24.02.2014 Views

ADESSO Puglia (Vorschau)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Die schönsten Seiten auf Italienisch<br />

Deutschland € 6,90<br />

CH sfr 12,40 · A · I · F · BeNeLux: € 7,50<br />

08<br />

August<br />

2013<br />

<strong>Puglia</strong><br />

Reisetipps durch das<br />

unbekannte Apulien<br />

Gewinnspiel<br />

Fliegen Sie<br />

GRATIS<br />

mit<br />

nach Apulien<br />

S. 43<br />

Biennale di Venezia La Serenissima capitale mondiale dell’arte<br />

GRAMMATICA: IL PASSATO REMOTO, REGOLE ED ESERCIZI PER NON SBAGLIARE<br />

CHE FICO! DALLA TAVOLA ALL’ARTE, TUTTO SUL FRUTTO PIÙ DOLCE DELL’ESTATE


Deutsch hat<br />

viele Gesichter!<br />

Einfach Deutsch lernen: Kultur entdecken und<br />

Menschen verstehen. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.deutsch-perfekt.com/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben Deutsch perfekt zum Preis von 3 (EUR 18,60 / Sfr 27,90).


Das erste Wörterbuch,<br />

das Sie klicken<br />

und blättern können.<br />

Un serpentone di tappi e sacchetti di plastica<br />

fuoriesce dal Garbage Patch State Pavillon,<br />

invade il cortile di Ca’ Foscari e arriva fino<br />

al Canal Grande. È l’opera dell’artista italiana<br />

Maria Cristina Finucci per parlare di ecologia.<br />

Cari lettori,<br />

quando sono tornata dalla Biennale internazionale dell’Arte di Venezia<br />

mi sono confrontata con Salvatore Viola, che aveva visitato la mostra<br />

nel fine settimana precedente, durante l’inaugurazione. Abbiamo constatato<br />

che alcune opere erano rimaste impresse a lui, ma non a me, e<br />

altre viceversa. Non che questa sia una grande scoperta, ma è stata<br />

un’ulteriore conferma del fatto che l’arte<br />

la mostra Ausstellung è interpretazione e la Biennale, per i non<br />

l’inaugurazione<br />

f. Eröffnung<br />

addetti ai lavori, è in modo esponenziale<br />

constatare feststellen un mondo in cui perdersi per ritrovarsi<br />

l’opera Werk<br />

(o perdersi e basta!) all’insegna dello stato<br />

d’animo del momento. Un concentra-<br />

rimanere im Gedächtnis<br />

impresso bleiben<br />

viceversa umgekehrt to di creatività e di libertà espressiva,<br />

la scoperta Entdeckung specchio del mondo in trasformazione,<br />

la conferma Bestätigung<br />

l’addetto<br />

a cui fa da contrasto la bellezza senza<br />

ai lavori Fachmann tempo della magica Venezia. A pagina<br />

all’insegna di im Zeichen von 50 potete leggere come Salvatore Viola<br />

lo stato d’animo Stimmung<br />

affermare behaupten ha vissuto la “sua” Biennale.<br />

offendere beleidigen Un altro tema che merita attenzione<br />

ipocrita heuchlerisch<br />

questo mese è l’importanza delle parole<br />

diffuso verbreitet<br />

attutire abschwächen (vedi pag. 54). Se qualcuno afferma che bisogna<br />

usare sempre le parole giuste per<br />

il disagio Unbehagen<br />

assolutorio freisprechend<br />

non offendere qualcuno (meglio dire di<br />

la violenza Gewalt<br />

vergognarsi sich schämen colore e non nero), altri pensano che un<br />

l’itinerario Route linguaggio politicamente corretto possa<br />

il luogo Ort<br />

essere molto ipocrita. Io non sono d’accordo<br />

sulla tendenza, sempre più diffu-<br />

la meta Ziel<br />

battuto besucht<br />

sa, di usare parole che attutiscono la gravità<br />

delle azioni. È il caso della parola disagio, che è diventata una<br />

parolina generica e assolutoria. Sempre più spesso si legge disagio sociale<br />

invece di povertà, oppure disagio familiare invece di violenza, quasi ci si vergognasse<br />

della realtà. Per favore, “impariamo a usare le parole giuste”,<br />

come ha dichiarato il ministro italiano per l’integrazione, Cécile Kyenge.<br />

Infine, seguiteci in un itinerario (vedi pag. 12) che tocca luoghi fantastici,<br />

ma lontani dalle mete più battute. Buon viaggio nell’altra fantastica<br />

<strong>Puglia</strong>!<br />

Gedruckt und online – das neue Langenscheidt<br />

Taschenwörterbuch vereint das Beste<br />

aus zwei Welten. Das Nachschlagewerk von<br />

morgen: Erhältlich für Englisch, Französisch,<br />

Italienisch und Spanisch.<br />

Mehr unter www.klicken-und-blättern.de<br />

Rossella Dimola<br />

Caporedattrice<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


SOMMARIO<br />

SERVIZI<br />

12 VIAGGI: PUGLIA SEGRETA<br />

Das andere Apulien: Reisetipps zu unbekannten<br />

und pittoresken Zielen am Stiefelabsatz von Italien.<br />

24 Intervista: Paolo Flores D’Arcais<br />

Der Philosoph und Journalist ist einer der bedeutendsten<br />

Theoretiker der italienischen Linken.<br />

28 L’Italia a tavola: I fichi. I segreti, le varietà<br />

Süß, sinnlich und symbolhaft: Schon<br />

die alten Griechen wussten Feigen wohl zu schätzen.<br />

46 I misteri dell’arte: I “rebus” di Lorenzo Lotto<br />

Ein ruheloser Geist, der ungewöhnlich realitätsnahe<br />

Werke mit rätselhaften Elementen schuf.<br />

50 Fine settimana: Tutto il mondo a Venezia<br />

Zu Zeiten der Biennale ist Venedig umso magischer:<br />

Kunst, Skurrilitäten und persönliche Impressionen.<br />

56 Cinema: Alberto Sordi<br />

Als Prototyp des Italieners prägte der geborene<br />

Römer das italienische Kino der Nachkriegszeit.<br />

LINGUA<br />

33 Pagine facili<br />

Italienisch leicht gemacht<br />

37 Le schede di <strong>ADESSO</strong><br />

Sammelkarten, u. a. mit Übersetzungen,<br />

Übungen, Alltagsitalienisch<br />

39 Lucilla indaga<br />

Der Sprachkrimi in Bildern<br />

40 L’italiano per espresso<br />

Verbessern Sie Ihr Italienisch!<br />

I vostri dubbi: Zweifelsfälle beim Passato remoto<br />

Una parola tira l’altra: Il mare<br />

44 Lingua viva<br />

Italianismen auf Weltreise<br />

Seguici su<br />

facebook.com/adesso.magazin<br />

OPINIONI<br />

22 L’Italia in diretta<br />

Frauen in der Kunst, von V. Palumbo<br />

32 Passaparola<br />

Mauscheln, was das Zeug hält, von R. Beltrami<br />

48 Tra le righe<br />

Lapo Elkann, von Stefano Vastano<br />

RUBRICHE<br />

03 Editoriale<br />

Von Rossella Dimola<br />

06 Posta prioritaria<br />

Leserbriefe<br />

07 Notizie dall’Italia<br />

Neues aus Italien<br />

27 Scherzi a parte<br />

Lachen mit Lucrezia<br />

54 Botta e risposta<br />

Ein Thema – zwei Antworten: Politisch korrekte<br />

Wörter: ein soziales Heilmittel oder leere Worthülsen?<br />

55<br />

Das leichte Heft im Heft<br />

62 Praticamente parlando<br />

Sommer für Geist und Sinne: von Literatur über<br />

Philosophie bis zum Vegan-Festival.<br />

64 Libri e letteratura<br />

Büchertipps und Leseprobe<br />

Autor des Monats: Antonio Moresco<br />

67 Approfondimento<br />

Was nicht im Wörterbuch steht<br />

70 Anteprima <strong>ADESSO</strong> 09/13<br />

<strong>Vorschau</strong> auf die September-Ausgabe 09/13<br />

ZEICHENERKLÄRUNG UND LESER-SERVICE<br />

IN COPERTINA<br />

Polignano a Mare,<br />

Bari, <strong>Puglia</strong>.<br />

© HUBER / SIME<br />

Feder<br />

leicht zu lesen<br />

Krone<br />

anspruchsvoll<br />

Hörtext<br />

Tel. (0049) 89-85681-286<br />

<strong>ADESSO</strong> audio<br />

Texte zum Anhören<br />

<strong>ADESSO</strong> plus<br />

Thematische Sprachübungen<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ausgewählte Artikel, Kurz-Interviews,<br />

italienische Musik, Übungen zu<br />

Grammatik und Aussprache: CD<br />

mit Begleit heft.<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nützlich und unterhaltsam: Das<br />

Begleitheft zu <strong>ADESSO</strong> mit Zusatzübungen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-<br />

85681 -16; Fax: -159.<br />

<strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Ideen und Konzepte: Kostenloser<br />

Service für Abonnenten in Lehrberufen.<br />

Info unter Tel.: (0049) 89-85681 -152;<br />

Fax: -159, Mail: schulmedien@spotlight-verlag.de<br />

www.adesso-online.de<br />

Unsere Homepage: Aktuelle Meldungen,<br />

Übungen, Rezensionen… Mit<br />

<strong>ADESSO</strong> Premium freier Zugang<br />

zum Nachrichten- und Übungsarchiv.<br />

ABONNENTEN-SERVICE: tel. (0049) 89-85681-16; fax (0049) 89-85681-159; e-mail: abo@spotlight-verlag.de


AGOSTO 2013<br />

62<br />

28<br />

12<br />

50<br />

La Biennale<br />

di Venezia<br />

7


DAS WUNDER<br />

VON FLORENZ<br />

u Gentile <strong>ADESSO</strong>-team,<br />

zu Ihrem Artikel Una tecnica<br />

segreta (I misteri dell’arte,<br />

<strong>ADESSO</strong> 03.13) über<br />

die Bautechnik der Kuppel<br />

von Santa Maria del Fiore<br />

in Florenz möchte ich der<br />

Verfasserin das so faszinierende<br />

spannende und auf-<br />

schlußreiche Buch Das<br />

Wunder von Florenz von<br />

Ross King empfehlen. Es<br />

ist leider wohl zur Zeit<br />

vergriffen, aber überteuert<br />

übers Internet zu erwerben.<br />

Dann würden die Leser u.a.<br />

staunen, welche Erfindungen<br />

Brunelleschi entwickelt<br />

hatte eigens für diesen<br />

Kuppelbau. Der Lastenaufzug<br />

war dem technischen<br />

Verständnis seiner Zeit um<br />

Jahrhunderte voraus.<br />

Es wird die Arbeitswelt des<br />

15. Jahrhunderts beschrieben,<br />

vom Leben der Bauarbeiter<br />

in der Kuppel, die<br />

täglich die über 400<br />

Treppenstufen zu den<br />

Arbeitsplattformen steigen<br />

mußten, bis zu der Heranschaffung<br />

der riesigen<br />

Marmorblöcke auf dem<br />

Arno geschildert.<br />

Der Verfasser hat großartig<br />

recherchiert. Man freut sich<br />

dann doppelt auf einen<br />

weiteren Besuch in Florenz.<br />

Saluti,<br />

Monica Kehr-Hildesheim<br />

LA VOCE DEI LETTORI Testo: Peter Skopp<br />

LEI CI CHIAMA GENITORI!<br />

6<br />

Un uomo che studia una lingua<br />

straniera la vuole anche praticare.<br />

Per questo motivo, l’Uomo fa con gran<br />

piacere escursioni nel paese nel quale<br />

questa lingua è diffusa. Purtroppo viaggiare<br />

nello Stivale è sproporzionatamente<br />

costoso. Allora l’Uomo avido di<br />

apprendere va a mangiare fuori più volte,<br />

costantemente al ristorante italiano,<br />

dove un cameriere napoletano capisce<br />

il cliente, anche se non mastica perfettamente<br />

la lingua materna. Neanche<br />

mangiare sempre fuori solo per migliorare la lingua straniera<br />

è molto conveniente... Perciò l’Uomo si rivolge agli italiani che<br />

incontra nel suo ambiente. Consulta un collega di Milano, il<br />

personale della gelateria vicino a casa, le gastronomie italiane<br />

e professori con contatti nel Belpaese. Nessuno è in grado di<br />

trovare una persona di origine italiana che voglia esercitare la<br />

lingua tedesca in compagnia dell’Uomo. Allora il protagonista<br />

di questo racconto abbandona deluso ogni speranza.<br />

Un giorno, però, sua figlia gli dice: “Ho incontrato una ragazza<br />

piemontese che cerca un tedesco che ami l’italiano, disposto<br />

ad aiutarla con l’apprendimento della lingua tedesca. Abita<br />

proprio vicino a noi!” Poco dopo, l’Uomo fortunato ha un ap-<br />

lernbegierig<br />

hier: sprechen<br />

Umfeld<br />

zu Rate ziehen<br />

in der Lage<br />

sein<br />

hier: verlieren<br />

Unterschied<br />

unüberwindlich<br />

scientifico<br />

laureata in<br />

farmacia<br />

riccio<br />

il/la consorte<br />

rado<br />

accorgersi<br />

di qc.<br />

modesto<br />

la partita<br />

viceversa<br />

a vicenda<br />

la dimostrazione<br />

L'Uomo e la Ragazza, ovvero Patrizia e il<br />

protagonista di questo racconto.<br />

anwenden<br />

Ausflug<br />

unverhältnis-<br />

mäßig<br />

praticare<br />

l’escursione f.<br />

sproporzionatamente<br />

avido di<br />

apprendere<br />

masticare<br />

l’ambiente m.<br />

consultare<br />

essere in<br />

grado di<br />

abbandonare<br />

la differenza<br />

insormontabile<br />

wissenschaftlich<br />

Pharmazeutin<br />

lockig<br />

Gemahl, -in<br />

schütter<br />

etw.<br />

bemerken<br />

bescheiden<br />

Spiel<br />

umgekehrt<br />

gegenseitig<br />

Beweis<br />

puntamento con la Ragazza in un ristorante<br />

sardo. I dialoghi in due lingue,<br />

tra antipasti e pasta, sono divertenti e<br />

istruttivi fin da subito, benché le differenze<br />

tra i due siano apparentemente<br />

insormontabili: la giovane Patrizia, cresciuta<br />

in un piccolo paese di campagna,<br />

ha una mente scientifica; l’Uomo<br />

anziano, cresciuto in una grande città,<br />

è occupato con le problematiche sociali.<br />

Lei, laureata in Farmacia, fa sport<br />

con passione; lui, pubblicista, fa sport<br />

per motivi di salute. Lei, italiana con i capelli ricci, ama i suoi<br />

genitori, la sorella e il fratello. (Tra non molto la simpatica straniera<br />

denominerà l’Uomo e la sua consorte “i miei genitori tedeschi”).<br />

Lui, tedesco con i capelli grigi e radi, ama la moglie,<br />

la figlia e i nipoti. Ben presto l’Uomo si accorge del colpo di<br />

fortuna che ha avuto nell’incontrare la Ragazza. La ricercatrice<br />

farmaceutica partecipa ogni mese a una modesta cena tedesca<br />

in famiglia, mentre la coppia tedesca riceve leccornie<br />

italiane come occasionali regali. Nel frattempo, l’Uomo e la<br />

Ragazza sono in contatto via mail: lei scrive in tedesco, lui in<br />

italiano. Fanno partite con le carte del vocabolario: l’italiana<br />

dice una frase in tedesco, il tedesco la traduce in italiano e<br />

viceversa. Le due generazioni discutono sulle tante differenze<br />

nazionali, si aiutano a vicenda redigendo testi nelle rispettive<br />

lingue, vanno insieme al teatro dell’opera (musica italiana con<br />

sottotitoli tedeschi) o guardano foto di viaggi nel Belpaese.<br />

Questo articolo è una dimostrazione di come, grazie a<br />

questa amicizia, le conoscenze linguistiche dell’Uomo<br />

siano migliorate.<br />

Chi vuole raccontare un’esperienza italiana può scrivere* a:<br />

Spotlight Verlag, Redaktion <strong>ADESSO</strong>, Postfach 1565, D-82144 Planegg,<br />

fax +49 89 85681-360, e-mail: adesso@spotlight-verlag.de.<br />

* Der Verlag übernimmt keine Haftung für eingesandte Texte sowie Bildmaterial. Diese<br />

werden nur im Fall einer Veröffentlichung auf Wunsch an den Absender zurückgesandt.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


Notizie<br />

DALL’ITALIA<br />

A cura di:<br />

Isabella Bernardin<br />

Salvatore Viola<br />

QUESTO MESE: 7 Tecnologia L’Italia in App 8 Tendenze La moda dell’estate 8 Spettacolo Miss Italia<br />

8 L’Italia in numeri Quanto spendiamo per la cultura? 9 Attualità Etna, nuovo patrimonio dell’Unesco<br />

9 Cultura Adotta una guglia 9 La parola del mese Esodo e controesodo 10 Il perché Paese della cuccagna<br />

10 Moda L’artigiano dello zig-zag 11 Il DVD del mese Il bagno turco 11 Costume Merchandising papale<br />

TECNOLOGIA<br />

L’ITALIA<br />

IN APP<br />

Quali sono le App sull’Italia più interessanti del<br />

momento? Ecco quelle che ci hanno colpito di più.<br />

➔<br />

BUONA TAVOLA E PRODOTTI TIPICI<br />

L’edizione 2013 dell’applicazione<br />

Osterie d’Italia, la guida ai locali selezionati<br />

da Slow Food, contiene 1.713 locali, oltre 100 ricette<br />

di piatti tipici e permette di filtrare la ricerca in base<br />

a diversi criteri, per esempio “ristoranti con menu<br />

vegetariano” (€ 7,99).<br />

Gente del Fud è la App che raccoglie le segnalazioni<br />

di oltre 350 food blogger italiani. Uno stile chiaro e la<br />

grafica semplice permettono di esplorare la grandissima<br />

produzione gastronomica dello Stivale e di conoscerne i<br />

migliori produttori (gratis).<br />

Si chiama Lavazza Creazioni e offre tanti spunti<br />

sfiziosi per chi non si accontenta del semplice espresso.<br />

Ci sono ricette della tradizione italiana, come il<br />

bicerin torinese, con latte e cioccolato, e internazionali,<br />

come il caffè cubano, con rum e arancia (gratis).<br />

➔<br />

DUE PASSI IN CITTÀ<br />

Per individuare con facilità alcuni dei luoghi più belli<br />

della Penisola c’è l’applicazione iBorghi. Ogni località è<br />

presentata in una scheda con cenni storici, luoghi di<br />

interesse e segnalazioni enogastronomiche (gratis).<br />

APPasseggio è pensata per promuovere la cultura della<br />

passeggiata, intesa come metodo ideale per conoscere il<br />

territorio. La App propone itinerari culturali georeferenziati,<br />

e offre materiali audio, video, immagini, musica e testo, relativi<br />

ai punti di interesse. Nel momento in cui scriviamo, la<br />

colpire<br />

la ricerca<br />

esplorare<br />

sfizioso<br />

la località<br />

la segnalazione<br />

promuovere<br />

l’itinerario<br />

treffen, hier:<br />

beeindrucken<br />

Suche<br />

erkunden<br />

lecker, hier:<br />

ausgefallen<br />

Ort<br />

Angabe<br />

fördern<br />

Route<br />

sich in Entwick-<br />

lung befinden<br />

Berghütte<br />

Aufstieg<br />

Überquerung<br />

Strandbad<br />

Webseite<br />

essere in via<br />

di sviluppo<br />

il rifugio<br />

l’ascensione f.<br />

la traversata<br />

lo stabilimento<br />

il sito<br />

il divieto di<br />

balneazione<br />

la zanzara<br />

Badeverbot<br />

Stechmücke<br />

App mette a disposizione solo percorsi su Roma, ma è in<br />

via di sviluppo (gratis).<br />

➔<br />

MONTAGNA iRifugi contiene informazioni dettagliate<br />

su circa 2.000 rifugi italiani: ubicazione, gruppo<br />

montuoso di appartenenza, contatti, servizi disponibili,<br />

indicazioni su ascensioni e traversate, insieme a una<br />

bibliografia e una cartografia della zona (€ 1,59).<br />

➔<br />

MARE Siete in viaggio in Italia e volete sapere<br />

qual è la spiaggia più vicina a voi? Chiedete alla App<br />

Spiagge d’Italia. Vi può segnalare 1.300 spiagge in tutta<br />

la penisola, con immagini, localizzazione e caratteristiche<br />

della spiaggia, dalla presenza di servizi e stabilimenti alla<br />

frequentazione (gratis).<br />

Avete trovato la vostra spiaggia ideale e volete sapere<br />

se l’acqua del mare è pulita? Ci pensa il sito mobile<br />

www.m.portaleacque.salute.gov.it, del ministero della<br />

Salute. Inserita la località, il sito vi dice il livello di qualità<br />

del mare e vi informa di eventuali divieti di balneazione.<br />

ANTIZANZARE Che funzioni o meno, l’idea di<br />

➔<br />

Zanza è davvero simpatica: una App che, grazie<br />

a un ultrasuono, tiene lontane le zanzare! (gratis).<br />

7


TENDENZE<br />

LA MODA DELL’ESTATE<br />

Sono già sulle spiagge di tutto il mondo e hanno invaso le strade di tutta Italia. Sono le novità dell’estate, per le<br />

donne e per gli uomini. Per lei ci sono i costumi senza bretelline, comodi, eleganti e amici dell’abbronzatura. Per lui<br />

i completi dai colori più accesi e in stile floreale. Un’esplosione di allegria!<br />

8<br />

SPETTACOLO<br />

MAI PIÙ SULLA RAI!<br />

Dopo 25 anni, il connubio tra Miss Italia e “Mamma” Rai è<br />

destinato a finire. Nel 2013, il famoso concorso di bellezza<br />

nato nel 1939, che si svolge ogni settembre a Salsomaggiore<br />

Terme (Parma), non sarà più trasmesso dalla Rai. I motivi<br />

sono vari. È uno “show obsoleto, che ha fatto il suo tempo”,<br />

ha dichiarato il direttore di Rai Uno, Giancarlo Leone, “ma,<br />

soprattutto, costa troppo e rende poco come investimento”.<br />

Tra le cause, c’è la volontà di cambiare l’immagine della rete,<br />

a cominciare dalle donne, come ha indicato l’anno scorso la<br />

neoeletta alla presidenza della Rai, Annamaria Tarantola (vedi<br />

<strong>ADESSO</strong> 10/12, pag. 56). Patrizia Mirigliani, organizzatrice del<br />

concorso, non è d’accordo: “La manifestazione ha sempre<br />

protetto le ragazze e valorizzato l’immagine femminile”.<br />

Porta a esempio alcune icone italiane, come Sofia Loren e<br />

Gina Lollobrigida, per le quali il concorso è stato il trampolino<br />

di lancio verso il successo. Le polemiche non si fermano al<br />

mondo dello spettacolo e arrivano addirittura in politica.<br />

Silvana Amati, senatrice del Partito democratico, ha presentato<br />

un’interrogazione parlamentare per capire i veri motivi<br />

che hanno spinto la Rai a non rinnovare il contratto di messa<br />

in onda. E intanto, a Catania, è nato il Comitato nazionale<br />

utenti Rai per Miss Italia, capitanato dall’ultima reginetta,<br />

la siciliana Giusy Buscemi (vedi <strong>ADESSO</strong> 12/12, pag. 26).<br />

MODA<br />

invadere überfluten,<br />

-fallen<br />

la bretellina Träger<br />

l’abbronza- Sonnentura<br />

bräune<br />

acceso leuchtend<br />

MISS ITALIA<br />

Miss Italia vedi pag. 67<br />

il connubio Verbindung,<br />

Bund<br />

il concorso Schönheitsdi<br />

bellezza wettbewerb<br />

trasmettere übertragen<br />

avere fatto sich überlebt<br />

il suo tempo haben<br />

rendere wenig<br />

poco bringen<br />

la volontà Absicht,<br />

Wille<br />

la neoeletta Neugewählte<br />

Dati dossier Noi Italia 2013,<br />

7,3<br />

7,3<br />

7,3<br />

la manife- Veranstazione<br />

staltung<br />

valorizzare zur Geltung<br />

bringen,<br />

aufwerten<br />

il trampolino<br />

di lancio Sprungbrett<br />

l’interrogazione<br />

f. Befragung<br />

la messa<br />

in onda Ausstrahlung<br />

capitanato geleitet<br />

la reginetta Schönheitskönigin<br />

7,3<br />

la percentuale<br />

Anteil<br />

la spesa hier: Ausgaben<br />

la famiglia hier: Haushalt<br />

è la percentuale della<br />

spesa destinata alla cultura<br />

dalle famiglie italiane.<br />

La media dei paesi europei è di<br />

8,9%. Le regioni in cui le famiglie<br />

hanno destinato a consumi culturali<br />

una percentuale maggiore<br />

della spesa finale sono il<br />

Piemonte, la Lombardia e<br />

l’Emilia-Romagna.<br />

Istat.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

ATTUALITÀ<br />

ETNA, NUOVO PATRIMONIO DELL’UNESCO<br />

“Il monte Etna è rinomato per l’eccezionale livello di attività vulcanica e per<br />

le testimonianze inerenti a tale attività, che risalgono a oltre 2.700 anni fa.<br />

La notorietà, l’importanza scientifica e i valori culturali ed educativi del sito possiedono<br />

un significato di rilevanza globale”. Con queste motivazioni, l’Unesco ha deciso<br />

di inserire l’Etna nella lista dei luoghi naturali da proteggere come Patrimonio<br />

dell’umanità. L’Etna si aggiunge ai 48 siti Unesco riconosciuti in Italia, il paese con<br />

il numero più alto al mondo, e ai cinque siti siciliani: l’Area archeologica di Agrigento,<br />

le città tardo-barocche della Val di Noto, la Villa tardo-romana del Casale, nella<br />

periferia di Piazza Armerina (Enna), le isole Eolie (vedi <strong>ADESSO</strong> 04/13, pag. 12) e la<br />

città di Siracusa con le necropoli rupestri di Pantalica.<br />

© ANSA (2)<br />

CULTURA<br />

ADOTTA<br />

UNA GUGLIA<br />

“Scolpisci il tuo nome nella<br />

storia. Adotta una guglia”.<br />

È lo slogan dell’iniziativa che la<br />

Veneranda Fabbrica del Duomo di<br />

Milano promuove per proteggere<br />

e valorizzare il simbolo della città.<br />

Le 135 guglie che decorano la facciata<br />

del Duomo sono gli elementi<br />

architettonici più fragili dell’edificio<br />

e hanno bisogno di costanti<br />

cure e restauri. È nata allora l’idea<br />

di coinvolgere privati e aziende<br />

in un grande progetto: con una<br />

donazione, anche piccola, è possibile<br />

garantire gli interventi di manutenzione<br />

necessari e associare<br />

il proprio nome a una guglia del<br />

Duomo. L’iniziativa è rivolta a<br />

tutti. Al primo posto, nella classifica<br />

di donazioni per nazionalità,<br />

ci sono a oggi gli italiani, seguiti<br />

dai francesi e dagli americani.<br />

Per informazioni:<br />

www.adottaunaguglia.duomomilano.it<br />

Scopri le guglie<br />

del Duomo di Milano<br />

www.adesso-online.de/guglia<br />

ETNA<br />

il patrimonio Kulturgut<br />

rinomato berühmt<br />

la notorietà Bekanntheit<br />

scientifico wissenschaftlich<br />

il valore Wert<br />

la motivazione<br />

Begründung<br />

tardobarocco<br />

spätbarock<br />

la necropoli<br />

rupestre Felsengrab<br />

ADOTTA UNA GUGLIA<br />

la guglia Fiale<br />

scolpire meißeln<br />

promuovere fördern,<br />

promoten<br />

valorizzare aufwerten<br />

la facciata Fassade<br />

l’edificio Gebäude<br />

la cura Pflege<br />

coinvolgere miteinbeziehen<br />

la donazione Spende<br />

l’intervento<br />

di manu- Wartungstenzione<br />

maßnahme<br />

la classifica Rangordnung<br />

LA PAROLA DEL MESE<br />

l’esodo Auszug,<br />

Exodus<br />

ar (dial.<br />

per al) ans<br />

romanesco römisch<br />

la colonna Filmmusik,<br />

sonora hier: Begleitmusik<br />

a caso zufällig<br />

la villeg- Ferien, Somgiatura<br />

merfrische<br />

il serpentone Schlange<br />

a passo in Schrittd’uomo<br />

geschwindigkeit<br />

l’incubo Albtraum<br />

l’autorità Behörde<br />

evitare vermeiden<br />

seguire befolgen<br />

l’imbocco Auffahrt<br />

l’azienda Firma<br />

LA PAROLA DEL MESE<br />

ESODO E<br />

CONTROESODO<br />

“Tutti ar mare! Tutti ar mareee…”<br />

diceva una vecchia<br />

canzone popolare romanesca.<br />

Un inno all’estate, ma<br />

soprattutto la colonna sonora<br />

di quella specie di<br />

evento biblico che non a<br />

caso in Italia è chiamato<br />

esodo. In agosto gli italiani,<br />

a milioni, usano le autostrade<br />

per andare nelle località<br />

di villeggiatura dove trascorrere<br />

le vacanze. Le<br />

strade si trasformano in lunghissimi<br />

serpentoni di automobili<br />

che procedono a<br />

passo d’uomo. Persino un<br />

viaggio di un centinaio di<br />

km, in quei giorni, può trasformarsi<br />

in un’odissea. Lo<br />

stesso accade al rientro<br />

dalle ferie. L’incubo si ripete<br />

e prende il nome di controesodo.<br />

Ogni anno le autorità<br />

fanno campagne per<br />

le cosiddette “partenze intelligenti”,<br />

con inviti a partire<br />

di notte o a evitare le<br />

strade più trafficate. Consigli<br />

che vengono puntualmente<br />

seguiti… da tutti! Le<br />

conseguenze sono catastrofiche:<br />

migliaia di auto<br />

bloccate, tanto per dirne<br />

una, all’imbocco dell’Aurelia<br />

alle due del mattino. No, gli<br />

italiani non sono matti. Il<br />

problema è che in Italia, ad<br />

agosto, moltissime aziende<br />

chiudono per ferie e lo fanno<br />

tutte negli stessi giorni.<br />

9


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

10<br />

IL PERCHÉ<br />

PAESE DELLA<br />

CUCCAGNA<br />

Perché si dice “paese della cuccagna”?<br />

Susanne Müller<br />

Risponde Anna Bordoni, collaboratrice<br />

dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.<br />

Il paese della cuccagna è un luogo della<br />

fantasia, in cui regnano l’allegria e l’abbondanza.<br />

Secondo alcuni, l’idea di questo immaginario<br />

regno dei piaceri si può ricollegare<br />

a rappresentazioni del Paradiso terrestre<br />

o del regno messianico tipiche del millenarismo<br />

giudaico e cristiano. In forma burlesca,<br />

domina nella letteratura del Medioevo e,<br />

con caratteri più marcati, in quella degli inizi<br />

dell’età moderna. L’etimologia della parola<br />

cuccagna non è certa: probabilmente viene<br />

dal latino medievale Cocania (“paese dell’abbondanza”),<br />

formato dalla radice Coce<br />

dalla terminazione -ania, spesso usata<br />

nella formazione dei nomi di regione. Il<br />

tedesco Kuchen (“dolce, torta”), deriva dalla<br />

stessa radice. Ancora oggi, il termine cuccagna<br />

indica un luogo pieno d’ogni ben di<br />

Dio, vita piacevole e allegra: hanno trovato<br />

la cuccagna!; è finita la cuccagna!; godersi<br />

la cuccagna. Una splendida rappresentazione<br />

pittorica del paese della cuccagna, il<br />

Luilekkerland (1567), è stata data da<br />

Brueghel il Vecchio (vedi foto qui sotto).<br />

A Napoli, fino alla fine del XVIII secolo, per<br />

rappresentare il paese della cuccagna si<br />

faceva una costruzione di legno a vari piani<br />

su uno sfondo dipinto di colline e di giardini,<br />

con botteghe piene di cose da mangiare,<br />

mandrie di agnelli e maiali, botti di vino.<br />

Quando il re dava il segnale, la folla si lanciava<br />

a saccheggiarla. Queste feste furono<br />

poi vietate e i soldi che occorrevano per organizzarle<br />

furono impiegati per fare la dote<br />

alle orfane per i cosiddetti “maritaggi delle<br />

coccagne”.<br />

Inviate i vostri perché a:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Sotto: lo stilista Ottavio<br />

Missoni (1921-2013). Accanto: due<br />

capi firmati Missoni.<br />

MODA<br />

L’ARTIGIANO<br />

DELLO ZIG-ZAG<br />

È stato uno dei più grandi stilisti italiani. Ottavio Missoni, era nato<br />

a Ragusa (Dubrovnik) nel 1921 ed è morto il 9 maggio scorso. Il<br />

suo cognome, secondo le parole dello stesso Missoni, è di origine<br />

bretone (Misson) e lo stilista amava associarlo al nome del pirata<br />

Olivier Misson. Una vita straordinariamente ricca e avventurosa, la<br />

sua, dall'infanzia in Dalmazia alla battaglia di El Alamein (1942),<br />

dove viene fatto prigioniero dagli inglesi: “Mi piace dire di essere<br />

stato per quattro anni ospite di Sua Maestà britannica”. Prima di<br />

essere, con la moglie Rosita, uno dei fondatori del made in Italy, è<br />

stato un atleta eccezionale nei 400 metri a ostacoli. Il suo stile, famoso<br />

in tutto il mondo, si ispira all’arte astratta, ma soprattutto alla<br />

natura. “Uno stilista che ha preso i disegni dei sogni per farne abiti”,<br />

ha detto monsignor Giulio Della Vite durante i funerali.<br />

IL PERCHÉ<br />

il paese della<br />

cuccagna Schlaraffenland<br />

l’abbondanza Überfluss<br />

il piacere Vergnügung<br />

giudaico jüdisch<br />

burlesco possenhaft<br />

il Medioevo Mittelalter<br />

la terminazione Endung<br />

ogni ben alles, was das<br />

di Dio Herz begehrt<br />

godersi genießen<br />

lo sfondo Hintergrund<br />

la mandria Herde<br />

la botte<br />

di vino Weinfass<br />

saccheggiare plündern<br />

impiegare verwenden<br />

la dote Aussteuer<br />

l’orfana Waisenmädchen<br />

il maritaggio: histor. Bezeichnung für<br />

Institute im Mittelalter, z. B. Stiftungen,<br />

die öffentliche Mittel für die Mitgift von<br />

mittellosen Mädchen bereitstellten<br />

MISSONI<br />

lo stilista Modedesigner<br />

il cognome Familienname<br />

avventuroso abenteuerlich<br />

la battaglia Schlacht<br />

fare prigioniero gefangen<br />

il fondatore Gründer<br />

i 400 m 400-Meterostacoli<br />

Hürdenlauf<br />

il sogno Traum<br />

i funerali pl. Begräbnis<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


NOTIZIE DALL’ITALIA<br />

IL DVD DEL MESE<br />

IL BAGNO TURCO<br />

Film d’esordio del regista turco naturalizzato italiano<br />

Ferzan Özpetek, Il bagno turco racconta la<br />

storia di Francesco (Alessandro Gassman), un<br />

rampante architetto romano, che va a Istanbul<br />

per vendere un hamam ereditato da una zia.<br />

Quando arriva nella capitale, però, i suoi piani<br />

cambiano. Affascinato dalla cultura del luogo, dal<br />

rituale del bagno turco e dal giovane Mehmet,<br />

Francesco decide di fermarsi e di ristrutturare il<br />

locale. La moglie Marta, fedifraga, decide di raggiungerlo a Istanbul<br />

per mettere fine al loro rapporto, e scopre l’omosessualità del marito.<br />

Un evento tragico cambierà il corso delle loro vite.<br />

VINCI IL DVD DEL MESE<br />

Partecipa all'estrazione [Verlosung] dei DVD in palio. Entro il 28 agosto vai alla pagina<br />

www.adesso-online.de/gewinnspiel oppure spedisci una cartolina al seguente indirizzo:<br />

Spotlight Verlag, <strong>ADESSO</strong>, DVD del mese – Il bagno turco, Fraunhoferstr. 22, D-82152<br />

Planegg. Per chi non vince, il DVD è in vendita, insieme a tanti altri capolavori del<br />

cinema italiano, da: MUSIC PARADISE, Rebgasse 49, CH-4058 Basel, tel. (0041)<br />

