lavoro e politica al femminile lavoro e politica al femminile

consulentidellavoro.it

lavoro e politica al femminile lavoro e politica al femminile

Spedizione in abbonamento postale 45% - Art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Roma

ENPACL 2003

Un ente in piena salute,

attento al futuro

CRESCITA DELLE

PROFESSIONI

La vera sfida è culturale

LE REGIONI

SECONDO I CDL

questo mese

il Friuli Venezia Giulia

LAVORO E POLITICA

AL FEMMINILE

ALL’INTERNO:

LETTERA APERTA

DEL PRESIDENTE

CATALANO

Pubblicazione mensile

dell’Ordine e dell’Ente di Previdenza

dei Consulenti del Lavoro

Giugno

2004

Anno

V Numero

5

Dossier

il contratto

di inserimento

prima parte


CNO

Consiglio

Nazionale

2002-2005

Presidente

Alfio Catalano

(Bergamo)

Vice Presidente

Salvatore Ugliano

(Milano)

Segretario

Anna Maria Granata

(Napoli)

Tesoriere

Antonio Orsi

(Pistoia)

Consiglieri

Elio Bellangero

(Asti)

Adalberto Capurso

(Roma)

Giuseppe D’Angelo

(Viterbo)

Rosario De Luca

(Reggio Calabria)

Giuliana Della Bianca

(Udine)

Paolo Losi

(Parma)

Attilio Miotto

(Padova)

Bruno Montanaro

(Brindisi)

Nunzio Scribano

(Ragusa)

Luigi Serra

(Pescara)

Alfonso Sorrentino

(Avellino)

Revisori

dei Conti

I 103 Consigli

Provinciali

Collegio Revisori

Graziella Montagner

(Treviso)

Franco Marchetti

(Modena)

Danilo Notarnicola

(Torino)

Viale Cristoforo Colombo, 456 - 00145 Roma

Tel. 06/54.12.025 - Fax 06/54.08.282 - e-mail: cons.naz.cdl@tin.it

Consiglio Nazionale dell’Ordine

dei Consulenti del Lavoro

Agrigento

Pres. Giovanni Cumbo

Vicolo De Stefani 11

92019 Sciacca (AG)

Tel. e Fax 0925/85805

Alessandria

Pres. Lorenzo Lombardi

Via Legnano 23

15100 Alessandria

Tel. e Fax 0131/265298

Ancona

Pres. Gianni Giacobelli

Via Degli Orefici 2

60121 Ancona

Tel. e Fax 071/2075014

Aosta

Pres. Leontino Gal

Casella Postale 11

c/o Studio Gal

11013 Courmayeur

Tel. 0165/842410

Fax 0165/845689

Arezzo

Pres. Marco Polci

Via Cavour 17

52100 Arezzo

Tel. e Fax 0575/354740

Ascoli Piceno

Pres. Mario Mariani

Via Cino Del Duca 26

63100 Ascoli Piceno

Tel. 0736/252246

Fax 0736/243119

Asti

Pres. Giovanni Cordoni

c/o Ordini e Collegi Prof.li

Via Bigatti 14

14100 Asti

Tel. e Fax 0141/530307

Avellino

Pres. Francesco Santoro

Via Annarumma 49

83100 Avellino

Tel. e Fax 0825/37953

Bari

Pres. Giuseppe Mastrototaro

Via De Bellis 37

70126 Bari

Tel. 080/5562044

Fax 080/5475604

Belluno

Pres. Flora Da Rolt

Via Mezzaterra 16/B - C.P. 3

32100 Belluno

Tel. e Fax 0437/942966

Benevento

Pres. Giovanni Montefusco

Via S. Gaetano, 10

82100 Benevento

Tel. 0824/21485

Fax 0824/24681

Bergamo

Pres. Loredana Nicoli

Viale Vittorio Emanuele II 44

24121 Bergamo

Tel. 035/217400

Fax 035/217016

Biella

Pres. Ilario Bortolan

Via Vialardi di Verrone 14

13900 Biella

Tel. 015/8486350

Fax 015/8486360

Bologna

Pres. Sergio Stelitano

Via Amendola 6

40121 Bologna

Tel. 051/255768

Fax 051/244711

Bolzano

Pres. Anton Steiner

Via Lancia 8/A

39100 Bolzano

Tel. 0471/518520

Fax 0471/272905

Brescia

Pres. Alberto Pelizzari

Via Salgari 43/B

25125 Brescia

Tel. 030/2427788

Fax 030/2428157

Brindisi

Pres. Dario Montanaro

Via Dalmazia 21/A

72100 Brindisi

Tel. 0831/518686

Fax 0831/720874

Cagliari

Pres. Vittorio De Riso

Via Sonnino 37

09125 Cagliari

Tel. 070/665773

Fax 070/665804

Caltanissetta

Pres. Rosalia Lo Brutto

Via Enrico Medi 1

93100 Caltanisetta

Tel. e Fax 0934/552055

Campobasso

Pres. Davide Siravo

Via Tiberio 92/A

86100 Campobasso

Tel. 0874/493402

Fax 0874/62238

Caserta

Pres. Stefano Scialdone

Via Ferrarecce 13

81100 Caserta

Tel. 0823/329211

Fax 0823/456791

Catania

Pres. Antonino Tringali

Viale Ionio 30

95129 Catania

Tel. 095/536977

Fax 095/530363

Catanzaro

Pres. Marziale Mirarchi

Viale Isonzo 162

88060 S. Maria Di Catanzaro

Tel. 0961/789369

Fax 0961/787210

Chieti

Pres. Giuseppe Cardellicchio

Via G. S. Pianell 4

66100 Chieti

Tel. e Fax 0871/411569

Como

Pres. Maria Grazia Rossini

Via Giulini 10

22100 Como

Tel. 031/270384

Fax 031/261013

Cosenza

Pres. Giovanni Genise

Via Felice Migliori 1

C.P. 266

87100 Cosenza

Tel. 0984/72554

Fax 0984/794777

Cremona

Pres. Battista Centenari

Via Palestro 66

c/o Ass. Professionisti

26100 Cremona

Tel. 0372/535411

Fax 0372/457934

Crotone

Pres. Francesco Garzieri

Via Torino 63

88900 Crotone

Tel. e Fax 0962/901690

Cuneo

Pres. Michele Rossa

Via Roma 14

12100 Cuneo

Tel. 0171/66685

Fax 0171/488500

Enna

Pres. Vincenzo Messina

Via dell'Unità d'Italia 1

94100 Enna

Tel. 0935/531493

Fax 1782245986

Ferrara

Pres. Stefano Tonegutti

Via del Turco 29

44100 Ferrara

Tel. e Fax 0532/247066

Firenze

Pres. Stefano Ammannati

Via Ricasoli 32

Piano 2°

50121 Firenze

Tel. 055/281786

Fax 055/281787

Foggia

Pres. Angelo Colangelo

Via Vincenzo Della Rocca 38

71100 Foggia

Tel. e Fax 0881/709662

Forlì - Cesena

Pres. Claudio Rigoni

Via Torelli 2

47100 Forli

Tel. e Fax 0543/31201

Frosinone

Pres. Carlo Martufi

Via Maria 261 - Piano I°

03100 Frosinone

Tel. 0775/871855

Fax 0775/822081

Genova

Pres. Vittorio Vianello

Via Ilva 4/3

16128 Genova

Tel. e Fax 010/562389

Gorizia

Pres. Sandro Benigni

Via Carlo De Morelli 19/A

34170 Gorizia

Tel. 0481/30325

Fax 0481/548255

Grosseto

Pres. Angiolo Mainardi

C.so Carducci 90

58100 Grosseto

Tel. e Fax 0564/25786

Imperia

Pres. Luciana Traversi

Via XXV Aprile 67

18100 Imperia

Tel. e Fax 0183/710269

Isernia

Pres. Giorgio Trotta

Via Kennedy 96 - C.P. 153

86170 Isernia

Tel. 0865/414000

Fax 0865/416307

L’Aquila

Pres. Marcello De Carolis

Viale De Gasperi 60

67100 L'Aquila

Tel. e Fax 0862/412307

La Spezia

Pres. Sergio Cardellini

P.le Kennedy 27

Piano 2° G 10/11

19124 La Spezia

Tel. 0187/770889

Fax 0187/516443

Latina

Pres. Claudio Giachi

Via Eroi Del Lavoro 12

04100 Latina

Tel. 0773/484354

Fax 0773/414254

Lecce

Pres. Antonio Coluccia

V. Cicolella, 3

Cond. Palazzo di Vetro

73100 Lecce

Tel. 0832/343765

Lecco

Pres. Giulio Corno

Via Col di Lana 4

23900 Lecco

Tel. 0341/282904

Fax 0341/283442

Livorno

Pres. Gloria Cappagli

Piazza Attias 37

57121 Livorno

Tel. 0586/892358

Fax 0586/894482

Lodi

Pres. Teodoro Cito

Via Bernardinelli 20

26841 Casalpusterlengo (LO)

Tel. 0371/432350

Fax 0371/432296

Lucca

Pres. Luciana Conti

Corte Portici 12

55100 Lucca

Tel. 0583/582220

Fax 0583/319081

Macerata

Pres. Carlo Carelli

Via Valadier 30/2

62100 Macerata

Tel. e Fax 0733/35040

Mantova

Pres. Luca De Compadri

Via Carlo Poma 22

46100 Mantova

Tel. 0376/362625

Fax 0376/379695

Massa Carrara

Pres. Marco Iovino

Via 7 Luglio 16/bis

54033 Carrara (MS)

Tel. e Fax 0585/777082

Matera

Pres. Antonio Galtieri

Viale Nazioni Unite 41

75100 Matera

Tel. 0835/386156

Fax 0835/335241

Messina

Pres. Elio Monsellato

Via Romagnosi 3

98122 Messina

Tel. 090/47094

Fax 090/5729077

Milano

Pres. Giovanni Zingales

Via Aurispa 7

20122 Milano

Tel. 02/58308188

Fax 02/58310605

Modena

Pres. Paolo Pignatti

Via Campanella 23

41100 Modena

Tel. 059/222844

Fax 059/223666

Napoli

Pres. Edmondo Duraccio

Via Alcide De Gasperi 55

80133 Napoli

Tel. 081/5518566

Fax 081/5523040

Novara

Pres. Ugo Barberis

Viale Roma 12

28100 Novara

Tel. 0321/611805

Fax 0321/394584

Nuoro

Pres. Paolo Mura

Via Dessany 154

08100 Nuoro

Tel e Fax 0784/203393

Oristano

Pres. Francesco Paolo Mura

Via Vittorio Emanuele 22

09170 Oristano

Tel e Fax 0783/73285

Padova

Pres. Gino Fior

Via degli Zabarella 95

35121 Padova

Tel. 049/663660

Fax 049/660524

Palermo

Pres. Vincenzo Silvestri

Via Redipuglia 6

90144 Palermo

Tel. 091/346433

Fax 091/347031

Parma

Pres. Enrico Ferrari

Viale dei Mille 140

43100 Parma

Tel. 0521/941428

Fax 0521/952721

Pavia

Pres. Stelvio Lanati

Via Bernardino da Feltre 4

27100 Pavia

Tel. e Fax 0382/28286

Perugia

Pres. Stefano Ansideri

Via Sicilia 27-Scala F

06128 Perugia

Tel. 075/5004566

Fax 075/5055338

Pesaro e Urbino

Pres. Sergio Giorgini

Via Toschi Mosca 15

C.P. 108

61100 Pesaro

Tel. 0721/33638

Fax 0721/377112

Pescara

Pres. Laura D'angelo

Via Chieti 5

65121 Pescara

Tel. 085/4216911

Fax 085/4213347

Piacenza

Pres. Alessandro Lupi

Corso Vittorio Emanuele 243

29100 Piacenza

Tel. e Fax 0523/334160

Pisa

Pres. Fulvio Morelli

C.so Italia 178

56125 Pisa

Tel. e Fax 050/500420

Pistoia

Pres. Vincenzo Germinara

Via Panciatichi 11

51100 Pistoia

Tel. e Fax 0573/367010

Pordenone

Pres. Pierluigi Giol

Largo S. Giorgio 7

Cond. Elena

33170 Pordenone

Tel. e Fax 0434/524266

Potenza

Pres. Teodoro Lateana

Vico Luigi Settembrini 16

85100 Potenza

Tel. e Fax 0971/34554

Prato

Pres. Massimo Mancini

Via Bovio 4

59100 Prato

Tel. 0574/30489

Fax 0574/401928

Ragusa

Pres. Giovanni Dipasquale

Via A. Ponchielli 7

97100 Ragusa

Tel. 0932/624324

Fax 0932/683912

Ravenna

Pres. Luciano Tancini

Via Antica Zecca 6

48100 Ravenna

Tel. e Fax 0544/31330

Reggio Calabria

Pres. Paolo Chirico

Via Del Salvatore 1/B

89128 Reggio Calabria

Tel. e Fax 0965/894866

Reggio Emilia

Pres. Carlo Reverberi

C.so Garibaldi 11

42100 Reggio Emilia

Tel. 0522/453765

Fax 0522/408107

Rieti

Pres. Gigliardo Farina

Via Nuova 21

02100 Rieti

Tel. 0746/498501

Fax 0746/274796

Rimini

Pres. Carlo Dall'Ara

Via Angherà 29

47900 Rimini

Tel. 0541/50500

Fax 0541/28451

Roma

Pres. Oreste Bertucci

Via C. Colombo 456

00145 Roma

Tel. 06/5408664

Fax 06/5412035

Rovigo

Pres. Giancarlo Micheletti

Corso Del Popolo 161

45100 Rovigo

Tel. e Fax 0425/29404

Salerno

Pres. Alberico Capaldo

Via S. Alfonso Maria de Liguori 2

84135 Salerno

Tel. 089/481003

Fax 089/481068

Sassari

Pres. Gian Luigi Patorno

Via Milano 7

07100 Sassari

Tel. 079/276790

Fax 079/278745

Savona

Pres. Giovanni Gherzi

Via Vegerio 2/1-c/o studio Gherzi

17100 Savona

Tel. 019/814927

Fax 019/8488565

Siena

Pres. Paola Ciriaca Sabatini

Viale Curtatone 10 - C.P. 132

53100 Siena

Tel. 0577/49439

Fax 0577/205497

Siracusa

Pres. Angelo Cristaudo

Viale S. Panagia 218

96100 Siracusa

Tel. 0931/494100

Fax 0931/490365

Sondrio

Pres. Innocente Martinalli

Via Mazzini 9

23100 Sondrio

Tel. 0342/214354

Fax 0342/519687

Taranto

Pres. Pietro Panzetta

Viale Magna Grecia 100

74100 Taranto

Tel. 099/7304897

Fax 099/7360162

Teramo

Pres. Bruno Santori

Via Trento e Trieste 24

64100 Teramo

Tel. e Fax 0861/247777

Terni

Pres. Carlo Zafferani

Corso Del Popolo 63 - C.P. 211

05100 Terni

Tel. 0744/427283

Fax 0744/436498

Torino

Pres. Cristoforo Re

Via Cavour 19

10123 Torino

Tel. 011/539714

Fax 011/544286

Trapani

Pres. Leonardo Giacalone

Via Libica 2

91100 Trapani

Tel. e Fax 0923/21120

Trento

Pres. Mauro Dallapiccola

Via G. Mazzini 14

38100 Trento

Tel e Fax 0461/234572

Treviso

Pres. Anna Maria Giacomin

Viale Orleans 22

31100 Treviso

Tel. 0422/582345

Fax 0422/410521

Trieste

Pres. Massimo Iesu

Via Roma 17

34132 Trieste

Tel. e Fax 040/366804

Udine

Pres. Stefano Sassara

Via Calzolai 4

33100 Udine

Tel. e Fax 0432/295892

Varese

Pres. Antonio Marabiso

Via Bernascone 14

21100 Varese

Tel. 0332/239360

Fax 0332/238479

Venezia

Pres. Antonio Vegna

Galleria Matteotti 6/2

30174 Mestre

Tel. 041/5041677

Fax 041/2394467

Verbano C. O.

Pres. Giulio Perin

Lungolago Buozzi 22

28887 Omegna (VB)

Tel. e Fax 0323/643386

Vercelli

Pres. Francesco Natalini

Corso Magenta 1

13100 Vercelli

Tel. 0161/256256

Fax 0161/256156

Verona

Pres. Alessandro Visparelli

Corso Porta Nuova 107 - Piano 3°

37122 Verona

Tel. 045/8005065

Fax 045/8068960

Vibo Valentia

Pres. Rosario Rubino

Via Giovanni XIII, 62

Pal. Cortese

c/o studio Rubino

89900 Vibo Valentia

Tel. e Fax 0963/93524

Vicenza

Pres. Elvira D'alessandro

Via Torino 26

36100 Vicenza

Tel. 0444/322028

Fax 0444/323682

Viterbo

Pres. Mario Carnassale

Via Genova 17

01100 Viterbo

Tel. 0761/226960

Fax 0761/322168


Giugno

2004

Anno

VNumero SOMMARIO

5

xx

Hanno collaborato

a questo numero i colleghi:

(in ordine di apparizione)

Alfio Catalano, Bergamo

Vincenzo Miceli, Trapani

Giovanni Cirmi, Ferrara

Edmondo Duraccio, Napoli

Franco Santoro, Avellino

Consulta Regionale Campania

Oreste Bertucci, Roma

Giuseppe D’Angelo, Viterbo

Enzo De Fusco, Roma

Rosario De Luca, Reggio di Calabria

Giuseppe Buscema, Catanzaro

Marco Albertini, Verona

Giuseppina Scoccimarro, Milano

Laura D’Angelo, Pescara

Marcello De Carolis, L’Aquila

Paolo Giambalvo, Trapani

Valfrido Paoli, Perugia

Gino Fior, Padova

Marina Calderone, Cagliari

Francesco Maldera, Foggia

Il Consulente del Lavoro

Anno V

n°5 Giugno 2004

Pubblicazione mensile

C.N.O DEI CONSULENTI

DEL LAVORO

Direzione, redazione,

amministrazione:

Via Cristoforo Colombo, 456

00145 Roma

Tel. 06.54.12.025

Fax 06.54.08.282

SOMMARIO

ENPACL 2003 un ente in piena salute,

attento al futuro Vincenzo Miceli 2

Crescita della professione, la vera sfida è culturale Alfio Catalano 4

Filo diretto con l’Ente Giovanni Cirmi 6

Le Regioni secondo i CdL: il Friuli Venezia Giulia Consulta Reg. dell’Ordine 11

Uno sguardo in casa d’altri La Cassa di Previdenza

ed Assistenza dei Geometri liberi professionisti Fabio Faretra 17

La “sfida” della Fondazione Lavoro

importante chance per la categoria Andrea Bettini 19

Dossier: il contratto di inserimento (prima parte) a cura della Fondazione Studi 21

CNO Notizie brevi a cura di Salvatore Ugliano 29

Consulenti del Lavoro per l’Europa

obiettivi ed impegni per un futuro comunitario Rosario De Luca 32

Intervista all’Onorevole Anna Finocchiaro Anna Maria Granata 34

Notizie dalla Fondazione Studi Giuliana Dalla Bianca 36

Intervista veloce 38

Interessi di mora: con effetto retroattivo

le nuove regole della tassazione per cassa Luca Caramaschi 40

Mobilità e lavoro autonomo Marina Calderone 43

Due quiz professionali 48

Direttore responsabile

Alfio Catalano

Condirettore responsabile

Vincenzo Miceli

Coordinatori redazionali

Elio Bellangero

Giovanni Cirmi

Segretaria di redazione

Rosalba Berlingeri

Comitato di redazione

Giuseppe Buscema

Elvira D’Alessandro

Giuseppe D’Angelo

Giuliana Della Bianca

Rosario De Luca

Fabio Faretra

Annamaria Granata

Francesco Natalini

Nazzario Scano

Gestione editoriale e

concessionaria esclusiva

della pubblicità

Fondazione Studi

Via C. Colombo, 456

00145 Roma

Tel./Fax 06.5417260

e-mail:

fondazionestudi@consulentidellavoro.it

Progetto grafico

FreeLands

Professionisti di

Comunicazione Associati

V.le Marco Polo, 59

00154 Roma

Tel. 06.57171231

Fax 06.57171226

e-mail: info@freelands.org

Impaginazione

Teresa Biagioli

Disegni/Illustrazioni

Valeria Gasparrini

(www.valeriagasparrini.it)

Gianluca Grisanti

Stampa

SO.GRA.RO.

Via Ignazio Pettinengo, 39

00159 Roma

e-mail: cons.naz.cdl@tin.it Registrazione del Tribunale di Roma - n.00448/99 del 4/10/1999 - Spedizione in abbonamento postale 45% - Art. 2, comma 20/b, legge 662/96 - filiale di Roma

1


2

Il 25 giugno scorso, a Roma, i

133 Colleghi componenti

l’Assemblea dei Delegati del

nostro Ente di previdenza, hanno

preso in esame, discusso e

approvato a larghissima maggioranza

il Bilancio di esercizio 2003

dell’ENPACL.

Più del favorevole esito delle

analisi, emerso in ordine a

situazione patrimoniale,

conto economico e nota integrativa,

è doveroso da parte mia, in

rappresentanza del Consiglio di

Amministrazione, riportare a tutti

i Colleghi – attraverso le pagine

di questa rivista – i dati essenziali

e più significativi di tale

Bilancio che sarà nostra cura,

come ormai tradizione degli ultimi

anni, pubblicare integralmente,

allegato ad uno dei prossimi

numeri.

Vincenzo MICELI

Presidente Enpacl

EDITORIALE

ENPACL 2003

un ente in piena salute,

attento al futuro

Prosegue per l’ENPACL il positivo

trend dell’avanzo di esercizio,

attestatosi per il 2003 in oltre 32

milioni di euro, con un incremento

di quasi il 22% rispetto all’esercizio

precedente. La sola

gestione previdenziale migliora

del 14% e annovera – al dicembre

2003 – 20.040 iscritti e 5.085

pensionati.

Il patrimonio aumenta anch’esso

di oltre 10 punti percentuali attestandosi,

al netto, a 346 milioni

di euro, con un sensibile miglioramento

dei rendimenti da

gestioni patrimoniali ed una crescita

di circa il 6% dei canoni di

locazione.

Tale complessivo risultato

porta oggi l’Ente a confidare

su una riserva legale,

come richiesta dal decreto di privatizzazione,

di oltre 22 annualità

di pensione, ossia più di 10 volte

le prestazioni in essere.

E’ il caso di ribadire che i pur

lusinghieri risultati di bilancio

non devono mai, quando in discussione

vi è il futuro previdenziale

di ognuno di noi, far riposare

fra gli allori. La sana e corretta

gestione dell’Ente si concreta

infatti nell’ amministrare l’attuale

e precorrere, prevedendolo, il

futuro.

In tal senso, importante sarà

l’esame che la stessa

Assemblea sarà chiamata ad

avviare a novembre quando,

come annunciato, potremo presentare

il Bilancio tecnico in avanzata

fase di predisposizione, che

prenderà a riferimento il periodo

2004-2006, con una proiezione ai

prossimi 15 anni. Nessuno può

escludere che anche i Consulenti

del Lavoro, come hanno già provveduto

a fare altre categorie professionali,

decideranno in futuro

di rivedere il proprio sistema previdenziale.

Coltiviamo tuttavia l’idea

di creare le condizioni, con il

nostro agire quotidiano, per giungere

ad una riforma che, forse per

la prima volta in Italia, venga concepita

in una accezione positiva,

favorevole per gli associati, che

offra loro ancor più possibilità di

quelle attuali.

Il futuro dunque si prepara con le

scelte di oggi.

L’oculatezza delle decisioni

non vale quando è vuota

dichiarazione di principio,

fine a se stessa e se non è

accompagnata da coerenza.

L’approvazione del bilancio 2003

è occasione per svolgere un

breve raffronto tra i risultati conseguiti

dal 1999 al 2003, ossia


nell’attuale e nella passata consigliatura.

Occorre preliminarmente

ricordare che in Italia,

negli ultimi 5 anni, l’inflazione

complessiva è stata del

11,8%. Siamo tuttavia riusciti

addirittura a ridurre, nello stesso

periodo, le spese di funzionamento

dell’ENPACL dell’1% (organi di

amministrazione, compensi professionali,

materiali di consumo e

servizi vari), con un incremento


del 10% della voce relativa al personale

dipendente, dunque

comunque al di sotto del dato

inflativo, nonostante la ricchezza

e la qualità dei nuovi servizi erogati.

La gestione previdenziale è

migliorata in 5 anni di quasi il

50%, i canoni di locazione del

42% e l’avanzo generale di esercizio

di oltre il 43%.

Collegato alla questione

dell’equilibrio dei conti è

quello del recupero dei

contributi evasi. Sin dal 2000

l’Ente ha avviato con decisione, in

nome anche dell’equità fra

Colleghi, la relativa attività di

recupero, concentrandosi soprattutto

sul contributo soggettivo e

ottenendo risultati più che lusinghieri.

Ai Delegati è stato sottosposto

un elaborato riepilogativo

per singola provincia che dimostra

l’efficacia dell’intervento sin

qui prodotto.

Sempre a tale proposito, a giorni

avvieremo tutte le attività necessarie

per il recupero della contri-

buzione integrativa omessa a partire

dall’anno 1999, in base ai dati

acquisiti dall’Agenzia delle

Entrate. L’efficacia della nostra

azione sarà tanto maggiore quanto

alta sarà la collaborazione da

parte dei Consigli Provinciali, ai

quali sarà indirizzata apposita

segnalazione per i provvedimenti

ritenuti opportuni.

Nell’era della globalizzazione,

miope è colui che si illude

di poter fare da solo,

IN ITALIA, NEGLI ULTIMI 5 ANNI, L’INFLAZIONE

COMPLESSIVA È STATA DEL 11,8%. SIAMO RIUSCITI

A RIDURRE, NELLO STESSO PERIODO,

LE SPESE DELL’ENPACL DELL’1%” ”

chiudendosi a riccio al mondo

esterno. Tanto più valida è questa

affermazione se pensiamo all’universo

degli investimenti, la cui

complessità e articolazione è cresciuta

al pari con i rischi connessi.

L’ENPACL, assieme alle altre

Casse di previdenza, è oggi uno

degli investitori istituzionali più

incalzati da banche e società di

gestione del risparmio, stante gli

attuali avanzi di gestione. La consapevolezza

di rappresentare una

realtà significativa nel Paese in

materia di investimenti e l’assoluta

necessità di ottimizzare i rendimenti

minimizzando i rischi, come

si conviene a chi amministra

risparmi previdenziali di una collettività,

ci ha condotto – assieme

all’AdEPP – a organizzare a Roma

un riuscito Forum.

Il “First international welfare

and economics forum” ha visto

affrontare le problematiche

della previdenza moderna e gli

scenari finanziari ed economici da

parte dei massimi esperti mondiali,

tra cui due premi Nobel,

Muron Scholes e Michael

Spence. Il risparmio dei professionisti,

anche quello dei

Consulenti del Lavoro, è destinato

ad alimentare la loro sicurezza

e per questo va utilizzato con

oculatezza, anche esplorando

nuove strategie, in maniera professionale,

a garanzia di tutte le

generazioni in campo.

Tra gli ultimi, un argomento

che tanto ha appassionato

la Categoria negli anni passati:

la società TeleConsul. Il fatto

che oggi se ne parli sempre meno

è già, di per sé, significativo. Con

un poco di orgoglio, a merito di

tutti i Colleghi che hanno collaborato

e stanno collaborando per la

buona riuscita dell’operazione,

vogliamo riportare la notizia che,

per l’esercizio 2003, la società ha

corrisposto all’Ente oltre 10 mila

euro di dividendi.

“ LA SOCIETÀ

TELECONSUL PER

L’ESERCIZIO 2003

HA CORRISPOSTO

ALL’ENTE OLTRE 10

MILA EURO DI DIVIDENDI


Infine, un primo, parziale bilancio

dei nuovi istituti previdenziali

voluti inserire nello Statuto

e nel Regolamento dell’Ente,

cogliendo le aspettative della

Categoria, evidenzia la notevole

risposta data dai Colleghi alla

facoltà di riscatto. E’ per noi vera

soddisfazione e sprone il fatto

che oltre 1.000 Consulenti del

Lavoro abbiano esercitato tale

diritto e possano ora guardare al

proprio futuro con un pizzico di

fiducia in più.

3


4

Si fa un gran parlare dell’incidenza

del mondo professionale

nello sviluppo del nostro

Paese e della nostra economia,

sempre più caratterizzata da un

processo veloce ed incontrovertibile

di forte internazionalizzazione e

globalizzazione, così come da un’elevata

terziarizzazione. In effetti difficili

sfide attendono le professioni,

sfide di natura sia organizzativa sia

culturale.

I Consulenti del Lavoro hanno di

fronte un’occasione unica, che

devono saper cogliere: svolgere un

ruolo da protagonisti nel nuovo scenario

che si apre sulle grandi riforme.

Si tratta di nuovi modelli di

governance delle imprese; nuove

tipologie contrattuali tendenti a rendere

più flessibili le forme di lavoro;

un nuovo regolamento dell’esternalizzazione

dei processi produttivi (le

imprese non sono più realtà statiche

ma dinamiche, in permanente evoluzione,

che hanno come dato natu-

Alfio CATALANO

Presidente Ordine Consulenti del Lavoro

EDITORIALE

Crescita della professione

la vera sfida è culturale

rale l’esigenza di ristrutturarsi e riorganizzarsi);

una nuova organizzazione

del mercato del lavoro con la fine

del vecchio collocamento e l’inserimento

di una pluralità di soggetti

privati in concorrenza con il sistema

pubblico. Si parla dunque di grandi

aperture: queste però potrebbero

non dare i frutti sperati, se non adeguatamente

accompagnate da un

forte supporto tecnico-professionale,

organizzativo e soprattutto culturale,

da parte di tutti i soggetti coinvolti.

