per il Trasporto delle Merci per Ferrovia - Ferrovie dello Stato Italiane

fsitaliane.it

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia - Ferrovie dello Stato Italiane

Condizioni Generali

di Contratto per il Trasporto

delle Merci per Ferrovia

In vigore dal 1° marzo 2010


Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM)

Approvate dal Consiglio di Amministrazione

nella seduta del 2 dicembre 2009

e registrate presso l’Agenzia delle Entrate

in data 26 febbraio 2010 serie 3 n. 4627

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Indice

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.6

Capo I - Disposizioni Generali

Articolo 1 - Campo di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.7

Articolo 2 - Osservanza di leggi, regolamenti e norme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.7

Articolo 3 - Definizioni - Abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.8

Articolo 4 - Trasporti esclusi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10

Articolo 5 - Pubblicità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10

Articolo 6 - Legge applicabile e foro competente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.11

Capo II - Accordo Cliente

Titolo I - Disposizioni comuni

Articolo 7 - Conclusione e formalizzazione dell’accordo cliente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.12

Articolo 8 - Spese di contratto, di registro ed accessorie a carico del cliente . . . . . . . . . . . . . . 1.12

Articolo 9 - Garanzie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.13

Articolo 10 - Prezzi contrattuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.13

Articolo 11 - Pagamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.14

Articolo 12 - Festività e sospensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.14

Articolo 13 - Clausola risolutiva espressa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15

Articolo 14 - Responsabili di contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15

Articolo 15 - Qualità del servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A


Titolo II - Trasporti in ambito nazionale

Sezione I - Trasporti a Treno completo

Articolo 16 - Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.16

Articolo 17 - Impegno di quantità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.16

Articolo 18 - Modifiche alla programmazione ordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.17

Articolo 19 - Opzione di flessibilità della programmazione ordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.17

Articolo 20 - Programmazione straordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.18

Articolo 21 - Disdette e penali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.18

Articolo 22 - Portata delle penali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.18

Sezione II - Trasporti a diffuso

Articolo 23 - Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.19

Titolo III - Trasporti in ambito internazionale

Articolo 24 - Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.19

Capo III - Esecuzione del trasporto

Titolo I - Operazioni preliminari

Articolo 25 - Richiesta di trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.20

Articolo 26 - Fornitura carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.20

Titolo II - Operazioni di carico e scarico

Articolo 27 - Competenza al carico/scarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.21

Articolo 28 - Custodia delle merci durante il carico/scarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22

Articolo 29 - Imballaggio – Stato della merce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.22

Articolo 30 - Obblighi del mittente/destinatario e del vettore in relazione al carico/scarico . . . . 1.22

Articolo 31 - Modalità e termini per il carico/scarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.23

Articolo 32 - Penali per sosta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.23

Articolo 33 - Impedimento operativo all’accettazione dei carri per il carico/scarico

da parte del mittente/destinatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.24

Articolo 34 - Pesatura delle merci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.24

Articolo 35 - Sovraccarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.25

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Titolo III - Documenti di trasporto

Articolo 36 - Presentazione della lettera di vettura – Trasmissione dati lettera di vettura . . . . . . 1.25

Articolo 37 - Struttura e caratteri della lettera di vettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.25

Articolo 38 - Compilazione della lettera di vettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.26

Articolo 39 - Allegati alla lettera di vettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.26

Articolo 40 - Incomplete o inesatte dichiarazioni in lettera di vettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.26

Titolo IV - Effettuazione del trasporto

Articolo 41 - Ordini ulteriori del mittente e/o modifiche del trasporto –

Impedimenti all’esecuzione del trasporto ed alla riconsegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.27

Articolo 42 - Termini di resa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.27

Articolo 43 - Avviso di arrivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.28

Articolo 44 - Svincolo e ritiro delle merci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.28

Articolo 45 - Riconsegna delle merci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.28

Articolo 46 - Restituzione dei carri messi a disposizione dal vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.29

Articolo 47 - Custodia e vendita della merce giacente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.29

Titolo V - Responsabilità – Esercizio dei diritti

Articolo 48 - Responsabilità del vettore e del cliente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.29

Articolo 49 - Forza maggiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.30

Articolo 50 - Reclami per risarcimento danni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.31

Articolo 51 - Richiesta di regolarizzazione di somme percepite in eccesso dal vettore . . . . . . . 1.31

Titolo VI - Servizi accessori

Articolo 52 - Servizi accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.31

Titolo VII - Messa a disposizione dei carri da parte del cliente

Articolo 53 - Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.32

Articolo 54 - Stazionamento dei carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.33

Articolo 55 - Avaria dei carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.34

Articolo 56 - Indennità per la perdita d’uso del carro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.35

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A


Premessa

Le presenti Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia, nel seguito per

brevità denominate anche Condizioni Generali, sono così articolate:

CAPOrIr-rDisposizionirGenerali

CAPOrIIr-rAccordorcliente

CAPOrIIIr-rEsecuzionerdelrtrasporto

Sono allegati alle presenti Condizioni Generali per costituirne parte integrante e sostanziale i seguenti

documenti in lingua francese:

•“Regole uniformi concernenti il contratto di trasporto internazionale ferroviario di merci” (CIM) Appendice

Balla COTIF 1999;

•“Regole uniformi concernenti il contratto di utilizzazione veicoli in traffico internazionale ferroviario”

(CUV) Appendice Dalla COTIF 1999;

•“Contratto Uniforme di Utilizzazione” (CUU) edizione 1° luglio 2006.

Per facilità di consultazione i suddetti documenti sono disponibili in una traduzione non ufficiale di cortesia

in lingua italiana sul sito internet del vettore.

1.6 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Capo I

Disposizioni generali

Articolo 1

Campo di applicazione

1.1 Le presenti Condizioni Generali, inclusi gli allegati “Regole uniformi concernenti il contratto di trasporto

internazionale ferroviario di merci” (CIM) -Appendice Balla COTIF 1999, “Regole uniformi concernenti

il contratto di utilizzazione veicoli in traffico internazionale ferroviario” (CUV) -Appendice Dalla COTIF

1999 eil “Contratto Uniforme di Utilizzazione” (CUU) edizione 1° luglio 2006, si applicano atutti itrasporti

ferroviari di merci effettuati da Trenitalia a titolo oneroso in ambito nazionale e internazionale,

fatte salve le integrazioni e deroghe previste dall’accordo cliente, nonché le integrazioni previste dai

documenti “Istruzioni”, “Listino Prezzi” e“Prodotti” dalle stesse richiamati.

Le eventuali deroghe previste dall’accordo cliente sono efficaci solo ed esclusivamente nell’ipotesi in

cui si riferiscano a disposizioni per le quali le Condizioni Generali ammettono espressamente una diversa

previsione contrattuale.

1.2 In caso di difformità o incompatibilità tra i documenti contrattuali di cui al precedente paragrafo 1.1, la

prevalenza è determinata dall’ordine in base al quale i documenti stessi sono qui di seguito elencati:

a.Maccordo cliente;

b.Mpresenti Condizioni Generali;

c.Mdocumenti “Istruzioni”, “Listino Prezzi” e“Prodotti”;

d.MCIM– Appendice Balla COTIF 1999, CUV –Appendice Dalla COTIF 1999 eCUU edizione 1° luglio

2006.

Articolo 2

Osservanza di leggi, regolamenti e norme

Per quanto non espressamente previsto dalle presenti Condizioni Generali e dagli altri documenti contrattuali

di cui al precedente art. 1, trovano applicazione le disposizioni stabilite in materia dal codice

civile e dalle altre disposizioni di legge e/o regolamenti.

Le disposizioni di cui alle presenti Condizioni Generali debbono intendersi sostituite, modificate o abrogate

automaticamente, ove il relativo contenuto sia incompatibile con sopravvenute disposizioni imperative,

legislative o regolamentari.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.7


Articolo 3

Definizioni - Abbreviazioni

I seguenti termini ed espressioni hanno nelle presenti Condizioni Generali il significato di seguito indicato:

a.Maccordoecliente: il contratto di trasporto atitolo oneroso concluso tra il vettore ed il cliente che

disciplina per un periodo di tempo determinato uno opiù trasporti;

b. ADR: la Convenzione per il trasporto delle merci pericolose su strada;

c.Mallegatoetecnico-economicoedell’accordoecliente: il documento contenente indicazioni sulle

merci, sulle relazioni, sui corrispettivi, sui termini ele modalità operative di effettuazione dei trasporti;

d.MCIM:le “Regole uniformi concernenti il contratto di trasporto internazionale ferroviario di merci” -

Appendice B alla COTIF 1999;

e. cliente: la persona fisica o giuridica che stipula l’accordo cliente con il vettore incaricandolo di effettuare

il relativo servizio di trasporto;

f. COTIF: la “Convenzione relativa ai trasporti internazionali ferroviari”, approvata in data 9 giugno

1999, entrata in vigore il 1° luglio 2006;

g.MCUU:il “Contratto Uniforme di Utilizzazione dei carri” che regola irapporti tra il trasportatore ed il

detentore del carro, nonché le condizioni di utilizzo dello stesso come mezzo di trasporto;

h.MCUV:le “Regole uniformi concernenti il contratto di utilizzazione veicoli in traffico internazionale

ferroviario” - Appendice D alla COTIF 1999;

i. destinatario: la persona fisica o giuridica indicata in lettera di vettura cui è destinato il trasporto;

j. detentore: la persona fisica o giuridica che gestisce economicamente, in maniera duratura, un

veicolo in quanto mezzo di trasporto, che ne sia proprietario o che abbia il diritto di disporne;

k. fascio binari di partenza e arrivo: il tratto di binario nell’impianto ferroviario di partenza/arrivo dove

ha inizio e termine la relazione ferroviaria e rispetto al quale è riferito l’orario di partenza/arrivo;

l. formalità doganali: le formalità richieste dalla Dogana e/o da organi di controllo diversi dalla Dogana

(veterinario, sanitario, fitopatologo, polizia e simili) in occasione dell’ingresso delle merci nel

territorio dello Stato o dell’uscita delle merci dal territorio dello Stato;

m. gestore dell’infrastruttura: soggetto incaricato, in particolare, della realizzazione, della manutenzione

dell’infrastruttura ferroviaria e della gestione in sicurezza della circolazione ferroviaria;

n. HLR: l’orario limite entro cui il cliente deve aver terminato l’operazione di carico e consegnato il

treno al vettore sul punto di presa e consegna indicato nell’allegato tecnico-economico dell’accordo

cliente, insieme a tutti i documenti che devono accompagnare il trasporto;

o. impianti ferroviari: le stazioni lungo l’infrastruttura ferroviaria organizzate per la partenza e l’arrivo

dei treni del vettore;

p. ingombro: la sosta di carri carichi/vuoti sulle pertinenze del vettore tale da ostacolare la normale

attività di esercizio;

q.Mistruzioni: il documento contenente il complesso delle regole di natura tecnico-procedurale richiamato

nelle presenti Condizioni Generali;

r. LDV : il documento di trasporto per le merci e per i veicoli utilizzati come mezzo di trasporto comprovante

il trasporto stesso, compilato dal mittente, denominato “lettera di vettura elettronica/lettera

di vettura”, registrato su supporto elettronico/cartaceo;

s.Mlistino prezzi: il documento richiamato nelle presenti Condizioni Generali contenente, atitolo indicativo,

i corrispettivi dovuti per i trasporti effettuati sul reticolo del trasporto a diffuso e per i servizi

accessori, pubblicato sul sito internet del vettore;

1.8 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


t. MAD: l’orario limite entro cui il trasporto deve essere messo a disposizione dal vettore nel punto

di presa e consegna per lo scarico della merce, indicato nell’allegato tecnico-economico dell’accordo

cliente;

u. merce giacente: la merce oggetto di trasporto per la quale l’avente diritto non provveda allo

svincolo ai sensi delle presenti Condizioni Generali;

v. mittente: la persona fisica o giuridica indicata in lettera di vettura (cliente o suo rappresentante)

con cui il vettore conclude il contratto di trasporto;

w. NHM: l’elenco delle denominazioni merceologiche abitualmente utilizzate in commercio con il

corrispondente numero di codice della “Nomenclature Harmonisée des Marchandises”, pubblicato

sul sito internet del vettore;

x. offerta del vettore: le tipologie di prodotto che il vettore offre alla clientela;

y.Moperazioni doganali: le operazioni eseguite dall’avente diritto oda un terzo da esso designato al

fine di dare una destinazione doganale alle merci;

z.Mprodotti: il documento richiamato nelle presenti Condizioni Generali che descrive tipologie di prodotti

e relative condizioni;

aa. profilo limite: la dimensione massima di larghezza e di altezza sul piano del ferro, che deve essere

rispettata da qualunque tipo di rotabile ferroviario perché possa liberamente circolare;

bb. programma: il programma di trasporti convenuto nell’accordo cliente;

cc. punto di presa e consegna: il luogo convenuto nel quale il mittente mette a disposizione le merci

per il trasporto o il vettore riconsegna le merci al termine del trasporto;

dd. relazione ferroviaria: i collegamenti ferroviari tra gli impianti ferroviari di partenza e di destinazione;

ee. reticolo del trasporto a diffuso: l’insieme degli impianti ferroviari per i quali il vettore mette a disposizione

dei clienti un servizio regolare di trasporto a carro singolo o a gruppo di carri;

ff. RID: il “Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario delle merci pericolose”,

applicato anche ai trasporti nazionali;

gg. servizi accessori: le prestazioni svolte dal vettore su richiesta del cliente, aventi carattere occasionale

ed ulteriore rispetto al servizio di trasporto propriamente detto;

hh. servizi di terminalizzazione: il trasferimento a cura del vettore dal punto di presa convenuto con

il mittente fino al fascio binari di partenza, nonché quello dal fascio binari di arrivo fino al punto di

consegna convenuto con il mittente;

ii. sito internet del vettore: il sito www.cargo.trenitalia.it;

jj. stabilimento raccordato: area attrezzata industriale, commerciale, portuale o di interscambio,

allacciata all’infrastruttura ferroviaria attraverso dei binari che si diramano da un punto della rete

(impianti o linea) e consentono di servire a mezzo ferrovia gli stabilimenti e le aree innanzi indicate;

kk. svincolo: l’operazione, a carico del destinatario, di pagamento di tutte le somme che ancora gravano

sul trasporto - indipendentemente dall’impegno del mittente di farsene carico - e di ritiro

del documento di consegna del trasporto;

ll. termine di resa: il tempo entro il quale il vettore mette a disposizione del destinatario le merci oggetto

del trasporto;

mm. trasporto: il servizio di trasporto delle merci effettuato dal vettore dal luogo di partenza al luogo

di destinazione, inclusi i servizi di terminalizzazione e le prestazioni integrate tra le varie modalità

di trasporto, gestite sia in proprio che tramite terzi;

nn. trasporto aggiuntivo: un ulteriore trasporto a treno completo richiesto dal cliente sulle relazioni

ferroviarie riportate nel programma allegato all’accordo cliente;

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.9


oo. trasporto a diffuso: il trasporto ferroviario effettuato mediante carro singolo o gruppo di carri tra

gli impianti ferroviari che costituiscono il reticolo del trasporto a diffuso;

pp. trasporto a treno completo: il trasporto ferroviario effettuato su esclusiva richiesta del cliente

sulla base di parametri tecnici predefiniti di orario, frequenza, capacità e lunghezza massima, concordati

tra il vettore ed il cliente;

qq. trasporto combinato: il trasporto intermodale di idonee unità di trasporto la cui percorrenza si effettua

principalmente per ferrovia, vie navigabili, o per mare, mentre i percorsi iniziali e/o terminali,

i più corti possibili, sono realizzati su strada;

rr. trasporto eccezionale: qualsiasi trasporto che, non soddisfacendo le condizioni normali di circolazione

e carico, necessita di specifica autorizzazione da parte del gestore dell’infrastruttura interessato

al trasporto, in deroga alle norme tecniche esistenti;

ss. trasporto programmato: un trasporto ferroviario su determinate relazioni che soddisfi e rispetti

tutte le caratteristiche tecniche, nonché quelle di periodicità d’effettuazione, concordate tra il vettore

ed il cliente;

tt. UTI: le unità di carico (grandi contenitori, casse mobili, semirimorchi) aventi le seguenti caratteristiche:

struttura permanente e resistente tale da consentire l’impiego ripetuto nel tempo; dispositivi

atti a facilitare il carico, lo scarico e il trasbordo al fine di consentire il trasporto delle merci

senza rottura di carico con uno o più modi di trasporto; dotate di dispositivi per facilitarne la movimentazione;

uu. vettore: il trasportatore contrattuale (Trenitalia S.p.A. – Divisione Cargo) con il quale il cliente ha

concluso l’accordo cliente.

Articolo 4

Trasporti esclusi

Il vettore non effettua il trasporto di:

a. merci che per dimensioni, peso od altra causa, non si prestano ad essere trasportate per deficienza

di impianti o di veicoli adatti;

b. merci il cui trasporto è vietato per disposizioni di legge o misure di ordine pubblico;

c. merci pericolose la cui esclusione è prevista dal RID;

d. feretri e resti umani;

e. animali.

Articolo 5

Pubblicità

5.1ULe presenti Condizioni Generali sono consultabili on line mediante accesso al sito internet del vettore.

5.2 Attraverso il proprio sito internet il vettore comunica alla clientela i principali servizi offerti e le relative

condizioni commerciali.

1.10 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 6

Legge applicabile e foro competente

6.1 L’accordo cliente, al quale si applicano le presenti Condizioni Generali, è disciplinato dalla legge italiana.

6.2 Non è ammessa la competenza arbitrale.

Tutte le controversie comunque derivanti dall’accordo cliente saranno deferite in via esclusiva alla

competenza del Tribunale di Roma.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.11


Capo II

Accordo Cliente

TITOLO I

DISPOSIZIONI COMUNI

Articolo 7

Conclusione e formalizzazione dell’accordo cliente

7.1 I trasporti ferroviari di merci possono essere effettuati solo previa stipula di accordo cliente.

Il cliente può richiedere al vettore l’effettuazione di trasporti atreno completo e/o adiffuso.

7.2 A seguito di tale richiesta e di eventuali conseguenti trattative, il vettore formula la propria offerta definitiva

e la relativa proposta contrattuale.

7.3 Salva diversa previsione normativa, l’accordo cliente è concluso – con la forma di corrispondenza

commerciale – quando il vettore riceve la comunicazione di accettazione da parte del cliente della

proposta contrattuale.

7.4 Nessuna modifica, aggiunta o rinuncia ai termini, alle clausole e alle condizioni dell’accordo cliente

sarà vincolante per cliente e vettore a meno che non sia dagli stessi approvata per iscritto.

Articolo 8

Spese di contratto, di registro ed accessorie a carico del cliente

8.1 Salva diversa previsione contrattuale, sono a carico del cliente le eventuali spese di bollo e di registro

della copia del contratto e dei documenti allegati.

8.2 Sono inoltre a carico del cliente tutte le spese di bollo inerenti gli ulteriori atti eventualmente occorrenti

per l’esecuzione del contratto di trasporto.

1.12 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 9

Garanzie

9.1 Salva diversa previsione contrattuale, il cliente è obbligato a costituire a favore del vettore, prima della

conclusione del contratto, una garanzia fideiussoria in misura non inferiore a 3/12 (tre dodicesimi) del

valore del contratto.

La cauzione è costituita a garanzia del corretto adempimento di tutte le obbligazioni contrattuali e del

risarcimento dei danni derivanti dall’eventuale inadempimento delle obbligazioni medesime, nonché

a garanzia delle somme a qualsiasi titolo dovute dal cliente al vettore.

Rimane salva in ogni caso la facoltà del vettore di agire per ottenere il risarcimento dell’eventuale

maggior danno subito per l’inadempimento del cliente.

9.2 L’importo della garanzia viene determinato con riferimento ai programmi di trasporto già pattuiti e

concordati all’atto della conclusione del contratto.

Resta inteso che, qualora il cliente ed il vettore concordino per ulteriori programmi di trasporto, l’importo

della garanzia dovrà essere adeguato in misura non inferiore a 3/12 (tre dodicesimi) dell’importo

stimato di ciascun ulteriore programma di trasporto pattuito.

In mancanza di estensione della garanzia, Trenitalia avrà la facoltà di rifiutare l’esecuzione dell’ulteriore

programma richiesto.

9.3 La garanzia deve prevedere espressamente:

• la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale;

• la rinuncia a far valere il decorso del termine di cui all’art. 1957 del cod. civ.;

• la sua operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta del vettore.

9.4 La garanzia di cui al presente articolo sarà restituita dopo 120 gg. dalla data di scadenza dell’accordo

cliente.

In nessun caso la garanzia potrà essere restituita prima che siano state definite le eventuali contestazioni

inerenti l’esecuzione del contratto.

9.5 E’ comunque facoltà del vettore derogare alle prescrizioni di cui al presente articolo.

In particolare il vettore è sempre in facoltà di stabilire nell’accordo cliente, ove ritenuto opportuno in

relazione alle caratteristiche, dimensioni e complessità delle prestazioni ivi previste, l’obbligo del cliente

a costituire e stipulare ulteriori e maggiori garanzie, nonché di prevedere una maggiore durata delle

stesse e di richiedere che la garanzia di cui al paragrafo 1 del presente articolo sia rilasciata esclusivamente

da istituto bancario o assicurativo di primaria importanza.

Articolo 10

Prezzi contrattuali

I trasporti, comprese le eventuali variazioni rispetto all’originario oggetto contrattuale, sono remunerati

in base ai prezzi stabiliti nell’accordo cliente, nella lettera di vettura, nei contratti di prestazione di

servizi e/o nel documento Listino Prezzi.

A tali prezzi – che devono essere maggiorati dell’IVA – si applicano i criteri di cui al documento Prodotti.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.13


Articolo 11

Pagamenti

11.1 Salva diversa previsione contrattuale, il cliente potrà provvedere al pagamento dei corrispettivi dovuti

al vettore tramite c/c aperto presso la gestione merci indicata nell’accordo cliente o tramite pagamento

anticipato rispetto all’effettuazione delle prestazioni richieste, nei termini e con le modalità di

cui al documento Istruzioni.

11.2 In caso di ritardo nel pagamento saranno dovuti al vettore gli interessi di mora, secondo quanto previsto

dal documento Istruzioni.

Inoltre sarà dovuto dal cliente al vettore il rimborso delle spese di recupero tramite terzi dell’insoluto,

in misura pari ai costi effettivamente sostenuti.

11.3 Nell’ipotesi in cui il cliente ritardi il pagamento dovuto di oltre 3 (tre) giorni a seguito di formale diffida

e comunque di oltre 30 (trenta) giorni dalla data di scadenza, è facoltà del vettore richiedere la corresponsione

anticipata dei corrispettivi dovuti prima dell’effettuazione delle prestazioni richieste.

11.4 Ogni pagamento effettuato dal cliente, in assenza di diversa imputazione, sarà da considerare a saldo

anche parziale delle partite fino a quel momento non corrisposte, secondo i criteri elencati all’art. 1193,

comma 2, del cod. civ.

Articolo 12

Festività e sospensioni

12.1 Il vettore non effettua, di norma, trasporti a treno completo o a diffuso in partenza/arrivo dagli impianti

ferroviari nelle giornate di seguito elencate:

• 1° e 6 gennaio;

• Pasqua e Lunedì dell’Angelo;

• 25 aprile;

• 1° maggio;

• 2 giugno;

• 15 agosto;

• 1° novembre;

• 8 dicembre;

• 25 e 26 dicembre.

All’atto della definizione della programmazione ordinaria dei trasporti a treno completo, il vettore ed

il cliente possono concordare le sospensioni dei trasporti da prevedersi durante il periodo delle festività

natalizie, dell’interruzione estiva delle attività lavorative ed in occasione di altre festività in calendario;

tali sospensioni saranno inserite nel programma orario.

Il vettore può decidere eventuali ulteriori sospensioni dei trasporti a treno completo e le sospensioni

dei trasporti a diffuso nei suddetti periodi; tali sospensioni verranno comunicate ai clienti con almeno

30 (trenta) giorni di anticipo.

1.14 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


12.2 Salvo diversa previsione contrattuale, per i programmi a treno completo il cliente può richiedere modifiche

ai periodi di sospensione previsti nei programmi presentando una proposta scritta entro il

giorno 20 (venti) del quarto mese antecedente quello di effettuazione.

Articolo 13

Clausola risolutiva espressa

Salva diversa previsione contrattuale e ferme restando le ulteriori ipotesi di risoluzione di cui alle presenti

Condizioni Generali, nonché quelle eventualmente previste nell’accordo cliente, ciascuna parte

è in facoltà di risolvere il contratto con dichiarazione ai sensi dell’art. 1456 del cod. civ., qualora l’altra

parte sia incorsa nell’applicazione di penali in misura superiore al 20% (venti per cento).

Il vettore è altresì in facoltà di procedere alla risoluzione del contratto qualora il cliente non abbia provveduto

al pagamento del corrispettivo per 2 (due) mensilità, anche non consecutive.

Articolo 14

Responsabili di contratto

Allo scopo di assicurare efficienza all’esecuzione dei trasporti il vettore e il cliente provvedono, entro

10 (dieci) giorni dalla data di conclusione dell’accordo cliente, a nominare un proprio responsabile di

contratto, al quale verranno attribuiti poteri idonei alla gestione operativa del contratto stesso.

Il vettore ed il cliente possono sostituire, una o più volte, il soggetto nominato responsabile di contratto

dandone comunicazione all’altra parte con un preavviso di almeno 5 (cinque) giorni.

Articolo 15

Qualità del servizio

Il vettore conferma il proprio impegno, compatibilmente con l’estrema complessità di controllo dei

fattori che incidono sull’orario di partenza e di arrivo dei trasporti, a ricercare il costante miglioramento

della qualità del servizio prestato.

In sede di accordo cliente potranno essere definiti tra le parti i parametri di qualità del servizio.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.15


TITOLO II

TRASPORTI IN AMBITO NAZIONALE

Sezione I

Trasporti a treno completo

Articolo 16

Generalità

I trasporti a treno completo, in programmazione ordinaria o straordinaria, sono indicati nel documento

Prodotti.

Nel suddetto documento sono riportate in dettaglio le caratteristiche e la descrizione delle varie tipologie

di programma.

Le merci, le relazioni, i corrispettivi, i termini e le modalità operative di effettuazione dei trasporti programmati

sono riportati nell’accordo cliente.

Articolo 17

Impegno di quantità

17.1 Per ciascun programma avente validità pluriennale il cliente, per ciascun anno di validità dello stesso,

è obbligato per la quantità di trasporti ivi complessivamente stabilita.

17.2 Per ciascun prodotto in programmazione ordinaria il vettore ed il cliente fissano nell’accordo cliente,

per ogni relazione ferroviaria, un impegno minimo di quantità di treni da effettuare che il cliente si impegna

a rispettare.

17.3 Il raggiungimento dell’impegno di quantità di cui al presente articolo viene verificato nei termini e con

le modalità stabilite nel documento Prodotti.

17.4 Il mancato rispetto dell’impegno di quantità comporta, fatto salvo quanto previsto al successivo art.

21, per tutti i trasporti non effettuati nei periodi di rilevamento specificati nel documento Prodotti e

fino al raggiungimento della soglia minima stabilita, l’obbligo per il cliente di corrispondere al vettore –

a titolo di rimborso delle spese sostenute per il mantenimento in programma dei treni non effettuati

– l’importo il cui ammontare è indicato nell’accordo cliente, fatta salva la facoltà del vettore di chiedere

la risoluzione del contratto con dichiarazione ai sensi dell’art. 1456 del cod. civ.

