Intimo più Mare 15 | n. 9 | 30 Novembre 2020

editorialemoda

Il magazine digitale quindicinale per comunicare con rapidità le novità delle collezioni Intimo e Mare.

intimopiumare.com

N. 9 | 30 NOVEMBRE 2020

15

IL QUINDICINALE DIGITALE

FOCUS

Scenari

post-lockdown

SGUARDI SUL

FUTURO

Marco Bartolotti

Michele Mancin

RETAIL

world:

Notizie dalle zone rosse

Intimo Annamaria

La mela d'oro

Il corsetto

LOU

french charme

collezioni

P-E 2021

Chantelle

Luna di Seta

Amadine

Annette Lingerie


lou-lingerie.com


GILBERTO GIULIOTTI | tel. +39 348 0119318 | gilberto.giuliotti@lacelier.com | www.lacelier.com


focus

di Mariacristina Righi

SCENARI

POST

LOCKDOWN

BESTFORM

Dall’inizio della pandemia

Sita Ricerca ha attivato un

osservatorio permanente

per monitorare i

comportamenti d’acquisto

degli italiani nei confronti

della moda. Quasi al

termine di quest’anno

così imprevedibile, ecco la

situazione, in relazione ai

mesi precedenti

4

Sita Ricerca ha attivato un osservatorio

permanente per monitorare la situazione

del mercato della moda durante tutta

l’emergenza sanitaria. Quasi al termine di questo

incredibile 2020, i ricercatori hanno tentato un

primo bilancio mettendo a confronto i numeri dei

vari mesi e analizzando le risposte del panel di

consumatori intervistati.

“Il report si basa sulla nostra rilevazione

continuativa mensile dei consumi fashion (Fashion

Consumer Panel) presso la popolazione italiana -

spiega Alessandra Mengoli, partner Sita Ricerca

- Ma anche sull’osservatorio Fashion & Emergenza

Sanitaria, indagine web su 800 casi, che è stato

realizzato a inizio novembre 2020”.

IL MERCATO FASHION PRE

E POST-LOCKDOWN

Dai dati forniti da Sita Ricerca (fonte: Fashion

Consumer Panel, osservatorio mensile dei consumi

fashion in Italia) si nota che l’intimo e la calzetteria

agganciano la ripresa nel post-lockdown, specie

nei mesi di agosto e settembre.

15


SIMONE PÉRÈLE

Con i dati del Fashion Consumer Panel –Totale

canali e mercati (abbigliamento, intimo, accessori,

calzature) se andiamo a confrontare l’andamento

degli acquisti in valore del 2020 con quelli del

2019 possiamo notare che l’intimo e la calzetteria

subiscono un calo meno deciso rispetto al totale

del mercato abbigliamento.

In gennaio-febbraio 2020 (pre-lockdown) il totale

del mercato fashion in Italia ha segnato un calo

del 3,7%, il periodo marzo-maggio (il lockdown)

un calo del 60,2%, mentre per il periodo giugnosettembre

(post-lockdown) solo un -10,0%.

Per quanto riguarda invece il segmento intimo e

calzetteria notiamo un calo meno rilevante.

In gennaio-febbraio 2020 (pre-lockdown) il

segmento intimo e calze ha segnato un calo

dell’1,9%, il periodo marzo-maggio (il lockdown)

un calo del 53,4%, mentre per il periodo giugnosettembre

(post-lockdown) solo un - 2,7%.

Un confronto sull’intero periodo gennaiosettembre

2020 con l’anno 2019 evidenzia un calo

del 25% per l’intero mercato fashion italiano, ma

solo del 20% per intimo e calzetteria.

Se poi ci spostiamo sui dati del Fashion Consumer

Panel online, cioè le quote a valore online 2020

possiamo notare che l’intimo e le calze sono uno

dei settori più dinamici in questo canale di vendita,

sia nella fase di lockdown che post-lockdown. Le

quote dell’online nel periodo gennaio-settembre

sono praticamente raddoppiate.

In gennaio-febbraio 2020 (pre-lockdown) il totale

del mercato fashion in Italia ha segnato una crescita

del 13%, il periodo marzo-maggio (il lockdown) un

5

aumento del 57%, mentre per il periodo giugnosettembre

(post-lockdown) solo una crescita del

18%.

Per quanto riguarda invece il segmento intimo e

calzetteria notiamo sempre una crescita anche se

un po’ meno rilevante rispetto al totale del settore

abbigliamento.

In gennaio-febbraio 2020 (pre-lockdown) il

segmento intimo e calze ha segnato un aumento

dell’8,6%, il periodo marzo-maggio (il lockdown)

una crescita del 37,0%, mentre per il periodo

giugno-settembre (post-lockdown) solo un 12,9%.

Un confronto sull’intero periodo gennaiosettembre

2020 con l’anno 2019 evidenzia una

crescita degli acquisti online del 23% per l’intero

mercato fashion italiano e del 16% (8% nel 2019)

per intimo e calzetteria.

Aumenta quindi la penetrazione nel canale

internet. Infatti gli e-shopper fashion nel 2019

erano circa 15,5 milioni mentre nel 2020 sono saliti

a 23 milioni. Va sottolineato però che il 17% è la

percentuale dei nuovi e-shopper fashion acquisiti

durante il lockdown quando i negozi fisici erano

chiusi.