Occorre, sicuramente, un approccio

culturale sganciato dalla tradizionale

visione di un mercato del lavoro

dove il rapporto a tempo pieno e

indeterminato costituisce l’unica

forma contrattuale. Ne consegue

che vengono meno le certezze nelle

risposte alle esigenze delle aziende:

non più strumenti standardizzati,

ma interventi mirati, on line e molto

specialistici. Per far bene, quindi,

occorre prendere coscienza di tali

prospettive, delle “diversità” che

diventano “normalità”, così da prepararsi

in maniera adeguata a gestire

il cambiamento senza subirlo, a

tramutare tutte le sfide in opportunità

di successo per la Categoria e

per l’interesse generale del Paese.

Bisogna anche individuare e agevolare

strumenti di contrasto alla frammentazione

del percorso lavorativo,

come ad esempio un adeguato processo

formativo: una formazione

composita (istruzione professionalizzante

da un lato e dall’altro sperimentazione

pratica) che favorisca

l’adattabilità, uno dei punti cardine

cui fa riferimento la stessa Unione

Europea. Una formazione che va


UNA NUOVA

ORGANIZZAZIONE

DEL MERCATO

DEL LAVORO CON LA

FINE DEL VECCHIO

COLLOCAMENTO


integrata anche con un comportamento

virtuoso cui stimolare le

aziende, che devono impegnarsi sul

versante dell’innovazione tecnologica,

della ricerca e della valorizzazione

delle risorse umane.

L’opera del Consulente del

Lavoro, specie in questa prima

fase di applicazione della riforma,

appare molto preziosa, non

solo per le imprese ma anche per i

lavoratori. Un’opera di alta consulenza,

di sensibilizzazione e di

orientamento delle strategie aziendali,

tendente a ben conciliare le

opportunità della flessibilità offerte

dalla norma con le esigenze sociali,

puntando a valorizzare tutti gli strumenti

atti ad accrescere qualitativamente

il capitale umano. Un’opera


ivolta alla promozione della cultura

della legalità e della responsabilità

sociale: tema questo che, nello scenario

del dibattito europeo e nazionale,

ha iniziato ad imporsi come

una delle principali strategie per la

costruzione di un’economia dinamica,

competitiva e coesa.

Tutto questo nella consapevolezza

che l’impresa rappresenta un soggetto

in grado di accrescere, con

la propria iniziativa, il livello di

benessere sociale attraverso l’attivazione

di rapporti con tutto il

sistema dei soggetti che hanno

interessi in gioco e che possono

quindi, con la loro azione, influenzarne

lo sviluppo.

La consapevolezza che il profitto

non possa essere disgiunto

dai risultati sociali, e che, anzi,

debba essere perseguito, garantendo

al contempo la sostenibilità della

dimensione economica, ambientale

e sociale, ha portato alla progressiva

emersione di una nuova logica

manageriale ed istituzionale. Sono

questi i motivi per i quali il Consiglio

Nazionale dell’Ordine ha deciso di

incentrare l’attenzione del prossimo

congresso di Categoria proprio sul

tema della “Social corporate

responsability”.

Considerando anche il fatto che, dal

punto di vista istituzionale, la nostra

professione acquisisce sempre più

riconoscimenti: l’esplicito accreditamento

per svolgere le delicate fun-

“ L’OPERA

DEL CONSULENTE

DEL LAVORO È

PREZIOSA ANCHE

PER I LAVORATORI


zioni di ricerca, selezione, inserimento

e ricollocamento delle risorse

umane nel mercato del lavoro; la

possibilità di poter contribuire fattivamente

alle fasi di certificazione e di

conciliazione; la consolidata prospettiva

di giuste attribuzioni in

ambito fiscale e tributario, con

segnali positivi che fanno ben sperare

per il raggiungimento di obiettivi

più generali e importanti. Basti pensare

all'inclusione della Categoria tra

i soggetti tenuti agli obblighi in materia

di antiriciclaggio; alla segnalazione

dell’Antitrust, a seguito del ricorso

presentato dal Consiglio Nazionale

dell’Ordine, sulla trasmissione telematica

dei bilanci e degli altri atti di

cui all’articolo 2435 del codice civile

al Registro Imprese della Camera di


Commercio con la sola smart-card

del professionista abilitato (segnalazione

che sollecita Governo e

Parlamento a riesaminare la norma

che non ha incluso i Consulenti del

Lavoro tra i soggetti legittimati a

svolgere tale funzione); all’interessamento

della Commissione Finanze

della Camera nei confronti del

Ministero dell’Economia per giungere

all’attuazione della delega fiscale,

che prevede l’inclusione dei

Consulenti del Lavoro tra i soggetti

abilitati all’assistenza tecnica generale

nel processo tributario, con il

formale impegno da parte del

Sottosegretario competente a risolvere

il problema in breve tempo;

all’inserimento, da parte del

Ministero di Giustizia, dei Consulenti

del Lavoro nel Collegio Sindacale

delle Società per Azioni. Tutte problematiche

queste che, assieme

all’adeguamento del titolo di studio

per l’accesso alla Professione, il

Consiglio Nazionale dell’Ordine

segue con perseveranza, in coerenza

con gli impegni presi e con le

aspettative di tutti i colleghi. Molta

considerazione è manifestata anche

da vari enti di rilevanza nazionale

(Inps, Inail, Agenzia delle Entrate),

attraverso la stipulazione di convenzioni

e accordi in sede sia nazionale

sia locale.

La Fondazione Studi, dal canto

suo, sta operando con grande

determinazione nel fornire un

supporto tecnico-scientifico di alto

valore. I due “principi” già elaborati,

sul lavoro a progetto e sul contratto

di inserimento, hanno destato molto

interesse, contribuendo a dare visibilità

e immagine alla Professione grazie

alla loro diffusione sui massmedia.

L’obiettivo è di fare opinione

IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL’ORDINE HA DECISO DI INCENTRARE

L’ATTENZIONE DEL PROSSIMO CONGRESSO DI CATEGORIA

SUL TEMA DELLA “SOCIAL CORPORATE RESPONSABILITY” ”

in ambito giuslavoristico e di diventare

così un punto di riferimento non

solo per i professionisti che devono

quotidianamente misurarsi con le

nuove norme ma, anche se non

soprattutto, per le istituzioni e il legislatore,

al quale viene rivolto un prezioso

contributo, utile e funzionale

per implementare la legge e per

superare le criticità che vengono fatte

rilevare. Così come alquanto consistente

appare l’offerta formativa della

stessa Fondazione, erogata sia con

convegni in loco sia in videoconferenza,

unitamente agli studi approfonditi

che permettono di risolvere

tanti dubbi, esprimendo nel contempo

il pensiero della Categoria su temi

di attualità (prescrizione crediti Inps,

sanzioni sul sommerso, concordato

preventivo, novità nel diritto societario,

riforma fiscale, trattamento fiscale,

previdenziale ed assicurativo del

rapporto di praticantato e così via).

Una vasta e meritevole opera, che

rende la Categoria il riferimento centrale

per il mondo delle imprese e

per un’economia sociale in cerca di

veri bagagli di conoscenza e di

esperienza.

5


6

Cari colleghi, ci sono pervenute, da parte

Vostra, moltissime richieste inerenti l’assicurazione

sanitaria per grandi eventi

stipulata dall’Ente a favore di tutti i colleghi con

la Compagnia di Assicurazione UNISALUTE.

Molti di Voi ci chiedevano se era possibile assicurare,

ad un costo ragionevole, anche i familiari.

Altri ci chiedevano ancora se era possibile

avere una polizza integrativa ad ulteriore copertura

di quella prevista dall’ENTE.

Come a Voi ben noto, ambedue le richieste

sono state già accolte.

Già dall’anno scorso, chi lo desiderava, poteva

estendere la polizza base ai propri familiari ed

avere egli stesso una copertura assicurativa

integrativa di quella già in essere. Era sufficiente

contattare all’inizio dell’anno l’Assicurazione

UNISALTE e stipulare la polizza.

Poiché molti colleghi non hanno fatto in

tempo ad aderire, vuoi perché la lettera

dell’UNISALUTE è arrivata in ritardo, vuoi perché

la comunicazione dell’assicurazione è

andata a finire sotto “le scartoffie”, ci è stato

chiesto se era possibile aderire alle coperture

assicurative sopra citate anche in corso d’anno.

Il Consiglio di Amministrazione per venire

incontro alle tante richieste dei colleghi, ha

avuto in data 27 aprile 2004 un incontro con i

responsabili di UNISALUTE. Ha chiesto, oltre

alla possibilità di estendere in corso d’anno

l’assicurazione grandi eventi, il così detto

“PIANO BASE” per i familiari dei colleghi, anche

di stipulare in corso d’anno una polizza integrativa,

per sé e per i propri familiari, il così detto

“PIANO INTEGRATIVO A QUELLO BASE”

Nel corso dell’incontro, il Consiglio di

Amministrazione, facendo notare la convenienza

per l’Assicurazione di trattare con un rilevante

numero di potenziali clienti, ha chiesto ed otte-

Giovanni CIRMI

Vicepresidente Enpacl

FILO

DIRETTO

CON L’ENTE

Ampliata l’assicurazione sanitaria

nuto che le coperture assicurative già in essere

sia per il Piano Base che per quello Integrativo

venissero ampliate.

Ritenendo di farVi cosa gradita, vi do qui di

seguito le ulteriori coperture assicurative al

PIANO BASE, che si aggiungono automaticamente

a quelle già in essere, decorrenti fin

dall’1 Giugno 2004. Per ulteriore chiarezza, si

precisa che le ulteriori coperture assicurative

appresso riportate sono gratis, cioè sono incluse

nella polizza stipulata dall’ENTE a favore di

tutti i colleghi iscritti.

PER IL PIANO BASE:

A) Prevenzione odontoiatrica

prevede il monitoraggio annuale della situazione

dell’apparato dentario mediante una visita di

controllo e l’effettuazione di una ablazione del

tartaro, la cosi detta detartrasi, presso odontoiatri

convenzionati con UniSalute.

L’importo della spesa, anticipato dall’Assicurato,

verrà integralmente rimborsato da UniSalute.

Qualora venissero evidenziati problemi odontoiatrici,

l’Assicurato, qualora lo desideri, potrà

utilizzare l’odontoiatra convenzionato richiedendo

alla Centrale operativa l’applicazione delle

tariffe concordate che prevedono di norma uno

sconto pari al 20/25%.Queste ulteriori spese

non sono naturalmente comprese nella

garanzia e rimarranno quindi integralmente

a carico dell’iscritto.

B) Interventi chirurgici odontoiatrici

(compresi interventi di implantologia dentale)

resi necessari da patologie da entità tale da

potere compromettere la funzione masticatoria.

Negli interventi garantiti vengono ricompresi

anche quelli di implantologia necessari per il

ripristino degli elementi dentali compromessi.

Le patologie per le quali viene resa operante la

garanzie comprendono le seguenti voci:

osteiti mascellari, neoplasie ossee della mandibola

o della mascella, cisti follicolari, cisti radicolari

adamantinoma, odontoma. Le spese sostenute

vengono rimborsate nel limite di _ 7.500 per

anno assicurativo per ogni iscritto o, nel caso di

estensione della copertura al nucleo familiare,

per l’intero nucleo familiare comprensivo dell’iscritto.

Ai fini liquidativi, l’Assicurato dovrà

inviare radiografie e referti radiologici per

osteiti mascellari, cisti follicolari, cisti radicolari,

adamantinoma, e odontoma, referti medici

attestanti le neoplasie ossee della mandibola

e/o della mascella.

C) Prestazioni di Alta Specializzazione

comprende un numero consistente di accertamenti

diagnostici di elevata qualità e, di norma,

particolarmente costosi che vengono garantiti

indipendentemente dalla loro correlazione con

un ricovero. Contiene, inoltre, prestazioni terapeutiche

per patologie di rilevante gravità che

richiedono in genere trattamenti prolungati

(chemioterapia, cobaltoterapia, dialisi).

Per quanto riguarda le malattie neoplastiche, in

specifico, si determina un quadro di copertura

veramente ampio: l’intervento di asportazione

del tumore; una specifica garanzia per malattie

oncologiche, operante sia in un momento successivo

al periodo di post-intervento sia nel

caso in cui si tratti di neoplasia non operabile;

un’ulteriore disponibilità di massimale prevista

da questa garanzia per trattamenti antitumorali.

L’elenco delle prestazioni comprende:

Alta diagnostica radiologica (esami stratigrafici

e contrastografici)


Chemioterapia; Cobaltoterapia; Dialisi;

Elettromiografia; Risonanza Magnetica

Nucleare; Scintigrafia

Tomografia Assiale Computerizzata (TAC)

Per quanto riguarda le modalità di utilizzo della

garanzia, si prevede:

• nel caso di utilizzo di strutture sanitarie

convenzionate con Unisalute, pagamento

diretto da parte di Unisalute alle strutture ad

eccezione di una franchigia di _ 30 per

accertamento diagnostico o per ciclo di terapia

che viene versata dall’Assicurato alla

struttura sanitaria

• nel caso di utilizzo di strutture sanitarie

non convenzionate con Unisalute, rimborso

delle spese sostenute dall’Assicurato con

uno scoperto a carico dell’Assicurato del

25% con il minimo non indennizzabile di _ 55

per ogni accertamento diagnostico o ciclo di

terapia

• nel caso di utilizzo del Servizio Sanitario

Nazionale rimborso integrale dei ticket sanitari

nei limiti del massimale assicurato

Il massimale assicurato corrisponde a 7.500

Euro per anno assicurativo per ogni iscritto o,

nel caso di estensione della copertura al nucleo

familiare, per l’intero nucleo familiare comprensivo

dell’iscritto.

PER IL PIANO INTEGRATIVO

L’UniSalute, ha ritenuto, al fine di favorire la

diffusione del Piano Integrativo, di attenuare

notevolmente il regime delle esclusioni relative

alle situazioni patologiche preesistenti

alla stipulazione del Piano. Da una situazione

in cui venivano escluse dalla copertura

tutte le conseguenze di patologie e infortuni

preesistenti alla data di attivazione del Piano

Sanitario, la modifica introdotta comporta

una limitazione per un numero circoscritto

di patologie e d’interventi; tutte le conseguenze

di situazioni patologiche non contenute

nell’elenco sotto riportato sono immediatamente

comprese nella garanzia.

Per le voci sotto indicate, viene previsto un termine

di aspettativa (periodo entro il quale la

garanzia non è attiva) di due anni dall’attivazione

della copertura trascorsi i quali anche gli

interventi conseguenti alla patologie elencate

vengono compresi nella garanzia.

• Miopia

• Cataratta;

• Varici;

• Emorroidi;

• Ricostruzione capsulo-legamentosa delle

articolazioni (ad es. menisco, legamenti crociati),

ecc.;

Consulenti minuto per minuto al 31 maggio 2004

Iscritti al

30/4/2004

n. 20.532

Pensionati al

30/4/2004

n. 5.176

Iscritti di

maggio

n. 98

Nuovi pensionati

n. 33

Cessazione delle

sospensioni

n. 1

Iscritti all'Ordine

Cancellati di

maggio

n. 27

Radiazioni di

maggio

n. 0

• Meniscectomia

• Calcolosi renale ed epatica;

• Diabete;

• Insufficienza renale;

• Malattie a carico della tiroide;

• Ipertrofia prostatica;

• Ernie: tutti i tipi.

Per i primi due anni dalla data di attivazione

della copertura viene previsto un importo

forfetario di 250 Euro una tantum per ognuna

delle voci sopraindicate.

I premi sono quelli di seguito riportati:

Iscritto fino all’1/11/2004 68,00 Euro-

Dall’1/11/2004 al 1/11/2005 410,00 Euro;

Coniuge fino all’1/11/2004 57,00 Euro-

Dall’1/11/2004 al 1/11/2005 340,00 Euro;

Ogni figlio fino all’1/11/2004 38,00 Euro-

Dall’1/11/2004 al 1/11/2005 230,00 Euro

Si precisa che l’estensione del piano integrativo

ai familiari, deve essere effettuata contestualmente

alla estensione agli stessi del piano base

e alla adesione al piano integrativo

Per ulteriori informazioni sui Piani, potete

collegarVi con il sito www.consulentidellavoro.it

oppure chiamare i numeri 051/6386.339 -

280 218

A tutti un cordiale saluto

Giovanni Cirmi

Sospensioni di

maggio

Dati provenienti dal Consiglio Nazionale dell’Ordine, riferiti ai movimenti inseriti nel mese di maggio 2004

Prestazioni

Riattivate (*)

n. 1

Dati provenienti dall'Ufficio gestione pensioni Enpacl

Pensionati Enpacl

Pensionati

deceduti

n. 15

n.3

Prestazioni

sospese (*)

n. 0

Iscritti al

31/05/2004

n. 20.601

Totale pensionati

al 31/05/2004

n. 5.195

N.B.: Le voci “Prestazioni riattivate” e “Prestazioni sospese” si riferiscono, rispettivamente, ai titolari di

trattamento pensionistico di reversibilità che si trovano nelle seguenti posizioni: a) iniziano/proseguono un

corso legale di studi; b) non hanno presentato la documentazione/concludono un corso legale di studi.

7


8

Questo articolo non è di analisi

tecnica sui provvedimenti legislativi

di riforma della vigilanza, e

neppure riporta indicazioni pratiche sul

recepimento di nuove metodologie da

parte degli Istituti interessati.

E’ in realtà una riflessione quasi intima.

Un momento di silenzio e di fermata,

oserei dire, forse utile alla Professione e

a chi la esercita.

Abbiamo davanti un orizzonte almeno

in parte sconosciuto: dimensioni ignote

della nostra figura professionale, competenze

ed interventi ancora tutti da

comprendere. E così pure forme di rapporto

tutte da interpretare con i nostri

amici-nemici di sempre: gli Ispettori.

Ispettori d’ogni sorta, Ispettori da tutte

le parti.

Ispettori della SIAE che capitombolano

nel mondo del lavoro, con la perplessità

di chi, partendo magari da una radiolina

messa in un angolo del bar, si trova

interrogato tutto il personale su retribuzioni

e contratto.

Ispettori dell’Agenzia delle Entrate che

scandagliano le realtà aziendali dopo

aver, giustamente e scrupolosamente,

lottato contro il sommerso o contro

eventuali errori nell’attribuzione dei

famigerati bonus.

Ispettori INAIL che fanno il loro mestiere

di sempre ma percorrono anche vie

insolite, come ad esempio le verifiche

obbligatorie per richiesta di finanziamenti.

Ispettori ASL che, sulla scorta del miti-

Elio BELLANGERO

e.bellangero@consulentidellavoro.it

PROFESSIONE

E’ l’ora della fiducia?

Riflessioni in margine

alla vigilanza ispettiva

co 626, sono pronti a cogliere tutte le

sfumature di una normativa sulla sicurezza

che, a parere di chi scrive, è

quantomeno esorbitante, se non altro

per le piccolissime aziende.

Aspettiamoci anche gli Ispettori del

Garante per la Privacy: i sonni nostri e

delle aziende clienti non saranno mai

più tranquilli…

Ma tornando al quotidiano: Ispettori

INPS e Ispettori del Lavoro che assumono

una veste proteiforme in cui possono

anche svolgere la parte di “suggeritori”

per le aziende. Vero è che tale

consulenza virtuale attiene alla sfera

definita “sociale” dell’impegno per una

nuova vigilanza, meno poliziesca e più

d’indirizzo, e vero pure che a questo

trend non possiamo non essere favorevoli.

Però: come potranno le aziende

recepire una nuova, seppure sfumata,

figura di “consulente”?Quale considerazione

faranno i clienti effettivi o

potenziali trovandosi di fronte ad altri

individui deputati a dare i consigli che

da sempre vengono dati dalla sfera

professionale?

Qualcuno potrebbe dire che i “consigli”

dati dagli Ispettori arrivano proprio laddove

sono esistiti “cattivi consigli” professionali

o consigli non seguiti o addirittura

nessun consiglio…

Non è inutile ricordare che tutto ciò si

potrebbe tradurre anche in uno stimolo,

per il professionista, a fare sempre di

più e sempre meglio, annichilendo l’eventualità

che arrivino “consigli” da

altra fonte.

Non è neanche inutile chiedersi se non

sia il momento di ragionare in modo

diverso.

Vale a dire: certamente, di fronte al dilagare

dell’”ispettività” (non credo esista

tale termine, ma rende l’idea) e dei lati

oscuri di questa possiamo anche alzare

la voce.

Possiamo gridare che il nostro ruolo di

professionisti è ingiustamente depresso.

Possiamo puntare i piedi. Ma possiamo

anche aprirci.

Dal Direttore di una sede provinciale

dell’INAIL ho sentito di recente una

frase che molti giudicheranno demagogica

o pro domo sua: “E’ giunta l’ora

della fiducia”.

Che avesse ragione? Che tutto ciò

significhi non tanto che qualcuno ci

vuole sotterrare ma che l’evoluzione dei

fatti ci impone di arrivare a comprendere

ed interpretare un ruolo veramente

nuovo del Professionista nella Società?

Un ruolo dove i professionisti seri

accetteranno un confronto sempre più

impegnativo ma sicuramente più

moderno?

Che sia davvero il momento di superare

le barricate per arrivare alla condizione

in cui Consulenti ed Ispettori interpretano

in armonia e per il benessere

generale quel delicatissimo mondolavoro

che di tutto ha bisogno tranne

che di conflittualità?

Mah.


La certificazione di qualità è

ormai conosciuta ed il meccanismo

adottato, la certificazione

da parte di un Ente terzo, è talmente

efficace e funzionale che si

sta diffondendo a macchia d’olio, in

ambiti molto diversi.

La certificazione di qualità è nata in

America durante l’ultimo conflitto

mondiale per facilitare il compito di

chi doveva controllare le forniture di

armi. Il concetto base è molto semplice,

se un manufatto soddisfa le

esigenze del committente e se quel

manufatto viene realizzato utilizzando

materie prime con le medesime

caratteristiche e processi di produzione

sempre uguali a se stessi avrò

la ragionevole certezza che anche il

prodotto finale sarà sempre uguale a

se stesso. Un Ente terzo, indipendente,

provvederà a controllare e

certificare i processi di produzione

che andranno codificati e costituiranno

così un complesso di regole

alle quali ogni addetto dovrà uniformarsi

ed alle quali ogni fornitore

dovrà fare riferimento, certificandosi

a sua volta ovvero sottoponendosi

ai controlli del committente.

Poco per volta il meccanismo si è

trasferito dall’industria ai servizi, con

Roberto DE LORENZIS

r.delorenzis@ancl.it

LAVORO

Dalla certificazione di qualità


alla responsabilità sociale

successivi adattamenti delle regole,

e si è trasformato da sistema di controllo

della produzione a sistema di

controllo della gestione; un sistema

dinamico, volto al miglioramento

continuo, finalizzato alla maggiore

efficienza.

Passato il periodo in cui le imprese

consideravano la certificazione di

qualità quasi un “marchio” da pubblicizzare

a fini commerciali si è fatta

strada la consapevolezza che l’introduzione

di procedure certificate rappresenta

il miglior modo per controllare

i flussi di lavoro, eliminare sprechi

e duplicazioni, individuare carenze,

facilitare l’inserimento di nuovo

personale, insomma, gestire l’azienda

stessa, perfezionando continuamente

il sistema.

LA CERTIFICAZIONE DA PARTE DI UN ENTE TERZO,

È TALMENTE EFFICACE E FUNZIONALE

CHE SI STA DIFFONDENDO A MACCHIA D’OLIO ”

E’ ovvio che il sistema, così evolutosi

e perfezionatosi, non è più mirato

al settore manifatturiero ma anche a

quello dei servizi o alle attività professionali;

qualunque attività che sia

svolta da più di una persona necessita

infatti di una organizzazione,

introdurre procedure scritte ne facilita

la gestione, la certificazione rappresenta

un impegno ed uno stimolo

per chi la richiede ed una garanzia

nei confronti dei terzi.

Il ricorso all’ente terzo indipendente,

che attesta l’esistenza delle procedure,

la loro conformità agli standard

e l’idoneità delle stesse a

garantire il risultato si è ampliato a

dismisura, potendosi adattare a

qualunque campo. Oggi abbiamo

una miriade di standard o procedure

certificate, dal rispetto delle

norme etiche, al rispetto per l’ambiente,

alle certificazioni di prodotto

in campo alimentare ecc. ecc. ma

infinito è l’ambito delle possibilità

perché, come detto, il sistema si

adatta a “testimoniare” quasi ogni

cosa, conferendo credibilità alle

attività certificate.

In questo contesto si affermano

oggi, all’interno delle aziende,

nuovi modelli di governance quali

i Codici Etici, i Bilanci Sociali, i codici

anticorruzione.

La Corporate Social Responsabilità

o Responsabilità Sociale delle

Imprese, definisce un nuovo

modello di impresa che, pur mantenendo

il fine del profitto, tenta di

realizzarlo attraverso un sistema di

potenziale solidarietà con tutti quei

soggetti – definiti stakeholders –

con i quali l’azienda interagisce, e

cioè soci, finanziatori, consumatori,

istituzioni, popolazione, fornitori,

risorse umane e persino generazioni

future (nella tutela dell’ambiente).

L’impresa modifica gli strumenti

attraverso i quali persegue il profitto

e tende a trasformarsi da soggetto

9


10

meramente economico ad attore

sociale.

I risultati di un’azienda non si analizzano

più soltanto in termini economici

ma anche in termini di responsabilità

sociale ed ambientale: si

pensi infatti a quale perdita economica

può portare il danno all’immagine

ed alla reputazione di un’azienda

indotto da comportamenti socialmente

o eticamente riprovevoli.

Il libro verde della Commissione

europea del 2001 ha definito la

responsabilità sociale d’impresa

“l’integrazione volontaria delle problematiche

sociali ed ecologiche

nelle operazioni commerciali e nei

rapporti delle imprese con le parti

interessate”.

La strategia comunitaria di promozione

della responsabilità sociale d’impresa

è rivolta non solo alle Istituzioni

europee ed agli Stati membri, ma

anche alle parti sociali, alle associazioni

d’impresa e dei consumatori,

nonché alle singole imprese ed alle

Pubbliche Amministrazioni.

Non sembri strano, pertanto,

se il Commissario Europeo

Mario Monti il 13 dicembre

2003 (Università Bocconi, Milano) ha

affermato che investire nei temi della

responsabilità sociale significa essere

più competitivi e messo in risalto

che se la qualità è ed era un “must”

per la competitività delle imprese, la

sfida in questo nuovo millennio consiste

nel promuovere uno sviluppo

sostenibile, ossia nel realizzare uno

sviluppo che soddisfi i bisogni della

generazione presente senza pregiudicare

quelli delle generazioni future.

Non essere socialmente responsabili

significa perdere quote di redditività,

poiché la responsabilità

sociale promuove la reputazione

dell’azienda e tende a fidelizzare

sempre più la clientela. I risultati

della Responsabilità Sociale dell’impresa,

nel lungo periodo, consistono

nella fidelizzazione della clientela,

nel mantenimento dei talenti, nel

miglioramento dei legami con clienti

e fornitori ed una migliore gestione

delle relazioni aziendali in nome di

una maggiore coesione sociale.

Anche se apparentemente difficile,

quasi contraddittorio, il connubio fra

etica e profitto è possibile e le aziende

che hanno promosso la solidarietà

sociale, sostenendo il volontariato,

promuovendo e finanziando progetti

a sostegno della collettività,

mostrando rispetto per i temi dell’ambiente

ed adottando politiche di

valorizzazione delle risorse umane

sono spesso quelle che hanno ottenuto

anche le migliori performance

economiche.


I principali fattori di competitività

non sono soltanto le tecnologie, le

strutture, ma soprattutto il capitale

umano, e con esso l’intelligenza, le

capacità, l’adattabilità, la fidelizzazione

e la capacità del mangement

nel prevenire e rispondere alle mutevoli

esigenze del mercato. Le imprese

più competitive saranno quelle

che più avranno investito nel loro

capitale intellettuale. La Corporate

Social Responsabilità individua nel

capitale umano uno degli stakeholders

che maggiormente possono

determinare il successo dell’impresa;

gli obiettivi di crescita professionale,

competenza, soddisfazione e

fidelizzazione delle proprie risorse

umane dovranno dunque essere

perseguiti dall’azienda come forma

di principale impegno sociale.

L’azienda deve conoscere i propri

dipendenti, così come questi ultimi

devono conoscere la propria azienda.

La trasparenza, la partecipazione

alle scelte aziendali, la determinazione

del livello di soddisfazione

del dipendente, la formazione, le

azioni positive per consentire, per

esempio, una migliore conciliazione

lavoro\famiglia, le pari opportunità,

ecc. sono concetti che devono permeare

la filosofia di un’azienda

socialmente responsabile determinandone

una nuova identità, un

nuovo ruolo sociale e, verosimilmente,

il successo anche economico.

