15.08.2013 Views

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno II

OCT

10 OTT10

Monthly/Mensile

IL SOLE 24 ORE SPA

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

Credit

Credito

Apples&Pears forecasts

Previsioni Mele&Pere

Potatoes forecast

Previsioni patate

Thailand

Thailandia

Pepper

Peperone

Chestunut

Castagna

Cauliflower

Cavoilfiore

Carrots

Carote

Speciale


heading/rubriche

3

4

100

102

104

SUMMARY

SOMMARIO

10 OCTOBER/OTTOBRE 10

editorial/editoriale

news/news

GlobalGap/GlobalGap

events/appuntamenti

commercial news/aziende informano

10 focus/focus

10 Spain: foodstuff suppliers to be paid on time

Spagna: i fornitori di alimentari ottengono pagamenti

in tempi certi

Alfredo López

16 Fedagro Crediti is born for safer trading

Nasce Fedagro Crediti per scambi più sicuri

Cédric Green

18 Macfrut/Macfrut

18 Macfrut 2010: more international more focused

on consumers

Macfrut 2010: più estero e più attenzione al consumo

Duccio Caccioni

22 Less fruit and vegetables on Italian tables

Meno frutta e verdura sulle tavole degli italiani

Franca Gambini

28 market/mercato

28 Apple, the crop slips again

Mele, produzione ancora in calo

Carlo Bridi

38 Potatoes: late harvests, in shorter supply all over Europe

Patata: raccolti ritardati e più scarsi in tutta Europa

Paolo Battistel

42 Italy: fruit and citrus receipts rising

Italia: frutta e agrumi saldo in crescita

Mario Schiano lo Moriello

52 From the “Land of Smiles” fresh tropical fruit

Dalla “terra dei sorrisi” frutta fresca tropicale

Rungsaran Wongprawmas

54 Italy’s ties to Tunisia getting closer and closer

Legami sempre più stretti tra Italia e Tunisia

Paolo Battistel


60 product/prodotto

60 Pink Lady ® Europe’s favourite apple

Pink Lady ® la preferita in Europa

Giulia Giovanelli

62 Sicilian table grapes a marketing rethink is needed

Uva da tavola siciliana, commercializzazione da ripensare

Enrico Barcella

68 Spain leader in EU persimmon market

thanks to regulation of denomination of origin

Cachi, Spagna leader in Ue grazie alla tutela d’origine

Duccio Caccioni

72 New sweet pepper opportunity knocks for Italy’s growers

Innovazione nel peperone chance per la produzione italiana

Emanuele Sanzone

76 A good year for chestnuts though under pressure

from the Asian product

Castagne, una buona annata insidiata da Oriente

Enrico Barcella

80 Wide-ranging varietal renovation for cauliflowers

Ampio rinnovamento varietale per il cavolfiore

Giuseppe Francesco Sportelli

85 Californian pistachio nuts: antioxidant and easy to shell

Il pistacchio della California antiossidante e facile da sbucciare

Giulia Giovanelli

88

88 The trend is up now to keep it going

Il trend è positivo, ora va consolidato

Dario Casati, Lucia Baldi

94 Fresh-cut goes beyond baby to offer fettuccina carrots

Oltre alle baby la IV gamma propone le carote fettuccina

Marianna Martorana

98 News

Anno II - n. 10 - october/ottobre

www.agricoltura24.com

Editor/Direttore responsabile: Elia Zamboni

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione: Roberto Bartolini (correspondent/inviato), Francesco

Bartolozzi, Dulcinea Bignami, Gianni Gnudi (editor-in-chief/capo redattore), Alessandro

Maresca, Giorgio Setti (editor-in-chief/capo redattore), Lorenzo Tosi

Editorial office/Segreteria di redazione: Phone/tel. (+39) 051 6575.847

Fax. (+39) 051 6575.856 - redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Contact persons/Referenti: Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni

(FedagriConfcooperative), Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa), Ambrogio De Ponti

(Apol/Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La Rocca (Mof), Reinhold

Marsoner (Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo Merci (Verona

Mercato), Luigi Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi),

Giuliana Roncolini (Cia), Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Areflh).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Nanni, Lawrence Smith, Claudia Spisni,

David Verzoni e Marina Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Graphic/Ufficio grafico: NCS Media Srl – Bologna

Design/Progetto grafico: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Editorial Director/Direttore editoriale Business media: Mattia Losi

Owner and Editor/Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A.

Registered office/Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano

Chairman/Presidente: Giancarlo Cerutti

Managing Director/Amministratore delegato: Donatella Treu

Operative office/Sede operativa: Via Patecchio, 2 - Milano 20141 - Phone/tel. (+39) 02 3964.61

Advertising/Ufficio Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051 6575.822 - Fax (+39) 051 6575.853

pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Traffic Department/Ufficio Traffico: Phone/tel. (+39) 051 6575.842

impianti.editoriaspecializzata@ilsole24ore.com

Printed by/Stampato da: Faenza Industrie Grafiche - Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

Subscriptions/Abbonamenti: www.shopping24.it - abbonamenti@businessmedia24.com

Phone/tel. (+39) 051 6575.820 – fax (+39) 051 6575.900

Customer service/Servizio clienti: servizioclienti.edagricole@ilsole24ore.com

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 119,00

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 72,00

Back issues/Arretrati: euro 14,40

Back volumes/Annate arretrate: euro 90,00

Intestate postal account no. 87729679 to: Il Sole 24 ORE S.p.A. The subscription will start

from the first reachable number/Conto corrente postale n. 87729679 intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A.

L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/La ricevuta di pagamento

del conto corrente postale è documento idoneo e sufficiente ad ogni effetto contabile.

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and

companies may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un

mese prima della scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo.

VAT discharged by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c,

D.P.R. 26101972 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni.

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823 - Casella Postale 397

Ufficio Postale Bologna Centro 40100 Bologna - freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a.

Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6553 del 10 dicembre 2001

ISSN 1827 – 577X

Associato a:

ed è membro italiano di EUROFARM,

l’associazione dei più importanti giornali

periodici agricoli europei

Privacy Policy Disclosure as per Legislative Decree 196/3. The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, the publisher, gathers

and stores the personal data you voluntarily supply when you subscribe to any of our publications or when you

purchase from lists containing personal information regarding business transactions and the like that come under Art.

24, paragraph 1, section d of Leg. Dec. 196/03 and uses said data to send you the publication on subscription or a

complimentary copy of one of our publications. Il Sole 24 ORE may exercise its rights as per the provisions of Art. 7

Leg. Dec. 196/03 regarding access, deletion, correction and so forth by requesting said exercise from the Head of its

Data Handling Department, Customer Services, at the main offices of Il Sole 24 ORE S.p.A. located in Via Goito 13,

40126 Bologna, Italy. Articles and photographs submitted to The Publisher shall not be returned, even if unpublished.

All rights reserved. No part of this publication shall be reproduced, stored or transmitted in any way of form whatsoever,

whether digitially, electronically, via photocopy or mimeograph machines, without written consent from the publisher.

The complete, up-to-date list of all Heads of the Data Handling Department is available at Ufficio Privacy, Via

Monte Rosa 91, 20149 Milan. Il Sole 24 ORE may share your data with staff in its Order, Marketing, Customer Services

and Administration departments and with affiliate companies of Gruppo 24 ORE for the purpose of exchanging said

data with independent companies that are responsible for mailing the publication and printed advertising matter to

subscribers. Il Sole 24 ORE S.p.A., Titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse ai fini, i Suoi dati personali, liberamente

conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi contenenti dati personali relativi

allo svolgimento di attività economiche ed equiparate per i quali si applica l’art. 24, comma 1, lett. d del D.Lgs n.

196/03, per inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Potrà esercitare i diritti dell’art. 7 del D.Lgs n. 196/03

(accesso, cancellazione, correzione, ecc.) rivolgendosi al Responsabile del trattamento, che è il Direttore Generale dell’Area

Professionale, presso Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Clienti c/o la sede di via Goito 13 – 40126 Bologna). Gli articoli e le

fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa pubblicazione

può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopia

ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore. L’elenco completo ed aggiornato di tutti i Responsabili del trattamento è

disponibile presso l’Ufficio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milano. I Suoi dati potranno essere trattati da incaricati preposti

agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società di Gruppo

24 ORE per il perseguimento delle medesime finalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista e per

l’invio di nostro materiale promozionale.

Declaration as per Art 2, paragraph 2, of the “Professional Code of Ethics in Journalism for the handling of

personal data”. “The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, publisher of Fresh Point Magazine, herewith publicly declares

that it houses data banks for editorial uses that store personal data. The place in which it may exercise the rights provided

in Leg. Dec. 196/3 is the office of the Head for Personal Data Handling, secretarial desks of coordinating editors

(fax. 051-6575.856)”. “La società Il Sole 24 ORE S.p.A., editore della rivista Fresh Point Magazine rende noto al pubblico

che esistono banche dati ad uso redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare

i diritti previsti dal D.Lg 196/3 è l’ufficio del responsabile del trattamento dei dati personali, presso il coordinamento delle

segreterie redazionali (fax. 051-6575.856)”.


Duccio Caccioni

Production and Big Retail,

harmonisation rehearsals in France

Produzione e gdo, in Francia

prove di armonizzazione

The 2010 Maacfrut trade show will be heavily accented by

a series of international meetings, including one that’s

billed as the “G 20” of the produce industry. In point of

fact, the designation is spot on since it’s the first European

forum of the EU’s F&V producing regions. What makes it

special is that it’s the first time that agriculture commissioners

of Europe’s main produce regions will gather to

compare notes and discuss the major issues confronting

the industry today. Indeed, there’s no shortage of key

items on their agenda. To begin with there’s the much

debated pipeline linking production and the big retail

chains. It’s a relationship that shows increasing signs of

strain in many EU countries today. This is perhaps most

evident in France, a country that has always been in the

vanguard of the retail trade. The last two decades have

seen various pieces of legislation aimed at limiting while

harmonising the bargaining power of the big retail chains.

Examples include the so-called Galland and Raffarin laws

(1996) that have at times led to deleterious effects unforeseen

by lawmakers. Indeed, legislators have in turn had to

remedy these problems via other norms like the Dutreil law

(2005), which was enacted to correct the loopholes

regarding the deferred price adjustments, or marges

arrières, included in marketing contracts with cooperatives.

Not to mention the 2008 LIME law concerning sustainability

and urban zoning parameters.

In effect, France can be taken as a veritable laboratory

when it comes to drawing up and implementing retail policies

and how they affect producer-distributor relations. As

a matter of fact, even President Sarkozy himself put the

prestige of his office behind the accords hammered out

between producers and big retail on 17 May last. The final

agreement calls for the French Ministry of Agriculture to

determine when the conditions of a market crisis exist for

a given commodity by examining farmgate and wholesale

prices. Once a state of market crisis has been declared,

the retailers who have underwritten on the pact are supposed

to apply a profit margin that is either below or equal

to the overall average price of all fruit and vegetables in the

produce department. The underlying idea is to keep prices

on both sides of the supply-chain divide within certain limits

in an attempt to spur consumer spending. The summer

just ended put the deal to its first test when the production

price of melon fell 15% below the average of the last five

years. We’re still waiting to see the final outcome and

decide if the example is a good one to follow.

(English version by David Verzoni)

L’edizione del Maacfrut 2010 è fortemente caratterizzata

da una serie di incontri internazionali fra cui quello che

è stato chiamato il “G 20” dell’ortofrutta, ovvero il primo

forum europeo delle regioni ortofrutticole. Si tratta di una

manifestazione che vedrà per la prima volta gli amministratori

delle regioni ortofrutticole europee confrontarsi

sulle grandi tematiche del settore.

I grandi temi non mancano. A cominciare dal tanto

dibattuto rapporto fra la produzione e le grandi catene

di distribuzione al dettaglio. Un rapporto che appare

talora sempre più teso in molti paesi europei. A partire

dalla Francia, da sempre all’avanguardia nella distribuzione

al dettaglio e nella produzione agricola, dove da

anni in corso un confronto spesso serrato fra produttori

e distributori che ha generato anche forme di contestazione

radicale da parte dei paysans (tutti ricordiamo

bene la figura di Josè Bovè).

Negli ultimi vent’anni nell’Esagono sono state promulgate

diverse leggi per limitare/armonizzare il potere della

gdo come la legge Galland o la legge Raffarin (1996) –

tali leggi hanno talora determinato effetti perversi, non

previsti dal legislatore che ha poi ha provveduto a correttivi

per esempio con la legge Dutreil (2005), a correzione

della legge Galland, e per meglio definire i contratti

di cooperazione commerciale: marges arrière. E ancora

con la legge LIME (2008 - sostenibilità e assetto urbanistico

del territorio, 2008).

Si può quindi ritenere la Francia un vero e proprio laboratorio

per quanto concerne le politiche distributive e i

rapporti fra distributori e produttori. Lo scorso 17 maggio

è stato addirittura il presidente Sarkozy a fornire

l’egida agli accordi di concertazione fra i produttori e la

gdo. Secondo questi accordi è il ministero

dell’Agricoltura transalpino a definire lo stato di crisi congiunturale

per un determinato prodotto attraverso

l’analisi dei prezzi alla produzione e all’ingrosso. Una

volta che si è dichiarato ufficialmente lo stato di crisi i

distributori al dettaglio aderenti all’accordo si impegnano

ad applicare un margine inferiore o uguale a quello

medio del reparto ortofrutta, in modo da limitare i prezzi

e rilanciare i consumi. La prima prova dell’accordo è

stata effettuata quest’estate, quando i prezzi dei meloni

alla produzione erano inferiori del 15% rispetto alla

media dei cinque anni precedenti. Aspettiamo gli esiti

per poi prendere esempio.

freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

3

editorial

editoriale


news

notizie

Italy cedes top ranking in organics

L’Italia perde la leadership del biologico

Italy’s organics industry is in good shape

and back on the growth track with a

10.4% upswing in certified acreage in

2009, putting the overall total at

1,106,684 hectares. Thus, while Italy has

ceded the leader’s sceptre in Europe to

Spain, it retains its crown if we consider

crop acreage alone without woodlands

and pasturage. The number of organic

growers and processors in Italy currently

stands at 48,509, 40,462 of whom treat

organics alone. Compared to the year

before, this figure shows a slip of 2.3%,

although the number of processors posted

a 3.5% rise. Most of the country’s

organic acreage and its certified farms

Organic growing at La Colombaia.

Una coltivazione biologica all’azienda La

Colombaia.

Produce, 30-35% ends up

as refuse in world’s South

Ortofrutta, nel Sud del mondo

il 30-35% finisce tra i rifiuti

A recent survey by India’s Institute of

Packaging found that 30-35% of the fruit

and vegetables the country grows are discarded

after harvest due to inefficient distribution

services, including poor management

of logistics and cold stores. The

UN’s FAO also reported a similar figure for

Sub-Saharan Africa. Notable in this regard

too is the fact that 12% of the foods end

up in the refuse bin in an advanced economy

like the US. (DV)

4 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

are found in the southern regions of Sicily,

Apulia, Basilicata and Calabria, in that

order, whereas the northern ones of Emilia

Romagna and Lombardy host most of the

organic processing plants. (DV)

Il biologico italiano gode di buona salute

e torna a crescere: nel 2009 si è avuto un

aumento delle superfici certificate pari al

10,4% e la superficie complessiva a colture

biologiche raggiunge così 1.106.684

ettari. L’Italia ha perso la palma di nazione

leader nel biologico in Europa (a favore

della Spagna) ma mantiene il primato

se si considerano le superfici coltivate e

si escludono i boschi e pascoli. Gli operatori

del biologico in Italia sono 48.509 di

cui 40.462 esclusivamente dediti al bio.

Rispetto all’anno precedente vi è una

riduzione complessiva del numero degli

operatori pari a 2,3%, si deve però

osservare un aumento (+3,5%) degli

operatori trasformatori. Nelle regioni del

Sud Italia (Sicilia, Puglia, Basilicata e

Calabria nell’ordine) è concentrata la

maggior parte degli ettari coltivati con

metodo biologico, come anche delle

aziende certificate. A Nord, e in particolare

in Emilia Romagna e Lombardia, vi è

il maggior numero di aziende di trasformazione.

(DC)

Secondo una recente indagine effettuata

dall’Istituto Indiano per il packaging (Lip) il

30-35% della frutta e degli ortaggi prodotti

in India finisce nei rifiuti dopo la raccolta

per carenze nel settore distributivo e

assenza di una corretta gestione della logistica,

per esempio della catena del freddo.

La Fao denuncia una percentuale simile

anche per l’Africa Sub-Sahariana. Anche in

paesi evoluti come gli Usa lo scarto di cibo

è calcolato nel 12% di tutti i rifiuti.

Fresh-cut holding

its own in Spain

In Spagna tiene

la IV gamma

Despite the continuing damage the

effects of the recession are wreaking on

Spain’s economy, consumers continue

to spend for fresh-cut produce, keeping

the trade on the upswing. According to

the National Afhorla industry association,

retail receipts of ready-to-eat produce

items rose 8% on the year over the

first ten months of 2010. Current industry

estimates put total fresh-cut

turnover at €200 million. Note that as in

other countries, including Italy, industry

receipts remain largely stable even if

volumes show hesitant rises. (DV)

Nonostante la crisi economica stia duramente

colpendo l’economia spagnola il

consumo di prodotti di quarta gamma

appare ancora in aumento. Secondo

l’organismo spagnolo di settore, Afhorla,

in Spagna nei primi sei mesi del 2010 vi

è stato un aumento delle vendite al dettaglio

di ortofrutticoli pronti per il consumo

pari all’8% rispetto allo stesso

periodo del 2009. In totale, in Spagna si

stima una vendita di prodotti della quarta

gamma pari a 200 milioni di euro.

Come in altri paesi europei (compresa

l’Italia) si nota come i fatturati del settore

siano stabili pur con aumenti dei

volumi esitati.


news

notizie

Maximum residue levels, over-limit foods drop in EU

Residui massimi ammessi, nell’Ue in calo

gli alimenti fuori parametro

The European Food Safety Authority has

issued its annual report for chemical

residues detected on foodstuffs in 2008. It

notes that 96.5% of tested samples were

within legal MRLs for crop spray residues

and 3.5% were above allowed MRLs,

down from the 4.2% reported in 2007.

The survey took into account more than

70 thousand tested samples of 200 different

foodstuffs. Most of the commodities

found to be over MRLs were imports from

non-EU countries, 7.6% against the 2.4%

for those from member states. The figure

for foods entirely free of residues is on the

rise at 62.1%, against the 52.7-58%

reported for 2005-2007. Another good

sign was that 76 tested baby foods were

within legal limits whereas only 4, or

0.2%, were not. It should be noted that EU

legislation in this field is very restrictive as

the legal threshold for any single active

Italy sees rebounding

produce exports

Torna a crescere l’export

del made in Italy ortofrutticolo

Italian F&V exports are once again on the rise. The announcement

was made by industry group FruitImprese in reporting that the

country’s fruit and vegetable exports from January through May hit

1.7 million tons by volume, up 22.2% on the year, for receipts of

€1.6 billion, up 18.7% over 2009. There was also good news on

the import front. Unlike the plus sign registered in the past few

years, the country’s current bill fell 4.2% to €1.15 billion on a volume

of 1.44 million tons, down by 7.9% on the year. (DV)

L’export italiano di prodotti ortofrutticoli è in aumento. Lo segnala

FruitImprese, rendendo noto, come da gennaio a maggio, l’Italia

abbia esportato 1,7 milioni di t di prodotti ortofrutticoli (+22,2%

rispetto al 2009) per un controvalore di 1,6 miliardi di euro

(+18,7% sul 2009). Sono invece in diminuzione le importazioni,

che per diversi anni si erano viste in aumento: per queste vi è stata

una diminuzione sia in volume (-7,9% nel 2010: 1,44 milioni di t)

che in valore (-4,2% nel 2010: 1,15 miliardi di euro).

6 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

ingredient in crop sprays is 0.01 mg/kg. A

look at the MRL for organics shows that

only 0.9% of the tested samples were over

it. The EFSA report concluded that none of

the active ingredients tested posed longterm

human health risks. (DV)

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare

(Efsa) ha pubblicato la sua relazione

annuale sui residui di agrofarmaci

negli alimenti rilevati nell’Unione europea

nel 2008. ll 96,5% dei campioni analizzati

rispetta i livelli massimi di residuo (LMR)

dei pesticidi legalmente ammessi nella

Ue. Il 3,5% dei campioni analizzati supera

i livelli massimi di residuo legalmente

ammessi: nel 2007 questa percentuale

era pari al 4,2%.

In totale sono stati analizzati oltre 70mila

campioni di 200 diversi tipi di alimenti.

Livelli di residuo superiori ai massimi consentiti

sono stati individuati con maggior

frequenza negli alimenti importati da paesi

non appartenenti all’Ue (7,6%) rispetto ai

campioni che avevano origine nei paesi

comunitari (2,4%). La percentuale di campioni

privi di qualsivoglia residuo sono in

aumento: si tratta del 62,1% del totale –

nel 2005-2007 solo una percentuale compresa

tra il 52,7% e il 58% dei campioni

non conteneva residui misurabili. Per gli

alimenti per l’infanzia, 76 rientravano nei

limiti di legge e solo 4 (lo 0,2%) li superavano.

Da notare che la legislazione europea

in materia è molto restrittiva e impone

di non oltrepassare la soglia di 0,01 mg/kg

per qualsiasi singolo pesticida. Quanto ai

prodotti biologici, gli LMR sono stati superati

nello 0,9% dei campioni analizzati. Nel

valutare l’esposizione a lungo termine,

l’Efsa ha concluso che nessuno degli agrofarmaci

esaminati desta preoccupazioni

per la salute. (FP)

Germany, food

shopping at Amazon

Germania, la spesa

si fa su Amazon

Amazon, the world’s leading on-line book retailer, is set to

begin selling food on line in Germany, including fresh fruit and

vegetables. Amazon expects to use same-day delivery for all

orders received by 11 am from a catalogue listing 35 thousand

items. The company first experimented with the idea in

the US in 2006 but logistical problems at the time proved

insurmountable. (DV)

Amazon, la società leader assoluta delle vendite di libri via

Internet nel mondo, inizierà a vendere in Germania generi alimentari

in rete, compresi frutta e verdura fresche. Amazon prevede

di distribuire in giornata i prodotti ordinati entro le 11 del

mattino. Il catalogo comprende 35mila prodotti. L’esperimento

attuato nel 2006 negli Usa non ebbe buon fine per le difficoltà

logistiche incontrate.


China’s food industry

running at double-digit

growth

L’industria alimentare cinese

continua la crescita a due cifre

Despite the global economic downturn, China’s 2009

GDP steamed ahead at an 8.9% growth pace. The food

industry too is running at an even faster clip, with a 2009

turnover of US $662 billion, a 20% rise over 2008’s.

International analysts say that there’s still a lot of room

for more of the same, noting in support that the ratio of

processed to raw farm commodities is 3 to 1 in

advanced economies but only 1 to 2 in China. (DV)

Nonostante la crisi economica mondiale il Pil cinese nel

2009 è cresciuto dell’8,9%. Anche l’industria alimentare

si sta sviluppando a ritmi vertiginosi: fra il 2008 e il 2009

si è avuto un incremento del 20% con un fatturato di 662

miliardi di dollari Usa. Gli analisti internazionali sostengono

che vi è ancora un grande margine di espansione:

mentre il rapporto fra il valore dei prodotti trasformati e

quello dei prodotti agricoli grezzi nei paesi sviluppati è di

3 a 1 in Cina il rapporto è ancora pari a 1 a 2.

Big Retail, Wal-Mart posts

another in the US

Gdo, Wal Mart perde mercato negli Usa

Wal-Mart, the global retail chain leader, is reviewing organisational plans

at its US operations after another disappointing quarter. The American

giant posted its fifth consecutive quarterly loss in the domestic market,

whereas turnover in its international operations is riding high. (DV)

Wal Mart, la principale catena globale di distribuzione al dettaglio, sta

rivedendo i propri progetti di riorganizzazione negli Usa per effetto dei

deludenti risultati economici sul mercato statunitense: è stata segnalata

la quinta perdita trimestrale consecutiva. Le attività sul mercato internazionale

del gigante americano vanno invece a gonfie vele.

Carrefour revolutionises the hypermarket concept

Carrefour rivoluziona il concetto di ipermercato

The idea of the hypermarket is about to

change. Carrefour, one of the big chains to

have “invented” this business model in the

1960s in France is seeking a new response

to the crisis the “giant floor spaces” are

going through in France and other western

countries. On 25 August last it opened two

new hypermarkets in the Lyon suburbs

under the new “Carrefour Planet” format.

The new stores might be called “Carrefour

Bazaars” as they have been completely

redesigned by experts and the formula of the

multi-specialist outlet has been informed

with something like the friendly feel of the

“bazaar experience”. Each new store will

have nine “planets” or key areas like organics,

fresh foods, beauty care, fashion and so

on. Each having a separate floor space from

the next and each will be managed by its

own team of specialists in the given area.

Changing floor layouts, however, was not

deemed to be enough by the company, so

special events will be held every fortnight to

give a “theatrical” twist to the shopping

experience. The assortment of food and

other items on sale at the Carrefour Planets

has been radically changed, with low-margin

departments like do-it-yourself home

improvement and small household appliances

have been drastically downsized and

high-margin ones like organics expanded,

with the latter area going from 700 to no

fewer than 3,000 items. This revolution in the

hypermarket concept will continue in France

in January 2011 and thereafter begin in

Belgium, Spain and Italy. (DV)

Il concetto di ipermercato si sta modificando.

Carrefour, una delle catene che hanno

“inventato” questo concetto di vendita nella

Francia anni ‘60, vuole reagire alla crisi delle

“grandi superfici” in atto non solo in Francia,

ma in molti paesi occidentali. Lo scorso 25

agosto sono stati aperti due ipermercati nelle

vicinanze di Lione con la nuova formula

“Carrefour Planet”. I “Carrefour Bazar” sono

stati completamente ridisegnati da speciali-

sti e la caratteristica di punto di vendita

multi-specializzato è stata modificata con

uno spirito “da bazar”. Sono stati quindi definiti

nove “universi” ovvero aree ritenute

omogenee (biologico, mercato del fresco,

bellezza, moda...), ognuna delle quali sarà

indipendente dal punto di vista espositivo. E

per la gestione delle singole aree saranno

utilizzati degli specialisti di settore. Cambiare

la disposizione dei reparti non è stato ritenuto

sufficiente: ogni quindici giorni saranno

realizzati eventi speciali per avere una maggiore

“teatralizzazione” della vendita. Nei

Carrefour Planet l’assortimento merceologico

sta subendo profonde modifiche, reparti

con scarsa marginalità come quelli del bricolage

e dei piccoli elettrodomestici hanno

subito profondi tagli a favore di reparti altovendenti

come quello del bio: qui le referenze

sono state portate da 700 a ben 3.000. La

rivoluzione del concetto di ipermercato sarà

in atto a partire dal Gennaio 2011 in Francia

ma anche in Belgio, Spagna e Italia. (DC)

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

7

news

notizie


news

notizie

Spanish produce costs more

I prodotti spagnoli costano di più

The latest survey data from Spain’s Fepex

produce export association indicate that

while volumes through the first two quarters

of the year fell 9% to 4.8 mil tons,

receipts rose 3% to €4.77 billion. The

average price of an item of exported

Spanish produce has thus gone up by

13%. A look at vegetable exports alone

shows that volumes took an 8% slide

while turnover rose 6.5%. The country’s

export leader, tomato, fell 15% by volume

but receipts held steady. Lettuce slipped

7% by volume but rose a hefty 21% in

receipts. Overall fruit exports took a 9.5%

spill in volumes and a 1% dip in receipts.

Orange, the export leader, fell 11% by volume

and rose a mere 0.1% in receipts.

Strawberry decidedly went against the

grain, rising 6% by volume but slipping

3% in sales. (DV)

Secondo i dati diramati dall’Organizzazione

spagnola di esportazione di frutta e verdu-

Tech Fruits & Vegetables

Tech fruits et legumes

From 11-12 October the Palais des Papes in Avignon (France)

will host the second edition of Tech fruits et legumes ("Tech

F&L"), the Euro-Mediterranean business convention on technology

and innovation in the Mediterranean fresh and

processed F&V supply chain. The focus this year will be on

logistics, but other important topical issues will be the subject

of thematic workshops, led by industry experts with whom it

will be possible to exchange opinions.

Business meetings between operators will obviously form the

heart of the Convention. For this edition some 110 operators

are expected from the countries of both the northern shore of

the Mediterranean (France, Italy, Spain, Germany, and Ireland)

and the southern (Morocco, Algeria, Tunisia, Egypt, Lebanon,

and Turkey).

L’11 e il 12 ottobre il Palais des Papes di Avignone (Francia)

ospiterà la seconda edizione di Tech fruits et legumes,

Convenzione d’affari Euromediterranea sulle tecnologie e

8 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

ra (Fepex), durante

il primo semestre

del 2010

l’esportazione

ortofrutticola spagnola

è scesa del

9% in volume (4,8

mil di t) ma è

aumentata in valore

del 3% (4,77

miliardi di euro). Il

prezzo medio dei prodotti ortofrutticoli

spagnoli esportati sarebbe quindi aumentato

del 13%. Per quanto riguarda l’export

di ortaggi si segnala una riduzione dei

volumi pari all’8% e un aumento del valore

del 6,5%. L’esportazione del prodotto leader

spagnolo, il pomodoro, è scesa del

15% in volume rimanendo stabile in valore.

Le lattughe sono scese del 7% in volume

ma sono aumentate di ben il 21% in

valore. Per la frutta si è valutata una disce-

Spanish strawberry rised by volume but

slipped in sales.

È aumentato il volume di esportazione delle

fragole spagnole, ma diminuito il valore.

sa in volume del 9,5% e un aumento in

valore dell’1%. Il primo prodotto frutticolo

esportato rimangono le arance, per le quali

si è registrato un calo dell’11% in volume

e un aumento dello 0,1% in valore. In controtendenza

le fragole: è aumentato il volume

di esportazione (+6%) ma diminuito il

valore (-3%).

l’innovazione nella filiera della frutta

e verdura fresca e trasformata nel

Mediterraneo. ll focus di quest’anno

verterà sul tema della logistica, ma

altri temi di importante attualità saranno trattati nel corso di

atelier tematici, coordinati da esperti del settore con i quali sarà

possibile confrontarsi direttamente.

Il fulcro della Convenzione saranno ovviamente gli incontri

d’affari tra gli operatori: per questa edizione è previsto il coinvolgimento

circa 110 operatori, provenienti da diversi paesi della

riva Nord del Mediterraneo (Francia, Italia, Spagna, Germania,

Irlanda) e della riva Sud del Mediterraneo (Marocco, Algeria,

Tunisia, Egitto, Libano, Turchia).

Come per la precedente edizione, ogni operatore avrà la possibilità

di fissare, prima dell’evento, degli appuntamenti personalizzati

con gli operatori e le aziende che più corrispondono al proprio

settore di interesse.


Focus/credit

Focus/credito

Spain: foodstuff suppliers

to be paid on time

Spagna: i fornitori di alimentari

ottengono pagamenti in tempi certi

Alfredo López Managing editor of AgroNegocios

Legislation 5/2010 has just gone into force. It sets a time limit of 30 days for payment

of fresh, perishable foodstuffs and of 60 days for all others, although the latter limit

will be gradually phased in up to 2013

È entrata in vigore la legge 5/2010 che fissa in un massimo di 30 giorni i termini di

pagamento per gli alimenti freschi e deperibili e di 60 giorni per gli altri, anche se per

questi ultimi è stato istituito un calendario di applicazione graduale che arriva fino al 2013

Months of negotiations and political horse-trading

amongst lawmakers in Spain’s Parliament finally

led to the approval and publication of the new law in

the Official Bulletin on 6 July last. Act 5/2010 of 5 July

replaces statute 3 of 29 December 2004 and provides

measures designed to remedy chronically late payments

in commercial transactions.

10 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Dopo mesi di trattative e dibattiti intercorsi tra i gruppi

politici del parlamento spagnolo, lo scorso 6

luglio è stata pubblicata sul Bollettino ufficiale di Stato la

legge 5/2010 del 5 luglio, che va a modificare la precedente

legge 3/2004 del 29 dicembre e che prevede

delle misure per combattere la morosità nell’ambito

delle transazioni commerciali.


The new law is an important step in improving the

food industry’s competitive edge and in promoting

better commercial relations linked to added value

throughout the supply chain.

The landmark act finally puts paid to the systematic

delays in payments due within the food industry that

had up to now become a kind of zero-cost line of

credit. The big beneficiaries of this skewed but very

convenient way of doing and expanding business

was of course retailers at the top end of the chain,

who were used to taking anywhere 80 to 90 and

even to 100 days and more to settle accounts with

suppliers (growers, cooperatives, food companies

and so on). Indeed, due dates had become so elastic

as to be two-, three- and even four-fold the limit

in force in the other EU countries, a system that

exerted extremely negative effects on the industry’s

market competitiveness. Even the food industry as a

whole followed suit, extending the time span even

more when it came to paying growers. The new legislation

is thus designed to do away with this imbalance

in the relations that certain players in the food

industry had exploited.

The provisions of the new legislation

The new act, which took effect immediately, essentially

regulates the due date of payment for fresh, perishable

foods by setting a limit of no more than 30 days

from the date of delivery, a distinct difference with

respect to the date the invoice was issued provided

under the old law. By fresh, perishable foods is meant

those foods whose natural properties remain intact as

per marketing standards for up to 30 days or that

require controlled-atmosphere conditions at the

wholesale and retail ends of the chain.

The provisions regarding all other foods require payment

be made by, and not beyond, 60 days from date

of delivery. In this case, however, the provisions will

not go into force immediately but are to be phased in

over time as per a “transition” schedule, with the final

due date being gradually ushered in to help those

firms that had established lengthier terms. The steps

here will offer a due date of not more than 85 days to

run from 7 July 2010 to 31 December 2011, then not

more than 75 days to be phased in from 1 January to

31 December 2012, and then the 60-day limit that will

kick in from 1 January 2013.

All food deliveries are to documented, with receipts

bearing the date of delivery. Suppliers too must

now include the due date of payment on the invoices

they issue.

Supplier invoices must also be received by purchasers

within 30 days from the date of delivery.

No more “special deals”

The new law introduces obvious benefits compared

La nuova norma rappresenta un passo importante per

migliorare la competitività del settore agroalimentare e il

corretto funzionamento delle relazioni commerciali nella

catena del valore.

Fino a oggi, nella commercializzazione dei prodotti

agroalimentari, ritardi e pagamenti differiti costituivano

una specie di credito a costo zero, un modo conveniente

per finanziare l’attività e l’espansione dell’ultimo

anello della catena, quello dei dettaglianti, che beneficiavano

di pagamenti differiti a 80, 90 ma anche 100

giorni e oltre, ai fornitori (industrie alimentari, cooperative,

ecc.), duplicando, triplicando o addirittura quadruplicando,

rispetto ad altri paesi comunitari, i tempi di tali

pagamenti, con ripercussioni estremamente negative

sulla competitività del settore. Anche l’industria alimentare

ha seguito la tendenza, arrivando a pagare la fornitura

dei prodotti agrari con tempi anche più lunghi.

L’obiettivo principale della nuova legge è, dunque,

quello di cercare di ovviare a questo disequilibrio nelle

relazioni commerciali tra alcune tipologie di imprese

dell’agroalimentare.

Cosa prevede la nuova normativa

La nuova normativa istituisce una regolamentazione

specifica per i prodotti di questo settore: il termine per

pagare i prodotti freschi o deperibili non potrà mai eccedere

i 30 giorni, che vanno calcolati a partire dalla data

di consegna della merce e non, come accadeva fino a

oggi, di emissione della fattura; per tali prodotti la norma

entra immediatamente in vigore. Si intendono prodotti

freschi o deperibili quelli che per loro caratteristiche

naturali conservano fino a 30 giorni i requisiti per la commercializzazione

o che devono essere movimentati e

messi in vendita in atmosfera controllata.

Per quel che riguarda invece i prodotti non freschi o

deperibili, i termini di pagamento non dovranno eccedere

in nessun caso i 60 giorni, sempre a partire dalla

data di consegna della merce. Per questi però l’entrata

in vigore della norma non è immediata: è stato infatti

fissato un calendario “di transizione” per graduarne

l’applicazione, restringendo progressivamente i termini

di scadenza per quelle imprese che avessero concordato

tempi di pagamento di durata maggiore. In particolare,

dal 7 luglio 2010 (data di entrata in vigore della

legge) al 31 dicembre 2011 la scadenza sarà di un

massimo di 85 giorni; dal 1 gennaio al 31 dicembre

2012 sarà di 75 giorni, e dal 1 gennaio al 31 dicembre

2013 di 60 giorni.

I destinatari dei prodotti agroalimentari saranno obbligati

a documentare la consegna all’atto stesso del ricevimento

delle merci, riportandone la data. Da parte loro, i

fornitori dovranno indicare in fattura la data nella quale

dovrà essere effettuato il pagamento.

Inoltre, le fatture dovranno essere recapitate al destinatario

entro 30 giorni dalla data di consegna e ricevimento

delle merci.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

11

Focus/credit

Focus/credito


Focus/credit

Focus/credito

to the old one of 2004 and its effects will on business

relations will be felt up and down the entire

food supply chain. For example, the abroagation of

the old “except for different stipulations between

parties” provision is especially important for suppliers

because it rules out any chance of lengthening

the due date and thereby giving a contractual edge

to the party holding the knife by the handle. In fact,

it was a clause that helped the contracting party with

the greater bargaining power, which was usually the

retailer. The wording often made it possible to postpone

the due date for a long time to the usual detriment

of the small-to-medium enterprises (SMEs).

The reform thus has the power to redress this imbalance

in business relations between big retail and

small suppliers, a skewering that unjustifiably

extended due dates.

The new 2010 act also reinforces the right to an

indemnity when one of the contracting parties fails

to observe the due dates in the its provisions. It also

makes it easier to for grower and industry associations

to report abuses on behalf of their members. In

effect, they can defend the interests of their members

by lodging class-action suits on their behalf, a

practice that will aslo enable individual members to

avoid business-damaging “reprisals”.

Indeed, the fear of such reprisals, as well as the habit

of steering well clear of any relations with big retail,

had been a constant companion of food industry suppliers

up to now and a main cause of failure to report

excessive delays of payment.

The current law also encourages good business practices

by way of payment so as to promote greater

transparency in commercial relations.