GLI ITALIANI NELLA FASE

POST-LOCKDOWN

La recrudescenza dell’epidemia riduce

sensibilmente l’ottimismo e aumenta di

conseguenza la preoccupazione. La recrudescenza

anche dell’emergenza sanitaria ha obbligato

l’amministrazione pubblica a reinserire importanti

misure restrittive a tutela della salute pubblica.

I ricercatori di Sita Ricerca hanno intervistato

un panel significativo di consumatori nei mesi

post-lockdown. Vediamo com’è cambiato

l’atteggiamento degli italiani nei diversi mesi

post-lockdown. Alla domanda come si sente in

questa fase di nuova emergenza sanitaria, hanno

risposto non sono per nulla preoccupato e ho

già ripreso a fare tutto ciò che è possibile fare

in percentuali diverse secondo il periodo: 5% in

maggio, 11% giugno, 8% settembre, 4% novembre.

Alla stessa domanda ha risposto invece mi sento

tranquillo, basta seguire le regole di sicurezza

base: distanza, mascherina, guanti, il 35% degli

intervistati in maggio, 46% giugno, 39% settembre,

21% novembre.

La popolazione italiana ottimista rappresenta

ora un 26% contro i pessimisti che sono la

maggioranza (74%).

Gli ottimisti (26%) si sentono sicuri perché:

• il sistema sanitario si è attrezzato per fronteggiare

15


focus

FIORI DI CHIARA

LISANZA NEW SCULPT

un’eventuale seconda ondata

• i controlli sui comportamenti sono efficaci

• le persone rispettano le misure di sicurezza

I pessimisti (74%) sono preoccupati perché:

• il sistema sanitario non è in grado di sostenere

questa nuova ondata, non abbiamo imparato nulla

dalla precedente esperienza e ci troviamo nella

stessa situazione

• l’epidemia è ancora troppo diffusa a livello

mondiale

• spesso le altre persone non rispettano le misure

di sicurezza

GLI ITALIANI E

L’ABBIGLIAMENTO

Il Fashion Sentiment è una nuova misura creata da

Sita Ricerca per valutare l’umore dei consumatori

nei confronti delle spese di abbigliamento.

“Il Fashion Sentiment è un indice elaborato

sulla base delle considerazioni effettuate dai

consumatori italiani in merito a più fattori -

spiega Alessandra Mengoli, partner Sita Ricerca

- Situazione economica generale e prospettive

occupazionali del paese, situazione economica

e propensione al risparmio familiare, priorità di

spesa familiare nell’immediato futuro, importanza

dell’abbigliamento”.

Nonostante la recrudescenza della crisi sanitaria,

il barometro dei consumatori nei confronti

dell’abbigliamento (Fashion Sentiment) è

leggermente in crescita. L’indice era 46 in aprile,

57 in maggio, 53 a giugno, 54 in luglio, 57 in

6

settembre e 58 nel mese di novembre.

L’abbigliamento resta comunque in cima alle

priorità di spesa subito dopo quella per beni e

servizi essenziali.

Quali settori di spesa saranno prioritari nei prossimi

mesi?

Al primo posto troviamo la salute (67% degli

intervistati in aprile, 50% giugno, 54% settembre,

60% novembre), seguita dalla manutenzione della

casa (51% aprile, 38% giugno, 39% settembre,

37% novembre). Al terzo posto ci sono le spese

per la scuola e l’università dei figli (37% aprile,

33% giugno, 37% settembre, 29% novembre), Le

spese per abbigliamento, scarpe e accessori sono

al quarto posto dopo le più essenziali e inevitabili

(39% aprile, 29% giugno, 27% settembre, 23%

novembre). Seguono le spese per manutenzione e

acquisto di auto o moto (24% aprile, 18% giugno,

22% settembre, 17% novembre), computer

(12% aprile, 10% giugno, 13% settembre, 14%

novembre), arredamento e altri oggetti per la

casa (18% aprile, 14% giugno, 15% settembre, 12%

novembre). La telefonia, una voce fino a qualche

tempo fa tra le priorità degli italiani, ora arriva

solo all’ottavo posto (12% aprile, 8% giugno, 11%

settembre, 12% novembre). Tra le ultime voci ci

sono i piccoli elettrodomestici (11% aprile, 7%

giugno, 9% settembre, 8% novembre) e i grandi

elettrodomestici (11% aprile, 9% giugno, 8%

settembre, 8% novembre). Non stupisce trovare le

vacanze all’ultimo posto con un 22% di risposte in

aprile che scendono al 7% in settembre e anche in

novembre.

15


cotonella.com - NUMERO VERDE 800 83 60 73


SUMMER 2021

+39 059686818 info@lafabbricadellino.com www.lfdl.it


etail world

Maria Ambrosone nella sua boutique a Costigliole d'Asti (AT).

IL CORSETTO

PASSIONE E

RESILIENZA

Il corsetto nasce il 4 febbraio

2018 dall'estro imprenditoriale

della sua fondatrice, Maria

Ambrosone. "Dopo un'analisi delle

esigenze e del mercato nel mio

territorio, ho deciso di aprire nel

mio paese, non il classico negozio

stile merceria, ma uno spazio

che rispecchiasse la volontà di

realizzare un sogno, quello che

io avevo fin da bambina. Il logo

è frutto di una mia idea, messa

poi su carta da una cara amica

disegnatrice", spiega.

Il Corsetto si affaccia su piazza

Medici, la piazza principale di

Costigliole d'Asti, in una posizione

molto visibile e soprattutto di

passaggio. Ha circa 40 mq di

superficie due ampie vetrine, un

piccolo magazzino e un camerino.

