Le città della Baviera Orientale

TourismusverbandOstbayern

Weiden in der Oberpfalz, Amberga, Neumarkt in der Oberpfalz, Ratisbona che è città patrimonio mondiale dell‘umanità, Straubing, Deggendorf, Dingolfi ng, Landshut e Passavia si adagiano nei tipici paesaggi della Baviera Orientale, come la Foresta Bavarese, la Foresta dell‘Alto Palatinato, il Giura Bavarese e la regione del golf e delle terme della Baviera.

Suggestive e ricche di fascino, esercitano un‘attrattiva irresistibile nei confronti di visitatori da ogni parte del mondo. Ognuna di loro è diversa. Particolare. Inconfondibile. Ogni città ha una personalità originale, una storia a sé e una propria cultura, ma tutte conquistano per l‘atmosfera vivace e le molteplici attività proposte. Ed hanno anche molto in comune.

AMBERG

DEGGENDORF

DINGOLFING

LANDSHUT

NEUMARKT

PASSAU

REGENSBURG

STRAUBING

WEIDEN

DELLA BAVIERA

ORIENTALE

www.ostbayern-tourismus.de


WEIDEN i.d.OPf.

AMBERG

NEUMARKT i.d.OPf.

REGENSBURG

Mercatino di Natale a Straubing

DEGGENDORF

Tourismusverband

Ostbayern e.V.

Im Gewerbepark D 04

93059 Regensburg

Tel. 0941 58539-0

info@ostbayern-tourismus.de

www.ostbayern-tourismus.de

LANDSHUT

STRAUBING

DINGOLFING

PASSAU

Note legali

Editore:

Tourismusverband Ostbayern e.V.

Arbeitskreis Ostbayerische Städte

Im Gewerbepark D 04

93059 Regensburg

Tel.: 0941/ 58539-0

info@ostbayern-tourismus.de

www.ostbayern-tourismus.de

Progettazione grafica, impaginazione

e stampa litografica:

Agentur Gegensatz, Regensburg

Foto:

Archivi delle 9 città della Baviera

Orientale; foto di copertina: Lukas

Rode, Ufficio Informazioni Turistiche

di Amberg

Carta geografica:

© 2005, Studio für

Landkartentechnik,

Karthographie Muggenthaler

Druck:

Erhardi Druck, Regensburg

I dati sono stati rilevati ed elaborati con

grande cura. Salvo modifiche ed errori.

Questo opuscolo serve soltanto a scopi

promozionali e per vostra informazione.

Indicazioni insufficienti o promesse di

prestazioni del rispettivo fornitore che

non possono essere soddisfatte non

giustificano un obbligo di risarcimento

dei danni che ne risultino.

Informazioni e indirizzi in sintesi:

Weiden i.d.OPf.

Tourist-Information Weiden

Im Alten Rathaus

Oberer Markt 1

92637 Weiden i.d.OPf.

Tel. 0961 814131

Tourist-information@weiden.de

www.weiden-tourismus.info

Amberg

Tourist-Information Amberg

Hallplatz 2

92224 Amberg

Tel. 09621 10-239

tourismus@amberg.de

www.tourismus.amberg.de

Neumarkt i.d.OPf.

Tourist-Information Neumarkt

Rathauspassage

92318 Neumarkt i.d.OPf.

Tel. 09181 255-125

tourist-Info@neumarkt.de

www.neumarkt.de

Regensburg

Tourist Information Regensburg

Altes Rathaus

93047 Regensburg

Tel. 0941 507-4410

tourismus@regensburg.de

www.regensburg.de

Straubing

Amt für Tourismus

Theresienplatz 2

94315 Straubing

Tel. 09421 944-307

tourismus@straubing.de

www.straubing.de

Deggendorf

Tourist Information Deggendorf

Oberer Stadtplatz 1

94469 Deggendorf

Tel. 0991 2960-535

tourismus@deggendorf.de

www.deggendorf.de

Dingolfing

Informationszentrum im

Bruckstadel

Fischerei 9

84130 Dingolfing

Tel. 08731 327100

tourismus@dingolfing.de

www.dingolfing.de

Passau

Tourist-Information Passau

Rathausplatz 2

94032 Passau

Tel. 0851 95598-0

tourist-info@passau.de

www.tourismus.passau.de

Landshut

Landshut Tourismus

Altstadt 315

84028 Landshut

Tel. 0871 922050

tourismus@landshut.de

www.landshut.de

2 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


Shopping a Landshut

Le città della

Baviera Orientale

Le città della Baviera Orientale

Weiden in der Oberpfalz, Amberga, Neumarkt in

der Oberpfalz, Ratisbona che è città patrimonio

mondiale dell‘umanità, Straubing, Deggendorf,

Dingolfing, Landshut e Passavia si adagiano nei

tipici paesaggi della Baviera Orientale, come la

Foresta Bavarese, la Foresta dell‘Alto Palatinato, il

Giura Bavarese e la regione del golf e delle terme

della Baviera.

Suggestive e ricche di fascino, esercitano un‘attrattiva

irresistibile nei confronti di visitatori da ogni

parte del mondo. Ognuna di loro è diversa. Particolare.

Inconfondibile. Ogni città ha una personalità

originale, una storia a sé e una propria cultura, ma

tutte conquistano per l‘atmosfera vivace e le molteplici

attività proposte. Ed hanno anche molto in

comune. Le città sul Danubio, cioè Ratisbona, Straubing,

Deggendorf e Passavia, hanno, proprio per la

loro ubicazione, uno stretto legame con il secondo

corso d‘acqua d‘Europa per lunghezza che attraversa

la regione della Baviera Orientale come una grande

arteria. Le città di Weiden, Amberga e Neumarkt

sono accomunate da una vivace cultura della birra

e della sua produzione nonché dalla molteplicità

culturale che le caratterizza. Landshut, Dingolfing e

Ratisbona, città patrimonio mondiale dell‘umanità,

non rivestono un ruolo significativo soltanto dal

punto di vista storico-culturale, ma anche economico

grazie agli stabilimenti di produzione BMW.

Le città della Baviera Orientale invitano i visitatori a

scoprire i loro lati più belli. Sarà un‘esperienza tutta

da vivere!

