15.08.2013 Views

AGRICOLTURACONSERVATIVA - B2B24 - Il Sole 24 Ore

AGRICOLTURACONSERVATIVA - B2B24 - Il Sole 24 Ore

AGRICOLTURACONSERVATIVA - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

16 luglio 20111 - Anno LII - N. 28<br />

SUPPLEMENTO AL N. 28 DEL 16 LUGLIO 2011<br />

SEMINA SU SODO, MINIMA LAVORAZIONE, PRECISIONE, DISERBO E CONCIMAZIONE, GESTIONE REFLUI<br />

CON IL PATROCINIO DI:


2 Terra e Vita [ SOMMARIO ] <br />

DIRETTORE RESPONSABILE: Elia Zamboni<br />

VICEDIRETTORE: Beatrice Toni<br />

REDAZIONE: Francesco Bartolozzi, Dulcinea Bignami,<br />

Gianni Gnudi (capo redattore), Alessandro Maresca,<br />

Giorgio Setti (capo redattore), Lorenzo Tosi<br />

SEGRETERIA DI REDAZIONE:<br />

Tel. 051/6575.813- Fax: +39 051 6575.856<br />

Via Goito, 13 - 40126 BOLOGNA<br />

redazione.edagricole@ilsole<strong>24</strong>ore.com<br />

UFFICIO GRAFICO: NCS Media Srl<br />

PROGETTO GRAFICO: Cinzia Leone<br />

DIRETTORE EDITORIALE BUSINESS MEDIA:<br />

Mattia Losi<br />

PROPRIETARIO ED EDITORE: <strong>Il</strong> <strong>Sole</strong> <strong>24</strong> ORE S.p.a.<br />

SEDE LEGALE: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano<br />

PRESIDENTE: Giancarlo Cerutti<br />

AMMINISTRATORE DELEGATO: Donatella Treu<br />

SEDE OPERATIVA:<br />

Via Pisacane, 1 - 20016 Pero (Mi)<br />

Tel. +39 02 3964.61<br />

UFFICIO PUBBLICITÀ:<br />

Tel. +39 051 6575.822 - Fax: +39 051 6575.853<br />

pubblicita.agroindustria@ilsole<strong>24</strong>ore.com<br />

UFFICIO TRAFFICO:<br />

Tel. +39 051 6575.842<br />

impianti.editoriaspecializzata@ilsole<strong>24</strong>ore.com<br />

Via Goito, 13 - 40126 Bologna<br />

STAMPA:<br />

Arti Grafiche Boccia SpA<br />

Via Tiberio Claudio Felice, 7 - 84131 Salerno<br />

SERVIZIO CLIENTI:<br />

email servizioclienti.periodici@ilsole<strong>24</strong>ore.com<br />

www.shopping<strong>24</strong>.it<br />

Tel: +39 02 o 06/3022.5680 – Fax +39 051-6575900<br />

Abbonamento annuo: Euro 99,00<br />

Arretrati: Euro 3,96<br />

Annate arretrate: Euro 125,00<br />

Estero: Abbonamento annuo prioritaria: Euro 305,00<br />

Conto corrente postale n. 87729679 intestato a:<br />

<strong>Il</strong> <strong>Sole</strong> <strong>24</strong> ORE S.p.A. L’abbonamento avrà inizio<br />

dal primo numero raggiungibile<br />

Registrazione Tribunale di Bologna<br />

n. 4272 del 7/04/1973<br />

ROC “Poste italiane Spa – sped. A.P.- DL 353/2003 conv.<br />

L. 46/2004, art.1c.1:DCB Milano”<br />

ROC n. 6553 del 10 dicembre 2001<br />

ISSN 0040-3776<br />

Associato a:<br />

ed è membro italiano di EUROFARM,<br />

l’associazione dei più importanti giornali<br />

periodici agricoli europei<br />

Informativa ex D. Lgs: 196/2003 (tutela della privacy).<br />

<strong>Il</strong> <strong>Sole</strong> <strong>24</strong> ORE S.p.A., titolare del trattamento, tratta, con modalità<br />

connesse ai fini, i Suoi dati personali, liberamente conferiti al<br />

momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da<br />

elenchi contenenti dati personali relativi allo svolgimento di attività<br />

economiche ed equiparate, per i quali si applica l’art. <strong>24</strong>, comma 1,<br />

lett. d) del D. Lgs. 196/2003, per inviarLe la rivista in abbonamento<br />

od in omaggio.<br />

<strong>Il</strong> Responsabile del trattamento è il responsabile IT, cui può<br />

rivolgersi per esercitare i diritti dell’art. 7 D. Lgs. 196/2003<br />

(accesso, correzione, cancellazione, ecc) e per conoscere<br />

l’elenco di tutti i Responsabili del Trattamento. I Suoi dati<br />

potranno essere trattati da incaricati preposti agli ordini, al<br />

marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno<br />

essere comunicati alle società del Gruppo <strong>24</strong> ORE per il<br />

perseguimento delle medesime finalità della raccolta, a società<br />

esterne per la spedizione della Rivista e per l’invio di nostro<br />

materiale promozionale.<br />

<strong>Il</strong> Responsabile del trattamento dei dati personali raccolti in banche<br />

dati di uso redazionale è il Direttore Responsabile a cui, presso il<br />

coordinamento delle segreterie redazionali (fax 051/6575856), gli<br />

interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti dall’art.<br />

7, D. Lgs. 193/2003.<br />

Gli articoli e le fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono.<br />

Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa pubblicazione può<br />

essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma,<br />

sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopia ciclostile, senza il permesso<br />

scritto dall’editore.<br />

Annuncio ai sensi dell'art. 2, comma 2 del "Codice di deontologia<br />

relativo al trattamento dei dati personali nell'esercizio della<br />

attività giornalistica”.<br />

La società <strong>Il</strong> <strong>Sole</strong> <strong>24</strong> ORE S.p.a., editore della rivista, rende<br />

noto al pubblico che esistono banche-dati ad uso redazionale<br />

nelle quali sono raccolti dati personali. <strong>Il</strong> luogo dove è<br />

possibile esercitare i diritti previsti dal D. Lgs. 196/’03 è<br />

l'ufficio del Responsabile del Trattamento dei dati personali,<br />

presso il coordinamento delle segreterie redazionali (fax<br />

051/6575856 ).<br />

[ Speciale Agricoltura conservativa<br />

LISTA ESPOSITORI<br />

SEMENTI<br />

APSOVSEMENTI SPA<br />

Strada Torremenapace, 40<br />

27058 Voghera (Pv)<br />

Tel 0383/214432 – Fax 0383/41653<br />

info@apsovsementi.it – www.apsovsementi.it<br />

DEKALB<br />

Via Spadolini,5–PalazzoA<br />

20141 - MILANO (Mi)<br />

Tel. 02/84780212 - Fax 02/84780281<br />

www.monsanto.it<br />

loretta.casieri@monsanto.com<br />

KWS ITALIA SPA<br />

Via Secondo Casadei, 8 –<br />

47122 - Forli<br />

Tel. 0543 474611 - Fax 0543 474633<br />

Info_italia@kws.de - www.kws.it<br />

LIMAGRAIN ITALIA SPA<br />

Via Frescarolo, 115<br />

43011 Busseto (Pr)<br />

Tel 05<strong>24</strong> 931811 - Fax 05<strong>24</strong> 91807<br />

www.limagrain.it -<br />

limagrainitalia@limagrain.com<br />

NK SEMENTI SYNGENTA<br />

S.S. per Soresina<br />

26020 - Casalmorano (Cr)<br />

Tel. 0374/3471 - Fax 0374/347351<br />

info@nkitalia.it - www.nkitalia.it<br />

PIONEER<br />

Via Pari Opportunità, 2<br />

26030 - Gadesco Pieve Delmona (Cr)<br />

Tel. 0372/841611 - Fax 0372/838553<br />

informazioni@pioneer.com<br />

www.pioneer.com<br />

RV VENTUROLI<br />

Via del Fiffo,1<br />

40065 Pianoro (Bo)<br />

Tel. 051 777019 - Fax. 051 775823<br />

info@rv-venturoli.com - www.rv-venturoli.com<br />

SIPCAM DIV. AGROQUALITÀ<br />

Via San Colombano, 81/A<br />

26900 Lodi (Lo)<br />

Tel. 0371/5971 - Fax. 0371/438684<br />

agroqualità@agroqualità.com<br />

SIS (SOCIETÀ ITALIANA SEMENTI)<br />

Via Mirandola, 5<br />

40068 - San Lazzaro di Savena (Bo)<br />

Tel. 051/6223111 - Fax 051/6257699<br />

info@sisonweb.com - www.sisonweb.com<br />

AGROFARMACI<br />

BAYER CROPSCIENCE<br />

Viale Certosa, 130<br />

20156 - Milano (Mi)<br />

Tel. 02/39722398 - Fax 02/397<strong>24</strong>158<br />

info@bayercropscience.com<br />

www.bayercropscience.com<br />

MAKHTESHIM AGAN ITALIA<br />

Via falcone,13<br />

<strong>24</strong>126 – Bergamo<br />

Tel. 035 328811 - Fax. 035 328888<br />

www.ma-italia.it - mail mait@ma-italia.it<br />

MONSANTO AGRICOLTURA ITALIA<br />

Via Spadolini,5–PalazzoA<br />

20141 - Milano (Mi)<br />

Tel. 02/847802<strong>24</strong> - Fax 02/84780281<br />

elisa.locatelli@monsanto.com<br />

www.monsanto.it<br />

FERTILIZZANTI<br />

FOMET SPA<br />

Via Larga, 25<br />

37050 San Pietro di Morubio (Vr)<br />

Tel. 045/6969012<br />

fomet@fomet.it - www.fomet.it<br />

TIMAC AGRO ITALIA SPA<br />

Via Visconti di Modrone, 18<br />

20122 Milano (Mi)<br />

Tel. 0373/669111 - Fax 0373/669291<br />

www.timacagro.it<br />

MACCHINE ED ATTREZZATURE<br />

ACQUAFERT SRL<br />

Strada Provinciale 33, 3/5/7<br />

26030 Cicognolo (Cr)<br />

Tel. 0372/835672 – Fax 0372/835673<br />

info@acquafert.it - www.acquafert.it<br />

BERTINI<br />

c/o Aldo Annovi<br />

Via Righi, 12<br />

41040 Corlo di Formigine (Mo)<br />

Tel. 059/558275 – Fax 059/557295<br />

info@annovialdo.it - www.annovialdo.it<br />

BOSSINI SRL<br />

Via IV Novembre, 91<br />

25013 Carpenedolo (Bs)<br />

Tel. 030/969315 – Fax 030/9965615<br />

tecnico@fbbossini.com - www.fbbossini.com<br />

CALV – Consorzio Agrario Lombardo Veneto<br />

Via Francia,2<br />

37135 – Verona<br />

www.calv.it<br />

DANTE MACCHINE<br />

Via f.lli Bandiera,12<br />

35023 – Bagnoli di Sopra (Pd)<br />

Tel.049 5344011 - Fax 049 5344900<br />

www.dantemacchine.it<br />

ER.MO<br />

Via Bergamo, 10<br />

26011 - Casalbuttano (Cr)<br />

Tel. 0374/364111 - Fax 0374/364112<br />

www.ermo.it - info@ermo.it<br />

JOHN DEERE ITALIANA Srl<br />

Via G. di Vittorio, 1<br />

20060 – Vignate (Mi)<br />

Tel. 02/954581 – fax 02/95458225<br />

www.johndeere.it<br />

KINZE ITALIA<br />

Via Calvenzano, 26<br />

<strong>24</strong>043 - Caravaggio (Bg)<br />

Tel.0363350777-Fax.0363350<strong>24</strong>3<br />

www.agripoint.it - rab@agripoint.net<br />

KUHN<br />

c/o Kuhn Italia<br />

Via Cerca per Volturano, 8<br />

20077 - Melegnano (Mi)<br />

Tel. 02/982161 - Fax 02/98230362<br />

info@kuhn.it - www.kuhn.it<br />

MA.AG<br />

Via Bergamo, 7/B<br />

26011 - Casalbuttano (Cr)<br />

Tel. 0374/362680 - Fax 0374/362280<br />

info@ma-ag.com - www.ma-ag.com<br />

<br />

13 Come si mette in pratica l’Agricoltura Blu DI MICHELE PISANTE<br />

10 Le Cover Crop per l’AgricolturaBLU DI VINCENZO TABAGLIO<br />

14 Dall’agricoltura tradizionale alle tecniche conservative DI GIANNI COLOMBARI, FRANCESCO NEGRI, FABIO ARALDI, MARIO MARCHESI<br />

22 La Lombardia premia il sodo e la minima<br />

28 Le esperienze pratiche degli argentini<br />

32 L’impegno dell’industria sul fronte ambientale<br />

34 I partner agronomici<br />

40 Le macchine e le attrezzature DI LORENZO BENVENUTI<br />

MAINARDI<br />

ViaMilano,38<br />

26029 - Soncino (Cr)<br />

Tel. 0374/84036 - Fax 0374/85986<br />

info@mainardimacchineagricole.it<br />

www.mainardimacchineagricole.it<br />

MARCHETTI MACCHINE AGRICOLE SRL<br />

Viale dell’Industria, 17<br />

35042 Este (Pd)<br />

Tel 0429/600500 – Fax 0429/6030<strong>24</strong><br />

info@marchettimacc.it<br />

www.marchettimacc.it<br />

MASCHIO GASPARDO<br />

Via Marcello, 73<br />

35011 - Campodarsego (Pd)<br />

Tel. 049/9289810<br />

maschio@maschio.com<br />

www.maschionet.com<br />

MORO PIETRO<br />

ViaO.Bravin151B-Loc.Levada<br />

30023 - Concordia Sagittaria (Ve)<br />

Tel. 0421/275151 - 0421/275971<br />

Fax 0421/271940<br />

tecnico@moropietro.it - www.moropietro.it<br />

ROSSETTO F.LLI snc<br />

Via Nazionale, 15<br />

37046 - Minerbe (Vr)<br />

Tel. 0442/640185 - Fax 0442/640711<br />

info@rossettoflli.it - www.rossettoflli.it<br />

SEMEATO c/o EMME EMME SRL<br />

Via L.Einaudi<br />

22077 Olgiate Comasco (Co)<br />

Tel. 031/990442 – Fax 031/9841333<br />

emme.srl@tin.it - www.emmeemmesrl.it<br />

TONUTTI SPA<br />

Via Gino Tonutti, 3<br />

33047 Remanzacco (Ud)<br />

Tel. 0432/667015 – Fax 0432/668282<br />

info@tonuttigroup.com<br />

www.tonuttigroup.com<br />

TRELLEBORG WHEEL SYSTEMS<br />

Agri & forest Tires<br />

Via Giovanni gentile, 3<br />

20157 Milano (Mi)<br />

Tel. 02.660393<strong>24</strong> - Fax. 02.66039337<br />

Osvaldo.ribichesu@trelleborg.com<br />

www.trelleborg.com/wheelsystems_it<br />

SISTEMI DI PRECISIONE<br />

ISAGRI SRL<br />

Via Sandro Pertini, 53<br />

36845 Codogno (Lo)<br />

Tel. 0377/431189 – Fax 0377/436768<br />

info@isagri.it - www.isagri.it<br />

SPEKTRA AGRI<br />

Via Mongini, 111/a<br />

44030 Serravalle (Fe)<br />

Tel. 0532/834445 – Fax 0532/834936<br />

info@spektra-agri.it - www.spektra-agri-it<br />

TOPCON POSITIONING SYSTEMS, INC<br />

Via A.Galavotti, 64<br />

41033 Concordia s/s (Mo)<br />

Tel. 0535/40818 – Fax 0535/55044<br />

srosato@topcon.com<br />

www.topconpositioning.com


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 3<br />

Come si mette in pratica<br />

l’Agricoltura Blu<br />

Agricoltura BLU, la via italiana dell’agricoltura<br />

conservativa, è riconosciuta come una “<br />

”, un sistema di produzione<br />

integrato di tecnologie agronomiche e mezzi<br />

tecnici in grado di aumentare la sostenibilità delle<br />

filiere di produzione agricola, attraverso la conservazione<br />

della fertilità del suolo, la conservazione dell’acqua<br />

e delle energie, la tutela climatica. In quest’ottica,<br />

con l’Agricoltura BLU viene particolarmente enfatizzato<br />

il ruolo del suolo sia come corpo vivente, sia come sistema<br />

essenziale per sostenere la qualità della vita sul pianeta, sottolineando<br />

l’importanza particolare dell’acqua -identificata cromaticamente nel colore<br />

BLU- sul delicato equilibrio che l’agricoltura riveste nei riguardi<br />

dell’ambiente naturale. Questo approccio innovativo contribuisce alla<br />

conservazione dell’ambiente contemporaneamente con una maggiore<br />

produzione agricola a minori costi economici.<br />

Più termini (come biologico, , etc.. ) vengono sovente utilizzati<br />

per indicare differenti aspetti dell’agricoltura sostenibile, enfatizzando<br />

normalmente differenze specifiche con l’agricoltura tradizionale<br />

o convenzionale.<br />

I principi propri dell’Agricoltura BLU e le attività supportate possono<br />

essere indicate nei seguenti punti:<br />

1 - mantenere una copertura vegetale permanente e promuovere il<br />

minimo disturbo meccanico del suolo, attraverso sistemi di non lavorazione,<br />

in modo da assicurare una sufficiente quantità di biomassa vivente<br />

o sottoforma di residui per sostenere la conservazione della fertilità<br />

del suolo, dell’acqua e per ridurre l’erosione ed il compattamento del<br />

<strong>Il</strong> vademecum<br />

DI MICHELE PISANTE Ecco un’immagine che sintetizza uno dei<br />

pratico per trasferire<br />

sul campo i principi<br />

della semina diretta<br />

( Agricoltura Blu<br />

propriamente detta)<br />

principi fondamentali dell’Agricoltura Blu: la<br />

presenza dei residui della coltura precedente in<br />

superficie, tra le file della nuova coltura.<br />

suolo;<br />

2 - favorire la salute del suolo, la sua fertilità e la<br />

capacità di “” attraverso rotazioni colturali,<br />

utilizzo di e anche con l’uso di tecnologie<br />

basate sull’uso integrato di agrofarmaci;<br />

3 - promuovere l’utilizzo e l’applicazione di fertilizzanti,<br />

erbicidi e fungicidi rilevando le reali esigenze<br />

delle colture e quindi con sempre maggiore precisione, rispettando gli<br />

equilibri ambientali e conseguentemente con un impatto ridotto sulle<br />

specie non obiettivo.<br />

Con l’integrazione dei sopracitati principi fondamentali, si possono<br />

ottenere un maggiore e più equilibrato sviluppo e funzionalità delle<br />

colture, in particolare come conseguenza dell’incremento degli apparati<br />

radicali e quindi di un maggior volume di suolo esplorato con la possibilità<br />

di accedere a riserve idriche e nutrizionali anche profonde.<br />

In particolare, i vantaggi del modello produttivo proposto dall’Agricoltura<br />

BLU risiedono anche in un più elevato tasso di infiltrazione<br />

dell’acqua, maggior ritenzione idrica, significativo incremento in sostanza<br />

organica, miglioramento della struttura del suolo e in minori costi<br />

per lavorazioni meccaniche e risparmio sulla manodopera.<br />

In pratica i sistemi di agricoltura conservativa o Agricoltura BLU<br />

sono stati sviluppati come un’alternativa all’insieme delle tecniche convenzionali,<br />

diffusi a scala mondiale su una superficie di oltre 116 milioni<br />

di ettari, oltre il 7% della superficie agricola mondiale (Fig.1). Infatti, i<br />

principi dell’Agricoltura BLU e le attività attraverso le quali vengono


4 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

realizzati si contrappongono alla<br />

monosuccessione, bruciatura dei<br />

residui colturali, l’aratura seguita<br />

dalle lavorazioni preparatorie alla<br />

semina e al trapianto, l’utilizzo indiscriminato<br />

degli agrofarmaci<br />

(Fig.2).<br />

ATTREZZATURE E MACCHINE<br />

PER L’AGRICOLTURA BLU<br />

La realizzazione dei principi dell’Agricoltura<br />

BLU, per i sistemi<br />

colturali a ciclo annuale, trova essenzialmente<br />

applicazione nella<br />

semina diretta (), sovente<br />

indicata come semina su sodo<br />

().<br />

Canada 13,5<br />

USA 26,5<br />

Africa (1)<br />

Brasile25,5<br />

Bolivia 0,6<br />

Paraguay 1,7<br />

Argentina 25,8<br />

80% dell’AC praticata<br />

nelle Americhe<br />

La semina diretta è infatti una tecnica che cerca di non alterare il<br />

terreno per sfruttare quei processi naturali che mantengono nel tempo<br />

condizioni edafiche idonee alla coltivazione stessa. Se la gestione del<br />

terreno è condotta in modo ottimale è possibile limitare le interazioni tra<br />

organi meccanici e suolo alle sole linee di semina e di deposizione del<br />

concime, ottenendo così tutti i vantaggi dell’Agricoltura BLU precedentemente<br />

riportati.<br />

Ciò considerato la seminatrice da sodo riveste un ruolo di primissimo<br />

piano nell’adozione delle pratiche conservative.<br />

Agricoltura Conservativa nel mondo<br />

oltre 116 milionidi ettari coltivati<br />

Europa (2,8)<br />

restodel mondo (5,4)<br />

Australia<br />

17,0<br />

Asia (1,6)<br />

Fig.1 - Adozione dell’Agricoltura Conservativa nei diversi<br />

Paesi e Continenti con superfici superiori a 0,5 M di ettari<br />

(Derpsch e Friedrich, 2010)<br />

LE SEMINATRICI<br />

Le seminatrici, affinché siano realmente<br />

efficienti così da perseguire<br />

i benefici dell’Agricoltura BLU dovrebbero<br />

presentare alcune importanti<br />

caratteristiche, quali:<br />

- essere in grado di eseguire la<br />

deposizione del seme in un unico<br />

passaggio mediante assolcatori a<br />

dischi su terreno non lavorato e<br />

con presenza di abbondanti residui<br />

colturali;<br />

- eventualmente essere anche<br />

dotate di organi lavoranti da anteporre<br />

agli assolcatori costituiti da<br />

dischi o stelle di vario tipo, che<br />

eseguano una lavorazione in ban-<br />

da di massimo 15 cm di larghezza e 10 cm di profondità;<br />

- essere in grado di eseguire, contemporaneamente alla semina, anche<br />

altre operazioni quali concimazione localizzata, applicazione di<br />

soluzioni erbicide, distribuzione di geodisinfestanti, attraverso utensili<br />

aggiuntivi;<br />

- essere trainate o semi-portate in modo da poter scaricare tutto il loro<br />

peso a terra. Tale caratteristica fa si che il peso generato dalla azione<br />

combinata delle molle di carico e del peso stesso dell’elemento, in ogni<br />

caso, sia potenzialmente superiore a 200 kg per ogni elemento;


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 5<br />

FIG.2 - I PRINCIPI E LE PRATICHE DELL’AGRICOLTURA BLU<br />

Principi<br />

Metodi<br />

e pratiche<br />

Lavorazioni<br />

superficiali<br />

(senza inversione<br />

degli strati<br />

Minimo movimento<br />

meccanico del suolo<br />

Semina<br />

diretta<br />

- non presentare mai organi lavoranti mossi dalla presa di forza e o<br />

idraulicamente.<br />

In qualche caso particolare, come per le colture con larghezza tra le<br />

file di più di 30 cm, si pratica anche lo “ ”. Tale pratica consiste<br />

nell’utilizzo di una macchina che esegue una lavorazione in banda (solo<br />

la zona di semina) eseguita anche in momenti antecedenti la semina.<br />

COME DEVE ESSERE L’ELEMENTO DI SEMINA<br />

In particolare, un idoneo elemento di semina deve: penetrare nel suolo,<br />

AGRICOLTURA BLU<br />

O<br />

AGRICOLTURA CONSERVATIVA<br />

Razionale<br />

gestione della<br />

flora infestante<br />

Rotazioni colturali Copertura<br />

Avvicendamenti<br />

colturali<br />

(leguminose)<br />

Colture di<br />

copertura<br />

Gestione<br />

della flora<br />

naturale<br />

Stoppie<br />

e residui<br />

colturali<br />

tagliare i residui senza provocare il loro interramento, deporre il seme ad<br />

una profondità uniforme a diretto e intimo contatto con il terreno,<br />

evitare di disturbare gli altri elementi, coprire il seme con il terreno<br />

lasciando il residuo colturale uniformemente distribuito, localizzare il<br />

fertilizzante se possibile ai lati del solco, a maggior profondità del seme,<br />

realizzare tutte queste azioni senza lavorare il terreno.<br />

Anche rispettando tutti i principi e le accortezze dell’Agricoltura<br />

BLU, qualche volta si creano delle condizioni di eccessivo compattamento<br />

in alcune aree degli appezzamenti che devono essere ripristinate.<br />

Diamo profondità al tuo lavoro<br />

Sarchiatrice<br />

Coltivatore Combinato mod.MD<br />

Via Milano, 38 - 26029 SONCINO (CR)<br />

www.mainardimacchineagricole.it<br />

info@mainardimacchineagricole.it<br />

Tel. 0374 84036 - Fax 0374 85986


6 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Presenza di lombrichi in<br />

una coltura di frumento duro<br />

nel meridione d’Italia dopo 5<br />

anni di Agricoltura BLU.<br />

Infatti il terreno è sempre soggetto<br />

ad azioni che ne favoriscono il<br />

compattamento, come quelle prodotte<br />

dalla sua stessa massa, dalla<br />

massa vegetale che lo sovrasta,<br />

dall’acqua, dal passaggio di macchine<br />

ed attrezzature. Ad esempio<br />

la gestione della raccolta può rivelarsi<br />

complessa quando le finestre<br />

temporali sono ridotte a causa dell’andamento<br />

meteorologico e dalle caratteristiche dei suoli. Diventa<br />

quindi inevitabile che in alcune annate la raccolta ed altre operazioni<br />

non differibili, purtroppo, vengono effettuate su terreni poco portanti<br />

con conseguenze negative per la struttura del terreno a causa del compattamento<br />

sotto-superficiale.<br />

In tali condizioni l’Agricoltura BLU prevede operazioni di recupero<br />

della struttura attraverso attrezzature idonee allo scopo, che non alterino<br />

il profilo e siano in grado di gestire il residuo in superficie.<br />

LAVORAZIONI DI RECUPERO<br />

Di conseguenza, le attrezzature per le lavorazioni di recupero devono<br />

caratterizzarsi per alcune caratteristiche specifiche quali decompattatori<br />

o ripuntatori che:<br />

- devono avere denti fissi in grado di smuovere il terreno sodo senza<br />

provocare formazione di suole di lavorazione, sino a una profondità<br />

massima di 40 cm e in grado di non causare inversione degli strati del<br />

terreno;<br />

- possono avere degli elementi annessi o aggiunti alla macchina,<br />

quali elementi lavoranti di finitura (rulli pieni, a gabbia e packer), elementi<br />

