ET AUCTORITATE

Fr. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO

TOTIUS ORD. FR. MIN. MINISTRI GENERALIS

IN COMMODUM PRAESERTIM RELIGIOSORUM SIBI SUBDITORUM

IN LUCEM AEDITA

Veritatem facientes in caritate (Eph. 4,15).

Peculiari prorsus laude dignum putavimus,

dilecte Fili, consilium quo horum Actorum

collectio atque editio suscepta est.

(Ex Epist. LEONIS PP. XIII ad Min. Gen.)

ROMA

CURIA GENERALIS ORDINIS


Impaginazione e grafica: Ufficio Comunicazioni OFM – Roma

Stampa: Arti Grafiche Antica Porziuncola – Cannara (Perugia) – 2006


SUMMARIUM FASCICULI

(An. CXXV, IANUARII – APRILIS 2006 – Fasc. I)

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

1. Omelia per la conclusione della Settimana

di preghiera per l’unità dei cristiani. . . . . . . . . . . . . 3

2. Omelia in occasione della Giornata

della Vita consacrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Omelia in occasione dell’incontro

con i nuovi Ministri e Custodi . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

2. Informe para el encuentro con los

nuevos Ministros y Custodios . . . . . . . . . . . . . . . . 11

1. Haciendo memoria de nuestra identidad. . . . . 11

2. Perfil del ministro y custodio . . . . . . . . . . . . . 13

3. Actitudes y medios de animación y gobierno . 15

4. Conclusiones . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

3. Apertura delle celebrazioni delle Case

dipendenti dal Ministro generale . . . . . . . . . . . . . . 18

4. Omelia alla conclusione dell’Incontro

dei Ministri e dei Custodi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

5. Message aux Jeunes Franciscains

et Franciscaines . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

6. Saluto a Benedetto XVI in occasione

dell’Udienza concessa al Ministro e

al Definitorio generale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

7. Messaggio ai Frati della Fondazione

in Russia e Kazakistan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26

8. Lettera ai Vescovi, ai Francescani,

alle Francescane e ai Cristiani in Libia . . . . . . . . . 27

9. Lettera al Legato pontificio

per le Basiliche di Assisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

10. Lettera in occasione della Pasqua 2006 . . . . . . . . . 29

VERSUS CAPITULUM GENERALE

EXTRAORDINARIUM

• Strumento di lavoro per il Capitolo generale

Straordinario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

E SECRETARIA GENERALI

1. Fund. Franc. Ss. Nominis Iesu in

Centroamerica electio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

2. Provinciarum fusionis decretatio. . . . . . . . . . . . . . 41

3. Capitulum Prov. S. Antonii Patavini in Brasilia . . 41

Copertina ed inserto a colori: Olio su tela di Ivo Batocco (Curia generale OFM, Roma)

4. Capitulum Prov. SS. XII Apostolorum in Peruvia. 42

5. Capitulum Intermedium

Prov. S. Barbarae in S.F.A.S. . . . . . . . . . . . . . . . . 42

6. Capitulum Intermedium

Prov. Ss. Martyrum Coreanorum in Corea . . . . . . 42

7. Capitulum Prov. B. Juniperi Serra in Mexico . . . . 42

8. Capitulum Prov. Nostrae Dominae

Reginae Pacis in Africa Meridionale . . . . . . . . . . 43

9. Capitulum Prov. Castellanae

S. Gregorii Magni in Hispania . . . . . . . . . . . . . . . 43

10. Visitatores generales . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

11. Domus suppressae . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

12. Notitiae particulares. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

E SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

1. Sabbatical periods in the Holy Land . . . . . . . . . . . 47

2. Nuevo reglamento para Becas de estudio . . . . . . . 47

3. Cronaca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

1. Visita alla Prov. “Immacolata Concezione

della BMV” in Brasile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

2. Visita alla Prov. “S. Famiglia” in Egitto . . . . 49

3. Visita alla Prov. “Assunzione della BVM”

in Polonia e alla Fond. “Tutti i Santi

dell’Ordine” per i Frati greco-cattolici

in Ucraina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

4. Notitiae particulares. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

1. Pontificia Università Antonianum. . . . . . . . . . 50

2. Casa di Noviziato/Olanda . . . . . . . . . . . . . . . . 51

3. Casa di Noviziato/Bosnia-Erzegovina . . . . . . 51

4. Casa di Noviziato Interprovinciale

in Germania. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

1. Incontro del Definitorio generale con i Vicariati,

le Prefetture e le Prelature apostoliche affidati

all’Ordine dei Frati Minori . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

2. Capitolo delle Stuoie della Fondazione

S. Francesco in Russia e Kazakhstan. . . . . . . . . . . 55

3. Assemblea annuale della Conferenza Africana . . . 56

4. Conselho Internacional para a Evangelização . . . 60

5. Haiti. Una missione tra gli Afro-Americani . . . . . 63

❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈❈

Directio Commentarii «ACTA ORDINIS FRATRUM MINORUM»

CURIA GENERALIS O.F.M.

Via S. Maria Mediatrie, 25

00165 ROMA (Italia)

Fax +39.06.68.491.364 / e-mail: acta@ofm.org

DISTRIBUTIO GRATUITA – DISTRIBUZIONE GRATUITA FUORI COMMERCIO


6. Incontro/atelier sulle nuove Fraternità in missione. . 64

7. II Congreso Internacional latino-americano

de Educadores francescanos . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

E POSTULATIONE GENERALI

1. Decretum super miraculo SD Augustini

Thevarparampil . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71

2. Decretum super martyrio SSDD Victoris

Chumillas Fernández et XXI Sociorum. . . . . . . . . 72

3. Decretum super virtutibus B. Simonis de Lipnica. 74

4. Decretum super virtutibus B. Baptistae Varano. . . 75

5. Decretum super virtutibus SD Maximi Rinaldi . . . 78

6. Nominatio Relatoris in Causa SD

Teresiae Enriquez . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

7. Facultas exuvias Ven. SD Maximi

Rinaldi recognoscendi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81

8. Nuntium Secretariae Status de ritu beatificationis

Ven. SD Augustini Thevarparampil. . . . . . . . . . . . 81

9. Facultas conceditur Causae SSDD Richardi

Pelufo et Sociorum OFM alia Causa

Servarum Dei OSC coniungendi . . . . . . . . . . . . . 82

10. Facultas Transumptum aperiendi in

Causa SD Melchiorae Saravia Tasayco . . . . . . . . . 82

11. Nominatio Relatoris in Causa SSDD

Richardi Pelufo et Sociorum OFM . . . . . . . . . . . . 82

12. Facultas exuvias recognoscendi Ven.

SD Augustini Thevarparampil . . . . . . . . . . . . . . . . 83

13. Validitas iuridica Inquisitionis super adserto

miraculo in Causa SD M. Clarae

S. Farolfi declaratur . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83

14. Facultas transumptum inquisitionis super miro

aperiendi in Causa Ven. SD Francisci Paleari . . . . 83

15. Notitiae particulares. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84

STATISTICA

ORDINIS FRATRUM MINORUM

(31 Decembris 2005)

I. Relatio de statu personali et locali Ordinis .............87

II. Fratres omnes unicuique Provinciae vel

Cust. Aut. adscripti ...............................................91

III. Fratres et domus secundum regiones .....................95

IV. Status domum et presentia fratrum in

singulis nationibus .................................................98

V. Provinciae vel Cust. Aut. juxta

numerum fratrum et novitiorum ..........................101

VI. Incrementum vel decrementum numeri fratrum ..104

VII. Inter 2005 et 2004 compoaratio...........................108

VIII.Alumni cursus Philosophiae, Theologiae et

ad Gradus Academicos.........................................111

EX OFFICIO OFS

1. Corea - Capitolo nazionale elettivo . . . . . . . . . . . 115

2. Giappone - Capitolo nazionale elettivo e

incontri con l’OFS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114

3. Spagna – Incontro con i Promotori vocazionali . 114

4. Svizzera – Visita a Franciscans International . . . 116

5. Italia – Manuale per l’assistenza all’OFS

e alla GiFra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

6. Italia - Incontro dei Responsabili delle

Giornate Mondiali della Gioventù . . . . . . . . . . . 118

EX OFFICIO PRO “IUSTITIA, PACE

ATQUE INTEGRITATE CREATI”

* Congreso internacional de “Justicia,

Paz y Integridad de la Creación” . . . . . . . . . . . . . 119

1. Crónica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

2. Relación del Ministro general. . . . . . . . . . . . 125

3. Documento finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135

E “SERVITIO PRO DIALOGO”

1 Saluto del Ministro generale

a Sua Santità Alessio II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139

2 Fr. J. R. Carballo in dialogo fraterno con

i rappresentanti della Chiesa cattolica e

della Chiesa ortodossa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139

EX OFFICIO IURIDICO

* Activitas Officii Iuridici una cum Comm. Iuridica. 147

AD CHRONICAM ORDINIS

1. De itineribus Ministri Generalis . . . . . . . . . . . . . 149

1. Visita a la Custodia Fray Luis Bolaños

del Paraguay . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149

2. Visita a las Provincias de Argentina . . . . . . . 150

3. Visita alla Fondazione “Nostra Signora

di Fatima” in Brasile . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151

4. Visita a la Provincia San Antonio en Bolivia 152

5. The Visit of the Minister General to the

Province of Saint Francis in Vietnam . . . . . . 156

6. Visita alla Provincia S. Maria delle Grazie

in Sardegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

7. Visita alla Provincia S. Bernardino da Siena

in Abruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161

8. Visita alla Provincia dei SS. Cirillo e

Metodio di Zagreb in Croazia . . . . . . . . . . . . 163

9. Visita alla Provincia dei SS. VII Martiri

in Calabria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164

10. Visita a la Provincia de San Francisco

en Brasil . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167

3. Incontro dei Ministri e Custodi

con il Definitorio generale. . . . . . . . . . . . . . . . . . 170

4. Inizio delle celebrazioni

per l’VIII Centenario di Fondazione . . . . . . . . . . 170

5. Il Ministro generale in Udienza dal Santo Padre . 172

6. Riunione della Conferenza Sud-Slavica . . . . . . . 173

7. St. Isidore’s College passes to the General Curia 174

8. Incontro della Conferenza

della Famiglia Francescana . . . . . . . . . . . . . . . . . 174

9. Incontro con i “governi” delle Province OFM

in Germania . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175

10. Notitiae particulares. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176

BIBLIOGRAFIA

1. Libri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177

2. Extracta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178

3. Pubblicazioni del Direttore responsabile

di “Acta Ordinis”. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178

NECROLOGIA

1. Fray Rubén Camps Mezquida . . . . . . . . . . . . . . . 181

2. Fr. Valeriano Giordano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182

3. Fr. Regis Duffy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183

4. Fr. Bernardine Ward . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184

5. Fr. Joseph-Marie Legonou. . . . . . . . . . . . . . . . . . 185

6. Anno 2004 mortui sunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189

7. Anno 2005 mortui sunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184

8. Anno 2006 mortui sunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187


EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

1. Omelia per la conclusione della Settimana

di preghiera per l’unità dei cristiani

Patriarcale Basilica di San Paolo fuori le Mura,

Mercoledì, 25 gennaio 2006

DEUS CARITAS EST

Cari fratelli e sorelle!

In questo giorno, nel quale si celebra la

conversione dell’apostolo Paolo, concludiamo,

riuniti in fraterna assemblea liturgica,

l’annuale Settimana di preghiera per l’unità

dei cristiani. È significativo che la memoria

della conversione dell’Apostolo delle genti

coincida con la giornata finale di questa importante

Settimana, in cui con particolare intensità

domandiamo a Dio il dono prezioso

dell’unità tra tutti i cristiani, facendo nostra

l’invocazione che Gesù stesso elevò al Padre

per i suoi discepoli: «Perché tutti siano una

sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in

te, siano anch’essi in noi una cosa sola, perché

il mondo creda che tu mi hai mandato»

(Gv 17, 21). L’aspirazione di ogni Comunità

cristiana e di ogni singolo fedele all’unità e

la forza per realizzarla sono un dono dello

Spirito Santo e vanno di pari passo con una

sempre più profonda e radicale fedeltà al

Vangelo (cfr Enc. Ut unum sint, 15). Ci rendiamo

conto che alla base dell’impegno ecumenico

c’è la conversione del cuore, come

afferma chiaramente il Concilio Vaticano II:

«Ecumenismo vero non c’è senza interiore

conversione; poiché il desiderio dell’unità

nasce e matura dal rinnovamento della mente,

dall’abnegazione di se stessi e dalla liberissima

effusione della carità» (Decr. Unitatis

redintegratio, 7).

Deus caritas est (1Gv 4, 8.16), Dio è

amore. Su questa solida roccia poggia tutta

intera la fede della Chiesa. In particolare, si

basa su di essa la paziente ricerca della piena

comunione tra tutti i discepoli di Cristo:

fissando lo sguardo su questa verità, culmine

della divina rivelazione, le divisioni, pur

mantenendo la loro dolorosa gravità, appaiono

superabili e non ci scoraggiano. Il

Signore Gesù, che con il sangue della sua

Passione ha abbattuto «il muro di separazione»

dell’«inimicizia» (Ef 2, 14), non

mancherà di concedere a quanti lo invocano

con fede la forza per rimarginare ogni lacerazione.

Ma occorre sempre ripartire da

qui: Deus caritas est. Al tema dell’amore ho

voluto dedicare la mia prima Enciclica, che

proprio oggi è stata pubblicata e questa felice

coincidenza con la conclusione della Settimana

di preghiera per l’unità dei cristiani

ci invita a considerare questo nostro incontro,

ma, ben più in là, tutto il cammino ecumenico

nella luce dell’amore di Dio, dell’Amore

che è Dio. Se già sotto il profilo

umano l’amore si manifesta come una forza

invincibile, che cosa dobbiamo dire noi, che

«abbiamo riconosciuto e creduto all’amore

che Dio ha per noi» (1Gv 4, 16)? L’amore

vero non annulla le legittime differenze, ma

le armonizza in una superiore unità, che non

viene imposta dall’esterno, ma che dall’interno

dà forma, per così dire, all’insieme. È

il mistero della comunione, che come unisce

l’uomo e la donna in quella comunità

d’amore e di vita che è il matrimonio, così

forma la Chiesa quale comunità d’amore,

componendo in unità una multiforme ricchezza

di doni, di tradizioni. Al servizio di

tale unità d’amore è posta la Chiesa di Roma

che, secondo l’espressione di sant’Ignazio

di Antiochia, «presiede alla carità» (Ad

Rom 1,1). Davanti a voi, cari fratelli e sorelle,

desidero oggi rinnovare l’affidamento

a Dio del mio peculiare ministero petrino,

invocando su di esso la luce e la forza

dello Spirito Santo, affinché favorisca sempre

la fraterna comunione tra tutti i cristiani.

Il tema dell’amore lega in profondità le

due brevi letture bibliche dell’odierna liturgia

vespertina. Nella prima, la carità divina


4 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

è la forza che trasforma la vita di Saulo di

Tarso e ne fa l’Apostolo delle genti. Scrivendo

ai cristiani di Corinto, san Paolo confessa

che la grazia di Dio ha operato in lui

l’evento straordinario della conversione:

«Per grazia di Dio sono quello che sono, e

la sua grazia in me non è stata vana» (1Cor

15, 10). Da una parte sente il peso di essere

stato di ostacolo alla diffusione del messaggio

di Cristo, ma nel contempo vive nella

gioia di avere incontrato il Signore risorto e

di essere stato illuminato e trasformato dalla

sua luce. Egli conserva una costante memoria

di quell’evento che ha cambiato la

sua esistenza, evento talmente importante

per la Chiesa intera che negli Atti degli

Apostoli vi si fa riferimento ben tre volte

(cfr At 9,3-9; 22,6-11; 26,12-18). Sulla via

di Damasco, Saulo sentì lo sconvolgente interrogativo:

«Perché mi perseguiti?». Caduto

a terra e interiormente turbato, domandò:

«Chi sei, o Signore?», ottenendo quella risposta

che è alla base della sua conversione:

«Io sono Gesù, che tu perseguiti» (At 9,4-

5). Paolo comprese in un istante ciò che

avrebbe espresso poi nei suoi scritti, che la

Chiesa forma un corpo unico di cui Cristo è

il Capo. Così, da persecutore dei cristiani

diventò l’Apostolo delle genti.

Nel brano evangelico di Matteo, che

poc’anzi abbiamo ascoltato, l’amore opera

come principio che unisce i cristiani e fa sì

che la loro preghiera unanime venga esaudita

dal Padre celeste. Dice Gesù: «Se due di

voi sopra la terra si accorderanno per domandare

qualunque cosa, il Padre mio che è

nei cieli ve la concederà» (Mt 18,19). Il verbo

che l’evangelista usa per «si accorderanno»

è synphonesosin: c’è il riferimento ad

una «sinfonia» dei cuori. È questo che ha

presa sul cuore di Dio. L’accordo nella preghiera

risulta dunque importante ai fini del

suo accoglimento da parte del Padre celeste.

Il chiedere insieme segna già un passo verso

l’unità tra coloro che chiedono. Ciò non significa

certamente che la risposta di Dio venga

in qualche modo determinata dalla nostra

domanda. Lo sappiamo bene: l’auspicato

compimento dell’unità dipende in primo luogo

dalla volontà di Dio, il cui disegno e la cui

generosità superano la comprensione del-

l’uomo e le sue stesse richieste ed attese.

Contando proprio sulla bontà divina, intensifichiamo

la nostra preghiera comune per l’unità,

che è un mezzo necessario e quanto mai

efficace, come ha ricordato Giovanni Paolo

II nell’Enciclica Ut unum sint: «Sulla via

ecumenica verso l’unità, il primato spetta

senz’altro alla preghiera comune, all’unione

orante di coloro che si stringono insieme attorno

a Cristo stesso» (n. 22).

Analizzando poi più profondamente

questi versetti evangelici, comprendiamo

meglio la ragione per cui il Padre risponderà

positivamente alla domanda della comunità

cristiana: “Perché - dice Gesù - dove

sono due o tre riuniti nel mio nome, io

sono in mezzo a loro”. È la presenza di Cristo

che rende efficace la preghiera comune

di coloro che sono riuniti nel suo nome.

Quando i cristiani si raccolgono per pregare,

Gesù stesso è in mezzo a loro. Essi sono

uno con Colui che è l’unico mediatore tra

Dio e gli uomini. La Costituzione sulla Sacra

Liturgia del Concilio Vaticano II si riferisce

proprio a questo passo del Vangelo

per indicare uno dei modi della presenza di

Cristo: «Quando la Chiesa prega e canta i

Salmi, è presente Lui che ha promesso:

“Dove sono due o tre riuniti nel mio nome,

io sono in mezzo a loro” (Mt 18, 20)» (Sacrosanctum

Concilium, 7).

Commentando questo testo dell’evangelista

Matteo, san Giovanni Crisostomo si chiede:

«Ebbene, non ci sono due o tre che si riuniscono

nel suo nome? Ci sono - egli risponde

- ma raramente» (Omelie sul Vangelo di

Matteo, 60,3). Questa sera provo un’immensa

gioia nel vedere una così nutrita ed orante

assemblea, che implora in modo «sinfonico»

il dono dell’unità. A tutti e a ciascuno rivolgo

il mio cordiale saluto. Saluto con particolare

affetto i fratelli delle altre Chiese e Comunità

ecclesiali di questa Città, uniti nell’unico battesimo,

che ci fa membra dell’unico Corpo

mistico di Cristo. Sono appena trascorsi 40

anni da quando, proprio in questa Basilica, il

5 dicembre del 1965, il Servo di Dio Paolo

VI, di felice memoria, celebrò la prima preghiera

comune, a conclusione del Concilio

Vaticano II, con la solenne presenza dei Padri

conciliari e la partecipazione attiva degli Os-


servatori delle altre Chiese e Comunità ecclesiali.

In seguito, l’amato Giovanni Paolo II ha

continuato con perseveranza la tradizione di

concludere qui la Settimana di preghiera.

Sono certo che questa sera entrambi ci

guardano dal Cielo e si uniscono alla nostra

preghiera. Fra coloro che prendono parte a

questa nostra assemblea vorrei specialmente

salutare e ringraziare il gruppo dei delegati di

Chiese, di Conferenze Episcopali, di Comunità

cristiane e di organismi ecumenici che

avviano la preparazione della Terza Assemblea

Ecumenica Europea, in programma a Sìbiu,

in Romania, nel settembre del 2007, sul

tema: «La luce di Cristo illumina tutti. Speranza

di rinnovamento e unità in Europa». Sì,

cari fratelli e sorelle, noi cristiani abbiamo il

compito di essere, in Europa e tra tutti i popoli,

«luce del mondo» (Mt 5,14). Voglia Iddio

concederci di raggiungere presto l’auspicata

piena comunione. La ricomposizione

della nostra unità darà maggiore efficacia all’evangelizzazione.

L’unità è la nostra comune

missione; è la condizione perché la luce di

Cristo si diffonda più efficacemente in ogni

angolo del mondo e gli uomini si convertano

e siano salvati. Quanta strada sta dinanzi a

noi! Eppure non perdiamo la fiducia, anzi con

più lena riprendiamo il cammino insieme.

Cristo ci precede e ci accompagna. Noi contiamo

sulla sua indefettibile presenza; da Lui

umilmente e instancabilmente imploriamo il

prezioso dono dell’unità e della pace.

BENEDETTO XVI

© Copyright 2006 - Libreria Editrice Vaticana

2. Omelia in occasione della Giornata

della Vita consacrata

Basilica Vaticana, Giovedì, 2 febbraio 2006

LA VITA CONSACRATA, ANNUNCIO

DELLA PRESENZA DI DIO

Cari fratelli e sorelle!

L’odierna festa della Presentazione al

tempio di Gesù, a quaranta giorni dalla sua

nascita, pone davanti ai nostri occhi un mo-

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

mento particolare della vita della santa Famiglia:

secondo la legge mosaica, il piccolo

Gesù viene portato da Maria e Giuseppe

nel tempio di Gerusalemme per essere offerto

al Signore (cfr Lc 2, 22). Simeone ed

Anna, ispirati da Dio, riconoscono in quel

Bambino il Messia tanto atteso e profetizzano

su di Lui. Siamo in presenza di un mistero,

semplice e solenne al tempo stesso,

nel quale la santa Chiesa celebra Cristo, il

Consacrato del Padre, primogenito della

nuova umanità.

La suggestiva processione dei ceri all’inizio

della nostra celebrazione ci ha fatto rivivere

il maestoso ingresso, cantato nel Salmo

responsoriale, di Colui che è «il re della

gloria», «il Signore potente in battaglia»

(Sal 23, 7.8). Ma chi è il Dio potente che entra

nel tempio? È un Bambino; è il Bambino

Gesù, tra le braccia di sua madre, la Vergine

Maria. La santa Famiglia compie

quanto prescriveva la Legge: la purificazione

della madre, l’offerta del primogenito a

Dio e il suo riscatto mediante un sacrificio.

Nella prima Lettura la Liturgia parla dell’oracolo

del profeta Malachia: «Subito entrerà

nel suo tempio il Signore» (Mal 3, 1).

Queste parole comunicano tutta l’intensità

del desiderio che ha animato l’attesa da parte

del popolo ebreo nel corso dei secoli. Entra

finalmente nella sua casa «l’angelo dell’alleanza»

e si sottomette alla Legge: viene

a Gerusalemme per entrare in

atteggiamento di obbedienza nella casa di

Dio.

Il significato di questo gesto acquista

una prospettiva più ampia nel brano della

Lettera agli Ebrei, proclamato oggi come

seconda Lettura. Qui ci viene presentato

Cristo, il mediatore che unisce Dio e l’uomo

abolendo le distanze, eliminando ogni

divisione e abbattendo ogni muro di separazione.

Cristo viene come nuovo «sommo

sacerdote misericordioso e fedele nelle cose

che riguardano Dio, allo scopo di espiare

i peccati del popolo» (Eb 2, 17). Notiamo

così che la mediazione con Dio non si attua

più nella santità-separazione del sacerdozio

antico, ma nella solidarietà liberante con gli

uomini. Egli inizia, ancora Bambino, a

camminare sulla via dell’obbedienza, che

5


6 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

percorrerà fino in fondo. Lo pone ben in luce

la Lettera agli Ebrei quando dice: «Nei

giorni della sua vita terrena offrì preghiere

e suppliche... a colui che poteva liberarlo da

morte ... Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza

dalle cose che patì e, reso perfetto,

divenne causa di salvezza eterna per tutti

coloro che gli obbediscono» (cfr Eb 5, 7-9).

La prima persona che si associa a Cristo

sulla via dell’obbedienza, della fede provata

e del dolore condiviso è sua madre Maria.

Il testo evangelico ce la mostra nell’atto di

offrire il Figlio: un’offerta incondizionata

che la coinvolge in prima persona: Maria è

Madre di Colui che è «gloria del suo popolo

Israele» e «luce per illuminare le genti»,

ma anche «segno di contraddizione» (cfr Lc

2, 32.34). E lei stessa, nella sua anima immacolata,

dovrà essere trafitta dalla spada

del dolore, mostrando così che il suo ruolo

nella storia della salvezza non si esaurisce

nel mistero dell’Incarnazione, ma si completa

nell’amorosa e dolorosa partecipazione

alla morte e alla risurrezione del Figlio

suo. Portando il Figlio a Gerusalemme, la

Vergine Madre lo offre a Dio come vero

Agnello che toglie i peccati del mondo; lo

porge a Simeone e ad Anna quale annuncio

di redenzione; lo presenta a tutti come luce

per un cammino sicuro sulla via della verità

e dell’amore.

Le parole che in quest’incontro affiorano

sulle labbra del vecchio Simeone - «I

miei occhi han visto la tua salvezza» (Lc 2,

30) - trovano eco nell’animo della profetessa

Anna. Queste persone giuste e pie, avvolte

dalla luce di Cristo, possono contemplare

nel Bambino Gesù «il conforto d’Israele»

(Lc 2, 25). La loro attesa si

trasforma così in luce che rischiara la storia.

Simeone è portatore di un’antica speranza e

lo Spirito del Signore parla al suo cuore: per

questo può contemplare colui che molti

profeti e re avevano desiderato vedere, Cristo,

luce che illumina le genti. In quel Bambino

riconosce il Salvatore, ma intuisce nello

Spirito che intorno a Lui si giocheranno i

destini dell’umanità, e che dovrà soffrire

molto da parte di quanti lo rifiuteranno; ne

proclama l’identità e la missione di Messia

con le parole che formano uno degli inni

della Chiesa nascente, dal quale si sprigiona

tutta l’esultanza comunitaria ed escatologica

dell’attesa salvifica realizzata. L’entusiasmo

è così grande che vivere e morire sono

la stessa cosa, e la «luce» e la «gloria» diventano

una rivelazione universale. Anna è

“profetessa”, donna saggia e pia che interpreta

il senso profondo degli eventi storici e

del messaggio di Dio in essi celato. Per questo

può «lodare Dio» e parlare «del Bambino

a tutti coloro che aspettavano la redenzione

di Gerusalemme» (Lc 2, 38). La lunga

vedovanza dedita al culto nel tempio, la

fedeltà ai digiuni settimanali, la partecipazione

all’attesa di quanti anelavano il riscatto

d’Israele si concludono nell’incontro

con il Bambino Gesù.

Cari fratelli e sorelle, in questa festa della

Presentazione del Signore la Chiesa celebra

la Giornata della Vita Consacrata. Si

tratta di un’opportuna occasione per lodare

il Signore e ringraziarlo del dono inestimabile

che la vita consacrata nelle sue differenti

forme rappresenta; è al tempo stesso

uno stimolo a promuovere in tutto il popolo

di Dio la conoscenza e la stima per chi è totalmente

consacrato a Dio. Come, infatti, la

vita di Gesù, nella sua obbedienza e dedizione

al Padre, è parabola vivente del «Dio

con noi», così la concreta dedizione delle

persone consacrate a Dio e ai fratelli diventa

segno eloquente della presenza del Regno

di Dio per il mondo di oggi. Il vostro

modo di vivere e di operare è in grado di

manifestare senza attenuazioni la piena appartenenza

all’unico Signore; la vostra

completa consegna nelle mani di Cristo e

della Chiesa è un annuncio forte e chiaro

della presenza di Dio in un linguaggio comprensibile

ai nostri contemporanei. È questo

il primo servizio che la vita consacrata rende

alla Chiesa e al mondo. All’interno del

Popolo di Dio essi sono come sentinelle che

scorgono e annunciano la vita nuova già

presente nella nostra storia.

Mi rivolgo ora in modo speciale a voi,

cari fratelli e sorelle che avete abbracciato

la vocazione di speciale consacrazione, per

salutarvi con affetto e ringraziarvi di cuore

per la vostra presenza. Un saluto speciale rivolgo

a Mons. Franc Rodé, Prefetto della


Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata

e le Società di Vita Apostolica, e ai

suoi collaboratori, che concelebrano con

me in questa Santa Messa. Il Signore rinnovi

ogni giorno in voi e in tutte le persone

consacrate la risposta gioiosa al suo amore

gratuito e fedele. Cari fratelli e sorelle, come

ceri accesi, irradiate sempre e in ogni

luogo l’amore di Cristo, luce del mondo.

EX ACTIS SUMMI PONTIFICIS

Maria Santissima, la Donna consacrata, vi

aiuti a vivere appieno questa vostra speciale

vocazione e missione nella Chiesa per la

salvezza del mondo.

Amen!

BENEDETTO XVI

© Copyright 2006 - Libreria Editrice Vaticana

7


EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

1. Omelia in occasione dell’incontro con

i nuovi Ministri e Custodi

Roma Memoria liturgica

dei santi Berardo e compagni, 16.01.2006

SIATE SEMPLICI E PRUDENTI

1Cor 4,9-14, Sal 125, Mt 10,16-22

Cari fratelli Ministri e Custodi,

il Signore vi dia pace!

Desidero darvi il mio cordiale e fraterno

benvenuto a questo IX Incontro del Ministro

e del Definitorio generale con i Ministri

e i Custodi neo-eletti. Benvenuti a nome

mio personale, del Definitorio e della Fraternità

della Curia. Sentitevi come a casa

vostra, perché questa è davvero casa vostra.

Sentitevi tra fratelli, perché siamo veramente

fratelli.

La Fraternità francescana celebra oggi la

memoria liturgica dei Protomartiri dell’Ordine,

i santi Berardo e compagni. Francesco,

che non aveva potuto esaudire il suo

sogno di andare in Marocco, ardendo di

amore per le anime, vi inviò i suoi primi

compagni. Era il 1219 ed essi “con gran coraggio”

predicarono il Vangelo prima nelle

moschee in Spagna e poi in quelle del Marocco.

Per questo il 16 gennaio 1220, dopo

essere stati imprigionati e flagellati, furono

decapitati.

La nostra Fraternità così, nata sotto lo

sguardo materno di Santa Maria degli Angeli,

ricevette il suo battesimo di sangue a

Marrakech in Marocco. Era l’inizio della

grande epopea missionaria del nostro Ordine,

del primo Ordine missionario, propriamente

parlando.

La memoria liturgica dei nostri protomartiri

ci pone davanti, cari Ministri e Custodi,

alcune sfide a cui non possiamo fare a

meno di prestare attenzione, se desideriamo

essere fedeli alle nostre origini in questo

momento storico in cui ci prepariamo a ricordare

l’VIII Centenario della nostra fondazione.

La prima grande sfida che i santi Berardo

e compagni ci lanciano è quella della sequela

radicale di Cristo, fino alle ultime

conseguenze. Chiamati, come siamo stati, a

seguire «più da vicino Cristo» (Formula

della professione), dobbiamo seguirlo sul

cammino che egli ha accettato liberamente:

quello del rifiuto e della persecuzione (cf

Mt 10,16-22). Il discepolo non è più grande

del proprio Maestro, abbiamo ascoltato nel

Vangelo, per questo se hanno perseguitato

Lui, noi, che siamo suoi discepoli, non possiamo

sperare in una sorte diversa. Gesù

non è venuto a portare la pace sulla terra,

ma la spada (cf Mt 10,34). Il discepolo è un

condannato a morte, spazzatura del mondo,

il rifiuto di tutti (cf 1Cor 4,9ss). Nella sua

missione il discepolo è associato alla sorte

dell’Agnello e con la sua sofferenza, a causa

di Lui e del Vangelo (cf Mt 5,11), il discepolo

dà testimonianza nel mondo della

vittoria dell’Agnello sacrificato, dalle cui

piaghe siamo stati guariti (cf Is 53,5; 1Pt

2,25).

La Chiesa nasce dal sangue che sgorga

dal costato di Cristo e ringiovanisce grazie

al sangue dei suoi martiri: «il sangue dei

martiri è il seme dei cristiani» (Tertulliano).

Il nostro Ordine, nato per ispirazione dell’Altissimo

– «lo stesso Altissimo mi rivelò

che dovevo vivere secondo la forma del

santo Vangelo» (Test 14) – conferma la sua

fedeltà a Cristo e al suo Vangelo grazie alla

testimonianza eroica dei martiri. La nostra

fedeltà a quanto abbiamo promesso il giorno

della nostra professione si misura dalla

capacità di affrontare le difficoltà che sorgono

dalla sequela radicale di Cristo.

Alla luce di ciò è importante domandarsi:

come ci poniamo di fronte a queste difficoltà?

Come ci poniamo di fronte alle difficoltà

che comporta l’esercizio del nostro


10 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

ministero di Ministri e Custodi? Il Vangelo

di oggi ci parla di prudenza e di semplicità.

Non si tratta di cercare la persecuzione o il

martirio, nemmeno di esporci alle difficoltà.

L’agnello fugge il lupo. Dobbiamo

essere prudenti per evitare il pericolo, quando

è possibile, ma allo stesso tempo dobbiamo

essere semplici, consapevoli che,

quando a causa della nostra sequela di Cristo

e del suo Vangelo sorgono difficoltà, allora

lo Spirito Santo darà testimonianza in

nostro favore. Di fronte alla persecuzione il

discepolo sa di non essere solo. La prudenza

è quindi certamente necessaria, ma altrettanto

lo è la fiducia: «non siete infatti

voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro

che parla in voi» (Mt 10,20). Gesù continua

a dire anche a noi: «Perché avete paura,

uomini di poca fede?» (Mt 8,26). In

quanto Ministri e Custodi come stiamo a

prudenza e semplicità/fiducia?

Dobbiamo comunque chiederci anche

come presentiamo la sequela di Cristo ai

nostri Frati. Non credete che in molti casi,

talvolta per paura di ritrovarci soli, altre

volte per giustificare la nostra mediocrità,

corriamo seriamente il rischio di presentare

una sequela “decaffeinata” o, come si dice

oggi “light”? Dobbiamo essere consapevoli

che un tale tipo di sequela non sarà mai

un’autentica sequela di Gesù e non sarà mai

adatta per attuare una profonda “rifondazione”

del nostro Ordine. Una sola è la strada

che è permesso al discepolo di seguire, se

desidera raggiungere la vita: quella della

porta stretta (cf Mt 7,13-14). Questa, però,

comporta di assumere le difficoltà proprie

della condizione del discepolo, di chi ha

scelto Gesù e, in non pochi casi, di affrontare

la persecuzione, l’odio, le accuse ingiuste,

fino alla stessa morte. Coloro che non

conoscono questa porta stretta e non entrano

per essa – secondo le parole di Gesù –

sono dei «falsi profeti … in veste di pecore,

ma dentro sono lupi rapaci» (Mt 7,16).

La seconda sfida che ci presenta la festa

liturgica dei santi Berardo e compagni è

quella della missione ad gentes. La nostra

Fraternità è nata come missionaria. L’Ordine

non può – sarebbe infedele al carisma

che ha ricevuto – rinunciare alla dimensio-

ne missionaria. E non si può dire: «ogni

Paese è terra di missione» o giustificarsi dicendo:

«quando saremo di più, allora manderemo

dei Frati in missione ad gentes».

Quando Francesco manda i Frati che oggi

veneriamo con il titolo di Protomartiri dell’Ordine,

nei lebbrosari di Assisi c’era molto

da fare e i Frati erano davvero pochi. Ma

Francesco li invia senza esitare. Cosa significa

questo? L’Ordine ha al momento importanti

progetti missionari a cui non può rinunciare.

Alcuni, come il Marocco, la Terra

Santa e l’Estremo Oriente sono progetti antichi

quanto l’Ordine, altri, come il progetto

Africa, la Tailandia, la Russia e il Kazakistan,

il Sudan, Mianmar, la Namibia, il

Burkina Faso… sono più recenti. Tutti hanno

bisogno di Frati. Non possiamo rinunciare

ad una dimensione costitutiva del nostro

Ordine, quella missionaria, solo per

continuare a mantenere delle presenze che,

per quanto importanti, certamente non sono

una nostra esclusiva. E voglio qui ricordare

che non si tratta di una scelta, ma di una

«ispirazione divina» a cui i Frati che la ricevono

devono rispondere con generosità (cf

Rb 12,1) e alla quale i Ministri e i Custodi

non possono opporsi, poiché saranno tenuti

a rendere ragione al Signore, se in questo o

in altre cose avranno proceduto senza discrezione

(cf Rnb 16,4). Come ci poniamo

rispetto a questa dimensione essenziale del

nostro Ordine? Vi invito ad essere e vi chiedo

di essere generosi, perché «c’è più gioia

nel dare che nel ricevere» (At 20,35).

Un ultimo aspetto che desidero sottolineare,

a partire dalla memoria liturgica dei

santi Berardo e compagni: la missione è

sempre in fraternità. Francesco, seguendo

l’esempio di Gesù, non ha mai inviato i suoi

Frati da soli, ma sempre in fraternità: due a

due o, come in questo caso, in un gruppo di

cinque. Siamo, come ci ricordano spesso i

documenti recenti, “Fraternità-in-missione”,

non “individui” che realizzano una

missione.

Cari Ministri e Custodi, come ci poniamo

di fronte a questa esigenza? Quali decisioni

siamo chiamati a prendere per rispondere

a questa caratteristica della nostra missione?

Vi invito ad essere coraggiosi. Non


lasciamo per il domani quello che dobbiamo

fare oggi.

Cari Ministri e Custodi, facendo riferimento

alle parole di Paolo che abbiamo

ascoltato, mi sento di ripetervi: non per farvi

vergognare vi dico queste cose, ma per

ammonirvi, come figli miei carissimi (cf

1Cor 4,14), e mosso dall’amore che vi professo

e dalla responsabilità che ho di spingervi

a progredire dal buono al meglio.

Celebrando la memoria di questi cinque

“veri frati minori”, i santi Berardo e compagni,

la nostra lingua si scioglie in canti di

gioia, perché il Signore ha fatto grandi cose

per noi e ci ha colmati di gioia (cf Sal

125,3). E insieme lo preghiamo:

Signore,

donaci la grazia di seguirti con radicalità,

donaci la forza di testimoniarti con

la vita,

dà a noi il dono di Frati coraggiosi che,

lasciando la loro terra, vadano nella terra

che mostrerai loro,

dà a noi il dono del discernimento, perché

non soffochiamo mai l’ispirazione divina,

che Tu poni nel cuore dei Frati, perché vadano

nella missione ad gentes.

Dà a noi la grazia di esserti sempre fedeli.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

2. Informe para el encuentro con los

nuevos Ministros y Custodios

Curia general, Roma, 17 de enero de 2006

HERMANOS Y SIERVOS

Refundación de la autoridad

1. Haciendo memoria de nuestra identidad

Nuestra reflexión tiene como objetivo el

servicio de la autoridad que, en cuanto ministros

y custodios, hemos sido llamados a

ejercer. Sin embargo cualquier reflexión sobre

este tema ha de partir, necesariamente,

de lo que es constitutivo de nuestra identidad.

En este contexto quiero recordar sólo

dos aspectos que me parecen esenciales pa-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

11

ra comprender adecuadamente y en clave

franciscana nuestro ministerio.

Para comenzar: Somos hermanos

«Todos vosotros sois hermanos» (1R 22,

33). Cualquiera que sea el ministerio que

cada uno de nosotros esté llamado a desarrollar

no puede nunca hacernos olvidar este

principio fundamental y fundante de

nuestra identidad. Por la profesión todos somos

hermanos, todos somos iguales, con

los mismos derechos y las mismas obligaciones

(cf. CCGG 3). En la fraternidad ningún

hermano es más que otro: «Y a ninguno

se le llame prior, sino que a todos sin excepción

se les llame hermanos menores. Y

lávense los pies los unos a los otros» (1R 6,

3). Todos tenemos el mismo título: Hermanos

Menores, y todos estamos llamados a

vivir relaciones de igualdad dentro de la fraternidad,

mostrándonos benévolos, fraternos,

acogedores, como nos gustaría que lo

fueran con nosotros (cf 1R 6, 2)

Antes de ser llamados a ejercer el servicio

de la autoridad hemos sido llamados a

formar parte de una fraternidad, la Orden de

los Hermanos Menores (cf CCGG 1). El

servicio de la autoridad es una llamada particular

y temporal dentro de la llamada definitiva

a ser Hermanos Menores. Ser hermanos

es lo que nos define, y por ello, ha de tener

consecuencias claras en el campo de,

nuestra espiritualidad, y también en el campo

de la animación y administración de la

fraternidad, tanto local como provincial o

universal.

Para continuar: Somos siervos

Los ministros y custodios, aplicándonos

las palabras que la Carta a los Hebreos utiliza

para definir al sumo sacerdote, somos

hermanos sacados de entre los hermanos

para ser puestos al servicio de sus hermanos

(cf. Heb 5, 1). Hermanos con un ministerio

muy concreto e importante, aunque sea

muy humilde: servir a los hermanos o, si

preferimos, lavarles los pies, como Jesús lo

hizo con sus discípulos (cf. Jn 13, 1ss; Adm

4). El ejemplo de Jesús ha de estar presente

en todo momento en nuestro corazón y en

nuestro actuar (cf. Jn 13, 14-15).


12 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Lo dicho nos lleva a afirmar que nuestra

condición de ministros o custodios no tendría

justificación alguna sino se ve en función

del servicio: “Y recuerden los ministros

y siervos que dice el Señor: ‘No vine a

ser servido sino a servir” (1R 4, 6). El poder

es incompatible con la misión de Jesús, por

eso cuando se lo ofrecen no duda en rechazarlo

(cf Lc 4, 5-8; Jn 6, 15). El poder es incompatible

con la misión de cualquiera que

se considere discípulo del “Siervo de

Yhwh” (cf. Lc 22, 24-30). A cuantos, en la

fraternidad, ejercemos la autoridad, sólo

nos está permitido gloriarnos de «lavar los

pies a los hermanos» (Adm 4, 1).

El servicio junto con la minoridad califican

y caracterizan nuestra «vida fraterna en

común» (CCGG 38), también la de aquellos

que «han sido colocados sobre los demás»

(Adm 4, 2). «Y sean menores» (1C 38). Este

calificativo que se refiere a todos los hermanos

sin distinción, nos ha de llevar a

cuantos nos llamamos y queremos ser Hermanos

Menores, a comportarnos, en todo

momento y en toda situación, como «siervos

y sometidos a todos, pacíficos y humildes

de corazón» (CCGG 64), pues «todos

los miembros de la Orden son, de nombre y

de hecho, hermanos y menores, aunque en

ella desempeñen distintos oficios, cargos y

ministerios» (CCGG 41) .

El servicio que estamos llamados a

ejercer mira, fundamentalmente, a favorecer

el crecimiento integral de los hermanos,

a fortalecer la comunión entre ellos y

a desarrollar la misión apostólica propia

de nuestra Orden. En el centro de nuestro

ministerio está el hermano que el Señor

nos ha confiado y de cuya realización en

cuanto Hermano Menor se nos pedirá

cuenta: «Tendrán que dar cuenta de ellas

[las almas de los hermanos] [...] ante el

Señor Jesucristo, si alguno se pierde por

su culpa o mal ejemplo» (cf. 1R 4, 6). El

sacramento del hermano debe situarse en

el centro de la experiencia franciscana y,

por lo mismo, el hermano, independientemente

de su situación y de sus comportamientos,

ha de ser el primero en ser servido

por quien ha recibido el “ministerio”

de la autoridad.

Algunas consecuencias

Ser hermanos y siervos, más que una declaración

de principios, es todo un programa

de vida, también y sobre todo para los

ministros y custodios. Un programa que nos

lleva a trabajar incansablemente para comportarnos

como iguales, como servidores y

a ejercer la autoridad en un determinado

modo, a saber:

Entre nosotros no se puede concebir la

autoridad como poder. La conciben así los

que se sienten “amos” de la fraternidad y

conciben ésta como una hacienda. Es un

estilo contrario al Evangelio (cf. Mt 20,

26; Lc 22, 24-26) y a la Regla (cf. 1R 5, 9-

10).

Tampoco se puede pensar el ejercicio de

la autoridad en clave de privilegio. Esta sería

una concepción propia de quien se “lava

las manos” en lugar de “lavar los pies”.

También esta concepción es contraria al

Evangelio (cf. Mt 23, 8-10; Lc 20, 44-46) y

a la Regla (cf. 1R 4, 1-6).

Mirando al Evangelio y nuestra “forma

vitae”, la autoridad solo tiene sentido “dentro”,

“en” y “para” la fraternidad. Puesto

que la fraternidad es “una familia unida en

Cristo” (ES II, 25; CCGG 45), el ministro o

custodio no puede ser visto, ni la autoridad

puede ser ejercitada, como si todo girase en

torno a la persona de quien la ostenta. El

centro de una fraternidad –universal, provincial,

local-, ha de ser Cristo. Si no fuese

así la autoridad ciertamente se situaría fuera

o sobre la fraternidad. Quien ha sido llamado

a presidir a los hermanos no puede olvidar

nunca que no deja de ser hermano y

que, en cierto modo, está obligado, por vocación

y misión, a ser más hermano, porque

es responsable de almas.

Teniendo presentes estos principios y

mirando el modo de comportarse de Jesús,

bien podemos afirmar que la autoridad desde

el Evangelio es una autoridad que se relaciona,

una autoridad libre y liberadora,

una autoridad que motiva y orienta, una autoridad

sobre todo espiritual y una autoridad

que sabe decidir.

Todo esto, traducido en expresiones concretas

del servicio de la autoridad, comporta:

Estar con los hermanos; ser sensible a las


necesidades de los hermanos, «mostrando

su amor con las obras» (Adm 9, 4; cf. 2R 6,

8; CCGG 44) al igual que Jesús, quien movido

a compasión curaba los enfermos (cf

Mt 14, 14). Comporta, también corregir a

quien pecare (cf. Mt 18, 15-17; Gál 6, 1).

2. Perfil del ministro y custodio

Entre los muchos rasgos que forman el

perfil del ministro y del custodio, tal y como

se desprenden de la identidad que acabamos

de exponer, me parece muy oportuno

subrayar los siguientes:

Un hermano que escucha y obedece el

evangelio

Para san Francisco, profesar significa entrar

en una relación obediencial (cf. 2R 2, 11.

14), en la cual vive y se mueve todo Hermano

menor. Esta relación obediencial se manifiesta

en la obediencia a los “ministros”,

“prelados”, o “superiores” (cf. Adm 3); en la

obediencia de los hermanos entre sí (cf. 1R 4,

13-15), y en la obediencia a la “vida y regla”,

que es el evangelio (cf. 2R 1, 1).

El Evangelio es la autoridad máxima para

los cristianos y consiguientemente para

los hermanos. Las demás instancias, incluida

nuestra Regla, reciben su autoridad del

Evangelio; o mejor, de aquel de quien da

testimonio el evangelio: Jesucristo.

Por este motivo, para Francisco el Evangelio

es la autoridad suprema dentro de la

Fraternidad franciscana. A ella han de obedecer

ministros y súbditos. El evangelio, o

si se prefiere la Palabra, ha de informar la

vida entera de los hermanos y de todos los

hermanos. No por casualidad el hermano

profesa vivir, como “regla y vida”, «el santo

evangelio de nuestro Señor Jesucristo»

(2R 1). Tampoco es pura casualidad el que

la misma Regla se cierre con una referencia

explícita a guardar «el santo evangelio de

nuestro señor Jesucristo que firmemente

prometimos» (2R 12, 4).

En este contexto se entiende muy bien

como Francisco hubiese deseado poner en

la Regla que el Ministro general de la Fraternidad

fuese el Espíritu Santo (cf. 2C

193). Y siempre dentro de este contexto se

entiende, también, el que ponga a Dios y a

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

13

“su santa y veraz voluntad” (cf. OrSD), como

el primer y determinante elemento de

dicha Fraternidad: «Ahora bien, después

que hemos abandonado el mundo, ninguna

otra cosa hemos de hacer sino seguir la voluntad

del Señor y agradarle» (1R 22, 9).

En esta obediencia a Dios, a Jesucristo y

al evangelio, nacida del amor a aquel a

quien confiesa como «el bien, todo bien, sumo

bien» (AlD 3), todos los hermanos, “sin

excepción”, somos iguales, es decir: Hermanos

menores (cf. 1R 6, 3), y de ella ninguno

puede sentirse dispensado ni dispensar.

Si queremos ser hijos del Padre, Ministros

y súbditos, hemos de cumplir sus

mandatos, y si queremos ser hermanos de

Jesucristo, igualmente todos hemos cumplir

su voluntad: «Atengámonos [todos],

pues, a las palabras, vida y doctrina y al santo

evangelio de quien se dignó rogar por nosotros

a su Padre y manifestarnos su nombre»

(1R 22, 41).

Todo esto tiene consecuencias muy prácticas.

A saber:

• Un ministro o custodio ha de esforzarse

por escuchar y obedecer siempre al

Evangelio. Esto significa aceptarlo como

autoridad suprema en la propia vida

y en la vida de los demás: “Mi verdadero

programa de gobierno es el de no hacer

mi voluntad, de no hacer valer mis

ideas, sino de ponerme a la escucha, con

toda la Iglesia, de la palabra y de la voluntad

del Señor y dejarme guiar por

ella” (Benedicto XVI, Homilía del 24 de

abril de 2005).

• El ministro y custodio ha de poner el

Evangelio como base del proyecto de vida

personal e institucional. Si para los

hermanos el evangelio ha de ser su pan,

su acción y su verdad cotidianas, el ministro

y custodio ha de velar para que esto

se dé realmente.

• Los ministros y los custodios han de hacer

constante “memoria” de las opciones

evangélicas de vida que los hermanos

aceptaron por la profesión, han de considerarse

llamados a ser memoria viva del

evangelio con su vida y con su palabra.

• Finalmente, los ministros y los custodios

han de aceptar el Evangelio como códi


14 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

go interpretativo de su vida y misión, y

de la vida y misión de los hermanos. El

Evangelio es la persona con la que se han

de confrontar todas nuestras opciones de

vida y misión.

Un hermano puesto al servicio de los

hermanos y de nuestro carisma

Ya hemos dicho que el ejercicio de la autoridad

ha de tener como principio inspirador

el servicio al hermano y, dada nuestra

condición de Hermanos Menores, servicio

también a nuestro carisma o a nuestra “forma

vitae”.