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 3


Ihr Klick in den Traumurlaub

jetzt online buchen

ONLINE

BUCHBAR

• Hotels, Gasthöfe, Pensionen

Ferienwohnungen,

Bauernhöfe

• sofort verfügbar

• attraktive Pauschalen

www.ostbayern-tourismus.de

© CandyBox Images/shutterstock.com

Tourismusverband Ostbayern e.V.

4 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


WEIDEN AMBERG NEUMARKT

Cultura

e

delizie

culinarie

Arte, cultura e birra fresca

Questi tre termini descrivono alla perfezione Weiden,

Amberga e Neumarkt – tre città che vale davvero la pena

scoprire, ricche di tradizione, savoir-vivre bavarese e

straordinarie attrazioni culturali. Il Museo dell‘aria, il

Museo di auto storiche Maybach e il Museo internazionale

della ceramica con esemplari che risalgono a 7.000

anni fa sono esempi della varietà e delle numerosissime

sfaccettature della cultura in queste città dell‘Alto Palatinato.

Un ruolo di primo piano spetta inoltre sia alla musica

classica che all‘arte moderna.

Altro tratto tipico è lo stile di vita bavarese, che dedica

anche grande attenzione al piacere delle delizie culinarie.

Un proverbio locale recita che „mangiare e bere tiene

insieme anima e corpo“. E naturalmente non può mancare

nemmeno la bevanda più bavarese di tutte: la birra. Tutte

e tre le città vantano una ricca tradizione nel campo della

produzione di birra e sono conosciute ben oltre i loro confini

per la bevanda gustosa e rinfrescante.

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 5


Splendide case con grandi frontoni in stile rinascimentale,

Il cuore di Weiden è costituito da splendide

case con grandi frontoni in stile rinascimentale,

costruzioni in stile liberty, bei negozi e trattorie: un

vero invito a passeggiare per il centro storico. Proprio

sulla Piazza del Mercato, il vecchio Palazzo

del Comune con il suo carillon conferisce alla città

un fascino caratteristico.

6 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


Weiden i.d.OPf. – La città di Max Reger

l mercoledì e il sabato, quando è popolata dai

produttori della regione che vendono frutta e

verdura fresca, regna un vivace andirivieni. Gli

ingredienti regionali vengono utilizzati anche dai

cuochi di Weiden nella preparazione delle specialità

tipiche dell‘Alto Palatinato, una vera delizia del palato per

i visitatori.

STILE LIBERTY E MAX REGER

La chiesa neoromanica di St. Josef è un edificio spettacolare,

con un interno arricchito da ampie superfici a

mosaico di vetro colorato, sculture e pitture murali in

stile liberty. Anche le file di palazzi che si affacciano su

Kettelerstraße, Luitpoldstraße, Johannisstraße e Sebastianstraße

colpiscono per le eleganti facciate in stile

liberty. Il legame di Weiden con la cultura è inoltre messo

in risalto dal suo cittadino più famoso, il compositore

Max Reger. Prese lezioni di musica nei locali dell‘attuale

Museo civico e scrisse le sue principali composizioni per

organo a Weiden tra la fine dell‘Ottocento e l‘inizio del

Novecento. Ha lasciato un grande numero di opere con

brani di musica da camera, canzoni, composizioni per

organo, coro e orchestra. Oltre al Museo civico, il Centro

culturale Hans Bauer ospita anche un Museo etnografico

che presenta la storia, l‘espulsione e l‘integrazione dei

tedeschi dei Sudeti provenienti dalla città di Tachau, oggi

Tachov in Cechia. Da vedere sono anche la Chiesa di St.

Michael con l‘imponente organo (3.600 canne) e il palazzo

„Waldsassener Kasten“, che ospita il Museo internazionale

della ceramica. Vi si possono ammirare ceramiche

prodotte nell‘arco di settemila anni, da reperti dell‘epoca

preistorica alle raffinatissime porcellane cinesi fino al

design delle stoviglie del XX secolo.

MANIFATTURE DI PORCELLANA DI FAMA

MONDIALE

Nomi noti in tutto il mondo, come Seltmann Weiden

(porcellana), Bauscher (porcellana) e Witt Weiden (tessile),

sono alla base della fama mondiale di Weiden come

città delle cose belle. Sia gli ospiti del rinomato Café

Sacher di Vienna che quelli del lussuoso Hotel Burj Al

Arab a Dubai vengono serviti in stoviglie di porcellana

di Weiden. Gli abitanti di Weiden si possono riconoscere

facilmente, infatti negli alberghi o nei ristoranti capovolgono

con mossa rapida il piatto o la tazza per vedere se

sono di Bauscher o Seltmann. Gli esperti parlano della

„mossa di Weiden“. Se si desiderano ammirare le svariate

collezioni o fare acquisti per la tavola di casa, gli spacci

di fabbrica direttamente nel luogo di produzione a Weiden

sono un‘ottima opportunità per trovare articoli in

porcellana di qualità eccezionale.

Le visite guidate della città in italiano si possono prenotare

al seguente indirizzo: tourist-information@weiden.de

www.weiden-tourismus.info

A sinistra: panorama sulla Piazza del Mercato; in basso a sinistra: l‘annuale festa della città; In basso a destra: la chiesta di St. Josef in stile liberty

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 7


Facciate delle case delle epoche più diverse,

chiese straordinarie e palazzi con gioielli

di epoca barocca e rococò, molti negozi

moderni che si affacciano sul corso della

Vils fanno del centro storico di Amberga

il cuore pulsante della città che vanta una

storia di quasi un millennio.

8 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


A sinistra: gli „occhiali“ di Amberga; In alto: giro in barca sulla Vils

Visita guidata nel centro storico di Amberga

Amberga, la città dai mille volti

poi la cinta muraria praticamente intatta, con

quattro porte e circondata dal fossato, che un

tempo rendeva imprendibile Amberga, città

di principi. Ma anche il gotico Palazzo del

Comune, il Maltesergebäude con la sala

della biblioteca barocca o il castello comitale,

collegato alla vecchia armeria dagli „occhiali“, una

porta costruita su un ponte a due arcate sul fiume,

sono edifici sorprendenti. Ma non dovrebbe neanche

mancare una breve visita alle diverse chiese

della città, come per esempio l‘imponente basilica di

St. Martin, la chiesa di St. Georg o la Schulkirche, un

gioiello di decorazioni rococò. Infine i molti ponti

del centro storico non possono non suscitare associazioni

con Venezia.