lavoranti di pre-lavorazione (dischiere dritte e inclinate in grado<br />

di operare senza invertire gli strati);<br />

- non devono avere organi lavoranti mossi dalla presa di forza e o<br />

idraulicamente.<br />

Successivamente alla lavorazione di recupero si può anche prevedere<br />

una minima lavorazione allo scopo di livellare il suolo per facilitare la<br />

semina successiva.<br />

MINIMA LAVORAZIONE<br />

La minima lavorazione costituisce solo una parziale interpretazione dei<br />

principi conservativi dell’Agricoltura BLU.<br />

Sotto il profilo puramente meccanico si pone ad un livello intermedio<br />

tra la lavorazione convenzionale con inversione degli strati od anche con<br />

strumenti discissori profondi e la semina diretta vera e propria.<br />

Tale approccio spesso nell’azienda agricola è utilizzato come complementare<br />

delle lavorazioni con discissori profondi, ma la filosofia più<br />

appropriata dovrebbe essere il suo l’utilizzo in modo esclusivo cioè<br />

come principale tecnica di lavorazione.<br />

Spesso tale tecnica entra in rotazione con le lavorazioni convenzionali<br />

consentendo di abbattere la spesa energetica, di ridurre i costi di<br />

produzione e di mitigare in un certo qual modo le azioni di disturbo sul<br />

suolo.<br />

Viene utilizzata prevalentemente<br />

nel caso di cereali autunnovernini,<br />

ma anche nel caso di alcune<br />

proteaginose quali favino e pi-<br />

Aree sensibili di fondo<br />

valle e marginali di collina nel<br />

meridione d’Italia.<br />

sello proteico e colture energetiche (colza e girasole). Le azioni che offre<br />

la minima lavorazione sono anche un mezzo per correggere difetti come<br />

il compattamento del suolo. Infatti la conformazione e la ridotta estensione<br />

degli appezzamenti italiani obbliga spesso le macchine a seguire<br />

percorsi che si ripetono negli anni determinando un calpestamento non<br />

uniforme; inoltre, in presenza di residui colturali gli accentuati passaggi<br />

rendono disomogenea la distribuzione del residuo interferendo negativamente<br />

con la successiva semina.<br />

I PRINCIPALI OBIETTIVI<br />

Gli obiettivi specifici che si cerca di raggiungere con questo tipo di<br />

tecnica sono: facilitazione delle operazioni di semina decompattando e<br />

pareggiando il terreno, favorire l’emergenza delle plantule, favorire un<br />

contributo per il controllo delle infestanti attraverso la falsa semina e,<br />

limitatamente ai terreni con pochi residui colturali in superficie, ridurre<br />

le perdite d’acqua per risalita capillare.<br />

In base all’epoca di intervento, la minima lavorazione è di norma<br />

realizzata con un certo anticipo sull’epoca di semina quando risulta<br />

preminente favorire la degradazione del residuo colturale, adottare la<br />

tecnica della falsa semina, avviare una strategia di controllo verso infestanti<br />

specifiche. Condotte in epoca compatibile con l’impianto della<br />

coltura, lo scopo principale diventa quello di predisporre il terreno alla<br />

semina; l’operazione in questo contesto può essere condotta o con attrezzature<br />

indipendenti o con attrezzature combinate alla seminatrice durante<br />

la semina stessa.<br />

La minima lavorazione può essere adottata facendo ricorso ad attrezzature<br />

che si differenziano in maniera notevole per la tipologia degli<br />

utensili e per la loro composizione. Sono gli effetti agronomici prodotti<br />

che dovrebbero guidare la scelta verso attrezzature idonee.<br />

Negli ultimi anni, cercando di soddisfare le esigenze di operare su<br />

terreno non lavorato, di dover gestire grandi quantità di residuo e la<br />

necessità di dover preparare il letto di semina con un unico passaggio,<br />

sono state prodotte soluzioni meccaniche completamente innovative<br />

offrendo anche nuove interpretazioni di vecchie tipologie di macchine.<br />

Alcune attrezzature possono essere annoverate alla categoria dei coltivatori<br />

leggeri combinati o erpici a dischi, mentre altre di più difficile<br />

collocazione. Operano non azionate dalla presa di forza della trattrice e


8 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

sono caratterizzate da elevate larghezze di lavoro. La velocità è un<br />

parametro che modifica l’azione degli utensili sul terreno, così come il<br />

peso dell’attrezzatura che in generale permette una più efficace azione<br />

dei rulli e degli organi preposti all’interramento.<br />

ESCLUDERE GLI ERPICI ROTANTI<br />

Accanto a queste attrezzature ci sono quelle azionate dalla presa di forza<br />

della trattrice, quali gli erpici rotanti, che se da un lato determinano la<br />

formazione di un buon del letto di semina, apparentemente, presentano<br />

alcune caratteristiche che limitano l’applicazione dei principi dell’Agricoltura<br />

BLU. Infatti, l’azione veloce degli organi lavoranti determina<br />

un’eccessiva frantumazione degli aggregati strutturali con ripercussioni<br />

negative sulla fertilità fisica del suolo. Inoltre, effetti negativi si hanno<br />

anche nei confronti dei residui colturali che, con l’azione di tali organi<br />

lavoranti, vengono interrati, annullando di fatto il ruolo fondamentale<br />

dell’effetto “” superficiale da parte dei residui. Altro aspetto non<br />

secondario è l’effetto che tale tipologia di lavorazione ha sulle infestanti<br />

rizomatose; l’azione degli erpici rotanti è molto negativo in quanto<br />

favorisce la diffusione degli organi riproduttivi agamici determinando<br />

la colonizzazione da parte di tali specie di significative aree degli appezzamenti.<br />

IDENTIKIT DELL’ATTREZZATURA IDONEA<br />

Riassumendo le macchine per poter essere realmente considerate adeguate<br />

alla minima lavorazione devono avere caratteristiche ben definite,<br />

che si possono riassumere nei punti seguenti:<br />

- essere dotate di denti fissi o elastici in grado di smuovere il terreno<br />

sodo senza provocare formazione di suole di lavorazione, sino a una<br />

profondità massima di 15 cm e in grado di non causare inversione degli<br />

strati del terreno, anche allo scopo di garantire quella necessaria copertura<br />

“minima” del suolo;<br />

- non presentare organi lavoranti mossi dalla presa di forza e o<br />

idraulicamente;<br />

- gli organi sul telaio devono consentire la circolazione dei residui<br />

colturali;<br />

- garantire potenzialmente il risultato (la possibilità di seminare) con<br />

un solo passaggio.<br />

Alla macchina da minima lavorazione possono essere comunque<br />

aggiunti anche elementi lavoranti di finitura (rulli pieni, a gabbia, packer<br />

e rastrelli leggeri e pesanti) ed elementi lavoranti di pre-lavorazione<br />

(dischiere dritte e inclinate in grado di operare senza invertire gli strati).<br />

La semina dopo la minima lavorazione può essere condotta anche<br />

con attrezzature convenzionali purché siano dotate di soluzioni tecnologiche<br />

idonee a gestire la deposizione del seme su terreno poco preparato<br />

e possibilmente con residui colturali sulla superficie. Tali variazioni<br />

riguardano gli organi deputati alla deposizione del seme e chiusura del<br />

solco. Nel caso di colture cerealicole autunno-vernine o soia, sono state<br />

sviluppate seminatrici specifiche caratterizzate da organi per la deposizione<br />

a forma di ancora o dente, sempre disposti su almeno tre ranghi<br />

spaziati fra loro per permettere il deflusso del residuo colturale e da un<br />

trasporto del seme di tipo pneumatico per poter offrire larghezze di<br />

lavoro superiori ai 2,5-3 metri. Ciò considerato, l’utilizzo di “seminatrici<br />

da sodo” anche per la pratica della minima lavorazione rimane necessaria<br />

per poter ottenere risultati ottimali. <br />

<br />

AVVISO PAGAMENTO QUOTA ASSOCIATIVA<br />

ANNO 2011<br />

Si informano i Signori Soci AIGACoS che il pagamento della quota sociale 2011,<br />

va effettuato, a norma dello Statuto dell’Associazione,<br />

prima dell’assemblea ordinaria annuale.<br />

Quote sociali:<br />

Privato: € 25<br />

Enti pubblici e cooperative locali: € 100<br />

Aziende locali: € 200<br />

Aziende nazionali/multinazionali: € 500<br />

<strong>Il</strong> versamento dovrà essere effettuato a mezzo bonifico bancario:<br />

IBAN: IT 83 Z 02008 55680 000101475569 - Unicredit Spa - Ag. 560 - Broni (PV)<br />

Intestato a: Associazione Italiana per la Gestione agronomica e Conservativa del Suolo<br />

Indicando nella causale:<br />

Nome e Cognome e quota sociale per l’anno 2011.<br />

I Soci che non avranno regolarizzato la propria posizione attraverso il versamento della quota sociale 2011<br />

non potranno partecipare all’Assemblea ordinaria annuale prevista per Giovedì 30 giugno 2011.<br />

L’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.<br />

Info: email: info@aigacos.it - www.aigacos.it


1<br />

10 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Le Cover Crop<br />

per l’AgricolturaBLU<br />

DI VINCENZO TABAGLIO <br />

La traduzione italiana della denominazione<br />

inglese è decisamente semplice,<br />

restituendo un facile ricalco come “colture<br />

di copertura”. Questa espressione è entrata<br />

velocemente in uso nel vocabolario tecnico<br />

degli agronomi e dà immediatamente<br />

conto della funzione prioritaria che viene attribuita<br />

a queste colture, ovvero quella di “coprire”<br />

il terreno, evidentemente con scopo di<br />

protezione. Con la loro coltivazione, infatti, si<br />

ha di mira l’azione positiva che queste colture<br />

sviluppano nei confronti del terreno agrario,<br />

contrastando i fenomeni erosivi che possono<br />

innescarsi su di un suolo nudo sotto l’azione della pioggia e<br />

del vento. La categoria funzionale delle “colture di copertura”<br />

annovera molte specie agrarie, diverse per famiglia botanica,<br />

per periodo di crescita, per modalità di coltivazione, ecc.,<br />

utilizzate sia in coltura pura, sia in miscuglio. Tuttavia, esse<br />

sono accomunate da un aspetto non secondario: sono colture<br />

dalle quali non si ricava direttamente un reddito, quanto piuttosto<br />

un , vale a dire un beneficio indiretto<br />

per la sostenibilità del sistema agrario che di esse si serve.<br />

In realtà, nell’attuale rivisitazione dell’agricoltura conservativa<br />

che va sotto il nome di AgricolturaBLU, questa dizione<br />

va oltremodo stretta, perché fa riferimento esclusivamente alla<br />

funzione antierosiva di queste colture, mentre i loro compiti<br />

agronomico-ambientali sono molti altri, e spesso più impor-<br />

Le colture<br />

di copertura offrono<br />

un servizio<br />

“agrosistemico”<br />

cioè un beneficio<br />

indiretto per<br />

la sostenibilità<br />

del sistema agrario.<br />

tanti per le esigenze dell’agricoltura conservativa<br />

italiana. Non per nulla, il loro significato<br />

terminologico e funzionale viene spesso a<br />

sovrapporsi con altre denominazioni quali<br />

colture intercalari, colture da sovescio, colture<br />

anti-nitrati ( ), ecc. Per questo motivo,<br />

vale la pena di riassumere, in maniera<br />

semplificata, le loro principali funzioni.<br />

LE FUNZIONI DELLE COVER CROP<br />

. Rappresenta la funzione<br />

primaria di queste colture in seno all’agricoltura<br />

conservativa, nata storicamente negli anni<br />

‘30 per contrastare i massicci fenomeni erosivi delle aree centrali<br />

degli Stati Uniti, derivanti dalla loro messa a coltura. Per contenere<br />

l’erosione entro limiti compatibili, si è stabilito che il terreno<br />

non resti mai senza vegetazione o che i residui colturali che<br />

insistono sul terreno tra due coltivazioni coprano almeno il 30%<br />

della superficie. Per avere questa funzione è necessario che la<br />

coltura si opponga efficacemente agli elementi erosivi (acqua,<br />

vento) o che produca abbastanza biomassa da coprire il terreno<br />

al termine del periodo di coltivazione, fino all’avvento della<br />

coltura successiva. Le migliori specie da utilizzare per questa<br />

funzione sono: loietto italico o loiessa, segale, avena. Sono colture<br />

graminacee che, grazie al loro apparato radicale fascicolato,<br />

possono rinsaldare gli aggregati del terreno, riducendo nel contempo<br />

l’azione battente della pioggia e la velocità di scorrimento


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 11<br />

1-Laveccia vellutata è<br />

una cover crop che può<br />

svolgere diverse funzioni:<br />

arricchimento di nutrienti,<br />

controllo delle infestanti,<br />

apporto di sostanza organica<br />

2-Lasegale è una<br />

delle più studiate cover crop<br />

allelopatiche, particolarmente<br />

adatta al controllo<br />

delle infestanti, poiché produce<br />

i benzoxazinoni, composti<br />

ad azione antigerminello.<br />

2 3<br />

dell’acqua, aumentandone l’infiltrazione.<br />

Per esplicare questa funzione occorre<br />

rivolgersi alle colture leguminose, che grazie alla simbiosi<br />

rizobica sono in grado di fissare azoto atmosferico e di<br />

cederlo, con maggiore o minore efficienza, alla coltura da<br />

reddito che segue nell’avvicendamento. Fra le migliori specie,<br />

si possono segnalare il trifoglio incarnato o rosso e la veccia<br />

vellutata, dalle quali è possibile ottenere un contributo di 50-<br />

100 kg di azoto ad ettaro per la nutrizione azotata della coltura<br />

successiva.<br />

Vi possono essere situazioni<br />

opposte, caratterizzate per esempio da un elevato contenuto<br />

di azoto nel terreno e nelle quali diventa importante<br />

riuscire ad immobilizzarlo temporaneamente nella biomassa<br />

di una coltura, sottraendolo così al pericolo di lisciviazione in<br />

falda. Per realizzare questa azione di cattura dello ione nitrato,<br />

si utilizzano le cosiddette “colture anti-nitrati”. Fra gli esponenti<br />

più significativi possiamo certamente annoverare alcune<br />

graminacee (loiessa, orzo, segale), ma anche la facelia (<br />

), contraddistinta da una veloce crescita autunnale<br />

e quindi da una più rapida azione di sequestro del nitrato. In<br />

linea più generale, alcune specie dall’apparato radicale fittonante<br />

profondo consentono inoltre di riciclare gli elementi<br />

nutritivi, assorbendoli dagli strati inferiori e immagazzinandoli<br />

nella biomassa epigea, che poi verrà lasciata in superficie<br />

come nella non-lavorazione o leggermente interrata come nella<br />

minima lavorazione.<br />

. <strong>Il</strong> contributo che queste colture<br />

possono fornire nella lotta contro le malerbe risiede nella loro<br />

veloce crescita e nell’elevata aggressività, grazie alle quali<br />

possono sopraffare le infestanti sottraendo loro luce, acqua ed<br />

elementi nutrivi. Le specie più adatte, quindi, sono quelle a<br />

più rapida crescita e con alto potenziale di soffocamento, quali<br />

per esempio, segale, loiessa, veccia vellutata, trifoglio incarnato,<br />

e varie brassicacee come senape, colza e ravizzone. Inoltre,<br />

nei sistemi colturali basati sulla non-lavorazione si può approfittare<br />

di un’azione aggiuntiva, che si sviluppa quando l’intercalare<br />

viene terminata meccanicamente (sfalciata e/o trinciata)<br />

o chimicamente (disseccata con glyphosate) e lasciata in<br />

superfice a formare uno strato pacciamante (). In questo<br />

caso, il residuo colturale va a costituire un tappeto inibitore<br />

che riduce l’affermazione delle<br />

malerbe, in particolare per<br />

l’ombreggiamento e per la<br />

barriera fisica che frappone<br />

all’emergenza delle plantule.<br />

L’effetto guadagna un ulteriore,<br />

potente strumento quando<br />

3 - L’effetto erbicida delle<br />

cover crop allelopatiche è<br />

pienamente sfruttato nei regimi<br />

di non-lavorazione del terreno<br />

(nella foto, semina diretta del<br />

mais su mulch di segale).<br />

la coltura utilizzata possieda effetti allelopatici, rientrando<br />

allora nella categoria delle “ allelopatiche”. Sono,<br />

queste, specie che rilasciano - sia da vive, sia da morte -<br />

particolari sostanze ad azione anti-germinello, attive soprattutto<br />

verso le infestanti a seme piccolo. <strong>Il</strong> loro impiego è ancora<br />

in fase di studio soprattutto per verificare la migliore tecnica<br />

agronomica per sfruttare il loro potenziale diserbante naturale.<br />

Fra le specie più promettenti e più studiate vi è finora la<br />

segale, che mostra avere anche effetti variabili a livello varietale,<br />

dato che si è riscontrato che la produzione di sostanze<br />

allelopatiche è più alta in particolari varietà. L’efficacia in<br />

campo dei principi attivi contenuti nella allelopatica ha<br />

in genere una durata di 20-30 giorni ed è dipendente da molti<br />

fattori, quali la specie, la varietà, lo stadio di sviluppo della<br />

al momento della formazione del , la quantità di<br />

biomassa prodotta, il livello di fertilità del terreno, l’andamento<br />

stagionale, ecc. e quindi si rende necessario verificare in<br />

prove pieno campo la corretta agrotecnica, da proporre poi a<br />

livello operativo. È davvero interessante notare che l’azione<br />

più efficace di controllo delle malerbe, anche se non totale, si<br />

sviluppa introducendo queste colture nei sistemi basati sulla<br />

non-lavorazione, mentre laddove si operi un interramento -<br />

anche superficiale - della allelopatica, l’effetto diserbante<br />

viene ad essere notevolmente ridotto o addirittura annullato.<br />

. Uno dei<br />

servizi meno reclamizzati delle , e nello stesso tempo<br />

uno di quelli potenzialmente più necessari nell’agricoltura<br />

conservativa, è quello di decompattamento del suolo, anche<br />

negli strati relativamente profondi. Proprio nei regimi sodivi,<br />

in assenza di periodiche aperture del terreno, un certo naturale<br />

assestamento del suolo o gli errori gestionali a volte inevitabili<br />

per l’inclemenza del tempo, per la quale l’agricoltore è<br />

costretto ad entrare sul terreno non in tempera, ne provocano


12 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

La senape si fa apprezzare<br />

come cover crop per le doti di<br />

rusticità, di decompattamento<br />

del terreno e di controllo dei<br />

nematodi.<br />

il compattamento e, più in generale,<br />

la degradazione della<br />

struttura. Le colture ad apparato<br />

radicale fittonante con<br />

elevato potere di penetrazione<br />

possono in questo caso<br />

rappresentare uno strumento importante, anche se solo ausiliario,<br />

di rimedio del problema. Le specie particolarmente<br />

adatte a questo scopo sono le brassicacee (rafano, senape,<br />

ravizzone, ecc.), seguite da leguminose come erba medica e<br />

meliloto, che però si inseriscono meno bene nell’avvicendamento,<br />

stante il loro ciclo poliennale. Anche in questo caso, il<br />

vantaggio dei terreni condotti in non-lavorazione risulta moltiplicato,<br />

perché il mantenere in posto l’apparato radicale fittonante<br />

produrrà - col procedere della sua demolizione - un<br />

canale piuttosto grande e continuo, che migliorerà l’aerazione,<br />

la permeabilità del terreno e l’infiltrazione dell’acqua.<br />

. Soprattutto nei terreni condotti<br />

in regime di non-lavorazione, all’uscita dall’inverno si<br />

riscontrerà solitamente un eccesso di umidità, che impone un<br />

certo posticipo nella semina delle colture primaverili, sia perché<br />

le seminatrici da sodo operano meglio su terreno relativamente<br />

più asciutto che umido, sia perché il terreno bagnato è<br />

più freddo e le colture vi germinano con maggiore lentezza. La<br />

coltura di copertura autunno-vernina assorbe acqua durante<br />

la sua crescita e quindi porta più velocemente il terreno al<br />

giusto grado di umidità, anticipando l’impianto della coltura<br />

successiva. Naturalmente, questo fatto diventa negativo<br />

quando la stagione invernale abbia un decorso siccitoso, nel<br />

qual caso la cover aggraverebbe il problema, imponendo all’agricoltore<br />

una precoce terminazione della coltura.<br />

. <strong>Il</strong> contributo delle alla mitigazione<br />

dei problemi fitosanitari passa per molte strade ed<br />

approcci, diretti ed indiretti. Prendendo ad esempio il caso dei<br />

nematodi, è da ricordare che le colture appartenenti alla famiglia<br />

delle brassicacee (rafano, senape, colza) producono e rilasciano<br />

molecole ad effetto nematocida, come i glucosinolati.<br />

Ma ci sono anche azioni indirette, legate al fatto che coltivando<br />

un’intercalare, appositamente studiata nell’ambito della rotazione<br />

aziendale, si può sfruttare l’effetto di riposo dalle ricorrenti<br />

colture principali, interrompendo il ciclo dei parassiti da<br />

un lato e dando ricetto agli<br />

organismi utili dall’altro.<br />

Questo pur piccolo aumento<br />

di biodiversità riduce la pressione<br />

dei parassiti sull’agrosistema.<br />

<br />

Le brassicacee sono<br />

considerate cover crop biocide,<br />

in quanto producono<br />

glucosinolati, che hanno<br />

un’azione fungicida e<br />

nematocida.<br />

. Negli ultimi decenni, il tenore in sostanza organica dei<br />

terreni convenzionali si è molto ridotto, con riflessi deleteri<br />

sulla loro stabilità strutturale. Per contrastare questo andamento,<br />

la non-lavorazione è uno strumento che consente un<br />

risparmio nel consumo di sostanza organica, in quanto - non<br />

aprendo il terreno - comporta una minore mineralizzazione.<br />

Inoltre, il mantenimento del residuo colturale in superficie,<br />

tratto imprescindibile dell’agricoltura conservativa, aumenta<br />

le potenzialità di ripristino del tenore in sostanza organica del<br />

terreno. Se a questi elementi si aggiunge la coltivazione di<br />

un’apposita coltura, esclusivamente destinata a produrre biomassa<br />

da inserire nel ciclo della sostanza organica pedologica,<br />

il recupero subisce un’importante accelerazione. A questo<br />

punto, è il caso di sottolineare che questo immagazzinamento<br />

di sostanza organica si identifica pari pari con un sequestro di<br />

anidride carbonica nel terreno e quindi rappresenta uno dei<br />

contributi più significativi dell’AgricolturaBLU alla mitigazione<br />

dell’effetto serra. Per massimizzare questa funzione, si<br />

deve dare la preferenza alle specie in grado di produrre i<br />

maggiori quantitativi di biomassa, per esempio segale, loiessa,<br />

oltre a miscugli molto produttivi, quale quello di Landsberg,<br />

costituito da loiessa, trifoglio incarnato e veccia vellutata.<br />

I RISCHI DELLE COVER CROP<br />

È già emerso qua e là che, accanto alle funzioni positive delle<br />

, coesistono aspetti negativi, per cui la decisione del<br />

loro inserimento nella rotazione aziendale va discussa caso<br />

per caso, mettendo a confronto i vantaggi agrosistemici ottenibili<br />

ed i rischi che si devono affrontare con la loro coltivazione,<br />

compresi quelli economici.