Gli arredi sono tutti 'recuperati',

restaurati nei colori bianco, tortora

e argento: toni neutri che fanno

risaltare gli articoli.

"Lo spazio è molto luminoso -

racconta Maria Ambrosone - Infatti

al mattino è 'baciato' dal sole, poi

ci sono le luci calde dei faretti e

del lampadario centrale in stile

barocco.

In generale l'ambiente che ho

voluto creare è quello di piccolo

salottino piuttosto che il classico

negozio".

Il Corsetto offre intimo uomo

e donna e si specializza nella

vendita di reggiseni in coppe

differenziate dalla 1 alla 8,

costumi e fuoriacqua, calze,

pigiami e homewear.

I marchi trattati sono Verdissima,

Passionata, Chantelle, Emporio

Armani, Anita, Omero, Dandy

Ironic Socks, Fraly, Perofil e

Janira. Nonostante l'incertezza

causata dalla pandemia, le

vendite durante il periodo estivo

sono state in linea con quelle

dell'anno precedente.

"Il costume è stato penalizzato,

ma, nel mio caso, ho incrementato

la vendita di altri articoli che ho

potenziato nell'ultimo anno e

mezzo: i fuori acqua della linea

Isla di Verdissima, la corsetteria

in coppe differenziate e in coppe

capienti di Lisca e Anita e l' intimo

e i costumi uomo di Emporio

Armani".

Con l'ultimo DPCM il Piemonte

è zona rossa, ma al momento

le vendite non hanno subito

scossoni: "Anzi, grazie alla

mia presenza fissa sui social,

all'interazione costante con i

clienti tramite il canale

Whatsapp e al confronto con le

colleghe di altri negozi, in alcuni

casi sono aumentate. Come

già nel primo lockdown, oltre

alla normale vendita face to face,

sta diventando preponderante

una nuova modalità di vendita,

che prevede una presenza quasi

giornaliera sui social, con foto

e video di presentazione dei

prodotti e stories del backstage,

questo fa sì che i clienti siano

sempre aggiornati su cosa

possono trovare in negozio,

mi contattano e vengono a

comprare, sicuri di trovare

quello che stanno cercando.

Inoltre offro servizi come

spedizione, consegna a domicilio,

appuntamenti per il ritiro e

disponibilità a orari flessibili.

Quello che voglio e cerco non è

effettuare la vendita a tutti i costi,

bensì fidelizzare la clientela",

conclude Maria Ambrosone.

IL CORSETTO

Piazza Medici del Vascello, 21

14055 Costigliole d'Asti (AT)

www.instagram.com/

ilcorsettodiambrosonemaria/

www.facebook.com/

ilcorsettodiambrosonemaria

10

15


etail world

INTIMO

ANNAMARIA

UNO SGUARDO

SU MILANO

Anna Iorio lavorava nel

settore dei trasporti

e della logistica, ma

aveva da sempre la passione

per le calze. Nel 1985 decide

di acquistare una merceria

vecchio stile, trasformandola

prima in un paradiso delle

calze e, successivamente, della

corsetteria e della lingerie:

Intimo Annamaria, in viale

Sabottino a Milano, proprio

dietro alle mura spagnole che

ospitano le famose terme.

"Negli anni '90 non mi capacitavo

del fatto che le donne fossero

costrette ad acquistare reggiseni

con coppa profonda, ma con

un giro busto che stringeva:

bisognava coniugare la

modellistica con il comfort e lo

stile. Sono andata quindi a Parigi

e ho trovato quello che cercavo,

reggiseni in pizzo perfetti,

sia in termini di vestibilità

che di estetica. Da allora mi

sono specializzata in coppe

differenziate."

Annamaria Intimo non è un

negozio classico, sfoggia un

gusto molto particolare, fra il

francese e l'inglese, con scaffali

di legno e la corsetteria in

scatole blu, mentre sul soppalco

si trovano tutte le calze.

Fra i marchi presenti in negozio,

Aubade, Ambra, Lise Charmel,

Simone Pérèle, Marjolaine,

Calida, Selmark e Girardi.

A luglio, dopo il primo lockdown,

Initmo Annamaria ha lavorato

abbastanza bene con i costumi

da bagno, a settembre c'è

stato poco movimento, mentre

a ottobre c'era stato del

movimento.

Attualmente, la boutique si trova

in zona rossa. Abbiamo chiesto

alla titolare cosa comporta

questo per la sua attività:

"L'afflusso da quando siamo in

zona rossa è molto basso, anche

perché secondo me la gente

non ha capito chi è aperto e chi

no. Ma direi che le persone non

hanno paura a entrare nei negozi

piccoli come i miei, ci sono tutti

gli accorgimenti del caso e la

gente lo capisce e lo apprezza.

Purtroppo, possiamo far entrare

due persone alla volta, e quindi

abbiamo dei momenti in cui non

entra nessuno per poi, magari

negli orari di punta, avere delle

persone che aspettano fuori.

Il rischio è che alcuni di loro

vada via, anche perché comincia

a fare freddo. La speranza è

che le persone, una volta che

hanno deciso di uscire, siano più

motivate ad acquistare".

Purtroppo, al momento prevale

un certo pessimismo e una

posizione critica verso l'operato

delle autorità:

"Il governo non ci viene incontro

su niente, ma ci chiede tanto, sono

delusa", conclude Anna Iorio.