BELLEZZE STORICO-CULTURALI

Il cuore culturale della città è però il Teatro civico

di Amberga. È situato in una chiesa sconsacrata del

XV secolo, che viene utilizzata come teatro dal 1803.

Oggi è considerato uno dei più belli tra i teatri tedeschi

di dimensioni minori e ospita opere, produzioni

teatrali, concerti e molto altro ancora. Unico nel

suo genere è anche il primo Museo dell‘aria in tutta

la Germania, che fa di Amberga un luogo di „arte

dell‘aria“. Doccia d‘aria, ponte aereo, aria pesante o

aria rarefatta: la rassegna molto particolare, ospitata

nel cosiddetto „Engelsburg“, il castello degli angeli,

non dimentica alcun aspetto. Il Centro Congressi

di Amberga ha già registrato oltre un milione di

visitatori. Concerti, rappresentazioni teatrali, convegni,

fiere specializzate ed esposizioni con opere di

artisti di fama mondiale come Miró, Dalí, Warhol o

Picasso sono da anni una calamita per il pubblico. La

città è sovrastata dalla collina di Mariahilf, con un

solenne santuario dedicato a Maria Ausiliatrice con

affreschi di Cosmas Damian Asam. Qui gli abitanti di

Amberga festeggiano ogni anno tra la fine di giugno

e l‘inizio di luglio la loro amata „festa della collina“,

un‘originale simbiosi tra birra e barocco.

NON SOLO PIACERI DELLA TAVOLA

A proposito di birra: una volta c‘erano oltre 20

fabbriche di birra nella città di Amberga. Oggi ne

restano comunque ben sei e i loro deliziosi prodotti

continuano ad allietare il palato alle feste di Amberga.

Tra le attività di svago c‘è anche la possibilità di

andare al Kurfürstenbad con sette piscine, ampia

area wellness e diverse saune oppure di fare un giro

in barca sulla Vils attraverso il pittoresco centro

storico fino al parco che nel passato ha ospitato una

mostra di giardinaggio.

Le visite guidate della città in italiano si possono

prenotare al seguente indirizzo:

tourismus@amberg.de

www.tourismus.amberg.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 9


Nel cuore dell‘affascinante paesaggio del Giura

Bavarese, circondata da colline boscose e più o

meno a metà strada tra Norimberga e Ratisbona

si trova Neumarkt in der Oberpfalz.

10 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


Neumarkt – Subito

a proprio agio

rima ancora di entrare in città vale la pena di

salire sul Wolfstein che si innalza sopra Neumarkt

e su cui troneggiano i resti dell‘omonima rocca. Un

luogo veramente da sogno, con una grandiosa vista

su Neumarkt e i dintorni. Ai suoi piedi il centro storico con

l‘ampia Piazza del Mercato

e gli edifici signorili colpisce per i vivaci colori dal tocco

quasi mediterraneo. Sulla strada per raggiungerlo si trovano

tipiche birrerie all‘aperto, freschi luoghi di ristoro in cui

assaggiare le birre appena prodotte dalle tre fabbriche locali.

Per la gioia del palato ne viene offerta un‘ampia gamma

per tutti i gusti, spesso anche a base di ingredienti biologici.

Naturalmente le birre locali vengono servite anche nelle

cosiddette „Schmankerlwochen“, le settimane di ottobre

dedicate alle specialità del posto ma anche alla cordiale

ospitalità degli abitanti di Neumarkt. Al centro si trova lo

storico Palazzo del Comune, innanzi al quale creano un

riuscito contrasto le tre steli di bronzo dell‘artista Lothar

Fischer di Neumarkt, soprannominate con affetto „le tre

Grazie“. Qui si svolge anche la vita pubblica di Neumarkt.

I numerosi negozi grandi e piccoli, le simpatiche trattorie

e gli accoglienti caffè invitano a soffermarsi, ma anche

l‘intrico di vicoli del centro storico merita di andare alla

loro scoperta.

A sinistra: parte superiore della Piazza del Mercato con Palazzo del Comune

In basso: casa a graticcio nella Bräugasse

Museo di auto storiche Maybach, la più grande collezione che esista

attualmente al mondo

DUE MUSEI IN SINTESI

Nel 2004 Neumarkt ha acquisito notorietà nei circoli

artistici internazionali con l‘apertura del Museo Lothar

Fischer. In un moderno edificio eccezionalmente ben

riuscito, che l‘artista stesso ha contribuito a progettare, si

possono ammirare ordinati per nuclei tematici lavori in

creta, bronzo, plastica, gesso e polistirolo scelti tra le 450

sculture possedute dal museo. Inoltre ogni anno tre esposizioni

temporanee danno vita ad un dialogo creativo tra

l‘opera di Fischer e altre correnti artistiche. Dal 2009 Neumarkt

ospita anche un altro museo, altrettanto eccezionale:

il Museo di auto storiche Maybach. Nei capannoni in cui

si trovava la vecchia fabbrica di biciclette Express Werke, a

cui è dedicato uno spazio espositivo, sono presentate fino

a 20 delle ca. 160 auto Maybach ancora esistenti al mondo.

Questi veicoli di lusso vennero realizzati solo su ordinazione

tra il 1921 e il 1941, e ancora oggi non hanno perso

una briciola del loro fascino. Il museo presenta un‘ampia

rassegna delle splendide automobili con caratteristiche

diverse.