Para un ministro y custodio, estar al servicio

de los hermanos comporta, ante todo,

amarlos, nutrirlos y cuidarlos, más que una

madre ama, nutre y cuida de su hijo (cf. Jn

21, 15-17; 2R 6, 7), y proveer, “con cuidado

solícito y “como vean que aconseja la necesidad”,

a las necesidades de los hermanos

(cf. 2R 4, 2-3).

Estar al servicio de los hermanos comporta

para el ministro y custodio sentirse

cercano a ellos y manifestarles dicha cercanía

en todo momento: cuando «está sano y

puede corresponderle y cuando está enfermo

y no puede corresponderle» (Adm 24).

Estar al servicio de los hermanos comporta

usar misericordia con el hermano que

peca (cf. CtaM 9, 11), sin alterarse o turbarse

por su pecado (cf. 1R 5, 7; cf Adm 11):

“más bien ayuden espiritualmente, como

mejor puedan, al que pecó, ya que no necesitan

de médico los sanos, sino los enfermos”

(cf. Mt 20, 25-26) (1R 5, 8).

Estar al servicio de los hermanos lleva

consigo ver en los miembros de la Fraternidad

a un hermano y entablar con él relaciones

de igualdad, de fraternidad y de amistad,

sin desear, en ningún modo, ser considerado

más que los otros (cf. Adm 19), sino

más bien rebajarse (cf. Fil 2, 6-11).

Estar al servicio de los hermanos significa

corregirlos (cf. 2R 10,1ss) e imponerles

«penitencia con misericordia» cuando pecaren

(cf. 2R 7,1ss), y comportarse con dichos

hermanos «como mejor le parezca que

conviene según Dios» (1R 5,6).

Estar al servicio de los hermanos lleva

consigo distribuirlos en las provincias y

otros lugares, visitarlos frecuentemente y

amonestarlos y animarlos espiritualmente

(cf. 1R 4, 2). Estar al servicio de los hermanos

significa velar para que ninguno se pierda

por su culpa (cf. 1R 4, 6).

En definitiva, para un Ministro estar al

servicio de los hermanos es poner la persona

del hermano y su fidelidad a la vocación

a la que ha sido llamado en el centro de sus

preocupaciones, proveyendo «tal como

querría que se hiciese con él si se encontrase

en caso semejante» (1R 6, 2-3).

Por otra parte, para un ministro y custodio,

estar al servicio de nuestro carisma significa:

• Conocerlo lo más profundamente posible,

para poder así personificarlo en su

propia vida y, luego, interpretarlo en

función de la vida de la fraternidad. El

Ministro es “custodio del carisma” en su

Provincia o en la Orden. Es una responsabilidad

que no puede delegar en nadie.

• Conocer y conservar fielmente el espíritu

de Francisco, porque sólo así puede

permanecer clara nuestra identidad de

Hermanos menores (cf. Perfectae caritatis,

no. 2). Pero, al mismo tiempo,

puesto que todo carisma es una realidad

viva y dinámica, para el Ministro estar al

servicio del carisma significa trabajar en

el desarrollo coherente del mismo, releerlo

para ir más allá de sus formulaciones

históricas y contingentes. A nosotros

son aplicables también aquellas palabras

de Juan Pablo II a los religiosos: “No tenéis

sólo una gran historia que recordar

y que contar, sino una historia que construir”

(VC 110). Esto significa asumir en

primera persona la tarea de gobernar

creativamente, con visión de futuro y, en

la medida de lo posible, anticipando los

desafíos. Significa entrar de lleno en el

proceso de “refundación” de nuestra vida

y misión.

Para llevar a cabo esta difícil tarea es necesario

que el Ministro, como punto de partida,

ayude a los hermanos a profundizar en

la historia de la Orden, y, al mismo tiempo,

ayude a conocer los desafíos de la Iglesia y

de la vida religiosa hoy. Es igualmente necesario

que el Ministro ayude a los herma-


nos a inculturar el carisma franciscano

equilibrando la estima por la propia cultura,

con la apertura y aceptación de otras culturas

en las que se expresa nuestro carisma.

Finalmente, el ministro y custodio, por

estar al servicio del carisma, ha de ayudar a

desarrollarlo a través de la formación inicial

y permanente. Esta es una de sus fundamentales

responsabilidades que tampoco

puede delegar. Por otra parte la formación

es el mejor medio para asimilar y desarrollar

el carisma.

Un hermano en discernimiento constante

que provoca procesos de discernimiento

El ministro o el custodio no son sólo, ni

fundamentalmente, los encargados de administrar

un patrimonio material y físico ya heredado,

que ya posee o puede ser incrementado

por parte de la Provincia o de la Custodia.

El ministro y el Custodio están llamados

principalmente a acompañar, facilitar y garantizar

procesos de discernimiento y de

cambio. Como el administrador fiel y prudente

del que habla el evangelio, el ministro

o el custodio han de saber discernir las condiciones

oportunas (cf. Lc 12, 42).

Estos procesos, que deberían conducir a

los hermanos a quedarse “con lo bueno” (cf.

1Ts 5, 21), a asumir todo lo que viene del

Espíritu, y rechazar lo que le es contrario

(cf. VC 73), han de comenzar con una lectura

atenta y una interpretación a la luz del

evangelio de los signos de los tiempos (cf.

Sdp 6) y deben ser hechos en una doble

perspectiva: “Por una parte, tomar conciencia

de los esquemas personales y sociales

que se oponen a la vida, para denunciarlos

y contribuir a su superación; y, por otra,

abrir los ojos de la fe y de la esperanza para

detectar, en medio de las crisis, los sueños

emergentes de la humanidad, abrirles cauce

en nuestra propia vida y anticipar así el Reino

proclamado y vivido por Jesucristo (cf.

Sdp 7).

En estos procesos tal vez la aportación

técnica no es lo más importante que puede

hacer un Ministro provincial. No se puede

pedir que todos los Ministros sean técnicos.

Para ello están las comisiones técnicas,

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

15

compuestas por hermanos y por otras personas,

que pueden hacer mejor esta aportación.

Su aportación más preciosa será la de

iniciar procesos de discernimiento (donde

sea necesario), de favorecerlos (donde ya se

iniciaron) y, en todas partes, prestar atención

a la metodología seguida para llevarlos

a término, a fin que sea conforme al carisma

franciscano, tal como son propuestos

hoy por la Iglesia (Constituciones generales)

y tal como nos lo exigen las circunstancias

del momento actual que estamos viviendo.

En este aspecto, el papel más importante

del Ministro será el de garantizar la metodología

correcta, para que las opciones a las

que el proceso conduce sean coherentes con

la “forma viate” abrazada por la profesión,

y garanticen que quienes participan en el

proceso de discernimiento, tengan las justas

disposiciones en términos de libertad y de

abnegación personal, al mismo tiempo que

familiaridad, con las instituciones esenciales

de la Orden y la atención a los signos de

los tiempos.

3. Actitudes y medios de animación y gobierno

Es imposible hacer un elenco de las actitudes

y de los medios que un ministro o un

custodio han de poner en práctica para llevar

a cabo la animación y el gobierno que

les ha sido encomendado. Aquí, como en

otros muchos aspectos de nuestra vida y misión

hemos de dejar mucho espacio a la creatividad.

Por otra parte es imposible prever

todos los casos y problemas que se presentarán.

La vida, si por una parte es más hermosa

de lo que muchas veces nos imaginamos,

por otra parte siempre nos deparará

sorpresas que ni podríamos imaginar. Hemos

de estar preparados para acoger las cosas

bellas, y hemos de estar también preparados

para salir al paso de los imprevistos.

De todas maneras, a modo de ejemplo,

señalo algunas actitudes y algunos medios

de animación y de gobierno que me parecen

importantes. Entre otras actitudes pienso

que es importante tener presentes las siguientes:


16 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

• Recordar que el fundamento de toda autoridad

moral está en sentirse humildes

obreros en la viña del Señor (Benedicto

XVI, Saludo a los fieles en el día de su

elección, 19 de abril de 2005), reconociendo

en Él, el manantial de toda fecundidad

y de la recíproca comunión.

• En esta perspectiva quien tiene autoridad

no la ejerce en modo verticalista, sino

que vive el dinamismo de la parábola de

comunión, porque antes de nada obedece

la Palabra, obedece al Espíritu.

• El dinamismo de la parábola de comunión

le lleva a escuchar “de buen grado”

(PC 14) a los hermanos a fin de llegar a

un “sentir común” que les permitirá caminar

juntos, en unidad de mente y de

corazón. La escucha les permitirá compartir

las dificultades y las alegrías de los

hermanos.

• Asumir que el ministro o custodio deben

tener la valentía de tomar decisiones para

el bien de la fraternidad/comunidad y

para bien de los hermanos y, una vez tomadas,

el ministro o custodio debe ser

“fuerte” y “constante” para que «lo decidido

no se quede en letra muerte» (VFC

50).

• Asumir la cruz, conscientes de que cuanto

más cerca se está del Señor más cerca

se está de la cruz, y más íntima, delicada

y profunda es la “poda”, pues nos coloca

más cerca del injerto. El poder de la autoridad

es un poder crucificado, y el sufrimiento

es la necesaria compañía de

quien ha sido llamado a animar una fraternidad.

Se trata, sin embargo, de un sufrimiento

“habitado” por el Crucificado,

que genera vida.

• Ser instrumentos de justicia, paz y reconciliación

en el seno de las fraternidades

locales y provinciales.

• Potenciar el trabajo en equipo. El ministro

o custodio deberá tomar decisiones

“en solitario”, pero esto debe sólo darse

casos realmente importantes y después

de haber agotado toda posibilidad para

llegar a un cierto consenso. De ordinario

debe involucrar el mayor número de hermanos

en la reflexión y en la toma de decisiones.

Este trabajo facilitará la ejecu-

ción de las decisiones, y mitigará la soledad

propia del servicio del ministro o

custodio.

• Trabajar por una visión consensuada. Se

dice que Espartaco llevó a sus compañeros

a rebelarse contra el poder romano.

Todos fueron condenados a muerte.

Marco Licinio Crasso, general romano,

hizo saber que si descubrían quien era

Espartaco serían indultados. Espartaco

se puso en pie diciendo “soy yo”. Al instante

uno a uno se iban poniendo en pie

diciendo: “Soy Espartaco, soy Espartaco,

soy Espartaco”. Al final todos estaban

en pie. No se trataba tanto de la fidelidad

a Espartaco, sino a la visión consensuada

que Espartaco había inspirado.

Esta visión era tan fuerte que ninguno

estaba dispuesto a abandonarla. En nuestro

caso se trata de motivar y acompañar

para que todos compartan el sueño de la

comunión con Dios.

Entre los medios me parece oportuno subrayar

los siguientes:

• La oración personal. El ministro y custodio

debe intentar ser hombre de oración.

Quienes hemos sido llamados a ejercer

el ministerio de la autoridad necesitamos

pedir el don de la sabiduría, en cuanto arte

para discernir y gobernar con justicia

(cf. 1R 3, 14-15; 2Cr 1, 3-13; Sb 7-9);

necesitamos «un corazón sabio e inteligente»

(1R 3, 12), para poder cumplir

siempre su “santa y veraz voluntad”; necesitamos

ser hombres de esperanza, para

poder preparar el futuro de los hermanos

con esperanza (cf. NMI 1); necesitamos

ser “centinelas de la mañana” (cf. Is

21, 1-11), para abrir caminos, poner los

ojos en el futuro hacia el cual nos conduce

el Espíritu (cf. VC 110). Todo ello exige

de nosotros mucha oración, de lo contrario

terminaremos siendo meros “administradores”.

El Congreso sobre la

vida religiosa (2004) sirviéndose del icono

de la samaritana, ha subrayado la centralidad

del encuentro con Jesús, que pacifica

el corazón y suscita el deseo de

testimoniar su amor a los demás.

• Cuidar la cualidad y profundidad de la

propia vida. El ministro y custodio debe


involucrar a los demás hablando con su

propia vida. Si no damos testimonio de

lo que decimos de palabra, fácilmente

caemos en lo que hoy se ha dado en llamar

“cisma blanco”, es decir, el divorcio

entre las declaraciones y las opciones de

vida privada.

• Cuidar mucho la dimensión humana de

la fraternidad: “máxima familiaridad de

espíritu, mutua amistad, la cortesía, el

espíritu jovial y todas las demás virtudes”,

de tal modo que seamos los unos

para los otros “estímulo permanente de

esperanza, de paz y de alegría” y, de este

modo, podamos alcanzar “la plena madurez

humana, cristiana y relisiosa”

(CCGG 39).

• Revitalizar a los hermanos que no tienen

voz, o porque son “incapaces”, o porque

están heridos, y ayudarles a sentirse parte

vital de la fraternidad, de la Orden,

siendo conscientes que todos tenemos

algo que aportar. A veces la atención a

estos hermanos puede ser interpretada

como debilidad. Recordemos que sólo el

amor verdadero cura las heridas, sana las

personas por dentro y las pone al servicio

del Reino.

• Una comunicación directa con los hermanos

de la Entidad. Comunicación personal

(diálogo personal con los hermanos)

y comunicación grupal (con las fraternidades).

Para ello los ministros y

custodios deberán visitar mucho las fraternidades

y deberán encontrarse personalmente

con los hermanos.

• Favorecer en las Entidades un clima de

“familaridad” (cf 2R 6, 7) que posibilite

el compartir fraterno. Para ello se han de

privilegiar los capítulos locales, las revisiones

de vida, los encuentros festivos e

informales.

• El proyecto de vida provincial, local y

personal, como elemento “fuerte” de cohesión

de la fraternidad y mediación de

crecimiento en la unidad.

– Lectura orante de la palabra en fraternidad,

de tal modo que la palabra nos interpele,

oriente y plasme la exigencia de

los hermanos.

– Una formación permanente adecuada

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

que nos prepare a responder a los grandes

desafíos que se nos presentan hoy a

los consagrados y, más concretamente, a

quienes ejercemos el servicio de la autoridad.

4. Conclusiones

17

Si el ministro o custodio debe, obedecer

al Evangelio, bien podemos deducir que:

• Quien ha recibido del Señor, a través de

los hermanos, el ministerio de la autoridad

no puede ejercerlo despóticamente o

arbitrariamente. El ejercicio de la autoridad

está supeditado a la autoridad suprema

de la Orden: Dios, Jesucristo, el

Evangelio, la voluntad del Señor, que

tanto súbditos como Ministros han de

discernir cuidadosamente y fielmente

observar. Si los Ministros actuásemos

arbitrariamente o procediésemos “indiscretamente”,

anteponiendo nuestra voluntad

a la del Señor, rendiremos cuenta

de ello al Señor (cf. 1R 16, 4).

• El ejercicio de la autoridad tampoco

puede dejar de ejercerse por miedo a posibles

conflictos que pudiesen resultar de

dicho ejercicio. También aquí se podría

aplicar las palabras de Pedro: “Juzgad si

es justo delante de Dios obedeceros a vosotros

más que a Dios. No podemos dejar

de hablar de lo que hemos visto y oído”

(Hch 4, 19-20). El que ha recibido el

ministerio de la autoridad ha de recordar

que la obediencia al Evangelio, que también

él prometió guardar fielmente, le

obliga a intervenir cuando la fidelidad al

mismo Evangelio está en juego. El Ministro

no puede, en ese caso, “mirar a

otro lado” con la disculpa de no ver, porque

“si alguno se pierde por su culpa” de

ello «ha de dar cuenta al Señor Jesucristo

el día del juicio» (1R 4, 6).

Si “la autoridad es don y no privilegio”,

y si el ministro o custodio está al servicio

de los hermanos, del Evangelio y del

carisma, podemos concluir que:

• Ejercer el ministerio de la autoridad en

clave de servicio sólo se podrá lograr en

la medida en que los ministros o custodios

intentemos ser: animadores espiri


18 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

tuales, lo que comporta una fuerte pasión

por Dios; con una mirada constante hacia

el mundo, como lugar en el que se realiza

la historia de la salvación aquí y

ahora (pasión por el mundo); para tomar

decisiones concretas en consonancia con

nuestra “forma vitae” (pasión por nuestro

carisma). Estos han de ser los tres

grandes amores del Ministro o de cualquier

hermano llamado a ejercer el ministerio

de la autoridad.

• Ejercer la autoridad en clave de servicio

exige que el ministro o custodio respete

siempre tres autoridades que tienen la última

palabra: El Espíritu de Jesús, autoridad

máxima de la Fraternidad; el Evangelio,

regla y vida de los hermanos; y los

elementos fundamentales - prioridadesde

nuestra “forma vitae”. Estas tres autoridades

nunca se pueden cuestionar, hasta

tal punto que si se llegase a no respetarlas

se debería deponer al ministro o

custodio (cf. 2R 8, 4).

• Asumir y ejercer el ministerio de la autoridad

como servicio significa que el

Ministro acepte de buen grado el ser “lugar”

de encuentro de los hermanos entre

sí y de éstos con el Evangelio y los valores

de nuestro carisma. En este sentido

muy bien podemos decir que el ministro

o custodio es siervo de comunión. Esto

lleva consigo el que el Ministro ame y se

deje amar, exija y se deje exigir, en definitiva,

que no deje de «ser misericordioso

y digno de confianza» (Hb 2, 17).

En cuanto acompañante, facilitador y

garante de los procesos de discernimiento y

de cambio, el ministro o custodio:

• Ha de vigilar para que se den todas las

condiciones de un discernimiento adecuado

y de este modo se pueda afirmar

que las decisiones tomadas son realmente

las que Dios desea para la Provincia,

las casas y los hermanos en este momento

dado, y pueda, con su autoridad, aceptar

el resultado del proceso de discernimiento

o de ayudar a quienes lo han realizado,

a tener en cuenta otros elementos

fundamentales que faltan y, como consecuencia,

hacerlo iniciar de nuevo.

• Sólo podrán acompañar, facilitar y ga-

rantizar los procesos de discernimiento y

de cambio en la medida en que ellos mismos

se encuentren en proceso de discernimiento,

pues sólo así podrán ser “signos

de vida legibles” para los demás hermanos

y para el mundo mismo (cf. Sdp

7).

Partiendo de los ejemplos y de los iconos

bíblicos que hemos presentado, el ministro

o custodio ha de ser:

• Una persona de oración, pues del Señor

y sólo de él podrá recibir un corazón dócil

y el don de la Sabiduría (Salomón),

así como el don del discernimiento (administrador

fiel y prudente).

• Una persona atenta a las necesidades de

los hermanos (buen pastor) y al mismo

tiempo ha de provocarlas e interrogarlas

para llamarlas a una respuesta reflexiva

(Emaús).

En cuanto tendrá que saber administrar

algunas tensiones, el ministro o custodio ha

de ser:

• Una persona abierta, flexible, con mucha

capacidad de reflexión y de autoevaluación.

Ser ministro o custodio no es tarea fácil

en estos días. Pero desde mi experiencia

puedo decir que resulta menos difícil cuando

se saben conjugar verbos como: Ver (capacidad

de análisis), escuchar (a Dios, a los

hermanos, a los signos de los tiempos), interpretar

(fruto de la reflexión y de la oración)

y actuar, con decisión, pero siempre

movidos por el amor.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro general

3. Apertura delle celebrazioni delle Case

dipendenti dal Ministro generale

Basilica S. Antonio, Roma, 21 gennaio 2006

ASCOLTIAMO

PER CAMBIAR LA VITA

1Ts 5,12-23

Cari Fratelli, il Signore vi dia pace!

Con questa solenne concelebrazione nella

basilica di Sant’Antonio iniziamo uffi-


cialmente il cammino di preparazione per

l’VIII Centenario della fondazione del nostro

Ordine, per i Frati che lavorano nelle

Case di Roma dipendenti dal Ministro generale.

Saluto ciascuno di voi e mi rallegra

in modo particolare la presenza dei nuovi

Ministri provinciali e dei Custodi, che in

questi giorni stanno partecipando al IX Incontro

del Ministro e del Definitorio generale

con i Ministri e i Custodi eletti nell’ultimo

anno.

Il cammino di preparazione dell’VIII

Centenario della fondazione del nostro Ordine

nasce da una domanda che, nel 1206,

segnò anche l’inizio del cammino di conversione

del fratello e padre Francesco: «Signore,

cosa vuoi che io faccia?» e da una

ferma volontà, che pure fu di Francesco:

«Questo voglio, questo chiedo, questo bramo

di fare con tutto il cuore» (1Cel 22).

Riconosciamo che il Vangelo continua

ad essere una buona notizia, come lo fu per

Francesco, e riconosciamo anche che la forma

di vita che visse e ci trasmise Francesco

è assolutamente attuale. Per questo chiediamo

di «proporre con coraggio l’intraprendenza,

l’inventiva e la santità» di Francesco,

per rispondere «ai segni dei tempi

emergenti nel mondo di oggi» (VC 37).

Riconosciamo che i valori essenziali del

nostro carisma, poiché sono evangelici, non

hanno perso la loro attualità, ma siamo anche

consapevoli che hanno bisogno di essere

interpretati e attualizzati alla luce delle

esigenze del momento presente, per continuare

ad essere “visibili” e “significativi”

per gli uomini e le donne del mondo di oggi.

Non basta, poi, tornare a questi valori, se

siamo separati da loro. Abbiamo bisogno di

mettere «il vino nuovo in otri nuovi», così

che a domande nuove sappiamo dare nuove

risposte.

È in questo senso che parliamo di “rifondazione”

della nostra vita e missione. Sentiamo

l’urgenza di «tornare all’essenziale»,

di «non addomesticare le parole profetiche

del Vangelo per accomodarle ad un comodo

stile di vita» (Sdp 2), ma sentiamo ugualmente

l’urgenza di ascoltare la voce del Signore

negli avvenimenti della storia e cogliere

la sua presenza sempre attiva in mez-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

19

zo a noi (cf Sdp 6), poiché siamo pienamente

convinti che solo così potremo contribuire

a dar luce ad una nuova epoca «per nutrire,

mediante l’offerta liberatrice del Vangelo,

il nostro mondo diviso, disuguale e

affamato di senso» (Sdp 2).

In questo contesto penso che la domanda

più urgente non sia oggi: che fece Francesco

al suo tempo?, ma: che farebbe Francesco

oggi, nelle situazioni che ciascuno di

noi sta vivendo? Da questa prospettiva ci

sentiamo convocati ad iniziare il cammino

di discernimento evangelico: «esaminate

ogni cosa – ascoltiamo le parole di Paolo –

tenete ciò che è buono» (1Ts 5,21). Non basta

guardare solo al bene che possiamo fare

e che di fatto stiamo facendo, ma è necessario

guardare al bene che dobbiamo fare e a

come lo dobbiamo e possiamo fare.

Il nostro è un tempo di potatura e, come

ogni potatura, anche quella che siamo chiamati

a compiere suppone a volte tagli molto

dolorosi. Il nostro è un tempo di cambiamenti

e questi suppongono sacrifici e, a volte, dolore.

A voi, cari Fratelli delle Case di Roma

che dipendono dal Ministro generale e, in

voi, a tutti i Frati dell’Ordine, l’invito a non

guardare alle situazioni che stiamo vivendo

solo come a difficoltà e a problemi. Anche la

nostra è l’ora di Dio, per questo vogliamo rischiare,

osare, con apertura e fiducia, mantenendo

saldo il nostro appoggio in Dio. Lui,

«che ha iniziato in voi quest’opera buona, la

porterà a compimento» (Fil 1,6)

È un fatto, poi, che la vita consacrata in

generale, e anche quella francescana, sta attraversando

una “notte oscura”. Stiamo vivendo

una certa precarietà esistenziale e spirituale.

Solo chi è cieco potrebbe negarlo (cf

Lc 12,54-57). In questa situazione vi chiedo

di abbracciare la notte come una magnifica

opportunità per crescere nella fede, speranza

e carità, che sono i pilastri di tutta la vita cristiana

e religiosa. Le notti possono essere

vissute come tragedie, mali che passeranno

od opportunità meravigliose per rinnovarsi e

vivere in pienezza. Solo l’ultimo modo,

però, è di quanti, come Francesco, sono chiamati

a dire: «Mio Dio e mio tutto».

E mentre manteniamo viva la fiducia e la

gioia, da cui nasce la speranza (cf Eb 3,6),


20 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

dato che il cristianesimo è prima di tutto

un’ascesi dell’ascolto, l’arte di ascoltare, e

posto che nella vita spirituale si cresce nella

misura in cui si scende nelle profondità

dell’ascolto:

• sentiamo il bisogno di frequentare assiduamente

la scuola dell’ascolto. Eraclito

diceva che gli uomini sono incapaci di

ascoltare e, di conseguenza, incapaci di

parlare. Noi chiamati ad annunciare che

non c’è altro onnipotente se non Lui,

sentiamo il bisogno di metterci in atteggiamento

di ascolto, poiché solo così potremo

riscoprire, personalmente e in fraternità,

il profilo del Frate Minore, accogliendo

la chiamata a rileggere la nostra

identità all’inizio di questo terzo millennio,

fedeli all’uomo e al Vangelo, vissuto

nella Chiesa secondo l’intuizione di

Francesco.

In questo contesto:

• sentiamo il bisogno di ascoltare il Signore

della storia attraverso il sacramento della

sua Parola, alla luce della quale siamo

chiamati a leggere, interpretare e giudicare,

a livello personale e di fraternità, i segni

dei tempi (cf Sdp 6).

• Sentiamo il bisogno di ascoltare il Signore

della storia nella stessa storia, nella vita

quotidiana, coscienti che «in Lui viviamo,

ci muoviamo ed esistiamo» (At 17,28)

• Sentiamo il bisogno di ascoltarci gli uni

gli altri, di incontrarci e di comunicare in

profondità, non solo a livello di ciò che

facciamo e pensiamo, ma anche a livello

di quello che sentiamo. Questo non solo

perché ascoltando si confessa la presenza

dell’altro, ma perché soltanto ascoltando

si accetta di fare spazio in noi stessi e a tale

presenza, fino ad arrivare ad essere dimora

dell’altro.

• Sentiamo anche il bisogno di fermarci, di

fare moratorium di entrare in noi stessi, di

far silenzio e domandarci: dove mi trovo?

dove vado? in quale direzione dovrei andare?

quali mezzi sto ponendo in atto per

andare nella giusta direzione? Sì, è necessario

avere il coraggio di fermarci, di avere

un atteggiamento contemplativo, per rifare

l’esperienza di Giacobbe ed esclamare

anche noi: «Il Signore è qui e io non lo

sapevo» (Gn 28,16). È necessario pregare

senza sosta (cf 1Ts 5,17), perché il Signore

illumini le tenebre del nostro cuore (cf

PCr 1), in questo momento in cui non vediamo

chiaramente. Coscienti, come diceva

Girolamo Savanorola, che la preghiera

ha come padre il silenzio e per madre la

solitudine. Il silenzio, inoltre, è il linguaggio

dell’amore, della profondità e della

presenza dell’altro. Purtroppo oggi il silenzio,

in noi stessi e attorno a noi, è raro,

è ciò che più manca all’uomo moderno,

assorbito com’è dal chiasso, bombardato

da messaggi sonori e visivi, tirato fuori

dalla sua interiorità. Se vogliamo recuperare

questa interiorità , abbiamo bisogno

di quel silenzio che è il solo a poterla custodire.

Dobbiamo confessarlo: abbiamo

bisogno del silenzio sia dal punto di vista

umano che spirituale.

Ascolto e silenzio, i due atteggiamenti

che ci vengono chiesti nel primo anno di

preparazione per l’VIII Centenario della

Fondazione del nostro Ordine. Ascolto e silenzio,

per discernere la Parola dalle parole,

così da cambiare la nostra vita, rendendola

più visibile e significativa. Come ci dice il

progetto La grazia delle origini : «Ascoltiamo,

per cambiare vita!» e far sì che le nostre

vite rimangano aperte al futuro. Questo

Centenario lo desideriamo vivere come memoria

del passato, ma soprattutto, come

profezia del futuro (cf NMI 3). Volgiamo,

dunque, lo sguardo verso il futuro, verso ciò

a cui lo Spirito ci spinge, per continuare ad

operare con noi grandi cose (cf VC 110).

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

4. Omelia alla conclusione dell’Incontro

dei Ministri e dei Custodi

Roma, Curia generale, 04.01.2006

PASTORI COME IL BUON PASTORE

1Re 3,4-15, Gv 10,1-18

Cari Fratelli Ministri e Custodi,

cari Fratelli tutti,

il Signore vi dia pace!


Siamo arrivati alla fine di questo incontro

fraterno del Ministro e del Definitorio

generale con i Ministri e i Custodi eletti di

recente. Sono stati giorni intensi di riflessione,

di convivenza e di preghiera in fraternità,

una fraternità più allargata, internazionale

e multiculturale. Sono sicuro che incontri

come questo ci aiutano a crescere

nella fraternità e nella comunione, per questo,

con il salmista, proclamiamo ancora

una volta: «Quanto è bello e soave che i fratelli

stiano insieme!»

Il testo del Vangelo che abbiamo ascoltato

ci presenta l’icona del Buon Pastore. Nel

momento della sintesi di quanto ci siamo

detti durante in questo incontro, vi invito a

rileggere questo testo insieme, a fare attenzione

all’esempio del Buon Pastore, come

ci chiede san Francesco (Am 6,1), tenendo

presente il ministero che ci è stato affidato

a vantaggio dei Frati. In questo testo incontreremo

indicazioni importanti per portare a

termine la nostra delicata missione.

Il Buon Pastore presenta così la sua missione:

«io sono venuto perché abbiano la vita

e l’abbiano in abbondanza» (Gv 10,10).

Non è questa, forse, la missione di ogni Ministro

e Custode? Non siamo stati chiamati

solo per svolgere un lavoro amministrativo,

per far andar avanti bene un’istituzione, per

quanto possa essere importante questa dimensione

del nostro ministero. Siamo stati

scelti tra i Frati per essere al servizio dei

Frati e il nostro primo servizio, l’unico che

in realtà può giustificare il nostro ministero,

è quello di dare la vita per i Frati e vita in

abbondanza.

Per questo la prima cosa che dobbiamo

fare è porre al centro del nostro ministero i

Frati che il Signore ci ha affidato e delle cui

anime dovremo rendere conto (cf Rnb 4,6).

Il “sacramento” del Fratello deve essere al

centro delle nostre preoccupazioni e del nostro

ministero. Nessun’altra cosa può prendere

il posto che occupa il Fratello. Ma non

basta dargli la priorità su ogni altra cosa, è

necessario accompagnarlo alle fonti della

vita, ad un’adesione vitale alla persona di

Gesù, unica fonte di vita in abbondanza (cf

Gv 5,26). È necessario aiutarlo ad entrare

per la porta, che non è altro se non la perso-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

21

na di Gesù (cf Gv 9,7).

Cari Fratelli Ministri e Custodi, come risponderemo

a questa esigenza fondamentale

del nostro ministero? Non ci accorgiamo che

sono molti i Frati che rischiano di morire di

fame alla fine della giornata? Che sono molti

quelli che ci gridano: «vogliamo vedere Gesù»,

portateci alla fonte della vita, indicateci

la porta per entrare?

Questo però sarà possibile solo se, come il

Buon Pastore, camminiamo davanti alle pecore,

così che queste possano seguirci. Questa

è la sola maniera per esercitare la leadership

nella Chiesa e nell’Ordine, perché è l’unico

modo evangelico e francescano di

esercitare l’autorità. Le parole muovono, gli

esempi trascinano. Anche nella Chiesa e nell’Ordine

oggi abbiamo bisogno più di testimoni

che di maestri. Come potremo accompagnare

i Frati a «pascoli erbosi, ad acque

tranquille» (cf Sal 23,2), per ritemprare le loro

forze, se noi non consociamo il cammino?

Il Buon Pastore ripete più volte la sua disponibilità

a dare la propria vita per le pecore

(cf Gv 10,11.15.17s), così che queste possano

avere la vita, la vita con abbondanza, ed

entrare per la porta. Nel nostro ministero in

favore dei Frati non possiamo risparmiarci in

nulla, nemmeno la vita. Il Ministro e il Custode

sono chiamati a servire e il servizio non

ha limiti, o meglio, ha un solo limite: la necessità

del Frate e, quindi, quanto maggiore

questa sia, tanto maggiore dovrà essere il nostro

impegno.

Solo così, con un impegno senza calcoli e

misura, il pastore, cioè noi, sarà capace di

creare una relazione di comunione con i Frati.

Il Pastore, dice il testo che stiamo meditando,

«conosce» le pecore e le pecore «riconoscono»

il pastore. Tra il pastore e le pecore

c’è una piena comunione, che è espressa biblicamente

dal verbo «conoscere». Che rapporto

c’è tra noi e i Frati che ci sono stati affidati?

È un rapporto di paura, come quello della

pecora con il lupo, superficiale, come si

trattasse di estranei, di ufficio, “politico” e

opportunista, o è un rapporto di familiarità,

che permette al Frate di aprire il suo cuore, di

confidarci i suoi sentimenti e di manifestarci

le sue necessità (cf Rb 6,7-8)?

Il Buon Pastore è il pastore di tutte le pe-


22 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

core, ma ne ha una che è la sua preferita, la

prediletta. Si tratta della pecora perduta. Per

trovarla non esita a lasciare le altre nell’ovile

e ad uscire alla sua ricerca. Sono i malati, dirà

Gesù, quelli che hanno bisogno del medico e

non i sani. Sono i Frati “feriti” quelli da curare

con l’«aceto» dell’amore e della misericordia.

Sono i “lontani” quelli da cercare. Sono i

“diversi” quelli da amare con più intensità.

Certo, lo sappiamo per esperienza, non è

un compito semplice. Sì, esercitare il servizio

dell’autorità in questi momenti non è

per niente facile. Di fronte a situazioni difficili,

come a Salomone, può capitarci di

non sapere come regolarsi (cf 1Re 3,7). Si

tratta di qualcosa di superiore alle nostre

forze. Per questo abbiamo bisogno dell’aiuto

che viene dal Signore. Abbiamo bisogno,

come Salomone, di «un cuore docile» che

«sappia rendere giustizia», capace di «distinguere

il bene dal male» (1Re 3,9), abbiamo

bisogno di una sapienza pratica. Il

Signore è colui che può donarcela. Chiediamogliela

con fiducia, certi che ciò sarà a Lui

gradito e che Colui a cui nulla è impossibile

ci concederà un cuore che sa capire e distinguere

quello che viene da Lui da ciò che

è contrario alla sua volontà.

Cari Fratelli Ministri e Custodi, tra poco

ritornerete alle vostre Province e Custodie.

Andate con la benedizione del Signore e salutate

da parte mia, del Definitorio e dei i Frati

della Curia generale tutti i Frati che incontrerete.

Andate, il Signore vi accompagni e

protegga sempre e, per l’intercessione della

Vergine Immacolata e del Padre san Francesco,

faccia fruttificare il vostro servizio.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

5. Message aux Jeunes Franciscains et

Franciscaines

Rome, 25/01/06

Prot. N. 096465

«QUE VEUX-TU QUE JE FASSE?»

Chers Frères et Sœurs

de la Famille franciscaine,

C’est avec une grande joie que je salue

les Jeunes Franciscains et Franciscaines réunis

à Blois pour célébrer, prier ensemble,

vivre dans un intense climat de fraternité

spirituelle et réfléchir à l’avenir de la présence

du charisme franciscain en France.

Quel est le sens profond de cette rencontre?

Serait-elle un symbole du renouveau,

du recommencement, de la re-fondation

en ce temps historique qui est le nôtre,

tandis que la Famille franciscaine commémore

la conversion de notre Père et Frère

saint François en l’année 1206, selon le témoignage

des sources biographiques?

Oui, mes amis, que signifie, en cette fin

du Moyen Âge, l’apparition soudaine de ce

petit pénitent d’Assise, fils d’un riche bourgeois

d’une commune d’Ombrie, qui vient

se prosterner aux pieds du pape le plus puissant

de son siècle, Innocent III? Comment

en est-on arrivé là? Tout préparait ce jeune

homme à une brillante carrière commerciale

sur les traces de son père Pietro di Bernardone,

l’homme avisé qui allait vendre de

précieuses étoffes sur les foires de Champagne,

en ce beau pays de France dont l’enfant

bien-aimé portait le nom. Qu’en reste

t’il dans ce mendiant en haillons, au regard

de feu embrasé par la douce violence du

Christ, chez ce jeune dont les pieds nus arpentent

les marbres du palais du Latran?

D’autres frères l’entourent, pauvres compagnons

de route, enfants des plus illustres familles

d’Assise, jeunes et enthousiastes

comme des disciples du Seigneur après la

Pentecôte. Mais comment ont-ils pu renoncer

à tant de bonheur terrestre pour suivre le

Maître et non plus le serviteur?

Il semblerait que l’ouverture familiale au

commerce, au voyage, la courtoisie, les

prouesses chevaleresques, les fêtes de la

jeunesse, l’insertion au cœur de la vie quotidienne

d’une nouvelle société bourgeoise

n’aient pas produit les fruits escomptés. Les

biographes nous parlent de baiser au lépreux,

de mendicité, de lieux de rupture sociale

et, surtout, de la rencontre du Christ et

de cet appel éternel, jailli du plus profond

de l’âme: «Que veux-tu que je fasse?». Ces

faits et gestes sont à la base de la grâce des

origines du mouvement franciscain. Bien


sûr, François, en ce treizième siècle naissant,

participe aux turbulences que traverse

son époque. Sa vie s’incarne dans une voie

de libération spirituelle qui se révèle un

long cheminement de lecture et de traduction

des signes des temps. Comme Celano

nous le confirme, François avait la capacité

innée de découvrir, non seulement dans les

manifestations les plus humbles de la création,

mais aussi au cœur des grandes tendances

sociales de son temps, les signes

d’une présence efficace et visible de

l’amour de Dieu agissant dans la vie des

hommes.

François centre toute sa vie sur la rencontre

de Dieu et du Christ de l’Évangile.

Sa passion pour l’humanité, pour les

humbles, les pauvres et les petits naît de la

prière, de l’irruption de l’amour de Dieu en

son cœur d’enfant, d’enfant conscient de sa

propre pauvreté spirituelle et assoiffé de vie

et de bonheur. Le Dieu de François partage

notre pauvreté, l’embrasse jusqu’à la lie,

communie à notre espérance et, par sa grâce,

est à l’origine d’une vision de l’amour

proche de celle de notre pape Benoît XVI:

«L’amour devient maintenant soin de

l’autre et pour l’autre. Il ne se cherche plus

lui-même – l’immersion dans l’ivresse du

bonheur – il cherche au contraire le bien de

l’être aimé. Il devient renoncement, il est

prêt au sacrifice, il le recherche même»

(DCE 6).

Comme le Christ de l’Évangile, qu’il

suit pas à pas, François devient un maître en

humanité. Benoît XVI nous rappelle l’importance

de cette suite: « Nous avons cru à

l’amour de Dieu: c’est ainsi que le chrétien

peut exprimer le choix fondamental de sa

vie. À l’origine du fait chrétien, il n’y a pas

une décision éthique ou une grande idée,

mais la rencontre avec un événement, avec

une Personne, qui donne à la vie un nouvel

horizon et par là son orientation décisive.

…L’amour n’est plus seulement un commandement,

mais il est la réponse au don de

l’amour par lequel Dieu vient à notre rencontre»

(DCE 1).

Que de renoncements le Poverello n’a

t’il pas acceptés, que de risques n’a t’il pas

encourus avant de parvenir à un matin d’in-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

23

finie tendresse? Après ce long parcours semé

d’ombres et de lumières, de confiance

absolue et de cris de détresse, de solitude et

de Fraternité, il put acquérir la sagesse et la

sérénité d’un pauvre. Mais ne s’agit-il pas

là du lot de toute vie humaine qui se veut

aussi fraternelle?

En suivant les traces du Christ, notre miroir,

François devient aussi miroir pour

notre vie. Il nous aide à secouer la poussière

de nos sandales et à courir d’un pas léger

sur les chemins de Dieu. Dans l’éternelle

jeunesse de sa recherche du Tout puissant et

bon Seigneur, le Très-bas nous indique le

chemin de la vie. Il ressent nos angoisses et

tente d’y répondre. Comme beaucoup de

jeunes, il se confronte aux grandes questions

que nous nous posons encore aujourd’hui:

pourquoi la souffrance, pourquoi la

lèpre, pourquoi la pauvreté, pourquoi la

mort, pourquoi la guerre, la haine, pourquoi?

Et malgré tout cela, pourquoi la gratuité,

pourquoi la vie et la foi, l’amour, la

paix, le chant des oiseaux et la beauté des

fleurs des champs et le sacrifice jusqu’au

dernier souffle pour ceux qu’on aime?

François a trouvé sa réponse personnelle

dans l’Évangile de Notre Seigneur Jésus-

Christ. Il n’a pas renié les valeurs essentielles

de ce monde, notre cloître, qu’il aimât

de tout son cœur. Il les a vécues dans la

rencontre de l’Évangile.

Comment ne pas rêver de transmettre

son message dans un avenir qu’il nous faudra

construire ensemble, sans intolérance,

dans un climat de dialogue? Je ne vous impose

pas de solutions toutes faites, je vous

demande de rechercher ensemble des chemins

de vie pour notre humanité et surtout

pour tant de jeunes, pour les hommes et les

femmes qui vivent en France et ailleurs.

Même s’ils peuvent vous paraître éloignés

de toute recherche de Dieu, un cri s’élève de

leur silence: aidez-nous, aimez-nous car

«Seul le service du prochain ouvre mes

yeux sur ce que Dieu fait pour moi et sur sa

manière à Lui de m’aimer» (DCE 18).

Le temps de la conversion est un temps

de prise de conscience progressive, dans les

aléas de la vie quotidienne, du sens le plus

profond d’une vie, des premiers gestes


24 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

d’une spiritualité radicale, celle qui transformera

la vie personnelle de François et sera

à l’origine de la fondation du charisme

que nous essayons de vivre aujourd’hui,

comme frères et sœurs de la famille franciscaine.

Peut-être aujourd’hui plus que jamais le

chemin de vie de François devrait-il être

présenté aux jeunes et moins jeunes assoiffés

de sens pour leur propre vie. C’est le

Christ, le Crucifié de la rencontre de saint

Damien qui nous implore: «Reconstruis

mon Église qui menace ruine». Aide-moi à

reconstruire toute vie humaine, sois sentinelle

du matin, chante une nouvelle aurore

d’amour «de manière à susciter dans le

monde un dynamisme renouvelé pour l’engagement

dans la réponse humaine à

l’amour divin» (DCE 1).

En ces jours de grâce et de rencontre de

Dieu et de nos frères et sœurs, que notre frère

et père saint François nous concède de rejoindre

le fondement ultime de notre vie et

de notre vocation: l’inépuisable don de

Dieu fait à l’homme, en l’appelant avec

l’univers dont il fait partie à «partager sa

joie divine d’exister» (E.Leclerc).

Que le Seigneur vous bénisse et vous

garde, qu’il vous montre son visage et vous

donne la paix!

FRÈRE JOSÉ RODRIGUEZ CARBALLO, OFM

Ministre général

6. Saluto a Benedetto XVI in occasione

dell’Udienza concessa al Ministro e al

Definitorio generale

Città del Vaticano, 26.01.2006

Beatissimo Padre,

con i medesimi sentimenti di profondo

ossequio e di filiale devozione che accompagnavano

i frequenti incontri del nostro

Padre Serafico con il Signor Papa, mi presento

oggi alla Santità Vostra, lieto e grato

per il dono di questa speciale Udienza che

la Sua paterna bontà ci accorda.

Una felice coincidenza rende particolarmente

significativo il nostro incontro con la

Santità Vostra.

Esso, infatti, si svolge a distanza di circa

ottocento anni dallo storico incontro che

Francesco e i suoi primi compagni ebbero

con il Suo venerato Predecessore, il Papa

Innocenzo III.

Fu in quel celebre incontro, immortalato

dal pennello del sommo Giotto, che Innocenzo

III autorizzava la nascente Fraternità

a «predicare dovunque la penitenza» (Tre

Compagni 51) e ne approvava oralmente la

“Regola di vita” scritta dal Poverello, ponendo

così le fondamenta dell’Ordine dei

Frati Minori.

Anche io, insieme al Definitorio, rappresentando

tutti i Frati Minori, come figli che

implorano «le tenere premure della madre

Chiesa» (FF 611), e mentre ci apprestiamo

a celebrare nel 2009 1’VIII Centenario della

nascita dell’Ordine, abbiamo vivamente

desiderato di presentarci al Successore dell’Apostolo

Pietro, per deporre nel suo cuore

di Padre e di Pastore della Chiesa universale

il nostro rinnovato proposito di «vivere

secondo la forma del santo Vangelo» (FF

1457), nella gioiosa fedeltà alla grazia delle

nostre origini.

Ho l’onore, Padre Santo, di confidarLe

che il nostro Ordine si prepara a celebrare

gli ottocento anni della sua storia attraverso

una serie di iniziative, come la celebrazione

di un Capitolo generale straordinario nel

settembre del corrente anno, miranti a risvegliare

nei singoli Frati una coerente fedeltà

al dono della vocazione.

Altri momenti importanti che scandiranno

la celebrazione dell’VIII Centenario sono

il Congresso internazionale di Giustizia

e Pace nel 2006, il Congresso internazionale

dei Moderatori della Formazione permanente

nel 2007, l’incontro di tutti i responsabili

dei Vicariati, Prelature, e Prefetture

apostoliche affidati dalla Chiesa al nostro

Ordine nel 2006, l’incontro con tutti i Vescovi

OFM nel 2007, un Capitolo spirituale

per i Giovani OFM in Terra Santa nel 2007,

il Congresso internazionale per l’Evangelizzazione

nel 2008 e il Congresso internazionale

sulla storia dell’Ordine nel 2009.

Sempre in vista dell’VIII Centenario

stiamo curando la terza edizione critica degli

scritti di San Francesco e la pubblicazio-


ne di tutti i testi legislativi dell’Ordine (dall’origine

fino ad oggi), mentre la speciale

Commissione continua l’edizione critica

delle opere del Beato Giovanni Duns Scoto.

Inoltre, con l’approvazione della Congregazione

per la Vita Consacrata, l’Ordine

ha in programma un corso di formazione

per le Presidenti delle varie Federazioni

delle Clarisse e delle Concezioniste Francescane.

Sono poi lieto di informare la Santità Vostra,

che in questo sessennio, che va dalla

celebrazione dell’ultimo Capitolo Generale

(giugno 2003), l’Ordine ha riservato una

particolare attenzione all’evangelizzazione

missionaria “ad gentes”. Sono stati infatti

avviati quattro nuovi progetti missionari in

Sudan, Namibia, Burkina Faso e Miamar. I

missionari vengono preparati per la missione

nella Fraternità di Bruxelles. Ogni anno

partono in missione “ad gentes” circa 30

confratelli.

Un’altra priorità di questo sessennio è la

promozione degli studi nell’Ordine con

particolare attenzione alla specializzazione

in teologia, filosofia e spiritualità francescana,

nonché la creazione di nuovi centri

di studio e università come quella eretta recentemente

in Messico, oltre al potenziamento

dei centri di studio già esistenti, come

la Pontificia Università Antonianum di

Roma e la Facoltà di Scienze Bibliche e Archeologia

di Gerusalemme.

Ci stiamo impegnando anche nel campo

del dialogo ecumenico e interreligioso. Da

diversi anni abbiamo l’Istituto Ecumenico

di Venezia, sezione della facoltà di Teologia

della Pontificia Università Antonianum, dove

accogliamo studenti cattolici e ortodossi,

e, dopo il Capitolo del 2003, abbiamo

aperto una fraternità, direttamente dipendente

dal Ministro generale, a Istanbul, con

l’obbiettivo specifico del dialogo ecumenico

e interreligioso.

In particolare, in occasione dell’VIII

Centenario della fondazione dell’Ordine,

vogliamo aprirci alla gratitudine verso

l’«Altissimo, onnipotente, bon Signore»

(Cantico delle creature 1) per le meraviglie

che Egli ha realizzato attraverso i Frati che

ci hanno preceduto, e per le meraviglie che

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

25

il Signore continua a realizzare in e per

mezzo dei fratelli e delle sorelle che camminano

decisamente sui sentieri della virtù

(cf FF 2913).

Sono poi grato al Signore perché dopo il

nostro Capitolo 2003 è stato possibile giungere

ad una Dichiarazione da parte dell’Ordine

che, grazie alla mediazione della Congregazione

per l’Evangelizzazione di Popoli,

è stata accettata da Sua Eccellenza il

Vescovo di Mostar.

In questo cammino, Padre Santo, non

mancano certo le difficoltà, dovute tante

volte alla nostra mediocrità, al diminuito

numero delle vocazioni e alla poca perseveranza

di alcuni. Per questo motivo stiamo

insistendo, prima di tutto, nel migliorare la

qualità della nostra vita, attraverso la formazione

permanente, come cammino di

conversione. Chiamati a riproporre con coraggio

l’audacia, la creatività e la santità di

Francesco e a coltivare con fedeltà dinamica

il suo carisma, ci proponiamo di tornare

all’essenziale della nostra forma di vita,

«sempre sudditi e soggetti ai piedi della

santa Chiesa, stabili nella fede cattolica, osservando

la povertà e l’umiltà e il santo

Vangelo del Signore nostro Gesù Cristo,

che abbiamo fermamente promesso» (Regola

bollata, cap. XII, 5). A livello di formazione

iniziale stiamo insistendo nell’accompagnamento

spirituale e vocazionale,

oltre che in un discernimento sereno, libero

dalle tentazioni del numero o dell’efficacia

(cf Ripartire da Cristo, 18).

Per ognuna delle iniziative programmate

imploriamo, Beatissimo Padre, il conforto

della Sua Benedizione Apostolica e il Suo

paterno incoraggiamento, perché con la nostra

vita umile e povera, possiamo rendere

visibile Dio agli uomini del nostro tempo.

Ci consenta poi, Padre Veneratissimo, di

esprimerLe la nostra commossa gratitudine

per i frequenti richiami ai valori della spiritualità

francescana di cui fa dono alla Chiesa

nel Suo sapiente e instancabile Magistero.

A questo altissimo Magistero desideriamo

aderire con gioiosa e sincera fedeltà,

convinti, come Lei ci insegna, di non dover

perseguire le nostre idee, «ma di metterci in

ascolto, con tutta quanta la Chiesa, della pa


26 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

rola e della volontà del Signore, lasciandoci

guidare da Lui» (Benedetto XVI, Omelia

per l’inizio del Ministero Petrino, 24

aprile 2005: AAS, XCVII, 2005, pag.

709).

Con la stessa confidenza di Francesco e

incoraggiati dalla Sua paterna condiscendenza,

ardisco ora, Padre Santo, affidarLe

alcune suppliche, con la viva speranza che

possano essere accolte nel Suo cuore di

Padre amoroso.

La Santità Vostra conosce il nostro

amore per la Terra Santa. Comprende perciò

il desiderio vivissimo dell’Ordine di

poter ritornare a custodire, con l’amore e

la passione dei nostri fratelli del passato, il

Santo Cenacolo di Gerusalemme, memoria

eloquente dell’amore del Signore per la

sua Chiesa e primo santuario eucaristico

della storia.