61 68192407, fax (0041) 61 6812127. E-mail imp@musicparadise.ch;<br />

www.musicparadise.ch; Facebook Music Paradise<br />

COSTUME<br />

MERCHANDISING PAPALE<br />

Il merchandising non risparmia<br />

neppure il papa! In Italia, pochi giorni<br />

dopo l’elezione di José Mario Bergoglio,<br />

è stato messo in commercio l’album<br />

di figurine di papa Francesco. Appena<br />

uscito, l’album è andato a ruba. Si chiama<br />

L’album della gioia e illustra i momenti<br />

più importanti della<br />

vita del nuovo papa attraverso<br />

400 figurine. Forse<br />

l’operazione di marketing<br />

non è proprio in linea con<br />

lo stile francescano del<br />

pontefice, ma ha conquistato<br />

il pubblico italiano.<br />

Non si tratta del primo<br />

esperimento di questo<br />

genere. Nel 2005 a papa<br />

Wojtyła era stato dedicato<br />

un album celebrativo.<br />

Italienische Literatur im Original.<br />

Mit praktischen Übersetzungshilfen und<br />

Informationen zu Autor und Werk.<br />

Reclams Rote Reihe<br />

Sprachkenntnisse schnell auffrischen<br />

und Sprechsituationen gezielt trainieren<br />

– mit den Sprachtrainingsbänden<br />

der Roten Reihe.<br />

SPRACHTRAINING<br />

ORIGINALTEXT<br />

© ANSA<br />

DVD DEL MESE<br />

d’esordio Debüt-,<br />

rampante aufstrebend<br />

ereditare erben<br />

la capitale Hauptstadt<br />

fedifrago treulos<br />

il rapporto Beziehung<br />

MERCHANDISING<br />

risparmiare hier:<br />

verschonen<br />

neppure nicht einmal<br />

l’elezione f. Wahl<br />

mettere in in den Hancommercio<br />

del bringen<br />

la figurina<br />

andare<br />

a ruba<br />

la gioia<br />

illustrare<br />

conquistare<br />

Sticker<br />

reißenden<br />

Absatz<br />

finden<br />

Freude<br />

darstellen<br />

erobern<br />

Bestellen Sie kostenlos das aktuelle<br />

Titelverzeichnis der Roten Reihe!<br />

»»» werbung@reclam.de<br />

Reclam<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013<br />

www.reclam.de


NELLA PUGLIA MENO NOTA<br />

In questa pagina: la spiaggia<br />

di Torre dell’Orso, nel Salento;<br />

il paese e la spiaggia di Polignano<br />

a Mare, in provincia di Bari.<br />

Sotto: la Riserva naturale Foresta<br />

Umbra nel Parco nazionale del<br />

Gargano. Nell’altra pagina:<br />

uno scorcio di Otranto e Roca<br />

Vecchia, Lecce.<br />

12<br />

Lago<br />

di Lesina<br />

Lago di<br />

Varano<br />

Abbazia di<br />

Monte Sacro<br />

FOGGIA<br />

L ’altra fantastica<br />

Abseits der üblichen Routen wartet Süditalien mit unerwarteten<br />

Highlights auf. Entdecken Sie die unbekannte Seite Apuliens,<br />

außergewöhnliche Landschaften, einzigartige Naturschutzgebiete und<br />

Burgen und Klöster zwischen Adria und Ionischem Meer.<br />

12<br />

PUGLIA<br />

Monte<br />

Sant’Angelo<br />

Mattinata<br />

Saline<br />

di Margherita<br />

di Savoia<br />

MAR<br />

ADRIATICO<br />

BARI<br />

Testo: Nicoletta De Rossi<br />

Polignano<br />

a Mare<br />

Gravine<br />

tarantine<br />

Mottola<br />

P U G L I A<br />

Sito archeologico<br />

di Egnazia<br />

Martina<br />

Franca<br />

Torre<br />

Guaceto<br />

BRINDISI<br />

Massafra<br />

TARANTO<br />

LECCE<br />

Marine di<br />

Melendugno<br />

MAR<br />

IONIO<br />

SALENTO<br />

Porto<br />

Selvaggio<br />

Grecia<br />

salentina<br />

Otranto


VIAGGI - PUGLIA<br />

© Huber/Sime (5), F. Cogoli<br />

SE AVETE DECISO DI accogliere empfangen<br />

PASSARE LE VACANZE l’uliveto Olivenhain<br />

IN PUGLIA, SAPPIATE aggrappato festgeklammert<br />

il fazzoletto ein Fleckchen<br />

CHE AD ACCOGLIERVI<br />

di terra Erde<br />

SARÀ INNANZITUTTO<br />

ripido steil<br />

UN MARE DI ULIVETI. la scogliera Klippe<br />

Gli ulivi stanno aggrappati<br />

a fazzoletti di terra su ri-<br />

la schiera Reihe<br />

il refrigerio Abkühlung<br />

il castello Burg, Schloss<br />

pide scogliere bianche, oppure<br />

si allineano in schiere<br />

il tetto Dach<br />

la costruzione Bauwerk<br />

ben ordinate sulla terra l’angolo Winkel, Ecke<br />

noto bekannt<br />

rossastra e regalano ombra<br />

tracciare hier: entwerfen<br />

e refrigerio. Da nord a sud, la scoperta Entdeckung<br />

caratterizzano il paesaggio<br />

della regione più orientale d’Italia, conosciuta in tutto il<br />

mondo per Castel del Monte, il misterioso castello voluto<br />

da Federico II, e i trulli, le singolari costruzioni dal tetto<br />

conico decorato con simboli magici. Una regione, la <strong>Puglia</strong>,<br />

frequentata in estate da turisti provenienti da tutte<br />

le parti del mondo, che pure conserva ancora angoli meravigliosi<br />

e poco conosciuti da scoprire.<br />

Per chi di voi ci è già stato e vorrebbe visitarla di nuovo,<br />

cogliendone gli aspetti meno noti, ma anche per chi<br />

vi si reca per la prima volta e vuole tenersi lontano dalla<br />

folla, abbiamo tracciato un viaggio ideale alla scoperta<br />

della “<strong>Puglia</strong> segreta”, da percorrere per intero, se avete<br />

tempo a disposizione, oppure a tappe, magari tornando<br />

più volte in questa splendida regione.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


VIAGGI - PUGLIA<br />

14<br />

L’ALTRO GARGANO<br />

Laghi costieri,<br />

orchidee e santuari<br />

settentrionale<br />

il promontorio<br />

stretto<br />

la pendice<br />

la striscia<br />

di terra<br />

l’andamento<br />

pianeggiante<br />

l’escursione f.<br />

snodarsi<br />

l’acqua<br />

salmastra<br />

il canneto<br />

la folaga<br />

la gallinella<br />

l’airone m.<br />

l’anguilla<br />

il lungolago<br />

ancorare<br />

nördlich<br />

Küstenvorsprung<br />

schmal<br />

Hang<br />

Landstreifen<br />

flacher Verlauf<br />

Ausflug<br />

sich schlängeln<br />

Brackwasser<br />

Schilf<br />

Blässhuhn<br />

Teichhuhn<br />

Reiher<br />

Aal<br />

Seepromenade<br />

vor Anker legen<br />

la prelibatezza<br />

imbattersi<br />

in qc.<br />

l’attrezzatura<br />

mozzafiato<br />

il polmone<br />

verde<br />

spontaneo<br />

il livello<br />

del mare<br />

imponente<br />

l’abbazia<br />

il complesso<br />

monastico<br />

il santuario<br />

il legame<br />

abbarbicato<br />

l’arcangelo<br />

l’edicola<br />

il pellegrino<br />

Köstlichkeit<br />

auf etw.<br />

stoßen<br />

Gerät<br />

atemberaubend<br />

grüne Lunge<br />

wild wachsend<br />

Meeresspiegel<br />

beeindruckend<br />

Abtei<br />

Klosteranlage<br />

Wallfahrtsort<br />

Bindung<br />

hier: thronend<br />

Erzengel<br />

hier: Nische<br />

Pilger<br />

Dall’alto, i laghi costieri di Lesina e di Varano sembrano<br />

incorniciare la parte più settentrionale del promontorio<br />

del Gargano. Le due lagune, che strette lingue di sabbia<br />

separano dal mare, fanno parte del Parco nazionale del<br />

Gargano. Il LAGO DI VARANO è immerso tra gli ulivi e<br />

i boschi delle pendici del promontorio ed è separato dal<br />

mare da una striscia di terra chiamata Isola, con una lunga<br />

spiaggia di sabbia finissima. Al LAGO DI LESINA, l’acqua<br />

della laguna spesso si confonde con l’orizzonte, creando<br />

impressioni suggestive. L’andamento pianeggiante<br />

della zona è ideale per un’escursione in mountain bike: il<br />

giro del lago si snoda per quasi 70 km tra canali, acque salmastre<br />

e canneti, in compagnia di uccelli acquatici come<br />

folaghe, gallinelle e aironi. Per gli appassionati c’è anche<br />

un Osservatorio faunistico nella zona di Lido di Torre Mileto.<br />

Il tour in bicicletta inizia e finisce a Lesina, località famosa<br />

per la pesca delle anguille. Sul lungolago sono ancorate<br />

le barche usate dai pescatori tra ottobre e gennaio<br />

per catturare questa prelibatezza, che è diventata il piatto<br />

forte dei ristoranti locali.<br />

Costeggiando il promontorio del Gargano non è raro<br />

imbattersi nei trabucchi (vedi <strong>ADESSO</strong> 07/11, pag. 43), antiche<br />

attrezzature per la pesca sospese sul mare, oggi spesso<br />

inutilizzate e a volte adattate a originali ristoranti sul<br />

mare, come tra Peschici e Vieste. Ci dirigiamo verso MAT-<br />

TINATA (vedi <strong>ADESSO</strong> 05/10, pag. 43), che si può raggiungere<br />

percorrendo la strada costiera panoramica, lungo la<br />

quale si aprono scorci mozzafiato, oppure la strada che attraversa<br />

la Foresta Umbra, il polmone verde del Parco del<br />

Gargano. Sulle colline fioriscono, tra fine aprile e inizio<br />

maggio, ben 89 specie diverse di orchidee spontanee, una<br />

delle densità più alte in Europa. Nel territorio di Mattinata,<br />

definita ormai “la capitale delle orchidee”, questi fiori<br />

coprono in primavera interi prati. Le orchidee spontanee,<br />

che non sono grandi come quelle che si acquistano dal fioraio,<br />

si scoprono a ogni passo anche sul sentiero che da sopra<br />

la cittadina porta al Monte Sacro.<br />

A circa 850 m sul livello del mare vi attende un’altra<br />

sorpresa: le imponenti rovine dell’ABBAZIA DELLA<br />

SANTISSIMA TRINITÀ DI MONTE SACRO, un complesso<br />

monastico benedettino che vide il suo massimo<br />

splendore nel XII secolo. A pochi chilometri si trovano due<br />

importanti centri della cristianità: il santuario di San Michele<br />

Arcangelo a Monte Sant’Angelo, dal 2011 inserito<br />

nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco, e l’abbazia<br />

di Santa Maria di Pulsano.<br />

MONTE SANT’ANGELO vive ancora oggi del culto di<br />

San Michele. Il forte legame è percepibile a ogni angolo della<br />

località abbarbicata sulla montagna: la statua dell’arcangelo<br />

Michele non domina soltanto l’entrata al santuario, ma<br />

si ritrova anche nelle piccole edicole a protezione delle case<br />

o nelle vetrine dei negozi di souvenir e alimentari. All’interno<br />

del santuario si può visitare la grotta, sempre affollata,<br />

attorno alla quale nei secoli fu costruito l’intero edificio<br />

e in cui, secondo la leggenda, l’arcangelo Michele apparve<br />

più volte intorno al 490 d.C. Oggi a Monte Sant’Angelo arrivano<br />

pellegrini da tutto il mondo.<br />

© Huber/Sime (3), F. Cogoli<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


VIAGGI - PUGLIA<br />

estrarre<br />

la torre di<br />

avvistamento<br />

la passione<br />

avvistabile<br />

Da non perdere anche L’ABBAZIA DI<br />

PULSANO, risalente al 1129, dove oggi una<br />

piccola comunità monastica alterna il rito latino<br />

e quello bizantino. L’abbazia è situata su<br />

un massiccio roccioso con vista su un vallone<br />

caratterizzato da strapiombi impressionanti,<br />

profondi oltre 200 metri, ed è circondata<br />

da eremi. Un luogo unico e ricco di<br />

misticismo, che si erge a guardia del sottostante<br />

golfo di Manfredonia. Nel castello svevo-angioino<br />

si trova un’affascinante mostra<br />

permanente sugli antichi Dauni, un popolo<br />

che visse nella<br />

alternare abwechseln <strong>Puglia</strong> settentrionale<br />

tra il<br />

il rito Liturgie<br />

il vallone tiefes Tal<br />

IX e il IV secolo<br />

a.C. Le stele<br />

lo strapiombo Steilhang<br />

profondo tief<br />

esposte, davvero<br />

incante-<br />

l’eremo Einsiedelei<br />

ergersi sich erheben<br />

svevo Hohenstaufenangioino<br />

der Anjou corate con movoli,<br />

sono de-<br />

la mostra Dauerpermanente<br />

ausstellung o<br />

tivi geometrici<br />

floreali.<br />

fertile<br />

abbagliato<br />

il fenicottero<br />

l’uccello migra-<br />

tore/stanziale<br />

hier: gewinnen<br />

Beobachtungs-<br />

turm<br />

fruchtbar<br />

geblendet<br />

Flamingo<br />

Zug-/<br />

Standvogel<br />

Leidenschaft<br />

die beobachtet<br />

werden können<br />

VERSO SUD<br />

Saline e birdwatching<br />

Procedendo lungo la costa adriatica verso sud, si incontra la fertile<br />

zona di Zapponeta, conosciuta per la produzione delle cipolle bianche,<br />

che si raccolgono tra marzo-aprile e agosto-settembre. All’improvviso<br />

si rimane abbagliati da alte dune bianche che si specchiano<br />

in enormi vasche d’acqua: sono le SALINE DI MARGHERITA<br />

DI SAVOIA. A interrompere il bianco del sale e l’azzurro del cielo<br />

e dell’acqua ci pensano i numerosi fenicotteri rosa che popolano<br />

questa riserva naturale, insieme a molte altre specie di uccelli migratori<br />

e stanziali. Le saline più grandi<br />

d’Italia, da cui oggi si estraggono<br />

oltre 500.000 tonnellate di sale marino<br />

l’anno, sono visitabili e attrezzate<br />

con torri di avvistamento per gli<br />

amanti del birdwatching. Questa<br />

passione fu condivisa anche da Federico<br />

II. Nel suo prezioso trattato intitolato<br />

De arte venandi cum avibus<br />

(Das Falkenbuch) sono raffigurati molti<br />

uccelli avvistabili in questa zona<br />

umida.<br />

TRA ULIVI, LAGHI, SPIAGGE E STORIA<br />

Nell’altra pagina: un tipico ulivo pugliese.<br />

Qui, da sopra: il santuario di San Michele Arcangelo<br />

a Monte Sant’Angelo, in provincia di Foggia;<br />

in bicicletta lungo il lago di Varano, nel Gargano;<br />

la spiaggia di Mattinata, Foggia.


VIAGGI - PUGLIA<br />

16<br />

NELLA PUGLIA PIÙ NASCOSTA<br />

Natura incontaminata<br />

e borghi sul mare<br />

Il viaggio verso il sud della regione prosegue tra i campi<br />

di grano, che d’estate si tingono del rosso scarlatto dei papaveri.<br />

È il cuore del Tavoliere, una pianura che si estende<br />

a perdita d’occhio, considerata un tempo “il granaio<br />

d’Italia”. Entrati in autostrada e superata Bari, si esce a<br />

POLIGNANO A MARE, una cittadina appollaiata su una<br />

scogliera che si tuffa nelle acque cristalline dell’Adriatico<br />

e ha meritato anche quest’anno la Bandiera Blu per le sue<br />

spiagge pulite. Dal centro storico una scalinata, affiancata<br />

da un breve tratto dell’antica Via Traiana, porta alla<br />

spiaggia Cala del Porto, costellata di rocce a picco sul mare.<br />

Nella città vecchia si aprono scorci che mostrano le tipiche<br />

case bianche e le ampie grotte scavate dalle onde.<br />

Mentre una donna recupera la corda alla quale è fissato<br />

un secchio colmo di acqua rubata al mare, un trenino per<br />

turisti attraversa la città sulle note della canzone Volare e<br />

si ferma sul Lungomare Domenico Modugno, dove al famoso<br />

cantante nato nella cittadina pugliese è stata dedicata<br />

anche una statua. Dopo un bagno ristoratore, è d’obbligo<br />

una tappa alla gelateria di Piazza Garibaldi, dove si<br />

preparano gelati e granite per tutti i gusti, ma nella quale<br />

è stato anche inventato il “caffè speciale”, un caffè con<br />

l’aggiunta di panna e scorza di limone.<br />

Un po’ più a sud, nel territorio di Savelletri di Fasano,<br />

seguendo la segnaletica per il SITO ARCHEO-<br />

incontaminato unversehrt<br />

il campo<br />

di grano Weizenfeld<br />

il papavero Mohn<br />

la pianura Ebene<br />

a perdita so weit das<br />

d’occhio Auge reicht<br />

il granaio Kornkammer<br />

appollaiato hockend<br />

tuffarsi in hier: abfallen zu<br />

la scalinata Treppe<br />

costellato übersät<br />

scavato ausgehöhlt<br />

recuperare einholen<br />

la corda Seil<br />

il secchio Eimer<br />

ristoratore erquickend<br />

la scorza Zitronendi<br />

limone schale<br />

la segnaletica Beschilderung<br />

messapico von den<br />

Messapiern<br />

il lastrone Steinplatte<br />

levigato abgeschliffen<br />

tagliare schneiden,<br />

hier: teilen<br />

la pinna Flosse<br />

la maschera Taucherbrille<br />

la prateria Wiese,<br />

hier: Feld<br />

la posidonia<br />

oceanica Neptungras<br />

la gorgonia Hornkoralle<br />

le immersioni<br />

(pl.) subacquee Tauchen<br />

il sistema Verteidigungsdifensivo<br />

system<br />

il paesaggio Landschaft<br />

LOGICO DI EGNAZIA, si arriva in un luogo incantato<br />

affacciato sul mare, dove si può passeggiare alla scoperta<br />

di una necropoli messapica, una basilica paleocristiana<br />

del V-VI secolo a.C., un anfiteatro e un foro<br />

romano completi di porto. Nel sito si trovano anche<br />

grandi lastroni levigati dal tempo, appartenenti all’antica<br />

Via Traiana, che in epoca romana tagliava in orizzontale<br />

la città e arrivava fino a Brindisi.<br />

La tappa successiva, sempre verso sud, è L’OASI DI<br />

TORRE GUACETO, Riserva naturale statale e Area marina<br />

protetta situata lungo il litorale adriatico, dopo la marina<br />

di Ostuni. Vi si possono fare escursioni a piedi o in<br />

bicicletta, ma anche con pinne e maschera: sott’acqua si<br />

estendono intere praterie di posidonia oceanica e molte<br />

varietà di gorgonia, un vero paradiso per gli amanti delle<br />

immersioni subacquee. L’oasi, che deve il suo nome a<br />

una torre di avvistamento aragonese – una delle tante<br />

lungo tutta la costa pugliese, dove formavano il sistema<br />

difensivo costiero –, si estende su 1.100 ettari e presenta<br />

una grande varietà di paesaggi: dalle spiagge di sabbia a<br />

brevi tratti di scogliere, dalle dune alla macchia mediterranea<br />

che odora di timo e rosmarino.<br />

UNA PUGLIA SORPRENDENTE<br />

Qui, da sopra: la basilica di San Martino a Martina Franca;<br />

il sito archeologico di Egnazia; Santuario della Madonna della<br />

Scala a Massafra; il Caffè Tripoli a Martina Franca.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


RELAX IN RIVA AL MARE E NELLA NATURA<br />

Qui: il ristorante Grotta Palazzese a Polignano a Mare;<br />

la Riserva naturale di Torre Guaceto.<br />

17<br />

© Huber/Sime (3), Simoncelli<br />

LA MURGIA<br />

Atmosfere barocche<br />

e chiese rupestri<br />

Spostandosi all’interno, in direzione di Taranto, si raggiunge<br />

MARTINA FRANCA, un’elegante città barocca<br />

incastonata nel paesaggio delle Murge sud-orientali, nella<br />

Valle d’Itria, non lontano da Alberobello. Nella città a<br />

pianta ellittica si rimane affascinati dai continui giochi di<br />

luce e d’ombre creati dalle volute e dai decori barocchi<br />

del Palazzo Ducale, della collegiata di San Martino e dei<br />

molti palazzi signorili. Se nelle ore più calde la cittadina<br />

sembra assopita, la sera tutti si ritrovano all’aperto. Le<br />

strade si animano, la gente si siede davanti alla porta di<br />

casa, i bambini giocano tra i vicoli e nei locali con i tavoli<br />

apparecchiati sulla strada e si gustano le specialità della<br />

zona, come il capocollo di Martina Franca, un salume prelibato<br />

che si fa stagionare fino a 90 giorni.<br />

Spingendosi ancora più all’interno, verso ovest, si arriva<br />

alle GRAVINE TARANTINE, un fenomeno carsico<br />

che si ritrova anche nell’alta Murgia Barese, il più vasto altopiano<br />

carsico d’Italia. Anche nella zona ionica, la particolare<br />

morfologia del terreno ha dato vita alle gravine,<br />

profondi crepacci molto scoscesi che assomigliano a<br />

canyon, formati nei millenni dallo scorrimento dei fiumi<br />

sul terreno calcareo. La zona è disseminata di cripte e grotte<br />

affrescate secondo alcuni da monaci bizantini, che si rifugiarono<br />

qui nel periodo delle lotte iconoclastiche. Proprio<br />

su una gravina è situata la cittadina di MASSAFRA,<br />

nota per i suoi insediamenti rupestri e soprattutto per il<br />

santuario della Madonna della Scala, in fondo all’omonima<br />

gravina, raggiungibile scendendo nella gola con una<br />

scalinata di 125 gradini. Nella vicina città di MOTTOLA<br />

sono state ritrovate oltre 30 chiese rupestri. La più famosa<br />

è quella di San Nicola, la cosiddetta “Cappella Sistina delle<br />

chiese rupestri”, in cui si può ammirare un incredibile<br />

ciclo di affreschi dominato dal Giudizio Universale, datato<br />

tra il X e il XIV secolo.<br />

Felsen-<br />

eingebettet<br />

Grundriss<br />

Licht-/Schat-<br />

tenspiele<br />

eingeschlafen<br />

sich beleben<br />

Wurst<br />

reifen, lagern<br />

Schlucht<br />

karstig<br />

Hochebene<br />

Spalte<br />

abschüssig<br />

rupestre<br />

incastonato<br />

la pianta<br />

i giochi (pl.) di<br />

luce/d’ombre<br />

assopito<br />

animarsi<br />

il salume<br />

stagionare<br />

la gravina<br />

carsico<br />

l’altopiano<br />

il crepaccio<br />

scosceso<br />

lo scorrimento<br />

calcareo<br />

disseminato<br />

la cripta<br />

il monaco<br />

rifugiarsi<br />

le lotte (pl.)<br />

iconoclastiche<br />

l’insediamento<br />

omonimo<br />

la gola<br />

il Giudizio<br />

Universale<br />

Fließen<br />

kalkhaltig<br />

übersät<br />

Krypta<br />

Mönch<br />

sich flüchten<br />

byzantinischer<br />

Bilderstreit<br />

Siedlung<br />

gleichnamig<br />

Schlucht<br />

Jüngstes<br />

Gericht<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


18<br />

IL SALENTO<br />

Terra da intenditori<br />

Grundschule<br />

Tamburin<br />

Wander-<br />

festival<br />

gipfeln<br />

enden<br />

il borgo<br />

stilato<br />

la stazione<br />

idrotermale<br />

la preistoria<br />

gli scavi pl.<br />

il comune<br />

la scuola<br />

elementare<br />

il tamburello<br />

il festival<br />

itinerante<br />

culminare<br />

terminare<br />

la baia,<br />

l’insenatura<br />

Dorf<br />

verfasst<br />

Thermalbad<br />

Vorgeschichte<br />

Ausgrabungen<br />

Gemeinde<br />

Bucht<br />

Da Mottola ci si rimette in viaggio alla volta della regione<br />

più a sud della <strong>Puglia</strong>, il SALENTO. Di certo non si<br />

può perdere la bella città di OTRANTO, sulla costa adriatica,<br />

con le sue tipiche case bianche, l’imponente castello<br />

e la cattedrale normanna, che contiene al suo interno un<br />

affascinante mosaico pavimentale (vedi <strong>ADESSO</strong> 05/12,<br />

pag. 46). Il suo borgo antico è nella lista dei Borghi più belli<br />

d’Italia, stilata dal Touring<br />

Club.<br />

Poco più sotto c’è SAN-<br />

TA CESAREA TERME, stazione<br />

idrotermale ancora<br />

attiva, con la sua bella baia<br />

di Porto Miggiano, ricca di<br />

tante piccole grotte, abitate<br />

sin dalla preistoria. A nord<br />

di Otranto, invece, meritano<br />

una sosta le MARINE<br />

DI MELENDUGNO: Roca<br />

Vecchia, sede di importanti<br />

scavi archeologici, San<br />

Foca, con le più belle piscine naturali d’Italia, Torre Specchia,<br />

Torre dell'Orso e Torre Sant’Andrea.<br />

Al centro del Salento si trova ancora oggi un’isola linguistica<br />

chiamata Grecia Salentina. Negli 11 comuni che<br />

la compongono (Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano<br />

dei Greci, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Martano,<br />

Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia e Zollino)<br />

sopravvivono non soltanto usi e tradizioni di origine<br />

greca, ma anche la lingua grecofona chiamata griko, parlata<br />

ancora a Sternatia e insegnata da qualche anno anche<br />

nelle scuole elementari. Da oltre 15 anni, in agosto, in questa<br />

piccola regione risuonano ogni sera i tamburelli: accompagnano<br />

la tipica danza salentina della pizzica durante<br />

il Festival itinerante della Taranta, che quest’anno<br />

culmina il 24 agosto a Melpignano con l’imperdibile Notte<br />

della Taranta.<br />

L’ultima tappa del nostro viaggio nella <strong>Puglia</strong> più segreta<br />

termina al mare, questa volta sullo Ionio, alla BAIA<br />

DI PORTO SELVAGGIO, nel territorio di Nardò. Per arrivarci<br />

si passa per Santa Maria al Bagno, con la sua incantevole<br />

baia in pieno centro, dove bastano pochi metri<br />

per raggiungere la spiaggia e tuffarsi nel mare<br />

turchino. A Porto Selvaggio, dopo una passeggiata nella<br />

macchia mediterranea, si arriva a un’insenatura tra la<br />

scogliera a picco sul mare, dove ci si può godere un ma-


Italienisch<br />

unterwegs!<br />

Die schönsten Seiten auf Italienisch: Lebensart<br />

und Sprachgenuss in einem. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt!<br />

www.adesso-online.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben <strong>ADESSO</strong> zum Preis von 3 (€ 18,60 / SFR 27,90).


Unser Beitrag zu mehr Verständigung.<br />

Alles auf einen Blick unter www.adesso-online.de/komplett<br />

<strong>ADESSO</strong> – das Magazin für Ihr Italienisch<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse! Mit didaktisch aufbereiteten Übungen und<br />

spannenden Artikeln zu aktuellen Themen aus Gesellschaft, Kultur und Reisen.<br />

Inklusive Online-Zugang zum Premium-Bereich.<br />

<strong>ADESSO</strong> plus – das Übungsheft<br />

Vertiefen Sie Ihre Grammatik- und Wortschatzkenntnisse! 24-seitiges Übungsheft<br />

in praktischem Pocket-Format für alle, die sich ihre Lieblingssprache systematisch<br />

aneignen möchten.<br />

<strong>ADESSO</strong> Audio – Italienisch-Training, das ins Ohr geht<br />

Trainieren Sie Ihr Hörverständnis! Die CD umfasst rund eine Stunde Texte, Interviews<br />

und Sprachübungen. Das Begleit-Booklet ergänzt Aufgaben und Texte zum Mitlesen.<br />

Lehrerbeilage – Bestnoten für Ihren Unterricht<br />

Kostenlose Tipps und Ideen für Abonnenten in Lehrberufen! Das Lehrmaterial ist<br />

in drei verschiedenen Niveaustufen aufbereitet. Sie erhalten die Beilage auf Anfrage<br />

zusammen mit Ihrem Magazin.<br />

Premium-Abo – das Online-Extra<br />

Erhalten Sie unbegrenzten Zugriff auf Texte, Übungen und Archiv!<br />

Die umfassende Online-Plattform bietet Ihnen aktuelle Beiträge und einen großen<br />

Pool an interaktiven Übungen. Das Premium-Abo ist bereits kostenlos im Magazin-<br />

Abo enthalten.<br />

Mehr Informationen unter www.adesso-online.de/komplett<br />

Bei Rückfragen erreichen Sie uns unter E-Mail abo@spotlight-verlag.de oder Telefon +49 (0) 89 / 8 56 81-16.


VIAGGI - PUGLIA<br />

gnifico bagno in un mare –<br />

è proprio il caso di dirlo –<br />

da favola<br />

stagliarsi<br />

traumhaft<br />

sich abheben<br />

essere<br />

da favola! La sera il tramonto<br />

infiamma le acque e il lembo Zipfel<br />

a guardia di aufpassen auf<br />

la costa su cui si stagliano le<br />

silhouette delle torri d’avvistamento – che, con gli ulivi, sono<br />

a guardia dei segreti di questo lembo di <strong>Puglia</strong>.<br />

ALLA SCOPERTA DEL SUD DELLA PUGLIA<br />

Nell’altra pagina: Torre Sant'Andrea, una<br />

delle marine di Melendugno, nel Salento.<br />

Qui: Porto Miggiano, a Santa Cesarea Terme,<br />

Salento; le piscine naturali di San Foca, frazione<br />

di Melendugno; Porto Selvaggio nel Salento.<br />

PUGLIA<br />

© Huber/Sime (3), F. Cogoli<br />

INFORMAZIONI<br />

www.viaggiareinpuglia.it<br />

GARGANO<br />

www.garganoincoming.com<br />

www.orchideedelgargano.it<br />

www.parcogargano.it<br />

MARGHERITA DI SAVOIA<br />

www.margheritadisavoia.com<br />

POLIGNANO, EGNAZIA,<br />

TORRE GUACETO<br />

www.egnaziaonline.it<br />

www.riservaditorreguaceto.it<br />

MURGIA<br />

www.parcoaltamurgia.gov.it<br />

SALENTO<br />

www.greciasalentina.org<br />

www.lanottedellataranta.it<br />

DOVE MANGIARE<br />

FALSOPEPE<br />

Massafra,<br />

Strada Statale Medici 42<br />

+ 39 099 8804687.<br />

www.falsopepe.it<br />

HOTEL RISTORANTE<br />

GROTTA PALAZZESE<br />

Polignano a Mare, Via Narciso 59<br />

+ 39 080 4240677.<br />

www.grottapalazzese.it<br />

Si mangia in una grotta sul mare.<br />

RISTORANTE ART NOUVEAU<br />

Santa Maria al Bagno,<br />

Via G. Puccini 6<br />

+ 39 0833 573671.<br />

www.ristoranteartnouveau.com<br />

TRATTORIA LE ANTICHE SERE<br />

Lesina, Via Pietro Micca 22<br />

+ 39 0882 991942.<br />

www.leantichesere.it<br />

DOVE DORMIRE<br />

HOTEL RESIDENCE IL PORTO<br />

Mattinata,<br />

Via del Mare Strada Provinciale 53<br />

+ 39 0884 552511.<br />

www.ilportohotel.it<br />

PARK HOTEL SAN MICHELE<br />

Martina Franca, Viale Carella 9<br />

+ 39 080 4807053.<br />

www.parkhotelsanmichele.it<br />

MASSERIA LA LUCIA<br />

Sant’Isidoro-Nardò,<br />

Strada Provinciale 112<br />

+ 39 329 9059497.<br />

www.agriturismolalucia.it<br />

MASSERIA TORRE MAIZZA<br />

Savelletri di Fasano,<br />

Contrada Coccaro<br />

+ 39 080 4827838.<br />

www.masseriatorremaizza.com<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