Le visite guidate della città in inglese si possono prenotare

al seguente indirizzo: info@neumarkt.de

Le visite guidate del Museo civico in italiano si possono

prenotare al seguente indirizzo: info@neumarkt.de

www.neumarkt.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 11


Ratisbona –

Proiettata verso

il futuro

I visitatori di una città amano luoghi con una vita culturale multiforme

dove la storia si tocca con mano. Ma non deve essere sempre una

grande metropoli. Non lo sanno solo gli insider che si informano

sui blog e sui siti di viaggi su internet: Ratisbona, nel cuore della

Baviera, con il centro storico perfettamente conservato, i vicoli

tortuosi e le torri patrizie, è ricca di monumenti architettonici di

epoca romana e medievale. La città, patrimonio mondiale dell‘umanità

UNESCO, è stata teatro della storia tedesca ed europea e le sue

tracce sono chiaramente visibili ancora oggi. Al visitatore attento

si rivelano infatti gli angoli romantici, le passeggiate che si trasformano

in grandi scoperte e la magia tutta particolare che pervade le

mura storiche.

Ratisbona porta il titolo di “Patrimonio mondiale dell‘umanità” da

undici anni ed è inserita nella lista dell’UNESCO insieme a meraviglie

come le piramidi egizie e la muraglia cinese. Con circa 1000

monumenti architettonici il centro di Ratisbona rappresenta il

complesso storico meglio mantenuto dell‘Europa settentrionale.

Ma questo patrimonio mondiale è anche una città con uno stile di

vita fresco e dinamico. I negozi moderni che si nascondono dietro

a facciate storiche si alternano a luoghi di attrazione turistica e bar

alla moda in ambienti con volta a botte di origine medievale.

Gastronomia autentica

L’amore per una città può passare anche per la gola, come ben si

nota quando, dopo un giro per il centro, ci si mette alla ricerca di piaceri

autentici. La scoperta della cucina di Ratisbona è un’esperienza

unica perché la città offre specialità e locali per tutti i gusti.

E l‘abitudine di uscire con gli amici in simpatica compagnia ha creato

un panorama gastronomico di tutto rispetto. Dai ristoranti dei

birrifici a birrerie all’aperto, a pub storici con musica dal vivo, caffè,

ristoranti con specialità internazionali fino a cucine stellate: è tutto

buonissimo. I ristoranti della città deliziano i clienti con prelibatezze

della regione e nelle locande invitanti ognuno può trovare le proprie

specialità preferite. Seduti in un caffè in riva al Danubio, passeggiando

per gli angusti vicoli intorno alla cattedrale oppure tra le bancarelle

nel giorno di mercato – Ratisbona è piena di piaceri da scoprire!

Tradizione e cultura

Nel 2017 si festeggia a livello interregionale il grande anniversario

dei “500 anni della Riforma”. Per Ratisbona la Riforma protestante

fu un evento decisivo. Nel 1542, un quarto di secolo dopo l’affissione

delle tesi di Lutero, la città libera dell’impero decise di accogliere

il credo riformista e divenne evangelica a tutti gli effetti. Su questo

contesto storico si basa anche il tema annuale della città che

quest’anno è intitolato “Città e fede”. Grazie alla collaborazione con

numerosi operatori culturali, istituzioni ed enti parrocchiali viene

offerto un programma molto ampio.

Non sono solo gli abitanti di Ratisbona ad essere già ora entusiasti

di un edificio che in futuro mostri la storia del presente. Nel 2018 in

Baviera si celebrano il bicentenario della costituzione del regno e il

centenario dello stato libero: in occasione di questi due anniversari

verrà aperto a Ratisbona lungo il Danubio il Museo di storia della

Baviera in cui sarà esposta un’interessante panoramica dal XIX

secolo ad oggi.

www.regensburg.de


Le città

sul

REGENSBURG

Danubio

Da una città all‘altra lungo il

Danubio…

STRAUBING

Da sempre il Danubio è un fiume che unisce tra loro

epoche storiche, monumenti architettonici significativi,

paesi e culture diversi ma anche paesaggi

spettacolari. Nella Baviera Orientale il Danubio

collega anche città straordinarie e ricche di storia.

Già quasi 2000 anni fa, quando il Danubio era parte

del confine settentrionale dell‘impero, i Romani

costruirono accampamenti e fortificazioni militari

che nel corso del tempo sono diventati affascinanti

città. Così nel Medioevo e nella prima età moderna

Ratisbona, Straubing, Deggendorf e Passavia hanno

vissuto periodi di prosperità che hanno lasciato fino

ad oggi impronte indelebili nella loro fisionomia. Le

città sul Danubio si caratterizzano oggi per la vita

dinamica, l‘atmosfera familiare, il fascino e la storia

che permettono loro di presentare straordinari punti

di forza culturali, architettonici e culinari.

DEGGENDORF

PASSAU

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 13


Qui, nel punto più settentrionale del Danubio,

la città medievale meglio preservata della

Germania è un eccezionale esempio di centro

culturale europeo, che colpisce per i monumenti

architettonici e il suo fascino mediterraneo

e dal 2006 è patrimonio mondiale

UNESCO.

14 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


Patrimonio mondiale UNESCO

– Giovane e consapevole della

propria cultura

on importa come si arrivi all’affascinante

centro storico - in auto, in motonave durante

una crociera, in bicicletta o a piedi sul Ponte

di pietra - la cattedrale di St. Peter domina la

silhouette della città da qualsiasi

angolazione. La chiesa gotica più importante della

Germania Meridionale colpisce con un’atmosfera unica.

Qui infatti si esibisce il coro di voci bianche di Ratisbona,

i “Domspatzen”, famoso in tutto il mondo e ritenuto

il messaggero musicale della città.

SCOPRIRE RATISBONA

Grazie a varie visite tematiche guidate della città è

possibile immergersi nelle interessanti storie, saghe

e leggende passeggiando tra questi imponenti edifici.

Tappa obbligata di ogni tour è senz’altro il Ponte di pietra,

il più antico di tale tipo che ancora esista in Germania,

da cui si gode un meraviglioso panorama della città.

Poi vale inoltre sicuramente la pena di vedere il “Centro

visitatori patrimonio mondiale” nello Salzstadel, il

vecchio magazzino del sale. Un’esposizione concepita

e strutturata in modo interattivo e innovativo presenta

ai visitatori le diverse tematiche che giustificano il

carattere unico del patrimonio mondiale e illustra come

Ratisbona si sia guadagnata questo titolo a buon ragione.