The law also makes provision for monitoring its real

effectivemìness through the so-called “duty-toinform”

clause. It stipulates that companies must

12 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Niente più “accordo tra le parti”

La nuova normativa introduce degli evidenti miglioramenti

rispetto alla legge 3/2004, che si estendono

anche alle relazioni commerciali della catena del valore

dell’agroalimentare. Ad esempio, la soppressione della

clausola “salvo patto contrario tra le parti”, è di grande

importanza per i fornitori perché esclude la possibilità di

allungare i tempi di pagamento nel caso ci fosse stato

questo tipo di accordo, che finiva per avvantaggiare, tra

i due contraenti, quello che teneva “il coltello per il manico”,

quello dotato cioè di maggior potere contrattuale,

in questo caso i rivenditori al dettaglio. Spesso questa

clausola permetteva di dilazionare anche di molto le

scadenze di pagamento, e di solito a farne maggiormente

le spese era la piccola e media impresa pmi). La

riforma ha come obiettivo quello di correggere questo

sbilanciamento nei rapporti di forza tra grandi imprese

commerciali e piccoli fornitori, che davano luogo ad

allungamenti ingiustificati dei tempi di pagamento.

La legge 5/2010 rafforza inoltre il diritto a ricevere un

indennizzo nel caso in cui una delle parti della relazione

commerciale non rispetti i tempi previsti dalla legge, così

come rende più ampia la possibilità di denunciare, da

parte delle associazioni, pratiche abusive a nome dei

propri membri. Esse potranno infatti comparire, a nome

dei propri associati, presso gli organi giurisdizionali e

amministrativi competenti per difenderne gli interessi

evitando al contempo che essi debbano subire “rappresaglie”

sul piano commerciale.

Il timore, da parte dei fornitori dell’agroalimentare, di

esporsi in prima persona per paura di queste ritorsioni,

così come il tenersi lontano dai rapporti con la distribuzione

al dettaglio, è stata una costante in tutti questi

anni, il che ha impedito che venissero sporte denunce

per eccessivo ritardo nei pagamenti.

La normativa promuove anche l’adozione di codici di

buona pratica in materia di pagamenti per favorire la trasparenza

nelle relazioni commerciali.

Per monitorare l’andamento della morosità e la reale

efficacia della legge viene istituito il cosiddetto “dovere

di informazione”: le società o le imprese dovranno cioè

rendere pubblici, nel bilancio annuale, i dati che riguardano

i tempi di pagamento ai loro fornitori.

L’Icac, l’Istituto di contabilità e revisione dei conti spagnolo,

avrà l’incarico di decidere quale sia la formula opportuna

da inserire affinché, a partire dai bilanci relativi

all’esercizio 2010, i revisori dei conti dispongano di tutte

le informazioni necessarie a stabilire se i pagamenti sono

stati effettuati nel rispetto dei limiti imposti dalla legge.

Questo dato sarà di grande importanza perché darà

modo ai fornitori di conoscere in anticipo i tempi di pagamento

dei loro potenziali clienti e sapere come regolarsi

nel caso di un’eventuale relazione commerciale.

Le sanzioni

La nuova legge non ha però completamente soddisfat


Focus/credit

Focus/credito

publicly state in their annual reports the dates payments

are to be made to their suppliers.

ICAC, the national management and budget auditing

bureau, has the power now to decide, beginniong

with th is year’s annual reports, how to implement this

provision so that auditors will have access to all the

information they need to establish whether payments

are in fact made by the proper due dates. This is a key

part of the law because it will enable suppliers to

know the due dates of potential customers in

advance and how best to proceed in case they establish

business relations with any of them.

Sanctions

The new law, however, has not completely met all

the expectations that industry stakeholders had

hoped for. For example, the phase-in period for nonperishable

foods postpones to 1 January 2013 the

target 60-day due date, whereas the CiU Catalan

political party had tried unsuccessfully to limit the

first phase of 85 days to three months.

Nor did it prove politically possible to include a system

of fines applicable throughout the supply chain.

Such provsions would have given the law bigger

teeth given that the practice of delayed payment

was also indemic in the middle links of the chain

occupied by companies with food brands, wholesalers

and other middlemen.

In effect, the reform limits the issuing of fines to the

retail trade and the legislaton regulating it. It soes,

however, leave the door open to putting sanctions

into revised provisions of legislation regarding a sustainable

economy.

Producers and suppliers working in the food industry

feel that the curernt law is the first step towards new

business relations and are urging the autonomous

local governments, which have the poltical and

administrative responsibility for commercial activities,

to do everything in their power, including any extra

efforts, to support the new law by ensuring its effective

monitoring and full compliance.

(English version by David Verzoni)

14 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

to le aspettative del mondo imprenditoriale. L’istituzione

di un calendario transitorio per i prodotti alimentari non

deperibili sposta in avanti, al 1 gennaio 2013, la piena

realizzazione dell’esigenza di non posporre oltre i 60

giorni i termini di pagamento; il gruppo politico catalano

(CiU), da parte sua, aveva proposto di limitare la prima

fase di regolamentazione (85 giorni) a soli tre mesi.

E nemmeno si è riusciti a ottenere l’istituzione di un regime

sanzionatorio per l’intera catena dell’agroalimentare,

il che avrebbe comportato una maggior efficacia della

legge stessa, dal momento che il sistema dei ritardi nei

pagamenti viene praticato anche dagli anelli intermedi

della catena (industria agroalimentare, grossisti, ecc.).

La riforma si limita a ristabilire il regime sanzionatorio

(infrazioni e sanzioni) della legge sul commercio al dettaglio.

Ma si è lasciata comunque aperta la porta per

l’inserimento di tale regime sanzionatorio nell’ambito

della legge sull’economia sostenibile.

Produttori e fornitori dell’agroalimentare ritengono che

questo sia finalmente l’inizio di un nuovo corso nell’ambito

delle relazioni commerciali e premono sulle

Comunità Autonome, che detengono le competenze

politico-amministrative per quel che riguarda il settore

commerciale, affinché compiano uno sforzo supplementare

per sostenere fattivamente la nuova legge garantendo

i relativi controlli e la sua piena applicazione.

(Traduzione dallo spagnolo di Maria Schiavoni)


Focus/credit

Focus/credito

Fedagro Crediti is born

for safer trading

Nasce Fedagro Crediti

per scambi più sicuri

Cédric Green

A national database that monitors the solvency of companies buying fruit and vegetable

products. The markets of Trieste, Udine, Treviso, Brescia, Genoa, Bologna, Pescara,

Fondi, and Rome have signed up. New links are expected in the coming months.

Una banca dati nazionale che monitora la solvibilità delle aziende acquirenti di prodotti

ortofrutticoli. Per ora vi hanno aderito i mercati di Trieste, Udine, Treviso, Brescia, Genova,

Bologna, Pescara, Fondi, Roma. Nei prossimi mesi sono previsti nuovi collegamenti

Credit is fundamental for economic

activity. Above all in periods of economic

crisis, checking the creditworthiness

of customers and credit insurance

have become crucial. Wholesalers in

wholesale markets frequently operate as

a “bank”, providing producers with

advances on sales on a commission

basis and subsequently receiving payment

from their customers. In recent

years, various forms of credit insurance

have appeared in markets but operators

have still had to rely on a network monitoring

commercial credit.

The problem has recently been resolved by the

Federation of wholesaler associations in F&V markets

(Fedagromercati Confcommercio) with the establishment

of a national observatory, Fedagro Crediti. The vice chairman

of Fedagromercati, Valentino Di Pisa, explains: “The

natural characteristics of fresh fruit and vegetables

encourage patterns of behaviour which are often dangerous

from the point of view of the firm’s liquidity cycle.

Following an initial trial carried out at the Fondi fruit and

vegetable market, a national database for monitoring

commercial creditworthiness has been launched. This

database currently shares the client payment experiences

of the 228 wholesale traders participating in the project

and assesses the reliability of over 16 thousand buyers of

F&V products. Fedagro Crediti, the national observatory

which we have set up in collaboration with Osserva, is a

unique case in Italy being the only one with a strong sec-

16 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Valentino Di Pisa vice deputy

of Fedagromercati.

Valentino Di Pisa vice presidente di

Fedagromercati.

Il credito è un elemento basilare dell’attività

economica. Soprattutto nei periodi di

crisi economica la verifica della solvibilità

dei clienti e l’eventuale assicurazione dei

crediti diventano operazioni fondamentali.

I grossisti dei mercati all’ingrosso operano

frequentemente da “banca” ovvero anticipano

il risultato delle vendite ai produttori

con cui operano in “conto commissione” e

vengono successivamente pagati dai propri

clienti. Negli scorsi anni nei mercati si

sono diffuse diverse forme di assicurazione

dei crediti; era tuttavia necessario per

gli operatori poter contare su di una rete di

monitoraggio dei crediti commerciali.

Il problema è stato recentemente risolto dalla Federazione

delle associazioni dei grossisti dei mercati italiani

(FedagromercatiConfcommercio) con l’istituzione

dell’Osservatorio nazionale Fedagro Crediti. Il vice presidente

di Fedagromercati Valentino Di Pisa spiega: «Le caratteristiche

naturali dei prodotti ortofrutticoli freschi spingono a comportamenti

spesso pericolosi per il ciclo della liquidità aziendale.

A seguito di una prima esperienza realizzata presso il

Mercato ortofrutticolo di Fondi, si è avviata una banca dati

nazionale per il monitoraggio dei crediti commerciali. Questa

banca dati permette di condividere attualmente le esperienze

di pagamento dei 228 operatori grossisti che aderiscono al

progetto ed effettuare una valutazione sul grado di affidabilità

di oltre 16mila aziende acquirenti di prodotti ortofrutticoli.

L’Osservatorio nazionale Fedagro Crediti, che abbiamo realizzato

con Osserva, è un caso unico in Italia essendo il solo


torial bent, and the first to adopt a technology for receiving

and processing data that can update and distribute

data on a daily basis to operators in 9 linked markets

(Trieste, Udine, Treviso, Brescia, Genoa, Bologna,

Pescara, Fondi and Rome). In the coming months three

more markets will join up, adding a further 80 operators.

And we therefore estimate that another 7 thousand registers

will be monitored. Obviously having an observatory is

not sufficient in itself and over time a number of services

have been set up in order to create an integrated system

of commercial credit management, like credit insurance,

business reports and debt collection, and we are also

conducting some evaluations of factoring”.

Observatory on prices

Moreover Fedagromercati, in collaboration with Ismea

(Institute for the study of the agrofood market), has

developed a platform for the daily gathering of the

weighted average prices of products traded in nine

wholesale markets (to which another 4 will soon be

added) distributed all over Italy. The observatory is

concerned with real, not estimated, prices, drawing

directly on accounting databases of wholesale companies.

“This integrated platform - claims Valentino Di

Pisa - is able to provide up to minute realistic information

on F&V price trends. Our goal is to increase the

transparency of trade, a factor which must underpin

the activities of any wholesale market”.

(English version by Lawrence Smith)

ad avere una connotazione fortemente settorializzata e il

primo ad adottare una tecnologia di ricezione ed elaborazione

dati che permette di avere e distribuire informazioni aggiornate

quotidianamente dagli operatori che risiedono nei 9

mercati collegati (Trieste, Udine, Treviso, Brescia, Genova,

Bologna, Pescara, Fondi, Roma). Nei prossimi mesi sono in

entrata ulteriori 3 mercati, si aggiungeranno ulteriori 80 operatori.

E stimiamo, quindi, altre 7mila anagrafiche monitorate.

Avere un osservatorio ovviamente non basta e nel tempo

sono stati implementati alcuni servizi per un’integrata gestione

dei credito commerciale quali l’assicurazione, i rapporti

informativi commerciali, il recupero crediti, stiamo inoltre effettuando

alcune valutazioni sul factoring».

L’Osservatorio dei prezzi

Inoltre Fedagromercati, in collaborazione con Ismea

(Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), ha

sviluppato una piattaforma informatica che permette di

raccogliere ogni giorno i prezzi medi ponderati dei prodotti

commerciati all’interno di 9 mercati all’ingrosso (a cui se

ne aggiungeranno a breve ulteriori 4) presenti sull’intero

territorio nazionale. Un osservatorio dei prezzi reali, non

stimati, attinti direttamente dai data base contabili delle

aziende grossiste. «Questa piattaforma integrata – conclude

Valentino Di Pisa – è in grado di fornire informazioni

tempestive e realistiche sugli andamenti dei valori dei

prodotti ortofrutticoli. Il nostro fine è di incrementare la trasparenza

degli scambi, un elemento che deve essere alla

base della attività di ogni mercato all’ingrosso».

Focus/credit

Focus/credito


Macfrut

intervista

Domenico Scarpellini

Chairman of Cesena

Fiere.

Presidente Cesena Fiere.

Mr Scarpellini, what’s new at Macfrut?

«First of all Macfrut isn’t just an international produce

trade show. We’re aiming to make Macfrut the venue

that lets industry players in Europe and the rest of the

world get together and compare notes. The day before

the show officially opens its doors this year, it will host

on 5 October the second “European Fruit Summit”, the

venue for a panel of industry experts and business

leaders in Europe and, this year, even from China and

New Zealand to give us a close look at the winter-crop

forecasts for kiwi, pear, apple and citrus. The centrepiece

proper of the show will be the 6 October

“G20–Forum of F&V Regions” to be held by Emilia

Romagna Region. It will be the first gathering of the

agricultural commissioners from Europe’s leading producer

regions. The idea is to discuss in some depth the

major issues related to regulatory norms and trade reciprocity,

discussions that should culminate in the rafting

of a document that will lay the groundwork for reciprocity

throughout the F&V supply chain so as to establish

a solid footing for relations with big retail. This is a pretty

important target to shoot for in my view, and we’re

proud that Cesena was chosen to host the meeting.

The other items on the show’s agenda include a closeup

look at what consumers are purchasing and what is

designated today as “consumer satisfaction”. To this

end, and via a series of conferences and other events,

Macfrut will be one of the venues that are to be part of

what we’re calling a “week of good living”. The underlying

idea here is to promote Forli-Cesena Province, which

has some of the country’s highest indicators of Gross

18 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Domenico Scarpellini

Macfrut 2010: more

international more

focused on consumers

Macfrut 2010: più estero

e più attenzione al consumo

Duccio Caccioni

Scarpellini che cosa c’è di nuovo al Macfrut?

«Il Macfrut non è solo un’esposizione internazionale dell’ortofrutticoltura

– vogliamo che diventi una vera e propria

sede di dialogo fra i protagonisti del settore europei

e di tutto il mondo. Prima dell’inaugurazione della fiera,

il 5 ottobre si svolgerà il secondo "Summit europeo della

frutta", durante il quale esperti e operatori europei e da

paesi quali la Cina e la Nuova Zelanda esamineranno le

previsioni produttive per la campagna invernale di kiwi,

pere, mele ed agrumi. Il pezzo forte della manifestazione

sarà invece il 6 ottobre con il "G 20 – Forum delle

Regioni Ortofrutticole”, organizzato dalla regione Emilia

Romagna. Questo sarà il primo incontro fra gli Assessori

delle regioni di tutta Europa a maggior rilievo ortofrutticolo.

L’oggetto è di affrontare sia il problema delle regole

che quello della reciprocità negli scambi commerciali

– si vuole preparare un documento che porrà le basi

sulla reciprocità all’interno della filiera ortofrutticola, per

un rapporto congruo con la gdo. Mi pare che sia un

obbiettivo importante e ambizioso , siamo fieri che questo

incontro si svolga a Cesena.

Oltre a queste iniziative abbiamo voluto mettere

l'accento sulla fase del consumo e su quella che viene

definita “soddisfazione del consumatore”. Con questo

fine e attraverso una serie di convegni e manifestazioni

il Macfrut sarà una delle sedi della “settimana del buon

vivere” – una iniziativa che valorizza la provincia di Forli-

Cesena, una delle province che ha i parametri del Bil

(Benessere interno lordo) più elevati in Italia. Secondo

noi non sono più sufficienti la aggregazione e coordinamento

fra i produttori, occorre che la qualità sia perce-


Macfrut

Macfrut

Macfrut 2009.

National Happiness among its provinces. We think that

aggregating and coordinating supply through membership

in producer organisations is no longer enough and

that quality has to be perceivable and perceived by consumers

when they shop. It’s a fundamental market and

marketing concept, if you will. It is also closely linked to

our exhibitors, a number of whom will showcasing this

year a variety of electronic instruments designed to

determine the proper point of ripeness and sweetness of

fruit. To round our agenda items off to three, although it’s

not really new to Macfrut, we have innovation. This year

the accent here will be on novel cultivars and as the

capacity to enrich the processes of preparation. Indeed,

exhibitors under this banner will range from machinery

manufacturers to new items from seed companies for

sectors like the fresh-cut trade. I think that this kind of

array of exhibitors will make it possible for visitors to

Convention District – Pievesestina di Cesena

30 thousand m2 floor space, over 700 exhibitors

Hours: 9:30-18

Tel. 39 0547 317435 – site: www.macfrut.com;

e-mail: info@macfrut.com

20 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

pibile e percepita al consumo. Si tratta di un elemento

di mercato fondamentale e molto legato anche alla

nostra esposizione: quest’anno presentiamo varie strumentazioni

elettroniche che aiutano a riconoscere i frutti

maturi e dolci al punto giusto. Il terzo elemento, che

però non è certo una novità per il Macfrut, è

l’innovazione, intesa come nuove varietà più adatte ai

bisogni del consumatore o come capacità di arricchimento

dei processi di preparazione. E fra gli espositori

del Macfrut, nelle varie parti destinate ai macchinari, alle

novità sementiere come alla quarta gamma credo sarà

possibile percepire tutto il potenziale innovativo del settore.

La novità è che quest’anno abbiamo istituito

l’Oscar Macfrut, un Premio all’innovazione».

Quale risposta avete avuto dagli espositori internazionali?

«Tanto per fare due nomi: abbiamo due grandi gruppi

come la francese Pomonà e la tedesca Edeka che

hanno organizzato le loro convention alla nostra fiera.

Poi abbiamo una forte presenza di espositori esteri provenienti

sia dalla sponda Sud del Mediterraneo (ad es.

Egitto, Turchia) che da altre parti del mondo (come Usa,

da cui, fra gli, altri vi sarà la partecipazione di PMA). Si

tratta di paesi importanti, spesso già protagonisti della

scena ortofrutticola mondiale».

E per quanto riguarda gli espositori italiani ?

«Posso citare i due leader della gdo nazionale come

Coop e Conad ma non voglio fare torto a tanti altri fra

cui produttori (dalle sementi al surgelato, dal biologico

alle “nicchie”), attrezzature e macchinari (dalle calibratri-

27 th Macfrut F&V Show Cesena 6-8 October 2010

27 a edizione di Macfrut Cesena 6-8 ottobre 2010

Quartiere Fieristico – Pievesestina di Cesena

Superficie espositiva 30mila mq con oltre 700 espositori

Orario: 9:30-18

Tel. 39 0547 317435 – sito: www.macfrut.com;

e mail: info@macfrut.com

EXHIBITION SECTORS – Producer and exporter associations; R&D fork-lifts; cold stores; machine components, accessories,

parts; Consortia and Cooperatives; Agencies; packing (cardboard, wood, plastic); controller-atmopshere units; processing lines

(from citrus to nuts); sorters; packagers; pricers; labellers; measuring gauges; municipal wholesale markets; panels; management

inputs for sustainable agriculture; seeds; organic management inputs; structures and high-tech facilities for protected

crop growing, nursery.

SETTORI ESPOSITIVI - Associazioni produttori ed esportatori; attività di ricerca carrelli elevatori; celle frigorifere; componenti meccanici,

accessori, ricambi; Consorzi e Cooperative; Enti; imballaggi (cartone, legno, plastica); impianti atmosfera controllata; linee di lavorazione

(dagli agrumi alla frutta secca); calibratici; confezionatrici; prezzatici; etichettatrici; strumenti di misurazione; mercati agroalimentari

all’ingrosso; pannelli; mezzi tecnici per l’agricoltura sostenibile; sementi; mezzi tecnici per il Biologico; strutture ed apparati tecnologici

per le produzioni protette; vivaismo.


perceive all the industry’s potential for innovation. The

real novelty is that this year we’ll be awarding for the first

time the Macfrut Oscar for Innovation».

What kind of response have you had crom

International exhibitors?

«Let me just mention two names to start with. We’ll be

hosting the big French retail group Pomonà and its

German counterpart Edeka, both of which decided to

hold their annual conventions at Macfrut. Then too we’ll

see key players from many other countries, including

from the other rim of the Mediterranean like Turkey and

Egypt as well as from other parts of the world like PMA

from the United States. These are all important countries,

and more often than not key players in the global

F&V industry».

And what about exhibitors from Italy?

«I could reel off the names of the two big national

retail chains Coop and Conad, but I reall don’t want to

leave any one out, including producers, who range

from seeds to frozen, organic and niche produce),

equipment and machinery manufacturers, who run

the gamut from sorting lines to innovative units for

fresh-cut and heat’n’heat foods, electronic detectors

of ripening stage and product innovations. In other

words, we have the best the national F&V industry can

offer since Macfrut is the supply chain’s show».

(English version by David Verzoni)

Macfrut 2009.

ci alle innovative macchine per la IV e V gamma, dai

rilevatori elettronici dei gradi di maturazione alle innovazioni

di prodotto). In una parola, abbiamo tutto il meglio

del settore ortofrutticolo nazionale in quanto Macfrut è

la fiera di filiera».

Macfrut

Macfrut


Macfrut

Macfrut

Less fruit and vegetables

on Italian tables

Meno frutta e verdura

sulle tavole degli italiani

Franca Gambini

That’s what emerges from the figures provided by the Macfrut Observatory for

Italian household consumption of fruit and vegetables for first half of 2010. On the

other hand there has been a rise of 3.5% in the number of families turning to the

fruit and vegetables.

È il dato che emerge dall’Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane

di Macfrut relativo al primo semestre 2010. Sale invece del 3,5% il numero delle famiglie

che si sono rivolte all’ortofrutta

The number of Italian families buying fruit and vegetables

has risen but there has been a decrease in the

average quantity purchased per household. If figures for

the whole of 2009 showed that families had on average

reduced their purchases of fruit and vegetables by 10.3

kg, figures for the first half of 2010 (relative to the same

period of 2009) showed families cutting back by an average

of 5.09 kg (-2.77%), with a decline in average

expenditure of €10.90 (-3.39%), that is if fresh fruits and

vegetables are lumped together with frozen vegetables.

If we take fresh fruit and vegetables separately there is a

sharp fall of 5 kg (from 180 kg to 175 kg for a

drop of 2.78%) equivalent to €10 per household (from

€303 to €293, down 3.30%). What emerges from these

figures from Macfrut Observatory for Italian household

consumption of fruit and vegetables, drawn up by GfK-

TAB. 1 – OVERALL FRUIT AND VEGETABLE CONSUMPTION

2009 2010 var %

Volume (t) 4,238,967 4,277,059 +0.90

Value (milions of euro) 7,298.99 7,305.94 +0.10

Purchasing households

(millions)

- - +3.4

Average purchases ( kg ) 186.05 180.96 -2.74

Average spending (euro) 321.45 310.55 -3.39

Average price (euro/kg) 2.14 2.10 -1.87

Fruit + fresh vegetables + frozen- January-June

Source: Macfrut Observatory for Italian household fruit and vegetable consumption

22 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Crescono le famiglie che acquistano frutta e

verdura, ma cala la quantità media comperata

per nucleo. Se in tutto il 2009 ogni famiglia

aveva ridotto la spesa ortofrutticola di 10,3 chili,

nel primo semestre 2010 (sull’analogo periodo

del 2009) ne ha acquistato in media 5,09 chilogrammi

in meno (-2,77%), con un calo di spesa

media di 10,90 euro (-3,39%), calcolando frutta e

verdura fresche con ortaggi surgelati. Solo per il

fresco (ortaggi e frutta) c’è un secco calo di 5 kg

(da 180 kg a 175 per un -2,78%) e di 10 euro per

nucleo (303 a 293 euro pari al -3,30%). Da questi

dati, del periodo gennaio-giugno 2010,

dell’Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle

famiglie italiane di Macfrut, curato da Gfk-

Eurisko, emerge la conferma della tendenza

TAB. 1 - CONSUMI COMPLESSIVI ORTOFRUTTICOLI

2009 2010 var %

Volumi (t) 4.238.967 4.277.059 0,9

Valore (milioni di euro) 7.298,99 7.305,94 0,1

Famiglie acquirenti (milioni) - - 3,4

Acquisto medio ( kg ) 186,05 180,96 -2,74

Spesa media (euro) 321,45 310,55 -3,39

Prezzo medio (euro/kg) 2,14 2,1 -1,87

Frutta + verdura fresche + surgelati - genn-giu

Fonte: Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane di Macfrut


TAB. 2 – CONSUMPTION OF FRESH FRUIT – JAN/JUN

2009 2010 var%

Volume (t) 2,103,000 2,111,000 +0.4

Value (millions of euro) 3,198 3,203 +0.2

Purchasing households

(millions)

22,872 23,649 +3.4

Average purchase ( kg ) 92 89 -2.9

Average spending (euro) 140.00 135.00 -3.1

Average price (euro/kg) 1.52 1.52 -

Source: Macfrut Observatory for Italian household fruit and vegetable consumption

TAB. 3 – CONSUMPTION OF FRESH VEGETABLES – JAN/JUN

2009 2010 var %

Volume (t) 2,011,000 2,040,000 +1.4

Value (millions of euro) 3,72 3,732 +0.3

Purchasing households

(millions)

22,848 23,65 +3.5

Average purchase ( kg ) 88 86 -2.0

Average spending (euro) 163.00 158.00 -3.1

Average price (euro/kg) 1.85 1.83 -1.1

Source: Macfrut Observatory forItalian household fruit and vegetable consumption

TAB. 3 – CONSUMI DI VERDURA FRESCA - GENN/GIU

2009 2010 var %

Volumi (t) 2.011.000 2.040.000 1,4

Valore (milioni di euro) 3.720 3.732 0,3

Famiglie acquirenti (milioni) 22.848 23.650 3,5

Acquisto medio (kg) 88 86 -2

Spesa media (euro) 163 158 -3,1

Prezzo medio (euro/kg) 1,85 1,83 -1,1

Fonte: Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane di Macfrut

Eurisko, which refer to the period from January to June

2010, is a confirmation of the trend in 2009.

Consumption fell more markedly in fruit (-3 kg per

household) than vegetables (-2 kg per household).

If total figures are considered, slight increases of

0.90% in volume (4,277,059 tons in six months in

2010 against 4,238,967 tons in 2009) and 0.10% in

value (7,305 million euros compared with 7,298 million

in 2009) are found, but it must be borne in mind

that there was an increase of 3.4-3.5% in the number

of families purchasing fruit and vegetables.

These consumption trends, which also show how

consumer eating habits are changing, will be one of

the topics under discussion in Cesena at Macfrut, the

international fair dedicated to Mediterranean fruit and

vegetables.

(English version by Lawrence Smith)

TAB. 2 – CONSUMI DI FRUTTA FRESCA - GENN/GIU

2009 2010 var%

Volumi (t) 2.103.000 2.111.000 0,4

Valore (milioni di euro) 3.198 3.203 0,2

Famiglie acquirenti (milioni) 22.872 23.649 3,4

Acquisto medio ( kg ) 92 89 -2,9

Spesa media (euro) 140 135 -3,1

Prezzo medio (euro/kg) 1,52 1,52 -

Fonte: Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane di Macfrut

TAB. 3 – CONSUMPTION OF FROZEN VEGETABLES - JAN/JUN

2009 2010 var %

Volume (t) 124,967 126,059 +0.9

Value (millions of euro) 380,997 370,941 -2.,6

Purchasing households

(millions)

20,65 21,136 +2.4

Average purchase ( kg ) 6.052 5.964 -1.4

Average spending (euro) 18.45 17.55 -4.9

Average price (euro/kg) 3.05 2.94 -3.5

Source: Macfrut Observatory for Italian household fruit and vegetable consumption

TAB. 3 – CONSUMI ORTAGGI SURGELATI - GENN/GIU

2009 2010 var %

Volumi (t) 124.967 126.059 0,9

Valore (000 euro) 380.997 370.941 -2,6

Famiglie acquirenti (milioni) 20.650 21.136 2,4

Acquisto medio (kg) 6,052 5,964 -1,4

Spesa media (euro) 18,45 17,55 -4,9

Prezzo medio (euro/kg) 3,05 2,94 -3,5

Fonte:Osservatorio dei consumi ortofrutticoli delle famiglie italiane di Macfrut

2009. Si è comprata meno frutta (-3 kg per famiglia)

rispetto alla verdura (-2 kg per nucleo).

Se si valutano le cifre totali, si nota un leggero incremento

del +0,90% in quantità (4.277.059 tonnellate in sei

mesi 2010 contro 4.238.967 t. del 2009) e del +0,10%

in valore (7 miliardi e 305 milioni di euro a fronte dei

7.298 milioni del 2009) ma va considerato che c’è stato

un incremento del +3,4/3,5% nel numero di famiglie che

si sono rivolte all’ortofrutta.

Questo andamento dei consumi è uno dei temi in

discussione a Macfrut di Cesena, la rassegna internazionale

del bacino del Mediterraneo dedicata all’ortofrutticoltura,

un tema importante che tra l’altro denota

come stiano cambiando le abitudini alimentari dei consumatori.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

25

Macfrut

Macfrut


APOVF, NATURALLY FROM THE COUNTRYSIDE!

APOVF, NATURALMENTE DAL CAMPO!

Here is an analysis of the

strong points of the

“Associazione Produttori

Ortofrutticoli Veneto

Friulana S.A.C.”.

The “Associazione

Produttori Ortofrutticoli

Veneto Friulana S.A.C.”

was established on the

6th of July 1991 in

Mogliano Veneto and

got the distinction of

“association of growers”

in the year 1994

by the Department for

Environment, Food

and Rural Affairs.

The company has

improved year by year

in preserving, calibrating,

packing and commercializing fruit and vegetable

products. The core of the company is represented by

its associated, single growers and cooperatives, and their

excellence products.

The association counts 3000 growers and the cropped surface

consists of 6000 ha: 4000 ha with fruits and 2000 with

vegetables.

The operative area spreads on Veneto and Friuli-Venezia-

Giulia regions, but also in Emilia-Romagna and Toscana.

The association “A.P.O.V.F.” is continuously applying itself in

a constant increase of the commercialization and research of

new markets. Nowadays the association is among the lead-

26

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Analizziamo i punti di forza dell’Associazione produttori

Ortofrutticoli Veneto Friulana

L’Associazione Produttori Ortofrutticoli Veneto Friulana S.A.C.

è stata costituita il 06 luglio 1991 a Mogliano Veneto ottenendo

dal Ministero già nel 1994 il riconoscimento di associazione

di produttori. In questi anni l’azienda si è sviluppata nella

conservazione, calibrazione, confezionamento e commercializzazione

dei prodotti ortofrutticoli. Il suo cuore pulsante è la

propria base associativa, composta da soci singoli e cooperative,

e le sue eccellenza produttive. Una base associativa

che rappresenta oltre 3.000 produttori agricoli. La superficie

complessiva coltivata è di circa 6.000 ha di cui 4.000 ha a

prodotti frutticoli ed i restanti a prodotti orticoli. L’area di operatività

si estende prevalentemente nella regione Veneto e

Friuli Venezia Giulia, con presenze significative anche nelle

regioni Emilia Romagna e Toscana. L’A.P.O.V.F. è impegnata

in una costante crescita della propria commercializzazione e

ricerca di nuovi mercati che apprezzino le garanzie dei suoi

prodotti e la professionalità del proprio modus operandi. Oggi

l’associazione è tra i leader nei mercati del Nord e centro Italia

operando sia con i grossisti che nelle catene di supermercati.

Alla stessa maniera accade all’estero grazie ad importatori in

Germania, Ungheria, Rep.Ceca, Slovacchia, Olanda,

Slovenia. In fase di sviluppo anche i mercati di Austria,

Francia, Spagna, Polonia, Paesi Baltici, Svezia, Finlandia e

quelli fuori dai confini dell’Unione europea come Libia, Russia,

Giappone e USA.

I punti di forza di APOVF

La possibilità di sincronizzare le promozioni dei clienti con i picchi

produttivi, in modo tale da poter aumentare le vendite ed

essere concorrenziali;


ers in the markets of North and Centre of Italy, working both

with supermarket chains and wholesaler. The same happens

in foreign countries like Germany, Hungary, Czech Rep.,

Slovakia, Holland, Slovenia. The association is also growing

also in other European markets such as Austria, France,

Spain, Sweden, Finland, Poland, Lithuania and in world-level

markets like Libya, Russia, Japan, USA.

Strong points of APOVF:

The possibility to synchronize costumers’ promotions with

productive peaks, as to be able to increase sales and be

competitive at the right time.

Offer of highly typical products, with origin brand.

Guarantee for quantity, quality, service, continuity.

Respect of qualitative standards and rules requested from

costumers.

Logistics which respects costumer’s needs.

Programme and planning for middle terms supplies.

Elasticity for replying to market demand.

l’offerta di prodotti ad alta tipicità, con marchio di origine;

la garanzia per quantità, qualità, servizio, costanza nel tempo;

il rispetto di standard qualitativi della normativa e richiesti dai clienti.

la giusta qualità del prodotto e la sua continuità nella fornitura;

la logistica con strutture moderne e sempre al passo con i

tempi;

la programmazione e la pianificazione delle forniture a

medio termine;

una opportuna elasticità per rispondere alla domanda di

mercato.

Handle with care the

product of the associated

Lavorare con cura il prodotto

dei soci

Domenico Dal Bo’: “Products on the shelf must have the force by

themselves to jump inside the shopping trolley”

“A new economic plan to face the future, a project which deals not only

with production but also market logics and final costumers. The purpose is

to guarantee an income to associated actors and factory farms in a particularly

hard period which must be faced with strength and perseverance”.

Domenico Dal Bo’ introduces himself with these words, after having

accepted with enthusiasm and responsibility the assignment of general

consultancy in the management of the association. “Reduce the

weaving factory may be an important first target and after all this was

an argument very close to Gian Paolo – Domenico Dal Bo’ says - . Then

we have to start to improve the approach to the product”.

Dal Bo’ refers to a decisive step in the communication to the market: to

represent growers who are producers of excellence products: “The

products of the associated must be handled and brought to the market

with the maximum care together with a package suitable for attracting

costumers. The package is very important to make the product catchier.

Products on the shelf must have the force by themselves to jump

inside the shopping trolley”. The job is even more intense and complex

when the target is an important placement in the great distribution:

“Not only in the great distribution, – Engineer Dal Bo’ explains – the

placement is important also in the market of the specialized shops”.

Then, as it happened in these last years, it’s becoming fundamental the

exploration of new markets and so new ways out in foreign countries

where our fruit and vegetable products could be appreciated by new

costumers. In this sense competition is continuous and at global-level,

so the attention must be kept at high-level to take advantage of new

occasions and opportunities.

Domenico Dal Bo’: “Il prodotto sullo scaffale deve avere da solo la

forza per entrare nel carrello della spesa”

Un nuovo piano economico per affrontare il futuro. Un progetto che non guarda

solo alla produzione, ma anche alle logiche del mercato e al consumatore

finale. L’obiettivo è quello di garantire un reddito alle realtà associate ed

alle imprese agricole in un momento particolare e difficile che va affrontato

con forza e determinazione. Così si presenta l’Ing. Domenico Dal Bo’ che con

entusiasmo e senso di responsabilità ha accettato l’incarico di consulenza

generale nella gestione delle nostre associazioni di produttori. “Ridurre la

filiera può essere un primo importante obiettivo e del resto era un argomento

caro anche a Gian Paolo che lo condivideva – racconta Domenico Dal Bo’

-. Dobbiamo poi cominciare a migliorare l’approccio al prodotto”. L’Ing. Dal

Bo’ si riferisce ad un passo decisivo nella comunicazione al mercato: quello

rappresentare dei produttori che a loro volta sono artefici di veri e proprio

prodotti d’eccellenza. “Il prodotto dei soci va lavorato e portato al mercato

con estrema cura e un abbigliaggio capace di attirare i consumatori. Intendo

dire che è importante il modo di confezionare il prodotto per renderlo più

accattivante. Il prodotto sullo scafale deve avere da solo la forza di andare nel

carrello della spesa”. Il lavoro è intenso e ancor più complesso quando si

guarda anche ad un posizionamento importante nella grande distribuzione:

“Non solo nella gdo – spiega l’Ing. Domenico Dal Bo’ – Il posizionamento è

importante anche nel mondo dei negozi specializzati”. In più, come in questi

ultimi anni è successo, diventa fondamentale l’esplorazione di nuovi mercati

e quindi di nuovi sbocchi in paesi stranieri dove i prodotti ortofrutticoli

nostrani potrebbero conquistare nuove fette di mercato. In tal senso la competizione

è globale e continua e quindi l’attenzione deve rimanere altissima

proprio per sfruttare eventuali nuove occasioni ed opportunità.


Market/apples & pears forecasts

Mercato/previsioni mele & pere

Apple, the crop slips again

Mele, produzione ancora in calo

Carlo Bridi

Kiev is the stage for the Prognosfruit 2010 forecasts. Estimates are also down for

the pear crop. Growers are hoping to see higher prices.

A Kiev le previsioni di Prognosfruit 2010. In diminuzione anche il raccolto di pere. E

i produttori sperano di spuntare prezzi migliori

According to the projections presented at the traditional

Prognosfruit conference in early August,

which was held at the Ukrainian capital of Kiev this

year, the Europe-wide apple crop for 2010 is expected

to post a significant drop, coming in below the 10million-ton

mark and placing 2010 in second place for

worst showing over the past decade.

The overall slump is expected to be 11% on the

year, a trend whose direction has remained

unchanged over the past two years (11,533,000 tons

in 2008/2009 and 11,001,000 in 2009/2010).

As the Assomela industry association sees it, the situation

potentially taking shape is largely due to the

bad weather at bloom in several countries, although

the 3% estimated slip in Italy’s crop would be one of

the best results on the year.

As we can see in Table 1, Europe’s apple crop in 15

producing countries is projected to be 6,591,000

tons, a 7% slide over 2009, whereas the crop in the

Eastern countries should be about 3,205,000 tons, a

drop of 15%.

28 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Secondo le previsioni presentate al tradizionale

appuntamento di inizio agosto al Prognosfruit, che

quest’anno è stato ospitato a Kiev, capitale dell’Ucraina,

per la campagna 2010 è previsto a livello europeo un

calo di produzione notevole che porta il totale sotto i 10

milioni di tonnellate collocando il 2010 al secondo posto

nel decennio per scarsità di produzione.