Proprio in questo giorno si compiono

trenta anni dal transito del nostro fratello

Fr. Gabriele Maria Allegra, morto a Hong

Kong il 26 gennaio 1976 e dichiarato Venerabile

dal Suo amato Predecessore Giovanni

Paolo II nel 1994. Le chiediamo con

fiducia che, superata qualche difficoltà

estranea alla sua Causa di beatificazione,

questo insigne servitore della Parola e ardente

testimone del Vangelo nella nobile

terra di Cina, sia presto annoverato tra i

Beati della Chiesa.

Auspico, inoltre, che giunga presto l’atteso

giorno in cui la Santità Vostra, con

l’autorità che Le deriva dal Suo Apostolico

Ministero, possa attribuire a S. Bernardino

da Siena l’auspicato titolo di Dottore della

Chiesa, così come avrebbe desiderato fare

l’amatissimo Papa il Beato Giovanni

XXIII.

Beatissimo Padre, perdoni il mio ardire,

se ancora una volta Le chiedo di accompagnarci

con la Sua paterna bontà, incoraggiando

il nostro cammino e quello dei Frati

di ogni lingua e nazione, con il dono della

Sua Parola e della Sua Apostolica

Benedizione!

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

7. Messaggio ai Frati della Fondazione

in Russia e Kazakistan

Roma, 26 gennaio 2006

VIVERE

LA MINORITÀ FRANCESCANA

Cari Fratelli della Fondazione

S. Francesco in Russia e Kazakistan,

pace e bene!

In occasione della vostra assemblea annuale

mi è gradito rivolgere un saluto fraterno

a tutti e a ciascuno di voi in particolare, e

mostrarvi quanto voi siete cari a me, al Definitorio

generale e a tutto l’Ordine. Vi siamo

tutti molto vicini e partecipiamo al vostro

impegno di rendere presente il carisma di san

Francesco nelle regioni dove non molti anni

fa lo stesso nome di Dio era bandito.

Personalmente, partecipo in spirito al vostro

cammino di riflessione e di crescita nel

mutuo amore, e vi accompagno con la mia

preghiera.

In questo anno 2006 abbiamo iniziato la

prima tappa del cammino che ci condurrà alla

celebrazione del dono della nostra vocazione

francescana in occasione dell’VIII

centenario della fondazione dell’Ordine nel

2008/2009. In questo primo momento del

cammino di rinnovamento e di “rifondazione”

ci apriamo di nuovo all’ascolto della Parola

del Signore, per discernere la sua volontà

su di noi, su di voi, sulla vostra presenza

in Russia e Kazakhistan, e per lasciarci

convertire dalla grazia del Signore. In questo

anno siamo in atteggiamento di ascolto per

rinnovare la qualità della nostra vita.

Ecco il primo impegno che vorrei ricordare

anche a voi, incoraggiandovi a coltivare

ogni giorno i valori essenziali del nostro

carisma.

E uno dei valori che ci sono stati ricordati

dall’ultimo Capitolo generale è quello

di vivere la fraternità-in-missione. Noi non

andiamo mai soli, ma sempre due a due, in

fraternità; e noi non operiamo mai da soli

ma ugualmente in fraternità, a nome della

fraternità. E per voi, la fraternità ha la caratteristica

di essere interculturale e internazionale.

Ciò a volte può costituire una fati-


ca, ma se vissuta bene, la fraternità multiculturale

contiene una ricchezza insospettata

e diventa segno visibile della possibilità

di vivere l’unità dello stesso ideale nella diversità

delle culture e delle personalità. Poter

dare questa testimonianza al mondo di

oggi, che è sempre di più conflittuale, costituisce

la nostra prima missione. Perciò vorrei

incoraggiarvi a crescere nello spirito del

mutuo amore, nel rispetto e nell’accoglienza

della diversità.

La vostra presenza ha inoltre lo scopo

principale di impiantare l’Ordine nelle terre

dove vivete, ossia di accogliere, accompagnare

e formare i giovani che sono attirati

da San Francesco e che vogliono unirsi a

noi nella vita evangelica e francescana. Ora

sappiamo bene che la prima condizione per

formare i giovani è la vita sana e autentica

dei frati e delle fraternità che li accolgono.

Il futuro della Fondazione francescana in

Russia e Kazakistan dipende dal Signore ma

anche dalla vostra qualità di vita di oggi.

Francesco comprese il tipo di vita che doveva

abbracciare in seguito alla scoperta della

sua vocazione missionaria alla Porziuncola,

dopo aver ascoltato il Vangelo dell’invio dei

discepoli. Si liberò di tutto, abbracciò lo stile

di vita puramente evangelico e partì per la

missione. Che la vostra vocazione missionaria

vi faccia pure comprendere e riscoprire

ogni giorno a quale stile di vita evangelica

siete chiamati, oggi, nel vostro contesto. Poiché

la vocazione evangelica e la missione

francescana sono strettamente unite e non

possono mai essere separate.

La vostra missione si svolge, inoltre, in

un contesto religioso particolare. Nelle regioni

dove siete il cattolicesimo è una piccola

minoranza, quasi una piccolissima porzione

di lievito dentro una grande massa. E

noi, come Frati Minori, siamo chiamati anzitutto

ad accogliere il posto che ci è stato

assegnato, ossia il posto riservato ai più piccoli,

a coloro che sono di nessuna importanza,

che sono di poco conto, per la moltitudine

che si riconosce in un’altra confessione

religiosa. A voi è concesso più che ad

altri di vivere concretamente la “minorità”

francescana, facendovi piccoli e servi del

popolo in mezzo al quale vivete.

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

In questo spirito è molto importante il

dialogo con tutte le realtà che vi circondano,

in particolare il dialogo con le comunità

ortodosse. E non solo, o non tanto, il dialogo

teologico, quanto piuttosto il dialogo

della vita quotidiana, instaurando buone relazioni

con tutti, facendovi costruttori di relazioni

di rispetto e di apprezzamento reciproco,

collaborando con alcune iniziative

concrete insieme a persone delle altre confessioni

cristiane in favore dei poveri, come

i bambini abbandonati oppure i ragazzi in

difficoltà oppure i malati e gli anziani.

Con la Chiesa ortodossa noi vogliamo

sviluppare il dialogo a tutti i livelli. Io stesso

mi recherò a Mosca il 23 marzo prossimo,

per incontrare il Patriarca Alessio II.

All’incontro voi sarete rappresentati dal vostro

Presidente, Fr. Jim Edmiston, che sarà

con me insieme ad altri confratelli. Spero

molto in questo incontro per il futuro della

nostra presenza in Russia, e vi prego di accompagnarmi

con la vostra preghiera perché

lo Spirito del Signore ci suggerisca parole

e gesti fraterni di comunione e di unità.

Questi pensieri ho voluto condividere

con voi all’inizio del vostro incontro fraterno

per farvi sentire quanto vi sono vicino e

per incoraggiarvi a progredire sulla via della

missione in fraternità e nel dialogo.

Il Padre San Francesco interceda per tutti

noi e io, nel suo nome vi benedico di cuore.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

8. Lettera ai Vescovi, ai Francescani, alle

Francescane e ai Cristiani in Libia

Prot MG 41/2006

27

Roma, 20 febbraio 2006

Alle loro Ecc.ze

Mons. Giovanni Martinelli, ofm,

e Mons. Sylvester Carmel Magro, ofm,

a tutti i Frati Minori,

alle Sorelle della Famiglia Francescana

e a tutti i Cristiani presenti

in terra di Libia,

il Signore vi dia pace!


28 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Mentre ci giungono preoccupanti notizie

dalla cara terra di Libia, desidero esprimervi

la vicinanza di tutti i Frati Minori sparsi

nel mondo. Per questo il saluto di pace, rivelato

dal Signore a san Francesco, si trasforma

oggi nella nostra preghiera per voi,

perché, come lo stesso san Francesco ci ha

insegnato, «sono veri pacifici coloro che in

tutte le cose che sopportano in questo mondo,

per l’amore del Signore nostro Gesù

Cristo, conservano la pace nell’anima e nel

corpo» (Ammonizioni 15).

Certamente è un dono di Dio rimanere

nella pace, continuare ad essere testimoni

della vera pace, quando il mondo intorno

urla con forza la sua violenza, ma in quanto

figli del “poverello di Assisi” sappiamo che

è proprio la pace il dono prezioso che il Risorto

ci ha consegnato, perché lo donassimo

a tutti gli uomini e le donne tra cui ci saremmo

trovati a vivere.

Insieme a voi, e grazie a voi, anche oggi,

tutto l’Ordine dei Frati Minori ripete la sua

ferma volontà di mantenersi fedele alla sua

storia di presenza pacifica nel mondo musulmano

che, a partire dal giorno in cui san

Francesco, nel 1219, incontrò il Sultano

Melek-el-Kamel, è proseguita ininterrottamente

lungo gli ottocento anni della nostra

storia.

Ci sentiamo, allora, pienamente in comunione

con quanto ebbe modo di dire il

Santo Padre, Benedetto XVI, durante il suo

incontro con alcune Comunità musulmane

a Colonia il 20 agosto 2005, e con lui vogliamo

ribadire in questa occasione l’estrema

urgenza di: «affermare, senza cedimenti

alle pressioni negative dell’ambiente, i

valori del rispetto reciproco, della solidarietà

e della pace», perché «la vita di ogni

essere umano è sacra sia per i cristiani che

per i musulmani».

Vogliamo continuare la nostra strada ricercando

i grandi valori che uniscono tutti

gli uomini, proprio a partire dalle loro tradizioni

religiose e culturali, le quali sole permettono

di superare le barriere che ideologie

e biechi interessi economici continuano

ad innalzare.

Vogliamo continuare a credere che solo

non cedendo alla tentazione della sopraffa-

zione e della violenza, qualunque forma essa

assuma, ma perseguendo sempre il pieno

riconoscimento della dignità di ogni persona

e dei suoi fondamentali diritti, sarà possibile

per tutti gli uomini vivere insieme come

fratelli e in pace.

Speriamo, infine, che la giustizia, la serenità

e la pace tornino presto a regnare nella

terra di Libia e per questo vi assicuriamo

la nostra fraterna preghiera.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

9. Lettera al Legato pontificio per le Basiliche

di Assisi

Prot. MG 45/06

Eminenza Reverendissima,

Roma, 21 febbraio 2006

apprendo con gioia che il Santo Padre

Benedetto XVI, in attuazione del Motu Proprio

Totius orbis del 9 novembre 2005, ha

nominato l’Eminenza Vostra Suo Legato

presso le Basiliche assisane di San Francesco

e di S. Maria degli Angeli.

Anche a nome dell’intero Ordine dei Frati

Minori e, in particolare dei Frati che operano

presso il Santuario della Porziuncola e

mio personale, desidero esprimere al Sommo

Pontefice la nostra profonda e filiale gratitudine

per aver affidato a Lei il compito di

perpetuare, con la Sua autorità morale e il

Suo prestigio personale, gli stretti vincoli di

comunione e di sincera obbedienza che sempre

hanno unito i Frati Minori, custodi della

culla dell’Ordine, al Successore dell’Apostolo

Pietro e alla Sede Apostolica.

Rilevo con piacere cha la nomina della

Eminenza Vostra coincide con l’VIII Centenario

della conversione di S. Francesco

(1206), alla vigilia di un Capitolo generale

straordinario, che noi Frati Minori celebreremo

alla Porziuncola, dal 15 settembre al 1

ottobre 2006, in preparazione dell’VIII

Centenario della fondazione del nostro Ordine

nel 2009.


Nel vivo auspicio di incontrarLa presto a

S. Maria degli Angeli, formulo per il Suo altissimo

compito lieti e cordiali auguri, assicurandoLe,

con la nostra preghiera, la nostra

sincera collaborazione e il nostro devotissimo

ossequio.

Con sentimenti di profonda comunione,

dev.mo nel Signore

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

_________________________

Eminenza Reverendissima

Cardinale Attilio Nicora

Piazza della Città Leonina, 1

00193 ROMA

10. Lettera in occasione della Pasqua

2006

Roma, Curia generale, 19 marzo 2006

Solennità di S. Giuseppe

CUSTODI DELLA MEMORIA

Carissimi Fratelli anziani ed infermi,

il Signore vi dia Pace!

La celebrazione della Pasqua del Signore

2006 avviene in un momento particolare

della vita e della missione del nostro Ordine.

Quest’anno, infatti, ricorre l’VIII

Centenario dell’incontro di san Francesco

con il Crocifisso di San Damiano. Tale incontro,

che segnò l’inizio della conversione

del Poverello di Assisi, è al centro della

prima tappa del cammino di preparazione

che ci condurrà nel 2009 alla celebrazione

dell’VIII Centenario di Fondazione del nostro

Ordine. Il 2006 è anche l’anno del Capitolo

generale straordinario che ci permetterà,

come Fraternità universale, di

«darci un tempo per fermarci a riflettere

insieme – come ho scritto nella Lettera di

indizione del 4 ottobre 2005 –, per sostare

in attento ascolto di ciò che il Signore ci

chiede, per confrontarci su come meglio

osservare quanto ciascuno di noi ha promesso

nel giorno della professione, per ripartire

con rinnovato impegno ad annun-

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

29

ciare tra i fratelli e le sorelle nel mondo il

Vangelo di Cristo».

Anche la mia Lettera per la Pasqua

2006, allora, sarà particolare, per contenuto

e, soprattutto, per i destinatari. Mi rivolgo

a voi Frati anziani e, specialmente, a

voi Frati ammalati, che siete per noi “icone”

viventi di Cristo povero e crocifisso e

per questo Frati “privilegiati” della Fraternità,

come voleva il nostro padre san Francesco.

Mi rivolgo a voi per esprimervi la mia

vicinanza, il mio affetto fraterno, la mia

gratitudine; per dirvi che siete importanti

per l’Ordine, la Chiesa e gli uomini e le

donne del nostro tempo; per affidare alla

vostra preghiera le vocazioni per la nostra

Famiglia, i progetti missionari dell’Ordine

e del Ministro e Definitorio generale, soprattutto

il 2006, il Capitolo generale

straordinario e l’VIII Centenario dell’inizio

della nostra forma vitae.

La Lettera è indirizzata a voi, «Fratelli

maggiori», ma spero che venga letta e meditata

da tutti i Frati in modo da consolidare

l’interdipendenza e la solidarietà fra le

generazioni, così che ciascuno possa arricchirsi

dei doni e dei carismi di tutti.

Il 29 ottobre 2005 ho aperto ufficialmente,

ad Assisi, le celebrazioni dell’VIII

Centenario di Fondazione dell’Ordine. In

quella circostanza ho invitato tutti i Frati a

porsi di fronte al Crocifisso di San Damiano,

in un clima di orazione e di apertura

del cuore, per lasciarsi interpellare dai suoi

grandi e luminosi occhi, e così conoscere e

poi attuare, con la sua grazia, il suo «santo

e verace comandamento» (PCr).

Le Entità e le Conferenze hanno dato

inizio, a loro volta, alle celebrazioni in vista

della ricorrenza giubilare. Ad ogni Frate

è stato consegnato il Crocifisso e un dépliant

in cui si descrive un breve itinerario

per la contemplazione del Crocifisso di

San Damiano. Durante il 2006 l’icona del

Crocifisso di San Damiano diventa una

“fonte francescana”, poiché ci rivela il

senso della conversione di Francesco e la

comprensione che egli ebbe del mistero

pasquale (cf UffPass).


30 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

La Croce è il “luogo” della rivelazione

del vero volto del nostro Dio: «Dio ha tanto

amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito,

perché chiunque crede in lui non

muoia, ma abbia la vita eterna» (Gv 3,16),

vita che fluisce, come da sorgente, dalle

piaghe del Cristo. Sono quelle piaghe che

bisogna contemplare per capire che «Dio è

amore» (1Gv 4,8). «E partendo da lì deve

ora definirsi che cosa sia l’amore. A partire

da questo sguardo il cristiano trova la

strada del suo vivere e del suo amore» (Benedetto

XVI, Deus caritas est, 12). Traducendo

le parole della prima Enciclica del

Papa in linguaggio francescano, si può dire

che la Croce è il “luogo” che ci fa esclamare:

«Oh, come è... amabile e sopra ogni

cosa desiderabile avere un tale fratello e un

tale figlio, il Signore nostro Gesù Cristo, il

quale offrì la sua vita per le sue pecore»

(1Lf 13-14). Ma anche è il “luogo” dove

apprendiamo la “via” da percorrere, per

«seguire più da vicino le orme di nostro Signore

Gesù Cristo» (CCGG 5), “via” che

comporta: «l’uno lavi i piedi dell’altro» (cf

Rnb 6,4), secondo l’insegnamento e la testimonianza

del Signore, il quale non è

«venuto per essere servito ma per servire»

(cf Am 4,1) .

Carissimi “Fratelli maggiori”, siete le

persone più adatte per capire il linguaggio

del «fianco squarciato di Cristo» (Benedetto

XVI, l.c.) e per tradurlo in vita, in insegnamento.

Con il passar degli anni, infatti,

si è in grado di fare una “lettura” più

serena delle persone, dei cambiamenti,

delle situazioni; di sfocare i contorni delle

vicende e di addolcire i risvolti dolorosi; di

superare il “mito” della meritocrazia e dell’efficienza.

Allora, nonostante che possano

affievolirsi le energie o si riducano le

capacità operative, siete tuttavia preziosi

nel disegno misterioso della Provvidenza:

«siete capaci di infondere coraggio mediante

il consiglio amorevole, la silenziosa

preghiera, la testimonianza della sofferenza

accolta con paziente abbandono»

(Giovanni Paolo II, Lettera agli anziani, 1

ottobre 1999, 13); siete in grado di «ridare

all’amore la freschezza della gratuità – come

scriveva, rivolgendosi ai Frati anziani,

il precedente Definitorio generale in occasione

della Festa di san Francesco 1998 –;

avete imparato a lasciarvi amare per rispondere

con il sacrificio silenzioso di una

vita che è diventata tutta dono. Allora si ha

più tempo per donare, per amare; si trova

“nell’amore e nell’amare un’occupazione

sufficiente”».

Il Crocifisso di San Damiano, davanti al

quale Francesco prega, è l’«Altissimo,

glorioso Dio» (PCr): è il Vivente, il Risorto,

Colui che ascende presso il Padre. La

preghiera di Gesù, «Padre, glorifica il Figlio

tuo» (Gv 17,1), è stata esaudita. Ciò dà

all’«amore e all’amare» il valore dell’eternità,

orienta la nostra vita verso il vero

orizzonte: Dio stesso. È vero, per tutti la

vita è un pellegrinaggio verso la patria celeste,

ma la vecchiaia è il tempo in cui naturalmente

si guarda al traguardo della maturità.

Gli anni, i giorni che il Signore vi

concede di vivere, non sono, pertanto, attesa

di un «evento distruttivo», ma la trama

di un cammino fiducioso che conduce

tra le braccia di Dio, Padre provvidente e

misericordioso (cf Giovanni Paolo II, l.c.,

15-16; cf anche VC 70).

La conversione di Francesco è iniziata

con la domanda rivolta nel 1206 al Crocifisso:

«Signore, cosa vuoi che io faccia?».

È la domanda che anche voi, quest’anno,

dovete porvi per poter riascoltare la risposta

del Signore, così da cambiar vita, come

dice il progetto La grazia delle origini:

«Ascoltiamo per cambiare vita» (p. 16),

rendendola visibile e significativa; per vivere

con rinnovato entusiasmo quanto avete

promesso nella vostra professione; per

discernere ciò che il Signore vi chiede in

questa stagione della vita. Si tratta di una

sfida. C’è, difatti, un rischio reale, quello

di credere che ormai non avete più nulla da

“chiedere” e da “conoscere” dopo tanti anni

di vita francescana e dopo aver superato

problemi o situazioni difficili; di ripiegarsi

su se stessi e di colmare l’animo di rimpianti;

di sentirsi dispensati dall’esigenza

di un continuo rinnovamento.

È vero, si suole paragonare la vecchiaia

all’autunno della vita. Ma l’uomo, creato

ad immagine e somiglianza di Dio, ha il


privilegio di decidere di non invecchiare.

«C’è una giovinezza dello spirito – si legge

nell’Esortazione apostolica Vita consecrata

– che permane nel tempo: essa si collega

col fatto che l’individuo cerca e trova

ad ogni ciclo vitale un compito diverso da

svolgere, un modo specifico d’essere, di

servire e d’amare» (VC 70).

Non “invecchiate”, Fratelli carissimi. È

sempre possibile partire per “paesi sconosciuti”,

come Abramo; essere in grado di

“vedere” il “nuovo”, come Simeone ed

Anna; essere capaci di vivere con gioia il

“quotidiano”: la preghiera, l’ascolto della

Parola, la vita sacramentale, il servizio alla

Chiesa e agli uomini e donne di oggi, secondo

il carisma francescano, il sostegno

ai passi dei giovani Frati che iniziano il

cammino nelle nostre Fraternità, la presenza

saggia e pacificata nelle Fraternità missionarie

Vi sostenga e vi incoraggi a conservare

vivo il senso dell’attesa e della ricerca l’esempio

di san Francesco, il quale «non

credeva di aver raggiunto il traguardo e,

perseverando instancabile nel proposito di

un santo rinnovamento, sperava sempre di

poter ricominciare daccapo» (1Cel 103).

Carissimi Fratelli anziani ed infermi, la

Chiesa ha bisogno di voi: con la vostra

presenza alimentate la vita del popolo di

Dio, diffondendo la cultura delle beatitudini;

siete «segno di Cristo e del suo stile di

vita» e, mentre invitate «a non anteporre

nulla a Dio e al suo Regno», siete «esempio

a tutti di generosità nella preghiera e

nella dedizione al prossimo» (cf Giovanni

Paolo II, Angelus, 30 gennaio 2000).

E siete preziosi anche per il nostro Ordine.

Anzitutto perché costituite una parte

consistente della nostra Fraternità: sopra i

70 anni siete oltre 4.700. La maggior parte

di voi partecipa attivamente alla vita e alla

missione della Fraternità; anzi, in qualche

regione, siete voi a portare avanti attività,

presenze e ministeri. Siete preziosi, soprattutto,

perché siete una riserva di esperienza,

di saggezza, di capacità di cogliere

ciò che è essenziale e importante, un esempio

di generosa fedeltà. Sì, l’anzianità non

EX ACTIS MINISTRI GENERALIS

31

è la fine e l’esaurimento di una vita spirituale:

avete ancora molto da donarci, specie

in questo momento provvidenziale in

cui siamo impegnati a “riscoprire” la nostra

storia, per riviverla e riscriverla in modo

nuovo, così da aprirla al futuro (cf Giacomo

Bini, L’Ordine oggi, 11 giugno

2000, II,1).

Voi siete indispensabili per coronare

questo nostro “sogno”, perché custodi della

nostra memoria, “biblioteche viventi” di

un patrimonio inestimabile di valori, di

esperienze umane e spirituali, di testimonianze

entusiasmanti e profetiche; perché

siete, in particolare, un richiamo costante a

ciò che solo può dare solidità al nostro

“operare”: il «quaerere Deum», la sequela

di Cristo, che resta sempre la norma suprema

della nostra vita francescana.

La Chiesa vi è grata per la vostra fedeltà

e per la vostra vita spesa a servizio del popolo

di Dio (cf Benedetto XVI, Lettera per

la Plenaria della CIVCSVA, 25 settembre

2005). Io, come Ministro generale e servo

della Fraternità universale, vi dico grazie

per quello che avete fatto e fate, in modo

particolare per quello che siete: “sacramento”

della fedeltà del Signore nei nostri confronti

e per le meraviglie che ha operato in

voi e attraverso di voi, “chiamate” viventi a

rispondere con generosità a tanto amore.

Carissimi “Fratelli maggiori”, rinnovandovi

la mia riconoscenza, e quella di

tutto l’Ordine, e il desiderio di esservi vicino

in questa tappa preziosa della vostra

esistenza, vi saluto fraternamente, inviandovi

un augurio e lasciandovi, come ricordo

di questo nostro “incontro”, una preghiera.

L’augurio è che possiate fare vostre le

parole di un grande “vecchio-giovane”,

Giovanni Paolo II, scritte nella Lettera agli

anziani del 1999. E le parole sono queste:

«Nonostante le limitazioni sopraggiunte

con l’età, conservo il gusto della vita. Ne

ringrazio il Signore. È bello potersi spendere

fino alla fine per la causa del Regno

di Dio» (n. 17).

La preghiera è di san Francesco, messa

a conclusione della Lettera all’Ordine.


32 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Facciamola nostra, ci aiuterà a capire il

senso e il percorso del nostro cammino:

«Onnipotente, eterno, giusto e misericordioso

Iddio concedi a noi miseri di fare,

per tuo amore, ciò che sappiamo che tu

vuoi, e di volere sempre ciò che a te piace,

affinché, interiormente purificati, interiormente

illuminati e accesi dal fuoco dello

Spirito Santo, possiamo seguire le orme

del tuo Figlio diletto, il Signore nostro Ge-

sù Cristo, e con l’aiuto della tua sola grazia

giungere a te, o Altissimo, che nella

Trinità perfetta e nella Unità semplice vivi

e regni e sei glorificato, Dio onnipotente

per tutti i secoli dei secoli. Amen».

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

Prot. N. 096523


VERSUS CAPITULUM GENERALE

EXTRAORDINARIUM

STRUMENTO DI LAVORO PER

IL CAPITOLO GENERALE

STRAORDINARIO

1. Presentazione

Carissimi Fratelli capitolari,

vi trasmettiamo il testo dello Strumento

di Lavoro del prossimo Capitolo generale

straordinario, convocato a S. Maria degli

Angeli per il prossimo mese di Settembre.

Non è un documento ma solo una guida per

il nostro lavoro. In esso sono indicati i temi

di riflessione e la metodologia che seguiremo

per aiutarci nel lavoro di riflessione e di

discernimento a cui è chiamato lo stesso

Capitolo generale.

Questa convocazione capitolare si inserisce

nel cammino di tutta la fraternità universale

verso la celebrazione dell’Ottavo

Centenario della fondazione dell’Ordine,

cammino che abbiamo solennemente iniziato

proprio a S. Maria degli Angeli il 29

ottobre 2005. Parafrasando il testo del documento

La Grazia delle origini possiamo

affermare che anche il Capitolo, come il

centenario «può diventare un kairòs per

l’intera Fraternità dell’Ordine e per la Famiglia

francescana. Un vero e proprio momento

di grazia per favorire la “rifondazione”

dell’Ordine stesso, in vista di nuovi inizi,

di una nuova vita».

Il testo che avete tra le mani è frutto del

lavoro della Commissione preparatoria e

dei contributi di diverse Entità che hanno

inviato le loro riflessioni sul documento La

vocazione dell’Ordine oggi, che era stato ripresentato

alla riflessione di tutti. Esso è

stato approvato dal Definitorio generale.

Lo strumento di lavoro inizia con una introduzione

che spiega il significato profondo

della celebrazione centenaria: il nostro

vivere secondo la forma del santo Vangelo

professando la Regola dei Frati Minori. Segue

una breve sintesi ragionata dei contri-

buti delle diverse Entità sulla rilettura del

documento La Vocazione dell’Ordine oggi.

Le altre parti dello strumento di lavoro

presentano la metodologia e i temi del Capitolo

generale indicando anche l’importanza

della preparazione nelle singole Entità.

L’ultima parte del testo ricorda che siamo

chiamati a dare continuità all’esperienza capitolare

trasmettendo e attualizzando le indicazioni

del documento finale che verrà

elaborato.

Affidiamo questo testo ad ogni Capitolare

e ad ogni Entità, ma soprattutto affidiamo

alla preghiera di tutti la preparazione e lo

svolgimento di questo importante appuntamento.

Che il padre S. Francesco e la Vergine

Maria, Regina degli Angeli e patrona

dell’Ordine, sostengano i nostri passi.

Roma, 22 Dicembre 2005

I FRATELLI DELLA

COMMISSIONE PREPARATORIA*

* Fr. Hermann Schalück, Fr. Giacomo Bini, Fr.

Ambrogio Nuguyen Van Si, Fr. Francesco Bravi,

Fr. José Maria Arregui Guridi, Fr. Thaddée Matura

2. Un tempo di grazia per risituare la nostra

vocazione e missione

1. Vivere secundum formam sancti Evangelii

(Test 14)

Cosa celebriamo?

Attraverso diverse iniziative, individuali

e comunitarie, in particolare celebrando

questo Capitolo generale straordinario, ci

stiamo già preparando, con tre anni d’anticipo,

a celebrare nel 2009 un Centenario di

carattere particolare. Di solito le nostre celebrazioni

riguardano alcune figure: Francesco,

Chiara... Questa volta, invece, non

facciamo memoria di un personaggio e delle

sue azioni, ma di un fatto storico: il rico-


34 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

noscimento da parte della Chiesa, verosimilmente

nel 1209, della “forma di vita

evangelica” presentata al Papa Innocenzo

III da un piccolo gruppo di Frati riuniti attorno

a Francesco. Dunque, non facciamo

memoria di Francesco, ma celebriamo nel

rendimento di grazie e nella gioia l’anniversario

della nascita del nucleo fondamentale

originario del “carisma” o della spiritualità

francescana, che la Chiesa riconosce come

propria. «Scritta con poche parole e semplicemente»

(Test 14), la protoregola non proponeva

altro che un genere di vita conforme

al Vangelo di Gesù (forma sancti evangelii,

Test 14). Sebbene rivolta in primo luogo ai

Frati, era comunque una proposta “aperta”,

rivolta, come mostrerà la storia successiva,

a tutte le categorie di persone e a tutti gli

stati di vita.

Sanctum evangelium observare: contenuto

essenziale della Regola

Il testo originale della protoregola, progetto

e descrizione di una vita, più che sua

regolamentazione, è stato negli anni ripreso,

precisato, arricchito: anzitutto nella Regula

non bullata, all’interno delle sue diverse

redazioni, successivamente confermato

dallo scritto pontificio (Regula

bullata, 1223) richiamato dal Testamento di

Francesco (14-23). Quando si tratta di indicarne

in sintesi il contenuto fondamentale,

o di darle un titolo, ogni volta compare il

vocabolo “Vangelo”. Così, la Rnb definisce

la vita dei Frati come vita evangelii Iesu

Christi (Prol 2), ricorda ai Fratelli che si accostano

a questo genere di vita che si impegnano

nei confronti del Vangelo: promiserunt

per sanctum evangelium et vitam ipsorum

(5,17), e li esorta a rimanere fedeli a

verba, vitam et doctrinam et sanctum evangelium

di Cristo. La Regola definitiva, come

quella di Chiara, è inquadrata, all’inizio

e alla fine, dalla stessa espressione lapidaria:

regula et vita minorum fratrum haec

est: Domini nostri Iesu Christi evangelium

observare (1,2); ut paupertatem et humilitatem

et sanctum evangelium... observemus

(12,5). Nel Testamento, mentre descrive

dettagliatamente lo stile di vita suo e dei

Frati, scelto per ispirazione divina, France-

sco lo riassume come vivere secundum formam

sancti evangelii. La Lettera a tutti i fedeli

estende a tutti i credenti l’invito a osservare

praecepta et consilia del nostro Signore

Gesù Cristo (2Lf 39). Per presentare,

quindi, in forma globale il primitivo progetto

francescano, o per riassumerlo, sintetizzarlo,

rilevarne il nucleo centrale, il cuore,

viene utilizzato il vocabolo Vangelo.

Vangelo nelle Regole e negli altri scritti

di Francesco

Cosa intendeva Francesco con questo

vocabolo, “Vangelo”, a cui tiene tanto e attraverso

cui riassume la vita descritta nelle

sue Regole? Lo restringeva forse a qualche

brano relativo alla povertà, all’itineranza,

alla predicazione? Un esame attento di tutti

i passi degli scritti in cui appare il vocabolo,

mostra che secondo Francesco la vita secondo

il Vangelo non può essere ridotta ad

un elenco di comportamenti, quali «vendere

i propri beni» (Rnb 1,2) o «non portare

nulla per strada» (Rnb 14,1), o ancora «augurare

la pace» (Rb 3,13; Test 23). «Osservare

il Vangelo» significa accogliere il messaggio

della rivelazione di Gesù nella sua

completezza: le sue rivelazioni, le sue promesse,

le sue diverse esigenze, senza escluderne

o privilegiarne nessuna in particolare.

Nel significato più pieno, il Vangelo è Gesù

stesso che, con la vita e la parola, ci rivela

l’essere profondo del Padre suo, il suo Nome,

e ci rende possibile sperimentare la comunione

con Lui: Teneamus... verba, vitam

et doctrinam et sanctum eius evangelium

qui dignatus est pro nobis rogare Patrem et

nobis eius nomen manifestare (Rnb 22,41).

La frase conclusiva della Rb (12,4) paupertatem

et humilitalem et sanctum evangelium...

Iesu Christi... observemus collega il

Vangelo alla povertà e all’umiltà; sembrerebbe

riguardare non solo l’atteggiamento

richiesto ai Frati, vivere da poveri, minori,

servi; indica piuttosto il modello supremo

dell’«umiltà di Dio», «la Parola del Padre

che ha assunto la carne della nostra umanità

e fragilità scegliendo la povertà» (2Lf 4,5).

Secondo questi testi, il Vangelo - buona

novella che origina gioia - è anzitutto rivelazione

del mistero del Dio Trinità che,


VERSUS CAPITULUM GENERALE EXTRAORDINARIUM

spinto dal suo santo amore, ci rende possibile

condividere la sua stessa vita (Rnb

17;23; LodAl; 2Lf 4-11. 48-53) e che deve

rimanere al cuore di tutte le nostre ricerche

e dei nostri sforzi (Rb 10, 8-10). Questo Dio

santissimo e altissimo è, al tempo stesso, un

Dio “appassionato” per l’uomo, discreto,

umile («Tu sei umiltà», LodAl), chino sui

piedi dei discepoli per lavarli. In secondo

luogo, il Vangelo è conoscenza di sé, «la più

degna delle creature» (3Lettera di Chiara,

21), immagine e somiglianza di Dio e del

suo Cristo (Rnb 23,1; Am 5,1), creato in una

sublime condizione, e insieme, paradossalmente,

limitato, povero, peccatore, tale da

suscitare pietà (Rnb 17,7; 23,8). Riconoscere

e accettare questa duplice condizione costituisce

la radice della vera povertà e di

ogni relazione autentica nei confronti di

Dio e del prossimo. Minores et subditi omnibus

(Rnb 7,2). L’amore del prossimo,

chiunque egli sia, «amico o nemico, ladro o

brigante», cristiano o meno è di capitale importanza:

deve essere concreto, operativo,

fatto di servizio (lavare i piedi), segnato da

una tenerezza “materna”, capace di escludere

ogni forma di dominio. Permette così

la creazione di una Fraternità, il nome che

Francesco dà al gruppo dei suoi, costruita

anzitutto dai Frati tra di loro, e tuttavia aperta,

estesa a tutti gli esseri umani e anche a

tutti gli esseri e gli elementi del creato. La

missione che, secondo le differenti situazioni,

assumerà le forme più diverse, si radica

nella realizzazione comunitaria, visibile,

sempre da ricominciare, di una triplice esigenza

enunciata con forza da Rb 10,8-10.

Secondo questo passo, lo Spirito del Signore,

che è da desiderare sopra ogni altra cosa,

spinge i Frati a fare esperienza di Dio

(orare sempre... puro corde); ad approfondire

la conoscenza e l’accettazione di sé

(habere humilitatem et patientiam in persecutione

et infirmitate); a stabilire relazioni

d’amore con ogni uomo, anche se nemico

(diligere eos qui nos persequuntur et reprehendunt

et arguunt).

Solo a partire da questi fondamenti evangelici,

vissuti e interpretati da Francesco, si

possono assumere gli impegni concreti della

povertà francescana, dell’obbedienza e della

35

castità; solo su queste basi è possibile edificare

una comunità autentica e, nel servizio

alla Chiesa e nell’attenzione al mondo moderno,

individuare percorsi apostolici e missionari

possibili anche nell’oggi.

Vivere il Vangelo oggi

Una lettura affrettata e superficiale della

Rb, documento ufficiale che raccoglie, condensa

e abbrevia le versioni precedenti, non

permette di cogliere in essa l’appello vibrante

all’accoglienza del Vangelo, tanto

più che siamo comunque eredi di una lunga

tradizione di interpretazioni canonistiche e

casuistiche di quel testo. Ma se si tiene conto

dell’intenzione esplicita di Francesco

sviluppata nei vari scritti che ci ha lasciato,

e delle modalità del suo riferirsi al Vangelo

secondo i primitivi biografi (vir evangelicus),

non c’è dubbio che Vangelo ha significato

per lui la totalità del messaggio che

Dio ha rivolto all’umanità, radicato nella

storia, culminato nella venuta del Figlio fatto

carne e nel dono dello Spirito alla Chiesa

e al mondo.

Per noi questo significa che la Regola,

nelle sue diverse tappe scritte (che Francesco

considera, nel Testamento, come un tutto

rimasto identico) continua ad essere un

dito puntato sul Vangelo di Cristo, una porta

che permette l’accesso graduale alla sua

pienezza, un appello o una sfida permanente

a manifestare la sua presenza nei nostri

comportamenti personali e comunitari. Il

fatto che Francesco definisca la vita dei Frati

come vita evangelii Iesu Christi (Rnb),

sanctum evangelium observare (Rb), forma

sancti evangelii (Test), cioè come accoglienza

e incarnazione pratica” della buona

novella, indica esattamente questa prospettiva.

Quanto egli propone nelle Regole, e

più diffusamente nell’insieme degli scritti,

consiste nell’immenso spazio aperto dal lieto

annuncio dell’amore e della benevolenza

divina per l’uomo; a questo mirano tutte le

sue esortazioni e riflessioni. Siamo invitati

a cogliere il fondamento ultimo della nostra

vita e della nostra vocazione: l’inesauribile

dono di Dio all’uomo, la chiamata, insieme

al creato di cui è parte, a “condividere la divina

gioia d’esistere” (E. Leclerc).


36 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Tutto questo siamo chiamati a vivere all’inizio

del terzo millennio. La fede cristiana,

di fronte a un mondo tecnologico, informatizzato

e alle sue crisi: guerre sotterranee,

terrorismo, mondializzazione, è

esposta a tutte le domande e le sfide su Dio,

sul suo ingresso nella storia nella persona di

Gesù, sulla natura dell’uomo e sul senso

della sua vita e della morte. Anche la Chiesa

è messa in questione: il suo ruolo e il suo

influsso nel mondo sono banalizzati e contestati.

La nostra famiglia francescana è segnata

dalla crisi: diminuzione numerica, incertezze

sulla nostra identità, tentazioni di

rinuncia e di scoraggiamento. Solo il nostro

riferirci al Vangelo, di cui la Regola vuol essere

una sintesi vitale, può aiutarci a rispondere

con fiducia, immaginazione e coraggio

a queste molteplici sfide.

Vangelo per tutti

La celebrazione dell’ottavo centenario

dell’approvazione della Regola riguarda in

primo luogo evidentemente i Frati del primo

Ordine che, attraverso la professione religiosa,

si impegnano ad assumerla come

fondamento della loro vita personale e comunitaria.

Ma il nucleo centrale di quel testo,

il suo riferimento e, in qualche modo, la

sua identità, cioè il Vangelo, è rivolto a tutti

i credenti cristiani. L’appello a vivere con

radicalità il messaggio di Gesù, che Francesco

ha accolto con i suoi primi compagni,

rimane attuale per tutti i tempi e per ogni

stato di vita. Pochi anni dopo Francesco,

verso il 1212, anche Chiara di Assisi ne è

stata affascinata, e più tardi, riprendendo

quasi alla lettera la Regola bollata di Francesco,

ha dato origine all’Ordine femminile

delle Sorelle povere. Molto presto altri, individui

o gruppi maschili e femminili, pur

rimanendo nel proprio stato di vita (famiglia,

professione), si sono sentiti provocati

dalla proposta evangelica di Francesco, come

testimoniano gli scritti che Francesco ha

destinato loro (Rnb 23; Lf). Oggi la Famiglia

francescana, composta dai laici dell’OFS,

dai membri degli Istituti Secolari,

dai religiosi/e del TOR, dalle Clarisse e dalle

tre Famiglie del primo Ordine continua a

fare riferimento all’ispirazione evangelica

che sta alla base dell’identità e della spiritualità

francescana.

Questo ottavo centenario non è quindi

“proprietà particolare” del gruppo dei Frati

minori: è una festa, un rendimento di grazie

per tutta la Famiglia. Ed è soprattutto un appello

che Francesco ci rivolge, un invito ad

«aprire l’orecchio del nostro cuore per

ascoltare attentamente la voce del Figlio di

Dio» (LOrd 6) che fa risuonare il lieto annuncio

dell’amore di Dio per l’umanità.

2. La vocazione dell’Ordine oggi

Il Ministro generale, con la lettera La

grazia delle origini, il primo gennaio del

2005, ha proposto a tutto l’Ordine, in preparazione

all’Ottavo Centenario dell’approvazione

della Regola, la lettura e l’approfondimento

della Dichiarazione del Capitolo

generale di Madrid del 1973, «un

testo di ieri per l’oggi». Le risposte a questa

proposta sono state lette con attenzione,

analizzate e presentate in una sintesi dettagliata.

Più che al documento stesso, si riferiscono

alle domande poste nel fascicolo In

cammino.

Le Entità che hanno risposto (circa il

45% del totale) rappresentano tutte le zone

geografiche e culturali dell’Ordine, con la

conseguente diversità di situazioni e di reazioni.

La lettura della sintesi delle risposte

offre una buona fotografia del vissuto dei

Frati: è dettagliata, interessante e piuttosto

incoraggiante. È ovvio che il Ministro generale

nella sua relazione, come anche coloro

che interverranno al Capitolo e il documento

finale che ne risulterà, terranno conto

di questo “esame di coscienza” svolto

dall’insieme dell’Ordine.

Il consenso sui valori fondamentali della

nostra forma vitae

Quel che risulta in primo luogo dalla lettura

delle risposte è un vasto accordo, una

sorta di comune ricezione degli orientamenti

che l’Ordine ha preso da 40 anni, sulla

linea indicata dal Concilio Vaticano II. I

valori fondamentali della nostra vocazione,

elaborati e riaffermati dalle nostre CCGG, i

Capitoli generali che si sono susseguiti, la


VERSUS CAPITULUM GENERALE EXTRAORDINARIUM

Dichiarazione di Madrid, le lettere dei Ministri

generali, i documenti del Segretariato

per la Formazione e gli Studi, sono conosciuti,

accolti, fanno ormai parte del nostro

vocabolario, si direbbe “vanno da sé”. Nelle

risposte ricevute non sono mai rimessi in

questione questi valori costitutivi della nostra

identità. Con abbastanza evidenza tutto

è riassunto attorno a tre punti: Vangelo, fede

e Vocazione; Fraternità; Missione, a partire

dalla vita in minorità e povertà. Questi temi

stanno alla base e coinvolgono tutta la nostra

esistenza: la fede in Dio e nel Cristo le

dona un senso; la relazione la apre ad ogni

essere esistente, umano o no; la presenza,

tramite la vita e l’azione, contribuiscono alla

vita della Chiesa e del mondo.

Il significato di questo consenso è positivo

e confortante, ma non è immune dal porre

qualche problema. Una visione condivisa

dei valori, la loro comune accettazione, crea

una sorta di «ortodossia», offre riferimenti

chiari e plasma, a lungo andare, l’identità

personale e collettiva. Una volta colta e

riempita l’interiorità, il cuore, dovrebbero

nascere atteggiamenti e comportamenti

conformi alle convinzioni. Questo accordo

sui valori è, quindi, una grazia per l’Ordine:

nel tempo in cui viviamo possiamo rallegrarcene.

Ma non dobbiamo dimenticare

che tra l’ideale e la realtà esisterà sempre

una tensione, uno scarto: non sempre ciò

che è riconosciuto come valore è poi messo

in pratica. L’«ortoprassi» non è conseguenza

automatica dell’ «ortodossia». Riconoscere

questa distanza, soffrirne, impegnarsi

per ridurla concretamente, è un compito

mai svolto una volta per tutte, sempre da ricominciare.

Proposte per mettere in pratica l’ideale

Le risposte ricevute testimoniano la conoscenza

di questa situazione. Dopo aver

espresso un accordo “plebiscitario” sugli

elementi fondamentali della nostra forma

vitae, si manifesta la coscienza dei numerosi

ostacoli che si oppongono alla loro

espressione concreta e visibile nel mondo

contemporaneo, ostacoli che derivano anzitutto

dalla fragilità umana. Sono anche ricordati

e denunciati: la debolezza della fe-

37

de, l’attivismo esagerato, l’individualismo,

la mondanizzazione (vita comoda, stile

mondano), l’imborghesimento nella società

dei consumi. E non ci si limita a descrivere

ciò che manca o quel che non va, ma vengono

proposti, numerosi mezzi concreti per

porvi rimedio.

Sfide da segnalare

Risulta che alcune sfide attuali non sono

state colte in maniera sufficiente. Potremmo

caratterizzarle e riassumerle attraverso

un’unica formula: liberarsi dall’autocentrismo,

o autoreferenzialità, per aprirsi al dialogo.

Significa non concentrarci unicamente

su noi stessi, sulle nostre origini e tradizioni,

senza ri-situare queste ultime

riferendosi al loro contesto, e senza situare

noi stessi in un insieme più vasto di cui facciamo

parte. Non siamo un’isola autonoma,

ma una piccola regione di un più vasto continente:

il mondo e, al suo interno, la Chiesa.

Non dimentichiamoci, in primo luogo,

che il nostro Ordine è una piccola parte della

grande Famiglia francescana, formata in

maggioranza schiacciante da laici (OFS) e

consacrate (TOR): sarebbe grave, non fraterno

né “ecumenico”, comportarci come se

fossimo da soli.

Come cristiani cattolici ci è donato un

carisma particolare, certo, ma non possiamo

ignorare le energie, gli sforzi di rinnovamento,

i problemi che animano e toccano

la Chiesa, per potervi prender parte secondo

la nostra specificità. L’Evangelo che la

Chiesa annuncia, e che noi professiamo, è

sempre più grande di quanto noi siamo capaci

di cogliere.

E poi c’è il mondo, “nostro chiostro”,

così come è in questo momento storico di

globalizzazione, di trasformazioni radicali

(culturali, politiche, informatiche...), di

fratture (ricchi e poveri, uomini e donne…),

di molteplici crisi che lo scuotono (dominio

dei media, concezione dell’uomo, i problemi

della bioetica…).

Tutte queste realtà così complesse fanno

parte della nostra vita e ci interrogano, ci

obbligano a guardarle con occhi nuovi.

Fanno parte di questo mondo amato da Dio,


38 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

che è venuto a salvarlo tramite il Figlio suo.

Non ci è concesso di avere una visione

oscura, pessimistica del nostro tempo, né

di aver paura di iniziare e di porre, con discernimento

evangelico, gesti/segni nuovi.

Consacrati al Vangelo per la nostra forma

vitae, accogliendo continuamente la sua

novità nel nostro cuore, noi non possiamo

sbagliare, poiché è “lampada per i nostri

passi”, e ci indica il retto cammino e le

scelte da fare.

Portando nel cuore il Vangelo di Cristo e

restando aperti alla realtà di ogni giorno, saremo

capaci di vivere in questo tempo, che

è come ogni tempo un “tempo di grazia”, la

nostra vocazione: essere nella Chiesa e nel

mondo testimoni del “santo amore” di Dio.

3. Convocati a Capitolo

È importante sottolineare subito che si

tratta di un Capitolo spirituale, di una celebrazione

che è memoria viva del nostro

cammino lungo i secoli, riattualizzazione

dell’intuizione evangelica di Francesco nell’oggi

della nostra storia e delle nostre culture,

per proiettarci verso il futuro con speranza

e grande fiducia nel Signore.

Il Capitolo si sviluppa su due settimane

secondo uno schema di discernimento vocazionale

e missionario, a partire dalla Regola

interpretata e vissuta dalle diverse generazioni

francescane.

Il Ministro generale in una visione sintetica

presenterà il cammino che stiamo facendo

con le sue luci e le sue ombre.

Le due settimane saranno guidate e

orientate dalla Parola di Dio: dall’icona dei

discepoli di Emmaus che apre e accompagna

in qualche modo tutto il Capitolo. Un’icona

che esprime la nostra itineranza fraterna,

il passaggio dalla sfiducia alla speranza,

la scoperta della presenza del Signore in

mezzo a noi nella sua Parola e nello spezzare

il Pane. Illuminati da questa presenza si

potrà riprendere con coraggio la strada di

Gerusalemme: la strada della comunione e

della missione. La Parola di Dio ci aiuterà

quindi a verificare oggi le nostre paure e le

nostre remore per rivivere con entusiasmo e

generosità la nostra forma vitae.

Un clima di preghiera e di meditazione,

scandito da celebrazioni liturgiche e pellegrinaggi

ai santuari francescani, ci accompagnerà

personalmente e comunitariamente

durante le due settimane. Tutto viene

da Dio e tutto restituiamo a Lui con

gratitudine.

Sarà un Capitolo aperto. Al termine delle

due settimane approveremo un documento

finale come traccia di riflessione, di interiorizzazione

e di applicazione a livello personale

e locale, in vista della celebrazione

centenaria del 2008 – 2009. Un Capitolo e

un documento che hanno bisogno della nostra

creatività per continuare a scrivere una

rinnovata storia di fedeltà a Dio e all’uomo.

Per portare frutto, il nostro ritrovarci a

Capitolo, ha bisogno di essere preparato.

Ogni Entità è chiamata a riflettere insieme

sui temi del Capitolo seguendo la stessa

metodologia capitolare. È importante allora

che ogni Entità si interroghi su quali sono le

sfide poste oggi alla nostra vita e missione e

concretamente quali mezzi si possono individuare

per poterle affrontare. Seguendo lo

schema delle giornate capitolari l’individuazione

delle sfide e dei mezzi potrà venire

da una lettura attenta del contesto culturale

dove la stessa Entità vive e da un discernimento

su come si stanno vivendo i

valori fondanti la nostra vita e missione. La

sintesi di queste riflessioni sarà consegnata

alla segreteria del Capitolo generale dal Ministro

provinciale o dal Custode dell’Entità.

3. Presentazione sintetica dei temi delle

due settimane

La riflessione e il confronto tra i Capitolari

procederà con il progressivo approfondimento

dei temi individuati come centrali

per la nostra vita oggi. Nella prima settimana,

con uno sguardo sul mondo, ci confronteremo

su Vangelo e Fede, le Relazioni, il

Dialogo mentre nella seconda su Vocazione,

Fraternità e Missione.