14 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Dall’agricoltura tradizionale<br />

alle tecniche conservative<br />

DI GIANNI COLOMBARI, FRANCESCO NEGRI,<br />

FABIO ARALDI, MARIO MARCHESI <br />

Le prove agronomiche dimostrative di agricoltura<br />

conservativa, svolte presso l’azienda<br />

Carpaneta di Ersaf a Gazzo di Bigarello (Mn),<br />

rientrano nell’ambito del progetto triennale Agricoltura<br />

Blu in campo, organizzato da Ersaf, Aigacos<br />

e dalle testate Terra e Vita e il Contoterzista de <strong>Il</strong><br />

<strong>Sole</strong> <strong>24</strong><strong>Ore</strong>.<br />

Obiettivo di queste attività dimostrative di avvicendamento<br />

di mais-soia e frumento è l’individuazione<br />

del miglior percorso tecnico per verificare la<br />

sostenibilità del passaggio da un’agricoltura convenzionale,<br />

basata sulle lavorazioni tradizionali del<br />

terreno, ad un’agricoltura più virtuosa, meno impattante<br />

basata sulla minima lavorazione o sulla semina su sodo.<br />

In questa nota riferita al primo anno di attività si desidera evidenziare<br />

i risultati ottenuti ed i punti critici che sono sembrati limitanti il<br />

raggiungimento di risultati produttivi ancora maggiori.<br />

LE ATTENZIONI PER UNA AGRICOLTURA CONSERVATIVA<br />

SOSTENIBILE<br />

L’aspetto più evidente riscontrato in questo primo anno di prove, e sul<br />

quale appare indispensabile concentrare le attenzioni di questa nota, è<br />

rappresentato dalla problematica riconducibile alla variabilità e disomogeneità<br />

d’investimento iniziale della coltura.<br />

<strong>Il</strong> corretto investimento, infatti rappresenta la madre di tutte le<br />

corrette pratiche agronomiche e ciò è particolarmente vero nella agricoltura<br />

conservativa.<br />

I risultati di campo e<br />

le osservazioni<br />

pratiche dopo il<br />

primo anno di prove<br />

agronomiche<br />

nell’azienda<br />

Carpaneta di Ersaf<br />

su frumento e mais<br />

Sopra il titolo - Mais su sodo: danni da corvi<br />

e da fagiani.<br />

Questo punto chiave non è però facile da ottenere<br />

perché l’investimento dipende da molti fattori<br />

tra i quali i più importanti appaiono i seguenti tre:<br />

a) compattamento del suolo legato al peso delle<br />

macchine, alla forma e dimensione delle ruote/cingoli,<br />

all’intensità di traffico, allo stato fisico del<br />

suolo al momento della compressione, alla tessitura<br />

ed al tenore di sostanza organica;<br />

b) presenza di residui colturali, soprattutto, negli<br />

avvicendamenti autunnali stretti quali ad esempio<br />

la semina di cereali vernini dopo mais granella<br />

con stocchi non trinciati in campo;<br />

c) temperatura, umidità e capacità di drenaggio<br />

del terreno nei circa 20 giorni di germinazione del seme.<br />

INVESTIMENTO E COMPATTAMENTO DEL SUOLO<br />

Le ormaie non generano solo compattamento del suolo, fatto questo<br />

già di per sé estremamente negativo, ma soprattutto determinano<br />

variabilità di resistenza del suolo stesso al carico degli assolcatori<br />

delle seminatrici sia da minima che da sodo.<br />

Ciò comporta variabilità di profondità di semina, mal sopportata<br />

soprattutto da alcune specie: soia, colza; con seme che sulle ormaie<br />

rimane in superficiale, spesso anche semi-coperto, mentre nel suolo<br />

fresco e strutturato subisce un eccessivo approfondimento con allungamento<br />

del periodo critico di germinazione-emergenza e ciò indipendentemente<br />

dal modello di seminatrice impiegato.<br />

In queste condizioni, e le prove di questo primo anno lo hanno


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 15<br />

1-2 - È molto difficile, negli<br />

avvicendamenti autunnali<br />

stretti (foto1) con stocchi in<br />

campo (9-10 t/ha ss) preparare<br />

con un solo passaggio ( foto 2)<br />

di estirpatore trainato<br />

(qualunque sia il modello e la<br />

velocità/potenza impiegata), un<br />

sostenibile letto di semina per<br />

cereale vernino o colza in un<br />

terreno tendente all’argillosolimoso,<br />

In questi casi una semina<br />

su sodo, anticipata, è la<br />

soluzione più conveniente.<br />

1 2<br />

dimostrato, i semi depositati in<br />

superficie, soprattutto su sodo,<br />

subiscono l’attacco di volatili,<br />

corvi e fagiani, perché i semi stessi<br />

in germinazione e le piantine<br />

sono più facilmente sradicabili rispetto<br />

ai corrispondenti semi e<br />

piantine su minima caratterizzati<br />

mediamente da profondità maggiore<br />

e radicazione più profonda<br />

ed espansa.<br />

Nelle prove, gli attacchi, verificatesi<br />

solo sul sodo, sono proseguiti<br />

fino alla 2° foglia .<br />

Non si tratta, ovviamente, di<br />

attacchi legati al solo sistema sodo,<br />

ma di attacchi legati a semi e piantine<br />

“superficiali”, non ben affrancate<br />

o con solchi di semina aperti<br />

causa eccessiva umidità di alcuni<br />

punti del terreno, non necessariamente<br />

di tutta la superficie seminata.<br />

In relazione a ciò il sistema a<br />

minima ha offerto in questo primo<br />

anno e con la meccanizzazione tra-<br />

MAIS alla matur. cerosa (t/ha ss)<br />

dizionalmente impiegata nelle<br />

normali aziende agricole, maggiori<br />

garanzie di omogeneità di investimento.<br />

È ragionevole tuttavia, prevedere in futuro un miglioramento delle<br />

produzioni ottenibili dall’agricoltura conservativa su sodo, miglioramento<br />

che sembra soprattutto dipendere dalla “quantità-qualità” della<br />

compressione ed in particolare dai seguenti tre fattori: 1) grado di<br />

compressione; 2) numerosità di passaggi; 3) stato fisico del suolo alla<br />

compressione.<br />

INVESTIMENTO E RESIDUI COLTURALI<br />

L’agricoltura conservativa rispetto ai residui colturali si pone con un<br />

rapporto di “amore-odio”.<br />

La loro presenza auspicata e generosa per le finalità agro-ambientali<br />

rappresenta, per contro, una complicazione che influenza negati-<br />

TAB. 1 - RIDUZIONE DI INVESTIMENTO IN AREE A DIVERSA COMPRESSIONE DEL SUOLO<br />

TRADIZIONALE<br />

(FUORI PROVA)<br />

MINIMA SODO<br />

Deposizione (semi/m 2 ) 6,8 6,8 7,6<br />

Area di transito e manovra di fondo campo (0÷5m) 22% 32% 80%<br />

Area di sola manovra di fondo campo (5÷10m) 18% 26% 44%<br />

Pieno campo 9% 14% 22%<br />

Pieno campo su terra fine e strutturata (*) --- --- 18%<br />

Pieno campo su ormaie compatte e/o residui colturali 53%<br />

(*) La presenza delle ormaie ha consigliato un leggero aumento del carico sugli organi di semina, ma ciò ha comportato<br />

una tendenziale eccesiva profondità di semina nella terra più “cedevole”. Un terreno con minore variabilità di<br />

compressione avrebbe ottenuto anche su sodo una riduzione d’investimento nettamente inferiore.<br />

TAB. 2 - PRODUZIONE DI MAIS TRINCIATO INTEGRALE, 1° SEMINA (T/HA SS) E<br />

DI MAIS GRANELLA (T/HA 13% U).<br />

MINIMA SODO<br />

RIDUZIONE (%)<br />

(SODO SU MINIMA )<br />

Pianta intera 19,7 17,1 -13<br />

Spiga (granella + tutolo) 10,2 8,4 -18<br />

Stocco + foglie + brattee 9,5 8,7 -8<br />

Spiga/Pianta (H.I. mod.) 51,7 49,4 -4<br />

MAIS GRANELLA (t/ha 13% U) 11,3 9,9 -12<br />

Peso 1000 semi (g 13% U) 328 341 4<br />

VALORI (n) 8 8 ---<br />

vamente il giusto e corretto investimento colturale e un ostacolo<br />

all’azione del diserbo.<br />

Le prove e le esperienze fuori prova hanno mostrato due situazioni<br />

agronomiche profondamente differenti in funzione del ritmo/intensità<br />

di avvicendamento colturale (FOTO 3-4):<br />

a) finestra operativa stretta in suoli ben dotati d’argilla e limo,<br />

umidi, con semina di cereale vernino su stocchi di mais non trinciati in<br />

campo;<br />

b) finestra operativa larga, suoli sciolti, supporto gratuito e sostenibile<br />

dell’azione autunno-invernale, per circa 6 mesi, del gelo-disgelopioggia-sole-vento<br />

sul terreno e sui residui con semina, in aprile, di<br />

una coltura da rinnovo su steli di soia o di paglia di grano.<br />

Con riferimento al punto a), l’esperienza di sola minima su fru-


16 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

3 4<br />

3-4 - Dopo 6 mesi di esposizione all’acqua-gelo-sole-vento-brina-nebbia, la resistenza e la consistenza dei residui è in gran parte compromessa<br />

e sebbene mantengano a vista lo stesso volume, all’impatto con gli organi seminanti o di lavoro manifestano una friabilità, leggerezza e mobilità,<br />

per certi aspetti, sorprendente e ciò ne facilita il taglio o lo spostamento rispetto alla linea di semina e ciò per evitare quanto riportato nella foto n. 3,<br />

nella quale si vede che i due dischi di semina hanno interrato i residui all’interno del solco di semina. Nella foto n. 4, Gaspardo invece, grazie<br />

al “divaricatore” anteriore all’assolcatore, ha pulito la linea di semina prima della deposizione del seme.<br />

mento dopo soia, effettuata con un unico passaggio di Mainardi e con<br />

successiva semina combinata erpice-seminatrice Gaspardo, in questo<br />

primo anno di prove, ha comportato un bassissimo livello di difficoltà;<br />

lo stesso avvicendamento stretto non sarebbe stato possibile in<br />

presenza di stocchi di mais integri, senza l’impiego di una attrezzatu-<br />

ER.MO S.p.a.<br />

via Bergamo, 10<br />

26011 Casalbuttano (CR) - ITALY<br />

Tel. 0374 364111<br />

Fax 0374 364112<br />

www.ermo.it<br />

ra con organo rotante, opportunamente modificata, la quale, sarebbe<br />

stata in grado di realizzare, in un unico passaggio: la trinciatura degli<br />

stocchi, il “diserbo”, l’incorporamento dei residui e la preparazione<br />

del letto di semina ad una profondità di lavorazione modulabile<br />

dall’operatore in relazione al grado di incorporamento dei residui che<br />

GAMMA MINIMA<br />

LAVORAZIONE


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 17<br />

si desidera ottenere (8 cm, 10 cm,<br />

12 cm, 15 cm).<br />

Una minima con residui di<br />

stocchi integrali su terreno umido,<br />

ben dotato d’argilla e limo,<br />

non è ragionevolmente attuabile<br />

con i soli attrezzi trainati e con un<br />

unico passaggio e ciò per gli ingolfamenti<br />

di stocchi sui ripuntatori<br />

anteriori e/o presenza sul letto<br />

di semina di lunghi stocchi basali<br />

rigidi e legnosi<br />

(strutturalmente e fisicamente<br />

ben diversi rispetto agli stocchi rimasti in campo, 6 mesi, nell’autunno-inverno),<br />

che ostacolano la regolare deposizione del seme da parte<br />

degli assolcatori delle seminatrici da minima, per altro distanti soli<br />

15-18 cm, o forse, addirittura, ne impedirebbero la semina stessa per<br />

intasamento degli assolcatori.<br />

Una possibile soluzione del problema, per poter usufruire degli<br />

incentivi che l’agricoltura conservativa riserva a questi sistemi di<br />

minima, potrebbe essere quello di prevedere la semina del frumento<br />

dopo la raccolta della soia così da poter avere in campo una minore<br />

massa di residui e con ciò ridurre le complicazioni alla sola preparazione<br />

del letto di semina.<br />

È ragionevole tuttavia ritenere che nei terreni meno sciolti, umidi,<br />

la preparazione del letto di semina richieda almeno un doppio passag-<br />

TAB.3-SOSTANZA SECCA (%) DI MAIS TRINCIATO INTEGRALE ED UMIDITÀ<br />

(%) DELLA GRANELLA DI MAIS.<br />

MINIMA SODO<br />

RIDUZIONE (%)<br />

(SODO SU MINIMA)<br />

MAIS alla mat. cerosa (% ss)<br />

Pianta intera 32,8 30,9 -6<br />

Spiga (granella + tutolo) 47,3 43,6 -8<br />

Stocco + foglie + brattee <strong>24</strong>,7 <strong>24</strong>,1 -2<br />

MAIS GRANELLA (% U) 19,6 21,5 10<br />

VALORI (n) 8 8 ---<br />

gio di attrezzi trainati da minima il che, ovviamente, comporterebbe<br />

un interramento dei residui, ragionevolmente, superiore al 70%.<br />

Una estrema semplificazione colturale in questi avvicendamenti<br />

stretti di cereali vernini con finestre operative ridotte, presenza di<br />

stocchi integri su terreni ben dotati d’argilla e limo è stata osservata<br />

adottando la semina su sodo con seminatrice Semeato o Bertini.<br />

Nel caso invece di finestre operative larghe, come da punto b), un<br />

supporto fondamentale al sistema minima e sodo deriva dall’azione<br />

delle forze naturali gratuite e sostenibili, quali: gelo-disgelo-sole-pioggia-vento-nebbia<br />

che agiscono favorevolmente sui residui e sul terreno.<br />

Anche i miglioramenti meccanici, quali ad esempio l’inserimento<br />

di robuste ruote stellari davanti ai ripuntatori o ai dischi di semina,<br />

sia su minima che su sodo, per liberare la “riga di semina” dalla


18 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

5 6<br />

5 - Queste ruote stellari poste davanti agli organi di semina,<br />

hanno il compito di spostare i residui organici dalla linea di<br />

semina; la loro resistenza deve essere particolarmente elevata<br />

soprattutto se si opera su stocchi di mais non trinciati<br />

presenza di residui colturali, sono in grado di contribuire all’espansione<br />

dell’agricoltura conservativa nelle aziende agro-industriali.<br />

INVESTIMENTO E PRECIPITAZIONI<br />

E una relazione che interessa i cereali vernini e soprattutto le loro<br />

semine ritardate su suoli limosi o argillosi, in fascia di precipitazione ><br />

800 mm annui e ciò per la difficoltà d’infiltrazione dell’acqua nei<br />

terreni compatti a sodo .<br />

Può tuttavia essere un problema anche per il mais ed è per questo<br />

che l’esperienza pratica suggerisce di non rischiare, alle latitudini di<br />

Regione Lombardia, una semina di mais su sodo prima del 12-15<br />

aprile e comunque di depositare seme in presenza di terreno asciutto<br />

nei primi 2-3 cm superficiali. Nella semina di mais su sodo a Carpaneta,<br />

una precipitazione intensa verificatasi il 10-11 maggio 2010 ha<br />

provocato solo lievi danni d’investimento perché le piantine erano<br />

quasi completamente emerse , ben diverso sarebbe stato il danno se la<br />

precipitazione intensa fosse giunta con due-tre settimane d’anticipo<br />

in piena fase di germinazione del mais.<br />

L’ESPERIENZA SUL MAIS<br />

GRANELLA CON LE MACCHINE<br />

ATTUALI<br />

Per valutare correttamente i risultati<br />

dimostrativi ed estenderli al<br />

pieno campo è importante sottolineare<br />

la metodologia di prova<br />

adottata quest’anno:<br />

la semina su minima non è avvenuta<br />

ai primi di aprile nonostante<br />

il terreno fosse caldo e idoneo<br />

a ricevere il seme, ma almeno<br />

10 giorni dopo e ciò per farla coincidere<br />

con la semina su terreno<br />

non lavorato e pacciamato con<br />

stocchi integri di mais; il terreno<br />

sodo infatti, era ancora eccessiva-<br />

7<br />

mente freddo e umido ai primi di<br />

aprile;<br />

tutte le produzioni sono state<br />

ottenute da aree al netto delle superfici<br />

di bordo campo, superfici<br />

queste ultime, notoriamente meno<br />

produttive nella semina su sodo<br />

rispetto alla minima .<br />

La minima è stata realizzata<br />

con seminatrici Gaspardo e<br />

Khun, dopo una trinciatura degli<br />

stocchi e un solo passaggio autunnale<br />

con estirpatore Mainardi;<br />

mentre il sodo ha comportato<br />

la semina diretta su stocchi non<br />

7-Terreno con leggero compluvio che nel “sistema sodo”,<br />

con la meccanizzazione standard aziendale, accentua il lento<br />

deflusso dell’acqua piovana con maggiori riflessi negativi<br />

sull’investimento colturale.<br />

6 - Nelle semine con finestra<br />

larga che sfruttano l’azione delle<br />

forze naturali autunno-invernali<br />

e l’irrigazione primaverile-estiva,<br />

anche una lavorazione minima<br />

con un unico passaggio che<br />

lascia zolle di grandi dimensioni,<br />

è un’operazione utile in quanto<br />

nell’inverno si genera la<br />

struttura di disgregazione. In<br />

primavera il suolo si riscalda<br />

prima e l’acqua di pioggia non<br />

permane nello strato di<br />

germinazione del seme.<br />

trinciati con seminatrici Bertini e Semeato. Le condizioni di prova tra<br />

minima e sodo (concimazioni, diserbi, ibridi in prova, date di raccolta)<br />

sono state sostanzialmente le stesse.<br />

La prova dimostrativa con macchine ed ibridi diversi senza ripetizioni,<br />

ha evidenziato il ruolo fondamentale di due componenti:<br />

- le macchine e soprattutto le loro regolazioni;<br />

- la tecnica agronomica adottata nella precessione colturale e nella<br />

fase di presemina e semina della coltura con riferimento ai seguenti<br />

aspetti: diserbi, compressione, residui,<br />

profondità di semina, umidità<br />

del terreno, densità di semi.<br />

Come si può notare, entrambe<br />

le componenti hanno in comune il<br />

fattore umano e dunque è prevalentemente<br />

su questo piano che si<br />

svilupperà il futuro dell’agricoltura<br />

conservativa in Regione<br />

Lombardia, ravvisando però anche<br />

il fatto che, quest’anno, in termini<br />

di efficacia, pur nella variabilità<br />

di una prova dimostrativa e<br />

al lordo di quei fondamentali<br />

aspetti tecnico-umani di cui si è<br />

ricordata l’importanza, le seminatrici<br />

Khun e Semeato hanno offerto<br />

prestazioni leggermente mi-


8<br />

[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 19<br />

8-9. Le ormaie ostacolano l’infiltrazione dell’acqua piovana. Nella foto 8 si riportano i ristagni creatasi, solo su sodo e non su<br />

minima (foto 9), dopo una forte precipitazione del 10-11 maggio 2010. <strong>Il</strong> fatto che l’acqua si sia raccolta verso l’area sud della prada<br />

ossia, verso il fosso di compluvio, indica che c’è stato scorrimento superficiale lungo le ormaie e che la notevole lunghezza della prada,<br />

pari a circa 350 m, può aver peggiorato ulteriormente la situazione.<br />

gliori rispetto alle rispettive seminatrici Gaspardo e Bertini.<br />

Tale differenza è sembrata imputabile soprattutto alla più elevata<br />

velocità di semina di Gaspardo rispetto a Kuhn su suolo a minima non<br />

pareggiato in primavera; mentre Bertini quest’anno è stata penalizzata<br />

per l’introduzione nella prova di una novità sperimentale: una<br />

“slitta” per migliorare il taglio dei residui, la cui regolazione però non<br />

era stata perfezionata.<br />

UMIDITÀ DELLA GRANELLA ED AGRICOLTURA CONSERVATIVA<br />

Nella prova agronomica ciascun ibrido in prova su sodo (Famoso-Nk,<br />

DKC 6120- Dekalb, Kimbos- Sis; PR33T56- Pioneer), rispetto allo<br />

TAB. 4 - FRUMENTO: PRODUZIONE DI MASACCIO SU MINIMA E DI ANTILLE SU SODO<br />

VARIETÀ LAVORAZIONE E AVVICENDAMENTO KG/HA DI N %U<br />

stesso ibrido su minima, ha mostrato una maggiore umidità percentuale<br />

della pianta intera (1-3 punti), della spiga a maturazione cerosa<br />

(1-5 punti), della granella alla raccolta (1-2 punti) e dello stocco con<br />

foglie e brattee (0-2 punti).<br />

La maggiore umidità della pianta e delle sue componenti, sul sodo,<br />

sembra indicare un accrescimento più rallentato della pianta, per altro<br />

confermato dallo stadio di fioritura e questo fatto sarebbe in accordo<br />

con un minor consumo d’acqua per traspirazione, un minore stress ed<br />

un più prolungato stato vitale della pianta stessa.<br />

Ciò nella pratica sembra confuso con una maggiore disponibilità<br />

idrica del sistema sodo rispetto al sistema minima che, sebbene reale<br />

T/HA<br />

(13% U)<br />

RIDUZIONE<br />

(%), SODO<br />

SU MINIMA<br />

Masaccio MINIMA su soia 186 13,8 7,4 ± 0,1 100<br />

Antille SODO su Mais trinc. integrale 170 13,4 6,2 ± 0,3 16<br />

Considerando la leggera minore potenzialità genetica di Antille vs Masaccio (98 vs 100) e le 26 unita/ha di azoto<br />

somministrate in più sulla minima, si può ragionevolmente ritenere che al netto di queste considerazioni, la riduzione<br />

(%) di produzione del sodo sulla minima, in questa prova, sia stato dell’ordine del 8-10%.<br />

10<br />

9<br />

11<br />

in assoluto, potrebbe non esserlo<br />

nella effettiva situazione agronomica,<br />

con riferimento stretto alla<br />

minore espansione che gli apparati<br />

radicali avrebbero rispetto alla<br />

minima e forse, soprattutto, rispetto<br />

al terreno arato.<br />

Per contro, questo rallentamento<br />

vegetativo con prolungato<br />

stato vitale della pianta, ragione-<br />

10-11. Con semina al 28<br />

ottobre il frumento su minima<br />

era in accestimento alla data del<br />

11 dicembre 2009 (foto 10), il<br />

frumento su sodo invece (foto<br />

11), seminato il 31 ottobre, era<br />

leggermente in ritardo vegetativo<br />

(2°-3° foglia). <strong>Il</strong> rischio di piogge<br />

autunnali intense su semi in<br />

germinazione con temperature<br />

basse suggerisce di anticipare le<br />

semine del cereale vernino su<br />

sodo entro la metà di ottobre.


20 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

volmente, comporterebbe, soprattutto<br />

nelle coltivazioni in<br />

asciutto, una diminuzione dello<br />

stress idrico e un aumento della<br />

probabilità di “intersecazione”<br />

con una pioggia estiva con effetti<br />

estremamente positivi sulla produzione.<br />

Ciò conferma il fatto che<br />

l’agricoltura conservativa trova<br />

“radici”, prevalentemente, nelle<br />

grandi aziende agricole non irrigue.<br />

12<br />

L’ESPERIENZA SUL FRUMENTO<br />

CON L’ATTUALE<br />

MECCANIZZAZIONE AGRARIA<br />

In questo 1° anno è stato seminato<br />

in prova agronomica solo frumento<br />

Masaccio e Abate su minima<br />

per la necessità di “ristorare”<br />

il terreno dalla compressione autunnale creata dalla mietitrebbia in<br />

fase di raccolta della soia in precessione.<br />

In un terreno vicino, simile per composizione a quello di prova, ma<br />

con precessione di mais trinciato integrale, e quindi con meno ormaie<br />

per la favorevole data di raccolta della coltura rispetto alla soia, è stata<br />

12- Con una semina contemporanea di minima e sodo, ma<br />

con un ritardo di circa 10 giorni rispetto al momento ideale<br />

per la minima, il mais su terreno lavorato (a sx nella foto), è<br />

giunto comunque alla fioritura con qualche giorno di anticipo<br />

rispetto al sodo e con una pianta di taglia leggermente superiore.<br />

seminata, su sodo, per confronto,<br />

la varietà di frumento “Antille”.<br />

Non avendo seminato le stesse<br />

varietà su minima e su sodo,<br />

si è ricorso alla valutazione della<br />

potenzialità produttiva dei due<br />

materiali (Masaccio e Antille) inseriti<br />

nelle prove parcellari 2010<br />

eseguite presso il CRA di S. Angelo<br />

Lodigiano. I valori indice,<br />

in queste prove nazionali, sono<br />

apparsi molto prossimi tra i due<br />

genotipi: Masaccio su minima<br />

(100) e Antille su sodo (98).<br />

In tabella 4, e nella nota in calce<br />

alla tabella stessa, sono riportati<br />

i dati produttivi e le considerazioni<br />

generali.


22 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

1 2<br />

La Lombardia premia<br />

il sodo e la minima<br />

mira a contrastare gli effetti<br />

secondari sfavorevoli conseguenti al-<br />

L’azione<br />

la semplificazione degli ordinamenti<br />

colturali ed alla gestione intensiva del suolo<br />

tramite arature profonde con inversione degli<br />

strati di suolo, lavorazioni ripetute e periodi con<br />

suolo nudo, quali ad esempio emissione di CO2,<br />

alti consumi energetici, riduzione della biodiversità<br />

e della fertilità dei suoli (riduzione sostanza<br />

organica, aumento dei fenomeni erosivi<br />

in particolare di trasposto solido in pianura,<br />

compattamento) e inquinamento delle acque.<br />

Attraverso l’adozione delle tecniche di agricoltura<br />

conservativa si contribuisce a mitigare<br />

questi effetti negativi, assecondando inoltre le<br />

priorità della PAC: cambiamento climatico, biodiversità,<br />

efficienza energetica, efficienza idrica.<br />

La promozione di un’azione che sostenga economicamente la<br />

transizione a tali tecniche gestionali abbastanza complesse può<br />

facilitarne la diffusione, aumentando la superficie protetta anche<br />

laddove determini una riduzione della redditività aziendale nei<br />

primi anni di introduzione e anche laddove l’utilizzo di tali<br />

tecniche comporti oneri di ammodernamento nelle dotazioni.<br />

CAMPO DI APPLICAZIONE<br />

L’azione si distingue in due interventi:<br />

1. Introduzione dell’agricoltura BLU o semina diretta su<br />

La misura 214 M del<br />

Psr assegna<br />

contributi per gli<br />

agricoltori che si<br />

impegnano ad<br />

applicare sodo o<br />

minima lavorazione<br />

per 5 anni sui terreni<br />

a seminativo<br />

sodo (SD);<br />

2. Minima lavorazione (ML);<br />

e si applica su tutto il territorio regionale<br />

per le superfici coltivate a seminativo.<br />

Per l’intervento 2 “Minima lavorazione”<br />

sono escluse le superfici coltivate a <br />

CONDIZIONI E DEFINIZIONI<br />

La superficie minima per aderire all’azione è<br />

pari ad e comunque non inferiore al <br />

a seminativo aziendale.<br />

Per garantire l’efficacia ambientale dell’azione,<br />

le particelle sottoposte ad impegno<br />

dovranno restare le stesse nei 5 anni di impegno.<br />

La (SD)è una tecnica agronomica che<br />

consiste nella deposizione del seme nel terreno senza alterarne<br />

la struttura preesistente, eccetto che per una fascia ristretta di<br />

larghezza massima di 8-10 cm e profondità massima di 6-8 cm<br />

in corrispondenza di ogni fila di semina. È da evitare il rimescolamento<br />

degli strati del profilo attivo del terreno.<br />

La () è una tecnica agronomica che<br />

prevede di effettuare lavorazioni del terreno a profondità NON<br />

superiori ai 15 cm, garantendo al contempo che una parte della<br />

superficie resti coperta da residui colturali. In ogni caso non si<br />

deve verificare l’inversione degli strati del profilo attivo del<br />

terreno.