DI VALERIA PALUMBO<br />

QUANDO L’ARTE È DONNA<br />

Qui a sinistra: la direttrice del<br />

Mart Cristiana Collu. Nelle<br />

altre foto, da sinistra:<br />

l’eccentrica nobildonna<br />

lombarda Luisa Casati;<br />

Velocità di motoscafo (1919-<br />

1924), opera di Benedetta<br />

Cappa Marinetti; Maria Lai;<br />

Autoritratto come allegoria<br />

della pittura di Artemisia<br />

Gentileschi, opera conservata<br />

al Kensington Palace di Londra<br />

22<br />

Le signore dell’arte<br />

Die Zeiten, als Künstlerinnen in Italien höchstens in Form von Fußnoten<br />

Erwähnung fanden, sind weitgehend vorbei. Immer mehr Frauen<br />

bahnen sich ihren Weg an die Spitze von Kunst und Kultur.<br />

“COME SI AUMENTA IL PESO DELLE ARTISTE NEI<br />

MUSEI? NON CHIEDENDO LORO OPERE D’OCCA-<br />

SIONE, MA PROGETTI“. Cristiana Collu, nata a Cagliari<br />

43 anni fa, non è stata soltanto la più giovane direttrice di<br />

museo italiana. Dopo aver guidato per 14 anni il Man, il<br />

Museo d’Arte della provincia di Nuoro, è ora a capo del<br />

Mart, il Museo d’Arte moderna e contemporanea di Trento<br />

e Rovereto, uno dei centri più importanti in Italia per<br />

l’arte contemporanea. “Vengo da una cultura dell’uguaglianza,<br />

ma sto riacquistando il senso della differenza. Anche<br />

perché attraverso l’arte raccontiamo la nostra secolare<br />

difficoltà a esprimerci in libertà”. Da qui il suo impegno<br />

per aumentare gli spazi destinati alle artiste che, in Italia,<br />

sono ancora pochi, nonostante una lunga tradizione.<br />

A metterli insieme, i nomi delle artiste italiane dal Rinascimento<br />

in poi, vengono le vertigini. Tra i più antichi<br />

ci sono quelli di Artemisia Gentileschi, Lavinia Fontana,<br />

Giulia Lama, Galizia Fede, Sofonisba Anguissola, Elisabetta<br />

Sirani e tante altre. Eppure i manuali di studio le<br />

ignorano e al massimo le relegano nelle note a piè di pagina.<br />

Meglio non va alle artiste del Novecento. Certo, alcune<br />

– per esempio le esponenti del Futurismo, come Benedetta<br />

Cappa Marinetti, Barbara (Olga Biglieri Scurto),<br />

Regina Bracchi – hanno scontato l’ostracismo dato al loro<br />

movimento, troppo compromesso con il fascismo. Eppure,<br />

come al solito, per le donne gli ostacoli si moltiplicano.<br />

Anche la diffidenza, dopo la seconda guerra mondiale,<br />

per l’arte figurativa e movimenti come la Scuola romana<br />

e Valori plastici, ha accelerato l’oblio per grandi creative<br />

come Edita Broglio e Antonietta Raphaël Mafai.<br />

Negli ultimi anni, tutto è cambiato: sia i libri specializzati<br />

sia i curatori di arte e musei si sono accorti del patrimonio<br />

lasciato dalle artiste. “Solo due nomi?“ interviene<br />

Cristiana Collu. “Mi faccia fare quelli di Maria Lai e Carol<br />

Rama, che sono le nostre Louise Bourgeois [1911-2010, artista<br />

franco-americana celebre per le sue opere di matrice surrealista,<br />

n.d.r.]. Tra le giovani penso a Liliana Moro“. Il nome<br />

di Maria Lai non è scelto a caso. Non perché la Lai,<br />

morta lo scorso 16 aprile a 93 anni, fosse sarda, ma perché<br />

la sua è stata un’arte doppiamente misconosciuta: si è<br />

concentrata sui materiali e le tradizioni della terra natale<br />

l’artista m./f.<br />

l’opera<br />

d’occasione<br />

Künstler, -in<br />

hier: frei<br />

geschaffenes<br />

Werk<br />

leiten<br />

zeit-<br />

genössisch<br />

Gleichheit<br />

neu erwerben<br />

Gefühl<br />

Unterscheidung<br />

jahrhundertealt<br />

Engagement<br />

schwindlig<br />

machen<br />

essere a capo<br />

contemporaneo<br />

l’uguaglianza<br />

riacquistare<br />

il senso<br />

la differenza<br />

secolare<br />

l’impegno<br />

venire<br />

le vertigini<br />

il manuale<br />

di studio<br />

la nota a piè<br />

di pagina<br />

scontare<br />

l’ostracismo<br />

il movimento<br />

compromesso<br />

l’ostacolo<br />

la diffidenza<br />

accelerare<br />

l’oblio<br />

accorgersi<br />

lasciato<br />

a caso<br />

misconosciuto<br />

Lehrbuch<br />

Fußnote<br />

abbüßen<br />

Boykott<br />

Bewegung<br />

kompromittiert<br />

Hindernis<br />

Misstrauen<br />

beschleunigen<br />

Vergessen(heit)<br />

bemerken<br />

hinterlassen<br />

zufällig<br />

verkannt<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


L’ITALIA IN DIRETTA<br />

ed è sembrata di conseguenza marginale. Soltanto ora i<br />

suoi “grovigli di fili” sembrano preziosi.<br />

In questo difficile cammino, le artiste italiane hanno<br />

però avuto singolari compagne di viaggio. Se è vero che<br />

ai vertici delle istituzioni politiche italiane le donne sono<br />

state quasi assenti, per tutto il XX secolo, in quelle culturali<br />

e artistiche si sono registrate fondamentali eccezioni. Due,<br />

tanto per cominciare: Luisa Casati (1881-1957) e Margherita<br />

Sarfatti (1880-1960). La prima era un’eccentrica nobildonna<br />

lombarda, a metà strada tra Peggy Guggenheim e<br />

la baronessa tedesca Elsa von Freytag-Loringhoven, al<br />

tempo stesso collezionista, musa e lei stessa opera d’arte.<br />

Abitava a Palazzo Venier dei Leoni, oggi sede della collezione<br />

di Peggy Guggenheim a Venezia; l’aveva restaurato<br />

e trasformato nel centro di una folle vita mondana e culturale.<br />

La seconda è stata la più autorevole critica d’arte<br />

del primo Novecento. Intorno a lei si riuniva il gruppo di<br />

artisti conosciuto come Gruppo del Novecento, che propugnava<br />

la tradizione. La Sarfatti fu anche amante di Benito<br />

Mussolini e questo ha pesato sulla sua fama.<br />

Sempre durante il fascismo, nel 1941, alla guida della<br />

Galleria nazionale d’Arte moderna di Roma c’era Palma<br />

Bucarelli (1910-1998), che univa alla grande bellezza<br />

un’intelligenza e una determinazione davvero insolite.<br />

Fu lei a salvare dalla guerra le opere del museo e poi a<br />

battersi per l’astrattismo. Nel 1959, la mostra delle opere<br />

di Alberto Burri, da lei organizzata, provocò addirittura<br />

un’interrogazione parlamentare. A navigare tra misoginia,<br />

razzismo e provincialismo c’era già stata un’altra<br />

grande intellettuale, Ada Levi (1890-1950), responsabile<br />

della Soprintendenza archeologica per la Lombardia. La<br />

Levi si salvò per miracolo dalla deportazione, ma subì poi<br />

un ostracismo totale. E il suo non è un caso isolato!<br />

Eppure la porta era stata aperta. Oggi, a parte Cristiana<br />

Collu, c’è Maria Vittoria Clarini Marelli, che siede sulla<br />

poltrona che in passato era della Bucarelli. Le donne di-<br />

belanglos<br />

Fadengewirr<br />

Reise-<br />

gefährtin<br />

Spitze<br />

nicht vorhanden,<br />

abwesend<br />

Ausnahme<br />

Edelfrau<br />

Kunst-<br />

sammler, -in<br />

Kunstwerk<br />

irrsinnig<br />

angesehen<br />

marginale<br />

il groviglio di fili<br />

la compagna<br />

di viaggio<br />

il vertice<br />

assente<br />

l’eccezione f.<br />

la nobildonna<br />

il/la collezionista<br />

l’opera d’arte<br />

folle<br />

autorevole<br />

il critico<br />

d’arte<br />

il primo<br />

Novecento<br />

riunirsi<br />

propugnare<br />

l’amante f.<br />

la fama<br />

Kunstkritiker<br />

frühes 20. Jh.<br />

sich<br />

versammeln<br />

verteidigen<br />

Geliebte<br />

Ruf<br />

la determinazione<br />

insolito<br />

battersi<br />

l’astrattismo<br />

la mostra<br />

l’interrogazione<br />

f.<br />

navigare<br />

la misoginia<br />

responsabile<br />

la Soprintendenza<br />

subire<br />

il caso isolato<br />

la poltrona<br />

l’arte f.<br />

ennesimo<br />

tracciare<br />

fermo<br />

percorrere<br />

Bestimmtheit<br />

ungewöhnlich<br />

kämpfen<br />

abstrakte<br />

Kunst<br />

Ausstellung<br />

Befragung<br />

segeln, hier:<br />

schweben<br />

Frauenfeindlichkeit<br />

verantwortlich<br />

Aufsicht<br />

erleiden<br />

Einzelfall<br />

hier: Posten<br />

Kunst<br />

x-ter<br />

vorzeichnen<br />

standhaft<br />

zurücklegen<br />

rettrici di musei e soprintendenti sono numerose. Al posto<br />

di Ada Levi c’è, per esempio, Anna Maria Fedeli.<br />

Per le altre arti (si pensi alla Scala di Milano, che ha appena<br />

scelto l’ennesimo soprintendente uomo, Alexander<br />

Pereira), il cammino è più lento e sono ancora rare le rettrici<br />

universitarie. Solo nel maggio scorso, Milano ha avuto<br />

il suo primo rettore donna: Cristina Messa all’Università<br />

Bicocca. Ma la strada di Artemisia Gentileschi e Palma<br />

Bucarelli è ormai tracciata. Le italiane stanno mostrando<br />

una ferma determinazione a percorrerla.<br />

Valeria Palumbo: Chefredakteurin der Monatszeitschrift<br />

L’Europeo, Mitglied in den italienischen<br />

Gesellschaften der Historikerinnen und der<br />

Literatinnen. Autorin zahlreicher Bücher in erster<br />

Linie über Frauen. Lebt und arbeitet in Mailand.<br />

23<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


INTERVISTA<br />

L’ultimo giro della<br />

SINISTRA<br />

Testo: Marina Collaci<br />

24<br />

Paolo Flores d’Arcais gilt als Vordenker<br />

der italienischen Linken und<br />

gleichzeitig als einer ihrer größten Kritiker.<br />

Das aktuelle Regierungsbündnis<br />

ist für ihn Betrug am Wähler.<br />

IN UN’ITALIA DELUSA, TRISTE, PRIVA DI PAS-<br />

SIONI POLITICHE, INCAPACE DI INDIGNARSI<br />

E RASSEGNATA ALLA CORRUZIONE DELLA<br />

CLASSE DIRIGENTE, SPICCA LA FIGURA DI<br />

PAOLO FLORES D’ARCAIS, filosofo e intellettuale<br />

che non ha mai smesso di battersi per le sue idee. Oggi<br />

come nel ‘68, il professore dal forte spirito critico<br />

non tace di fronte agli errori e alle contraddizioni dei<br />

grandi partiti di sinistra. Inflessibile riguardo alla presenza<br />

nel governo di Silvio Berlusconi, con i suoi problemi<br />

giudiziari, nel 2002 è stato tra gli animatori<br />

principali del “movimento dei girotondi”, che ha visto<br />

un milione di persone scendere in Piazza San Giovanni<br />

per protestare contro l’allora governo Berlusconi,<br />

ma anche per sollecitare i Democratici di sinistra<br />

a posizioni più decise. Oggi è uno strenuo avversario<br />

dei compromessi del Pd, culminati nel maggio 2013<br />

con la costituzione di un governo di larghe intese<br />

(detto anche “inciucio”, vedi pag. 32 e <strong>ADESSO</strong> 07/13,<br />

pag. 9) con il Pdl.<br />

deluso enttäuscht<br />

privo di ohne<br />

indignarsi sich empören<br />

rassegnato resigniert<br />

spiccare hervorstechen<br />

battersi kämpfen<br />

tacere schweigen<br />

la contraddizione<br />

Widerspruch<br />

riguardo a in Bezug auf<br />

il governo Regierung<br />

l’animatore m. Initiator<br />

il movimento dei girotondi: Bürgerbewegung<br />

für Demokratie und<br />

Rechtsstaat<br />

sollecitare zu etw.<br />

qc. anhalten<br />

strenuo unermüdlich<br />

l’avversario Gegner<br />

culminato den Höhepunkt<br />

erreicht haben<br />

il governo di große<br />

larghe intese Koalition<br />

l’inciucio Mauschelei<br />

il rapporto Verhältnis<br />

il decennio Jahrzehnt<br />

conflittuale konfliktgeladen<br />

espellere ausschließen<br />

la denuncia (öffentliche)<br />

Anzeige<br />

il togliattismo: nach Palmiro Togliatti,<br />

Generalsekretär der Kommunistischen<br />

Partei Italiens (1927-<br />

1964) und geistiger Vater des<br />

italienischen Kommunismus<br />

il crimine Verbrechen<br />

il sostegno Unterstützung<br />

sciogliere auflösen<br />

fondare gründen<br />

Professor Flores D’Arcais, qual è oggi il suo rapporto<br />

con la sinistra istituzionale? Non c’è, perché non c’è più<br />

nessuna sinistra istituzionale! Nei decenni passati è sempre<br />

stato un rapporto critico e conflittuale. Mi sono iscritto<br />

al Pci nel 1963 e ne sono stato espulso nel 1967 per la<br />

denuncia che ho sempre fatto del togliattismo e dei crimini<br />

di Togliatti contro gli anarchici e i tro kisti nella<br />

guerra di Spagna, e per il sostegno ai dissidenti polacchi<br />

Jacek Kuroń e Karol Modzelewski. Quando, nel 1990-91,<br />

Achille Occhetto ha sciolto il Pci per fondare un nuovo<br />

partito, ho lanciato – con Alberto Cavallari, ex direttore<br />

del Corriere della Sera, e Antonio Lettieri, dirigente nazio-<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


INTERVISTA<br />

nale della Cgil – la “Sinistra dei club”, che ha partecipato<br />

alla fondazione del nuovo partito, il Pds [Partito democratico<br />

della sinistra, 1991-1998, n.d.r.] da cui sono uscito un anno<br />

dopo poiché in realtà era solo il vecchio Pci, ormai apertamente<br />

diviso in correnti. La rivista MicroMega, che ho fondato<br />

27 anni fa, aveva come sottotitolo Le ragioni della Sinistra,<br />

ma di una sinistra eretica rispetto alla sinistra ufficiale.<br />

Nel 2002 anche i Ds organizzavano manifestazioni,<br />

erano vicini agli elettori. Cosa è successo dopo? L’intero<br />

ceto politico – prima il Pds, poi i Ds [Democratici di sinistra,<br />

1998-2007, n.d.r.], poi il Pd [Partito democratico, 2007-oggi,<br />

n.d.r.] – progressivamente è diventato sempre più autoreferenziale,<br />

sempre più parte integrante dell’establishment<br />

del privilegio e dunque sempre più simile, per<br />

interessi strutturali e alla fine anche stili di vita, al<br />

mondo berlusconiano. Questo processo, che<br />

si è svolto in forma carsica, ora viene pienamente<br />

alla luce del sole.<br />

Il governo di Enrico Letta, varato<br />

nell’aprile 2013, è stato definito un<br />

“governo delle eccellenze”. Lei come<br />

lo valuta? A me sembra un governo<br />

contro natura, un governo<br />

della casta, un governo dell’inciucio.<br />

Contro natura perché tradisce<br />

in modo spudorato la volontà degli<br />

elettori. Il 30% di elettori che<br />

hanno votato Pd l’ha fatto sulla<br />

base di due promesse che Pier Luigi<br />

Bersani, leader del partito, ha ripetuto<br />

come una litania per tutta la<br />

campagna elettorale: “Mai nessun accordo<br />

con Berlusconi… Il vero cambiamento<br />

siamo noi”. Questi voti, che si sono<br />

tradotti nella maggioranza assoluta di<br />

seggi alla camera e nella maggioranza relativa<br />

al senato, vengono utilizzati per una<br />

politica opposta: continuità con il quasi ventennio<br />

del berlusconismo e dell’inciucio;<br />

emarginazione e rifiuto di tutte le forze anticasta<br />

e, in primo luogo, del Movimento 5 Stelle.<br />

la Cgil: ital. Gewerkschaftsbund<br />

partecipare teilnehmen<br />

la fondazione Gründung<br />

la corrente Strömung<br />

eretico ketzerisch<br />

la manife- Veranstaltung,<br />

stazione Demonstration<br />

il ceto Schicht,<br />

Klasse<br />

autoreferenziale<br />

selbstbezogen<br />

la parte<br />

integrante Bestandteil<br />

in forma hier:<br />

carsica unterschwellig<br />

il ventennio<br />

Mehrheit<br />

Sitz<br />

Abgeordnetenkammer<br />

zwei<br />

Jahrzehnte<br />

l’emarginazione<br />

f.<br />

il rifiuto<br />

vereidigt<br />

verraten<br />

unverschämt<br />

Wähler<br />

Versprechen<br />

Litanei<br />

Wahlkampf<br />

varato<br />

tradire<br />

spudorato<br />

l’elettore m.<br />

la promessa<br />

la litania<br />

la campagna<br />

elettorale<br />

la maggioranza<br />

il seggio<br />

la camera<br />

Ausgrenzung<br />

Ablehnung<br />

Paolo Flores d’Arcais<br />

(69), è un intellettuale<br />

italiano, direttore della<br />

rivista di politica,<br />

scienza, filosofia e<br />

cultura MicroMega.<br />

25<br />

© Sintesi<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


INTERVISTA<br />

26<br />

Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica, ha<br />

di fatto dettato il varo di una grande coalizione fra la sinistra<br />

e la destra berlusconiana. Siamo entrati nella logica<br />

di una Repubblica presidenziale? Il governo Letta<br />

sicuramente è il governo Napolitano-Berlusconi. Questo<br />

non significa che una trasformazione presidenziale all’americana<br />

o semipresidenziale alla francese sia ineluttabile.<br />

Il peso straordinario e anche non usuale assunto<br />

da Napolitano deriva dalla debolezza dei partiti e, in un<br />

orizzonte di autentico rinnovamento, potrebbe venir meno.<br />

È però probabile che una forma di presidenzialismo<br />

sarà l’ulteriore prezzo che il Pd dovrà pagare al Pdl e al<br />

desiderio di Berlusconi di essere incoronato prossimo presidente<br />

della Repubblica.<br />

Con questi eventi legati al Quirinale e al governo, il<br />

Partito democratico è entrato nella sua crisi definitiva?<br />

Il Pd ha portato a compimento una vera e propria mutazione<br />

antropologica che lo rende oggi a tutti gli effetti un<br />

partito doroteo postmoderno e questo segna anche il suo<br />

frantumarsi sul piano organizzativo. Quanto al consenso<br />

elettorale, sono certamente milioni i suoi elettori, oggi disgustati,<br />

che abbandoneranno in massa il Pd, riducendolo<br />

a un piccolo partito centrista, solo se si creerà un nuovo<br />

polo di attrazione a sinistra.<br />

di fatto faktisch<br />

il varo hier:<br />

Vereidigung<br />

ineluttabile unvermeidbar<br />

non usuale unüblich<br />

derivare herrühren<br />

il rinnovamento Erneuerung<br />

venir meno wegfallen<br />

il Quirinale: Sitz des ital. Staatspräsidenten<br />

portare a<br />

compimento vollenden<br />

i dorotei: konservative christl.-demokr.<br />

Strömung in den 60er-Jahren<br />

segnare bedeuten<br />

frantumarsi zersplittern<br />

il consenso Zustimmung<br />

elettorale der Wählerschaft<br />

disgustato angeekelt<br />

abbandonare<br />

centrista<br />

sich abwenden<br />

von<br />

Zentrumspartei<br />

Unterschriften-<br />

sammlung<br />

Nichtwählbarkeit<br />

Gesetz<br />

Inhaber<br />

Amt<br />

mit Füßen<br />

treten<br />

la raccolta<br />

di firme<br />

l’ineleggibilità<br />

la legge<br />

il detentore<br />

la carica<br />

calpestare<br />

l’applicazione<br />

f.<br />

il capogruppo<br />

rendere<br />

assuefatto<br />

la menzogna<br />

la mediocrità<br />

la resistenza<br />

Anwendung<br />

Fraktionsvorsitzender<br />

machen<br />

gewohnt<br />

Lüge<br />

Mittelmäßigkeit<br />

Widerstand<br />

Mi piace<br />

la Fiom [Metallgewerkschaft]<br />

la coerenza [Zusammenhang] logica<br />

l'onestà<br />

Non mi piace<br />

Giorgio Napolitano<br />

il cardinal Bagnasco (vedi pag. 67)<br />

e tutta la Chiesa gerarchica<br />

chi non considera Berlusconi un criminale<br />

A febbraio di quest’anno Lei ha lanciato una raccolta<br />

di firme per affermare l’ineleggibilità di Silvio Berlusconi<br />

in base a una legge del 1957, che esclude i detentori<br />

di concessioni pubbliche (nel caso di Berlusconi le frequenze<br />

TV) dalle cariche elettive parlamentari. Con<br />

quale risonanza? Forse è stata la raccolta di firme più<br />

grande mai avvenuta sul web, ma soprattutto in questo<br />

parlamento per la prima volta c’era una potenziale maggioranza<br />

perché la legge 361 del 1957, in base alla quale<br />

Berlusconi è ineleggibile, fosse rispettata anziché ulteriormente<br />

calpestata. Hanno dichiarato che ne chiederanno<br />

l’applicazione i senatori M5S e la stessa cosa aveva dichiarato<br />

il capogruppo del Pd al senato Luigi Zanda. Ora, ovviamente,<br />

con il governo dell’inciucio, il Pd una volta di<br />

più calpesterà la legalità e lascerà Berlusconi al suo posto.<br />

Dopo 20 anni di Seconda Repubblica, qual è il bilancio?<br />

Com’è cambiata l’Italia? 20 anni di cattivo esempio<br />

che viene dall’alto hanno reso questo paese di giorno in<br />

giorno sempre peggiore, sempre più assuefatto alla corruzione,<br />

alla menzogna, alla manipolazione delle coscienze,<br />

alla mediocrità. Tuttavia esistono riserve straordinarie<br />

e di massa per una resistenza civile.<br />

Paolo Flores D’Arcais, filosofo della politica nato a<br />

CHI È<br />

Cervignano del Friuli nel 1944, è il fondatore e il<br />

direttore della Rivista MicroMega, che si occupa di cultura,<br />

politica, scienze e filosofia. D’Arcais collabora con diverse<br />

testate [Zeitungen] italiane ed europee, come Il Fatto Quotidiano,<br />

Gazeta Wyborcza e El País.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


SCHERZI A PARTE<br />

DI SILVIA ZICHE<br />

27<br />

d’estate<br />

l’abitudine f.<br />

il senso di colpa<br />

im Sommer<br />

Gewohnheit<br />

schlechtes<br />

Gewissen<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

CHE FICO!<br />

Endlich Feigensaison! Seit dem ersten Feigenblatt hat die süße Frucht<br />

hohe Symbolkraft und einen festen Platz auf dem Speiseplan. Die Feige<br />

ist vielfältig, nahrhaft und verlockend aromatisch.<br />

Testo: Marina Collaci<br />

28<br />

il fico Feige,<br />

Feigenbaum<br />

che fico! cool! /<br />

geiler Typ!<br />

cacciare vertreiben,<br />

jagen<br />

all’improvviso plötzlich<br />

la foglia di fico Feigenblatt<br />

il primato Vorrangstellung<br />

l’abbondanza Überfluss<br />

la longevità Langlebigkeit<br />

laborioso fleißig<br />

la fecondità Fruchtbarkeit<br />

consacrare weihen<br />

l’incarico Auftrag<br />

uccidere töten<br />

Marte Mars<br />

la cesta Korb<br />

affidare anvertrauen<br />

la corrente Strömung<br />

la lupa Wölfin<br />

allattare säugen<br />

comparire<br />

condire<br />

l’anziano, -a<br />

attenuare<br />

la ruga<br />

l’alimento<br />

nutriente<br />

digeribile<br />

assimilabile<br />

il potassio<br />

il calcio<br />

il ferro<br />

il manganese<br />

le fibre pl.<br />

il fabbisogno<br />

giornaliero<br />

l’infruttescenza<br />

il semino<br />

l’achenio<br />

la polpa<br />

aufscheinen<br />

würzen<br />

betagter/betagte<br />

Mann/Frau<br />

mildern<br />

Falte<br />

Nahrungsmittel<br />

gehaltvoll<br />

verdaulich<br />

verwertbar,<br />

aufnehmbar<br />

Kalium<br />

Kalzium<br />

Eisen<br />

Mangan<br />

Ballaststoffe<br />

Tagesbedarf<br />

Fruchtstand<br />

Samen<br />

Achäne,<br />

Schließfrucht<br />

Fruchtfleisch<br />

ADAMO ED EVA, CACCIATI DAL-<br />

L’EDEN, SI ACCORGONO ALL’IM-<br />

PROVVISO DI ESSERE NUDI. Allora<br />

si coprono con alcune foglie di fico<br />

e inventano così il “primo” vestito della<br />

storia dell’umanità. A parte questo<br />

curioso primato, il fico è da sempre<br />

simbolo di abbondanza. In araldica,<br />

l’albero di fico simboleggia la longevità,<br />

la vita laboriosa e la pace.<br />

Per gli antichi Greci e Romani, il fico<br />

è un frutto sacro e afrodisiaco. A<br />

Platone piace moltissimo e i Greci lo<br />

collegano a Dioniso, il dio della fecondità. I Romani lo consacrano<br />

al dio Marte, signore della guerra, perché è proprio<br />

un albero di fico a salvare la vita di Romolo e Remo. Un servo<br />

ha infatti l’incarico di uccidere i figli<br />

illegittimi di Rea Silvia e di Marte,<br />

ma decide di metterli in una cesta e di<br />

affidarli alla corrente del Tevere. I due<br />

neonati sono in pericolo, ma secondo<br />

la tradizione la cesta si ferma proprio<br />

sotto un albero di fico, dove una lupa<br />

allatta i bambini, che sopravvivono.<br />

Sulla tavola dell’antica Roma il fico<br />

compare come antipasto ed è condito<br />

con sale, aceto e garum, una salsa<br />

di pesce fermentato. Secondo Plinio,<br />

mangiare fichi “rende più forti i giovani,<br />

aiuta la salute degli anziani, attenua le rughe”. I dietologi<br />

di oggi sono pienamente d’accordo. I fichi sono un<br />

alimento nutriente, facilmente digeribile, ricco di zuccheri<br />

facilmente assimilabili, di vitamine A, B1, B2, PP e di minerali,<br />

soprattutto potassio, calcio, ferro e manganese. Il<br />

fico è dolce, ma non fa ingrassare perché contiene molte<br />

fibre, riempie lo stomaco e toglie l’appetito. Inoltre un etto<br />

di fichi secchi copre il 20% del fabbisogno giornaliero<br />

di calcio e il 30% del fabbisogno di ferro.<br />

Un frutto davvero pieno di virtù! Frutto però non è il<br />

termine esatto. Il fico è un’infruttescenza, perché i veri frutti<br />

sono i semini (che in botanica si chiamano acheni). Noi<br />

mangiamo la polpa che li avvolge.<br />

DEGUSTARE I FICHI BIANCHI E NOBILI DEL CILENTO<br />

Degustazioni dolci e salate: dall’abbinamento con i formaggi<br />

locali fino ai piatti più raffinati e ai pregiati vini italiani.<br />

Informazioni: Santomiele, Via Salita San Giuseppe 58<br />

Prignano (SA) tel: +39 0974 833275. www.santomiele.it<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


FICHI DEL CILENTO<br />

E CIOCCOLATO<br />

EXTRAFONDENTE<br />

Ricetta di: Antonio Longo (Azienda agricola Santomiele)<br />

PASSIONE ESTIVA<br />

Nell’altra pagina: fico bianco del Cilento.<br />

Qui: un fico nero. In basso: focaccia toscana<br />

con fichi sbollentati e formaggio caprino, creazione<br />

dello chef Maddalena Caruso.<br />

Ingredienti: fichi freschi del Cilento, massa di<br />

cacao al 70% e more.<br />

Preparazione: Togliete la buccia ai fichi freschi<br />

del Cilento e lasciateli in frigorifero per qualche<br />

ora. Tirate i fichi fuori<br />

il cioccolato<br />

extrafondente<br />

Edelbitter-<br />

schokolade dal frigorifero e<br />

decorateli con la<br />

la mora Brombeere salsa al cioccolato<br />

la buccia Schale<br />

fondente (come nella<br />

foto qui sopra).<br />

guarnire garnieren<br />

Guarnite con more<br />

selvatico wild<br />

selvatiche. Abbinate<br />

abbinare kombinieren con un buon spumante<br />

con mit<br />

italiano dolce.<br />

© E. Caracciolo (2),S. Scatà (2)<br />

A noi italiani i fichi fanno<br />

pensare ai bambini che, selvatico wild<br />

arrampicarsi klettern<br />

il gambo Stiel<br />

nei pomeriggi d’estate, si la corteccia Rinde<br />

arrampicano sull’albero, si cancellare auslöschen<br />

il fiorone Frühfeige<br />

siedono sui larghi rami, all’ombra<br />

di foglie che somi-<br />

inoltrato spät<br />

maturare reifen<br />

gliano a grandi mani, e il (fico) tardivo Spätfeige<br />

salato salzig<br />

mangiano i frutti selvatici.<br />

farcito gefüllt<br />

Il sapore di caramella e il<br />

profumo del latte di fico, il liquido bianco che esce dal gambo<br />

delle foglie e dalla corteccia, sono ricordi che non si cancellano.<br />

I fichi ci accompagnano per tutta l’estate: i fioroni<br />

o primaticci maturano a giugno e a luglio, mentre da agosto<br />

a settembre è la volta dei fichi veri, che sono più piccoli<br />

e ancora più dolci. C’è poi una terza produzione di fichi,<br />

in autunno inoltrato: i cratiri o tardivi.<br />

A tavola il fico è squisito da solo oppure condito: chi<br />

resiste a una pizza salata, calda, farcita con fichi freschi?<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


L’ITALIA A TAVOLA<br />

30<br />

© G. Maltinti/Parioli Fotografia, E. Caracciolo, Huber/Sime, S. Scatà (2)<br />

ZUPPETTA DI FAGIOLI<br />

CANNELLINI AL<br />

PROSCIUTTO CRUDO<br />

E FICHI<br />

Ingredienti per 4 persone: 4 fichi, 400 g di fagioli<br />

cannellini, 100 g di prosciutto crudo, 1 cipolla, 2 spicchi<br />

di aglio, 1 costa di sedano, 1 patata di media<br />

grandezza, 1 foglia di alloro, 1 rametto di rosmarino,<br />

sale, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva e 1 litro di<br />

brodo vegetale di dado.<br />

Preparazione: Lasciate i fagioli nell'acqua per circa 6<br />

ore. Lessateli in una pentola a pressione e frullatene la<br />

metà. A parte, lessate<br />

Cannellini-<br />

Bohnen<br />

Knoblauch-<br />

zehe<br />

Stängel der<br />

Staudensellerie<br />

i fagioli (pl.)<br />

cannellini<br />

lo spicchio<br />

di aglio<br />

lo costa<br />

di sedano<br />

Lorbeerblatt<br />

Gemüse-<br />

brühe<br />

Suppenwürfel<br />

kochen<br />

Druck-<br />

kochtopf<br />

pürieren<br />

anbraten<br />

ziehen lassen<br />

hier: abschmecken<br />

la foglia<br />

di alloro<br />

il brodo<br />

vegetale<br />

il dado<br />

lessare<br />

la pentola<br />

a pressione<br />

frullare<br />

far rosolare<br />

far insaporire<br />

aggiustare<br />

tagliato<br />

in quattro<br />

un filo di<br />

olio crudo<br />

geviertelt<br />

ein paar<br />

Tropfen Öl<br />

anche la patata, il sedano,<br />

la cipolla e la foglia di<br />

alloro. A fine cottura, togliete<br />

l’alloro e frullate le<br />

verdure. Mettete le verdure<br />

e i fagioli frullati in<br />

una padella e fateli risolare<br />

con un po’ di olio,<br />

aglio e rosmarino. A questo<br />

punto aggiungete i<br />

fagioli interi, fate insaporire,<br />

versate il brodo e fate<br />

cuocere a fuoco lento<br />

per 45 minuti circa. Aggiustate<br />

di sale. Mettete<br />

in padella il prosciutto<br />

crudo fino a che diventa<br />

croccante. Passate al<br />

grill i fichi tagliati in quattro<br />

e decorate come nella<br />

foto. Per finire, condite<br />

con un filo di olio crudo.<br />

“La morte sua” è l’abbinamento<br />

con i salumi: il fico<br />

si sposa bene con il prosciutto<br />

di Parma, con un<br />

buon prosciutto di montagna,<br />

oppure con il salame.<br />

È squisito con la tartare di<br />

pesce, ma anche in dolci,<br />

torte, mostarde, marmellate<br />

e sciroppi.<br />

Il fico fresco è il simbolo<br />

dell’estate, mentre i fichi<br />

secchi fanno subito pensare<br />

al Natale. Una delle specialità<br />

italiane è il lonzino di<br />

fico delle Marche. Si tratta<br />

di un dolce di fichi secchi<br />

con mosto di uva o liquore<br />

all’anice Mistrà, avvolto in<br />

foglie di fico e legato con<br />

la morte schmeckt am<br />

sua è … besten mit …<br />

l’abbinamento Kombination<br />

sposarsi hier:<br />

passen zu<br />

lo sciroppo Sirup<br />

il mosto di uva Traubenmost<br />

l’anice m. Anis<br />

il filo di spago Bindfaden<br />

arricchito di verfeinert mit<br />

il fegatello: Spieß mit Schweineleber,<br />

Brot- und Speckwürfel, gewürzt<br />

mit Fenchelsamen<br />

la mandorla Mandel<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

A una gustosa ricetta con i<br />

fichi è ispirato un esercizio della<br />

rubrica Grammatica.<br />

un filo di spago. Si taglia a fette e si gusta con il formaggi.<br />

Slow Food segnala il fico secco di Carmignano, in Toscana,<br />

arricchito di semi di anice, da mangiare con la mortadella<br />

o con i famosi fegatelli toscani. In Calabria, a Natale,<br />

si mangiano le crocette, che sono fichi farciti di mandorle<br />

sistemati a forma di croce nel piatto.


Il paese di Prignano Cilento<br />

è chiamato “il paese la varietà Sorte<br />

pregiato hochwertig<br />

la buccia Schale<br />

dei fichi bianchi” perché<br />

l’azienda Firma<br />

qui cresce la più pregiata<br />

fiero stolz<br />

varietà di fico dottato (vedi raccogliere ernten<br />

serbare aufheben<br />

box): il fico bianco del Cilento<br />

Dop. Si chiama “bian-<br />

con i fichi am falschen<br />

fare le nozze<br />

co“ perché la sua buccia è di<br />

secchi Ende sparen<br />

la cerimonia Feier<br />

un verde chiarissimo. Antonio<br />

Longo, dell’azienda<br />

buttare wegwerfen<br />

il proverbio Sprichwort<br />

Santomiele, è fiero della<br />

sua piantagione di fichi: “Un solo albero produce circa 50<br />

chili di frutta”, racconta, “A fine agosto li raccogliamo e li<br />

facciamo seccare. A settembre sono pronti”.<br />

I fichi sono presenti anche in molti proverbi. “Serba<br />

(cioè conserva) la pancia per i fichi”, dicevano le nonne<br />

un tempo, cioè “Non mangiare troppo e a conserva un<br />

po’ di spazio per il dessert”. Consigliavano però anche di<br />

MATRIMONIO DI SAPORI PERFETTO<br />

Nell’altra pagina: fichi bianchi del Cilento dell’azienda<br />

agricola De Cristoforo di Prignano. Qui: (sopra) panzanella<br />

con fichi freschi e fichi secchi; salame e fichi.<br />

“Non fare le nozze con i fichi secchi”. I fichi sono<br />

buoni, ma costano poco e, per una cerimonia<br />

importante, non si deve risparmiare. C’è<br />

anche un proverbio usato per criticare chi fa la<br />

cosa sbagliata: “Non far come gli antichi che<br />

mangiavano le bucce e buttavano i fichi!” Anche<br />

se… non è mai stato davvero così!<br />

31<br />

Fai un esercizio su una ricetta con i fichi.<br />

www.adesso-online.de/fichi<br />

Le varietà<br />

di fichi<br />

Le varietà di fichi che crescono in<br />

Italia sono circa 150. Ecco le più<br />

comuni [üblich, hier: häufig]:<br />

DOTTATO<br />

Conosciuto anche come Fico d’oro,<br />

è il re dei fichi. Ha una buccia sottile<br />

e lucida [glänzend] di colore verdegiallo.<br />

È morbido [weich], zuccherino<br />

e si mangia con tutta la buccia.<br />

Secondo Plinio il Vecchio è uno dei<br />

più adatti [geeignet] da seccare<br />

[trocknen]. Matura a fine agosto e a<br />

settembre.<br />

BROGIOTTO BIANCO<br />

O GENOVESE<br />

Matura a settembre, è carnoso [fleischig]<br />

e ha la buccia verde o gialla.<br />

BROGIOTTO NERO<br />

Detto l’Africano, o Fico schiavo, viene<br />

dall’Africa ed è citato da Plinio il<br />

Vecchio nella sua Naturalis historia.<br />

È un fico autunnale, di colore viola e<br />

con la polpa rossa. È il più raffigurato<br />

nelle nature morte [Stillleben] rinascimentali<br />

[Renaissance-].<br />

FALLACCIANO<br />

Dolce e saporito [schmackhaft], ha la<br />

buccia verde-nera. Si raccoglie a fine<br />

luglio ed è tipico del Lazio. Nel<br />

paese di Bellegra (Roma), si serve<br />

con la pizza salata durante la grande<br />

sagra [Volksfest] del 30 luglio.<br />

MELAGRANA<br />

O DI SAN FRANCESCO<br />

È un frutto autunnale dalla buccia<br />

verde-viola, carnoso e rosso come<br />

una melagrana [Granatapfel].<br />

SAN PIERO<br />

Detto anche Corbo Rubicone o Fico<br />

nero, è un fico che cresce in Toscana<br />

dalla buccia nero-violacea.<br />

ZIGARINO VERDE<br />

Ha i frutti piccoli e la buccia di color<br />

verde-giallo.<br />

FIGO MORO<br />

È un fico nero con sfumature [Nuance]<br />

di blu e la forma a<br />

goccia [Tropfenform].<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


Inciucio – es klingt so harmlos und<br />

steht doch für die politische Misere<br />

Italiens: Die politische Kaste zieht an<br />

einem Strang im Geschachere um Privilegien<br />

und Vorteile, während am anderen<br />

Ende hilflos der Wähler hängt.<br />

PASSAPAROLA<br />

DI RENATA BELTRAMI<br />

L’èra dell’inciucio<br />

Prove di inciucio? L’abbraccio fra<br />

l’ex segretario del Pd, Pier Luigi<br />

Bersani, e Angelino Alfano, segretario<br />

del Pdl, durante la seduta<br />

per l’elezione del presidente della<br />

Repubblica, il 18 aprile 2013.<br />

32<br />

© Ansa<br />

QUANDO SI PARLA DI PERIODI STORICI, CI VEN-<br />

GONO IN MENTE I TERMINI STUDIATI A SCUOLA:<br />

L’ILLUMINISMO, LA TIRANNIDE, LA DEMOCRAZIA,<br />

LA DITTATURA, ma anche le alleanze, le coalizioni, i patti<br />

o accordi, magari disattesi ma degni di rispetto nella loro<br />

statica definizione. Nel 1852, ad esempio, l’accordo fra<br />

lo schieramento di centrodestra del parlamento subalpino,<br />

guidato da Cavour, e quello di centrosinistra, capeggiato da<br />

Urbano Rattazzi, passò alla storia come “il connubio”. Adesso<br />

si vive l’epoca dell’inciucio (vedi <strong>ADESSO</strong> 07/13, pag. 9),<br />

sinonimo di intrigo, dal verbo inciuciare, che in napoletano<br />

vuol dire “parlare sommessamente, giungere ad accordi<br />

impropri”. Media, politici e intellettuali hanno dato a questo<br />

termine l’ufficialità che lo consegnerà ai posteri.<br />

Già nel 2007 il giornalista Angelo Panebianco sottolineava<br />

il rapporto tra la decadenza politica di un paese e<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Nella rubrica Grammatica<br />

trovi un esercizio sull’etimologia<br />

della parola “inciucio”.<br />

l’inciucio Mauschelei<br />

venire in den Sinn<br />

in mente kommen<br />

l’Illuminismo Aufklärung<br />

il patto Abmachung<br />

l’accordo Vereinbarung<br />

degno würdig<br />

lo schiera- Lager<br />

mento<br />

il parlamento subalpino: bikamerales<br />

Parlament des Königreichs<br />

Sardinien mit Sitz in Turin<br />

(1720-1861)<br />

il connubio Bündnis<br />

inciuciare schachern<br />

sommessamente<br />

leise<br />

improprio missbräuchlich<br />

i posteri pl. Nachwelt<br />

il rapporto Verhältnis<br />

la sciatteria Schlampigkeit<br />

gli intral- Machenlazzi<br />

pl. schaften<br />

sottobanco heimlich<br />

l’imbroglio Betrug<br />

verdrängen<br />

Wirkung<br />

doppeldeutig<br />

sich einnisten<br />

verteufelnd<br />

Verdacht<br />

Unbestimmt-<br />

heit<br />

Nichtnach-<br />

weislichkeit<br />

Denunziant<br />

professionell<br />

Beweis<br />

stillschweigend<br />

andeuten<br />

Vorzimmer<br />

Konfrontation<br />

hier: Erklärung<br />

Würdelosigkeit<br />

Tugend<br />

Redlichkeit<br />

Empörung<br />

Verrat<br />

Gruppe<br />

wehe<br />

Aufteilung<br />

Vorteil<br />

grassieren<br />

überwinden<br />

Unnach-<br />

giebigkeit<br />

Partei<br />

eben<br />

scalzare<br />

la carica<br />

ambiguo<br />

annidarsi<br />

demonizzante<br />

il sospetto<br />

l’indeterminatezza<br />

l’indimostrabilità<br />

il delatore<br />

professionista<br />

la prova<br />

tacito<br />

sottintendere<br />

l’anticamera<br />

lo scontro<br />

la denuncia<br />

l’indegnità<br />

la virtù<br />

la probità<br />

l’indignazione f.<br />

il tradimento<br />

la squadra<br />

guai a<br />

la spartizione<br />

il beneficio<br />

dilagare<br />

superare<br />

l’intransigenza<br />

la fazione<br />

appunto<br />

la volgarità e la sciatteria del suo linguaggio politico. Quelli<br />

erano i tempi degli intrallazzi, termine di origine siciliana<br />

che sa di illegalità e sta per “combinazioni sottobanco,<br />

intrecci di interessi, imbrogli”. L’inciucio che ha scalzato gli<br />

intrallazzi politici è più delicato, meno drammatico e ha<br />

una certa carica di ironia, ha scritto qualcuno.<br />

Non sono assolutamente d’accordo! L’inciucio è più<br />

pericoloso e ambiguo, non richiede più l’aggettivo politico,<br />

si annida ovunque e rappresenta l’unica categoria demonizzante<br />

con cui gli italiani vedono la vita nel loro paese.<br />

Come spiega Ernesto Galli Della Loggia in un articolo<br />

sul Corriere della Sera dal titolo il sospetto universale, le sue<br />

caratteristiche sono l’indeterminatezza e l’indimostrabilità.<br />

Potenzialmente riguarda tutto e tutti e, come sanno i<br />

delatori professionisti, non c’è bisogno di prove: per definizione,<br />

l’inciucio si svolge nell’ombra, è indimostrabile.<br />

Può essere un articolo di giornale, una sentenza, una trasmissione<br />

televisiva, un tacito accordo tra parti politiche.<br />

Strumento formidabile in termini polemico-propagandistici,<br />

può sottintendere il fare, ma anche il non fare.<br />

Secondo Galli della Loggia, “per non essere l’anticamera<br />

dell’inciucio, la democrazia deve essere scontro permanente,<br />

denuncia dell’avversario, illustrazione delle sue<br />

indegnità morali (...) La massima virtù civica non è la probità,<br />

ma l’indignazione”. Chi cerca un accordo in tempi<br />

difficili è un potenziale “inciucista”; la mediazione non è<br />

più un necessario strumento della vita pubblica e privata,<br />

ma solo un tradimento inaccettabile. Siamo alla solita<br />

divisione in squadre, noi e loro, la casta e l’anticasta. Guai<br />

a cercare una soluzione.<br />

E intanto, con il gioco delle parti, continua la spartizione<br />

di privilegi e benefici, contro la quale l’indignazione<br />

non basta. Contro il dilagare dell’inciucio bisogna proprio<br />

superare l’intransigenza sospettosa e trovare un<br />

accordo, anche con le fazioni opposte, un accordo che sia,<br />

appunto, un accordo e non un inciucio…<br />

Renata Beltrami: Buchautorin und unermüdliche<br />

Beobachterin von Trends im Alltagsleben, liefert<br />

Denkanstöße und Kurioses, Neues und<br />

Wissenswertes, aktuell recherchiert.<br />

Ihre Meinung ist gefragt adesso@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