La legge francese impone alle

aziende con più di 300 dipendenti

la redazione di una rendicontazione

sociale con esclusivo

riferimento all’area del personale,

considerato il principale e costitutivo

stakeholder di ogni impresa.

In Italia non esistono obblighi di

legge e pertanto l’adesione ai

INVESTIRE NEI TEMI DELLA RESPONSABILITÀ


SOCIALE SIGNIFICA ESSERE PIÙ COMPETITIVI

modelli do corporate governance

resta su base volontaria ma i consulenti

del lavoro sono chiamati a svolgere

un ruolo nuovo, di promozione

di questi temi in una visione innovativa

delle attività di impresa, con

particolare riferimento al personale.

In questa nuova ottica il consulente

del lavoro dovrebbe assumere un

ruolo maggiormente proattivo, fornendo

alle aziende la consulenza

necessaria per elaborare sistemi di

gestione integrata delle risorse

umane, per realizzare gli obiettivi di

cui si è detto. Si consideri che esistono

fondi europei per la realizzazione

di queste finalità, spesso non

noti alle aziende e pertanto non utilizzati

( si pensi, per esempio, ai

fondi stanziati per la costruzione di

asili nido aziendali, di facile accesso

ma pochissimo utilizzati).

Ancora una volta si aprono

nuovi, interessanti e quasi

inesauribili scenari per gli

esperti in risorse umane, a noi

saper cogliere per primi le nuove

opportunità, nella consapevolezza

che, altrimenti, altri si attrezzeranno

per farlo.


Regioni pagine

a cura della Consulta Regionale dell'Ordine

FRIULI VENEZIA

GIULIA

1

Udine

Consulenti 220

Uomini 131 - Donne 89

2

3

Pordenone

Consulenti 122

Uomini 80 - Donne 42

Trieste

Consulenti 66

Uomini 37 - Donne 29

Totale Consulenti 449 (Uomini 270 - Donne 179)

2

Pordenone

1

Udine

4

Gorizia

Superficie regionale kmq 7847 (1 Consulente ogni 17 kmq)

Popolazione regionale 1.185.984 (1 Consulente ogni 2641 abitanti)

4

Gorizia

3

Trieste

Consulenti 41

Uomini 22 - Donne 19

11


Stefano Sassara

12

E' difficile immaginare un territorio

amministrativo più composito di quello

che costituisce la Regione autonoma

del Friuli-Venezia Giulia.

Da un lato il Friuli, erede del patriarcato di

Aquileia, che dal Livenza arriva all'Isonzo, comprendendo

le province di Pordenone, di Udine

e parte di quella di Gorizia, dall'altro i territori di

Trieste e Gorizia - la Venezia Giulia fortemente

ridimensionata territorialmente dopo la

Seconda Guerra Mondiale -, che all'impronta

asburgica affiancano un passato di forti autonomie

amministrative ed economiche.

Le tracce di una comune "radice romana"

sono ben visibili su tutto il territorio e l'elemento

unificante delle due realtà è rappresentato

dalla X Regio Venetia et Histria, con

capitale Aquileia in epoca augustea.

A partire dall'insediamento dei longobardi

(sec. VI) le vicende storiche si diversificano e

divengono peculiari: Cividale del Friuli - la

romana Forum Julii ( da cui il toponimo Friuli

) - diviene capitale del primo Ducato

Longobardo in Italia; i Franchi, arrivati un paio

di secoli dopo, favoriscono la crescita della

chiesa di Aquileia: lo Stato feudale patriarcale,

sorto nel 1077, accanto a quello religioso

detiene anche il potere temporale e si estende

temporaneamente anche ad oriente.

Il Friuli, nel 1420, entra a far parte del territorio

della Serenissima, mentre Trieste e Gorizia

rimangono sotto l'influenza austriaca.

Pordenone è invece un "corpus separatum"

in mano alla Casa d'Austria fino al 1515,

quando passa a far parte anch'essa del

governo della Serenissima.

Con la pace di Campoformido del 1797, si

conclude il dominio veneziano e il Friuli viene

ceduto all'Austria, entrando a far parte del

Regno Lombardo Veneto, mentre Gorizia

converge nel Regno Illirico e Trieste, con

l'Istria, nel Litorale austriaco.

La politica illuminata dell'Austria-Ungheria

favorisce, tra il settecento e la fine dell'otto-

Friuli – Venezia Giulia:

un territorio molto composito

cento, una straordinaria floridezza economica

facendo di Trieste il porto dell'impero.

Nel 1866, l'esito fortunato della guerra di indipendenza

consente il passaggio all'Italia del

solo Friuli.

Dopo il primo conflitto mondiale, che vede la

regione teatro principale della guerra con gravissimi

danni e perdite umane, i destini di

queste terre si riuniscono.

Tuttavia, il secondo conflitto mondiale, ancora

una volta pagato a caro prezzo, porta

all'Amministrazione anglo-americana della

zona di Trieste, fino alla fissazione del confine

con il Memorandum di Londra del 1954. Il

riunirsi di Trieste all'Italia consente finalmente

la costituzione della Regione Autonoma

Friuli-Venezia Giulia.

Dal mare ai monti, da Est a Ovest le distanze,

in linea d'aria, non superano i cento chilometri

e una moderna rete autostradale le rende

facilmente percorribili.

In uno spazio ristretto, il Friuli-Venezia Giulia

racchiude ambienti, paesaggi, storia, arte e

cultura diversificati, che concorrono a formare

una realtà varia, articolata e complessa.

Dall'anfiteatro montano, sezione terminale

dell'arco alpino, si scende all'ampia fascia

pedemontana e collinare morenica.

Infine il salto verso il mare: le ampie lagune di

Marano e di Grado e la foce dell'Isonzo disegnano

la bassa costa occidentale; a Est la

costa diviene alta e rocciosa, con le insenature

come quelle di Duino e Sistiana, sino a

Trieste e Muggia.

Gli occupati in regione sono più di 502

mila unità, pari a circa il 46% della

popolazione, il 59 % è rappresentato

da uomini ed il 41 % da donne; il tasso di disoccupazione

raggiunge il 5,8 %.

Con 286 mila occupati (dati '98), il ramo dei

servizi e della pubblica amministrazione

assorbe quasi il 62% dell'occupazione regionale,

contro il 60% della media nazionale.

Nel terziario, il comparto dei "trasporti e

comunicazioni" e quello "servizi tecnici e

finanziari delle imprese" hanno una presenza

superiore alla media italiana, mentre il terziario

tradizionale è meno presente rispetto alla

media nazionale.

L'industria, in regione, occupa 166mila persone,

23mila l'agricoltura, 79mila il commercio

e 278mila gli altri settori.

L'apparato industriale del Friuli-Venezia Giulia

è caratterizzato dalla presenza di un significativo

nucleo di imprese di grandi dimensioni,

operanti con piena capacità e competitività

sul mercato europeo e mondiale nella produzione

di beni di investimento e di beni di consumo

durevole.

Accanto alle grandi aziende, nella regione ci

sono molte piccole e medie imprese impegnate

in svariate attività manifatturiere e una

vasta rete di strutture a carattere artigianale,

di cui una parte concentrate in aree produttive

integrate, specializzate nella produzione di

particolari beni di consumo e con una spiccata

propensione all'export.

Esistono quattro distretti industriali dislocati

nelle province di Udine e Pordenone: il

distretto produttivo della sedia che ha la sua

capitale in Manzano, quello alimentare che fa

riferimento a San Daniele ed al suo gustosissimo

prosciutto, quello del mobile dislocato

nella zona di Brugnera, quello del coltello

che tradizionalmente fa capo a Maniago.

Infine, è giusto ricordare il comparto turistico

rappresentato dalle due spiagge regionali

di Lignano Sabbiadoro e Grado, molto

conosciute ed apprezzate anche oltre i

confini della regione e dalla montagna (la

Carnia e la Valcanale) frequentatissima d’estate

e d’inverno.

Il ruolo dei consulenti del lavoro nell’economia

regionale è molto attivo e particolarmente

apprezzato per la professionalità che

sanno esprimere anche in ragione del costante

aggiornamento professionale.

Le Amministrazioni Provinciali di Trieste e di

Udine hanno recentemente riconosciuto l’importanza

del ruolo dei consulenti del lavoro,

sicché l’Ordine è rappresentato a buon diritto

nelle Commissioni Provinciali tecnico consultive

in materia di politiche attive del lavoro e

servizi per l’impiego.

I consulenti del lavoro hanno partecipato alla

costituzione del CUP regionale e possono

vantare con le altre professioni rapporti di

stima e considerazione reciproca; in alcuni

casi, condividono con “i cugini” commercialisti

la sede del Consiglio Provinciale.

Dal 2004, i consulenti del lavoro rappresentano

il CUP e quindi tutti gli Ordini Professionali

della regione, al “tavolo della concertazione”

istituito dalla nuova Giunta sulle problematiche

del lavoro.


Un vigneto chiamato Friuli

I colli orientali del Friuli ed il Collio Goriziano

La coltivazione della vite nell’area dei

colli orientali del Friuli e nel Collio

Goriziano è una tradizione antica

che risale già ai Celti, che occupavano

queste terre prima ancora che entrassero

a far parte dell’Impero Romano.

Studi recenti hanno dimostrato che la

coltivazione della vite è giunta nella

nostra Terra da Est, molto probabilmente

dalla Turchia, ma è certo che i vini friulani

e quelli del Collio possono vantare delle

citazioni già nella storia di Roma, narrata

da Tito Livio.

Nel 53 a.C., Giulio Cesare fondò Forum

Julii (si chiamava così l'odierna Cividale,

da cui il nome Friuli): furono i suoi legionari,

trasformati in pacifici coloni, a dare

impulso alla viticoltura nei pendii soleggiati

dei Colli Orientali e del Collio

Goriziano.

Durante i secoli successivi, la viticoltura si

espanse notevolmente in tutta la zona ma,

come ogni altra attività economica, nel

medioevo attraversò periodi difficili per lo

più legati alle tormentate vicende politiche

di queste terre di perenne frontiera.


UN NOTEVOLE

IMPEGNO

DI MANODOPERA

STAGIONALE,

INTROVABILE

IN REGIONE


Nei primi secoli del secondo millennio,

per ridare impulso all'agricoltura prostrata

dalle invasioni barbariche, i Patriarchi

di Aquileia chiamarono i monaci benedettini

e, tra i numerosi monasteri di quel

periodo, l'abbazia di Rosazzo assunse

un ruolo trainante, e le colture specializzate

- vite e olivo prime tra tutte - ritrovano

la loro importanza nell'economia

del territorio.

Dopo i Romani, i Longobardi e lo

Stato Patriarcale, il Friuli orientale

passerà sotto il dominio della

Serenissima Repubblica di Venezia, del

Regno Napoleonico e dell'impero Austro-

ungarico prima di riunificarsi, nel 1870, al

Regno d'Italia. Mentre il Collio Goriziano,

rimasta provincia dell’Impero d’Austria e

Ungheria, si troverà in prima linea durante

la Grande Guerra e le più cruenti e distruttrici

delle undici battaglie dell’Isonzo verranno

combattute tra i suoi vigneti.

Attualmente il Collio ed i Colli Orientali del

Friuli sono due zone a denominazione di

origine controllata, nate rispettivamente

nel 1968 e nel 1970, che coprono la

fascia collinare settentrionale della provincia

di Gorizia e quella collinare orientale

della provincia di Udine, entrambe a

ridosso dell’(ex) confine con la Slovenia.

Il territorio del Collio comprende circa

1600 ettari di vigneti collinari specializzati,

copre una sequenza di declivi che si

sviluppano quasi ininterrottamente presentando

ampie superfici esposte a mezzogiorno.

Il riparo offerto dalle vicine Alpi

Giulie, ed i benefici influssi del mare

Adriatico, che in linea d’aria dista solo

venti chilometri, uniti a caratteristiche

geologiche particolarmente favorevoli,

rendono il Collio perfetto per una viticoltura

di gran pregio, vocata principalmente

alla produzione di vini bianchi, senza

disdegnare alcuni ottimi rossi.

Oggi nel territorio degli otto comuni che

compongono la zona (Gorizia, Capriva

del Friuli, Cormòns, Dolegna del Collio,

Mossa, Farra d’Isonzo, S. Lorenzo

Isontino, S. Floriano del Collio) si producono

vini bianchi freschi, morbidi, aromatici

e fruttati (Chardonnay, Picolit, Pinot

bianco e grigio, Riesling, Sauvignon,

Traminer e Tocai Friulano), mentre i rossi

sono corposi, profumati, intensi e gradevolissimi

( Cabernet, Cabernet sauvignon

e Cabernet franc, Merlot e Pinot nero).

La zona dei Colli Orientali, invece si

estende su circa 2300 ettari di vigneti

situati entro i confini di quattordici

Comuni della provincia di Udine

(Tarcento, Nimis, Povoletto, Attimis,

Faedis, Torreano, Cividale del Friuli, San

Pietro al Natisone, Prepotto, Premariacco,

Buttrio, Manzano, San Giovanni al

Natisone e Corno di Rosazzo).

Si tratta di un territorio dove i gradoni e

le terrazze vitate si alternano a zone

boscose, a ridosso delle Alpi Giulie che

ne proteggono le spalle dalle fredde correnti

del nord e con il mare Adriatico di

fronte a garantire una costante e benefica

ventilazione.

Nei Colli Orientali trovano ospitalità vitigni

autoctoni quali Tocai friulano, Verduzzo

friulano, Ribolla gialla, Schioppettino,

Pignolo, Tazzelenghe, Refosco dal

peduncolo rosso e Picolit, ed altre varietà

provenienti dalle più diverse zone viticole

europee. Chardonnay, Pinot bianco, Pinot

grigio e Pinot nero dalla Borgogna. Dal

Bordolese sono giunti Sauvignon,

Cabernet e Merlot.

Dall'Alto Adige il Traminer aromatico; dal

bacino del Reno il Riesling renano, infine

dalle isole del Mediterraneo la Malvasia

istriana.

Le produzioni del Collio e dei Colli

Orientali derivano da vendemmie

rigorosamente manuali che richiedono

un notevole impegno di manodopera

stagionale, introvabile in regione.

Così, i consulenti del lavoro periodicamente

si trovano a combattere con le

assunzioni di personale extracomunitario

e con i permessi di soggiorno contingentati

che non bastano mai.

Produzioni volutamente contenute e

l'uso delle più moderne tecnologie di

vinificazione sono alla base della qualità

e della genuinità dei vini provenienti

dalle due zone D.O.C., che insieme a alle

zone DOC del “Carso”, del “Friuli

Grave”, del “Friuli Isonzo”, del “Friuli

Latisana”, del “Friuli Annia” e del “Friuli

Aquileia”, disegnano sul territorio regionale

un unico grande vigneto: “un vigneto

chiamato Friuli”, come recita il motto

dei produttori di vino della nostra magnifica

regione.

(intervento del Consiglio

Provinciale di Udine)

13


14

Avevamo detto di vederci alle 11 di

venerdi mattina al casello di Chiusi: lui

proveniente dalla lontana Udine, io

dalla vicina Umbria. Però non pensavo che

Stefano Sassara, coordinatore della Consulta

regionale Friuli Venezia Giulia fosse così puntuale.

Ti chiamerò Cronometro, gli garantisco

mentre mi presenta la moglie, che dirige una

prestigiosa azienda di localizzazione e monitoraggio

automatico degli autoveicoli e che

scappa subito a Chianciano a fare shopping.

Concludiamo velocemente l’intervista sul privato:

è un giovane dirigente di appena 40 anni,

deciso aitante sportivo (vela, sci, mountain

bike), laurea in giurisprudenza, figlia Giulia di

tre anni piuttosto autoritaria, quanto i genitori.

Prima che tu me lo chieda (come hai fatto con

gli altri intervistati) ti rivelo subito che mia

moglie non è gelosa né della segretaria né

delle colleghe, né delle più avvenenti clienti.

Anzi, se c’è uno un po’ geloso, quello sono io.

E, per quanto riguarda i miei difetti, confesso

che sono disordinato soprattutto a causa dei

molteplici impegni di cui sventatamente mi

carico. Confesso inoltre che tendo al dispotismo,

chissà che un giorno i colleghi non si

rivoltino contro di me.

In attesa della congiura, gli chiedo il suo

maggior pregio. Dice: sincerità, franchezza

ma senza esagerare, sono nemico dei litigi

tra colleghi, non si può sparacchiare sulla

gente con la scusa di parlar chiaro (mentre

lui insiste su questa linea machiavellica,

scrivo “sparacchiare” ma al computer questo

verbo non piace assolutamente e seguita

a correggermelo col più prosaico “sparecchiare”)

.

Per quanto riguarda le manìe, ha quella di

trafficare sui motori delle vecchie moto, che

colleziona con religioso impegno. Dovresti

vedere il mio garage.

Andiamo in politica. No, non è impegnato e

se anche lo fosse si asterrebbe dal manifestare

il suo pensiero, non ritiene giusto che

chi ha un ruolo istituzionale debba accentuare

i rischi di conflitto.

Entriamo nella professione. Lavoro con

moderazione, confessa: quattr’ore la mattina,

poi palestra o bicicletta per un ora,

mangiucchio e torno in studio fino alle sette.

Poi a casa, domenica in barca.

Circa il bicchiere a metà, lui lo vede mezzo

Faccia a Faccia

Intervista al Coordinatore Stefano Sassara

pieno, si dichiara ottimista e non si dà pace

quando troppi colleghi esprimono valutazioni

tragiche sul futuro della categoria.

No, non scherziamo, lui proibisce il pessimismo,

siamo i signori professionisti del

lavoro, tra i protagonisti del Cup regionale, e

la nostra consulenza sale progressivamente

alle grandi aziende (da 300 dipendenti in su).

Come possiamo essere pessimisti? Il pessimista

chiama la sventura, l’ottimista è un

cuor contento, il ciel l’aiuta.

Certo, aggiunge, dobbiamo studiare di più,

trovare motivi di nuove aggregazioni con le

altre professioni, di collaborazione con gli

assessorati al lavoro e alle attività produttive.

Dobbiamo comunque allargare le nostre

conoscenze ad altri campi del diritto, pur

senza perdere le nostre caratteristiche,

(penso al diritto commerciale o al diritto di

famiglia, in questa società dove esplodono

sempre più spesso divorzi e separazioni,

che colpiscono i nostri clienti ed i loro lavoratori,

con pesanti conseguenze sulla conflittualità

e la produttività).

Gli dò pienamente ragione. Con ammirevole

tempismo introduco a questo punto il problema

droga e alcol, che accresce nelle

aziende gli infortuni, l’assenteismo, le malattie.

Però qui Stefano non mi segue. Insisto.

E lui tenta di glissare.

Insisto e allora lui mi confessa di non capire

ancora come mai, in una regione non ostile

all’alcol come la sua, ci siano i più seri e

magnifici e produttivi lavoratori al mondo.

Chissà come mai: Stefano sta studiando il

problema, poi ci farà sapere.

Gli chiedo ora del primo maggio scorso,

quando sono caduti i confini con la

Slovenia. In attesa dell’evolversi della complessa

situazione, mi risponde, ti aggiornerò

tra due anni quando, immagino, la

Redazione della rivista tornerà per sapere

quanto la professione sia ancor più cresciuta

nella nostra Regione.

Intanto hanno già fatto qualcosa: su iniziativa

del Consiglio di Trieste e con la collaborazione

dei colleghi trentini e veneti, la Consulta ha

organizzato uno splendido convegno sulla

comparazione tra le legislazioni del lavoro

italiana, austriaca e slovena.

Stefano mi aggiorna infine sugli stretti rapporti

che la nostra professione ha con le

due Università della Regione: Udine e ancor

più Trieste, dove esiste un Corso biennale per

consulenza del lavoro, tenuto da professori

estremamente preparati, tutto arrosto e poco

fumo (un corso in cui i praticanti beneficiano

di notevoli crediti formativi).

Edelle Direzioni regionali del

Lavoro, Inps e Inail, cioè dei

nostri tre vecchi compagni di viaggio

che mi racconti? I rapporti sono

buoni ed improntati alla massima

correttezza pur in assenza di

incontri, poiché in regione si preferiscono

i contatti a livello provinciale

che rispondono meglio alle

esigenze di un territorio così frastagliato

e vario.

Invece, ti segnalo l’ottimo rapporto recentemente

instaurato con la Direzione Regionale

delle Entrate, che ha portato all’istituzione di

un tavolo permanente di consultazione con i

rappresentanti delle professioni economiche

e forensi.

In tale sede vengono discussi e risolti problemi

organizzativi degli uffici territoriali, si

concordano procedure da applicarsi uniformemente

in tutto il territorio regionale e si

approfondiscono interpretazioni alla normativa

tributaria.

Si tratta di un’iniziativa, avviata nel 2003

che, per quanto posso rilevare, ad oggi sta

dando degli ottimi frutti ed ha reso più agevoli

i nostri rapporti con gli Uffici territoriali.

In che modo rappresenti, gli chiedo per

concludere, il futuro della professione nella

tua Regione? In questo momento i consulenti

del lavoro cominciano ad essere coinvolti

dalle Istituzioni locali e ciò comporterà

un indubbio accrescimento del loro ruolo

anche nel tessuto economico. Tuttavia,

molto dipende dalla propensione dei colleghi

ad impegnarsi attivamente per la categoria,

abbandonando per alcune ore i propri

studi per collaborare con l’Ordine.

Ci salutiamo velocemente: Stefano deve

andare alla ricerca della moglie, setacciando

tutti i negozi di Chianciano. Anch’io mi devo

sbrigare perché mio nipote Federico, detto

Freddy, è in finale nel campionato regionale

di basket a Perugia.

Valfrido Paoli


Quattro parole con Roberto Cosolini

assessore regionale del Friuli Venezia

Giulia al lavoro, formazione, università e

ricerca. Nonostante una costante frequentazione

al tavolo regionale di concertazione per i colleghi

aspiranti, o quasi, giornalisti, incontrare

l’assessore si è rivelato un problema arduo

tanto da arrivare in “zona Cesarini” e quindi l’intervista

alla fin fine si è svolta “in diretta” telefonica

automobilistica (tutti muniti di auricolare!).

IESU: A circa un anno dall’insediamento della

“giunta Illy” abbiamo riscontrato – direi favorevolmente

– che il lavoro e le libere professioni

(delega di competenza allo stesso assessore)

hanno avuto un ruolo importante nei provvedimenti

fin qui emanati

COSOLINI: diciamo che l’incompiutezza del

sistema precedente in forza del mancato completo

trasferimento delle competenze dallo

Stato alle province (NDR va ricordato che la

Regione autonoma aveva anticipato il federalismo

in materia di lavoro rispetto alla generalità

del Paese) ha costretto la Giunta a focalizzare

l’attenzione sul problema per coordinare, assieme

agli enti periferici, ed attuare le strategie

operative.

Inoltre anche il Decreto attuativo della riforma

Biagi impone che la Regione dedichi maggiori

energie al tema “lavoro” in modo da consentire

Maniago è situata a circa trecento

metri sul livello dal mare,

nella zona pedemontana del

Friuli occidentale, dove l'acqua del

Cellina si tuffa nel grande greto e si

affaccia sulla pianura.

La città fu prospera già nel medio evo

per la ricchezza d'acque che fornirono

un'illimitata fonte di energia all'arte della

lavorazione dei metalli e più tardi, dalla

metà del Quattrocento, alla forgiatura,

con il maglio a testa d'asino, di vomeri,

falci, mannaie, coltellacci, roncole, pale,

frattazzi, coltelli per macellai ed altro.

Nel 1700 una parte delle richieste

cominciò ad indirizzarsi verso oggetti da

taglio di piccola dimensione e con este-

Intervista all’Assessore

Regionale al Lavoro

una sollecita applicazione di tutta la norma.

Attualmente però l’attenzione del governo

regionale sul lavoro è finalizzata a definire i contenuti

per assicurare efficienza ed efficacia

all’azione dei Centri per l’Impiego, azione condivisa

con le Province della Regione, nonché al

progetto “Buon lavoro” che vede la partecipazione

di tutte le parti sociali. Un tanto è propedeutico

alla riforma legislativa regionale già illustrata

alle parti sociali

IESU: al tavolo regionale di concertazione che

si occupa del progetto “Buon lavoro” (ndr:

documento programmatico predisposto dalla

Giunta e poi sottoposto al dibattito tra tutte le

forze sociali inclusi noi professionisti) partecipano

anche i nostri colleghi in rappresentanza

del CUP. Come vede l’assessore al lavoro il

mondo delle professioni?

COSOLINI: credo che il Friuli Venezia Giulia sia

stata addirittura la prima regione a riconoscere

il ruolo attivo di parte sociale al mondo delle

professioni. Per noi ciò rappresenta un fatto

innovativo e qualificante per il metodo prescelto

della concertazione in quanto assicura una

presenza importante, compiuta e rappresentativa,

finora trascurata nonostante la grande

valenza del settore. Certo che, dopo alcune

incomprensioni iniziali (ndr: la legge regionale

sulle professioni riconosce anche le associazio-

tica ricercata. Questi prodotti necessitano

di precisione e per produrli non serve

la forza dell'acqua, quindi le botteghe si

diffusero nel tessuto urbano per modellare

temperini, forbici, coltelli da tavola,

da innesto, a scatto (stiletti), da tasca,

multiuso ed una vasta gamma di attrezzi

chirurgici.

Negli anni che precedono la prima guerra

mondiale, ad opera dell'imprenditore

tedesco Albert Marx, venne costruita a

Maniago la prima vera fabbrica per la

lavorazione in serie mediante l'uso di

macchine utensili ad energia elettrica–la

CORICAMA- che divenne il modello di

sviluppo per la nascita di un gran numero

di stabilimenti creati, però, con

ni) sono certo di poter dire che la Regione ha

emanato un provvedimento rispettoso del ruolo

di tutti, di grande apertura, che tramite la

Consulta riconosce il fondamentale ruolo degli

ordini professionali

IESU: Da ultimo, la nostra è una regione di confine

cui tocca, anche in materia di lavoro, fare

da cerniera tra mondi che una volta erano rigidamente

separati

COSOLINI: la volontà della giunta è di arrivare

in tempi più brevi, rispetto a quelli fissati dalla

moratoria (ndr: 7 anni), alla libera circolazione

delle persone, ma ciò dipende soprattutto da

scelte governative. E’ interesse di tutti regolare

il movimento dei lavoratori transfrontalieri

anche perché si tratta sicuramente di un problema

a basso impatto sociale che, anzi, porterebbe

ad una regolarizzazione di numerose

posizioni lavorative con tutti i conseguenti

benefici per la collettività. La Regione intende

seguire attentamente e governare le dinamiche

sociali che si vengono a creare nei flussi lavorativi

dell’area in modo da pensare ad un’integrazione

del mercato del lavoro e dei relativi

servizi nei tre paesi confinanti. In fondo si tratta

di aree omogenee che ben possono diventare

complementari in una reale ottica di Unione

europea.

(a cura di Masimo Jesu)

Maniago

la Città delle Coltellerie e il Distretto del Coltello

apporto di capitali e competenza tecnica

locali.

Il lavoro svolto dagli artigiani coltellinai

con operosità, fantasia e imprenditorialità

ha trasformato il maniaghese in

un’area di eccellenza produttiva in

grado di esportare i propri prodotti in

tutto il mondo.

L'area sinteticamente denominabile "del

coltello" presenta un'elevata varietà

interna; vengono infatti prodotti coltelli,

forbici, cavatappi, articoli per manicure,

articoli per uso chirurgico e medicale,

spatole, lame industriali, posateria, ed

anche altri prodotti (dagli articoli per

fumatori alle palette per turbine).

I prodotti maniaghesi si rivolgono ai

15


16

principali segmenti di mercato: dalle

famiglie all’industria, all’artigianato,

all’agricoltura e giardinaggio, al tempo

libero ed allo sport.

La produzione di coltelli, naturalmente,

copre tutti i tipi di destinazione d'uso:

Il Consorzio per l’area di ricerca scientifica e

tecnologica di Trieste (Area Science Park), nasce

nel 1982 ed è uno dei principali parchi scientifici

multisettoriali d'Europa ed ospita attualmente più di

75 Centri, Società e Istituti in cui lavorano oltre 1600

persone, impegnate in attività di ricerca e sviluppo,

trasferimento tecnologico, formazione e servizi qualificati.

Si estende su una superficie di 55 ettari nei due

campus di Padriciano e Basovizza, inseriti nella

splendida cornice dell'altipiano carsico che circonda

Trieste,.

Area Science Park è uno dei 12 enti pubblici di

ricerca italiani ed è partecipato dalle Università di

Trieste e di Udine, dal C.N.R., dalla Regione Friuli

Venezia Giulia, nonchè dalle principali istituzioni

scientifiche nazionali e locali e dai più importanti

enti locali della regione.

In una regione che può vantare un rapporto di 8,8

ricercatori ogni mille unità di forza lavorativa (il

Giappone ne vanta 9,2, gli USA 7,4, la UE 5 e tutta

l’Italia 3,3) L’Ente nasce per mettere al servizio

delle imprese regionali la ricerca e l’innovazione.

Il Consorzio promuove l’insediamento di istituti di

ricerca nel settore delle alte tecnologie e provvede

autonomamente alla costruzione degli edifici e

degli impianti: attualmente può contare su ben

63.000 mq, che diverranno 91.000 entro il 2005,

destinati a laboratori attrezzati, uffici e locali tecnologici.