I temi della prima settimana saranno

presentati da relatori esterni e i gruppi di

condivisione saranno per lingua. I temi della

seconda settimana saranno presentati da

un Capitolare in un contesto di meditazione


VERSUS CAPITULUM GENERALE EXTRAORDINARIUM

e di preghiera che aprirà la giornata seguendo

l’icona biblica dei discepoli di Emmaus

e i testi francescani indicati, tenendo presente

la situazione della Fraternità universale

per proiettarci verso un futuro nuovo. I

gruppi della seconda settimana lavoreranno

per Conferenza.

Le riflessioni sui diversi temi (proposta

del relatore, lavoro in gruppo, sintesi scritta

da offrire agli altri gruppi) confluiranno poi,

al temine di ogni giornata, in momenti di

preghiera. Nella prima settimana, per le

preghiere in gruppo, la commissione liturgica

offrirà del materiale; per la seconda

settimana la preparazione è lasciata ai singoli

gruppi.

Le riflessioni delle due settimane saranno

collegate dalla meditazione e dalla preghiera

sulla Regola come proposta di vita

evangelica oggi (21 settembre) e dal confronto

sulla relazione del Ministro generale

sulla vita e la missione dell’Ordine oggi (22

settembre).

Alla riflessione di gruppo sarà importante

unire lo studio, la riflessione e la preghiera

personale come presupposto e condizione

per una condivisione profonda e come

approfondimento della stessa riflessione in

gruppo.

Di seguito vengono solo presentati i temi

delle singole settimane e il programma

dettagliato dei lavori capitolari.

– Venerdì, 15 settembre: pellegrinaggio alla

Verna.

– Sabato, 16 settembre: La Regola nella

storia della nostra Fraternità.

– Lunedì, 18 settembre: L’uomo di oggi di

fronte alla fede e al Vangelo: una proposta

di vita.

• Il Vangelo come progetto di vita, per dare

un senso umano e cristiano alla nostra

esistenza, al di là di una religiosità soddisfatta

e tranquillizzante.

• Quali valori evangelici potrebbero fermentare

il nostro mondo frantumato e

indifferente.

• Come sperimentare e testimoniare la

gioia della Buona Novella nel nostro

mondo e con il nostro modo di vivere la

vocazione e missione.

39

– Martedì, 19 settembre: Dalla paura all’incontro:

andare verso l’altro.

• La relazione luogo di crescita della persona.

• La relazione e il senso di appartenenza:

la nostra vocazione nella Chiesa e con la

Chiesa; il senso di appartenenza all’Ordine;

la nostra vocazione nella complementarietà

della Famiglia francescana.

• La relazione uomo-donna.

• La relazione interculturale e internazionale

in un mondo globalizzato.

• La relazione tra Nord e Sud del mondo.

• La relazione con il nemico.

– Mercoledì, 20 settembre: Dal monologo

al dialogo.

• Come Frati Minori siamo chiamati ad

essere costruttori di dialogo in un mondo

atomizzato e diviso.

• Il dialogo tra le culture nel reciproco rispetto.

• Il dialogo ecumenico e tra le diverse religioni

nella consapevolezza della propria

identità.

• Il dialogo tra la Chiesa e il mondo.

– Giovedì, 21 settembre: La Regola come

proposta di vita evangelica oggi.

• La Regola è considerata da Francesco:

«Il libro della vita, speranza di salvezza,

midollo del Vangelo, via della perfezione,

chiave del paradiso, patto di eterna

alleanza» (2Cel 208).

• Le CCGG affermano all’art. 2 §1: «La

Regola dei Frati Minori confermata da

Papa Onorio III è il fondamento della vita

e della legislazione dell’Ordine, e tutto

ciò che è contenuto in essa deve essere

inteso e osservato in un contesto vitale,

secondo il pensiero di san Francesco,

espresso soprattutto nei suoi scritti, il

senso della Chiesa e le sane tradizioni

dell’Ordine».

• Seguendo queste indicazioni come riappropriarci

della Regola oggi? E di quali

mediazioni abbiamo bisogno perché la

Regola torni ad essere una vera Forma

Vitae per noi e per l’uomo e la donna del

nostro tempo?

– Venerdì, 22 e sabato 23 settembre: Relazione

del Ministro generale.

– Lunedì, 25 settembre: La vocazione.


40 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Icona biblica: I discepoli di Emmaus,

Luca 24, 13 - 35.

Riferimento francescano: la preghiera

al Crocifisso.

• La vocazione è strettamente legata alla

fede e all’obbedienza radicale al Vangelo.

• La vocazione come cammino e storia di

ricerca e di incontro con il Signore crocifisso

e risorto (dimensione dinamica

della vocazione).

• La vocazione vissuta come dialogo personale

e fraterno con Dio, come esperienza

della presenza di Dio negli avvenimenti

quotidiani.

– Martedì, 26 settembre: La Fraternità.

Icona biblica: “ I discepoli di Emmaus”,

Luca 24, 13-35.

Riferimento francescano: RnB 22,32

- 40.

• La fraternità elemento costitutivo del nostro

carisma.

• Il fratello come luogo privilegiato dell’incontro

con Dio (cfr. CCGG art. 40).

• La fraternità come dono e impegno; lasciarsi

sorprendere dalla ricchezza dell’altro

nella collaborazione all’edificazione

armonica della fraternità e nella riconciliazione

delle sue diversità.

• La fraternità chiamata ad estendere i propri

confini oltre il limite delle proprie case…

• La dimensione materna del nostro vivere

insieme…

• L’autorità e l’obbedienza alla luce del

nostro vivere fraterno.

– Mercoledì, 27 settembre: La missione.

Icona biblica: I discepoli di Emmaus,

Luca 24, 13-35.

Riferimento francescano: La lettera

all’Ordine 5-9.

• Esiste una profonda unità di fede-vocazione-missione:

Il Signore ci chiama per

mandarci…

• Ogni attività apostolica e missionaria,

ogni servizio francescano dovranno essere

vissuti in fraternità e minorità.

• Significatività della missione nella fedeltà

a Dio e all’uomo: Chi ama sa trovare

– come Francesco – le mediazioni

adatte ed eloquenti per avvicinare il Vangelo

all’uomo del proprio tempo.

• Missione come esodo costante… Nasce

da Dio e a Lui ritorna; richiede, a colui

che è mandato, fiducia ed espropriazione.

– Giovedì, 28 e sabato 30 settembre: documento

finale.

– Venerdì, 29 settembre: pellegrinaggio a

Fontecolombo e Greccio.

4. Il Capitolo continua…

Siamo chiamati a dare continuità a questo

Capitolo, con l’impegno delle singole

Entità e Fraternità, attualizzando nel quotidiano

le indicazioni del documento finale.

È indispensabile «trovare in ogni Entità,

dopo il Capitolo generale straordinario, le

modalità più opportune per una convocazione

di tutti i Frati (es. Capitolo delle

Stuoie), per discernere i modi atti a migliorare

la vita e la missione dei Frati dell’Entità

stessa» (cfr. La grazia delle origini).


1. Fund. Franc. Ss. Nominis Iesu in Centroamerica

electio

El día 24 de octubre del 2005, en el Congreso

Definitorial de nuestra Provincia

Franciscana de Cartagena en España, celebrado

regularmente según las disposiciones

del Derecho en la Curia provincial en Murcia,

bajo la presidencia del Ministro provincial,

VIDAL ABELLÁN FR. SATURNINO, resultaron

elegidos los siguientes hermanos para

los Oficios de la Fundación Franciscana del

Smo. Nombre de Jesús en Centroamérica,

dependiente de la mencionada Provincia:

Presidente de la fundación:

GARCÍA ARAGÓN FR. LEONARDO

Consejeros de la fundación

MEDINA GÁLVEZ FR. PEDRO

SANTAMARÍA FR. LUIS GERARDO.

El definitorio general, en la Sesión ordinaria

celebrada el 22 de diciembre del 2005,

tras un minucioso examen de las Actas

aprobó dicha Elección.

Prot. 096264

E SECRETARIA GENERALI

2. Provinciarum fusionis decretatio

Petitione Provinciarum Sancti Bernardini

Senensis in Austria et Beati Engelberti

Kolland in Austria et Italia attente examinata,

atque spem melioris incrementi vitae

franciscanae prae oculis habentes, Nos, audito

Definitorio generali eiusque praehabito

consensu in congressu diei 10 mensis Ianuarii

c. a. 2006, auctoritate qua fungimur,

praesentis Decreti vigore, ad normam art.

170 §1 Constitutionum Generalium et art.

120 Statutorum Generalium Ordinis,

FUSIONEM EARUMDEM PROVINCIARUM

DECERNIMUS,

ita ut unica in Austria intra mensem Decembris

anni 2007 nova habeatur Provincia

Ordinis Fratrum Minorum, etiam Provinciam

civilem Bauzanensem in Italia sitam

complectens. Contrariis quibuslibet non obstantibus.

Datum Romae, ex Aedibus Curiae generalis

Ordinis, die 10 Ianuarii anni 2006.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Minister Generalis

FR. SANDRO OVEREND RIGILLO, OFM

Secretarius Generalis

Prot. 096257

3. Capitulum Prov. S. Antonii Patavini

in Brasilia

El día 8 de enero de 2006, en el Capítulo

de nuestra Provincia S. Antonio de Padua

en Brasil, celebrado regularmente según las

disposiciones del Derecho en el convento

de Lagoa Seca PB, bajo la presidencia del

Visitador General, MÜLLER FR. JOÃO INA-

CIO, miembro de la Provincia de S. Francisco

de Asís en Brasil, resultaron elegidos:

Ministro Provincial:

LINS DE ARAÚJO FR. MARCONI

Vicario Provincial:

RIBEIRO FR. ANASTÁCIO

Definidores de la Provincia:

REBÉIRO FERREIRA DE SOUSA FR. FRAN-

CISCO

AMILTON DOS SANTOS FR. JOÃO

SANNIG FR. JOÃO

FERREIRA LESSA FR. LUIZ AUGUSTO

DE ALMEIDA FR. MARCOS ANTONIO

SCHREIBER FR. WALTER.

El Definitorio General, en la Sesión ordinaria

celebrada el 23 de enero de 2006,

tras un minucioso examen de las Actas

aprobó dicha Elección.

Prot. 096436


42 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

4. Capitulum Prov. SS. XII Apostolorum

in Peruvia

El día 15 de enero de 2006, en el Capítulo

de nuestra Provincia de los XII Apóstoles

en Perú, celebrado regularmente según las

disposiciones del Derecho, en la Casa de retiro

de Villa Asís, Huaycán, en el distrito

Arte-Vitarte, bajo la presidencia del Visitador

General, HERRERA DÍAZ FR. EVENCIO,

miembro de la Provincia de Ss. Francisco y

Santiago en México, resultaron elegidos:

Ministro Provincial:

CARPIO PONCE FR. EMILIO ERASMO

Vicario Provincial:

SEGOVIA MARÍN FR. LUIS ENRIQUE

Definidores de la Provincia:

APUMAYTA BAUTISTA FR. JUAN

CHAMBI CRUZ FR. ERNESTO

PALACIOS JARA FR. ALEJANDRO

MENOR VARGAS FR. NERI

GONZALEZ QUIMPER FR. JOSÉ LUIS.

El Definitorio General, en la Sesión ordinaria

celebrada el 23 de enero de 2006,

tras un minucioso examen de las Actas

aprobó dicha Elección.

Prot. 096454

5. Capitulum Intermedium Prov. S. Barbarae

in S.F.A.S.

During the Provincial Chapter of the

Province of “S. Barbarae” in U.S.A., canonically

celebrated at the House of Old Mission

San Luis Rey, Oceanside, California, under

the presidency of the Minister Provincial, Jurisich

Br. Melvin A., the following friars

were elected on the 12th January 2006:

Definitors of the Province:

BOEGEL FR. PETER

FONG FR. FRANKLIN

KIESLER FR. JOHN

MENDEZ-GUZMAN FR. OSCAR

LOCKMAN FR. JAMES

LAVERONE FR. KENNETH.

The General Definitorium in its session

of the 11th February 2006 carefully examined

these elections and approved them.

Prot. 096472/ 057 – S06

6. Capitulum Intermedium Prov. Ss.

Martyrum Coreanorum in Corea

In the Provincial Chapter of the Franciscan

Province of the “Holy Martyrs of

Corea” in Korea, canonically celebrated at

the House of Jeong-Dong, under the presidency

of the Provincial Minister, SANG

SEON OH BR. PAUL, on the 17th January

2006, the following friars were elected:

Provincial Definitors:

MURGUZUR FR. JOSÉ

GYUNG-HO KI FR. FRANCIS

NAM-YONG PAEK FR. JOHN

BYONG-ROYL CHOI FR. FELIX.

The General Definitorium in its session

of the 7th March 2006 carefully examined

these elections and approved them.

Prot. 096601/076-S06

7. Capitulum Prov. B. Juniperi Serra in

Mexico

Los días 23 y 24 de febrero de 2006, en

el Capítulo provincial de nuestra Provincia

del Beato Junípero Serra en México, celebrado

regularmente según las disposiciones

del Derecho en la Fraternidad franciscana

Vicente Guerrero, B.C., bajo la presidencia

del Visitador General, COLOMER

BARBER FR. RAFAEL, miembro de la Provincia

de Valencia en España, resultaron

elegidos:

Ministro Provincial:

HUERTA MURO FR. JUAN MARÍA

Vicario Provincial:

PEDRAZA CARRILLO FR. LEOCADIO

Definidores de la Provincia

RODRÍGUEZ CÁRDENAS FR. FERNANDO

RAMÓN GARCÍA FR. CARLOS

MEZA CARDONA FR. ERNESTO

RODRÍGUEZ CARRILLO FR. CÉSAR

GUTIERREZ ÁVILA FR. DAVID.

El Definitorio General, en la Sesión ordinaria

celebrada el 7 de marzo de 2006,

tras un minucioso examen de las Actas

aprobó dicha Elección.

Prot. 096538/100-S06


8. Capitulum Prov. Nostrae Dominae

Reginae Pacis in Africa Meridionale

In the Provincial Chapter of our

Province of the “Our Lady Queen of Peace”

in South Africa, regularly celebrated according

to the norms of Cannon Law and

held on the 30th November 2005 in the La

Verna Retreat house, Vanderbijlpark, Gauteng-

South Africa, presided by the Visitator

General, SHORT FR. WILLIAM, a member of

our Franciscan Province of “St. Barbara”,

in the USA, the following friars were elected:

for the office of Minister Provincial:

NOGEMANE BR. VUMILE

for the office of Provincial Vicar:

ZUNGU BR. VINCENT

for the office of Provincial Definitors:

STEWART BR. ROBERT

WILSON BR. PETER

TILLEK BR. ASHLEY

HINWOOD BR. BONAVENTURE

KHANYILE BR. MAKHOMBA.

The General Definitorium, in its session

of the 7th March 2006, carefully examined

the acts of these elections and approved

them.

Prot. 096529/023-M06

9. Capitulum Prov. Castellanae S. Gregorii

Magni in Hispania

El día 7 de abril de 2006, en el Capítulo

provincial de nuestra Provincia de San Gregorio

Magno de Castilla en España, celebrado

regularmente según las disposiciones del

Derecho en la Casa de Arenas de San Pedro,

España, bajo la presidencia del Visitador General,

GONZÁLEZ GONZÁLEZ FR. JOSÉ, miembro

de la Provincia de Santiago de Compostela

en España, resultaron elegidos:

Ministro Provincial:

RUANO SANTATERESA FR. PEDRO

Vicario Provincial:

HERRANZ MIGUELÁÑEZ FR. JULIO

Definidores de la Provincia:

TERRADILLOS ORTEGA FR. VICTORINO

MARTÍN HERNÁNDEZ FR. JOSÉ

E SECRETARIA GENERALI

43

SAINZ GIMÉNEZ FR. JOSÉ MARÍA

MORENO CAMUÑAS FR. RUBÉN.

El Definitorio General, en la Sesión del

22 de abril de 2006, tras un minucioso examen

de las Actas aprobó dicha Elección.

Prot. 096702/147-S06

10. Visitatores generales

– GROSS FR. CLUDIUS, Prov. Thuringiae S.

Elisabeth, Germania, Delegatus et Visitator

generalis pro Prov. S. Bernardini

Senensis, Austria, et Engelberti Kolland,

Austria/Italia: 13.01.2006; prot. n.

096257.

– SMITH FR. PAUL, Prov. Sancti Spiritus,

Australia, Vis. Gen Assistens pro Fratribus

Prov. S. Crucis, Bosnia/Erzegovina,

in Australiam degentibus: 11.01.2006;

prot. n. 096344.

– BUNADER FR. JULIO CÉSAR, Prov. Fluvii

Platensis Assumptionis BMV, Argentina,

pro Fratribus Prov. Dalmatiae S. Hieronymi,

Croazia, in Argentinam degentibus:

17.01.2006; prot. n. 096336.

– COLLINS FR. SEÁN, Prov. Hiberniae, Irlanda,

Delegatus et Visitator generalis

pro Prov. S. Thomae Apostoli, India:

23.01.2006; prot. n. 096451.

– TALENS ALBIÑANA FR. ANGEL, Prov. Valentiae

et Aragoniae S. Ioseph, Spagna,

Vis. Gen. Assistens pro Prov. Franciscana

de Arantzazu, Spagna: 07.02.2006;

prot. n. 096484.

– OLIVER ALCÓN FR. FRANCISCO, Prov.

Carthaginensis, Spagna, pro Domo Interprov.

“Cardenal Cisneros”, Madrid, dep. a

CONFRES: 13.03.2006; prot. n.

096547/112-S06.

– PUODZIUNAS FR. JOHN, Prov. Assumptionis

BMV, USA, pro Prov. S. Casimiri, Lituania:

14.03.2006; prot. n. 096441/038-

S06.


44 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

– METZ FR. EDUARDO, Prov. S. Crucis,

Brasile, pro Prov. Ss. Martyrum Gorcomiensium,

Olanda: 14.03.2006; prot. n.

096351/6000-S05.

11. Domus suppressae

– Casa “San Roque”, Villa Mercedes, S.

Luis, Argentina: 10.01.2006; prot. n.

096343.

– Casa “San Antonio de Padua”, S. Ramón

de la Nueva Orán, Salta, Argentina:

10.01.2006; prot. n. 096343.

– Casa “Santo Domingo, Gobernador Crespo,

Santa Fe, Argentina: 10.01.2006:

prot. n. 096362.

– Casa “S. Francisco de Asís”, Laguna

Blanca, Formosa, Argentina:

10.01.2006; prot. n. 096362.

– Casa La Aguilera, Burgos, España:

10.01.2006; prot. n. 096364.

– Casa “ Parroquia de Santa Teresa de Jesús”,

Presidio, Texas, USA: 23.01.2006;

prot. n. 096432.

– Casa “Parroquia del Sagrado Corazón”,

Calle Miguel Alemán esquina Benito

Juárez, Ignacio de la Llave, Veracruz,

Messico: 23.01.2006; prot. n. 096432.

– Casa “Parroquia de Santa Caterina Yecahuitzol”,

Plaza Santa Caterina y Emiliano

Zapata, Tlahuac, México D. F.,

México: 23.01.2006; prot. n. 096432.

– Casa “María, Hilfe der Christen”, Moresnet,

Belgio: 10.03.2006; prot. n.

096513/085-S06.

– Casa “San José”, Berlín, El Salvador:

10.03.2006; prot. 096543/105-S06.

– Casa Franciscana City of Guaymas,

Sonora, México: 12.03.2006; prot. n.

096486/066-S06.

12. Notitiae particulares

1. Celebrazioni dei Capitoli provinciali

Il Definitorio generale, nella sessione

del 1 dicembre 2005, alle Prov. S. Bernardini

Senensis, Austria, e B. Engelberti

Kolland, Austria/Italia, ha concesso rispettivamente

di anticipare e di posticipare la

celebrazione del Capitolo provinciale, per

celebrare insieme il Capitolo nell’autunno

del 2007, durante il quale avverrà la fusione

delle due Province in una nuova unica

Provincia.

20.12.2005; prot. n. 096257

2. Soppressione della Custodia “San José”

in Cile

Il Ministro generale, con il consenso del

Definitorio, 22 dicembre 2005, ha soppresso

la Custodia San José in Cile, dipendete

dalla Prov. Ss. Trinitatis in Cile.

10.01.2006; prot. n. 096370

3. La Conferenza West-Slavica cambia nome

Su richiesta dei Membri della Conferenza

West-Slavica, il Ministro generale, avuto

il consenso del Definitorio nella sessione

dell’11 febbraio 2006, decreta che detta

Conferenza si chiamerà CONFERENZA

NORD-SLAVICA. Nella stessa sessione il Definitorio

ha approvato anche gli Statuti della

medesima Conferenza.

17.02.2006; prot. n. 096376/610-S05

4. Erezione di nuove Fondazioni francescane

– Fondazione di tutti i Santi dell’Ordine

Serafico. Il Ministro generale, avuto il

consenso del Definitorio generale nella

sessione del 17 marzo 2006, ha eretto la

Fondazione Bizantina in Ucraina, dipendente

dalla Prov. Assumptionis BMV, in

Polonia, con la denominazione ufficiale:

FONDAZIONE DI TUTTI I SANTI DELL’OR-

DINE SERAFICO.

25.03.2006; prot. n. 096581/124-S06


– Fondazione delle “Stimmate di San

Francesco”. Il Ministro generale, avuto

il consenso del Definitorio generale nella

sessione del 17 marzo 2006, ha eretto

la Fondazione in Bielorussia, dipenden-

E SECRETARIA GENERALI

45

te dalla Prov. Assumptionis BMV, in Polonia,

con la denominazione ufficiale:

FONDAZIONE DELLE STIMMATE DI SAN

FRANCESCO.

25.03.2006; prot. n. 096582/125-S06


E SECRETARIATU

PRO FORMATIONE ET STUDIIS

1. Sabbatical periods in the Holy Land

To the Ministers Provincial

and Custodes

Rome, 2nd March 2006

Dear Brothers,

May the Lord give you peace!

It is with great joy that I, during the carrying

out of my service to the Fraternity, have

been able to see that the conviction and desire

to study deeply and to intensify their own formation

in order to progress, with renewed

and authentic vigour, in the discipleship of

Christ according to the form of gospel life of

St. Francis, are still alive in the Friars.

To meet this requirement, the General

Definitory has encouraged the General Secretariat

for Formation and Studies, in collaboration

with the Custody of the Holy

Land, to take up once again, after a break of

six years, the sabbatical periods lived in the

Holy Places.

Such a sabbatical period has the aim of

permitting the Friars “to stand back from

the daily round so as to ‘re-read’ it in the

light of the Gospel... the Rule, Franciscan

sources and the spirit and life of Saint Francis...

in such a way that they will really help

the Friars to rediscover how to be faithful to

God and to recapture their enthusiasm for

their way of life” (cf. Document on Ongoing

Formation, OFM, n. 61 e).

The programme for the sabbatical period

in Italian is reserved for Friars with at least

20 years of solemn profession. It is a time

for renewal of life (cf. attached programme)

in the Holy Places.

The programme for the sabbatical period

in English will mainly consist of a pilgrimage

to the Holy Places, where Jesus lived

with great humility and poverty and announced

the Good News. To support and

animate the Friars in following the footprints

of the Lord Jesus, after the example

of St. Francis, a guided reading of the

Gospel in the light of the experience of St.

Francis will be provided.

Two sabbatical periods, in two different

languages, are programmed for the year

2006:

a. 8th October to 25th November, in Italian:

Celebrating the gift of vocation.

b. 29th October - 19th November, in English.

An appropriate team for coordination

and animation will be appointed for each

period.

For the moment, it is important that the

Ministers and Custodes should become

aware of this service offered by the Order,

so that they may adopt the necessary

arrangements and inscribe the Friars who

wish to participate in this experience of

Franciscan life in the Holy Land.

Taking into account that the number of

Friars who can inscribe cannot be more

than 20, I ask those who intend participating

in the sabbatical period in the Holy

Land to let the Secretariat for Formation

and Studies know in good time.

Wishing you all the best, I greet you fraternally,

BR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO OFM

Minister General

Prot. 096444 (012/06)

2. Nuevo reglamento para Becas de estudio

Estimados hermanos

Ministros y Custodios:

¡El Señor os dé la paz!

Roma, 4 de octubre de 2004


48 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

El Capítulo general del 2003, celebrado

en Asís, propuso a todas las Entidades de la

Orden que: «continúen proponiendo y posibilitando

durante la formación inicial una

formación intelectual sólida y motiven a todos

los hermanos al estudio, la lectura y la

profundización intelectual durante todas las

etapas de la vida» (Documento final, Propuesta

31).

El esfuerzo que la Orden está realizando,

a través del Fondo de la Curia general para

la Formación y los Estudios, a fin de ayudar

con becas a muchos hermanos a lograr títulos

académicos, es uno de los modos para

cumplir esta propuesta capitular.

En primer lugar, doy las gracias a los Ministros

y Custodios por la generosa colaboración

que ofrecen cada año al Fondo para

la Formación y los Estudios. Cada uno de

vosotros puede verificar, mediante el informe

anual preparado por la Secretaría general

para la Formación y los Estudios, tanto

la cantidad de dinero ofrecida, como su destino

según las necesidades de la Orden. La

institución del Fondo para la Formación y

los Estudios ha llegado a ser una verdadera

expresión de colaboración en nuestra Fraternidad

universal. Sin esta amplia solidaridad,

muchas Entidades no podrían garantizar

ciertos programas de formación inicial,

y otras no estarían en condiciones de formar

profesores, futuros formadores, ni evangelizadores.

Por eso, recomendó el Capítulo

general, que se siga potenciando este Fondo

(cf. Documento final, Propuesta 37).

El Definitorio general ha comprobado

que, en las Provincias y en el conjunto de la

Orden, tienden a aumentar el número de solicitudes

de becas, como también las necesidades

de formación (formación de nuevos

profesores, formación de formadores, formación

permanente, ayuda a Entidades para

la formación inicial, cursos de lenguas...).

Además se constata que no siempre se pueden

atender todas las necesidades. De hecho,

gran parte del Fondo se utiliza para ayudar

con becas a los hermanos estudiantes de las

Provincias y Custodias más pobres.

Consciente de esta realidad, os invito a

continuar ofreciendo vuestra aportación generosa

al Fondo para la Formación y los

Estudios. El Definitorio general, en su sesión

de septiembre de 2005, decidió aprobar

las siguientes normas para la concesión

de becas. Respetar estas sencillas reglas,

permitirá a la Secretaría general para la Formación

y los Estudios, prestar un servicio

más completo y personalizado a los hermanos

estudiantes:

1. La Orden de los Hermanos Menores

ofrece becas de estudio sólo a aquellos

hermanos de las Entidades de la Orden

que, según el parecer del Definidor general

de la zona, verdaderamente las necesitan.

2. Quien solicita una beca puede recibirla,

como máximo, durante cinco años (dos

años para la licenciatura y tres años más

para el doctorado), de acuerdo con el

proyecto presentado al inicio por el Ministro

provincial o Custodio.

3. Conceder una beca es competencia exclusiva

del Ministro general con su Definitorio,

escuchando la opinión de la

Comisión de ayuda económica.

4. Una misma Entidad no puede recibir

más de tres becas por año académico. El

Ministro general, puede además, conceder

becas a hermanos candidatos a estudios

superiores ante la Pontificia Universidad

Antonianum: en su sede romana,

en la Facultad de Ciencias Bíblicas y

de Arqueología de Jerusalén, y en el Instituto

de Estudios Ecuménicos «S. Bernardino»

de Venecia.

5. Todas las becas cubren el 85% de los gastos

de comida y de alojamiento, desde

el 1 de octubre hasta el 30 de junio, como

así también los gastos académicos

(inscripciones, cursos, exámenes...). El

15% restante debe pagarlo la propia Entidad

interesada. Dicho importe (del

15%), será retirado al finalizar cada semestre,

directamente de la cuenta que la

Entidad posee ante el Economato general.

6. La beca para el curso de lengua italiana

que se realiza en el mes de septiembre de

cada año en la P.U.A., cubre el 50% de

los gastos de: comida, alojamiento (del 1

al 30 de septiembre), e inscripción en el

curso. Los otros eventuales gastos cor-


E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

ren a cargo de la Entidad a la que pertenece

el hermano estudiante.

7. La beca no cubre los libros, viajes, ropa,

cursos extraordinarios, ni otras necesidades

personales del estudiante.

En cuanto a la petición o renovación de

una beca, han de observarse las siguientes

normas:

1. Para presentar la petición de una beca de

estudios o de una beca para el curso de

lengua italiana en la P.U.A., el candidato

debe rellenar el formulario correspondiente,

que debe ser aprobado con la firma

del Ministro provincial o Custodio.

Puede enviarse por correo o por fax, pero

no se aceptan peticiones hechas a

través de correo electrónico.

2. Las peticiones de becas deben ser enviadas

exclusivamente al Ministro general,

y debe enviarlas el Ministro provincial o

Custodio, quien ha de presentar al principio,

el proyecto completo de los estudios

que va a realizar el hermano candidato

a la beca.

3. Las peticiones de cualquier tipo de becas

deben llegar al Ministro general antes

del 1 de julio, para poder programar adecuadamente

su aceptación.

4. Si se trata de la renovación de una beca,

la petición debe ir acompañada del certificado

de los cursos realizados y las calificaciones

obtenidas en el curso anterior,

por último se debe agregar un informe

del Decano o del Moderador de la tesis

de licencia o de la tesis doctoral. Las

eventuales variaciones del currículo

académico deben ser siempre notificadas

por el Ministro provincial o Custodio,

en vistas a obtener la renovación de

la beca de estudio.

Convencidos de que la promoción de la

dimensión intelectual prestará una gran

ayuda al crecimiento de la Orden en su vocación

y misión en el mundo de hoy, os confío

estas notas, con el fin de que sea más eficaz

y atento este servicio a las Provincias y

Custodias, y a tantos hermanos estudiantes.

Saludándo os fraternalmente, os deseo

en San Francisco, nuestro Hermano y Padre,

«la verdadera paz que desciende del

cielo».

49

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO OFM

Ministro general

FR. MASSIMO FUSARELLI OFM

Secretario general

para la Formación y los Estudios

Prot. N.º 96146

3. Cronaca

1. Visita alla Prov. “Immacolata Concezione

della BMV” in Brasile

Dal 9 al 15 febbraio 2006 Fr. Massimo

Fusarelli, Segretario generale per la Formazione

e gli Studi, ha incontrato i formatori e

i formandi della Provincia “Immacolata

Concezione della BMV” in Brasile nelle rispettive

Case di Formazione, sparse nel vasto

territorio della Provincia. Il ciclo formativo

inizia per alcuni nel Seminario Minore

e per altri nella Casa degli Aspiranti, fino a

giungere alle diverse Case per i Professi

temporanei che, dopo la Filosofia fatta in

comune, nella Teologia vivono intorno a

Rio de Janeiro in Fraternità piccole e inserite

per lo più in contesti poveri.

La Provincia ha una propria Facoltà di Filosofia

in Curitiba e di Teologia in Petrópolis,

oltre all’Università di Braganza Paulista.

Il notevole sforzo per la qualificazione culturale

è stato premiato recentemente dall’affiliazione

dello Studio Francescano di Petrópolis

alla Facoltà di Teologia della PUA.

Il numero dei formandi è ancora alto e richiede

l’impegno per un accompagnamento

qualificato, che la Provincia realizza attraverso

una buona équipe di formatori. I rapidi

cambiamenti della società brasiliana e

dei diversi contesti da cui provengono le

vocazioni obbliga al ripensamento continuo

della proposta formativa. Una sfida che la

Provincia dimostra di saper raccogliere.

2. Visita alla Prov. “S. Famiglia” in Egitto

Dal 20 al 27 febbraio 2006 Fr. Massimo

Fusarelli, Segretario generale per la Formazione

e gli Studi, ha incontrato i frati, i for-


50 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

matori e i formandi della Provincia della “S.

Famiglia” di Egitto. Nei primi quattro giorni

si è svolto l’annuale Convegno di Formazione

Permanente aperto a tutti i frati. I

circa 50 partecipanti hanno riflettuto sul tema

dell’obbedienza, accompagnati da Fr.

Massimo. La visita alla Casa di formazione

dei Postulanti e dei Professi temporanei,

con il relativo Studio di Filosofia e il Seminario

Copto dove si studia la Teologia, ha

completato la visita. Il contesto musulmano

nel quale i frati sono immersi, insieme al

confronto con la Chiesa Copto-ortodossa di

Alessandria, costituiscono una sfida continua

per la giovane Provincia d’Egitto, che

appartiene pienamente alla Chiesa Copto-

Cattolica. La difesa e lo sviluppo di questa

peculiare identità sono al centro dell’attenzione

dei frati, molto vicini al loro popolo,

soprattutto attraverso la cura dei giovani,

delle scuole, delle parrocchie e di alcuni

santuari.

3. Visita alla Prov. “Assunzione della BVM”

in Polonia e alla Fond. “Tutti i Santi dell’Ordine”

per i Frati greco-cattolici in

Ucraina

Dal 17 al 25 marzo 2006 Fr. Massimo

Fusarelli e Fr. Aloyzj Warot della Segreteria

generale per la Formazione e gli Studi, hanno

incontrato i formatori e i formandi della

Provincia della “Assunzione della BVM” di

Katowice in Polonia nelle rispettive Case di

Formazione, presenti nel vasto territorio

della Provincia in Polonia e in quello della

neo Fondazione “Tutti i Santi dell’Ordine”

in Ucraina per i frati della Chiesa Greco-

Cattolica.

La Provincia negli ultimi anni ha profondamente

rivisto e rinnovato gli itinerari formativi,

che partono dal Centro Vocazionale

Francescano che cura l’annuncio, la proposta

e l’accompagnamento vocazionale, fino

al Postulato, al Noviziato e al periodo della

Professione temporanea comune a tutti i professi.

La realtà polacca è in veloce trasformazione,

anche per l’ingresso nell’Unione

Europea, e i frati e i candidati si dimostrano

pienamente consapevoli delle nuove sfide

che sono chiamati ad affrontare.

La presenza in Ucraina tra i greco-cattolici

è ormai di qualche anno. Da due anni la

Provincia ha deciso di trasferire tutta la formazione

iniziale nel territorio ucraino. La

visita delle tre Case di formazione ha permesso

di verificare il grande sforzo che si

sta realizzando, anche in una situazione di

precarietà delle strutture. Formatori e formandi

apprezzano questa scelta e la vedono

vitale per il futuro della presenza in quella

Chiesa greco-cattolica risorta dopo tanti anni

di persecuzione.

Al termine della settimana si è avuto

l’incontro con i partecipanti al Corso per i

formatori della Conferenza Nord Slavica e

con i Segretari per la formazione e gli studi

delle Entità della medesima Conferenza. Il

coordinamento tra le Entità cresce ed accompagna

il promettente sviluppo vocazionale

e le nuove sfide che l’accoglienza dei

giovani e la formazione presentano in questi

territori, che vivono una nuova stagione

della loro storia.

4. Notitiae particulares

1. Pontificia Università Antonianum

– Con Decreto del 7 marzo 2006 (Prot.

096576 (29/06), il Ministro generale e

Gran Cancelliere della P.U.A. ha rinnovato

la nomina a Professore Aggiunto

per un altro triennio per Sr. Mary D.

Melone, delle Suore Francescane Angeline,

Preside dell’Istituto Superiore di

Scienze Religiose.

– Con Decreti del 16 marzo 2006 (Prot.

096610 (47/06), il Ministro generale e

Gran Cancelliere della P.U.A. ha rinnovato

la nomina di Professore Aggiunto

per un altro triennio per: Fr. J. H. Espinosa

ofm, Fr. Salvatore Barbagallo

ofm, Fr. Alvaro Cacciotti ofm, Fr.

Manuel Blanco ofm, Fr. Michele

Mazzeo ofmcapp, il Sig. Tito Di Stefano.

– Con Decreto del 13 marzo 2006 (Prot.

096448 (11/06), il Ministro generale e

Gran Cancelliere della P.U.A. ha nominato

Fr. Fernando Uribe Escobar, della

Provincia di “S. Paolo” in Colombia,


Professore Ordinario nella Facoltà di

Teologia della Pontificia Università Antonianum,

visto il Nihil Obstat della

Congregazione per l’Educazione Cattolica

(Prot. 360/97).

– Con lettera del 16 marzo 2006 (Prot.

625/65 – 1588/2005) il Prefetto della

Congregazione per l’Educazione Cattolica,

ha comunicato al Ministro Generale

e Gran Cancelliere della P.U.A. che

nella medesima data quel Dicastero ha

eretto la Facoltà Teologica dell’Emilia

Romagna, con sede in Bologna. Alla luce

di ciò il legame accademico di affiliazione

dello Studio Teologico S. Antonio

di Bologna, fino a quel momento affiliato

alla Facoltà di Teologia della Pontificia

Università Antonianum, è da considerarsi

sciolto. La Congregazione esprime

l’apprezzamento per l’impegno

profuso dalla nostra Università nel corso

di lunghi anni per il suddetto Studio.

– Con lettera del 28 marzo 2006 (Prot. N.

89/2006) il Prefetto della Congregazione

per l’Educazione Cattolica, ha comunicato

al Ministro generale e Gran Cancelliere

della P.U.A. l’avvenuta affiliazione

ad quinqiennium experimenti gratia dello

Studio Teologico Francescano di Petrópolis

(Brasile) alla Facoltà di Teologia

della P.U.A..

– Con lettera del 31 marzo 2006 (Prot. N.

700/2000/14) il Prefetto della Congregazione

per l’Educazione Cattolica, ha comunicato

al Ministro generale e Gran Cancelliere

della P.U.A. che nella medesima

data quel Dicastero ha concesso il rinnovo

dell’affiliazione ad biennum del Saint Bonaventure

College di Lusaka (Zambia) alla

Facoltà di Filosofia della P.U.A..

2. Casa di Noviziato/Olanda

E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS

Il Ministro Generale, ascoltato il parere

del suo Definitorio, ha concesso la dispensa

51

dall’art. 93 §1 degli SS. GG. Perché la Provincia

dei “SS. Martiri Gorcomiensi” di

Olanda possa iniziare nel mese di settembre

2006 l’anno di Noviziato con un solo novizio.

Prot. 096650 (064/06)

3. Casa di Noviziato/Bosnia-Erzegovina

Il Ministro Generale, ascoltato il parere

del suo Definitorio, ha concesso alla Provincia

della “Assunzione della B.V.M.” in

Bosnia-Erzegovina l’erezione canonica del

Noviziato nella Casa di Humac per un altro

anno.

Prot. 096683 (063/06)

4. Casa di Noviziato Interprovinciale in

Germania

Accettata la richiesta da parte dei Ministri

Provinciali delle quattro Province OFM

della Germania, trasmessa alla Curia Generale

con la lettera del 20 marzo 2006, ottenuto

il voto deliberativo del Definitorio Generale

nella sessione del 21 marzo 2006, e

usando le facoltà che ci competono per l’ufficio,

con il presente Decreto a norma del

can 647§1 del CJC e dell’art. 92 §2 e 93 §2

degli SS.GG., erigiamo la nostra Casa di

Rheda-Wiedenbrück (Repubblica Federale

di Germania), e tale la dichiariamo eretta,

come Casa di Noviziato Interprovinciale

per le Province di Germania. Qualunque

cosa ci sia in contrario.

Dato a Roma, nella sede della Curia Generale,

26 aprile 2006.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro Generale

FR. MASSIMO FUSARELLI, OFM

Segretario Generale

per la Formazione e gli Studi

Prot. 096650 (055/06)


E SECRETARIATU PRO

EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

1. Incontro del Definitorio generale con

i Vicariati, le Prefetture e le Prelature

apostoliche affidati all’Ordine dei

Frati Minori

1. Lettera di invito del Ministro generale

Roma, 23 gennaio 2006

Ai Vescovi e ai responsabili dei Vicariati,

Prefetture e Prelature Apostoliche, affidati

all’Ordine dei Frati Minori: il Signore

vi dia pace!

Il nostro Ordine, che si riconosce come

missionario per carisma proprio, ha sempre

collaborato con la Chiesa per diffondere la

Parola del Vangelo e costituire nuove Chiese

locali, specialmente nelle regioni più povere

e più lontane.

Da qualche tempo, la Santa Sede, tramite

la Sacra Congregazione per l’Evangelizzazione

dei popoli, ricorre all’aiuto degli

Istituti religiosi, ai quali affida in “commissione”

alcune circoscrizioni ecclesiastiche

peculiari e ancora in via di organizzazione.

Al nostro Ordine sono tuttora affidate 13

di tali circoscrizioni, tra Vicariati apostolici,

Prefetture apostoliche e Prelature apostoliche,

specialmente nell’America del

centro e del sud, ma anche nell’Africa del

nord e in Medio Oriente. Il Governo generale

dell’Ordine segue e sostiene queste

strutture ecclesiastiche missionarie tramite

le Province più vicine.

Non ignorando, tuttavia, le difficoltà che

esistono, specialmente per avere il personale

necessario e il sostegno finanziario, e sollecitato

da alcuni appelli, il Definitorio generale

ha deciso di organizzare un incontro con

tutte le persone coinvolte (Vescovi, Ministri

provinciali, esperti) per cercare insieme alcuni

modi di rinnovata collaborazione.

Pertanto con la presente, La invito a partecipare

all’incontro che si terrà a Roma,

nella Curia generale, nei giorni 8 e 9 settembre

2006, tra il Definitorio generale, i

nostri Vescovi dei Vicariati, Prefetture e

Prelature apostoliche, i Ministri Provinciali

interessati e altri invitati.

Uniti all’invito troverà due altri documenti.

Il primo è la richiesta di informazioni

sulla situazione attuale, che le chiediamo

di compilare e di inviare entro la fine del

mese di maggio 2006 alla Segretaria per

l’Evangelizzazione, indirizzata a Fr. Vincenzo

Brocanelli, in modo da poter fare una

sintesi generale e avere il quadro generale

della realtà; il secondo è il programma dell’incontro.

In attesa di averla fra di noi, le auguro un

anno pieno di frutti apostolici.

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO, OFM

Ministro generale

Prot. N. 096450

2. Programma

Data: 08-09 settembre, 2006

Luogo: Roma, Curia generale

– Partecipanti (36)

• Governo Generale

• Vicari, Prefetti e Prelati

• Ministri provinciali

• Invitati: Segretario generale del Segretariato

per l’Evangelizzazione; Moderatore

generale per le Missioni; Direttore

di Franciscan Missions, USA; Direttore

di Missionszentrale, Germania; Direttore

dell’Ufficio Sviluppo dell’Ordine.

– Obiettivi

• Approfondire la riflessione sul rapporto

tra l’Ordine e i Vicariati, le Prefetture e

le Prelature Apostoliche, tenendo conto

delle raccomandazioni approvate dal

Definitorio generale del 13 XII 1994.


54 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

• Condividere la situazione giuridica, finanziaria

e del personale dei Vicariati,

delle Prefetture e delle Prelature Apostoliche

affidati all’Ordine tramite le Entità

locali.

• Arrivare a individuare e decidere le linee

di collaborazione tra l’Ordine e i Vicariati,

le Prefetture e le Prelature Apostoliche.

– Temi da trattare

• Riflessione sulla figura giuridica e pastorale

del Vicariato, la Prefettura e la

Prelatura Apostolica: diritti e doveri

(Commissione Giuridica dell’Ordine); la

visione francescana della missione oggi

(Fr. Vincenzo Brocanelli, Moderatore

per la “Missio ad gentes”).

• Situazione attuale giuridica, finanziaria

e del personale dei Vicariati, delle Prefetture

e delle Prelature Apostoliche affidati

all’Ordine tramite le Entità locali.

Presentazione della sintesi delle risposte

dell’inchiesta, e approfondimenti.

• Studio sulle raccomandazioni approvate

dal Definitorio generale il 13 dicembre

del 1994.

• Linee di collaborazione tra l’Ordine e i

Vicariati, le Prefetture e le Prelature

Apostoliche.

– Agenda

Venerdì: 8 settembre

A. 9-10.30. Riflessione: sulla figura giuridica

e pastorale del Vicariato, la Prefettura

e la Prelatura Apostolica: diritti e

doveri (Commissione Giuridica dell’Ordine);

visione francescana della missione

oggi (Fr. Vincenzo Brocanelli, Moderatore

per la “Missio ad gentes”).

B. 11-12.30. Situazione attuale giuridica,

finanziaria e del personale dei Vicariati,

delle Prefetture e delle Prelature Apostoliche

affidati all’Ordine tramite le Entità

locali. Presentazione della sintesi delle

risposte all’inchiesta, e approfondimenti.

C. 15-16.30. Lavori in gruppi

D. 17:00-18:30. Sessione plenaria

Sabato 9 settembre

A. 09:00-10:30. Studio: raccomandazioni

approvate dal Definitorio generale il 13

dicembre del 1994.Verifica di ciò che è

superarto e di ciò che è ancora attuale.

B. 11-12.30. Lavori in gruppi.

Proposte. Linee di collaborazione tra

l’Ordine e i Vicariati, le Prefetture e le

Prelature Apostoliche: convenzioni tra le

Entità dell’Ordine e i Vicariati, le Prefetture

e le Prelature Apostoliche. Competenze;

Personale: reclutamento, preparazione…;

Finanziamento;

C. 15-16.30. Sessione plenaria

D. 17:00-18:30. Decisioni finali

3. Inchiesta sulla situazione attuale

Richiesta di informazioni

Le chiediamo di inviarci le informazioni

sui punti che seguono, in modo da poter

avere un quadro generale della situazione

attuale. Alla riunione sarà presentata una

sintesi.

I fratelli Vescovi rispondano solo alla

prima parte, e i fratelli Ministri provinciali

solo alla seconda parte.

Le risposte devono essere brevi e chiare,

con alcuni dati statistici, se possibile.

1. Per i Vescovi

• Dati generali (nome ufficiale, vescovo,

indirizzo)

• Situazione giuridica: rapporti giuridici

con l’Ordine all’origine del Vicariato,

Prefettura o Prelatura; ronvenzione con

la Provincia o con l’Ordine (se esiste o

no; breve commento);condizione giuridica

dei Frati che lavorano nel Vicariato,

Prefettura o Prelatura.

• Situazione del personale: quanti frati

missionari? Quanti Preti diocesani? Esiste

un seminario? Breve commento sulla

necessità del personale.

• Situazione finanziaria: quali risorse locali?

Quante risorse esterne, e da quali

organismi? Bisogni attuali.

• Quali sono i problemi più importanti da

prendere in considerazione?

2. Per i Ministri provinciali

• Situazione giuridica: convenzione con

il Vicariato, Prefettura o Prelatura. Esi-


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

ste o no? Perché? Difficoltà? Condizione

giuridica dei Frati.

• Personale: quanti frati della Provincia

lavorano nel Vicariato, Prefettura o Prelatura?

Difficoltà per inviare il personale.

• Finanziamento: Come la Provincia sostiene

il Vicariato, Prefettura o Prelatura?

Quali sono i problemi più importanti

da prendere in considerazione?

* Inviare entro maggio 2006: Fr. Vincenzo

Brocanelli, Via S. Maria Mediatrice

25- 00165 Roma; Fax: +39.06.68491266 /

E-mail: vbrocanelli@ofm.org; gbrocanelli@tiscali.it

4. Commissione preparatoria

Luis Cabrera, Definitore generale; Juan

Ignacio Muro, Definitore generale; Vincenzo

Brocanelli, Moderatore generale missioni

5. Partecipanti

• Bolivia: Vicariato di Beni o El Beni, Vescovo

Julio Maria Elias Montoya, ofm;

Vicariato di Camiri, Vescovo Leonardo

Mario Bernacchi, ofm; Vicariato di Nuflo

de Chávez, Vescovo Bonifacio Antonio

Reimann Panic, ofm.

• Perú: Vicariato di Requena, Vescovo

Juan Oliver, ofm (Victor de la Pena Pérez,

ofm); Vicariato di San José del Amazonas,

Vescovo Alberto Campos

Hernàndez, ofm; Vicariato di San

Ramòn, Vescovo Gerardo Antonio Zerdin

Bukovec, ofm.

• Ecuador: Vicariato di Zamora en Ecuador,

Vescovo Fausto Gabriel Trávez,

ofm; Prefettura Apostolica di Galápagos,

Vescovo Manuel Valarezo Luzuriaga,

ofm.

• Colombia: Vicariato di Guapi, Vescovo

Hernàn Alvarado Solano (diocesano).

• Messico: Prelatura Apostolica del

Nayar, Vescovo José Antonio Pérez,

ofm.

• Libia: Vicariato di Benghazi, Vescovo

Sylvester Carmel Magro, ofm; Vicariato

55

di Trípoli, Vescovo Giovanni Innocenzo

Martinelli, ofm.

• Siria: Vicariato di Alep, Vescovo Giuseppe

Nazzaro, ofm.

• Ministri provinciali: San Antonio, Bolivia,

Fr. Marin Zappl; San Francisco Solano,

Perú, Fr. Jose Garcia; San Francisco

Quito, Ecuador, Fr. Walter Heras;

Santa Fe, Colombia, Fr. Francisco Gomez;

SS. Francisco y Santiago, Messico,

Fr. Antonio Gonzalez; S. Giuseppe, Canada,

Fr. Pierre Brunette; S. Paolo Apostolo,

Malta, Fr. Paul Galea; Custodia di

Terra Santa, Fr. Giambattista Pizzaballa.

2. Capitolo delle Stuoie della Fondazione

S. Francesco in Russia e Kazakhstan

San Pietroburgo, Russia, 30.01-03.02.2006

Si è svolta a San Pietroburgo (30 gennaio-3

febbraio 2006) la riunione annuale –

chiamata anche Capitolo delle stuoie – dei

Frati che sono nella Fondazione S. Francesco

in Russia e Kazakhstan. All’incontro

hanno partecipato tutti i Frati e ciò indica

quanto sia attesa e importante questa riunione

annuale. In realtà le 5 fraternità che

compongono la Fondazione sono molto

lontane tra di loro, situate nei punti estremi

della Russia sconfinata: San Pietroburgo ad

ovest, Novosibirsk in Siberia, Ussurisk all’estremo

est della Russia asiatica, e poi le

due fraternità in Kazakhstan: Almaty e

Taldykurgan. Nella Fondazione vi sono attualmente

22 Frati professi solenni di 8 nazionalità

diverse, più 2 professi semplici

russi e 4 postulanti di origine russa e casacca.

Il Ministro generale, Fr. José Rodríguez

Carballo, ha inviato ai Frati un messaggio

personale nel quale esprimeva la vicinanza

particolare a questa Fondazione da lui dipendente,

ricordava il cammino dell’Ordine

in preparazione all’VIII centenario della

fondazione dell’Ordine (2008/2009), incoraggiava

a coltivare la qualità della vita

francescana nelle fraternità, anche come

“humus” per la formazione dei candidati locali,

e ricordava l’importanza della minorità

e del dialogo nel contesto della Chiesa orto


56 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

dossa in Russia e dell’Islam in Kazakhstan.

Nei primi giorni, l’incontro è stato animato

dal prof. Herbert Anderson, pastore

statunitense, che ha approfondito la qualità

delle relazioni interpersonali a livello psicologico.