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 23<br />

1-La semina diretta o semina su sodo va effettuata con<br />

seminatrici idonee provviste di dischi capaci di tagliare il terreno<br />

senza alterarne la struttura e mantenendo i residui superficiali<br />

2-Anche senza smuovere il terreno una idonea seminatrice<br />

da sodo è in grado di deporre tutti i semi rispettando<br />

l’investimento prescelto<br />

3-Le attrezzature per la minima lavorazione non devono<br />

superare i 15 cm di profondità di lavoro, lasciando sul terreno<br />

una buona quantità di residui colturali<br />

DURATA DEGLI IMPEGNI<br />

La durata degli impegni per le aziende che aderiscono nella<br />

campagna 2011 è di 5 anni a decorrere dal 1° gennaio 2011. Con<br />

il termine “campagna” ci si riferisce all’anno solare (1° gennaio<br />

- 31 dicembre).<br />

IMPEGNI DELL’AZIONE<br />

Gli impegni agroambientali specifici dell’azione M che oltrepassano<br />

quelli dettati dalla condizionalità sono differenziati a<br />

seconda della tipologia di intervento, in particolare:<br />

INTERVENTO 1 “INTRODUZIONE DELL’AGRICOLTURA BLU O<br />

SEMINA DIRETTA SU SODO (SD)”<br />

1. Effettuare la su almeno il 10 % della<br />

SAU aziendale coltivata a seminativo; tale superficie non dovrà<br />

comunque essere inferiore a 1 ha; la semina deve essere<br />

effettuata con idonee macchine operatrici che rispondano alle<br />

caratteristiche tecniche indicate nell’allegato 4 al presente bando.<br />

, le fatture relative alle operazioni<br />

colturali dovranno riportare la seguente dicitura: “ Lavorazioni<br />

effettuate con macchine idonee alla semina su sodo<br />

come da allegato 4 al bando della Misura 214 PSR 2007-13 –<br />

campagna 2011”. Alla fattura dovrà essere allegata un’autocertificazione<br />

congiunta del terzista e del beneficiario che indichi<br />

quali particelle sono state lavorate.<br />

2. di effettuare lavorazioni che provochino il rimescolamento<br />

degli strati del profilo attivo del terreno (aratura,<br />

erpicatura, estirpatura, sarchiatura, rincalzatura, livellamento<br />

laser, nonché altre operazioni meccaniche).<br />

Solo in caso di condizioni pedoclimatiche particolarmente sfavorevoli<br />

(anossia radicale, eccessivo compattamento del suolo<br />

o evidenti fenomeni di ristagno) è concesso il ricorso a tecniche<br />

di non lavorazione profonda mediante l’uso di <br />

o (vedi capitolo “Macchine per le lavorazioni di<br />

recupero” dell’allegato 4 al presente bando).<br />

<strong>Il</strong> beneficiario dovrà comunicare preventivamente alla Provincia<br />

competente l’intenzione di ricorrere a tali lavorazioni, indicando<br />

le motivazioni e le particelle interessate. La Provincia<br />

autorizza o meno l'intervento entro 10 gg dalla richiesta.<br />

3. Rispettare l’obbligo di con alternan-<br />

3<br />

za di cereali autunno-vernini, riso, colza/altre crucifere, leguminose,<br />

mais, sorgo, soia, barbabietola. È consentita la rotazione<br />

con leguminose. La durata massima dei medicai è di 4 anni,<br />

a decorrere dall’ impianto e, a tal fine, fa fede la successione<br />

colturale registrata nei fascicoli aziendali delle annualità precedenti<br />

a quella di adesione all’azione.<br />

<strong>Il</strong> MAIS, sia in coltura principale che secondaria, NON può<br />

essere presente sullo stesso appezzamento per due anni consecutivi,<br />

né come primo, né come secondo raccolto.<br />

La coltura del mais può permanere per due anni consecutivi<br />

sulle stesse superfici solo in caso di adesione all’impegno aggiuntivo<br />

“cover crops”.<br />

4. delle<br />

colture principali, in modo da avere uno strato di materiale<br />

vegetale sparso tra le piante o sul suolo a scopo protettivo<br />

();<br />

È consentita la trinciatura dei residui colturali.<br />

l’asportazione parziale delle paglie e degli<br />

stocchi purché ne resti un quantitativo sufficiente a garantire la<br />

copertura del terreno.<br />

5. Somministrare in <br />

durante la stagione vegetativa della<br />

coltura principale;<br />

6. <br />

sulla coltura principale.<br />

7. Non utilizzare fanghi.<br />

8. Mantenere costantemente e conformemente <br />

<br />

Per la registrazione dei trattamenti e delle<br />

concimazioni può essere utilizzato il modello proposto nell’allegato<br />

3 alle disposizioni attuative della misura 214 del 2008,<br />

pubblicato sul BURL n. 15 dell’11 aprile 2008, 2° supplemento<br />

straordinario e successive modifiche e integrazioni. Nella parte<br />

di registro relativa ai trattamenti fitosanitari indicare nel campo<br />

NOTE il nominativo di chi effettua il trattamento ed apporre<br />

la relativa firma.<br />

Sulle superfici oggetto di adesione all’intervento 1 (SD)<br />

possono essere facoltativamente aggiunti i seguenti pacchetti<br />

di impegni, con il riconoscimento di un premio supplementare:


<strong>24</strong> Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

E’ importante rispettare<br />

l’obbligo della rotazione<br />

colturale prevista dalla misura<br />

· <br />

<br />

<br />

<br />

; la semina deve essere<br />

effettuata entro venti giorni<br />

dalla raccolta della coltura<br />

principale. Possono essere utilizzate<br />

come colture<br />

quali erbai intercalari di graminacee<br />

o miscugli di graminacee<br />

e altre specie, graminacee autunno-vernine quali per<br />

esempio dactylis e loietto, leguminose da granella o da foraggio<br />

(es: sulla, lupinella, trifogli), crucifere (rafano, senape, brassica,<br />

facelia);<br />

· almeno fino a venti giorni prima<br />

della semina della successiva coltura principale; al termine<br />

del periodo di coltivazione, la cover crop dovrà essere devitalizzata<br />

e disseccata totalmente;<br />

· sulla ;<br />

· sulla<br />

. È consentito l’uso di disseccanti, a dosi inferiori a<br />

quelle di etichetta, esclusivamente prima della semina della<br />

coltura principale successiva, per la devitalizzazione in loco a<br />

fine ciclo della cover per consentire l’avvio delle operazioni di<br />

semina.<br />

È vietato raccogliere ed asportare la cover crop, che non<br />

potrà pertanto essere utilizzata in alcun modo ma dovrà essere<br />

disseccata e lasciata in campo.<br />

<br />

<br />

· Effettuare l’iniezione diretta degli effluenti di allevamento<br />

nel terreno oggetto d’impegno utilizzando macchine operatrici<br />

con idonee caratteristiche tecniche di cui all'allegato 4 al<br />

presente bando.<br />

Tra gli effluenti di allevamento non palabili è ricompreso<br />

anche il digestato ottenuto da matrici tra le quali siano compresi<br />

gli effluenti di allevamento.<br />

Agli impegni base dell’intervento 1 è possibile aggiungere<br />

singolarmente gli impegni facoltativi a) oppure b), oppure<br />

entrambi gli impegni facoltativi (a + b).<br />

INTERVENTO 2 “MINIMA LAVORAZIONE (ML)”<br />

Sono escluse dall’intervento le superfici coltivate a riso.<br />

1. Rispettare il del terreno a profondità<br />

superiori a 15 cm;<br />

2. di effettuare lavorazioni che provochino l’inversione<br />

degli strati del terreno nonché il rimescolamento degli<br />

strati del profilo attivo del terreno (aratura, erpicatura, estirpatura,<br />

sarchiatura, rincalzatura, livellamento laser, nonché altre<br />

operazioni meccaniche)<br />

Le operazioni colturali devono essere effettuate con idonee<br />

macchine operatrici che rispondano<br />

alle caratteristiche<br />

tecniche indicate nell’allegato<br />

4 al presente bando.<br />

<br />

, le fatture relative<br />

a tali operazioni colturali<br />

dovranno riportare la seguente<br />

dicitura: “Lavorazioni<br />

effettuate con macchine idonee<br />

alla minima lavorazione<br />

come da allegato 4 al bando<br />

della Misura 214 PSR 2007-13<br />

– campagna 2011”. Alla fattura<br />

dovrà essere allegata<br />

un’autocertificazione congiunta del terzista e del beneficiario<br />

che indichi quali particelle sono state lavorate.<br />

Solo in caso di <br />

(anossia radicale, eccessivo compattamento del<br />

suolo o evidenti fenomeni di ristagno) è concesso il ricorso a<br />

tecniche di non lavorazione profonda mediante l’uso di <br />

o (vedi capitolo “Macchine per le<br />

lavorazioni di recupero” dell’allegato 4 al presente bando.<br />

<strong>Il</strong> beneficiario dovrà comunicare preventivamente alla Provincia<br />

competente l’intenzione di ricorrere a tali lavorazioni, indicando<br />

le motivazioni e le particelle interessate. La Provincia<br />

autorizza o meno l'intervento entro 10 gg dalla richiesta.<br />

3. In caso di coltivazione di erba medica, questa può essere<br />

mantenuta al massimo per tre anni durante il periodo di impegno;<br />

4. delle<br />

colture principali, in modo da avere uno strato di materiale<br />

vegetale sparso tra le piante o sul suolo a scopo protettivo<br />

();<br />

È consentita la trinciatura dei residui colturali.<br />

È consentita l’asportazione parziale delle paglie e degli stocchi<br />

purché ne resti un quantitativo sufficiente a garantire la<br />

copertura del terreno.<br />

5. <br />

durante la stagione vegetativa<br />

della coltura principale;<br />

6. <br />

sulla coltura principale;<br />

7. Non utilizzare fanghi;<br />

8. Mantenere costantemente e conformemente <br />

dei trattamenti, delle concimazioni e dei<br />

relativi magazzini. Per la registrazione dei trattamenti e delle<br />

concimazioni può essere utilizzato il modello proposto nell’allegato<br />

3 alle disposizioni attuative della misura 214 del 2008,<br />

pubblicato sul BURL n. 15 dell’11 aprile 2008, 2° supplemento<br />

straordinario e successive modifiche e integrazioni. Nella parte<br />

di registro relativa ai trattamenti fitosanitari indicare nel campo<br />

NOTE il nominativo di chi effettua il trattamento e apporre<br />

la relativa firma.<br />

Sulle superfici oggetto di adesione all’intervento possono<br />

essere facoltativamente aggiunti i seguenti pacchetti di impe-


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 25<br />

gni, con il riconoscimento di un premio supplementare:<br />

<br />

· <br />

; la<br />

semina deve essere effettuata entro venti giorni dalla raccolta<br />

della coltura principale. Possono essere utilizzate come <br />

colture quali erbai intercalari di graminacee o miscugli di<br />

graminacee e altre specie, graminacee autunno-vernine quali<br />

per esempio dactylis e loietto, leguminose da granella o da<br />

foraggio (es: sulla, lupinella, trifogli), crucifere (rafano, senape,<br />

brassica, facelia)<br />

· almeno fino a venti giorni prima<br />

della semina della successiva coltura principale; al termine del<br />

periodo di presenza della cover crop si dovrà provvedere a<br />

disseccarla totalmente;<br />

· sulla ;<br />

· sulla<br />

. È consentito l’uso di disseccanti, a dosi inferiori a<br />

quelle di etichetta, esclusivamente prima della semina della<br />

coltura principale successiva, per la devitalizzazione in loco a<br />

fine ciclo della cover per consentire l’avvio delle operazioni di<br />

semina.<br />

È vietato raccogliere ed asportare la cover crop, che non<br />

potrà pertanto essere utilizzata in alcun modo ma dovrà essere<br />

disseccata e lasciata in campo.<br />

<br />

<br />

<br />

· Effettuare <br />

nel terreno oggetto d’impegno utilizzando macchine<br />

operatrici con idonee caratteristiche tecniche descritte nell’allegato<br />

4 al presente bando.<br />

oppure<br />

· Effettuare <br />

, tramite un unico<br />

cantiere di lavoro.<br />

<br />

<br />

Tra gli effluenti di allevamento non palabili è ricompreso<br />

anche il digestato ottenuto da matrici tra le quali siano compresi<br />

gli effluenti di allevamento.<br />

Agli impegni base dell’intervento 2 (ML) è possibile aggiungere<br />

singolarmente gli impegni facoltativi a) oppure b), oppure<br />

entrambi gli impegni facoltativi (a + b).<br />

DOCUMENTAZIONE<br />

<strong>Il</strong> beneficiario dovrà conservare in azienda il registro aziendale<br />

dei trattamenti, delle concimazioni e dei relativi magazzini.<br />

In caso di ricorso a prestazioni di contoterzisti per l’effettuazione<br />

delle operazioni colturali di cui agli interventi 1 e/o<br />

2, il beneficiario dovrà conservare in azienda le fatture relative<br />

a tali operazioni; le fatture dovranno riportare l’apposita


26 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Sul terreno deve essere<br />

presente una quota di residui<br />

colturali.<br />

dicitura segnalata negli impegni<br />

sopra descritti.<br />

AMBITO TERRITORIALE DI<br />

APPLICAZIONE E CRITERI DI<br />

SELEZIONE DEI BENEFICIARI<br />

L’azione si applica su tutto il<br />

territorio regionale, con priorità<br />

per le aree di pianura, fondovalle<br />

e collina.<br />

Per l’identificazione dei<br />

Comuni ricompresi nelle aree di pianura e collina occorre fare<br />

riferimento alla classificazione ISTAT.<br />

ENTITÀ DELL’INDENNIZZO ANNUALE<br />

<br />

Semina su sodo = 208,00 euro/ha<br />

Semina su sodo + cover crop = 290,00 euro/ha<br />

Semina su sodo + iniezione diretta effluenti non palabili =<br />

278,00 euro/ha<br />

Semina su sodo + cover crop + iniezione diretta effluenti<br />

non palabili = 360,00 euro/ha<br />

<br />

<br />

Lavorazione minima =<br />

190,00 euro/ha<br />

Lavorazione minima + cover<br />

crop = 272,00 euro/ha<br />

Lavorazione minima +<br />

iniezione diretta effluenti non<br />

palabili/interramento effluenti<br />

= 260,00 euro/ha<br />

Lavorazione minima + cover<br />

crop + iniezione diretta effluenti<br />

non palabili = 342 euro/ha<br />

COMPATIBILITÀ CON ALTRE FORME DI SOSTEGNO PUBBLICO<br />

I pagamenti relativi alla presente azione, per le medesime<br />

superfici, non sono cumulabili con quelli previsti dalle altre<br />

azioni della misura 214, fatte salva l’ azione I.<br />

In caso di adesione contemporanea all’azione I non è consentita<br />

l’adesione all’impegno facoltativo aggiuntivo 3 (gestione delle<br />

stoppie) dell’azione stessa.<br />

L’azione è coerente con le priorità dell’ e pertanto<br />

è finanziata con le risorse aggiuntive da essa derivanti e<br />

collocate sulla misura.


28 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Le esperienze pratiche<br />

degli argentini<br />

Trent’anni di applicazioni del sodo nei terreni del Sud America hanno formato una schiera<br />

di veri specialisti dai quali è opportuno trarre alcuni saggi principi<br />

La semina diretta<br />

è sempre un successo?<br />

Questo intervento è di Ricardo Baumer che è il<br />

padre della semina diretta argentina che ha<br />

lanciato sin dal 1972. Baumer è stato direttore<br />

dell’istituto nazionale di tecnologia Agropequaria<br />

di Bergamino (Buenos Aires)<br />

La semina diretta, si<br />

pratica in diversi posti molto differenti del mondo e a tutte<br />

le latitudini, con alcune particolarità zonali.<br />

In ogni caso, le motivazioni che portano a praticare la semina<br />

su sodo, non cambiano molto da zona a zona. Nonostante siano<br />

molti i vantaggi che si riconoscono alla semina su sodo, la leva<br />

più importante, quella che ne ha determinato lo sviluppo ed il<br />

radicamento, è quella economica.<br />

Nonostante le si riconoscano benefici come il controllo dell’erosione<br />

idrica ed eolica, l’incremento della materia organica,<br />

l’aumento dell’attività biologica del suolo, la conservazione dell’acqua<br />

nel suolo, l’aumento dell’acqua utile per la coltura, la<br />

variazione della temperatura del suolo, il mantenimento della<br />

migliore epoca di semina, la riduzione della manodopera ed altro<br />

ancora, la semina su sodo non<br />

si adottò fintanto che il beneficio<br />

economico non superò o<br />

perlomeno non eguagliò quello<br />

della semina tradizionale.<br />

Sicuramente, l’esito positi-<br />

La semina diretta è una<br />

tecnica che non si improvvisa<br />

ma va sperimentata e ben<br />

studiata caso per caso nelle<br />

diverse situazioni colturali.<br />

vo nel lungo periodo dipende da una corretta pianificazione<br />

agronomica, dal monitoraggio e dal controllo della flora avventizia,<br />

dall’aver cura nell’evitare l’insorgenza di resistenza, da un<br />

controllo efficace dei parassiti e soprattutto dalla pratica di una<br />

adeguata rotazione colturale.<br />

Alcuni aspetti possono non essere ovunque uguali. I maggiori<br />

condizionamenti che marcano queste differenze sono fondamentalmente<br />

il terreno ed il clima, influenzati dalla latitudine. Iniziando<br />

dal clima, due sono le variabili, umidità e temperatura,<br />

che segnano le maggiori differenze. I climi freddi rendono difficile<br />

la decomposizione dei residui, creando grandi accumuli degli<br />

stessi. La maggiore umidità, associata a suoli freddi, crea condizioni<br />

favorevoli allo sviluppo di patogeni e delle limacce, spesso<br />

di difficile controllo. Inoltre crea condizioni di suolo freddo, che<br />

obbligano a ritardare la data di semina delle colture primaverili<br />

come quella del mais. Viceversa, in suoli tropicali, la copertura<br />

favorisce lo sviluppo di coltivazioni come il sorgo abbassando la<br />

temperatura di diversi gradi. In queste condizioni mantenere la<br />

copertura è fondamentale e molto più complicato. Vediamo quindi<br />

come la copertura svolge un ruolo differente solamente con la


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 29<br />

temperatura. E il suolo? anche<br />

questo fattore determina differenze<br />

importanti, specialmente<br />

in accordo con la tessitura. I<br />

suoli argentini, in gran parte<br />

franchi, da argilloso a sabbioso,<br />

sono particolarmente facili da<br />

coltivare in semina diretta con<br />

seminatrici sviluppate in quelle<br />

condizioni e con una esperienza<br />

oltre trentennale. In alcune<br />

zone si trovano terreni diversi<br />

e non sempre le macchine<br />

sviluppate per altri suoli danno<br />

buoni risultati.<br />

L’esperienza in Italia è molto interessante, dal momento che i<br />

tipi di suolo variano e molte volte la variazione è percettibile in<br />

pochi metri. I suoli argillosi limosi si comportano in modo differente<br />

rispetto ai suoli franchi. Gli elementi di semina sviluppati<br />

per i terreni franchi non sono adatti alla semina in condizioni di<br />

suolo freddo, umido e argilloso. Anche se secchi, i suoli argillosi<br />

italiani presentano delle difficoltà raramente visibili in Argentina.<br />

La necessità di poter disporre di elementi assolcatori, adatti a<br />

condizioni estreme e che allo stesso tempo possano affrontare<br />

situazioni più favorevoli, è condizione indispensabile per lavora-<br />

Fermiamoci a riflettere<br />

sul futuro dell’agricoltura<br />

Sono un imprenditore agricolo argentino, agronomo, che da<br />

circa dieci anni viaggia in Italia e in Francia per visitare amici<br />

e colleghi. Produco nelle province di Buenos Aires e di Cordoba<br />

mais, soia, frumento, sorgo tutto in rotazione e con coperture<br />

vegetali, solo in semina diretta da oltre venti anni .<br />

Mi è stato chiesto quale sia la mia opinione riguardo all`agricoltura<br />

europea e, in verità, non sono molto ottimista.<br />

Vedo un suolo molto degradato, come conseguenza dei molti<br />

anni di agricoltura praticata, rese delle colture stagnanti, produttori<br />

spossati dai controlli, in generale<br />

di tipo burocratico, che a volte<br />

sfiorano il ridicolo, impedendo<br />

per esempio il logico controllo<br />

delle patologie e degli attacchi<br />

da insetti ed altri animali.<br />

<strong>Il</strong> caso degli OGM è patetico.<br />

La maggior parte delle proteine<br />

vegetali che l’Europa importa<br />

sono OGM. Con queste gli europei<br />

allevano il bestiame e poi ne<br />

Federico Zerboni con<br />

Mauro Grandi ( a destra) in<br />

un campo di soia<br />

Da sinistra Federico<br />

Zerboni e Ricardo Baumer<br />

nella campagna lodigiana<br />

re su terreni le cui condizioni<br />

variano molto. Pertanto, come<br />

dobbiamo mettere a frutto<br />

l`utilizzo delle conoscenze sviluppate<br />

a diverse latitudini?<br />

La ricca esperienza argentina<br />

mostra il lungo cammino<br />

percorso dall’inizio degli anni<br />

settanta ai giorni nostri. Questa<br />

esperienza è molto utile per conoscere<br />

tutti gli aspetti che si<br />

devono tenere in considerazione per raggiungere il risultato di<br />

cui abbiamo parlato prima. Questa però è l’esperienza argentina<br />

che per l’Italia è esperienza altrui. Solo sviluppando una esperienza<br />

propria lungo tutta la penisola gli agricoltori italiani potranno<br />

risolvere i dubbi delle diverse condizioni e arrivare all’esito<br />

positivo nella semina diretta. Da questo punto di vista le<br />

associazioni conservazioniste come AIGACoS possono fornire<br />

una importante visione d’insieme della esperienza italiana.<br />

Ricardo Baumer<br />

<br />

consumano il latte e la carne, ma si continua a non voler permettere<br />

l’uso degli OGM . <strong>Il</strong> miglioramento dei livelli di produzione delle<br />

coltivazioni agrarie oggi si basa sull`uso della biotecnologia e, di<br />

conseguenza, il non farne uso rende i produttori europei più inefficienti<br />

e meno competitivi rispetto a quelli del resto del mondo. E il<br />

divario aumenta di anno in anno.<br />

L’Europa usa migliaia di ettari di insilato di mais non OGM per<br />

produrre biogas e alleva polli, bovini e suini con alimenti OGM.<br />

Tutto ciò non sembra molto logico.<br />

Mi spaventa l’onnipotenza dei governanti europei che stanno<br />

portando il settore verso un vicolo senza uscita. Pensano che gli<br />

imprenditori agricoli possano produrre con migliaia di ostacoli e<br />

problemi senza che questo comprometta la produzione. Non è così.<br />

In Argentina si pensava che la produzione di carne bovina si potesse<br />

realizzare a qualsiasi condizione<br />

fino a che non sparirono molti<br />

allevatori e nel paese della carne<br />

oggi non si possono garantire i<br />

livelli di consumo interno né<br />

possiamo esportare carne. La<br />

produzione di carne è diminuita<br />

del 50% e ci vorranno diversi anni<br />

prima di recuperare i livelli<br />

perduti.<br />

In Europa oggi i costi produttivi<br />

superano nella maggior parte<br />

dei casi i prezzi di vendita, il<br />

che nel breve periodo renderà insostenibile<br />

la produzione.


30 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

In gran parte d’Europa lo sviluppo<br />

urbano consuma ogni anno<br />

circa il 5% della superficie<br />

agricola, il che significa che, di<br />

questo passo, in pochi anni sparirà<br />

gran parte delle zone produttive.<br />

Per tutto ciò credo che i produttori<br />

e la politica devono reagire.<br />

Non è possibile che le politiche<br />

agricole vengano calate dall’alto<br />

da Bruxelles secondo<br />

logiche di una miope frangia<br />

ecologista che sta creando un sistema<br />

produttivo troppo vincolante.<br />

È ora che i veri produttori<br />

IL TERRENO<br />

Bene prezioso<br />

da tutelare<br />

agricoli prendano il controllo di queste politiche e le traducano in<br />

forma realistica e sostenibile.<br />

La semina diretta è un sistema produttivo che si fonda sulla non<br />

lavorazione del suolo. Le radici lasciate indisturbate nel suolo lo<br />

decompattano. A seguito della decomposizione le radici lasciano dei<br />

macropori che permettono l’entrata dell’aria e dell’acqua nel suolo.<br />

Da qui l’importanza delle graminacee nella rotazione e dell’attenzione<br />

nella gestione del terreno per quanto riguarda il passaggio dei<br />

mezzi meccanici che possono determinare la compattazione del suolo.<br />

La minima lavorazione è un concetto completamente diverso,<br />

G li<br />

imprenditori agricoli argentini inseriti in un mercato non sovvenzionato,<br />

totalmente esposto alle oscillazioni del valore mon-<br />

diale delle commodities e dalla crescente pressione fiscale hanno<br />

sviluppato una visione critica e cautelativa di quello che è la sostenibilità<br />

della produzione, in relazione ai fattori produttivi non controllabili e<br />

soprattutto nei confronti dei fattori alterabili. Una integrazione economicamente<br />

vantaggiosa tra nuove tecnologie e sostenibilità della produzione agricola<br />

hanno portato allo sviluppo di tecniche agronomiche che magnificano il terreno come<br />

fattore da tutelare nel tempo, nei confronti di tutto il contesto produttivo.<br />

Ormai gli argentini possono contare su di una esperienza trentennale della semina<br />

diretta che permette di accumulare sostanza organica nel suolo, limita le perdite di acqua,<br />

crea uno strato di accumulo della stessa facilmente permeabile dalle radici della coltura in<br />

atto, il tutto limitando l`erosione idrica ed eolica dei suoli. Mauro Grandi<br />

simile al sistema tradizionale però con una lavorazione del suolo a<br />

minore profondità. A mio avviso è peggiore in quanto genera un<br />

orizzonte di sviluppo radicale poco profondo. È più gradevole all’occhio<br />

ma non così utile per le radici, un inganno, e nella maggior<br />

parte dei casi è peggiore della semina tradizionale.<br />

È difficile confrontare i due sistemi perché sono totalmente differenti;<br />

è come confrontare pere con mele.<br />

Se ben impostata, considero la semina diretta decisamente migliore<br />

sia di quella tradizionale sia della minima lavorazione.<br />

Federico Zerboni


32 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

1 2<br />

L’impegno dell’industria<br />

sul fronte ambientale<br />

della meccanizzazione agricola<br />

è sempre più impegnata nello svi-<br />

L’industria<br />

luppo di tecnologie a basso impatto<br />

ambientale. Dal controllo delle emissioni dei motori<br />

ai sistemi per ridurre la dispersione di fitofarmaci,<br />

dalle tecnologie per la gestione dei reflui<br />

zootecnici alle attrezzature per la lavorazione<br />

conservativa del terreno l’industria progetta e<br />

realizza mezzi meccanici eco-compatibili, necessari<br />

per realizzare quel modello di agricoltura<br />

sostenibile che la Politica agricola comunitaria<br />

promuove in modo sempre più deciso. <br />

è il presidente dell’Unacoma, la federazione<br />

che rappresenta in seno a Confindustria i costruttori di<br />

macchine e attrezzature agricole.<br />

<br />

<br />

<br />

Lo è sempre stato, perché la funzionalità<br />

di una macchine agricola consiste<br />

proprio nel conciliare le esigenze produttive<br />

con la conservazione delle risorse naturali.<br />

Oggi, naturalmente, ci sono molte<br />

più conoscenze sull’impatto ambientale<br />

delle lavorazioni agricole di quante ce ne<br />

Massimo Goldoni, presidente Unacoma<br />

Dai motori alle<br />

attrezzature, le case<br />

costruttrici<br />

continuano senza<br />

sosta<br />

il trasferimento<br />

di innovazione utile<br />

ed ecocompatibile<br />

1 - L’industria meccanica ha messo a punto<br />

tecnologie capaci di garantire l’ottima<br />

produttività delle colture in semina diretta in<br />

presenza di residui colturali sulla superficie del<br />

terreno<br />

2 - <strong>Il</strong> rispetto del suolo alla raccolta con<br />

l’uso di ruote gemellate e gomme a bassa<br />

pressione è la condizione indispensabile per<br />

applicare l’agricoltura Blu<br />

fossero nel passato, e l’industria meccanica si<br />

trova ad affrontare il problema in tutta la sua<br />

complessità, cercando di offrire risposte il più<br />

possibile efficaci e scientifiche.<br />

<br />

<br />

<br />

È vero. Negli anni ’80, quando le tematiche della salvaguardia<br />

ambientale e della conservazione delle risorse naturali hanno cominciato<br />

ad emergere con forza, l’opinione pubblica percepiva<br />

l’agricoltura come un’attività quasi in contrasto con la conservazione<br />

dell’ambiente. L’inquinamento delle falde, l’uso massiccio dei<br />

pesticidi, l’impoverimento della sostanza organica portavano a considerare<br />

l’agricoltura come una sorta di minaccia per l’ecosistema.<br />

IL RUOLO DELLA MECCANIZZAZIONE


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 33<br />

Sì, soprattutto da parte dei<br />

movimenti ambientalisti e di alcuni<br />

settori dell’opinione pubblica.<br />

Per fortuna questo atteggiamento<br />

iniziò a cambiare nel<br />

corso degli anni ’90 e nei primi<br />

anni 2000, quando cominciò a<br />

profilarsi un nuovo scenario,<br />

quello legato alle biotecnologie<br />

avanzate e all’ingegneria genetica,<br />

che promettevano una vera<br />

rivoluzione in agricoltura. La<br />

creazione di organismi geneticamente<br />

modificati, capaci di<br />

migliorare la produttività delle<br />

coltivazioni ma potenzialmente<br />

pericolosi per l’ecosistema,<br />

venne percepita dal mondo ambientalista<br />

come un rischio ben<br />

maggiore. Ci si rese anzi conto<br />

che l’incremento di produttività,<br />

e la stessa sicurezza alimentare<br />

del pianeta, potevano essere<br />

garantiti o dall’impiego di<br />

ogm o in alternativa da una<br />

maggiore diffusione della meccanizzazione.<br />

Questo rilanciò<br />

molto le quotazioni della meccanizzazione<br />

e favorì un dialogo<br />

più costruttivo.<br />

TECNOLOGIA<br />

MATURA<br />

<strong>Il</strong> no-till<br />

Carlo Tonutti<br />

I PRINCIPI DELLA<br />

CONDIZIONALITÀ<br />

<br />

<br />

<br />

<br />

Ha un’importanza fondamentale,<br />

più di quanta ne abbiano<br />

nell’industria automobilistica<br />

i sistemi antinquinamento<br />

o i motori elettrici. Con il<br />

principio della “condizionalità”,<br />

infatti, i sostegni al settore<br />

agricolo sono inderogabilmente subordinati al rispetto di requisiti<br />

di salubrità dei prodotti e di eco-compatibilità delle lavorazioni, e<br />

questo spinge la nostra industria a produrre sistemi sempre più<br />

evoluti, pena la perdita del rapporto con il mercato formato da<br />

agricoltori, contoterzisti ed operatori dei territori rurali.<br />

<br />

L’industria ha storicamente il ruolo di trasferire i risultati della<br />

ricerca scientifica alla produzione su larga scala, è quindi normale<br />

che gran parte di questo peso gravi sulle imprese costruttrici.<br />

Molto importante sarebbe, tuttavia, un contributo pubblico alla<br />

ricerca con il varo di programmi mirati, che avrebbero anche la<br />

funzione di sviluppare metodologie di lavoro condivise fra enti<br />

L e<br />

tecniche di lavorazione conservativa sono particolarmente indicate<br />

nei contesti estensivi e in presenza di scarse risorse idriche. Carlo<br />

Tonutti, imprenditore e Vicepresidente di Unacoma, sottolinea l’importanza<br />

delle tecniche no-till anche ai fini di una riduzione delle emissioni di CO2<br />

dal terreno nell’atmosfera.<br />

Lavorazione conservativa del terreno: una tecnologia matura?<br />

Se la maturità viene valutata in termini di tecnologia (macchine, loro configurazione, sistemi di<br />

controllo) direi che è matura o perlomeno alcuni principi e caratteristiche che devono avere le<br />

macchine ed i sistemi produttivi sono da tempo consolidati soprattutto in altri paesi come quelli del Sud<br />

