13.10.2022 Views

syndicom rivista N.31

Da molto tempo ci impegniamo per i diritti dei lavoratori della logistica, delle telecomunicazioni e dei media. Le buone condizioni di lavoro sono, e sono sempre state, il risultato di successi raggiunti insieme. Entra anche tu nel nostro movimento e crea il tuo futuro insieme a noi. L'unione fa la forza!

Da molto tempo ci impegniamo per i diritti dei lavoratori della logistica, delle telecomunicazioni e dei media. Le buone condizioni di lavoro sono, e sono sempre state, il risultato di successi raggiunti insieme. Entra anche tu nel nostro movimento e crea il tuo futuro insieme a noi. L'unione fa la forza!

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

<strong>syndicom</strong><br />

N. 31 Settembre-Ottobre 2022<br />

<strong>rivista</strong><br />

Dateci<br />

in fretta<br />

quello che<br />

ci spetta


Pubblicità<br />

Noi chiediamo: aumenti salariali per<br />

tutti, in modo che nonostante<br />

l’inflazione e lo shock dei premi delle<br />

casse malati rimanga ancora qualcosa<br />

nel portamonete!


Sommario<br />

4 Team vincenti<br />

5 Brevi ma utili<br />

6 Dalla parte degli altri<br />

7 L’ospite<br />

8 Dossier: Inflazione<br />

16 Dalle professioni<br />

22 Politica<br />

24 Multinazionali responsabili<br />

25 Diritto e diritti<br />

26 Idee<br />

27 Mille parole<br />

28 Eventi<br />

30 Un lavoro, una vita<br />

31 Cruciverba<br />

32 Inter-attivi<br />

In Svizzera molti dipendenti non ricevono aumenti<br />

salariali da tempo. I più colpiti sono i dipendenti<br />

di lunga data, ma anche le persone<br />

che non fanno parte dei quadri. A questo si aggiunge<br />

ora l’inflazione. In agosto era del 3,5%.<br />

Se i salari non verranno finalmente aumentati, i<br />

soldi per vivere saranno sempre meno. Perché<br />

ad aumentare non sono solo i prezzi in generale,<br />

ma anche i premi delle casse malati. Il denaro<br />

per gli aumenti salariali è disponibile. L’economia<br />

svizzera si è ripresa con grande rapidità<br />

dalla crisi legata al coronavirus. Le aziende hanno<br />

fatto registrare un ottimo primo semestre.<br />

Sono quindi riuscite a riempire bene le loro casse.<br />

La situazione attuale rimane inoltre positiva.<br />

In un sondaggio condotto dal Centro di ricerche<br />

congiunturali del Politecnico di Zurigo, la<br />

maggior parte delle aziende ha descritto la propria<br />

situazione economica come buona. La manodopera<br />

è più richiesta che mai. Le federazioni<br />

associate all’USS chiedono pertanto un aumento<br />

salariale del 4–5%. Gli aumenti salariali dovrebbero<br />

essere possibilmente su vasta scala.<br />

Senza aumenti salariali generalizzati, molti lavoratori<br />

verrebbero penalizzati. Questa richiesta<br />

salariale si compone di tre parti. In primo<br />

luogo, l’inflazione deve essere compensata dal<br />

3 al 3,5%, a seconda che si applichino i rincari<br />

annuali o mensili. In secondo luogo, i salari reali<br />

devono essere aumentati in linea con una crescita<br />

della produttività del lavoro di circa l’1%<br />

l’anno. Infine, è necessario recuperare il ritardo<br />

accumulato. Perché negli ultimi anni i salari<br />

sono aumentati troppo poco per molti lavoratori<br />

con redditi normali e bassi.<br />

4<br />

8<br />

24<br />

Daniel Lampart, capoeconomista USS


4<br />

Team vincenti<br />

Il team dell’organo di applicazione CCL<br />

«Vogliamo scoraggiare i recidivi»<br />

Da sinistra: Simone Biland<br />

Dopo il diploma nel settore alberghiero,<br />

ha ricoperto diverse posizioni prima di<br />

passare alla cassa di disoccupazione<br />

<strong>syndicom</strong> e successivamente nel<br />

reparto amministrazione e logistica.<br />

Da due anni nel team.<br />

Sara Gerussi<br />

Dopo l’apprendistato commerciale in<br />

una fiduciaria, ha lavorato in diversi<br />

dipartimenti dei sindacati: come segretaria,<br />

come vice capogruppo della<br />

cassa di disoccupazione e ora presso il<br />

team dell’applicazione del CCL. A <strong>syndicom</strong><br />

da quasi 11 anni.<br />

Pascal Kaegi<br />

Di formazione storico, ha iniziato a lavorare<br />

per un altro sindacato nel 2010,<br />

dove ha lavorato al reclutamento degli<br />

iscritti e ha fatto parte di commissioni<br />

paritetiche. Dal 2017 a <strong>syndicom</strong>.<br />

Daniel Mathys<br />

Economista e specialista di risorse<br />

umane per ONG, dal 2003 è segretario<br />

in diversi sindacati, poi nei settori farmaceutico<br />

e delle costruzioni. Dal settembre<br />

2021 lavora nell’area di monitoraggio<br />

dei lavoratori distaccati.<br />

Testo: Pascal Kaegi<br />

Foto: Sandro Mahler<br />

«Un CCL di obbligatorietà<br />

generale è di fatto<br />

una legge federale»<br />

Il nostro dipartimento è stato creato<br />

nel 2017, e da allora siamo diventati<br />

il reparto di <strong>syndicom</strong> con la crescita<br />

più rapida. Da una iniziale posizione<br />

a tempo pieno senza collaboratori,<br />

oggi siamo già in quattro a lavorare a<br />

tempo pieno in questo team.<br />

Il motivo per cui esistiamo è semplice:<br />

la legge. Con la dichiarazione<br />

di obbligatorietà generale dei due<br />

contratti collettivi di lavoro (CCL) per<br />

l’infrastruttura di rete e per il settore<br />

dei contact e call center nel 2018, il<br />

lavoro di monitoraggio di <strong>syndicom</strong><br />

per entrambi i CCL ha dovuto essere<br />

notevolmente ampliato e professionalizzato<br />

per legge.<br />

A differenza dei contratti collettivi<br />

aziendali o settoriali, i contratti<br />

collettivi di obbligatorietà generale<br />

devono essere applicati da tutte le<br />

aziende di un settore dopo la loro<br />

entrata in vigore, analogamente a<br />

una legge federale. La Confederazione<br />

richiede quindi l’applicazione e il<br />

controllo delle disposizioni.<br />

Il nostro lavoro consiste principalmente<br />

nel verificare se le aziende<br />

soggette a uno di questi CCL rispettano<br />

effettivamente i contratti collettivi<br />

negoziati. Sulla base delle informazioni<br />

disponibili, stabiliamo se c’è<br />

conformità o meno ed elaboriamo<br />

proposte per le decisioni di ispezione.<br />

Le sottoponiamo per decisione<br />

alla commissione paritetica, ovvero<br />

all’organismo composto dai delegati<br />

di <strong>syndicom</strong> e delle associazioni dei<br />

datori di lavoro, per conto della quale<br />

svolgiamo tutto il lavoro di monitoraggio.<br />

Se vengono riscontrate delle infrazioni,<br />

la commissione paritetica<br />

infligge all’impresa una sanzione<br />

proporzionale al comportamento<br />

scorretto, che ha lo scopo di dissuadere<br />

l’impresa dal discostarsi nuovamente<br />

dal contratto collettivo di lavoro<br />

in futuro.<br />

Attualmente, i nostri compiti<br />

sono suddivisi come segue: Sara e<br />

Simone – in collaborazione con il<br />

responsabile, Pascal – si occupano<br />

principalmente di uno dei due contratti<br />

collettivi, ovvero preparano la<br />

maggior parte dei rapporti di ispezione.<br />

Daniel si occupa invece del controllo<br />

dei fornitori di servizi stranieri<br />

in entrambi i settori.