PAGINE FACILI<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

LA LUNA, LE STELLE E...<br />

l’Orsa maggiore<br />

(Grande carro)<br />

l’Orsa minore<br />

(Piccolo carro)<br />

la luna<br />

crescente<br />

la luna<br />

il pianeta<br />

Saturno<br />

gli anelli<br />

di Saturno<br />

lo spazio<br />

il/la meteorite<br />

la stella<br />

polare<br />

la (stella)<br />

cometa<br />

la galassia<br />

i segni dello zodiaco<br />

da sopra, da sinistra:<br />

Pesci, Ariete, Toro,<br />

Gemelli, Cancro, Leone,<br />

Vergine, Bilancia,<br />

Scorpione, Sagittario,<br />

Capricorno, Acquario.<br />

l’astronauta<br />

la stella<br />

la tuta<br />

spaziale<br />

la stella<br />

cadente<br />

la navicella<br />

spaziale<br />

la stratosfera<br />

la terra<br />

33<br />

il satellite<br />

© Illustration: Georg Lechner, BfGuK<br />

AGOSTO È IL MESE DELLE STELLE! Il 10 agosto c’è, infatti,<br />

la famosa Notte di San Lorenzo, l’appuntamento tradizionale<br />

degli italiani con le stelle cadenti. In questa notte, ma anche nei<br />

giorni vicini, la terra attraversa lo sciame meteoritico delle Perseidi<br />

e incontra molti più meteoriti<br />

rispetto al resto dell’an-<br />

la stella Sterncadente<br />

schnuppe<br />

no. I meteoriti, entrando<br />

lo sciame Meteormeteoritico<br />

schauer nell’atmosfera della terra,<br />

il/la meteorite Meteorit bruciano creando il fenomeno<br />

delle stelle cadenti.<br />

bruciare hier: verglühen<br />

visibile sichtbar<br />

l’Orsa mag- Großer/Kleiner Oltre alle stelle cadenti,<br />

giore/minore Bär (Wagen)<br />

in agosto sono ben visibili<br />

il navigatore Seefahrer<br />

lo zodiaco Tierkreis tutte le stelle e le diverse costellazioni.<br />

Tra le più famose<br />

la Vergine Jungfrau<br />

per metà zur Hälfte<br />

indicare bezeichnen costellazioni ci sono sicuramente<br />

l’Orsa maggiore e<br />

il quarto Viertel<br />

crescente zunehmend l’Orsa minore. La punta di<br />

calante abnehmend<br />

la marea Gezeiten quest’ultima è la Stella polare,<br />

grazie alla quale gli an-<br />

l’umore m. Gemütszustantichi<br />

navigatori si orientavano.<br />

Le costellazioni danno,<br />

lunatico launisch<br />

avere la luna schlecht<br />

storta gelaunt sein inoltre, il nome ai 12 segni<br />

dello zodiaco. Il segno di agosto è quello del Leone, anche<br />

se verso la fine del mese inizia la Vergine.<br />

Anche la luna, in agosto, è visibile come in nessun altro<br />

periodo dell’anno. In questo mese la luna, che è l’unico satellite<br />

della terra, è ben visibile in tutte le sue fasi. Quando<br />

la luna non è visibile si dice che è luna nuova (si parla anche<br />

di novilunio). Se la luna è visibile per metà si parla di mezzaluna.<br />

Quando è visibile per intero si parla di luna piena (o<br />

di plenilunio). In genere le fasi della luna vengono indicate<br />

in quarti: si dice che ci troviamo nel primo, secondo, terzo<br />

o quarto quarto di luna. Quando la luna aumenta di grandezza<br />

si parla di luna crescente, altrimenti di luna calante.<br />

Conoscere le fasi della luna era importante, nell’antichità,<br />

perché si credeva nell’influenza della luna sulle maree,<br />

sull’umore delle persone, sull’agricoltura. Ancora oggi chi<br />

ha un carattere instabile è detto in italiano lunatico. E quando<br />

qualcuno è di cattivo umore si dice che ha la luna storta.<br />

Marco Montemarano: Dozent für Italienisch,<br />

Übersetzer, Sprecher, lebt in Deutschland<br />

(München) seit über 20 Jahren.<br />

Seit 1996 schreibt er die Pagine facili.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


PAGINE FACILI<br />

DIALOGO<br />

GIACOMO, AGOSTINO E... LA LUNA!<br />

l’insonnia<br />

la superstizione<br />

piovere<br />

il lupo mannaro<br />

ululare<br />

prendere in giro<br />

il sonnifero<br />

la tisana<br />

la suggestione<br />

Schlaflosigkeit<br />

Aberglaube<br />

regnen<br />

Werwolf<br />

heulen<br />

auf den Arm nehmen<br />

Schlafmittel<br />

Kräutertee<br />

Einbildung<br />

GIACOMO: Oggi hai la luna storta?<br />

AGOSTINO: Tu scherzi, ma<br />

stanotte era luna piena, e quando<br />

è luna piena non dormo bene.<br />

GIACOMO: E perché?<br />

AGOSTINO: Soffro di insonnia.<br />

Me ne sono accorto quando avevo<br />

18 anni.<br />

GIACOMO: Ah, e sei mai stato da<br />

un medico?<br />

AGOSTINO: Solo una volta. Ma<br />

quello mi ha detto di non crederci,<br />

che sono tutte superstizioni.<br />

GIACOMO: Ma stanotte pioveva.<br />

Come hai fatto ad accorgerti della<br />

luna?<br />

AGOSTINO: Non c’è bisogno di<br />

vederla. Il tuo corpo “sa” che c’è<br />

la luna piena.<br />

GIACOMO: Senti, ma... non è che<br />

con la luna piena ti trasformi in lupo<br />

mannaro e cominci a ululare?<br />

AGOSTINO: Sì, tu continui a<br />

scherzare, guarda che è un problema<br />

serio. Se non dormo, il giorno<br />

dopo non riesco a lavorare.<br />

GIACOMO: Scusa, ti prendo un<br />

po’ in giro. Hai provato a prendere<br />

dei sonniferi?<br />

AGOSTINO: Certo. Le ho provato<br />

tutte. Anche le tisane, ma non c’è<br />

niente da fare. Senti, ma che fai<br />

con lo smartphone? Guarda che ti<br />

sto parlando!<br />

GIACOMO: Sto solo controllando<br />

una cosa in Internet... Ehi, ma<br />

guarda qui. Mancano ancora tre<br />

giorni alla luna piena. Lo sapevo.<br />

È solo suggestione!<br />

34<br />

Esercizio 1*:<br />

1. Agostino ha la luna __________________.<br />

2. Agostino soffre di __________________.<br />

3. La causa è la luna __________________.<br />

4. Secondo il medico sono tutte __________________.<br />

5. Giacomo gli chiede scherzosamente se si trasforma<br />

in lupo __________________.<br />

Esercizio 2*:<br />

1. Che cosa ha provato Agostino, oltre ai sonniferi?<br />

2. Quanti giorni mancano alla luna piena secondo<br />

Internet?<br />

3. Con che cosa si collega a Internet Giacomo?<br />

4. Che verbo usa Giacomo per indicare il verso del<br />

lupo mannaro?<br />

5. Qual è la conclusione di Giacomo?<br />

I NOSTRI<br />

DOCUMENTI<br />

A volte è importante conoscere in<br />

italiano i nomi dei nostri documenti.<br />

Anche come turisti, infatti, si può avere<br />

a che fare con la burocrazia italiana.<br />

Nell’esercizio 3 dovete completare<br />

alcune frasi che hanno a che vedere<br />

con i documenti più usati. Prima<br />

di guardare le nostre soluzioni,<br />

provate a chiedere come si<br />

dice a un amico italiano!<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 36<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


PAGINE FACILI<br />

CRUCIVERBA<br />

Tutte le parole di questo cruciverba sono contenute nelle<br />

Pagine facili. Leggetele attentamente prima di iniziare!<br />

Buon divertimento!<br />

1<br />

2<br />

3<br />

Orizzontali:<br />

1. Lo straniero per risiedere<br />

in Italia ha bisogno del... di<br />

soggiorno.<br />

5. Il documento che serve per<br />

espatriare è il...<br />

9. Per sposarsi in Italia lo<br />

straniero deve presentare<br />

un... al matrimonio.<br />

11. Quando la luna è invisibile<br />

si dice che è “luna...”.<br />

7<br />

11<br />

5<br />

8<br />

9<br />

6<br />

10<br />

4<br />

Verticali:<br />

1. La luna rotonda è chiamata<br />

“luna...”.<br />

2. Tra le costellazioni più<br />

conosciute c’è l’... Maggiore.<br />

3. Quando inizia a crescere la<br />

luna è al primo...<br />

4. Diverse stelle unite in una<br />

figura formano una...<br />

6. Un sinonimo di “licantropo”<br />

è “lupo...”.<br />

7. Il documento più diffuso in<br />

Italia è la carta di...<br />

8. Chi ha un umore variabile è<br />

un “...”.<br />

10. Chi è di cattivo umore ha la<br />

“luna...”.<br />

35<br />

SOLUZIONI 07.2013<br />

Esercizio 3*: Cosa significa...<br />

1. Per identificarmi presento la carta di ______________________.<br />

2. Il documento per l’espatrio è il ___________________________.<br />

3. Per guidare l’automobile ci vuole la _______________ di guida.<br />

4. Lo straniero (non cittadino Eu) che vuole passare tre mesi in<br />

Italia spesso ha bisogno di un _________________ di ingresso.<br />

5. Lo straniero (non cittadino Eu) che risiede stabilmente in Italia<br />

ha bisogno di un _________________________ di soggiorno.<br />

6. Se uno straniero vuole sposarsi in Italia deve presentare il<br />

_______________________ al matrimonio.<br />

10<br />

7<br />

1<br />

A<br />

U<br />

2<br />

T<br />

3<br />

C<br />

D R O<br />

4<br />

V I N I L E<br />

5<br />

N M<br />

O N A P<br />

6<br />

C T E S T A<br />

A A O C<br />

S S T T<br />

U S R D<br />

8<br />

9<br />

P I E D E I S<br />

L P T S A<br />

O T C N<br />

R A G<br />

T<br />

U<br />

11<br />

R I P R O D U Z I O N E<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


chiedi?<br />

2010 13<br />

2<br />

Spielend Rom<br />

entdecken und<br />

Italienisch lernen!<br />

PAGINE FACILI<br />

Tel. +49 89 85681-286<br />

ITALIANI<br />

STAR OVUNQUE<br />

Questo mese:<br />

ESERCIZIO<br />

SULLE<br />

PREPOSIZIONI<br />

La locandina di<br />

Pascalistan, il programma<br />

condotto<br />

da Pasquale Caprino<br />

su Deejay TV .<br />

7<br />

C<br />

8<br />

9<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

DOMANDA<br />

D<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

A<br />

© 2010 Gru be Media GmbH<br />

©<br />

DOMANDA<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Hai chiesto indicazioni stradali (Wegbeschreibung)<br />

pe raggiungere (e reichen)<br />

i Musei Capitolini, ma il passante (Fußgänger<br />

) ha parlato troppo velocemente<br />

(schne l ) e non hai capito. Che cosa gli<br />

chiedi?<br />

a) Può ripetere, grazie?<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

c) Può ripetere, prego?<br />

Il tuo albergatore (Hotelier ) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

Il tuo albergatore (Hotelier) parla del<br />

turismo “mordi e fuggi”. Che cosa<br />

intende (intendere: meinen)?<br />

a) turismo di tipo enogastronomico<br />

b) turismo religioso<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

ne le ci tà d’arte<br />

E<br />

B<br />

RISPOSTA<br />

b) Può ripetere, per favore?<br />

“Per favore”, abbreviato p.f., si usa<br />

quando vuoi chiedere qualcosa in modo<br />

gentile (freundlich). “Prego” si usa<br />

come risposta a chi ringrazia o si scusa:<br />

“Grazie!” “Prego”. “Mi scusi per il<br />

ritardo”. “Prego, non si preoccupi”.<br />

c) turismo di massimo tre giorni<br />

(Kurzurlaub) ne le ci tà d’arte<br />

“Mordi e fuggi” (wörtlich: beiß und<br />

flüchte) indica un’azione compiuta<br />

(vo lzogen) con estrema fre ta<br />

(in größter Eile): Mi ha fa to una visita<br />

mordi e fuggi.<br />

Altare della Patria<br />

Fu eretto (erigere: erbauen) per<br />

celebrare re Vittorio Emanuele I<br />

(1820-1878) e l‘Unità d‘Italia. Si<br />

trova in Piazza Venezia. Iniziato<br />

nel 1885, fu inaugurato (inaugurare:<br />

einweihen) nel 1911. Nel<br />

1921 venne co locata ne la cripta,<br />

situata nel nucleo centrale, la salma<br />

(Leichnam) del Milite Ignoto<br />

(Unbekannter Soldat), un soldato<br />

sconosciuto caduto (gefa len)<br />

durante la prima guerra mondiale.<br />

I romani lo chiamano “macchina<br />

da scrivere” (Schreibmaschine),<br />

perché ne ricorda la forma. Da la<br />

sua terrazza si ha una splendida<br />

visuale (Aussicht) su Roma.<br />

G<br />

5<br />

F<br />

3<br />

2 | Altare<br />

de la Patria<br />

F<br />

Ebenfalls lieferbar:<br />

C<br />

G<br />

D<br />

H<br />

E<br />

I<br />

F<br />

J<br />

G<br />

Atterri a l’aeroporto di<br />

Ciampino e prendi un taxi<br />

per il tuo albergo.<br />

Punto di partenza:<br />

Hotel de Russie.<br />

F<br />

2<br />

Das Spiel zur Stadt – für Italienischlerner<br />

und Rom-Fans!<br />

Verbessern Sie Ihre Sprachkenntnisse in einer<br />

kurzweiligen Spielerunde! Grundkenntnisse in<br />

Italienisch reichen schon aus, um mitmachen<br />

zu können.<br />

Für 2-5 Spieler ab 14 Jahren. Mit 50 Bildkarten<br />

zu den Sehenswürdigkeiten, 590 Fragen in<br />

Italienisch und einem Stadtplan als Spielfeld.<br />

In Zusammenarbeit mit:<br />

Mehr Informationen auf<br />

www.grubbemedia.de<br />

JETZT BESTELLEN!<br />

www.sprachenshop.de/spiele<br />

oder im Buch- und Spielwarenhandel<br />

3 29,95 (UVP)<br />

ARRIVO<br />

K<br />

H<br />

L<br />

I<br />

M<br />

J<br />

1<br />

K<br />

3<br />

4<br />

5<br />

L<br />

6<br />

7<br />

8<br />

M<br />

9<br />

AVETE PRESENTE IL KAZAKISTAN? Sì, proprio il grande paese dell’Asia<br />

centrale che una volta apparteneva all’Unione Sovietica, diventato famoso<br />

con il film Borat. La maggior parte di noi non sa nemmeno dove si trova. Ma,<br />

come dice Pasquale Caprino, è un grande paese, multietnico, da cui noi italiani<br />

possiamo imparare qualcosa. Il Kazakistan è diventato la “patria di adozione”<br />

di questo cantante nato in provincia di Salerno, che in quel paese dalla lingua<br />

strana è diventato famosissimo con il nome d’arte di “Son Pascal”. Pasquale è<br />

nato 27 anni fa in un paese del Cilento, Capaccio, e nel 2010 è andato a Londra<br />

a cercare il successo. Poi, dopo aver incontrato una ragazza kazaka che lo seguiva<br />

su Twitter, ha deciso di tentare la fortuna ad Almaty. Qui ha partecipato<br />

a un talent show e, nel giro di poche settimane,<br />

appartenere<br />

a qc.<br />

la patria<br />

di adozione<br />

il nome d’arte<br />

tentare<br />

la fortuna<br />

partecipare<br />

nel giro di<br />

l’accesso<br />

alla Rete<br />

zu etw.<br />

gehören<br />

Wahlheimat<br />

Künstlername<br />

sein Glück<br />

versuchen<br />

teilnehmen<br />

binnen<br />

Netzzugang<br />

è diventato, come dice lo stesso Pasquale, “famoso<br />

come Tiziano Ferro”. Il suo primo video,<br />

Englishman in Shymkent, è diventato un successo<br />

grazie a Internet, “in un paese di 17 milioni di<br />

abitanti in cui solo 2 milioni di persone hanno<br />

accesso alla Rete”. Ora Son Pascal è una star kazaka.<br />

I testi delle sue canzoni sono soprattutto<br />

in inglese e in kazako, una lingua che Pasquale<br />

sta imparando.<br />

Esercizio 4:<br />

Aggiungete la preposizione (semplice o articolata) alle frasi che seguono,<br />

tratte dall’articolo che avete appena letto.<br />

1. Il Kazakistan è un grande paese ____________ Asia centrale.<br />

2. Apparteneva ____________ Unione Sovietica.<br />

3. La maggior parte ____________ noi.<br />

4. Noi italiani possiamo imparare qualcosa ____________ questo paese.<br />

5. Il Kazakistan è la sua patria ____________ adozione.<br />

6. È nato 27 anni fa ____________ un paese del Cilento.<br />

7. Ha deciso di tentare la fortuna ____________ Almaty.<br />

8. Il suo primo video è diventato un successo grazie ____________ Internet.<br />

SOLUZIONI: ESERCIZIO 1: 1. storta; 2. insonnia; 3. piena; 4. superstizioni; 5. mannaro.<br />

ESERCIZIO 2: 1. le tisane, 2. tre; 3. con lo smartphone; 4. ululare; 5. È solo suggestione!<br />

ESERCIZIO 3: 1. identità; 2. passaporto, 3. patente; 4. visto; 5. permesso; 6. nullaosta.<br />

ESERCIZIO 4: 1. dell’; 2. all’; 3. di; 4. da; 5. di; 6. in ; 7. ad; 8. a.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


IL PROVERBIO DEL MESE<br />

ÜBERSETZUNG<br />

37 <strong>ADESSO</strong> 08.2013 LE SCHEDE DI <strong>ADESSO</strong> LINGUA<br />

Tutto il mondo è paese<br />

1) _________________<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Coniuga il verbo al passato remoto e<br />

al participio passato<br />

pungere<br />

(stechen)<br />

ESERCIZIO<br />

Scegli l’opzione giusta.<br />

2) _________________<br />

1) Qualche volta / volte mi sento triste.<br />

2) Ogni settimana / settimane andiamo a<br />

trovare la nonna.<br />

3) In vacanza ho letto qualche libro / libri.<br />

4) Ogni bambino / bambini riceverà un premio.<br />

5) Resterà lontano qualche mese / mesi.<br />

1. Nach vielen Jahren habe ich endlich<br />

Italienisch so gut gelernt, dass ich mich<br />

in Italien unterhalten kann.<br />

2. Ich habe viele Jahre Italienisch gelernt.<br />

1. il lampione<br />

2. il semaforo<br />

3. le strisce pedonali<br />

4. l’attraversamento<br />

5. la pista ciclabile<br />

VOCABOLARIO<br />

Per la strada<br />

fare benza<br />

6. il marciapiede<br />

7. il cestino<br />

della spazzatura<br />

8. la panchina<br />

9. la fermata del bus<br />

10. il pedone<br />

ITALIANO COLLOQUIALE<br />

Ti passo a prendere in motorino tra 20 minuti.<br />

Prima mi devo fermare a fare benza.<br />

espressione colloquiale<br />

ATTENTI ALLE DOPPIE!<br />

sete / sette<br />

Ecco qui acqua, succo di frutta e<br />

limonata [Zitronenlimonade].<br />

Se hai _________, serviti pure!


TRADUZIONE<br />

SPRICHWORT DES MONATS<br />

1. Dopo tanti anni finalmente ho imparato<br />

l’italiano abbastanza da poter comunicare<br />

in Italia.<br />

2. Ho studiato l’italiano per molti anni.<br />

1. Straßenlaterne<br />

2. Ampel<br />

3. Zebrastreifen<br />

4. Übergang<br />

5. Radweg<br />

WORTSCHATZ<br />

ALLTAGSITALIENISCH<br />

tanken<br />

Ich hole dich in 20 Minuten mit dem Mofa ab.<br />

Vorher muss ich noch tanken.<br />

ACHTUNG DOPPELKONSONANTEN!<br />

la sete<br />

Auf der Straße<br />

6. Bürgersteig<br />

7. Abfalleimer<br />

8. Bank<br />

9. Bushaltestelle<br />

10. Fußgänger<br />

il sette<br />

Ecco qui acqua, succo di frutta e limonata.<br />

Se hai sete, serviti pure!<br />

Die kochen auch nur mit Wasser /<br />

Die ganze Welt ist ein Dorf<br />

la maglietta<br />

le magliette<br />

LE FOTOPAROLE<br />

VERBI IRREGOLARI<br />

Passato remoto<br />

punsi<br />

pungesti<br />

punse<br />

pungemmo<br />

pungeste<br />

punsero<br />

ÜBUNG<br />

la lucertola<br />

le lucertole<br />

Participio passato<br />

punto<br />

Verbo ausiliare:<br />

avere<br />

Soluzioni: 1) volta; 2) settimana; 3) libro;<br />

4) bambino; 5) mese.<br />

Qualche e ogni sono invariabili e sempre<br />

seguiti da un sostantivo singolare.<br />

38 <strong>ADESSO</strong> 08.2013 SAMMELKARTEN SPRACHE


EINE REPORTERIN<br />

AUF<br />

VERBRECHERJAGD<br />

LUCILLA INDAGA<br />

TESTI: G. IACONO E S. VIOLA DISEGNI: I. MANCUSI<br />

IL GIORNALISTA SOSPETTO<br />

ULTIMA<br />

PUNTATA<br />

39<br />

presentare<br />

accomodarsi<br />

partecipare<br />

lasciare<br />

farsi una<br />

bella dormita<br />

stanchissimo<br />

il luogo<br />

del delitto<br />

convocare<br />

la prova<br />

vorstellen<br />

Platz nehmen<br />

teilnehmen<br />

verlassen<br />

richtig<br />

ausschlafen<br />

sehr müde<br />

Tatort<br />

einberufen<br />

Beweis<br />

OCCHIO ALLA LINGUA!<br />

• Accomodiamoci È l’imperativo alla prima<br />

persona plurale (noi) del verbo accomodarsi.<br />

Qui l’imperativo non esprime un comando,<br />

ma un invito, un’esortazione a fare qualcosa.<br />

• Bella dormita In questo caso l’aggettivo<br />

bello non ha un significato estetico, ma<br />

indica una quantità notevole. Significa<br />

infatti “grande, abbondante”.<br />

➔ A cena ho mangiato un bel piatto<br />

(= un piatto grande, abbondante) di pasta.<br />

• Foto È l’abbreviazione di fotografia, -ie.<br />

Altri esempi di sostantivi femminili in -o,<br />

abbreviazioni di altri nomi, e invariabili al<br />

plurale, sono: l’auto, le auto (l’automobile,<br />

le automobili), la moto, le moto (la motocicletta,<br />

le motociclette).<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

DI ANNA MANDELLI<br />

Anna Mandelli: Lehrerin für Italienisch als<br />

Fremdsprache, Lehrbuchautorin, didaktische<br />

Beraterin, Lehrerfortbildnerin und CELI-Prüferin<br />

beantwortet Ihre Fragen und klärt Zweifelsfälle der<br />

Grammatik und Linguistik.<br />

I VOSTRI DUBBI<br />

IL PASSATO<br />

REMOTO<br />

Begrenzt selbstständige Sprachverwendung<br />

CREDEI O CREDETTI?<br />

È più corretto dire credei di morire oppure credetti di morire? Ho<br />

letto entrambe le forme.<br />

R. Hess, via mail<br />

40<br />

REGOLA GENERALE<br />

Le forme regolari del passato remoto sono:<br />

cercai temei/temetti finii<br />

cercasti temesti finisti<br />

cercò temé/temette finì<br />

cercammo tememmo finimmo<br />

cercaste temeste finiste<br />

cercarono temerono/temettero finirono<br />

APPROFONDIMENTO<br />

Tra i verbi irregolari più importanti ricordiamo:<br />

➔ ESSERE: fui, fosti, fu, fummo, foste, furono<br />

➔ AVERE: ebbi, avesti, ebbe,<br />

avemmo, aveste, ebbero<br />

➔ CHIEDERE: chiesi, chiedesti,<br />

chiese, chiedemmo, chiedeste, chiesero<br />

➔ CONOSCERE: conobbi, conoscesti, conobbe,<br />

conoscemmo, conosceste, conobbero<br />

➔ DIRE: dissi, dicesti, disse,<br />

dicemmo, diceste, dissero<br />

➔ FARE: feci, facesti, fece,<br />

facemmo, faceste, fecero<br />

➔ LEGGERE: lessi, leggesti, lesse,<br />

leggemmo, leggeste, lessero<br />

➔ NASCERE: nacqui, nascesti, nacque,<br />

nascemmo, nasceste, nacquero<br />

➔ PRENDERE: presi, prendesti,<br />

prese, prendemmo, prendeste, presero<br />

➔ SCEGLIERE: scelsi, scegliesti,<br />

scelse, scegliemmo, sceglieste, scelsero<br />

➔ SCRIVERE: scrissi, scrivesti,<br />

scrisse, scrivemmo, scriveste, scrissero<br />

➔ VEDERE: vidi, vedesti, vide,<br />

vedemmo, vedeste, videro<br />

➔ VENIRE: venni, venisti, venne,<br />

venimmo, veniste, vennero<br />

PER SAPERNE DI PIÙ<br />

vedi anche <strong>ADESSO</strong> 10/05.<br />

Tutte e due le forme sono corrette. Solo pochi verbi in -ere sono<br />

regolari al passato remoto. Questi verbi, alla prima persona singolare,<br />

hanno le forme credei/credetti, alla terza persona singolare<br />

credé/credette, alla terza persona plurale crederono/credettero.<br />

Le forme più usate [verwendet] sono quelle in -etti, -ette, -ettero.<br />

✪ ESERCIZIO A<br />

Inserisci le forme mancanti dei verbi.<br />

1) partii, __________ , partì, __________ , __________ , partirono<br />

2) __________ , amasti, __________ , amammo, amaste,<br />

_____________<br />

3) dovei/dovetti, dovesti, __________ , _____________ ,<br />

_____________ , doverono/dovettero<br />

4) __________ , nascesti, __________ , nascemmo, nasceste,<br />

_____________<br />

5) gridai, gridasti, __________ , _____________ , __________ ,<br />

gridarono<br />

6) __________ , __________ , riuscì, riuscimmo, __________ ,<br />

riuscirono<br />

7) fui, fosti, __________ , _____________ , foste, __________<br />

8) credei/credetti, __________ , credé/credette, credemmo,<br />

__________ , _____________<br />

9) _________ , avesti, _________ , _____________ , aveste, ebbero<br />

10) vidi, __________ , vide, _____________ , __________ , videro<br />

✪✪ ESERCIZIO B<br />

Divertiti con questo esercizio inventato da Giuseppina<br />

Keusch, una nostra lettrice italiana residente in Germania.<br />

La “vera” storia di Cristoforo Colombo<br />

Cristoforo Colombo era genovese e, come tutti i genovesi, era<br />

un po’ “tirato” [knauserig]. Marco Polo gli faceva una gran rabbia<br />

[wütend machen] perché aveva trovato una strada per andare in<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


L’ITALIANO PER ESPRESSO<br />

Cina e arricchirsi [sich bereichern]. E poi Cristoforo era anche convinto<br />

[überzeugt] che la Cina lui la poteva raggiungere [erreichen] anche<br />

via mare, anzi lui non voleva andare in Cina, preferiva andare in<br />

India. Passeggiando [spazieren gehen] sul lungomare di Genova<br />

aveva questa idea fissa: andare in India via mare. Passeggia oggi e<br />

passeggia domani finalmente trovò il coraggio [Mut] di chiedere navi<br />

[Schiffe] e marinai [Seemänner] per conquistare [erobern] l’India. Naturalmente<br />

i governanti [Regierende] di Genova, molto avari [geizig]<br />

anche loro, gli risposero di no.<br />

Continua la storia inserendo il passato remoto.<br />

Allora Cristoforo Colombo __________ (andare) in Spagna e<br />

__________ (parlare) del suo progetto con la regina [Königin]. La regina<br />

__________ (entusiasmarsi) dell’idea e ne __________ (parlare)<br />

con il re [König]. Il re non aveva voglia di buttare i soldi dalla finestra<br />

e pensava che sua moglie fosse impazzita [verrückt werden]<br />

perché dava ragione [Recht geben] all’italiano. Ma la regina non<br />

__________ (arrendersi) e __________ (continuare) a chiedere al re di<br />

finanziare l’impresa [Unternehmen]. Ma senza successo [Erfolg]: il<br />

re continuava a dire di no. Dopo qualche settimana il re __________<br />

(notare) che gli cadevano i capelli e allora la regina sospirando<br />

[seufzen] gli __________ (dire): “Sai, caro, ho sentito dire che in India<br />

gli uomini non perdono i capelli grazie a qualcosa che mangiano e<br />

che cresce [wachsen] solo in India, peccato [schade]! Veramente<br />

peccato per i tuoi capelli”. Il re a questo punto __________ (dire) di<br />

sì, __________ (dare) le navi e i marinai e finalmente Cristoforo Colombo<br />

__________ (partire).<br />

✪✪✪ ESERCIZIO C<br />

Scegli l’opzione corretta del passato remoto.<br />

1) INTERVENIRE<br />

[eingreifen]<br />

a) intervenì<br />

b) intervenne<br />

c) entrambi<br />

2) APPARIRE<br />

[erscheinen]<br />

a) apparì<br />

b) apparve<br />

c) entrambi<br />

3) CRESCERE<br />

a) crebbe<br />

b) crescette<br />

c) entrambi<br />

4) CUOCERE<br />

a) cosse<br />

b) cuocette<br />

c) entrambi<br />

5) SPLENDERE<br />

[scheinen]<br />

a) splendei<br />

b) splendetti<br />

c) entrambi<br />

6) TACERE<br />

[schweigen]<br />

a) tacetti<br />

b) tacqui<br />

c) entrambi<br />

7) CHIUDERE<br />

a) chiusi<br />

b) chiudetti<br />

c) entrambi<br />

8) MUOVERE<br />

[bewegen]<br />

a) movetti<br />

b) mossi<br />

c) entrambi<br />

9) PIACERE<br />

a) piacetti<br />

b) piacqui<br />

c) entrambi<br />

10) TEMERE<br />

[fürchten]<br />

a) temei<br />

b) temetti<br />

c) entrambi<br />

GRADO DI DIFFICOLTÀ:<br />

✪ Facile ✪✪ Medio ✪✪✪ Difficile<br />

SOLUZIONI:<br />

ESERCIZIO A: 1) partisti, partimmo, partiste;<br />

2) amai, amò, amarono; 3) dové/dovette,<br />

dovemmo, doveste; 4) nacqui, nacque,<br />

nacquero; 5) gridò, gridammo, gridaste;<br />

6) riuscii, riuscisti, riusciste; 7) fu, fummo,<br />

furono; 8) credesti, credeste, crederono/credettero;<br />

9) ebbi, ebbe, avemmo; 10) vedesti,<br />

vedemmo, vedeste; vedesti, vedemmo,<br />

vedeste.<br />

ESERCIZIO B: andò; parlò; si entusiasmò;<br />

parlò; si arrese; continuò; notò; disse; disse;<br />

diede/dette; partì.<br />

ESERCIZIO C: 1) b; 2) b; 3) a; 4) a; 5) c; 6) b;<br />

7) a; 8) b; 9) b; 10) c.<br />

ESERCIZIO 1: I tre intrusi sono: gli scarponi<br />

[Bergschuhe], la vetta [Bergspitze], il fungo<br />

[Pilz].<br />

la spiaggia = Strand, la sabbia = Sand,<br />

l’ombrellone = Sonnenschirm, il due pezzi =<br />

Bikini, la conchiglia = Muschel, il costume<br />

da bagno = Badeanzug, la crema solare =<br />

Sonnencreme, il lettino = Liege, la sdraio =<br />

Liegestuhl, l’onda = Welle, il salvagente =<br />

Rettungsring, il telo = Strandtuch, l’accappatoio<br />

= Bademantel, il bagnino = Bademeister,<br />

il materassino = Luftmatratze, la stuoia<br />

= Matte, le pinne = Schwimmflossen,<br />

i bracciali = Schwimmflügel, il cavallone =<br />

Wellenbrecher, l’abbronzante = Bräunungscreme.<br />

ESERCIZIO 2: 1) a; 2) b; 3) b; 4) b; 5) a; 6) a.<br />

ESERCIZIO 3: 1) paletta, c; 2) rastrello, d;<br />

3) formina, b; 4) secchiello. a.<br />

ESERCIZIO 4: 1) maretta; 2) d’oltremare;<br />

3) Il maremoto; 4) lungomare; 5) vista sul<br />

mare; 6) mal di mare; 7) grosso; 8) verdemare;<br />

9) Il livello del mare; 10) città di mare.<br />

41<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

PAROLE DERIVATE<br />

• marea [Flut]<br />

• mareggiata [Sturmflut]<br />

• mareografo [Pegel]<br />

• maretta [gespannte Atmosphäre]<br />

MARE<br />

• … aperto<br />

• … calmo<br />

• … caldo<br />

• … piatto [ruhig]<br />

• … in tempesta [stürmisch]<br />

TIPOLOGIA<br />

• … grosso [hoher Seegang]<br />

• … mosso [bewegt]<br />

• … agitato [aufgewühlt]<br />

• … interno [Binnen-]<br />

• … temperato [gemäßigt]<br />

ESPRESSIONI<br />

42<br />

VERBI<br />

• cadere in …<br />

• gettare in … [ins Meer werfen]<br />

• mettersi in … [in See stechen]<br />

• solcare il ... [zur See gehen]<br />

• uomo di …<br />

• acqua di …<br />

• aria di …<br />

• città di …<br />

• frutti di …<br />

• gente di …<br />

• lupo di … [Seebär]<br />

• mal di … [Seekrankheit]<br />

• livello del …<br />

[Meeresspiegel]<br />

• la furia del …<br />

[das Toben des<br />

Meeres]<br />

• in balia del …<br />

[ausgeliefert]<br />

• vista sul …<br />

[Meeresblick]<br />

PAROLE COMPOSTE<br />

• lungomare [Strandpromenade]<br />

• maremoto [Seebeben]<br />

• verdemare [meergrün]<br />

• oltremare [Übersee]<br />

✪✪ ESERCIZIO 1*<br />

Che cosa non ha a che fare con il<br />

mare? Cerca i tre intrusi.<br />

la spiaggia • la sabbia • l’ombrellone<br />

• gli scarponi • il due pezzi<br />

la conchiglia • il costume da bagno<br />

la crema solare • il lettino • la sdraio<br />

l’onda • il salvagente • il telo<br />

la barca • l’accappatoio<br />

il bagnino • il materassino<br />

gli occhiali da sole • la vetta<br />

la stuoia • la maschera<br />

le pinne • i bracciali • il fungo<br />

il cavallone • l’abbronzante<br />

✪✪ ESERCIZIO 2*<br />

Qual è il significato dei seguenti modi di dire e proverbi?<br />

1) Promettere mari e<br />

monti…<br />

a) fare promesse difficili<br />

da mantenere<br />

b) fare una cosa del<br />

tutto inutile<br />

2) Cercare per mare e<br />

per terra…<br />

a) cercare a casaccio<br />

b) cercare dappertutto<br />

3) Portare acqua al<br />

mare…<br />

a) avere moltissimi<br />

problemi<br />

b) fare una cosa senza<br />

scopo<br />

4) Essere un porto di<br />

mare…<br />

a) essere l’ultima<br />

possibilità<br />

b) essere un luogo<br />

molto frequentato<br />

5) Essere in alto mare…<br />

a) essere molto lontani<br />

dall’obiettivo<br />

b) vivere nel lusso<br />

6) L’acqua va al mare…<br />

a) la fortuna capita a<br />

chi già ce l’ha<br />

b) valutare tutto in<br />

modo obiettivo<br />

* SOLUZIONI A PAGINA 41<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


UNA PAROLA TIRA L’ALTRA<br />

✪ ESERCIZIO 3*<br />

Al mare i bambini giocano con…<br />

Ricomponi le parole e cerca il disegno corrispondente<br />

1) LETPATA<br />

2) RALLOSTRE<br />

3) MIRNAFO<br />

4) ECCHISELLO<br />

✪✪ ESERCIZIO 4*<br />

Completa le frasi inserendo le parole elencate qui di seguito:<br />

maretta • vista sul mare • lungomare • città di mare<br />

grosso • il maremoto • il livello del mare • verdemare<br />

d’oltremare • mal di mare<br />

1) Oggi in casa c’è un po’ di __________________________.<br />

2) Questi sono costumi [Sitten] e tradizioni<br />

__________________________________________________.<br />

3) ____________________ ha provocato decine [Dutzende]<br />

di vittime [Opfer].<br />

4) La sera al mare adoro passeggiare [spazieren gehen]<br />

sul _______________________________________________.<br />

5) Abbiamo prenotato una stanza con __________________.<br />

6) Purtroppo mia figlia soffre di [leiden unter]<br />

___________________________________________________.<br />

7) Oggi non si può fare il bagno perché il mare è<br />

___________________________________________________.<br />

8) Il suo colore preferito è il ___________________________.<br />

9) ____________________ si è alzato [sich erhöhen] molto.<br />

10) Mi piacerebbe molto vivere in una ___________________.<br />

b<br />

c<br />

a<br />

d<br />

43<br />

Gewinnspiel<br />

Fliegen Sie<br />

GRATIS<br />

mit<br />

nach Apulien<br />

Gewinnspiel*<br />

Rispondi alle domande e vinci!<br />

1. Was ist die Foresta Umbra?<br />

a) ein Naturschutzgebiet in Umbrien<br />

b) ein Wald in Salento<br />

c) ein Naturschutzgebiet auf dem Gargano<br />

2. Polignano a Mare liegt in der Provinz<br />

a) Bari<br />

b) Brindisi<br />

c) Lecce<br />

3. Wo liegt Torre Guaceto?<br />

a) am Adriatischen Meer<br />

b) am Ionischen Meer<br />

c) am Tyrrhenischen Meer<br />

Teilnahmeschluss: 28.08.2013<br />

Teilnahme entweder per E-Mail an:<br />

vinci.alitalia@spotlight-verlag.de oder direkt<br />

auf www.adesso-online.de/alitalia<br />

* Der Gewinner erhält 1 Gutschein über<br />

2 Freiflüge (inkl. Steuer und Gebühren) in der<br />

Economy-Klasse von München oder Frankfurt<br />

nach Bari und zurück. Der Gutschein gilt<br />

für die Buchungsklassen O - L - W - X - Q<br />

in der Economy Class und ist bis zum<br />

30.11.2013 einzulösen.<br />

Sollte ich direkt per E-Mail an vinci.alitalia@spotlight-verlag.de<br />

am Gewinnspiel teilnehmen, erkläre ich mich damit<br />

einverstanden, dass meine Daten von der Spotlight Verlag<br />

GmbH erhoben und gespeichert werden dürfen. Die Spotlight<br />

Verlag GmbH darf mich per E-Mail über<br />

interessante Produkte informieren. Nicht<br />

teilnahmeberechtigt sind Mitarbeiter der<br />

Spotlight Verlag GmbH und Alitalia<br />

sowie deren Angehörige. Eine<br />

Barauszahlung des Preises ist<br />

ausgeschlossen. Teilnahmeschluss<br />

ist der 28.08.2013.<br />

Der Rechtsweg ist ausgeschlossen.<br />

• In senso figurato un mare di significa “una grande quantità di”:<br />

➔ un mare di guai, un mare di gente, un mare di soldi.<br />

• L’ultima spiaggia significa die letzte Hoffnung;<br />

essere un tipo da spiaggia significa ein komischer Kauz sein.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