1.16 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 18

Modifiche alla programmazione ordinaria

18.1 Fermo restando l’impegno di quantità complessivo di cui al precedente art. 17, il cliente, con modalità,

scadenze econdizioni stabilite nel documento Prodotti, può richiedere le seguenti modifiche alla

programmazione ordinaria:

a. inserimento di nuove relazioni ferroviarie e/o modifica delle relazioni ferroviarie già concordate;

b. variazione (aumento, riduzione o sostituzione) della quantità di trasporti da effettuare sulle relazioni

ferroviarie;

c. modifica dei giorni di effettuazione dei trasporti programmati;

d. modifica delle caratteristiche tecniche dei trasporti programmati.

18.2 In caso di successiva rinuncia all’effettuazione dei trasporti sulle relazioni ferroviarie oggetto delle modifiche

di cui al precedente paragrafo 18.1, il cliente deve corrispondere al vettore il rimborso delle

spese di verifica di fattibilità, su dimostrazione dei costi sostenuti, oltre a corrispondere al vettore medesimo

le penali di cui al successivo art. 21.

In caso di difformità del programma proposto dal vettore rispetto alla richiesta avanzata, il cliente non

è tenuto ad alcun rimborso.

Resta inteso che qualsiasi richiesta di riduzione della quantità di trasporti programmati verrà considerata

come una disdetta ai sensi e per gli effetti di cui al successivo art. 21 e comporterà una revisione

dei prezzi pattuiti nell’accordo cliente.

18.3 Nell’ipotesi in cui il gestore dell’infrastruttura ferroviaria apporti modifiche tecniche alla circolazione

dei treni ovvero per qualsiasi altra ragione modifichi le regole o gli orari di accesso, il vettore e il cliente

saranno obbligati secondo buona fede a modificare il programma in modo da renderlo compatibile

con le nuove condizioni, salva la facoltà per il cliente di escludere dal programma quelle relazioni ferroviarie

per le quali sia venuto meno il suo interesse.

Detta esclusione comporterà una corrispondente riduzione dell’impegno di quantità eventualmente

assunto dal cliente verso il vettore.

Articolo 19

Opzione di flessibilità della programmazione ordinaria

19.1 Il cliente può richiedere al vettore l’esecuzione di trasporti a treno completo aggiuntivi settimanali e/o

giornalieri rispetto a quelli a programmazione ordinaria previsti nell’accordo cliente, sulle relazioni ferroviarie

ivi considerate, con le modalità previste nel documento Istruzioni.

19.2 I trasporti effettuati a mezzo di treni aggiuntivi settimanali e/o giornalieri, eseguiti dal vettore ai sensi

del presente articolo, sono computati ai fini del raggiungimento dell’impegno di quantità di cui al precedente

art. 17, nella misura concordata nell’accordo cliente.

19.3 Il vettore ed il cliente sono obbligati all’effettuazione dei trasporti settimanali e/o giornalieri aggiuntivi confermati.

In caso di inadempimento a detto obbligo si applica, ricorrendone le condizioni, quanto previsto dall’art. 21.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.17


Articolo 20

Programmazione straordinaria

20.1 Il cliente può richiedere al vettore, nel periodo di validità dell’accordo cliente, uno o più programmi di

trasporto, su base settimanale o giornaliera, su relazioni ferroviarie non previste nell’accordo stesso.

Le modalità di richiesta sono indicate nel documento Istruzioni.

20.2 Il cliente è obbligato all’effettuazione del programma settimanale o giornaliero.

In caso di inadempimento a detto obbligo troveranno applicazione, ricorrendone le condizioni, le penali

di cui al successivo art. 21.

Articolo 21

Disdette e penali

21.1 Fermo restando l’impegno di quantità di cui al precedente art. 17, il vettore od il cliente possono comunicare

all’altra parte disdetta di un singolo trasporto o di un’intera programmazione ordinaria di trasporti

su una opiù relazioni ferroviarie, nei termini econ le modalità previste nel documento Prodotti.

21.2UIn caso di disdetta comunicata oltre itermini previsti nel documento Prodotti, nonché in caso di mancata

effettuazione di un singolo trasporto aggiuntivo o straordinario, si applicano, salva diversa previsione

contrattuale, a carico della parte inadempiente le penali di cui al predetto documento.

21.3 In caso di mancata utilizzazione della programmazione su una relazione ferroviaria superiore al 20%

(venti per cento) misurata su media trimestrale, per responsabilità del vettore o del cliente, è data facoltà

alla parte non inadempiente di poter disdire il trasporto, del tutto o in parte (una o più circolazioni),

senza incorrere nell’applicazione delle penali.

21.4 Non è soggetto all’applicazione di penali per disdetta il trasporto presentato dal cliente oltre la HLR ovvero

effettuato, per causa del vettore, in ritardo rispetto all’orario di partenza previsto dal programma.

In tal caso si applica quanto previsto al documento Prodotti.

21.5 Il cliente ed il vettore provvedono al pagamento delle penali secondo quanto previsto dal documento

Prodotti.

Articolo 22

Portata delle penali

Le penali di cui al precedente art. 21 si intendono omnicomprensive, escluso cioè ogni ulteriore obbligo

a carico della parte inadempiente di corrispondere all’altra ulteriori compensi, rimborsi o indennizzi

di sorta, fatto salvo quanto previsto al precedente paragrafo 18.2.

1.18 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Sezione II

Trasporti a diffuso

Articolo 23

Generalità

23.1 I trasporti a diffuso sono effettuati mediante carro singolo o gruppo di carri tra gli impianti del reticolo

logistico gestito dal vettore.

Ogni gruppo di carri dovrà avere un unico mittente/destinatario, un unico impianto di provenienza/destinazione

e sarà inoltrato congiuntamente sull’intero percorso.

Le merci, le relazioni, i corrispettivi, i termini e le modalità operative di effettuazione dei trasporti sono

indicati nell’accordo cliente.

23.2 Il cliente può prendere visione degli impianti e dei terminal ferroviari, da cui spedire o su cui destinare

ipropri trasporti del diffuso, consultando il sito internet del vettore. Per eventuali trasporti in partenza

o in destinazione di impianti non compresi nel reticolo del trasporto a diffuso, dovranno essere concordate

tra cliente e vettore specifiche condizioni.

TITOLO III

TRASPORTI IN AMBITO INTERNAZIONALE

Articolo 24

Generalità

Le tipologie di trasporto in ambito internazionale possono essere a treno completo e a diffuso.

Le caratteristiche, le merci, le relazioni, i corrispettivi, i termini e le modalità operative di effettuazione

sono stabiliti nell’accordo cliente che potrà prevedere la facoltà di disdetta per il vettore e il cliente e

le eventuali penali.

Laddove previste si applicano le Tariffe Internazionali Dirette, consultabili sul sito internet del vettore.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.19


Capo III

Esecuzione del trasporto

TITOLO I

OPERAZIONI PRELIMINARI

Articolo 25

Richiesta di trasporto

25.1 La richiesta per:

a. trasporti a treno completo in programmazione straordinaria o trasporti aggiuntivi,

b. trasporti a diffuso,

c. trasporti eccezionali,

deve essere presentata nei termini econ le modalità indicate nel documento Istruzioni.

25.2 Per le merci pericolose la richiesta di trasporto deve riguardare esclusivamente scali merci terminali

nei quali sono realizzate misure gestionali e infrastrutturali specificatamente previste dalla normativa

vigente per la loro accettazione; il cliente può prendere visione dell’elenco di tali impianti sul sito internet

del vettore.

25.3 Non è ammessa una richiesta di trasporto con dichiarazione di interesse alla riconsegna o di spedizione

in contrassegno.

Articolo 26

Fornitura carri

26.1 I carri necessari al trasporto possono essere richiesti dal cliente al vettore con le modalità descritte nel

documento Istruzioni, oppure messi adisposizione direttamente dal cliente stesso, secondo quanto

previsto al Titolo VII delle presenti Condizioni Generali.

26.2 Il vettore si impegna a mettere a disposizione del cliente i carri rispondenti alla tipologia richiesta, compatibilmente

con la disponibilità da parte del vettore dei carri medesimi e sempre che le norme di carico

ed il percorso impegnato ne consentano l’utilizzazione prevista.

In difetto, il vettore si riserva la facoltà di mettere a disposizione un tipo di carro diverso da quello richiesto.

1.20 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Il cliente che accetti un carro di altra tipologia rispetto a quello richiesto assume ogni responsabilità per

danni che in conseguenza di tale scelta possano derivare alle merci trasportate.

26.3 Nessun risarcimento è dovuto dal vettore per i danni che derivino al mittente dalla mancata o ritardata

messa a disposizione dei carri per l’esecuzione del trasporto, salvi i casi di dolo o colpa grave.

26.4 Il vettore risponde dello stato generale del carro messo a disposizione, delle sue condizioni di pulizia,

nonché delle avarie al pavimento, alla cassa ed agli organi di chiusura del carro stesso.

Il cliente deve verificare che il materiale rotabile messo a disposizione non presenti difetti apparenti.

L’accettazione di un carro con avarie evidenti o non pulito deve essere dichiarata in lettera di vettura.

Qualora il cliente accetti un carro con avarie evidenti o non pulito accetta di esonerare dalla responsabilità

il vettore per danni che in conseguenza di ciò possano derivare sia alla merce caricata che al

materiale messo a disposizione. A tal fine rilascia apposita dichiarazione liberatoria.

26.5 Annullamenti e modifiche alle richieste dei carri da parte del cliente devono essere presentati secondo

le modalità previste al documento Istruzioni e danno luogo, nei casi stabiliti dallo stesso documento

Istruzioni, all’applicazione delle penali ivi previste.

TITOLO II

OPERAZIONI DI CARICO E SCARICO

Articolo 27

Competenza al carico/scarico

27.1 Il vettore colloca i carri/autoveicoli vuoti o carichi nel punto di presa e consegna al fine di consentire

le operazioni di carico/scarico, da effettuarsi – salva diversa previsione contrattuale – a cura e spese

del mittente/destinatario, che deve valutare il tempo occorrente al carico/scarico di ogni singolo

carro/autoveicolo in modo da completare tali operazioni (compresa la piombatura del carro/UTI) entro

itermini di cui al documento Istruzioni.

27.2 Qualora il mittente/destinatario, per cause a lui imputabili, non sia in grado di effettuare le operazioni

di carico/scarico nel luogo convenuto, può richiedere la messa a disposizione del carro/autoveicolo

in un altro piazzale o località, sostenendone le relative spese.

27.3 Qualora, per cause imputabili al mittente/destinatario o per ragioni di sicurezza o su richiesta della

Pubblica Autorità, le operazioni di carico/scarico siano svolte dal vettore, questi ha diritto di richiedere

il rimborso delle spese sostenute.

27.4 Qualora le operazioni suddette siano svolte dal vettore su espressa richiesta del mittente/destinatario,

il vettore ha diritto a percepire per la prestazione eseguita il corrispettivo definito nell’accordo cliente.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.21


Articolo 28

Custodia delle merci durante il carico/scarico

La responsabilità della custodia delle merci e dei carri/autoveicoli durante le operazioni di carico/scarico

grava sul mittente/destinatario.

Gli obblighi di custodia gravano sul vettore esclusivamente dal momento in cui le merci e i carri/autoveicoli

sono stati a lui affidati ed il mittente/destinatario non abbia accesso a questi.

Articolo 29

Imballaggio – Stato della merce

29.1UAd integrazione di quanto previsto dall’art. 14 della CIM, il vettore può prescrivere particolari tipi di imballaggio

in relazione alla natura della merce e alle tecniche di trasporto.

29.2 Se il mittente non adempie all’obbligo di cui al precedente paragrafo o presenta merci con segni palesi

di avaria o deterioramento, il vettore chiede al mittente di riconoscere e dichiarare sul documento

di trasporto, secondo i casi, la mancanza o l’insufficienza dell’imballaggio oppure lo stato difettoso

delle merci.

Resta comunque impregiudicata la facoltà del vettore di rifiutare il trasporto.

Articolo 30

Obblighi del mittente/destinatario e del vettore in relazione al carico/scarico

30.1UCon riferimento all’art. 13 della CIM, il mittente deve eseguire il carico della merce secondo le prescrizioni

di carico fornite dal vettore.

Il mittente deve inoltre assicurare il carico e, quando occorra, proteggerlo a sua cura e spese in modo

che sopporti i normali rischi del trasporto e non possa determinare pericolo per la sicurezza dell’esecuzione

del trasporto stesso, fermo restando il rispetto del profilo limite stabilito sui percorsi impegnati.

30.2 Il mittente/destinatario si obbliga, per quanto di competenza, ad osservare le prescrizioni riguardanti

il trasporto delle varie tipologie merceologiche ed in particolare di quelle pericolose (RID/ADR), nonché

ogni altra norma emanata in materia dalle autorità competenti.

Il mittente/destinatario è responsabile del pagamento di ogni somma che il vettore sia tenuto a versare

a titolo di sanzione per violazione delle suddette prescrizioni e norme.

30.3UIl vettore stabilisce etiene adisposizione del mittente/destinatario sul proprio sito internet le pubblicazioni

contenenti le norme particolari per l’osservanza delle prescrizioni di cui ai precedenti paragrafi.

Esso fornisce altresì, ove richiesto, consigli, suggerimenti, istruzioni e assistenza per la migliore sistemazione

ed assicurazione delle merci sui carri/autoveicoli, ferma restando la sua facoltà di rifiutare di

eseguire il trasporto qualora non sussistano le condizioni per garantire la sicurezza del trasporto

stesso.

1.22 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


30.4 Il mittente/destinatario è responsabile di eventuali danni arrecati al carro/autoveicolo durante le operazioni

di carico/scarico e risponde del danno provocato.

30.5 Il mittente/destinatario è tenuto a comunicare tempestivamente al vettore l’avvenuta esecuzione delle

operazioni di carico/scarico.

Articolo 31

Modalità e termini per il carico/scarico

31.1 Carico/scarico dei carri

31.1.1 Salva diversa previsione contrattuale, il carico/scarico effettuato nelle pertinenze del vettore, o presso

uno stabilimento raccordato, deve essere completato con le modalità ed entro i termini previsti dal

documento Istruzioni, decorrenti dalla messa adisposizione del carro vuoto ocarico nel luogo convenuto.

Qualora tale limite sia superato, trova applicazione quanto previsto al successivo art. 32 nonché, qualora

ne ricorrano le condizioni, quanto previsto al successivo art. 33.

Il carro vuoto o carico si intende messo a disposizione nel momento in cui viene indicato al mittente/destinatario

il luogo dove egli può accedere per effettuare le operazioni di carico/scarico ovvero

il punto di presa/consegna nel caso di trasporto proveniente/destinato ad uno stabilimento raccordato.

31.1.2 Nel caso di trasporti a treno completo in programmazione ordinaria, il mittente è tenuto a completare

il carico ed a consegnare il trasporto stesso al vettore (ivi inclusa la LDV) entro l’HLR definita nell’accordo

cliente.

Qualora tale limite sia superato, trova applicazione quanto previsto al successivo art. 32 nonché, qualora

ne ricorrano le condizioni, quanto previsto al successivo art. 33.

31.2 Carico/scarico degli autoveicoli

Salva diversa previsione contrattuale, il carico/scarico effettuato presso il domicilio del mittente/destinatario

deve essere ultimato entro itermini previsti dal documento Istruzioni, decorrenti dall’arrivo

dell’autoveicolo nel luogo convenuto.

Qualora tale limite sia superato, trova applicazione quanto previsto al successivo art. 32.

Articolo 32

Penali per sosta

32.1 Salva diversa previsione contrattuale, il mittente/destinatario, qualora non provveda al completamento

del carico/scarico entro i termini previsti dai precedenti paragrafi 31.1.1, 31.1.2 e 31.2, è tenuto al pagamento

delle penali per sosta di cui al documento Istruzioni, nonché al rimborso di ogni altra spesa

sostenuta dal vettore per la custodia delle merci.

32.2 Il mittente/destinatario è altresì tenuto al pagamento delle penali per sosta, nella stessa misura e con

le stesse modalità per il tempo necessario all’esecuzione degli ordini ulteriori eventualmente impartiti

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.23


dal mittente, ovvero per il tempo occorrente agli accertamenti, trasbordi o riordini resi necessari da

fatto od omissione del mittente stesso, nonché nel caso di terminalizzazione con carrello stradale effettuata

dal mittente/destinatario.

Articolo 33

Impedimento operativo all’accettazione dei carri per il carico/scarico

da parte del mittente/destinatario

33.1 Nel caso il mittente/destinatario si trovasse nell’impossibilità di:

a. compiere le operazioni di carico/scarico nel punto di presa e consegna nelle pertinenze del vettore,

entro i termini previsti dai paragrafi 31.1.1 e 31.1.2,

b. ricevere i carri destinati al carico/scarico presso lo stabilimento raccordato,

il vettore potrà individuare una località ove allocare i carri.

In tal caso, oltre alle penali per sosta di cui al precedente art. 32, il vettore addebiterà al mittente/destinatario

le spese sostenute.

Qualora l’inconveniente prodotto determini una situazione d’ingombro per il vettore, questi ha facoltà

di richiedere al mittente/destinatario, oltre alla penale per sosta e al rimborso delle spese sostenute,

anche l’ulteriore penale per ingombro prevista dal documento Istruzioni.

Articolo 34

Pesatura delle merci

34.1 Il peso della merce viene dichiarato in LDV dal cliente che se ne assume la piena responsabilità ai fini

del corrispettivo e del trasporto.

Il vettore ha il diritto di verificare il peso della merce oggetto del trasporto in qualunque momento e

deve provvedervi, solo se dispone di mezzi appropriati, qualora:

il mittente, avendone dichiarato il peso, ne chieda la verifica;

• la verifica del peso sia chiesta dopo lo svincolo dal destinatario.

34.2ULa verifica del peso èeffettuata secondo le condizioni emodalità determinate nel documento Istruzioni.

34.3 Per la verifica del peso delle merci oggetto del trasporto, effettuata su richiesta del mittente/destinatario,

il vettore percepisce dallo stesso il rimborso delle spese sostenute per la prestazione fornita, fatti

salvi gli eventuali ulteriori addebiti dovuti in applicazione degli artt. 35 e 40.

34.4 Nessun rimborso è dovuto al vettore quando la verifica del peso sia effettuata in seguito ad anormalità

dovute alla responsabilità del medesimo.

1.24 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 35

Sovraccarico

Qualora in esito alla verifica del peso effettuata ai sensi del precedente art. 34 il vettore accerti un

peso superiore al limite di carico stabilito, occorre procedere a regolarizzazione del carico secondo

quanto stabilito nel documento Istruzioni.

Il cliente sarà tenuto al pagamento delle somme previste, anche a titolo di penali, nel medesimo documento

Istruzioni.

TITOLO III

DOCUMENTI DI TRASPORTO

Articolo 36

Presentazione della lettera di vettura - Trasmissione dati lettera di vettura

36.1USalva diversa previsione contrattuale, ad integrazione degli artt. 6e7della CIM, la LDV deve essere

redatta in formato elettronico da parte del mittente prima dell’inizio del carico, utilizzando la trasmissione

diretta dei dati secondo le modalità indicate nel documento Istruzioni.

36.2 In caso di utilizzo da parte del mittente di LDV in formato cartaceo, redatta secondo il modello

uniforme pubblicato sul sito internet del vettore eda presentare all’impianto di partenza prima dell’inizio

del carico, il vettore si riserva la facoltà di addebitare al mittente stesso il corrispettivo stabilito nel

documento Listino Prezzi per le spese supplementari sostenute per la relativa trasformazione in LDV

elettronica.

Articolo 37

Struttura e caratteri della lettera di vettura

37.1 Per i trasporti nazionali ed internazionali eseguiti dal vettore devono essere utilizzati i modelli delle LDV

riportati nel documento Istruzioni.

Per i trasporti eseguiti in Italia nella forma di trasporto cumulativo o includenti una terminalizzazione su

gomma, il vettore può stabilire lettere di vettura specifiche.

37.2 Il duplicato della LDV cartacea non è rilasciato con la clausola «all’ordine».

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.25


Articolo 38

Compilazione della lettera di vettura

38.1 La LDV deve essere compilata dal mittente nelle parti di propria competenza e deve contenere le indicazioni

di cui al documento Istruzioni.

Nel caso di discordanze fra le diverse versioni della LDV fa fede:

• l’ultima trasmessa in formato elettronico dal cliente e dal vettore in relazione ai dati di propria competenza,

ciascuna certificata dalla firma elettronica;

• l’originale in caso di utilizzo della LDV cartacea.

38.2 In ogni caso il mittente è obbligato, per il trasporto di esplosivi e materie radioattive, ad indicare in lettera

di vettura, separatamente, il peso degli esplosivi o delle materie radioattive e il peso delle altre

merci; restano fermi i divieti di concarico di cui al RID, qualora oltre agli esplosivi o alle materie radioattive

siano caricate sul/i medesimo/i carro/i altre merci.

Articolo 39

Allegati alla lettera di vettura

39.1UAd integrazione dell’art. 15 della CIM, idocumenti allegati alla LDV devono riguardare unicamente le

merci indicate nella stessa ed essere funzionali all’esecuzione del trasporto.

Il vettore non è responsabile di documenti allegati alla LDV diversi da quelli previsti al presente paragrafo.

39.2 I documenti che in base alla vigente legislazione devono seguire il trasporto obbligatoriamente in formato

cartaceo, devono essere consegnati dal mittente al vettore prima dell’inizio del carico.

Articolo 40

Incomplete o inesatte dichiarazioni in lettera di vettura

40.1 Nei casi di incomplete o inesatte dichiarazioni in lettera di vettura, il mittente sarà tenuto a corrispondere

gli importi ele penalità di cui al documento Istruzioni.

40.2 Il vettore, anche in corso di trasporto, ha la facoltà di procedere all’accertamento del peso, della quantità,

della natura e dello stato della merce caricata.

Degli accertamenti eseguiti redige apposito verbale.

Il mancato utilizzo della facoltà predetta non vale a sollevare in alcun modo il mittente da responsabilità

riguardo alla completezza e/o esattezza delle proprie dichiarazioni in argomento.

1.26 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


TITOLO IV

EFFETTUAZIONE DEL TRASPORTO

Articolo 41

Ordini ulteriori del mittente e/o modifiche del trasporto –

Impedimenti all’esecuzione del trasporto ed alla riconsegna

41.1UIn deroga aquanto previsto all’art. 19, paragrafo 1, della CIM, gli ordini ulteriori e/o modifiche di un trasporto

in corso di esecuzione possono essere richiesti esclusivamente dal mittente, secondo le modalità

indicate nel documento Istruzioni everso pagamento del corrispettivo previsto nel documento

Listino Prezzi.

Per il tempo necessario all’esecuzione degli ordini ulteriori, in aggiunta al corrispettivo di cui sopra, al

cliente sarà applicata una penale per la sosta nella misura econ le modalità di cui al documento Istruzioni.

La modifica della destinazione, il ritorno del trasporto al luogo di partenza ed il fermo del trasporto

sono ammessi esclusivamente per i trasporti a diffuso.

In tal caso il proseguimento o il ritorno del trasporto stesso si considera, ai soli effetti del calcolo del

prezzo, come nuovo trasporto ed il relativo importo deve essere pattuito tra il mittente ed il vettore.

41.2UCon riferimento agli articoli 20 e21 della CIM, nel caso di impedimento all’effettuazione del trasporto

oalla sua riconsegna, si procede secondo le modalità indicate nel documento Istruzioni.

Articolo 42

Termini di resa

42.1 Il cliente e il vettore concordano il termine di resa.

In mancanza di accordo, questo termine non può essere superiore aquello definito all’art. 16 della

CIM. Esso decorre dalla presa in carico della merce ed è prolungato della durata della sosta non dovuta

a colpa del vettore.

42.2 Il termine di resa deve considerarsi inscindibile, pertanto il vettore non è tenuto a rendere conto di

termini parziali.

42.3 Il termine di resa resta sospeso:

a. nei giorni festivi, ivi compresi i giorni di sabato e le festività locali qualora interessino il luogo di partenza

o di arrivo;

b. per il tempo in cui lo stato del mare non consenta il traghettamento per i trasporti provenienti da

o diretti alle isole maggiori;

c. per il tempo necessario all’esecuzione delle formalità prescritte dalla Pubblica Autorità;

d. per il tempo necessario all’esecuzione degli ordini ulteriori impartiti dal mittente ai sensi del precedente

art. 41 ed a fornire le prestazioni occorrenti alla conservazione delle merci;

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.27


e. per il tempo necessario all’esecuzione di riordini e/o trasbordi del carico e di accertamenti, comunque

dipendenti da fatto od omissione del mittente;

f. nel caso di impedimenti al trasporto o alla riconsegna.

42.4 Salva diversa previsione contrattuale, il vettore prevede termini di resa supplementari nei seguenti

casi, elencati a titolo esemplificativo e non esaustivo:

a. 12 ore per il traghettamento da e per la Sicilia;

b. 24 ore per i trasporti diretti o provenienti da porti direttamente collegati con l’infrastruttura ferroviaria;

c. 24 ore per le operazioni di terminalizzazione in partenza;

d. 24 ore per le operazioni di terminalizzazione in arrivo.

42.5 Il termine di resa si intende rispettato qualora le merci siano messe a disposizione del destinatario

entro il tempo costituente il termine di resa di cui al precedente paragrafo 42.1.

Le merci si considerano messe a disposizione del destinatario quando il vettore abbia emesso l’avviso

di arrivo e le abbia poste nel luogo convenuto con il cliente.

Qualora quest’ultima operazione non possa essere effettuata per fatto imputabile al destinatario, le

merci si considerano messe a sua disposizione con la sola emissione dell’avviso di arrivo.

Articolo 43

Avviso di arrivo

Salva diversa previsione contrattuale, il vettore, con il mezzo più sollecito, preavverte il destinatario

dell’arrivo del trasporto.

Valutati i tempi operativi necessari, avvisa lo stesso destinatario dell’ora e del luogo dove verrà effettuata

la consegna dei carri/autoveicoli carichi, prendendo nota degli estremi di tale avviso.

Articolo 44

Svincolo e ritiro delle merci

Per esercitare i diritti nascenti dal contratto di trasporto verso il vettore ed acquisire in particolare il diritto

al ritiro della merce, il destinatario deve effettuare lo svincolo.

Articolo 45

Riconsegna delle merci

45.1 Gli obblighi di riconsegna a carico del vettore si intendono assolti quando quest’ultimo riconsegna la

merce, a tal fine ponendo i carri/autoveicoli a disposizione del destinatario nel punto di presa e consegna.

45.2 Per le merci vincolate a dogana, la riconsegna al destinatario avviene successivamente all’espletamento

delle operazioni/formalità doganali.

1.28 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 46

Restituzione dei carri messi a disposizione dal vettore

La riconsegna dei carri deve avvenire secondo le modalità ed itempi descritti nel documento Istruzioni.

Articolo 47

Custodia e vendita della merce giacente

47.1 Il vettore è tenuto a custodire la merce giacente, a spese e per conto dell’avente diritto, fino al momento

in cui le spese di custodia siano coperte dal valore della merce e comunque, ad integrazione

dell’art. 22 della CIM, il periodo di custodia non potrà essere superiore a30 (trenta) giorni.

Nel caso si tratti di merci radioattive o in genere pericolose, si applicano le disposizioni di cui al RID.

47.2 Il vettore vende la merce giacente senza alcuna formalità giudiziale e ne documenta l’esito con processo

verbale.