Brevi ma utili<br />

I miei dati sono stati venduti? \ Posta svizzera in Portogallo \<br />

UberEats è un servizio postale \ Senza protezione delle fonti<br />

non c’è libertà di stampa \ La giusta paga per i giornalisti \<br />

Due nuovi membri al Consiglio della Stampa \ Contatti<br />

5<br />

I miei dati sono stati venduti?<br />

L’Istituto Hasso Plattner, che fa parte<br />

dell’Università di Potsdam, ha sviluppato<br />

uno strumento che fa chiarezza: il servizio<br />

“HPI Identity Leak Checker” controlla<br />

se il vostro indirizzo e-mail è stato<br />

pubblicato online insieme a dati personali<br />

come numero di telefono, indirizzo<br />

o data di nascita e se è stato trovato in<br />

un database di fughe di notizie. La risposta<br />

viene immediatamente inviata<br />

all’indirizzo e-mail controllato e, nel migliore<br />

dei casi, risulta essere negativa.<br />

Accessibile qui: <strong>syndicom</strong>.ch/3tyyq<br />

Posta svizzera in Portogallo<br />

La Posta non riesce più a trovare un<br />

numero sufficiente di sviluppatori informatici<br />

in Svizzera e sta quindi creando<br />

una filiale in Portogallo. <strong>syndicom</strong> si<br />

aspetta che i diritti sindacali siano garantiti<br />

anche in Portogallo. Allo stesso<br />

tempo, l’indebolito posto di lavoro svizzero<br />

necessita di maggiori investimenti<br />

e sforzi di politica educativa per le professioni<br />

STEM. Le filiali all’estero non<br />

devono diventare la regola, soprattutto<br />

nel settore dei servizi pubblici. In caso<br />

di emergenza, deve essere possibile<br />

garantire i servizi di base in Svizzera.<br />

UberEats è un servizio postale<br />

PostCom è chiara: anche un cartone<br />

della pizza è un pacco e il servizio che<br />

lo consegna è un servizio di recapito<br />

postale e rientra quindi sotto la legge<br />

postale. Uber non è d’accordo e ha presentato<br />

ricorso al Tribunale amministrativo<br />

federale contro questa decisione<br />

della PostCom. Il Tribunale, a sua volta,<br />

ha rinviato il caso a PostCom, che si attiene<br />

alla sua valutazione, come ha ora<br />

annunciato. Uber farà di nuovo appello?<br />

Senza protezione delle fonti<br />

non c’è libertà di stampa<br />

Chiunque fornisca a un giornalista informazioni<br />

riservate alle quali non può<br />

essere associato senza rischiare gravi<br />

svantaggi è una «fonte. La «protezione<br />

delle fonti è la garanzia di riservatezza<br />

da parte dell’organo di stampa,<br />

analoga al segreto medico, e uno dei<br />

principi più alti del giornalismo. Nessun<br />

servizio di intelligence può indebolire<br />

la protezione delle fonti, monitorare e<br />

intercettare i media, come vuole fare<br />

ora il Consiglio federale. <strong>syndicom</strong> e altre<br />

organizzazioni dei media si battono<br />

contro questa misura, in favore della<br />

libertà di stampa.<br />

La giusta paga per i giornalisti<br />

Parlare di aumento di stipendio, di stipendio<br />

iniziale o di tariffe per i freelance<br />

è difficile, soprattutto per i giovani<br />

giornalisti. Tra colleghi è imbarazzante,<br />

e come richiesta a un datore di lavoro o<br />

a un cliente è molto sgradevole. Un<br />

aiuto pratico arriva dal piccolo manuale<br />

«Consigli per le trattative salariali di<br />

<strong>syndicom</strong> e dei Giovani Giornalisti della<br />

Svizzera. L’opuscolo è ora disponibile<br />

per i membri su my.<strong>syndicom</strong>.ch<br />

Due nuovi membri al Consiglio<br />

della Stampa<br />

Sono Christian Neuhaus, responsabile<br />

della redazione nazionale della NZZ, e<br />

Pascal Tischhauser, vicedirettore della<br />

redazione politica del Blick. Jan Grüebler<br />

sarà presidente della terza Camera e<br />

nuovo vicepresidente, sostituendo Max<br />

Trossmann, che lascia il Consiglio della<br />

Stampa dopo quasi 23 anni.<br />

Contatti<br />

Segretariato <strong>syndicom</strong> Ticino e Moesano<br />

via Genzana 2, 6900 Massagno<br />

lu e gio 8.00-12.00, ma-me-ve<br />

13.30-17.30. e-mail: info@<strong>syndicom</strong>.ch<br />

Tel. 058 817 19 61, Fax 058 817 19 66<br />

Cassa disoccupazione <strong>syndicom</strong><br />

lu-ma-gio 9.00-11.30 me 14.00-16.30<br />

cassa.disoccupazione@<strong>syndicom</strong>.ch<br />

Gruppo Pensionati Ticino e Moesano<br />

pensionati.<strong>syndicom</strong>.ch<br />

e-mail: ernesto.fenner@bluewin.ch<br />

Agenda<br />

Ottobre<br />

19-23<br />

Film Festival Diritti Umani<br />

Lugano. Per l’occasione, a Villa Ciani<br />

mostra «Finestre sull’Altrove | 60 vedute<br />

per 60 rifugiati di Matteo Pericoli.<br />

Info: festivaldirittiumani.ch<br />

18<br />

Al Manar di Alain Gorius<br />

Fino al 20 novembre, Lugano, Biblioteca<br />

Salita dei Frati, esposizione di libri<br />

d’artista. Info: bibliotecafratilugano.ch<br />

20<br />

Castagnata GI Pensionati<br />

Ore 15.30, Pregassona, Grotto al Mulino<br />

22<br />

Simposio Agenda 2030<br />

Ore 9.30, Lugano, USI. Lotta alla povertà<br />

in tempi di crisi: una sfida globale.<br />

Info: fosit.ch<br />

Novembre<br />

5<br />

Conferenza settore Media<br />

Biel/Bienne, Hotel City, 13.30-16.30<br />

Informazioni e iscrizioni (fino al<br />

23 ottobre) a medien@<strong>syndicom</strong>.ch<br />

Dal 25<br />

Campagna contro la violenza<br />

di genere<br />

Diverse località. Info: 16tage.ch<br />

Dicembre<br />

10<br />

Doppio taglio<br />

Bellinzona, Teatro Sociale, spettacolo<br />

«Doppio taglio - Come i media raccontano<br />

la violenza sulle donne, di e con<br />

Marina Senesi (vedi articolo a pag. 26)<br />

Info: www.teatrosociale.ch<br />

<strong>syndicom</strong>.ch/agenda


6 Dalla parte<br />

IMS, l’affiliata della Posta attiva nel settore degli immobili,<br />

degli altri<br />

ha stipulato un nuovo CCL che entrerà in vigore nel 2023.<br />

Ne abbiamo parlato con Anja Piller, partner di settore HR Posta<br />

Immobili e membro della direzione IMS, e René Heiz, responsabile<br />

compensazione e assicurazioni sociali della Posta.<br />

1<br />

Il nuovo contratto collettivo IMS è<br />

stato negoziato per diversi mesi.<br />

Come valutate i risultati?<br />

Siamo molto soddisfatti: nelle trattative<br />

è sempre importante tenere conto<br />

delle esigenze di entrambe le parti<br />

negoziali e trovare la migliore soluzione<br />

possibile. Grazie all’ottimo partenariato<br />

sociale tra IMS e <strong>syndicom</strong>,<br />

è stato possibile elaborare un CCL<br />

attrattivo per i dipendenti attuali e<br />

futuri di IMS.<br />

2<br />

Pensate che le opinioni e le aspettative<br />

dei dipendenti sono stati presi in<br />

considerazione in queste trattative?<br />

Pensiamo di esserci riusciti bene.<br />

Attraverso i consulenti delle risorse<br />

umane e i rappresentanti di linea, abbiamo<br />

scoperto quali sono le principali<br />

preoccupazioni dei dipendenti e<br />

dove è necessario intervenire nell’attuale<br />

CCL. Nella delegazione erano<br />

presenti anche dirigenti di settore<br />

che sono molto vicini ai dipendenti e<br />

conoscono le loro esigenze.<br />

3<br />

Quali sono, secondo voi, i miglioramenti<br />

più importanti del nuovo CCL?<br />

In primo piano per noi ci sono le norme<br />

sull’uguaglianza e sulla conciliabilità<br />

lavoro-vita privata. Ad esempio,<br />

sono state concordate prestazioni<br />

molto interessanti per le future madri<br />

e i futuri padri o il diritto alla non reperibilità.<br />

Abbiamo ampliato l’articolo<br />

sull’uguaglianza e abbiamo sancito<br />

nel CCL la parità di retribuzione.<br />

Inoltre, per i dipendenti di lunga data<br />

con almeno 20 anni di servizio, premiamo<br />

la fedeltà a IMS con 2 settimane<br />

di vacanze o 3000 franchi.<br />

4<br />

La richiesta di <strong>syndicom</strong> di un piano<br />

sociale per IMS è stata ampiamente<br />

discussa. Cos’è che alla fine ha<br />

convinto IMS ad accettare un piano<br />

sociale?<br />

Capivamo la richiesta. Per noi era ed<br />

è tuttora una preoccupazione importante<br />

accompagnare e sostenere al<br />

meglio i nostri dipendenti in caso di<br />

perdita del lavoro e trovare soluzioni<br />

accettabili. Ora abbiamo integrato il<br />

precedente accordo sociale con misure<br />

di sostegno e siamo quindi convinti<br />

di aver compiuto progressi significativi<br />

per i nostri dipendenti.<br />

5<br />

Quali sono le sfide e i lavori più importanti<br />

per il partenariato sociale nei<br />

prossimi mesi?<br />

In primo luogo, occorre implementare<br />

il nuovo CCL e garantirne l’attuazione.<br />

Questo può essere fatto solo<br />

insieme e sulla base di un forte partenariato<br />

sociale. Sono imminenti anche<br />

le prossime trattative salariali.<br />

Inoltre, il nostro obiettivo dichiarato<br />

è quello di discutere le questioni attuali<br />

nell’ambito di incontri regolari<br />

nelle commissioni specializzate, ma<br />

anche, se necessario, nell’ambito di<br />

altri incontri, e quindi di rimanere in<br />

stretto contatto tra le parti.<br />

6<br />

L’inflazione sta colpendo con forza il<br />

potere d’acquisto di tutti i lavoratori e<br />

quindi anche dei vostri dipendenti.<br />

Quali soluzioni offre il nuovo CCL in<br />

questo contesto?<br />

Nel CCL abbiamo stabilito che i negoziati<br />

salariali si svolgeranno su base<br />

annua. Siamo convinti che in questo<br />

modo e sulla base di un buon partenariato<br />

sociale troveremo soluzioni<br />

eque ed economicamente sostenibili<br />

per i nostri dipendenti anche in tempi<br />

difficili.<br />

Testo: Robin Moret<br />

Foto: Sam Buchli


L’ospite<br />

Dal 1995, quando è stato scoperto<br />

51 Pegasi b, sappiamo quello che la fantascienza<br />

ha immaginato per molto tempo: là fuori ci sono<br />

miliardi di pianeti in orbita attorno ad altre stelle.<br />

Cosa succederebbe se una qualche forma di<br />

tecnologia, ancora da inventare, ci permettesse<br />

di arrivarci? Probabilmente esistono tante risposte<br />

quante sono diverse le destinazioni.<br />

Ma queste risposte sollevano altre domande:<br />

chi se ne andrebbe dal nostro pianeta e perché?<br />

Nessuno lascia la propria casa, la propria famiglia,<br />

i propri amici o il proprio stile di vita senza<br />

speranza di ritorno, a meno che non abbia motivi<br />

validi per farlo. I miei romanzi non parlano di<br />

una conquista, ma di un esodo. I miei personaggi<br />

non sono i prescelti, ma i perdenti. Fuggono<br />

da un pianeta in agonia. In questa distopia, il<br />

collasso della nostra civiltà è ovviamente sociale<br />

ed ecologico, ma è soprattutto economico,<br />

perché l’economia è il legame tra lo sfruttamento<br />

delle risorse e la società che deriva dal consumo<br />

di queste risorse. Tuttavia, gli economisti<br />

– ma non sono gli unici — hanno gradualmente<br />

sostituito la realtà con i loro modelli. In un’economia<br />

che è sempre più deregolamentata e i cui<br />

modelli sono spesso tardivi, l’inflazione è solo<br />

la superficie visibile di un iceberg terrificante.<br />

La scomparsa di risorse essenziali e la ricerca<br />

disperata e violenta di alternative portano l’umanità<br />

sempre alle stesse soluzioni. Se abbiamo<br />

esaurito il nostro ambiente, dobbiamo trasferirci<br />

altrove. Inizialmente da un angolo all’altro della<br />

savana, per poi passare forse da un pianeta<br />

all’altro. I miei romanzi mostrano soprattutto<br />

che, nonostante le apparenze ingannevoli, non<br />

esiste una «Terra B». E che, lungi dal trasformare<br />

questi mondi per farli assomigliare al nostro<br />

pianeta d’origine, spetterà alla nostra specie<br />

trasformarsi per adattarsi a essi. Questa necessaria<br />

umiltà può essere la chiave della nostra<br />

sopravvivenza.<br />

Non esiste<br />

una «Terra B<br />

Bernard Fischli è nato a Losanna nel<br />

1958. La sua infanzia è trascorsa nel bel<br />

mezzo della corsa allo spazio, culminata<br />

in una notte insonne nel luglio 1969<br />

davanti al televisore di famiglia. Poco<br />

dopo, scopre 2001: Odissea nello spazio<br />

di Arthur C. Clarke. Poi, —con il passare<br />

degli anni, ha assistito al triste ritiro<br />

dell’umanità sul proprio pianeta, mentre<br />

lui continuava a sognare mondi lontani.<br />

Si è laureato in lettere nel 1987, con una<br />

tesi in cui ha integrato un racconto di<br />

fantascienza. La sua prima pubblicazione<br />

risale al 1992, nell’ambito di un concorso<br />

organizzato dalla Maison d’Ailleurs.<br />

Da molti anni insegna in un liceo<br />

sulle alture di Losanna. Il suo ciclo di<br />

Voyages sans retour è pubblicato da<br />

Hélice Hélas, a Vevey. Include Esmeralda<br />

(2018), Donoma (2019) e Oceania (2020).<br />

7


Dossier 10 Spirale prezzo-profitto: si prepara la tempesta perfetta?<br />

9<br />

13 Che fare? Tetto ai prezzi, tassare i profitti e aumentare i salari<br />

14 Quando i salari ristagnano: neppure i contratti aiutano<br />

Dateci in<br />

fretta quello<br />

che ci spetta


10 Dossier<br />

Il mondo nella spirale prezzo-profitto<br />

Per trent’anni l’inflazione non è stata un<br />

problema. Ma ora i rialzi dei prezzi minacciano<br />

miseria e sofferenze per molte persone.<br />

L’Europa è in subbuglio. Sarà un autunno caldo.<br />

Testo: Oliver Fahrni<br />

Foto: Reto Crameri<br />

Scioperi e manifestazioni di protesta hanno messo in ginocchio<br />

la nuova prima ministra britannica Liz Truss già<br />

il secondo giorno del suo mandato: in totale contraddizione<br />

con il suo programma, ha dovuto varare un pacchetto<br />

governativo da 150 miliardi per scongiurare la rivolta. In<br />

Francia, decine di aziende sono in sciopero per ottenere la<br />

compensazione del rincaro. I sindacati si stanno mobilitando<br />

e la sinistra sta suonando la carica per una marcia<br />

nazionale in ottobre per ridurre il costo della vita. Nel frattempo,<br />

il governo di coalizione tedesco osserva con trepidazione<br />

le proteste contro i rincari, sperando che non si<br />

trasformino in un movimento dei gilet gialli. In Italia,<br />

140mila aziende rischiano di chiudere a causa dei prezzi<br />

dell’energia, schizzati alle stelle.<br />

L’inflazione è tornata. Circa il 10 per cento nell’UE,<br />

con tendenza in aumento. Un vero e proprio shock.<br />

Rispetto all’inflazione negli Stati Uniti, in Gran Bretagna<br />

e nell’UE, il tasso d’inflazione in Svizzera sembra relativamente<br />

basso, pari al 3,5 per cento in agosto. Ciò è<br />

dovuto da un lato al fatto che alcuni prezzi in questo paese<br />

sono «regolamentati», cioè soggetti a un certo grado di<br />

controllo da parte delle autorità pubbliche. Esempio: il<br />

prezzo dell’elettricità nell’«approvvigionamento di base».<br />

Dall’altro, il franco sopravvalutato aiuta. La Svizzera importa<br />

gran parte dei suoi beni di consumo. Mentre di recente<br />

per un prodotto proveniente dalla Germania che costa<br />

100 euro dovevamo spendere 115 franchi, ora bastano<br />

97 franchi grazie al miglior tasso di cambio. Ma il vantaggio<br />

svanisce rapidamente: in futuro, a causa dell’inflazione<br />

elevata, le merci tedesche non costeranno più 100 ma<br />

115 euro. D’altra parte, però, il franco forte presenta anche<br />

svantaggi decisivi: è un peso per l’industria svizzera<br />

delle esportazioni (macchinari, orologi, turismo ecc.), che<br />

è responsabile per oltre un terzo del nostro benessere.<br />

Il livello reale dell’inflazione<br />

In effetti, con un’inflazione al 3,5% dovrebbero suonare<br />

tutti i campanelli d’allarme. In primo luogo, il dato è ingannevole.<br />

In realtà, le economie domestiche con redditi<br />

piccoli o medi, ovvero la grande maggioranza, sono colpite<br />

da un tasso d’inflazione molto più elevato. Per i salari<br />

fino a 4’300 franchi, la percentuale è di almeno il 4,2%, e<br />

probabilmente vicina al 5% (vedi grafici a pag. 15).<br />

Perché? Queste economie domestiche devono spendere<br />

una percentuale maggiore del loro reddito per l’affitto,<br />

l’energia, l’alimentazione, i trasporti, la cassa malati rispetto<br />

a chi ha un reddito elevato (a partire da 7’000 franchi<br />

netti). In altre parole, per quelle cose indispensabili<br />

che sono diventate incredibilmente più costose.<br />

In secondo luogo, proprio i prezzi dei beni di prima necessità<br />

stanno per esplodere. La cassa malati aumenterà<br />

mediamente del 7% e, in alcuni cantoni, del 10%. Il prezzo<br />

dell’elettricità salirà nel 2023 del 27% e in alcune aree<br />

addirittura fino al 280%. Questo a sua volta renderà più<br />

costosi molti altri prodotti e servizi.<br />

Presto per molte famiglie il difficile fine mese arriverà<br />

già a metà mese. Stando alla Caritas, 1,3 milioni di persone<br />

in Svizzera sono già a rischio povertà. Lo sono soprattutto<br />

le madri single e i pensionati, ma anche le famiglie<br />

con più di un figlio. Ciononostante, molti commentatori<br />

borghesi ritengono scandalosa la richiesta dell’Unione<br />

sindacale svizzera di un adeguamento del costo della vita<br />

del 4–5 per cento. In un sondaggio condotto dal Centro di<br />

ricerche congiunturali del Politecnico di Zurigo (KOF-<br />

ETH) in primavera, le aziende hanno dichiarato che incrementeranno<br />

i salari di appena l’1,6 per cento nel 2022. In<br />

pratica, si tratterebbe di una vera e propria rapina sui salari.<br />

Poiché se gli aumenti salariali sono inferiori a quelli<br />

dei prezzi, in realtà si verifica una riduzione dei salari reali<br />

– il potere d’acquisto delle economie domestiche diminuisce.<br />

Il che sarebbe una pura follia anche dal punto di vista<br />

economico, perché a sostenere l’economia è soprattutto il<br />

consumo privato. Nelle sue ultime previsioni, la SECO, ovvero<br />

la Segreteria di Stato dell’economia, prevede una crescita<br />

del PIL del 2%. Si tratta di un’ipotesi ottimistica, che<br />

si basa sulle esportazioni (in pericolo) da un lato e sulla<br />

domanda interna dall’altro. I consumi privati dovrebbero<br />

progredire del 4%. Ma se l’inflazione non viene compensata<br />

da un aumento dei salari, la previsione diventa carta<br />

straccia. Al più tardi nel 2023 si rischia una recessione. In<br />

altre parole, si perderanno posti di lavoro, la disoccupazione<br />

aumenterà e il potere d’acquisto si ridurrà ulteriormente.<br />