Poi il Definitore generale, Fr. Sime

Samac, ha comunicato il cammino che

l’Ordine ha percorso nell’ultimo anno, e

nella celebrazione conclusiva ha aperto ufficialmente

il tempo di preparazione per il

centenario della fondazione dell’Ordine.

L’incontro è stato anche l’occasione per

il Moderatore generale per le missioni, Fr.

Vincenzo Brocanelli, di condividere l’iter

di discernimento e di preparazione che ormai

devono seguire i nuovi missionari, e

anche di conoscere i nuovi bisogni che stanno

emergendo nella Fondazione.

I Frati hanno anche avuto due momenti

culturali, con la visita guidata al Museo

Russo e al Museo Ermitage, che è tra i più

ricchi al mondo in opere d’arte.

L’incontro si è svolto nel Seminario diocesano,

permettendo così anche un contatto

con il clero cattolico locale.

Nonostante il freddo intenso, l’incontro

è stato fraterno e caloroso.

FR. VINCENZO BROCANELLI

3. Assemblea annuale della Conferenza

Africana

Nairobi, Kenya, 06-10.02.2006

1. Cronaca

Tutti i Superiori delle Entità francescane

presenti in Africa si sono riuniti in Assemblea

ordinaria a Nairobi, dal 6 al 10 febbraio

2006. Ormai tutte queste Entità formano

l’unica Conferenza Africana, che pertanto è

costituita dalle Province della Santa Famiglia

in Egitto, di S. Francesco in Africa Madagascar

e Isola Maurizius a Nairobi, di S.

Benedetto l’Africano in RDC-Congo, del

Verbo Incarnato nell’Africa dell’Ovest, di

Maria Regina della Pace in Sud Africa; dalla

Custodia indipendente del Mozambico;

dalle Custodie dipendenti dello Zimbabwe

e di Guinea Bissau; dalle Fondazioni missionarie

in Angola, in Congo-Brazzaville,

in Repubblica Centroafricana e in Madagascar;

dalla Federazione francescana in Marocco.

All’incontro è stato invitato anche un

rappresentante delle due Fraternità che operano

nei due Vicariati Apostolici in Libya e

affidati al nostro Ordine.

Hanno partecipato il Definitore generale

per l’Africa, Fr. Amaral Bernardo, e in certi

momenti il Moderatore generale per le

missioni, Fr. Vincenzo Brocanelli, e alcuni

membri di “Franciscans International”.

All’ordine del giorno vi sono stati uno

scambio d’informazione sullo stato di ogni

Entità, l’esame dei rapporti dei due Segretariati

della Conferenza, quello per la formazione

e gli studi, e quello per l’evangelizzazione

e le missioni, e poi l’esame, la

correzione e l’approvazione dei nuovi Statuti

della Conferenza e del Segretariato per

l’evangelizzazione.

Un tempo particolare è stato riservato alla

proposta di cercare le vie praticabili per

l’autofinanziamento delle Entità francescane

in Africa. Presentando un “progetto di

sondaggio informativo e di riflessione per

un avvio di nuove iniziative”, Fr. Vincenzo

Brocanelli ha ricordato che i Frati africani si

pongono ovunque due domande fondamentali

e inquietanti: chi ci dà i mezzi per sviluppare

la formazione e la missione nel

Continente? Come vivremo quando i missionari

non ci saranno più? In realtà lo sviluppo

della presenza francescana in Africa è

frenato dalle difficoltà economiche. È importante

– ha continuato Fr. Vincenzo – valorizzare

alcune esigenze del nostro carisma:

recuperare “la grazia del lavoro” come

parte integrante della nostra vita, sviluppare

le fonti economiche locali per vivere del

proprio lavoro e per dare un esempio e un incoraggiamento

alla popolazione locale, avere

l’orgoglio e la dignità di sapersi mantenere

con le proprie mani. Alla base di tutto vi è

la necessità di sviluppare una duplice presa

di coscienza: far crescere la coscienza che

ogni Entità e ogni Frate è un Soggetto attivo

e responsabile della propria vita, della propria

missione e del proprio sostentamento (e

non più oggetto passivo che riceve soltanto);

e far crescere la coscienza della solidarietà


tra i Frati della stessa Fraternità, tra le Fraternità

di una Entità e tra le Entità locali e la

Fraternità universale che è l’Ordine.

Sulla base di queste motivazioni è stata

presentata una proposta in quattro fasi, per

costruire una nuova coscienza e raccogliere

tutte le informazioni utili, per poi affidare ad

una Commissione il lavoro di sintesi e di

nuovo alla Conferenza l’analisi del cammino

fatto e la decisione di un eventuale Convegno

sui mezzi e i metodi di autofinanziamento

nelle Entità francescane in Africa.

Alcuni membri di “Franciscans International”

hanno presentato la proposta di una

serie di animazioni per la Famiglia Francescana

sui temi dei diritti umani e del farsi voce

dei poveri presso le istanze internazionali.

Poi la Conferenza ha esaminato la situazione

economica ed ha proceduto a due elezioni.

Anzitutto l’elezione del Presidente

della Conferenza, nella persona del Provinciale

di Egitto, Fr. Giuseppe Amin, del Vice-

Presidente, nella persona di Fr. Vumile Nogemane,

del Segretario nella persona di Fr.

Peter Williams. I Superiori hanno poi eletto

un fratello laico per il prossimo Capitolo generale

straordinario nella persona di Fr. Ashley

Tillek della Prov. “Regina della Pace” in

Sud Africa.

L’ultima parte dell’incontro è stata riservata

alle notizie dall’Ordine, comunicate dal

Definitore generale, Fr. Amaral, e all’approvazione

delle decisioni e delle proposte.

L’incontro si è svolto nella casa molto

ospitale delle Dimesse Sisters, ed è stato arricchito

dalla visita al centro “Portiuncula”

della Famiglia Francescana a Nairobi e da un

incontro fraterno con i professi temporanei

studenti di teologia nella casa di Langata.

2. Decisions

E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

FR. VINCENZO BROCANELLI

1. Over a three-year period, each entity

of the Conference will contribute US $ 100

annually for the functioning of the Conference

Secretariate for Evangelization. The

Conference, through its President, will approach

the General Secretariate for Evangelization

requesting it to contribute US$ 100

57

per entity over the same period for the same

purpose.

Pour une période de trois ans, chaque entité

de la Conférence contribuera annuellement

US$ 100 pour le fonctionnement du

Secrétariat pour l’Evangélisation de la Conférence.

La Conférence, par l’intermédiaire

de son Président, fera une requête auprès du

Secrétariat Général de l’Evangélisation

d’une contribution de US$ 100 par entité

pour la même période et dans le même but.

2. In harmony with the process outlined

by the Order leading up to the celebration of

its foundation in 2009, each entity is asked to

reflect on the nature of our presence as friars

in Africa and on the way in which we can

contribute as Franciscans to the reality in

which we are inserted. This reflection is to

take place over a three-year period and each

entity should report the results of its reflection

at the annual Conference meeting.

En harmonie avec le processus élaboré

par l’Ordre en préparation de la commémoration

de sa fondation en 2009, chaque

entité devra réfléchir sur la nature de notre

présence comme frères en Afrique et sur la

manière dont nous pouvons contribuer

comme franciscains à la réalité dans laquelle

nous sommes insérés. Cette réflexion se

fera sur une période de trois ans et chaque

entité doit donner un rapport des résultats

de ses réflexions à la réunion annuelle de la

Conférence

3. The Conference approved the statutes

for the Secretariate for Evangelization with

amendments. A textual and linguistic revision

in French and English will be made by

Brothers Jacques Saint-Yves and Peter

Williams within the next three months and

sent to the President of the Conference.

La Conférence a approuvé avec des

amendements les statuts du Secrétariat pour

l’ Evangélisation. Une révision textuelle et

linguistique en français et en anglais sera

faite par les Frères Jacques Saint-Yves et

Peter Williams au cours des trois prochains

mois et envoyée au Président de la Conférence.

4. A letter is to be sent to the Conference

Office for Justice and Peace acknowledging

with gratitude the work they do. Concern


58 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

ing the establishment of a Justice and Peace

Office in Nairobi, the Office is asked to

make more precise recommendations and

draw up a detailed budget for such an office.

In this matter, the Office is asked to

look into possibilities of collaborating with

the Franciscan family and also with “Franciscans

International”.

Une lettre sera envoyée au Bureau pour la

Justice et la Paix de la Conférence, manifestant

notre gratitude pour le travail qu’ils réalisent.

Quant à l’ouverture d’un bureau de

Justice et Paix à Nairobi, on demande au Bureau

de donner des recommandations plus

précises et d’élaborer un budget pour un tel

office. A ce sujet, on demande aussi au Bureau

d’examiner les possibilités d’une collaboration

avec la Famille Franciscaine ainsi

qu’avec «Franciscans International».

5. Each Minister is asked to draw the attention

of the Secretary for Formation of his

entity to the questionnaire sent out by the

Conference Secretariate for Formation and

Studies in view of the Congress for Formators

to be held in Pretoria later this year. The

Ministers are also asked to indicate as soon

as possible formators or possible formators

who will participate in this Congress.

On demande à chaque Ministre d’attirer

l’attention du Secrétaire de la Formation

dans son entité sur le questionnaire envoyé

par le Secrétariat de la Conférence pour la

Formation et les Etudes en vue du Congres

pour les formateurs qui aura lieu plus tard

cette année à Pretoria. On demande aussi

aux Ministres d’indiquer, le plus tôt possible,

des formateurs, ou futurs formateurs,

qui participeront à ce Congrès.

6. A letter is to be sent to the Conference

Secretary for Formation and Studies thanking

him for the work of the Secretariate, especially

in the planning of the forthcoming

Congress in Pretoria. In the same letter the

Secretary is to be informed of the existence

of the Conference Fund for Formation and

Studies and of the procedure used for access

to this Fund.

Une lettre sera envoyée au Secrétaire

pour la Formation et les Études de la Conférence

pour le remercier du travail du Secrétariat,

spécialement dans la préparation du

prochain Congrès à Pretoria. Dans la même

lettre le Secrétaire sera informé de l’ existence

d’un Fonds de la Conférence pour la

Formation et les Études et de la procédure à

utiliser pour avoir accès a ce fonds.

7. The Conference Secretariate for Formation

and Studies is to proceed to the nomination

of a candidate as future Secretary for

Formation and Studies of the Conference.

The name is to be sent to the President who

will then contact the Ministers of the Conference

by Internet for their approval.

Le Secrétariat de la Conférence pour la

Formation et les Etudes doit procéder à la

nomination d’un candidat comme futur Secrétaire

de la Formation et des Études de la

Conférence. Le nom doit être envoyé au

Président qui contactera les Ministres de la

Conférence par Internet pour leur approbation.

8. The Minister Provincial of South

Africa is asked to speak with Br. Richard

Duarte concerning the archives of the Conference

Secretariate for Formation and Studies

and to ascertain whether or not these were

transmitted to his successor, Br. Gregory

Bowa. If they are still in his possession, then

they should be handed over to Br. Vincent

Zungu who will take them to the next meeting

of the Secretariate in Cairo.

If the archives of the Conference Secretariate

do not contain a copy of their

statutes, then Br. Amaral is asked to send a

copy from Rome to the Conference Secretary

in time for the next meeting in Cairo.

On demande au Ministre Provincial de

l’Afrique du Sud de parler avec le frère Richard

Duarte au sujet des archives du Secrétariat

de la Conférence pour la Formation

et les Études pour savoir si oui ou non

ces archives ont été transmises à son successeur,

le Frère Grégoire Bowa. S’il est

toujours en possession de ces archives, elles

devraient être remises au frère Vincent Zungu

qui les apportera à la prochaine réunion

du Secrétariat au Caire.

Si les archives du Secrétariat ne contiennent

pas une copie des statuts du Secrétariat,

alors on demandera au Frère Amaral d’envoyer

une copie au Secrétaire de la Conférence

avant la prochaine réunion au Caire.


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

9. The Statutes of the Conference with

amendments were approved.

Les Statuts de la Conférence ont été approuvés

avec amendements.

10. The following friars were elected as

officers of the Conference :

President : Br. Joseph Amin

Vice-President: Br. Vumile Nogemane

Secretary and Bursar: Br. Peter Williams

( the Ministers had previously voted unanimously

to unify the function of Secretary

and Bursar)

Les frères suivants ont été élus comme

officiers de la Conférence:

Président : Fr. Joseph Amin

Vice-Président : Fr. Vumile Nogemane

Secrétaire et Trésorier : Fr. Peter

Williams ( les Ministres ont auparavant décidé

d’unifier les fonctions de Secrétaire et

de Trésorier )

11. Br. Raphael Segieth was confirmed

as Conference Secretary for Evangelization

for a further three years.

Le Frère Raphael Segieth a été confirmé

comme Secrétaire pour l’Evangélisation de

la Conférence pour un mandat de trois ans.

12. The Secretariate for Formation and

Studies will suggest to the Ministers a candidate

for Secretary at their meeting in

Cairo in March 2006.

Le Secrétariat pour la Formation et les

Etudes suggérera aux Ministres un candidat

comme Secrétaire pendant leur réunion au

Caire en mars 2006.

13. Br. Teddy Lennon of the Office for

Justice and Peace is asked to convoke a

meeting of the members within the next

three months either in Namibia or South

Africa. The Office is asked to draw up

new statutes to be presented to the Ministers

at their next meeting. The members

are also asked to propose a Conference

delegate.

On demande au Frère Teddy Lennon du

Bureau Justice et Paix de convoquer une réunion

des membres dans les trois prochains

mois en Namibie ou en Afrique du Sud . On

demande au Bureau d’élaborer des nouveaux

Statuts qui seront présentés aux Ministres

lors de leur prochaine réunion. On demande

aussi aux membres du Bureau de pro-

59

poser un délégué de Justice et Paix pour la

Conférence.

14. The Financial Report was accepted

and the annual contribution fixed at US$

300. The Ministers agreed to review the

contribution at their next meeting.

Le rapport financier a été approuvé et la

contribution annuelle a été fixée à US$ 300.

Les Ministres ont décidé de revoir le montant

de la contribution lors de leur prochaine

réunion.

15. Concerning the proposal for self-reliance,

the Ministers decided to initiate discussions

on this matter in their respective

entities and to send in the material by 30 th

November 2006.

En ce qui concerne la proposition pour

l’autofinancement, les Ministres ont décidé

de commencer des discussions dans leurs

entités respectives et d’envoyer les résultats

pour le 30 novembre 2006.

16. A small commission consisting of

Ashley Tillick, Liam McCarthy and Peter

Williams was named to collate the material

and present proposals for the next meeting

of the Conference in March 2007. The commission

is to meet in South Africa.

Un petite commission composée des

frères Ashley Tillick, Liam McCarthy et Peter

Williams a été nommée pour coordonner

le matériel et préparer des propositions pour

la prochaine réunion de la Conférence en

mars 2007. La commission se réunira en

Afrique du Sud.

17. The Ministers decided that the official

languages of the Conference are:

French, Portuguese and English. Italian can

be used in commission work.

Les Ministres ont décidé que les langues

officielles de la Conférence sont: le français,

le portugais et l’anglais. L’italien peut

être utilisé dans les commissions de travail.

18. It was decided to create a newsletter

for the Conference to appear four times a

year. Br. Jesus Aguirre was named coordinator

for one year, with Br. Marcel of the

DRC as his assistant. In one year’s time, Br.

Marcel will assume the responsibility for

the bulletin. Each Minister agreed to name a

correspondent in his own entity. For translations

into Portuguese, the name of Br.


60 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

José Emanuel Juma of the Custody of

Mozambique was proposed.

Il a été décidé de créer un bulletin d’information

pour la Conférence qui sera publié

quatre fois par an. Fr. Jesus Aguirre a

été nommé coordinateur pour un an avec le

frère Marcel de RDC comme son assistant.

Dans un an, le frère Marcel assumera la responsabilité

du bulletin. Chaque Ministre accepte

de nommer un correspondant dans

son entité. Pour les traductions en langue

portugaise, le nom du Fr. José Emanuel Juma

de la Custodie de Mozambique a été

proposé.

19. A map of Africa detailing the presences

of the Friars Minor on the Continent

was also approved. Br. Joseph Amin will

see to the realisation of this project.

L’impression d’une carte géographique

de l’Afrique indiquant la présence des

Frères Mineurs sur le Continent a été aussi

approuvée. Le Frère Joseph veillera à la

réalisation de ce projet.

20. The Ministers decided not to accept

the proposal of the Conference Secretariate

for Evangelization concerning a Congress

on Evangelization to be held in Lubumbashi

in 2007.

Les Ministres ont décidé de ne pas accepter

la proposition du Secrétariat de

l’Evangélisation de la Conférence d’organiser

un Congrès sur l’Evangélisation à Lubumbashi

en 2007.

21. The President of the Conference will

write a letter to the Minister General suggesting

that Libya be included in the

African Conference.

Le Président de la Conférence écrira une

lettre au Ministre Général suggérant que la

Libye soit inclue dans la Conférence Africaine.

22. The next meeting of the Conference

will be held in Rabat, Morocco from 4 March

(arrivals) – 9 March (ending at midday)

2007. The dates are subject to the availability

of Br. Amaral, Definitor General.

La prochaine réunion de la Conférence

aura lieu à Rabat, Maroc, du 4 mars (arrivée)

au 9 mars (terminant à midi) 2007.

Les dates dépendent de la disponibilité du

Frère Amaral, Définiteur Général.

4. Conselho Internacional para a Evangelização

Santo Domingo, 13-21 de Fevereiro de 2006

Com o tema geral Memória e Profecia

nas Missões e na Evangelização e o lema

Para uma releitura do nosso ser Fraternidade-em-missão

para ir, anunciar, redescobrir,

o Conselho Internacional para a Evangelização

(CIE) realizou sua Assembléia

em Santo Domingo, na República Dominicana,

entre os dias 13 e 21 de fevereiro de

2006. Esta foi a segunda Assembléia depois

da nova configuração da Secretaria Geral

de Evangelização e Missões (SGEM).

Todas as Conferências, bem como a Terra

Santa, estavam representadas através de

seu Delegado. Além deles, estavam os responsáveis

pela Secretaria geral para a Evangelização

e as Missões (Frei Nestor Schwerz,

Frei Vincenzo Brocanelli, Frei Joaquin

Arturo Echeverry), o Presidente da Comissão

para o Diálogo (Frei Miguel Val-lecillo),

Frei Marcel Tshikez como membro da

Comissão Executiva, o assessor P. Paulo

Suess, os tradutores (Frei Philippe Schillings,

Frei Mauricio Portillo, Frei Flávio

Sanchez, Frei Mauro Muñoz) e o Custódio

local (Frei Eusébio Unzurrunzaga), num total

de 25 pessoas. O Ministro geral, Frei José

Carballo ofm, se fez presente por uma mensagem

que foi lida e devidamente apreciada.

Convidou os participantes da Assembléia a

assumir o espírito do Oitavo Centenário e

acolher a Palavra de Deus com obediência

para proclamar a Boa Notícia com a vida, a

fazer memória dos primeiros evangelizadores

da América e reproduzir aquele ardor

missionário na unidade entre ciência e santidade

para semear o Evangelho no coração da

cultura atual, a fazer uma leitura dos sinais

dos tempos e dos lugares a partir do Evangelho

para ser criativos nos modos de evangelizar

e para ser generosos na participação

dos projetos missionários da Ordem.

Houve um dia reservado para a partilha

de relatórios dos Delegados. No que se refere

à organização dos Secretariados de

Evangelização nas Entidades, segundo os

novos Estatutos Gerais, a maioria já cum-


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

priu essa tarefa. Muitas Entidades optaram

por encarregar a mesma pessoa para a animação

dos dois setores, o de evangelização

em geral e o de evangelização missionária.

Algumas Entidades ainda mantém as

funções antigas. Percebe-se a necessidade

de clarear melhor o papel das diferentes

funções na Secretaria de Evangelização e

Missões, bem como definir melhor o todo

de suas tarefas em vista da animação. Há

igualmente dificuldade em entender e fazer

funcionar os dois setores na mesma Secretaria,

ou seja, o da evangelização em geral e

o da evangelização missionária. A tendência

é fazer funcionar separadamente, ou privilegiar

um em detrimento do outro. Com

relação à pastoral educacional, há tentativas

em Entidades e Conferências de integrá-la

no conjunto da Secretaria da Evangelização.

Em algumas, isso já é uma realidade.

De modo geral, ainda há dificuldade nesse

sentido. Quanto aos Estatutos Peculiares

para a Secretaria de Evangelização e

Missões, a maioria das Entidades está em

processo de sua elaboração ou de sua revisão.

Em algumas, constam orientações

nos Estatutos Particulares sobre isso. Um

Projeto ou plano provincial de Evangelização

faz parte da preocupação das Entidades.

Muitas estão revisando o que já tinham

e outras estão elaborando ou já elaboraram

um novo. Há Entidades que possuem linhas

gerais de orientação pastoral, por vezes inseridas

no seu projeto de vida. Tal tarefa é

percebida como algo novo e exigente, provocando

uma revisão das presenças e do

ativismo. Em âmbito de Conferências, algumas

já organizaram o Secretariado Interprovincial

de Evangelização e o Conselho

Interprovincial de Evangelização missionária,

inclusive com Estatutos Peculiares. Outras

encontram grandes dificuldades por várias

razões. Os relatórios também revelaram

questionamentos mais profundos no sentido

de como enfrentar os tempos atuais, com

os grandes desafios dos diferentes contextos

sociais e religiosos e com certas realidades

internas da Ordem.

Um dia foi reservado para estudo e reflexão,

com assessoria de P. Paulo Suess,

missionário alemão no Brasil e América La-

61

tina, especializado em Teologia missionária.

Inicialmente explicitou a proposta missionária

franciscana, a partir de S. Francisco

e das origens. Em seguida, ajudou-nos a

fazer uma releitura do início das missões e

da evangelização na América, situando a

atuação dos missionários franciscanos e de

outros carismas em diferentes cenários:

profético, das reduções, apocalíptico, de assunção

das culturas. Santo Domingo é lugar

de referência ao se falar do início das

missões na América. Ajudou também a analisar

os diferentes contextos atuais para perceber

os desafios da relevância de nossa

evangelização. Finalmente, fez uma leitura

franciscana do Concílio Vaticano II em

perspectiva de evangelização e missão.

Um dia foi dedicado à reflexão sobre

Missões entre Memória e Profecia por Frei

Vincenzo Brocanelli e sobre “Evangelização

em geral, memória e profecia” por

Frei Nestor Schwerz. Com relação às

missões, temos um legado de muitos confrades

missionários do passado que foram

generosos, de total doação, de fidelidade até

o martírio, com seu estilo franciscano de

evangelizar. Temos uma nova compreensão

missionária a partir do Concílio Vat. II, com

o documento Ad Gentes e outros posteriores.

Na animação missionária em nossas

Entidades e Conferências, permanecem algumas

tensões: entre a natureza missionária

da Igreja e o específico das missões “ad

gentes”, entre o compromisso apostólico de

todos os batizados e a vocação missionária

de alguns, entre a Igreja como Corpo de

Cristo e a Igreja como “Sacramento de salvação

e de unidade do gênero humano” (dimensão

carismática-profética e dimensão

fundadora da Igreja). São percebidos particulares

desafios para nossas Províncias:

consciência missionária e fidelidade criativa,

passagem para a condição de sujeitos de

missão, o ser missionário em contexto de

resistência e fechamento, a solidariedade na

Fraternidade universal em termos de recursos

pessoais e econômicos. A evangelização

em geral, por sua vez, tem como herança

dos últimos tempos uma pastoral em contexto

de cristandade, uma pastoral demasiadamente

voltada à estrutura paroquial e


62 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

obras de caridade, a prática devocional e sacramental,

que tende a ser repetitiva e conservadora.

O contexto atual põe enormes

desafios à evangelização, de tal modo que

ela se torna uma realidade complexa e dinâmica,

incluindo uma série de elementos essenciais.

É preciso considerar o apelo recíproco

entre o Evangelho e a vida concreta,

pessoal e social das pessoas. Encontramos

diante de nós o problema sempre atual de

como evangelizar, com quais vias, meios e

caminhos. Alguns meios são indispensáveis:

testemunho de vida, contato pessoal,

pregação viva, catequese e liturgia, sacramentos.

Na caminhada recente da Igreja se

insiste sobre a necessidade de novas formas

de evangelização. Elas estão muito relacionadas

com a consciência da necessidade de

uma nova evangelização a qual não quer

negar a anterior, mas toma consciência da

mudança de época e das novas situações.

Exige-se discernimento dos sinais dos tempos

e atenção às inspirações do Espírito

Santo. A Vida Religiosa é desafiada a assumir

a fidelidade criativa, ativar nova fantasia

da caridade, a dar a sua contribuição na

elaboração de novos projetos de evangelização

para as situações atuais (cf. VC, 73).

Nossa Ordem, com seu carisma aberto a diversas

formas de evangelização, se revela

muito concentrada na pastoral paroquial, de

santuários, de educação, de serviços internos.

Não faltam provocações e estímulos

em nossos Capítulos gerais, em nossas

CCGG e Prioridades para rever nossas presenças

e o modo de evangelizar nas formas

tradicionais para responder às exigências

dos tempos atuais e à índole franciscana,

bem como buscar novas formas. Em vista

disso, foi analisada e refletida a orientação

dos novos Estatutos Gerais com a proposta

das estruturas de animação.

Igualmente foi feita por Frei Joaquin

Echeverry uma memória da contribuição

dos primeiros missionários, vindos à América,

no campo da educação e que desperta

inspirações para a atual presença significativa

dos frades no continente e em outras

partes da Ordem. O diálogo, como serviço

organizado e como valor na vida dos Frades

e na sua missão evangelizadora, mereceu

seu espaço para reflexão, assumida por Frei

Miguel Vallecillo.

Boa parte do tempo foi reservada para

tomada de consciência e esclarecimentos

das tarefas e das formas de animação da vocação

missionária e evangelizadora dos

Frades e das Fraternidades em âmbito de

Entidades e de Conferências. Para isso, se

abordou também a questão de Estatutos Peculiares

para a Secretaria de Evangelização

e Missões, seja nas Entidades, seja nas Conferências.

Foi elaborado um esquema para a

avaliação anual do serviço de animação nas

Entidades, por parte dos Secretários provinciais

de Evangelização. Houve informações

e tomadas de posição sobre vários projetos

possíveis: maior e melhor presença franciscana

na Amazônia, possível Centro de preparação

para missionários na América Latina,

possível Curso de pós-graduação em

Teologia Pastoral, com especialização em

Evangelização, no Instituto Teológico Franciscano

de Petrópolis, Brasil. Foram indicados

os nomes dos Delegados para compor a

Comissão Executiva nos próximos dois

anos. Foram dadas sugestões para a próxima

Assembléia do Conselho.

Finalmente, foram elaboradas algumas

propostas para a continuação do serviço de

animação:

– com particular empenho dos Delegados,

fazer chegar a todas as Entidades o esquema

do projeto de evangelização, o

esquema dos Estatutos Peculiares, o formulário

para um relatório anual dos Secretários

provinciais de Evangelização e

todos os subsídios referentes à evangelização

e missões;

– os Secretários de Evangelização junto

com os de Formação busquem inserir

um programa de formação sobre evangelização

missionária na Formação Inicial

e Permanente e ofereçam aos frades

possibilidade de experiência missionária

forte;

– os Delegados busquem da melhor forma

comunicar às Conferências os resultados

e conteúdos deste Conselho;

– cada Entidade continue elaborando seu

projeto de Evangelização;

– desenvolva-se a colaboração entre os or-


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

ganismos de animação (de Formação, de

Evangelização, de Justiça e Paz, Diálogo,

Educação, em particular entre Comissariados

de Terra Santa e Secretaria

de Evangelização), em todos os níveis;

– os Delegados da América em colaboração

com SGEM e Escritório de GPIC

façam obra de sensibilização junto às

Entidades OFM sobre a importância da

evangelização na Amazônia;

– o Ministro geral e o Definitório, a partir

do Capítulo espiritual de 2006, por ocasião

do VIII Centenário, façam apelo a

cada Entidade de enviar um frade para as

missões da Ordem;

– as Conferências da UCLAF se sintam

encorajadas a abrir um Centro de formação

de missionários na América Latina

e o Instituto Teológico Franciscano de

Petrópolis a realizar a proposta de um

Curso de especialização em Evangelização.

A Assembléia do Conselho teve belas

celebrações internas, bem preparadas e em

sintonia com o tema geral, bem como participação,

na paróquia dos frades, na celebração

eucarística de encerramento do V

Centenário da fundação da primeira Província

franciscana na América, localizada em

Santo Domingo. Tivemos ainda oportunidade

de visitar lugares históricos com memoriais

da presença e atuação dos primeiros

missionários franciscanos e de outros carismas

naquelas terras. A avaliação final se caracterizou

por expressões de contentamento

e de agradecimentos à Custódia local, à

Província-mãe de Arantzazu e de todos/as

que contribuíram para o bom êxito dessa

Assembléia.

FREI NESTOR INÁCIO SCHWERZ OFM

Secretário da Secretaria geral

para Evangelização e Missões

5. Haiti. Una missione tra gli Afro-Americani

L’antica isola “Hispaniola”, scoperta da

Cristoforo Colombo nel 1492 e dove arrivarono

i primi Francescani nel 1501 per poi

63

diffondersi in tutta l’America Latina, oggi è

suddivisa in due Stati: da una parte, la Repubblica

Dominicana, di lingua spagnola e

con popolazione meticcia, e dall’altra Haiti,

di lingua francese, parlata sotto la forma del

creolo, e con popolazione per il 95 % afroamericana.

Gli Haitiani hanno ripreso il nome

di “Ayiti” usato dagli antichi indigeni

Tainos, sterminati in poco tempo dagli spagnoli,

e alla fine del secolo XVIII si liberarono

dal giogo della schiavitù e diedero vita

nel 1804 alla prima Repubblica nera del

mondo. Tuttavia, quasi ironia della storia,

Haiti, un tempo faro di tutti i neri del mondo,

oggi è una delle Nazioni più povere e

degradate. Mai libertà fu tanto precoce

quanto amara: gli Haitiani, da liberi sono

presto diventati oppressi. Due secoli di libertà

si sono trasformati in due secoli di dittature,

violenze, sofferenze. Le piaghe che

da decenni sfigurano la bella e martoriata

Haiti sono sempre le stesse: povertà estrema,

disoccupazione generale, analfabetismo

elevato, violenza diffusa, frustrazione,

dipendenza quasi totale dagli aiuti internazionali,

cronica instabilità politica e istituzionale.

In questo contesto vive una Chiesa locale

formata da 9 Diocesi e si può considerare

ormai consolidata. Il clero locale è abbastanza

numeroso, anche se non ancora sufficiente,

e le strutture ecclesiastiche sono

tutte presenti.

Dopo i primi decenni del XVI secolo,

quando i Francescani da Santo Domingo si

diffusero nell’isola, la presenza dei Frati Minori

è ripresa nel 1988, con una prima piccola

Fraternità a Pestel, nel sud-ovest del Paese.

Il vescovo aveva loro affidato l’unica Parrocchia

di S. Giuseppe, con la cura delle

varie Cappelle sparse nelle montagne, della

scuola parrocchiale e della promozione umana

e sociale della popolazione.

I Frati dovettero subito confrontarsi con

la religione Vodu, antichissima religione

tradizionale africana importata dagli schiavi

e da loro praticata costantemente. Il Vodu

è profondamente radicato nell’animo del

popolo haitiano e tra l’altro ha avuto sempre

parte attiva nelle lotte di liberazione della

regione. Nel 2003, il governo di Aristide


64 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

ha riconosciuto il Vodu come una religione

ufficiale della nazione. «In quanto religione

ancestrale – disse il presidente Aristide – il

Vodu è parte essenziale della nostra identità

nazionale, e le sue istituzioni rappresentano

una considerevole parte della popolazione».

Grazie a questo riconoscimento del governo,

i “sacerdoti” Vodu possono celebrare

cerimonie, dal battesimo al matrimonio,

con valore legale. Per cui spesso, i cattolici

sono anche fedeli del Vodu vivendo una

sorta di sincretismo religioso. Ad esempio,

durante la settimana santa, a Port-au-Prince,

cattolici e aderenti al Vodu, insieme,

fanno una processione sul monte chiamato

“Calvario miracoloso”. La catechesi,, la

formazione religiosa, non hanno via facile

per entrare nel cuore della gente, che fondamentalmente

resta legata sia al Cattolicesimo

sia al Vodu.

La missione in Haiti dipende dalla Provincia

Nostra Signora di Guadalupe in

America Centrale, la quale inviò altri Frati

almeno per un anno di servizio, con lo

scopo di dare un mano nella pastorale e suscitare

in alcuni giovani il desiderio della

missione. Successivamente la Provincia,

volendosi adeguare agli orientamenti dell’Ordine

sulle missioni, decise di iniziare

ad accogliere e formare i giovani candidati

per la “implantatio Ordinis” in Haiti, che

è ormai una priorità delle missioni francescane.

Nel 2002 è stata aperta una seconda Fraternità

nella Capitale, dove è stata acquistata

la casa di una famiglia poi adattata alle

esigenze della fraternità, in un quartiere veramente

popolare. Accanto alla Cappella

Sant’Alessandro, dove è sorto un “Centro

di educazione alla preghiera e d’ascolto pastorale”.

Qui vengono accolti i giovani che

chiedono di abbracciare la vita francescana

e qui i Postulanti trascorrono il loro primo

anno di formazione.

Attualmente, in Haiti vi sono 6 Frati missionari

di 5 nazionalità e di 3 Province diverse,

ripartiti in due Fraternità: tre a Pestel

con i servizi della pastorale parrocchiale

nella chiesa principale e in 11 Cappelle, della

pastorale vocazionale e della cura sanitaria

e spirituale dei malati; altri tre a Port-au-

Prince, nella casa di formazione per i Postulanti.

Vi sono inoltre 4 Postulanti del 1°

anno nella capitale, 3 Postulanti del 2° anno

in Honduras, 2 Novizi haitiani in Guatemala

e un Professo temporaneo haitiano nella

Capitale. Dal prossimo settembre 2006 si

dovrebbero avere 3 Professi temporanei in

Haiti, e poi – si spera – altri due o tre nuovi

Professi ogni anno.

In Haiti esiste anche un nutrito gruppo di

Laici francescani iscritti all’OFS, presenti

da più di un secolo e veramente preziosi per

la missione.

I popoli afro-americani presenti soprattutto

nelle isole Caraibi e lungo le coste dell’America

Centrale e dell’America Latina,

insieme alle popolazioni indigene ancora

esistenti nelle regioni interne, rappresentano

i “nuovi campi di missione” per i Francescani.

Sono le popolazioni ancora emarginate

e a volte minacciate, come in Amazzonia,

verso le quali andarono i primi

missionari europei, e verso le quali devono

tornare i missionari di oggi. Con questa

nuova attenzione e sensibilità, le Province

francescane della Conferenza del Messico e

dell’America centrale hanno deciso recentemente

di aprire in Haiti una nuova Fraternità

missionaria interprovinciale. Ciò permetterà

di sviluppare sia la formazione dei

giovani Frati haitiani sia l’opera di solidarietà

e di evangelizzazione, di cui Haiti ha

estremo bisogno.

FR. VINCENZO BROCANELLI

6. Incontro/atelier sulle nuove Fraternità

in missione

Assisi, 20-24.03.2006

1. Cronaca

Si è svolto per la prima volta in Assisi,

dal 20 al 24 marzo 2006, un incontro di

scambio di esperienze, di confronto e di ricerca

sulle nuove Fraternità-in-missione

già esistenti in Europa. Lo scopo dell’incontro

– considerato più un “Atelier” o un

“Laboratorio” – era di ridare impulso alla

missionarietà nelle Province d’Europa e di


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

individuare nuovi cammini possibili per il

futuro.

Vi hanno partecipato i rappresentanti

delle cosiddette “nuove Fraternità” dei vari

Paesi europei, i Delegati o Segretari per l’evangelizzazione

delle Conferenze, il Segretario

generale e il Moderatore generale del

Segretariato Evangelizzazione e Missioni

della Curia generale, e una buona rappresentanza

del Definitorio generale, guidato

dal Vicario generale.

Nella riflessione di apertura, Fr. Francesco

Bravi, Vicario generale, ha offerto la

“cornice” o contesto dell’incontro-atelier,

ricordando il cammino percorso dalla Chiesa

in Europa, gli aspetti fondamentali del

carisma francescano, il cammino recente

dell’Ordine a proposito dell’evangelizzazione,

il cammino in atto per la riscoperta e

la celebrazione della grazia delle origini, e

infine alcune riflessioni appropriate espresse

del Ministro generale in occasione dell’incontro

delle Fraternità itineranti.

All’incontro sono stati invitati anche alcuni

“esperti” per aiutare ad elaborare un’analisi

a largo raggio e così arrivare ad individuare

alcune forme o cammini nuovi per

la presenza evangelizzatrice dei Frati Minori

in Europa

Fr. Thaddée Matura, che ha già vissuto

l’esperienza delle “piccole Fraternità”, ha

proposto una rilettura della “memoria storica”

soffermandosi in particolare sull’esperienza

post-conciliare, per descriverne l’evoluzione

e tirarne qualche insegnamento

per il momento attuale.

Al vescovo di Viterbo, Mons. Lorenzo

Chiarinelli, era stata chiesta una riflessione su

«La Chiesa in Europa guarda i Frati Minori:

impressioni ed attese». Con una lezione magistrale,

il Vescovo ha ricostruito le sfide e le

attese della Chiesa in Europa, ha riproposto i

“crinali” (ossia i binomi degli opposti) apostolici

delle origini francescane, le tentazioni

socio-culturali vaganti nel continente, e la sfida

della profezia e dell’impegno per i Francescani,

chiamati a percorrere nuove strade e

nuove strategie evangelizzatrici.

Il Dott. Paolo Giuntella, giornalista, ha

proposto invece all’attenzione del partecipanti

le attese della società europea dai

65

Francescani. Il relatore ne ha colte due in

particolare, all’interno di una ricostruzione

ampia e articolata: il bisogno di ridare dignità

alla povertà e di saper ri-dire diversamente

il senso della sofferenza e della morte.

In Europa – ha detto Giuntella – «c’è urgenza

di Francescanesimo».

Su queste tre riflessioni-provocazioni si

è sviluppato il dialogo e la ricerca per l’oggi

e per il domani. A tale materiale si è aggiunta

la condivisione delle esperienze dei

Frati che stanno vivendo una forma nuova

di presenza e di evangelizzazione. Cercando

di organizzare la varietà di espressione

già in atto, sono state presentate le esperienze,

con gli aspetti di creatività e con i limiti

o difficoltà, delle seguenti forme:

1. Fraternità di itineranza in Umbria (Fr.

Paul Jorio e Jacques Jouet), a Saiano in

Lombardia (Fr. Luca Panza) e a Padova

(Fr. Giorgio Auletta).

2. Fraternità di accoglienza e di itineranza

a Celle Ligure-Savona (Fr. Mario Vaccai),

nello Shalom Kloster di Pupping in

Austria (Fr. Fritz Wenigwiesser), nel

campo nomadi a Sesto Fiorentino (Fr.

Andrea Corrado e Fr. Giulio Martorelli).

3. Fraternità di accoglienza di persone in

difficoltà a Pakutuvence in Lituania (Fr.

Paulus Vaineikis e Fr. Carlo Bertagnin),

a Cles-Trento (Fr. Ciro Andreatta), a

Santiago di Compostella-Spagna (Fr.

Francisco Miramontes) e a Cori-Latina

(Fr. Fabio Catenacci).

4. Fraternità inserite tra gli operai stranieri

e i Turchi a Colonia in Germania (Fr.

Jürgen Neitzert), tra i disabili a Santurtzi-Bizkair

in Spagna (Fr. José Angel Egiguren),

fra gli Ortodossi e i Musulmani a

Istanbul in Turchia (Fr. Ruben Tierrablanca).

5. Fraternità impegnate in altri “areopaghi”:

una Fraternità in un casolare di

campagna a San Rocco di Marano Veronese

per l’anno francescano (Fr. Paolo

Lanza), una Fraternità evangelizzatrice

in una casa privata a Nonantola (Fr. Giovanni

Mascarucci), un Fraternità di servizio

per i consacrati in difficoltà a Vittorio

Veneto (Fr. Alberto Boschetto), una


66 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

“Fraternità Cristiana” a Guidonia (Fr.

Bernardino Angelo).

Erano assenti, ma hanno inviato la relazione

della loro esperienza, i Frati impegnati

con i poveri a Berlino e i Frati che

seguono gli attori dei Circhi a Villeurbanne

in Francia.

All’incontro sono stati invitati anche i

rappresentanti di alcune “comunità nuove”

esterne all’Ordine, per un confronto di

visioni e di esperienze. Vi hanno partecipato

attivamente, con una ricca condivisione,

i Piccoli Fratelli e le Piccole Sorelle

dell’Agnello, presenti in Francia, in

Svizzera e a Roma, e la Fraternità “Tibériade”

del Belgio.

Da queste condivisioni sono emersi

chiaramente alcuni aspetti che alimentano

la fiducia e la speranza: in Europa si riscontra

un’apprezzabile creatività e ricchezza

di nuove forme di presenza francescana

e, inoltre, i protagonisti hanno tutti

espresso una grande passione per vivere

nuovamente il carisma francescano.

Il penultimo giorno (23 marzo 2006) è

stato completamente dedicato alla ricerca

di cammini possibili e concreti che esprimano

il dinamismo missionario francescano

in Europa. Il lavoro di approfondimento

e di ricerca è stato guidato e animato

dai due “facilitatori” Fr. Thaddée

Matura e Fr. Giacomo Bini. Questi hanno

riproposto i punti salienti dei giorni precedenti

(Fr. T. Matura) e alcune linee orientative

per proseguire e arrivare ad alcune

proposte concrete (Fr. G. Bini).

Il lavoro è stato sintetizzato in un breve

messaggio finale che è stato indirizzato a

tutti i Frati d’Europa, e in particolare ai

Ministri e al Definitorio generale, e che

nello stesso tempo rappresenta una tappa

importante. Dall’incontro di Assisi, le

nuove Fraternità-in-missione sono uscite

dalla marginalizzazione e dallo scetticismo

che le circondavano, sono state ascoltate

e valorizzate dalla Curia generale, e

ormai sono all’inizio di nuovi cammini

per un Francescanesimo rinnovato in Europa.

FR. VINCENZO BROCANELLI

2. Messaggio finale

DALLA

PORZIUNCOLAALL’EUROPA

NUOVI CAMMINI FRANCESCANI

In un incontro promosso dal Segretariato

Generale per l’Evangelizzazione, ci siamo

ritrovati ad Assisi, dal 20 al 24 marzo

2006, un gruppo di Frati impegnati in nuove

forme di evangelizzazione in Europa insieme

con la quasi totalità del Definitorio

generale e i Segretari Interproviciali per

l’Evangelizzazione delle diverse Conferenze

europee. Si è trattato di un seminario di

condivisione, animazione e di ricerca di

cammini possibili per il futuro.

Memoria e profezia

La celebrazione della grazia delle origini,

nell’VIII centenario della fondazione del

nostro Ordine, ci spinge a riappropriarci

della nostra vocazione e missione, in vista

di una nuova evangelizzazione dell’Europa,

attenti alle attese della Chiesa e della società,

nella ricerca rinnovata della fede, per

dare un senso alla vita e promuovere evangelicamente

i valori umani fondamentali.

Tutto ciò corrisponde alle aspirazioni

profonde di molti Frati, che desiderano la

radicalità e la coerenza della loro vocazione,

riscoperta nella dimensione missionaria.

Facendo memoria del nostro carisma

lungo la storia, con le sue varie riforme,

constatiamo un continuo desiderio di rifondarci

attraverso un rinnovamento evangelico,

nella ricerca di nuove espressioni più rispondenti

alle mutate situazioni religiose e

culturali.

A seguito al Concilio Vaticano II diverse

nuove forme di evangelizzazione a livello

Provinciale e interprovinciale sono nate in

Europa (ad esempio le “piccole Fraternità”,

esperienza sulla quale si è più volte riflettuto

riconoscendone pregi e limiti).

In questi ultimi anni, provocati e stimolati

dalle priorità dell’Ordine, sono sorte,

sia a livello di Provincia che a livello interprovinciale,

Fraternità itineranti, Fraternità


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

tra i poveri e con i poveri, di ospitalità e accoglienza,

Fraternità centrate sulla vita di

preghiera, Fraternità per il dialogo ecumenico

e interreligioso.

Tutte queste Fraternità, nate in ascolto

dei segni dei tempi, trovano le fondamenta

nell’«osservare il Vangelo di Gesù Cristo»,

avendo «il cuore rivolto al Signore», vivendo

nell’«attenzione materna al fratello»,

«piccoli e sottomessi a tutti», liberi e desiderosi

di incontrare con rispetto ogni persona

umana. È questa la via privilegiata per

annunciare il Vangelo di Gesù Cristo, in

«parole e opere», agli uomini del nostro

Continente.

La sfida missionaria non è tuttavia rivolta

soltanto alle nuove espressioni di Fraternità,

ma a tutte le Fraternità, a tutti i Frati e

ad ogni attività pastorale. Il momento storico

che stiamo vivendo in Europa, dove la

“pecora perduta” del Vangelo è diventata la

stragrande maggioranza del gregge, domanda

con forza un cambio di mentalità e

di cuore e una ricerca urgente di nuovi modi

per incontrare gli “smarriti”, difficilmente

raggiungibili con i mezzi e lo stile di pastorale

che si concentra sui praticanti.

Criteri di discernimento

Considerando la storia degli ultimi anni,

con le sue luci ed ombre, nella nostra condivisione

e ricerca, abbiamo individuato alcuni

criteri di discernimento orientativi per

ciò che concerne le nuove forme di evangelizzazione.

Questi criteri vogliamo offrire a

tutti i Frati e ai Ministri e Custodi, cui spetta

il compito di discernere evangelicamente,

incoraggiare, accompagnare, verificare i

nuovi cammini.

• Il discernimento non sia condotto solo in

base alle esigenze strutturali e pastorali

delle Entità, ma seguendo le indicazioni

delle priorità dell’Ordine.

• Il progetto sia centrato sulla forma vitae,

assicurando l’armonia tra i valori fondamentali:

esperienza di fede, vita fraterna

ed esigenze della missione, assumendo

uno stile di minorità e in comunione con

la Chiesa locale.

• La Fraternità sia di tre/quattro Frati, con

una certa maturità umana e spirituale,

che assumano l’iniziativa e la responsabilità

del progetto, valorizzando i carismi

personali di ognuno.

• Questo cammino di “fedeltà creativa”

dovrà basarsi sul dialogo e rispetto reciproco

sia da parte dei Frati inseriti nei

nuovi progetti che da parte degli altri,

nella diversità di stili e forme di vita, evitando

la diffidenza e il pregiudizio.

• Ogni Fraternità si impegni ad autosostenersi.

Suggerimenti

di cammini possibili e concreti

67

Nella condivisione delle esperienze abbiamo

riscontrato la ricchezza delle forme e

l’entusiasmo dei Frati che le vivono. Ciò

alimenta il desiderio che siano conosciute

nelle varie Province dell’Europa perché altri

possano condividerle. Nella ricerca dei

cammini possibili per il futuro ne abbiamo

individuati alcuni che ci sembrano più rispondenti

alle sfide di oggi. Sono suggerimenti

che proponiamo alle stesse Province

e al governo dell’Ordine.

Per le singole Province

Le Province si lascino sfidare dal cambiamento

socio-culturale e religioso in atto

in Europa suscitando, sostenendo e accompagnando

la ricerca di nuovi cammini in

prospettiva missionaria.

Gli ambiti finora sperimentati e vissuti

sono quelli dell’itineranza temporanea, della

solidarietà con i poveri, dell’inserimento

tra i nomadi, dell’accoglienza e dell’ospitalità

di coloro che sono i “senza”, dell’incontro

e del dialogo ecumenico, interreligioso

e interculturale.

Ogni Provincia si impegni a far nascere

o rafforzare almeno una nuova Fraternità in

uno degli ambiti indicati.

Per la collaborazione interprovinciale

L’esperienza di questi ultimi anni ci sta

mostrando la possibilità della creazione di

Fraternità interprovinciali con progetti particolari

nati per iniziativa dei Frati stessi.

Ciò costituisce per noi un segno di speranza


68 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

per il futuro e per questo suggeriamo che le

Province si aprano ad una collaborazione

per sostenere le nuove Fraternità già esistenti

o per aprirne delle nuove.

Per il Ministro generale e il suo Definitorio

Considerando il desiderio di molti Frati

di impegnarsi in progetti missionari in Europa

e constatando, d’altra parte, la difficoltà

delle Province e delle strutture interprovinciali

ad assumere tali progetti, suggeriamo

che il governo dell’Ordine, viste le

esperienze già avviate di progetti missionari

e di Fraternità dipendenti dal Ministro generale:

• rafforzi le Fratenità già operanti

• costituisca una Fraternità missionaria e

itinerante nell’Europa secolarizzata

• sostenga e incoraggi le Province interessate

a sviluppare l’accoglienza e l’accompagnamento

dei pellegrini sul “camino

de Santiago” a Compostela.

Affidiamo allo Spirito e a tutti i Frati

questi nuovi cammini attraverso l’Europa,

che attende una nuova proposta francescana.

7. II Congresso Internacional latinoamericano

de Educadores francescanos

Córdoba, Argentina, 25-29.04.2006

De 25 a 29 de abril de 2006 aconteceu

em Córdoba, Argentina, o II Congresso de

Educadores/as Franciscanos/as da América

Latina. O Congresso se desenrolou no contexto

do VIII Centenário da Fundação da

nossa Ordem com o propósito de auscultar

as origens e também a riqueza da nossa Tradição

em campo educativo. A Ordem, sobretudo

na América Latina, tem uma longa

e rica história de presença nas Escolas e

Universidades. O evento tem se marcado

também pelo caráter de continuidade em relação

ao primeiro Congresso realizado na

Colômbia, no ano de 2001. Este, porém, fora

mais reduzido em termos de participantes

dos outros países.

Com o tema Para uma pedagogia do

Encontro, o Congresso tinha o propósito

geral de aprofundar a importância da educação

na evangelização franciscana em

confronto com os desafios atuais. Os objetivos

apontaram para a seguinte direção: explicitar

os sinais dos tempos atuais e a sua

influência na educação, individuar elementos

para a construção de um modelo pedagógico

franciscano, aprofundar a formação

dos sujeitos da evangelização a partir da espiritualidade

franciscana e partilhar algumas

experiências significativas de educação

na perspectiva da evangelização.

Os participantes foram ao redor de 330:

estavam nossos frades menores envolvidos

nas Escolas e nas Universidades em âmbito

de América Latina (ao redor de 70), alguns

frades com experiências em educação nãoformal,

alguns frades conventuais, um bom

grupo de irmãs de outras Congregações

franciscanas femininas e docentes (homens

e mulheres) das instituições educativas.