TITOLO V

RESPONSABILITA’ - ESERCIZIO DEI DIRITTI

Articolo 48

Responsabilità del vettore e del cliente

48.1 Responsabilità del vettore e suoi limiti

48.1.1 Il vettore è responsabile della perdita totale o parziale e dell’avaria della merce consegnatagli per il trasporto

dal momento in cui l’ha presa in carico fino alla riconsegna al destinatario, nonché del danno

alla merce derivante dal superamento del termine di resa, con esclusione di ogni ulteriore danno.

La responsabilità del vettore èdisciplinata dalle norme di cui al titolo III della CIM, fatte salve le integrazioni/deroghe

di cui ai successivi paragrafi del presente articolo, nonché dall’art. 49 delle presenti

Condizioni Generali.

48.1.2rAd integrazione delle cause di esonero previste dall’art. 23, paragrafo 3, della CIM, il vettore èaltresì

sollevato dalla responsabilità di cui al precedente paragrafo 48.1.1 nei seguenti casi:

a. carico difettoso o comunque non conforme a norme e prescrizioni relative alle operazioni di carico

di cui al Capo III -Titolo II delle presenti Condizioni Generali;

b. espletamento delle operazioni doganali da parte del mittente, del destinatario o di un mandatario

di uno di essi, o adempimento, da parte degli stessi, delle formalità prescritte dalla dogana o da

altre autorità amministrative;

c. indicazione incompleta, inesatta o irregolare di merci per le quali il vettore non accetta di eseguire

il trasporto ai sensi del precedente art. 4.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.29


48.1.3 Nel caso la perdita totale o parziale o l’avaria della merce si sia verificata durante la terminalizzazione

stradale, l’indennizzo corrisposto dal vettore è quello previsto dalla legislazione nazionale per l’autotrasporto

vigente al momento dell’effettuazione del trasporto medesimo.

48.1.4 Nel caso in cui siano state utilizzate più modalità di trasporto per l’effettuazione dello stesso e non sia

possibile individuare dove si sia prodotto il danno, il vettore riconosce l’indennizzo riferito all’ultima

modalità utilizzata.

48.1.5 Nel caso l’accordo cliente preveda l’effettuazione di servizi accessori, l’eventuale indennizzo per perdita

totale o parziale e avaria della merce è definito dallo stesso.

48.1.6 Qualora il cliente ritenga necessario coprire eventuali danni dovuti alla perdita totale o parziale, avaria

della merce oritardo nella resa, oltre ilimiti risarcitori previsti dagli artt. 30, 32 e33 della CIM, potrà richiedere,

all’atto della stipula dell’accordo cliente, di avvalersi dell’assicurazione supplementare offerta

dal vettore, nei limiti ed alle condizioni da questa previste, o potrà assicurare direttamente il trasporto.

In tale eventualità la relativa polizza dovrà contenere un’espressa rinuncia al diritto di rivalsa da parte

dell’assicuratore nei confronti del vettore, oltre i limiti di risarcibilità di cui al presente articolo.

48.2 Responsabilità del cliente - Polizza assicurativa

48.2.1 Il cliente è responsabile dei danni eventualmente cagionati ai terzi e allo stesso vettore dalle merci

trasportate.

A copertura di tali danni il cliente è obbligato a stipulare adeguata polizza assicurativa.

48.2.2 Il cliente con la stipula del contratto assume la piena e diretta responsabilità nei confronti del vettore

anche per le obbligazioni facenti carico al mittente/destinatario, nonché del pagamento di somme a

qualsiasi titolo dovute dal mittente/destinatario ai sensi delle presenti Condizioni Generali.

Articolo 49

Forza maggiore

I casi seguenti, elencati in via esemplificativa e non esaustiva, costituiscono casi di forza maggiore

che escludono la responsabilità del vettore, in relazione all’esecuzione del trasporto:

a. interruzione della circolazione sulle linee ferroviarie per cause non imputabili al vettore, ivi comprese

l’impraticabilità o inagibilità della rete ferroviaria, l’eccesso di traffico sulla rete causato da

eventi o situazioni straordinarie, i problemi alla circolazione originati da altre reti ferroviarie;

b. interruzione della circolazione sull’infrastruttura stradale;

c. situazioni di ingombro nelle stazioni di partenza e/o di arrivo ovvero nei terminal interni o portuali,

causate da impreviste difficoltà operative non imputabili al vettore;

d. revoca della relativa traccia oraria – anche per un singolo trasporto – da parte del gestore dell’infrastruttura

ferroviaria, per cause non imputabili al vettore;

e. agitazioni sindacali.

1.30 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 50

Reclami per risarcimento danni

50.1UCon riferimento agli artt. 42 e43 della CIM, l’avente diritto con la sottoscrizione del verbale di accertamento

dell’eventuale perdita o avaria della merce, da redigersi secondo le modalità indicate nel documento

Istruzioni, potrà presentare reclamo per risarcimento danno attenendosi aquanto prescritto

nel medesimo documento Istruzioni.

50.2 Il diritto alla liquidazione del danno può essere ceduto senza formalità, mediante dichiarazione apposta

sul duplicato della lettera di vettura o sul bollettino di consegna, dal mittente al destinatario e viceversa.

Articolo 51

Richiesta di regolarizzazione di somme percepite in eccesso dal vettore

Il mittente o il destinatario che abbia pagato il corrispettivo del trasporto ed abbia diritto ad ottenere

un rimborso di somme percepite in eccesso dal vettore, può presentare richiesta di regolarizzazione

nei termini esecondo le modalità indicate nel documento Istruzioni.

TITOLO VI

SERVIZI ACCESSORI

Articolo 52

Servizi accessori

52.1 Il vettore fornisce, su specifica richiesta del cliente, i servizi accessori tra cui a titolo esemplificativo e

non esaustivo:

a. operazioni e formalità doganali,

b. fornitura di carri per il trasporto stradale,

per iquali nel documento Istruzioni sono indicate le modalità di esecuzione enel documento Listino

Prezzi icorrispettivi per la prestazione di cui al punto a.

52.2 Ulteriori servizi accessori possono essere concordati tra il cliente ed il vettore secondo modalità e

condizioni definite nell’accordo cliente.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.31


TITOLO VII

MESSA A DISPOSIZIONE DEI CARRI DA PARTE DEL CLIENTE

Articolo 53

Principi generali

53.1 Le norme di cui al presente titolo si applicano nei casi in cui il cliente mette a disposizione i carri in

qualità di detentore ai sensi del CUV/CUU.

53.2 Un carro può essere l’oggetto di un trasporto in quanto merce (contratto di trasporto) oppure come

mezzo di trasporto (contratto d’utilizzazione).

Il CUU e le disposizioni seguenti si applicano nel caso di trasporto del carro come mezzo di trasporto.

Il cliente che presenta al vettore un carro di altro soggetto deve garantire che il detentore sia aderente

al CUU.

53.3 Il vettore, prima di prendere in consegna i carri, verifica che le loro condizioni siano conformi alle prescrizioni

tecniche e di manutenzione.

Tale verifica, non onerosa per il cliente, è effettuata con controllo esterno da parte di personale del

vettore.

In caso di accettazione del carro, la stessa non può in alcun modo impegnare la responsabilità del vettore,

salvo quando un danno sia causato da difetto di un organo interessante la sicurezza dell’esercizio

ferroviario e il cliente provi che essa era esistente all’atto della verifica stessa ed evidente nelle

condizioni di verifica realizzate.

53.4 I carri che trasportano, o che hanno trasportato, merci pericolose sono accettati con le riserve ed

alle condizioni dettate dalle leggi e dai regolamenti in vigore (RID).

53.5 Il vettore può rifiutare uno o più carri che, a suo giudizio, non sembrano fornire tutte le garanzie di sicurezza.

Il vettore si impegna peraltro a fornire una dettagliata descrizione dei motivi del rifiuto al cliente che ha

messo a disposizione i carri.

1.32 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 54

Stazionamento dei carri

54.1 Stazionamento su richiesta del cliente

54.1.1 Quando un carro è restituito vuoto senza essere utilizzato né instradato per un nuovo trasporto, il

cliente può ottenere lo stazionamento del carro.

54.1.2 Per ottenere lo stazionamento di un carro, il cliente deve presentare domanda direttamente alla gestione

merci dell’impianto ferroviario destinatario dell’ultimo trasporto, entro il terzo giorno seguente

la restituzione del carro stesso.

Il vettore accetta la richiesta previa verifica di disponibilità di spazio di binario. Qualora la domanda sia

accettata, il carro sarà considerato in stazionamento dal giorno successivo a quello della restituzione.

54.1.3 Decorsi tre giorni dalla restituzione del carro ed in mancanza di notizie da parte del cliente, si applicherà

quanto previsto al successivo paragrafo 54.2.

54.1.4 Il diritto di chiedere la rimessa a disposizione del carro posto in stazionamento spetta solo al cliente.

La rimessa a disposizione del carro avverrà al più tardi 72 (settantadue) ore dopo la presentazione

della richiesta scritta nella stessa gestione merci presso cui era stata presentata la domanda di messa

in stazionamento del carro.

54.1.5 Salva diversa previsione contrattuale, ai carri che hanno ottenuto lo stazionamento viene applicato il

relativo corrispettivo previsto nel documento Listino Prezzi, comprensivo degli oneri di sorveglianza

e custodia e di occupazione dei binari.

54.2 Stazionamento d’iniziativa del vettore o d’ufficio

54.2.1 Lo stazionamento “d’ufficio” si ha quando il cliente non abbia dato disposizioni in merito alla sua utilizzazione

o quando il carro avariato non sia trattato dal cliente entro i termini di tempo previsti.

Nel caso di giacenza di un carro vuoto conseguente ad un’avaria, il vettore si riserva di effettuarne lo

stazionamento su un qualsiasi impianto, con l’applicazione dei corrispettivi anzidetti e con la seguente

decorrenza:

a. qualora la riparazione debba essere eseguita a cura del vettore, a decorrere dal 3° (terzo) giorno

successivo alla data di rimessa a disposizione del carro, fino al giorno della sua riutilizzazione;

b. qualora la riparazione da effettuare a cura del vettore richieda l’invio di pezzi di ricambio da parte

del cliente, a partire dal 15° (quindicesimo) giorno successivo alla data della richiesta formulata dal

vettore, fino alla consegna di tutti i pezzi di ricambio;

c. qualora la riparazione non debba essere eseguita dal vettore, a decorrere dal 3° (terzo) giorno

successivo alla data di avviso di giacenza del carro, fino al giorno della sua rimessa in circolazione.

Agli effetti dell’applicazione del presente paragrafo non si considerano i periodi di immobilizzo del

carro dipendenti da fatto imputabile al vettore.

54.2.2 Nel caso di giacenza di un carro, in mancanza di notizie da parte del cliente, il vettore si riserva di effettuarne

lo stazionamento d’ufficio su un qualsiasi impianto, con l’applicazione dei suddetti corrispettivi.

Il cliente deve essere immediatamente avvisato della messa in stazionamento del carro, con l’indicazione

dei relativi corrispettivi e di eventuali costi intervenuti.

54.2.3 Il cliente resta comunque responsabile di ogni danno che la giacenza del carro possa arrecare alla sicurezza

ed alla regolarità dell’esercizio, nonché di ogni spesa che il vettore dovesse sostenere per l’eventuale

rimozione d’ufficio del carro.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.33


Articolo 55

Avaria dei carri

55.1 In caso di avaria o di perdita di un carro o di parti di esso, il vettore redige immediatamente un processo

verbale, in conformità al modello di cui all’allegato 4del CUU, che constati la natura dell’avaria

o l’entità della perdita e per quanto possibile le loro cause, nonché il momento in cui si sono prodotte.

Copia del processo verbale è sollecitamente trasmessa al detentore.

55.2 Il vettore si impegna ad effettuare le riparazioni per rimettere il carro in condizioni di circolazione, sulla

base delle indicazioni fornite dal cliente.

55.3 Nel caso in cui il cliente decida di non avvalersi del vettore per la riparazione del carro avariato, dovrà

concordare con il vettore stesso le modalità relative all’inoltro del carro all’officina di riparazione prescelta.

55.4 Qualora per l’effettuazione della riparazione la merce debba essere scaricata dal carro, le spese sono

a carico del responsabile dell’avaria stessa.

Analogamente, saranno attribuite al responsabile dell’avaria le spese di pulitura del carro necessarie

alla riparazione.

1.34 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 56

Indennità per la perdita d’uso del carro

56.1 Perdita d’uso per superamento dei termini di resa

56.1.1 I termini di resa dei carri carichi in quanto mezzi di trasporto coincidono con quelli della merce caricata

sugli stessi.

In caso di superamento dei detti termini per colpa imputabile al vettore, l’indennità per la perdita d’uso

del carro si intende compresa nelle eventuali penalità dovute alla ritardata consegna della merce.

56.1.2 I termini di resa dei carri vuoti e l’indennità per la perdita d’uso del carro, in caso di superamento dei

detti termini per colpa del vettore, sono definiti nell’accordo cliente.

Il cliente può richiedere detta indennità, pena la sua decadenza, per iscritto al vettore entro e non

oltre il ventunesimo giorno di consegna del carro al destinatario indicato in LDV.

56.1.3 Salva diversa previsione contrattuale, il calcolo dei termini di resa di un trasporto di carri vuoti è effettuato

su quelli previsti per un analogo trasporto di merce maggiorati di una franchigia pari a 5 (cinque)

giorni lavorativi.

56.1.4 Salva diversa previsione contrattuale, l’ammontare massimo dell’indennità per la perdita d’uso non

potrà essere superiore a 3 (tre) volte il valore del costo del trasporto a vuoto pagato al vettore.

56.2 Perdita d’uso per avaria

56.2.1 In caso d’avaria del carro o di sue parti imputabile al vettore, questi ha facoltà di versare al cliente del

carro, per ogni giornata indivisibile, l’indennità giornaliera riportata nel documento Listino Prezzi.

Tale indennità si intende omnicomprensiva, escluso cioè ogni ulteriore obbligo a carico del vettore di

corrispondere al cliente ulteriori compensi, rimborsi o indennizzi di sorta.

56.2.2 La misura massima di detta indennità non può comunque superare l’importo indicato nel documento

Listino Prezzi.

56.2.3 L’indennità è computata per il periodo che va dal sesto giorno dell’avvenuto scarto, fino al giorno in

cui è terminata la riparazione.

56.2.4 Qualora la riparazione venga effettuata direttamente dal cliente o in una officina da lui designata, tale

indennità viene corrisposta fino al giorno in cui la riparazione sarebbe dovuta normalmente terminare.

56.2.5 Il vettore versa ugualmente tale indennità al cliente, alle condizioni previste dal presente paragrafo,

quando il carro spedito carico è scartato in corso di viaggio e la merce viene trasbordata su un altro

carro per essere inoltrata alla propria destinazione.

In tal caso il periodo di tempo di 6 (sei) giorni decorre a partire dal momento in cui l’operazione di trasbordo

è terminata.

56.2.6 Qualora l’avaria, dovuta a colpa del vettore, determini lo scarto del carro carico in corso di viaggio ed

il trasbordo della merce su altro carro per il proseguimento del trasporto, il vettore stesso ha la facoltà

di corrispondere al cliente l’indennità di cui al paragrafo 56.2.1, calcolata a partire dal sesto giorno rispetto

al momento in cui l’operazione di trasbordo è terminata.

C O N D I Z I O N I G E N E R A L I D I C O N T R A T T O P E R I L T R A S P O R T O D E L L E M E R C I P E R F E R R O V I A 1.35


Istruzioni

Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia

In vigore dal 1° marzo 2010


Istruzioni

Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM)

Emanate dal Responsabile di Trenitalia Divisione Cargo

il 28 gennaio 2010 e registrate presso l’Agenzia delle Entrate

in data 26 febbraio 2010 serie 3 n. 4629

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Indice

ISTRUZIONE 1 (art. 11 CGCTM) Pagamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4

ISTRUZIONE 2 (art. 19 CGCTM) Opzione di flessibilità della programmazione ordinaria

(art. 20 CGCTM) Programmazione straordinaria

(art. 25 CGCTM) Richiesta di Trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5

ISTRUZIONE 3 (art. 26 CGCTM) Fornitura carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.7

ISTRUZIONE 4 (art. 31 CGCTM) Modalità e termini per il carico/scarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.9

ISTRUZIONE 5 (art. 32 CGCTM) Penali per sosta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.11

ISTRUZIONE 6 (art. 33 CGCTM) Impedimento operativo all’accettazione dei carri

per il carico/scarico da parte del mittente/destinatario . . . . . 2.12

ISTRUZIONE 7 (art. 34 CGCTM) Pesatura delle merci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.13

ISTRUZIONE 8 (art. 35 CGCTM) Sovraccarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.14

ISTRUZIONE 9 (art. 36 CGCTM) Presentazione della LDV - Trasmissione dati LDV . . . . . . . . . . 2.15

ISTRUZIONE 10 (art. 37 CGCTM) Struttura e caratteri della LDV

(art. 38 CGCTM) Compilazione della LDV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.16

ISTRUZIONE 11 (art. 40 CGCTM) Incomplete o inesatte dichiarazioni in LDV . . . . . . . . . . . . . . . . 2.24

ISTRUZIONE 12 (art. 41.1 CGCTM) Ordini ulteriori del mittente e/o modifiche del trasporto . . . . . 2.25

ISTRUZIONE 13 (art. 41.2 CGCTM) Impedimenti all’esecuzione del trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.26

ISTRUZIONE 14 (art. 41.2 CGCTM) Impedimenti alla riconsegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.27

ISTRUZIONE 15 (art. 46 CGCTM) Restituzione dei carri messi a disposizione dal vettore . . . . . . 2.28

ISTRUZIONE 16 (art. 50 CGCTM) Reclami per risarcimento danni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.29

ISTRUZIONE 17 (art. 51 CGCTM) Richiesta di regolarizzazione di somme percepite

in eccesso dal vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.31

ISTRUZIONE 18 (art. 52 CGCTM) Servizi accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.32

ALLEGATO 1 Modulo per richiesta trasporto/carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.34

ALLEGATO 2 Modulo di legittimazione per accompagnatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.35

ALLEGATO 3 Modello Ci93 LDV Servizio Nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.36

ALLEGATO 4

Modello LDV CIM per trasporto convenzionale e di carri vuoti

in servizio Internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.37

ALLEGATO 5 Modello LDV CIM per trasporto combinato in servizio Internazionale . . . . . . . . . 2.38

ALLEGATO 6 Modello Ci96 LDV Servizio Cumulativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.39

ALLEGATO 7 Modulo per Ordini ulteriori / modifiche al trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.40

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I


IS T R U Z I O N E 1 (art. 11 CGCTM) Pagamenti

§ 1 Entro i primi 5 (cinque) giorni lavorativi di ciascun mese il vettore emette fattura relativa ai trasporti effettuati

nel mese precedente.

Entro la fine del mese indicato nella data di fattura, il cliente dovrà provvedere al pagamento, mediante

bonifico bancario con valuta fissa per il beneficiario, sul c/c indicato nell’accordo cliente.

§ 2 In caso di ritardo nel pagamento saranno dovuti al vettore gli interessi di mora, in misura pari al tasso

di rifinanziamento della Banca Centrale Europea vigente nel periodo, aumentato di 7 punti percentuali,

senza necessità di formale costituzione in mora.

§ 3 Qualora il cliente provveda al pagamento anticipato dei trasporti deve consegnare, presso la gestione

merci indicata nell’accordo cliente, copia dell’attestazione dell’avvenuto pagamento.

2.4 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES2S(art.S19SCGCTM)SOpzioneSdiSflessibilità

della programmazione ordinaria

(art.S20SCGCTM)SProgrammazioneSstraordinaria

(art.S25SCGCTM)SRichiestaSdiSTrasporto

§ 1 Trasporto a treno completo

La richiesta per un trasporto a treno completo aggiuntivo o in programmazione straordinaria deve essere

presentata per iscritto alla struttura indicata nell’accordo cliente, rispettando le seguenti modalità.

a. Opzione settimanale

Il cliente deve presentare la richiesta, entro le ore 12 del lunedì della settimana A, per i treni da effettuarsi

nel periodo di sette giorni compreso fra il martedì della settimana B ed il lunedì della settimana

C.

Il vettore fornisce risposta entro le ore 18 del giovedì successivo alla richiesta, tramite conferma/rifiuto

scritto. In caso di conferma il vettore fornirà l’indicazione specifica dei trasporti da

eseguire, fatte salve situazioni particolari, quali giornate precedenti o seguenti a festività, in qual

caso la conferma potrà ritardare di una giornata lavorativa.

b. Opzione giornaliera

Il cliente deve presentare la richiesta entro le ore 18 del terzo giorno feriale precedente quello di

partenza.

Il vettore fornisce conferma/rifiuto scritto, entro 24 ore dalla partenza del treno.

§ 2 Trasporto a diffuso

2.1 La richiesta di trasporto a diffuso deve essere indirizzata, almeno 6 (sei) giorni lavorativi prima della

data richiesta di partenza, alla gestione merci presso la quale si effettuano le operazioni amministrative

dell’impianto ferroviario di partenza.

2.2nPerIlaIrichiestaIdiItrasportoIaIdiffuso,IilIclienteIdeveIcompilareIlaIparteIAIdelImoduloIriportatoIinIAllegatoI1Iindicando:

• numero di accordo cliente;

• generalità del mittente (ragione sociale, indirizzo e CAP);

• natura e peso delle merci da trasportare;

• luogo della consegna della merce da parte del mittente al vettore (in caso di terminalizzazione

stradale comunicare indirizzo e CAP);

• giorno di effettuazione del carico;

• giorno richiesto per la partenza;

• impianto ferroviario di partenza;

• impianto ferroviario di arrivo;

• luogo di messa a disposizione della merce da parte del vettore al destinatario (in caso di terminalizzazione

stradale comunicare indirizzo e CAP);

• generalità del destinatario;

•IeventualiInecessitàIdiIserviziIaccessoriIdiIcuiIagliIartt.I34IeI52IdelleICGCTM.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.5


Nel caso il cliente richieda la messa a disposizione di uno o più carri da parte del vettore, deve compilareIlaIparteIBIdell’AllegatoI1IsecondoIquantoIindicatoInell’IstruzioneI3,Ipar.I3.

§ 3 Trasporti eccezionali (MaxiCargo)

3.1 Per i trasporti eccezionali per i quali è stata rilasciata apposita autorizzazione da parte del gestore dell’infrastruttura

interessata allo stesso, la richiesta di trasporto potrà riguardare la modalità di inoltro a diffusoIoppureIaItrenoIcompleto,IcosìIcomeIdefinitoIallaISezioneIII-IMaxiICargoIdelIdocumentoI“Prodotti”.

3.2 Diffuso

La richiesta deve essere inoltrata almeno 30 giorni prima e, oltre ai dati già previsti al precedente paragrafo

2.2, deve contenere:

a. le dimensioni della merce da trasportare: nel caso di merce avente forma regolare (ad es. casse

di forma parallelepipeda, oppure serbatoi di forma cilindrica) sarà sufficiente indicare le tre dimensioni

(lunghezza x larghezza x altezza) oppure il diametro in mm; in caso di merce avente forma irregolare

oppure serbatoi aventi una o più sporgenze oltre il diametro, dovrà essere presentato

anche un disegno quotato della merce nelle tre viste, possibilmente in scala 1:20;

b. la posizione del centro di gravità nel caso di merci aventi forma irregolare, oppure una distribuzione

della masse non omogenea;

c. copia dell’autorizzazione del gestore dell’infrastruttura, se già in possesso del Cliente.

3.3 Treno completo

La richiesta deve essere inoltrata con almeno 15 giorni lavorativi di anticipo rispetto alla data di partenza

richiesta dal cliente, corredata degli elementi di cui ai paragrafi 2.2 e 3.2.

Il vettore comunica l’accettazione della richiesta e i termini di fattibilità tecnica con almeno due giorni

lavorativi di anticipo rispetto alla data di partenza.

2.6 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


I S T R U Z I O N E 3

(art. 26 CGCTM) Fornitura carri

§ 1 Esclusivamente per le esigenze di carri derivanti dalla sottoscrizione di un accordo cliente, il vettore

mette a disposizione il materiale alle condizioni e con le procedure di assegnazione appresso descritte.

§ 2 I carri vanno richiesti:

per il traffico diffuso tramite gli sportelli delle gestioni merci, che provvedono ad inoltrare le richieste

alle altre strutture interne del vettore;

per il traffico a treno completo secondo quanto disciplinato dai relativi accordi clienti.

§ 3 I carri, per il traffico diffuso, vanno richiesti alla gestione merci dell’impianto ferroviario di partenza, almeno

6 (sei) giorni lavorativi prima della data prevista di partenza.

Le richieste hanno tutte una validità di 7 (sette) giorni lavorativi. Se la richiesta non viene soddisfatta,

completamente o anche solo parzialmente, entro tale termine, il vettore ne dà comunicazione al richiedente.

La richiesta può essere ripresentata con le stesse modalità.

LeIrichiesteIpossonoIessereIinviateIviaIweb,IutilizzandoIl’appositaIfunzioneIdisponibileIsulIsitoIinternet

del vettore, oppure per e-mail, agli indirizzi di posta elettronica delle gestioni merci disponibili sul

sitoIwebIdelIvettore,IutilizzandoIilIprevistoImoduloI(AllegatoI1IalleIpresentiIstruzioni).

Le richieste sono organizzate e smaltite dalla gestione merci con criteri di priorità, legati al livello di

programmazioneIedIallaItipologiaIdeiIcarri,IcriteriIcheIpossonoIessereImodificatiIdaIdisposizioniIoperative

emanate dal vettore.

§4IlIrichiedenteIdeve,Iobbligatoriamente,IindicareInellaIparteIBIdelImoduloIdiIrichiesta:

il numero di accordo cliente;

il codice di ripartizione dei carri richiesti o concordati con il vettore, come previsto al successivo paragrafo

5;

• la quantità dei carri per ciascun codice di ripartizione;

• la data di messa a disposizione, come previsto al successivo paragrafo 5;

• l’impianto ferroviario di partenza ed il luogo effettivo di carico;

• l’impianto ferroviario di destinazione;

• la merce.

Le ulteriori richieste di carri rispetto a quella iniziale sono da considerare come nuove richieste.

§5 InIassenzaIdiIdisponibilitàItotaleIoIparzialeIdiIcarriIdelIcodiceIdiIripartizioneIrichiesto,IovveroInelIcaso

in cui il materiale non sia disponibile per la data richiesta, il vettore ne informa tempestivamente il richiedente

proponendo carri alternativi oppure un’altra data di messa a disposizione. Il richiedente è

tenuto a comunicare al vettore entro le successive 8 (otto) ore lavorative, anche a mezzo di fax o via

e-mail,IlaIpropriaIeventualeIaccettazioneIaiIsensiIdelIterzoIcommaIdelIparagrafoI26.2IdelleICGCTM.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.7


§ 6 Tutti gli annullamenti o modifiche alla richiesta carri vengono accettati solo se presentati per iscritto alla

struttura di cui al paragrafo 2 ed alle condizioni di cui al precedente paragrafo 3, prima delle ore 12 (dodici)

del giorno precedente quello previsto per la messa a disposizione.

§ 7 Annullamenti o modifiche effettuati, dopo le ore 12 del giorno precedente, o dopo la messa a disposizione

dei carri, danno luogo al pagamento di una penale pari ad € 100,00 (Euro cento/00) per ciascun

carro.

§ 8 Il carro è messo a disposizione del mittente alla data convenuta, affinché questi proceda al carico

delle merci.