Dopo la visita non può mancare una pausa rigenerante

nella cucina delle salsicce più antica al mondo: la

“Historische Wurstkuchl”, direttamente sull‘argine del

Danubio. Un po‘ più avanti lungo il corso del fiume si

A sinistra: Ponte di pietra e cattedrale di St. Peter; In basso: fontana di Bismarckplatz

Vista sul centro storico

trovano i punti di attracco. Da qui la flotta di battelli di

Ratisbona offre ai turisti la possibilità di partecipare

a escursioni per scoprire la città sul fiume e la storia

della regione circostante da un altro punto di vista:

risalendo il Danubio in direzione del monastero di Weltenburg,

in una posizione tra le più belle in Germania,

oppure scendendo il corso del fiume verso il Walhalla,

un imponente monumento architettonico ispirato ai

templi antichi che ospita numerosi busti in marmo

di importanti personalità di lingua tedesca. Vengono

inoltre proposte gite in battello sul Danubio sia durante

la giornata che la sera a seconda della stagione.

GIOIA DI VIVERE – CULTURA E PIACERI

Ratisbona non è tuttavia rimasta nel Medioevo, è anzi

una città giovane e dinamica, grazie ai circa 30.000

studenti delle tre università che vi hanno sede. E a

riempire di vita le pittoresche piazze e le vie tra le vecchie

mura ci pensano le numerose feste e manifestazioni

culturali. Qui si incontrano elementi tradizionali ed

attuali con influssi da tutto il mondo: eventi di teatro

e danza, concerti internazionali, la festa della città e

il festival al Castello di Thurn und Taxis, il weekend

del jazz, giornate internazionali della danza...

Quattro mercatini di Natale avvolgono poi il centro

storico in un‘atmosfera romantica. Ciascuno

troverà senz‘altro quello che più lo interessa. Dal

raffinato al folcloristico, dalla musica popolare a

quella elettronica, le possibilità sono quasi illimitate

– non c‘è che l‘imbarazzo della scelta tra i

locali modernissimi, gli ambienti storici o i caffè

all’aperto in una delle numerose piazze. Le stradine

e i vicoli del centro storico sono popolati da

una miriade di ristoranti, bar, trattorie e discoteche

che invitano a concludere la giornata nello

svago e nel relax. Già nel Medioevo questa città

sul Danubio era un polo commerciale di importanza

europea; oggi la quarta città per grandezza

in Baviera è simbolo di cultura e attrae persone

da tutto il mondo.

Le visite guidate della città in italiano si possono

prenotare al seguente indirizzo:

reisen@regensburg.de

Pernottamenti, pacchetti, visite guidate:

www.regensburg.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 15


La storia della città di Straubing risale

all’epoca dei celti, dei romani e dei bavari.

Nell’anno 1218 il duca Ludovico I di Baviera

fondò la nuova città di Straubing, l’odierno

centro, direttamente sulle rive del Danubio.

16 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


UNA TRAGICA STORIA D’AMORE

Da figlia di barbiere a duchessa: il destino di Agnes Bernauer

anima la fantasia delle persone da oltre 500 anni.

Presumibilmente figlia di un barbiere di Augusta, intorno

al 1428 conobbe il duca Alberto III di Baviera-Monaco,

i due si innamorarono e si sposarono in segreto. Ma

siccome i figli di questa unione non avrebbero potuto

far proseguire la dinastia, il padre di Alberto, il duca Ernesto

I, accusò Agnes Bernauer di stregoneria d’amore

e magia nera e la fece annegare nelle acque del Danubio

presso Straubing il 12 ottobre 1435. Ogni quattro anni

la città ricorda il suo tragico destino con il Festival di

Agnes Bernauer. Circa 200 attori non professionisti ne

mettono in scena la vita, l’amore e la morte in uno spettacolo

all’aperto. Nel centro della città di Straubing

c’è una strada dedicata ad Agnes Bernauer e anche il

ponte settentrionale sul Danubio porta il suo nome.

Il ricordo più bello della ragazza si trova però nel

cimitero di St. Peter: la cappella con la lapide che il

duca Ernesto fece erigere per la nuora indesiderata.

A sinistra: il duca e la duchessa nel 2015 (Anna Lummer e Daniel Edenhofer)

In alto: Gäubodenfest di Straubing, in Baviera seconda solo all’Oktoberfest

Le visite guidate della città in italiano si possono

prenotare al seguente indirizzo:

tourismus@straubing.de

La gioia di vivere

a Straubing

La Theresienplatz di Straubing e la Colonna della Trinità

ul lungofiume ci sono passeggiate e piste ciclabili

attraverso l’idilliaco paesaggio del Danubio.

E in città c‘è molto da scoprire: l’ampia piazza

principale, gli imponenti palazzi patrizi e le

sfarzose chiese tra il romanico e il barocco raccontano

la ricca storia di Straubing. Ma dietro le facciate storiche

nei diversi stili continua a pulsare la vita. Lasciatevi

trascinare da questa vitalità passeggiando tra il mercato

della verdura e boutique di alta moda o entrando nelle

gelaterie, nei caffè e nelle osterie tipiche bavaresi.

TRACCE ROMANE E MEDIEVALI

Maschere romane, testiere per cavalli e statuette modellate

con una grande ricchezza di particolari: l’eccezionale

tesoro romano nel Gäubodenmuseum è uno

dei ritrovamenti più importanti della storia romana in

Germania. Ma vale anche la pena di fare una passeggiata

verso la basilica di St. Peter: il suo cimitero medievale

è uno dei più belli della Germania.

Tesoro romano nel Gäubodenmuseum

www.straubing.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 17


Quando le forsizie iniziano già a fiorire in riva al Danubio, le

piste da sci di fondo nella zona del monte Rusel sono ancora

aperte. La posizione geografica di Deggendorf è senza eguali.

All’interno dei confini della città si supera un dislivello di 800

metri per passare dalla pianura del Danubio ai pendii meridionali

della Foresta Bavarese.