INTIMO ANNAMARIA

v.le Sabotino, 38 - 20135 Milano

intimo.annamaria@gmail.com

www.instagram.com/

intimoannamaria

Intimo Annamaria è anche

vincitrice del concorso vetrine

lanciato da Aubade

per promuovere la capsule

collection Encre de Chine, realizzata

dal brand in collaborazione

con l’artista cinese Hong

Wai. Ad impreziosire la vetrina

della boutique milanese, oggetti

che evocano le atmosfere

della tradizione cinese, come

un’antica teiera, un vassoio e

alcune bustine di te e, sullo

sfondo, i cartelli vetrina forniti

dalla maison francese.

L’allestimento, apprezzatissimo

dalla clientela, è rimasto visibile

dal 20 al 27 ottobre.

11

15


etail world

Maria Catania

nella sua

boutique

torinese.

LA MELA D'ORO

UN NATALE

IN SALITA

La mela d'oro vanta più

di trent'anni di storia.

Nel 2016, con la nuova

proprietà, ha iniziato un percorso

di rinnovamento dell'offerta e

di presenza sui social, ma senza

soluzione di continuità rispetto

alle esigenze della clientela

fidelizzata e legata a formule

commerciali più tradizionali.

La boutique si trova in via San

Francesco d'Assisi 27, nel centro

di Torino, adiacente alla storica

piazza Solferino. Lo spazio è

organizzato in due aree tramite

un dislivello interno: l'area

adiacente all'ingresso è dedicata

all'esposizione dei prodotti,

mentre nell'area rialzata e più

interna i clienti possono provare

i capi scelti e ricevere assistenza

per i propri acquisti.

L'ambiente, in stile rétro è

caratterizzato da una prevalenza

di colori chiari e luci calde.

Presso La Mela d'Oro è possibile

trovare le collezioni di Lise

Charmel, Antigel, Valery, Raffaela

D'Angelo, Verdissima, Anita,

Rosa Faia, Oscalito, Chantelle,

Oroblù, Angy.Mo', Amadine e

Omero.

Maria Catania, titolare del

negozio, ci racconta le recenti

vicissitudini legate alla crisi

Covid.

"A maggio, terminato il lockdown,

la ripresa è stata graduale.

Abbiamo registrato uno

slittamento della curva degli

acquisti di almeno un mese. Nel

complesso, senza le restrizioni

alla libera circolazione delle

persone, le vendite sarebbero

potute andare abbastanza

bene, ma lo smart working

ha determinato l'assenza dei

clienti non residenziali, che per

noi costituiscono una quota

significativa delle vendite".

Ma cosa comporta trovarsi

attualmente in una delle

cosiddette "zone rosse" del

Paese?

"Il periodo degli acquisti natalizi

si è bloccato sul nascere, con

un calo delle vendite di oltre

l'80% rispetto allo stesso

periodo dell'anno scorso. Il

nuovo lockdown e la paura del

virus, il proseguimento dello

smart working e le restrizioni

del settore ristorazione hanno

ulteriormente ridotto la

frequentazione delle vie del

centro cittadino: la motivazione

e lo spirito per dedicarsi agli

acquisti natalizi ci sembrano al

momento totalmente assenti".

La possibilità di rimanere aperti,

pur trovandosi in zona rossa,

si traduce tuttavia nell'assenza

di ogni ulteriore aiuto per

fronteggiare la crisi: "Vorrei

far notare come, almeno

attualmente, questa situazione

si associ a una totale esclusione

del nostro settore da ogni tipo di

agevolazione e/o ristoro, come se

la possibilità di restare aperti ci

salvaguardasse automaticamente

dalle inevitabili conseguenze

economiche del periodo in

corso".

LA MELA D'ORO

via San Francesco d'Assisi, 27

10121 Torino

tel. +39 011562 1900

lameladorosnc@gmail.com

12

15


MEY PRODUCTION SITE,

GERMANY

Visit us at mey.com

SENSE SELLS.

Di più trasparente c’è soltanto la nostra produzione.

Lingerie eco-sostenibile prodotta da Mey.

Dal 1928.

PICIEMME SRL, Agenzia Generale Italia Mey

Via Palmiro Foresi, 268, 51100 Pistoia

Tel. +39 (0) 573 70 52 54, vendite@piciemmesrl.it


usiness news

1. HOPLO

LANCIA SHOPCALL

ShopCall è una soluzione tecnologica che aiuta

i negozi di prossimità a rimanere aperti grazie al

digitale, e agli artigiani ad avere accesso al mondo

intero attraverso una semplicissima videochiamata.

Si torna così a valorizzare il rapporto diretto tra

venditore e compratore, ma in versione online.

Mentre le vendite e-commerce sono aumentate del

31%, sono sotto gli occhi di tutti le difficoltà che i

negozianti stanno affrontando, con un calo sensibile

delle vendite, soprattutto a causa delle chiusure

forzate di molte attività.

Ne risentono in particolare quei comparti in

cui la relazione con il cliente è il punto di forza.