LINGUA VIVA<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

44<br />

Gli italianismi sono diffusi in tutto il mondo. Dalle parole che suonano<br />

italiane ma non lo sono, come “Picanto” (vedi pubblicità sopra) alle “evoluzioni”<br />

di parole italiane, come “leporello”, preso da uno dei personaggi<br />

del Don Giovanni di Mozart e che indica oggi un pieghevole.<br />

Italiani… smi nel mondo<br />

Italianismen vagabundieren über den Erdball: Manche verändern dabei<br />

ihre Bedeutung und andere wiederum – wie Leporello und Picco bello –<br />

muten nur italienisch an.<br />

NON SONO SOLO CAFFÈ, PASTA E MAFIA LE PA-<br />

ROLE ITALIANE CHE GIRANO IL MONDO. E nemmeno…<br />

Picco bello o Alles Paletti che, lo ricordiamo, esistono<br />

solo in tedesco e in italiano non hanno alcun<br />

significato. Gli italianismi che vanno a zonzo per il globo<br />

sono a volte davvero insospettabili, come quelli che alcuni<br />

studiosi hanno rilevato, recentemente, sulle pagine dei<br />

giornali cinesi, tra cui villa e terracotta. I risultati di questi<br />

studi sono stati raccolti in L’italiano da esportazione. Discorsi<br />

e italianismi stilistici (Guerra). Qui si scopre che in Cina<br />

si usano spesso e volentieri anche libero e carpaccio.<br />

Gli strati vecchi e nuovi dell’italiano continuano a fare<br />

capolino anche altrove. Si trovano prestiti dall’italiano<br />

in lingue impensate: in un idioma della Nigeria troviamo<br />

che la parola sapone viene direttamente dall’italiano. In<br />

giapponese i nostri allegro e salame, con qualche storpia-<br />

girare<br />

il mondo<br />

il significato<br />

andare a zonzo<br />

insospettabile<br />

lo studioso<br />

il giornale<br />

raccogliere<br />

volentieri<br />

tura, sono diventati areguro e sarami. In finlandese incontriamo<br />

medaglia e fuga, mentre nella lingua di Malta gli italianismi<br />

sono oltre 20.000. È dal nostro zero (derivato a sua<br />

volta dall’arabo) o dal nostro nulla che proviene il modo<br />

di indicare lo zero in diverse lingue: zero, Null, ecc. Dolcevita<br />

è diffuso in oltre 16 lingue; cappuccino nel senso di<br />

“frate“ in 21 lingue (e in 40 nel senso di bevanda), papa-<br />

in der Welt<br />

herumreisen<br />

Bedeutung<br />

flanieren<br />

unvermutet<br />

Wissenschaftler<br />

Tageszeitung<br />

sammeln<br />

gerne<br />

lo strato<br />

fare capolino<br />

il prestito<br />

impensato<br />

la storpiatura<br />

la fuga<br />

provenire<br />

diffondere<br />

il frate<br />

Schicht<br />

hervorgucken<br />

Lehnwort<br />

unerwartet<br />

Verstümmelung,<br />

Verballhornung<br />

Flucht<br />

abstammen<br />

verbreiten<br />

Mönchsbruder<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


LINGUA VIVA<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

accogliere aufnehmen<br />

il catenaccio: Verteidigungstechnik<br />

beim Fußball<br />

il vitellone: hier, Müßiggänger;<br />

aus dem Film I vitelloni von<br />

Federico Fellini (siehe S. 56)<br />

la veduta Ansicht<br />

campeggiare hier: thronen<br />

l’insegna Schild<br />

artistico künstlerisch<br />

rinascimentale Renaissanceincontrare<br />

finden<br />

il lemma Stichwort<br />

il parlato Umgangssprache<br />

derivato da abgeleitet<br />

von/aus<br />

il bel vivere Lifestyle<br />

rimandare a verweisen auf<br />

evocativo suggestiv<br />

assente nicht vorhanden<br />

sviluppato entstanden<br />

la locuzione Redewendung<br />

la salsiccia<br />

piccante scharfe Wurst<br />

prendere sich inspirieren<br />

spunto lassen<br />

il quaderno Heft<br />

pieghevole faltbar<br />

il parabrezza Windschutzscheibe<br />

razzo in 23. In tutta l’Europa<br />

sono diffusi banca, valuta<br />

e credito, inoltre ghetto,<br />

gondola e laguna.<br />

Il francese continua ad<br />

accogliere molte parole italiane.<br />

A ospitarne di più<br />

nelle proprie pagine è il<br />

quotidiano Le Monde, nel<br />

quale si trovano spesso catenaccio,<br />

dolcevita e vitellone.<br />

L’inglese accoglie moltissimi<br />

nostri termini, spesso<br />

astratti, quali bella figura,<br />

nostalgia, propaganda, replica<br />

e veduta. Anche il serbo<br />

ha accolto, negli ultimi 30<br />

anni, i termini tipici del<br />

made in Italy: primo piatto,<br />

ultima moda, ottimo campeggiano<br />

nelle insegne di<br />

attività e ristoranti.<br />

In tedesco, oltre ai termini<br />

musicali e artistici<br />

entrati già in epoca rinascimentale<br />

(da madrigale a<br />

Tutti i libri, tutti i prezzi*<br />

• R. Petrilli, L’ italiano da esportazione.<br />

Discorsi e italianismi<br />

stilistici, Guerra, € 18,50.<br />

• E. Corino, Italiano di tedeschi.<br />

Una ricerca corpusbased,<br />

Guerra, € 23.<br />

• Dizionario di italianismi in<br />

francese, inglese, tedesco,<br />

Firenze, Accademia della<br />

Crusca, € 59.<br />

NOVITÀ*<br />

Due nuovi eserciziari [Übungsbücher]<br />

adatti rispettivamente ai livelli<br />

A1-A2 e B1-B2, utilizzabili da autodidatti<br />

perché con soluzioni e parte<br />

grammaticale. Si tratta di Italiano per<br />

stranieri. 202 esercizi A1-A2 con soluzioni<br />

e grammatica di riferimento e<br />

Italiano per stranieri. 202 esercizi B1-<br />

B2 con soluzioni e grammatica di riferimento:<br />

entrambi da Alpha & Beta,<br />

ciascuno € 15.<br />

Un manuale [Handbuch] che naviga fra<br />

gli errori possibili e probabili degli italiani<br />

e degli stranieri è Piuttosto che. Le<br />

cose da non dire, gli errori da non fare,<br />

di Valeria Della Valle e Giuseppe Patota:<br />

vi sono radunati i tic, i cattivi esempi<br />

che si incontrano nell’Italia di oggi e i<br />

consigli per evitarli: € 15,90.<br />

Un nuovo libro per il settore scientifico<br />

[wissenschaftlich] in particolare: L’italiano<br />

della matematica,<br />

fisica e chimica: in 12 unità vengono<br />

esplorati i diversi linguaggi delle<br />

discipline scientifiche. Adatto agli<br />

studenti Erasmus o Leonardo, o a chi<br />

voglia studiare in Italia nell’ambito<br />

scientifico: € 28.<br />

È uscito presso Guerra edizioni Purgatorio:<br />

Dante incontra. Sei<br />

episodi tratti dalla Divina Commedia:<br />

della serie “Letture guidate per stranieri”,<br />

un modo per entrare con una<br />

guida nella seconda cantica<br />

della Commedia: € 8.<br />

sfumato), si incontrano ambiente, armatura, biennale e i recenti<br />

ballerina e pendolino. Il Nuovo dizionario di tedesco<br />

dell’editore Zanichelli ha inserito tra i lemmi bravo e<br />

mamma mia come stabilmente presenti nel parlato dei<br />

germanofoni. In totale, il Duden conta poco meno di<br />

2.000 lemmi derivati dall’italiano. Informazioni più dettagliate<br />

e specifiche si trovano in Italiano di tedeschi<br />

(Guerra), una ricerca che raccoglie in un corpus tutti i<br />

prestiti e gli usi provenienti dall’italiano.<br />

Si registrano anche singolari storpiature o “evoluzioni”<br />

di significato. Si pensi, nel primo caso, a tutti i<br />

nomi di auto che si ispirano al bel vivere italiano, proponendo<br />

parole che rimandano alla nostra lingua e<br />

che in italiano spesso non esistono: Picanto, Leganza<br />

(termini evocativi, ma assenti in italiano) o Allegra, Corolla,<br />

Sonata. Vi sono poi libere creazioni del popolo<br />

ospitante, sviluppate a partire da termini italiani. In<br />

Inghilterra, per esempio, la locuzione peperoni pizza indica<br />

la pizza non con i peperoni, ma con la salsiccia<br />

piccante. Tra le creazioni più interessanti troviamo il<br />

tedesco Leporello che, prendendo spunto dal Don Giovanni<br />

di Mozart, trasferisce il nome di un personaggio<br />

dell’opera sull’oggetto che tiene fra le mani mentre<br />

canta la famosa aria che ha inizio con “Madamina, il<br />

catalogo è questo”: il catalogo nel quale sono elencate<br />

le “belle” del “padron“ suo, probabilmente un quaderno<br />

pieghevole, diventa un Leporello, appunto. Tale<br />

diventerà poi anche un altro oggetto pieghevole, simile<br />

ma destinato a tutt’altro uso: il pieghevole antisole<br />

per il parabrezza delle automobili.<br />

* I prezzi sono indicativi<br />

45<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


DIE GEHEIMNISSE DER KUNST<br />

Jeden Monat: Die großen Geheimnisse und<br />

Rätsel der italienischen Kunstgeschichte.<br />

I MISTERI DELL’ARTE<br />

DI DANIELA MANGIONE<br />

I REBUS DI UN ARTISTA<br />

Das Rastlose, das Suchende prägte Lorenzo<br />

Lottos Leben und seine Werke. Heute ist es der<br />

Betrachter, der durch seine versteckten Bilderrätsel<br />

in Atem gehalten wird.<br />

46<br />

LORENZO LOTTO<br />

Lorenzo Lotto nasce nel<br />

1480 a Venezia, dove si<br />

forma come pittore. Poi<br />

lascia la città lagunare,<br />

anche per evitare la competizione<br />

con maestri<br />

come Tiziano. Lavora nel<br />

resto d’Italia. È a Treviso,<br />

a Bergamo, a Recanati e<br />

ad Ancona. Con il suo<br />

stile nitido e dai colori<br />

caldi dipinge pale, affreschi<br />

e ritratti. È abbastanza<br />

isolato dagli artisti del<br />

tempo e vive in ristrettezze<br />

economiche. Tra l’altro,<br />

non lo aiuta il fatto di essere<br />

sospettato di luteranesimo<br />

nell’Italia cattolica.<br />

Muore a Loreto nel 1557.<br />

formarsi<br />

il pittore<br />

la competizione<br />

nitido<br />

la pala<br />

l’affresco<br />

il ritratto<br />

l’artista m./f.<br />

in ristrettezze<br />

economiche<br />

sich ausbilden<br />

Maler<br />

Wettbewerb,<br />

Konkurrenz<br />

klar<br />

Altarbild<br />

Fresko<br />

Porträt<br />

Künstler, -in<br />

in wirtschaft-<br />

lich be-<br />

schränkten<br />

Verhältnissen<br />

DICEVA DI SÉ LORENZO LOTTO: “SONO INQUIETO NELLA MEN-<br />

TE”. Forse anche per questo amava mettere qua e là nelle sue opere particolari<br />

“a chiave” ed enigmatici. I misteri e i rebus del pittore sono diventati celebri<br />

soprattutto a partire dalla sua riscoperta,<br />

alla fine dell’Ottocento. Un suo celebre dipinto<br />

ritrae, per esempio, una donna vestita con<br />

eleganza (vedi foto grande nella pagina accanto).<br />

Quando nel 1913 il quadro viene ritrovato a<br />

Bergamo, non si sa chi è la donna. L’identificazione<br />

è possibile solo quando ci si accorge che<br />

nella falce lunare , posta sopra la sua testa, ci<br />

sono due lettere: CI. Nello stile più classico del<br />

rebus, Lotto permette di arrivare al nome della<br />

donna inserendo la sillaba CI nella parola “luna”:<br />

LuCIna. Si tratta della nobildonna Lucina<br />

Brembati. Anche la famosa Pala Martinengo ,<br />

secondo gli studiosi, affida in parte alle parole<br />

il rebus Bilderrätsel<br />

e in parte all’immagine il motto: “Divina iustitia,<br />

suave iogum”. Le parole iustitia e iogum sa-<br />

l’opera Werk<br />

inquieto unruhig<br />

la mente Geist, Sinn<br />

rebbero rappresentate, infatti, da una palma e il particolare Detail<br />

a chiave Schlüsselenigmatico<br />

rätselhaft<br />

da un’edera intrecciata . Grazie all’attenzione<br />

ai messaggi cifrati, gli esperti credono di avere la riscoperta Wiederentdeckung<br />

individuato nel Ritratto di uomo con cappello di<br />

il dipinto Gemälde<br />

feltro ➍, conservato alla National Gallery of Canada,<br />

un autoritratto del pittore datato attorno la nobildonna Edeldame<br />

la falce lunare Mondsichel<br />

al 1550. Nel dipinto, secondo gli studiosi, Lotto lo studioso Wissenschaftler<br />

affidare vertrauen<br />

alluderebbe a se stesso. Si sarebbe, infatti, raffigurato<br />

mentre tiene il cappello nella mano si-<br />

intrecciato verflochten<br />

l’edera Efeu<br />

nistra anziché nella destra (perché nell’immagine<br />

riflessa dallo specchio con la destra stava di feltro Filzhut<br />

cifrato verschlüsselt<br />

il cappello<br />

dipingendo). Proprio alla mano sinistra ➎ che l’autoritratto Selbstbildnis<br />

alludere anspielen<br />

tiene il cappello l’artista avrebbe affidato la propria<br />

firma: l’indice e il medio, infatti, indiche-<br />

la firma Unterschrift<br />

anziché statt<br />

rebbero il numero “due”, mentre l’anulare e il l’indice m. Zeigefinger<br />

il medio Mittelfinger<br />

mignolo sono piegati a elle, a indicare quindi<br />

l’anulare m. Ringfinger<br />

“due elle”, L.L., Lorenzo Lotto.<br />

il mignolo kleiner Finger<br />

a elle L-förmig<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


20° EPISODIO<br />

INQUIETO<br />

Sopra: Ritratto di Lucina Brembati,<br />

Accademia Carrara di Bergamo.<br />

LO STILE<br />

IL REALISMO<br />

INQUIETO<br />

Nei ritratti di Lorenzo Lotto l’enigma va di pari<br />

passo con il realismo. Di Lucina Brembati, la<br />

protagonista del primo rebus che abbiamo citato,<br />

Lotto raffigura le mani grassocce , le forme<br />

abbondanti, il naso aquilino e persino un gioiello<br />

che serviva al<br />

raffigurare darstellen tempo come<br />

grassoccio füllig stuzzicadenti. Il<br />

abbondante üppig realismo di questo<br />

ritratto è tipi-<br />

il naso<br />

aquilino Adlernase<br />

co dello stile di<br />

lo stuzzicadenti<br />

Zahnstocher Lotto. I suoi personaggi<br />

non so-<br />

mutevole unbeständig<br />

lo storico Kunstdell’arte<br />

historiker me vuole la culno<br />

idealizzati, co-<br />

l’Annunciazione<br />

f. Verkündung tale italiana, ma<br />

tura rinascimen-<br />

conservare aufbewahren<br />

raffigurati nella loro<br />

verità. Lorenzo<br />

lo spettatore<br />

Betrachter<br />

spaventato erschreckt Lotto è “il primo<br />

la cuffia<br />

pittore italiano a<br />

da notte Nachthaube essere sensibile<br />

la camiciola Unterhemd ai mutevoli stati<br />

dell’animo umano”,<br />

ha detto di lui lo storico dell’arte Bernard<br />

Berenson. Di certo il realismo di Lotto è rivoluzionario<br />

per la sua epoca e cambia anche il modo<br />

tradizionale di rappresentare una scena religiosa.<br />

Non si era mai vista,<br />

per esempio, un’Annunciazione<br />

(vedi qui a lato)<br />

così realistica come quella<br />

che Lotto dipinge nel<br />

1532 e che è conservata<br />

oggi alla Pinacoteca Civica<br />

di Recanati. Nel dipinto<br />

la Vergine sembra correre<br />

incontro allo spettatore<br />

nel tentativo di scappare<br />

dall’arcangelo Gabriele.<br />

Un gatto corre per<br />

la stanza, spaventato, si<br />

direbbe, dall’arrivo di Dio.<br />

Sullo sfondo una cuffia da<br />

notte e una camiciola appese<br />

simboleggiano la<br />

quotidianità di Maria. Questa<br />

scelta compositiva è<br />

davvero un’eccezione tra<br />

le pitture che trattano lo<br />

stesso tema sacro.<br />

47<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


TRA LE RIGHE<br />

DI STEFANO VASTANO<br />

Lapo<br />

ELKANN<br />

LUOGO E DATA DI NASCITA: New York, 7 ottobre 1977. STATO CIVILE: attualmente single, ma chissà per quanto! Difficile stilare un<br />

elenco preciso delle fiamme di Lapo. Tra le più note ci sono l’attrice Martina Stella, la modella Bianca Brandolini d'Adda, la conduttrice<br />

televisiva di origine cinese Zhu Zhu e la miliardaria del Kazakhstan Goga Ashkenazi. SEGNI PARTICOLARI: imprenditore, consulente della<br />

Ferrari, designer ipercreativo. Oltre ai vestiti eccentrici e alla “erre” moscia, Lapo ha il vizio di parcheggiare le Ferrari sui binari del tram...<br />

48<br />

Er war der Lieblingsenkel des Fiat-<br />

Patriarchen Gianni Agnelli und gilt<br />

als heimlicher Star des Agnelli-Clans.<br />

Sein kreativer und unkonventioneller<br />

Geist lässt vieles für die Zukunft erwarten.<br />

VOGLIAMO PRESENTARVI UN ITALIANO – ANCHE<br />

SE NATO A NEW YORK – CHE STA SCRIVENDO LA<br />

STORIA D’ITALIA DEL XXI SECOLO. Certo, quando si<br />

parla di un signore molto eccentrico come il giovane Elkann,<br />

l’importante è capire in che modo stia riscrivendo la<br />

nostra storia. Se ti chiami così, Lapo Elkann, e sei nipote di<br />

Gianni Agnelli, cioè dell’Avvocato che per decenni ha guidato<br />

la Fiat, è chiaro che la tua vita è di pubblico interesse.<br />

Quella di Lapo comincia presto ad attirare l’attenzione<br />

dei media. Non solo perché il patriarca della Fiat adorava<br />

questo biondino dagli occhi vispi, ma anche perché<br />

lui, Lapo, si rivela subito un genio della comunicazione.<br />

Oltre all’italiano e all’inglese, padroneggia francese, spagnolo<br />

e portoghese. Dopo il servizio militare negli Alpini,<br />

il periodo in tuta blu alla Piaggio (una prassi per i rampolli<br />

Agnelli) e la laurea in Economia a Londra, eccolo per<br />

quattro anni farsi le ossa nell’Ufficio comunicazione della<br />

Maserati. Poi, nel 2001, apprende l’arte della politica da<br />

un amico del nonno, quella volpe di Henry Kissinger. Sì,<br />

anche a causa del successo di Lapo con le donne, suo nonno<br />

(un incastigabile dongiovanni, ai suoi tempi) aveva un<br />

debole per lui. Quando, però, nel 2003 Agnelli muore, è<br />

suo fratello John (detto Jaki) ad andare alla guida della<br />

Fiat. A Lapo resta da fare quello che gli viene meglio, la<br />

cura del marchio della casa automobilistica di Torino.<br />

La Fiat, nel XXI secolo, ha molti problemi: le Alfa Romeo<br />

e certe Lancia (gli altri due marchi del gruppo di<br />

Torino) attirano ancora i più giovani, ma le utilitarie Fiat<br />

non tanto. Per questo Lapo, che nel 2004 è responsabile<br />

della promozione per le tre marche, ne inventa di tutti i<br />

colori per rilanciare le quattro ruote made in Italy. Per<br />

esempio quelle felpe rosse, con la scritta “Fiat“ in blu al<br />

centro, che lui stesso indossa. Anche se poi, in realtà, sono<br />

le sue marachelle e le sue avventure – famosa quella<br />

con l’attrice Martina Stella – a rilanciare il mito degli<br />

Agnelli e, sui giornali, per via indiretta, le quattro lettere<br />

della Fiat. Lo si è visto anche l’11 ottobre 2005, la giornata<br />

più brutta nella vita di Lapo, quando fu trasportato all’ospedale<br />

di Torino con un cocktail di stupefacenti in<br />

corpo, dopo una serata in compagnia di quattro transessuali<br />

in un abitazione privata. Uno shock e un pugno allo<br />

stomaco per la famiglia Agnelli, l’amministrazione, i<br />

dipendenti Fiat e gli italiani!<br />

Dopo un periodo trascorso in una villa di famiglia in<br />

Florida e nelle cliniche americane (in cui si è disintossicato),<br />

stilare aufstellen<br />

la fiamma Herzdame<br />

l’imprenditore<br />

m. Unternehmer<br />

la erre moscia Gaumen-R<br />

il vizio schlechte<br />

Angewohnheit,<br />

Laster<br />

il secolo Jahrhundert<br />

il/la nipote Enkel<br />

l’Avvocato: Spitzname von Gianni<br />

Agnelli<br />

il decennio Jahrzehnt<br />

i media pl. Medien<br />

adorare vergöttern<br />

vispo lebhaft<br />

rivelarsi sich erweisen<br />

padroneggiare beherrschen<br />

la tuta blu Blaumann<br />

il rampollo Sprössling<br />

la laurea Uni-Abschluss<br />

farsi le ossa sich die Hörner<br />

abstoßen<br />

incastigabile<br />

il debole<br />

la guida<br />

l’utilitaria<br />

inventarne di<br />

tutti i colori<br />

rilanciare<br />

la felpa<br />

la marachella<br />

l’avventura<br />

lo stupefacente<br />

l’abitazione f.<br />

il pugno<br />

l’amministrazione<br />

f.<br />

il/la dipendente<br />

disintossicarsi<br />

eingefleischt<br />

Schwäche<br />

Leitung<br />

Kleinwagen<br />

sich alles<br />

Mögliche<br />

ausdenken<br />

hier: wieder<br />

nach vorne<br />

bringen<br />

Sweatshirt<br />

Streich<br />

Abenteuer<br />

Rauschgift<br />

Wohnung<br />

hier: Schlag<br />

Leitung<br />

Mitarbeiter,<br />

-in<br />

Entziehungskur<br />

machen<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


, 8 maggio 2013<br />

Lapo Elkann:<br />

“Juve, uno scudetto<br />

del gruppo”<br />

lo scudetto: Meistertitel il gruppo: hier: Mannschaft<br />

L’articolo…<br />

Lapo Elkann, nato nel<br />

1977, è nipote di Gianni<br />

FACILE E IN BREVE<br />

Lapo Elkann, 36 anni a ottobre,<br />

nipote di Gianni Agnelli.<br />

Agnelli, l’imprenditore che era alla guida dell’azienda Fiat,<br />

che ha segnato la storia dell’Italia. Lapo ha eccezionali<br />

doti di comunicatore e, dopo la morte del nonno, nel 2003,<br />

cura il marchio della casa automobilistica. Il suo obiettivo<br />

è di rilanciare le quattro ruote made in Italy, anche attraverso<br />

una linea di vestiario che lui stesso indossa. Personaggio<br />

eccentrico, Lapo si fa spesso notare dai media.<br />

L’11 ottobre 2005 viene portato all’ospedale di Torino<br />

per un cocktail di stupefacenti,<br />

il/la nipote<br />

l’imprenditore<br />

Enkel<br />

dopo una serata<br />

in compagnia di quattro<br />

m. Unternehmer transessuali. L’evento è<br />

la guida Leitung<br />

uno shock per la famiglia<br />

l’azienda Firma<br />

la dote Gabe<br />

Agnelli, ma Lapo non si<br />

l’obiettivo Ziel<br />

lascia abbattere e, dopo<br />

la linea<br />

di vestiario<br />

Mode-<br />

kollektion<br />

la disintossicazione,<br />

torna al lavoro con più<br />

lo stupefacente Rauschgift<br />

energia di prima. Esempio<br />

di stile ed eleganza,<br />

l’evento Ereignis,<br />

hier: Vorfall<br />

abbattere entmutigen ha la passione della<br />

la disintossicazione<br />

il calcio<br />

Entzug<br />

Fußball<br />

moda e del calcio. Di<br />

recente ha scritto il libro<br />

Le regole del mio stile.<br />

Lapo è tornato in Italia più pimpante che mai. Non è tipo<br />

di darsi per vinto, lui: suoi sono gli occhiali, presentati a<br />

Pitti Uomo del 2007, in leggera fibra di carbonio e firmati<br />

dalla I-I. È sua la ditta di moda che, nel frattempo, ha<br />

sfornato skateboard, orologi, biciclette, di tutto! Non è<br />

l’unica azienda fondata dal vulcanico Lapo (uno che si<br />

, 15 maggio 2013<br />

“Lapo Elkann vale<br />

70 milioni di euro”<br />

È quanto vale sul mercato il marchio di<br />

Lifestyle Italia Independent.<br />

fa riprendere in diretta<br />

mentre snocciola, con altri<br />

designer, nuove idee). Di<br />

pimpante<br />

darsi per vinto<br />

aufgedreht<br />

sich geschlagen<br />

geben<br />

la fibra Kohlenstoffdi<br />

carbonio faser, Carbon-<br />

energie – è “ambasciatore”<br />

della Triennale di Milano e<br />

faser<br />

dell’ospedale Tel HaShomer<br />

firmato da unter dem<br />

di Tel Aviv – ne ha da<br />

vendere. Anche se il suo sfornare<br />

Label von<br />

herausbringen<br />

fondato gegründet<br />

pallino, accanto al calcio, è<br />

farsi riprendere sich live<br />

la moda. Tutti gli Agnelli in diretta filmen lassen<br />

sono per la Juventus, “la snocciolare herumerzählen<br />

Signora di Torino”. Lapo è<br />

uno che, senza peli sulla<br />

l’ambasciatore<br />

m. Botschafter<br />

la Triennale di Milano: Mailänder<br />

lingua, rivela: “Tifo per la<br />

Design-Museum<br />

Juve, ma ho simpatia per il<br />

il pallino Steckenpferd<br />

Napoli”. È fatto così: diverso<br />

il calcio Fußball<br />

e trasversale, anche nel<br />

vestire. Facile trovarlo in<br />

senza (avere)<br />

peli sulla lingua<br />

kein Blatt vor<br />

den Mund<br />

nehmen<br />

giro con un cappellino rosa<br />

fucsia e la fascia verde<br />

tifare Fan sein<br />

il doppiopetto Zweireiher<br />

mela, o in doppiopetto petrolio,<br />

odiare hassen<br />

cravattina celeste su<br />

pantaloni crema e sneakers<br />

dare fastidio nerven, stören<br />

Adidas. Non è un dandy, Lapo, né uno che ama la<br />

provocazione. Nel suo libro uscito da poco – Le regole del<br />

mio stile – rivela di odiare la parola dandy e dice: “La provocazione<br />

stupida mi dà fastidio”. Di sicuro ha il suo stile,<br />

Lapo, e un suo gusto. Non capita a tutti gli uomini italiani<br />

di essere incoronati da Vanity Fair “Best dressed Men”. A<br />

Lapo Elkann è accaduto quattro volte, e non è poco.<br />

Stefano Vastano: Deutschlandkorrespondent der<br />

Wochenzeitschrift l’Espresso, kommentiert aktuelle<br />

Themen aus der italienischen Presse.<br />

49<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


In senso orario: Parallel Paradox di<br />

Sislej Xhafa (padiglione Italia); Bang<br />

di Ai Weiwei, ospite del padiglione<br />

tedesco; Ideologia e Natura di Fabio<br />

Mauri (padiglione Italia).<br />

50<br />

Erleben Sie die Lagunenstadt als<br />

Wunderkammer und werden Sie<br />

eins mit dem Strom der Bilder,<br />

Klänge, Illusionen und Eindrücke,<br />

der Sie auf eine Reise durch das<br />

weltgrößte Kunstevent entführt.<br />

VENEZIA, PIAZZALE ROMA. IL VAPORETTO PER<br />

L’ARSENALE ARRIVA PUNTUALE E NON È NEAN-<br />

CHE TROPPO AFFOLLATO. Sono le nove del mattino.<br />

Il tragitto in vaporetto mi piace. Per quanto possibile, cerco<br />

di restare all’aperto per godermi la magnificenza di Venezia<br />

che mi scorre davanti agli occhi, lungo il Canale della<br />

Giudecca. Non resisto alla tentazione di qualche scatto.<br />

Non importa se le stesse fotografie le ho fatte almeno altre<br />

mille volte; non importa come vengono. A Venezia,<br />

ogni momento è solenne e merita di essere immortalato.<br />

Sbarco all’Arsenale. Mi avvio verso l’ingresso. Sono pronto<br />

a immergermi corpo e anima nell’arte contemporanea…<br />

Ma prima, ci vuole un caffè.<br />

Visitare la Biennale d’Arte di Venezia è sempre un’emozione<br />

grande. Lo è a prescindere. A prescindere dalle<br />

proprie aspettative e da quanto ci si intenda d’arte conaffollato<br />

il tragitto<br />

la magnificenza<br />

la tentazione<br />

lo scatto<br />

non importa<br />

solenne<br />

meritare<br />

überfüllt<br />

Überfahrt<br />

Pracht<br />

Versuchung<br />

Foto<br />

es ist nicht<br />

wichtig<br />

feierlich, ernst<br />

lohnen<br />

Testo e foto: Salvatore Viola<br />

immortalare<br />

sbarcare<br />

avviarsi<br />

immergersi<br />

contemporaneo<br />

a prescindere<br />

l’aspettativa<br />

verewigen<br />

an Land gehen<br />

sich auf den<br />

Weg machen<br />

eintauchen<br />

zeitgenössisch<br />

hier: unabhängig<br />

von allem<br />

anderen<br />

Erwartung<br />

Tutto il mondo<br />

a Venezia


© Huber/Sime<br />

FINE SETTIMANA<br />

Qui: Palazzo Cavalli Franchetti con le cupole<br />

di Santa Maria della Salute sullo sfondo.<br />

Sotto: bambini “giocano” con l’installazione<br />

Untitled (My gold is yours) di Pietro Golia.<br />

temporanea; a prescindere dalla consapevolezza che, per<br />

tre giorni almeno, non farai altro che muoverti da uno<br />

spazio espositivo all’altro, sempre con l’idea di esserti perso<br />

qualcosa o, più semplicemente, di esserti perso. Un po’<br />

come quando si gira senza meta per le strette calli di questa<br />

città da favola.<br />

“L’idea è quella di trovare se stessi attraverso le immagini…<br />

individui in cerca del loro posto nel mondo”,<br />

dice il giovane curatore della Biennale, Massimiliano Gioni,<br />

alla conferenza stampa di presentazione. Insomma, è<br />

un perdersi per poi ritrovarsi, perché l’arte dopotutto, parola<br />

di Gioni, non è che uno strumento di connessione,<br />

qualcosa che, grazie all’immagine, è in grado di riunire e<br />

mettere in contatto persone, storie, culture, in una parola<br />

“mondi”. E il mondo, tutto il mondo, sembra ritrovarsi<br />

qui a Venezia, una città che ogni due anni si trasforma<br />

nella capitale mondiale<br />

dell’arte contemporanea.<br />

“Mondo” è la parola<br />

chiave di questa<br />

Biennale, intitolata Il<br />

Palazzo enciclopedico.<br />

Un titolo suggestivo,<br />

ispirato all’utopia di<br />

la calle<br />

Schlüsselwort<br />

l’artista m./f.<br />

depositare<br />

l’ufficio brevetti<br />

statunitense<br />

il progetto<br />

ospitare<br />

l’edificio<br />

far invidia<br />

il piano<br />

alto<br />

l’isolato<br />

incompiuto<br />

attraversare<br />

accomunare<br />

lo scienziato<br />

la consapevolezza<br />

perdersi<br />

Bewusstsein<br />

verpassen,<br />

sich verirren<br />

venezianische<br />

Gasse<br />

märchenhaft<br />

Bild<br />

Presse-<br />

konferenz<br />

also<br />

letztendlich<br />

Verbindung<br />

verbinden<br />

da favola<br />

l’immagine f.<br />

la conferenza<br />

stampa<br />

insomma<br />

dopotutto<br />

la connessione<br />

riunire<br />

la parola<br />

chiave<br />

Künstler, -in<br />

anmelden<br />

Patentamt<br />

US-amerikanisch<br />

Entwurf<br />

beherbergen<br />

Gebäude<br />

Neid erregen<br />

Geschoss<br />

hoch<br />

Häuserblock<br />

unvollendet<br />

durchqueren<br />

verbinden<br />

Wissenschaftler<br />

Marino Auriti, un artista italo-americano che nel 1955 depositò<br />

presso l’ufficio brevetti statunitense il progetto del<br />

suo Palazzo enciclopedico, un museo che avrebbe dovuto<br />

ospitare tutto il sapere dell’umanità in un edificio da<br />

far invidia alla biblica Torre di Babele. “Doveva essere un<br />

palazzo di 136 piani, alto 700 metri, e avrebbe dovuto occupare<br />

più di 16 isolati della città di Washington”, racconta<br />

Gioni. “L’impresa rimase incompiuta, ma il sogno<br />

di una conoscenza universale e totalizzante attraversa la<br />

storia dell’arte e dell’umanità e accomuna personaggi eccentrici<br />

come Auriti a molti artisti, scrittori, scienziati e<br />

profeti”. Il “mondo” risuona anche nelle parole di Paolo<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