La diminuzione globale dovrebbe essere dell’11%

rispetto alla produzione consuntiva del 2009, proseguendo

il trend che ha segnato le due annate precedenti

(2008/2009: 11.533.000 tonnellate; 2009/2010:

11.001.000 tonnellate). La situazione, commentano da

Assomela, è dovuta principalmente alle condizioni climatiche

sfavorevoli in fioritura che hanno avuto diversi

paesi; chi ha fatto il migliore risultato è stata l’Italia, dove

il calo previsto sarebbe contenuto nel 3%.

Come si può vedere in tabella 1, la produzione

nell’Europa a 15 è prevista in 6.591.000 tonnellate, con

una riduzione del 7% sul 2009, mentre nelle aree

dell’Est il volume di mele previsto è di 3.205.000 tonnellate

con una riduzione del 15%.


Market/apples & pears forecasts

Mercato/previsioni mele & pere

The 15-EU, new member states and Italy

The projections for the 15-member European Union,

a majority of member states and, hence, a reliable

market base for Italy’s Producer Organisations, are

shown in Table 2.

Several countries are expected to report a significant

drop in crop, including Germany at 17%, Belgium at

27%, Holland at 15% and Austria at 15%,whereas

France is expected to report a slip of no more than

4%. Unlike most years, however, the packinghouses

this year have used up all their stocks and, hence,

despite the recession, it looks like a seller’s market at

the start, a view put forward by Armando Paoli, CEO

of SFT, the biggest cooperative in Val d’Adige.

The member states in eastern Europe are all sliding

down a slippery slope. The worst off producer here is

Poland, where growers in the districts south of the capital

Warsaw were hit the hardest by a cold rainy spring

that interrupted fruit set and hurt quality (Table 3).

Table 4 shows the estimated yields by cultivar.

According to these figures, the most important negotiations

for Italy’s growers will focus on the contracts

for Golden Delicious and Red Delicious, which

account not only for 30%of Europe’s total but more

than half of Italy’s apple crop. The Golden Delicious

crop grown in lowland districts may run into price

problems since it is affected by considerable russet.

Table 5 has the projections for Italy’s crop by region.

A year on from the bumper crop of 2009, growers in

South Tyrol can expect an 8% slide on the year,

whereas those in neighbouring Trent Province may

see a slight upturn.

The ripening dates this season are about a week

behind those of last year and, although size may be

somewhat off last year’s, the balmy weather in early

August should ensure high crop quality. In effect, hail

has not been a major problem so far and the overall

crop has an attractive appearance.

While the forecast for the national crop as a whole is

slightly down from 2009, it is essentially in line with

the domestic average.

A closer look at the projections

It’s always a good rule of thumb to take a closer look at

the estimates Prognosfruit issues every year if we want to

get a better view of the situation taking shape before us.

30 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Ue a 15, nuovi Stati membri e Italia

Le previsioni per la Comunità Europea a 15 paesi, che

rappresenta una base di valutazione importante per il

mercato delle Organizzazioni di produttori italiane, sono

riportate nella tabella 2.

Diversi paesi presentano una riduzione piuttosto importante,

tra cui la Germania (-17%), Belgio (-27%), Olanda

(-15%) e Austria (-15%). La Francia conferma una riduzione

meno marcata, del 4%. A questo va aggiunto il

fatto che i magazzini, contrariamente a molte altre annate,

sono vuoti e quindi – crisi a parte – si parte sotto i

migliori auspici, come osserva Armando Paoli direttore

della più grossa cooperativa della Val d’Adige, la SFT.

Nei paesi dell’area dell’Est prevale il segno negativo con

il peso maggiore attribuito alla Polonia dove, particolarmente

nell’area produttiva a sud della capitale, Varsavia,

le condizioni fredde e piovose della primavera hanno

compromesso la fecondazione e la qualità dei frutti

(tabella 3).

Per quanto riguarda la produzione per varietà (tabella 4)

è significativa, soprattutto per i produttori italiani, la contrazione

prevista per la Golden Delicious e per la Red

Delicious, che rappresentano non solo il 30% circa del

totale europeo, ma anche più della metà delle mele in

Italia. La Golden Delicious di fondo valle potrebbe avere

dei problemi di commercializzazione, in quanto siamo in

presenza di una marcata rugginosità, cosa che deprezza

il prodotto.

Nella tabella n. 5 si riportano le previsioni di produzione

italiane a livello regionale.

Dopo la straordinaria produzione del 2009, in Alto Adige

si rileva un ridimensionamento dell’8%. Un leggero recupero

è invece previsto per il Trentino.

La stagione si presenta in ritardo di circa una settimana

rispetto al 2009, con calibri tendenzialmente inferiori, ma

con una qualità elevata viste le condizioni atmosferiche

della prima settimana di agosto. Le grandinate a questa

data sono assolutamente contenute e la merce è bella.

A livello nazionale la previsione è leggermente inferiore al

consuntivo 2009, ma sostanzialmente in linea con la

capacità produttiva media nazionale.

Una prima analisi della nuova stagione

Come sempre le informazioni che giungono da

Prognosfruit vanno analizzate nel dettaglio per capire

meglio come si stanno mettendo le cose.

TAB. 1 - PROJECTIONS FOR EUROPE'S 2010 APPLE CROP (TON) / PREVISIONI SULLA PRODUZIONE EUROPEA DI MELE PER IL 2010 (TONNELLATE)

Area Prod. 2006 Prod. 2007 Prod. 2008 Prod. 2009 Proj. 2010 2009/2008

EU – 15 6.684.000 7.226.000 6.869.000 7.116.000 6.591.000 -7%

Nw. mem-12 3.585.000 1.905.000 4.665.000 3.885.000 3.205.000 -18%

EU–27 total

Source: WAPA

10.269.000 9.131.000 11.534.000 11.001.000 9.796.000 -11%


TAB. 2 - PROJECTIONS FOR 15-MEMBER EU'S 2010 APPLE CROP (TON) / PREVISIONI SULLA PRODUZIONE DI MELE PER IL 2010 NELL'EUROPA

A 15 (TONNELLATE)

EU–15 / Ton x 1,000 Cons 2006 Cons 2007 Cons 2008 Cons 2009 Prev 2010 10/09

Austria 162 193 169 189 161 -15%

Belgium 358 358 336 344 251 -27%

Denmark 27 32 26 24 21 -13%

France 1.585 1.676 1.528 1.651 1.580 -4%

Germany 948 1.070 1.047 1.071 890 -17%

Greece 267 236 231 224 260 16%

Italy 1.991 2.196 2.164 2.237 2.165 -3%

Holland 348 396 376 402 340 -15%

Portugal 257 258 245 274 192 -30%

Spain 547 599 528 470 505 7%

Sweden 20 16 18 18 20 11%

UK 174 196 201 212 206 -3%

TOTAL

Source: WAPA

6.684 7.226 6.869 7.116 6.591 -7%

The first thing in the 2010 forecast that catches the eye

after two consecutive years of crops topping 11,000,000

tons and all the ensuing price problems that come with

such bumper seasons is the figure of 9,870,000 tons, a

slide that is kindling reasonable hopes of higher profit

margins this year in the minds of growers.

In effect, producer countries in both the West and

East wings of the EU should show a notable slide in

the apple crop. Another important factor to be added

Il primo dato che emerge è quello che, dopo due anni

con una produzione di oltre 11.000.000 di tonnellate,

con le difficoltà conseguenti nella commercializzazione,

il 2010 si pone con una previsione di 9.870.000 tonnellate

generando tra i produttori ragionevoli aspettative

verso una buona remunerazione per la stagione commerciale

entrante. Entrambe le macroaree dell’Eu, occidentale

e orientale, sono caratterizzate da una significativa

contrazione produttiva.

Market/apples & pears forecasts

Mercato/previsioni mele & pere


TAB. 3 - PROJECTIONS FOR THE 2010 APPLE CROP IN THE EU'S 12 NEW-MEMBERS (TON) / PREVISIONI SULLA PRODUZIONE DI MELE PER IL

2010 NEI 12 PAESI NUOVI MEMBRI DELLA UE (TONNELLATE)

NM–12 / Ton x 1,000 Cons 2006 Cons 2007 Cons 2008 Cons 2009 Prev 2010 10/09

Bulgaria 65 60 56 56 56 0%

Czech Rep. 160 113 157 145 137 -6%

Hungary 480 203 583 514 488 -5%

Latvia 32 31 34 13 20 54%

Lithuania 100 40 74 74 53 -28%

Poland 2.250 1.100 3.200 2.600 1.980 -24%

Romania 417 287 459 379 388 2%

Slovakia 31 10 42 48 32 -33%

Slovenia 50 61 60 56 51 -9%

TOTAL

Source: WAPA

3.585 1.905 4.665 3.885 3.205 -18%

to the equation at this point is that EU apple imports

from southern-hemisphere producers this year were

considerably lower than in past seasons. In effect,

Europe’s markets purchased during the last part of

the season 16% fewer apples on the year.

Apple inventories in Italy’s packinghouses were at

their usual levels in early August after the consistently

high volume flow to markets throughout the year.

Inventory volumes in Italy as of 1 July totalled 94,860

tons, off 22% over a year ago.

A questo dato va aggiunto il fatto che la stagione commerciale

che si sta concludendo ha evidenziato una

importazione di mele provenienti dall’Emisfero Sud

costantemente inferiore rispetto alle annate precedenti.

A inizio agosto il volume complessivo di mele importate

in Eu era del 16% inferiore rispetto allo stesso periodo

del 2009.

Le giacenze di mele a inizio agosto a livello italiano sono

rientrate nella normalità, supportate da un trend di vendite

costantemente elevato durante tutto l’arco dell’an-

Market/apples & pears forecasts

Mercato/previsioni mele & pere


Market/apples & pears forecasts

Mercato/previsioni mele & pere

We see the same trend at work even at the EU-wide

level, where sales have offset the surpluses in stock

at the beginning of the season. The overall EU apple

inventory as of 1 July amounted to 287,959 tons,

down 17 % on the year.

These figures also let us glimpse an added advantage.

In fact, any overlapping of this year’s crop with

domestic stocks from last year and with southern

hemisphere imports should be negligible in a worst

case scenario.

We can see too a slight but consistent rise in prices

since February, a sign that while not changing the

current situation may bode well for the coming year.

Stable prices a plus

Any analysis of the current situation must take into

account the economic downturn and the cautious

mood it has induced in consumers’ view of the market

and their spending habits.

Apple is a fruit marked by an essentially stable price

dynamic both over the years and during any one year,

a trend that consumers have apparently come to

appreciate.

The larger picture, however, must also include such

factors as the 2011 apple crop that southern-hemisphere

producers will export to Europe. The crux of

the issue here, as industry experts are warning, is that

if prices were to rise to certain levels, these imports

could rapidly increase compared to past years.

Then, too, several factors that came to the fore in

early August this year make it reasonable to think that

the 2010/2011 season will be better than those of the

last two. Those most directly interested in such a scenario

are the industry producer organisations. They

should find the room they need in the marketplace to

keep volumes flowing at full capacity.

34 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

no. Il volume di mele in giacenza all’1 luglio in Italia era

di 94.860 tonnellate (-22% rispetto all’1 luglio 2009).

Anche a livello comunitario il trend di vendita ha consentito

di recuperare l’eccedenza di giacenze verificata a

inizio della stagione. All’1 luglio la giacenza di mele

comunitarie era di 287.959 tonnellate (-17 % rispetto

all’1 luglio 2009).

Viene così ad essere trascurabile il possibile effetto di

sovrapposizione tra la nuova produzione 2010, le rimanenze

della produzione 2009 domestica e le mele provenienti

dall’Emisfero Sud.

Va infine segnalato un leggero ma costante recupero dei

TAB. 4 - PROJECTIONS OF EU-27 2010 APPLE CROP BY CULTIVAR (TON) / PREVISIONI DI PRODUZIONE DI MELE PER VARIETÀ NELLA UE A 27 (TONNELLATE)

EU – 27 / Ton x 1,000 Cons. 2006 Cons. 2007 Cons. 2008 Cons. 2009 Proj. 2010 10/09

Braeburn 279 318 297 338 291 -14%

Cripps Pink 66 73 70 162 157 -3%

Elstar 431 487 469 487 369 -24%

Fuji 133 188 206 246 254 3%

Gala 1.015 1.024 1.049 1.079 1.002 -7%

Golden Del. 2.339 2.450 2.508 2.630 2.427 -8%

Granny Smith 308 305 310 340 316 -7%

Morgenduft 119 88 91 67 89 33%

Red Delicious 631 600 743 724 663 -8%

Renette 78 103 86 99 95 -4%

Other 4.870 3.495 5.705 4.829 4.133 -14%

TOTAL

Source: WAPA

10.269 9.131 11.534 11.001 9.796 -11%


Yet a different kind of market awaits growers who are

not members of cooperatives. This because there is

little or no consumer interest in buying at the farmgate

since few of these independent farmers still directly

pack and sell their own produce. In effect, growers

today usually deliver to their local cooperatives on a

weekly basis, leaving their independent counterparts

all the risks inherent in storing their own crop.

The pear crop in the full 27-member EU

Estimates of the pear crop show a significant drop in

volume on the year. The booked crop in 2009 amounted

to 2,646,000 tons whereas the 2010 crop is projected

to be no more than 2,155,000 tons, a 19%

slump. The producers expected to show the biggest

drop include Poland, off an eye-opening 56%,

Portugal, off 40%, the Czech Republic and Slovakia,

both down 37%.

The countries expected to post the biggest rises in

36 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

prezzi delle mele da inizio febbraio a oggi che, pur non

portando a una situazione favorevole per il settore, consente

di guardare positivamente al futuro.

Favorite dai prezzi stabili

Tra gli elementi di giudizio va certamente tenuto conto

della problematica economica generale che determina

un approccio più cauto e attento del consumatore al

mercato.

La mela è un prodotto che presenta una dinamica di

prezzo abbastanza stabile, sia negli anni che durante

l’annata, fatto che appare apprezzato dai consumatori e

dal trend di consumo.

Altri fattori andranno valutati nel prossimo futuro, come la

produzione di mele 2011 nei paesi dell’emisfero Sud e i

quantitativi che saranno importati in Europa: se i prezzi

diventassero più interessanti, avvertono gli addetti ai lavori,

potrebbero crescere rispetto alle annate precedenti.

Per quanto possibile, a inizio agosto 2010 diversi fattori

fanno ragionevolmente intravedere una stagione

2010/2011 in recupero rispetto alle ultime due, con

presupposti interessanti in particolare per le organizzazioni

di produttori del settore, che dovrebbero trovare

spazio per esprimere a pieno le proprie capacità di

commercializzazione.

Diverso il discorso per i produttori fuori dalla rete cooperativa:

l’interesse per gli acquisti in campagna è pressoché

nullo, in quanto sono rimasti in pochi coloro che

immagazzinano e commercializzano in proprio. Si preferisce

utilizzare il canale della cooperativa alla quale ci si

rivolge per l’ordine che, normalmente, non supera la

settimana, lasciando tutto il rischio conservazione sulle

spalle dei produttori.

La situazione delle pere nei 27 paesi dell’Unione Europea

Per le pere il calo è previsto un forte calo. Nel 2009 la

produzione consolidata era pari a 2.646.000 tonnellate,

mentre per il 2010 è prevista una produzione di

TAB. 5 - PROJECTIONS OF ITALY'S APPLE CROP BY REGION (TON) / PREVISIONI DI PRODUZIONE ITALIANE DI MELE A LIVELLO REGIONALE

(TONNELLATE)

Italy/ton Prod. 2006 Prod. 2007 Prod. 2008 Prod. 2009 Proj. 2010 10/09

South Tyrol 921.314 978.815 1.058.701 1.157.524 1.066.047 -8%

Trentino 362.536 458.792 433.827 420.658 447.099 6%

Veneto* 248.689 289.321 215.819 210.901 194.290 -8%

Friuli* 38.018 28.560 33.347 17%

Lombardy 35.041 39.051 31.534 35.425 37.302 5%

Piedmont 200.109 196.582 173.448 192.187 200.157 4%

Emilia Romagna 162.325 189.082 168.334 157.023 146.895 -6%

Other 60.000 45.000 45.000 35.000 40.000 14%

TOTAL

Source: ASSOMELA/CSO

1.990.014 2.196.643 2.164.681 2.237.279 2.165.137 -3%

* Aggregate figures for Veneto and Friuli in 2006 and 2007 / * Nelle annate 2006 e 2007 il dato di Veneto e Friuli è aggregato


their crop this year are Greece, up 22%, and Spain,

up 3%. By way of contrast, Italy, Europe’s leading

pear producer, is expected to report a drop of 24%

over 2009, a figure yielding a 23% downswing over

the last three years. Its total crop is projected to

amount to 655,000 tons against last year’s 858,000.

The projections by cultivar indicate that Conference

will top the list at 766 thousand tons, followed by

William at 280 thousand, Rocha at 246 thousand and

Guyot at 102 thousand.

The crop beyond EU borders

The current global pear leader is China, which posted

a 2009 crop of 10 million tons despite a drop of

30% on the year. Turkey comes next at an estimated

350 thousand tons for 2010 and then Ukraine at

146,000 tons. Even the last two should show a

downturn on the year.

The same downward-pointing arrows are being projected

for the rest of the world’s producers.

Argentina expects to see a 14% drop over 2009,

Australia 19%, South Africa 10% and New Zealand

a drop of 7%. By contrast, Chile should buck the

trend by holding its volume steady.

These rates indicate that these countries should post

a combined 2010 crop of 1,387,000 tons against the

1,584,000 tons booked a year ago, the average on the

year being 12% but dropping to only 5% if we look at

the average over the last three years.

While the worldwide data for 2009 are not yet available,

Assomela’s numbers for 2008 show a total pear

crop of 18,468,276 tons, a figure that carries a minus

sign over the five preceding years.

In fact, the worldwide crop figure for 2004 was

20,998,473 tons.

Interestingly, pear stocks as of June this year had all

but run out except for the 21,000 tons in Holland and

the 10,830 tons in Spain’s Catalonian warehouses.

And, almost all of these pears were Conference

except for some Blanquille.

(English version by David Verzoni)

2.155.000 tonnellate con un calo del 19%. Il calo maggiore

si riscontra in Polonia con un meno 56%, seguita

dal Portogallo, meno 40%, dalla Repubblica Ceca e

dalla Slovacchia, dove il calo è previsto nella misura del

37%.

Fra i paesi di una certa importanza dove è previsto un

aumento si collocano la Grecia, con un più 22%, e la

Spagna, con un più 3%. Per quanto riguarda l’Italia, il

paese maggiore produttore di pere, il calo è previsto

nell’ordine del 24% sull’anno 2009 e del 23% sul triennio

precedente. La produzione totale è prevista in

655.000 tonnellate contro le 858.000 del 2009. Per

quanto riguarda le varietà queste le più importanti in

ordine descrescente: Conference, 766 mila tonnellate;

William, 280 mila tonnellate; Rocha, 246 mila tonnellate;

Guyot, 102 mila tonnellate.

Produzione nei Paesi extra Ue

Il più grosso produttore è la Cina che nel 2009 ha prodotto

10 milioni di tonnellate di pere, anche se in un

anno ha perso il 30% della produzione; seguono la

Turchia, con una previsione per il 2010 di 350 mila tonnellate,

e l’Ucraina, con 146.000 tonnellate. Tutti in

netto calo sul 2009.

Anche nel resto del mondo la previsione per il 2010 prevede

una produzione inferiore. L’Argentina prevede un calo

produttivo del 14% sul 2009, l’Australia un calo produttivo

del 19%, il Cile invece dovrebbe mantenere la produzione

dell’anno precedente. Per la nuova Zelanda le previsioni

parlano di un calo del 7% e per il Sud Africa del 10%.

In conclusione, per questi paesi, a fronte di una produzione

di 1.584.000 tonnellate del 2009 si prevede una

produzione pari a 1.387.000 tonnellate, con un calo

medio sul 2009 del 12% che diventa del 5% se consideriamo

la media del triennio precedente.

Per la produzione totale a livello mondiale, i dati forniti

da Assomela si fermano al 2008 e danno una produzione

per quell’anno di 18.468.276 di tonnellate in costante

calo sull’ultimo quinquennio.

Nel 2004 infatti la produzione era

pari a 20.998.473 tonnellate.

Interessante notare

come gli stock di pere

al giugno di quest’anno

fossero quasi

azzerati, se si escludono

le 21.000 tonnellate

dell’Olanda e le

10.830 tonnellate

della Spagna,

(Catalogna). Per quanto

riguarda le cultivar, in

deposito a fine giugno

erano quasi tutte pere

Conference, salvo un po’

di Blanquille.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

37

Market/apples & pears forecasts

Mercato/previsioni mele & pere


Market/potatoes forecast

Mercato/previsione patate

Potatoes: late harvests,

in shorter supply all over Europe

Patata: raccolti ritardati

e più scarsi in tutta Europa

Paolo Battistel Ceres srl – Società di Consulenza nel settore dell’orticoltura protetta

Price rises of more than 50% are expected, with serious implications for the

world economy given that potatoes are the fourth main food crop after rice,

wheat and maize

È atteso un aumento dei prezzi superiore al 50%. Un dato importante per l’economia

mondiale considerando che dopo riso, grano e mais è la quarta coltura a sfamare

l’umanità

Potato Europe, held this year in Hanover, Germany,

from 7 to 9 September 2010, has been the principal

event in the potato world calendar for five years

now, an important opportunity not only to size up the

latest technological and varietal developments, but

also to glimpse harvest and marketing trends.

DLG’s efficient organization and the Union of

German potato producers (UNIKA) have brought to

the beautiful rolling hills south of Hanover - sown not

only with fields of potatoes, beet, maize and strawberries,

but also with hundreds of wind turbines,

houses and farms with solar panels on their roofs

and cattle sheds with huge biogas cogeneration

plants - nearly 200 exhibitors from 16 countries and

more than 10 thousand visitors, mostly from

Northern Europe but also from Eastern Europe,

North and South America and China.

The 2010 potato season in Northern Europe will certainly

be remembered for the fluctuating weather

conditions that characterized it from the beginning

and which have resulted in significant delays in the

harvest: the cold spring, a hot and dry July and

heavy rains in August have caused delays of about

two weeks in Holland and of a good three weeks in

Germany, and this will have important repercussions

on the market with everyone obviously expecting

rising prices.

Because of the long delays, the forecasts gathered

from the sector operators present in Hanover concerning

yields and prices have naturally been cautious,

but they all seem to point in the same direc-

38 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Potato Europe, quest’anno dal 7 al 9 settembre 2010

ad Hannover in Germania, è da ormai 5 anni

l’appuntamento principe per il mondo della patata,

un’importante occasione sia per fare il punto sull’evoluzione

tecnologica e varietale del settore, sia per intravvedere

le linee di tendenza della campagna di raccolta e

commercializzazione in atto.

L’efficiente organizzazione di DLG e dell’Unione tedesca

dei produttori di patate (Unika) hanno portato sulle belle


tion, that of yields inferior to previous years.

Adjusting the figures to compensate for the usual

tactics according to which producers always exaggerate

their loses while traders minimize them in

order to influence market prices, production is

expected to be down 5-10% in Holland and 10-

15% in Germany.

Falls of between 5 and 50%

Even a fall of only 5%, however, is of enormous significance

in the market for potatoes given their role as

the world’s fourth most important food crop after rice,

wheat and maize. The Ukrainian agriculture minister,

for example, faced with a 5% fall in production this

year, is predicting price increases of as much as 50%

by the end of the year. The situation seems to be even

worse in Russia, where there is talk of a fall in production

of between 20 and 50%.

The strong upward trend in prices received confirmation

from the Bologna Potato Exchange during the

summer and from the futures market for April 2011,

with price increases of 50% or more, compared to the

same periods of 2009 (approximately €180/ton as

against €120).

Fertilizer field demonstrations

As far as innovations are concerned, with respect to

the 2009 edition of Potato Europe held at

Emmeloord in the Netherlands, there were interest-

e dolci colline a Sud di Hannover, disseminate non solo

di campi di patate, barbabietole, mais e fragole, ma

anche di centinaia di pale eoliche, pannelli solari sui tetti

di molte case e fattorie, stalle con enormi impianti di

cogenerazione a biogas, quasi 200 espositori da 16

diversi Paesi e più di 10mila visitatori, la maggior parte

dal Nord Europa, ma anche dall’Europa dell’Est, da

Nord e Sud America e dalla Cina.

La campagna pataticola 2010 in Nord Europa verrà

sicuramente ricordata per il clima altalenante che l’ha

contraddistinta fin dall’inizio, il che ha determinato un

notevole ritardo del periodo di raccolta: freddo in primavera,

caldo e secco a luglio e pesanti piogge ad agosto

Market/potatoes forecast

Mercato/previsione patate


ing fertilizer field demonstrations organized above all

by the event’s sponsor, the German giant potassium

and magnesium fertilizer producer KS KALI GmbH of

Kassel, while Agri Con GmbH, specialists in precision

agriculture, presented an interesting application

of GPS technology combined with the Yara (another

nitrogen fertilizer global giant) N-Sensor. Mounted

on a tractor, the N-sensor enables you to evaluate in

real time the nitrogen requirements of a crop in different

areas of the field and to vary, with extreme

precision, the distribution of fertilizer, again in real

time; in practical terms it means high yields and

quality with less waste.

Productive varieties, resistant and high in nutrient

value

At the level of varietal innovation, what is evident is

that breeders, especially the Dutch, who control

about three-quarters of the world market, are increasingly

viewing their options concerning genetic

improvement from a global perspective, especially

since countries like China and India, which have to

feed more than a 1/3 of the human race, have decided

to focus on potatoes in their future food development

programmes.

And that explains the great attention that breeders are

paying to high yields and resistance to viruses and

nematodes, as in Meijer’s Musica and Solana’s

Amanda, or to heat and drought tolerance as in

Danespo’s red Desiree, varieties designed with the

markets of the emerging counties in mind.

In contrast, in the developed countries, both

increasingly demanding consumers and the processing

industry (chips, crisps, etc.) are pressing

for tubers which are high in nutritional value, tasty

and elongated in shape, like Interseeds’s Zorba,

40 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

hanno posticipato di circa 2 settimane l’estirpazione in

Olanda e di ben 3 in Germania e ciò avrà importanti

ricadute sul mercato che, ovviamente, tutti si aspettano

ora in crescita.

A causa del forte ritardo, le previsioni su rese e prezzi,

raccolte tra gli operatori del settore presenti ad

Hannover, sono state ovviamente caute, ma tutte sembrano

andare nella stessa direzione, ovvero rese più

scarse degli ultimi anni. Depurate le cifre dal “gioco delle

parti”, con i produttori sempre a esagerare le perdite e i

traders a minimizzarle, ovviamente per influenzare la

determinazione dei prezzi di mercato, l’attesa è per un -

5/10% in Olanda e un -10/15% in Germania.

Cali tra il 5 e il 50%

Un calo anche solo del 5%, comunque, è un’enormità

per il mercato della patata, la 4a coltura a sfamare

l’umanità dopo riso, grano e mais. Il ministro

dell’Agricoltura dell’Ucraina, ad esempio, a fronte di un

-5% di quest’anno, prevede aumenti del prezzo entro

fine anno fino a +50%. La situazione appare ancora

peggiore in Russia, dove si parla di cali di rese addirittura

tra il 20 e il 50%.

La tendenza a un forte aumento dei prezzi, comunque,

è già stata confermata anche dalla Borsa della Patata

di Bologna durante l’estate e dal mercato dei futures

datati aprile 2011, con aumenti dei prezzi del 50% o

più, rispetto agli stessi periodi del 2009 (circa 180 €/t

contro 120).

Prove di concimazione

Quanto alle novità in fiera, rispetto a Potato Europe

2009 a Emmeloord in Olanda, si sono osservate interessanti

prove di concimazione, organizzate soprattutto

dallo sponsor della manifestazione, il colosso tedesco

dei fertilizzanti potassici e magnesiaci K+S KALI GmbH

di Kassel, mentre la Agri Con GmbH, specialista nell’agricoltura

di precisione, ha presentato un’interessante

applicazione della tecnologia GPS abbinata al sensore

di Azoto N-Sensor della Yara (altro colosso mondiale

degli azotati). Il sensore, applicato alla trattrice, permette

di valutare in tempo reale lo stato nutrizionale azotato

delle colture nei vari lotti di terreno dell’azienda e di

graduare la distribuzione di concimi, pure in tempo reale

e con estrema precisione; in pratica: più produzione e

qualità con meno sprechi.

Varietà produttive, resistenti e ad alto valore nutritivo

A livello varietale si è visto come i costitutori, soprattutto

quelli olandesi, che detengono circa ¾ del mercato

mondiale, abbiano una visione sempre più globale nelle

loro scelte di miglioramento genetico, soprattutto da

quando Paesi come la Cina e l’India, che devono sfamare

più di 1/3 dell’umanità, hanno deciso di puntare

proprio sulla patata come base per i futuri programmi di

sviluppo alimentare.


Europlant’s Erika or Schaap’s Amalia. HZPC, along

with Wilhelm Weuthen, has given particular prominence

to Annabelle, an easy-to-peel potato that is

perfect for salads, while Agrico, secure in its vast

range of products, has highlighted a shift towards

higher nutritional quality, ease of industrial processing

and “sustainable” production, including

organic farming.

An intense debate has been underway among operators

about the future of GMO ever since European

resistance was dented by the Amflora potato produced

by BASF. The company was present at the fair,

satisfied and cautious but evidently already thinking

about Fortuna and Amadea.

All the farmers present were as usual filled with enthusiasm

by the wide range of harvest and post-harvest

machinery on display, with well organized live demonstrations

and commentary by Dr. Rolf Peters from the

Experimental Station Dethlingen in Munster.

(English version by Lawrence Smith)

Ed ecco la grande attenzione per le alte rese e le resistenze

a virus e nematodi, come in Musica della Meijer,

o Amanda di Solana, o la tolleranza a caldo e siccità della

rossa Desiree della Danespo, pensando ai mercati dei

paesi emergenti. I consumatori sempre più esigenti dei

paesi sviluppati e l’industria di trasformazione (patatine,

chips, etc.), invece, spingono a cercare tuberi di alto

valore nutritivo e gustativo, molto allungati, come in

Zorba della Interseed, in Erika di Europlant o in Amalia di

Schaap. HZPC, insieme a Wilhelm Weuthen, ha dato

risalto ad Annabelle, facile da pelare e perfetta per insalata,

mentre Agrico, forte del suo smisurato catalogo, ha

sottolineato l’orientamento verso l’alta qualità nutrizionale,

la facilità di trasformazione industriale e la produzione

“sostenibile”, compresa quella biologica.

Ha ovviamente entusiasmato tutti gli agricoltori presenti,

come al solito, l’ampio spiegamento di macchine per

raccolta e post-raccolta, con prove dal vivo ben programmate

e commentate da Peters della Stazione sperimentale

di Munster.

Market/potatoes forecast

Mercato/previsione patate


Market/italian export

Mercato/export italiano

Italy: fruit and citrus

receipts rising

Italia: frutta e agrumi

saldo in crescita

Mario Schiano lo Moriello Ismea

Exports up, imports down from January through May 2010 helped register a €127

million trade surplus

Tra gennaio e maggio 2010, grazie alle buone esportazioni e alla riduzione

delle importazioni, la bilancia commerciale ha registrato un +127 milioni di euro

The country’s balance of trade in fruit and citrus

commodities through the first five months of this

year showed a€127 million surplus (table 1). The

upswing, which is notably above last year’s figure but

well below the €250 million surplus recorded in 2008,

is largely attributable to strong export and weak

import demand. Export volumes reached a million

metric tons, up a solid 19% on the year, whereas

import volumes fell 17%. Export receipts were up 9%

while import bills dropped 10%. The price trend arrow

pointed downwards for exports, the average falling

8% on the year, whereas the average trend for

imports was up 8%.

N el periodo gennaio-maggio del 2010 (tabella 1)

il saldo della bilancia commerciale di frutta e

agrumi si è attestato a 127 milioni di euro, in forte

ripresa rispetto allo stesso periodo del 2009, ma in

flessione rispetto ai 250 milioni dei primi cinque

mesi del 2008. Il miglioramento del saldo è riconducibile

sia alla buona performance delle esportazioni,

sia alla riduzione delle importazioni. Le spedizioni

hanno superato il milione di tonnellate, in forte

aumento su base annua (+19%), mentre gli arrivi si

sono ridotti del 17%. Gli introiti derivanti dalle

esportazioni sono cresciuti del 9%, mentre gli

esborsi relativi alle importazioni si sono ridotti del


Market/italian export

Mercato/export italiano

A look at the performance of individual export

commodities in Table 2 shows that apple was up

12%, pear up 9%, shelled hazelnut up a strong

44%, avocado jumped a 101% and, in the citrus

column, orange vaulted 143%, lemon rose 37%

and clementine leapt 124%. A glance at prices

shows that strawberry’s list was up 36% and

shelled hazelnut’s up 20%, whereas the list prices

on the year for citrus and pear were notable down

because of surplus supplies compared to 2009. A

dip of 4 and 6% in prices is also seen respectively

for apple and kiwi.

Germany, lead importer

Once again Germany proved to be Italy’s lead

importer, accounting for 28% of total receipts.

Exports to Germany were up 16% by volume and

10% in receipts despite a dip in average unit value

(AUV). In effect, the slip in AUV was found across the

board of Italy’s main export markets and helped push

up volume by 5% to France, 7% to the Netherlands,

TAB. 1 - ITALY'S TRADE IN RUIT, CITRUS AND NUTS (JAN-MAY 2010)

Jan-May

2008

Jan-May

2009

Jan-May

2010

44 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

var. %

2010/09

Export (Tons) 991.170 901.433 1.071.730 18,9%

Export

(.000

Euro)

1.057.882 836.055 911.217 9,0%

AUP Exp / VMU

Exp

(Euro/kg) 1,067 0,927 0,850 -8,3%

Import (Tons) 773.649 901.499 748.873 -16,9%

Import

(.000

Euro)

808.892 874.179 784.555 -10,3%

AUP Imp / VMU

Imp

(Euro/kg) 1,046 0,970 1,048 8,0%

Balance / Saldo (Tons) 217.521 -66 322.857 490764%

Balance / Saldo

Normalised

(.000

Euro)

248.990 -38.125 126.662 432%

balance/Saldo

normalizzato

Source: Eurostat

(%) 13,6 -2,2 7,6 9,8%

10%. La dinamica dei prezzi si presenta negativa per

i prodotti esportati i cui listini si sono ridotti in media

dell’8% su base annua, mentre quelli dei prodotti

importati sono cresciuti dell’8%.

Per quanto riguarda le esportazioni (tabella 2), nel periodo

considerato sono andate bene le spedizioni di mele

(+12%), pere (+9%), nocciole sgusciate (+44%), avocado

(+101%) ed agrumi, in particolare arance (+143%),

limoni (+37%) e clementine (+124%). Sul fronte dei prezzi,

su base annua, si registra l’aumento dei listini per fragole

(+36%) e nocciole sgusciate (+20%), mentre quelli

di agrumi e pere si contraggono fortemente a causa

della maggiore offerta rispetto allo stesso periodo del

2009. Lievi flessioni dei prezzi sono state riscontrate per

mele e kiwi, rispettivamente del 4 e 6%.

Germania, primo mercato

La Germania si conferma il primo mercato di sbocco

con il 28% degli introiti complessivi dell’Italia.

L’incremento delle spedizioni verso la Germania (+16%)

ha consentito l’aumento degli introiti (+10%) nonostante

la flessione del valore medio unitario. La riduzione del

prezzo medio dei prodotti esportati ha riguardato tutti i

principali mercati di sbocco ed ha determinato

l’aumento dei quantitativi spediti: Francia +5%, Spagna

+12%, Svizzera +15%, Austria +29%, Russia +32% e

Paesi Bassi +7%.

In tale contesto fa eccezione il Regno Unito che ha

ridotto i volumi importati dall’Italia (-8%), a fronte di un

aumento del 4% dei listini medi. In particolare, si sono

ridotte le spedizioni di mele scese a 14.500 tonnellate (-

19%) e kiwi 11.400 tonnellate (-20%).

In merito alle importazioni di frutta e agrumi (tabella 3),

nel periodo in esame, le banane costituiscono oltre il

40% dei volumi in ingresso in Italia. Il prezzo delle banane

si è ridotto del 14% su base annua, ma a ciò non è

corrisposto un aumento delle quantità importate che

anzi si sono ridotte del 4%.

Su base annua si sono ridotte anche le importazioni di

pere (-34%) e clementine (-28%) grazie alle maggiori

disponibilità di prodotto nazionale. L’aumento del prez-


TAB. 2 - FRUTTA E AGRUMI – ESPORTAZIONI ITALIA PER PRODOTTO (GEN-MAG 2010)

IN VOLUME IN VALUE / IN VALORE AUP / VMU

Share /

Quota

Tons

Var. %

vs. 2009

Share /

Quota

.000 Euro

Var. %

vs. 2009

Euro / kg

Var. %

vs. 2009

Fruit, nuts and citrus /

Frutta fresca, in guscio ed agrumi

100% 1.071.727 18,9% 100% 911.217 9,0% 0,850 -8,3%

Apples / Mele 39% 418.948 11,8% 31% 284.422 6,9% 0,679 -4,3%

Kiwifruit / Kiwi 23% 246.132 1,3% 22% 200.834 -5,0% 0,816 -6,2%

Oranges / Arance 11% 118.510 142,5% 7% 63.967 82,6% 0,540 -24,7%

Pears / Pere 5% 54.275 9,1% 6% 56.352 -10,2% 1,038 -17,7%

Strawberries / Fragole 1% 15.856 -0,3% 5% 42.530 35,3% 2,682 35,8%

Shelled Hazelnuts / Nocciole sgusciate 1% 6.018 43,7% 3% 28.075 71,9% 4,665 19,6%

Bananas / Banane 4% 37.750 -28,4% 3% 24.813 -38,7% 0,657 -14,4%

Avocados / Avocado 2% 17.652 101,2% 2% 20.812 38,9% 1,179 -31,0%

Lemons / Limoni 3% 26.871 36,6% 2% 19.985 40,2% 0,744 2,6%

Clementines / Clementine 3% 29.344 123,9% 2% 19.091 108,8% 0,651 -6,7%

Other / Altro

Fonte: Eurostat

9% 100.372 42,2% 16% 150.337 12,0% 1,498 -21,2%

TAB. 3 - FRUTTA E AGRUMI – IMPORTAZIONI IN ITALIA PER PRODOTTO (GEN-MAG 2010)

IN VOLUME IN RECEIPTS / IN VALORE AUP / VMU

Share /

Quota

Tons

Var. %

vs. 2009

Share /

Quota

.000 Euro

Var. %

vs. 2009

Euro / kg

Var. %

vs. 2009

Fruit, nuts and citrus /

Frutta fresca, in guscio ed agrumi

100% 748.873 -16,9% 100% 784.555 -10,3% 1,048 8,0%

Banana / Banane 41% 305.504 -3,9% 22% 172.855 -17,5% 0,566 -14,1%

Pear / Pere 8% 60.830 -34,4% 7% 57.654 -27,6% 0,948 10,5%

Strawberry / Fragole 4% 29.867 5,1% 7% 54.353 11,2% 1,820 5,7%

Shelled Hazelnut/ Nocciole sgusciate 1% 8.756 -18,6% 6% 43.187 -4,6% 4,932 17,1%

Shelled Almond / Mandorle sgusciate 2% 12.006 37,7% 5% 40.404 49,9% 3,365 8,8%

Pineapple / Ananas 8% 62.732 2,5% 5% 39.551 0,6% 0,630 -1,9%

Pistachio / Pistacchi 1% 4.929 26,6% 5% 36.410 50,8% 7,387 19,1%

Clementine / Clementine 5% 36.718 -28,1% 4% 34.566 -18,8% 0,941 13,0%

Grape / Uve da tavola 2% 12.830 -9,6% 3% 23.532 10,8% 1,834 22,6%

Pine nut / Pinoli 1% 6.347 165,5% 3% 22.360 57,6% 3,523 -40,6%

Other / Altro

Source: Eurostat

28% 208.355 -32,8% 33% 259.684 -19,5% 1,246 19,9%

12% to Spain, 15% to Switzerland and a solid 29% to

Austria and 32% to Russia.