Una spirale discendente.<br />

Quello che i sindacati chiedono è quindi il minimo indispensabile.<br />

Si limitano a bilanciare l’inflazione, a patto<br />

che non aumenti ulteriormente, cosa che l’OCSE, la Banca<br />

Mondiale e la BCE ritengono alquanto possibile. Salvaguardare<br />

i salari reali e aumentare i salari nominali del<br />

4–5% è giusto, economicamente sensato e spesso facile da<br />

realizzare, come dimostrano gli utili elevati delle aziende.<br />

Fino agli Anni Novanta, la maggior parte dei contratti<br />

collettivi di lavoro (CCL) prevedeva una compensazione<br />

automatica del rincaro (vedi articolo a pagina 14). I sinda-<br />

L’aumento<br />

dei prezzi<br />

mette sotto<br />

pressione<br />

i redditi fino a<br />

5’400 franchi


cati avevano spinto su questo punto con dure lotte negli<br />

anni d’inflazione dopo il 1970. In altri paesi capitalisti, i<br />

neoliberali hanno avuto più successo. Questo lo si deduce<br />

dal massiccio calo della «quota salari», che mostra quanta<br />

parte della ricchezza generata va ai dipendenti e, viceversa,<br />

quanta parte della torta viene presa dal capitale. La<br />

Germania, ad esempio, è diventata un paese europeo a<br />

basso salario dopo le controriforme adottate dal governo<br />

del cancelliere Gerhard Schröder. In Francia, il salario minimo<br />

legale – ma spesso è addirittura inferiore – è di 1’329<br />

euro netti per un lavoro a tempo pieno. Il 70 per cento dei<br />

dipendenti italiani guadagna 9 euro all’ora o di meno, e i<br />

salari si sono ridotti in modo massiccio dal 1990.<br />

In Svizzera, dei sindacati attivi e le possibilità offerte<br />

dalla democrazia diretta (referendum, iniziative) hanno<br />

finora impedito questo declino. Ma anche qui il rapporto<br />

salariale è diminuito, se si escludono i numerosi bonus<br />

pagati dalle banche, dalle assicurazioni e dall’industria<br />

chimica. E i neoliberali continuano a fare pressione sui<br />

salari. Lo ha dimostrato di recente la proposta dell’Autorità<br />

di regolazione postale PostCom di fissare un salario<br />

minimo di 19 franchi all’ora, inferiore al salario minimo<br />

più basso di tutti i Cantoni e letteralmente una miseria rispetto<br />

al livello dei prezzi svizzeri.<br />

La favola della spirale salari-prezzi<br />

Una compensazione<br />

del rincaro del 5% è<br />

equa ed economicamente<br />

necessaria<br />

Il piano dei sindacati per contrastare l’inflazione sarà<br />

quindi un percorso difficile. Negli ultimi trent’anni, i datori<br />

di lavoro sono riusciti a far cancellare da quasi tutti i<br />

CCL l’adeguamento automatico all’inflazione. Oggi ripropongono<br />

una vecchia lamentela, la favola della «spirale salari-prezzi».<br />

In altre parole: secondo loro, la compensazione<br />

del rincaro sta alimentando l’inflazione. È quanto<br />

avevano blaterato in primavera i datori di lavoro dell’industria<br />

meccanica e metallurgica (Swissmem).<br />

Dal punto di vista economico, si tratta di un’assurdità<br />

bell’e buona. In molti settori, non è il costo di produzione<br />

a determinare i prezzi, ma il cosiddetto «pricing power»,<br />

ovvero il potere delle aziende di fissare il prezzo dei loro<br />

prodotti indipendentemente dai costi. La Banca dei regolamenti<br />

internazionali (BRI) ha recentemente rilevato che<br />

questo potere non è mai stato così elevato come oggi.<br />

Costruire un iPhone, tutto compreso, costa meno di un<br />

terzo del suo prezzo al dettaglio, e produrre uno Swatch<br />

costa meno di un quinto del suo prezzo. Inoltre, in molti<br />

settori (ad eccezione dei servizi per la persona e della gastronomia),<br />

la quota dei salari rispetto ai costi è in costante<br />

diminuzione. Facciamo quattro calcoli: anche con una<br />

quota di costi salariali del 20%, una compensazione del<br />

rincaro del 5% farebbe aumentare i costi di produzione appena<br />

dell’1%, cioè al massimo di qualche punto per mille<br />

del prezzo finale. Molto meno dei costi di finanziamento.<br />

Eppure solo l’aumento della produttività lavorativa (ovvero<br />

la riduzione dei costi unitari del lavoro) giustificherebbe<br />

già da tempo l’aumento dei salari reali.<br />

Stando all’Economic Policy Institute degli USA, più della<br />

metà dell’inflazione (54%) è dovuta alla crescente brama<br />

di profitto delle aziende, mentre il 36% è stato causato da<br />

difficoltà nelle catene di fornitura globali. Il costo del lavoro,<br />

invece, non ha avuto praticamente alcun impatto.<br />

Questo potere di determinazione dei prezzi ha un effetto<br />

particolarmente devastante su materie prime, petrolio,<br />

gas ed elettricità, medicinali, assicurazioni e servizi bancari.<br />

In questi settori, la fanno da padrone una manciata<br />

di società globalizzate. Per questo motivo i prezzi sono<br />

esplosi in maniera particolarmente consistente proprio in<br />

questi settori, e con essi i profitti. Sei delle nove aziende<br />

svizzere con fatturato più alto sono oggi commercianti di<br />

materie prime e petrolio, a cui si aggiungono Nestlé, Roche


12 Dossier<br />

Il 54% dell’inflazione è dovuto alla<br />

brama di profitto delle imprese<br />

e Novartis. A livello globale, in Svizzera vengono negoziati<br />

la metà dei prodotti agricoli più importanti come il grano,<br />

il 35% del petrolio e il 60% dei metalli. È qui che hanno sede<br />

i profittatori della guerra e i responsabili dell’inflazione.<br />

La società Glencore di Zugo, numero uno del paese in<br />

termini di fatturato, ha aumentato i suoi profitti dell’846 %<br />

(!) nella prima metà del 2022. La multinazionale delle materie<br />

prime è da tempo molto redditizia, ma non lo era mai<br />

stata così prima d’ora. Anche tutti gli altri commercianti di<br />

materie prime stanno realizzando profitti storici. I commercianti<br />

di petrolio, gas ed elettricità seguono a ruota:<br />

Exxon, BP, Shell, Total festeggiano super profitti, per non<br />

parlare della Saudi Aramco. Persino i fornitori svizzeri di<br />

elettricità Axpo, Alpiq e BKW, che operano con una garanzia<br />

statale implicita, come dimostra il caso Axpo, registrano<br />

profitti nell’ordine di centinaia di milioni. L’industria<br />

farmaceutica «ringrazia» il Covid. Come sempre, anche le<br />

banche sono in prima linea nella stampa di denaro. Altri<br />

settori, come l’industria alimentare, vogliono sfruttare la<br />

situazione e beneficiare anch’essi della situazione inflazionistica<br />

per aumentare i prezzi. Questo si riflette in gigantesche<br />

distribuzioni ai proprietari, ovvero agli azionisti.<br />

Quest’anno probabilmente si sfioreranno i 2’000<br />

miliardi di dollari. Dopo quindici anni di permanente crisi<br />

capitalistica, la redistribuzione si sta catapultando dal<br />

basso verso l’alto.<br />

Da dove viene quindi l’inflazione? I fatti sono sotto gli<br />

occhi di tutti: chi non è più in grado di pagare le fatture è<br />

vittima di una spirale profitti-prezzi sempre più veloce.<br />

Alla guerra di aggressione di Putin contro l’Ucraina può essere<br />

attribuito tutto, anche l’estremo aumento dei prezzi.<br />

I russi stanno chiudendo i rubinetti del gas. Ma l’aumento<br />

dei prezzi era già in atto nell’estate del 2021, ovvero otto<br />

mesi prima dell’inizio della guerra. In quel periodo il mondo<br />

nuotava ancora nel petrolio e nel gas. Ma i gruppi energetici<br />

hanno tagliato volutamente le produzioni per guadagnare<br />

con la ripresa dell’economia dopo la pandemia.<br />

Intere flotte di navi cisterna erano in attesa sugli oceani del<br />

mondo, piene fino all’orlo.<br />

L’inflazione è<br />

un furto salariale<br />

Ciò che viviamo come crisi serve al capitale. Si accumulano<br />

fortune esorbitanti e i lavoratori vengono disciplinati<br />

più duramente. Il capitale si concentra, le fusioni e le acquisizioni<br />

si rincorrono. Nel 2019, allorché la mancanza di<br />

investimenti e la guerra economica degli Stati Uniti contro<br />

la Cina hanno scosso il sistema, è arrivata la pandemia a<br />

salvare la situazione. Il capitale l’ha usata per trasformare<br />

lo Stato in una cassaforte aziendale. All’ombra dei lockdown<br />

e della rottura delle catene di approvvigionamento,<br />

che ha gettato nel panico molte persone a seguito della<br />

scarsità delle forniture, i trasportatori marittimi come la<br />

CMA di Marsiglia sono cresciuti fino a diventare dei colossi<br />

redditizi.<br />

Persino la crisi ecologica sta facendo guadagnare le<br />

aziende dominanti. Attualmente si parla di possibili carenze<br />

di elettricità. Le centrali nucleari francesi, che fornivano<br />

elettricità a mezzo continente, non sono più in grado<br />

di fornirla. In parte perché i problemi di sicurezza<br />

stanno facendo chiudere i reattori nucleari vetusti. Ma soprattutto<br />

perché il surriscaldamento globale e la siccità<br />

impediscono il raffreddamento di molte centrali nucleari.<br />

La Norvegia, altro grande esportatore di energia elettrica,<br />

ha dovuto ridurre le sue forniture a causa dell’abbassamento<br />

del livello dell’acqua nei laghi artificiali e nei fiumi.<br />

È una situazione drammatica, ma motivo di profitti<br />

speculativi per i fornitori di energia: sul mercato europeo<br />

dell’elettricità neoliberale deregolamentato, il prezzo delle<br />

forniture è salito da 50 euro a 1’700 euro nel primo trimestre<br />

del 2023. Grazie alla catastrofe climatica e a Putin.<br />

Una compensazione del rincaro è il minimo che i sindacati<br />

dovrebbero imporre nelle trattative salariali.


Dossier<br />

Tetto ai prezzi, tassare i profitti<br />

di guerra, aumentare i salari<br />

13<br />

I folli profitti speculativi stanno alimentando<br />

l’inflazione e le banche centrali stanno facendo<br />

un gioco pericoloso. Che fare?<br />

Testo: Oliver Fahrni<br />

Qual è il modo migliore per far pressione sui salari e distruggere<br />

il benessere? Come si fa a provocare un crollo finanziario<br />

globale alimentando al tempo stesso anche la catastrofe<br />

ecologica? Proprio così! Quello che banche centrali, grandi<br />

gruppi e governi stanno facendo (e non facendo) sembra<br />

uscito dal libro delle ricette per il grande disastro.<br />

Un solo esempio: in autunno il colosso energetico Total<br />

ha distribuito 2’620 milioni di euro come «dividendo<br />

speciale», e questo in fretta e furia, prima che una tassa sui<br />

profitti generati dalla crisi facesse scemare l’esorbitante<br />

extra-profitto da guerra, gas e petrolio. E la dirigenza si è<br />

pure elogiata spudoratamente per questo trucco. Inoltre,<br />

Total si pubblicizza come una società di energia verde, ma<br />

nel 2022 non investirà in energie rinnovabili nemmeno la<br />

metà di quanto distribuisce in dividendi ai ricchi.<br />

La cosa assurda è che sanno esattamente quali saranno<br />

le conseguenze. Gli economisti, la Banca Mondiale, il Fondo<br />

monetario internazionale e i grandi giornali economici<br />

sono letteralmente in preda al panico. Ogni giorno mettono<br />

in guardia dalle conseguenze della «perversa avidità di<br />

profitto». Eppure, nella frase successiva dicono: vogliamo<br />

ancora di più. La Banca Mondiale ha dimostrato in questi<br />

giorni che i rialzi dei tassi d’interesse delle banche centrali<br />

stanno solo facendo precipitare l’economia in una crisi globale.<br />

Eppure le «banche delle banche», sotto la pressione<br />

della Fed americana, annunciano ulteriori aumenti dei tassi<br />

d’interesse. Questo rende ogni credito più costoso e soffoca<br />

gli investimenti, come quelli in tecnologie ecologiche.<br />

La giustificazione per combattere l’inflazione in questo<br />

modo si basa sulla teoria secondo cui c’è troppo denaro<br />

in circolazione, ciò che alimenta la domanda e fa quindi<br />

salire i prezzi. Lo chiamano «surriscaldamento». In<br />

realtà, l’economia mondiale sta attraversando una fase di<br />

stagnazione. Ma la massa monetaria è aumentata così vertiginosamente<br />

negli ultimi 15 anni che non è più possibile<br />

misurarla in modo ragionevole. Se la teoria monetaria fosse<br />

corretta, avremmo avuto da 10 anni un’iperinflazione.<br />

Tutto dipende da chi dispone di tutti questi soldi e da chi<br />

ha il potere di determinare i prezzi. In realtà, gli aumenti<br />

dei tassi d’interesse servono solo al capitale. E a parte il clima,<br />

è solo la speculazione a essere «surriscaldata».<br />

Che fare, allora? Il noto economista Olivier Blanchard<br />

(già docente MIT e Harvard) ha recentemente scritto che<br />

la lotta all’inflazione richiede la distruzione di posti di lavoro.<br />

Blanchard non ha detto, ovviamente: se non cambiamo<br />

le regole del gioco che sono sbagliate. Ha omesso di<br />

dire che ci sono altri modi mirati per affrontare l’inflazione<br />

determinata dai profitti.<br />

• Il minimo è una compensazione integrale del rincaro su<br />

salari, rendite e prestazioni sociali. Dal punto di vista<br />

economico, si tratta di una necessità ed è economicamente<br />

sostenibile. La compensazione automatica del<br />

rincaro deve essere reintegrata nei CCL.<br />

• Tetto ai prezzi. L’energia e l’acqua sono beni comuni. Devono<br />

essere sottratte alla speculazione. I bisogni primari<br />

fino a un certo livello di consumo dovrebbero essere a<br />

buon mercato, o meglio ancora, gratuiti. Diversi paesi<br />

stanno attualmente sperimentando l’introduzione di tetti<br />

ai prezzi.<br />

• Situazioni come quella di Axpo sono insopportabili: il gigante<br />

dell’elettricità realizza profitti per centinaia di milioni.<br />

Allo stesso tempo, il Consiglio federale ha dovuto<br />

concedere una garanzia di un miliardo di euro perché<br />

Axpo ha giocato d’azzardo con le operazioni a termine<br />

sulla borsa dell’energia. La liberalizzazione del mercato<br />

dell’elettricità deve essere abolita. L’UE dovrebbe stabilire<br />

un prezzo massimo per il gas e il petrolio: con il potere<br />

d’acquisto di 450 milioni di persone, difficilmente i<br />

produttori potrebbero sottrarsi a questa regola.<br />

• Le società che ricevono il sostegno del governo non possono<br />

né pagare dividendi né licenziare dipendenti. Gli<br />

oneri della crisi devono essere equamente distribuiti.<br />

• Finanziare i tetti ai prezzi e i provvedimenti volti a salvaguardare<br />

i posti di lavoro non sono un problema: basta<br />

imporre una tassa sui profitti di guerra delle aziende<br />

energetiche, come lo sta facendo l’Italia con il 25 per<br />

cento.<br />

• Infine, è giunto il momento di investire finalmente i profitti<br />

in un’offensiva industriale per la ristrutturazione<br />

ecologica. Un programma in tal senso è già stato progettato<br />

e quantificato dai sindacati. 16 anni fa.


14<br />

Dossier<br />

Quando i salari ristagnano<br />

I contratti collettivi e i meccanismi automatici<br />

di adeguamento dei salari all’inflazione<br />

Testo: Mattia Lento<br />

In Svizzera più di 700 mila persone vivono in condizioni di<br />

povertà. Tra queste troviamo anche lavoratrici e lavoratori,<br />

i cosiddetti working poor. Secondo l’Ufficio federale di<br />

statistica, nel 2020, l’8,2% di tutte le persone occupate viveva<br />

in povertà: oltre 300 mila persone. Secondo uno studio<br />

di Olivier Hümbelin, dell’Università professionale di<br />

Berna, con i livelli attuali d’inflazione, la percentuale di<br />

persone in povertà potrebbe aumentare ulteriormente:<br />

dall’8,5 al 9,3%, ovvero circa 80 mila persone in più. Il rincaro<br />

in Svizzera, anche se meno drammatico della media<br />

europea (+9,1% in agosto), ha raggiunto ormai il 3,5% ed è<br />

destinato a salire nei prossimi mesi. Un lavoro rischia<br />

sempre più di non essere una garanzia per una vita dignitosa.<br />

Il rincaro, per i redditi più bassi, è ancora maggiore:<br />

le persone a reddito basso concentrano in misura maggiore<br />

le proprie spese su prodotti energetici e alimentari, tipologie<br />

di merci i cui prezzi sono aumentati ben oltre la<br />

media. Non deve stupire allora che l’Unione sindacale<br />

svizzera (Uss) abbia chiesto nelle scorse settimane aumenti<br />

del 4-5% delle paghe. Si tratta di una richiesta realistica,<br />

visti i buoni risultati dell’economia, e soprattutto di<br />

una rivendicazione necessaria, visti i numeri citati.<br />

Pochissime clausole<br />

Se ci trovassimo nella Svizzera del secondo dopoguerra, i<br />

salariati potrebbero fare affidamento sui meccanismi di<br />

adeguamento dei salari al tasso d’inflazione presenti in<br />

molti Contratti collettivi (CCL). Questi cominciarono a entrare<br />

nei CCL negli anni Cinquanta e crebbero ininterrottamente<br />

fino agli anni Novanta. Ancora nel 1991, secondo<br />

uno studio di Daniel Oesch del 2001, due terzi dei CCL<br />

svizzeri conteneva clausole legate ai livelli d’inflazione.<br />

Un quarto dei CCL svizzeri prevedeva addirittura meccanismi<br />

di adeguamento automatico dei salari all’inflazione.<br />

Una protezione contro il carovita che in pochissimi anni è<br />

quasi sparita da tutti i CCL: nel 1996 la percentuale dei<br />

CCL con clausole legate all’inflazione è crollata allo 0,3%.<br />

Cosa è successo in quegli anni cruciali? Negli anni Novanta,<br />

l’onda lunga del neoliberismo angloamericano è arrivata<br />

anche in Svizzera e i sindacati, per diverse ragioni,<br />

hanno faticato a mantenere queste protezioni nell’ambito<br />

dei contratti collettivi. I contratti collettivi stessi hanno<br />

cominciato a essere messi in discussione dai datori di lavoro<br />

e per questo le organizzazioni dei lavoratori sono dovute<br />

scendere a compromessi. Inoltre, erano anni di forte<br />

recessione e i lavoratori erano più orientati a mantenere i<br />

posti di lavoro rispetto al potere d’acquisto. La recessione,<br />

inoltre, fece crollare il carovita e quindi l’importanza<br />

dell’adeguamento dei salari all’inflazione. Quest’ultima è<br />

diventata così fino a oggi la grande assente dei contratti<br />

collettivi, o quasi.<br />

Un nuovo corso<br />

In alcuni settori una minima parte di contratti prevede ancora<br />

adeguamenti, ma limitati. Anche nell’ICT, come<br />

afferma Daniel Hügli, responsabile di questo settore per<br />

<strong>syndicom</strong>, «il costo della vita è uno dei criteri previsti nel<br />