America e del Nord America. Bisogna in ogni caso aumentare le sperimentazioni locali che tengano<br />

conto di peculiarità pedo-climatiche e produttive (ad esempio manca una sperimentazione delle<br />

lavorazioni conservative nei sistemi zootecnici intensivi) e delle loro ricadute<br />

economiche. In ogni caso, la conferma della maturità delle tecnologie<br />

conservative è rappresentata dai numeri che dimostrano una lenta e<br />

continua crescita delle superfici gestite con queste tecniche di lavorazione.<br />

Industria e ricerca scientifica, quali esperienze di collaborazione<br />

nel campo dell'agricoltura eco-compatibile?<br />

Rispetto al passato sono stati fatti grossi passi di avvicinamento tra<br />

l'industria e le università, anche se dobbiamo ammettere che l'industria e la<br />

ricerca non siedono attorno ad un tavolo di progettazione, ma si osservano<br />

“a distanza” e cercano di interpretare le opportunità offerte dall'altra parte<br />

per sviluppare la propria gamma di prodotti tecnologici o di conoscenza.<br />

Manca comunque, a mio avviso, una chiara politica di indirizzo delle<br />

Istituzioni che faciliterebbe di molto questo comune tavolo di lavoro.<br />

A quali contesti produttivi o aree geografiche possono essere applicate in modo più<br />

conveniente le tecniche no-tillage?<br />

Le lavorazioni conservative nate e sviluppate prevalentemente in Sud America, in particolare in<br />

Argentina, stanno interessando soprattutto i sistemi produttivi di tipo estensivo in cui la dimensione<br />

aziendale o la scarsità d’acqua o di energia costituiscono un fattore di “deintensificazione colturale”.<br />

C'e però un forte interesse anche nelle regioni asiatiche, per esempio in Cina dove l'interesse per il<br />

no-till è determinato principalmente dalla necessità di contrastare i fenomeni di erosione nelle regioni<br />

nord occidentali. Esiste nel Paese asiatico un progetto dimostrativo di lavorazioni conservative che<br />

porterà nel 2015 a 15 milioni di ha di sperimentazione aziendale. Anche in Africa si sta diffondendo per<br />

motivi di semplificazione colturale e, come anche in Australia, per sopperire alla mancanza di acqua<br />

irrigua. Al di là delle iniziative di singoli Paesi, la tecnologia ha una valenza globale, perché con questa<br />

tecnica colturale si riducono di circa il 23% le emissioni di CO2 dal terreno nell’atmosfera. Considerando<br />

il contenimento delle emissioni, con il metodo no-till è come se “eliminassimo” un’autovettura per<br />

ogni ettaro di terreno coltivato. G.R.<br />

agricoli, strutture di ricerca, mondo universitario, organizzazioni<br />

agricole professionali e industrie costruttrici.<br />

<br />

<br />

<br />

Certamente, soprattutto se il mondo dell’informazione mette in<br />

campo la propria capacità di divulgare le tecnologie agricole. Le<br />

giornate dimostrative di lavorazione sono in questo senso un<br />

esempio molto significativo, perché rappresentano non soltanto<br />

una vetrina tecnica, ma un evento anche “sociale”, utile a comprendere,<br />

immaginare e discutere come sarà l’agricoltura degli<br />

anni a venire.


34 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

I partner agronomici<br />

Le varietà di frumento, di soia e gli ibridi di mais, i concimieidiserbanti utilizzati<br />

per le prove su sodo e su minima lavorazione<br />

Apsovsementi<br />

Frumento tenero<br />

panificabile di ciclo medio-tardivo<br />

adatto anche<br />

per le semine precoci, dotato<br />

di buon accestimento con spighe grandi ed aristate produce<br />

granella bianca con peso elettrolitico di 80-82, peso 1000 semi<br />

elevato ( 41-44) indici alveo grafici con W= a 160-220 e P/L tra 0,5 e<br />

0,7. Resistente alle principali avversità è moderatamente tollerante<br />

alla fusariosi. Si adatta a tutti i comprensori cerealicoli italiani.<br />

Limagrain<br />

Frumento tenero<br />

panificabile superiore<br />

con epoca di semina autunnale<br />

e primaverile, ciclo<br />

medio, ottima sanità della<br />

pianta. Arrocco è dotato di<br />

un alto potenziale produttivo,<br />

con granella di colore<br />

rosso molto tollerante all’allettamento e all’oidio e alla ruggine<br />

bruna mentre è mediamente tollerante alla ruggine gialla. <strong>Il</strong> peso<br />

elettrolitico è di 80-81 la durezza del seme “medium” il contenuto<br />

proteico medio con valori di P/L = 0,8-1 e W= 280.<br />

Società Italiana<br />

Sementi<br />

- Frumento tenero<br />

panificabile ad elevata<br />

alternatività, con ottima tolleranza<br />

alle fitopatie, presenta<br />

un peso specifico elevato e stabile. L’epoca di spigatura è<br />

media, la taglia delle piante medio-alta e la spiga è di tipo aristato<br />

di colore bianco. La granella di Masaccio è di colore rosso il peso<br />

1000 semi è medio e quello elettrolitico medio-alto e la durezza si<br />

classifica come “medium”.<br />

Dekalb<br />

Ibrido di classe<br />

500 da granella e trinciato<br />

con pianta di taglia bassa<br />

ed inserzione ben bilanciata<br />

della spiga che è sempre<br />

ben fecondata e porta da 18<br />

a 20 ranghi. L’ibrido è stato selezionato per ottimi e costanti<br />

risultati ottenuti anche sotto stress con un’alta efficienza di utilizzazione<br />

degli input tecnici. Le radici robuste e profonde permettono<br />

semine fitte i irriguo con 7,5-8,5 piante /mq e in asciutto<br />

con 7 piante/mq. Elevato lo stay green e la sanità della pianta.


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 35<br />

KWS Italia<br />

Classe 600, ad elevata<br />

potenzialità produttiva sia da<br />

granella sia da pastone, adatto<br />

ad ambienti fertili ed irrigui. La<br />

pianta è ben bilanciata con foglie<br />

larghe di colore verde intenso. È<br />

consigliato un investimento finale<br />

di 6,5-7 piante/mq. Mostra buona tolleranza alle avversità<br />

Pioneer<br />

Classe 600, pianta medio-alta<br />

con inserzione equilibrata<br />

della spiga, di forma comica<br />

e molto grande. La fioritura è<br />

anticipata e prolungato il periodo<br />

di accumulo per poter sfruttare<br />

l’intera stagione. Resistente alla<br />

siccità, la pianta rimane verde e vitale fino alla maturazione<br />

completa grazie ad un apparato radicale ben strutturato e allo stocco<br />

molto efficiente. Produzione costante anche in ambienti difficili.<br />

Società Italiana<br />

Sementi<br />

Classe 600, taglia<br />

equilibrata, fioritura anticipata<br />

e prolungato periodo<br />

di accumulo. Alto potenziale<br />

produttivo con notevole stabilità e rusticità anche in<br />

condizioni di asciutta. La rapidità con cui perde umidità la granella,<br />

permette una raccolta anticipata. La granella è di tipo dentato e<br />

colorata, con inserzione della spiga medio-alta.<br />

Nk Sementi<br />

Syngenta<br />

Ibrido a triplice attitudine, in<br />

grado di garantire alte produzioni<br />

mostra grandissima adattabilità<br />

ovunque, anche in condizioni<br />

di forte stress termico. Sviluppa una coltura alta, lussureggiante,<br />

con un ottimo equilibrio tra la spiga, che è ben definita e<br />

molto regolare, e il resto della pianta. Per sfruttare pienamente<br />

questa caratteristica è opportuno prevedere un’investimento superiore<br />

rispetto agli ibridi con spiga flessibile. L’ibrido è dotato di<br />

radici e stocchi robusti, che lo rendono molto resistente a tempeste<br />

di vento. Quest’ibrido si è infine dimostrato molto tollerante alle<br />

malattie fogliari e alle virosi (MDMV e MRDV).<br />

Agroqualità<br />

Gruppo 1+ della<br />

gamma Asgrow, di grande<br />

adattabilità agronomica deve la<br />

sua eccezionale produttività all’ottima<br />

fertilità e sanità della<br />

pianta, alla dimensione del seme e alla maturazione molto uniforme.<br />

Ottimo vigore all’emergenza è idonea alla semina in 1° epoca<br />

in tutti i tipi di terreno anche per coltivazioni ad interfila larga ( 60-<br />

75cm) L’investimento consigliato è di 35-40 piante/mq.<br />

Pioneer<br />

Gruppo 1, con sviluppo<br />

medio delle ramificazioni,<br />

si adata molto bene ai terreni pesanti<br />

ed anche a quelli più sciolti<br />

e presenta un’ottima resistenza<br />

all’allettamento. Ottima resistenza<br />

alla phytophtora e alla diaporthe,<br />

mostra una veloce defogliazione alla maturazione dei bacelli<br />

che racchiudono un seme di grandi dimensioni.<br />

Nk Sementi<br />

Syngenta<br />

Demetra è una varietà<br />

del gruppo 1, ciclo medio,<br />

caratterizzata da taglia media e<br />

grande vigore iniziale. Demetra<br />

presenta una elevata attitudine alla rapida defogliazione e una ottima<br />

tolleranza all’allettamento. Varietà affidabile, dalla grande produttività<br />

e dall’ottimo comportamento agronomico. Ciò è confermato<br />

anche dai risultati ufficiali 2010 dove questa prestigiosa varietà si è<br />

classifica prima a pari merito. Demetra dimostra facilità di trebbiatura<br />

anche in condizioni difficili ed ha una ottima resistenza alle principali<br />

razze di Phytophtora mentre è tollerante al cancro dello stelo<br />

( spp.).<br />

RV Venturoli<br />

Gruppo 1, predilige<br />

terreni fertili ad elevato potenziale<br />

produttivo dove assicura<br />

ottime rese anche nelle più differenti<br />

condizioni di coltura. Lo<br />

sviluppo della piante è semi-determinato,<br />

eccellente resistenza all’allettamento., alla siccità e alla<br />

fitopatie.


36 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Concimazione e diserbo<br />

Fomet<br />

– Concime<br />

organo-minerale con 28%<br />

di azoto totale, 5% di azoto organico, 23% di azoto ureico e <strong>24</strong>-<br />

25% di sostanza organica costituita da componenti naturali<br />

come letame essiccato, farine proteiche, pelli e carni. La presenza<br />

di urea garantisce la copertura delle prime esigenze<br />

nutrizionali della coltura mentre la matrice organica garantisce<br />

la nutrizione a lungo termine. <strong>Il</strong> prodotto si presenta come<br />

un pellet omogeneo di forma cilindrica facile da spargere con<br />

qualsiasi spandiconcime ed è particolarmente indicato per<br />

colture esigenti. Le dosi di impiego sono: 300-400 kg/ha per<br />

frumento ed orzo, 500 kg/ha (in presemina) e 200-300 kg/ha<br />

(in sarchiatura) per il mais. I dosaggi devono tenere conto<br />

delle dotazioni del terreno e della tessitura ma in ogni caso il<br />

dosaggio del prodotto non deve scendere al di sotto di 200-400<br />

kg/ha.<br />

– Fertilizzante organo minerale NPK contenente magnesio<br />

e zolfo è ottenuto grazie ad una serie pregiata di<br />

fertilizzanti. Miscela di letami umificati derivanti da lettiere di<br />

allevamenti zootecnici composti da paglie e residui vegetali<br />

fermentati per un periodo di 8-10 mesi per la formazione di<br />

molecole organiche complesse. Farine a proteica ricca in azoto<br />

che viene rilasciato gradualmente.<br />

Fosfato naturale tenero ricco in fosforo, calcio e microelementi<br />

che ha subito solo una macinazione e che reagisce con i componenti<br />

colloidali del terreno. Kieserite matrice con zolfo e magnesio.<br />

Solfato di potassio da estrazione fisica. Su frumento la<br />

dose è di 800-1000 kg/ha e su mais le dosi sono di 1400-1600<br />

kg/ha.<br />

– Concime granulare organo minerale NP<br />

contenente zolfo, con matrici organiche e matrici minerali<br />

come azoto organico a lenta cessione, solfato ammonico, urea,<br />

perfosfato semplice e potassio da solfato, particolarmente indicato<br />

per la distribuzione in presemina dei cereali a tutto<br />

campo posizionato sulla tramoggia e localizzato sulla fila.<br />

Timac Agro<br />

–I<br />

prodotti della gamma<br />

Sulfammo sono caratterizzati<br />

dalla presenza<br />

di una doppia membrana che permette di proteggere gli elementi<br />

nutritivi dai fenomeni di lisciviazione permettendo un<br />

rilascio graduale dei nutrienti. <strong>Il</strong> Sulfammo 26 contiene azoto.<br />

Ossido di magnesio e anidride solforica solubile. Una parte<br />

dell’azoto contenuto nel prodotto è sotto forma ammoniacale,<br />

cioè non è dilavabile, non viene attaccato dai batteri denitrifi-<br />

canti per cui non si hanno perdite di azoto per via gassosa, è<br />

direttamente assorbito dalla pianta.<br />

Si tratta dunque di una forma azotata a pronto effetto. Un’altra<br />

parte dell’azoto è sotto forma ureica che viene trasformata in<br />

ammoniacale nel giro di 4-5 giorni e questo consente un prolungamento<br />

di efficacia di questi fertilizzanti. È presente anche<br />

zolfo che è costituente degli aminoacidi essenziali, fondamentale<br />

nella composizione di numerosi enzimi e di vitamine.<br />

Gioca anche un ruolo nel metabolismo dell’azoto. In Sulfammo<br />

è presente anche il magnesio indispensabile per l’attività<br />

foto sintetica.<br />

– Si tratta di un attivatore nutrizionale<br />

a base di azoto, calcio, magnesio, zolfo e ferro costituito da<br />

tre componenti. Un complesso organico che stimolano la<br />

rizosfera radicale aumentando la funzionalità della radice.<br />

Un secondo complesso attivatore che potenzia i meccanismi<br />

di assimilazione dei nutrienti aumentando l’attività fisiologica<br />

delle piante. Un terzo ed ultimo complesso attivatore<br />

dell’equilibrio delle forme azotate del suolo composto da<br />

molecole organiche che interagiscono con ureasi e i batteri<br />

nitrificanti del suolo. Questa azione facilita la stabilizzazione<br />

di forme miste di azoto per una più equilibrata nutrizione<br />

delle piante.<br />

Questa linea di fertilizzanti è ottenuta con un<br />

processo industriale brevettato di attivazione delle molecole<br />

polifenoliche che si basa su tre concetti: 1) l’impiego del<br />

processo M.P.P.A. protegge i nutrienti dalla retrogradazione<br />

aumentandone mobilità ed efficacia; 2) mobilizza gli elementi<br />

bloccati nei terreni alcalini tramite la formazione di<br />

complessi organo metallici solubili ed assimilabili; 3) aumenta<br />

la solubilità delle molecole polifenoliche che rimangono<br />

attive e non vengono assorbite dal complesso argilloumico.<br />

Una volta disgregato il granulo di concime si libera un<br />

complesso organico analogo agli essudati vegetali che stimolano<br />

la rizosfera. La gamma D-Coder contiene fosforo in<br />

due forme distinte: 1) starter, cioè fosforo solubile in acqua a<br />

pronto effetto immediatamente assimilabile dalla pianta; 2)<br />

a domanda, fosforo solubile assimilabile previa solubilizzazione<br />

da parte della pianta solo nel momento di effettivo<br />

fabbisogno.<br />

Bayer<br />

CropScience<br />

– Erbicida di pre<br />

emergenza e post emergenza<br />

precoce, controlla sia le infestanti a foglia larga sia le<br />

graminacee tipiche degli areali maidicoli. Aspect viene assorbito<br />

dalle infestanti in fase di germinazione, sia tramite le<br />

radici sia tramite i germogli e il prodotto è attivo anche sulle<br />

infestanti già emerse fino allo stadio di due foglie vere.<br />

Si impiega alle dosi di 2-2,5 l/ha in pre emergenza utilizzando


38 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

il dosaggio inferiore nei terreni leggeri o negli impieghi in post<br />

emergenza precoce. Sono sufficienti anche brevi piogge nell’arco<br />

di 15-20 gg dal trattamento per consentire al prodotto di<br />

venire attivato ed assorbito dalle radici delle infestanti<br />

– Erbicida di pre emergenza attivo sulle dicotiledoni<br />

di difficile controllo come abutilon, amaranto, farinaccio,<br />

persicaria, sorghetta da seme ecc. risulta ideale in miscela<br />

con partner erbicidi a largo spettro. Si impiega in pre emergenza<br />

e in post precoce alla dose di 1-1,4 l/ha utilizzando le<br />

dosi minori nei terreni leggeri e in post emergenza precoce. Si<br />

caratterizza per essere riattivato dopo ogni pioggia caduta<br />

dopo l’esecuzione del trattamento. <strong>Il</strong> prodotto rimane attivo<br />

sino a 4-6 settimane dopo l’applicazione con infestanti molto<br />

sensibili.<br />

Monsanto<br />

– Glifosate<br />

in una nuova formulazione<br />

con tecnologia<br />

Transorb II studiata per<br />

incrementare l’efficacia<br />

nelle peggiori condizioni<br />

di applicazione e in presenza di infestanti difficili. È noto che<br />

il maggior controllo delle infestanti dipende dalla rapidità di<br />

penetrazione dell’erbicida nella foglia dell’infestante e questa<br />

attività è ridotta in condizioni non ottimali come caldo,<br />

freddo o in applicazioni di prima mattina o tardo pomeriggio.<br />

La tecnologia Transorb II invece consente al glifosate di<br />

entrare nel sistema vascolare della pianta in poco tempo. e si<br />

può utilizzare in qualsiasi momento della giornata, con acque<br />

dure senza aggiunta di altri prodotti. Si può lavorare il<br />

terreno a partire da 6 ore dopo il trattamento per infestanti<br />

annuali e dopo 4 giorni su infestanti perenni.<br />

Molto efficace su malva. Oxalis, ortica ecc. Dopo 60 minuti la<br />

dose letale di Roundup è già all’interno dell’infestante.<br />

Makhteshim<br />

Geodisinfestante<br />

organo fosforico<br />

non sistemico attivo per<br />

contatto, ingestione ed<br />

asfissia nei confronti di<br />

numerosi parassiti. Si impiega<br />

nei trattamenti al<br />

terreno prima o durante<br />

la semina. Se interrato<br />

correttamente non interferisce<br />

sull’attività degli<br />

erbicidi. Intervallo di sicurezza per il mais 30 giorni.


38 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

il dosaggio inferiore nei terreni leggeri o negli impieghi in post<br />

emergenza precoce. Sono sufficienti anche brevi piogge nell’arco<br />

di 15-20 gg dal trattamento per consentire al prodotto di<br />

venire attivato ed assorbito dalle radici delle infestanti<br />

– Erbicida di pre emergenza attivo sulle dicotiledoni<br />

di difficile controllo come abutilon, amaranto, farinaccio,<br />

persicaria, sorghetta da seme ecc. risulta ideale in miscela<br />

con partner erbicidi a largo spettro. Si impiega in pre emergenza<br />

e in post precoce alla dose di 1-1,4 l/ha utilizzando le<br />

dosi minori nei terreni leggeri e in post emergenza precoce. Si<br />

caratterizza per essere riattivato dopo ogni pioggia caduta<br />

dopo l’esecuzione del trattamento. <strong>Il</strong> prodotto rimane attivo<br />

sino a 4-6 settimane dopo l’applicazione con infestanti molto<br />

sensibili.<br />

Monsanto<br />

– Glifosate<br />

in una nuova formulazione<br />

con tecnologia<br />

Transorb II studiata per<br />

incrementare l’efficacia<br />

nelle peggiori condizioni<br />

di applicazione e in presenza di infestanti difficili. È noto che<br />

il maggior controllo delle infestanti dipende dalla rapidità di<br />

penetrazione dell’erbicida nella foglia dell’infestante e questa<br />

attività è ridotta in condizioni non ottimali come caldo,<br />

freddo o in applicazioni di prima mattina o tardo pomeriggio.<br />

La tecnologia Transorb II invece consente al glifosate di<br />

entrare nel sistema vascolare della pianta in poco tempo. e si<br />

può utilizzare in qualsiasi momento della giornata, con acque<br />

dure senza aggiunta di altri prodotti. Si può lavorare il<br />

terreno a partire da 6 ore dopo il trattamento per infestanti<br />

annuali e dopo 4 giorni su infestanti perenni.<br />

Molto efficace su malva. Oxalis, ortica ecc. Dopo 60 minuti la<br />

dose letale di Roundup è già all’interno dell’infestante.<br />

Makhteshim<br />

Geodisinfestante<br />

organo fosforico<br />

non sistemico attivo per<br />

contatto, ingestione ed<br />

asfissia nei confronti di<br />

numerosi parassiti. Si impiega<br />

nei trattamenti al<br />

terreno prima o durante<br />

la semina. Se interrato<br />

correttamente non interferisce<br />

sull’attività degli<br />

erbicidi. Intervallo di sicurezza per il mais 30 giorni.


40 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Le macchine e le attrezzature<br />

La descrizione dettagliata dei punti di forza e delle caratteristiche dei cantieri di lavoro<br />

presentati nelle parcelle dimostrative allestite all’azienda Carpaneta di Bigarello (Mn)<br />

Seminatrici da sodo<br />

Maschio Gaspardo – DP300 Pronta<br />

DP Pronta è una seminatrice per cereali a paglia con trasporto<br />

pneumatico del seme. La tramoggia (divisa per distribuire seme e<br />

concime contemporaneamente con una capacità complessiva di<br />

<strong>24</strong>00 litri) può essere rifornita con big bag oppure con la coclea di<br />

carico opzionale caricando seme e concime direttamente da terra.<br />

L’elemento di semina è dotato di un grande disco dentato (475<br />

mm) che, grazie alla sua inclinazione, assicura l’apertura del solco<br />

anche su terreno sodo. La peculiarità dell’elemento sta nella geometria<br />

della connessione del disco apri solco al telaio e al preciso<br />

sistema di controllo di profondità di semina, aspetto basilare per<br />

ottenere un’emergenza uniforme della coltura. Per controllare la<br />

profondità Gaspardo ha studiato dei limitatori applicati direttamente<br />

sul disco apri solco in grado così di controllare la profondità<br />

direttamente sul punto di discesa del seme. Per variare la profondità<br />

è necessario sostituire il limitatore di ogni elemento. Quando è<br />

necessitano variare spesso la profondità è disponibile un dispositivo<br />

con ruota di regolazione registrabile in gomma.<br />

La chiusura del solco e la copertura del seme è affidata ad un<br />

ruotino indipendente dal disco di semina che lavora leggermente<br />

fuori asse rispetto al solco di semina; grazie al profilo conico e alla<br />

pressione esercitata dal parallelogrammaammortizzato<br />

che lo mantiene aderente<br />

al suolo, garantisce la<br />

chiusura del solco in ogni<br />

condizione di terreno.<br />

La semplicità e precisione<br />

nell’utilizzo del modello è<br />

DI LORENZO BENVENUTI <br />

garantita dalla distribuzione mediante trasmissione elettrica <br />

. Questo sistema infatti rende rapidissima la regolazione<br />

della dose di semina, e quindi permette di ripeterla con frequenza<br />

per garantire uniformità nella distribuzione. <strong>Il</strong> monitor <br />

controlla tutte le principali funzioni della macchina a garanzia di<br />

un efficace utilizzo, l’operatore infatti identifica all’istante eventuali<br />

anomalie.<br />

<strong>Il</strong> modello DP Pronta si caratterizza per il telaio fisso (disponibile<br />

da3o4m)eladistribuzione pneumatica del seme, è particolarmente<br />

indicato per i contoterzisti e le medie aziende. La gamma<br />

delle seminatrici da sodo Gaspardo comprende modelli a distribuzione<br />

meccanica o pneumatica con telai fissi o pieghevoli da<br />

2,5 a 12 m di lavoro.<br />

Maschio Gaspardo – Regina<br />

Regina è una seminatrice da sodo, trainata, destinata alla semina<br />

di precisione di colture monogerme e alla contemporanea distribuzione<br />

del fertilizzante mediante interramento nell’interfila (la<br />

posizione è scelta a piacere). <strong>Il</strong> collegamento al gancio tramite il<br />

timone fisso garantisce buona manovrabilità e la possibilità di<br />

utilizzare trattori di bassa potenza.<br />

<strong>Il</strong> movimento agli organi di<br />

semina viene fornito dalla<br />

ruota di contatto che trasmette<br />

il moto ricevuto dalla<br />

ruota di sostegno della<br />

macchina. La regolazione<br />

della dose del seme avviene<br />

mediante il cambio centralizzato<br />

posizionato vicino<br />

al timone.