Qualora il carro non possa, per qualsiasi motivo, essere messo a disposizione del mittente nel giorno

fissato, il vettore informa tempestivamente il mittente, il quale è tenuto a comunicare al vettore entro

la medesima giornata, anche a mezzo fax o via e-mail, la propria eventuale rinuncia.

Qualora il mittente non effettui la predetta comunicazione di rinuncia, la richiesta si intenderà confermata

ed il trasporto dovrà avere inizio entro i tre giorni lavorativi successivi alla data di partenza originariamente

prevista nella richiesta.

Qualora il vettore comunichi che neanche in tal modo è in grado di soddisfare la richiesta e, ciononostante,

il mittente non rinunci alla fornitura del carro, la validità della richiesta potrà essere prolungata

per un ulteriore periodo da concordare tra il mittente ed il vettore.

§ 9 Nel caso in cui il mittente richieda al vettore la messa a disposizione di carri di tipo speciale, ovvero atti

a carichi eccezionali, le modalità di messa a disposizione degli stessi saranno di volta in volta concordati

tra il mittente ed il vettore.

2.8 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES4S(art.S31SCGCTM)SModalitàSeSterminiSperSilScarico/scarico

§ 1 Carri nelle pertinenze del vettore

1.1 Il mittente/destinatario ha a disposizione i seguenti termini per effettuare le operazioni di carico/scarico

della merce:

a. 4 ore lavorative, nel caso di carro singolo;

b. 6 ore lavorative, nel caso di gruppi di carri fino a 3 carri;

c. 8 ore lavorative, nel caso di gruppi di carri oltre 3 carri;

d. 12 ore lavorative, nel caso di treno completo.

1.2 Qualora lo stesso carro sia riutilizzato dal destinatario per un nuovo trasporto, i termini di cui al precedente

punto 1.1 sono aumentati di:

a. 2 ore lavorative, nel caso di carro singolo;

b. 4 ore lavorative, nel caso di gruppi di carri;

c. 8 ore lavorative, nel caso di treno completo.

1.3 Per ore lavorative si intendono quelle durante le quali gli impianti ferroviari rimangono aperti al pubblico.

I termini di cui ai precedenti punti sono sospesi durante le ore di chiusura degli impianti ferroviari, il

sabato se non lavorativo e nei giorni festivi. Detti termini valgono anche per i trasporti consegnati in

dogana dopo il compimento delle operazioni doganali ed il piazzamento in binario di scarico.

1.4 Per le operazioni di scarico i termini di cui al precedente punto 1.1 sono aumentati di ulteriori 24 ore

lavorative nel caso di trasporti soggetti ad operazioni e formalità doganali. Le ulteriori 24 ore non sono

concesse per i trasporti che beneficiano della procedura semplificata di accertamento.

1.5 In deroga a quanto stabilito al precedente punto 1.1, i termini per il completamento del carico/scarico,

nei porti indicati sul sito internet del vettore, sono di 12 ore lavorative e decorrono dal momento

dell’avviso al mittente/destinatario della messa a disposizione dei carri/merce nel punto di presa e

consegna. Qualora lo stesso carro sia riutilizzato dal destinatario per un nuovo trasporto i termini sono

aumentati di 8 ore lavorative.

§ 2 Carri nello stabilimento raccordato

Il mittente/destinatario ha a disposizione 6 ore lavorative per effettuare le operazioni di carico/scarico

della merce.

Qualora lo stesso carro sia riutilizzato dal destinatario per un nuovo trasporto, detti termini sono aumentati

di 4 ore lavorative.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.9


§ 3 Autoveicolo presso il domicilio indicato dal mittente

Il mittente/destinatario ha a disposizione 2 ore lavorative per effettuare le operazioni di carico/scarico

della merce per ciascun autoveicolo.

§ 4 Carro scudo

Qualora, per la sicurezza del trasporto, sia necessario l’utilizzo di un carro scudo, quest’ultimo può essere

caricato purché non arrechi pregiudizio alla circolazione e la merce sia diretta allo stesso destinatario

del carico principale.

§ 5 Nel caso di carico di UTI il mittente, dopo la piombatura, deve assicurare la chiusura delle UTI stesse

con idonee barre fermaporta, in funzione di deterrente contro eventuali furti e/o atti vandalici.

2.10 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES5S(art.S32SCGCTM)SPenaliSperSsosta

§ 1 Penale a carro/giorno

Sui binari

di pertinenza del vettore

Carro messo a disposizione

Sui binari

dello stabilimento raccordato

del mittente/destinatario

Carro messo a disposizione

dal vettore dal cliente dal vettore

Per i primi 5 giorni

- a 2 assi € 17,00 € 15,00 € 9,00

- a 4 assi € 40,00 € 36,00 € 35,00

- più di 4 assi € 58,00 € 52,00 € 53,00

Per i successivi

- a 2 assi € 40,00 € 36,00 € 35,00

- a 4 assi € 58,00 € 52,00 € 53,00

- più di 4 assi € 86,00 € 77,00 € 81,00

§ 2 Le suddette penali sono riferite a ciascun carro per un periodo indivisibile di 24 ore solari.

§ 3 La penale non è dovuta durante le ore di chiusura degli scali, il sabato se non lavorativo e nei giorni

festivi.

§ 4 Penale per autoveicolo

€ 50,00 per ciascuna ora.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.11


ISTRUZIONES6S(art.S33SCGCTM)SImpedimentoSoperativo

all’accettazione dei carri per il carico/scarico

da parte del mittente/destinatario

Nei casi in cui si determini una situazione di ingombro, secondo quanto previsto dall’art. 33 delle

CGCTM, il vettore ha diritto a percepire una penale pari a € 52,00 (euro cinquantadue/00) al giorno

per ogni carro rimasto in attesa di poter essere riconsegnato e per tutto il periodo in cui si registra la

situazione.

2.12 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


IS T R U Z I O N E 7

(art. 34 CGCTM) Pesatura delle merci

§ 1 Il vettore può provvedere alla verifica del peso delle merci nell’impianto ferroviario di partenza o in

quello di arrivo. Ove ciò non sia ivi possibile, il vettore può provvedere all’operazione nell’impianto ferroviario

da esso ritenuto più opportuno.

§ 2 Il risultato della verifica del peso è iscritto in LDV, nello spazio previsto allo scopo, convalidato con il

bollo dell’ufficio competente dell’impianto ferroviario presso il quale ha avuto luogo la verifica.

§ 3 Il peso delle merci oggetto di trasporto viene determinato deducendo dal peso del carro carico la

tara iscritta sul medesimo o quella verificata.

§ 4 In caso di verifica del peso effettuata di iniziativa del vettore, quest’ultimo ha diritto alla riscossione

del compenso solo quando risulti una differenza superiore al 3% (tre per cento) in più o in meno fra

quanto dichiarato e quanto accertato.

§ 5 Se il mittente o il destinatario non accettano le risultanze della verifica del peso eseguita d’iniziativa del

vettore, si procede in contraddittorio ad una nuova pesatura e, se da questa risulti confermata la differenza

di peso rispetto alla dichiarazione del mittente, deve essere corrisposto al vettore quanto dovuto

per questa ulteriore verifica.

§ 6 Qualora dalla verifica risulti un peso inferiore a quello dichiarato dal mittente in LDV e la differenza

possa essere attribuita ad una perdita parziale di merci, si applicherà l’art. 48 CGCTM ovvero, qualora

applicabile, l’art. 31 CIM.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.13


ISTRUZIONES8S(art.S35SCGCTM)Sovraccarico

§1VQualora,IinIesitoIallaIverificaIdelIpeso,IilIvettoreIaccertiIunIpesoIsuperioreIalIlimiteIdiIcaricoIstabilito,

occorreIprocedereIaIregolarizzazioneImedianteItrasbordoIdelIcaricoIeccedenteIsuIaltroIcarro.ISeIla

verifica viene eseguita a partenza, alla regolarizzazione deve provvedere direttamente il mittente, altrimenti

l’operazione è eseguita dal vettore a spese del mittente, fermo restando che, qualora per

deficienza di impianti, di carri o altro non si possa provvedere, il vettore procederà ai sensi della successiva

IstruzioneI13.

§ 2 Quando sia necessario o sia scelto di trasbordare completamente la merce su altro carro, quest’ultimo

viene iscritto in LDV e sostituisce quello originario a tutti gli effetti. In caso di trasbordo parziale in

un impianto ferroviario intermedio, il carro su cui prosegue il trasporto ferroviario della merce eccedente

il limite di carico viene iscritto nella LDV originale, senza modificarne i contenuti.

§ 3 In caso di accertato sovraccarico, il mittente deve corrispondere al vettore un importo pari alla differenza

tra il prezzo del trasporto ferroviario originario ed il prezzo del nuovo trasporto conseguente al

trasbordoI(carroIoriginarioI+IcarroIdell’eccedenzaIpeso),IcalcolatoIsullaIbaseIdelIdocumentoI“Listino

Prezzi”.

Inoltre il mittente è tenuto al pagamento a titolo di penale, di un ulteriore importo pari al 30% (trenta

per cento) del corrispettivo del nuovo trasporto.

2.14 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES9S(art.S36SCGCTM)SPresentazioneSdellaSLDVS-STrasmissioneSdatiSLDV

§ 1 Il mittente che voglia provvedere alla compilazione via web della LDV deve utilizzare il software predisposto

nella propria area riservata del sito internet del vettore, alla voce “LDV”.

Per ottenere l’abilitazione all’accesso all’area riservata, il mittente deve rivolgersi alla struttura commercialeIdelIvettore,IcompetenteIterritorialmente,IilIcuiIelencoIèIdisponibileIsulIsitoIinternetIdelIvettore,

che fornirà anche l’eventuale necessaria assistenza per l’utilizzo del programma.

§ 2 Nel caso in cui si avvalga della trasmissione elettronica diretta dei dati, il mittente dovrà rivolgersi alla

suddetta struttura commerciale per concordare le modalità di attivazione della procedura.

§3VPerIogniItrasportoIdeveIessereItrasmessaIdalImittenteIunaILDV.ILaILDVIpuòIriguardareIancheIpiù

carri, a condizione che sia presentata da un unico mittente per un unico destinatario e che risponda

alleIspecificheIdiIcuiIall’IstruzioneI10Ipar.I7.InItalIcasoIiIcarriIdevonoIessereImessiIaIdisposizioneIeIcaricati

nello stesso impianto ferroviario per un unico impianto ferroviario di arrivo.

Inoltre, in servizio internazionale, l’utilizzo di un’unica LDV per più carri deve essere preventivamente

autorizzata da tutte le Imprese Ferroviarie partecipanti al trasporto.

§ 4 Il mittente è responsabile dei dati trasmessi, ivi compresi quelli relativi alla natura della merce, al tipo

di imballaggio, alla quantità, alle marche e ai relativi numeri dei colli, nonché al peso lordo complessivo

della merce oggetto del trasporto.

§ 5 In mancanza di firma elettronica certificata secondo la procedura concordata con il vettore, ancorché

in presenza di trasmissione elettronica diretta dei dati ovvero di compilazione via web della LDV, il mittente

dovrà provvedere alla sottoscrizione della copia cartacea della stessa.

§ 6 Qualora specifiche disposizioni di legge o accordi tra il cliente ed il vettore, prevedano che per ogni

singolo carro in composizione ad un trasporto a treno completo o a gruppi di carri, debba essere rilasciata

una distinta LDV, ciascuna di esse dovrà prevedere espresso riferimento all’insieme del trasporto.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.15


ISTRUZIONES10S(art.S37SCGCTM)StrutturaSeScaratteriSdellaSLDV

(art.S38SCGCTM)SCompilazioneSdellaSLDV

§ 1 In servizio nazionale

1.1 Qualora il mittente scelga di presentare la LDV in formato cartaceo, è obbligato a compilare le seguentiIcaselleIdelImodelloIMod.ICiI93I(AllegatoI3IalleIpresentiIstruzioni):

Casella Codice Istruzione

C O M P I L A Z I O N E D E L M O D E L L O C i 9 3 L D V

Casella A

Casella 5

O

O

C

Barrare la casella “Lettera di vettura” (il documento è utilizzato come lettera carro

unicamente nel caso in cui un carro vuoto è sottoposto ad un contratto di utilizzazione CUV)

Impianto ferroviario mittente

Indicazione della località di presa in carico della merce, ove questa non corrisponda all’impianto ferroviario di partenza

Casella 6 C Indicazione del raccordo di partenza e della ragione sociale del gestore

Casella 7 O Impianto ferroviario destinatario

Casella 8 C Indicazione del raccordo di arrivo e della ragione sociale del gestore

Casella 9

Casella 10

Casella 11

Casella 12

Casella 13

C

O

C

O

C

Indicazione delle località di partenza e di destinazione finale della merce,

ove queste non corrispondano all’impianto ferroviario di partenza e/o di destinazione

Generalità complete del mittente (Ragione Sociale, indirizzo, Partita IVA o Codice Fiscale)

nonché recapito telefonico in caso di trasporto di merci pericolose

Generalità complete di chi è autorizzato ad agire per conto del mittente

(Ragione Sociale, indirizzo, Partita IVA o Codice Fiscale)

Generalità complete del destinatario (Ragione Sociale, indirizzo, Partita IVA o Codice Fiscale)

nonché recapito telefonico in caso di trasporto di merci pericolose

Generalità complete di chi è autorizzato ad agire per conto del destinatario

(Ragione Sociale, indirizzo, Partita IVA o Codice Fiscale)

Casella 14 O Quantità totale dei carri

Casella 15

O

Indicazione se la spedizione è in porto “Franco” (pagamento a cura del mittente) o in porto “Assegnato” (pagamento

a cura del destinatario)

Casella 16 O Indicazione dell’Accordo Cliente

Casella 17 O Indicazione se la merce rientra tra quelle previste dal RID

Casella 18

C

Tipo di pagamento utilizzato (Pagamento Differito presso Polo Amministrativo Territoriale di Torino,

Conto Corrente Centralizzato di Gestione, contanti)

Casella 19 O Quantità totale dei colli

Casella 23 O Tipo di imballaggio

Casella 24 O Marche dell’imballaggio

Casella 25 O Numeri delle marche dell’imballaggio

Casella 26

O

Per trasporti a carro singolo o a gruppi di carri va indicato, in cifre e in lettere,

il peso lordo (merce + imballaggio) e, se conosciuto, il peso netto

Legenda dei codici

O =

C =

F =

Dato obbligatorio

Dato condizionale (obbligatorio se la condizione è soddisfatta)

Dato facoltativo

2.16 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


segue C O M P I L A Z I O N E D E L M O D E L L O Ci9 3 L D V

Casella Codice Istruzione

Casella 27

Casella 35

Casella 36

O

C

O

C

Descrizione merceologica della merce, quantità (in cifre e in lettere) e qualità.

Per le merci pericolose ammesse al trasporto va indicata, oltre ai nomi usati nel commercio ove consentiti,

la designazione ufficiale del trasporto prescritta dal RID completata, nel caso di nomi generici o designazione

non altrimenti specificata (n.a.s.), con il nome tecnico nonché il Numero di Pericolo ed il Codice ONU.

In caso di trasporto di rifiuti di merci pericolose (diversi dai rifiuti radioattivi) la designazione ufficiale di trasporto deve essere

preceduta dalla menzione “RIFIUTO”, a meno che questo termine non faccia già parte della designazione ufficiale di trasporto

prevista dal RID. In tutti gli altri casi di trasporto di rifiuti, il mittente deve comunque sempre indicare la dicitura “RIFIUTO”

ed il tipo in base alla classificazione prevista dalle norme in materia (rifiuti urbani o speciali, pericolosi o non pericolosi).

Nel caso di un unico carro, il cui carico è costituito da UTI vanno indicati, per ciascuna di esse, il codice di lunghezza,

la tara, il peso in chilogrammi della merce contenuta e la relativa descrizione merceologica, il numero del sigillo, la destinazione

finale e, se destinata all’imbarco, il numero identificativo della prenotazione della nave e l’indicazione del transitario

Indicazione degli eventuali servizi accessori richiesti:

a. carrellamento a domicilio del vagone,

b. verifica del peso della merce (art. 33 “CGCTM”)

Tipo del trasporto (a Treno Completo, a Gruppi di carri, a Carro singolo)

Per articoli di gioielleria, metalli preziosi, oggetti d’arte e di valore, monete e carte valori dichiarare il valore –

in cifre ed in lettere – attribuito alle merci oggetto del trasporto

Casella 37 C Elenco dei documenti allegati alla LDV

Casella 41

Casella 42

Casella 44

C

C

C

Indicazione della località di svolgimento delle operazioni doganali, del soggetto incaricato dell’espletamento

e se debbano avvenire o meno in ambito ferroviario

Indicazione del numero della dichiarazione d’intenti,

nel caso in cui il mittente intenda usufruire della non applicazione dell’IVA

Generalità complete del soggetto al quale deve essere riconsegnata la merce (Ragione Sociale,

indirizzo, Partita IVA o Codice Fiscale), nonché recapito telefonico in caso di trasporto di merci pericolose

qualora il destinatario indicato in casella 12 non provveda allo svincolo

Casella 45 C Indicazione dell’art. e comma del DPR 633/72, nel caso di esenzione dall’applicazione dell’IVA

Casella 46

O

Nel caso di spedizioni da/per Porti o rispedizioni da/per transiti di confine, va indicato

il Paese di provenienza e/o di destinazione finale, e nel solo caso di rispedizione da transito di confine

vanno indicati gli estremi della spedizione ferroviaria di origine

Casella 50 O Peso lordo del carro (calcolato aggiungendo al peso della merce la tara del carro)

Casella 51

O

Marcatura numerica del carro (11 cifre + 1 di autocontrollo);

nel caso di carro multi-modulo o di più carri, va riportata la dizione “vedi Distinta” e i dati del carro multi-modulo

e dei diversi carri saranno elencati su specifico documento descritto nel successivo paragrafo 7

Casella 52 O Tara del carro

Casella 61

O

Data e firma del mittente;

ulteriore data e firma del mittente per approvazione esplicita delle clausole di cui agli artt. 1341 e 1342 c.c.

Legenda dei codici

O =

C =

F =

Dato obbligatorio

Dato condizionale (obbligatorio se la condizione è soddisfatta)

Dato facoltativo

1.2 Nel caso di trasporto di carri vuoti inoltrati come mezzi di trasporto, il cliente deve indicare nella casella

n. 27 la marcatura del/i carro/i e la loro quantità. La casella 51 non deve essere compilata.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.17


§ 2 In servizio internazionale

2.1 Per i trasporti convenzionali, nonché per quelli di carri vuoti, in servizio internazionale, qualora scelga

diIpresentareIlaILDVIinIformatoIcartaceo,IilImittenteIèItenutoIaIpresentareIlaILDVICIMI(AllegatoI4Ialle

presenti Istruzioni).

Salvo specifico accordo fra mittente e vettore, le caselle da 1 a 30 sono compilate dal mittente.

LeIindicazioniInelleIcaselleI7,I13,I14,I55,I56IeI57IsonoIriportateIinIcodiceIeIinIparteIinIlettere.

Le caselle da 70 a 94 sono dedicate agli elementi di calcolo o agli importi del prezzo di trasporto.

I codici devono essere indicati in ogni scambio di corrispondenza con il numero della casella (es.: il

cod. 1 nella casella 7 deve essere indicato da: «Codice 7.1»).

Casella Codice Istruzione

C O M P I L A Z I O N E D E L M O D E L L O L D V C I M

Casella 1

O

Mittente: Nome, indirizzo postale, firma e, se possibile, n. di telefono o di fax (con prefisso internazionale)

o indirizzo e-mail del mittente. La firma può essere sostituita con un timbro, con un’indicazione

della macchina contabile o con qualunque altro modo appropriato. Per gli scambi di beni tra gli Stati membri

dell’Unione Europea, il mittente indica inoltre il suo n. di Partita IVA, se gli è stato attribuito

Casella 2 F Codice-cliente del mittente. Se il codice-cliente manca, può essere iscritto dal trasportatore

Casella 3

Casella 4

F

O

Codice-cliente del pagatore delle spese affrancate se non si tratta del mittente.

Se il codice-cliente manca, può essere iscritto dal trasportatore

quando può essere rilevato da un’indicazione presente nelle caselle 13 o 14

Destinatario: Nome, indirizzo postale e, se possibile, n. di telefono o di fax o indirizzo e-mail del destinatario.

Per gli scambi di beni tra gli Stati membri dell’Unione Europea, il mittente indica inoltre il n. di Partita IVA del destinatario,

se tale numero è stato attribuito al destinatario e se conosciuto dal mittente

Casella 5 F Codice-cliente del destinatario. Se il codice-cliente manca, può essere iscritto dal trasportatore

Casella 6

Casella 7

F

C

Codice-cliente del pagatore delle spese non affrancate se non si tratta del destinatario.

Se il codice-cliente manca, può essere iscritto dal trasportatore quando può essere rilevato

da un’indicazione presente nelle caselle 13 o 14

Dichiarazioni del mittente che impegnano il trasportatore.

In caso di utilizzazione dei codici 1, 2, 6, 7 e 8, indicare il codice e il suo significato.

In caso di utilizzazione degli altri codici è sufficiente indicare il codice e completarlo con l’informazione corrispondente.

Codice Dichiarazione:

1 Destinatario non autorizzato a disporre della merce

2 Destinatario autorizzato (secondo il diritto doganale)

3 Accompagnatore/i … (cognome/i, nome/i)

4 Peso caricato … [per i carri-cisterna caricati senza essere stati bonificati – vedere sottosezione 5.4.1.2.2 c) RID]

5 Numero di telefono di emergenza in caso d’irregolarità o di incidente con merci pericolose

6 Vietato ricorso a un sous-traitant

7 Carico effettuato dal trasportatore

8 Scarico effettuato dal trasportatore

9 Termine di resa convenuto: …

10 Adempimento delle formalità amministrative: … (vedere art. 15 CIM)

11 Trasporto eccezionale: … (numero d’inoltro di tutti i trasportatori ferroviari / gestori di infrastruttura partecipanti)

12 Numero di palette semplici contrassegnate «EUR» interscambiabili all’interno del Pool Europeo delle Palette

13 Numero di box-palette contrassegnate «EUR» interscambiabili all’interno del Pool Europeo delle Box-Palette

14 In caso di utilizzazione di copertoni del trasportatore:

numero di copertoni, abbreviazione del trasportatore e numero/i dei copertoni

15 In caso di utilizzazione di cinghie di stivaggio: numero e abbreviazione del trasportatore

16 Altre dichiarazioni: … (designazione di un mandatario, designazione di un sous-traitant,

richiesta di cure da fornire alla spedizione di viaggio, ecc.)

Casella 8 F Riferimento mittente, n.

Legenda dei codici

O =

C =

F =

Dato obbligatorio

Dato condizionale (obbligatorio se la condizione è soddisfatta)

Dato facoltativo

2.18 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


segue C O M P I L A Z I O N E D E L M O D E L L O L D V C I M

Casella Codice Istruzione

Casella 9

C

Allegati: Elenco di tutti i documenti d’accompagnamento necessari all’esecuzione del trasporto, che sono allegati alla LDV.

Per la LDV cartacea, eventuale indicazione di fogli complementari. Qualora il mittente utilizzi una dichiarazione

di merce pericolosa secondo la sottosezione 5.4.4 del RID, questo documento è utilizzato come foglio complementare.

Gli allegati sono indicati in codice ed in lettere per esteso sulla LDV cartacea e solo in codice sulla LDV elettronica.

Indicazioni complementari possono essere aggiunte in un campo libero in corrispondenza di ciascun codice.

La lista dei codici UN/EDIFACT 1001 è applicabile alla codifica degli allegati

Casella 10 O Luogo di riconsegna, completato dall’indicazione della stazione d’arrivo e del paese

Casella 11 F Codice del luogo di riconsegna. Se il codice manca, può essere iscritto dal trasportatore

Casella 12

Casella 13

Casella 14

Casella 15

Casella 16

Casella 17

Casella 18

Casella 19

Casella 20

Casella 21

Casella 22

O

C

C

F

O

F

C

C

C

C

C

C

C

O

C

C

Codice della stazione che serve il luogo di riconsegna: Codice internazionale della stazione

che serve il luogo di riconsegna della merce. Se il codice manca, deve essere iscritto dal trasportatore

Condizioni commerciali.

Codice Condizione:

1 Itinerario …

2 Flusso di traffico …

3 Trasportatori incaricati d’effettuare il trasporto, percorso, qualità

4 Stazioni di frontiera stabilite … (per trasporti eccezionali)

5 Altre condizioni richieste …

Numero dell’accordo cliente o della tariffa: Indicazione del numero dell’accordo cliente o della tariffa preceduta dal

codice 1 per gli accordi cliente o 2 per le tariffe

Informazioni per il destinatario: Comunicazioni del mittente al destinatario in relazione al trasporto.

Queste comunicazioni non vincolano il trasportatore

Presa in carico: Luogo (compreso stazione e Paese) e data (mese, giorno e ora) della presa in carico della merce.

Nota: quando le informazioni relative alla presa in carico effettiva sono diverse da quelle del mittente

il trasportatore che prende in carico la merce lo constata nella casella 56 “Dichiarazione del trasportatore”

Codice del luogo della presa in carico: Il trasportatore comunica il codice al mittente per mezzo dell’accordo cliente.

Se il codice manca, può essere iscritto dal trasportatore

Carro n.: indicazione del numero del carro in caso di trasporto a carro completo.

Il numero del carro indica anche il tipo di carro. Vedere il commento alla casella 30

Fatturazione transito: Quando la fatturazione per un percorso di transito è effettuata separatamente, indicare

il codice del percorso nella colonna di sinistra, utilizzando il codice impresa del trasportatore o il codice della nazione,

e nella colonna di destra, il codice impresa del trasportatore che fattura il relativo ammontare

Pagamento delle spese: Indicazione relativa al pagamento delle spese conforme al punto 5.2 di questa guida.

In assenza di una nota si intende che le spese sono prese in carico dal mittente

Descrizione della merce:

Trasporto a carro:

- quantità dei carri, quando sono caricati ed affidati al trasporto in quanto mezzo di trasporto;

- numero di identificazione dei carri, quando sono affidati al trasporto in quanto merce –

vedere il commento alla casella 30;

• Numero e descrizione delle UTI;

• Numero dei colli, segni e numeri particolari necessari all’identificazione delle spedizioni non a carro completo;

• Natura dell’imballaggio;

• Descrizione della merce; per le merci pericolose, descrizione prevista per il RID;

• Indicazione del codice merce secondo il Système Harmonisé nei casi in cui questo è richiesto dal diritto doganale

(p.es. per le merci deperibili).

All’occorrenza indicazione del numero e della descrizione dei sigilli apposti dal mittente sul carro o sull’UTI.

All’occorrenza apposizione di un’etichetta o di un timbro con pittogramma per le spedizioni

con procedura semplificata di transito ferroviario

Trasporto eccezionale: Tracciare una croce quando le disposizioni applicabili nel traffico internazionale

per i trasporti eccezionali prevedono tale indicazione

Casella 23 C RID: Tracciare una croce quando la merce è sottoposta al RID

Casella 24 C Codice NHM a 6 posizioni per il traffico carri completi

Legenda dei codici

O =

C =

F =

Dato obbligatorio

Dato condizionale (obbligatorio se la condizione è soddisfatta)

Dato facoltativo

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.19


segue C O M P I L A Z I O N E D E L M O D E L L O L D V C I M

Casella Codice Istruzione

Casella 25

Casella 26

O

C

Massa. Indicare:

il peso lordo della merce (compreso l’imballaggio) o la quantità della merce espressa sotto altre forme,

separatamente per posizione NHM;

• la tara delle UTI, strumenti, contenitori e attrezzi scambiabili o non scambiabili;

il peso totale della spedizione

Dichiarazione di valore:

Indicazione del valore della merce eccedente il limite secondo l’art. 30 § 2 CIM e del codice valuta

Casella 27 C Interesse alla riconsegna: Non previsto per trasporti interessanti il vettore

Casella 28 C Assegno: Non previsto per trasporti interessanti il vettore

Casella 29 O Luogo e data della compilazione: Luogo e data (anno, mese, giorno) della compilazione della LDV

Casella 30

Casella 40

O

F

Designazione del documento: Apporre una croce nella casella da contrassegnare CIM (il documento è utilizzato

come lettera carro CUV solo nel caso in cui un carro vuoto è sottoposto ad un contratto d’utilizzazione CUV).

