cronache delle gare - Federazione Ciclistica Italiana

federciclismo.it

cronache delle gare - Federazione Ciclistica Italiana

EUROPEI MASTER

SAN - Campionati Continentali a Zd’ar nad Sazavou

Gli azzurri fanno “tredici”

Sei ori, due argenti e cinque bronzi: i nostri alfieri tornano dalla trasferta

nella Repubblica Ceca con un bottino record di titoli

Sei medaglie d’oro, due d’argento

e cinque di bronzo: è

questo il bottino record dei Master

azzurri ai Campionati Europei

2007 nella Repubblica Ceca.

Ma vediamo nel dettaglio le

giornate di gara.

PRIMA GIORNATA - Splendida

apertura per la rappresentativa

azzurra, che conquista due titoli

continentali con Andrea Paluan

e Andrea Ciavatti nelle categorie

più impegnative e conferma

Patrizia Spadaccini ai

vertici della sua categoria. Sono

stati quasi 300 i Master e Women

che si sono disputati a

Zd’ar nad Sazavou, nella Repubblica

Ceca, i 12 titoli europei

a cronometro individuale su

un percorso di 22,500 km reso

ancor più impegnativo da frequenti

scrosci di pioggia, caratteristici

del clima dell’Europa

Centrale. Mentre il risultato di

Andrea Paluan (Team Viner)

era atteso dopo il brillante risultato

ai Mondiali 2006 (4° a 1”

dal bronzo), Andrea Ciavatti

(Team MG K VIS) ha sorpreso

tutti con una prestazione di alto

livello, vincendo nella categoria

unificata M1+M2 e, quindi,

essendo un M2, battendo

anche i più giovani M1. Ciavatti

è fra i migliori ciclofondisti e

non ha punti deboli, ma nessuno

si aspettava che mettesse in

fila tanti specialisti.

Andrea Paluan ha dominato la

sua categoria viaggiando a

44,550 km orari su un percorso

con numerosi tratti in salita e

Il podio della cronometro

gareggiando per circa metà del

percorso sotto la pioggia.

Alessandro Migliaccio (Cicli

Maggi) ha ottenuto il 5° posto

fra gli M6, a 7” dal bronzo, categoria

dominata dal tedesco

Gottfried.

Infine, Patrizia Spadaccini

(Team Fausto Coppi), su un

percorso non proprio adatto ai

suoi mezzi, si è difesa bene

conquistando il bronzo. I 12 titoli

della giornata sono stati assegnati

a rappresentanti di 8 diverse

nazionalità fra le venti

nazioni presenti nelle gare a

cronometro.

SECONDA GIORNATA - Anna

Succio, laureatasi recentemente

campionessa d’Italia a squadre

nella 24 ore fuoristrada e già

sul podio mondiale nel 2005,

ha conquistato il titolo europeo

di categoria con pieno merito.

Anna, seconda assoluta e prima

di categoria, è stata l’unica a

resistere al forcing della danese

Lone Drejer sulla salita, oltre 4

km. al 6%, che ha determinato

la selezione in tutte le gare disputate.

E’ salita ancora sul podio

Patrizia Spadaccini (Team

Fausto Coppi), terza assoluta e

seconda di categoria, onorando

il titolo mondiale del 2006.

Nella categoria M4, che ha percorso

4 giri per un totale di 107

km, la corsa si è decisa al 2°

passaggio sulla salita, dove s’involavano

in quattro che si sono

disputati il titolo in volata. Ha

avuto la meglio il tedesco Mathias

Grunig, mentre la volata

del gruppo è stata dominata da

Erasmo Cammarone, con gli altri

azzurri Riccardo Acuto e

Claudio Barbaglin rispettivamente

al 17° e 18° posto.

Da ricordare l’ottima prova degli

azzurri M6, presenti nel

gruppo di 14 master che si è

disputato il titolo in volata:

Ronchi, il più veloce, è stato

vittima di incidente meccanico

(rottura raggi della ruota anteriore

perché investito da un altro

concorrente in vista del traguardo),

Verdini e Gialdini si

sono classificati al 10° e 12° posto.

TERZA GIORNATA - Nella 3^

giornata dei Campionati gli azzurri

avevano i pronostici più

favorevoli e li hanno rispettati

con due medaglie d’oro e tre di

bronzo. Andrea Paluan (M3 -

Team Viner) si è preso la rivincita

sull’austriaco Eminger, che al

Mondiale 2006 lo aveva battu-

14 Il Mondo del Ciclismo numero 27

More magazines by this user
Similar magazines