Qui accanto e sotto:<br />

Working Table di Mark<br />

Manders (padiglione<br />

Olanda); Danaë di Vadim<br />

Zakharov (padiglione<br />

Russia). A destra: la<br />

pittoresca Calle Delfina,<br />

una traversa di Via<br />

Garibaldi, nei pressi<br />

dell’Arsenale.<br />

Baratta, il presidente della Biennale. Il suo sogno è portare<br />

il mondo intero in un unico luogo e l’arte è lo strumento<br />

ideale, con la sua capacità di farsi linguaggio e di<br />

tradurre il mondo in immagini. Spetta a noi il compito,<br />

non sempre semplice, di tradurre quelle immagini nel nostro<br />

mondo. Certo, in questo gioco di traduzioni si rischia<br />

di perdere di vista il significato, ma è davvero così importante?<br />

Non è forse meglio abbandonarsi all’onda di<br />

immagini, suggestioni, illusioni, suoni e attraversare i pala<br />

capacità<br />

farsi<br />

linguaggio<br />

spetta a qcn.<br />

Fähigkeit<br />

hier: eine<br />

Sprache finden<br />

es ist jds.<br />

Sache<br />

Aufgabe<br />

aus den<br />

Augen verlieren<br />

Bedeutung<br />

sich hingeben<br />

Pavillon<br />

phantasma-<br />

gorisch, bizarr<br />

in die Praxis<br />

umsetzen<br />

verzichten<br />

Herrenfriseur<br />

il compito<br />

perdere<br />

di vista<br />

il significato<br />

abbandonarsi<br />

il padiglione<br />

fantasmagorico<br />

mettere<br />

in pratica<br />

rinunciare<br />

il barbiere<br />

indossare<br />

l’imbragatura<br />

arrampicarsi<br />

spuntare<br />

armato di<br />

la pietra<br />

scagliarsi<br />

venato<br />

distruggere<br />

a disposizione<br />

sorretto<br />

l’aria<br />

incomprensibile<br />

la voglia<br />

l’opera<br />

l’impatto<br />

anlegen<br />

Sicherheitsgurt<br />

klettern<br />

hier: schneiden<br />

bewaffnet mit<br />

Stein<br />

sich stürzen<br />

gemasert<br />

zerstören<br />

zur Verfügung<br />

gestützt<br />

hier: Miene<br />

unverständlich<br />

Lust<br />

Werk<br />

Wirkung<br />

diglioni semplicemente guidati dai sensi, in un viaggio<br />

fantastico e fantasmagorico?<br />

Comincio dal padiglione Italia, dove metto subito in<br />

pratica la mia decisione di rinunciare all’interpretazione.<br />

Infatti, di fronte al barbiere sull’albero di Parallel Paradox,<br />

dell’artista kosovaro Sislej Xhafa, non ci si domanda:<br />

“Cosa vorrà esprimere l’autore con questa performance?”<br />

Si indossa l’imbragatura, ci si arrampica sull’albero<br />

e ci si lascia spuntare i capelli. Come me, sembra aver rinunciato<br />

a ogni tentativo di interpretazione anche il<br />

bambino che, armato di una grossa pietra, si scaglia contro<br />

l’opera di Pietro Golia, un cubo di cemento alto 2 metri<br />

e 50 e venato di oro puro. Il bambino non vuole distruggere,<br />

semplicemente gioca... e l’opera d’arte è a sua<br />

completa disposizione. A me basta, come spiegazione,<br />

non ho bisogno di chiedermi altro su un’opera che si intitola<br />

Untitled (My gold is yours). Proseguo. Mi aggiro tra<br />

tavoli sorretti da ragazzi dalla faccia pulita e dall’aria di<br />

chi sembra chiedersi: “Ma che ci sto a fare io qui?” L’opera,<br />

a metà tra installazione e performance, mi è del tutto<br />

incomprensibile, posso solo camminarci in mezzo e il<br />

titolo non mi aiuta: La voglia matta. Voglia matta di che?<br />

Me lo domando, ma lo domando anche a Marcello Maloberti,<br />

l’autore: “Mah, mi piaceva un po’ il contrasto tra<br />

questo titolo così energetico e quest’opera dall’impatto<br />

55 a ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D’ARTE<br />

A Venezia, fino al 24 Novembre 2013.<br />

Trovate tutte le informazioni sul sito: www.labiennale.org<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


FINE SETTIMANA<br />

Perdersi per<br />

poi ritrovarsi<br />

attraverso le<br />

immagini…<br />

un po’ ieratico, scultoreo. Sembra un po’ un carnevale<br />

grottesco…” E i meloni? “È un oggetto che mi dà gioia…”.<br />

Ecco, la gioia è l’unica cosa che capisco. Il melone dà gioia.<br />

Continuo il mio giro e mi imbatto in una ragazza in<br />

divisa fascista che si spoglia con una lentezza estenuante<br />

(Ideologia e Natura di Fabio Mauri), poi in una cupola di<br />

metallo e vetro che si intitola La Cupola, in un microfono<br />

sospeso di fronte a un’enorme lamina di ferro sanguinante<br />

e in una bara rivestita<br />

di schedine del gioco del<br />

Lotto. E il padiglione Italia<br />

non è che l’inizio. L’Arsenale<br />

è una sorpresa continua.<br />

Un gruppo di giovani<br />

fa ginnastica sotto il solleone<br />

nel padiglione della<br />

Georgia; un cinese vestito<br />

da minatore si fa fotografare<br />

accanto a una gigantesca<br />

statua di donna, un altro si<br />

fa fotografare… da me. Cose<br />

da vedere e da annusare,<br />

come il Campo de color<br />

della boliviana Sonia Falcone. Attraverso spazi affollati di<br />

sculture, quadri, fotografie, in una fantasmagoria che<br />

sembra non avere fine. Dentro. Fuori.<br />

Anche ai Giardini, l’altro grande spazio espositivo<br />

della Biennale, la musica non cambia. Anche qui cose da<br />

vedere, da sentire, da toccare. Le sedie di Ai Weiwei al<br />

padiglione tedesco, la pioggia di monete al padiglione<br />

russo, il buio angosciante del padiglione greco. Persino<br />

ieratico<br />

scultoreo<br />

la gioia<br />

la divisa<br />

estenuante<br />

la lamina<br />

di ferro<br />

la bara<br />

la schedina<br />

la sorpresa<br />

il solleone<br />

il minatore<br />

annusare<br />

il quadro<br />

toccare<br />

streng, feierlich<br />

statuarisch<br />

Freude<br />

Uniform<br />

zermürbend<br />

Geldmünzen-<br />

regen<br />

Dunkelheit<br />

beängstigend<br />

Halluzination,<br />

hier: Fantasie<br />

hier: bei<br />

mit Kohlensäure<br />

beschäftigt mit<br />

gefüllt<br />

in der Wiese<br />

liegend<br />

eine Art von<br />

Bildschirm<br />

überraschen<br />

la pioggia<br />

di monete<br />

il buio<br />

angosciante<br />

l’allucinazione<br />

f.<br />

impegnato in<br />

gassato<br />

alle prese con<br />

farcito<br />

sdraiato<br />

nel prato<br />

una sorta di<br />

il visore<br />

stupire<br />

Eisenklinge<br />

Sarg, Bahre<br />

hier: Lottoschein<br />

Überraschung<br />

Sommerhitze<br />

Bergmann<br />

hier: spüren<br />

Gemälde, Bild<br />

berühren<br />

il bar dove mi siedo a mangiare un tramezzino sembra<br />

uscito dall’allucinazione di un artista. Una modella asiatica<br />

impegnata in un photoshooting, artisti del padiglione<br />

delle Maldive (sì, tra gli 88 paesi ospiti ci sono anche le<br />

isole Maldive!) che bevono acqua gassata, giornalisti<br />

olandesi alle prese con una focaccia un po’ troppo farcita,<br />

un americano con una grossa macchina fotografica in<br />

mano. Mi guardo intorno e mi dico: forse anche questa<br />

è arte, essere qui è arte! E quella donna sdraiata nel prato?<br />

No, non è un’installazione. È solo una collega molto<br />

stanca. Anch’io sono<br />

stanco. Mi siedo su<br />

una panchina. Un<br />

uomo con una sorta<br />

di antenna parabolica<br />

sulla testa e una<br />

specie di visore nero<br />

sugli occhi si ferma<br />

davanti a me. Mi fotografa.<br />

Non so perché,<br />

ma la cosa non<br />

mi stupisce…<br />

Da sopra: modella asiatica durante un photoshooting alla<br />

caffetteria dei Giardini; performer cinese in posa accanto a<br />

un’installazione di Charles Ray; La voglia matta di Marcello<br />

Maloberti (padiglione Italia).<br />

53<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


BOTTA E RISPOSTA<br />

DI MARINA COLLACI<br />

“NON SONO DI COLORE, SONO<br />

NERA”, HA DICHIARATO IL NUO-<br />

VO MINISTRO PER L’INTEGRA-<br />

ZIONE, CÉCILE KYENGE (VEDI<br />

<strong>ADESSO</strong> 07/13, PAG. 67), ALLA SUA<br />

PRIMA CONFERENZA STAMPA,<br />

SOSTENENDO CHE “BISOGNA<br />

IMPARARE A USARE LE PAROLE<br />

GIUSTE!” Le fa eco un piccolo breviario<br />

per i giornalisti dal titolo Parlare<br />

civile, a cura della casa editrice Il<br />

Redattore Sociale, che dimostra come<br />

un uso sbagliato delle parole abbia<br />

causato danni culturali al paese. Definire<br />

vù cumprà ogni ragazzo africano;<br />

squillo ragazze dotate di cuore e<br />

cervello, ma che amano apparire; zingara<br />

una persona che non ha scelto di<br />

essere povera, oltre a essere offensivo,<br />

esprime ignoranza. Le parole possono<br />

essere ponti, ma anche muri.<br />

C’è però anche chi afferma che un<br />

linguaggio politicamente corretto<br />

può essere molto ipocrita.<br />

la conferenza<br />

stampa<br />

fare eco a qcn.<br />

il breviario<br />

sbagliato<br />

il danno<br />

il vù cumprà<br />

la (ragazza)<br />

squillo<br />

apparire<br />

la zingara<br />

offensivo<br />

ipocrita<br />

Pressekonferenz<br />

jdm. zustimmen<br />

Leitfaden<br />

falsch<br />

Schaden<br />

Straßenhändler,<br />

Verballhornung von<br />

„vuoi comprare“<br />

Callgirl<br />

hier: auffallen<br />

Zigeunerin<br />

beleidigend<br />

scheinheilig<br />

L’importanza delle parole<br />

Wie politisch korrekt muss Sprache sein? Der respektvolle Umgang miteinander<br />

sollte jedenfalls im Mittelpunkt stehen.<br />

54<br />

I termini che usiamo per definire<br />

le categorie di persone<br />

possono influire sulla nostra<br />

cultura?<br />

Sì, se in passato sono stati usati<br />

in maniera dispregiativa. Cambiarli<br />

significa cambiare il modo<br />

di pensare della nuova<br />

generazione.<br />

Molte donne tengono ad appellativi<br />

maschili come ministro,<br />

avvocato, professore. Perché?<br />

Erano lavori esclusivamente<br />

maschili e, dopo il ’68, le donne<br />

hanno voluto dimostrare di<br />

essere capaci di saper fare quei<br />

mestieri e non di essere donne.<br />

Le capita di definire una persona con un aggettivo, trasformandolo<br />

in sostantivo (ad esempio il disabile, il nero)?<br />

Forse, ma senza malizia. Anche amante non è più un participio<br />

passato ormai, ma un sostantivo.<br />

Collaboratrice domestica è<br />

dispregiativo<br />

tenere a qc.<br />

l’avvocato<br />

essere<br />

capace di qc.<br />

il mestiere<br />

il disabile<br />

la malizia<br />

la collaboratrice<br />

domestica<br />

la donna<br />

di servizio<br />

il bidello<br />

abfällig<br />

auf etw.<br />

Wert legen<br />

Rechtsanwalt<br />

zu etw. fähig<br />

sein<br />

Beruf<br />

Behinderter<br />

Boshaftigkeit<br />

Haushaltskraft<br />

Putzfrau<br />

Schulhausmeister<br />

Sara Furia, di Lucca, 45 anni, libraia [Buchhändlerin]<br />

(a sinistra) e Mario Ariu, di Gonnosfanadiga (Cagliari),<br />

63 anni, artigiano [Handwerker].<br />

più rispettoso di donna di<br />

servizio?<br />

Ora anche il bidello si chiama<br />

non docente! Un assurdo,<br />

perché siamo tutti non docenti.<br />

Ma educare al rispetto<br />

degli altri è pur sempre una<br />

cosa positiva!<br />

<strong>ADESSO</strong>plus<br />

Di colore, nero o negro?<br />

Nella Grammatica trovi un esercizio<br />

sull’uso della parola negro.<br />

Le capita di definire una<br />

persona con un aggettivo,<br />

trasformandolo in sostantivo<br />

(ad esempio il disabile,<br />

il nero)?<br />

No, io parlo sempre di<br />

persone, non definisco<br />

un essere umano attraverso<br />

una sua caratteristica,<br />

dico “il signore con<br />

l’handicap”…<br />

Collaboratrice domestica<br />

è più rispettoso di<br />

donna di servizio?<br />

Sì! Attribuire certi nomi<br />

ha svalutato tanti mestieri.<br />

Chi ha voglia di fare<br />

lo spazzino? Invece il<br />

termine operatore ecologico<br />

incute rispetto.<br />

I termini che usiamo per definire<br />

le categorie di persone<br />

possono influire sulla nostra<br />

cultura?<br />

Il problema sono i contenuti più<br />

che la forma.<br />

Molte donne tengono ad appellativi<br />

maschili come ministro,<br />

avvocato, professore. Perché?<br />

Perché ministra è sbagliato! Notaia<br />

non esiste. Non siamo abituati<br />

al suono della parola al<br />

femminile.<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

In Voci d’Italia trovi la mini-inchiesta<br />

sul tema: Che cosa<br />

pensate del linguaggio politicamente<br />

corretto?<br />

il contenuto<br />

tenere a qc.<br />

il suono<br />

il disabile<br />

la caratteristica<br />

la collaboratrice<br />

domestica<br />

la donna<br />

di servizio<br />

svalutare<br />

lo spazzino<br />

incutere<br />

rispetto<br />

Inhalt<br />

auf etw.<br />

Wert legen<br />

Klang<br />

Behinderter<br />

Merkmal<br />

Haushaltskraft<br />

Putzfrau<br />

abwerten<br />

Straßenkehrer<br />

Respekt<br />

einflößen<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


Jeden<br />

Monat<br />

im Heft<br />

Italienisch<br />

leicht gemacht<br />

für Italien-<br />

Liebhaber<br />

SOLUZIONE LUCILLA INDAGA (DA PAG. 39): L’uomo di cui Lucilla sospetta [sospettare di qcn: jdn. verdächtigen] non era alla conferenza.<br />

Infatti, nella sua fotografia, Lara è sola e sul tavolino accanto a lei, non ci sono il cestello [hier: Flaschenkühler ] con lo champagne e i bicchieri (vedi<br />

vignetta 2 ), che un cameriere ha portato via alla fine della conferenza (vedi vignetta 3 ). Probabilmente l’uomo ha finto [fingere: vortäuschen] di essere<br />

un giornalista in ritardo e, con questa scusa, si è introdotto nella camera della cantante, le ha scattato una foto per crearsi un alibi e poi l’ha aggredita<br />

[aggredire: angreifen].


CINEMA<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


CINEMA<br />

L’ITALIANISSIMO<br />

ALBERTO SORDI<br />

Mit Gespür für die italienische Seele und der ihm eigenen<br />

Komik verkörperte Alberto Sordi den Italiener – vielmehr den<br />

Römer – par excellence: schrullig, etwas feige und mit viel<br />

Großmut und Hang zum Tagträumen.<br />

Testo: Giusy Cinardi<br />

© C. Riccardi (2)<br />

DIECI ANNI FA, IL 24 FEBBRAIO 2003, MORIVA A<br />

ROMA ALBERTO SORDI. Ai funerali, più di 500.000 persone<br />

vollero dare l’estremo saluto all’attore e regista, forse<br />

il più amato in Italia di tutti i tempi. Una folla composta<br />

non solo di abitanti della città di Roma – dove Sordi è<br />

nato, è sempre vissuto e dove è stata girata la maggior parte<br />

dei suoi film – ma di ammiratori da tutta Italia.<br />

Lo straordinario amore degli italiani per il Sordi attore<br />

lo spiega un altro grande italiano, Pier Paolo Pasolini,<br />

e lo fa a modo suo: “La bontà, ecco quello che manca totalmente<br />

a Sordi. Charlot ha fatto ridere tutto il mondo<br />

perché era buono; Stan Laurel e Oliver Hardy hanno fatto<br />

ridere tutto il mondo<br />

i funerali pl. Beerdigung perché erano buoni; Tati fa<br />

dare l’estremo letzte Ehre<br />

ridere tutto il mondo perché<br />

è buono. Alla comicità<br />

saluto erweisen<br />

l’attore m. Schauspieler<br />

il/la regista Regisseur, -in di Alberto Sordi ridiamo<br />

la folla Menge<br />

girare drehen solo noi: perché solo noi<br />

la bontà Gutmütigkeit conosciamo il nostro pollo“.<br />

Quel “pollo” sono gli<br />

Charlot Kurzform für<br />

Charlie Chaplin<br />

far ridere zum Lachen italiani e Alberto Sordi è<br />

bringen stato capace, forse come<br />

la comicità Komik<br />

conoscere seine nessun altro, di rappresentarci<br />

per quello che siamo e<br />

i propri polli Pappenheimer<br />

kennen<br />

essere capace fähig sein non per quello che avremmo<br />

sempre voluto essere,<br />

mettere<br />

in risalto hervorheben mettendo in risalto alcuni<br />

la contraddizione<br />

Widerspruch dei nostri lati peggiori. Le<br />

il vizio Laster contraddizioni, i vizi certo,<br />

VIZI E VIRTÙ<br />

DEGLI ITALIANI<br />

A destra: Alberto<br />

Sordi in compagnia di<br />

Vittorio De Sica<br />

(a sinistra), 1963.<br />

Sotto: le locandine dei<br />

film I vitelloni e<br />

Un americano a Roma.<br />

Nell’altra pagina:<br />

Alberto Sordi nei<br />

panni di Gastone,<br />

il protagonista<br />

dell’omonimo film<br />

ambientato negli anni<br />

Venti e diretto da<br />

Mario Bonnard.<br />

57


CINEMA<br />

58<br />

Alberto Sordi con<br />

l’attrice Sylva Koscina<br />

(a destra), alla prima<br />

del film Il vigile.<br />

Alberto Sordi<br />

e le donne<br />

Una sera dei primi anni<br />

Sessanta, poco dopo<br />

l’uscita nelle sale de La<br />

grande guerra, nella bellissima<br />

villa romana del produttore<br />

Dino De Laurentiis c’erano<br />

Sordi, Mario Monicelli,<br />

Silvana Mangano e altri.<br />

Dopo cena alcuni si misero a<br />

giocare a carte, tranne Sordi e<br />

Monicelli, che si ritrovarono a<br />

chiacchierare. Racconta Monicelli:<br />

“Parlando gli dissi che,<br />

visto quanto lavorava, doveva<br />

oramai aver messo da parte<br />

un bel po’ di soldi, almeno un<br />

miliardo, un miliardo e mezzo<br />

di lire. Lui mi rispose: “Sei<br />

matto! Molto, molto di più!”.<br />

“Ma come mai allora non ti<br />

sposi, non ti fai una famiglia?’<br />

E lui se ne uscì con questa<br />

frase, che poi è diventata famosa:<br />

“E che faccio, mi metto<br />

un’estranea in casa?!”.<br />

L’ITALIANO PER<br />

ECCELLENZA<br />

Sotto: Alberto Sordi ne<br />

L’arte di arrangiarsi<br />

(1954). Nell’altra<br />

pagina, dall’alto:<br />

lI marchese del Grillo;<br />

con Vittorio Gassman<br />

sul set de La Grande<br />

Guerra; una scena del<br />

film di e con Alberto<br />

Sordi In viaggio<br />

con papà, con Carlo<br />

Verdone.<br />

ma anche quella capacità<br />

tutta italiana di slanci<br />

estremi ed estremi sacrifici,<br />

come nello splendido La<br />

grande guerra, in cui i due<br />

protagonisti (l’altro è il celebre<br />

Vittorio Gassman)<br />

prima fanno di tutto per<br />

evitare di essere mandati al<br />

fronte, ma poi si riscattano<br />

nel finale con una morte<br />

eroica, in un film nel quale<br />

si intrecciano dramma,<br />

commedia ed episodi di<br />

assoluta comicità.<br />

Nato a Trastevere in un<br />

palazzo abitato da impiegati<br />

comunali; famiglia unita,<br />

madre maestra elementare,<br />

lo slancio Tatendrang<br />

il sacrificio Opfer<br />

La grande guerra: dt. Titel: Man<br />

nannte es den großen Krieg; vedi<br />

pag. 70<br />

il/la prota- Hauptgonista<br />

darsteller, -in<br />

evitare verhindern<br />

riscattarsi sich rehabilitieren<br />

intrecciarsi sich vermischen<br />

l’impiegato Gemeindecomunale<br />

angestellter<br />

la maestra Grundelementare<br />

schullehrerin<br />

per im weiteren<br />

estensione Sinne<br />

scarso mager<br />

I vitelloni: dt. Titel: Die Müßiggänger<br />

rendere noto bekannt<br />

machen<br />

l’estimatore m. Verehrer<br />

padre direttore d’orchestra e concertista al teatro dell’opera,<br />

Alberto Sordi incarna il romano e, per estensione, l’italiano<br />

per eccellenza. A questo si deve forse lo scarso successo<br />

all’estero. “È così italiano che all’estero non lo<br />

capiscono”, si diceva nel mondo del cinema di fronte all‘impossibilità<br />

di “esportarlo”. Eppure Sordi ha lavorato con i<br />

più grandi registi italiani, a cominciare da Federico Fellini<br />

in Lo sceicco bianco (1952) e nel memorabile I vitelloni (1953),<br />

i film che lo hanno reso noto al grande pubblico. Anche se Albertone<br />

– come lo chiamavano i suoi estimatori – era in realtà<br />

i primi anni<br />

(pl.) Sessanta<br />

l’uscita<br />

nelle sale<br />

chiacchierare<br />

matto<br />

come mai<br />

l’estranea<br />

frühe<br />

Sechziger<br />

Jahre<br />

Kinostart<br />

sich<br />

unterhalten<br />

verrückt<br />

warum<br />

Fremde<br />

Guarda uno spezzone del<br />

film Un americano a Roma<br />

www.adesso-online.de/sordi<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


CINEMA<br />

Ascolta una parte del<br />

nostro reportage dedicato<br />

al cinema italiano. www.<br />

adesso-online.de/cinema<br />

già famoso per aver doppiato<br />

Oliver Hardy nelle comiche di<br />

Stanlio e Ollio.<br />

Tra i grandi con cui Sordi ha<br />

lavorato, ci sono registi del calibro<br />

di De Sica, Steno, Monicelli,<br />

Risi, Comencini, Loy, per i quali<br />

ha recitato personaggi memorabili:<br />

dal Nando Meniconi di<br />

Un americano a Roma (1954) al<br />

Silvio Magnozzi di Una vita difficile<br />

(1961), dal cinico e avido<br />

dottor Guido Terzilli de Il medico<br />

della mutua (1968) al doppio<br />

ruolo del rozzo Gasperino e di<br />

Onofrio del Grillo nel film Il<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Questo mese il nostro<br />

Reportage è dedicato al cinema<br />

italiano.<br />

doppiare synchronisieren<br />

Stanlio e Ollio Dick & Doof<br />

memorabile denkwürdig<br />

avido gierig<br />

rozzo ungehobelt<br />

l’epitaffio Grabschrift<br />

la tomba Grab<br />

Sor (dial.): im römischen Dialekt<br />

für „signore“<br />

vile feig<br />

anzi vielmehr<br />

marchese del Grillo (1981), da cui è tratto l’epitaffio che si trova<br />

sulla tomba di Alberto Sordi: “Sor marchese, è l’ora”. Personaggi<br />

per lo più grotteschi, spesso vili, ma anche capaci di grandi<br />

gesti di generosità e coraggio e che, dal dopoguerra ai giorni nostri,<br />

hanno saputo rappresentare l’italiano medio, con le sue bassezze<br />

e la sua voglia di sognare a occhi aperti. Una carriera lunghissima,<br />

quella di Sordi, segnata da ben 166 film! Molti i premi:<br />

sette David di Donatello come miglior attore protagonista, un<br />

Orso d’Argento come miglior attore al Festival di Berlino del<br />

1972 per il film Detenuto in attesa di giudizio (1971) e il Leone d’Oro<br />

alla carriera ricevuto nel 1995 al Festival del Cinema di Venezia.<br />

Persino una via, anzi, un viale, porta il nome del grande attore<br />

romano: Viale Alberto Sordi, a Villa Borghese.<br />

59<br />

VIA NAZIONALE<br />

PIAZZA ESEDRA<br />

STAZIONE TERMINI<br />

COLLE OPPIO<br />

COLOSSEO<br />

CELIO<br />

Roma, un set a cielo aperto<br />

Molti dei film più famosi di Alberto Sordi attore e regista sono stati<br />

girati a Roma. Una piccola casa editrice romana, la Ponte Sisto, ha dedicato<br />

un libro a questi luoghi, che non sono più solo uno scenario: Alberto Sordi<br />

e Roma. Passeggiate sul set. Scritto da Roberto Carvelli, il volume è una<br />

sorta di guida alla città e alla sua storia, una raccolta di itinerari attraverso angoli<br />

anche molto noti, ma che grazie all’occhio cinematografico e popolare di<br />

Sordi acquistano un carattere tutto nuovo. Segnaliamo una di queste passeggiate,<br />

quella che parte dal Colosseo (dove vennero girate alcune scene<br />

de Lo scapolo e de Il marchese del Grillo), passa per il Colle Oppio (set del<br />

famoso Gastone) e per l’ospedale del Celio (indimenticabile ne La grande<br />

guerra), attraversa Via Nazionale (Io e Caterina), Piazza Esedra (Accadde al<br />

penitenziario) e finisce alla Stazione Termini (Ladro lui, ladra lei e Amore mio<br />

aiutami). Il libro raccoglie 21 itinerari, arricchiti<br />

a cielo unter freiem con foto e racconti da quegli stessi set cinematografici,<br />

21 modi nuovi di vedere la città.<br />

aperto Himmel<br />

a casa<br />

Vi segnaliamo anche il sito www.turismoroma.it/itinerari/itinerari-a-tema.<br />

Qui trove-<br />

editrice Verlag<br />

lo scenario Bühnenbild<br />

una sorta di eine Art rete gli itinerari “Roma e il cinema”, da seguire<br />

l’itinerario Route, Weg in maniera autonoma. Se il cinema italiano è<br />

acquistare erhalten la vostra passione, questo è un modo originale<br />

arricchito hier: ergänzt per visitare Roma.<br />

© C. Riccardi, ADNKronos (3)<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


Mehr Sprache können Sie<br />

nirgendwo shoppen.<br />

Die besten Sprachprodukte für Ihr Italienisch, ausgewählt und empfohlen<br />

von Ihrem SprachenShop-Team aus dem Spotlight Verlag.<br />

LANDESKUNDE<br />

SPRACHTRAINING<br />

DVD-TIPP<br />

FETTNÄPFCHENFÜHRER ITALIEN<br />

Italien ist viel komplexer als Dolce Vita,<br />

Pasta und Vino. Aber was sind eigentlich<br />

typische Eigenschaften der Italiener? In<br />

diesem Buch erfährt man alles Wichtige<br />

über Kultur und Leute. Die Studentin<br />

Franziska und ihr Vater Paul können nämlich<br />

über Fettnäpfchen ein Lied singen,<br />

als sie merken, dass die Italiener ganz anders<br />

ticken als die Deutschen. Lernen Sie<br />

jetzt mit Spaß Italien kennen.<br />

Buch mit 254 Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45532<br />

€ 9,95 (D)/€ 10,20 (A)<br />

ITALIENISCH AUF ZACK!<br />

Von den Sprachexperten von Hueber und<br />

Galileo, dem TV-Wissensmagazin. Was für<br />

den Sportler gilt, gilt auch für das Gehirn:<br />

Nur wer regelmäßig trainiert, ist wirklich<br />

auf Zack. Italienisch auf Zack! ist der ideale<br />

Trainingspartner, denn Sie trainieren<br />

gleichzeitig Ihre Sprachkenntnisse und<br />

Ihre allgemeine Merkfähigkeit. In über<br />

100 Übungen wird das Gedächtnistraining<br />

mit dem Sprachtraining verbunden.<br />

Buch mit 160 Seiten. Italienisch<br />

Niveau A1/A2. Artikel-Nr. 45525<br />

€ 9,99 (D)/€ 10,30 (A)<br />

DON CAMILLO & PEPPONE EDITION<br />

Kurz nach Ende des Zweiten Weltkrieges<br />

spielt sich in einem kleinen italienischen<br />

Dorf ein ebenso absurder wie witziger<br />

Machtkampf ab. Der kommunistische Bürgermeister<br />

Peppone versucht alles, um eine<br />

moskautreue Politik zu betreiben. Das aber<br />

ruft den nicht minder schlagkräftigen Pfarrer<br />

Don Camillo auf den Plan. In fünf Filmen<br />

können Sie die Hassliebe der beiden auf<br />

lustige Art und Weise hautnah miterleben.<br />

Fünf DVDs. Italienisch + Deutsch (UT: Deutsch)<br />

Artikel-Nr. 41109<br />

€ 34,99 (D)/€ 34,99 (A)<br />

COMIC<br />

LANDESKUNDE<br />

L‘ITALIANO CON I FUMETTI<br />

Diese Comics enthalten abwechslungsreiche und anregende<br />

Geschichten aus dem Lehrwerk domani und erzählen<br />

in einer Comic-Bildsprache. Lerner erwerben so<br />

narrative Kompetenz und trainieren Lesestrategien, die<br />

auch für das Erschließen von Bildinhalten, Filmen und<br />

verschiedenen Textsorten hilfreich sind.<br />

Die Geschichten sind in verschiedenen Niveaustufen erhältlich<br />

und sowohl für den Unterricht als auch für das<br />

selbstständige Lesen zu Hause geeignet.<br />

Roma 2050 d.C. - Niveau A1. Artikel-Nr. 45526<br />

Una storia italiana - Niveau A2. Artikel-Nr. 45528<br />

Habemus papam - Niveau B1. Artikel-Nr. 45527<br />

Italienisch. Jeweils € 9,99 (D)/€ 10,30 (A)<br />

ITALIEN FÜR ANFÄNGER<br />

Italien ...! Man denkt an Sonne, Strand,<br />

Pizza und Pasta. Aber da gibt es noch<br />

das andere Italien, das nur der kennt, der<br />

wirklich heimisch werden und längere<br />

Zeit in Bella Italia verbringen will.<br />

Bucht mit 297 Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45529. € 19,95 (D)/€ 20,60 (A)<br />

Bei uns finden Sie Lese- und Hörproben zu den ausgewählten Produkten. Für aktuelle Informationen und


Kompetent. Persönlich. Individuell.<br />

SPRACHSPIEL<br />

von den Machern<br />

von Spotlight!<br />

DVD-TIPP<br />

????? ZWEISPRACHIG<br />

ARE YOU JOKING?<br />

Das neue Spiel aus dem Spotlight Verlag,<br />

zusammengestellt von den Redakteuren<br />

von Spotlight! Englisch lernen wird mit<br />

diesem Spiel zum Witz. Spieler dürfen<br />

dabei Witze, Reime, Zungenbrecher und<br />

lustige Zitate zum Besten geben, gerne<br />

auch mimik- und gestenreich! Die Mitspieler<br />

hören genau zu und prüfen, ob sie<br />

ein Kärtchen mit einer im Text vorkommenden<br />

Vokabel besitzen.<br />

Englisches Sprachspiel. Niveau B1-C2<br />

Artikel-Nr. 18128<br />

€ 19,95 (D)/€ 19,95 (A)<br />

HABEMUS PAPAM -<br />

EIN PAPST BÜXT AUS<br />

Gott und die Welt haben ihn erkoren.<br />

Aber seine innere Stimme sagt ihm, dass<br />

sie sich irren. Kardinal Melville ist panisch.<br />

Man hat ihn zum Papst gewählt.<br />

Was soll er bloß tun? Er kann sich der<br />

Welt nicht zeigen und tut es auch nicht.<br />

Schon bald ist die ganze Welt in Sorge,<br />

während der Papst verzweifelt nach einer<br />

Lösung sucht: Er büxt aus!<br />

DVD auf Deutsch und Italienisch.<br />

Artikel-Nr. 41110<br />

€ 14,99 (D)/€ 14,99 (A)<br />

UN CASO D‘AMORE<br />

Un caso d‘amore ist eine spannende<br />

Kriminalgeschichte. Komissar Marelli ermittelt<br />

in einem Mord in einem kleinen<br />

Nest namens Castello. Wer hätte je damit<br />

gerechnet, dass dort so etwas grausames<br />

passieren könnte? Da Marelli von<br />

Rom in die kleine Provinz versetzt wurde<br />

und nun schwer mit dem ruhigen Leben<br />

zu kämpfen hat, ist hierbei gleich sein<br />

Jagdinstinkt geweckt.<br />

Buch mit 177 Seiten. Italienisch - Deutsch.<br />

Artikel-Nr. 45531<br />

€ 8,90 (D)/€ 9,10 (A)<br />

ITALIENS WEINE<br />

WIE BESTELLE ICH DIESE PRODUKTE?<br />

Einfach auf www.sprachenshop.de gehen.<br />

Nach Artikel-Nummer oder Produktnamen suchen.<br />

Bestellen.<br />

SLOW WINE 2013<br />

Mit unterhaltsamen Portraits werden<br />

Ihnen italienische Kellereien, Arten<br />

des Weinbaus sowie die besten Weine<br />

vorgestellt. Mit einer Karte können<br />

Sie alle Regionen genau erkunden.<br />

Gerne können Sie auch telefonisch, per E-Mail oder Post bestellen. Bei einer schriftlichen<br />

oder telefonischen Bestellung geben Sie bitte die Artikelnummer, die Menge<br />

sowie Ihre Anschrift an.<br />

E-Mail: bestellung@sprachenshop.de<br />

Telefon: +49 (0) 711 / 72 52-245<br />

Fax: +49 (0) 711 / 72 52-366<br />

Post: Postfach 81 06 80<br />

70523 Stuttgart<br />

Deutschland<br />

Buch mit 960Seiten. Deutsch<br />

Artikel-Nr. 45530. € 29,90 (D)/€ 30,70 (A)<br />

Sonderangebote bestellen Sie einfach unseren kostenlosen Newsletter. Alles auf www.sprachenshop.de


PRATICAMENTE PARLANDO<br />

TEMPO LIBERO<br />

Cultura in festa<br />

Zahlreiche Events in ganz Italien zeigen, dass Festival auch Literatur,<br />

Philosophie und Kultur bedeuten kann. Aber auch Straßenkünstler<br />

und kulinarische Genüsse kommen natürlich nicht zu kurz.<br />

Testo: Luca Vitali<br />

62<br />

unbeschwert<br />

Angebot<br />

Veranstaltung<br />

etw./jdm.<br />

gewidmet<br />

gelegen<br />

zig …<br />

Gelehrter<br />

unterschiedlich<br />

hier: roter<br />

Faden<br />

These<br />

Zugang<br />

Verbreitung<br />

Erzähler<br />

Essayist<br />

von Ruf<br />

Wissenschaftler<br />

herstellen<br />

Beziehung<br />

aufgeteilt auf<br />

Meister-<br />

Denker<br />

hier: Form<br />

aufgelockert<br />

Ausstellung<br />

sich rühmen<br />

spensierato<br />

la proposta<br />

l’edizione f.<br />

dedicato<br />

a qc./qcn.<br />

situato<br />

decine di …<br />

lo studioso<br />

disparato<br />

il filo<br />

conduttore<br />

l’assunto<br />

l’accesso<br />

la diffusione<br />

il narratore<br />

il saggista<br />

di fama<br />

lo scienziato<br />

instaurare<br />

il rapporto<br />

distribuito fra<br />

magistrale<br />

il pensatore<br />

la declinazione<br />

intervallato<br />

la mostra<br />

vantarsi<br />

l’arte (f.)<br />

di strada<br />

la giocoleria<br />

la presenza<br />

la folla<br />

Straßenkunst<br />

Jonglieren<br />

hier: Besucher<br />

Menschenmenge<br />

FESTIVAL NON VUOL DIRE SOLO MUSICA E DI-<br />

VERTIMENTO SPENSIERATO. In Italia sono tanti gli appuntamenti<br />

dedicati ad arte, letteratura, filosofia. Abbiamo<br />

selezionato per voi le proposte più interessanti tra quelle<br />

previste alla fine di agosto e agli inizi di settembre.<br />

Uno degli appuntamenti più originali è il Festival<br />

della Mente di Sarzana, oggi alla 10 a edizione, che si<br />

presenta come il “primo festival europeo dedicato ai processi<br />

creativi”. La cittadina di Sarzana, situata tra La Spezia<br />

e Carrara, propone in tre giorni decine di appuntamenti<br />

con studiosi delle aree più disparate, dalla<br />

letteratura alla musica, dalle scienze alla psicoanalisi, dal<br />

teatro alla botanica. Filo conduttore della manifestazione<br />

è l’assunto: “Non c’è futuro,<br />

non c’è democrazia,<br />

non c’è possibilità di miglioramento<br />

senza la garanzia<br />

dell’accesso alla cultura<br />

e la diffusione della<br />

conoscenza”. Oltre alle<br />

conferenze e agli spettacoli<br />

dei grandi nomi della<br />

cultura italiana, il festival<br />

organizza workshop per i<br />

più piccoli.<br />

Nato nel 1997, il Festival<br />

della Letteratura<br />

di Mantova è oggi<br />

uno dei più importanti<br />

appuntamenti culturali in<br />

Italia. Ogni anno vi partecipano<br />

narratori, saggisti e<br />

poeti di fama internazionale,<br />

ma anche le voci più<br />

interessanti delle giovani<br />

generazioni di autori, musicisti,<br />

artisti e scienziati.<br />

Qui autori e lettori hanno<br />

la possibilità di instaurare<br />

un rapporto diretto, magari incontrandosi ai tavolini di un<br />

caffè; mentre per tutti il festival è l’occasione per visitare<br />

Mantova, Patrimonio dell’umanità Unesco.<br />

Poco lontano da Mantova, distribuito fra le tre città di<br />

Modena, Carpi e Sassuolo, si tiene il Festival della<br />

Filosofia. Tra lezioni magistrali e dibattiti a più voci,<br />

i visitatori hanno la possibilità di ascoltare dal vivo i più<br />

grandi pensatori dei nostri giorni. L’edizione passata, dedicata<br />

al tema “cose”, ha visto la partecipazione di filosofi<br />

e studiosi emeriti, quali Maurizio Cacciari, Serge Latouche,<br />

Zygmunt Bauman, Enzo Bianchi e Umberto<br />

Galimberti. Ogni edizione è dedicata a un tema diverso.<br />

Quest’anno si analizzerà il concetto di “amare” in tutte le<br />

sue declinazioni. Le lezioni saranno intervallate da mostre,<br />

spettacoli e cene con “menu filosofico”, per un totale<br />

di quasi 200 appuntamenti.<br />

Un festival molto famoso è il Ferrara Buskers,<br />

oggi alla 26 a edizione, che si vanta di essere “la più grande<br />

manifestazione al mondo dedicata all’arte di strada”.<br />

Musica, piccolo teatro e giocoleria accolgono un pubblico<br />

che viene da tutto il mondo: nel 2012 le presenze sono<br />

state 800.000! Una folla immensa che, munita di map-<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