The only exception to this trend in volumes was the

UK’s 8% slide because of the 4% rise in average list

prices. The volume loss leaders were apple at 14,500

tons, down 19%, and kiwi at 11,400, off 20%.

A closer look at the fruit and citrus imports in Table 3

shows that banana alone accounted for more than

40% of Italy’s total volume. While the price of banana

was down 14% on the year, it did not lead to a rise in

imports, which were off 4%.

zo delle nocciole sgusciate (+17%) ha determinato una

riduzione di analoga entità dei quantitativi importati. Di

contro, sono aumentate le importazioni di altra frutta a

guscio: mandorle (+38%) e pistacchi (+27%), in entrambi

i casi sulla base di listini in aumento.

Da segnalare l’incremento delle importazioni di pinoli

che, agevolate dalla riduzione del prezzo medio, nei

primi cinque mesi del 2010 hanno raggiunto quota

6.350 tonnellate. I pinoli, provenienti per lo più dal

Portogallo, sono destinati alle industrie di trasformazione

che preparano pesto ed altre salse vegetali.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

45

Market/italian export

Mercato/export italiano


Market/italian export

Mercato/export italiano

Other imports that fell on the year were pear, off 34%,

and clementine, off 28%, largely thanks to surplus

domestic supplies. The 17% rise in hazelnut prices

led to a drop in import volume. By contrast, other nut

imports rose notably, including the 38% registered by

unshelled almond and the 27% of unshelled pistachio,

the list prices of both having risen as well.

Notable in this connection too is the rise to 6,350 tons

of pine nut imports, a performance driven by the rise

in its average price. Most of the imports came from

Portugal and were earmarked for the processors of

pesto and other plant-based sauces.

Non-EU exporters top the charts

Italy purchases 62% of its fruit and citrus imports from

non-EU suppliers. Import volumes from these trading

partners were down 4% on the year on stable prices.

Ecuador is the leading exporter to Italy with 148 thousand

tons, off 10% on a 13 drop in prices 13%.

The country’s imports from Spain fell 51% by volume

to nearly 11 thousand tons, although the average

price rose a notable 46%. In effect, Italy’s imports of

orange collapsed, plunging 85% from 82 to 12 thousand

tons, those of clementine fell 30% from 44 to 31

thousand tons and those of lemon by no less than

58% from 21 to 9 thousand. By contrast, imports from

the US rose 2%, from Costa Rica by 26%, from Israel

by 33% and from Colombia by 21%. Noteworthy here

was the 55% rise to 14,500 tons of avocado imports

from Israel over the first five months of the year.

Imports by Italy from Spain, France, Ecuador and

Turkey were down.

Pineapple, strong volumes

Italy’s fruit and citrus imports fell considerably from

Argentina and Chile, with volumes respectively down

by 43 and 31%.

By contrast, Figure 1 shows that Italy’s exports of

kiwi, which are shipped from October to May, were

higher than those of the last two years. The flip side

of this picture, however, is that prices were very low

46 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

TAB. 4 - ITALY'S TRADE IN POTATO & VEGETABLES, CITRUS FRUIT

AND NUTS (JAN-MAY 2010)

Jan-May

2008

Jan-May

2009

Jan-May

2010

var. %

2010/09

Export (Tons) 663.978 564.971 686.170 21,5%

Export

(.000

Euro)

626.425 631.760 765.264 21,1%

AUP Exp /

VMU Exp

(Euro/kg) 0,943 1,118 1,115 -0,3%

Import (Tons) 911.941 955.658 960.189 0,5%

Import

(.000

Euro)

561.110 605.961 621.539 2,6%

AUP Imp / VMU

Imp

(Euro/kg) 0,615 0,634 0,647 2,1%

Balance / Saldo (Tons) -247.963 -390.687 -274.019 -29,9%

Balance / Saldo

(.000

Euro)

65.314 25.799 143.725 457,1%

Normalised/Saldo

normalizzato

Source: Eurostat

(%) 4,2 1,6 8,3 670,5%

Extra Ue al top tra i fornitori

Tra i mercati di approvvigionamento, i paesi extra Ue forniscono

il 62% delle quantità di frutta ed agrumi importate

dall’Italia. Nel periodo in esame i volumi provenienti

dall’area extra Ue si sono ridotti del 4%, sulla base di

prezzi stabili. L’Ecuador è il primo fornitore con 148mila

tonnellate in flessione del 10% e con prezzi che si sono

ridotti del 13%.

Le importazioni dalla Spagna si sono ridotte del 51% in

termini di volume, arrestandosi a circa 11mila tonnellate,

mentre il prezzo medio è aumentato del 46%. In particolare,

sono crollate le importazioni italiane di agrumi

dalla Spagna: quelle di arance da 82 a 12mila tonnellate

(-85%), quelle di clementine da 44 a 31mila tonnellate

(-30%) e quelle di limoni da 21 a 9mila tonnellate (-

58%). Di contro, sono aumentate le importazioni da

USA (+2%), Costarica (+26%), Israele (+33%) e

Colombia (+21%).

In particolare, si segnala l’incremento delle importazioni

di avocado da Israele che, nei primi cinque mesi del

2010, hanno raggiunto quota 14.500 tonnellate (+55%).

Tra i principali fornitori si sono ridotte le spedizioni verso

l’Italia da parte di Spagna, Francia, Ecuador e Turchia.

Ananas, volumi sostenuti

Particolarmente significativa la contrazione delle importazioni

da Argentina e Cile, con flessioni in termini di

volume rispettivamente del 43 e 31%.

Le esportazioni di kiwi dell’Italia (si veda la figura 1) sono

concentrate nel periodo che va da ottobre e maggio. La

campagna 2009/10 è stata caratterizzata da livelli delle

spedizioni costantemente superiori a quelli relativi al

biennio precedente. I prezzi però sono stati molto bassi

ed il valore medio non ha mai raggiunto quota 0,90

euro/kg.

Le importazioni di ananas (si veda la figura 2) presenta-


Market/italian export

Mercato/export italiano

and the average value

never hit €0.90 a kilo.

Figure 2 shows that

while pineapple imports

hit a peak in December

coinciding with the

Christmas holidays, they

remained on the

upswing through the rest

of winter and spring, a

performance largely due

to its being seen as a

good, and tropical, alternative

to apple, pear,

kiwi and citrus. The average

price over the first five months of the year was

below that of the last two years and helped drive up

imports in February, March and April.

Vegetables and potato in top form

Table 4 shows that the balance of trade for vegetables

and potato over the first five months of 2010 was very

good, registering a surplus of €144 million, up over

both of the past two years. The engine driving this

showing was the 12% rise in Italy’s exports, which

were buoyed by list prices that remained unchanged

on the year. Although imports held more or less

steady with respect to the same period in 2009, the

bill rose on the 2% rise in average prices.

A closer look at the performance of exports in Table 6

shows that tomato posted a notably good showing,

rising a strong 32% despite a 3% upswing in the

average price. Exports of salad greens, radicchio,

cauliflower, broccoli and fennel rose on sliding prices,

with the 22% drop in radicchio and the 34% in fennel

leading the way. Postings over these first months of

2010 were also positive for spring potato, sweet pepper

and radish, all rising by volume on rising prices.

By contrast, the dip in average prices failed to boost

volumes of carrot and German turnip.

Imports, average prices up

A closer look at the country’s imports shows that volumes

were notably up for the common potato, pulses

and green bean, whereas they were down for

sweet pepper, tomato, spring potato, salad greens,

garlic, onion and artichoke, a trend driven by higher

average prices. The biggest hikes in the latter were

the surprising 65% posted by garlic, the 42% by

onion, the 31% by sweet pepper and salad greens

and the 14% by tomato.

The leading vegetable and potato exporters to Italy

are Spain, France and Egypt. France was the only one

of the three registering a rise (20%) in export volumes

to Italy on the year, whereas Spain exhibited the

sharpest drop, 16%, mainly because of the 33%

48 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

no un picco a dicembre in

concomitanza con le

festività natalizie, ma

sono comunque sostenute

nei mesi invernali e primaverili,

allorquando rappresentano

un alternativa

esotica al consumo mele,

pere, kiwi ed agrumi. Nei

primi mesi del 2010 il

prezzo medio è risultato

inferiore a quello del biennio

precedente e ciò ha

determinato un incremento

delle importazioni nei

mesi di febbraio, marzo ed aprile.

Ortaggi e patate, ottimo risultato

Nel periodo gennaio-maggio 2010 il saldo della bilancia

commerciale di ortaggi e tuberi (tabella 4) ha registrato

un ottimo risultato, attestandosi a 144 milioni di Euro e

migliorando su base annua, sia rispetto al 2009, sia

rispetto al 2008. Ciò è da porre in relazione con l’ottima

performance delle esportazioni che nel periodo in

esame sono cresciute del 21%, agevolate da listini che

si presentano invariati rispetto allo stesso periodo del

2009. Le importazioni sono rimaste pressoché invariate

rispetto ai primi cinque mesi del 2009, ma il relativo

esborso è cresciuto a causa dell’apprezzamento dei

listini medi (+2%).

Sul fronte delle esportazioni (tabella 6), si segnala la

campagna particolarmente positiva dei pomodori, le cui

spedizioni sono cresciute del 32% nonostante

l’aumento del 3% del prezzo medio. Le esportazioni di

insalate, radicchi, cavolfiori, broccoli e finocchi, invece,

sono cresciute anche grazie alla contrazione dei prezzi

che è stata particolarmente sostanziosa per radicchi (-

22%) e finocchi (-34%). Positivo l’inizio del 2010 per

patate di primizia, peperoni e ravanelli che hanno registrato

un incremento dei volumi sulla base di listini in

aumento. Di contro, per carote e cavoli rapa le riduzioni

dei listini non sono risultate adeguate per incrementare

le spedizioni.

Import, prezzi medi in aumento

Per quanto riguarda le importazioni, tra le principali referenze

sono aumentati gli arrivi di patate comuni, fagioli

secchi e fagiolini. Di contro, si sono ridotti i volumi in

entrata di peperoni, pomodori, patate di primizia, insalate,

aglio, cipolle e carciofi anche a causa dell’aumento

dei prezzi medi all’importazione. In particolare, si segnala

l’aumento su base annua del prezzo di aglio (+65%),

cipolle (+42%), peperoni ed insalate (+31%) e pomodori

(+14%).

I principali fornitori dell’Italia sono Spagna, Francia ed

Egitto. Tra questi solo la Francia ha incrementato i volu-


slump in tomato and the 15% in sweet pepper. In

effect, Spain’s tomato exports have been exhibiting a

downward trend over the last two years, going from a

high of 24 thousand tons in 2008 to 18 thousand in

2009 and to 12 thousand so far in 2010.

Sweet pepper tells another tale. For, despite the

Spanish slide it showed, the overall volumes exported

over the first five months of the year rose to nearly 27

thousand tons.

A look at imports from non-EU trading partners shows

an overall drop of 10%. Exports to Italy by Third

Mediterranean Country (TMC, North African

exporters) suppliers fell 14%. The loss leaders in this

case were Turkey, off 33%, and Morocco, down 31%,

whereas the opposite side, and sign, of the accounts

ledger shows that Tunisia posted a 22% rise in

exports to Italy, with the 3,400 tons of watermelon,

the 2,700 of spring potato and the 1,350 of artichoke

leading the way.

Radicchio off to a slow start

As Figure 3 indicates, Italy’s exports of radicchio

cover the months from November to May. The season

just ended was marked by a slow start. Volumes

were below average at first and then picked up

speed from February to April, closing the season

with numbers above those of the last two years,

although average prices fell below those of 2009 to

the mid-to-low levels last seen in 2008.

mi spediti verso l’Italia +20% su base annua, mentre gli

arrivi dalla Spagna si sono ridotti del 16%, a causa della

flessione registrata da peperoni (-15%) e pomodori (-

33%). Per quanto riguarda i pomodori, le importazioni

dalla Spagna si sono ridotte dalle 24mila tonnellate relative

ai primi cinque mesi del 2008, alle 18mila dell’analogo

periodo del 2009, alle 12mila tonnellate del 2010.

Per i peperoni, invece, nonostante la flessione registrata,

le importazioni relative ai primi cinque mesi del 2010

sono ammontate a circa 27mila tonnellate.

Le importazioni dai Paesi Extra Ue si sono ridotte del

10%. Tra questi i Paesi Terzi del Mediterraneo (PTM)

hanno ridotto le esportazioni verso l’Italia del 14%. Le

flessioni più consistenti hanno riguardato Egitto (-9%),

Israele (-24%), Turchia (-33%) e Marocco (-31%). In

controtendenza la Tunisia le cui esportazioni verso l’Italia

sono cresciute del 22%, in particolare angurie (3.400

tonnellate), patate primaticce (2.700 tonnellate) e carciofi

(1.350 tonnellate).

Radicchi, avvio lento

Le esportazioni di radicchi sono concentrate nel periodo

compreso tra novembre e maggio (si veda la figura

3). L’ultima campagna è stata caratterizzata da una partenza

lenta con volumi al di sotto della media per poi

accelerare tra febbraio e aprile 2010 con spedizioni

superiori a quelle osservate nel biennio precedente,

anche se sulla base di quotazioni inferiori a quelle del

2009 e tornate sui livelli medio-bassi del 2008.

Market/italian export

Mercato/export italiano


Market/italian export

Mercato/export italiano

TAB. 5 - ITALY'S VEGETABLE & POTATO EXPORTS BY ITEM (JAN-MAY 2010)

IN VOLUME RECEIPTS / IN VALORE AUP / VMU

Share /

Quota

Tons

Var. %

vs. 2009

Share /

Quota

.000 Euro

Var. % vs.

2009

Euro / kg

Var. %

vs. 2009

Vegetables and tubers /

Ortaggi e tuberi

100% 686.164 21,5% 100% 765.264 21,1% 1,115 -0,3%

Tomato / Pomodori 10% 67.704 32,4% 15% 116.141 36,2% 1,715 2,9%

Salads / Insalate 12% 81.001 60,8% 17% 126.478 53,9% 1,561 -4,3%

Cauliflower & broccoli /

Cavolfiori e broccoli

8% 53.160 67,1% 6% 49.214 54,0% 0,926 -7,9%

Early potatoes / Patate di primizia 14% 94.870 7,7% 6% 42.656 16,7% 0,450 8,4%

Chicory / Radicchi 5% 35.356 27,1% 5% 40.541 -1,0% 1,147 -22,1%

Sweet pepper / Peperoni 3% 22.580 4,8% 5% 37.205 35,0% 1,648 28,8%

Cabbage & Kohlrabi /

Cavoli e cavoli rapa

7% 44.997 -4,6% 5% 35.758 -5,2% 0,795 -0,7%

Radish / Ravanelli 6% 39.569 5,8% 5% 35.711 19,4% 0,903 12,9%

Carrot / Carote 7% 50.659 -2,9% 4% 30.734 -15,5% 0,607 -13,0%

Fennel / Finocchi 4% 27.745 41,1% 3% 25.228 -6,7% 0,909 -33,9%

Other / Altro

Sourcee: Eurostat

25% 168.523 22,3% 29% 225.598 15,0% 1,339 -6,0%

Interestingly, common potato imports over the first five

months of the year rose notably, posting higher numbers

than it did the last 2 years, as we can see in Figure 4.

Volumes were essentially driven by very los list prices,

which fell below €0.15 a kilo between August 2009 and

March 2010 and then inched up to €0.20 a kilo by May

of this year. The good news here is that the poor harvests

in Italy and throughout Europe this summer make

it easy to project prices over €0.30 a kilo for the last two

quarters of 2010 and the first two of the 2011 season.

(English version by David Verzoni)

50 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Nei primi cinque mesi del 2010, le importazioni di patate

comuni sono avvenute ad un ritmo molto sostenuto e

sono state superiori rispetto allo stesso periodo del

biennio precedente (si veda la figura 4). Le importazioni

sono state agevolate dal bassissimo livello delle quotazioni,

che tra agosto 2009 e marzo 2010 è stato inferiore

a 0,15 Euro/kg, per poi salire fino ai 0,20 Euro/kg

registrati a maggio 2010. Lo scarso raccolto dell’estate

2010, sia in Italia, sia in Europa, lascia facilmente presagire

quotazioni superiori a 0,30 Euro/kg per l’ultima

parte del 2010 e per il primo semestre 2011.

TAB. 6 - ITALY'S VEGETABLE & POTATO EXPORTS BY ITEM (JAN-MAY 2010)

IN VOLUME IN VALUE / IN VALORE AUP / VMU

Share /

Quota

Tons

Var. %

vs. 2009

Share /

Quota

.000 Euro

Var. %

vs. 2009

Euro / kg

Var. %

vs. 2009

Vegetables & potato/

Ortaggi e tuberi

100% 960.188 0,5% 100% 621.539 2,6% 0,647 2,1%

Sweet pepper / Peperoni 5% 49.400 -13,2% 12% 72.501 13,4% 1,468 30,6%

Tomato / Pomodori 4% 39.089 -28,3% 7% 44.507 -18,6% 1,139 13,6%

Spring potato / Patate di primizia 13% 125.072 -5,9% 7% 43.844 -0,2% 0,351 6,0%

Potato / Patate 26% 250.109 27,6% 7% 42.435 20,3% 0,170 -5,7%

Pulses / Fagioli secchi 5% 46.069 10,3% 5% 33.568 13,8% 0,729 3,2%

Salad greens / Insalate 3% 25.237 -6,3% 4% 24.307 22,7% 0,963 31,0%

Garlic / Aglio 1% 10.654 -2,3% 4% 22.848 61,1% 2,144 64,8%

Onion / Cipolle 4% 41.014 -7,1% 3% 16.660 32,1% 0,406 42,2%

Gree bean / Fagiolini 1% 10.045 1,6% 3% 15.908 -2,6% 1,584 -4,1%

Artichoke / Carciofi 1% 10.783 -32,5% 2% 10.924 -30,8% 1,013 2,5%

Other / Altro

Source: Eurostat

37% 352.714 -3,6% 47% 294.038 -2,0% 0,834 1,7%


Market/Thailand

Mercato/Tailandia

From the “Land of Smiles”

fresh tropical fruit

Dalla “terra dei sorrisi”

frutta fresca tropicale

Rungsaran Wongprawmas

New business opportunities are opening up for Thailand’s fruit commodities,

which posted export receipts of nearly €610.6 million in 2009 on a volume of

more than 1 million 300 thousand tons.

Cresce l’interesse commerciale verso la produzione tailandese che, nel 2009, è stata

esportata per un valore di circa 610,6 milioni di euro: più di un milione e trecento tonnellate

di frutta.

While Thailand has long been well known as the “Land

of Smiles” thanks to its image as tropical holiday

country, some people also know Thailand as a land of

tropical fruits and spicy cuisine. Thailand is blessed with a

hot tropical climate and abundant rainfall, ideal conditions

for growing a wide range of tropical fruits all year round. In

other words, Thai fruits have high quality with sublime fragrances,

ripe colors, juicy flesh and unique taste. Indeed,

some Thai fruits are incredibly sweet and juicy. While the

taste of some may, at first, seem strange and exotic to visitors

and foreigners, they soon discover that these fruits

add a delightful exotic, different dimension of taste and

flavour to the sensory perceptions they ordinarily expect.

Year-round supplies

Thais have strong bond with fruit, a tradition that begins

not long after birth and returns regular at many other

occasions in life. In fact, the first meal for Thai babies after

breast milk is “Nam Wa” banana since it is high in nutritional

properties and easy to digest. In summer, “Kaw

Neaw Ma Muang”, ripe mango with sticky rice dressed

with coconut milk, is the most famous dessert, while at

La Tailandia, considerata da sempre un’isola tropicale perfetta

per le vacanze esotiche, è famosa come la “terra dei

sorrisi” per i frutti tropicali e per la cucina speziata. Il clima

tropicale caldo e ricco di precipitazioni la rende tutto l’anno

una terra ideale per la coltivazione di molte specie di frutta

tropicale. La frutta è, infatti, di ottima qualità e presenta delle

fragranze, dei colori, dei sapori che la rendono assolutamente

unica. Alcuni frutti sono incredibilmente dolci e succosi:

in un primo momento i visitatori e gli stranieri possono

anche trovare il loro gusto strano e troppo esotico, ma successivamente

si rendono conto che tali frutti aggiungono

una nota deliziosamente esotica e originale a quanto si è

solitamente abituati.

La disponibilità durante l’anno

Per tradizione, i tailandesi hanno, sin dalla nascita e in

molte occasioni della loro vita, un rapporto molto stretto

con la frutta. Il primo pasto dello svezzamento, subito

dopo il latte materno, è la banana Nam Wa, molto

nutriente e molto digeribile. D’estate il Kaw Neaw Ma

Muang (mango maturo con riso dolce e latte di cocco) è

il dessert più diffuso, mentre alla fine dell’estate e all’inizio


the end of summer and the beginning of the rainy season

‘Durian’ or ‘king of tropical fruits’ and ‘Mangosteen’ or

‘queen of tropical fruits’ are the best combination in town,

along with the sumptuous ‘Rambutan’ and lychee with

their sweet juicy taste. The best season for Orange is winter

since it is high in vitamin C and is highly recommended

at this time of the year. In addition, there are plenty of

fruits available the whole year round, including banana,

guava, pomelo and papaya. Thais get used to eating fruit

anytime, anywhere, as first and main dishes (freshly slice

in salad or cooked in any number of dishes, desserts,

between-meal snacks (mostly preserved and dried).

In 2007, Thailand produced 8.95 million metric tons of

fruit, a figure that amounted to a 1.61% share of world

fruit production. Although most of the tropical fruits

grown in Thailand are domestically consumed, more

and more are being exported every year. Indeed, more

than 30% of the total crop of durian, longan and lychee

is exported today to the United States, China and neighbouring

countries, the member states of the European

Union and Japan. In 2009, Thailand exported more than

1.3 million tons of fruit, for receipts approaching €610.6

million, the main commodities being longan, durian,

mangosteen, pineapple and mango.

Government incentive programmes bolster production

and trade

The Thai government has drawn up a number of policy

tools to support Thai fruits for export, incentive packages

that range in scope from production in the field to

marketing in the international arena. Notable in this connection

are several programs started in 2009. These

include GAP farming support, chemical residue control,

‘SR Mark’ (Social Responsibility Mark) for contract farming,

improvement of post-harvest technology and logistic

services, ‘Thailand Best Friends’ programme

designed to establish strong partnerships, branding Thai

products under ‘Thailand's Brand’ scheme and public

relations via the internet in Italian, German, Polish,

Japanese and Chinese. Thailand thus has a lot of reasons

to expect that Thai fruit exports will keep expanding,

with new markets opening up all over the world.

della stagione delle piogge il

Durian, ovvero il “re della frutta

tropicale” e la Mangoesteen, o

“la regina della frutta tropicale”,

sono i migliori frutti del periodo,

mentre il Rambutan e il

Lychee, con il loro sapore

dolce e succoso, sono perfetti

per ogni periodo. La stagione

migliore per l’arancia, invece, è

l’inverno, perché l’arancia contiene

la vitamina C che è molto

consigliata in quel periodo.

Ci sono, inoltre, molti frutti

disponibili tutto l’anno, quali la banana, il guava, il pomelo

e la papaya. I tailandesi sono dunque abituati a consumare

la frutta in ogni momento e occasione, come

antipasto e come portata principale, (fresca, in insalata

e/o macedonia, oppure cotta e preparata in piatti diversi),

come dessert o come merenda, e in questo caso si

tratta soprattutto di frutta conservata o essicata.

Nel 2007 la Tailandia ha prodotto 8,95 milioni di metri

cubi di tonnellate di frutta, il che corrisponde all’1,61%

dell’intera produzione mondiale. Benché la maggior

parte dei frutti tropicali prodotti in Tailandia siano consumati

sul mercato interno, c’è stato un incremento

annuo delle esportazioni. In particolare, più del 30%

della produzione totale di durian, longan e lychee è

stato esportato rispettivamente negli Stati Uniti, in Cina

e in altri paesi asiatici, dell’Unione Europea e in

Giappone. Nel 2009 la Tailandia ha esportato più di un

milione e trecento tonnellate di frutta, per un valore

approssimativo di circa 610,6 milioni di euro. I prodotti

principali sono longan, il durian, il mangoesteen,

l’ananas e il mango.

Programmi governativi a sostegno di produzione e

distribuzione

Il governo ha avviato varie politiche di sostegno alla coltivazione,

alla produzione e alla diffusione internazionale

della propria frutta. Sono molti i programmi avviati a questo

scopo nel 2009 in pieno svolgimento. Uno di essi è il

programma GAP per la coltivazione e per il controllo dei

residui chimici; un altro è il programma di responsabilità

sociale SR Mark, che tutela i contratti dei produttori,

incentiva i miglioramenti delle teconologie del post-raccolto

e quelli della logistica; un altro ancora è quello

denominato ‘Thailand Best Friends’, lanciato allo scopo

di promuovere il marchio ‘Thailand’s Brand’ che raggruppa

i prodotti tailandesi facendoli conoscere grazie a campagne

di pubbliche relazioni via internet in italiano, tedesco,

polacco, giapponese e cinese.

Per tutte queste ragioni la Tailandia si aspetta che la produzione

di frutta continui a crescere e la sua diffusione

nel mondo aumenti, conquistando nuovi mercati.

(Traduzione dall’inglese di Marina Zaccarini)

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

53

Market/Thailand

Mercato/Tailandia


Market/Tunisia

Mercato/Tunisia

Italy’s ties to Tunisia

getting closer and closer

Legami sempre più stretti

tra Italia e Tunisia

Paolo Battistel Ceres Srl – Agricultural Consultants

The North African country’s farm sector now accounts for a sixth of its GDP and

European investors are helping to upgrade it further

Nel paese nordafricano l’agricoltura vale un sesto di PIL e, anche grazie agli incentivi

per gli investitori europei, sta modernizzando le tecniche di produzione

P erhaps not many people know that Tunis is quite a

few kilometres north of Pachino in Sicily. We often

think of Africa as some sort of far-away, dark-shrouded

continent whereas, in fact, Tunisia is really part of Italy’s

‘backyard garden’, and not just in a geographical sense

given the ever closer economic links the two countries

have forged over the last 5-10 years.

The famous “motorways of the sea” appear to be

open and running between Italy and its North African

neighbour. Indeed, the Genoa Port Authority recently

initialled landmark accords with its Tunis counterpart

such that cargo traffic between them rose more than

40% in the first few months of 2010. Today a lorry

with a load of oranges or tomatoes operating within a

100-200-km radius of Tunis can deliver to the Verona

municipal market in fewer than 26-28 hours via

express ferry services shuttling daily to Genoa.

There are also two other factors at work here that we

mustn’t forget. One is that Tunisia, the other countries

in North Africa and their Levantine neighbours Turkey,

A greenhouse in Tunisia.

Un impianto per colture protette in Tunisia.

54 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Pochi forse sanno che Tunisi è situata parecchi chilometri

a nord di Pachino, in Sicilia. Ci si immagina

l’Africa come un continente nero e lontanissimo, invece

la Tunisia fa parte veramente del “giardino di casa” italiano,

non solo geograficamente, ma anche per le sempre

più strette connessioni economiche che si sono

consolidate tra i due Paesi negli ultimi 5-10 anni.

Le famose “autostrade del mare” sembrano proprio funzionare

tra l’Italia e il vicino nordafricano. L’Autorità portuale

di Genova ha siglato recentemente importanti

accordi di collaborazione con quella tunisina, tanto che

nei primi mesi del 2010 il traffico merci è già aumentato di

oltre il 40%. Un camion che carica arance o pomodori nel

raggio di 100-200 km da Tunisi, oggi può essere in mercato

a Verona in meno di 26-28 ore, utilizzando traghetti

veloci che fanno la spola quotidianamente con Genova.

A ciò si aggiungano altri due importanti fattori: la Tunisia,

assieme agli altri Paesi del Nord Africa, cui si aggiungono

Turchia, Giordania, Siria e Libano, fa parte dell’Area

di Libero Scambio, già operativa da quest’anno, che

porterà rapidamente alla scomparsa di quote e dazi

d’importazione con l’Europa.

In più, il governo tunisino sta attirando con molte proposte

allettanti gli investimenti europei, italiani in particolare:

terre demaniali a tariffe irrisorie, iter burocratici privilegiati

per avviare nuove attività produttive o commerciali,

contributi all’esportazione, “free zones” esentasse,

oltre, ovviamente, a una situazione politica relativamente

stabile e a un’ampia disponibilità di manodopera a

bassissimo costo (inferiore a 1 €/h), che è tra i fattori

oggi più ricercati dagli investitori europei all’estero.

Settore fondamentale

L’agricoltura tunisina è indubbiamente un settore fonda-


Syria, Jordan and the Lebanon are all part of the Free-

Trade zone that kicked off this year and should shortly

lead to the dismantling of all import tariffs and other

barriers to goods headed for Europe.

Then there’s the fact that the Tunisian government has

been busy attracting direct foreign investments from

Europe in general and Italy in particular by offering stateowned

land at rock-bottom prices with a minimum of

red tape for start-up businesses and farms, export subsidies,

tax-free areas, a package that of course is

backed by a relatively stable political atmosphere and a

large, low-cost labour pool (less than a €1/hr), a deal

that European investors find hard to resist.

A key sector

Farming is without doubt a mainstay of Tunisia’s economy,

currently accounting for a 1/6 of GDP, a 1/6 of its work

force and no less than 10% of its investment portfolio.

From a climatic point of view, the country’s landscape

is strikingly similar to southern Sicily’s, especially in the

northern areas around Tunis and Bizerte. The southern

part of the country, where Sfax is the hub city, is hotter,

drier and sunnier still and, as a result, is a perfect area

for such traditronal Mediterranean crops as olive, citrus,

table grape, stone fruits like peach, apricot and

plum, winter greenhouse vegetables like tomato, sweet

pepper, aubergine and spring potato (from January to

March and April to June), and even almond and dates,

Tunisia being the world’s leader of the latter.

Other important foodstuffs include wheat and oats,

sheep-goat dairy products and fish.

Apart from climate, Tunisia also shares with Sicily

scant rainfall that has become even scarcer in recent

years. This has meant a dearth of fresh water for crop

irrigation, an especially limiting factor when it comes

to fruit and vegetables. It is the first thing one must

factor into any investment equation in the country.

Companies based in Italy’s Emilia Romagna Region

were the first to pursue expansion opportunities in the

country for their operations. Today there are more

than 60 big agribusiness firms with holdings in this

North African country, including Apofruit and Mazzoni

in the production end and the MFC consortium with

20 regional member firms offering extension services,

for an overall turnover of nearly a billion euros.

A burst of organics

Although Tunisian growers are still somewhat behind

when it comes to tunnel-forced vegetable crops, the

first signs that it is beginning to catch up are appearing

thanks to investments by Italian, Spanish and,

above all, French companies, the latter getting a big

boost from a shared linguistic tradition. An important

role in the growth of this sector, including grower

training and extension work, is being played by our

Agronomic Institute based in Bari and such industry

Tunisia is the world leader for dates.

La Tunisia è leader mondiale nella produzione di datteri.

mentale dell’economia: produce 1/6 del PIL e assorbe

1/6 della forza lavoro e il 10% degli investimenti.

Dal punto di vista climatico il paesaggio è molto simile al

Sud della Sicilia, soprattutto nel Nord (Tunisi e Bizerta). Il

Sud (Sfax) è ancora più caldo, secco e soleggiato e di

conseguenza ci sono tutte le condizioni per attuare le produzioni

tipiche mediterranee: olivo, agrumi, uva e frutta

precoce con nocciolo (pesca, albicocco, prugna), ortaggi

sotto serra a ciclo invernale (pomodoro, peperone, melanzana),

patate novelle (sia invernali da gennaio a marzo, sia

primaverili da aprile a giugno), fino al mandorlo e alla

palma da datteri, di cui la Tunisia è leader mondiale.

Da non dimenticare la notevole importanza dei settori

cerealicolo (grano, avena), ovi-caprino e della pesca.

Oltre che il clima, il paese condivide con la Sicilia anche

un forte limite per lo sviluppo dell’agricoltura, soprattutto

delle produzioni orticole e frutticole specializzate,

ovvero, la scarsa disponibilità di acqua a bassa salinità,

associata a una piovosità negli ultimi anni sempre più

scarsa. E’ il primo fattore da controllare nel caso si pensi

di attuare investimenti produttivi da quelle parti.

L’Emilia Romagna è stata la prima a prendere atto delle

nuove interessanti opportunità di espansione: sono più

di 60 le grosse imprese agricole che operano nel Nord

Africa (sia produttori come Apofruit e Mazzoni, sia fornitori

di servizi quali il consorzio MFC, cui aderiscono 20

aziende emiliano-romagnole), per un interscambio commerciale

che già viaggia verso il miliardo di euro.

L’esplosione del biologico

Circa le colture orticole protette, la realtà tunisina è

ancora abbastanza arretrata, ma già si vedono sorgere

le prime strutture moderne grazie agli investimenti italiani,

spagnoli e, soprattutto, francesi, agevolati anche dall’affinità

linguistica. Un importante ruolo di crescita, formazione

e divulgazione agricola è coperto dal nostro

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

55

Market/Tunisia

Mercato/Tunisia


Market/Tunisia

Mercato/Tunisia

associations as CIA and UIAPOA, the latter two continuing

to forge and consolidate ties via trade missions

and shows with their Tunisian counterparts.

One area of Tunisia’s farm industry that has literally seen

explosive growth in the last 4-5 years, and is worth tracking

in future, is organic produce. It is a sector that today

has an estimated 20,000 ha against a mere 1,800 a

decade ago. Anyone who attended BioExpo 2010 in Tunis

last March saw the broad range of organic foodstuffs the

country is capable of exporting today to markets in

Europe, including fruit, dates, vegetables, grains and such

processed foods as olive oil, pasta and dried tomato.

(English version by David Verzoni)

Tunisian landscape.

Paesaggio tunisino.

Tunisian’s some vegetables.

Alcuni tipi di ortaggi prodotti in Tunisia.

Istituto Agronomico di Bari, ma anche associazioni di

categoria come Cia e Uiapoa si sono mosse ultimamente

per consolidare i legami tra i propri associati e i vicini

nordafricani (missioni e convegni).

Un settore agricolo tunisino che è letteralmente esploso

negli ultimi 4-5 anni e che va tenuto d’occhio è quello

delle produzioni “biologiche”: si stimano oggi 20.000 ha,

contro i soli 1.800 di 10 anni fa. Chi ha potuto visitare il

BioExpo 2010 del marzo scorso a Tunisi ha potuto constatare

l’ampia gamma di prodotti organici che già oggi

il Paese è in grado di esportare verso il Nord Europa:

frutta, datteri, ortaggi, cereali e prodotti trasformati (olio

d’oliva, pasta, pomodori secchi).


Product/Pink Lady apples

Prodotto/mele Pink Lady

Pink Lady ®

Europe’s favourite apple

Pink Lady ®

la preferita in Europa

Giulia Giovanelli

Launched ten years ago, it is today the leading apple brand on the international

market and the best known variety in Europe

Lanciata dieci anni fa, oggi è il marchio di mela leader nel mercato internazionale

e la varietà più conosciuta nel Vecchio Continente

Born of a cross between Lady Williams and Golden

Delicious, Pink Lady® met with immediate success

when it came on the market 10 years ago.

Today, with a market volume of nearly 106 thousand

tons, Pink Lady® is the leading apple brand on the

international market and is exported throughout

Europe, from Portugal to the Balkan countries. In its

seven most important markets - France, United

Kingdom, Belgium, Denmark, Norway, Ireland and

Spain – the apple fears no competitors, with sales

increases which range from + 20% in France to

+122% in Ireland, a performance which is indicative

of the strong and uniform development of its market

all over the continent.

The fruit owes its excellent organoleptic characteristics

to the balance between its sugar content and

acidity. It is marketed from

November to May in the

case of fruit harvested

in French, Italian and

Spanish orchards,

and from June to

September in the

case of the entire

range that arrives

The Pink Lady

variety is

characterised by its

colours which shade from

pastel rose to red.

La varietà Pink Lady si

caratterizza per i colori che

sfumano dal rosa pastello al rosso.

60 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Nata dall’ibridazione di Lady Williams e Golden

Délicious, Pink Lady® è arrivata sui mercati 10 anni

fa e ha subito ottenuto importanti riscontri.

Oggi, con quasi 106mila t commercializzate, Pink

Lady® è il marchio di mela leader nel mercato internazionale

e viene esportata in tutta Europa, dal Portogallo

fino ai paesi balcanici. I sette mercati più importanti in

cui la “mela rosa” non teme concorrenza, sono Francia,

Regno Unito, Belgio, Danimarca, Norvegia, Irlanda e

Spagna, marcando dati assolutamente in positivo che

vanno dal +20% in Francia al +122% in Irlanda, segno

di una dinamica di sviluppo forte e omogenea su l’intero

continente.