Il bilancio dell’Ente ammonta a 20 milioni di _uro

da cucina e da tavola, da caccia, da

mare, da collezione, da tasca, a scatto,

multiuso, coltelli per l'agricoltura, l'industria

e per altri usi lavorativi.

Nel 2000, la Regione ha istituito il

“distretto industriale del coltello” con la

finalità di valorizzare questa antica tradizione,

coordinando le iniziative locali di

politica industriale e fornendo supporti

tecnici direttamente alle aziende.

Attualmente il “distretto industriale del

coltello”, è animato da circa duecento

aziende artigianali di ridotte dimensioni,

che presidiano tutte le fasi della

filiera (fucinatura, imbutitura, stampaggio

e profilatura dei metalli, metallurgia

delle polveri, trattamento e rive-

Area science park

(un moderno modello di sviluppo)

ed è finanziato dal MIUR e dai consorziati soltanto

per una metà, poiché il resto è costituito dai

ricavi conseguiti sul mercato europeo, nazionale

e regionale.

Il primo passo per mettere a profitto la ricerca è

rappresentato dal Progetto Novimpresa, attraverso

il quale Area Science Park aiuta gli imprenditori

regionali a sviluppare innovazioni di prodotto,

di processo e gestionali.

Con tale iniziativa AREA assiste le imprese nell’individuazione

dei fabbisogni di innovazione, nel

supporto nelle fasi di sviluppo dei progetti, nell’informazione

brevettuale e nella ricerca documentale.

Nel periodo tra il 1997 ed il 2002 ben 528 aziende

regionali hanno beneficiato di tale iniziativa.

Un’altra iniziativa volta a valorizzare la ricerca è il

Progetto Sister, affidato dalla Regione Friuli

Venezia Giulia ad AREA e sviluppato con le

Università di Udine e Trieste.

La finalità è quella creare un sistema a servizio

della ricerca regionale, in grado di migliorarne la

visibilità e valorizzarne economicamente i risultati.

Fino ad oggi Sister ha gestito ben 45 progetti di

valorizzazione della ricerca che hanno portato alla

registrazione di circa una trentina di brevetti di

proprietà delle due Università, immessi sul mercato

e gestiti economicamente da AREA per

conto dei proprietari.

Sempre nell’ottica della diffusione delle nuove

tecnologie tra le imprese è nato il Progetto

stimento dei metalli).

Il comparto fattura circa 70 milioni di

euro, con una notevole vocazione all’export,

circa il 53 % delle aziende immette

sul mercato prodotti finiti, il 16 % produce

componentistica, mentre il restante

31 % effettua lavorazioni per conto di

terzi.

Una simile realtà economica obbliga i

consulenti del lavoro a fornire risposte

su materie diverse: dalla gestione delle

risorse umane ai finanziamenti alle attività

produttive, alla sicurezza nei luoghi

di lavoro, all’assistenza nell’export.

(Massimo Milanese,

Presidente Regionale A.N.C.L.)

Innovation Network che prevede la creazione di

una rete di Centri di competenza sul territorio

regionale.

Si tratta di strutture autonome che rispondono

alle esigenza delle singole imprese o di interi

distretti produttivi in ordine all’informazione brevettuale,

all’analisi e sperimentazione di nuovi

processi e tecnologie, allo studio e realizzazione

di prototipi.

I Centri sono fortemente coordinati con tutte le

strutture di ricerca collegate al network, con le

quali condividono informazioni sugli esiti delle

ricerche, sulle competenze dei ricercatori e gli strumenti

di information and knowledge management

In questi centri, attivi e funzionanti, vengono valorizzate

le grandi potenzialità della ricerca a favore

delle vocazioni produttive del Friuli Venezia Giulia

nei settori dell’ambiente, dell’industria agroalimentare,

della nautica, del legno e arredo, della

meccanica, dell’elettronica, della plastica e compositi.

AREA SCIENCE PARK e le sue iniziative offrono

alle imprese ed ai loro consulenti, nonché

al mondo della ricerca regionale l’eccezionale

opportunità di essere protagonisti di un nuovo

modello di sviluppo.

a cura di Stefano Sassara

Da un’intervista all’Ing. Paolo Cattapan, Responabile

del “Servizio di Trasferimento Tecnologico”, del

Consorzio per l’area di ricerca di Padriciano


Proseguiamo l’indagine sui

sistemi previdenziali di alcune

Casse di previdenza dei

liberi professionisti e delle relative,

recenti riforme.

In questo numero prenderemo in

esame l’Ente dei Geometri, il cui

sistema previdenziale ha avuto origine

nel 1955, con l’istituzione

della Cassa Nazionale cui è stato

deputato lo scopo di assicurare

agli iscritti un trattamento di previdenza

e di assistenza, secondo il

principio della mutualità.

Tale Cassa, alla quale nel dicembre

2003 risultavano iscritti quasi

90.000 professionisti, oggi presieduta

dal Geom. Fausto Savoldi,

eroga oltre 19.000 pensioni e vanta

un rapporto iscritti/pensionati di

4,57.

Nel 1994, a seguito di quanto previsto

dal noto decreto legislativo

509, ne è stata realizzata la privatizzazione

e, conseguentemente,

la natura giuridica della Cassa ha

subito la trasformazione, a far data

Fabio FARETRA

fabio.faretra@enpacl.it

ENPACL

Uno sguardo in casa d’altri

La Cassa di Previdenza ed Assistenza

dei Geometri liberi professionisti


dal 1 gennaio 1995, in ente di diritto

privato a base associativa.

L’adozione di un proprio statuto e

di propri regolamenti, approvati nel

1995, è stato il primo passo attraverso

il quale si è manifestata l’acquisita

autonomia normativa.

Fin da quegli anni, gli Organi

della Cassa e le Commissioni

istituite tra i Delegati hanno

condotto una continua opera di

valutazione e studio dell’ordinamento

sino ad approntare il lavoro

necessario a riformare la normativa

ENTE DEI GEOMETRI, IL CUI SISTEMA

PREVIDENZIALE HA AVUTO ORIGINE NEL 1955,

CON L’ISTITUZIONE DELLA CASSA NAZIONALE ”

contributivo-pensionistica, attraverso

l’individuazione delle correzioni

idonee a garantire l’equilibrio

gestionale nel medio-lungo

periodo.

In tal senso, i primi interventi di

modifica dell’ordinamento della

Cassa sono stati realizzati con

provvedimenti del 1997 e del

2000, quest’ultimo approvato dai

Ministeri vigilanti nel 2001.

Proviamo a vederli nel dettaglio.

Riguardo il regolamento delle pre-

stazioni, gli interventi di maggior

rilievo hanno interessato il periodo

contributivo rilevante ai fini del calcolo

pensionistico (dal 1998 i più

elevati 15 redditi annuali professionali

rivalutati sugli ultimi 20 e poi,

gradualmente, fino al 2008, i

migliori 25 su 30). Anche l’aliquota

di rendimento prevista per il calcolo

delle prestazioni ha subito una

riduzione, a partire dal primo scaglione

di reddito, passando dal 2%

all’1,75%. L’applicazione delle aliquote

viene effettuata nel rispetto

del criterio del pro rata. E’ garantita

comunque una misura minima di

pensione, stabilita per l’anno 2003

nell’importo di 6.750 euro, da rivalutarsi

anno per anno in base agli

indici Istat.

La corresponsione del supplemento

pensionistico, inoltre,

avviene automaticamente

con cadenza quadriennale, anziché

biennale.

Anche la pensione di anzianità è

stata interessata da alcuni interventi,

con l’introduzione del requisito

anagrafico a 57 anni, accanto

all’anzianità contributiva di 35 anni

di effettiva iscrizione e contribuzione.

L’erogazione di tale trattamento,

inoltre, è incompatibile con

17


18

qualsiasi altra iscrizione ad Albi

professionali e con qualsiasi attività

di lavoro dipendente o autonomo.

Infine, sono stati introdotti dei

coefficienti di riduzione correlati

all’anzianità anagrafica e contributiva

degli interessati.

Sul versante della contribuzione, le

innovazioni di maggior rilievo sono

costituite dalle agevolazioni previste

per i giovani iscritti, il regime

sanzionatorio nonché l’individuazione

del reddito professionale e la

prescrizione contributiva.

Il processo evolutivo della normativa

della Cassa intervenuto

in questi ultimi anni, trova fondamento

anche nell’esigenza di

uniformarne l’ordinamento all’importante

riforma legislativa attuata

nel 1995 per il sistema previdenziale

pubblico con la legge 335. Il

Consiglio di Amministrazione e il

Comitato dei Delegati della Cassa

hanno quindi varato nel 2002 (con

approvazione per decreto interministeriale

lo scorso anno) ulteriori

riforme, mirate soprattutto ad

armonizzare l’equilibrio gestionale


nel medio periodo con la tutela

equa ed effettiva sul versante delle

prestazioni.

L’accesso al trattamento di anzianità,

pertanto, è ora condizionato

al possesso di un ulteriore requisito

rappresentato dal raggiungimento,

per ogni anno di contribuzione,

di un determinato volume

d’affari. L’aliquota di rendimento

della prima fascia reddituale è

stata ridotta dal 2% all’1,75% e

per le pensioni di invalidità e inabilità

viene previsto l’accertamento

periodico dei requisiti medico

legali per il mantenimento dei

rispettivi trattamenti, nonché, in

conformità con l’ordinamento

dell’INPS, la riduzione dei relativi

importi in caso di cumulo con redditi

da lavoro, dipendente o autonomo.

Analogo divieto di cumulo

regola le pensioni di reversibilità ed

indirette, mentre il trattamento di

vecchiaia può essere ora riconosciuto

– con la formula di calcolo

contributiva – anche in carenza

degli ordinari requisiti, essendo

stato abrogato l’istituto della restituzione

dei contributi versati.

Sul versante della contribuzione,

invece, le recenti

modifiche sono rivolte principalmente

ad ampliare la platea

degli iscritti, condizione essenziale

per garantire l’equilibrio di gestione

in un regime previdenziale

mono-categoriale con finanziamento

a ripartizione, anche alla

luce della presumibile inversione,

nel tempo, del rapporto tra iscritti

attivi e pensionati e delle incognite

legate ai riflessi che le riforme dei

cicli scolastici (attuate e in programma)

nonché degli ordini professionali

avranno sulle Casse.

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E COMITATO

DEI DELEGATI DELLA CASSA HANNO VARATO NEL 2002

ULTERIORI RIFORME, MIRATE SOPRATTUTTO AD ARMONIZZARE

L’EQUILIBRIO GESTIONALE NEL MEDIO PERIODO ”

Tale aspetto è già particolarmente

sentito dalla categoria dei

Geometri liberi professionisti.

E’ stato ripristinato, quindi, l’obbligo

dell’iscrizione alla Cassa da

parte di tutti i Geometri iscritti

all’Albo professionale mentre

anche ai praticanti viene estesa la

tutela previdenziale essendo loro

concessa, con la previsione di particolari

agevolazioni, la possibilità

di iscriversi volontariamente.

Dall’iscrizione obbligatoria discende

l’abrogazione dell’istituto della

continuità professionale, nonché,

ovviamente, anche la possibilità di

contribuire alla gestione solo in

forma solidaristica. Dal 1 gennaio

2004 è stata incrementata al 4%,

inoltre, la maggiorazione percentuale

ai fini della quantificazione

della contribuzione integrativa, pur


SUL VERSANTE DELLA

CONTRIBUZIONE LE

RECENTI MODIFICHE SONO

RIVOLTE PRINCIPALMENTE

AD AMPLIARE LA PLATEA

DEGLI ISCRITTI


rimanendo sostanzialmente invariato

l’importo minimo della stessa.

Per quanto riguarda i contributi

obbligatori degli iscritti, il dato

consuntivo 2003 presenta un gettito

complessivo (contributi soggettivi

+ integrativi) di quasi 233 milioni

di euro, con un incremento

rispetto al precedente esercizio di

31 milioni (+15,5%). Tale incremento

è principalmente da attribuire,

oltre che alle nuove iscrizioni e

all’aumento dei valori imponibili

dichiarati dalla categoria, agli effetti

delle modifiche normative intervenute:

soppressione della figura

dei contribuenti di sola solidarietà

e iscrizione automatica alla Cassa

di tutti gli iscritti all’Albo professionale

che esercitano la libera professione.

Il gettito contributivo medio pro

capite risulta, pertanto, di circa

2.600 euro.

L’attività riformatrice condotta

dagli amministratori negli ultimi

anni, in questa sede delineato –

per ovvie ragioni – solo in maniera

sommaria, trae conforto nelle risultanze

delle ultime previsioni attuariali

disponibili, dalle quali emerge

un equilibrio di gestione della

Cassa Geometri fino all’anno 2024,

consentendo così all’intera categoria

degli iscritti di poter affrontare

con maggiore tranquillità le trasformazioni

in atto nel mondo professionale

e previdenziale.


Chi è: Andrea Bettini, è nato a Roma, dove

vive, l'11 novembre 1953. Laureato in filosofia,

è padre di due figlie.

Ha un'ampia esperienza di conduzione

d'azienda, avendo ricoperto diversi ruoli

manageriali nei campi dell'informatica,

della ristorazione, della ricerca e selezione

del personale. Il suo più recente impegno

è stata la direzione di un Ente di

Formazione accreditato dalla regione

Lombardia, dove ha anche svolto attività di

docenza rivolta sia al settore privato sia a

quella pubblico.

Dallo scorso mese di maggio è operativo

per la Fondazione Lavoro.

Le sfide sono sempre stimolanti.

Soprattutto se chi le accetta sa

con cosa andrà a confrontarsi e

quali sono le potenzialità insite nella

sfida stessa.

Quella della neo-costituita Fondazione

Consulenti per il Lavoro è, a mio parere,

una sfida in piena regola: come noto, la

professione stessa del Consulente del

Lavoro si trova, grazie alle importanti e

recenti novità legislative esplicitate dal

decreto legislativo 276 del 19 settembre

2003, di fronte ad un bivio strettamente

Andrea BETTINI - Direttore Generale

della Fondazione Consulenti per il Lavoro

andrea.bettini@fondazionelavoro.it

PROFESSIONE

La “sfida” della

Fondazione Lavoro

Importante chance per la Categoria


correlato alla sua crescita professionale.

Quello di iniziare ad operare concretamente

e in via istituzionale nei nuovi ambiti

dell’intermediazione fra domanda e

offerta di lavoro, ricerca e selezione delle

risorse umane, oppure di non intraprendere

il percorso aperto dalle opportunità

recentemente offerte alla Categoria.

Naturalmente e fortunatamente, ci troviamo

di fronte ad una biforcazione dove

non si impongono scelte secche e definitive:

siamo infatti, sostanzialmente,

davanti ad un potenziale ampliamento del

ruolo del Consulente del Lavoro, e questo

non può che avvenire per gradi, con ponderazione

e serenità, attraverso molte

riflessioni, confronti fra colleghi, verifiche

sul campo. E molta acquisizione di competenze

specifiche, che poi saranno ciò

che si andrà a proporre sul mercato alle

aziende clienti.

In tutto questo, la Fondazione

Consulenti per il Lavoro gioca un ruolo

preciso: quello dell’interfaccia con cui i

vari professionisti, in qualunque parte

OPERARE CONCRETAMENTE E IN VIA

ISTITUZIONALE NEI NUOVI AMBITI

DELL’INTERMEDIAZIONE FRA DOMANDA

E OFFERTA DI LAVORO ”

d’Italia operino, si confronteranno, ottenendo

da essa assistenza, organizzazione,

formazione, gestione amministrativa,

eventuali contatti e quant’altro di volta in

volta risulterà necessario sul territorio di

interesse.

Oggi il mercato del lavoro, lo sappiamo

bene tutti perché è con esso che quotidianamente

abbiamo a che fare, è in continua

evoluzione, sottoposto a mutamenti

spesso repentini, all’altalenante andamento

economico del Paese: l’Italia è

certamente la nazione delle piccole e

medie imprese, è su di esse che ha sempre

fondato la struttura portante della

propria economia, è probabilmente su di

esse che continuerà a farlo nei prossimi

anni. E le esigenze di risorse qualificate

delle piccole e medie imprese, oltre naturalmente

a quelle delle grandi aziende,

delle grandi multinazionali, dei grandi

gruppi finanziari, sono cresciute, stanno

tuttora crescendo e velocemente si modificano:

nuovi software di gestione (che

necessitano di specialisti), nuove metodologie

di archiviazione dei dati, nuove

professioni nell’ambito delle relazioni

commerciali, della creazione di siti web,

della comunicazione, della ricerca scientifica,

delle strategie. E come sempre la

scommessa da vincere per qualunque

impresa, grande o piccola che sia, si

fonda sulla capacità di individuare la giusta

risorsa per il giusto ruolo, e di saperla

far crescere all’interno della propria struttura:

non si è sempre detto, del resto, che

sono le persone a far la differenza? Per

fortuna è sempre stato così e sempre di

più così sarà soprattutto in un momento

di altissima competizione di mercato

19


20

come quello che stiamo vivendo: più si è

a proporre prodotti e servizi qualitativamente

confrontabili (e oggi le certificazioni

necessarie in tal senso non possono

che portare ad un’omologazione verso

l’alto di standard positivi), più si renderà

necessaria la qualità umana nel saperli

proporre, personalizzare, manutenere!

Ecco che l’attività di intermediazione, fulcro

della grande chance offerta alla

Categoria dei Consulenti del Lavoro in

Italia, diventa di primaria importanza, nel

nuovo scenario del mercato del lavoro

disegnato dalla “legge Biagi”: i due

mondi, quello di coloro che desiderano

cercare un’occupazione o migliorare il

proprio percorso di crescita professionale

e quello dei datori di lavoro che cercano

di individuare la giusta risorsa per le

loro specifiche esigenze, necessiteranno

sempre più di un’interfaccia professionalmente

qualificata (sia in termini di competenza

che di riservatezza ed affidabilità)

capace di farli incontrare con reciproche

soddisfazioni.

L’opportunità è quindi ghiotta: saperla

cogliere significherà, per i singoli professionisti,

saper giocare nel modo giusto la

carta di soddisfare in maniera sempre più

completa e professionale le esigenze

delle aziende clienti, canalizzandole

verso le proprie strutture e tesaurizzando

la fiducia che nel tempo si sono meritevolmente

conquistata.

Vediamo di capire, ora, attraverso quali

metodologie e partnership la Fondazione

Lavoro sarà in grado di innescare l’attuazione

di tale chance, rendendola competitiva

e rapidamente appetibile.

Per poter parlare compiutamente di scenari

del mercato del lavoro con cognizione

di causa, competenza, professionalità,

bisogna poter contare su di un osservatorio

certo, la cui visibilità sia provata e

provabile e la cui capacità di acquisizione

ed elaborazione dei dati sia credibile e

rilevante: tale osservatorio è per la nostra

Fondazione quello di Italia Lavoro,

l’Agenzia del Ministero del Welfare per le

politiche attive del lavoro e lo sviluppo

dell’occupazione, che già da alcuni anni

opera sul territorio nazionale con l’obiettivo

dichiarato di migliorare le capacità

del sistema-Paese nel creare opportunità

di occupazione. La partnership che ci

lega, e che arricchisce il già costruttivo

rapporto con la sfera legislativa e ministeriale,

si fonda su due diversi elementi:

- il comune scopo di incrementare l’incontro

tra domanda ed offerta di lavoro sia

secondo le modalità già invalse, sia

sfruttando le nuove tipologie previste

dalle recenti normative, sia facendo

quanto più possibile emergere forme di

“ SODDISFARE

SEMPRE PIÙ

LE ESIGENZE

DELLE AZIENDE

CLIENTI


rapporto sommerse: in una parola, contribuendo

ad aumentare i livelli di occupabilità

della forza-lavoro del Paese

- la comune partecipazione al disegno

complessivo della Borsa continua nazionale

del lavoro, il più ampio data-base

sull’occupazione mai realizzato in Italia,

che permetterà ai Consulenti del Lavoro

che si vorranno associare alla

Fondazione di integrare le loro conoscenze

professionali con un completo

bagaglio di informazioni, grazie al quale

potersi confrontare con il mercato in

tempi reali.

Parlare poi di “ampliamento” della

professione per il Consulente del

Lavoro ci impone di approfondire la

tematica della formazione “ad hoc”: per

questo la Fondazione Lavoro sta già allestendo

una serie di incontri tematici sull’intermediazione,

sulle tecniche di ricerca

e selezione del personale e sulle metodologie

procedurali che verranno quanto

prima resi noti, secondo un calendario

che terrà conto delle dislocazioni regionali

e provinciali oggi esistenti. Siamo

convinti che la competenza e l’affidabilità

che ogni singolo professionista oggi fornisce

alle aziende clienti saranno i motivi

per cui si continuerà ad essere scelti e

potenzialmente preferiti ad altri attori del

mercato che non possono vantare lo

stesso grado di “confidenza professionale”

guadagnato negli anni. Ecco allora

che una formazione di prestigio ci aprirà

la strada anche in un ambito nuovo,

approfondendo le delicate tematiche dell’incontro

fra la domanda e l’offerta di

lavoro e di tutto ciò che intorno ad esse

ruota, assolvendo anche all’inevitabile

impegno di verifica e garanzia dell’operato

che la legislazione conferisce, in primis,

al Consiglio Nazionale dell’Ordine,

da cui scaturisce la Fondazione Lavoro.

Concludo anticipando i servizi on-line cui

la Fondazione Lavoro sta attualmente

dedicando parte dei suoi sforzi, con l’obiettivo

di fornire una piattaforma virtuale

di incontro fra aziende, Consulenti e

lavoratori alla ricerca di un’occupazione.

L’obiettivo è quello di fornire più opportunità

attraverso lo stesso portale, a target

differenti di utilizzatori: un apposito

sito in via di realizzazione rappresenterà

sia un vero e proprio luogo di incontro fra

le diverse esigenze di ricerca, sia una

“biblioteca tematica” on-line su argomenti

inerenti l’incontro tra domanda e

offerta di lavoro, sia un luogo di consultazione

sulle varie normative vigenti. E’

importante sottolineare come il sito

necessiterà della “partecipazione attiva”

di coloro che lo visiteranno: parte fondamentale

dello stesso sarà infatti dedicata

(nel rispetto delle indicazioni legislative in

itinere riguardo alla Borsa lavoro) alla

costruzione ed utilizzo di un data-base

contenente i curricula che i singoli professionisti

potranno gestire, seguendo

schemi e metodologie predefiniti. Tale

data-base diventerà parte integrante del

bagaglio di conoscenze e di prestazioni

professionali della Categoria, accrescendone

la competitività settoriale nell’esatta

misura con cui i Consulenti vorranno

far proprio il rinnovato spirito di intervento

nel sociale e nell’economia di mercato.

Come si vede, le basi per un lavoro

proficuo e costruttivo capace di dare alla

Categoria ancor maggiore visibilità di

quanto già oggi non abbia, ci sono: è un

augurio, un auspicio e, insieme, la promessa

di un grande impegno della nuova

Fondazione a crescere insieme con tutti i

Consulenti del Lavoro.


Giugno 2004 Anno V Numero 5

Il contratto di

inserimento

prima parte

1. Premessa - 2

2. La disciplina del rapporto e l’efficacia dell’accordo interconfederale - 3

3. I lavoratori ammessi - 3

3.1Soggetti d’età compresa tra i diciotto ed i ventinove anni - 3

3.2 Disoccupati di lunga durata da ventinove fino a trentadue anni - 3

3.3Lavoratori con più di cinquanta anni di età che siano privi di un posto di lavoro - 4

3.4 Lavoratori che desiderino riprendere un’attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno due anni - 4

3.5 Donne di qualsiasi età residenti in particolari aree geografiche - 4

3.6 Portatori di handicap - 4

4. I datori di lavoro ammessi - 4

5. Condizioni d’ammissibilità - 5

6. I contratti di reinserimento - legge223/91 - 5

7. La forma del contratto - 5

7.1 Durata, proroga e rinnovi - 6


Il contratto di inserimento.

Commissione dei principi interpretativi

delle leggi in materia di lavoro.

PRINCIPIO N.2

“IL CONTRATTO DI INSERIMEN-

TO”

1. Premessa

L’art. 54 del decreto legislativo

10 settembre 2003, n.

276 (in seguito decreto) ha

introdotto una nuova tipologia

contrattuale di lavoro

subordinato e tempo determinato

in luogo del precedente

contratto di formazione

e lavoro destinato gradualmente

a scomparire nel

settore privato.

Il legislatore definisce il contratto

di inserimento “un contratto

di lavoro diretto a realizzare,

mediante un progetto

individuale di adattamento

delle competenze professionali

del lavoratore a un determinato

contesto lavorativo,

l’inserimento ovvero il reinserimento

nel mercato del lavoro

di specifiche categorie di

persone.

Il tipo contrattuale presenta

elementi molto diversi da

quelli che caratterizzano il

contratto di formazione e

lavoro e si differenzia totalmente

da quello di apprendistato

che, nelle sue tre diverse

tipologie, resta il solo

modello negoziale a contenuto

formativo finalizzato al

2

conseguimento di una qualifica

professionale da immettere

nel mercato del lavoro.

Il contratto di inserimento è

un contratto di lavoro a causa

mista laddove l’elemento formativo

ha lo scopo in via

generale di integrare competenze

professionali già in

possesso del lavoratore piuttosto

che di consentire il conseguimento

di una qualifica

professionale, come avveniva

in passato in materia di contratti

di formazione e lavoro.

Tenuto conto delle finalità

occupazionali dello strumento

legislativo in parola, detta

formazione va intesa come

l’insieme delle informazioni,

indirizzi e metodologie che

consentono al lavoratore di

adattare le sue competenze

professionali, che si presumono

sussistere al momento

della stipulazione del contratto,

alla realtà lavorativa che

richiede l’inserimento.

Per cui tanto l’esistenza di

competenze diverse rispetto

a quelle sostanzialmente

richieste dal sistema aziendale

ospitante, quanto l’esistenza

di una professionalità già

acquisita, non incidono sulla

validità del contratto e non ne

determinano la nullità per

difetto di causa. Il necessario

possesso di competenze

professionali da parte del

lavoratore, tuttavia, non

esclude che il contratto di

inserimento possa riguardare

anche soggetti inoccupati

come meglio si dirà nel prosieguo.


ELEMENTI

MOLTO DIVERSI DA

QUELLI CHE

CARATTERIZZANO

IL CONTRATTO DI

FORMAZIONE


Lo schema negoziale del

contratto di inserimento, che

richiede la forma scritta ad

substantiam, ricalca sia la

disciplina del contratto di formazione

e lavoro con particolare

riferimento ai benefici

normativi e contributivi (articolo

59), sia quella del contratto

di lavoro a tempo

determinato laddove le previsioni

siano compatibili (articolo

58, comma 1).

Suo elemento cardine è il

progetto individuale di inserimento

condiviso, per cui è

importante che la parte datri-

ce di lavoro definisca, con il

consenso del lavoratore, un

progetto ad hoc, finalizzato

all’adeguamento delle relative

competenze professionali

all’organizzazione dell’impresa.

Una volta stabilita la professionalità

da inserire in azienda,

valutate le competenze

professionali possedute dal

lavoratore selezionato ed

individuato il necessario

grado di autonomia e funzionalità

operativa che lo stesso

deve raggiungere per integrarsi

nel ciclo produttivo o

nel sistema aziendale, occorre

congiuntamente sviluppare

un progetto specifico che

consenta il conseguimento di

tale obiettivo con previsione

della durata e delle precise

modalità di inserimento al

lavoro nonché un graduale

adattamento al contesto

lavorativo delle predette

competenze, ancorché di

base.

Il progetto individuale di inserimento

è essenziale per la

configurazione del tipo contrattuale

in questione. Esso

costituisce parte integrante e

sostanziale del contratto di

inserimento la cui stipula

deve rispettare la forma scrit-


ta (ad substantiam), pena la

sua nullità ed automatica

qualificazione del rapporto

come lavoro subordinato a

tempo indeterminato (art. 56,

comma 2), nell’interpretazione

preferibile di cui si dirà.

2. La disciplina

del rapporto e l’efficacia

dell’accordo interconfederale

In attesa che la contrattazione

collettiva vi provveda

definitivamente, l’accordo

interconfederale sui contratti

di inserimento e di reinserimento

dei lavoratori, sottoscritto

in data 11 febbraio

2004 tra le associazioni

datoriali e quelle sindacali

maggiormente rappresentative

sul piano nazionale,

contiene la disciplina transitoria

ed individua i criteri cui

dovranno attenersi le imprese

per l’immediato utilizzo

dell’istituto.

L’accordo viene elevato a

norma transitoria grazie

all’art. 86, comma 13, del

decreto, attraverso il quale le

parti sociali sono deputate a

regolamentare la disciplina

dei contratti di inserimento

fino al giorno in cui saranno

rinnovati i predetti contratti

collettivi di settore.

La finalità dell’accordo quadro,

infatti, è quella di provvedere

ad una prima definizione

degli elementi essenziali per

consentire ai datori di lavoro

di tutti i comparti produttivi

l’avvio e la prima applicazione

dei nuovi contratti d’inserimento.

Si pone, tuttavia, la questione

di notevole rilevanza concernente

la sorte dei contratti

stipulati dalle aziende a partire

dall’11 febbraio 2004 ed

ancora in essere al momento

del recepimento della disci-

plina prevista in materia di

contratti di inserimento nella

contrattazione collettiva, nel

caso di divergenza tra le due

regolamentazioni.