CCL». Per Matteo Antonini, segretario centrale Logistica<br />

di <strong>syndicom</strong>, «durante le trattative con la Posta svizzera, il<br />

carovita è uno degli elementi per i negoziati salariali». Il<br />

tema dell’adeguamento dei salari all’inflazione è tornato<br />

ad affacciarsi nel dibattito nazionale. Per gli economisti<br />

liberali si tratta di misure anacronistiche. Non la pensa<br />

così però l’economista Sergio Rossi: «I salari nominali dovrebbero<br />

essere indicizzati al rincaro, allo scopo di preservare<br />

la capacità di acquisto delle persone che ricevono uno<br />

stipendio. Ciò permetterebbe al sistema economico nel<br />

suo insieme di ridurre il rischio di cadere in recessione a<br />

causa di una domanda insufficiente nel mercato dei prodotti.<br />

Questa indicizzazione, tuttavia, dovrebbe intervenire<br />

solo nei casi in cui le imprese hanno dei margini di profitto<br />

che si situano a dei livelli sufficienti per aumentare<br />

in tal modo i salari della forza-lavoro».<br />

Fotoreportage<br />

Reto Crameri è un illustratore originario di Berna che vive a<br />

Ginevra da vent’anni. Attualmente sta ultimando il suo primo<br />

libro per bambini, intitolato «Alula, che sarà pubblicato la<br />

prossima primavera da Kunstanstifter Verlag. Disegni a inchiostro<br />

e ceramiche con illustrazioni tratte dal libro sono<br />

stati presentati nella mostra Bolo Klub al Festival Fumetto di<br />

quest’anno. Il suo precedente libro, «Les notes du concierge,<br />

autopubblicato nel 2018, è stato premiato con la borsa<br />

di studio per l’illustrazione di libri del Cantone e della Città di<br />

Ginevra.<br />

Socio di <strong>syndicom</strong>, Reto Crameri ha proposto per il dossier di<br />

questo numero una serie di illustrazioni vivaci ed eloquenti,<br />

per rappresentare la crisi che sta toccando i lavoratori.<br />

retocrameri.com<br />

Le rivendicazioni salariali nei nostri settori


La prossima crisi sociale<br />

Aumento dei prezzi, diminuzione dei salari reali, enormi profitti per gli azionisti:<br />

la crisi combinata clima/Covid/Ucraina sta esacerbando le disuguaglianze e sta mettendo<br />

in difficoltà molte famiglie svizzere. Solo il controllo dei prezzi e massicci aumenti salariali<br />

possono impedirlo.<br />

Inflazione galoppante<br />

Per tre decenni, l’inflazione nei paesi ricchi<br />

sembrava un vecchio ricordo. La stabilità dei<br />

prezzi era ovunque un obiettivo centrale della<br />

politica economica. La BCE considera ideale<br />

una leggera inflazione del 2%. Nel periodo di<br />

ripresa post-Covid, i prezzi hanno improvvisamente<br />

iniziato a salire in modo deciso.<br />

Spagna<br />

Paesi Bassi<br />

Germania<br />

13,7 %<br />

Gran Bretagna 9,9 %<br />

8,8 %<br />

Francia 6,6 %<br />

9,1 %<br />

10,5 %<br />

Svizzera<br />

3,5%<br />

11,2 %<br />

Estonia<br />

25,2 %<br />

Russia<br />

16,7 %<br />

Turchia<br />

80 %<br />

Fonti: Seco, OCSE, BCE (dati agosto 2022, confronto con agosto 2021)<br />

L’inflazione aumenta<br />

la disuguaglianza<br />

Quando i prezzi aumentano, i redditi più bassi<br />

vengono colpiti più duramente. Per i salari più<br />

bassi, l’inflazione non è del 3,5%, come sostengono<br />

le statistiche, ma del 4,2%. Le persone con<br />

salari bassi perdono più potere d’acquisto rispetto<br />

a quelle con redditi più alti. Il motivo: le economie<br />

domestiche a basso reddito devono spendere<br />

una parte maggiore del loro reddito per l’abitazione,<br />

l’energia e l’alimentazione – e proprio questi<br />

prezzi sono quelli che sono aumentati di più.<br />

4,2 %<br />

3,8 %<br />

3,9 %<br />

3,7 %<br />

3,6 %<br />

3,5 %<br />

3,5 %<br />

3,3 %<br />

3,3 %<br />

3,1 %<br />

Redditi più bassi Redditi medi Redditi superiori<br />

Fonti: UST, Hans Baumann in work<br />

Fonti: Elcom, EEX<br />

27 %<br />

di aumento del<br />

prezzo dell’elettricità<br />

nel 2023<br />

Prezzi dell’elettricità<br />

Si tratta di un valore medio: alcuni fornitori di<br />

energia elettrica non applicano alcun aumento,<br />

mentre altri applicano aumenti di oltre il 250%.<br />

Se volete sapere come sarà la situazione nel<br />

vostro comune nel 2023, potete trovare tutti i<br />

dettagli qui: www.strompreis.elcom.admin.ch.<br />

I grandi fornitori di energia elettrica Axpo,<br />

Alpiq e BKW stanno aumentando i loro prezzi<br />

sebbene abbiano realizzato profitti milionari a<br />

tre cifre nel 2021 e prevedano profitti record<br />

ancora più ricchi nel 2022.<br />

L’elettricità è stata<br />

oggetto di speculazione<br />

a partire dalla<br />

deregolamentazione<br />

neoliberale in Europa:<br />

nell’estate del 2022, il<br />

prezzo per le forniture<br />

del 2023 è aumentato<br />

temporaneamente del<br />

3400 %<br />

Big oil – big gas<br />

Aziende avare<br />

L’esplosione dei profitti di alcune compagnie petrolifere e del gas.<br />

2° trimestre 2021 2° trimestre 2022<br />

17,9 mia.<br />

11,6 mia. 11,5 mia.<br />

9,3 mia.<br />

4,7 mia.<br />

5,5 mia.<br />

5,7 mia.<br />

3,1 mia.<br />

3,1 mia.<br />

3,5 mia.<br />

Exxon Chevron Shell BP Total<br />

In un sondaggio<br />

condotto dal Centro di<br />

ricerche congiunturali<br />

del Politecnico di<br />

Zurigo, le aziende<br />

hanno dichiarato di<br />

aspettarsi un<br />

adeguamento salariale<br />

medio di appena l’1,6%<br />

per il 2022. Questo<br />

significherebbe una<br />

massiccia perdita di<br />

salario reale.<br />

1,6%<br />

Fonte: Financial Times


16<br />

Dalle<br />

professioni<br />

«Creare un clima in cui si possano<br />

tematizzare i casi di sessismo»<br />

<strong>syndicom</strong> ha lanciato un nuovo opuscolo sul sessismo nelle redazioni.<br />

A colloquio con la giornalista Sarah Serafini, che spiega<br />

perché è necessario e quali sono i provvedimenti da adottare.<br />

Nelle redazioni sempre più donne denunciano toccamenti indesiderati. (© <strong>syndicom</strong>/stock.adobe.com)<br />

A circa tre anni da #MediaToo e dallo<br />

sciopero nazionale delle donne del<br />

2019, a due anni dalla lettera aperta<br />

delle redattrici di Tamedia alla casa<br />

editrice e a pochi mesi dallo scandalo<br />

del caporedattore della «Bild» Julian<br />

Reichelt – che alla fine ha dovuto lasciare<br />

la casa editrice a causa delle numerose<br />

relazioni avute con le don ne<br />

sotto la sua direzione – non sembra essere<br />

cambiato molto nel clima spesso<br />

antifemminile, sessista e sessualmente<br />

aggressivo di molte redazioni. Sempre<br />

più donne denunciano commenti<br />

inappropriati, toccamenti indesiderati,<br />

commenti sprezzanti o, come nel<br />

caso di Julian Reichelt, abusi di potere.<br />

Sarah Serafini, redattrice di Watson.ch<br />

e tra le promotrici dello sciopero<br />

delle donne dei media del 2019,<br />

individua il problema del sessismo<br />

nell’industria dei media a diversi<br />

livelli: «Per prima cosa, le donne che<br />

lavorano nelle redazioni sono tuttora<br />

meno numerose degli uomini, soprattutto<br />

ai piani alti. Può essere più difficile<br />

farsi valere se si è una donna sola<br />

in una riunione con uomini. È più probabile<br />

che ci sia un clima sessista e che<br />

si sentano commenti stupidi, per non<br />

parlare di molestie», afferma Sarah Serafini.<br />

Le cifre parlano chiaro<br />

Secondo uno studio della Seco del<br />

2008, il 28% delle donne di tutti i settori<br />

in Svizzera ha denunciato molestie<br />

sul posto di lavoro. Secondo un’indagine<br />

non rappresentativa di Tamedia<br />

del 2019, nel settore dei media erano<br />

però il 53% delle 458 professioniste<br />

intervistate ad avere subito molestie.<br />

Secondo l’indagine, le donne a inizio<br />

carriera sono particolarmente a rischio.<br />

Circa tre quarti delle intervistate<br />

hanno dichiarato di aver subito molestie<br />

sotto i 35 anni e quasi la metà<br />

sotto i 30 anni.<br />

Non essere prese sul serio<br />

Sarah Serafini non è sorpresa da queste<br />

cifre. Un altro fattore è la particolare<br />

esposizione delle giornaliste, a differenza<br />

di molte altre professioni:<br />

«Come giornalista, sei spesso in viaggio<br />

da sola. Commenti sessisti o sessualmente<br />

aggressivi possono verificarsi<br />

anche durante le interviste o i<br />

reportage», fa notare Serafini, e «come<br />

donna, spesso si viene presa meno sul<br />

serio dall’interlocutore».<br />

Infatti, sempre secondo l’indagine<br />

di Tamedia, il 40% delle lavoratrici dei<br />

media intervistate ha dichiarato di<br />

avere subito aggressioni sessiste da<br />

parte di persone esterne, come ad<br />

esempio dagli intervistati.<br />

Necessaria una formazione specifica<br />

«Non credo che le donne che sono sul<br />

campo possano essere protette totalmente,<br />

ma bisogna creare un clima in<br />

cui i casi di sessismo possano essere<br />

tematizzati sia esternamente che internamente»,<br />

si augura Sarah Serafini.<br />

A suo avviso, è fondamentale vivere<br />

una cultura aziendale in cui non vi sia<br />

alcuna tolleranza nei confronti del<br />

sessismo. Ma questo da solo non basta:<br />

«Servono interlocutori o persone<br />

di fiducia nonché personale preparato<br />

che reagisca con sensibilità. Le team<br />

leader e le responsabili, in particolare,<br />

hanno bisogno di una formazione professionale<br />

per affrontare il sessismo».<br />

Natalia Widla<br />

Che fare? Consigli e basi<br />

giuridiche (in francese)


«Il problema era quello della pianificazione degli orari<br />

di lavoro, in particolare degli straordinari» Nicolas Irus<br />

17<br />

Vincenti grazie alla solidarietà<br />

Una mobilitazione dei dipendenti del contact center di Friburgo<br />

ha permesso di individuare i difetti di gestione a livello nazionale.<br />

In particolare, l’applicazione del contratto collettivo di lavoro.<br />

Le trattative intavolate con la direzione sono incoraggianti.<br />

Finalmente, nei contact center gli orari di lavoro sono più chiari. (© Keystone-ATS)<br />

È l’inizio di febbraio di quest’anno.<br />

Una militante del contact center di<br />

Friburgo racconta al sindacato di un<br />

malcontento generale in seguito<br />

all’introduzione di un programma di<br />

monitoraggio delle chiamate. Il clima<br />

di lavoro sembra teso. C’è carenza di<br />

personale e vengono calcolati i minuti<br />

necessari per gestire le chiamate in<br />

attesa. «I colleghi ci hanno subito parlato<br />

della pressione che sentivano e<br />

dell’atmosfera generale di sorveglianza,<br />

e man mano che le discussioni andavano<br />

avanti ci siamo resi conto che<br />

il problema era anche quello della pianificazione<br />

degli orari di lavoro, e in<br />

particolare degli straordinari», dice<br />

Nicolas Irus, segretario regionale del<br />

settore Logistica.<br />

Pianificazione poco chiara<br />

Il nodo del problema è il modello di<br />

orario di lavoro e la gestione degli straordinari:<br />

in una giornata lavorativa di<br />

8 ore e 24 minuti, quei 24 minuti servono<br />

per l’avvio del sistema, gli imprevisti<br />

e altri piccoli compiti inerenti a<br />

una giornata lavorativa. A ciò si aggiunge<br />

la gestione dei casi pendenti. Il<br />

risultato? Straordinari che si accumulano<br />

sempre di più, alcuni dei quali<br />

svolti il sabato.<br />

Che cosa dice il contratto<br />

Il contratto collettivo (CCL) della Posta,<br />

tuttavia, prevede un modello di<br />

orario di lavoro che richiede una chiara<br />

pianificazione degli straordinari. La<br />

pianificazione avviene su base mensile<br />

e qualsiasi modifica apportata dopo<br />

14 giorni dalla pubblicazione del calendario<br />

richiede l’accordo del personale.<br />

È emerso che il CCL era mal implementato<br />

in tutti i contact center<br />

della Svizzera. «Se i contact center vogliono<br />

applicare un modello speciale,<br />

questo deve essere discusso con <strong>syndicom</strong><br />

nell’ambito delle trattative sul<br />

CCL», afferma Nicolas Irus. A seguito<br />

di una discussione a livello nazionale,<br />

il modello di pianificazione dell’orario<br />

di lavoro previsto dal CCL è applicato<br />

a partire da ottobre.<br />

Un risultato valido per tutti<br />

La forte solidarietà dei dipendenti di<br />

Friburgo ha quindi contribuito a migliorare<br />

la vita quotidiana dei colleghi<br />

di tutta la Svizzera. Nel corso dei colloqui<br />

con la direzione si è instaurato un<br />

buon dialogo. Oggi la direzione è impegnata<br />

ad affrontare i problemi, in<br />

particolare quello della carenza di personale.<br />

Sta per essere istituita anche<br />

una commissione del personale per<br />

affrontare i problemi e trovare soluzioni<br />

in un clima sereno. A Friburgo,<br />

come altrove, la mobilitazione ha dato<br />

ancora una volta i suoi frutti!<br />

Robin Moret<br />

CCL, le richieste per<br />

i contact e call center<br />

Teresa Dos Santos Lima-Matteo<br />

è segretaria centrale settore ICT<br />

Sono in corso i preparativi per le negoziazioni<br />

del contratto collettivo di lavoro<br />

nel settore dei contact center e<br />

call center. I negoziati per il CCL inizieranno<br />

nella primavera del 2023 ma<br />

si sta già lavorando per allestirlo al<br />

meglio. Nelle prossime settimane verrà<br />

condotto un sondaggio tra i dipendenti<br />

delle aziende interessate dal<br />

contratto collettivo. I temi principali<br />

saranno il salario, il tempo di lavoro e<br />

la protezione dai licenziamenti.<br />

Condizioni più attrattive<br />

Nel settore si rileva anche una carenza<br />

di personale qualificato. Anche per<br />

questo motivo, i datori di lavoro devono<br />

migliorare le condizioni di lavoro<br />

esistenti e offrire condizioni di impiego<br />

più interessanti. È quindi indispensabile,<br />

tra le altre cose, migliorare i salari,<br />

ridurre l’orario di lavoro e<br />

adeguare l’assicurazione d’indennità<br />

giornaliera in caso di malattia.<br />

Le sfide del settore<br />

Ricordiamo infine che l’attuale contratto<br />

collettivo è stato dichiarato di<br />

obbligatorietà generale dal Consiglio<br />

federale dal primo luglio 2018 ed è valido<br />

fino alla fine del 2023. In Svizzera<br />

sono circa tremila e cinquecento i dipendenti<br />

nel settore, interessato a numerose<br />

sfide negli ultimi anni.