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 41<br />

Prima che avvenga la deposizione del seme un disco zigrinato<br />

montato sul telaio che precede l’assolcatore esegue un taglio del<br />

terreno e provvede alla deposizione del fertilizzante. L’organo di<br />

taglio e deposizione del fertilizzante è montato su un sistema a<br />

parallelogramma articolato che consente una miglior adesione<br />

alla superficie. È possibile regolare facilmente la posizione del<br />

disco per evitare che si sovrapponga alla linea di semina.<br />

Anche l’assolcatore a doppio disco è montato su un parallelogramma<br />

articolato e non necessita di lubrificazione in quanto<br />

sono presenti boccole autolubrificanti. <strong>Il</strong> disco anteriore provvede<br />

ad una prima aggressione dei residui per tagliarli o spostarli<br />

dalla linea di semina, oltre che ad eseguire un taglio del terreno<br />

dove poi passerà l’assolcatore. Gli organi di deposizione sono<br />

costituiti da una coppia di dischi lisci (420 mm) convergenti verso<br />

il fondo del solco di semina. La chiusura del solco è realizzata da<br />

una coppia di dischi che lavorano inclinati rispetto alla verticale.<br />

Kuhn – SD Liner 3000<br />

Quando si parla di semina diretta si pensa spesso ad una semina<br />

approssimativa. Operare con precisione su terreni non lavorati,<br />

infatti, non è semplice, a meno che non si disponga di attrezzature<br />

altamente specializzate. Partendo da questa constatazione<br />

Kuhn ha sviluppato le seminatrici pneumatiche trainate SD Liner<br />

3000 (3 m), attrezzature che introducono un concetto di precisione<br />

chirurgica nella semina su sodo.<br />

<strong>Il</strong> principale punto di forza sta nel sistema di semina a triplo<br />

disco: un disco di apertura di grande diametro montato su parallelogramma<br />

articolato che, grazie al profilo ondulato e ad una<br />

capacità di penetrazione di ben 250 kg per elemento, esegue il<br />

taglio del terreno, preparando la strada all’assolcatore; l’assolcatore<br />

a doppio disco, grazie al quale il seme viene depositato con<br />

precisione nel solco formato dal disco d'apertura. La pressione a<br />

terra è regolabile da 70 a 80 kg e permette il controllo della<br />

profondità di semina anche a velocità di lavoro elevate. <strong>Il</strong> processo<br />

di semina viene completato dalla ruota di chiusura solco in<br />

gomma che provvede a rincalzare la linea di semina per favorire<br />

il contatto tra seme e suolo, garantendo una uniforme germinazione.<br />

Compatta, maneggevole ed affidabile, la Sd Liner è caratterizzata<br />

dalla semplicità di concezione e dalla robustezza dei suoi elementi<br />

di semina, che le consentono di seminare ogni tipo di seme<br />

e di adattarsi a tutte le condizioni di lavoro, anche le più dure. <strong>Il</strong><br />

sistema offre un’ottima<br />

qualità di lavoro anche in<br />

presenza di residui di stocchi<br />

di mais.<br />

Nonostante le dimensioni<br />

compatte, la seminatrice offre<br />

una grande autonomia:<br />

grazie alla tramoggia da<br />

2500 litri lavora fino a 20 ha<br />

senza soste. La SD Liner si<br />

dimostra, inoltre, particolarmente<br />

economica nell’impiego,<br />

riducendo il consumo di carburante e limitando fortemente<br />

l’usura dei componenti. Disponibile nelle versioni a 18 e a<br />

20 file, su richiesta la seminatrice può essere equipaggiata, infine,<br />

di alcuni optional quali il kit Hector ed il sistema di frenatura<br />

idraulica.<br />

La serie SD Liner completa la gamma Kuhn delle seminatrici<br />

pneumatiche da sodo per la semina in linea, che include numerose<br />

versioni dalla serie Megant a denti, le versioni portate a dischi<br />

Speedliner, e le trainate della serie SD.<br />

Kuhn - Maxima 2 TI<br />

Questa seminatrice di precisione è caratterizzata da un assolcatore<br />

a doppio disco e controllo della profondità di semina con<br />

coppia di ruote in gomma. Maxima 2 offre facilità nelle regolazioni,<br />

precisione di semina, microgranulatore centrale pneumatico,<br />

oltre ad una vasta gamma di accessori per seminare sia su terreno<br />

lavorato tradizionalmente sia con tecniche semplificate.<br />

La nuova versione “TI” della seminatrice Maxima fino a 6 file è<br />

nata per poter seminare diverse colture, passando dall’una all’altra<br />

con facilità e rapidità. Per ottenere questo risultato Kuhn ha<br />

realizzato un particolare telaio, in grado di modificare facilmente<br />

la distanza delle file, attraverso una semplice regolazione idraulica<br />

impostando la distanza interfila direttamente dalla cabina del<br />

trattore, optando per ben 8 valori compresi tra 45 ed 80 cm e con<br />

possibilità, per colture come il mais da seme, di seminare anche<br />

con interfile diverse. Una volta, impostata l’interfila desiderata,<br />

le due ruote di trasmissione anteriori si posizionano automaticamente<br />

in funzione della stessa.<br />

Maxima TI consente una semina di precisione con caduta alta del<br />

seme accompagnato da un tubo di caduta che consente la deposi-


42 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

zione del seme nell’unico punto di appoggio.<br />

La seminatrice, inoltre, presenta una perfetta stabilità dovuta sia<br />

al peso dei singoli elementi che ad una regolazione estremamente<br />

semplice della pressione. Ciò avviene anche in pendenza con una<br />

carreggiata allargata fino a 2,15 metri.<br />

Annovi Aldo - Bertini 22.000<br />

Questa è una seminatrice da sodo ambivalente: può infatti operare<br />

la semina di precisione (selezione pneumatica del seme) e la<br />

semina a righe (selezione volumetrica del seme) di tutte le principali<br />

colture purché caratterizzate da una distanza tra le file uguale<br />

o maggiore di 17,5 cm. Le ampie e numerose tramogge permettono,<br />

invece, di distribuire elevate quantità di concime, contemporaneamente<br />

al seme e ai geodisinfestanti. Altro aspetto<br />

caratterizzante riguarda le unità di semina che montano l’efficacie<br />

assolcatore a triplo disco.<br />

La seminatrice è trainata. La struttura portante è composta da un<br />

telaio e un timone di collegamento con il trattore, una tramoggia,<br />

il sistema di distribuzione, di ventilazione e le unità di semina.<br />

<strong>Il</strong> sistema di distribuzione può essere allestito in modo tale da<br />

permettere la semina a righe o di precisione. Per la semina a righe<br />

la distribuzione avviene con due rulli estrattori di tipo volumetrico<br />

uno per il seme, l’altro per il concime, indipendenti e azionati<br />

con trasmissione a catena dalla ruota con possibilità di variazione<br />

meccanica del regime di rotazione attraverso un cambio a 81<br />

velocità.<br />

Nella semina di precisione il sistema di distribuzione è di tipo<br />

pneumatico. <strong>Il</strong> ventilatore è centrifugo ad azionamento idraulico<br />

e regolabile nel regime di rotazione da 30 a 50 Hz. L’aria transita<br />

negli spazi cavi del telaio e raggiunge il piatto dosatore delle<br />

singole unità di semina tramite una corta tubazione flessibile. <strong>Il</strong><br />

piatto è verticale e i semi sono alloggiati negli alveoli per effetto<br />

della pressione dell’aria che provvede anche a completare l’opera<br />

dei selettori nell’eliminare quelli in sopranumero. Le unità di<br />

semina sono collegate<br />

singolarmente al telaio<br />

attraverso un sistema a<br />

parallelogramma e sono<br />

formate da organi<br />

per la preparazione del<br />

terreno, la deposizione<br />

del seme e il ricoprimento<br />

del solco. Gli organi<br />

per la preparazione<br />

del seme sono posti<br />

anteriormente agli assolcatori<br />

e sono costituiti<br />

da un singolo disco<br />

piatto affiancato da due<br />

bande spiralate in acciaio<br />

temperato. La loro<br />

funzione è quella di<br />

mantenere integri i<br />

lembi del terreno e dei<br />

residui tagliati e di<br />

provvedere alla pulizia<br />

del disco stesso. Sono disponibili 4 tipologie di disco. Gli assolcatori<br />

sono a doppio disco a “V” stretta affiancati da una coppia di<br />

ruote metalliche di profondità e seguiti da un deflettore di materiale<br />

plastico per assicurare meglio il seme al terreno nella fase di<br />

caduta.<br />

Le ruote di profondità sono metalliche, hanno una larghezza<br />

contenuta e una sezione trapezoidale: oltre alla pulizia del disco<br />

provvedono quindi anche a fornire una pressione diversificata al<br />

terreno dal bordo del solco verso l’esterno. L’apparato per la<br />

chiusura del solco consta di una coppia di ruote, anch’esse metalliche,<br />

di minor diametro, a bordo stellato e leggermente divaricate<br />

anteriormente dotate di un margine dentato.<br />

Tonutti – Quasar Semina di sottosuperficie<br />

Quasar è una seminatrice atipica per la semina su terreni non<br />

lavorati o lavorati con presenza di residui in superficie in quanto i<br />

suoi organi, costituiti da ancore caratterizzate da un piede e un<br />

profilo particolari, sollevano il terreno e il soprastante residuo<br />

colturale e provvedono a depositare separatamente seme e concime<br />

prima che lo strato sollevato torni ad adagiarsi sulla superficie.<br />

In questo modo non è necessario l’ausilio di ulteriori organi<br />

per garantire la copertura del seme svincolando l’operazione<br />

dalle condizioni e natura del terreno. <strong>Il</strong> contatto seme-terreno<br />

viene invece garantito da una serie di ruote pneumatiche che<br />

operano sopra il residuo colturale migliorando la percentuale di<br />

attecchimento. L’obbiettivo, raggiunto, è quello di garantire una<br />

separazione fra il residuo colturale e il seme evitando quelle<br />

interferenze che determinano scalarità nell’emergenza ed altri<br />

problemi connessi con la presenza del residuo stesso. I residui,<br />

infatti, rimangono sulla superficie proteggendo il suolo.<br />

La formazione di fessure verticali facilitano l’emergenza delle<br />

piantine, mentre la conformazione delle ancore e la disposizione<br />

delle masse evitano il compattamento del terreno riducendo al<br />

minimo il disturbo colturale. Le alette delle ancore producono<br />

un’azione di diserbo meccanico con formazione di biopori.<br />

Questo approccio innovativo è supportato anche da altre attrezzature<br />

che secondo le necessità possono essere impiegate per<br />

riparare ai danni da calpestamento (coltivatore ad ancore) o<br />

semplicemente per favorire la degradazione del residuo e facilitare<br />

la gestione del profilo (Cyclon per la lavorazione delle stoppie<br />

e la gestione delle cover crop).<br />

Quasar per architettura, dotazione tecnologica e modalità di<br />

interazione col terreno è in grado di operare a velocità sostenute<br />

che unite alla larghezza di lavoro (3, 4,5 o6m)determinano<br />

capacità di lavoro elevate e,<br />

soprattutto, tempestività<br />

nelle semine.<br />

Quasar inoltre si distingue<br />

per la sua polivalenza potendo<br />

realizzare oltre alla<br />

semina di cereali autunno<br />

vernini ed altre colture simili<br />

nell’impianto anche<br />

quella a spaglio in pieno<br />

campo (prati ed erbai di leguminose)<br />

e quella di pre-


46 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

L’elemento di semina è composto da un assolcatore a disco singolo<br />

con profilo liscio, collaudato e apprezzato in tutto il mondo.<br />

Grazie alla particolare inclinazione consente di operare in maniera<br />

ottimale anche in presenza di elevate quantità di residuo. La<br />

pressione al suolo varia da 0 a 250 kg ed è controllata da un<br />

sistema idraulico attivo a regolazione infinita, questo consente di<br />

adattare l’elemento al profilo del terreno. <strong>Il</strong> sistema abbinato alla<br />

ruota di profondità in gomma, regola in maniera precisa la profondità<br />

di semina da 13 mm a 90 mm e permette di operare con<br />

terreno lavorato oppure sodo. <strong>Il</strong> sistema di trasporto pneumatico<br />

è costituito da un ventilatore azionato idraulicamente con velocità<br />

di rotazione fino a 4200 giri/min. <strong>Il</strong> dosatore permette di<br />

gestire la semina sia di colture a seme normale oppure minuto, la<br />

dose di semina varia da 2 a 380 kg/ha. <strong>Il</strong> controllo di tutte le<br />

funzioni della seminatrice è semplice e intuitivo grazie al nuovo<br />

SIGNUS, il display che consente la regolazione della dose di<br />

semina, il controllo del sistema tracciafile e della velocità della<br />

ventola. La seminatrice 750A è disponibile in tre versioni 3,4e6<br />

metri. La capiente tramoggia da 1800 litri nella versione 3e4<br />

metri e da 2300 litri nella versione 6 metri offre un’autonomia di<br />

lavoro elevata. La seminatrice offre inoltre elevati livelli di tecnologia<br />

grazie all’esclusiva predisposizione ISOBUS, con la quale la<br />

macchina può essere gestita totalmente attraverso un unico terminale.<br />

<br />

consente di operare in maniera precisa contenendo i<br />

costi operativi. <strong>Il</strong> sistema di guida John Deere utilizzando il GPS<br />

permette di impostare la direzione desiderata e successivamente<br />

eseguire in maniera automatica la guida del trattore. Questa<br />

tecnologia consente di ridurre il numero di passaggi e di eliminare<br />

le sovrapposizioni, aumentando così la produttività della macchina.<br />

<strong>Il</strong> ricevitore consente di accedere ai 3 livelli di<br />

precisione John Deere: SF1 con precisione pass to pass0–30cm,<br />

SF2 con precisione 0–10cmeRTKconprecisione 0–2cm.In<br />

questo modo è possibile adattare il livello di precisione alle<br />

diverse esigenze. <strong>Il</strong> Display touch screen GS2 2600 consente la<br />

gestione e la visualizzazione delle impostazioni di guida e il<br />

rapido accesso a tutte le informazioni del trattore. con-<br />

<strong>Il</strong> ricevitore StarFire iTC.<br />

sente inoltre di documentare, registrare tutte le operazioni e in<br />

seguito gestirle attraverso il software <br />

Minima lavorazione - Seminatrici<br />

Marchetti - Vaderstad Carrier Drill<br />

<strong>Il</strong> Vaderstad Carrier Drill è una seminatrice combinata che opera<br />

sia su terreno oggetto di minima lavorazione e sia su terreno sodo.<br />

<strong>Il</strong> Carrier Drill è composta da una doppia fila di dischi dentati<br />

brevettati con diametro da 450 mm, montati individualmente su<br />

sospensione in gomma che assicurano alla macchina una lunga<br />

durata. I dischi hanno un profilo conico tali che, con l’aumentare<br />

dell’usura, non varia l’angolo di lavoro. Sono in acciaio speciale<br />

V-55, montati su mozzi con cuscinetti permanentemente lubrificati<br />

e completamente protetti tramite doppia guarnizione. La<br />

velocità di lavoro ottimale è compresa tra i 10 – 16 km/h, necessari<br />

ai dischi per ottenere una miscela ottimale dei materiali, il che<br />

ne conferisce anche un’elevata capacità lavorativa, fino a 3 ha/h.<br />

A seguito dei dischi è presente un rullo in ghisa da 600 mm (solo<br />

in versione portata) o un rullo in gomma 586 mm (sia in versione<br />

portata che trainata) per consolidare il terreno e per controllare<br />

idraulicamente la profondità di semina. Conclude il lavoro un<br />

erpice posteriore per la ricopertura, disponibile come optional,<br />

molto utile in terreni a forte presenza di residuo colturale. Un<br />

altro accessorio disponibile, utile quando si opera in terreni lavorati,<br />

è la livella a controllo idraulico che viene montata davanti ai<br />

dischi nella versione trainata; su sodo può essere sollevata.<br />

<strong>Il</strong> sistema di distribuzione del seme è di tipo meccanico con<br />

cambio a variazione continua, per dosi comprese tra 2e300<br />

kg/ha. La distanza di semina è di 12,5 cm con la possibilità di<br />

seminare diversi tipi di seme, escludendo le bocchette (soia,<br />

girasole, mais in fila binata ecc…) e con la possibilità di disattivare<br />

mezza macchina. La tramoggia ha un volume di 1100 litri ed è<br />

montata sopra ai dischi, un tubo di caduta del seme scarica dietro<br />

ogni disco e incorpora il seme che verrà ricoperto grazie al flusso<br />

di terreno sollevato dai dischi. La profondità di lavoro è di 2-10<br />

cm e, per via dell’elevata velocità rotazionale dei dischi, si esegue<br />

un energico rimescolamento del terreno e a seguito del passaggio<br />

della macchina il profilo del suolo viene livellato. È disponibile


46 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

L’elemento di semina è composto da un assolcatore a disco singolo<br />

con profilo liscio, collaudato e apprezzato in tutto il mondo.<br />

Grazie alla particolare inclinazione consente di operare in maniera<br />

ottimale anche in presenza di elevate quantità di residuo. La<br />

pressione al suolo varia da 0 a 250 kg ed è controllata da un<br />

sistema idraulico attivo a regolazione infinita, questo consente di<br />

adattare l’elemento al profilo del terreno. <strong>Il</strong> sistema abbinato alla<br />

ruota di profondità in gomma, regola in maniera precisa la profondità<br />

di semina da 13 mm a 90 mm e permette di operare con<br />

terreno lavorato oppure sodo. <strong>Il</strong> sistema di trasporto pneumatico<br />

è costituito da un ventilatore azionato idraulicamente con velocità<br />

di rotazione fino a 4200 giri/min. <strong>Il</strong> dosatore permette di<br />

gestire la semina sia di colture a seme normale oppure minuto, la<br />

dose di semina varia da 2 a 380 kg/ha. <strong>Il</strong> controllo di tutte le<br />

funzioni della seminatrice è semplice e intuitivo grazie al nuovo<br />

SIGNUS, il display che consente la regolazione della dose di<br />

semina, il controllo del sistema tracciafile e della velocità della<br />

ventola. La seminatrice 750A è disponibile in tre versioni 3,4e6<br />

metri. La capiente tramoggia da 1800 litri nella versione 3e4<br />

metri e da 2300 litri nella versione 6 metri offre un’autonomia di<br />

lavoro elevata. La seminatrice offre inoltre elevati livelli di tecnologia<br />

grazie all’esclusiva predisposizione ISOBUS, con la quale la<br />

macchina può essere gestita totalmente attraverso un unico terminale.<br />

<br />

consente di operare in maniera precisa contenendo i<br />

costi operativi. <strong>Il</strong> sistema di guida John Deere utilizzando il GPS<br />

permette di impostare la direzione desiderata e successivamente<br />

eseguire in maniera automatica la guida del trattore. Questa<br />

tecnologia consente di ridurre il numero di passaggi e di eliminare<br />

le sovrapposizioni, aumentando così la produttività della macchina.<br />

<strong>Il</strong> ricevitore consente di accedere ai 3 livelli di<br />

precisione John Deere: SF1 con precisione pass to pass0–30cm,<br />

SF2 con precisione 0–10cmeRTKconprecisione 0–2cm.In<br />

questo modo è possibile adattare il livello di precisione alle<br />

diverse esigenze. <strong>Il</strong> Display touch screen GS2 2600 consente la<br />

gestione e la visualizzazione delle impostazioni di guida e il<br />

rapido accesso a tutte le informazioni del trattore. con-<br />

<strong>Il</strong> ricevitore StarFire iTC.<br />

sente inoltre di documentare, registrare tutte le operazioni e in<br />

seguito gestirle attraverso il software <br />

Minima lavorazione - Seminatrici<br />

Marchetti - Vaderstad Carrier Drill<br />

<strong>Il</strong> Vaderstad Carrier Drill è una seminatrice combinata che opera<br />

sia su terreno oggetto di minima lavorazione e sia su terreno sodo.<br />

<strong>Il</strong> Carrier Drill è composta da una doppia fila di dischi dentati<br />

brevettati con diametro da 450 mm, montati individualmente su<br />

sospensione in gomma che assicurano alla macchina una lunga<br />

durata. I dischi hanno un profilo conico tali che, con l’aumentare<br />

dell’usura, non varia l’angolo di lavoro. Sono in acciaio speciale<br />

V-55, montati su mozzi con cuscinetti permanentemente lubrificati<br />

e completamente protetti tramite doppia guarnizione. La<br />

velocità di lavoro ottimale è compresa tra i 10 – 16 km/h, necessari<br />

ai dischi per ottenere una miscela ottimale dei materiali, il che<br />

ne conferisce anche un’elevata capacità lavorativa, fino a 3 ha/h.<br />

A seguito dei dischi è presente un rullo in ghisa da 600 mm (solo<br />

in versione portata) o un rullo in gomma 586 mm (sia in versione<br />

portata che trainata) per consolidare il terreno e per controllare<br />

idraulicamente la profondità di semina. Conclude il lavoro un<br />

erpice posteriore per la ricopertura, disponibile come optional,<br />

molto utile in terreni a forte presenza di residuo colturale. Un<br />

altro accessorio disponibile, utile quando si opera in terreni lavorati,<br />

è la livella a controllo idraulico che viene montata davanti ai<br />

dischi nella versione trainata; su sodo può essere sollevata.<br />

<strong>Il</strong> sistema di distribuzione del seme è di tipo meccanico con<br />

cambio a variazione continua, per dosi comprese tra 2e300<br />

kg/ha. La distanza di semina è di 12,5 cm con la possibilità di<br />

seminare diversi tipi di seme, escludendo le bocchette (soia,<br />

girasole, mais in fila binata ecc…) e con la possibilità di disattivare<br />

mezza macchina. La tramoggia ha un volume di 1100 litri ed è<br />

montata sopra ai dischi, un tubo di caduta del seme scarica dietro<br />

ogni disco e incorpora il seme che verrà ricoperto grazie al flusso<br />

di terreno sollevato dai dischi. La profondità di lavoro è di 2-10<br />

cm e, per via dell’elevata velocità rotazionale dei dischi, si esegue<br />

un energico rimescolamento del terreno e a seguito del passaggio<br />

della macchina il profilo del suolo viene livellato. È disponibile


50 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

decomposizione. Le ampie<br />

ali presenti sul piede dell’ancora<br />

amplificano invece<br />

l’azione di rottura e la fascia<br />

di terreno effettivamente<br />

lavorata.<br />

I dischi concavi posteriori<br />

hanno un diametro di 450<br />

mm e sono collegati al telaio<br />

assieme al rullo posteriore:<br />

la regolazione della profondità<br />

di lavoro, operata<br />

attraverso il rullo, automaticamente<br />

influenza quella<br />

dei dischi. Ovviamente è<br />

anche possibile regolare la<br />

posizione dei dischi rispetto<br />

al rullo. La loro funzione<br />

è di assicurare una regolare<br />

miscelazione del terreno<br />

con la paglia e di livellare la<br />

superficie del suolo coprendo<br />

i solchi generati<br />

dalle ancore. <strong>Il</strong> rullo di<br />

grande diametro è del tipo<br />

a gabbia o T-ring, quest’ultimo<br />

caratterizzato da una<br />

forte aggressività sulle paglie<br />

in modo da favorirne la<br />

decomposizione. <strong>Il</strong> rullo<br />

permette inoltre di controllare<br />

la profondità di lavoro,<br />

di compattare il miscuglio<br />

appena formato e di effettuare<br />

la finitura del terreno<br />

anche in vista di una successiva<br />

semina o per facilitare<br />

la germinazione dei semi delle malerbe.<br />

La gamma si completa con altre due versioni pieghevoli da4e5<br />

metri di larghezza di lavoro con ripiegamento a3mperun<br />

trasporto in tutta sicurezza.<br />

Kuhn - Mixter 111<br />

Le ancore del Mixter sono disposte su due ranghi; sono distanziate<br />

l’una dall’altra 900 mm; ciascuna domina una fascia di terreno<br />

di 450 mm che viene lavorata grazie alle alette che hanno una<br />

larghezza effettiva di 480 mm. La luce libera da terra, molto<br />

elevata, pari a 800 mm, consente il deflusso regolare dei residui.<br />

La forma dell'ancora genera un taglio orizzontale nella zona<br />

distale e una moderata fessurazione in corrispondenza del centro<br />

dell’ancora. Questo provoca un sollevamento del terreno, un<br />

primo affinamento abbinato anche ad un leggero spostamento,<br />

uno scalzamento delle radici del residuo con creazione dei cosiddetti<br />

“biopori”.<br />

L'angolo di incidenza delle ancore con il terreno può essere<br />

variato in due posizioni più o meno aggressive in funzione del<br />

tipo di suolo e dell'intensità<br />

di lavorazione. Per una lavorazione<br />

superficiale (fino<br />

a 8 cm di profondità) è preferibile<br />

un'inclinazione in<br />

avanti del dente, mentre<br />

per lavorazioni più profonde<br />

la posizione è più arretrata<br />

e offre maggior penetrazione.<br />

I dischi concavi hanno un<br />

diametro di 450 mm e sono fissati al telaio assieme con il rullo<br />

posteriore: questo significa che la regolazione della profondità di<br />

lavoro operata attraverso il rullo, automaticamente influenza<br />

quella di lavoro dei dischi. La loro funzione è di assicurare una<br />

regolare miscelazione del terreno con la paglia e di livellare la<br />

superficie del suolo. In ogni caso comunque è possibile una<br />

regolazione indipendente dei dischi rispetto al rullo.<br />

<strong>Il</strong> rullo di grande diametro permette di controllare perfettamente<br />

la profondità di lavoro, di compattare il miscuglio appena formato<br />

e di effettuare la finitura del terreno anche in vista di una<br />

successiva semina o per facilitare la germinazione dei semi delle<br />

malerbe.<br />

Marchetti - Vaderstad Carrier<br />

<strong>Il</strong> Vaderstad Carrier è un preparatore a dischi multi-uso in grado<br />

di effettuare diverse lavorazioni: coltivazione e parziale interramento<br />

delle stoppie, preparazione del letto di semina, de-compattamento<br />

superficiale del suolo, erpicatura della paglia, livellamento<br />

del terreno lavorato e per concludere semina di semi<br />

minuti o cover-crop abbinando il kit semina minuti BioDrill.<br />

I vantaggi maggiori risiedono nell’elevata velocità di lavoro (12-<br />

15 km/h), nell’elevata capacità operativa (da 2a7ettari/ora a


52 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

seconda del modello), nella tempestività di lavorazione,. <strong>Il</strong> suo<br />

impiego consente una sensibile riduzione dei consumi di gasolio<br />

e costi di manutenzione incredibilmente bassi.<br />

La gamma Carrier comprende modelli portati con larghezze da 3<br />

e4metrainati da 3 a 12,25 m.<br />

Gli organi lavoranti sono dei dischi conici dentati da 450 mm<br />

posti su due ranghi, distanziati a 12,5 cm sulla fila, con profondità<br />

massima di lavoro di 10 cm regolabile idraulicamente. I dischi<br />

dal diametro ridotto consentono di raggiungere un’elevata velocità<br />

di rotazione, lavorando finemente il terreno dove invece<br />

dischi più ampi produrrebbero zolle più grandi. Inoltre un disco<br />

conico mantiene sempre l’angolo di lavoro corretto indipendentemente<br />

dall’usura (maggiore durata), mentre un disco concavo<br />

perde la sua capacità di taglio non appena inizia ad usurarsi.<br />

<strong>Il</strong> disco è in acciaio svedese V-55 di elevata qualità, montato<br />