Al riguardo si ritiene di dover

far salva la disciplina precedente

osservata in applicazione

del contratto individuale,

purché lecita ed adottata in

ottemperanza alle disposizioni

legge e a quelle previste

dall’Accordo Interconfederale.

Infatti, le clausole in materia

di contratti di inserimento

previste dai contratti collettivi

trovano applicazione con riferimento

ai contratti individuali

stipulati successivamente

all’entrata in vigore del contratto

collettivo in conformità

al principio di irretroattività od

efficacia immediata, il quale –

in mancanza di contraria previsione

di legge – deve ritenersi

applicabile anche agli

atti di autonomia collettiva.

3. I lavoratori ammessi

L'art. 54, comma 1 del decreto,

dopo aver introdotto la

definizione del contratto di

inserimento, identifica le

categorie di persone con le

quali è possibile stipularlo.

Trattasi di particolari soggetti

di seguito dettagliatamente

esaminati che versano in

condizione di sofferta esclusione

dal mercato del lavoro

come pure individuati dal

Regolamento CE n.

2204/2002 (GUCE del 13

dicembre 2002, n. L 337/3).

Va precisato che il contratto

di inserimento, che può

riguardare qualsiasi attività di

lavoro, può essere stipulato

anche part-time purché il

minor orario di lavoro non

pregiudichi la finalità del contratto

medesimo. Ad ogni

DEFINIZIONE DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI

PER CONSENTIRE AI DATORI DI LAVORO

L’AVVIO E LA PRIMA APPLICAZIONE

DEI NUOVI CONTRATTI D’INSERIMENTO

“ ”

modo, ai fini del rispetto della

durata minima o massima del

contratto occorre fare riferimento

alla decorrenza giuridica

del rapporto e non alla

durata della prestazione

effettiva.

Potranno essere assunti con

contratto di inserimento

anche i cittadini extracomunitari

fermo restando il rispetto

delle norme in materia.

3.1 Soggetti d’età compresa

tra i diciotto ed i

ventinove anni

L’art. 54, comma 1, lett. a)

comprende tra i lavoratori

destinatari del contratto di

inserimento “i soggetti di età

compresa tra i diciotto ed i

ventinove anni”.

Non essendo stata posta alcuna

altra condizione oltre quella

dei predetti limiti di età anagrafica,

si ritengono attratti in

questa categoria tutti i soggetti,

compresi gli inoccupati, che

non siano in possesso dei

requisiti per essere attratti

nelle altre categorie di lavoratori

destinatari delle norme in

esame (art. 54, comma 1). In

conformità ai termini di valutazione

di cui alla decisione

della Commissione dell’U.E.

del 11/5/99 (G.U.C.E.

15/2/2000/L42/E) in materia di

assunzione con contratto di

formazione e lavoro, i limiti

anagrafici in argomento devono

interpretarsi nel senso di 18

anni compiuti e 29 anni e 364

giorni.

3.2 Disoccupati di lunga

durata da ventinove fino

a trentadue anni

L’art. 54, comma 1, lett. b)

estende l’applicazione del

contratto in esame anche ai

“disoccupati di lunga durata

da ventinove fino a trentadue

anni”.

Quanto alla definizione di disoccupati

di lunga durata deve

farsi riferimento alla disposizione

contenuta nell’art. 1,

comma 2, lett. c) del decreto

legislativo 21 aprile 2000 n.

181 che definisce tali coloro

che, dopo aver perso un

posto di lavoro o cessato

un’attività di lavoro autonomo,

siano alla ricerca di una

nuova occupazione da più di

dodici mesi.

Ai fini del perfezionamento di

tale requisito temporale, i 12

mesi decorrono dal momento

in cui il lavoratore dichiara la

sua disponibilità al Centro per

l’impiego. Sono fatte salve le

normative emanate dalle

Regioni in forza della delega

che conferisce loro potestà

legislativa concorrente in

materia.

Presupposto per la legittimità

del contratto è dunque la

condizione soggettiva di disoccupato,

vale a dire di lavoratore

che ha già avuto precedenti

esperienze lavorative

con inevitabile esclusione dei

soggetti inoccupati in possesso

dei richiamati requisiti

anagrafici. L’elemento per

comprovare detto stato di

disoccupazione è l’attestazione

di permanenza del soggetto

nello stato di disoccupazione

rilasciata dal Centro

per l’Impiego competente a

seguito della dichiarazione di

disponibilità rilasciata dal

lavoratore interessato.

In coerenza con quanto

affermato nel paragrafo pre-

3


cedente i limiti anagrafici

indicati nella lettera b) in

esame vanno interpretati nel

senso di 29 anni compiuti e

32 anni e 364 giorni.

La sovrapposizione del limite

di età di cui alle lettere a) e b)

del citato comma 1, (soggetti

aventi età compresa tra i 29

anni compiuti e 29 anni e 364

giorni) trova una distinzione

nel requisito di lunga durata

dello stato di disoccupazione

(non richiesto per i ventinovenni

di cui alla lettera a).

3.3 Lavoratori con più di

cinquanta anni di età che

siano privi di un posto di

lavoro

L’art. 54, comma 1, lett. c)

individua i “lavoratori con più

di cinquanta anni di età che

siano privi di un posto di

lavoro”.

Nessun particolare requisito è

previsto nella previsione in

esame fatta salva l’età anagrafica

(almeno 50 anni compiuti)

e la mancanza di un

impiego, essendo la finalità

della norma rivolta a favorire

non solo un eventuale reinserimento

ma anche un inserimento

del lavoratore nel mercato

del lavoro.

La locuzione “privi di un

posto di lavoro” va interpretata

nel senso che non è

necessario che il lavoratore

abbia rilasciato al competente

Centro per l’Impiego la

dichiarazione di immediata

disponibilità all’avvio di

un’attività di lavoro richiesta

ai sensi delle disposizioni

vigenti in materia di collocamento

pubblico (D.Lgs. n.

181/2000).

Non è altresì necessario che

la condizione di “privo di un

posto di lavoro” sia sussistente

da un periodo minimo

di tempo.

4

Inoltre, si precisa che rientrano

in questa categoria sia

i soggetti inoccupati sia

quelli titolari di trattamenti

pensionistici, purché in possesso

del necessario requisito

anagrafico.

I lavoratori possono comprovare

la loro condizione

mediante l’istituto dell’autocertificazione

(Dpr n.

445/2000).

3.4 Lavoratori che

desiderino riprendere

un’attività lavorativa e

che non abbiano lavorato

per almeno due anni

L’art. 54, comma 1, lett. d)

dispone che possono essere

assunti con il contratto di

inserimento anche i “lavoratori

che desiderino riprendere

un’attività lavorativa e che

non abbiano lavorato per

almeno due anni”.

La scelta del legislatore è

stata quella di limitare la previsione

rispetto a quella compresa

nell’art. 2, lett. f), punto

IV) del Regolamento CE n.

2204/2002 che prevede la

definizione comunitaria di

“lavoratori svantaggiati”.

La norma europea comprende

tra i lavoratori svantaggiati

“qualsiasi persona che

desideri intraprendere o

riprendere un'attività lavorativa

e che non abbia lavorato,

né seguito corsi di formazione,

per almeno due anni, in

particolare qualsiasi persona

che abbia lasciato il lavoro

per la difficoltà di conciliare

vita lavorativa e vita familiare”.

La circostanza che non sia

stato riprodotto nella norma

nazionale il termine “intraprendere”

porta alla conclusione

che sono da ritenere

esclusi dalla previsione in

esame i soggetti inoccupati.

Per poter soddisfare i requisiti

richiesti dalla previsione in

esame il lavoratore deve aver,

da un lato, svolto in passato

un’attività lavorativa tale da

essere considerato un soggetto

che desidera “riprendere”

a lavorare, dall’altro lato,

tale attività di lavoro non deve

essere stata svolta negli ultimi

due anni.

In considerazione della generica

previsione di legge si

pone la questione di cosa si

intende per attività lavorativa

ai fini di cui trattasi. Si osserva

al riguardo che, diversamente

da quanto stabilito

nella lettera b) dell’articolo 54


LA LOCUZIONE

“PRIVI

DI UN POSTO DI

LAVORO” VA

INTERPRETATA


(cfr. paragrafo 3.2), il legislatore

non ha fatto alcun riferimento

alla definizione di “disoccupato”.

Sulla scorta di queste osservazioni

si ritiene che per attività

lavorativa come sopra

richiesta deve intendersi

qualsiasi prestazione di lavoro

sia subordinato sia autonomo.

Va inoltre sottolineato che, se

in possesso dei due requisiti

sopra descritti, il lavoratore

rientra nella previsione in

esame a prescindere dall’età

anagrafica.

Per l’accertamento di tale

condizione è sufficiente l’autocertificazione

da parte del

soggetto lavoratore e l’esistenza

della comprovabile

buona fede da parte del

datore di lavoro.

3.5 Donne di qualsiasi

età residenti in particolari

aree geografiche

Unico requisito per le donne,

di qualsiasi età, è quello spaziale

collegato ad aree geografiche

in cui il tasso di

occupazione femminile,

determinato con apposito

decreto del Ministro del

Lavoro e delle politiche

sociali di concerto con il

Ministro dell’economia e

delle finanze, sia inferiore

almeno del 20 per cento di

quello maschile. In alternativa,

è valido il requisito parametrale

che individua le aree

in cui il tasso di disoccupazione

femminile superi del 10

per cento quello maschile. A

tutt’oggi il previsto decreto

ministeriale non è stato ancora

emanato.

3.6 Portatori di handicap

Per quanto concerne, infine,

le persone riconosciute affette

da grave handicap fisico,

mentale o psichico, il requisito

d’ammissibilità, è quello

ricavabile dalla legge quadro

per l’assistenza, l’integrazione

sociale e i diritti delle persone

con handicap (Legge 5

febbraio 1992, n.104).

Anche in questo caso il lavoratore

rientra nella previsione

in esame rispettando i requisiti

stabiliti dalla citata legge

n. 104/1992, a prescindere

dall’età anagrafica.

4. I datori di lavoro

ammessi

L’art. 54, comma 2, del

decreto identifica i soggetti

datori di lavoro che possono

stipulare i contratti di inserimento.

Essi sono:

• enti pubblici economici;

• imprese e loro consorzi;

•gruppi di imprese;


• associazioni professionali

(tra cui fanno parte anche

le associazioni tra professionisti);

• associazioni socio-culturali;

• associazioni sportive;

• fondazioni;

• enti di ricerca pubblici e

privati;

•organizzazioni ed associazioni

di categoria.

Sussistono alcuni dubbi di

costituzionalità della norma

in esame nella parte in cui

prevede la possibilità di stipulare

contratti d’inserimento

da parte di associazioni tra

professionisti senza comprendere,

tuttavia, i professionisti

che svolgono l’attività

in forma individuale, trattandosi

di una discriminazione

di trattamento fra situazioni

eguali, che non trova alcuna

razionale giustificazione.

5. Condizioni

d’ammissibilità

L’assunzione di lavoratori

mediante contratti di inserimento

resta subordinata

alla sola condizione di mantenimento

in servizio, da

parte del datore di lavoro

contraente, di almeno il 60

per cento dei lavoratori il cui

contratto di inserimento sia

all’art. 58, comma 1 del

decreto che demanda ai contratti

collettivi la disciplina

specifica del rapporto.

Il periodo di diciotto mesi

deve essere inteso come un

periodo mobile che va calcolato

di volta in volta in occasione

della stipula di ciascun

contratto di inserimento.

Ai fini della determinazione

della predetta percentuale,

non si computano i lavoratori

di cui è cessato il contratto

per le ragioni seguenti:

• dimissioni;

•licenziamento per giusta

causa (si computano, invece,

i lavoratori licenziati per

giustificato motivo);

•rifiuto della proposta di

rimanere in servizio con

rapporto di lavoro a tempo

indeterminato;

• risoluzione del contratto

nel corso o al termine del

periodo di prova.

Oltre alle ipotesi sopra

descritte le nuove disposizioni,

innovando rispetto alla

disciplina dei CFL, prevedono

una franchigia, anch’essa

mobile, di quattro contratti

non trasformati che vanno

ulteriormente sottratti dal

computo prima di verificare

la condizione del 60 per

cento.

SI CONSIDERANO MANTENUTI IN SERVIZIO

ANCHE I SOGGETTI PER I QUALI

IL RAPPORTO DI LAVORO SIA STATO

TRASFORMATO A TEMPO INDETERMINATO

“ ”

venuto a scadere nei diciotto

mesi precedenti.

Lo schema contenuto nella

disciplina in esame, seppur

mutuato dalla disciplina del

contratto di formazione e

lavoro, non prevede ulteriori

limitazioni o divieti, fatta

salva la previsione di cui

Va ricordato che per espressa

previsione legislativa si

considerano mantenuti in

servizio anche i soggetti per i

quali il rapporto di lavoro, nel

corso del suo svolgimento,

sia stato trasformato in rapporto

di lavoro a tempo indeterminato.

Qualora il calcolo del 60 per

cento dia luogo ad una frazione

di unità, il risultato va arrotondato

all’unità superiore.

L’art. 54, comma 4 prevede

che “la disposizione di cui al

comma 3 (vale a dire, il mantenimento

in servizio del 60

per cento dei lavoratori) non

trova applicazione quando

nei diciotto mesi precedenti

all’assunzione del lavoratore,

sia venuto a scadere un solo

contratto di inserimento”.

La norma in esame non

appare coordinata, né è

razionalmente armonizzabile,

con quella contenuta nel

comma 3 dello stesso articolo

54, che come detto prevede

la franchigia di 4 contratti

non trasformati. Ne consegue

che la previsione di cui al

comma 3 deve intendersi

assorbita in quella di cui al

comma 4, poiché in questo

caso non si applica la condizione

percentuale e, quindi,

non si procede ad alcun calcolo.

6. I contratti di reinserimento

– legge n. 223/91

L’art. 54, comma 5 precisa

che “restano in ogni caso

applicabili, se più favorevoli,

le disposizioni di cui all’art.

20 della legge n.223/91, in

materia di contratto di reinserimento

dei lavoratori disoccupati”.

Anche se il titolo dell’art. 54

in commento, “Contratti di

inserimento”, fa esclusivo

riferimento a tale tipologia

contrattuale, la definizione

del comma 1, dello stesso

articolo, mediante l’espressione

“ovvero il reinserimento”

riconduce la norma all’istituto

del reinserimento già

disciplinato dal predetto art.

20.

In considerazione della diver-

sa disciplina dei due istituti il

legislatore ha fatto salvi integralmente

gli effetti dell’art.

20, della legge 223/91

ponendola come possibile

alternativa al nuovo contratto

di inserimento ove più conveniente

sia dal punto di vista

delle condizioni di ammissibilità

sia dal punto di vista delle

agevolazioni contributive.

Nel merito si ricorda che ai

sensi del citato articolo 20

possono essere assunti con

contratto di reinserimento i

lavoratori che usufruiscono

del trattamento speciale di

disoccupazione da almeno

12 mesi. Dopo le modifiche

introdotte dalla stessa legge

223/91, il trattamento speciale

di disoccupazione spetta

solo ai lavoratori edili, ma per

un durata normale di 90 giorni

prorogabile a 180. La possibilità

di percepirla per

periodi superiori a 12 mesi, e

quindi possedere i requisiti

previsti dall’articolo 20, si

verifica solo eccezionalmente

per i lavoratori edili che

hanno lavorato per almeno

18 mesi e che sono stati

licenziati da aziende che a

loro volta operino “nelle aree

nelle quali il CIPI accerta la

sussistenza di una grave crisi

occupazionale conseguente

al previsto completamento di

impianti industriali o di opere

pubbliche di grandi dimensioni“.

In aggiunta il licenziamento

dei lavoratori deve inoltre

essere avvenuto dopo che

l’avanzamento dei lavori edili

abbia superato il 70%.

7. La forma del contratto.

L’art. 56 del decreto stabilisce

che “il contratto di inserimento

è stipulato in forma

scritta e in esso deve essere

5


specificamente indicato il

progetto individuale di inserimento”

(comma 1), e che “in

mancanza di forma scritta il

contratto è nullo e il lavoratore

si intende assunto a tempo

indeterminato” (comma 2).

La forma scritta è quindi prevista

come requisito essenziale

del contratto di inserimento,

la cui mancanza

determina che “il contratto è

nullo”; vale a dire, che viene

meno la specialità del rapporto

ed il contratto si considera

sin dall’inizio un normale contratto

di lavoro a tempo indeterminato.

La medesima disposizione è

ripetuta nell’Accordo

Interconfederale dell’11 febbraio

2004, ove si prevedono

anche ulteriori elementi che

“verranno indicati” nel contratto.

Essi sono: la durata;

l’eventuale periodo di prova;

l’orario di lavoro; il livello di

inquadramento.

Elemento essenziale del contratto

scritto è l’indicazione

specifica del progetto di inserimento,

sicché la mancata

indicazione scritta determina

la ricordata conversione in

contratto di lavoro subordinato

a tempo indeterminato.

E’ invece dubbio se la mancanza

nel contratto individuale

degli elementi ulteriori

previsti dal citato Accordo

Interconfederale sia priva di

incidenza sulla nullità del

contratto di inserimento (con

la conseguente conversione

in contratto ordinario di lavoro)

in applicazione del principio

per il quale la “forma convenzionale”

deve presumersi

prevista dai contraenti a pena

di nullità (art. 1352 cod. civ.).

7.1 Durata, proroga e

rinnovi

L’art. 57 del decreto prevede

6

al primo comma che “il contratto

di inserimento ha una

durata non inferiore a nove

mesi e non può essere superiore

ai diciotto mesi”.

Soltanto in caso di assunzione

di lavoratori di cui all’art.

54, comma 1, lett. f) (cioè

“persone riconosciute affette,

ai sensi della normativa

vigente da un grave handicap

fisico, mentale o psichico”) la

durata massima del contratto

“può essere estesa fino a

trentasei mesi”.

La previsione di un limite di

durata minima è innovativa e

costituisce una valutazione

legale del tempo necessario

al lavoratore per adattare le

proprie competenze professionali

al contesto lavorativo

in cui opera. Naturalmente il

contratto collettivo potrà stabilire

con effetto vincolante

per le parti limiti diversi, sempre

nel rispetto del minimo e

massimo previsto dalla legge,

ovvero, stabilire una specifica

durata del rapporto in funzione

anche dell’inquadramento

contrattuale del lavoratore.

Lo stesso art. 57 prevede al

secondo comma che “nel


LA PREVISIONE

DI UN LIMITE

DI DURATA

MINIMA

È INNOVATIVA


computo del limite massimo

di durata non si tiene conto

degli eventuali periodi dedicati

allo svolgimento del servizio

militare o di quello civile,

nonché dei periodi di astensione

per maternità”.

La norma stabilisce quindi

che soltanto alcuni eventi che

sospendono il rapporto di

lavoro – cioè il servizio militare

o civile e l’astensione per

maternità – determinano la

“sospensione” del termine del

contratto, il quale quindi automaticamente

si prolunga nel

tempo per un periodo identico

alla durata della sospen-

sione del rapporto di lavoro.

Si ritiene che tale ultima previsione

trovi applicazione

anche se, per effetto della

proroga automatica, il contratto

originario risulti infine di

durata complessiva superiore

al limite legale di diciotto o

trentasei mesi.

Viceversa, quando il rapporto

di lavoro si sospende per

motivi differenti da quelli indicati

dalla legge (come, ad

esempio, rilevanti eventi di

malattia o di infortunio) il termine

del contratto non subisce

alcuna sospensione o

prolungamento, ed il contratto

di inserimento si risolve

comunque allo spirare del

termine originario.

Al riguardo, occorre prendere

atto che il legislatore ha inteso

individuare le sole ipotesi

nelle quali si verifica l’effetto

sospensivo, con esclusione

di tutte le altre ipotesi, sicché

non sembra residuare spazio

per eventuali orientamenti

estensivi della giurisprudenza

ordinaria (salvo ovviamente

un intervento correttivo della

Corte Costituzionale).

L’art. 57 stabilisce che “il

contratto di inserimento non

è rinnovabile tra le stesse

parti”, mentre eventuali proroghe

del contratto sono

ammesse entro il limite massimo

di durata dei diciotto o

trentasei mesi (comma 3).

Tale previsione esclude categoricamente

la possibilità di

rinnovo del contratto di inserimento

tra le medesime

parti, cioè la conclusione di

successivi contratti riferiti alla

IN MANCANZA DI FORMA SCRITTA

IL CONTRATTO È NULLO

E IL LAVORATORE SI INTENDE ASSUNTO

A TEMPO INDETERMINATO

“ ”

medesima azienda. Allo stesso

tempo, la norma autorizza

implicitamente la stipulazione

da parte dello stesso lavoratore

di successivi contratti

d’inserimento con diversi

datori di lavoro, il che appare

del resto coerente con la finalità

dell’istituto volta precipuamente

all’adeguamento

della professionalità del singolo

ad ogni diverso contesto

lavorativo.

La proroga del contratto –

cioè l’accordo per il proseguimento

del rapporto oltre il

termine inizialmente fissato e

senza soluzione di continuità

– è invece ammessa con il

consenso delle parti e purché

il contratto resti contenuto

entro i diciotto mesi.

Secondo la formulazione letterale

dell’art. 57, comma 3

(“eventuali proroghe”), è

ammessa anche più di una

proroga, sempre nei limiti

massimi di durata; inoltre, per

l’accordo di proroga non è

prevista (anche se è consigliabile)

la forma scritta.

Infine, se il contratto collettivo

prevede una durata inferiore

ai 18 mesi, il termine

massimo entro il quale poter

prorogare il contratto è quello

inferiore stabilito dal contratto

collettivo.


7

FAC-SIMILE

CONTRATTO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO

(Bozza)

Tra

La _______________________ CF o Partita IVA ___________________________ sito in _______________________________

Via__________________________, nella persona del suo Legale Rappresentante __________________________________

il/la Sig./Sig.ra ____________________________ CF _____________________ nata a ________________________________

il _____________ e residente a ____________________ via ________________,___ (di seguito il lavoratore/la lavoratrice)

e

Premesso che il/la lavoratore/trice:

• è in possesso dei seguenti titoli di studio o professionali

____________________________________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________________

• ha svolto in precedenza le seguenti attività lavorative 2

____________________________________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________________

• ha, pertanto, maturato le seguenti competenze professionali 2

______________________________________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________________

Tra le parti, così come sopra individuate, viene stipulato il seguente contratto di inserimento/reinserimento 1 lavorativo avente

la finalità di garantire l’adeguamento delle competenze professionali del/la lavoratore/trice allo specifico contesto lavorativo

nel quale andrà ad operare, valorizzandone le professionalità eventualmente già acquisite.

• Durata 3 _____________________

• Periodo di prova 4 ________

• Orario di lavoro 5 ________________

• Livello di inquadramento iniziale 6 _________

• Livello finale di inquadramento ________

• Mansioni

____________________________________________________________________________________________________________

__________________________________________________________

• Progetto individuale di inserimento (riportiamo solo a titolo di esempio un progetto finalizzato al conseguimento

della qualifica di operaio addetto all’installazione di impianti tecnologici).

Nella fase iniziale del rapporto verrà impartita formazione teorica inerente la disciplina antinfortunistica, per un totale di ore

6, e successivamente verrà impartita formazione teorica inerente

la disciplina del rapporto di lavoro, per un totale di ore 5, e l’organizzazione del lavoro per un totale di 5 ore.

Al fine di adeguare le competenze professionali del Sig. …………… alla qualificazione cui è preordinato il presente progetto,

1 Cancellare la parte che non interessa.

2 Compilare soltanto nell’ipotesi in cui siano effettivamente esistenti

3 Da 9 a 18 mesi, 36 mesi per i soggetti riconosciuti affetti da grave handicap fisico, mentale o psichico. Si ricorda che al termine del contratto, nel computo

del limite massimo di durata non si tiene conto, ai sensi dell’art. 57, comma 2, del D.L.vo n. 276/2003, degli eventuali periodi dedicati allo svolgimento

del servizio militare o di quello civile, nonché dei periodi di astensione per maternità o delle altre ipotesi, eventualmente previste dal CCNL

applicato.

Si ricorda, inoltre, che la contrattazione collettiva può fissare, nel caso di reinserimento di soggetti con professionalità compatibili con il nuovo contesto

organizzativo ed in funzione delle competenze del lavoratore e della mansione cui è preordinato il progetto, una durata inferiore a quella massima

indicata.

4 Così come previsto dal CCNL applicato per il livello di ingresso attribuito al lavoratore.

5 Con riferimento al contratto collettivo applicabile in funzione del tipo di rapporto instaurato (tempo pieno o part- time).

6 Non potrà essere inferiore per più di due livelli rispetto alla categoria che, secondo il contratto collettivo nazionale di lavoro applicato, spetta ai lavoratori

addetti a mansioni o funzioni che richiedono qualificazioni corrispondenti a quelle al conseguimento delle quali è preordinato il progetto di inserimento/reinserimento

oggetto del contratto.

segue a pag. 8


segue da pag. 7

saranno garantiti l’inserimento nell’organizzazione aziendale relativa all’area impiantistica e l’espletamento di congrue fasi di

addestramento specifico riguardanti l’installazione e la posa in opera degli impianti tecnologici, impartite secondo la seguente

modalità:

il lavoratore dovrà prendere preliminarmente visione dell’organizzazione del “settore impiantistica” dell’azienda nel suo complesso,

nell’ambito del quale verranno inizialmente fornite le necessarie cognizioni sia teoriche che tecnico-pratiche inerenti

alla tecnologia del lavoro, alle attrezzature ed ai materiali utilizzati relativamente alla realizzazione di impianti tecnologici, quali

impianti elettrici civili, idrotermosanitari e di condizionamento ed impianti fotovoltaici.

Sulla base di dettagliate indicazioni e prescrizioni fornite dal personale qualificato cui è stato assegnato, anche ricavabili da

disegni o schemi equivalenti cui dovrà essere data corretta interpretazione, e sulla base delle cognizioni e competenze professionali

già acquisite e sopra indicate, il lavoratore verrà istruito in merito a tutte le fasi di preparazione e posa in opera dei

suddetti impianti tecnologici.

In seguito, al lavoratore verranno fatte acquisire competenze specifiche anche relativamente alle fasi di collaudo degli impianti,

che dovranno essere finalizzate alla verifica della corretta installazione, del regolare funzionamento e della piena corrispondenza

alle norme CEI e delle quali dovrà, altresì, essere in grado di rilevare e registrare i risultati ottenuti, confrontandoli

con quanto previsto dalla documentazione fornita e segnalando le eventuali discordanze.

Il lavoratore dovrà inoltre acquisire l’abilità necessaria all’effettuazione delle riparazioni e della manutenzione degli impianti

attraverso la corretta applicazione di adeguati metodi di analisi, di misurazione e di intervento tecnico, consistente nell’ esecuzione

di prove per il controllo delle caratteristiche tecnologiche e funzionali di materiali, apparecchiature o loro parti anche

con l'ausilio di strumenti e/o di apparecchiature (pur senza l'effettuazione di una loro impegnativa predisposizione).

• Luogo di svolgimento della prestazione ________________________________________

• Il trattamento di malattia ed infortunio non sul lavoro viene disciplinato come segue 7 :

• In caso di una o più interruzioni del servizio dovute a malattia o infortunio non sul lavoro il lavoratore non in prova ha diritto

alla conservazione del posto per un periodo complessivo non inferiore a 70 giorni 8 .

• Il lavoratore/trice ha diritto ad usufruire durante il contratto di eventuali servizi aziendali in essere o a godere delle alternative

indennità sostitutive.

• Il contratto di inserimento non è rinnovabile tra le stesse parti ed eventuali proroghe del contratto sono ammesse entro il

limite massimo di durata, ai sensi dell’art. 57, comma 3, del D.L.vo n. 276/2003 9 .

Il datore di lavoro Il lavoratore/La lavoratrice

______________ _______________________

Il lavoratore dichiara di aver preso visione del progetto individuale d’inserimento indicato nel presente contratto e fornisce il

proprio consenso espresso

Il datore di lavoro Il lavoratore/La lavoratrice

______________ _______________________

7 Fare riferimento a quanto previsto dagli accordi riferirti alla vecchia disciplina dei contratti di formazione e lavoro o, in difetto, dagli accordi collettivi applicati

in azienda. Tutti i periodi sono rapportati a contratti della durata di 18 mesi; in caso di durata inferiore si dovrà ricorrere la riproporzionamento.

8 Come evidenziato alla nota precedente, per quel che concerne il trattamento di malattia ed infortunio non sul lavoro e la conservazione del posto,

occorre far riferimento alla disciplina fissata negli accordi sui contratti di formazione e lavoro o, in difetto, agli accordi collettivi aziendali.

9 L’accordo interconfederale stabilisce che nei casi in cui il contratto di inserimento/reinserimento venga trasformato in rapporto di lavoro a tempo indeterminato,

il periodo di inserimento/reinserimento verrà computato nell’anzianità di servizio ai fini degli istituti previsti dalla legge e dal contratto, con

esclusione dell’istituto degli aumenti periodici di anzianità o istituti di carattere economico ad esso assimilati e della mobilità professionale disciplinata

dalle clausole dei contratti che prevedano progressioni automatiche di carriera in funzione del mero trascorrere del tempo.