Treze países da América Latina estavam representados.

Participaram os Ministros provinciais

das Entidades da Argentina, o dos

Doze Apóstolos do Peru e dois frades educadores

da Espanha. Da Cúria Geral se fizeram

presentes os dois Definidores gerais

pela América Latina, Frei Luis Cabrera e

Frei Juan Ignazio Muro, o Secretário geral

para a Evangelização, Frei Nestor Inácio

Schwerz, o Animador geral para a Pastoral

Educacional, Frei Joaquín Arturo Echeverry.

O protagonismo principal da preparação

e organização do evento coube às Províncias

da Argentina, com os seus Ministros e

com uma Comissão Executiva escolhida

por eles. Demonstraram grande empenho

pelo bom andamento em todos os sentidos.

A nossa Secretaria geral para a Evangelização,

através do Animador geral para a

Pastoral Educacional, Frei Joaquim Arturo

Echeverri, estimulou e acompanhou a preparação

e realização do Congresso. A participação

dos Definidores gerais teve o significado

de um efetivo apoio por parte do Ministro

geral e seu Definitório, o que causou

efeito muito positivo entre os frades que trabalham

nas instituições educativas.

No que se refere aos conteúdos, houve

um conjunto de três eixos temáticos: 1) os


E SECRETARIATU PRO EVANGELIZZATIONE ET MISSIONE

sinais dos tempos à luz da fé e a evangelização

no contexto atual de mudança de época;

2) a espiritualidade franciscana como

fator de humanização e de evangelização: a

primeira evangelização franciscana e a educação,

a atualidade do pensamento franciscano

e o caminho da espiritualidade para o

século XXI; 3) a espiritualidade franciscana

em chave pedagógica: qualidade educativa

na perspectiva franciscana, o perfil do

educador franciscano, passos e elementos

para a criação de um modelo pedagógico

franciscano e algumas propostas para a animação

da pastoral educacional.

Houve um consenso geral na assembléia

no sentido de levar adiante um processo de

continuidade na reflexão e na busca comum

por clarear e aprofundar a dimensão evangelizadora

e a identidade franciscana na

proposta educativa-pedagógica das instituições

educativas dos Frades Menores e de

toda a Família Franciscana.

Foi anunciado o próximo Congresso Internacional

latino-americano a ser realizado

no Peru, na cidade de Cusco, possivelmente

em 2008. Os representantes daquele país

assumiram a responsabilidade pela sua organização.

Porém, antes disso será apresentado

pelos Ministros provinciais da Argentina

um relatório deste Congresso de Córdoba

aos Ministros de UCLAF na próxima

assembléia com a intenção de partilhar o

69

evento e de envolver todas as Entidades

OFM da América Latina na preparação e realização

de eventos semelhantes no futuro.

Além disso, foi comunicado o projeto de

um Curso de Pedagogia franciscana a ser

oferecido pela Universidade S. Boaventura

de Bogotá, provavelmente já a partir de

2007. Também está sendo preparado um Site

para coligar em rede todas as instituições

educativas franciscanas. Finalmente, o Animador

geral para a Pastoral Educacional

anunciou que está sendo enviado a Entidades

e a Frades um primeiro esboço de Diretrizes

gerais para a ação evangelizadora e de

cunho franciscano nas instituições educativas

em âmbito de Ordem. As observações e

contribuições serão recolhidas para uma

análise mais aprofundada por parte de uma

Comissão e encaminhada ao Definitório geral.

No conjunto, o Congresso transcorreu

em clima muito fraterno, participativo, alegre,

de boa qualidade, com conferências,

com partilha de experiências, com celebrações,

com recreações bem animadas e

deixando a perspectiva da continuidade.

FR. NESTOR I. SCHWERZ OFM

Segretario generale per l’Evangelizzazione

FR. JOAQUÍN ECHEVERRY

Animatore generale per la Pastorale Educativa


E POSTULATIONE GENERALI

1. Decretum super miraculo SD Augustini

Thevarparampil

CONGREGATIO.

DE CAUSIS SANCTORUM

PALAIENSIS. Beatificationis et Canonizationis

Ven. Servi Dei AUGUSTINI THEVAR-

PARAMPIL (v. d. “Kunjachan”) sacerdotis

dioecesani (1891-1973).

Venerabilis Servus Dei Augustinus Thevarparampil,

v. d. “Kunjachan” seu “parvulus

presbyter”, ortus est die 1 mensis Aprilis

anno 1891 in loco parvus Ramapuram

intra fìnes eparchiae Palaiensis ritus syromalabarensis,

in Civitate foederata Kerala

in India. Sacro presbyteratus ordine auctus,

caritate pastorali, zelo missionali seseque

devovendi studio pollens indefesse incubuit

humano christianoque provectui eorum qui

Harijans seu “nusquam contingendi” feruntur

quique egentissimi maximeque exclusi

Indicae societatis exsistebant. Postquam

multos annos infìrmitate, quam ipse humiliter

patienterque toleravit, laboraverat,

sancte in Domino obdormivit die 16 mensis

Octobris anno 1973.

Quem quidem Servum Dei die 22 mensis

Iunii anno 2004 Summus Pontifex

Ioannes Paulus II virtutes theologales et

cardinales iisque adnexas in gradu heroico

exercuisse declaravit.

Beatifìcationem autem prospiciens, Postulatio

Causae adsertam quandam miram

sanationem, ipsius Servi Dei intercessioni

tributam, huic Congregationi de Causis

Sanctorum permisit iudicandam. Quod factum

pertinet ad puerum Gilsonium Varghese

Kalathil, incolam Civitatis v. d. Kerala,

qui pedum deformitate laborans natus est

anno 1981. Medici quidem de “grave talipe

congenito equino-varus” diagnosin fecerunt.

Chirurgicum quoque experimentum

ipsi proposuerunt pro pede dextero, quod

tamen numquam factum est; nec aliae the-

rapiae idoneae sunt adhibitae. Decem annos

condicio stabilis permansit adeo ut iam irrevertibilis

haberetur. Die autem 29 mensis

Maii anno 1991 Gilsonius puer una cum parocho

aliisque amicis sepulcrum Servi Dei

visit ipseque pro sua sanitate recuperanda

oravit; domi vero, parentibus aliisque familiaribus

sese sociantibus, eiusdem Servi Dei

intercessionem invocare cotidie perrexit.

Sub mane itaque subsequentis diei 25 mensis

Iunii eiusdem anni puer e lectulo surgens

dexterum pedem prorsus sanatum nactus

est. Quam quidem sanationem stabilem esse

subsequentes inspectiones clinicae et radiologicae

confìrmarunt.

Quo de casu apud Curiam Viiayapuramensem

annis 1997-1998 Inquisitio dioecesana

instructa est, cuius validitas iuridica

rata est ab hoc Dicasterio per decretum die

9 mensis Aprilis anno 1999 latum. Consilium

autem Medicorum, in sessione die 3

mensis Iunii anno 2004 habita, agnovit sanationem

celerem, perfectam, stabilem eandemque

scientifice inexplicabilem exstitisse.

Die 26 mensis Octobris eiusdem anni

habitus est Congressus Peculiaris Consultorum

Theologorum, cum porro die 18 mensis

Ianuarii huius anni 2005 Patres Cardinales

et Episcopi, Exc.mo D.no Salvatore

Boccaccio, Episcopo Frusinatensi-Verulano-Ferentino,

Causae Ponente, Sessionem

Ordinariam celebrarent. Et in utroque Coetu,

sive Consultorum sive Cardinalium et

Episcoporum, posito dubio an de miraculo

divinitus patrato constaret, responsum affirmativum

prolatum est.

Facta demum de hisce omnibus rebus

Summo Pontifìci Benedicto XVI per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, hodiemo die declaravit: Constare

de miraculo a Deo patrato per intercessionem

Ven. Servi Dei Augustini Thevarparampil

(v. d. “Kunjachan”), Sacerdotis


72 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

dioecesani, videlicet de celeri, perfecta stabilique

sanatione pueri Gilsonii Varghese

Kalathil a “piede destro torto congenito “.

Voluit autem Sanctitas Sua ut hoc decretum

publici iuris fìeret et in acta Congregationis

de Causis Sanctorum referretur.

Datum Romae,

die 19 mensis Decembris A. D. 2005.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

2. Decretum super martyrio SSDD Victoris

Chumillas Fernández et XXI Sociorum

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

TOLETANA. Beatificationis seu declarationis

martyrii Servorum Dei VICTORIS

CHUMILLAS FERNÀNDEZ et XXI SOCIORUM ex

Ordine Fratrum Minorum († 1936).

«Confortamini in Domino et in potentia

virtutis eius» (Eph 6, 10).

Paulo quidem Apostolo adhortante. Servi

Dei Victor Chumillas Femández et XXI

Socii, contra christianorum persecutionem,

quae annis 1936-1939 in Hispania exarserat,

nihil humani praesidii vel auxilii petiere,

quippe a Christo vim haurientes qua fìdei

vel in aerumnis testimonium perhiberent,

sicque Domino servientes in

communitatibus Ordinis Fratmm Minorum,

quarum ipsi pars erant. Nam capti a seditionariis

suam ipsi fìdelitatem m Divinum Redemptorem

et Ecclesiam minime repudiarunt

palmamque martyrii sanguine profuso

tandem sunt adepti.

Quibus quidem ex religiosis viris, viginti

pars erant communitatis cuiusdam apud

locum v. d. Consuegra apud Toletum florentis.

Ipsi autem, ubi primum persecutio

exarsit, a coenobio expulsi, ad familiares

aliosque benefìcos confugere sunt coacti.

Postea vero capti nonnullosque dies in carcere

conversati, die 16 mensis Augusti anno

1936 manuballista necati sunt, omnes in

ipso articulo mortis orantes veniamque loquentes

pro carnifìcibus.

Hi videlicet sunt:

1. VICTOR CHUMILLAS FERNÁNDEZ, sacerdos.

Natus est die 28 mensis Iulii anno

1902 in loco v. d. Olmeda del Rey apud

Concham Valeriam. Inde ab adulescentia

studium exhibuit nedum missionalis muneris

obeundi sed vitae etiam pro Christo ponendae.

In nonnullis coenobiis franciscalibus

ministerium exercuit, variis offìciis

fungens zeloque apostolico praestans.

2. ANGELUS HERNÁNDEZ-RANERA DE

DIEGO, sacerdos. Natus est die 1 mensis Octobris

anno 1877 in loco v. d. Pastrana apud

Guadalaiaram. Evangelium nuntiavit in

Philippinis, qui saepe antea confessus erat

se cupere martyris ritu mori.

3. DOMINICUS ALONSO DE FRUTOS, sacerdos.

Natus est die 12 mensis Maii anno

1900 in loco v. d. Navares de Ayuso apud

Segoviam. Theologiam dogmaticam docuit

ipseque definitor provincialis, praedicator,

ephemeridum scriptor fuit. Nonnullas quoque

religiosas associationes direxit.

4. MARTINUS LOZANO TELLO, sacerdos.

Natus est die 19 mensis Septembris anno

1900 in loco v. d. Corral de Almaguer, qui

tunc temporis intra fìnes dioecesis Conchensis

continebatur. Multa ipse in nonnullis

coenobiis, etiam extra Hispaniam, docuit.

5. IULIANUS NAVÍO COLADO, sacerdos.

Natus est die 12 mensis Augusti anno 1904

in loco v. d. Mazarete apud Guadalaiaram.

Ipse professor, disciplinae praefectus librorumque

censor fuit.

6. BENIGNUS PRIETO DEL POZO, sacerdos.

Natus est die 25 mensis Novembris anno

1906 in loco v. d. Salce apud Legionem. Ipse

tempore, quo martyrium accepit, professor

discipulorumque magister erat in coenobio

apud locum v. d. Consuegra.

7. MARCELLINUS OVEJERO GÓMEZ, alumnus.

Natus est die 13 mensis Februarii anno

1913 in loco v. d. Becedas apud Abulam.

Studia theologica ipse, utpote evocatus,

confìcere minime valuit.

8. IOSEPHUS DE VEGA PEDRAZA, subdiaconus.

Natus est die 30 mensis Augusti an-


no 1913 in oppido v. d. Dos Barrios in dicione

Toletana. Cui propter persecutionem

religiosam pater quoque una cum tribus fratribus

periere.

9. IOSEPHUS ÁLVAREZ RODRIGUEZ, subdiaconus.

Natus est die 14 mensis Octobris

anno 1913 in loco v. d. Sorriba apud Legionem.

10. ANDREAS MAJADAS MÁLAGA, subdiaconus.

Natus est die 2 mensis Martii anno

1914 in loco v. d. Becedas.

11. IACOBUS MATÉ CALZADA, subdiaconus.

Natus est die 25 mensis Iulii anno 1914

in loco v. d. Cañizar de Argaño apud Burgum.

12. ALFONSUS SÁNCHEZ HERNÁNDEZ-

RANERA, alumnus. Natus est Ilerdae die 26

mensis Ianuarii anno 1915. Qui quidem,

paulo ante martyrium, sacra tonsura insignitus,

etiam “minores Ordines” accepit.

13. ANASTASIUS GONZÁLEZ RODRÍGUEZ,

alumnus. Natus est die 11 mensis Octobris

anno 1914 in loco v. d. Villaute apud Burgum.

Studia theologica ipse, utpote evocatus,

conficere minime valuit.

14. FELIX MAROTO MORENO, alumnus.

Natus est die 30 mensis Ianuarii anno 1915

in loco v. d. Gutierremuñoz apud Abulam.

Nec ipse quidem, utpote militare coactus,

studiis theologicis confìciendis vacavit.

15. FRIDERICUS HERRERA BERMEJO,

alumnus. Natus est die 21 mensis Februarii

anno 1915 in oppido v. d. Almagro apud

Civitatem Regalensem. Paucis hebdomadibus

antequam martyrium subiret,

sacram ipse tonsuram “Ordinesque minores”

acceperat.

16. ANTONIUS RODRIGO ANTÓN, alumnus.

Natus est die 8 mensis Iulii anno 1913

in loco v. d. Velamazán apud Soriam. Nec

ipse quidem, utpote evocatus, studia theologica

confìcere valuit.

17. SATURNINUS RÍO ROJO, alumnus. Natus

est die 16 mensis Februarii anno 1915 in

loco v. d. Mansilla de Burgos. Paucis hebdomadibus

antequam martyrium subiret,

sacram ipse tonsuram “Ordinesque minores”

accepit.

18. RAIMUNDUS TEJADO LIBRADO, alumnus.

Natus est die 20 mensis Aprilis anno

1915 in loco v. d. Alcázar de San Juan apud

E POSTULATIONE GENERALI

73

Civitatem Regalensem. Nec ipse quidem,

utpote evocatus, studia theologica confecit.

19. VINCENTIUS MAJADAS MÁLAGA,

alumnus. Natus est die 27 mensis Octobris

anno 1915 in loco v. d. Becedas. Martyrium

ipse sumpsit ante confecta studia theologica.

20. VALENTINUS DÍEZ SERNA, alumnus.

Natus est die 11 mensis Novembris anno

1915 in loco v. d. Tablada de Villadiego

apud Burgum. Vota sollemnia ipse, quippe

qui ad aetatem canonicam nondum pervenisset,

non emisit.

Cuius quidem martyrum manus pars

sunt et duo alii Servi Dei, qui aliis in locis

aliisque temporibus fidei causa sunt interfecti.

Hi videlicet sunt:

21. FELIX GÓMEZ-PINTO PIÑERO, sacerdos.

Natus est die 18 mensis Maii anno

1870 in loco v. d. La Torre de Esteban Hambrán

apud Toletum. In nonnullis coenobiis

eius Ordinis ministerium exercuit. Anno

1934 in conventum apud locum v. d. Pastrana

missus est; ubi quidem usque ad martyrium

deguit, quod die 7 mensis Septembris

anno 1936 evenit. Ipse moriens suis

carnifìcibus ignovit.

22. PERFECTUS CARRASCOSA SANTOS, sacerdos.

Natus est die 18 mensis Aprilis anno

1906 in loco v. d. Villacañas apud Toletum.

Physica ipse docuit in Seminario apud

locum v. d. Pastrana; mox autem in secretarium

provincialem est electus. Captus et

in cruciatus deditus, nempe ut impia dieta

proferre cogeretur, ipse Christum prodere

noluit ideoque die 17 mensis Octobris anno

1936 necatus est. Qui vero, antequam obiret,

Sociorum martyrii confessiones audivit.

Hos omnes Populus Dei statim pro martyribus

fidei habuit. Quae autem fama, dum

labentibus annis confìrmatur, Archiepiscopo

Toletano suasit ut Causae beatifìcationis

seu declarationis martyrii initium faceret

per Processum Ordinarium, qui annis 1966-

1987 de undeviginti tantum ex duobus et viginti

qui ferebantur martyribus Toletanis est

celebratus. Postea vero apud eandem Curiam,

anno scilicet 1992, etiam de tribus ce


74 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

teris Inquisitio dioecesana est instructa.

Quarum omnium et singularum Inquisitionum

canonicarum validitas iuridica rata est

a Congregatione de Causis Sanctorum per

decretum die 27 mensis Novembris anno

1992 latum. Positione confecta, disceptatum

est, secundum normas, super asserto

praefatorum Servorum Dei martyrio. Die 9

mensis Decembris anno 2003 habitus est,

positivo cum exitu, Congressus Peculiaris

Consultorum Theologorum. Patres Cardinales

et Episcopi, in Sessione Ordinaria die

15 mensis Martii huius anni 2005 congregata,

audita relatione Exc.mi D.ni Xaverii

Echevarría Rodríguez, Episcopo titulo Cilibiensis,

Causae Ponentis, agnoverunt Servos

Dei Victorem Chumillas Fernández et

XXI Socios propter fìdelitatem erga Christum

interfectos esse.

De hisce omnibus rebus, referente subscripto

Cardinali Praefecto, certior factus,

Summus Pontifex Benedictus XVI, vota

Congregationis de Causis Sanctorum excipiens

rataque habens, hodierno die declaravit:

Constare de martyrio eiusque causa

Servorum Dei Victoris Chumillas Fernández

et XXI Sociorum, ex Ordine Fratrum

Minorum, in casu et ad effectum de quo agitur.

Statuit autem Sanctitas Sua ut hoc decretum

publici iuris fìeret et in acta Congregationis

de Causis Sanctorum referretur.

Datum Romae,

die 19 mensis Decembris A. D. 2005.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

3. Decretum super virtutibus B. Simonis

de Lipnica

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

CRACOVIENSIS. Canonizationis Beati

SIMONIS DE LIPNICA sacerdotis professi Ordinis

Fratrum Minorum (ca. 1439-1482).

«Omnes fratres, ubicumque sunt, recordentur,

quod dederunt se et reliquerunt corpora

sua Domino lesu Christo» (Fontes

Franciscani: Regula non Bullata, caput

XVI, 10).

Beatus Simon de Lipnica fìdeliter annuit

huic adhortationi Seraphici Patris Sancti

Francisci, in cuius Ordine consecratam vitam

amplexus est. Etenim semet ipsum abnegavit,

terrenas relinquens opes ut de Domino

prorsus viveret (cfr. IOANNES PAULUS

II, Adhortatio Apostolica Post-Synodalis

VITA CONSECRATA, n. 35) atque fìdeliter ac

ferventer ita Ei inserviit ut evangelicae perfectionis

fastigia attingeret.

Hic Christi testis Lipnicae ortus est in

Polonia Australi ad annum1439.

Studiis incubuit apud Academiam Cracoviensem

Artibus colendis, ubi baccalaureatus

titulo decoratus est. Deinde Ordinem

Fratrum Minorum ingressus est. et, expleto

anno tirocinii quod fecit sub moderamine

Patris Christophori a Baretio, religiosam

emisit professionem. Sacro sacerdotali ordine

circiter anno 1460 est insignitus.

Moderator exstitit religiosae domus Tarnoviensis,

ac postea contionator nominatus

est apud Cathedrale templum Cracoviense

et in conventu vici Stradom. Hoc munus tali

implevit studio ut annalium scriptores illius

temporis “ferventissimum praedicatorem”

appellaverint. Delegatus propriae Provinciae

partes habuit Capituli Generalis

quod Ticini celebratum est; deinde Romam

invisit ac postea peregrinus iter fecit in Terram

Sanctam amore ductus Passionis Christi

et Sanctum Franciscum imitari intendens

ceterosque fratres qui in loca sancta se contulerant

ad Evangelium nuntiandum. Innumera

itineris incommoda fortitudine pertulit

Franciscalem cotidie servans Regulam,

munia obiens sibi credita et paupenbus subveniens

sanctitatem affectavit. Omnibus viribus

Dominum dilexit; divinam adimplendam

voluntatem usque curavit et suo sacerdotali

ministerio complures animas ad

rectam viam perduxit. Exemplum eius

sanctae vitae, christianis, sacerdotalibus religiosisque

virtutibus ornatae contulit ad

apostolatum effìcacius explicandum. Fidei,

spei et caritatis exemplar exstitit. Spiritua-


lem vitam nutrivit oratione, Eucharistico

cultu, devotione ad nomina Iesu Virginisque

Immaculatae, lectione meditationeque

tam Verbi Dei quam scriptionum Sanctorum

praesertim Sancti Bonaventurae. Cum

arduis in adiunctis versabatur, in Providentia

fìduciam servare consueverat. Omnibus

se adeuntibus ad auxilium quaerendum benevolentiam

ostendit.

Religiosam domum sapientia et aequitate

moderatus est. Per Christi vias fratres

duxit, quos, cum necesse fuit, benignitate

admonuit eosque prudenti iuvit consilio. In

cibis sumendis parcum se praebuit et per

voluntarium paenitentiae exercitium sensus

cohibuit. Pauperculum Assisiensem vestigiis

sequens, oboedientia, paupertate et castitate

eminuit. Officia quoque infima et vilia

diligenter exercuit.

Anno 1482, quo Cracovia pestilentia

vexabatur, Simon urbem non reliquit, immo

una cum aliis fratribus, auxilium tulit infìrmis,

contiones habuit, pro eorum salute oravit

iisque, contagionem oppetens, paterna

subvenit sollicitudine. Ipse quoque pestilentia

correptus est, quamobrem valetudo

eius celeriter corruit. Patienti et aequo animo

adversam valetudinem passus est, quin

mortem metueret; et dum Crucifìxi imaginem

intuebatur terrestrem exsistentiam

piissime explevit die 18 mensis Iulii anno

1482. Prout optaverat, corpus eius conditum

est sub pavimento ecclesiae ut ab omnibus

proculcaretur.

Ratione habita de sanctitatis miraculorumque

fama, qua Beatus post mortem gavisus

est, perpenso quoque cultu ab immemorabili

illi praestito, die 24 mensis Februarii

anno 1685 Summus Pontifex Beatus

Innocentius XI cultum recognovit, beatorum

honores ei decernens. Politicae Poloniae

vicissitudines impediverunt ne iter ad

canonizationem praestituto tempore

concluderetur. Tandem, anno 2000 Archiepiscopus

Cracoviensis inire potuit Inquisitionem

dioecesanam de eius vita et virtutibus.

Iuridicam processus auctoritatem

agnovit Congregatio de Causis Sanctorum,

decretum pervulgans die 25 mensis Octobris

anno 2002. Apparata Positione, die 2

mensis Martii anno 2004 habita est Consul-

E POSTULATIONE GENERALI

75

torum Historicorum Sessio. Deinde, ut de

more, disceptatio facta est de virtutibus heroico

gradu a Beato exercitis. Die 12 sequentis

mensis Octobris actus est, favente

sententia, Congressus Peculiaris Consultorum

Theologorum. Die 11 mensis lanuarii

anno 2005 Patres Cardinales et Episcopi in

Sessione Ordinaria congregati, audita relatione

Ponentis Causae, Em.mi Iuliani Cardinalis

Herranz, edixerunt Simonem de

Lipnica heroum in modum theologales, cardinales

eisque adnexas virtutes excoluisse.

Facta demum de hisce omnibus rebus

Summo Pontifìci Benedico XVI per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, odierno die declaravit: Constare de

virtutibus theologalibus Fide, Spe et Caritate

tum in Deum tum in proximum, necnon

de cardinalibus Prudentia, Iustitia, Temperantia

et Fortitudine, eisque adnexis, in

gradu heroico, Beati Simonis de Lipnica,

Sacerdotis professi Ordinis Fratrum Minorum,

in casu et ad effectum de quo agitur.

Hoc autem decretum publici iuris fieri et

in acta Congregationis de Causis Sanctorum

Summus Pontifex referri statuit.

Datum Romae,

die 19 mensis Decembris A. D. 2005.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

4. Decretum super virtutibus B. Baptistae

Varano

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

CAMERINENSIS-SANCTI SEVERINI

IN PICENO. Canonizationis Beatae BAPTI-

STAE VARANO (seu Camillae Baptistae de

Varano) monialis professae Ordinis Sanctae

Clarae (1458-1524).

«Mihi autem adhaerere Deo bonum est,

ponere in Domino Deo spem meam, ut an


76 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

nuntiem omnes operationes mas in portis fìliae

Sion» (Ps 73, 28).

Nobili genere orta. Beata Baptista Varano

tota cordis dilectione Domino adhaerere

statuit adeo ut, si martyrium subeundum esset,

citius hoc eligeret quam ut ipsa, sicut

scripsit, se paeniteret, ideoque mirabilia

Dei, qui quidem omnes filios suos ad sanctitatem

vocat, christifìdelibus annuntiare

apta facta est.

Beata Camilla Baptista nata est Camerini

in Piceno die 9 mensis Aprilis anno 1458

e Iulio Caesare de Varano, Camertium principe

Sanctae Sedi Apostolicae subiecto, et

D.na Cecchina cuiusdam magistri Iacobi fìlia;

convenienterque sacris rebus, litteris,

elegantiis quoque in aedibus paternis, Ioanna

Malatesta Iulii Caesaris uxore praesertim

docente, est imbuta. Puella olim, circa

octavum vel decimum annum aetatis, postquam

Beati Dominici a Leonissa sermonem

audivit, se unam saltem lacrimam propter

Iesu Christi Passionem feria sexta cuiusque

hebdomadae exinde profusuram vovit.

Adulescens autem facta et mundanis voluptatibus

allecta, ipsa in sua iuventute, ut refert,

clericos et sanctimoniales aspicere ac

devota audire vel legere aversabatur; animi

tamen fortitudine sustenta firmissimaque

voluntate impulsa, numquam ipsa feria sexta

omisit orare, quin immo. Divino auxiliante

Spiritu, meditationem, ieiunium suppliciaque

voto paulatim addidit. Eam interea

in virtutibus progredientem divina

gratia Sacramenti Reconciliationis et consilia

confessorum adiuvarunt. Virgo tandem,

vicesimum primum annum agens, dum festum

Annuntiationis Deiparae celebratur,

votum castitatis nuncupavit pauloque post,

divino quodam impulsa afflatu, licet secum

ipsa pugnans, se Iesu Christo devoturam

constituit.

Quamvis ergo Beata iampridem esset a

terrenis desideriis mundanisque voluptatibus

soluta, pater tamen, quippe qui eius proposito

repugnaret, blanditias, minas, carcerem,

omnia denique conatus est dummodo

fìlia a consilio recederet; sed Camillae voluntatem

amovere minime valuit. Ipsa quidem

septem menses graviter aegrotare coepit,

at Christus sponsam sustinebat «cum

multis benefìciis et donis», sicuti in ipsius

Beatae epistula autobiographica legitur. De

quibus quidem ipsa haec: «Melius est pauca

de multis dicere – scripsit – quam multa de

paucis loqui». Cui nempe semel iterumque

lesus apparuit, primum scilicet ante Beatam

incedens, deinde vero Cor ostendens, in quo

erat scriptum: «Ego te diligo Camillam».

Duobus tandem post annis Iulius Caesar

fìliae assensus est ut ipsa Deo se devoveret.

Camilla itaque die 14 mensis Novembris

anno 1481 Urbinatense Sanctae Clarae

asceterium ingressa est, ubi quidem eiusdem

Sancta Regula vigebat, nomen assumens

Sororis Baptistae. Quo in monasterio

ipsa opus De Iesu recordationibus scripsit,

quod postea anno 1491 rescripsit. Post autem

vota sollemniter nuncupata, Soror Baptista

una cum octo sociabus Camerinum rediit

ibique die 4 mensis Ianuarii anno 1484

novum Clarissarum asceterium, quod Iulius

Caesar de Varano pro fìlia acquisiverat, religiosis

Superioribus obtemperans est ingressa.

Egregiis mentis et cordis facultatibus ornata,

vita spiritalis Beatae, quae adhuc profecerat,

de virtute in virtutem increbuit.

Fontes eius inexhaustae contentionis deprecatio,

Sacrae Scripturae necnon divina liturgia

fuerunt. Ipsa in praesentia Dei constanter

vivebat. Cuius quidem meditatio

non tantum in Domini Iesu Passionem vel

vulnera, quantum in acerbissimos Cordis

Iesu maerores dirigebatur, de quibus Beata

scripsit: «Hi velut totius vasis mei sunt, alii

tamquam mellis gutta extra vas». Ipsa igitur

«in Sacratissimum Cor Iesu ingredi Eiusque

acerbissimorum maerorum pelago

submergi» itemque «singulos anni dies

tamquam Parascevem habere» decrevit.

Dominus nempe Cordis sui maerores ipsi

dederat intuendos: quamobrem Beata opus

De maeroribus Cordis Iesu Christi in sua

passione composuit, quod de maeroribus

quidem refert a lesu sustentis propter damnatos,

electos, Beatam ipsius Genetricem,

Mariam Magdalenam, discipulos, Iudam,

populum dilectionis iudaicum omniumque

creaturarum ingratitudinem. Quod quidem

opus anno 1490 Neapoli absque auctoris

nomine est impressum, ipsa videlicet autri-


ce adhuc vivente nesciente; postea in multas

linguas translatum innumeras editiones

habuit, sicque compluribus carum factum

est christifidelibus, sanctoque Philippo Neri

in primis. Inde ab anno 1488 ad annum

1491 Beatae fides ceteraeque virtutes animi

tenebras ob Dei silentium sunt expertae,

quae quidem occasionem ipsi aperierunt

autobiographicae epistulae conscribendae:

quod opus non tantum litterarum reique

mysticae velut gemma refulget, quantum fidei

vitaeque consecratae iter describit. Sororibus

igitur virtutes ipsius, prudentiam

scilicet et mansuetudinem et caritatem, admirantibus,

Beata trigesimo quinto aetatis

suae anno pluriesque exinde monasterii antistita

est creata.

Annis tamen 1501 et 1502 Soror Baptista

acerbissimorum seriem dolorum perpessa

est. Primum enim Alexander VI Iulium

Caesarem de Varano, Rodulfì consobrini de

caede quamvis absque testimoniis accusatum,

excommunicavit; deinde vero Caesar

Borgia, eiusdem Papae fìlius, Camerinum

oppugnavit, quapropter Beata una cum Angela

e gente Octoniana, ipsius sodali, Firmum

aufugit indeque, cum haud benigne a

Firmanis primoribus excepta esset, in regnum

Neapolitanum perrexit, in civitatem

tandem Atriensem perveniens. Interea vero

Caesar Borgia patrem Beatae tresque germanos

trucidavit. Nec igitur ante Alexandri

VI obitum, qui quidem die 18 mensis Augusti

anno 1503 evenit, Baptista et Angela

sodalis Camerinum redire valuerunt. Notandum

vero quod numquam Beata quidquam

mali hisce de rebus dixit vel scripsit.

Quam immo Iulius II adeo existimatione dignam

habuit, ut anno 1505 eam Firmum

mitteret ad novum Clarissarum coenobium

constituendum; ibique ipsa circiter duos annos

est morata.

Beatae caritas et erga Deum refulsit,

quamvis vero Camilla Baptista in suis operibus

homines minime adeo aptos ad respondendum

infìnitae Dei caritati adseveret,

quin ipsa Maria Virgo ipsique Sancti et

angeli vix digne Deo gratias agere potuerint

«propter parvulum florem ad nostram utilitatem

creatum magisque propter immensam

ac singularem caritatem qua dilexit nos

E POSTULATIONE GENERALI

77

ut Filium suum Unigenitum daret pro nobis

vilissimis peccatoribus». Post hanc supernam

illuminationem Beata exclamavit: «O

insania, o insania!», quippe cui «nullum

verbum tanto amori exprimendo idoneum»

videretur, adeo ut ipsa semet infernis dignam

existimaret, nempe sub ludae pedibus,

sed, ut scripsit, hisce condicionibus:

«Dummodo ibi te, Domine, diligam». Cum

verum de Beatae amore pro Christo superius

dixerimus, nunc restat ut nonnulla de

eius amore in Sanctissimam Eucharistiam

tractemus. De quo quidem ipsa haec: «Per

biennium – scripsit – Eucharistiam singulis

dominicis diebus acceperam, cotidie autem

eandem appetebam»; praeterea olim «dum

ecclesiam ingreditur ad Sanctissimum Sacramentum

adorandum, ex hoc sagitta exivit,

quae divino eius cor amore vulneravit».

Caritatem erga proximum Beata patefaciebat

primum erga sodales, de quibus bene

semper sentiebat quarumque errores excusabat,

teste ipso Antonio a Segovia monacho

olivetano; deinde vero erga asceterii

amicos omnesque eos qui ipsius consilium

vel orationem petebant (namque epistulas

Beata conscripsit pro capitis damnatis servandi

vel pro civibus a devastatione eripiendis);

denique erga omnes, sicuti e cuiusdam

sodalis epistula constat: «Soror Baptista

adeo in animarum zelo defixa est ut se

flagrantem habeat nec alia consolatione

affìciatur; nec alium ipsa cibum sumit nisi

illum, et loquens de animarum salute languere

videtur». Praeterea Beata amore Ecclesiae

refulsit, prout eadem sodalis testatur:

«Saepe adeo pro Ecclesiae renovatione

ardet ut dormire vel comedere vix queat neu

cuipiam aurem praebere, quamobrem nonnumquam

graviter aegrotavit». Constat

enim Beatam temporibus vixisse quibus

corrupti mores ipsam Ecclesiam Dei afficerent

quibusque lutherana a Romano Pontifìce

discessio evenit.

Baptista fuit etiam spe in Providentia referta,

superioribus oboediens, moribus casta,

in terrestrium bonorum usu necnon in

cibo potuque temperans; summam ipsa

paupertatem excoluit omnique tempore humilem

se praebuit, eadem in infìrmitatibus

patiens, devotione quoque erga Beatam


78 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Mariam Virginem et angelos et Sanctos florens.

Anno circiter 1521 ipsa opus De cordis

puritate conscripsit, quod profecto, dum

sublime perfectionis iter effìngit, praestantis

ab illa actae vitae imaginem exprimit.

Inde a iuventute Beata dissolvi cupiit

dummodo fieret cum Christo sponso, qui

eam quidem ad nuptias aeternas vocavit die

31 mensis Maii anno 1524, tempore vero

pestilentiae, eaque sexagesimum sextum

annum agente.

Fama sanctitatis, qua Soror Baptista de

Varano claruit in vita, nec eius quidem post

mortem obsolevit, sicuti per plurimas eius

exuviarum recognitiones et imagines cum

nimbis depictas, per ipsum denique Beatae

titulum, quo ea invocata est per saecula,

cultumque ab immemorabili tempore eidem

praestitum, arguitur. Nam Gregorius

XVI die 7 mensis Aprilis anno 1843 Beatam

inde ab antiquissimis temporibus cultu

publico fruitam esse agnovit; postea vero

Leo XIII die 8 mensis Aprilis anno 1891

Processum in Curia Archidioecesis Camerinensis

auctoritate Apostolica instructum

confìrmavit, qui porro die 4 mensis Februarii

anno 1893 scripta Beatae approbavit. Vicesimo

denique vertente saeculo, in Italia

aliisque nationibus studium vitae operumque

Beatae pariter ac eius devotio increbuit.

Positione super virtutibus a Consultoribus

Historicis huius Congregationis de

Causis Sanctorum die 22 mensis Octobris

anno 2003 expensa, disceptatum est secundum

normas utrum Beata virtutes in gradu

heroico exercuerit. Die autem 14 mensis

Decembris anno 2004 habitus est, positivo

cum exitu, Congressus Peculiaris Consultorum

Theologorum. Patres Cardinales et

Episcopi, in Sessione Ordinaria congregati

die 1 mensis Martii huius anni 2005, Ponente

Causae Exc.mo D.no Francisco Croci,

Episcopo tit. Potentino in Piceno, agnoverunt

Beatam Baptistam Varano theologales,

cardinales eisque adnexas virtutes

heroico in gradu excoluisse.

Facta demum de bisce omnibus rebus

Summo Pontifici Benedicto XVI per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, hodiemo die declaravit: Constare

de virtutibus theologalibus Fide, Spe et Caritate

tum in Deum tum in proximum, necnon

de cardinalibus Prudentia, Iustitia,

Temperantia et Fortitudine, eisque adnexis,

in gradu heroico, Beatae Baptistae Varano

(seu Camillae Baptistae de Varano), Monialis

professae Ordinis Sanctae Clarae, in

casu et ad effectum de quo agitur.

Hoc autem decretum publici iuris fieri et

in acta Congregationis de Causis Sanctorum

Summus Pontifex referri statuit.

Datum Romae,

die 19 mensis Decembris A. D. 2005.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

5. Decretum super virtutibus SD Maximi

Rinaldi

CONGREGATIO

DE CAUSIS SANCTORUM

REATINA. Beatificationis et Canonizationis

Servi Dei MAXIMI RINALDI e Congregatione

Missionariorum a Sancto Carolo,

episcopi reatini (1869-1941).

«Gregis Christi Pastores imprimis oportet

ut ad imaginem summi et aetemi Sacerdotis,

Pastoris et Episcopi animarum nostrarum,

sancte et alacriter, humiliter et fortiter

exsequantur ministerium suum, quod

ita adimpletum, etiam pro eis erit praecelsum

sanctifìcationis medium» (CONC. OEC.

VAT. II, Const. dogm. de Ecclesia, Lumen

gentium, 41).

Caritate Christi compulsus, Servus Dei

Maximus Rinaldi, primum fervens presbyter

ac missionarius, deinde perdiligens Reatinae

dioecesis Episcopus, «sancte et alacriter,

humiliter et fortiter» Ecclesiae et animabus

inserviit. Nam utpote qui divini

Pastoris discipulus exsisteret genuinus, ipse

enixus est ut forma gregi fìeret (cf. 1Pe 5, 3)

utque diem ex die animam suam pro ovibus

poneret (cf. Io 10, 15).


Servus Dei natus est Reate die 24 mensis

Septembris anno 1869 e Iosepho Rinaldi et

Barbara Mannelli colonis, ipsoque die natali

sacrum baptisma recepit. Cum autem anno

1873 mater eius obiisset, pater, quattuor

liberos secum ducens, hospitio acceptus est

a Dominico Rinaldi fratre, qui sacerdotali

ministerio fungebatur apud Reatinam paroeciam

Sancti Michaëlis Archangeli. Ab

anno 1882 ad annum 1884 Servus Dei in

ipso Seminario dioecesano studia excoluit,

quae postea vel egressus perrexit. Cum demum

sacro presbyteratus ordine augeretur

die 16 mensis Iulii anno 1893, sua ipse consilia

complexus est hisce verbis, quae sumpserat

e Beati Pauli Apostoli epistula altera

ad Corinthios: «Impendam et superimpendar

pro salute animarum» (cf. 2Cor 12, 75).

Ipse enim iam tum scribebat «hominum vitam

summum inane esse; Deum et animas,

hoc ipsum valere. Omnia ergo, omnia prorsus

impendenda, dum perveniatur ad Deum

animaeque serventur».

Ipse itaque, oeconomi spiritalis munere

fungens, ministerium pastorale exercuit in

paroeciis apud loca v. d. Ornaro et Greccio.

Mox autem Dominicus Rinaldi patruus,

Episcopus Montis Falisci creatus,

eum secum duxit in scribam et curatorem.

Interea Servus Dei vocationem missionalem

in animo volutabat. Cum itaque Romae

Beatum loannem Baptistam Scalabrini

convenisset, ipse anno 1900 ingressus

est Congregationem Missionariorum a

Sancto Carolo, quam Beatus ille pro pastorali

migrantium cura instituerat. Postquam

die 4 mensis Novembris eiusdem anni Placentiae

sacris se votis obligasset, in Brasiliam

conscendit ibique in loco v. d. Encantado,

in civitate scilicet Rivo Magno Australi,

miro studio et alacritate apostolatum

missionale exercuit. Nam ipse anno 1904

praefectus est paroeciae Sancti Petri apud

locum v. d. Encantado pauloque post,

ipsius Fundatoris iussu, factus est Superior

provincialis Rivi Magni Australis. Cum

autem anno 1910 in Italiam reversus esset,

munus assumpsit Procuratoris et Oeconomi

generalis propriae Congregationis,

cuius ipse Vicarius generalis anno 1915

nominatus est.

E POSTULATIONE GENERALI

79

Die vero 2 mensis Augusti anno 1924

Summus Pontifex Pius XI eum Episcopum

Reatinum elexit. Sacram ergo ordinationem

Servus Dei accepit in patrio templo cathedrali

die 19 mensis Martii subsequentis anni

per Em.mum Raphaelem Cardinalem

Merry Del Val. Propriae exinde dioecesis

societati famulatus est operum vitaeque

sanctitate. Suos ipse presbyteros singulariter

dilexit, iis nempe indulgens et ignoscens,

eosque omni tempore defendens; parique

dilectione humiles inopesque ipse est

prosecutus. Complura porro incepit cum in

provectum catholici laicorum ordinis tum

in maiorem civium dignitatem spiritalem et

socialem: nam Actionem Catholicam constituit;

coloniam rusticani a Sancto Antonio,

quae nunc “Opera Massimo Rinaldi” Italice

nuncupatur, pro aniculis orphanulisque

aperuit; sacerdotalem denique convictum in

episcopio condidit. Infìrmos eosque, qui in

carcere iacebant, saepe ipse visebat; peregrinos

etiam et pauperes hospitio excipiebat,

omnia opera misericordiae corporalis et

spiritalis exercere conans. Praeterea Servus

Dei catholicae pressoriae et catechesis apostolus

exstitit: nonnullas enim ephemeridas

fundavit, inter quas profecto memoranda

est illa, quae Italice inscribitur: “L’Unità

Sabina”, annoque 1930 Offìcium Catecheticum

Dioecesanum instituit. Anno vero

1938 episcopale ephebeum aperuit ubi adulescentes

studiis dediti, a longinquis dioecesis

venientes, hospitio exciperentur et

efformarentur. Cum autem verno tempore

anni 1941 in gravem morbum incidisset,

Romam demigravit in Domum generaliciam

suae Congregationis, quam ipse Procuratoris

generalis munere fungens exstruendam

curaverat. Aequo animo morbum

sustulit, quo tamen ipse die 31 mensis

Maii eiusdem anni mortuus est.

Dehinc maxima populi frequentia exequiae

magnifice factae sunt Reate. Corpus

eius, quod primum in coemeterio urbano

conditum est, inde ab anno 1966 in ecclesia

cathedrali iacet, cleri plebisque veneratione

circumdatum. Vivit enim adhuc memoria

sanctitatis vitae Servi Dei, nedum virtutum

quas ipse prompte, assidue ac delectabiliter

exercuerat.


80 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Fide imprimis effulsit, quam ipse per

unionem cum Deo aluit et in vita diem ex

die acta testifìcatus est. Deus summa eius

cogitationum et animi exstitit inde a tempore

quo ipse sacro tirocinio operam navabat.

Cuius ministerium pastorale vitamque

interiorem alebant divini verbi meditatio

singularisque pietas erga

Eucharistiam, quam ipse magna devotione

celebrabat, effìciens ut omnes Iesum praesentem

sentirent atque gustarent. Saepe diurno

vel nocturno tempore solebat is Augustissimum

Sacramentum producta adoratione

prosequi. Filiali et ardenti pietate

flagravit in Mariam, quam ipse frequenter

Rosario recitando colebat. Spem suam in

Domino posuit, quippe qui in arduis et in

periculis divinae se Providentiae commendaret.

Utpote ad ea tantum porrectus quae

sursum sunt, ubi Christus est in dextera

Dei sedens (cf. Col 3, 7), semetipsum et

mundana neglexit. Hoc quidem tantum appetiit,

ut Deo gratus evaderet eiusque voluntatem

adimpleret, viam sanctitatis confìciens

ipseque sine mora operam impendens

pro Ecclesiae aedifìcatione

animarumque salute.

Ubi primum episcopalem ordinationem

accepit, ipse ad clerum et populum conversus:

«Virtute et caritate – inquit – in

eos, qui bonum oderunt, pugnabimus; hisque

tantum freti muneribus viam boni

consequi valebimus». Proximum suum

propter Deum dilexit, maximeque infìrmos,

maerentes, inopes, pueros, sacerdotes

eosque praesertim provectos aetate vel

laborantes, religiosos denique viros religiosasque

virgines. Ipse porro, ut peccatores

Deo reconciliaret, diu noctuque longas

horas in confessionum tribunali degebat.

Summam prudentiam adhibuit cum in

Dioecesi regenda, tum in deligendis aptissimis

rationibus ad suam aliorumque sanctifìcationem.

Exemplo quoque fuit in exercenda

iustitia tum in Deum tum in proximum

inque aliarum virtutum exercitio,

videlicet fortitudinis, fìdelitatis in propriam

missionem, patientiae in diffìcultatibus,

temperantiae, paupertatis, castitatis,

oboedientiae denique Deo superioribusque

ecclesiasticis. Nec mirum ergo ut hic vir

populum delectaverit humilitate et paupertate

studioque suimet devovendi et mortifìcandi,

quod ipse excoluit per integrum

curriculum suae vitae sacerdotalis et episcopalis.

Quae quidem omnia Episcopo Reatino

persuaserunt ut Causam beatifìcationis et

Canonizationis inchoaret. Nam annis

1991-1997 Inquisitio dioecesana peracta

est, cuius validitatem iuridicam haec

Congregatio agnovit per decretum die 20

mensis Novembris anno 1998 latum. Positione

confecta, disceptatum est de more

utrum Servus Dei virtutes in gradu heroico

exercuerit. Die 1 mensis Februarii

huius anni 2005 habitus est, positivo cum

exitu, Congressus Peculiaris Consultorum

Theologorum. Patres Cardinales et

Episcopi, in Sessione Ordinaria congregati

die 3 mensis Maii subsequentis, Ponente

Causae Exc.mo D. Laurentio Chiarinelli,

Episcopo Viterbiensi, Servum Dei

agnoverunt virtutes theologales, cardinales

eisque adnexas heroico gradu excoluisse.

Facta demum de hisce omnibus rebus

Summo Pontifìci Benedicto XVI per subscriptum

Cardinalem Praefectum accurata

relatione, Sanctitas Sua, vota Congregationis

de Causis Sanctorum excipiens rataque

habens, hodiemo die declaravit: Constare

de virtutibus theologalibus Fide, Spe et

Caritate tum in Deum tum in proximum,

necnon de cardinalibus Prudentia, Iustitia,

Temperantia et Fortitudine, iisque adnexis,

in gradu heroico. Servi Dei Maximi

Rinaldi, e Congregatione Missionariorum

a Sancto Carolo, Episcopi Reatini, in casu

et ad effectum de quo agitur.

Statuit autem Sanctitas Sua ut hoc decretum

publici iuris fieret et in acta Congregationis

de Causis Sanctorum referretur.

Datum Romae,

die 19 mensis Decembris A. D. 2005.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis


6. Nominatio Relatoris in Causa SD Teresiae

Enriquez

CONGREGATIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2395-5/05

Vaticano, 13.01.2006

Il Congresso Ordinario di questo Dicastero,

in data 13.01.2006 ha affidato al

Rev.mo Relatore Mons. José Luis Gutiérrez

la Causa TOLETANA della S. di D. Teresa Enriquez

(1456-1529).

Pertanto il Postulatore è invitato a presentare

allo stesso Relatore il Collaboratore

esterno per lo studio della Causa.

MICHELE DI RUBERTO

Sottosegretario

___________________

Rev.mo P. Luca De Rosa OFM

Postulatore della Causa

7. Facultas exuvias Ven. SD Maximi Rinaldi

recognoscendi

CONGREGATIODE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1741-19/06

REATINA. Beatificationis et Canonizationis

Venerabilis Servi Dei MAXIMI RINAL-

DI Episcopi Reatini e Congregatione Missionariorum

a Sancto Carolo.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, O.F.M., Postulator

legitime constitutus in Causa Beatificationis

et Canonizationis Venerabilis

Servi Dei Maximi Rinaldi, Episcopi Reatini,

e Congregatione Missionariorum a

Sancto Carolo, ab hac Congregatione de

Causis Sanctorum petit ut exuviae eiusdem

Venerabilis Servi Dei, in sacello Basilicae

Cathedralis Sanctae Mariae urbis Reatinae

asservatae, recognosci atque, eadem recognitione

canonica peracta, in novam urnam

reponi possint.

Haec Congregatio, attentis expositis

necnon assensu Exc.mi ac Rev.mi Domini

D. Delii Lucarelli, Episcopi Reatini, pro

gratia iuxta preces benigne annuit, ea tamen

lege ut omnia signa cultus publici praefato

Venerabili Servo Dei vitentur: servata ta-

E POSTULATIONE GENERALI

81

men peculiari Instructione huius Congregationis.

Contrariis non obstantibus quibuslibet.

Datura Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 19 mensis Ianuarii A.D. 2006.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

8. Nuntium Secretariae Status de ritu

beatificationis Ven. SD Augustini Thevarparampil

SEGRETERIA DI STATO

PRIMA SEZIONE - AFFARI GENERALI

Prot. N. 27.102

Dal Vaticano, 26 gennaio 2006

Reverendo Padre,

mi do premura di significarLe che il Sommo

Pontefice, accogliendo la richiesta avanzata

da S. E. Mons. Joseph Kallarangatt, Vescovo

di Palai, ha concesso che la Cerimonia

di Beatificazione del Venerabile Servo di

Dio Agostino Thevarparampil, abbia luogo a

Ramapuram domenica 30 aprile 2006 e sia

presieduta in Sua rappresentanza, dall’Em.mo

Card. Varkey Vithayathil.

Desidero comunicarLe che quanto sopra

è stato portato a conoscenza del Vescovo, il

quale è stato altresì invitato a prendere direttamente

contatto con la Congregazione

delle Cause dei Santi e con l’Ufficio delle

Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice

per quanto concerne l’organizzazione

della cerimonia.