individualmente su supporti in gomma senza necessità di manutenzione<br />

e con cuscinetti a doppia guarnizione. <strong>Il</strong> segreto dell’attrezzo<br />

sta nella particolare angolazione del supporto (brevettato)<br />

del disco.<br />

A seguito dei dischi è presente un rullo packer in acciaio o in<br />

gomma da 550 o 600 mm, con il compito di consolidare e pareggiare<br />

il terreno, oltre a regolare la profondità di lavoro. I cuscinetti<br />

sferici che collegano il rullo packer all’assale sono avvolti da un<br />

robusto ammortizzatore in gomma, pertanto non è richiesta alcuna<br />

manutenzione ad eccezione della lubrificazione dei cuscinetti.<br />

Sul rullo sono posti dei raschiatori regolabili.<br />

Marchetti - Vaderstad TopDown<br />

<strong>Il</strong> Vaderstad TopDown è un preparatore combinato che effettua<br />

diversi tipi di lavorazione in un unico passaggio. Consente il<br />

risparmio di denaro e la riduzione di tempo e dei costi di lavorazione,<br />

dei costi di produzione, la razionalizzazione dell’organizzazione<br />

delle aziende, offrendo svariati benefici biologici e agronomici<br />

al terreno.<br />

Flessibile e versatile, il Topdown consente di lavorare sia superficialmente,<br />

che in profondità. La profondità di lavoro può essere<br />

variata in modo continuo da5a15cm.Puòoperare fino a 25 cm.<br />

Le quattro aree di lavoro del TopDown sono:<br />

I dischi frontali, sono posizionati su due ranghi, hanno un diametro<br />

di 450 mm e sono in acciaio svedese di elevata qualità che<br />

assicura una lunga durata fisica e bassi costi di manutenzione. I<br />

dischi, montati su supporto in gomma, possiedono una angolazione<br />

brevettata e tagliano il terreno e il residuo colturale rime-<br />

scolandolo in superficie. Lavorano meglio con elevata velocità di<br />

lavoro (10-15 km/h). La profondità di lavoro dei dischi può<br />

essere regolata in modo continuo durante il lavoro.<br />

Le ancore rigide con sicurezza idraulica, poste su 3 ranghi a 27 cm<br />

di distanza, sono necessarie per rompere il terreno. Sono disponibili<br />

con punte e alette laterali di diversa misura per una profondità<br />

fino a 15 cm e massima di 25 cm.<br />

I dischi posteriori livellano il terreno lavorato dalle ancore, lasciando<br />

il terreno regolare e più affinato. Sono montati su sospensione<br />

in gomma assicurando un buon inseguimento del profilo<br />

del terreno e la possibilità di lavorare senza problemi anche in<br />

terreni sassosi. Possono essere controllati idraulicamente in modo<br />

continuo.<br />

Rullo finale che compatta la superficie del terreno: è disponibile<br />

in gomma (diametro 586 mm), in acciaio (diametro 600 mm) e a<br />

gabbia in acciaio (diametro 550 mm). Possiede dei raschiatori ed<br />

è montato su ammortizzatori in gomma che assicurano una<br />

lunga durata e non richiedono alcuna manutenzione. La sua<br />

intensità di lavoro può essere variata in relazione allo spostamento<br />

del carico dell’intero attrezzo sul rullo. Se richiesto, la macchina<br />

può lavorare con il rullo sollevato.<br />

La regolazione indipendente della profondità di lavoro dei dischi<br />

e delle ancore consente di adattare facilmente il TopDown alle<br />

condizioni di ciascun terreno e alle necessità dell’agricoltore:<br />

lavorazione molto superficiale, sollevando completamente le ancore<br />

e lavorando con i soli dischi anteriori;<br />

lavorazione in profondità, sollevando i dischi frontali e facendo<br />

lavorare le sole ancore;<br />

lavorazione a doppio strato sfruttando le potenzialità sia dei<br />

dischi frontali e sia delle ancore, per preparare il letto di<br />

semina.<br />

Marchetti - Kongskilde Delta<br />

<strong>Il</strong> Delta è un coltivatore combinato destinato alla lavorazione<br />

delle stoppie e concepito per la coltivazione del terreno in condizioni<br />

difficili e per terreni ad alta presenza di pietre. Effettua una<br />

lavorazione energica, miscelando i residui colturali e allo stesso<br />

tempo minimizzando l’impiego di potenza e l’usura delle punte.<br />

È un attrezzo portato con larghezze di lavoro da 2,50 a 4,00 m, a<br />

telaio fisso o richiudibile idraulicamente (versione da 4 m).<br />

<strong>Il</strong> telaio dall’elevata luce da terra, pari a 800 mm, abbinato alla<br />

distanza sul telaio di 1000 mm, consente di gestire facilmente<br />

anche grandi quantitativi di residui colturali senza problemi di


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 53<br />

intasamenti, lavorando ad alte velocità.<br />

Le punte sono in acciaio trattate al carbonio, per una massima<br />

durezza e durata, per costi di gestione minimi. Con il montaggio<br />

delle alette laterali la profondità massima di lavoro è di 15 cm.<br />

<strong>Il</strong> sistema di sicurezza può essere con bullone di tranciamento o<br />

con molla di sicurezza (particolarmente adatto a terreni con<br />

elevata presenza di pietre), grazie al suo angolo di attacco, permette<br />

al dente di scavalcare l’ostacolo incontrato e posizionarsi,<br />

subito dopo il suo ritorno, alla stessa profondità di lavoro impostata.<br />

A seguito delle ancore, sono presenti dei set di dischi facilmente<br />

regolabili, con ancoraggio a molla sul telaio, che assicurano il<br />

livellamento del terreno precedentemente ai rulli e l’incorporamento<br />

dei residui.<br />

Per concludere, al fine di controllare la profondità di semina e di<br />

livellare il terreno, sono disponibili 3 tipi di rullo posteriore, a<br />

gabbia (singolo o doppio) o doppio a dischi. I rulli a gabbia sono<br />

disponibili in diametri di 450, 550 e 630 mm; i rulli doppi a dischi<br />

cutter sono da 550 mm e sono particolarmente adatti per la<br />

preparazione del terreno con grande presenza di residuo colturale.<br />

Tali dischi, del diametro di 550 mm, si presentano con disegno<br />

ondulato per il taglio del terreno e dei residui colturali.<br />

MaAg - Cultirapid New Generation<br />

Questa attrezzatura combina organi per la decompattazione ad<br />

utensili che predispongono il terreno alla semina, interpretando<br />

in modo ottimale la filosofia della minima lavorazione destinata<br />

a terreni destrutturati. La possibilità di regolare e modificare la<br />

sequenza degli utensili ne consente, però, un utilizzo anche per la<br />

lavorazione delle stoppie dove è apprezzabile l’azione di livellamento<br />

mirata all’eliminazione delle ormaie. In questo caso le<br />

ancore, disposte in posizione anteriore, devono essere sollevate e<br />

tenute fuori dal suolo.<br />

In funzione dell’azione prodotta individuiamo tre aree operative:<br />

quella di decompattazione seguita da quella di rottura e miscelazione<br />

superficiale e, infine, quella di affinamento, assestamento e<br />

livellamento del terreno. La<br />

prima è affidata ad una serie<br />

di ancore curve tipo Michel,<br />

dotate di bullone di sicurezza<br />

e vomere reversibile<br />

intercambiabile, montate<br />

su un telaio indipendente e<br />

per questo facilmente<br />

escludibili. La seconda ad<br />

un erpice a dischi, con disposizione<br />

a rombo degli<br />

assi, munito, anteriormente,<br />

di dischi bombati e dentati<br />

e posteriormente di dischi<br />

lisci, entrambi regolabili<br />

nell’inclinazione. La<br />

terza ad un doppio rullo<br />

stellato autopulente e ad un<br />

rullo a gabbia, sostituibile<br />

con le tipologie paker o a<br />

spuntoni. Le ancore Michel operano fra i 20ei30cmproducendo<br />

un taglio ottimale dello stocco permettendone così una adeguata<br />

miscelazione con il terreno.<br />

L’attrezzo è disponibile sia nella versione portata con telaio fisso<br />

e sia in quella semiportata con telaio pieghevole idraulicamente a<br />

2,50 m per il trasporto su strada. In quest’ultimo caso le ruote<br />

pneumatiche di appoggio permettono di regolare la profondità<br />

di lavoro con precisione. Le larghezze di lavoro variano da 4,0 m<br />

a 6,0, per una potenza richiesta da 160 a <strong>24</strong>0 CV.<br />

Mainardi - Coltivatori MD<br />

<strong>Il</strong> coltivatore combinato MD211 dirompe e decompatta il terreno<br />

lasciando un profilo superficiale omogeneo e facilmente gestibile.<br />

Quando la profondità di lavoro è limitata ai primi 15 cm e il<br />

terreno è in tempera, è possibile procedere direttamente alla<br />

semina. In terreni solcati da ormaie profonde e quindi compattati<br />

anche in profondità, ha la capacità di rigenerare il suolo. Sulle<br />

colture da rinnovo e per quelle aziende restie ad adottare metodi<br />

di lavorazione conservativa costituisce un ottimo sostituto dell’aratro.<br />

Questa attrezzatura ha una larghezza di lavoro di 4,0 m, è<br />

ripiegabile idraulicamente e monta in sequenza logica tre tipi di<br />

utensili: ancora, disco e rullo.<br />

<strong>Il</strong> robusto telaio sostiene, anteriormente e disposte su due ranghi,<br />

11 ancore, dotate di vite e bullone con carico di rottura prestabilito.<br />

Queste sono caratterizzate da una luce libera al suolo molto<br />

elevata, pari a 900 mm, che consente, di operare da 10 fino a 30 cm<br />

reali di profondità. Questa soluzione progettuale, unita alla distanza<br />

trasversale fra le ancore superiore ai 660 mm, consente il<br />

deflusso regolare dei residui in tutte le condizioni operative.<br />

L’aletta dirompente garantisce la lavorazione sull’intera larghezza<br />

di lavoro e può essere facilmente rimossa (ad esempio in<br />

terreni tenaci e in operazioni di lavorazione profonda). Viceversa<br />

inserite sul piede dell’ancora nelle lavorazioni superficiali può<br />

contribuire alla formazione di biopori in presenza di infestanti e<br />

culmi della precedente coltura.<br />

Posteriormente una fila di dischi del diametro di 460 mm pareggia<br />

il suolo ricoprendo il solco lasciato dall’ancora e assicurano<br />

una equilibrata miscelazione del terreno con il residuo colturale.<br />

Nella parte terminale è applicato un rullo a spuntoni o un rullo


54 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

packer autopulente o altra tipologia con il duplice scopo di<br />

controllare la profondità di lavoro e di assestare il terreno.<br />

ER.MO - Preparatore combinato serie FE<br />

La serie di preparatori ER.MO permettono di preparare il letto di<br />

semina direttamente su terreno sodo, dove produce un’azione di<br />

rottura, miscelazione, rimescolamento parziale dei residui colturali<br />

e un adeguato livellamento. La profondità di lavoro di queste<br />

macchine è compresa fra 10 e 25 cm.<br />

La dotazione di utensili può essere adeguata al tipo di terreno e<br />

allo stato del residuo colturale.<br />

La gamma comprende un preparatore portato da 3 m composto<br />

da una fila di dischi anteriori dentati che hanno lo scopo di<br />

tagliare i residui per non farli accumulare sulle ancore (9) composte<br />

da una punta 2 esplosori che hanno anche lo scopo del taglio<br />

sottostante l’apparato radicale dei residui vegetali fungendo da<br />

diserbante meccanico. Queste ancore sono disposte su tre file e<br />

sono dotate di bullone di sicurezza con carico di rottura predeterminato<br />

(sostituibile con dispositivo non-stop a molla). Gli utensili<br />

maggiormente soggetti<br />

ad usura presentano riporti<br />

in carburi di tungsteno<br />

che ne aumentano sensibilmente<br />

la durata. Posteriormente<br />

sono presenti dei dischi<br />

concavi (o in alternativa<br />

un rango di lame<br />

elastiche) che hanno la funzione<br />

di chiudere i solchi<br />

lasciati dalle ancore e favorire<br />

il pareggiamento del<br />

terreno. Nella parte posteriore<br />

possono trovare alloggio<br />

o un doppio rullo a<br />

dischi ondulati o un rullo<br />

(di tipo packer, spirale o<br />

gabbia) oppure entrambi a<br />

seconda delle condizioni di<br />

lavoro la cui funzione è livellare<br />

il terreno completando<br />

l’opera di disgrega-<br />

zione delle eventuali macrozolle ancora presenti. Le file di dischi<br />

e il rullo sono regolabili meccanicamente o idraulicamente.<br />

Moro Pietro – Uniko<br />

Uniko è una attrezzatura disponibile nella versione portata e<br />

semiportata impiegabile sia nella minima lavorazione medioprofonda<br />

e sia in quella superficiale, in questo caso regolando o<br />

eliminando le ancore anteriori.<br />

Questo coltivatore è composto da una serie di ancore presenti in<br />

unica fila, da un doppio rango di dischi connessi direttamente al<br />

telaio e da un rullo, generalmente dentato, che conclude la sequenza.<br />

I coltri anteriori vengono montati solo in presenza di<br />

abbondanti residui per facilitare il lavoro delle ancore; coltri e<br />

ancore possono essere eliminate per poter utilizzare Uniko come<br />

preparatore del letto di semina.<br />

Le ancore frontali, distanziate di 45 cm, sono in grado di lavorare<br />

bene a 10-12 cm ma può operare sino a profondità massima di 25<br />

cm e possono essere dotate di punta a scalpello, largo 6 cm,<br />

adatto a penetrare i terreni<br />

compatti, oppure da una<br />

speciale zappa larga 30 cm e<br />

tagliente, adatta a lavorare<br />

in superficie dove taglia le<br />

radici delle colture precedenti<br />

e delle infestanti e fessura<br />

il terreno senza farlo<br />

esplodere.<br />

Nella porzione centrale è<br />

costituito da due file di dischi<br />

dentati di 610 mm di diametro. L’angolo di inclinazione dei<br />

dischi è stato studiato per favorire una migliore penetrazione nei<br />

terreni forti. Ogni disco ha un proprio supporto indipendente per<br />

il collegamento al telaio, che ruota su cuscinetti a tenuta stagna<br />

antipolvere e che consente la regolazione della posizione rispetto<br />

alla direzione di marcia. Ogni supporto ha quattro sospensioni in<br />

gomma che permettono un miglior adattamento sul terreno e<br />

ammortizzano gli impatti e le vibrazioni create dall’elevata velocità<br />

di lavoro.<br />

Posteriormente la macchina è equipaggiata con rulli dentellati di<br />

diametro diverso (320 e 480 mm di diametro) che rimescolano e<br />

frantumano ulteriormente il terreno, facilitando la preparazione<br />

del letto di semina. I rulli sono regolabili idraulicamente dall’operatore,<br />

sono forniti di valvole di blocco e flottanti per seguire<br />

l’andamento del terreno.


56 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

Moro Pietro – Coltivatore MPSG<br />

<strong>Il</strong> coltivatore MPSG recupera l’omogeneità della superficie e la<br />

porosità perdute dal terreno operando direttamente su terreno<br />

sodo e in presenza di residui colturali.<br />

Le ancore, infatti, sono disposte su tre ranghi, ben spaziate fra<br />

loro per favorire il deflusso del materiale. Anche la notevole luce<br />

libera al suolo, pari ad 80 cm, ha lo scopo di permettere e garantire<br />

il deflusso rapido e senza intasamenti del residuo colturale. Le<br />

ancore sono caratterizzate da un piede molto largo che, a profondità<br />

di 15-20 cm, trasferisce l’azione dirompente su tutta la larghezza<br />

di lavoro, eaprofondità inferiori producono un efficace<br />

controllo sulle infestanti.<br />

Per ottenere una buona penetrazione anche in terreni tenaci e<br />

compattati, l’angolo di entrata delle zappe nel suolo non è costante.<br />

Le ancore inoltre sono fornite di bullone di sicurezza o di un<br />

dispositivo a molla pre-tarata per il non stop. Posteriormente i<br />

dischi concavi e il rullo a gabbia o il rullo packer pareggiano e<br />

consolidano il suolo.<br />

Disponibile nelle versioni da 2a6m,lepiùgrandi anche con<br />

attacco semiportato e pieghevoli per ridurre l’ingombro.<br />

Tonutti – Straw Harrow Cyclon LD<br />

Svolgere la strigliatura su terreno sodo con il Cyclon di Tonutti<br />

porta alla riduzione e alla frantumazione della biomassa residuale.<br />

L’azione meccanica da avvio o, quantomeno, accelera, l’attività<br />

biologica che sovrintende alla sua degradazione e trasformazione<br />

in humus. Infatti, l'elevata velocità di lavoro innesca una<br />

violenta reazione delle molle che, percuotendo i residui a terra,<br />

ne riducono le dimensioni, li imbrattano di terreno, e li rilasciano<br />

in maniera uniforme sulla superficie del terreno.<br />

In questo modo i residui imbrattati ed adagiati a terra vengono<br />

più facilmente e rapidamente aggrediti dai micro e macro organismi<br />

del terreno. Oltre all'azione svolta sui residui, si ottengono<br />

significativi vantaggi nel controllo delle piante infestanti. Per-<br />

cuotendo le piante infestanti, o le spighe, o le silique, o i baccelli<br />

di piante precedentemente coltivate si provoca la loro apertura<br />

con conseguente fuoriuscita dei semi che cadano e vengono<br />

interrati al terreno germinando velocemente. Questa facilita in<br />

maniera significativa il loro controllo che potrà essere meccanico<br />

o chimico.<br />

L’erpice strigliatore Cyclon monta molle doppie elicoidali che<br />

assicurano la distribuzione e frantumazione dei residui; queste<br />

sono disposte su 5 barre portadenti regolabili in modo da modificare<br />

l'angolo di incidenza sul terreno delle molle per adeguarsi<br />

alle diverse condizioni del campo. Le barre sono collegate in<br />

modo flessibile al telaio per garantire ai singoli elementi di adattarsi<br />

alle irregolarità del profilo del terreno.<br />

L’attrezzatura può essere montata su un carrello portattrezzi,<br />

predisposto per alloggiare altre attrezzature della stessa azienda.<br />

Questo è dotato di una serie di cilindri idraulici per il sollevamento<br />

dell'attrezzatura, che è agganciata posteriormente; di cilindri<br />

idraulici per regolare l'angolo di lavoro; di ganci rapidi<br />

universali per una rapida sostituzione del tipo di attrezzatura; di<br />

pneumatici tipo Flotation.<br />

Infine può essere dotata di tramoggia e organi distributori per<br />

effettuare semine di cover crops, semine di cereali autunno vernini,<br />

concimazioni e fertilizzazioni.<br />

Lavorazioni di recupero<br />

Mainardi - Ripuntatore RP700<br />

RP700 è costituito da un robusto telaio diritto sul quale sono<br />

fissate2o3ancore verticali munite di vomeri a scalpello o vomeri<br />

con alette dirompenti.<br />

La profondità di lavoro è compresa fra i 30 ei60 cmreali e<br />

consente, nella fase di transizione fra le lavorazioni tradizionali e<br />

quelle conservative, di eliminare la suola di lavorazione prodotta<br />

dall’aratro. Inoltre, va impiegato per recuperare la fertilità nei<br />

terreni destrutturati in profondità; per ripristinare i movimenti<br />

dell’acqua fra la superficie e la falda, eliminando i ristagni superficiali<br />

e, al contempo, garantire l’accumulo di riserve idriche e la<br />

risalita capillare, e per favorire la circolazione dell’aria all’interno<br />

del suolo. Gli effetti di questa lavorazione perdurano, in suoli<br />

argillosi, da due a quattro anni. È quindi un intervento che si può<br />

programmare in funzione delle rotazioni colturali, effettuandolo<br />

sulle colture miglioratrici. Inoltre RP700 è l’attrezzatura ideale per<br />

realizzare la tipica lavorazione di soccorso che può essere limitata<br />

alle aree soggette a forte calpestamento<br />

quali quelle di<br />

bordo campo. Produce una<br />

ridotta alterazione del profilo<br />

superficiale. Va impiegato<br />

su terreni in tempera,<br />

meglio se nella stagione<br />

secca dopo una pioggia.<br />

Le ancore sono dotate di<br />

bullone di sicurezza che<br />

permette all’ancora di ruotare<br />

all’indietro nel caso


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 57<br />

impatti contro un ostacolo. <strong>Il</strong> piede dell’ancora può essere munito<br />

di ogiva posteriore per realizzare drenaggi temporanei.<br />

In suoli soggetti a misura PSR (Veneto e Lombardia) è necessario<br />

operare con solo 2 ancore (l’ancora centrale è asportabile con<br />

facilità) in modo da ridurre il disturbo prodotto sul suolo e<br />

limitare la profondità di lavoro a non più di 40 cm. L’azione di<br />

recupero è in ogni caso ottimale.<br />

Rossetto F.lli – Airdisc<br />

Airdisc è un decompattatore del terreno caratterizzato, nella<br />

versione da 3mdilarghezza di lavoro, da 3 coppie di ancore<br />

ricurve lateralmente e disposte a “V” sul telaio. La curvatura<br />

delle ancore è rivolta verso l’interno dell’attrezzo.<br />

Queste hanno il pregio di sollevare il terreno, favorendo il recupero<br />

di un più equilibrato rapporto fra spazi pieni e vuoti, e di<br />

creare delle micro e delle macro fratture al suo interno che permettono<br />

un rapido sgrondo<br />

dell’acqua e una migliore<br />

circolazione dell’aria.<br />

Questo importante lavoro<br />

di recupero della fertilità<br />

del suolo avviene senza rivoltare<br />

gli strati di terreno<br />

e, quindi, rispettandone il<br />

profilo verticale. Inoltre<br />

producono una scarsa zollosità<br />

superficiale. Le ancore<br />

operano bene a profondità<br />

di 25 - 30 cm, ma possono<br />

essere impiegate a<br />

profondità maggiori. <strong>Il</strong> fusto<br />

dell’ancora ha, infatti,<br />

un’altezza di 80 cm ed è<br />

collegato al telaio mediante<br />

viti e bulloni con carico di<br />

rottura prestabilito.<br />

Utilissimo in terreni soggetti<br />

alla compattazione,<br />

consente, scegliendo opportunamente<br />

l’organo posteriore, di lasciare pressoché inalterato<br />

il profilo superficiale del suolo.<br />

<strong>Il</strong> rullo tipo paker, a spuntoni o a gabbia di circa 400 mm di<br />

diametro, che da stabilità all’attrezzo e limita la profondità di<br />

lavoro, può essere sostituito da una doppia serie di dischi ondulati<br />

(32 in totale) che in parte si compenetrano, caratterizzati da<br />

un diametro di 510/580 mm. Questi aggrediscono le zolle prodotte<br />

dalle ancore e lavorano lo strato più superficiale del suolo<br />

predisponendo il letto di semina. Questa lavorazione, nelle<br />

aziende dedite alla semina su terreno sodo, può essere omessa,<br />

applicando un rullo tradizionale.<br />

Airdisc opera portato, ha un peso di circa 1500 kg<br />

Rossetto F.lli – Erpice combinato<br />

Questa attrezzatura è composta da un erpice a dischi offset con<br />

interposta una fila di ancore dritte.<br />

L’erpice è composto da dischi di grande diametro con profilo<br />

dentato disposti su due ranghi obliqui rispetto al senso di marcia.<br />

<strong>Il</strong> primo rango di dischi aggredisce il residuo miscelandolo nello<br />

strato più superficiale del terreno; il secondo pareggia e assesta il<br />

terreno scomposto dalle ancore e completa la lavorazione superficiale<br />

condotta dal primo rango. In condizioni di tempera il<br />

terreno è pronto per la semina.<br />

Le ancore hanno la funzione di dirompere il terreno più in profondità<br />

rispetto ai dischi e di accentuare l’azione dei dischi.<br />

Possono essere omesse.<br />

Le regolazioni idrauliche semplificano la messa in campo dell’attrezzatura.<br />