8


1) ASSISTENZA NEL

PROCESSO TRIBUTARIO DEI

CONSULENTI DEL LAVORO

Nelle more dei provvedimenti

attuativi della delega contenuta

nell’art. 2, comma 1, lettera

g) della legge 7 aprile 2003, n. 80 che

prevede “l’inclusione dei Consulenti

del lavoro tra i soggetti abilitati all’assistenza

tecnica generale” nel processo

tributario, su impulso del

Consiglio Nazionale l’Onorevole Lino

Duilio della Margherita si è fatto promotore

di un’interrogazione a risposta

immediata presentata

dall’Onorevole Roberto Pinza ed altri

del medesimo gruppo parlamentare

alla Commissione VI Finanze della

Camera indirizzata al Ministero

dell’Economia e delle Finanze.

Con detta interrogazione, presentata

il 18 maggio 2004, i parlamentari

proponenti, traendo spunto da

quanto dispone l’art. 10, comma 6

della predetta legge n. 80/03 secondo

cui “fino alla data di scadenza

del termine per l’esercizio della

delega di cui al comma 1, continuano

ad applicarsi le disposizioni

vigenti, in quanto compatibili, non

espressamente abrogate”, poiché

l’articolo 12 del decreto legislativo

n. 546 del 1992, prevedendo la

nostra assistenza tributaria “limitata”,

è chiaramente “incompatibile”

con la nuova norma che prevede,

invece, l’assistenza tecnica “generale”,

chiedevano di sapere se non si

ritenesse “di dare immediata attuazione

all’art. 2, comma 1, lettera g) della

legge n. 80, provvedendo ad emanare

Salvatore UGLIANO

Vicepresidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine

vicepresidente@consulentidellavoro.it

CONSIGLIO

NAZIONALE

CNO Notizie brevi

le relative disposizioni ministeriali

che consentano sin da ora ai consulenti

del lavoro di esercitare l’assistenza

tecnica generale nel processo

tributario”.

Dagli atti della predetta Commissione

risulta che a tale interrogazione, esaminata

il 19 maggio 2004, il

Sottosegretario di Stato per

l’Economia e le Finanze Daniele

Molgora ha ribadito quanto già riferito

alla delegazione del Consiglio

Nazionale in data 20 aprile u.s. affermando

“ di aver sottoposto la questione

oggetto dell’interrogazione

anche al Ministro dell’Economia e

delle Finanze, che si è mostrato particolarmente

sensibile alla questione

che intende risolvere rapidamente.

Informa al riguardo che il

Dipartimento delle politiche fiscali

sta già lavorando alla stesura di un

apposito provvedimento normativo e

sottolinea pertanto come la soluzione

a tale problema sia destinata a

giungere in breve tempo.”

L’Onorevole Duilio, nel prendere

atto della risposta, ha espresso

“l’auspicio che i tempi di soluzione

della questione siano realmente

brevi, data la rilevanza della questione”.

Successivamente, sempre il predetto

Onorevole Duilio, con altri

Colleghi deputati tra i quali l’onorevole

Giorgio Benvenuto, ha presentato

una risoluzione alla

Commissione Giustizia della Camera

dei deputati con la quale si impegna

il Governo “a dare immediata attuazione

– trattandosi di norma di prin-

cipio – all’articolo 2, primo comma,

lettera g), della legge n. 80 del 7

aprile 2003, provvedendo ad emanare

le relative disposizioni ministeriali

che consentano, sin da ora, ai

Consulenti del lavoro, di esercitare

l’assistenza tecnica generale nel

processo tributario. Si tratta quindi

di un altro tassello della vicenda

che fa ben sperare.

2) “PROFESSIONAL DAY”

A NAPOLI

Rappresentanti del Consiglio

Nazionale hanno partecipato

il giorno 9 maggio u.s. alla

manifestazione indetta dal CUP e

dall’ADEPP per fare il punto sullo

stato dei lavori relativo alla tematica

della riforma delle libere professioni.

Alla presenza di oltre un migliaio di

professionisti convenuti da più parti

d’Italia, i vari relatori che si sono

alternati hanno offerto alla platea uno

spaccato delle vicende che continuano

ad intersecarsi, rallentando, di

fatto, il cammino verso una soluzione

del problema.

Il progetto della Commissione

Vietti, che in gran parte ha fatto

proprio quello approntato dal CUP

dopo alterne vicende; il progetto

presentato al Senato che pure contiene

principi di base analoghi:

le assicurazioni date dal Ministro

Castelli in una riunione al Ministero

della giustizia tenuta il 25.9 u.s. alla

presenza dei rappresentanti dei vari

Ordini professionali presenti nel CUP,

secondo cui “il Governo non vuole

certo la soppressione degli Ordini” e

29


CNO Notizie brevi

30

che “certamente non sarà fatta una

normativa contro gli Ordini” sono

tutte iniziative, comunque, che stentano

a concretizzarsi con atti legislativi.

Da aggiungere, il “contenzioso” tra

Stato e Regioni circa i limiti delle

materie concorrenti, nonché la direttiva

relativa al riconoscimento delle

qualifiche professionali votata in 1°

lettura dal Parlamento Europeo l’11

febbraio 2004.

Di tutto ciò si è parlato e, ovviamente,

sono state fatte delle promesse

rassicuranti.

3) D. L.VO 30 GIUGNO 2003

N. 196 ( PRIVACY)

Con circolare n. 814 dell’11

maggio u.s. si è provveduto

ad inviare un secondo lavoro

sulla medesima normativa sopra

indicata elaborato dalla Fondazione

Studi del Consiglio e dall’ANCL –

Sindacato Unitario, relativo agli

adempimenti dei Consulenti del

lavoro nella loro attività tipica.

Pertanto dette “norme operative”

riguardano: i rapporti con l’Autorità

garante, l’individuazione dei soggetti

interessati, i rapporti con i soggetti di

cui si detengono i dati (fornitori di

beni e servizi, propri dipendenti e

collaboratori, clienti, sicurezza dei

dati, sanzioni).

Sul n. 4/04 di questa rivista è stata

data comunicazione dell’invio di un

primo elaborato sull’argomento,

riguardante gli adempimenti dei

Consigli Provinciali circa il trattamento

dei dati personali. Con circolare

prot. N. 811 del 21 aprile u.s. è

stata preannunciata una pubblicazione

da parte della Fondazione

Studi che più approfonditamente e

dettagliatamente informerà sulla

normativa in generale, sui soggetti

interessati, sulle modalità specifiche

degli adempimenti relativi ai

trattamenti, sul documento programmatico

di sicurezza.

4) PREAVVISI TELEMATICI

RELATIVI A MODELLI

770 – ANNO D’IMPOSTA 2001

Afronte anche del clamore

suscitato dall’iniziativa congiunta

Consulenti del lavoro

e Ragionieri commercialisti di

Milano, riportata sul quotidiano

“Italia Oggi” dello scorso 19 c.m.,

in relazione agli innumerevoli avvisi

di irregolarità non imputabili, nella

maggior parte, ad errori dei contribuenti

e, quindi, degli operatori

professionali i quali, comunque, si

vedono addebitate responsabilità

non proprie, il Consiglio Nazionale

ha inviato al Direttore Generale

dell’Agenzia delle Entrate, avv.

Raffaele Ferrara, una nota dove

viene sottolineato lo stato di disagio

della Categoria di fronte al

perpetuarsi di situazioni del genere.

Nel ribadire la volontà di mantenere

inalterati i buoni rapporti di collaborazione

instaurati, si è inteso confermare

che andranno esaminate e

poste in essere tutte le soluzioni

necessarie per evitare il riprodursi di

situazioni del genere per il futuro.

A tale proposito, è stata reiterata la

richiesta di convocazione del tavolo

tecnico congiunto istituito per esaminare

la fattibilità che, fin dalla

dichiarazione dei sostituti d’imposta

dell’anno 2004, si possano trasmettere

i prospetti ST e SX unitamente al

singolo Modello 770 e non solo al

modello contenente i dati relativi al

reddito di lavoro dipendente.

Di quanto sopra è stata data comunicazione

con circolare n. 816 del 25

maggio u.s..

5) CENTRI DI CONSULENZA,

ASSISTENZA ED

INTERMEDIAZIONE

Parallelamente allo sconcerto

manifestato sul quotidiano “Il

Sole 24 Ore” del 29 aprile

u.s., con apposita lettera indirizzata

a tutti i Ministri componenti del

Consiglio dei Ministri, questo

Consiglio ebbe modo di esternare

tutto il proprio dissenso sullo schema

di disegno di legge per la semplificazione

contenente il riconoscimento

in capo ad associazioni

imprenditoriali di centri di consulenza,

assistenza ed intermediazione,

la cui discussione era prevista

per il giorno successivo 30 aprile

u.s.

Tale dissenso era determinato dal

fatto che, una volta approvata, tale

normativa avrebbe minato dalle

fondamenta l’intero impianto su cui

poggiano le libere professioni e

cioè qualità e professionalità della

stessa, principi deontologici e difesa

della fede pubblica.

Al momento tale progetto è stato

accantonato, ma occorre rimanere

vigili, tant’è che è stato predisposto

dal Consiglio Nazionale nella seduta

del 27 e 28 scorsi un ulteriore

forte documento inviato al

Consiglio dei Ministri ed alla stampa

specializzata.

6) TRASMISSIONE TELEMATI-

CA BILANCI ALLE CCIAA

Sul n. 3/04 di questa rivista si

parlò dell’argomento e si

comunicò la decisione, unanimemente

assunta, di fare ricorso

all’Autorità garante per la concorrenza

e del mercato.

Detto ricorso è stato depositato il 25

marzo ed in data 7 aprile u.s. il

Presidente dell’Antitrust, prof. Tesauro,

ha convocato la Presidenza di questo

Consiglio.

Nel corso dell’incontro sono stati

illustrati i motivi che hanno determinato

la Categoria a scegliere la strada

del ricorso, dopo aver inutilmente

tentato, in sede legislativa, di far

recepire i contenuti delle nostre

osservazioni ed indicazioni.

In data 31 maggio u.s. l’Autorità

garante in questione ha trasmesso a

questo Consiglio la segnalazione

inviata, ai sensi dell’art. 21 della

legge n. 287/90, ai Presidenti del

Senato e della Camera dei Deputati,

al Presidente del Consiglio dei

Ministri ed al Ministro delle Attività

produttive.

In detta segnalazione, l’Antitrust

afferma che “non appare chiara la

ratio in base alla quale, ove sussista


l’esigenza di attestare la conformità

degli atti trasmessi telematicamente

al registro delle imprese da parte di

professionisti a tal fine delegati, la

norma de qua attribuisca tale potere

esclusivamente ai dottori commercialisti

ed ai ragionieri e periti commerciali”.

Tale normativa, aggiunge la segnalazione,

“determina un’oggettiva ed

ingiustificata esclusione a danno di

quei professionisti, quali i consulenti

del lavoro e gli avvocati, che

certamente possiedono conoscenze

e capacità idonee ad assolvere

funzioni analoghe a quelle delle

categorie individuate dalle vigenti

disposizioni”.

A conclusione, l’Autorità “auspica

che le norme introdotte dall’art. 2,

comma 54, della legge n. 350/03

della legge n. 340/00 siano riesaminate

al fine di adeguarle ai principi

della concorrenza e del corretto funzionamento

del mercato sanciti dalla

legge n. 287/790, con specifico

riguardo ai commi 2 quater e quinquies

dell’art. 31 della legge n.

340/00”.

7) SANZIONE AMMINISTRATI-

VA IN MATERIA DI LAVORO

IRREGOLARE

L’argomento è stato trattato sui

numeri 1 e 3/04 di questa rivista,

rinviando alle apposite circolari

emanate per esprimere il parere

del Consiglio Nazionale e fornire

supporto giuridico/legale a quanti

avessero avuto bisogno di opporsi a

possibili eccezioni di inammissibilità

da parte di locali Uffici delle entrate

circa i ricorsi proposti dai Consulenti

del lavoro in relazione alle sanzioni

previste dall’art. 3 della legge

73/2002 per carenza di potestà di

assistenza tecnica.

Il caso era sorto a Forlì.

Orbene, così come reso noto con

circolare n. 815 del 13 maggio u.s.,

la Sezione 1° della Commissione

Tributaria provinciale di Forlì, con

diverse sentenze pronunciate il 21

aprile 2004, ha respinto le eccezioni

formulate dal locale Ufficio delle

entrate circa tale carenza da parte di

alcuni Colleghi assumendo che l’art.

12 del d.lgs. 546/92 attribuisce ai

Consulenti del lavoro un’abilitazione

tecnica in materie concernenti le ritenute

alla fonte sui redditi di lavoro

dipendente, ma anche “assimilati”

che non può non comprendere “l’applicazione

di una sanzione connessa

ad un rapporto di lavoro irregolarmente

instaurato e commisurata

sulla base del costo del lavoro calcolato

sulla base di contratti collettivi

nazionali. E’ di tutta evidenza che un

Consulente del lavoro possiede le

competenze specifiche professionali

necessarie ed indispensabili per

contestare la pretesa sanzionatoria

sia sull’an come sul quantum in ordine

alla materia di cui si discute ed è

in grado di poter adeguatamente

proporre una valida difesa degli interessi

del proprio cliente”. “Del resto

ogni dubbio risulta definitivamente

superato dal disposto di cui all’art.

2, comma 1, lettera g) della legge 7

aprile 2003 n. 80, laddove prevede

espressamente che è introdotta una

disciplina, unitaria per tutte le imposte,

del soggetto passivo, dell’obbligazione

fiscale, delle sanzioni e del

processo, prevedendo, per quest’ultimo,

l’inclusione dei Consulenti del

lavoro tra i soggetti abilitati all’assistenza

tecnica generale”.

In pratica, la predetta Commissione

tributaria ha accolto in toto le motivazioni

addotte dal Collega circa la sua

legittimità ad assistere il cliente, motivazioni

contenute nel supporto giuridico/legale

fornito da questo

Consiglio Nazionale.

8) CLUB EUROPEO

DELLE PROFESSIONI

Nei giorni 15, 16, 17 aprile

scorsi una delegazione del

Consiglio Nazionale ha partecipato

a Varsavia ad una riunione

del Club Europeo. Si è parlato dell’allargamento

del Club ad altri

Paesi aderenti e del rafforzamento

dell’organizzazione e dell’attività

CNO Notizie brevi

conseguente. Sono state anche

affrontate talune tematiche tecnicoprofessionali

e discusso delle attività

del Gruppo di lavoro ristretto in

materia di immigrazione e cooperazione,

di responsabilità etico-sociale,

di flessibilità, di infortunistica e di

armonizzazione del diritto del lavoro.

È stata vagliata l’opportunità di

istituire una sede di rappresentanza

comune a Bruxelles.

9) CONGRESSO

DI CATEGORIA

L’apposita Commissione costituita

nell’ambito del Consiglio

Nazionale ha dato inizio alla

programmazione dei lavori che condurranno

alla celebrazione del V

Congresso Nazionale della

Categoria e ne ha riferito al Consiglio

stesso.

Per quanto riguarda la località, motivi

logistici ed opportunità politiche

hanno fatto propendere la scelta su

Roma, mentre per il periodo l’indirizzo

di massima è per il mese di aprile

2005.

Quanto alle tematiche suggerite,

l’attenzione si è focalizzata sul

ruolo dei Consulenti del lavoro nella

responsabilità etica delle aziende,

tematica che attualmente gode di

un notevole grado di attenzione nel

mondo giuridico-economico-sociale.

Ovviamente gli ambiti non sono

soltanto nazionali, ma anche europei

il che potrebbe consentire

anche il coinvolgimento del Club

Europeo delle Professioni.

N.B.: si informano i Consigli

Provinciali che le circolari del

Consiglio Nazionale vengono inserite,

contestualmente alla spedizione,

sul sito www.consulentidellavoro.it -

Consiglio Nazionale – circolari.

Per memorizzarle sul proprio PC è

sufficiente evidenziare il testo, selezionare

modifica: copia – aprire

Word (o altro Editor di testi) e sul

documento vuoto copiare il testo

con la selezione modifica: incolla.

31


32

Vi è una strana coincidenza in

questo periodo dell’anno che

potrebbe essere foriera di

positività per la categoria. Il rinnovo

del Parlamento Europeo coincide

infatti con una ripresa dell’attività del

Club Europeo, che dopo un periodo

di stasi sta riprendendo la programmazione

sotto la presidenza polacca.

Inutile sottolineare l’importanza del

legame del mondo politico con le

libere professioni; l’impegno del prossimo

futuro dovrà essere incentrato

sulla creazione di una rete di conoscenze

trasversali

nell’Europarlamento per la ricerca del

massimo appoggio alle nostre istanze.

Il Club si è dato un programma

che è stato affidato nella sua fase di

impostazione ad un Gruppo di lavoro,

creato all’interno del Club medesimo,

e che ha come precipuo scopo quello

di razionalizzare le iniziative da

intraprendere e da sottoporre all’approvazione

del Consiglio. Qui di

seguito ne pubblichiamo il resoconto

della prima riunione con il quale sono

stati individuati gli obiettivi da perseguire.

In questo periodo particolare per il

Continente un’attenzione particolare

va riservata poi a quelli che sono i problemi

più immediati scaturenti dall’allargamento

degli Stati dell’Unione. E

la libera circolazione fornisce molti

spunti di riflessione.

Rosario DE LUCA

rdeluca1@consulentidellavoro.it

LAVORO

Consulenti del Lavoro per l'Europa

obiettivi ed impegni

per un futuro comunitario

L’allargamento degli Stati

dell’Unione: primi problemi

Preliminarmente vorrei sgombrare

il campo da alcune perplessità

nate in ambienti occidentali

circa le eventuali ricadute negative sul

piano occupazionale che potrebbero

scaturire dall’allargamento dell’Unione

Europea. L’esperienza di questi ultimi

decenni ci ha insegnato tanto; dopo

una ondata di emigrazione verso altri

Stati europei da parte dei lavoratori

dell’Est Europa, a seguito della caduta

del muro di Berlino, questo flusso è

rallentato sino a fermarsi quasi del

tutto.

E ciò è dovuto ad una serie di motivi;

innanzitutto, la scarsa convenienza

del rapporto ricavi/sacrifici considerato

che il reddito medio ricavabile

restando in Patria, specie per i lavoratori

con qualificazione di basso profilo,

non è di molto inferiore a quanto ricavabile

con l’espatrio a causa del costo

della vita certamente più alto. Un altro

fattore che dovrebbe disincentivare la

migrazione di massa di lavoratori dell’est

Europa è la considerazione che

anche in molti Stati membri il tasso di

disoccupazione è alto e quindi difficile

potrebbe risultare l’inserimento nel

mercato del lavoro; tranne che per

alcune figure professionali specialistiche.

Ed infine la crescita globale della

qualità della vita in questi stati aiutata

negli anni da un processo di moder-

nizzazione tale da non invogliare i

lavoratori a cercare lavoro all’estero

con un esodo di massa.

Il Trattato di Atene e la clausola

di salvaguardia

Quanto appena esposto

dovrebbe portare ad un flusso

migratorio assolutamente circoscritto,

rendendo inutile la presenza

di un periodo transitorio alla libera circolazione

dei lavoratori nei Paesi

Membri; cosa invece prevista in quasi

tutti gli Stati membri. Il Trattato di

Atene, siglato il 16 aprile 2003, concede

infatti la possibilità di porre dei limiti

a questo consolidato principio prevedendo

un periodo transitorio che

può oscillare da 2 a 7 anni durante i

quali il principio della libera circolazione

dei lavoratori può non essere applicato.

Ciò nasce dall’esperienza pregressa

fatta con l’ingresso di

Portogallo, Spagna e Grecia, a seguito

del quale non vi fu nessuna migrazione

di massa e neanche ora si suppone

ve ne sarà. Ma nonostante ciò è

stata introdotta la limitazione (anche

se per due anni e sotto forma di quote

d’ingresso) alla circolazione dei lavoratori

subordinati provenienti da tutti i

nuovi Stati membro, tranne Cipro e

Malta; invece lavoratori autonomi e

liberi professionisti potranno circolare

ed insediarsi liberamente in qualsiasi

Stato europeo. La previsione di que-


sto limite creerà invece grossi problemi

di compatibilità con la normativa

italiana ma anche comunitaria.

Innanzitutto, è bene precisare che il

limite varrà solo per la libera circolazione

dei lavoratori subordinati mentre

le altre libertà fondamentali di circolazione

rimangono pienamente applicabili;

e ciò creerà certamente problemi

nella gestione delle due posizioni individuali,

considerato che ad un individuo

è data ampia libertà di circolare e

quindi non è perseguibile in quanto

tale; ma non può essere parte in un

rapporto di lavoro. Le norme attualmente

vigenti in Italia in tema di

repressione del lavoro sommerso

degli extracomunitari puniscono sia il

datore di lavoro (anche penalmente)

che il lavoratore (con l’espulsione per

immigrazione clandestina). E’ evidente

che un cittadino polacco o ungherese

- che entra in Italia dal 1° maggio

2004 in poi e che lavora irregolarmente

- difficilmente potrà essere considerato

alla stregua di un immigrato clandestino,

in virtù del vigente principio

della libera circolazione degli uomini.

Venendo meno questa fattispecie

saranno applicabili solo sanzioni al

datore di lavoro, con uno squilibrio

rispetto al sistema creato in preceden-

CLUB EUROPEO DELLE PROFESSIONI GIUSLAVORISTICHE

Riunione gruppo di lavoro - Varsavia 16.4.04

Sono presenti Alfonso Hernandez Quereda per il Consiglio Generale

dei Graduados Sociales (Spagna), Andrzej Hanusz per il Consiglio

Nazionale dei Consiglieri Giuridici (Polonia), Rosario De Luca per il

Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro (Italia). È presente inoltre

Alicja Wencel, quale professionista esperto di problematiche comunitarie.

Vengono affrontati i seguenti argomenti scaturiti dalla riunione

del Club Europeo svoltasi nel corso della mattina dello stesso giorno.

1) Coordinamento del gruppo di lavoro

Per come proposto dal Consiglio del Club viene indicato per il ruolo di

coordinatore Hanusz (Polonia), il quale rinuncia indicando a sua volta De

Luca . Ricevuta disponibilità viene scelto Rosario De Luca quale coordinatore

del gruppo di lavoro.

2) Sede delle riunioni di gruppo

Valutata l’attuale situazione economica del Club ed in attesa di finanziare

la sede di Bruxelles, si decide di attivare contatti via mail con

riunioni periodiche da svolgersi in modo itinerante. In sostanza, ogni

Consiglio ospiterà a turno le riunioni del Gruppo facendosi carico delle

spese collettive (interpreti, sede, segreteria, vitto, alloggio) mentre le

spese di viaggio dei componente resteranno a carico di ogni singolo

Consiglio di appartenenza.

3) Lingua

Viene deciso di adottare la lingua inglese per tutte le comunicazioni via

mail di breve testo; mentre documenti e relazioni più corpose saranno

inviati via mail ad Aljcia Wencel che tempestivamente provvederà a tradurle

e farli pervenire ai tre componenti.

4) Calendario riunioni

Viene proposto di dare seguito alla proposta approvata dal Consiglio

del Club di intensificare le riunioni. La proposta sarà di 3 riunioni infrannuali

del Consiglio ed altrettante del Gruppo di Lavoro da svolgersi nel

periodo antecedente la riunione del Consiglio. La prossima riunione plenaria

è prevista per il 9 e 10 settembre p.v. a Leon (Spagna); quindi,

viene deciso di fissare la prossima riunione del Gruppo in Madrid per il

3 giugno p.v.

za. Il problema si risolverà solo con la

restrizione al minimo del periodo

transitorio in cui la libertà di circolazione

dei lavoratori subordinati sarà

determinata con le quote d’ingresso.

Credo che anche su queste direttrici si

possa indirizzare l’attività del Club

Europeo delle Professioni

Giuslavoristiche, ponendo dunque

l’attenzione su tematiche di grande

respiro sociale che facciano crescere

nell’Europa sempre più unita un sentimento

di grande solidarietà necessario

per la crescita e l’aggregazione del

popolo europeo.

5) Attività del Gruppo di supporto al Consiglio

Viene definito il ruolo del gruppo di lavoro, così come discusso dal

Consiglio del Club. L’attività si sostanzierà in una serie di approfondimenti

e proposte da sottoporre all’attenzione del Consiglio per le

opportune delibere. Gli argomenti individuati per l’attività dei prossimi

mesi si possono individuare come segue:

a) Fondo Sociale Europeo

Viene ribadita la necessità di accedere ad opportune forme di finanziamento

dell’attività di formazione ed informazione; cosa possibile per il

tramite dei Fondi Sociali comunitari. In particolare vengono individuate

le seguenti aree di interesse:

- discriminazione;

- immigrazione ;

- infortunistica sul lavoro;

- responsabilità etico/sociale (SA 8000);

- cooperazione con Macedonia e Russia.

Su detti temi verrà inizialmente svolta una ricerca tendente ad individuare

gli strumenti più idonei per il finanziamento dell’attività di formazione

ed informazione

b) ipotesi di riconoscimento comunitario della professione di

esperto in materia giuslavoristica

Viene proposto di attivare le migliori strategie per perseguire il fine del

riconoscimento comunitario della professione. Saranno attivati in tal

senso i contatti politici più opportuni;

c) rivisitazione Statuto Club:

Su proposta del componente polacco, viene deciso di raccogliere i

suggerimenti e le proposte per segnalare al Consiglio l’ipotesi di una

rivisitazione dello Statuto;

d) finanziamento attività Club:

In attesa di concretizzare attività che possano portare introiti e per

garantire un minimo di funzionalità al Club, si suggerisce di adottare una

forma di autofinanziamento con il versamento di una somma a titolo

forfetario da stabilirsi dal Consiglio. A tal fine è stato richiesto ad Alicja

Wencel un preventivo dei costi che si dovrebbero affrontare per la realizzazione

dei progetti comunitari.

33


34

Intervista

all’On. Anna Finocchiaro

Inauguriamo con questo numero una serie di incontri, curati dalla Collega Anna Maria Granata, Segretario del Consiglio Nazionale dell’Ordine, con

esponenti femminili del mondo politico: l’intento è quello di dare voce a chi vive, direttamente e quotidianamente, il delicato e difficile equilibrio dell’essere

donna nel mondo del lavoro, nell’impegno sociale e nel dibattito politico-culturale.

L’Onorevole Anna

Finocchiaro è nata a

Modica (Ragusa), il 31

marzo del 1955.

E’ laureata in giurisprudenza

e svolge la carriera di

Magistrato.

E’ stata eletta al

Parlamento nelle liste dei

democratici di Sinistra, dal

maggio 2001.

Partecipa ai lavori dei

seguenti organi parlamentari:

- Giunta delle elezioni

- Commissione giustizia

- Comitato parlamentare

per i servizi di informazione

e sicurezza e per il

segreto di stato

- Comitato parlamentare per

i procedimenti di accusa.

Domanda

Onorevole Finocchiaro,

ci può esporre una

sua personale visione

della “condizione femminile

nella nostra società,

puntando l’attenzione al

Anna Maria GRANATA

segretario@consulentidellavoro.it

CONFRONTI

percorso scuola-lavoro e

alla sfera delle libere professioni?

Risposta

Direi che la visione

può essere considerata

piuttosto obiettiva,

se esaminiamo i

“numeri” di questa nostra

società: numeri reali,

desunti dalle statistiche

ufficiali.

Nel nostro Paese, infatti:

- il 55,1% degli iscritti alle

Università è di sesso femminile

- le laureate sono in media

più giovani, più numerose

e ottengono migliori risultati

(56%)

- il 50% dei dottorati di

ricerca in discipline scien-


tifiche viene assegnato

alle donne: un primato

delle italiane rispetto a

tutte le europee

- nel 2002 non ha proseguito

gli studi oltre la scuola

secondaria superiore il

27,9% dei maschi ed il

20,7% delle femmine

- il 47,8% delle neo-madri

lavora (il 63,2% al nord e

il 32,5% al sud) e il 44,7%

di quelle con 2 o più figli

- l’82% delle madri ha un

lavoro a tempo indeterminato

- ogni 10 imprenditori 3

sono donne

- oggi, ogni quattro liberi

professionisti uno è

donna, mentre negli anni

’90 il rapporto era di uno

a cinque

IL 50% DEI DOTTORATI DI RICERCA

IN DISCIPLINE SCIENTIFICHE VIENE

ASSEGNATO ALLE DONNE:

UN PRIMATO DELLE ITALIANE ”


- nel 35% dei casi, le

imprese giovanili sono

state costituite da donne

- il 95% di chi svolge il servizio

civile è rappresentato

da ragazze.

Questi i dati. Eppure

alla testa di principali

ordini e associazioni

professionali ci sono 5

donne e 26 uomini, solo 3

donne sono tra i direttori

dei principali quotidiani italiani,

su 77 Università italiane

solo una ha una donna


SEBBENE LE DONNE

IRROMPANO NELLA

SOCIETÀ ITALIANA,

UN SOFFITTO DI CRISTALLO

CONTINUA AD OSTACOLARE

LA LORO ASCESA


rettore. Questo significa

che sebbene le donne

irrompano nella società italiana,

un soffitto di cristallo

continua ad ostacolare la

loro ascesa ai “posti di

comando”.

Domanda

Come considera possano

essere valutate

queste percentuali,

in termini socio-politici?

Risposta

E’solo una questione

di tempo? Forse. Ma

nel frattempo occorre

rendere il nostro sistema

complessivo, a cominciare

da quello del welfare,

più accogliente per le

donne. Non dimentichiamo,

infatti, che è stato

costruito sul modello del

lavoratore maschio capo

famiglia. Così è per le

indennità di maternità (e le

professioniste sanno bene

cosa ha significato), ma

non solo.