Quando la spedizione è costituita solo da merce, il numero del carro è iscritto solo nella casella 18.

In tal caso il carro è sottoposto ad un contratto d’utilizzazione CUV.

Quando la spedizione comprende la merce e il carro o quando un carro vuoto è consegnato al trasporto

come merce, il numero del carro è indicato nelle caselle 18 e 21.

Il carro in tal caso non è sottoposto ad un contratto d’utilizzazione CUV. Clausole di rinvio (a sinistra della casella 30):

queste indicazioni sono prestampate sulla LDV cartacea e registrate nella LDV elettronica

Codifica 1: Casella codifica a 6 posizioni riservata al trasportatore a partenza.

In caso di necessità, questo spazio può essere utilizzato per l’indicazione del numero di un treno

Casella 41 F Codifica 2: Casella codifica a 4 posizioni riservata al trasportatore a partenza

Casella 42 F Codifica 3: Casella codifica a 4 posizioni riservata al trasportatore a partenza

Casella 43 F Codifica 4: Casella codifica a 4 posizioni riservata al trasportatore a partenza

Casella 44

F

Codifica 5: Casella codifica a 6 posizioni riservata al trasportatore all’arrivo. In caso di necessità, questo spazio può

essere utilizzato per l’indicazione del numero di un treno

Casella 45 F Codifica 6: Casella codifica a 4 posizioni riservata al trasportatore all’arrivo

Casella 46 F Codifica 7: Casella codifica a 4 posizioni riservata al trasportatore all’arrivo

Casella 47 F Codifica 8: Casella codifica a 4 posizioni riservata al trasportatore all’arrivo

Casella 48

Casella 49

Casella 50

Casella 51

Casella 52

C

O

O

C

C

Verifica: Indicazione del risultato della verifica e del trasportatore (abbreviazione o codice) che procede alla verifica

(vedere art. 11, §§ 2 e 3 CIM)

Codice d’affrancazione: Codifica della prescrizione relativa al pagamento delle spese

(2 posizioni per il codice della prescrizione, 5 x 2 posizioni per i codici delle spese prese in carico dal mittente,

2 posizioni per il codice del Paese + 6 posizioni per il codice della stazione (prescrizione fino a …)

Itinerari: Indicazione dell’itinerario effettivo utilizzando i codici frontiera.

Tale indicazione può essere completata in lettere.

In caso di impedimento al trasporto, indicare all’occorrenza il nuovo itinerario e l’annotazione «Deviato a seguito di …»

Operazioni doganali: Nome e codice della stazione in cui devono essere espletate

le formalità richieste dalle dogane o da altre autorità amministrative

Bollettino d’affrancazione:

- Apporre una croce se un Bollettino d’affrancazione è allegato alla LDV;

- Indicare la data in cui il Bollettino d’affrancazione è restituito (mese, giorno)

Casella 53 C Avviso d’incasso – non previsto per trasporti interessanti il vettore

Casella 54

Casella 55

C

C

Processo verbale: Indicazione del numero e della data di redazione del verbale (mese, giorno)

e del codice del trasportatore che lo redige

Prolungamento del termine di resa: in caso di prolungamento del termine di resa conformemente all’art. 16,

§ 4 CIM, indicare il codice della causa, l’inizio e la fine (mese, giorno, ora) nonché il luogo del prolungamento

Casella 56 C Dichiarazione del trasportatore

Legenda dei codici

O =

C =

F =

Dato obbligatorio

Dato condizionale (obbligatorio se la condizione è soddisfatta)

Dato facoltativo

2.20 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


segue C O M P I L A Z I O N E D E L M O D E L L O L D V C I M

Casella Codice Istruzione

Casella 57

Casella 58

Casella 59

Casella 60

Casella 61

Casella 62

C

O

O

C

C

O

Altri trasportatori: Codice impresa ed eventualmente nome e indirizzo postale in lettere dei trasportatori

diversi da quello contrattuale; percorso effettuato, in codice ed eventualmente in lettere;

qualità dei trasportatori (1 = trasportatore successivo, 2 = trasportatore sostituto)

Trasportatore contrattuale: Codice impresa ed eventualmente nome ed indirizzo postale

in lettere per esteso del trasportatore contrattuale e firma. La firma può essere sostituita da un timbro,

un’indicazione della macchina contabile o in qualunque altro modo appropriato

Data di arrivo: Data d’arrivo (anno, mese, giorno) della spedizione alla stazione d’arrivo.

Il trasportatore può aggiungere il numero d’arrivo. Nella parte inferiore di questa casella, numero e indicazione

del foglio della LDV. Queste indicazioni sono prestampate sulla LDV cartacea e registrate nella LDV elettronica

Messa a disposizione: Data (mese, giorno, ora) di messa a disposizione della spedizione al destinatario.

Questa indicazione sulla LDV può essere sostituita con altro mezzo

Ricevuta del destinatario: Data e firma del destinatario al momento della riconsegna.

La ricevuta del destinatario sulla LDV può essere sostituita con altro mezzo

Identificazione della spedizione: Indicazione del numero di identificazione della spedizione (codici del Paese

e della stazione, codice del trasportatore, o del trasportatore sostituto a partenza e numero di spedizione).

Sulla LDV cartacea, l’etichetta di controllo è apposta sui fogli 2 (foglio di via) e 5 (bollettino di spedizione).

Qualora l’identificazione delle spedizioni sia effettuata a mezzo computer, non si devono utilizzare etichette di controllo

Legenda dei codici

O =

C =

F =

Dato obbligatorio

Dato condizionale (obbligatorio se la condizione è soddisfatta)

Dato facoltativo

2.2 Per i trasporti combinati, qualora scelga di presentare la LDV in formato cartaceo, il mittente deve utilizzareIlaIspecificaILDVICIMI(AllegatoI5IalIpresenteIdocumento)IcostituitaIdaI7IfogliIdiIcuiIquelliInumerati

da 1 a 5 sono relativi al trasporto oggetto dell’accordo cliente concluso tra il vettore ed il proprio

cliente (operatore intermodale), mentre quelli contrassegnati dai numeri romani I e II hanno carattere

probatorio del contratto di spedizione concluso tra l’operatore intermodale ed il suo cliente.

I fogli I e II sono facoltativi. Sul retro di questi fogli l’operatore intermodale può stampare le proprie

Condizioni Generali o un estratto di queste ultime.

La LDV deve essere compilata come indicato al precedente paragrafo 2.1 salvo che per le caselle

sottoindicate:

Casella 21

Casella 25

O

C

C

O

F

C

C

O

N. UTI / Tipo UTI / Lunghezza UTI / Peso netto UTI / Tara UTI / Indicazione della merce

Indicazione del codice della merce secondo il Sistema Armonizzato (SH) nei casi in cui richiesto dal diritto doganale

(es.: per le merci sensibili)

N. del carro, quando quest’ultimo è consegnato al trasporto come merce

(vedere anche il commentario relativo alla casella 30)

Indicazione dei piombi apposti dal mittente sull’UTI

Riferimento relativo all’UTI o, per le spedizioni con bollettino di consegna, n. del bollettino di consegna

Stato UTI, utilizzando i codici riportati nella tabella «Aiuti alle eventuali constatazioni» sul retro dei fogli I e II

Se del caso, apposizione di un’etichetta o di un timbro munito di un pittogramma

per le spedizioni sottoposte alla procedura semplificata di transito ferroviario

Peso. Indicare:

- peso lordo UTI 1

- peso lordo UTI 2

- peso totale della spedizione

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.21


§ 3 In ogni caso, il mittente è obbligato, per il trasporto:

• a treno completo ad indicare specificatamente gli estremi identificativi del treno completo e il peso

lordo trainato; nonché, per ciascuno dei carri, la natura della merce e il peso lordo (calcolato aggiungendo

al peso della merce la tara del carro);

• in arrivo/partenza in un’area portuale, a specificare in LDV il sito dell’area portuale di destinazione/origine

del trasporto, in relazione all’impianto ferroviario mittente/destinatario, scelto tra quelli

messi a disposizione del vettore, il cui elenco è pubblicato sul sito internet dello stesso e sul quale

è altresì evidenziata la possibilità di effettuare trasporti di merci pericolose.

§ 4 Copia dell’autorizzazione per un trasporto eccezionale rilasciata da parte del gestore dell’infrastruttura

ferroviaria deve essere allegata, a cura del mittente, alla LDV.

§ 5 Nel caso di merci provenienti da Paesi terzi, viaggianti tra due località italiane sotto vincolo doganale,

il documento di trasporto da utilizzare è la LDV denominata “CIM Speciale”, simile a quella utilizzata in

Servizio Internazionale, di cui ricalca anche la compilazione.

§6VNelIcasoIdiItrasportoIcumulativoIdiImerci,IilIMittenteIdeveIutilizzareIlaILDVIMod.CiI96I(AllegatoI6IalleIpresentiIstruzioni),IperIlaIqualeIvalgonoIleImedesimeIregoleIdiIcompilazioneIdiIcuiIallaIpresenteIstruzione.

§ 7 Nel caso in cui la LDV riguardi la spedizione di un carro multi-modulo o di più di un carro, il Cliente

dovrà allegare un’apposita distinta, riportante i seguenti dati:

a. numero totale dei carri;

b. numero progressivo del foglio / numero totale dei fogli;

c. numero progressivo del carro;

d. matricola numerica del carro;

e. tara e peso lordo del carro.

Per i carri multi-modulo, indicazione del modulo con lettera progressiva:

• “A” per il primo modulo;

• “B” per il secondo modulo;

• “C” per il terzo modulo;

• “D” per il quarto modulo;

• “E” per il quinto modulo.

Per ciascun carro o modulo:

a. descrizione della merce caricata;

b. peso netto in chilogrammi della merce;

c. eventuale codice del raccordo mittente;

d. eventuale codice del raccordo destinatario.

2.22 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Nel caso in cui il carico sia composto da UTI, oltre alle suddette informazioni, per ciascun carro o modulo

dovranno essere indicate quelle caricate e, per ciascuna di esse:

a. il codice della lunghezza: 20, 30, 40, 45 o 70 (per i semirimorchi);

b. l’indicazione se carica o vuota;

c. la tara;

d. il peso in chilogrammi di ciascuna merce contenuta e la relativa descrizione merceologica.

Per le merci pericolose ammesse al trasporto va indicata, oltre ai nomi usati nel commercio ove

consentiti, la designazione ufficiale del trasporto prescritta dal RID completata, nel caso di nomi

generici o designazione non altrimenti specificata (n.a.s.), con il nome tecnico nonché il Numero di

Pericolo ed il Codice ONU.

In caso di trasporto di rifiuti di merci pericolose (diversi dai rifiuti radioattivi) la designazione ufficiale

di trasporto deve essere preceduta dalla menzione “RIFIUTO”, a meno che questo termine non faccia

già parte della designazione ufficiale di trasporto prevista dal RID. In tutti gli altri casi di trasporto

di rifiuti, il mittente deve comunque sempre indicare la dicitura “RIFIUTO” ed il tipo in base alla classificazione

prevista dalle norme in materia (rifiuti urbani o speciali, pericolosi o non pericolosi);

e. il numero del sigillo;

f. il numero identificativo della prenotazione della nave e l’indicazione del transitario;

g. l’effettiva destinazione.

§ 8 Qualora il trasporto sia scortato da personale del cliente, il passeggero è assoggettato alla seguente

normativa:

a. in servizio nazionale:

Le “Condizioni Generali di Trasporto dei passeggeri di Trenitalia” in vigore al momento dell’effettuazione

del trasporto disponibili sul sito internet del vettore.

b. in servizio internazionale:

“Regole Uniformi concernenti il trasporto internazionale ferroviario dei viaggiatori” (CIV) Appendice

A alla COTIF 1999.

In LDV deve esserne annotato il nominativo dell’agente di scorta al trasporto con la dicitura seguente:

• Per il servizio nazionale:

Il Trasporto è sottomesso alle “Condizioni Generali di Trasporto dei passeggeri di Trenitalia “

• Per il servizio internazionale:

Il trasporto è sottomesso alle “Regole Uniformi concernenti il trasporto internazionale ferroviario dei

viaggiatori” (CIV).

AllaILDVIdeveIessereIallegatoIilIModelloI(AllegatoI2)IdiIcuiIalleIpresenti Istruzioni.

Il prezzo del viaggio per il personale di scorta è incluso nel corrispettivo del trasporto.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.23


ISTRUZIONES11S(art.S40SCGCTM)SIncompleteSoSinesatteSdichiarazioniSinSLDV

§ 1 Il mittente è responsabile delle indicazioni fornite in LDV, ivi comprese quelle relative alla natura della

merce, al tipo di imballaggio, alla quantità, alle marche e ai relativi numeri dei colli nonché al peso lordo

complessivo della merce oggetto del trasporto.

§ 2 Qualora la dichiarazione incompleta e/o inesatta della merce e/o del suo peso in LDV dia luogo all’applicazione

di un corrispettivo per il trasporto ferroviario inferiore a quello che sarebbe stato dovuto

in caso di corretta dichiarazione, va corrisposto al vettore un importo pari alla differenza tra il

prezzo applicato e quello previsto dall’accordo cliente, nel caso la merce oggetto del trasporto sia

ammessa dallo stesso, ovvero tra il prezzo applicato e quello calcolato sulla base dei corrispettivi del

documentoI“ListinoIPrezzi”InelIcasoIdettaImerceInonIsiaIprevistaInell’accordoIcliente.

E’ inoltre dovuta una penale pari al doppio di tale differenza.

§3VQualoraIlaIdichiarazioneIincompletaIe/oIinesattaIdiaIluogoIall’accettazioneIdiImerciIcheIilIvettore,Iai

sensiIdell’art.I4IdelleICGCTM,InonIavrebbeIaltrimentiIaccettato,IsonoIdovutiIalIvettore:

a. un corrispettivo per il trasporto ferroviario calcolato per tutto il percorso con riferimento a quanto

dovutoIinIbaseIalIdocumentoI“ListinoIPrezzi”;

b. un importo, a titolo di penale, pari al 30% (trenta per cento) del corrispettivo previsto nell’accordo

cliente;

c. il rimborso delle ulteriori spese sostenute dal vettore a causa dell’inesatta o incompleta dichiarazione.

§ 4 Nei casi di cui ai precedenti paragrafi 2 e 3 della presente Istruzione, qualora il vettore si avveda dell’incompletezza

o dell’inesattezza prima di aver completato il trasporto, potrà interrompere il trasporto

stesso e mettere la merce a disposizione del mittente o, se necessario, della Pubblica Autorità. In tal

caso saranno dovuti al vettore, a titolo di penale e salvo il maggior danno, gli importi indicati come

penali ai precedenti paragrafi 2 e 3, oltre a un importo pari al corrispettivo del trasporto ferroviario per

il percorso effettuato.

2.24 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES12S(art. 41.1 CGCTM) Ordini ulteriori del mittente e/o modifiche del trasporto

§ 1 Il mittente, con riguardo all’intero quantitativo di merce oggetto del trasporto, può impartire eventuali ordini

ulteriori e/o modifiche al trasporto comunicandoli alla gestione merci dell’impianto ferroviario di partenza, di

arrivoIoIintermedio,IpostoIlungoIilIpercorso,IusandoIilIprevistoImoduloI(AllegatoI7IalleIpresenti Istruzioni)Ie

presentandoIilIduplicatoIdellaILDV,IcheIgliIvieneIrestituitoIconIl’annotazioneIdelleIdisposizioniIimpartite.

UnaIdiversaIproceduraIpotràIessereIstabilitaItraIleIpartiInelIcasoIdiItrasmissioneIelettronicaIdeiIdatiIdaIparte

del mittente, con utilizzo di firma elettronica certificata secondo la procedura concordata con il vettore.

§2 InIparticolare,IeInelIrispettoIdiIquantoIprevistoIdall’art.I18ICIM,IilImittenteIpuòIdisporreIche:

a.IprimaIdell’inizioIdelItrasporto,IlaImerceIsiaIritirataInell’impiantoIferroviarioIdiIpartenza,IpreviaIrinuncia

al trasporto;

b. al di fuori del caso di cui alla precedente lettera a), la merce sia restituita nell’impianto ferroviario di

partenza;

c. la merce sia fermata in un impianto ferroviario intermedio, o non sia consegnata al destinatario in

attesa di ulteriori disposizioni;

d.IlaImerceIsiaIconsegnataIadIaltroIdestinatarioIe/oIinIaltraIdestinazione;

e. dietro versamento del corrispettivo, il trasporto in assegnato diventi trasporto in affrancato.

§ 3 L’ordine ulteriore e/o la modifica del trasporto sono ammessi a condizione che gli stessi non producano,

come effetto, il frazionamento della spedizione.

§ 4 Il vettore può rifiutare l’ordine ulteriore e/o la modifica con i quali il mittente abbia richiesto l’inoltro della merce

ad una destinazione diversa da quella convenuta, qualora presso l’impianto di nuova destinazione sia stata

sospesa l’accettazione della categoria di merci alla quale appartiene quella oggetto della spedizione.

Nel caso in cui l’ordine ulteriore e/o la modifica siano stati accettati dal vettore, ma gli stessi non possano

più essere eseguiti presso l’impianto di nuova destinazione, a causa della sopravvenuta sospensione

dell’accettazione della categoria di merci alla quale appartiene quella oggetto della

spedizione, il vettore ne dà notizia al mittente con il mezzo più sollecito, invitandolo a dare nuove disposizioni

in merito all’impianto di destinazione.

§ 5 Il vettore esegue gli ordini ulteriori e/o le richieste di modifica al trasporto a condizione che le stesse

siano tecnicamente attuabili, non creino difficoltà al servizio e non ostino alla loro esecuzione disposizioni

della Pubblica Autorità. In difetto, il vettore comunica al mittente la mancata esecuzione dei

predetti ordini ulteriori e/o delle richieste di modifica del contratto, precisandone il motivo.

§ 6 Il vettore si riserva di subordinare l’esecuzione degli ordini ulteriori e/o delle modifiche di cui al precedenteIparagrafoI2IalIpagamentoIdelIcorrispettivoIdovutoIperIl’esecuzioneIdegliIstessi,IindicatoInelIdocumentoI“ListinoIPrezzi”.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.25


ISTRUZIONES13S(art.S41.2SCGCTM)SImpedimentiSall’esecuzioneSdelStrasporto

§ 1 In caso di impedimento all’esecuzione del trasporto, il mittente ricevutane comunicazione da parte del

vettore, impartisce le proprie istruzioni nel termine di 3 giorni lavorativi dalla comunicazione esibendo

il duplicato della LDV, ovvero immediatamente, nel caso di trasporti di merci pericolose o di rifiuti.

Una diversa procedura potrà essere stabilita dal vettore nel caso di trasmissione elettronica dei dati

da parte del mittente, con utilizzo di firma elettronica certificata, secondo la procedura concordata con

il vettore.

§ 2 Qualora il mittente dia istruzioni che modificano il trasporto, si applicano le disposizioni previste dalla

IstruzioneI12.

§ 3 Qualora il mittente non dia nel termine stabilito le istruzioni richiestegli, o dia istruzioni che non possono

essereIeseguite,IilIvettoreIpotràIprocedereIaiIsensiIdellaIsuccessiva IstruzioneI14IedIiIterminiIdiIresa

resteranno conseguentemente sospesi.

§ 4 Qualora l’impedimento al trasporto cessi prima che giungano le istruzioni del mittente, il trasporto prosegue

per la destinazione originaria.

§ 5 Nel caso di instradamento del trasporto per altro itinerario disposto di iniziativa del vettore, nessun ulteriore

corrispettivo graverà il trasporto. I termini di resa saranno tuttavia calcolati con riguardo all’itinerario

effettivamente percorso.

2.26 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES14S(art.S41.2SCGCTM)SImpedimentiSallaSriconsegna

§ 1 A titolo esemplificativo e non esaustivo si verifica impedimento alla riconsegna nel caso di:

a. impossibilità di rintracciare il destinatario;

b. rifiuto da parte del destinatario di svincolare la merce;

c. sequestro della merce da parte dell’Autorità;

d. pignoramento della merce da parte di terzi.

§ 2 Nei casi di cui al paragrafo precedente, il vettore comunica al mittente, in forma scritta e con il mezzo

più sollecito, gli impedimenti che sorgono alla riconsegna della merce.

§ 3 Ricevuta comunicazione, il mittente deve impartire le proprie istruzioni, immediatamente nel caso in

cui si tratti di merci pericolose o rifiuti, ovvero nel termine di 3 giorni lavorativi dalla comunicazione dell’impedimento

alla riconsegna, esibendo il duplicato della LDV. Qualora il mittente dia istruzioni che

modificanoIilItrasporto,IsiIapplicanoIleIdisposizioniIprevisteIdall’IstruzioneI12.

§ 4 Qualora il mittente non dia nel termine stabilito le istruzioni richiestegli o dia istruzioni che non possonoIessereIeseguite,IilIvettoreIpotràIprocedereIaiIsensiIdell’art.I47IdelleICGCTM.

§ 5 Qualora l’impedimento alla riconsegna venga meno prima che giungano le istruzioni del mittente, queste

si considerano come non date.

§ 6 Nel caso in cui il vettore ritenga di dare seguito alle disposizioni del mittente, annota le variazioni sul

duplicato della LDV, che restituisce al mittente. In caso contrario, il vettore procederà, dopo averne

informato il mittente, a dar corso alle operazioni di cui all’art. 47 delle CGCTM.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.27


ISTRUZIONES15S(art.S46SCGCTM)SRestituzioneSdeiScarri

messi a disposizione dal vettore

§ 1 I carri devono essere riconsegnati al vettore in buono stato e puliti.

§ 2 La restituzione dei carri implica anche lo scarico degli imballaggi, dei mezzi di assicurazione e di ogni

altro attrezzo utilizzato per il trasporto.

§ 3 Qualora il mittente riutilizzi gli stessi carri per un ciclo di trasporti di merci della stessa tipologia, la pulizia

può essere effettuata una sola volta alla fine del ciclo.

§ 4 Ad operazioni ultimate, il destinatario restituisce il carro alla gestione merci dell’impianto ferroviario di

arrivo, la quale procede alla verifica della regolarità della riconsegna.

§ 5 Qualora, in ragione delle merci trasportate, lo stato del carro esiga che lo stesso sia sottoposto ad

operazioni di bonifica, è dovuto al vettore il rimborso delle spese da questi sostenute.

§ 6 Qualora i carri vengano riconsegnati non puliti e il destinatario, nonostante l’invito del vettore, non

provveda immediatamente alla pulizia, il vettore vi provvederà a propria cura, addebitandogli i corrispettiviIprevistiInelIdocumentoI“ListinoIPrezzi”.

§ 7 L’addebito dei costi dovuti per la mancata pulizia o per danneggiamento può avvenire anche a seguito

diIverificaIdaIparteIdelIvettoreIedIemissioneIdiIprocessoIverbaleI(All.I4ICUU)IinIunIimpiantoIferroviario

diverso da quello di riconsegna, a condizione che il carro non abbia effettuato, nel frattempo, alcun

viaggio a carico.

2.28 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES16S(art.S50SCGCTM)SReclamiSperSrisarcimentoSdanni

a. Verbale di accertamento della perdita o dell’avaria

§ 1 Nel verbale di accertamento sono evidenziati la natura e le cause dell’evento e, se possibile, il momento

in cui si è verificato.

§ 2 Il vettore e l’avente diritto possono di comune accordo nominare un perito, le cui deduzioni, anche se

espresse in una specifica relazione, fanno parte integrante del verbale. Le spese per la perizia sono

ripartite tra il vettore e l’avente diritto in proporzione delle rispettive responsabilità e non entrano a far

parte della liquidazione del danno.

§ 3 Il verbale è sottoscritto dal vettore, dal destinatario e dai periti di parte, ove intervenuti, i quali redigeranno

apposita relazione separata, che entra a far parte integrante del verbale e viene allegata ad esso.

§ 4 Ove necessario, vengono altresì allegati al verbale documenti contabili, fotografie, disegni, analisi di laboratorio

e atti o documenti emessi dall’Autorità che le parti ritengono necessari ai fini dell’accertamento.

§ 5 Con la sottoscrizione del verbale di accertamento dell’eventuale perdita o avaria della merce oggetto

del trasporto redatto in contraddittorio tra le parti, queste accettano i fatti descritti e le conclusioni ivi

espresse, ai fini della definizione stragiudiziale delle rispettive responsabilità e dell’eventuale quantificazione

del danno. Medesima efficacia è riconosciuta al verbale redatto d’iniziativa del vettore in assenza

dell’avente diritto quando quest’ultimo lo abbia accettato, sottoscrivendolo anche

successivamente alla sua redazione.

L’avente diritto può chiedere l’accertamento del danno anche dopo l’accettazione della merce alle

condizioniIeIlimitiIprevistiIdall’art.I47I§I2Ib)IdellaICIM.

§ 6 Il verbale è redatto in doppio originale, uno per ciascuna delle parti.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.29


. Reclamo per risarcimento danni

§ 1 Il reclamo deve essere presentato dall’avente diritto alla gestione merci dell’impianto ferroviario di

partenza o di arrivo.

§ 2 Il reclamo deve essere redatto su due originali in carta semplice intestata del cliente. In esso, il cliente

descriveIiImotiviIperIiIqualiIpresentaIilIreclamo,IriportandoItuttiIgliIelementiInecessariIallaIvalutazione

del fondamento della richiesta di risarcimento. Il reclamo relativo alla richiesta di risarcimento dei danni

èIcorredatoIdall’originaleIdelIverbaleIdiIcuiIall’art.I42ICIM,Idall’originaleIdelIduplicatoIdellaILDVInelIcaso

sia presentato da parte del mittente, o del bollettino di consegna se da parte del destinatario, nonché

di eventuali documenti utili ai fini della liquidazione del danno.

§ 3 La gestione merci riporta sul duplicato della LDV/bollettino di consegna l’attestazione dell’avvenuta

presentazione del reclamo e lo restituisce al cliente, unitamente ad uno dei due originali del reclamo

con timbro dell’ufficio, data e sottoscrizione per ricevuta.

§ 4 Su indicazione del vettore, il reclamo potrà essere trasmesso con altra modalità, anche di tipo informatico.

2.30 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


ISTRUZIONES17S(art.S51SCGCTM)SRichiestaSdiSregolarizzazione

di somme percepite in eccesso dal vettore

§ 1 L’avente diritto, in base all’art. 51 delle CGCTM può presentare la richiesta di rimborso delle somme

percepiteIinIeccessoIdalIvettoreIutilizzandoIl’appositaIfunzioneIprevistaInelIsitoIinternetIdelloIstesso.