Gestione liquami e digestati<br />

Bossini – Carro botte con interratore<br />

In questi anni la ditta Bossini ha investito nello sviluppo di<br />

tecnologie capaci di soddisfare le esigenze della normativa europea<br />

relativa alla gestione della distribuzione di reflui zootecnici<br />

decisamente orientata verso la loro valorizzazione agronomica e<br />

l’abbattimento dell’inquinamento.<br />

Innanzitutto va evidenziato che gli spandiliquame Bossini sono in<br />

grado di controllare le quantità di liquame distribuite grazie all’ausilio<br />

di una unità satellitare e alla rilevazione computerizzata di<br />

bordo. Queste tecnologie permettono di localizzare con precisione<br />

l’area di spandimento e di gestire la distribuzione in base alle dosi<br />

prefissate. Inoltre un sistema consente di ridurre il numero delle<br />

passate sul campo, di garantire uniformità nella distribuzione, diminuire<br />

le perdite di azoto ammoniacale nell’atmosfera con conseguente<br />

migliore valorizzazione dei nutrienti presenti nel liquame.<br />

Questi spandiliquame possono essere equipaggiati con una pompa<br />

centrifuga idraulica “Turbo” che applicata direttamente alla<br />

macchina facilita e velocizza il riempimento del serbatoio soprattutto<br />

con liquami densi come quelli di origine bovina. Turbo<br />

consente inoltre un riempimento totale del serbatoio in quanto<br />

l’effetto centrifugo comprime la schiuma che si genera dall’aspirazione<br />

creata dal decompressore. L’azione combinata dei due<br />

sistemi di riempimento fa si che il decompressore lavori con<br />

minore sforzo, evitando problemi di surriscaldamento e la precoce<br />

usura delle spazzole. Un ulteriore vantaggio è dato dalla


58 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

grande sezione della “chiocciola” che consente il passaggio di<br />

corpi estranei evitando l’intasamento.<br />

La distribuzione può essere interrata applicando posteriormente<br />

una attrezzaturaa2oa4opiùiniettori snodati che consentono di<br />

interrare il liquame alla profondità voluta evitando la formazione<br />

di aerosol, riducendo le perdite di azoto in atmosfera e le<br />

perdite di nutrienti causate dal trasporto solido effettuato dall’acqua<br />

che sgronda in superficie.<br />

Le ruote di grandi dimensioni e l’applicazione di una sospensione<br />

(oggetto di brevetto) garantiscono una perfetta tenuta sui<br />

percorsi stradali ed una buona galleggiabilità sui terreni agricoli.<br />

L’aumento della superficie di contatto fra macchina e suolo e la<br />

presenza delle sospensioni che smorzano le forze generate dall’avanzamento,<br />

riducono notevolmente gli effetti negativi prodotti<br />

dal passaggio di questi veicoli sul campo.<br />

I nuovi modelli B3 260 garantiscono una capacità reale fino a<br />

30.000 litri con un’ottima manovrabilità data dalla compattezza<br />

del veicolo.<br />

Acquafert – Fertirrigazione per colture erbacee<br />

L’analisi dell’efficienza dei diversi metodi irrigui dimostra che<br />

l’impianto a goccia proposto da Acquafert raggiunge un’efficienza<br />

pari al 95%, contro quella di non più del 70% di un sistema a<br />

pioggia con irrigatori semoventi. Un ulteriore vantaggio offerto<br />

dall’impianto di fertirrigazione Acquafert riguarda la possibilità<br />

di utilizzare i reflui zootecnici e soprattutto, quelli provenienti<br />

dagli impianti di biogas (digestati altamente mineralizzati). Tali<br />

prodotti, dopo una serie di trattamenti, definiti in base alla tipologia<br />

del refluo, e mirati a separare la parte liquida da quella solida<br />

(solidi sospesi) vengono veicolati sul campo tramite l’impianto di<br />

irrigazione. Questo infatti è caratterizzato da un complesso dispositivo<br />

per il filtraggio che impedisce l’otturazione dei gocciolatori e<br />

da un dispositivo per il dosaggio che opera in base alle impostazioni<br />

scelte di volta in volta dall’utente.<br />

<strong>Il</strong> mais irrigato con questo sistema ha fornito elevate produzioni<br />

perché sia l’acqua che i nutrienti (in particolare azoto) vengono<br />

forniti in dosi frazionate secondo le reali necessità della coltura<br />

durante le normali irrigazioni<br />

I risultati hanno fatto registrare un incremento della produzione<br />

e della sua qualità a fronte di un sensibile risparmio idrico,<br />

nessun impiego di concimi azotati<br />

con l’utilizzo a massima efficienza<br />

dell’azoto organico in<br />

copertura ed un significativo<br />

risparmio di energia. Inoltre il<br />

sistema consente di ridurre le<br />

tare improduttive, riduce le<br />

possibilità di attacchi fungini e<br />

consente di lavorare con più facilità<br />

il terreno a fine ciclo. Per<br />

contro la meccanizzazione delle<br />

operazioni di stesura e di raccolta<br />

delle ali gocciolanti hanno<br />

reso praticabile l’utilizzo a pieno<br />

campo anche, appunto, su<br />

coltivazioni estensive.<br />

Questi risultati sono la conseguenza di una scelta mirata delle<br />

diverse componenti e di una fase progettuale specifica per ciascuna<br />

realtà produttiva che può godere dell’esperienza maturata<br />

da questa azienda.<br />

Punti critici infatti sono la scelta delle ali gocciolanti, del tipo di<br />

manichetta, della propria capacità di spurgo, dei dispositivi di<br />

filtrazione che devono risultare efficaci ed efficienti per garantire<br />

la longevità del sistema, delle modalità di evacuazione dell’aria<br />

dalle condotte adduttrici che presuppone un corretto dimensionamento<br />

di sfiati aria, dall’installazione e dalla direzione del cantiere<br />

effettuata da persone competenti e specializzate, di regolari ed<br />

efficienti manutenzioni e di trattamenti a tutte le attrezzature.<br />

La manichetta, che ha una durata annuale, viene posizionata<br />

leggermente interrata, a file alternate, mediante un interratore<br />

specifico in modo da ottimizzare l’irrigazione e la fertirrigazione<br />

ed abbattere l’impatto visivo e odorigeno. Indicativamente, un<br />

impianto di questo tipo restituisce circa 1,5 mm/h e distribuisce,<br />

nel caso di liquidi provenienti da un digestato, da 50 a 150 m 3 /ha<br />

di prodotto durante tutta la campagna irrigua.<br />

Acquafert – Sistema di distribuzione ombelicale<br />

<strong>Il</strong> sistema di distribuzione ombelicale prevede che il distributore,<br />

costituito in questo caso da un coltivatore, sia alimentato mediante<br />

un tubo flessibile.<br />

<strong>Il</strong> sistema è composto da un impianto interrato dotato di bocchette<br />

per il prelievo che effettua il trasferimento del refluo nelle diverse<br />

aree dell’azienda. Le tubazioni fisse sono collegate alla vasca<br />

aziendale o a serbatoi di accumulo temporaneo e sono in materiale<br />

plastico (Pvc-Pead) PN16; gli idranti sono in acciaio inox su misura.<br />

<strong>Il</strong> pompaggio del refluo (liquame o digestato) è affidato ad una<br />

pompa che può essere azionata<br />

da un motore elettrico<br />

o da trattore.<br />

La distribuzione può essere<br />

affidata ad un irrigatore semovente,<br />

un rotolone che<br />

può essere dotato di distribuzione<br />

a terra, che opera in<br />

modo automatico la distribuzione.<br />

In alternativa è


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 59<br />

possibile dotarsi di un’attrezzatura<br />

specifica costituita<br />

da un interratore portato,<br />

con larghezza di lavoro di<br />

2,5 o 3,0 m e dotato di 5o7<br />

ancore nella versione pesante<br />

(ma sono disponibili anche<br />

coltivatori leggeri che<br />

operano a profondità di soli<br />

10-15 cm). Queste attrezzature<br />

sono munite di dispositivi<br />

per l’apertura e la chiusura<br />

delle valvole a comando<br />

idraulico. <strong>Il</strong> refluo giunge<br />

all’interratore in pressione e<br />

mediante appositi adduttori<br />

viene distribuito nel solco<br />

prodotto dall’ancora, sempre<br />

a profondità compatibili<br />

con le esigenze agronomiche<br />

della coltura.<br />

I vantaggi sono molteplici.<br />

Innanzitutto si evita il problema<br />

del calpestamento del<br />

terreno e della relativa perdita di fertilità, inevitabile quando la<br />

distribuzione viene effettuata con carri botte. Pertanto, l’adozione<br />

del sistema ombelicale favorisce l’adozione di tecniche di agricoltura<br />

conservativa. Si riducono, inoltre, i trasporti su strada e si<br />

riduce complessivamente il fabbisogno energetico per la distribuzione<br />

sul campo con diminuzione delle emissioni di CO2.<br />

Trattamenti<br />

Marchetti - Hardi Ranger<br />

Irroratrice trainata ideale per aziende di medie dimensioni e<br />

contoterzisti, professionale ed economicamente conveniente. <strong>Il</strong><br />

serbatoio è in polietilene con una capacità di 2.500 litri, completo<br />

di miscelatore dei prodotti chimici Hardi Turbo Filler da 25 o da<br />

35 litri e serbatoio di risciacquo da 250 litri. <strong>Il</strong> “cuore” della<br />

macchina è la pompa, auto-adescante, a membrane, lubrificata a<br />

grasso, mod. 363 (da 194 litri) o 463 (da 276 litri).<br />

Le barre sono disponibili con larghezze di lavoro da 12 a <strong>24</strong> m;<br />

sono montate su sistema a parallelogramma per una notevole<br />

luce dalla coltura e sono realizzate in acciaio con un design<br />

particolare, con ottimizzazione del peso, ma, allo stesso tempo,<br />

con massima rigidità strutturale. <strong>Il</strong> sistema anti-imbardata è incorporato<br />

al centro della barra per ridurre il movimento della<br />

stessa. Le prestazioni eccezionali della barra Pro assicurano una<br />

distribuzione precisa del prodotto, tramite getti , anche al<br />

variare delle condizioni di lavoro.<br />

La compattezza della barra e la chiusura indipendente delle<br />

sezioni conferiscono una grande flessibilità durante la sua chiusura<br />

e nelle manovre in campi con presenza di ostacoli.<br />

L’unità di distribuzione EVC con numero di sezioni di barra<br />

disponibili: da 3a7esistema Manifold che raggruppa tutte le<br />

funzioni principali della macchina. Tutte le funzioni della barra<br />

possono essere regolate elettro-idraulicamente tramite un pannello<br />

di controllo compatto, convenientemente posizionato con<br />

comandi principali raggruppati assieme per un facile uso, quali:<br />

l’altezza della barra, l’inclinazione indipendente per ogni sezione<br />

e inclinazione dell’intera barra.<br />

In aspirazione del circuito dell’acqua il prodotto viene filtrato<br />

tramite un efficace filtro a ciclone che possiede un’elevata capacità<br />

filtrante grazie all’elevata azione auto-pulente e concludendo<br />

con dei filtri dei getti (come optional si possono avere dei filtri in<br />

linea da montare sulla barra al posto dei filtri dei getti).<br />

Ranger è equipaggiata con SelfSteer, un semplice sistema di<br />

sterzata meccanico con martinetto idraulico che semplifica le<br />

manovre a fine campo. <strong>Il</strong> SelfSteer può essere fornito di un<br />

correttore di pendenza. La correzione della pendenza viene controllata<br />

manualmente direttamente tramite l’idraulica del trattore<br />

e aiuta il SelfSteer a mantenersi in carreggiata anche con<br />

pendenza, in condizioni collinari. La carreggiata è disponibile<br />

con larghezza da 1,50a2m.<br />

Tecnologie per l’agricoltura<br />

di precisione<br />

Spektra Agri – Ricevitori G.P.S.<br />

Spektra Agri dispone di una gamma completa di monitor e ricevitori<br />

G.P.S. per l’Agricoltura, in funzione delle diverse esigenze<br />

dell’utilizzatore. Dai sistemi di guida più semplici, alla portata<br />

delle aziende agricole più piccole, ai sistemi più completi, dotati<br />

di massima precisione e funzioni operative per applicare tutte le<br />

tecniche del Precision Farming, ai ricevitori portatili per i professionisti<br />

del settore. Tutti i sistemi hanno caratteristiche comuni:<br />

semplicità di utilizzo, massima visibilità, robustezza per l’impiego<br />

agricolo e possibilità di essere integrati e completati nel tempo,<br />

adattandosi alle crescenti necessità della moderna Agricoltura.<br />

La novità è costituita da CFX-750, ricevitore G.P.S. di ultima<br />

generazione, che racchiude tutte le novità del settore. Citiamo:<br />

Monitor touch screen, a colori, di ampie dimensioni, per una<br />

perfetta visibilità in tutte le condizioni di lavoro;<br />

livello di precisione fino ad RTK (0-2 cm.), con accesso anche ai<br />

satelliti Glonass (sistema satellitare russo), per una maggiore<br />

efficienza in ogni situazione;<br />

connessione a Sistemi di Guida Automatica Autopilot® o Assistita<br />

EZ-Steer®;


60 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

collegamento con telecamere per il monitoraggio continuo delle<br />

attrezzature;<br />

interfaccia per il controllo automatico di tutti i tipi di attrezzature<br />

agricole: seminatrici, irroratrici, spandiconcime granulari o liquidi,<br />

spandiliquami, con dosaggio variabile dei mezzi tecnici impiegati<br />

e chiusura automatica delle sezioni;<br />

possibilità di collegare il sistema con sensori ad infrarossi Green-<br />

Seeker®, in grado di rilevare il vigore vegetativo e in base a<br />

questo parametro modulare, in base alle proprie conoscenze, la<br />

dose dei fertilizzanti;<br />

connessione rapida con il centro aziendale, possibilità di ricevere<br />

istruzioni operative e scaricare rapporti<br />

di lavoro, mappe di campi e tutte le<br />

informazioni utili.<br />

I sistemi G.P.S. proposti da Spektra<br />

Agri hanno ormai integrato tutte queste<br />

funzioni, cambiando nel tempo<br />

l’originaria attività di guida all’attuale<br />

“Sistema di Gestione Agricola”<br />

G.P.S., in grado di fornire alla direzione<br />

ed agli operatori dell’azienda agricola<br />

un supporto funzionale e rapido<br />

per una più precisa, economica ed<br />

ecocompatibile gestione agronomica.<br />

Un Sistema G.P.S. unico in agricoltura<br />

è FmX®, indicato per aziende<br />

agromeccaniche e grandi aziende<br />

agricole, dotato di 2 sistemi riceventi<br />

G.P.S. integrati è in grado di effettuare,<br />

oltre a tutte le funzioni di guida e di agricoltura di precisione,<br />

anche il livellamento G.P.S. (Field Level®).<br />

Con il monitor di ultima generazione FmX® il rilievo delle quote<br />

ed il progetto dello spianamento si può effettuare in pochi minuti,<br />

direttamente in campo. Durante il livellamento FmX® visualizza<br />

le quote di campo, concentrando il lavoro sulle zone di<br />

sterro e riporto, riducendo drasticamente i tempi ed i costi di<br />

lavorazione. Con il livellamento G.P.S. si eliminano tutti i “fattori<br />

di disturbo” tipici dei laser: vento, polvere, nebbia, ostacoli naturali<br />

e distanze non influiscono sulla precisione dello strumento,<br />

aumentando i tempi e le possibilità di lavoro dei mezzi.<br />

Spektra Agri – Sistemi di Guida automatica<br />

<strong>Il</strong> sistema di guida automatica Autopilot® interagisce direttamente<br />

sull’impianto idraulico della trattrice, applicando con la<br />

massima rapidità e precisione le traiettorie impostate dal sistema<br />

G.P.S.<br />

L’eccezionale precisione del sistema, fino a 0-2 cm, consente di<br />

eseguire nelle colture a file - estensive, orticole o industriali - le<br />

operazioni colturali della massima precisione seguendo le linee<br />

di guida impostate, anche negli interventi di post emergenza<br />

(sarchiature, concimazioni o irrorazioni, anche localizzate).<br />

L’operatore ne risulta notevolmente avvantaggiato, potendo dedicare<br />

maggior attenzioni alle attrezzature ed alle operazione di<br />

distribuzione e ad un minor affaticamento, con riduzione del<br />

rischio di guasti meccanici alle attrezzature.<br />

<strong>Il</strong> risultato è un drastico miglioramento della produttività del<br />

sistema macchina-attrezzo dell’8-10% , oltre alla possibilità di<br />

lavorare con la stessa precisione anche in condizioni di scarsa<br />

visibilità, comprese le ore notturne. Nelle situazioni in cui vi<br />

voglia applicare il Sistema di Guida a diverse macchine il monitor<br />

può essere abbinato al Sistema di Guida Assistita EZ-Steer®<br />

(applicazione al volante) consente di mantenere la direzione<br />

impostata, aumentando la precisione nelle operazioni di preparazione<br />

del terreno, concimazione e distribuzione di diserbanti e<br />

fungicidi. La semplicità del sistema consente una grande elasticità,<br />

potendolo facilmente spostare su tutte le macchine operatrici<br />

nell’arco di 15 minuti.<br />

Spektra Agri – Sistemi di Controllo<br />

Automatico delle Sezioni<br />

<strong>Il</strong> sistema Field-IQ, interagendo con il sistema di guida G.P.S.<br />

Trimble® e con l’irroratrice, gestisce automaticamente l’apertura e<br />

la chiusura dei settori della barra. Di norma le operazioni di apertura/chiusura<br />

delle sezioni barra vengono gestite manualmente dell’operatore,<br />

con errori variabili in funzione della sua attenzione,<br />

della visibilità e della stanchezza.<br />

Con Field-IQ, la<br />

distribuzione è costante,<br />

precisa e senza sprechi, in<br />

tutte le condizioni operative,<br />

comprese le applicazioni<br />

notturne.<br />

<strong>Il</strong> risultato è la drastica riduzione<br />

della sovrapposizione<br />

nella distribuzione di fitofarmaci,<br />

ed il conseguente<br />

danno economico causato


[ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] Terra e Vita 61<br />

sia dallo spreco di prodotto,<br />

sia dalla riduzione di produzione<br />

- spesso sottovalutata<br />

- causata dalla fitotossicità<br />

dovuta al raddoppio della<br />

dose distribuita. <strong>Il</strong> beneficio<br />

da considerare con altrettanta<br />

attenzione è la drastica riduzione<br />

dei pericolosi accumuli<br />

di fitofarmaci sulle coltivazioni,<br />

con notevole riduzione dell’impatto ambientale e un<br />

miglior profilo per la salute del consumatore. Field-IQ si può<br />

applicare anche ad altre macchine operatrici, con analoghi benefici:<br />

seminatrici, spandiconcime, ecc.<br />

<strong>Il</strong> sistema NORAC UC4 invece gestisce automaticamente, in maniera<br />

semplice ed efficace, l’altezza e l’inclinazione della barra<br />

irroratrice, migliorando la distribuzione e quindi l’efficacia dei<br />

fitofarmaci utilizzati, prevenendo rotture e perdite di tempo. UC4<br />

basato su sensori ad ultrasuoni è in grado di monitorare la distanza<br />

dal “bersaglio”: terreno o coltura, che il sistema è in grado di<br />

distinguere anche in condizioni di bassa visibilità o di notte. UC4<br />

mantiene quindi la distanza dal bersaglio impostata con movimenti<br />

rapidi e fluidi, in maniera automatica e costante.<br />

Isagri - IsaColture<br />

IsaColture è consigliato a chi vuole gestire con semplicità, ma nello<br />

stesso tempo con accuratezza, le colture. L’utente può analizzare i<br />

dati inseriti e ottenere risultati tecnici quali l’itinerario tecnico, i<br />

registri trattamenti e il registro di campagna, utili anche per la<br />

gestione delle problematiche inerenti a Global Gap, e risultati<br />

economici come i costi di produzione,<br />

le anticipazioni colturali<br />

e i margini economici. Molto<br />

interessante è anche la gestione<br />

dei prodotti fitosanitari:<br />

per ogni coltura, infatti, è possibile<br />

indicare i prodotti omologati,<br />

il tipo di omologazione, il<br />

numero massimo di applicazioni<br />

e il dosaggio consentito. È<br />

inoltre disponibile un collegamento<br />

al software FitoGest®:<br />

pensato come un moderno navigatore,<br />

si tratta di uno strumento<br />

informatico molto utile<br />

che consente di orientarsi nella scelta della soluzione ideale.<br />

IsaColture si completa con il Pocket, un palmare configurato appositamente<br />

per registrare e consultare i dati direttamente in campo<br />

ed essere così completamente autonomi, e con il Modulo Mappa,<br />

strumento per la visualizzazione della cartografia aziendale.<br />

Isagri - IsaPlan<br />

IsaPlan è consigliato a chi vuole gestire, con semplicità e precisione,<br />

la cartografia dei terreni agricoli; risulta in effetti accessibile a<br />

qualsiasi utente, senza necessità di avere basi di topografia. Interessanti<br />

le funzioni di sovrapposizione di mappe colturali, con<br />

mappe catastali,<br />

foto aeree, orto foto<br />

e carte tecniche<br />

regionali, e il calcolo<br />

immediato di<br />

superfici e distanze.<br />

IsaPlan, può essere<br />

utilizzato assieme<br />

a Isagps+, il<br />

software Isagri per<br />

il rilevamento satellitare ad uso agricolo. Infatti, terminata una<br />

misurazione con Isagps+, sarà semplicissimo importare i file in<br />

IsaPlan per poterli modificare, stampare, ecc…<br />

La nuova versione di IsaPlan consente di esportare le proprie<br />

mappe su Google Earth in modo da poterle visualizzare sullo<br />

sfondo di foto aeree o persino pubblicarle in seguito su Google<br />

Maps rendendole quindi disponibili a chiunque volesse consultarle<br />

a distanza. È necessario solo installare Google Earth sul PC e<br />

dopo aver selezionato gli elementi da esportare, con un semplice<br />

clic su un pulsantino, sarà possibile esportarli e visualizzarli chiaramente<br />

in Google Earth. In effetti, le mappe vengono evidenziate<br />

in automatico con colori diversi, come si può notare nella figura.<br />

Topcon - SYSTEM 110<br />

<strong>Il</strong> System 110 è il dispositivo per la guida assistita manualmente,<br />

caratterizzato da una assoluta facilità di utiizzo e duttilità operativa<br />

in quanto totalmente trasferibile da una macchina all’altra<br />

disponendo di serie di tutte le predisposizioni ai diversi veicoli<br />

agricoli esistenti. E’ la soluzione ideale<br />

per chi si avvicina per la prima volta ai<br />

sistemi satellitari o per chi deve svolgere<br />

trattamenti fitosanitari, distribuzione<br />

di concime, lavorazioni del terreno,<br />

falciatura e mappatura dei terreni. La<br />

riduzione dei costi ed il comfort operativo<br />

sono le principali motivazioni<br />

all’utilizzo di questo dispositivo<br />

che avvalendosi della<br />

precisione EGNOS, fruibile<br />

gratuitamente, permette di ottenere<br />

quei vantaggi altrimenti<br />

impossibili da acquisire. L’assistenza<br />

alla guida viene ottenu-


62 Terra e Vita [ AGRICOLTURA CONSERVATIVA ] <br />

ta seguendo sia la barra a led, posta sopra il monitor sia sullo<br />

schermo a colori, garantendo una immediata percezione della<br />

posizione oltre a disporre, automaticamente, di tutti i dati necessari<br />

per gestire in maniera ottimale, la lavorazione che si sta<br />

effettuando, come la superficie lavorata, quella ancora da lavorare,<br />

la velocità di avanzamento e la posizione sul campo.<br />

<br />

<strong>Il</strong> System 150, rappresenta l’evoluzione naturale del System 110,<br />

avvalendosi dello stesso monitor, e di un tipo di antenna che include<br />

tutte le funzioni di ricevitore sia dei segnali GPS (il sistema satellitare<br />

americano) sia di quelli GLONASS (il sistema satellitare russo) oltre<br />

ai segnali del sistema satellitare europeo Galileo, quando disponibile.<br />

E’ quindi sufficiente sostituire l’antenna adottata dal system 110<br />

con quella più performante proposta per il system 150 per disporre<br />

di un dispositivo che può permettere la guida<br />

completamente automatica, fino ad una precisione<br />

di 2 cm adottando la correzzione dei<br />

segnali satellitari: RTK.<br />

Questo dispositivo è il supporto ideale gli agricoltori<br />

che necessitano la massima precisione<br />

per tutte le attività agricole, in particolare per<br />

la sarchiatura, semina su file, lavorazioni tra le<br />

file, piantumanzione e la mietitura.<br />

La guida assistita automaticamente<br />

si può ottenere in due modi, o<br />

avvalendosi dei trattori o veicoli<br />

agricoli già predisposti (steer ready<br />

o autoguide ready) oppure avvalendosi<br />

dell’innovativo volante<br />

elettronico Topcon AES-25, applicabile<br />

su tutti i veicoli agricoli. Questa soluzione ha due vantaggi<br />

fondamentali, permette di evitare di dover modificare l’intero sistema<br />

idraulico del trattore o mietitrebbia, che richiederebbe una omologazione<br />

ex novo della macchina, inoltre si può rapidamente e<br />

facilmente spostare da un veicolo all’altro, in base alla necessità<br />

contingente ed alla stagionalità, riducendo sensibilmente i tempi di<br />

ritorno del capitale investito.<br />

Pneumatici<br />

Trelleborg - Soluzioni tecniche nel rispetto<br />

dell’ambiente e dell’agricoltura<br />

Trelleborg Wheel Systems, Divisione del gruppo Svedese Trelleborg,<br />

con stabilimento e centro Ricerca & Sviluppo in Italia, è da sempre in<br />

prima fila nel rispondere con soluzioni, alle nuove esigenze dell’agricoltura<br />

conservativa.<br />

La minima lavorazione del terreno come è noto si basa essenzialmente<br />

sulla riduzione del traffico veicolare sui campi, sulla riduzione dei<br />

passaggi al fine di risparmiare tempo, gasolio e inquinare molto<br />

meno; in una parola essere più amici dell’ambiente. Per ottenere<br />

questo risultato occorre utilizzare attrezzature complesse che in un<br />

solo passaggio compiano il lavoro che fino a pochi anni fà veniva<br />

svolto da più attrezzi differenti e quindi con più passaggi.<br />

Ma una tale attrezzatura con la sua complessità<br />

è necessariamente pesante quindi<br />

richiede potenti sollevatori idraulici posteriori<br />

e sollevatori idraulici anteriori.<br />

Ancora una volta l’esigenza dell’agricoltura<br />

fa nascere nuove attrezzature,<br />

che a loro volta condizionano l’evoluzione<br />

dei trattori, che necessariamente<br />

devono avere potenza sufficiente a<br />

far funzionare correttamente le prese<br />

di forza per alimentare una così complessa<br />

e pesante attrezzatura, e vincere<br />

la resistenza all’avanzamento, cioè essere<br />

proporzionati al peso e al compito che le<br />

nuove attrezzature impongono.<br />

Un aspetto negativo in agricoltura è il<br />

compattamento del terreno che s’inserisce<br />

perfettamente nel nostro discorso perché,<br />

pur riducendo il numero di passaggi, il<br />

grande peso del trattore, sommato all’attrezzatura<br />

combinata, rischia di rendere<br />

del tutto inutile il vantaggio appena ottenuto<br />

con la riduzione del traffico.<br />

Ed è questo il momento in cui Trelleborg entra in gioco. Le soluzioni<br />

più complesse e all’avanguardia nascono oggi per soddisfare le esigenze<br />

dell’agricoltura più avanzata. Nella filosofia industriale di<br />

Trelleborg quest’approccio si chiama TM BLUE<br />

Gli ultimi investimenti hanno creato a prodotti che nonostante la loro<br />

capacità di carico, non soffocano la microfauna attraverso il compattamento<br />

e consentono un corretto sviluppo dell’apparato radicale<br />

anche di un seme interrato su terreno che abbia avuto una minima<br />

lavorazione.<br />

Tutto ciò deve essere fatto tenendo conto di tutte le leggi che regolano<br />

il processo produttivo in agricoltura, dall’emergenza della coltura, al<br />

suo sviluppo, e in particolare allo sviluppo dell’apparato radicale,<br />

fino al raccolto. Oggi i grandi trattori raggiungono pesi ragguardevoli<br />

nell’ordine di 150/180 q, e ciò pone problemi seri perché il carico<br />

sull’impronta al suolo dello pneumatico deve essere distribuito in<br />

modo tale da non avere zone di super-pressione e altre di scarso<br />

carico per cm 2 . Poiché quest’ultimo corrisponde grossomodo alla<br />

pressione di gonfiaggio dei pneumatici, occorre trovare il giusto<br />

compromesso tra volume della carcassa grandezza dell’impronta al<br />

suolo e pressione di gonfiaggio.<br />

Le scale carico/pressione dei pneumatici Trelleborg sono molto ampie<br />

e partendo da soli 0,6 kg/cm 2 , possono sostenere carichi specifici,<br />

già molto elevati. Naturalmente ad ogni carico corrisponde una<br />

pressione specifica ma grazie alla corretta distribuzione del carico<br />

sull’impronta al suolo i risultati di carattere agronomico hanno dato<br />

responsi estremamente positivi.<br />

La gamma TM di Trelleborg (TM600, TM700, TM800 TM900 HP,<br />

TM2000) comprende innumerevoli soluzioni capaci di soddisfare le<br />

esigenze dei trattori destinati alle lavorazioni di frutteti fino a pneumatici<br />

di 2,18 metri di diametro e 900 mm di larghezza, i cerchi ruota<br />

vanno da 16” a 42” con capacità di carico enormi e minime pressioni<br />

al suolo. Le velocità che possono raggiungere arrivano a 70 Km/h<br />

per rispondere alle più svariate esigenze del mercato.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!