Domanda

Quali provvedimenti

concreti ritiene possano

essere previsti?

Risposta

Le direttrici che noi

indichiamo sono quattro,

tutte inquadrabili


nella categoria di “politiche

attive”:

- politiche di promozione

dell’occupazione femminile

(con l’utilizzo oltre che di

risorse statali anche di

fondi regionali per le pari

opportunità);

- politiche di tutela dei diritti

delle donne lavoratrici

(per garantire una flessibilità

senza precarizzazione)

quindi incentivare il parttime

e introdurre un reddito

minimo per i periodi di

L’On. Anna Finocchiaro

non lavoro;

- politiche di potenziamento

dei servizi sociali per sostenere

le donne nei loro

impegni familiari e di cura,

dagli asili nido al fondo per

gli anziani non autosufficienti;

- scelte di sostegno concreto

alle famiglie.

Domanda

Nella politica delle “pari

opportunità” vede

possibili ulteriori inter-

IL WELFARE NON DIMENTICHIAMO

CHE È STATO COSTRUITO SUL MODELLO

DEL LAVORATORE MASCHIO CAPO FAMIGLIA ”

venti che favoriscano l’evoluzione

del sistema già in atto?

Risposta

Sarà sempre più decisiva

la presenza delle

donne nelle istituzioni.

Io resto convinta della necessità

di introdurre in via generale

(e speriamo transitoria)

quote di elette per ciascun

partito con penalizzazione

nel finanziamento pubblico in

caso di mancato raggiungimento

della soglia prevista.

35


36

Notizie dalla Fondazione Studi

Una lezione

sull’etica

La società del capitalismo

cognitivo

Innanzitutto chiariamo che il

capitalismo cognitivo nasce nell’era

postindustriale dal continuo

apporto della scienza, conoscenza

e tecnologia all’attività

imprenditoriale per garantire una

carica di valore assolutamente

competitiva e poter offrire dei prodotti

altamente sofisticati modificabili

rapidamente. In questo tipo

di società due sono gli attori privilegiati:

gli imprenditori coscienti e i

lavoratori della conoscenza (knowledge

workers). I primi non sono

i generici “uomini d’affari”, né tantomeno

gli affaristi che riescono a

guadagnare denaro nel modo più

disinvolto, ma sono un tipo particolare

di operatori che tengono

nella massima considerazione non

solo la propria specialità ma anche

l’ambiente culturale, fisico e sociale

in cui agiscono, e che per far ciò

hanno un acuto bisogno di conoscenze

tecnico-scientifiche; il che

li accomuna per vari aspetti ai

lavoratori della conoscenza. Fare

Giuliana DELLA BIANCA - Segretario Generale Fondazione Studi

g.dellabianca@consulentidellavoro.it

Dall’interessante convegno – tavola rotonda organizzato dalla Fondazione

Studi a Venezia lo scorso 24 maggio sul tema: Codici etici e politica dell’occupazione.

Quale dialogo fra le parti sociali nel nuovo mercato del lavoro?

proponiamo un tema di riflessione sull’etica delle relazioni industriali e sul

lavoro intellettuale, e professionale in particolare, all’interno del sistema economico

di capitalismo cognitivo in cui ci troviamo.

Brillantemente illustrata dal professor Gian Paolo Prandstraller, la relazione ha

evidenziato l’enorme carenza di interesse del Paese e dell’Europa in genere al

lavoro professionale tant’è che, a fronte di innumerevoli pubblicazioni e leggi

che esaminano e definiscono il lavoro dipendente, nulla o quasi definisce il

lavoro professionale.

l’imprenditore oggigiorno non è

soltanto una questione di coraggio,

intuito e abilità: ma di applicazione

puntuale e intelligente d’informazioni

e di nozioni per avere le

quali occorre avere una capacità

d’apprendere di tipo professionale.

L’imprenditore moderno è investito

delle stesse ansie e dagli stessi

tormenti di cui soffre il professionista,

col quale spesso condivide i

problemi e la ricerca di soluzioni. I

knowledge workers sono rappresentati

dai detentori della conoscenza:

i professionisti, gli scienziati,

gli insegnanti, i ricercatori ma

anche i creativi sono coloro che

rientrano in questo gruppo. Le attività

dei knowledge workers si

basano su conoscenze specifiche

aventi la propria base nelle scienze

o in tecnologie particolari ed essi

traggono i propri mezzi di sussistenza

da tali conoscenze.

L’avanzata dei lavoratori della

conoscenza sta diventando condicio

sine qua non della competitività

economica dei paesi industrializzati.

Si tratta di una nuova entità collettiva,

del vero ceto nuovo del

periodo postindustriale destinato

a crescere ulteriormente e che in

Italia detiene il 90% del sapere

mentre negli USA rappresenta

ben il 30% dell’intera forza lavoro.

Ebbene, nonostante questo, la

politica europea, mentre promuove

una forma di tutela estrema

dell’impresa, dimentica completamente

l’importanza che ha la

conoscenza scientifica e coloro

che la offrono. In quest’ottica distorta

la società ha un’alta percezione

delle capacità imprenditoriali

ma ignora che l’aspetto più

importante della produzione

odierna è strettamente legato

all’apporto dei lavoratori della

conoscenza. I professionisti riconosciuti

sono il nucleo portante di

questo nuovo ceto, circondati tuttavia

da vari gruppi di lavoratori

intellettuali che aspirano ad essere

accettati tra le professioni ed

hanno comunque uno specifico.

Vi è una notevole vicinanza (che

arriva talvolta all’osmosi) tra pro-


fessionisti e imprenditori, quando

questi ultimi hanno cura che la

propria azione sociale non sia

oscurata da intenzioni affaristiche

e speculative. Non esistono in real

ragioni obiettive perché si manifestini

contrasti tra knowledge

workers e gestori di imprese; se

non il desiderio, espresso in certi

casi dagli imprenditori, di ridimensionare

o limitare l’autonomia dei

knowledge workers nei campi

conoscitivi che appartengono a

questi ultimi.

Disequilibrio delle relazioni

industriali

Alla luce di quanto sopra

evidenziato è chiaro che le

relazioni industriali non

sono equilibrate in Italia perché

sono solo due le forze che si contrappongono:

le associazioni degli

imprenditori e i sindacati dei lavoratori

dipendenti. Due grandi

monoliti che monopolizzano tutti

gli interessi sociali compresi quelli

che essi non dovrebbero rappresentare.

Tutta la parte mediana,

formata dai lavoratori della conoscenza

e dal loro indotto, è totalmente

priva di una rappresentanza

e quasi tutte le decisioni vengono

prese sulla testa di questi effettivi

protagonisti di una società e di una

economia moderna. Lo stesso

concetto di relazione industriale

deve essere rivisto e aggiornato

perché l’attuale assetto può essere

ormai definito arcaico in quanto

propone gli stessi modelli della

tarda età industriale.

L’approvazione della tanto auspicata

legge quadro sulle professioni

viene rinviata di anno in anno e

forse lo stesso Ministro della

Giustizia non si rende conto del

peso che una siffatta norma

potrebbe avere non solo in Italia

ma anche in ambito europeo: la

legge quadro potrà delineare la

prospettiva di una confederazione

delle professioni e delle attività

intellettuali che assomigli alle gran-

Notizie dalla Fondazione Studi

di confederazioni sindacali o a

Confindustria ma che rappresenti

gli interessi dei knowledge workers

consentendo una piena rappresentanza

che possa prendere

parte alle decisioni sociali concernenti

i grandi problemi dell’economia

e della vita civile.

Etica delle professioni

L’etica delle professioni è

annoverata nel gruppo delle

“etiche applicate” o “speciali”

ovvero di quelle etiche che

cercano di disciplinare solo ambiti

limitati del comportamento, e

rinunciano dunque in via di principio

a regolamentare l’intera vita, in

tutti i suoi aspetti come pretendevano

le etiche generali.

Nasce negli USA, negli anni ‘60

l’etica degli affari (business ethics)

il cui obiettivo è di offrire criteri

adatti a disciplinare la produzione

industriale, il commercio, glia affari,

mettendo al bando o cercando

di correggere i comportamento

dannosi e antisociali in questo

importante campo.

Successivamente si afferma l’etica

della natura e dell’ambiente, che

cerca di dare una nuova disciplina

al rapporto dell’uomo con la natura.

Negli anni ‘70-’80 si forma l’etica

dei servizi, per introdurre regole

nelle crescenti e sempre più diffuse

attività di servizio che sostituiscono

in buona parte le attività

manifatturiere.

Ma le più antiche sono le etiche

delle professioni che, sempre negli

anni ‘80 vengono potenziate. Con

l’allargarsi del mondo professionale

esse si erigono anche a protezione

dei numerosi fruitori delle

performances professionali.

Tre sono i grandi fondamenti del

lavoro professionale:

1. Il contatto continuo con la

conoscenza scientifica

2. L’autonomia reale o almeno

tendenziale

3. L’etica

Sul primo punto vale la pena riba-

dire che non vi è alcuna forma di

lavoro professionale che non

discenda da un complesso di

discipline e di tecniche scientifiche

che conferiscono ai professionisti

la capacità di raggiungere gli scopi

e/o di risolvere i problemi affidati

ad essi dalla clientela. La capacità

di apprendere, l’aggiornamento

continuo e l’informazione sono elementi

esaltati da questo tipo di

lavoro.

Il lavoro professionale richiede

un’autonomia molto elevata, ossia

la possibilità che il lavoratore scelga

da solo le linee della propria

azione. L’autonomia rappresenta

oggi un’attrattiva importantissima

per chi aspira ad entrare nel mondo

del lavoro. La caratteristica appare

addirittura ovvia nel caso delle professioni

“libere” dove il professionista

ha un rapporto diretto con il

cliente, non mediato da alcuna

organizzazione.

L’etica disciplina il comportamento

che il professionista deve tenere

nei confronti dei clienti, dei colleghi

e della società in generale. Mentre

il controllo etico sul lavoratore

manuale riguardava in generale la

sua resa quantitativa (quanto lavoro

egli riusciva a fare), quello che

viene svolto sul lavoratore professionale

è molto più complesso,

perché concerne un insieme di

diritti e di doveri normalmente codificati

in codici etico-deontologici, la

cui tradizione risale all’origine delle

professioni e all’esercizio di queste

nel XIX secolo, e la cui applicazione

si è fatta sempre più abituale negli

ultimi decenni. L’etica è un’estrinsecazione

delle spirito di servizio,

è tipica del lavoro professionale e

contribuisce non poco a distinguere

questo lavoro da ogni altra forma

d’intervento umano nel mondo

della produzione; esso gli conferisce

una legittimazione più intensa e

un rispetto che, unendosi all’autorità

del professionista, attribuisce a

quest’ultimo un prestigio sociale

elevato.

37


Che ne pensate?

INTERVISTA

VELOCE

38

Penso che il riassetto della

disciplina sulle funzioni

ispettive in materia di previdenza

sociale e di lavoro, debba

essere valutata in maniera più che

positiva dalla nostra categoria.

I tempi attuali, la continua evoluzione

normativa, la riforma del

mercato del lavoro, necessitavano,

anche nel settore della vigilanza, di

norme più attuali indirizzate, più

che alla repressione, alla prevenzione

e promozione verso i destinatari

della disciplina del rapporto

di lavoro, del trattamento economico

e degli obblighi previdenziali.

Auguriamoci che le novità introdotte

con:

- il coordinamento dell’attività

ispettiva;

- l’attività di promozione e prevenzione;

- la banca dati nazionale;

- il diritto di interpello;

- la riduzione delle sanzioni;

Rosalba BERLINGERI - Segretaria di redazione

rosalba.berlingeri@enpacl.it

“La riforma del mercato del lavoro ha introdotto nuovi criteri

per la vigilanza ispettiva.

In questo ambito rinnovato, quale ruolo ritieni possa avere il

Consulente del Lavoro?”

Franco Iacometti

Delegato Enpacl

di Livorno

- la diffida;

- la conciliazione monocratica

siano attivate e rese operative nella

massima chiarezza e con tutti i

mezzi necessari, coinvolgendo

tutte le Parti sociali operanti nel

settore.

La nostra categoria professionale

che, tra tutte, vanta le maggiori

competenze nel settore del lavoro

e della previdenza non dovrà essere,

in riferimento alle attività di prevenzione,

formazione e promozione

della conoscenza ed osservanza

della normativa, esclusa.

Lo abbiamo fatto fino ad oggi

senza che ci fosse imposto

dal legislatore; vorremmo

continuare a farlo. Auguriamoci di

non “perdere il treno” anche questa

volta!

Qualche perplessità, se non saranno

destinati dei “fondi” al progetto,

sulla possibilità di formazione e

aggiornamento da parte degli

addetti ai servizi ispettivi che allo

stato attuale hanno a disposizione

pochi mezzi idonei (vedi banche

dati, contratti di lavoro ecc.).

Auguriamoci, anche nell’interesse

di noi Consulenti, che tutto proceda

nel modo migliore.

Alberto Pelizzari

Presidente

C. P. dell'Ordine

di Brescia

Il D. Lvo n.124 del 23.4.2004 ha

finalmente dato attuazione alle

disposizioni previste dalla legge

delega n.30/2003.

Siamo effettivamente in presenza

di uno sforzo di razionalizzazione

dell’attività ispettiva in materia di

previdenza sociale e di lavoro.

Onestamente però, vista lo specifico

argomento del lavoro e della

previdenza sociale, vale a dire

l’ambiente naturale in cui si muove

la nostra categoria, ci si aspettava

una presenza più incisiva del

nostro ruolo.

Veniamo, infatti, chiamati in causa

direttamente ma in modo generico

solo come “ordini professionali”

quando si parla di diritto d’interpello.

Strumento sicuramente positivo,

che utilizzeremo senz’altro e


che darà forma giuridica all’attuale

consuetudine di formulare quesiti

che avevano sempre risposte

informali.

Anche nella conciliazione monocratica

si fa genericamente cenno

che le parti possono farsi assistere

da “professionisti cui abbiano conferito

specifico mandato”, e non si

premia invece la naturale professionalità

e competenza dei

Consulenti del Lavoro.

In altra parte del Decreto si prevedono

funzioni di informazione

e aggiornamento da parte delle

Direzioni territoriali del Ministero.

In definitiva il nostro ruolo sarà

sicuramente importante per aiutare

i datori di lavoro ad utilizzare al

meglio i nuovi strumenti quali

appunto il diritto d’interpello, la

conciliazione monocratica ma

anche la diffida, la prescrizione

obbligatoria, i ricorsi amministrativi

e altro ancora.

Ma questo è il ruolo che i

Consulenti del Lavoro hanno sempre

avuto in presenza dell’enorme

e nevrotica produzione legislativa

in materia di lavoro e di previdenza

sociale.

Ritengo perciò importante questa

riforma ma la ritengo anche una

piccolissima occasione persa, in

quello che, ripeto, è il nostro

ambiente professionale d’elezione

e che ci ha sempre visto protagonisti,

a volte un pò misconosciuti.

Paolo Chirico

Presidente

del C. P. dell’Ordine

di Reggio Calabria

Le novità introdotte in tema di

vigilanza non mi sembra

possano influire più di tanto

su quello che è l’esercizio della

nostra professione. Noto un incrementarsi

dell’ampliamento delle

competenze che si vorrebbero

assegnare agli ispettori di vigilanza

che , se circoscritte nei modi e nell’esplicazione

delle stesse, possono

anche essere utili. E’ necessario

che la categoria vigili a tutti i livelli

per evitare l’espandersi invece una

sorta di attività consulenziale da

parte degli ispettori i cui ambiti

operativi devono essere circoscritti

diversamente. La professionalità

dei consulenti del lavoro deve

essere posta come pregiudiziale

nella fase dei contatti con gli organismi

di vigilanza Le nostre perplessità

come operatori della

materia vanno nella direzione dell’inevitabile

inconciliabilità tra l’attività

di consulenza e quella di controllo

degli stessi ispettori.

Non risulta ancora molto

chiaro nemmeno che cosa

si intenda sostenendo (al

comma 2) che qualora emergano,

durante gli accessi ispettivi, inosservanze

o non corrette applicazioni

delle disposizioni in materia

di lavoro, alle quali non siano applicabili

sanzioni penali o amministrative,

saranno impartite indicazioni

su come operare correttamente.

L’attività di promozione e prevenzione

che dovrebbero svolgere gli

ispettori mal si concilia con l’obbligo

di applicazione delle sanzioni al

momento del rilevamento delle

violazioni di legge.

Dario Montanaro

Presidente

del C. P. dell’Ordine

di Brindisi

L'introduzione della riforma

sulla vigilanza conferma il

trend di innovazione concettuale

che nell'ultimo periodo caratterizza

tutti gli interventi della P.A.

nell'area del mercato del lavoro.

Infatti dalla norma in esame, traspare

con forza la volontà degli

Enti Pubblici di non porsi più in un

preordinato atteggiamento di

“conflitto” con il mondo imprendi-

Che ne pensate?

toriale, ma bensì la ferma intenzione

di proporre il ruolo del soggetto

pubblico quale “agevolatore” dell'efficienza

ed efficacia dei processi

aziendali. Tale novità però, viene

altrettanto speditamente vanificata

dalle disposizioni emanate che evidenziano

apertamente procedure

sbilanciate a favore degli operatori

della P.A. e dei Lavoratori.

Congiuntamente si rileva la

volontà di ricoprire ruoli e

svolgere compiti di “tutela

sociale” (applicazione ccnl etc.) che

prima erano esclusivamente

demandati alle parti sociali.

Sicuramente tale ultima considerazione

è frutto dei limiti attuali del

sistema di relazioni stato-parti

sociali. Chiaramente la rivoluzione

culturale legata alle innovazioni

legislative avrà tempi e modalità di

realizzazione sicuramente molto più

lunghi e difficoltosi. In questo scenario

la nostra figura professionale

sarà chiamata, ancora una volta, ad

esprimere un ruolo che sempre di

più qualificherà il proprio operato.

Infatti da una prima analisi appare

evidente che, anche se sbilanciate,

le nuove procedure di vigilanza in

alcuni aspetti (art. 12 diffida accertativa)

dovrebbero anticipare il confronto

ed il contraddittorio mettendo

in rilievo l'azione del Consulente

nel corso dell'accertamento. Tale

attività presuppone sicuramente un

ulteriore investimento in formazione

da parte dei CP, con modalità che

superano la semplice esposizione

della normativa e raggiungono invece

analisi e letture di interpretazione

giuridico-lavoristica. Infine una

semplice considerazione sul tema

della consulenza alle imprese da

parte degli organismi della P.A., se

si mostreranno più bravi e preparati

dei CdL allora potrebbe anche

essere ammissibile un confronto di

natura “professionale”, sempre nei

limiti delle competenze di cui alla

legge 12.

39


40

Il comma 7 dell’articolo 109 del nuovo

Tuir 1 ha modificato radicalmente il

trattamento fiscale degli interessi di

mora, stabilendo che la tassazione di

tali proventi per il creditore (interessi

attivi di mora), nonché la deducibilità

degli stessi per il debitore (interessi passivi

di mora) debba avvenire, in deroga

alle regole ordinarie, secondo il principio

di cassa.

Il tutto al fine di superare le rilevanti difficoltà

di ordine pratico venutesi a creare

nel previgente regime fiscale con

l’entrata in vigore delle disposizioni civilistiche

contenute nel Decreto

Legislativo n.231/2002, con il quale è

stato previsto un automatismo nella

decorrenza e determinazione degli interessi

di mora nelle transazioni commerciali.

Disciplina ante riforma degli interessi

di mora

Nel previgente Tuir, il regime fiscale

degli interessi attivi di mora era regolato

dal terzo comma dell’articolo 56, laddove

era previsto che gli interessi di qualsivoglia

natura concorrono a formare il

reddito per l’ammontare maturato nell’esercizio.

Il medesimo principio regolava la deducibilità

degli interessi passivi di mora, i

quali costituivano componenti negativi

di reddito fiscalmente deducibili:

• nella misura prevista dall’art.63 e

•a condizione che fossero imputati al

conto economico dell’esercizio di

competenza.

Luca CARAMASCHI

FISCO

Studio MENEGHETTI

cavour@omeganet.it

Interessi di mora:

con effetto retroattivo le nuove regole

della tassazione per cassa

La concorrenza degli interessi attivi di

mora alla formazione del reddito d’impresa

in base al principio di competenza

poteva peraltro essere “sospesa”, in

tutto o in parte, sino al momento dell’incasso

secondo quanto previsto dall’articolo

71, comma 6 Tuir.

Tale disposizione, peraltro non applicabile

alle imprese “minori” (sono definite

tali le imprese in regime di contabilità

semplificata), consentiva difatti di

dedurre dal reddito d’impresa le svalutazioni

dirette dei crediti per interessi di

mora, ovvero gli accantonamenti ad

apposito fondo rischi del passivo, sino

all’ammontare dei crediti stessi maturato

nell’esercizio. In questo modo il creditore

aveva la possibilità di spostare la

tassazione degli interessi di mora al

momento del loro effettivo realizzo,

attraverso la rilevazione di una corrispondente

sopravvenienza attiva.

Novità introdotte dal Decreto

Legislativo n.231/2002

In tale contesto si è venuto ad inserire il

Decreto Legislativo n.231/2002, emanato

in attuazione della Direttiva

2000/35/CE relativa alla lotta contro i

ritardi di pagamento nelle transazioni

commerciali, il quale ha previsto l’automatico

decorso degli interessi moratori

in tutti quei casi in cui alla scadenza non

avviene il pagamento delle transazioni

commerciali.

Le nuove disposizioni trovano applicazione

in riferimento ad ogni pagamento

effettuato a titolo di corrispettivo in una

transazione commerciale, che comporta,

in via esclusiva o prevalente, la consegna

di merci o la prestazioni di servizi

contro il pagamento di un prezzo, fermo

restando che, secondo quanto previsto

dall’articolo 1, comma 2, le stesse sono

espressamente inapplicabili:

• quando il debitore risulta assoggettato

a procedure concorsuali;

• per le richieste di interessi di importo

inferiore a 5 euro;

• ai pagamenti per risarcimento di danni,

compresi i pagamenti effettuati a tale

titolo da un assicuratore.

Per i contratti stipulati da imprese e

professionisti a partire dall’ 8 agosto

2002, la decorrenza degli interessi di

mora è, quindi, divenuta automatica ed

ha inizio, senza bisogno della costituzione

in mora del debitore, dal giorno

successivo alla scadenza del termine

per il pagamento.

Se tale termine non viene determinato

per iscritto dalle parti al momento della

conclusione del contratto, lo stesso

viene legalmente stabilito in 30 giorni:

• dalla data di ricevimento, da parte del

debitore, della fattura o di altro documento

contenente una richiesta di

pagamento, se questa data è certa;

• dalla data di ricevimento della merce o

dalla data della prestazione del servizio,

quando la data di ricezione della

fattura è incerta o è anteriore a quella di

consegna della merce o della prestazione

del servizio 2 .

Nel caso di consegne o prestazioni sot-


toposte, per legge o per contratto, ad

accettazione o verifica in epoca antecedente

al ricevimento della fattura o della

richiesta di pagamento, il termine di 30

giorni decorre dalla data dell’accettazione

o della verifica.

Il diritto del creditore agli interessi di

mora è sancito dall’articolo 3 e viene

meno solo nel caso in cui il debitore sia

in grado di dimostrare che il ritardo non

sia attribuibile alla sua persona, ma derivi

da una causa a lui non imputabile che

ne ha reso impossibile la prestazione.

Se il debitore non dimostra che il ritardo

non è a lui imputabile, al creditore spetta

anche il risarcimento dei costi sostenuti

per il recupero del proprio credito, determinabili

anche presuntivamente in base

alle tariffe forensi in materia stragiudiziale,

salva la prova del maggior danno.

L’articolo 5 del Decreto Legislativo

n.231/2002 stabilisce poi che, salvo

diversa pattuizione stabilita dalle parti,

la misura del tasso da applicare per la

determinazione degli interessi di mora è

pari al tasso di finanziamento della BCE,

come pubblicato in Gazzetta Ufficiale

dal Ministero dell’Economia e delle

Finanze entro il quinto giorno non lavorativo

di ogni semestre solare, maggiorato

di 7 punti percentuali 3 .

Conseguenze contabili nel previgente

regime fiscale degli interessi

di mora

Il nuovo automatismo relativo alla

decorrenza degli interessi di mora ha

determinato rilevanti problemi applicativi

per gli operatori economici, i quali, in

assenza di espresse deroghe contrattuali,

si sono trovati nella necessità di

contabilizzare gli interessi di mora (attivi

per il creditore ed ovviamente passivi

per il debitore):

•a partire dal termine di decorrenza previsto

dal D.Lgs. n.231/2002 e

• nella misura prevista dal decreto

stesso.

I riflessi fiscali della nuova normativa

civilistica sono stati di assoluto rilievo,

posto che:

• per il creditore il meccanismo previsto

dagli articoli 56, comma 3, e 71,

comma 6, comportava la necessità di

rilevare, comunque, per competenza

gli interessi maturati nell’esercizio, registrando

il provento finanziario ed il cor-

rispondente credito, per poi procedere

alla svalutazione (anche diretta) del credito

stesso; un’eventuale svalutazione

“ab origine” del credito, operata imputando

a conto economico la sola quota

di interessi ritenuta effettivamente esigibile

in ossequio al principio di prudenza,

poteva esporre il contribuente al

concreto rischio che, in sede di accertamento,

l’Amministrazione Finanziaria

acquisisse a tassazione quegli interessi

attivi di mora che, benché maturati

(anche in forma automatica), non erano

stati iscritti a conto economico (in

quanto ritenuti di dubbia esigibilità),

senza riconoscere ai fini fiscali la svalutazione

degli stessi in quanto non

imputata a conto economico;

• per il debitore la mancata rilevazione

nell’esercizio di competenza degli interessi

passivi di mora maturati determinava

l’indeducibilità fiscale del componente

negativo di reddito tanto nell’esercizio

di competenza quanto in quello

di effettivo pagamento.

Per evitare tali “spiacevoli” inconvenienti,

i redattori del bilancio dovevano,

quindi, prestare la massima attenzione

al rispetto delle disposizioni introdotte

dal Decreto Legislativo n.231/2002,

approntando un sistema amministrativo-contabile

in grado di assicurare

un’affidabile rilevazione degli interessi

maturati.

Tassazione “per cassa” introdotta

dalla riforma fiscale

Per superare le problematiche poste

dalla nuova normativa civilistica, il

comma 7 dell’articolo 109 del Tuir prevede

che, in sede di determinazione del

reddito d’impresa 4 , la tassazione di tali

proventi, nonché la deducibilità degli

stessi, debba avvenire secondo il principio

di cassa.

La citata disposizione, applicabile anche

in riferimento alle imprese minori 5 , prevede

difatti, in ciò accogliendo i suggerimenti

formulati dalla Commissione

Gallo, che “in deroga al comma 1 6 gli

interessi di mora concorrono alla formazione

del reddito nell’esercizio in cui

sono percepiti o corrisposti”.

Conseguentemente è stata eliminata

dal testo dell’articolo 106 del nuovo Tuir

(corrispondente al “vecchio” articolo 71)

la disposizione che prevedeva la dedu-

cibilità fiscale delle svalutazioni ed

accantonamenti a fronte di crediti per

interessi di mora.

La situazione nella quale ci troviamo ora

è pertanto la seguente:

a) il creditore, in ossequio alla normativa

civilistica, è finalmente libero di

contabilizzare nel periodo di maturazione

gli interessi attivi di mora nel solo

importo che ritiene realisticamente esigibile;

gli eventuali interessi imputati al

conto economico dell’esercizio di competenza

e non ancora incassati alla data

di chiusura dello stesso saranno oggetto

di una corrispondente variazione in

diminuzione in sede di dichiarazione dei

redditi; di contro, nell’esercizio in cui gli

interessi di mora vengono ad essere

percepiti, andrà invece operata una

variazione in aumento in dichiarazione

dei redditi, in relazione a quegli interessi

di mora che, in quanto già contabilizzati

per competenza in precedenti esercizi,

non risultano imputati al conto economico

dell’esercizio medesimo. Va da

se che laddove il creditore, in ossequio

al principio di prudenza, opti anche da

un punto di vista civilistico per la rilevazione

contabile degli interessi attivi di

mora solo al momento della loro percezione

e nella misura effettivamente percepita

non si renderà necessaria alcuna

variazione in sede di dichiarazione dei

redditi;

b) per il debitore gli interessi passivi

di mora imputati al conto economico

dell’esercizio di competenza e non

ancora pagati alla data di chiusura

dello stesso dovranno essere ripresi a

tassazione in sede di dichiarazione dei

redditi, tramite apposita variazione in

aumento; ciò in quanto la loro deduzione

è consentita dall’articolo 109,

comma 7, del nuovo Tuir non più nel

periodo di maturazione, ma solo al

momento del pagamento e nella misura

effettivamente corrisposta al creditore;

sempre in sede di dichiarazione

dei redditi, nell’esercizio in cui gli interessi

di mora vengono effettivamente

pagati dovrà, invece, essere operata

una variazione di segno opposto (e

quindi in diminuzione) in relazione a

quegli interessi di mora che non risultano

imputati al conto economico dell’esercizio

(in quanto, ad esempio, già

41


42

contabilizzati per competenza in precedenti

esercizi con iscrizione di una

posta debitoria nel passivo di stato

patrimoniale).