L’equilibrio tra percentuale zuccherina e acidità dona a

questo frutto ottime caratteristiche organolettiche. Il

periodo di commercializzazione va da novembre a maggio

per la raccolta nei frutteti francesi, italiani e spagnoli,

e da giugno a settembre per tutto l’assortimento

che arriva dall’emisfero meridionale: Cile, Brasile

e Sudafrica. Sicuramente ha dimostrato di

avere un posto privilegiato nelle abitudini dei

consumatori tedeschi che durante la stagione

2009/2010 l’hanno acquistata più di

ogni altra varietà di mele esistenti in commercio,

con un incremento del 30% rispetto

all’anno precedente.

Un successo commerciale segnato anche

da un vero e proprio picco d’incremento nel

mercato d’esportazione rivolto alla grande

distribuzione, con dei volumi triplicati per

quanto riguarda la Russia, passando per l’Est-

Europa, Sigapore, la Tailandia, gli Emirati Arabi

Uniti e Israele.


from the southern hemisphere, from Chile, Brazil and

South Africa. It has undoubtedly proved to have

gained a special place in the hearts of German consumers,

who during the 2009/2010 season purchased

more of this variety than of any other commercially

available variety of apple, with a 30%

increase over the previous year.

Its commercial success has also been underlined by

a veritable surge in exports targeting large scale distributors

with a tripling of export volumes to Russia,

Eastern-Europe, Singapore, Thailand, United Arab

Emirates, and Israel.

Widespread distribution

“As the figures show, Pink Lady is the best known of

the premium and club brands, with a remarkable

record in Europe: the numbers speak for themselves,

Belgian and English consumers with 64% and 59%,

respectively are their most enthusiastic consumers,

but Denmark and Ireland too seem to choose the

apple on a massive scale as opposed to other varieties,

with percentages well over 50%”, says Thierry

Mellenotte, director general of the Association Pink

Lady Europe, who with regard to marketing choices

and strategies adds: “Pink Lady is the apple of love

and of lovers, above all because of its delicate colours

which shade from pink pastel to red on a soft green

background that lightens over time. Its heart-shaped

sticker symbolizes the quality and authenticity of the

fruit and allows all consumers, whether loyal and not,

to identify it immediately. Our company certainly has

the intention of being present as much as possible in

all markets, ensuring the mass distribution of the

product, as in France, where we manage to cover

93% of national outlets”.

(English version by Lawrence Smith)

Thierry Mellenotte, managing director of the Pink Lady Europe

Association.

Thierry Mellenotte, direttore generale dell’Associazione Pink Lady

Europe.

Distribuzione capillare

«Pink lady è la varietà di mela più conosciuta tra i marchi

premium e club, come dimostrano le statistiche, con

un primato davvero interessante nel panorama del

Vecchio Continente: i numeri parlano chiaro, i consumatori

belgi con il 64% e inglesi con il 59%, sono i più affezionati,

ma anche la Danimarca e l’Irlanda sembrano

sceglierla in maniera massiccia rispetto alle altre varietà,

superando abbondantemente il 50%», spiega Thierry

Mellenotte, direttore generale dell’Associazione Pink

Lady Europe, che a proposito di strategie e scelte marketing

dice: «Pink Lady è la mela dell’amore e degli innamorati,

per questo ha una veste cromata che la contraddistingue

nettamente dal resto delle mele, soprattutto

per i colori delicati che sfumano dal rosa pastello al

rosso su un fondo verde tenero che schiarisce nel

tempo. Il suo sticker a forma di cuore è simbolo essenziale

di qualità e di autenticità del frutto e permette a tutti

i consumatori, affezionati e non, di individuarla da subito.

Sicuramente l’intento della nostra azienda è quello di

poter essere presenti il più possibile su tutti i mercati,

assicurando una distribuzione massiccia del prodotto,

come succede in Francia, dove siamo in grado di coprire

il 93% dei punti vendita nazionali».

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

61

Product/Pink Lady apples

Prodotto/mele Pink Lady


Product/table grapes

Prodotto/uva da tavola

Sicilian table grapes

a marketing rethink is needed

Uva da tavola siciliana

commercializzazione da ripensare

Enrico Barcella

Two PGI grapes (Mazzarrone and Canicattì) with an annual production of 3.3 million

quintals. Batch selling of the product in the field is a weak point

Due le Igp (Mazzarrone e Canicattì) con una produzione regione di 3,3 milioni di quintali.

Punto debole, la vendita del prodotto a blocco sulle piante

In Italy the export of table grapes began at the

dawn of the last century, mainly to meet growing

demand from northern European countries.

Indeed, in those regions the product was seen not

only as an excellent food but also as a symbol of

abundance with the virtues of a good luck charm.

In 1912, according to the Ministry of Agriculture,

53% of Italian production, some 250,000 quintals,

was harvested in northern Italy and in particular in

the provinces of Piacenza, Bologna and Verona.

A century later, things

have totally changed and

Italian production, according

to the figures released

by Federico Castellucci,

CEO of OIV (the

International Organisation

of Vine and Wine), has

reached about 13 million

quintals, of which 5 million

quintals are destined for

export. Production is concentrated

to the tune of

94% in two southern

regions: Puglia and Sicily.

In 2009 Puglia produced

9.3 million quintals, representing

69.3% of Italian

production; Sicily, 3.3 million

quintals, equivalent to

24.7% (Table 1).

The production of table

grapes in Sicily has been

historically linked to two

62 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

In Italia l’esportazione dell’uva da tavola inizia agli albori

del secolo scorso, sopratutto per soddisfare la crescente

richiesta da parte dei paesi del nord Europa. In

quelle regioni, infatti, il prodotto è visto come ottimo alimento

e come simbolo di abbondanza e di buon auspicio.

Nel 1912, secondo i dati del Ministero

dell’Agricoltura, il 53% della produzione italiana, circa

250 mila quintali, era raccolto nel nord dell’Italia e in particolare

nelle provincie di Piacenza, Bologna e Verona.

Un secolo dopo, le cose sono totalmente cambiate e

la produzione italiana,

secondo i dati resi noti da

Federico Castellucci direttore

generale dell’Oiv

(Organizzazione internazionale

della vite e del vino) ha

raggiunto i circa 13 milioni

di quintali, 5 dei quali destinati

all’esportazione.

La produzione si è concentrata

per il 94% in due regioni

del sud: la Puglia e la

Sicilia. La Puglia nel 2009 ha

prodotto 9,3 milioni di quintali,

pari al 69,3% della produzione

italiana; la Sicilia,

3,3 milioni di quintali, pari al

24,7% (tabella 1).

La produzione di uva da

tavola in Sicilia è storicamente

legata a due poli produttivi

identificati dai comuni

di Canicattì (Agrigento) e

Mazzarrone (Catania). Al


Taibi: tough competion on international markets

Taibi: competizione difficile sui mercati internazionali

Paolo Taibi, owner with his

brothers of the agricultural

concern F.lli Taibi, intent on

picking grapes.

Paolo Taibi, titolare con i fratelli

dell’azienda agricola F.lli Taibi,

intento alla raccolta dell’uva.

The 2010 Canicattì table grape harvesting

campaign is in full swing and in order

to find out what the situation is in the

field we turned to Paul Taibi, co-owner of

F.lli Taibi, the leading company in the

zone, which for forty years has been concerned

with the production and marketing

of table grapes and which on average

employs 260 workers at harvest time.

What have been the results so far and

what are the prospects for the current

harvesting campaign?

“The campaign started well with the

harvesting of the early grape Vittoria

which has fetched higher prices than

last year. We are now harvesting the

Italia variety, whose quality is excellent

and which is fetching prices in the norm. On the price front we are

awaiting greater satisfaction from October onwards when we will be

harvesting highly esteemed grapes in protected cultivation”.

Let’s talk about exports: in 2009 your company exported 13 thousand

quintals of grapes. Who are Italy’s major competitors in the

international market and what are their strengths?

“Morocco and Egypt are making themselves felt in the market for early

produce in May and June. As for Chile and Peru, they are present in the

Russian Federation and Eastern Europe markets during December and

January with the red variety Red Globe. Turkey is still not very competitive

in terms of quality. The greatest strength of our competitors lies in

their ability to offer competitive prices based on production costs that

are lower than ours. In terms of labour costs (60% of the cost of production)

they have a great advantage; in Egypt labour is paid $ 1-2 a

day and in Morocco $4-5 while we pay € 60-90. There is little that can

be done about such differences.”

Could the production of seedless grapes be a source of competitive

advantage on international markets?

“Seedless grapes are popular in Germany, Switzerland and England,

poles of production associated with the municipalities

of Canicattì (Agrigento) and Mazzarrone

(Catania). The first of these zones of production

comprises of approximately 11,000 hectares of vineyards

located in dozens of municipalities in the

provinces of Agrigento and Caltanissetta. The second

comprises of about 7 thousand hectares of

table grapes grown in the territory of several municipalities

in the provinces of Ragusa and Catania

(Table 2). Both municipalities can boast EC PGI protection

labels: “ Canicattì PGI Table Grapes” (EC

Reg n.2325/97) and “Mazzarrone PGI table grapes”

(EC Reg No 617 / 2000).

but have two important limitations as far as we are concerned: on the

one hand they are generally less productive and on the other we don’t

have any interesting varieties that are suitable for late harvesting.

(December-January). For now our flagship remains the Italia variety”.

(LS)

La campagna 2010 di raccolta dell’uva da tavola Canicattì è in pieno svolgimento

e per conoscere quale sia la situazione sul campo, abbiamo interpellato

Paolo Taibi, comproprietario della F.lli Taibi, azienda leader del territorio,

che da quarant’anni si occupa di produzione e commercializzazione di uva

da tavola occupando mediamente 260 operai in periodo di raccolta.

Quali sono i risultati e quali le prospettive della campagna in atto?

«La campagna è iniziata bene, con la raccolta dell’uva precoce Vittoria che

ha spuntato quotazioni maggiori dell’anno precedente. Ora stiamo raccogliendo

la varietà Italia, che ha un’ottima qualità con prezzi nella norma. Sul

piano delle quotazioni attendiamo maggiori soddisfazioni a partire da ottobre,

quando raccoglieremo partite in coltura protetta di grande pregio».

Parliamo di export: nel 2009 la sua azienda ha mandato all’estero 13

mila quintali di uva. Chi sono i maggiori competitor sul mercato

internazionale e quali sono i punti di forza della concorrenza?

«Marocco ed Egitto si fanno sentire sul mercato del prodotto precocissimo in

maggio e giugno. Per quanto riguarda Cile e Perù sono presenti sulle piazze

dell’Europa dell’Est e della Federazione Russa nel periodo di dicembre e gennaio

con la varietà rossa Red Globe, la Turchia. Infine è ancora poco competitiva

sul piano qualitativo. La loro maggiore forza è la possibilità di fare prezzi

concorrenziali basati su costi di produzione più bassi dei nostri. Hanno un

grande vantaggio sul costo della manodopera (60% del costo di produzione):

in Egitto la pagano 1- 2 $ al giorno, in Marocco 4 - 5, noi siamo a livello di

60 - 90 €. Con queste incongruità c’è poco da fare».

La produzione di uve apirene può costituire un vantaggio per competere

meglio sul mercato internazionale?

«Le uve apirene sono apprezzate in Germania, Svizzera e Inghilterra, ma

hanno due importanti limiti: in genere sono meno produttive e, inoltre, per

il nostro ambiente non vi sono varietà interessanti che possano essere raccolte

tardivamente (dicembre-gennaio). Per ora il nostro cavallo di battaglia

resta la varietà Italia».

primo fanno riferimento circa 11 mila ettari di vigneti

posti in alcune decine di comuni delle provincie di

Agrigento e di Caltanisetta. Al secondo si riconoscono

le produzioni di circa 7mila ettari di uva da tavola coltivati

nel territorio di alcuni comuni delle provincie di

Catania e Ragusa (tabella 2). Entrambi i comuni identificano

anche due marchi di tutela europea Igp : “l’Uva da

Tavola di Canicatti Igp” (Reg. CE n.2325/97) e “l’Uva da

Tavola di Mazzarrone Igp” (Reg. CE n. 617/2000).

Raccolto da boom economico

Nel comune di Canicattì, cittadina di 35mila abitanti,

la coltivazione dell’uva da tavola ebbe inizio negli

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

63


Economic boom

It was in the 70s of the last century that the cultivation

of table grapes began in the municipality of

Canicattì, a country town of 35 thousand inhabitants,

and it quickly became the area’s main source

of income. Its development was rapid and within a

decade it had led to the creation of over 24 thousand

hectares of vineyards.

As Antonio Bufalino, executive officer in the technical

assistance department of the Caltanissetta branch of

ESA (the Agricultural Development Body), recalls, “for

Canicattì it brought a real economic boom: income

levels between 1976 and 1981 became comparable

with those in Milan! This prosperity lasted until the

mid 1990s when it triggered a market crisis which led,

together with generous European contributions for

their removal, to the extirpation of many vineyards

TABLE 1 – TABLE GRAPES BY ITALIAN REGION. SURFACE AREA (HECTARES)

AND PRODUCTION (QUINTALS)

Regions Surface area Prod. Harvested % Production

Puglia 44.040 9.301.720 69,30%

Sicilia 18.086 3.309.290 24,70%

Lazio 1.050 211.040 1,60%

Basilicata 856 206.769 1,50%

Abruzzo 868 139.972 1,00%

Sardegna

Others (Calabria, Molise, Piemonte,

1830 135.559 1,00%

Toscana, Campania, Friuli, Veneto

Marche, Emilia-Romagna, Umbria

Liguria, Valle d'Aosta, Tn-Bz)

997 109.143 0,01

Italy total 67.727 13.413.493

Source: Istat, 2009

The handling of table grapes ready for the market (photo: Taibi).

La movimentazione dell’uva da tavola pronta per raggiungere i

mercati (foto Taibi).

anni 70 del Novecento e, in poco tempo, divenne la

principale fonte di reddito della zona. Lo sviluppo

produttivo di Canicattì fu rapidissimo e in un decennio

portò alla realizzazione di oltre 24mila ettari di

vigneti.

Come ricorda Antonio Bufalino funzionario dell’assistenza

tecnica dell’Esa (Ente Sviluppo Agricolo) di

Caltanissetta, «per Canicattì fu un vero boom economico,

i livelli di reddito tra il 1976 e il 1981 arrivarono

ad essere comparabili con quelli di Milano! Benessere

che si protrasse fino metà degli anni 90, quando si

innescò una crisi di mercato che determinò, complice

anche l’elargizione di contributi europei per l’espianto,

l’estirpazione di molti vigneti e portò la superficie complessiva

agli attuali circa 11.000 ettari».

La produzione odierna di uva da tavola, nel polo produttivo

di Canicattì, si attesta intorno a 1,5 milioni di

quintali, pari al 48% della produzione siciliana e al 12%

di quella italiana (elaborazioni su dati Istat 2009). La

raccolta dell’uva inizia nel mese di giugno con piccole

quantità, anticipate sotto serra, nei comuni costieri

(Palma di Montechiaro, Licata), continua con raccolte

di uva Vittoria a luglio nei comuni interni, prosegue con

la raccolta dell’uva Italia in agosto, tocca un massimo

in ottobre novembre e si conclude a fine dicembre,

primi di gennaio.

La varietà d’uva più coltivata è la cultivar Italia che rappresenta

circa il 70% della produzione totale. Questa

varietà, ha ottime caratteristiche produttive e organolettiche,

si adatta perfettamente alle tecniche di raccolta

ritardata ed è l’unica inserita nel disciplinare

dell’”Uva di Canicatti Igp”, al cui Consorzio di tutela

sono iscritti 204 produttori con una superficie coltivata

di circa 1.000 ettari, che nel 2009 hanno marchiato

oltre 8.500 quintali di prodotto.

TABELLA 1 - UVA DA TAVOLA, DETTAGLIO REGIONI D'ITALIA. SUPERFICIE

(ETTARI) E PRODUZIONE (QUINTALI)

Regioni Sup. racc. Prod. raccolta % Produzione

Puglia 44.040 9.301.720 69,30%

Sicilia 18.086 3.309.290 24,70%

Lazio 1.050 211.040 1,60%

Basilicata 856 206.769 1,50%

Abruzzo 868 139.972 1,00%

Sardegna

Altre (Calabria, Molise, Piemonte,

1830 135.559 1,00%

Toscana, Campania, Friuli, Veneto

Marche, Emilia-Romagna, Umbria

Liguria, Valle d'Aosta, Tn-Bz)

997 109.143 0,01

Totale Italia 67.727 13.413.493

Fonte: Istat, 2009

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

65

Product/table grapes

Prodotto/uva da tavola


TABLE 2 – TABLE GRAPES, SICILY BY REGION. SURFACE AREA (HECTARES)

AND PRODUCTION (QUINTALS)

Province Surface area Prod. Harvested % Production

Agrigento 6.710 1.125.000 34,00%

Catania 4.000 900.000 27,20%

Ragusa 3.000 780.000 23,60%

Caltanissetta 4.100 459.000 13,90%

Siracusa 180 35.500 1,10%

Palermo 70 7.000 0,20%

Messina 20 2.430 0,10%

Trapani 6 360 0,00%

Enna - -

Sicily total

Source: Istat, 2009

18.086 3.309.290 100,00%

bringing the total table grape growing area down to

the current 11,000 hectares”.

The current production of table grapes in the

Canicattì production zone is around 1.5 million

quintals, equivalent to 48% of Sicilian and 12% of

the Italian production (according to Istat estimates

for 2009). The grape harvest begins in June with

small quantities of early grapes produced in greenhouses

in the coastal municipalities (Palma de

Lichtenberg, Licata) and continues with the harvesting

of Vittoria grapes in July in the municipalities

of the interior and that of Italia grapes in

August; it peaks in October and November and

ends in late December, early January.

The grape which is most cultivated is that of the

Italia cultivar which represents approximately 70%

of total. This variety has excellent productive and

organoleptic characteristics which are perfectly

suited to late harvesting techniques and it is the

only one that is incorporated in the “Canicattì PGI

table grapes” specifications. 204 producers cultivating

between them a total surface area of 1000

hectares are enrolled in the grape’s Consortium of

Protection which labelled over 8,500 quintals of the

product in 2009.

Effective communication

A new chairman, Luigi Lo Curto, took office in July

and when asked to comment on the development

of the marketing of Canicattì PGI table grapes, he

explained that “although almost all of our members’

grapes could be marketed under the label since

they meet all organoleptic, quality, and health safety

standards laid down by the specifications, the

quantities that have actually been labelled are still

limited. Demand for the PGI product is mainly

domestic and it is often based on special offers.

What is required is an effective communication

campaign so that consumers understand the

66 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

TABELLA 2 - UVA DA TAVOLA, DETTAGLIO REGIONE SICILIA. SUPERFICIE

(ETTARI) E PRODUZIONE (QUINTALI)

Province Sup. racc. Prod. raccolta % Produzione

Agrigento 6.710 1.125.000 34,00%

Catania 4.000 900.000 27,20%

Ragusa 3.000 780.000 23,60%

Caltanissetta 4.100 459.000 13,90%

Siracusa 180 35.500 1,10%

Palermo 70 7.000 0,20%

Messina 20 2.430 0,10%

Trapani 6 360 0,00%

Enna - -

Totale Sicilia

Fonte: Istat, 2009

18.086 3.309.290 100,00%

A vineyard with ripe grapes ready for harvest (photo: Taibi).

Un vigneto con uva matura pronta per la vendemmia (foto Taibi).

Una più forte comunicazione

Nel mese di luglio si è insediato il nuovo presidente,

Luigi lo Curto, che, interpellato sull’andamento della

commercializzazione dell’Uva da tavola di Canicattì Igp,

ha chiarito che, «sebbene quasi tutta l’uva dei soci

potrebbe essere commercializzata con il marchio, perché

risponde a tutti i requisiti organolettici, qualitativi, e

sanitari richiesti dal disciplinare, le quantità marchiate

risultano ancora marginali. La domanda dell’Igp arriva

sopratutto dal mercato interno e spesso è basata su

offerte promozionali. Sarebbe necessaria una forte campagna

di comunicazione affinché il consumatore com-


advantage of choosing the PGI product and are

prepared to spend something more to offset the

extra costs of the certification”.

Another variety that is at home in a late harvesting

regime is Red Globe, which represents about 10% of

production. Vittoria is also variety worthy of note: an

early variety which represents about 8% of production;

then there are numerous other cultivars, among

which Black Magic and Cardinal as well as seedless

varieties which together account for 10-12%.

The marketing of table grapes in the Canicattì production

zone takes place mainly through batch sales of

the product on the plant. The buyer, usually a dealer,

bears the burden of harvesting, packaging and transport,

as well possible costs due to the risk of damage

by weather or parasites.

“This marketing system, which is lacking in elasticity

and which separates farmers from the requirements

of the market, is beginning to show its limits. It may

have functioned well in years when there was an

excellent market conjuncture - Bufalino says - but

faced with international competition, rising costs and

the complex commercial policies of the large scale

retailers, who have become the main interlocutors for

the selling of the product, it shows all its limits. There

is no easy solution, but we are working on it”.

(English version by Lawrence Smith)

prenda il vantaggio di scegliere l’Igp e si renda disponibile

a spendere qualche cosa in più per compensare i

maggiori costi della certificazione».

Un’altra varietà che ben s’inserisce nella vocazione alla

raccolta tardiva è la Red Globe, che rappresenta circa il

10% della produzione. Tra le altre varietà degne di nota

c’è la Vittoria, varietà precoce, che rappresenta circa

l’8% della produzione; poi ci sono numerose cultivar, tra

cui la Blak Magic, la Cardinal e le apirene che nel complesso

rappresentano il 10-12%.

A Canicattì la commercializzazione dell’uva da tavola

avviene prevalentemente attraverso la vendita del

prodotto “a blocco” sulla pianta. L’acquirente, di solito

commerciante, si sobbarca l’onere della raccolta,

del confezionamento e trasporto nonché gli eventuali

rischi dovuti a danni da calamità atmosferiche o

parassitarie.

«Questo sistema di commercializzazione, che ha

poca elasticità e mantiene separati gli agricoltori dalle

esigenze del mercato, sta mostrando i suoi limiti. Se

ha ben funzionato negli anni di ottima congiuntura –

osserva Bufalino –, di fronte alla concorrenza internazionale,

all’aumento dei costi e alle complesse politiche

commerciali della Gdo, che è divenuta il principale

interlocutore per la vendita del prodotto, mostra

tutti i suoi limiti. La soluzione non è facile, ma ci si sta

provando».

Product/table grapes

Prodotto/uva da tavola


Product/persimmon

Prodotto/cachi

Spain leader in EU persimmon

market thanks to regulation

of denomination of origin

Cachi, Spagna leader in Ue

grazie alla tutela d’origine

Duccio Caccioni

With an annual production of approximately 70 thousand tons and major promotional

initiatives, Spain has conquered the principal European markets. Italy ranks second

with an annual production of 53 thousand tons

Con una produzione di circa 70mila t all’anno e importanti azioni di promozione ha

conquistato le principali piazze europee. L’Italia si posiziona al secondo posto con

53mia t annue

In Europe persimmons are grown above all in Spain

and Italy. Spain produces about 70 thousand tons

per year and Italy approximately 53 thousand. The

production of persimmons in Spain has increased

enormously as a result of the widespread cultivation

of the Rojo Brillante cultivar in the province of

Valencia. Its production has increased over the last fifteen

years by an incredible 350 times. Since the seventies,

in Italy, in marked contrast, there has been a

contraction in persimmon acreage, though the decline

was subsequently halted and production has

remained stable since 2006. Nevertheless the country

has lost its primacy to Spain.

68 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Il caco in Europa è coltivato soprattutto in Spagna e in

Italia. L’offerta spagnola di cachi ammonta a circa

70mila t anno, mentre quella italiana è pari a circa

53mila t. In Spagna la produzione di cachi è enormemente

cresciuta per la grande diffusione che ha avuto la

cv Rojo Brillante nella Regione di Valencia, la cui offerta

è aumentata di ben 350 volte negli ultimi quindici anni.

In Italia dagli anni 70 si è invece avuta una contrazione

delle superfici coltivate – un calo che si è poi assestato

– pur con un’offerta pressoché stabile dal 2006. Il Paese

ha tuttavia perso la palma di maggiore produttore continentale

a favore della Spagna.

Rojo Brillante in Spagna e Cachi Tipo in Italia

In Spagna l’83% della produzione è rappresentato dalla

cv Rojo Brillante e la restante parte dalla varietà “moderna”

Triumph (nota anche come Sharon sul mercato

europeo, dove proviene anche da Israele) e da varietà

tipiche locali. La cv Rojo Brillante si è potuta affermare

grazie a un trattamento che viene effettuato dopo la raccolta

con elevate concentrazioni di anidride carbonica.

Questi trattamenti consentono di eliminare la tipica

astringenza dei frutti senza ricorrere all’ammezzimento,

ovvero alla sovra-maturazione. I frutti si mantengono

quindi con polpa soda (in alcuni mercati vengono chiamati

cachi-mela), possono essere manipolati e trasportati

facilmente.

Le altre varietà di cachi, particolarmente diffuse in Italia

(come Cachi Tipo e Vaniglia) non sono astringenti alla


Rojo Brillante in Spain and Cachi Tipo in Italy

83% of Spanish production is represented by the Rojo

Brillante cultivar and the remainder by the “modern”

variety Triumph (also known as Sharon in the European

market when it comes from Israel), and various typical

local varieties. The cv Rojo Brillante owes its success

to its post-harvest treatment with high concentrations

of carbon dioxide. Such treatments enable producers

to reduce the astringency that is typical of the fruit without

having recourse over-ripening. The fruit thus retain

their firm flesh (in some markets they are even called

persimmon-apples) and they can be handled and

transported easily. Other varieties of persimmons, particularly

widespread in Italy (like Cachi Tipo and

Health Benefits

Le virtù salutistiche

Preservation

La conservazione

While overripe persimmons can be stored at temperatures

close to 0 °C, hard-fleshed fruit of the Rojo Brillante

variety that have been treated with carbon dioxide

require a storage temperature of at least 11 °C. Below

this temperature the fruit manifest symptoms of cold

damage (Chilling Injuries) with flesh softening and

browning of the fruit and pulp. (LS)

Mentre i cachi ammezzati (sovra-maturi) possono essere

conservati a temperature prossime a 0 °C, i frutti della varietà

Rojo Brillante a polpa dura, trattati con anidride carbonica,

esigono una temperatura di conservazione pari o superiore

a 11 °C. Sotto questa temperatura i frutti manifestano

sintomi di danni da freddo (Chilling Injuries) con imbrunimento

e consistenza elastica del frutto e della polpa. (DC)

With respect to its health giving benefits, the persimmon is

one of the best studied fruits. The fruit are very rich in antioxidants

and carotenoids (proto-vitamin A, lycopene and catechins

which are present above all in the skin).

The proanthocyanidins present in persimmons are anti-oxidants

that may reduce the risk of cardio-circulatory diseases

because of their effect on blood pressure. This is an effect that

has long been recognized even by Japanese traditional medicine:

indeed persimmon juice (kakisu) is used to reduce blood pressure. The carotenoids in persimmons have been tested for

their chemoprotective properties in the treatment of several types of cancer, while the tannins in the flesh have been used in

laboratories to reduce the incidence of bleeding and strokes. A number of interesting studies have found a correlation between

the consumption of persimmons and the reduction of blood alcohol levels. (LS)

Il caco è uno dei frutti meglio studiati per le sue virtù salutistiche. I frutti sono infatti molto ricchi di sostanze anti-ossidanti e di carotenoidi

(proto-vitamina A, licopene, catechine presente soprattutto nella buccia).

Le protoantocianidine presenti nel caco sono anti-ossidanti che possono ridurre il rischio di malattie cardio-circolatorie per l’effetto

sulla riduzione della pressione sanguigna. Un effetto da sempre riconosciuto anche dalla medicina tradizionale giapponese: il succo

è l’aceto di cachi (kakisu) sono infatti utilizzati proprio come riduttori della pressione arteriosa. I carotenoidi dei cachi sono inoltre

stati sperimentati come chemioprotettivi da vari tipi di tumore, mentre i tannini presenti nella polpa sono stati impiegati in laboratorio

per ridurre l’incidenza di emorragie e ictus. Sono inoltre molto curiosi gli studi che correlano il consumo di cachi a una riduzione

del tasso alcolico nel sangue. (DC)

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

69

Product/persimmon

Prodotto/cachi


Product/persimmon

Prodotto/cachi

Vaniglia), are non-astringent on harvesting if their flowers

have been fertilized (if there are seeds in the pulp).

Parthenocarpic fruit (from flowers that have not been

fertilized and which thus yield seedless fruit), on the

other hand, are astringent and require over-ripening

before being eaten. Italian production is mainly of the

Cachi Typo variety which is produced in northern Italy

with parthenocarpic fruit, which means that it is for the

most part seedless and overripe. Consumption of the

pollinated Cachi Typo fruit, with seeds and firm pulp, is

more typical in the Centre and South of the peninsula.

Export markets

Italian producers annually export 5-6 thousand tons of

persimmons of the cachi typo variety to markets in

Switzerland, Germany, Belgium and France. In the

Spanish case, the cv Rojo Brillante is sold on local markets

in its “classic format” - soft and overripe - but when

treated with carbon dioxide and hence possessed of

firm flesh (“persimmon”) they are offered on foreign markets.

Spain exports annually between 32-35,000 tons of

persimmons of the latter kind to Germany, France,

Britain, Italy and Switzerland. In recent years Spanish

persimmon exports have been strongly supported by

marketing and promotion run by the Denomination of

Origin Regulator Council (CRDO) “Kaki Ribera del

Xúquer”, whose initiatives which have been highly successful

in the major European markets.

(English version by Lawrence Smith)

raccolta se i fiori sono stati fecondati (se quindi i frutti

presentano nella polpa i semi) - i frutti partenocarpici (da

fiori che non sono stati fecondati e quindi danno frutti

senza semi) sono invece astringenti, quindi necessitano

della sovra-maturazione prima di essere consumati.

L’offerta italiana di cachi è principalmente rappresentata

dalla varietà Cachi Tipo che nel Nord Italia viene prodotta

con frutti partenocarpici, quindi sovra-maturi e senza

semi. Nel Centro e nel Sud della penisola è invece tipico

il consumo di frutti Cachi Tipo impollinati, quindi duri

e con semi.

I mercati di esportazione

La varietà Cachi Tipo con frutto morbido viene anche

esportata dai produttori italiani nella misura di 5/6mila

t /anno, distribuite in Svizzera, Germania, Belgio e

Francia. In Spagna la cv Rojo Brillante è commerciata

sui mercati locali con frutti molli e sovra-maturati (formato

“classic”) mentre sui mercati esteri si propongono

i cachi trattati con anidride carbonica, con polpa

soda (formato “persimon”). La Spagna esporta ogni

anno 32-35.000 t/anno di cachi “persimon” verso la

Germania, la Francia, l’Inghilterra, l’Italia e la Svizzera.

Il commercio dei cachi spagnoli nei recenti anni è stato

fortemente sostenuto dalle attività di marketing e promozione

gestite dal Crdo (Consiglio regolatore denominazioni

d’origine) cachi Ribera del Xuquer, azioni che

hanno avuto un buon successo nelle principali piazze

europee.


Product/pepper

Prodotto/peperone

New sweet pepper opportunity

knocks for Italy’s growers

Innovazione nel peperone

chance per la produzione italiana

Emanuele Sanzone

Italy outpaced by Spain and Holland. New cultivars and field practices to lead the

charge of Italian producers

La leadership italiana è stata scalzata da Spagna e Olanda. Nuove varietà e tecniche

agronomiche alla base del rilancio della produzione del Belpaese

Europe’s leading sweet pepper producers are

Spain, for autumn and spring varieties, and the

Netherlands for summer cultivars. Both countries

have targeted sweet pepper for focuses as an alternative

to tomato and other vegetables so as to have

fewer market competitors.

The sweet pepper sector has been marked since the

late 1908s by a surge in breeding efforts that have led

to the development of novel cultivars for all seasons

that consistently yield high-quality, bell-shaped fruit of

smaller-than-conventional sizes with thick flesh that

are easy to package and have an optimum quality-toprice

ratio. These new varieties are intended to meet

emerging, and increasingly demanding consumer

preferences while safeguarding health by being fully

traceable.

Compared to the other two countries, Italy today has

been relegated to the role of industry bit player with

respect to its top billing in the past.

This is largely due to the use of outdated

crop management practices like

small-capacity old-fashioned, hut-like

wooden tunnel structures wherein

day-night temperature swings

are often the cause of failed set

and non-uniform size of fruits.

Not to mention that such tunnels

are best suited to thin-skinned

elongated-fruit varieties that that no

Blocky yellow pepper.

Peperone giallo tipologia quadrato.

72 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

In Europa la leadership produttiva per il peperone è

appannaggio sia di Spagna, dal periodo autunnale a

quello primaverile, sia di Olanda, a colmare la domanda

del prodotto soprattutto durante l’estate; questi paesi

identificano la produzione del peperone come alternativa

a quella del pomodoro o di altri ortaggi per avere una

minore concorrenza sui mercati.

A partire dalla fine degli anniOttanta del secolo scorso

ebbe inizio un’incessante attività di breeding che ha portato

alla costituzione di differenti referenze adatte a tutte

le stagioni e capaci di produrre in modo consistente frutti

di qualità superiore con polpa spessa, di forma quadrata,

di pezzatura inferiore, di facile confezionamento e

con un ottimo rapporto qualità/prezzo, adatti ad un

mercato in continua evoluzione e pronto a soddisfare le

richieste di un consumatore sempre più esigente e

attento alla salubrità e alla tracciabilità dei prodotti.

Rispetto a questi Paesi, l’Italia è oggi relegata a un ruolo

produttivo e commerciale marginale rispetto a quella che in

passato era invece una posizione dominante. Ciò è dovuto


Figure 1 – Sweet pepper import-export trends (ton).

Fig. 1 – Andamento delle importazioni e delle esportazioni del peperone (tons).

000 t

000 t

80.000

70.000

60.000

50.000

40.000

20.000

15.000

10.000

5.000

0

Import

2004 2005 2006 2007 2008

Export

2004 2005 2006 2007 2008

Fonte: Ismea Fonte: Ismea

longer respond to a market demand increasingly influenced

by the blocky bell and elongated-bell fruits of

imported cultivars.

A rising trend

And yet things appear to be getting better. A survey

by the national ISMEA food institute reporting data

gathered from 2004 to 2008 indicates that Italy’s

exports of sweet pepper have been rising, going from

just over 7,500 to nearly 11,300 tons, for receipts of

approximately €4.4 million (Figures 1 & 2).

Achieving greater growth rates in future will mainly

depend on the use of technologically advanced

greenhouses and tunnels, the latest management

practices like fruit thinning, pest management

treatments, and breeding or purchasing novel cultivars

that are best suited to various environmental

conditions found in the country’s numerous growing

districts.

According to the national ISTAT statistics bureau, the

leading sweet-pepper areas in Italy are Sicily, which

boasts 19% of total acreage, Apulia at 15%,

Campania at 13% and Calabria at 12%. The other

regions where the crop also accounts for notable

acreage include Veneto, Lazio and Umbria.

The best seeds

One of the best ways to overcome the challenges

posed by market rivals like Spain, Holland and other

northern European countries would be to grow varieties

for delivery within unoccupied marketing windows.

One example would be a full winter growing

Figure 2 – Sweet pepper import-export trends (euro).

Fig. 2 – Andamento delle importazioni e delle esportazioni del peperone (euro).

000 € 000 €

80

60

40

20

0

14

12

10

8

6

4

2

0

2004 2005 2006 2007 2008

Blocky bell pepper for the greenhouse that turns yellow at

ripening.

Peperone quadrato giallo in fase di maturazione coltivato in serra.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Import

Export

2004 2005 2006 2007 2008

soprattutto all’impiego di tecniche agronomiche inadeguate

(ad esempio, serre tradizionali in legno a “capannina” di

minima cubatura, dove gli sbalzi termici sono spesso causa

di mancate allegagioni e disomogeneità dei frutti), improntate

sulla scelta di tipologie allungate a polpa sottile che mal

rispondevano a un mercato sempre più influenzato dalle

produzioni estere (quadrati e quadrati allungati).

Un trend in crescita

Tuttavia, da rilevazioni effettuate dall’Ismea dal 2004 al

2008, emerge che l’esportazione nazionale di peperoni,

rispetto alle importazioni, ha mostrato un andamento crescente,

passando da poco più di 7.500 tonnellate (2004) a

circa 11.300 tonnellate (2008), che tradotto in termini mone-

73

Product/pepper

Prodotto/peperone


Product/pepper

Prodotto/peperone

Semi-long red sweet pepper.

Peperone mezzo lungo rosso.

Lobed (horn-like) pepper turning red.

Corno rosso in fase di viraggio.

season in Sicily, Campania, Lazio and Apulia and a

summer campaign in Veneto and other northern

regions.

Another way to meet current market demands is to

grow fruit of 200-300 gram in size for both the common

red and yellow bell and long-bell (14-16 cm) varieties

and with a 16-18 cm length for semi-long, s well

as the red and green lobe-like fruit.

The cultivars that are fast becoming popular now in

Italy include the blocky reds like Solario (Clause),

Gotico (Clause), Telmo (Enza Zaden) and Aquiles

(Zeta Seeds), the yellows like Limone (Syngenta) and

Jarama (Zeta Seeds), all having resistance to TSWV,

excellent fruit set, good plant ripening and tolerant to

temperature stress.

The most competitive large-sized cultivars that are

the most competitive in the domestic spring-summer

market window include, first of all, Gospel (Rijk

Zwaan), followed by the newer Arancia (Rijk Zwaan)

featuring average-sized fruit, and Palermo (Rijk

Zwaan), whose notably red, elongated sweet fruit is

very popular in northern European markets.

74 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Red peppers growing in greenhouse.

Coltivazione di peperoni rossi in serra.

tari corrisponde a circa 4,4 milioni di euro (figure 1 e 2).

In futuro, l’opportunità di raggiungere traguardi economici

importanti è associata esclusivamente all’impiego di

strutture tecnologicamente avanzate (serre o tunnel), alla

tecnica di coltivazione più appropriata come diradamento

dei frutti, trattamenti antiparassitari, scelta o costituzione

di varietà che meglio si prestano alle diverse condizioni

ambientali che caratterizzano il territorio nazionale.

In Italia, il peperone è maggiormente diffuso in Sicilia,

dove occupa il 19% della superficie nazionale; seguono,

in ordine decrescente, Puglia (15%), Campania (13%) e

Calabria (12%). La sua coltivazione riveste importanza

anche in altre regioni italiane, principalmente Veneto,

Lazio e Umbria (Fonte Istat).