18 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


Deggendorf – Vivace città

sul Danubio

uesta città della Bassa Baviera offre possibilità per

il tempo libero quasi illimitate. Un’estesa rete di

percorsi per escursioni attraversa le aree boschive

tranquille e soleggiate della Foresta Bavarese e del

parco naturale, un campo da golf posto a grande

altitudine permette di migliorare il proprio handicap,

mentre le piste ciclabili lungo l’Isar e il Danubio invitano i

ciclisti a scoprire le rive dei due fiumi. E se a un certo punto

il tragitto diventa troppo faticoso – basta salire sul battello e

farsi trasportare insieme alla propria bicicletta. Ancora oggi

il Danubio è la linfa vitale di Deggendorf: barche e imbarcazioni

da crociera attraccano qui, dove lo splendido centro si

può raggiungere in soli dieci minuti a piedi dal lungofiume.

Grazie alla particolare posizione lungo il corso d‘acqua, circa

800 anni fa vi si insediarono i primi conciatori, carpentieri

e carrai. Il Museo dell’Artigianato nel quartiere culturale

di Deggendorf presenta oggi il loro stile di vita e di lavoro.

Esattamente di fronte, la città ha ricostruito nell‘edificio del

Museo Civico, posto sotto tutela come monumento, una

farmacia in stile Biedermeier con tanto di macchina per le

compresse e produzione di pomate. Il quartiere culturale di

Deggendorf ha molto da offrire sotto tutti i punti di vista. La

“Kapuzinerstadl”, un tempo chiesa di un monastero, ospita

A sinistra: vista sul Palazzo storico del Comune attraverso la Piazza superiore

In basso: “Guardiano notturno” in una visita guidata attraverso il centro storico

Festa della città a Deggendorf

mostre d’arte internazionali ed è teatro di piccole rappresentazioni

e sala per concerti. La biblioteca è un bellissimo

esempio di architettura moderna ed è una delle migliori

della Baviera.

Dalla torre tardogotica del vecchio Palazzo del Comune si

può godere di una vista fantastica. (È possibile tra l’altro

visitare l‘abitazione del guardiano della torre nel quadro di

una visita guidata della città.)

Si devono salire oltre 165 gradini e sette piani per arrivare

in cima. Ma ne vale certo la pena: la vista si estende sopra le

superbe case della borghesia in stile liberty, l’ampia Strada

del Mercato e le piazze cittadine fino alla protogotica Grabkirche

St. Peter und Paul. La particolarità: il campanile è una

delle torri barocche più belle della Germania Meridionale e

allo stesso tempo simbolo della città. Il quartiere del centro

storico e la zona pedonale nella Piazza superiore rendono

una passeggiata di shopping a Deggendorf un’esperienza

assolutamente da provare.

LA VITA SUL FIUME

LA VITA SUL FIUME

Con la mostra di giardinaggio del 2014 (esposizione interregionale

sui temi di progettazione e arte dei giardini) è nata

un’area ricreativa per il tempo libero a pochi minuti dal

cuore della città destinata a durare nel tempo. Nel parco sul

Danubio di circa 6 ettari si possono fare lunghe passeggiate.

Deggendorf ha un lungofiume di 500 metri direttamente

sulle rive del Danubio e ora vanta anche qualcosa che molte

altre città invidiano – una bella spiaggia. I due grandi parchi

giochi “Donauspiel” e “Weidenversteck” sono la gioia di tutti

i bambini. Con circa 2.000 metri quadri di area giochi e fino

a otto metri di altezza, Deggerdorf è senza dubbio una delle

mete preferite dai bambini della regione per quanto riguarda

i parchi divertimenti.

Le visite guidate della città in inglese si possono prenotare al

seguente indirizzo: tourismus@deggendorf.de

www.deggendorf.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 19


Vista sulla città dal Georgenberg

La città di Passavia, detta anche città dei tre fiumi,

si trova nella Baviera Orientale, vicinissima al confine

con l‘Austria. Proprio qui confluiscono insieme il

Danubio, l‘Inn e l‘Ilz – uno spettacolo naturale che

rappresenta una caratteristica particolare della zona

circostante e le conferisce una bellezza singolare.

Fontane e piazze barocche nel centro storico

Molte passeggiate offrono uno stupendo panorama sugli edifici barocchi del centro

20 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


Passau – Dove si incontrano cultura e gioia di vivere

a confluenza dei tre fiumi è solo una delle

particolarità che la città è in grado di offrire.

Un‘altra è rappresentata dalla sua fisionomia,

in cui hanno lasciato impronte indelebili gli

architetti del Barocco nel XVII secolo.

Torri slanciate, facciate coloratissime, piazze suggestive,

passeggiate romantiche e vicoli angusti continuano a

creare ancora oggi un‘atmosfera mediterranea. Al centro

della città si innalza maestoso il duomo di St. Stephan, le

sue dimensioni interne sono le maggiori a nord delle Alpi

e vanta l‘organo per cattedrale più grande del mondo. La

sua eccezionale caratterizzazione fonica viene presentata

al pubblico nei concerti che hanno luogo regolarmente da

maggio a ottobre.

ECCELLENZA NEI MUSEI

Nel Museo Veste Oberhaus nell‘omonima fortezza, tra

le più grandi preservate in Europa, i visitatori possono

ricevere interessanti informazioni sulla storia della città

in diverse esposizioni permanenti. Ad esso si aggiungono

il Domschatz- und Diözesanmuseum con numerosi tesori

che testimoniano la grandezza di quella che era la diocesi

più grande nell‘ambito del Sacro Romano Impero, il Glasmuseum

con manufatti dell‘arte vetraria della Boemia

dal Barocco fino all‘età moderna e il Museum Moderner

Kunst in cui si alternano esposizioni di opere d‘arte del

XX e XXI secolo.

NAVIGAZIONE, CICLISMO ED ESCURSIONI

Un‘esperienza del tutto particolare è una gita in battello

per visitare la città dei tre fiumi. La compagnia di navigazione

locale offre percorsi turistici alla scoperta dei tre

corsi d‘acqua, escursioni e serate di gala. Grazie alla sua

posizione, Passavia è inoltre un punto di intersezione di

percorsi cicloturistici nazionali ed internazionali e quindi

un paradiso per gli appassionati di questo sport. Ci sono

poi moltissime mete per meravigliose escursioni a piedi.