Profitto della circostanza per confermarmi

con sensi di religiosa stima

Suo dev.mo nel Signore

+ LEONARDO SANDRI

Sostituto

_________________________

Reverendo Padre

P. Luca De Rosa, OFM

Via S. Maria Mediatrice, 25

00165 ROMA


82 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

9. Facultas conceditur Causae SSDD Richardi

Pelufo et Sociorum OFM alia

Causa Servarum Dei OSC coniungendi

CONGREGATIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2183-5/06

VALENTINA. Beatificationis seu Declarationis

Martyrii Servorum Dei RICHARDI

PELUFO ESTEVE Sacerdotis professi Ordinis

Fratrum Minorum et XXXIX SOCIORUM et

SOCIARUM in odium Fidei, uti fertur, interfectorum.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut Causae Servorum Dei Richardi Pelufo

Esteve et xxxv Sociorum, ex Ordine

Fratrum Minorum, coniungi Causa Servarum

Dei Mariae a Conceptione Vila Hernandez

et ii Sociarum necnon Trinitatis (in

saeculo: Franciscae Peneli Ferreres), et sub

titulo uti supra in lemmate nuncupari possit,

quod omnes Servi et Servae Dei in eadem

persecutione eodemque loco martyrium, uti

asseritur, occubuerunt.

Haec Congregatio, attentis expositis

necnon assensu Exc.mi ac Rev.mi Domini

D. Augustini Garcia-Gasco Vicente, Archiepiscopi

Valentini, pro gratia iuxta preces

benigne annuit. Contrariis non obstantibus

quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 27 mensis Ianuarii A.D. 2006.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

10. Facultas Transumptum aperiendi in

Causa SD Melchiorae Saravia Tasayco

CONGREGATIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1279-8/06

ICEN. Beatificationis et Canonizationis

Servae Dei MELCHIORAE SARAVIA TASAYCO

e Tertio Ordine Saeculari Sancti Francisci.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, Postulator

Generalis Ordinis Fratrum Minorum, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut Transumptum Inquisitionis Dioecesanae,

apud Curiam ecclesiasticam Icensem

peractae, super vita et virtutibus necon fama

sanctitatis Servae Dei Melchiorae Saravia

Tasayco, e Tertio Ordine Saeculari

Sancti Francisci, clausum sigillisque munitum

in actis eiusdem Congregationis asservatum,

aperiri possit.

Haec Congregatio, attentis expositis,

pro gratia iuxta preces benigne annuit:

servatis de cetero omnibus de iure servandis.

Contrariis non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 22 mensis Februarii A.D. 2006.

IOSEPHUS CARD SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

11. Nominatio Relatoris in Causa SS.DD.

Richardi Pelufo et Sociorum OFM

CONGREGTIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 2183-6/06

Vaticano, 24 febbraio 2006

Il Congresso Ordinario di questo Dicastero,

in data 24 febbraio 2006, ha affidato

al Rev.mo Relatore Mos. José Luis Gutiérrez

la Causa Valentina dei SSDD Riccardo

Pelufo Esteve e 39 Comp. (+1936).

Pertanto il Postulatore è invitato a presentare

allo stesso Relatore il Collaboratore

esterno per lo studio della Causa.

_______________________

Reverendo Padre

P. Luca De Rosa, OFM

Postulatore generale

MICHELE DI RUBERTO

Sottosegretario


12. Facultas exuvias recognoscendi Ven.

SD Augustini Thevarparampil

CONGREGTIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1574-27/06

PALAIEN. Beatificationis et Canonizationis

Venerabilis Servi Dei AUGUSTINI

THEVARPARAMPIL v.d. “Kunjachan” Sacerdotis

Dioecesani.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, O.F.M., Postulator

legitime constitutus in Causa Beatificationis

et Canonizationis Venerabilis

Servi Dei Augustini Thevarparampil, v.d.

“Kunjachan”, Sacerdotis Dioecesani, ab

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut exuviae eiusdem Venerabilis Servi

Dei recognosci possint.

Haec Congregatio, attentis expositis,

necnon assensu Exc.mi ac Rev.mi Domini

D. Iosephi Kallarangatt, Episcopi Palaiensis,

pro gratia iuxta preces benigne annuit,

ea tamen lege ut, ante Beatificationem eiusdem

Venerabilis Servi Dei, omnia cultus

publici signa vitentur.

Indulsit insuper haec Congregatio ut, occasione

praefatae recognitionis canonicae,

partes quaedam parvae ex corpore praefati

Venerabilis Servi Dei extrahi diriberique

possint, ad Christifidelium devotioni satisfaciendum:

servata tamen peculiari Instructione

huius Congregationis. Contrariis

non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 4 mensis Martii A.D. 2006.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

13. Validitas iuridica Inquisitionis super

adserto miraculo in Causa SD M. Clarae

S. Farolfi declaratur

CONGREGTIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 1168-17/05

BRITTINORIEN. Beatificationis et Canonizationis

Servae Dei Mariae Clarae Se-

E POSTULATIONE GENERALI

raphinae Farolfi Fundatricis Sororum Clarissarum

Franciscalium Missionariarum a

Ss.mo Sacramento.

In Ordinario Congressu, die 10 mensis

Martii huius anni 2006 celebrato, haec Congregatio

de Causis Sanctorum sequens dubium

disceptavit, nimirum: “An constet de

validitate Inquisitionis Dioecesanae, apud

Curiam ecclesiasticam Delhiensem peractae,

super asserta mira sanatione Rev.dae

Sororis Stephaniae Pattery, intercessioni

Servae Dei Mariae Clarae Seraphinae Farolfi,

Fundatricis Sororum Clarissarum

Franciscalium Missionariarum a Ss.mo Sacramento,

tributa: testes sint rite recteque

examinati et iura producta legitime compulsata

in casu et ad effectum de quo agitur”.

Haec Congregatio, attento voto ex officio

redacto reque diligenter perpensa, rescripsit:

Affirmative, seu constare de validitate

eiusdem Inquisitionis Dioecesanae in

casu et ad effectum de quo agitur, sanatis de

iure sanandis. Contrariis non obstantibus

quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 10 mensis Martii A.D. 2006.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

14. Facultas transumptum inquisitionis

super miro aperiendi in Causa Ven.

SD Francisci Paleari

CONGREGTIO DE CAUSIS SANCTORUM

Prot. N. 976-31/06

83

TAURINEN. Beatificationis et Canonizationis

Venerabilis Servi Dei Francisci

Paleari Sacerdotis Dioecesani Instituti v.d.

“Cottolengo”.

Rev.mus P. Lucas De Rosa, O.F.M., Postulator

legitime constitutus in Causa Beatificationis

et Canonizationis Venerabilis

Servi Dei Francisci Paleari, Sacerdotis

Dioecesani Instituti v.d. “Cottolengo”, ab


84 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

hac Congregatione de Causis Sanctorum

petit ut Transumptum Inquisitionis Dioecesanae,

apud Curiam ecclesiasticam Taurinensem

peractae, super asserta mira sanatione

infantis Silvii Cuizza, intercessioni

eiusdem Venerabilis Servi Dei tributa, clausum

sigillisque munitum in actis eiusdem

Congregationis asservatum, aperiri possit.

Haec Congregatio, attentis expositis, pro

gratia iuxta preces benigne annuii: servatis

de cetero omnibus de iure servandis. Contrariis

non obstantibus quibuslibet.

Datum Romae, ex aedibus eiusdem Congregationis,

die 27 mensis Martii A.D. 2006.

IOSEPHUS CARD. SARAIVA MARTINS

Praefectus

+ EDUARDUS NOWAK

Archiepiscopus tit. Lunensis

a Secretis

15. Notitiae particulares

1. Promulgatio Decretorum

Il 28 aprile 2006 il Santo Padre Benedetto

XVI ha autorizzato la Congregazione

delle Cause dei Santi a promulgare i seguenti

Decreti relativi a tre Cause affidate

alla nostra Postulazione e riguardanti:

• il martirio dei Servi di Dio Felice Echevarria

Gorostiaga, sacerdote professo

dell’Ordine dei Frati Minori, nato a Ceánuri

(Spagna) e morto il 21 settembre

1936 ad Azuaga (Spagna), e VI Compagni

OFM, membri della Provincia di

Nostra Signora della Regola in Spagna,

uccisi “in odium Fidei” nel corso della

persecuzione religiosa degli anni 1936-

1939;

• le virtù eroiche della Serva di Dio Speranza

González Puig, Fondatrice della

Congregazione delle Ancelle Missionarie

del Cuore Immacolato di Maria, nata

il 19 maggio 1823 a Lleida (Spagna) ed

ivi morta il 5 agosto 1885;

• le virtù eroiche della Serva di Dio Maria

Rosa Flesch (al secolo: Margherita),

Fondatrice delle Suore Francescane di S.

Maria degli Angeli, nata il 24 febbraio

1826 a Schönstatt (Germania) e morta a

Waldbreitbach (Germania) il 25 marzo

1906.

2. Congressus peculiares super virtutibus

Nei giorni 3 febbraio 2006 e 7 aprile

2006, in due distinte sessioni, i Consultori

teologi della Congregazione delle Cause

dei Santi, riuniti in Congresso Peculiare sotto

la presidenza del Promotore Generale

della Fede, espressero il loro voto sull’esercizio

eroico delle virtù da parte dei Servi di

Dio Mamerto Esquiú, Vescovo di Cordoba

in Argentina, dell’Ordine dei Frati Minori,

nato a Catamarca in Argentina l’11 maggio

1826 y morto a Posta del Suncho (Argentina)

il 10 gennaio 1883, e Maria Luisa Angelica

Clarac, Fondatrice delle Suore della

Carità di S. Maria, nata ad Auch (Francia) il

6 aprile 1817 e morta a Moncalieri (Italia) il

21 giugno 1887.

3. Congressus peculiares super miraculis

Nella duplice sessione del 24 gennaio e

del 21 febbraio del 2006, i Consultori teologi

della Congregazione delle Cause dei

Santi, radunati in Congregazione peculiare

sotto la presidenza del Promotore generale

della Fede, espressero il loro unanime voto

favorevole in merito agli asseriti miracoli

attribuiti alla intercessione della Venerabile

Serva di Dio Maria Celina della Presentazione,

religiosa professa dell’Ordine di S.

Chiara, nata a Nojals (Francia) nel 1878 e

morta nel monastero delle Clarisse a Bordeaux

il 30 maggio 1897, e del Beato Simone

da Lipnica, sacerdote professo dei Frati

Minori (Provincia dell’Immacolata in Polonia),

nato a Lipnica (Polonia) verso il 1439

e morto a Cracovia (Polonia) il 18 luglio

1482.

4. Congressus Medicorum super adesertis

miribus

Nel corso di tre distinte sessioni, celebrate

nei giorni 23 febbraio e 23 marzo dell’anno

2006, i Consultori Medici della Congregazione

delle Cause dei Santi, espressero

il loro autorevole giudizio circa l’asserita

inspiegabilità scientifica di tre distinte guarigioni

attribuite alla intercessione del Venerabile

Antonio di Gesù Margil, sacerdote


professo dei Frati Minori (1657-1726), e

delle Beate Maria Bernarda Bütler, Fondatrice

delle Suore Missionarie Francescane

di Maria Ausiliatrice (1848-1924), e Alfonsa

dell’Immacolata Concezione, religiosa

professa della Congregazione delle Clarisse

Francescane (1910-1946), e presentate

dalla Postulazione in ordine all’auspicata

Beatificazione del Venerabile Margil e della

Canonizzazione delle due Beate.

5. Conclusio Inquisitionis dioecesanne super

vita et virtutibus

Il 21 dicembre 2005 a Ica in Perù, l’Ordinario

diocesano dichiarò conclusa l’Inchiesta

sulla vita, le virtù e la fama di santità

della Serva di Dio Melchiora Saravia

Tasayco, dell’Ordine Francescano Secolare,

nata a Grocio Prado (Perù) il 6 gennaio

1895 e morta a S. José de Chincha (Perù) il

4 dicembre 1951, trasmettendo a Roma il

Transunto degli atti processuali.

6. Conclusio Inquisitionis dioecesanae super

miro

Il 18 marzo 2006 a Torino (Italia)

l’Em.mo Signor Cardinale Severino Poletto,

Arcivescovo Metropolita di Torino, dichiarò

conclusa l’Inchiesta diocesana su

una presunta guarigione miracolosa attribuita

alla intercessione del Venerabile Servo

di Dio Francesco Paleari, sacerdote diocesano

dell’Istituto “Cottolengo”, nato a

Pogliano Milanese il 22 ottobre 1863 e

E POSTULATIONE GENERALI

85

morto a Torino il 7 maggio 1939, le cui virtù

eroiche furono riconosciute il 6 aprile 1998.

7. Introductio novae Causae

Il 4 marzo 2006, a Valencia in Spagna,

l’Arcivescovo Metropolita Mons. Agustin

Garcia-Gasco Vicente, introdusse ufficialmente

la Causa di beatificazione e canonizzazione

del Servo di Dio Pedro Esteve Puig,

sacerdote professo dell’Ordine dei Frati

Minori, membro della Provincia francescana

di Valencia, nato a Denía il 19 ottobre

1582 e morto a Valencia il 3 novembre

1658.

8. Novissimae Positiones

Nel corso dell’ultimo quadrimestre sono

state presentate ufficialmente all’ufficio del

Protocollo della Congregazione delle Cause

dei Santi le seguenti “Positiones”:

• Sancti Iacobi in Chile. – Beatificationis

et Canonizationis Servi Dei Andreae

Philomeni Garcia Acosta, Laici professi

ex Ordine Fratrum Minorum (1800-

1853) – Positio super vita, virtutibus et

fama sanctitatis – Romae 2005.

• Zagrebien. - Beatificationis et Canonizationis

Servi Dei Antonii Antic, Sacerdotis

professi ex Ordine Fratrum Minorum

(1895-1965) – Positio super vita, virtutibus

et fama sanctitatis – 2 voll. – Romae

2006.

FR. LUCA M. DE ROSA, OFM


Statistica

Ordinis Fratrum Minorum

Status die 31 Decembris 2005

Iuxta statistica a Ministris Provincialibus transmissas.

Curata a fr. L. Perugini OFM et fr. John Abela OFM

I. Relatio de statu personali et locali totius ordinis

I. De Statu Personali

1. Sollemniter Professi

a) Cardinales

a) Archiepiscopi

a) Episcopi

b) Sacerdotes

c) Diaconi permanentes

d) Fratres cum optione clericali

e) Fratres laici

2. Professi temporarii

a) Fratres cum optione clericali

b) Fratres sine optione clericali

c) Fratres sine optione

Summa professorum sollemnium

Summa professorum temporarium

7

12

93

Summa 112

10437

70

530

2256

13405

1110

248

374

1732

c) Novitii 459

Summa totalis omnium fratrum cum novitiis

II. Distributio Fratrum Provinciae juxta residentiam

1. In territorio Provinciae

2. Extra territorium Provinciae

a) In Custodiis

b) In aliis locis

Postulantes

Tertiarii seu oblati perpetui

15596

13600

484

1512

Summa omnium fratrum cum novitiis 15596

665

43


88 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

III. Incrementum et decrementum Provinciae

1. Admissi (hoc anno)

a) Ad novitiatum

b) Ad professionem temporariam

c) Ad professionem sollemnem

Fratres laici

Fratres cum optione clericali

d) Ad sacros ordines

Ad diaconatum permanentem

Ad presbyteratum

2. Extra claustra commorantes hoc anno gratiam obtinuerunt

a) Sacerdotes et diaconi

b) Fratres laici

3. Egressi (hoc anno)

a) Novitii

b) Professi temporarii

c) Professi sollemnes

Frattres laici

Fratres cum optione clericali

Diaconi permanentes

Sacerdotes saecularizati, qui indultum obtinuerunt

Sacerdotes qui officium reliquerunt

4. Defuncti (hoc anno)

a) Novitii

b) Professi temporarii

c) Professi sollemnes

Frattres laicii

Fratres cum optione clericali

Diaconi

Sacerdotes

Summa fratrum egressorum

Summa fratrum defunctorum

510

478

57

189

6

173

84

24

95

161

17

21

1

39

20

354

1

2

54

296

353


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

IV. De statu locali - Domus

1. Domus

a) In territorio Provinciae

b) Extra territorium Provinciae

2. Domus filiales

a) In territorio Provinciae

b) Extra territorium Provinciae

V. Numerus paroeciarum Ordini concreditarum

1. In territorio Provinciae

a) Apud nostras domos

b) A domibus remotae

2. Extra territorium Provinciae

a) Apud nostras domos

b) A domibus remotae

Summa

1701

156

Summa 1857

575

35

Summa 610

Summa omnium domorum 2467

1131

671

1802

135

158

Summa 293

Summa omnium paroeciarium 2095

89


90 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

PS CL = Prof. Sol. cum optione clericale; PS Lc = Prof. Sol. Laici; PT Lc = Prof. Temp. Laici;

PT Cl = Prof. Temp. cum optione clericali; PT So = Prof. Temp. sine optione clericali;

Nov = Novitii; Pos = Postulantes; Obl = Oblati; SPS = summa Prof. Sol.;

SPT = summa Prof. Temp.; Tot = summa Fratrum;

Sum = summa Fratrum cum Novitiis; Dom = Domus

Phil = Alumni cursus Philosophiae; Theo = Alumni cursus Theologiae;

Grad = Alumni ad Grados Academicos


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

II. Fratres omnes unicuique Provinciae vel Cust. Aut. adscripti

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio

1 Aegyptus

Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

S. Familiae

2 Aequatoria

S. Francisci de Quito

3 Africa (Kenia) et Madigascaria

S. Francisci

4 Africa Meridionalis

N.rae Dominae Reginae Pacis

5 Albania

Annuntiationis B.V.M.

6 America Centralis/Panama

Dominae Nostrae de Guadalupe

7 Argentina

Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M

S. Michaelis

S. Francisci Solano

8 Australia

Sancti Spiritus

9 Austria

S. Bernardini Senensis

10 Austria/Italia

B. Engelberti Kolland

11 Belgium

S. Joseph Sponsi B.V.M.

12 Bolivia

S. Antonii / Missionaria

13 Bosnia-Herzegovia

S. Crucis / Bosnae Argentinae

Assumptionis BVM / Herzegoviae

14 Brasilia

SS. Nominis Jesu

S. Antonii Patavini

S. Francisci Assisiensis

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

N.rae Dominae Septem Gaudiorum

Assumptionis B.V.M. (Bacabal)

S. Crucis

S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut.

15 Britannia Magna

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

1 59 1 4 8 73 23 3 26 6 105 8

5 79 0 11 21 116 23 11 3 37 9 162 9

54 0 12 9 75 23 4 27 6 108 15

3 52 1 2 8 66 7 3 10 4 80 3

22 0 6 3 31 2 2 2 35 2

2 153 22 177 51 1 52 10 239 35

52 6 11 69

10 10 2 81 3

2 31 0 1 8 42 1 2 2 5 47 2

54 1 8 63

3 3 3 69 2

84 0 1 36 121 2 3 5 126 2

1 21 4 2 10 38 5 5 1 44 3

1 78 0 4 19 102 2 2 4 1 107 1

126 0 19 145

145 2

7 99 4 12 122 29 3 32 5 159 12

1 297 0 12 6 316 36 1 37 15 368 2

185 1 2 6 194 11 1 12 5 211 4

3 33 0 6 42 10 3 13 9 64 13

3 86 0 6 38 133 11 9 1 21 2 156 3

3 76 0 3 11 93 3 19 22 4 119 5

12 272 22 62 368

91 91 17 476 24

20 0 2 7 29 6 3 9 7 45 6

1 34 0 10 8 53 5 1 6 7 66 6

5 90 1 5 15 116 15 5 20 6 142 23

19 6 5 30 7 2 9 3 42 3

52 1 1 7 61 1 0 1 1 63 1 0

Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

PS CL = Prof. Sol. cum optione clericale; PS Lc = Prof. Sol. Laici; PT Lc = Prof. Temp. Laici;

PT Cl = Prof. Temp. cum optione clericali; PT So = Prof. Temp. sine optione clericali; Nov = Novitii;

Pos = Postulantes; Obl = Oblati; SPS = summa Prof. Sol.; SPT = summa Prof. Temp.; Sum = summa Fratrum cum Novitiis.

91


92 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

16 Canada

S. Joseph Sponsi B.V.M.

Christi Regis

17 Ceca Respublica

S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae

18 Chilia

Ss.mae Trinitatis

19 Columbia

S. Fidei

S. Pauli Apostoli

20 Congensis Resp.Dem.

S. Benedicti Africani

21 Corea

Ss. Martyrum Coreanorum

22 Croatia

Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae

S. Hieronymi / Dalmatiae

Ss.mi Redemptoris / Dalmatia

23 Gallia

B. Pacifici / Gallia Occidentalis

24 Gallia-Belgium

Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg.

25 Germania

S. Antonii Patavini / Bavariae

S. Crucis / Saxoniae

S. Elisabeth

SS. Trium Regum / Coloniae

26 Helvetia

Christi Regis Cust. Aut.

27 Hibernia

Hiberniae

28 Hispania

Baetica

Franciscana de Arantzazu

Carthaginensis

S. Gregorii Magni / Castellana

S. Salvatoris a Horta / Cataloniae

N.rae Dominae a Regula / Granatensis

S. Iacobi a Compostella

S. Joseph / Valentiae et Aragoniae

29 Hungaria

S. Ioannis a Capistrano

S. Mariae

1 86 0 36 123

6 6 4 133 10

24 16 40

3 3 43 3

42 1 6 49 2 1 3 2 54 1

81 1 1 36 119

16 16 1 136 12

2 156 0 8 34 200 28 5 3 36 9 245 13

47 0 2 14 63 5 9 7 21 4 88 9

1 93 0 21 13 128 74 9 83 3 214 18

55 0 16 54 125 15 4 19 8 152 6

1 149 0 8 22 180 26 5 31 5 216 10

64 0 2 66 1 1 3 70 2

243 0 5 5 253 21 21 4 278 9

2 126 2 36 166

4 4 170 2

1 89 1 32 123 1 1 124 4

64 1 27 92 2 2 4 2 98 2 2

116 1 30 147 1 2 3 150 3 2

81 21 102 3 3 1 106 1 2

51 1 23 75 3 1 4 2 81 1

16 2 10 28 1 1 1 30

1 118 0 4 22 145 13 1 14 4 163 4 1

70 1 3 26 100 6 2 8 108 3

213 0 5 41 259

20 20 9 288 9 3

62 1 2 9 74 1 1 1 76 1

1 58 1 1 12 73 3 1 1 5 78 2

39 3 7 49 2 2 51

1 72 1 1 18 93 1 1 2 95

3 97 3 19 122 7 7 129

1 70 1 2 12 86 1 1 1 88 3 1

2 71 0 2 5 80 9 3 12 92 3

18 1 5 24 1 1 1 26

Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

PS CL = Prof. Sol. cum optione clericale; PS Lc = Prof. Sol. Laici; PT Lc = Prof. Temp. Laici;

PT Cl = Prof. Temp. cum optione clericali; PT So = Prof. Temp. sine optione clericali; Nov = Novitii;

Pos = Postulantes; Obl = Oblati; SPS = summa Prof. Sol.; SPT = summa Prof. Temp.; Sum = summa Fratrum cum Novitiis.


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

30 Iaponia

Ss. Martyrum Iaponensium

31 India

S. Thomae Apostoli / Indiae

32 Indonesia

S. Michaelis Archangeli

33 Israel

Custodia Terrae Sanctae

34 Italia

S. Antonii Patavini / Venetae

S. Bernardini Senensis / Aprutiorum

S. Michaelis Archangeli / Apuliae

Christi Regis / Bononiensis

Ss. VII Martyrum / Calabriae

Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae

Assumptionis B.V.M. / Lyciensis

S. Caroli Borromaei / Mediolanensis

Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana

S. Bonaventurae / Pedemontana

S. Iacobi de Marchia / Picena

Ss. Petri et Pauli / Romana

Immac. Concept. / Salernitano-Lucana

S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina

S. Mariae Gratiarum / Sardiniae

Seraphica S. Francisci Assisiensis

Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae

S. Vigilii / Tridentina

S. Francisci Stigmatizati / Tusciae

35 Lituania

S. Casimiri

36 Melita

S. Pauli Apostoli

37 Mexicum

S. Evangelii

Ss. Francisci et Jacobi Jalisco

Ss. Petri et Pauli de Michoacan

B. Junipero Serra

S. Philippi de Iesu

38 Nederlandia

Ss. Martyrum Gorcomiensium

39 Pakistania

S. Joannis Baptistae Cust. Aut.

40 Papua Nova Guinea

S. Francisci Cust. Aut.

71 1 1 14 87 3 3 90 1

101 0 27 7 135 32 3 35 9 179 19

4 82 0 10 28 124 48 18 66 19 209 28

1 106 1 6 37 151 27 4 1 32 1 184 11

1 297 3 12 68 381 11 1 12 7 400 3 1

68 0 10 78 1 1 79 1

87 0 9 11 107 7 7 4 118 3 2

101 0 22 123

4 4 1 128 3

1 43 2 1 2 49 3 1 4 2 55 1 1

69 1 10 80

1 1 81 1

1 69 0 2 15 87 1 1 3 5 92

1 112 4 7 38 162 3 4 7 2 171 2 1

114 3 4 20 141

20 20 7 168 3 2

51 1 11 63

3 3 66 1 1

102 0 1 11 114 7 7 3 124 4 1

120 1 1 14 136 1 12 13 3 152 3

2 106 10 17 135 11 3 10 24 2 161 3

75 1 4 3 83 9 1 10 6 99 5

35 0 2 4 41

4 4 45

163 0 21 14 198 13 1 14 28 11 237 12

101 1 7 13 122

20 20 6 148 9 1

1 81 0 11 93 1 1 94

4 102 2 2 11 121

8 8 1 130 3 1

1 35 6 4 46 6 6 52 3

2 63 0 5 70

2 72

120 0 10 42 172 11 9 2 22 7 201 9 1

3 226 1 26 79 335 64 9 73 17 425 36

180 1 12 30 223 34 2 36 15 274 18

35 0 3 10 48 12 9 1 22 7 77 9

26 0 15 41 10 10 20 6 67 10

1 168 1 35 205 1 1 2 207 1

1 23 9 33 5 2 7 2 42

2 20 9 31 1 6 7 4 42

Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

PS CL = Prof. Sol. cum optione clericale; PS Lc = Prof. Sol. Laici; PT Lc = Prof. Temp. Laici;

PT Cl = Prof. Temp. cum optione clericali; PT So = Prof. Temp. sine optione clericali; Nov = Novitii;

Pos = Postulantes; Obl = Oblati; SPS = summa Prof. Sol.; SPT = summa Prof. Temp.; Sum = summa Fratrum cum Novitiis.

93


94 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Sollemniter Professi Professi Temporarii

Natio Ep Sac DP Cl Lc SPS Cl Lc So SPT Nov Sum Pos Obl

41 Peruvia

S. Francisci Solano

Ss. XII Apostolorum

42 Philippinae

S. Petri Baptistae

43 Polonia

Assumptionis B.V.M.

S. Hedvigis

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

S. Mariae Angelorum

S. Francisci Assisiensis

44 Portugallia

Ss. Martyrum Marochiensium

45 Romania

S. Stephani Regis / Transilvaniae

46 Slovakia

Ss.mi Salvatoris / Slovakiae

47 Slovenia

S. Crucis / Slovenia

48 Taivania (Formosa)

B.V.M. Reginae Sinarum

49 Togum

Verbi Incarnati

50 Ucraina

S. Michaëlis Arch.

51 USA (Fed Civ Am Sept)

Assumptionis B.V.M.

S. Barbarae

Ss.mi Cordis Iesu

Immaculatae Conceptionis B.V.M.

S. Ioannis Baptistae

Ss.mi Nominis Iesu

Nostrae Dominae de Guadalupe

52 Vietnamia

S. Francisci in Vietnam

3 65 3 3 9 83 12 4 16 7 106 11

2 80 4 8 22 116

41 41 4 161 10

113 1 11 21 146 15 15 10 171 8

204 1 10 28 243 34 9 43 12 298 19

139 0 5 32 176 18 3 21 9 206 5

271 0 7 49 327 27 27 6 360 13

174 0 13 19 206 32 10 42 12 260 6

136 2 6 19 163 20 7 27 10 200 13

2 118 2 35 157 4 4 161 3 1

26 0 4 10 40 3 3 4 10 2 52 2 2

36 8 14 58 10 7 17 3 78 5

80 0 1 10 91 6 1 7 98 5 2

39 1 7 47 1 1 2 50 3

38 13 21 72 19 4 23 6 101 4

2 49 10 3 64 7 2 9 2 75 5

2 105 1 2 43 153 1 1 2 1 156 1

134 0 8 57 199 2 3 5 4 208 3 1

193 1 2 69 265

3 3 4 272 6

4 119 3 1 25 152 7 1 8 2 162 4

133 1 55 189 3 1 4 193 5

1 299 3 1 69 373 13 4 4 21 4 398 8

42 18 60 4 3 7 2 69 2

68 0 21 31 120 37 16 53 13 186 13 1

Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

PS CL = Prof. Sol. cum optione clericale; PS Lc = Prof. Sol. Laici; PT Lc = Prof. Temp. Laici;

PT Cl = Prof. Temp. cum optione clericali; PT So = Prof. Temp. sine optione clericali; Nov = Novitii;

Pos = Postulantes; Obl = Oblati; SPS = summa Prof. Sol.; SPT = summa Prof. Temp.; Sum = summa Fratrum cum Novitiis.


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

III. Fratres et domuus secundum regiones

III. Fratres et domuus secundum regiones

III. Fratres et domus secundum regiones

Africa et Oriens Propinquus Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Africa et Oriens Propinquus

Aegyptus

Dom

34

Epis

2

Sac

62

DP

1

Cl

20

Lc

13

So Tot

98

Nov Sum

98

Pos

8

Aegyptus

Africa Media/Respublica

34

4

2 62

12

1 20 13

2

98

14

98

14

8

2

Africa Media/Respublica

Africa Meridionalis

4

18 3

12

54 1 8

2

10

14

76 4

14

80

2

3

Africa Meridionalis

Angola

18

3

3 54

6

1 8 10

4 5

76

15

4 80

15

3

2

Angola

Beninum

3

1

6

2

4

2

5 15

4

15

4

2

Beninum

Burkina Faso

1

1

2

2

2

1

4

3

4

3

Burkina Faso

Burundia

1

2

2

4

1

1

3

5

3

5

Burundia

Congus-Brazapolis

2 4

5

1

2

5

7

5

7

Congus-Brazapolis

Congus/Respublica (ex Zaire) 25 1

5

95 94

2

21

7

211 3

7

214 16

Congus/Respublica (ex Zaire)

Costa Eburnea

25

4

1

1

95

12

94

9

21

10

211

32

3 214

32

16

Costa Eburnea

Dzibuti

4 1

1

12

1

9 10

1

32

3

32

3

Dzibuti

Guinea Bissaviensis 8

1 1

18 7

1

6

3

31 4

3

35

Guinea Bissaviensis

Iordania

8

2

18

2

7 6 31

2

4 35

2

Iordania

Israel

2

32

2

125 1 31 39 1

2

197

2

197 5

Israel

Kenia

32

3

125

15

1 31

11

39

2

1 197

28

197

28

5

Kenia

Libanum

3

6

15

4

11

3

2 28

7

28

7 6

Libanum

Libya

6

2 2

4

7

3

7

9

7

9

6

Libya

Madagascaria

2

3

2 7

10 18 3

9

31 4

9

35 5

Madagascaria

Malavium

3

1

10

5

18 3

2

31

7

4 35

7

5

Malavium

Marochium

1

9

5

20

2

5 1

7

26

7

26

Marochium

Mauritius

9

2

20

6

5

2

1 26

8

26

8

Mauritius

Mozambicum

2

10 3

6

27 11

2

5

8

46 10

8

56 2

Mozambicum

Namibia

10

1

3 27

3

11

1

5

1

46

5

10 56

5

2

Namibia

Ruanda

1

2

3

8

1

1

1

3

5

12

5

12

Ruanda

Syria

2

11 1

8

13

1 3 12

14

12

14

Syria

Tanzania

11

2

1 13

10 2

14

12

14

12

Tanzania

Togum

2

8

10

22 21

2

12

12

55 6

12

61 4

Togum

Turcia

8 22

6

21 12 55

6

6 61

6

4

Turcia

Ugandia 2

6

8 2

6

10 2

6

12 10

Ugandia

Zambia

2

1

8

6 22

2

1

10

29

2 12

29

10

Zambia

Zimbabue

1

4

6

16

22

12

1

2

29

30 2

29

32 4

Zimbabue Summa 201 4 14 586 16 3 269 12 154 2 7 1033 30 35 2 1068 32 467

Summa 201 14 586 3 269 154 7 1033 35 1068 67

America Latina Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

America Latina

Aequatoria

Dom

26

Epis

5

Sac

78

DP Cl

34

Lc

32

So

3

Tot

152

Nov Sum

9 161

Pos

9

Aequatoria

Argentina

26

44

5

2

78

150 1

34

8

32

31

3

15

152

207

9

5

161

212

9

7

Argentina

Bolivia

44

54

2

9

150

111

1

2

8

33

31

15

15 207

170

5

5

212

175

7

12

Bolivia

Brasilia

54

181

9

27

111

650

2

2

33

120

15

169 122

170

1090

5

65

175

1155

12

87

Brasilia

Chilia

181

26

27 650

79

2

1

120

1

169

35

122

16

1090

132

65

1

1155

133

87

12

Chilia

Columbia

26

50 2

79

189

1 1

43

35

60

16

10

132

304

1

13

133

317

12

22

Columbia

Costarica

50

4

2 189

12

43 60

2

10 304

14

13 317

14

22

Costarica

Cuba

4

4

12

12 1

2

2 1

14

16 1

14

17 3

Cuba

Dominiciana Respublica

4

2

12

7

1

2

2

2

1

3

16

14

1

2

17

16

3

Dominiciana Respublica

Guaiana

2 7

1

2 2 3 14

1

2 16

1

Guaiana 1 1 1

Dom = Domus; Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres Laici; So = Prof. Temp. sine optione; Nov = Novitii; Pos = Postulantes;

Dom = Domus; Ep = Cardinalis

Tot = Summa

+ Archiepiscopi

Fratrum; Sum

+ Episcopi;

= Summa

Sac

Fratrum

= Sacerdotes;

cum Novitiis

DP = Diaconi Permanenti;

CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres Laici; So = Prof. Temp. sine optione; Nov = Novitii; Pos = Postulantes;

Tot = Summa Fratrum; Sum = Summa Fratrum cum Novitiis

95


96 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

America Latina Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Guatimala 21 54 31 10 95 10 105

Haitia 2 7 1 2 10 10

Honduria 12 4 24 1 2 1 32 32 14

Jamaica 3 2 4 6 6

Mexicum 149 2 546 2 170 189 13 922 52 974 82

Nicaragua 9 1 29 2 3 35 35 18

Panama/America Centralis 5 16 3 19 19 3

Paraguaia 6 14 1 11 26 6 32 5

Peruvia 42 9 156 7 23 48 47 290 15 305 29

Portorico 3 7 2

4 13 13

Salvatoria 19 2 44 16 4 66 66

Venetiola 5 24 5 3 32 32

Summa 667 63 2212 15 493 617 246 3646 184 3830 303

America Septentrionalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Canada 27 128 43 3 174 174 11

USA (Fed Civ Am Sept) 218 4 1078 10 44 340 11 1487 17 1504 23

Summa 245 4 1206 10 44 383 14 1661 17 1678 34

Asia et Oceania Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Australia 23 89 1 24 2 116 116 1

Cazastania 1 5 4 10 10

Corea 19 45 27 51 123 8 131 6

Iaponia 68 94 1 4 12 111 111 1

India 24 95 59 10 164 9 173 19

Indonesia 19 3 68 55 41 167 19 186 18

Malaesia 1 3 2 5 5

Myanmar 3 3 3

Nova Zelandia 3 4 6 10 10

Pakistania 6 1 21 5 11 38 2 40

Papua Nova Guinea 15 2 22 1 16 41 4 45

Philippinae 29 101 1 22 21 145 4 149 8

Sinae 1 1 1

Singapura 2 7 3 3 1 14 14 1

Sri Lanka 2 3 5 1 9 6 15

Taivania (Formosa) 7 51 2 12 65 2 67 3

Thailandia 2 1 3 3

Timoria Or. 2 6 2 3 11 11 10

Vietnamia 17 54 58 46 158 13 171 13

Summa 237 7 674 2 244 264 3 1194 67 1261 80

Europa Occidentalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Austria 26 2 121 4 16 20 2 165 1 166 3

Belgium 16 159 25 184 184

Britannia Magna 9 55 1 5 7 0 68 1 69 1

Cyprus Insula 4 8 8 8

Dom = Domus; Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres Laici; So = Prof. Temp. sine optione; Nov = Novitii; Pos = Postulantes;


Sri Lanka 2 3 5 1 9 6 15

Taivania (Formosa) 7 51 2 12 65 2 67 3

Thailandia 2 1 3 3

Timoria Or. 2 6 2 3 11 11 10

Vietnamia 17 54 58 46 158 13 171 13

Summa 237 7 674 2 244 264 3 1194 67 1261 80

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Europa Occidentalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Austria 26 2 121 4 16 20 2 165 1 166 3

Belgium 16 159 25 184 184

Britannia Magna 9 55 1 5 7 0 68 1 69 1

Cyprus Insula 4 8 8 8

Europa Occidentalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Gallia 26 2 190 2 1 60 3 258 258 2

Dom = Domus; Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

Germania CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres 72 Laici; So = Prof. 448Temp. sine 2 optione; 9 Nov 115 = Novitii; Pos 1 = Postulantes; 575 5 580 7

Tot = Summa Fratrum; Sum = Summa Fratrum cum Novitiis

Graecia 2 2 2 2

Helvetia 5 42 2 1 11 56 1 57

Hibernia 15 1 100 20 121 2 123

Hispania 122 6 588 7 27 133 2 763 2 765 9

Italia 401 3 1914 17 163 339 89 2525 51 2576 47

Melita 7 49 5 54 2 56

Nederlandia 11 2 163 1 35 1 202 202 1

Norvegia 1 5 1 6 6

Portugallia 17 2 112 6 32 152 152 3

Suetia 1 5 5 5

Summa 735 18 3961 36 228 803 98 5144 65 5209 73

Europa Orientalis Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Albania 9 2 30 5 4 41 0 41 2

Bielorussia 2 6 1

7 7

Bosnia-Herzegovia 46 332 48 14 394 20 414 6

Ceca Respublica 9 48 1 2 8 59 2 61

Croatia 144 387 1 72 32 492 12 504 21

Estonia 1 1 1

Hungaria 13 1 79 13 13 106 1 107 3

Iugoslavia 2 7 7 7

Lituania 5 22 8 5 35 35 3

Moldavia 1 1 1

Nigromontium 2 5 5 5

Polonia 98 689 2 171 155 1 1018 45 1063 53

Romania 11 25 7 13 4 49 2 51 2

Russia 9 3 12 12

Slovakia 7 34 18 20 72 3 75 5

Slovenia 14 66 7 12 85 85 5

Ucraina 20 3 57 10 4 1 75 6 81 8

Summa 382 6 1798 4 362 283 6 2459 91 2550 108

97


98 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

IV. Status domorum et presentia fratrum in singulis nationibus

Natio

Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Aegyptus 34 2 62 1 20 13 98 98 8

Aequatoria 26 5 78 34 32 3 152 9 161 9

Africa Media/Respublica 4 12 2 14 14 2

Africa Meridionalis 18 3 54 1 8 10 76 4 80 3

Albania 9 2 30 5 4 41 0 41 2

Angola 3 6 4 5 15 15 2

Argentina 44 2 150 1 8 31 15 207 5 212 7

Australia 23 89 1 24 2 116 116 1

Austria 26 2 121 4 16 20 2 165 1 166 3

Belgium 16 159 25 184 184

Beninum 1 2 2 4 4

Bielorussia 2 6 1

7 7

Bolivia 54 9 111 2 33 15 170 5 175 12

Bosnia-Herzegovia 46 332 48 14 394 20 414 6

Brasilia 181 27 650 2 120 169 122 1090 65 1155 87

Britannia Magna 9 55 1 5 7 0 68 1 69 1

Burkina Faso 1 2 1 3 3

Burundia 2 4 1 5 5

Canada 27 128 43 3 174 174 11

Cazastania 1 5 4 10 10

Ceca Respublica 9 48 1 2 8 59 2 61

Chilia 26 79 1 1 35 16 132 1 133 12

Columbia 50 2 189 43 60 10 304 13 317 22

Congus-Brazapolis 5 2 7 7

Congus/Respublica (ex Zaire) 25 1 95 94 21 211 3 214 16

Corea 19 45 27 51 123 8 131 6

Costa Eburnea 4 1 12 9 10 32 32

Costarica 4 12 2 14 14

Croatia 144 387 1 72 32 492 12 504 21

Cuba 4 12 1 2 1 16 1 17 3

Cyprus Insula 4 8 8 8

Dominiciana Respublica 2 7 2 2 3 14 2 16

Dzibuti 1 1 1 3 3

Estonia 1 1 1

Gallia 26 2 190 2 1 60 3 258 258 2

Germania 72 448 2 9 115 1 575 5 580 7

Graecia 2 2 2 2

Guaiana 1 1 1

Guatimala 21 54 31 10 95 10 105

Guinea Bissaviensis 8 18 7 6 31 4 35

Haitia 2 7 1 2 10 10

Dom = Domus; Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres Laici; So = Prof. Temp. sine optione; Nov = Novitii; Pos = Postulantes;

Tot = Summa Fratrum; Sum = Summa Fratrum cum Novitiis


Natio

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Helvetia 5 42 2 1 11 56 1 57

Hibernia 15 1 100 20 121 2 123

Hispania 122 6 588 7 27 133 2 763 2 765 9

Honduria 12 4 24 1 2 1 32 32 14

Hungaria 13 1 79 13 13 106 1 107 3

Iaponia 68 94 1 4 12 111 111 1

India 24 95 59 10 164 9 173 19

Indonesia 19 3 68 55 41 167 19 186 18

Iordania 2 2 2 2

Israel 32 125 1 31 39 1 197 197 5

Italia 401 3 1914 17 163 339 89 2525 51 2576 47

Iugoslavia 2 7 7 7

Jamaica 3 2 4 6 6

Kenia 3 15 11 2 28 28

Libanum 6 4 3

7 7 6

Libya 2 2 7 9 9

Lituania 5 22 8 5 35 35 3

Madagascaria 3 10 18 3 31 4 35 5

Malaesia 1 3 2 5 5

Malavium 1 5 2 7 7

Marochium 9 20 5 1 26 26

Mauritius 2 6 2 8 8

Melita 7 49 5 54 2 56

Mexicum 149 2 546 2 170 189 13 922 52 974 82

Moldavia 1 1 1

Mozambicum 10 3 27 11 5 46 10 56 2

Myanmar 3 3 3

Namibia 1 3 1 1 5 5

Nederlandia 11 2 163 1 35 1 202 202 1

Nicaragua 9 1 29 2 3 35 35 18

Nigromontium 2 5 5 5

Norvegia 1 5 1 6 6

Nova Zelandia 3 4 6 10 10

Pakistania 6 1 21 5 11 38 2 40

Panama/America Centralis 5 16 3 19 19 3

Papua Nova Guinea 15 2 22 1 16 41 4 45

Paraguaia 6 14 1 11 26 6 32 5

Peruvia 42 9 156 7 23 48 47 290 15 305 29

Philippinae 29 101 1 22 21 145 4 149 8

Polonia 98 689 2 171 155 1 1018 45 1063 53

Portorico 3 7 2

4 13 13

Portugallia 17 2 112 6 32 152 152 3

Romania 11 25 7 13 4 49 2 51 2

Ruanda 2 8 1 3 12 12

Dom = Domus; Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres Laici; So = Prof. Temp. sine optione; Nov = Novitii; Pos = Postulantes;

Tot = Summa Fratrum; Sum = Summa Fratrum cum Novitiis

99


100 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Natio

Dom Epis Sac DP Cl Lc So Tot Nov Sum Pos

Russia 9 3 12 12

Salvatoria 19 2 44 16 4 66 66

Sinae 1 1 1

Singapura 2 7 3 3 1 14 14 1

Slovakia 7 34 18 20 72 3 75 5

Slovenia 14 66 7 12 85 85 5

Sri Lanka 2 3 5 1 9 6 15

Suetia 1 5 5 5

Syria 11 1 13 14 14

Taivania (Formosa) 7 51 2 12 65 2 67 3

Tanzania 2 10 2 12 12

Thailandia 2 1 3 3

Timoria Or. 2 6 2 3 11 11 10

Togum 8 22 21 12 55 6 61 4

Turcia 6 6 6

Ucraina 20 3 57 10 4 1 75 6 81 8

Ugandia 2 8 2 10 2 12 10

USA (Fed Civ Am Sept) 218 4 1078 10 44 340 11 1487 17 1504 23

Venetiola 5 24 5 3 32 32

Vietnamia 17 54 58 46 158 13 171 13

Zambia 1 6 22 1 29 29

Zimbabue 4 16 12 2 30 2 32 4

Summa Omnium Fratrum OFM:

Summa 2467 112 10437 70 1640 2504 374 15137 459 15596 665

Summa Omnium Fratrum OFM cum Novitiis:

15137

15596

Dom = Domus; Ep = Cardinalis + Archiepiscopi + Episcopi; Sac = Sacerdotes; DP = Diaconi Permanenti;

CL = Fratres cum optione clericale; Lc = Fratres Laici; So = Prof. Temp. sine optione; Nov = Novitii; Pos = Postulantes;

Tot = Summa Fratrum; Sum = Summa Fratrum cum Novitiis


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

V. Provinciae et Cust. Aut. juxta numerum fratrum et novitiorum

Provincia Natio

Tot Prof Sol Temp Nov

1 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Brasilia

476 459 368 91 17

2 Ss. Francisci et Jacobi Jalisco Mexicum

425 408 335 73 17

3 S. Antonii Patavini / Venetae Italia

400 393 381 12 7

4 Ss.mi Nominis Iesu USA (Fed Civ Am Sept)

398 394 373 21 4

5 S. Crucis / Bosnae Argentinae Bosnia-Herzegovia

368 353 316 37 15

6 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Polonia

360 354 327 27 6

7 Assumptionis B.V.M. Polonia

298 286 243 43 12

8 Franciscana de Arantzazu Hispania

288 279 259 20 9

9 Ss.mi Redemptoris / Dalmatia Croatia

278 274 253 21 4

10 Ss. Petri et Pauli de Michoacan Mexicum

274 259 223 36 15

11 Ss.mi Cordis Iesu USA (Fed Civ Am Sept)

272 268 265 3 4

12 S. Mariae Angelorum Polonia

260 248 206 42 12

13 S. Fidei Columbia

245 236 200 36 9

14 Dominae Nostrae de Guadalupe America Centralis/Panama 239 229 177 52 10

15 Seraphica S. Francisci Assisiensis Italia

237 226 198 28 11

16 Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae Croatia

216 211 180 31 5

17 S. Benedicti Africani Congensis Resp.Dem.

214 211 128 83 3

18 Assumptionis BVM / Herzegoviae Bosnia-Herzegovia

211 206 194 12 5

19 S. Michaelis Archangeli Indonesia

209 190 124 66 19

20 S. Barbarae USA (Fed Civ Am Sept)

208 204 199 5 4

21 Ss. Martyrum Gorcomiensium Nederlandia

207 207 205 2

22 S. Hedvigis Polonia

206 197 176 21 9

23 S. Evangelii Mexicum

201 194 172 22 7

24 S. Francisci Assisiensis Polonia

200 190 163 27 10

25 S. Ioannis Baptistae USA (Fed Civ Am Sept)

193 193 189 4

26 S. Francisci in Vietnam Vietnamia

186 173 120 53 13

27 Custodia Terrae Sanctae Israel

184 183 151 32 1

28 S. Thomae Apostoli / Indiae India

179 170 135 35 9

29 S. Caroli Borromaei / Mediolanensis Italia

171 169 162 7 2

30 S. Petri Baptistae Philippinae

171 161 146 15 10

31 B. Pacifici / Gallia Occidentalis Gallia

170 170 166 4

32 Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana Italia

168 161 141 20 7

33 Hiberniae Hibernia

163 159 145 14 4

34 S. Francisci de Quito Aequatoria

162 153 116 37 9

35 Immaculatae Conceptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

162 160 152 8 2

36 Immac. Concept. / Salernitano-Lucana Italia

161 159 135 24 2

37 Ss. XII Apostolorum Peruvia

161 157 116 41 4

38 Ss. Martyrum Marochiensium Portugallia

161 161 157 4

39 S. Antonii / Missionaria Bolivia

159 154 122 32 5

40 S. Antonii Patavini Brasilia

156 154 133 21 2

41 Assumptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

156 155 153 2 1

42 Ss. Petri et Pauli / Romana Italia

152 149 136 13 3

43 Ss. Martyrum Coreanorum Corea

152 144 125 19 8

Tot = Fratres omnes cum Novitii; Prof = Fratres sollemniter et temporaliter professi;

Sol = Sollemniter professi; Temp = Temporaliter professi; Nov = Novitii

101


102 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Provincia Natio

Tot Prof

Sol Temp Nov

44 S. Crucis / Saxoniae Germania

150 150 147 3

45 Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae Italia

148 142 122 20 6

46 S. Joseph Sponsi B.V.M. Belgium

145 145 145

47 S. Crucis Brasilia

142 136 116 20 6

48 Ss.mae Trinitatis Chilia

136 135 119 16 1

49 S. Joseph Sponsi B.V.M. Canada

133 129 123 6 4

50 S. Francisci Stigmatizati / Tusciae Italia

130 129 121 8 1

51 S. Iacobi a Compostella Hispania

129 129 122 7

52 Christi Regis / Bononiensis Italia

128 127 123 4 1

53 Sancti Spiritus Australia

126 126 121 5

54 S. Iacobi de Marchia / Picena Italia

124 121 114 7 3

55 Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg. Gallia-Belgium

124 124 123 1

56 S. Francisci Assisiensis Brasilia

119 115 93 22 4

57 S. Michaelis Archangeli / Apuliae Italia

118 114 107 7 4

58 Baetica Hispania

108 108 100 8

59 S. Francisci Africa (Kenia) et Madigascaria 108 102 75 27 6

60 B. Engelberti Kolland Austria/Italia

107 106 102 4 1

61 S. Elisabeth Germania

106 105 102 3 1

62 S. Francisci Solano Peruvia

106 99 83 16 7

63 S. Familiae Aegyptus

105 99 73 26 6

64 Verbi Incarnati Togum

101 95 72 23 6

65 S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina Italia

99 93 83 10 6

66 S. Antonii Patavini / Bavariae Germania

98 96 92 4 2

67 S. Crucis / Slovenia Slovenia

98 98 91 7

68 N.rae Dominae a Regula / Granatensis Hispania

95 95 93 2

69 S. Vigilii / Tridentina Italia

94 94 93 1

70 S. Ioannis a Capistrano Hungaria

92 92 80 12

71 Assumptionis B.V.M. / Lyciensis Italia

92 92 87 5

72 Ss. Martyrum Iaponensium Iaponia

90 90 87 3

73 S. Joseph / Valentiae et Aragoniae Hispania

88 87 86 1 1

74 S. Pauli Apostoli Columbia

88 84 63 21 4

75 Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M Argentina

81 79 69 10 2

76 Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae Italia

81 81 80 1

77 SS. Trium Regum / Coloniae Germania

81 79 75 4 2

78 N.rae Dominae Reginae Pacis Africa Meridionalis

80 76 66 10 4

79 S. Bernardini Senensis / Aprutiorum Italia

79 79 78 1

80 Ss.mi Salvatoris / Slovakiae Slovakia

78 75 58 17 3

81 S. Gregorii Magni / Castellana Hispania

78 78 73 5

82 B. Junipero Serra Mexicum

77 70 48 22 7

83 Carthaginensis Hispania

76 75 74 1 1

84 S. Michaëlis Arch. Ucraina

75 73 64 9 2

85 S. Pauli Apostoli Melita

72 70 70

2

86 S. Hieronymi / Dalmatiae Croatia

70 67 66 1 3

87 Nostrae Dominae de Guadalupe USA (Fed Civ Am Sept)

69 67 60 7 2

88 S. Francisci Solano Argentina

69 66 63 3 3

89 S. Philippi de Iesu Mexicum

67 61 41 20 6

90 S. Bonaventurae / Pedemontana Italia

66 66 63 3

Tot = Fratres omnes cum Novitii; Prof = Fratres sollemniter et temporaliter professi;