Le proposte dei sementieri

Per fare fronte alla concorrenza spagnola, olandese e di

altri paesi del Nord Europa, una possibile alternativa

potrebbe essere quella di realizzare le produzioni in

periodi diversi dell’anno con piena campagna invernale

in Sicilia, Campania, Lazio e Puglia ed estiva in Veneto e

in altre regioni dell’Italia settentrionale.

Inoltre, per soddisfare le richieste di mercato il prodotto

al consumo dovrà essere di pezzatura intorno a 200-

300 grammi, sia per il quadrato comune o allungato (14-

16 cm) rosso e giallo, sia per il tradizionale mezzo lungo

(16-18 cm), senza dimenticare il corno verde e rosso.

Nel mercato italiano si stanno affermando le tipologie

quadrato rosso, come Solario (Clause), Gotico (Clause),

Telmo (Enza Zaden), Aquiles (Zeta Seeds); o gialli, come

Limone (Syngenta) e Jarama (Zeta Seeds), tutti dotati di

resistenza al virus TSWV, di eccellente allegazione, di

buona tenuta e tolleranti lo stress termico.

Tra le varietà di grossa pezzatura, a ciclo primaverile

estivo, molto competitiva a livello locale, figura Gospel

(Rijk Zwaan); interessanti sono pure l’innovativo Arancia

(Rijk Zwaan) dai frutti di media pezzatura e la varietà

Palermo (Rijk Zwaan) dal frutto dolce, rosso e allungato,

molto apprezzato nei mercati dell’Europa settentrionale.


Two novel varieties that are suited to both open-field

and greenhouse growing, high-yielding and of good

virus resistance are Orazio (Nunhems) and Matrix

(Nunhems).

Fresh and processing fruit

Worth mentioning too are two novel varieties that are

resistant o mildew the red Troyano (Syngenta) and

yellow Peppone (Syngenta), both featuring fruit of

average length, as well as the ISI-bred Gianko and

Erasmus cultivars, which have average-sized, uniform

fruit with thick flesh that are quite popular with consumers

and markets because they have a good shelflife

and are easy to transport.

The new horn or lobed fruit types include such green

and red cultivars as Lipari (Clause), spicy-hot Nadeem

(Isi), Vesuvio (Nunhems) and Goripe (Zeta Seeds),

mostly popular in central and southern Italy.

Two other novel varieties of long fruit that are suited

to both fresh and processing markets are the sweet

Lampo (Enza Zaden) and hot Teseo (Enza Zaden).

(English version by David Verzoni)

Alcune nuove varietà di peperone, adatte per la coltivazione

in pieno campo o in coltura protetta e caratterizzate

da elevata produttività e buona resistenza ai virus,

sono Orazio (Nunhems) e Matrix (Nunhems).

Consumo fresco e trasformazione

Si segnalano anche due varietà innovative e con resistenza

all’oidio: Troyano rosso (Syngenta) e Peppone

giallo (Syngenta) dai frutti mediamente allungati, mentre

i frutti delle varietà Gianko (Isi) ed Erasmus (Isi) di media

pezzatura, grazie alla loro uniformità e alla polpa spessa,

sono abbastanza apprezzati dai consumatori e si

collocano senza difficoltà sul mercato, perché di buona

conservabilità e facilmente trasportabili.

Nel gruppo dei corni, le novità più rappresentative sono

quelle a raccolta verde o rossa a maturità come il toro

rosso di Lipari (Clause), Nadeem (Isi) dal gusto piccante,

Vesuvio (Nunhems) e Goripe (Zeta Seeds), diffusi

soprattutto nelle regioni del centro e sud Italia.

Infine, a duplice attitudine, ovvero adatte sia alla trasformazione

industriale che al consumo fresco, sono le varietà di

peperone dal gusto dolce o piccante con frutti allungati

come es. Lampo (Enza Zaden) e Teseo (Enza Zaden).

Product/pepper

Prodotto/peperone


Product/chestnut

Prodotto/castagna

A good year for chestnuts

though under pressure from

the Asian product

Castagne, una buona annata

insidiata da Oriente

Enrico Barcella

Positive forecasts for the crop despite phytophage damage. Competition

from the Chinese and Korean “mollissima” remains strong

Previsioni positive per il raccolto nonostante l’azione dei fitofagi. Sui mercati internazionali

resta forte la concorrenza di Cina e Corea con la loro “mollissima”

With the new chestnut harvest nearly upon us, we

have sought the opinions of some of those in

the know about this year’s crop and the problems that

could be encountered on the marketing side.

The expert

We turned first to Professor Elvio Bellini (Department of

Horticulture - University of Florence) one of the foremost

Italian experts in the field of chestnut cultivation.

Professor Bellini, in 2009 Italian chestnut production

was estimated at 50,000 tons and exports totalled

76 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

In prossimità della nuova campagna di raccolta di

castagne e marroni, abbiamo sentito il parere di alcuni

specialisti sulle produzioni e sui problemi di mercato che

si potranno riscontrare.

Il parere dell’esperto

Il nostro primo interlocutore è il professor Elvio Bellini

(Dipartimento di Orto floro frutticoltura – Università di

Firenze) uno dei massimi esperti italiani nello studio

scientifico del settore della coltivazione del castagno.

Professor Bellini, la produzione 2009 di castagne e mar-


around 20,000 tons. What is expected for this year?

“The good weather we had in spring encouraged the

setting and the development of the fruit. It could be

an excellent year, both in terms of both quantity and

quality if it were not for attacks from traditional phytophages

- tortrix moths and chestnut weevil – which

on average strike 30% of the crop. This is compounded

by the damage caused by the chestnut gall wasp

(Dryocosmus kuriphilus), which is expected to cause

a further decrease in production in the order of 10% -

20%. In short, it should be a fairly good year with production

on more or less the same levels in terms of

quantity as last year.

What are the main sources of uncertainty on the

national and international markets?

“Our product is facing growing competition from the

increasing quantities of castanea mollissima from

China, Korea and other Asian countries which are

appearing on domestic and European markets. The

problem is exacerbated by the fact that it seems

that some batches of “mollissima” chestnuts produced

in countries outside Europe arrive in Europe

by way of Turkey, where they are fraudulently disguised

as a European product. In recent months the

Ministry of Agriculture has launched a roundtable

discussion with a pool of experts in order to submit

this problem for examination in Brussels.

Meanwhile, the Ministry plans to create a brand for

the Italian chestnut in order to defend consumers,

roni è stata stimata intorno alle 50.000 tonnellate e

l’export si è attestato intorno alle 20.000 tonnellate.

Cosa ci si aspetta per l’anno in corso?

«Il buon andamento del clima primaverile estivo ha favorito

l’allegagione e anche lo sviluppo dei frutti. Potrebbe

essere un’ottima annata, sia in termini di qualità che di

quantità se non ci fossero le incidenze dei fitofagi tradizionali,

Cydia e Balanino, che mediamente incidono sul

30% della produzione. A questi si somma il danno provocato

dal Cinipide galligeno, che si stima possa provocare

un ulteriore decremento produttivo del 10-20%.

Insomma, un’annata discreta che si posizionerà grossomodo

sugli stessi quantitativi dell’anno passato».

Quali sono le maggiori incognite del mercato nazionale

e internazionale?

«Sui mercati nazionali ed europei sono sempre più pre-

Product/chestnut

Prodotto/castagna


our product and above all the economies of our

mountain communities”.

What qualitative differences are there between the

castanea mollissima and the sativa variety, the typical

Italian product?

“The name says it: its texture is less compact, so

much so that is not suitable for the production of marrons

glacés (candied chestnuts), and even less for

flour. It is a product that is not always appreciated by

the consumer, but it arrives early and it is cheap”.

The Associazione Nazionale Città del Castagno

(National Chestnut Association)

The Associazione Nazionale Città del Castagno unites

78 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

senti partite di castagna “mollissima” che provengono

dalla Cina e dalla Corea e da altri paesi dell’Est che

fanno concorrenza al nostro prodotto. Il problema è

acuito dal fatto che sembra che alcuni lotti di castagna

“mollissima” prodotti in Paesi extraeuropei, giungano

nel nostro continente attraverso la Turchia, dove fraudolentemente

sono camuffati come prodotto europeo. In

questi mesi il Ministero delle Politiche Agricole ha attivato

un tavolo di concertazione sul castagno con un pool

di esperti per sottoporre anche questo problema a

Bruxelles. Nel contempo il Ministero progetta di realizzare

un marchio della castagna italiana, in difesa del consumatore,

delle nostre produzioni e sopratutto dell’economia

della montagna».

Quali sono le differenze qualitative della castanea mollissima

rispetto alla sativa, tipica delle nostre produzioni?

«Lo dice la parola stessa: il frutto ha minor consistenza,

tanto che non è adatto alla realizzazione dei marron

glacé e, tantomeno, di farine. Un prodotto non sempre

apprezzato dal consumatore, ma che arriva precocemente

e a buon prezzo sui mercati».

L’Associazione nazionale Città del castagno

L’Associazione nazionale Città del castagno riunisce

100 enti (comunità montane e comuni, organizzazioni di

coltivatori) legati alla produzione di questo frutto situati

su tutto il territorio italiano. Il presidente è Ivo Poli, al

quale chiediamo come si presenta la nuova campagna

castanicola.

«Dal punto di vista quantitativo, la campagna castanicola

italiana del 2010, a parte l’incidenza del Cinipide, sarà

un’annata buona sia come produzione, sia per pezzatura.

La pioggia, che è stata abbondante nel periodo più

caldo, dovrebbe limitare lo sviluppo della Cydia e del

Balanino e favorire l’ingrossamento dei frutti. La buona

A quality label for consumer protection

Un marchio di qualità a tutela del consumatore

According to the experts, 2010- 2011 should be a good year for Italian chestnut production, both in qualitative and quantitative

terms, though there is some concern about gall wasp outbreaks and competition from China and Korea.

With respect to hymenoptera, the adoption of organic pest management in various parts of the country seems to be producing

excellent results and there is reason to hope for a substantial reduction of the problem in coming years.

Moreover, in the light of the increasing presence of “castanea mollissima” imported from Asia, a new front for the protection of

Italian products has been opened led by the Ministry of Agriculture and Forestry, with the proposal of a single quality label that

would protect consumers and enable them to easily identify the source and origin of the product. (LS)

Secondo il parere degli esperti, quella 2010-2011è un’annata che parte sotto buoni auspici per la produzione italiana, sia dal punto di vista

qualitativo, sia quantitativo, con alcune preoccupazioni concernenti i danni dovuti agli attacchi di Cinipide e alla concorrenza di Cina e Corea.

Per quanto riguarda l’attacco dell’imenottero, la campagna di lotta biologica intrapresa in varie zone del Paese sembra dare ottimi

risultati, tanto da far sperare in una riduzione sostanziale del problema nei prossimi anni.

Inoltre, a fronte della crescente presenza di “castanea mollissima” importata dall’Asia, si è aperto un fronte per la tutela del prodotto

italiano capeggiato dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, con la proposizione di un marchio unico di qualità che

possa tutelare il consumatore e metterlo in grado di distinguere in maniera chiara l’origine e la provenienza del prodotto. (e.b.)


100 bodies involved the production of chestnuts from

all over Italy (mountain communities, municipalities

and farmers’ organizations).

We asked its chairman about how things look for the

coming chestnut harvest.

“From the quantitative point of view, apart from the

effects of gall wasp, it will be a good year, both in

terms of production and of size. The abundant rain

we’ve had in the hotter months should limit the development

of tortrix moths and chestnut weevil and

favour larger nuts. Their good quality should mean an

increase in exports with respect to the last two years,

when lack of rain resulted in a poor harvest and small

sized nuts.

All the Italian regions have now been hit by the gall

wasp. How do you see the situation?

“Considering the excellent results obtained with

organic pest management, now firmly established

throughout Italy, and providing that this continues

with a greater commitment on the part of the institutions,

I don’t believe that we will see a repeat of the

enormous damage suffered in 2007-2008.”

(English translation by Lawrence Smith)

ESTIMATED ITALIAN

PRODUCTION (2005)

Regions

Production of chestnuts

and marroni (tons)

Campania 27.000

Tuscany 8.000

Lazio 6.000

Calabria 5.500

Piedmont 5.000

Total 51.500

Source: Proceedings of the Montella

National Conference

STIMA DELLE PRODUZIONI

ITALIANE (2005)

Regioni

Produzione di castagne

e marroni (tons)

Campania 27.000

Toscana 8.000

Lazio 6.000

Calabria 5.500

Piemonte 5.000

Totale 51.500

Fonte: atti convegno nazionale di

Montella

qualità dovrebbe incrementare anche l’export rispetto

agli ultimi due anni, che sono stati molto siccitosi, con

produzione scarsa e frutti piccoli».

Il Cinipide ormai colpisce tutte le regioni Italiane. Quali

sono le vostre aspettative?

«Considerando gli ottimi risultati ottenuti con la lotta biologica,

affermatasi ormai in tutta Italia, se questa continuerà

con maggior impegno da parte delle istituzioni,

credo che nei prossimi anni non si dovrebbero verificare

gli enormi danni subìti nel 2007-2008».

Product/chestnut

Prodotto/castagna


Product/cauliflower

Prodotto/cavolfiore

Wide-ranging varietal

renovation for cauliflowers

Ampio rinnovamento

varietale per il cavolfiore

Giuseppe Francesco Sportelli

35 new offerings from the seed companies which are most engaged with this vegetable

that knows no setbacks either in terms of land area devoted to it or demand

Sono 35 le novità proposte dalle società sementiere più impegnate su un’ortiva

che non conosce cedimenti di superfici e di domanda

No less than 35 new varieties of cauliflower have

been proposed by nine seed companies for 2010,

for the most part of the traditional white kind, but also

for the Romanesco and the Verde di Macerata. The

numbers say it all about a varietal range that is under

continuous renewal, mirroring the importance of a

vegetable which, despite the general crisis that has hit

vegetables, has had no difficulty in maintaining its

acreage and has not lost ground in terms of consumption.

Bejo

Salou is a vigorous, erect plant with a round, compact

corymb. Santa Fe is a hardy, vigorous and highly productive

plant with a fairly precocious cycle; it has a

round, compact, finely grained corymb.

Santa Fe (Bejo).

Santa Fe di Bejo.

80 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Sono ben 35 le nuove varietà di cavolfiore proposte per

il 2010 da nove società sementiere, in larga parte per la

tradizionale tipologia bianca, ma anche per il Romanesco e

il Verde di Macerata. Numeri eloquenti di un parco varietale

in continuo rinnovamento, specchio dell’importanza di

una coltura che, malgrado la crisi generale delle ortive, tiene

molto bene nelle superfici e non cede nei consumi.

Bejo

Salou, presenta una pianta vigorosa ed eretta, con

corimbo rotondo e compatto. Santa Fe, a ciclo medioprecoce,

ha una pianta vigorosa, eretta, rustica e molto

produttiva, corimbo tondo e compatto, dalla grana fine.

Clause

CLX 33820 è un cavolfiore per raccolte autunnali dal

CLX 33820 (Clause).

CLX 33820 di Clause.


E 51.176 (Enza Zaden).

E 51.176 di Enza Zaden.

Clause

CLX 33820 is a cauliflower for autumn harvesting with

a pure white corymb which is well covered at harvesting.

Navalo is a white cauliflower for winter harvesting

in central-southern Italy. The well covered corymb is

dense and heavy and brilliantly white with excellent

closure at the bottom. Diwan is a variety for late winter

harvesting. The head is brilliantly white, dense and

very heavy. Jubarte has a whiter corymb than other

late varieties. Its greatest merit is the specific weight

of the head, which is unaffected even by abnormally

high temperatures.

Enza Zaden

Terzolo is an early cycle cauliflower for September

to October harvesting. The corymb is large, compact

and very dense with a high specific weight,

characteristics which are exceptional for a cauliflower

with a precocious cycle. Transplanting is

recommended in the first half of July in northern

Italy and between July and August in the Centre-

South. The late 51176 cauliflower can be transplanted

in the second half of August in the Centre-

South and harvested between January and

February. It has a well-shaped corymb which is

protected but easy to access.

Gautier

Ubac, an early cauliflower resistant to heat, is suitable

for harvesting in early autumn. It has a round,

well covered, brilliantly white corymb of good specific

weight. Platon is a cauliflower for the autumn. Its

corymb is round, very white, solid, closed at the bottom

and well covered. Drake is suitable for winter

harvesting. The corymb is white, heavy and compact.

The fairly late cauliflower Titouan has a round,

bright white corymb which is solid and tightly closed

at the bottom.

Platon (Gautier).

Platon di Gautier.

corimbo bianco puro, ben coperto in raccolta. Navalo è

un cavolfiore bianco per raccolte invernali nel Centro-

Sud. Il corimbo, ben coperto, è denso e pesante, bianco

intenso, con ottima chiusura del fondo. Diwan è una

varietà per fine inverno. La testa è bianco brillante, compatta

e molto pesante. Jubarte ha un corimbo di colore

più bianco rispetto agli altri tardivi. Suo punto di forza è

il peso specifico della testa, inalterato anche con caldi

anomali.

Enza Zaden

Terzolo, a ciclo precoce, per raccolte a settembre-ottobre,

ha pianta a portamento compatto. Il corimbo è

molto denso, consistente e con un alto peso specifico,

eccezionale per un cavolfiore di questo ciclo. È indicato

per trapianti nella prima metà di luglio al Nord e tra luglio

e agosto al Centro-Sud. Il tardivo E 51.176 è utilizzabile

per trapianti nella seconda metà di agosto nel Centro-

Sud con raccolta fra gennaio e febbraio. Il corimbo è

protetto, ma facile da raccogliere, di buona conformazione.

Gautier

Ubac, precoce, resiste al caldo ed è indicato per raccolte

di inizio autunno. Il corimbo è tondo, di colore bianco

intenso, dotato di buon peso specifico, ben coperto.

Platon, è un cavolfiore per l’autunno. Ha un corimbo

tondo di colore bianco intenso, solido, con fondo chiuso,

ben coperto. Drakar è indicato per raccolte

d’inverno. Il corimbo è bianco, pesante e compatto.

Titouan, medio tardivo, presenta un corimbo tondo,

bianco intenso, solido, con fondo ben chiuso.

Isi Sementi

Clima viene raccolto in estate-autunno, non oltre fine

ottobre. Il corimbo presenta forma globosa, buona consistenza

e colore bianco. Planner si trapianta in primavera-estate

e si raccoglie in estate-autunno. Il corimbo è

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

81

Product/cauliflower

Prodotto/cavolfiore


Product/cauliflower

Prodotto/cavolfiore

Madeira (Isi Sementi).

Madeira di Isi Sementi.

Isi Sementi

Clima is harvested in summer and autumn, not later

than the end October. The corymb is globular, white

and of good texture. Planner is transplanted in the

spring-summer and harvested summer-autumn. The

corymb, of an excellent white colour, is compact, uniform,

heavy, covered, and has a tight closure.

Avalanche is dome-shaped and has a pure white

corymb, which is very dense. Corsica is transplanted

in summer and harvested in summer-autumn. The

corymb, which has an elegant dome shape, is very

uniform, very dense, heavy and of an excellent white

colour. The corymb of the Madeira variety is tight,

compact, uniform, and very white. It has a very high

specific weight.

Rijk Zwaan

Stabilis, a novelty suitable for Fucino, is a spring

variety for the fresh market. The plant is erect and

vigorous, and the head, which is well covered on

maturity, is quite concentrated. Magister, recommended

for Trento, is a spring-summer variety for

the fresh market. It is feasible in the Centre-South, if

excessive fertilization is avoided. Casper is an early

variety for both the fresh market and industry. Its

brilliantly white corymb is large and finely grained

and well protected by foliage; it is tightly closed at

the bottom and compact. Its maturation is fairly

concentrated.

Sakata

Karnak has white compact corymbs which are

tightly closed and uniform. Atalaya is suitable for

harvesting in the autumn and in the early winter

both for the fresh market and for industry. The

corymb, which weighs 1 to 1.3 kg, is compact,

covered with foliage and characterised by good

resilience. Kastor, for autumn harvesting, produces

corymbs of good size that keep their excellent cov-

82 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

New varieties for the

Verde di Macerata type

Le novità per il verde

di Macerata

Clause offers two novelties for the Verde di Macerata type:

Basileo, a very green cauliflower which is dense and compact

with a high, round corymb, for production from

September to early November in the North, and early

October to late December in the Centre-South; and Nazario,

a cauliflower with a fairly late cycle for harvesting in

December-January, which has a round high, well-shaped

corymb with flower buds of exceptional compactness.

Leonardo, on the other hand, comes from Isi Sementi: this

is a cauliflower for summer transplanting and harvesting in

summer-autumn which has a large, heavy dome-shaped

corymb of brilliant green.(LS)

Per la tipologia Verde di Macerata Clause presenta due novità:

Basileo, per produzioni da settembre a inizio novembre al Nord

e da inizio ottobre a fine dicembre al Centro-Sud, ha un corimbo

rotondo, alto con fondo chiuso, molto verde, denso e compatto;

Nazario, con ciclo medio-tardivo e raccolta a dicembregennaio,

ha corimbo rotondo, alto e ben fatto con i fioretti evidenti

di eccezionale compattezza. Leonardo è invece una

varietà di Isi Sementi, trapianto estivo e raccolta estivo-autunnale,

corimbo consistente, pesante, forma a cupola e verde

intenso molto brillante. G.F.S.

compatto, uniforme, pesante, coperto, con chiusura

molto serrata e ottimo colore bianco. Avalanche presenta

un corimbo con forma a cupola, elevata consistenza

e colore bianco candido. Corsica, si trapianta in estate

e raccoglie in estate-autunno. Il corimbo ha elegante

forma a cupola, è molto uniforme, ben serrato, pesante

e con eccellente colore bianco. Madeira ha un corimbo

serrato, compatto, uniforme, molto bianco e con alto

peso specifico.

Rijk Zwaan

Stabilis, novità adatta per il Fucino, è una varietà primaverile

per il mercato fresco. Ha pianta

vigorosa con portamento eretto

e buona copertura della testa

a maturazione, abbastanza

concentrata. Magister, indicata

per il Trentino, è

una varietà primaverile-estiva

per il mercato

fresco. È proponibile

per l’autunno al Centro-

Magister (Rijk Zwaan).

Magister di Rijk Zwaan.


Tenfold (Seminis).

Tenfold di Seminis.

erage even when large sized. Concept, which is highly

productive, has uniform corymbs which are easily

packed. Trophy is recommended for winter harvesting.

The corymbs are domed and compact with good

closure and have a high specific weight. They are well

covered and have an excellent white colour.

Seminis

Aquatica, an early cycle cauliflower, can be counted

on to produce well covered white corymbs with a high

specific weight. This cauliflower adapts different

times of sowing/transplanting, and its harvesting window

is a wide one, from late November to early

January. Typical produces well covered corymbs

which are smooth and of an excellent white colour.

Their specific weight is always high; they are tolerant

of the cold and resist over-maturation. Tenfold has a

very late cycle, 220-230 days after transplantation

and very dark enveloping green leaves. The inflorescence

is smooth and very compact, and it has a very

high specific weight.

Vilmorin

Italis is a late autumn/winter cauliflower harvested in

Karnak (Sakata).

Karnak di Sakata.

Sud, evitando eccessi nella fertilizzazione. Casper è una

varietà precoce per il mercato fresco e l’industria. Ha

corimbo grosso, ben protetto dal fogliame, con grana

fine e di colore bianco vivo. Fondo ben chiuso e compatto.

La maturazione è discretamente concentrata.

Sakata

Karnak ha corimbi bianchi, compatti, ben chiusi e uniformi.

Atalaya è indicato per le raccolte autunnali e di inizio

inverno, per il mercato fresco e l’industria. Ha un

corimbo del peso di 1-1,3 kg, compatto, coperto dal

fogliame e con buone capacità di tenuta. Kastor, per

raccolte autunnali, produce corimbi di buona pezzatura

che mantengono ottima copertura anche a dimensioni

elevate. Concept, fornisce alte produzioni, corimbi uniformi

e facilmente confezionabili. Trofeo, è indicato per

raccolte invernali. I corimbi sono a cupola, ben chiusi e

compatti con notevole peso specifico ed eccellente

colore bianco, ben coperti.

Seminis

Aquata, a ciclo precoce, garantisce un corimbo ben

coperto, bianco, con alto peso specifico. È adattabile a

diverse epoche di semina/trapianto, con ampio periodo

Colosseo and Palio, the latest Romanesco types

Colosseo e Palio, ultimi nati per il Romanesco

Clause also has two new varieties for the Romanesco type: Coliseum has a dense pointed corymb of excellent colour and is harvested

from mid-March to mid April in Central-Southern Italy; Palio has an autumn-winter cycle for harvesting from November to

January in the Centre-South (late October to the end of November in the North) and extremely compact corymbs which are heavy,

dark green, glossy and very resistant to handling with excellent post-harvest keeping. (LS)

Anche per la tipologia Romanesco Clause propone due novità: Colosseo, raccolta da metà marzo fino a metà aprile al Centro-Sud; ha

corimbo appuntito, denso e di ottimo colore; Palio ha ciclo autunno-invernale, per raccolte da novembre a gennaio al Centro-Sud (da

fine ottobre a fine novembre al Nord); ha corimbo ipercompatto, pesante, verde scuro, brillante, molto resistente alle manipolazioni con

eccellente conservazione post-raccolta. G.F.S.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

83

Product/cauliflower

Prodotto/cavolfiore


Product/cauliflower

Prodotto/cavolfiore

Italis (Vilmorin).

Italis di Vilmorin.

late December

and January. The

corymb, which is

round, ivory

coloured and well

covered, is very dense

and compact and it has

a high specific weight,

weighing on average 1.2 to 1.3 kg. It is closed at the

bottom, the flower buds are of average prominence

and it has good resistance to manipulation. Seoul is a

cauliflower for harvesting in northern Italy from late

September to late October, in the Centre from July to

October, in the Fucino area from October-November,

and elsewhere in the south from late October to mid

November. The corymb is white and very compact; it

is finely grained and tightly closed at the bottom.

(English version by Lawrence Smith)

di raccolta, da fine novembre ai primi di gennaio.

Typical, consente un’elevata copertura del corimbo, di

ottimo colore bianco, liscio e con peso specifico sempre

molto elevato; tollera il freddo e resiste alla sovramaturazione.

Tenfold, con ciclo ultratardivo, 220-230 gg

dal trapianto, ha foglie verde scuro molto avvolgenti,

infiorescenza bianca, liscia e molto compatta, peso specifico

molto elevato.

Vilmorin

Italis, è un cavolfiore tardo autunnale/invernale con

raccolta tra fine dicembre e gennaio. Il corimbo, rotondo

e bianco avorio, è molto coperto, ha grana solida e

compatta, elevato peso specifico, peso medio 1,2-1,3

kg, fondo chiuso e fioretti mediamente rilevati, buona

tenuta alla manipolazione. Seoul, con raccolta nel

Nord da fine settembre a fine ottobre, nel Centro da

luglio a ottobre nell’area Fucino e a ottobre-novembre

altrove, nel Sud da fine ottobre a metà novembre. Il

corimbo è bianco e molto compatto, ha grana fine e

fondo ben chiuso.


Californian pistachio nuts:

antioxidant and easy to shell

Il pistacchio della California

antiossidante e facile da sbucciare

Giulia Giovanelli

Wonderful Pistachios, from the U.S. agricultural concern Paramount Farms is the

only global brand of pistachios in the world. They are available in packs of various

sizes and in different flavours

Wonderful Pistachios, dell’azienda agricola statunitense Paramount Farms, è l'unico

marchio globale di pistacchi al mondo. Proposto in confezioni di varia grandezza

e in diverse aromatizzazioni

The Mediterranean climate

and the fertile land

of the San Joaquin Valley in

California, where the operations

of the American

grower organization

Paramount Farms are located,

offer ideal conditions for

the cultivation of pistachio.

Indeed in 15 thousand hectares

of plantations in the California

desert over 1,800 quintals of pistachio

nuts are produced annually,

making it one of the main production

areas in the world. After the first experimental

crops of the seventies, it took

almost a decade of intensive research and

production in order perfect the Californian

Pistachio, which today enjoys an excellent

reputation among consumers.

Paramount Farms’ Wonderful Pistachios is an example

of a vertical supply chain: it incorporates the

whole supply chain, from seed to sale, and manages

all the intermediary stages necessary to processing.

It conducts a whole battery of control checks relating

to safety, harvesting and traceability, thanks also to

its geographical information system (GIS), which

makes it possible to trace all orchard activities. Its

pistachio nuts are all naturally grown, sun ripened

and subjected to processing within 24 hours of harvesting,

respecting the most stringent international

standards of food hygiene.

Il clima mediterraneo, dell’azienda agricola statunitense

Paramount Farms, e la terra fertile della San Joaquin

Valley in California, sono in grado di offrire le migliori condizioni

per la coltivazione del pistacchio. Nei 15mila ettari

di piantagioni nel deserto californiano infatti, si producono

più di 1.800 quintali di pistacchi all’anno, che ne fanno una

delle principali zone di produzione al mondo. Dopo le

prime coltivazioni sperimentali degli anni settanta, c’è

voluto quasi un decennio di intense attività di ricerca

e coltivazione per riuscire a ottenere la perfezione

del Pistacchio californiano, che oggi gode di

ottima fama tra i consumatori.

La Wonderful Pistachios, dell’azienda

agricola statunitense Paramount

Farms, è un esempio di filiera

verticale, ossia dal seme alla

vendita, controllando tutti

i passaggi intermedi,

necessari alla lavorazione:

vengono eseguita

numerosi checklist

relativi alla sicurezza, al

raccolto e alla tracciabilità,

grazie anche ai sistemi

di informazione geografica (Sig), che

rendono tracciabili tutte le attività sul campo. Ogni

pistacchio è coltivato in modo naturale, matura al sole e

California Pistachio nuts are characterized by a cream-colored

shell split part way open.

I pistacchi della California si caratterizzano per il guscio color crema

con una leggera divisione a metà.

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

85

Product/pistachio

Prodotto/pistacchio


Product/pistachio

Prodotto/pistacchio

Characteristics and packaging

California pistachio nuts are distinguished by their

cream-coloured shells which are large and soft and

divided into two parts which make them easy to open

– in any case they are almost always already split half

open – and their green kernels are elongated in shape

and flat at the stalk end. The seed is hard and its

greenness is an indication of its considerable antioxidant

powers. The chief strength of this extraordinary

nut lies in its organoleptic qualities and the presence

of antioxidant substances - the importance of the lat-

Wonderful Pistachios ® packs with two transparent windows to

ensure the quality of the contents.

Confezioni di Pistacchi Wonderful ® con le due finestre trasparenti a

garanzia della qualità del contenuto.

viene sottoposto a lavorazione entro 24 ore dal raccolto,

rispettando le più severe norme di igiene alimentare

internazionali.

Caratteristiche e packaging

Peculiarità dei pistacchi della California sono il guscio

color crema, largo e morbido, con una lieve divisione a

metà – che ne permette facilmente l’apertura ed è comunque

quasi sempre già dischiuso – il verde gheriglio dalla

forma allungata e l’estremità piatta del gambo. Il seme di

pistacchio è forte e verde, segno del suo alto potere

antiossidante. Punto di forza di questo straordinario frutto

in guscio sono le qualità organolettiche e la presenza di

sostanze antiossidanti, in passato sottovalutata. «Il Nord

America – spiega Vincenzo Annunziata, country manager

Italia per la Paramount Farms – è all’avanguardia nella

ricerca sui benefici per la salute derivanti dal consumo di

pistacchi. Si tratta non solo di un alimento gustoso, ma

anche il più ricco di sostanze nutritive e con un contenuto

calorico e lipidico tra i più bassi rispetto agli altri alimenti

della stessa categoria. Il packaging utilizzato è assolutamente

moderno, il logo California Grown (Coltivato in

California) sulle confezioni di color nero dei Pistacchi

Wonderful® ne sottolinea la qualità, come anche le 2

“finestre” create apposta per dar modo al consumatore di

vedere il prodotto contenuto all’interno». Attualmente i

Pistacchi Wonderful sono commercializzati in 15 paesi dei

cinque continenti, Stati Uniti, Canada, Messico, Belgio,

Svizzera, Francia, Germania, Brasile, Sud Africa, India,


ter being something that was once underestimated.

“North America - says Vincenzo Annunziata,

Paramount Farms Italy country manager - is a pioneer

in research on the health benefits which accrue

from the consumption of pistachio nuts. Not only are

pistachio nuts tasty, but of the foods in their category

they are the richest in nutritive substances and the

lowest in calorific and fatty content. The packaging

used is thoroughly modern. The California Grown

logo on the black packaging of Wonderful

Pistachios® emphasizes their quality, as do the two

“windows” in every pack which enable the consumer

to see the product inside. Wonderful Pistachios are

currently marketed in 15 countries on five continents,

the United States, Canada, Mexico, Belgium,

Switzerland, France, Germany, Brazil, South Africa,

India, Russia, China, Israel, England and Romania.

They are sold in packs of various sizes and in different

flavours in order to meet the most diverse of

snack requirements, from consumption while walking,

to parties and family gatherings. Currently they

are available on the market in three different versions:

roasted with a pinch of salt in 250g, 500 g or 1kg

packs, roasted with salt and pepper in 500 or 250 g

packs, and roasted without flavouring in 250 g packs.

Info: www.pistacchiosalute.com,

www.italy.wonderfulpistachios.com

(English version by Lawrence Smith)

The green colour of California Pistachio kernels is indicative of

their high antioxidant content.

Il colore verde del seme dei Pistacchi della California è indice di un

elevato potere antiossidante.

Russia, Cina, Israele, Inghilterra e Romania e sono in vendita

in pack di varia grandezza e con diverse aromatizzazioni

per soddisfare le esigenze di snack più diverse, dal

consumo da passeggio, alle feste e riunioni di famiglia.

Oggi vengono proposte sul mercato tre diverse versioni:

perfettamente tostati con un pizzico di sale in confezioni

da 1 kg fino al 250 g, salati e pepati nel formato 500-250

g e al naturale in vendita nel pacco da 250 g.

Info: www.pistacchiosalute.com,

www.italy.wonderfulpistachios.com

Product/pistachio

Prodotto/pistacchio


The trend is up

Now to keep it going

Il trend è positivo

Ora va consolidato

Dario Casati, Lucia Baldi Università degli studi di Milano

The entry of new players in the trade means it’s time to consolidate ties to innovating

services like Horeca and vending

L’ingresso di nuove imprese nel settore impone di rafforzare i rapporti con canali

innovativi come Horeca e vending

The double-digit growth we’re used to seeing in the brief

history of the fresh-cut sector has shown signs of abating

somewhat over the last two years. In actual fact, however,

the trade continues posting big turnover figures as

positions are consolidated and the new players joining its

ranks are being lured by the conspicuously high profit margins

we’ve seen so far. The current influx of new firms, along

with the inevitable horizontal aggregation and competition

accompanying their entry, not to mention the vertical kind

with wholesalers, has brought with it a number of problems

made more urgent by the ongoing effects of the recession.

One key issue this situation has brought to the fore is how

to strengthen ties to the innovative food service horeca and

vending-machine networks, trade channels that offer a lot of

room to manoeuvre if you know how to exploit it as well as

significant additional value if you know how to grasp it.

Other key issues on the table include the regulatory

provisions and the food quality and health standards

the trade has to measure up to.

La crescita del comparto della IV gamma, dopo anni

di incremento a tassi di due cifre, nell’ultimo biennio

ha mostrato, per la prima volta nella sua breve storia,

qualche rallentamento.

In realtà il comparto ha proseguito il suo percorso di crescita

e di razionalizzazione e continua la comparsa di numerosi

nuovi entranti attirati da una remuneratività che, sinora, è

stata elevata. L’afflusso di nuovi soggetti, unito agli inevitabili

processi di aggregazione e di competizione di tipo orizzontale,

oltre che di tipo verticale con la distribuzione, pone

molti problemi resi più acuti dalla crisi. Si pone con forte

intensità il problema del rafforzamento dei rapporti con i

canali distributivi più innovativi come quello horeca e il vending,

dove si aprono spazi importanti che possono essere

adeguatamente sfruttati con una significativa acquisizione

di valore aggiunto che al momento sfugge.

Si pongono inoltre problemi rilevantissimi per quanto

riguarda il quadro normativo e di formazione degli standard

commerciali e igienico-sanitari dei prodotti.


Figure 1 – Fresh-cut produce acreage.

Figura 1 – Superfici per la IV Gamma (2008).

TAB. 1 - VENDITE IN ITALIA, VARIAZIONI (%)

2006/

2005

2007/

2006

2008/

2007

2009/

2008

IN QUANTITÀ

ortaggi IV gamma 25,1 7,2 -1,4 10,9

ortaggi cotti

V gamma

29,4 2,7 16,4 -0,4

ortaggi freschi 0,7 -3,8 0,2 -1,3

ortaggi in scatola -2,6 -1,1 0,4 3,4

ortaggi surgelati 5,1 0,5 2,2 3,2

ortaggi cotti

IN VALORE

-5,6 5,6 4,3 -2,4

ortaggi IV gamma 25,1 7,4 -3,8 5,8

ortaggi cotti

V gamma

35,5 8,9 24,3 -3,5

ortaggi freschi 3,8 -2,1 -0,9 6,1

ortaggi in scatola -0,6 1,4 7,8 4,2

ortaggi surgelati 6,4 0,3 2,6 -1,9

ortaggi cotti -0,5 5,5 8,1 1,1

Fonte: elaborazioni Università degli studi di Milano su dati Ismea-Nielsen

Industry profile

Currently there are no official government statistics

regarding nation-wide fresh-cut produce acreage and

the only available data are the estimates supplied by

Producer Organisations. Figures from Aop

UnoLombardia, the leading consortium of fresh-cut

POs, current acreage stands at 6,500 hectares, mostly

greenhouse, and operations run an average 56 crop

cycles a year. The biggest producer region is

Lombardy with 31% of the estimated acreage, followed

by Campania at 30%, Veneto at 11% and

Tuscany at 8%. The leading producers by province

Produzione e territorio

Attualmente non esistono informazioni ufficiali sulle

superfici investite a IV gamma nel territorio nazionale ed

è necessario riferirsi alle organizzazioni di produttori per

avere delle stime.