Così, Roberto Murgia di Hoplo ha lanciato la

piattaforma di video streaming ShopCall, che

permette ai commercianti di continuare a offrire

la consulenza all'acquisto, in qualsiasi momento,

ovunque l’acquirente si trovi, tramite una semplice

videochiamata. “ShopCall permetterà di digitalizzare

la vetrina fisica e invitare chiunque a prendere

appuntamento e visitare il negozio. Accompagnato

dal negoziante, potrà scegliere il prodotto più

indicato, spiegare nel dettaglio le sue esigenze e

vedere attraverso il video i vari prodotti e concludere

l’acquisto anche online attraverso un sistema di

pagamento semplicissimo integrato con Stripe.Anche

la logistica sarà agevolata e il compratore potrà

decidere di ritirare il prodotto in negozio oppure

riceverlo comodamente a casa. La piattaforma nasce

già pronta a scalare a livello internazionale. Crediamo

fermamente che l’Italia possa esprimere un modello

di vendita online inclusiva e in grado di aiutare i

piccoli venditori locali a fare business sempre più

globali e siamo fieri di offrire la nostra esperienza

per questo scopo che è un po’ la nostra missione da

sempre”, spiega Roberto Murgia.

Hoplo srl - supporto@shopcall.io - www.hoplo.com

1

2

2. SIL E INTERFILIÈRE

PARIS

100% DIGITALI A GENNAIO

A causa dell’emergenza Covid-19, che

attualmente vede la Francia fra i Paesi

più colpiti, gli organizzatori del Salon

International de la Lingerie e Interfilière

Paris hanno deciso limitare le edizioni di

gennaio esclusivamente al formato digitale.

Per l’occasione, Eurovet ha potenziato le

piattaforme Lingerie Connect e Interfilière

Connect - disponibili dal 23 e dal al 25

gennaio 2021, rispettivamente – per dare

agli operatori del settore la possibilità di

essere in contatto con i brand internazionali

e ai fabbricanti di tessuti e accessori, e

restare aggiornati sulle ultime tendenze,

le innovazioni e gli sviluppi del mondo del

retail e del consumo.

Saloni internazionali francesi

tel. +39 024343531

www.saloninternationaldelalingerie.com

www.interfiliere-paris.com

14

15


itratti.com


novità green

1. PASSIONATA

ECO-DESIGN TRENDY

Si chiama Thelma ed è una nuova linea di

PASSIONATA che sposa la tendenza eco-design.

Realizzata con materie prime rigenerate, abbina

delicato pizzo e motivi grafici per un risultato

d'impatto. Thelma offre diversi modelli, in coppe

dalla A alla G, come reggiseno con scollatura

profonda, a fascia e balconcino, body e tre parti

basse. Completano questa collezione concepita in

chiave lifewear, top, shorts, combinette e kimono.

La linea è disponibile nella versione basic Talco,

ideale per la sposa, e nel colore moda Goyave (rosa

guava).

Chantelle srl - tel. 02310901 - www.chantelle.com

1

2

2

1

2. PEPITA

SAVE THE PLANET MOOD

Una delle novità più interessanti della

collezione primavera-estate 2021 di

PEPITA riguarda la serie di pigiami

realizzata in 100% cotone biologico.

Il brand sposa così la causa della

salvaguardia dell’ambiente con una

capsule collection che ha come tema

alcune specie di animali a rischio di

estinzione, accompagnati da bellissimi

motivi floreali che si riversano sugli inserti

in tulle delle maniche e si sovrappongono

alle immagini degli animali stessi.

Gruppo Intimo Italiano

tel. +39 0573532131

www.pepitastyle.com


itratti.com


ON BEHALF OF WOMEN

WACOALLINGERIE.COM

ON BEHALF OF WOMEN

WACOALLINGERIE.COM

PICIEMME SRL

Agente Generale in Italia - Tel: 0039 0573705254

Showroom Wacoal

PICIEMME

– Officina 14

SRL

– Via Tortona 14 Milano

Agente Generale in Italia - Tel: 0039 0573705254


sguardi sul futuro

IL domani

CHE CI ASPETTA

VARIANCE

La situazione d'emergenza sanitaria continua

a generare un clima d'incertezza. Di

conseguenza i consumi, la produzione ma in

particolare tutte le attività commerciali, sono

messi a dura prova dalla situazione.

Nei numeri scorsi della rivista online abbiamo

iniziato a mettere a fuoco le priorità e i

cambiamenti che interesseranno anche il

settore intimo, mare e calze. Continuano le

interviste ai protagonisti del mercato italiano,

ma non solo, per cercare di comprendere cosa

ci aspetta nel prossimo futuro, quali saranno le

coordinate del nostro settore e come affrontare

tutte le inevitabili incognite di quella che ormai

è stata definita nuova normalità.

19

15


sguardi sul futuro

MARCO BARTOLOTTI

SKINY/HUBER

Partendo dalla lettera di Giorgio Armani al

mondo della moda che indica sicuramente

un percorso, cosa pensa succederà nel

nostro settore nel prossimo futuro?

Condivido in pieno le parole di Giorgio Armani.

Ornai si era arrivati a un punto di non ritorno nella

corsa ad anticipare sempre più le uscite delle

collezioni. Stiamo attraversando una grandissima

crisi ma questa ha permesso di resettare tutto.

Ci sarà chi sparirà, ma anche chi avrà la forza di

resistere e continuare, forse meglio di prima. Per

procedere nel prossimo futuro sarà necessario

pensare a rispettare maggiormente la natura, a

produrre meno ma con più qualità e a collezioni

più mirate. Forse ci sarà la richiesta da parte dei

consumatori di prodotti più cari ma di qualità più

alta e più personalizzati. Tutto questo farà molto

bene al mercato e a tutti quanti.

Come si modificheranno i consumi?