18<br />

Dalle<br />

professioni<br />

«Un dipendente in subappalto può raggiungere 4500 franchi<br />

mensili, ma solo con 50 o 60 ore di lavoro settimanali » Urs Zbinden<br />

Fare chiarezza nei subappalti<br />

Un recente sondaggio di <strong>syndicom</strong> ha rilevato i salari reali dei<br />

subappaltatori della categoria del recapito e ritiro. Ne sono<br />

emerse cifre che nascondono condizioni di lavoro estreme.<br />

Solo dall’alto le condizioni di lavoro dei conducenti sembrano simili. (© Keystone-ATS Alexander Dietz)<br />

I salari sono tuttora un argomento delicato<br />

in Svizzera: si dice che sono una<br />

questione privata e quindi non se ne<br />

parla volentieri. Ma nella costosa Svizzera,<br />

il tenore di vita dipende proprio<br />

dai salari. Per i sindacati è quindi importante<br />

conoscere il livello salariale<br />

per poter negoziare salari adeguati.<br />

Nel settore della Logistica, le trattative<br />

per un contratto collettivo di lavoro<br />

sono in corso dal novembre 2021. Anche<br />

in occasione di queste trattative i<br />

salari svolgono un ruolo importante. A<br />

prima vista, sembra esserci chiarezza<br />

nel settore. L’autorità di regolamentazione<br />

PostCom (Commissione federale<br />

delle Poste) ha analizzato la situazione<br />

con uno studio pubblicato a<br />

giugno sulle condizioni di lavoro abituali<br />

nel settore. Secondo lo studio, i<br />

salari della categoria “recapito e ritiro”<br />

con contatto con i clienti variano<br />

tra i 4749 e i 6474 franchi. Tuttavia,<br />

questo risultato ha un punto debole:<br />

non include i subappaltatori, che svolgono<br />

un ruolo importante in aziende<br />

come DPD e DHL. Per la negoziazione<br />

del salario minimo è fondamentale sapere<br />

se il livello salariale dei subappaltatori<br />

è pari al salario minimo di 3500<br />

franchi definito da PostCom o se i<br />

subappaltatori si trovano piuttosto<br />

nella fascia salariale riportata dallo<br />

studio.<br />

Per sopperire a questa mancanza<br />

di conoscenze, <strong>syndicom</strong> ha condotto<br />

un sondaggio nelle aziende. I risultati<br />

hanno sfatato in particolare il mito<br />

secondo cui i salari dei subappaltatori<br />

sarebbero attorno ai 3500 franchi.<br />

Sebbene non raggiungano il livello<br />

dello studio PostCom, si aggirano comunque<br />

tra i 4000 e i 4300 franchi per<br />

DPD e tra i 4300 e i 4600 franchi per<br />

DHL. Stiamo ancora parlando di salari<br />

bassi rispetto ad altri settori. Tuttavia,<br />

la discussione sui salari minimi deve<br />

essere chiaramente orientata al quadro<br />

dello studio PostCom, invece che<br />

al salario minimo PostCom attualmente<br />

in vigore di 3500 franchi.<br />

Orari di lavoro disumani<br />

I numerosi colloqui con gli addetti al<br />

recapito nei depositi hanno però evidenziato<br />

anche un altro aspetto della<br />

questione: un dipendente in subappalto<br />

può talvolta guadagnare fino a<br />

4500 franchi. Tuttavia, se questo richiede<br />

tra 50 e le 60 ore settimanali di<br />

lavoro, il valore di questo salario si riduce<br />

notevolmente. Di conseguenza,<br />

per molti addetti al recapito il problema<br />

è rappresentato dalle lunghe giornate<br />

di lavoro. Con l’aumento del volume<br />

dei pacchi in autunno, la questione<br />

diventerà ancora più urgente.<br />

Urs Zbinden<br />

PostCom sbanda ancora<br />

19 franchi sono pochi<br />

Matteo Antonini è responsabile del settore<br />

Logistica e membro del Comitato direttivo<br />

La messa in consultazione da parte<br />

dell’autorità di sorveglianza PostCom<br />

dei nuovi standard minimi, validi a<br />

partire dal 2023, è un pericolo per le<br />

condizioni di lavoro nella logistica postale.<br />

Con questa proposta PostCom<br />

perpetua il suo triste record decretando<br />

di nuovo il salario statale più basso<br />

in Svizzera. In realtà i 19 franchi proposti<br />

a partire da luglio 2023 sono, al<br />

netto dell’inflazione (2018-2022), ancora<br />

più bassi degli attuali 18,27 in vigore.<br />

Con un salario di riferimento<br />

così basso, che non prende in alcuna<br />

considerazione la diversità evidente<br />

delle professioni postali e dei suoi salariati,<br />

né da un punto di vista delle<br />

competenze né delle esigenze, consacra<br />

modelli di lavoro che promuovono<br />

il subappalto e il precariato. Ma è evidente<br />

anche il danno di immagine.<br />

Proprio ora, quando tutti i settori<br />

cercano personale, sancire che il salario<br />

di 19 franchi per i postini e le postine<br />

è corretto e rispetta la legge è un<br />

segnale sbagliato. <strong>syndicom</strong> ha allertato<br />

per tempo PostCom insistendo su<br />

queste importanti criticità. Come sindacato<br />

dobbiamo quindi puntare su<br />

contratti collettivi e ottenere un’estensione<br />

di salari più alti per proteggere i<br />

lavoratori. Questo percorso, intrapreso<br />

da <strong>syndicom</strong> da molti anni e concretizzato<br />

con i negoziati settoriali iniziati<br />

a fine 2021, è la strada da percorrere.<br />

Anche perché permetterà di introdurre<br />

i controlli necessari in un mercato<br />

del lavoro sempre più atomizzato e<br />

attrattivo anche per le multinazionali,<br />

come Amazon e Uber.


«L’obiettivo di questi incontri è farci conoscere<br />

da tutti i dipendenti» Adriano Troiano<br />

19<br />

Pane, salsiccia e partecipazione<br />

Ostermundigen, un pomeriggio di fine estate. Fuori dal centro<br />

PostLogistics, un’insolita attività. Qualcuno sta montando un<br />

piccolo grill. Tutto è pronto: carbonella, salsicce, pane, senape<br />

e maionese. Inizia un’altra tappa del «<strong>syndicom</strong> grill tour.<br />

Momenti conviviali che contribuiscono a conoscersi e a fare gruppo. (© <strong>syndicom</strong>)<br />

Organizzato da diversi anni da <strong>syndicom</strong>,<br />

rappresenta una modalità nuova<br />

per incontrare i lavoratori. «È un’occasione<br />

per parlare con loro un po’ più<br />

a lungo, in un’atmosfera rilassata. Ed<br />

è facile farlo con una salsiccia», scherza<br />

Adriano Troiano, responsabile del<br />

segretariato Berna e Alto Vallese. «Abbiamo<br />

in programma in media due visite<br />

a settimana durante i mesi estivi,<br />

escluse le vacanze. Sono circa trenta<br />

appuntamenti, dall’Emmental all’Oberland<br />

fino a Biel/Bienne e all’Alto Vallese».<br />

Nel frattempo, i lavoratori di Post-<br />

Logistics iniziano ad arrivare alla<br />

spicciolata. Molti di loro sono ancora<br />

in uniforme, hanno appena finito il<br />

turno. Strette di mano, sorrisi, chiacchiere.<br />

Si parla di calcio e di vacanze.<br />

Si sente che è bello tornare a incontrarsi,<br />

dopo il periodo della pandemia.<br />

Al grill, l’occhio esperto di Marco With<br />

(vicepresidente della sezione bernese<br />

del personale della Posta e membro<br />

della commissione del personale di<br />

PostLogistics a Ostermundigen) decide<br />

che la cottura è quella giusta. Tutti<br />

si mettono in fila.<br />

«I nostri soci – racconta Troiano –<br />

ci contattano tutto l’anno. E sono contenti<br />

che veniamo qui. L’obiettivo di<br />

questi incontri è di farci conoscere da<br />

tutto il personale. Distribuiamo flyer,<br />

abbiamo una presentazione “power<br />

point” su carta, che mostra le nostre<br />

campagne e quali sono i problemi attuali.<br />

Incoraggiamo la discussione.<br />

Inoltre, ci fa conoscere potenziali nuovi<br />

membri: teniamo un elenco delle<br />

presenze per contattare in seguito le<br />

persone interessate. In media, reclutiamo<br />

almeno un membro per ogni attività<br />

di sensibilizzazione, direttamente<br />

sul posto. L’impatto di questi<br />

eventi non può essere sottovalutato».<br />

Per i lavoratori è importante ritrovarsi,<br />

parlare, discutere delle condizioni<br />

di lavoro. Ci sono spesso orari diversi,<br />

molti fanno le pause fuori.<br />

Momenti come questo permettono di<br />

conoscersi. E fanno pubblicità a <strong>syndicom</strong>.<br />

«Proprio oggi ho sentito un impiegato<br />

di un ufficio postale che ritiene<br />

positivo il fatto che <strong>syndicom</strong> sia<br />

presente. E credo che il nostro “grill<br />

tour” contribuisca a questo», conclude<br />

Troiano. Intanto, gli altoparlanti<br />

diffondono le note di «We are the<br />

Champions». E i lavoratori cantano insieme<br />

e sorridono. Sì, noi siamo the<br />

champions!<br />

Giovanni Valerio<br />

Media, è tempo<br />

di aumenti salariali<br />

Angelo Zanetti è segretario centrale settore Media<br />

Nelle aziende del settore dei media, gli<br />

aumenti salariali sono (molto) rari da<br />

anni, persino decenni, poiché le aziende<br />

si rifiutano sistematicamente di negoziare.<br />

Questo vale indipendentemente<br />

dalla situazione economica.<br />

Ad esempio, negli ultimi dieci anni di<br />

inflazione moderata, i salari reali dei<br />

dipendenti sono rimasti fermi, mentre<br />

i compensi dei freelance e i salari<br />

d’ingresso dei giovani professionisti<br />

dei media sono diminuiti.<br />

Oggi, nel bel mezzo di un periodo<br />

d’inflazione duro e preoccupante, il<br />

settore rischia di perdere indiscutibilmente<br />

la sua attrattività. Alcune redazioni<br />

parlano di carenza di personale<br />

qualificato e di seri problemi nel reclutamento<br />

di nuovo personale. È il<br />

momento di reagire e di chiedere collettivamente<br />

un adeguamento salariale<br />

per i dipendenti attuali e futuri!<br />

<strong>syndicom</strong> mette a disposizione delle<br />

commissioni del personale delle<br />

raccomandazioni e un argomentario<br />

completo.<br />

Questi consigli sono rivolti anche ai<br />

colleghi dell’industria grafica. Come<br />

anche per i milioni di lavoratori svizzeri,<br />

la situazione economica rende indispensabile<br />

un aumento dei salari<br />

nell’industria. Soprattutto perché i salari<br />

ristagnano da anni e le aziende<br />

hanno pure qui difficoltà nel reclutare<br />

nuovo personale. Le negoziazioni salariali<br />

sono pertanto necessarie.<br />

Chi lavora nelle librerie può contare<br />

su una compensazione automatica<br />

dei salari in base all’inflazione, prevista<br />

dal CCL (massimo 2% dei salari minimi).<br />

Si tratta di un passo nella giusta<br />

direzione, che dovrebbe però richiedere<br />

altre misure più incisive!<br />

<strong>syndicom</strong> continuerà quindi a sostenere<br />

i propri iscritti e i suoi settori<br />

per permettere che vengano effettuati<br />

tutti gli adeguamenti salariali necessari<br />

di fronte alla preoccupante situazione<br />

economica.


20<br />

Dalle<br />

professioni<br />

«Un enorme passo verso la parità dei diritti per i lavoratori<br />

di IMS all’interno della Posta» Manuel Wyss<br />

Il tetto giallo è un po’ più ampio<br />

Alla fine di agosto, il lungo percorso verso il nuovo contratto<br />

collettivo di lavoro di IMS si è concluso con successo.<br />

Anche Posta Immobili Management e Servizi (IMS) sotto lo stesso tetto. (© Keystone-ATS Anthony Anex)<br />

Posta Immobili («Posta Immobili Management<br />

e Servizi SA», in breve IMS) è<br />

il fornitore di servizi della Posta relativo<br />

alla gestione degli immobili. Circa<br />

mille dipendenti gestiscono oltre 2mila<br />

immobili in tutta la Svizzera. Presso<br />

IMS lavorano svariati professionisti,<br />

come tecnici di edifici, addetti alle pulizie<br />

o amministratori di immobili.<br />

Il vigente contratto collettivo di<br />

lavoro di IMS è ancora valido fino alla<br />

fine del 2022. La manovra di avvicinamento<br />

verso il nuovo CCL è stata lunga.<br />

Già tra il 2021 e il 2022 <strong>syndicom</strong><br />

aveva condotto un sondaggio presso i<br />

suoi membri sui requisiti di un nuovo<br />

contratto. La richiesta più frequente<br />

per il 25% degli intervistati è stata una<br />

maggior protezione in caso di licenziamento<br />

e un vero piano sociale,<br />

seguita a ruota da migliori salari e<br />

supplementi. Le valutazioni hanno<br />

evidenziato un lungo elenco di<br />

richieste e molto potenziale di miglioramento.<br />

Sono state necessarie 7 tornate<br />

di negoziazioni tra febbraio e<br />

inizio giugno per arrivare alla firma<br />

del CCL aziendale di IMS. Nelle due<br />

conferenze del 25 e 30 agosto i membri<br />

di <strong>syndicom</strong> hanno approvato il risultato.<br />

A ragione, poiché il nuovo contratto<br />

comporta solo miglioramenti.<br />

La protezione in caso di licenziamento<br />

viene estesa: ora IMS ha un proprio<br />

piano sociale che si basa in gran<br />

parte sul piano sociale della Posta.<br />

Ora esiste ad esempio la possibilità di<br />

andare in prepensionamento a partire<br />

dai 62 anni d’età. La durata dei contratti<br />

viene ridotta – da max. 24 a<br />

18 mesi. Per il personale a prestito si<br />

applica una normativa in materia di<br />

contratto di lavoro e il diritto viene ora<br />

acquisito a partire da un impiego di<br />

16 mesi presso IMS.<br />

Tutti i salari minimi hanno subito<br />

un notevole aumento. Per la categoria<br />

degli addetti alle pulizie l’incremento<br />

si aggira tra i 50 e i 400 franchi a seconda<br />

della fascia salariale. In tutti gli altri<br />

livelli l’aumento è stato di un punto<br />

percentuale. Ora è stato introdotto un<br />

premio fedeltà a partire dai 20 anni di<br />

servizio che corrisponde a 2 settimane<br />

di vacanze o a 3000 franchi ogni cinque<br />

anni. Questi sono solo alcuni punti<br />

dell’elenco dei miglioramenti materiali<br />

nel nuovo CCL.<br />

Tutti sotto lo stesso tetto<br />

Inoltre, l’intera normativa si avvicina<br />

al CCL aziendale di Posta CH valido<br />

dal 2021. Analogamente ai CCL aziendali<br />

di Posta CH o PostFinance, ora il<br />

CCL IMS rientra sotto il cosiddetto<br />

«CCL mantello», che regola le relazioni<br />

tra le parti contrattuali e definisce i<br />

diritti sindacali. Esso gestisce tra l’altro<br />

le negoziazioni salariali oppure i<br />

meccanismi di risoluzione dei conflitti.<br />

Insieme ai progressi in ambito sociopolitico,<br />

nel nuovo CCL vediamo<br />

un enorme passo verso la parità dei diritti<br />

per i lavoratori di IMS all’interno<br />

della Posta.<br />

Manuel Wyss<br />

Verso il grande sciopero<br />

delle donne 2023<br />

Patrizia Mordini è responsabile delle pari<br />

opportunità e membro del Comitato direttivo<br />

Lo sciopero delle donne* 2023 del 14<br />

giugno prossimo sarà ancora una volta<br />

un grande sciopero delle donne! Poiché<br />

la Svizzera non fa passi avanti in<br />

termini di parità e poiché la politica e<br />

l’economia, il Parlamento e i datori di<br />

lavoro continuano a rimandare i diritti<br />

delle donne* sanciti dalla Costituzione,<br />

il Congresso delle donne dell’USS<br />

ha deciso lo scorso novembre che l’anno<br />

prossimo la Svizzera dovrà essere<br />

attraversata da un’altra inequivocabile<br />

e udibile scossa viola. Proprio come<br />

nel 1991 e nel 2019.<br />

All’assemblea del 18 giugno 2022, i<br />

delegati di <strong>syndicom</strong> hanno deciso<br />

con entusiasmo di partecipare e hanno<br />

messo a disposizione un budget.<br />

Ora inizia il lavoro di preparazione su<br />

due livelli: insieme alle federazioni<br />

consorelle e ai gruppi addetti allo sciopero<br />

delle donne* nelle regioni, saranno<br />

pianificate le manifestazioni pubbliche<br />

nelle varie città il 14 giugno.<br />

All’interno di <strong>syndicom</strong>, il potere dello<br />

sciopero delle donne* sarà utilizzato<br />

per promuovere la parità in azienda. A<br />

tal fine, sono previste azioni in alcuni<br />

settori, per rivendicare più tempo per<br />

l’assistenza e il lavoro familiare, rendite<br />

eque e parità di retribuzione, nonché<br />

la tolleranza zero nei confronti<br />

delle violenze sessiste sul posto di lavoro.<br />

Senza dimenticare i miglioramenti<br />

ottenuti negli ultimi anni nei<br />

negoziati CCL. Insieme garantiremo il<br />

successo dello sciopero delle donne*!<br />

Siamo ancora alla ricerca di persone di<br />

fiducia che vogliano impegnarsi: contattate<br />

gleichstellung@<strong>syndicom</strong>.ch!