In base alle indicazioni fornite dalla Aop UnoLombardia

(principale società consortile di Op di IV gamma) la

superficie utilizzata raggiunge i 6.500 ettari, per lo più in

serra, e presenta una media, sulla stessa superficie, di

5-6 cicli all’anno. La regione dove è maggiormente concentrata

la produzione è la Lombardia, con il 31% degli

ettari, a cui segue la Campania (30%), il Veneto (11%) e

la Toscana (8%). Le province dove si raggiunge la maggior

parte della produzione sono Bergamo e Brescia,

seguite in misura minore da Salerno. Tali zone costituiscono

dei veri e propri poli produttivi agricoli (fig. 1).

Sono presenti circa 450 aziende produttrici, mentre la

trasformazione viene realizzata da circa 80 imprese. In

realtà tale distinzione non è sempre così netta dal

momento che spesso le imprese trasformatrici operano

anche con coltivazioni autonome, oltre che attraverso

specifici contratti con i produttori stessi.

Leader del settore è La Linea Verde, che nel 2008 ha

fatturato 164 milioni di euro, sia con i marchi della

grande distribuzione sia con il proprio brand

DimmidiSì. Ad essa appartengono 5 siti produttivi, 2

aziende agricole, una società di trasporti refrigerati per

un totale di oltre 1.000 addetti. Interagiscono inoltre

altre 350 aziende orticole distribuite su tutto il territorio

nazionale. Subito di seguito si trova Bonduelle, con

140 milioni di euro realizzati nel business insalate di IV

gamma. L’azienda è leader di marca con una quota

che si avvicina al 20% essendo una delle poche che ha

introdotto nel mercato un brand forte e riconoscibile.

Bonduelle e La Linea Verde assieme detengono il 50%

del fatturato totale.

Nell’arco di un ventennio il settore della IV gamma ha

attivato un indotto significativo, principalmente nell’industria

sementiera, in quella delle macchine per l’industria

alimentare e nel confezionamento.

Le imprese

Tra le principali imprese che hanno sviluppato varietà di

ortaggi con caratteristiche ottimali per la trasformazione

in minima lavorazione si annoverano l’olandese Enza

Zaden, concentrata nei pomodori cocktail e nelle lattughe

baby leaf; la Rijk Zwaan, che dispone di una

gamma specifica di varietà di insalate con facile separazione

delle foglie ed elevata shelf life; la Syngenta Seed,

che offre un ampia gamma con lattughe di varietà multifoglia

e infine la Nunhems, con una particolare varietà

di pomodoro ideale per insalate di IV gamma.

Tra le aziende che producono macchine da industria, si

trova la F.lli Cappiello, concentrata sul miglioramento

della fase dell’asciugatura, la Gna, che punta sul risparmio

energetico di tutta la linea produttiva e la

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

89


are Bergamo and Brescia, followed at some remove

by Salerno. All these areas are veritable farming powerhouses

(fig. 1).

The figures also show that there are nearly 450 farms

producing for the fresh-cut trade and about 80

processors servicing them, although these numbers

are likely skewed to a certain extent in that many

farmers process their own crops in addition to any

contracts they have with other processors or growers.

The industry leader is La Linea Verde. It posted a 2008

turnover of €164 million, receipts that include supplies

to private supermarket labels and foods marketed

under its own DimmidiSì (Say Yes) brand. The company

has 5 processing plants, 2 farms and a fleet of

refrigerated lorries, for a combined total of more than

a 1,000 employees. It can also count on business ties

to another 350 vegetable farmers in districts spread

throughout the country.

Right behind it in second place is Bonduelle, a firm

with sales of €140 million that focuses mainly on

ready-to-eat salads. One of the few in the trade with

a strong, highly recognisable label, the company is a

brand leader with a market share just shy of 20%.

Indeed, Bonduelle and La Linea Verde hold a combined

share of 50% of the domestic market.

The fresh-cut trade has also had a significant impact

beyond itself, especially in the seed industry and for

manufacturers of food processing and packaging lines.

The other players

The leading players that have developed seeds for vegetables

with the right traits for the trade today include

Holland-based Enza Zaden, a specialist in cocktail

tomato and tender baby leaf lettuce varieties, Rijk

Zwaan, which has a specific range of salad cultivars

with easy-to-separate lettuce leaves and long shelf life,

Syngenta Seed, which offers a broad selection of multileaf

lettuce varieties, and Nunhems, which features a

special tomato cultivar that is ideal for fresh-cut salads.

Standouts in the manufacturing arm include the produce

drying lines made by F.lli Cappiello, the energy-

90 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Tecnoceam, che offre detorsolatrici-spicchiatrici per

risparmiare sui costi della manodopera.

Il mercato in calo in tempi di crisi

Il mercato della IV gamma negli ultimi dieci anni è cresciuto

a ritmi incessanti e l’Italia attualmente è il secondo

mercato europeo dopo il Regno Unito. Solo nel

2008, per la prima volta si è registrata un’inversione di

tendenza, seppur contenuta (–1,4% in quantità e –3,8%

in valore - fonte: Ismea-Nielsen), che ha generato reazioni

diverse tra i competitors costringendo non solo a

rivedere le politiche commerciali e di prezzo, ma anche

accelerando i progetti di partnership con le catene

distributive. Tuttavia nell’anno successivo il mercato ha

registrato una ripresa: in termini di valore si è avuto un

aumento del 5,8% raggiungendo i 700 milioni di euro nel

2009, mentre in quantità sono state vendute 146mila

tonnellate con un incremento dell’11% rispetto al 2008.

Le motivazioni di questo rallentamento sono molteplici e

determinate sia da fattori esogeni, come la crisi finanziaria

mondiale, sia da fattori endogeni, relativi alla razionalizzazione

dell’intera filiera.

È facile, ad esempio, che la crisi economica abbia direzionato

l’attenzione dei consumatori verso prodotti simili

a costi minori.

Dalla tab. 1, che riporta le variazioni percentuali dal 2005

al 2009, si nota che a fronte di una diminuzione nelle

vendite di IV gamma durante il 2008, si registra una

ripresa negli ortaggi freschi e surgelati. Anche se il fattore

prezzo risulta poco significativo come causa di non

acquisto presso diverse ricerche di marketing, è plausibile

che una quota di consumatori si sia comunque rivolta

al prodotto di I gamma in periodo di crisi.

Ciò nondimeno, nell’anno successivo, gli ortaggi freschi

confezionati pronti all’uso hanno nuovamente registrato

ottime performance, sia in termini di quantità vendute

che in valore, segnale, questo, che dimostra come in

realtà il settore sia stato elastico e capace di rispondere

prontamente alle intemperanze del mercato.

Il mercato della IV gamma, nel 2009, è rappresentato per

l’86% dalle insalate, mentre alle verdure da cuocere, alle

cruditè e alle ciotole con condimento spetta il 9%, il 4% e

il 2% rispettivamente. All’interno delle insalate la quota

maggiore è rappresentata dalle miste croccanti (34%),

anche se le “mono” quali la rucola, il lattughino e la valeriana

rappresentano assieme il 35% e costituiscono il

segmento più dinamico degli ultimi anni (Fig. 2).

La domanda è prevalentemente concentrata nel Nord-

Ovest (Fig. 3), dove si registra il 41% delle vendite in

valore (e il 40% in quantità) mentre è ancora poco sviluppata

nel Sud, con il 12% (13% in quantità). Negli ultimi

anni tuttavia nelle regioni meridionali si sta registrando

un aumento della quota sia in quantità che in valore.

Secondo le informazioni di Ismea-Nielsen la quota dei

prodotti di IV gamma sul totale dei consumi di ortaggi

nel 2009 è pari al 2,7% in volume e all’8,7% in valore. A


saving units produced by GNA, and Tecnoceam,

which makes labour-saving corer and slicer lines.

Recession spells market downswing

The fresh-cut market as a whole has posted explosive

growth rates over the last decade, and today Italy is

the second largest market in Europe behind the UK.

According to Ismea-Nielsen survey data, the industry

posted its first, and only, minus signs, albeit to a very

limited extent, only in 2008, when volumes were off

1.4% and receipts slid 3.8%. The performance had

competitors and rivals scrambling to find the right

response, a situation that led some to revisit their

marketing strategies and pricing policies and others

to accelerate pursuit of suitable alliances with big

retail. Yet by the following year the market had

rebounded considerably, with receipts up 5.8% for a

€700 million turnover and sales volumes at 146 thousand

tons, up a solid 11% on the year.

A number of reasons can be adduced for the trade’s hiccup,

some arising from external factors like the global

financial meltdown and others from internal sources like

efficiency-induced restructuring in the supply chain.

For example, it’s easy to see that the recession-buffeted

economy led consumers to seek out lower-priced

items of similar kind. Note in this connection that

among the rate variations from 2005 to 2009 shown in

Table 1 fresh-cut sales fell in 2008 whereas turnover of

fresh and frozen vegetables rose. Even if some market

surveys suggest that the price factor has little influence

on consumer preferences, it is likely that a fair

share of the consuming public decided to buy fresh

bulk produce in times of a pinched economy.

Yet despite this line of reasoning, the following year

saw fresh-cut vegetable items posting a solid performance

in terms of both volume and receipts. This

was a sure signal showing that in actual fact the

industry proved to be resilient enough to respond rapidly

to ebb and flow of market forces.

The lion’s share of the fresh-cut trade today goes to

salads, with a market share of 86% in 2009, followed

by heat’n’eat, raw and dressed bowls of vegetables

with 9%, 4% and 2% shares, respectively.

Most of the fresh-cut salad sales belong to crispy

mixed items at 34%, even though single-portions of

rocket, baby leaf and garden valerian together combine

for a 35% share and have been the trade’s most

dynamic sector for several years now (Fig. 2).

Figure 3 shows that consumer demand in Italy is

mostly located in the northwest quadrant, which

accounts for 41% of receipts and 40% of volume.

While the South still represents no more than 12% in

turnover and 13% in volume, the last few years have

seen regions in the South gain in both categories. In

effect, Ismea-Nielsen survey data show that fresh-cut

items accounted for 2.7% of all vegetable purchases

Figure 2 – Fresh, canned & fresh-cut vegetable prices compared.

Figura 2 – Prezzi a confronto (%).

Ortaggi freschi

Ortaggi in scatola

Ortaggi surgelati

Ortaggi cotti V gamma

1,0

TAB. 2 - PREZZI MEDI DELLA IV GAMMA

2,0 3,0 4,0 5,0 6,0

Quante volte costa di più la IV gamma?

Fonte: elaborazioni Università degli Studi di Milano su dati Ismea-Nielsen

2009 (€) Var. 2009-05 (%)

Ipermercati 7,83 -8

Supermercati 8,16 -4

Hard discount 5,61 -7

Libero servizio 7,82 -12

Altri 8,62 1

Totale Italia 7,79 -7

Fonte: elaborazioni Università degli Studi di Milano su dati Ismea-Nielsen

ciò si aggiunga che rispetto al 2005 l’importanza di questi

prodotti è in aumento.

Si riduce la differenza di prezzo

Mediamente un’insalata lavata e confezionata pronta

all’uso costa 6 volte di più del corrispettivo prodotto di I

gamma e i prezzi risultano più elevati anche rispetto agli

altri prodotti orticoli.

In base a elaborazioni svolte con i dati Ismea-Nielsen

risulta, ad esempio, che mediamente la IV gamma

viene pagata 4,4 volte di più degli ortaggi freschi o in

scatola e 2,5 volte in più degli ortaggi surgelati (fig. 4).

Tuttavia negli ultimi 5 anni il differenziale di prezzo tende

a ridursi per tutte le categorie, in particolare rispetto agli

ortaggi freschi.

Pur considerando che i prezzi elevati non si ritrovano tra

le principali cause di “non acquisto”, tuttavia in seguito

alla recente battuta d’arresto del mercato i produttori e i

distributori sono intervenuti in modo deciso sulla leva

prezzo. Ne è prova la diminuzione registrata negli ultimi

due anni: dal 2007 al 2009 si è passati da un prezzo

medio pari a 8,38 €/kg a 7,79 €/kg.

I prezzi della IV gamma mostrano un’ulteriore particolarità

rappresentata dalla forte differenziazione geografica.

Se il consumatore del Nord-Ovest paga mediamente

8 €/kg per l’acquisto di un prodotto di IV gamma, al

Sud tale cifra scende di 70 centesimi; anche in questo

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

2009

2005

91


in the South by volume and 8.7% in receipts. This is

a clear-cut increase over the figures recorded in 2005

for the same items.

Price Gap Narrows

The average cost of a washed and packaged ready-toeat

salad is six-fold higher than buying the bulk items;

fresh-cut prices are also higher than other vegetable

items. For example, according to Ismea-Nielsen market

survey data, a fresh-cut item costs an average 4.4

times more than fresh bulk or canned vegetables and

2.5 times more than frozen items (Fig. 4). However, this

price difference has exhibited a diminishing tendency

over the last 5 years across the board and has been

especially notable for fresh vegetables.

Even if we acknowledge that high prices are not

amongst the main reasons for “non-purchasing”, the

recession and its ongoing effects have prodded producers

and big retail to pare prices. Proof of the pudding is

that over the last two years, 2007-2009, the average

fresh-cut price dropped from €8.38 a kilo to €7.79.

Fresh-cut items also exhibit a peculiar twist in that

geography plays a significant role in their pricing. For

example, a consumer in the country’s north-western

provinces will pay €8 a kilo for a fresh-cut item whereas

his or her counterpart in the southern areas will pay 70

cents less. Even in this case, however, the gap between

the two prices has narrowed as the difference registered

between the two areas in 2005 was €1.5 a kilo.

Retail

Nearly 86% of all fresh-cut receipts in 2009 were rung

up at the big hyper- and supermarket chains and the

rest at hard-discount and cash’n’carry chain outlets

(Fig. 5). Yet there also appear to have surfaced interesting

variations on this theme over the last five years. The

most notable in this connection is that hypermarkets

and hard-discount outlets are gradually taking business

away from supermarkets, with the latter going

from a 58% share in 2005 to their current 49% of sales.

In effect, the ground being gained by the discount

chains is a new phenomenon and coincides, as we’ve

noted above, with the first ripples of the market

downturn in 2008. The outlets of these chains have

also exhibited the lowest prices. For example, their

average 2009 price for fresh-cut items was €5.61 a

kilo against the €8.16 a kilo in supermarkets.

Worth noting too here is that the policy adopted by

the cash’n’carry and hypermarket chains has cut

prices considerably over the past five years (Tab. 2).

The fresh-cut trade is also an area that in-house

labels are taking over. Indeed, the latest Nielsen survey

data show that nearly 60% of fresh-cut items are

now sold under bug retail private labels and that share

continues to rise.

(English version by David Verzoni)

92 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

caso tuttavia le differenze nel tempo tendono ad attenuarsi:

solo nel 2005 la differenza tra le due aree raggiungeva

1,5 €/kg.

La distribuzione

Circa l’86% delle vendite di prodotti di IV gamma nel

2009 sono passate attraverso iper e supermercati e il

restante dagli hard-discount e dai liberi servizi (Fig. 5).

Ciò nonostante l’analisi degli ultimi 5 anni mostra interessanti

variazioni. In termini di peso percentuale, difatti,

si assiste a un aumento progressivo dell’importanza

degli ipermercati e, degli hard discount, a scapito dei

supermercati, che dal 2005 ad oggi sono passati dal

58% al 49% delle vendite. L’avanzata dei discount in

questo settore è un fatto recente e coincide con l’anno

2008, anno in cui, come è già stato evidenziato precedentemente,

si è registrata un’inversione di tendenza

dell’intero mercato.

In questo canale distributivo, peraltro, si registrano i

prezzi di vendita minori: nell’ultimo anno preso in considerazione

i prodotti di IV gamma sono stati acquistati

a 5,61 €/kg mentre presso i supermercati i prezzi

medi raggiungono gli 8,16 €/kg. È degna di nota anche

l’analisi della dinamica rispetto ai cinque anni addietro,

che vede una contrazione più accentuata dei prezzi nel

libero servizio e negli ipermercati (Tab. 2). Il settore è

inoltre territorio di conquista delle private label: in base

agli ultimi dati Nielsen, circa il 60% della IV gamma

viene venduta con il marchio commerciale e tale quota

è in costante aumento.


Fresh-cut goes beyond baby

to offer fettuccina carrots

Oltre alle baby la IV gamma

propone le carote fettuccina

Marianna Martorana

Abruzzo-based Aureli brings to market its new fresh-cut format even in novel purple

and yellow carrots packaged alone mixed with sliced courgettes

L’azienda abruzzese Aureli, distribuisce questo nuovo taglio per la IV gamma anche per

le varietà colorate, viola o gialle, in confezioni singole o miste con le fettucce di zucchine

The numbers Aureli Mario Farms can put on the

board speak with eloquence: more than 40 years’

experience in the industry, 200 employees, 500

hectares of fields, 50 thousand tons of carrot for both

the fresh and processing markets. Based on the Fucino

plateau in Abruzzo Region, the company is a national

leader in the cultivation and processing of carrots and

exports the processed juices, creams, concentrates,

flour, cookies, pasta and preserves to Europoe, the

United States and Japan. The processed crop amounts

to half of Aureli’s production, with the other half earmarked

for the fresh market.

The days when the company simply picked the carrots

in their fields and shipped them packed to market

are long gone. Today no less than 60% of the

nearly 25 thousand tons grown for fresh market are

Baby carrot processing lines (photo courtesy of Aureli Mario).

Linee di lavorazione delle baby carrot (foto azienda Aureli Mario).

94 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Un’esperienza lunga oltre 40 anni, 200 dipendenti, 500

ettari di terreno, 50mila tonnellate di carote l’anno

destinate al fresco e al trasformato, questi i numeri dell’azienda

Aureli Mario, sull’altopiano del Fucino, in Abruzzo.

L’azienda, leader nella coltivazione e lavorazione della carota,

esporta i suoi trasformati (succhi, creme, concentrati,

farine, biscotti, marmellate) in Europa, Stati Uniti e

Giappone. Questo rappresenta solo il 50% della produzione,

perché la restante parte è concentrata sul fresco.

I tempi delle carote grezze, raccolte e spedite sono ben

lontani, delle circa 25mila tonnellate annue di carote coltivate

per il fresco, il 60% è venduto come prodotto di IV

gamma alla gdo italiana. Si tratta comunque di un mercato

ancora in crescita ed è per questo che alle tradizionali

baby carrot, julienne, sticks e rondelle, l’azienda ha

affiancato le carote “fettuccina”, innovazione di prodotto

che le ha valso la candidatura per l’assegnazione del

premio Innovation Award all’ultima edizione del Fruit

Logistica. «Le carote ideali – spiega Alessandro Aureli –

responsabile marketing, sono prive di cilindro legnoso

centrale, presentano il diametro di un carotone e sono

tagliate a uno spessore tra i 2-3 mm, ideale per evitare

rotture durante la lavorazione e garantire un rapporto

ottimale tra gusto e croccantezza».

Colore e salute

Disponibili in confezioni diverse in base alle richieste dei

clienti, le carrot fettuccine sono prodotte anche con le

varietà colorate: viola, ricche di antocianine per combattere

i radicali liberi e gialle ricche di luteine, composto

associato alla buona salute della vista. Per queste ultime

tipologie, secondo Aureli, il mercato non è ancora pronto

ma già l’azienda le coltiva da qualche anno. Nel frattem-


processed as fresh-cut for the country’s big retail

chains. In effect, the fresh-cut trade is still a rapidly

expanding sector of the company’s operations and, in

addition to such traditional items as baby carrots, julienne,

sticks and rounds, Aureli today offers “fettuccina”

carrot strips, a novel item that short-listed the

company as a candidate for the Innovation Award at

the last Fruit Logistica show. «The ideal carrot – noted

marketing head Alessandro Aureli – «has its woody

core removed, has the diameter of a large carrot and

is then sliced into strips 2-3 mm thick, the perfect size

to prevent breaking during handling and ensure just

as perfect a taste-to-crispiness ratio».

The colour of health

Now available in packages designed to meet customer

demands, the fettuccine carrots are processed

in two coloured varieties. One is purple and rich in

anthocyanins that scavange free radicals, and the

other is yellow and rich in lutein, a compound associated

with healthy eyesight. According to Aureli, however,

while the company has been growing them for a

couple of years now, the market is not quite ready for

these two novel “flavours”. In the meantime, the company’s

convenience trade has been expanded to

include slices courgette strips either alone or mixed

with carrots in 200-g packages that will make their

official debut at Fruit Logistica in Berlin from 9-11

February 2011. It’s a brand new way of getting salads

that are full of colour, health and delicious tastes that

are ready to eat or can even be heated, a double

opportunity that makes them even more inviting.

Innovation in the field and commodity go hand in

hand in this case and the 10% of turnover the company

ploughs back into the business in R&D is certainly

bearing fruit.

Crop schedule

Aureli makes sure that it can meet demand year year

by growing its first-half of the year crop in fields skirting

the coastlines of Lazio and Sicily that belong to

growers who sow the seeds selected and sent and

cultivate the crop according to the protocols dictated

by Aureli. The crop grown in the second half of the

year is cultivated in the fields of the Fucino plateau

along the foothills of the Abruzzo National Park, the

ideal environment for carrots with a deep orange

colour, sweet full-bodied taste and an especially

crunchy flesh.

The company places a lot of store in good crop practices

that are designed to obviate unnecessary treatments

via continuous monitoring and the picking of

samples to check spray residues and any soil-pollutants,

including those of a microbiological nature. This

hands-on monitoring system ensures that energy

inputs ar not in excess of actual demand. At Aureli

Aureli Mario’s processing plant at Ortucchio in Aquila Province

(photo courtesy of Aureli Mario).

Stabilimento di lavorazione azienda Aureli Mario ad Ortucchio (Aq)

(foto azienda Aureli Mario).

The 2-3-mm thickness of the fettuccine is ideal for preventing

damage during processing and ensuring an optimum balance of

taste and crunchiness (photo courtesy of Aureli Mario).

Lo spessore delle fettuccine è di 2-3 mm, ideale per evitare rotture

durante la lavorazione e garantire un rapporto ottimale tra gusto e

croccantezza (Foto azienda Aureli Mario).

po il settore “convenience” è stato ampliato con le fettucce

di zucchine singole o miste alle carote in confezioni da

200g che saranno presentate ufficialmente al Fruit

Logistica (Berlino, 9-11 febbraio 2011). In questo modo si

potranno ottenere insalate colorate, salutari e appetitose,

consumabili sia crude che cotte, aspetto che rende il prodotto

ancora più invitante. Innovazione di processo e di

prodotto vanno di pari passo e l’azienda destina circa il

10% del fatturato al settore ricerca e sviluppo.

Il calendario di produzione

Per garantire una continuità del calendario d’offerta,

durante il primo semestre dell’anno la coltivazione avviene

sulle coste laziali e siciliane presso aziende contoterziste

che impiegano le sementi scelte e inviate dall’azienda

madre e il protocollo dettato da Aureli. Nel secondo semestre

la produzione è concentrata nelle terre del Fucino, ai

piedi del Parco nazionale dell’Abruzzo, in cui si ottiene una

carota dalla colorazione arancio intenso, sapore dolce e

corposo, con polpa particolarmente croccante.

L’azienda pone particolare attenzione alla tecnica colturale,

evitando trattamenti fitosanitari superflui, pianificando

il monitoraggio delle colture e la raccolta di campio-

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

95


quality is not simply a matter of the crop but also

includes such services as daily deliveries, even twenty-four

hours after placing an order, the willingness to

meet every customer demand, including running onthe-spot

checks.

Processing for all seasons

Perhaps the most particular feature of Aureli’s operations

is full commodity aptitude. It’s probably a oneof-a-kind

approach since no part of any carrot is

thrown away. «We wouldn’t have it any other way –

commented Aureli – because producing nothing but

baby carrots means a rather high rate of discards that

would in turn have an unavoidably negative effect on

retail prices». The company’s response was to plan

investments over time to purchase processing lines

that make it possible to derive by-products for industry

from the discard of fresh-market produce. So, for

example, the discard from the baby carrot handling

line is employed for juices and any left-over flesh is

used for flour. Minimising waste is also a priority. At

Aureli it means dispatching processing by-products

to customers in 200-kiloo barrels, not to mention a

biogas facility that is now being built. Aureli has Jas,

Nop, Icea, Ifs and GlobalG.A.P certifications.

(English version by David Verzoni)

ni per verificare i livelli di residui fitosanitari o inquinanti di

natura chimica e microbiologica, valutando i reali fabbisogni

colturali senza eccedere nella concimazione. Per

Aureli la qualità non è solo prodotto, ma soprattutto servizio

con spedizioni giornaliere anche il giorno successivo

all’ordine, disponibilità a effettuare prove per i clienti

e soddisfare tutte le loro richieste.

I trasformati per l’industria

L’aspetto più peculiare dell’azienda riguarda la produzione

congiunta, probabilmente unica nel suo genere, per

cui della carota non si butta nulla. «Non potrebbe essere

in altro modo – aggiunge Aureli – perché produrre solo

baby carrot significherebbe avere un’incidenza dello

scarto molto elevata che si ripercuoterebbe sui prezzi al

consumo». Quindi sono stati effettuati nel tempo ingenti

investimenti per l’acquisto di macchinari che permettono

di ottenere dallo scarto del fresco le diverse tipologie di

prodotti da inviare all’industria, per cui, ad esempio, lo

scarto della linea di lavorazione delle baby carrot è destinato

alla produzione di succhi, mentre dalla rimanente

polpa si ricavano le farine. In più, per minimizzare gli

sprechi, i trasformati sono spediti ai clienti in fusti da 200

kg che vengono resi all’azienda ed è in corso di realizzazione

un impianto di biogas. L’azienda è certificata Jas,

Nop, Icea, Ifs, GlobalG.A.P.


Fresh-Cut news is edited by Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Fresh Cut news è a cura di Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Turatti’s new heat shock treatment unit

Turatti rende disponibile

l’heat shock treatment

Veneto-based Turatti company, a domestic

leader in fresh-cut handling lines, has

introduced a new wash & rinse unit featuring

heat shock treatment to its catalogue.

Precision lab testing over the past several

years have shown that a warm-wash and

cold-rinse cycle can extend by at least 2

days the shelf-life of fresh-cut salads that

have been opened and resealed at home.

The warm+cold-water treatment effectively

delays leaf browning due to the presence

of oxygen. The new high-tech unit is now

available and can readily be added to

already installed processing lines. That’s

why Natures Way Foods in the UK and

Verdifresh in Spain have adopted this success-proven

technology (DV).

Fresh Express goes artisanal

Fresh Express artigianale

Fresh Express, a US-based subsidary of

Chiquita, has introduced in the US market

a new line of fresh ready-to-eat leafy

greens under its Fresh Express Artisanal

Salads brand. The new line is targeted to

an increasingly larger segment of the

consuming public who want to know

where their salad ingredients come from

and how they were grown. A statement by

Fresh Express notes that the select group

The Fresh Express site with the new line

of fresh-cut items.

Il sito di Fresh Express con la nuova linea di

prodotti di IV gamma.

98 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

L’azienda Veneta Turatti, leader nella produzione

di macchinari per la IV gamma amplia

il proprio catalogo con unità di lavaggio e

risciacquo che utilizzano l’heat shock treatment.

Da alcuni anni, prove scientifiche

hanno dimostrato che il lavaggio in acqua

calda seguito da un risciacquo in acqua

fredda permette di prolungare di almeno 2

giorni la durata delle insalate di IV gamma

dopo l’apertura delle buste, ritardando il

processo di imbrunimento dovuto alla presenza

di ossigeno. Questa nuova tecnologia

è ora disponibile con macchinari pienamente

integrabili nel processo produttivo.

Natures’ Way Foods nel Regno Unito e

Verdifresh in Spagna stanno già utilizzando

con successo questa nuova tecnologia.

of growers delivering to the company’s

processing lines employ artisanal cultivation

practices so as to supply fresh lettuces

and greens year round. The new

salads are sold only in NatursaveTM

packaging that, like the packaging for

Fresh Express Spring Mix, reduces the

amount of plastic used by 50%.

Fresh Express, una delle controllate statunitensi

di Chiquita, ha lanciata sul mercato

statunitense una nuova linea di insalate di

IV gamma denominata ‘Fresh Express

Artisanal Salads’. Le nuove referenze sono

destinate ad una sempre più estesa fascia

di consumatori particolarmente sensibili ai

metodi di coltivazione. Fresh Express

dichiara che le linee di produzione sono

rifornite esclusivamente da un gruppo

selezionato di coltivatori in grado di fornire

un prodotto coltivato in modo artigianale

fornendo prodotti freschi durante tutto

l’anno. Le nuove insalate sono inoltre vendute

solo nelle confezioni di tipo

NatursaveTM che, paragonate alle confezioni

Fresh Express Spring Mix, riducono al

50% l’uso di materiale plastico.

Fresh-cut cheers

La IV gamma

anche per l’aperitivo

The big French Carrefour and Cora supermarket

chains are adding extra cheer to

their fresh-cut lines. Both chains are introducing

new vegetable mixes to accompany

aperitifs at the cocktail hour. Carrefour is

featuring a 500-g tray with a price tag of

€4.90 that includes baby carrots, cherry

tomato, radish, celery and cauliflower seasoned

with either remoulade or cocktail

sauce and packaged by Florette. Cora will

highlight a 400-g, €3.80 package with the

same mix prepared by Bonduelle (DV).

I supermercati francesi Carrefour e Cora

ampliano il proprio assortimento di IV

gamma con il lancio di verdure per aperitivo.

Carrefour punta su un vassoio da 500g

(4,90€) composto da carote baby, pomodoro

ciliegino, ravanello, sedano e cavolfiore,

offerto con due salse (remoulade e cocktail),

confezionato da Florette. Cora punta su una

confezione da 400g (3,80€), con gli stessi

ingredienti e preparato da Bonduelle.

Verdifresh

redesigns its

salad packaging

Verdifresh rinnova

tutto il packaging

delle insalate

Spain’s fresh-cut trade leader Verdifresh

joins forces with Mercadona, the country’s

largest supermarket chain, in a venture

that will give a fresh new look to its salad

packaging while at the same time introducing

its new Tentación line of leafy greens.

The new packaging will give consumers a

better view of each bag’s contents wile

reducing production costs (DV).

Verdifresh, leader spagnolo della IV gamma,

in collaborazione con Mercadona, il più

importante rivenditore nazionale, rinnova

tutta le confezioni delle insalate e, contemporaneamente,

introduce la linea ‘Tentación’. Le

nuove confezioni permettono una maggior

visibilità del proprio contenuto e permettono

di ridurre i costi di produzione.


Orto showcases new line of salads at Macfrut

A Macfrut nuove referenze da L’insalata dell’Orto

The Mira-based Orto company near

Venice, which already markets more than

80 bulk and fresh-cut produce items, is

broadening its assortment by introducing

a line of heat’n’serve soups that echo the

typical recipes of regional Italian dishes.

The company will be exhibiting at the

Macfrut trade show in Cesena from 6 to

8 October 2010 to unveil its new product

line that will complement its line of fresh

regional soups sold under the Collezione

Italia label that include Zuppa Veneto

with radicchio, Zuppa Lazio with wild

turnip greens, Zuppa Toscana with chickpeas

(ceci beans), Zuppa Emilia

Romagna with pumpkin and Zuppa

Sicilia with cherry tomatoes and broad

beans Orto introduced at the last Cibus

Tec show in Parma. The company can

count on its own 150-hectares of fields

(25 under organic management) located

in Veneto and Campania regions and in

Bergamo Province to supply part of its

demand. The processing plant at Mira

houses 16 lines for

bulk and fresh-cut

handling and packaging

(DV).

L’Insalata dell’Orto

di Mira (Venezia),

già presente sui

mercati di I e IV

gamma con oltre

80 referenze, intende

ampliare la propria

offerta con il

lancio di un’ampia

gamma di zuppe fresche ispirata ai prodotti

tipici delle cucine regionali italiane.

L’azienda sarà presente al Macfrut di

Cesena da 6 all’8 ottobre 2010 per la

presentazione dei nuovi prodotti che integreranno

la linea di zuppe fresche regionali

(Collezione Italia) costituita da Zuppa

Veneto con radicchio, Zuppa Lazio con

cime di rapa, Zuppa Toscana con ceci,

Zuppa Emilia Romagna con zucca e

Zuppa Sicilia con pomodorini e fave pre-

Regional soups by Insalata dell’Orto.

Zuppe regionali Insalata dell’Orto.

sentata nella scorsa edizione di Cibus Tec

di Parma. L’azienda dispone, per la produzione,

di 150 ettari di serre dislocate in

Veneto, Campania e provincia di

Bergamo, 25 dei quali a conduzione biologica.

Lo stabilimento di trasformazione

di Mira (Venezia) ospita 16 linee di lavorazione

per I e IV gamma.

Fresh-Cut news is edited by Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Fresh Cut news è a cura di Michele Contini, Momenta Soc. Coop.


GlobalG.A.P.

GlobalG.A.P.

New GlobalG.A.P. offices in the US

Una nuova sede GLOBALG.A.P.

negli Stati Uniti

In early August GlobalG.A.P opened an office in

Bethesda, Maryland, close to Washington, D.C., to

provide local support to retailers, food service and

producers in the US and Canada.

Kristian Moeller will temporarily relocate to Washington

D.C to establish the office, where he will continue in his

role of Secretary of GlobalG.A.P supported by the

home office team based in Cologne, Germany.

The FDA is looking closely at initiatives in the private

sector like those of GlobalG.A.P and how they can

contribute to the overall food safety effort. It may well

be that those producers who have such certification in

place will be regarded as having a lower risk factor in

the new regulatory landscape and receive fewer official

checks. This would be particularly beneficial to

speed up the inspection of imports entering the United

States and to make sure they are produced to the

same high standards as home produced supplies.

GlobalG.A.P is also working closely with the

Washington, D.C.-based United Fresh organization on

its GAP Harmonization Initiative sharing, its protocol and

certification experience with the goal to provide consistent

standards requirements to growers. In addition,

GlobalG.A.P is a partner with the Global Food Safety

Initiative and has formal recognition with the GFSI for its

produce standard.

100 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

News

The new offices opened at Bethesada, Maryland, near Washington D.C.,

in August to serve retailers, distributors and processors in the US and Canada.

Inaugurato in agosto a Bethesda, vicino a Washington, per fornire i propri servizi

ai dettaglianti, ai distributori e ai produttori statunitensi e canadesi

All’inizio di agosto GlobalG.A.P. ha aperto un ufficio a

Bethesda, nel Maryland, vicino a Washington, per fornire

i propri servizi anche ai dettaglianti, ai distributori e ai produttori

statunitensi e canadesi. Kristian Moeller si è temporaneamente

trasferito a Washington D.C. e vi rimarrà il tempo

necessario per avviare la sede nel Nord America. Continuerà

ad esercitare le funzioni di Segretario generale di GlobalG.A.P.,

aiutato in questo dal personale della casa madre di Cologna,

in Germania. La Food and Drug Administration controlla con

particolare attenzione le iniziative nel settore privato come

quelle portate avanti dalla GlobalG.A.P. e come esse possano

garantire la massima sicurezza agricola, nel rispetto delle

disposizioni nazionali. È molto probabile che nel panorama

normativo che si sta delineando i produttori in regola con le

certificazioni saranno considerati a basso rischio e che saranno

soggetti a un numero inferiore di controlli ufficiali. Questo

aiuterebbe molto ad accelerare le pratiche di controllo delle

merci e il rispetto degli standard locali.

GlobalG.A.P. sta lavorando in stretto contatto con United

Fresh per raggiungere gli standard stabiliti dalla GAP

Initiative. La condivisione dei protocolli e dell’esperienza

conseguita nelle certificazioni consentirà di fornire ai coltivatori

delle indicazioni coerenti grazie alle quali essi otterranno

i requisiti standard. GlobalG.A.P partecipa inoltre alla Global

Food Safety Initiative e da essa ha ottenuto l’approvazione

formale per i propri standard di produzione.

(Traduzione dall’inglese di Marina Zaccarini)


Events

Appuntamenti

7-8 October 2010/London

Good practices at GlobalGap

7-8 ottobre 2010/Londra

Buone pratiche al GlobalGap

London’s Hilton Metropole Hotel will host the GlobalGap

Summit 2010, a major forum where international industry

experts gather to discuss key issues related to good business

practices and how to implement them. There will also be a

preview of GlobalGap 2011. GlobalGap is fast becoming a

must date for players in the industry’s distribution arm to pinpoint

emerging market trends and how to meet the demands

they represent in future.

Information: www.summit2010.org (DV)

11-12 October/Avignon

Euro-Mediterranean partnership

11-12 ottobre/Avignone

Partnership Euro-Mediterranee

The Palais des Papes will host on 11 and 12 October the second

“Tech Fruits & Légumes” trade show featuring the latest in the

fresh produce industry’s high-tech lines and innovations. The

event, which is keyed to format of custom-tailored business

meetings, is designed to promote commercial, technical and scientific

partnerships throughout the supply chain between stakeholders

in the Euro-Mediterranean area. Organisers expect 30

exhibitors from Algeria, Morocco, Egypt, Tunisia and the Lebanon

from the southern rim and 80 from Italy, France, Germany and

Spain on the northern rim.

http://techfruitsandvegetables.com (DV)

20-22 October/Madrid

Second Fruit Attraction show

20-22 ottobre/Madrid

Seconda edizione per Fruit Attraction

Madrid Convention Centre will be the

venue for the 2nd Fruit Attraction from

20-22 October. It is a novel-concept trade

show designed for the needs of the food

industry and, to judge from the success of

its debut last year, the profile it cuts is a

winner with business operators and

industry experts.

Info: www.fruitattraction.ifema.es (DV)

Si terrà dal 20 al 22 ottobre alla Fiera di

102 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Si terrà all’Hilton London Metropole Hotel il GlobalGap Summit

2010 nel corso del quale i maggiori esperti internazionali del settore

discuteranno sui maggiori temi che riguardano le buone

pratiche in agricoltura fornendo soluzioni pratiche. Verrà anche

illustrata la nuova versione 2011 di GlobalGap. Una occasione in

cui i membri di GlobalGap provenienti dal mondo della distribuzione

e della distribuzione potranno discutere sulle tendenze

e sulle necessità del futuro.

Informazioni: www.summit2010.org

L’11 e 12 ottobre, al Palazzo dei Papi di Avignone, seconda edizione

della convezione d’affari “Tech Fruits & Légumes” sulle tecnologie

e l’innovazione nella filiera frutta e verdura fresca e

trasformata. L’evento vuole favorire, grazie a degli incontri

d’affari personalizzati, lo sviluppo di partenariati commerciali,

tecnici e scientifici nella filiera della frutta e verdura tra i paesi

dell’area Euro-Mediterranea. È prevista la partecipazione di 30

operatori della Riva Sud del Mediterraneo (Algeria, Marocco,

Egitto, Tunisia e Libano) e 80 operatori della Riva Nord (Italia,

Francia, Germania e Spagna).

http://techfruitsandvegetables.com

A picture of the first Fruit Attraction in

2009.