EVENTI PER TUTTI I GUSTI<br />

Nell’altra pagina: un momento<br />

del Festival della Mente di Sarzana.<br />

Qui, da destra, in senso<br />

orario: il manifesto del Festival<br />

della Filosofia di Modena, Carpi e<br />

Sassuolo; un incontro del Festival<br />

della Letteratura; la locandina del<br />

VeganFest di Bologna; bancarella<br />

di libri al Festival della Filosofia;<br />

il manifesto del Cous-Cous Fest<br />

di San Vito Lo Capo; una performance<br />

al Ferrara Buskers.<br />

PRATICAMENTE PARLANDO<br />

63<br />

© G. Benacci Filippo, E. Baracchi / S. Campanini<br />

pa, si aggira per le vie della bella cittadina rinascimentale<br />

a caccia dei vari artisti, siano ensemble di suonatori di bottiglie,<br />

cantastorie etnici, attori o giocolieri, dai costumi tradizionali<br />

o assolutamente folli.<br />

Se ai festival intellettuali preferite le occasioni per mettere<br />

qualcosa sotto i denti, non potete perdere l’ormai mitico<br />

Cous-Cous Fest, a San Vito Lo Capo, tra Palermo<br />

e Trapani, in uno degli angoli più belli della Sicilia. Il<br />

Gli appuntamenti<br />

• FERRARA BUSKERS: Ferrara dal 23 agosto al 1° settembre.<br />

www.ferrarabuskers.com • FESTIVAL DELLA MENTE: Sarzana<br />

dal 30 agosto al 1° settembre. www.festivaldellamente.it •<br />

FESTIVAL DELLA LETTERATURA: Mantova dal 4 all’8 settembre.<br />

www.festivaletteratura.it • FESTIVAL DELLA FILOSOFIA:<br />

Modena, Carpi e Sassuolo dal 13 al 15 settembre. www.festivalfilosofia.it<br />

• COUS-COUS FEST: San Vito Lo Capo (Trapani)<br />

dal 24 al 29 settembre. www.couscousfest.it • VEGANFEST:<br />

Bologna dal 7 al 10 settembre. www.veganfest.it<br />

“Festival dell’integrazione<br />

culturale” è oggi alla 16 a<br />

edizione ed è dedicato al<br />

cous-cous che, per chi non<br />

lo sapesse, è un piatto tipico<br />

del Nordafrica e della<br />

Sicilia occidentale, e alla<br />

cucina dell’area mediterranea.<br />

Il momento centrale<br />

del festival è la gara culinaria,<br />

alla quale partecipano<br />

chef di tutto il mondo.<br />

Il bel borgo antico di San<br />

Vito Lo Capo fa da cornice<br />

agli eventi, tra cui incontri<br />

tematici e concerti di star<br />

italiane e internazionali.<br />

Se la Sicilia vi sembra<br />

herumlaufen<br />

Renaissance-<br />

auf der Jagd<br />

nach<br />

Flaschen-<br />

spieler<br />

Bänkelsänger<br />

Jongleur<br />

etw. zwischen<br />

die Zähne<br />

bekommen<br />

legendär<br />

westlich<br />

Wettkampf<br />

den Rahmen<br />

bilden<br />

(sich) lohnen<br />

hineinschnuppern<br />

aggirarsi<br />

rinascimentale<br />

a caccia di<br />

il suonatore<br />

di bottiglie<br />

il cantastorie<br />

il giocoliere<br />

mettere qc.<br />

sotto i denti<br />

mitico<br />

occidentale<br />

la gara<br />

fare<br />

da cornice<br />

valere la pena<br />

curiosare<br />

l’alimentazione<br />

f.<br />

l’associazione<br />

(f.) animalista<br />

Ernährung<br />

Tierschutzverein<br />

troppo lontana, potete fermarvi a Bologna. Qui, anche se<br />

non siete vegetariani, vale la pena di curiosare al VeganFest,<br />

tra i più importanti appuntamenti europei<br />

per questo tipo di alimentazione. Organizzato all’interno<br />

del Sana, il Salone internazionale del biologico e del naturale<br />

(www.sana.it), che nel 2013 compie 25 anni, al VeganFest<br />

partecipano le principali associazioni animaliste<br />

e prestigiosi chef vegani, come Simone Salvini del ristorante<br />

Joia di Milano.<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

DI LUCA VITALI<br />

64<br />

LE PROVE<br />

DELL’AMORE<br />

Alberto e Sandra sono una coppia molto<br />

affiatata, soprattutto da quando, dopo<br />

la primogenita Alice, è nato Matteo,<br />

sordo dalla nascita. Accortisi del suo<br />

handicap, hanno dovuto affrontare molte<br />

difficoltà per cercare di garantirgli una<br />

vita il più possibile normale. Tutto sembra<br />

procedere per il meglio, fino a quando<br />

l’unità della famiglia è violentemente infranta dalla ricomparsa<br />

di Camilla, ex ballerina e grande amore adolescenziale<br />

di Alberto, che non si era mai rassegnato al suo abbandono.<br />

Il caso, orchestrato abilmente<br />

dalla scrittrice, con alti e<br />

bassi, inseguimenti e rivelazioni,<br />

mette alla prova tutti,<br />

genitori e figli, creando nel<br />

lettore l’impressione che, se<br />

si mantiene una posizione<br />

onesta e di sincero confronto,<br />

ogni famiglia può essere<br />

felice, anche se sballottata<br />

tra difficoltà e forti emozioni.<br />

Terza opera di una scrittrice<br />

genovese partita dal<br />

basso, che ha saputo rispondere<br />

alle richieste del<br />

suo pubblico, non è alta letteratura,<br />

ma puro intrattenimento<br />

ben orchestrato.<br />

Lingua: facile. Genere:<br />

sentimentale. Sara<br />

Rattaro, Non volare via,<br />

Garzanti, 222 pagine.<br />

affiatato<br />

la primogenita<br />

sordo<br />

affrontare<br />

infranto<br />

la ricomparsa<br />

l’amore (m.)<br />

adolescenziale<br />

rassegnarsi<br />

a qc.<br />

l’abbandono<br />

orchestrato<br />

abilmente<br />

mettere<br />

alla prova<br />

sballottare<br />

eingespielt<br />

Erstgeborene<br />

taub, gehörlos<br />

anpacken<br />

zerbrochen<br />

Wiederauftauchen<br />

l’intrattenimento<br />

Saviano ha la testa dura: quando si mette<br />

sulle tracce di qualcosa, non si spaventa<br />

e va fino in fondo. Per questo,<br />

quando ha iniziato a indagare sulla cocaina,<br />

l’oro bianco della nostra epoca,<br />

è andato in Messico e in Colombia e ne<br />

ha studiato la società, il mercato e l’economia.<br />

Il libro ricostruisce la storia<br />

moderna della sostanza illegale che fa girare il mondo, dai<br />

tempi del cartello di Medellin, quando la polvere arrivava negli<br />

Stati Uniti su piccoli Piper, fino a oggi, che raggiunge i porti<br />

in container, o su potenti sommergibili dell’ex Unione Sovietica.<br />

Il lungo reportage sembra un bestseller americano,<br />

perché racconta vita, morte, amicizie e malefatte dei personaggi<br />

di spicco di questa fruttuosa industria: dalla creazione<br />

di milizie private alla rete<br />

economica mondiale, dai la traccia Spur<br />

trasporti ai meccanismi che la testa dura Sturkopf<br />

hanno visto i clan calabresi<br />

inserirsi tra i maggiori operatori<br />

mondiali, mescolandosi<br />

in affari con i trafficanti<br />

spaventarsi<br />

indagare<br />

far girare<br />

il mondo<br />

erschrecken<br />

ermitteln<br />

hier: die Welt<br />

regieren<br />

d’armi russi. Per non<br />

il porto Hafen<br />

il sommergibile U-Boot<br />

parlare delle banche e della<br />

la malafatta Übeltat<br />

finanza, coinvolte nell’altra<br />

di spicco herausragend<br />

metà del traffico, il riciclaggio,<br />

con quantità di denaro<br />

la rete Netz<br />

la creazione Bildung<br />

enormi.<br />

l’operatore m. hier: Drogenhändler<br />

Lingua: abbastanza<br />

facile. Genere: inchiesta.<br />

Roberto Saviano,<br />

ZeroZeroZero, Feltrinelli,<br />

444 pagine.<br />

l’affare m.<br />

il trafficante<br />

d’armi<br />

il riciclaggio<br />

Geschäft<br />

Waffenhändler<br />

Geldwäsche<br />

Jugendliebe<br />

sich mit etw.<br />

abfinden<br />

Verlassen,<br />

hier: Trennung<br />

hier: aufgebaut<br />

geschickt<br />

auf die Probe<br />

stellen<br />

hin und her<br />

geworfen, hier:<br />

erschüttert<br />

Unterhaltung<br />

SULLE TRACCE<br />

DELLA DROGA<br />

IL QUARTO LIBRO<br />

PANINO D’AUTORE<br />

A Firenze il suo locale, ’Ino, è un’istituzione. In Via dei Georgofili 3r, a pochi passi dal Ponte<br />

Vecchio, Alessandro Frassica ha reinventato il panino. Da pasto veloce, che si consuma<br />

in tutta fretta senza far caso all’imbottitura, il panino qui si è elevato a gourmet, entrando a<br />

far parte, a pieno titolo, del mondo Eataly. Come? Attraverso la scelta accurata degli ingredienti:<br />

solo eccellenze italiane, selezionate nel rispetto della stagionalità. Ci sono, per esempio,<br />

il formaggio Blu di Camporbiano, da abbinare con la mostarda di fichi di Carmignano,<br />

la mortadella e il salame rosa Bonfatti, le conserve di Benevento, la bottarga di Cabras, le<br />

alici di Cetara, e chi più ne ha più ne metta! Tutti ingredienti selezionati e freschissimi che,<br />

combinati ad arte, danno vita a sorprendenti esperienze sensoriali. Oggi, tutte le ricette più amate di ’Ino – come “Il solito”,<br />

a base di prosciutto crudo del Casentino, pecorino fresco<br />

maremmano, salsa Tapenade, paté di olive e pesce azzurro,<br />

– si possono ritrovare nel volume Il pan’ino, 184<br />

pagine che raccolgono le ricette classiche del locale e utili<br />

descrizioni dei prodotti, accanto alle belle fotografie di<br />

Maurizio Maurizi. www.inofirenze.com Isabella Bernardin<br />

Maria Teresa Di Marco, Alessandro Frassica, Il pan’ino,<br />

Guidi Tommasi editore, 184 pagine, € 19,90.<br />

d’autore<br />

reinventare<br />

far caso a qc.<br />

l’imbottitura<br />

accurato<br />

la stagionalità<br />

hier: einfallsreich<br />

neu erfinden<br />

auf etw. achten<br />

Füllung<br />

sorgfältig<br />

saisonale<br />

Verfügbarkeit<br />

la mostarda<br />

di fichi Feigensenf<br />

la conserva Eingemachtes<br />

la bottarga: getrockneter Rogen<br />

von Thunfisch oder Meeräsche<br />

l’alice f. Sardelle<br />

il paté di olive Olivenpaste<br />

utile nützlich<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


LIBRI E LETTERATURA<br />

IL LIBRO DELL’AUTORE<br />

LA LUCINA<br />

Un uomo di cui non sappiamo nulla vive per scelta in una<br />

casa abbandonata di montagna, nel completo isolamento.<br />

Una notte, mentre guarda le stelle e si interroga sui misteri dell’esistenza,<br />

scorge dall’altro lato della valle una piccola luce<br />

in mezzo al bosco. Incuriosito, cerca di stabilire un contatto<br />

e scopre che nella casa vive un bambino, solo e infelice.<br />

A metà tra la fiaba e l’apologo,<br />

tra la riflessione esistenziale<br />

sulla natura e il senso<br />

Willen<br />

per scelta aus freiem<br />

dell’universo, il racconto, con<br />

i suoi toni antiletterari e le sue<br />

descrizioni non convenzionali<br />

del mondo animale e vegetale,<br />

lascia nel lettore una forte<br />

impressione.<br />

Genere: racconto.<br />

Lingua: facile.<br />

abbandonato<br />

interrogarsi<br />

scorgere<br />

incuriosito<br />

la fiaba<br />

l’apologo<br />

l’impressione f.<br />

verlassen<br />

sich fragen<br />

bemerken<br />

neugierig<br />

geworden<br />

Märchen<br />

Fabel<br />

Eindruck<br />

DAL LIBRO:<br />

© G. Giannetti/effigie<br />

L’AUTORE DEL MESE<br />

ANTONIO<br />

MORESCO<br />

Considerato da alcuni tra i maggiori scrittori italiani viventi,<br />

di Moresco si sa poco e, per lo più, dai suoi libri, che<br />

sono fortemente autobiografici. Nasce nel 1947 a Mantova,<br />

trascorre l’infanzia in un collegio religioso e la gioventù<br />

a Milano, dove milita a lungo nella sinistra extraparlamentare.<br />

Si dedica poi interamente al suo progetto<br />

letterario, che sfocia nella pubblicazione di un primo libro<br />

di racconti nel 1993. Nel 1995, frutto di un lungo periodo<br />

di isolamento e ricerca, esce il primo tomo di una trilogia,<br />

il romanzo Gli esordi, che lo porta all’attenzione dei critici.<br />

Tuttavia il rapporto con gli editori e il circuito letterario<br />

è difficile e Moresco acquista fama di scrittore puro e intransigente.<br />

Nel 2003 è<br />

tra i fondatori di uno dei<br />

vivente lebend<br />

primi blog letterari di rilievo,<br />

Nazione indiana, ma la gioventù Jugend<br />

l’infanzia Kindheit<br />

nel 2005 ne esce per<br />

crearne un altro, Il primo<br />

amore, che ancora dirige.<br />

Nell’ultimo anno è giunto<br />

militare<br />

dedicarsi<br />

sfociare<br />

la ricerca<br />

aktiv sein<br />

sich widmen<br />

münden<br />

Suche<br />

alla notorietà anche grazie<br />

alla partecipazione a<br />

il tomo Band, Buch<br />

l’editore m. Verleger<br />

la fama Ruf<br />

festival e trasmissioni televisive.<br />

Al centro della il fondatore Gründer<br />

intransigente kompromisslos<br />

sua poetica c’è la sua vita di rilievo bedeutend<br />

di eremita urbano, di dirigere leiten<br />

camminatore notturno, testimone<br />

del crollo della<br />

nostra civiltà e di una diffusa<br />

angoscia metafisica.<br />

la notorietà<br />

il camminatore<br />

il testimone<br />

l’angoscia<br />

Bekanntheit<br />

Wanderer<br />

Zeuge<br />

Angst<br />

Sono venuto qui per sparire, in questo borgo abbandonato e<br />

deserto di cui sono l’unico abitante.<br />

Il sole è appena scomparso dietro il crinale. La luce si sta spegnendo.<br />

In questo momento sono seduto a pochi metri dalla<br />

mia piccola casa, di fronte a uno strapiombo vegetale. Guardo<br />

il mondo che sta per essere inghiottito dal buio. Il mio corpo<br />

è immobile su una seggiola di ferro dalle gambe che sprofondano<br />

sempre più nel terreno, eppure ogni tanto mi manca il<br />

fiato, come se stessi precipitando su un’altalena dalle corde<br />

fissate in qualche punto infinitamente lontano dell’universo.<br />

Il cielo è attraversato dalle ultime rondini che volano qua e<br />

là come frecce. Rasentano la mia testa, piombando a capofitto<br />

su vaste sfere di insetti sospesi tra cielo e terra. Sento il<br />

vento delle loro ali contro le<br />

tempie. Vedo distintamente<br />

sparire verschwinden<br />

davanti a me il corpo nero di<br />

deserto verlassen<br />

il crinale Gebirgskamm<br />

qualche insetto più carenato<br />

lo strapiombo Überhang<br />

e più grande mentre viene inghiottito<br />

da una rondine che la seggiola<br />

inghiottire verschlucken<br />

di ferro Eisenstuhl<br />

lo inseguiva col becco spalancato,<br />

lanciando grida. Il<br />

il fiato Atem<br />

sprofondare versinken<br />

silenzio è tale che riesco persino<br />

a sentire il clangore del<br />

l’altalena Schaukel<br />

la corda Schnur, Seil<br />

la rondine Schwalbe<br />

suo corpo che continua a soffrire<br />

stritolato e smembrato<br />

vorbeifliegen<br />

rasentare hier: dicht<br />

dentro il corpo dell’altro animale<br />

mentre risale inebriato<br />

a capofitto kopfüber<br />

l’ala Flügel<br />

la tempia Schläfe<br />

nel cielo.<br />

carenato vorgewölbt<br />

Resto ancora per molto seduto<br />

qui. La luce a poco a poco<br />

spalancato weit<br />

aufgerissen<br />

il clangore Klang<br />

scompare, tutto questo mondo stritolato zermalmt<br />

vegetale diventa sempre più smembrato zerstückelt<br />

buio di fronte ai miei occhi.<br />

inebriato berauscht<br />

65<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


Gut für<br />

den Kopf!<br />

Besser mit Sprachen. Land und Leute<br />

verstehen – und nebenbei die Sprache<br />

lernen. Jeden Monat neu.<br />

4<br />

Magazine<br />

zum Preis<br />

von 3!*<br />

Bestellen Sie jetzt Ihr Lieblingsmagazin!<br />

www.spotlight-verlag.de/4fuer3 +49 (0)89/8 56 81-16<br />

* Kennenlern-Angebot für Neu-Abonnenten: 4 Ausgaben eines Magazins Ihrer Wahl zum Preis von 3<br />

(€ 18,60 / SFR 27,90 – Business Spotlight € 34,50 / SFR 51,75).


APPROFONDIMENTO<br />

DI MARCO MONTEMARANO<br />

DA INTERVISTA (PAG. 24)<br />

IL CARDINAL BAGNASCO<br />

Un poliglotta, un grande intellettuale, ma anche un gran conservatore.<br />

Questo, in poche parole, è il profilo pubblico del<br />

cardinal Angelo Bagnasco, che dal 2007 è presidente della<br />

Conferenza episcopale italiana (Cei). Bagnasco è stato anche<br />

considerato uno dei possibili successori di Benedetto<br />

XVI, dopo le dimissioni di Ratzinger e prima dell’elezione di<br />

papa Francesco. Bagnasco<br />

è nato a Pontevico, in provincia<br />

di Brescia, nel 1943, la Conferenza Bischofs-<br />

il conservatore Konservativer<br />

e cioè in piena seconda episcopale konferenz<br />

guerra mondiale. Ha pochi<br />

il successore Nachfolger<br />

mesi di vita quando la sua<br />

le dimissioni pl. Rücktritt<br />

famiglia viene sfollata. La<br />

l’elezione f. Wahl<br />

sua vita di sacerdote è legata<br />

a lungo alla città di Ge-<br />

sfollare umsiedeln,<br />

evakuieren<br />

nova. Poi, nel 1998, Giovanni<br />

Paolo II lo nomina<br />

legare verbinden<br />

il vescovo Bischof<br />

vescovo di Pesaro. È cardinale<br />

dal 2007. Sono state<br />

la dichia- Aussage,<br />

molto criticate, negli ultimi<br />

razione Erklärung<br />

anni, le sue dichiarazioni oltranzista extremistisch<br />

dure e oltranziste sulle unioni<br />

omosessuali.<br />

omosessuale<br />

l’unione (f.) homosexuelle<br />

Partnerschaft<br />

© ANSA<br />

Sofia Loren incorona Francesca Testasecca Miss Italia 2010. DA CINEMA (PAG. 56)<br />

DA NOTIZIE (PAG. 8)<br />

MISS ITALIA<br />

IL CONCORSO DI MISS ITALIA, NATO DOPO LA<br />

SECONDA GUERRA MONDIALE, per gli italiani è<br />

stato per molto tempo un evento in cui riconoscersi,<br />

eleggendo la donna più bella del paese. Molte partecipanti<br />

sono diventate poi leggende del cinema (come Sofia<br />

Loren e Gina Lollobrigida), hanno avuto un futuro<br />

come cantanti o come atlete (per esempio la non vedente<br />

Annalisa Minetti) e sono addirittura entrate in politica,<br />

raggiungendo la carica di ministro (è il caso di Mara<br />

Carfagna). La competizione si è sempre adattata ai<br />

cambiamenti della società<br />

il concorso Wettbewerb italiana. Hanno partecipato<br />

ragazze di ogni es-<br />

eleggere wählen<br />

il/la partecipante<br />

Teilnehmer, -in trazione sociale, di origine<br />

straniera e ragazze<br />

il/la non<br />

vedente Blinder, Blinde<br />

disabili. Storicamente – e<br />

la competizione<br />

Wettbewerb prima delle polemiche<br />

adattarsi sich anpassen degli ultimi tempi – si<br />

il cambiamento<br />

Veränderung<br />

tratta dunque di un concorso<br />

di bellezza dedica-<br />

di ogni estra- jeder sozialer<br />

zione sociale Herkunft to alle donne in un paese<br />

disabile behindert che le ama molto.<br />

È un capolavoro del Neorealismo,<br />

un film contro tutte le guerre e una<br />

splendida commedia italiana. Queste<br />

e molte altre cose possono essere<br />

dette sul film La grande guerra di Mario Monicelli. Il film<br />

è uscito nei cinema nel 1959 ed è diventato subito un grande<br />

successo. La storia dei due protagonisti è un misto di<br />

commedia e tragedia. Alberto Sordi e Vittorio Gassman, forse<br />

i due più grandi attori italiani<br />

di quel periodo, li interpretano<br />

in modo straordi-<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

nario. Nel film, Sordi è un<br />

il cinema hier: Kino<br />

soldato di Roma e Gassman interpretare spielen<br />

è un soldato di Milano. I due combattere kämpfen<br />

combattono nella prima<br />

guerra mondiale (chiamata<br />

in italiano la “grande guerra”)<br />

e sono divisi da una rivalità<br />

dovuta alla loro provenienza<br />

geografica. Nel<br />

corso della vicenda diventano<br />

però grandi amici e,<br />

soprattutto, grandi patrioti,<br />

uniti dal fatto di essere entrambi<br />

italiani.<br />

LA GRANDE<br />

GUERRA<br />

DI MARIO<br />

MONICELLI<br />

dovuto a<br />

la provenienza<br />

la vicenda<br />

entrambi<br />

bedingt durch<br />

Herkunft<br />

Geschichte<br />

beide<br />

Guarda uno spezzone<br />

del film. www.adessoonline.de/grandeguerra<br />

67<br />

<strong>ADESSO</strong> AGOSTO 2013


SprachkurSe und Sprachferien<br />

Sprachreisen<br />

weltweit<br />

Italien, Spanien, Mexiko, Argentinien,<br />

Costa Rica, Frankreich, England<br />

F+U Academy of Languages<br />

Hauptstraße 1, 69117 Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943, sprachen@fuu.de<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

Alfa SprachReisen<br />

Die schönsten Ziele und die besten<br />

Programme für Ferien, Freizeit und<br />

Beruf. Informationen und Beratung:<br />

www.alfa-sprachreisen.de<br />

Telefon 0711-61 55 300<br />

www.adessoonline.de<br />

Sizilien –Meer und Kultur<br />

Italienisch-Sprachkurs und klassische Kochschule mit<br />

einer erfahrenen Muttersprachlehrerin. Unterkunft<br />

und Verpflegung in der familiären Atmosphäre der<br />

Lehrerin, in einem kleinen Dorf direkt an der Küste.<br />

Tel: +39-091-8787146,<br />

e-mail: edda_ballerino@hotmail.de<br />

Italienisch an der Riviera<br />

Individueller Unterricht mit Meerblick<br />

in familiärer Atmosphäre<br />

m. Olivenernte im Okt/Nov.<br />

Unterbringung in Hotel od. Appartm.<br />

Elke Hils,17024 Finale Ligure,<br />

www.elkehils.de<br />

Tel/Fax +390196988408<br />

ITALIENISCH IN FLORENZ<br />

SPEZIALANGEBOT<br />

Sprachkurse für Erwachsene<br />

in kleiner Gruppe 4 Std/Tag<br />

inkl. Aktivitäten, inkl. Einzelzimmer<br />

2 Wochen = € 499,–<br />

(2 Wo. Kunstgeschichte € 699,–)<br />

Scuola Toscana<br />

Via de’Benci, 23 · 50122 Firenze<br />

Tel/Fax 0039 055 244583<br />

www.scuola-toscana.com<br />

hotelS<br />

ROMA – venite, godete, parlate!<br />

Im ruhigen, familiären Hotel Orto di Roma, fern vom Massentourismus,<br />

im Grünen, in der Nähe der Via Appia Antica, 10 Fahrminuten vom Kolosseum<br />

entfernt, können Sie Ihre Italienischkenntnisse sowohl im Hotel,<br />

als auch auf einzigartigen Ausflügen in das römische Umland anwenden.<br />

Zudem bieten wir Ihnen auch individuelle Sprachkurse. Leser von Adesso<br />

erhalten eine Flasche unseres hauseigenen Olivenöls als Gastgeschenk.<br />

Hotel Orto di Roma, Tel: +39 06 5042224, www.hotelortodiroma.com<br />

berufSauSbildung, fortbildung<br />

Berufsfachschule für Fremdsprachen:<br />

Europasekretär/in, Übersetzer/in, Fremdsprachenkorrespondent/in,<br />

Welthandelskorrespondent/in, EDV- und Sprachkurse, Prüfungszentrum<br />

F+U Academy of Languages, Heidelberg<br />

Tel. 06221 8994-2943<br />

www.fuu-heidelberg-languages.com<br />

aktiv- und kultururlaub<br />

Kulinarisch-kulturelle<br />

Apulienreise<br />

vom 28.09. bis 04.10.2013<br />

und weitere reisen in italien<br />

Incontri Culturali • Tel. 089-2716560<br />

incontri@incontri.de • www.incontri.de<br />

brieffreunde<br />

<br />

<br />

www.europasekretaerin.de<br />

staatl. anerkannt, kleine Klassen, mit Uni.-Abschluss, BBS, ☎ (07221) 22661<br />

www.ifa.uni-erlangen.de<br />

Staatlich anerkannte Fachakademie und Berufsfachschule<br />

für Fremdsprachenberufe<br />

Staatl. gepr. Fremdsprachenkorrespondenten, Euro-Korrespondenten,<br />

Übersetzer und Dolmetscher<br />

Englisch, Französisch, Italienisch,<br />

Russisch, Spanisch<br />

Hindenburgstr. 42, 91054 Erlangen, Tel. (0 91 31) 81293 - 30, E-mail: ifa@ve.uni-erlangen.de<br />

Einem Teil dieser Ausgabe ist eine Beilage von<br />

rSd reise Service deutschland gmbh beigefügt.<br />

Ihre Anzeige im<br />

Sprach- und Reisemarkt AdeSSo<br />

Print & E-Paper<br />

Rabatte<br />

ab 3 Anzeigen 3 % Rabatt<br />

ab 6 Anzeigen 6 % Rabatt<br />

ab 9 Anzeigen 10 % Rabatt<br />

ab 12 Anzeigen 15 % Rabatt<br />

Beispiel 2<br />

1-spaltig / 40 mm hoch<br />

e 168,– (schwarz/weiß)<br />

e 216,– (farbig)<br />

Themenvorschau<br />

ausgabe 10/13:<br />

• Das Chianti – Toskana<br />

Anzeigenschluss: 21.08.13, Erstverkaufstag: 25.09.13<br />

ausgabe 11/13:<br />

• Das romantische Italien<br />

Anzeigenschluss: 25.09.13, Erstverkaufstag: 30.10.13<br />

Änderungen vorbehalten.<br />

Beispiel 1<br />

1-spaltig / 20 mm hoch<br />

e 84,– (schwarz/weiß)<br />

e 108,– (farbig)<br />

Beispiel 3<br />

2-spaltig / 30 mm hoch<br />

e 252,– (schwarz/weiß)<br />

e 324,– (farbig)<br />

Weitere Formate möglich.<br />

Alle Preise zuzüglich MwSt.<br />

aDesso agosto 2013


SprachkurSe und Sprachferien<br />

ITALIENISCH IN ITALIEN: www.italienisch-sprachschulen.de/<br />

Mola di Bari – Apulien<br />

Abseits vom Massen-Tourismus<br />

Italienisch lernen und erleben<br />

Tel: 0049 8161 78 95 28<br />

oder 0039 34 94 62 65 41<br />

http://www.sprachferien-italien.de<br />

Studitalia Sardinien<br />

Italienisch lernen<br />

Sprachferien in Olbia<br />

www.studitalia.com<br />

(0039) 333 2133760 infotiscali@studitalia.com<br />

<br />

<br />

Die Italienisch Sprachschulen in<br />

Nord- und Süditalien – wo Bildung und<br />

Urlaub sich harmonisch ergänzen!<br />

Le Venezie – Kultur und Dolce Vita<br />

Tropea – Weißer Sandstrand und Sonne<br />

Exzellente Italienisch Sprachkurse in<br />

kleinen Gruppen (3 bis 6 Studenten)<br />

PUI – Le Venezie: +39 040 30 40 20<br />

PUI – Tropea: +39 0963 60 32 84<br />

info@piccolauniversitaitaliana.com<br />

www.piccolauniversitaitaliana.com<br />

Als Bildungsurlaub anerkannt<br />

Sant‘anna InStItute<br />

Sorrento LIngue<br />

Italienische Sprache<br />

und Kultur<br />

Oktober 2013: 50+ Programm in Sorrent bei SASL!<br />

10% Spezialrabatt für <strong>ADESSO</strong>-Leser.<br />

www.sorrentolingue.com<br />

info@sorrentolingue.com<br />

Tel. +39 081 807 55 99 · Fax +39 081 532 41 40<br />

Italienische Sprachschule in Genua<br />

In der Nähe von Portofino und Cinque Terre<br />

Sprachferien<br />

Bildungsurlaub<br />

Via Caffaro 4/7<br />

16124 Genua<br />

Tel. +39 010 2465870<br />

Fax +39 010 2542240<br />

info@adoortoitaly.com<br />

www.adoortoitaly.com<br />

Italienisch-Kurse mit<br />

PDL-Methode am<br />

Meer und auf dem<br />

Segelboot. Unterkunft<br />

und Verpflegung in<br />

einer familiären Villa.<br />

www.dialogando.de<br />

Tel. +39 070 2041291<br />

SARDEGNA<br />

ferienhÄuSer und -Wohnungen<br />

Lernen Sie mit uns Apulien kennen!<br />

www.apulien-fewo.de<br />

Mediterraneo Case<br />

Neuer Wall 50, Hamburg<br />

eMail: info@apulien-fewo.de<br />

Tel.: 040-22611463<br />

Urlaub in Apulien<br />

Romantischer Trullo umgeben von Oliven-,<br />

Feigen- und Granatapfelbäumen, schön<br />

eingerichtet mit allem Komfort und im Winter<br />

mit Kamin – inmitten des Valle d’Itria - Ostuni.<br />

Idealer Ausgangspunkt für kulinarische und<br />

kulturelle Exkursionen verbunden mit apulischer<br />

Gastfreundschaft.<br />

Fotos: www.ask-anna.de<br />

Anfragen: anna@ask-anna.de | + 49 176 51 72 98 12<br />

Die Ferienhaus-Spezialisten für Italien<br />

030.30820408·Manteuffelstr.5a·12203 Berlin<br />

ROM + SARDINIEN + SÜDIT.<br />

Gün. priv. Strandhs + fam. Hotels,<br />

teils Pool! Rom: priv. Stadtwhgn<br />

in guter Lage!<br />

Alle Termine: Tel. 0981-3656<br />

info@casaclub.de; www.casaclub.de<br />

www.spotlight-verlag.de<br />

Unesco-Welterbe Cilento<br />

Meer, Berge, griechische Tempel...<br />

Villen, Fewos+Hotels am Meer<br />

Wandern auf Italienisch<br />

Erlebnissprachkurs<br />

0941 /567 6460, www.cilento-ferien.de<br />

Nördl. Toscana: Gepflegte, allein stehende Ferien-Landhäuser mit Privat-Pool.<br />

Ferienwohnungen in ruhig gelegenen Privathäusern mit Pool.<br />

Bezaubernde Panorama-Lage. Persönlich ausgewählt und getestet.<br />

mobil 0049 (0) 177 7464025, www.residenzetoscane.com<br />

VENEDIG<br />

Stilvolle Appartements in antikem Palast<br />

zwischen Rialto-Brücke und Markusplatz,<br />

mit antiken Möbeln, für 2–6 Personen,<br />

Mindestmiete 1Woche, in NS auch kürzer.<br />

Tel. 0039-041-720620, Fax -721677<br />

(A. Lorenzon)<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

aDesso agosto 2013


NEL PROSSIMO NUMERO<br />

© Huber/Sime<br />

ABO:<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Kundenbetreuung<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Internet: www.spotlight-verlag.de<br />

Montag bis Donnerstag: 9 bis 18 Uhr<br />

Freitag: 9 bis 16 Uhr<br />

Kundenbetreuung Privatkunden<br />

und Buchhandlungen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-16<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-159<br />

E-Mail: abo@spotlight-verlag.de<br />

Kundenbetreuung Lehrer,<br />

Trainer und Firmen<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-150<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-119<br />

E-Mail: lehrer@spotlight-verlag.de<br />

Einzelverkaufspreis Deutschland:<br />

€ 6,90<br />

Bestellung Einzelhefte/<br />

ältere Ausgaben:<br />

leserservice@spotlight-verlag.de<br />

<strong>ADESSO</strong> wird besonders<br />

umweltfreund lich auf chlorfrei<br />

gebleichtem Papier gedruckt.<br />

KUNDENSERVICE<br />

BEZUGSKONDITIONEN JAHRESABO<br />

Deutschland:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und inkl. Versandkosten<br />