«La commissione offre servizio di consulenza pensionistica in<br />

tutte le regioni, indipendendentemente dal settore » Franz Schori<br />

21<br />

In pensione a fare la bella vita?<br />

La maggior parte dei pensionati di oggi è ancora attiva e vuol fare<br />

di più che godersi semplicemente la vita. <strong>syndicom</strong> valorizza<br />

questo potenziale in molti modi. E la tendenza è in aumento.<br />

L’esperienza dei pensionati al servizio dei lavoratori e del sindacato. (© Keystone-ATS Josep Rovirosa)<br />

Il 27 aprile 2017, dieci dipendenti di<br />

Swisscom s0incontrano a Olten per il<br />

workshop «Erfa-Austausch 58+». Discutono<br />

su come utilizzare il potenziale<br />

dei membri più anziani di <strong>syndicom</strong>.<br />

Vengono lanciate nuove idee,<br />

scartate o approfondite. Ciò che viene<br />

avviato allora ha un effetto ancora<br />

oggi. Hansruedi Schläppi ha iniziato a<br />

fornire consulenza ai membri più anziani<br />

di <strong>syndicom</strong> attivi presso Swisscom<br />

già nell’estate 2017. Si è passati<br />

poi gradualmente a un vero e proprio<br />

servizio di consulenza per il pensionamento,<br />

inizialmente solo per gli iscritti<br />

di Swisscom nella Svizzera tedesca.<br />

Oggi, a distanza di cinque anni, l’apposita<br />

commissione specializzata,<br />

composta da 10 membri e presieduta<br />

da Edith Annaheim, offre consulenza<br />

agli iscritti di tutte le regioni linguistiche,<br />

indipendentemente dal settore e<br />

dal datore di lavoro. Alla fine del 2018,<br />

l’esperto di comunicazione Mark Herbst<br />

propone al settore ICT di utilizzare<br />

i pensionati per reclutare nuovi membri.<br />

Nei primi workshop ci rendiamo<br />

subito conto che il reclutamento è difficile<br />

poiché i pensionati non hanno<br />

più accesso al posto di lavoro. Passiamo<br />

quindi alla fidelizzazione dei membri.<br />

Per esempio, i membri della nuova<br />

organizzazione Plus conducono con<br />

successo da oltre due anni colloqui di<br />

«win back», feedback e fidelizzazione.<br />

I colloqui di «win back» hanno contribuito<br />

a riconquistare decine di soci<br />

che volevano lasciare <strong>syndicom</strong>. Dopo<br />

il 18° mese di adesione si tengono colloqui<br />

di feedback con i membri per capire<br />

se si sentono a proprio agio con<br />

<strong>syndicom</strong>. I colloqui di fidelizzazione<br />

sono invece tenuti dai membri dell’organizzazione<br />

Plus con gli iscritti che<br />

hanno più di 58 anni. Il Comitato direttivo<br />

ha recentemente deciso di<br />

estendere questi colloqui di fidelizzazione<br />

dal settore ICT a tutti i membri.<br />

Consigliare e telefonare sono due<br />

modi per partecipare. Altre opportunità<br />

sono offerte dalle campagne di<br />

distribuzione di volantini, sia per votazioni<br />

come AVS21 sia, come recentemente,<br />

per l’elezione della rappresentanza<br />

dei lavoratori nel Consiglio di<br />

fondazione di comPlan. Al workshop<br />

del 27 aprile 2017 c’era anche Thomas<br />

Burger, attuale presidente dei pensionati<br />

<strong>syndicom</strong>, che ora sta lavorando su<br />

maggiori opportunità di partecipazione,<br />

ad esempio sulla creazione di un<br />

gruppo di lavoro sociopolitico. Interessati?<br />

Contattateci: participation@<strong>syndicom</strong>.ch.<br />

Franz Schori<br />

5G, l’uomo e<br />

la tecnologia<br />

L’arrivo di nuove tecnologie suscita<br />

spesso timori nelle persone. Questo<br />

vale anche per l’introduzione della<br />

quinta generazione nella telefonia<br />

Daniel Hügli è membro del Comitato direttivo<br />

e responsabile del settore ICT<br />

mobile (5G). Le persone reagiscono in<br />

modo diverso alle radiazioni non ionizzanti<br />

(RNI) delle antenne, anche se<br />

sono molto al di sotto dei limiti internazionali<br />

che dovrebbero proteggere<br />

dai danni alla salute scientificamente<br />

riconosciuti.<br />

Il primo rapporto annuale sulle<br />

misurazioni RNI è stato pubblicato<br />

per conto dell’Ufficio federale dell’ambiente.<br />

I risultati mostrano che nelle<br />

aree accessibili al pubblico sono state<br />

misurate intensità di campo pari a un<br />

massimo del 15% del valore limite, ma<br />

nella stragrande maggioranza dei casi<br />

si trattava di intensità a una sola cifra,<br />

anche nelle abitazioni private.<br />

Il fatto che i valori siano stabili nonostante<br />

l’aumento del traffico dati<br />

potrebbe essere dovuto alle tecnologie<br />

di trasmissione: il 4G e il 5G sono più<br />

efficienti perché la potenza di trasmissione<br />

si adatta alla rispettiva domanda.<br />

Le antenne adattive 5G irradiano<br />

inoltre in modo specifico verso il<br />

dispositivo mobile. In particolare per<br />

il 5G, le radiazioni più elevate provengono<br />

dal cellulare stesso. E maggiore è<br />

la densità delle antenne, minori sono<br />

le radiazioni del cellulare.<br />

Grazie al 5G, in futuro dovrebbe essere<br />

possibile ridurre l’impronta ecologica<br />

direttamente nell’infrastruttura<br />

di rete, ma anche indirettamente<br />

con applicazioni ad alta efficienza<br />

energetica, come dimostra uno studio<br />

dell’Università di Zurigo e dell’Empa.<br />

Affinché ciò avvenga, tuttavia, le aziende<br />

di comunicazione mobile devono<br />

investire maggiormente nella ricerca,<br />

nel monitoraggio e nell’informazione<br />

sul 5G. Questo vale anche per la Confederazione,<br />

che allo stesso tempo è<br />

chiamata a sbloccare rapidamente<br />

l’espansione del 5G insieme ai Comuni<br />

e ai Cantoni.