Disciplina transitoria

Con un’apposita disposizione transitoria

inserita nel Decreto Legislativo

n.344/2003, il Legislatore ha voluto rendere

applicabile il nuovo principio di

cassa anche in riferimento a situazioni

prodottesi in esercizi antecedenti a

quello di entrata in vigore della riforma

fiscale.

In proposito l’articolo 4, comma 1, lettera

h), del decreto legislativo di riforma

prevede che le disposizioni contenute

nell’articolo 109, comma 7 del

nuovo Tuir, in deroga alle disposizioni

di cui all’articolo 3 della Legge

n.212/2000 (Statuto dei diritti del contribuente),

si applicano retroattivamente

dal periodo d’imposta in corso

all’ 8 agosto 2002 (data di entrata in

vigore delle disposizioni di cui al

Decreto Legislativo n.231/2002),

fermo restando che dalla predetta

data e sino a quella di entrata in vigore

della riforma fiscale sono fatti,

comunque, salvi i comportamenti

tenuti sulla base delle disposizioni

precedentemente in vigore 7 .

Per i soggetti con periodo d’imposta

coincidente con l’anno solare, il nuovo

regime fiscale degli interessi di mora

può pertanto essere applicato anche

per gli esercizi 2002 e 2003, per i quali

sono peraltro valide sia le vecchie che

le nuove regole 8 ; in questo modo vengono

salvaguardati i comportamenti

tenuti:

• dai creditori che in tali periodi d’imposta

hanno operato in base alla normativa

fiscale previgente, rilevando per

competenza gli interessi attivi di mora

ed eventualmente svalutando il relativo

credito ex articolo 71, comma 6;

• dai creditori che hanno, invece, omesso

di rilevare per competenza, negli

esercizi 2002 e 2003, gli interessi attivi

di mora; in questi casi si realizza un’anticipata

adozione “di fatto” del criterio

di cassa introdotto con la riforma

fiscale, “coperta” dalla norma transitoria

che pone il contribuente al

riparo dal rischio di contestazioni in

sede di verifica da parte

dell’Amministrazione Finanziaria;

• dai debitori che hanno rilevato gli

interessi passivi di mora per competenza,

portandoli in deduzione in

sede di determinazione del reddito

d’impresa;

• dai debitori che nel biennio 2002-

2003 non hanno rilevato tali interessi

passivi per competenza; in questi

casi la norma transitoria consente,

comunque, la deduzione per cassa

dell’onere finanziario.

Va da se che i creditori che, in esercizi

precedenti a quello di entrata in vigore

della riforma fiscale, hanno contabilizzato

gli interessi attivi di mora in base al

principio di competenza, senza svalutare

il relativo credito, si trovano in una

situazione in cui al momento dell’incasso

non si verificherà, comunque, alcuna

fattispecie impositiva; tali proventi,

maturati in periodi d’imposta interessati

dalla previgente disciplina fiscale, concorreranno

difatti alla formazione del

reddito d’impresa nell’esercizio di percezione

per la sola quota “coperta” da

PER I SOGGETTI CON PERIODO D’IMPOSTA CINCIDENTE CON L’ANNO

SOLARE, IL NUOVO REGIME FISCALE DEGLI INTERESSI DI MORA

PUÒ ESSERE APPLICATO ANCHE PER GLI ESERCIZI 2002 E 2003

“ ”

svalutazioni e/o accantonamenti dedotti

secondo quanto previsto dal citato

articolo 71, comma 6, del previgente

Tuir.

In altre parole l’importo riscosso in

relazione a crediti per interessi di mora

rilevati in esercizi precedenti a quello

in corso al 1° gennaio 2004 secondo il

principio di competenza dovrà essere

ripreso a tassazione in sede di dichiarazione

dei redditi solo fino a concorrenza

del corrispondente fondo rischi

su crediti per interessi di mora. Lo

stesso discorso vale evidentemente

per il debitore il quale, se ha già

dedotto per competenza gli interessi

di mora in applicazione della normativa

vigente ante riforma, non potrà

dedurre una seconda volta il relativo

importo per cassa nell’esercizio di corresponsione.

Note

1) Nella nuova numerazione introdotta

dal D.Lgs. n.344 del 12 dicembre

2003.

2) Norme particolari sono state previste

per i contratti aventi ad oggetto prodotti

alimentari deteriorabili, per i quali

il termine è elevato al sessantunesimo

giorno successivo a quello di consegna

o ritiro dei prodotti medesimi.

3) In caso di cessione di prodotti deteriorabili

la maggiorazione è di 9 punti

percentuali.

4) Per gli esercenti arti e professioni già

ante riforma gli interessi di mora

dovevano essere assunti ai fini della

determinazione del reddito di lavoro

autonomo secondo il principio di

cassa.

5) Per le quali l'art.66 del Tuir (corrispondente

al previgente art.79) rende

espressamente applicabili, al co.3,

anche le disposizioni contenute nell'art.109,

co.7.

6) Che come noto prevede che i ricavi,

le spese e gli altri componenti positivi

e negativi concorrono di regola a formare

il reddito nell'esercizio di competenza.

7) Il criterio di rilevanza per cassa o per

competenza degli interessi di mora

può, quindi, essere applicato sia per il

2002 che per il 2003.

8) A decorrere dal periodo d'imposta

2004 la tassazione potrà, invece,

avvenire solo in base al principio di

cassa.

ANTE RIFORMA POST RIFORMA

• deducibilità per il debitore • deducibilità per il debitore

• tassabilità per il creditore • tassabilità per il creditore

PRINCIPIO DI COMPETENZA PRINCIPIO DI CASSA

(applicabile anche per l’anno 2002)

• imprese minori • imprese in contabilità ordinaria

• imprese in contabilità ordinaria * • imprese minori

• professionisti (criterio di cassa) • professionisti

*possibilità di sospendere la tassazione al momento della percezione

(articolo 71 comma 6 Tuir)


Mobilità

e lavoro autonomo

Mobilità e lavoro autonomo

non sono incompatibili. Lo

svolgimento di una attività

autonoma non importa l’automatica

cancellazione dalle liste o il mancato

percepimento dell’indennità di

mobilità

Il dipendente che si trova nella

situazione giuridica c.d. di

“mobilità”, può dedicarsi ad una

attività lavorativa autonoma, senza

che da ciò derivi automaticamente

la decadenza dal diritto alla relativa

indennità o che debba patire la cancellazione

dalla lista.

La Corte di cassazione ha fissato

tale principio per effetto del ricorso

di un lavoratore dipendente che,

avendo svolto attività lavorativa

autonoma occasionale come mietitore,

e trovandosi iscritto alle liste

di mobilità, si era visto rifiutare

dall’INPS l’erogazione della indennità

richiesta, con l’ulteriore conseguenza

della cancellazione dalla

lista, disposta dall’Istituto per

effetto della constatazione dello

svolgimento di tale attività lavorativa

autonoma.

La Corte di cassazione, con la sentenza

1° aprile 2004, n. 6463, prospetta

il riconoscimento di posizioni

diverse in merito, fissando il

principio su brevemente accennato,

per cui “il lavoratore in mobilità

Marina CALDERONE

infoius1@tin.it

LAVORO

che svolga lavoro autonomo conserva

il diritto alla iscrizione nella

lista di mobilità e conserva, ugualmente,

il diritto all’indennità di mobilità”.

L’assunto della Corte è nel

senso di riconoscere la prevalenza

della funzione propria dell’istituto

della mobilità, finalizzata a “contrastare

la situazione di mancanza di

reddito conseguente alla perdita

dell’occupazione” (Cass.civ.sez.lav.,

sent. n. 6463/2004).

Le posizioni dei giudici di legittimità

appaiono in verità meglio confacenti

alla ratio dell’istituto (disciplinato

dagli artt. 7, 8, 9 della legge

223/91) rispetto a quelle prospettate

dall’INPS con il rifiuto della

erogazione dell’indennità e con la

disposizione della cancellazione

del lavoratore dalle liste di mobilità.

Attraverso la collocazione in mobilità

si persegue il fine di impedire

l’uscita dei lavoratori interessati dal

mercato del lavoro che, non di

rado, può rivestire caratteristiche

di rilevante drammaticità.

Con il compimento del procedimento

determinato dalla legge

attraverso le sue varie fasi, i lavoratori

destinatari di provvedimento

di licenziamento collettivo, o interessati

da un trattamento di cassa

integrazione guadagni straordinaria

che non è possibile rinnovare,

sono collocati in mobilità. Essi

accedono pertanto ad un particolare

status che, perlomeno potenzialmente,

dovrebbe comportare

loro dei vantaggi ed impedirne l’uscita

dal circuito relativo al mercato

del lavoro.

In particolare, i lavoratori collocati

in mobilità:

a)sono iscritti in apposite liste, che

dovrebbero costituire un corridoio

preferenziale per la riassunzione

da parte di altri soggetti, con l’applicazione

di agevolazioni anche

per questi ultimi;

b)godono della indennità di mobilità,

in misura pari al trattamento Cigs

per i primi 12 mesi, e uguale

all’80% di quelle indennità per l’eventuale

periodo ulteriore (12 mesi

rappresenta il periodo minimo di

durata del trattamento di mobilità,

che può durare fino ad un massimo

di 36 mesi, in relazione all’età

dei lavoratori interessati).

Proprio in ragione delle finalità

dell’istituto della mobilità,

tutta la procedura è improntata

al rispetto di principi di obiettività

ed imparzialità, al fine di rendere –

comunque – l’intera procedura,

meno traumatica possibile per tutti i

soggetti interessati.

Di particolare rilievo la funzione di

concertazione sociale; attraverso

la consultazione con le organizza-

43


44

zioni sindacali (alle quali la legge

assegna a proposito un ruolo

determinante) vengono definiti i

criteri di individuazione dei soggetti

da collocare in mobilità, e solo in

mancanza di tale concerto secondo

quelli individuati dalla legge

(anzianità di servizio, carichi di

famiglia, esigenze tecniche della

produzione aziendale).

La Corte di cassazione, con la sentenza

in esame, dimostra di assegnare

l’adeguato rilievo a tali

aspetti, riconoscendo esplicitamente

la preminenza della tutela

della occupazione e del reddito del

lavoratore (e della sua famiglia).

Secondo la Corte, infatti, lo svolgimento

anche solo saltuario di una

attività lavorativa autonoma in

costanza di trattamento di mobilità,

non fa decadere il lavoratore interessato

dai diritti connessi al suo

status poiché “lo svolgimento dell’attività

lavorativa ha lo stesso effetto

di alleviare la situazione di difficoltà

del lavoratore fino al punto in

cui la copertura obbligatoria risulterebbe

eccedente ai fini della sicurezza

sociale. L’individuazione di

tale soglia marginale di intervento

è, tuttavia, rimessa alla discrezionalità

del legislatore” (Cass. n.

6463/2004).

Alla luce di quanto fin qui

osservato, la sentenza in

oggetto denota dunque di

dover individuare un punto di equilibrio

– la soglia della garanzia della

sicurezza sociale – oltre il quale la

decadenza dal trattamento di

mobilità e la cancellazione dalle

liste, dichiarata non automatica né

indefettibile, diviene invece opportuna.

La Corte, premesso che alla

luce della ratio del principio informatore

dell’istituto della mobilità,

non può giudicarsi il lavoro autonomo

incompatibile tout court con

la collocazione in mobilità, in riferimento

al rapporto tra la misura del

reddito da lavoro autonomo e l’indennità

di mobilità, è opportuno

individuare una soglia oltre la quale

tale incompatibilità è effettiva e il

disconoscimento delle tutele particolari

della mobilità diventa necessario.

È del tutto evidente che l’individuazione

di tale soglia, finalizzata a

costituire il discrimen premesso,

non può che essere compito del

legislatore.


NON PUÒ GIUDICARSI

IL LAVORO AUTONOMO

INCOMPATIBILE TOUT

COURT CON LA

COLLOCAZIONE

IN MOBILITÀ


L’occasione appena brevemente

suaccennata, dalla quale è scaturito

il giudizio che ha portato infine

alla sentenza della cassazione,

verte sulla interpretazione – sconfessata

dalla Corte – che l’INPS

aveva dato all’art. 7 della legge

223/91.

Ai sensi del quinto comma del suddetto

articolo, “i lavoratori in mobilità

che ne facciano richiesta per

intraprendere una attività autonoma

possono ottenere la corresponsione

anticipata dell’indennità”.

Operando una interpretazione decisamente

restrittiva della norma,

l’INPS, ha ritenuto di negare lo status

di lavoratore in mobilità quando

all’esercizio della attività lavorativa

autonoma, già svolto, non sia corrisposta

la richiesta di ricevere l’indennità

anticipata in un’unica soluzione.

Sul punto la Corte di cassazione,

richiamando peraltro una precedente

sentenza (la n. 5951/2001),

ha riaffermato il principio per il

quale dal quinto comma dell’art. 7

della legge n. 223/91, deve ricavarsi

la generale compatibilità delle

tutele connesse alla mobilità con lo

svolgimento di una attività lavorativa

autonoma.

Solo una interpretazione in questo

senso, secondo la Corte, è conforme

allo spirito della legge (di tutela

di lavoratori evidentemente svantaggiati)

e di conseguenza, la circostanza

che la legge descriva la

possibilità di ricevere l’indennità in

unica soluzione anticipatamente, e

non preveda – ma nemmeno vieti –

altre soluzioni, riconoscere il diritto

alla indennità mensile “ordinaria”

non appare contraria alla legge né

tantomeno alle ragioni giuridiche

che l’hanno ispirata.

In particolare, la Corte ha avuto

modo di precisare inoltre che “il

verbo intraprendere deve essere

inteso non solo nel senso, letterale,

di iniziare, ma anche in quello

di applicarsi con maggiori energie

e per un maggior tempo che in

passato”.

Tanto più che, proprio alla legge n.

223/91, invocata dall’INPS a

sostegno del rigetto delle richieste

del lavoratore, non è del tutto sconosciuto

il principio generale della

cumulabilità delle posizioni di lavoratore

e trattamento di mobilità.

Si rilevano diverse disposizioni in

tema:

-art. 8, comma 6°: “il lavoratore in

mobilità ha facoltà di svolgere

attività di lavoro subordinato, a

tempo parziale, ovvero a tempo

determinato, mantenendo l’iscrizione

nella lista”;

-art. 9, comma 9°: “i lavoratori di

cui all’articolo 7, comma 6 (c.d.

mobilità lunga), nel caso in cui

svolgano attività di lavoro subordinato

od autonomo hanno facoltà

di cumulare l’indennità di mobilità

nei limiti in cui sia utile a garantire

la percezione di un reddito pari alla

retribuzione spettante al momento

della messa in mobilità…”.

Appare evidente come i principi

appena esposti, pur con i limiti

imposti dalla legge, favoriscono le

conclusioni raggiunte dalla Corte

di cassazione con la sentenza in

oggetto.


46

CHE COS'E' IL CAPITA-

LE UMANO

C'è una parte del capitale

aziendale che

alla fine della giornata

lavorativa esce dalla fabbrica

o dallo studio professionale

o dal cantiere, per

farvi ritorno il giorno dopo: si

tratta del capitale umano,

ossia delle persone che

lavorano in azienda, con

tutto il rispettivo patrimonio

di conoscenze e di capacità

Mobilità, evoluzione, variabilità

sono alcune delle caratteristiche

che rendono il

capitale umano non facile da

valutare: ma quando manca

una corretta valutazione,

come è possibile mantenere

e sviluppare questa (come

qualunque altra) risorsa?

Eppure l'imprenditore e

il consulente non possono

rinunciare a questo

compito solo perché è

complesso: devono piuttosto

chiedersi quali sono gli

strumenti per affrontarlo e

riuscire così a rispondere a

queste due domande:

• il personale e l'organizzazione

sono adeguati rispetto

agli obiettivi aziendali?

Andrea FERRAMOLA

andreaferramola@tele2.it

RISORSE

UMANE

La valutazione

e la valorizzazione del capitale umano

• come incrementare sia la

redditività aziendale sia la

soddisfazione del clientela

aumentando sia la produttività

sia la motivazione del

personale?

Il problema, si è detto, è

complesso, e non può

venire risolto in modo

soddisfacente adottando

soluzioni che apparentemente

si presentano semplici,

ma poi si rivelano incomplete.

Una soddisfacente valutazione

del capitale umano

richiede infatti che vengano

presi in esame numerosi

aspetti, e in queste note

esporrò sinteticamente

quelli principali.

GLI ASPETTI DA VALU-

TARE

1) ORGANIZZAZIONE DEL

LAVORO:

La valutazione del capitale

umano inizia con

l'analisi degli organici

previsti nei reparti e negli

uffici, la descrizione dei contenuti

professionali dei ruoli,

l'analisi della dislocazione

delle persone, l'analisi delle

procedure operative seguite

nell'esecuzione dei processi

produttivi.

2) REQUISITI PROFESSIO-

NALI:

Ènecessario mettere in

chiara evidenza le

responsabilità assegnate

ai ruoli esistenti in


LA VALUTAZIONE

DEL CAPITALE UMANO

INIZIA CON L'ANALISI

DEGLI ORGANICI

PREVISTI NEI REPARTI

E NEGLI UFFICI


azienda, cioè la natura dei

problemi che sono chiamati

a risolvere: in questo modo è

possibile definire quali specifiche

competenze sono

richieste a coloro che devono

ricoprire questi ruoli.

3) CONSISTENZA ED

ANDAMENTO DEGLI

ORGANICI:

Devono venire analizzati

la distribuzione

del personale (per


tipo di rapporto, per qualifiche,

età, anzianità aziendale,

titoli di studio, ecc.), il

turn-over, l'entità e le cause

degli straordinari, l'entità e

le cause delle assenze.

4) TRATTAMENTI RETRI-

BUTIVI:

Questo delicato aspetto

deve venire analizzato

esaminando la

corrispondenza tra l'importanza

assegnata ai ruoli e le

rispettive retribuzioni, il

costo complessivo del personale,

il costo per reparto e

per ufficio, e infine la competitività

dei costi e delle

retribuzioni sul mercato di

riferimento (territoriale e settoriale).

5) CLIMA INTERNO:

Il clima interno è dato dalla

percezione che le persone

hanno della situazione


organizzativa e delle condizioni

del proprio lavoro

("benessere lavorativo"), e

per essere indagato con efficacia

richiede che si faccia

ricorso a questionari e ad

interviste individuali e di

gruppo.

6) PRESTAZIONI E

POTENZIALE:

La valutazione delle prestazioni

individuali

consiste nell'analisi

periodica del rendimento di

ogni persona nel ruolo che le

è stato assegnato; la valuta-

zione del potenziale è invece

una previsione del rendimento

che in futuro ogni


LA VALUTAZIONE

DELLE PRESTAZIONI

INDIVIDUALI CONSISTE

NELL'ANALISI PERIODICA

DEL RENDIMENTO

DI OGNI PERSONA


persona potrà offrire, a prescindere

dal ruolo e in base

alle proprie attitudini e capacità.

7) RECLUTAMENTO, SELE-

ZIONE, ACCOGLIMENTO:

Vengono analizzati gli

strumenti utilizzati

nella ricerca dei candidati

all'assunzione, i metodi

applicati per scegliere tra i

candidati, le procedure di

IL CLIMA INTERNO È DATO DALLA PERCEZIONE

CHE LE PERSONE HANNO DELLA SITUAZIONE

ORGANIZZATIVA E DELLE CONDIZIONI

DEL PROPRIO LAVORO ”

inserimento e ambientamento

dei neo assunti in azienda.

8) RICOMPENSA E PER-

CORSI DI CARRIERA:

Si tratta di un altro delicato

aspetto, collegato

a quello citato al

punto 4); esso deve venire

valutato analizzando i sistemi

utilizzati per incentivare e

per premiare le migliori prestazioni,

nonché le opportunità

di progressione nel ruolo

che vengono offerte alle persone.

8) FORMAZIONE:

La valutazione del capitale

umano richiede

che vengono analizzati

i bisogni di aggiornamento e

qualificazione professionale

delle persone, in rapporto

agli obiettivi aziendali e agli

standard di qualità che si

vogliono raggiungere; la

conoscenza dei bisogni consente

di pianificare i corsi

per gruppi e i programmi di

apprendimento individuale.

9) QUALITA' E COMUNI-

CAZIONI INTERNE:

Vengono esaminate le

procedure utilizzate

per diffondere con

regolarità e completezza le

informazioni necessarie al

buon funzionamento aziendale,

nonché le procedure

per raccogliere e verificare i

suggerimenti e i reclami del

personale.

CONCLUSIONI

Come si è potuto

vedere, un programma

di valutazione e

valorizzazione del capitale

umano, che sia caratterizzato

da organicità e completezza,

richiede di investire

tempo ed energie.

Questo investimento può

venire affrontato più serenamente

se ricordiamo che:

•i suoi risultati costituiscono

la base per effettuare scelte

non casuali nell'impostazione

di una politica del

personale che voglia essere

efficace;

•gli aspetti da analizzare,

richiamati sopra, non

devono venire affrontati

tutti contemporaneamente

e sempre con eguale livello

di approfondimento.

47


JUST FOR Due quiz FUN

professionali

48

Acrosticodellavoro

1 V O E Z O N A

2 R C P E S T B B L V T

3 V R D V

4 T O L I G C A A

5 V N B L I V M

Compilando correttamente l’acrostico, salterà fuori, dalla prima colonna verticale, il nome dello studio di un dirigente della categoria e la sigla automobilistica della provincia in cui opera.

Dopo aver letto sul n.° 3/04 l’articolo del collega Fasolo, ritieni che egli si riferisca al capitale, inteso come massa di beni strumentali?

Crocetta il quadratino giusto Si ❏ No ❏

1) Un operaio d’altri tempi

2)Di solito non è retribuita

3)Lo pronuncia il collegio

arbitrale

4)Retribuzione in natura

5)Lo è quello di fedeltà (art.

2105 C.C.)

Al collega Semprimpista, che legge attentamente la Rivista:

Cortese collega,

una volta risolti i due quiz, fotocopia questa pagina e faxala entro e non oltre il 31 agosto 2004 al numero 06/51054432. Tra coloro che avranno

correttamente risposto sarà sorteggiato quale premio un fine settimana (viaggio e soggiorno per due persone) presso una grande città europea.

NOME _________________________________________ COGNOME ___________________________________________

VIA ____________________________________________ CITTÀ ____________________ CAP ________ PROV ________

TEL __________________FAX _____________________ E-MAIL ______________________________________________

SOLUZIONE DEL PRECEDENTE QUIZ

(n. 03/04, scadente il 31 maggio 2004) Acrostico del lavoro: Creta (VT); Torquato, ispettore moderatamente ferrato: ha torto.

Vincitore del premio, consistente in un fine settimana (viaggio e soggiorno per due persone) a Parigi, è Manuela Bianchi di Treviso

Sono pervenuti 367 fax di risposta.

L’estrazione, davanti al comitato di redazione, è avvenuta venerdì 18 giugno 2004.


ENPACL Viale

Ente Nazionale

di Previdenza e Assistenza

per i Consulenti del Lavoro

Consiglio

di Amministrazione

2003-2007

Presidente

Vincenzo Miceli

(Trapani)

Vice Presidente

Giovanni Cirmi

(Ferrara)

Consiglieri

Adalberto Bertucci

(Roma)

Elvira D’Alessandro

(Vicenza)

Luciano Malavolti

(Firenze)

Giuseppe Mastrototaro

(Bari)

Gabriella Santolini

(Trento)

Nazzario Scano

(Sassari)

Corrado Zovetti

(Mantova)

Collegio

dei Sindaci

Rag. Giovanni Corno

(Ministero del Lavoro)

Dott. Aligi Botteri

(Ministero del Tesoro)

Rag. Camillo Fattorel

(Rappresentante di Categoria)

Direttore Generale

Salvatore Magno

I 133

delegati:

ABRUZZO

PILONE Raffaello (AQ)

SCANNELLA Franco (CH)

GALIZIA Osvaldo (PE)

Dl SIMONE Gabriele (TE)

BASILICATA

LOIZZO Antonio Vincenzo (MT)

MANCA Giovanna Maria (PZ)

CALABRIA

MARANO Marcello (CS)

COSENTINO Salvatore (CZ)

BAUCKNEHT O. M. Francesco (KR)

MAISANO Giovanni (RC)

CAPRERA Giuseppe (VV)

CAMPANIA

CALDARAZZO Oreste (AV)

RUSSO Roberto (BN)

CHIRICO Domenico (CE)

Dl FRENNA Massimo (NA)

ERCOLANO Carlo (NA)

PALLADINO Bartolomeo (NA)

SGARIGLIA Nicola (NA)

PAINI Luigi (NA)

CAPALDO Alberico (SA)

LO IACONO Giuseppe (SA)

EMILIA ROMAGNA

CALANCA Carlo (BO)

BONFATTI Licia (FE)

BIANCHINI Maria lolanda (FC)

BERGAMINI Paolo (MO)

FRACASSI Tiziana (PC)

BACCHINI Alessandro (PR)

FALCONE Giovanni (RA)

ROSATI Franca (RE)

GIROLOMINI Giovanni (RN)

FRIULI VENEZIA GIULIA

BOEMO Gianluigi (GO)

MARSON Silvano (PN)

ROSSI Arnaldo (TS)

CASCO Loris (UD)

LAZIO

TREPPIEDI Vincenzo (FR)

NARDONE Pasquale (LT)

D’AQUILIO Vito Luigi (Rl)

BERTUCCI Oreste (RM)

LELLI Lorenzo (RM)

BERTUCCI Marco (RM)

GRECO Giuseppe (RM)

del Caravaggio, 78 - 00147 Roma

Tel. 06/51.05.41 - Fax 06/51.05.43.20 - E-mail: info@enpacl.it

TURCHETTI Mario (RM)

DI SACCO Andrea (RM)

STERN Paolo (RM)

SCACCO Antonio Carlo (RM)

BASILI Alfredo (RM)

PANICALI Massimiliano (RM)

CRETA Massimiliano (VT)

LIGURIA

MARTINUCCI Renato (GE)

VIANELLO Vittorio (GE)

TRAVERSI Luciana (IM)

BENVENUTI Armando (SP)

GHERZI Giovanni (SV)

LOMBARDIA

PASSONI Elisabetta (BG)

BICELLI Nicoletta (BS)

SIMONINI Pietro (BS)

D'ANGELO Franco (CO)

COTTARELLI Carlo (CR)

DOLLI Franco (LC)

CITO Teodoro (LO)

ASNAGHI Giorgio (MI)

BONESCHI Martina (MI)

DI FRANCO Bruno (MI)

MANTEGAZZA Laura (MI)

SCOCCIMARRO Giuseppina (MI)

GOTTI Silvano (MN)

BREGA Mario (PV)

BESIO Giovanni (SO)

BONADEO Ornella (VA)

MARCHE

MARCUCCI Carlo (AN)

GRANATELLI Servilio (AP)

SANTALUCIA Luigi (MC)

VITALI Maria Gabriella (PU)

MOLISE

PINTO Giovanni (CB)

TROTTA Giorgio (IS)

PIEMONTE

GHEIDO Maria Rosa (AL)

CANTORE Fausto (AT)

BORTOLAN Ilario (BI)

TROMBETTA Giuseppe (CN)

ROTONDO Savino (NO)

DE FEBE Giulia (TO)

RODELLA Luigi (TO)

CARROZZO Filippo (TO)

VARETTI Nadia (VB)

ROSSI Guido (VC)

PUGLIA

BUFANO Antonio (BA)

CONTINISIO Filippo (BA)

SPACCIANTE Nicola (BA)

BALDARI Crocifisso (BR)

ROBUSTELLI Matteo (FG)

LEZZI Antonio (LE)

PAIANO Mario (LE)

FABRIZIO Giorgio (TA)

SARDEGNA

SARAIS Maria Bonaria (CA)

MARTINI L. A. Antonia (CA)

TEMPESTA Giovanni (NU)

PORCU Antonio (OR)

DORO Salvatore (SS)

SICILIA

CUMBO Giovanni (AG)

PACE Rosario (CL)

SCIACCA Guido (CT)

MESSINA Vincenzo (EN)

SIRACUSANO Tommaso (ME)

SILVESTRI Vincenzo (PA)

PAGANO Giuseppe (PA)

RANDAZZO Giovanni (RG)

LEONE Giovanni (SR)

GIAMBALVO Paolo (TP)

TOSCANA

ROSADINI Piero (AR)

SIGNORINI Alessandro (Fl)

MASETTI Vanni (Fl)

DESTRI Doriano (GR)

IACOMETTI Franco (Ll)

FABBRI Bruno (LU)

RICCI Paolo (MS)

PERONDI Anselmo Angelo (Pl)

NESTI Piero (PO)

BENEFORTI Franco (PT)

MARCHI Carlo (Sl)

TRENTINO ALTO ADIGE

DE BERNARDO Loris (BZ)

LAURIOLA Pasquale (TN)

UMBRIA

LORETI Massimo (PG)

ANTONELLI Angelo Mario (TR)

VALLE D'AOSTA

CESOLARI Massimo (AO)

VENETO

LUCCHETTA Elena (BL)

FIOR Gino (PD)

RIGATO Maria Grazia (PD)

MILAN Pietro (RO)

ARTICO Cesare (TV)

GOBAT Patrizia (VE)

RIGHETTO Riccardo (Vl)

VISPARELLI Alessandro (VR)

ALBERTINI Marco (VR)

More magazines by this user
Similar magazines