Tutti si sono impratichiti e spostati su internet.

soprattutto durante il lockdown, ma credo che il

web abbia già preso la grande fetta di mercato

che poteva. Ci sarà il ritorno e l'esigenza di un

contatto umano, della consulenza al momento

dell'acquisto. Obbligati a non avere più contatti

sociali, ne abbiamo sentito tutti la mancanza. I

negozi hanno ripreso a lavorare perché dopo

20

il lockdown i consumatori hanno riscoperto il

piacere di comprare in un negozio fisico e non

solo virtuale. Quelli che sono rimasti attivi hanno

saputo trasmettere ai clienti la loro professionalità,

stimolando il piacere di comprare in un luogo

sicuro e accogliente e di essere consigliati da

persone competenti. I consumatori si affideranno

sempre più a chi possiede professionalità.

Cambierà il concetto di stagione?

Mi auguro un ritorno alle due canoniche e non

più 28 collezioni, tra pre, post, capsule, cruise. Il

concetto di stagione si modificherà in seguito ai

cambiamenti climatici. Muteranno i colori, i tessuti

non saranno mai troppo penati e aumenteranno

quelli naturali.

Le collezioni saranno meno numerose e più

ridotte?

Le collezioni saranno un po’ più ridotte, non si

presenterà più un'offerta esagerata come spesso

è successo in passato. In effetti questo è un

problema che riguarda tutti i settori. Finora c’è

stata una proposta esagerata in tutte le tipologie di

prodotti.

Il made in Italy o in Europe torneranno ad avere

importanza?

Assolutamente sì! Il made in Italy avrà

un'importanza sempre più grande. Stesso

discorso per il made in Europe. Si modificheranno

sicuramente le metodologie produttive. Non avere

il controllo della produzione ha portato grandi

danni. Di nuovo torna ad avere importanza il

rapporto umano che porta a seguire tutti i processi

di persona e non in via telematica.

Il negozio fisico che ruolo avrà?

Come ho già detto, il negozio fisico torna ad avere

un'importanza fondamentale, per la professionalità

che offre chi ci lavora, per la consulenza, per il

rapporto umano che si crea tra dettagliante e

cliente, per il piacere di vedere e provare i prodotti

dal vivo.

Skiny Italia

tel. +39 051 226398

ww.skiny.com - www.huber.com

15


SKINY

21

15


sguardi sul futuro

MICHELE MANCIN

JUSTMINE

Partendo dalla lettera di Giorgio Armani al

mondo della moda che indica sicuramente

un percorso, cosa pensa succederà nel nostro

settore nel prossimo futuro?

Condivido totalmente le parole di Armani e sono

contrario alle tempistiche dei saldi che hanno solo

avvelenato le vendite invecchiando precocemente

le collezioni, opacizzando la lucidità imprenditoriale

di tanti nostri clienti che si sono dovuti adeguare

a necessità dettate da un mercato di department

store e grandi catene che utilizzano promozioni e

sconti a vantaggio dei consumatori ma a svantaggio

dei loro fornitori che si devono fare carico di tutti gli

oneri, e dei negozi di vicinato che non potranno mai

competere con questi giganti. La situazione di questi

mesi ha già iniziato a generare cambiamenti. Basti

pensare alle ristrutturazioni che certi gruppi hanno

dovuto mettere in atto. Per non vedere decimarsi i

propri margini hanno chiuso migliaia di punti vendita.

I consumatori vogliono avere tutto e subito. Piuttosto

che attendere per acquistare un prodotto, si spostano

magari nel negozio accanto riportando però così aria

al negozio di vicinato.

Come si modificheranno i consumi?

I grandi gruppi stanno spostando il focus sulle vendite

online per recuperare le perdite, ma sono convinto

che gran parte della loro clientela rimarrà fedele al

negozio fisico, senza farsi tentare dagli acquisti sul

web. Il lockdown ha costretto anche i negozianti

alle vendite tramite social, ma lo vedo più come

un modo per far sentire la propria presenza e per

sentirsi ancora vivi sul mercato, di fronte alla chiusura

obbligata della propria attività. Sicuramente questo

servizio rimarrà attivo anche dopo il lockdown ma non

sarà mai il core business del dettaglio specializzato.

Cambierà il concetto di stagione?

Mi aveva fatto piacere leggere nella lettera che anche

re Giorgio si fosse reso conto delle tempistiche

errate delle uscite di collezioni e delle loro consegne.

Ritengo che il concetto di stagione sarà semmai

destinato a tornare. Purtroppo si è perso con l’uscita

di collezioni, pre-collezioni, capsule, cruise e tutto

quanto si potesse inventare per generare fatturato

all’interno di punti vendita obbligati a comprare per

non perdere il marchio all’interno del negozio. Penso

che la situazione attuale abbia portato i negozianti

anche a una scelta dei propri fornitori, favorendo

chi maggiormente li ha aiutati ad affrontare lo

tsunami, accompagnandoli a guadarlo con calma e

lungimiranza.

Le collezioni saranno meno numerose e più ridotte?

Questa situazione porterà certamente anche le

aziende a scremare il numero delle collezioni, ma

vedrei errato ridurre il numero dei capi in collezione.

D'altronde questa serve nella sua interezza per potersi

raccontare. Se è storpiata non potrà mai trasmettere i

suoi valori e contenuti, oltre che essere l'investimento

del brand stesso per il prossimo futuro.

Il made in Italy o in Europe torneranno ad avere

importanza?

Devo dire che adesso non ha più il valore che aveva

una volta, che si poteva toccare con mano nella

qualità del prodotto e quantificare nel prezzo.