Oltre ai percorsi che rimangono nella zona della città,

Passavia è anche una tappa del Donausteig, Goldsteig e

Donau-Panoramaweg.

www.tourismus.passau.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 21


22 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


LANDSHUT

DINGOLFING

Le Città

Laptop e pantaloni di pelle

L‘ex presidente federale Roman Herzog, originario della Bassa

Baviera, ha coniato l‘espressione di „simbiosi riuscita fra laptop

e pantaloni di pelle“ parlando dell‘apparente ambivalenza della

Baviera fra tradizione e alta tecnologia. Tradizione e modernità

– proprio le tre città di Landshut, Dingolfing e Ratisbona dove

si trovano stabilimenti della BMW sono la prova più chiara di

questo atto di equilibrio ben riuscito. Tutte e tre sono località

sorte molti secoli fa e con alle spalle una ricca tradizione, e proprio

qui nascono modernissime tecnologie di punta destinate

al mercato mondiale. In queste città si lavora per costruire un

cruscotto strumenti della BMW Serie 7 che offra il massimo di

comfort, funzionalità e personalizzazione, per produrre una

nuovissima Cabrio Serie 3 o per fabbricare ogni giorno 1.500

veicoli realizzati su misura secondo i desideri del cliente. Allo

stesso tempo però queste città sono sinonimo di un passato

ricco di vicende interessanti, di sontuosi edifici, di atmosfera

storica e di molteplicità sia culturale che culinaria.

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 23


Solo raramente il trio formato da cultura, natura e

industria riesce ad essere affiatato. Ma proprio il

successo di questa armonia dei contrasti fa della

città di Dingolfing un ambiente di vita moderno e

una piacevole meta turistica!

24 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


A sinistra: vista sulla „Storchenturm“; a destra: Spitalplatz

Dingolfing – Tutta

da vivere!

a tranquilla cittadina di Dingolfing si adagia

tra le colline della Bassa Baviera, proprio

lungo le rive dell‘Isar che la attraversa, dividendo

la parte vecchia del centro abitato

a sud dai quartieri nuovi a nord. Il centro storico si

suddivide ulteriormente in base alla topografia in

città superiore e in città inferiore, come si nota facilmente

osservando la marcata fisionomia urbana.

Ancora oggi sono visibili parti delle mura di cinta

che coronate da numerose torri circondavano tutta

la parte vecchia della città. Le diverse visite guidate

della città permettono di conoscere meglio gli edifici

storici di Dingolfing anche in zone meno conosciute,

come per esempio il tour alla scoperta delle vecchie

e misteriose cantine che si sviluppano sotto la parte

superiore della città. Durante il giorno il centro di

Dingolfing sfoggia tutte le sue fontane e sculture che

si inseriscono in modo raffinato nella serie di piazze

e invitano a fare una pausa e a rilassarsi, circondati

da interessanti edifici costruiti in epoche diverse. I

punti salienti sono il ponte che risale al 1612 con

cinque arcate a tutto sesto, oppure diverse torri delle

antiche fortificazioni della città.

Hybrid 5, BMW Serie 6 Coupé e Cabrio, BMW M6

Gran Coupé, BMW Active Hybrid 7, BMW Serie 7,

Rolls Royce Phantom, Ghost e Wraith (carrozzeria).

La storia di Dingolfing come città dell‘automobile

è iniziata comunque già nel 1955 con la ditta „Glas“

che ha prodotto un totale di 300.000 Goggomobil,

soprattutto per il mercato tedesco dove hanno raggiunto

lo stato di cult. Il Museum Dingolfing, situato

in un complesso edilizio che risale al Medioevo e che

comprende una torre e una parte della cinta muraria,

presenta soprattutto lo sviluppo industriale della

città, dedicando particolare attenzione alla storia di

successo della casa automobilistica Glas. I numerosi

modelli esposti sono senz‘altro di grande interesse

per tutti gli appassionati di auto. Ma viene mostrata

anche la continua evoluzione della BMW, che è l‘acronimo

di Bayerische Motorenwerke, che nel 1966 ha

rilevato la ditta Glas.

PAESAGGI FLUVIALI

Un piccolo suggerimento a margine: vale senza

dubbio la pena di fare qualche gita nei dintorni

perché la zona lungo le rive del Danubio e dell‘Isar

nasconde spesso tratti incantevoli attraverso una

natura affascinante, passando vicino a conventi e

un grande numero di piccole località con invitanti

birrerie all‘aperto e punti di interesse che meritano

una breve visita.

Le visite guidate in inglese della città e del museo

si possono prenotare al seguente indirizzo: tourismus@dingolfing.de

Museum Dingolfing con numerosi modelli di automobili

delle ditte BMW e Glas

CULTURA INDUSTRIALE

Dingolfing ha acquisito notorietà ben oltre i confini

del territorio della città grazie all‘industria automobilistica.

Oggi i dipendenti dello stabilimento

di Dingolfing, il maggiore sito di produzione del

Gruppo BMW in tutta Europa, sono ben 18.000. Ogni

giorno escono dalle catene di montaggio circa 1.500

veicoli dei modelli BMW Serie 3 Gran Turismo, BMW

Serie 4 Gran Coupé, BMW Serie 5 Berlina e Touring,

BMW Serie 5 Gran Turismo, BMW M5, BMW Active

www.dingolfing.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 25


Landshut sull‘Isar, la città che colpisce con tratti

sempre diversi. Affascinante, ricca di contrasti,

stimolante. Passeggiare, fermarsi, rilassarsi e

godersi i lati belli della vita. Si può andare alla

scoperta sia di edifici storici che di arte moderna,

negozi attraenti si alternano a oasi di verde. La

Dolce Vita nella Bassa Baviera!

26 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE


A sinistra: il centro storico di Landshut;

Il castello di Trausnitz

Landshut - Storica e romantica!

ullo sfondo di un suggestivo scenario storico

si erge il campanile in laterizio a vista più

alto del mondo. L‘imponente costruzione,

alta oltre 130 metri, fa parte della basilica di

St. Martin e con tale altezza supera addirittura il

castello che sovrasta la città. Dalla stessa antica fabrica

venne realizzata anche la gotica chiesa a sala di

Heiliggeist. I due edifici sono collegati da una delle

vie più imponenti e maestose di tutta la Baviera che

attraversa con una leggera curva il centro della città.