Österreich:<br />

€ 74,40 inkl. MwSt. und zzgl. € 10,20<br />

Versandkosten<br />

Schweiz:<br />

sfr 111,60 zzgl. sfr 15 Versandkosten<br />

übriges Ausland:<br />

€ 74,40 zzgl. Versandkosten<br />

Studentenermäßigung gegen Nachweis.<br />

Die Belieferung kann nach Ablauf des<br />

ersten Bezugsjahres jederzeit beendet<br />

werden - mit Geld-zurück-Garantie für<br />

bezahlte, aber noch nicht gelieferte<br />

Ausgaben.<br />

WEITERE SERVICENUMMERN<br />

Leserbriefe:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

Anzeigen:<br />

anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Sprachenshop:<br />

www.SprachenShop.de<br />

E-Mail: Bestellung@SprachenShop.de<br />

Tel. +49 (0)711/72 52-245<br />

Fax +49 (0)711/72 52-366<br />

<strong>ADESSO</strong>www.adesso-online.de Gegründet 1994<br />

PALERMO<br />

Suggestioni letterarie e artistiche che affiorano dalla<br />

vita di tutti i giorni. Succede a Palermo. Un viaggio<br />

molto personale nel capoluogo della Sicilia.<br />

HERAUSGEBER UND<br />

VERLAGSLEITER<br />

Dr. Wolfgang Stock<br />

CHEFREDAKTEURIN<br />

Rossella Dimola<br />

CHEF VOM DIENST<br />

Salvatore Viola<br />

BILDREDAKTION<br />

Isadora Mancusi<br />

REDAKTION<br />

Isabella Bernardin, Giovanna<br />

Iacono, Cosimo Carniani, Isadora<br />

Mancusi, Salvatore Viola<br />

AUTOREN IN DIESEM HEFT<br />

Renata Beltrami, Anna Bordoni,<br />

Giusy Cinardi, Marina Collaci,<br />

Nicoletta De Rossi, Anna Mandelli,<br />

Daniela Mangione, Marco<br />

Montemarano, Valeria Palumbo,<br />

Stefano Vastano, Luca Vitali,<br />

Silvia Ziche<br />

MITARBEITER<br />

IM REDAKTIONSBEREICH<br />

Andrea Balzer, Monica Guerra,<br />

Tanja Lau, Friederike Ott,<br />

Dorothea Schmuck<br />

AUTORIN <strong>ADESSO</strong>in classe<br />

Claudia Driol<br />

KONZEPT UND GESTALTUNG<br />

www.prodigo.de<br />

Filippo Cirri<br />

PRODUKTIONSLEITUNG<br />

Ingrid Sturm<br />

LITHO<br />

H.W.M. GmbH,<br />

82152 Planegg<br />

DRUCK<br />

Vogel Druck und Medienservice<br />

GmbH, 97204 Höchberg<br />

© 2013 Spotlight Verlag, auch für<br />

alle genannten Autoren, Fotografen<br />

und Mitarbeiter<br />

Der Inhalt der Artikel gibt die Meinung<br />

der Autoren, nicht die der<br />

Redaktion wieder.<br />

Im Spotlight Verlag ers chei nen:<br />

Spotlight, Business Spotlight,<br />

Écoute, ECOS, <strong>ADESSO</strong>,<br />

Deutsch perfekt<br />

VERLAG UND REDAKTION<br />

Spotlight Verlag GmbH<br />

Postanschrift:<br />

Postfach 1565, 82144 Planegg<br />

Hausanschrift:<br />

Fraunhoferstr. 22, 82152 Planegg<br />

Telefon 0 89/8 56 81-0<br />

Telefax 0 89/8 56 81-105<br />

Redaktion:<br />

adesso@spotlight-verlag.de<br />

GESCHÄFTSFÜHRUNG<br />

Dr. Wolfgang Stock,<br />

Markus Schunk<br />

VERTRIEBSLEITUNG<br />

Monika Wohlgemuth<br />

MARKETINGLEITUNG<br />

Holger Hofmann<br />

LESERSERVICE<br />

Birgit Hess<br />

PR UND KOOPERATIONEN<br />

Heidi Kral<br />

KEY ACCOUNT MANAGEMENT<br />

Corinna Hepke<br />

VERTRIEB HANDEL<br />

MZV, Ohmstraße 1,<br />

85716 Unterschleißheim<br />

BANKVERBINDUNGEN<br />

Commerzbank AG Düsseldorf<br />

Konto-Nummer 0 212 865 200<br />

BLZ: 300 800 00<br />

Credit Suisse Zürich-Enge<br />

Konto-Nummer 554 833-41<br />

(BC 48 42)<br />

Bank Austria AG Wien<br />

Konto-Nummer 108-108-147/00<br />

BLZ: 12 000<br />

ERSCHEINUNGSWEISE: monatlich<br />

ISSN-NUMMER: 0947-2096<br />

IL NUOVO<br />

Con Giro d’Italia,<br />

vi porta alla scoperta delle<br />

regioni italiane. Quiz, storia,<br />

informazioni utili, curiosità<br />

e molto altro, in 20<br />

puntate da collezionare!<br />

NOVITÀ<br />

INTERVISTA<br />

Dalla cucina alla televisione,<br />

l’inarrestabile successo dello chef<br />

stellato Carlo Cracco.<br />

<strong>ADESSO</strong> 09/13 IN VENDITA<br />

DAL 28 AGOSTO<br />

GESAMT-ANZEIGENLEITUNG<br />

Axel Zettler<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-130<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

SPRACH- & REISEMARKT<br />

CROSSMEDIA<br />

Eva-Maria Markus<br />

Tel. +49 (0)89/8 56 81-131<br />

Fax +49 (0)89/8 56 81-139<br />

E-Mail: e.markus@spotlight- verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

MEDIA CONSULTANT<br />

Martina Konrad<br />

Tel. +49 (0)89/85 68 1-132<br />

Fax +49 (0)89/85 68 1-139<br />

E-Mail: m.konrad@spotlight-verlag.de<br />

E-Mail: anzeige@spotlight-verlag.de<br />

Repräsentanz-Empfehlungsanzeigen<br />

iq media marketing gmbh<br />

Patrick Priesmann, Leiter Marketing, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel.<br />

0211/887-2315, Fax 0211/887-97-2315,<br />

E-Mail: patrick.priesmann@iqm.de<br />

Nielsen 1,5,6,7<br />

iq media marketing gmbh, Brandstwiete 1<br />

(Neuer Duvenhof), 20457 Hamburg, Tel.<br />

040/30183-210, Fax 040/30183-283, E-<br />

Mail: matthias.meissner@iqm.de<br />

Nielsen 2<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

2056, Fax 0211/887-97-2056, E-Mail:<br />

klaus.barth@iqm.de<br />

Nielsen 3a<br />

iq media marketing gmbh, Eschersheimer<br />

Landstraße 50, 60322 Frankfurt,<br />

Tel. 069/2424-4500, Fax 069/2424-59-<br />

4500, E-Mail: thomas.wolter@iqm.de<br />

Nielsen 3b+4<br />

iq media marketing gmbh, Nymphenburger<br />

Straße 14, 80335 München, Tel.<br />

089/545907-18, Fax 089/545907-24,<br />

E-Mail: joerg.boensch@iqm.de<br />

Sales Lifestyle<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, 40213 Düsseldorf, Tel. 0211/887-<br />

3582, Fax 0211/887-97-3582,<br />

E-Mail: christian.gericke@iqm.de<br />

BeNeLux, Skandinavien<br />

iq media marketing gmbh, Kasernenstraße<br />

67, D-40213 Düsseldorf,<br />

Tel. +49/211/887-1332, Fax<br />

+49/211/887-97-1332,<br />

E-Mail: neil.frankland@iqm.de<br />

Österreich<br />

Service proxymedia e.U., Wiesengasse 3,<br />

2801 Katzelsdorf, Tel. +43/2662/36755,<br />

Fax +43/125-330-333-989, E-Mail:<br />

michael.schachinger@proxymedia.at<br />

Schweiz<br />

TTop Media Sales GmbH, Chamerstrasse<br />

56, 6300 Zug, Tel. 041/7105701, Fax<br />

041/7105703, E-Mail: walter.vonsiebenthal@topmediasales.ch<br />

Großbritannien, Irland<br />

Advance International Media, Peter<br />

Mason, First Floor, 30 St John's Lane,<br />

EC1M 4NB London,<br />

Tel. +44/207/2530888,<br />

Fax: +44/207/2050761,<br />

E-Mail: peter@advance.uk.com<br />

ANZEIGENPREISLISTE:<br />

Es gilt die Anzeigenpreisliste Nr. 21 ab<br />

Ausgabe 1/13<br />

IVW - Meldung<br />

II - Quartal 2013<br />

26.865 verbreitete<br />

Auflage <strong>ADESSO</strong>


Sprachen lernen für alle!<br />

NEU!<br />

KOSTENLOS UND<br />

UNVERBINDLICH<br />

Die neue Basismitgliedschaft:<br />

✔ 10 kostenlose Videos<br />

✔ 90 interaktive Übungen<br />

✔ Voller Zugriff auf „mein dalango“<br />

www.dalango.de<br />

Einfach Lernen mit Spaß!


200 Fernkurse<br />

für Ihren Erfolg!<br />

Weiterbildung bei der SGD, von zu Hause aus –<br />

neben dem Beruf, jederzeit.<br />

Wählen Sie jetzt aus über 200 Fernkursen<br />

Ihr Bildungsziel!<br />

<br />

<br />

Alle 200 Kurse finden Sie unter www.sgd.de<br />

605<br />

ABITUR<br />

665<br />

Business English<br />

781 NEU<br />

Gepr. Fachwirt/in<br />

im Gesundheits- und<br />

Sozialwesen IHK<br />

890<br />

Gepr. Haus- und<br />

Grundstücksverwalter/in<br />

(SGD)<br />

✁<br />

Gepr. Fachkraft<br />

Industrieroboter<br />

835<br />

Psychologische/r<br />

Berater/in –<br />

Personal Coach<br />

603<br />

Realschulabschluss<br />

852<br />

Gepr. Buchhalter/in<br />

(SGD)<br />

463 NEU 421<br />

Fachinformatiker/in<br />

(SGD)<br />

514 NEU 570 NEU<br />

Gepr. Energiemanager/in<br />

(SGD)<br />

Gepr. Android App-<br />

Programmierer/in<br />

841<br />

Heilpraktiker/in<br />

620<br />

Fachhochschulreife<br />

776<br />

Gepr. Immobilienmakler/in<br />

(SGD)<br />

919 NEU 918 NEU<br />

Lagerverwalter/isachbearbeiter/in<br />

Personal-<br />

886 NEU 440 TIPP<br />

Wissensmanager/in<br />

Gepr. Grafik-Desig-<br />

(IHK) ner/in PC<br />

(SGD)<br />

442 NEU<br />

Gepr. 3D-<br />

Designer/in (SGD)<br />

569<br />

Fachkraft<br />

für erneuerbare<br />

Energien<br />

814<br />

Praktische<br />

Psychologie<br />

HOCHSCHULABSCHLUSS!<br />

Bachelor/Master/Akademische Weiterbildung<br />

■ Informatik ■ Mechatronik ■ Maschinenbau<br />

■ Elektro- und Informationstechnik<br />

■ Wirtschaftsingenieurwesen<br />

■ Technologiemanagement<br />

AUCH OHNE<br />

ABITUR!<br />

Jetzt Infos kostenlos anfordern!<br />

Wilhelm Büchner Hochschule<br />

Tel.: 0800-924 10 00 gebührenfrei<br />

www.wb-fernstudium.de<br />

611<br />

630<br />

663<br />

633<br />

Hauptschulabschluss<br />

Anfänger englisch Kleines Latinum<br />

Englisch für Umgangs-<br />

Großes Latinum<br />

923 NEU 705<br />

969 NEU 700<br />

Immobilienmanagement<br />

(SGD) fachwirt/in IHK kommunikation (SGD) wirt/in<br />

Gepr. Handels-<br />

Gepr. Referent/in Gepr. Betriebs-<br />

interne Unternehmens-<br />

(SGD)<br />

778<br />

Projektmanagement/<br />

Projektleiter/in IHK<br />

414<br />

Gepr. Web-<br />

Designer (SGD)<br />

404<br />

Zertifizierte/r SAP ® -<br />

Finanzbuchhalter/in<br />

505 NEU<br />

Elektrofachkraft<br />

für festgelegte<br />

Tätigkeiten<br />

647 NEU<br />

Gepr. Präventionsberater/in<br />

– Gesundheitsberater/in<br />

811<br />

Kinder-<br />

Erziehung<br />

444<br />

Gepr. Foto-<br />

Designer/in (SGD)<br />

Gutschein ausfüllen, ausschneiden und heute noch einsenden!<br />

889<br />

Wirtschaftsfachwirt/in<br />

IHK<br />

429<br />

Gepr. Web-Designer/in<br />

für MAC<br />

(SGD)<br />

181<br />

Staatlich gepr.<br />

Maschinenbautechniker/in<br />

530 TIPP<br />

Gepr. Qualitätsbeauftragte/r<br />

(TÜV)<br />

Qualitätsmanagement<br />

844<br />

Tierheilpraktiker/in<br />

682<br />

Gepr. Fachpraktiker/in<br />

für Wellness, Massage<br />

und Prävention (SGD)<br />

807<br />

Intensivkurs<br />

Zeichnen<br />

Bitte senden Sie mir kostenlos und völlig unverbindlich mein Info-Paket, den Studienführer<br />

und zwei Probelektionen. Ich interessiere mich für folgende Kurse:<br />

Bitte informieren Sie mich auch über<br />

das Fernstudium an der Wilhelm Büchner Hochschule.<br />

Name, Vorname<br />

ERFOLGS-GUTSCHEIN<br />

<br />

<br />

1. Probelektion 2. Probelektion<br />

PB 07/2013<br />

874<br />

Staatl. gepr.<br />

702<br />

Betriebswirt/in Gepr. Technische/r<br />

Absatzwirtschaft Betriebswirt/in IHK<br />

462<br />

445 NEU<br />

Gepr. Visual<br />

C++ .NET-Programmierer/in<br />

Windows<br />

Gepr. 3D-Spieleentwickler/in<br />

(SGD)<br />

mit Unity<br />

200<br />

301<br />

Staatl. gepr. Gepr. Industriemeister/in<br />

IHK<br />

Mechatroniktechniker/in<br />

(SGD) Elektrotechnik<br />

597 NEU 598 NEU<br />

Gepr. Netzwerk-<br />

Administrator/in MS<br />

Windows Server (SGD)<br />

845<br />

Erziehungsberatung<br />

966 NEU<br />

Gepr. medizinische<br />

Schreibkraft (SGD)<br />

687 NEU<br />

Ahnenforschung –<br />

professionell<br />

gemacht<br />

Gepr. Netzwerk-<br />

Manager/in MS<br />

Windows Server (SGD)<br />

843<br />

Wellnessberatung<br />

mit IHK-Zertifikat<br />

830<br />

Hauswirtschafter/in<br />

829<br />

Digitale<br />

Fotografie<br />

646<br />

Gepr. Fremdsprachenkorrespondent/in<br />

IHK<br />

Englisch<br />

713<br />

Kaufmännischer<br />

Grundkurs<br />

896 NEU<br />

Change Management<br />

IHK – Veränderungsmanagement<br />

IHK<br />

416<br />

Gepr. PC-<br />

Betreuer/in (SGD)<br />

189<br />

Staatl. gepr. Informations-<br />

u. Kommunikationstechniker/in<br />

567 NEU<br />

Gepr. Techniker/in für<br />

erneuerbare Energien<br />

(SGD)<br />

839<br />

Psychotherapie<br />

HP<br />

802 TIPP<br />

Raumgestaltung/<br />

Innenarchitektur<br />

805<br />

Gartengestaltung<br />

639<br />

Englisch für<br />

den Beruf<br />

795<br />

Gepr. Bürosachbearbeiter/in<br />

mit<br />

Software (SGD)<br />

875<br />

Staatl. gepr.<br />

Betriebswirt/in<br />

Finanzwirtschaft<br />

427 NEU<br />

Gepr. Web-Shop-<br />

Entwickler/in (SGD)<br />

304<br />

Gepr.<br />

Industriemeister/in<br />

Metall<br />

202 NEU<br />

Staatl. gepr.<br />

Chemietechniker/in<br />

683 NEU<br />

Phytotherapie –<br />

Heilpflanzen kompetent<br />

anwenden<br />

823<br />

Autor werden –<br />

professionell<br />

schreiben lernen<br />

610<br />

Gutes Deutsch in<br />

Beruf und Alltag<br />

Holen Sie sich Ihr Info-Paket<br />

GRATIS, worauf warten Sie?<br />

643<br />

Cambridge<br />

Certificate in<br />

Advanced English<br />

851<br />

Gepr. Bilanzbuchhalter/in<br />

IHK<br />

899 NEU<br />

Führungstraining<br />

Supervision<br />

mit IHK-Zertifikat<br />

441<br />

Gepr. Grafik-<br />

Designer/in MAC<br />

(SGD)<br />

502<br />

Speicherprogrammierbare<br />

Steuerung (SPS)<br />

836 TIPP<br />

Ernährungsberater/in<br />

681<br />

Fachkraft<br />

in der häuslichen<br />

Pflege (SGD)<br />

806<br />

Professionelles<br />

Fotografieren<br />

leicht gemacht<br />

<br />

<br />

<br />

674 TIPP<br />

Geschichte<br />

kompakt<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

Straße, Nr.<br />

PLZ, Ort<br />

Beruf<br />

<br />

Telefon<br />

Geburtsdatum<br />

Studiengemeinschaft Darmstadt GmbH<br />

Abt. BS 45 · Postfach 10 01 64 · 64201 Darmstadt<br />

✁<br />

<br />

✆ 0800-7431100<br />

<br />

www.sgd.de<br />

Studiengemeinschaft Darmstadt GmbH · Abt. BS 45 · Ostendstraße 3 · 64319 Pfungstadt bei Darmstadt


Italienisch leicht gemacht<br />

Agosto 2013<br />

Alle Texte auf<br />

NEUE<br />

INHALTE<br />

ab 9.2013


2 Cose nostre<br />

WAS UNS DIESEN MONAT BEEINDRUCKT HAT<br />

INGEGNO<br />

ERFINDUNGSGEIST<br />

A volte le invenzioni migliori sono le più semplici, quelle che ci<br />

fanno dire: “Ma perché non ci aveva mai pensato nessuno?” È il<br />

caso dell’idea di tre italiani di Verona che hanno pensato di<br />

sfruttare il vento prodotto dai camion sull’autostrada per produrre<br />

energia. I tre hanno fondato la società Atea, con lo scopo di<br />

fare i primi test. I risultati sono stati molto buoni, il vento dei camion<br />

può produrre davvero tanta energia. E c’è già un progettopilota:<br />

una turbina installata sull’autostrada Brescia-Padova, all’altezza<br />

di Desenzano del Garda.<br />

INGEGNO<br />

l’invenzione (f.) Erfindung<br />

sfruttare nutzen<br />

il vento Wind<br />

il camion Lkw<br />

fondare gründen<br />

Assurdità<br />

lo stipendio Gehalt<br />

il ministero Bildungsdell’Istruzione<br />

ministerium<br />

il/la preside Schuldirektor, -in<br />

estrarre a sorte auslosen<br />

Paura<br />

l’evasione (f.) Steuerhinterfiscale<br />

ziehung<br />

il proprietario Eigentümer<br />

tenersi stattfinden<br />

esporre ausstellen<br />

la Guardia<br />

di Finanza Steuerpolizei<br />

Novità<br />

introdurre einführen<br />

il capo (Kleidungs-)<br />

Stück<br />

ASSURDITÀ<br />

ABSURDITÄT<br />

Grosseto. Quando lo stipendio<br />

diventa una lotteria... Nella<br />

città Toscana, al Liceo Rosmini,<br />

dovevano arrivare 12.000 euro per<br />

pagare gli stipendi di 11 docenti<br />

“precari” (cioè senza posto di lavoro<br />

fisso). Il ministero dell’Istruzione,<br />

però, ne ha mandati solo<br />

5.000. Non una, ma più volte.<br />

E allora? Allora la preside<br />

Gloria Lamioni ha inventato<br />

un sistema “a lotteria”,<br />

in cui vengono<br />

estratti a sorte i nomi<br />

dei docenti che saranno<br />

pagati. I docenti<br />

hanno accettato<br />

la lotteria,<br />

ma a una<br />

condizione:<br />

la notizia<br />

doveva<br />

essere<br />

pubblicata<br />

dai giornali.<br />

PAURA<br />

ANGST<br />

Uno degli effetti della crisi non è forse<br />

così negativo: negli ultimi tempi il fisco,<br />

in Italia, fa controlli molto seri e spesso<br />

scopre casi di evasione fiscale. Per<br />

questo motivo, probabilmente, pochi<br />

italiani proprietari di supercar si<br />

sono presentati all’evento organizzato<br />

a Bologna a maggio per i 50<br />

anni della Lamborghini. All’evento,<br />

che si è tenuto nella bellissima<br />

Piazza Maggiore, hanno partecipato<br />

350 proprietari di<br />

Lamborghini che hanno<br />

esposto le loro auto.<br />

Quasi tutti venivano da<br />

paesi stranieri. “Ci aspettiamo<br />

controlli della<br />

Guardia di Finanza”, ha<br />

detto uno dei pochissimi<br />

italiani.<br />

NOVITÀ<br />

NEUIGKEIT<br />

Adesso i vestiti si vendono anche<br />

a peso. Il primo negozio che ha<br />

introdotto questo sistema si trova<br />

a Torino, in Corso Emilia 8, e vende<br />

le collezioni passate dei marchi<br />

Kappa, Robe di Kappa e Superga.<br />

In realtà il cliente, nel punto vendita<br />

di BasicNet, può scegliere se<br />

pagare il prezzo del capo o il<br />

prezzo “al chilo”. A guidarli nella<br />

scelta c’è Mr Kilo, un tutor virtuale<br />

che dà consigli dal monitor di un<br />

computer. Il “Kilostore” di BasicNet<br />

vende collezioni estive e invernali<br />

tutto l’anno.<br />

agosto 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Che amore! 3<br />

Walter Bonatti è<br />

un grande alpinista,<br />

Rossana Podestà,<br />

un’attrice di successo.<br />

Hanno 50 anni<br />

quando si incontrano<br />

e si innamorano.<br />

Walter Bonatti e<br />

Rossana Podestà<br />

In der Schauspielerin Rossana Podestà fand der Alpinist und Schriftsteller<br />

Walter Bonatti die späte große Liebe seines Lebens.<br />

È stato un grande amore della maturità, quello<br />

tra Walter Bonatti e Rossana Podestà. Lui, nato<br />

nel 1930 a Bergamo, era considerato il “re delle Alpi”:<br />

esploratore, alpinista, scrittore (vedi evviva! 7/13, pag.<br />

7). Ha conquistato le principali vette della Alpi, ma anche<br />

della Patagonia e del Karakorum. Un uomo affascinante<br />

e un po’ solitario, soprattutto dopo il divorzio da sua<br />

moglie. Lei, nata nel 1934 a Tripoli (la Libia era colonia<br />

italiana), era una delle più importanti attrici del cinema<br />

degli anni Cinquanta e Sessanta. Guardie e ladri (1951),<br />

diretto da Mario Monicelli<br />

e Steno, è il film che l’ha l’amore (m.)<br />

della maturità späte Liebe<br />

portata giovanissima alla essere<br />

notorietà. Walter e Rossana<br />

si incontrano nel 1980, l’esploratore m. Entdecker<br />

considerato gelten als<br />

la vetta Gipfel<br />

dopo un’intervista di lei a il divorzio Scheidung<br />

un giornale. L’uomo ideale la notorietà Bekanntheit<br />

l’isola deserta einsame Insel<br />

per vivere su un’isola deserta,<br />

dice Rossana nell’in-<br />

trasferirsi umziehen<br />

confondere verwechseln<br />

tervista, è Walter Bonatti. Valtellina Veltlin<br />

I due non si conoscono ancora. Walter scrive a Rossana<br />

e i due si incontrano. Ma Walter confonde l’Ara Coeli<br />

(dove si erano dati appuntamento) con l’Altare della Patria<br />

(l’altro grande monumento di Piazza Venezia a Roma).<br />

Quando finalmente, dopo due ore, si trovano, lei<br />

gli dice: “Ma che esploratore sei, se non riesci a trovare<br />

una donna a Roma?” Walter e Rossana si trasferiscono<br />

nella casa di lui, in Valtellina. Lì il clima è un po’ troppo<br />

alpino, allora lei pianta tre ulivi, portati dalla Toscana. I<br />

due non si sposeranno. Quando, nel 2011, Walter sta<br />

Olivenbaum<br />

heiraten<br />

hinausbegleiten<br />

bitter<br />

hier: unverhei-<br />

ratetes Paar<br />

l’ulivo<br />

sposarsi<br />

allontanare<br />

amaro<br />

la coppia<br />

di fatto<br />

<strong>ADESSO</strong>audio<br />

Ascolta Rossana Podestà<br />

che parla di Walter Bonatti.<br />

per morire in un ospedale<br />

privato cattolico per un<br />

cancro al pancreas, i medici<br />

allontanano Rossana<br />

dalla sua camera. Motivo:<br />

non sono uniti in matrimonio.<br />

Un finale amaro per un<br />

amore dolce, che apre la<br />

discussione sui diritti delle<br />

coppie di fatto.<br />

Disegno di: Isadora Mancusi<br />

agosto 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


4<br />

Piante<br />

criminali<br />

Hundert Millionen jährlich bringt das<br />

große Geschäft mit illegalem Blumenhandel<br />

der organisierten Kriminalität<br />

in Italien.<br />

Se in una romantica sera d’estate, in un ristorante<br />

italiano, qualcuno prova a vendervi una rosa, è<br />

difficile immaginare scenari di criminalità. Eppure<br />

il mercato dei fiori, secondo le associazioni di categoria<br />

e le questure, che ogni giorno sequestrano fiori<br />

e piante per decine di migliaia di euro, è un mercato<br />

difficile da controllare e pieno di infiltrazioni criminali.<br />

Tutto parte da Amsterdam, dove c’è la più importante<br />

“borsa” delle piante. Una parte dei fiori e<br />

delle piante che partono dalla città olandese è destinata<br />

fin dall’inizio al mercato nero. In tutte le grandi<br />

città italiane, da Roma a Milano, da Torino a Palermo,<br />

a Napoli, esistono mercati illegali. Camion carichi di<br />

piante riforniscono i venditori abusivi, che aggirano<br />

immaginare<br />

il fiore<br />

l’associazione<br />

(f.)<br />

di categoria<br />

la questura<br />

sequestrare<br />

essere<br />

destinato a<br />

rifornire<br />

abusivo<br />

aggirare<br />

favorire<br />

il riciclaggio<br />

di denaro<br />

il racket<br />

criminale<br />

impegnato<br />

paragonare<br />

sich vorstellen<br />

Blume<br />

Fachverband<br />

Polizeipräsidium<br />

beschlagnahmen<br />

zum Ziel<br />

haben<br />

beliefern<br />

illegal<br />

umgehen<br />

fördern<br />

Geldwäsche<br />

Verbrecherring<br />

engagiert<br />

vergleichen<br />

il fisco e favoriscono il riciclaggio<br />

del denaro sporco<br />

della criminalità. Si tratta<br />

dunque di un vero e<br />

proprio racket criminale.<br />

Per entrare nel giro bisogna<br />

pagare grosse somme.<br />

Don Ciotti, il prete italiano<br />

più impegnato nel sociale<br />

e contro la criminalità, ha<br />

paragonato questo mercato<br />

ai grandi crimini della<br />

mafia. Secondo la procura<br />

di Roma, il business totale<br />

che ruota intorno ai “fiori<br />

illegali” è di almeno 100<br />

milioni di euro l’anno.<br />

agosto 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


5<br />

Campione anche<br />

fuori dal campo!<br />

Giacomo Sintini,<br />

34 anni, pallavolista<br />

di serie A, dopo<br />

un gravissimo tumore<br />

è tornato ad allenarsi,<br />

a giocare e<br />

a vincere.<br />

Die Karriere von Giacomo Sintini<br />

schien bereits beendet. Doch der Volleyballer<br />

aus der Romagna besiegte<br />

den Tumor und kehrte erfolgreich<br />

aufs Spielfeld zurück.<br />

Poche storie di sport e di umanità, negli ultimi anni,<br />

hanno commosso l’opinione pubblica italiana come<br />

quella di Giacomo Sintini, detto Jack. Romagnolo,<br />

nato nel 1979, Giacomo è un giocatore di pallavolo.<br />

Un atleta ad altissimi livelli, che gioca nella serie A<br />

italiana per la squadra del Trentino Volley. Ha giocato<br />

in diverse squadre italiane e perfino in Russia;<br />

inoltre è stato in Nazionale. Nel 2011 si ammala. La diagnosi:<br />

tumore al sistema linfatico. Giacomo si fa curare<br />

all’ospedale di Perugia. Viene sottoposto a diversi cicli<br />

di chemioterapia. Perde i capelli, perde 21 chili. Poi,<br />

quando sta meglio, crea una fondazione di ricerca per<br />

vari tipi di tumore, l’Associazione Giacomo Sintini. La<br />

sua carriera di atleta sembra finita. Giacomo ha più di<br />

30 anni, è indebolito dalle<br />

cure. Invece ricomincia ad<br />

allenarsi. Lo sport è la sua<br />

vita. Il presidente della sua<br />

squadra decide di dargli fiducia.<br />

Il 12 maggio 2013 Giacomo<br />

torna in campo, anche<br />

perché un suo compagno di<br />

squadra si è rotto un dito, e<br />

gioca la partita decisiva. Il<br />

Trentino Volley è ancora una<br />

volta campione d’Italia e la storia<br />

di Giacomo rimarrà una delle<br />

più belle storie del nostro sport.<br />

commuovere<br />

la pallavolo<br />

la serie A<br />

la Nazionale<br />

ammalarsi<br />

venire<br />

sottoposto<br />

la fondazione<br />

indebolito<br />

allenarsi<br />

la fiducia<br />

il compagno<br />

di squadra<br />

decisivo<br />

bewegen<br />

Volleyball<br />

erste Liga<br />

Nationalmannschaft<br />

krank werden<br />

sich<br />

unterziehen<br />

Stiftung<br />

geschwächt<br />

trainieren<br />

Vertrauen<br />

Teamkollege<br />

(alles)<br />

entscheidend<br />

© Prodigo, Trentino Volley


6 Vieni via con me<br />

Ravenna<br />

e dintorni<br />

Jeden Monat schicken wir Sie mit einem Ortskundigen auf eine Entdeckungsreise<br />

an sieben besondere Orte: Italienische Städte authentisch erleben – abseits der<br />

üblichen Touristenrouten. Diesen Monat führt Sie Valentina durch „ihr“ Ravenna.<br />

1 Non perdete la piadina! La più buona si può gustare<br />

alla Ca’ de Vèn (www.cadeven.it). Provate<br />

quella ai ciccioli e crescione di verdure o quella con<br />

lo squacquerone, accompagnandole con un buon<br />

vinello romagnolo, come l’Albana di Romagna o<br />

il Sangiovese di Romagna.<br />

perdere sich entgehen<br />

lassen<br />

2 Visitate la basilica di<br />

San Vitale e il mausoleo<br />

il cicciolo Griebe<br />

il crescione Kresse di Galla Placidia, capolavori<br />

dell’arte bizantina. In se-<br />

lo squacquerone: milder Kuhmilch-Weichkäsrata<br />

è molto suggestivo camminare<br />

lungo la stradina che<br />

il vinello süffiger Wein<br />

il capolavoro Meisterwerk<br />

suggestivo stimmungsvoll<br />

suoi bei pini marittimi.<br />

affianca il mausoleo, con i<br />

il sommo hier: Dante 3 Un saluto al sommo poeta,<br />

poeta Alighieri<br />

la tomba Grab Dante Alighieri, è doveroso.<br />

La sua tomba<br />

lo stabilimento<br />

Strandbad si trova presso la basilica<br />

di San France-<br />

la pista<br />

ciclabile Radweg<br />

regnare vorsovrano<br />

herrschen ha passato gli ultimi anni della<br />

sco. A Ravenna, infatti, Dante<br />

rigoglioso üppig sua vita e vi è morto nel 1321.<br />

4 La serata romagnola estiva, se passata<br />

in città, può solo essere al baretto<br />

della Rocca Brancaleone, ambiente<br />

vivace e con buona birra!<br />

5 Dopo un giro tra i vari musei<br />

e chiese, ci si può riposare<br />

nei bei giardini pubblici,<br />

pieni di giochi per i bimbi.<br />

6 La spiaggia lunga di<br />

Marina di Ravenna è sempre<br />

la più amata dagli<br />

sportivi, ma anche dalle<br />

famiglie, grazie ai tanti servizi.<br />

In serata il divertimento è<br />

assicurato: ogni stabilimento offre<br />

serate a tema musicale. La città e il<br />

mare sono collegati da una fantastica<br />

pista ciclabile (Ravenna, direzione<br />

Punta Marina e poi Marina di Ravenna).<br />

7 Fate una gita all’oasi di Punta Alberete,<br />

dove la natura regna sovrana e la flora e la<br />

fauna rigogliose si lasciano guardare.<br />

agosto 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


Era il… 7<br />

PESCHE RIPIENE<br />

Per 6 persone Preparazione 30 min.<br />

Ingredienti: 6 pesche gialle, mature, ma non molli,<br />

2 tuorli d’uovo, 100 g di amaretti, 2 cucchiai di cacao in<br />

polvere, 4 cucchiai di zucchero e burro quanto basta.<br />

Preparazione:<br />

la pesca gefüllter Dividete le pesche a<br />

ripiena Pfirsich<br />

molle weich metà, togliete il nocciolo<br />

il tuorlo<br />

e, con un cucchiaio, scavatele<br />

leggermente al<br />

d’uovo Eigelb<br />

quanto basta nach Bedarf<br />

il nocciolo Kern centro, tenendo da parte<br />

scavare aushöhlen la polpa ricavata. In un<br />

la polpa herausgelösricavata<br />

tes Frucht-<br />

mixer sminuzzate gli<br />

fleisch amaretti. Sbattete i tuorli<br />

sbattere schlagen con lo zucchero e uniteli<br />

l’incavo Aushöhlung agli amaretti, aggiungendo<br />

il cacao e la polpa<br />

la pirofila feuerfeste<br />

Form<br />

schiacciata. Mescolate<br />

bene e riempite l’incavo delle mezze pesche con il<br />

composto. Mettete le pesche in una pirofila, aggiungete<br />

su ciascuna un fiocchetto di burro e infornate per<br />

circa 40 minuti a 180°. Servitele calde.<br />

Era il...<br />

24 agosto del 79 d.C.<br />

Ein Ausbruch des Vesuvs zerstört<br />

Pompeji, Herculaneum und Stabiae.<br />

IMPRESSUM: Herausgeber und Verlagsleiter: Dr. Wolfgang Stock<br />

Chefredakteurin: Rossella Dimola Chef vom Dienst: Salvatore Viola<br />

Autoren: Isadora Mancusi, Marco Montemarano Redaktion: Andrea Balzer,<br />

Isabella Bernardin, Monica Guerra, Giovanna Iacono, Salvatore Viola<br />

Gestaltung: www.prodigo.de Druck: Medienhaus Ortmeier GmbH, 48369<br />

Saerbeck Gesamt-Anzeigenleitung: Axel Zettler, Tel. +49 (0)89/8 56 81-<br />

130 Verlag und Redaktion Spotlight Verlag GmbH, Fraunhoferstr. 22,<br />

82152 Planegg Tel: +49 (0)89 8 56 81-0, www.evviva-online.de;<br />

www.adesso-online.de. © 2013 Spotlight Verlag, auch für alle genannten<br />

Autoren, Fotografen und Mitarbeiter.<br />

Nonum kal. septembres, “nove giorni prima delle Calende<br />

di settembre”, scrive Plinio il Giovane in riferimento<br />

all’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Una data<br />

che corrisponde al 24 agosto, considerato ancora oggi<br />

ufficialmente come il giorno della tragedia. Plinio il Giovane<br />

probabilmente ne sa qualcosa, dato che suo zio,<br />

Plinio il Vecchio, è morto a causa dell’eruzione vulcanica.<br />

Tuttavia in tempi recenti gli archeologi hanno messo<br />

l’eruzione f.<br />

corrispondere<br />

in tempi<br />

recenti<br />

la cenere<br />

incenerito<br />

Ausbruch<br />

entsprechen<br />

jüngst<br />

Asche<br />

eingeäschert<br />

questa data in discussione. Più<br />

probabilmente, dicono, il Vesuvio<br />

ha eruttato e ha distrutto<br />

le città di Pompei ed Ercolano<br />

più tardi, forse addirittura alla<br />

fine di ottobre. Indipendentemente<br />

dalla data, si è trattato<br />

della più grave eruzione vulcanica su suolo italiano storicamente<br />

provata. Difficile dire quante persone sono<br />

morte. Oltre a Pompei ed Ercolano, coperte da dieci metri<br />

di cenere, anche la città di Stabia è stata distrutta e<br />

molti dei suoi abitanti sono morti inceneriti dal tremendo<br />

calore. Un inferno.<br />

agosto 2013 - eine Beilage von <strong>ADESSO</strong>


© ANSA<br />

il divieto Verbot<br />

il sindaco Bürgermeister<br />

inventare erfinden<br />

imporre aufstellen<br />

vietare verbieten<br />

il costume da bagno Badeanzug<br />

lo zoccolo di legno Holzpantoffel<br />

rumoroso laut<br />

guai a wehe<br />

in modo acceso hitzig<br />

il biliardino Kicker, Tischfußball<br />

scavare buche Löcher graben<br />

di altri cittadini. A Teggiano (Salerno),<br />

come a Campobello di Licata<br />

(Agrigento) e Villa d’Ogna (Bergamo)<br />

è vietato giocare a biliardino, dopo<br />

le ore 20, o le 22 a seconda della<br />

stagione. A Eraclea (Venezia) è vietato<br />

scavare buche troppo profonde<br />

nella sabbia e a Eboli (Salerno) è<br />

perfino vietato baciarsi in auto.<br />

Paese che vai, divieto che trovi…<br />

8 La foto del mese<br />

STRANI DIVIETI<br />

Finalmente è arrivata l’estate, con il<br />

caldo, le vacanze e la voglia di libertà.<br />

Anche per i sindaci di tutta Italia,<br />

che negli ultimi anni hanno inventato<br />

e imposto regole e divieti sempre<br />

più strani. In molte città è vietato girare<br />

per le vie in costume da bagno,<br />

perché poco elegante. A Capri, già<br />

dal 1960, sono vietati anche gli zoccoli<br />

di legno, perché troppo rumorosi.<br />

A Voghera (Pavia) è vietato sedersi<br />

sulle panchine dopo le ore 23,<br />

soprattutto se in più di tre persone;<br />

a Viareggio, guai a poggiarci i piedi<br />

sopra, e a Vicenza sono addirittura<br />

vietate ai minori di 70 anni. A Pordenone,<br />

discutere in modo acceso<br />

per le strade del centro può costarvi<br />

anche 500 euro, perché limita<br />

l’utilizzo degli spazi pubblici da parte

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!