In alternativa, la richiesta può essere inviata:

a. per e-mail all’indirizzo di posta elettronica indicato nel sito internet del vettore;

b. per posta ordinaria a:

“Trenitalia S.p.A.- Direzione Amministrazione Finanza e Controllo

Amministrazione e Bilancio, Polo Amministrativo Territoriale di Torino

Via Chisola, 3A/bis - 10126 Torino”

§ 2 Il vettore procederà alla correzione e al conguaglio nei confronti dell’avente diritto solo nel caso in cui

la differenza in più o in meno superi l’importo di € 30,00 (euro trenta/00).

§ 3 In caso di errata fatturazione da parte del vettore e conseguente richiesta di rimborso da parte del

cliente, il vettore si impegna a comunicare l’esito dell’accertamento da eseguire entro 90 giorni dalla

data di richiesta e di accreditare eventuali importi da rimborsare mediante nota contabile da conteggiare

nell’ambito della prima liquidazione di conto corrente utile.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.31


ISTRUZIONES18S(art.S52SCGCTM)ServiziSaccessori

a. Operazioni e formalità doganali

§ 1 Il mittente deve indicare in LDV il luogo e il soggetto che effettua le operazioni e formalità doganali. Nel

caso in cui si avvalga del servizio, offerto dal vettore relativo all’espletamento di dette operazioni, a

questiIèIdovutoIilIcorrispettivoIstabilitoInell’appositaISezioneIdelIdocumentoI“ListinoIPrezzi”,IilIcuiIammontare

deve essere annotato in LDV. Ove le formalità doganali effettuate in corso di trasporto non

siano espletate in concomitanza con le operazione doganali, esse sono obbligatoriamente eseguite

dal vettore.

§ 2 Qualora, in corso di trasporto o dopo lo svincolo, il mittente intenda incaricare il vettore dell’espletamento

delle formalità e delle operazioni doganali, può farlo con richiesta scritta che il vettore si riserva

di accettare.

§ 3 Il vettore ha diritto di assistere alle formalità e alle operazioni doganali eseguite in corso di trasporto

dal mittente, dal destinatario o dal terzo incaricato. Il mittente e il destinatario (o il terzo incaricato)

possono assistere alle operazioni doganali eseguite dal vettore solo per fornire le informazioni necessarie.

§ 4 Dopo lo svincolo, il destinatario potrà effettuare a propria cura le formalità e le operazioni doganali relative

a merci che siano sottoposte a vincolo doganale con garanzia del vettore, in un impianto ferroviario

non sede di dogana o fuori dell’ambito ferroviario, depositando presso l’impianto ferroviario

destinatario copia dell’autorizzazione o del nulla osta della dogana competente, e facendo apporre

dal mittente la dicitura “Operazioni doganali a destino – Autorizzazione n. …” sui documenti di trasporto.

§ 5 La rimozione e la successiva apposizione di nuovi sigilli alle unità di carico, effettuate in occasione di

formalità ed operazioni doganali eseguite in corso di trasporto a cura del mittente/destinatario o del

terzo incaricato, vengono effettuate dal vettore.

2.32 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


. Fornitura di carri per il trasporto stradale

§ 1 Qualora il cliente richieda il trasferimento stradale di carri, da utilizzare o utilizzati per il trasporto ferroviario,

ne deve assicurare la riconsegna entro 27 ore, ovvero 30 ore in caso di ricarico, dalla loro

messa a disposizione o dallo svincolo. In caso di superamento dei suddetti termini si applicano le penali

per la sosta di cui alla precedente Istruzione 5.

Detti termini restano sospesi il sabato non lavorativo ed i giorni festivi.

§ 2 Il destinatario deve, una volta eseguito lo svincolo, verificare lo stato del carro per l’eventuale annotazione

delle anomalie riscontrate, chiedendo al vettore la redazione di apposito verbale. In caso contrario,

decade dalla possibilità di contestare eventuali anomalie.

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.33


Istruzioni - Allegato 1

Modulo per richiesta trasporto/carri

Cliente titolare di accordo cliente (Ditta e codice)

N. accordo cliente

Parte A

Da compilare a cura del mittente

Mittente (Ditta , sede sociale, P.IVA)

…………………………………………………..

…………………………………………………..

Richiesta Trasporto

Destinatario (Ditta , sede sociale, P.IVA)

…………………………………………………..

Riferimento del mittente

(nominativo, n” tel, e mail)

……………………………

Luogo di ritiro della merce (indirizzo, CAP, tel.)

…………………………………………………..

…………………………………………………..

Luogo di consegna della merce(indirizzo,CAP, tel.)

…………………………………………………..

…………………………………………………..

Impianto ferroviario di

partenza

…………………………

Natura, quantità e qualità della merce

…………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………

Impianto ferroviario di

destinazione

…………………………

Giorno di effettuazione

del carico

…………………………

Giorno richiesto per la

partenza

……………………………

Servizi accessori

…………………………………………………………

Parte B

Da compilare a cura del mittente

Richiesta carri

Codice

ripartizione

Quantità

Data di messa a

disposizione del

carro

Luogo

effettivo di

carico

Impianto

ferroviario di

partenza

Luogo effettivo

di scarico

Impianto

ferroviario di

destinazione

Merce

Timbro e firma del mittente

………………………………………..

Timbro e firma della Gestione Merci

………………………………………..

Data e ora di consegna della richiesta

……………………………………….

2.34 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Istruzioni - Allegato 2

Modulo di legittimazione per accompagnatore

Legittimazione per accompagnatore

Mittente (nome, indirizzo)

Expediteur (nom, adresse)

Identificazione della spedizione – Identification de l’envoi

Paese - Pays

Impianto - Gare

Mod. C.Acc

Impresa - Enterprise Sped. N ° - exp. N .°

Destinatario (nome, indirizzo, paese)

Destinatarie (nom, adresse, pays)

Presa in carico, luogo, data – Prise en charge, lieu, date

Mese – giorno – ora

Mois – jour - heure

L uogo di riconsegna – L ieu de livraison

Carro N°

Wagon N °

Impianto - Gare

Paese- Pays

A ccompagnatore della merce (cognome, nome)

Convoyeur de la marchandises (nom, prenom)

Indicazione della merce –designation de la marchandises

L egittimazione per accompagnatore valida – L égitimation pour convoyeur valable

Da/de

a/à

Questa legittimazione conferisce al suo detentore il diritto di esercitare tutte le funzioni

attribuite all’accompagnatore nei treni con i quali la spedizione accompagnata è trasportata.

Essa non costituisce titolo di trasporto. L ’accompagnatore deve perciò essere in possesso

anche di un titolo di trasporto valido. Se è accordata all’accompagnatore la gratuità del

trasporto su tutto il percorso o su una parte di questo, in virtù degli accordi conclusi fra i

Cette légitimation confère a son détenteur le droit d’exercer toutes les fonctions dévolues au

convoyeur dans les trains par lesquels l’envoi accompagné est transporté. Elle ne constitue

pas un titre de transport. L e convoyer doit donc aussi être en possession d’une titre de

transport valable. Si la gratuité du transport est accordée au convoyeur sur tout le parcours ou

sur une partie de celui-ci, en vertu des accords conclus entre les transporteurs intéressés, les

trasportatori interessati, i titoli di trasporto corrispondenti saranno rilasciati titres de transport correspondent seront délivrés au convoyer par la gare de départ et/ou par

all’accompagnatore dalla stazione mittente e/o dalle stazioni intermedie competenti.

L a legittimazione per accompagnatore deve essere presentata su richiesta; alla fine del viaggio

questa deve essere consegnata al servizio merci competente o al personale di controllo.

Il capotreno (controllore) può attribuire un posto all’accompagnatore, per esempio nel carro

nel quale è caricata la merce accompagnata, o nel bagagliaio, o nel carro di servizio, o ancora

in una vettura viaggiatori del treno in questione; l’accompagnatore deve uniformarsi agli

ordini ricevuti.

L ’accompagnatore deve osservare le seguenti istruzioni per quel che concerne il suo

comportamento nell’esercizio delle sue funzioni (prescrizioni di sicurezza).

les gares intermédiaires compétentes.

L a légitimation pour convoyeur doit être présentée sur demande : à la fin du voyage, elle doit

être remise au service marchandises compétent ou/au personnel de contrôle.

L e chef de train (contrôleur) peut attribuer une place au convoyer, p.ex. dans le wagon dans

lequel est chargée la marchandise accompagnée, ou dans le fourgon à bagage, ou dans le wagon

d’accompagnement, ou encore dans une voiture à voyageurs du train en question ; le

convoyeur doit se conformer aux ordres reçus.

L e convoyeur doit observer les instructions ci – après au sujet de son comportement dans

l’exercice de ses fonctions (prescriptions des sécurité).

Prescrizioni di sicurezza

Il viaggio nei treni e nei carri merci comporta un maggior rischio di incidenti; una particolare

prudenza si rende pertanto necessaria al momento dell’entrata e dell’uscita dai veicoli all’atto

della partenza e dell’arresto del treno, durante le manovre nonché in occasione dell’apertura e

della chiusura delle porte!

E’ pericolosissima e di conseguenza vietato:

- salire sui tetti dei veicoli o sul carico dei carri di merci scoperti o procedere al riordino del

carico spostato quando il carro si trova sotto la linea di contatto;

- omettere la distanza di sicurezza minima di m. 1,50 – anche con degli oggetti – in occasione

di lavori in prossimità di impianti e di linee sotto tensione;

- fumare nei carri in cui si trovano materie facilmente infiammabili o animali.

L ’accompagnatore deve:

- annunciarsi al capotreno prima della partenza del treno (nei treni non scortati, al

macchinista);

- prestare attenzione ai segnali di richiamo delle locomotive e agli avvertimenti del personale

ferroviario;

- impedire la chiusura intempestiva delle porte scorrevoli;

- evitare, se possibile, di sostare fra i binari;

- restare nel carro in caso di arresto in piena via;

- portare per la notte fanali o lanterne luminose, che non diffondano alcuna luce colorata e che

non presentino nessun rischio di esplosione o di incendio.

Indirizzo e firma del trasportatore/Adresse et signature du transporteur

Prescriptions des sécurité

L e voyage dans les trains et wagons de marchandises engendre en risque accru d’accident ; une

prudence particulière s’impose donc lors de l’entrée dans le véhicules et lors de la sortie des

véhicules, lors du départ et de l’arrêt du train, pendant les manœuvres ainsi que lors de

l’ouverture et de la fermeture des portes.

Il est très dangereux et par conséquent est interdit

- de monter sur les toits des véhicules ou sur le chargement des wagons de marchandises

ouverts ou de procéder à la refection de chargements déplacés lorsque les wagons se

trouvent sous la caténaire ;

- de négliger la distance de sécurité minimale de 1,50m.- même avec des objet – lors de

travaux à proximité d’installation et des lignes sous tension;

- de fumer dans les wagons où se trouvent de matières facilement inflammables ou des

animaux.

L e convoyeur doit

- s’annoncer ou chef de train avant le départ du train (dans les trains non accompagnés, ou

mecanicien) ;

- prendre garde aux signaux avertisseurs des locomotives et aux avertissements du personnel

ferroviaire ;

- empêcher la fermeture intempestive des portes coulissantes ;

- éviter si possible de stationner entre les voies ;

- rester dans les wagons en cas d’arrête en pleine voie ;

- emporter pour la nuit des lampes ou lanternes éclairant bien ne diffusant aucune lumiere

colorée et ne présentant aucune risque d’explosion ou d’incendie

Firma dell’accompagnatore/Signature du convoyeur

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.35


Istruzioni - Allegato 3

Modello Ci93 LDV Servizio Nazionale

2.36 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Istruzioni - Allegato 4

Modello LDV CIM per trasporto convenzionale e di carri vuoti

in servizio Internazionale

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.37


Istruzioni - Allegato 5

Modello LDV CIM per trasporto combinato in servizio Internazionale

2.38 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Istruzioni - Allegato 6

Modello Ci96 LDV Servizio Cumulativo

C G C T M > > > I S T R U Z I O N I 2.39


Istruzioni - Allegato 7

Modulo per Ordini ulteriori / modifiche al trasporto

p

p

2.40 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Listino Prezzi

Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia

In vigore dal 1° marzo 2010


Listino Prezzi

Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM)

Emanato dal Responsabile di Trenitalia Divisione Cargo

il 28 gennaio 2010 e registrato presso l’Agenzia delle Entrate

in data 26 febbraio 2010 serie 3 n. 4630

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Indice

Sezione I - Corrispettivi per il trasporto delle merci per ferrovia

Paragrafo 1 - Campo di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4

Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4

Paragrafo 3 - Calcolo delle distanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4

Paragrafo 4 - Calcolo degli arrotondamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.5

Paragrafo 5 - Pesi minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.5

Paragrafo 6 - Sovrapprezzi per l’utilizzazione di particolari tipi di carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.6

Paragrafo 7 - Merci di lunghezza eccezionale richiedenti l’uso di più carri . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.6

Paragrafo 8 - Merci di peso eccezionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.7

Paragrafo 9 - Spedizioni eccedenti il peso assiale o il profilo limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.7

Paragrafo 10- Carri per il distanziamento e la frenatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.7

Sezione II - Corrispettivi Ordinari

Paragrafo 1 - Corrispettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8

Paragrafo 2 - Corrispettivi per materiale rotabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8

Paragrafo 3 - Sovrapprezzo per tabacchi lavorati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8

Paragrafo 4 - Sovrapprezzo per valori bollati e oggetti preziosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.9

Classe A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10

Classe B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.13

Sezione III - Corrispettivi per specifiche categorie merceologiche

Paragrafo 1 - Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti . . . . . . . . . . . . . . 3.16

Paragrafo 2 - Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.19

Paragrafo 3 - Corrispettivi per trasporto di carri vuoti quali mezzi di trasporto . . . . . . . . . . . . . . 3.22

Paragrafo 4 - Corrispettivi per trasporto di rotabili da ferrovie e tranvie

circolanti sulle proprie ruote - NHM 8601/8605 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.25

Sezione IV - Corrispettivi per servizi accessori

Paragrafo 1 - Espletamento delle formalità doganali e delle operazioni doganali . . . . . . . . . . . . 3.27

Sezione V - Servizi vari

Paragrafo 1 - Pulitura del carro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.29

Paragrafo 2 - Creazione della Lettera di Vettura elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.29

Paragrafo 3 - Ordini ulteriori e/o modifiche al contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.29

Paragrafo 4 - Stazionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.29

Paragrafo 5 - Indennità per la perdita d’uso del carro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.30

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Sezione I

Corrispettivi per il trasporto delle merci per ferrovia

Paragrafo 1

Campo di applicazione

ILcorrispettiviLcontenutiLnelLpresenteListinoLPrezziLeLpubblicatiLsulLsitoLinternetLdelLvettore,LsiLriferiscono

ai trasporti ferroviari di merci effettuati da Trenitalia in ambito nazionale, con la modalità del “Diffuso”

sul relativo reticolo.

Detti corrispettivi sono forniti a titolo meramente indicativo.

Paragrafo 2

Calcolo del corrispettivo

Salvo quanto diversamente previsto per determinate categorie merceologiche nella successiva Sezione

III, il corrispettivo di trasporto si determina moltiplicando l’importo applicabile in base alla distanza

tra l’impianto ferroviario di origine e quello di destinazione e al tipo di carro utilizzato, per il peso

della merce da trasportare, espresso in tonnellate, ovvero per quel diverso parametro previsto dallo

specifico corrispettivo.

Per il trasporto effettuato con carri composti da due o più moduli, fatta eccezione per i trasporti di veicoli

composti da carri porta auto vuoti, nonché per i trasporti a vuoto di carri messi a disposizione dal

cliente o dal vettore, il calcolo del corrispettivo è stabilito con riferimento a ciascun modulo.

I residui di merce contenuti nei carri serbatoio sono considerati, ai soli effetti del calcolo dei corrispettivi,

come facenti parte integrante del carro nel solo caso in cui il loro peso non superi il 10% della tara.

Nel caso di applicazione di riduzioni e/o maggiorazioni percentuali del corrispettivo, queste vanno calcolate

sull’importo a tonnellata, ovvero su quel diverso parametro stabilito per specifiche categorie

merceologiche nella successiva Sezione III, applicandole in successione, senza cioè effettuare preventivamente

la somma algebrica delle corrispondenti percentuali.

I corrispettivi applicabili ai trasporti a carico effettuati con carri messi a disposizione dal vettore devono

essere aumentati del 17,65%.

Paragrafo 3

Calcolo delle distanze

Agli effetti del calcolo del corrispettivo, le distanze tra gli impianti ferroviari di origine e di destinazione

del trasporto si desumono dal Prontuario Ufficiale delle distanze chilometriche per i traffici interni, documento

disponibile presso le gestioni merci del vettore e dal Distancier International Uniforme des

Marchandises per quelli internazionali, disponibile sul sito internet del vettore.

Per i trasporti da e per impianti caratterizzati da particolari condizioni, possono essere indicate distanze

virtuali.

3.4 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Paragrafo 4

Calcolo degli arrotondamenti

Gli arrotondamenti sono calcolati secondo i seguenti criteri:

• Arrotondamento del peso

le frazioni di 100 kg di peso della merce si arrotondano ai 100 kg superiori, salvo quanto stabilito

nella successiva Sezione III per specifiche categorie merceologiche e dalle disposizioni in materia

di peso minimo per carro;

• Arrotondamento del corrispettivo

il corrispettivo del trasporto calcolato ai sensi del precedente paragrafo 2 si arrotonda in Euro al secondo

decimale.

Paragrafo 5

Pesi minimi

Il peso minimo da considerare ai fini del calcolo del corrispettivo del trasporto è indicato nelle diverse

tabelle delle Sezioni II eIII. In mancanza esso èfissato in kg 10.000.

Per le spedizioni effettuate con carri del tipo sottoindicato, i pesi minimi sono quelli indicati nella tabella

sotto riportata, salve le eccezioni previste nella Sezione III per specifiche categorie merceologiche:

Tipo di carro

Peso minimo per carro

tonn

A. Carri a 2 assi

1. Coperti di capacità pari o superiore a 70 mc* 15

2. Tetto apribile di lunghezza pari o superiore a 12 m 15

B. Carri pianali a 3 o 4 assi e carri a carrelli 15

C.Altri carri a 3 o 4 assi 18

D. Carri a più di 4 assi 36

E. Carri a piano di carico ribassato 6 per asse

* Con esclusione di carri privati, dei carri isotermici e refrigeranti

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.5


Paragrafo 6

Sovrapprezzi per l’utilizzazione di particolari tipi di carri

Ai corrispettivi relativi a trasporti effettuati con carri a piano di carico ribassato serie U, a 2, 4, 6, 8 assi

ed oltre, vanno applicati i seguenti sovrapprezzi:

Tipo di carro

Da 1 a 300 km

Sovrapprezzi

Per ogni 300 km indivisibili

oltre i primi 300 km

A 2 assi € 62,57 € 31,29

A 4 assi € 125,15 € 62,57

A 6 assi € 187,72 € 93,86

A 8 assi € 250,29 € 125,15

Più di 8 assi * *

* Sovrapprezzo stabilito di volta in volta dal vettore

Tali sovrapprezzi si applicano, in servizio interno ed internazionale, per i carri messi a disposizione dal

vettore.

In uscita dall’Italia, i sovrapprezzi di cui alla precedente tabella, si applicano sull’intera distanza dall’impianto

ferroviario nazionale a quello estero di destinazione.

In entrata in Italia non si applica alcun sovrapprezzo.

Paragrafo 7

Merci di lunghezza eccezionale richiedenti l’uso di più carri

Ai fini del calcolo del corrispettivo per il trasporto di merci che, a causa della loro lunghezza, richiedano

l’uso di più carri, sia nel caso in cui il carico poggi parzialmente su di essi, sia nel caso in cui non poggi

neppure in parte (carro scudo), tutti i carri utilizzati devono essere considerati come caricati di una

uguale frazione del peso effettivo della spedizione nel suo complesso.

L’importo viene calcolato per ogni singolo carro, applicando il corrispettivo competente, nel rispetto

dei pesi minimi a carro di cui al precedente paragrafo 5, maggiorato del 30%.

Il peso dell’eventuale merce caricata sul carro scudo deve essere sommato a quello del carico principale

ed assoggettato a quanto indicato nel presente paragrafo.

3.6 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Paragrafo 8

Merci di peso eccezionale

Al corrispettivo relativo al trasporto di un carro nel quale venga caricato un collo di peso pari o superiore

a kg 30.000, va applicata la competente tra le seguenti percentuali di maggiorazione:

• da 30.000 kg fino a 39.999 kg 30%;

• da 40.000 kg e fino a 149.999 kg ulteriore aumento di 10 punti percentuali

indivisibili per ogni 10.000 kg;

• da 150.000 kg ed oltre 150%.

Nel caso in cui in uno stesso carro siano caricati più colli di peso superiore a 30.000 kg, al corrispettivo

del trasporto si applica la maggiorazione relativa al collo di peso maggiore.

Paragrafo 9

Spedizioni eccedenti il peso assiale o il profilo limite

Il corrispettivo relativo al trasporto di un carro nel quale vengano caricati uno o più colli, il cui peso unitario

determini un peso assiale lordo superiore a quello massimo ammesso anche su una sola delle

linee da percorrere, o le cui dimensioni comportino un profilo limite eccedente i limiti massimi, ammessi

anche su una sola delle linee da percorrere, viene calcolato per l’intero percorso applicando il

corrispettivo competente maggiorato del 30% e con il peso minimo di kg 20.000.

Se la spedizione comprende colli di peso pari o superiore a kg 30.000, sul prezzo calcolato in base al

capoverso precedente viene, in aggiunta, applicata la maggiorazione di cui al precedente paragrafo 8.

Paragrafo 10

Carri per il distanziamento e la frenatura

Ai carri vuoti, utilizzati per il distanziamento o per la frenatura di un treno ogniqualvolta le circostanze

lo richiedano, è applicato un corrispettivo pari a € 0,58 (euro zero/58) per km.

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.7


Sezione II

Corrispettivi Ordinari

Paragrafo 1

Corrispettivi

Classe A

Icorrispettivi della Classe A, riportati nella presente Sezione II, sono prezzi di riferimento applicabili a

tutte le merci – inoltrate con il reticolo del diffuso – previste dalla Nomenclatura Armonizzata delle

Merci (NHM) pubblicata sul sito del vettore, ad eccezione delle merci per le quali èprevista la Classe

B, nonché delle specifiche categorie merceologiche riprese nella successiva Sezione III.

Classe B

Icorrispettivi della Classe Briportati nella presente Sezione II sono applicabili alle merci aventi le seguenti

posizioni di NHM:

• da 2601 a 2602;

• 2619;

• da 2701 a 2702;

• 2704;

• da 7201 a 7204;

• da 7206 a 7216;

• da 7218 a 7222;

• da 7225 a 7228;

• da 7301 a 7302.

Paragrafo 2

Corrispettivi per materiale rotabile

Ai trasporti di carri vuoti riferiti alle posizioni: NHM 8606 (carro merci vincolato a binari) sono applicabili

i corrispettivi indicati nella classe A, serie 3, maggiorati del 20%.

Detti corrispettivi sono calcolati tenuto conto del peso reale arrotondato al minimo di 20 tonnellate per

rotabile. Qualora i rotabili siano trasportati con combustibile, acqua, attrezzi, ed altro di pertinenza

degli stessi e su di essi caricati, il corrispettivo per il trasporto si calcola sul peso lordo (tara del rotabile

maggiorata del peso di quanto su esso caricato).

Paragrafo 3

Sovrapprezzo per tabacchi lavorati

Ai trasporti di merci di cui alla posizione NHM 2402 (Sigari, sigaretti e sigarette) si applica un sovrapprezzo

pari al 25%.

3.8 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Paragrafo 4

Sovrapprezzo per valori bollati e oggetti preziosi

I prezzi dei trasporti di cui alle posizioni NHM 4907 (Francobolli, marche da bollo e simili), da 7101 a 7118

(Perle fini o coltivate, pietre preziose o simili, metalli preziosi, placcati o ricoperti di metalli preziosi e lavori

di tali materie; minuterie, gioielleria ed altri valori) e 9101 (Orologi con casse di metalli preziosi),

9601 (Materie animali da intaglio, lavorate e lavori di tali materie, compresi quelli ottenuti per modellatura)

e da 9701 a 9706 (Oggetti d’arte, da collezione o da antichità), sono determinati di volta in volta.