Purtroppo sono valori che abbiamo perso, per i motivi

già citati e per ragioni e colpe che tutti conosciamo.

Il negozio fisico che ruolo avrà?

Sono convinto che ancora per diverso tempo

continueremo a vivere con i nostri dettaglianti.

Avranno sempre il ruolo di valorizzatori esponenziali

dei nostri prodotti perché saranno in grado di uscire

a testa alta e più forti da questa situazione che li ha

visti anche rinnovarsi tecnologicamente e prepararsi

ai futuri cambiamenti del mercato avvicinandoli

maggiormente alle vendite tramite social piuttosto

che online.

Chissà, magari in un prossimo futuro noi produttori

potremo studiare con loro nuove forme di

distribuzione attraverso il web.

Justmine - tel. +39 0321 91134

www.justmine.it

22

15


JUSTMINE

23

15


JUSTMINE

24

15


25

15


JUSTMINE

26

15


27

15


PLATINUM FASHION - COLLEZIONE CONTINUATIVA

G.R.T. - ALBA (CN) - Italia - tel. +39 (0) 173 442100 - info@ambralingerie.it - www.ambralingerie.it

TM


PLATINUM FASHION - COLLEZIONE CONTINUATIVA

TM


LOU

french charme

UNA STORIA D’AMORE (ALLA FRANCESE) CHE DURA DA 75 ANNI:

LOU CONIUGA ECCELLENZA NELL’ARTE DELLA CORSETTERIA E

UNO STILE LIBERO, DISINVOLTO E SENSUALE, PER UN INTIMO

RAFFINATO E DI CARATTERE. A-I 2020/21

30

15


REGGISENO DELL’ICONICA

LINEA OXYGÈNE COTON,

SINONIMO DI COMFORT ED

ELEGANZA NATURALE, CON

RIVESTIMENTO INTERNO IN

100% COTONE E FINITURE

CLEAN CUT, ESALTATO DA

UN MERLETTO A TOMBOLO.

NELLA PAGINA A FIANCO.

NUANCE DI TENDENZA ED

EFFETTO SECONDA PELLE

PER LO SLIP INVISIBILE

DELLA SERIE LÉGÈRETÉ,

REALIZZATO IN MICROFIBRA

MORBIDA E ULTRAFINE.

31

15


32

15


REGGISENO DI INSOUPÇONNABLE, LINEA FUNZIONALE E QUOTIDIANA CHE UNISCE MORBIDA MICROFIBRA

E UN LUMINOSO MOTIVO GRAFICO A ZIG ZAG: COMODA, LEGGERA E RAFFINATA È UN MUST-HAVE NEL

CASSETTO DELL’INTIMO DI OGNI DONNA. NELLA PAGINA A FIANCO. ABSOLU, LA LINEA MODERNA E ULTRA-

COMFORT DI LOU, PROPONE UN BODY IN MICROFIBRA OPACA CON UN FEMMINILE MOTIVO GRAFICO DI

ROMBI.

lou-lingerie.com

Gilberto Giuliotti | tel. +39 348 0119318 | gilberto.giuliotti@lacelier.com | www.lacelier.com

33

15


CHANTELLE

COORDINATO DI

BALCONCINO E SHORTY

DELLA LINEA MONTAIGNE,

CARATTERIZZATA DA UN

ELEGANTE MIX DI RICAMO

MULTICOLOR E PIZZO

D’ISPIRAZIONE ANIMALIER.

NELLA PAGINA A FIANCO.

REGGISENO A FASCIA DAL

FIT PERFETTO, ANCHE

NELLE COPPE PIÙ GRANDI,

CONCEPITO PER RESTARE

INVISIBILE ANCHE SOTTO

AGLI OUTFIT PIÙ ADERENTI.

34

15


Underwear

evolution

Nuove linee e modelli innovativi

arricchiscono la proposta del brand

francese, mix perfetto di stile e fit.

P-E 2021

35

15


CHANTELLE

TOP IMBOTTITO E HIPSTER

CON STAMPA MACULATA,

ENTRAMBI DELLA SERIE

SOFTSTRETCH.

NELLA PAGINA A FIANCO.

COORDINATO DI FERRETTO

E CULOTTE ALTA DELLA

SERIE CHIC ESSENTIAL, CON

DETTAGLI IN TULLE SUL

DÉCOLLETÉ E SUI FIANCHI

PER UN SENSUALE GIOCO

DI VEDO-NON-VEDO.

36

15


CHANTELLE SRL - tel. 02310901 - www.chantelle.com

37

15


LUNA DI SETA

Natural lush

Seta e altri filati preziosi si intrecciano

in un racconto romantico, ispirato dalla

natura nei motivi e nei colori. P-E 2021

38

15


QUI E NELLA PAGINA A

FIANCO. COORDINATO

DI VESTAGLIA E

SOTTOVESTE IN SETA

CON SPALLINE SOTTILI

E APPLICAZIONE DI

PIZZO FRASTAGLIATO.

IN BASSO. SOTTOVESTE

LUNGA, DAL SAPORE

ESTERNABILE, CON

SPALLINE SOTTILI,

SPACCO LATERALE E

UN PRINT CHE EVOCA

LE ATMOSFERE DEI

GIARDINI LIBERTY DEL

LIDO DI VENEZIA.

39

15


LUNA DI SETA

COLORATA STAMPA

WATERCOLOR PER

IL PIGIAMA LUNGO

IN SETA. NELL’ALTRA

PAGINA. KIMONO IN

SETA CON ELEGANTE

MICROPATTERN DAL

SAPORE RÉTRO.

