continuativo - Comune di Rovigo

comune.rovigo.it

continuativo - Comune di Rovigo

LeVilli libretto:LeVilli libretto 2008 28-11-2008 10:12 Pagina 10

ferito, è baritono che ha ancora il vigore e gli accenti verdiani e che progressivamente

sfumerà fino a scomparire nelle opere successive (Scarpia è ben altra cosa), ma

Roberto già presenta l’attonita e crudele pusillanimità di Pinkerton, anche se il tronfio

compiacimento di quest’ultimo, qui è ancora incapacità di capire cosa succede,

nostalgia di un paradiso agreste perduto, fuga verso l’espiazione. Insomma, il

musicista appena venticinquenne è immerso, forse senza neppure saperlo, in quello

che con tocco felice Fedele D’Amico ha definito «verismo sentimentale» (12).

(1) Citato in Arnaldo Marchetti, Puccini com’era, Edizioni Curci, Milano 1973, p. 37, senza

precisare la fonte.

(2) Ibidem.

(3) Lettera alla madre del luglio 1883, in Carteggi pucciniani, a cura di Eugenio Gara,

Ricordi, Milano, 1958, p. 6.

(4) Lettera alla madre del marzo 1884 in Arnaldo Marchetti, Puccini com’era, cit., p. 44.

(5) «Infatti ecco il conto di quello su cui possiamo contare finora: Vimercati L. 60, Marco Sala

L. 50, Arrigo Boito L. 50, Fratelli Sala L. 20, la «incognita» di Marco Sala L. 50. Sono L. 230.

E restano ancora il Duca Litta, Noseda, il Conte Sola, Biraghi. Metti che diano fra tutti

almeno 100 lire e faranno 330. E il Melzi? Così saranno 430. Le spese essendo di L. 450

(250 abiti e 200 copiatura), tu vedi che al massimo tu arrischieresti 20 lire», lettera a

Fontana dell’aprile 1884, in Carteggi pucciniani, cit., p. 9.

(6) Telegramma del 31 marzo 1884 in Arnaldo Marchetti, Puccini com’era, cit., p. 45.

(7) Lettera del 10 giugno 1884 a Opprandino Arrivabene, in Carteggi pucciniani, cit., p. 14.

(8) Lettera di Fontana a Puccini dell’aprile 1884, in Carteggi pucciniani, cit., p. 9.

(9) Michele Girardi, Giacomo Puccini. L’arte internazionale di un musicista italiano, Marsilio,

Venezia, 1995, pp. 35-36.

(10) Lettera ad Alfredo Vandini dell’11 gennaio 1917, in Carteggi pucciniani, cit., lett. 702.

(11) Daniele Martino, Catastrofi sentimentali, Puccini e la sindrome pucciniana, Edt, Torino,

1993, p. 12.

(12) Fedele D’Amico, L’albero del bene e del male. Naturalismo e decadentismo in Puccini,

Maria Pacini Fazzi editore, Lucca, 2000, p. 35.

More magazines by this user
Similar magazines