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.9


Classe A

Tabella dei pesi limite a partire dai quali è da prendere a base del calcolo del prezzo di trasporto

il prezzo corrispondente al peso virtuale della serie immediatamente superiore

Carichi aventi un peso effettivo compreso Peso limite Calcolo dei prezzi di trasporto

tonn Serie di prezzi n. Peso virtuale tonn

1. Classe A - Carri a 2 assi

a. fra 10,0 e 15,0 t 12,0 2 15,0

b. fra 15,0 e 20,0 t 18,0 3 20,0

c. fra 20,0 e 25,0 t 23,9 4 25,0

2. Classe A - Carri a carrelli e carri pianali a 3/4 assi

a. fra 15,0 e 22,5 t 18,0 2 22,5

b. fra 22,5 e 30,0 t 27,0 3 30,0

c. fra 30,0 e 37,5 t 35,8 4 37,5

3. Classe A - Altri carri a 3/4 assi

a. fra 18,0 e 27,0 t 21,5 2 27,0

b. fra 27,0 e 36,0 t 32,4 3 36,0

c. fra 36,0 e 45,0 t 42,9 4 45,0

3.10 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Corrispettivi Classe A

Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 1 Serie 2 Serie 3 Serie 4

Per spedizioni con carri a 2 assi 10 t 15 t 20 t 25 t

Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno)

o con carri pianali a 3 o 4 assi 15 t 22,50 t 30 t 37,5 t

Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 18 t 27 t 36 t 45 t

km Euro Euro Euro Euro

1-100 19,50 15,52 13,93 13,26

101-105 19,75 15,72 14,11 13,43

106-110 20,06 15,97 14,33 13,65

111-115 20,38 16,22 14,56 13,86

116-120 20,69 16,47 14,78 14,08

121-125 21,01 16,72 15,00 14,29

126-130 21,32 16,97 15,23 14,50

131-135 21,64 17,22 15,45 14,72

136-140 21,95 17,47 15,68 14,93

141-145 22,27 17,72 15,90 15,15

146-150 22,58 17,97 16,13 15,36

151-155 22,90 18,22 16,35 15,58

156-160 23,21 18,47 16,58 15,79

161-165 23,53 18,73 16,80 16,00

166-170 23,84 18,98 17,03 16,22

171-175 24,16 19,23 17,25 16,43

176-180 24,47 19,48 17,48 16,65

181-185 24,79 19,73 17,70 16,86

186-190 25,10 19,98 17,93 17,08

191-195 25,42 20,23 18,15 17,29

196-200 25,73 20,48 18,38 17,50

201-210 26,17 20,83 18,69 17,80

211-220 26,80 21,33 19,14 18,23

221-230 27,43 21,83 19,59 18,66

231-240 28,06 22,33 20,04 19,09

241-250 28,69 22,84 20,49 19,52

251-260 29,32 23,34 20,94 19,95

261-270 29,95 23,84 21,39 20,37

271-280 30,58 24,34 21,84 20,80

281-290 31,21 24,84 22,29 21,23

291-300 31,84 25,34 22,74 21,66

301-310 32,47 25,84 23,19 22,09

311-320 33,10 26,34 23,64 22,52

321-330 33,73 26,85 24,09 22,95

331-340 34,36 27,35 24,54 23,37

341-350 34,99 27,85 24,99 23,80

351-360 35,62 28,35 25,44 24,23

361-370 36,25 28,85 25,89 24,66

371-380 36,88 29,35 26,34 25,09

381-390 37,51 29,85 26,79 25,52

391-400 38,14 30,36 27,24 25,94

401-420 39,01 31,05 27,86 26,54

421-440 40,12 31,93 28,65 27,29

441-460 41,23 32,81 29,45 28,04

461-480 42,33 33,69 30,24 28,80

481-500 43,44 34,58 31,03 29,55

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.11


Corrispettivi Classe A

Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 1 Serie 2 Serie 3 Serie 4

Per spedizioni con carri a 2 assi 10 t 15 t 20 t 25 t

Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno)

o con carri pianali a 3 o 4 assi 15 t 22,50 t 30 t 37,5 t

Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 18 t 27 t 36 t 45 t

km Euro Euro Euro Euro

501-520 44,55 35,46 31,82 30,31

521-540 45,66 36,34 32,61 31,06

541-560 46,77 37,22 33,41 31,81

561-580 47,88 38,11 34,20 32,57

581-600 48,98 38,99 34,99 33,32

601-620 50,09 39,87 35,78 34,08

621-640 51,20 40,75 36,57 34,83

641-660 52,31 41,63 37,36 35,59

661-680 53,42 42,52 38,16 36,34

681-700 54,53 43,40 38,95 37,09

701-720 55,64 44,28 39,74 37,85

721-740 56,74 45,16 40,53 38,60

741-760 57,85 46,05 41,32 39,36

761-780 58,96 46,93 42,12 40,11

781-800 60,07 47,81 42,91 40,86

801-820 61,18 48,69 43,70 41,62

821-840 62,29 49,58 44,49 42,37

841-860 63,40 50,46 45,28 43,13

861-880 64,50 51,34 46,07 43,88

881-900 65,61 52,22 46,87 44,63

901-920 66,72 53,10 47,66 45,39

921-940 67,83 53,99 48,45 46,14

941-960 68,94 54,87 49,24 46,90

961-980 70,05 55,75 50,03 47,65

981-1000 71,16 56,63 50,83 48,40

1001-1050 73,10 58,18 52,21 49,72

1051-1100 75,17 59,83 53,70 51,14

1101-1150 76,56 60,94 54,69 52,08

1151-1200 77,95 62,04 55,68 53,02

1201-1250 79,33 63,14 56,66 53,97

1251-1300 80,72 64,24 57,65 54,91

1301-1350 82,10 65,35 58,64 55,85

1351-1400 83,49 66,45 59,63 56,79

1401-1450 84,87 67,55 60,62 57,74

1451-1500 86,26 68,66 61,61 58,68

1501-1550 87,64 69,76 62,60 59,62

1551-1600 89,03 70,86 63,59 60,56

1601-1650 90,42 71,96 64,58 61,51

1651-1700 91,80 73,07 65,57 62,45

1701-1750 93,19 74,17 66,56 63,39

1751-1800 94,57 75,27 67,55 64,34

1801-1850 95,96 76,38 68,54 65,28

1851-1900 97,34 77,48 69,53 66,22

1901-1950 98,73 78,58 70,52 67,16

1951-2000 100,12 79,68 71,51 68,11

3.12 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Classe B

Tabella dei pesi limite a partire dai quali è da prendere a base del calcolo del prezzo di trasporto

il prezzo corrispondente al peso virtuale della serie immediatamente superiore

Carichi aventi un peso effettivo compreso Peso limite Calcolo dei prezzi di trasporto

tonn Serie di prezzi n. Peso virtuale tonn

1. Classe B - Carri a 2 assi

a. fra 15,0 e 20,0 t 18,3 3 20,0

b. fra 20,0 e 25,0 t 23,9 4 25,0

2. Classe B - Carri a carrelli e carri pianali a 3/4 assi

a. fra 22,5 e 30,0 t 27,4 3 30,0

b. fra 30,0 e 37,5 t 35,8 4 37,5

3. Classe B - Altri carri a 3/4 assi

a. fra 27,0 e 36,0 t 32,9 3 36,0

b. fra 36,0 e 45,0 t 42,9 4 45,0

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.13


Corrispettivi Classe B

Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 2 Serie 3 Serie 4

Per spedizioni con carri a 2 assi 15 t 20 t 25 t

Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno)

o con carri pianali a 3 o 4 assi 22,50 t 30 t 37,5 t

Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 27 t 36 t 45 t

km Euro Euro Euro

1-100 12,27 11,20 10,67

101-105 12,59 11,50 10,95

106-110 13,00 11,87 11,30

111-115 13,39 12,23 11,64

116-120 13,78 12,58 11,98

121-125 14,16 12,93 12,31

126-130 14,53 13,27 12,64

131-135 14,90 13,60 12,96

136-140 15,26 13,94 13,27

141-145 15,62 14,26 13,59

146-150 15,98 14,59 13,90

151-155 16,33 14,91 14,20

156-160 16,68 15,23 14,51

161-165 17,03 15,55 14,81

166-170 17,37 15,86 15,11

171-175 17,71 16,17 15,40

176-180 18,05 16,48 15,70

181-185 18,39 16,79 15,99

186-190 18,72 17,09 16,28

191-195 19,05 17,40 16,57

196-200 19,39 17,70 16,86

201-210 19,90 18,17 17,31

211-220 20,67 18,88 17,98

221-230 21,45 19,58 18,65

231-240 22,22 20,29 19,32

241-250 22,99 20,99 19,99

251-260 23,76 21,69 20,66

261-270 24,53 22,40 21,33

271-280 25,30 23,10 22,00

281-290 26,07 23,81 22,67

291-300 26,12 23,85 22,71

301-310 26,86 24,53 23,36

311-320 27,61 25,21 24,01

321-330 28,36 25,89 24,66

331-340 29,10 26,57 25,31

341-350 29,85 27,25 25,96

351-360 29,95 27,34 26,04

361-370 30,67 28,01 26,67

371-380 31,40 28,67 27,31

381-390 32,13 29,34 27,94

391-400 32,86 30,00 28,57

401-420 32,94 30,07 28,64

421-440 34,34 31,36 29,86

441-460 35,75 32,64 31,09

461-480 37,16 33,93 32,31

481-500 38,56 35,21 33,53

3.14 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Corrispettivi Classe B

Prezzi per tonnellata vincolati al peso minimo di Serie 2 Serie 3 Serie 4

Per spedizioni con carri a 2 assi 15 t 20 t 25 t

Per spedizioni con carri a 2 carrelli (di 2 assi ciascuno)

o con carri pianali a 3 o 4 assi 22,50 t 30 t 37,5 t

Per spedizioni con altri carri a 3 o 4 assi 27 t 36 t 45 t

km Euro Euro Euro

501-520 38,79 35,42 33,73

521-540 40,15 36,66 34,92

541-560 41,51 37,90 36,10

561-580 42,87 39,15 37,28

581-600 44,24 40,39 38,47

601-620 44,34 40,48 38,55

621-640 45,66 41,69 39,70

641-660 46,98 42,89 40,85

661-680 48,30 44,10 42,00

681-700 49,62 45,30 43,14

701-720 50,93 46,51 44,29

721-740 52,25 47,71 45,44

741-760 53,57 48,92 46,59

761-780 54,89 50,12 47,73

781-800 56,21 51,32 48,88

801-820 57,53 52,53 50,03

821-840 58,85 53,73 51,18

841-860 60,17 54,94 52,32

861-880 61,49 56,14 53,47

881-900 62,81 57,35 54,62

901-920 63,30 57,80 55,05

921-940 64,60 58,99 56,18

941-960 65,91 60,18 57,31

961-980 67,21 61,36 58,44

981-1000 68,51 62,55 59,57

1001-1050 69,77 63,70 60,67

1051-1100 72,97 66,63 63,46

1101-1150 76,18 69,55 66,24

1151-1200 79,38 72,48 69,03

1201-1250 82,59 75,40 71,81

1251-1300 85,26 77,85 74,14

1301-1350 88,45 80,76 76,91

1351-1400 91,63 83,66 79,68

1401-1450 94,81 86,57 82,45

1451-1500 98,00 89,48 85,21

1501-1550 101,18 92,38 87,98

1551-1600 104,36 95,29 90,75

1601-1650 107,55 98,19 93,52

1651-1700 110,73 101,10 96,29

1701-1750 113,91 104,01 99,05

1751-1800 117,10 106,91 101,82

1801-1850 120,28 109,82 104,59

1851-1900 123,46 112,73 107,36

1901-1950 126,65 115,63 110,13

1951-2000 129,83 118,54 112,89

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.15


Sezione III

Corrispettivi per specifiche categorie merceologiche

Paragrafo 1

Corrispettivi per trasporti di veicoli o per carri porta-auto vuoti

Il corrispettivo applicabile per i trasporti di veicoli caricati su carri ad un piano e a due piani e per i trasporti

di carri vuoti della serie letterale L e H, attrezzati per il trasporto di veicoli stradali, messi a disposizione

dal cliente o dal vettore, è stabilito nella successiva tabella.

Le disposizioni della presente sezione non si applicano ai trasporti di semirimorchi stradali, carichi o

vuoti, ai quali si applica la tariffa delle UTI cariche o vuote.

Qualora, oltre ai veicoli, siano caricate sul/i medesimo/i carro/i altre merci, il corrispettivo del trasporto

è calcolato separatamente per i veicoli e per le altre merci secondo quanto dichiarato in LDV. Alle

merci caricate sul medesimo carro potranno essere applicati, se inferiori rispetto a quelli previsti nella

presenteLSezione,LiLcorrispettiviLordinariLprevistiLperLlaLClasseLA.LTaliLcorrispettiviLvannoLapplicatiLsul

peso effettivo delle merci suddette, arrotondato ai 1.000 kg superiori, con un minimo di 3.000 kg.

3.16 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti

Prezzi per spedizione

DIstanza Carri Carri pianali e a doppio piano Carri Carri

a 2 assi fino a 4 assi o a 2 carrelli a più di 4 a più

(di 2 assi ciascuno) di lunghezza in metri: e fino a 8 assi di 8 assi

23,40 < 27 => 27

km Euro Euro Euro Euro Euro Euro

1-100 249,82 374,73 424,70 499,64 999,29 1.154,80

101-105 253,08 379,62 430,24 506,16 1.012,32 1.075,59

106-110 257,15 385,73 437,16 514,31 1.028,62 1.092,90

111-115 261,23 391,84 444,09 522,46 1.044,91 1.110,22

116-120 265,30 397,95 451,01 530,60 1.061,21 1.127,53

121-125 269,38 404,06 457,94 538,75 1.077,50 1.144,84

126-130 273,45 410,17 464,86 546,90 1.093,80 1.162,16

131-135 277,52 416,28 471,79 555,05 1.110,09 1.179,47

136-140 281,60 422,39 478,71 563,19 1.126,39 1.196,78

141-145 285,67 428,51 485,64 571,34 1.142,68 1.214,10

146-150 289,74 434,62 492,56 579,49 1.158,97 1.231,41

151-155 293,82 440,73 499,49 587,63 1.175,27 1.248,72

156-160 297,89 446,84 506,41 595,78 1.191,56 1.266,04

161-165 301,96 452,95 513,34 603,93 1.207,86 1.283,35

166-170 306,04 459,06 520,27 612,08 1.224,15 1.300,66

171-175 310,11 465,17 527,19 620,22 1.240,45 1.317,98

176-180 314,19 471,28 534,12 628,37 1.256,74 1.335,29

181-185 318,26 477,39 541,04 636,52 1.273,04 1.352,60

186-190 322,33 483,50 547,97 644,67 1.289,33 1.369,92

191-195 326,41 489,61 554,89 652,81 1.305,63 1.387,23

196-200 330,48 495,72 561,82 660,96 1.321,92 1.404,54

201-210 336,18 504,28 571,51 672,37 1.344,73 1.428,78

211-220 344,33 516,50 585,36 688,66 1.377,32 1.463,41

221-230 352,48 528,72 599,21 704,96 1.409,91 1.498,03

231-240 360,63 540,94 613,06 721,25 1.442,50 1.532,66

241-250 368,77 553,16 626,91 737,55 1.475,09 1.567,29

251-260 376,92 565,38 640,76 753,84 1.507,68 1.601,91

261-270 385,07 577,60 654,62 770,14 1.540,27 1.636,54

271-280 393,22 589,82 668,47 786,43 1.572,86 1.671,16

281-290 401,36 602,04 682,32 802,73 1.605,45 1.705,79

291-300 409,51 614,27 696,17 819,02 1.638,04 1.740,42

301-310 417,66 626,49 710,02 835,31 1.670,63 1.775,04

311-320 425,80 638,71 723,87 851,61 1.703,22 1.809,67

321-330 433,95 650,93 737,72 867,90 1.735,81 1.844,30

331-340 442,10 663,15 751,57 884,20 1.768,40 1.878,92

341-350 450,25 675,37 765,42 900,49 1.800,99 1.913,55

351-360 458,39 687,59 779,27 916,79 1.833,58 1.948,18

361-370 466,54 699,81 793,12 933,08 1.866,17 1.982,80

371-380 474,69 712,03 806,97 949,38 1.898,76 2.017,43

381-390 482,84 724,25 820,82 965,67 1.931,35 2.052,05

391-400 490,98 736,48 834,67 981,97 1.963,94 2.086,68

401-420 503,20 754,81 855,45 1.006,41 2.012,82 2.138,62

421-440 519,50 779,25 883,15 1.039,00 2.078,00 2.207,87

441-460 535,79 803,69 910,85 1.071,59 2.143,18 2.277,13

461-480 552,09 828,13 938,55 1.104,18 2.208,36 2.346,38

481-500 568,38 852,58 966,25 1.136,77 2.273,54 2.415,63

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.17


Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri porta-auto vuoti

Prezzi per spedizione

DIstanza Carri Carri pianali e a doppio piano Carri Carri

a 2 assi fino a 4 assi o a 2 carrelli a più di 4 a più

(di 2 assi ciascuno) di lunghezza in metri: e fino a 8 assi di 8 assi

23,40 < 27 => 27

km Euro Euro Euro Euro Euro Euro

501-520 584,68 877,02 993,95 1.169,36 2.338,71 2.484,88

521-540 600,97 901,46 1.021,65 1.201,95 2.403,89 2.554,14

541-560 617,27 925,90 1.049,36 1.234,54 2.469,07 2.623,39

561-580 633,56 950,34 1.077,06 1.267,13 2.534,25 2.692,64

581-600 649,86 974,79 1.104,76 1.299,72 2.599,43 2.761,89

601-620 666,15 999,23 1.132,46 1.332,30 2.664,61 2.831,15

621-640 682,45 1.023,67 1.160,16 1.364,89 2.729,79 2.900,40

641-660 698,74 1.048,11 1.187,86 1.397,48 2.794,97 2.969,65

661-680 715,04 1.072,56 1.215,56 1.430,07 2.860,15 3.038,90

681-700 731,33 1.097,00 1.243,26 1.462,66 2.925,33 3.108,16

701-720 747,63 1.121,44 1.270,96 1.495,25 2.990,50 3.177,41

721-740 763,92 1.145,88 1.298,66 1.527,84 3.055,68 3.246,66

741-760 780,22 1.170,32 1.326,37 1.560,43 3.120,86 3.315,92

761-780 796,51 1.194,77 1.354,07 1.593,02 3.186,04 3.385,17

781-800 812,81 1.219,21 1.381,77 1.625,61 3.251,22 3.454,42

801-820 827,43 1.241,14 1.406,63 1.654,86 3.309,72 3.516,57

821-840 840,38 1.260,58 1.428,65 1.680,77 3.361,54 3.571,63

841-860 853,34 1.280,01 1.450,67 1.706,68 3.413,35 3.626,69

861-880 866,29 1.299,44 1.472,70 1.732,59 3.465,17 3.681,74

881-900 879,25 1.318,87 1.494,72 1.758,49 3.516,99 3.736,80

901-920 892,20 1.338,30 1.516,74 1.784,40 3.568,81 3.791,85

921-940 905,16 1.357,73 1.538,76 1.810,31 3.620,62 3.846,91

941-960 918,11 1.377,16 1.560,79 1.836,22 3.672,44 3.901,97

961-980 931,06 1.396,60 1.582,81 1.862,13 3.724,26 3.957,02

981-1000 944,02 1.416,03 1.604,83 1.888,04 3.776,07 4.012,08

1001-1050 958,59 1.437,89 1.629,61 1.917,18 3.834,37 4.074,02

1051-1100 974,79 1.462,18 1.657,13 1.949,57 3.899,14 4.142,84

1101-1150 990,98 1.486,47 1.684,66 1.981,96 3.963,91 4.211,65

1151-1200 1.007,17 1.510,76 1.712,19 2.014,34 4.028,68 4.280,47

1201-1250 1.023,36 1.535,05 1.739,72 2.046,73 4.093,46 4.349,29

1251-1300 1.039,56 1.559,34 1.767,25 2.079,11 4.158,23 4.418,11

1301-1350 1.055,75 1.583,62 1.794,77 2.111,50 4.223,00 4.486,93

1351-1400 1.071,94 1.607,91 1.822,30 2.143,89 4.287,77 4.555,75

1401-1450 1.088,14 1.632,20 1.849,83 2.176,27 4.352,54 4.624,57

1451-1500 1.104,33 1.656,49 1.877,36 2.208,66 4.417,31 4.693,39

1501-1550 1.120,52 1.680,78 1.904,89 2.241,04 4.482,09 4.762,21

1551-1600 1.136,71 1.705,07 1.932,41 2.273,43 4.546,86 4.831,03

1601-1650 1.152,91 1.729,36 1.959,94 2.305,81 4.611,63 4.899,85

1651-1700 1.169,10 1.753,65 1.987,47 2.338,20 4.676,40 4.968,67

1701-1750 1.185,29 1.777,94 2.015,00 2.370,59 4.741,17 5.037,49

1751-1800 1.201,49 1.802,23 2.042,53 2.402,97 4.805,94 5.106,31

1801-1850 1.217,68 1.826,52 2.070,05 2.435,36 4.870,72 5.175,13

1851-1900 1.233,87 1.850,81 2.097,58 2.467,74 4.935,49 5.243,95

1901-1950 1.250,06 1.875,10 2.125,11 2.500,13 5.000,26 5.312,77

1951-2000 1.266,26 1.899,39 2.152,64 2.532,51 5.065,03 5.381,59

3.18 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Paragrafo 2

Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote

Il corrispettivo applicabile ai trasporti di merci di cui alle posizioni della NHM:

• 9941 (grandi contenitori carichi);

• 9942 (casse mobili cariche);

• 9943 (semirimorchi carichi);

è stabilito nella successiva tabella, Serie A.

Il corrispettivo applicabile ai trasporti di merci di cui alle posizioni di NHM:

• 8609 (casse mobili e contenitori vuoti);

• 9931 (grandi contenitori vuoti e usati che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia);

• 9932 (casse mobili, vuote e usate che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia);

• 9933 (semirimorchi vuoti e usati che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia);

• 9939 (UTI vuote e usate che precedono o seguono un trasporto a carico per ferrovia);

è stabilito nella successiva tabella, Serie B.

In base al numero di assi del carro utilizzato per il trasporto, ai suddetti corrispettivi dovranno essere

applicati i seguenti coefficienti:

Corrispettivi per trasporti di UTI cariche o vuote

Coefficienti per carro

Tipo di carro

Coefficiente

A 2 assi 0,8

A 4 assi 1,0

A 6 assi 1,8

A 8 assi 1,9

AlLcorrispettivoLdeiLtrasportiLdiLUTILcaricheLnonLsiLapplicaLquantoLprevistoLallaLSezioneLI,LparagrafoL8

Merci di peso eccezionale”.

In presenza di più UTI cariche evuote sullo stesso carro, si applicano icorrispettivi della Serie A.

E’ ammesso il trasporto di più UTI sullo stesso carro solo se aventi stesso mittente, stesso destinatario,

nonché stesso impianto ferroviario di partenza e di arrivo.

Il peso dell’UTI carica è inteso come peso complessivo della merce e della tara dell’UTI stessa.

I trasporti di semirimorchi nuovi di fabbrica sono considerati trasporti di veicoli; pertanto si applicano

le disposizioni di cui al precedente paragrafo 1 “Corrispettivi per trasporto di veicoli o per carri portaauto

vuoti”.

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.19


Corrispettivi per trasporto di UTI cariche o vuote

Prezzi per carro

Distanza Serie A – UTI cariche Serie B – UTI vuote

km Euro Euro

1-100 346 173

101-105 353 176

106-110 360 180

111-115 367 183

116-120 376 188

121-125 384 192

126-130 393 196

131-135 402 201

136-140 408 204

141-145 417 209

146-150 426 213

151-155 433 217

156-160 442 221

161-165 449 224

166-170 457 228

171-175 465 232

176-180 476 238

181-185 483 241

186-190 490 245

191-195 499 249

196-200 505 252

201-210 518 259

211-220 535 268

221-230 551 276

231-240 567 283

241-250 582 291

251-260 599 300

261-270 616 308

271-280 631 315

281-290 647 324

291-300 665 332

301-310 681 341

311-320 696 348

321-330 713 356

331-340 730 365

341-350 747 373

351-360 762 381

361-370 778 389

371-380 794 397

381-390 812 406

391-400 827 414

401-420 852 426

421-440 883 442

441-460 916 458

461-480 949 474

481-500 981 491

3.20 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Corrispettivi per trasporto di UTI cariche o vuote

Prezzi per carro

Distanza Serie A – UTI cariche Serie B – UTI vuote

km Euro Euro

501-520 1.015 508

521-540 1.046 523

541-560 1.080 540

561-580 1.112 556

581-600 1.145 572

601-620 1.175 588

621-640 1.210 605

641-660 1.241 620

661-680 1.275 637

681-700 1.306 653

701-720 1.332 666

721-740 1.356 678

741-760 1.379 689

761-780 1.404 702

781-800 1.428 714

801-820 1.452 726

821-840 1.477 738

841-860 1.500 750

861-880 1.526 763

881-900 1.548 774

901-920 1.574 787

921-940 1.598 799

941-960 1.623 811

961-980 1.645 822

981-1000 1.671 835

1001-1050 1.713 856

1051-1100 1.772 886

1101-1150 1.834 917

1151-1200 1.894 947

1201-1250 1.955 977

1251-1300 2.015 1.008

1301-1350 2.076 1.038

1351-1400 2.137 1.068

1401-1450 2.199 1.099

1451-1500 2.258 1.129

1501-1550 2.318 1.159

1551-1600 2.379 1.189

1601-1650 2.438 1.219

1651-1700 2.500 1.250

1701-1750 2.560 1.280

1751-1800 2.621 1.310

1801-1850 2.681 1.341

1851-1900 2.741 1.370

1901-1950 2.804 1.402

1951-2000 2.864 1.432

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.21


ParagrafoS3

Corrispettivi per trasporto di carri vuoti quali mezzi di trasporto

Ai trasporti di carri vuoti quali mezzi di trasporto, successivi ad un trasporto a carico effettuato dal

vettore, anche nel caso siano provenienti o diretti alle officine di riparazione, si applicano i corrispettivi

di cui alla successiva tabella.

Ai seguenti trasporti:

• carri di nuova costruzione che escono dalla fabbrica;

• carri inoltrati prima e dopo la trasformazione, se beneficiano di un plusvalore doganale;

• carri di nuova costruzione e carri trasformati, che escono dalla fabbrica in attesa di destinazione

doganale (importati da Paesi terzi);

• carri destinati alla vendita (compresi quelli destinati alla rottamazione);

• carri destinati a, o di ritorno da revisione, riparazione, pulizia o locazione, diretti a, o provenienti da

Paesi non membri UE, fatta eccezione dei casi in cui:

- il carro, il cui ultimo utilizzo come mezzo di trasporto sia avvenuto in un Paese terzo, sia immatricolato

in uno Stato Membro dell’UE e venga restituito in uno Stato Membro dell’UE;

- il carro, il cui ultimo utilizzo come mezzo di trasporto sia avvenuto in uno Stato Membro dell’UE,

sia immatricolato in un Paese terzo e venga restituito in questo Paese terzo;

• carri vuoti quali mezzi di trasporto, anche nel caso siano provenienti o diretti alle officine di riparazione,

successivi ad un trasporto a carico non effettuato dal vettore;

si applicano icorrispettivi calcolati in base alla Sezione II -paragrafo 2.

Ai trasporti di carri vuoti della serie letterale L o H, attrezzati per trasporto di veicoli stradali, si applicano

icorrispettivi riportati nella tabella di cui alla Sezione III -paragrafo 1.

I residui di merce contenuti nei carri serbatoio sono considerati, ai soli effetti del calcolo dei corrispettivi,

come facenti parte integrante del carro nel solo caso in cui il loro peso non superi il 10% della

tara.

3.22 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Corrispettivi per trasporto di carri vuoti quali mezzi di trasporto

Prezzi per carro

Distanza Carri a 2 assi Carri a più di 2 assi 1

km Euro Euro

1-100 120 169

101-110 124 173

111-120 127 178

121-130 131 183

131-140 134 188

141-150 138 193

151-160 141 197

161-170 144 202

171-180 148 207

181-190 151 212

191-200 155 217

201-210 158 221

211-220 161 226

221-230 165 231

231-240 168 236

241-250 172 240

251-260 175 245

261-270 179 250

271-280 182 255

281-290 185 260

291-300 189 264

301-310 192 269

311-320 196 274

321-330 199 279

331-340 202 283

341-350 206 288

351-360 209 293

361-370 213 298

371-380 216 303

381-390 220 307

391-400 223 312

401-420 247 345

421-440 253 354

441-460 259 362

461-480 265 371

481-500 271 379

501-520 277 387

521-540 283 396

541-560 289 404

561-580 295 413

581-600 301 421

601-620 307 430

621-640 313 438

641-660 319 446

661-680 325 455

681-700 331 463

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.23


Corrispettivi per trasporto di carri vuoti quali mezzi di trasporto

Prezzi per carro

Distanza Carri a 2 assi Carri a più di 2 assi 1

km Euro Euro

701-720 337 472

721-740 343 480

741-760 349 489

761-780 355 497

781-800 379 530

801-820 385 539

821-840 391 547

841-860 397 555

861-880 403 564

881-900 409 572

901-920 415 581

921-940 421 589

941-960 427 598

961-980 433 606

981-1000 439 614

1001-1050 454 635

1051-1100 464 650

1101-1150 474 664

1151-1200 485 678

1201-1250 495 693

1251-1300 505 707

1301-1350 515 722

1351-1400 526 736

1401-1450 536 750

1451-1500 546 765

1501-1550 556 779

1551-1600 567 793

1601-1650 577 808

1651-1700 587 822

1701-1750 597 836

1751-1800 608 851

1801-1850 618 865

1851-1900 628 879

1901-1950 638 894

1951-2000 649 908

1 Alle spedizioni effettuate con carri a più di 4 assi, si applicano i prezzi in tabella

moltiplicati per il coefficiente 2

3.24 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Paragrafo 4

Corrispettivi per trasporto di rotabili da ferrovie e tranvie

circolanti sulle proprie ruote - NHM 8601/8605

I corrispettivi applicabili ai trasporti di mezzi circolanti sulle proprie ruote di cui alle posizioni della NHM

da 8601 a 8605, soggetti a particolari limitazioni di esercizio, è stabilito nella successiva tabella.

Detti corrispettivi sono calcolati tenuto conto del peso reale arrotondato al minimo di 20 tonnellate per

rotabile.

Qualora i rotabili siano trasportati con combustibile, acqua, attrezzi, ed altro di pertinenza degli stessi

e su di essi caricati, il corrispettivo per il trasporto si calcola sul peso lordo (tara del rotabile maggiorata

del peso di quanto su esso caricato).