40

15


PEROFIL FASHION SRL - tel. +39 035319333 - info@lunadiseta.it - www.lunadiseta.it

41

15


AMADINE

La nuova

collezione sceglie

materiali come

viscosa, costina,

jersey in cotone

e raso, per una

lingerie dalle linee

pulite ravvivate

da una palette

di tinte pastello,

dominata dal

verde in tutte le

sue sfumature.

Non mancano

motivi floreali,

pizzi sofisticati

e ricami in tulle

dal sapore rétro.

P-E 2021

42

15


contemporary ease


AMADINE | A nice day

Imperdibile la

nuova linea young

A nice day, con

tante proposte

impreziosite da

inserti, volant,

stampe e bottoni

gioiello.

Fra i motivi

spiccano fiori

e Vichy, pois

e millerighe,

cuccioli e

coccinelle

portafortuna.

Oltre a

micromodal

e jersey, A

nice day offre

un’intera linea

ecosostenibile in

cotone organico.

44

15


Andra Lingerie srl - tel. +39 0883543739 - info@amadine.it


ANNETTE LINGERIE

46

15


IN QUESTA PAGINA E IN

QUELLA A FIANCO: DUE

MODELLI E DUE VERSIONI

CROMATICHE DELLA

SERIE CARATTERIZZATA

DAL MOTIVO RIGATO CON

BORDINO E DETTAGLI DI

PIZZO A CONTRASTO.

Summer nights

LA PROPOSTA NOTTE DEL BRAND SPAZIA DALLE

LINEE PIÙ ELEGANTI E LUSSUOSE A QUELLE PIÙ

GIOVANI E CONFORTEVOLI. P-E 2021

47

15


ANNETTE LINGERIE

IN QUESTA PAGINA E IN

QUELLA A FIANCO. DUE

PROPOSTE NIGHTWEAR

IN MORBIDISSIMO

MICROMODAL, CON

PREZIOSI FRASTAGLI

DI PIZZO LEAVERS E

RIFINITURE IN SETA.

48

15


Annette Lingerie srl - tel. +39 0803149965 - info@annettelingerie.it - www.annettelingerie.it

49

15


15

i nostri quindicinali digitali

N. 1 | 3 GIUGNO 2020 N. 2 | 15 GIUGNO 2020 N. 3 | 1 LUGLIO 2020 N. 4 | 15 LUGLIO 2020 N. 5 | 15 SETTEMBRE 2020

N. 6 | 15 OTTOBRE 2020 N. 7 | 30 OTTOBRE 2020 N. 8 | 16 NOVEMBRE 2020 N. 9 | 30 NOVEMBRE 2020

Il nuovo MAGAZINE DIGITALE quindicinale

di Intimo più Mare per comunicare con

rapidità le novità del settore e le nuove collezioni.

il 15 dicembre

il NUOVO numero

Iscriviti alla nostra

Newsletter per riceverlo

intimopiumare.com


le nostre riviste del 2020

N. 218 | GENNAIO 2020 intimopiumare.com English Text | Texte Français

N. 219 | MARZO 2020 intimopiumare.com English Text

00218

00219

intimo

più

mare

9 771127 049005

under

wear

trend

preview

A-I 20/21

Brick Red, Golden

Era, Urban Look,

Silky Prints, Leisure

Flair

SCENARI

Una moda più

sostenibile

STILISTI

MSGM

RETAIL

WORLD

Scenari di

cambiamento

intimo più mare

UNDER

WEAR

trend

preview

A-I 20/21

Skin Decor, Body

Cult, Silk Road,

Check It Out, Soft

Cocoon

SCENARI

MONDO

curvy

Inclusività e

body positive

RETAIL

WORLD

9 771127 049005

COPERTINA 218.indd 1 09/01/20 11:06

COPERTINA 219.indd 1 24/02/20 10:40

N. 220 | LUGLIO 2020 English Text

N. 221 | SETTEMBRE 2020 intimopiumare.com

English Text

intimopiumare.com

intimo più mare

9 771127 049005

00220

intimo

più

mare

9 771127 049005

00221

BEACH

WEAR

trend

preview

summer

2021

Bora Bora, Zebra Love,

Tropical Pop, Jungle

Fever, Savana Life, Spring

Flowers, Fusion, Pottery

INCHIESTA

Un'estate al mare

APPUNTI DI STILE

Zimmermann

RETAIL

WORLD

Strategie per

ripartire

trend

2021

UNDER&

BEACH

wear

FOCUS

Il mondo che verrà

I numeri della ripresa

Veloci, astuti ed

eleganti

world

RETAIL

Miss Bikini Luxe

NUOVE STRATEGIE

collezioni

MARE 2021

ABBONATI

QUI

COPERTINA 220.indd 1 31/07/20 12:09

COPERTINA 221.indd 1 23/09/20 12:02

il 28 gennaio 2021

il NUOVO numero

collezioni A-I 2021/22


THE SUPREME GROUP BY MUNICHFASHION.COMPANY

INFO@THESUPREMEGROUP.DE · WWW.THESUPREMEGROUP.DE

FALL/W INTER 21/22

SEDUCTIVE LINGERIE AND BEACHWEAR

MÜNCHEN

06 FEB – 08 FEB 2021

MTC / HAUS 1

INGOLSTÄDTER STR. 45

TAUNUSSTR. 45

More magazines by this user
Similar magazines