22 Politica<br />

Green New Deal per il<br />

clima, il futuro e il lavoro<br />

L’ambiente sembra ormai fuori dal dibattito politico, scalzato<br />

dalla guerra, dalla crisi energetica e dall’inflazione. Tutto è invece<br />

collegato, ricorda Margot Chauderna, co-presidente dei<br />

giovani Verdi svizzeri e da poco laureata in biologia e sociologia.<br />

Il Partito socialista (PS) e i Verdi hanno da poco lanciato<br />

un’iniziativa per creare un fondo per il clima. Il testo, sostenuto<br />

anche dall’Unione sindacale svizzera (Uss), invita la Confederazione<br />

a creare un nuovo fondo per sostenere investimenti<br />

pubblici in infrastrutture, aziende e industrie.<br />

Testo: Federico Franchini<br />

Foto: Keystone-ATS e Giovani Verdi svizzeri<br />

Signora Chauderna, i promotori<br />

dell’iniziativa vogliono investire miliardi<br />

di franchi all’anno nella transizione<br />

energetica. Da dove verranno<br />

i soldi?<br />

L’iniziativa prevede che la Confederazione<br />

investa tra lo 0,5 el’1% del<br />

suo prodotto interno lordo (PIL), ossia<br />

fra i 3,5 e i 7 miliardi di franchi,<br />

nella transizione ecologica. Vogliamo<br />

che questo finanziamento sia assunto<br />

dallo Stato, ma vogliamo farlo<br />

nel modo più socialmente accettabile<br />

possibile. Perciò non vogliamo<br />

una nuova tassa. L’idea è quindi<br />

quella di prendere i soldi che la<br />

Confederazione già possiede e investirli<br />

nella lotta al riscaldamento<br />

globale e nella conservazione della<br />

biodiversità. Altri settori, molto più<br />

dannosi, beneficiano di maggiori<br />

quantità di denaro statale.<br />

Che cosa volete fare esattamente<br />

con questo denaro?<br />

Vogliamo<br />

decarbonizzare<br />

la società<br />

e l’economia<br />

Fra le altre cose, vogliamo accelerare<br />

la ristrutturazione del parco edilizio,<br />

promuovere programmi di risparmio<br />

energetico, investire in<br />

impianti di energia rinnovabile e<br />

sviluppare il trasporto pubblico. La<br />

doppia crisi – clima e biodiversità –<br />

si aggrava ogni giorno di più, minacciando<br />

la nostra salute e quella del<br />

pianeta. Dobbiamo quindi agire rapidamente.<br />

L’obiettivo della nostra<br />

iniziativa è fornire alla protezione<br />

del clima e della biodiversità i fondi<br />

necessari per finanziare il più rapidamente<br />

possibile la transizione<br />

verso una società a basse emissioni<br />

di carbonio. Le misure adottate finora<br />

non permetteranno alla Svizzera<br />

di raggiungere l’obiettivo di zero<br />

emissioni nette entro il 2050. E siamo<br />

lontani anni luce dal rispettare<br />

l’impegno che la Confederazione si<br />

è assunta quando ha ratificato l’Ac-


«Con questa iniziativa, vogliamo inscrivere nella<br />

Costituzione la protezione dell’ambiente quale<br />

quadro di riferimento della nostra economia e<br />

della nostra società. La Svizzera deve produrre e<br />

importare in modo tale da preservare i propri<br />

mezzi di sussistenza»<br />

23<br />

Margot Chauderna, Co-presidente Giovani Verdi svizzeri<br />

cordo sul clima di Parigi e limitare il<br />

riscaldamento globale a meno di<br />

1,5 °C. Siamo molto indietro e per<br />

raggiungere questi obiettivi dobbiamo<br />

agire rapidamente e con mezzi<br />

finanziari consistenti.<br />

Il lancio dell’iniziativa avviene in un<br />

periodo di crisi energetica. È il momento<br />

giusto? O teme che la gente<br />

pensi più a riscaldare le proprie case<br />

che a salvare il pianeta?<br />

Le due questioni sono strettamente<br />

collegate! Il nostro consumo di combustibili<br />

fossili non solo aggrava il<br />

riscaldamento globale e il crollo della<br />

biodiversità, ma mette anche in<br />

pericolo la pace, i diritti umani e la<br />

democrazia, incoraggiando la guerra<br />

e i regimi autoritari. Questo ha<br />

anche ripercussioni materiali sulla<br />

nostra vita. L’attuale situazione di<br />

crisi energetica alimentata dall’offensiva<br />

militare della Russia contro<br />

l’Ucraina lo dimostra molto bene.<br />

Cercando di decuplicare lo sviluppo<br />

delle energie rinnovabili, di moderare<br />

il nostro consumo energetico e<br />

di decarbonizzare, questa iniziativa<br />

rafforza la nostra indipendenza dal<br />

petrolio e dal gas – e quindi da Stati<br />

autocratici come la Russia. Assicura<br />

quindi il nostro approvvigionamento.<br />

Credo dunque che questo sia<br />

davvero il momento giusto: ciò che<br />

sta accadendo in Ucraina è un argomento<br />

a favore della transizione<br />

energetica e dell’abbandono dei<br />

combustibili fossili. I cittadini sono<br />

più che mai interessati alle pompe<br />

di calore o ai pannelli solari. Con i<br />

giusti investimenti, possiamo limitare<br />

il rischio di carenza energetica<br />

nel prossimo decennio e ridurre le<br />

nostre emissioni di CO2.<br />

Questo nuovo fondo per il clima<br />

avrà un impatto anche sui posti di<br />

lavoro in Svizzera?<br />

Siamo in ritardo<br />

sulle quote fissate<br />

nell’Accordo sul<br />

clima di Parigi<br />

Sì, il testo dell’iniziativa parla di formazione<br />

e riqualificazione per i lavori<br />

di domani. Dobbiamo formare<br />

le persone per le nuove professioni<br />

di cui avremo bisogno per decarbonizzare<br />

l’economia. L’energia solare,<br />

ad esempio, è una priorità e siamo<br />

a corto di persone che installino<br />

i pannelli. È quindi evidente che investire<br />

in questi settori avrà un impatto<br />

positivo sull’occupazione. Un<br />

impatto positivo sarà anche dato dal<br />

fatto che, promuovendo una maggiore<br />

indipendenza energetica, saremo<br />

in grado di rimpatriare i miliardi<br />

di franchi che la Svizzera paga ogni<br />

anno per importare combustibili<br />

fossili da Paesi problematici. Invece<br />

di alimentare le autocrazie, questo<br />

creerà posti di lavoro interessanti in<br />

Svizzera. Per questo l’Unione Sindacale<br />

Svizzera è in prima linea insieme<br />

ai Verdi e al Partito Socialista.<br />

Un altro aspetto importante di questo<br />

approccio è quello di mettere lo<br />

Stato al centro della lotta contro il<br />

cambiamento climatico. Quale sarà<br />

il ruolo del servizio pubblico?<br />

Grazie a questo fondo per il clima,<br />

investire nella decarbonizzazione<br />

della società e dell’economia sarà<br />

un compito pubblico. Mentre in<br />

Svizzera è ovvio che l’istruzione, le<br />

infrastrutture e l’assistenza sanitaria<br />

di base sono compiti dello Stato<br />

– e quindi fanno parte del servizio<br />

pubblico – stiamo trascurando la<br />

sfida del secolo, la doppia crisi del<br />

clima e della biodiversità. Questa<br />

iniziativa riconosce che la lotta al riscaldamento<br />

globale e il rafforzamento<br />

della biodiversità sono essenziali<br />

per la prosperità della<br />

nostra società tanto quanto l’assistenza<br />

sanitaria e l’istruzione. L’obiettivo<br />

è rendere questo compito<br />

pubblico, progettato e finanziato in<br />

modo socialmente equo, invece di<br />

essere scaricato sui singoli.<br />

I Giovani Verdi stanno portando<br />

avanti anche l’iniziativa per la responsabilità<br />

ambientale. Di che<br />

cosa si tratta?<br />

L’obiettivo di questa iniziativa è<br />

quello di sancire nella Costituzione<br />

che la protezione dell’ambiente<br />

deve diventare il quadro di riferimento<br />

della nostra economia e della<br />

nostra società. Con questa iniziativa,<br />

vogliamo fare della tutela<br />

dell’ambiente una priorità assoluta.<br />

Ciò significa che la Svizzera deve<br />

produrre e importare in modo da<br />

preservare i beni di prima necessità<br />

(e quindi proteggere i nostri mezzi<br />

di sussistenza). In concreto, vorremmo<br />

che l’impatto ambientale della<br />

Svizzera sia ridotto entro i prossimi<br />

dieci anni per rispettare i limiti planetari<br />

della Terra.<br />

Il dibattito sul clima sembra essere<br />

uscito un po’ dall’agenda politica.<br />

Queste due iniziative hanno l’obiettivo<br />

di riportare questo tema fondamentale<br />

all’ordine del giorno prima<br />

delle prossime elezioni federali?<br />

Sì, il clima è stato un tema importante<br />

nelle ultime elezioni federali e<br />

la situazione è così grave che dovrebbe<br />

essere un fattore anche nelle<br />

prossime. La Svizzera sente sempre<br />

di più l’impatto del riscaldamento<br />

globale: in estate si susseguono ondate<br />

di calore, siccità e maltempo, i<br />

ghiacciai si sciolgono e in inverno la<br />

neve scarseggia. Tuttavia, credo che<br />

la bocciatura della legge sulla CO2<br />

abbia rallentato un po’ lo slancio<br />

del Parlamento. Poi la guerra in<br />

Ucraina e la crisi energetica hanno<br />

messo in secondo piano questi<br />

temi. Con queste due iniziative dovremmo<br />

sensibilizzare l’opinione<br />

pubblica sui rischi della dipendenza<br />

dai combustibili fossili e, naturalmente,<br />

riportare l’ambiente al centro<br />

della prossima campagna elettorale<br />

nazionale.<br />

Firma l’iniziativa per un fondo<br />

per il clima


24 Politica<br />

Multinazionali più<br />

responsabili, è ora?<br />

La Svizzera è rimasta indietro nel campo della responsabilità<br />

delle imprese. A due anni dal voto sulle multinazionali responsabili,<br />

la coalizione (di cui fa parte anche <strong>syndicom</strong>) che sta<br />

dietro a questo progetto lancia una petizione su larga scala<br />

affinché una legge forte ed efficace possa finalmente essere<br />

attuata anche in Svizzera. Mentre l’Europa sta lavorando a una<br />

nuova legge sulla responsabilità delle multinazionali a livello<br />

europeo, il controprogetto all’iniziativa, entrato in vigore in<br />

Svizzera all’inizio del 2022, sembra essere solo una chimera.<br />

Testo: Robin Moret<br />

Foto: Keystone - ATS<br />

Da troppo tempo le multinazionali<br />

svizzere sono regolarmente coinvolte<br />

in violazioni dei diritti umani o<br />

nell’inquinamento ambientale.<br />

Mentre i paesi limitrofi e l’Unione<br />

europea stanno adottando leggi efficaci<br />

per affrontare questi problemi,<br />

la Svizzera potrebbe diventare l’unico<br />

paese privo di responsabilità per<br />

le multinazionali. In questo contesto,<br />

lo scorso agosto la coalizione<br />

per le multinazionali responsabili<br />

ha lanciato una petizione per una<br />

legge efficace, chiedendo al Consiglio<br />

federale di mantenere le promesse<br />

fatte in occasione della<br />

campagna che aveva preceduto la<br />

votazione. Il primo passo consiste<br />

nell’includere una «due diligence»<br />

(diligenza dovuta) ambientale e dei<br />

diritti umani basata sul rischio, in<br />

linea con gli standard internazionali<br />

(in particolare le linee guida delle<br />

Nazioni Unite su imprese e diritti<br />

umani e le linee guida dell’OCSE per<br />

le multinazionali). In secondo luogo,<br />

la legge dovrebbe prevedere la<br />

Un terzo di chi<br />

aveva votato No<br />

nel 2020 ha ora<br />

cambiato idea<br />

creazione di un’autorità di vigilanza<br />

indipendente con ampi poteri, sulla<br />

falsariga della proposta di direttiva<br />

UE.<br />

Infine, è necessario incorporare<br />

una responsabilità civile adattata<br />

al diritto svizzero per i danni ai<br />

diritti umani o all’ambiente che<br />

avrebbero potuto essere evitati con<br />

un’adeguata “due diligence”.<br />

Ispirandosi a Germania, Norvegia<br />

e Francia, che hanno una legislazione<br />

efficace in materia, la Commissione<br />

europea ha presentato<br />

all’inizio dell’anno una bozza di direttiva<br />

che in parte va oltre l’iniziativa<br />

per le multinazionali responsabili<br />

su cui si era votato in Svizzera alla<br />

fine del 2020: la responsabilità civile<br />

è estesa ai fornitori ed è prevista<br />

un’autorità di vigilanza con il potere<br />

di imporre pesanti multe in caso di<br />

violazioni. E le multinazionali dovranno<br />

dimostrare di rispettare gli<br />

obiettivi dell’accordo sul clima di<br />

Parigi.<br />

Sensibilizzazione in Svizzera<br />

Ricordiamo che l’iniziativa popolare<br />

“per imprese responsabili” era stata<br />

respinta dalla maggioranza dei<br />

Cantoni, ma che il 50,7% dei votanti<br />

aveva detto “sì”. Era necessaria una<br />

doppia maggioranza. Oggi, secondo<br />

un recente sondaggio pubblicato<br />

dall’istituto Demoscope, più di un<br />

terzo di coloro che avevano votato<br />

“no” nel 2020 hanno cambiato idea<br />

alla luce degli sviluppi europei.<br />

La vasta coalizione “per multinazionali<br />

responsabili” (di cui fa<br />

parte anche <strong>syndicom</strong>) intende<br />

sfruttare questo trend per inviare un<br />

messaggio chiaro al Consiglio federale<br />

e al Parlamento e per andare oltre<br />

il controprogetto. L’obiettivo è<br />

quello di raccogliere 100mila firme<br />

in 100 giorni, ovvero entro il 27 novembre.<br />

Ce la possiamo fare!<br />

Firma l’iniziativa<br />

Multinazionali responsabili


Diritto e diritti<br />

25<br />

Caro servizio di assistenza giuridica,<br />

da alcuni mesi assistiamo ad aumenti dei<br />

prezzi dei carburanti, dell’energia elettrica<br />

e del gas nonché di determinati generi<br />

alimentari. Come ogni anno, anche un<br />

aumento dei premi delle casse malati è<br />

prevedibile. Da qualche anno non abbiamo<br />

però ricevuto né una compensazione del<br />

rincaro né un aumento del salario reale.<br />

Questo principalmente a causa delle misure<br />

adottate per il Covid-19 e per il conseguente<br />

lavoro ridotto che si è protratto per<br />

diversi mesi. Ora temo che a causa dell’attuale<br />

crisi il datore di lavoro ancora una<br />

volta non provvederà nemmeno a compensare<br />

il rincaro. Che possibilità ho il diritto a<br />

spuntarla per ottenere un aumento salariale?<br />

Lavoro nell’industria grafica e nel<br />

nostro settore si applica il contratto<br />

collettivo di lavoro.<br />

Cosa prevede il contratto collettivo di<br />

lavoro dell’industria grafica?<br />

Nella nostra azienda non c’è una rappresentanza<br />

del personale. Finora il datore<br />

di lavoro non si è mai espresso in merito.<br />

Negli ultimi anni abbiamo ottenuto semplicemente<br />

una comunicazione interna alla<br />

fine dell’anno contenente informazioni<br />

salariali generiche. Cosa posso fare per<br />

affrontare o rivendicare un aumento salariale?<br />

Risponde il servizio giuridico di <strong>syndicom</strong><br />

Il datore di lavoro deve pagare il salario convenuto o<br />

quello usuale mediante contratto normale o tramite un<br />

contratto collettivo di lavoro (art. 322 cpv. 1 CO). Il salario<br />

può essere negoziato liberamente tra il datore di lavoro e<br />

il lavoratore, ma non può violare le disposizioni di legge,<br />

di un contratto collettivo di lavoro o di un contratto di<br />

lavoro normale. Non vige pertanto l’obbligo legale del datore<br />

di lavoro di adeguare annualmente o regolarmente il<br />

salario al rincaro oppure di garantire un aumento del salario<br />

reale. In un contratto collettivo di lavoro è possibile<br />

concordare delle migliori disposizioni a favore dei lavoratori.<br />

Ad esempio, in un contratto collettivo di lavoro è possibile<br />

sancire la garanzia di salari minimi o la compensazione<br />

annuale del rincaro.<br />

Nel contratto collettivo per l’industria grafica sono stati<br />

negoziati, da un lato, dei salari minimi che devono essere<br />

rispettati e, dall’altro, l’obbligo di negoziare le modifiche<br />

salariali generali una volta all’anno con la rappresentanza<br />

del personale. Qualora un’azienda non disponga di una<br />

rappresentanza del personale, la contrattazione salariale<br />

dovrà avvenire direttamente con il personale. Non esiste<br />

però alcun obbligo di garantire annualmente o regolarmente<br />

un aumento salariale.<br />

Insieme si ottengono sempre risultati migliori. L’argomento<br />

non preoccupa sicuramente solo te, ma anche i<br />

tuoi colleghi di lavoro. Redigete insieme una lettera indirizzata<br />

al datore di lavoro e formulate la rivendicazione<br />

salariale. Consegnate questa rivendicazione salariale alla<br />

direzione aziendale invitandola a organizzare un’assemblea<br />

aziendale dove discutere e negoziare questo argomento.<br />

È possibile rivendicare un aumento salariale anche<br />

individualmente. Per farlo contatta il tuo superiore<br />

diretto e chiedigli un colloquio. Un’azione collettiva è<br />

però sempre la soluzione migliore perché in tal modo il<br />

datore di lavoro si rende conto che non si tratta di un’esigenza<br />

individuale bensì di una necessità della maggior<br />

parte dei lavoratori. Qualora abbiate delle domande o<br />

necessitiate di aiuto, <strong>syndicom</strong> sarà lieto di consigliarvi e<br />

aiutarvi, sia per azioni collettive che individuali.<br />

Tutte le precedenti rubriche<br />

su internet


26 Rubriche<br />

Idee<br />

© Armando Dadò Editore<br />

© Nidodiragno<br />

ePub: creare libri digitali<br />

Che voi leggiate libri digitali su dispositivi<br />

come Kindle, oppure sui<br />

tablet, sia Apple che Android, è molto<br />

probabile siano tutti in formato<br />

ePub. Negli ultimi anni è diventato<br />

lo standard per la pubblicazione di<br />

libri digitali. Basato sul linguaggio<br />

XML, ePub («electronic publication»)<br />

è il formato più diffuso nell’editoria<br />

digitale. Perciò Helias propone a tutti<br />

gli interessati (professionisti della<br />

prestampa, grafici, operatori di comunicazione<br />

visiva in generale) il<br />

corso «ePub: realizzare un eBook con<br />

specifiche standard in XHTML e<br />

CSS». In due pomeriggi (17 e 24 novembre),<br />

l’esperta Barbara Solari<br />

guiderà i partecipanti alla scoperta<br />

di uno standard molto versatile, con<br />

specifiche che consentono di creare<br />

eBook di alto impatto visivo su qualsiasi<br />

dispositivo, dal computer all’i­<br />

Pad di Apple e su tanti eReader che<br />

lo supportano. Una delle caratteristiche<br />

vincenti di ePub è che il testo si<br />

reimpagina automaticamente, adattandosi<br />

alle dimensioni dello schermo<br />

su cui viene visualizzato, telefonini<br />

compresi. «Il corso – spiega<br />

Bar bara Solari – è indirizzato a chi<br />

desidera capire come funziona un<br />

ePub. Non sono necessarie conoscenze<br />

di XHTML o CSS e neppure di<br />

un programma di editing particolare.<br />

Durante il corso si vedrà come è<br />

strutturato un ePub, per imparare a<br />

realizzare da zero un eBook semplice.<br />

E se ne esplorano le potenzialità,<br />

in modo che il nostro libro digitale<br />

venga visto nello stesso modo su tutti<br />

i lettori, nuovi e meno».<br />

Barbara Solari ha frequentato la<br />

Schule für Gestaltung (Scuola d’arti<br />

applicate) a Basilea, dove si è formata<br />

quale progettista tipografa. Ora lavora<br />

a tempo parziale presso le Edizioni<br />

Casagrande e quale progettista<br />

tipografa indipendente. Docente Viscom<br />

e Helias, dal 2013 è capoperito<br />

dei poligrafi.<br />

Giovanni Valerio<br />

Informazioni aggiornate sui corsi Helias<br />

al sito www.helias.ch<br />

Sulla svizzeritudine<br />

Svizzeri lo si è da sempre. Oppure,<br />

dal punto di vista istituzionale, lo si<br />

diventa, ammesso che... si abbia vissuto<br />

in Svizzera un numero sufficiente<br />

di anni; non ci si trovi in assistenza<br />

sociale; si conosca la lingua del<br />

cantone in cui si risiede; si dimostri<br />

di essere integrati. Ma, come ricorda<br />

Ada Marra (consigliera nazionale socialista<br />

e figlia di emigrati italiani),<br />

godere del diritto di voto non significa<br />

venir considerati «membri della<br />

famiglia svizzera» a pieno titolo. Passando<br />

in rassegna i principali discorsi<br />

legati alla naturalizzazione, Marra<br />

tocca le varie narrazioni che legano<br />

l’essenza svizzera a «una scelta per<br />

difetto»: i «veri» rossocrociati non<br />

sono attaccati alle proprie origini migratorie<br />

– e quindi non tifano Italia a<br />

calcio, non hanno la pelle scura e<br />

nemmeno un nome esotico, non<br />

sono poveri, non sono «secondos». Il<br />

problema è che caratterizzare la svizzerità<br />

per negazione di altro diventa<br />

un’impresa quasi titanica e richiederebbe<br />

almeno 8’670’300 risposte,<br />

tanti sono gli svizzeri, persone diverse<br />

per preferenze politiche e religione,<br />

lingua, educazione (già, i programmi<br />

scolastici sono differenti da<br />

cantone a cantone), così come per residenza<br />

(gli svizzeri all’estero sono<br />

circa 570mila). A che pro, dunque,<br />

gerarchizzare con distinzioni «tra gli<br />

svizzeri o tra gli svizzeri e gli altri», se<br />

non per fomentare differenze e divisioni<br />

tra presunti veri cittadini e tutti<br />

gli altri, lacerando quello che è il successo<br />

del modello elvetico dove – ricorda<br />

Marra – lo stare insieme è un<br />

atto di volontà? È proprio questo il<br />

cuore della riflessione del libro: pensare<br />

all’identità svizzera in positivo,<br />

per quello che è piuttosto che per<br />

quello che non è, ovvero come a un<br />

mosaico di individui legati dal fatto<br />

«di essere cittadini di uno stesso paese.<br />

Un paese con regole democratiche,<br />

nelle quali crediamo».<br />

Valeria Camia<br />

Ada Marra, 8’670’300 modi di essere<br />

svizzeri, Armando Dadò Editore, editore.ch<br />

Doppio taglio<br />

Ma vi sembra normale che un giornale<br />

metta in prima pagina una foto<br />

inneggiante alla vita sessuale della<br />

vittima per parlare di una ragazza<br />

massacrata a coltellate? Ma un’immagine<br />

dell’assassino non l’avevano?<br />

Non se ne può più di tutta questa<br />

indulgenza verso i maschi<br />

violenti, di assassini considerati alla<br />

stregua di bimbi piagnucoloni. Uccidere<br />

una donna non è una «marachella»,<br />

a meno di non essere convinti<br />

che esistano vite «meno degne»<br />

di essere vissute. La domanda che<br />

dobbiamo porci è questa: come mai<br />

allora NESSUN redattore, correttore<br />

di bozze o direttore, ha deciso che<br />

non si pubblicavano? La risposta è<br />

semplice, perché la vita di una donna<br />

vale meno del rispetto per la verità.<br />

E se non vali nulla è la tua storia<br />

a non valere nulla, il tuo omicidio<br />

non ti appartiene più, e persino il<br />

tuo essere viene cancellato perché<br />

poco idoneo a un racconto il cui unico<br />

scopo è far uscire meglio il mostro.<br />

È così che funziona, ed è così<br />

che ci si abitua al fatto che se sei<br />

una donna ti ammazzano. Per questo<br />

è fondamentale farsi strumento<br />

di indignazione. Di questo parla lo<br />

spettacolo di Marina Senesi «Doppio<br />

taglio», in programma sabato 10 dicembre<br />

alle 20.45 al Teatro Sociale<br />

di Bellinzona, diretto da Lucia Vasini<br />

con musiche originali di Tanita<br />

Tikaram. Un progetto importante,<br />

perché parla senza retorica, al femminile,<br />

decantato per proteggere il<br />

maschile, che scuoterà le coscienze,<br />

facendo indignare, restare in silenzio,<br />

di fronte a ciò che accade. Ricordare,<br />

ascoltare, in questo caso è, più<br />

di altri, fondamentale.<br />

Al termine dello spettacolo, in occasione<br />

della Giornata internazionale<br />

dei diritti umani, l’attrice e autrice<br />

Marina Senesi parteciperà a un incontro<br />

con altre ospiti sul tema della<br />

violenza di genere.<br />

Denise Carniel<br />

Doppio taglio, Teatro Sociale, Bellinzona,<br />

10 dicembre, ore 20.45


1000 parole<br />

La matita di Ruedi Widmer<br />

27


28 Eventi Le manifestazioni contro AVS21 \ La delusione delle donne dopo il risultato della<br />

votazione \ Campionati svizzeri dei corrieri in bici \ Giornata degli indipendenti<br />