Nel caso in cui il trasporto sia scortato da personale del cliente, i documenti di accompagnamento del

medesimo devono essere compilati secondo le modalità previste nel documento Istruzioni.

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.25


Corrispettivi per trasporto di rotabili da ferrovie e tranvie circolanti sulle proprie ruote (NHM 8601/8605)

Distanza Prezzo a tonn 1

km

Euro

Distanza Prezzo a tonn 1

km

Euro

1-100 22,86

101-105 23,15

106-110 23,52

111-115 23,90

116-120 24,26

121-125 24,63

501-520 52,23

521-540 53,54

541-560 54,84

561-580 56,14

581-600 57,43

126-130 25,01

131-135 25,37

136-140 25,74

141-145 26,12

146-150 26,47

601-620 58,74

621-640 60,04

641-660 61,34

661-680 62,63

681-700 63,94

151-155 26,85

156-160 27,22

161-165 27,58

166-170 27,96

171-175 28,32

701-720 65,24

721-740 66,53

741-760 67,83

761-780 69,14

781-800 70,44

176-180 28,69

181-185 29,07

186-190 29,43

191-195 29,80

196-200 30,18

801-820 71,73

821-840 73,03

841-860 74,34

861-880 75,64

881-900 76,93

201-210 30,68

211-220 31,43

221-230 32,16

231-240 32,90

241-250 33,65

901-920 78,23

921-940 79,54

941-960 80,84

961-980 82,13

981-1000 83,43

251-260 34,38

261-270 35,11

271-280 35,86

281-290 36,60

291-300 37,33

1001-1050 85,72

1051-1100 88,14

1101-1150 89,78

1151-1200 91,39

1201-1250 93,02

301-310 38,07

311-320 38,82

321-330 39,55

331-340 40,28

341-350 41,03

1251-1300 94,65

1301-1350 96,26

1351-1400 97,89

1401-1450 99,52

1451-1500 101,14

351-360 41,77

361-370 42,50

371-380 43,25

381-390 43,98

391-400 44,72

1501-1550 102,77

1551-1600 104,40

1601-1650 106,01

1651-1700 107,64

1701-1750 109,27

401-420 45,74

421-440 47,03

441-460 48,34

461-480 49,64

481-500 50,94

1751-1800 110,89

1801-1850 112,52

1851-1900 114,15

1901-1950 115,76

1951-2000 117,39

1 Vincolato a spedizioni con peso minimo tassabile di almeno 20 tonnellate

3.26 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Sezione IV

Corrispettivi per servizi accessori

Paragrafo 1

Espletamento delle formalità doganali e delle operazioni doganali

I corrispettivi per le operazioni e le formalità doganali comprendono le somme dovute in base alle attività

previste ai codici 40, 41 e 42 dell’Allegato 3 alla Guida Lettera di Vettura CIM (GLV-CIM) disponibile

sul sito internet del vettore.

A fronte di tali corrispettivi, il vettore si assume l’onere relativo a:

• pesatura del carro, quando effettuata ai fini doganali;

• nolo reti e corde, quando applicate ai fini doganali;

• scarico e ricarico delle merci, quando queste operazioni, eseguite per motivi doganali, sono compiute

da personale non dipendente del vettore;

• marchio INE;

• contrassegni, piombi e sigilli;

• tassa portuale, limitatamente alla emissione di lettera di vettura CIM/Spec.

Viceversa, tali corrispettivi non comprendono le somme spettanti alla dogana per:

• prestazioni relative a visita sanitaria e/o fitopatologica;

• indennità commerciali spettanti alla dogana e ad altri organi di controllo;

• trasporto delle merci in dogana a mezzo di imprese autorizzate;

• compensi per le prestazioni di personale non dipendente dall’amministrazione doganale per lo

scarico e il ricarico delle merci nelle dogane demaniali.

Sono esenti dall’applicazione del corrispettivo, anche se scortati da lettera di vettura internazionale, i

trasporti di containers privati vuoti immatricolati, i carri ferroviari privati vuoti immatricolati e gli attrezzi

di carico privati.

Sono esenti dall’applicazione del corrispettivo i trasporti di masserizie e di effetti personali, compresi

autovetture e motocicli usati.

Per le unità da carico contenenti merci diverse, oltre al corrispettivo previsto nella tabella n. 1, si applica

un ulteriore corrispettivo di Euro 6,95 (euro sei/95) per ogni bolletta doganale successiva alla

prima.

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.27


Operazioni doganali

Tabella n. 1 (All. 3 GLV-CIM, cod. 40, 41 e 42)

Importazione, temporanea importazione,

reimportazione, reintroduzione

Unità tassabile: carro o container

N. unità di carico 1, 2 Euro

Esportazione, temporanea esportazione,

riesportazione

Unità tassabile: carro o container

N. unità di carico 1, 2 Euro

1 62,12

2 79,37

3 96,63

4 110,43

5 124,24

6 138,05

7 148,40

8 158,75

9 165,65

10 176,01

11 182,91

12 189,80

13 200,17

14 207,06

15 213,96

16 220,86

17 231,22

18 e oltre 238,12

1 31,07

2 44,86

3 55,23

4 69,01

5 79,37

6 86,28

7 96,63

8 103,54

9 110,43

10 120,79

11 127,68

12 134,59

13 141,49

14 151,85

15 e oltre 158,75

1 Sono unità di carico: il carro, il container, il semirimorchio o unità similari

2 La tassazione per più unità di carico ricorre in presenza di carico di merce omogenea presentata nel medesimo giorno

da uno stesso destinatario in una stessa stazione, sia se spedita con unica lettera di vettura, sia se spedita con lettere di vettura separate.

Nel caso di più lettere di vettura, il mittente deve apporre su ciascuna di esse la seguente annotazione:

“Parte di n. … unità di carico, unità tassata spedizione n. … del …”

Operazioni doganali

Tabella n. 2

Operazione doganale

Corrispettivo per carro

Euro

Emissione di lettera di vettura CIM/Spec.

con imputazione dei diritti doganali a carico della Ferrovia 34,56

N.B. Il corrispettivo è comprensivo della tassa portuale

Corrispettivo per carro

Euro

Corrispettivo a forfait per responsabilità e prestazioni di garanzie

nei confronti della Dogana e prestazioni accessorie nei confronti del cliente 8,96

Il suddetto corrispettivo si applica forfetariamente, in misura fissa, a tutti i trasporti a carro, per ogni

carro carico, rispettivamente in entrata, in uscita ed in transito, scortati da lettera di vettura internazionale

CIM, provenienti o diretti da o verso Paesi terzi, ed a quelli in servizio interno scortati da lettera

di vettura interna CIM/Spec.

3.28 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Sezione V

Servizi vari

Paragrafo 1

Pulitura del carro

Per le operazioni di pulitura del carro effettuate a cura del vettore, questi ha diritto a percepire i seguenti

corrispettivi:

per ogni carro di superficie inferiore a mq 40

e per i carri della serie T aventi cubatura inferiore a mc 50: € 114,40 (euro centoquattordici/40);

per ogni carro di superficie superiore a mq 40

e per i carri della serie T aventi cubatura superiore a mc 50: € 187,20 (euro centottantasette/20).

Ove, per la natura delle merci trasportate, sia necessario procedere anche alla disinfezione del carro

i corrispettivi di cui al comma precedente sono aumentati del 10%.

Paragrafo 2

Creazione della Lettera di Vettura elettronica

Per la creazione di una LDV elettronica, sulla base dei dati trasmessi dal mittente, è dovuto al vettore

il corrispettivo di € 25,00 (euro venticinque/00).

Paragrafo 3

Ordini ulteriori e/o modifiche al contratto

Per ogni ordine ulteriore e/o modifica al contratto, è dovuto al vettore, per ogni spedizione, il corrispettivo

di € 16,65 (euro sedici/65).

Paragrafo 4

Stazionamento

Per lo stazionamento dei carri, su richiesta o d’ufficio, il vettore riscuote il corrispettivo giornaliero di

€ 31,20 (euro trentuno/20) a carro.

C G C T M > > > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0 3.29


Paragrafo 5

Indennità per la perdita d’uso del carro

Indennità in caso di riparazione

Serie del carro Tipo del carro Euro / giorno

U Speciali 14,85

Z Cisterna 14,85

Altri carri 8,80

Importo massimo per carro: € 1.000,00 (euro mille/00).

3.30 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 ° M A R Z O 2 0 1 0


Prodotti

Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia

In vigore dal 1° marzo 2010


Prodotti

Condizioni Generali di Contratto

per il Trasporto delle Merci per Ferrovia (CGCTM)

Emanati dal Responsabile di Trenitalia Divisione Cargo

il 28 gennaio 2010 e registrati presso l’Agenzia delle Entrate

in data 26 febbraio 2010 serie 3 n. 4633

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Indice

Sezione I - Disposizioni generali

Articolo 1 - Tipologie di prodotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4

Sezione II - Condizioni d’acquisto dei prodotti a treno completo

Articolo 2 - Durata del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.6

Articolo 3 - Termine per il rinnovo del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.6

Articolo 4 - Verifica dell’impegno minimo di quantità (art. 17 CGCTM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.7

Articolo 5 - Modifiche alla programmazione ordinaria (art. 18 CGCTM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.7

Articolo 6 - Disdette e penali (art. 21 CGCTM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.8

Articolo 7 - Ritardo in partenza (par. 21.4 CGCTM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.10

Articolo 8 - Criteri di applicazione dei prezzi contrattuali per prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11

Articolo 9 - Allegato tecnico-economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.11

Sezione III - MaxiCargo (trasporti eccezionali)

Articolo 10 - Caratteristiche tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.12

Articolo 11 - Autorizzazione alla circolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.12

Articolo 12 - Modalità d’inoltro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13

Articolo 13 - Responsabilità in caso di superamento dei termini di resa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13

Articolo 14 - Penali per disdetta singolo trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13

Articolo 15 - Prestazioni accessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13

C G C T M > > > P R O D O T T I


Sezione I

Disposizioni generali

L’offerta di Trenitalia per i trasporti ferroviari di merci comprende varie tipologie di prodotto aventi caratteristiche

operative ed economiche diversificate al fine di rispondere ad ogni esigenza della clientela.

Tramite la stipula di un accordo cliente con il vettore, il cliente può acquistare uno o più prodotti tra

quelli elencati all’art. 1 del presente documento.

Articolo 1

Tipologie di prodotti

1.1 Trasporto a treno completo

1.1.1 I prodotti di trasporto a treno completo si distinguono in:

a) programma di trasporto pluriennale;

b) programma di trasporto annuale;

c) programma di trasporto periodico/stagionale (P/S);

d) programma di trasporto settimanale;

e) programma di trasporto giornaliero.

I programmi di cui alle lettere a), b) e c) rientrano nell’ambito della programmazione ordinaria, mentre

quelli indicati alle lettere d) ed e) attengono alla programmazione straordinaria.

1.1.2 Il cliente può scegliere i programmi di cui al precedente punto 1.1.1 sub a), b) e c) con le seguenti

modalità di effettuazione:

a) Bilanciato: riferito ad un trasporto a treno completo su una relazione tra l’impianto ferroviario

di partenza e l’impianto ferroviario di destinazione intermedia e tra quest’ultimo e quello

di destinazione finale, corrispondente all’impianto ferroviario originario di partenza.

I singoli treni completi, utilizzati per l’effettuazione di tale trasporto, sono operativamente sequenziali

e collegati nella loro esecuzione.

I prezzi, nonché l’applicazione delle penali, delle disdette e dei rimborsi sono sempre riferiti

alla prestazione totale compresa tra l’impianto di partenza e quello di destinazione intermedia

e tra quest’ultimo e l’impianto di destinazione finale corrispondente a quello di partenza;

b) Andata e ritorno: riferito ad una coppia di trasporti a treno completo su una determinata relazione

nei suoi due sensi di percorrenza, ciascuno di essi indipendente ma collegati nella

loro esecuzione;

c) Dedicato: riferito ad un trasporto a treno completo su una relazione acquistato in un solo suo

senso di percorrenza.

4.4 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


1.1.3 Nell’accordo cliente ciascun trasporto a treno completo, sia in programmazione ordinaria che

straordinaria, è identificato da un numero fornito dal vettore (treno commerciale) che viene

preso a riferimento per l’applicazione delle condizioni previste dall’accordo stesso.

1.2 Trasporto a diffuso

Rappresenta l’offerta base di Trenitalia per trasporti a carro singolo od a gruppi di carri inoltrati sul reticolo

del trasporto adiffuso (pubblicato sul sito internet del vettore) sia per traffici convenzionali che

combinati.

1.3 MaxiCargo

E’ il prodotto dedicato ai trasporti di merci che, per le loro dimensioni (peso, profilo limite, lunghezza)

e natura (ad esempio: materiale rotabile non immatricolato), sono soggetti a particolari restrizioni di

circolazione e necessitano di specifiche autorizzazioni da parte del gestore dell’infrastruttura delle

linee interessate al trasporto stesso.

C G C T M > > > P R O D O T T I 4.5


Sezione II

Condizioni d’acquisto dei prodotti a treno completo

Articolo 2

Durata del programma

2.1 I programmi di trasporto di cui al precedente paragrafo 1.1 possono essere acquistati per il periodo di

seguito indicato:

a) Programma pluriennale: per un periodo superiore ad un anno e comunque con scadenza coincidente

con l’ultimo giorno di validità del cambio orario dei treni merci del vettore;

b) Programma annuale: per un periodo massimo di un anno e comunque con scadenza coincidente

con l’ultimo giorno di validità del cambio orario dei treni merci del vettore;

c) Programma periodico/stagionale: nell’ambito di validità dell’accordo cliente, la durata può variare

da un minimo di un mese ad un periodo massimo compreso tra il momento dell’attivazione della

richiesta e la scadenza dell’accordo medesimo;

d) Programma settimanale e giornaliero: coincidente con l’effettuazione del trasporto. Nel periodo

di validità dell’accordo cliente, il cliente stesso può richiedere più programmi settimanali e giornalieri

a condizione che questi non superino la data di scadenza dello stesso.

Articolo 3

Termine per il rinnovo del programma

3.1 Per il programma pluriennale il cliente deve presentare la richiesta di rinnovo entro il 31 marzo dell’ultimo

anno della sua validità.

Entro il 30 aprile seguente il vettore darà conferma dell’avvio della procedura di attivazione dei servizi

richiesti e comunicherà, entro il 30 settembre successivo, le condizioni economiche di rinnovo.

Il programma di trasporto pluriennale, dal punto di vista operativo, deve essere confermato annualmente.

Il cliente deve fornire al vettore, entro il 1 settembre di ciascun anno, la richiesta di programmazione

per l’anno successivo.

3.2 Per il programma annuale il cliente deve presentare la richiesta di rinnovo entro il 1° settembre di ciascun

anno.

3.3 Per il programma periodico/stagionale il cliente deve presentare richiesta di rinnovo entro il giorno 20

del secondo mese antecedente l’avvio dei trasporti.

4.6 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 4

Verificafdell’impegnofminimofdifquantitàf(art.f17fCGCTM)

Per i programmi pluriennale, annuale e periodico/stagionale la verifica del raggiungimento dell’impegno

minimo di quantità viene effettuata per ciascun trimestre della loro validità e/o alla loro scadenza.

L’esito della verifica è portato a conoscenza del cliente entro 15 giorni dalla fine di ciascun trimestre

di validità e/o della scadenza del programma operativo considerato su base annua.

Articolo 5

Modifichefallafprogrammazionefordinariaf(art.f18fCGCTM)

5.1 Il cliente può richiedere al vettore le modifiche al programma pluriennale, al programma annuale e/o

P/S indicate nelle CGCTM attenendosi alle seguenti modalità:

a) la richiesta deve essere presentata al vettore, per iscritto, entro il giorno 20 del secondo mese antecedente

la data di effettuazione del primo trasporto programmato;

b) il vettore comunica l’esito dello studio di fattibilità tecnica ed operativa nel più breve tempo possibile

e comunque entro 7 giorni solari antecedenti la data di effettuazione prevista per il primo trasporto;

c) le richieste di modifica non potranno essere avanzate per trasporti da effettuarsi nei mesi di dicembre

e gennaio.

Salvo diversa pattuizione contrattuale, la percentuale di trasporti programmati per i quali può essere

richiesta una modifica non può superare il 10% dell’impegno di traffico complessivo di cui all’Articolo

17 delle CGCTM.

C G C T M > > > P R O D O T T I 4.7


Articolo 6

Disdettefefpenalif(art.f21fCGCTM)

6.1 Disdette

6.1.1 Il cliente od il vettore possono comunicare all’altra parte disdetta di:

a) un singolo trasporto previsto nel programma pluriennale, annuale o P/S entro il giorno 20

del secondo mese antecedente quello di effettuazione del trasporto in questione;

b) una intera programmazione su una determinata relazione in un determinato giorno della settimana,

ad una determinata ora, fino alla scadenza della validità del programma stesso, entro

il giorno 20 del secondo mese antecedente quello di effettuazione del trasporto oggetto

della richiesta.

Le comunicazioni effettuate oltre tali termini danno luogo all’applicazione delle penali di cui al successivo

paragrafo 6.2.

6.2 Penali per disdetta di un singolo trasporto

6.2.1 Salvo diversa previsione contrattuale, in caso di disdetta da parte del cliente o del vettore di un

singolo trasporto la parte inadempiente deve corrispondere all’altra a titolo di penale:

a) un importo pari al 15% del prezzo della relazione ferroviaria stabilito nell’accordo cliente per

il singolo trasporto, qualora la disdetta sia stata comunicata all’altra parte entro un termine

inferiore al giorno 20 di due mesi precedenti quello di effettuazione, ma almeno, date tre

settimane successive A, B e C, entro il lunedì della settimana A per i trasporti a treno completo

per il periodo di sette giorni compreso fra il martedì della settimana B ed il lunedì della

settimana C;

b) un importo pari al 35% del prezzo della relazione ferroviaria stabilito nell’accordo cliente per

il singolo trasporto, qualora la disdetta sia stata comunicata all’altra parte con un preavviso

inferiore a quello di cui alla precedente lettera a), ma almeno 2 giorni lavorativi prima della

data prevista per la partenza;

c) un importo pari al 45% del prezzo della relazione ferroviaria stabilito per il singolo trasporto,

qualora la disdetta sia stata comunicata con un preavviso inferiore a quello di cui alla precedente

lettera b).

6.2.2 Qualora il cliente od il vettore non abbiano comunicato disdetta del trasporto, sono tenuti al pagamento,

a titolo di penale, di una somma pari al 50% del prezzo della relazione ferroviaria stabilito

per il singolo trasporto.

4.8 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


6.3 Penali per disdetta di una intera programmazione ordinaria

6.3.1 Salvo diversa previsione contrattuale, il cliente od il vettore che abbia dato la disdetta è tenuto

al pagamento di una somma pari all’8% del prezzo della relazione ferroviaria del singolo trasporto

programmato per tutte le circolazioni previste nei 60 giorni successivi alla data di comunicazione

della disdetta stessa.

6.3.2 Le percentuali indicate nel paragrafo 6.2, qualora il prezzo della relazione ferroviaria del singolo

trasporto sia espresso in forma diversa dalla formula vuoto per pieno, si applicano al prezzo

della relazione ferroviaria del singolo trasporto, calcolato sui parametri tecnici minimi stabiliti

negli allegati dell’accordo cliente.

6.4 Penale per mancata effettuazione di un singolo trasporto

6.4.1 In caso il cliente od il vettore abbiano determinato la mancata effettuazione di un singolo treno

aggiuntivo o straordinario, essi saranno tenuti al pagamento, a titolo di penale, di una somma

pari al 50% del prezzo della relazione ferroviaria stabilito per tale trasporto.

6.4.2 In caso di esecuzione parziale di un trasporto in modalità bilanciata per causa imputabile al vettore,

è dovuta al cliente, a titolo di penale, una somma pari al 50% del prezzo della relazione ferroviaria

stabilito per il trasporto stesso, salvo il caso in cui la difformità nell’effettuazione anche

di uno dei trasporti collegati sia attribuibile alla responsabilità del cliente.

6.4.3 Qualora la mancata effettuazione di un trasporto sia conseguente al ritardo maturato in arrivo

dal trasporto a treno completo collegato, ritardo dovuto a responsabilità del cliente, non verrà

applicata alcuna penale a carico del vettore.

6.5 Pagamento delle penali

Salvo diversa previsione contrattuale il cliente ed il vettore provvedono a scambiarsi reciprocamente

entro la fine di ciascun mese, un rendiconto delle eventuali penali attive maturate nel corso del mese

precedente.

Il cliente ed il vettore hanno 60 giorni di tempo per approvare o eccepire detto rendiconto; decorso

tale termine, in assenza di risposte dalla parte ricevente, le penali richieste si intendono accettate.

Entro ulteriori 30 giorni, la parte creditrice provvede all’emissione della fattura verso la parte debitrice.

C G C T M > > > P R O D O T T I 4.9


Articolo 7

Ritardofinfpartenzaf(par.f21.4fCGCTM)

7.1 Qualora l’orario di partenza di un trasporto in programmazione ordinaria non possa essere rispettato

per causa del cliente o del vettore, il vettore stesso garantisce comunque la partenza. Il vettore può

riprogrammare la partenza del trasporto come segue:

a) entro 23 ore e 59 minuti, in tal caso non è necessaria alcuna comunicazione al cliente. Il trasporto

è assoggettato ai criteri di qualità ove previsti dall’accordo cliente, ovvero dalle CGCTM per il superamento

dei termini di resa;

b) oltre i termini di cui al precedente punto a), il vettore comunica – per iscritto – al cliente la data e l’ora

di possibile inoltro, chiedendo la conferma formale del suo interesse all’esecuzione del trasporto.

b.1) In caso di accettazione da parte del cliente

• Se il ritardo è imputabile al vettore, si applica quanto previsto dall’accordo cliente in tema

di qualità, ovvero dalle CGCTM per il superamento dei termini di resa.

• Se il ritardo è imputabile al cliente, non trovano applicazione a carico del vettore le clausole

di qualità previste dall’accordo cliente, ovvero quanto previsto dalle CGCTM per il

superamento dei termini di resa.

b.2) In caso di rifiuto da parte del cliente

Si procede all’annullamento del documento di trasporto (LDV) e la merce è riconsegnata al

mittente per il successivo scarico dai carri a cura e spese del cliente stesso.

In tal caso, per il trasporto non effettuato, sono applicate alla parte responsabile del ritardo

le penali di cui al precedente art. 6.

4.10 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 8

Criteri di applicazione dei prezzi contrattuali per prodotto

8.1 I prezzi per il singolo trasporto a treno completo, indicati negli allegati tecnico-economici dell’accordo

cliente, sono riferiti alle prestazioni fornite dal vettore, per l’effettuazione del singolo trasporto, dal

punto di presa in partenza al punto di consegna a destinazione per il viaggio di andata o di ritorno.

8.2 Nel caso di programma in modalità bilanciato, il prezzo è riferito al singolo trasporto dal punto di presa

in partenza all’impianto ferroviario di destinazione intermedia e tra quest’ultimo ed il punto di consegna

a destinazione.

In caso di esecuzione parziale del trasporto programmato in modalità bilanciata per causa imputabile

al cliente, il prezzo dovuto sarà comunque quello stabilito per l’intera prestazione.

8.3 I prezzi di cui al precedente paragrafo, sono dovuti dal cliente al vettore anche qualora il cliente stesso

non saturi tutti i parametri tecnici dei singoli trasporti previsti nell’allegato tecnico-economico dell’accordo

cliente.

Detti prezzi sono dovuti anche in caso di mancato rispetto da parte del cliente dei vincoli di composizione

minima eventualmente fissati per il trasporto ai fini della determinazione del suo corrispettivo.

Articolo 9

Allegato tecnico-economico

9.1 Per ciascun prodotto indicato all’art. 1, il vettore predispone uno specifico allegato in cui sono riportate

le caratteristiche dello stesso quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo: merci, relazioni, prezzi,

termini e modalità operative di effettuazione dei trasporti.

9.2 L’allegato, siglato dal cliente e dal vettore, costituisce parte integrante e sostanziale dell’accordo

cliente.

C G C T M > > > P R O D O T T I 4.11


Sezione III

MaxiCargo (trasporti eccezionali)

Articolo 10

Caratteristiche tecniche

Il trasporto MaxiCargo risponde ad una delle seguenti tipologie:

a) eccedenza peso (TEP), tale che determini un peso assiale superiore a quello consentito anche

su una sola delle linee interessate al trasporto;

b) eccedenza profilo limite (TES), corrispondente ad un trasporto con un profilo limite superiore a

quello consentito anche su una sola delle linee interessate al trasporto medesimo;

c) rotabili non immatricolati (TE), tali da presentarsi come merce circolante sulle proprie ruote;

d) merce di lunghezza superiore a 36 metri.

Rientrano nel prodotto MaxiCargo tutti quei trasporti per i quali si rendono necessarie precauzioni

particolari a qualsiasi titolo dovute per la sicurezza del trasporto ferroviario.

Articolo 11

Autorizzazione alla circolazione

11.1 Nei casi in cui un trasporto MaxiCargo debba essere fornito di autorizzazione alla circolazione, è cura

del vettore, su istanza del richiedente, presentare idonea richiesta al gestore dell’infrastruttura interessato

al trasporto. Al rilascio dell’autorizzazione, il richiedente è tenuto in ogni caso al pagamento

al vettore delle spese richieste dai gestori dell’infrastruttura.

Per la rete ferroviaria nazionale, le spese sono riportate nel Prospetto Informativo della rete di Rete

Ferroviaria Italiana – Servizi obbligatori – Assistenza alla circolazione di treni speciali – disponibile sul sito

www.rfi.it.

11.2 In detta autorizzazione sono descritti i vincoli, le soggezioni di esercizio cui deve essere sottoposto il

trasporto al fine di garantirne la circolazione sulla rete ferroviaria nazionale e/o internazionale, nonché

il periodo di validità definito.

Nel periodo di validità definito il cliente può effettuare più trasporti, purché aventi le medesime caratteristiche

del trasporto per il quale è stata rilasciata la predetta autorizzazione.

4.12 T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O


Articolo 12

Modalità d’inoltro

Sulla base delle prescrizioni tecniche previste dall’autorizzazione, il vettore stabilisce se il trasporto

MaxiCargo debba essere inoltrato con la modalità treno completo o diffuso. In ogni caso il vettore

medesimo predispone un apposito programma.

Articolo 13

Responsabilità in caso di superamento dei termini di resa

In deroga all’art. 42 delle CGCTM, il vettore èesonerato dalla responsabilità per ritardo nella resa,

fatto salvo il riconoscimento di eventuali danni derivanti alla merce a causa del superamento dei termini

di resa stessi.

Articolo 14

Penali per disdetta singolo trasporto

Salvo diversa previsione contrattuale, qualora il vettore od il cliente diano disdetta di un singolo trasporto

MaxiCargo, confermato per iscritto dagli stessi, la parte inadempiente è tenuta al pagamento

di una penale pari al 50% del prezzo della relazione ferroviaria previsto per il trasporto medesimo.

Articolo 15

Prestazioni accessorie

Il cliente è tenuto a corrispondere al vettore ogni spesa sostenuta dal vettore medesimo necessaria

per consentire l’effettuazione del trasporto quale, a titolo esemplificativo e non esaustivo: scorta personale

specializzato, lavori in linea quali smontaggio segnali bassi, sollevamento linee di contatto, spostamento

segnali, fornitura carrozza appoggio.

C G C T M > > > P R O D O T T I 4.13


D I V I S I O N E C A R G O

Piazza della Croce Rossa, 1

00161 Roma

www.ferroviedellostato.it

More magazines by this user
Similar magazines