Sol = Sollemniter professi; Temp = Temporaliter professi; Nov = Novitii


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Provincia Natio

Tot Prof

Sol Temp Nov

91 Assumptionis B.V.M. (Bacabal) Brasilia

66 59 53 6 7

92 Cust. Aut. S. Clarae Mozambicum

65 55 31 24 10

93 SS. Nominis Jesu Brasilia

64 55 42 13 9

94 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Britannia Magna

63 62 61 1 1

95 Ss. VII Martyrum / Calabriae Italia

55 53 49 4 2

96 S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae Ceca Respublica

54 52 49 3 2

97 S. Stephani Regis / Transilvaniae Romania

52 50 40 10 2

98 S. Casimiri Lituania

52 52 46 6

99 S. Salvatoris a Horta / Cataloniae Hispania

51 51 49 2

100 B.V.M. Reginae Sinarum Taivania (Formosa)

50 48 47 1 2

101 S. Michaelis Argentina

47 47 42 5

102 S. Mariae Gratiarum / Sardiniae Italia

45 45 41 4

103 N.rae Dominae Septem Gaudiorum Brasilia

45 38 29 9 7

104 S. Bernardini Senensis Austria

44 43 38 5 1

105 Christi Regis Canada

43 43 40 3

106 S. Joannis Baptistae Cust. Aut. Pakistania

42 40 33 7 2

107 S. Francisci Cust. Aut. Papua Nova Guinea

42 38 31 7 4

108 S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. Brasilia

42 39 30 9 3

109 Annuntiationis B.V.M. Albania

35 33 31 2 2

110 Christi Regis Cust. Aut. Helvetia

30 29 28 1 1

111 S. Mariae Hungaria

26 25 24 1 1

Tot = Fratres omnes cum Novitii; Prof = Fratres sollemniter et temporaliter professi;

Sol = Sollemniter professi; Temp = Temporaliter professi; Nov = Novitii

103

15596 15137 13405 1732 459


104 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

VI. Incrementum vel decrementum numeri fratrum

Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

1 Aegyptus

S. Familiae 6 4 4 1 1 105 99

2 Aequatoria

S. Francisci de Quito 9 7 4 6 1 6 1 162 153

3 Africa (Kenia) et Madigascaria

S. Francisci 9 3 6 4 8 1

13

108 102

4 Africa Meridionalis

N.rae Dominae Reginae Pacis 7 5 2 2 1 1 4 1 80 76

5 Albania

Annuntiationis B.V.M. 2 2

35 33

6 America Centralis/Panama

Dominae Nostrae de Guadalupe 13 10 6 3 3

239 229

7 Argentina

Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M 3 5 1

1 1 1 81 79

S. Michaelis 47 47

S. Francisci Solano 3 2 1 1 2 1 1 69 66

8 Australia

Sancti Spiritus 1 1 1 4 3 4 1 126 126

9 Austria

S. Bernardini Senensis 1 5 2 2

44 43

10 Austria/Italia

B. Engelberti Kolland 1 4 1 1 1 2 1 1 107 106

11 Belgium

S. Joseph Sponsi B.V.M. 1 8 2 8 1 145 145

12 Bolivia

S. Antonii / Missionaria 9 6 3 4 4 1 8 2 159 154

13 Bosnia-Herzegovia

S. Crucis / Bosnae Argentinae 16 36 4 1 3 1

6 6 6 368 353

Assumptionis BVM / Herzegoviae 7 3 2 2 2 3 6 3 211 206

14 Brasilia

SS. Nominis Jesu 9 9 4 1 4 1 64 55

S. Antonii Patavini 5 1 3 3 4 6 4 156 154

S. Francisci Assisiensis 4 22 7 2 3

5

119 115

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 23 33 12 4 12 1

6 20 6 2 476 459

N.rae Dominae Septem Gaudiorum 7 2 1

45 38

Assumptionis B.V.M. (Bacabal) 7 1 3 4 1

8

66 59

S. Crucis 6 5 1 2 7 3 7 142 136

S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. 5 3 1 2

2

42 39

15 Britannia Magna

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 1 1 3 3 63 62

16 Canada

S. Joseph Sponsi B.V.M. 4 1 1 2 1

5 3 5 133 129

Christi Regis 3 1 1 43 43

17 Ceca Respublica

S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae 2 1 1 1 2 1 2 54 52

18 Chilia

Ss.mae Trinitatis 2 1 5 1 2 1

6 4 6 136 135

19 Columbia

S. Fidei 11 9 4 2 4 3 6 3 245 236

S. Pauli Apostoli 7 2 1 5 2 1 7 1 88 84

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;

Egr = Egressi; Def = Defuncti; Exc = Extra claustra commorantes;

Tot = Summa Fratrum cum Novitii; Sum = Summa Fratrum


Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

20 Congensis Resp.Dem.

S. Benedicti Africani 3 13 7 2

2

214 211

21 Corea

Ss. Martyrum Coreanorum 8 9 7 1 1 3 1 152 144

22 Croatia

Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae 5 31 7 1 4 3 5 3 216 211

S. Hieronymi / Dalmatiae 4 1

1

70 67

Ss.mi Redemptoris / Dalmatia 4 5 3 1 1 9 2 9 278 274

23 Gallia

B. Pacifici / Gallia Occidentalis 2 10 10 170 170

24 Gallia-Belgium

Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg. 1 1 7 7 124 124

25 Germania

S. Antonii Patavini / Bavariae 2 1 4 2 4 98 96

S. Crucis / Saxoniae 6 6 150 150

S. Elisabeth 1 1 1 106 105

SS. Trium Regum / Coloniae 2 1 1 2 2 2 1 81 79

26 Helvetia

Christi Regis Cust. Aut. 1 2 1 2 1 30 29

27 Hibernia

Hiberniae 5 3 1 1 1 3 4 3 2 163 159

28 Hispania

Baetica 1 2 4 4 108 108

Franciscana de Arantzazu 9 6 2 8 14 11 14 288 279

Carthaginensis 1 1 2 2 2 1 76 75

S. Gregorii Magni / Castellana 1

78 78

S. Salvatoris a Horta / Cataloniae 1 3

51 51

N.rae Dominae a Regula / Granatensis 3 3 95 95

S. Iacobi a Compostella 4 2 4 4 129 129

S. Joseph / Valentiae et Aragoniae 1 6 1 6 1 88 87

29 Hungaria

S. Ioannis a Capistrano 2 1 8 8 92 92

S. Mariae 1 1 2 4 2 4 26 25

30 Iaponia

31 India

Ss. Martyrum Iaponensium 1 1 4 4 90 90

S. Thomae Apostoli / Indiae 10 7 4 2 2 1

2 5 2 179 170

32 Indonesia

S. Michaelis Archangeli 20 13 6 5 4 1

1 11 1 209 190

33 Israel

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Custodia Terrae Sanctae 1 4 8 1 3 3 6 3 2 184 183

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;

Egr = Egressi; Def = Defuncti; Exc = Extra claustra commorantes;

Tot = Summa Fratrum cum Novitii; Sum = Summa Fratrum

105


106 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

34 Italia

S. Antonii Patavini / Venetae 7 8 2 1 1

10 5 10 400 393

S. Bernardini Senensis / Aprutiorum 3 3 79 79

S. Michaelis Archangeli / Apuliae 4 3 4 4 5 4 5 118 114

Christi Regis / Bononiensis 1 12 1 12 128 127

Ss. VII Martyrum / Calabriae 2 1 1 1

1

55 53

Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae 1 7 7 81 81

Assumptionis B.V.M. / Lyciensis 2 2 2 2

92 92

S. Caroli Borromaei / Mediolanensis 2 2 1 3

5 4 5 171 169

Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana 7 6 4 8 8 168 161

S. Bonaventurae / Pedemontana 1 6 6 66 66

S. Iacobi de Marchia / Picena 3 3 1 5 5 124 121

Ss. Petri et Pauli / Romana 3 1 1 5 1 5 152 149

Immac. Concept. / Salernitano-Lucana 4 7 7 7 8 161 159

S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina 3 3 2 2

2 4 2 99 93

S. Mariae Gratiarum / Sardiniae 3 1 1 2 1 1 45 45

Seraphica S. Francisci Assisiensis 11 7 4 1

3 2 3 1 237 226

Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae 5 6 2 2

3 3 3 1 148 142

S. Vigilii / Tridentina 2 2 94 94

S. Francisci Stigmatizati / Tusciae 1 2 3 1 7 2 7 1 130 129

35 Lituania

S. Casimiri 2 1 1 52 52

36 Melita

S. Pauli Apostoli 2

2 2 2 72 70

37 Mexicum

S. Evangelii 7 2 7 7

2 14 2 201 194

Ss. Francisci et Jacobi Jalisco 20 13 10 4 4 2

7 14 7 4 425 408

Ss. Petri et Pauli de Michoacan 18 9 6 3 3 5 6 5 274 259

B. Junipero Serra 7 8 1 1 2 1 4 1 77 70

S. Philippi de Iesu 6 5 2 3 7 4 67 61

38 Nederlandia

Ss. Martyrum Gorcomiensium 1 2 11 2 11 207 207

39 Pakistania

S. Joannis Baptistae Cust. Aut. 3 1

2 1 42 40

40 Papua Nova Guinea

S. Francisci Cust. Aut. 4 5

42 38

41 Peruvia

S. Francisci Solano 7 7 1 3 4 4 4 106 99

Ss. XII Apostolorum 7 5 3 4

1 4 1 161 157

42 Philippinae

S. Petri Baptistae 8 4 4 2 1 3

171 161

43 Polonia

Assumptionis B.V.M. 14 9 9 1 5 2

11 1 298 286

S. Hedvigis 9 10 5 2 2 2 5 2 1 206 197

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 6 9 3 1 3 2 7 2 3 360 354

S. Mariae Angelorum 13 15 2 3 3 6

260 248

S. Francisci Assisiensis 10 1 3 1 2 3

200 190

44 Portugallia

Ss. Martyrum Marochiensium 0 0 0 1 4 1 4 161 161

45 Romania

S. Stephani Regis / Transilvaniae 2 4 4 1 4 1 4 52 50

46 Slovakia

Ss.mi Salvatoris / Slovakiae 3 4 3 2 2 78 75

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;

Egr = Egressi; Def = Defuncti; Exc = Extra claustra commorantes;

Tot = Summa Fratrum cum Novitii; Sum = Summa Fratrum


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Admissi Egressi

Defuncti

Summa

Natio Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Nov Ptm Sol Egr Def Exc Tot Sum

47 Slovenia

S. Crucis / Slovenia 2 1 2 1

4

98 98

48 Taivania (Formosa)

B.V.M. Reginae Sinarum 1 1 1 1 50 48

49 Togum

Verbi Incarnati 6 2 1 2

101 95

50 Ucraina

S. Michaëlis Arch. 3 11 6 1 2 3

75 73

51 USA (Fed Civ Am Sept)

Assumptionis B.V.M. 1 2 1 3 1 3 1 156 155

S. Barbarae 4 1 5 1 1 5 2 5 208 204

Ss.mi Cordis Iesu 5 1 2 1 1 11 2 11 272 268

Immaculatae Conceptionis B.V.M. 2 1 1 1 162 160

S. Ioannis Baptistae 3 1 3 1 6 4 6 193 193

Ss.mi Nominis Iesu 4 7 3 16 3 16 398 394

Nostrae Dominae de Guadalupe 2 4 4 4 69 67

52 Vietnamia

S. Francisci in Vietnam 13 8 8 2 1 1 4 1 186 173

Nov = Novitii; Ptm = Professi Temporarii; Sol = Professi sollemnes;

Egr = Egressi; Def = Defuncti; Exc = Extra claustra commorantes;

Tot = Summa Fratrum cum Novitii; Sum = Summa Fratrum

107


108 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

VII. Inter 2005 et 2004 comparatio

Provincia Natio 2005 2004 Diff

A06 Cust. Aut. S. Clarae

Mozambicum

65 65

002 Annuntiationis B.V.M.

Albania

35 21 14

113 Verbi Incarnati

Togum

101 87 14

070 Ss. Francisci et Jacobi Jalisco Mexicum

425 415 10

097 S. Francisci Assisiensis

Polonia

200 190 10

041 S. Michaelis Archangeli

Indonesia

209 201 8

102 N.rae Dominae Reginae Pacis Africa Meridionalis

80 72 8

079 S. Mariae Angelorum

Polonia

260 252 8

089 S. Francisci in Vietnam

Vietnamia

186 178 8

011 S. Crucis

Brasilia

142 135 7

105 S. Familiae

Aegyptus

105 99 6

A01 N.rae Dominae Septem Gaudiorum Brasilia

45 39 6

018 S. Fidei

Columbia

245 240 5

040 S. Thomae Apostoli / Indiae

India

179 174 5

057 Seraphica S. Francisci Assisiensis Italia

237 232 5

108 SS. Nominis Jesu

Brasilia

64 60 4

076 Assumptionis B.V.M.

Polonia

298 294 4

101 B. Junipero Serra

Mexicum

77 73 4

001 S. Francisci de Quito

Aequatoria

162 159 3

075 S. Petri Baptistae

Philippinae

171 168 3

094 S. Pauli Apostoli

Columbia

88 85 3

109 Assumptionis B.V.M. (Bacabal) Brasilia

66 63 3

016 Ss.mi Salvatoris / Slovakiae

Slovakia

78 76 2

032 S. Gregorii Magni / Castellana Hispania

78 76 2

046 Ss. VII Martyrum / Calabriae

Italia

55 53 2

085 Immaculatae Conceptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

162 160 2

112 S. Philippi de Iesu

Mexicum

67 65 2

A03 S. Joannis Baptistae Cust. Aut. Pakistania

42 40 2

A05 S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. Brasilia

42 40 2

006 S. Bernardini Senensis

Austria

44 43 1

027 S. Elisabeth

Germania

106 105 1

106 S. Francisci

Africa (Kenia) et Madigascaria

108 107 1

004 Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M Argentina

81 81 0

015 S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae Ceca Respublica

54 54 0

055 S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina Italia

99 99 0

058 Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae

Italia

148 148 0

064 S. Hieronymi / Dalmatiae

Croatia

70 70 0

067 S. Crucis / Slovenia

Slovenia

98 98 0

068 S. Pauli Apostoli

Melita

72 72

0


STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Provincia Natio 2005 2004 Diff

078 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Polonia

360 360 0

091 Dominae Nostrae de Guadalupe America Centralis/Panama

239 239 0

093 Ss. Martyrum Coreanorum

Corea

152 152 0

092 S. Michaelis

Argentina

47 47 0

103 B. Engelberti Kolland

Austria/Italia

107 108 -1

028 Hiberniae

Hibernia

163 164 -1

033 S. Salvatoris a Horta / Cataloniae Hispania

51 52 -1

035 S. Iacobi a Compostella

Hispania

129 130 -1

052 S. Iacobi de Marchia / Picena

Italia

124 125 -1

071 Ss. Petri et Pauli de Michoacan Mexicum

274 275 -1

095 B.V.M. Reginae Sinarum

Taivania (Formosa)

50 51 -1

096 Christi Regis

Canada

43 44 -1

098 S. Antonii / Missionaria

Bolivia

159 160 -1

111 S. Benedicti Africani

Congensis Resp.Dem.

214 215 -1

003 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Britannia Magna

63 65 -2

048 Assumptionis B.V.M. / Lyciensis Italia

92 94 -2

082 Assumptionis B.V.M.

USA (Fed Civ Am Sept)

156 158 -2

025 SS. Trium Regum / Coloniae

Germania

81 83 -2

A02 Christi Regis Cust. Aut.

Helvetia

30 32 -2

053 Ss. Petri et Pauli / Romana

Italia

152 155 -3

059 S. Vigilii / Tridentina

Italia

94 97 -3

066 Assumptionis BVM / Herzegoviae Bosnia-Herzegovia

211 214 -3

077 S. Hedvigis

Polonia

206 209 -3

081 S. Stephani Regis / Transilvaniae Romania

52 55 -3

088 Nostrae Dominae de Guadalupe USA (Fed Civ Am Sept)

69 72 -3

A04 S. Francisci Cust. Aut.

Papua Nova Guinea

42 45 -3

014 S. Joseph Sponsi B.V.M.

Canada

133 137 -4

017 Ss.mae Trinitatis

Chilia

136 140 -4

024 S. Antonii Patavini / Bavariae

Germania

98 102 -4

029 Baetica

Hispania

108 112 -4

056 S. Mariae Gratiarum / Sardiniae Italia

45 49 -4

073 S. Francisci Solano

Peruvia

106 110 -4

083 S. Barbarae

USA (Fed Civ Am Sept)

208 212 -4

005 Sancti Spiritus

Australia

126 131 -5

031 Carthaginensis

Hispania

76 81 -5

034 N.rae Dominae a Regula /

Hispania

95 100 -5

038

Granatensis

S. Mariae

Hungaria

26 31 -5

042 S. Bernardini Senensis / Aprutiorum Italia

79 84 -5

043 S. Michaelis Archangeli / Apuliae Italia

118 123 -5

050 Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana Italia

168 173 -5

110 S. Casimiri

Lituania

52 57 -5

107 S. Francisci Solano

Argentina

69 74

-5

109


110 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Provincia Natio 2005 2004 Diff

026 S. Crucis / Saxoniae

Germania

150 156 -6

036 S. Joseph / Valentiae et Aragoniae Hispania

88 94 -6

049 S. Caroli Borromaei / Mediolanensis Italia

171 177 -6

051 S. Bonaventurae / Pedemontana Italia

66 72 -6

054 Immac. Concept. /

Italia

161 167 -6

062

Salernitano-Lucana

S. Crucis / Bosnae Argentinae Bosnia-Herzegovia

368 374 -6

063 Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae Croatia

216 222 -6

074 Ss. XII Apostolorum

Peruvia

161 167 -6

010 S. Antonii Patavini

Brasilia

156 163 -7

047 Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae Italia

81 88 -7

069 S. Evangelii

Mexicum

201 208 -7

100 Trium Sociorum / Gallia

Gallia-Belgium

124 131 -7

061

Orient.-Belg.

S. Antonii Patavini / Venetae

Italia

400 408 -8

008 S. Joseph Sponsi B.V.M.

Belgium

145 153 -8

012 S. Francisci Assisiensis

Brasilia

119 127 -8

084 Ss.mi Cordis Iesu

USA (Fed Civ Am Sept)

272 280 -8

104 S. Michaëlis Arch.

Ucraina

75 83 -8

039 Ss. Martyrum Iaponensium

Iaponia

90 99 -9

065 Ss.mi Redemptoris / Dalmatia Croatia

278 287 -9

086 S. Ioannis Baptistae

USA (Fed Civ Am Sept)

193 202 -9

037 S. Ioannis a Capistrano

Hungaria

92 102 -10

060 S. Francisci Stigmatizati / Tusciae Italia

130 140 -10

090 Custodia Terrae Sanctae

Israel

184 194 -10

099 B. Pacifici / Gallia Occidentalis Gallia

170 180 -10

072 Ss. Martyrum Gorcomiensium Nederlandia

207 218 -11

087 Ss.mi Nominis Iesu

USA (Fed Civ Am Sept)

398 410 -12

013 Immaculatae Conceptionis B.V.M. Brasilia

476 489 -13

030 Franciscana de Arantzazu

Hispania

288 302 -14

045 Christi Regis / Bononiensis

Italia

128 142 -14

080 Ss. Martyrum Marochiensium Portugallia

161 219 -58

15596 15795

-199


VIII. Alumni cursus Philosophiae, Theologiae et ad Gradus Academicos

Provincia Natio

Phil Theo. Grad. Tot.

105

001

106

102

002

091

004

092

107

005

006

103

008

098

062

066

108

010

012

013

A01

109

011

A05

003

014

096

015

017

018

094

111

093

063

064

065

099

100

024

026

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

S. Familiae Aegyptus

9 16 4 29

S. Francisci de Quito Aequatoria

10 26 10 46

S. Francisci Africa (Kenia) et Madigascaria 19 20 3 42

N.rae Dominae Reginae Pacis Africa Meridionalis

3 6 1 10

Annuntiationis B.V.M. Albania

0 4 5 9

Dominae Nostrae de Guadalupe America Centralis/Panama 31 15 6 52

Fluvii Platensis Assumpt. B.V.M Argentina

8 3 0 11

S. Michaelis Argentina

2 2 2 6

S. Francisci Solano Argentina

3 0 1 4

Sancti Spiritus Australia

0 5 0 5

S. Bernardini Senensis Austria

7 0 1 8

B. Engelberti Kolland Austria/Italia

0 0 0 0

S. Joseph Sponsi B.V.M. Belgium

0 0 0 0

S. Antonii / Missionaria Bolivia

0 31 0 31

S. Crucis / Bosnae Argentinae Bosnia-Herzegovia

48 0 10 58

Assumptionis BVM / Herzegoviae Bosnia-Herzegovia

6 7 4 17

SS. Nominis Jesu Brasilia

14 3 0 17

S. Antonii Patavini Brasilia

10 9 2 21

S. Francisci Assisiensis Brasilia

16 10 0 26

Immaculatae Conceptionis B.V.M. Brasilia

69 20 5 94

N.rae Dominae Septem Gaudiorum Brasilia

5 4 0 9

Assumptionis B.V.M. (Bacabal) Brasilia

4 6 2 12

S. Crucis Brasilia

14 6 2 22

S. Benedicti de Amazonia Cust. Aut. Brasilia

8 4 1 13

Immaculatae Conceptionis B.V.M. Britannia Magna

2 0 0 2

S. Joseph Sponsi B.V.M. Canada

4 4 0 8

Christi Regis Canada

0 3 0 3

S. Venceslai / Bohemiae-Moraviae Ceca Respublica

0 2 1 3

Ss.mae Trinitatis Chilia

12 0 0 12

S. Fidei Columbia

19 18 0 37

S. Pauli Apostoli Columbia

5 2 5 12

S. Benedicti Africani Congensis Resp.Dem.

36 48 6 90

Ss. Martyrum Coreanorum Corea

20 20 16 56

Ss. Cyrilli et Methodii / Croatiae Croatia

15 11 0 26

S. Hieronymi / Dalmatiae Croatia

1 0 0 1

Ss.mi Redemptoris / Dalmatia Croatia

8 15 0 23

B. Pacifici / Gallia Occidentalis Gallia

3 0 0 3

Trium Sociorum / Gallia Orient.-Belg. Gallia-Belgium

0 1 1 2

S. Antonii Patavini / Bavariae Germania

2 0 3 5

S. Crucis / Saxoniae Germania

0 0 0 0

Phil.= Alumni cursus Philosophiae; Theo.= Alumni cursus Theologiae Grad.= Alumni ad Grados Academicos

111


112 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Provincia Natio

027

025

A02

028

029

030

031

032

033

034

035

036

037

038

039

040

041

090

061

042

043

045

046

047

048

049

050

051

052

053

054

055

056

057

058

059

060

110

068

069

070

071

101

112

Phil. Theo.

Grad. Tot

S. Elisabeth Germania

0 0 0 0

SS. Trium Regum / Coloniae Germania

0 4 1 5

Christi Regis Cust. Aut. Helvetia

0 1 1 2

Hiberniae Hibernia

8 5 8 21

Baetica Hispania

0 7 3 10

Franciscana de Arantzazu Hispania

0 0 0 0

Carthaginensis Hispania

0 1 5 6

S. Gregorii Magni / Castellana Hispania

0 0 0 0

S. Salvatoris a Horta / Cataloniae Hispania

0 2 0 2

N.rae Dominae a Regula / Granatensis Hispania

0 4 0 4

S. Iacobi a Compostella Hispania

0 0 0 0

S. Joseph / Valentiae et Aragoniae Hispania

1 1 2 4

S. Ioannis a Capistrano Hungaria

4 7 3 14

S. Mariae Hungaria

0 2 0 2

Ss. Martyrum Iaponensium Iaponia

0 0 0 0

S. Thomae Apostoli / Indiae India

23 22 0 45

S. Michaelis Archangeli Indonesia

50 3 4 57

Custodia Terrae Sanctae Israel

5 22 3 30

S. Antonii Patavini / Venetae Italia

2 15 5 22

S. Bernardini Senensis / Aprutiorum Italia

0 1 1 2

S. Michaelis Archangeli / Apuliae Italia

4 7 2 13

Christi Regis / Bononiensis Italia

1 3 1 5

Ss. VII Martyrum / Calabriae Italia

2 1 0 3

Ss.mi Cordis Mariae / Liguriae Italia

0 1 0 1

Assumptionis B.V.M. / Lyciensis Italia

1 3 5 9

S. Caroli Borromaei / Mediolanensis Italia

1 8 6 15

Ss.mi Cordis Iesu / Neapolitana Italia

9 12 2 23

S. Bonaventurae / Pedemontana Italia

1 2 0 3

S. Iacobi de Marchia / Picena Italia

1 6 5 12

Ss. Petri et Pauli / Romana Italia

4 8 2 14

Immac. Concept. / Salernitano-Lucana Italia

9 14 6 29

S. M. Gratiarum / Samnito-Hirpina Italia

5 7 4 16

S. Mariae Gratiarum / Sardiniae Italia

0 5 0 5

Seraphica S. Francisci Assisiensis Italia

13 13 4 30

Ss.mi Nominis Iesu / Siciliae Italia

4 10 4 18

S. Vigilii / Tridentina Italia

0 1 0 1

S. Francisci Stigmatizati / Tusciae Italia

3 5 5 13

S. Casimiri Lituania

3 5 2 10

S. Pauli Apostoli Melita

0 0 0 0

S. Evangelii Mexicum

10 11 9 30

Ss. Francisci et Jacobi Jalisco Mexicum

41 39 6 86

Ss. Petri et Pauli de Michoacan Mexicum

21 21 5 47

B. Junipero Serra Mexicum

3 8 0 11

S. Philippi de Iesu Mexicum

5 2 0 7

Phil.= Alumni cursus Philosophiae; Theo.= Alumni cursus Theologiae Grad.= Alumni ad Grados Academicos


Provincia Natio

A06

072

A03

A04

073

074

075

076

077

078

079

097

080

081

016

067

095

113

104

082

083

084

085

086

087

088

089

STATISTICA ORDINIS FRATRUM MINORUM

Phil. Theo.

Grad. Tot

Cust. Aut. S. Clarae Mozambicum

16 5 3 24

Ss. Martyrum Gorcomiensium Nederlandia

0 0 0 0

S. Joannis Baptistae Cust. Aut. Pakistania

0 0 1 1

S. Francisci Cust. Aut. Papua Nova Guinea

0 0 0 0

S. Francisci Solano Peruvia

15 5 0 20

Ss. XII Apostolorum Peruvia

0 38 3 41

S. Petri Baptistae Philippinae

0 24 0 24

Assumptionis B.V.M. Polonia

15 28 4 47

S. Hedvigis Polonia

9 14 0 23

Immaculatae Conceptionis B.V.M. Polonia

15 19 10 44

S. Mariae Angelorum Polonia

15 24 0 39

S. Francisci Assisiensis Polonia

8 18 6 32

Ss. Martyrum Marochiensium Portugallia

2 3 3 8

S. Stephani Regis / Transilvaniae Romania

3 4 0 7

Ss.mi Salvatoris / Slovakiae Slovakia

4 14 0 18

S. Crucis / Slovenia Slovenia

2 4 1 7

B.V.M. Reginae Sinarum Taivania (Formosa)

2 0 1 3

Verbi Incarnati Togum

12 11 3 26

S. Michaëlis Arch. Ucraina

8 8 0 16

Assumptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

0 3 0 3

S. Barbarae USA (Fed Civ Am Sept)

3 8 5 16

Ss.mi Cordis Iesu USA (Fed Civ Am Sept)

3 2 0 5

Immaculatae Conceptionis B.V.M. USA (Fed Civ Am Sept)

4 2 0 6

S. Ioannis Baptistae USA (Fed Civ Am Sept)

0 3 0 3

Ss.mi Nominis Iesu USA (Fed Civ Am Sept)

1 11 3 15

Nostrae Dominae de Guadalupe USA (Fed Civ Am Sept)

3 4 1 8

S. Francisci in Vietnam Vietnamia

22 34 8 64

Phil.= Alumni cursus Philosophiae; Theo.= Alumni cursus Theologiae Grad.= Alumni ad Grados Academicos

809 896 247 1952

113


1. Corea - Capitolo nazionale elettivo

Nei giorni 13-15 gennaio 2006 a Seoul si

è svolto il Capitolo nazionale elettivo dell’OFS

della Corea. Vi hanno partecipato

circa 70 Capitolari, in rappresentanza delle

12 Fraternità Regionali con più di 10000

membri professi, e gli Assistenti nazionali:

Tobia Kim, OFMConv, e Damian Kim,

OFM. Al Capitolo erano presenti Encarnación

del Pozo, Ministra generale dell’OFS,

e Fr. Ivan Matic, OFM, Assistente generale

dell’OFS. Durante il Capitolo la Ministra e

l’Assistente generale hanno incontrato un

gruppo della Gioventù Francescana di

Seoul, alcuni dei quali avevavo partecipato

all’incontro internazionale della GiFra in

occasione della GMG 2005 in Germania. Il

14 gennaio ci sono state le elezioni. Sono risultati

eletti: Augustin Cho, come Ministro

nazionale, e Hyacynta Kwon, come Consigliera

internazionale.

2. Giappone - Capitolo nazionale elettivo

e incontri con l’OFS

Nei giorni 20-22 gennaio 2006 a

Yokahama, vicino a Tokio, si è celebrato il

Capitolo nazionale elettivo, a cui hanno

partecipato 18 Capitolari in rappresentanza

delle 8 Fraternità regionali, e i loro tre Assistenti

nazionali: Fr. Luis Chiusano, OFM-

Cap, Fr. Ludovico Furikawa, OFMConv, e

Fr. Filippo Hamada, OFM. Il 22 gennaio

Francisco Fumihiko Takeda, Consigliere

Internazionale, è stato rieletto Ministro nazionale.

In occasione del Capitolo Encarnación

del Pozo, Ministra generale dell’OFS, e

Fr. Ivan Matic, OFM, Assistente generale

dell’OFS, su invito del Consiglio nazionale,

hanno incontrato, nei giorni 16-19 gennaio

2006, i Francescani secolari di varie

zone del Giappone. Il primo incontro con

EX OFFICIO OFS

i Francescani secolari, provenienti da varie

Fraternità locali della regione di Kiushu

est e ovest, è avvenuto a Nagasaki. Il

momento più significativo è stato quello

della Celebrazione dell’Eucaristia nella

Cattedrale, a cui è seguito un bellissimo

incontro fraterno. Erano presenti circa 120

Francescani secolari con alcuni Assistenti

spirituali (OFM e OFMConv). Ercarnación

e Fr. Ivan hanno poi visitato il luogo

del martirio dei 26 martiri giapponesi, il

museo della bomba atomica e la casa fondata

da san Massimiliano Kolbe. Nel pomeriggio

del 22 gennaio, presso il convento

dei Frati Minori in Tokio, si è svolto

il secondo incontro fraterno con

centinaia di Francescani secolari, provenienti

dalle varie Fraternità della zona di

Tokio. L’ultimo incontro è avvenuto nella

città di Kyoto con i francescani secolari di

quella zona, dove hanno vissuto anche i

primi martiri giapponesi e da dove sono

partiti per Nagasaki, luogo del loro martirio.

3. Spagna – Incontro con i Promotori vocazionali

Il 4 febbraio 2006 a Madrid Fr. Ivan Matic,

Assistente generale dell’OFS, e Xavi

Ramos, Consigliere internazionale per la

GiFra, hanno partecipato all’incontro dei

Responsabili per la cura pastorale delle vocazioni

dei Frati Minori di Spagna e Portogallo,

presentando in quella circostanza la

Gioventù francescana e il documento: Gi-

Fra: cammino di vocazione francescana.

Dopo la presentazione del documento e della

situazione attuale della GiFra in Spagna

e Portogallo, si è dialogato su cosa fare per

promuovere la GiFra nei vari gruppi giovanili

e in che modo la GiFra possa essere presente

agli incontri che vengono promossi a

vari livelli. Si è parlato anche di una certa


116 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

difficoltà da parte di alcune Fraternità dell’OFS

ad aprirsi ai giovani e alle loro esigenze.

Tale chiusura rende difficile la costituzione

di nuove Fraternità della GiFra o il

cammino di formazione francescana in queste

Fraternità dell’OFS.

Alla fine dell’incontro si è concordato

che prima di tutto è necessario far conoscere

ai giovani la realtà della GiFra e che, per

questo, sono di grande importanza quegli

incontri, in cui sia possibile un scambio e

una conoscenza reciproca.

4. Svizzera – Visita a Franciscans International

Il 25 febbraio 2006 i membri della Commissione

GiFra della Presidenza CIOFS

Xavi Ramos, Consigliere della Presidenza

per la GiFra, e Fr. Ivan Matic, OFM, Assistente

generale dell’OFS, hanno fatto visita

alll’Ufficio di “Franciscans International”

(FI) di Ginevra, dove si sono incontrati con

i responsabili di FI: Fr. John Quigley, OFM,

Direttore esecutivo, e i suoi collaboratori:

Julia Lacey e Ferhad Pocha. All’incontro ha

partecipato anche Attilio Galimberti, Francescano

secolare d’Italia, membro del

Board di FI. Lo scopo era quello di vedere

come la GiFra possa partecipare ai progetti

di FI.

Dopo una breve presentazione della

struttura dell’Ufficio di FI e della sua attività

presso le Nazione Unite, Xavi e Fr.

Ivan hanno illustrato la GiFra, struttura,

funzionamento e posizione all’interno dell’OFS.

Da tutti è stato manifestato vivo interesse

per la collaborazione fra questi due

“Enti” ed insieme si è cercato di individuare

i punti principali su cui costruire un progetto

comune della Presidenza del CIOFS e

di FI.

Durante la permanenza a Ginevra Xavi,

Attilio e Fr. Ivan sono stati ospitati da Fr.

John Quigley e Fr. Jean-Luis Brusset.

5. Italia – Manuale per l’assistenza all’OFS

e alla GiFra

È stato pubblicato il Manuale per l’assistenza

all’OFS e alla GiFra (Roma 2006,

pp. 400), a cura della Conferenza degli Assistenti

generali OFS. Il manuale nasce per

rispondere alle ripetute richieste degli Assistenti

spirituali e dei Ministri provinciali

che si dedicano all’accompagnamento spirituale

delle Fraternità OFS e GiFra. Il testo

affronta vari temi: la storia dell’OFS, l’identità

e missione dei Francescani secolari,

l’assistenza spirituale e pastorale, la Gioventù

Francescana, Araldini e Araldi e la

collaborazione dell’OFS con altri Gruppi. Il

capitolo VII contiene la Regola e lo Statuto

per l’Assistenza all’OFS oggi in vigore. In

Appendice sono riportate le antiche Regole

che l’Ordine Francescano Secolare ha avuto

nei suoi otto secoli di storia. La redazione

del testo, in lingua italiana, è stata coordinata

da Fr. Ivan Matic, Assistente generale

OFS. È prevista anche la pubblicazione

in francese, spagnolo e inglese.

1. Premessa della Conferenza dei Ministri

generali del Primo Ordine francescano e

del TOR

Fin dalle origini il carisma di Francesco

e Chiara d’Assisi ha affascinato uomini e

donne che, pur nella diversità degli stati di

vita, ne hanno seguito l’esempio per portare

al mondo il Vangelo di Cristo. Questi

hanno sempre costituito un’unica Famiglia

che, lungo i secoli, ha saputo mantenere tra

i suoi membri saldi vincoli di collaborazione

e si è sempre offerta reciproco sostegno.

L’appartenenza a questa Famiglia è stata,

inoltre, costantemente garantita dal forte

senso di comunione, dalla condivisione degli

stessi ideali e delle aspirazioni più

profonde, dal riconoscersi all’interno di

un’unica chiamata a vivere la vita evangelica

secondo uno stile propriamente francescano.

Uno degli strumenti che ha fortemente

contribuito a mantenere viva questa

profonda unità dell’identità francescana nei

suoi tre Ordini è certamente quello dell’assistenza

spirituale e pastorale dell’OFS, affidata

dalla Chiesa al Primo Ordine France-


scano e al TOR. Questo mandato, che ogni

Frate ha ricevuto nei confronti dei suoi Fratelli

e delle sue Sorelle secolari, per essere

meglio garantito, viene da sempre svolto da

alcuni in particolare, gli Assistenti spirituali,

che in prima persona si impegnano perché

tutti, in “comunione vitale e reciproca”,

si cammini verso la pienezza della vita a cui

il Signore ci ha chiamati.

Si tratta di una grande responsabilità perché,

offrendo il proprio contributo soprattutto

nell’ambito formativo, l’Assistente

spirituale aiuta a far crescere i Fratelli e le

Sorelle dell’OFS nella fedeltà all’unico carisma

francescano, nella comunione con la

Chiesa e in unione con tutta la Famiglia

Francescana.

Siamo dunque felici che ora venga dato

alle stampe questo nuovo Manuale per gli

Assistenti spirituali OFS, attraverso il quale

sarà loro possibile entrare più profondamente

in sintonia con la storia e lo spirito

dell’Ordine Francescano Secolare del quale

sono a servizio. Si tratta di un sussidio

di ampio respiro che tiene presente il cammino

spirituale compiuto dall’OFS dalle

origini ai nostri giorni e ben illustra il ruolo

rivestito dall’Assistente. Se, infatti, in

questi tempi si è molto sottolineata l’importanza

e la necessità di un’adeguata formazione

per vivere la propria vocazione in

un mondo complesso come il nostro, è altrettanto

urgente che coloro che sono deputati

a svolgere il delicato servizio di formatori

siano i primi ad assumerlo con

grande serietà, facendo il possibile per prepararsi

adeguatamente, per sempre meglio

compiere quanto è stato loro chiesto. Affidiamo,

dunque, a tutti gli Assistenti spirituali

dell’OFS e della GiFra questo nuovo

sussidio, con la speranza di poter sempre

crescere insieme nella scoperta della meravigliosa

chiamata che abbiamo ricevuto

dal Padre delle misericordie.

Roma, 18 dicembre 2005

FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO OFM

FR. JOACHIM GIERMEK OFMCONV

FR. JOHN CORRIVEAU OFMCAP

FR. ILIJA ZIVKOVIC TOR

EX OFFICIO OFS

117

2. Presentazione della Conferenza degli Assistenti

generali dell’OFS

Il Manuale per l’assistenza all’OFS e alla

GiFra, preparato dalla Conferenza degli

Assistenti generali, è sorto per rispondere

alle ripetute richieste degli Assistenti spirituali

e di alcuni Ministri provinciali per avere

un Manuale come un aiuto per gli Assistenti

che si dedicano a questo servizio fraterno.

Dopo avere esaminato i tanti articoli

pubblicati in Koinonia, nella Lettera da Roma

agli Assistenti e nel Sito ufficiale del

CIOFS, e dopo un lavoro di sistemazione di

tutto il materiale, è stato approntato il presente

Manuale. Lo scopo di questo Manuale

è di aiutare gli Assistenti spirituali nel loro

servizio di accompagnamento spirituale

alle Fraternità OFS-GiFra, con uno strumento

sintetico e chiaro sui temi fondamentali

sull’OFS-GiFra, precisando anche il

ruolo e la responsabilità degli Assistenti

spirituali. Siamo certi, però, che il Manuale

sarà di grande aiuto pure per i Frati non Assistenti,

ma che desiderano conoscere

l’OFS e la GiFra. Inoltre sarà sicuramente

un sussidio utile per i Responsabili secolari

delle Fraternità OFS-GiFra. I temi principali

trattati nel Manuale sono i seguenti: la

storia dell’OFS (c. I), l’identità e la missione

dei Francescani secolari (c. II e c. III),

l’assistenza spirituale e pastorale (c. IV), la

Gioventù francescana (GiFra), araldini e

araldi (c. V) e la collaborazione dell’OFS

con altri gruppi (c. VI). Il capitolo VII contiene

la Regola e lo Statuto per l’Assistenza

spirituale e pastorale all’OFS in vigore oggi,

mentre l’Appendice contiene le Regole

antiche che l’OFS ha avuto nei suoi otto secoli

di storia. Siamo consapevoli che il Manuale

costituisce un punto di arrivo. È infatti

il frutto di un lavoro durato circa quattro

anni, essendo iniziato subito dopo

l’approvazione definitiva delle Costituzioni

generali dell’OFS (8 dicembre 2000) e

l’aggiornamento dello Statuto per l’Assistenza

spirituale e pastorale all’OFS. Ma è

anche un punto di partenza per tanti altri temi

che devono essere ancora approfonditi.

Fin d’ora ci impegniamo a prendere in

grande considerazione tutte le osservazioni

e i suggerimenti che ci perverranno: saran


118 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

no molto utili per ulteriori approfondimenti

e nuove pubblicazioni. A tutti i fratelli e le

sorelle che hanno collaborato con la Conferenza

degli Assistenti generali nella realizzazione

di questo Manuale esprimiamo il

nostro più sincero ringraziamento. La nostra

riconoscenza va anche a Emanuela de

Nunzio, ex Ministra Generale dell’OFS, a

Fr. Valentin Redondo, OFMConv e a Fr.

Ben Breevort, OFMCap, ambedue ex Assistenti

generali dell’OFS, per il loro grande

contributo. Auguriamo a tutti che questo

Manuale sia uno strumento efficace nel servizio

dell’assistenza spirituale e pastorale

all’Ordine Francescano Secolare e alla Gioventù

Francescana.

Roma, 6 gennaio 2006

FR. IVAN MATIC, OFM

FR. MARTIN BITZER, OFMCONV

FR. SAMY IRUDAYA, OFMCAP

FR. MICHAEL HIGGINS, TOR

6. Italia - Incontro dei Responsabili delle

Giornate Mondiali della Gioventù

Dal 7 al 9 aprile si è svolto a Sassone di

Ciampino (Roma) il primo Incontro internazionale

dei responsabili delle Giornate

Mondiali della Gioventù in vista della prossima

GMG che si terrà a Sydney, Australia,

dal 15 al 20 luglio 2008 sul tema: «Avrete

forza dallo Spirito Santo che scenderà su di

voi e mi sarete testimoni» (At 1,8).

All’incontro, organizzato dal Pontificio

Consiglio per i Laici, hanno partecipato più

di 250 delegati di 85 paesi e rappresentanti

di 45 comunità, associazioni e movimenti

giovanili cattolici. A nome della Gioventù

Francescana erano presenti Xavi Ramos,

Consigliere internazionale della GiFra e Fr.

Ivan Matic, OFM, Assistente generale.

Nel corso della prima giornata la Commissione

per la preparazione della GMG di

Colonia, con il Cardinale Joachim Meisner,

Arcivescovo di Colonia (Germania), ha fatto

una analisi dello svolgimento e dei frutti

della GMG dello scorso agosto per la Diocesi

di Colonia e per la pastorale giovanile

della Germania e delle sfide organizzative e

logistiche.

Il giorno seguente è stato dedicato alla

conferenza di Mons. Josef Clemens, Segretario

del Pontificio Consiglio per i Laici,

sulla dinamica pastorale della preparazione

della GMG 2008; alla illustrazione della

prossima Giornata, fatta dalla Commissione

preparatoria e dal Card. George Pell, Arcivescovo

di Sydney, che ha parlato delle

sfide e delle aspettative della Chiesa australiana

in vista della GMG 2008.

Il 9 aprile, domenica delle Palme, XXI

Giornata Mondiale della Gioventù, tutti i

delegati hanno partecipato alla Santa Messa

delle Palme presieduta da Benedetto XVI in

Piazza San Pietro. Al termine della celebrazione

eucaristica, i giovani tedeschi hanno

consegnato la Croce della GMG ai giovani

australiani.

Prima di raggiungere la meta finale,

Sydney (Australia), nel luglio 2008, la Croce

dei giovani sarà portata in pellegrinaggio

prima a Dakar (Senegal), dove resterà per

tutte le celebrazioni pasquali; poi in una

ventina di Paesi del Continente africano; infine

in numerose Isole dell’Oceania.


EX OFFICIO PRO “IUSTITIA, PACE

ATQUE INTEGRITATE CREATI”

Congreso internacional de “Justicia, Paz

y Integridad de la Creación”

Uberlândia, Brasil, 30.01-08.02.2006

1. Crónica

El II Congreso Internacional OFM de

JPIC, convocado por Fr. José Rodríguez

Carballo, Ministro general, se llevó a cabo

en las dependencias de la Universidad Federal

de Uberlandia, con la participación de

alrededor de 106 hermanos entre delegados

JPIC (75 frailes, una religiosa y un laico),

equipos de secretaría y de traducción, relatores

e invitados.

Los Animadores JPIC de las Entidades

de la Orden vinieron de 36 países, pertenecientes

a las siguientes Conferencias: Cono

sur (Chile, Argentina), Bolivariana (Bolivia,

Ecuador, Perú, Colombia), Brasileña

(Brasil), México-América central y el Caribe

(México), Africana (Marruecos, Namibia,

Mozambique, Sudáfrica, Zimbabwe,

Kenya, Angola, Congo), COMPI (Italia),

Tierra Santa (Israel), SAAO (Australia, Indonesia,

Papua Occidental, Pakistán), EAC

(Filipinas, Corea, Japón), Sudslava (Croacia,

Bosnia Herzegovina, Eslovenia), ESC

(Estados Unidos, Irlanda), Nordslava (Polonia),

CONFRES (España), COTAF (Alemania,

Austria, Francia, Bélgica).

De la Curia general, estuvieron presentes:

Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro

general; Fr. Mario Favretto y Fr. Juan Ignacio

Muro, Definidores generales; Fr.

Massimo Fussarelli, Secretario general para

la formación y estudios; Fr. Nestor Schwerz,

Secretario general para la evangelización;

y Fr. Joseph Rozansky y Fr. Luis

Cabrera, de la Oficina JPIC. Del Comité

de animación JPIC, Fr. Cesare Azimonti,

Markus Heinze y Fr. Ted Lennon. También

se contó con la presencia de algunos Ministros

provinciales, como Fr. Marino Porcelli,

de Roma, Fr. Roberto Ferrari, de Mi-

lán, Fr. Augusto Köenig, de San Pablo

–Brasil, Fr. Irineo Gassen, de San Francisco

-Brasil, y Presidente de la Conferencia

Brasileña, y Fr. Manlio di Franco, de Salerno.

Asimismo, en su realización colaboraron

como traductores e intérpretes, los hermanos:

Fr. Patrick Hudson y Fr. Gabriel García,

de la Curia General, y Fr. Alessandro

Caspoli, de la Provincia de Boloña; y, en la

secretaría, Fr. Jim McIntosh, de la provincia

del Santísimo Nombre en los Estados Unidos,

Fr. Gianfrancesco Sisto, de la Provincia

de San Francisco, en África, y Fr. Tito

Fernández, de la Curia General.

El Congreso se desarrolló en dos sesiones

diarias; una, por la mañana; y otra, por

la tarde, con sus respectivas pausas. La metodología

que se siguió estuvo basada en el

principio de aprender haciendo, lo cual facilitó

la colaboración de todos en las actividades

de los grupos y en las sesiones plenarias.

30 de enero

Fr. Luis Cabrera, en nombre del Ministro

general, dio el saludo de bienvenida a los

asistentes; y declaró oficialmente inaugurado

el II Congreso Internacional de JPIC. En

el saludo, subrayó el contexto del VIII centenario

de la Fundación de la Orden y el de

América Latina. Asimismo, puso de relieve

el encuentro de San Francisco con el leproso

como símbolo e inspiración del tema elegido:

“Abrazando a los excluidos de Hoy”.

Fr. Manlio di Franco, Ministro provincial

de Salerno, en nombre de la Fundación

de Nuestra Señora de Fátima, se dirigió a

los participantes para expresarles su alegría

y desearles una buena permanencia en

Uberlandia.

Luego de la presentación de los participantes,

un grupo musical Afro-Brasileño,

Batupe Rosa e Azur, animó de un modo festivo

la oración inicial. A continuación, el


120 AN. CXXV – IANUARII-APRILIS 2006 – FASC. I

Comité de animación JPIC explicó con mucha

claridad los aspectos más importantes:

el contexto de la celebración, los objetivos,

el espíritu, la metodología y las recomendaciones

prácticas para el buen desarrollo del

Congreso. Por la tarde, los Congresistas se

reunieron por Conferencias para compartir,

desde su propia experiencia, las siguientes

preguntas: ¿Cómo es el proceso de exclusión?

¿Quién o qué está siendo excluido?

En la sesión plenaria, cada grupo presentó

un resumen de sus reflexiones. Entre las

principales opiniones, se mencionaron las

exclusiones económicas, políticas y sociales

que sufren ciertos grupos. Subrayaron

también la falta de acceso a la educación, a

los cuidados médicos y a la información,

además de la inseguridad social y política.

Entre los rostros de los excluidos, aparecieron

los de los emigrantes, de los desempleados,

de los sin techo, de los contagiados de

HIV/SIDA y de los sin tierra. La discusión

fue intensa y se propuso que se trataran los

puntos con mayor detalle en la sesión del

día siguiente.

Por la noche, los participantes celebraron

la Eucaristía con el pueblo, en la parroquia

Nuestra Señora de Fátima. En la homilía,

se hizo mención de la justicia a la luz de

la expulsión de la legión de demonios que

hizo Jesús. La Eucaristía terminó con una

representación del conjunto Afro-brasileño

“Mozambique”, simbolizando la resistencia

y la lucha de los esclavos africanos, a través

del canto y de la danza.

31 de enero

Después de la oración, preparada por la

COTAF, Miguel Álvarez, “facilitador” del

Congreso, presentó una síntesis, elaborada

en base a las exposiciones de los grupos del

día anterior. Esta giró en torno a la caracterización

de los procesos de exclusión; e hizo

notar l