Un’immagine dell’edizione 2009 di Fruit

Attraction

Madrid la seconda edizione di Fruit Attraction,

una fiera di nuova concezione ritagliata sui

bisogni del settore agroalimentare, una formula

che, a giudicare dal successo della prima

edizione, incontra il gradimento degli operatori.

Info: www.fruitattraction.ifema.es


27-28 October/London

Fruit, vegetables and flowers

27-28 ottobre/Londra

Frutta, verdura e fiori

The World Fruit & Vegetable Show is an international trade

showcase for the horticulture industry. It is a key exhibition not

ony for businesses in the produce and flower sectors but also

for affiliated ones like packaging, labelling and logistics.

www.wfvexpo.com

Il ‘World Fruit & Vegetable Show’ è una fiera internazionale dedicata

ai settori frutta, verdura e fiori. Non è solo indirizzato ai buyers,

produttori ed esportatori di queste categorie di prodotto, ma

anche agli operatori dei settori affini, come l’imballaggio,

l’etichettatura ed il trasporto.

www.wfvexpo.com

23-26 novembre/Mosca

Ingredients Russia: food and technology

23-26 novembre/Mosca

Ingredients Russia: tecnologie e alimenti

This year Moscow will once again host one of the most important

events in the Russian food market: Ingredients Russia, the international

exhibition for food ingredients, additives and flavourings. The event

aims to identify strategies for the development of the industry and promote

the adoption of the latest technologies. Through direct contacts

with customers, the fair offers exhibitors an opportunity to develop new

ideas that will enable them to boost their business, but it also enables

them get to know their own weaknesses and strengths.

The key features will be:

- An International forum on 21st century food ingredients

- Food technology education

- The “Ingredient of the Year” competition for innovations in the field

- An Innovations Zone

- A specialized Technofood food sector for equipment and technologies

Info: +44 207 596 5198 +44 207 596 5113, Agil.Karimov@iteexhibitions.com,

www.ingred.ru

(English version by Lawrence Smith)

Anche quest’anno Mosca ospiterà uno dei più importanti eventi

del mercato russo dell’alimento: Ingredients Russia, la mostra

internazionale per gli ingredienti di alimento, gli additivi e gli

aromi. La mostra ha come scopo principale quello di individuare i

passaggi strategici per lo sviluppo dell’industria e promuovere

l’introduzione di ultime tecnologie nell’industria alimentare. La

mostra, attraverso i contatti diretti con i clienti, offre agli espositori

la possibilità di sviluppare nuove idee per accrescere i propri

commerci e di conoscere i punti deboli e i punti di forza delle proprie

aziende.

Eventi chiave della mostra saranno:

- Tribuna internazionale del XI secolo sugli ingredienti da alimento;

- Scuola dei tecnologi dell’alimento;

- Concorso innovazione”Ingrediente dell’anno;

- Zona delle innovazioni;

- Settore specializzato Technofood per le attrezzature e le tecnologie.

Info: +44 207 596 5198 +44 207 596 5113, Agil.Karimov@iteexhibitions.com,

www.ingred.ru

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

103

Events

Appuntamenti


commercial news

le aziende informano

MarcabyBolognafiere, branding excellence

MarcabyBolognafiere, eccellenza della marca

A look at the calendar of upcoming

appointments shows that the Bologna

Convention Centre will host the 7th

MarcabyBolognaFiere – Private Label

Conference and Exhibition – on 19 and 20

January. A spotlight on in-house brands,

this key gathering of the sector owes much

of its continuing success to the mix of factors

it parses and the clearing-house role it

plays in informing experts and training

players in the trade concerning emerging

trends and new ideas, an impact it is

famous for and that carries over in other

industry shows throughout the year. There

is also the fact that it is the only international

trade event that brings together the

leading big distribution and retail chains,

which also provide extra momentum since

they help to shape the topics on the event’s

agenda as well as participating as

exhibitors at the Conference.

One good way to get a better grasp of

MarcabyBolognaFiere is to look at the

numbers underscoring the notable success

of last year’s show. Held by the

BolognaFiere convention Centre under the

patronage of the ADM industry association

(as it will be again this coming year), the

event attracted 4,993 industry players,

with 495 coming from abroad and 406

exhibitors, 20% from abroad. All in all, it

was a signal event for buyers and business

operators alike, a success that has

made and will continue to make this a

top-of-the-agenda appointment for the

trade’s business community.

MarcabyBolognaFiere acts as a platform in

training and information for industry players.

MarcabyBolognaFiere ha un ruolo di

piattaforma per la formazione e l’informazione.

104 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

Key features of last year’s show, the So

Fresh exhibition-cum-conference will again

be a centrepiece of the 2011

MarcabyBolognaFiere, highlighting what is

freshest in foods and what kind of business

synergy can be made to work best

between the production and distribution

links of the industry supply chain.

Exhibiting and attending the two-day

Marcaby Private Label Show in Bologna

gives you the chance to meet with big retail

and distribution’s top-ranking buyers, take

part in conferences, workshops, training

seminars and update presentations, and

have the run of the broad range of services

for on-the-spot business that the Bologna

Convention Centre puts at your disposal to

make it easy to meet other players and see

what they and their companies have to

offer in line with your interests.

Right from the very first show,

MarcabyBolognaFiere has made its mark

in the panorama of industry events by

striking the key of innovation. In effect, it’s

not just a trade show but has that something

extra that puts it in a class all its

own. It’s the exhibition format that provides

the extra momentum, enabling the

convention to integrate the top-of-the-line

items being showcased with market

analysis, conferences, discussion groups,

business dealings...Bologna’s Marcaby

Private Label Show is in the end a “compass”

that helps to spot emerging trends

and market orientations, a trusted business

confidant for industry players and

private-label executives who are looking

for the essential information it offers them

in their efforts to pursue new business

deals even in a global marketplace.

The 2010 show put the accent squarely on

the international dimension of the trade and

the 2011 appointment will include exhibitors

from both Europe – Austria, Belgium, Spain,

Slovakia, France, the UK, Romania, Hungary,

Germany, Greece, Switzerland and Holland –

and beyond – South Korea, Estonia, India,

Tunisia and Turkey. The show’s international

bent is in [part eh result of the global market’s

interest in, and worldwide consumer

demand for, genuine Italian foods and

wines. That’s why the show features a number

of initiatives designed to encourage the

building of a network of business contacts

with buyers from abroad.

MarcabyBolognaFiere really hits its stride

as the interface with the private-label

operations of big retail and distribution, a

trade sector that is a strategic factor in

pursuing market growth for the industry,

as the 2009 partnership accord between

Marcaby and ADM attests to. The joint

effort of the two, each a powerhouse in its

own field of pursuits, has already delivered

good results and their combined

strength is expected to boost that success

much further through special initiatives

and opportunities we can expect to see in

future trade shows. The momentum that

continues to build from their synergy is a

guarantee that the show will continue to

spot the trends emerging from a market

whose pulse they take in real time.

Exhibitors at MarcabyBolognaFiere include

food manufacturers, fresh-cut and

heat’n’eat processors, packagers, market

survey firms, providers of logistic services,

trademark consulting firms and trade journals.

MarcabyBolognaFiere is the primary

showcase for big domestic and cross-border

supermarket and distributor chains, international

buyers, purchasing groups, importexport

businesses, wholesalers, Horeca and

the food services trade, processors, national

and international trade journals.

For information: ww.marca.bolognafiere.it

(English version by David Verzoni)

È in programma a Bologna il 19 e 20 gennaio

la settima edizione di MarcabyBolognaFiere –

Private Label Conference and Exhibition, la

manifestazione rivolta al mondo della marca

commerciale che si è accreditata come rendez-vous

di eccellenza per la business community

del settore. Un mix di fattori caratterizza

il successo dell’evento che si presenta

come appuntamento dalla spiccata vocazione

commerciale e, parallelamente, con un ruolo

di “piattaforma per la formazione e

l’informazione” del settore che si sviluppa in

Fiera e in una serie di appuntamenti diluiti nell’anno.

Unico nel panorama fieristico internazionale

il coinvolgimento delle principali inse-


gne della gdo e della do che, oltre a essere fra

i protagonisti del Comitato tecnico scientifico,

espongono a MarcabyBolognaFiere assicurando

attualità e forte dinamismo all’evento.

MarcabyBolognaFiere ha chiuso con successo

l’edizione 2010 dell’unico appuntamento

italiano dedicato alla marca commerciale

organizzata dal 2010 con il patrocinio di

Adm. 4.993 operatori professionali di cui 495

esteri, 406 espositori (20% esteri) i numeri

che sottolineano il successo della manifestazione,

organizzata da BolognaFiere, che ha

registrato un forte interesse da parte di operatori

e buyer esteri. A chiusura della sesta

edizione la manifestazione si accredita come

punto di riferimento di eccellenza per la business

community del settore.

Anche nell’edizione 2011 la proposta espositiva

di MarcabyBolognaFiere si completerà

con So Fresh, la mostra convegno dedicata al

prodotto alimentare freschissimo, proponendo

una interessante sinergia fra produzione e

distribuzione con interessanti occasioni di

business. Esporre e visitare MarcabyBolognaFiere

vuole dire avere la possibilità di incontrare i

più qualificati buyer della gdo e della do;

partecipare a convegni, workshop, seminari

di formazione/aggiornamento che si tengono

nelle due giornate di manifestazione; utilizzare

un’ampia offerta di servizi finalizzati

al business che BolognaFiere realizza per

agevolare l’incontro (fra gli operatori) e la

presentazione delle aziende e delle relative

produzioni.

Fin dalla sua prima edizione MarcabyBolognaFiere

Consorzio Funghi di Treviso goes certified

Consorzio Funghi di Treviso, prodotti certificati

The Treviso Mushroom Consortium SCAPA

was set up in 1999 by 13 farmers and

agribusiness operators who decided to

pool their long experience and skills in the

field in a strategic effort to boost the marketing

of their commodities, which include

the champignons and pleurotus and populinus

oyster mushrooms that make up

the line of more than 50 items for the

fresh-cut trade. The idea of their joining

forces, in keeping with the ‘strength-inunion’

spirit, was suggested by the fact

that it all involved would help to further

the cooperative movement while enabling

their own group to schedule crop produc-

ha evidenziato una vocazione decisamente

innovativa nel panorama fieristico. Non solo

fiera, ma piuttosto “format espositivo” che

integra la componente merceologica (di

prestigio) con analisi di mercato, convegni,

dibattiti, rapporti... MarcabyBolognaFiere è,

quindi, uno “strumento” per analizzare i

trend e gli scenari di mercato; un interlocutore

prezioso per gli operatori e i protagonisti

della marca commerciale ai quali offre

informazioni essenziali per sviluppare

opportunità commerciali, anche in termini di

internazionalizzazione.

L’edizione 2010 ha evidenziato una spinta

all’internazionalità della manifestazione.

Saranno presenti espositori provenienti dall’area

europea – Austria, Belgio, Spagna,

Slovacchia, Francia, Gran Bretagna,

Romania, Ungheria, Germania, Grecia,

Svizzera, Olanda… – ma anche alcune

significative presenze extraeuropee: Corea,

Estonia, India, Tunisia, Turchia. La spinta

all’internazionalità è da mettere in relazione

anche all’interesse che i prodotti enogastronomici

italiani registrano da parte dei consumatori

di tutto il mondo. Numerose le iniziative

dedicate ai buyer esteri, finalizzate all’attivazione

di una “rete di contatti” qualificati.

MarcabyBolognaFiere è ancora più centrale

rispetto al mondo della distribuzione, nell’affermazione

della marca commerciale come

fattore strategico di crescita della distribuzione

moderna grazie all’accordo di partnership

siglato (nel 2009) con Adm (Associazione

distribuzione moderna). La collaborazione fra

tion, to concentrate market supply while

keeping it and their produce quality in line

with demand, to gain a marketing edge

over rivals, to cut costs, and in the end to

educate consumers about crop management

practices and handling food residue

composting to protect the environment

and human health.

That strength really is in union can be seen

by the fact that the forces in play have

worked so well together that the consortium

has been recognised by the EU as an

official Producer Organisation. In effect,

the PO is Italy’s mushroom leader, currently

accounting for nearly 30% of the coun-

The 2010 show brought out the

international scope of its reach.

L’edizione 2010 ha evidenziato una spinta

all’internazionalità della manifestazione.

le due realtà, protagoniste nei rispettivi

ambiti, porta alla realizzazione di importanti

iniziative e alla opportunità di delineare in

modo ancora più puntuale le prossime edizioni

della manifestazione garantendo

l’attualità dei temi affrontati e il costante collegamento

con la realtà di mercato.

Espongono a MarcabyBolognaFiere: produttori

di food, produttori di IV e V gamma, produttori

di non food, società di packaging,

laboratori di ricerca, società di servizi per la

logistica, società di trademarketing, stampa

specializzata. MarcabyBolognaFiere si rivolge

a: gdo e do italiana ed estera, buyer internazionali,

gruppi d’acquisto, operatori importexport,

grossisti e distributori, rappresentanti

settore Horeca, produttori industria, stampa

specializzata nazionale ed estera.

Per informazioni: ww.marca.bolognafiere.it

try’s marketed mushrooms, not to mention

its growing network of export outlets. It is

also the only such group with member processing

companies, a feature that enables

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

105


commercial news

le aziende informano

the PO to meet a broader range of market

demands. Indeed, it offers the food industry

a complete supply chain ranging from crop

cultivation to prompt produce delivery,

which makes possible continuous quality

control at every segment of the pipeline.

In fact, that SCAPA is essentially focused

on customer satisfaction has led it to

develop a quality control system that has

earned certification according to a number

of standards, including those of Uni En Iso

22005:2008 for supply-chain traceability,

a code that enables consumers to track

the produce from field to processing and

market. The PO’s mushrooms also comply

with Dtp 3 Ed 04 060906 standards. Called

Certiquality, this is a voluntary code for

fruit and vegetables grown under integrated

pest management regimes with chimical

residues below the legal threshold, i.e.

a 70% reduction of the active spray ingredient

that helps to ensure crop safety, genuineness

and consumer health. Last but

hardly least are the standards of Global

Gap for Fruit & Vegetables, a code that

focuses on good agricultural practices for

the EU-wide market. The PO also earned

the Alimentinsalute certification in 2009,

standards established by Veneto regional

government as a guarantee of quality and

designation of origin for all mushrooms

produced in the region.

The next big challenge will be to produce

mushrooms specifically to meet the

demands of the big players in the

heat’n’serve trade. (DV)

Il Consorzio Funghi di Treviso Scapa nasce

Ilip, fresh-cut packaging, spotlight on biodegradable

Ilip, per la IV gamma imballaggi soprattutto bio

Mauro Stipa

106 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

come Srl nel 1999 ed è costituito da un

gruppo di 13 aziende e società agricole che,

in base alle pluriennali esperienze maturate

attraverso la collaborazione nella coltivazione

del fungo coltivato, hanno individuato

nell’unione la strategia per incrementare i

processi di commercializzazione dei propri

prodotti: funghi prataioli, pleurotus e pioppino,

presentati con più di 50 referenze anche

di IV gamma. L’idea di poter unire più produttori,

secondo lo spirito de “l’unione fa la

forza”, fa sì che i soci collaborando allo sviluppo

e alla diffusione del movimento cooperativo

possano provvedere alla programmazione

della produzione, all’adeguamento

qualitativo e quantitativo della produzione

alla domanda, alla concentrazione dell’offerta,

all’immissione sul mercato dei prodotti

nel modo più vantaggioso, alla riduzione dei

costi di produzione, alla promozione delle

pratiche colturali, tecniche di produzione e

gestione dei residui rispettose dell’ambiente

e della salute del consumatore.

Il percorso di sviluppo armonioso di tutte le

branche dell’azienda ha permesso il riconoscimento

da parte della Comunità europea

come Organizzazione di produttori (Op). Il

Consorzio si è affermato come primo polo

produttivo di funghi in Italia raggiungendo la

commercializzazione del circa 30% del prodotto

italiano e acquisendo un numero sempre

maggiore di rapporti commerciali con

l’estero. L’organizzazione dei produttori è

inoltre l’unica realtà che presenta aziende

dedicate esclusivamente al prodotto da

industria, riuscendo in tal modo a soddisfare

le esigenze dei partner commerciali. La

«The future of packaging for the fresh-cut

trade is more and more a matter of ecocompatible,

recyclable and renewable

materials in place of conventional plastics.

Increasingly important too in the eyes of

consumers is the role played by valueadding

services, which in the eyes of retailers

means increasing profit margins for

items that otherwise would be perceived as

mere commodities». It’s the value added at

every link in the supply chain that was the

focus of the remarks delivered by Mauro

Stipa, head of exports for Ilip, a leader in

garanzia di una filiera produttiva completa,

dalla produzione del substrato di coltivazione

alla puntuale consegna al cliente fa sì

che i parametri qualitativi possano essere

costantemente monitorati.

L’orientamento del Consorzio Funghi di Treviso

alla customer satisfaction ha portato a un

sistema di gestione della qualità che ha permesso

l’ottenimento di numerosi marchi di

certificazione; in particolare la cooperativa è

conforme agli standard della Uni En Iso

22005:2008 per la rintracciabilità nelle filiere

agroalimentari; grazie alle strategie studiate, il

consumatore ha la possibilità di conoscere

tutto l’iter di produzione e lavorazione del

fungo. Vengono applicati gli standard richiesti

dalla Dtp 3 Ed 04 060906 di Certiquality che

prevede la certificazione di produzioni orticole

e frutticole protette dalle avversità fitosanitarie

per mezzo della difesa integrata e con residui

di fitofarmaci inferiori al limite di tolleranza di

legge: è una norma volontaria che comporta la

riduzione del 70% della concentrazione di fitofarmaci

ammessi come residuo massimo consentito,

aspetto che esalta la salubrità e la

genuinità di ciò che viene prodotto. Non da ultima

l’applicazione degli standard Global Gap

Fruit & Vegetable fornisce al Consorzio le linee

guida di un manuale di buona pratica agricola

a livello europeo. Dal 2009 l’azienda è certificata

Alimentinsalute, marchio della Regione

Veneto che garantisce la qualità e la denominazione

d’origine di tutti i funghi prodotti.

La nuova scommessa per il futuro sarà di

produrre un prodotto di V gamma semilavorato

in grado di soddisfare le esigenze delle

più rinomate industrie agro-alimentari.

plastic packaging, at the 2010 Fresh

Convenience, an annual show of the freshcut

trade held in London last June.

The spotlight of the trade show also

focused on processing techniques, storage

and refuse management lines. «The supermarket

shelf is fast becoming an extension

of the family fridge for consumers» Stipa

said. This is precisely the place where

packaging plays a leading role and the

Bologna-based firm was invited to the

London show to spot the trade’s emerging

trends for those in attendance.


commercial news

le aziende informano

PLA is a biodegradable polymer derived

from renewable resources that can be

entirely composted and can lay claim to

being a significant innovation in efforts to

safeguard the environment while boosting

sustainable development. The molecules

making it up are all derived from plant

sources and its excellent chemical properties

– transparency, strength, impermeability

to oxygen and moisture – make for

a perfect packaging formula for fresh-cut

produce items, among others. In effect,

the increasingly strict environmental standards

we’re seeing bode well for an

increasingly strong demand for materials

like PLA in future since they keep foods

fresh while keeping them safe and can be

added after use to the household compost

bin along with any food residues.

«The trend we’re forecasting over the

short-to-mid-term –concluded Stipa – is

that packaging in the fresh-cut trade will

be fully eco-compatible by 2020, thereby

offering even more added value throughout

the supply chain in the process».

(English version by David Verzoni)

«Il futuro degli imballaggi per la quarta

gamma è sempre più all’insegna dei mate-

Seminis and DRS, the new Monsanto brands

Seminis e Drs nuovi brand Monsanto

On 1st September this year Monsanto

completed the label-merging process for

Seminis, De Ruiter Seeds, Peotec Seeds

and Western Seed into its Vegetable Seeds

Division. From now on, all the products

distributed by Western and Peotec Seeds

are part of and redistributed among the

Cavolfiore Aquata.

108 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

riali ecocompatibili, riciclabili e rinnovabili,

che riducano l’utilizzo di plastiche convenzionali.

È sempre più importante garantire

la componente di servizio per il consumatore

e offrire alle aziende un’occasione per

incrementare la marginalità su prodotti che

talvolta rischiano di risultare semplici commodity».

Proprio l’incremento di valore

lungo tutta la filiera è il punto chiave dell’intervento

che Mauro Stipa, export director di

Ilip, azienda leader nel settore dei prodotti

plastici termoformati, ha illustrato durante

l’edizione 2010 di Fresh Convenience, conferenza

annuale per il settore dei prodotti

fresh-cut, che si è svolta a Londra nel giugno

scorso.

Nel corso dell’evento sono state approfondite

diverse tematiche del fresh-cut, dal taglio

alla conservazione, dai macchinari alla

gestione dei rifiuti. «Gli scaffali dei supermercati

stanno diventando sempre di più

una vera e propria estensione dei frigoriferi

delle famiglie dei consumatori» ha affermato

Stipa. In tale contesto l’aspetto del packaging

gioca un ruolo fondamentale sul quale

l’azienda bolognese è stata chiamata a

Londra a trattare il tema delle ultime tendenze

in questo settore.

seeds for open-field and greenhouse

crops and respectively marketed under

the labels of Seminis and De Ruiter Seeds.

Western and Peotec seeds for such crops

as melon, watermelon, canning tomato

and courgette are being marketed under

the Seminis trademark, whereas their

seeds for sweet pepper,

aubergine, cucumber and

table tomato will appear

under the label of De Ruiter

Seeds.

Seminis and De Ruiter Seeds

have thus become the two

global brand leaders vectoring

Monsanto Vegetable

Il PLA, un polimero biodegradabile e compostabile

al 100% ricavato da materie

prime rinnovabili, ha tutte le carte in regola

per rappresentare un’innovazione significativa,

nel segno della compatibilità ambientale

e dello sviluppo sostenibile. Le sue

molecole di origine completamente vegetale

e le sue eccellenti proprietà chimico fisiche

– trasparenza, alta resistenza, impermeabilità

all’ossigeno e all’umidità – garantiscono

infatti un’alternativa di imballaggio

concreta anche per la quarta gamma ortofrutticola.

Le sempre più rigide normative

ambientali, inoltre, fanno prevedere un

massiccio utilizzo di un materiale come il

PLA nei prossimi anni, dal momento che si

adatta perfettamente alla conservazione

degli alimenti anche da un punto di vista

igienico e può essere smaltito semplicemente

nei contenitori per il compostaggio

domestico, assieme ai residui di cibo.

«La tendenza che prevediamo nel breve

medio termine al fine di raggiungere gli

obiettivi entro il 2020 – ha concluso Stipa –

è quella di una svolta ecocompatibile anche

nel comparto degli imballaggi per la quarta

gamma, che offrirà peraltro sempre maggiore

valore aggiunto alla filiera».

Seeds to the company’s most demanding

customers, the prime market targets for

seeds that provide the best in terms of

crop yield and quality. Indeed, Monsanto is

convinced that the brand-merging

process will end up making a significant

contribution to the efficiency and top quality

of the services the company provides

its customers, not to mention the fact that

the new additions to its catalogue will help

Monsanto meet a notably broad range of

market demands. The real aim of

Monsanto Vegetable Seeds is delivering

the success their customers want to see

in their fields. That’s why the company

puts so much effort into providing the best

and most efficient services it can to

cement the good, close and lasting customer

relations it has always pursued.

The Seminis label boasts a century of

experience in vegetable seed R&D.


Backed too by the strong high-tech knowhow

of Monsanto, close ties to its customers

and a range of seed products that

run to over 20 open-field crops, Seminis

today is a global brand leader wherever

vegetables are grown. A strong commitment

research, development, production

and marketing enables Seminis to offer

the best benefits its crops give to its

growers, industry partners, consumers

and the environment, not to mention its

contribution to sustainable agriculture in

general. Seminis is also a leader in the

Italian vegetable market, its leading crops

here being canning tomato, fennel, green

bean, cauliflower, melon, courgettes and

so on. Its broad range of seeds bred to

higher-than-market standards, their

unbeatable quality and results they yield

in the field make Seminis a brand of indubitable

success. To get a closer look at the

company’s product and cultivar range,

readers can visit www.seminis.it for the

latest in product information to meet

every demand from the field.

Seminis has recently overhauled its sales

division’s flow-chart to give it a sharper

competitive edge and strategic profile in

the global vegetable market. The profile

we see today in Italy, for example,

includes Mauro Ferrari as CEO of

Monsanto Agricoltura Italia and head of

sales for Seminis in Italy, Fabrizio Petrillo

as key account

manager for

melon,

and the

executive

area managers

Roberto

Biribin for North

Italy, Danilo Bo for

Central Italy and

Broccolo

Steel.

Luca Lombardi for South Italy who oversee

local areas managers, agents and

sales reps operating throughout the country.

The company has put together a team

of highly motivated professionals whose

remit is to provide all the assistance and

follow-up customer need whenever they

need them, from cultivar selection to cultivation

and harvest. It’s the company’s

key to success. The latest addition to the

Monsanto Italia team is Seminis marketing

manager Francesco Boccia, whose

brief is to put together, in line with market

and customer demands, the strategic

blueprint of Seminis’s marketing and

advertising policy in Italy.

De Ruiter Seeds is the top-of-the-line in

vegetable seeds for greenhouse grown

tomato, cucumber, sweet pepper,

aubergine and their rootstocks. De Ruiter

Seeds was founded on 1 July 1945 in

Bleiswijk, the Netherlands, as a family-run

business that produced seeds for potato

and other vegetable and field crops. The

business soon began expanding, and rapidly,

as the breeding, selection and production

developed successful seeds the

company began selling directly as

demand grew. De Ruiter Seeds, DRS,

became part of Monsanto in 2008. DRS

has always made every effort to be the

first to come up with novel ideas in breeding

for higher quality, in new ways of

cooperating, and in pursuing outstanding

new twists and traits to known varieties.

Today, as part of Monsanto Vegetable

Seeds, DRS can focus most of its

efforts on upgrading seed and

crop quality and the yields the

crops produce. DRS has also

gained and nurtured excellent

customer relations over the years.

Integrity is the company’s calling card

in everything it does, whether for its

employees, customers or the environment.

De Ruiter Seeds produce

crops that improve consumer

nutrition and health, as

well as taste and flavour,

reduce the need for spray

treatments thanks to the

forms of disease and virus

resistance its seeds embody, and

boosts productivity and yields while

limiting post-harvest residues.

(English version by David Verzoni)

Il 1° settembre scorso si è completato il processo

di integrazione dei marchi Seminis,

De Ruiter Seeds, Peotec Seeds e Western

Seed, all’interno del Gruppo Monsanto nella

Vegetable Seeds Division. A partire da tale

data, tutti i prodotti distribuiti da Western

Seed e Peotec sono stati inglobati e ridistribuiti

tra prodotti per coltivazioni in pieno

campo e coltivazioni protette in serra, e

commercializzati rispettivamente come prodotti

Seminis e De Ruiter Seeds. Più specificatamente

i prodotti Western Seed e

Peotec, come meloni, angurie, pomodoro da

industria e zucchine, sono commercializzati

e distribuiti sotto il marchio Seminis.

Diversamente i prodotti Western Seed e

Peotec, come peperoni, melanzane, cetrioli

e pomodoro da mensa, saranno commercializzati

e distribuiti sotto il marchio De

Ruiter Seeds.

Seminis e De Ruiter Seeds diventano così i

due global brand leader a livello mondiale

con i quali Monsanto Vegetable Seeds si

rivolge a un target di clienti sempre più esigente

per fornire loro la massima produttività

e la miglior qualità, convinti che questo

processo di integrazione possa contribuire

significativamente a fornire ai propri clienti

un servizio migliore e più efficiente e un

catalogo prodotti più completo e integrato in

grado di soddisfare le più svariate esigenze

commerciali. L’obiettivo di Monsanto

Vegetable Seeds è il successo dei propri

clienti, con i quali vengono strette relazioni

durature e costruttive nel tempo, e con i

quali l’azienda si confronta per fornire loro

un servizio sempre migliore ed efficiente.

Il marchio Seminis vanta un’esperienza centenaria

nella ricerca e nello sviluppo degli

ortaggi. Grazie alla ricca base tecnologica

offerta da Monsanto, al dialogo con i clienti

e a un’amplissima gamma di prodotti in

oltre 20 colture a pieno campo, Seminis è

oggi un global brand leader a livello mondiale.

Il forte impegno nello sviluppo, produzione

e commercializzazione di sementi ortive

offre sempre il massimo beneficio per

l’agricoltore, il partner dell’industria, il consumatore

e l’ambiente, nonché alla sostenibilità

dell’agricoltura. Seminis è oggi leader

sul mercato italiano in numerose colture tra

le quali il pomodoro da industria, il finocchio,

il fagiolino, il cavolfiore, il melone, gli zucchini

e altro ancora. Una vasta gamma di prodotti

con qualità e risultati eccellenti e superiori

agli standard di mercato fanno di

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

109

commercial news

le aziende informano


Seminis un marchio di successo. Per un

approfondimento sulla gamma prodotti e le

diverse varietà, è possibile collegarsi al sito

www.seminis.it che fornirà esaustive risposte

alle più diversificate esigenze agricole.

La struttura commerciale di Seminis si è

recentemente ristrutturata al fine di avere

un assetto più competitivo e strategico sul

mercato di riferimento. La composizione,

che vede Mauro Ferrari amministratore

delegato di Monsanto Agricoltura Italia nonché

commercial lead di Seminis in Italia, si

articola in una struttura vendite composta

da un key account manager dedicato al

melone, Fabrizio Petrillo, e da tre executive

area manager, Roberto Biribin (Nord Italia),

Danilo Bo (Centro Italia) e Luca Lombardi

(Sud Italia), ai quali fanno riferimento area

manager, agenti e venditori sparsi sul territorio.

La struttura è

costituita da un

team dedicato

e altamente professionale

che ha il compito di assistere

e affiancare il cliente

in tutti i momenti, dalla

scelta della varietà fino

alla coltivazione e raccolta,

per garantire il successo.

Ha inoltre raggiunto

il gruppo Monsanto

Italia nella funzione di

responsabile marketing Seminis Francesco

Boccia, con il compito di definire le linee

strategiche del marketing e della comunicazione

di Seminis in Italia in linea con le esigenze

del mercato e dei clienti.

De Ruiter Seeds è il centro d’eccellenza per

le sementi orticole delle colture protette di

pomodoro, cetriolo, peperone, melanzana e

portainnesti. De Ruiter Seeds è stata fondata

il 1° luglio 1945 a Bleiswijk nei Paesi

Bassi, cominciando come azienda familiare

che produceva semi di patata e semi

di colture orticole e agronomiche.

Sono state rapidamente ampliate le

attività selezionando, migliorando e

producendo semi in proprio con successo.

Nel 2008 l’azienda è diventata

Melone Orange Beauty.

Melon, Syngenta’s cultivars

Melone, le varietà Syngenta

The 2010 melon season was not exactly

what Italian growers had hoped for at the

outset. Hit first by a spate of inclement

spring weather that hampered fruit set

and undermined crop scheduling, growers

then had to grapple with the lower profit

margins that have become part of the fallout

from the current recession.

Bucking the downward trend in this picture,

which appeared to spare only the

big-scale farm operations, Syngenta posted

notable market success with its highquality

melon cultivars with value-added

service: from Tiburzi and Raptor for the

early-season and tunnel-forced melons,

to the semi-forced Tuareg and Proteo and

on to the open-field and late-season

Caldeo and Thales. Indeed, a lot of growers

look to the yields of Caldeo and

Thales to reverse the downward trends of

the preceding part of the season.

What makes the hybrids Syngenta offers

growers a wise and profitable choice is

first of all the fact that they are part of a

type that is much in demand by the big

retail chains. This is the traditional net or

Pomodoro varità Seminis.

parte di Monsanto. Drs vuole essere sempre

la prima a sviluppare nuove soluzioni e concetti,

miglioramenti della qualità, modi di

cooperare e eccezionali varianti di prodotto

e caratteristiche. Come parte della divisione

sementi orticole di Monsanto, Drs pone al

centro l’innovazione per migliorare la qualità

e la produttività delle colture e dei prodotti.

Nel corso degli anni l’azienda ha guadagnato

e nutrito con cura la fiducia dei propri

clienti. Integrità è la promessa in tutto ciò

che viene fatto per i dipendenti, i clienti e

l’ambiente. I prodotti De Ruiter Seeds

migliorano la nutrizione e la salute dei consumatori,

premiano l’aspetto e il sapore,

riducono la necessità di trattamenti grazie

alle resistenze a malattie e virus, aumentano

produttività e rese mentre limitano i residui

dopo la raccolta.

Thales.

musk melon with a rind that turns yellow

uon ripening and has been bred to ensure

hig quality standards and a far longer

post-harvest shelf-life than in the past.

The best example of this kind by far is cv.

Thales since it has a 10-day post-harvest

storability. Let’ not forget while we’re at it

Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

111

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

the excellent field response of all

Syngenta melon cultivars. In effect, thanks

to the company’s breeding and testing

efforts, its melons have good lant vigour

and a consistently high fruit quality.

«The combination of genetics and crop protection

compounds in a package that

embodies our continued R&D investments,

the scientific and crop management skills

of our team members and our key account

management business model are the pillars

of Syngenta’s constant commitment to

growers and their produce. We are proud of

our record as a trusted and reliable partner

in taking up and successfully overcoming

the challenges the market throws up today

and tomorrow» noted Enrico Rappuoli, area

marketing manager for vegetables - Sw

Eame, Syngenta Seeds-Vegetables.

For further informazioni:

www.syngenta.com, www.syngenta.it

Il 2010 ha riservato poche soddisfazioni per i

produttori italiani di melone. Penalizzati da

una primavera inclemente, che ha impedito

112 Fresh Point Magazine n.10 – october/ottobre 2010

un’adeguata allegagione e compromesso la

programmazione degli impianti, i produttori si

sono trovati a fare i conti con gli effetti della

crisi economica sul comparto sotto forma di

un’ulteriore compressione dei margini.

In controtendenza con questo scenario, che

sembra risparmiare unicamente le pochissime

realtà nazionali dimensionate per realizzare

alti volumi, Syngenta ha registrato un

crescente successo delle varietà di melone

ad alto valore qualitativo e di servizio commercializzate:

da Tiburzi e Raptor per i segmenti

precoci e di serra, a Tuareg e Proteo

per i semiforzati, e Caldeo e Thales per le

produzioni di pieno campo e di fine estate. Ed

è proprio alle performance di Caldeo e Thales

che molti produttori si affidano per invertire di

segno i risultati della campagna 2010.

A fare degli ibridi proposti da Syngenta una

scelta oculata e redditizia è in primo luogo la

loro appartenenza alla tipologia più apprezzata

dalla gdo, ovverosia il classico melone

retato con fetta che vira al giallo a maturazione,

opportunamente affinato per garanti-

A qualitative leap for leafy vegetables

Un salto di qualità per la foglia

Ortomec is a Venetian firm specialized in

designing and constructing harvesters and

complementary systems for leafy vegetables,

intended for the fresh food market and

fresh-cut. Rocket, baby lettuce, spinach,

parsley, corn salad.. are all fresh and healthy

vegetables that Ortomec cuts and picks up

preserving the high produce quality, by high

hourly yield! The pickers are made to measure

according to produce’s features, to

breeders’ requirements and in accordance

with the specific kind of cultivated soil.

In order to supply an increasingly complete

and specialized range, Ortomec now proposes

the new riddling table, to be fitted directly

Particolare della tavola vagliatrice.

A detail of the riddling table.

on the picker, for an initial effective produce

cleaning directly on the field. Actually, this

table will help in cleaning several products:

baby lettuce, rocket, spinach, corn salad and

so on. As a matter of fact, it just needs to shift

the holes in the exchangeable plates, the

machine inclination and the vibration speed

to have the table ready to get rid of all the

traces of soil, of foreign bodies, insects and

leaves, just quickly and carefully. A real qualitative

leap for leafy vegetables!

(English version by Ilaria Nanni)

Ortomec è una società veneziana specializzata

nella progettazione e costruzione di

raccoglitrici e sistemi complementari per gli

ortaggi a foglia, destinati al mercato fresco

e alla IV gamma. Rucola, insalatina, spinaci,

prezzemolo, valeriana sono freschi e sani

ortaggi che Ortomec taglia e raccoglie mantenendo

l’alta qualità del prodotto con una

resa oraria elevata! Le raccoglitrici vengono

costruite su misura in base alle caratteristiche

del prodotto, alle richieste del produttore

e alla tipologia di suolo coltivato.

Nell’idea di fornire una gamma sempre più

completa e specializzata, Ortomec propone

re elevati standard qualitativi e una durata

nel post-harvest di gran lunga maggiore

rispetto al passato.

In tal senso, l’esempio più calzante è la

varietà Thales, che permette fino a 10 giorni

di gestione post-harvest. Non vanno trascurate,

tuttavia, le ottime prestazioni agronomiche

delle varietà di melone Syngenta che,

grazie all’apporto delle attività di ricerca e

sperimentazione, vantano buona vigoria

vegetativa e alta qualità costante del frutto.

«L’offerta integrata di genetica e prodotti per la

protezione delle colture, unita ai costanti investimenti

in Ricerca & sviluppo, all’elevata competenza

tecnico scientifica e all’approccio di

key account management rappresentano il

segno concreto dell’impegno di Syngenta nel

sostenere la produzione, operando come partner

affidabile per affrontare e vincere le sfide

del mercato di domani», ha commentato Enrico

Rappuoli, area marketing manager vegetables

– Sw Eame di Syngenta Seeds-Vegetables.

Per informazioni: www.syngenta.com,

www.syngenta.it

Raccoglitrice Ortomec.

Ortomec’s picker.

la novità di una tavola vagliatrice da applicare

direttamente alla raccoglitrice per eseguire

una prima seria pulizia del prodotto direttamente

sul campo. La medesima tavola

permetterà di pulire tanti prodotti: insalatina,

rucola, spinaci, valeriana… Basterà variare

la foratura dei piatti intercambiabili,

l’inclinazione della macchina e la velocità di

vibrazione e la tavola sarà pronta per togliere

pezzi di terra, corpi estranei, insetti e

pezzi di foglia in maniera veloce e precisa.

Un vero salto di qualità per la foglia!

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!