La fiancheggiano le coloratissime facciate dei palazzi

gotici con grandi frontoni costruiti nel XV e XVI

secolo e i numerosi caffè all‘aperto le conferiscono

un tocco mediterraneo.

STORIA E VITALITÀ

Un gran numero di negozi sulla piazza principale

e nelle romantiche stradine fanno a gara tra loro

con prodotti insoliti e in una passeggiata in città

si susseguono per il visitatore impressioni sempre

nuove, fontane, giochi d‘acqua, oggetti d‘arte, sculture,

parchi e simpatiche birrerie all‘aperto. Il mix di

Medioevo romantico e di pulsante vitalità creano la

singolare e impareggiabile atmosfera della città.

Vale proprio la pena di venire a conoscere la „perla

sull‘Isar“ con tutte le sue sfaccettature. Le passeggiate

lungo le rive del fiume garantiscono al visitatore

in cerca di quiete non solo aria fresca in un ambiente

immerso nel verde, ma anche fantastiche vedute

sulla città e paesaggi da favola lungo la pista ciclabile

dell‘Isar. Nelle tiepide serate estive il centro storico

illuminato sfoggia tutto il suo charme per affascinare

i visitatori! Una cena romantica all‘aperto lungo

le rive dell‘Isar, una passeggiata tra i vicoli pittoreschi

del centro, una serata al cinema open-air nel

Prantlgarten o un concerto nell‘elegante ambiente

rinascimentale del cortile interno della Stadtresidenz

– Landshut rimane sempre un sogno di una

notte d‘estate e l‘arte non è presente solo al museo.

PIATTAFORMA ECONOMICA

Ma Landshut non splende solo per la storia e l‘arte,

lo stabilimento della BMW è anche un importante

polo economico nella regione. Negli ultimi cinquant‘anni

ha subito un continuo sviluppo e attualmente

con un organico di ca. 3.000 dipendenti è

uno dei maggiori datori di lavoro della zona.

Le visite guidate della città in italiano si possono

prenotare al seguente indirizzo: tourismus@landshut.de

www.landshut.de

VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE | 27


Anzeige Dingolfing2_Layout 1 03.11.2014 13:01 Seite 1

Caprima

Spitalplatz mit St. Johannes

MUSEUM DINGOLFING

SPANNEND STATT VERSTAUBT

SCOPRIRE DINGOLFING

La città di Dingolfing è emozionante come la sua storia. Dall‘insediamento

medievale è nato un centro moderno e dinamico, perfetto per fare acquisti.

Le mura e i vecchi edifici rimangono tuttavia come testimoni di

tempi ormai passati. Dingolfing è una città che riunisce in sé tradizione

e attualità in modo interattivo e che non si riposa mai. Negli ultimi anni

l‘immagine della città capoluogo di distretto è cambiata notevolmente.

Architettura moderna abbinata a costruzioni storiche accuratamente ristrutturate.

Nascono così ampie piazze che invitano a soffermarsi e a rilassarsi,

migliorando così notevolmente la qualità della vita a Dingolfing.

Svariate offerte culturali, come per esempio mostre, concerti, teatro, e numerose

visite guidate completano il programma. La splendida posizione

in un paesaggio naturale e rurale plasmato dalla mano dell‘uomo fa di

Dingolfing il perfetto punto di partenza per passeggiate e gite in bicicletta.

La pista ciclabile lungo l‘Isar è per esempio la meta di tanti amanti del

ciclismo, della corsa e dell‘escursionismo, ma anche delle famiglie per fare

quattro passi la domenica pomeriggio. Nei dintorni di Dingolfing ci sono

inoltre numerosi percorsi e itinerari per camminate: la zona ideale per

trascorrere giornate all‘aria aperta e scoprire tranquillamente la bellezza

incontaminata del paesaggio della Bassa Baviera.

Museum Dingolfing

Il palazzo Herzogsburg – la torre Stinkerturm – i memorabili „Goggo“ – la

BMW, il nostro museo ha un programma per tutti i gusti e un‘esperienza

indimenticabile per grandi e piccoli! Nel Museum Dingolfing la storia della

città e dello sviluppo industriale formano una simbiosi perfetta, perché

Dingolfing è stata plasmata dall‘industria automobilistica come nessun‘altra

città in Baviera. Il visitatore si avventura in un viaggio nel tempo

- dagli inizi della ditta Glas fino alle ultimissime novità del gruppo BMW.

Non meraviglia quindi che il museo abbia vinto nel 2009 il Bayerisches

Museumspreis, premio indetto per sostenere l‘attività museale.

Grazie all‘ambiente storico anche tutte le manifestazioni nel palazzo Herzogsburg

– non importa se concerti, conferenze o mostre – hanno un fascino

del tutto particolare!

Freizeitbad Caprima

Il parco acquatico Caprima di Dingolfing, situato su un pendio che scende

verso l‘Isar, anche dopo 30 anni continua ad essere una delle strutture per

il tempo libero più importanti nella zona della Bassa Baviera ma anche oltre

tali confini. La zona scoperta completamente ristrutturata rende Caprima

ancora più invitante. L‘area delle attrazioni non propone solo canale

della corrente, altalena sull‘acqua, panchine con idromassaggio e molto

altro ancora ma anche una parete per arrampicate di 6 metri di altezza. Lo

stile mediterraneo dell‘ambiente nel suo complesso dà la sensazione agli

ospiti di passare una giornata di vacanza al mare, senza però allontanarsi

molto da casa. Informazioni sul sito www.caprima.de.

Dingolfing è una città che entusiasmerà anche voi!

Informazioni sulla nostra città sono disponibili sul sito

www.dingolfing.de ovvero www.museum-dingolfing.de

o presso il centro di informazioni turistiche

Informationszentrum im Bruckstadel

Fischerei 9, 84130 Dingolfing

Telefon 08731/327100, www.dingolfing.de

tourismus@dingolfing.de

28 | VIVERE LE CITTÀ DELLA BAVIERA ORIENTALE

More magazines by this user
Similar magazines