1<br />

2<br />

4<br />

3<br />

6<br />

5


1-2. La delusione e la collera delle donne il giorno dopo il risultato della votazione AVS21 (© <strong>syndicom</strong> / Patrizia Mordini)<br />

3-5. Un estratto dalle decine di manifestazioni contro AVS21 in diversi posti di lavoro in tutta la Svizzera (© <strong>syndicom</strong>)<br />

6. Azra Ganic, segretaria regionale ICT regione Zurigo, in visita alle aziende del settore Fulfillment (© <strong>syndicom</strong>)<br />

7. I vincitori del concorso <strong>syndicom</strong> allo Schweizermeisterschaften Velokurier a Lucerna svoltosi dal 23 al 25 settembre (© <strong>syndicom</strong> / Peter Spichtig)<br />

8. Klara Obermüller, la «grande dame» del giornalismo svizzero, alla Giornata degli indipendenti, il 10 settembre a Zurigo (© <strong>syndicom</strong>)<br />

9. Peter Spichtig, responsabile regione Nord Ovest e Svizzera centrale, allo Schweizermeisterschaften Velokurier (© <strong>syndicom</strong>)<br />

10. Il Gruppo d’interesse Migrazione a Zurigo alla Corsa contro il razzismo del 18 settembre (© Idris Djelid)<br />

7<br />

8<br />

9<br />

10<br />

Pubblicità<br />

Passate subito alla KPT e approfittate dei vantaggi<br />

Come membri di <strong>syndicom</strong>, alla<br />

cassa malati KPT voi e i membri<br />

della vostra famiglia potete usufruire<br />

di diversi vantaggi:<br />

Sconto collettivo: avete uno<br />

sconto del 10 % sulle assicurazioni<br />

complementari Cure medico-sanitarie<br />

e del 5 % sulle assicurazioni<br />

delle spese di ospedalizzazione.<br />

Per risparmiare ancora di più:<br />

stipulando un’assicurazione per le<br />

cure medico-sanitarie o un’assicurazione<br />

delle spese d’ospedalizzazione<br />

per un periodo di tre anni, la<br />

KPT vi concede uno sconto fedeltà<br />

del 6,7 %.<br />

Fino a 600 franchi da ActivePlus:<br />

con le assicurazioni complementari<br />

Spese d’ospedalizzazione e<br />

Cure medico-sanitarie Comfort è<br />

previsto un contributo annuale fino<br />

a 600 franchi per chi conduce uno<br />

stile di vita sano e attento alla prevenzione.<br />

La KPT contribuisce al<br />

pagamento del vostro abbonamento<br />

in palestra, della vostra consulenza<br />

nutrizionale e tanto altro.<br />

Abbiamo suscitato il vostro<br />

interesse? Contattateci per<br />

una consulenza personale<br />

(kollektiv@kpt.ch / 058 310 91 11)<br />

oppure create voi stessi un’of-<br />

ferta al sito kpt.ch/<strong>syndicom</strong>.


30<br />

Un lavoro,<br />

una vita<br />

«Dare e ricevere», il motto di Fatima Lee<br />

Nata nel 1960, ha studiato giurisprudenza<br />

in Marocco e vive in Svizzera da<br />

36 anni. Sposata con uno zurighese, ha<br />

due figli grandi. Lavora nel settore delle<br />

telecomunicazioni. Membro del PS e,<br />

dal 2010, di <strong>syndicom</strong>. Presidentessa<br />

del GI Migrazione del Canton Zurigo e<br />

dal 2017 anche co-presidentessa della<br />

Commissione Migrazione Svizzera<br />

(insieme ad Augustin Makumba).<br />

Fatima Lee si rilassa facendo escursioni<br />

con il marito. E c’è un periodo<br />

dell’anno in cui «posso staccare completamente<br />

la spina»: in vacanza senza<br />

televisione e senza telefono.<br />

Testo: Suleika Baumgartner<br />

Foto: Patrick Gutenberg<br />

«Il GI Migrazione è<br />

a disposizione di tutti<br />

Il gruppo d’interesse (GI) Migrazione<br />

di <strong>syndicom</strong> non si occupa solo delle<br />

preoccupazioni delle persone con un<br />

background migratorio, né si concentra<br />

solo sulle questioni lavorative.<br />

«Vogliamo influenzare gli sviluppi<br />

della società nel suo complesso», afferma<br />

la copresidentessa Fatima Lee.<br />

Fatima partecipò alla sua prima<br />

manifestazione con il padre e il<br />

fratello già all’età di 7 anni. Era il<br />

1° maggio 1967. Il lavoro sindacale<br />

ce l’ha per così dire nel sangue. In seguito,<br />

in Svizzera, la giurista divenne<br />

dapprima membro del Partito socialista<br />

(PS). Allorché ha cercato di<br />

motivare una collega a iscriversi<br />

anch’essa al PS, quest’ultima ha detto<br />

che <strong>syndicom</strong> avrebbe rappresentato<br />

altrettanto bene, se non addirittura<br />

meglio, le sue preoccupazioni<br />

sulle questioni sociali. E così, alla<br />

fine del 2010, Fatima Lee aderì al<br />

sindacato.<br />

I temi che stanno a cuore a Fatima<br />

sono i diritti delle donne, l’eliminazione<br />

della discriminazione nei<br />

confronti degli stranieri e il miglioramento<br />

della situazione dei migranti<br />

nel mondo del lavoro. Il GI interviene<br />

anche nei dibattiti elettorali: si è battuto<br />

contro il cosiddetto divieto del<br />

burqa e l’inasprimento della legge<br />

sulla polizia (legge antiterrorismo).<br />

Su quest’ultimo punto, il GI ha organizzato<br />

un dibattito pubblico con la<br />

partecipazione di ospiti esterni.<br />

«Negli ultimi due anni contraddistinti<br />

dal coronavirus, il nostro GI è<br />

stato molto attivo», sottolinea Fatima,<br />

«a tenerci occupati è stata<br />

soprattutto la crescente povertà».<br />

È possibile che proprio l’impegno<br />

politico di <strong>syndicom</strong> durante la pandemia<br />

abbia permesso al sindacato<br />

di reclutare nuovi membri, ricorda<br />

la sindacalista.<br />

A livello cantonale, solo Zurigo ha<br />

ancora un proprio GI, presieduto da<br />

Fatima Lee. «Nel 2016 erano solo due<br />

le persone attive nel GI Migrazione»,<br />

ricorda, «io e la mia segretaria». Ora<br />

vi lavorano ben 12 persone, e a volte<br />

se ne uniscono altre e apportano<br />

nuove idee: «Se una persona lavora<br />

nel Canton Zurigo, può unirsi a noi<br />

anche se non vive qui».<br />

Il GI Migrazione Zurigo sta crescendo:<br />

qual è il segreto di Fatima?<br />

Fatima, una donna snella, energica e<br />

determinata, ci pensa un attimo.<br />

«Faccio sempre qualcosina in più.<br />

E cerco argomenti che interessino le<br />

persone». Inoltre, i membri sanno<br />

che possono contattarla in qualsiasi<br />

momento: per farlo utilizza tutti i canali,<br />

compresi i social media. Grazie<br />

alla sua formazione giuridica, è in<br />

grado di rispondere a domande specifiche.<br />

«Non basta indicare i servizi<br />

di consulenza ufficiali offerti dal sindacato<br />

durante l’orario di ufficio»,<br />

dice. È riuscita a costruire un rapporto<br />

personale con i membri: «È vero,<br />

siamo come una famiglia». Durante<br />

la pandemia, gli incontri online sono<br />

diventati importanti: «Tante persone<br />

si sentivano molto sole. Eravamo lì<br />

per loro. Questo ha rafforzato il nostro<br />

gruppo».<br />

Informazioni sul Gruppo<br />

d’interesse Migrazione


Impressum<br />

Redazione: Robin Moret e Giovanni Valerio<br />

(responsabili), Rieke Krüger, Lydia Schebesta<br />

Tel. 058 817 18 18, redazione@<strong>syndicom</strong>.ch<br />

Traduzioni: Alleva Translations, Alexandrine Bieri<br />

Correzione bozze: Petra Demarchi<br />

Illustrazioni: Katja Leudolph<br />

Layout e stampa: Stämpfli Kommunikation, Berna<br />

Notifica cambi di indirizzo: <strong>syndicom</strong>, Adressverwaltung,<br />

Monbijoustrasse 33, CP, 3001 Berna<br />

Tel. 058 817 18 18, Fax 058 817 18 17<br />

Inserzioni: priska.zuercher@<strong>syndicom</strong>.ch<br />

Abbonamenti: info@<strong>syndicom</strong>.com<br />

Gratis per i soci. Per gli altri: Fr. 35– (estero: 50.–)<br />

Editore: <strong>syndicom</strong> – sindacato dei media<br />

e della comunicazione, Monbijoustrasse 33,<br />

CP, 3001 Berna<br />

La <strong>rivista</strong> <strong>syndicom</strong> esce sei volte l’anno.<br />

Il prossimo numero uscirà il 9 dicembre 2022.<br />

I termini riportati al maschile, laddove ambivalenti,<br />

sottintendono sempre il genere femminile.<br />

31<br />

Il cruciverba di <strong>syndicom</strong><br />

In palio 100 grammi d’argento sotto<br />

forma di lingotti offerti da Banca Cler.<br />

La soluzione sarà pubblicata sul prossimo<br />

numero insieme al nome del vincitore.<br />

Non è previsto alcuno scambio di corrispondenza<br />

sul concorso. Sono escluse<br />

le vie legali. Inviare la soluzione entro il<br />

4 novembre a <strong>syndicom</strong>, via Genzana 2,<br />

6900 Massagno oppure per mail:<br />

info@<strong>syndicom</strong>.ch<br />

La soluzione del cruciverba dello scorso<br />

numero è PREVENZIONE. La vincitrice è<br />

Augusta Fiora di Sonvico, a cui va il<br />

premio di un buono REKA del valore di<br />

50 franchi. Congratulazioni!<br />

Pubblicità<br />

Offerta speciale<br />

Ordinate la vostra carta AgipPLUS<br />

SCONTO: - 4,5 cts /litro di benzina SP e Diesell<br />

Tassa annuale CHF 10.- offerta<br />

Spese mensili di fatturazione CHF 2.50 offerte<br />

Ordinate la vostra richiesta di carta al nostro ufficio<br />

+41 (0)58 817 18 18 - @<strong>syndicom</strong>.ch


32 Inter-attivi<br />

<strong>syndicom</strong> social<br />

L’energia pulita crea posti di lavoro 08.09.2022<br />

Secondo un rapporto dell’Agenzia Internazionale per<br />

l’Energia (IEA), quasi 40 milioni di persone in tutto il<br />

mondo svolgono lavori legati all’energia pulita. Questo<br />

numero rappresenta il 56% dell’occupazione totale del<br />

settore energetico. Ciò significa che, per la prima volta<br />

in assoluto, i posti di lavoro legati all’energia pulita superano<br />

quelli legati alla produzione, al trasporto e al<br />

consumo dei combustibili fossili.<br />

www.iea.org/reports/world-energy-employment<br />

Casse malati ancora su 26.09.2022<br />

Dal momento che i nuovi premi saranno<br />

annunciati domani, ecco un rapido<br />

promemoria per la corretta formulazione: i premi<br />

di cassa malati non stanno «aumentando più di<br />

quanto non facciano gli affitti. Vengono gonfiati<br />

artificialmente. L’aumento del costo della vita<br />

non è una legge di natura. bye @WidlaNatalia<br />

Sciopero ad Amazon in Germania 14.09.2022<br />

I lavoratori Amazon di Winsen (Bassa Sassonia)<br />

hanno scioperato per ottenere migliori salari e<br />

condizioni di lavoro. Da tempo Amazon si oppone<br />

alle richieste del sindacato ver.di per un CCL.<br />

Sostegno ai lavoratori di Apple 25.08.2022<br />

I lavoratori di Apple in Australia (e ovunque nel<br />

mondo) hanno il pieno sostegno del movimento<br />

globale dei lavoratori. @Mathias_UNI<br />

Tecnologia contro la violenza 28.08.2022<br />

Lanciata l’alleanza Spin-Off Tech contro la violenza!<br />

#withyou gegen #ToxischeBeziehungen & #Häusliche<br />

Gewalt! Con #withyou si impara a conoscere le diverse<br />

forme di violenza e a capire dove trovare aiuto.<br />

with-you.ch<br />

Difendersi dagli attacchi online 01.09.2022<br />

La violenza online rappresenta una minaccia costante<br />

per i giornalisti, con gravi implicazioni per<br />

la libertà di stampa, compresa l’autocensura. Questi<br />

abusi colpiscono in particolare le donne. Per<br />

questo l’International Women’s Media Foundation<br />

ha pubblicato una guida contro la violenza online.<br />

www.iwmf.org/newsroom-policy-guide<br />

Retraite Stampa e Media elettronici 21.09.2022<br />

Sono nuovo, ma alzo forte la mia voce per questo<br />

sindacato solido, che fa un lavoro prezioso per noi<br />

giornalisti! Unitevi a @<strong>syndicom</strong> & grazie per l’invito.<br />

@dan_faulhaber<br />

UNI Global e H&M in Perù, accordo storico 08.09.2022<br />

Un sindacato peruviano, membro di UNI Global, ha firmato un<br />

contratto collettivo con H&M, il colosso globale dell’abbigliamento.<br />

È il primo di questo tipo nel paese andino.<br />

News online, quando il troppo stroppia<br />

15.06.2022<br />

Secondo la relazione annuale del Reuters<br />

Institute di Oxford sull’informazione on line<br />

nel mondo, risulta che il 38% della popolazione la evita<br />

consapevolmente, mentre il 43% lamenta un sovraccarico<br />

che porta alla saturazione. Avere troppo equivale a non<br />

avere nulla, senza un filtro per selezionarla.<br />

reutersinstitute.politics.ox.ac.uk<br />

Lucerna, basta Airbnb 19.08.2022<br />

Abbiamo presentato l’iniziativa «Wohnraum<br />

schützen – Airbnb regulieren<br />

(proteggere gli spazi abitativi – regolamentare<br />

Airbnb). Ora il Consiglio comunale di<br />

Lucerna sta avanzando una controproposta che<br />

sacrificherebbe centinaia di appartamenti aggiuntivi.<br />

Così non va! form.typeform.com/to/Ka7dTyt0<br />

Delusione dopo AVS21 25.09.2022<br />

totocaca65 su instagram.com/<strong>syndicom</strong><br />

Non riesco proprio a capire perché donne e<br />

uomini della Svizzera tedesca abbiano<br />

votato a favore di iniziative senza senso #avs #avs21<br />

#avs21non #65cesttoujoursnon @avs21non<br />

Seguiteci sui social!

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!